Sei sulla pagina 1di 450

526/B1

COMPENDIO DELLE

NUOVE AVVERTENZE
GENERALI E
METODOLOGIE
DIDATTICHE
a cura di Iolanda Pepe

AVVERTENZE GENERALI DEL


BANDO MIUR DEL 26 FEBBRAIO 2016
SVOLTE PUNTO PER PUNTO
LE

Fondamenti di psicologia dello sviluppo,


dellapprendimento e delleducazione
Norme della didattica e dellinsegnamento
(principali leggi e note MIUR)
Competenze pedagogico-didattiche e sociali
Metodologie didattiche
Tecniche di insegnamento/apprendimento

SIMONE
EDIZIONI

Gruppo Editoriale Simone

CON
ESPANSIONI
ON LINE


 








1







              





 
  



  







 

      







 

 

  

        

 






























 











 


 
 

 

 


TAVOLA SINOTTICA AVVERTENZE GENERALI


ALLEGATO A BANDO CONCORSO A CATTEDRA G.U. 26-2-2016, N. 16

/




^ s
 

^^
 
     

W/sD

    







W///>









W//Z


     


       
     





W///>

W//&



W/s>


W///>
>


  W /s   '  


 


Tavola sinottica



 W///


 W//^Es
 

/

/
>



W//'
//>

//
>



 W//>



W//
K

>

W//>>

  W //  >  


      
WZ 

 W//'

>WZ
WZ  WZ   WZ  WZ

d W//WD/
hd//
>
       W//>

  W //   / ^  
//

WZ

Tavola sinottica



 W///>


> W///W>
D/hZ D/hZ
>
    D/hZ    

/>
D/hZ


W///W>

D/hZ
'D/hZ

>

D/hZ
    
    

YY


W

W///W
WD/hZ

W//>

W/Y&
Z

ZW W>
 Z

W W/

/W
 >
       
 
/
 W/s'
 
 W/WE^
W
E^

Tavola sinottica

Parte

F
FONDAMENTI
DELLA PSICOLOGIA
DELLO SVILUPPO, DELLA PSICOLOD
GIA DELLAPPRENDIMENTO SCOLAG
SSTICO E DELLEDUCAZIONE

In questa Prima parte sono trattati i punti 2 e 3 delle Avvertenze generali, che
riportiamo:
Punto 2 Conoscenza dei fondamenti della psicologia dello sviluppo, della
psicologia dellapprendimento scolastico e della psicologia delleducazione.
Punto 3 Conoscenze pedagogico-didattiche e competenze sociali nalizzate allattivazione di una positiva relazione educativa e alla promozione di
apprendimenti signicativi e in contesti interattivi, in stretto coordinamento
con gli altri docenti che operano nella classe, nella sezione, nel plesso scolastico e con lintera comunit professionale della scuola.

Capitolo

S
STRUTTURA
DEL CERVELLO, PROCESSI
CCOGNITIVI, LINGUAGGIO E COMUNICAZIONE















1. Il cervello e la sua struttura












 
 
 
 







Capitolo 1: Struttura del cervello, processi cognitivi, linguaggio e comunicazione
ne

11

































12

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento

Prima infanzia





 






 




Sviluppo del sistema nervoso nelladulto





















Capitolo 1: Struttura del cervello, processi cognitivi, linguaggio e comunicazione


ne

13

2. I processi cognitivi e lintelligenza: la percezione


1






          




1









/


La prospettiva psicosiologica
h
>,,


,
h

/           



La prospettiva della Gestalt


>E


>'Dt

14

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento


'
>

s

t

/
 
E

      

E


 
    

E

       

 


E

KKK

 

E


 
t
E


>'



La prospettiva funzionalista
Y


Capitolo 1: Struttura del cervello, processi cognitivi, linguaggio e comunicazione


ne

15

/:

>




E

^E>



La prospettiva cognitivista
K


^Z

d
W




3. Lattenzione








 
 
 
 







16

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento

 



 
 





 


 

 













4. La memoria









Capitolo 1: Struttura del cervello, processi cognitivi, linguaggio e comunicazione


ne

17









          







 





Il modello associativo
1


 








 












18

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento
















Il modello pluri-componenti










Il modello HIP (Human Information Processing)










 

Capitolo 1: Struttura del cervello, processi cognitivi, linguaggio e comunicazione
ne

19

 



           



5. Lo sviluppo del linguaggio






 




























20

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento
































 










Capitolo 1: Struttura del cervello, processi cognitivi, linguaggio e comunicazione


ne

21









       


  
   


















Imparare a parlare











E




22

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento

^


Y^





^

^

E


/

^


/



^






/
>
>
'h'h


/
^
>



^^W
s
'
h

Capitolo 1: Struttura del cervello, processi cognitivi, linguaggio e comunicazione


ne

23

Y


EW
>



^W
:



/

W>

>^^^^>

'




6. Il rapporto tra linguaggio e pensiero







 













24

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento



























 
 






7. La comunicazione non verbale








Capitolo 1: Struttura del cervello, processi cognitivi, linguaggio e comunicazione


ne

25




















           

 


 




 







La prossemica
/d,


26

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento

'


>
^
d
>
/


E


/
h

/>

^d,
 >

 >

 >



 >


^



La cinesica
>>



Y


/
 

 


Capitolo 1: Struttura del cervello, processi cognitivi, linguaggio e comunicazione


ne

27

 

 
 

 


Z
>

>


Y
>



28

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento

Capitolo

T
TEORIE
DELLA PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO
E DELL'APPRENDIMENTO

1. Le teorie dell'apprendimento






Il condizionamento classico di Pavlov
 



 

 













Il condizionamento operante (o strumentale)
        


 







 

















          

















30

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento

2. Il Comportamentismo





 









 
























Capitolo 2: Teorie della psicologia dello sviluppo e dell'apprendimento


to

31

3. Lapprendimento imitativo






 

 

 
















4. Cognitivismo e Costruttivismo



 







32

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento




 






  













 
 


 



^:t

^

/



 E


Capitolo 2: Teorie della psicologia dello sviluppo e dell'apprendimento


to

33

/
^

W
^


 D
^


 /




 >





5. Piaget e lo sviluppo mentale del bambino


 




 

 


 


 







34

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento


 









 
 

 



  



 








 








Capitolo 2: Teorie della psicologia dello sviluppo e dell'apprendimento


to

35

 



 


 




  



 
 

 


 













6. Lo sviluppo morale: L. Kohlberg






36

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento

 













 








 


  

 




 






Capitolo 2: Teorie della psicologia dello sviluppo e dell'apprendimento


to

37

7. Istruzione e cultura delleducazione per Bruner


 
















 













 









38

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento



 



8. L'Attivismo: J. Dewey


















1
















Capitolo 2: Teorie della psicologia dello sviluppo e dell'apprendimento


to

39






  












 

















 





40

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento



 


 











9. Ambiente e sviluppo secondo Vygotskij


            


 

 







hWs

^W
E

/

Ws
/
>
^

Capitolo 2: Teorie della psicologia dello sviluppo e dell'apprendimento


to

41


Y





 


 



 
 
 
 
 








 

 





 

 



42

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento










10. Le teorie psicoanalitiche dello sviluppo: S. Freud, A. Freud, Winnicott












 


     

Espansione Web

Le teorie psicoanalitiche dello sviluppo
     


 
 
 
 
          
        

Lapproccio psicoanalitico di Freud
>
^&


Capitolo 2: Teorie della psicologia dello sviluppo e dell'apprendimento


to

43




/


/
&
d




Anna Freud
h
&^&>/
/

>^
^>


>



>


Winnicott: dalla psicoanalisi infantile al concetto di S


   t      
E

s


/
/


>t

W






44

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento

^t
^

t

>
W



11. Lo sviluppo psico-sociale di Erikson





 






 

^d/>>K^s/>hWWKW^/K^K/>^KEKZ/<^KE
^



Z


D


^






^

   




^



     



^
















'


















K

/

  



Capitolo 2: Teorie della psicologia dello sviluppo e dell'apprendimento


to

45













1

























 



46

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento









1





 





 








 


1




12. La teoria dellattaccamento di Bowlby






Capitolo 2: Teorie della psicologia dello sviluppo e dell'apprendimento
to

47


 



























 




 
 






48

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento














 
 





           





13. Mary Ainsworth e la Strange Situation Procedure
















Capitolo 2: Teorie della psicologia dello sviluppo e dell'apprendimento


to

49



 
 

 

 

 
 
 
 











14. R. Selman e il role-taking




 

 





 
 




50

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento

 





 


 

 


 

1



Capitolo 2: Teorie della psicologia dello sviluppo e dell'apprendimento


to

51

Capitolo

S
SVILUPPO
PSICOLOGICO
E APPRENDIMENTO




         







1. Et evolutiva e apprendimento









1









 
 
 
 

 
 
1















        
















L'apprendimento di concetti



54

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento



















 







L'apprendimento di principi (o regole)














Capitolo 3: Sviluppo psicologico e apprendimento
to

55








Il problem solving (soluzione di problemi)





























 


56

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento

 

 




 

 



2. Lo sviluppo psicologico in et scolare










 


 















Capitolo 3: Sviluppo psicologico e apprendimento


to

57










3. Pedagogia della preadolescenza e delladolescenza
































58

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento

 





 





 



 
 





            

 



 




Capitolo 3: Sviluppo psicologico e apprendimento


to

59

Capitolo

S
STILI
DI APPRENDIMENTO
E PRAT
PRATICHE
A ICHE DIDATTICHE
DIDATT
A ICHE

1. Stili di apprendimento e intelligenza


1




























 
 
 
 
 











2. Stili cognitivi









 

 






MOTIVAZIONE

EMOZIONE

COGNIZIONE






62

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento







        

 

 


 

Y
 

 

 

 

 














 


 


Capitolo 4: Stili di apprendimento e pratiche didattiche


he

63

 
 
 
 





 

3. I diversi stili cognitivi






 
 

 

 

 

 

^
 W
 W
     


^





^





 
 

 



64

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento














^

h
/
,     


^
 ^
 

 D

 E

 
 




 
 
^

^

 ^

 W      

 

 >

 
 >     

 

 
 
 

 

 

 


Capitolo 4: Stili di apprendimento e pratiche didattiche


he

65

^

^

 h

 Z

 d

 
 Z    

 
 

 
 





 
 
^

^

 
 h
 >

 Z

 ^
 

 
 

 
 


 

 

^

^

 ,

      

 W
 

 /
 E
       

 

66

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento

 




 


 



 



 

 

^
 W
 /     

 Z
 

^





E

d
E

4. Metodo Feuerstein e mediazione didattica





 

 

La modicabilit cognitiva

 



Capitolo 4: Stili di apprendimento e pratiche didattiche


he

67







 










 


 


 

 



 











68

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento





5. La teoria dei costrutti personali di Kelly










 
 

 


 












 


6. Costruttivismo e Sociocostruttivismo





Capitolo 4: Stili di apprendimento e pratiche didattiche
he

69













 
















7. Lintelligenza e le sue forme: gli studi di Gardner










 


70

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento

 






   



 
 

















 


        






 


Capitolo 4: Stili di apprendimento e pratiche didattiche
he

71















 












 

 



8. Lintelligenza emotiva di Goleman









           




72

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento





















 



 



1

 













Capitolo 4: Stili di apprendimento e pratiche didattiche


he

73

         











9. Neuroscienze e apprendimento

 


   
    










 






 
 


 
74

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento

1

 



 
 

 
 














 

 
 

 



 
 
 


 

Capitolo 4: Stili di apprendimento e pratiche didattiche


he

75











10. Neuroscienze e Cognitivismo













 

 









 
 

 
 

76

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento

 
 

















>







//





E


E








Capitolo 4: Stili di apprendimento e pratiche didattiche


he

77


 




 










 
 














 



1


78

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento

 


          






 







 


 




 





I neuroni specchio e gli studi Rizzolatti
s
hWE

'Z
E


Y


Capitolo 4: Stili di apprendimento e pratiche didattiche


he

79





sZ
E
>




'





80

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento

Capitolo

R
RELAZIONE
EDUCATIVA
EDUCAT
A IVA
E APPRENDIMENTO

1. LA RELAZIONE EDUCATIVA













 




1 
























2. Lapproccio sistemico e la prospettiva ecologica di Bronfenbrenner










 















 







82

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento










 



 


 




 






    









Capitolo 5: Relazione educativa e apprendimento


to

83

3. Il pensiero complesso

 



 



 





         









4. Il pensiero laterale e il pensiero verticale di de Bono





 



 

 


84

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento





 
1


1





 
 
 








^
/

/



>
 
 
 
 
W





Capitolo 5: Relazione educativa e apprendimento


to

85

 
W

^



 
h

Y/

/
^

 
/


/

 Z
>
^

^
/

/
 
/
W


/


W
h



 
/

/
/
^
Y


86

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento

h




5. Il pensiero convergente e il pensiero divergente






       
 



1











 
 

 







 
 
 



Capitolo 5: Relazione educativa e apprendimento
to

87

















 









6. Linuenza dei modelli educativi sulla relazione educativa


            



 






 




88

Parte I: Fondamenti della psicologia dello sviluppo, dellapprendimento































 



 

Capitolo 5: Relazione educativa e apprendimento


to

89

Parte

II

L
LEGISLAZIONE
E NORMATIVA SCOLASTICA

In questa parte sono trattati i punti 8, 9, 10 e 11 delle Avvertenze generali che


qui riportiamo:
Punto 8 Conoscenza dei principi dellautovalutazione di istituto, con particolare riguardo allarea del miglioramento del sistema scolastico.
Punto 9 Conoscenza approfondita delle Indicazioni nazionali vigenti per la
scuola dellinfanzia e del primo ciclo, delle Indicazioni nazionali per i licei e
delle Linee guida per gli istituti tecnici e professionali, anche in relazione al
ruolo formativo attribuito ai singoli insegnamenti.
Punto 10 Conoscenza della legislazione e della normativa scolastica, con
particolare riguardo a:
a. Costituzione italiana;
b. Legge 107/2015;
c. autonomia scolastica e organizzazione del sistema educativo di istruzione
e formazione (con riferimento, in particolare, al dPR 275/1999, al d. lgs
15 aprile 2005, n. 76, al d.m. 22 agosto 2007, n. 139);
d. ordinamenti didattici: norme generali comuni e, relativamente alle procedure concorsuali, al relativo grado di istruzione (L. 107/2015, dPR 89/2009,
dPR 87/2010, dPR 88/2010 e d.P.R. 89/2010, dPR 122/2009);
e. governance delle istituzioni scolastiche (Testo Unico, Titolo I capo I);
f. stato giuridico del docente, contratto di lavoro, disciplina del periodo di
formazione e di prova;
g. compiti e nalit degli organi tecnici di supporto: lInvalsi e lIndire;
h. il sistema nazionale di valutazione (d.P.R. 80/2013);
[]
Punto 11 Conoscenza dei seguenti documenti europei in materia educativa
recepiti dallordinamento italiano:
a. Quadro Europeo delle Qualiche per lapprendimento permanente e relative denizioni di competenza, capacit e conoscenza (raccomandazione del
Parlamento Europeo e del Consiglio 23 aprile 2008);
b. Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio 18 dicembre 2006
relativa a competenze chiave per lapprendimento permanente;
c. Programmi di scambi/mobilit di docenti e studenti: programma Erasmus+.

Capitolo

CCOSTITUZIONE E SCUOLA







 

 


1. La Costituzione italiana




1

1




2. Il ruolo dellistruzione e della scuola nella Costituzione











Capitolo 1: Costituzione e scuola


la

93


   


  















94

Parte II: Legislazione e normativa scolastica




1











 
 

 

 
 


 

 
 





3. Libert di insegnamento

 



 

Capitolo 1: Costituzione e scuola


la

95

 
 

1
     Espansione Web
 Le libert individuali
 nella Costituzione
    






4. Autonomia didattica




















 





96

Parte II: Legislazione e normativa scolastica





5. Libert della scuola






























6. Diritto allo studio e libert di istruzione









Capitolo 1: Costituzione e scuola
la

97



1




7. Il diritto-dovere di istruzione e formazione (D.Lgs. 76/2005 e D.M.139/2007)












1


 













 

 



98

Parte II: Legislazione e normativa scolastica

 











 





 




 





 
 
 
 
 

  

 


Capitolo 1: Costituzione e scuola
la

99

Capitolo

O
ORDINAMENTO
COSTITUZIONALE:
EELEMENTI FONDAMENTALI
T

1. I principali organi costituzionali


Parlamento
/W
Z

/W^Z


W
E^
Z
'

'/^
>W
d

d
 />
d
'E>

^

 &

 d



 
 

 
 /
       

'

Capitolo 2: Ordinamento costituzionale: elementi fondamentali


li 101

^/

 E





 &>
W
WZ
'D'

'h>

 >
'



D


Presidente della Repubblica


/WZ

/WZW

/WZ

E

Governo
/'
/
WD
WZD
//W
'WZ

W'
E'
W

102 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

/

W
Z
W
W

WW


W
E'
W
E
E^>


W



>


^
D/
>
W     D
W


E
/
/
W
  E

WZ

 Z^
 
W

/WZ

^WD
'

W^
'
'WD
'D
W
'
Capitolo 2: Ordinamento costituzionale: elementi fondamentali
li 103

/DWZW
DW
W/D

D>W
D
/D
WZ
WdD
D
/DD
Ws
^W
'



Magistratura
>^



>
>
W
^D

E
 

 

>
 


 


'd'W
>d


E
W>

104 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

dZd
^
dd





Corte costituzionale
>
W

/
 
^Z
 ^^
ZZ
 WZ
 

Organi di rilievo costituzionale



 /E>
'
 >W
'
^

 /^

 /^D

 /

WZ


2. Leggi, decreti e altre fonti giuridiche





Norme di rango costituzionale


Capitolo 2: Ordinamento costituzionale: elementi fondamentali
li 105





Norme europee
 


 



  


Leggi e atti aventi forza di legge













 
 





 







106 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

Referendum abrogativo







Fonti secondarie





 
 





 

 


 




 



Norme interne della P.A.




Capitolo 2: Ordinamento costituzionale: elementi fondamentali
li 107







 

 


 



 











Rapporti tra le fonti







 


 

108 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

3. Ordinamento amministrativo dello Stato: Pubblica Amministrazione


ed enti locali









 














4. Ministero dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca


 

 
 

  
 

 






Capitolo 2: Ordinamento costituzionale: elementi fondamentali


li 109

 
 














Le competenze del Ministro


 






 

 

 

 

 
 

 




110 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

Conferenza permanente dei capi Dipartimento e dei direttori generali











5. Altri organismi collegati allamministrazione centrale


          





1

 



  
  
 
 

 

 

  
 







Capitolo 2: Ordinamento costituzionale: elementi fondamentali


li 111

    




6. Amministrazione scolastica periferica: gli Ufci scolastici regionali (USR)


 
 





        
















7. Gli ambiti territoriali










 



112 Parte II: Legislazione e normativa scolastica





8. Regioni






































Capitolo 2: Ordinamento costituzionale: elementi fondamentali


li 113



 






 













9. Comuni, Province e Citt metropolitane



 



 



  

       










114 Parte II: Legislazione e normativa scolastica






 




 





 



 




 




Capitolo 2: Ordinamento costituzionale: elementi fondamentali


li 115

Capitolo

L RIFORME DELLA SCUOLA


LE
E LA LEGGE 107/2015



 
 


1. Dalla legge Casati alla Riforma Gentile


1859 Legge Casati
/Z/
D'
K






>'


^


>

//


/


/





1877 Legge Coppino


>



/




/
DDZ


'

1904 Legge Orlando (L. 407/1904)





>

^

1911 Legge Credaro (L. 487/1911)


>s


2. La Riforma Gentile (1923)


^


'''

//

 


 
 

 
s
 

 
 
 
/'




118 Parte II: Legislazione e normativa scolastica







3. La scuola democratica
Anni 50 60
Z/
/
^
//




>


/


E>^



Anni 70 80
'^

>




Ed

^
>


E

W


Capitolo 3: Le riforme della scuola e la legge 107/2015


5 119

4. La scuola si rinnova negli anni Novanta


Anni 90
EE
h
Z'

>





d>
>

W

>

ZWZ
>









1997 Il processo autonomistico innescato dalle Leggi Bassanini


EE


&

d






^
Z
>>



120 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

W

 


 



 



>
 

>
E

5. Le Riforme degli anni 2000


2000 Riforma dei cicli (L. 30/2000)








2003 Riforma Moratti (L. 53/2003)


 




 

 




Capitolo 3: Le riforme della scuola e la legge 107/2015


5 121

  







 




2008 Riforma Gelmini





 
 
 
  






 

6. La Riforma della cd. Buona scuola (L. 107/2015)


            




 



122 Parte II: Legislazione e normativa scolastica








 
         













            



 














Capitolo 3: Le riforme della scuola e la legge 107/2015


5 123



 






  

 



 

 


 









   











Espansione Web
Il testo della riforma cd. Buona scuola
L. 107-2015 e approfondimenti

124 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

Ledilizia scolastica



















1


















Capitolo 3: Le riforme della scuola e la legge 107/2015


5 125

Capitolo

LLAUTONOMIA
LA
UTONOMIA SCOLASTICA E LORGANIZZAZIONE
DEL SISTEMA EDUCAT
D
A IVO DI ISTRUZIONE
EDUCATIVO
E FORMAZIONE

1. Lautonomia scolastica

















         











  


  





 




         










 
 
 
 
















128 Parte II: Legislazione e normativa scolastica













 

















2. Lautonomia organizzativa (D.P.R. 275/1999)







 


 



Capitolo 4: Lautonomia scolastica e lorganizzazione del sistema educativo


vo 129

 

 



 
 
 


 











3. Lautonomia di ricerca, sperimentazione e sviluppo (D.P.R. 275/1999)







 
 

 
 

 
 
 


130 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

















 




4. Lautonomia nanziaria


 

















Capitolo 4: Lautonomia scolastica e lorganizzazione del sistema educativo


vo 131



























 









5. Lautonomia didattica (D.P.R. 275/1999)







132 Parte II: Legislazione e normativa scolastica




 










 
 

 

 
 

 

 
 















Capitolo 4: Lautonomia scolastica e lorganizzazione del sistema educativo
vo 133

6. Il Piano triennale dellofferta formativa (PTOF)



 

  




 




 

 

 

 
 
 
 
 





 




 


 

134 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

 
 
 

       



 

 


 









 
 


 

 





  





Capitolo 4: Lautonomia scolastica e lorganizzazione del sistema educativo
vo 135


 





 
 


 


 

 Espansione Web
Modello di PTOF




7. Il curricolo obbligatorio

 


 











 

 

136 Parte II: Legislazione e normativa scolastica










 
  
 
 
 

 
 

 
 

 

 
 



 
 
 

8. Le reti di scuole








Capitolo 4: Lautonomia scolastica e lorganizzazione del sistema educativo
vo 137










 
 


 
 
 
 
 























138 Parte II: Legislazione e normativa scolastica









 



9. I documenti della scuola





Il Programma annuale




 

 







La Carta dei servizi


 

 



Capitolo 4: Lautonomia scolastica e lorganizzazione del sistema educativo


vo 139


 
 
 
 
 



Il PEI


 
 
 



 



Il Regolamento distituto

 
 

 
 

 

 



 

140 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

Il Patto educativo di corresponsabilit


















Il Sito web della scuola




 




10. Il nuovo modello di insegnamento/apprendimento nella scuola


dellAutonomia











Capitolo 4: Lautonomia scolastica e lorganizzazione del sistema educativo


vo 141







 







 






 


 




 






 





142 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

Capitolo

GLI ORDINAMENTI DIDATTICI


G
DIDATT
A ICI





 
 
 

1. Scuola dellInfanzia





























 
 
 


 







 




 
 
Espansione Web
 
Indicazioni nazionali della scuola
 
dellinfanzia
 

2. Scuola Primaria del primo ciclo




 
 


 
 





144 Parte II: Legislazione e normativa scolastica
























          



 




 

 


 
 
Espansione Web
 
Indicazioni nazionali per il curricolo
 
del primo ciclo di istruzione
 

Capitolo 5: Gli ordinamenti didattici


ci 145

 
 
















3. Scuola secondaria di primo grado

























146 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

/^'

D^
d
/
^

^
D
Z







/^'
D^
d
/
^

^
D
Z
        









 


 Espansione Web
Indicazioni nazionali per il curricolo

del primo ciclo di istruzione


Capitolo 5: Gli ordinamenti didattici


ci 147















4. Il secondo ciclo distruzione


















 
 
 








148 Parte II: Legislazione e normativa scolastica



























KD^KEKD/d//>//
KDZEK

KD^/WZ^EdEK




D

>
>
>

>
>




'
^
>
>


Capitolo 5: Gli ordinamenti didattici


ci 149

KD^KEKD/d/'>//^d/dhd/dE//
KDZEK

KD^/WZ^EdEK


^

d
^
D
d

/
'

^



KD^KEKD/d/'>//^d/dhd/WZK&^^/KE>/
KDZEK

KD^/WZ^EdEK


^
^     

^
^

^
^    

W
^    


5. Il riordino dei licei (D.P.R. n. 89/2010)











150 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

        


 











 



 


 







 

 



 
 
 
 

Capitolo 5: Gli ordinamenti didattici


ci 151

 
 
 


 



 
 

 

 
Espansione Web

  Indicazioni nazionali
    per il sistema dei licei


  
Liceo artistico
WZ
&

&

'


/
 
 

 


>


>


152 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

Liceo classico
WZ








>




Liceo linguistico
/
WZ
/











'

>


W


Liceo musicale e coreutico


WZ







>>


Capitolo 5: Gli ordinamenti didattici
ci 153

>





Liceo scientico
/WZ






E




>



Liceo delle scienze umane


WZ





E        



>



6. La riforma degli istituti professionali (D.P.R. n.87/2010)











154 Parte II: Legislazione e normativa scolastica










^

KK
^


^
/



 




 


 













 
 

 

 
 
Espansione Web
 Le Linee guida
     per gli istituti professionali

Capitolo 5: Gli ordinamenti didattici
ci 155

7. La riforma degli istituti tecnici (D.P.R. n. 88/2010)


          


















 ^
 Z^

 d








^
DD
d>

//d
'


 ^d
 W'
s
 '


 




 


156 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

 

 








1







 




      Espansione Web
    Le Linee guida per gli istituti tecnici




8. Il sistema di istruzione e formazione tecnica superiore regionale



 








Capitolo 5: Gli ordinamenti didattici


ci 157

&

 K
 K
 K
 K
 K
 K
 K
 K
 K
K
K
K
K
K
K
K
K
K
K
K
K
&

 d
 d
 d
 d
 d
 d
 d
 d
 d
d
d
d
d
d
d
d
d
d
d
d
d

 


158 Parte II: Legislazione e normativa scolastica





 


 


 


 
 

 
 




 








  







 



Capitolo 5: Gli ordinamenti didattici
ci 159

9. Lesame di Stato


Lesame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione



1


 

 









 



 

 


  
 

  





160 Parte II: Legislazione e normativa scolastica





 
 
 

 




 















   





   

Lesame di Stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione


Capitolo 5: Gli ordinamenti didattici
ci 161





 


 






 





 


 





 
 






            


162 Parte II: Legislazione e normativa scolastica





 



 



 






 

 
 


 






10. Linsegnamento della Religione




 
 

 


Capitolo 5: Gli ordinamenti didattici


ci 163



  








11. Il CLIL nelle scuole secondarie di secondo grado: rinvio


 






 

12. Lalternanza scuola-lavoro











 






 



164 Parte II: Legislazione e normativa scolastica




 
 


 




 






 

 


  





          

 





          



Capitolo 5: Gli ordinamenti didattici


ci 165



1



1






13. Dai programmi ministeriali alle Indicazioni nazionali


 








  



  

 



 







 


166 Parte II: Legislazione e normativa scolastica



 

 



 


 


 

 









  


 




      
 Espansione Web
 Tutte le Indicazioni nazionali e le
 Linee guida sono disponibili online in
 versione stampabile. Si consiglia di
 studiarne bene le parti relative alla
classe di concorso per cui si concorre.


Capitolo 5: Gli ordinamenti didattici


ci 167

Capitolo

L GOVERNANCE
LA
DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE
D


  


 


 


1. Comunit scolastica e organi collegiali territoriali







1










 
 


          
        














 


 
 

 
 









2. Organi collegiali a livello di circolo e di istituto


          



 
 
 
 
 

 
 

170 Parte II: Legislazione e normativa scolastica



 

 

 



 

3. Consiglio di intersezione, di interclasse e di classe














2

            
 












Capitolo 6: La governance delle istituzioni scolastiche


he 171




 

 

 


 








4. Collegio dei docenti






 













 
 
172 Parte II: Legislazione e normativa scolastica


   





 


 



 
 

 

 


 



 




5. Consiglio di circolo o distituto












Capitolo 6: La governance delle istituzioni scolastiche


he 173















 
  


 


  





 


 
 



 

 

174 Parte II: Legislazione e normativa scolastica







 
























6. Comitato per la valutazione degli insegnanti


            


1
 
 


 

 


Capitolo 6: La governance delle istituzioni scolastiche


he 175

 

 




 



7. Assemblee degli studenti e dei genitori












Assemblee degli studenti







1

 






176 Parte II: Legislazione e normativa scolastica





 










Assemblee dei genitori












 
 


 








Capitolo 6: La governance delle istituzioni scolastiche


he 177

8. Il dirigente scolastico














/

'
 
 
 
 

,






 
 
 



 



 


 


178 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

          



 
 
 





 


 

        

   



 




 





 

 




Capitolo 6: La governance delle istituzioni scolastiche


he 179













180 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

Capitolo

LLO STATO
STA
TATO GIURIDICO DEL DOCENTE











             


1. La funzione docente






 

 



         





 
 




 













 





 






2. Il reclutamento del personale docente












182 Parte II: Legislazione e normativa scolastica


 

 
 
 




 

 



















3. Il contratto di lavoro e il periodo di formazione e prova






 
 

Capitolo 7: Lo stato giuridico del docente


te 183

 


 
 
 
 
 














 


 








4. La mobilit. Le novit introdotte dalla L. 107/2015







184 Parte II: Legislazione e normativa scolastica



 

           

 




 





 
 







          












 


Capitolo 7: Lo stato giuridico del docente
te 185












5. La formazione in servizio





















6. Lorario lavorativo e la disciplina giuridica delle assenze







 

186 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

 

 














2

















7. Lorganizzazione del lavoro degli insegnanti e il conferimento degli


incarichi




Capitolo 7: Lo stato giuridico del docente
te 187









 
 

 


 




 














         


8. La retribuzione. Il bonus per la valorizzazione del merito del docente


           


188 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

















 

9. I diritti sindacali. Il diritto di sciopero


















 

 

 

Capitolo 7: Lo stato giuridico del docente


te 189

10. La cessazione del rapporto dimpiego



 





    






 


 






 











11. Le supplenze



190 Parte II: Legislazione e normativa scolastica







 


 



 

W

/


>


/

>
 

 


W

K

 


 


 

>



Capitolo 7: Lo stato giuridico del docente


te 191

/


 
 

 

>
>



>
D/hZ

W
 
 

W
>

>>



/

ED/hZ
Wd


12. La responsabilit civile e penale del personale docente





 

 


La responsabilit civile



192 Parte II: Legislazione e normativa scolastica



 























1

E



E

^

/




>


Capitolo 7: Lo stato giuridico del docente


te 193



E









La responsabilit penale. La posizione di garanzia del personale scolastico



























 





194 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

'






/

 



 

W
ZW


D




/


/
W









13. La responsabilit disciplinare




 






Capitolo 7: Lo stato giuridico del docente


te 195






 


 

 
 
 
 

>dh
 


 


 








 

/
D
 Y



W


 




196 Parte II: Legislazione e normativa scolastica





 Y
D






 /
 >h
/


 
>







 
>












 >










Capitolo 7: Lo stato giuridico del docente


te 197

W



/






/




W

W
h
W



>



/





/


>
h
^>>


E

h






198 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

Capitolo

IIL
L SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE
V UTAZIONE
VAL
T

1. Il Servizio nazionale per la valutazione del sistema educativo (D.P.R.


n. 80/2013)


















  
  
 





   

 

  






  



2. LINVALSI
 

  




   

 


 
 

 

 



 


  

 

 


 

200 Parte II: Legislazione e normativa scolastica





 


 
 


 


  


 
  
 



 
 
 
 

E/Es>^/
^^W///E

Y


     ^  ^
^


W

W


Capitolo 8: Il Sistema Nazionale di Valutazione


ne 201





 



3. LINDIRE
   
   




 


 




 


 




 



 

          
        


202 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

 


 





4. La valutazione esterna





  







5. Il processo di valutazione e autovalutazione delle scuole












 




  

Capitolo 8: Il Sistema Nazionale di Valutazione


ne 203



 

  


 
  


 




6. Lautovalutazione delle scuole: il Rapporto di autovalutazione (RAV)











 



 





 




204 Parte II: Legislazione e normativa scolastica




 


 






 





7. Lautovalutazione delle scuole: Il Piano di Miglioramento





  




  










 
Capitolo 8: Il Sistema Nazionale di Valutazione
ne 205



 





206 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

Capitolo

L SCUOLA ITALIANA
LA
T
NELLAMBITO
NELLAMBITO
DEL
D CONTESTO EUROPEO

1. La dimensione europea dellautonomia scolastica


 

 

























 
 
 

        



 




 





 



 
 



 










2. Istruzione, cultura e formazione professionale in Europa






 

 



208 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

 



 


3. La Strategia europea per la crescita e loccupazione: Europa 2020



  






 



           


 

 


 



 
  
 
 

 


Capitolo 9: La scuola italiana nellambito del contesto europeo


eo 209

4. Listruzione nellambito dellUnione europea









 





 


 

 

 
 

 
 




5. I programmi di scambi/mobilit di docenti e studenti





 






210 Parte II: Legislazione e normativa scolastica





 
































 


 
  



Capitolo 9: La scuola italiana nellambito del contesto europeo
eo 211

6. Il Programma Erasmus+































 

 


 




212 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

 




dW







 /  /


D

  
 
   KE' 




   


 >
 >





    



 >  /   


W

    







d
 >W  E
^'>



W




    

K



/ 



'

 


d
>

/

d
>

d
>


Capitolo 9: La scuola italiana nellambito del contesto europeo


eo 213

/ 





' 


  
d
 >^'> 



&'

d


>


/


d
>
d

/
d
>


7. Il Quadro Europeo delle Qualiche (EQF) per lapprendimento permanente (Racc. 23 aprile 2008)



 
 







  

 



 





214 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

 











 

 

 

 




 
       
 








Capitolo 9: La scuola italiana nellambito del contesto europeo


eo 215

216 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

/  h ^










/  h ^



 




/   '



  






/  



 
 



/ > >



 








'




/  h 




 






/   >











/


EY EY EY


  




d>>^Z/ddKZ/,&/E/^KEK/>/s>>/>YhZKhZKWK>>Yh>/&/,



d>>/>YhZK/Z&ZE//KE/d>/EK
>
Y&

d



   D/hZ
  / 


^/

 D/hZZ &



 /&W


   D/hZ/
 

d/

   Z
 

W/&W
W



 Z


W/&W
W




D/hZ/

W
W     


   D/hZ/

W
W     


   D/hZ/

W   

W     


  Z
 

W/&d^
W     


 D/hZ/

/d^
W     


W

Capitolo 9: La scuola italiana nellambito del contesto europeo


eo 217

>
Y&

d

>


D/hZh

W
W&h
W     


  D/hZ/ W&



>D

D/hZh

W&h
W     


  D/hZ /   W&

  

D

D/hZh

W    
&h
W     


  D/hZ/ W&
/ 

  D/hZ/ W    
/  &



D/hZh

W
W     


 D/hZ/ W
    

  D/hZh

W&h
W     


D D/hZh


W    
&h
W     


  D/hZ/ W&
// 

  D/hZ/ W    
//  &

218 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

8. Le competenze chiave per lapprendimento permanente (Racc. 18 dicembre 2006)














 



 


 








 





Capitolo 9: La scuola italiana nellambito del contesto europeo


eo 219




 





          



>





>

>




>

Y



h






>





220 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

>

/




>



>

>


h



>
W

>


>


>
>



>



h

h


h

W


Capitolo 9: La scuola italiana nellambito del contesto europeo


eo 221


Y



>

>


Y






d^/
d/

/

>
d^/
/

/

>
d^/

d^/
>

>

/>
d^/

>d^/



/

/


222 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

Y

Y

/


>


>

/



>
d/





h


>


h           
h

/





Y


>



>


Capitolo 9: La scuola italiana nellambito del contesto europeo


eo 223



W





>


>


>>



>

h


^


h

>





/


h

s

>


^

/
/

224 Parte II: Legislazione e normativa scolastica








>



>



>



K

h
/








>




>


d

>

h

h


Capitolo 9: La scuola italiana nellambito del contesto europeo


eo 225

 
 


 


9. La politica di formazione professionale






 

              



        

 

 


 

 

 




226 Parte II: Legislazione e normativa scolastica

Parte

III

L DISCIPLINA DELLA DIDATTICA


LA
E DELLINSEGNAMENTO

In questa parte sono trattati i punti 4, 5, 7 e 10 delle Avvertenze generali che


qui riportiamo:
Punto 4 Capacit di progettazione curriculare della disciplina.
Punto 5 Conoscenza dei modi e degli strumenti idonei allattuazione di una
didattica individualizzata e personalizzata, coerente con i bisogni formativi
dei singoli alunni, con particolare attenzione allobiettivo dellinclusione degli alunni con disabilit e ai bisogni educativi speciali.
Punto 7 Conoscenza delle problematiche legate alla continuit didattica e
allorientamento.
Punto 10 []
i. normativa specica per linclusione degli alunni disabili, con disturbi specici di apprendimento e con bisogni educativi speciali;
j. Linee guida nazionali per lorientamento permanente (nota MIUR prot. n.
4232 del 19-2-2014);
k. Linee guida per laccoglienza e lintegrazione degli alunni stranieri (nota
MIUR prot. n. 4233 del 19-2-2014);
l. Linee di indirizzo per favorire il diritto allo studio degli alunni adottati
(nota MIUR prot. n. 7443 del 18-12-2014);
m. Linee di orientamento per azioni di prevenzione e di contrasto al bullismo
e al cyberbullismo (nota MIUR prot. n. 2519 del 15-4-2015)

Capitolo

L ATT
LE
ATTIVIT
A IVIT DI PROGETTAZIONE
T
E PROGRAMMAZIONE

1. La programmazione












 









  


 

 

2. Origini della programmazione













 



 
 

 
 
 

 

















3. La pianicazione di un curricolo

 



230 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento


















 
 
 
 
 
 







 


 
 
 

 
 
 

Capitolo 1: Le attivit di progettazione e programmazione


ne 231








  





 


 



4. Programmazione distituto











 

 


232 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento

 

 
 
 


5. Programmazione educativa

 




 

 

 

 


6. Programmazione didattica


 








 
 
 
 

Capitolo 1: Le attivit di progettazione e programmazione


ne 233


 
 
 
 


 
 
 















ZWWZ^Ed/KE>>WZK'ZDD/KE/dd/
KEK^E
>>Z>d
&/E//KE
'>/K/dd/s/

^>d
'>/
^dZhDEd/

^>d>>K''ddK
>>WZKhZ/sZ/&/

7. Individuazione degli obiettivi per la programmazione didattica




 

 

234 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento




 









 


 
 
 

 

 










8. Attuazione della programmazione didattica: le Unit di Apprendimento (UdA)








Capitolo 1: Le attivit di progettazione e programmazione


ne 235


















          






 











1





236 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento






















 
 







Capitolo 1: Le attivit di progettazione e programmazione


ne 237

Capitolo

L SCUOLA DELLINTEGRAZIONE
LA
E DELLINCLUSIONE


 












1. Gli alunni disabili
















 








    
 


 







 















  
  
  



 

 

240 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento

 
 

2. Linsegnante di sostegno














 













3. I Disturbi Specici di Apprendimento (DSA)











Capitolo 2: La scuola dellintegrazione e dellinclusione


ne 241



^
?








La dislessia



 
 

 

 

 
 
 
 

 
 

 
 
 
 
 


242 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento


1







La disgraa e la disortograa



 
 
 
 
 

 
 
 
 
 





La discalculia





 
 
 
 
Capitolo 2: La scuola dellintegrazione e dellinclusione
ne 243







^>


^







^        


4. Il diritto allo studio degli alunni con DSA e gli strumenti compensativi
            











 




 






244 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento












 

 
 

 
 
 
 













 
 
 
 

Capitolo 2: La scuola dellintegrazione e dellinclusione


ne 245

5. Approcci didattici e metodologici per DSA





 

 

 

 



 

 


 


1









 

 






246 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento




















 


 
 

 

 
 
         


 
 
 

6. Bisogni Educativi Speciali (BES)






Capitolo 2: La scuola dellintegrazione e dellinclusione


ne 247


   
 

 





      


 
 
 








 
 
 
 
 
 










248 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento

 









 











 








 Espansione Web
 Un modello di Piano didattico
personalizzato per la Scuola secondaria
     

Gruppi di lavoro (GLI)





 

 
 

Capitolo 2: La scuola dellintegrazione e dellinclusione
ne 249

 

 
 
 


   
 
  






  

 



 




 

1



La scuola inclusiva

 

 

 

 


250 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento





 




7. Il disturbo da decit dellattenzione/iperattivit (DDAI o ADHD)








 

 

 

 
















 

Capitolo 2: La scuola dellintegrazione e dellinclusione


ne 251









 
 

















 




 


1
 




252 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento





1




 
 
 

 


 

 

 

 

 
 

 
 
 


 
 
 
 
 
 
 
 

 

Capitolo 2: La scuola dellintegrazione e dellinclusione


ne 253


 
 
 

 
 
 ,

 
 
 

 
 
 
 
 
 

8. Lo svantaggio socio-economico, linguistico e culturale: gli alunni stranieri (nota MIUR n. 4233/2014)








 




 
 







254 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento
































 







       


Capitolo 2: La scuola dellintegrazione e dellinclusione


ne 255









W
/


W


>



^



 


>

d

>

/

/

W
>>'ED/hZ

 ^/

 




256 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento



DW
^
W




>




/
/
/

/
W




^
/
h
h
h/
>
^
E




>




/Z
E





^

>D/hZ
Capitolo 2: La scuola dellintegrazione e dellinclusione
ne 257



/


/

/




/

>


W
/


DW
D







W




/
/
Y








^
/

258 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento

E


^


Linsegnamento dellitaliano come lingua seconda (L2)


/




/
>

W

Z
/

>/


>
d


>

'



/
'

/
W




W
Y



Capitolo 2: La scuola dellintegrazione e dellinclusione


ne 259

9. Gli alunni stranieri adottati (nota MIUR n. 7443/2014)



 


 






 

 




 







 

 


 




  


260 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento


 

 

 



 




  


 




 



 

 




 



 

 


Capitolo 2: La scuola dellintegrazione e dellinclusione


ne 261

 

 











10. Gli alunni ospedalizzati






 





















262 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento




 






11. La didattica inclusiva













 
 

 
 
 
 
 








            
         

Capitolo 2: La scuola dellintegrazione e dellinclusione


ne 263






























 









264 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento

Capitolo

LLA VALUTAZIONE
T
DEGLI AL
ALUNNI
UNNI

1. La valutazione nel sistema scuola





























 


 
 





2. La valutazione degli studenti







 
 
          
















 
 










266 Parte III: La disciplina della didattica e dell'insegnamento



 

 


 




3. Verica e valutazione















 
        




 







Capitolo 3: La valutazione degli alunni


ni 267



1



4. La valutazione degli apprendimenti e del comportamento (D.P.R.


122/2009)




 





  


 



















268 Parte III: La disciplina della didattica e dell'insegnamento




 






5. Il recupero dei debiti formativi nella scuola secondaria di secondo grado








  


 

 


 


 



 


 






Capitolo 3: La valutazione degli alunni


ni 269

6. La valutazione degli alunni stranieri













  
 


















1


W>D/hZ
>


^


270 Parte III: La disciplina della didattica e dell'insegnamento

>^

W

E


W^

E
W

7. La valutazione degli alunni disabili




  






















 

 


Capitolo 3: La valutazione degli alunni


ni 271

 






















        

 









 




272 Parte III: La disciplina della didattica e dell'insegnamento





8. La valutazione degli alunni con PDP








 











 

















Capitolo 3: La valutazione degli alunni


ni 273




 




 

 
 



 

 
 


 



 















274 Parte III: La disciplina della didattica e dell'insegnamento










 




9. Il riconoscimento delle eccellenze









1

 


W
 




 



 






Capitolo 3: La valutazione degli alunni


ni 275








10. I criteri di attribuzione del credito scolastico nel triennio delle scuole secondarie di secondo grado



 
 
 
 
 










11. La docimologia, scienza della valutazione





 











276 Parte III: La disciplina della didattica e dell'insegnamento

















 


 



 

 

 
 






 

 


Capitolo 3: La valutazione degli alunni


ni 277

 





 







        


1












12. Verica degli apprendimenti e tipologie di prove












278 Parte III: La disciplina della didattica e dell'insegnamento

















           

Le prove scritte tradizionali
>/
,

^E


W


 



 
 

 
^W
/


>


Capitolo 3: La valutazione degli alunni


ni 279



/W



>



Le prove strutturate
>


Z
^



>



Le prove semistrutturate
^



d
>


Le prove grache e pratiche


^


La costruzione di un test
d




/
 
 
 

280 Parte III: La disciplina della didattica e dell'insegnamento

Z


W


Z




D/

^W

Le interrogazioni
E          


>





 

 







 

 

 





Capitolo 3: La valutazione degli alunni


ni 281















'

Y


>


>


>



/

E





 

 

 

 

282 Parte III: La disciplina della didattica e dell'insegnamento

13. Lera delle competenze








 




 
 
 
 
 
 

 

 






 
 

 

 

 

 

Capitolo 3: La valutazione degli alunni
ni 283



 



 












        
  
 
  

/


>



E
>


/
>

/Es>^/
W/^K^
>
 


284 Parte III: La disciplina della didattica e dell'insegnamento

E

 


 
^


/



/





Capitolo 3: La valutazione degli alunni


ni 285

Capitolo

C
CONTINUIT
DIDATTICA
DIDATT
A ICA
E ORIENTAMENTO
ORIENTAMEN
T
TO

1. La continuit didattica




            
1









2. La continuit verticale


































 





 




  



3. Continuit orizzontale con la famiglia









288 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento

 







 




 








4. Lorientamento

          




         






 


 

Capitolo 4: Continuit didattica e orientamento
to 289



 



 







5. Lorientamento nelle scuole



















 



          


1

290 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento



          










 
 
 
 
 
 
 











 




 

 

Capitolo 4: Continuit didattica e orientamento
to 291

 













 


 

 


















292 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento



 
 

 
 
 
 

 
 

6. La didattica orientativa


1




 



 



 


 



 


 

Capitolo 4: Continuit didattica e orientamento
to 293











 

1


 




 1




 



 


 
 





 


294 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento










 






 
 














7. Le Linee guida nazionali per lorientamento permanente (nota MIUR


4232/2014)






Capitolo 4: Continuit didattica e orientamento


to 295












 







          

 


 




          


 

 

 


296 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento




 

 

 

 
 
 
 

 








  

 





Capitolo 4: Continuit didattica e orientamento


to 297

Capitolo

P
PEDAGOGIA
DEL DISAGIO
E DELLA DEVIANZA

1. Devianza e delinquenza minorile















 













 











 









2. Bullismo a scuola (nota MIUR n. 2519/2015)



1



 







300 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento














 



 


 















 




Capitolo 5: Pedagogia del disagio e della devianza


za 301














Cyberbullismo

1
 
1








  




Le azioni della scuola e del docente




 


 


302 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento



 

 
 
 

 

 






 






       


  
 
 

 
 
 
 

 

   
 
 
 
Capitolo 5: Pedagogia del disagio e della devianza
za 303



 
 

  

 


 

 


Z>

E






>



>
Z
WK&WK&d



ZZ
//


>

K


Z


304 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento



 


 Z/

 Z
/
 



 

 

 


 ^
d^
 

 
/
W>


3. Consumo di droghe e tossicodipendenza come problema pedagogico




1











 
 
Capitolo 5: Pedagogia del disagio e della devianza
za 305

 
 

 
 
 
















306 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento



 1






 








 











 

 


 

 



Capitolo 5: Pedagogia del disagio e della devianza


za 307

 











 



 












        



 




4. Istruzione domiciliare e ospedaliera



 
308 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento


















 
  



 



1









 





Capitolo 5: Pedagogia del disagio e della devianza


za 309








 


 
 









5. Il gruppo dei pari






 















310 Parte III: La disciplina della didattica e dellinsegnamento






 




 
























 






Capitolo 5: Pedagogia del disagio e della devianza


za 311

Parte

IV

M
METODOLOGIE
DIDATTICHE E
TTECNICHE ATTIVE DI APPRENDIMENTO

In questa Parte tratteremo i punti 3, 6 e 13 delle Avvertenze generali che riporr


tiamo di seguito:
Punto 3 Conoscenze pedagogico-didattiche e competenze sociali nalizzate allattivazione di una positiva relazione educativa e alla promozione di
apprendimenti signicativi e in contesti interattivi, in stretto coordinamento
con gli altri docenti che operano nella classe, nella sezione, nel plesso scolastico e con lintera comunit professionale della scuola.
Punto 6 Conoscenze nel campo dei media per la didattica e degli strumenti interattivi per la gestione della classe.
Punto 13 Competenze digitali inerenti alluso e le potenzialit delle tecnologie e dei dispositivi elettronici multimediali pi efcaci per potenziare la
qualit dellapprendimento, anche con riferimento al Piano Nazionale Scuola Digitale.

Capitolo

L COMPETENZE COMUNICATIVO-RELAZIONALI
LE
COMUNICAT
A IVO-RELAZIONALI
DEL DOCENTE
D










1. La relazione insegnante-allievo



 







 



 

 








Capitolo 1: Le competenze comunicativo-relazionali del docente


te 315











       










         
  





 

2. La comunicazione nel sistema scolastico














316 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento














3. Gli elementi della comunicazione






 

 
 



 


 



 








Capitolo 1: Le competenze comunicativo-relazionali del docente
te 317

  










 


 




4. Modalit e linguaggi della comunicazione





 



 


 





 
 

 

318 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento









 






















5. La comunicazione didattica









Capitolo 1: Le competenze comunicativo-relazionali del docente


te 319







 
















>KDhE//KEsZ>EKEsZ>>KEd
  >


 /
D

 
E

 
 

 

 h


320 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento

  >







 /

'


 >d

 >E



K


 >








 
 

 


6. La comunicazione intersoggettiva (docente-allievo)















Capitolo 1: Le competenze comunicativo-relazionali del docente


te 321










 


 



 


 


 

 
 


 

 

 

 
 



  

322 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento

  


  


  

  

  


7. Il docente leader e la relazione con la classe


















 

 


 






Capitolo 1: Le competenze comunicativo-relazionali del docente


te 323










8. Leadership e dinamiche di gruppo










1














 



 


324 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento



 

 


 
           






  

 1

  







Rapporti interpersonali e interazioni di gruppo




 






Capitolo 1: Le competenze comunicativo-relazionali del docente


te 325




 

















9. I gruppi di attivit in classe





 














326 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento











 









 













10. Emozioni e apprendimento: lintelligenza emotiva




 



Capitolo 1: Le competenze comunicativo-relazionali del docente
te 327



 



 




























 





1

328 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento







11. Gli obiettivi educativi di Bloom









 


 



 

 

 


 1









Capitolo 1: Le competenze comunicativo-relazionali del docente


te 329

  





















12. Linsegnamento centrato sullo studente di Rogers





















330 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento












































Capitolo 1: Le competenze comunicativo-relazionali del docente


te 331

 


 

 

 


13. Ambienti e contesti di apprendimento










 



 



  




 



 
1




332 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento










14. La famiglia e i suoi modelli educativi







           


 





 


 







 





Capitolo 1: Le competenze comunicativo-relazionali del docente
te 333

15. Scuola e famiglia per la costruzione di percorsi educativi condivisi


2

 
 







 






























334 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento


























16. La formazione extrascolastica


















Capitolo 1: Le competenze comunicativo-relazionali del docente
te 335












 


17. I rapporti tra pari


 











 














336 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento








           








Capitolo 1: Le competenze comunicativo-relazionali del docente


te 337

Capitolo

METODI, METODOLOGIE E TECNICHE DIDATT


M
DIDATTICHE
A ICHE

1. La ricerca didattica e lelaborazione di nuove metodologie




 













^

':
W//


 

 

 

 

 


2. Metodologia e metodo




























Metodi di insegnamento

 

 

 



 


 

340 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento

Metodi di apprendimento



 

 


 




 
 


 







          

 

 











Capitolo 2: Metodi, metodologie e tecniche didattiche
he 341

3. I metodi pedagogici classici





Metodi analitici
















Metodo globale










Metodo naturale





342 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento



 

 

 





Metodo direttivo

 

 

 



4. Strategie didattiche


 

 



 







Capitolo 2: Metodi, metodologie e tecniche didattiche


he 343

















 




 


 




5. Tecniche e metodologie dellazione didattica







 





344 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento

Capitolo

D
DALLA
TEORIA ALLA PRATICA
PRAT
A ICA
DELLA
D
DIDATTICA
DIDATT
A ICA














 








1. La lezione frontale




            















         



 
 





 









1












346 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento


 




 

 

 

























1



Capitolo 3: Dalla teoria alla pratica della didattica
ca 347
















1




 




















348 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento





2. La didattica laboratoriale






 

















  











Capitolo 3: Dalla teoria alla pratica della didattica
ca 349


 
 

 

 

3. Segue: La didattica laboratoriale nelle Linee guida


>






d

/



>


>


/



/


>

K

/

d


D




350 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento

/






4. Apprendimento cooperativo (cooperative learning)



 

































Capitolo 3: Dalla teoria alla pratica della didattica


ca 351






 

 

 



 





Le varianti del cooperative learning
>

E
Z

 >
>




 /










 '/'d^'d


352 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento





:W





^d>





^d^dd
'dd'd:
d/d/
/Z/Z

'&





KKWKKW





^W

5. La ricerca-azione (RA) in classe







 


 
 

Capitolo 3: Dalla teoria alla pratica della didattica
ca 353

 

      



/
/


Z




/






  









           
 




354 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento






^
^YhE
&KZD/KE>'ZhWWK

^YhE
Z/Z

 &  
   D   

  
  &


 ^   

 

^YhE
/KE







^

>

D



6. La ricerca sperimentale


1




 
 
 
 
 
 
 
 
           
 



Capitolo 3: Dalla teoria alla pratica della didattica


ca 355

7. La didattica per progetti












1




 
 
 



d/WK>K'///EdZsEdK>>/E^'EEd






dE/,h^dWZ>ZK>d/d/








        

DK>/ddE/,/WZ^Ed/KE












356 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento

8. La didattica per problemi (problem solving)













1




 
  

 





 
&

Z


^
s

Z

'
^
^
/

D  


s

^
W
/
W
s

Capitolo 3: Dalla teoria alla pratica della didattica


ca 357


 

 
 
 
 
 
 
 

9. Mastery learning







 














 
 
 

 
 
 
358 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento

 

 


 

 



10. La didattica metacognitiva
































Capitolo 3: Dalla teoria alla pratica della didattica


ca 359


 
 

 
 
 
 

 
 




 
 



 
          











11. Mappe concettuali









360 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento







 

 
 

 

 













12. La didattica ludica




 










Capitolo 3: Dalla teoria alla pratica della didattica


ca 361

 

















13. Flip teaching: linsegnamento capovolto






 













A

362 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento

>/KEdZ//KE>


>/KE&>/WW


 
 E








 









         


 






 
        





 


 



Capitolo 3: Dalla teoria alla pratica della didattica


ca 363

 














/E^'EDEdKdZ//KE>
/

&>/WWd,/E'
>


'
 >
 




 

 

 

 

 





364 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento

14. Microlearning e EAS
















 




















 

15. Peer education




Capitolo 3: Dalla teoria alla pratica della didattica
ca 365














 

 

 

 
 










16. Tutoring o Mentoring




 






366 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento





 


1


1





















 




 



Capitolo 3: Dalla teoria alla pratica della didattica


ca 367

 

 





 


 



 


 

368 Parte IV: Metodologie didattiche e tecniche attive di apprendimento

Capitolo

TTECNICHE DIDATTICHE
DIDATT
A ICHE




         

 

 
 

 



 

 


 




1. Spazio comunicativo e role playing












 
 
 
 









 
 

 




 









 


 

 



370 Parte IV: Metodologia di insegnamento e tecniche attive di apprendimento





2. Lazione nel labirinto (Action Maze)



 














 


3. Il brain-storming














 


Capitolo 4: Tecniche didattiche


he 371


 /


/
/


 Y

/






/


/

 ^
 

4. Il circle time



 







 
 
 

5. Lo studio dei casi






 


372 Parte IV: Metodologia di insegnamento e tecniche attive di apprendimento


 
 
 

 








6. Apprendimento per outdooor training: viaggi di istruzione e visite


guidate
























           
Capitolo 4: Tecniche didattiche
he 373






















 


1





 
 

 







374 Parte IV: Metodologia di insegnamento e tecniche attive di apprendimento





 
 








 



 
 


 


 




 
 






 



Capitolo 4: Tecniche didattiche
he 375

hh
h



>D
>


 /^

 D

 
 

 d

 K
 
 
 

 K
 
 
 

7. Il Content and Language Integrated Learning (CLIL)






 

  

       







376 Parte IV: Metodologia di insegnamento e tecniche attive di apprendimento

1


 


 


  
 
 



 




 



 


 
 

 

 
 

 
 

 
Capitolo 4: Tecniche didattiche
he 377

 

 



La formazione dei docenti

 


 
 



 
 

 

 







 
 


 




378 Parte IV: Metodologia di insegnamento e tecniche attive di apprendimento





 






 





 



 
 



Il CLIL nellesame di Stato


 



 


          



Capitolo 4: Tecniche didattiche


he 379


 




La progettazione di un modulo CLIL
 

 
 
 

 
 
 
 



 




 
 


 
 

 

 


 

380 Parte IV: Metodologia di insegnamento e tecniche attive di apprendimento

 

d>
Y>
/

K
 
 
 

 
D

^>/D


Z
Zd
d
WZ
 
 
 
d
/d

 

 

^
W^
D

D
dd


d
d

d
ZZ

Capitolo 4: Tecniche didattiche


he 381

,
d/


d^/
Zt

s

dd&&

T
T
T

F  d
F  W
F  W

F  s

T
T

F  ^
F  D          

T
T

F  /
F  >







d
/



/



Z,




Z


382 Parte IV: Metodologia di insegnamento e tecniche attive di apprendimento

/
Z

^
^
d
d^
/
E

Capitolo 4: Tecniche didattiche


he 383

Capitolo

G STRUMENTI DIDATTICI
GLI
DIDATT
A ICI TRADIZIONALI
E DIGITALI
T

1. I libri di testo



 






















 





 







 














2. Comunicazione efcace con strumenti digitali e TIC






















386 Parte IV: Metodologia di insegnamento e tecniche attive di apprendimento


















 
 










3. La Lavagna Interattiva Multimediale (LIM)


 
1



 


 



Capitolo 5: Gli strumenti didattici tradizionali e digitali


li 387

 


 










 
 


 

 

 




 

 

 



 
 
 
  
 

388 Parte IV: Metodologia di insegnamento e tecniche attive di apprendimento

 

 
 
 
 
 
 



 
 


          



  

  

  

  

4. Blog
 




 






Capitolo 5: Gli strumenti didattici tradizionali e digitali
li 389











        




 







5. Wiki














 


390 Parte IV: Metodologia di insegnamento e tecniche attive di apprendimento





 











6. Podcast




 




















Capitolo 5: Gli strumenti didattici tradizionali e digitali


li 391




 




 






 



7. LMS (Learning Management System)














 







392 Parte IV: Metodologia di insegnamento e tecniche attive di apprendimento

8. I Social network per la didattica




 

 
 

1












Facebook













 

Twitter



Capitolo 5: Gli strumenti didattici tradizionali e digitali


li 393









 


 
 


 
 

 
 
 
GOOGLE+
















1
Pinterest

 



394 Parte IV: Metodologia di insegnamento e tecniche attive di apprendimento




 

 


Linkedin
1





 

 

 





9. Lo strumento e-book


















Capitolo 5: Gli strumenti didattici tradizionali e digitali


li 395











 


















 




 




396 Parte IV: Metodologia di insegnamento e tecniche attive di apprendimento










 
 



10. Sitograa




 
 
 
















11. Le tecnologie informatiche come strumenti compensativi




Capitolo 5: Gli strumenti didattici tradizionali e digitali
li 397



 



 







 
 
 
 
 
 
 
  
 
 

12. Strumenti didattici e tecnologici per linclusione


Wordprocessor





 







398 Parte IV: Metodologia di insegnamento e tecniche attive di apprendimento

Sintesi vocali


 
















Audiolibri







Mappe concettuali











Capitolo 5: Gli strumenti didattici tradizionali e digitali


li 399








Scanner con software OCR






Calcolatrice dotata di sintesi vocale












Riconoscimento vocale (speech recognition)







 






400 Parte IV: Metodologia di insegnamento e tecniche attive di apprendimento

1


La LIM
 


 

 

 




 












 






  





Capitolo 5: Gli strumenti didattici tradizionali e digitali


li 401

 




I software compensativi







I dizionari di lingua straniera computerizzati, traduttori






13. Il Piano Nazionale Scuola Digitale







 


 

 


1

  
 


402 Parte IV: Metodologia di insegnamento e tecniche attive di apprendimento

 





 



 



 


         






La digitalizzazione della scuola italiana
 




 


Il Piano Nazionale della Scuola Digitale 2008


   
 

Capitolo 5: Gli strumenti didattici tradizionali e digitali


li 403

 
 





 

 
 


 



 
 



 


Il Piano nazionale per la scuola digitale 2015
           





 



404 Parte IV: Metodologia di insegnamento e tecniche attive di apprendimento




W^
^

K
&

&/

   
     

W  


d


W




Z


     


^W/
Z
D/hZ
     


  
   
      

W   





&


>Et>
/



W
/
   >     
zKzK
W
^^
^K
h
h


Z
^

Capitolo 5: Gli strumenti didattici tradizionali e digitali


li 405

W^
K
     
 

^





/


W
W    ^d
D^d
D
s



W




/


>
W
    

    



& Z

    

W

^   


Z  
       



h

^

h
yy/
W

   d

h

'd^
W
^

WZ
KZ

    ^ 



&

   Z   




406 Parte IV: Metodologia di insegnamento e tecniche attive di apprendimento

W^
K
 /   


W   

W
E^
     
   

d
    

W
D
W
ZW
    



h

   ^   

h


K^
h^
W
/W


1






Capitolo 5: Gli strumenti didattici tradizionali e digitali


li 407

A
APPENDICI

Appendice

L CONOSCENZA DELLE LINGUE STRANIERE


LA
NELLA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI
N

1. Cittadinanza europea e conoscenza delle lingue


>

h>



>


/







s

>
E
>

>
/
>>
W

>

>
/
/^>


La conoscenza delle lingue straniere nella formazione degli insegnanti
ti 411

Y

E



>

/




>

^>



2. Il Quadro Comune Europeo di Riferimento (QCER)


E

h
YZ
YZ&
Z>&Z
Y
d
E
>>
>


/YZ
W



YZ
/YZW

412 Appendice 1

W



^


>/s>>K^

^
/



>/s>>K>DEdZ



^


>/s>>KWZ/EdZD/KK/^K'>/

^




>/s>>K/EdZD/K



^



hdKEKD/

WZKEE


>/s>>KWK^d/EdZD/KK/&&//EhdKEKD

^h


>/s>>KsEdKK/WZKEE>>>/E'h/E^/dh/KE/KDW>^^
^

^


La conoscenza delle lingue straniere nella formazione degli insegnanti


ti 413

d>>/KEsZ^/KE>>Zd/&//KE/
Z/>^/d/sZ/Ed/&KZDdKZ/
>

&

,&
>&

/>d^
W
dK&>
d/^/s'^

>/
/>^
W>/

>

^,
P^t

^
>&

/>d^

,
/>WD
d  /^ /// '^ 
'^

>/
/>^
W>/
>/

>

^,
P^K

>
>&

/>d^
&
s
/>W
d/^//'^'^
'^

>/
/>^
W>/
/>/

>

^,
P^D

&W
>&

/>d^
Wd
W
d/^/'^'^

>/
/>^
W>/
/>/

>


P^  
P^

&W
>&

/>d^
>/
<d
W>/
d/^'^'^ >/

>

^
P^'
P^</

>&

/>d^
d'^

>// >
W>/

^
P^'
P^</

3. Lapprendimento multilinguistico nella scuola italiana


>


/ZD
h

>
>
/>




Z
414 Appendice 1

W//

>/
>
Y

E

Z/


>
>




>






W




>


W


d





La conoscenza delle lingue straniere nella formazione degli insegnanti
ti 415

E




Z

E




E

>

/




>

>


^







>


416 Appendice 1

d

/>YZ

>


/

^

/

K

 

W
 W
 /

>
       


^
 ^

K

 


 

W
 


La conoscenza delle lingue straniere nella formazione degli insegnanti


ti 417

 Z

 /

>
 >


^
 ^

Z
 K
 K

 K

 Z
d

/>YZ

>




/
>
>

^

/







418 Appendice 1

K


 


 /


 /

W
 


 /

 '

>
 >

 >

 >

 >

^W
 W
 Z

 ^

Z
 Z

 
 Z

 Z

La conoscenza delle lingue straniere nella formazione degli insegnanti


ti 419

d

/>YZ

>




>


^



K


 


 

W
 

 Z

 /

>
 

^
 ^


Z
 K

420 Appendice 1

 K

 
 Z

4. Le competenze linguistiche dei docenti


/

>


>
/



^>/>>/
>





YZE


E
W

E

W

Z



^



La conoscenza delle lingue straniere nella formazione degli insegnanti


ti 421

Appendice

GLOSSARIO ESSENZIALE
G

>
EY


Z
,E



W


D




>
 
E


E


 



 

/

Glossario essenziale 423



d




>



E

>



       
>
>


'




/

'


   Y    



424 Appendice 2


Z






'




 '

>
y/y:

        
E



 >






^^

^

^
&ZsYZ

Glossario essenziale 425

Z




 >





 E


>/>/>









^/
E
>












426 Appendice 2

E

/


E






EY
Y
ZW
K





>




^ht
 >   

W


Z
^





Glossario essenziale 427

/



Wd/
d


^

Z
>
EY
d
W
^
>

/
K


>

/

 E




 


 h'<
/s,
/'EK^/&hE/KE>


428 Appendice 2


>^
DE
E^





>>
E^




E






d
>
^^

^^
/WW
Y&Y&Y

 ^



/
Z

Glossario essenziale 429

'>/''
^WW/
^
/&/&^
KD^



 >/&


>Y&/Y&



 >  

ZW
W/W'>/

^
WdK&
WWE^
W

E^WW
Wd


W
K


>


K
430 Appendice 2



>




W/W

/
W/W
WK&WWdK&
W^



K







WdK&W



,


YYZ
&Z>&Z^

/Y


Glossario essenziale 431

>


YZ

ZW
YZsY
ZW






>





Z
/


432 Appendice 2

I
INDICE

WZd/
&KEDEd/>>W^/K>K'/>>K^s/>hWWK
>>W^/K>K'/>>WWZE/DEdK^K>^d/K>>h/KE
^

 /  W
 W  
 ^  
 /  
 >  
 >'  
 >  
 >  
 >   
 >  
 /  
 /   
 /,/W,/W  
 >  
 /  
 /  
 >  
 >  
 >  

d
 > 
 /W 
 /  
 / 
 >  
   
 W 
 >>< 
 / 











 >:
 s
>^&&t
 >&
 &
 t^ 
>
>
D^^W 
Z^

 W
 
 
 
 
 
 
 
 
 

^
 
 >
 >
 /
 > 
 W















^
 ^
 ^
 /
 D&
 >
 ><
 ^
 >'
 >'
 E
E 
 /Z



























Z
 >
 >
 / 
 /











436 Indice

 /   W
 >   

WZd//
>'/^>/KEEKZDd/s^K>^d/

 >
 /
 >
  
 > 
 
 />
 D















K
 /  
 > 
 K^W
  
 D/hZ 
 >D  
 
   
 hh^Z
 '  
 Z  
 W 














>
 Z'
 >Z'
 >
 >E
 >Z
 Z> 















Indice
ce 437

 ZD> 
 Z'
 >Z>
 > 

 W
 
 
 

>
 
 > 
 >WZ 
 >WZ
 > 
 >WZ  
 /WWdK& 
 / 
 >  
 / 
 /W 
 > 
 /W/ 
 /Z 
 /W 
 /^ 
/
   
'
 ^/
 ^W 
 ^ 
 / 
 /WZ
 >
 > 
 > 
 >
 > 
 >
 >WZ 

438 Indice











































 >WZ 
 /
 >^
 >^
 >^
>Z 
>/>
>
/

 W
 
 
 
 
 
 
 
 

>
 
 K 
  
  
  
   
  
  
   
 / 
>
 >  
 / 
 /  
 >>>  
 > 
 >  
 >
  
 >/ 
 // 
> 
> 
>  
 > 
 >>
> 





























Indice
ce 439

/^Es
 /^
 WZ  W
 >/Es>^/  
 >/E/Z   
 >  
 /  
 >ZZs 
 >/WD  
>
 > 
 /  
 >^ 
 >h 
 / 
 /W 
 /YYY&
 Z 
 >Z
   
 > 



























WZd///
>/^/W>/E>>/dd/>>/E^'EDEdK
>
 >
 K 
 >
 W
 W 
 W 
 / 
 h
 h

440 Indice

>
 '  W
 >  
 /^^   
 >   
 >  
 >  
 /^   
 ^ 
 ^^  
 ''>/  
 >   
 //,  
 >
 D/hZ  
 >>  
 'D/hZ   
'   
>  
>
 > 
 >  
 s 
 >
 WZ 
 / 
 > 
 > 
 >WW 
 / 
/
   
> 
s 
 > 
 > 


















Indice
ce 441

 >
 > 
 >
 >
> 

 >
 >
  
 >
 > 
 > 
 >>
 D/hZ 

 W
 
 
 
 















W
  
 D/hZ  
  
 > 
  
 /  
 / 









WZd/s
DdKK>K'//dd/,dE/,dd/s/WWZE/DEdK


>
 > 
 > 
 ' 
 D 
 > 
 > 

442 Indice








 /
 >
Z 
 /

'
>Z
 
>
^ 
>
/

 W
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

D
 >
 D
D
D
 /
D 
D
D
D
 ^
 d


























 > 
 > 
 ^>> 
 
 > 
 >Z 
 > 
 >  
 > 
 D 
>  













Indice
ce 443

D
> 
&
D^
W
dD 

 W
 
 
 
 
 

d
 ^  
 >D 
 / 
 /  
 > 
 
  
 />/>>/> 
 > 
 />/>^  
 >>/> 
'
 /  
 d/ 
 >>/D>/D  
  
 t 
 W 
 >D^>D^ 
 /^ 
 & 
 d 
 'KK'>  
 W 
 > 
 > 
^ 
>  
^  
 t 
444 Indice
































 ^
 
 D
 ^KZ 
 
 Z
 >>/D 
 /
 /
/WE^
 >
 /WE^
 /W 

 W
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

WWE//
>
 
 
 /YZYZ
 > 
 > 






' 

Indice
ce 445

 
    


  

  


 


 

 



 

 

 

 

 

 

  

 

  


 

  
   
  
  
  

Anche nel bando del concorso a cattedre 2016 (G.U. 26 febbraio 2016, n. 16) le Avvertenze generali costituiscono parte integrante dei gi vasti programmi di studio disciplinari.
Questanno poi le Avvertenze generali sembrano avere una valenza maggiore, se vero come
il MIUR ha pi volte annunciato che le prove di concorso, pi che nozionistiche, saranno tese
a valutare le competenze, oltre che disciplinari, anche culturali, professionali e soprattutto didattico-metodologiche dellaspirante docente.
Questo Compendio cerca allora di fornire a chi si prepara al concorso, e ha poco tempo per
farlo, tutti i fondamenti delle discipline richieste dalle Avvertenze generali (psicologia, pedagogia, psicologia dellet evolutiva, legislazione scolastica, normativa europea ecc.) senza inutili approfondimenti accademici e digressioni teoriche e senza sovrabbondanza di nozioni giuridiche.
Il Compendio si struttura in quattro parti, in cui si riprendono fedelmente tutti i punti delle
Avvertenze generali cos come da bando ufciale (che risultato in parte diverso dalle bozze di bando circolate nei mesi scorsi, proprio nelle Avvertenze). Per dare un organizzazione
logica e sistematica alla trattazione, non abbiamo seguito sempre lordine dei punti delle
Avvertenze: ad esempio prima di trattare della capacit dei progettazione curricolare e dei
BES (punti 4 e 5) abbiamo ritenuto di illustrare la normativa scolastica che ne costituisce
linquadramento (punto 10) e comprende alcuni argomenti preliminari (come autonomia didattica, PTFO, ordinamento didattico ecc.). Una tavola sinottica introduttiva far facilmente individuare i capitoli corrispondenti ai singoli punti delle Avvertenze.
Particolare risalto stato dato ai metodi, alle tecniche e agli strumenti della didattica applicata: da quelli pi tradizionali a quelli pi innovativi, anche se ancora poco utilizzati nelle nostre aule scolastiche.
In Appendice un approfondimento sulle competenze linguistiche del docente e sul Quadro
Comune Europeo di Riferimento (QCER) e un utile Glossario con i termini essenziali e le pi
comuni sigle utilizzate nellambito della scuola. Il volume si arricchisce di una serie di
espansioni online tra cui le Indicazioni nazionali e Linee guida e alcuni modelli di atto come
progettazioni curricolari, PTOF ecc.
Per come strutturato questo Compendio risulta utilissimo per:
s chi ha poco tempo per studiare;
s chi, avendo approfondito lo studio su vari testi, appunti e materiali online vuole una visione organica e sintetica di quanto studiato;
s chi avendo gi studiato in passato alcuni argomenti, ora vuole solo ripassarli prima del
concorso;
s chi gi insegna a scuola, ma in previsione delle prove di concorso, vuole dare un inquadramento teorico alla sua esperienza didattica.

seguici su

www.simone.it
www.facebook.com/ConcorsiACattedra