Sei sulla pagina 1di 2

Mauro

VittorioMauro
ProfessorLucaPocci
Italiano4400
Il10febbraio,2016
Composizione 1: La mia Infanzia
DOMANDA: Comero da piccolo/a. Usando il passato prossimo, limperfetto e il
trapassato prossimo, racconta comeri da bambino/a, descrivendo il tuo carattere, la tua
famiglia, gli amici, i tuoi sogni.
Io sono nato il quindici novembre 1994 allospedale Trillium a Mississauga,
Ontario. Sono il primo figlio dei miei genitori e ho una sorellina che si chiama Tonina
la quale ha diciassette anni, e un fratellino che si chiama Pietro il quale ha solo tredici
anni. Mia madre si chiama Ester Paris e il suo nome venuto dalla sua nonna
Esterina, la mamma di mio nonno. Mio padre si chiama Gaetano Mauro e il suo nome
venuto da suo nonno Gaetano, il padre del mio altro nonno. Mio nome Vittorio
invece venuto da mio nonno paterno Vittorio Mauro. Come un risultato, il momento
in cui sono stato nominato, ho preso il nome esatto come mio nonno e nessuno dei
mei altri cugini maschili sono stati attribuiti lo stesso nome. Nonostante che ci siano
molti di noi con il nome Vittorio; tra me, i miei zii e i miei cugini, io sono lultimo
nipote che ha il cognome Mauro nella mia famiglia. Dunque, c molta pressione su
di me di avere un figlio in ordine che il nome Mauro sopravvive.
Da quando ero piccolo, mi sempre piaciuto il calcio. Avevo cominciato a
giocare quando avevo solo cinque anni e mio padre e mio zio erano gli allenatori della
mia prima squadra per cui giocavo. Giocavo acconto i miei cugini e amici, eravamo
una squadra fortissima. Credo che quellanno fossimo stati i campioni del

Mauro

campionato. Era molto divertente essere i pi bravi tra molti altri ragazzi con la stessa
et come noi. Oltre il calcio, avevo altri interessi. Per esempio, avevo sempre pensato
che la musica era la cosa pi bella e divertente del mondo. Mia madre avrebbe sempre
accesso la musica dal radio mentre ballavo e cantavo. Si pu immaginare che era pi
divertente per lei guardandomi! Sebbene che io fossi stato espressivo durante la mia
infanzia, di solito ero anche molto silenzioso e timido. Non parlavo tanto e prima che
avrei fatto qualcosa, ero prudente quando stavo decidendo di farla.
Un altro aspetto interessante del mio carattere da quando avevo pochi anni
era che mi sentivo stanco durante il giorno ed ero quasi completamente svegliato di
notte. Questo era diventato pazzi i miei genitori per ragioni ovvi. Mi svegliavo troppo
presto la mattina e non vedevo lora di andare ancora in letto presto la sera. Questa
tendenza aveva continuato fino a circa dieci anni. Da undici anni ad adesso mi avevo
controllato in questaspetto. Allora fortunatamente dormo e mi sveglio alle ore
normali. Vorrei tornare alla mia infanzia, comunque, questa volta spero di ricordare e
realizzare di pi quanto un tempo speciale nella mia vita, perch da piccoli la
capacit di realizzarlo e difficile. Forse lassenza di questa realizzazione sia quella
che diventa linfanzia specialissima.