Sei sulla pagina 1di 37

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

Teorema di sovrapposizione
Reti resistive costituite da bipoli con relazioni costitutive lineari.
Si vuole calcolare una qualsiasi grandezza (tensione o corrente su un qualsiasi bipolo
della rete)
Teorema di sovrapposizione degli effetti
Effetto di un generatore: valore che assume la grandezza di rete da calcolare quando
agisce solo quel generatore e sono assunti nulli gli altri generatori indipendenti.
Teorema di sovrapposizione degli effetti
In una rete lineare, una qualsiasi grandezza (tensione o corrente) `e pari alla somma
degli effetti di tutti i generatori indipendenti presenti nella rete.
Teorema di sovrapposizione degli effetti
1. un generatore di tensione indipendente con tensione nulla `e equivalente ad un corto
circuito.
2. un generatore di corrente indipendente con corrente nulla `e equivalente ad un circuito
aperto.
3. I generatori controllati non vanno considerati
Esempio
8

+
6V

+
4 v

3A

Ci sono due generatori indipendenti; si pone


v = v1 + v2
dove v1 e v2 sono i contributi dovuti al generatore di tensione da 6 V e al generatore di
corrente da 3 A, rispettivamente.

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

Calcolo di v1
8
+
4 v1

+
6V

v1 =

4
(6) = 2 V
4+8

i3 =

8
(3) = 2 A
4+8

Calcolo di v2
8 i2
i+3
4 v

3A

E quindi,
v2 = 4i3 = 8 V
Infine,
v = v1 + v2 = 2 + 8 = 10 V

Dimostrazione del teorema di sovrapposizione


Un circuito lineare tempoinvariante senza memoria dar`a sempre luogo ad un sistema
si equazioni algebriche di primo grado
Ax = b
Le equazioni del sistema sono di 3 tipi:
Leggi di Kirchhoff delle correnti
Leggi di Kirchhoff delle tensioni
Relazioni costitutive
2

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

Dimostrazione (cont.)
Le KCL sono tutte equazioni omogenee
Le KVL sono tutte equazioni omogenee
Le relazioni sostitutive sono quasi tutte equazioni omogenee
Le uniche relazioni costitutive non omogenee sono quelle dei generatori indipendenti di
tensione e di corrente
Dimostrazione (cont.)
La soluzione del sistema `e
x = A1 b
ma in questo caso
b = bE1 + bE2 + + bEne + bI1 + + bIni
Dimostrazione (cont.)
b = bE1 + bE2 + + bEne + bI1 + + bIni
dove bEk `e un vettore con tutti gli elementi nulli eccetto il termine relativo alla relazione
costitutiva del generatore di tensione indipendente Ek .
bIk `e un vettore con tutti gli elementi nulli eccetto il termine relativo alla relazione
costitutiva del generatore di corrente indipendente Ik .
ne `e il numero di generatori indipendenti di tensione
ni `e il numero di generatori indipendenti di corrente
Dimostrazione (cont.)
Sostituendo:
x = A1 b
x = A1 bE1 + A1 bE2 + + A1 bEne + A1 bI1 + + A1 bIni
che dimostra lenunciato.

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

esempiogeneratorecomandatoEsempio con generatore comandato


esempiotregeneratoriEsempio con 3 generatori indipendenti
Applicazione alla potenza

+ e2

i
R

p
+ e1

p = Ri2 =

(e1 + e2 )2
e2 e2
e1 e2
= 1 + 2 +2
R
R
R
R

Applicazione alla potenza


i0
+ e1

p0

i00
+

+ e2

p00

e21
R
e2
p00 = R(i00 )2 = 2
R
e1 e2
0
00
p=p +p +2
R
p0 = R(i0 )2 =

Teorema di Th`
evenin-Norton
i
+

Bipolo composto
v
lineare
senza memoria

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

Il bipolo B pu`
o essere di natura qualsiasi
Il bipolo di sinistra pu`
o essere considerato un 1-porta
Teorema di Th`
evenin-Norton
La sua relazione costitutiva `e
Av + Bi + c = 0
ma in questo caso, lequazione `e scalare
av + bi + c = 0
con a, b, c numeri reali.
Teorema di Th`
evenin-Norton: caso particolare
av + bi + c = 0
Supponiamo che a = 0 e anche b = 0
Si avrebbe
c=0
che `e
1. Impossibile se c 6= 0
2. Una identit`
a se c = 0
Quindi non pu`
o essere contemporaneamente a=0, b=0
Caso Th`
evenin
Si supponga a 6= 0
si ha allora, dividendo
b
c
v = i
a
a

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

i
+

RT h
+ E
Th

b
a
c
=
a

RT h =
ET h
Teorema di Thevenin
i
a+
Bipolo
composto
v
Carico
resistivo

lineare
b

i
RT h
+ E
Th

a
+
v

Carico

Caso Th`
evenin: calcolo dei parametri
i
RT h
+ E
Th

+
v

v = ET h + RT h i
se i = 0, allora v = ET h
ET h `e il termine noto, e dipende solo dalle relazioni costitutive aventi un termine noto.
Se si ha ET h = 0 allora v = RT h i
e quindi RT h =

v
i

Teorema di Thevenin
Un bipolo composto lineare pu`
o essere sostituito con un
circuito equivalente formato da un generatore di tensione
E Th in serie con un resistore R Th , in cui E Th `e la tensione
a vuoto ai terminali e R Th `e la resistenza di ingresso, o
equivalente, vista ai terminali, quando i generatori
indipendenti sono spenti.
6

Teoremi delle reti

Bipolo
composto
resistivo
lineare

05.0018 19 ottobre 2015


a
+
voc

a
Bipolo
con
gen. ind.
posti a 0

Rin

Determinazione di ETh e RTh .


ETh = voc
RTh = Rin

Calcolo della resistenza di Thevenin


Se la rete non ha generatori dipendenti, si spengono tutti i generatori indipendenti. RTh
`e la resistenza di ingresso della rete vista ai terminali a-b.
Calcolo della resistenza di Thevenin
Se la rete contiene generatori dipendenti, si spengono tutti i generatori indipendenti.
Si applica un generatore di tensione vo ai terminali a-b, e si determina la corrente
risultante io . Allora RTh = vo /io .
In alternativa, si pu`
o collegare un generatore di corrente io ai terminali a-b e calcolare
la tensione vo ai terminali.
Calcolo della resistenza di Thevenin
a
a
+
Bipolo
Bipolo
io
con
con
+ vo
gen. ind.
gen. ind. vo

posti a 0
posti a 0
b
b
Rin =

vo
io

Rin =

io

vo
io

Calcolo di RTh in un circuito con generatori dipendenti.


Applicazione

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

a
IL

Circuito
lineare

RL

RT h
+ V
Th

IL
RL

VTh
RTh + RL
RL
VL = RL IL =
VTh
RTh + RL
IL =

esempiotheveninEsempio
esempiothevgcomEsempio con generatore comandato
esempiothevsolorEsempio con solo resistenza equivalente
Caso Norton
Si supponga b 6= 0
si ha allora, dividendo
a
c
i= v
b
b
i
+
i N GN v

a
b
c
=
b

GN =
IN

(1)
(2)

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

Caso Norton: calcolo dei parametri


i
+
i N GN v

i = IN + G N v
se v = 0, allora i = IN
IN `e il termine noto, e dipende solo dalle relazioni costitutive aventi un termine noto.
Se si ha IN = 0 allora i = GN v
e quindi GN =

i
v

Teorema di Norton
Un bipolo composto lineare pu`
o essere sostituito da un
circuito equivalente formato da un generatore di corrente
I N in parallelo ad un resistore R N , dove I N `e la corrente
di corto circuito ai terminali e R N `e la resistenza
equivalente, o resistenza di ingresso, ai terminali, quando i
generatori indipendenti sono spenti.
Teorema di Norton
a
Bipolo
composto
resistivo
lineare

IN

a
RN

Teoremi di Thevenin e Norton


RN = RTh
IN = isc

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

a
Bipolo
lineare

isc = IN
b

Determinazione della corrente di Norton IN .


Teoremi di Thevenin e Norton
Si osservi la stretta relazione fra i teoremi di Thevenin e di Norton: RN = RTh , e
IN =

ETh
RTh

` possibile calcolare due qualunque delle tre quantit`a e ottenere la terza da esse
E

VTh = voc

(3)

IN = isc

(4)

RTh =

voc
= RN
isc

(5)

esempionortonEsempio
esempionortongcomEsempio con generatore comandato

Trasformazione dei generatori

Trasformazione dei generatori


Trasformazione dei generatori
Operazione di sostituzione di un generatore di tensione vs in serie ad un resistore R con un
generatore di corrente is in parallelo ad un resistore R, o viceversa.

10

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

Trasformazione di generatori indipendenti


R

vs +

a
is

b
vs = is R

or

is =

vs
R

Trasformazione di generatori dipendenti


R

vs +

a
is

Osservazioni
1. La freccia del generatore di corrente `e diretta verso il terminale positivo del generatore
di tensione.
2. La trasformazione dei generatori non `e possibile quando R = 0 che corrisponde al
caso di un generatore ideale di tensione isolato. Solitamente, per`o, per generatori
della realt`
a, R 6= 0.
3. In maniera simile, un generatore ideale di corrente con R = non pu`o essere sostituito
con un generatore di tensione.

esempioduegeneratoriEsempio con generatori indipendenti


esempioconcomandatoEsempio con generatore comandato

11

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

Massimo trasferimento di potenza

Massimo trasferimento di potenza


a
RT h
i
+ V
RL
Th
b


p = i RL =

VTh
RTh + RL

2
RL

Massimo trasferimento di potenza


p
pmax

RTh

RL

Massimo trasferimento di potenza


Si ha la massima potenza trasferita al carico quando la resistenza di carico `e uguale alla
resistenza di Thevenin vista dal carico (R L = R Th ).
Dimostrazione del teorema


dp
(RTh + RL )2 2RL (RTh + RL )
2
= VTh
dRL
(RTh + RL )4


(RTh + RL 2RL )
2
= VTh
=0
(RTh + RL )3
Ci`o implica che
0 = (RTh + RL 2RL ) = (RTh RL )
che fornisce
RL = RTh

12

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

Dimostrazione del teorema


La potenza massima trasferita `e
pmax =

2
VTh
4RTh

esempiomaxtrasfEsempio

3
3.1

Applicazione
Modelli di generatori reali

Modelli di generatori reali


Un generatore ideale di tensione fornisce una tensione costante, indipendentemente dalla
corrente richiesta dal carico.
Un generatore ideale di corrente fornisce una corrente costante indipendentemente dalla
tensione del carico.
Generatore reale
i
R0

+
v

+ v0

v = v0 + R0 i
Generatore reale duale
i
+
i0

G0

13

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

i = i0 + G0 v
Generatore reale di tensione
vL

Rs

Ideal source
vs

+
vs

Practical source

RL

vL

(a)

(b)

vL =

RL

RL
vs
Rs + RL

Si pu`o notare che:


1. La tensione del carico sar`
a costante se la resistenza interna Rs del generatore reale `e
zero, o almeno Rs  RL .
2. Quando il carico non `e collegato voc = vs . Perci`o, vs pu`o essere considerata la tensione
del generatore reale in assenza di carico.
Generatore reale di corrente
IL

Rp

is

RL

(a)
IL
Ideal source

is

Practical source
0

RL
(b)

iL =

Rp
is
Rp + RL

Diminuzione della corrente, dovuta al carico (effetto di carico)


14

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

La corrente del carico `e costante (generatore ideale di corrente) quando la resistenza


interna `e molto grande (cio`e Rp , o almeno Rp  RL ).
A volte `e necessario conoscere la tensione a circuito aperto vs e la resistenza interna Rs
di un generatore reale di tensione.
+
Signal
source

voc

+
vL

Signal
source

(b)

(a)

+
Signal
source

RL

voc

+
vL

Signal
source

RL

(b)

(a)

Si misura dapprima la tensione a circuito aperto voc come in (a) e si pone


vs = voc

+
Signal
source

(a)

voc

+
vL

Signal
source

RL

(b)

Si fa variare la resistenza RL fino a quando non si misura una tensione di carico


esattamente met`
a della tensione a circuito aperto, vL = voc /2, perch`e ora RL = RTh = Rs .
Rs = RL
Ad esempio, una batteria dautomobile pu`o avere i seguenti valori tipici: vs = 12 V e
Rs = 0.05 .
Esempio
La tensione ai terminali di un generatore reale di tensione `e di 12 V quando viene
collegato ad un carico da 2 W. Quando il carico viene staccato, la tensione ai terminali sale
a 12.4 V.
(a) Calcolare la tensione vs e la resistenza interna Rs .
15

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

(b) Determinare la tensione quando il generatore viene collegato ad un carico da 8 .


Rs

iL
+

vs +

vL

RL

(a)
2.4
+

12 V

(b)
Rs

iL
+

vs +

RL

vL

(a)
2.4
+
12 V

(b)

(a) Si sostituisce il generatore con il suo equivalente Thevenin.


La tensione ai terminali con il carico staccato `e la tensione a circuito aperto,
vs = voc = 12.4 V
Rs

iL
+

vs +

vL

RL

(a)
2.4
+
12 V

(b)

16

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

Quando il carico `e collegato, vL = 12 V e pL = 2 W. Quindi,


pL =

vL2
RL

La corrente del carico `e


iL =
Rs

RL =

vL2
122
=
= 72
pL
2

12
1
vL
=
= A
RL
72
6

iL
+

vs +

RL

vL

(a)
2.4
+
12 V

(b)

La tensione su Rs `e la differenza fra la tensione del generatore vs e quella del carico vL ,


12.4 12 = 0.4 = Rs iL ,
Rs

Rs =

0.4
= 2.4
IL

iL
+

vs +

vL

RL

(a)
2.4
+
12 V

(b)

(b) Ora si collega il carico da 8 allequivalente Thevenin,


v=

8
(12) = 9.231 V
8 + 2.4

Esempio
Calcolare io

17

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015


2

5io

4A
io

5
+
20 V

Si pone
io = i0o + i00o
dove i0o e i00o sono dovuti al generatore di corrente da 4 A e al generatore di tensione da 20
V rispettivamente.
Calcolo di i0o
2

3
i1

4A

i1

i3

i5

+
20 V

0
(b)

(a)

3
i1

i o
4

i3

i5

i3

io

5i o

5io

4A
5

i4

i2
1

i1

i o

i3

io

5i o

5io

i4

i2

+
20 V

0
(b)

(a)

Anello 1,
i1 = 4 A

18

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

Anello 2,
3i1 + 6i2 1i3 5i0o = 0
2

3
i1

4A

i1

i5

i3

+
20 V

0
(b)

(a)

Anello 3,
5i1 1i2 + 10i3 + 5i0o = 0
ma al nodo 0,
i3 = i1 i0o = 4 i0o
da cui
i0o =

52
A
17

Calcolo di i00o
2

i4

5i o

io

i o
4

i5

i o

i3

io

5i o

5io

i4

i2

+
20 V
(b)

Anello 4,
6i4 i5 5i00o = 0
Anello 5,
i4 + 10i5 20 + 5i00o = 0
19

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015


2

i4

5i o

io

i o
i5

+
20 V
(b)

Ma i5 = i00o . Sostituendo
6i4 4i00o = 0
i4 +

5i00o

da cui
i00o =
Sommando i contributi
io =

= 20
60
A
17

8
= 0.4706 A
17

e1Back
Esempio
Calcolare i
24 V
+

8
4

4
i
12 V

3A

Si pone
i = i1 + i2 + i3
dove i1 , i2 e i3 sono gli effetti dei generatori da 12 V, 24 V e 3 A rispettivamente.

20

(6)
(7)

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

8
4

i2

i2
+

12 V

12 V

(a)
8
24 V di i18
Calcolo
+

4
12 V +

4
ia

i2

8
3

i2
4
3

iv1
4
1
+
12 V

ib

3 v2

i3

3A

(a)

24 V (b) 8
+
ia

12 i2
=2A
46

Calcolo di i2

8(c)

v1

v2

ib

i2

i3

(b)

3A

(c)

16ia 4ib + 24 = 0

4ia ib = 6

(8)

7ib 4ia = 0

7
ia = ib
4

(9)

Sostituendo la seconda nella prima


i2 = ib = 1

Calcolo di i2
v2 v2 v1
+
8
4
v1 v1
v2 v1
=
+
4
4
3

3=

21

=
=

24 = 3v2 2v1
v2 =

10
v1
3

(10)
(11)

i2

i2
3

12 V

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

(a)
8

v1

v2
i2

i3

b)

3A

(c)

Sostituendo la seconda nella prima si ha v1 = 3 e


i3 =

v1
=1A
3

Quindi,
i = i1 + i2 + i3 = 2 1 + 1 = 2 A
e1Back
Esempio
2

3
+
vo

3A

+ 12 V

Usare la trasformazione dei generatori per calcolare vo


2

2
+
vo

4
12 V

+
12 V

+3
vo

4A
3

4A

(a)

Il generatore di tensione e quello


di corrente vengono trasformati
(a)
2A

6
2A

+
vo

8
6

i
+3
vo

4A
3

8
4A

(b)

+
vo

+2
vo

2A
2

2A

(c)
(b)

(c)

Componendo i resistori da 4 e da 2 in serie, e trasformando il generatore da 12 V,


Ora, componendo i resistori da 3 e 6 in parallelo, ottenendo un resistore da 2 , e
componendo inoltre i generatori di corrente da 2 A e da 4 A, ottenendo un generatore da 2
A,
22

4A

Teoremi delle reti

i
3
8

4A

05.0018 19 ottobre 2015

+ 4A
vo

2A

2A

(c)
i
8

4A

+
vo

4A

(c)

Con il partitore di corrente,


i=

2
(2) = 0.4
2+8

e
vo = 8i = 8(0.4) = 3.2 V

i
4A

+
vo

In alternativa,

2A

vo = (8 k 2)(2 A) =

82
(2) = 3.2 V
10

(c)

e3Back
23

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

Esempio
4
0.25vx

6V

+
vx

+ 18 V

Calcolare vx usando la trasformazione dei generatori.


4

3A

+
+ 18 V

3V +

vx

(a)

(b)
vx

+
+ 18 V

3V +

+ 18 V

vx

(b)
1

vx

+
+ 18 V

3V +

+
vx

vx

vx

+ 18 V

(b)

Applicando la KVL
3 + 5i + vx + 18 = 0
Applicando la KVL al percorso contenente il generatore di tensione da 3 V, il resistore
da 1 e vx
3 + 1i + vx = 0
=
vx = 3 i
24

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

vx

+
+ 18 V

3V +

+ 18 V

vx

(b)

Sostituendo nella equazione precedente


15 + 5i + 3 i = 0

i = 4.5 A

vx

+
+ 18 V

3V +

+ 18 V

vx

(b)
In alternativa, si pu`
o applicare la KVL al percorso contenente vx , il resistore da 4 , il
generatore di tensione controllato in tensione e il generatore di tensione da 18 V

vx + 4i + vx + 18 = 0

i = 4.5 A

Quindi, vx = 3 i = 7.5 V.
e3Back
Esempio
4
32 V +

12

2A

RL
b

Determinare il circuito equivalente di Thevenin del circuito, alla sinistra dei terminali
a-b.
Calcolare poi la corrente in RL = 6, 16, e 36 .

25

Teoremi delle reti


4

05.0018 19 ottobre 2015

VTh

+
R Th

12

32 V

12

i1

i2

2A

VTh

(a)

(b)

Calcolo di RTh
RTh = 4 k 12 + 1 =

4 12
+1=4
16

Calcolo di VTh
1

VTh

+
R Th

32 V

i1

12

i2

2A

VTh

(b)

32 + 4i1 + 12(i1 i2 ) = 0,

i2 = 2 A

Risolvendo rispetto a i1 , si ottiene i1 = 0.5 A. Perci`o,


VTh = 12(i1 i2 ) = 12(0.5 + 2.0) = 30 V

Calcolo di VTh
1

VTh

+
R Th

32 V

i1

12

i2

2A

VTh

(b)

Una alternativa pi`


u semplice `e usare lanalisi nodale.
32 VTh
VTh
+2=
4
12
cio`e
96 3VTh + 24 = VTh
26

VTh = 30 V

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

a
IL

30 V

RL

La corrente in RL `e
IL =

VTh
30
=
RTh + RL
4 + RL

Quando RL = 6,
IL =
Quando RL = 16,

30
=3A
10

IL =

30
= 1.5 A
20

IL =

30
= 0.75 A
40

Quando RL = 36,

e2Back
Esempio
2vx
+
2

2
a

5A

+
vx

6
b

Determinare lequivalente Thevenin


2vx

2vx

i1

i3
2

+
vx

i2

i3

2
a

io
vo = 1 V

5A

i1

+
vx

+
i2

voc

b
(a)

(b)

Figura 1: (a) Calcolo di RTh (b) VTh .

27

Teoremi delle reti


2vx

2vx

i1

i3
2

+
vx

05.0018 19 ottobre 2015

i2

i3

2
a

io
vo = 1 V

5A

i1

+
vx

+
6

i2

voc

b
(a)

(b)

Figura 2: (a) Calcolo di RTh (b) VTh .


Applicando lanalisi agli anelli alla maglia 1 si ha
2vx + 2(i1 i2 ) = 0

vx = i1 i2

da cui

Ma 4i2 = vx = i1 i2 ; quindi,
i1 = 3i2

+
vx

2vx

2vx

i1

i3

i2

i3

2
a

io
vo = 1 V

5A

i1

+
vx

+
6

i2

voc

b
(a)

(b)

Figura 3: (a) Calcolo di RTh (b) VTh .


Per le maglie 2 e 3
4i2 + 2(i2 i1 ) + 6(i2 i3 ) = 0

(12)

6(i3 i2 ) + 2i3 + 1 = 0

(13)

Risolvendo queste equazioni si ottiene


i3 =

1
A
6

Ma io = i3 = 1/6 A. Quindi,
RTh =

28

1V
=6
io

Teoremi delle reti


2vx

2vx

i1

i3
2

+
vx

05.0018 19 ottobre 2015

i2

i3

2
a

io
vo = 1 V

5A

i1

+
vx

+
i2

voc

b
(a)

(b)

Figura 4: (a) Calcolo di RTh (b) VTh .


2vx

2vx

i1

i3
2

+
vx

i2

i3

2
a

io
vo = 1 V

5A

i1

+
vx

+
i2

voc

b
(a)

(b)

Figura 5: (a) Calcolo di RTh (b) VTh .


Per ottenere VTh , si calcola voc nel circuito in (b). Applicando lanalisi agli anelli,
i1 = 5
2vx + 2(i3 i2 ) = 0

(14)
vx = i3 i2

4(i2 i1 ) + 2(i2 i3 ) + 6i2 = 0

2vx

2vx

i1

i3
2

+
vx

i2

i3

2
a

io
vo = 1 V

5A

i1

+
vx

+
i2

voc

b
(a)

(b)

Figura 6: (a) Calcolo di RTh (b) VTh .


da cui
12i2 4i1 2i3 = 0
Ma 4(i1 i2 ) = vx . La risoluzione di queste equazioni fornisce i2 = 10/3. Perci`o,
VTh = voc = 6i2 = 20 V
29

(15)

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

Lequivalente Thevenin `e
6
a
20 V

e2Back
Esempio
Determinare lequivalente Thevenin del circuito in (a).
a
ix
2ix

2
b
(a)
a

vo
ix
2ix

io

(b)

a
ix
2ix

2
b
(a)
a

vo
ix
2ix

(b)

io

Il circuito `e privo di generatori indipendenti: VTh = 0 V.


Per calcolare RTh , si applica lanalisi nodale
io + ix = 2ix +

30

vo
4

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015


a
ix

2ix

2
b
(a)
a

vo
ix
2ix

io

(b)

Ma
ix =
Sostituendo
io = ix +

0 vo
vo
=
2
2

vo
vo vo
vo
= +
=
4
2
4
4

da cui

vo = 4io

a
ix
2ix

2
b
(a)
a

vo
ix
2ix

(b)

io

Quindi,
RTh =

vo
= 4
io

Il valore negativo per la resistenza indica che il circuito sta erogando potenza.
e2Back
Esempio
Determinare il circuito equivalente di Norton

31

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015


8
a

4
5

2A
+ 12 V

8
8

RN

isc = IN

i2

i1
2A
+

12 V

b
b

(a)
(b)
8
a
+
i4

i3

2A

VTh = voc

+ 12 V

(c)

Figura 7: Calcolo di: (a) RN , (b) IN = isc , (c) VTh = voc .

Calcolo di RN
8

i1

RN

isc = IN

i2

2A
+

12 V

b
b

(a)
(b)
8
a
+
i3

i4

2A
+ 12 V

VTh = voc

(c)

RN = 5 k (8 + 4 + 8) = 5 k 20 =

32

20 5
=4
25

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

Calcolo di IN
8

i1

RN

isc = IN

i2

2A
+

12 V
8

b
b

(a)
(b)
8
a
+
i3

i4

2A

VTh = voc

+ 12 V

(c)

20i2 4i1 12 = 0

i1 = 2 A,
Da cui si ricava

i2 = 1 A = isc = IN

Calcolo di VTh
8

i1

RN

isc = IN

i2

2A
+

12 V
8

b
b

(a)
(b)
8
a
+
i3

i4

2A
+ 12 V

VTh = voc

(c)

Con lanalisi agli anelli si ottiene


i3 = 2 A
25i4 4i3 12 = 0

e
voc = VTh = 5i4 = 4 V
Quindi,
IN =
33

4
VTh
= =1A
RTh
4

i4 = 0.8 A

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

come ottenuto in precedenza. Il circuito equivalente di Norton `e


a
4

1A

e5Back
Esempio
Calcolare RN e IN ai terminali a-b.
2 ix

5
ix

+ 10 V

b
2ix

2ix

ix
4

ix

io
vo = 1 V

isc = IN

+ 10 V

(a)

(b)

Figura 8: (a) calcolo di RN , (b) calcolo di IN .

Calcolo di RN
2ix

2ix

5
ix

a
io

vo = 1 V

ix
4

isc = IN

+ 10 V

b
(a)

b
(b)

ix = 0. Al nodo a, io = 1/5 = 0.2 A, e


RN =

34

vo
1
=
=5
io
0.2

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015


2ix

2ix

5
ix

ix

io
vo = 1 V

isc = IN

+ 10 V

(a)

(b)

Calcolo di IN
Il resistore da 4 , il generatore di tensione da 10 V, il resistore da 5 e il generatore
dipendente di corrente sono in parallelo. Perci`o
ix =

10
= 2.5 A
4

Calcolo di IN
2ix

2ix

5
ix

ix

io
vo = 1 V

isc = IN

+ 10 V

(a)

(b)

Al nodo a,
isc =

10
+ 2ix = 2 + 2(2.5) = 7 A
5

Da cui,
IN = 7 A
e5Back
Esempio
Calcolare il valore di RL che determina il massimo trasferimento di potenza. Determinare la potenza massima.
6

12 V

12

RL

2A

RTh = 2 + 3 + 6 k 12 = 5 +
35

6 12
=9
18

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

Per VTh , con lanalisi agli anelli,


12 + 18i1 12i2 = 0,

i2 = 2 A

da cui i1 = 2/3. Applicando la KVL allanello esterno


12 + 6i1 + 3i2 + 2(0) + VTh = 0

VTh = 22 V

Per avere il massimo trasferimento di potenza


RL = RTh = 9
e la potenza massima `e
pmax =

2
VTh
222
=
= 13.44 W
4RL
49

e4Back

2
RTh

12

(a)

12 V

i1

12

i2

(b)
36

Teoremi delle reti

05.0018 19 ottobre 2015

2
RTh

2
+

12 V

i1

12

i2

2A

VTh

(b)

37

Potrebbero piacerti anche