Sei sulla pagina 1di 56

di

Fabio Carraffa

ROCK GUITAR WORLD

INDICE
LAutore............................................................................................................................................................................................2
Introduzione...............................................................................................................................................................................3

PARTE 1 IL SUONO, GLI EFFETTI.


I Principi del suono..........................................................................................................................................................5
La Chitarra.................................................................................................................................................................................6
Floyd Rose Set-Up......................................................................................................................................................13
LAmplificatore...................................................................................................................................................................15
Compressore....................................................................................................................................................................30
Gate/Noise Gate..............................................................................................................................................................34
Equalizer......................................................................................................................................................................................36
Chorus...........................................................................................................................................................................................37
Flanger..........................................................................................................................................................................................39
Phaser...........................................................................................................................................................................................40
Il Riverbero.............................................................................................................................................................................41
Il Delay.............................................................................................................................................................................................44
Pitch Shifter.........................................................................................................................................................................47
Harmonizer............................................................................................................................................................................48
Collegamento Effetti................................................................................................................................................50
Sistemi M.I.D.I.......................................................................................................................................................................52
Uso degli Effetti...............................................................................................................................................................53
I Microfoni.................................................................................................................................................................................54
Live & Studio.......................................................................................................................................................................58

PARTE 2 LA TECNICA.
CAPITOLO 1
Warm Up..................................................................................................................................................................................62
Plettrata Alternata..................................................................................................................................................73

CAPITOLO 2
Scale..................................................................................................................................................................................................82
Accordi..........................................................................................................................................................................................99

CAPITOLO 3
I Modi............................................................................................................................................................................................105
Tecniche di espressione...............................................................................................................................112
Tapping......................................................................................................................................................................................139

CAPITOLO 4
Sweep Picking...............................................................................................................................................................158
Strings Skipping.........................................................................................................................................................178

CAPITOLO 5
Whammy Bar................................................................................................................................................................185
Creativita.............................................................................................................................................................................191
Personal Trainer......................................................................................................................................................196

APPENDICE
Conclusioni...........................................................................................................................................................................205
Ringraziamenti.............................................................................................................................................................206
Contenuti del DVD..................................................................................................................................................207
Bibliografia consigliata......................................................................................................................................208
Official Sponsors.......................................................................................................................................................209

ROCK GUITAR WORLD

LAUTORE

www.fabiocarraffa.com

www.myspace.com/fabiocarraffa

Foto di Ambra Pisano

FABIO CARRAFFA
Fabio Carraffa comincia ad interessarsi alla chitarra dallet di 13 anni. Inizia il suo apprendimento spaziando dal genere
Blues a quello Flamenco, prima come autodidatta, poi frequentando il N.A.M.M con linsegnante di Flamenco Franco
Brambati.
Le sue inuenze e le sue maggiori fonti dispirazione sono quelle tipiche del Rock ed in particolare quelle trasmesse da
chitarristi come: Jimi Hendrix, Randy Rhoads, Zakk Wylde, Jeff Beck, Steve Morse, Van Halen, Malmsteel, Petrucci, Joe
Satriani, Steve Vai e molti altri ancora.
Allet di 21 anni inizia la sua carriera di professionista che lo porter no ad oggi a collaborare con diversi artisti italiani
tra i quali: Pino Scotto ( Vanadium ), Marco Rancati ( Animali Rari ), Adelmo e i suoi Sorapis ( Zucchero, Andrea Mingardi, Donato Battaglia ) e Mario Venuti con il quale partecipa al programma musicale Top of the Pops.
A met degli anni 90 fonda il Gruppo Mister O con il quale accompagna il cantante Maurizio Vandelli ( Equipe 84 ) in
numerose tourne e programmi televisivi.
Nello stesso periodo, sempre con i Mister O, partecipa, come gruppo residente, a due importanti trasmissioni per la
Radio-Televisione Svizzera ( Guarda la Radio 1-2 ), in un lungo tour itinerante nei pi bei teatri di tutta la Svizzera.
Altre importanti collaborazioni, con chitarristi di fama mondiale, avvengono tra il 1998 ed il 2000 con: Paul Gilbert ( Mister Big ), Zakk Wylde ( Ozzy Osbourne ) e Steve Vai per il quale apre uno Stage ad Orvieto.
Nel corso della sua carriera stato Endorser di chitarre Steinberger, Cort, FB Guitars, Switch Stealth, amplicatori Marshall ed effetti Rocktron ed Ada, dimostratore di prodotti per chitarra sotto il marchio Roland con il quale ha partecipato,
per oltre 11 anni, a numerose ere italiane ( Disma music show, Sound Expo, SecondHand Guitar, Meet Show ) ed
estere ( Frankfurt Musik Messe 2002-2006 ) ed a diversi mini-tours in tutta Italia.
Proprio grazie ad una di queste ere ( Salone della Musica di Torino 1997 ), viene notato dal Maestro Giovanni Unterberger, direttore dellAccademia Musicale Lizard, che lo assume come insegnante di chitarra Blues, Rock, Hard Rock
ed Heavy Metal per le sedi di Vercelli e di Pavia.
Altre collaborazioni come insegnante avvengono con il comune di San Giuliano Milanese e con la scuola di musica Le
Note Delle stelle nella sede di Rho.
Attualmente Endorser per LaBella Strings (Carisch), chitarre Framus (Eko Music Group) e dimostratore di chitarre
Washburn ed amplicatori Randall (Master Music). Insegna chitarra Blues, Rock, Hard Rock ed Heavy Metal alla scuola
Il Borgo della Musica in Milano. Scrive come free-lance reporter per la prestigiosa rivista GUITAR CLUB, per la quale
cura la rubrica Power Sound. Collabora attivamente con la nota casa editrice CARISCH, sia come come autore, realizzando due libri didattici: LA CHITARRA, IL SUONO, GLI EFFETTI e AMPLIFICATORI E CHITARRE, che come produttore, pubblicando lintera collana ULTIMATE MINUS ONE in vendita in tutto il mondo.
....TO BE CONTINUED!!!
2 LAutore

ROCK GUITAR WORLD

INTRODUZIONE
Vorrei partire facendo una precisazione: questo libro non un metodo per chitarra Rock.
O almeno, non ci che si intende come il solito metodo per chitarra Rock.
Seguire un metodo signica dover seguire delle regole o delle linee dettate da un autore. A mio parere questidea pu
trasformarsi, col tempo, in un grande limite perch nessuno pu garantire che la visione dinsieme di un autore, nello
scrivere un metodo, sia totalmente la vostra, cos come nessuno pu garantire che un qualunque metodo sia un buon
metodo di apprendimento per ognuno di voi.
Penso che lingrediente principale della musica Blues, Rock, Hard Rock ed Heavy Metal sia la LIBERTA, nessuno schema prestabilito, nessun modello da seguire, nessuna regola che non si possa infrangere, ma totale libert di espressione e quindi, perch no, anche totale libert di apprendimento.
Ho voluto concepire questo libro con lidea del Fai da Te, inprontandolo come un prontuario di informazioni tecniche,
sia per quel che riguarda la creazione del suono che per quel che riguarda le tecniche di chitarra, in questo modo potrete sentirvi liberi di consultare e studiare quello che vi interessa, senza dover necessariamente seguire una linea logica,
come contrariamente avviene per la maggior parte dei metodi di chitarra.
Quando sentite lesigenza di approfondire un concetto tecnico sul suono o una specica tecnica chitarristica, non dovete fare altro che aprire la pagina dellargomento che vi interessa e consularlo o studiarlo in totale libert.
Questo libro diviso in due parti. La prima illustra tutti i concetti essenziali della creazione del suono, cio tutte le
componenti che incidono sulla creazione sonora, a partire dalle caratteristiche acustiche della chitarra elettrica no alla
manipolazione del suono da essa prodotto tramite lutilizzo dellamplicatore e degli effetti.
Ho voluto inserire una parte relativa alla costruzione sonora perch penso che per ogni chitarrista Rock moderno lamplicazione, la creazione del suono e lutilizzo degli effetti costituiscano elementi complementari ed essenziali molto
importanti ai ni di una completa espressione artistica.
In effetti, la storia della musica Rock insegna che il suono stato unelemento centrale nellarte di tutti i pi famosi chitarristi Rock, non diversamente dalla loro capacit tecnica nelluso dello strumento.
La seconda parte, divisa in cinque capitoli, riguarda tutte le tecniche chitarristiche della chitarra Rock.
Ogni capitolo illustra dettagliatamente ci che io denisco gli argomenti di studio, tutti gli esercizi allinterno di ogni
capitolo sono preceduti da una spiegazione di esecuzione della tecnica.
Ogni esecuzione della tecnica viene descritta sul libro e mostrata sul DVD allegato, in maniera semplice e sintetica,
focalizzando direttamente le sonorit da ottenere ed i movimenti meccanici delle tecniche da eseguire, in modo tale da
poterne apprendere i concetti pi facilmente e velocemente.
Non limitatevi a studiare gli esercizi con lunico scopo di eseguirli al meglio. Il vero obiettivo sta nel capire a
cosa serve una determinata tecnica e quali sono le sue potenzialit nellapplicazione pratica.
Una volta compresi i meccanismi e le sonorit emesse dalle varie tecniche, non limitatevi a ripetere gli esercizi cos come sono, ma cercate di sviluppare le tecniche in essi contenute diversificando ed ampliando il loro
impiego, utilizzando scale, accordi, e melodie, inventando dei vostri fraseggi e cercando di stabilire un vostro
personale linguaggio musicale.
Per ottenere la padronanza totale di alcune tecniche possono occorrere mesi di pratica, forse anche anni. La cosa che
conta di pi il risultato nale; tanto grande sar stato il vostro impegno quanto grande sar il risultato nale.
La tecnica un mezzo importante per potersi esprimere al meglio nella musica, ma fate attenzione a non abusarne
troppo, non dovete diventare dei robot !!.
Studiate e sviluppate le tecniche col cervello, in maniera intelligente, ma suonatele esprimendovi col cuore, usandole
esclusivamente come mezzo per esprimere i vostri sentimenti.
Non a questo che serve la musica ?

Fabio Carraffa

3 Introduzione

ROCK GUITAR WORLD

PARTE 1
IL SUONO, GLI EFFETTI
I Principi del suono
La Chitarra
Floyd Rose Set-Up
LAmplificatore
Compressore
Gate/Noise Gate
Equalizer
Chorus
Flanger
Phaser
Il Riverbero
Il Delay
Pitch Shifter
Harmonizer
Collegamento Effetti
Sistemi M.I.D.I.
Uso degli Effetti
I Microfoni
Live & Studio

4 Parte 1

ROCK GUITAR WORLD

LA CHITARRA
La chitarra senza alcun dubbio lelemento fondamentale del nostro playing.
Lacquisto della chitarra deve essere fatto principalmente tenendo in considerazione il genere musicale che suonate, le
caratteristiche di comfort e le caratteristiche estetiche dello strumento.
Se il vostro stile musicale non ancora delineato, probabilmente siete alla ricerca solo di un buon strumento, ma se il
vostro stile musicale gi denito, allora signica che siete alla ricerca di uno strumento con delle precise caratteristiche
sonore.
Ecco qualche indicazione preliminare da tenere in considerazione prima di acquistare un nuovo strumento:

1 Raccogliere quante pi informazioni potete sul tipo di strumento che volete acquistare.
2 Se possibile effettuate la prova dello strumento con un amplicatore uguale al vostro, o con uno che abbia delle caratteristiche simili al vostro.
3 Provate pi di una chitarra dello stesso modello dato che ogni chitarra suona diversamente da unaltra.
4 Analizzate con attenzione il suono e siate certi che questo soddis le vostre esigenze.
5 Passare tutto il tempo necessario a suonarci sopra; non siate frettolosi, dovete essere certi dellacquisto che intendete
fare.
6 Lo strumento scelto si deve adattare bene alla vostra anatomia; se lutilizzo nale prevalentemente quello dal vivo
fate attenzione che questo non sia troppo pesante, ed inoltre, che il manico si adatti perfettamente allanatomia della
vostra mano sinistra.

RICORDATE:
La cosa pi importante che dovrete fare al momento della scelta quella di valutare attentamente di quali caratteristiche
acustiche dotata la chitarra che volete acquistare.
Se la chitarra elettrica non possiede delle buone qualit acustiche, difcilmente da essa potrete ottenere un buon suono
elettrico.
Foto di Ambra Pisano

6 La Chitarra

ROCK GUITAR WORLD

Set-Up della Chitarra


Normalmente, quando si acquista uno strumento nuovo, necessario effettuare delle operazioni di regolazione e taratura che riguardano il manico e le corde. Questa operazione viene detta Set-Up.
Un buon set-up, effettuato con dei buoni criteri, pu accrescere notevolmente le qualit sonore e la suonabilit del vostro strumento. Vediamo quali sono le regolazioni fondamentali per ottenere un buon Set-Up.

-INTONAZIONELe corde devono essere regolate tramite le sellette del ponte, in maniera tale che la loro lunghezza, dal capotasto al
dodicesimo tasto e dal dodicesimo tasto al ponte, sia equivalente.
Tenete in considerazione le differenze di spessore di ogni corda.
N.B. E un operazione da fare solo con corde nuove.

-CAPOTASTOControllate che lo spessore non sia n troppo alto n troppo basso.


Le corde devono scorrere attraverso le scanalature in modo agevole.
Se in prossimit dei primi tasti avvertite ronzii controllate che le scanalature non siano consumate, premete le corde al
terzo tasto e passate al loro interno un pezzetto di carta; controllate che questo passi agevolmente tra il prolo inferiore
della corda ed il primo tasto.
Se la corda tocca il primo tasto sar necessario cambiare il capotasto.

-ACTIONControllate che laction (altezza delle corde dal manico) non sia troppo alta, in questo caso si otterranno delle buone
qualit sonore ma una scarsa suonabilit dello strumento.
Controllate che laction non sia troppo bassa, in questo caso avremo una buona suonabilit dello strumento ma delle
scarse qualit sonore.
La scelta nale di questa regolazione una questione di gusto personale e di comfort.
Trovate un giusto compromesso.

-TRUSS-RODIl Truss-rod una barra di metallo situata allinterno del manico della chitarra.
Esso permette di regolare la tensione del manico col vantaggio di eliminare dalla tastiera i punti morti causati da curvature eccessive del manico.
Controllate che dallinterno del manico non provengano delle vibrazioni, se ci avviene signica che il Truss-rod rotto.
Per controllare se il Truss-rod rotto, fate penzolare la chitarra tenendola dalla paletta e battete con le nocche della
mano su tutto il dorso del manico; in questa maniera avrete modo di sentire se al suo interno c qualcosa che vibra.
Attenzione allacquisto di una chitarra senza tendi manico; controllate molto attentamente che il manico non sia imbarcato (concavo, convesso o imbarcato ad elica); se cos fosse rinunciate, ovviamente, allacquisto.
N.B. Per non correre il rischio di una eccessiva compressione del manico, consigliabile far eseguire questo tipo di
lavoro da un liutaio esperto.

11 La Chitarra

ROCK GUITAR WORLD

FLOYD ROSE SET-UP


Il sistema Floyd Rose raggiunge il massimo successo alla fine degli anni 80 grazie a chitarristi come Van Halen
e Steve Vai che, tramite questo innovativo dispositivo, aprono al mondo Rock un nuovo linguaggio sonoro.
Esso semplicemente un ponte mobile che, fissato allinterno del corpo tramite viti di ancoraggio e bilanciato
dalla tensione delle corde permette, oltre che un ottimo vibrato, anche una notevole escursione delle corde tirate
e quindi delle note suonate.

assetto
Il sistema Floyd Rose raggiunge il massimo della funzionalit solo se ha un buon assetto.
Per assetto si intende la giusta altezza ed il giusto angolo che il ponte assume rispetto al corpo della chitarra.
Per regolare lassetto correttamente, la piastra base del ponte dovr essere parallela al top della chitarra, e non
deve staccarsi da esso pi di 1.5 mm.

Altezza Max
1,5 Millimetri

Per regolare lassetto, utilizzate le chiavi a brugola regolando laltezza dei perni che fissano la piastra al corpo.

13 Floyd Rose Set Up

ROCK GUITAR WORLD

LAMPLIFICATORE
I primi studi sullamplicazione per chitarra iniziarono negli anni 30 ed erano basati sulla tecnologia delle radio e degli
impianti sonori di quel periodo.
Il vero fenomeno di evoluzione degli amplicatori per chitarra cominci negli anni 50 e 60 grazie al Rock n Roll ed al
Beat e continua ancora oggi con lo sviluppo dei pi moderni e sosticati sistemi di amplicazione.
Lamplicatore lo strumento indispensabile per poter udire ci che facciamo con una chitarra elettrica ed il maggior
responsabile del sound del chitarrista.
Incontro molto spesso chitarristi che sanno tutto della loro chitarra e quasi nulla dellamplicatore, nelle scuole in cui
insegno ho potuto constatare che molti dei miei allievi, principianti e non, hanno insufciente conoscenza dellargomento
ed idee molto confuse riguardo la scelta di amplicatori e chitarre e questo, molto spesso, inevitabile causa di cattivi
ed inappropriati acquisti.
Il chitarristi generalmente possiedono due o pi chitarre ma soltanto un amplicatore. Visto che anche gli amplicatori,
come le chitarre, hanno una loro precisa identit e di conseguenza anche un ambiente dove il loro utilizzo pi indicato, sarebbe consigliabile, nanze permettendo, avere a disposizione due o tre tipi differenti di amplicatori da utilizzare
nelle diverse situazioni.
Ricordate che un buon suono lo si trova solo conoscendo bene entrambi gli strumenti e, per utilizzarli al meglio, indispensabile conoscere il loro funzionamento e le differenze tecniche tra i diversi tipi di amplicatori e chitarre che ci sono
oggi in commercio.
Prima di passare alle varie categorie di amplicatori vediamo in quale maniera questi lavorano.

COME L a vora UNAMPLIFICATORE


Gli amplicatori sono composti da due stadi:
1 STADIO DI PREAMPLIFICAZIONE
Innalzamento del segnale in entrata e modica delle qualit tonali (Toni, Gain, etc).
2 STADIO DI AMPLIFICAZIONE
Innalzamento del livello del segnale in arrivo dal preamplicatore no ad uno specico valore volumetrico.

Cabinet
Sinistro
Amp In

Preamplificatore

Finale

Cabinet
Destro

15 LAmplificatore

ROCK GUITAR WORLD

Impostazioni per Amplificatori a tre canali


SUONO
Selezione
canale

GAIN
da 0 a 20

MEDI
da -6 a +6

CLEAR1
CLEAR2

ALTI
da -6 a +6

BASSI
da -6 a +6

12

CRUNCH2
15

LEAD4

-1
5
19

LEAD5

Blues chords
'70 Rock chords

16

-3

LEAD2

Suono pulito Moderno

'80 Hard Rock chords


'80 Heavy Metal chords
Modern chords

LEAD3

16

Suono pulito Jazz solos

LEAD1

Suono pulito Jazz


Suono pulito Vintage

20

RISULTATO
Suono pulito e brillante

CRUNCH4
CRUNCH5

20

CLEAR5

CRUNCH3

1
6

CLEAR4

CRUNCH1

VOLUME
da 0 a 20

15

CLEAR3

PRESENZA
da -6 a +6

17

Blues solos

17

'80 Hard Rock solos

2
1

'70 Rock solos

-3
4

'80 Heavy Metal solos


18

Modern solos

La tabella sopra mostra alcune delle impostazioni di suoni per un amplicatore a tre canali.

IL DISTORSORE
Quando un amplicatore riceve dallo stadio di preamplicazione un segnale troppo potente, il carattere del segnale
cambia. Questo cambio ci che noi chiamiamo distorsione.
La distorsione il pi classico degli interventi sul timbro. Ci sono due tipi di distorsioni del timbro:
lOverdrive e Distortion.
LOverdrive una saturazione naturale del segnale. Si ottiene lavorando con i due controlli principali di guadagno (Gain
e Master) in modo da innalzare il segnale dingresso oltre le capacit dellamplicatore.
La Distorsione vera e propria, invece, il passo successivo. Si tratta di aumentare ancora il livello del segnale in modo
che la forma donda del suono si vada squadrando ulteriormente.
In passato, lunica maniera per ottenere un suono di chitarra distorto era quella di saturare il segnale tenendo il volume
dellamplicatore molto alto; in questa maniera, per, si potevano correre grossi rischi sia per i coni dei diffusori, i quali
essendo spinti sempre al massimo si potevano rompere, che per ludito, data la continua esposizione a volumi troppo
alti.
Grazie alla tecnologia moderna, oggi possiamo ottenere una maggiore quantit di distorsione da un amplicatore tramite dei moduli ausiliari esterni che ci consentono, anche a basso volume, di avere delle distorsioni di alta qualit.
Molti apparecchi di distorsione, oggi, hanno controlli per le regolazioni dei toni e canali separati (Lead-solista, CrunchRitmico, Clear-Accompagnamento pulito).
Ecco qualche suggerimento che vi aiuter ad utilizzare al meglio il Distorsore.
Molti chitarristi tendono ad usare troppa distorsione con il solo risultato di rendere la propria esecuzione confusa.
A volte una distorsione media pu dare grandi risultati (Lavorate sulla vostra tecnica).
Se la vostra distorsione ha poco sustain, provate ad usare un compressore, corde pi spesse oppure dei Pick up diversi.
Se la vostra distorsione risulta povera, poco piena, provate ad usare un Equalizzatore.
Spesso accade che i suoni che vi preparate a casa risultino poi poco efcienti in altri contesti (sala prove studio di registrazione, concerto).
Sperimentate diversi tipi di suono e di distorsioni in modo da trovare quelli adatta per ogni contesto. SPERIMENTATE!

23 LAmplificatore

ROCK GUITAR WORLD

I CONI
Il compito di un altoparlante quello di tradurre lenergia elettrica in energia acustica e per raggiungere tale scopo muove, tramite il cono, laria circostante producendo onde sonore.

7HODLR
0RYLPHQWR
GHOFRQR

3ROR
SRVLWLYR
3ROR
QHJDWLYR
6WUXWWXUD
PDJQHWLFD
SHUPDQHQWH

&RQR

Il Cono
visto in sezione

0DJQHWH

6H]LRQHODWHUDOHGLXQFRQR

Un altoparlante per chitarra costituito da una bobina (magnete cilindrico avvolto da lo di rame sottile), da un cono e
da una struttura magnetica permanente.
La sollecitazione del cono avviene tramite la bobina; questa viene magnetizzata dalla corrente alternata e attratta dalla
struttura magnetica permanente che comincia a vibrare trasmettendo al cono vibrazioni che hanno la stessa frequenza
della nota o delle note eseguite sulla chitarra.
Rispetto ad un normale altoparlante Hi-Fi un altoparlante per chitarra deve sopportare maggiori fatiche.
Lattacco delle note eseguite sullo strumento provocano un picco iniziale non indifferente e sopportare ore ed ore di
lavoro ad alti livelli sonori diventa un compito davvero molto duro.
Per questa ragione i coni per chitarra deve essere rigorosamente di qualit e devono riportare la scritta Heavy Duty
(adatti al lavoro pesante).

-CARATTERISTICHE DEI CONII coni Heavy Duty che si trovano negli amplicatori per chitarra sono di due tipi: cartone leggero e cartone pesante.
In entrambi i casi il cartone deve essere abbastanza poroso, bilanciato e di buon spessore.
Un cono con una normale rigidit offre al suono una migliore risposta ed una minor distorsione sulle basse frequenze
con una risposta abbastanza lineare.
Un cono di cartone molto pressato e rigido offre una migliore risposta alle frequenze acute e necessita di una minor
potenza per essere mosso.
Se siete intenzionati a cambiare il cono ad un Combo, non datevi dellascolto del nuovo cono montato su di un altro
cabinet perch il montaggio dello stesso cono all interno del vostro amplicatore potrebbe dare risultati sonori completamente diversi.
Per quanto riguarda le dimensioni dei coni per chitarra il consiglio quello di non usare coni al di sotto degli 8 Inch
(Pollici) e superiori ai 12 Inch.

-CARATTERISTICHE DEI MAGNETII magneti permanenti pi usati sono quelli Ceramici e quelli Alnico.
La presenza delluno o dellaltro non procura grosse differenze di prestazione.
Per qualcuno un altoparlante con magnete ceramico pu suonare leggermente pi brillante ed aperto.
25 Cabinet

ROCK GUITAR WORLD

COMPRESSORE
I Compressori ed i Limitatori sono effetti che intervengono sul guadagno (ossia il volume).
Il compressore riduce i segnali troppo alti in ingresso, mentre allo stesso tempo innalza il livello
duscita dei segnali troppo deboli: Il risultato nale sar il contenimento delle variazioni di dinamica quindi un suono che
si manterr a livelli costanti.
I limitatori, sempre della famiglia dei compressori, svolgono una funzione ben pi specializzata: i limitatori, infatti, servono ad eliminare i picchi di segnale in ingresso, senza agire sui segnali a bassa dinamica.
Un esempio tipico per far capire come agisce sul suono un compressore questo: suoniamo una nota sulla nostra chitarra, appena sentiamo che la nota suonata si abbassa di volume, alziamo il volume dellamplicatore, gradualmente,
cercando di mantenere la nota sempre ad un volume costante.
La prima sensazione che avremo che la nota duri pi a lungo, mentre, in realt, rimane ad un volume pi alto solamente perch siamo noi ad aiutarla.
Non dimenticate: la durata totale della nota data esclusivamente dalle caratteristiche acustiche del nostro strumento.

Come lavora il Compressore


68212&2035(662

68212121&2035(662



3XQWLG
LQWHUYHQWR
6RJOLD

5LVXOWDWR

GHOVHJQDOH

5LODVFLR


92/80(



6XVWDLQ







7(0326(&21',





7(0326(&21',

In questo graco possiamo vedere come lavora il compressore; mantiene il suono della nota sostenuta per pi tempo,
mentre la durata totale della stessa rimane invariata.

30 Compressore

ROCK GUITAR WORLD

Collegamenti del compressore


Collegamenti per effetti a pedale

Compressore

Distorsore

Equalizzatore

Nel disegno sopra vediamo il collegamento di un compressore a pedale, il punto della catena in cui si dovr collegare
quello tra la chitarra ed il distorsore.
In alcuni casi, anche collegato dopo, il distorsore pu dare buoni risultati. SPERIMENTATE!

Collegamenti per effetti formato RACK

Fig. A

Fig. B

Preamplificatore

Preamplificatore
Out

L Out

return
Send
In

R Out

Compressore

Compressore
Out

R In
In

Amplificatore

Amplificatore

Speaker R Out

L In

Speaker L Out

Speaker

Speaker R Out

Speaker L Out

Speaker

Nei disegni sopra vediamo i collegamenti di un compressore formato RACK.


La gura A mostra il tipico collegamento a cascata (in serie), mentre la gura B illustra il collegamento tra i moduli
tramite le entrate ed uscite SEND - RETURN (in parallelo).

33 Compressore

ROCK GUITAR WORLD

CHORUS, FLANGER, PHASER


I Modulatori
Chorus, Flanger e Phaser sono detti anche Modulatori. Essi agiscono in varie maniere su delle componenti armoniche
speciche del suono.
Questo effetto sdoppia il segnale in ingresso ed altera lievemente lintonazione della copia per poi sommarla nuovamente alloriginale, in questo modo si producono i cosiddetti battimenti, ossia quelle vibrazioni che si vericano tra due
suoni non perfettamente uguali a causa delle differenze di frequenza.

CHORUS
Il Chorus un effetto basato sul ritardo del segnale che lavora tra i 15 ed i 35 millisecondi.
E stato progettato per simulare ci che accade quando due strumenti suonano la stessa parte.
Il Chorus ricrea elettronicamente leffetto Double Tracking, ossia leffetto di sfasamento che si verica quando registriamo due chitarre che eseguono la stessa parte su due tracce differenti.
Il Chorus aggiunge spaziosit e dimensione al suono che diventa pi corposo e ricco, inoltre, leffetto Chorus varia se
viene utilizzato in Mono od in Stereo.
Quando lo si usa in mono, il Chorus produce un suono pi denso, mentre quando lo si usa il stereo, si crea un suono
denso, corposo e leggermente meno scordato.

Controlli principali
Chorus Predelay
Controlla il ritardo iniziale prima della comparsa del segnale di Chorus.
Se viene impostato a valori bassi, questo parametro utile per allargare limmagine stereo di un segnale monofonico.

Chorus Delay
Imposta la quantit di ritardo presente nel Chorus.
Le impostazione variano da 0 a 60 ms (millisecondi).

Chorus Speed ( Rate )


Controlla la velocit della modulazione del Chorus.
Le impostazioni variano da 00,00 a 20,00 Hz (Herz).

Chorus Depth
Imposta la profondit (intensit) del Chorus. Le impostazioni variano da 0,00 a 40,00 ms.

Chorus Waveform
Seleziona il tipo di forma donda che controlla leffetto Chorus.

37 Chorus

ROCK GUITAR WORLD

IL RIVERBERO
L Ambienza o Riverbero viene prodotta quando lenergia sonora viene ripetutamente riessa dagli oggetti e dalle
superci di una stanza.
Luso dei dispositivi di rIverbero reca allascoltatore la sensazione che lesecuzione abbia luogo in un ambiente reale.
Si possono ricreare le stesse caratteristiche di ambienti come piccole stanze, chiese, caverne oppure grandi sale da
concerto.

Come funziona ununita di Riverbero

Esempio di suono percussivo:


Prima che il riverbero di questo suono sia udibile c un ritardo che viene chiamato Pre Delay .
Poi iniziamo a sentire le prime riessioni chiamate Early Reection, dopodich arriva a noi il tempo di riverberazione
(densa), denito come il lasso di tempo impiegato dal riverbero per decadere no alla soglia di udibilit.

Caratteristiche del ri verbero


Il carattere del riverbero dipende principalmente dai modi della formazione e del decadimento delle sue riessioni iniziali.
Queste riessioni (Prime Riessioni/Early Reections) sono brevi treni (sequenze ravvicinate) di riessioni provenienti
dalle pareti pi vicine.
In un ambiente di dimensioni medie, le prime riessioni dirette appaiono solitamente in un intervallo di tempo compreso
tra i 30 ed i 100ms, a seconda delle dimensioni della sala e del posizionamento della sorgente sonora allinterno di
essa.
Laggiunta di queste prime riessioni al segnale riverberato provocher laumento del tempo di riverberazione apparente
e della dimensione apparente dello spazio riverberante. Mentre se il livello delle prime riessioni eccessivo, il riverbero
risulter innaturale.

41 Il Riverbero

ROCK GUITAR WORLD

IL DELAY
Leffetto Delay (ritardo) si crea quando un suono viene riesso da una supercie e viene riportato alle nostre orecchie
sotto forma di copia del suono originale.
Il Tape Delay o Tape Echo era il metodo tradizionalmente usato in studio per produrre leffetto Delay.
Il segnale originale veniva registrato su di un nastro e fatto ripartire leggermente pi tardi su una o pi testine di lettura,
producendo cos una ripetizione singola o multipla del segnale.
Successivamente, si passati ai sistemi analogici (Analog Delay). Essi passavano ripetutamente il segnale lungo una
catena di rigenerazione no a quando se ne aveva bisogno.
I moderni sistemi digitali (Digital Delay) codicano il segnale in forma digitale, lo tengono in memoria no a che non
viene richiamato, quindi lo decodicano.
I sistemi digitali possono offrire la funzione stereo (Stereo Delay) che permette di dividere e posizionare il segnale sul
canale destro e sinistro, oppure di dare limpressione che i segnali rimbalzino da una parte allaltra dei canali (Delay
Panning).

Come lavora il Delay

Controlli Principali
Delay Level
Controlla il livello delleffetto sul segnale originale.

Delay Time
Imposta il tempo di ritardo.

Delay Feedback
Imposta il numero di ripetizioni (in alcuni dispositivi si esprime in percentuale).

Delay Hold
Funzione automatica che consente di avere ripetizioni innite del segnale.

44 Il Delay

ROCK GUITAR WORLD

PITCH SHIFTER
Il Pitch Shifter un dispositivo digitale in grado di creare automaticamente versioni differenti dellintonazione di un suono
ad intervalli ssi.
E possibile spostare lintonazione di un suono partendo da microtoni (effetto Detune), semitoni no ad estensioni di
ottave.
Leffetto Detune simile a quello del Chorus, ad eccezione dellaccordatura che, al posto di venire modulata in continuazione, resta costante.
Leffetto Detune pu essere meglio compreso con questo piccolo esempio.
Immaginate due corde della chitarra accordate in modo quasi identico: ognuna accordata sulla stessa nota, ma ciascuna leggermente scordata rispetto allaltra.
Lintervallo tra le due note piccolo e costante, ma si pu comunque udire un suono leggermente pi ricco e con pi
armoniche.

Controlli principali
Pitch Level
Livello complessivo delleffetto.

Pitch Pre Delay


Imposta il ritardo iniziale prima della comparsa della prima nota prodotta dal Pitch Shifter.
A valori bassi, pu servire ad allargare limmagine stereo di un segnale monofonico.

Pitch Shift Amount


Regola lintervallo tra la nota originale e la nota trasposta prodotta dal Pitch Shifter.
Le impostazioni variano da -24 a +24 semitoni (4 ottave).

Detune Amount
Controlla, nella funzione Detune, la quantit di detuning.
Le impostazioni sono variabili in centesimi di semitono (Cent).

Pitch Regenerate
Controlla la quantit di segnale da inviare nuovamente allingresso del Pitch Shifter stesso.
Valori alti di questa rigenerazione producono interessanti suoni innaturali.

Applicazioni del Pitch Shifter


1 Usando un Pitch Shifter a due voci, regolate la prima voce del Pitchxxx xxx xxx xxx di
xxx xxx xx . Questa impostazione produrr un suono ideale per riff Rock.
2 Per creare un suono tipo Sintetizzatore utilizzate un Pitch Shifter xxxx xxxx xxxx xxxx xxx .
Quinta e la seconda alzata di xxx xxxxx xxx.
3 Per simulare un basso xxx xxx xxx xxx xxx
tava.

xxxx xx x x x x x unot-

4 Effetto Octaver: P. Shifter a due voci con la prima xxx xxx xxx xxx xx ottava.
5 Effetto Detune:xxxx xxxx xxx xxxx xxxx xxxx xxxx xxxx
cent sullaltra, posizionare i due segnali xxx xxx xxx xxx xxx al centro.
6 Nella creazione di armonie, con il Pitch Shifter ad intervallo sso, si ottengono ottimi risultati utilizzando intervalli di
xxx xxx xxx xxx.
7 Effetto 12 corde: alzare il Pitch xxxxxx.
8 Il Pitch Shifter lavora bene anche xxxxxxx.
47 Pitch Shifter

ROCK GUITAR WORLD

COLLEGAMENTO EFFETTI
Abbiamo visto quali sono i vari tipi di effetto, il loro funzionamento e come usarli al meglio delle loro capacit.
Vediamo ora come vanno collegati fra loro.
Esistono diverse losoe sulla scelta delleffettistica: effetti a pedale (comodi da usare ed immediati nellimpostazione
dei parametri), i moduli Rack (pi complessi nella programmazione, ma decisamente pi professionali ed afdabili) e le
pedaliere multieffetto.
Tralasciando le pedaliere multieffetto che non necessitano di particolari collegamenti, vediamo, invece, come vengono
collegati gli effetti a pedale ed i moduli Rack.

Collegamenti per effetti a pedale


Wha
Wha
Dist.

EQ.

Noise
Gate

Chorus
Flanger
Phaser

Delay

Reverb

Il pedale del Wha-Wha viene generalmente collegato prima del Distorsore, anche se, collegandolo dopo, suona bene
lo stesso. SPERIMENTATE!
Dopo il Wha-Wha, potremo collegare un Compressore, poi viene il Distorsore e quindi lEqualizzatore.
A questo punto non resta che collegare il Noise Gate per ridurre i fruscii prodotti dal Distorsore e dal Compressore; ed
il nostro suono fatto.
Una volta ripulito il nostro suono, possiamo aggiungere una modulazione sul segnale (Chorus, Flanger, Phaser) e quindi
un po di Delay ed un po di Riverbero per dare uno sfondo pi naturale alla nostra musica.

50 Collegamento Effetti

ROCK GUITAR WORLD

I MICROFONI
Il compito dei microfoni quello di catturare il suono prodotto da uno strumento o dalla voce umana e di tradurlo
in un tipo di energia che lequipaggiamento poi in grado di riconoscere e riprodurre nuovamente in suono.
I microfoni vengono chiamati anche trasduttori, proprio per questa capacit di trasformare il suono da una forma
denergia allaltra.

Come funziona il microfono


La gran parte dei microfoni definito ad avvolgimento mobile. Il microfono costituito da un magnete permanente ed un diaframma connesso ad un avvolgimento di filo elettrico posto in sospensione all interno del magnete.
Quando le vibrazioni dellaria, prodotte dalla voce, muovono il diaframma, lavvolgimento comincia a muoversi
all interno del magnete riproducendo in maniera identica le stesse vibrazioni del diaframma e quindi le traduce
in segnali elettrici.
Come si pu ben intuire i microfoni lavorano esattamente al contrario dei coni degli speaker.

Capsula interna del microfono

Scelta dei microfoni


La gran parte dei microfoni rientra in due principali categorie: quelli dinamici od elettromagnetici a bobina mobile
e quelli a condensatore. Entrambi hanno qualit ed utilizzi ben distinti.

Microfoni dinamici
I microfoni dinamici o elettromagnetici sono molto apprezzati per le esecuzioni dal vivo e per le esecuzioni in
sala di registrazione mantenendo costi ragionevoli.
I microfoni dinamici sono abbastanza robusti, in grado di sopportare alti livelli di sollecitazione acustica durante
gli spettacoli dal vivo ed il logoramento meccanico conseguente al loro utilizzo in queste condizioni.
I migliori chitarristi usano modelli classici come lo Shure SM57 per il microfonaggio delle cassa sul palco. Mentre
per le voci sul palco sono molto spesso usati lo shure SM57 e SM58.

54 I Microfoni

ROCK GUITAR WORLD

Tecnica dei microfoni


I chitarristi ed i musicisti in genere possono acquisire una buona conoscenza nelluso dei microfoni utilizzando i
vari metodi di posizionamento e di ripresa del suono.
Le caratteristiche di un suono amplificato o registrato pu variare enormemente a seconda della posizione in cui
verranno posti i microfoni di ripresa, in rapporto alla fonte sonora ed alla distanza tra essi.
Se si avvicina o si allontana un microfono dalla fonte sonora, si otterranno variazioni sonore continue e graduali.
Cono

Suono pi grosso:
Enfatizzazione
Frequenze basse

Suono pi bilanciato:
Enfatizzazione
Frequenze Medio-Alte

Suono pi Fine:
Enfatizzazione
Frequenze Alte

Questi metodi di posizionamento sono tre: Posizionamento ambientale, Posizionamento naturale e Posizionamento ravvicinato.

Posizionamento dei microfoni


Posizionamento ambientale
Il posizionamento ambientale si ottiene posizionando i microfoni a distanze superiori ai 3 metri e posizionando i
microfoni su pareti o superfici divisorie nellambiente di ripresa.

Posizionamento naturale
Il posizionamento naturale si ottiene posizionando i microfoni ad una distanza variabile tra i 70 e i 240 cm dalla
cassa.

Posizionamento ravvicinato
Il posizionamento ravvicinato si ottiene posizionando i microfoni ad una distanza massima di circa 30 cm dalla
cassa.

56 I Microfoni

Posizionamento
ravvicinato

Posizionamento
naturale

5/30 cm

70/240 cm

Posizionamento
ambientale

300 cm

ROCK GUITAR WORLD

LIVE & STUDIO


L I vE
La parte pi importante che precede un concerto il Sound Check.
Durante il Sound Check si provveder alla risoluzione di una serie di problematiche come: Lottimizzazione di
ronzii e rumori causati dallimpianto elettrico (lavoro che spetta ai tecnici), la prova dei singoli impianti di ogni
strumento ed alla regolazione di frequenze e volumi, di palco e di sala, di ogni strumento (fonico).
E importante che il Sound Check degli strumenti venga fatto a turno e seguendo un certo ordine.

Sound Check
1 Batteria: Bilanciamento volumi, toni, disposizione stereo dei vari componenti.
2 Basso: Regolazione del volume e dei toni.
3 Tastiere: Prova dei suoni da usare in concerto, regolazione del volume, prova di eventuali sequenze.
4 Chitarra: Prova dei suoni da usare in concerto, regolazione del volume, prova di un eventuale chitarra acustica.
5 Voce e cori: Regolazione del volume, applicazione di effetti, regolazione dei toni.
N.B. Rimanere in silenzio quando non il vostro turno nota di vera professionalit.
Sarete apprezzati dal fonico che potr lavorare meglio e quindi fare delle regolazioni pi precise (ne va della
vostra musica).
Terminate le regolazioni singole di ogni strumento, si proceder al mix generale di tutti gli strumenti.
1
2
3
4
5

Batteria
Batteria
Batteria
Batteria
Batteria

+
+
+
+
+

Basso.
Basso +
Basso +
Basso +
Basso +

Chitarra
Chitarra
Chitarra
Chitarra

(ritmica, solista, acustica).


+ Tastiere (ed eventuali sequenze).
+ Tastiere + Cori.
+ Tastiere + Cori + Voce solista.

studio di registrazione
Riuscire ad ottenere un buon suono di chitarra in studio di registrazione pu rivelarsi, a volte, unodissea.
Passiamo ore ed ore in casa a preparare i nostri suoni e quando in studio, dopo averli registrati, li riascoltiamo,
ci accorgiamo che nel contesto musicale non suonano pi cos brillanti e puliti come avevamo previsto.
Ecco qualche consiglio che vi potr essere utile in fase di registrazione.

Isolare il suono della chitarra


Per fare questo ci sono tre metodi:
Il primo metodo quello di mettere le vostre casse in una stanza separata, in modo da poter alzare il volume
senza che questo rientri nei microfoni degli altri strumenti.
Il secondo metodo si chiama xxxxxxx. Consiste nellxxx xxxx xxx xx xxx xxxxxxx xxxxx xxxxx
posizionandoli xxxx xxxx xxxe, naturalmente, xxxxxx xx xxxxx.
Il terzo metodo quello dixxx xxxxxxxxx xxxxx xxxxx xxxx x. xxxxx xxxx xxxx xxx xxx xxxxxxx Speaker
xxxx xxxx xxx.

58 Live & Studio

ROCK GUITAR WORLD

PARTE 2
LA TECNICA
Warm Up
Plettrata Alternata
Scale
Accordi
I Modi
Tecniche di espressione
Tapping
Sweep Picking
Strings Skipping
Whammy Bar
Creativita
Personal Trainer

60 Parte 2

ROCK GUITAR WORLD

CAPITOLO 1
WARM UP
Indipendenza mano sinistra
Potenziamento mano sinistra
Coordinazione mano destra
Coordinazione Sinistra/Destra
Bendings

PLETTRATA ALTERNATA
Uso del plettro
One string picking
Two strings picking
Sestine
Licks

61 Capitolo 1

ROCK GUITAR WORLD

WARM UP
Introduzione
Il WARM UP (Riscaldamento) la parte pi importante del vostro regime di pratica.
Non provate mai a sforzarvi di suonare velocemente senza aver fatto prima una routine di riscaldamento adeguata.
Suonare forzando i tendini, non d nessun benecio al vostro playing e pu essere causa di inammazioni ed, in alcuni casi, di lesioni gravi ai tendini della mano sinistra.
Tutti gi esercizi di Warm Up che seguono, sono stati scelti in maniera capillare per preparare le vostre articolazioni alla
gran parte dei movimenti base che dovrete affrontare studiando o suonando dal vivo.

Indipendenza mano sinistra


Questi esercizi sviluppano la capacit di indipendenza delle dita della mano sinistra.

Esercizio 1
1

: 44
c

"

"

"

"

&

&

&

B DB B B B DB B DB B B F B B DB F B B B
$

&

'

"

"

etc.

B B DB F B B DB F B B
B DB F B B B DB F B DB
&

B DB B DB B DB B DB B B F B B B B F B B

B
DB DB B DB B
B
B
D
B
B
D
B DB B DB DB B

&

'

'

&

'

&

&

&

etc.

B DB
B
DB B DB DB B
B
D
B
B
D
B
B DB B DB
$

&

'

&

'

&

'

&

'

B DB F B B B DB F B DB
B DB F B DB B DB F B DB
(

'

&

'

&

'

&

'

&

Arrivati al termine dellesercizio, partite dal quinto tasto (sesta corda) e ripetete lo schema no a coprire tutte le posizioni del manico.
La tabella seguente (Tabella dindipendenza) mostra tutti i tipi di diteggiatura che potete applicare mantenendo invariato il modello e lo schema dellesercizio 1.

Tabella
dindipendenza

62 Warm Up

ROCK GUITAR WORLD

Coordinazione Sinistra/Destra
I prossimi cinque esercizi sviluppano la coordinazione tra la mano sinistra e destra, abituano la mano sinistra alle
diteggiature pi frequenti delle scale, e la mano destra alla plettrata delle scale che hanno come schema tre note per
corda.

Esercizio 14
1

4
:4

B
DB DB DB B
B
D
B
B
D
B B DB DB
3

B B DB B B DB B B DB B B DB

"

"

&

"
etc.
1

"

DB

&

"

"

DB

&

&

&

DB

DB

&

Arrivati al termine dellesercizio, partite dal terzo tasto (sesta corda) e ripetete lo schema no a coprire tutte le posizioni del manico.

Esercizio 15
1

: 44

B DB DB B DB DB B F B B B F B B

DB B B
D
B
B
B
D
B DB DB DB B DB
3

c
"

"

"

"

"

"

&

&

etc.

B
&

DB

FB

&

&

DB

&

Arrivati al termine dellesercizio, partite dal terzo tasto (sesta corda) e ripetete lo schema no a coprire tutte le posizioni del manico.
69 Warm Up

ROCK GUITAR WORLD

PLETTRATA ALTERNATA
Uso del Plettro
C chi dice che se vuoi plettrare velocemente devi usare il solo movimento del polso, qualcun altro invece dice che devi
usare il movimento di polso/avambraccio, altri ancora, che se non tieni la mano destra cos o cos non ci riuscirai mai.
In vita mia, credetemi, ne ho sentite tante di....cose strane.
La realt che non esistono delle regole ben precise per riuscire a plettrare velocemente.
La verit che non siamo tutti uguali, anatomicamente parlando, ognuno di noi ha delle sue caratteristiche siche ben
precise, che non permettono di poter denire delle regole assolute sulluso del plettro. Quindi, se avete gi sviluppato
una vostra maniera di plettrare, mantenetela, e sappiate che, con molta probabilit, quella giusta per voi.
A mio avviso, la sola cosa importante che possiate fare, cominciare a capire cosa state facendo, inteso come movimento del plettro ed il perch si arriva a plettrare velocemente.
Perch sappiate, che ognuno di voi ci pu riuscire e non importa il come, ma il perch.
Per cominciare a capire tali concetti, ecco una formula sica che per ci pu venire in aiuto:x= x: x
Dove xxxx xxx xxx xxx xxxxxxx xxxx il tempo.
In pratica, xxxxx xxxx xxxx xxxx xxxx xxxx xxxx xxx x xxxx xxxx xxx, pi sarete veloci
nellesecuzione.
x xxxxx xxxx xxxx xxxx xxx xxx xxx
xx xxxxxx xxxxx xxxxx xxxxxxx xxxxxxxx xxxxx.
Per riuscire ad essere pi veloci, dobbiamoxxxxx xxxxx xxxxxxx , per fare questo dobbiamo per prima cosa:
limitare xxxx xxxxx xxxxx xxxxx xxxxx xxx xxx xxx xxxx xxxxx xxxx xxxx xxxx x tra una plettrata e
la successiva.
Nella gura 1 vediamo xxxx xxxx xxxx xxxx xxxx . Il limite dellarea della plettrata dovr essere di
massimo 2 millimetri, questo perch, xxxxx xxxxx xxxx xxx , meno sar
xxxx xxx xxx xxx xxx xxx xxx xxx xxxxxx xxxxxx xxxxx xxxx xxxx xxxx delle plettrate.
La gura 2 ci mostra xxxx xxxx xxx xxx xxx che stiamo plettrando.
Plettrando lentamente, potete xxxxx xxxxx xxxx xxx , mentre, allaumentare dei BPM (Battiti per
Minuto), lescursionexxxx xxxx xxxx xxx xxx xxx xxxx .

Figura 1

Figura 2

Per iniziare ad entrare nella natura della cosa, applicate tali concetti iniziando a suonare con una corda a vuoto (Mi
cantino). Mentre plettrate, cercate di tenere il plettro xxx xxxx xxxx xxxx xxx, e concentratevi sullidea che la
xxx xxxxx xxxx xxxx , pur muovendosi, xxx xxxx xxxx xxxx xxx xxx.
N.B. Mentre plettrate, mantenete la mano destra rilassata. Se avvertite indolenzimento o bruciore al polso o ai tendini
dellavambraccio, fermatevi immediatamente no alla scomparsa dei dolori.

73 Plettrata Alternata

ROCK GUITAR WORLD

Esercizio 35

B B B B DB B B B B B
B B DB B B B

: 44

"! "$ "# "$

"# "! "#

"!

"!

'

B B B B DB B B B B B B B DB B B B

&

&

&

'

etc.
1

"!

"!

B B B B B B B B

DB

B B B B
(

"#

"!

"#

"!

"$

"#

"!

"#

"!

Esercizio 36

: 44

B B B B DB B B B B B B B B B B B

B B B B DB B B B B B B B B B B B

"( #! "* "( "' "* "( "' "( #! "* "( "' "* "( "'

"( #! "* "( "' "* "( "' "$ "( "' "$ "# "' "$ "#

c
etc.
1

B B B B B B B B B B B B B B B B

DB

B B B A

"!

"$

"#

"!

"#

"!

"!

&

&

&

&

79 Plettrata Alternata

ROCK GUITAR WORLD

Esercizio 37
1

: 44

B B DB
B
B
B
B
B B B
B
B
B
B
B B B B B
6

c
&

&

"!

"!

"!

"#

"$

"!

"#

"$

etc.
1

Esercizio 38

: 44

B B B B B B
B B B B B B
B B B B B B B DB
B DB
6

"&

"$

"#

"&

"$

"#

"#

"!

"#

"!

"!

"!

etc.
4

(
&

'
%

(
&

3
1

3
1

3
1

Esercizio 39

: 44

B
B
B
B
B
B
B
B
B
B
B
B
B
B
B
B
B
B
B
BB
BBB
6

&

&

&

&

"!

* "!

*
(

(
&

3
1

3
1

A
BBBBBB
6

BB BB AA

* "! "#

* "! "#

"# "$ "&

"# "$ "& "(

etc.
1

Esercizio 40

: 44

BBBBBB
BBBBBBBBBBB BBBB
B
BB
6

6
"( "& "$

"( "& "$

"% "# "!

"% "# "!

"# "! *

"# "! *

"! *

6
(

"! *

BBBBBB
A
"! )

"! )

&

etc.
4

80 Plettrata Alternata

ROCK GUITAR WORLD

CAPITOLO 2
SCALE
Introduzione alle scale
La scala Maggiore
La scala Minore
La scala Pentatonicha minore
La scala Blues
La scala Armonica minore
La scala Melodica minore
Le Scale nel Mondo

ACCORDI
Costruzione agli accordi
Siglatura degli accordi
Principi degli accordi in sigla
Tavola Accordi Maggiori
Tavola Accordi Minori

81 Capitolo 2

ROCK GUITAR WORLD

Queste sono le forme principali della scala Maggiore. Memorizzate bene posizioni e diteggiature.
I Forma

II Forma

III Forma

12

15

17

19

21

23

Esercizio 41
I FORMA
1

4
:4
c

&

&

&

&

'

&

etc.
4

Esercizio 42
II FORMA
1

: 64

B B
B
B
B
B
B
B B B
B
B
B
B
B
B B B
3

c
)

"!

"#

"#

"!

"!

"#

"!

"#

"!

"#

"$

"!

"#

"$

etc.
4

Esercizio 43
III FORMA
1

: 54

c
"&

"(

"*

"&

"(

"*

"'

"(

"*

"(

")

#!

"(

"*

#!

etc.
1

83 Scale

ROCK GUITAR WORLD


Queste sono le forme principali della scala Pentatonica minore. Memorizzate bene posizioni e diteggiature.
I Forma

II Forma

12

III Forma

15

17

19

21

23

Esercizio 47
I FORMA
1

6
:4

c
&

&

&

etc.
1

&

&

B
&

Esercizio 48
II FORMA
1

: 54
c

"#

"&

"#

"%

"#

"%

etc.
1

"$

"&

"#

"&

Esercizio 49
III FORMA
1

: 84

c
"(

#!

"(

"*

B
"(

B
"*

"(

"*

#"

#!

##

#!

##

etc.
1

87 Scale

ROCK GUITAR WORLD

Le scale nel mondo


Le diverse culture musicali possono offrire spunti interessanti e sorprendenti per la vostra creativit.
Di seguito, una serie di scale con relativi gradi ed accordi, molto suggestive e particolari.

La scala Enigmatica

Gradi: 1 - b2 - 3 - #4 - #5 - #6 - 7
Accordi Fondamentali: 7+, 7b5, b9

La scala Diminuita

Gradi: 1 - 2 - b3 - 4 - b5 - b6 - 6 - 7
Accordi Fondamentali: dim, 7,

La scala Pelog

Gradi: 1 - b2 - b3 - b4 - 5 - b6
Accordi Fondamentali: Min, Min b6, b6

94 Scale

ROCK GUITAR WORLD

ACCORDI
Si denisce come accordo tre o pi note suonate simultaneamente.
Per formare una triade, e cio un accordo formato da tre note, sar sufciente ricavare il 1 grado, il 3 grado ed il 5
grado da una scala, sia Maggiore che Minore:

Triade Maggiore: 1, 3, 5

Triade Minore: 1, b3, 5

Costruzione agli accordi


Ecco una tabella che pu farvi capire meglio come vengono ricavati i gradi che compongono gli accordi di: 7, 9, 11,
13.

Nella tabella sotto, viene invece mostrato il procedimento per ricavare i Rivolti.

Siglatura degli Accordi


La scrittura in sigla degli accordi offre il vantaggio di individuare subito la nota fondamentale dellaccordo stesso, e cio
rende pi facile e visivamente pi immediata la lettura dello sviluppo armonico del brano.
Il sistema di siglatura degli accordi pu apparire inizialmente complicato, data la grande quantit di accordi possibili.
Con un po di pratica, in breve tempo, acquisirete familiarit con le sigle e riuscirete a trasformare velocemente tutte le
sigle in accordi da suonare.
Cominciate col imparare le sigle degli accordi principali. Per gli accordi pi inconsueti sar utilissimo imparare i principi
basilari degli accordi in sigla (qui di seguito). Tramite essi sarete in grado di decifrare velocemente qualsiasi sigla.

99 Accordi

ROCK GUITAR WORLD

Tavola Accordi Maggiori


C

C4

C5+

C6

C7

C7+

C9

Cdim

DO

REb
DO#

C11

- 32 - 1 -

- 32 - 11

- 4312 -

- 4231 -

- 3241 -

- 32 - - -

- 1 - 242

314 - 2 -

- - 1213

Db

Db4

Db5+

Db6

Db7

Db7+

Db9

Db11

Db dim

- 12341

1 - 2341

- - 4231

- 13 - 21

1 - 3 - 41

143 - - 1

12 - - 31

14 - - - 4

- - 1213

D4

D5+

D6

D7

D7+

D9

D11

Ddim

- - - 121

- - - 122

- - - 231

- - -1-2

- - - 213

- - - 111

- - - 32 -

- - - - 12

- - -1-2

Eb

Eb4

Eb5+

Eb6

Eb7

Eb7+

Eb9

Eb11

Ebdim

RE

MIb
RE#

143121

- 11 - 24

- - 4231

- 13 - 21

- 13141

- 11 - 33

1 - 1324

1 - - 123

- - 1213

E4

E5+

E6

E7

E7+

E9

E11

Edim

- 231 - -

- 123 - -

- 3412 -

- 2314 -

- 2314 -

- 312 - -

1 - 1324

- - -1-3

- 12 - 3 -

F4

F5+

F6

F7

F7+

F9

F11

Fdim

134211

- - 3411

- - 4231

- - - 211

131211

- - 321 -

131214

1 - 1213

- - -1-2

Gb

Gb4

Gb5+

Gb6

Gb7

Gb7+

Gb9

Gb11

Gbdim

134211

- - 3411

- - 4231

- - 1322

13 - 2 - 1

1 - 4321

3412 - 1

111213

- - 1213

G4

G5+

G6

G7

G7+

G9

G11

Gdim

21 - - - 3

32 - - 14

321 - - 4

312 - - -

32 - - - 1

32 - - - 1

13 - 214

3 - - 411

- - 1213

Ab

Ab4

Ab5+

Ab6

Ab7

Ab7+

Ab9

Ab11

Abdim

111213

- - -1-2

MI

FA

SOLb
FA#
SOL

LAb
SOL#

4
134211

4
123411

4
- - 4231

431111

3
131211

4
1 - 4321

- 11112

101 Accordi

ROCK GUITAR WORLD

CAPITOLO 3
I MODI
Introduzione ai Modi
Il colore dei Modi
Brani modali
Sentire i Modi

TECNICHE DI ESPRESSIONE
Bendings
Hammer-on/Pull-off
Muting
Vibrato
Slide
Raking Strings
Armonici Naturali/Artificiali
Auto/Picking Flange
Pick Scrape
Power Slide

TAPPING
Forme Fondamentali
Sviluppo delle forme fondamentali
Scale con il Tapping
Tapping Arpeggio
Tapping Bends/Vibrato/Sweep
Reverse Tapping/Bend
Tapping Harmonics
Tapping Picking
Tapping Pick-Ups

104 Capitolo 3

ROCK GUITAR WORLD

I MODI
Introduzione ai Modi
La scala Maggiore formata da sette gradi. Ciascuno di questi sette gradi pu essere preso come punto di partenza
per altre scale.
Queste scale, ricavate dalla scala Maggiore, sono chiamate Modi e sono denominate con i loro nomi greci classici:
Ionico, Dorico, Frigio, Lidio, Misolidio, Eolio e Locrio.
Questo sistema di classicazione delle scale molto antico e risale al Medioevo.
A quei tempi, la scala Maggiore era semplicemente un modo Ionico. Da questo, levoluzione musicale ci ha portato all
attuale sistema armonico moderno, il Sistema Tonale.
Ricavare i Modi dalla scala Maggiore molto semplice: Partiamo col suonare la scala Maggiore no alla sua ottava
ed abbiamo il modo Ionico. Partiamo ora dal 2 grado della scala Maggiore e suoniamo no allottava del 2 grado ed
otteniamo il modo Dorico e cos via no al 7 grado.

Il colore dei Modi


I Modi sono, per un musicista, come i colori per un pittore.
Questo paragone rende molto bene lidea sulle molteplici possibilit di sfumature che i Modi sono in grado di offrire ad
un musicista.
Ciascun modo ha una sua serie distinta di intervalli ssi e la prima nota della scala fa da Tonica sia per la melodia che
per larmonia.
Ognuna delle sette scale modali ha il suo particolare e riconoscibile suono e colore.

La Ionico: Questa comunemente chiamata scala Maggiore.


Il modo Ionico ha un ordine di intervalli, a partire dalla Tonica, costituito da intervalli maggiori e giusti.
Sonorit/Colore: aperta, brillante, felice.
Accordo Distintivo: La, La Maj7.

La Dorico: 2 grado della scala Maggiore.


Il modo Dorico una scala Minore, simile alla scala Minore naturale
tranne che per il 6 grado, maggiore rispetto la tonica.
Sonorit/Colore: funky, malinconico, dark ma pi aperto rispetto la
scala Minore naturale.
Accordo Distintivo: Lam7, Lam6.

La Frigio: 3 grado della scala Maggiore.


Il modo Frigio una scala Minore, col 2 grado minore.
Sonorit/Colore: spagnoleggiante, misterioso, modo tipico del
Flamenco.
Accordo Distintivo: Lam7, Lam9b.

105 I Modi

ROCK GUITAR WORLD

Brani Modali
Le scale modali vengono utilizzate, pi propriamente, nei brani modali o in contesti armonici non denibili propriamente
tonali.
Mentre nella musica tonale predomina il primo grado della scala, usando i Modi, si evidenzia pi il colore determinato
dallinsieme dei suoni, senza sottolinearne particolarmente nessuno.
Nei brani modali hanno maggior risalto gli accordi contenenti le note caratteristiche del modo che lo deniscono in maniera inequivocabile.
Nelle partiture, i Modi vengono indicati per esteso, mentre le alterazioni vengono messe nel corso del brano o vi pu essere anche unarmatura di chiave allinizio che non deve essere confusa con quella per i tradizionali maggiori o minori.

Sentire i Modi
Uno dei sistemi pi efcaci di sentire e comprendere le varie differenze e sfumature di colore dei Modi quello di suonare lintera scala modale contemporaneamente alla nota principale.
La prima nota di un modo pu essere suonata contemporaneamente a ciascuna delle note della scala e lasciata risuonare secondo i modelli della scala modale.
Questa nota sostenuta viene chiamata nota pedale: essa sostiene le altre note e stabilisce una relazione armonica che
permette di sentire il suono e le caratteristiche melodiche in un contesto.
Lutilizzo della nota pedale d una base ed un senso di continuit e si rivela ideale per le applicazioni musicali sulla
chitarra.
Negli esempi melodici e ritmici qui sotto, la nota pedale viene suonata come sottostante alle note di ciascun modo.

Modo Ionico: I Magg. - IV Magg. - V Magg.


Esercizio 63
1

DDD 4
: 4

BB

B B

B B

P.M.

P.M.
&
'
(

c
!

BB

BB

B B

1
2
3

B B

BB

P.M.

P.M.
(
(
(

&
'
(

3
3
3

BB BB

P.M.
*
*
*

*
*
*

*
*
*

3
3
3

Esercizio 64
1

DDD 4
: 4

let ring
"!

c
!

108 I Modi

B
B

B
B

""

""

B
L

B
B

""
!

""

let ring
""

"$

ROCK GUITAR WORLD

TECNICHE DI ESPRESSIONE
Introduzione
La chitarra uno dei pi potenti strumenti di espressione.
In questa sezione del libro tratteremo le tecniche di espressione, cio tutte quelle tecniche che permettono al chitarrista
di abbellire ed esprimere al meglio i propri fraseggi e quindi la propria musica,
A mio parere, si sentono troppo spesso in giro chitarristi Robotizzati da migliaia di ore passate a studiare fraseggi,
scale, sweep picking. Fin qui nulla da eccepire. Poi per , purtroppo, quando arrivano ad esprimersi, ad esempio tirando
un Bending alla ne di una Mega-scala, si avverte un brivido gelido lungo la schiena, unintonazione penosa che lascia
presumere che l, in quel punto, il bending ci stava solo perch ci doveva essere e non perch dovesse esprimere un
qualsiasi sentimento a conclusione della stupenda Mega-scala.
Ricordate solo questo: la musica unarte che serve ad esprimere, tramite tutti i mezzi che possiamo utilizzare, i nostri
sentimenti e la nostra anima.
Le tecniche di espressione sono uno dei mezzi fondamentali per arrivare a questo. Essi fanno, a volte, la differenza
tra un Mega-virtuoso ed un altro. Sono quei piccoli particolari, quelle piccole sfumature che vi permettono di avere, nel
sound, quel certo non so che, quel piccolo particolare in pi che pu fare la differenza e vi distingue da altri cento
chitarristi come voi.

bendings
I Bendings sono per il chitarrista uno dei pi importanti mezzi di espressione.
Avere padronanza di questa tecnica offre il vantaggio di dare al proprio sound maggiore interpretazione creativa, maggiore uidit e maggiore carica di Feel nei fraseggi.

esecuzione della tecnica


1 Posizionare il 3 dito della mano sinistra al 7 tasto della 3 corda (Sol).
2 Posizionare il 1 e 2 dito della mano sinistra rispettivamente nei tasti 5 e 6 in modo da avere una presa pi salda
che aiuti a tirare la corda con pi forza e precisione.
3 Il pollice della mano sinistra aggancia il manico per dare pi sostegno al movimento delle altre dita.
4 Suonare la nota al 7 tasto e tirare la corda verso lalto, no ad arrivare allintonazione della nota prescelta.
N.B. La 1, 2 e 3 corda vengono tirate verso lalto. La 4, 5 e 6 vengono tirate verso il basso.
Ricordate, sempre, che il pi importante aspetto per ottenere un ottimo Bending la cura estrema dellintonazione.

bending 1/2 Tono


1

: 44

B B DB F B B B

Esercizio 77

&

( ,)-

3
1

112 Tecniche di Espressione

&

1
3

ROCK GUITAR WORLD

ostinati
Gli Ostinati sono patterns ritmici molto usati nel Blues e nel Rock. Questa tecnica racchiude piccoli gruppi di note suonate ciclicamente. Essi possono, poi, essere facilmente inseriti nella creazione di fraseggi pi lunghi e complessi.
1

BBBBBBB

: 44

? ? ?

Esercizio 113

let ring
full

full

full

Esercizio 114

ZZZZZ

Am
1

: 44

B B B B B B B B

let ring
full

full
)

ZZZZZ

full
)

&

3
3

B B B B B B
L

&

let ring
full

&

full
)

BB BB ZZZZZZZZ
BB BB

4
:4

full

ZZZZZ

B
B B B B B B B

ZZZZZ

full

&

,)-

ZZZZZZZZ

? ? ?

Esercizio 115

let ring
full full full

)
(

)
(

)
(

4
3

4
3

4
3

Esercizio 116

BB BB
BB BB B
B B B B B B B DB B F B B B B

Em
1

4
:4

? ?

let ring
full

"&
"%

"&
"%

"#

"%

"# "%

"# "%

"# "$ "% "#

2
4
3

4
3

? ?

let ring
full

full

1 3

124 Tecniche di Espressione

3 1

"%

"&
"&
"%

BB B BBBBB
DB F B B B B =
full

"&
"&
"%

"#

"%

"% "#

"% "#

1
1 3

4
4
3

4
4
3

1 3

"% "$ "# "!

1
3

2
3

"#

"!

"%

1 1
3

ROCK GUITAR WORLD

Armonici naturali
Il suono di una corda che vibra la risultante di un insieme di note contenute allinterno di essa.
Queste note sono chiamate Armonici.
La tecnica per estrarre gli Armonici molto semplice. Facciamo un esempio: suonate la 5 corda (La) a vuoto, subito
dopo o anche simultaneamente, appoggiate delicatamente (senza premere) il 1 o 2 dito in corrispondenza della barretta del 12 tasto, quindi lasciate rapidamente la corda.
Leffetto prodotto da questa tecnica, sul suono pulito, ricorda quello di una campanella, mentre con un suono molto
distorto si possono ottenere effetti incisivi e spettacolari.

Esercizio 142
Em
1

: 44

U U U

U DU U

U U U
U U
U U

"#

Harm.
&

&

&

"#

"#

"#

"#

"#

,"#-

,"#-

Esercizio 143

ZZZZZZZ

Am
1

: 44
c

BB BB BB
BB
B BB BB BB

ZZZZZZZ

#
#
!

&
&
!

1
1

1
1

3
3

BB BB BB
BB
B BB BB BB

ZZZZZZ

Harm.
&

(
(
!

ZZZZZZ

U U U U DU U U

&

&

&

#
#
!

1
1

&
&
!

1
1

U DU U U U U U
Harm.

#
#
!

1
1

&

&

&

Esercizio 144
Em
1

: 44

U U

DU

U U

U U

DU

U
U
U

U
U

Harm.
"#

"#

&

"#
(

"#
2

"#

&

"#

"#

"#
2

"#
2

133 Tecniche di Espressione

ROCK GUITAR WORLD

TAPPING
Introduzione
La tecnica del Tapping, resa famosa negli anni 80 da Edward Van Halen , una delle tecniche chitarristiche pi innovative e spettacolari di questo untimo ventennio.
Le grandi possibilit musicali che questa tecnica offre e la semplicit di esecuzione hanno fatto si che il Tapping diventasse una delle tecniche pi diffuse tra i chitarristi Rock.
Grazie a questa tecnica (con un p di impegno), saremo in grado di fare cose che con una normale tecnica del plettro
non sarebbero possibili.

esecuzione della tecnica


Esempio con Esercizio 157
1 Posizionare la mano destra parallela al manico della chitarra con il palmo rivolto verso le corde.
2 Posizionare il dito medio della mano destra in prossimit del tasto da suonare (sul tabulato e indicato con una T).
3 Posizionare le dita della mano sinistra (vedi diteggiatura) in prossimit dei tasti da suonare (vedi Tabulato).
4 Con la mano destra, colpire con decisione la nota del tasto prescelto, facendola suonare in modo chiaro.
5 Rilasciare la nota spingendo il dito al di fuori delle corde, facendo cos suonare la nota al 5 tasto sulla 1 corda.
6 Successivamente, percuotere (Hammer-on) con il mignolo l 8 tasto sulla 1 corda.
7 Continuate a suonare queste tre note in successione, seguendo le indicazioni del tabulato.

forme fondamentali
Le forme cicliche del Tapping sono due. Come potete notare negli esercizi 157 e 158 le note da suonare sono sempre
le stesse, cambia solo lordine in cui vengono suonate e quindi la diteggiatura.

Esercizio 157

Am
1

4
:4

"#

&

"#

&

"#

&

"#

&

Esercizio 158

Am
1

: 44

"#

&

"#

&

"#

&

"#

&

139 Tapping

ROCK GUITAR WORLD


Possiamo usare la tecnica del Tapping anche per avere una nota pedale, come nellesercizio 171.

Esercizio 171

B DB B B B B B B B B B B B B B B

BBBBBBBBB BBB B
B
B B

"& "% "& "% "& "# "& "! "& "# "& "! "&

"& "!

"&

"&

"&

"&

"&

&

"&

"&

&

"&

G
1

4
:4
c

B DB B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B
B
B B A
G

"& "% "& "% "& "# "& "! "& "# "& "! "& ) "& "!

"& ) "& ( "& ) "& ( "&

& "& ( "& & "& $

Scale con il Tapping


Il Tapping anche una buona tecnica per dare fluidit alle scale.

Esercizio 172

B B B B B B
B B B B B B

Am
1

4
:4
c

"(

146 Tapping

"&

"$

"(

"&

"$

"%

"#

"!

"%

"#

"!

B B B B B B
A
3

"#

"!

"#

"!

ROCK GUITAR WORLD

CAPITOLO 4
SWEEP PICKING
Esecuzione della tecnica
Triadi
Arpeggi dalla 4 Corda
Arpeggi dalla 5 Corda
Arpeggi Modali
Arpeggi dalla 6 Corda

STRINGS SKIPPING
Strings Skipping Scales
Strings Skipping Arpeggios

157 Capitolo 4

ROCK GUITAR WORLD

SWEEP PICKING
introduzione
La tecnica dello Sweep Picking (Plettrata Spazzolata) un particolare tipo di plettrata, usata principalmente per
suonare gli arpeggi e tutti quei fraseggi in cui ci si trova a suonare una sequenza di note, disposte ognuna su di
una singola corda.
Resa famosa da Yngwie Malmsteen negli anni 80, questa tecnica si rivelata un potentissimo mezzo per suonare licks ed arpeggi a velocit altrimenti impossibili.
Ci sono due punti importanti da ricordare durante lesecuzione dello Sweep Picking:
1 La plettrata deve essere eseguita in un unico movimento fluido.
2 Lo Sweep picking non deve suonare come un accordo, ma come una sequenza di singole note.

Esecuzione della tecnica


Il punto focale dello Sweep Picking la coordinazione tra mano sinistra e mano destra.
1 La mano sinistra dovr suonare la sequenza di note come fosse un accordo, ma senza lasciarle risuonare.
Per fare ci dovrete: plettrare le note e immediatamente rilasciare la corda della nota suonata dalla mano sinistra, aiutatevi stoppando le corde con la mano destra, appoggiando il palmo leggermente su di esse.
2 La mano destra dovr seguire le note suonate dalla mano sinistra plettrando, o meglio, spazzolando le corde
verso il basso e verso lalto con fluidit e scioltezza. Per far ci, mantenete il polso della mano destra rilassato
e concentratevi nellarticolare e sincronizzare i movimenti di entrambe le mani.
N.B. Prestate estrema attenzione alla pulizia delle note che devono suonare chiare e staccate luna dallaltra.

I prossimi quattro esercizi offrono un valido aiuto per prendere confidenza con i movimenti di questa tecnica.

Esercizio 198
1

4
:4

B B B DB DB DB B B B B DB F B DB B DB B DB B DB B DB F B B F B

B DB DB DB B B B DB F B DB B DB
"

3
#

&

&

&

'

'

'
(

3
(

)
*

3
*

"!

"!

"!
""

""

""

"#

"#

3
"!
"$

etc.
1

DB

B DB F B DB F B B F B B DB DB DB B B B DB B DB F B DB F B DB F B
B B DB DB B B B A

3
*

"!

)
""

(
"!

3
'
*

&
)

'

3
%
(

&

3
$
'

3
#
&

3
"
%

3
"
$

158 Sweep Picking

""

"#

ROCK GUITAR WORLD

licks Arpeggi ( 6c )
Esercizio 241

A
B
B
B

Am

: 44

BB

B BB

B BB A

BB

Em

A
B
B
BB

B B B B BB A

full

c
"(

"*

"*

"( #!

"(

"(

"*

"(

full

#! ,##-

#!
( "!

( "!

"! ,"#-

"!

4
1 3

3 1

1 1

3 3

2 1

Esercizio 242

BBBBB B
B
B
B
B
B
B B B B B B BD
D
B
B
B
B DB B B B B B

Am
1

B B
: 44 B B BM B B B B B DB

? ?

full

full

( ,*- ( ,*-

( &

( &

1
3

==
=

( & %

% ( % (

1
3

& ) & )

4 1 4
1

' * ' *

4 1 4
1

( "! (

"!

4 1

4 1 4
1

* "# * "#

"! "$ "! "$ "! "#

4 1 4

!
"
#
#
!

4 1 4 4
1

1
3
2

Esercizio 243
Am

: 44

B BB
B
B
B
BBB
B
B
B
BB
B
B
B
3

c
&

&

&

4
1

&

1
3

176 Sweep Picking

"& "#

4
4

"#

B BB
B
B
B
BBB
B
B
B
BB
BBB
3

"#

"%

"%

"& "#

"# "&

"%

"%

"#

"#

"& "# "& #! "(

4
1

1
3

4
4

"(

"(

"*

"*

#! "(

1
1

ROCK GUITAR WORLD

STRINGS SKIPPING
introduzione
Lo Strings Skipping un mix di tecniche che unisce note plettrate, note legate e salti di corda.
Questa tecnica, che pu essere ascoltata in grande abbondanza nei dischi di Paul Gilbert (Mr. Big), pu essere
applicata a scale ed arpeggi e, oltre a creare un tipo di sound molto particolare e distintivo, semplifica alcuni tipi
di fraseggi altrimenti impossibili con le normali tecniche di plettrata.

Strings skipping scales


Esercizio 246

BB
B
B
B
B
B
B
B
BB BB
BB
B

BB
ZZZZZZZZZZ
BBB
B
B
B
BB B
BBBB
B =

Em7
1

: 44

( "! (

ZZZZZZZZZZ

( "!

( "!

( "! (

"! ( "!

3
4

"! ( "!

1
3

"! ( "!

Esercizio 247
Am
1

: 44

ZZZZZZZZZ
B
B
B
B
=
DB F B B
BBBBBBBBBBBBB BBBB
3

B B

ZZZZZZZZZ

full

&
&

&

&

&

&

&

&

&

&
(

&

&
)

&

Esercizio 248

B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B

Am
1

: 44

&

'

&

&

178 Strings Skipping

&

&

6
&

&

3
1

&

&
(

&

4
1

6
&
(

&

ROCK GUITAR WORLD

Strings skipping arpeggios


Lesercizio 252 un arpeggio in Mi Maggiore con la tonica di partenza sulla 4 corda.

Esercizio 252
E
1

4
:4

DB

DB

"#

"$

"%

"'

"#

"'

"'

4
2

"$

Lesercizio 253 un arpeggio in Mi Maggiore con la tonica di partenza sulla 5 corda.

Esercizio 253

: 44

DB

DB

&

'

&

4
2

'

Lesercizio 254 un arpeggio in Mi Maggiore con la tonica di partenza sulla 6 corda.

Esercizio 254
E
1

4
:4

DB

DB

B
"#

"%
"#

"$

DB

"'

"'

"'

180 Strings Skipping

4
2

1
1

"#
"$

"%

"'
4

"'

"#

1
4

ROCK GUITAR WORLD

CAPITOLO 5
WHAMMY BAR
Dipping Bar
Shaking Bar
Dive Bomb
Over-Pull Bar
Reverse Dipping Bar
Flickering

CREATIVITA
Ispirazione
Uso del Registratore
Improvvisazione
Costruzione degli Assoli
Esercitazioni Creative

PERSONAL TRAINER
Warm Up Light
Warm Up Standard
Metodo di studio Small
Metodo di studio Medium
Metodo di studio Large
Metodo di studio Professional

184 Capitolo 5

ROCK GUITAR WORLD

WHAMMY BAR
introduzione
La leva del tremolo, chiamata anche Whammy Bar, Tremolo Bar o Vibrato Bar, offre una serie di effetti veramente
unici e spettacolari.
Chitarristi come Edward Van Halen, Joe Satriani e Steve Vai hanno sperimentato ogni aspetto di questa tecnica
fino a far diventare luso della leva una parte essenziale e determinante del loro stile musicale.
Grazie a loro, il linguaggio musicale della musica Rock, Hard Rock ed Heavy Metal ha potuto trovare nuove
forme e nuove formule di espressione.
Vediamo ora quali tecniche ed effetti possibile ottenere con la Leva del vibrato.

dipping bar
La tecnica Dipping Bar consiste nelleffettuare una leggera depressione della leva prima o dopo le note o gli
accordi da suonare.
Ascoltate e memorizzate leffetto prodotto da questa tecnica, e applicatela al vostro playing cercando di sviluppare dei vostri Licks.

Esercizio 263

: 44
c

E5

==
=

Dipping

Dipping

Dipping

Dipping

#
#
!
2
1

Esercizio 264

Am
1

: 44

B B B B B B B B B B B B
Dipping

&

Dipping

Dipping

&

&

&

&

&

&

&

B B B B B B B B

=ZZZZZZZZZZZZ
ZZZZZZZZZZZZ

Dip

Dip

Dip

Dip

Dip

Dip

Dip

Dip

Dip

&

"#

"#

"%

185 Whammy Bar

ROCK GUITAR WORLD

flickering
La tecnica Flickering consiste nel suonare una nota, tirare la leva allindietro e successivamente rilasciarla
facendola tornare in posizione di partenza, senza riaccompagnarla, ma sfruttando il richiamo automatico delle
molle.
In tal modo, il rilascio improvviso provocher la vibrazione del ponte per qualche instante producendo, come
effetto sulla nota, un suono tremolante.

Esercizio 277

: 44

B
Flick

B
Flick

B
Flick

Flick

&

&

Esercizio 278

B B B B B B B B

Em
1

4
:4

B B B B B B B B

Flick
"&

full
"#

"&

"#

c
1

"&

"#

"&

"#

"%

"#

"%

"#

"%

"#

"%

"#

"%

Esercizio 279

: 44

B B B B B B B B

Em

B B B B B B B B

Flick

"#

"%

"%

"%

"#

"#

"#

"#

"#

"%

"%

"%

"#

"#

"#

"%

"#

Uso del Tapping, Sweep Picking e Whammy Bar, brano di riferimento:


SYNERGY (DVD - Brani Extra).
190 Whammy Bar

ROCK GUITAR WORLD

PERSONAL TRAINER
introduzione
Questa sezione del libro chiamata PERSONAL TRAINER dedicata a chi vuole seguire un programma di apprendimento basato sugli esercizi di questo libro o in abbinamento ad esercizi di altri libri.
Nelle pagine seguenti troverete programmi di WARM-UP e di STUDIO divisi in tempi diversi, cosicch possiate
scegliere quale di questi si adatta meglio al tempo giornaliero che avete a disposizione.

come studiare
1) Partite sempre suonando lentamente e cercate di non fare errori.
Ricordate che il vostro cervello, xxxxxxxxx xxxx xxx , assimila inconsciamente
una certaxxxxx xxxx xxx xxdelle dita come: xxxxxxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxx xxxxx xxxxx xx xxxxx xxxx
sibilit,xxxxxxxxxx xxxxx , etc.
Se xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx xxxxxxxxxx xxxx x x xxx xxxx
di voi come informazioni giuste e quindi il vostro xxxxxxxxxxxxxxx, mentre suonate, in maniera
xxxxxx xxxx. Imparando gli esercizi suonandolixxxxxxxx xxxxx xxxxx.
2) Concentratevi xxxxx xxxxx : ogni esercizio focalizzaxxxxx xxxx xxxxxxo di una certa xxxxxxx xxxxx
3) Isolate le xxxxxxx: se un esercizio xxxxxxxx, cercate di xxxxxx dove risiede la xxxxxxx, xxxxxx e
concentratevi si di essa fino axxxxxxxxxxx.
4) Create xxxxxxx: una volta compresa xxxxxx, xxxxxxxxx creando dei vostri xxxxxxxxxxxxxxxxx o dei
vostri xxxxxxxxxxxxx.

uso del metronomo


Esistono diversi modi di utilizzo del metronomo. Quello che io prediligo e che mi ha sempre dato i risultati migliori
ci che io chiamo: Duexxxxxxxxxxxxx- Un xxxxxxxxxx.
Ecco in cosa consiste:
1) Scegliete lesercizio da imparare o migliorare.
2) Impostate il metronomo su xxxxxxxxx xxxxx, per esempio xx BPM, e xxxxxxxx un
numero di ripetizioni xxxxxx , ad esempio xx xxxxxxxxxxxxxxxxxx, su cui esercitarvi.
3) Terminate le ripetizioni dell esercizio, xxxxxxxxxxxx xx xxxx, quindi andiamo a xxx xxxxxxxxxxxxxxxx
BPM e, mantenendo invariato il numero di ripetizioni, vi eserciterete impegnandovi a mantenere xxxxxxxxxxxx
dello stesso pi xxxxxxxx e precisaxxxxxxx
4) Terminato questo ciclo di ripetizioni, impostate il metronomo xxxx xxx xxxx, quindi andiamo a xx BPM.
5) Ripetete i punti 3 e 4 finoxxxxxxx xxxxxxxxx xxxx xxxxx lesercizio il pi pulito e preciso
possibile.
Una volta finito di esercitarvi, xxxx xxxxx xxxx xxxx xxx, ogni volta che xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxriprenderete gli stessi esercizi, cercate di xxxxx xxxx xxxx xxxx xxxx xxxx che avete raggiunto.

obietti vi
Per dare un senso ed una giusta motivazione alle ore passate a studiare dovete porvi degli obiettivi.
Questa una delle cose pi utili ed intelligenti che possiate fare.
Potete scegliere tra obiettivi a breve termine o a lungo termine.
Un obiettivo a breve termine pu essere ad esempio xxxxx xxxxxxx xxx xxx xxx xxx
(da xxx BPM in poi) in un periodo minimo xxx xxx xxx xxx.
Un obiettivo a lungo termine pu essere, per esempio, xxxx xxxx xxxx xxx xxxxx xxxxx attraverso una
difficile xxxxx xxxx xxx di accordi.
La cosa pi importante che dovrete tenere in considerazione, una volta fissato un obiettivo, cercare di mantenerlo per il tempo (giorni,settimane, mesi) da voi prestabilito.

196 Personal Trainer

ROCK GUITAR WORLD

WARM - UP ( Light )
Preparazione

Tempo di esecuzione: +/- 15 Minuti

Pre-studio (Fast) - Live Performance

Ripetizioni singolo esercizio : 1 Volta


BPM singolo esercizio : 100

Mano Sinistra
INDIPENDENZA
1) Esercizio 1: Cromatico 1234/4321 ( Tutto il Manico ).
2) Esercizio 2: Cromatico 1324/4231 ( Tutto il Manico ).
3) Esercizio 3, 4: Cromatico Diagonale ( Tutto il Manico ).

POTENZIAMENTO
1) Esercizio 5: PentaTrills.
Tonalit di partenza: Sol - Si - Mi - La
2) Esercizio 6: One string Trills ( Tutte le corde ).
3) Esercizio 7: Killer Trills ( Tutte le corde ).

Mano DESTRA
COORDINAZIONE
1) Esercizio 8: Plettrata Alternata ( Tutte la corde ).
2) Esercizio 9, 10, 11, 12, 13: Plettrata Meccanica.
Tonalit di partenza: Sol - Si - Mi - La

Mano sinistra/DESTRA
COORDINAZIONE
1) Esercizio 14, 15, 16, 17, 18: Plettrata Alternata ( Tutto il manico ).

INTONAZIONE
BENDINGS
2) Esercizio 19, 20, 21: Bendings.

197 Personal Trainer

ROCK GUITAR WORLD

Metodi di Studio
studio Fast
Indicato per coloro che non hanno molto tempo a disposizione: Studenti sotto esami, Professionisti a tempo
pieno etc.

Prima settimana
Luned

Marted

Mercoled

Gioved

Venerd

Sabato

Warm Up

Warm Up

Warm Up

Warm Up

Warm Up

Warm Up

Tecniche di
espressione

Plettrata Alternata

Scale

I Modi

Sweep Picking

Seconda settimana
Luned

Marted

Mercoled

Gioved

Venerd

Sabato

Warm Up

Warm Up

Warm Up

Warm Up

Warm Up

Warm Up

Tecniche di
espressione

Tapping

Accordi

Strings Skipping

Whammy Bar

Planning Giornaliero:
30 minuti - Warm Up Light (2 Volte).
60 minuti - Argomento del giorno.
TOT. TEMPO = 1 ora e 30 minuti.

199 Personal Trainer

ROCK GUITAR WORLD

APPENDICE
CONCLUSIONI
Sul Suono
Sulla Tecnica

RINGRAZIAMENTI
CONTENUTI DEL DVD
BIBLIOGRAFIA CONSIGLIATA
Sul Suono e gli Effetti
Sulla Tecnica

OFFICIAL SPONSORS

204 Appendice

ROCK GUITAR WORLD

CONTENUTI DEL DVD


DVD MENU
PLAY ALL: Visualizza tutti i video.
TUNING: Accordatura della chitarra.
INDICE ESERCIZI: Tutti gli esercizi (279) divisi per capitoli.
BRANI MODALI: Video brani sui Modi.
BRANI EXTRA: Video brani sullutilizzo delle tecniche.
LAUTORE: Biografia.

strumenti usati
VIDEO ESERCIZI:
Chitarre: Washburn (Modelli: x40pro, WI66, WI26, PILSEN series).
Amplificazione: Randall V2.
Effetti: G-Major T.C. Electronic.
VIDEO BRANI (Brani Modali - Brani Extra):
Chitarre: Brian moore I1f.
Amplificazione: Marshall Preamp JMP1 - Marshall 20/20 Power Amp.
Effetti: G-Major T.C. Electronic.

soundtracks
BRANI CONTENUTI NEL DVD:
AUDIO MENU:
Main Menu: DIGITAL ANGER
Indice Esercizi: NO QUESTION
Brani Modali. 420
Brani Extra: SYNERGY
Lautore: INFINITY
AUDIO PAGINE ARGOMENTI:
Warm Up: IM READY TO ROCK!
Plettrata Alternata: MIDNIGHT BLUES
Scale: NEMESY
I Modi: AURORA
Tecniche di Espressione - Bendings: BLUES RIVER
Tapping: TAP IT!
Sweep Picking: LITTLE ANGEL
Strings Skipping: A.L.I.C.E.
Whammy Bar: BLOW YOUR MIND

Idealizzazione, Realizzazione Grafica e Design di Fabio Carraffa.


Musiche scritte, arrangiate, prodotte e suonate da Fabio Carraffa.
207 Appendice

ROCK GUITAR WORLD

OFFICIAL SPONSORS
MASTER
MUSIC:
Chitarre: WASHBURN
Amplicatori: RANDALL
www.master-music.it
www.washburn.com
www.randallampliers.com

CARISCH:
Chitarre:
DUESENBERG
Corde:
LABELLA
www.carisch.it
www.carisch.com
www.duesenberg.de
www.labella.com

EKO MUSIC
GROUP:
Amplicatori: MARSHALL
www.ekomusicgroup.com
www.marshallamps.com

209 Appendice