Sei sulla pagina 1di 12

I prodotti di medicazione - 1

I PRODOTTI DI MEDICAZIONE
Questa appendice non vuole essere la sintesi di tutto quanto viene impiegato nel trattamento delle
lesioni da decubito in quanto tale lavoro richiederebbe una pubblicazione a se stante e, data la
rapidit con cui le ditte produttrici forniscono nuove medicazioni, sarebbe impossibile un continuo
aggiornamento. I prodotti descritti in letteratura sono migliaia; questo non che un limitato elenco
basato sullesperienza degli autori.
PRODOTTO

CATEGORIA

Acido acetico
Acido borico

Antisettico
blando
Antisettico
blando,
detergente

Acido jaluronico

Proteolitico

(Connettivina Fidia)

Acido jaluronico in
fibra secca

Favorente la
granulazione

(Hyalofill F Fab)
Acido jaluronico +
Alginato di calcio

Favorente la
granulazione

(Hyalogran Fab)

Acqua ossigenata

Detergente,
antisettico
blando

Alcool

Antisettico

Alginati ( di calcio o
di calcio e sodio)

Favorente la
granulazione,
adsorbente.

(Algosteril J&J)
(Kaltostat ConvaTec)
(Sorbsan Braun)
(Tegagel 3M)
(Algidress WelCare)
(Seasorb Coloplast)

VANTAGGI ED
INDICAZIONI
Impiegato in detersione di
ferite pulite o contaminate
Pu essere impiegato in
detersione, soprattutto su
cute con inquinamento
fungino
Impiego su ferite deterse o
con accumulo di fibrina;
pu essere utilizzato come
medicazione non aderente

SVANTAGGI E
CONTROINDICAZIONI
Presenta una modesta
tossicit per i fibroblasti
Data la scarsa attivit
antisettica, non deve essere
usato come tale in ferite con
segni di flogosi
Su ferite asciutte pu
essiccare ed aderire al
tessuto di granulazione
provocando dolore e
sanguinamento alla
rimozione
Da utilizzarsi su ferite
Talvolta provoca eccessivo
deterse e/o granuleggianti a leakage
scarsa o media essudazione;
si liquefa e viene riassorbito
Da utilizzarsi di preferenza Da non utilizzarsi su ferite
su ferite deterse e/o
asciutte in quanto non pu
granuleggianti di ogni
esplicare la sua azione
genere di essudato; ha una
certa azione di debridement
sulla necrosi gialla (slough)
Come detergente in ferite
Ha azione citotossica,
con segni di infezione; la
scarsamente efficace come
sua effervescenza ha una
antisettico e, una volta
potente azione di rimozione impiegata, deve essere
di materiali liberi nella
rimossa da un secondo
ferita; pu essere impiegato lavaggio con soluzione
dopo toeletta chirurgica per fisiologica; inattiva i
favorire l'emostasi
proteolitici
Nessuna
Aumenta l'incidenza di
piaghe da decubito di circa
6 volte
Su ferite deterse con
In caso di scarse secrezioni
essudato medio abbondante, pu asciugarsi dando
adsorbe l'essudato dando
origine ad una spessa crosta
origine ad un gel che
molto aderente la cui
impedisce adesione alla
rimozione risulta complessa
ferita e mantiene un
microambiente umido

MODALITA' DI
IMPIEGO
Lavaggio della ferita
Detersione della ferita
durante la medicazione

Previa detersione, cambio


ogni 12 - 24 ore, richiede
il fissaggio con una
medicazione secondaria

Da sostituire a consumo,
solitamente dopo 48 - 72
ore; necessita di
medicazione secondaria
Da sostituire a consumo,
solitamente dopo 48 - 72
ore; necessita di
medicazione secondaria
(occlusiva se utilizzato a
scopo di debridement)
Si utilizza per caduta,
oppure, in ampi sfondati,
pu essere introdotta con
una siringa senza ago

MAI! il suo uso ha solo


valore storico
La medicazione va
sostituita a consumo
(generalmente 24 - 72
ore), previa detersione;
richiede il fissaggio con
una medicazione
secondaria

I prodotti di medicazione - 2

Associazione fra
un adsorbente ed
un favorente la
(Fibracol J&J, non in granulazione
commercio in Italia)
Alginati di calcio +
Collagene

Alginato di sodio

Adsorbente

(Luxorgel)

Ammonio
quaternario
(composti di)

Antisettico,
detergente

(Cetavlon)

Amuchina

Antisettico,
derivato del
cloro

Argento catadinico

Antisettico

(Katoxyn spray
Deverge)
Argento sulfadiazina Antisettico
(Sofargen pomata
SOFAR)
Auchmeronia
Luteola (estratto di
larve)

Proteolitico

Bacitracina

Antibiotico

Balsamo del Per

Cheratoplastico

Bianco d'uovo

Eutrofizzante

Rimozione dell'essudato in
eccesso con formazione di
un gel e mantenimento di
un microambiente umido; il
collagene fornisce una
trama ai fibroblasti; indicati
in ferite deterse con
essudato da lieve ad
abbondante; la medicazione
si caratterizza per una
estrema duttilit e
conformabilit
Assorbe l'essudato formando un gel che mantiene un
microambiente umido e non
aderisce alla ferita; indicato
su ferite con essudato
lieve/medio
Attivi nei confronti di
germi Gram positivi e
negativi; bassa tossicit
sistemica; attivi in presenza
di essudati e/o materiale
necrotico; indicati in ferite
con segni clinici di
infezione
Impiegata ad alte diluizioni
(1% - 4%) come detergente
durante le fasi della
medicazione
Riduce la carica batterica;
indicato su ferite
superficiali, in particolare
su lesioni da macerazione
Riduce la carica batterica;
indicato su ferite
superficiali

Controindicati in ferite
molto asciutte; possibili
fenomeni allergici anche se
rari

Previa detersione, la
medicazione viene
conformata entro i
margini della ferita;
sostituzione a consumo
(1-4 giorni);
richiede medicazione
secondaria di fissaggio

In ferite iperessudanti si
pu verificare la
dissoluzione della
medicazione; in ferite
asciutte tende ad aderire

Previa detersione,
sostituzione della
medicazione ogni 24 ore;
richiede medicazione
secondaria di fissaggio

Possibili fenomeni allergici; Vengono impiegati per il


attivit istolesiva
lavaggio della ferita; si
richiede un secondo
lavaggio per la rimozione

Citotossica

Ha attivit essicante; non va


impiegato su cute
disidratata; possibilit di
reazioni allergiche
Possibile indurimento con
formazione di croste per
essiccamento; la rimozione
dolorosa
Impiegato su aree di necrosi Possibili sensibilizzazioni;
od escare, indurrebbe una
il prodotto non stabile e la
rapida lisi delle stesse per
preparazione deve essere
digestione
recente
Riduzione della carica
Scarsa attivit in presenza
batterica; non indurrebbe
di essudato; possibili
resistenza
sensibilizzazioni

Indicato su lesioni
superficiali, favorisce la
riepitelizzazione
Ha azione
antinfiammatoria;
ridurrebbe l'incidenza di
infezioni

Frequenti fenomeni
allergici
Emana uno sgradevole
odore; la medicazione
secondaria aderisce al
fondo della lesione
rendendo dolorosa e
traumatica la rimozione;
sono possibili fenomeni di
sensibilizzazione

Va utilizzata per caduta;


deve essere rimossa

Stendere uno strato


uniforme sull'area lesa;
applicare 2-3 volte die
Stendere un velo sul
fondo della lesione, previa
detersione
Stendere un sottile strato
sull'area di necrosi

Previa detersione,
l'applicazione va
rinnovata ogni 12 - 24
ore; richiede una
medicazione secondaria di
copertura
Stendere in strato sottile
sotto forma di unguento al
2% - 5%, 1- 2 volte die.
Il bianco d'uovo montato
a neve viene steso in
spesso strato sopra alla
lesione, il tutto coperto
con una medicazione
secondaria

I prodotti di medicazione - 3

Calamina

Assorbente

Cadexomero iodico

Antisettico

(Iodosorb granulare,
Iodosorb ointment,
Iodoflex Perstorp
Pharma)

Polvere inerte
(carbonato ed ossido di
zinco) la cui azione
rimuovere i liquidi in
eccesso; non riteniamo il
suo uso corretto in lesioni
ulcerative
Lo iodio viene rilasciato
lentamente; i granuli
esercitano un'azione di
assorbimento; indicato in
ferite con essudato medio
abbondante, anche infette

Puo dare origine, su ferite


asciutte, a formazione di
croste

Possibili allergie; la
medicazione risulta
dolorosa (utilizzando il
granulare)

Previa detersione, la
medicazione va rinnovata
ogni 1 - 3 giorni; richiede
una medicazione
secondaria di fissaggio; in
Italia non
commercializzata la
preparazione in pasta
Previa detersione, la
medicazione deve essere
sostituita ogni 12 - 24 ore

Adsorbente

Indicato su ferite essudanti


e/o maleodoranti; rimuove
l'essudato in eccesso

Nessuna

Antisettico

Indicato su ferite essudanti


e/o maleodoranti; rimuove
l'essudato in eccesso; ha
azione antisettica

Talvolta eccessivamente
aderente, pu causare
sanguinamenti facilmente
controllabili

Previa detersione, la
medicazione deve essere
sostituita non prima di 72
ore

(Citrizan, Citrizan
antibiotico IDI)

Catalasi equina
estrattiva; una
superossidodismutasi

Inattiva i radicali liberi di


ossigeno; favorisce la
detersione e la
riepitelizzazione; indicata in
lesioni superficiali

Possibili fenomeni allergici;


pu determinarsi un
essicamento superficiale
con formazione di crosta

Cloramfenicolo

Antibiotico

Possibili fenomeni di
sensibilizzazione

Clorexidina

Antisettico

Indurrebbe raramente
resistenza; viene associato
solitamente a pomate per
ridurre la carica batterica
Impiegata in detersione di
ferite infette

Previa detersione, si
stende un sottile strato di
gel sulla ferita; la
copertura con garza pu
non essere effettuata,
anche se per gli autori
consigliabile
Le modalit di impiego
variano a seconda del
prodotto cui associato

Carbone attivo
(Carbonet S&N)
Carbone attivo +
Argento metallico
(Actisorb Plus J&J)
Catalasi

(Hibidil)
(Hibitane)
(Hibiscrub)
Colla di fibrina
(Tissucol)

Collagenasi + CAF
(Iruxol Knoll)

Collante
naturale
estrattivo da
plasma umano

Proteasi

Talvolta causa dolore;


citotossica per i fibroblasti;
in caso di riassorbimento
sono state segnalate nevriti

Viene impiegata durante


la medicazione versandola
sulla ferita; consigliabile
la rimozione prima di
procedere alla
medicazione
Indicata in lesioni deterse,
Controindicata in lesioni
Previa detersione,
non profonde, umide, in
profonde, secernenti,
antisepsi ed asciugatura
assenza di infezione; alcuni settiche; ha un alto costo
della lesione, con
AA. hanno segnalato una
l'apposito sistema a due
riduzione del tempo di
vie di ricostituzione, si
cicatrizzazione e del dolore;
stende un velo di
presenta attivit coagulante
copertura sulla ferita;
e biostimolante
richiesta una medicazione
secondaria con garza
grassa; la medicazione va
rinnovata ogni 7 giorni
Lisa i ponti di collagene
La contemporanea presenza Previa detersione, la
nativo favorendo la
di CAF pu dare origine a
medicazione va rinnovata
rimozione della necrosi;
fenomeni di
ogni 8 - 12 ore; richiede
indicata in ferite con
sensibilizzazione
una medicazione
presenza di aree necrotiche
secondaria; inattivata da
od accumulo di fibrina sul
acqua ossigenata, cotone
fondo della lesione
idrofilo ed essiccamento

I prodotti di medicazione - 4

Lisa i ponti di collagene


nativo, favorendo la
(Noruxol Knoll)
rimozione della necrosi;
indicata in ferite con
presenza di aree necrotiche
od accumulo di fibrina sul
fondo della lesione
Fornisce una trama
Collagene liofilizzato Collagene
estrattivo bovino favorevole allo sviluppo dei
(Condress Gentili)
fibroblasti; indicato su
(Skinat)
lesioni profonde e
(Alfagen Alfasuperficiali umide e deterse
Wasserman)
(Opraskin Lohmann)
Collagene
Indicato in prevenzione;
Collagene ad alta
purificazione
estrattivo in
viene iniettato nel
forma fluida
sottocutaneo delle aree a
rischio maggiore,
soprattutto al calcagno
Antinfiammatori Dermatite allergica
Cortisonici topici
Collagenasi

Cute di rospo

Proteasi

Medicazione
biologica

(Vietnam)

Cute eterologa di
suino

Medicazione
biologica

(Mediskin + silver)
(Ez derm Brennen
Medical Inc)

Desossiribonucleasi

Proteolitico

(Elase Parke-Davis)

Dextranomero

Adsorbente

(Debrisan)

Epidermal growt
factor
(Preparazione in
crema non in
commercio in Italia)

Fattore di
crescita

Utilizzata per favorire la


riepitelizzazione in lesioni
superficiali, soprattutto
ustioni; preparati a fresco e
liofilizzati
Trova limitate indicazioni
nella medicazione dei
decubiti in quanto il carico
ne riduce l'efficacia; pu
essere impiegata su lesioni
di I - II grado degli arti; pu
essere addizzionata con ioni
argento per ridurre il rischio
di infezioni
Ferite necrotiche e/o con
accumuli di fibrina

Lalta concentrazione di
collagenasi pu causare
eritema dei bordi della
ferita

Previa detersione, la
medicazione va rinnovata
ogni 24 ore; richiede una
medicazione secondaria;
inattivata da acqua
ossigenata, cotone
idrofilo, essiccamento
Su lesioni asciutte risulta di La medicazione va
scarsa efficacia; su lesioni
rinnovata a consumo della
iperessudanti si ha un
spugnetta; consigliabile
consumo eccessivamente
un tempo massimo di 4-5
rapido, con limitazione
giorni; necessita di
dell'attivit
medicazione secondaria

Non si possono praticare


iniezioni ripetute; sono
possibili fenomeni allergici
rilevanti

Iniezione sottocutanea in
unica seduta

Arresto dei processi


fibroplastici; causa spesso
sovrainfezioni micotiche
Possibili fenomeni di
rigetto

Applicazioni in strato
sottile ogni 8 - 12 ore

Possibili fenomeni di
rigetto, frequenti
complicanze infettive, alto
costo; controindicata in
caso di essudato medio o
abbondante

Previa detersione ed
accurata antisepsi,
sostituzione ogni 2 - 5
giorni

Possibili reazioni
allergiche; inattivata da
acqua ossigenata, cotone,
essiccamento

La medicazione viene
rinnovata mediamente
ogni 4-5 giorni

La medicazione, previa
detersione, va rinnovata
ogni 8-12 ore; richiede
medicazione secondaria
per il fissaggio
Formato da microsferule
Non indicato in caso di
La medicazione va
porose che assorbono
tramiti fistolosi da cui
rinnovata a saturazione
l'essudato; indicato in ferite risulterebbe difficile la
delle microsferule; queste
con essudato abbondante
rimozione; la medicazione vengono rimosse
dolorosa
mediante abbondante
lavaggio con soluzione
fisiologica; richiesta
medicazione secondaria di
fissaggio
Indicato in ferite deterse; la Nessuna
Applicazione in strato
sua applicazione aumenta la
sottile sul fondo della
velocit di mitosi e la
ferita una volta die
sintesi della matrice
extracellulare

I prodotti di medicazione - 5

Fibrinolisina

Proteolitico

Ferite necrotiche e/o con


accumuli di fibrina

Antisettico

Indicate su ferite
superficiali con segni di
colonizzazione batterica o
comunque a rischio di
contaminazione; non
aderiscono al fondo della
ferita
Indicate su ferite molto
essudanti, anche in
presenza di grandi quentit
di fibrina
Non aderenti; indicate su
ferite superficiali umide,
non infette, con fondo
ricoperto di fibrina di cui
favoriscono la rimozione

(Elase Parke-Davis)

Garze antisettiche
(Inadine J&J)
(Garze di betadine)

Garze assorbenti in
t.n.t.

Medicazione
assorbente non
aderente

(Oprasorb Lohmann)
Proteolitici
Garze medicate
(Connettivina Fidia)
(Trofodermin
Pharmacia)
Garze imbevute
di paraffina

Ferite superficiali; come


medicazione secondaria per
ridurre il traumatismo alla
medicazione

Garze semplici

Medicazione
aggiuntiva per
eccellenza

Come fissaggio per altre


medicazioni; alcuni AA. le
impiegano come
medicazione primaria
imbevute di Ringer o
soluzioni antisettiche.

Garze siliconate

Garza non
aderente

Non aderiscono alla ferita;


indicate su piccole lesioni
superficiali

Garze paraffinate
(Jelonet S&N)

(Silicone N-A
Dresssing J&J)
(Mepitel Mlnlycke)
Garza non
Garze vaselinate
aderente
(Adaptic J&J)

Gentamicina

Antibiotico

(Gentalyn Schering)

Growth factor
(crema non in
vendita in Italia)

Fattore di
crescita

Non aderiscono alla ferita


limitando il traumatismo
alla rimozione; possono
essere impiegate per
proteggere altre
medicazioni; favoriscono la
rimozione dell'essudato
Trova limitate indicazioni,
in ferite superficiali infette,
dopo esame colturale ed
antibiogramma su tampone

Possibili reazioni
allergiche; inattivata da
acqua ossigenata, cotone,
essiccamento

La medicazione, previa
detersione, va rinnovata
ogni 8-12 ore; richiede
medicazione secondaria
per il fissaggio
Possibili manifestazioni
A seconda della quantit
allergiche allo iodio; azione di essudato, sostituzione
citotossica con possibile
ogni 12-24 ore; richiesta
rallentamento della
una medicazione
riepitelizzazione
secondaria di copertura

Ferite asciutte

Vanno sostituita una volta


saturate; possono essere
sovrapposti pi strati

Su ferite asciutte possono


andare incontro a fenomeni
di essiccamento con
adesione al fondo della
ferita, il che rende dolorosa
e traumatica la rimozione
Casi di allergia, peraltro rari

Previa detersione, vanno


sostituite ogni 24 ore;
richiedono una
medicazione secondaria di
copertura e fissaggio

Aderiscono al fondo della


lesione provocando
traumatismo e dolore
all'atto del cambio;
favoriscono l'essiccamento
della ferita rallentando la
riepitelizzazione
Non creano un
microambiente idoneo

In caso di medicazione
secondaria, il loro
impiego varia a seconda
della primaria; come
primaria, sostituzione una
volta die
Vanno sostituite pi volte
al giorno se impiegate
come medicazione
primaria

Come medicazione
primaria richiedono cambi
giornalieri; devono essere
fissate con una
medicazione secondaria
Se lessudato scarso non
Previa detersione, la garza
creano un microambiente
viene stesa a ponte sulla
adatto alla riepitelizzazione; ferita e viene quindi
a volte richiedono
ricoperta con garze
medicazioni frequenti
semplici e/o cerotto TNT

Possibile insorgenza di
ceppi di Pseudomonas
resistenti e fenomeni di
sensibilizzazione

Accelera i fenomeni
Nessuna
mitotici e la deposizione del
materiale extracellulare con
cicatrizzazione e
riepitelizzazione pi rapide

Si stende un sottile strato


di crema sulla ferita; la
medicazione va effettuata
due volte al giorno;
richiesta medicazione
secondaria di fissaggio
Previa detersione si stende
uno strato sottile sul
fondo della lesione;
richiede una medicazione
secondaria di fissaggio

I prodotti di medicazione - 6

Idrocolloidi
granulari
(Duoderm granulare
ConvaTec)
(Comfeel polvere
Coloplast)

Idrocolloidi in pasta
(Duoderm pasta
ConvaTec)
(Comfeel pasta
Coloplast)
Idrocolloidi in
placca

Adsorbenti,
assorbono
l'essudato in
eccesso

In ferite profonde con


secrezioni
medio/abbondanti,
sviluppano un gel che
impedisce l'adesione al
fondo della ferita;
mantengono un
microambiente umido
favorendo i processi di
detersione

Controindicati in presenza
di tramiti fistolosi;
controverso luso in caso di
infezione; sviluppano un
odore poco gradevole

Adsorbenti

Le stesse del granulare

Le stesse del granulare

Medicazione
adsorbente
occlusiva

Mantiene un microambiente
umido favorevole alla
granulazione ed alla
riepitelizzazione; protegge
da infezioni esogene; in
letteratura segnalata una
bassa incidenza di infezioni
con l'uso di questi prodotti;
adsorbendo l'essudato si
sviluppa un gel che
impedisce lesioni del
tessuto di granulazione alla
rimozione; riduzione del
dolore locale; indicati su
lesioni superficiali o poco
profonde, oppure in
prevenzione
Stesse indicazioni degli
idrocolloidi in placca;
possono essere utilizzati
anche su cute macerata in
quanto il supporto
poliuretanico su cui sono
montati permeabile a gas e
vapori (viene definito ad
alta respirazione, cio
High Breathability)
Indicata su ferite molto
essudanti

Possibili distacchi della


medicazione in caso di
lesioni essudanti; in tale
caso possono verificarsi
fenomeni macerativi;
richiede un margine di
adesione su cute sana di 2-3
cm; non offre garanzie di
tenuta su aree di
macerazione, con possibile
aumento delle lesioni

La medicazione va
sostituita in caso di
scollamento o raccolta in
eccesso di essudato;
tempo massimo di
permanenza 5-7 giorni;
possono essere richieste
medicazioni secondarie
per il fissaggio

Possibile il distacco
precoce in quanto le
placche sono meno adesive
rispetto alle altre placche
idrocolloidali

Possono essere richieste


medicazioni secondarie
per il fissaggio,
soprattutto se la cute
perilesionale molto
macerata; sostituzione ad
esaurimento
dellidrocolloide

Quelle generali delle


medicazioni occlusive

Richiede il fissaggio con


una placca idrocolloidale;
si presenta in forma di
spirale che viene posta a
zaffare il cavo;
sostituzione a saturazione
Previa detersione, si
sostituiscono alla
fuoriuscita di essudato dai
bordi (da 2 a 7 giorni)

(DuoDERM,
DuoDERM CGF,
DuoDERM Extra
Sottile,ConvaTec)
(Ulcer Dressing J&J)
(Comfeel Coloplast)
(Restore)
(Tegasorb 3M)
(Opragel Lohmann)
(Sure skin Hollister)
(Cutinova Hydro
BDF)
(Easyderm WelCare)
Idrocolloidi
semipermeabili

Medicazione
adsorbente
semipermeabile

(Easyderm HB
WelCare)

Idrocolloidi +
Alginato

Medicazione
adsorbente

(Dermasorb Spiral
ConvaTec)
Idrocolloidi +
adsorbente in
tampone (CMC)
(CombiDERM
ConvaTec)

Medicazione
adsorbente

Indicati su ferite piane ad


essudazione medio/elevata,
deterse o ricoperte di
fibrina; essendo
medicazioni molto sottili,
sono particolarmente
indicati sotto bendaggio
elastocompressivo

Quelle generali delle


medicazioni occlusive

Previa detersione (non


richiesta la totale
rimozione del gel
presente) si versano i
granuli a riempire il cavo:
il tutto viene fissato con
idrocolloidi in placca,
trasformando la
medicazione in occlusiva;
la sostituzione a
saturazione, mediamente
dopo 1 - 4 giorni
Le stesse del granulare

I prodotti di medicazione - 7

Idrogel fluidi
(IntraSite Gel S&N)
(Duoderm Idrogel
ConvaTec)
(NuGel Fluido J&J)
(Comfeel Purilon Gel
Coloplast)

Idrogel su supporto
(Nu-Gel J&J)
(Clear Site NDM)
(Second skin
Spenco)
(Vigilion)
(Geliperm)
(TopiGel CUI
Corporation)

Polimero
poliglucosidico
ad altissima
saturazione
d'acqua

Polimeri
poliglucosidici
ad alta
saturazione
d'acqua, si
presentano in
placcche

Indicati nella detersione di


necrosi ed escare,
provocano unidratazione
massiva del tessuto
necrotico, favorendo una
rapida autolisi con
contemporanea attivazione
dei processi di
granulazione;
possono essere utilizzati in
tramiti fistolosi, anche
infetti, come una sorta di
drenaggio;
su ulcere asciutte, possono
favorire la ripresa dei
processi riparativi
Trovano scarse indicazioni
in detersione (fatto salvo il
Clear Site); possono essere
impiegati su lesioni non
cavitarie per adsorbire
l'essudato e mantenere un
microambiente umido; non
aderiscono al fondo della
ferita rendendo agevole la
medicazione; trasparenti,
permettono frequenti
controlli della ferita

Controindicato l'impiego su Previa detersione (non


ferite iperessudanti; hanno impiegare prodotti iodati
un alto costo
in quanto precipitano), si
stende uno strato di gel a
riempire il cavo e si copre
la medicazionecon una
pellicola semipermeabile;
la sostituzione ogni 1 - 3
giorni, oppure a distacco
della pellicola di
copertura

In caso di macerazione o
lesioni della cute
perilesionale possono
comportare un
aggravamento delle
condizioni della stessa; il
loro maggior rischio
l'essiccamento (necessario
prevenirlo)

Previa detersione, la
medicazione avviene
ritagliando i margini in
modo da avere
un'aderenza di circa un
cm. su cute sana;
consigliabile la copertura
con una pellicola
semipermeabile per
evitare l'essiccamento; il
Clear Site dotato di una
pellicola di copertura ed
un bordo adesivo;
sosituzione ogni 1 - 7
giorni
Il suo impiego topico
nelle piaghe da decubito
in diabetici ha solo valore
storico
Pu essere impiegato in
antisepsi (soluzione)
diluito, oppure utilizzarlo
attraverso l'impregnazione
di garze;
come medicazione viene
solitamente associato allo
zucchero
(vedi Preparazione di
Betadine)

Insulina

Ormone
Nessuna
pancreatico
ipoglicemizzante

Pu provocare crisi
ipoglicemiche

Iodopovidone

Antisettico,
attivo nei
confronti di
batteri gram
positivi e
negativi e di
miceti

Indicato in tutte le forme di


infezione clinicamente
manifesta o di
colonizzazione

Antisettico;
lo iodio viene
rilasciato
lentamente da un
copolimero di
polivinilpirrolidone
insolubile
Antisettico

Indicato in ferite con


infezione clinicamente
evidente; il lento rilascio
riduce i fenomeni di
riassorbimento e tossicit

E' citotossico; rallenta i


processi di guarigione; il
suo impiego deve essere
limitato alla risoluzione dei
fenomeni infettivi; possono
evidenziarsi fenomeni
allergici nei confronti dello
iodio; non va impiegato su
superfici sanguinanti; il suo
uso deve essere limitato in
caso di insufficenza renale
Allergie allo iodio; la
Sostituzione della
medicazione risulta spesso medicazione, previa
dolorosa
detersione, ogni 2 - 3
giorni; richiede una
medicazione secondaria di
fissaggio

(Betadine soluzione,
Betadine pomata
ASTA Medica)

Iodoplex

Ipocloriti
(Eusol)
(Milton)
(sol. di Dakin)

Ampio spettro antibatterico;


indicati nella detersione di
ferite con segni clinici di
infezione

Attivit istolesiva nei


confronti delle cellule
rigenerative con ritardo
della cicatrizzazione; sono
frequenti alterazioni della
cute circostante

Possono essere impiegati


per la detersione;
consigliabile alternarli
con altri altri antisettici

I prodotti di medicazione - 8

Jaluronidasi

Proteolitico

Indicata in ferite necrotiche


o con accumuli di fibrina

Lamina d'oro

Medicazione
occlusiva
Cute autologa
riprodotta in
vitro in strato
monocellulare

Mantiene un ambiente
umido
Copertura di aree
disepitelizzate

Eutrofizzante,
mantiene un
microambiente
umido e fornisce
fattori di crescita
Antisettico

Limitato impiego in lesioni


da decubito, I - II grado a
livello degli arti; bassa
percentuale di infezioni

Lamine di
cheratinociti
(Laserskin Fab)

Membrana
amniotica umana
(Amniex)
Merbromina

Mercuro cromo

Antisettico,
essicante

(NeoMercurocromo
SIT)

Mertiolato

Antisettico

Metronidazolo

Antibiotico

(Metrotop
Farmitalia)
Monomeri idrofili
(Omiderm)

Monomeri
idrofili montati
su film
poliuretanico ad
alta assorbenza,
medicazione
semiocclusiva

Miele

Eutrofizzante

Neomicina

Antibiotico

Nitrato d'argento

Antisettico

Olio di fegato di
merluzzo

Antisettico

Possibili fenomeni allergici Previa detersione stendere


in strato sottile ogni 12-24
ore
Ha solo valore storico
Altissimi costi;
scarsamente indicate in
aree sottoposte a pressione;
fatti settici ne determinano
il mancato attecchimento
nel 70% dei casi
Controindicata su ferite
essudanti, infette, escavate;
gravata da costi elevati

Blando disinfettante, pu
essere impiegato su aree di
disepitelizzazione
Blando disinfettante con
azione essicante; mantiene
la sua azione nel tempo;
indicato su ferite superficiali
da macerazione

Lesioni della cute


perilesionale da
essiccamento
Pu determinare lesioni
della cute circostante; la
colorazione che permane
sulla cute e sulla ferita ne
riduce la possibilit di
valutazione
Azione prolungata nel
Ha attivit essicante; pu
tempo; indicato su ferite
determinare lesioni della
superficiali da macerazione cute circostante
Indicato in piaghe infette da Possibili sensibilizzazioni e
germi anaerobi o miceti
insorgenza di fenomeni di
resistenza
Indicati su lesioni medio
essudanti, non escavate;
mantengono un
microambiente umido
favorevole alla
riepitelizzazione; la loro
trasparenza permette la
costante ispezione della
ferita
Indicato su ferite non
necrotiche

In caso di eccesso di
secrezione si possono
avere fenomeni macerativi
se non vengono rimossi in
tempi brevi; controindicati
su ferite infette

Previa accurata antisepsi


si applica sull'area
disepitelizzata; la zona
non deve essere messa
sotto carico
Previa accurata detersione
ed antisepsi, sostituzione
ogni 2-4 giorni

Viene applicato sulla


lesione ogni 12-24 ore
Si effettuano
spennellature della lesione
ogni 12 ore

Si effettuano
spennellature della ferita
una volta die
Previa detersione si
applica la pomata 1-2
volte die
Sostituzione quando si ha
un'eccessiva raccolta di
essudato o ogni 5 - 7
giorni al massimo; non
richedono medicazioni
secondarie di fissaggio

Il suo impiego nella cura


delle ferite ha solo valore
storico
Indicata in ferite infette
Possibili fenomeni allergici Si stende un sottile strato
ed insorgenza di ceppi
di pomata sul fondo della
resistenti; la sua azione
lesione previa detersione;
ridotta dalla presenza di
la medicazione va
essudati e necrosi
rinnovata ogni 8-12 ore;
richiede medicazione
secondaria di fissaggio
Alle concentrazioni di 0,5% Ha azione citotossica
Viene utilizzato sia per la
ha attivit prevalentemente rallentando i processi di
detersione, sia con garze
batteriostatica, con ampio
riparazione
imbevute
spettro di azione
Il suo contenuto in retinolo Si caratterizza per il cattivo Il suo impiego ha solo
determinerebbe una
odore
valore storico
batteriostasi favorendo i
processi rigenerativi

I prodotti di medicazione - 9

Ossido di zinco

Antisettico,
emoliente
Metallo

Papaina

Proteolitico

Olio di lino

Lo zinco entra nei processi


di cicatrizzazione come
catalizzatore, mentre appare
ormai provata la sua
funzione per via generale; la
sua azione topica tutta da
definire; le creme possono
favorire il trofismo cutaneo,
soprattutto per azione
protettiva, in parte legata
agli eccipienti
Indicata in ferite con necrosi
o accumuli di fibrina

(Non in commercio
in Italia)

Non sono di infrequente


osservazione i fenomeni
allergici

Sono molto frequenti


fenomeni di
sensibilizzazione ed
allergia che possono ledere
la cute perilesionale
Pu provocare dolore o
reazioni allergiche

Pasta all'ittiolo

Eutrofizzante,
blando
antisettico

Su lesioni superficiali degli


arti con flogosi dei tessuti
circostanti

Pasta di Zucchero

Batteriostatico,
eutrofizzante;
composizione:
30 gr. zucchero
60 gr. lanolina
2 gr. tintura di
benzoinio
Pellicola porosa
che evita il
contatto fra la
ferita e la
medicazione

Indicata su ferite non


complicate

Possibili allergie agli


eccipienti

Indicate in caso di impiego


di medicazioni che possono
aderire al fondo della
lesione

Nessuna

Pellicole non
aderenti porose
(Tegapore 3M)

Pellicole
semipermeabili
poliuretaniche
(Flexigrid S&N)
(Bioclusive J&J)
(Tegaderm 3M)
(Mitraflex)
(Omiderm)
(Cutifilm Beiersdorf)
(Opraflex Lohmann)
(EpiView ConvaTec)
(Smartfilm 1000
WelCare Medical)

Pellicola
semitrasparente,
permeabile a gas
e vapori

Mantengono un
Controindicate in ferite
microambiente umido a
infette o iperessudanti
temperatura costante;
indicate in lesioni
superficiali come unica
medicazione, possono
essere impiegate come
medicazione secondaria nel
fissaggio di altri prodotti per
aumentarne l'efficacia;
impiegate anche in
prevenzione come
protezione di aree a rischio

Il suo impiego ha solo


valore storico
La pasta viene stesa in
strato sottile sul fondo
della ferita e sui margini
della lesione

Previa detersione si stende


un sottile velo a coprire il
fondo della lesione;
richiesta medicazione
secondaria per il fissaggio
Stendere in strato sottile
intorno alla ferita ogni 12
- 24 ore; una
medicazione di supporto;
la lesione ne richiede una
seconda
Previa detersione la
medicazione va rinnovata
ogni 6 - 12 ore; richiede
una medicazione
secondaria di copertura; il
suo valore ormai storico
Dopo averle inumidite
vengono conformate al
fondo della ferita e su
queste si pone la
medicazione; possono
rimanere in sede sino a 7
giorni
Previa detersione della
ferita e della cute
circostante, che deve
essere asciugata
accuratamente, si applica
la pellicola che deve
aderire per alcuni cm. su
cute sana; la medicazione
va sostituita in caso di
distacco, formazione di
bolle di essudato o ogni 7
giorni

I prodotti di medicazione - 10

Pellicole
semipermeabili
poliuretaniche
High
Breathability

Pellicola
semitrasparente,
ad elevata
permeabilit a
gas e vapori

(Smartfilm 8000
WelCare Medical)

Pellicole
semipermeabili in
cellulosa
(Bioprocess
Pharmacia)

Pellicole adsorbenti
(Flexipore 3000
S&N)
Permanganato di
potassio
PHisohex

Preparazione di
betadine e zucchero

Rifampicina

Pellicola
semitrasparente
non adesiva
permeabile ai
gas ed al vapore

Via di tramite tra Ferite superficiali con


la pellicola
essudato medio/scarso
semipermeabile
e la schiuma
adsorbente
Antisettico
Nessuna

Controindicate in ferite a
scarsa e/o assente
essudazione

Le medesime delle
pellicole semipermeabili
precedentemente descritte

Controindicate in presenza
di infezione clinicamente
evidente o in ferite
iperessudanti; la loro scarsa
capacit di adesione nel
primo periodo di
applicazione le rendono
poco adatte nella copertura
di zone sottoposte a
frizione
Controindicate in ferite
molto essudanti

Sostituzione a formazione
del coagulo sotto la
medicazione o in casodi
segni di flogosi della cute
circostante; la pellicola
deve essere inumidita
prima dell'applicazione
per favorirne l'adesione

Il suo impiego ha solo


valore storico
Si impiega per caduta
durante il lavaggio di
ferite infette
Previa detersione accurata
la medicazione va
rinnovata ogni 6 - 12 ore;
richiede una medicazione
secondaria per il fissaggio

Antisettico

Impiegato in detersione,
riduce la carica batterica

Energico ossidante, ha una


azione istolesiva notevole
Ha attivit istolesiva; deve
essere rimosso

Antisettico;
formulazione
originaria di
Knutson:
20 parti di
zucchero
5 parti betadine
pomata
2 parti betadine
sol.chirurgica
Antibiotico

Indicata in caso di infezione


clinicamente evidente; ferite
superficiali o cavitarie;
favorisce la detersione;
attiva anche in presenza di
essudato e necrosi

Va usata con cautela in


caso di diabete,
insufficienza renale,
lesioni sanguinanti,
ipertiroidismi; aumenta la
quantit di secrezioni

Su ferite superficiali per


prevenire infezioni o in
ferite infette

Pu generare resistenze; la
presenza di essudato e
frammenti necrotici ne
riduce l'attivit

Antisettico

Indicato su lesioni
superficiali con
inquinamento batterico

Determina una colorazione


gialla della cute

(Rifocin Lepetit)

Rivanolo

Le medesime delle pellicole


semipermeabili
precedentemente descritte;
particolarmente indicate su
lesioni ad alta essudazione;
non sono controindicate in
caso di lesione infetta;
ladesivo disposto a reticolo
consente lapplicazione
anche su cute fragile e
sottile
Ferite superficiali o di
media profondit, non
sottominate, deterse, con
essudato medio/scarso;
mantengono un
microambiente umido,
accelerando i processi
riparativi

Sostituzione previa
detersione a saturazione,
mediamente dopo 1-7
giorni

Solitamente impiegata
imbevendo le garze o altre
medicazioni; sostituzione
ogni 12-24 ore; talora su
lesioni superficiali viene
lasciata scoperta
Va steso sulla lesione una
volta al giorno (in pomate
a concentrazioni tra 1 e
4%)

I prodotti di medicazione - 11

Schiuma di
poliuretano
(Tielle J&J)
(Lyofoam)
(Silastic foam)
(Syntaderm)
(Cutinova Foam,
Cutinova Cavity
BDF)
Schiuma
poliuretanica
idrocellulare
(Allevyn, Allevyn
Cavity, Allevyn
Adhesive S&N)

Schiuma di silicone
(Cavi Care S&N)

Adsorbente

Lesioni I-III grado non


escavate (tranne che per le
varianti cavity) con
essudato medio/abbondante

Raramente pu aderire al
fondo della piaga (in
lesioni asciutte) causando
traumatismo e dolore alla
rimozione

Adsorbente;
spugna in
materiale
idrocellulare
idrofilo, non
aderente

In ferite piane o cavitarie


con essudato abbondante,
mantiene un microambiente
umido, evita la macerazione
e favorisce lo sviluppo del
tessuto cicatriziale

Non indicata la forma in


placca (semipermeabile) in
caso di infezione
conclamata

Medicazione
bicomponente
(silicone +
catalizzatore al
platino) a media
adsorbenza

Silicone crema

Protettivo

Silicone placca
(Cica-Care S&N)

Medicazione
occlusiva
trasparente

Silicone spray

Protettivo

Soluzione di
Domeboro

Detergente

Sostituzione previa
detersione ed antisepsi
ogni 1- 7 giorni

Previa detersione ed
antisepsi viene collocata a
copertura della ferita, o a
riempire il cavo; la
sostituzione deve avvenire
a saturazione (da 12 ore a
3 giorni); richiede una
medicazione secondaria di
fissaggio, tranne che nella
variante Adhesive
(pellicole semipermeabili
o, in caso di infezione,
garze e/o cerotti)
In ferite profonde, deterse,
Controindicata in ferite con Si prepara la schiuma,
con essudato medio;
tramiti fistolosi e/o
unendo i due componenti
mantiene un microambiente sottominature
allatto della medicazione,
umido; indicata anche in
e la si versa nella ferita
abbinamento con gli
dove solidifica
idrogels in ferite cavitarie
conformandosi alla stessa;
non completamente deterse
sostituzione a saturazione;
pu essere riutilizzata,
(sloughy cavity); utilizzata
previa detersione con
anche come pressure
acqua e disinfezione con
relief viste la morbidezza e
clorexidina, per 4-8
la sofficit
medicazioni
Pu essere impiegato per la Riduce la capacit di
Previa detersione si stende
protezione della cute
adesione delle medicazioni un sottile strato su cute
perilesionale, soprattutto
integra
dalla macerazione
Indicata per lappianamento Non va impiegata su ferita Posizionata sulla cicatrice
di cicatrici ipertrofiche o
aperta
pu essere mantenuta in
cheloidi, oppure per decolosede da pellicole semiperrare cicatrici iperpigmentate
meabili o cerotti; iniziare
il trattamento per 4 ore
die, salendo di 2 ore ogni
2 giorni sino ad ottenere
ladttamento cutaneo alle
24 ore; ogni 24 ore
rimuovere, detergere la
cute e riapplicare la
medicazione che pu
essere riutilizzata
Protezione della cute
Riduce la capacit di
Si applica in strato sottile
perilesionale dalla
adesione delle medicazioni su cute integra
macerazione
Impiegata per il lavaggio di
Viene versata nella ferita
ferite deterse
alla medicazione

I prodotti di medicazione - 12

Soluzione fisiologica Detergente

Soluzione di Ringer

Detergente,
abbassa il pH
della ferita

Soluzione di Zhiel

Antisettico;
composizione:
Fenolo 4%,
Alcool, Fucsina

Spugna di gelatina

Adsorbente

Sulfadiazina di cerio Antisettico

Sulfonamide

Antisettico

(Marfanil)
Tricloroesan-tetra
bromocresolisopropilalcool

Antisettico
blando

Si utilizza per la detersione


della ferita durante la
medicazione

Modesta azione
Nessuna
batteriostatica per l'alto
contenuto di potassio; non
ha attivit istolesiva; in
passato veniva molto
utilizzata per imbibire le
garze come medicazione
Indicato in ferite superficiali Ha attivit essicante; pu
da macerazione
determinare lesioni della
cute circostante; la
colorazione residua limita
le possibilit di valutazione
della ferita
Riduce la secrezione in
Controindicata in presenza
eccesso, favorendone la
di necrosi
rimozione
Ha la capacit di inattivare
le tossine batteriche;
indicata in ferite infette.
Alta diffusibilit tissutale
con ampio spettro di azione;
indicata in ferite infette per
tempi brevissimi
Trova indicazione
soprattutto nel lavaggio
della cute sana in
prevenzione

(Lifosan)
vasodilatatore
Trinitrina
Violetto di genziana Antisettico,
appartiene al
gruppo dei
mercuriali

Zinco (pasta)

Protettivo

Zucchero

Eutrofizzante

Ha azione citotossica (in


vitro!)

Pu essere indicato su
escoriazioni da
macerazione; la sua azione
antisettica si mantiene nel
tempo

Si utilizza per la protesione


della cute perilesionale o
delle zone a rischio
Riduce la carica batterica
per spiazzamento dei germi
dalla ferita; l'azione
potenziata
dall'abbassamento del pH;
indicato, eventualmente
associato a iodopovidone, in
ferite infette

Viene versata
direttamente nella ferita;
asciugare per
tamponamento
Si impiega durante la
medicazione, per la
rimozione di antisettici o
come lavaggio

Si effettuano
spennellature della lesione
ogni 12 ore

Le spugne vanno deterse


una volta saturate e
possono esere riutilizzate
alcune volte

Possibili reazioni allergiche Viene utilizzata


nel 5 - 10% dei casi; la
imbevendo garze semplici
medicazione dolorosa
zaffate nella ferita
Contiene una piccola
percentuale di alcool,
quindi se usato per lunghi
periodi o troppo sovente
pu ridurre il film lipidico
protettivo della cute

Lavaggio delle zone a


rischio una volta al d

Il potere antisettico
debole a fronte dell'azione
essicante che pu agire
anche su cute sana; la
colorazione violacea che
determina pu alterare
l'ispezione della ferita; non
attivo su germi Gram
negativi
Sono possibili reazioni
allergiche

Si spennella la lesione con


un margine di circa un
cm. di cute sana, due volte
die; non richesta
medicazione secondaria

Unica controindicazione il
diabete in quanto
possibile il riassorbimento;
aumenta le secrezioni e
richiede quindi frequenti
cambi

Dopo il lavaggio della


pelle si stende un sottile
strato sulla cute
Previa detersione la
medicazione deveessere
rinnovata 3-4 volte al d;
richiede il fissaggio con
medicazioni secondarie