Sei sulla pagina 1di 7

MICROECONOMIA KATZ ROSEN MORGAN BOLLINO Definizioni

PARTE I: LE FAMIGLIE
CAP. 1
Economia Disciplina che si occupa del modo in cui gli individui e le societ affrontano il problema
della scarsit.
Microeconomia Branca dell'economia che studia il comportamento economico dei singoli operatori
(famiglie, imprese) e i risultati prodotti dalle decisioni individuali.
Macroeconomia Branca dell'economia che si occupa del funzionamento del sistema economico nel
suo complesso, con riferimento a inflazione, disoccupazione e cicli economici.
Costo-opportunit di X Valore della migliore alternativa al bene X, alternativa a cui si disposti a
rinunciare per ottenere il bene in questione.
Allocazione delle risorse Distribuzione delle risorse a disposizione della societ, impiegate in beni
e servizi dalle aziende che li producono e ripartite tra singoli individui appartenenti a una comunit.
Sistema di mercato Tipologia di organizzazione economica, all'interno della quale l'allocazione
delle risorse dipende in larga parte da decisioni autonome di consumatori e produttori.
Modello Descrizione semplificata di un fenomeno economico, basata su equazioni, grafici e metodi
analitico-matematici volti a sintetizzare gli aspetti essenziali astraendo dai dettagli della realt.
Analisi positiva Analisi economica che produce affermazioni descrittive della realt, evidenziando
relazioni di causa-effetto.
Analisi normativa Analisi economica che produce affermazioni contenti giudizi di valore.
Modello del flusso circolare Rappresentazione dei legami che intercorrono tra il settore delle
famiglie e quello delle imprese; esso rivela l'esistenza di un flusso materiale (fisico, reale) di beni e
di un flusso monetario, formato dal denaro speso acquisto di beni e consumo di fattori produttivi.
Tali flussi si muovono in direzione opposta. FUNZIONAMENTO: Flusso di beni le imprese
offrono beni e servizi richiesti dalle famiglie, le famiglie offrono gli input richiesti dalle imprese.
Flusso monetario le famiglie spendono denaro per acquistare beni e servizi, procurando entrate
alle imprese; tali entrate tornano alle famiglie sotto forma di compenso per le risorse fornite alle
attivit produttive.
(I mercati in cui imprese e famiglie si incontrano sono il mercati dei prodotti (o dei beni e servizi) e
il mercato dei fattori.
Scheda di domanda Relazione tra prezzo di mercato di un bene e quantit che ne viene domandata
in un dato periodo temporale, ceteris paribus.
Ceteris paribus Espressione latina che significa a parit di altre condizioni, utilizzata
frequentemente in ambito economico dal momento che per poter studiare meglio il comportamento
di fenomeni dipendenti da alcune variabili, si ipotizza che tutte le altre rimangano fisse.
Scheda di offerta Relazione tra prezzo di mercato e quantit di un bene che i produttori sono
disposti a offrire.
Equilibrio Situazione che si protrae nel tempo perch nessuna delle parti coinvolte ha motivo di
modificare il proprio comportamento. Riguardo al modello di domanda e offerta, l'equilibrio dato
dall'uguaglianza di quantit domandata e quantit offerta [di un determinato bene], in
corrispondenza di un determinato prezzo.
Efficienza allocativa In presenza di efficienza allocativa, tutti i soggetti economici che intervengo
nel mercato realizzano il massimo vantaggio possibile dallo scambio.

CAP. 2
Assioma di completezza Dati due panieri, il consumatore sempre capace di stabilire un grado di
preferenza tra i due.
Asisoma di transitivit se il paniere x preferibile al paniere y e y preferibile al paniere z x
preferibile a z. Garantisce la coerenza delle preferenze del consumatore.
Assioma di non saziet Una combinazione di due beni contenente una quantit maggiore di almeno
uno dei due beni (rispetto a un altro paniere) preferibile a una combinazione che ne contiene una
quantit minore. E' un' #esemplificazione: in realt il consumatore razionale pu essere sazio.
Curva d'indifferenza Curva/linea ? che contiene infiniti punti, i quali individuano coppie di
quantit in corrispondenza delle quali l'utilit costante. Ogni consumatore ha una specifica circa di
indifferenza utilizzata per rappresentare i suoi gusti. #costruzione: partendo dal paniere di
dotazione, si possono togliere quantit sempre diverse da ognuno dei due beni, determinando nuovi
panieri caratterizzati dal medesimo livello di utilit. #convessit rispetto all'origine.
#pendenzaMRS (ossia y/x). #decrescenza tradeoff. #livelli di utilit maggiori, minori
#mappa indifferenza #curve indifferenza non necessariamente parallele #per non posso intersecarsi
dimostrazione per assurdo #transitivit
Dipende da gusti del consumatore ? e?
Saggio marginale di sostituzione L'opposto della pendenza di una curva d'indifferenza in un
punto; indica in base a quale rapporto il consumatore disposto a scambiare un bene con l'altro.
Assioma 4: MRS decrescente Il saggio marginale di sostituzione diminuisce man mano che ci si
sposta da sinistra verso destra lungo la curva.
Perfetti sostituti Beni che possono essere sostituiti l'uno con l'altro in un rapporto fisso MRS
costante.
Si I aumenta, Qx aumenta Qy diminuisce o viceversa.?
Beni perfettamente complementari Beni che devono essere consumati in proporzioni fisse.
Si I aumenta, Qx Qy aumentano.?
Utilit totale Soddisfazione totale (talvolta indicata/associata a un valore numerico) che si ricava
dal consumo di un determinato paniere di beni.
Funzione di utilit Funzione che esprime l'utilit associata a ciascun paniere di beni/ formula che
permette di calcolare l'utilit associata a ciascun paniere di beni.
-ordinale f. di utilit che consente di ordinare vari panieri in base alla loro utilit totale, senza
misurare con esattezza la soddisfazione (l'utilit) che ciascuno di essi procura.
-cardinale f. di utilit che permette di stabilire con precisione in che misura alcuni panieri sono
preferibili rispetto ad altri, in maniera assoluta. ?
Price taker Consumatore per il quale il prezzo di un bene non dipende dal numero di unit
acquistate.
Vincolo di bilancio Curva che rappresenta le combinazioni di beni tra cui il consumatore pu
scegliere, dati il suo reddito (I) e i prezzi dei beni (px, py). px * x + py * y= I
Dipende da prezzi e reddito. ?
Insieme dei panieri ammissibili Insieme dei panieri che rispettano il vincolo di bilancio.
Soluzione interna Un paniere, corrispondente a una situazione di equilibrio [perdurer], che
contiene una certa quantit di tutti i beni.
Utilit marginale Variazione dell'utilit totale conseguente al consumo di un'unit di bene
aggiuntiva. MUx * x + MUy * y=0 -y/x=MUx/MUy , ossia MRS corrisponde al rapporto
delle utilit marginali. Nel punto di equilibrio si ha MRS= px/py MUx/MUy=px/py .
Nel punto di equilibrio si ha dunque: MUx/px=MUy/py.
Punto di equilibrio: punto di tangenza tra vincolo di bilancio e curva di indifferenza, che
rappresenta la situazione di equilibrio raggiunta dal consumatore, dati reddito, prezzi dei beni e
preferenze (o gusti). (Il consumatore ricerca la massima utilit tenendo conto delle sue possibilit di
spesa) ?
Vedi anche #grafici sostituti, complementari, mali #mali e curve di indifferenza #soluzioni d'angolo

CAP. 3
Statica comparata Metodo che consistere nel mettere a confronto due situazioni di equilibrio
[senza considerarle in diversi momenti temporali, bens mettendo a confronto le due situazioni
senza alcun riferimento allo scorrere del tempo].
Curva di prezzo-consumo Insieme e di panieri di equilibrio individuati facendo variare il prezzo di
un bene, ceteris paribus.
Effetto incrociato di prezzo Effetto che la variazione di prezzo di un bene ha sulla quantit
domandata di un altro bene.
Beni sostituti Soddisfano bisogni simili. L'aumento di prezzo di un bene, ceteris paribus, determina
un incremento della quantit domandata di un suo sostituto.
Beni complementari Tendono a essere consumati insieme. L'aumento di prezzo di un bene, ceteris
paribus, determina una dimnuzione della quantit domandata del bene complementare.
Beni non correlati L'aumento del prezzo non sortisce alcun effetto sulla quantit domandata
dell'altro, ceteris paribus.
Variazione sulla scheda di domanda Spostamento dell'intera curva di domanda.
Variazione della quantit domandata Spostamento lungo una determinata curva di domanda.
Bene normale Un bene il cui consumo cresce con l'aumentare del reddito, cet. par.
Bene inferiore Un bene il cui consumo diminuisce con l'aumentare del reddito, cet. par.
Curva reddito-consumo Insieme di panieri individuati facendo variare il reddito del consumatore,
cet par.
Curva di Engel Rappresentazione grafica della relazione tra il reddito e la quantit consumata di un
bene, cet. par.
Curva di domanda di mercato Rappresentazione grafica della relazione prezzo-quantit
domandata di un bene da tutti gli acquirenti presenti nel mercato.
Somma per orizzontale Operazione che consiste nel mettere insieme tutte le curve di domanda
individuali per ricavare la curva di domanda di mercato.
Elasticit della domanda al prezzo Valore assoluto del rapporto tra variazione percentuale della
quantit domandata e la variazione percentuale di prezzo. = -%X/%p #calcolo dell'elasticit
#elasticit puntuale (-1/s * p/X) #elasticit di arco (- x/Xmedia : p/p medio) #determinanti
elasticit (sostituti, quanto il bene incide sul reddito, intervallo di tempo).
Spesa totale Somma complessiva di denaro che i consumatori spendono per l'acquisto di un certo
bene. Numero di unit acquistate * prezzo bene.
Domanda elastica maggiore di 1
Domanda anelastica minore di 1
Elasticit unitaria =1
Domanda perfettamente anelastica =0. La quantit domandata non cambia minimamente al
variare del prezzo.
Domanda perfettamente elastica =infinita. Grafico curva di domanda retta orizzontale.
#curva di domanda lineare (NON E' UN VINCOLO DI BILANCIO!!) L= -(x/p)*(p/X)
Elasticit incrociata della domanda del bene X rispetto al bene Y Rapporto tra variazione
percentuale della quantit domanda di X e la variazione percentuale del prezzo di Y che l'ha
provocata. Indica in che misura due beni sono sostituti o complementari. xy= %X/%py
xy pos: sostituti, xy neg: complementare, xy=0 non correlati.
Elasticit della domanda al reddito Rapporto tra variazione percentuale della quantit domandata
e la variazione percentuale del reddito da cui ha avuto origine. I= %X/%I
I neg: BENE INF, xy pos: BENE NORM, xy>1 BENE DI LUSSO.
Beni di lusso Bene per il quale l'elasticit della domanda al reddito maggiore di 1.
Vedi anche: #effetti di una variazione del prezzo di un bene sul paniere di equilibrio.
#costruzione curva di domanda individuale #aggregazione #curve di domanda e razionalit (fintanto
che le eccezioni si compensano, possibile fare previsioni ragionevoli sull'andamento dell'intero mercato).

CAP. 4
Legge della domanda Principio secondo il quale le curve di domanda sono decrescenti: quando
aumenta il prezzo di un bene diminuisce la quantit domandata.
Effetto sostituzione L'effetto di una variazione di prezzo sulla quantit domandata di un bene,
dovuto solamente al fatto che il suo prezzo relativo cambiato.
Effetto reddito L'effetto di una variazione di prezzo sulla quantit domandata di un bene, dovuto
solamente al fatto che il reddito reale del consumatore cambiato. #grafici effetto sostituzione,
effetto reddito nei casi di beni inferiori, normali, di Giffen.
Reazione compensata Variazione della quantit domandata che si registra quando si fa variare il
prezzo del bene e si ipotizza di mantenere invariato il reddito reale. (effetto sostituzione)
Reazione non compensata Variazione della quantit domandata che si registra quando il prezzo del
bene varia. #variazione compensativa, variazione equivalente
Bene di Giffen Un bene (necessariamente inferiore) la cui curva di domanda crescente. [Il prezzo
aumenta, aumenta la quantit domandata).
Equazione di Slutsky Scomposizione [analitica] della variazione della quantit domandata
conseguente a una variazione di prezzo in un effetto sostituzione e un effetto reddito.
(x/p)comp x1 * x/I
Surplus del consumatore Differenza tra quanto il consumatore disposto a pagare per un bene e
quanto deve effettivamente pagare. (detto anche surplus marshalliano del consumatore). curva di
domanda. #grafico surplus consumatore, cfr. con surplus produttore curva di offerta.
#effetto della variazione di una variazione di prezzo sul surplus del consumatore
Tariffa a due parti Sistema di pagamento in base al quale il consumatore deve prima versare una
SOMMA FISSA, per aver diritto ad acquistare un certo bene, e quindi pagare un determinato
PREZZO per ogni unit del bene effettivamente acquistata.
Contingentamento all'importazione Limitazione della quantit di un determinato bene che pu
essere importata in un paese. #vedi grafico RENDITE DA CONTINGENTAMENTO + PERDITA
NETTA
Perdita netta Spreco di denaro puro e semplice provato da un aumento di prezzo al di sopra del
livello di efficienza.
Curva di domanda compensata Scheda che indica come varia la quantit domandata al variare del
prezzo, nell'ipotesi che man mano che il prezzo cambia, il consumatore sia compensato con una
quantit di reddito sufficiente a farlo rimanere al livello di utilit iniziale. [L'effetto reddito
eliminato per definizione]
#confronto con curva domanda non compensata, per beni normali e inferiori
#ricavare curva di domanda compensata

CAP. 5 --------------------------------Dotazione di tempo Numero massimo di ore che un individuo pu dedicare al lavoro o al tempo
libero, in un determinato periodo di tempo.
#vincolo di bilancio intertemporale
Valore della dotazione di tempo Somma di denaro che un individuo guadagnerebbe se dedicasse
tutto il tempo disponibile al lavoro.
#statistica comparata col modello reddito-tempo libero
# calo dei salari, effetto sostituzione ed effetto reddito
Curva di offerta di lavoro Scheda indicante la relazione tra quantit di lavoro offerta e il salario,
ceteris paribus.
#ricavare curva di offerta di lavoro, crescente, decrescente, ad arco.
Surplus del produttore L'eccesso di reddito che un individuo percepisce, rispetto a quello minimo
che richiederebbe per fornire un certo numero di unit di un dato fattore produttivo.
#rappresentazione grafica: superficie compresa tra curva di offerta di lavoro e il salario corrente.
Curva di offerta di lavoro di mercato Scheda indicante la quantit complessiva di lavoro che tutti
gli individui presenti nel mercato sono disposti a offrire, in corrispondenza di ciascun salario.
Differenziale salariale compensativo Compenso aggiuntivo pagato ai lavoratori che accettano
occupazioni per qualche aspetto sgradevoli.
Capitale fisico
Capitale finanziario
Modello del ciclo vitale
Vincolo di bilancio intertemporale
Paniere delle dotazioni
Valore attuale delle dotazioni
Saggio marginale di sostituzione tecnica
#mappa d'indifferenza intertemporale
#preferenze di una persona impaziente
#equilibrio per un mutuatario e per un risparmiatore
#statica comparata: variazione del tasso d'interesse, effetto sostituzione ed effetto reddito.
Curva di offerta di risparmio di mercato
#tassazione degli interessi #grafico prima e dopo introduzione dell'imposta
Capitale umano
Funzione di produzione del capitale umano
#capitale umano come unica possibilit d'investimento, capitale umano e mercato finanziario
Teorema della separazione
#separazione tra decisione d'investimento in capitale umano e decisione di consumo.

CAP. 6
Stato del mondo
Beni contingenti
Rischio L'esito del processo a priori incerto
Incertezza Non si conosce neanche la natura del processo a cui si fa riferimento
Probabilit
Valore atteso
Scommessa attuariamente equa Una scommessa attuariamente equa se ha valore atteso nullo.
Linea della quotazione equa ( il Vincolo di bilancio di una scommessa attuariamente equa; passa
necessariamente per il paniere delle dotazioni certe)
#pendenza della linea di quotazione equa
Quotazione
Avverso al rischio
Linea delle allocazioni certe (Insieme dei consumi in condizioni di certezza)
Amante del rischio
Indifferente al rischio
#curve d'indifferenza nel caso di individui amanti, indifferenti, avversi al rischio [relative a beni
contingenti]
#combinazione di equilibrio di due beni contingenti
#equilibrio quando il vincolo di bilancio coincide con la linea della quotazione equa
#equilibrio per una persona amante del rischio
Premio a rischio
#analisi e determinazione dei premi a rischio
Premio (assicurazione)
Franchigia Parte di danno che resta a carico dell'assicurato.
Assicurazione attuariamente equa
#vincolo di bilancio ed equilibrio nel caso di un'assicurazione attuariamente equa
#variazione del premio #variazione di probabilit di essere citati in giudizio ed effetti sulle
preferenze individuali e sulla spesa per l'assicurazione (grafici)
#equilibrio nel caso di un'assicurazione non attuariamente equa
Paradosso di San Pietroburgo [non importa il valore attesa ma l'utilit attesa]
In un'ipotetica scommessa riguardo l'esito del tiro di una moneta (testa o croce) si paga una quota di ingresso
fissa per partecipare ad una fase del gioco (A). Ciascuna fase consiste nel lanciare ripetutamente una moneta non
truccata finch non esce Croce, che d luogo alla vincita.
La vincita dipende dal numero di lanci che precedono l'uscita di Croce: se esce Croce al primo lancio, si vince 1
(uno); se esce Testa, si raddoppia ad ogni lancio successivo. In breve, si paga A e si vince 2k1, se la moneta
stata lanciata k volte quando compare Croce per la prima volta.
Poi si riprende da capo con una nuova fase del gioco.
Alla fine dei lanci si dunque certi di incassare un premio, ma quanto si disposti a pagare per partecipare al
gioco?
La probabilit che la prima Croce esca al lancio k-esimo :

Quindi si ha: probabilit 1/2 di vincere 1; probabilit 1/4 di vincere 2; probabilit 1/8 di vincere 4 ... e cos via. Il
valore atteso della vincita dunque:

La somma diverge all'infinito: in media ci si aspetta di vincere una somma infinita da questo gioco. In accordo con
la teoria tradizionale del valore atteso, ci si pu permettere di pagare qualunque cifra A per partecipare. Infatti

anche pagando un miliardo per volta, alla lunga, dovr capitare la volta (con probabilit invero bassissima) di una
vincita cos strepitosa da ripagare abbondantemente tutte le altre quote investite per ottenere vincite insignificanti.
In pratica per, nessuna persona ragionevole disposta a pagare pi di qualche unit per partecipare a questo
gioco: ecco appunto il paradosso, detto di San Pietroburgo.