Sei sulla pagina 1di 15

SILVANO PIROTTA

PREISTORIA E PROTOSTORIA NELLA MARTESANA

2010

Storia in Martesana - N 4 - 2010


________________________________________________________________________________

INTRODUZIONE
Prima di entrare nel merito delle tracce pi antiche lasciate sul nostro territorio dagli uomini che ci
hanno preceduto in tempi cos lontani, bene focalizzare lattenzione su alcuni aspetti basilari
relativi a quelle epoche remote e fare alcune considerazioni, dal momento che si tratta di periodi
cos poco conosciuti e di durata cos lunga che non per nulla facile apprezzare in pieno la loro
profondit temporale.
Se dovessimo considerare come epoca storica tutto il periodo compreso tra i primi regni dellantico
Egitto e la nostra epoca attuale, potremmo facilmente esprimere questarco di tempo in termini di
generazioni umane e, ipotizzando una media di quattro generazioni per secolo1, immediato
rendersi conto che ci separano soltanto 200 generazioni circa dai primi uomini che iniziarono a
vivere nellepoca che definiamo storica - pi o meno 5000 anni fa - sulle sponde del Nilo e solo
unottantina di generazioni ci separano dai nostri antenati che vissero allepoca della nascita di
Cristo.
Cerchiamo ora di esprimere, sempre in termini di generazioni umane, il periodo preistorico: se
anche ci limitassimo allepoca in cui luomo ha cominciato a popolare lEuropa, circa un milione di
anni fa2, dovremmo considerare almeno 40 mila generazioni umane che ci hanno preceduto e che
hanno trascorso la loro vita percorrendo in lungo e in largo i nostri territori3. Il rapporto tra il
numero di generazioni preistoriche e il numero di quelle storiche pende spaventosamente a favore
delle prime, tanto che levoluzione biologica, che ha bisogno di intervalli di tempo lunghissimi per
portare a termine gli adattamenti del nostro corpo nei confronti dellambiente che ci circonda, ha
avuto tutto il tempo necessario per agire e, oggi, le nostre caratteristiche fisiche - quali la postura
eretta e la capacit cranica di circa 1400 cm cubici - ci vengono elargite da madre natura in maniera
del tutto automatica, quando nasciamo.
Le 200 generazioni storiche che ci hanno appena preceduto, invece, sono decisamente troppo poche
in termini evolutivi e la nostra evoluzione culturale stata troppo rapida. Il risultato che, a
differenza delle caratteristiche fisiche che abbiamo ereditato gratuitamente dai nostri genitori in
virt dellevoluzione biologica, il nostro sapere e le nostre conoscenze, che abbiamo accumulato
con tanto sacrificio individuale, non possono in alcun modo essere trasmessi direttamente ai nostri
figli e ai nostri nipoti, i quali dovranno ricominciare sempre daccapo - partendo dalle scuole
elementari - per apprendere tutto ci che i loro genitori avevano gi assimilato in anni e anni di
studio. Lultima nata, poi, levoluzione tecnologica, ha una velocit che addirittura sbalorditiva,
tanto da sfuggirci di mano senza riuscire a tenerne il passo, al punto che noi stessi siamo gi
rassegnati al fatto che, certamente, non riusciremo ad apprezzare e a usare i sofisticati marchingegni
elettronici che utilizzeranno i nostri figli e i nostri nipoti, cos come i nostri nonni - ma anche i
nostri genitori - non sarebbero stati in grado di apprezzare e di utilizzare i moderni PC, che noi,
invece, usiamo con tanta sicurezza e con tanta disinvoltura nello svolgimento delle nostre attivit
quotidiane.
Unulteriore complicazione che sorge allorch si parli delle lontane epoche passate la definizione
dei limiti che servono per creare le suddivisioni temporali. Il fatto che i geologi parlano sempre in
termini di ere geologiche, gli antropologi di ominazione e di culture, gli archeozoologi di
associazioni faunistiche, i climatologi di glaciazioni (con nomi diversi in relazione al fatto che si
tratti di cronologia alpina oppure di quella del Nord Europa o di quella del Nord America...) e cos
via.

Si sta ipotizzando un cambio di generazione ogni 25 anni; in epoche antiche, lintervallo era sicuramente minore.
I siti archeologici presenti in Europa con le datazioni pi antiche di resti o manufatti umani sono: Atapuerca in Spagna
(Homo antecessor, circa 900 mila anni, ma anche il cranio di Ceprano (Frosinone) datato, allincirca, alla stessa
epoca) e la cava Pirro Nord, in Puglia, con manufatti litici che risalgono a 1,3 milioni di anni fa.
3
Se dovessimo considerare il genere Homo in senso lato, comparso circa 2,5 milioni di anni fa in Africa, allora ci
separano almeno 100 mila generazioni umane.
2

________________________________________________________________________________
2

Storia in Martesana - N 4 - 2010


________________________________________________________________________________

Ne discende, quindi, che i limiti temporali usati nelle varie discipline sono diversi tra di loro, perch
diversi saranno, ovviamente, i fenomeni considerati nello stabilire i momenti in cui un grande
cambiamento o un evento particolare stato usato come paletto di riferimento per stabilire il
confine tra una suddivisione temporale e laltra, nelle varie discipline.
Vengono riportate qui di seguito due tavole sinottiche - la prima copre tutto il periodo del genere
Homo (2,5 milioni di anni), la seconda limitata agli ultimi 100 mila anni - in cui si possano
facilmente e velocemente confrontare le principali divisioni temporali usate nelle diverse discipline.
Le prime 4 colonne da sinistra rappresentano: la definizione geologica; le migliaia di anni prima del
presente; la polarit del campo magnetico terrestre e le relative inversioni; il rapporto tra gli isotopi
dellossigeno (O16 pi leggero e O18 pi pesante) legato alle variazioni delle temperature medie
globali della Terra.

________________________________________________________________________________
3

Storia in Martesana - N 4 - 2010


________________________________________________________________________________

Tabelle 1 - 2
Le due tabelle sono tratte dalle dispense delle lezioni di Paleontologia umana e
Paleoantropologia, relative al corso di laurea specialistica in Scienze Preistoriche
dellUniversit di Ferrara

Tornando alla definizione di epoca storica che stata data sopra, ossia a partire dai primi regni
dellantico Egitto, va notato che nel nostro territorio, a quella data, eravamo a cavallo tra il periodo
preistorico e quello protostorico, questultimo convenzionalmente fissato con linizio dellet del
________________________________________________________________________________
4

Storia in Martesana - N 4 - 2010


________________________________________________________________________________

Bronzo (2300 a.C. circa), fino a coprire tutta let del Ferro. A sua volta, questultima et tipicamente divisa in prima e seconda et del Ferro - a differenza di altre zone dItalia, da noi
terminer piuttosto tardi e un buon limite di riferimento convenzionale pu essere la concessione
della cittadinanza romana agli abitanti della Cisalpina, nel 49 a.C., allepoca di Giulio Cesare,
oppure la data stessa della nascita di Cristo (-1 a.C., sotto limperatore Augusto).
Nei secoli precedenti a quella data, mentre lItalia centrale aveva visto il fiorire e il decadere della
raffinata civilt etrusca, da noi si erano verificate le invasioni galliche - in genere pacifiche, poich
vi era gi un sostrato di popolazione affine, della stessa matrice - e le popolazioni protoceltiche
stanziate sul nostro territorio vivevano il primo periodo dellet del Ferro, noto con il nome di
cultura di Golasecca (paese situato lungo il fiume Ticino, subito dopo lo sbocco dal lago Maggiore),
nonch la seconda et del Ferro, a partire dalle invasioni del IV sec. a.C. documentate dagli storici
romani, nota con il nome di cultura di La Tne, dallomonimo villaggio svizzero situato sulle
sponde del lago di Neuchtel.

I REPERTI ARCHEOLOGICI SI CONSERVANO SOLO IN AMBIENTI PARTICOLARI


La Pianura Padana di una decina di migliaia di anni fa era profondamente diversa da quella che
conosciamo oggi, con la campagna cos ben curata, cos ben livellata e cos ben coltivata che,
appezzamento dopo appezzamento, si perde a vista docchio. I fiumi e i torrenti, durante le piene
stagionali, scorrevano in modo irruento in mezzo ai vasti boschi di latifoglie che la ricoprivano,
mentre la caccia e la raccolta di frutti, bacche e radici selvatiche costituivano la principale risorsa
alimentare per i cacciatori del Paleolitico superiore e del Mesolitico.
Il nostro territorio non era un ambiente molto ospitale e, probabilmente, i cacciatori / raccoglitori
vivevano, grosso modo, come gli Indiani delle grandi praterie del Nord America nei secoli scorsi:
accampamenti temporanei costituiti da capanne erette provvisoriamente in piccole radure possibilmente in prossimit dei corsi dacqua dove gli animali dovevano abbeverarsi - ma
facilmente rimovibili, in modo da poter seguire le cicliche migrazioni stagionali delle grandi
mandrie di erbivori (bisonte europeo, uro selvatico, cervidi ecc.), che costituivano le loro prede
preferite.

Fig. 1. Esempio di capanna dei cacciatori del Paleolitico superiore


(Figura tratta dalle dispense delle lezioni di Cronologia e Culture del Paleolitico superiore e del
Mesolitico, relative al corso di laurea specialistica in Scienze Preistoriche dellUniversit di Ferrara)

________________________________________________________________________________
5

Storia in Martesana - N 4 - 2010


________________________________________________________________________________

Simili ripari, per, difficilmente riescono a lasciare delle tracce o delle evidenze, con il trascorrere
degli anni e dei secoli, una volta che luomo - magari dopo una sola stagione di utilizzo - abbia
abbandonato il luogo. La natura, in men che non si dica, si riappropria del territorio, cancellando
velocemente i segni di simili strutture e perfino le carcasse degli animali e di tutti gli esseri viventi,
una volta morti, ben difficilmente riescono a conservarsi sul nostro terreno: fenomeni quali il
carognaggio, ma, soprattutto, lerosione del vento e il dilavamento continuo delle piogge, non
permettono la loro conservazione.
Al contrario, nelle anse dei fiumi e dei laghi, dove lacqua tende con una certa facilit a depositare
molto materiale in punti particolari dove convergono le correnti, pu avvenire che questo materiale
si depositi velocemente - ad esempio, dopo unondata di piena - ricoprendo istantaneamente e
completamente le carcasse di eventuali animali morti, che rimarranno, in questo modo, imprigionati
e protetti dal fango e avranno, quindi, la possibilit di conservare e trasformare, dopo tempi
lunghissimi, i loro tessuti duri come le ossa4 in reperti fossili. Le tracce lasciate dagli uomini
primitivi, quindi, non sono rimaste sul territorio in modo regolare e proporzionale alla
frequentazione dei luoghi.
A differenza del territorio della pianura, decisamente piatto e uniforme, una diversa conformazione
del terreno come si riscontra, ad esempio, in montagna, in collina o nelle valli profondamente incise
dai fiumi, permette una miglior conservazione dei reperti preistorici, che rimangono, spesso,
depositati in veri e propri luoghi-trappola, che hanno catturato e che continuano a custodire le
evidenze della frequentazione umana: le grotte naturali e i cosiddetti ripari sottoroccia5.
Il motivo per cui questi luoghi conservano con tanta facilit i reperti archeologici facile da
immaginare: la superficie di questi siti decisamente limitata e queste aree sono state frequentate
dalluomo primitivo per intervalli di tempo lunghissimi, a volte per decine e decine di migliaia di
anni; i loro spazi sono stati, quindi, riutilizzati migliaia e migliaia di volte per le varie attivit umane
e per soddisfare le necessit delle persone che vi abitavano.

Fig. 2. Attivit allinterno di una grotta


(Figura tratta dalle dispense delle lezioni di Cronologia e Culture del Paleolitico superiore e del
Mesolitico, relative al corso di laurea specialistica in Scienze Preistoriche dellUniversit di Ferrara)
4
5

I tessuti molli, a differenza di quelli duri, generalmente non si conservano.


In lingua francese, i ripari sottoroccia sono chiamati molto pi sinteticamente Abri.

________________________________________________________________________________
6

Storia in Martesana - N 4 - 2010


________________________________________________________________________________

Quandanche si immagini che i depositi che si sono formati nelle grotte in virt degli scarti e del
materiale pi disparato che cadeva e rimaneva sul suolo siano dellordine di un solo centimetro per
ogni secolo, nel giro di diecimila anni si arriva a un deposito stratigrafico della potenza di un metro.
In molti casi, il materiale che si depositato allinterno di questi ripari era tale da ostruirne ormai
completamente laccesso, tanto da non riuscire neppure a immaginare che, dietro di esso, vi fosse
una grotta o un riparo e solo in conseguenza di smottamenti fortuiti del terreno o di scavi effettuati
per esigenze moderne si potuto scoprire queste eccezionali miniere di reperti archeologici.
Queste aree, a motivo della loro conformazione, rimangono, oltretutto, automaticamente protette
dagli agenti atmosferici: la pioggia non entra a lavar via tutto quanto e anche lerosione dovuta al
vento non rappresenta certo un problema; cos, questi luoghi sono diventati la fonte principale dalla
quale provengono la gran parte dei reperti preistorici organici e inorganici, oggetto di studio nei
laboratori delle universit e delle ditte specializzate nel settore della ricerca preistorica6.
Altri siti particolarmente predisposti alla conservazione dei reperti archeologici sono le torbiere,
ormai impaludate, che si sono create vicino ai laghi e ai fiumi, dove erano state erette le stazioni
palafitticole durante let del Bronzo. Scoperte casualmente nel lago di Zurigo in seguito
allabbassamento del livello dellacqua durante un periodo di siccit (1853), si ipotizz che non
dovesse trattarsi di un caso isolato; infatti, gli insediamenti palafitticoli furono, poi, trovati intorno
alla maggior parte dei laghi della regione alpina, sia sul versante svizzero sia su quello italiano. Uno
dei problemi pi dibattuti fu se le palafitte fossero costruite direttamente sopra lacqua - F. Keller,
lo scopritore delle palafitte del lago di Zurigo, ne era convinto - oppure sulla battigia o, ancora, sul
terreno asciutto circostante. Dopo varie ipotesi a favore o contro le varie possibilit, oggi si
dellopinione che tutte e tre le ipotesi siano possibili, anche in considerazione del fatto che il livello
dellacqua dei laghi pu tranquillamente variare, nel corso delle varie epoche. I materiali caduti in
acqua e lentamente ricoperti dal fango si sono conservati e, una volta recuperati, ne stato possibile
lo studio.

Fig. 3. Stazione palafitticola della torbiera di Fiav (TN)


(Figura tratta dalle dispense delle lezioni di Cronologia e Culture dellet del Bronzo, relative al corso
di laurea specialistica in Scienze Preistoriche dellUniversit di Ferrara)
6

Chi ha provato lesperienza di uno scavo archeologico in una grotta o in un riparo sottoroccia sa che ogni giorno
vengono recuperate carriole piene di reperti, che dovranno essere lavati, vagliati, catalogati e selezionati per separare
lindustria litica dai reperti paleontologici, ecc.

________________________________________________________________________________
7

Storia in Martesana - N 4 - 2010


________________________________________________________________________________

A chiusura di questa breve introduzione, si possono trarre alcune considerazioni di tipo generale.
La prima che risulta evidente come non sia possibile impostare le ricerche e i relativi studi usando
gli stessi criteri e gli stessi strumenti che usiamo per il periodo storico, quando, invece, ci riferiamo
al periodo preistorico e a quello protostorico che lhanno preceduto. Nel primo caso, le notizie e i
documenti provenienti dalle fonti scritte a nostra disposizione permetteranno, quasi sempre, di
tracciare un quadro relativamente articolato, anche se vi potranno essere lacune pi o meno ampie.
In definitiva, quindi, sar possibile seguire una sorta di filo conduttore, che, spesso, ci permette di
passare da un secolo allaltro con sufficiente regolarit e fluidit.
Nulla di tutto ci possibile per i periodi precedenti. Per il periodo protostorico e, a maggior
ragione, per quello preistorico, si hanno a disposizione soltanto rarissimi flash, istantanee e spaccati
che focalizzano momenti assolutamente scollegati e scorrelati tra di loro e che sono dovuti,
essenzialmente, ai ritrovamenti archeologici, i quali, nella maggior parte dei casi, sono del tutto
fortuiti e, in generale, sono troppo pochi per poterli generalizzare con sufficiente sicurezza usando i
metodi statistici. La definizione e il collegamento tra le varie culture e le varie epoche preistoriche
sono stati quasi sempre il frutto di ipotesi, a volte anche azzardate e che, in alcuni casi, si sono
rivelate errate e che dovettero necessariamente essere modificate o, addirittura, abbandonate in
seguito a scoperte avvenute in tempi pi recenti.
Nella nostra visione moderna, poi, fortemente radicata la convinzione che le conquiste
tecnologiche siano state il frutto di un susseguirsi continuo e ininterrotto di scoperte, pi o meno
utili, ma sempre tese al miglioramento, dallalba dellumanit fino ai nostri giorni.
Quelle che Giacomo Leopardi ha ironicamente definito nel suo canto LA GINESTRA le magnifiche
sorti e progressive7, in realt, valgono - e con varie eccezioni - solo per il periodo che abbiamo
definito storico. Per il lunghissimo periodo preistorico e per le decine di migliaia di generazioni che
hanno preceduto la nostra epoca, ancora possibile parlare di magnifiche sorti e progressive?
Per tutto larco del periodo preistorico, chiss quante intuizioni e idee brillanti sono state trovate e
utilizzate da taluni individui dotati di uno spiccato spirito indagatore, appartenenti a una delle
innumerevoli trib sparse sui territori abitati dalluomo primitivo. Si trattava, ovviamente, di
intuizioni semplicissime o addirittura banali, se prendiamo come metro di confronto le nostre
conoscenze moderne e molte di queste idee, per un certo periodo, avranno anche raggiunto un certo
grado di diffusione, ma, nella maggior parte dei casi, essendo concetti e nozioni tramandati solo
oralmente, prima o poi andavano dimenticati o perduti a causa di lotte cruente, invasioni di territori,
genocidi, sopraffazioni violente ecc. Bisogner, quindi, lasciar passare secoli o addirittura millenni,
prima che queste conoscenze vengano riscoperte da altri individui, in altre epoche e in altri luoghi.
Il progresso non stato n necessario n, tantomeno, continuo; avanzato a salti, a balzi o, come
dicono i biologi, per mutazioni. Tali salti e tali balzi, per, non consistevano nellandare sempre pi
lontano nella medesima direzione e, quandanche ci sia avvenuto, lo stato solo casualmente8.
La seconda considerazione che non siamo abituati a considerare il periodo preistorico e quello
protostorico nella loro giusta profondit temporale. Sembrerebbe quasi che si tratti di un unico
immenso scenario nel quale si siano svolte contemporaneamente tutte le vicende che, in realt, si
sono sviluppate per un periodo durato pi di due milioni di anni. Probabilmente, ci giustificato
dal fatto che levoluzione culturale concentrata negli ultimissimi millenni documentati dalla
scrittura; tuttavia, levoluzione biologica del genere Homo fatta da almeno 100 mila generazioni
che si sono succedute e delle quali solo le ultime 200 rappresentano lepoca che chiamiamo storica!
La terza considerazione (forse, quella che, pi delle altre, ci lascia un po di amaro in bocca) che,
purtroppo, la nostra Pianura Padana piuttosto avara di reperti preistorici, specie se confrontata con
altri territori.
7
8

Sono parole di suo cugino Terenzio Mamiani, che Leopardi riprende, magistralmente, nel suo canto.
C. LVI-STRAUSS, Razza e Storia e altri studi di antropologia, Einaudi editore, Torino, 1979.

________________________________________________________________________________
8

Storia in Martesana - N 4 - 2010


________________________________________________________________________________

SITI E RITROVAMENTI IN MARTESANA


Breve descrizione dei ritrovamenti archeologici pi antichi del nostro territorio, con relativa mappa
del territorio (ci si limitati alla sola zona della Martesana, senza considerare, ad esempio, i territori
limitrofi come la Geradadda).
Il Bos primigenius di Groppello dAdda (33000 a.C. circa)
Il reperto pi antico trovato nel nostro territorio di tipo paleontologico e proviene dalla cava
Colombo di Groppello dAdda, al confine tra il comune di Cassano dAdda e quello di Inzago.
Si tratta della parte frontale del cranio di un Bos primigenius con lattaccatura delle corna; il corno
destro completo; inoltre, sono state trovate una serie di frammenti, pi o meno grandi, di ossa del
muso e della gola. Reperti di questo tipo affiorano con una certa frequenza lungo le rive dei fiumi e
nelle cave estrattive di tutta la Pianura Padana e, potenzialmente, quindi, queste ultime sarebbero
tutte da considerare anche come cave di reperti fossili, ma, in generale, non vi nessun interesse al
loro recupero da parte dei proprietari, i quali, oltretutto, vedono queste situazioni come fonte di
probabili danni economici, derivanti dalleventuale blocco parziale dellattivit estrattiva nella zona
dove si verificato il ritrovamento.
Il reperto stato datato, nel mese di Novembre 2007, con il metodo del Carbonio 14 presso il
Laboratorio per i Beni Culturali (LABEC) dellIstituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) di
Firenze e il risultato stato di 28000 anni prima del presente. Come tutti i valori ottenuti con questa
tecnica, il dato va corretto con una apposita curva di calibrazione, la quale permette di risalire alla
data di calendario reale, che, nel nostro caso, si posiziona allincirca attorno al 33000 a.C.

Fig. 4. Carta Tecnica Regionale della Regione Lombardia


Infrastruttura per lInformazione Territoriale

________________________________________________________________________________
9

Storia in Martesana - N 4 - 2010


________________________________________________________________________________

La spada dellet del Bronzo di Cassano dAdda (XIII sec. a.C. circa)
La spada in questione stata rinvenuta nel 1908, durante gli scavi di ampliamento del Linificio
Canapificio Nazionale di Cassano dAdda ed stata donata direttamente dallIng. Pietro Rusca,
allora direttore dellazienda cassanese, al Museo Nazionale Preistorico di Roma (oggi: Museo
Nazionale Preistorico Etnografico Luigi Pigorini - Roma EUR).
La spada, di ottima fattura e perfettamente conservata, doveva appartenere, quasi certamente, a un
personaggio di rango elevato; infatti, dopo la sua morte, stata gettata ritualmente nel fiume,
affinch nessuno potesse riutilizzarla. Uneco di queste tradizioni antichissime, le ritroviamo nelle
saghe nordiche medievali: la spada Excalibur venne consegnata a re Art dalla Dama del lago e
nello stesso lago dovr essere gettata dopo la sua morte, affinch nessun cavaliere, dopo di lui,
possa di nuovo brandirla.
Il cdolo per limmanicatura e la sua fattura la pongono nella tipologia Cattabrega di
Crescenzago, mentre lepoca quella del Bronzo recente (XIII sec. a.C.). Tale data ci riporta
immediatamente con il pensiero alla guerra di Troia: si tratta proprio dello stesso periodo e pu
essere suggestivo immaginare che, mentre Ettore e Achille si stanno sfidando a singolar tenzone
davanti alle porte Scee di Troia, a Cassano dAdda un guerriero valoroso morto e la sua spada
stata gettata, ritualmente, nel letto del fiume.

Fig. 5. Carta Tecnica Regionale della Regione Lombardia


Infrastruttura per lInformazione Territoriale

________________________________________________________________________________
10

Storia in Martesana - N 4 - 2010


________________________________________________________________________________

La situla di Trezzo (V sec. a.C.)


A differenza della spada di Cassano, completamente sconosciuta alla popolazione cassanese, la
situla di Trezzo celeberrima e non c persona di questa localit che non ne abbia sentito parlare in
famiglia. Nonostante la vasta notoriet, non ben chiaro il luogo esatto dove sia avvenuto il
ritrovamento: si sa che fu trovata, nel 1846, nellorto del sig. Giuseppe Mazza, ma in
Soprintendenza mancano i mappali relativi al ritrovamento, per cui la sua localizzazione sulla carta
topografica sottoriportata solo approssimativa. La situla conteneva altri piccoli oggetti e faceva
parte di una sepoltura della fine del VI / inizi del V sec. a.C.
Realizzata in lamina bronzea, nella parte superiore mostra una scena di caccia, sbalzata con
eleganza e maestria, dove una coppia di cani - uno con il muso rivolto armoniosamente allindietro insegue un cervo dalla forma del tutto simile a quella dei cani, ma ben riconoscibile per il palco di
corna; la scena si ripete lungo tutta la circonferenza esterna della situla.
Oggetti simili, a partire dal IX sec. a.C. fino al termine della prima Et del Ferro, sono stati trovati
anche in altre sepolture di localit golasecchiane, come, ad esempio, a Sesto Calende, ad Albate,
alla Ca Morta di Como ecc.

Fig. 6. Carta Tecnica Regionale della Regione Lombardia


Infrastruttura per lInformazione Territoriale

________________________________________________________________________________
11

Storia in Martesana - N 4 - 2010


________________________________________________________________________________

La necropoli di Melzo (V sec. a.C. - Golasecca III A - Gruppo del Lodigiano)


Sepolcreto venuto alla luce nel 1926, costituito da una ventina di tombe, purtroppo in parte gi
distrutte quando il prof. Barocelli dellUniversit di Torino potuto arrivare sul posto per studiarle.
Rappresentano la necropoli pi antica rinvenuta nella nostra zona e permettono di creare un ponte di
collegamento tra il territorio compreso tra lAdda e il Molgora e quello compreso tra il Ticino e
lOlona, dove le necropoli di questa epoca e con queste caratteristiche sono pi numerose e
decisamente pi ampie, legate al periodo finale della prima Et del Ferro, appena antecedente le
invasioni galliche storicamente documentate.
Il corredo delle tombe era composto da: spada, pendagli, fibule a sanguisuga, ecc. Si tratta di
sepolture esclusivamente a incinerazione (ossia le ceneri del defunto, dopo essere stato cremato,
venivano poste in unurna cineraria e collocate nella nuda terra, oppure in una buca foderata con
ciottoli di fiume o, ancora, in una cista litica). Questa tecnica di deposizione accomuna la
Lombardia occidentale con i Campi durne del centro Europa e, nel contempo, la differenzia dalla
Lombardia orientale e dallarea veneta, dove le sepolture a incinerazione sono pi rare e sempre
accompagnate da quelle a inumazione.

Fig. 7. Carta Tecnica Regionale della Regione Lombardia


Infrastruttura per lInformazione Territoriale

________________________________________________________________________________
12

Storia in Martesana - N 4 - 2010


________________________________________________________________________________

A questi ritrovamenti, che sono stati studiati e pubblicati gi a fine Ottocento / inizio Novecento
(con leccezione del Bos primigenius, rinvenuto solo nel 1986), andrebbero aggiunti altri siti, che
meriterebbero uno studio approfondito sulla tipologia del materiale che continuano a fornire tipicamente: selce scheggiata e cocci di ceramica varia - per poter definire meglio la distribuzione
insediativa sul nostro territorio nellepoca pre-protostorica.
Cos, come la realizzazione e la pubblicazione di carte archeologiche di dettaglio, centrate su
territori ben definiti, eviterebbero di dover riscoprire, dopo intervalli di tempo pi o meno lunghi,
tutto ci che era gi stato messo in luce e descritto da studiosi attenti e appassionati, che hanno
lavorato anche nella nostra zona, nei decenni passati.
Purtroppo, in seguito al cosiddetto boom economico che si verificato a cavallo tra gli anni
Cinquanta e Sessanta del secolo scorso, si avuta unespansione (e una speculazione) edilizia nei
nostri paesi, come mai si era verificata prima di allora. Gli impresari edili, allettati dalla prospettiva
di un guadagno continuo e sicuro, in generale non hanno mostrato la necessaria sensibilit per la
salvaguardia delle tracce archeologiche del nostro passato e, a fronte di quella enorme espansione
edilizia che, in parecchi casi, ha stravolto completamente la struttura storico-architettonica di molti
centri urbani e delle loro cinture periferiche, non si avuto il corrispondente aumento dei
ritrovamenti archeologici, come ci si sarebbe ragionevolmente dovuti aspettare.
Vale la pena di chiudere larticolo riagganciandoci al tipo di sepolture in uso nelle varie epoche sul
nostro territorio, poich il cambiamento di unusanza cos sacra e cos rituale probabilmente implica
un cambiamento di mentalit giustificabile solo con uninvasione del territorio da parte di altri
popoli, portatori di una diversa cultura. Durante il periodo del Neolitico e dellet del Rame9, le
sepolture, nel Nord Italia, sono sempre state del tipo a inumazione, con il defunto rannicchiato in
posizione fetale, adagiato su un fianco e, spesso, con le mani poste davanti al volto. Questa
tipologia, la si ritrova sia nelle sepolture isolate sia nelle necropoli10. Nella Lombardia occidentale,
il cambiamento del rito di sepoltura avvenne durante la parte finale del Bronzo medio e in quello
recente (a partire dal XIII sec. a.C. circa), dove spiccano le necropoli della Scamozzina di Albairate,
di Garlasco, di Canegrate e molte altre, come quelle del Varesotto e del Canton Ticino, in cui si
trova un unico tipo di deposizione, diversa dalla precedente: lincinerazione. Si tratta di un nuovo
modo di seppellire i propri defunti, che non si diffonde, per, in maniera omogenea nel Nord Italia.
Nella Lombardia occidentale, nel Canton Ticino e nel Novarese, questo rito diventa assolutamente
predominante; al di l del fiume Oglio e in tutta larea veneta, invece, si continuer a inumare i
morti, pur affiancando a questo tipo di sepoltura tradizionale la nuova pratica dellincinerazione.
Questa cesura tra la Lombardia occidentale e quella orientale molto pi profonda e pi antica di
quanto si possa immaginare oggi e sar una costante che caratterizzer la nostra regione e che si
protrarr per un arco di tempo lunghissimo. Ancora in epoca romana, il nostro territorio sar
lultima regione - lXI, la Traspadana - a formarsi sul suolo italico e il confine tra la XI e la X regio
(la Venetia et Histria) corre proprio lungo il fiume Oglio a spaccare in due, in senso longitudinale,
lattuale Lombardia.
Nel Medioevo, sar sempre il fiume Oglio (o, in altri momenti, lAdda) che far da confine tra il
Ducato di Milano e il territorio della Serenissima Repubblica Veneta: ancora nel 1628, a Renzo
Tramaglino baster varcare lAdda, nei pressi di Trezzo, per sfuggire alla giustizia di Milano, che lo
vuole processare e condannare in seguito ai tumulti di San Martino. Solo con la dominazione
asburgica e con la creazione del regno del Lombardo-Veneto e le successive Guerre dindipendenza
- ma siamo gi arrivati al XVIII-XIX secolo - la Lombardia diventer unentit unica, dal Ticino
fino alla sponda bresciana del lago di Garda e allOltrep mantovano. Unentit geografica che,
oggi, siamo abituati a considerare molto compatta ma che, in realt, da un punto di vista storico,
non mai stata cos omogenea.
9

Il Neolitico nel Nord Italia copre allincirca il periodo che parte dal 5000 a.C. fino al 3300 a.C.; mentre let del Rame
copre il periodo dal 3300 a.C. al 2300 a.C.
10
Esempio tipico di queste sepolture a inumazione la necropoli di Remedello.

________________________________________________________________________________
13

Storia in Martesana - N 4 - 2010


________________________________________________________________________________

A questo riguardo, risulta significativa anche la notevole diversit dei dialetti che sono parlati nella
parte occidentale della Lombardia quali il Pavese, il Lodigiano e il Milanese (diffuso fino a tutto il
Canton Ticino), rispetto a quelli parlati nella zona orientale - in questo caso il confine costituito
dal fiume Adda - con riferimento in particolare al Bergamasco e al Bresciano, i quali hanno dei
suoni molto diversi e che sono decisamente pi gutturali rispetto a quelli dei dialetti della
Lombardia occidentale.
Il ritorno al rito della sepoltura a inumazione si verificher qualche secolo dopo Cristo, quando la
religione cristiana si diffonder e si radicher allinterno dellimpero romano11. Il rito della
cremazione, infatti, non sar considerato compatibile con lidea della resurrezione finale del nostro
corpo, prevista dal Cristianesimo.

11

Leditto di Costantino (Milano, 313 d.C.) garantiva la libert religiosa, mentre leditto di Teodosio (Tessalonica, 380
d.C.) fece del Cristianesimo la religione di Stato.

________________________________________________________________________________
14

Storia in Martesana - N 4 - 2010


________________________________________________________________________________

BIBLIOGRAFIA
TESTI
AA.VV., Archeologia in Lombardia, Nuovo Banco Ambrosiano, Milano, 1982
BROGLIO A., Introduzione al Paleolitico, Laterza editore, Roma-Bari, 1998
CREMASCHI M., Manuale di geoarcheologia, Laterza editore, Roma-Bari, 2002
DE MARINIS R., Italia omnium terrarum alumna - La cultura di Golasecca: Insubri, Orobi,
Leponzi, Scheiwiller, Milano, 1988
DE MARINIS R., La situla di Trezzo, in Varia Archaeologica, Posavski Muzej, Brezice, vol. I,
1974
GUIDI A., PIPERNO M., (a cura), Italia Preistorica, Laterza editore, Roma-Bari, 2005
LVI-STRAUSS C., Razza e Storia e altri studi di antropologia, Einaudi editore, Torino, 1979
MANZI A., Levoluzione umana: Ominidi e uomini prima di Homo sapiens, Ed. Il Mulino,
Bologna, 2007
PERONI R., Introduzione alla protostoria italiana, Laterza editore, Roma-Bari, 1994
PESSINA A., TIN V., Archeologia del Neolitico, Carocci editore, Roma, 2008
SESTIERI A.M., Protostoria. Teoria e pratica, NIS, Roma, 1996

PUBBLICAZIONI
Bollettino della Consulta Archeologica del Museo Storico Artistico di Milano, IV, 1877, A. Caimi,
La situla di Trezzo, pp. 30-40, tavv. I-III
Bullettino di Paleontologia Italiana (BPI), 1908, Notizie varie - L. Pigorini, La spada di Cassano
dAdda, p. 142
Notizie degli scavi, 1926, Regione XI (Traspadana) - P. Barocelli, Melzo - Sepolcreto preromano,
pp. 265-267
Palevol, The first peopling of Southern Europe: the Italian case, C. Peretto, vol. 5, 2006, pp. 283290

________________________________________________________________________________
15