Sei sulla pagina 1di 76

Giro dItalia 2014

Leonardo Coen
6/1/2014

Content Table
Content Table .............................................................................................................. 2
Leonardo Coen e la passione di due ruote ....................................................................... 5
Tappa 01. BELFAST - BELFAST (TTT) .............................................................................. 6
Se la partenza irlandese della corsa rosa non va gi agli italiani ...................................... 6
Classifica ............................................................................................................... 7
Tappa 03 ARMAGH - DUBLIN ......................................................................................... 8
Dalla parte di Beppu e Arashiro, gregari dellaltro mondo ............................................... 8
Classifica ............................................................................................................... 9
Tappa 04. GIOVINAZZO - BARI .................................................................................... 10
Giro dItalia 2014: Marcel Kittel si ritira per febbre. Vince Nacer Bouhanni ...................... 10
Classifica ............................................................................................................. 11
Tappa 05. Taranto - Viggiano ...................................................................................... 12
Diego Ulissi vince la tappa. Poche insidie per Quintana ................................................. 12
Classifica ............................................................................................................. 13
Tappa 06. Sassano - Montecassino ............................................................................... 14
Matthews vince e rimane in rosa nel giorno delle cadute .............................................. 14
Classifica ............................................................................................................. 15
Tappa 07. Frosinone - Foligno ...................................................................................... 16
Settima tappa vinta in volata da Nacer Bouhanni......................................................... 16
Classifica ............................................................................................................. 17
Tappa 08. FOLIGNO MONTECOPIOLO ......................................................................... 18
Ultimo al traguardo quasi sempre: lascia la maglia nera Carretero ................................. 18
Diego Ulissi vince lottava tappa. Evans nuova maglia rosa ........................................... 20
Classifica ............................................................................................................. 21
Tappa 09. Lugo - Sestola ............................................................................................ 22
Il 37enne Evans in maglia rosa: Lesperienza conta ................................................... 22
A Lugo dove mancava da 100 anni. Evans sempre in rosa ............................................ 23
Classifica ............................................................................................................. 24
Tappa 10. Modena - Salsomaggiore Terme .................................................................... 26
La corsa rosa dimentica il centenario della nascita di Bartali ......................................... 26
Classifica ............................................................................................................. 28
Tappa 11. Collecchio - Savona ..................................................................................... 29
Scatto di Rogers: 11esima tappa Collechio-Savona allAustralia ..................................... 29
Classifica ............................................................................................................. 31
Tappa 12. BARBARESCO - BAROLO (ITT) ...................................................................... 32
2

Il Giro si consola con il vino ...................................................................................... 32


La 12esima tappa parla colombiano: maglia rosa a Uran Uran ....................................... 34
Coppi, Bartali e il Giro del Vino .................................................................................. 35
Classifica ............................................................................................................. 36
Tappa 13. Fossano - Rivarolo Canavese ........................................................................ 38
Canola batte i velocisti. Uran resta maglia rosa ........................................................... 38
Classifica ............................................................................................................. 39
Tappa 14. AGLI - OROPA (BIELLA) ............................................................................. 40
Sulla salita di Pantani gloria a Pantano, ma vittoria a Battaglin ...................................... 40
Classifica ............................................................................................................. 42
Tappa 15. VALDENGO - PLAN DI MONTECAMPIONE ........................................................ 43
Fabio Aru alla Pantani: scatta sulla salita del Pirata e stacca tutti .................................. 43
Classifica ............................................................................................................. 45
Tappa 16. PONTE DI LEGNO - VAL MARTELLO/MARTELLTAL ............................................ 46
Quintana si prende la maglia rosa e domina su Gavia e Stelvio ..................................... 46
Un tweet non ferma il Giro ....................................................................................... 49
Classifica ............................................................................................................. 51
Tappa 17. SARNONICO - VITTORIO VENETO.................................................................. 52
Stefano Pirazzi vince a Vittorio Veneto e si sfoga con un gestaccio ................................. 52
Classifica ............................................................................................................. 54
Tappa 18. BELLUNO - RIF. PANAROTTA (VALSUGANA) .................................................... 55
Da Belluno a Rifugio Panarotta vince Arredondo .......................................................... 55
2014 e il Giro del Risarcimento ................................................................................. 56
Classifica ............................................................................................................. 59
Tappa 19: BASSANO DEL GRAPPA - CIMA GRAPPA (CRESPANO DEL GRAPPA) (ITT) ........... 60
Nairo Quintana vince e convince sul Grappa................................................................ 60
Classifica ............................................................................................................. 61
Tappa 20. MANIAGO - MONTE ZONCOLAN..................................................................... 62
Rogers conquista lo Zoncolan. Quintana ipoteca la vittoria ............................................ 62
Classifica ............................................................................................................. 64
Tappa 21. GEMONA DEL FRIULI - TRIESTE .................................................................... 65
Quintana trionfa e annuncia: Lanno prossimo il Tour ................................................ 65
Trieste proclama Nairo Quintana re............................................................................ 67
Luka Mezgec vince lultimo sprint di Trieste ................................................................ 69
Classifica ............................................................................................................. 71
Bartali, un mito lungo centanni ................................................................................... 72
3

Credits ...................................................................................................................... 75

Leonardo Coen e la passione di due ruote

Ho conosciuto Leonardo Coen undici anni fa a Baghdad. Girava


con uno strano accredito al collo, con scritto Coen e mi sembrava
un invito a farsi ammazzare. Portava un pacco di dinari iracheni
dentro una busta di plastica, servivano per le mance e le piccole
spese, perch per le grandi ci volevano i dollari, ma insomma
pure quello era un mezzo invito a farsi ammazzare. Era sempre
allegro, persino troppo e insieme fummo i primi giornalisti a
entrare nel museo depredato. Io scambiai con i Marines di
guardia qualcosa che non ricordo e loro ci diedero le orrende
razioni K con il rancio. Coen aveva avuto qualche guaio (non sto
a dire cosa) e spesso infilava nei suoi pezzi la frase che era un
monito: "Il tuo tempo scaduto". A volte ci capra a di cenare
insieme la pasta cotta in camera nello Sheraton hotel e una sera,
mentre faceva il bucato, lo sentii urlare con uno sciocco culo di
pietra (poi ci ho lavorato anche io) che gli chiedeva qualcosa di
assurdo sulle agenzie, senza capire che, come inviati, senza luce,
acqua, legge e col coprifuoco, potevamo verificare solo quello che
vedevamo rischiando la pellaccia. Se ne and a maggio qualche
giorno prima di me. Aveva in testa la partenza del Giro. Pochi
giorni prima era partito il fotografo inglese con cui condividevo la
stanza. Richard mi disse: "Non restare a lungo a Baghdad. Avrai
un proiettile o un incidente stradale".
Guy Chiappaventi

Tappa 01. BELFAST - BELFAST (TTT)


9 Maggio 2014 - 21,7 KM - Cronometro a squadre

Se la partenza irlandese della corsa rosa non va gi agli italiani


9 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
A un sondaggio di RadioUno sull'indice di gradimento dello start in Gran Bretagna, l'80% dei
radioascoltatori ha bocciato la scelta degli organizzatori, dettata da convenienza economica.
"Almeno ci avrebbero messo a nuovo le strade" il parere pi diffuso

Vi piace che il Giro dItalia del 2014 cominci in Irlanda del Nord?, chiedono ai
radioascoltatori quelli di RadioUno. Macch: l80 per cento dice di no, avrebbe preferito una
partenza tricolore. Almeno cos ci avrebbero messo a nuovo le strade spiega uno di loro.
Perch questo succedeva: che lungo il tracciato del Giro lasfalto era ancora fresco di bitume
appena posato, le buche coperte, i marciapiedi risistematiDimenticatevelo: il fatto che per
ospitare la partenza di un Giro ci vogliono almeno 5-600mila euro e i municipi sono in
bolletta, soprattutto le grandi citt. O trovi uno sponsor davvero generoso, o rinunci. Se poi
scovi lIrlanda dove le tasse sono sensibilmente meno pesanti che da noi, gli sponsor ci vanno
a nozze Dunque, per mere ragioni alimentari, il Giro dItalia numero 97 ricomincia la sua
avventura per lundicesima volta allestero.
Questanno il turno di Belfast, e la prima tappa lormai banale cronometro a squadre,
spettacolare ma in fondo abbastanza inutile. E solo una vetrina promozionale. Daltra parte,
litinerario accontenta la pro loco, il via dal museo del Titanic, larrivo posto alla Donegall
Square North. Nessun palpito scuote chi ama il ciclismo. Una passerella per gli occhi dei
residenti e delle tv. Il pedaggio ormai obbligato altrimenti niente quattrini. Quanto ai numeri,
ventidue squadre e 198 corridori di trenta nazionalit diverse, ma sono solo sette i Paesi che
hanno pi di una dozzina di concorrenti in gara. Compresi tre irlandesi, dellIrlanda non Gran
Bretagna. Semmai, il pensiero di chi non racconta soltanto di mozzi e telai, dovrebbe riandare
a ben altri avvenimenti, assai pi sanguinosi di una pur durissima corsa a tappe, mica tanto
tempo fa: spesso e volentieri chi andava in bici ai tempi della guerriglia veniva fermato dalle
6

pattuglie della polizia o delle milizie, spesso le strade di Belfast erano teatro di agguati,
imboscate, battaglie.
Come vedete, il linguaggio dei conflitti armati lo stesso dei conflitti agonistici LIRA giusto
ventanni fa, il 31 luglio del 1994, annunci la completa cessazione di tutte le operazioni
militari e quattro anni dopo si arriv alla firma del Belfast Agreement. Quellanno il Giro fu
vinto dal russo Evgenij Berzin, il primo del suo Paese, tre anni appena dopo il crollo dellUrss.
Oggi, con il crollo di mille speranze e unItalia boccheggiante, abbiamo una corsa con abbrivio
remoto, ed audience in calo. Come in calo sono le pendenze, che poi fanno tendenze
ciclisticamente parlando: ci sono 3mila metri di ascese in meno rispetto allultima edizione.
Pure il lotto dei favoriti abbastanza ristretto, come lo sono le tasche degli italiani
sintende, quelli che non appartengono alla numerosa ed esosa classe dei tangentisti Expo e
dei reduci di Mani Pulite.
Anzi, il migliore del bigoncio un rampante (in ogni senso, specie quando le strade
simpiccano a cielo) che lanno scorso stava per vincere il Tour de France, un colombiano di
ventiquattro anni di nome Nairo Quintana, scalatore piccoletto ma gambe al fulmicotone. Ha
reso difficile il Tour di Chris Froome. Con la penultima tappa che si conclude in cima allo
Zoncolan, la salita pi drammatica di questo Giro 2014, sembra gli abbiano disegnato la corsa
rosa per farlo vincere. Al Tour qualcuno dei big della corazzata british Sky, il Manchester City
del ciclismo, ha gioito per la scelta (tattica? O opportunistica?) di Quintana. E anche il nostro
Vincenzo Nibali, che ha vinto lo scorso anno, ma non aveva avversari capaci di contrastarlo in
montagna I suoi avversari pi gettonati hanno dalla loro lesperienza, per dirla cos,
insomma, sono dei vecchioni.
Cadel Evans ha trentasette anni e tre mesi. Joaquim Rodriguez ne ha trentaquattro suonati,
come il nostro Michele Scarponi. In mancanza daltro, c chi ha intervistato Damiano Cunego,
trentadue anni, che nel 2004 vinse il Giro a sorpresa e con il cipiglio del predestinato. Dicono
stia bene. Miracolo sulle due ruote? Abbiamo in gruppo pure il vegliardo Alessandro Petacchi,
quarantantanni, lo Zanetti del manubrio. Ha vinto ventisette tappe in volata, cinque gliele
hanno tolte per un affare di doping (salbutamolo, nel 2007). C un nugolo di giovani in
attesa di farsi spazio. Viviani, che al Giro di Turchia ha battuto allo sprint due volte
Cavendish. Boem, che nelle classiche del Nord si messo in luce. Moser, il nipote di
Francesco, in gran spolvero. Il sardo Aru, promettente scalatore. Senza dimenticare la
melassa che ci verr propinata perch questo Giro cade nel decennale della tragica
scomparsa di Marco Pantani. Corsi e ricorsi, o meglio corse e ricorse del ciclismo, sport che ha
il volto della cultura popolare. Infine, speriamo. Che i corridori siano in forma. E non in
farma(cia).

Classifica
Vincitore tappa ORICA GREENEDGE Tempo 24:42
Maglia Rosa TUFT Svein (CAN)
Fonte: Gazzetta.it

Tappa 03 ARMAGH - DUBLIN


11 Maggio 2014 - 187 KM - Pianeggiante

Dalla parte di Beppu e Arashiro, gregari dellaltro mondo


11 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
Nella corsa rosa (in tono minore) partita dall'Irlanda, a tenere alta la bandiera ideale
dellEstremo Oriente ci pensano i due giapponesi. Che non vinceranno, ma fanno colore e
discrete prestazioni

Fateci caso. Lanno scorso, con il primo cinese che avesse mai partecipato ad un Giro dItalia
il volonteroso ma sfortunato gregario Ji Cheng costretto al ritiro dopo cinque tappe la
Giant Shimano ha faticato prima di vincere una tappa (la quinta da Cosenza a Matera), ed
stata lunica vittoria del team olandese nella corsa dominata da Vincenzo Nibali. Arriv primo,
quel giorno di pioggia e bufera, il tedesco John Degenkolb. Lasciato a casa Ji Cheng, e pure
Degenkolb, questanno la Giant Shimano si subito comportata da padrona delle strade di
pianura. Controlla il gruppo, dispone di un treno formidabile per le volate, ha uno
straordinario sprinter, il tedesco Marcel Kittel che nel 2013 vinse ben quattro tappe al Tour de
France. Risultato: dopo la prima tappa a cronosquadre, Kittel ha vinto la seconda e la terza.
Un rullo compressore. Senza Ji Cheng ad allungare e sfilare il plotone. Traetene voi le
conclusioni
In compenso, a tenere alta la bandiera ideale dellEstremo Oriente ci pensano due
giapponesi: che non corrono per la Giant sponsorizzata dalla nipponica Shimano. Yukiya
Arashiro corre per lEuropcar dal 2011. Fumiyuki Beppu per la Trek Factory Racing. Il primo
indossa il pettorale 162. Il secondo porta sulla schiena il numero 218. La somma delle cifre di
Arashiro fa 9, numero fausto (coppianamente parlando). Quelle di Beppu 11, cio due volte 1,
che dei numeri il pi simbolico. Il sushi ciclismo non solo folklore. Anzi. Sia Arashiro che
Beppu sono stati i primi giapponesi a concludere un Tour de France, quello del 2009. Arashiro
lo concluse al 129esimo posto. Beppu and meglio, 112esimo. Entrambi hanno gi
partecipato al Giro dItalia. Arashiro nel 2010, quando lo port a termine al 93esimo posto.
8

Beppu affront la corsa rosa una prima volta nel 2011, finendo dignitosamente al 67esimo
posto. Ci riprov lanno dopo e and molto peggio: 121. In compenso lamico rivale Arashiro
continu a percorrere le strade pi illuminate del Tour de France, che la vetrina principale
del ciclismo mondiale, la referenza delle due ruote.
Nel 201o miglior la sua classifica di diciassette posizioni (fu 112). Nel 2012 stabil il suo
record: 84. Nel 2013 non riconferm i progressi e scivol al 99 gradino. Ora, questo Giro
bigio cominciato in Irlanda sembra segnato (o rassegnato) a coincidenze quasi astrali. La
prima maglia rosa, laustraliano Svein Tuft bella faccia da pescatore di salmoni con barba
brizzolata arrivata il giorno del suo trentasettesimo compleanno. Nel 2013, al Tour de
France, fin ultimo. Il giorno dopo, toccato a Martin Kittel conquistare la tappa nel giorno del
suo ventiseiesimo anniversario. Occhio al calendario, dunque. Purtroppo per i due del Sol
Levante, questo misterioso intrigo cicloroscopico sar piuttosto arduo. Arashiro nato il 22
settembre: semmai, potrebbe tentare per la prova del mondiale a cronometro che si svolger
il 22 settembre a Ponferrada, in Spagna. Quanto a Beppu, ha gi compiuto gli anni il 10 aprile
scorso. In compenso, sinora discreto il comportamento di Beppu a questo Giro. E
cinquantesimo in classifica generale, a un minuto e tre secondi dalla maglia rosa, laustraliano
Michael Matthews (pettorale 154), mentre Arashiro 80 posizioni pi in basso, distaccato dal
compatriota di 59 secondi. Nelle corse a tappe i numeri sono testimoni silenziosi ma
implacabili.

Classifica
Vincitore tappa KITTEL Marcel (GER) Tempo 4:28:43
Maglia Rosa MATTHEWS Michael (AUS)
Fonte: Gazzetta.it

Tappa 04. GIOVINAZZO - BARI


13 Maggio 2014 - 112 KM - Pianeggiante

Giro dItalia 2014: Marcel Kittel si ritira per febbre. Vince Nacer Bouhanni
13 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
La rimonta del franco-algerino al termine della Giovinazzo-Bari lascia a secco gli italiani. Il
tedesco Kittel, che ha dominato i primi due sprint del Giro in trasferta irlandese, abbandona.
Stoico invece Giampaolo Caruso che resta nel gruppo nonostante una frattura allo scafoide

Fine della favola. Sognatevele, le volate straordinarie di Marcel Kittel, il tedesco che ha
dominato i primi due sprint del Giro dItalia in trasferta irlandese. Tanto straordinarie. Direi,
stupefacenti: e non siate maliziosi nel disossare laggettivo. Lho coniato in anni pi che
sospetti, quando le prestazioni dei corridori erano circondate da dubbi e punti interrogativi.
Ops! Ma non fu proprio Kittel quel ciclista coinvolto in una vicenda di emotrasfusioni, un paio
di anni fa? Certo che s: si era sottoposto a trattamenti ematici nel 2012 che oggi il
regolamento antidoping vieta, mentre allora la sulfurea procedura non era ancora stata
formalmente interdetta dal regolamento. Cos, con un opportuno - ed eticamente ipocrita ricorso al Tas, il tribunale sportivo, era riuscito a scamparla...
Insomma, col ritorno sul suolo patrio in quel di Puglia del Giro 2014 ci si aspettava uno
scontato tris del tedesco lesto, visto che il traguardo era posto alla fine della tappa pi breve
e facile (appena 112 chilometri). Invece il nostro eroe dal bruciante finish ha salutato la
compagnia, ha mollato la maglia rossa e la gloria. Si cio ritirato. Lo ha annunciato su
Twitter.
Un messaggio accorato, forse un po troppo: Devo abbandonare il Giro prima del previsto,
sono molto dispiaciuto di dover lasciare questa bellissima corsa per colpa della febbre. Grazie
a tutti, in particolare alla mia squadra, agli organizzatori e ai fan a bordo strada per il grande
supporto. Il mio Giro stato breve ma intenso. Sar. Ho ammirato a bocca aperta le sue
10

performances, ieri sera a Firenze, con Franco Bitossi e Roberto Poggiali, abbiamo commentato
le sue rimonte impossibili.
E tuttavia, preferisco lo stoico Giampaolo Caruso che rimasto nel gruppo, nonostante una
dolorosa fratturina allo scafoide sinistro rimediata nella seconda tappa, voglio aiutare il mio
capitano Rodriguez, ha detto il corridore, onorando la professione di ciclista e dimostrando
ben altra tempra.
Qual la colpa delladdio di Kittel? Un improvviso attacco di febbre. Fulminea come i suoi
colpi di reni. I compagni di Kittel hanno detto che Marcel era da qualche giorno che non stava
bene.
Ah s? Non stava bene, per abbastanza per consentirgli delle prestazioni incredibili,
squassanti. Maturate sotto la pioggia fredda dIrlanda, al termine di tappe piuttosto
impegnative, mica il brodino della Giovinazzo-Bari (con un circuito conclusivo da percorrere
otto volte) che stata bagnata da un po di pioggerella ostile. I corridori hanno inscenato una
protesta baccagliando con gli organizzatori, pretendendo leliminazione degli abbuoni e la
neutralizzazione dellultimo round. Richieste accolte. Li intimoriva il fondo viscido e la paura di
nuove cadute. A ragione: nel finale, quattro corridori della Shimano - gli orfanelli di Kittel sono scivolati a tre chilometri dallarrivo sulla strada saponetta. Altri poco pi avanti: era
difficile stare in piedi, si sono lagnati i corridori, non volevamo rischiare per una tappa. In
testa sono rimasti sei superstiti (e ben tre della Shimano). La pericolosit del circuito stata
confermata dai timori dei corridori. Curve condotte a guardinga velocit. Media soporifera.
Spettacolo solo negli ultimi sette chilometri. Negli ultimi cento metri, possente rimonta del
franco-algerino Nacer Bouhanni, che aveva evitato acrobaticamente la caduta nel finale e
vince, lasciando ancora a secco gli italiani. Sinora, torpore e pioggia. Pi che Giro dItalia,
Ghiro dItalia.

Classifica
Vincitore tappa BOUHANNI Nacer (FRA) Tempo 2:22:06
Maglia Rosa MATTHEWS Michael (AUS)
Fonte: Gazzetta.it

11

Tappa 05. Taranto - Viggiano


14 Maggio 2014 203 KM - Media montagna

Diego Ulissi vince la tappa. Poche insidie per Quintana


14 maggio 2014 per Il Fatto Quitidiano
L'italiano vince sul percorso Taranto Viggiano. Qualche goccia di pioggia insidiosa porta a
cadute e spezza il gruppo. Ma per il resto spettacolo poco. E per ora nessuno sembra avere
voglia di sfidare il favorito colombiano

La strada s'impenna leggermente, si sale verso Viggiano in quel della Val d'Agri provincia di
Potenza, a quota 900 e rotti. Le pendenze non sono assassine ma la pioggia, che cade a
tratti, e` vigliacca, cosi` cocktail di cadute, rosolate di sedere e gruppo frastagliato, con la
solita fuga che si esaurisce a pochi chilometri dall'arrivo per lasciare ad altri la bagarre finale.
Come certi roboanti venditori ambulanti, c' chi in tv annuncia una tappa capace di
movimentare la classifica generale, con toni Aiazzone e previsioni piuttosto avventate. In
linea teorica, avrebbe ragione: c' un iperfavorito che si chiama Nairo Quintana. Ha puntato
la sua stagione sul Giro evitando altri impegni precedenti.
Logica vorrebbe che lo si attaccasse in queste tappe della prima settimana, quando ancora
sta rodando gambe e strategie. Spes ultima deanon basta auspicare. Bisognerebbe essere
pi severi. Perch nessuno degli antagonisti ha molestato Quintana. Qualche punzecchiatura
negli ultimi dieci chilometri, che non hanno prodotto nulla. Nessun attacco importante.
Nemmeno sub-importante. Di ammirevole la fuitina sfortunata di Gianluca Brambilla, ripreso
dal gruppo dei migliori a 1900 metri dal traguardo, con l'australiano Michael Matthews deciso
a non mollare la maglia rosa. Anche qui, smentiti i veggenti di tappa che lo davano al termine
dell'avventura. L'arrivo il primo in salita di questo Giro 2014, ma il finale sempre un
deja- vu, poich la salita gentile; ossia volata, con Matthews che recupera un buco e
addirittura tenta di vincere. Presuntuoso. Si dovuto accontentare del sesto posto.
Meglio di tutti, Diego Ulissi che sguscia omericamente davanti a Cadel Evans e agli altri
favoriti, taglia il traguardo con un avaro secondo di vantaggio, per che soddisfazione! E' il
12

primo italiano a riuscirci in questo Giro ed infatti appena appoggia il piede a terra confessa:
Sto godendo. Aveva gi vinto nel 2011 (diciassettesima tappa), corre per la Lampre-Merida
guidata dall'astutissimo Giuseppe Saronni. Se la gode insieme al colombiano Quintana, il pi
temuto: stato a ruota, non mai stato messo in difficolt anche perch il terreno non era
tale da indurre in tentazione gli avversari, si giustificano i mancati attaccanti. Lo spettacolo
continua ad essere moscio, sar forse che ormai Tour e Vuelta attirano pi campioni del Giro?
Gli organizzatori e i loro fiancheggiatori dicono che non vero, che ci sono grandi nomi, a
cominciare da quello di Cadel Evanse chi lo nega? Ma ha 37 anni. Uran e Rodriguez? Michele
Scarponi? Il discorso sarebbe lungo: c' chi opina che le caratteristiche ciclistiche per vincere
Giro e Tour sono diverse. Certo, il ciclismo italiano soffre la mancanza di Vincenzo Nibali,
l'unico del bigoncio a poter competere alla pari coi boss della bici d'oggi. Ma ha scelto il Tour.
Che la vetrina numero uno.
Questo passa il convento. Anzi, oggi il santuario. Quello di Santa Maria del Monte, meta di
pellegrinaggi molto popolari. Come quelli di natura meno spirituale. A colpi di cazun.
Sottolineo con una zeta solaGi. Mentre i 195 concorrenti si sfiancavano lungo strade molto
belle il Giro finalmente tornato nel suo contesto pi umano, una tappa spottone per
invitare i turisti a visitare il Belpaese meno conosciuto ma assai piu` genuino molti
suiveurs si sono sfiancati a forza di cazun. Oh! non pensate male, i cazun sono i ravioli tipici
della Lucania e a Viggiano si alleva al pascolo brado la vacca podolica, razza assai forte che
regala un latte eccellente. Risultato: formaggi e caciocavallo deliziosi.
I ciclisti, tapini, seguono ben altre diete, a loro sono vietati certi peccati di gola. E c' persino
un corridore che si chiama Malacarne (Davide di Feltre, fu campione mondiale di ciclocross
juniores nel 2005)

Classifica
Vincitore tappa ULISSI Diego (ITA) Tempo 5:12:39
Maglia Rosa MATTHEWS Michael (AUS)
Fonte: Gazzetta.it

13

Tappa 06. Sassano - Montecassino


15 Maggio 2014 247 KM - Media montagna

Matthews vince e rimane in rosa nel giorno delle cadute


15 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
Sesta tappa Sassano - Montecassino rovinata da una serie di incidenti. Che mettono fuori
gioco l'italiano Caruso e "azzoppano" il favorito Quintana. Ne approfittano Evans e il leader
della corsa

Volevano ricordare il settantesimo anniversario del bombardamento di Montecassino e la


distruzione dellabbazia. Invece, la sesta tappa di questo Giro 2014 martoriato sinora dalla
pioggia, dal vento e dallasfalto viscido, verr ricordata per due disastrose cadute in meno di
trenta metri, prima dellennesima rotonda, quando mancavano meno di undici chilometri al
traguardo. Allimprovviso, un corridore sullestrema sinistra della carreggiata salta per aria,
rimbalza contro un guardrail, viene travolto da chi lo segue, la caduta ha leffetto domino,
raggiunge il cuore del gruppo. Pi avanti, negli stessi istanti, i corridori sono costretti a
frenare perch qualcuno ha bloccato inopinatamente il lato sinistro di una rotonda: un
massacro. Qualcuno dovr pur spiegare perch ci stava una vettura bianca a far da muro.
Fatto sta che i ciclisti si accartocciano gli uni sugli altri, sbandate tremende, capriole, sangue.
La rabbia dei corridori non rester su quellasfalto, poco ma sicuro. Perch il Giro finito l.
Almeno, il Giro che avrebbe dovuto essere concentrato sulla grande sfida tra Quintana e
Rodriguez. Il duello non era ancora iniziato. Joaquim Purito Rodriguez, infatti, ha perso
sette minuti e 43 secondi. E guadagnato una forte contusione alla spalla, con probabile
incrinatura di un paio di costole. Quintana se l cavata per il rotto della cuffia, scivolato,
ma si rimesso in bici. Lasciando per quasi un minuto.
Nella memoria, immagini di dolore e di paura. Di angoscia per Giampaolo Caruso, immobile a
terra, steso sul fianco destro mentre gli altri corridori faticosamente cercavano di rimettersi in
sella e di proseguire. Per qualche minuto, lItalia del Giro dItalia rimasta col fiato sospeso,
con lo spavento addosso. Per fortuna Caruso, gi martoriato da unaltra caduta a Belfast che
14

gli aveva fratturato lo scafoide, si mantenuto cosciente. Solo i primissimi del plotone sono
sfuggiti alla catastrofe. Fortuna e una prudenza che invita, chi teme le imboscate della
pioggia, a stare in cima al gruppo. Miguel Indurain, che era terrorizzato dalle cadute, stava
sempre davanti, in cima al gruppo. Il ciclismo sport durissimo, talvolta crudele. Spesso
cinico. Mors tua vita mea.
In otto si sono avvantaggiati del terremoto: Cadel Evans, spalleggiato dai compagni di
squadra Steve Morabito e Daniel Oss, ha pestato come una furia sui pedali perch aveva
capito che doveva sfruttare ad ogni costo lincidente. Le cadute in serie avevano spezzato,
rallentato e sparpagliato il gruppo. Con Evans, due italiani di buone speranze, Matteo
Rabottini e Ivan Santaromita. Poi il belga Tim Wellens. Ma soprattutto, la tenace maglia rosa
Michael Matthews, con lo scudiero Luke Durndridge. Dietro, ad inseguire gli australiani,
simpegnava sino allo spasimo il colombiano Nairo Quintana, il grande favorito, acciaccato dai
ruzzoloni. Si dannava per riprendere i fuggitivi. Invano. Gli otto rollavano come furie del
West. Mentre ad aiutare Nairo mancava buona parte dellargenteria in gara: Michele Scarponi,
per esempio, aveva rimediato botte e graffi, come Damiano Cunego. Rodriguez annaspava
nelle retrovie, sospinto dai compagni.
Il sempre pi sorprendente giovanotto di Canberra, la maglia rosa Matthews non solo teneva
la ruota del pi accreditato connazionale Cadel Evans ma andava a vincere la tappa con una
volata secca. Quintana, Uran, Ivan Basso e Pozzovivo riuscivano a limitare i danni, beccando
49 secondi, mentre Scarponi arrivava con 143 di ritardo. Il Giro 2014 riparte. Tra polemiche
e rammarico. Intanto, sulle strade del Gavia e dello Stelvio, neve a metri. Quasi certo che i
tapponi di montagna, se continua cos, saranno drasticamente limati. Che senso ha metterle
in programma se poi si costretti a cancellarle? Se basta un po di pioggia a seminare
distastri, che ci si pu attendere da pareti di neve e dal pericolo delle slavine? Il clima
cambiato ciclisticamente in peggio. Gli organizzatori del Giro dovrebbero tenerne conto e
posticipare di almeno una settimana il via. Lottando con i padrini dellUci e con i cugini
francesi che il loro Tour non lhanno mai mercanteggiato con nessuno.

Classifica
Vincitore tappa MATTHEWS Michael (AUS) Tempo 6:37:01
Maglia Rosa MATTHEWS Michael (AUS)
Fonte: Gazzetta.it

15

Tappa 07. Frosinone - Foligno


16 Maggio 2014. 211 KM - Pianeggiante.

Settima tappa vinta in volata da Nacer Bouhanni


16 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
Un caduto pure oggi, lo spagnolo Francisco Ventoso che ha nel nome il destino del suo
mestiere: fa da scudo per togliere il vento al gran favorito Nairo Quintana

Il 18 maggio 1940, durante la seconda tappa di quel mitico Giro dItalia, mentre il gruppo
viaggiava alla volta di Genova (era partito da Torino) lungo tortuose strade di montagne non
irresistibili, un cane tagli improvvisamente la strada a Gino Bartali. Il grande campione lo
centr in pieno, cadde rovinosamente, rimedi una brutta contusione alla gamba. Gino riusc
a rimettersi in sella e a concludere la tappa. Il medico che lo visit la sera diagnostic un
brutto strappo e gli consigli di ritirarsi. Bartali non ne volle sapere. Per cap che non
avrebbe avuto alcuna speranza di conquistare il suo terzo Giro, dopo quelli del 1936 e del
1937. Veniva da una primavera di fantastici risultati, aveva vinto la Milano-Sanremo e il Giro
della Toscana, era il grande favorito: adesso, solo un malconcio ciclista costretto a guardare
vincere i rivali. Con molto spirito pragmatico Eberardo Pavesi, il direttore sportivo della
Legnano, la squadra di Gino, decise allora di affidare al giovane gregario Fausto Coppi, voluto
peraltro dallo stesso Bartali, il compito di lottare per la classifica. Si sa come and a finire.
Coppi, debuttante al Giro, approfitt del vuoto di potere e domin il suo primo Giro. Bartali fu
costretto ad accettare la malasorte. Aveva trascorso tutto linverno a prepararsi per il trionfo,
ora laveva soppiantato il giovanotto che aveva scelto proprio lui. Laudace apprendista aveva
colto al volo loccasione e aveva sfidato il maestro. Visto da unaltra angolatura, il campione
leggendario, ferito nel corpo e nellorgoglio ma pur sempre indomito, leroe che aveva
conquistato il Tour de France del 1938, aveva favorito il successo del giovane Coppi. Fatto sta
che Coppi non rimase alla ruota di Bartali.
Morale della favola: si attacca dopo una caduta, anzi una maxicaduta come quella che ha
sconvolto la sesta tappa del Giro dItalia 2014 che si concludeva allabbazia di Montecassino?
16

Se lo sono chiesto in molti. La storia del ciclismo insegna che questa una domanda faziosa.
Intanto, quello di Cadel Evans e della maglia rosa Michael Matthews non stato un attacco
ma il proseguimento di unazione cominciata prima della caduta, con i gregari che stavano
davanti a tirare per creare spazi in testa al gruppo ai loro capitani. Il plotone rollava a
sessanta allora. Lasfalto viscido ha tradito i pur esperti corridori, qualcuno ha frenato troppo
e ha provocato lo sconquasso.
La rotonda centra poco, nel disastro, se non che ha obbligato a rallentare i treni delle varie
squadre. Piantiamola con le polemiche e con le critiche a Cadel Evans e a Michael Matthews:
la corsa ormai era lanciataquante volte gli avversari di Eddy Merckx aspettavano che il
Cannibale incappasse in qualche problema meccanico per schizzar via e guadagnare secondi?
Il fair play nel ciclismo non contempla la pietas. La storia del ciclismo costellata di episodi
crudeli, di colpi di fortuna e disavventure drammatiche, talvolta fatali. I corridori lo sanno per
primi: sono professionisti della strada.
Unaltra considerazione: il ciclismo si evoluto. La globalizzazione ha contribuito ad elevare la
qualit e ad appiattire i valori. Si fa fatica a fare la differenza su percorsi non molto: con il
problema delle nostre strade, sovente in condizioni inadeguate, con asfalti che non drenano,
fessure che sbarellano le ruote, buche a malapena tappate con catrame che con lacqua si
sfalda subito, insomma, manutenzioni al risparmio perch le casse comunali sono
desolatamente sempre pi vuote.
Qualcuno accusa pure la qualit dei materiali. Ma un falso problema. Semmai vero che le
nuove tecnologie applicate alla bicicletta fanno aumentare esponenzialmente le velocit, sui
rettilinei i velocisti raggiungono i 70-80 chilometri allora: occorrerebbero sedi pi adatte per
arrivi convulsi dove sono impegnati allo spasimo pi di cento corridori. Come si vede, tutto
quadra con la situazione del nostro Paese. Vogliamo la Ferrari ma abbiamo strade per la
Cinquecento.
Per la cronaca, la settima tappa da Frosinone a Foligno stata vinta in volata dal francoalgerino Nacer Bouhanni, gi vincitore a Bari. Un caduto pure oggi, lo spagnolo Francisco
Ventoso che ha nel nome il destino del suo mestiere: fa da scudo per togliere il vento al gran
favorito Nairo Quintana.

Classifica
Vincitore tappa BOUHANNI Nacer (FRA) Tempo 5:16:05
Maglia Rosa MATTHEWS Michael (AUS)
Fonte: Gazzetta.it

17

Tappa 08. FOLIGNO MONTECOPIOLO


17 Maggio 2014. 179 KM - Media montagna.

Ultimo al traguardo quasi sempre: lascia la maglia nera Carretero


17 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
Il corridore panamense si ritira dopo quasi una settimana: era diventata la mascotte del
gruppo, con faccia da studente e voglia di imparare

In attesa dellottava tappa, quella da Foligno a Montecopiolo, nellentroterra di Pesaro, che


prevede la dura salita del Cippo di Carpegna, cult delle arrampicate in bicicletta perch l ci si
allenava il Pirata, alias Marco Pantani (da quota 711 a 1358, sei chilometri che comportano
un dislivello di 594 metri con pendenza media del 9,9 per cento e una pendenza massima del
14 per cento), sono costretto ad annunciare la dipartita ciclisticamente parlando del
panamense Ramon Carretero Marciacq, pettorale 133, il primo corridore dellIstmo ad avere
mai affrontato un Giro dItalia. E stato orgogliosamente maglia nera per tutte le sei tappe che
ha concluso, compreso quella della Grande Caduta ai piedi di Montecassino. Anzi, in cima
allabbazia se l cavata giungendo persino 131esimo, a 14 minuti e due secondi dalla maglia
rosa Matthews, giusto davanti al giapponese Beppu.
Ma ieri, durante la settima tappa, in fondo alla discesa di Subiaco, poco prima di Agosta, si
ritirato. Ha raggiunto Foligno su una delle vetture della Neri Sottoli, la sua squadra capitanata
dal bravissimo (sinora) Mauro Rabottini, sesto in classifica generale.
Non ce la faceva pi, il giovanotto di Panama. Il suo primo Giro durato 1041 chilometri e
quasi una settimana. Aveva accumulato un ritardo abbastanza importante, unora quattro
minuti e 39 secondi. Difendeva coi denti lultima piazza, attento a non uscire mai dal tempo
massimo. Peccato, ci mancher: era diventato infatti la mascotte del gruppo, con quel faccino
da studentello (ha studiato al Colegio De La Salle) e la voglia di imparare. In bicicletta ha una
buona posizione, qualcuno dei suoi compagni di squadra dice che il telaio e Ramon sembrano
luno fatto per laltro.
18

Il ragazzo nato il 26 novembre del 1990, nel 2011 ha conquistato la prima medaglia doro
del suo Paese nel ciclismo ai Giochi Panamericani vincendo la gara a cronometro individuale
under 23. I suoi genitori hanno un negozio di articoli sportivi ciclistici, gli zii Vicente e
Roberto, come pap Ramon Carretero Napolitano, partecipano alle corse per amatori, tanto
che il campioncino ha vinto quattro Giri del Panama consecutivamente chiamato el
pedalista Ramon Carretero III. Passione, entusiasmo sono un carburante familiare. Ma il Giro
dItalia una balia sempre troppo severa
Il posto di Ramon in coda alla classifica stato occupato dallaustraliano Cameron Meyer, fido
scudiero della maglia rosa Matthews, il leader della Orica Greenedge, la cui maglia, per met
del dorso, peraltro gi bella nera. La sostanziale differenza tra lui e il pivello Ramon che il
ventiseienne Cameron ha un curriculum eccezionale: un grande pistard, un talento del
pedale fisso, specialista della corsa ai punti, dellinseguimento e dellamericana. Ha
conquistato sei titoli mondiali, scusate se poco, a cui dobbiamo aggiungere tre argenti e un
bronzo. In Italia ce lo sogniamo uno cos. Su strada, Meyer sta dimostrando buone qualit
(specie a cronometro, ha vinto nel 2013 la prima tappa del Giro della Svizzera). E al suo
quarto Giro, il primo (2009) durato tredici tappe, nel 2010 e nel 2011 riuscito ad ottenere
lidentico piazzamento finale: 137esimo. Ha concluso al 130esimo posto il Tour dello scorso
anno. Il compito suo far da locomotiva, pilotare Matthews in cima al plotone negli
arrembanti finali del mucchio selvaggio che si disputa la volata. Ci vuole pelo sullo stomaco,
grandissimo mestiere e altrettanto coraggio: gli ingredienti dellarrembante ciclismo
australiano, maturati nella scuola dei velodromi, dove si vince se rischi sempre.

19

Diego Ulissi vince lottava tappa. Evans nuova maglia rosa


17 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
Il toscano ha lo scatto cattivo di un Paolo Bettini e la cattiveria agonistica di un Franco Bitossi.
Per ora tiene in piedi la baracca del ciclismo tricolore. A guidare la classifica il trentasettenne
australiano che ha monetizzato un vantaggio prezioso dopo la Grande Caduta di Montecassino

Cancella i primi 178 chilometri: conta solo il centosettantanovesimo. Lultimo. Mille metri al
fulmicotone: con la strada che simpicca al cielo. Con un dente al 13 per cento, quasi sotto lo
striscione del traguardo. Cancella il Carpegna, salita degli allenamenti pantaniani: dove si
doveva incendiare la corsa. Non successo nulla. O meglio: la maglia rosa Michael Matthews
crollata, barcollando e avanzando peggio dun cicloamatore. Michele Scarponi, una delle
vittime di Montecassino, ha beccato altro ritardo. Difficile il Giro per lui.
Cancella la fuga disperata di una decina di corridori che speravano nel colpaccio. Lepri
aggrappate disperatamente al manubrio in attesa dessere braccate. Colpi di pedale come
fucilate. Cancella lo scatto del giovane colombiano Julian Arredondo, che ha abbandonato i
compagni di fuga per conquistare utili punti in cima al Carpegna ma poi, dopo unavventurosa
discesa, si fatto raggiungere dal bravo francese Pierre Rolland a due chilometri e
quattrocento metri. Il tempo di rifiatare e Rolland riparte in contropiede.
Cancella pure questa fotografia: Rolland uomo solo al comando. La strada simpenna, dietro
un corridore in maglia rossa schizza fuori dal gruppetto degli inseguitori, tra i quali spicca il
grande vecchio Cadel Evans. Si chiama Daniel Moreno. Affianca Rolland quando mancano
appena 450 metri allarrivo.
Cancella ancora una volta il fotogramma di un momento della corsa che appare decisivo.
Moreno lascia lasfittico Rolland. Ma dietro la muta degli inseguitori ormai ai suoi pedali.
Cancella Moreno che viene raggiunto dal croato Robert Kieserlovski, compagno di squadra del
povero Arredondo.
Cancella il vendicativo Kieserlovski che a duecento metri dalla fine si illude di aver vinto. Lo
agguanta unombra. Un guizzo, un lampo. E uno stampo. Diego Ulissi (nella foto) ripete
20

Viggiano, fa bis. lui che fa saltare il banco. Spettacolo. Suspense. Sotto cieli fiamminghi.
Tra monti che sembrano pitture romantiche, aspre e impossibili. Nomi antichi. Fiumi che
hanno scavato valli sinuose. Paesi meravigliosi. LItalia del Giro dItalia struggente, per
bellezza e per chi ci vive. Peccato andar via.
Il toscano Diego Ulissi ha lo scatto cattivo di un Paolo Bettini e la cattiveria agonistica di un
Franco Bitossi. Per ora tiene in piedi la baracca del ciclismo tricolore. La maglia rosa, quella,
un altro discorso. La impugna per ora saldamente il trentasettenne australiano Cadel Evans,
che ha monetizzato un vantaggio prezioso dopo la Grande Caduta di Montecassino. Quintana
rimasto sornione a guardare: ma intanto si piazzato quarto. Il Giro lungo, ed stato
disegnato in maniera tale che tutto si gioca nellultima settimana. Dipende come ci si arriva.
Sinora, si sono spremuti gli altri: al colombiano bastato non perdere le ruote dei migliori. E
comunque, se vogliamo consolarci un australiano primo, un colombiano secondo, un
polacco terzo (Rafael Majka), lo svizzero Steve Morabito quarto abbiamo il talentuoso Fabio
Aru quinto e Ulissi sesto in una classifica generale assai fluida e destinata a mutare ogni
giorno, a cominciare da domani che si sale a Sestola, di tombiana memoria. Forse non sar
un Giro dItalia di grosso spessore tecnico, senza i grandi campioni che invece affolleranno il
Tour. Per sar sicuramente un Giro divertente, imprevedibile, combattuto. Domani si corre
la Nove Colli di Cesenatico, una gran fondo amatoriale, la gara numero uno dellaltro ciclismo,
in cui dovrebbe essere importante soprattutto partecipare. Speriamo che sia un ciclismo non
avvelenato.

Classifica
Vincitore tappa ULISSI Diego (ITA). Tempo 4:47:47
Maglia Rosa EVANS Cadel (AUS)
Fonte: Gazzetta.it

21

Tappa 09. Lugo - Sestola


18 Maggio 2014. 172 KM - Media montagna

Il 37enne Evans in maglia rosa: Lesperienza conta


18 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
L'australiano si ritrov in testa alla corsa la prima volta 12 anni fa. Ora di nuovo primo, ma
nel traguardo verticale di Montecopiolo ha preso due secondi dal giovane Quintana. "Non
piango per cos poco". Intanto attaccare tocca agli altri

Dodici anni sono una vita, se la passi in bici a correre Giri e Tour. Dodici anni fa Cadel Evans,
nel Giro del 2002, indoss la prima maglia rosa della vita al termine della tappa che si
concludeva a Corvara. La perse subito il giorno dopo. Ora che ha trentasette anni suonati
nato il 14 febbraio, lo stesso giorno in cui Marco Pantani mor e un bel po di chilometri in
pi nelle gambe, tornato di nuovo in rosa: Lesperienza conta pur qualcosa, o no?, dice in
un buon italiano il campione australiano.
Sorriso e sguardo malizioso, dispensa complimenti ai compagni di squadra che lo hanno
aiutato in corsa, soprattutto lo svizzero Steve Morabito, davvero impressionante, sono molto
fiero di lui, del lavoro che ha fatto oggi. Nel ciclismo un capitano degno di questo nome deve
sempre essere riconoscente nei confronti dei suoi scudieri. Infatti li cita uno dopo laltro, a
cominciare da Daniel Oss, altro stakanovista della Bmc, la sua squadra. E un vecchio
marpione del pedale, sul traguardo verticale di Montecopiolo ha perso due secondi dal
giovane Nairo Quintana, il favorito numero uno di questo Giro che nellultima settimana
sciorina una salita dietro laltra, sino allo Zoncolan, il giorno prima della conclusione a Trieste.
Due secondi? Non piango certo per cos poco. Ma un segnale E allora? In questa prima
settimana di Giro importante essere riusciti a stare davanti, e a mettere da parte un po di
vantaggio. Cosa succeder dopo, non lo so. I giovani? Ne vedo qualcuno ben messo, come il
polacco Majka o lolandese Kelderman, potenzialmente sono futuri vincitori del Giro, ma
adesso sono ancora giovani, io ho invece dalla mia parte lesperienzarispetto a dodici anni
fa, diciamo che ne ho un pochino di pi.
Confessa, il furbo Cadel, daver anticipato la preparazione invernale proprio per questo Giro, e
spera che la buona condizione che sinora lo ha assistito non lo abbandoni. Sa che il Giro
molto aperto, nonostante Quintana. Sa che il test delle prime dure vere salite, come quella
del Carpegna, hanno detto che lui pu dire la sua. Certo, lultima settimana presenta tappe
decisive o interessanti come quella di Val Martello, che breve ma tosta. E ancora presto
per dire chi sta dentro e chi sta fuori, chiosa Evans con laria di aver capito perlomeno chi
ancora non si scoperto e chi gi con le gambe in croce: Meglio, comunque, stare
davanti, cesella, come a dire, intanto la maglia rosa sulle mie spalle e non ho intenzione di
mollarla, tocca a chi sta dietro attaccare e attaccarmi. La difesa, anche in bicicletta, serve a
sfiancare gli avversari. A innervosirli. Li obbliga a rischiare. E, nelle lunghe corse a tappe con
montagne assassine, rischiare non sempre paga.

22

A Lugo dove mancava da 100 anni. Evans sempre in rosa


18 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
L'epopea dei giri "eroici" del secolo scorso che qui passavano dopo tappe di 400 chilometri e
la cronaca dei giorni nostri. Che porta la corsa fino a Sestola sull'appennino emiliano

Domenica 18 maggio il Giro partito alla mezza da Lugo di Romagna, dove la bicicletta
pratica popolare, passione e cultura: al teatro Rossini un bravissimo Ivano Marescotti ha
portato sabato sera in anteprima il monologo Bestiale quel Giro dItalia di Maurizio Garuti,
pedalate a parole che evocano il ciclismo degli albori. Ci sono voluti giusto cento anni prima
che la corsa rosa tornasse a Lugo, unattesa lunga ingiustificatamente un secolo. Il 6 giugno
del 1914, infatti, i sopravvissuti di un Giro massacrante, ricordato come il pi duro dellepoca
eroica, arrivarono dallAquila nella citt romagnola dopo 429,1 chilometri. Vinse Pierino
Albini che correva per la Globo, super in volata Luigi Lucotti e Carlo Durando. Maglia rosa,
allora, era Alfonso Calzolari della Stucchi, un ex garzone bolognese di Vergato. In corsa cera
un certo Costante Girardengo, che sarebbe diventato dopo la Grande Guerra il primo
Campionissimo.
Fu, quello del 1914, non solo il pi massacrante dei Giri eroici cinque delle otto tappe
superavano i 400 chilometri. Fu soprattutto un Giro avvelenato dalle polemiche, dalle
scorrettezze, dalle guerre tra sponsor, cio tra le aziende produttrici di bici che schieravano
squadre pronte a tutto. Petit Breton, il grande idolo dei francesi, ebbe per esempio una crisi
isterica: non riusc a cambiare un tubolare. Scagli la bici in un dirupo e salt sulla prima
macchina che vide. Smise di correre quellanno: gli tocc andare al fronte. Venne ferito
gravemente in battaglia sulle Ardenne nel 1917, mor pochi mesi dopo per i postumi. Aveva
35 anni. Nella tappa da Bari ad Avellino, Calzolari e il gruppo presero ad un bivio la direzione
sbagliata. Met dei corridori sono avvisati da unauto dellorganizzazione, non quelli che
stavano in testa al plotone. Ne approfitta Giuseppe Azzini. Poi si scopre che ha preso una
scorciatoia. Nella notte la maglia rosa ritorna sulle spalle di Calzolari. Nella tappa Bari-lAquila
succede che Azzini scompaia. Se ne perdono le tracce. Viene ritrovato, in stato confusionale,
in un fienile. Ha la febbre. Delira. Fatica? O bomba?
23

Quanto alla maglia rosa Calzolari, fu penalizzato di tre delle cinque ore di vantaggio che
aveva in classifica generale per avere sfruttato lappoggio di unauto nella Salita delle Svolte.
LUnione Velocipedistica Italiana pretese la squalifica, polemizz con gli organizzatori della
Gazzetta dello Sport e consider vincitore Albini che sfrecci primo anche sotto lo striscione
dellultimo traguardo di Milano (il 7 giugno, da Lugo altri 420,3 chilometri). Dovettero
trascorrere otto mesi prima che il tribunale desse ragione alla Gazzetta e che il successo di
Calzolari fosse confermato.
Tutto ci lo trovo scritto sulle pareti di una piccola bella mostra multimediale, alle Pescherie
della Rocca, Calzolari, Coppi, un godimento per chi ama la piccola grande storia di uno
sport che specchio di un Paese. Mentre i corridori si allineavano per il via, toccava a Franco
Cordelli ripassare gli appunti per la presentazione di un libro molto interessante, LItalia di
mattina. Il romanzo del Giro dItalia (Perone editore 2013). Nel frattempo non lontano da
Lugo si svolgeva la Nove Colli, una gran fondo amatoriale che questanno vedeva in strada
oltre dodicimila iscritti, compreso un concorrente venuto dallIran. Infine, per capire quanto a
Lugo e dintorni il ciclismo sia pi di una semplice pratica sportiva o un modo per spostarsi,
altro spettacolo teatrale , sempre al Rossini: Finisce per A, soliloquio tra Alfonsina Strada,
unica donna al Giro dItalia del 1924, e Ges, brillante testo di Eugenio Sideri con Patrizia
Bollini e la regia di Gabriele Tesauri. Una storia eccezionale, quella di Alfonsina che volle farsi
corridore donna in mezzo ad un plotone di uomini duri e spesso scorretti. Novantanni fa, fu
una sfida memorabile.
La memoria come lamore, racconto di vita e di sentimenti. Il ciclismo tante cose
insieme. In questo Giro 2014 si continua a ricordare lepopea tragica di Marco Pantani, e
stamani, allalba, gli uomini dellantidoping hanno svegliato Diego Ulissi, il vincitore di
Viggiano e Montecopiolo, per un prelievo che sa di sospetti.
Il Giro arrivato a Pian del Falco, sopra Sestola, sulle nevi di Alberto Tomba e di sua sorella
Alessia che qui insegna a sciare. Cadel Evans, sempre pi simpatico, ha conservato
facilmente la maglia rosa. Domenico Pozzovivo, che ha gambe da scalatore e cuore indomito,
ha strappato trenta secondi ai rivali ed ora quarto in classifica. Scarponi sta sempre male.
Ivan Basso conciona serenamente del suo pacato Giro come i vecchi del pedale sanno fare, in
attesa del canto del cigno. Cera Davide Malacarne in fuga e in testa con lolandese Pieter
Weening, che ha vestito la rosa per quattro giorni al Giro del 2011, vincendo la quinta tappa
da Piombino a Orvieto. Volata inconsueta, con mosse da pistard e accenni di surplace.
Malacarne stato infilzato dal lungagnone olandese che ha fatto per una settimana da
gregario al compagno Michael Matthews, quando il giovane australiano di Canberra era in
rosa. Ora Michael novantatresimo, a 55 52 dal connazionale Evans. Un olandese ha vinto
dunque la tappa, un olandese maglia nera, cio ultimo: Jetse Bol, che ha gi unora 52
minuti e 32 secondi di ritardo. Lho visto raccattare un po di ciliegie duroni (le vendevano
lungo il percorso della tappa a sei euro il chilo). Nei campi tempo di fiori di zucca. E di
raccolta delle zucchine. LEmilia Romagna al top, in Italia, quasi 500mila quintali. Ci
accontentiamo di gnocco fritto e lambrusco, culatello e tortellini. Pi gi, a unora da Sestola,
verso Modena e Sassuolo c Maranello. Ferrari. Pi in l, Maserati e Lamborghini. Il sogno di
molti corridori in bicicletta. Luned riposo. C appunto tempo di sognare.

Classifica
Vincitore tappa WEENING Pieter (NED) Tempo 4:25:51
24

Maglia Rosa EVANS Cadel(AUS)


Fonte: Gazzetta.it

25

Tappa 10. Modena - Salsomaggiore Terme


20 Maggio 2014 173 KM - Pianeggiante

La corsa rosa dimentica il centenario della nascita di Bartali


20 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
Il 18 luglio del 1914 Ginettaccio nacque a Ponte a Ema, piccolo borgo alle porte di Firenze. La
carovana lo ha ricordato oggi, nell'arrivo a Salsomaggiore, dove il campione vinse una tappa
nel 1936: troppo poco per un mito del ciclismo italiano e per un eroe della resistenza al
fascismo

Nellanno del centenario di Gino Bartali che nacque il 18 luglio del 1914 a Ponte a Ema,
piccolo borgo alle porte di Firenze, il Giro dItalia lo ricorda assai distrattamente, ed
scandaloso: lo fa in una tappa anonima come quella che parte da Modena e arriva a
Salsomaggiore Terme, con lalibi che qui Ginettaccio vinse il 6 giugno del 1936. Era la
penultima frazione di un Giro autarchico, senza stranieri in corsa, attraverso unItalia messa
al bando dalla Societ delle Nazioni per laggressione allEtiopia. Lo sport era essenziale nella
propaganda fascista, gli italiani erano incoraggiati a trascorrere il loro tempo libero nei circoli
sportivi e in quelli ricreativi, generosamente sostenuti dal regime.
Eloquente il titolo cubitale sulla prima pagina della Gazzetta della Rosa, luned 8 giugno del
1936: Bartali ha trionfato nel XXIV Giro dItalia aggiudicandosi il 1 premio del Duce. Il
prolisso e retorico editoriale insiste fin dalle prime righe sulla buona causa dello sport:
Quasi tutti i concorrenti hanno lottato con bravura, con lealt, con fierezza fasciste. La causa
dello sport, che il Capo ha voluto e vuole forte e primo nel mondo, ha vinto una nuova
significativa, importante battaglia. Bartali fu grandissimo ciclista negli anni del fascismo ma
non fu fascista. Anzi, evit accuratamente di lasciarsi coinvolgere nelle manifestazioni
politiche. Era un militante di Azione Cattolica. Dopo il Giro del 1936 fece suo quello
successivo. Nel 1938 domin il Tour de France. Lineffabile Gazzetta scrisse che le ovazioni
dei francesi per lesaltante prova dellitaliano avevano una risonanza pi forte e pi

26

significativa. Esaltavano la virt atletica e morale di un esemplare della nostra razza. La


vittoria di Gino Bartali supera il limite dellevento sportivo, per clamoroso che questo sia.
Tradizione era che al vincitore del Tour spettasse il compito di parlare ai tifosi che gremivano
gli spalti del Parco dei Principi. Il discorso del vincitore avrebbe dovuto essere un panegirico
dellItalia fascista e soprattutto del Duce, il primo sportivo dItalia. I gerarchi si aspettavano
elogi e ringraziamenti, nelle parole di Bartali, loccasione formidabile di trasformare levento
sportivo in un evento politico, e proprio in quella Francia socialista che accoglieva gli
antifascisti esuli. Bartali non ringrazi il Duce. Ringrazi i tifosi italiani e francesi. Quando
torna a Firenze, alla stazione non c un cane. Nessun comitato daccoglienza. Le autorit lo
ignorano. Nei mesi successivi i giornali italiani ricevettero precise istruzioni le famigerate
veline mussoliniane su come trattare le prestazioni di Bartali: scrivete solo di sport,
ignoratelo per il resto, senza considerazioni inutili sulla sua vita privata. E senza note di
colore.
La guerra travolse il fascismo e distrusse mezzo Paese. Gino, incurante del pericolo, sfid
repubblichini e nazisti, percorse centinaia di chilometri tra Firenze ed Assisi in sella ad una
bici nel cui telaio, e persino sotto il sellino, infilava fotografie e documenti di identit
contraffatti. Salv cos almeno ottocento persone, molte delle quali di origine e religione
ebraica. Leggetevi il libro di Aili e Andres McConnon (edizioni 66ThA2ND di Roma, 2013),
intitolato a non a caso Le strade del coraggio, Gino Bartali eroe silenzioso. Gi, perch lui
non ne parl mai: Certe cose si fanno, non si dicono, disse a suo figlio Andrea che gli chiese
per quale motivo non avesse mai raccontato pubblicamente quei mesi terribili. Lo stesso
Andrea lo ha ricordato poche sere fa, durante una cena organizzata a Foligno, presso la bella
libreria Carnevali (ricavata nellex cinema Astra) dallassociazione Sovversioni non sospette.
Al ciclismo dellimmediato dopoguerra fu lasciato un compito tanto importante quanto
delicato, ma straordinario: correre il Giro tra le macerie, le rovine delle citt e quelle
psicologiche di un popolo sconfitto e umiliato che per doveva trovare forza ed energia
spirituale per ricominciare, per rimettere in piedi un Paese devastato economicamente e
moralmente, diviso profondamente da un nuovo, inevitabile conflitto, quello politico. Il Giro
della Ricostruzione riusc a diffondere un grande e accorato messaggio, quello dellunit sia
pure nelle diversit. Lunit rappresentata simbolicamente dal ciclismo, sport di fatica e di
grandi rivalit, di entusiasmi popolari e di tenacia. Vinse forse il personaggio pi
rappresentativo delle due ruote, colui che ricuciva idealmente il ciclismo danteguerra e il
ciclismo di un presente da riconquistare. I valori stoici di un Bartali non pi giovane lo fanno
tornare sul gradino pi alto del podio, dieci anni dopo il Giro del 36, davanti ad un redidivo
Fausto Coppi di cinque anni pi giovane, il quale tagli tre volte il traguardo per primo.
Ed ancora Bartali che nel 1948 trionfa al Tour de France, dieci anni dopo la prima volta. Una
vittoria storica, perch calm unItalia sul bilico della guerra civile. Avevano sparato a Palmiro
Togliatti, il capo dei comunisti. LItalia rossa voleva rovesciare il governo. Alcide De Gasperi,
il premier, telefon la sera del 14 luglio a Bartali, alla vigilia della Cannes-Brainon, 274
chilometri alla morte con il Col dil Col de Vars (2108) e lIzoard (2361 metri). Gino sbaragli
gli avversari, in un clima di tregenda che diventer leggenda. Mi indigno perch dinanzi a
tanta memoria di sport e di storia, il Giro del 2014 non sia passato a Ponte a Ema, davanti
alla casa di Gino e al museo che le sta di fronte. Bartali la storia del Giro. Ma il Giro se l
scordato. Non nemmeno passato a Firenze. E neanche in Toscana. Micragnosit delle
amministrazioni pubbliche? Degli sponsor? Dellorganizzazione rosa?
27

Per la cronaca, la decima tappa si conclusa come da copione per tappe piatte piatte. Volata
convulsa a Salsomaggiore, rovinata da una drammatica caduta che ha coinvolto una dozzina
di velocisti a seicento metri dal traguardo. Mezzora prima era toccato al belga Jannick
Ejissen, fido gregario della maglia rosa Cadel Evans, ruzzolare e farsi male: lhanno portato
via in ambulanza. Ha vinto il pi forte sprinter di questo Giro: il franco algerino Nacer
Bouhanni per la terza volta ha infilzato impietosamente gli avversari. Le ha buscate solo dallo
stupefacente tedescone Marcel Kittel, il quale, dopo aver strabiliato in terra dIrlanda, ha
mollato il Giro per colpa della febbre, prima di arrivare nel Belpaese. Elia Viviani, buon talento
delle volate, non solo rimasto coinvolto in due cadute la seconda ieri ma ha avuto pure
lui la febbre. Non si arreso. Quanto a tener duro, che dire di due uomini sempre in fuga
come Andrea Fedi della Neri Sottoli e Marco Bandiera dellAndroni Giocattoli? Ci stanno
provando quasi ogni tappa. Fedi ha accumulato 608 chilometri allattacco, il rivale Bandiera
quasi 500. Sinora sono stati percorsi 1734,7 chilometri. Pi di un terzo Fedi li ha condotti in
testa. Il primo dei fuggitivi di giornata guadagna 250 Euro. Al al vincitore della classifica
generale di questo premio Fuga Pinarello andranno 5mila Euro. Oggi come oggi, ogni
chilometro in fuga di Fedi vale 8 Euro e 22 centesimi.

Classifica
Vincitore tappa BOUHANNI Nacer (FRA) Tempo 4:01:13
Maglia Rosa EVANS Cadel(AUS)
Fonte: Gazzetta.it

28

Tappa 11. Collecchio - Savona


21 Maggio 2014 249 KM - Media montagna

Scatto di Rogers: 11esima tappa Collechio-Savona allAustralia


21 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
L'atleta lo scorso ottobre era risultato positivo durante un controllo antidoping. In
quell'occasione ha vinto il ricorso, ma perso la medaglia. Sposato con un'italiana a Varese,
scappato via in discesa, gi dal passo di Cadibona e ha strappato il traguardo da solo

Lo sceicco Hamdan bin Mohammed bin Rashid Al Maktoum, principe di Dubai e presidente del
Dubai Sports Council, il ministero dello sport di questo ricchissimo emirato del Golfo, ha
scelto la tappa di Savona per presentare il Dubai Tour 2015, corsa ciclistica che si disputa a
febbraio ed sontuosa per premi ed ingaggi. Si ipotizzava che il Giro del 2015 potesse partire
da Dubai ma a domanda precisa la risposta stata evasiva, vedremo, forse, prematuro
Intanto, con la testa dei favoriti alla cronometro nelle Langhe di domani (la Barbaresco-Barolo
di 41,9 chilometri piuttosto vallonata e dunque assai selettiva), lundicesima tappa da
Collecchio a Savona ha regalato il solito repertorio di cadute (coinvolti, tra gli altri Diego Ulissi
e Steve Morabito), di fughe destinate al fallimento, di piccole polemiche (la maglia rosa Cadel
Evans ha rimproverato quelli dellAndroni Giocattoli di pestare sui pedali per rendere pi
difficile il rientro in gruppo di Morabito, il suo luogotenente cascato poco prima). Polemiche
innescate dallatteggiamento di Evans e Michael Matthews nella funesta tappa di
Montecassino, quella della maxicaduta.
E ancora, lo scatto imperioso a venti chilometri dallarrivo di Michael Rogers, che lo scorso
ottobre, alla Japan Cup, era stato trovato positivo durante un controllo antidoping (tracce di
clenbuterolo). Sospeso dallUci, lunione ciclistica internazionale, il corridore australiano ha
presentato un ricorso in cui spiegava che aveva mangiato carne in Cina pochi giorni prima
della corsa di Tokyo. Perch la Cina? Perch l facile trovare del clenbuterolo in una
bistecca. LUci e la Wada lente dei controlli antidoping hanno deciso di accogliere la
versione di Rogers, medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Londra, tre volte campione mondiale
29

a cronometro, attuale campione australiano. Togliendogli per la vittoria alla Japan Cup. Il
trentaquattrenne Rogers che si sposato con unitaliana (ha tre figlie) e vive dalle parti di
Varese scappato via in discesa, gi dal passo di Cadibona, ed arrivato solo sul traguardo
di Savona. Una mini crono vittoriosa, la sua
Sinora lAustralia domina il Giro 2014: tre vittorie di tappa, dieci giorni in maglia rosa (prima
con Michael Matthews che si ritirato stamani, poi con Cadel Evans). Facile ipotizzare una
sorta di grande alleanza contro Evans, che degli australiani in gara un po The Boss. Bella a
dirsi ma difficile a farsi. Il Giro, come il Tour, corsa dove i regali tra aspiranti vincitori finali
non si fanno. Sinora il volpone Cadel Evans monetizza la sua esperienza, grazie anche ad una
prima parte di Giro potabile e ad avversari piuttosto decifrabili: in fondo, lui teme il rampante
Nairo Quintana, aquila delle vette ma meno abile di lui alla crono. Spera che non sia in forma
come lo scorso anno al Tour e, sinora, Quintana non ha mostrato granch. Io penso che si sia
giustamente mimetizzato in attesa delle massacranti salite della terza settimana. Il terzo
incomodo, Rigoberto Uran Uran secondo in classifica generale potrebbe approfittare della
situazione. Infatti, Evans lo marca molto stretto. Inoltre Uran Uran si difende bene a
cronometro
Parliamoci chiaro. Il Giro vero comincia tra poche ore, con la crono delle Langhe, dove la
classifica generale sar ben scalettata; le ambizioni dei favoriti superstiti si smeriglieranno
sabato al santuario di Oropa e si confermeranno eventualmente a Montecampione. Dopo il
riposo di luned il terzo! tutti saranno costretti a gettar via la maschera. Chi ha gambe,
prover a scatenare guerra senza quartiere sulle salite di marted (Gavia, Stelvio, Val
Martello: sempre che lemergenza neve consenta il passaggio sui grandi passi). Sono
transiti che possono diventare letali: sbagli alimentazione, e poi, oltre i duemila di quota,
tutto cambiaGioved, arrivo in quota a Panarotta, in Valsugana, dodici chilometri finali con
pendenza media dell8 per cento e punte del 14. Venerd, la cronoscalata di Cima del Grappa,
26,8 chilometri, con pendenze analoghe. Sabato il totem Zoncolan, larrampicata della resa
dei conti. Il favorito logico il re della montagna Nairo Quintana, il colombiano che ha
meravigliato nelle tappe di montagna del Topur de France 2013. Se Quintana avr la stessa
condizione, non ci sar storia.
A proposito di storia, larrivo a Savona e per di pi con la vittoria di Rogers, corridore che ha
avuto una disavventura allantidoping (scampata per il rotto della cuffia) mi ha ricordato una
data, quella del primo giugno 1969, giusto quarantacinque anni fa. Vinse la Parma-Savona di
234 chilometri Roberto Ballini. Ma non fu la sua inattesa volata (sbaragli i velocisti, cera
gente come Marino Basso, Michele Dancelli, Franco Bitossi, Davide Boifava) a folgorare il Giro.
Fu il ritiro di Eddy Merckx, trovato positivo ad un controllo medico. Quando gli viene
comunicata la squalifica, Eddy proruppe in un pianto a dirotto. Ripreso impietosamente dalla
telecamera Rai, con Sergio Zavoli che lo intervista e lui che singhiozza. Lacrime di vergogna,
di disperazione. Il fuoriclasse belga improvvisamente debole, vittima a suo dire di un
madornale errore. Nella cameretta numero 11 dellhotel Excelsior di Albissola, ripete
sconvolto io non ho preso niente, io non ho preso nientenon capiscomi dispiace per i miei
compagnimi hanno rovinato. Il gruppo solidarizza con Merckx, una solidariet non
studiata ma sincera, spontanea. Perch Merckx si sarebbe dovuto dopare a pochi giorni dalla
fine di un Giro ampiamente dominato? Se lo chiedono Vittorio Adorni, Felice Gimondi (che
vincer quelledizione), Vito Taccone, Claudio Michelotto. Da troppi anni si avevano gli occhi
bendati. E correvano troppi fantasmi.
30

Classifica
Vincitore tappa ROGERS Michael (AUS) Tempo 5:48:07
Maglia Rosa EVANS Cadel(AUS)
Fonte: Gazzetta.it

31

Tappa 12. BARBARESCO - BAROLO (ITT)


22 Maggio 2014 41,9 KM - Cronometro individuale

Il Giro si consola con il vino


22 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano

Oggi va in scena sulle etiliche strade delle Langhe la dodicesima tappa del Giro dItalia 2014,
la pi attesa, ma non dal punto di vista strettamente sportivo. Si parte infatti dalla piazza del
municipio di Barbaresco e si arriva in piazza Colbert, a Barolo: quarantun chilometri e 900
metri a cronometro, costeggiando cantine su cantine: la tenuta Montanello, quella del
Cavallotto, Casa Roagna, Sobrero, Baroli, Bricco Rocche Ceretto dove si trova un accogliente
punto ospitalit. E ancora: Perusso, Roccheviberti. Con doloroso senso del dovere vi
anticipo che la via Torino di Barbaresco, ossia i primissimi metri della tappa, sar chiusa per
gli spazi destinati alla carovana del Giro. Il che significa Gaja e produttori del Barbaresco
sacrificati alla ragion del pedale. Resta pur sempre la corsa del gran vino: una tappa
inebriante, sotto ogni punto di vista. Un peccato non approfittarne.
Pi che Giro dItalia, dunque, Giro dEataly. Perch no? Intanto, svecchiamo un brand che ha
pi di centanni. Lo irrobustiamo con quello inventato dal geniale Oscar Farinetti. Addirittura
potremmo suggerire agli organizzatori della corsa rosa di invitare Farinetti a meditare sul
tracciato del prossimo Giro, quello del fatidico - per lalimentazione - 2015, lanno dellExpo
milanese dedicata alleccellenza alimentare (Nutrire il pianeta, energia per la vita). Ogni
tappa dedicata ad una prestigiosa delizia enogastronomica: con salite memorabili, quella della
Bresaola o dello Stambecco, tappe sfiancanti nelle terre padane del maiale che in fondo
anche lui rosa di pelle (memorabile levento Porcolonga), e qui regalo unidea, allestire un
Giro nel Giro, entrambi rigorosamente in bicicletta, il primo dei campioni, il secondo dei
ghiottoni e una classifica anche per questo Girovagare nelle delizie dItalia, dove le prove da
affrontare sono bere e mangiare, e vince chi pi beve e mangia ed arriva (in qualche modo).
Ci furono anni lontano nel tempo in cui i corridori del ciclismo epico riempivano le loro
borracce di vino e pi era buono e pregiato e pi pensavano di domare fatica e freddo,
quando dovevano scalare montagne lungo strade che erano tratturi. Poi si accorsero che
32

prestazioni sportive e bevute a go-go non andavano affatto daccordo, e fu un peccato, mi


disse una volta Gino Bartali, di cui questanno ricorre il centenario della nascita (18 luglio
1914) e che il Giro sobrio di oggi ha distrattamente ricordato dedicandogli la tappa del
cuore da Modena a Salsomaggiore Terme.
Tanto generoso il Giro 2014 nei confronti di Marco Pantani (sono trascorsi dieci anni dalla
sua tragica morte, il giorno di san Valentino del 2004), quanto avaro e meschino lo verso
Bartali. Il Giro non solo non passato a Ponte a Ema, dove nato e dove viveva; non
passato n a Firenze, n in Toscana. Eppure, Bartali il ciclismo dItalia. E parte della nostra
memoria collettiva. Bartali era un uomo vero, un uomo di fatica. Uno che rischi la vita pur di
salvare ebrei ed antifascisti, durante gli anni bui delloccupazione nazista. Per Israele un
Giusto tra i Giusti. Per chi ama il ciclismo, Bartali stato e resta uno dei grandi eroi di
quella singolare condizione narrativa che tocca al ciclismo.
In verit, il Giro di questanno partito lontanissimo dallIrlanda, macina sinora modeste
audience televisive. I concorrenti faticano e rischiano i garretti su strade sovente sgangherate
- la crisi ha limato i quattrini per le loro manutenzioni. - Abbiamo cronache pi che di
imprese, di cadute: non c tappa che non contempli corridori ammaccati, feriti, costretti al
ritiro. Agonisticamente, un Giro sinora dominato dagli stranieri, in particolare dagli
australiani: salvo il primo giorno (maglia rosa indossata dal canadese Svein Tuft) il simbolo
del primato in classifica passato dapprima sulle spalle del giovane Michael Matthews di
Canberra che lha tenuta sei giorni, e poi su quelle del navigato connazionale Cadel Evans, 37
anni ben portati, gi vincitore di Tour e mondiale, uno dei favoriti. I suoi rivali pi accreditati
sono colombiani: Rigoberto Uran Uran, secondo in classifica, e la rivelazione del Tour 2013, il
giovane Nairo Quintana, mirabile scalatore. Quanto agli italiani, tante giovani speranze. E
basta.
Il ciclismo di casa nostra finanziariamente alla frutta. LUci, lunione ciclistica internazionale,
ha varato una riforma del ciclismo professionistico in cui, tra le tante cose, si stabiliscono
severi criteri riguardo la formazione delle squadre ProTeams, quelle pi importanti, quelle
cio che potranno partecipare al Tour, al Giro e alla Vuelta, corse a tappe dlite.
Occorreranno fidejussioni piuttosto elevate per ottenere linserimento in questa lite (16
destinate alla prima divisione, otto alla seconda): si parla di almeno 10-12 milioni di Euro.
Nessun team italiano ha attualmente bilanci di questo livello.

33

La 12esima tappa parla colombiano: maglia rosa a Uran Uran


22 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
Quella da Barbaresco a Barolo stata una tappa a cronometro in cui ha fatto irruzione una
nuova categoria di specialisti, i cronoscalatori. Il 24 e il 25 maggio le strade simpennano,
mentre la settimana successiva un vortice di arrampicate dalle pendenze micidiali, e in
mezzo, prima del totem Zoncolan, c una scalata. Tutto pane e companatico dei ciclisti di
Colombia, abituati a dislivelli andini

Diciamo subito che la maglia rosa traslocata dalle trentasettenne spalle dellaustraliano
Cadel Evans a quelle pi minute del ventisettenne colombiano Rigoberto Uran Uran, il quale,
lanno scorso fu secondo alle spalle di Vincenzo Nibali. Il risultato ha sorpreso un po tutti:
stata infatti, quella da Barbaresco a Barolo, unubriacante tappa a cronometro in cui ha fatto
irruzione una nuova categoria di specialisti, i cronoscalatori, che hanno matato i cronomen
tradizionali. Il Giro da australiano si fa colombiano, e rischia di restare tale: sabato e
domenica le strade simpennano, la settimana successiva un vortice di arrampicate dalle
pendenze micidiali, e in mezzo, prima del totem Zoncolan, c una cronoscalata. Tutto pane e
companatico dei ciclisti di Colombia, abituati a dislivelli andini anche per andare a scuola.
Uran Uran ha relegato in classifica generale a 3 minuti e 29 secondi il connazionale Nairo
Quintana, che si era presentato con i crismi e sacrismi del favorito numero uno. Nairo ha
problemi respiratori, si scoperto, anzi lha confessato lui stesso, per giustificare la prova
opaca: Rigoberto, invece, in forma smagliante. Si vedr quanto gi sabato, al santuario
dOropa. Vedrai che uno arriver, il titolo del libro che Alessandra Giardini bravissima
giornalista di Stadio ha scritto con Giorgio Burreddu (Absolutely Free editore, 2014).
Appunto, sabato vedremo che qualcuno arriver, su in cima, e speriamo che sia un uomo solo
al comando. Il ciclismo ha necessit disperata di luoghi mitici e di imprese epiche. Chiss se
Uran Uran corridore capace di resuscitare le audience sinora modeste del Giro: un campione
grande se ha grandi avversari. Ma a questo Giro, ci sono grandi avversari? Sinora, calma
quasi piatta. Aspettiamo dunque la montagna seria: giudice impietoso. Tra Giro e grandi
montagne c una lunga storia damore.
34

Pure con le colline, come queste del Nebbiolo, il Giro ha grande affetto. Ed effetto. E come i
primi titubanti approcci a pendenze e profili altimetrici che promettono inferno e paradiso.
Incrocio tra le viuzzole del centro di Barolo un abbronzatissimo Claudio Chiappucci che
quando furoreggiava tra i professionisti era chiamato il Diablo. Ora accompagna vip in
bicicletta, ha appena concluso il percorso di tappa, duro e molto bello, in tempo per
concedersi un po di riposo, e di pace. Gli piace il vino, come a tutti noi.
Pochi metri pi in l, leggo un volantino appiccicato sulla vetrina di unenoteca, annuncia
Sorsi di pace. Sintende, sorsi di rossi straordinari (anche nei prezzi). Caro Claudio, gli dico,
il vino invita allamicizia, non allagonismo. Tanto per capirci, da queste parti quando si
accenna al Tour non si pensa a quello della maglia gialla, ma al tourdegustibus, in
programma da domani a domenica in quel di Cuneo: La manifestazione si effettuer anche in
caso di maltempo, si sono preoccupati di far sapere gli organizzatori.
Mentre noi suiveurs eravamo immersi in generose degustazioni di Barolo del 2007, ottima
annata, i 176 superstiti della corsa rosa affrontavano una pi sobria e virtuosa lotta, non
contro i rischi dellebbrezza, ma contro lo scandire impietoso del cronometro, e imprecavano
per la malasorte di una dispettosa e irriverente pioggerellina che rendeva lasfalto
maledettamente scivoloso. Abbiamo scoperto, per esempio, lutilit dei guardrail: vai a
sbatterci, come successo allo svedese Tobias Ludvigsson, e lo sorvoli con un perfetto salto
fosbury. Impressionante. Tobias si dovuto ritirare, come Chris Anker Sorensen.
Pu succedere, se pedali su una bici molto particolare come quella da cronometro. Curve,
controcurve, sbandate controllate, cambi repentini di direzione (cera nel finale una curva
strettissima di 270 gradi!). Non tutte le cinquemila pedalate, tante erano quelle che
occorrevano per completare il tracciato di 41,930 chilometri, possono essere sempre perfette.
Ne sa qualcosa Cadel Evans, che ha perso la linea pi di una volta e ha lisciato un bordo
strada. Pi concentrato e determinato, il rivale Rigoberto Uran Uran detto Ciccio ha dato
progressione alla sua corsa, e rifilato un minuto e 34 secondi al maturo Evans, terzo
allarrivo.
La geopolitica del ciclismo internazionale lascia agli italiani posizioni di rincalzo, eppure su
queste strade che deliziano gli enofili di tutto il mondo si sono ben comportati: Diego Ulissi
addirittura secondo, Gianluca Brambilla quinto, Domenico Pozzovivo nono, Dario Cataldo
undicesimo. Tutti giovani. Da notare la stupefacente prestazione collettiva della Omega
Pharma-Quick Step: Uran primo, Brambilla quinto, Wouter Poels sesto, il belga Thomas De
Gendt ottavo. Osservo che la Omega Pharma ha sede a Nazareth (quella in Belgio). Miracoli a
parte, segnalo che la maglia nera Svein Tuft, il canadese che stato la prima maglia rosa di
questo Giro 2014. Corsi e ricorsi.

Coppi, Bartali e il Giro del Vino


23 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano

35

E meglio il Barbaresco o il Barolo? E stato pi grande Fausto Coppi o Gino Bartali? Se il Giro
dItalia incrocia le strade del Nebbiolo - il vitigno pap dei due grandi vini delle Langhe - non
si pu non pensare allinevitabile confronto che poi riflette leterno dilemma della rivalit,
dellepica che esalta luomo solo al comando, o il vino migliore del mondo: La questione
soggettiva. Non si pu dire se meglio uno rispetto allaltro, risponde salomonicamente
Mauro Mascarello, produttore del Barolo Monprivato Ca dMorissio 2006 che Luca Gardini,
considerato il pi talentuoso e vulcanico comunicatore di vini internazionali, ha eletto quale
vino numero uno. Valgono, semmai, considerazioni diverse, magari sentimentali. Cos come
impossibile parlare di ciclismo e di Giro, sostiene il filosofo Walter Bernardi, se non si parte
da Coppi e da Bartali, anzi da Coppiebartali tutto attaccato in una sola parola, o se preferite
Bartaliecoppi, altrettanto vale per Barbarescobarolo e/oBarolobarbaresco, figli dello stesso
padre Nebbiolo, ma diversi per via della madre, ossia la terra delle colline, la loro esposizione,
le composizioni organolettiche, il modo di coltivare. Sono queste le differenze significative.
Le imprese di Coppi e di Bartali hanno reso leggenda il ciclismo coi loro memorabili duelli. Lo
stesso si pu dire in ambito enologico, con i sommelier a giudicare annate e produzioni di
Barbareschi e Baroli sempre pi ricchi di bouquet e sempre pi profondi nellarricchire il loro
retrogusto. Il Barolo, sostiene Mascarello, pi antico, pi storico, conserva le
caratteristiche della tradizione ma anche la modernit del gusto e delleleganza, per usare il
gergo delle cantine. Pi o meno, lo stesso viene rivendicato dal Barbaresco. In fondo, sono
vini che sfidano il tempo. Come la memoria di Bartali e Coppi. Qualcuno sostiene che il
Barbaresco forse pi leggero ed elegante mentre il Barolo pi potente...e viene da
associare il Barbaresco a Coppi e il Barolo a Bartali. Certamente nessun corridore concorrente
di questo Giro dItalia 2014 merita simili paragoni, semmai per un Cadel Evans che ha perso
ieri la maglia rosa possiamo pensare ad un buon Nebbiolo, mentre al colombiano Rigoberto
Uran Uran, vincitore della tappa e primo in classifica si pu per il momento accostare un
Dolcetto di Dogliani, il cui vitigno assai diffuso nelle Langhe: ottima struttura, pienezza del
frutto, vivacit di colore e concentrazione: Giusto quella che oggi mi ha permesso di andar
cos forte, ha detto Rigoberto, che diventato da outsider il candidato alla vittoria finale per
le sue caratteristiche di scalatore e perch lo scorso anno lunico a batterlo stato Vincenzo
Nibali, il grande assente di questanno. Allex maglia rosa Tuft, hanno offerto un bicchiere di
Barolo. Un brindisi di consolazione, visto che la maglia nera del Giro. Il canadese si chiama
Svein. Nome inebriante.

Classifica
Vincitore tappa URAN URAN Rigoberto (COL) Tempo 57:34
36

Maglia Rosa URAN URAN Rigoberto (COL)


Fonte: Gazzetta.it

37

Tappa 13. Fossano - Rivarolo Canavese


23 Maggio 2014 157 KM - Pianeggiante

Canola batte i velocisti. Uran resta maglia rosa


23 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
Nei 157 km tra Fossano e Rivarolo canavese i battibecchi tra gli sprinter lasciano davanti i
fuggitivi. E alla fine il corridore vicentino la spunta. Il colombiano resta leader della corsa

Addio sublimi barolesche e barbaresche Langhe, il Giro si sposta in quel del Canavese, dove
pur alligna dignitoso Nebbiolo e un poco diffuso Canavese rosso, come la maglia del pi
rapido corridore del gruppo, il francese Nacer Bouhanni: il Giro parla ancora piemontese,
intanto ormai ai piedi delle salite che ogni giorno possono diventare redde rationem. Si
comincia col pellegrinaggio al santuario di Oropa clou della quattordicesima tappa di sabato
24 maggio, il Piave della corsa rosa. Si santificher ancora una volta la memoria di Marco
Pantani, e si dimenticher ancora una volta Gino Bartali. In attesa, ci hanno propinato una
tappa non lunga per accontentare i velocisti, prima di mazzolarli con le salite.
Macch. I velocisti hanno toppato. E successo che ce lha fatta la prima volta chi ha
tentato lennesima fuga. Sei giovanotti di buona gamba che pensavano di andare ad un
ineluttabile sacrificio, visti i precedenti: il colombiano Jeffry Johan Romero Corredor, il belga
Gert Dockx, il russo Maxim Belkov, il francese Angelo Tulik, il venezuelano Jackson Rodriguez
e litaliano Marco Canola. Ma dietro, le squadre degli sprinter hanno traccheggiato, ed
aspettato troppo gli ultimi chilometri. E lautostima eccessiva dei velocisti, quelli che dicono
di chi scappa ce li mangiamo in un bocconee tuttavia, landatura non feroce come nei
giorni scorsi, inoltre la tappa breve.
Davanti i sei vedono che il loro vantaggio rimane costante. Sar la mia impressione, ma
dietro le squadre degli sprinter si marcano eccessivamente: magari per far dispetto al pi
forte ed imbattibile Bouhanni. In pi, ha grandinato. Non sul gruppo, ma sul percorso della
tappa. Dunque, un pizzico di prudenza: le cadute hanno provocato il ritiro sinora di 24
girini. Fatto sta che Canola&company si avvicinano al traguardo con un vantaggio
38

sufficiente a grandi speranze. Sentono profumo di vittoria. Come si usa dire nella parrocchia
del ciclismo, viene premiata la fuga. Li aiuta non poco il tracciato pieno di curve: sui
rettilinei se il gruppo intravede i fuggitivi, la morte loro. Nemmeno il sussulto dorgoglio
degli uomini jet serve a qualcosa. Rimonta fallita. Fine dei giochi. Nel frattempo i sei erano
rimasti in tre, grazie ad una squassante sollecitazione di Canola che tirava come un mulo e
metteva in crisi met del gruppetto.
Corredor era il primo a staccarsi. Poi toccava a Belkov e Dockx. Bravo Canola, aiutato pure
dal vento dei temporali che hanno spazzato i monti a nord di Rivarolo Canavese. Con la
strada in leggera discesa, e il vento in poppa, a cinque chilometri dallarrivo Canola si
messo in posizione centrale e ha cominciato a sparare progressioni sul filo dei sessanta
chilometri lora. In gran spolvero, il vicentino Canola, baldo venticinquenne che allultima
Tirreno Adriatico ha vinto la classifica degli scalatori, resiste alla chiusura di Rodriguez che
voleva stringerlo contro le transenne di destra, anzi, replica obbligandolo ad allargare sulla
sinistra. Si crea un varco, lo trapana, e vince di potenza. Dir: Non che ci credevo tanto,
poi mi sono reso conto che il gruppo non rientrava e ho spinto pi che potevo. Alla fine ho
avuto ragione. Alle spalle, il gruppo allargato a ventaglio. Staccato di undici secondi: la
volata dei battuti premia ancora una volta Bouhanni che alla crono da Barbaresco a Barolo
era stato lultimo. Questo giovanotto lungagnone e ciarliero il suo cognome si pronuncia
Cnola veloce, passista, scalatore, vado in tuttopiano, scherza, dedica il successo a
mio pap, piglia fiato ed aggiunge, ma passa qualche secondo, e a mia mamma, alla mia
fidanzata, alla mia famiglia e a tutti quelli che mi hanno seguito. E lesto a parole come in
bicicletta. A proposito, che cosa significa per te la bicicletta? Il mio mestiere, replica pronto.
E infatti un corridore professionista. Ma aggiunge subito: Sappiamo che cosa vuole dire
anchesofferenzae poi, soprattutto, la bicicletta poetica. Giuro. Ha detto proprio cos: E
poetica.

Classifica
Vincitore tappa CANOLA Marco (ITA) Tempo 3:37:20
Maglia Rosa URAN URAN Rigoberto (COL)
Fonte: Gazzetta.it

39

Tappa 14. AGLI - OROPA (BIELLA)


24 Maggio 2014 - 164 KM - Alta montagna

Sulla salita di Pantani gloria a Pantano, ma vittoria a Battaglin


24 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
Il colombiano e Cataldo ci provano e vedono il trionfo, ma sul pi bello vengono beffati dal
25enne di Marostica. Bella tappa, ma i big non si scoprono. Domani altra tappa di montagna

Prima tappa alpina di questo Giro dItalia 2014. Dopo lelegia del Carpegna e la Romagna di
Lugo, eccoci al primo canto della Pantanide, amarcord di un campione controverso ma
amatissimo che mor dieci anni fa, lalba di san Valentino del 2004, in condizioni di disperata
solitudine: lo trovarono cadavere in una stanza di un modesto residence, a Rimini, ucciso da
un eccesso di sostanze stupefacenti, per molti unoverdose presunta. Segnalo il libro di
Marco Pastonesi Pantani era un dio, pubblicato dalla casa editrice 66th and 2nd nella collana
Vite inattese. Dunque, il menu della quattordicesima tappa che si spera possa diventare
epica: tracciato non lungo ma impegnativo (164 chilometri) con tre salite, la prima allAlpe
Noveis (m.1099), la seconda a Bielmonte (m.1482), la terza, quella che consolid il mito del
Pirata, con pendenze che toccano il 13 per cento, unarrampicata sino ai piedi del Santuario di
Oropa (quota 1130).
Sono quattordici i ciclisti biellesi che nel secondo dopoguerra si sono distinti al Giro. Giancarlo
Astrua fu il pi noto: giunse terzo al Tour de France del 1953 e due volte quinto nella corsa
rosa. Ottimo cronoman, nella sua borraccia un giorno ci confess che ci metteva buon vino,
Dolcetto o Nebbiolo i suoi preferitiPrima del conflitto, da queste parti si rammentano ancora
di Giuseppe Santhi che vinse tre tappe. Veniamo alla quattordicesima tappa. Si parte da
Agli. Vuoi non chiedere, giocando sullomonimia, al gioviale colombiano Jarlinson Pantano se
ha in mente qualcosa per onorare la memoria del suo quasi omonimo che sulla salita del
santuario di Oropa fece miracoli? Perch no? Oggi la salita di Pantani, ed adatta alle mie
caratteristiche, la giornata giusta per provarci, ha risposto con un sorriso Colgate con
gardol il buon Pantano, in fondo, pensa lui, questione di vocali.
40

E il sogno si stava per avverare, quando si trovato quasi solo al comando insieme allitaliano
Dario Cataldo e allo stremato austriaco Albert Timmer che aveva tentato lultima fuga, ai
piedi dellarrampicata. Mancava davvero poco, e pareva fatta. E pure noi ci avremmo
ricamato, parole e pedali sono un doping non ancora perseguito Pantano quindici anni dopo
Pantani, sarebbe stato lovvio titolo, non solo della Gazzetta dello Sport. Purtroppo, non
sempre la corsa segue logiche editoriali. Banalit sventata. Probabilmente il Pirata si sarebbe
rivoltato nella tomba, perch il 30 maggio del 1999 fece qualcosa di strepitoso: gli si era rotta
la catena a otto chilometri e 400 metri dallarrivo. Cambi bici, ebbe allinizio un rientro
faticoso nel gruppo dei migliori poi cambi marcia: cominci a rimontare uno dopo laltro 48
corridori, fino a raggiungere il francese Laurent Jalabert (diventato telecronista), e a
superarlo in tromba.
Oggi, a 2600 metri dal traguardo, giusto nel punto in cui Pantani lasci un basito Jalabert, i
suoi irriducibili tifosi hanno fatto presidio. Cominciando con un lenzuolone bianco dove hanno
scritto Pantani in vetta ancora nei cuori. Pi avanti, su un curvone che girava a destra,
campeggiava un pi accalorato i tuoi scatti sono leggenda il tuo sorriso nei nostri cuori grazie
Pirata!. Accanto: Marcoda campione e a stella nel cielo. Di fianco: Marco presente!. Alla
sua destra un tricolore, sul verde cera scritto Mazzini, sul bianco Cavour, sul rosso Garibaldi.
Non ho letto Pantani, ma forse i tifosi del ciclismo lo immaginano al fianco dei padri della
patria E pensare che quel fatidico 30 maggio la partenza venne ritardata perch Pantani
arriv in ritardo al via di Racconigi, sbucando trafelato da dietro le macchine della carovana
Questa ormai leggenda.
Quella di Pantano e Cataldo, sta per trasformarsi in beffa. Infatti, i due non avevano fatto i
conti con lincredibile Enrico Battaglin da Marostica, 25 anni il 17 novembre nato dunque
segno dello Scorpione: come Vittorio Adorni, Bernard Hinault, Jan Raas. Era nel gruppetto di
ventun corridori in fuga pochi chilometri dopo il via da Agli, dunque quasi centosessanta
chilometri di corsa in testa. Si sentito le gambe ancora buone. Pian piano ha recuperato
posizioni e nellultimo chilometro si accorto che Pantano, Cataldo e laustriaco Albert
Timmer (scappato via ai con Manuel Quinziato a quindici chilometri dal traguardo) stavano
distillando le ultime energie. Zoom. In primo piano Cataldo dalla barba rada che pensa di
liquidare Pantano, perch lo vede cotto. Laustriaco scivola indietro, la fatica appesantisce le
sue gambe e si vede.
E sostituito da Mattia Cattaneo, giovane di buone speranze. Ma Battaglin l, alle loro spalle.
La sua figurina diventa figura. Affianca Cattaneo. Lo stampa. Raggiunge Pantano e Cataldo. Si
accoda. Rifiata. Cattaneo non ne ha pi: fuori uno. Cataldo sembra in grado di controllare i
rivali. Sbaglia. Battaglin, che lanno prima aveva vinto a Serra san Bruno sotto lacquazzone,
sincurva sul manubrio e spinge furiosamente. Cataldo sbarella. Accusa il colpo. Tenta un
disperato testa a testa. Battaglin lo infilza. Sfreccia per primo. Conquista la tappa pantaniana
alla rispettabile media di 35,823 chilometri lora. Pantano, terzo, becca sette secondi. In
verit, tutti noi suiveurs ci aspettavamo che al posto di Battaglin, Cataldo e Pantano ci
fossero i big del gruppo. La loro corsa al risparmio, almeno sino a Favaro dove ci sono
tornantini micidiali, riassume questo Giro non bellissimo non bruttissimo, bens molto aperto.
Non c un vero dominatore. Nessuno quel che sembra.
Tutti aspettano di regolare i conti la prossima settimana, nelle ultime cinque tappe.
Prendiamo Rigoberto Uran Uran: la maglia rosa paga il grande sforzo della trionfale
cronometro di Barolo. Ad Oropa appena ventiduesimo. Persino lattempato Cadel Evans gli
41

ruba cinque piccoli secondi. Dei migliori, soltanto il trentenne Domenico Pozzovivo, buon
scalatore, ha attaccato: tanta fatica in cambio di ventun secondi. Chiss se la politica della
formichina lo premier. E allottavo Giro e ha solamente una tappa nel carniere (2012, da
Sulmona a Lago Laceno). Il divo Nairo Quintana si appeso ai mozzi di Domenico, alla fine
cinicamente lo ha saltato, guadagnando quattro secondi sullitaliano e 25 su Uran Uran. Non
per quello del Tour 2013, forse suo fratello
Buone prove dei giovani, della serie un giorno sentiremo parlare di loro, italiani e non. Il pi
cattivo mi sembra Rafal Majka che sintetizza: Oggi si comincia a capire chi va e chi no.
Domani, a Montecampione, capiremo ancora di pi. Per adesso, pure io posso vincere il Giro.
In classifica generale terzo, davanti a Pozzovivo. Mi piace Nicholas Roche figlio del grande
Steve che vinse Giro, Tour e Mondiale nel 1987: giorno dopo giorno sempre pi attivo e
coraggioso. Buon sangue non mente: pap ne sar giustamente orgoglioso. Quanto al Giro,
ahim, manca limpresa, come direbbero quelli di Confindustria. Giro specchio della crisi
dItalia. Si attraversano comuni in piena bagarre elettorale, altro che battaglia nel gruppo
rosa. Tra sagre del rosso di maggio (a Gattinara), figli del fuoco in Valgrande, e la
quindicesima edizione di Transumando, ossia la camminata con la mandria (da queste parti si
alleva la razza pezzata rossa) allinsegna di tante mucche, tante storie, non posso restare
insensibile al fattaccio che ha sconvolto Salassa: qualcuno ha rubato la bici dedicata al Giro
esposta davanti allhotel Degra.
Comunque, sui giornali locali, il Gran Premio della Montagna se lo merita questo titolo dellEco
di Biella: Ginocchiata dove non batte il sole. E lo stupro non riesce. Finalmente una buona
novella. Purtroppo, un brutto incidente capitato in corsa. La moto 1 della Rai ha travolto un
addetto al servizio dordine, e lha quasi ammazzato. E in rianimazione a Torino. I cronisti
sportivi ci hanno informato che il cameraman e il pilota della moto se la sono cavata. Del
signore Angelo Leone, 59 anni, in pericolo di vita, hanno taciuto. Solo Alessandra De Stefano,
allinizio del Processo della tappa, si ricordata qual il dovere di un giornalista, e ha riferito
che laddetto stato rianimato e portato in elicottero al Centro Traumatologico di Torino.

Classifica
Vincitore tappa BATTAGLIN Enrico (ITA) 4:34:41
Maglia Rosa URAN URAN Rigoberto

(COL)

Fonte: Gazzetta.it

42

Tappa 15. VALDENGO - PLAN DI MONTECAMPIONE


25 Maggio 2014 - 225 KM - Alta montagna

Fabio Aru alla Pantani: scatta sulla salita del Pirata e stacca tutti
25 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
Sulla montagna che nel 1998 ospit il duello tra il Pantadattilo e il russo Tonkov, grandissimo
numero dello scalatore sardo, ora quarto in classifica generale. Uran resta in maglia rosa

Pantanide, secondo canto. Stavolta, un bel canto. Quello di un giovane sardo alto e magro
pesa appena sessanta chili per un metro e ottantun centimetri che da ragazzo giocava a
tennis e a pallone, ma per andare a far sport utilizzava la bici e poi la bicicletta mi piaceva.
Si chiama Fabio Aru, nato il 3 luglio 1990 a Villacidro, pap agricoltore di arance, tamarindi
e mandarini, madre insegnante in quel della vicina San Gavino Monreale (SantuEngiu nel
dialetto del Campidano), capitale dello zafferano perch la cittadina il maggiore produttore
nazionale. Ha vinto una tappa importante, mitica per i fans del Pirata: quella che arriva a Plan
di Montecampione, affrontata dalla corsa rosa solo tre volte.
Nel virtuale album delle imprese pantaniane, la figurina di Montecampione di quelle doppie,
perch contempla lavversario frantumato dal campione di Cesenatico, il russo Pavel Tonkov.
Sul palcoscenico del Giro Memorial Pantani, infatti, in questa domenica di voto europeo,
andata in scena la seconda arrampicata consecutiva, dopo lascesa al Santuario di Oropa: un
altro finale ammazzagambe, ben 19,350 chilometri che hanno issato i corridori dal lago dIseo
alla stazione di sci del Plan di Montecampione, quota 1665. Millequattrocentosessantun metri
di dislivello. Assaggi di veleni montani. Le Alpi che asfissiano saranno in programma marted,
gioved, venerd e sabato, con il micidiale Zoncolan a condire linferno dei girini. Intanto, il
Montecampione ha abbassato qualche maschera. E ha rivelato il talento e il coraggio di un
giovane che ha iniziato a correre in bici, facendo ciclocross, a quindici anni.
E per caso: Mai avrei immaginato che sarebbe diventato il mio mestiere, confessa oggi il
filiforme Aru (altro che piccolo tamburino sardo di deamicisiana memoria). Come Pantani
che si mise in luce fin da dilettante, lo stesso avvenuto per Aru. Gi nel 2012 viene
43

acchiappato da una grande squadra, lAstana, ed esordisce al Giro del 2013, per aiutare
capitan Vincenzo Nibali nelle tappe di montagna. Compito che ha eseguito alla perfezione.
Questanno avrebbe dovuto essere lo scudiero di Michele Scarponi, in assenza di Nibali che ha
preferito il Tour de France. Lo sventurato Scarponi rimasto coinvolto nella maxicaduta di
Montecassino, e ha dovuto dire addio alle sue ambizioni. La ragion di squadra ha promosso
Aru capitano. Con lavallo di un altro importante elemento dellAstana, Paolino Tiralongo, lui
diventato il mio secondo pap, per di pi abitiamo molto vicino, non lontano da Bergamo.
Sedici anni fa, il 4 giugno del 1998, Marco Pantani e Pavel Tonkov si ritrovarono ben presto
davanti a tutti. Erano i pi forti. Pantani sfoggiava una forma stratosferica. Andava
allarrembaggio. Sinarcava sui pedali, la bici ondeggiava come vela al vento ed erano scatti
che avrebbero stroncato chiunque. Non Tonkov, quel giorno. Il coriaceo Pavel replic colpo su
colpo. Il duello incoll milioni di italiani davanti al teleschermo, mica le miserabili audience di
questi giorni. I due cominciarono un lunghissimo duello allultima pedalata. Il russo non
mollava il romagnolo. Spettacolo nello spettacolo. Il coriaceo Tonkov si arrese soltanto a tre
chilometri dal traguardo, Pantani era in stato di grazia. Vincer il Giro, andr al Tour, vincer
pure quello. Questa la premessa storica. Ma la storia non si cita a sproposito.
Proprio a tre chilometri dal traguardo, Fabio Aru che galleggiava sornione dietro la maglia
rosa Rigoberto Uran Uran in non grande spolvero, che controllava il polacco Rafal Majka e
soprattutto lindecifrabile Nairo Quintana, con Cadel Evans in difficolt, decide di mollare la
compagnia. Schizza via, lasciando secchi gli avversari. Vuole raggiungere la coppia Pierre
Rolland-Fabio Duarte. Uran Uran risponde, lo raggiunge, i due partono via. Per Uran Uran
non collabora. E dietro, per la prima volta, vediamo Quintana reagire. Apparentemente senza
sforzo si avvicina alla maglia rosa e ad Aru. Sembra che tutto si plachi. Aru non daccordo.
Rilancia lazione. Quintana non reagisce. Uran sa che se rincorre il sardo rischia dimballarsi.
Rimane con Quintana. I due colombiani si scambiano qualche parola. Aru, intanto, va come
quel Pantani di tanti anni fa. Uomo solo al comando. Ha fatto il vuoto. Quintana si libera di
Uran Uran.
Lordine di arrivo somiglia ad una prima sentenza di questo Giro un poco torpido. Come
sempre, e per fortuna, sono le salite vere a delineare i valori, a decretare vinti e vincitori. Aru
lascia Duarte a 21. Quintana terzo, a 22, davanti a Rolland (stesso tempo). Uran Uran
taglia il traguardo con 42 di ritardo. Maika a 57. Evans decimo, a un minuto e 13 come
Wilco Kelderman e Domenico Pozzovivo. Lo scalatore lucano ha mostrato i suoi limiti. Poi,
segue lintendenza. La classifica generale, prima del terzo (!) e ultimo riposo, parla chiaro:
Uran in rosa, Evans secondo a un minuto e 3. Terzo Maika a 150, quarto Aru a 224,
davanti a Quintana che staccato dal connazionale di 242. Sesto Pozzovivo a 242, settimo
lolandese Kelderman, a 304. I numeri dicono che questi corridori possono ancora vincere il
Giro.
Dovessi puntare, metterei Quintana e Aru in pole position. Perch le ultime tappe premiano
gli scalatori puri. Aru un outsider: ben pilotato, ha classe e ha le idee molto chiare: Nella
mia testa questo Giro da novembre, da quando ho cominciato a prepararlo. Non so ancora
quali possano essere i miei limiti. Oggi ero incredulo per quello che stavo facendo. Non
sapevo quanta energia avessi nelle mie gambe, ho pensato a spingere forte sui pedali, e ho
provato emozioni che non riesco a spiegare con le parole. Cerchi di realizzare un sogno per il
quale hai lavorato tanto, tutti i giorni dellanno. Sentivo il tifo della gente, vedevo gli striscioni
e i cartelli per Pantani, lui era un fuoriclasse. Io sto cercando di imparare. Non che non
44

credo nei miei mezzi, per cerco sempre di restare coi piedi per terra. Non faccio promesse a
vanvera.
Non promesse, ma premesse, queste s che ci sono, eccome. E la sua prima vittoria, ma un
successo che conta: Andiamoci piano con gli elogi. Ho ancora molto da dimostrare. Non mi
monto la testa per questo: sono sempre quello di prima. Un ragazzo normale, cui piace
viaggiare, sentire musica, stare con la sua ragazza torinese che si si chiama Valentina e che
lo motiva molto. Naviga molto in Internet, ha una pagina Facebook e sa parlare con ottima
propriet di linguaggio. Ha fiducia nel futuro di questo sport: La nuova generazione italiana
sta dimostrando belle cose. Bisogna dargli fiducia. I suoi modelli agonistici? Alberto
Contador: ho avuto la fortuna di conoscerlo, lui mi piace molto.
Doping permettendo. Nel ciclismo si facili agli entusiasmi, che sono speranze. Aru un
bellatleta, ha grinta, un sorriso aperto, uno sguardo da bravo ragazzo. Ha quasi ventiquattro
anni. Non rovinatecelo, ho sentito dire dalla gente che urlava il suo nome. Se non sbaglio, il
primo ciclista della sua isola a conquistare una tappa del Giro. Quando ha cominciato col
ciclocross, partiva il sabato in aereo, gareggiava la domenica e tornava in Sardegna la sera
perch dovevo studiare. Si allenava dalle parti di Bologna e Vergato, dove nato Alfonso
Calzolari, il vincitore del Giro 2014. Gli chiedo se parente di Ignazio Aru, no, risponde
subito, di Pirri. Igrazio correva ai tempi di Defilippis e Nencini. I tifosi sassaresi lo
chiamavano il piccolo Coppi sardo. Da marted, tappe da tregenda. Se saranno leggenda,
vedremo. In greco, la radice ar significa, tra laltro, superiorit. In quasi nomen, omen.

Classifica
Vincitore tappa ARU Fabio (ITA)5:33:06
Maglia Rosa URAN URAN Rigoberto (COL)
Fonte: Gazzetta.it

45

Tappa 16. PONTE DI LEGNO - VAL MARTELLO/MARTELLTAL


27 Maggio 2014 - 139 KM - Alta montagna

Quintana si prende la maglia rosa e domina su Gavia e Stelvio


27 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
Il colombiano stacca tutti sui tornanti e vince la tappa. Uran prende 4 minuti tra pioggia
ghiacciata e temperature sotto lo zero. Il vincitore, acciaccato nelle prime tappe promette:
"Sto sempre meglio"

Oggi il Giro ha finalmente un padrone. Si chiama Nairo Quintana. Ha 24 anni, colombiano,


ha un volto antico. Da Inca imperscrutabile, tant che qualcuno lo chiama la Sfinge. E
cresciuto a Combita, a pi di 3mila metri daltezza. E uno sherpa della bici. Con pedalate che
a tratti parevano sussulti, ha sbaragliato la concorrenza nel tappone delle grandi salite il
Gavia, lo Stelvio, Val Martello. E arrivato solo, dopo aver domato gli ultimi sei tornanti sotto il
traguardo, dove la strada simpennava come un ascensore. Ha stroncato la strenua, cocciuta
resistenza del canadese Ryder Hesjedal, vincitore del Giro 2012, che gli era rimasto a ruota
sino a un chilometro e mezzo dallarrivo, dimostrando tempra daltri tempi.
Nairo ha strappato la maglia rosa al connazionale Rigoberto Uran Uran, rifilandogli qualcosa
come 411 allarrivo. Ha ridimensionato le velleit del coetaneo Fabio Aru, il vincitore di
Montecampione, appena sesto, a 3 e 40. Ha affibbiato distacchi che lasciano ben poche
speranze: perch ci sono ancora tre tappe di montagna nei prossimi cinque giorni, e io sto
sempre meglio ha detto, sia pure tossendo tra una parola e laltra, ed sembrata pi una
minaccia che una constatazione, non sono arrivato secondo al Tour de France per caso.
Le arrampicate dei prossimi giorni esalteranno il talento da grimpeur di Quintana, abile
nellamministrare le proprie condizioni di forma e a mimetizzarsi nel gruppo. Era arrivato con
qualche problema di salute (influenza e cattiva respirazione). Si curato in corsa, la prima
settimana senza mai dare limpressione di poter essere protagonista. La seconda settimana
ha badato a non perdere terreno, mantenendosi nella parte alta della classifica, compreso il
giorno della cronometro tra Barbaresco e Barolo. Negli ultimi tre giorni ha rosicchiato secondi
46

preziosi e significativi a Uran Uran. Il quale ha capito lantifona. Non ha sprecato energie
nellinseguire il rivale. Ha cercato di limitare i danni: ora secondo in classifica, a un minuto e
41 secondi. Aru scivola al sesto posto. Cadel Evans resiste al terzo. Quarto, il francese Pierre
Rolland che ha marcato stretto Quintana sino a due chilometri dallarrivo, poi ha ceduto
perdendo un minuto e 13 secondi. Come sempre, i numeri del cronometro spiegano le
gerarchie. Ma non sempre raccontano quel che davvero successo durante la tappa.
Gi. Perch il trionfo di Quintana accompagnato da uno strascico di polemiche. Colpa del
maltempo. E di unorganizzazione non impeccabile, capace di azzardare la scommessa del
Gavia e dello Stelvio, nonostante avvisaglie meteo negative. Incombeva una maligna corrente
fredda che rendeva la pioggia gelida: via via che i corridori si avvicinavano al passo dello
Stelvio, lacqua si trasformava in nevischio e salendo in quota si faceva neve. A tre chilometri
dal Gran Premio della Montagna, la Cima Coppi di questo Giro, mentre labruzzese Dario
Cataldo allungava e si avviava a passare per primo alla rispettabile altitudine di 2758 metri, il
termometro segnava un inquietante -0,5 gradi, che in bicicletta come pigliare cazzotti nello
stomaco. Il gelo blocca i muscoli, se non sei ben coperto. Allinizio ai corridori si gelano mani
e piedi, progressivamente perdono la sensibilit. In salita lo sforzo produce calore, in discesa
si pu rimanere assiderati se non si protegge il corpo in modo adeguato. Per questo, la
prudente organizzazione del Giro provvedeva ad annunciare, tramite Radiocorsa, che in caso
di pericolo, lungo la tormentata discesa dello Stelvio, le moto dellorganizzazione lavrebbero
segnalato con una bandierina rossa: non solo il freddo, ma leventuale poltiglia che avrebbe
potuto rendere problematico lequilibrio della bicicletta.
La tappa era al limite della sofferenza. I corridori avevano gi affrontato il Gavia (m. 2616)
sotto la pioggia ghiacciata, Nairo Quintana aveva mandato i suoi a far bagarre: premessa
della battaglia sullultima micidiale salita della sedicesima tappa. Dietro Cataldo, il gruppo dei
migliori procedeva sgranato, con la maglia rosa Rigoberto Uran Uran, Cadel Evans, Fabio Aru,
Domenico Pozzovivo, Rafal Majka, Wilco Kelderman, in tutto una dozzina di corridori. Molti di
loro avevano deciso di cambiare le mantelline e di proteggersi dal freddo. Daltra parte, le
moto con la bandierina rossa, secondo quel che avevano capito i direttori sportivi delle
squadre, potevano essere assimilate a delle inedite safety bike. Dunque, discesa controllata.
Quasi neutralizzata.
Invece, Quinta e pochi altri tirano dritto. Il re degli scalatori attaccain discesa. Approfitta del
cambio di indumenti. Del rallentamento. Il gruppo della maglia rosa si era spezzato, Quintana
stava davanti, Uran staccato di una cinquantina di metri. Nairo ha tirato gi, sfruttando
equivoci, fraintedimenti, messaggini twitter attribuiti allorganizzazione che accreditavano la
tesi della neutralizzazione (La discesa dello Stelvio stata neutralizzata a causa delle
condizioni meteo). Tardive, arrivavano le scuse per questo messaggio fallace. Quintana, alla
fine della discesa aveva guadagnato un minuto e 55 secondi, limati da Uran di tredici piccoli
inutili secondi. La volpe sgusciava via, la muta che linseguiva aveva la lingua fuori della
bocca. Mancavano gambe e forza: Non capisco il perch di tutte queste polemiche. Io avevo
fatto ricognizione del percorso, immaginavo quali potessero essere le condizioni climatiche,
ero preparato. La moto con la bandierina rossa non lho vista, ho solo pedalato a tutta.
Potevano farlo anche i miei avversari.
Aru, quando arriva, onesto nel riconoscere che Quintana ha vinto perch il pi forte,
stato un giorno duro, estremo; tutto il gruppo stato immenso, abbiamo corso in condizioni

47

critiche. Per la cronaca, si sono ritirati appena in sette. Ultimo, lolandese Jetse Bol, a quattro
ore sette minuti e 53 secondi da Quintana.

48

Un tweet non ferma il Giro


28 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
FREDDO E NEVE, LA DIREZIONE DI CORSA TENTA DI NEUTRALIZZARE LA DISCESA DALLO
STELVIO RALLENTANDO IL GRUPPOCON MOTO E BANDIERINE. LA COMUNICAZIONE
CONFUSA. QUINTANA SE NE INFISCHIA E AGGUANTA LA MAGLIA ROSA

Mettiamola cos. Ci sono tutti gli ingredienti per un tappone da leggenda: una prima salita che
sforbicia i gruppo, quella del Gavia, dove si passa a 2618 metri. Nemmeno il tempo di
dimenticare la fatica e la pioggia ghiacciata che c larrampicata dello Stelvio, il punto pi
alto del Giro dItalia: vuol dire Cima Coppi (2758 metri). Trentasei tornanti a salire.
Quarantotto a scendere. Cima Coppi come vincere una tappa, per gli scalatori in bicicletta.
Inoltre, il maltempo flagella la corsa. Le Alpi non hanno fermato le correnti fredde che
arrivano dal Nord. La pioggia gelida si trasforma in nevischio via via che si sale. A tre
chilometri dal Passo si fa neve. In testa schizzato labruzzese Dario Cataldo. Lo insegue il
colombiano Robin Chalapuz che era stato primo sul Gavia, con un francese a ruota, Hubert
Dupont. Pi indietro, Jarlins Pantano, altro colombiano. Il gruppetto della maglia rosa
Rigoberto Uran Uran con tutti i migliori, sinerpica con un paio di minuti di ritardo. La squadra
di Quintana la pi attiva. Ha scatenato la bagarre fin dal Gavia. Chiaro lintento: sfibrare gli
avversari. Mettere in crisi Uran Uran. Vedere quanto vale Fabio Aru, il sardo che ha vinto alla
grande la tappa di Montecampione. Badare a Pierre Rolland, ottimo sulle montagne.
Ma la tregenda non diventa leggenda. Il fatto che il termometro segna un inquietante -0,5. Il
freddo il nemico peggiore dei ciclisti. Quel che fa pi paura non lestenuante salita, bens
linterminabile discesa sino a Trafoi (il paese di Gustav Thoeni). Pu formarsi una poltiglia
assassina. Lorganizzazione del Giro, mossa da eccessiva prudenza, decide di inviare tramite
Radiocorsa una comunicazione di servizio ai signori direttori sportivi, in cui li avvisa che
49

davanti ai gruppetti di testa, dopo lo scollinamento, la direzione di corsa ha previsto di


inserire delle moto davanti ai vari gruppi di testa dei corridori per evitare che ci siano degli
attacchi, cos che i corridori restino nelle loro posizioni, ed evitare grossi rischi. Pericolo,
bandierina rossa. Ho riassunto lingarbugliato messaggio. Molti direttori sportivi pensano che
la discesa sia neutralizzata e che quelle moto fungano da safety bike. Classico pasticcio
allitaliana: o neutralizzi la discesa o non dici nulla ed eviti di alimentare equivoci.
Quintana ha talento nelle gambe. E la scaltrezza dei poveri. Appena passa lo Stelvio, cambia
marcia. Gioca dazzardo? No, lui cresciuto nei pressi della citt di Combita che aggrappata
alle Ande colombiane a tremila metri daltezza. Ha visto che la neve si scioglie e che non si
forma poltiglia. Il grande scalatore attacca in discesa. Il colombiano ha appena 24 anni, ma
dimostra sagacia e furbizia da consumato campione. La raccomandazione di Radiocorsa non
un diktat. Cos Quintana va allinseguimento di Cataldo e degli altri che non stanno certo
tirando i freni. Anzi: sono una decina, in ordine sparso. Il colombiano li raggiunge, si forma in
testa un gruppetto di sei con Quintana che tarella a ventre basso. Su, allo Stelvio, scoppiata
intanto la bufera. Non di neve. Ma di polemiche. Perch a confondere le idee arrivato pure
un tweet in cui si conferma che la discesa dallo Stelvio stata neutralizzata a causa delle
condizioni meteo. Nellera del ciclismo Internet, Twitter la referenza. Molti corridori, infatti,
si sono fermati per cambiarsi e proteggersi dal freddo, le discese sono micidiali, mani e piedi
flagellati dallaria ghiacciata perdono progressivamente sensibilit. Tanto, si scende
frenati...
Non cos. Quintana scattato come una saetta. Lui non ha colpa. Quando c qualcuno in
fuga, non ti chiedi chi c e come riuscito ad andare in fuga: lo raggiungi. Se ci riesci. Ci
vuole pellaccia, attaccare in discesa. Nencini vinse cos un Tour. Dopo Trafoi, Uran e gli altri
avevano diciotto chilometri di falsopiano per raggiungere Quintana e i suoi compagni di fuga.
Il distacco invece di calare leggermente aumentato: bastava osservare i volti di Rigoberto o
di Fabio Aru, la smorfia di fatica di Cadel Evans per capire che il tweet non centrava nulla,
solo fuoco di paglia (pi tardi verr rimosso, e un altro tweet chieder scusa per lerrore).
Fatto sta che ai piedi della Val Martello - un nome, un programma - Quintana aumenta
cadenza e si libera di met dei compagni. Resistono stoicamente Rolland e il cocciuto
canadese Ryder Hesjedal, che vinse il Giro del 2012, e che dimostra quanto le polemiche
siano fuochi fatui.
Lultima arrampicata inedita al Giro. Comincia gradualmente, diventa perfida giusto ai piedi
del traguardo, con sei tornanti che sembrano ascensori. Quintana molla il francese e il
canadese. Vince solo, da padrone della corsa rosa. Ha gestito la sua prima partecipazione con
grande sapienza. E arrivato un po ingrippato, con problemi respiratori. Si curato in corsa.
Mimetizzato nel gruppo, ha evitato tracolli nella prima settimana, ha perso nella crono di
Barolo ma non in modo traumatico. Negli ultimi giorni, appena le pendenze si sono fatte pi
arcigne, ha iniziato a rosicchiare secondi preziosi e significativi: Non sono arrivato secondo al
Tour de France per caso. La moto con la bandierina rossa? Non lho vista. Gli altri? Se
volevano raggiungermi, potevano farlo. Adesso comincio a star meglio, ci sono altre salite, il
Giro continua. Sulla moto, bugiardo: lo smentisce chi stava sulla moto: Nairo seguiva la
moto, che si scostata per lasciarlo passare. Quanto alla salute, dice di essere migliorato
per tossisce tra una parola e laltra. La classifica ora vede dietro Quintana lo spodestato
connazionale Uran Uran, a un minuto e 41 secondi. Terzo resiste Evans. Quarto Rolland.
Aru sceso al sesto posto. Ha avuto uno scattino dorgoglio nel finale: E stata una giornata
dura, estrema. Abbiamo corso in condizioni critiche. Siamo stati tutti bravissimi. Solo in sette
50

si sono ritirati. Con una maglia rosa mentitrice e volpina. Da domani, tutti contro Nairo. Il
Giro della vendetta.

Classifica
Vincitore tappa QUINTANA Nairo (COL) 4:42:35
Maglia Rosa QUINTANA Nairo

(COL)

Fonte: Gazzetta.it

51

Tappa 17. SARNONICO - VITTORIO VENETO


28 Maggio 2014 - 208 KM - Pianeggiante

Stefano Pirazzi vince a Vittorio Veneto e si sfoga con un gestaccio


28 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
Il ciclista di Fiuggi ottiene il primo successo da professionista dopo cinque anni e attacca
quelli che l'hanno tanto criticato nel corso della sua carriera: "Sono stato sfortunato, ero
andato in depressione", dice. Il colombiano Quintana mantiene la maglia rosa nonostante le
polemiche per la sua azione nella discesa dello Stelvio

Oggi sono state corse due tappe: una con la biciletta, laltra con le polemiche. Quella sportiva
si svolta da Sarnonico a Vittorio Veneto, 208 chilometri da velocisti o fuggitivi, in cui
prevalsa la seconda opzione, con un record di velocit nella prima ora: media 52,100. Per
forza: tracciato in discesa. Tra Levico Terme e lo svincolo di Grigne, lungo la strada della
Valsugana si consolida un gruppotto di ventisei corridori che tra scaramucce e allunghi
prosegue sino al temuto Ca del Poggio, un dente infingardo che in mille e 300 metri offre
pendenze micidiali, sino al 19 per cento, con una media del 15. il biglietto da visita della
Marca Trevigiana, dove approdato il Giro dItalia. Il Nord Est in fibrillazione elettorale per i
capovolgimenti municipali causati dallo tsunami Renzi, la vera maglia rosa dItalia. Toni Da
Re, sindaco leghista uscente di Vittorio Veneto (con pap partigiano), costretto al
ballottaggio, un ex ciclista: da dilettante entr a far parte della nazionale azzurra.
Parentesi. Nella citt del Bollettino della Vittoria, i corridori sono approdati otto volte. Questa
la nona, la prima fu nel 1937, il 25 maggio. Il giorno dopo il Giro cominci a percorrere le
Dolomiti, esordio con passaggi sul Rolle e il passo di Costalunga e arrivo a Merano. Trionf
Gino Bartali. Non ho visto n sentito qualcuno ricordarlo LUnione Ciclistica Vittorio Veneto
tra le pi antiche dItalia. A cinquecento metri da dove scrivo c, sulla collina, il podere di
Marzio Bruseghin, bravo corridore che amava gli asinelli (e ne ha qualcuno): fu terzo al Giro
del 2008, era forte a cronometro e soprattutto era un signor luogotenente, nelle tappe.
Renato Longo, cinque titoli iridati di ciclocross, vittoriese. Qui addirittura si concluse il Giro
52

del 1988, e fu festa popolare, ciclismo e memoria storica, giacch ricorreva il settantesimo
anniversario della disfatta austro-ungarica.
Torniamo alla tappa corsa. A venti chilometri dallarrivo, il muro di Ca del Poggio vede
scollinare il belga Thomas De Gendt che un tipo tosto. A cinque secondi lo insegue un
focoso Stefano Pirazzi, a sedici Oscar Gatto. Pirazzi raggiunge De Gendt, su loro due si
portano Matteo Montaguti, laustraliano Jay McCarthy e un altro belga, linsidioso Tim
Wellens. I belgi bisticciano. Laustraliano traccheggia. Montaguti non sa che fare. Si avvicina il
traguardo. A 1300 metri scatta come una furia Stefano Pirazzi che guadagna subito
cinquanta, cento metri. Dietro i quattro si guatano in cagnesco. Pirazzi insiste, non desiste.
Quando finalmente Wellens, il pi veloce del gruppetto, rompe gli indugi, troppo tardi.
Pirazzi sempre in testa, solo, allultima curva secca. Si volta, unocchiata di lato sopra la
spalla destra. Si liscia la maglia alza le braccia, vince. Taglia il traguardo di Vittorio Veneto e
fa un gestaccio: quello dellombrello. Ce lha con tutti coloro che lhanno sempre deriso:
Sono stato molto sfortunato nella mia carriera, e mi hanno criticato tutti. Uno sfogo di cui
non si pente. Gli coster 200 franchi svizzeri di multa per comportamento scorretto in
pubblico. Continua a ripetere che anche in questo Giro, al quinto anno da professionista e
con zero successi, ero andato in depressione. E tuttavia, racconta con rabbia, sentivo la
gamba crescere, che nel gergo dei pedalatori vuol dire che sentiva migliorare la forma. Per di
pi, nella sua squadra di guastatori avevano gi vinto Enrico Battaglin e Marco Canola. I tifosi
del ciclista di Fiuggi lo seguono con stoica fiducia dallinizio di questo Giro, al grido: Tutti
pazzi per Pirazzi. Il problema che quando perde, le rime diventano pi trucide
Veniamo allaltra tappa. Quella delle polemiche, dopo il colpo da matador dellastuto Nairo
Quintana. Il direttore sportivo di Rigoberto Uran Uran, Davide Bramati, ha cercato di cooptare
gli altri colleghi per perorare la causa della sua ex maglia rosa. A suo parere scippata da
unazione poco leale del campione colombiano: La giuria dovrebbe togliere almeno 55
secondi, al tempo di Quintana. Quello che lui ha guadagnato sfruttando la situazione che si
era venuta a creare per le condizioni del tempo al passo dello Stelvio. La discesa controllata
dalle moto dellorganizzazione che invece diventata il piede di porco di Quintana.
Eccovi il testo del comunicato che i direttori sportivi affiliati allassociazione internazionale
hanno elaborato. La montagna, proprio il caso di dirlo, ha partorito un topolino: Dopo la
riunione di questa mattina a Sarnonico, una delegazione dellAigcp ha incontrato gli
organizzatori di Rcs e i commissari dellUci. A nome di tutte le squadre, la Aigcp ha
specificatamente richiesto una neutralizzazione del vantaggio guadagnato da Nairo Quintana
lungo la discesa dello Stelvio. LUci ha respinto questa richiesta e ha dichiarato che i risultati
rimarranno invariati. Per rispetto dei tifosi e del mondo del ciclismo, le squadre hanno deciso
di disputare comunque la tappa odierna.
Nelle corse prosegue il testo le squadre dipendono dalle informazioni fornite da
Radiocorsa: in condizioni difficili come quelle di ieri, questo flusso di informazioni diventa
ancora pi importante. Pertanto linformazione deve essere coerente, chiara e non dovrebbe
lasciare adito ad alcun dubbio. Ieri, nel momento di maggiore difficolt, la qualit delle
informazioni scesa sotto il livello minimo. Dopo lannuncio tanto discusso, sia lorganizzatore
che i commissari non hanno corretto la situazione, sebbene ci fosse ancora tempo per farlo. A
precisa domanda della Aigcp, i commissari Uci hanno espressamente negato di aver sentito le
istruzioni di non attaccare nella discesa trasmesse da Radiocorsa. Per interpretare al meglio
il ciclismo, le squadre hanno bisogno che siano applicate le regole in modo coerente ed equo.
53

Lincapacit di regolare adeguatamente la corsa e di correggere gli errori commessi, porta ad


avere condizionamenti sul risultato della corsa, cosa che non dovrebbe mai avvenire. La Aigcp
pronta a discutere con tutte le parti interessate al fine di eliminare definitivamente questi
problemi di regolamento.
Morale della favola: nulla di fatto. Protesta senza conseguenze per Quintana. Il quale replica:
Stanno montando una storia non reale. Trovo ingiuste queste accuse. Io ho guadagnato il
mio vantaggio in salita. Fabio Aru non lo condanna, ma ricorda che dalle ammiraglie era
arrivato il consiglio di fermarsi e di cambiarsi, perch lo si poteva fare con tranquillit.
Malintesi o no, bisognerebbe neutralizzare lorganizzazione. Occhiuta nei confronti dei
giornalisti ficcanaso, capace per di questo pastrocchio. Quanto a Nairo, la ragione che conta
quella delle strade. Delle gambe. Della forma. Del talento. Domani, infatti, comincia il
trittico infernale delle arrampicate: prima la Valsugana, poi la cronoscalata di Crespano del
Grappa, infine morituri te salutant Zoncolan sabato pomeriggio. Tutto il terreno che si vuole
per attaccare Quintana. Ai tempi di Bartali e Coppi i tifosi delle due ruote si erano abituati a
rimonte epocali. Era un altro ciclismo. Un altro mondo.
In realt probabile che Quintana decida di punire chi gli ha dato del furbo e del bugiardo.
Col solo modo che i campioni del ciclismo hanno: vincendo. Dominando. Umiliando, se si
arrabbiati e la si vuol far pagare. Chi saranno i suoi alleati, lo scopriremo in cima al Rifugio
Panarotta, dove gioved arriva la diciottesima tappa. Perch Quintana forte, ma non come
lanno scorso. E poi, sui monti tuona e lampeggia. Fa freddo di nuovo. E qui a Vittorio Veneto,
diluvia. Per la geometrica densit dellintreccio, ci aspettano tre giorni di lotta dura senza
paura: la lotta, cio, della sopravvivenza ciclistica. Chi vince e convince, trova sempre
squadra. Motivazione in pi, in un ambiente sempre pi precario, economicamente parlando.

Classifica
Vincitore tappa PIRAZZI Stefano (ITA) Tempo 4:38:11
Maglia Rosa QUINTANA Nairo (COL)
Fonte: Gazzetta.it

54

Tappa 18. BELLUNO - RIF. PANAROTTA (VALSUGANA)


29 Maggio 2014 - 171 KM - Alta montagna

Da Belluno a Rifugio Panarotta vince Arredondo


29 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
Arriva secondo Fabio Duarte Arevalo, un altro colombiano - come il campione della tappa che ha spesso movimentato il Giro finora con fughe e attacchi in salita

Giro dItalia o sagra colombiana? Ti aspetti Nairo Quintana, arriva primo Julin David
Arredondo Moreno, di Ciudad Bolivar. Ti aspetti Fabio Aru, arriva secondo un altro Fabio,
Duarte Arevalo, altro colombiano che ha spesso movimentato le tappe di questo Giro con
fughe e attacchi in salita. Nel primo giorno del micidiale trittico che include arrivo in salita al
Rifugio Panarotta, tra le vette della Valsugana, cronoscalata secca a Crespano sul Grappa
26.800 chilometri pendenze sino al 14 per cento ed infine la resa dei conti sulle decisive e
fatali rampe dello Zoncolan, in programma sabato, non succede nulla, o quasi. Almeno, nulla
se si guarda la classifica: lunico che strappa qualcosina Fabio Aru, tre minuscoli secondi che
per lo issano al quarto posto in classifica, a sentire lodore del podio virtualmente occupato
da Quintana, da Rigoberto Uran Uran e dal francese Pierre Rolland. Il quale ha appena due
secondi di vantaggio, rispetto allitaliano che a pari merito con il polacco Rafal Majka. Il
quale, poveraccio, pare soffra di mal di stomaco. Ci ha rimesso le penne Cadel Evans, crollato
al nono posto.
Ma se si filtra con attenzione la tappa che si diluita da Belluno al Rifugio Panarotta, ci
accorgiamo che Quintana ha marcato stretto gli avversari e non gli ha consentito grandi spazi
di manovra. La Movistar, la formazione della maglia rosa, ha bloccato i tentativi dellEuropcar
di lanciare e proteggere la fuga di Rolland. Curiosamente, Rolland e i suoi hanno aiutato
Quintana nella rocambolesca discesa dello Stelvio, la gran madre delle polemiche di questi
giorni. Per vendicarsi, bisogna avere le gambe. Quintana ha stoppato sempre gli attacchi,
magari con un po di affanno, ma c riuscito. Il primo round suo. Chi vede in Rigoberto
Uran Uran il nemico di Nairo, sbaglia. La corsa ha dimostrato che anche Uran ha cercato di
55

tamponare gli scatti dei rivali che ambiscono al podio del Giro. Ha provato ad attaccare
Quintana e la maglia rosa lo ha francobollato. Scaramucce, nulla di serio. Pi scena che altro.
I due colombiani fanno in fondo corsa parallela. Quando ho chiesto a Uran Uran chi vincer,
secondo lui, questo Giro, mi ha risposto: Un colombiano. Perch non ha detto: Io ci
prover?.
E un Giro piccolo, consolatorio. Hanno vinto tappe corridori che non vincevano pi, vedi
Ulissi, o che non riuscivano a vincere, vedi Pirazzi. E un Giro di cattiverie, di furbizie.
Talvolta, di gesti sublimi: subito dopo la caduta di Montecassino, Paolino Tiralongo sceso
dalla bicicletta e si messo a soccorrere Gianpaolo Caruso, siciliano come lui, ma in quel
momento una persona ferita, immobile sullasfalto. Questa una delle immagini simbolo di
questo Giro, a differenza della fortunata coincidenza che in testa al gruppo, tra gli illesi, cera
il capitano di lungo corso Cadel Evans.
Lo sport, al contrario delle belle frasi decoubertiniane, non affatto improntato alla filosfia del
porgi laltra guancia, ma in quella pi feroce del mors tua vita mea. Ogni corsa a tappe
come una guerra. Ogni tappa, una battaglia. Si contano feriti e morti, metaforicamente
pedalando. Occorre essere generali e arditi, squadre speciali e coraggiosi fantaccini. Laudacia
favorisce le imprese. La fortuna agevola le vittorie. Poi, ci sono quei ciclisti che infiammano i
cuori. Per come corrono. Per come osano. Perch Pantani ancora cos popolare? Al di l
delle sue drammatiche vicissitudini, delle esclusioni per valori ematici non conformi, resta
nella memoria della gente il Pirata che va allarrembaggio. Se non osi, non sarai un campione.
Oggi, nel suo piccolo, Arredondo ha corso una tappa allattacco, alla morte, allultimo fiato. E
giunto sul traguardo appeso al manubrio, in debito di ossigeno, sullultima pendenza deve
aver visto la madonna. Ondeggiava, la bici, come barchetta in un mare tempestoso. Vacillava
come Dorando Pietri nella maratona vinta persa. Si voltato indietro per vedere se il
compagno di squadra Duarte poteva batterlo, quando ha capito che era troppo lontano per
raggiungerlo, ha spinto con la disperazione che spinge i cercatori doro a scovare il filone dei
loro sogni. La squadra Colombia sponsorizzata dal governo di Bogot. Ma guidata dallo
scafato bergamasco Claudio Corti. Una squadra di piccolo budget, rispetto alle multinazionali
come Sky, Bmc, Movistar Astana o Katiusha: appena 3,5 milioni di euro. Stipendi bassi (i pi
bravi arrivano a 50mila euro), e un contratto che scade a mesi.
In Colombia ci sono appena state le elezioni. Corti temeva un ribaltone politico e magari un
cambiamento di rotta nelle strategie promozionali dello sport boliviano. Non stato cos e
Corti pu tirare un sospiro di sollievo. Arredondo saldamente in testa alla classifica del Gran
Premio della Montagna che ha un albo doro in cui c tutta la storia del ciclismo. Oltre a
questo prestigioso trofeo, ha incamerato una delle tappe pi importanti. Insomma, missione
compiuta. E, forse, unaltra stagione salvata. Col ciclismo di oggi si naviga a vista. Senza
sapere che domani avrai. Per questo gli indios andini come Quintana, Arredondo o Duarte
lottano senza piet. E una questione di pura sopravvivenza. Pedalare affranca.

2014 e il Giro del Risarcimento


30 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano

56

Questo non il Giro dItalia. E il Giro del Risarcimento. Ovvero, il ciclismo come scuola di
vita. Pigliamo la maglia rosa Nairo Montana: il Giro lo ripaga del secondo posto al Tour de
France 2013. Diego Ulissi si ritirato ieri a Belluno. Ma se ne va con un bottino prestigioso,
dopo stagioni di magra: due tappe e il morale ritrovato. Di Stefano Pirazzi si analizzato il
polemico gestaccio dellombrello, allarrivo di Vittorio Veneto. Freud sul sellino: cinque anni di
critiche e sfott, depressione crescente, errori e delusioni, finalmente il successo che ti
cancella una vita da sconfitto. Adesso il turno di un colombiano, un altro in debito col
destino. Quando le strade simpennano sinvola come un condor: Julin David Arredondo
Moreno da Ciudad Bolivar, ventisei anni il 30 luglio, il nome lungo come la tappa. Pure lui, in
crisi didentit: passava in testa sui colli dei grandi tapponi di montagna, agonizzava nei finali.
Laccompagnava la piccola patetica gloria di chi bravo ma sfortunato. Fino al Rifugio
Panarotta. Una lunga interminabile salita da Levico Terme, tra i monti della Valsugana, sotto
scrosci di pioggia ed improvvisi squarci di sole.
Arredondo il ciclismo del cuore. Commuove per il carattere da combattente votato al
sacrificio. E maglia azzurra: il migliore scalatore del Giro. Non gli basta. Vuole il sogno. Una
tappa con larrivo che punta al cielo. Conquista il primo valico, il pi severo: quel San
Pellegrino (1918 metri) di tante imprese. Scollina davanti a tutti sul Redebus (m.1457).
Stavolta non crolla. Tiene duro, nonostante gli attacchi dellirriducibile belga Thomas De
Gendt che mercoled era stato beffato da Pirazzi; o del redivivo Franco Pellizzotti, un allungo
poderoso per poi morirci sopra. Semmai, Arredondo teme il compagno di squadra Fabio
Andres Duarte Arevalo, che gli sta a fianco. Chi vince spera nel salto di qualit: lingaggio in
uno squadrone. Vede il traguardo. Avanza a zig zag, barcolla di stanchezza. Ebbro di felicit.
Non sogna: primo, davvero. Fa suo il Panarotta (m.1760). Lo applaude Fernando Alonso. Il
57

pilota della Ferrari un fan delle due ruote. Vorrebbe creare un team. La parrocchia del
ciclismo lo coccola: i suoi soldi fan gola.
Quanto alla maglia rosa, Nairo Quintana ha controllato con facilit la corsa. Alla faccia delle
pretestuose polemiche per la discesa malandrina dello Stelvio. Rigoberto Uran Uran,
paradossalmente, ha fatto il suo gioco. Per salvare il podio, ha rincorso gli attaccanti, come il
francese Pierre Rolland o il sardo Fabio Aru che alla fine ha strappato tre piccolissimi secondi
a Quintana. Ha pagato il veterano Cadel Evans, era terzo ora nono in classifica. Oggi,
cronoscalata: 26,800 km a Crespano sul Grappa. Pendenze come sentenze. Contano i pedali,
non le polemiche che nascondono debolezze.

58

Classifica
Vincitore ARREDONDO MORENO Julian David (COL) Tempo 4:49:51
Maglia Rosa QUINTANA Nairo

(COL)

Fonte: Gazzetta.it

59

Tappa 19: BASSANO DEL GRAPPA - CIMA GRAPPA (CRESPANO DEL GRAPPA)
(ITT)
30 Maggio 2014 - 26,8 KM - Cronometro individuale

Nairo Quintana vince e convince sul Grappa


30 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
Il colombiano domina in una tappa difficile, con diciannove chilometri di salita. Dietro di lui un
grande Fabio Aru. Il sardo perde per diciassette secondi, dopo essere stato sempre vicino alla
maglia rosa

Da Bassano del Grappa, terra di passioni ciclistiche e di tribolazioni belliche, il Giro che finir
domenica a Trieste, si spostato di appena ventisei chilometri e ottocento metri, un assalto
alla baionetta per conquistare Cima Grappa, montagna sacra della Grande Guerra, una salita
che vuol dire diciannove chilometri senza pausa, un dislivello di 1538 metri, con una
pendenza che non scende mai sotto l8-9 per cento, con punte del 14. Una prova per scalatori
che tuttavia devono saper tirare anche in pianura. Per questo, i migliori hanno adottato la
strategia della bike stop, il cambio di bici. Nairo Quintana, per esempio, ha impiegato
diciassette secondi, compresa la sostituzione del casco, per passare dalla bici con ruota
lenticolare posteriore a quella per le arrampicate. Fabio Aru stato pi lesto: tre secondi in
meno.
Alla fine il pronostico stato rispettato. Nairo Quintana ha vinto e convinto. Non ha tuttavia
stravinto. Almeno, non nei confronti di Fabio Aru che alla fine ha perso per diciassette
secondi, dopo essere stato sempre rilevamenti cronometrici alla mano l l con la maglia
rosa. Gli altri avversari hanno perso cospicuo terreno: Rigoberto Uran Uran, terzo, ha beccato
un minuto e 26. Pierre Rolland, 157. Domenico Pozzovivo, quinto, 224. Cadel Evans,
undicesimo, quattro minuti e 26. La classifica si fatta pi severa, le differenze pi marcate.
Lunico che ha guadagnato stato proprio il sardo Aru, ora potrebbe tentare lassalto al
secondo posto di Uran Uran, i due sono separati da quarantun secondi. In scena c il
micidiale Zoncolan. Pendenze criminali, anche il 25 per cento. In pi, previsioni meteo che
60

sembrano fatte apposta per agguati e drammi: pioggia, freddo, forse qualche spruzzatina di
neve.
Le cronoscalate sono giudici impietosi: il corridore affronta solitario salite e tornanti. Non ha
punti di riferimento, se non se stesso. Il confronto col cronometro. Lauricolare deprime il
morale del ciclista, quando ascolta i tempi degli avversari. I migliori partono tre minuti uno
dopo laltro. Il sorpasso come uno schiaffo. Quintana e Aru hanno fatto il vuoto. Sono
entrambi classe 1990, come molti altri protagonisti di questo Giro. Sono scalatori, con la
differenza che Quintana ha pi potenza e pu rollare rapporti duri, mentre il lungagnone Aru,
molto leggero, ha grande forza ed uno scattista, un grimpeur che si esalta sollevandosi sui
pedali. Il popolo della bicicletta lha subito adottato. La sua corsa generosa, allattacco,
quando ha energia addosso, ci prova sempre.
Quintana di un gradino superiore, per il momento: lui con modestia dice che i corridori della
sua generazione sono relativamente forti, e che possono competere coi campioni come Nibali,
Contador, Froome: Ma abbiamo ancora molto da imparare. Quintana e Aru hanno una
caratteristica in comune: parlano con pacatezza, sono razionali, caparbi, orgogliosi. Alle
accuse daver fregato almeno un minuto lungo la discesa dello Stelvio, perch non avrebbe
rispettato la tregua decretata dallorganizzazione per permettere a chi voleva di cambiarsi si
gelava, e si temeva che il nevischio rendesse pericoloso il fondo stradale Nairo ha risposto
come solo i fuoriclasse sanno fare, al momento giusto: vincere. La maglia rosa che arriva
prima un segnale che i tifosi apprezzano e gli avversari rispettano. Le imprese dettano
sempre ammirazione.
Un Giro vinto da Quintana, nobilita la corsa rosa perch il migliore che lo ha conquistato:
Oggi non potevo non vincere. Ho fatto ci che la gente voleva vedere da me. Pi che la
gente, i colleghi di pedale. Da due giorni arrivata la moglie con la bimba che ha appena
quattro mesi. Il matrimonio ha responsabilizzato Quintana. Gestisce la corsa con sapienza, e
maturit. Grande merito va al suo direttore sportivo, Eusebio Unzue, che ai tempi della
Banesto pilotava Miguel Indurain. La filosofia di fondo : non farti troppi nemici e sii generoso
con gli amici.
Il ciclismo italiano ha trovato un nuovo eroe, e si aspetta epopea. Vincenzo Nibali siciliano.
Fabio Aru, sardo. Sono compagni di squadra. LAstana kazaka, guidata dal discusso ex
corridore Aleksandr Vinokourov, campione olimpionico ai Giochi di Londra, che al Tour del
2007 se la fil dalla finestra per evitare di finire in gattabuia. Col doping, in Francia, se ti
beccano, non scherzano.

Classifica
Vincitore tappa QUINTANA Nairo (COL) 1:05:37
Maglia Rosa QUINTANA Nairo

(COL)

Fonte: Gazzetta.it

61

Tappa 20. MANIAGO - MONTE ZONCOLAN


31 Maggio 2014 - 167 KM - Alta montagna

Rogers conquista lo Zoncolan. Quintana ipoteca la vittoria


31 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
Exploit agonistico dell'australiano, campione del mondo a cronometro, dal 2003 al 2005,
sull'arrivo pi cattivo. Il colombiano maglia rosa ha mandato in cima al gruppetto dei migliori
i suoi uomini per evitare sorprese. Lamico Rigoberto Uran Uran lo ha affiancato e
assecondato e la corsa ormai assegnata

Non so chi abbia mai pensato allaustraliano Michael Rogers vincitore dello Zoncolan, il totem
ciclistico della Carnia, larrivo pi cattivo del Giro dItalia, la montagna Kaiser delle due ruote
coi suoi tornanti perversi, la salita mito come la defin Vincenzo Nibali, la salita della mia
generazione, una scalata verso il cielo che non finisce mai, dove tutti i campioni vorrebbero
vincere.
Francamente, nessuno. Lo stupefacente Rogers, infatti, non uno scalatore. Ha trentaquattro
anni suonati, stato tre volte campione del mondo a cronometro, dal 2003 al 2005. Un
verginello, nonostante let, di queste ebbrezze daltitudine. Certo, successo nella storia del
ciclismo che grandissimi fuoriclasse da Fausto Coppi a Jacques Anquetil fossero
straordinari nelle corse contro il tempo e altrettanto mirabili nei tapponi di montagna.
Tuttavia, la differenza sostanziale che Rogers non vanta alcuna vittoria con arrivi in salita o
in tappe dalle squassanti altimetrie.
Un exploit agonistico, in una delle poche salite del Giro senza santuari o madonne a ispirare
miracoli sportivi. pur vero che in questo Giro del Risarcimento lincredibile Rogers aveva
trionfato unaltra volta, a Savona, giusto dieci giorni prima dello Zoncolan, il 21 maggio.
Limpresa gli era riuscita non in salita. Bens in discesa. Venti chilometri di picchiata, in una
tappa corsa a medie altissime (249 chilometri ad oltre 43 allora). Laustraliano voleva ridare
smalto alla sua onorabilit, era stato appena riabilitato dopo essere stato trovato positivo al
62

clenbuterolo, sostanza vietata. Rogers aveva fatto ricorso, sostenendo daver mangiato carne
contaminata in Cina. Gli credettero.
Da giovane, Rogers stato un ottimo pistard. E forse, proprio frequentando i velodromi,
laustraliano che parla bene litaliano (ha vissuto dalle parti di Como, ha sposato una ragazza
lombarda) ha sperimentato le pendenze impossibili: nelle curve, infatti, linclinazione della
pista arriva a 45 gradi, solo che sono sfruttate in genere tuffandosi dallanello superiore della
balaustra per sorprendere lavversario e tuttavia, scoprirlo allattacco sulle rampe pi
ostiche del Giro affrontate per la quinta volta (la prima nel 2003, vinse Gilberto Simoni che si
ripet nel 2007, mentre nel 2010 fu il turno di Ivan Basso e nel 2011 dello spagnolo Igor
Anton, oggi scudiero al servizio di Nairo Quintana) fa meditare.
Nelle gambe del passista Rogers cerano gi i veleni prodotti dal Passo del Pura (1428 metri),
con pendenze rispettabili del 10-12 per cento. Il tempo di rifiatare nella discesa verso il lago
di Sauris che la strada aveva ripreso a salire inesorabilmente in direzione della Sella Razzo,
altri quindici chilometri in verticale (900 metri di salita e pendenze del 7-8 per cento). Altra
lunga discesa, per arrivare alla Porta dellInferno, a Liariis di Ovaro.
Dei diciannove uomini in fuga, presto il drappello dei corridori in testa si riduceva a tre: gli
italiani Francesco Manuel Bongiorno e Franco Pellizotti che ha forti radici da queste parti, la
mamma di Alta Terme, il pap di Paularo, cio cuore della Carnia. Pi Rogers, che sfoggiava
una pedalata costante, fluida, tranquilla. Ma Pellizotti perdeva contatto. Scivolava indietro,
senza per scoppiare. In alto, sotto al Cubo, larrivo della funivia dello Zoncolan, limmensa
folla aveva riempito i prati dei pascoli ancora in parte innevati. Tifo da stadio. E tifo anche
becero.
Alcuni esagitati, senza essere bloccati dal servizio dordine che invece stato assai pi severo
ed intransigente coi giornalisti, disturbavano la dolorosa ascesa dei corridori. Uno di loro
spingeva maldestramente Bongiorno che era costretto a fermarsi. Stop fatale. Perch Rogers
proseguiva, mica laspettava. Anzi, pareva imballato. Piano piano, riprendeva a pedalare,
sforzo nello sforzo con la strada che pare un muro. Rogers solo al comando, conquistava il
traguardo pi ambito del Giro 2014. Bongiorno cedeva anche nei confronti dellesperto
Pellizotti. Rammarichi? Sono cose che capitano, si vede che il tasso alcolemico era troppo
alto. Rogers confessava: Ho sempre sognato di vincere una tappa cos. Il suo direttore
sportivo Bjarne Rijs dichiarava che avevano programmato lattacco nei minimi dettagli. Per
chi ha scarsa memoria, rammento che Rijs, vincitore del Tour 1996, ha un sulfureo passato.
Nel gruppo lo chiamavano Monsieur 60%, maliziosa allusione al suo elevato tasso di
ematocrito. Mai pizzicato allantidoping, nel 2007, durante una conferenza stampa, ammise di
essersi dopato. Aggiunse che avrebbe restituito la maglia gialla. Lorganizzazione francese
gliela lasci: erano trascorsi pi di dieci anni, dunque il reato era prescritto.
Questa la corsa del vincitore di tappa.
C poi la corsa della maglia rosa e la non corsa dei suoi rassegnati avversari. Nairo Quintana
ha mandato in cima al gruppetto dei migliori i suoi uomini per evitare sorprese. Lamico
Rigoberto Uran Uran lo ha affiancato e assecondato: avevo ragione nel dire che era il suo
alleato in corsa. Un podio colombiano difeso con astuzia. Quanto a Fabio Aru, ha pagato lo
sforzo della cronoscalata e non ha saputo reagire allallungo di Quintana ed Uran. Per sua
fortuna, anche il francese Pierre Rolland era alla frutta. Sebbene non in perfette condizioni
fisiche (In corsa il muco mi intasava le narici e la gola), il colombiano ha dimostrato non
63

solo di essere il migliore, ma di non avere avuto avversari alla sua altezza. Poteva forse
esserlo Joaquim Rodriguez, ma la maxicaduta di Montecassino lo ha messo ko. Fabio Aru
acerbo agonisticamente. Ha grandi potenzialit in salita, forte ma non abbastanza: Dagli
tempo, dagli tempo, mi dice Gianni Savio (manager dellAndroni Giocattoli-Venezuela),
navigato conoscitore dei colombiani e dei giovani emergenti.

Classifica
Vincitore ROGERS Michael (AUS) Tempo 4:41:55
Maglia Rosa QUINTANA Nairo

(COL)

Fonte: Gazzetta.it

64

Tappa 21. GEMONA DEL FRIULI - TRIESTE


01 Giugno 2014 - 172 KM - Pianeggiante

Quintana trionfa e annuncia: Lanno prossimo il Tour


31 maggio 2014 per Il Fatto Quotidiano
La nuova generazione dei corridori colombiani si evoluta, ha ridotto il gap culturale con la
vecchia ansimante Europa: Giovani come me ce ne sono, e anche il mio amico Rigoberto sta
facendo grandi cose. E dietro noi ci sono dei ragazzi di grande talento. Stanno crescendo
dice il trionfatore. Come Sebastian Henao, ventanni e gi coi pi forti

In conferenza stampa la maglia rosa Nairo Quintana ha annunciato che lanno prossimo
parteciper al Tour e che forse potrebbe osare laccoppiata col Giro, ma lo ha detto con poca
convinzione. Ha elogiato la bellezza della corsa rosa, per forza, tante montagne e un lotto di
avversari potabili.
Secondo al Tour del 2013, primo al Giro del 2014, entrato nellolimpo dei grandi campioni?
Posso dire che ho imparato moltissimo qui, come correre, come gestire la squadra, come
distribuire le energie. Era arrivato malaticcio, nessuno ne ha approfittato. La vicenda della
discesa dello Stelvio lha irritato o lo ha motivato? Bueno, stata una motivazione in pi. Ci
si soffermati sulle polemiche, non sulla bellezza e il modo spettacolare in cui ho vinto. Molti
non hanno voluto vederecos ho affrontato la cronoscalata per dimostrare chi sono.
Appunto, chi Quintana?
Sono un essere umano come tutti, un tipo molto tranquillo in apparenza, per dentro, come
gli altri, sento il dolore, la fatica, anche a me fanno male le gambe.
Viene da un paesino sperduto della Colombia, come ci si sente adesso che ha vinto una
grande corsa a tappe, come il Giro dItalia?

65

Intanto non un paesino sperduto, mica viviamo nella foresta. Vengo da un posto molto
bello. Un posto in cui non manca nulla che non abbiano altri Paesi. Sono orgoglioso di essere
nato l, e credo che lo siano i miei connazionali di me.
Cosa prova ad essere il primo colombiano a vincere il Giro?
Non so bene come spiegare come mi sento. O meglio: so di essere diventato un uomo
completo, non solo nel ciclismo. Sono cresciuto in fretta, la vita stessa che mi ha spinto.
Ora sono sicuro di poter dare spettacolo, in questo sport, e fare grandi cose, e rendere felici
coloro che credono in me. Ho lavorato duro, intensamente. Sono stato fortunato ad entrare in
una grande squadra, dove ho trovato un grande maestro che mi aiuta, che mi insegna il
ciclismo. Eusebio Unzue. Io lo ascolto sempre, e so che ha ragione. Se poi le gambe vanno
bene.
La nuova generazione dei corridori colombiani si evoluta, ha ridotto il gap culturale con la
vecchia ansimante Europa: Giovani come me ce ne sono, e anche il mio amico Rigoberto sta
facendo grandi cose. E dietro noi ci sono dei ragazzi di grande talento. Stanno crescendo.
Come Sebastian Henao, ventanni e gi coi pi forti. A domani. Il Giro del 2014 si accomiata
da Trieste.

66

Trieste proclama Nairo Quintana re


1 giugno 2014 per Il Fatto Quotidiano
Il colombiano festeggia la vittoria della 97esima edizione, maglia nera lolandese Jetse Bol.
Due le squadre che hanno concluso a ranghi completi: la Movistar e la Trek Factory Racing

Il colombiano Nairo Quintana ha vinto il 97esimo Giro dItalia alla rispettabile media di 39,095
allora: eppure era una Giro zeppo di salite (qualcuno pu obiettare: dunque anche di
discese). Il colombiano Carlos Quintero Norena ha tagliato per ultimo il traguardo di Trieste.
Erano partiti in 198 da Belfast, sono arrivati a Trieste in 156: 42 ritiri, oltre il 22 per cento dei
concorrenti. Quaranta sono i giovani che hanno concluso la corsa rosa, Quintana primo, Fabio
Aru terzo, il polacco Rafal Wajka sesto, lolandese Wilco Kelderman settimo.
Maglia nera lolandese Jetse Bol, a cinque ore 15 minuti e 19 secondi da Quintana. Si sa poco
dei controlli antidoping. Anzi, quasi nulla. Dicono che ci sia un nuovo prodotto in circolazione,
e che non sia ancora contemplato nellelenco delle sostanze vietate. Il mondo del ciclismo
professionistico vive un momento assai delicato, la crisi ha tagliato gli investimenti. Un nuovo
scandalo doping allontanerebbe gli sponsor. C ostilit nei confronti dei corridori fai-da-te,
le squadre si sono tutelate obbligando i loro ciclisti a firmare delle liberatorie. Certo che il
livello delle prestazioni si appiattito, in alcune occasioni tutti i migliori pedalavano senza
riuscire a fare differenza.
Dei vecchioni che hanno corso il Giro, Cadel Evans trentasette anni suonati stato il
migliore, dopo aver indossato la maglia rosa, si piazzato ottavo nella classifica finale. Un
altro trentasettenne, il canadese Sven Tuft (prima maglia rosa a Belfast), ha finito il Giro in
penultima posizione. Ex vincitori del Giro dItalia: Ryder Hesjedal, nono; Ivan Basso,
quindicesimo; Damiano Cunego, diciannovesimo. Giapponesi in gara: Fumiyuki Beppu,
82esimo.Yukiya Arashiro, 127esimo.
Due le squadre che hanno concluso a ranghi completi: la Movistar di Quintana (non a caso)
e la Trek Factory Racing del giovane talentuoso croato Roberto Kiserlovski, decimo della
classifica generale.
67

La squadra pi falcidiata dalla malasorte stata quella dellOrica Greenedge: solo due i
superstiti, Tuft e laustraliano Michael Hepburn, terzultimo. Tra le ventidue squadre, la Neri
Sottoli che tra gli sponsor annovera il grande Re Leone. Cipollini Sottoli

68

Luka Mezgec vince lultimo sprint di Trieste


1 giugno 2014 per Il Fatto Quotidiano
Lo sloveno si aggiudica la tappa finale in una piazza dellUnit invasa dai tifosi. Mentre il
colombiano Quintana conquista la 97esima edizione

Il Giro dItalia del 2014 finito, evviva il Giro, infinito romanzo popolare del Belpaese!
Lultimo chilometro di questa edizione tormentata da cadute e maltempo esala le ultime
furiose pedalate tra le 17 e 05 e le 17 e 07, quando il gruppo scatena la volata e va vincere lo
sloveno Luka Mezgec, e sembra quasi fatto apposta, un trionfo di prestigio come sempre
lultimo sprint di ogni grande corsa a tappe ma soprattutto una vittoria politicamente corretta
perch per decenni i rapporti tra sloveni e triestini sono stati problematici, in questa lingua di
terra italiana esaltata da irredentismo e patriottismo e ogni volta che il giro ha fatto tappa da
queste parti, c arrivato con tanta italianit addosso. Boris Pahor, il grande scrittore
ultracentenario, avr pianto lacrime di gioia, il gruppo passato sotto il balcone di casa sua
Penso alla sgroppata solitaria e patriottica del leggendario Costante Girardengo, nel 1919: era
il 23 maggio, il Giro affrontava unItalia segnata duramente dalla Grande Guerra (650mila
morti, un milione e mezzo di feriti ed invalidi): la Gazzetta dello Sport trasforma quel Giro in
evento non nazionalista ma unitario, perch lo sport delle due ruote era il pi amato dalla
gente, e la vita doveva ricominciare, fu infatti il primo Giro dopo il terribile conflitto. Sono
molti i corridori reduci, e anche questo fu vissuto dagli appassionati e dalle folle che
accompagnarono la corsa come un segno denso di significati: a loro le case ciclistiche
fornirono gratis le biciclette. Si erano battuti sul fronte ed erano sopravvissuti allinferno delle
trincee. Cominciava a seminare morte la pandemia della spagnola, la maledetta influenza
che fece pi vittime della guerra. LOmino di Novi, come era chiamato Girardengo, laveva
presa, ed era riuscito a cavarsela con una spossante convalescenza.
Le strade del Veneto e del Friuli-Venezia Giulia erano ancora impraticabili, i fondi terribili; il
Tagliamento venne superato a piedi, per fortuna il letto era quasi del tutto prosciugato. Le
prime due tappe, simbolicamente, raggiunsero Trento e Trieste, le citt irredente.
Girardengo vestiva il tricolore. Vinse a Trento. Stravinse a Trieste, con tre minuti e mezzo su
69

Alfonso Calzolari, che aveva vinto lultimo Giro prima della guerra, quello del 1914. Fu
accolto, il campione dItalia, dallentusiasmo prorompente della citt redenta, come
scrissero i cronisti estasiati. Trieste pullulava di soldati, hanno il compito di controllare e
presidiare i nuovi confini. C la questione di Fiume, e tra i giornalisti presenti c un certo
Benito Mussolini che telegrafa al Popolo dItalia che lItalia avviata a pi alti destini.
Anche Girardengo. Domina il Giro, vince sette tappe su dieci. Il suo mito si consolida giorno
dopo giorno. Sar il primo Campionissimo del nostro ciclismo. Il popolo lo considera un
miracolato terapeutico, uscito dalla spagnola degenerata in una polmonite ben curata da
avergli messo in sesto tutto lorganismo, spostandogli il cuore, lasciandogli un cuore grosso
cos, ma non nel senso ipertrofico, bens nel senso di averne pi degli altri. Lo ricordano
Roberto Calvetti e Giovanni Casella, autori di un saggio sul Giro dItalia in Friuli-Venezia
Giulia.
E che oggi il Giro ha avuto una cornice molto Viva lItalia, in un tripudio di celebrazioni. Per il
sessantesimo anniversario dellingresso in citt delle forze armate italiane, lEsercito ha fatto
sfilare tre pattuglie di bersaglieri in bicicletta con la colonna sonora della fanfara dell11esimo
reggimento Bersaglieri di Orcenico. La prima pattuglia indossava le uniformi della Grande
Guerra, la seconda quelle dellOttavo reggimento che nel 1954 fece il suo ingresso a Trieste,
la terza ha voluto ricordare il maresciallo Carlo Regina (classe 1913) che nel secondo
dopoguerra precedeva la carovana rosa del Giro della Ricostruzione in sella alla carriola, la
bici storica a rocchetto fisso. Regina sfoggiava un bel fez.
Gi, il 1946. LItalia delle macerie. Quelle materiali. Quelle morali. La dodicesima tappa,
domenica 30 giugno, parte da Rovigo. Dovrebbe arrivare a Trieste. Una sfida politica. Trieste
contesa da Jugoslavia e Italia. Il via dato allalba, alle sei del mattino. In testa al gruppo,
non a caso, ci sono gli uomini della Wilier Triestina. Dopo il ponte sullIsonzo, lagguato tra
Begliano e Pieris. Chiodi, massi sulla strada. Sassate contro i corridori. Qualcuno spara, la
polizia risponde. I sabotatori sono giovani comunisti italiani. Per loro, il Giro propaganda
contro Tito, che appoggiano. La tappa neutralizzata. Ma Giordano Cottur, triestino, incita i
girini ad arrivare lo stesso a Trieste. Lo seguono in sedici: ludinese Feruglio, Bevilacqua,
Menon, Malabrocca, Moscardini, Ausenda, Sala, Amadori, Coppini, Crippa, Fazio, Generati,
Giacometti, Marabelli, Pasquini e Piccolroaz. Cottur taglia il traguardo. E un trionfo.
Lo ricordo perch sui corridori che accompagnavano la maglia rosa Nairo Quintana hanno
volato le Frecce Tricolori, nella bellissima piazza dellUnit hanno eseguito unaccorato Inno di
Mameli e limmancabile Vincer cantato da Pavarotti. Un enorme piroscafo da crociera
attraccato al molo pochi metri oltre il traguardo ha suonato la sirena. Tra gli ospiti, il ministro
dello Sport colombiano Andrs Botero, parente dello scultore, venuto a festeggiare come altre
centinaia di immigrati colombiani, il giovane Condor, il primo del suo paese a conquistare il
Giro: In questo momento mi dice il ministro che parla italiano molto bene il nostro
premier nel villaggio di Quintana, vuole partecipare alla fiesta di quel pueblo. E un grande
giorno per il nostro Paese, per lAmerica Latina. Siamo orgogliosi dellimpresa di Nairo. Lo sa
che in ogni angolo della Colombia si vende la maglietta rosa del Giro dItalia? Persino ai
semafori. Tutti i tredici colombiani iscritti al Giro lhanno terminato. Uno lha vinto. Un
altro, Rigoberto Uran Uran, arrivato secondo. Sebastian Henao Gomez, appena ventanni,
lha concluso al ventiduesimo posto: E il nostro futuro, commenta il ministro Botero, un
grande ciclo di campioni. Julin Arredondo Moreno ha vinto la classifica del Gran Premio della
Montagna.
70

Classifica
Vincitore MEZGEC Luka (SLO) Tempo 4:23:58
Maglia Rosa QUINTANA Nairo (COL)
Fonte: Gazzetta.it

71

Bartali, un mito lungo centanni


Giugno 2014 per Il Venerdi (La Repubblica)

Il prossimo venerd 18 luglio Gino Bartalli avrebbe avuto centanni. Nello stesso giorno del suo
centenario, va in scena la tredicesima tappa del Tour de France 2014. A Gino, nel giorno del
suo compleanno, capit di vincere due volte, al Tour. Lo fece il 18 luglio del 1938, da
Montpellier a Marsiglia. Si ripet il 18 luglio del 1948, da Aix-les Bains a Losanna. Vinse
entrambe le edizioni, mai pi nessuno sarebbe riuscito a vincere due Topur a dieci anni di
distanza. La guerra gli aveva rubato gli anni pi forti, se non ci fosse stata quante altri Tour
avrebbe conquistato?
Nel giorno del centenario bartaliano, dunque, il Tour si avventura per duecento chilometri
molto insidiosi perch nellultima ora di corsa si affronta dapprima il Col de Palaquit e poi c
una salita interminabile di oltre diciotto chilometri che porta a Chamrousse, quota 1400. Era
di queste parti lo sventurato Thierry Claveyrolat, buon corridore che a cavallo tra gli anni
Ottanta e Novanta vinse un paio di tappe del Tour e fu maglia bianca a pois rossi, vincitore
cio della classifica che premia il miglior scalatore della Grande Boucle, come i francesi amano
chiamare il Tour.
Gino Bartali vinse due volte quella classifica (sette quella analoga del Giro dItalia). I tifosi
della Savoia avevano soprannominato Thierry lAquila di Vizille, il paese dove lui aveva aperto
un bistrot. Una notte di settembre del 1999 Claveyrolat si spar. Aveva quarantanni, lasciava
due figli. Joris, uno dei due, un giorno del 2007 confid che suo pap si era suicidato per
motivi personali. Chiss. Forse i demoni di un ricordo maledetto. Ai Mondiali del 1989 stava
per vincere il titolo. Era scappato via col russo Konyshev. Lo freg il compagno Laurent
Fignon, che scaten un furioso inseguimento e pose fine alla sua splendida echappade.

72

Lepisodio commosse lanziano Gino Bartali, come tutto il mondo del ciclismo. La fuga dalla
vita di Claveyrolat. Il dolore. La sofferenza: condimenti quotidiani del ciclista. Di dolore e
sofferenza, Bartali sapeva molto. Perse il fratello Giulio, morto in seguito ad una caduta in
gara. Come il fratello di Coppi, Serse. Ogni corsa Gino la viveva come una battaglia. Le sue
gesta erano talvolta omeriche. Soprattutto al Tour de France, in anni difficili per gli italiani in
gara. Riusc, con Fausto Coppi, a riportare in Italia non solo trionfi, ma dignit. E fierezza.
Glielo riconoscono pure gli spocchiosi francesi, che ricordano come al Tour del 1950, sul Col
dAspin, tifosi antimaccheron lo aggredirono, e lui si ritir, e obblig la squadra italiana a
seguirlo, sebbene Fiorenzo Magni indossasse la maglia gialla. Le strade delle due ruote sono
piene di gioie e di strazio.
Bartali non era nato a Ponte a Ema, piccolo borgo alle porte di Firenze, nel 1914, pochi giorni
prima che scoppiasse la Grande Guerra? E non visse la dittatura fascista, la Seconda Guerra
Mondiale? Ci ha lasciato il 5 maggio del 2000, sembra ieri. Aveva cominciato a vincere nel
1931, lanno dei telefoni bianchi e delle illusioni di regime. Aveva diciassette anni. Lultimo
successo, ventidue anni dopo, nel 1953, il Giro della Toscana, in unItalia divisa dalla guerra
fredda, di qui i rossi (ciclisticamente, i coppiani). Di l i cattolici, che tifavano Bartali, molto
devoto alla Madonna. In mezzo, la storia del ciclismo. La sua epica. La sua leggenda. I
memorabili duelli con Fausto Coppi. I trionfi epocali al Tour de France.
La Saint-Etienne-Chamrousse, se fosse stata corsa ai suoi tempi, sarebbe stata sua preda. I
francesi che rievocheranno la memoria di Bartali, lavevano soprannominato le lion de
Toscane. Ma anche pi maliziosamente Gino le Pieux, Gino il Pio, perch Bartali era un
fervente cattolico. Era diventato militante di Azione Cattolica in pieno regime mussoliniano,
ma non fu mai fascista. Anzi, evit sempre di farsi coinvolgere nelle manifestazioni politiche,
e lo dimostr il giorno in cui, al Parco dei Principi parigino, durante la cerimonia delle
premiazioni del Tour, non ringrazi il Duce, per compiacere i gerarchi accorsi a festeggiarlo,
ma i tifosi francesi ed italiani. Quando torn a Firenze, alla stazione non cera un cane ad
accoglierlo. Ignoratelo, fu lordine impartito dai velinisti di regime ai giornali, scrivete solo
delle sue prestazioni sportive, evitate considerazioni inutili sulla sua vita privata.
Qualche anno fa, nel 2011, ci fu un momento in cui si stava per raggiungere uno storico
accordo: le Grand Dpart del Tour 2014 da Firenze,. Il primo dallItalia, giusto nel
centenario di Bartali. Le trattative si arenarono per ragioni finanziarie: i francesi volevano 5
milioni di Euro pi le spese di ospitalit: le 2mila persone della carovana organizzativa. La
proposta italiana prevedeva una prima tappa da Firenze a Pisa, con arrivo sotto la Torre
pendente. Poi seconda tappa con traguardo dalle parti di Castellania, dove era nato Fausto
Coppi. Infine le Alpi esaltate da Giro e Tour. La cultura e le passioni del ciclismo. I concorrenti
di Firenze erano gli inglesi dello Yorkshire. Vinsero le loro sterline. Non le due ruote.
Ne valeva la pena? Certo che s. Questanno il Giro arrivato a Trieste. La Regione ha
sborsato 700mila Euro per le ultime due tappe. Linvestimento ha generato, soltanto a
Trieste, un giro daffari di oltre tre milioni. Pure Firenze ci avrebbe guadagnato, a detta degli
esperti di marketing. Sindaco era allora Matteo Renzi. Ad incontrare i francesi, il vice Dario
Nardella, oggi primo cittadino. Prima o poi salter la verit su questo infortunio. Immaginate
limpatto mediatico e promozionale: 190 Paesi collegati in diretta Mondovisione, 3,5 miliardi e
mezzo di telespettatori, decine di migliaia di tifosi stranieri. Gli sponsor avrebbero coperto le
spese. Ma forse, il ciclismo che genera diffidenza? Pigliamo il caso del Museo del Ciclismo
Gino Bartali che si trova a due passi dalla casa di Bartali: la facciata in pietose condizioni.
73

Finanziamenti? Magari. Chiedete ad Andrea Bresci, il direttore...per rintracciare il museo,


bisogna essere molto tenaci. I cartelli sono rari come il francobollo da dieci cent della British
Guyana messo allasta lo scorso 17 giugno da Sothebys. Il materiale esposto molto bello, il
museo sopravvive grazie a donazioni e a molto volontariato.
Vogliamo continuare a farci del male? Questanno il Giro dItalia ha snobbato la ricorrenza
storica di Bartali. Non una tappa a Firenze, e neanche in Toscana. Solo un ricordo distratto,
nella frazione da Modena a Salsomaggiore, dopo il giorno di riposo. La scusa? A
Salsomaggiore Terme Bartali aveva vinto il 6 giugno del 1936, penultima frazione di un Giro
autarchico, senza stranieri (lItalia era stata messa al bando dalla Societ delle Nazioni per
laggressione allEtiopia). A Foligno, il 16 maggio, ci ha pensato lassociazione culturale
Sovversioni non sospette per parlare di Bartali, commentando il bel libro dei fratelli Alli e
Andres McConnon, la strada del coraggio. Qua e l per lItalia che non dimentica, ci si
impegna nel ricordo di un campione della bicicletta e della vita. Di un Bartali non soltanto
fiero rivale di Coppi. Di un Bartali che la sera dellattentato a Palmiro Togliatti, il 14 luglio
1948, riceve la telefonata di Alcide Gasperi. Cerca di vincere, aiuter a calmare la situazione,
siamo sullorlo della guerra civile....Puntuale, Gino vince il giorno dopo, e ancora il 16 luglio,
conquistando la maglia gialla. Si ripete di nuovo nel giorno del suo compleanno, a Losanna.
Togliatti si rinfranca. De Gasperi riceve Bartali: cosa vuoi, come ricompensa? Non pagare pi
le tasse, recita la leggenda. A suo modo, il grande campione entra nella fresca mitologia
popolare della Repubblica, sorretta a colpi di pedali.
Gino aveva vinto il Giro della Ricostruzione, corso tra le macerie materiali e morali del 1946.
Pochissimi sapevano che aveva vinto pure sfide molto pi pericolose. Con i nazisti e i
repubblichini. La Resistenza pedalata da Gino Bartali era ststa sempre sul filo del rasoio:
staffetta della rete messa in piedi dal rabbino di Firenze Nathan Cassuto e dallarcivescovo
della citt, il cardinale Elia Angelo Dalla Costa. Sotto al sellino e nel telaio della sua bici,
Bartali celava fotografie e documenti contraffatti. Furono ottocento le persone salvate in
questo modo: moltissimi gli ebrei, ma anche antifascisti, soldati Alleati, partigiani. Lui non se
ne fece mai vanto. Tenne per s il segreto: Certe cose si fanno, non si dicono, rispose al
figlio Andrea che gli aveva chiesto perch era stato zitto in tutti questi anni. Eroe silenzioso,
per Yad Vashem, il sacrario della Memoria di Gerusalemme, che lo ha eletto un anno fa
Giusto tra i Giusti delle Nazioni. Il centenario di Bartali una tappa fondamentale della
piccola grande Storia dItalia.

74

Credits
Edizione: Mondadire

75