Sei sulla pagina 1di 2

propriet dell'Arnica

L'arnica vanta propriet principalmente antiflogistiche, esclusivamente per uso


topico (applicata direttamente sulla pelle della parte malata).
Viene quindi usata in traumatologia in caso di edemi post-traumatici (fratture,
distorsioni, ecchimosi, contusioni, compressioni, ematomi, strappi muscolari,
edemi da frattura), artralgie e disturbi articolari a carattere reumatico, versamenti
articolari e flebiti non ulcerative.
L'arnica trova largo impiego nella formulazione di prodotti per il massaggio sportivo
e di cerotti ad azione antireumatica.

Attivit biologica
L'arnica una pianta a cui sono attribuite propriet antiflogistiche, antiedematose,
antitraumatiche, antireumatiche, analgesiche, antinevralgiche, revulsive,
antisettiche e immunostimolanti.
Le propriet antinfiammatorie sono ascrivibili all'elenalina contenuta all'interno
della stessa arnica. L'elenalina, infatti, in grado d'inibire il rilascio del fattore di
trascrizione NF-kB, uno dei principali fattori coinvolti nei meccanismi immunitari e
nei processi infiammatori che avvengono nell'organismo.
Inoltre, sembra che l'elenalina sia in grado di ridurre la chemiotassi e la mobilit
dei granulociti. Questo lattone sesquiterpenico promuove anche la stabilizzazione
delle membrane lisosomiali, contribuendo cos a ridurre l'area interessata
dall'infiammazione.
L'azione analgesica, cos come quella antisettica, invece riconducibile - oltre che
all'elenalina - alla diidroelenalina e ai suoi esteri. Queste molecole hanno
dimostrato di essere dotate di attivit sia battericida che fungicida.
Le propriet immunostimolanti, invece, sono attribuibili ai polisaccaridi contenuti
nel fiore della pianta. Sembra, infatti, che queste molecole siano in grado di
modificare la risposta immunitaria andando ad agire sul sistema del complemento
e favorendo l'aumento dell'attivit fagocitaria.

Arnica contro traumi, ematomi e infiammazioni


Come accennato, l'arnica pu essere utilizzata nel trattamento d'infiammazioni,
ematomi e traumi. Questo possibile grazie alle propriet antinfiammatorie,
antiedematose, analgesiche, e antitraumatiche che le sono conferite soprattutto
dai lattoni sesquiterpenici in essa contenuti, anche se pare che all'azione benefica
svolta dall'arnica contribuiscano pure l'olio essenziale e i flavonoidi in essa
contenuti.
Quando l'arnica impiegata come rimedio antinfiammatorio contro traumi,
ematomi e contusioni, di solito, si utilizza la tintura diluita 1:5 in acqua o in alcool,
da applicarsi come impacco direttamente nella zona interessata. Va, per,
ricordato che l'impacco deve essere applicato solo sulla cute integra, avendo cura
di evitare il contatto della preparazione con occhi, bocca e genitali.

N.B.: quando l'arnica viene utilizzata a fini terapeutici, essenziale utilizzare preparazioni definite
e standardizzate in principi attivi, poich solo cos si pu conoscere la quantit esatta di sostanze
farmacologicamente attive che si stanno assumendo.
Quando si utilizzano preparazioni a base di arnica, le dosi di prodotto da assumere possono
variare in funzione della quantit di sostanze attive contenuta. Tale quantit, solitamente,
riportata direttamente dall'azienda produttrice sulla confezione o sul foglietto illustrativo dello
stesso prodotto, pertanto, molto importante seguire le indicazioni da essa fornite.
In qualsiasi caso, prima di assumere per fini terapeutici un qualsiasi tipo di preparazione
contenente arnica, bene rivolgersi preventivamente al proprio medico.