Sei sulla pagina 1di 7

COMUNEDICI

VI
TANOVAMARCHE
PROVI
NCI
ADIMACERATA
C.
A.
P.
6
20
12Co
di
c
eFi
s
c
a
l
eePa
r
t
i
t
aI
VAn.0
0
26
24
7
04
38

DELI
BERAZI
ONECONSI
GLI
OCOMUNALEN.8
8 De
l14
1
21
2
Og
ge
t
t
o
:I
NTERROGAZI
ONEDELCONSI
GLI
EREGI
OVANNICORALLI
NIPROT.
5
47
68DEL2
1/
11
/
20
1
2AVENTEADOGGETTO:PROGETTOURBANI
STI
CO
DENOMI
NATOJESSI
CA
L'
a
nnodu
e
mi
l
a
d
od
i
c
ii
lg
i
o
r
n
oq
ua
t
t
or
di
c
ide
lme
s
ed
id
i
c
e
mb
r
ea
l
l
eor
e21
:
0
0s
ir
i
un
i
t
oi
l
Con
s
i
g
l
i
oComu
n
a
l
ec
on
vo
c
a
t
o
,an
o
r
madil
e
gg
e
,i
ns
e
s
s
i
o
neOr
di
na
r
i
ai
nPr
i
mac
on
v
oc
a
z
i
on
ei
n
s
e
du
t
aPub
bl
i
c
a
.
De
iSi
gn
or
iCo
ns
i
g
l
i
e
r
ia
s
s
e
gn
a
t
iaq
ue
s
t
oCo
mu
n
eei
nc
a
r
i
c
a:
CORVATTA TOMMASO CLAUDIO
ANGELINI DANIELE-MARIA
BORRONI PIER PAOLO
CARASSAI ERMANNO
COGNIGNI SERGIO
CIARAPICA FABRIZIO
CORALLINI GIOVANNI
COSTAMAGNA IVO
DOLCI MARCO
EMILI BELINDA
EMILIOZZI MIRELLA
FRANCO MIRELLA
GISMONDI PIERO

P
P
P
A
P
P
P
P
A
P
P
P
P

MARINELLI ERMINIO
MARZETTI SERGIO
MOBILI MASSIMO
MORRESI CLAUDIO
NINONA' LUIGI
POSTACCHINI GUSTAVO
PUCCI PIER PAOLO
RACHIGLIA PAOLO
ROGANI FLAVIO
ROSATI YURI
ROSSI PIER PAOLO
RUTILI ROBERTA

P
P
A
P
P
P
P
P
P
A
P
P

ner
i
s
u
l
t
a
nop
r
e
s
e
n
t
in
.2
1ea
s
s
e
n
t
in
.4
.
As
s
umel
ap
r
e
s
i
de
n
z
ai
lSi
g
n
orCOSTAMAGNAI
VOi
n
qua
l
i
t
d
iPRESI
DENTEa
s
s
i
s
t
i
t
oda
lSe
g
r
e
t
a
r
i
oComu
na
l
eMARI
OTTIPI
ERGI
USEPPE.
I
lPr
e
s
i
d
e
n
t
e
,a
c
c
e
r
t
a
t
oi
ln
ume
r
ol
e
g
a
l
e
,d
i
c
hi
a
r
aa
pe
r
t
al
as
e
d
ut
a
,p
r
e
v
i
an
omi
n
ade
gl
i
s
c
r
u
t
a
t
o
r
ine
l
l
ep
e
r
s
on
ede
iSi
g
n
or
i
:
CI
ARAPI
CAFABRI
ZI
O
GI
SMONDIPI
ERO
RACHI
GLI
APAOLO
I
mme
d
i
a
t
a
me
n
t
ee
s
e
g
ui
bi
l
eN

So
gg
e
t
t
aac
o
n
t
r
ol
l
oN

Sonop
r
e
s
e
nt
ig
l
iAs
s
e
s
s
or
i
:Si
l
e
n
z
iGi
u
l
i
o
,Mi
c
u
c
c
iFr
a
n
c
e
s
c
o,Sg
l
a
voAnt
o
ne
l
l
a
,Po
e
t
aMa
r
c
o,
Ba
l
bo
niPi
e
r
gi
or
g
i
o
,Me
n
ga
r
e
l
l
iDo
r
i
a
n
a
.
I
lc
on
s
i
gl
i
e
r
eCo
r
a
l
l
i
n
iGi
o
v
a
n
n
ir
e
l
a
z
i
on
as
ul
l
'
i
nt
e
r
r
o
g
a
z
i
o
nepr
ot
.n
.5
47
6
0d
e
l21
/
11
/
2
01
2a
ve
n
t
e
a
dogg
e
t
t
o:
"
Pr
o
g
e
t
t
our
b
a
ni
s
t
i
c
od
e
n
o
mi
na
t
oJ
e
s
s
i
c
a
"
.
"
Son
oe
me
r
s
ei
nq
ue
s
t
ig
i
o
r
nis
ul
l
as
t
a
mpal
o
c
a
l
ede
l
l
en
ot
i
z
i
ec
h
ef
a
n
nor
i
f
e
r
i
me
nt
oa
du
npr
o
ge
t
t
o
diUr
ba
ni
s
t
i
c
a-d
e
n
omi
na
t
oJ
e
s
s
i
c
a-l
e
g
at
oa
du
nba
n
doEu
r
op
e
o;s
e
mp
r
eame
z
z
os
t
ampa
,i
n
s
e
gu
i
t
oadi
c
h
i
ar
a
z
i
o
nif
at
t
ed
alPr
e
s
i
de
nt
ed
e
l
l
aCommi
s
s
i
on
eUr
b
an
i
s
t
i
c
a
,v
i
e
ner
e
s
ano
t
al
a
v
ol
on
t
dime
t
t
e
r
ei
nv
e
n
di
t
adi
v
e
r
s
ii
mmo
bi
l
ic
omun
al
i
.
Sic
h
i
e
dea
lS
i
nd
a
c
od
if
o
r
n
i
r
es
pi
e
g
a
z
i
on
in
e
lpr
o
s
s
i
moc
o
ns
i
g
l
i
oc
omun
al
e
,
s
uqu
a
nt
os
e
g
ue
:
-d
ac
h
is
t
a
t
or
e
da
t
t
oi
lpr
o
ge
t
t
oJ
e
s
s
i
c
a,i
ls
u
oc
o
nt
e
n
ut
o
,c
h
ec
o
s
ap
r
e
v
e
d
ei
nt
e
r
mi
n
id
ic
e
s
s
i
one
de
lpa
t
r
i
mo
ni
op
ub
b
l
i
c
o,g
l
io
ne
r
iac
a
r
i
c
od
e
l
l
'
Ent
eel
'
e
v
e
nt
ua
l
e
"
c
on
t
r
o
pa
r
t
i
t
a
"p
e
ri
lp
r
i
v
a
t
oc
h
e
i
nt
e
r
v
i
e
n
ene
lpr
o
g
e
t
t
o
;
-p
e
r
c
hi
lp
r
og
e
t
t
ono
ns
t
at
opr
e
s
e
nt
a
t
oal
l
ac
o
mmi
s
s
i
o
n
eur
b
an
i
s
t
i
c
aea
ic
on
s
i
g
l
i
e
r
ic
omu
na
l
i
;
-p
e
r
c
h
i
lS
i
nd
a
c
on
o
ns
t
a
t
oi
nf
o
r
ma
t
os
uu
np
r
o
ge
t
t
od
it
a
l
ei
n
t
e
r
e
s
s
eeo
ns
ia
f
f
at
t
o
c
on
s
i
d
e
r
at
al
ane
c
e
s
s
i
t
d
iu
nc
on
f
r
o
nt
op
ub
bl
i
c
o
,c
o
ns
i
de
r
a
t
oc
h
ene
igi
o
r
n
ip
r
e
c
e
de
n
t
iat
al
i
not
i
z
i
e
,
i
nd
i
v
e
r
s
eo
c
c
a
s
i
o
ni
,
s
is
on
oaf
f
r
on
t
at
it
e
mid
e
l
l
'
ur
b
a
ni
s
t
i
c
a
?
-l
ed
i
c
hi
ar
a
z
i
o
n
if
at
t
ed
a
lpr
e
s
i
d
e
nt
ede
l
l
ac
ommi
s
s
i
on
eUr
b
an
i
s
t
i
c
a
,i
nme
r
i
t
oal
l
ap
os
s
i
b
i
l
e
v
e
ndi
t
ad
ii
mmo
b
i
l
ip
u
bb
l
i
c
i
,
dac
hec
o
s
as
o
n
os
t
at
ed
e
t
e
r
mi
na
t
e
?
Ri
s
p
on
del
'
As
s
e
s
s
o
r
eMi
c
u
c
c
ier
e
p
l
i
c
ai
lc
o
n
s
i
gl
i
e
r
eCor
a
l
l
i
nic
omed
at
r
a
s
c
r
i
z
i
o
nedis
e
g
ui
t
o
r
i
po
r
t
a
t
a
.
"ASSESSORE
Approfitto un attimo per fare una premessa, mi rivolgo, Presidente, al
segretario, mi chiedevo se non era possibile nelle maglie del regolamento, visto
che questa una delle tante interrogazioni che arrivano oggi con una risposta
ovviamente in ampio ritardo rispetto a quando stata presentata
linterrogazione ma non per volont del sottoscritto, probabilmente neanche
dellinterrogante ma perch ci sono state una serie di vicende, di assenze a
volte in Consiglio perch non sempre si fa in tempo, cio se non era possibile,
perch spesso le interrogazioni vengono fatte sulla scia di una urgenza, di un
tema, di un argomento, non so il regolamento che prevede in questi casi, se non
possibile prevedere un limite entro il quale poi la risposta venga data in
maniera scritta con la quale poi linterrogante ne fa luso che ritiene
opportuno per evitare che si lascia in sospeso una risposta per mesi senza
effettivamente dare, questo ripeto a prescindere.
Entro nel merito della vicenda
PRESIDENTE
Rispetto a questo, consigliere, poi il segretario mi corregga, se sbaglio, la
facolt di richiederla a risposta scritta entro 30 giorni, del consigliere
interrogante, la richiede in risposta orale chiaro che sottoposta a tutti
gli altri regolamenti che il regolamento stesso prevede. Se c il rinvio, se ci
sono Consigli Comunali, se manca il consigliere interrogante etc. etc. purtroppo
poi i tempi slittano. Si pu richiedere a quel punto che venga fatta una
risposta scritta, per sempre da parte del consigliere interrogante.
ASSESSORE
Ringrazio il Cons. Corallini che mi d lopportunit di spiegare spero in
maniera esaustiva questo progetto Jessica di cui allepoca dellinterrogazione
si fatto un gran parlare, forse dico anche sparlare nel senso che
probabilmente per carenza di comunicazione da parte dellassessorato chi
intervenuto non sempre lo ha fatto riprendendo il progetto.
Come premessa dico che Jessica non lamante di Roger Rabbit, Jessica un
acronimo che sta per joint european support for sostenibile investment in city
DEL
I
BERADI
CONSI
GL
I
On
.
8
8d
e
l
1
4
1
2
2
0
1
2-Pa
g
.-Co
mu
n
ed
i
CI
VI
T
ANOVAMARCHE

area. Tradotto sono dei fondi a sostegno degli investimenti nelle aree
urbanizzate che vengono dalla comunit europea.
Il progetto Jessica prende spunto da esperienze gi fatte a livello comunitario
e prevede per le regioni, quindi in questo caso la Regione Marche, un ruolo di
investitore e - o finanziatore e non pi di ente erogatore di risorse.
La logica in questo caso del supporto economico quella dei finanziamenti
rotativi, quindi non pi a fondo perduto come spesso successo negli anni
precedenti ma su progetti sostenibili dal punto di vista economico e
finanziario.
La Regione Marche ha previsto che le funzioni progettuali dellarea di interesse
potranno essere di vari tipi, di tipo commerciale, di tipo direzionale,
residenziale, di social housing, artigianale, tali funzioni dovranno essere
elaborate sulla base di un partnernariato pubblico - privato. Per cui previsto
espressamente dal bando.
Per valutare la sostenibilit del progetto coerentemente con gli articoli 143 e
153 del codice degli appalti sono previste nel progetto le due fasi nella messa
a bando del progetto preliminare e dello studio di fattibilit del progetto
stesso.
Sono quindi stati invitati dalla Regione Marche a presentare i loro progetti e
uno solo per comune i comuni marchigiani sopra i 25 mila abitanti, progetti che
devono rispondere tra laltro ai seguenti obbiettivi: riqualificazione
dellambiente fisico come motore di sviluppo economico e sociale, rispetto di
una o pi funzioni progettuali come sopra esplicate, quindi dicevo commerciale,
direzionale, residenziale, social housing, le aree oggetto del bando devono
essere nella propriet del comune, quindi il comune non pu inserire nel bando
propriet di terzi.
I progetti devono prevedere forme di partnernariato pubblico - privato quindi
anche qui previsto espressamente dal bando che vi sia una forma di
partecipazione e di partnernariato tra il pubblico quindi in questo caso il
comune e partner privati. E anche la sostenibilit economica e finanziaria del
progetto per cui o il progetto si sostiene per cui le opere che vengono
realizzate hanno una forma di finanziamento autonomo oppure chiaramente non
acquisiranno
punteggio
nella
graduatoria
del
bando.
Le
dimensioni
dellinvestimento dovranno essere comprese tra 10 e 50 milioni di Euro.
La partecipazione al bando e leventuale accoglimento favorevole del progetto da
parte della Regione Marche comunque questo ci tengo a sottolinearlo, non vincola
ovviamente in alcun modo lAmministrazione pubblica, nei confronti di
chicchessia, per cui stato fatto un progetto con il quale lAmministrazione
Comunale partecipa a questo bando regionale, ovviamente nel corso dopera delle
fasi di assegnazione di graduatoria da parte della Regione Marche e finch non
vengono stipulati i contratti chiaramente lAmministrazione Comunale pu in
qualsiasi momento desistere dal perseguire la realizzazione di questo progetto.
Quindi uno si potrebbe chiedere allora perch abbiamo deciso di partecipare?
Perch questo progetto c stato presentato sostanzialmente in corso dopera,
eravamo appena insediati come Amministrazione, cera una scadenza ben precisa
che era quella del primo di ottobre.
Per cui abbiamo ritenuto opportuno non perdere questa occasione, quindi non
perdere un treno per dei finanziamenti che come dicevo prima sono rotativi e non
a fondo perduto, ma che comunque a seguito di alcuni colloqui con i funzionari
della Regione Marche si capito potesse essere in qualche modo questo bando
propedeutico ai bandi futuri che la Regione Marche o comunque la comunit
europea potranno aprire alle Amministrazioni Comunali. Questo perch come dicevo
prima a differenza dei finanziamenti europei 2007 - 2013 con ogni probabilit i
finanziamenti europei del settennato 2014 - 2020 saranno per lo pi indirizzati
verso questa forma di finanziamento rotativo, finanziamenti rotativi che
significa? Significa che vengono inseriti dei finanziamenti non a fondo perduto
ma che in qualche modo devono dare sostenibilit iniziale al progetto, una volta
che il progetto mette in moto la sua catena economico - finanziaria per cui
riproduce le economie di sostenibilit del progetto, questi fondi vengono
spostati su progetti successivi e quindi in questo modo il significato di
rotativi significa che attraverso gli stessi fondi possibile finanziare pi
progetti.
Fatta questa lunga premessa, credo doverosa premessa anche per capire di cosa
stiamo parlando, vengo ai punti specifici dellinterrogazione. Da chi stato
redatto il progetto, il contenuto, cosa si cede del patrimonio pubblico e qual
la contropartita del privato.
Premesso che a me personalmente ma potrei sbagliare, suona strano che nella
interrogazione nulla si chiede in merito a quale sia il vantaggio della
Amministrazione a partecipare a questo bando, dando per scontato che ci sia in
qualche modo una perdita, una rimessa dalla partecipazione.
Il progetto frutto del lavoro di una collaborazione tra ufficio urbanistica e
ufficio patrimonio, lo studio di giovani architetti, officina Itaca che segue in
DEL
I
BERADI
CONSI
GL
I
On
.
8
8d
e
l
1
4
1
2
2
0
1
2-Pa
g
.-Co
mu
n
ed
i
CI
VI
T
ANOVAMARCHE

particolar modo progetti di recupero in ambito urbano e per il quale per


stato previsto solamente un rimborso spese di poche migliaia di Euro per le
trasferte, per le pratiche di attivit. Oggetto del bando la rigenerazione,
rifunzionalizzazione dellex mattatoio che oggi unarea degradata, quindi tra
quelle previste per il bando e del comparto Trieste che un edificio oggi in
disuso anche questo quindi rientra tra le possibilit che dava il bando.
Il primo quindi lex mattatoio da destinare a centro polifunzionale con
possibilit di destinare le aree a musei, spazi per eventi, spazi per
associazioni, laboratori, work shop, nonch a spazi di servizio per le suddette
attivit. Il secondo, quindi il comparto Trieste da destinare al recupero di
spazi per uffici pubblici, cos da poter riportare in centro alcune attivit
oggi decentrate della Amministrazione Comunale, parte di questi spazi, cio del
comparto Trieste potranno essere recuperati e destinati
a terziario, in
particolare penso al piano terreno.
A fronte di un recupero di questi spazi pubblici oggi in disuso
lAmministrazione Comunale mette a disposizione di questo progetto che si deve
autofinanziare e quindi in qualche modo trovare le risorse interne per poter
mettere in piedi questi recuperi, metta a disposizione dei soggetti interessati
alla realizzazione del progetto le palazzine tecnologiche presenti nella zona
sud di Civitanova Marche, quindi le aree di pertinenza delle palazzine. Che
hanno a oggi potenzialit proprie per la realizzazione di residenziale e
terziario, in queste aree che vengono messe a disposizione prevista tra
laltro la destinazione di parte degli alloggi a social housing che uno degli
elementi che d punteggio per il bando.
Gli uffici della Regione Marche a oggi ancora non hanno dato risposta rispetto
alla graduatoria e quindi siamo in attesa di capire se questo progetto ha nel
suo interno le caratteristiche per poter accedere a questi finanziamenti.
Per cui non c ancora una graduatoria ufficiale, non c stata data alcuna
comunicazione.
La seconda domanda dice: perch il progetto non stato presentato alla
commissione urbanistica e ai consiglieri? La presentazione di tali progetti, il
consigliere certamente lo sa, non ha bisogno di approvazioni preliminari per cui
le fasi a cui fa riferimento il Cons. Corallini appartengono eventualmente a una
fase successiva alla presentazione e alleventuale accoglimento del progetto da
parte della Regione Marche.
Detto questo ovviamente i consiglieri interessati sono stati tutti messi nelle
condizioni di approfondire la loro conoscenza in merito alla presentazione del
progetto attraverso la pi ampia disponibilit degli uffici comunali e
dellassessorato. In diversi, nei giorni immediatamente precedenti o appena
successivi alla presentazione del bando sono stati in assessorato per un
confronto diretto con il sottoscritto, con gli uffici per prendere visione del
progetto e prendere conoscenza degli elementi del progetto.
Chi ha chiesto laccesso agli atti ha visto immediatamente esaudita la propria
richiesta nel rispetto dei tempi previsti dal regolamento, ci sono state delle
richieste di accesso agli atti in merito a questo bando Jessica e nei tempi
previsti dal regolamento sono state date tutte le risposte, potrebbe essere
ovvia questa risposta ma negli anni scorsi cos ovvia non stata.
Se la domanda invece del Cons. Corallini vuole presupporre una scarsa
trasparenza da parte dellassessorato addirittura ho letto sulla rete non da
parte del Cons. Corallini ma da parte di altri commentatori che frequentano le
pagine dei giornali on line maceratesi, nella quale in qualche modo si lasciava
presupporre accordi gi presi nelle segrete stanze tra il pubblico e il privato
rispetto credo che la partecipazione a un bando pubblico regionale in qualche
modo dovrebbe fugare anche nei pi malfidati qualsiasi dubbio, nel senso che se
cera la volont di fare accordi con i privati per fare non so quale tipo di
accordo sottobanco, chiaramente sarebbe stato stupito e sciocco partecipare a un
bando regionale che prevede dei regolamenti e per il quale a oggi non c nessun
tipo di accordo, nessun tipo di individuazione dei soggetti privati.
Era una operazione che era tranquillamente, come stato fatto del resto nel
passato, era possibile farla direttamente con i privati senza passare attraverso
un bando regionale.
La terza domanda si chiede perch il sindaco non stato informato e perch non
stato fatto un confronto pubblico. Qui ne sorta una battuta, dopo le
polemiche dellepoca del periodo della interrogazione sul portavoce mi era sorto
il dubbio che Cons. Corallini volesse ambire a questa poltrona e fare da
portavoce del sindaco, quindi non so in base a cosa dice che il sindaco non
stato informato.
Il sindaco, come tutta la Giunta, era informato dalla presentazione del
progetto, chiaramente una informazione di massima, chiaramente poi ogni
assessorato in questo caso lassessorato allurbanistica segue le problematiche
e i dettagli delle operazioni per cui non che di ogni operazione che viene
fatta ogni sa vita, morte e miracoli, ogni assessorato ha le proprie competenze,
DEL
I
BERADI
CONSI
GL
I
On
.
8
8d
e
l
1
4
1
2
2
0
1
2-Pa
g
.-Co
mu
n
ed
i
CI
VI
T
ANOVAMARCHE

in questo caso lassessorato allurbanistica il sottoscritto ha seguito la


vicenda in maniera diretta ma non assolutamente vero che il sindaco e la
Giunta non sono stati informati, quindi ripeto non so da dove il consigliere
diceva prima che era apparso sui giornali, io francamente non lho visto ma
penso che sia vero che sia apparso sui giornali ma non so da quale fonte
francamente.
Chiaramente poi sulla possibilit di effettuare un confronto pubblico su questo
tema credo che soprattutto come linterrogazione arriva oggi in ritardo anche la
risposta tarata allepoca dellinterrogazione, ci sono state problematiche da
affrontare francamente ben pi importanti, sulle quali non ci siamo tirati
indietro, ci sono state assemblee pubbliche
PRESIDENTE
Assessore, io non ho mai ripreso nessuno ma c stata una consultazione con il
vecchio Presidente sul regolamento, abbiamo convenuto che la pi lunga
risposta degli ultimi 5 anni.
ASSESSORE
Mi rendo conto di essere stato lungo ma credo che era necessario.
In merito alla partecipazione, ci sono state assemblee pubbliche sullImu, sui
bilanci nei quartieri, stato fatto un incontro pubblico a Santa Maria
Apparente nel quale si parlato dellarea Sabatucci, quindi sempre di
urbanistica, stato fatto un incontro pubblico nel quale si parlato della
Ceccotti, quindi sempre di urbanistica, francamente non c sembrato che la
presentazione di un bando come ce ne sono stati decine negli anni scorsi fosse
stato il punto nevralgico di questa Amministrazione, daltra parte liter
ancora in itinere, non si concluso e quindi credo che c eventualmente tutto
il tempo e non cera allepoca la urgenza.
Mi sorge poi spontanea una domanda di come mai il Cons. Corallini sulla scarsa
partecipazione non ha mai ritenuto opportuno interrogare i precedenti sindaci
che non mi sembra siano stati dei campioni di partecipazione.
Questa una domanda che pongo a me stesso, non che la chiedo a te.
Chiudo con lultima domanda, da cosa sono determinate le dichiarazioni fatte dal
Presidente Gismondi sulla possibile vendita di immobili di pubblica propriet.
Anche qui premesso forse una mia carenza che leggo poco i giornali, non ho
letto queste dichiarazioni di Gismondi per cui forse la domanda va fatta
direttamente al Presidente Gismondi nella prossima commissione, per dal tono
della interrogazione immagino quale sia loggetto dellarticolo, quindi immagino
che queste esternazioni del Presidente derivino dalla necessit che lente ha,
come tutti gli enti pubblici oggi, di razionalizzare e valorizzare il patrimonio
pubblico, dismettendo ci che non necessario e riqualificando ci che utile
alla Amministrazione pubblica, chiaro che sempre ma oggi pi che mai una
Amministrazione pubblica si deve interrogare su qual il proprio patrimonio,
valorizzare quello che ancora utile dismettere e fare volgarmente, come si
dice, cassa, per cercare di razionalizzare le risorse verso le attivit proprie
della Amministrazione.
Grazie e scusate della lungaggine.
CONS. CORALLINI
Innanzitutto una precisazione, gradirei che lassessore rispondesse da assessore
e non da consigliere, abituato come era a porre interrogazioni e domande a me
che faccio addirittura linterrogazione. Quindi se io ho fatto una
interrogazione che molto semplice, forse anche priva di termini tecnici,
perch non sono del mestiere, mi poteva a rispondere semplicemente, n mi piace
che vengano interpretate domande. Le domande sono chiare. Perch non ha chiesto
quello, perch ha chiesto quellaltro. Io glielo ho chiesto, il progetto, il suo
contenuto, quindi nel contenuto lei che mi deve dire i vantaggi per lente e
che contiene. Perch il progetto Jessica o quello che rappresenta Jessica su
Internet. Quindi io volevo sapere di preciso quello che comportava per lente
come impegno e tutto quanto.
Quindi non c una assenza di domanda, n c una critica che lei mi deve
riversare perch da consigliere non ho fatto io della trasparenza etc. etc.
Lei mi risponde e basta. Io ho fatto una interrogazione molto semplice perch
nata questa interrogazione? Perch ho letto sulla stampa che fra lei, il sindaco
e non mi ricordo chi sono venuti fuori degli articoli dove nessuno aveva parlato
con laltro, il progetto era partito poi alla fine con due parole spicciole lei
diceva se non mi ricordo male, s ma al sindaco gliene ho parlato, qualcosa gli
avevo detto. Allora parliamo di un progetto importante, che vede limpegno di
beni immobili, io leggo sulla stampa che voi ne avete parlato in corridoio, se
permette chiedo dei chiarimenti sul contenuto del progetto, su che cosa prevede,
poi siccome sempre nella fretta che lavete presentato perch lei stesso ha
detto labbiamo presentato di fretta perch scadevano i termini, mi preoccupa
DEL
I
BERADI
CONSI
GL
I
On
.
8
8d
e
l
1
4
1
2
2
0
1
2-Pa
g
.-Co
mu
n
ed
i
CI
VI
T
ANOVAMARCHE

ancora di pi come stato fatto in un mese. Questa la preoccupazione mia, il


resto sono tutte cose funzionali, certo perch se non mi ricordo male lei come
consigliere ci ha sempre criticato e ha sempre alzato la voce quando addirittura
si ventilala solamente che si volevano cedere degli immobili pubblici per fare
un progetto finanziato con i privati, lei si sempre opposto, adesso a parte
dove vengono i problemi, dalla comunit europea, per qui c un impegno della
comunit europea che finanzia queste cose con banche e privati, lei che era
contrario da sempre a impegnarsi con i privati. E che chiedeva a noi di non
cedere gli immobili pubblici. Allora come consigliere dice una cosa, oggi che
assessore dice lopposto.
Le sottolineo solo una cosa, che viene fuori da un convegno fatto da un incontro
della associazione degli ingegneri, parlano di questo progetto, sviscerano tutte
le problematiche, la cosa che forse nella fretta le sfuggita stata sollevata
la questione che c una eccessiva lentezza della approvazione di questi
progetti da parte di Bruxelles e ci sono dei punti delicati che non sono stati
ancora affrontati, riguardanti il meccanismo di partecipazione degli enti
pubblici e dei privati alla composizione del capitale dei fondi di sviluppo
urbano. Quindi viene criticato dalla stessa associazione di architetti perch
non sono chiare ancora le modalit di finanziamento.
Quindi nella fretta mi preoccupo anche di questo, che avete dato seguito a un
progetto che comunque stato riconosciuto ancora non avere degli elementi
delicati chiari. Forse questo perch potrebbe essere lanticamera per poi dire,
come vostro uso e costume, ci abbiamo provato, per cui Bruxelles non ce lha
finanziato, alla fine lo vendiamo comunque.
Questo il mio parere politico, non centra niente con la interrogazione".

DEL
I
BERADI
CONSI
GL
I
On
.
8
8d
e
l
1
4
1
2
2
0
1
2-Pa
g
.-Co
mu
n
ed
i
CI
VI
T
ANOVAMARCHE

I
lp
r
e
s
e
n
t
ev
e
r
b
a
l
ev
i
e
nel
e
t
t
o
,
a
p
p
r
ov
a
t
oes
o
t
t
o
s
c
r
i
t
t
o
.
I
lPr
e
s
i
d
e
n
t
e
COSTAMAGNAI
VO

Se
gr
e
t
a
r
i
oComun
a
l
e
MARI
OTTIPI
ERGI
USEPPE

====================================================================
CERTI
FI
CATODIPUBBLI
CAZI
ONE
I
np
ub
bl
i
c
a
z
i
o
nea
l
l
'
Al
boPr
e
t
or
i
oo
n
l
i
n
ed
a
l2
90
1
13pe
rg
i
o
r
ni15c
o
ns
e
c
ut
i
v
i
,
a
is
e
ns
ide
l
l
'
a
r
t
.
124de
lD.
Lg
s
.
n
.
2
67
/
2
00
0
Ci
v
i
t
a
n
ov
aMa
r
c
h
e
,
l
i2
9
01
1
3
Se
gr
e
t
a
r
i
oCo
mun
a
l
e
MARI
OTTIPI
ERGI
USEPPE
====================================================================
CERTI
FI
CATOESECUTI
VI
TA`
Lapr
e
s
e
nt
ede
l
i
b
e
r
a
z
i
o
nedi
v
e
nu
t
ae
s
e
c
u
t
i
v
ai
l
n.
26
7.

,a
is
e
n
s
id
e
l
l
'
a
r
t
.
1
34d
e
lD.
Lg
s
.
18
.
8
.
2
00
0,

Ci
v
i
t
a
n
ov
aMa
r
c
h
e
,
l
i
Se
g
r
e
t
a
r
i
oCo
mu
na
l
e
MARI
OTTIPI
ERGI
USEPPE

DEL
I
BERADI
CONSI
GL
I
On
.
8
8d
e
l
1
4
1
2
2
0
1
2-Pa
g
.-Co
mu
n
ed
i
CI
VI
T
ANOVAMARCHE