Sei sulla pagina 1di 34

Richiami sul comportamento

meccanico, sul testing, e sulle


propriet tecnologiche dei materiali

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

CURVA tensione-allungamento

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

CURVE TRUE STRESS - TRUE STRAIN

Le curve true stress-true strain sono approssimate


con espressioni del tipo:

= K

Equazione di Ludwik
dove:
n = esponente di incrudimento;
K = coefficiente di resistenza;
In rappresentazione logaritmica su un diagramma log, log si ha:

log = log K + n log


Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

CURVE TRUE STRESS - TRUE STRAIN

Curve true stress-true


strain in trazione a
temperatura
ambiente
per vari metalli Le curve
partono ad un livello finito
di sforzo dato che la parte
elastica ha una pendenza
troppo forte per essere
rappresentata in figura.
Ogni curva parte quindi
dallo
sforzo
di
snervamento
(yield
stress), Y, del materiale.

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

VALORI TIPICI DI K e di n a
TEMPERATURA AMBIENTE
Larea sottesa alla curva true stress-true strain detta tenacit; essa rappresenta la
capacit di un materiale di assorbire energia di deformazione in campo plastico (ovvero,
misura la resistenza di un materiale alla propagazione di una cricca) ed una caratteristica
particolarmente desiderabile nelle applicazioni in cui si richieda che il particolare resista ad
urti e/o sovraccarichi accidentali attenuandone gli effetti deformandosi, come il caso delle
carrozzerie degli autoveicoli.

T A B L E 2 .3
A lu m in u m
1100O
2024T4
6061O
6061T6
7075O
B ra ss
7 0 3 0 , a n n ea le d
8 5 1 5 , c o ld -ro lled
C o b a lt-b a se a llo y, h e a t-tre a ted
C o p p er, a n n e a led
S tee l
L o w -C a n n e a led
4 1 3 5 a n n ea le d
4 1 3 5 c o ld -ro lled
4 3 4 0 a n n ea le d
3 0 4 stain less, an n ea led
4 1 0 stain less, an n ea led
Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

K (M P a )

180
690
205
410
400

0 .2 0
0 .1 6
0 .2 0
0 .0 5
0 .1 7

900
580
2070
315

0 .4 9
0 .3 4
0 .5 0
0 .5 4

530
1015
1100
640
1275
960

0 .2 6
0 .1 7
0 .1 4
0 .1 5
0 .4 5
0 .1 0

Tenacit = d
0

INSTABILIT NELLA PROVA DI TRAZIONE


l
l0

= ln( ) = ln(

A0
) 
A

A = A0e

P = A = A0e

La strizione avviene in corrispondenza dellUTS. In tale punto la pendenza della curva carico
allungamento (nominale) nulla. Siamo in condizioni di instabilit. Inizia la strizione localizzata. La
velocit di incrudimento del materiale (meccanismo di rafforzamento) non pi sufficiente a
controbilanciare laumento di tensione (causato dalla diminuzione uniforme della sezione del provino)

dP
d
= A0 (
e e )
d
d
Ma poich in corrispondenza della strizione dP = 0, risulta

= K

nK

n 1

= K

d
=
d


=n

La deformazione vera al manifestarsi della strizione assume il valore dellesponente di incrudimento. Di


conseguenza, pi alto n e maggiore sar la deformazione che possibile imporre prima che si
manifesti la strizione. Tale caratteristica particolarmente importante per le lavorazioni su lamiera
Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

Strizione e frattura

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

Effetti della temperatura

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

Tensione di flusso plastico

Effetti della temperatura sulle curve Stress-Strain

Effetti della temperatura sulle curve stress-strain. La temperatura influenza


il modulo di Young, lo sforzo di snervamento, il carico di rottura e la
tenacit (area sottesa dalla curva) del materiale.
Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

Curva true stress-true strain in temperatura


C 60

1200 C

& = 10 s 1

80
70

Stress [Mpa]

60
50
40
30
20
10
0
0

0.2

0.4

0.6
Strain

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

0.8

1.2

Sensibilit alla temperatura


C 60
140
120

1000 C

Stress [MPa]

100

1100 C

80

1200 C

60
40
20
0
0

0.2

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

0.4

0.6
Strain

0.8

1.2

Effetti della velocit

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

VELOCIT DI DEFORMAZIONE (STRAIN RATE)

& =
t

v
& =
l

[s-1]
10 mm/s

l
Ln
l0 1 l v

&
=
=
=
=
t
t
l t l

5 mm

& =
Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

v 10
=
= 2 s 1
l
5

La velocit di deformazione (strain rate)


Linfluenza dello strain rate sulla tensione di flusso plastico espressa mediante:

= C& m
Dove
C in coefficiente di resistenza e
m lesponente di sensibilit allo strain-rate.
Valori usuali di m sono fino a 0,05 per lavorazioni a freddo e tra 0,05 e 0,4 per
lavorazioni a caldo.
Al crescere della temperatura, C decresce e m cresce
Allaumentare della deformazione,
C tende ad aumentare e
m pu aumentare, diminuire e tendere a valori negativi in particolari
condizioni termomeccaniche.

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

Valori tipici di C ed m
Valori di C e m ricavati per

0,2 < < 1,0

& = 2 x104

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

Valori tipici di strain, strain rate (s-1) e velocit (m/s)


nei processi tecnologici

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

EFFETTI DELLO STRAIN RATE SUL CARICO DI


ROTTURA
Effetti dello strain rate
sul carico di rottura per
lalluminio. Al crescere
della temperatura, la
pendenza delle curve
aumenta; quindi, all
aumentare della
temperatura, il carico di
rottura dipendente in
modo sempre pi
marcato dalla strain
rate.

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

EFFETTI DELLO STRAIN RATE SU

Lavorazione a caldo:
a) sensibilit della tensione di flusso plastico alla velocit di deformazione
b) Valori di C ed m per un determinato valore di e di T
Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

Sensibilit allo strain rate


C60
T=1100C
140
120

& = 30 s 1

Stress [Mpa]

100
80

& = 10 s 1

60

& = 1s 1

40
20
0
0

0.2

0.4

0.6
Strain

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

0.8

1.2

Sensibilit allo strain rate

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

Sensibilit allo strain rate

Valore dellesponente m in funzione


della temperatura omologa; la
variazione di pendenza corrisponde al
passaggio alla temperatura di
ricristallizzazione.

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

&

&

Dipendenza della resistenza alla deformazione di un acciaio C15 dalla

di riferimento: 0,5. Le curve sono parametriche per


Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

&

& = 1,6; 8 e 40 s-1

PROCESSI TECNOLOGICI
3

Maglio

18

2.5

15
Strain Rate
12

Velocit

1.5

0.5

v = variabile

18

2.5

15

12

1.5

6
Strain Rate

0.5

Velocit

0
0
0.2
0.4
deformazione
Corso di Tecnologia Meccanica - Ing.
Roberto Guggia

0
0.6

0.8

[mm/s]

[s-1]

0.2

0.4
deformazione

0.6

Pressa idraulica
& = variabile
v = costante

0.8

[mm/s]

2
[s-1]

& = costante

LE PROVE MECCANICHE

Trazione
Compressione
Torsione
Impatto

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

LA PROVA DI TRAZIONE
18
16

V F

Forza [KN]

14
12
10
8
6
4
2
0
0

Assenza attrito
Piccole deformazioni
Strizione
Semplicit di attrezzaggio
Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

Corsa2 [mm]

La prova di compressione

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

La prova di compressione
35

Forza [KN]

30
25
20
15
10
5
0
0

Attrito
Ampio range velocit
Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

4
6
Corsa [mm]

10

La prova di compressione
1010

Temperature [C]

mid-span
1000

T = 5C
990

end surface
980
0

10

12

Time [s]

Temperature [C]

1020

960

T = 140C

mid-span
900

840

end surface
780
0

Time [s]
Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

10

12

DISK AND TORSION-TEST SPECIMENS


Disk
test
per
un
materiale fragile con la
direzione del carico e la
frattura

Provino per il test a torsione.


Viene montato fra le due
teste della macchina di
prova e caricato con la
rotazione delle teste. La
deformazione
di
taglio
avviene nella sezione ridotta
del provino.
Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

La prova di torsione
8

Coppia [Nm]

7
6
5
4
3
2
1
0
0

Assenza Attrito
Grandi deformazioni
Gradiente deformazione
Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

2
Numero di giri

Test di impatto
A volte importante conoscere la reazione di un
materiale quando sottoposto a un impatto, in
esercizio o in fase di lavorazione. Tipicamente
si usa un provino con un intaglio che viene
colpito da una massa. Lentit del rimbalzo
fornisce unindicazione dellenergia assorbita
nellurto. I materiali con alta tenacit (alti valori
della tensione di flusso plastico e/o duttilit)
assorbono molta energia nellurto. La presenza
dellintaglio
fornisce
unindicazione
sulla
sensibilit alla presenza di difetti superficiali.
La prova impatto consente di portare a rottura
fragile un campione di materiale duttile cui
stato realizzato un intaglio. La velocit di
deformazione tale da limitare la capacit di
deformazione plastica consentita dal moto di
difetti cristallini.

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

Provini per test di impatto

Misurano lenergia assorbita dal


provino fino alla rottura: hanno lo
scopo di identificare la temperatura
di transizione duttile-fragile

Provini di impatto (prove dinamiche)


(a) Charpy; (b) Izod.

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

Temperatura di transizione

Al
diminuire
della
temperatura, un materiale
duttile pu divenire fragile
(ductile-to-brittle transition).
Lutilizzo di elementi in lega
normalmente innalza la
temperatura di transizione.
Le strutture CFC rimangono
duttili anche a basse
temperature.
La transizione duttile-fragile
pu essere misurata con
una prova ad impatto, che
rileva lenergia assorbita dal
materiale
durante
la
frattura.

Temperatura di transizione duttile-fragile.


Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

INCREMENTO DI TEMPERATURA
Il lavoro speso nella deformazione composto da pi fattori: lavoro
immagazzinato come energia elastica (tensioni residue), incremento di
temperatura (dal 70-al 90% del lavoro), perdite per attrito.

W = d

Lavoro di deformazione
(per unit di volume)

Wt
T =
c

C 60

80
70

Stress [Mpa]

60
50

Densit

Calore specifico

Rendimento

40
30
20
10
0
0

0.2

0.4

0.6

0.8

Strain

Corso di Tecnologia Meccanica - Ing. Roberto Guggia

1.2