Sei sulla pagina 1di 39

c

88-7999-003-9

Cap. 2

MATRICI E SISTEMI DI EQUAZIONI LINEARI

Esercizio 1. Sono assegnate le due seguenti matrici

A =

1 a

0 b

0

b

0 1  ) e B =  0 0 2, 3 ( 1 a
0 1
)
e
B =  0
0
2, 3 (
1 a

a

0

1

b

0

0

). .

(i ) Calcolare la matrice prodotto (righe per colonne) AB e verificare se a, b

tali che AB sia una matrice della base canonica di

(ii ) Calcolare le matrici prodotto (righe per colonne) A t A , B t B e verificare se

a, b

A t A , B t B e verificare se ∃ a, b ∈ 2, 4
2, 4 (
2, 4 (

).

A , B t B e verificare se ∃ a, b ∈ 2, 4 ( )

tali che A t A = I 2 oppure B t B = I 3 .

Soluzione. (i ) Risulta:

AB =

1

0

a

b

0

b

0

0

1

1

0

a

a

0

1

b

0

0

= 0

b

1

a b

a

b

b 0

a a 0 1 b 0 0   = 0 b 1 a b a

).

Posto a = b = 0, si ottiene: AB = 0100 0000 = E 12 (matrice della base cano-

nica di

2, 4 (
2, 4 (

)).

(ii ) Risulta:

A t A =

1

0

a

b

0

b

1 0

a

0

b

b

= 1 + a 2 ab

2 .

ab

2b

Si ha:

A t A = I 2 ⇐⇒

Risulta:

1 + a 2 =1=2b 2 ab = 0

B t B =

0

0

1

b

0

0

= I 3 , a, b

1

0

a

a

0

1

Ovviamente B t B

.
.

001

0

0

0

a

a

1

1

b

0

=

 

1

a = 0, b = ±

2 .

1 + a 2 + b 2

0

2a

0

0

0

2a

0

2 + a 2

.

! " ! " ! " ! " ! " ! "

33

34

Cap. II

MATRICI E SISTEMI DI EQUAZIONI LINEARI

Esercizio 2. Siano A, B n (K ); sia c K . Verificare che

(i ) A t A `e simmetrica. (ii ) A + t A `e simmetrica e A t A `e antisimmetrica. (iii ) cA `e simmetrica [rispett. antisimmetrica] se A lo `e. (iv ) Se A, B sono simmetriche, AB non `e in generale simmetrica.

A, B sono simmetriche, AB non `e in generale simmetrica. Soluzione. ( i ) Basta osservare

Soluzione. (i ) Basta osservare che:

t (A t A ) = t ( t A ) t A = A t A .

(ii )

Si ha:

c

88-7999-003-9

t (A + t A ) = t A + t ( t A ) = t A + A = A + t A .

Analogamente:

t (A t A ) = t A t ( t A ) = t A A = (A t A ).

(iii )

Se A `e simmetrica

[e quindi

a ij = a ji ]:

t (cA) ij = (cA) ji = ca ji = ca ij

Se invece A `e antisimmetrica [e quindi a ij = a ji ]:

= (cA) ij .

t (cA) ij = (cA) ji = ca ji = ca ij = (cA) ij .

(iii ) Si noti che

t (AB ) = t B t A = BA; ma in generale BA

= AB e quindi non

potremmo certo concludere che AB `e simmetrica.

Per verificare che in generale AB non `e simmetrica, possiamo ad esempio con-

n (K ):

siderare le due matrici simmetriche di

con- n ( K ): siderare le due matrici simmetriche di A = E 1 1

A = E 11 =

.

.

.

10

00

.

.

.

.

.

.

,

B = E 12 + E 21 =

0

1

0

.

.

.

1

0

:

.

.

.

0

.

.

.

.

.

.

.

Risulta: AB = E 11 E 12 + E 21 = E 12 (matrice non simmetrica).

! " ! " ! " ! " ! " ! "

Verificare che le matrici simme-

triche e le matrici antisimmetriche di ordine n costituiscono due sottospazi vettoria-

li supplementari di

Esercizio 3.

Sia

K un campo tale che

li supplementari di Esercizio 3 . Sia K un campo tale che n ( K )

n (K ).

2

= 0.

Soluzione. Denotate con

trici simmetriche e delle matrici antisimmetriche di n (K ), verifichiamo che i due

sottoinsiemi sono K -sottospazi vettoriali di c, d K , si ha:

n (K ) rispettivamente l’insieme delle ma-

s
s

n (K )

a
a

e con

rispettivamente l’insieme delle ma- s n ( K ) a e con n ( K ).
rispettivamente l’insieme delle ma- s n ( K ) a e con n ( K ).

n (K ).

Infatti, A, B

s
s

n (K ) e

t (cA + dB ) = t (cA) + t (dB ) = c t A + d t B = cA + dB .

Analogamente, A, B

a
a

n (K ) e

c, d K , si

ha:

§

Esercizi

35

c

88-7999-003-9

t (cA + dB ) = t (cA) + t (dB ) = c t A + d t B = c(A ) + d (B ) = (cA + dB ).

Per concludere dobbiamo verificare che:

Infatti, A

s
s

n (K ) +

a
a

n (K ) =

n ( K ) n (K )

e

s
s

n (K )

a
a

n (K ) = { 0} .

n ( K ) e s n ( K ) ∩ a n ( K )

n (K ), si ha: A + t A + A t A = 2A

e dunque [essendo 2

= 0]:

A = 2 (A + t A ) + 2 (A t A ).

1

1

In base all’esercizio precedente,

fine A

2 1 (A + t A )

s
s

n (K )

a
a

n (K ), allora:

s
s

n (K ) e

2 1 (A t A )

A = t A = A

e dunque 2A = 0.

a
a

n (K ).

Se in-

Essendo 2

= 0, allora

A = 0.

! " ! " ! " ! " ! " ! "

Esercizio 4. Dimostrare che il prodotto righe per colonne verifica la propriet`a asso- ciativa (cfr. Prop. 2(i )).

Soluzione. Bisogna dimostrare che:

(AB )C = A (BC ),

Osservato che ( AB )C

e

A

m , n ( K ) , ∀ B ∈ m,n (K ), B

sono matrici di

∀ A ∈ m , n ( K ) , ∀ B ∈ sono matrici di

n,p (K ), C

m,q (K ),

di n , p ( K ) , ∀ C ∈ m , q ( K

p,q (K ).

A (BC )

si tratta di verifi-

care che, i

= 1,

,

m, j = 1,

,

q :

()

(AB )C ij = A (BC ) ij

Si ha:

(AB )C ij = (AB ) (i) C (j ) = (AB ) i1

(AB ) ip  

c

c

1j

.

.

.

pj

= A (i) B (1)

=

=1 A (i) B (k ) c kj . Poich´e A (i) B (k ) = t=1 a it b tk , allora:

k

p

n

A (i) B (p)

c

c

1j

.

.

.

pj

D’altra parte:

(AB )C ij =

p

n

k =1

t=1 a it b tk c kj .

A (BC ) ij = A (i) (BC ) (j ) = a i1

a in

(BC ) 1j

.

.

.

(BC ) nj

= a i1

=

n

t=1 a it B (t) C (j ) . Poich´e

B (t) C (j ) =

p

k

=1

b

tk

c kj , allora:

a in

B

B

(1) C (j )

.

.

.

(n) C (j )

=

A (BC ) ij =

n

t=1

a

it

p

=1 b tk c kj =

k

n

p

t=1 k

=1 a it b tk c kj .

36

Cap. II

MATRICI E SISTEMI DI EQUAZIONI LINEARI

c

88-7999-003-9

Confrontando le due sommatorie ottenute segue ().

! " ! " ! " ! " ! " ! "

Esercizio 5. Definire (in analogia con il prodotto righe per colonne) il prodotto righe pe r righe e provare con un esempio che tale prodotto non `e (in generale) associativo.

Soluzione. Siano A

colonne].

generale) associativo. Soluzione. Siano A ∈ colonne]. m , n ( K ) e B ∈

m,n (K ) e

B

Siano A ∈ colonne]. m , n ( K ) e B ∈ p , n

p,n (K )

[matrici con lo stesso numero di

Per ogni riga A (i) di

A ed ogni riga B (j ) di B si ponga:

A (i) · B (j ) = a i1

a in · b j 1

b jn =

n

t=1 a it b jt .

Si definisce quindi prodotto righe pe r righe di A per B la matrice

A

A

(1)

(2)

A

.

.

.

(m )

·

B

B

(1)

(2)

B

.

.

.

(p)

=

A (1) · B (1)

A (2) · B (1)

.

.

.

A (m) · B (1)

A (1) · B (p)

A (2) · B (p)

.

.

.

A (m) · B (p)

A · B =

( p ) . . . A ( m ) · B ( p ) A

m,p (K ).

Per dimostrare che il prodotto righe per righe non `e associativo consideria-

mo (ad esempio) le tre seguenti matrici in

A = 0

0

1

0 ,

B = 0 1

seguenti matrici in A = 0 0 1 0 , B = 0 1 2 (

2 (K ):

0 1 ,

C = a

c

b d .

Risulta:

A · B

= 0

0

1

0

e

( A · B ) · C =

b

0

d

0

;

B · C = a + b c + d e

0

0

A · (B · C ) = 0 0

c + d .

0

Se quindi

Per ogni n 3 possiamo ‘ampliare’ le tre matrici A, B , C sopra considerate ag- giungendo n 2 righe ed n 2 colonne nulle. Si verifica subito che le tre ma- trici quadrate di ordine n cos`ı ottenute non verificano la propriet`a associativa.

Nota . Con lo stesso esempio si prova che anche il prodotto colonne pe r righe ed il pro- dotto colonne pe r colonne [definibili in modo analogo] non sono associativi.

! " ! " ! " ! " ! " ! "

b

=

0, allora

(A · B ) · C

=

A · (B · C ).

Esercizio 6. Dimostrare le propriet`a della Prop. 2(ii ).

Soluzione. Delle sei propriet`a richieste ci limitiamo a verificare la prima, la terza e l’ultima, lasciando le rimanenti al lettore. (a ) Verifichiamo che:

(A + B )C = AC + BC ,

,

Si ha infatti,

i = 1,

m, j = 1,

A, B

, p:

, Si ha infatti, ∀ i = 1 , m, ∀ j = 1 , ∀

m,n (K ), C

, Si ha infatti, ∀ i = 1 , m, ∀ j = 1 , ∀

n,p (K ).

§

Esercizi

37

c

88-7999-003-9

(A + B )C ij = (A + B ) (i) C (j ) = a i1 + b i1

=

n

t=1 (a it + b it )c tj =

n

n

t=1 a it c tj + t=1 b it c tj =

(b ) Verifichiamo ora che:

AI n = A = I m A,

a in + b in

c

1j

.

.

.

c nj

=

A (i) C (j ) + B (i) C (j ) = (AC + BC ) ij .

A

i ) C ( j ) = ( AC + BC ) i j . ∀

m,n (K ).

Per indicare il generico elemento delle matrici unit`a, `e comodo utilizzare il sim- bolo di Kronecker δ ij , cos`ı definito:

Si ha:

(I n ) ij = δ ij , i, j = 1,

,

δ ij = 0, 1,

se

se

i

i = j.

= j

n

[e, analogamente,

(I m ) ij = δ ij , i, j = 1,

, m].

Dobbiamo verificare che: AI n ij = (A ) ij = I m A ij . Risulta infatti:

AI n ij = A (i) (I n ) (j ) =

e, analogamente:

n

=1 a ik δ kj = a ij δ jj = a ij = (A ) ij

k

m I m A ij = (I m ) (i) A (j ) = =1 δ ik a kj = δ ii a ij = a ij = (A ) ij .
k

(c ) Verifichiamo infine l’ultima delle propriet`a richieste:

t (AB ) = t B t A,

A

richieste: t ( AB ) = t B t A, ∀ A ∈ m , n

m,n (K ), B

t B t A, ∀ A ∈ m , n ( K ) , ∀ B

n,p (K ).

Si ha:

 

t (AB ) ij = (AB ) ji

= A (j ) B (i) =

mentre:

n

=1 a jk b ki ,

k

t B t A ij = ( t B ) (i) ( t A) (j ) = t (B (i) ) t (A (j ) ) =

n

=1 b ki a jk .

k

Confrontando tali sommatorie si ha l’asserto.

! " ! " ! " ! " ! " ! "

Esercizio 7. Assegnate in

2 (
2 (

) le due matrici:

A = 0 1

1

2 ,

C =

1 2 4 ,

2

verificare [senza utilizzare la nozione di determinante] che A GL 2 ( ), mentre

C / GL 2 (

che A ∈ GL 2 ( ) , mentre C ∈ / GL 2 ( )
che A ∈ GL 2 ( ) , mentre C ∈ / GL 2 ( )

).

Soluzione.

Proviamo che A GL 2 (

GL 2 ( ) . Soluzione. Proviamo che A ∈ GL 2 ( ). Considerata la

).

Considerata la generica matrice B =

a b 2 ( ) e imponendo la condizione AB = I 2 , si
a
b
2 ( ) e imponendo la condizione AB = I 2 , si ottiene:
c
d ∈

38

Cap. II

MATRICI E SISTEMI DI EQUAZIONI LINEARI

c

88-7999-003-9

da cui:

1

0

2 a

1

c

d = a + c b + d

b

2c

2d

=

1

0

0

1

,

a + c = 2d = 1

b + d = 2c = 0.

Ne segue subito:

d = 2 , c = 0, a = 1, b = 2

1

1

e dunque

B =

1

0

1

1

2

2

.

Basta ora verificare che BA = I 2 e si conclude che A GL 2 ( )

che BA = I 2 e si conclude che A ∈ GL 2 ( ) Per

Per provare che

C

B = a

c

C GL 2 (

gue in particolare che:

∃ B = a c C ∈ GL 2 ( gue in particolare che: ), ∈

),

/

GL 2 ( ) procediamo per assurdo.

che: ), ∈ / GL 2 ( ) procediamo per assurdo. d b ∈ (con B

d b

∈ / GL 2 ( ) procediamo per assurdo. d b ∈ (con B = A

(con B = A 1 ). Se per assurdo

2 ( ) tale che CB = I 2 . Da tale uguaglianza se-

a + 2c = 1

2a + 4c = 0. Ne segue che 2 = 0: assurdo. Pertanto B non pu`o esistere e quindi C / GL 2 (

B non pu`o esistere e quindi C ∈ / GL 2 ( ). ! " !

).

! " ! " ! " ! " ! " ! "

Sia

nozione di determinante] che:

Esercizio 8.

A

" Sia nozione di determinante] che: Esercizio 8 . A ∈ n ( K ) una

n (K ) una matrice diagonale. Verificare [senza utilizzare la

A GL n (K ) ⇐⇒

n

i =1

a

ii

= 0.

Soluzione. (=). Se

la matrice diagonale:

n

i =1

a ii

= 0, ogni fattore a ii `e non nullo e pertanto `e definita

B =  

a

1

11

.

.

.

a

1

nn

.

Si verifica subito che BA = AB = I n . Dunque A GL n (K ).

(=).

Sia

A GL n (K ) e sia

B la sua matrice inversa.

risulta:

A (i) = 0

A (i) B (j )

= δ ij

0 a ii 0

[δ ij

`e il simbolo di Kronecker, cfr.

0 , allora

A (i) B (j ) = a ii b ij

= δ ij .

Se, per assurdo, fosse a ii = 0, allora: 0 = a ii b ii = δ ii = 1:

a

n

i =1

= 0 e quindi

a

ii

= 0.

ii

Poich´e

Eserc. 6].

AB = I n , Poich´e

assurdo.

Pertanto

! " ! " ! " ! " ! " ! "

§

Esercizi

39

c

88-7999-003-9

Esercizio 9. Sia A GL n (K ). Verificare che:

(i ) Se A `e simmetrica, A 1 `e simmetrica.

(ii ) Se A `e antisimmetrica, A 1 `e antisimmetrica.

Soluzione. Da AA 1 = I n = A 1 A segue:

I n = t I n = t (AA 1 ) = t (A 1 ) t A .

(i )

Se A `e simmetrica [cio`e

A = t A ], allora:

t (A 1 ) t A = t (A 1 )A = I n = A 1 A e dunque t (A 1 )A = A 1 A .

Cancellando a destra A [ci`o `e possibile in quanto A `e invertibile] si ottiene:

t (A 1 ) = A 1 e dunque A 1 `e simmetrica.

(ii ) Sia A antisimmetrica [cio`e A = t A ]. Allora:

t (A 1 ) t A = t (A 1 )(A ) = t (A 1 )A = I n = A 1 A

e dunque t (A 1 )A = A 1 A . Cancellando A , si ottiene:

t (A 1 ) = A 1 . Dunque A 1 `e antisimmetrica.

t (A 1 ) = A 1 ,

cio`e

! " ! " ! " ! " ! " ! "

Esercizio 10. (i ) Verificare che, n 2, le matrici simmetriche invertibili non for- mano un sottogruppo di GL n ( ). (ii ) Determinare le matrici del gruppo GL 2 ( 2 ) e verificare se le matrici simme- triche in esso contenute formano un sottogruppo.

simme- triche in esso contenute formano un sottogruppo. Soluzione. ( i ) In GL 2 (
simme- triche in esso contenute formano un sottogruppo. Soluzione. ( i ) In GL 2 (

Soluzione. (i ) In GL 2 ( ) si considerino le due matrici simmetriche:

In GL 2 ( ) si considerino le due matrici simmetriche: A = 0 1 1

A = 0

1

1 1 ,

B = 1

1

1

0 .

AB =

)
)

2 1 (non simmetrica).

0

1

Risulta:

GL 2 ( ) non formano un sottogruppo. Tale esempio pu`o essere facilmente generaliz-

zato a GL n (

Pertanto le matrici simmetriche di

zato a GL n ( Pertanto le matrici simmetriche di ( ∀ n ≥ 2) ponendo:

(n 2) ponendo:

A =

010

.

.

.

110

001

.

.

.

000

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

1

,

B =

110

.

.

.

100

001

.

.

.

000

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

1

.

.

.

.

(ii ) L’insieme

. . . 1 . . .       . ( ii

2 ( 2 ) `e formato dalle seguenti 16 matrici [per comodit`a di no-

tazioni scriviamo 0, 1 in luogo di 0, 1]:

0 , 0

0

0

1

0 , 0

1

0 , 0

0

1

0 , 1

0

1

1

0

0

1

, 1

1

1

0 , 0

0

0

1

,

1

0

0

0 ,

40

Cap. II

MATRICI E SISTEMI DI EQUAZIONI LINEARI

c

88-7999-003-9

0

1

1 , 0

1

1

1 , 0

0

0

1 , 0

0

1

0 , 1

1

1

1 , 1

1

1

1

0 , 0

1

1

1 , 0

1

1

0 .

Si verifica facilemente che

GL 2 (

, 0 1 1 0 . Si verifica facilemente che GL 2 ( 2 ) =

2 ) =

1

0

0 , 1

1

1

0 , 0

1

1

1 , 0

1

1

1 , 1

0

1

1

0 , 0

1

1

1

1 1 non

e quindi le matrici invertibili e simmetriche sono:

1

0

0 , 0

1

1

1 , 0

1

1

1 , 1

1

0

1

0 .

Tale insieme non `e un gruppo: infatti ad esempio 0

`e una matrice simmetrica.

! " ! " ! " ! " ! " ! "

Esercizio 11. Completare la dimostrazione della Prop. 6, provando il seguente risul- tato.

Sia AX = 0 un SLO (m, n, K ) a gradini e sia Σ 0 il sottospazio vettoriale di K n delle sue soluzioni. Dimostrare che dim ( Σ 0 ) = n m.

1 0

1

1 =

1

1

0

1

0

Soluzione. Se n = m, il SL O ammette un’unica soluzione, cio`e la soluzione ba- nale. Dunque Σ 0 = {0} e dim ( Σ 0 )=0. Sia quindi n>m e sia Φ 0 : K n m Σ 0 l’applicazione (biunivoca) cos`ı definita:

, t n m , [a gradini] ottenuta da

AX = 0, ponendo x m+1 = t 1 ,

.,e n m gli n m vettori della base canonica di K n m e si consi-

derino [per

dove

Φ 0 : t 1 ,

, t n m x 1 ,

,x m , t 1 ,

x 1 ,

Siano

, x m `e l’unica soluzione del SL(m, m, K )

e 1 ,

i = 1,

, n m] gli

, x n = t n m .

n m vettori di

Σ 0 :

Φ 0 (e i ) = y i1 ,

, y im , 0,

, 0 , 1, 0, ,

, 0 .

Verifichiamo che tali vettori formano una base di Σ 0 . Risulta:

e dunque:

n

m

i

=1

a i Φ 0 (e i ) = n m

i

=1 a i y i1 ,

,

n

m

=1 a i y im , a 1 , a 2 ,

i

,a

nm

se

n m

=1 a i Φ 0 (e i )=0,

i

allora

a 1 = a 2 =

= a n m = 0.

Pertanto tali vettori sono linearmente indipendenti. Per concludere basta verificare

, Infatti, si consideri il vettore

che ogni vettore z = z 1 ,

, Φ 0 (e n m ).

z n Σ 0 `e combinazione lineare di Φ 0 (e 1 ),

w = z z m+1 Φ 0 (e 1 )

z n Φ 0 (e n m ).

Poich´e le sue ultime n m componenti sono tutte nulle e poich´e w Σ 0 , tale vet- tore coincide necessariamente con 0 e quindi:

§

Esercizi

41

c

88-7999-003-9

z

Φ 0 (e 1 ),

,

Φ 0 (e n m ) .

! " ! " ! " ! " ! " ! "

Esercizio 12.

`

E assegnato il SLO (3, 5, ) a gradini:

12 . ` E assegnato il SLO (3 , 5 , ) a gradini:  

  x 1 + x 2 x 3 + x 4 x 5 = 0

2x 2 x 3 + x 4 = 0

  x 3 x 4 + x 5 = 0.

Indicato con Σ 0 lo spazio vettoriale delle sue soluzioni, determinare la dimen- sione di Σ 0 e calcolarne una base. Scrivere la generica soluzione del SLO assegnato.

Soluzione. Σ 0 `e un sottospazio vettoriale di

dim ( Σ 0 )=5 3=2.

Per ottenere una base di Σ 0 basta determinare i due vettori y 1 , y 2 Σ 0 ottenuti ponendo rispettivamente: (x 4 , x 5 )=(1, 0), e (x 4 , x 5 )=(0, 1). Ponendo x 4 = 1, x 5 = 0, il SLO assegnato si trasforma nel SL(3, 3,

5 = 0, il SLO assegnato si trasforma nel SL (3 , 3 , 5 e

5 e risulta:

)
)


 

x 1 + x 2 x 3 + 1 = 0

2x 2 x 3 + 1=0

x 3 1=0,

che ha l’unica soluzione (x 1 , x 2 , x 3 )=(0, 0, 1). Pertanto:

y 1 = (0, 0 , 1, 1, 0).

Analogamente, ponendo x 4 = 0, x 5 = 1, il SLO assegnato si trasforma nel

SL(3, 3,

)
)


 

x