Sei sulla pagina 1di 2

Magnificat

un incontro con Maria


*
dal poema di Alda Merini

riduzione e regia a cura di Laura Falqui


musiche originali di Stefano Falqui-Massidda
Abito di scena: sartoria Giuly - Assistenza tecnica: Federico Cibin
interpreti:
Cristina Nuvoli: Maria - Teresa Liberatore: l’Angelo - Laura Falqui: una Voce

A Esmeralda “Su
questo libro tu sei sorto
angelo dell’Annunciazione.
Io mai avrei pensato
Che queste pagine
Diventassero ali…”

La Vergine del Magnificat di Alda Merini parla un linguaggio tra interiorità e visione
cosmica. È una donna sensibile, fragile, umanissima, vista nel dramma della sua vita, nello
smarrimento, nello stupore dinanzi all’Evento miracoloso. Un tale intreccio di emozioni non
poteva che essere affidato all’interpretazione di Cristina Nuvoli, già protagonista del monologo
La Signora delle Vigne, andato in scena proprio a Sasso Marconi.
Nella riduzione di Laura Falqui, Maria ha accanto a sé una bambina, Teresa Liberatore: essa
incarna la “preghiera dell’universo”, l’Angelo che affianca ogni madre umana e divina, ed è, nel
contempo, emanazione dell’Adolescenza e del Sogno di Maria.
Le composizioni di Stefano Falqui-Massidda (per voci femminili e strumenti solisti), come la
voce degli angeli, sono pensate fuori campo: evocazioni dell’Invisibile che contrappuntano o
sottolineano lo scorrere della Parola.
La messinscena è di estrema semplicità. Lo spazio in cui si è scelto di far vivere i gesti pittorici
e le voci della poesia è l’interno di una chiesa: rifugio dell’Uomo, Casa ideale, piena di echi e
rimandi alla Vicenda sacra.

venerdì 4 giugno 2010, ore 21,


chiesa di S. Maria della Misericordia, p.za di Porta Castiglione

giovedì 10 giugno 2010, ore 21,


chiesa del Corpus Domini, via Tagliapietre
ENSAMBLE VOCALE e STRUMENTALE
Soprano primo Silvia Testoni – Soprano secondo Caterina Caretti – Contralto
Doris Pichler
Pianoforte Marco Ghilarducci – Violoncello Paolo Di Francia – Contrabbasso
Massimo de Stephanis

CRISTINA NUVOLI
Interprete dai toni delicati e intensi. La sua fine sensibilità è attratta in special modo
da quelle opere e quegli autori che attingono al senso di una classicità rielaborata in
forme nuove, come al misticismo laico di certa letteratura contemporanea, cui affida
una presenza attoriale incisiva e soave. Lavora nella compagnia “Arte e Salute”,
legata al Teatro Arena del Sole, con Nanni Garella e Gabriele Tesauri. Studia canto
lirico con Gloria Giovannini dell’Associazione Novarcanto. Sempre per la regia di Laura
Falqui è stata protagonista del monologo poetico La Signora delle Vigne, dal poema di
Ghiannis Ritsos (Sasso Marconi, 8 febbraio 2009).

TERESA LIBERATORE
è una bambina, ma ha già al suo attivo qualche esperienza teatrale di tutto rispetto:
Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello, Vangelo secondo Matteo, entrambi
per la regia di Nanni Garella. Studia violino e danza classica.

STEFANO FALQUI-MASSIDDA
È compositore di musiche di scena e di polifonie vocali. Ha collaborato, tra l’altro, a
diverse messinscene del regista Nanni Garella e di Laura Falqui.

LAURA FALQUI
Si occupa attivamente, come artista e come critico, di teatro, cinema e arti visive. Il
suo lavoro di scrittura e ideazione per la scena, la drammaturgia e gli allestimenti
teatrali ha costantemente accompagnato lo studio e la critica d’arte. Numerosi gli
adattamenti teatrali e le pubblicazioni.
Collabora dal 2005, in qualità di interprete e regista, con il “Centro Interdisciplinare di
Studi Romantici” (CISR) del Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere (Università
di Bologna).
Il 22 luglio 2008, a Riola di Vergato ha presentato Una fiamma nel paesaggio. Il sogno
di Cesare Mattei, conferenza promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio in
Bologna, poi pubblicata su “Il Carrobbio” 2008. Ha diretto Cristina Nuvoli nel monologo
ispirato al poema di Ghiannis Ritsos, La Signora delle Vigne (Sasso Marconi, 8 febbraio
2009). Ha allestito e interpretato con Matteo Belli, ancora per il CISR, Pamela &
Pamela fanciulla. Samuel Richardson e Carlo Goldoni a confronto (20 marzo 2009,
Teatro del Settecento di Villa Mazzacorati).