Sei sulla pagina 1di 5

La Storia delle Scarpe

Partiamo dal principio, con il raccontare come sono nate e come si sono evolute le calzature fino ad
arrivare a quei magnifici oggetti dei giorni nostri che noi tutte conosciamo ed amiamo.

Risalenti fin dai tempi della preistoria, le scarpe di allora dopo essere state ritrovate dagli
archeologi in territorio americano, si scoperto essere realizzate in materiale vegetale, alcuni
esemplari di calzature realizzate oltre 9000 anni fa.

In altre regioni del mondo caratterizzate da un clima mite e temperato, le calzature storiche
ritrovate venivano realizzate in legno o con pelli di animali con una struttura molto semplice,
simile ad una sandalo o ad uno zoccolo dei giorni nostri, mentre nelle zone nordiche le scarpe erano
spesso chiuse e ricoperte per scaldare i piedi oltre che per proteggere la pianta dei piedi.

http://www.scarpeonlineprezzo.com

La storia ci insegna che le scarpe divennero presto di uso comune, in particolare la civilt egizia,
testimonia come intorno al 3000 a.C anche i faraoni utilizzassero dei sandali, stesso modello scelto
dai democratici greci che chiamarono "upodmata", e dai romani, considerati i pi fascionisti
dell'epoca in tema di scarpe, potendo vantare ben oltre venti modelli differenti, tra cui spiccavano
i modelli dedicato ai soldati, chiamati "caligae" composti da pi strati di cuoio, gli "udo"
dedicati ai magistrati e realizzati in morbido pelo di capra, ed i "camepagus" ideati per
l'imperatore.

Mentre gli Ittiti furono gli ideatori delle famose scarpe dalla punta ricurva, datate
oltre il 1300 a.C..

http://www.scarpeonlineprezzo.com

Nel Medioevo le scarpe pi diffuse erano gli zoccoli realizzati in legno, le


scarpe di stoffa realizzate con pezzi di scarto arrotolate intorno ai piedi. Mentre in Inghilterra e
Francia intorno al quattordicesimo secolo furono realizzate le "poulaines" scarpe molto particolare
dalle punta lunghissime, ideate per i nobili, dove la lunghezza della punta era considerata sinonimo
di nobilt e potenza.

In seguito si diffusero le calzature a piede dorso e a becco danatra con punte larghe fino a
15 cm per via dell'avvento in Francia del regno di Carlo VIII di Valois, la cui caratteristica era
l'avere un piede con sei dita.

http://www.scarpeonlineprezzo.com

Nel 17 secolo con l'avvento del Re Sole fecero la prima comparsa le scarpe con il tacco, dedicate
sia agli uomini che alle donne della nobilt, ideate e realizzate per sopperire alla limitata
statura del Re, il quale amava le scarpe realizzate in colore rosso, sinonimo di nobilt a suo dire
e tramandate fino ai giorni nostri anche se pur con delle varianti. Molto diffusi anche gli stivali
realizzati in pelle e dedicati a nobili e cavalieri ed indossati anche dai famosi moschettieri
francesi.

A seguire, a Venezia durante il 18 secolo fecero la loro comparsa le ciabatte con la suola a zeppa,
chiamate "chopine" realizzate in vari materiali, come: legno e sughero; ed utilizzate dalle dame per
non sporcare le proprie scarpe durante gli spostamenti da unabitazione allaltra, caratterizzate
anch'esse dall'altezza elevata della suola, considerata sinonimo di importanza e nobilt, ma a cui
spesso si accompagnavano cadute (non solo di stile) e dolorose distorsioni della malcapitata di
turno.

http://www.scarpeonlineprezzo.com

Con l'avvento dell'industrializzazione nel 19 secolo le scarpe ormai divenute un accessorio


irrinunciabile nell'armadio di qualsiasi cittadino, vennero prodotte in massa presso fabbriche
attrezzate a sopperire la domanda sempre pi crescente da parte dei paesi civilizzati e pi
sviluppati.

http://www.scarpeonlineprezzo.com