Sei sulla pagina 1di 7

Regione Emilia Romagna

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA


Policlinico S. Orsola-Malpighi
DIREZIONE DEL SERVIZIO INFERMIERISTICO,
TECNICO E RIABILITATIVO
Centro Studi EBN
Area Governo Clinico

Evidence Based Phisyotherapy

La presa in carico del paziente


con frattura di femore e/o protesi danca.

Ricercatore EBN

Simona Brini

Gruppo di lavoro

Laura Balbi
Moreno Balboni
Brunella Brighi
Franca Capatti
Carlo Capponcelli
Manuela Mezzetti
Laura Montali
Cinzia Russillo

2007

La presa in carico del paziente con frattura di femore e/o protesi danca
**
*

Brini S.; *Balbi L.; *Balboni M.; *Brighi B.; *Capatti F.; *Capponcelli C.; *Mezzetti M.;
Montali L.; *Russillo C.

**

Fisioterapista-Ricercatore EBN, *Fisioterapista

Introduzione
Il programma riabilitativo coinvolge il paziente dallimmediato postoperatorio alla
dimissione.
A questo proposito la letteratura raccomanda che la presa in carico avvenga il pi precocemente
possibile, entro 24 48 ore dal giorno dellintervento1 2 che definito giorno 0.
E dimostrato che una precoce valutazione da parte del Team interprofessionale, di cui il
fisioterapista parte integrante, consente la formulazione di una baseline del progetto preliminare di
riabilitazione e di facilitare la riabilitazione e la dimissione del paziente3 4 5. (SIGN - Livello di
evidenza 2+)
Elementi predittivi dellesito della riabilitazione sono lo stato mentale, la mobilit e la
funzionalit del paziente prima dellinfortunio che possono essere utilizzati come parametri per
valutare il tipo di programma riabilitativo da impostare e individuare le potenzialit da sfruttare6 7 8
9
. (SIGN - Livello di evidenza 2++)
Attualmente non stata ancora identificata una scala di valutazione da utilizzare durante la
degenza postoperatoria ma lIndex of Independence in Activities of Daily Living di Katz (Index of
ADL o Katz Index)10 fornisce uno strumento di misura dellindipendenza funzionale nelle attivit di
base della vita quotidiana ideato per valutare la prognosi e lefficacia del trattamento nei soggetti
anziani e nei malati cronici (in origine quelli affetti da stroke, frattura femore o artrite reumatoide)
ospedalizzati e ambulatoriali.
Lindice di Katz valuta la capacit di compiere sei attivit, che consentono il
soddisfacimento di bisogni fisiologici e di sicurezza fondamentali per la persona e la cui
compromissione determina uno stato di dipendenza funzionale. Il risultato ha valore predittivo per
lospedalizzazione, la durata della degenza ospedaliera, la necessit di assistenza domiciliare, di
ammissione in RSA e la mortalit.

Scottish Intercollegiate Guideline Network (SIGN-2002 n56): Prevention and Management of hip fracture in older
People. A national clinical guideline.
2
Best Practice Evidence Based Guideline. (2003) Acute management and immediate Rehabilitation after Hip Fracture
amongst people aged 65 years and over. New Zealand Guidelines Group.
3
Parker MJ, Pryor GA, Myles JW. (1991): Early discharge after hip fracture. Prospective 3-year study of 645 patients.
Acta Orthop Scand; 62: 563-6
4
O'Cathain A. (1994): Evaluation of a Hospital at Home scheme for the early discharge of patients with fractured neck
of femur. J Pub Health Med; 16: 205-10
5
Scottish Intercollegiate Guideline Network. (SIGN-2002 n56): Op.Cit. Section 9: Rehabilitation and discharge
6
Ensberg M, Paletta J, Galecki AT, Dacko CL, Fries BE. (1993): Identifying elderly patients for early discharge after
hospitalisation for hip fracture. J Gerontol A Biol Sci Med Sci; 48: 187-95
7
Goldstein F, Strasser D, Woodard J, Roberts VJ. (1997): Functional outcome of cognitively impaired hip fracture
patients on a geriatric rehabilitation unit. J Am Geriatr Soc; 45: 35-42
8
Pryor GA, Williams DR. (1989): Rehabilitation after hip fractures. Home and hospital management compared. J Bone
Joint Surg Br; 71: 471-4
9
Heruti RJ, Lusky A, Barell V, Ohry A, Adunsky A. (1999): Cognitive status at admission: does it affect the
rehabilitation outcome of elderly patients with hip fracture? Arch Phys Med Rehabil; 80: 432-6.
10
Katz S, Ford AB, Moskowitz RW, et al. (1963): Studies of illness in the aged. The Index of ADL: a standardized
measure of biological and psychosocial function. JAMA; 185:914-919

Il programma riabilitativo, rivolto al paziente operato per frattura di femore, deve


svilupparsi tenendo in debito conto la molteplicit di problemi che spesso contraddistinguono la
persona anziana che subisce questo tipo di trauma.
Inizialmente lenfasi maggiore va posta sul ripristino della deambulazione e dellattivit
della vita quotidiana (ADL) come ad esempio i trasferimenti, la possibilit di vestirsi e di occuparsi
della propria igiene personale. Lequilibrio e le abilit deambulatorie sono elementi predittivi per la
valutazione dellindipendenza funzionale alla quale il programma riabilitativo tende11 12. (SIGN Livello devidenza 2++).
Lobiettivo quello di permettere al paziente il rientro al proprio domicilio nelle migliori
condizioni di sicurezza e dindipendenza compatibilmente con le limitazioni temporanee legate al
tipo dintervento chirurgico subito, alle indicazioni di carico e allutilizzo dausili.
Il programma riabilitativo che preveda esercizi che aumentano la resistenza fisica ed
amplificano la funzionalit sufficientemente efficace per migliorare la forma fisica e le prestazioni
dellanziano che ha subito la frattura del femore. Inoltre un addestramento con queste
caratteristiche permette di prevenire ulteriori cadute e relative conseguenze negative13.
La precocit dellintervento riabilitativo, trova indicazione14 per contrastare i rischi correlati
allintervento chirurgico e allimmobilizzazione di pazienti anziani, come le piaghe da decubito e la
Trombosi Venosa Profonda15, ed inoltre per contenere le complicazioni polmonari16 .
In questa fase importante considerare tutti quegli elementi preesistenti che possono
influenzare lo sviluppo e lesito del programma riabilitativo17 come ad esempio le patologie
concomitanti, i deficit della deambulazione e dellequilibrio, le diminuite capacit visive e motorie,
il deterioramento cognitivo18. Va sottolineato che le capacit cognitive e collaborative del paziente
possono influire in modo determinate sul programma riabilitativo19.
A questi elementi se ne aggiungono altri che sono legati alla fase postchirurgica e sono le
condizioni di salute generali, il tipo di frattura subita e conseguentemente il tipo di intervento a cui a
stato sottoposto.
La collaborazione tra tutti i membri del team mulidisciplinare un valido aiuto sia per la
gestione clinica del paziente anziano, che per una facilitazione del processo riabilitativo. Lunione
di intenti tende ad ottenere una precoce indipendenza funzionale, la riduzione dellallettamento, la
formulazione di un intervento personalizzato e una riduzione di future ospedalizzazioni,
considerando anche la possibilit di organizzare unadeguata assistenza domiciliare20 21 22 23 24 25 26
11

Ensberg M, Paletta J, Galecki AT, Dacko CL, Fries BE. (1993): Identifying elderly patients for early discharge after
hospitalisation for hip fracture. J Gerontol A Biol Sci Med Sci; 48: 187-95.
12
Fox KM, Hawkes WG, Hebel JR, Felsenthal G, Clark M, Zimmerman SI, et al. (1998): Mobility after hip fracture
predicts health outcomes. J Am Geriatr Soc; 46: 169-73
13
Hauer K, Rost B, Rutschle K et al. (2001): Exercise training for rehabilitation and secondary prevention of falls in
geriatric patients with a history of injurious falls. J Am Geriatric Soc; 49: 10-20
14
Scottish Intercollegiate Guideline Network. (SIGN-2002 n56): Op.Cit. Section 8 Early postoperative management.
8.4 Early mobilisation 24
15
Antonelli Incalzi R, Gemma A, Capparella O, Terranova L, Sanguinetti C, Carbonin PU. (1993): Post-operative
electrolyte imbalance: its incidence and prognostic implications for elderly orthopaedic patients. Age Ageing; 22:
325-31
16
McKenzie PJ. In: Loach AB (Editor). Orthopaedic Anaesthesia. London: Edward Arnold, 1994: 159-67.
17
Scottish Intercollegiate Guideline Network. (SIGN-2002 n56): Op.Cit. Section 9.1 Early assessment
18
Heruti RJ, Lusky A, Barell V, Ohry A, Adunsky A. Cognitive status at admission: does it affect the rehabilitation
outcome of elderly patients with hip fracture? Arch Phys Med Rehabil 1999; 80: 432-6.
19
Fox KM, Hawkes WG, Hebel JR, Felsenthal G, Clark M, Zimmerman SI, et al. (1998): Mobility after hip fracture
predicts health outcomes. J Am Geriatr Soc; 46: 169-73.
20
Cameron ID, Lyle DM, Quine S. (1993): Accelerated rehabilitation after proximal femoral fracture: a randomised
controlled trial. Disabil Rehabil; 15: 29-34
21
Farnworth MG, Kenny P, Shiell A. (1994): The costs and effects of early discharge in the management of fractured
hip. Age and Ageing; 23: 190-4.
22
Tierney AJ, Vallis J. (1999): Multidisciplinary teamworking in the care of elderly patients with hip fracture. J
Interprofessional Care; 13: 41-52

Per il fisioterapista la collaborazione con il Team interprofessionale importante per


determinare quanto sia il carico corporeo che pu sopportare larto operato e per effettuare una
scelta pi mirata dellausilio appropriato per la deambulazione.
I pazienti che prolungano la loro ospedalizzazione presso le unit geriatriche possono
continuare liter riabilitativo al fine di ottimizzare le loro performance in tempi che sono pi
consoni alla complessit di questo tipo di paziente27.
Obiettivi della riabilitazione sono quelli di contrastare tutti i rischi legati allallettamento;
mirare ad una rapida verticalizzazione e al recupero dellautonomia nei passaggi posturali
rispettando una logica successione. Attraverso la mobilizzazione ed esercizi semplici e mirati si
deve tendere a mantenere e ripristinare larticolarit e il trofismo preesistente. Gli spostamenti e la
deambulazione devono avvenire in sicurezza e con gli ausili adeguati. Il tutto deve essere
finalizzato a ripristinare al pi presto le ADL del paziente

23

Hempsall VJ, Robertson DR, Campbell MJ, Briggs RS. (1990): Orthopaedic geriatric care: is it effective? A
prospective population-based comparison of outcome in fractured neck of femur. J R Coll Physicians Lond; 24: 4750.
24
Gilchrist WJ, Newman RJ, Hamblen DL, Williams BO. (1988): Prospective randomised study of an orthopaedic
geriatric inpatient service. BMJ; 297: 1116-8
25
Galvard H, Samuelsson SM. (1995): Orthopaedic or geriatric rehabilitation of hip fracture patients: a prospective,
randomised, clinically controlled study in Malmo, Sweden. Aging; 7: 11-6.
26
Currie CT. Resource implication of a pilot scheme of early supported discharge for elderly trauma patients. Final
Report to the Health Services and Public Health Research Committee, SOHHD 1994.
27
Klaus Hauer, Norbert Specht, Matthias Schuler, Peter Bartsch, Peter Oster. (2002): Intensive physical training in
geriatric patients after severe falls and hip surgery. British Geriatrics Society. 31: 49-57

Pianificazione dellintervento riabilitativo fisioterapico


POPOLAZIONE

Paziente anziano che abbia subito un intervento chirurgico a seguito della


frattura del femore

PERIODO DI
TRATTAMENTO

Dallimmediato postoperatorio alla dimissione

DURATA MEDIA
DELLA
SESSIONE
FREQUENZA
DELLE
SESSIONI
SCALA DI
VALUTAZIONE
UTILIZZATA
INDICATORI

30 minuti

28

Una o due sessioni al giorno


Sei giorni la settimana
Katz Index (o Index of ADL - Index of Independence in Activities of Daily
Living di Katz)28
-

DI PROCESSO: adesione ai profilo di intervento (in tutte le sue


parti)>80%

DI ESITO: miglioramento significativa del grado di indipendenza


raggiunta dal paziente nello spostamento dal letto e dalla sedia (con
o senza strumenti di sostegno) come indicato dallitem del Katz
Index

Katz S, Ford AB, Moskowitz RW, et al. (1963): Studies of illness in the aged. The Index of ADL: a standardized
measure of biological and psychosocial function. JAMA; 185:914-919

1 GIORNO

2 GIORNO E
GIORNI
SUCCESSIVI

DIMISSIONE

29

Apertura della cartella riabilitativa


Presa in carico valutativa (raccolta dati dalla cartella clinica;
valutazione del paziente)
- Presa in carico riabilitativa: impostazione del programma di
trattamento; cura della postura al letto; mobilizzazione passiva, attiva
assistita; postura seduta a letto
- Rivalutazione (nel caso in cui le mutate condizioni cliniche non
permettano il proseguimento graduale del programma pianificato)
- Attivit riabilitative per ripristinare29,30 la deambulazione, e le
lattivit della vita quotidiana (ADL), relative a resistenza fisica,
trofismo muscolare31, verticalizzazione, recupero dellautonomia nei
passaggi posturali
- Valutazione dei risultati finali
- Verifica degli obiettivi raggiunti
- Chiusura cartella riabilitativa

Ensberg M, Paletta J, Galecki AT, Dacko CL, Fries BE. (1993). Op.Cit.
Fox KM, Hawkes WG, Hebel JR, Felsenthal G, Clark M, Zimmerman SI, et al. (1998).Op.Cit
31
Hauer K, Rost B, Rutschle K et al. (2001). Op.Cit
30

Bibliografia
1. Antonelli Incalzi R, Gemma A, Capparella O, Terranova L, Sanguinetti C, Carbonin PU. (1993):
Post-operative electrolyte imbalance: its incidence and prognostic implications for elderly
orthopaedic patients. Age Ageing; 22: 325-31
2. Best Practice Evidence Based Guideline. 2003 Acute management and immediate Rehabilitation
after Hip Fracture amongst people aged 65 years and over. New Zealand Guidelines Group.
3. Cameron ID, Lyle DM, Quine S. (1993): Accelerated rehabilitation after proximal femoral fracture:
a randomised controlled trial. Disabil Rehabil; 15: 29-34
4. Currie CT. Resource implication of a pilot scheme of early supported discharge for elderly trauma
patients. Final Report to the Health Services and Public Health Research Committee, SOHHD 1994.
5. Ensberg M, Paletta J, Galecki AT, Dacko CL, Fries BE. (1993): Identifying elderly patients for early
discharge after hospitalisation for hip fracture. J Gerontol A Biol Sci Med Sci; 48: 187-95
6. Farnworth MG, Kenny P, Shiell A. (1994): The costs and effects of early discharge in the
management of fractured hip. Age and Ageing; 23: 190-4.
7. Fox KM, Hawkes WG, Hebel JR, Felsenthal G, Clark M, Zimmerman SI, et al. (1998): Mobility
after hip fracture predicts health outcomes. J Am Geriatr Soc; 46: 169-73
8. Galvard H, Samuelsson SM. (1995): Orthopaedic or geriatric rehabilitation of hip fracture patients:
a prospective, randomised, clinically controlled study in Malmo, Sweden. Aging; 7: 11-6.
9. Gilchrist WJ, Newman RJ, Hamblen DL, Williams BO. (1988): Prospective randomised study of an
orthopaedic geriatric inpatient service. BMJ; 297: 1116-8
10. Goldstein F, Strasser D, Woodard J, Roberts VJ. (1997): Functional outcome of cognitively impaired
hip fracture patients on a geriatric rehabilitation unit. J Am Geriatr Soc; 45: 35-42
11. Hauer K, Rost B, Rutschle K et al. (2001): Exercise training for rehabilitation and secondary
prevention of falls in geriatric patients with a history of injurious falls. J Am Geriatric Soc; 49: 1020
12. Hempsall VJ, Robertson DR, Campbell MJ, Briggs RS. (1990): Orthopaedic geriatric care: is it
effective? A prospective population-based comparison of outcome in fractured neck of femur. J R
Coll Physicians Lond; 24: 47-50.
13. Heruti RJ, Lusky A, Barell V, Ohry A, Adunsky A. (1999): Cognitive status at admission: does it
affect the rehabilitation outcome of elderly patients with hip fracture? Arch Phys Med Rehabil; 80:
432-6.
14. Katz S, Ford AB, Moskowitz RW, et al. (1963): Studies of illness in the aged. The Index of ADL: a
standardized measure of biological and psychosocial function. JAMA; 185:914-919
15. Klaus Hauer, Norbert Specht, Matthias Schuler, Peter Bartsch, Peter Oster. (2002): Intensive
physical training in geriatric patients after severe falls and hip surgery. British Geriatrics Society.
31: 49-57
16. McKenzie PJ. In: Loach AB (Editor). Orthopaedic Anaesthesia. London: Edward Arnold, 1994: 15967.
17. O'Cathain A. (1994): Evaluation of a Hospital at Home scheme for the early discharge of patients
with fractured neck of femur. J Pub Health Med; 16: 205-10
18. Parker MJ, Pryor GA, Myles JW. (1991): Early discharge after hip fracture. Prospective 3-year
study of 645 patients. Acta Orthop Scand; 62: 563-6
19. Pryor GA, Williams DR. (1989): Rehabilitation after hip fractures. Home and hospital management
compared. J Bone Joint Surg Br; 71: 471-4
20. Scottish Intercollegiate Guideline Network (SIGN-2002 n56): Prevention and Management of hip
fracture in older People. A national clinical guideline.
21. Tierney AJ, Vallis J. (1999): Multidisciplinary teamworking in the care of elderly patients with hip
fracture. J Interprofessional Care; 13: 41-52