Sei sulla pagina 1di 371

za

Bo
z

za

Bo
z

Fabio Viola

Bo
z

za

QUADERNO DI ELETTROTECNICA

Fabio Viola, Quaderno di elettrotecnica


Copyright 2011 Editrice UNI Service, Trento
Via Verdi, 9/A 38122 Trento
www.uni-service.it editrice@uni-service.it

Prima Edizione: ottobre 2011 Printed in Italy

Bo
z

za

ISBN 978-88-6178-775-9

Indice

Alcuni esercizi presentano unetichetta evidenziata in nero, sono proprio quelli che richiedono
un grado di conoscenza estesa e ricadono nel gruppo di esercizi di sintesi.

Prefazione........................................................................................... I
Capitolo 1, Valutazione di resistenza equivalente.............................. 1
Esercizio 1.1 ........................................................................................................... 1
Esercizio 1.2 ........................................................................................................... 2
Esercizio 1.3 ........................................................................................................... 3
Esercizio 1.4 ........................................................................................................... 4
Esercizio 1.5 ........................................................................................................... 5
Esercizio 1.6 ........................................................................................................... 6
Esercizio 1.7 ........................................................................................................... 7
Esercizio 1.8 ........................................................................................................... 8
Esercizio 1.9 ........................................................................................................... 9
Esercizio 1.10 ....................................................................................................... 11

Capitolo 2, Convenzioni di segno e composizione di caratteristiche 12

Bo
z

za

Esercizio 2.1 ......................................................................................................... 12


Esercizio 2.2 ......................................................................................................... 13
Esercizio 2.3 ......................................................................................................... 14
Esercizio 2.4 ......................................................................................................... 15
Esercizio 2.5 ......................................................................................................... 16
Esercizio 2.6 ......................................................................................................... 16
Esercizio 2.7 ......................................................................................................... 17
Esercizio 2.8 ......................................................................................................... 18
Esercizio 2.9 ......................................................................................................... 18
Esercizio 2.10 ....................................................................................................... 19
Esercizio 2.11 ....................................................................................................... 20
Esercizio 2.12 ....................................................................................................... 21
Esercizio 2.13 ....................................................................................................... 22
Esercizio 2.14 ....................................................................................................... 22
Esercizio 2.15 ....................................................................................................... 23

Capitolo 3, Applicazioni delle leggi di Kirchhoff................................ 25


Esercizio 3.1 ......................................................................................................... 25
Esercizio 3.2 ......................................................................................................... 26
Esercizio 3.3 ......................................................................................................... 28
Esercizio 3.4 ......................................................................................................... 29
Esercizio 3.5 ......................................................................................................... 29
Esercizio 3.6 ......................................................................................................... 32
Esercizio 3.7 ......................................................................................................... 36
Esercizio 3.8 ......................................................................................................... 39
Esercizio 3.9 ......................................................................................................... 40
Esercizio 3.10 ....................................................................................................... 41

Indice

Capitolo 4, Metodi di analisi circuitale .............................................. 44

Bo
z

za

Esercizio 4.1 ......................................................................................................... 44


Esercizio 4.2 ......................................................................................................... 46
Esercizio 4.3 ......................................................................................................... 48
Esercizio 4.4 ......................................................................................................... 50
Esercizio 4.5 ......................................................................................................... 51
Esercizio 4.6 ......................................................................................................... 53
Esercizio 4.7 ......................................................................................................... 54
Esercizio 4.8 ......................................................................................................... 55
Esercizio 4.9 ......................................................................................................... 58
Esercizio 4.10 ....................................................................................................... 61
Esercizio 4.11 ....................................................................................................... 63
Esercizio 4.12 ....................................................................................................... 65
Esercizio 4.13 ....................................................................................................... 66
Esercizio 4.14 ....................................................................................................... 68
Esercizio 4.15 ....................................................................................................... 70
Esercizio 4.16 ....................................................................................................... 73
Esercizio 4.17 ....................................................................................................... 76
Esercizio 4.18 ....................................................................................................... 77
Esercizio 4.19 ....................................................................................................... 79
Esercizio 4.20 ....................................................................................................... 80
Esercizio 4.21 ....................................................................................................... 81
Esercizio 4.22 ....................................................................................................... 82

Capitolo 5, Doppi bipoli .................................................................... 83


Esercizio 5.1 ......................................................................................................... 83
Esercizio 5.2 ......................................................................................................... 85
Esercizio 5.3 ......................................................................................................... 86
Esercizio 5.4 ......................................................................................................... 87
Esercizio 5.5 ......................................................................................................... 89
Esercizio 5.6 ......................................................................................................... 90
Esercizio 5.7 ......................................................................................................... 93
Esercizio 5.8 ......................................................................................................... 94
Esercizio 5.9 ......................................................................................................... 96
Esercizio 5.10 ..................................................................................................... 100
Esercizio 5.11 ..................................................................................................... 101
Esercizio 5.12 ..................................................................................................... 103

Capitolo 6, Circuiti dinamici del primo ordine ................................. 104


Esercizio 6.1 ....................................................................................................... 104
Esercizio 6.2 ....................................................................................................... 105
Esercizio 6.3 ....................................................................................................... 107
Esercizio 6.4 ....................................................................................................... 111
Esercizio 6.5 ....................................................................................................... 115
Esercizio 6.6 ....................................................................................................... 117
Esercizio 6.7 ....................................................................................................... 119
Esercizio 6.8 ....................................................................................................... 121

Indice

Esercizio 6.9 ....................................................................................................... 123


Esercizio 6.10 ..................................................................................................... 125
Esercizio 6.11 ..................................................................................................... 126
Esercizio 6.12 ..................................................................................................... 128
Esercizio 6.13 ..................................................................................................... 131
Esercizio 6.14 ..................................................................................................... 134
Esercizio 6.15 ..................................................................................................... 135
Esercizio 6.16 ..................................................................................................... 137
Esercizio 6.17 ..................................................................................................... 138

Capitolo 7, Circuiti dinamici del secondo ordine ............................ 140


Esercizio 7.1 ....................................................................................................... 140
Esercizio 7.2 ....................................................................................................... 144
Esercizio 7.3 ....................................................................................................... 146
Esercizio 7.4 ....................................................................................................... 148
Esercizio 7.5 ....................................................................................................... 151
Esercizio 7.6 ....................................................................................................... 155
Esercizio 7.7 ....................................................................................................... 158
Esercizio 7.8 ....................................................................................................... 160
Esercizio 7.9 ....................................................................................................... 163

Capitolo 8, Circuiti in regime sinusoidale ....................................... 169

Bo
z

za

Esercizio 8.1 ....................................................................................................... 169


Esercizio 8.2 ....................................................................................................... 171
Esercizio 8.3 ....................................................................................................... 172
Esercizio 8.4 ....................................................................................................... 172
Esercizio 8.5 ....................................................................................................... 174
Esercizio 8.6 ....................................................................................................... 175
Esercizio 8.7 ....................................................................................................... 176
Esercizio 8.8 ....................................................................................................... 177
Esercizio 8.9 ....................................................................................................... 179
Esercizio 8.10 ..................................................................................................... 181
Esercizio 8.11 ..................................................................................................... 184
Esercizio 8.12 ..................................................................................................... 185
Esercizio 8.13 ..................................................................................................... 186
Esercizio 8.14 ..................................................................................................... 188
Esercizio 8.15 ..................................................................................................... 190
Esercizio 8.16 ..................................................................................................... 192
Esercizio 8.17 ..................................................................................................... 193
Esercizio 8.18 ..................................................................................................... 194
Esercizio 8.19 ..................................................................................................... 196
Esercizio 8.20 ..................................................................................................... 199
Esercizio 8.21 ..................................................................................................... 200
Esercizio 8.22 ..................................................................................................... 202
Esercizio 8.23 ..................................................................................................... 204
Esercizio 8.24 ..................................................................................................... 206
Esercizio 8.25 ..................................................................................................... 207
Esercizio 8.26 ..................................................................................................... 208

Indice

Esercizio 8.27 ..................................................................................................... 209


Esercizio 8.28 ..................................................................................................... 211
Esercizio 8.29 ..................................................................................................... 212
Esercizio 8.30 ..................................................................................................... 213
Esercizio 8.31 ..................................................................................................... 214

Capitolo 9, Risposta in frequenza .................................................. 216


Esercizio 9.1 ....................................................................................................... 216
Esercizio 9.2 ....................................................................................................... 217
Esercizio 9.3 ....................................................................................................... 218
Esercizio 9.4 ....................................................................................................... 219
Esercizio 9.5 ....................................................................................................... 220
Esercizio 9.6 ....................................................................................................... 221
Esercizio 9.7 ....................................................................................................... 226
Esercizio 9.8 ....................................................................................................... 227
Esercizio 9.9 ....................................................................................................... 230
Esercizio 9.10 ..................................................................................................... 232
Esercizio 9.11 ..................................................................................................... 235
Esercizio 9.12 ..................................................................................................... 239
Esercizio 9.13 ..................................................................................................... 242
Esercizio 9.14 ..................................................................................................... 244

Bo
z

za

Capitolo 10, Sistemi trifase ............................................................ 247


Esercizio 10.1 ..................................................................................................... 247
Esercizio 10.2 ..................................................................................................... 251
Esercizio 10.3 ..................................................................................................... 253
Esercizio 10.4 ..................................................................................................... 256
Esercizio 10.5 ..................................................................................................... 258
Esercizio 10.6 ..................................................................................................... 260
Esercizio 10.7 ..................................................................................................... 264
Esercizio 10.8 ..................................................................................................... 266
Esercizio 10.9 ..................................................................................................... 267

Capitolo 11, Analisi delle forme donda.......................................... 271


Esercizio 11.1 ..................................................................................................... 271
Esercizio 11.2 ..................................................................................................... 273
Esercizio 11.3 ..................................................................................................... 275
Esercizio 11.4 ..................................................................................................... 277
Esercizio 11.5 ..................................................................................................... 279
Esercizio 11.6 ..................................................................................................... 282
Esercizio 11.7 ..................................................................................................... 285
Esercizio 11.8 ..................................................................................................... 287
Esercizio 11.9 ..................................................................................................... 288

Capitolo 12, Principi di elettromagnetismo..................................... 271


Esercizio 12.1 ..................................................................................................... 290
Esercizio 12.2 ..................................................................................................... 290

Indice

Esercizio 12.3 ..................................................................................................... 291


Esercizio 12.4 ..................................................................................................... 294
Esercizio 12.5 ..................................................................................................... 297
Esercizio 12.6 ..................................................................................................... 300
Esercizio 12.7 ..................................................................................................... 302
Esercizio 12.8 ..................................................................................................... 303
Esercizio 12.9 ..................................................................................................... 305
Esercizio 12.10 ................................................................................................... 309
Esercizio 12.11 ................................................................................................... 313

Capitolo 13, Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici..... 315


Esercizio 13.1 ..................................................................................................... 315
Esercizio 13.2 ..................................................................................................... 321
Esercizio 13.3 ..................................................................................................... 323
Esercizio 13.4 ..................................................................................................... 335
Esercizio 13.5 ..................................................................................................... 339
Esercizio 13.6 ..................................................................................................... 349

Ringraziamenti............................................................................... 355

Bo
z

za

Bibliografia ..................................................................................... 356

za

Bo
z

Prefazione

Prefazione

Bo
z

za

La scrittura di un testo universitario ha come fine quello di realizzare


un valido strumento per facilitare lapprendimento degli argomenti
trattati nel corso.
Questo strumento deve essere efficace, giacch la disponibilit di
ore di lezione frontale sempre pi limitata.
Nella stesura di questo libro ho continuamente cercato di bilanciare
diverse esigenze didattiche, che si possono riassumere nella
dicotomia quantit e qualit.
Un corso di elettrotecnica ricco, richiede moltissime conoscenze di
matematica e di fisica e indirizza la conoscenza verso pi vaste aree
del sapere. Non facile decidere quando porre termine al corso
stesso, troppe sono le parti interessanti e troppo poco il tempo. Io
stesso dico sempre ai miei studenti il tempo ci fu tiranno, strizzando
loro un occhio.
Un buon testo di elettrotecnica allora potrebbe cercare di includere
quanti pi argomenti possibili e lasciare allo studente lincarico di
approfondire lo studio in maniera autonoma. Un simile approccio
per sottrarrebbe il docente da un pi importante incarico, quello di
creare ingegneri.
Lingegno deve essere stimolato e questo non pu essere fatto
somministrando solamente informazioni, ma bisogna seguire una
curva di apprendimento, si devono stabilire dei livelli di comprensione
per consentire il passaggio da conoscenza quantitativa a
conoscenza qualitativa.
Unidea o un aspetto nuovo non presuppone alcuna conoscenza
pregressa, solo grazie ad una buona capacit di astrazione se ne
possono definire i contorni, quasi come le ombre nella caverna di
Platone nel VII libro de La Repubblica.
Definiti questi contorni, si passa a un livello successivo di
conoscenza, quella tipica dellessere umano in cui loperazione di
confronto ed esplorazione che garantisce lapprendimento; basti
pensare alla nascita delle prime di unit di misura (pollice, piede,
cubito) che sono direttamente legate al corpo umano.

Prefazione

Bo
z

za

Il confronto con altri simili apre la strada alla costruzione di macroaspetti, utili in seguito nella creazione di progetti pi estesi.
In questi semplici passaggi la conoscenza passata da rivestire un
aspetto quantitativo a rivestirne un altro qualitativo.
Vi suggerisco di pensare inizialmente a una resistenza e poi alla
dissipazione di potenza in un esteso impianto elettrico e vi presento
anche un grafico correlandolo con una scala gerarchica di azioni
possibili.
Nasce lidea di un elemento resistivo, ma fino a quando non
sintroducono delle grandezze quantitative, non possibile eseguire
alcuna azione.
Solamente dopo che stato definito loggetto, possibile eseguire
delle semplici operazioni di stima.
Una maggiore confidenza aprir le porte a processi di comparazione,
in cui sintuiscono i contorni degli oggetti ma non quelli del sistema
che sar oggetto di unanalisi relazionale sulle dinamiche che
intercorrono tra elementi omogenei.
Soltanto al suo livello pi elevato la conoscenza consente di
utilizzare le informazioni acquisite sui singoli elementi e sulle
dinamiche dei sistemi per definire e progettare nuove strutture.
Si quindi passati da semplici stadi di memorizzazione e
identificazione a processi complessi di analisi e sintesi.

Scala gerarchica della conoscenza

Durante questi brevi passaggi il livello di conoscenza passato da


un livello quantitativo, in cui stimolata essenzialmente la memoria,
a uno qualitativo, in cui stato stimolato lingegno.
II

Prefazione

Ogni capitolo del libro presenter diversi esercizi la cui risoluzione


richiede una buona conoscenza delle dinamiche coinvolte (livello
quantitativo) ed anche alcuni esercizi in cui necessario impegnare
delle capacit tipiche dellingegnere.
Lintento di questo libro quindi quello di stimolare tutti i livelli di
conoscenza dello studente e indirizzarne lo studio verso aspetti
progettuali tipici dellingegneria. In questottica si pu leggere la
copertina del libro:
SATOR, AREPO, TENET, OPERA, ROTAS
il docente, per mezzo dei propri strumenti, assiste con cura i propri
allievi.
Sicuramente il quadrato del Sator avr anche altri significati, ma
lanalisi di questi ultimi lasciata ai miei studenti.

Bo
z

za

Fabio E. Viola

III

za

Bo
z

Capitolo 1 Valutazione di resistenza equivalente

Capitolo 1
Valutazione di resistenza equivalente

Esercizio 1.1
Si determini la resistenza d'ingresso del bipolo di figura 1.1.
Svolgimento

Bo
z

za

Figura 1.1

Per la risoluzione dellesercizio si


prendono in considerazione due
nodi ausiliari, C e D, come mostrato
in figura 1.1a. Risulta immediato
notare che non vi differenza di
potenziale tra i morsetti D e B, in
quanto sono collegati da un corto
circuito. La resistenza in ingresso
scomponibile
nella
seguente

somma:

RAB = RAC + RCD + RDB.


La resistenza tra i morsetti A e C
data dal parallelo dei due
resistori collegati agli stessi
morsetti :
Figura 1.1a

R AC

22
22

4
4

1 :.

La resistenza RAC, data dal parallelo di due resistori identici,


numericamente pari alla met della resistenza del singolo resistore.
La resistenza in ingresso risulta quindi data da:
RAB = 1 + 1 + 0 = 2 .

Capitolo 1 Valutazione di resistenza equivalente

Esercizio 1.2
Si determini la resistenza d'ingresso del bipolo di figura 1.2.
Svolgimento

Bo
z

za

Per
la
risoluzione
dellesercizio si procede
eseguendo le operazioni di
serie e parallelo partendo
dal punto pi distante dai
morsetti A e B.
Si
inseriscono
due
nodi
ausiliari C e D, i quali sono
Figura 1.2
collegabili con i percorsi
cammini rappresentati in
figura a tratto continuo (1) e
discontinuo (2).
Si considera il percorso
rappresentato
a
tratto
continuo.
La
resistenza
incontrata assume il valore
RCD(1) =2+1+1= 4 .
Figura 1.2a
Considerando il percorso (2)
si trova che la resistenza
RCD(2) assume lo stesso
valore della resistenza RCD(1).
La rete pu essere ridotta
considerando
un
unico
resistore tra C e D di valore 2
.
Figura 1.2b
I morsetti E e D sono collegati
per mezzo di due vie in
parallelo: la prima consiste nella resistenza da 4 che collega
direttamente E e D, la seconda nel percorso che abbraccia anche il
morsetto C. Eseguendo il parallelo si ottiene:
RED = 2 .
RAB = RAE + RED + RDB = 1 + 2 + 2 = 5 .
2

Capitolo 1 Valutazione di resistenza equivalente

Esercizio 1.3
Si determini la resistenza d'ingresso del bipolo di figura 1.3.
Svolgimento

Bo
z

za

Figura 1.3

Si eseguono le operazioni
di riduzione tra bipoli in
serie ed in parallelo, in
particolare si esegue la
serie tra i due resistori da
1 .
Sidentificano
i
nodi
ausiliari C,D,E,F; si nota
che non vi differenza di
potenziale tra i nodi C, E,
F, i bipoli sottesi dai nodi D
e C, D e F, E ed E sono
quindi
connessi
in
parallelo, come mostrato
in figura 1.3b.

Figura 1.3a
Figura 1.3b

Si risolve il parallelo: R eq

RAB = RAC + Req + RDB = 1 +

1
1 1 1
 
2 2 2

2
:.
3

2
11
+2=
.
3
3
3

Capitolo 1 Valutazione di resistenza equivalente

Esercizio 1.4
Per la rete di fig. 1.4 si determinino la corrente e la potenza erogate
dal generatore (VAB = 100 V).

2
20

3
7

16
10

B
10

11

Figura 1.4

20

16
10

B
E

10

11

Figura 1.4a
C

2
20

16
5

B
10

Figura 1.4b

Figura 1.4c

11

za

Bo
z

C
A

Svolgimento
Per determinare la corrente
erogata dal generatore di
tensione si procede alla
riduzione della rete resistiva
7
ad un resistore equivalente ai
morsetti AB. Si introducono i
D
nodi ausiliari C, D, E.
Si considerano i resistori pi
distanti dal generatore e si
esegue la serie ed il parallelo
per i resistori sottesi dai
morsetti C e D:
RCD = ((3+7)-1+10-1)-1= 5 .
D
Si considerano le resistenze
afferenti ai nodi C ed E. Si
esegue la serie tra le
resistenze
incontrate
nel
cammino C D E, e
successivamente il parallelo con
il resistore da 16 . Si ottiene
quindi la rete di figura 1.4c. Il
parallelo tra il resistore da 20
e la serie di tre resistenze
genera una resistenza RAB pari
4

Capitolo 1 Valutazione di resistenza equivalente

a 10 , ne consegue che
VAB 100
IAB
10A e che
R AB
10
PAB

R AB I 2AB

10 10

1kW .

Esercizio 1.5

Per la rete di fig. 1.5 si determinino la


corrente e la potenza erogate dal generatore
(VAB = 120 V).

za

Bo
z

Figura 1.5

Svolgimento
La resistenza equivalente ai morsetti A e B
la resistenza che il circuito offre al passaggio
di una corrente tra il nodo A ed il nodo B.
Esaminando la rete di figura 1.5 si potrebbe
immediatamente affermare che il blocco di
resistenze da 3 non interessato da
corrente, poich risulta aggirabile per mezzo
dei collegamenti ideali di corto circuito. Ne
risulta che la resistenza RAB pari a 6 . Si
segue unaltra via per ottenere le conclusioni
precedentemente esposte. Si introducono i
nodi ausiliari C,D,E ed F. Si ridisegna la rete
per evidenziare il parallelo tra i resistori da 3
. E facile notare come tale parallelo non
interessato da corrente.Ne consegue che
RAB= 6 ;

Figura 1.5a

IAB
PAB

VAB
R AB

120
6

R AB I2AB

Figura 1.5b
5

20A ;
6 20

2 .4 kW .

Capitolo 1 Valutazione di resistenza equivalente

Esercizio 1.6
Per la rete a scala di figura 1.6 determinare il valore di resistenza ai
morsetti di ingresso.

Figura 1.6

Bo
z

za

Svolgimento
Si scompone la rete a scala in sei celle.

Figura 1.6a

La risoluzione di una rete a scala composta da N celle si effettua con


tecnica iterativa. Si unificano ultima e penultima cella, ottenendo cos
una nuova rete a scala da N -1 celle. Reiterando la procedura si
prosegue fino allestinzione di tutte le celle.
Lultima cella presenta una resistenza R1 = 3 R.
Si uniscono la cella 1 e la cella 2, la serie tra 2R con il parallelo tra
R1 e

3
R:
2

Capitolo 1 Valutazione di resistenza equivalente

3
R 3R
2R  2
3
R  3R
2

R 21

R321
3R

9 2
R
2R  2
9
R
2

R4321
3R

3R . Similmente si trovano:

R54321
3R

R654321
3R

Quindi RAB pari a R654321.

Bo
z

za

Esercizio 1.7
Per la rete a scala di figura 1.7, costituita da un numero infinito di
celle composte da due resistori posti a rovesciata, determinare il
valore di resistenza ai morsetti dingresso.

Figura 1.7

Svolgimento
La resistenza vista alla porta A,B sar la stessa vista alla porta A,B,
A

A
R

R
B

Figura 1.7a

Capitolo 1 Valutazione di resistenza equivalente

poich entrambe le porte vedono una catena di infinite celle resistive.


Si ha quindi:
R R AB
R AB R 
.
R  R AB
Si rielabora la formula:
R R AB  R 2AB R 2  R R AB  R R AB ,
R 2AB  R R AB  R 2

R AB

0.

R r R 2  4R 2
2

1r 5
R.
2

Figura 1.7b

Bo
z

za

Trascurando la soluzione negativa, che non ha alcun significato


fisico, si pervenuti ad un risultato notevole, la resistenza vista dalla
porta di ingresso pari alla sezione aurea per la resistenza R. La
sezione aurea un rapporto numerico che si propone spesso in
contesti naturali e culturali: la disposizione geometrica delle foglie in
una pianta segue la sezione aurea, le falangi delle dita di una mano
seguono questo rapporto, le opere di Leonardo da Vinci seguono tale
geometria. Tale rapporto presente in natura e nelle opere belle prese
quindi il nome di proporzione divina.
Esercizio 1.8
Per la rete cubica di resistenze di figura 1.8 determinare il valore di
resistenza ai morsetti dingresso.

Figura 1.8

Capitolo 1 Valutazione di resistenza equivalente

Bo
z

za

Svolgimento
Si introducono i nodi ausiliari C,D,E,F,G,H,I,J. Si osservano i possibili
cammini dal nodo A al nodo B. Dal nodo C si raggiungono i nodi
D,F,G incontrando resistenze identiche, successivamente si
incontrano i nodi H,J,E sempre incontrando resistenze identiche, ed
infine si raggiunge il nodo I incontrando ancora resistenze identiche.
In ogni nodo si pu ipotizzare che la corrente si divida in parti uguali.
Lelevata simmetria della rete consente di affermare che i nodi D,F,G
si trovano allo stesso potenziale, cos come i nodi E,H,J. Nodi allo
stesso potenziale possono essere collegati da corto circuiti, figura
1.8b.
La resistenza di ingresso si ottiene come:
RAB= (RRR)+(RRRRRR)+ (RRR)= (R/3)+(R/6)+(R/3)=
= 5/6R.

Figura 1.8a

Figura 1.8b

R
R

R
R

R
R

Esercizio 1.9
Per la rete di resistenze di
figura 1.9 determinare il
valore di resistenza ai
morsetti di ingresso.

R R
R

R
B
Figura 1.9
9

Capitolo 1 Valutazione di resistenza equivalente

Svolgimento
Si considerano i nodi ausiliari C,D,E,F,G (figura 1.9a). Per la
simmetria presente, quando la rete percorsa da corrente, si
possono supporre le coppie di nodi C e D, E e G allo stesso
potenziale, quindi collegabili con dei corto circuiti, figura 1.9b.
A

R
R

CD

R R

EG

E
R

A
4

11 R

33 R

I
1

11 R

6R

R
E

R
B
Figura 1.9d

za

Bo
z

Figura 1.9a

Figura 1.9b

CD
1

6R
1

6R

6R

EG

R
B

R
B
Figura 1.9c

Si esegue la trasformazione del triangolo FCE


nellequivalente stella, ed essendo i resistori
identici, le resistenze della stella assumeranno
un terzo del valore delle resistenze del
triangolo, figura 1.9c.
Si eseguono le serie e poi si applica la
trasformazione triangolo- stella al triangolo AFH
(figura 1.9d):
2 2
R
R AF R AH
4
3
R AI
R
2
1
R AF  R AH  R FH
11
R R R
3
6
1 2
R
R AF R FH
1
6
R FI
R
2
1
R AF  R AH  R FH
11
R R R
3
6
10

Capitolo 1 Valutazione di resistenza equivalente

R HI

R HF R AH
R AF  R AH  R FH

1 2
R
9
2
1
R R R
3
6

2
R
33

Ne consegue che la resistenza ai morsetti AB vale:


R AB

1
4
1
2
1
R  ( R  R) || ( R  R  R)
11
11
33
6
2

44
R
55

Bo
z

za

Esercizio 1.10
Si ricostruisca la disposizione circuitale dei resistori della rete interna
al black-box di figura, sapendo che costituita da 5 elementi da un
Ohm ciascuno e che utilizzando un strumento per la misura delle
resistenze si ha:
RAB = 1.5 , RBC = 3 , RAC = 2.5 .
Svolgimento
Si affronta la sintesi del modello
circuitale. Il cammino AB per
offrire la resistenza RAB = 1.5 ,
deve prevedere la serie tra un
resistore ed un parallelo di due
resistori, figura 1.10a.
Figura 1.10

Il cammino BC deve invece


prevedere la serie tra tre
resistori, figura 1.10b. Si
ipotizza lunione dei due circuiti
parziali, ottenendo quindi il
circuito di figura 1.10c, che
verifica anche la condizione RAC
= 2.5 .

Figura 1.10a

Figura 1.10c

Figura 1.10b
11

Capitolo 2 Convenzioni di segno e composizione di caratteristiche

Capitolo 2
Convenzioni di segno e composizione di caratteristiche
Esercizio 2.1
In figura 2.1 rappresentata la caratteristica del bipolo di morsetti
A,B, insieme alle convenzioni di segno adottate.
Si determinino le caratteristiche del bipolo quando si inverta il verso
di riferimento per la corrente ma non quello della tensione, e quando
si inverte il verso di riferimento per la tensione ma non quello della
corrente.
v

Svolgimento

A
i

Bo
z

za

Linversione del segno di


corrente a parit di tensione
comporta il ribaltamento della
caratteristica rispetto allasse
orizzontale,
figura
2.1a.
Similmente il cambiamento
della polarit di tensione
comporta il ribaltamento della
caratteristica rispetto allasse
verticale, figura 2.1b.

Figura 2.1

v
A

i
0
v

v
0

B
Figura 2.1a

Figura 2.1b

12

Capitolo 2 Convenzioni di segno e composizione di caratteristiche

Nella figura 2.1 sono impiegate le convenzioni di riferimento


dellutilizzatore, poich la corrente fluisce da punti di potenziale
maggiore verso punti di potenziale minore, mentre nelle figure 2.1a e
2.1b sono impiegate le condizioni di riferimento del generatore.
Esercizio 2.2
Tracciare la caratteristica esterna (i,v) del bipolo di figura 2.2.

Bo
z

za

Svolgimento
La risoluzione dellesercizio richiede
lapplicazione grafica delle leggi di
Kirchhoff: se due bipoli sono connessi in
serie a parit di corrente si sommano le
tensioni oppure se due bipoli sono
Figura 2.2
connessi in parallelo a parit di tensione
si sommano le correnti. Queste somme si
devono intendere in senso algebrico,
vR
poich dipendono dalle condizioni di
riferimento associate ai singoli bipoli. Per
semplificare la risoluzione conveniente
1
adottare
sempre
le
condizioni
di
-1
riferimento dellutilizzatore per ogni bipolo,
0 1
iR
figura 2.1a.
vE
1

-1
Figura 2.2a

iE

vAB

Si traccia la caratteristica del resistore R:


si considerano i punti in cui la corrente
assume il valore 0 e 1. La curva
caratteristica una retta.
Si traccia la caratteristica del generatore di
tensione, questa una retta parallela
allasse orizzontale. Le curve si tracciano
avendo cura di mantenere un unico asse
delle tensioni, in quanto i due bipoli sono
13

2
1
-1
0

Figura 2.2b

iAB

Capitolo 2 Convenzioni di segno e composizione di caratteristiche

connessi in serie e se su di essi sono associate le direzioni di


riferimento degli utilizzatori come in figura 2.2a, possibile, per
determinare la tensione VAB, sommare graficamente le tensioni a
parit di corrente (iAB = iR = iE), come descrive la legge di Kirchhoff:
VAB = VR + VE.
La caratteristica del bipolo A,B si ottiene eseguendo la somma delle
tensioni del resistore e del generatore solo per alcuni punti di
interesse, in questo caso si osservano i punti in cui la corrente iAB
vale -1,0,1.
Esercizio 2.3
Tracciare la caratteristica esterna (i,v) del bipolo di figura 2.3.

Bo
z

za

Svolgimento
Sintroducono
le
convenzioni
di
utilizzatore per tutti i bipoli, figura 2.3a.
Si tracciano le caratteristiche dei bipoli in
parallelo mantenendo gli assi delle
correnti sulla stessa retta, potendo cos a
Figura 2.3
parit di tensione sommare le correnti:
iAB
A
i
AB = iR + iI
vR vI
Per tracciare la caratteristica del bipolo A,B
vAB 1
I=1A si individuano alcuni punti di interesse,
cio quelli in cui iAB e vAB sono nulle:
iR
iI
B
iAB = 0 iR =- iI =-1A vAB = vR = -1 V;
vAB = 0 iAB =iR + iI =0 +1= 1A.
Figura 2.3a
Tracciata la caratteristica, si verifica la sua
correttezza individuando il punto in cui vAB = 1 V. Per tale punto dalla

Figura 2.3b

14

Capitolo 2 Convenzioni di segno e composizione di caratteristiche

caratteristica si individua iAB = 2 A, che verifica la somma delle


correnti nei due bipoli.
Esercizio 2.4
Tracciare la caratteristica esterna (i,v) del bipolo di figura 2.4.

Bo
z

za

Svolgimento
Per ogni bipolo sintroducono le
convenzioni dellutilizzatore, figura 2.4a.
Si tracciano le caratteristiche dei bipoli
in parallelo come svolto nellesercizio
Figura
2.3.
2.4
Ancora una volta bisogna effettuare il
parallelo tra due bipoli, ma questa volta
sono necessarie alcune attenzioni, in
quanto la presenza del diodo condiziona
fortemente il comportamento del
sistema.
Quando il diodo in conduzione, si
comporta da corto circuito, per cui nel
parallelo con il resistore prevale il
comportamento da resistenza nulla,
Figura 2.4a
mentre quando il diodo interdetto, si
ha un parallelo tra un circuito aperto ed un resistore, quindi prevale il
comportamento resistivo.

Figura 2.4b

15

Capitolo 2 Convenzioni di segno e composizione di caratteristiche

Esercizio 2.5
Tracciare la caratteristica esterna (i,v) del
bipolo di figura 2.5.

Soluzione
Utilizzando le convenzioni dellutilizzatore
come fatto in precedenza si ha:
Figura 2.5

za

Figura 2.5a

Bo
z

Esercizio 2.6
Tracciare la caratteristica esterna (i,v)
del bipolo di figura 2.6.

Svolgimento

Figura 2.6

I bipoli sono in
serie, quindi si
sommano
le
tensioni a parit di
corrente nella zona
di funzionamento
del diodo. Quando
il diodo interdetto
lintero bipolo A,B
interdetto.

Figura 2.6a

16

Capitolo 2 Convenzioni di segno e composizione di caratteristiche

Esercizio 2.7

Tracciare la caratteristica esterna (i,v) del bipolo di


figura 2.7 utilizzando le convenzioni riportate in
figura.
Svolgimento
I bipoli sono collegati in serie ed entrambi utilizzano
le convenzioni da utilizzatore, ma lapplicazione
delle leggi di Kirchhoff porta a scrivere:
Figura 2.7

iAB = iR =- iD ;
vAB = vR - vD.

(2.7a)
(2.7b)

Bo
z

za

Conviene quindi eseguire la serie


di caratteristiche considerando
come corrente di diodo - iD (la
caratteristica si ottiene ribaltando
curva rispetto allasse verticale
come spiegato in 2.1) ed al posto
di sommare le cadute di tensione
come fatto precedentemente si
esegue la sottrazione (equazione
2.7b). Per tensioni positive il
comportamento
del
diodo
interdetto prevale sul resistore sul
resistore (notare il ribaltamento
della caratteristica di diodo
dovuto allequazione 2.7b).

Figura 2.7a

17

Capitolo 2 Convenzioni di segno e composizione di caratteristiche

Esercizio 2.8
Tracciare la caratteristica esterna (i,v)
del bipolo di figura 2.8.
Soluzione

iAB

vR

iR
vE

1
vAB

E=1V
iD D

iE

vD

Bo
z

Esercizio 2.9
Tracciare
la
caratteristica
esterna
(i,v) del bipolo di figura
2.9.
Soluzione

za

Figura 2.8

Figura 2.9

Figura 2.9a

18

Figura 2.8b

Capitolo 2 Convenzioni di segno e composizione di caratteristiche

Esercizio 2.10

Tracciare la caratteristica esterna (i,v)


del bipolo di figura 2.10.

Figura 2.10

Svolgimento
Ci si riferisca alla figura 2.10a.
Si esegue la serie tra la caratterista
equivalente del bipolo A,C e la
caratteristica equivalente del bipolo
C,B. La caratterista equivalente del
parallelo tra un generatore di tensione
ed un resistore quella del
generatore di tensione.
vE

vCB

za

vR2
1

Bo
z

0 iR2

1
0

1
iE

vAC
-1

Figura 2.10a

-1
vAB

-1
Figura 2.10b

19

iCB

iAC

1
0

iAB

Capitolo 2 Convenzioni di segno e composizione di caratteristiche

Esercizio 2.11
iAB

Tracciare la caratteristica esterna


(i,v) del bipolo di figura 2.11.

iR1
R1=1

Soluzione

A
D iD
vAB
R2=1
iR2

I=1A
iE

Bo
z

za

Figura 2.11

Figura 2.11a

20

Capitolo 2 Convenzioni di segno e composizione di caratteristiche

Esercizio 2.12

iAB

Tracciare la caratteristica esterna (i,v)


del bipolo di figura 2.12 considerando
per tutti i bipoli le condizioni di
riferimento da utilizzatore.

iD1
D1

Soluzione
R2=1
vAB

I=1A
iR2

iI

D2

R1=1

iD2

iR1

vAC

B
Figura 2.12

za

vEF

vCB

Bo
z

vGH

-1

iAC

1
0
-1

iEF 0

1
iGH

iCB

0
-1
vAB

1
0
-1

Figura 2.12a

21

iAB

Capitolo 2 Convenzioni di segno e composizione di caratteristiche

iAB
1
vAB

E=1V

Esercizio 2.13
Identificare lespressione analitica
della caratteristica per il bipolo di
figura 2.13.

Svolgimento
Risulta immediato notare che il bipolo
controllato in tensione, ad ogni
valore di tensione corrisponde un
valore di corrente, quindi si cerca
unespressione del tipo:
iAB = f(vAB,E).
Si considera inizialmente solo il caso
di polarizzazione diretta del diodo
(vD>0).
La corrente iAB assume il valore dato
Figura 2.13
dalla tensione divisa per la resistenza
R solo dopo che si supera la soglia E, per tale motivo si scrive:
iAB= (vAB-E)/R per vD>0.
La precedente equazione deve essere perfezionata inserendo
linformazione della polarizzazione del diodo:
vD>0 vAB - E>0 e vD=0 vAB-E0,
per cui si pu scrivere:
iAB = (|vAB-E |-(vAB-E))/R.

Bo
z

za

Esercizio 2.14
Identificare lespressione analitica della caratteristica per il bipolo di
figura 2.14 controllato in corrente.
Soluzione

Figura 2.14

vAB= R (|iAB-I |-(iAB-I)) .


22

Capitolo 2 Convenzioni di segno e composizione di caratteristiche

Esercizio 2.15
Si prospetti un possibile circuito che
presenti la caratteristica di figura 2.15.
Svolgimento
Si affronta la sintesi del modello
circuitale in pi passaggi. Inizialmente
si costruisce un modello parziale
valido per tensioni positive.
Un comportamento come quello di
figura 2.15 per tensioni positive
Figura 2.15
riconducibile a quello dato da un
resistore R1 con in serie un generatore indipendente di tensione, che
ne trasla in alto la caratteristica, figura 2.15a.
iAB
R1

E1

vAB

za

vAB

Bo
z

E1
0

iAB

Figura 2.15a

E necessario introdurre un diodo che interdica il funzionamento nel


secondo quadrante, figura 2.15b.
iAB

vAB
R1

vAB

E1

E1

D1

iAB

Figura 2.15b

Il funzionamento ipotizzato nei primi due quadranti pu essere


imposto inserendo un diodo in parallelo al circuito, figura 2.15c.

23

Capitolo 2 Convenzioni di segno e composizione di caratteristiche

vAB
E1
0

iAB

Figura 2.15c

Per mezzo di ragionamenti analoghi si sintetizza il circuito per


tensioni negative, figura 2.15d.
iAB

vAB
R2

vAB D4

E2

E2

D3

Bo
z

iAB

za

Figura 2.15d

Il circuito completo quindi rappresentato in figura 2.15e.

Figura 2.15e

24

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

Capitolo 3
Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

Esercizio 3.1
A

iL1=10A

Individuare la corrente incognita


mediante il numero minimo di
equazioni.
Svolgimento

if1=4A

Si deve individuare la corrente iL3


mediante lapplicazione della legge
C
B
di Kirchhoff per le correnti (LKC).
iL3
Si ricava la corrente iAB, diretta dal
nodo A al nodo B, utilizzando la
Figura 3.1
LKC con la convenzione di
assumere per positive le correnti uscenti dal nodo:
iL1 + iAB + if1 = 0,
la quale fornisce:
iAB = - if1 - iL1= - 4 10 = - 14 A.
La corrente quindi diretta da B verso A e iBA = 14 A.
Prendendo in considerazione il nodo
A
B e ritenendo positive le correnti
iL1=10A
uscenti dal nodo, si pu scrivere:
iL2 - iAB + iBC = 0,
che porta a:
iBC = iAB - iL2 = -14 5 = -19 A.
Considerando infine il nodo C, si
iL2=5A
scrive:
C
B
iL3 if1 - iBC = 0,
da cui:
iL3
iL3 = if1 + iBC = 4 - 19 = -15 A.

Bo
z

za

iL2=5A

Figura 3.1a

La stessa soluzione poteva essere


ottenuta considerando la superficie chiusa di figura 3.1a, eseguendo
il bilancio delle correnti si scrive:
25

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

iL1+ iL2+ iL3 =0, da cui


iL3 = - iL1- iL2= -10 5 =-15 A.

Esercizio 3.2
Individuare le correnti e le tensioni incognite nella rete resistiva di
figura 3.2, sapendo che V2 = 50 V, V3 = 25 V, V4 = -60 V, I5 = - 4A, e
che i versi di correnti e tensioni seguono le convenzioni di generatori
e utilizzatori in base al simbolo disegnato.

E1=50V

V1

V3
V2

V4

V5

E3=-20V

za

I=10A

E2=30V

Bo
z

Figura 3.2

Svolgimento
Si esplicitano le convenzioni di segno relative a generatori ed
utilizzatori, figura 3.2a.

Figura 3.2a

Sebbene la figura 3.2a contenga un livello superiore di dettagli,


potrebbe essere di difficile lettura per cui nei prossimi esercizi ci si
atterr allutilizzo di pochi segni distintivi, per gli utilizzatori
simpiegheranno le sole direzioni delle correnti, e per i generatori una
26

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

sola indicazione di tensione o corrente in base alla tipologia di


generatore utilizzato.
Si valutano le tensioni incognite per mezzo della legge di Kirchhoff
delle tensioni (LKT). Si considera il percorso dato dalla prima maglia,
che incontra i nodi A,B,E, e si utilizza la convenzione di prendere per
positive le tensioni applicate ai bipoli se questi sono percorsi dal
morsetto positivo al morsetto negativo:
V1 + V2 - E1=0 V1 + 50 50 = 0 V1 = 0 V.
Si considera adesso la seconda maglia (B,C,D,F,E), applicando la
LKT si ha:
-V3 E2 + V4 + VI + V2 =0 -25 + 30 -60 + VI -50 =0 VI =105 V.
Si considera infine la terza maglia (D,G,F) e si ottiene:
V5 + E3 V4 - =0 V5 - 20 + 60 = 0 V5 = - 40 V.

Bo
z

za

Sidentificano adesso i valori incogniti di corrente per mezzo della


legge di Kirchhoff delle correnti (LKC) considerando positive le
correnti in ingresso al nodo:
A, IE1 - I1 = 0 ;
B, I1 + I3 I2 =0;
C, IE2 I3 = 0 ;
D, -IE2 I4 I5 = 0;
E, - IE1 + I2 I = 0 ;
F, I IE3 + I4 = 0;
G, IE3 + I5 = 0;
Lequazione al nodo G impone che:
IE3 = - I5 = 4 A.
Dallequazione al nodo F si ricava che:
I4 = IE3 -I = 4 10= - 6 A.
Dalla legge di Kirchhoff al nodo D, si ha:
IE2 = -I4 I5 = 6 + 4 = 10 A.
E banale ricavare da nodo C che I3 = 10A.
Per identificare I1 si procede in maniera differente: il bipolo
identificato da I1 e V1 un bipolo resistivo, per cui per esso vale la
legge di Ohm, V1 = R1I1, escludendo il caso banale in cui R1 nulla,

27

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

affinch la tensione V1 sia nulla anche la corrente I1 deve essere


nulla, per cui I1 = 0A. Deriva che I2 = 10A.

Bo
z

za

Si sono quindi identificate tutte le tensioni e le correnti incognite e si


sono ottenuti valori positivi, negativi e nulli. Per verificare la
correttezza dei risultati, una semplice verifica pu essere eseguita
considerando la potenza assorbita dai resistori, la quale deve essere
positiva e numericamente pari alla potenza erogata dai generatori.
La potenza associata ai resistori si ottiene dal prodotto di tensione
per corrente, utilizzando la convenzione degli utilizzatori per i relativi
segni:
Presitiva = VnIn = V1I1 + V2I2 + V3I3 + V4I4 + V5I5 = 00+ 5010 +
+ 2510 + (-60) (-6) +(-40) (-4)=
= 0 + 500 + 250 + 360 + 160 = 1270 W.
Si nota che in ogni resistore la potenza non negativa (poich si
include R1 che non un resistore ma un corto circuito).
Si valuta adesso la potenza erogata dai generatori, facendo
attenzione ad utilizzare la convenzione dei generatori in questo caso:
Perogata = VgIg = E1IE1+ E2IE2 +E3IE3+ VII= 500 + 3010+
+ (-20) (4) + 10510 = 0 +300 80 + 1050 = 1270 W.
Il bilancio delle potenze verificato, la potenza assorbita pari alla
potenza erogata.
Si nota che la potenza del generatore 3 negativa (con la
convenzione dei generatori), per cui il generatore 3 si comporta da
utilizzatore (la corrente su di esso circola dal morsetto positivo a
quello negativo).
Esercizio 3.3
Individuare le tensioni incognite nella rete resistiva di figura 3.3

Figura 3.3
28

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

Soluzione
V2= 50V, V3 = -100V, V5 = 75 V.
Esercizio 3.4
Individuare le tensioni incognite nella rete resistiva di figura 3.4.

E2=-25V V4=20V
V2
E1=95V
V1=50V

V5

V3

E3=125V

V8

E4=-185V
E5=10V

V6

V7=-20V

Bo
z

za

Figura 3.4

Soluzione
V2= 45V, V3 = 0V, V5 = 60 V, V6 = -10V, V8 = 20V.

Esercizio 3.5
Risolvere la rete resistiva di figura 3.5 per mezzo del metodo delle
correnti di ramo.

E=150V
R1=20

R2=5

Figura 3.5
29

I=10A

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

Svolgimento
Risolvere la rete significa identificare tutte le correnti e tutte le
tensioni di lato. Si esegue un bilancio preliminare. Si fa riferimento
alla figura 3.5a.
Sidentifica con l il numero dei lati della rete, essendo questo pari a 4,
il numero di grandezze presenti nel circuito pari a 8:
V1, V2, VE, VI, I1, I2, IE, II.
Inizialmente il problema presenta quindi 2l incognite. E necessario
esprimere 2l relazioni che consentano la risoluzione del circuito.
Lapplicazione della legge di Kirchhoff per le correnti consente di
esprimere n-1 relazioni indipendenti, avendo indicato con n il numero
A

E VE

II

V1

Bo
z

R1

V2
R2

za

I1

IE

VI
I

I2
C

Figura 3.5a

di nodi. Le caratteristiche di lato consentono di scrivere l relazioni


indipendenti. Infine le rimanenti l-n+1 relazioni si ricavano per mezzo
dellapplicazione della legge di Kirchhoff per le tensioni. La legge di
Kirchhoff applicata ai nodi consente di scrivere:
nodo A: I1-IE=0
nodo B: IE-I2+II=0
nodo C: I1 - I2 +II =0
Il numero di nodi pari a 3, per cui sono necessarie 2 relazioni di
nodo. Si considerano solamente i nodi A e B; la relazione in C
ridondante, giacch data dalla somma delle prime due relazioni.
Le caratteristiche di lato forniscono le seguenti relazioni:
lato AC: V1 = R1I1
lato AB: VE= E
30

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

lato BC (resistore): V2 = R2I2


lato BC (generatore di corrente): II = I
Non rimane altro che esprimere le l-n+1 relazioni per mezzo della
seconda legge di Kirchhoff, utilizzando le maglie ed i versi di
percorrenza segnati in figura 3.5a.
maglia 1: V1 VE + V2 = 0
maglia 2: VI V2 = 0
Le relazioni ottenute sono tra loro indipendenti giacch linformazione
sulla tensione VI non contenuta nella prima relazione; pi avanti
sar fornito un metodo sistematico per scrivere relazioni alle maglie
linearmente indipendenti.

I1 = x
I2 = y

Bo
z

za

Si individuato un sistema di 8 equazioni in 8 incognite. Si utilizza la


tecnica di sostituzione per ridurre lordine del sistema, si considera
un numero di incognite pari al numero di maglie indipendenti e si
scelgono come incognite delle grandezze che afferiscono a queste
maglie: una scelta possibile data da I1 e I2.

Si esplicitano le rimanenti grandezze in funzione di queste incognite,


le equazioni di nodo forniscono:
IE= x
II = y-x
Si riscrivono le equazioni alle maglie particolarizzandole per mezzo
delle relazioni di lato ed in funzione delle incognite scelte:
R1x E + R2y = 0
VI = R2y
VI non pu essere ricondotta facilmente alle incognite x e y. Si
considerano le seguenti relazioni:
y-x = II
R1x + R2y = E
che portano al sistema
31

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

-x + y = 10
20x + 5 y = 150
Le cui soluzioni sono x = 4 e y =14.
La rete risolta presenta le seguenti grandezze:
V1,= 80V, V2 = 70V, VE = 150V, VI= 70V, I1,= 4A, I2,= 14A, IE = 4A,
II.=10A.

Bo
z

za

Esercizio 3.6
Risolvere la rete resistiva di figura 3.6, sapendo che E1 = 200 V, E2 =
210V, E3 = -35V, R1 = 10, R2 = 20, R3 = 10, R4 = 5, I = 10A.
Svolgimento

Figura 3.6

Ci si riferisce alla figura 3.6a.

Figura 3.6a
32

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

Sono stati evidenziati i cosiddetti nodi propri, cio nodi cui


afferiscono almeno tre bipoli, per i quali lapplicazione del primo
principio di Kirchhoff non banale.
Si esegue il bilancio delle incognite per determinare il numero di volte
m in cui si deve applicare il secondo principio di Kirchhoff:
n = 5,
l = 8,
m = l-n+1 = 4.

Bo
z

za

Utilizzando le convenzioni di segno degli utilizzatori per i resistori e


dei generatori per gli elementi attivi, si scrivono le n -1 equazioni ai
nodi:
A: IR1+ IE1 + IE2 = 0,
B: IE1 + IR3 - IR2 = 0,
C: IR1+ IR2 + IE3 = 0,
D: IE2 + II - IR3 - IR4 = 0.
Non tutti i cammini chiusi percorribili nella rete consentono, per, di
identificare delle equazioni linearmente indipendenti, necessario
quindi utilizzare un approccio sistematico. Si ricorre alla definizione di
grafo di rete. Un grafo di una rete dato dallinsieme di nodi e di lati
della rete, questi ultimi privati dellinformazione particolare di bipolo,
e quindi interpretati solamente in base alla connettivit trai nodi,
figura 3.6b.

Figura 3.6b

33

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

Dal grafo della rete possibile tracciare un albero di rete, individuato


da un qualsiasi insieme di rami che connettono tra di loro i nodi del
grafo senza generare percorsi chiusi, e il cosiddetto coalbero o

B
B

D
D

A
C
C

E
E

Figura 3.6c

Bo
z

za

foresta, individuato dai rami non appartenenti allalbero, figura 3.6c.


Le m equazioni di maglia si ottengono andando a inserire un ramo
del coalbero nellalbero e scrivendo lequazione alla maglia chiusa
appena determinata, figura 3.6d. Inserendo il ramo BC si crea la
maglia ABC, per cui si scrive:
VE1 + VR1 VR2 = 0.

Figura 3.6d

Sinserisce il ramo BD e si crea la maglia ABD:


VE1 + VR3 VE2 = 0.
Si nota subito come linserzione di un ramo della foresta genera
equazioni linearmente indipendenti, poich linformazione contenuta
nel ramo di foresta (tensione VBC e tensione VBD) non mai
contenuta nelle equazioni scritte in precedenza.
34

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

Si completano le equazioni inserendo il ramo CE nella maglia


BDEC:
VR3 VR4 + VE3 + VR2 = 0,
e inserendo DE nella maglia DE:
VR4 - VI = 0.

Figura 3.6e

Bo
z

za

Bisogna effettuare la scelta delle incognite, necessario che queste


possano sfruttare al meglio le equazioni alle maglie scritte, per cui
conviene definire unincognita appartenente ad ogni maglia che si
utilizzata. Si scelgono le seguenti incognite: x = IR2, y = IR3, z = IR4, w
= VI. Si esegue una scelta del genere, cio quasi tutte correnti, in
modo da lavorare con numeri aventi pressappoco gli stessi ordini di
grandezza, nellultima maglia non stata scelta una corrente in
quanto la corrente sul ramo della foresta nota.
Impiegando le relazioni costitutive di lato si riscrivono le equazioni
alle maglie:
E1 + R1 IR1 R2x = 0,
E1 + R3 y E2 = 0,
R3 y R4 z + E3 + R2x = 0,
R4z - w = 0.
Inoltre le relazioni ai nodi forniscono:
A: IR1+ IE1 + IE2 = 0,
B: IE1 + y - x = 0,
C: IR1+ x + IE3 = 0,
D: IE2 + II - y - z = 0.
Da cui:
IE1 = x y,
IE2 = y + z 10,
35

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

IR1 = - x - z + 10,
IE3 = + z 10.
Sostituendo si ha:
200 + 10(-x z + 10) 20x = 0,
200 + 10 y 210 = 0,
10 y 5 z - 35 + 20x = 0,
5z - w = 0.
Da cui:
x = 5, y = 1, z = 15, w = 75.
Si ha quindi IR1 = - 10 A, IR2 = 5 A, IR3 = 1 A, IR4 = 15 A, 10 A, IE1 = 4
A, IE2 = 6 A, IE3 = 5 A, II = 10 A, VR1 = - 100 V, VR2 = 100 V, VR3 = 10
V, VR4 = 75 V, VE1 = 200 V, VE2 = 210 V, VE3 = -35 V, VI = 75 V.

Bo
z

za

Esercizio 3.7
Risolvere la rete resistiva dellesercizio precedente utilizzando un
albero diverso e dimostrare la correttezza dei risultati ottenuti. Infine
si esegua il bilancio delle potenze. (E1 = 200V, E2 = 210V, E3 = -35V,
R1 = 10, R2 = 20, R3 = 10, R4 = 5, I = 10A).

Figura 3.7

Svolgimento

36

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

Si fa riferimento al grafo di figura 3.7a e allalbero di figura 3.7b. Nello


scrivere le equazioni di Kirchhoff si considerano adesso tutti gli
elementi del grafo come utilizzatori.

Figura 3.7a

Bo
z

za

Si scrivono quindi le relazioni di nodo:


A: I1+ I6 + I7 = 0,
B: I6 + I3 I2 = 0,
C: I1+ I2 + I8 = 0,
D: I7 + I5 I3 - I4 = 0.
Si assumono come incognite le correnti sui lati della foresta: w = I1, x
= I2, y = I3 e z = I4.

Figura 3.7b

Si procede adesso inserendo i rami della foresta e scrivendo le


equazioni alle maglie che contengono il lato inserito, utilizzando la
convenzione per cui si prendono positive le tensioni se
lorientamento nel lato concorde al verso di percorrenza:
ADECA: + V7 - V5 + V8 V1 = 0;
ABCA: V6 + V2 - V1 =0.
37

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

Figura 3.7c

Bo
z

za

ABDA: V6 V3 V7 = 0;
DED: -V5 -V4 = 0.

Figura 3.7d

Si riscrivono le equazioni alle maglie nella seguente maniera:


V7 + V4 + V8 V1 = 0;
V3 = V7 - V6;
V6 + V2 - V1 =0;
V5 =-V4.
Si sostituiscono le relazioni di lato, prestando molta attenzione ai
generatori, per i quali le tensioni mantengono il segno scritto nelle
equazioni precedenti solo se nel grafo orientato la freccia si sposta
dalla polarit positiva a quella negativa. Ad esempio ci non avviene
per V7 per cui V7 = - E2.
-E2 + R4z E3 R1 w = 0;
R3y = - E2 + E1;
R2x R1w = E1;
V5 =-R4z.
Si sostituiscono ancora i valori numerici:
-210 + 5z + 35 10w = 0;
10y = - 210 + 200;
38

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

20x 10w = 200;


V5 =-5z.
Inoltre le relazioni ai nodi forniscono:
w + x + z = I = 10,
Si ottiene un sistema:
y=1
w + x + z = 10
z -2 w = 35
2x w = 20
che porta a w = -10, x = 5, y = 1 e z = 15.
E immediato trovare che: IR1 = - 10 A, IR2 = 5 A, IR3 = 1 A, IR4 = 15 A,
IE1 = 4 A, IE2 = 6 A, IE3 = 5 A, II = 10 A, VR1 = - 100 V, VR2 = 100 V,
VR3 = 10 V, VR4 = 75 V, VE1 = 200 V, VE2 = 210 V, VE3 = -35 V, VI =
75 V.

Bo
z

za

Il bilancio della potenza si effettua per mezzo della seguente formula:


Ptot = ViIi, da cui:
Ptot = V1I1 + V2I2 + V3I3 + V4I4 + V5I5 + V6I6 + V7I7 + V8I8 =
= R1I12 + R2I22 + R3I32 + R4I42 VIII E1IE1 E2IE2 E3IE3 =
= 10102 +2052 + 1012 + 5152 -7510 - 2004 - 2106 + 355 =
= 1000 + 500 +10 + 1125 -750 800 1260 + 175 =2810-2810 =
=0W
Esercizio 3.8
Risolvere la rete ed eseguire il bilancio di potenza.

Figura 3.8

Soluzione
Pgenerata = Passorbita =17 kW.
39

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

Esercizio 3.9
Sidentifichi lelemento circuitale incognito e si valutino la corrente
che lo attraversa, la tensione applicata e la potenza impiegata su di
esso, sapendo che il generatore E1 eroga la potenza di -1 kW.

Figura 3.9

za

Svolgimento

Bo
z

La corrente associata al generatore E1 data dalla formula:


IE1 = PE1/E1 = -1000/100= -10 A, quindi una corrente che attraversa il
generatore dal polo positivo al polo negativo.
Il circuito formato da ununica maglia per cui la corrente che
attraversa il generatore E1 la stessa che attraversa tutti i rimanenti
elementi. Si esegue un bilancio parziale di potenza sugli elementi
noti.
La potenza assorbita vale:
Passorbita = (R1 + R2 + R3) IE12 = 4500 W.
La potenza generata invece vale:
Pgenerata = E2IE1 E1IE1 = 3000 1000 = 2000 W.
Affinch la potenza sia bilanciata, il componente incognito deve
generare una potenza di 2500 W, con una tensione di 250 V con la
polarit segnata in figura.

40

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

Esercizio 3.10
Determinare per la rete di figura 3.10 tutti i possibili cammini per
lapplicazione della legge di Kirchhoff delle tensioni e determinare
lordine del sistema di equazioni cos definito.

za

Figura 3.10

Bo
z

Svolgimento
Ci si riferisce al grafo di figura 3.10a.

Figura 3.10a

I possibili anelli per lapplicazione della seconda legge di Kirchhoff


sono rappresentati in figura 3.10b.

41

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

II

3
6

V
C

VI
C

2
4

3
6

2
1

5
A

IV

3
6

III

6
D

C
3

za

2
D

Bo
z

VII

5
A

2
4

Figura 3.10a

Lapplicazione della seconda legge di Kirchhoff ai cammini


rappresentati in figura 3.10a genera un sistema di equazioni
rappresentabile per mezzo di un sistema matriciale. Nella matrice
sinseriranno termini pari a 1 se il lato percorso secondo la
direzione associata nel grafo, -1 se percorso in senso opposto e 0
se il lato non considerato nel cammino di anello. Considerando
sempre percorsi orari, si scrive:
0 1 1
 1 1 0

0 0 1

 1 0 0
 1 0
1

0 1 0
 1 1  1

1 0
V1
0 1
V2
0  1
V3
1 0
V4
1 1

V5
1 1  1
V6
1 0 0

0
0
1
1
0

42

Capitolo 3 Applicazioni delle leggi di Kirchhoff

Bo
z

za

Si battezzano le righe della matrice con I, II, III, IV, V, VI, VII. Si
nota che:
IV = II + I +III;
V = IV III = II + I;
VI = I + III;
VII = II +III.
La matrice ha quindi rango pari a 3. Tale risultato era prevedibile
poich il numero delle maglie indipendenti dato da
m = l - n +1 = 6 4 + 1 = 3.

43

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Capitolo 4
Metodi di analisi circuitale
Esercizio 4.1
Risolvere la rete di figura 4.1a impiegando la sovrapposizione degli
effetti. [R1 = 20 , R2 = 5 , E = 150 V, I = 10 A]

I1

R1

R2

I2

za

Figura 4.1

Bo
z

Svolgimento
Il principio di sovrapposizione degli effetti afferma che in una rete
lineare leffetto dellazione congiunta di pi generatori pu essere
valutato sommando gli effetti dovuti ai generatori operanti
singolarmente.
Si considera in funzionamento il generatore di tensione e si spegne il
generatore di corrente (si sostituisce un circuito aperto), come
mostrato in figura 4.1a.

Figura 4.1a

Si ricava immediatamente che I1I = I2I = 6 A, V1I = 120 V, V2I = 30 V.


44

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Adesso si considera il generatore di tensione spento (si sostituisce


un cortocircuito) e attivo quello di corrente, figura 4.1b.

I1II
R1

R2

I2II
Figura 4.1b

Bo
z

za

Applicando la formula del partitore di corrente si ha:


1
1
R1
R2
I1II
I e III2
I
1
1 .
1
1


R1 R 2
R1 R 2
Per tanto, I1II = -2 A, I2II = 8 A, V1II = - V2II = -40 V.
Per ricavare le correnti e le tensioni si sommano quindi i valori
ottenuti dallanalisi delle reti parziali:
I1 = I1I + I1II = 6 2 = 4 A,
I2 = I2I + I2II = 6 + 8 = 14 A,
V1 = V1I + V1II = 120 - 40 = 80 V,
V2 = V2I + V2II = 30 + 40= 70 V.
Il principio di sovrapposizione degli effetti non pu essere utilizzato
per la valutazione della potenza.
Si valuta la potenza generata:
Pgenerata = EIE + VII = EI1 + V2I = 1504 + 7010 =1100 W.
La potenza assorbita risulta:
Passorbita = R1I12 + R2I22 =2016 + 5196 = 120 + 980 = 1100 W,
che differente da
Perrata = R1 I1I 2 + R1 I1II 2 + R2 I2I 2 + R2 I2II 2 = 1540 W.

45

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Esercizio 4.2
Risolvere la rete di figura 4.2 impiegando la sovrapposizione degli
effetti. [R1 = R2 = R3 = R4 = R5 = R6 = 1 , E1 = 2 V, E2 = 1 V, I = 1 A]

Figura 4.2

Svolgimento

Bo
z

za

Si affronta lo studio dei tre circuiti parziali.


Circuito a

Figura 4.2a

Le resistenze alimentate sono R1, R2, R3; per le altre vi


uninterruzione della continuit metallica nellalimentazione e
lalimentazione ai morsetti risulta essere nulla.
I1a = I2a = I3a = 2/3 A, I4a = I5a = I6a = 0 A.

46

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Circuito b

R1

I
R3

R2

R5

R6

R4

Figura 4.2b

In questo caso tutte le resistenze sono alimentate. Le resistenze R5


ed R6 sono identiche, per cui la corrente erogata dal generatore si
ripartisce dicotomicamente in parti uguali, per poi ricomporsi su R4;
infine la serie di resistenze R1 ed R2 alimentata in parallelo rispetto
R3; ne consegue che:
I1b = I2b = 1/3 A, I3b = - 2/3 A, I4b = 1 A, I5b = I6b = 1/2 A.

Bo
z

za

Circuito c

R1
R3

R2

R5

R4

R6

E2

Figura 4.2c

In questo caso ad essere alimentate sono le sole resistenze R5 ed


R6: I1c = I2c = I3c = I4c = 0 A, I5c = - I6c = -1/2 A.
Le correnti nel circuito valgono:
I1 = I1a + I1b + I1c = 2/3 + 1/3 + 0 = 1 A,
I2 = I2a + I2b + I2c = 2/3 + 1/3 + 0 = 1 A,
I3 = I3a + I3b + I3c = 2/3 - 2/3 + 0 = 0 A,
I4 = I4a + I4b + I4c = 0 + 1 + 0 = 1 A,
I5 = I5a + I5b + I5c = 0 + 1/2 -1/2 = 0 A,
I6 = I6a + I6b + I6c = 0 + 1/2 +1/2 = 1 A,
IE1 = I1 = 1 A,
47

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

IE1 = I6 = 1 A,
I = 1 A.
Le relative tensioni sono:
V1 = R1I1 = 1 V,
V2 = R2I2 = 1 V,
V3 = R3I3 = 0 V,
V4 = R4I4 = 1 V,
V5 = R5I5 = 0 V,
V6 = R6I1 = 1 V,
E1 = 2 V,
E2 = 1 V,
VI = R5I5 + R4I4 - R3I3 = 0 + 1 0 = 1 V.

Bo
z

za

Esercizio 4.3
Per il circuito lineare di figura determinare il circuito equivalente di
Thevenin alla porta A-B. [R1 = 24 , R2 = 12 , R3 = 2 , E = 12 V, I
= 2 A]

Figura 4.3

Svolgimento
Si valuta inizialmente la tensione a vuoto ai morsetti A-B. Si affronta
lo studio applicando il principio di sovrapposizione degli effetti, e
facendo riferimento ai due circuiti orientati di figura 4.3a.

48

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Figura 4.3a

Bo
z

za

Circuito I
Nel circuito esiste una sola maglia chiusa e solo su di essa pu
circolare la corrente J. Applicando la seconda legge di Kirchhoff alla
maglia chiusa si ha:
E = R1J + R2J = 12 = 24J + 12J J = 1/3 A.
Ne consegue che VR2 = R2J = 12 1/3 = 4 V.
Si applica adesso la seconda legge di Kirchhoff alla maglia aperta
disegnata in tratteggio:
VABoI = VR3 + VR2,
intendendo VABoI con il positivo in A.
Il resistore R3 non percorso da corrente (ha un estremo aperto) per
cui:
VABoI = VR3 + VR2 = 0 + 4 = 4 V.
Circuito II
La corrente I pu circolare solamente sui resistori R1 e R2, connessi
in parallelo, la cui resistenza RP vale:
RP = R1R2/ (R1+R2) = (2412)/( 24+12)=288/36 = 8 .
Sul resistore equivalente in parallelo si ha una tensione pari a:
VRP = RPI = 82 = 16 V,
che la stessa applicata al generatore di corrente.
Analogamente al caso precedente si effettua la circuitazione dal
punto A al punto B, trovando:
VABoII = VR3 + VI = 0 + 16 = 16 V.
La tensione a vuoto ai morsetti A-B vale:
VABo = VABoI + VABoII = 4 + 16 = 20 V.

49

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Si valuta adesso la resistenza equivalente di Thevenin. Non essendo


presenti nel circuito generatori dipendenti di tensione o di corrente,
possibile valutare la resistenza RAB per mezzo del metodo di
ispezione diretta. Si rende passiva la rete cortocircuitando i
generatori di tensione e sostituendo ai generatori di corrente un
circuito aperto.

Figura 4.3b.

Bo
z

za

RAB = R3 + R1//R2 = 2 + 8 = 10 .
Il circuito equivalente di Thevenin
rappresentato in figura 4.3c, stata utilizzata la
convenzione del generatore in quanto la
corrente fuoriesce dal morsetto positivo. La sua
caratteristica vale:
VAB = VABo - RABiAB = 24 - 10iAB
Ottenuta applicando la circuitazione dal
morsetto A a quello B.

Figura 4.3c

Esercizio 4.4
Risolvere nuovamente lesercizio precedente utilizzando i seguenti
dati: R1 = 24 , R2 = 12 , R3 = 2 , E = -50 V, I = 2 A.

Figura 4.4
50

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Svolgimento
E cambiato solamente il valore
di E, per cui basta calcolare
solamente il termine VABoI.
Come svolto precedentemente
si ha:
E = R1J + R2J = -48 = 24J + +
12J J = -4/3 A.
Ne consegue che VR2 = R2J =
= 12 (-4/3) = -16 V.
Si ha quindi
VABoI = VR3 + VR2 = 0 - 16 = - 16 V.

Figura 4.4a

La tensione ai morsetti A-B a vuoto vale:


VABo = VABoI + VABoII = -16 + 16 = 0 V.

Bo
z

za

Il circuito equivalente di Thevenin


rappresentato in figura 4.4b, la sua
caratteristica vale:
VAB = - RABiAB = - 10iAB
Figura 4.4b

Esercizio 4.5
Sfruttando il teorema di Thevenin dimostrare il teorema di Millmann.

Figura 4.5

Svolgimento
51

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Bo
z

za

Si fa riferimento ai percorsi segnati in figura 4.5a.


Si scrive:
E1 R1I1 = VABo,
E2 R2I2 = VABo,
E3 R3I3 = VABo,
da cui:
(E1 VABo)/R1 = I1,
(E2 VABo)/R2 = I2,
(E3 VABo)/R3 = I3.
La prima legge di Kirchhoff al nodo
Figura 4.5a
A afferma:
I1 + I2 + I3 = 0,
da cui:
(E1 VABo)/R1+ (E2 VABo)/R2 + (E3 VABo)/R3 =0,
che diviene:
E1 E2 E3


R1 R 2 R 3
VABo
1
1
1


R1 R 2 R 3
Per valutare la resistenza RAB si fa riferimento alla rete di figura 4.5b,
in cui si sono spenti tutti i generatori, RAB = R1 // R2 // R3. Si ha quindi
il circuito di figura 4.5c.

Figura 4.5c

Figura 4.5b

Il teorema di Millman afferma che in una rete binodale la tensione trai


nodi data dal rapporto tra la somma delle correnti di cortocircuito e
la somma delle conduttanze. Facendo riferimento alla figura 4.5d, in
52

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

presenza di rami con generatori di corrente o resistori, si procede


valutando le correnti al nodo superiore:
(E VABo)/R1 = I1,
VABo /R2 = I2,
I = I3.
Applicando la legge di Kirchhoff
al nodo A si ha:
(E VABo)/R1 - VABo /R2 +I = 0,
per cui:
E
I
Figura 4.5d
R1
VABo
.
1
1

R1 R 2
R1

RAB

R2

R3

R4

Bo
z

za

IAB

Esercizio 4.6
Determinare la corrente che
circola nel ramo A-B, sfruttando
il teorema di Thevenin. [R1 =
5, R2 = 3, R3 = 4, R4 = 4,
RAB = 1/8 , E1 = 8 V]

E1
Svolgimento

Figura 4.6

Si fa riferimento alla figura 4.6a, nella quale


al ramo A-B stato sostituito un circuito
aperto.
In questa configurazione le resistenze R1
e R2 e le resistenze R3 e R4 sono in serie,
ed inoltre la serie R1 + R2 in parallelo con
la serie R3 + R4.
Ne consegue una rapida valutazione delle
correnti di ramo:
IR1 = IR2 = E1/(R1 + R2)= 8/(5+3) = 1 A;
IR3 = IR4 = E1/(R3 + R4)= 8/(4+4) = 1 A.
E quindi possibile valutare la tensione VABo:
VABo = - R1IR1 + R3IR3 = - 5 + 4 = - 1 V.
53

R1

R3

R2

D
R4

E1

Figura 4.6a

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Si valuta adesso la resistenza della rete vista dai morsetti aperti A-B.
Si fa riferimento alla rete spenta di figura 4.6b. Tale rete pu essere
ricondotta a quella di figura 4.6c, in cui si effettuata la trasposizione
di rami in parallelo.

Figura 4.6b

A-B vale:
Req = R1R2/ (R1+R2) + R3R4/ (R3+R4) = 53/8 +
44/8 =31/8.
Lo schema equivalente di Thevenin mostrato in
figura 4.6d.
La corrente IAB risulta pari a:
IAB = VAB/(Req + RAB) = - 1/(31/8 + 1/8) = - 1/4 A.

Figura 4.6c

Bo
z

za

Figura 4.6b

La rete di figura 4.6b


mostra la presenza di
due coppie di lati in
parallelo, R1//R2, R3//R4,
tra di loro connesse in
serie. Ne consegue che
la
resistenza
equivalente ai morsetti

Esercizio 4.7
Determinare la resistenza di Thevenin A-B nei due casi: a) = 1.5; b)
= 3.
[R1 = 5, R2 = 10]
Svolgimento
La rete di figura non
presenta
alcun
generatore
indipendente ma solo
un
generatore
dipendente, per cui
essa non in grado di
generare potenza se
Figura 4.7
non viene connesso
un elemento attivo alla
porta di ingresso.

54

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Bo
z

za

Alla stessa maniera la resistenza equivalente ai morsetti non pu


essere ottenuta studiando la rete passiva, perch si trascurerebbe il
contributo del generatore dipendente.
Per valutare quindi la resistenza ai morsetti A-B sipotizza di
alimentare per mezzo di un generatore unitario di tensione, figura
4.6a.
VAB = 1; RAB = 1/IAB.
i = 1/R2 = 1/10 =0.1A.
La prima legge di Kirchhoff al nodo A
afferma che
IAB - IR1 + Ig i = 0,
sapendo che
Figura 4.7a
IR1 = 1/R1 = 1/5 = 0.2 A e che
Ig = i = 1.5 0.1= 0.15A,
si ottiene
IAB = IR1 + i - Ig = 0.2 + 0.1 0.15 = 0.15 A,
da cui
RAB = 1/IAB = 1/0.15 = 3 .
Nel secondo caso con = 3, si ottiene:
Ig = i = 3 0.1= 0.3A,
IAB = IR1 + i - Ig = 0.2 + 0.1 0.3 = 0 A,
RAB = 1/IAB = 1/0 = .
La rete vista dai morsetti A-B risulta un circuito aperto.
Esercizio 4.8
Utilizzando il metodo delle correnti di anello risolvere la rete lineare di
figura. [R1 = 5, R2 = 10, R3 = 5, R4 = 10, R5 = 5, E1 = -5V,
E2 = 15V, E3 = 5V, E4 = 25V]

Figura 4.8

Svolgimento
55

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

La rete di figura una rete planare per cui pu essere utilizzato il


metodo delle correnti di anello, il quale risulta uno dei metodi
sistematici pi utilizzati per la risoluzione dei circuiti. Inoltre la
presenza esclusiva di generatori di tensione aiuta nella scrittura delle
equazioni risolventi. Il metodo consente la rapida scrittura di un
sistema lineare il cui ordine pari al numero di equazioni alle maglie
da scrivere. Per il circuito di figura il numero di equazioni da scrivere
pari a 3, in quanto sono presenti 7 nodi e 9 elementi circuitali (m =
r-n+1). Si prendono in considerazione gli anelli per i quali tracciata
la corrente di anello in figura 4.8a.

E2

E1

R1
J1

R3
R2

J2

za

E3

R4

J3

R5

E4

Bo
z

Figura 4.8a

La scelta degli anelli da considerare stata facile, nei prossimi


esercizi sar mostrato un metodo da utilizzare nei casi pi complicati.
Sipotizza lesistenza di correnti fittizie, J1, J2 e J3, prese come
incognite del problema, le quali circolano esclusivamente nel proprio
anello di definizione, rimanendo inalterate quando incontrano i nodi
della rete. La combinazione di tali correnti consente di trovare le reali
correnti di ramo:
I1 = J1,
I2 = J1-J2,
I3 = -J2,
I4 = J2-J3,
I5 = J3.
Si scrivono le equazioni di Kirchhoff per gli anelli considerati,
seguendo i versi segnati in figura 4.8a:
R1I1 + R2I2 = E1,
- R2I2 R3I3 + R4I4 = E2 E3,
R5I5 R4I4 = E4,
e poi si riscrivono in funzione delle correnti di anello:
R1J1 + R2(J1 J2) = E1,
56

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

- R2(J1 J2) R3( J2) + R4(J2 J3) = E2 E3,


R5J3 R4(J2 J3) = E4.
Si riordinano le precedenti equazioni in funzione delle incognite:
(R1 + R2)J1 - R2J2 + 0J3= E1,
- R2J1 + (R2 + R3 + R4) J2 - R4J3 = E2 E3,
0J1 R4J2 + (R4 + R5)J3 = E4,
da cui si ottiene lequazione matriciale:
>R @ >J@ >E@
Si sostituiscono i valori numerici e si ottiene:
15J1 - 10J2 +0J3 = - 5,
- 10J1 + 25J2 - 10J3 = 10,
0J1 10J2 + 15J3 = 25.
Si scrive il seguente sistema matriciale:

 5
10
,
25

che ha per soluzioni:

J1

 5  10
0
10 25  10
25  10 15
0
 10
 10 25  10
15
0

J2

 10

Bo
z

za

0 J1
15  10
 10 25  10 J
2

0
 10 15 J3

 1875  2500  0  0  500  1500


5625  0  0  0  1500  1500

2625
2625

1 A,

15

15  5
0
 10 10  10
0
25 15
15  10
0
 10 25  10
0
 10 15

2250  0  0  0  3750  750


5625  0  0  0  1500  1500

57

5250
2625

2 A,

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

J3

15  10  5
 10 25 10
0
 10 25
15

 10

9375  0  500  0  1500  2500


5625  0  0  0  1500  1500

7875
2625

 10 25  10
0
 10 15
Da cui:
I1 = J1= 1 A,
I2 = J1-J2 = -1A,
I3 = -J2 = -2A,
I4 = J2 - J3, = - 1 A,
I5 = J3 = 3A.

Bo
z

za

Esercizio 4.9
Scegliendo nuove maglie, risolvere nuovamente la rete lineare di
figura. [R1 = 5, R2 = 10, R3 = 5, R4 = 10, R5 = 5, E1 = -5V,
E2 = 15V, E3 = 5V, E4 = 25V]

Figura 4.9

Svolgimento
Si devono scrivere le equazioni di Kirchhoff per tre maglie che diano
luogo ad equazioni linearmente indipendenti, conviene quindi rifarsi
al grafo della rete, in cui si prendono in considerazione solamente i
nodi in cui confluiscono pi di due rami, figura 4.9a.
In figura 4.9b sono mostrati un possibile albero della rete e la relativa
foresta.

58

3 A.

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Figura 4.9b

Figura 4.9a

Si crea un percorso chiuso


inserendo nellalbero il ramo
della foresta (3) e stabilendo una
corrente di maglia J1, che passi
per il ramo appena inserito figura
4.9c.
Similmente si inserisce il ramo
(2) e si stabilisce una corrente J2
nella maglia chiusa definita per
mezzo dei lati (1) e (2); tale
corrente si somma alla corrente
J1 sul ramo (1).

Bo
z

za

Figura 4.9c

Figura 4.9d

Infine si aggiunge il ramo (5) e


sulla maglia definita da (5) e (6)
si stabilisce una corrente J3, che
si somma alla corrente J1 nel
lato (6).
Figura 4.9e

Si scrivono quindi le relazioni di


Kirchhoff per le maglie scelte, e
poi si sostituiscono alle correnti di ramo le correnti fittizie di maglia:
R1I1 -R3I3 + R5I5 = E1 + E2 - E3 +E4,
R1I1 +R2I2 = E1,
- R4I4 +R5I5 = E4,
da cui
R1(J1 +J2)+R3J1 + R5(J1 + J3)= E1 + E2 - E3+E4,
R1(J1 +J2) +R2J2 = E1,
+ R4J3 + R5(J1 +J3) = E4.
59

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Sostituendo i valori numerici e riordinando le equazioni in un sistema


matriciale del tipo [R][J] = [E], si ha:
10 5 5 J1 30
5 15 0 J  5

2 ,
5 0 15 J3 25
le cui soluzioni sono:
30 5 5

J3

15 30 5
5 5 0
5 25 15
15 5 5
5 15 0
5 0 15
15 5 30
5 15  5
5 0 25
15 5
5 15

5
0

15

5250
2625

 1125  0  625  125  0  2250


3375  0  0  375  0  375

za

J2

15 5 5
5 15 0
5 0 15

6750  0  0  1875  375


3375  0  0  375  0  375

Bo
z

J1

 5 15 0
25 0 15

5625  0  125  2250  0  625


3375  0  0  375  0  375

Da cui:
I1 = J1+ J2 = 1 A,
I2 = J2 = -1A,
I3 = -J1 = -2A,
I4 = - J3, = - 1 A,
I5 = J1+ J3 = 3A.

60

2 A,

 2625
2625

2625
2625

1 A,

1 A,

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Esercizio 4.10
Utilizzando il metodo delle correnti di
anello risolvere la rete lineare di figura.
[R1 = 1, R2 = 2, R3 = 3, R4 = 4, R5 =
5, R6 = 6, E1 = 22V, E2 = 10V, E3 =-1V]

Svolgimento
La rete una rete planare in cui sono
presenti solamente generatori di tensione,
si pu perci ipotizzare lesistenza di
correnti
di
anello
come
quelle
rappresentate in figura 4.10a.
Si pu quindi scrivere:
R1J1 + R2J1 + R3(J1 J2) = E1 - E2,
-R3(J1 J2) +R4 J2 - R5(- J2 + J3)=E2,
R5(J3 J2) + R6 J3 = -E3.
Figura 4.10

Bo
z

za

In cui sono state direttamente scritte le


correnti di ramo come composizione delle
correnti di anello. Si riordinano le
equazioni per ottenere un sistema del tipo
[R][J] = [E]:
(R1 + R2 + R3)J1 - R3 J2 -0J3 = E1 - E2,
-R3J1 +(R3+ R4 +R5 ) J2 - R5J3 = E2,
0J1 -R5J2 + (R5+R6) J3 = -E3.

Figura 4.10a

Si ha quindi:
6  3 0 J1
 3 12  5 J

2
0  5 11 J3

61

12
10

1

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

J1

12  3 0
10 12  5
1  5 11
6

3

6 12 0
 3 10  5
1629
543

3 A, J2

 3 12  5
0  5 11

J3

6  3 12
 3 12 10
0 5 1
6 3 0
 3 12  5
0  5 11

11

6 3 0
 3 12  5
0

543
543

1086
2 A,
543

 5 11

1 A.

Bo
z

za

Si esegue una procedura pi rapida per la scrittura del sistema di


equazioni risolventi, giacch la rete presenta solo generatori di
tensione. Si sceglie un sistema di correnti di anello di verso orario in
modo che su ogni lato possano al pi esserci due correnti e che
queste siano contrapposte, com stato fatto in figura 4.10a.
Per ogni anello possibile eseguire il bilancio delle cadute di
tensione esplicitando i contributi in funzione della resistenza totale di
maglia, moltiplicata per la corrente della maglia e delle resistenze
mutue moltiplicate per le correnti in comune ad altri anelli, cambiate
di segno, tale bilancio pari alla somma dalle forze elettromotrici
incontrate nel percorso della corrente di maglia, con segno positivo
se si entra nel generatore dal morsetto negativo. Per la maglia 1 si
ha:
(R1 + R2 + R3)J1 - R3 J2 -0J3 = E1 - E2,
per la maglia 2
-R3J1 +(R3+ R4 +R5 ) J2 - R5J3 = E2,
e per la maglia 3
0J1 -R5J2 + (R5+R6) J3 = -E3.
Le equazioni scritte adesso sono identiche a quelle trovate in
precedenza. Lapplicazione di questa formula operativa consente di
scrivere pi rapidamente il sistema di equazioni per le correnti di
anello.
62

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Esercizio 4.11
Utilizzando il metodo delle correnti di anello si scriva lequazione
matriciale che risolve la rete lineare di figura.
Svolgimento
R6
R7
E1

A
R1

C
R3

R2

R5
R4

E3

D
E2

Figura 4.11

Bo
z

za

La rete di figura una rete non


planare per cui nellapplicazione del
metodo delle correnti di anello
necessario
procedere
con
attenzione, giacch la scrittura
operativa
non

applicabile.
Conviene scegliere un albero che
non
contenga
i
rami
che
sintersecano (resistenze R6 e R7).
Si nota immediatamente che le

Figura 4.11a

Figura 4.11b

maglie sono 5 e che il ramo B-C in


comune a 3 di esse.
Sipotizza lesistenza di 5 correnti di
maglia orarie come mostrato in
figura 4.11b.
Per ogni maglia si scrive il principio
di Kirchhoff per le tensioni:
1) R1I1 + R2I2 = E1,
2) - R2I2 R3I3 + R4I4 = -E3,
3) R4I4 + R5I5 = -E2,
4) R6I6 + R3I3 = -E1,
5) R7I7 R5I5 + R3I3 = 0.
63

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Bo
z

za

Si scrivono le correnti di ramo come combinazione delle correnti di


anello:
I1 = - J1, I2 = J1 - J2, I3 = J4 + J5 - J2, I4 = J2 - J3, I5 = J3 - J5 , I6 = J4, I7
= J5, per cui:
1) R1(- J1) + R2( J1 - J2) = E1,
2) - R2(J1 - J2) R3(J4 + J5 - J2) + R4(J2 - J3) = -E3,
3) R4(J2 - J3) + R5(J3 - J5) = -E2,
4) R6 J4 + R3( J4 + J5 - J2) = -E1,
5) R7J5 R5( J3 - J5) + R3( J4 + J5 - J2) = 0.
La matrice delle resistenze vale:
0
0
0
 R2

R 1  R 2
R
R2  R3  R 4
 R4
 R3
 R 3
2

R 0
R 4  R5
0
 R4
 R5
,

0
R
0
R
R
R


3
3
6
3

0
R3
R 3  R 7
 R3
 R5
mentre il termine noto dato da:
E1
 E
3
E  E 2
.


E
1
0
Si nota come la matrice R pur avendo scelto tutte correnti orarie
presenti dei termini extradiagonali positivi, ci dovuto alla non
planarit della rete.

64

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Esercizio 4.12
Utilizzando il metodo delle correnti di anello si risolva la rete lineare
di figura. [R1 = 2, R2 = 4, R3 = 6, R4 = 8, R5 = 10, E1 = 6V,
E2 = -10V, E3 = 8V, = 2]

Svolgimento

Figura 4.12

Bo
z

za

Si procede allanalisi della rete individuando tre correnti di anello


come mostrato in figura 4.12a. La presenza del generatore
dipendente di tensione, non richiede particolari accorgimenti.
Per mezzo della tecnica operativa e
avvedendosi che I2 = J1, possibile
scrivere le equazioni alle tre maglie:
(R1 + R2 + R3)J1 - R3J2 -0J3= E1,
-R3J1 +(R3 + R4)J2 -0J3 = -E2 -J1,
-0J1 -0J2 +R5 J3 = -E3 + J1.
Figura 4.12a

>R@

R 1  R 2  R 3
E R
3

E

 R3
R3  R 4
0

Lequazione matriciale, [R][J] = [E],


perci composta da:
0
E1

0 , >E@  E 2 .
E 3
R 5

Si nota come la presenza di un generatore pilotato abbia fatto


perdere la simmetria della matrice delle resistenze.
Si ricavano le correnti di anello:
65

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

12  6 6
 4 14 10
2 0
8
12  6 0
 4 14 0
 2 0 10

Esercizio 4.13

1440
1440

1 A, J2

12 6 0
 4 10 0
 2 8 10
12  6 0
 4 14 0
 2 0 10

1440
1440

1 A,

Le correnti sui resistori sono:


I1 = J1 = 1 A,
I2 = J1 = 1A,
I3 = J1 J2 = 0A,
I4 = J2, = 1 A,
I5 = J3 = 1A.

1 A.

za

J3

12  6 0
 4 14 0
 2 0 10

1440
1440

Bo
z

J1

6 6 0
10 14 0
8
0 10

Utilizzando il metodo delle


correnti di anello si risolva la rete
lineare di figura. [R1 = 2, R2 =
2, R3 = 2, R4 = 4, R5 = 6,
R6 = 1, E1 = 14V, E2 = 2V, E3
= 1V, Ig1 = 1A, Ig2 = 2A]
Svolgimento
La presenza di generatori di
corrente, che non possono
essere ricondotti a generatori di
tensione, comporta uniniziale
difficolt
nella
risoluzione
dellequazione matriciale [R][J]
= [E], giacch il vettore dei
potenziali [E] contiene anche le
tensioni
dei
generatori
di
corrente che non sono note.

Figura 4.13

66

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Bo
z

za

Allora per la risoluzione della rete si adotta una strategia differente


da quella utilizzata in precedenza. Sindividua un albero della rete
evitando di includere i generatori di corrente.
Si aggiungono i rami della foresta e sindividuano le correnti di maglia
in modo da incontrare solo una volta i generatori di corrente, figura
4.13b. Inserendo il ramo A-C si
determina il percorso della prima
A
corrente di maglia, J1. In seguito
sinserisce il ramo E-D che
J1
determina il percorso della
J2
seconda corrente di anello, J2.
C
D Linserimento del ramo B-D
E
consentirebbe di utilizzare una
J4
J3
corrente di anello limitata alla
maglia sottesa dai nodi B-E-D,
B
ma tale corrente incontrerebbe
per
la
seconda
volta
il
generatore di corrente Ig1 e ci
Figura 4.13b
Figura 4.13a
non conveniente ai fini della
risoluzione dellesercizio, per cui si sceglie per la terza corrente di
maglia il percorso A-D-B-E. Infine si inserisce il ramo C-B e si
sceglie una corrente di anello sottesa dai nodi C-E-B, nel cui
percorso si incontra il generatore di corrente Ig2.
Si scrivono, senza ricorrere alla tecnica operativa, le equazioni alle
maglie in cui non compaiono i generatori di corrente:
1) R1I1 + R2I2 + R4I4 = E1- E2,
3) R2I2 + R3I3 R6I6 = -E3.
Si riscrivono le equazioni in funzione delle correnti di anello
incognite, date da:
I1 = J1,
I2 = J1 - J2 - J3,
I3 = J2 + J3,
I4 = J1 J4,
I5 = -J4,
I6 = - J3 + J4,
1) (R1+ R2+ R4)J1 R2J2 R2J3 R4J4 = E1- E2,
3) R2J1 + (R2 + R3)J2 + (R2 + R3 +R6)J3 R6J4 = - E3+E2.
Si procede allesame delle informazioni contenute nelle maglie due e
quattro; si nota subito che la corrente J2 pari a Ig1, mentre la
corrente J4 pari a Ig2, per cui il sistema di equazioni diventa:
67

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Bo
z

za

1) (R1+ R2+ R4)J1 R2J2 R2J3 R4J4 = E1- E2,


2) J2 = Ig1,
3) R2J1 + (R2 + R3)J2 + (R2 + R3 +R6)J3 R6J4 = -E3+E2.
4) J4 = Ig2.
Sostituendo si ha:
1) 8J1 -2J3 = E1- E2,+ 2Ig1 +4Ig2= 14 2 + 2 + 8 = 22 V,
2) J2 = Ig1 =1A,
3) -2J1 + 5J3 = -E3 +E2 - 4Ig1+Ig2 = -1 +2- 4 +2 = -1 V,
4) J4 = Ig2 = 2A,
che si riassume nella seguente equazione matriciale:
8 0  2 0 J1 22
per la quale si ottengono le
0 1 0 0 J 1
2
seguenti soluzioni J1 = 3 A, J2 = 1 A,


 2 0 5 0 J3  1 ,
J3 = 1 A, J4 = 2 A.


0 0 0 1 J 4 2
Le correnti sui resistori sono dunque:
I1 = J1 = 1 A, I2 = J1 J2 J3 = 1A, I3 = J2 +J3 = 2A, I4 = J1 J4, = 1 A, I5
= - J4 = - 2A, I6 = J4 -J3 = 1A.
Esercizio 4.14
Si utilizzi il metodo dei potenziali nodali per la risoluzione della rete
lineare di figura. [R1 = 2, R2 = 4, R3 = 6, Ig1 = 1A, Ig2 = 1A, Ig3 =
5A]

Svolgimento
Nella risoluzione di una
rete per mezzo del
metodo dei potenziali
nodali il primo passo
consiste nella scelta di un
nodo
da
considerare
come riferimento, rispetto
al quale si esprimono i
potenziali dei rimanenti
Figura 4.14
nodi. Tale scelta da
ponderare
bene,
un
criterio
di
massima
comunque quello di prendere come riferimento il nodo su cui
confluiscono il maggior numero di rami. Si fa riferimento alla figura
68

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

4.14a. Si sceglie come nodo di


riferimento il nodo C, e lo si
connette a massa.
Similmente a quanto fatto con
A
B
il metodo delle correnti di
maglia si scelgono nuove
R3
incognite e per mezzo di esse
R1
R2
Ig1
Ig3
si risolve la rete. Il numero di
C
tali incognite dato dal numero
dei nodi della rete decurtato di
uno.
Caso per caso la
Figura 4.14a
convenienza nellapplicazione
di questo metodo rispetto
allapplicazione del metodo delle correnti di maglia verificabile per
mezzo di unespressione matematica, in cui compaiono i numeri di
incognite nelle applicazioni dei due metodi, indicando con N-1 il
numero dei nodi linearmente indipendenti e con m = r-N+1, il numero
delle maglie in cui definire le relative correnti di anello, se N-1< m,
allora il metodo dei potenziali nodali offrir una risoluzione pi
agevole per la rete, se N-1>m, converr impiegare il metodo delle
correnti di anello, ed infine se N-1 =m entrambi i metodi avranno lo
stesso numero di incognite.
Il metodo dei potenziali nodali focalizza la propria attenzione
sullapplicazione della legge di Kirchhoff per le correnti, in base ad
essa si esprimono le relazioni tra incognite.
Se la rete presenta solamente generatori di corrente, possibile
differenziare le correnti afferenti ai nodi tra correnti impresse (quelle
dei generatori) e correnti incognite (quelle dei resistori), nello
specifico si riscrivono le correnti dei rami resistivi in funzione dei
potenziali incogniti:
IR1 = (VA-VC)/R1,
IR2 = (VB-VC)/R2,
IR3 = (VA-VB)/R3,
e tenendo conto che VC = 0 (ipotesi di potenziale nullo del
collegamento a massa), si ha:
IR1 = VA/R1,
IR2 = VB/R2,
IR3 = (VA-VB)/R3.
Si considerano le N-1 equazioni ai nodi:
A) IR1 + IR3 = Ig1 +Ig2,

Bo
z

za

Ig2

69

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Bo
z

za

B) IR2 - IR3 = Ig3 - Ig2,


che si riscrivono come:
A) VA/R1+ (VA-VB)/R3 = Ig1 +Ig2,
B) VB/R2 - (VA-VB)/R3 = Ig3 - Ig2.
Tali equazioni portano a unespressione matriciale [G][V]=[I], in cui
[G] detta matrice delle conduttanze:
1  1

 1
R3
R 3 VA Ig1  Ig2
R1
 1
1  1 VB Ig3  Ig2 .

R
R2
R 3
3

In caso di presenza esclusiva di generatori di corrente utilizzabile


un metodo sistematico, in cui si effettua il bilancio delle correnti ai
nodi, imponendo un bilancio tra la tensione del nodo preso in esame
moltiplicata per le conduttanze afferenti al nodo, e tra le rimanenti
tensioni di nodo, moltiplicate per le conduttanze in comune con il
nodo di riferimento, tale bilancio pari alla somma delle correnti dei
generatori prese con segno positivo se entrano nel nodo in esame.
Sostituendo:
2  1
4
2
6
6

9
18
4 5
 1 4
12

6 6 V, V
6 12V,
VA
B
9
9
4
4
1
1
6
6
6
6

5 36
5 36
 1
 1
12
12
6
6
da cui:
IR1 = VA/R1=3A, IR2 = VB/R2 = 3A, IR3 = (VA-VB)/R3 = -1A.
Esercizio 4.15
Utilizzando il metodo dei potenziali di nodo si scriva lequazione
matriciale che risolve la rete lineare non planare di figura.
[R1 = 1, R2 = 2, R3 = 4, R4 = 1, R5 = 2, Ig1 = -5A, Ig2 = -5A]

70

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Ig1

R5

R3

R1 Ig2 R2

R4
D
Figura 4.15

Bo
z

za

Svolgimento
Le correnti sui resistori sono date da:
IR1 = (VA-VD)/R1,
IR2 = (VB-VD)/R2,
IR3 = (VC-VB)/R3,
IR4 = (VC-VD)/R4,
IR5 = (VB-VD)/R5.
Si esprime il bilancio delle correnti ai nodi imponendo che il nodo D
sia collegato a massa (VD = 0).
A) VA/R1 = - Ig1 Ig2,
B) VB(1/R2 + 1/R3 + 1/R5) VC/R3 = Ig2,
C) VC(1/R3 + 1/R4) VB/R3 = Ig1.
Tali equazioni portano a unespressione matriciale [G][V]=[I], in cui
[G] detta matrice delle conduttanze:
1

0
0
R1
VA  Ig1  Ig2


1  1  1
 1
V
Ig2
0
R2
R3
R5
R3 B
.

VC Ig1
1
1
1



0
R3
R3
R 4
Sostituendo si ha:

71

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

VB

0
1

10
0

5  1
4
5
5
4
0
0

5
1
4
4
5
1

4
4

125 5

8
8
25 1

16 16

25 5

4 4
25 1

16 16

15
3
2

1
0
10

0 5
 5
4

25 5
1



 5
0

4
4
VC
25 1
1
0
0

16  16
0 5
1
4
4

5
1
0  4
4
Le correnti sui resistori risultano:
IR1 = VA/R1= 10 A,
IR2 = VB/R2 =- 2.5 A,
IR3 = (VC-VB)/R3 = 0 A,
72

10V,

15
2
3
2

5 V,

15
2
3
2

5 V.

za

VA

10
0
0

 5 5
1
4
4

5
1
 5  4
4
1
0
0

0 5
1
4
4

5
1
0  4
4

10
 5
, da cui:
 5

Bo
z

1
0
0 VA

0 5
 1 VB
4
4

VC
5
1
0  4
4

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

IR4 = VC/R4 = -5 A,
IR5 = VB/R5 = - 2.5A.
Ai medesimi risultati si poteva giungere applicando direttamente la
formulazione operativa, la quale non risente del fatto che la rete non
sia planare. Limpiego di tale tecnica fortemente consigliato per
limitare la complessit della risoluzione delle reti elettriche.
Esercizio 4.16
Utilizzando il metodo dei potenziali di nodo si risolva la rete lineare di
figura. [R1 = 1, R2 = 2, R3 = 4, R4 = 8, Ig1 = 34A, Ig2 = 35A, E1 =
4V, E2 = 8V ]

Bo
z

za

Svolgimento

Figura 4.16

Nella rete di figura si ha la contemporanea presenza di generatori di


tensione e di corrente e non possibile ricondursi a una sola
tipologia di essi per mezzo di
sostituzioni equivalenti.
Si fa riferimento alla figura 4.16a.
Volendo impiegare il metodo dei
potenziali di nodo si deve
effettuare la scelta del nodo da
connettere a massa, conviene
scegliere il nodo D, in modo da
fissare a potenziale nullo un
morsetto
del
generatore
di
Figura 4.16a
tensione E2 e quindi determinare
73

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Bo
z

za

immediatamente il potenziale del nodo E. La scelta dei nodi A, B, E


come riferimento, avrebbe offerto la stessa condizione favorevole,
ma non quella del nodo C.
Si scrivono le correnti di ramo in funzione dei potenziali incogniti:
IR1 = (VA-VD)/R1,
IR2 = (VB-VD)/R2,
IR3 = (VC-VB)/R3,
IR4 = (VC-VE)/R4,
non risulta possibile scrivere agevolmente le correnti IAB e IDE in
funzione dei potenziali di nodo, poich tali correnti incognite non
percorrono resistenze. Tale problema pu essere superato
imponendo un morsetto a massa per una di queste correnti (scelta
del nodo D) e considerando laltra corrente come data da un
generatore di corrente ma pur sempre unincognita del problema.
Segue la scrittura delle equazioni di nodo per mezzo del metodo
operativo, ma solo per i nodi in cui il potenziale incognito:
A) VA/R1 - VB0 - VC0 VE0 = Ig1 IAB,
B) VA0 - VB(1/R2 + 1/R3) VC/R3 VE0 = IAB,
C) VA0 - VB/R3 +VC(1/R3 + 1/R4) VE/R4 = - Ig1 + Ig2,
lequazione nel nodo E non necessaria in quanto VE = - E2.
La risoluzione di tale sistema non ancora possibile poich il
numero dincognite (VA, VB, VC, IAB) superiore al numero di
equazioni, ciononostante utile unelaborazione delle relazioni ai
nodi A e B, al fine di eliminare lincognita IAB:
VA/R1 -VB0 -VC0 VE0 =Ig1+VA0 +VB(1/R2+1/R3) + VC/R3 + VE0
VA/R1 + VB(1/R2 + 1/R3) - VC/R3 = Ig1.
Lultima equazione pu essere
scritta
pi
rapidamente
considerando i nodi A e B come
estremi di un unico nodo, detto
supernodo,
avente
due
potenziali differenti. Si scrive la
prima equazione di Kirchhoff
effettuando il bilancio dei
prodotti dei potenziali del
Figura 4.16b
supernodo per le conduttanze
relative
agli
estremi
del
supernodo, decurtato del prodotto tra conduttanze comuni gli estremi
del supernodo, moltiplicate per i relativi potenziali, tale bilancio risulta
pari alla somma algebrica delle correnti impresse al supernodo.
74

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Per risolvere la rete necessario, a questo punto, introdurre la


relazione intuitiva:
VB = VA + E1, per cui:
A-B) VA/R1 + (VA + E1)(1/R2 + 1/R3) - VC/R3 = Ig1,
C) VA0 - (VA + E1)/R3 +VC(1/R3 + 1/R4) VE/R4 = - Ig1 + Ig2,
E) VE = - E2.
Si scrive quindi:
E1 E1

I


1  1  1

 1
g
1

V
R2
R3
R3 A
R 2 R3
R1

1  1 VC
E1 E 2 ,
 1
I I 

R3
R3
R 4

g1 g2 R 3 R 4

Bo
z

za

7
 1 VA 31
4
4


3
1
1

V
8 C
4
Che porta ad avere VA = 20V, VB = 24V, VC = 16V, VD = 0V, VE = 8V, da cui IR1 = 20A, IR2 = 12A, IR3 = -2A, IR4 = 3A.
Osservazione
Lequazione risolvente pu essere scritta utilizzando una semplice
formulazione operativa. Sidentificano i supernodi e si sceglie per
ciascuno lestremo da utilizzare come incognita. In ogni
nodo/supernodo si valuta il
bilancio
tra
potenziali
di
nodo/supernodo moltiplicati per
le relative conduttanze e i
potenziali dei nodi/supernodi
che presentano conduttanze in
comune, tale bilancio pari alla
somma algebrica delle correnti
agenti sul nodo/supernodo,
dovute ai generatori di corrente
Figura 4.16c
afferenti al nodo e dei
generatori di tensione, presenti nei supernodi, moltiplicati per le
relative conduttanze. Il segno di tali correnti positivo se i generatori
agiscono in modo da generare correnti entranti nel nodo.
Si scelgono come potenziali incogniti VA, VC; non figureranno VB e VE
giacch potenziali dipendenti dai potenziali in A e D.
75

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Si ha quindi:
A-B) VA(1/R1 + 1/R2 + 1/R3) - VC/R3 = Ig1 -E1(1/R2 + 1/R3),
C) VA/R3 +VC(1/R3 + 1/R4) = - Ig1 + Ig2+ E1/R3- E2/R4,
che porta allespressione matriciale:
E
E

Ig1  1  1
1  1  1

 1

R2
R3
R 3 VA
R 2 R3
R1

1  1 VC
E1 E 2 .
 1
I I 

R3
R3
R 4

g1 g2 R 3 R 4

Bo
z

za

Esercizio 4.17
Facendo riferimento al circuito di figura 4.3, determinare il circuito
equivalente di Norton alla porta A-B. [R1 = 24 , R2 = 12 , R3 = 2 ,
E = 12 V, I = 2 A]

Figura 4.17

Svolgimento
Si valuta la corrente di corto circuito tra i morsetti A-B, facendo
riferimento allo schema di
figura 4.17a. Sintroducono
i potenziali di nodo e si
scrivono le equazioni di
nodo:
VA = VB = 0;
VC = E;
-VA/R3 + VD(1/R1+1/R2
+1/R
3) - VC/R1 = I,
Figura 4.17a
da cui si ricava che
VD = (I + VC/R1)/ (1/R1+1/R2 +1/R3) = (2 + 12/24)/ (1/24 + 1/12 + 1/2)=
= (5/2)/(15/24) = 4 V.
76

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Bo
z

za

La corrente IABcc data da:


IABcc = VD/R3 = 4/2 =2 A.
La resistenza equivalente del circuito di Norton si ottiene alla stessa
maniera di quella del circuito di Thevenin, cio rendendo passiva la
rete lineare:
RAB = R3 + R1//R2 = 2 + 8 =
= 10 .
Una maniera alternativa per
ottenere questo risultato e per
verificarne
la
correttezza
consiste nel eseguire il rapporto
Figura 4.17b
tra la tensione a vuoto ai
morsetti A-B (VABo = 20V) e la corrente di
cortocircuito agli stessi:
RAB = VABo /IABcc = 20/2 = 10 .
Il circuito equivalente di Norton
rappresentato in figura 4.17c, e per esso
vale la seguente relazione:
IAB = IABcc + VAB/RAB = 2 + VAB/10.
Figura 4.17c

Esercizio 4.18
Determinare il circuito equivalente di Norton alla porta A-B. [R1 = 10
, R2 = 20 , E = 10 V, = 5 ]

Figura 4.18

Svolgimento
Facendo riferimento alla figura 4.18a, si valuta la corrente di corto
circuito tra i morsetti A-B mediante il metodo delle correnti di anello.
77

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

I0 = J1 J2;
IABcc = J3;
(R1 + 0)J1 0J2 0J3 = E;
-0 J1 + (R2 + 0)J2 R2J3 = Io;
-0 J1 R2J2 + R2J3 = 0.
Si rielabora lequazione
maglia centrale:
R2J2 R2J3 = (J1 J2),
(+R2)J2 R2J3 = J1.

Figura 4.18a

Sostituendo, si ha:
J1 = E/ R1 = 10/10 = 1A,
(5+20)J2 20J3 = 51;
-20J2 + 20J3 = 0;
da cui J2 = 1A e IABcc = J3 = 1A.
La resistenza vista dai morsetti AB si ottiene valutando la tensione
a vuoto (J1 J2),e facendo il

Bo
z

za

rapporto tra essa e la corrente


cortocircuito. Si ha:
R1J1 = E;
R2J2 = Io = (J1 J2);
quindi J1 = 1 A e J2 =1/5.
Ne deriva che la tensione a vuoto sia:
VABo = R2 J2 = 4 V,
per cui la resistenza di Norton :
RAB = VABo/IABcc = 4/1 = 4.
Il circuito equivalente di Norton
rappresentato in figura 4.18c, e
per esso vale la seguente
relazione:
IAB = IABcc + VAB/RAB = 1 + VAB/4.

alla

Figura 4.18b

di

Figura 4.18c

Figura 4.18d

La resistenza RAB pu anche


essere valutata considerando lo schema di figura 4.18d, in cui si
alimenta la rete resa passiva con un generatore unitario di tensione.
La resistenza RAB si ottiene dal rapporto VAB/IAB. Si ricava subito che
I1 = 0, Io =1/ (uguaglianza tensioni sui generatori), e che IAB = I2 +Io
= 1/20+1/5=1/4 A, per cui RAB = 4.
78

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Esercizio 4.19
Per mezzo del teorema di
Thevenin si sintetizzi il
modello
equivalente
dellinsieme
sistema
elettrico in condizione di
guasto e corpo umano.

Figura 4.19

Svolgimento

Bo
z

za

In figura 4.19a mostrato il


percorso della corrente di carico in
assenza di condizione di guasto.
La corrente di carico IL percorre
solamente il generatore e la
resistenza R; il punto A, facente
parte della carcassa metallica che
protegge il resistore R, non in
tensione.
In figura 4.19b mostrato il
percorso della corrente di guasto,
che subentra o si sovrappone alla
normale corrente di carico. Tale
corrente si richiude per mezzo
della resistenza di terra RN del
generatore e della resistenza di
terra RT dellutilizzatore. Queste
resistenze sono sempre esistenti,
realizzate intenzionalmente con
elementi
conduttori
oppure
dipendenti dal terreno su cui
poggia limpianto. Essendo RT

79

Figura 4.19a

Figura 4.19b

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

percorsa da corrente, il punto A sar in tensione.


Per determinare la tensione a cui
soggetta la persona si deve
schematizzare meglio il corpo
umano, figura 4.19c. La resistenza
di contatto tra carcassa metallica e
corpo umano e quella del corpo
umano sono schematizzate da RC,
mentre la resistenza incontrata per
iniettare la corrente nel terreno
(resistenza di contatto piedi-terreno)
schematizzata da RTC.
Il circuito equivalente di Thevenin ai
Figura 4.19c

Bo
z

za

morsetti A-B presenta una tensione VABo


data dalla caduta di tensione su RT:
VABo = RTE/(RN + RT).
La resistenza equivalente di Thevenin RTH
data dal parallelo tra RN e RT, e spesso
assume valori trascurabili rispetto alle
resistenze RC e RTC.
Lo schema elettrico completo riportato in
figura 4.19d.

Esercizio 4.20
Facendo riferimento al
circuito di figura 4.20,
determinare il rapporto
RX/R affinch, quando il
tasto T risulta chiuso, VAB
assuma i due terzi del
valore
raggiunto
in
condizioni di tasto aperto.

Figura 4.19d

Figura 4.20

Svolgimento
Si determina il circuito equivalente di Thevenin ai morsetti A-B. VABo
si determina per mezzo della formula del partitore di tensione:
80

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

VABo = RE/(2R +R) =E/3.


La resistenza equivalente di Thevenin data
dalla serie tra 1/3R ed il parallelo di 2R e R:
RTH = 1/3R +2/3R = R.
Il circuito equivalente mostrato in figura
4.20a.
Quando T aperto VAB pari a VABo.
Quando T chiuso VAB data da:
RX VABo/ (RTH + RX) = RX (E/3) / (R+ RX).
Imponendo la condizione data si ha:
RX VABo / (R+ RX) = 2/3 VABo,
da cui 3RX = 2R +2 RX, e quindi RX = 2R.

Figura 4.20a

Esercizio 4.21

Bo
z

za

La corrente IL misurata
nello schema di figura
4.21. Si eseguono due
misure differenti variando il
valore di tensione del
generatore E:
1) E(1) = 10V, R = 1,
IL(1) = 0A;
2) E(2)= -10 V, R = 1,
Figura 4.21
IL(2) = -5A.
Determinare il valore della resistenza interna allo schema di
Thevenin.
Svolgimento
Per il primo caso si fa riferimento allo
schema di figura 4.21a. E immediato
determinare che VTH pari a 10V.
Si considera adesso lo schema di
figura 4.21b, la seconda equazione di
Kirchhoff afferma che:
10 +10 +RTHIL +RIL=0,
da cui RTH = (20-15)/5 = 3.

Figura 4.21a

Figura 4.21b
81

Capitolo 4 Metodi di analisi circuitale

Esercizio 4.22
Il circuito rappresentato in figura 4.22 composto da tre resistori ed
un generatore di tensione. Sfruttando la caratteristica grafica del
comportamento ai morsetti, si determinino i valori di VS e di R.

Figura 4.22

Svolgimento

Bo
z

za

Si ricava il circuito equivalente di Thevenin,


figura 4.22a. VTH la tensione a circuito
aperto, data da:
VS
VS
VTH
2R
.
4R
2
RTH la resistenza della rete spenta, tale
Figura 4.22a
resistenza pari a R+2R//2R = 2R.
Quando la corrente IAB nulla la tensione
VTH assume nella caratteristica il valore di 12V , per cui si trova che
VS pari a 24 V.
In un generatore di tensione la resistenza interna si valuta per mezzo
del rapporto tra tensione a vuoto e corrente di cortocircuito, per cui si
ha:
VABo 12
R TH
6:.
IABcc
2
Deriva quindi che R pari a 3.

82

Capitolo 5 Doppi bipoli

Capitolo 5
Doppi bipoli

R3
R1

Esercizio 5.1
Determinare le espressioni
in forma letterale dei
parametri della matrice di
impedenza
del
doppio
bipolo di figura 5.1.

R2
R4

Figura 5.1

Svolgimento

Bo
z

za

Le equazioni caratteristiche del doppio


bipolo di figura 5.1a, nella forma di
parametri impedenza, sono:
v1 = Z11i1 + Z12i2,
v2 = Z21i1 + Z22i2, con
Z 11
Z 21

v1
i1
v2
i1

, Z12
i2 0

, Z 22
i2 0

v1
i2 i
v2
i2

Figura 5.1a

,
1

.
i1 0

Facendo riferimento allo schema di


figura 5.1b, si ricavano i parametri Z11 e
Z21. Alimentando la prima porta con un
generatore di corrente di valore unitario
si pu ottenere la tensione v1 come
prodotto tra la corrente iniettata e la
Figura 5.1b
resistenza R, resistenza vista dalla
prima porta. Tale resistenza data da:
R = R1//(R2+R3)+R4 = R1(R2+R3)/( R1+R2+R3) +R4, si ha quindi
83

Capitolo 5 Doppi bipoli

Z11

v1
i1 i

R'1
1 i2

R1(R 2  R 3 )
 R4 .
R1  R 2  R 3

La tensione v2 valutabile componendo la caduta di tensione su R2 e


su R4.
v2 = vR2 + vR4 = R2iR2 + R4iR4 .
E immediato dedurre che iR4 sia pari a 1, mentre per valutare iR2 si
pu applicare la formula del partitore di corrente:
R1
iR 2 1
, da cui la caduta di tensione sulla seconda
R1  R 2  R 3
porta:
R 2R1
v 2 1
 R 4 1 e quindi
R1  R 2  R 3
Z 21

v2
i1

i2 0

v2
1

i2 0

R 2R1
 R4 .
R1  R 2  R 3

Bo
z

za

Si valutano adesso i parametri Z22.e Z12,


figura 5.1c.
Il parametro Z22 si ottiene eseguendo gli
stessi ragionamenti fatti per ricavare il
parametro Z11, si valuta la resistenza R,
vista dalla seconda porta:
R = R2//(R1+R3)+R4, si ha quindi
R 2 (R1  R 3 )
v2
R' '1
Z 22
 R4 .
i2 i 0
1 i 1 0 R1  R 2  R 3

Figura 5.1c

Per valutare Z12 si procede come fatto per la valutazione di Z21, si


compongono le cadute di tensione su R1 e su R4:
v1 = vR1 + vR4 = R1iR1 + R4iR4.
Utilizzando il partitore di corrente si ha:
R2
iR1 1
, per cui
R 2  R1  R 3
v 1 1

Z12

R1R 2
 R4 1 ,
R 2  R1  R 3

v1
i2 i1

v1
1 i1

R1R 2
 R4 .
R 2  R1  R 3
84

Capitolo 5 Doppi bipoli

Si nota che Z12 = Z21, ci dovuto al fatto che la rete reciproca


(sono assenti generatori pilotati).
Se vi fosse luguaglianza di R1 e R2, la rete risulterebbe anche
simmetrica, e risulterebbe Z11 = Z22.
Esercizio 5.2
Determinare le espressioni
in forma letterale dei
parametri della matrice di
impedenza
del
doppio
bipolo di figura 5.2.
Figura 5.2

Svolgimento

Bo
z

za

La rete reciproca ma non simmetrica,


per cui si valutano i parametri Z11, Z22,
Zm. In gigura 5.2a mostrato il primo
schema per la valutazione di Z11 e Zm.
La resistenza vista dalla prima porta
data dal parallelo tra R e la serie 2R, per
cui:
v1
v1
R2R 1 2R

Z11
i1 i 0 1 i 2 0 R  2R 1 3

Figura 5.2a

Nel determinare la caduta di tensione v2, necessaria per stabilire il


parametro Zm, si considera che la resistenza terminale di destra non
percorsa da corrente, per cui su di essa non vi alcuna caduta di
tensione; inoltre si nota che la tensione v1 applicata alla serie di
due resistenze identiche, una delle quali contribuisce esclusivamente
alla caduta di tensione v2, per cui si ha:
v1
1
R2R
v2
1 R
2
2

Zm
i1 i 0
1
R  2R 1 3 .
2

i2 0

Facendo riferimento allo schema di figura


5.2b si ricava Z22.
La resistenza vista dalla seconda porta
85

Figura 5.2b

Capitolo 5 Doppi bipoli

data dalla serie tra R e il parallelo tra R e la serie 2R, da cui:


v2
v2
R2R 1 5R

Z 22
R 

.
i2 i 0
1 i1 0
R  2R 1 3
1

Si valuta il parametro Zm con lo schema di figura 5.2b, per verificare


la correttezza dellaffermazione iniziale. La corrente i2 percorre la
resistenza terminale di destra per poi ripartirsi in A in due parti nel
parallelo di resistenze, la prima percorre la serie di resistenze 2R,
mentre la seconda percorre la singola resistenza R. Utilizzando la
formula del partitore di corrente si ottiene che nella serie 2R si ha
una corrente di 1/3A, da cui:
1
R
R
v1
3
Zm
.
1
3
i2 i 0

Bo
z

za

Esercizio 5.3
Per il doppio bipolo di figura
5.3, determinare i parametri
della
rappresentazione
mediante
matrice
di
impedenze [z].
[R1 = 4, R2 = 2, R3 = 2,
Ig1 = v1, = 2S]

Figura 5.3

Svolgimento
La rete non reciproca ne
simmetrica. Per la valutazione di Z11
e Z21 si utilizza lo schema di figura
5.3a, in cui si considera il nodo C
connesso a terra.
Si determinano i potenziali VA e VB
con il metodo dei potenziali di nodo.
Le equazioni sono:
VA(1/R1 + 1/R2) VB/R2 = 1;
-VA/R2 +VB(1/R2 + 1/R3)= -VA.
Lequazione matriciale data da:
86

Figura 5.3a

Capitolo 5 Doppi bipoli

1
1
1

R  R
R 2 VA 1
2
1
,
 1  E 1  1 VB 0
R 2
R 2 R 3
che porta a VA =2/3V e VB= -1V, per cui
Z11 = 2/3 e Z21 = -1 .
Per ricavare Z22 e Z12 si fa riferimento
allo schema di figura 5.3b.
Figura 5.3b
In questo caso le equazioni risolventi
sono:
VA(1/R1 + 1/R2) VB/R2 = 0;
-VA/R2 +VB(1/R2 + 1/R3)= 1-VA.
Si ottiene VA =1/3V e VB= 1/2V, per cui Z22 = 1/3 e Z12 = 1/2 .
i1

i2

R2

Bo
z

v2

za

R1

v1

Esercizio 5.4
Per il doppio bipolo di figura 5.3,
determinare i parametri della
rappresentazione
mediante
matrice di ammettenza [Y].
[R1 = 4, R2 = 8, R3 = 4]

R3
Figura 5.4

Svolgimento

Si deve ricavare la matrice [Y] del sistema dato da:


i1 = Y11v1 + Y12v2,
i2 = Y21v1 + Y22v2, con
i1
i1
Y11
, Y12
,
v1 v 0
v2 v 0
2

Y21

i2
v1 v

, Y22
2

i2
v2

.
v1 0

Figura 5.4a

Si fa riferimento alla figura 5.4a per


determinare i parametri Y11 e Y21, in tale schema stato inserito un
generatore di tensione di valore unitario.
Si scrive il sistema di equazioni alle correnti di maglia:
(R1 + R2)J1 R2J2 =1;
87

Capitolo 5 Doppi bipoli

-R2J1 +(R2 + R3)J2 =0.


Si ha quindi
1 4
0 6
J1
6 4
4
Y11

3
A
10 ,

J2

i1
v1 v

J1
1 v2

3
S,
10

6
4
6
4

1
0
4
6

i2
v1 v

Y21

1
A
5 ,

 J2
1

Per identificare i parametri che


mancano, si fa riferimento adesso alla
figura 5.4b, e si scrivono le equazioni
delle correnti di anello:
(R1 + R2)J1 R2J2 =0;
-R2J1 +(R2 + R3)J2 = -1.
0 4
1 6
1
J1
 A,
6 4
5
4 6

per

v2 0

cui

1
 S.
5

Bo
z

za

Figura 5.4a

6
J2

Y12

 4 1
6 4
4 6
i1
v2

v1 0

3
A
10 ,

J1
1 v1

per

cui

Y22

i2
v2

v1 0

 J2
1

v1 0

3
S,
10

1
 S.
5

Lassenza di generatori dipendenti conferiva alla rete il carattere di


reciprocit, altrettanto non poteva essere detto per la simmetria.

88

Capitolo 5 Doppi bipoli

i1

v3

v1 R1

Esercizio 5.5
Per il doppio bipolo di figura 5.5,
determinare i parametri della
rappresentazione
mediante
matrice di ammettenza [Y].
[R1 = 1/4, R2 = 1/3, R3 =
1/2, = 2]

i2

v2
R2
R3 v3
Figura 5.5

Svolgimento

Bo
z

za

Si procede alla valutazione dei parametri


Y11 e Y21. Si considera lo schema di figura
5.5a, in cui sono presenti due generatori di
tensione.
Si determinano i1 e i2 per mezzo del
principio di sovrapposizione degli effetti,
facendo agire un generatore per volta:
i1 = i1I + i1II,
i2 = i2I + i2II.
Lo schema di figura 5.5b consente di
ricavare i1I, i2I e v3I:
i1I = 1/R1 + 1/R2 + 1/R3 = 9A,
i2I= - 1/R3 = -2A,
v3I = R3(-i2I)= 1.
Nello schema di figura 5.5c, che consente
di ricavare i1II,i2IIe v3II, si nota che su R1
non scorre corrente.
i1II= -(v3/R2 + v3/R3 ),
i2II= v3/R3,
v3II = - v3.
Si procede alla determinazione delle
grandezze incognite:
v3 = v3I + v3II = 1 - v3 v3 = 1/3V.
i1 = i1I + i1II = 9 - 2 4/3 = 17/3 A,
i2 = i2I + i2II = -2 + 4/3 = -2/3.
Si ottengono quindi Y11 = 17/3S e Y21 = -2/3S.
89

Figura 5.5a

Figura 5.5b

Figura 5.5c

Capitolo 5 Doppi bipoli

Similmente si adotto lo schema di figura 5.5d per determinare Y22 e


Y12.
Si adotta ancora il principio di
sovrapposizione degli effetti in presenza di
due generatori di tensione:
i1 = i1III + i1IV,
i2 = i2III + i2IV.
Come fatto precedentemente si utilizzano
due schemi circuitali. Dal primo si evince
che i resistori R1 e R2 non sono percorsi
Figura 5.5d
da corrente.
Si ottiene che:
i1III = -1/R3 = -2A,
i2III= 1/R3 = 2A,
v3III = R3i2III= -1.
Il secondo schema rappresentato in
figura 5.5f.
Figura 5.5e

Bo
z

za

Si pu scrivere che:
i1IV = -(v3/R2 + v3/R3 ),
i2IV= v3/R3,
v3III = - v3.
Le grandezze incognite valgono:
v3 = v3III + v3IV = -1 - v3 v3 = -1/3V.
i1 = i1III + i1IV = -2 + 2 + 4/3 = 4/3 A,
i2 = i2III + i2IV = 2 - 4/3 = 2/3.
Si ottengono pertanto Y22 = 4/3S e Y12 = 2/3S.

Figura 5.5d

Esercizio 5.6
i1

i2
R

v1

Per il doppio bipolo di figura 5.6,


determinare i parametri della
rappresentazione
mediante
matrice di trasmissione diretta.

R
R

v2

Svolgimento

Figura 5.6

90

Capitolo 5 Doppi bipoli

Il problema pu essere risolto in due maniere differenti. Sinizia con


la valutazione diretta dei parametri.
Si considera lo schema di figura 5.6a
in cui il secondario aperto e si
ricavano i parametri A e C, dati da:
A

v1
v2

, C
i2 0

i1
v2

.
i2 0

Figura 5.6a

Bo
z

za

Il parametro A si ricava per mezzo di semplici ragionamenti: la


resistenza terminale a destra non percorsa da corrente, quindi la
tensione v2 pari alla caduta di tensione sul resistore R verticale di
destra, la cui tensione met della tensione di alimentazione v1,per
cui A=2.
La corrente i1 data da:
3v 1
i1
v1 v1
2R 3
i1

, per cui C v
v1
R.
R 2R
2 i2 0
2
Per valutare i parametri B e D si fa
riferimento alla figura 5.6b:
B

v1
 i2

, D
v2 0

i1
 i2

.
v2 0

La
corrente
che
circola
sul
Figura 5.6b
cortocircuito della seconda porta si
pu valutare facilmente con la seguente formula:
v1
1
 i2
, da cui B=3R.
R R/2 2
La corrente i1 data da:
v1
v1
i1

, per cui D = 5.
R R R/2
Si ha quindi la seguente rappresentazione matriciale:
2 3R
T 3
5 .

R
Si pu notare che per il doppio bipolo reciproco si ha: AD-BC=1.
91

Capitolo 5 Doppi bipoli

Una tecnica differente per la


risoluzione dellesercizio quella
che scompone la rete in tre
sottosistemi semplici connessi in
cascata, figura 5.6c.
Per il sistema I si ricavano i
parametri AI, BI, CI e DI. Sfruttando
le definizioni e i relativi circuiti di
definizione, figura 5.6d e 5.6e, si
ha:
i1
1
v1
AI
1 , CI
,
v2 i 0 R
v2 i 0
2

BI

v1
 i2

Figura 5.6c

0 , DI
v2 0

i1
 i2

1.

Figura 5.6d

Figura 5.6e

v2 0

Bo
z

za

Similmente per il sistema II si ottengono i parametri AII, BII, CII e DII.


v1
i1
AII
1 , CII
0,
v2 i 0
v2 i 0
2

BII

v1
 i2

R , DII
v2 0

i1
 i2

1.
Figura 5.6f

v2 0

Figura 5.6g

Si ha quindi:
1 0
1 R
T II
TI 1

,
.
R 1
0 1
Il sistema a dato dal prodotto delle matrici TI e TII :
1 0 1 R 1 R
TIII 1

.
1
R 1 0 1 R 2
Il sistema completo dato dalla cascata di due sistemi a :
1 R 1 R 2 3R
T 1
,
3
1
R 2 R 2 R 5
che corrisponde alla matrice trovata precedentemente.
92

Capitolo 5 Doppi bipoli

i1I

Esercizio 5.7
In figura 5.7 rappresentata la
connessione tra due doppi bipoli
a T. Si determini la matrice di
impedenza del doppio bipolo
equivalente.
[R1 = 1, R2 = 8, R3 = 1, R4
= 2, R5 = 2, R6 = 1]

i2I
R1

v1

R2
R3

i1II

v2

i2II

Bo
z

za

Svolgimento
La connessione effettuata pu
R4
R5
essere erroneamente definita
v1
v2
R6
connessione
serie,
infatti
alimentando il sistema dalla
prima porta e lasciando aperta
la seconda si verifica una
i1I
i2I
Figura 5.7
condizione inammissibile per la
connessione serie: i2I =0 e i2II
R1
R2
0, che invece dovrebbero
v1
v2
R3
essere identiche.
La condizione di Brune afferma
che la connessione serie
1
i1II
i2II
possibile se, alimentando da
una porta le due reti connesse
R4
R5
in serie, in corrispondenza
v1
v2
R6
dell'altra porta nulla la
tensione tra i morsetti che
dovranno essere collegati in
Figura 5.7a
serie.
Similmente
la
connessione
parallelo

possibile se, alimentando da una porta le due reti connesse in


parallelo, nulla la tensione tra i morsetti chiusi a due a due in corto
circuito in corrispondenza dell'altra porta.
Si alimenta la prima porta e si determinano i parametri Z11 e Z21,
figura 5.5a.
v1
v1
R1  R3  R 4 // R 5  R 6 1 5:.
Z11
i1 i 0 1 i 2 0
1
2

93

Capitolo 5 Doppi bipoli

Z 21

v2
i1

i2 0

v2
1

R3  R 4 // R 5  R 6 1
1

i2 0

3:.

Essendo la rete reciproca e simmetrica si ha Z12 = Z21 e Z22 = Z11,


per cui la matrice delle impedenze Z data da:
5 3
Z
.
3 5
Si procede adesso considerando i doppi bipoli in serie e si verifica
lerrore di tale procedura.
Il primo doppio bipolo presenta una matrice ZI, data da:
R 3 3 2
R  R 3
ZI 1
.
R 2  R 3 2 3
R3
Il secondo doppio bipolo descritto da una matrice ZII, data da:
R 6 3 1
R  R 6
ZII 4
.
R 5  R 6 1 3
R6

Bo
z

za

Eseguendo la somma in serie delle matrici di impedenza si ottiene:


3 2 3 1 6 3 5 3
Z serie ZI  ZII


z
Z.
2 3 1 3 3 6 3 5
Loperazione di somma in serie tra due doppi bipoli ammissibile
quando sono verificate le condizioni i1I = i1II e i2I = i2II, ottenibili in
questo caso se il secondo doppio bipolo fosse a T rovesciata,
realizzando un collegamento sbilanciato.

Esercizio 5.8
Individuare due sotto-circuiti
biporta
che,
connessi
in
parallelo,
corrispondano
al
doppio bipolo di figura 5.8.
Deterinare infine i parametri
ammettenza
del
sistema
completo,
utilizzando
i
sottosistemi precedentemente
identificati. [R1 = 1/4, R2 =
1/8, R3 = 1/4, R4 = 1/2,
=2]

Figura 5.8

94

Capitolo 5 Doppi bipoli

Svolgimento
Per affrontare il problema conviene separare
il circuito in parti canoniche e nello specifico
si scompone in due sistemi a e a . Il
sistema a prevede il generatore pilotato e
ovviamente la grandezza che lo comanda,
figura 5.8a.
Alimentando la prima porta con un
generatore
di
tensione
unitario
e
cortocircuitando la seconda porta (figura
5.8b), si ottengono facilmente i seguenti
parametri:
1
i1
R2
*
Y11
8S,
v1 v 0
1
2

 1  Ei1
R2
1

8S.

za

Y 21

i2
v1 v

v2 0

Figura 5.8b

Bo
z

Figura 5.8a

v2 0

Similmente alimentando la seconda porta


come mostrato in figura 5.8c, si ottengono i
rimanenti parametri:
1  Ei1
i2
R2
*
Y22
8  16 8S,
1
v2 v 0
1

Y12

i1
v2

v1 0

v1 0

 1
R2
1

Figura 5.8c

8S.
v1 0

Si considera adesso il doppio bipolo a ,


figura 5.8d.
Alimentando la prima porta con un
generatore
di
tensione
unitario
e
cortocircuitando la seconda, figura 5.8e, si
ottengono:
95

Figura 5.8d

Capitolo 5 Doppi bipoli

Y11

Y 21

i1
v1 v
i2
v1 v

1  1
R1
R4
1

6S,
v2 0

 1
R4
1

2S.
v2 0

Similmente considerando lo schema di


figura 5.8f, si ottengono:
Figura 5.8e

Y12

i1
v2

v1 0

v1 0

1  1
R3
R4
1

6S,
v1 0

 1
R4
1

2S.

za

Y22

i2
v2

v1 0

Figura 5.8e

Bo
z

La matrice di ammettenze del sistema completo si ottiene sommando


le matrici di ammettenze dei sotto sistemi:
8  8 6  2 14  10
Yparallelo Y *  Y S


.
8  8  2 6 6  2
Esercizio 5.9
Determinare le impedenze (resistenze) dingresso e di uscita per i
doppi bipoli a carico di figura 5.9.

Figura 5.9

96

Capitolo 5 Doppi bipoli

Bo
z

za

Svolgimento
Le relazioni di doppio bipolo espresse mediante parametri di
trasmissione diretta (figura 5.9a) sono date da:
v 1 Av 2  Bi2
.
i1 Cv 2  Di2
Queste vanno integrate con la
relazione alla porta 2:
v2 = -ZLi2,
Figura 5.9a
sicch per limpedenza dingresso si
ha:
v 1 AZL  B
Zi
.
i1 CZL  D
Si considerano adesso i parametri di trasmissione inversa (figura
5.9b) per la valutazione dellimpedenza di uscita:
v 2 A' v 1  B' i1
.
i2 C' v 1  D' i1
La relazione alla porta 1 data da:
v1 = -ZGi1,
sicch per limpedenza duscita si ha:
v 2 A' Z G  B'
Zu
.
i2
C' Z G  D'
Figura 5.9b
Si determina adesso la relazione che
intercorre tra parametri T e T:
v1 A B v 2 A  B v 2 A  B A' B' v 1

i1 C D  i2 C  D i2 C  D C' D'  i1
A  B A'  B' v1 A  B A'  B'
C  D C'  D' i C  D C'  D' 1,

per cui
A'  B'
A  B
 D B
1
C'  D' inv C  D  AD  BC  C A ,

ed infine
A' B' A'  B' 1 0
D B
1
C' D' C'  D' 0  1 AD  BC C A .

Limpedenza di uscita pu essere scritta come:


97

Capitolo 5 Doppi bipoli

Zu

v2
i2

DZ G  B
.
CZ G  A

Le impedenze dingresso e di uscita si possono interpretare come


una trasformazione delle impedenze di carico operata dal doppio
bipolo, nel senso che il generatore applicato a una delle due porte
vede unimpedenza diversa da quella del bipolo di carico e
dipendente anche alle caratteristiche del doppio bipolo interposto.
Quando la linea chiusa sulla sua
impedenza
caratteristica
tale
trasformazione non applicata.
Le impedenze caratteristiche sono
quei particolari bipoli che verificano
le condizioni di figura 5.9c e 5.9d.
Segue quindi che:
AZ C1  B
,
CZ C1  D

za

v1
i1

Bo
z

Z C1

Figura 5.9c

da cui
CZ C2 1  D  A Z C1  B

0.

Ed anche che:
v 2 DZ C2  B
ZC2
,
i2
CZ C2  A
CZ C2 2  A  D Z C2  B

Figura 5.9c

0.

Le soluzioni per doppi bipoli simmetrici coincidono:


B
Z C1 Z C2
,
C
tale valore comune viene chiamato impedenza caratteristica del
doppio bipolo simmetrico.
In queste condizioni il doppio bipolo non opera trasformazione
dimpedenza.
98

Capitolo 5 Doppi bipoli

Si definiscono impedenze immagini quei particolari valori di ZG e ZL


per cui risulta verificata la condizione:
ZG = Zi e ZL = Zu.
Le impedenze immagini
possono
essere
facilmente ricavate in
funzione dei parametri di
trasmissione:
AZim2  B
,
CZim2  D

Zim2

v2
i2

DZim1  B
.
CZim1  A

Risolvendo si ottiene:
AB
Zim1
,
CD
e
BD
Zim2
.
AC

za

v1
i1

Bo
z

Zim1

Figura 5.9d

Un procedimento differente per ottenere limpedenza immagine


quello di considerare limpedenza di ingresso a vuoto e in
Z 0 Z cc . Ovviamente per reti simmetriche
cortocircuito, Zim1
limpedenza immagine e quella caratteristica coincidono.

99

Capitolo 5 Doppi bipoli

Esercizio 5.10
La rete di figura 5.10 composta da una catena infinita di doppi
bipoli connessi in cascata. Ponendo in uscita la resistenza
caratteristica Rc, la resistenza che si vede in ogni sezione della linea
la stessa. Determinare Rc. [Z11 = 19, Z12 = 16, Z21 = 16, Z22 =
21]

Figura 5.10

Bo
z

za

Svolgimento
Quando la linea chiusa sulla sua
impedenza caratteristica in ogni sezione
la resistenza di ingresso, Ri, pari alla
resistenza caratteristica, Rc, figura 5.10a.

Figura 5.10a

Al doppio bipolo di parametri Z si pu


sostituire lequivalente doppio bipolo a T,
figura 5.10b. Si ricavano quindi:
R1 =3, R2 =5, R3 =16.

Figura 5.10b

Si studia quindi il circuito di figura 5.10c.


Rc

R1  R 3

R2  Rc
,
R3  R 2  Rc

si ha quindi:

Figura 5.10c

R3  R 2 R c  R c2 R3  R 2 R1  R1 R c  R3 R 2  R3 R c
sostituendo
100

Capitolo 5 Doppi bipoli

21 R c  R c2 63  3 R c  80  16 R c ,
riordinando
R c2  2 R c  143 0, si ha quindi Rc = 11 e Rc = -13, ovviamente
la soluzione fisica Rc = 11.

Esercizio 5.11
Progettare un doppio bipolo
simmetrico con impedenza
caratteristica pari a 400 .
Figura 5.11

Bo
z

za

Svolgimento
Si considera una rete simmetrica a T,
figura 5.11a. Il problema pu essere
risolto in due maniere differenti. Una
prima via considera la valutazione
diretta dei parametri di trasmissione.
Si considera lo schema di figura 5.11b
in cui il secondario aperto e si ricava
il parametro C:
1
i1
R1  R 2
1
C
.
1
v2 i 0
R2
R2
2
R1  R 2
Per valutare il parametro B fa
riferimento alla figura 5.11c:
v1
1
B
1
R2
 i2 v 0
2
R1R 2 R1  R 2
R1 
R1  R 2
R12  2R1R 2
.
R2
101

Figura 5.11a

Figura 5.11b

Figura 5.11c

Capitolo 5 Doppi bipoli

Limpedenza caratteristica data da:


ZC

R12  2R1R 2
R2
R2

B
C

R12  2R1R 2 .

Si sceglie il valore di una delle resistenze in modo che sia circa la


met dellimpedenza caratteristica che si vuole ottenere, o comunque
una appartenente ad un taglio commerciale inferiore a essa.
Si pone R1= 200, per cui:
ZC

4 10 4  400R 2 R 2

400

300:.

Unaltra via per determinare i valori delle resistenze consiste


nellapplicare la formula:
Z 0 Z cc ,
con Z0 impedenza di ingresso a vuoto e ZCC impedenza in
cortocircuito.
Sempre sfruttando gli schemi di figure 5.11b e 5.11c, si ha:
Z 0 R1  R 2 ,
ZC

R1R 2
,
R1  R 2
da cui si ottiene:
R1 

ZC

R1  R 2 R1  2R1R 2

Bo
z

za

Z CC

R1  R 2

,
Figura 5.11d

identica
a
quella
determinata
precedentemente.
Si verifica adesso che limpedenza ricavata sia unimpedenza
caratteristica. Si considera la figura 5.11d.
Limpedenza dingresso data da:
Zi

R1 

R 2 R1  Z C
R 2  R1  Z C

200 

300 200  400


300  200  400

400:.

Limpedenza di ingresso coincide con limpedenza caratteristica.

102

Capitolo 5 Doppi bipoli

Esercizio 5.12
Determinare la resistenza vista
dai morsetti A-B.
[Z11 = 1, Z12 = -2, Z21 = 1,
Z22 = 3, R = 2]

Figura 5.12

Bo
z

za

Svolgimento
Una via semplice per risolvere
lesercizio quella di sostituire alla rete
il circuito a T equivalente, ed essendo il
doppio bipolo non reciproco, ci sar la
presenza di un generatore dipendente
di tensione. Unalternativa generale
consiste nellimplementare le equazioni
del 2-porte.
Si nota che iAB = i1 e vAB = v1- v2, figura
5.12a.
Si scrivono le equazioni del 2-porte:

Figura 5.12a

v1 = Z11i1 + Z12i2,
v2 = Z21i1 + Z22i2,
poi la legge di Ohm sulla resistenza R:
v2 = - R(i1 +i2),
combinando le due ultime equazioni si ha:
R  Z 21
i1 , per cui
Z21i1 + Z22i2,= - R(i1 +i2) i 2 
R  Z 22
v AB v 1  v 2

Z11 i1  Z12 i2  Z 21 i1  Z 22 i2

Z11  Z 21 i1 

R  Z 21
2 1
i1 1  1 i1   2  3
i1
R  Z 22
23
La resistenza cercata pari a 3.
 Z12  Z 22

103

3i1

R AB i AB .

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Capitolo 6
Circuiti dinamici del primo ordine

Esercizio 6.1
Sullinduttore lineare di
figura 6.1 circola una
corrente
con
profilo
temporale a dente di sega.
Determinare landamento
della tensione VAB(t) ai capi
dellinduttore. [Imax =10A,
T=100ms, L = 1H]

za

Figura 6.1

Bo
z

Svolgimento
La relazione costitutiva di un induttore, che lega la tensione alla
corrente, espressa dalla seguente formula:
d
v AB ( t) L i AB ( t) .
dt
Considerando il singolo periodo [0,T], si scrive in forma analitica il
profilo temporale della corrente di dente di sega:
Imax
T

0dtd
i AB ( t) T 2 t
2

Imax
T
i AB ( t) Imax 
t  T 2 d t d T

T 2
2
Utilizzando la relazione costitutiva si ricava il profilo temporale della
tensione vAB(t):
Imax
T

v AB ( t) L T 2 0  t  2

I
T
v AB ( t) L max
tT

T 2 2
104

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Imax
Vmax = 200V e si
T 2
traccia landamento temporale
della tensione vAB(t), figura 6.1a.
Si pone L

Bo
z

za

Si noti come la tensione vAB(t)


presenti delle discontinuit di
prima specie nei punti in cui la
corrente iAB(t) presenta delle
discontinuit di prima specie nella
Figura 6.1a
derivata. La corrente in un
induttore, in assenza di generatori impulsivi, una grandezza
continua, ci non pu essere detto sempre per la relativa tensione.

Esercizio 6.2
Sullinduttore lineare di
figura 6.2 applicato un
impulso di tensione il cui
profilo
temporale

mostrato
nella
stessa
figura.
Determinare
landamento della corrente
iAB(t) .

Figura 6.2

Svolgimento
In un induttore la relazione costitutiva che lega la corrente alla
tensione, espressa dalla seguente formula:
1 t
i AB ( t)
v AB ( t)dt  i(0) .
L 0
Lespressione analitica della tensione vAB(t) :

105

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Vmax
T/3 t

Vmax

 Vmax t  T
T / 3

T
3
T
2T
dtd
3
3 .
2T
dtdT
3
0dtd

Si ricava la corrente nel primo intervallo, [0,T/3]:


1 t
1 t Vmax
1 Vmax t 2
tdt  i(0)
i AB ( t)
v AB ( t)dt  i(0)
.
L 0
L 0 T/3
L T/3 2
Si ricava la corrente nel secondo intervallo, [T/3,2T/3]:
1 T / 3 Vmax
1 t
1 t
i AB ( t)
v AB ( t)dt  i(0)
tdt 
Vmax dt
L 0
L 0 T/3
L T/3

V
1 Vmax T / 3
1
T Vmax
T
T  max t 
 Vmax t 
L T/3
2
L
3
6L
L
3

Si ricava la corrente nel terzo intervallo, [2T/3,T]:


1 t
1 T / 3 Vmax
1 2T / 3
i AB ( t)
v AB ( t)dt  i(0)
tdt 
Vmax dt 
L 0
L 0 T/3
L T/3
 Vmax
1 t
t  T dt Vmax T  1 Vmax T  1 Vmax

L 2T / 3 T / 3
6L
L
3 L T/3

Bo
z

za

t2
1 Vmax
 Tt 
2
L T/3

1 2T 2
2

 T T
2 3
3

t2

 Tt  4 T 2
2

Si ricava, infine, la corrente per t > T:


1 t
1 T / 3 Vmax
1 2T / 3
i AB ( t)
v AB ( t)dt  i(0)
tdt 
Vmax dt 
L 0
L 0 T/3
L T/3
t
1 T  Vmax
t  T dt  1 0dt Vmax T  Vmax T 

3L
L 2T / 3 T / 3
L T
6L
13 Vmax
V
17
 3 max
T
T
L 18
9L
Vmax
V
T  3 max
2L
LT

106

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Un andamento qualitativo
tracciato in figura 6.2a.
Si noti come a seguito di un
impulso di tensione si ha una
risposta permanente della
corrente.

vAB(t)

T/3

2T/3

T/3

2T/3

iAB(t)

Bo
z

za

Figura 6.2a

Figura 6.3

Esercizio 6.3
Nellistante t=0 il tasto T viene
chiuso. Sapendo che che il
generatore di tensione EG
assume un profilo temporale di
tensione costante e che il
condensatore
prima
della
chiusura del tasto scarico,
determinare landamernto di
tensione
sul condensatore.
[EG= 10V, R=1, C =1F]

Svolgimento
Il comportamento della rete condizionato dalla presenza di un
elemento conservativo e dalle condizioni energetiche da esso
assunte prima della chiusura del tasto.
In figura 6.3a rappresentata la rete nellistante t=0-; applicando la
seconda legge di Kirchhoff si ha:
107

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Bo
z

za

EG = vT + vR + vc.
Essendo un circuito serie interrotto
dal tasto T aperto, la corrente
nellanello nulla, e quindi la
caduta di tensione sul resistore R
pure
nulla,
d'altronde
sul
condensatore la tensione pure
imposta al valore nullo per le
condizioni
iniziali,
risulta
di
Figura 6.3a
conseguenza che vT = EG.
In figura 6.3b rappresentata la
rete per t = 0+.
Si sostituisce al posto del
condensatore un generatore di
tensione, poich nellistante di
tempo t = 0+ la tensione del
condensatore
deve
rimanere
Figura 6.3b
costante e pari al valore assunto
nellistante t = 0-. Applicando la seconda legge di Kirchhoff si ha:
EG = vT + vR + vc = 0 + vR + 0,
essendo la tensione sul tasto nulla.
Si deduce che:
EG
iR t 0 
,
R
la corrente che attraversa la maglia e quindi il condensatore una
corrente pari a quella che si avrebbe nel circuito se al posto del
condensatore fosse sostituito un corto circuito. Durante listante di
transizione il condensatore scarico
si comporta da cortocircuito, un
comportamento duale rispetto a
quello permanente.
In figura 6.3c rappresentato il
circuito per t = , quando il circuito
ha raggiunto la condizione di
Figura 6.3c
regime. Applicando la seconda
legge di Kirchhoff si ottiene:
EG = vT + vR + vc = 0 + 0 + vc,
il condensatore ormai carico alla tensione E0, e sulla maglia non
circola corrente.
108

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Bo
z

za

Dopo aver valutato le condizioni iniziali e finali del circuito, si pu


procedere alla descrizione analitica del comportamento dello stesso.
Si sceglie per descrivere il transitorio la tensione sul condensarore,
essendo questa lelemento costante durante il passaggio di regime.
Lequazione di Kirchhoff alla maglia viene riscritta per t>0 (non si
terr conto della tensione sul tasto, poich nulla):
EG - vR - vc = 0,
dv c
, si ha:
poich iR i c C
dt
dv c
1
1

v c t
EG .
dt
RC
RC
Lanalisi matematica afferma che la soluzione dellequazione
differenziale pu essere scomposta in due termini, v o t , dato dalla
soluzione dellequazione omogenea associata (priva del termine
1
EG ), e v p t , dato da una qualsiasi soluzione dellequazione
RC
completa. Lintegrale generale si scrive come:
v c t v o t  v p t .
Si considera la soluzione dellomogenea associata e si scrive la
relativa equazione algebrica:
dv c
1

v c t 0 ,
dt
RC
d
con D, si ha:
sostituendo loperatore differenziale
dt
1
1
1
Dv c 
v c 0 per cui D 
 , questo parametro
RC
RC
W
condiziona levoluzione del transistorio.
La soluzione dellomogenea associata vale:


t
RC

v o t Ae
Ae
,
con A costante da determinare.
La soluzione particolare pu essere ottenuta sostituendo a v c t ,
nellequazione differenziale generale, un termine che rispecchi la
stessa natura del termine non omogeneo, e in questo caso si sceglie
un termine B costante:
Dt

109

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

dB
1
1

B
EG ,
dt RC
RC
risulta pertanto che B = EG. Lequazione generale per t>0 data da:


t
RC

v c t Ae
 EG .
Rimane da determinare la costante A in funzione delle condizioni
iniziali. Per t = 0+ si ha vc =0 V, per cui:


0
RC

Ae
 EG , da cui A= -EG.
La soluzione cercata dellequazione differenziale :
t

RC
v c t EG 1  e

. Ne conseguono:

Bo
z

za


EG  RC
d
ic t C v c t
e
, v R EGe RC .
dt
R
In figura 6.3d rappresentato landamento temporale della tensione
sul condensatore, la pendenza iniziale data da:
EG
d
v c t 0
.
dt
W

12

tensione v c(t)

10
8
6
4
2
W = RC
0
0

tempo
Figura 6.3d

110

10

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Esercizio 6.4
Determinare
landamento
temporale della tensione sul
condensatore, sapendo che
nellistante t=0, quando il tasto
T viene chiuso, il condensatore
presenta una tensione iniziale
V0. [EG= 10V, V0 = 5V, R=1,
C =1F]
Figura 6.4

Svolgimento

Bo
z

za

Anche
in
questo
caso
il
comportamento
della
rete

condizionato dalla presenza di un


elemento conservativo. Si valutano
le condizioni finali ed iniziali nella
rete, partendo dallistante t=0+,
figura 6.4a.
Figura 6.4a
Lapplicazione della legge di
Kirchhoff porta ad avere sul resistore una tensione pari alla
differenza tra la tensione sul generatore e condensatore, la corrente
che circola sul resistore e sulla rete, non appena si chiude il tasto, :
EG  V0
iR t 0 
5 A.
R
Nella rete si ha quindi una corrente
non continua, con limite sinistro e
destro non coincidenti.
Si considera adesso il circuito a
regime, per t = , condizione che si
raggiunge dopo cinque volte la
Figura 6.4b
costante di tempo , circuito in cui il
condensatore si comporta da circuito aperto, figura 6.4b. In questo
caso la tensione sul condensatore raggiunge il valore dato da quella
sul generatore vc() = EG.

111

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

La tensione sul condensatore deve quindi essere compresa tra il


valore iniziale V0 ed il valore finale vc() = EG. Si scrive lequazione
che governa il transitorio:
dv c
, si ha:
EG - vR - vc = 0, sapendo che iR i c C
dt
dv c
1
1

v c t
EG .
dt
RC
RC
Tale equazione presenta come soluzione il seguente integrale
generale:
v c t v o t  v p t ,


t
W

Bo
z

za

con v o t Ae , soluzione dellequazione omogenea associata e


v p t , integrale particolare, una qualsiasi soluzione che soddisfa
lequazione differenziale completa.
Sapendo che vc() = EG una soluzione del problema, allora
lintegrale particolare immediatamente trovato.
Sapendo poi che la costante di tempo in un circuito con un
condensatore ed un resistore in serie pari a RC, lintegrale
generale quindi dato da:


t
RC

v c t Ae
 EG .
Si determina A imponendo la continuit della tensione sul
condensatore, in base alle considerazioni energetiche:
1
1
Wc 0 
C v c2 0 
C v c2 0  Wc 0  ,
2
2

0
RC

vc 0
V0 Ae
 EG A V0  EG .
Lintegrale cercato infine dato da:


v c t V0  EG e RC  EG .
Lequazione pu anche essere espressa utilizzando le informazioni
negli istanti 0 e :
v c t

v c 0  v c f e

t
RC

 v c f .

112

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

In figura 6.4c rappresentata levoluzione temporale della tensione


sul condensatore, la pendensa iniziale data da:
v c f  v c 0
d
v c 0
.
W
dt
12

tensione v c(t) [V]

10

vc(f) = 10 V

8
6
4

vc(0) = 5 V

za

W = RC =1
0
0

10

Bo
z

tempo [s]
Figura 6.4c

Osservazione
Abbandonando il punto di vista matematico per uno pi fisico, la
risposta della rete pu essere ricondotta alla somma di due
contributi:
t
t




v t  v t ,
RC
RC
 v c f 1  e
v c t v c 0 e
l
f

con v l t , risposta libera della rete, che presenta condizioni iniziali


non nulle e tutti i generatori spenti, e v f t , risposta forzata, in cui ad
essere nulle sono le condizioni iniziali ed i generatori sono attivi.
In questo caso la risposta forzata coincide con la risposta
dellesercizio 6.3, nel quale non erano assegnate condizioni iniziali
non nulle.
In figura 6.4d mostrata la risposta completa come somma della
risposta libera e della risposta forzata.

113

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

12

risposta completa
risposta forzata
risposta libera

8
6
4
2

4
tempo [s]
Figura 6.4d

za

0
0

Bo
z

tensione v c(t) [V]

10

114

10

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Figura 6.5

Esercizio 6.5
Determinare
landamento
temporale della tensione sul
condensatore,
sapendo
che
nellistante t=0, quando il tasto T
viene chiuso, il condensatore
scarico e che il generatore assume
EG
t.
un profilo del tipo e G ( t)
TG
[EG= 10V, TG = 5s, R=1, C =1F]

Svolgimento

Bo
z

za

Si
considera
inizialmente
il
comportamento per t = 0, figura 6.5a.
La corrente nulla, poich le
condizioni iniziali sono nulle ed il
generatore stesso assume valore
Figura 6.5a
nullo.
Lequazione da risolvere :
dv c
1
1
1 EG

v c t
eG
t.
dt
RC
RC
RC TG
La risposta della rete pu sempre essere scomposta come soluzione
dellequazione omogenea associata ed integrale particolare:
v c t Ae

t
RC

 v p ( t).

In questo caso lintegrale particolare v p t , assume la forma di una


rampa, per approssimare il segnale forzante. Si sostituisce
v p t B1t  B0 nellequazione da risolvere:
d B1t  B0
1
B1t  B0

dt
RC

1 EG
t
RC TG

B
B1
1 EG

t  B1  0
t  0.
RC
RC RC TG
Si confrontano i due polinomi di variabile t e si uguagliano tra loro i
coefficienti dei monomi di uguale grado:
115

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

B1
RC 1

1 EG
B1
RC TG

EG
,
TG

B0
E
0 B0  G RC.
RC
TG
Lequazione completa assume la forma:
B1 

v c t Ae

t
W

EG
E
t  G W.
TG
TG
Si ricava adesso A per mezzo delle condizioni iniziali:
v c 0 0

Ae

0
W

EG
E
0 G W A
TG
TG

EG
W.
TG

Si ha quindi:
t

Bo
z

za

EG  W EG
E
v c t
We 
t  G W.
TG
TG
TG
In figura 6.5b rappresentato landamento temporale della tensione
sul condensatore, la curva parte con pendenza nulla poich
EG 1 EG
d
W  
v c 0
 0 0.
dt
TG W TG
12

tensione v c(t) [V]

10
8
6
4
2
0
0

3
4
tempo [s]
Figura 6.5b

116

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Figura 6.6

Esercizio 6.6
Determinare
landamento
temporale della tensione sul
condensatore,
sapendo
che
nellistante t=0, quando il tasto T
viene chiuso, il condensatore
scarico e che il generatore assume
un profilo del tipo e G ( t) EG sin Zt .
[EG= 10V, = 3 rad/s, R=1, C
=1F]

Svolgimento

v c t

Ae

t
RC

 v p ( t).

Bo
z

za

Si scrive direttamente lequazione da risolvere:


dv c
1
1
1

v c t
eG
EG sin Zt .
dt
RC
RC
RC
Si scompone la risposta come soluzione dellequazione omogenea
associata ed integrale particolare:

Lintegrale particolare assume la forma:


v p t B1 sin Zt  B2 cos Zt.
Per determinare B1 e B2 si sostituisce lintegrale particolare
nellequazione differenziale:
d B1 sin Zt  B2 cos Zt
1
B1 sin Zt  B2 cos Zt 1 EG sin Zt,

dt
RC
RC
B sin Zt B2 cos Zt
1
ZB1 cos Zt  ZB2 sin Zt  1

EG sin Zt.
RC
RC
RC
Tenendo conto delluguaglianza =RC, si uguagliano i coefficienti dei
termini in seno e coseno in entrambi i membri dellequazione:
EG
B
B
ZB1  2 0 B1  2

B1
W
ZW
1  Z2 W 2
B
1
ZW
 ZB 2  1
EG
B2 
EG
W
W
1  Z2 W 2
La soluzione generale :
117

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

v c t Ae

t
W

EG

ZW

EG cos Zt.
1 Z W
1  Z2 W 2
Da cui si ricava A imponendo le condizioni iniziali:
v c 0 0
A

Ae

2 2

0
W

sin Zt 

EG
1 Z W

2 2

sin 0 

ZW
EG cos 0
1  Z2 W 2

ZW

EG .
1  Z2 W 2
La soluzione cercata :
t


EG
ZW
ZW
W 
v c t
E
e
sin Zt 
EG cos Zt.
G
2 2
2 2
1 Z W
1 Z W
1  Z2 W 2
In figura 6.6a rappresentato landamento temporale della tensione
sul condensatore.

Bo
z

za

tensione v c(t) [V]

4
2
0
-2
-4
0

tempo [s]
Figura 6.6a

118

10

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Figura 6.7

Esercizio 6.7
Determinare
landamento
temporale della tensione sul
condensatore,
sapendo
che
nellistante t=0, quando si chiude il
tasto T, il condensatore scarico e
che il generatore assume un
 Dt
profilo del tipo eG (t) EGe . [EG=
10V, = 3 s-1, R=1, C =1F]

Svolgimento

Bo
z

za

Si scrive lequazione da risolvere:


dv c
1
1
1
v c t
eG

EGe - Dt .
dt
RC
RC
RC
Identificata la costante di tempo = RC e si confronta linverso di
essa con largomento della sollecitazione esponenziale, se
differiscono si procede come segue. Si scompone la risposta come
soluzione dellequazione omogenea associata ed integrale
particolare:

v c t Ae

t
RC

 v p (t).

Lintegrale particolare assume la forma:


v p ( t) Be -Dt ,
giacch deve essere soluzione per tempi indefiniti.
Si sostituisce lintegrale particolare nellequazione differenziale:
1
1
Be-Dt
- DBe-Dt 
EGe -Dt ,
RC
RC
da cui:
EG 1

B
- D

RC RC
La soluzione generale :
t
W

v c t Ae  Be  Dt .
Si ricava A imponendo le condizioni iniziali:
-

119

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

v c 0 0

Ae

0
W

 Be

EG 1

- D.

RC RC
La soluzione cercata :
A

E
E
1

1
- D e W  G
- D e  Dt .
v c t  G
RC RC
RC RC
In figura 6.7a rappresentato landamento temporale della tensione
sul condensatore. Tale andamento scomponibile nella risposta
allomogenea associata e nellintegrale particolare. Si nota che la
somma di due esponenziali di argomento differente e coefficienti
opposti genera un segnale impulsivo, cio di durata finita.

20

za

risposta completa
risposta dell'omogenea associata
integrale particolare

Bo
z

15
tensione v c(t) [V]

10
5
0
-5
-10
-15
-20
0

tempo [s]
Figura 6.7a

120

10

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Esercizio 6.8
Determinare landamento temporale
della tensione sul condensatore,
sapendo che nellistante t=0,
quando si chiude il tasto T, il
condensatore scarico e che il
generatore assume un profilo del
 Dt
tipo eG (t) EGe . [EG= 10V, = 1
s-1, R=1, C =1F]

Figura 6.8

Svolgimento

Bo
z

za

Si scrive lequazione differenziale da risolvere:


dv c
1
1
1
v c t
eG

EGe - Dt .
dt
RC
RC
RC
Identificata la costante di tempo = RC, si confronta linverso di essa
con largomento della sollecitazione esponenziale, poich
coincidono si segue un procedimento differente da quello utilizzato
nellesercizio 6.7. Si scompone la risposta come soluzione
dellequazione omogenea associata ed integrale particolare:

v c t Ae

t
RC

 v p ( t).

Lintegrale particolare assume la forma:


v p ( t) B te -Dt .
Si sostituisce lintegrale particolare nellequazione differenziale:
1
1
B te - Dt
- DB te - Dt  Be- Dt 
EGe - Dt ,
RC
RC
EG
1
.
, si ha B
ricordando che D
RC
RC
La soluzione generale :

v c t Ae

t
W

EG  Dt
te .
RC
Si ricava A imponendo le condizioni iniziali:
v c 0 0

Ae

0
W

EG
0 e
RC

0.

121

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

La soluzione cercata : v c t

EG - W
te .
RC

tempo [s]
Figura 6.8a

za

0
0

Bo
z

tensione v c(t) [V]

122

10

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Esercizio 6.9
Determinare landamento temporale
della
tensione
sullinduttore,
sapendo che nellistante t=0,
quando si chiude il tasto T,
linduttore non percorso da
corrente e che il generatore assume
un profilo del tipo e G ( t) EG . [EG=
10V, R=1, L =1H]

Figura 6.9

Svolgimento

Bo
z

za

Si si applica la seconda legge di Kirchhoff:


eG = vT + vR + vL,
quando il tasto chiuso si riscrive come:
di
e G 0  R iL  L L ,
dt
da cui:
diL R
1
 iL
eG .
dt L
L
L
Identificata la costante di tempo W
, possibile scrivere la
R
soluzione dellequazione differenziale per mezzo del seguente
integrale generale:
iL t io t  ip t ,


t
W

con io t Ae , soluzione dellequazione omogenea associata e


ip t , integrale particolare, una qualsiasi soluzione che soddisfa
lequazione differenziale completa.
Si sostituisce allequazione differenziale una possibile soluzione che
abbia la stessa natura della sollecitazione: ip t B :
0

R
B
L

1
eG B
L

eG
.
R

Si nota anche che iL f

eG
una soluzione del problema, allora
R
lintegrale particolare si pu ricavare dalla condizione di regime.
123

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

In base a considerazioni energetiche possibile ricavare la costante


A:
1 2 
1 2 
WL 0 
L iL 0
L iL 0
WL 0  ,
2
2
per cui, partendo dallintegrale generale e esplicitando la continuit
della corrente sullinduttore, si ha:

0
W

eG
e
A  G.
R
R
Lintegrale cercato infine dato da:
iL 0

Ae

eG  W eG
e 
e si ricava landamento di tensione per mezzo
R
R
della relazione costitutiva:
iL t 

Bo
z

za

di
1 eG  W
v L t L L L
e .
dt
LR R
Landamento della corrente sullinduttore rappresentato in figura
6.9a insieme allandamento di tensione. Vi una discontinuit iniziale
sulla tensione ma non sulla corrente.

iL(t) [A]

v L(t) [V]

10
8
corrente
tensione
6
4
2
0
0

tempo [s]
Figura 6.9a

124

10

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Esercizio 6.10
Ricavare nuovamente landamento
temporale
della
corrente
sullinduttore,
sapendo
che
nellistante t=0, quando si chiude il
tasto T, linduttore percorso dalla
corrente I0 e che il generatore
assume un
profilo del tipo
e G ( t) EG .
[EG=
10V,
I0
=2A,R=1, L =1H]

Figura 6.10

Svolgimento
Come svolto nellesercizio 6.9 si scrive la soluzione dellequazione
differenziale per mezzo dellintegrale generale:
iL t io t  ip t ,


t
W

e ip t

Bo
z

Ae

za

eG
.
R
Per determinare A si impongone la condizione di continuit sulla
corrente:
con io t

0
W

eG
e
A I0  G iL 0  iL f .
R
R
Lintegrale generale pertanto dato da:
iL 0

I0

Ae

t
W

iL t iL 0  iL f e  iL f , unoscillazione tra la condizione iniziale


e la condizione di regime.
Altres la risposta pu essere espressa come somma di
unevoluzione libera ilib t a partire da condizioni iniziali diverse da
zero e sollecitazioni nulle e di unevoluzione forzata i for t con
condizioni iniziali nulle:
iL t ilib t  i for t .
Tenendo conto dei risultati dellesercizio precedente in cui valutata
la risposta forzata si pu scrivere:
t
t


eG
W
W
iL t ilib t  ifor t iL 0 e 
1 e .

125

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

10

corrente [A]

8
risposta completa
evoluzione libera
evoluzione forzata

6
4
2
0
0

10

Bo
z

za

tempo [s]
Figura 6.10a

Esercizio 6.11
Determinare landamento temporale della tensione sul condensatore,
sapendo che vc(0-)=10V. [EG= 15V, IG = -2A ,R1 =6, R2= 3, R3=
1, R4= 4, R5= 2, C =2F]

Figura 6.11

Svolgimento
126

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Sfruttando lapplicazione del teorema di


Thevenin possibile ricondursi allo
schema di figura 6.11a.
Si modifica la rete per mezzo della
trasformazione
equivalente
tra
generatore reale di corrente e
generatore reale di tensione,
figura 6.11b.
EG

In tale rete si applica il metodo


delle correnti di anello nelle
incognite J1 e J2, ottenendo
quindi la seguente equazione
matriciale:

Figura 6.11a
R1
J1

R3

R4

R2

J2

R5
R5IG

Figura 6.11b

Bo
z

za

 R2
EG R1  R 2
J1
 R I  R
R 2  R 3  R 4  R 5 J2
2
5 G
9  3 J1 15
 3 10 J 4
2

da cui J1 = 2 A e J2 = 1A.
La caduta di tensione Veq ricavabile seguendo il percorso che
congiunge A con B incontrando i resistori R4 e R5:
Veq = (R4+ R5)J2+ R5IG = 6 4 = 2V.
In
figura
6.11c

rappresentata la rete resa


passiva.
La resistenza Req data da:
Req = (R1//R2 +R3)//(R4+R5) =
= (2+1)//(4+2) = 2.
La rete di figura 6.11a
Figura 6.11c
pienamente determinata, e si
osserva che per t=, cio a regime, sul condesatore applicata
lintera tensione Veq. Come fatto precedentemente in caso di
127

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

sollecitazione costante (circuiti autonomi) la soluzione del transitorio


pu essere espressa utilizzando le informazioni negli istanti 0 e :
v c t

v c 0  v c f e

t
R eqC

 v c f

10  2 e

t
4

2.

12
vc(0) = 10 V

risposta libera
risposta forzata
risposta completa

6
4
vc(f) = 2 V

0
0

W = ReqC=4

za

10
tempo [s]
Figura 6.11d

Bo
z

tensione v c(t) [V]

10

15

20

Esercizio 6.12

Nellistante t = 0 il tasto T si
chiude e contemporaneamente
si attivano i generatori di
tensione. I generatori di
tensione presentano profili
temporali differenti, il primo ha
un andamento esponenziale
mentre il secondo ha carattere
sinusoidale.
Determinare
landamento temporale della
Figura 6.12
tensione sul condensatore,
sapendo
che
vc(0-)=10V.
[eG1(t)= 20e-t/3 V, eG2(t)= 4sin(t/4) V, R1 =4 , R2= 2, C =3F]
Svolgimento
128

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Per risolvere il problema necessario considerare la


sovrapposizione degli effetti: la tensione sul condensatore sar
composta dalla somma della risposta libera e delle due risposte
forzate a condizioni iniziali nulle.
In figura 6.12a rappresentata la rete con i
generatori spenti. In assenza di generatori il
condensatore eroga una corrente sul parallelo
delle due resistenze: REq = R1\\R2=4/3; nota
la resistenza in parallelo al condensatore si
ricava la costante di tempo:
4
W R EqC
3 4 s .
Figura 6.12a
3
Levoluzione libera governata dalla
seguente legge:


t
W

t
4

R1

R2

Bo
z

za

v C0 t v C (0)e
10e .
vc
eG1
Si considera adesso la risposta forzata in
C
presenza del primo generatore, figura
6.12b. Lequazione differenziale si ottiene
facendo delle semplici considerazioni, per
Figura 6.12b
ricondursi ad un circuito di Thevenin
equivalente basta traformare il generatore
reale di tensione in un generatore reale di corrente, eseguire il
parallelo tra le resistenze e poi ritrasformare il generatore reale di
corrente in un generatore reale di tensione. Lequazione differenziale
quindi data da:

dv C1
1
v C1 t

dt
R EqC

REq

REqC R1

EG1

1
20e 3 ,
12

tale equazione presenta come soluzione:


v C1 t

A 1e

t
W

 B1e

t
3,

con A1 da determinare con condizioni iniziali nulle.


Si sostituisce lequazione particolare nellequazione differenziale per
determinare la costante B1:
t

 1  3 B1  3
B1
e 
e
3
4

5 -3
e B1
3

20.

129

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Si impongono adesso le condizioni iniziali nulle per determinare A1:




0
W

0
3

v C1 0 A 1e  20e A 1 20.
Lequazione completa del circuito di figura 6.12b
data da:


t
W

t
3,

v C1 t 20e  20e
Si considera adesso la figura 6.12c in cui ad
essere attivo il secondo generatore.
Per tale rete lequazione differenziale :
dv C2
1
1 REq
1
t
v C2 t
EG2
4 sin ,

dt
REqC
REqC R 2
6
4

Figura 6.12c

a tale equazione corrisponde una soluzione generale:


t
W

t
t
 B 2 sin  B 3 cos .
4
4
Si ricavano i coefficienti B2 e B3 sostituendo lintegrale particolare
nellequazione differenziale:
B2
t B
t 2 t
t B
t B
cos  3 sin  2 sin  3 cos
sin ,
4
4 4
4 4
4 4
4 3 4
si eguagliano tra loro i coefficenti dei termini in seno e coseno:
B
B
2
 3  2
4
4
3
,
B 2 B3

0
4
4
da cui si ricava che B2=4/3 e B3=-4/3.
Si determina adesso A2 imponendo le condizioni iniziali nulle.
A 2e

Bo
z

za

v C2 t

0
W

4 0 4
4
0
sin  cos A 2
.
3 4 3
3
4
La soluzione completade circuito di figura 6.12c vale:
v C2 0

A 2e

4 W 4 t 4
t
v C2 t
e  sin  cos .
3
3 4 3
4
La soluzione completa della rete composta dalle soluzioni dei tre
circuiti:
130

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

v C (t)

v C0 ( t)  v C1( t)  v C 2 ( t) 10e

t
4

 20e

t
4

 20e

t
3

4 4 4 t 4
t
e  sin  cos .
3
3 4 3
4

10
risposta completa VC(t)
evoluzione libera VC0(t)

risposta forzata VC1(t)


risposta forzata VC2(t)

tensione [V]

Bo
z

-2
0

za

10

20

30
tempo [s]

40

50

Figura 6.12d

vR

Esercizio 6.13
Determinare
per
t>0
iR
ig
R
landamento temporale della
tensione sul condensatore
v
c
C
eG
quando lingresso assume la
ic
forma di un impulso di Dirac
ed
il
condensatore

inizialmente scarico. [eG=


Figura 6.13
(t)V, R=1, C =1F]
Svolgimento
Si utilizza il segnale di Dirac per caratterizzare il comportamento
delle reti a sollecitazioni impulsive. Tale impulso cos definito:

0

0

G( t)dt

1,

131

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

in un tempo infinitesimo lenergia fornita dal generatore al sistema


assume un valore finito, quindi si pu anche dire che il generatore ha
potenza infinita. Il segnale di Dirac mostrato in figura 6.13a.
Lequazione differenziale data da:
dv c
1
1

v c t
G( t) .
dt
RC
RC
Si confronta il grado dellequazione differenziale con il grado della
derivata della funzione di Dirac, se questultimo inferiore al grado
dellequazione differenziale, nella risposta non sar presente
nessuna funzione impulsiva (principio del bilanciamento degli
impulsi).
Per risolverla necessario procedere
allintegrazione di entrambi i membri:


0 dv
1 0
1 0
c
dt 
v c t dt
G( t)dt ,
0 dt
RC 0
RC 0
Sintegra il primo termine
0  dv
c
dt v C 0   v C 0  v C 0  ,

0
dt
Figura 6.13a
in quanto il condensatore inizialmente
scarico. Si integra il secondo termine:

1 0
v c t dt 0 ,
RC 0 
in quanto in base al principio del bilanciamento degli impulsi la
tensione sul condensatore ha una discontinuit di prima specie, ma
integrata in un intervallo nullo assume valore nullo.
Si ha quindi:
1
vC 0
,
RC
leffetto della sollecitazione riconducibile ad una condizione iniziale
diversa da zero.
Si ha quindi:

Bo
z

za

t
RC

v C t v C 0 e
.
Tale equazione descrive il fenomeno transitorio per t>0, ma non
consente di determinare il comportamento del condensatore in t=0,
infatti se fosse sostituita nellequazione differenziale non farebbe


132

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

nascere limpulso di Dirac. E necessario porre la soluzione nella


seguente forma:

v C t v C 0 e
luogo a:


t
RC u( t)

, che sostituita nellequazione differenziale da




1
1
1
v C 0  e RC u( t)  v C 0  e RC G( t) 
v C 0  e RC u( t)

G( t) ,
RC
RC
RC
che verifica chiaramente il bilanciamento degli impulsi.
La corrente che attraversa il condensatore, per t0+, data da:


dv
v 0   RC
iC t C C  C
e
u(t)  Cv C 0  e RC G( t) ,
dt
R
negativa per t>0 in quanto una corrente di scarica del
condensatore, tale corrente genera sul resistore una tensione
opposta a quella che vi sul condensatore.

Bo
z

tensione [V], corrente [A]

za

1
tensione
corrente

0.5

-0.5

-1
0

4
tempo [s]
Figura 6.13b

133

10

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Esercizio 6.14
Determinare per t>0 landamento
temporale
della
corrente
sullinduttore quando lingresso
assume la forma di un impulso di
Dirac ed linduttore inizialmente
scarico.
[eG= (t)V, R=2, L=0.5H]
Figura 6.14

Svolgimento

Bo
z

za

Lequazione differenziale data da:


diL R
1
 iL t
G( t ) .
dt L
L
Si procedere allintegrazione di entrambi i membri:
0  di
R 0
1 0
L


dt

i
t
dt
G( t )dt. ,
0 dt L 0 L
L 0 
Sintegra il primo termine
0  di



L
0 dt dt iL 0  iL 0 iL 0 ,
in quanto linduttore inizialmente scarico. Si integra il secondo
R 0
termine:  iL t dt 0 ,
L 0
in base al principio del bilanciamento degli impulsi la corrente
sullinduttore presenta una discontinuit di prima specie, ed integrata
in un intervallo nullo assume valore nullo .
Dopo aver integrato entrambi i membri dellequazione differenziale, si
1
ha: iL 0 
,
L
che impone unevoluzione libera a partire da nuove condizioni iniziali:

Rt
L u( t )

iL t i 0 e
.
La tensione sullinduttore per t>0 vale:


134

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Rt


d
R
v L ( t ) L iL t  i 0  e L .
dt
L

corrente [A]

tensione [V]

corrente
tensione

-2

-4

-6

0.5

1.5
tempo [s]
Figura 6.14a

2.5

Bo
z

za

-8
0

Esercizio 6.15
Determinare
per
t>0
landamento temporale della
tensione sul condensatore
quando lingresso assume la
forma di un impulso di Dirac
ed
il
condensatore

inizialmente scarico.
[iG= (t)V, R=1, C =1F]

Figura 6.15

Svolgimento
Lequazione che descrive il transitorio :
dv
C C G t ,
dt
per risolverla si possono seguire due differenti vie di risoluzione. In
base al principio del bilanciamento degli impulsi la funzione vC(t)
135

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

non singolare, per cui possibile procedere


allintegrazione dellequazione differenziale:
0  dv
0
1
C
C 
G t v C (0  )
.

0
0
dt
C
Per t>0 la rete assume la configurazione di
figura 6.15a. Il circuito interrotto e non pu
circolare nessuna corrente, per cui la tensione
Figura 6.15a
sul condensatore rimane costante e pari a
vC(0+):
1
v C ( t)
u( t),
C
avendo indicato con u(t) il segnale gradino unitario.
Si considera adesso un approccio differente che sfrutta la linearit
del circuito. La risposta allimpulso di Dirac pu essere valutata
eseguendo la derivata temporale della risposta al gradino unitario.
Lequazione differenziale allora diventa:
dv u
C C u t , che integrata porta a:
dt
1
1
v uC ( t)
u( t)dt
t  k.
C
C
La costante k risulta nulla se si considerano le condizioni iniziali nulle
della rete. La risposta al gradino quindi data da:
1
1
v uC (t)
t
r( t),
C
C
in cui con r(t) si indica la rampa unitaria. Per trovare la risposta
allimpulso di Dirac si deriva la risposta al gradino:
d u
1
v C ( t)
v C ( t)
u( t).
dt
C

Bo
z

za

>

136

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

Esercizio 6.16
Determinare
landamento
temporale
della
corrente
sullinduttore quando lingresso
assume la forma riportata in
figura 6.16. [iL(0)=0A, EG = 10V
R=10, L=3H, T1=2s, T2=3s,
T3=5s]

Bo
z

za

Svolgimento
Si valuta lequazione che descrive
il transitorio:
diL R
1
 iL t
e G ( t) .
dt L
L
La costante di tempo del circuito
Figura 6.16
L
0.3s , per cui
data da
R
quando la tensione maggiore di zero linduttore raggiunge sempre
la condizione di regime, mentre quando la tensione nulla linduttore
non ha il tempo di annullare la propria corrente.
Nellintervallo compreso tra 0 e T1 la corrente sullinduttore dovuta
alla sola risposta forzata:
10 t
Rt


EG
10

L
iL t
1 e
1  e 3 , e la tensione vale:

10
R

v L t

d
10 
iL t
e
dt
3

10 t
3 .

10 2

3 0.9987 # 1.
La corrente per t =T1 vale iL T1 1  e

Nellintervallo compreso tra T1 e T2 si ha la sola risposta libera:


10 t  2
R t  T1
10 t  2


d
10  3
3
L
iL t 
e
.
iL t iL T1 e
1 e
; v L t
dt
3
10 3  2

3
0.035.
La corrente per t =T2 vale iL T2 1 e

137

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

corrente [A]

Nellintervallo compreso tra T2 e T3 la corrente sullinduttore ha il


tempo di raggiungere la condizione di regime, iL T3 # 1 , tale
corrente dovuta sia allevoluzione libera che alla risposta forzata:
R t  T2
10 t  3


3
L
iL t iL T2  iL T3 e
 iL T3 0.035  1 e
 1;
la tensione risulta data da:
10 t  3

d
10
0.035  1 e 3 .
v L t
iL t 
dt
3

1
0.5
0
0

3
tempo [s]

za
Bo
z

tensione [V]

-5
0

3
tempo [s]

Figura 6.16a

Esercizio 6.17
Utilizzando lintegrale di convoluzione
determinare landamento temporale
della corrente sullinduttore quando
lingresso assume il profilo di una
rampa. [iL(0)=0A, eG = kt, k=2 V/s,
R=2, L=0.5H]

Svolgimento

Figura 6.17

Nellesercizio 6.14 si trovata la

138

Capitolo 6 Circuiti dinamici del primo ordine

1 Lt
e u( t) , che viene sfruttata nellintegrale
L

risposta impulsiva h t
di convoluzione:
iL ( t)

0

e G ( W) h( t  W)dW, sostituendo si ha:


R

 ( t  W)
1
L
iL ( t)
k
W
u
(
t

W
)
e
dW.
0
L
La variabile di integrazione compresa tra 0- e t, per cui u(t- )
sempre pari a 1, ne deriva che:

W
k Lt
k Lt
L dW
iL ( t)
e
W
1

e
e
0 L
L
Si risolve lintegrale per parti:

0

R
W
e L dW

L RW
e L W 
R

0
2

0

R
W
e L dW.

0

R
R
R
L LW
L L t L L L W
e dW
e t e
R
R
R R


Bo
z

za

L Lt L Lt L
e t e  ,
R
R
R
per cui:
R
R
2 R
2
k LtL Lt L Lt L
e t e 
iL ( t)
e
L
R
R
R

R
k L L L t

t   e
R R R

0.8
0.7

corrente [A]

0.6
0.5
0.4
0.3
0.2
0.1
0
0

0.2

0.4
0.6
tempo [s]

Figura 6.17a

139

0.8

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

Capitolo 7
Circuiti dinamici del secondo ordine

V0

+
C

t=0

Esercizio 7.1
Determinare il comportamento in
transitorio della rete di figura 7.1,
sapendo che quando il tasto T
viene chiuso il condensatore
L
presenta una tensione V0 = 10V.
[R=10, L=10mH, C=1/900F]

Figura 7.1

Svolgimento

Bo
z

za

Si ricavano le equazioni che


vR
T
consentono di descrivere il transitorio
iR
R
di rete facendo riferimento alla figura
vC
7.1a. Lapplicazione della prima legge
C
L
vL
i(t)
di Kirchhoff permette di affermare che:
iC
iL
iR = iL = -iC=i(t).
In base alla seconda si ha:
Figura 7.1a
vR + vL -vC =0.
Si sceglie di utilizzare la corrente i(t) che circola nella maglia ed
comune a tutti gli elementi per descrivere il fenomeno transitorio.
Sostituendo le relazioni costitutive si ha:
di t 1
di t 1
- i t dt 0.
R iR t  L L iC t dt R i t  L
dt
C
dt C
Derivando lespressione precedente, si ottiene:
d2i t
di t 1
L 2 R
 i t 0,
dt
C
dt
Che pu essere riordinata nella seguente equazione omogenea:
d2i t R di t 1


i t 0, la cui equazione caratteristica :
L dt
LC
dt 2

140

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

O2 

R
1
O
L
LC

0.

Le soluzioni dellequazione caratteristica sono:


2


O1,2

R
4
R
r 
L
LC
L
2

 103 r 10 6  3.6 105


2

 103 r 800
2

 100 s 1
.

1
 900 s
Il discriminante dellequazione di secondo grado positivo, per cui si
sono ottenute due radici reali, in questo caso si avr un transitorio
sovrasmorzato.
vR
T
Non essendo presenti generatori di alcun
R
genere
la
risposta
transistoria
+
vL
comprender la sola evoluzione libera:
V0 t = 0

Bo
z

za

i t A1e O1t  A 2 e O 2t ,
con A1 e A2 determinabili dalle condizioni
Figura 7.1b
iniziali, figura 7.1b.
+
Nellistante t=0 gli elementi conservativi
mantengono invariate le grandezze energetiche, cio la tensione ai
capi del condensatore e la corrente che attraversa linduttore
rimangono le stesse che si avevano allistante t = 0-. Poich
linduttore era inizialmente scarico, alla chiusura del tasto T, esso si
comporter da circuito aperto, impedendo la circolazione della
corrente i. Essendo nulla la caduta di tensione sul tasto ideale e sulla
resistenza (non percorsa da corrente), la totalit della tensione
applicata allinduttore:
di
vL 0 L
v C (0) V0 , da cui la relazione
dt t o 

v C (0)
di
.
dt t o 
L
Si procede quindi alla determinazione delle costanti A1 e A2,
di
valutando i(0+) e
:
dt t o 
141

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

i 0
di
dt t

A1  A 2

0,

O1A1  O 2 A 2
0

v C (0  )
.
L

v (0  )
C

,
L

Bo
z

za

1 1 A1
Si scrive un sistema matriciale

O 1 O 2 A 2
che porta ad avere A1  A 2 1.25 .
La corrente che attraversa il circuito data da:
i t 1.25e 100 t  1.25e 900 t ,
la tensione sullinduttore :
d
v L t L i( t) 1.25e 100 t  11.25e  900 t ,
dt
la tensione sul resistore :
v R t Ri( t) 12.5e 100 t  12.5e 900 t ,
la tensione sul condensatore :
v C t v L ( t)  v R ( t) 11.25e 100 t  1.25e 900 t .
10
vC(t)

vL(t)
vR(t)

tensioni [V]

6
4
2
0
-2
0

0.01

0.02
0.03
tempo [s]
Figura 7.1c

0.04

0.05

In figura 7.1c sono rappresentate le tensioni sul sistema


(landamento della corrente deducibile dallandamento della
142

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

tensione sul resistore con un cambiamento di scala di 1/10), si nota


come la tensione sullinduttore cambi segno non appena si raggiunge
il massimo della corrente (vedi massimo della tensione sul resistore).
Osservando landamento della tensione sul resistore (corrente di
maglia) si osserva come gli esponenziali si estinguano,
lesponenziale 2 caratterizza il transitorio nella prima parte (fino al
massimo), successivamente ha maggior gioco il secondo termine.
Si valutano adesso le energie immagazzinate sugli elementi
conservativi e quella dissipata sul resistore.
Lenergia immagazzinata nel condensatore :
1 2
WC
Cv C 7.03 10  2 e  200t  8.68 10  4 e 1800t  1.56 10  2 e 1000t ,
2
lenergia immagazzinata nellinduttore :
1 2
LiL 7.8 10  3 e  200 t  7.8 10  3 e 1800 t  1.56 10  2 e 1000 t ,
WL
2
lenergia disspipata nel resistore data da:
t
1  e 200 t
1  e 1800 t
1  e 1000 t
WR
R iR2 W dW 15.65
.
 15.65
 31.25
0
1800
1000
200
In figura 7.1d rappresentato landamento delle energie, si nota che
istante per istante lenergia immagazzinata negli elementi
conservativi sommata allenergia dissipata nel resistore risulta
costante.

Bo
z

za

0.06

Energia [J]

0.05
0.04
WC(t)
0.03

WL(t)
WR(t)

0.02
0.01
0
0

0.01

0.02
0.03
tempo [s]
Figura 7.1d

143

0.04

0.05

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

Esercizio 7.2
Individuare un modello circuitale per
descrivere il fenomeno delle scariche
elettrostatiche tra corpo umano e
carcasse di dispositivi elettrici.
Svolgimento

B
T

Un effetto che tutti conoscono e


hanno sperimentato sul proprio
corpo costituito dalle scariche
elettrostatiche. Con tale effetto si intende limprovviso scorrere di
corrente elettrica tra materiali normalmente isolanti. Il passaggio di
corrente nel corpo umano avvertito come una forte scossa
fortunatamente di breve durata. Tale scarica dovuta alla
ricombinazione di cariche elettriche, accumulate per strofinio in
giornate particolarmente secche. Camminando con scarpe dalla
suola in gomma possibile separare cariche elettriche sui piedi a
seguito dello sfregamento tra suola e terreno. Le cariche separate
nei piedi inducono cariche di segno opposto sulla testa e sulle mani,
questi punti possono assumere potenziali superiori a quello del suolo
per migliaia di volt.
Come mostrato in figura 7.2a il corpo
umano pu essere schematizzato
A
come un condensatore carico con in
serie una resistenza; valori tipici sono
R
C = 50pF e R = 250. Il percorso di
C
scarica
attribuisce
il
valore
L
allinduttanza del circuito equivalente,
B
visto che quella presentata dal corpo
umano del tutto trascurabile.
T
Linduttanza, che considera il percorso
Figura7.2a
delle cariche dal corpo umano verso la
terra tramite i conduttori di protezione,
assume valori di decimi di H. La differenza di potenziale stimata
sui 15kV.
Per il circuito RLC serie le radici dellequazione caratteristica sono:

Bo
z

za

Figura7.2

144

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

O1

R
1
R
 
2L
LC
2L

250

2 0.11 10  6

250
1




6
0.11 10  6 50 1012
2 0.11 10
2

R
1
R

 
2L
LC
2L

O2

2.2 109 s 1

250

2 0.11 10  6

250
1



6
6
0.11 10 50 1012
2 0.11 10

8.3 107 s 1

La corrente i(t) assume la seguente forma:

za

i t A1e O1t  A 2 e O 2t ,
con A1 e A2 determinate dalle condizioni iniziali.
Per t=0+ la corrente sullinduttore nulla, mentre la tensione data dal
condensatore totalmente applicata allinduttore:
VC (0  )
di
di

VL 0
L

, da cui
dt t o
dt t o 
L

i 0
di
dt

Bo
z

A1  A 2

0,

O1A1  O 2 A 2
t 0

VC (0  )
.
L

1 1 A1
Si risolve il sistema

e si ottengono


O1 O 2 A 2 VC (0 ) L
A1=-A2= -64.4A.
In figura 7.2b rappresentato landamento della corrente di scarica
elettrostatica. I valori raggiunti, sebbene solamente per centesimi di
microsecondi, sono cos elevati da compromettere il funzionamento
di eventuali sistemi elettronici coinvolti nel percorso di scarica.

145

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

60

corrente i(t) [A]

50
40
30
20
10
0
0

V0

0.03
0.04
tempo [Ps]
Figura 7.2b

0.05

0.06

Esercizio 7.3
Determinare il comportamento in
transitorio della rete di figura 7.3,
sapendo che quando il tasto T
viene chiuso il condensatore
L
presenta una tensione V0 = 10V.
[R=3, L=10mH, C=1/625F]

Bo
z

T
+
C

0.02

za

0.01

t=0

Figura 7.3

Svolgimento

Si procede alla risoluzione dellesercizio come nellesercizio 7.1, fino


alla risoluzione dellequazione caratteristica, la quale presenta un
discriminante minore di zero:
2


O1,2

R
4
R
r 
L
LC
L
2

 300 r 9 10 4  25 10 4
2

 150  j200 s 1
.

1
 150  j200 s

146

 300 r j400
2

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

Le radici dellequazione caratteristica conferiscono al transitorio il


comportamento sottosmorzato, la cui soluzione omogenea vale:
i t e 150t >A1 sin 200t  A 2 cos(200t)@ ,
con A1 e A2 determinabili dalle condizioni
iniziali.
Per determinare le condizioni iniziali del
transitorio, non essendo presenti generatori
impulsivi, si sfrutta la continuit delle
grandezze energetiche e nello specifico si fa
riferimento alla figura 7.3a in cui la tensione
Figura 7.3a
del condensatore e la corrente dellinduttore
sono vincolate dai valori assunti per t =0 .
Si impone la condizione i(0+)=0:
i 0 e 1500 >A1 0  A 2 1@ 0 A 2 0.
che comporta A2=0.
Come nellesercizio 7.1 la totalit della tensione applicata
allinduttore:
v C (0 )
di
di
vL 0 L
v C (0 )
,
dt t o 
dt t o 
L
di
dt t

> 150e

Bo
z

za

150 t

A1 sin 200t  200e 150t A1 cos 200t t

v C (0  )
1000 A1 5.
L
Si ha quindi lequazione:
i t 5e 150t sin 200t ,
che porta anche a:
v L t 10e 150t cos 200t  7.5e 150t sin 200t ,

>0  200A1@

v R t 15e 150t sin 200t ,

v C t 10e 150t cos 200t  7.5e 150t sin 200t .


Si traccia landamento della corrente di maglia.
tracciare landamento delle curve esponenziali
sinusoide verso la sua estinzione. Identificati i
sinusoide incontra lasse del tempo, si procede al
grafico finale, figura 7.3b.
147

Si inizia con il
che guidano la
punti in cui la
tracciamento del

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

corrente [A]

-5
0

0.005

0.01

0.015
0.02
tempo [s]
Figura 7.3b

0.025

0.03

Bo
z

za

Esercizio 7.4
Determinare levoluzione
transistoria della rete di
figura 7.4, sapendo che
quando il tasto T viene
chiuso il condensatore C1
presenta una tensione V0 =
Figura 7.4
10V ed il condesatore C2
scarico.
[R1=1, R2=2, R3=3, C1=1mF, C2=2mF]
Svolgimento
Per la soluzione dellesercizio si sfrutta
il metodo operatoriale, si definiscono
gli operatori D e D-1:
d
1
D
dt .
e D
dt
Si fa riferimento alla figura 7.4a e si
Figura 7.4a
applica il metodo delle correnti di
anello a partire dalla seconda legge di
Kirchhoff:
VC1=VR1+VR3,
VR2 + VC2 VR3=0.

148

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

Sostituendo le relazioni costitutive


maglia di figura, si scrive:

e considerando le correnti di

1
j1 t R 1 j1 t  R 3 j1 t  R 3 j2 t ,
C1D

R 2 j2 t 

1
j2 t  R 3 j2 t  R 3 j1 t 0.
C 2D

Tale sistema si scrive come:


1

 R3
C D  R1  R 3
j1 t
1

 R3
 R 2  R 3 j2 t

C 2D

0
0.

Si ricava j1(t):
0

 R3

 R3

1
 R 2  R3
C 2D

za

1
 R1  R 3
C1D

Bo
z

j1 t

 R3
1
 R 2  R3
0
C 2D

1
1

 R1  R 3
 R 2  R 3 j1 t  R 32 j1 t 0.
C1D
C 2D

1
j1 t  v C1 t e che j1 t C1Dv C1 t si ha:
Ricordando che
C1D

1
1

 R1  R 3
 R 2  R 3 C1Dv C1 t  R 32C1Dv C1
C1D
C 2D

R  R3 C v t 
1
v C1 t  R 2  R 3 v C1 t  1
1 C1
C 2D
C2

 R1  R 3 R 2  R 3 C1Dv C1 t  R 32C1Dv C1 0,
moltiplicando per C2D e riordinando si ha:

149

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

R1R 2  R 2R 3  R1R3 C1C2D2 v C1 t  R 2  R 3 C2  C1 R1  R3 Dv C1 t 


 v C1 t 0.
Si determina il discriminante dellequazione caratteristica:
'

R 2  R3 C2  C1 R1  R3 2  4 R1R 2  R 2R3  R1R 3 C1C2

Bo
z

v C1 t A1e O 1t  A 2e O 2 t ,
con A1 e A2 determinate dalle
condizioni iniziali, figura 7.4b.
Per t=0 la tensione sul
condensatore C1 pari a 10V,
mentre la corrente che circola
sullo stesso data da:

za

1.96 10  4  8.8 10  5 1.08 10  4.


Il discriminante positivo e questo esclude la possibilit di soluzioni
oscillanti, ma a tale considerazione si poteva giungere osservando
che nella rete non sono presenti contemporaneamente condensatori
e induttori.
Le soluzioni dellomogenea associata sono:
1
 0.0140 r 1.08 10 4  0.0018 s
.
O1,2

1
2
 0.0122 s
La tensione vC1(t) assume la
seguente forma:

i C1 ( 0  )

v C1 ( 0 )
R R
R1  2 3
R2  R3

10
2 .2

Figura 7.4a

4 .545 A.

Sostituendo le condizioni iniziali si ha:


v C1 0 A1  A 2 10,
dv C1
1
O1A1  O 2 A 2
iC1(0  )
dt t 0
C1
Si risolve il sistema
10
1 1 A1

O O A
3
2 2
4.545 10
1

4.545 10  3.

e si ottengono A1=12.17V e A2= -2.17V.


150

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

0.0018 t
 2.17e 0.0122t V.
La soluzione cercata : v C1 t 12.17e

Esercizio 7.5
Determinare la risposta
transitoria completa della
rete di figura 7.5, per t >0.
Si considerano gli elementi
conservativi scarichi.
[EG = 2V, R1=2, R2=3,
C=1/6F, L=1H]
Figura 7.5

Svolgimento

Bo
z

za

Si utilizza il metodo operatoriale e si


scrivono
le
equazioni
risolventi
sfruttando il metodo delle correnti di
anello, figura 7.5a.
EG

Figura 7.5a

R1 j1 t  LDj1 t  R 2 j2 t ,

 R 2 j1 t  R 2 j2 t 

1
j2 t 0.
CD
Si scrive unequazione matriciale che riassume le equazioni del
sistema:
 R 2 j t E
R1  R 2  LD
1
G

1
.
R
R




j
t
0

2
2
CD 2

Si sceglie di descrivere il fenomeno transitorio per mezzo della


corrente sullinduttore, per cui si valuta j1(t):
EG
 R2
1
0 R2 
CD
j1 t

R1  R 2  LD
 R2
1
 R2
R2 
CD
151

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

1
L
1

 j1 t  R 22 j1 t R 2 
R1  R 2 R 2  R 2LD  R1  R 2
EG ,
CD C
CD

si moltiplica per CD:


R 2LCD2 j1 t  R1R 2CDj1 t  LDj1 t  R1  R 2 j1 t R 2CDEG  EG .
La scrittura delle equazioni differenziali di secondo grado pu
comportare degli errori di distrazione, conviene quindi eseguire delle
verifiche dimensionali per valutarne la correttezza. Si considerano
quindi i sei termini dellequazione differenziale scritta sopra e si nota
che tutti hanno dimensione di volt.
Si sostituiscono i valori numerici e si ottiene:
1 2
1
D j1 t  2Dj1 t  5 j1 t
DEG  EG .
2
2
Lequazione caratteristica :
O2  4O  10 0, con soluzioni:

Bo
z

2 r 4  10

za

 2  j 6 s 1
.

1
 2  j 6 s
La natura delle radici dellequazione caratteristica determina un
andamento sottosmorzato.
Lequazione risolvente assume la seguente forma:
O1,2

j1 t A1e 2 t sin 6 t  A 2e 2 t cos 6 t  ip t ,

con ip(t) integrale particolare.


Il termine DEG assume profilo identicamente nullo, per cui si ha:
1 2
D j1 t  2Dj1 t  5 j1 t 2
t ! 0.
2
Il termine forzante dato da una
costante quindi si ipotizza una
soluzione particolare della stessa
natura, che sostituita nellequazione
differenziale la verifica. La soluzione
particolare pu essere anche ricavata
considerando la soluzione di regime,
Figura 7.5b
facendo riferimento alla figura 7.5b.
Si nota subito che:

152

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

j1 f

EG
2
0.4 A .
R1  R 2 2  3
La soluzione completa quindi data da:

j1 t A1e 2 t sin 6 t  A 2e 2 t cos 6 t  0.4.


Per ricavare le costanti A1 e A2 si considera la continuit della
corrente sullinduttore:
j1 0  A1 1 0  A 2 1 1  0.4 iL 0  0 A 2 0.4.
Per determinare la rimanente costante
si considera la tensione applicata
allinduttore allistante iniziale, figura
7.5c.
Il
condensatore,
dovendo
mantenere
inalterata
la
propria
tensione nulla, si comporta da
cortocircuito, mentre linduttore, alla
stessa maniera dovendo mantenere
Figura 7.5c
inalterata la propria corrente, si
comporta da circuito aperto. Si deduce
quindi che:
di
di
vL 0 L L
EG 2 . L
2.
dt t 0
dt t 0
La rimanente costante si ricava derivando lespressione della
corrente di maglia e successivamente imponendo luguaglianza con il
valore precedentemente calcolato:
dj1 t
2 A1e  20 sin 6 0  6 A1e  20 cos 6 0  2 A 2e  20 cos 6 0 
dt 0

Bo
z

za

 6 A1e  20 sin 6 0
La soluzione cercata :

M2  N2 , tg D

2 A1 # 0.5.

j1 t 0.5e 2 t sin 6 t  0.4e 2 t cos 6 t  0.4,


che
in
base
alla
relazione
M sin Zt  N cos Zt P sin Zt  D
2
con P

N
, risulta:
M

j1 t 0.64e 2 t sin 6 t  0.6747  0.4.

153

trigonometrica

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

Si traccia landamento temporale partendo dalle curve asintotiche


2 t
che delimitano loscillazione e1,2 r0.64e  0.4 , figura 7.5d.

Identificati i punti per cui la sinusoide si annulla (punti in cui assume


la corrente assume il valore 0.4), si procede al tracciamento
delloscillazione della corrente j1(t) senza mai oltrepassare le curve
asintotiche.

1.2
j1(t)

e1(t)
e2(t)

0.6

za

0.4
0.2

Bo
z

corrente j 1(t)

0.8

0
-0.2
-0.4
0

0.5

1.5
tempo [s]
Figura 7.5d

154

2.5

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

Esercizio 7.6
Determinare la risposta
transitoria completa della
rete di figura 7.6, sapendo
che quando il tasto T viene
chiuso il condensatore C
presenta una tensione V0 =
C 10V e linduttore una
corrente di 2A.
2e-4t,
R1=4,
[eG(t)=
R2=6, C=1/4F, L=1H]

T
R1
R2
eG
L

Figura 7.6

T
R1

Svolgimento

za

R2

Bo
z

eG
Si
sfrutta
il
metodo
j1(t)
j2(t)
L
operatoriale per la soluzione
vL
dellesercizio,
insieme
al
iL
metodo delle correnti di anello,
figura 7.6a.
Figura 7.6a
Si possono quindi scrivere le
seguenti relazioni:
e G t R1 j1 t  R 2 j1 t  LDj1 t  R 2 j2 t  LDj2 t ,

R 2 j2 t  LDj2 t  R 2 j1 t  LDj1 t 

vC

C
iC

1
j2 t 0.
CD
Si riordinano le equazioni e si giunge al sistema:
 R 2  LD j t e t
R1  R 2  LD
1
G

.
R
LD
R
LD





j2 t 0
2
2
CD

Si opta per descrivere il transitorio per mezzo della tensione sul


condensatore, per cui si valuta j2(t):

155

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

R1  R 2  LD eG t
 R 2  LD
0

 R 2  LD
R1  R 2  LD
1
 R 2  LD
R 2  LD 
CD

j2 t

 R 2LD 
R1  R 2 R 2  R1  R 2 LD  R1  R 2
CD

L
2
L2D 2  j2 t  R 2  LD j2 t R 2  LD eG t ,
C

si sfrutta la relazione j2 t CDv C t e si ottiene:

R1LCD2 v C t  R1R 2CDv C t  LDv C t  R1  R 2 v C t

R 2  LD eG t ,

da cui:
d
eG t
dt

Bo
z

za

D2 v C t  7Dv C t  10v C t 6eG t 


12e  4 t  8e  4 t 4e  4 t ,
la cui equazione caratteristica :
O2  7O  10 0, con soluzioni:

 2 s 1
.

1
 5 s
Le radici dellequazione caratteristica sono differenti dallargomento
della sollecitazione esponenziale, per cui si pu ipotizzare una
soluzione completa del tipo seguente:
O1,2

7r3
2

v C t A1e O 1t  A 2e O 2 t  ke 4 t .
Si ricava k sostituendo la soluzione particolare (ke-4t) nellequazione
differenziale:
16ke 4 t  28ke 4 t  10ke 4 t 4e 4 t k 2.
Si valutano adesso le condizioni iniziali facendo riferimento alla figura
7.6b.
Su R1 la corrente : iR1(0)

156

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

iR1 0 

v C (0  )  e G (0  )
R1

10  2
4

Figura 7.6b

16.

Bo
z

za

La
corrente
erogata
dal
condensatore data dalla somma
tra corrente sul resistore R1 e la
corrente sullinduttore L, per tanto
iC(0+) = -4A.
Si ricavano quindi i valori delle
costanti incognite:
v C 0 A1  A 2  2 10,
e
dv C
1
O1A1  O 2 A 2  8
iC (0  )
dt t 0
C
Si risolve il sistema
1 1 A1 12
O O A

2 2
 16
1

2 A.

tensione [V]

e si ottengono A1=14.66.V e A2= -2.66V.

14

vc(t)

12

A1 exp(O1t)

10

A2 exp(O2t)
k exp(-4t)

8
6
4
2
0
-2
0

2
tempo [s]
Figura 7.6b

157

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

La soluzione cercata, rappresentata in figura 7.6b, :


v C t 14.66e 2 t  2.66e 5 t  2e 4 t .
T
R
L

e(t)
C

Esercizio 7.7
Determinare la risposta transitoria
completa della rete di figura 7.7,
considerando gli elementi conservativi
inizialmente scarichi.
[eG(t)= EGsin(t), EG =10V, =4 rad/s,
R=4, C=1/4F, L=1H]

Svolgimento
Figura 7.7

Si sfrutta il metodo operatoriale per


determinare la soluzione dellesercizio:

1
i t eG t ,
CD
ZEG
R
1
D
D2i t  Di t 
i t
eG t
cos Zt.
L
LC
L
L
Si sostituiscono i valori numerici e si ottiene:
D2i t  4Di t  4i t 40 cos Zt.
Dopo aver sostituito i valori numerici si determina lequazione
caratteristica:
O2  4O  4 0,
le cui soluzioni sono:
 4 r 16  16
O1,2
2 s .
2
Le radici dellequazione caratteristica sono coincidenti, per cui si pu
ipotizzare una soluzione completa del tipo seguente:
i t A1 1  A 2 t e Ot  B1 sin Zt  B2 cos Zt.
Si ricavano le costanti B1 e B2, sostituendo la soluzione particolare
nellequazione differenziale:
 4 2 B1 sin Zt  4 2 B2 cos Zt  4 4B1 cos Zt  4 4B2 sin Zt 

Bo
z

za

R i t  LDi t 

 4B1 sin Zt  4B2 cos Zt


riordinando:

40 cos Zt,

158

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

16B1  16B2  4B1

0,

 16B2  16B1  4B2 40,


da cui B1 = 1.6 e B2 =-1.2.
Si ricavano le costanti A1 e A2 imponendo le condizioni iniziali:
i 0 A1 1  A 2 0 e O 0  1.6 0  1.2 1 0 A1 1.2.
Si ricava la derivata della corrente:
d
i t 2 1.2e  2 t  A 2e  2 t  2 A 2 te  2 t  4 1.6 cos 4t  4 1.2 sin 4t.
dt
Per t=0 la tensione sullinduttore pari alla tensione del generatore,
figura 7.7a.
d
L i t
2.4  A 2  6.4 0 A 2 4.
dt t 0

Bo
z

Tenendo conto delle relazione:

za

La risposta completa data da:


i t 1.2 1  4t e 2 t  1.6 sin 4t  1.2 cos 4t.

P sin Zt  D M sin Zt  N cos Zt , con


N
P
M2  N2 , D arctg ,
M
la risposta completa pu essere scritta come:

Figura 7.7a

i t 1.2 1  4t e 2 t  2 sin 4t  0.645 ,

raggruppando separatamente il termine transitorio ed il termine


permanente.
In figura 7.7b rappresentato landamento della corrente del circuito.

159

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

i(t)
it(t)

ip(t)

corrente [A]

-1

-2
0

za

tempo [s]

Bo
z

Figura 7.7b

T
R
L

e(t)
C

Esercizio 7.8
Determinare la risposta transitoria
completa della rete di figura 7.8,
considerando gli elementi conservativi
inizialmente scarichi.
[eG(t)= EGsin(t), EG =10V, =4 rad/s,
R=1/2, C=1/12F, L=1H]

Svolgimento
Figura 7.8

Si sfrutta ancora il metodo operatoriale


per
determinare
la
soluzione

dellesercizio:

160

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

R i t  LDi t 

1
i t eG t ,
CD
ZEG
R
1
D
D2i t  Di t 
i t
eG t
cos Zt.
L
LC
L
L
Si sostituiscono i valori numerici e si ottiene:
1
D2i t  Di t  12i t 40 cos Zt.
2
Dopo aver sostituito i valori numerici si determina lequazione
caratteristica:
1
O2  O  12 0,
2
le cui soluzioni sono:
1
1
 4  j3.45 s
.
O1,2
1
  j3.45 s 1
4
Le radici dellequazione caratteristica sono complesse e coniugate,
1
con parte reale pari a  e parte immaginaria d pari a 3.45. Si
4
ipotizza una soluzione completa sottosmorzata:
1
r
2

1
 48
4
2

Bo
z

za

i t A1e Vt sin Zd t  A 2e Vt cos Zd t  B1 sin Zt  B2 cos Zt.

Le pulsazioni e d presentano una modesta differenza, per cui il


termine transitorio ed il termine permanente si troveranno
alternativamente a sommarsi e sottrarsi, dando origine ad una
pulsazione di battimento.
Per ricavare le costanti B1 e B2 si sostituisce la soluzione particolare
nellequazione differenziale:
1
1
 4 2 B1 sin 4t  4 2 B2 cos 4t  4 B1 cos 4t  4 B2 sin 4t 
2
2
 12B1 sin 4t  12B2 cos 4t 40 cos 4t,
riordinando:
16B1  2B2  12B1 0,
 16B2  2B1  12B2

40,
161

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

da cui B1 = 4 e B2 = -8.
Si ricavano le costanti A1 e A2 imponendo le condizioni iniziali:
i 0 A1e V0 0  A 2e V0 1  B1 0  B2 1 0 A 2 B2 8.
Per determinare la seconda costante, si ricava la derivata della
corrente:
t




d
1
1
i t  A1e 4 sin 3.45t  3.45 A1e 4 cos 3.45t  8e 4 cos 3.45t 
dt
4
4

 3.45 8e

t
4

sin 3.45t  4 4 cos 4t  4 8 sin 4t.

Per t=0 la tensione sullinduttore pari alla


tensione del generatore, figura 7.8a, per cui:
d
i t
dt t

3.45 A1  2  16

0 A1

4.05.

i t 4.05e

t
4

sin 3.45t  8e

t
4

Figura 7.8a

Bo
z

La risposta completa data da:

za

cos 3.45t  4 sin 4t  8 cos 4t.

Landamento della corrente nel circuito rappresentato in figura


7.8b. In tale andamento riscontrabile il fenomeno dei battimenti, la
funzione sinusoidale modulata per mezzo di una funzione
Z  Zd
. Il
anchessa sinusoidale ma con una pulsazione pi bassa
2
fenomeno si estingue dopo un tempo pari a cinque volte la costante
di tempo . Nei primi istanti il fenomeno transitorio pu essere
Z  Zd
descritto per mezzo di una sinusoide di pulsazione
.
2
Per giustificare tali affermazioni si esegueno i seguenti ragionamenti.
Tenendo conto della nota relazione:
P sin Zt  D M sin Zt  N cos Zt , con
N
P
M2  N2 , D arctg ,
M
162

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

la risposta completa pu essere scritta come:




t
4

i t 8.96e sin 3.45t  1.10  8.95 sin 4t  1.10 .


Se si trascura il contributo del termine esponenziale e la fase propria
delle funzioni sinusoidali, si pu scrivere:
Z  Zd
Z  Zd
i t # 8.95 sin Zd t  8.95 sin Zt 2 8.95 sin
cos
,
2
2
in cui la funzione sinusoidale oscilla con una pulsazione che
compresa tra la pulsazione della forzante e la pulsazione di
risonanza smorzata, e la funzione cosinusoidale che ha una
pulsazione data dalla met della differenza delle due pulsazioni.
15

(Z -Zd)/2

za

Bo
z

corrente [A]

10

0
-5
-10
-15
0

(Z +Zd)/2
5

10
tempo [s]
Figura 7.8b

15

Esercizio 7.9
La rete di figura 7.9 schematizza un tipico sistema elettrico, con un
generatore, una linea di trasmissione e un carico. Sono presenti le
induttanze di linea, le resistenze di linea e le capacit distribuite. La
rete soggetta ad un cortocircuito. Per consentire una pi rapida
estinzione della corrente, il tasto T viene aperto al passaggio
naturale per lo zero della stessa corrente. A seguito dellinterruzione
della linea si determinano due circuiti distinti, per il primo
determinare la risposta transitoria completa e per il secondo fornire
uninterpretazione qualitativa del suo comportamento.
163

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

[eG(t)= EGsin(t), EG =230V, =10 rad/s, R1=0.1, R2=0.01,


L1=2H, L2=0.1H, C1=80F, C2=80F.]
T
L1
e(t)

L2
C1

C2

R1

R2
Figura 7.9

Svolgimento

Bo
z

za

Si determinano le correnti
circolanti sulla linea prima
dellintervento dellinterruttore,
figura 7.9a, tale corrente di
guasto

una
corrente
fortemente induttiva. Si fa
ricorso al metodo dei fasori.
Si pone C12 = C1 + C2, per cui si
ha:

j
j
J1 
J2 ,
E R1  jZL1 
ZC12
ZC12

T
jL1
E

J1

jL2
1
C12

R1

J2
R2

Figura 7.9a

j
j
J2 ,
J1  R 2  jZL 2 
ZC12
ZC12

da cui J1 0.05  j10.9 A e J2 0.05  j10.9 A .


Le relative correnti nel dominio del tempo sono:
j1(t)= 10.9sin(10t-1.56), con fase in gradi pari a 89.7 e
j2(t)= 10.9sin(10t-1.56), con fase in gradi pari a 89.7.
Per risolvere il transitorio conviene riferirsi ad un tempo t=0 per cui le
1.56
correnti sugli induttori sono nulle, cio il tempo t
, in cui la
10
tensione sul generatore vale e G t 230 sin 1.56 229.9 # 230V .
164

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

Si pu quindi considerare lo studio del fenomeno transitorio a partire


da un istante in cui la tensione del generatore massima, quindi
descritto da una funzione cosinusoidale: eG(t)= EGcos(t).
Si considera inizialmente il circuito (1) e per esso, sfruttando il
metodo operatoriale, si scrive:
1
R1 i1 t  L1Di1 t 
i1 t e'G t ,
C1D
ZEG
R1
1
D
Di1 t 
i1 t
e'G t 
sin Zt.
L1
L1C1
L1
L
Si sostituiscono i valori numerici e si ottiene:
D2i1 t  0.05Di1 t  6.25 103 i1 t 1150 sin10t.
Lequazione caratteristica data da:
O2  0.05O  6.25 103 0,
le cui soluzioni sono:
1
 0.05 r 0.05 2  4 6.25 103  0.025  j80 s
O1,2
.

1
2
 0.025  j80 s
Le radici dellequazione caratteristica sono complesse e coniugate,
con parte reale pari a -0.025 e parte immaginaria d pari a 80. Si
ipotizza una soluzione completa sottosmorzata:
i1 t A1e Vt sin Zd t  A 2e Vt cos Zd t  B1 sin Zt  B 2 cos Zt.
Per ricavare le costanti B1 e B2 si sostituisce la soluzione particolare
nellequazione differenziale:
 102 B1 sin 10t  10 2 B2 cos 10t  10 0.05B1 cos 10t  10 0.05B2 sin 10t 

Bo
z

za

D2i1 t 

6.25 103 B1 sin 10t  6.25 103 B2 cos 10t

riordinando:
 100B1  0.5B2  6.25 103 B1

1150 sin 10t,

1150,

 100B2  0.5B1  6.25 103 B2 0,


da cui B1 =-0.19 e B2 0.
Si ricavano le costanti A1 e A2 imponendo la condizione iniziale:
i 0 A1e V0 0  A 2e V0 1  B1 0 0 A 2 0.
Per determinare la seconda costante, si ricava la derivata della
corrente:

165

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

d
i t 0.05 A1e  0.05 t sin 80t  80 A1e  0.05 t cos 80t  10 0.19
dt
cos 100t.
Essendo linduttore non percorso da corrente ed il condensatore
scarico, la tensione del generatore direttamente applicata
allinduttore, per cui:
d
L i t
2 80 A1  1.9 230 A1 1.46.
dt t 0
La soluzione completa data da:
i1 t 1.46e 0.05 t sin 80t  0.19 sin 10t.

15

za

Bo
z

corrente [A]

10

0
-5
-10
-15
-1

1
tempo [s]

Figura 7.9a

La corrente raggiunge immediatamente un valore pi basso di quello


assunto nelle condizioni di cortocircuito, ma tale andamento si
estinguer dopo molto tempo a causa della piccola resistenza R1 che
condiziona levoluzione del transitorio.
La tensione sul condensatore si ricava considerando la seguente
equazione:
166

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

VC1 t e'G t  R1 i1 t  L1Di1 t 230 cos 10t  0.146e 0.05 t sin 80t 

0.019 sin 10t  0.146e  0.05 t sin 80t  230e  0.05 t sin 80t  3.8 sin 10t
230 cos 10t  3.82 sin 10t  230e  0.05 t cos 80t .

In figura 7.9b rappresentata la tensione sul condensatore C1,


insieme alla tensione del generatore, la tensione sul condensatore
presenta valori che sono anche il doppio della tensione di
alimentazione, e queste oscillazioni si protraggono nel tempo a
causa del basso valore della resistenza R1.

500

VC1(t)

za
Bo
z

tensione [V]

e'G(t)

-500
0

0.2

0.4
0.6
tempo [s]

0.8

Figura 7.9b

Per completare lo studio si descrive qualitativamente il


comportamento del circuito (2). Nellistante di interruzione della
corrente il circuito (2) presenta una corrente nulla sullinduttore ed
una tensione nulla sul capacitore, quindi potrebbe essere spento
senza presentare un transitorio, ci non accade sempre, poich a
causa dei valori assunti dai parametri di rete una piccola corrente
167

Capitolo 7 Circuiti dinamici del secondo ordine

interessa il condensatore e quindi nasce un transitorio anchesso


1 L 2C 2 .
sottosmorzato, la cui pulsazione data da Zd
Anche in questo caso la costante di attenuazione elevata, a causa
dei valori contenuti di R2, per cui si avranno delle oscillazioni che si
protrarranno per un intervallo temporale esteso.
Al tasto T, che rappresenta linterruttore, sar quindi applicata una
tensione data dalla differenza tra VC1 e VC2, figura 7.9c. Si possono
raggiungere valori prossimi a due volte lampiezza della tensione di
generatore, valori che potrebbero ristabilire una corrente
nellinterruttore se questo non opportunamente dimensionato.

600

za

200

Bo
z

tensione [V]

400

0
-200
-400
-600
0

0.2

0.4
0.6
tempo [s]

0.8

Figura 7.9c

Per aumentare lo smorzamento e quindi avere transitori con


smorzamenti pi rapidi, si pu inserire una resistenza in parallelo al
sistema allatto dellinterruzione del circuito, che successivamente
viene distaccata.

168

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Capitolo 8
Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.1
Rappresentare le seguenti funzioni sinusoidali per mezzo del metodo
simbolico:
a t 5 cos 10t ;

b t
c t

2 cos 10t  ;
4

10 sin 5t ;

d t 20 cos t .

za

Svolgimento

Bo
z

Nellambito dellalgebra dei numeri complessi definibile una


funzione complessa di variabile complessa jt (oppure di variabile
reale t) che rappresenta univocamente la funzione sinunoidale
assegnata.
Una funzione f t Fx cos Zt  D trasformabile nel dominio della
variabile complessa jt per mezzo della seguente relazione:
F t Fx e j Zt  D Fx e jDe jZt Fx cos D  j sin D cos Zt  j sin Zt
Fx cos D cos Zt  jFx cos D sin Zt  jFx sin D cos Zt  Fx sin D sin Zt

Fx cos D cos Zt  Fx sin D sin Zt  j Fx cos D sin Zt  Fx sin D cos Zt .


Il termine F t prende il nome di fasore rotante rappresentativo della
funzione f(t).
Per a t 5 cos 10t , si ha:
A t 5e j 10 t  0 5e j0 e j10 t 5 cos 0  j sin 0 cos 10t  j sin 10t
5 1  j0 cos 10t  j sin 10t 5 cos 10t  j5 sin 10t.
Per b t

2 cos 10t  , si ha:


4

169

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

B t

j 10 t 
4

2e

2e

S
4 e j10 t

S
S

2 cos  j sin cos 10t  j sin 10t


4
4

1
1
cos 10t  j sin 10t cos 10t  sin 10t  j(cos 10t  sin 10t).
2
j
2
2
Per c(t) conviene rifarsi ad una funzione cosinusoidale prima di
passare al dominio dei fasori:
S

c t 10 sin 5t 10 cos 5t  , per cui si ha:


2

C t 10e

j 5 t 
2

10e

j

S
2 e j5 t

10 0  j cos 5t  j sin 5t
Per d(t) si ha:
D t 20e j t  0

S
S

10 cos  j sin cos 5t  j sin 5t


2
2

 j10 cos 5t  10 sin 5t.

Bo
z

za

20e j0e jt 20 cos 0  j sin 0 cos t  j sin t


 20 1  j0 cos t  j sin t 20 cos t  j20 sin t.

Nello svolgimento dei calcoli nel dominio della variabile complessa


jZt
in genere preferibile non sviluppare il termine e , ma limitarsi
jD
allimpiego dei fasori fermi allistante zero, F Fx e , per poi tenere
conto del termine dipendente dal tempo in un secondo momento,
quando si effettua lantitrasformazione nel dominio del tempo dei
fasori risultanti. I fasori fermi allistante nullo sono:
A 5e j0 5 cos 0  j sin 0 5;

2e

10e

S
4

j

S
2

D t 20e j0

S
S

2 cos  j sin
4
4

S
S

10 cos  j sin
2
2

1
1
1  j;
2
j
2
2
 j10;

20 cos 0  j sin 0 20.

170

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.2
Ricondurre i seguenti fasori alle relative funzioni sinusoidali:
A t 5e jt ;


2 2  j 2 e

B t 2 1  j 3 e j10 t ;
C t

j5 t

.
Svolgimento

La funzione f t Fx cos Zt  D detta antitrasformata fasoriale


j Zt  D
Fx e jD e jZt .
della funzione complessa fasoriale F t Fx e
Per determinare la funzione a(t) necessario esprimere la funzione
A t nella forma esponenziale completa:

Bo
z

za

A t 5e jt 5e j0e jt ,
per cui si ha immediatamente:
a t 5 cos t  0 5 cos t.
Per determinare b(t) si esprima la funzione complessa in modulo e
fase:

B t 2 1  j 3 e
2 1 
Per cui si ha:
S

b t 4 cos 10t  .
3

Si scrive

j10 t

C t 2 2  j 2 e j5 t
j

3 e
2

jarctg
1

j10 t

2   2 e
2

S
4 e j5 t .

4e
Quindi si trova:
S

c t 4 cos 5t  .
4

171

4e

S
3 e j10 t .

2
jarctg 

2 j5

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.3

Eseguire la somma delle seguenti funzioni sinusoidali:


a t 3 sin 10t ;
S

b t 3 2 cos 10t  .
4

Svolgimento
Le due funzioni sinusoidali possono essere sommate poich
presentano la stessa pulsazione.
Riferendosi a funzioni cosinusoidali, nel dominio dei fasori si ha:

3 2e

S
4 e j10 t

3  j3 e j10t .

S
S
3 cos   j sin  e j10 t
2
2

S
S

3 2 cos  j sin e j10 t


4
4

za

B t

S
2 e j10 t

Bo
z

A t 3e

j

3 0  j e j10 t

 j3e j10 t ;

1
1 j10 t
e
j
3 2
2
2

La funzione somma nel dominio dei fasori :


C t  j3e j10 t  3  j3 e j10 t 3e j10 t .
Nel dominio del tempo si ha:
c t 3 cos 10t .

Esercizio 8.4

Per mezzo dellapproccio fasoriale, valutare la funzione sinusoidale


corrispondente allapplicazione delloperazione di derivazione oppure
alloperazione di integrazione delle seguenti funzioni sinusoidali:

172

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

a t

d
S

2 cos 100t  ;

dt
4

b t

>20 cos 10t @dt.


Svolgimento

Il fasore A t si ottiene derivando nel tempo la trasformata fasoriale


della funzione derivanda:
d
1  j e j100t j100 1  j e j100t 100  1  j e j100t
A t
dt

>

100 2e

1
 jarct
1

e j100t ,

Bo
z

za

la funzione arcotangente relativa ad un


angolo descritto nel piano di Gauss dai punti
[-1,1] e [0,0], tale angolo allora sar pari a
135, cio 3/4, figura 8.4, per cui:
A t 100

3S
j
2e 4 e j100 t

Figura 8.4

3S
S

a t 100 2 cos 100t 


100 2 sin 100t  .
4
4

In alternativa alloperazione di derivazione si poteva considerare il


prodotto tra j e la trasformata fasoriale della funzione derivanda.
Si determina adesso il fasore B t , considerando che alloperazione
di integrazione nel dominio dei fasori corrisponde la divisione per j :
B t

>

1
20e j10 t
j10

 j 2e

j10 t

b t 2 cos 10t 
2

2e

1
jarctg
0 j10 t

2 sin 10t .

173

2e

j

S
2 e j10 t

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.5
Rappresentare graficamente nel piano di Gauss i fasori ottenuti dalle
seguenti funzioni sinusoidali:
S

a t 10 cos 10t ;
b t 20 cos 10t  ;
c t 10 sin 10t ;
4

d t 20 cos 10t .

Svolgimento
Le funzioni sinusoidali hanno tutte la
stessa pulsazione, quindi possono
essere rappresentate nello stesso
piano complesso.
I fasori fermi al tempo zero sono:
A 10;

10e

j

10 2  j10 2 ;
S
2

D
C

scala :

Figura 8.5

 j10;

za

20e

S
4

D 20.
In figura 8.5 sono rappresentati i
fasori fermi allistante zero, se si
considera invece unavanzamento
temporale di t1 = 0.078 s, si deve
introdurre una rotazione = t =
0.78 rad 45, secondo il verso
antiorario, figura 8.5a.
Analiticamente:
A t1 10e

j10 t 1
S S
j
4e 4

B t1 20e

C t1 10e

j

20e

S
4

S S
j
2e 4

10e

S
4

20e

5 2  j5 2 ;
j

10e

Figura 8.5a

S
2
j

20;
S
4

t=0

Bo
z

5 2  j5 2 ;

10 2  j10 2 .
174

= 10

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.6
Determinare per il bipolo lineare di figura lespressione letterale
dellimpedenza vista ai morsetti A-B.

Figura 8.6

Bo
z

za

Svolgimento
Per studiare limpedenza ai
morsetti
A-B

necessario
proiettare la rete nel dominio dei
fasori, sostituendo ad ogni
elemento
passivo
la
corrispondente impedenza, figura
8.6a.
Si considera il parallelo tra R2 ed il
condensatore:

Z

j
ZC
j
R2 
ZC
R2

j
j
R2 
ZC
ZC
j
j
R2 
R2 
ZC
ZC
R2

Figura 8.6a

R2
R 22
j

ZC
Z2C 2
1
R 22  2 2
ZC

R 22
ZC
Z2C 2
2 2 2
Z C R2  1
R2

j

Z2C 2

R 2  jR 22 ZC
.
1  Z2C 2R 22
Adesso si considera la serie tra la resistenza R1, linduttore L e
limpedenza del parallelo tra resistore R2 e condensatore C:
Z AB

R1  jZL 

R 2  jR 22 ZC
1  Z2C 2R 22

175

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.7
Determinare per il bipolo lineare
di figura lespressione letterale
dellimpedenza vista ai morsetti
A-B.

Svolgimento
Si proietta la rete nel dominio di
, figura 8.7a.
Si valuta la serie tra
resistenza R2 e linduttore L:
Z 1

Figura 8.7

la
A

R1
R2
-j

R 2  jZL.

C
jL
B

Bo
z

za

Si valuta il parallelo tra Z 1 ed il


condensatore C:

Z 1

j
ZC
j
R 2  jZL 
ZC

R 2  jZL

 j R  j ZL  1
2
ZC

ZC
1
1

R 2  j ZL 

R 2  j ZL 
ZC
ZC

R 2  jZL

R L
R 22 ZL2
R 2L R 2L

 2 2 2  j



C
C
Z C ZC 2 ZC
C
R 22

 ZL 

ZC

R L
R 22 ZL2
R 2L R 2L

 2 2 2  j



C
C
Z C ZC 2 ZC
C
R 22 Z2C 2  Z4L2C 2  2Z2LC  1
Z2C 2

Figura 8.7a

R 2  j ZL  R 22 ZC  Z3L2C
.
R 22 Z2C 2  Z4L2C 2  2Z2LC  1
176

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Per controllare lesattezza di tale espressione si possono valutare le


dimensioni dei termini presenti. In tale espressione i termini a
numeratore hanno dimensione di impedenza, mentre quelli a
denominatore sono adimensionali.
Limpedenza tra i morsetti A-B quindi data dalla serie tra il resistore
R1 e limpedenza Z 1 :
Z AB

R1 

R 2  j ZL  R 22 ZC  Z3L2C
R 22 Z2C 2

 Z L C  2Z LC  1
4 2

Bo
z

za

Esercizio 8.8
Determinare le tensioni incognite.

Figura 8.8

[ E1 =11-j4V, E2 =-9+j34V, E3 =-7-j7V]


Svolgimento
Sommando tensioni dei generatori e cadute di tensione sulle
impedenze si determinano le tensioni incognite.
Si determina V3 partendo dalla maglia finale:

V3

V6  E3

4  j5  7  j7

3  j12V.

Si determina V2 :

V2

 E2  V3  V5

9  j34  3  j12  16  j2

4  j24 V.

Infine si determina V1 :

V1

E1  V2  V4

11  j4  4  j24  20  j10
177

5  j10 V.

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Nelle seguenti figure sono rappresentate le somme vettoriali.

-E3

V3

V6
scala :

=2V

Figura 8.8a

Bo
z

za

Figura 8.8b

-V4

-V2
V1

scala :

=2V

-E1
Figura 8.8c

178

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.9
Determinare le grandezze incognite.

I5

I4
V4

E2 IE2

E3

I3
I1
V1

E5 IE5

V5

I2 V2

V3

I6

IE3

E1

IE4

V6
IE1

E4
I7

I8
V8

V7

E2 =-7+j9V,

V2 =3-j6V,

V7 =-j3V,

E3 =-5-j14V,

Bo
z

[ E1 =7-j6V,

za

Figura 8.9

V8 =j10V,

E4 =6+j3V,

I1 =2A,

I2 =1-j2A,

E5 =-9-j10V;
I3 =1+j3A,

I5 =2+j2A, I6 =-j2A, I7 =-jA]


Svolgimento
Sommando tensioni dei generatori e cadute di tensione sulle
impedenze si determinano le tensioni incognite.
V6  E4  V7 6  j3  j3 6 V.

V5

E5  E3

9  j10  5  j14

V3

E1  E3  V6  V8

V1

E1  V2

4  j4 V.

7  j6  5  j14  6  j10

7  j6  3  j6

6  j2.

4 V.

V4 E2  V2  V3 7  j9  3  j6  6  j2 10  j5 V.
Si sommano le correnti delle impedenze per individuare le correnti
erogate dai generatori.
IE1 I2  I3 1  j2  1  j3 2  jA.
IE2

I1  I2

2  1  j2 1  j2A.
179

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

IE 4

 I7

IE5

I5

IE3

 IE5  I6  IE 4

jA.
2  j2A.
2  j2  j2  j

2  j3 A.

V5

V6
scala :

-E3

E5

Figura 8.9a
Figura 8.9b

=2V

-V8

-E3

V3

E1
scala :

=2V

Figura 8.9c
=2V

za

scala :

Bo
z

V1
-V2
E1

Figura 8.9e
Figura 8.9d

Figura 8.9f

Figura 8.9g

180

Figura 8.9h

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.10
Risolvere la rete e costruire il diagramma vettoriale completo.

R2
R1

C2

L1
R3

L3

e(t)

Figura 8.10

Bo
z

Svolgimento
Si riconduce lanalisi nel
dominio dei fasori e si
procede alla riduzione delle
impedenze
a
ununica
equivalente. In figura 8.10a
rappresentata la rete nel
dominio di .
Sidentificano con Z 2 e Z 3
le impedenze del percorso
superiore
e
inferiore

za

[eG(t)= 72cos(t) V, =10 rad/s, R1=8, R2=10, R3=15 L1=2H,


C2=0.01F, L3=1H]

Figura 8.10a

compreso tra i morsetti B e C. Si valuta Z 2 :


j
Z 2 R 2 
10  j10: ,
ZC 2
la reattanza di tale impedenza negativa poich il bipolo equivalente
ohmico-capacitivo. Si determina adesso limpedenza Z 3 :
Z
R  jZL 15  j10:,
3

181

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

tale impedenza presenta una reattanza positiva poich il circuito


ohmico-induttivo. Si valuta adesso limpedenza Z BC , data dal
parallelo delle due impedenza calcolate in precedenza:
Z 2 Z 3
10  j10 15  j10 250  j50 10  j2:,
Z BC
25
Z 2  Z 3 10  j10  15  j52
tale impedenza ha una reattanza negativa, quindi limpedenza
equivalente ai morsetti B-C ha carattere ohmico-capacitivo.
Limpedenza tra A e B data da:
Z AB R1  jZL1 8  j20:.
Limpedenza ai morsetti A-C data dalla serie delle impedenze Z
AB

e Z BC :
Z
Z
eq

AB

 Z BC

8  j20  10  j2 18  j18:.
2  j2 A.

za

La corrente erogata dal generatore data da:


EG
72
72
4 1  j 4 1  j
I1
2
Z AC 18  j18 18 1  j 1  j 1  j

Bo
z

La caduta di tensione nel tratto A-B data da:


VAB Z AB I1 8  j20 2  j2 56  j24 V.
La caduta di tensione nel tratto B-C si valuta per mezzo di:
V BC
Z BC I1 10  j2 2  j2 16  j24 V .
Per determinare le correnti I2 e I3 conviene esprimere i numeri
complessi nella rappresentazione esponenziale:
I2

VBC
Z 2

16  j24
10  j10

16  24 e
2

10

jarctg

24
16

1
jarctg
1
2e

28.8e  j56.3q
10 2e

 j45q

2.04e  j11.3q

2  j0.4 A,
I3

VBC
Z 3

16  j24
15  j10

162  242 e
5 32 

jarctg

24
16

15
jarctg
2
10
2 e

28.8e  j56.3q
18e j33.7q

1.6e  j90q

 j1.6 A.
Si procede alla rappresentazione del diagramma fasoriale completo,
figura 8.10b.
182

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

scala :

=5V

scala :

=0.5A

VAB

I2
I3

EG

I1
VBC
Figura 8.10b

Bo
z

za

La corrente I1 in ritardo di un angolo di 45 rispetto alla tensione di


alimentazione, giacch limpedenza equivalente ai morsetti A-C
ohmica-induttiva, con parte reale pari alla parte immaginaria. La
corrente I2 anticipa la tensione ad essa applicata, VBC , poich si ha
un carico ohmico-capacitivo, ci non accade sul ramo induttivo e la
corrente I3 risulta quindi in ritardo.

183

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.11
Valutare la corrente che
circola nel corpo umano a
regime a seguito di un
contatto indiretto con una
massa in tensione.

Figura 8.11

Svolgimento

Bo
z

za

In figura 8.11a mostrata una possibile


schematizzazione del contatto tra massa
in tensione e corpo umano. La tensione E
pari a 230 V, =314 rad/s, C=2F,
R=250, L=100mH.
Si valuta limpedenza equivalente della
schematizzazione contatto-corpo:

Figura 8.11a

R  jZL  j

ZC 250  j31.4  j1592 253  j8.6:.


j
250  j31.4  j1592
R  jZL 
ZC
La corrente che circola nel corpo umano data da:

Z eq

E
Z
eq

230
253  j8.6

0.90  j0.03

0.90e j1.95q A.

Il valore di corrente raggiunto da ritenersi pericolo giacch in


grado di innescare la fibrillazione cardiaca. Lutilizzo del dispositivo
differenziale, inserito a valle dellalimentazione, il cui valore di
intervento di 30mA, fornisce un notevole contributo alla riduzione
del rischio elettrico.
184

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.12
Determinare i fasori delle
correnti che circolano nella
rete di figura 8.12.

[E=80V,
=100
rad/s,
R1=0.5, R2=0.1, L=2mH,
C2=0.01F]

Figura 8.12

Svolgimento

Figura 8.12a

za

Per risolvere la rete conviene


trasformare il generatore di tensione
nellequivalente
generatore
di
corrente, figura 8.12a.
Lammettenza equivalente vista dal
generatore di corrente :

1
1
1
1
1
1
 jZC 

 j

12  j4 S.
R1
R 2 jZL 0.5
0.1 j0.2
La tensione applicata al sistema di impedenze data da:
E
1
80
1
12  j4 160 12  j4
V

12  j4 V.

R1 Yeq 0.5 12  j4 12  j4
144  16

Bo
z


Y
eq

Si ricavano quindi le correnti sui rami trasversali:


IC jZCV j 12  j4 4  j12 A.
IR 2

V
R2

12  j4
0.1

120  j40 A.

V
12  j4
20  j60 A.
jZL
j0.2
Per valutare la corrente sul resistore R1 si considera lo schema di
figura 8.12:
IR1 IC  IR 2  IL 4  j12  120  j40  20  j60 136  j8 A.
IL

185

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.13
Verificare per la rete di figura 8.13 la
conservazione delle potenze attive,
reattive e complesse. Successivamente
verificare che le potenze apparenti non
sono conservate.
[E=10V, =100 rad/s, R=4, C=1/300F]
Figura 8.13

Svolgimento
Del generatore di tensione fornito solo il modulo, allora si effettua la
scelta arbitraria di considerare il relativo fasore giacente sullasse
reale. Si valuta limpedenza vista dal generatore:
3

jarct
1
4
R
4  j3
16  9e
5e  j36.8q:.
jZC
Il generatore, quindi, eroga la corrente:
E
10
I 
2e j36.8q A.
 j36.8q
Z 5e
Le cadute di tensione sul condensatore e sul resistore, sono:
1
VC
I 3e  j90q 2e j36.8q 6e  j53.2q V.
jZC

Bo
z

za

Z

VR

RI

8e j36.8q V.

In figura 8.13a rappresentato il


diagramma fasoriale completo. Si
definisce lo sfasamento tra tensione
del generatore e corrente da esso
erogata per mezzo dellangolo ,
angolo di cui deve ruotare il fasore
della corrente per sovrapporsi al
fasore della tensione, tale angolo
pari a -36.8. La potenza attiva
assorbita dal resistore data da:
PR R I2 4 4 16W.
La potenza attiva associata al
condensatore :
186

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

PC 0W.
Nel valutare la potenza attiva erogata dal generatore si utilizza la
convenzione dellutilizzatore, per cui si ha:
PE=-EIcos()=-1020.8=-16W.
Si nota subito come sia verificato il bilancio delle potenze attive.
La potenza reattiva associata al resistore :
QR

0 VAr.

La potenza reattiva impegnata dal condensatore :


1 2
QC 
I
12VAr.
ZC
La potenza reattiva erogata dal generatore :
QE= -EIsin()=-102(-0.6)=12VAr.

A R

Bo
z

za

Anche questa volta il bilancio verificato.


Si valuta la potenza complessa associata al resistore:
8 e j36 . 8 q 2 e  j36 . 8 q

V R I*

16 VA ,

la potenza complessa associata al condensatore:



A
C

VC I*

6e  j53.2q 2e  j36.8q

12e  j90q

 j12VA,

ed infine si valuta la potenza complessa associata al generatore:



A
 E I* 10 2e  j36.8q 20 0.8  j0.6 16  j12 VA.
E
Anche questa volta il bilancio verificato.
Si valutano adesso le potenze apparenti associate agli elementi:

A
A
V I* 16VA,
R

AC


A
C

VC I*

AE


A
E

E I*

12VA,
20VA.

Si nota nel caso di potenza apparente non vige il principio di


conservazione.

187

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.14
Risolvere la rete di figura.
[e(t)= 16.5cos(t-14) V,
i(t)=3.60cos(t-56.3) A,
=100 rad/s,
R1=8,
R2=2,
L=0.02H,
C=1/300F]
Figura 8.14

Svolgimento

Si riconduce la rete allequivalente nel


dominio dei fasori, figura 8.14a.
Si scrivono i principi di Kirchhoff al
nodo ed alla prima maglia:
I1  I2  I 0,
Figura 8.14

E.

Bo
z

1
I2
jZC

za

R1  jZL I1  R 2 

Scelte come incognite I1 e I2 , si risolve il sistema:


I1  I2  I

R  jZL I  R  1 I
1 2
2
1
jZC

le cui soluzioni sono:


I
1
1
E R2 
jZC
I1
, I2
1
1
1
R1  jZL R 2 
jZC

1
I
R1  jZL E
1
1
R1  jZL R 2 

Si esplicitano i calcoli:

188

1
jZC

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

I
E
I1

1
1
R2 
jZC
1

R1  jZL R 2 

I2

1
jZC

1
I
R1  jZL E
1
1
1
R2 
jZC

 3.6e  j56.3q
1
 j14q
16.5e
2  j3
1
1
8  j2 2  j3

1
 3.6e  j56.3q
8  j2 16.5e  j14q
1
1
8  j2 2  j3

21  j8
10  j

38  j24
10  j

2  j A,

4  j2 A.

Le tensioni applicate alle diverse impedenze sono:


VR1 R1 I1 16  j8 17.9e j26.6q V,
jZL I1

2  j4

VR 2

R 2 I2

8  j4

4.5e j116.6q V,
8.9e  j26.6q V,

za

VL

Bo
z

1
I2 6  j12 13.4e  j116.6q V.
jZC
La tensione applicata ai morsetti del generatore di corrente :
VI VR 2  VC 8  j4  6  j12 2  j16 16.1e  j82.9q V.
In figura 8.14b rappresentato il diagramma fasoriale completo.
Nel dominio del tempo si ha:
i1(t)=2.2cos(t+26.6),
VC

i2(t)=4.5cos(t-26.6),
vR1(t)=17.9cos(t+26.6),
vL(t)=4.5cos(t+116.6),
vR2(t)=8.9cos(t-26.6),
vC(t)=13.4cos(t-116.6),
vi(t)=16.1cos(t-82.9).
189

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

VR1
VL
I1

I2
VR2

E
scala :

=1A

scala :

=2V

I
VC

Bo
z

za

Figura 8.14b

Figura 8.15

Esercizio 8.15
Determinare le correnti
nella
rete
di
figura
applicando il metodo della
sovrapposizione
degli
effetti.
[e(t)= 16.5cos(t-14) V,
i(t)=3.60cos(t-56.3) A,
=100 rad/s,
R1=8,
R2=2,
L=0.02H,
C=1/300F]

Svolgimento
Si riconduce la rete allequivalente nel
dominio dei fasori quando attivo il
solo generatore di tensione, figura
8.15a.
Constatata
luguaglianza
delle
correnti I'1 e I'2 , la seconda legge di
Kirchhoff consente di scrivere:
190

Figura 8.15a

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

R1  jZL I'1 R 2 

da cui si ricava:
I'1 I'2

1
I' 2
jZC

E
R1  jZL  R 2 

1
jZC

E,
16  j4
8  j2  2  j3

1.62  j0.24 A.

Si considera adesso la presenza


esclusiva
del
generatore
di
corrente, figura 8.15b.
Si determinano le correnti I' '1 e I' '2
per mezzo della formula del
partitore di corrente:

I' '2

1
R1  jZL  R 2 
jZC
R1  jZL

2  j3

2  j3
8  j2  2  j3

2  j3

8  j2
8  j2  2  j3

1
R1  jZL  R 2 
jZC
Si compongono gli effetti e si ottiene:
I1 I'1  I' '1 1.62  j0.24  0.38  j1.24 2  j A,
I2

0.38  j1.24 A,

za

1
jZC

Bo
z

 I' '1 I

R2 

Figura 8.15b

I'2  I' '2 1.62  j0.24  2.38  j1.76

191

4  2 j A.

2.38  j1.76 A,

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.16
Determinare le correnti
nella
rete
di
figura
applicando il metodo delle
correnti di anello.
[e(t)= 16.5cos(t-14) V,
i(t)=3.60cos(t-56.3) A,
=100 rad/s,
R1=8,
R2=2,
L=0.02H,
C=1/300F]

Figura 8.16

Svolgimento
Si riconduce la rete allequivalente nel
dominio dei fasori
e sindividuano le
correnti di maglia J1 e J2 , figura 8.16a.
Per la prima maglia si ha:

Figura 8.16a

Bo
z

za

1
1
R1  jZL  R 2 
J1  R 2 
J2 E.
jZC
jZC

Per quanto riguarda la seconda maglia si ha:


J2  I 2  j3 A.
Si ricava quindi:
E

J1

1
R 2 
J2
jZC

16  j4

8  j2  2  j3

1
1
R1  jZL  R 2 
R1  jZL  R 2 

jZC
jZC

 2  j3 2  j3

1.62  j0.24  0.38  j1.24 2  j A.
8  j2  2  j3
Risulta quindi:
I1 J1 2  j A,
I2

J1  J2

2  j  2  j3

4  2 j A.

192

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.17
Determinare le correnti nella
rete di figura applicando il
metodo dei potenziali di
nodo.
[e(t)= 16.5cos(t-14) V,
i(t)=3.60cos(t-56.3)
A,
=100 rad/s, R1=8, R2=2,
L=0.02H, C=1/300F]
Figura 8.17

Bo
z

za

Svolgimento
Si riconduce la rete allequivalente nel
dominio dei fasori e si identificano i
nodi di interesse, figura 8.17a.
Si deduce immediatamente che:
VA E.
Considerando il nodo B si ha:

1
1
1

V
VA 


I,

B
1

Z

Z
R
j
L
R
j
L
1
1

R2 

jZC

da cui:

VA
R1  jZL
I

VB


1
1
1
1



R1  jZL
1 R1  jZL
1
R2 
R2 


j
C
Z
jZC

16  j4
8  j2
2  j3


1
1
1 1



8  j2 2  j3 8  j2 2  j3

193

Figura 8.17a

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

0.53  j10.66  2.53  j5.34

2  j16 V.

Si ricavano le correnti I1 e I2 :
I1
I2

VA  VB
R1  jZL
VB
1
R2 
jZC

16  j4  2  j16
8  j2
2  j16
2  j3

2  j A,

4  j2 A.

Bo
z

za

Esercizio 8.18
Determinare le correnti che circolano negli induttori nella rete di
figura, applicando il metodo delle correnti di anello.

Figura 8.18

[e1(t)= 14.2cos(t+50.7) V, e2(t)= 79.0cos(t+18.4) V, e3(t)=


82.4cos(t+10.5) V, =100 rad/s, R1=5, R2=10, R3=15,
L1=0.02H, L2=0.06H, C=1/400F]
Svolgimento
In figura 8.18a rappresentata la rete
nel dominio dei fasori.
Si scrive il sistema di equazione nelle
incognite correnti di anello:
Figura 8.18a

194

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

1
1
J1  R 2 
J2  0  E1
R1  R 2 
Z
Z
j
C
j
C

1
1
 jZL1  R 3  jZL 2 J2  R 3  jZL 2 J3
J1  R 2 
 R 2 
jZC
jZC

0  R 3  jZL 2 J2  R 3  jZL 2 J3  E3

Sostituendo si ha:
5  10  j4 J1  10  j4 J2  0 9  j11

 10  j4 J1  10  j4  j2  15  j6 J2  15  j6 J3
0  15  j6 J  15  j6 J 81  j15
2
3

da cui:

Bo
z

za

 9  j11  10  j4
0
75  j25
25  j4  15  j6
 81  j15  15  j6 15  j6

J1

J2

15  j4  10  j4
0
 10  j4 25  j4  15  j6
0
 15  j6 15  j6
15  j4
 9  j11
0
 10  j4 75  j25  15  j6
0
 81  j15 15  j6
15  j4  10  j4
0
 10  j4 25  j4  15  j6
0
 15  j6 15  j6

195

1  j A.

2 A.

75  j25,

E2 .

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

J3

15  j4  10  j4  9  j11
 10  j4 25  j4
75  j25
0
 15  j6  81  j15

3  j A.

15  j4  10  j4
0
 10  j4 25  j4  15  j6
0
 15  j6 15  j6

Segue che:
IL1 J2 2 A,
IL 2 J2  J3 2  3  j 5  j 5.1e  j11.3 A.
Nel dominio del tempo si ha:
iL1(t)= 2cos(t) A, iL2(t)= 5.1cos(t-11.3) A.

Bo
z

za

Esercizio 8.19
Determinare le correnti che circolano negli induttori nella rete di
figura, applicando il metodo dei potenziali di nodo.

Figura 8.19

[i1(t)=
10.8cos(t+13.4)
A,
i2(t)=
12.0cos(t+23)
A,
i3(t)=23.5cos(t+9.1) A, =100 rad/s, R1=10, R2=10, R3=10,
L1=0.02H, L2=0.04H, C1=3mF, C2=4mF]

196

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Svolgimento

Si considerano i potenziali dei nodo di


figura 8.19a.
Per il nodo A si scrive:

1
1

VB  jZC1VC
 jZC1 VA 
R3

R3

 I1.

Per il nodo B si ha:


Figura 8.19a

1
1
1
VB 
VA 
 jZC 2 
R3
R
R
j
L

Z
3
1
1

 jZC 2 VC  I2 .
Infine, per il nodo C si ha:

za

Bo
z

1
VC
 j ZC1VA  jZC 2 VB  jZC1  jZC 2 
R 2  jZL 2

I3 .

Si scrive il relativo sistema di equazioni nelle incognite potenziali


nodo:
1

1
 jZC1

 jZC1

R3
R3
VA
1
1
1

V
 jZC2 
 jZC2

B
R3
R3
R1  jZL1

VC
1
 jZC1

 jZC2
jZC1  jZC2 
R2  jZL 2

da cui:

197

di

 I1

 I2 ,
I3

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

 I1

VA

1
R3

 jZC1

 I2

1
1
 jZC2 
R3
R1  jZL1

I3

 jZC2

 jZC2
jZC1  jZC2 

1
1
 jZC1

R3
R3
1
1
1

 jZC2 
R3
R3
R1  jZL1

1
R 2  jZL 2

 jZC1
 jZC2

 jZC1

 jZC2

jZC1  jZC2 

 10.5  j2.5

 0.1

 j0.3

0.1  j0.4 

1
10  j2

 j0.4

23.2  j3.7

Bo
z

za

 11 j4.7

 j0.4

j0.3  j0.4 

0.1  j0.3

 0.1

 j0.3

 0.1

1
0.1  j0.4 
10  j2

 j0.4

 j0.3

 j0.4

j0.3  j0.4 

1
10  j4

10  j5 V.

1
10  j4

Procedendo come sopra si ricavano VB 10 V e VC


La corrente su L1 data da:
VB
10
IL1
0.96  j0.2 A,
R1  jZL1 10  j2
mentre la corrente su L2 data da:
VC
20  j30
IL 2
0.69  j3.3 A.
R 2  jZL 2
10  j4
198

1
R 2  jZL 2

20  j30 V .

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.20
Determinare il bipolo equivalente di
Thevenin per il circuito di figura 8.20.

[e(t)=
V,
2 100cos(t+26.57)
=100 rad/s,
R=10, L=0.20H,
C=1mF]

Svolgimento
Figura 8.20
1
jC
A
R

+
E

jL

Bo
z

za

Si fa riferimento alla rete nel dominio dei fasori,


figura 8.20a e si lavora in valori efficaci.
La tensione equivalente a circuito aperto, VABo ,
pari alla tensione sulla serie resistore
induttore, ottenibile per mezzo del partitore di
tensione:

Figura 8.20a
1
jC

R  jZL

100 cos 26.57q 


1
A
R
jZC
10  j20
 j sin 26.57q
112  j112 V.
jL
10  j20  j10
B
Per valutare limpedenza della rete equivalente
Figura 8.20a
si fa riferimento alla figura 8.20b, in cui il
generatore stato spento.
Limpedenza equivalente, Z eq , data dal parallelo del capacitore
con la serie resistore ed induttore:
1
R  jZL
 j10 10  j20
jZC
Z
5  j15 :.
eq
1
 j10  10  j20
 R  jZL
jZC
VABo

R  jZL 

199

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

In figura 8.20c rappresentato il circuito di Thevenin equivalente alla


rete di figura 8.20.
La tensione
formula:

VAB

VAB data dalla seguente

VABo  Z eq IAB .

Bo
z

za

Figura 8.20c

Esercizio 8.21
Determinare il bipolo
equivalente
di
Thevenin
per
il
circuito di figura
8.21.
[e(t)= 10cos(t) V,
=100
rad/s,
R=10,
L=0.1H,
C=1/6mF]

Figura 8.21

Svolgimento

Si fa riferimento alla rete nel


dominio dei fasori, figura 8.21a,
e si impiegano le correnti di
anello ivi tracciate.
Si scrive il sistema risolvente:

R  jZL J1  jZL J2 E

 jZL J  1  jZL J 2 V ,
1
2

jZC

Figura 8.21a

200

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

con
V jZL J1  J2 .
Si ha quindi il sistema:

R  jZL J1  jZL J2 E

 j3ZL J  1  j3ZL J 0 ,
1
2

jZC

da cui:

 j300
600  j300

0.2  j0.4 A.

10  j10 10
0
 j30
10  j10  j10
 j30  j30

j300
600  j300

0.2  j0.4 A.

za

J2

R  jZL E
 j3ZL 0
R  jZL
 jZL
1
 j3ZL
 j3ZL
jZC

10  j10
0  j30
10  j10  j10
 j30  j30

Bo
z

J1

 jZL
1
0
 j3ZL
jZC
R  jZL
 jZL
1
 j3ZL
 j3ZL
jZC
E

La tensione equivalente a circuito aperto, VABo , pari alla caduta di


tensione sul condensatore:
1
VABo
J2  j60  0.2  j0.4 24  j12 V.
jZC
Per valutare limpedenza della rete equivalente di Thevenin conviene
calvolare la corrente del generatore di Norton equivalente e dividere
per questa la tensione a vuoto trovata pocanzi. Si fa riferimanto alla
figura 8.21b, in cui il condensatore
trascurato a causa della
presenza del corto circuito.
Si ha quindi:

R  jZL J3  jZL J4 E
,

 jZL J3  jZL J4 2 jZL J3  J4


da cui si trova la corrente di

201

Figura 8.21a

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

cortocircuito:

J4

R  jZL E
 j3ZL 0
R  jZL  jZL
 j3ZL j3ZL

10  j10 10
 j30
0
10  j10  j10
 j30  j30

j300
j300

1 A.

Limpedenza equivalente di Thevenin, Z eq , vale:


Z eq

VABo
ICC

La tensione
formula:

24  j12 :.

VAB data dalla seguente

VABo  Z eq IAB .

Figura 8.21c

Bo
z

za

VAB

24  j12
1

Esercizio 8.22
Determinare
la
potenza
complessa fornita dal generatore
indipendente.
[I=3.35ej107.35 V, =100 rad/s,
R2=10, L=0.20H,
R1=5,
C=1mF, =-3]
Figura 8.22

Svolgimento
Si risolve la rete per determinare la
potenza impegnata da ogni bipolo.
Si adotta il metodo dei potenziali di
nodo, figura 8.22a.
1
1
1

VA 

VB  0 I,
jZL
R1 jZL

202

Figura 8.22a

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

1
1
1
VA 

 jZC VB 
VD
jZL
R2
jZL R 2

I
,
0

5  j2
j0.05
0
0.1  j0.05
0.2  j0.05
j0.05
0.3  j0.05 0.1  j0.05

20  j10 A,

Bo
z

za

VD EVA .
Si definisce quindi il sistema:
1
1

1

V
R  jZL
jZL
A
1
1
1
1
E
VB

 jZC 

jZL R 2 jZL
R 2
con
1
I

jZL
1
1
0
 jZC 
jZL
R2
VA
1
1
1


R1 jZL
jZL
1
E
1
1


 jZC 
jZL R 2 jZL
R2

0,

VB

1
1

I
R1 jZL
1
E


0
jZL R 2
1
1
1


R1 jZL
jZL
1
E
1
1


 jZC 
jZL R 2 jZL
R2

0.2  j0.05 5  j2
0.3  j0.05
0
0.2  j0.05
j0.05
0.3  j0.05 0.1  j0.05

60  j10 A.

Rispettando la convenzione dellutilizzatore si valutano quindi le


potenze sugli elementi passivi:

A
R1

VR1IR* 1

V
VA A
R1

VA2
R1

500
5

203

100 VA,

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale


A
L

VL1IL*


A
C

VB IB*

VB jZCVB

V  VB

VA  VB A
j
Z
L

VA  VB

6800
 j20

 jZL

 jZCVB2

 j0.1 3700

j340 VA,

 j370 VA,

VB  VD
VB  VD
400
*


A
V
I
V
V
40 VA.

R2
R2 R2
B
D

R2
10
R2
Per i generatori, al fine di utilizzare sempre la convenzione
dellutilizzatore nel valutare la potenza, si cambiano le polarit alle
tensioni:

A
 VI I *  VA I *  20  j10 5  j2 80  j90 VA,
I

V  VD
j20
3 20  j10
 VD  IR 2
VD B
60  j120 VA.
R
10

Si esegue il bilancio della potenza complessa:



 100  j340  j370  40  80  j90  60  j120 0 VA.
A
A
T
i

A
E

Bo
z

za

Esercizio 8.23
Un generatore da 1000 V
alimenta due carichi connessi in
parallello. Il primo carico assorbe
una potenza attiva di 600kW con
cos1=0.60 in ritardo. Il secondo
assorbe 400kW e 600kVAr.
Individuare
il
valore
del
Figura 8.23
condensatore da collegare in
parallelo in modo da avere un fattore di potenza complessivo pari a
0.90 in ritardo.
[P1=600kW, cos1=0.60 (in ritardo), P2=400kW, Q2=800kVAr, =100
rad/s]

Svolgimento
Ricordando che ad angoli in ritardo corrispondono potenze reattive
positive, si determinano le potenze complesse dei due carichi:
204

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

sin M1
cos M1


A
1

P1  jQ1

600  j600


A
2

P2  jQ2

400  j800 kVA.

600  j600

0.8
0.6

600  j800 kVA,

La potenza complessa totale vale:



A
P1  jQ1  P2  jQ2 600  j800  400  j800 1000  j1600 kVA,
T
con un fattore di potenza cosT:

Q
1400

cos M T cos atg T cos atg

PT
1000

0.53,

a cui corrisponde un angolo di 58.


In figura 8.23a mostrata la composizione
delle potenze complesse e si intuisce come
 z A
 A
 .
A
T

P2
T

P1

scala :

Q1
=100 kVA

Figura 8.23a

Bo
z

za

Langolo T presenta un valore troppo elevato


per cui necessario inserire in parallelo un
condesatore che ne abbassi il valore.
La potenza attiva deve rimanere inalterata:

A
PT  jQT  jQC ,
rif
con

Q  QC
0.90,
cos Mrif cos atg T
P
T

Q2

AT

risulta quindi
QC QT  PT tgMrif

1600  484

1116 kVAr.

In figura 8.23b rappresentata la potenza


complessa dopo il rifasamento.
La capacit del condensatore pari a:
QC
1116 1000
C
11.16 mF.
2
2
ZV
100 1000

205

Figura 8.23b

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.24

Per il circuito di figura determinare il


valore di Ru e Lu che rendono
massima la potenza trasferita al
carico.
[e(t)= 230cos(t+26.57) V, =100
rad/s, R=10, L=0.20H, C=1mF]
Figura 8.24

Z eq

112  j112 V,

1
jC
A
R

+
E

jL

Figura 8.24a

Bo
z

VABo

za

Svolgimento
Si considera la
rete nel dominio dei fasori priva del carico
incognito, figura 8.24a.
Tale rete stata studiata nellesercizio 8.20 e si
ottenuta la rete di Thevenin equivalente,
figura 8.24b:

5  j15 :.

Affinch si possa trasferire la massima


potenza al carico necessario che:
Z eq

Ru  jZLu * ,

Figura 8.24b

risulta quindi che:


Ru

5 :, ZLu

15 :, Lu

0.15 H.

206

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.25

Due induttori accoppiati sono


collegati come mostrato in figura
8.25.
Trovare
linduttanza
equivalente ai morsetti A-B.

Figura 8.25

Svolgimento
In figura 8.25a rappresentata la rete nel
dominio dei fasori, avendo inserito un
generatore di corrente di ampiezza unitaria.
Si applica la legge di Kirchhoff:
VAB

V1  V2 ,
Figura 8.25a

za

si sostituiscono le relazioni di bipolo:

jZL1I1  jZM I2  jZL2 I2  jZM I1 ,


Bo
z

VAB

ed infine si sostituiscono le identit I1

I e I2

I :

VAB jZL1I  jZM I   jZL 2 I  jZM I jZ L1  L 2 I  j2ZM I.


Limpedenza del bipolo A-B data dal rapporto tra i fasori di tensione
e corrente:
VAB
Z AB
jZ L1  L 2  j2ZM,
I
ne consegue che:

L AB

L1  L 2  2M.

207

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.26

Due induttori accoppiati sono


collegati come mostrato in figura
8.26.
Trovare
linduttanza
equivalente ai morsetti A-B.

Svolgimento

Figura 8.26

In figura 8.26a rappresentata la rete nel


dominio dei fasori, avendo inserito un
generatore di corrente di ampiezza unitaria.
Si applica la legge di Kirchhoff:
VAB

jZL1I1  jZM I2 ,

VAB jZL 2 I2  jZM I1.


Si scrive quindi:

I1

I2

Bo
z

za

Figura 8.26a

VAB jZM
VAB jZL 2
jZL1 jZM
jZM jZL 2

VAB jZL 2  jZM

jZ L L
2

1 2

jZL1 VAB
jZM VAB
jZL1 jZM
jZM jZL 2

 jZ M
2

VAB jZL1  jZM

jZ L L
2

1 2

VAB L 2  M
,
jZ L1L 2  M2

VAB L1  M
,
jZ L1L 2  M2

 jZ M2
2

VAB L1  L 2  2M
.
jZ L1L 2  M2
Limpedenza del bipolo A-B data dal rapporto tra i fasori di tensione
e corrente:
VAB
jZ L1L 2  M2
Z AB
,
L1  L 2  2M
VAB L1  L 2  2M
,
jZ L1L 2  M2
I

I1  I2

208

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

ne consegue che:

L AB

L1L 2  M2
.
L1  L 2  2M
Esercizio 8.27

Determinare le correnti I1 e I2 .
[E=17.6 V, =100 rad/s, R1=2,
L1=0.20H,
L2=1.60H,
R2=200,
M=0.40H,]
Figura 8.27

Bo
z

za

Svolgimento
Considerando direzioni di riferimento date dai versi delle correnti, si
scrivono i bilanci delle tensioni:
E VR1  VL1,
0 VL 2  VR 2 .
In base alle relazioni costitutive del mutuo accoppiamento si pu
scrivere:
E R1I1  jZL1I1  jZM I2 2  j20 I1  j40I2 17.6,



R 2 I2  jZL 2 I2  jZM I1 200  j160 I2  j40I1.

0
Si ha quindi:

I1

 jZM
E
0 R 2  jZL 2
 jZM
R1  jZL1
 jZM
R 2  jZL 2

17.6

 j40

0
200  j160
 j40
2  j20
 j40 200  j160

0.395  j0.924 1e  j66.8q A,

209

3520  j2816
 1200  j4320

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

I2

R1  jZL1 E

2  j20 17.6

 jZM
0
R1  jZL1
 jZM
 jZM
R 2  jZL 2

 j40
0
2  j20
 j40
 j40 200  j160

0.015  j0.04

0  j704
 1200  j4320

0.15e  j15.7q A.

Una via alternativa per la risoluzione dellesercizio data


dallimplementazione della rete equivalente di figura 8.27a.
Si scrivono le relazioni alle maglie:
E

+ E

j(L2-M)

R1
J1

J2 R
2

jM

Figura 8.27a

za

R1  jZ L1  M  jZM J1  jZM J2
R1  jZL 1 J1  jZM J2 ,
R 2  jZ L 2  M  jZM J2  jZM J1
R 2  jZL 2 J2  jZM J1,

j(L1-M)

Bo
z

che portano agli stessi risultati ottenuti in precedenza.


Osservazione
La rete di figura 8.27a si considera
valida per un mutuo accoppiamento
descritto come in figura 8.27.
Invertendo la posizione del puntino
sul secondo induttore di figura
8.27b si deve cambiare il segno che
precede M come in figura 8.27c.
Per entrambi i circuiti si ha:

Figura 8.27b

+ E

j(L1+M)

j(L2+M)

-jM

J2 R
2

R1
J1

R1J1  jZL1J1  jZM J2 ,

0 R 2 J2  jZL 2 J2  jZM J1.

Figura 8.27c

210

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.28
Si ricavi il bipolo equivalente ai
morsetti A-B.

[E=10 V, R1=1, R2=2, R3=4,


n=2/1]
Figura 8.28

Bo
z

za

Svolgimento
Il trasformatore rappresentato in figura 8.28a
un trasformatore innalzatore, cio consente
R1 +
+ R2
di avere ai morsetti secondari una
+
VII
VI
R3
E
II
I
tensione V pi elevata della tensione V di
partenza:
1:2
II
I
I
Figura 8.28a
V
nV 2 V .
Lapplicazione della precedente relazione
costitutiva insieme a quella delle leggi di
Kirchhoff per le due reti separate consente di ricavare le grandezze
incognite.
Una via alternativa alla risoluzione accennata sopra consiste nel
riportare i bipoli a un unico lato della rete, riferendoli a primario
oppure a secondario. Per le impedenze si ha la seguente relazione
costitutiva:
Z II n2 Z I .
Si riporta quindi ai morsetti secondari la parte
di rete presente ai morsetti primari, figura
8.28b.
Per determinare VAB0 si utilizza la formula del
partitore di tensione:
Figura 8.28b
VAB0

nE

R3

20

4
424

n R1  R 2  R 3
La resistenza equivalente data da:
n2R1  R 2 R 3
64
Z eq
2.4 :.
2
10
n R1  R 2  R 3

8 V.

Figura 8.28c

211

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.29

Il circuito lineare di figura 8.29 in


regime sinusoidale. Determinare il
valore di C in modo che la tensione
vu(t) risulti in anticipo di 120 rispetto
alla tensione del generatore.

Figura 8.29

Svolgimento
Si considera la rete nel dominio dei fasori di
figura 8.29a.
Si considera il diagramma fasoriale di figura
8.29b in cui sono rappresentate le seguenti
relazioni fasoriali:
E R I1  R I1,

Figura 8.29a

Bo
z

za

E jX C I2  R I2 ,
XC implicitamente negativa.
Nellultima relazione i due fasori della
somma, rappresentando cadute di tensione
Figura 8.29b
su capacitore e resistore in serie, sono
necessariamente ortogonali, ci comporta
che gli estremi liberi dei fasori siano vincolati a giacere su una

circonferenza di raggio r

E 2

R I1 ,

centrata in (r,0).
Si considera adesso la relazione
Vu R I1  jX C I2 ,
che consente di rappresentare il
diagramma di figura 8.29c, il triangolo ivi
Figura 8.29c
descritto per costruzione isoscele, con
angoli di 120, 30 e 30.
Osservando il triangolo di figura 8.29b si deduce che esso formato
1
.
3R, e quindi C
da angoli di 90, 60 e 30, per cui X C
3 ZR
212

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Esercizio 8.30
Facendo
uso
del
generatore
equivalente di corrente, si ricavino le
relazioni tra L, X, C affinch la
IL sia
corrente
sul
carico
indipendente da Z e I sia in fase
L

Figura 8.30

con E .

Bo
z

za

Svolgimento
Lo schema rappresentato in figura 8.30 lo schema con cui si
realizzano gli alimentatori a corrente costante impiegati per la
pubblica illuminazione. Limpedenza Z L rappresenta limpedenza
dovuta alla connessione in serie delle differenti lampade. Non
opportuno connettere in derivazione le lampade poich, in
condizione di linea estesa, avrebbero differenti tensioni di
alimentazione dovute alle cadute di tensione sui carichi, e quindi
offrirebbero un diverso grado di illuminamento.
Si considera lo schema di figura 8.30a e si considera come
grandezza indipendente la capacit C.
Affinch IL sia indipendente da Z L
necessario che le correnti I2 e I3 si
annullino tra di loro. Indicata con V3
la tensione sul condensatore, si ha:
V3
1
I2  I3
.
 jZCV3 0 L
jZL
Z2C
In questa condizione si ha anche:
E
IG
IL ,
jZL
V3
I3

Z

Z  X jZEL
Z  X E Z C .

 X IL

jZCV3

Figura 8.30a

 j Z L  X E ZC,

213

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Si considera adesso la seconda condizione, quella per cui la corrente


sul generatore di tensione in fase con
lo stesso e in figura 8.30c si
rappresentano le correnti afferenti al
nodo D di figura 8.30b.
La corrente I1 in fase con E, la
corrente sul carico IL in ritardo di
Figura 8.30b

90, e la parte immaginaria di I3 pari a

 IL .
Si considera un carico puramente ohmico,
per cui si ha:
 E Z2C 2 XEZ2C 2
Im I3 Im Z L  X

E
ZL

EZC X

1
.
ZC

Figura 8.30c

Bo
z

za

IL

Esercizio 8.31
Sapendo che:
- R1 = XC ;
- I = 7,07 A;
- V = 14,14 V;
- potenza attiva misurata ai morsetti AB: P=275 W;
- potenza reattiva misurata ai morsetti
A-B: Q=25 VAR;
si determinino R1, R2, XC, XL e la
tensione di alimentazione E.

XC

R1
E

I
A

XL

+
V

R2

Figura 8.31

Svolgimento
Gli strumenti di misura presenti nello schema di figura 8.31 sono
strumenti ideali, per cui a essi non sono associate cadute di tensione
o assorbimenti di corrente.

214

Capitolo 8 Circuiti in regime sinusoidale

Sipotizza che la corrente I abbia fase propria nulla. Sotto tale


ipotesi si ricavano le correnti su R1 e su C per mezzo della formula
del partitore di corrente:
 jX C
j
1 j
IR1 I
I
I
3.53 1  j A,
R1  jX C
1 j
1 1
IC

R1
R1  jX C

1
1 j

1 j
1 1

3.53 1  j A.

Si valuta adesso la reattanza XL:


VL 14.14
2 :.
VL X L I X L
I
7.07
La potenza reattiva associata allinduttore data da:
QL

XL I

2 7.07 2

100VAr.

Bo
z

za

Si esegue il bilancio delle potenze reattive:


QC Q  QL 25  100 75 VAr.
Si pu dedurre il valore di XC:
QC
75
2
QC X C I X C
12 :.
2
2
I

3.53 2

La potenza attiva associata al resistore R1 data da:


2

2
PR1 R1 IR1
12 3.53
75W.

Il bilancio delle potenze attive indica:


PR 2 P  PR1 275  75 200W.
La resistenza R2 vale:
PR 2 200
2
PR 2 R 2 I R 2
4 :.
2
50
I
2

La tensione di alimentazione data da:


E R1IR1  jX L I  R 2 I 12 3.53 1  j  j2 7.07  4 7.07

215

70.7  28.28 V.

Capitolo 9 Risposta in frequenza

Capitolo 9
Risposta in frequenza

Esercizio 9.1
Per ciascuno dei due bipoli di figura 9.1,
tracciare qualitativamente landamento
della
reattanza
in
funzione
della
pulsazione.

Svolgimento
Figura 9.1

Bo
z

za

Per linduttore la rettanza data da:


X L ZL.
Si studia il comportamento per Z o 0 e
Zo f :
lim ZL 0, lim ZL f.
Zo 0

Zo f

In figura 9.1a riportato landamento


della reattanza induttiva.

Figura 9.1a

Per il capacitorre la rettanza data da:


1
XC 
.
ZC
Si studia il comportamento per Z o 0 e
Zo f :
1
1
lim 
f, lim 
0.
Zo 0 ZC
Zo f ZC
In figura 9.1b riportato landamento
Figura 9.1a
della reattanza capacitiva.
In entrambi i casi verificato il teorema
di Foster: la reattanza di una rete passiva cresce monotonicamente
con la frequenza.

216

Capitolo 9 Risposta in frequenza

Esercizio 9.2
Tracciare qualitativamente landamento
della
reattanza
in
funzione
della
pulsazione.

Svolgimento

Figura 9.2

Bo
z

za

La reattanza equivalente data da:


1
X e Z ZL 
.
ZC
Si studia separatamente il comportamento dei due bipoli per Z o 0 :
la reattanza induttiva tende a zero, mentre la reattanza capacitiva
tende a f , pertanto la reattanza equivalente del bipolo serie tende
a f .
Per Z o f la reattanza dellinduttore
tende allinfinito, mentre la reattanza
capacitiva tende a zero, pertanto la
reattanza equivalente tende allinfinito
approssimandosi asintoticamente alla
funzione ZL. In figura 9.2a sono
rappresentate le condizioni limite.
Per il teorema di Foster la reattanza
sempre crescente, quindi esiste una
Figura 9.2a
pulsazione di risonanza serie, 0, per cui
la reattanza si annulla (alternanza poli
zeri di Foster):
1
1
X e Z0 Z0L 
0, Z0
.
Z0C
LC
In
figura
9.2b

rappresentato
landamento qualitativo della reattanza.
Si nota che per <0 la reattanza
equivalente negativa, quindi si ha un
Figura 9.2b
andamento capacitivo, mentre per >0
217

Capitolo 9 Risposta in frequenza

la reattanza equivalente positiva e si ha


un andamento induttivo.
Esercizio 9.3
Tracciare qualitativamente landamento
della
reattanza
in
funzione
della
pulsazione.

Figura 9.3

Svolgimento

Bo
z

za

La reattanza equivalente data da:


1
Xe
ZL 

ZC

.
X e Z
L

1
ZL 
0
ZC
Per Z o 0 la reattanza equivalente
Figura 9.3a
tende a zero asintoticamente seguendo
la funzione ZL. Anche per Z o f la
reattanza equivalente tende a zero (con
valori negativi), figura 9.3a.
Il teorema di Foster prevede lalternanza
di zeri e poli per crescente, quindi
esister un punto di singolarit 0, di
risonanza parallelo per cui si annulla la
suscettanza:
Figura 9.3b
1
1
Be Z0 Z0C 
0, Z0
,
Z0L
LC
in tale punto la reattanza diverge.
In figura 9.3b rappresentato landamento qualitativo della
reattanza.
Si nota che per <0 la reattanza equivalente positiva, quindi si ha
un andamento induttivo, mentre per >0 la reattanza equivalente
negativa e si ha un andamento capacitivo.

218

Capitolo 9 Risposta in frequenza

Esercizio 9.4
Tracciare qualitativamente landamento
della
reattanza
in
funzione
della
pulsazione.

Svolgimento
Figura 9.4

Figura 9.4a

Bo
z

za

Il circuito di figura mostra la serie tra un


induttore L1 e il parallelo tra linduttore L e
capacitore C. I due sistemi sono stati
analizzati precedentemente. Per linduttore
L1 landamento qualitativo della reattanza X1
riportato in figura 9.4a.
Il comportamento della seconda reattanza
X2 , data dal parallelo, riportato in figura
9.4b.
La reattanza equivalente data da:
1
ZL 

ZC

X e Z X1 Z  X 2 Z ZL1 
.
1
ZL 
ZC
Z
o
0
la reattanza equivalente tende a
Per
zero asintoticamente seguendo una
funzione ZL e . Per Z o f la reattanza
equivalente tende a infinito ancora
asintoticamente seguendo ZL1. Per
1
Z0
si ha una singolarit data
LC
dalla risonanza parallelo e si ha quindi
un polo. Si hanno quindi le seguenti punti
notevoli:
=0, X e 0 0 ,
219

Figura 9.4b

Figura 9.4b

Capitolo 9 Risposta in frequenza

Figura 9.4c

Xe
0
0

Figura 9.4b

Bo
z

za

0, X e Z0 f ,
=, X e f f .
Tali punti sono rappresentati in figura 9.4c.
Il teorema di Foster prevede lalternanza di zeri
e poli, quindi intuibile la presenza di uno zero
a pulsazione 0<1< tale che:

Z1L 
Z1C

0.
X e Z1 Z1L1 
1
Z1L 
Z1C
In figura 9.4d rappresentato landamento
qualitativo della reattanza.
Si nota che per 0<<0 la reattanza
equivalente positiva, quindi si ha un
andamento induttivo, mentre per 0<<1 la
reattanza equivalente negativa e si ha un
andamento capacitivo, per >1 si ha
nuovamente un andamento induttivo.

Esercizio 9.5
Tracciare qualitativamente landamento
della
reattanza
in
funzione
della
pulsazione.

Soluzione
Figura 9.5

Figura 9.5a

220

Capitolo 9 Risposta in frequenza

Esercizio 9.6
Tracciare qualitativamente landamento
dellimpedenza del circuito RLC parallelo in
funzione della pulsazione. Discutere il
comportamento della tensione VAB al
variare della pulsazione.

Figura 9.6

G
Svolgimento

Figura 9.6a

Bo
z

za

Limpedenza equivalente si studa partendo


dalle ammettenze dei singoli elementi.
Il resistore R presenta una conduttanza G
costante al variare della pulsazione, figura 9.6a.
Linduttore presenta una suscettanza data da:
1
BL Z 
,
ZL
il cui andamento tracciato in figura 9.6b.
Il capacitore presenta una suscettanza data da:
BC Z ZC,
rappresentata in figura 9.6c.
In figura 9.6d rappresentata la composizione
1
si
delle due suscettanze, nel punto Z0
LC
ha lannullamento della stessa:
1
Be Z0 B1 Z0  B2 Z0 Z0C 
.
Z0L
In figura 9.6e sono rappresentati gli andamenti del
modulo elevato al quadrato della suscettanza, del
modulo elevato al quadrato della conduttanza e la
loro somma.

Figura 9.6b

Figura 9.6c

221
Figura 9.6d

Capitolo 9 Risposta in frequenza

In figura 9.6f rappresentato landamento dellimpedenza della rete


al variare della pulsazione, tale andamento ottenibile da quello
tracciato in figura 9.6e ricavando per ogni pulsazione la radice
quadra dellinverso.
Y2

Be2+G2
G2
2

Be
0

Figura 9.6f

Figura 9.6e

La figura 9.6f presenta un massimo per Z0

1
LC

, cio per la

Bo
z

za

pulsazione di risonanza.
Il comportamento della fase dellimpedenza lopposto del
comportamento della fase dellammettenza, si ha quindi:
1
ZC 
ZL ,
Z ( jZ) a tan
G
.
Z
Si studia il comportamento per
90
Z o 0 , per Z o f e per Z o Z0 :
lim Z ( jZ) 90q,
Zo 0

lim Z ( jZ)

Zo f

lim Z ( jZ)

Zo Z0

0q,

-90

90q, R1=

Figura 9.6g

Per 0  Z  Z0 il circuito presenta carattere ohmico-induttivo, mentre


per Z ! Z0 assume carattere ohmico-capacitivo. In condizione di
risonanza il circuito puramente resistivo, ed alimentato da un
generatore di tensione V genera una corrente in fase con la stessa
tensione. Il parallelo induttore e condensatore virtualmente
separato dal resistore e dallalimentazione, ma su di esso pur
222

Capitolo 9 Risposta in frequenza

za

sempre applicata una tensione e vi circola una corrente di anello,


indipendente dalla corrente in ingresso nella resistenza:
V
IL
1
jZ0L
1.
IC jZ0CV  Z02LC
Si definisce fattore di merito Q il
rapporto
tra
lenergia
media
immagazzinata
dal
circuito,
moltiplicata per la pulsazione di
risonanza, e la potenza media
dissipata.
Figura 9.6h
Per determinare lenergia media negli
elementi conservativi si esamina il loro comportamento medio nel
dominio del tempo. La tensione di alimentazione data da:
v(t)= Excos(0t) ;
lenergia capacitiva quindi data da:
1
1 2
1
1  cos 2Z0 t
CE 2x
WC t
Cv ( t)
CE 2x cos 2 Z0 t

2
2
2
2

Bo
z

1
1
CE 2x  CE 2x cos 2Z0 t.
4
2
La corrente sullinduttore data da :
1
1
iL t
v t dt
E x sin Z0 t ,
L
Z0L
si ha quindi lenergia:
1 2
1
1
WL t
LiL ( t)
L 2 2 E 2x sin2 Z0 t
2
2 Z0L

1 1
1  cos 2Z0 t
E 2x

2
2
2 Z0L

1
1 LC 2 1  cos 2Z0 t 1
Ex
CE 2x  CE 2x cos 2Z0 t.

4
2 L
2

4
Lenergia totale immagazzinata :
WT t WC t  WL t

1
1
1
CE2x  CE2x cos 2Z0 t  CE2x 
4
2
4

1
1
CE2x cos 2Z0 t
CE2x .
2
2
Lenergia immagazzinata ha quindi un valore costante nel tempo.


223

Capitolo 9 Risposta in frequenza

La potenza media dissipata data da:


v 2 t
1 E2x 1 2
P
dt
RIR ,
R
2 R
2
con IR valore massimo dela corrente sulla resistenza.
Il fattore di merito risulta quindi dato da:
1
CE 2x
WT
Q
Z0 Z0 2
Z0RC.
1 2
P
Ex
2R
Inoltre il fattore di merito indica il rapporto tra corrente circolante nel
resistore e corrente circolante tra induttore e capacitore:
1
CE2x
IC
Z0CE x
WT
2
Q
Z0 Z0
.
1 2
P
I
I
R
R
RIR
2
Un fattore di merito elevato consente allanello conservativo di avere
correnti molto elevate, per cui devono essere determinati gli sforzi
dinamici e termici.

Bo
z

za

Si definisce ampiezza di banda


lintervallo di frequenza per il quale
lampiezza della risposta, tensione VAB,
rimane compresa entro due limiti ben
precisi:
1
V Z0 Vmax ,
2

V Z0
2

Vmax
Vmax
2

1 2

Figura 9.6i

0.707 Vmax .

In questo intervallo si ha unattenuazione di 3 decibel (per la


potenza).
Agli estremi di questo intervallo di frequenza la potenza impegnata
dalla rete si ridotta della met. La massima potenza individuabile
in corrispondenza di Z0 , perch in tale condizione disponibile la
massima tensione. Per individuare lintervallo di tensioni Z2  Z1 si
procede come segue:

224

Capitolo 9 Risposta in frequenza

RI

I
1

G  ZC 

ZL

1
1  R ZC 

ZL

si pone

Z
Z0

1
1

1  R 2 ZC 
,
R
ZL

2
R

RZC 

ZL

2,

1,

QZ QZ0


Z
Z0

1,

x , per cui:

Q
r 1 r r 1  4Q 2
x 1,2
,
r1, Qx 2 # x  Q 0,
x
2Q
si considerano solo le soluzioni positive, per cui:
Qx 

x1,2

1 r 1  4Q2
2Q

1
1
1r
.
4Q
2Q

1
, e quindi
2Q
Z0
1
1
Z1
Z2
1
,
1
, Z2  Z1
.
2Q
2Q
Q
Z0
Z0
Si suole definire con la lettera lintervallo di banda passante. E
possibile variare il fattore di merito a piacimento, ad esempio si
mantiene fisso il valore di resistenza e si varia quello di capacit.
Allaumentare di Q il circuito tende ad avere una minore banda
passante e consente di realizzare circuiti selettivi (filtri).

za

x 1,2 # 1 r

Bo
z

Se si considera Q>10, si ha:

Figura 9.6m

Figura 9.6l

225

Capitolo 9 Risposta in frequenza

Esercizio 9.7
Per il circuito lineare di figura, determinare
lespressione letterale della funzione di
V2

rete H( jZ)
.
V1
Diagrammarne quindi gli andamenti della
risposta in ampiezza (guadagno) e della
risposta in fase (sfasamento) per i seguenti
valori dei componenti: C = 1 F; R = 50,
100, 500 k.

Figura 9.7

Svolgimento

Bo
z

za

 ( jZ) si applica
Per determinare lespressione della funzione di rete H
la formula del partitore di tensione:
R
jZCR
V2 V1
V1
1
1  jZCR ,
R
jZC
per cui
 ( jZ)
H

jZCR
1  jZCR

ZCR 2  jZCR .
2
1  ZCR

Il modulo della funzione di rete vale:


ZCR
 ( jZ)
,
H
2
1  ZCR
mentre largomento :
 ( jZ) a tan ZCR ,
H
ZCR 2
Si studia il comportamento per Z o 0 e per Z o f . Nel primo caso

 ( jZ) 0
lim H
e lim H( jZ) 90q , mentre nel secondo
Zo0

 ( jZ)
lim H

Zo f

Zo 0

 ( jZ)
1 e lim H
Zo f

0q .

In figura 9.7a e 9.7b sono diagrammati gli andamenti richiesti.

226

Capitolo 9 Risposta in frequenza

modulo

0.8
R=50k:
R=100k:
R=500k:

0.6
0.4
0.2
0
0

50

100
Z [rad/s]

150

200

150

200

Figura 9.7a
90
80

60

R=50k:
R=100k:
R=500k:

za

50

Bo
z

argomento []

70

40
30
20
10
0
0

50

100
Z [rad/s]

Figura 9.7b

Figura 9.8

Esercizio 9.8
Per il circuito lineare di figura, determinare
lespressione letterale della funzione di
V2

rete H( jZ)
.
V1
Diagrammarne quindi gli andamenti della
risposta in ampiezza (guadagno) e della
risposta in fase (sfasamento) per i seguenti
227

Capitolo 9 Risposta in frequenza

valori dei componenti: C = 1 F; R = 50, 100, 500 k.

Svolgimento

 ( jZ) si applica
Per determinare lespressione della funzione di rete H
la formula del partitore di tensione:
1
1
jZC
V2 V1
V1
1
1  jZCR ,
R
jZC
per cui
1
1  jZCR
 ( jZ)
H
.
1  jZCR 1  ZCR 2

Bo
z

za

Il modulo della funzione di rete vale:


1
 ( jZ)
,
H
2
1  ZCR
mentre largomento :
 ( jZ) a tan  ZCR ,
H
1
Si studia il comportamento per Z o 0 e per Z o f . Nel primo caso
 ( jZ) 1

lim H
e lim H( jZ) 0q , mentre nel secondo
Zo0

 ( jZ)
lim H

Zo f

Zo 0

 ( jZ)
0 e lim H
Zo f

90q .

In figura 9.8a e 9.8b sono diagrammati gli andamenti richiesti.

228

Capitolo 9 Risposta in frequenza

modulo

0.8
R=50k:
R=100k:
R=500k:

0.6

0.4

0.2

0
0

50

100
Z [rad/s]

150

200

150

200

Figura 9.8a
0
-10

-30

za

R=50k:
R=100k:
R=500k:

-40

Bo
z

argomento []

-20

-50
-60
-70
-80
-90
0

50

100
Z [rad/s]

Figura 9.8b

229

Capitolo 9 Risposta in frequenza

Esercizio 9.9
Per il circuito lineare di figura, determinare
lespressione letterale della funzione di
VB

.
rete H( jZ)
VA
Diagrammarne quindi gli andamenti della
risposta in ampiezza (guadagno) e della
risposta in fase (sfasamento) per i seguenti
valori dei componenti: R1 = 50, R2 = 50,
L1=10mH, L2=20mH, M=5mH.

Figura 9.9

Svolgimento

V2
I

R2  jZL2 I  jZM I;

Bo
z

za

 ( jZ) si
Per determinare lespressione della funzione di rete H
valutano le cadute di tensione sui due rami percorsi da una corrente
I:
V1 R1  jZL1 I  jZM I;
VA
R1  jZL1  jZM  R 2  jZL2  jZM

VA
;
R1  R 2  jZ L1  L 2  2 jZM
per cui
R 2  jZ L 2  M
 ( jZ) VB
.
H
VA R1  R 2  jZ L1  L 2  2M
Il modulo della funzione di rete vale:
 ( jZ)
H

R 22  Z2 L 2  M

R1  R 2 2  Z2 L1  L2  2M 2

mentre largomento :
 ( jZ) a tan Z L 2  M  a tan Z L1  L 2  2M .
H
R1  R 2
R2
230

Capitolo 9 Risposta in frequenza

Si studia il comportamento per Z o 0 e per Z o f . Nel primo caso


R2
 ( jZ)
 ( jZ) 0q  0q 0q,
lim H
0.5 e lim H
, mentre nel
Zo 0
Zo 0
R1  R 2
secondo
L2  M
 ( jZ)
 ( jZ) 90q  90q 0q.
lim H
0.6 e lim H
Zo f
Zo f
L1  L 2  2M
R1=
0.6

0.56

0.54

0.5
0

Bo
z

za

0.52

Z [rad/s]

10
4
x 10

10
4
x 10

Figura 9.9a
6
5
argomento []

modulo

0.58

4
3
2
1
0
0

Z [rad/s]

Figura 9.9b

231

Capitolo 9 Risposta in frequenza

Figura 9.10

Esercizio 9.10
Per il circuito lineare di figura, determinare
lespressione letterale della funzione di rete
 ( jZ) V2
H
.
V1
Diagrammarne quindi gli andamenti della
risposta in ampiezza (guadagno) e della
risposta in fase (sfasamento) per i seguenti
valori dei componenti: L=10-4 H; C=10-6 F;
R=1, 10, 100 .

Svolgimento

Bo
z

za

 ( jZ) si utilizza
Per determinare lespressione della funzione di rete H
la formula del partitore di tensione:
1
1
jZC
 ( jZ) VB
H
.
VA R  jZL  1
jZRC  Z2LC  1
jZC
1
Si definisce pulsazione di risonanza Z0
e fattore di merito
LC
Z0L
, per cui la funzione di rete data da:
Q
R
1
 ( jZ)
H
.
2
Z
Z 1
1 2  j
Z0 Q
Z0
Il modulo della funzione di rete vale:
1
 ( jZ)
.
H
2
2
2

1  Z  Z 1
Z Q

Z02
0

Si studia il comportamento per Z o 0 , per Z o f e per Z o Z0 :


 ( jZ) 1,
lim H
Zo 0

232

Capitolo 9 Risposta in frequenza

 ( jZ)
lim H

0,

Zo f

 ( jZ)
lim H

Q.

Zo Z 0

Si determina il punto di massimo per mezzo di


2
2

Z 1
Z2
1


1  2 
Z0 Q
2
Z0

4
4

Z
Z 02

Z2
Z 04

Zx

 4

Z3
Z 04

2

3
2

0,

0,

0,

Z0 1 

0:


Z 1 1
Z2 2Z

21  2  2  2

Z0 Z0

Z0 Q Z0Q

Z 02 Q 2

2 1

2  2
2
Z0 Q

d 
H( jZ)
dZ

Bo
z

Z0 1  1

Z02 1 

2
2

1
2
Q
2
Q



2
1

Z0
Q
Z0

2Q 2

1
1
4Q 4

za

.
2Q 2
Ovviamente si sono scartate le soluzioni a pulsazione nulla e
negativa, per cui il punto di massimo anticipa la pulsazione di
risonanza.
1
 ( jZ )
H

1
Q2

4Q 2  1

2Q 4

Largomento dato da:

233

Capitolo 9 Risposta in frequenza

Z 1

Q
Z
 ( jZ) a tan 0
.
H

2
Z

1
2

Z
0

Si studia il comportamento per Z o 0 ,


per Z o f e per Z o Z0 :
 ( jZ) 0q,
lim H
Zo 0

 ( jZ)
lim H

Zo f

-180

180q,

 ( jZ)
lim H

0
Q

90q, R1=

Zo Z 0

-90

Figura 9.10a

Bo
z

za

In figura 9.10a mostrata la rapppresentazione del numero


 ( jZ) per Z o f e per Z o Z . Largomento per Z
complesso H
0
0
ottenibile anche per mezzo della seguente considerazione. In
condizione di risonanza la corrente che attraversa il circuito in fase
con la tensione di alimentazione (asse reale), mentre la tensione di
uscita data dalla caduta di tensione sul condensatore, quindi si
avr uno sfasamento di -90.
12
10

modulo

8
R=1:
6

R=10:
R=100:

Z0 = 100000 rad/s

2
0
0

Z [rad/s]

Figura 9.10b

234

5
x 10

Capitolo 9 Risposta in frequenza

0
R=1 :, Q= 10
R=10 :, Q= 1
R=100 :, Q= 0.1

-20

argomento []

-40
-60
-80
-100
-120
-140
-160
-180
0

Z [rad/s]

5
x 10

Figura 9.10c

Bo
z

za

Esercizio 9.11
Per il circuito lineare di figura, determinare
lespressione letterale della funzione di rete
 ( jZ) V2
H
.
V1
Diagrammarne quindi gli andamenti della
risposta in ampiezza (guadagno) e della
risposta in fase (sfasamento) per i seguenti
valori dei componenti: L=10-4 H; C=10-6 F;
R=1, 10, 100 .

Figura 9.11

Svolgimento

 ( jZ) si utilizza
Per determinare lespressione della funzione di rete H
la formula del partitore di tensione:
VB
jZL
 Z2LC

H( jZ)
.
VA R  jZL 1
jZRC  Z2LC  1
jZC

235

Capitolo 9 Risposta in frequenza

Si definisce pulsazione di risonanza Z0


Q

LC

e fattore di merito

Z0L
, per cui la funzione di rete data da:
R


 ( jZ)
H

Z2
Z02

Z
Z 1
1 2  j
Z0 Q
Z0
2

1
Z02
2

Z 1
j 0
1
Z Q
Z

za

Il modulo della funzione di rete vale:


1
 ( jZ)
H
.
2
2
2

1  Z0  Z0 1

Z2 Z Q

Si studia il comportamento per Z o 0 , per Z o f e per Z o Z0 :


 ( jZ) 0,
lim H
 ( jZ)
lim H

Zo f

 ( jZ)
lim H

Zo Z0

Bo
z

Zo0

1,
Q.

Si determina il punto di massimo per mezzo di


2

2
1 Z02 Z0 1
1



2 Z2 Z Q

3
2

Z2
Z02
1
Z 1Z
0

2 1  2   2 3  2 0 0
Z Q Q  Z2
Z
Z

considerando il solo numeratore:

236

0,

d 
H( jZ)
dZ

0:

Capitolo 9 Risposta in frequenza

4

Z04
Z5

4

Z02
Z3

2

Z02

4Q2Z02Z2  2Z02Z2
Z2

Q2 4Z04

4Q

0,

Q2Z3

Q2 4Z04 ,

Zx

Z0

2

2Q2

1
1
1
1
 2
4
4Q
Q
2Q4

Bo
z

za

.
1
1
2Q2
Ovviamente si sono scartate le soluzioni a pulsazione infinita e quelle
a pulsazione negativa, per cui il punto di massimo successivo alla
pulsazione di risonanza.
1
 ( jZ )
H
x
2
2

1
1
2

Z0 1 
Z0 1 

2Q2
2Q2 1
1 



Q
Z0
Z02

Z02

4Q2  1

Largomento, scomposto nella somma del contributo del numeratore


decurtato dal contributo del denominatore, dato da:

Z0 1

 ( jZ) a tan Z Q .
H

2
1  Z0

Z2

Si studia il comportamento per Z o 0 ,


per Z o f e per Z o Z0 :
 ( jZ) 180q,
lim H
Figura 9.11a

Zo 0

 ( jZ)
lim H

Zo f

 ( jZ)
lim H

Zo Z0

0q,
90q, R1=
237

Capitolo 9 Risposta in frequenza

In figura 9.11a mostrata la rapppresentazione del numero


 ( jZ) per Z o 0 e per Z o Z . Largomento per Z
complesso H
0
0
ottenibile anche per mezzo della seguente considerazione. In
condizione di risonanza la corrente che attraversa il circuito in fase
con la tensione di alimentazione (asse reale), mentre la tensione di
uscita data dalla caduta di tensione sullinduttore, quindi si avr
uno sfasamento di +90.
12
10
R=1 :, Q=10
R=10 :, Q=1
R=100 :, Q=0.1

modulo

8
6
4

za

Z0 = 100000 rad/s

0
0

Bo
z

Z [rad/s]

5
x 10

Figura 9.11b
180
160
R =1:, Q=10
R =10:, Q=1
R =100:, Q=0.1

argomento []

140
120
100
80
60
40
20
0
0

Z [rad/s]

Figura 9.11c

238

5
x 10

Capitolo 9 Risposta in frequenza

Figura 9.12

Esercizio 9.12
Per il circuito lineare di figura, determinare
lespressione letterale della funzione di rete
 ( jZ) V2
H
.
V1
Diagrammarne quindi gli andamenti della
risposta in ampiezza (guadagno) e della
risposta in fase (sfasamento) per i seguenti
valori dei componenti: L=10-4 H; C=10-6 F;
R=1, 10, 100 .

Svolgimento

Bo
z

za

 ( jZ) si utilizza
Per determinare lespressione della funzione di rete H
la formula del partitore di tensione:
R
1
 ( jZ) VB
H
.
L
1
VA R  jZL  1
1  jZ  j
jZC
R
ZRC
Si definisce pulsazione di risonanza Z0

1
LC

e fattore di merito

Z0L
, per cui la funzione di rete data da:
R
1
 ( jZ)
H
.
Z0
Z
1 j Q  j Q
Z0
Z
Il modulo della funzione di rete vale:
1
 ( jZ)
H
.
2
Z Z0

1  Q2

Z
Z
0

Si studia il comportamento per Z o 0 , per Z o f e per Z o Z0 :


 ( jZ) 0,
lim H
Zo0

 ( jZ)
lim H

Zo f

0,
239

Capitolo 9 Risposta in frequenza

 ( jZ)
lim H

Zo Z0

1.

Si determina il punto di massimo per mezzo di




d 
H( jZ)
dZ

0:

2
2
2 Z Z0 1 Z0
Z0
1
2 Z

 2 0.



 1 Q
2Q

2
Z
Z
Z
Z
Z
0
0 Z
0

Considerando il solo numeratore e le sole soluzioni positive, si ha:


Z Z0

0 Zx Z0 .

Z
Z0

Il punto di massimo coincide con la pulsazione di risonanza.


1
 ( jZ )
H
1.
x
2
Z
Z
1  Q2 0  0
Z0 Z0

Bo
z

za

Largomento, scomposto nella somma del contributo del numeratore


decurtato dal contributo del denominatore, dato da:
Z Z0
Q


Z
Z0

H( jZ) 0q  a tan
.
1

Si studia il comportamento per Z o 0 , per Z o f e per Z o Z0 :


 ( jZ) 90q,
lim H
Zo 0

 ( jZ)
lim H

Zo f

 ( jZ)
lim H

Zo Z 0

0q,
90q, R1=

Largomento per Z0 ottenibile anche per mezzo della seguente


considerazione. In condizione di risonanza la corrente che attraversa
il circuito in fase con la tensione di alimentazione, quindi si avr
uno sfasamento di 0.

240

Capitolo 9 Risposta in frequenza

modulo

0.8

R=1:, Q=10
R=10:, Q=1
R=100:, Q=0.1

0.6

0.4
0.2

Z0 = 100000 rad/s

0
0

Z [rad/s]

5
x 10

Figura 9.12a

Bo
z

za

100

argomento []

50

R=1:, Q=10
R=10:, Q=1
R=100:, Q=0.1

Z0 = 100000 rad/s

-50

-100

Z [rad/s]

Figura 9.12b

241

5
x 10

Capitolo 9 Risposta in frequenza

Esercizio 9.13
Dati i due filtri di figura 9.13
1) determinare il tipo per ispezione
diretta e discutere le differenze;
2) per ciascuno determinare la funzione
V2

;
di rete H( jZ)
V1
3) diagrammare
gli
andamenti
di
ampiezza e fase con i seguenti valori
dei componenti L =63H, C=1F,
R=8.

Svolgimento

Bo
z

za

Per determinare il comportamento qualitativo


dei filtri si considerano i comportamenti per
Figura 9.13
Z o 0 e per Z o f .
A frequenza nulla entrambi i filtri si
comportano da circuito aperto, inibendo il passaggio di corrente. A
frequenza infinita i due circuiti presentano la porta duscita
cortocircuitata. Si evince che entrambi i circuiti si comportano da filtro
passa basso. Dal punto di vista qualitativo il filtro passabasso b
manifesta un comportamento migliore giacch composto da due
elementi in serie che tagliano le frequenze alte, tale pregevole
comportamento ha chiaramente una controparte: il dispositivo pi
costoso ed ingombrante.
Le funzioni di rete sono le seguenti:
1
1  jZRC
 ( jZ)
H
,
a
1  jZRC 1  ZRC 2
1
.
1  Z2LC
Si pu facilmente notare come per frequenze crescenti il modulo del
secondo filtro tenda a zero molto pi rapidamente di quanto faccia il
primo.
In figura 9.13a rapppresentato landamento dei moduli delle
funzioni di rete; entrambe presentano una frequenzadi taglio a
 ( jZ)
H
b

242

Capitolo 9 Risposta in frequenza

20000Hz, ma come si nota la prestazione da passabasso del circuito


LC molto pi netta per frequenze superiori a quella di taglio.

3
2.5

modulo

2
filtro RC
filtro LC

1.5
1
0.5
0
0

4
f [Hz]

8
x 10

Figura 9.13a

Bo
z

za

filtro RC
filtro LC

argomento []

-50

-100

-150
-180
0

4
f [Hz]

8
x 10

Figura 9.13b

In figura 9.13b sono rappresentati gli andamenti della fase. I due filtri
hanno un comportamento notevolmente differente, il filtro LC oltre
che attenuare il segnale molto pi velocemente, porta subito la fase
in opposizione.

243

Capitolo 9 Risposta in frequenza

Bo
z

Punto 1
Le funzioni di rete sono:
1
1  jZRC
 ( jZ)
H
,
a
1  jZRC 1  ZRC 2

za

Figura 9.14

Esercizio 9.14
Per i circuiti di figura 9.14 determinare luscita
quando in ingresso applicato
1) un segnale sinusoidale di ampiezza
unitaria e frequenza 10 kHz;
2) un segnale sinusoidale di ampiezza
unitaria e frequenza 30 kHz;
3) unonda quadra con ampiezza unitaria
e frequenza fondamentale pari a 10
kHz.
Le reti presentano i seguenti parametri:
C=1F, valore tipico di capacit di filtri di
ingresso in un circuito, R=8, resistenza
utilizzata in circuiti filtranti, L =63H
induttanza parassita di un cavo da 10m.
Svolgimento

1
.
1  Z2LC
La pulsazione 1 pari a 6.28104 rad/s. Considerando un ingresso
unitario si valuta luscita:
1
V2a (Z1)
0.8  0.4 j 0.89e  j26q ;
1  jZ1RC
 ( jZ)
H
b

1
1.33e j0q .
2
1  Z1 LC
Il primo circuito attenua il segnale ed introduce un ritardo, mentre il
secondo lo esalta linearmente.
V2b (Z1)

Punto 2
La pulsazione 2 pari a 1.88105 rad/s. Si valutano nuovamente le
uscite dei due circuiti:
1
V2a (Z2 )
0.3  0.46 j 0.55e  j56q ;
1  jZ2RC
244

Capitolo 9 Risposta in frequenza

1
0.80 0.80e  j180q .
2
1  Z2LC
Si notano attenuazioni simili.
V2b (Z2 )

Bo
z

za

Punto 3
Londa quadra rappresentata in
figura 9.14a in cui T1 il periodo
relativo alla pulsazione 1.
Londa quadra pu essere
scomposta per mezzo dello
sviluppo in serie di Fourier, per
cui londa vista come somma di
una costante (valore medio), di
una sinusoide a frequenza
identica a quella del segnale
Figura 9.14a
(fondamentale) ed un numero
infinito di sinusoidi a frequenza multipla della fondamentale.
Lo sviluppo del segnale presentato nellesercizio 11.3, qui si
anticipa il risultato:
4
4
4
4
V1 t
sin nZ1t 0  sin Z1t 
sin 3Z1t 
sin 5Z1t  ....
n dispari nS
S
3S
5S
Il contenuto armonico rappresentato in figura 9.14b.
Sono presenti solamente termini dispari ed il valore medio nullo. Si
calcolano le risposte alle armoniche che compongono il segnale in
ingresso:
1
 (Z )
H
0.89e  j26q ;
2a
1
4
1  jZ1RC

1
 (3Z )
H
0.55e  56q ;
2a
1
1  j3Z1RC

 (5Z )
H
2a
1

1
1  j5Z1RC

0.37e  j68 ;

 ( 7Z )
H
2a
1

1
1  j7Z1RC

0.27e

 j74q

 (9Z )
H
2a
1

1
1  j9Z1RC

0.21e  j77q .

armonica

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9
;

245

Figura 9.14b

Capitolo 9 Risposta in frequenza

Si valuta quindi luscita V2a(t):


4
4
0.89 sin Z1t  26q 
H jnZ1 sin nZ1t  IH jnZ1
V2a t
ni nS
S
4
4

0.55 sin 3Z1t  56q 
0.37 sin 5Z1t  68q  ....
5S
3S
Landamento della tensione in uscita al primo filtro rappresentato in
figura 9.14c. Si nota che la rete non in grado di riprodurre gli spigoli
del segnale in ingresso. Un normale cavo elettrico schematizzabile
come un filtro RC, se in ingresso presente unonda quadra, spesso
si trova che luscita non la riproduce.
E
possibile
ottenere
1.5
graficamente la costante di
tempo del filtro passa-basso
1
tracciando la tangente in un
0.5
punto di variazione del
segnale in ingresso, essa
0
stacca sulla retta che
-0.5
descrive luscita a regime un
ingresso
segmento pari a 810-6 s,
uscita V 2a
-1
W
uguale alla costante =RC.

Bo
z

za

-1.5
0

0.2

0.4

0.6
0.8
tempo [s]

1.2

1.4
-4
x 10

Figura 9.14c

Si procede alla stessa


maniera
per
quanto
riguarda il secondo filtro: si
ritrova un segnale quasi
sinusoidale
con
forte
distorsione
di
terza
armonica.

2
1
0
-1
ingresso
V2b

-2
-3
0

fondamentale
3a armonica
0.5

1
tempo [s]

1.5
-4
x 10

Figura 9.14d

246

Capitolo 10 Sistemi trifase

Capitolo 10
Sistemi trifase

Bo
z

za

Esercizio 10.1
Il generatore a stella di
figura fornisce un sistema
simmetrico
diretto
di
W1
tensioni di fase di valore
R
e1(t)
efficace 230 V. Si verifichi
che le correnti nei carichi
L
O e2(t)
O sono diverse seconda che
il sistema sia con o senza
filo neutro. In questultimo
W2
caso si determini VOO e il
C
e3(t)
sistema delle tensioni
T
stellate sui carichi. Si
rappresentino le tensioni e
Figura 10.1
le correnti nei due casi.
Infine, in assenza di filo neutro, si prevedano le indicazioni dei due
wattmetri inseriti in Aron, verificando che la loro somma coincide con
la potenza attiva totale assorbita dai carichi.
[R=10, XL=10, XC=-10]

Svolgimento
Si considera la rete nel dominio dei
fasori, figura 10.1a.
Il valore efficace della tensione
230V, per cui si definiscono i
seguenti fasori fermi allistante 0:
E1 230e j0q V, E2 230e  j120q V,
E3

230e  j240q V, V12


 j90q

398e j30q V,
 j210q

Figura 10.1a

V23 398e
V, V31 398e
V.
Si considera la presenza del neutro.
I centri stella O e O si trovano allo stesso potenziale. Si considerano
nello scrivere la legge di Kirchhoff i cammini disegnati in figura 10.1b.
247

Capitolo 10 Sistemi trifase

Ricordando che non si ha caduta di


tensione sulla bobina amperometrica
dei wattmetri, si ha:
E1 230e j0q
E1  R I1 0, I1
23 A,
R
10
E2  jXL I2 0,
I2

E2
jXL

E3  jX C I3

230e  j120q
j10

23e

 j210q

W1
E1

I2

jXL

I3

W2

A,

E2
E3

I1

Figura 10.1b

0,

Bo
z

za

E3
230e  j240q
I3
23e  j150q A.
jX C
 j10
In figura 10.1c rappresentato il diagramma fasoriale completo.

Figura 10.1c

Si considera adesso lassenza di filo neutro.


Il neutro interrotto e si manifesta una tensione VOO.
Utilizzando il teorema di Millman si scrive:

248

jXC

Capitolo 10 Sistemi trifase

E
E1 E2

 3
R jX L jX C
1
1
1


R jX L jX C

E
Y
i i

Y

VO' O

230 1  3

230e j0q 230e  j120q 230e  j240q




 j10
10
j10
1
1
1


10 j10  j10

168V.
W1

Facendo riferimento alla figura 10.1d,


si scrive:
E1  R I1  VO'O 0,

E1
E2

j0q

E1  VO'O 230e  168


I1
R
10
E2  jX L I2  VO' O 0,

jXL
jXC

I3

VOO

Figura 10.1d

za

E3  jX C I3  VO'O
E3  VO'O
jX C

I2

E3

230e  j120q  168


j10

E2  VO' O
jX L
20.6e  j165q A,

I3

39.8 A,

0,

Bo
z

I2

W2

I1

230e  j240q  168


 j10

20.6e j165q A,

Linterruzione del filo neutro porta uno squilibrio sulle tensioni, il


resistore risulta alimentato con una tensione di 398V, superiore alla
tensione nominale. Un protrarsi nel tempo di questa situazione pu
portare ad una riduzione della vita utile del carico.
In figura 10.1e rappresentato il diagramma fasoriale completo.

249

Capitolo 10 Sistemi trifase

Figura 10.1e

R I1

10 39.8

Bo
z

za

Valutazione della potenza.


La potenza attiva dissipata sulla resistenza vale:
15840W.

La potenza attiva si pu anche ricavare per mezzo della lettura dei


due wattmetri in Aron:
P W1  W2 .
W1

V12 I1 cos D V12  DI1 398 39.8 cos 30q  0q 13718W.

W2

V32 I3 cos D V 32  DI3 398 20.6 cos 90q  165q 2122W.

W1  W2

15840W.

250

Capitolo 10 Sistemi trifase

L1

Esercizio 10.2
La linea alimentata da un sistema
trifase simmetrico di tensioni
concatenate di valore efficace 400V.
Impiegando il metodo delle correnti
di maglia e quello del centro stella
artificiale, si determinino e si
rappresentino i sistemi delle tensioni
di fase e delle correnti sui carichi. Si
prevedano le indicazioni dei due
wattmetri inseriti in Aron, verificando
che la loro somma coincide con la
potenza attiva totale assorbita dai
[ Z 1 10:, Z 2 20:, Z 3 6  j8:. ]

W1

L2
L3

W2
.
Z1

.
Z2

.
Z3

Figura 10.2

Svolgimento

Bo
z

za

Il valore efficace della tensione concatenata 400V, per cui si


definiscono i seguenti fasori fermi allistante 0:
E1 230.9e j0q V, E2 230.9e  j120q V, E3 230.9e  j240q V,
V12 400e j30q V, V23 400e  j90q V, V31 400e  j210q V.
Si utilizza il metodo delle correnti di maglia, figura 10.2a.
V12 Z 1  Z 2 J1  Z 2 J2 ,
V
Z J  Z  Z J ,

23

J1

2 1

 Z 2
V12
V23 Z 2  Z 3
 Z 2
Z 1  Z 2
 Z
Z  Z
2

7406  j28.7
380  j240

13.9  j8.85A,

Figura 10.2a

251

Capitolo 10 Sistemi trifase

J2

Z 1  Z 2
 Z
2

Z 1  Z 2
 Z
2

V12
V23
 Z 2
Z  Z
2

6928  j8000
380  j240
3

Si ricavano quindi:
I1 J1, I2 J2  J1, I3
I1

16.5e  j32,5q A, I2

 J2 .
10.3  j14.4 17.7e  j125.7q A, I3

La potenza dissipata vale:


2
2
2
P Re Z 1 I1  Re Z 2 I2  Re Z 3 I3

3.52  j23.3 A.

23.5e j98.6q A.

10 16.5  20 17.7  6 23.5


2

12.3kW.
La lettura dei due wattmetri :

V12 I1 cos D V12  DI1 400 16.5 cos 30q  32.5q 3.0kW.

W2

V32 I3 cos D V 32  DI3 400 23.5 cos 90q  98.6q 9.3kW.


W1  W2

12.3kW.

Bo
z

za

W1

I3

E3

E1
I1
I2
E2

scala :

=115V

scala :

=10A

Figura 10.2b

In figura 10.2b rappresentato il diagramma fasoriale completo.


Si utilizza il metodo del centro stella artificiale, figura 10.2c.
Per mezzo del teorema di Millman, si ha:
252

Capitolo 10 Sistemi trifase

VO'O

E
Y
i i

Y
i

E1 E2 E3


Z 1 Z 2 Z 3
1
1
1


Z 1 Z 2 Z 3

91.9  j88.5 V.
E1  Z 1I1  VO' O

0, I1

E1  VO' O
Z

Figura 10.2c

16.5e  j32,5q A,

E2  Z 2 I2  VO'O

0, I2

E2  VO'O
Z 2

17.7e  j125.7q A,

E3  Z 3 I3  VO' O

0, I3

E3  VO' O
Z 3

23.5e j98.6q A.

Bo
z

za

Esercizio 10.3
La linea alimentata
IL1
da un sistema trifase
L1
W1
simmetrico
di
I1
tensioni concatenate
di valore efficace
L2
400V.
Si determinino e si
rappresentino
i
L3
W2
sistemi delle correnti
I1
sui carichi e il
.
sistema
delle
ZL
correnti di linea nelle
ipotesi
che
le
.
impedenze di carico
ZL
siano
collegate
Figura 10.3
prima a stella e poi a
triangolo. Si prevedano le indicazioni dei due wattmetri in Aron e si
verifichi che da esse possibile dedurre la potenza attiva e la
potenza reattiva totali assorbite dai carichi nei due casi.
[ Z L 20  j30:.]
253

Capitolo 10 Sistemi trifase

Svolgimento
Il valore efficace della tensione concatenata 400V, per cui si
definiscono i seguenti fasori fermi allistante 0:
E1 230.9e j0q V, E2 230.9e  j120q V, E3 230.9e  j240q V,
V12 400e j30q V, V23 400e  j90q V, V31 400e  j210q V.
Il carico equilibrato connesso a stella per cui sono le tensioni
stellate ad essere applicate al carico:
E1
Z L

IL1

I1

IL 2

I2

E2
Z L

230e j0q
20  j30

3.54  j5.30

230e  j120q
20  j30

6.38e  j56.3q A,

6.38e  j176.3q A,

E3 230e  j240q
6.38e  j296.3q A.
Z
20  j30
L
La potenza attiva dissipata dal carico vale:
2
2
P 3 Re Z I
3 20 6.38 2.4kW.
IL3

I3

za

Bo
z

L L

La potenza reattiva impiegata dal carico vale:


2
2
Q 3 Im Z I
3 30 6.38 3.6kVAr.

L L

I due wattmetri inseriti in Aron danno:


W1

V12 IL1 cos D V12  DIL1 400 6.38 cos 30q  56.3q 164W.

W2

V32 IL3 cos D V 32  DIL3 400 6.38 cos 90q  296.3q 2287W.

P
Q

W1  W2

2.4kW.

3 W2  W1 3.6kVAr.

Si considera adesso la disposizione a triangolo. In questo caso sono


le tensioni concatenate ad essere applicate ai carichi.
V12 400e j30q
I1I
11.09e  j26.3q A,
20  j30
Z L

254

Capitolo 10 Sistemi trifase

I2I

400e  j90q
20  j30

V23
Z L

11.09e  j146.3q A,

V31 400e  j210q


11.09e  j266.3q A.
20  j30
Z L
Le tre correnti di linea si ottengono mediante:
IL1 I1I  I3I 19.2e  j56.3q A,
I3I

IL 2

19.2e  j176.3q A,

I2I  I1I

Bo
z

za

IL3 I3I  I2I 19.2e  j296.3q A.


In figura 10.3a rappresentato il diagramma fasoriale completo.

Figura 10.3a

Valutazione della potenza.


La potenza attiva dissipata sul carico data da:
2
2
P 3 Re Z I'
3 20 11.09
7.4kW.

La potenza reattiva impiegata dal carico vale:


2
2
Q 3 Im Z I'
3 30 11.09 11.0kVAr.

I due wattmetri inseriti in Aron forniscono la seguente lettura:


255

Capitolo 10 Sistemi trifase

W1

V12 I'L1 cos D V12  DIL1 400 19.2 cos 30q  56.3q 495W.

W2

V32 IL3 cos D V 32  DIL3

P
Q

W1  W2

400 19.2 cos 90q  296.3q 6885W.

7.4kW.

3 W2  W1 11.0kVAr.

Bo
z

za

Esercizio 10.4
La linea alimentata
IL1
da un sistema trifase
L1
W1
simmetrico
di
I1
I1
tensioni concatenate
di valore efficace
L2
400V.
Si determinino e si
rappresentino
i
L3
W2
sistemi delle correnti
I1
I1
sui carichi e il
.
sistema
delle
Za
correnti di linea. Si
prevedano
le
.
indicazioni dei due
Zb
wattmetri inserite in
Figura 10.4
Aron e si verifichi
che da esse possibile dedurre la potenza attiva e la potenza
reattiva totali assorbite dai carichi nei due casi.
[ Z a 10  j5:, Z b 20  j30:.]

Svolgimento
Il valore efficace della tensione concatenata 400V, per cui si
definiscono i seguenti fasori fermi allistante 0:
E1 230.9e j0q V, E2 230.9e  j120q V, E3 230.9e  j240q V,
V12 400e j30q V, V23 400e  j90q V, V31 400e  j210q V.
I carichi sono equilibrati quindi basta ricavare le correnti sulla prima
linea.
La corrente sulla prima fase del primo carico :
256

Capitolo 10 Sistemi trifase

IO1

I'1

E1
Z a

230e j0q
10  j5

18.47  j9.23

20.65e  j26.5q A.

Si valuta la corrente I'1 che circola sul lato alimentato da V12 :


I'1

V12
Z b

400e j30q
20  j30

9.94  j4.9 11.09e  j26.3q A.


3 I'1e  j30q :

La corrente I' '1 pari a

I' '1 19.21e  j56.6 A.


La corrente di linea :
IL1 I'1  I' '1 29.13  25.2 38.34e  j40.9 A.
La potenza impiegata :
2
2
2
2
P 3 Re Z a IO1  3 Re Z b I'1
3 10 20.65  3 20 11.09
Q


3 Im Z I

a O1


 3 Im Z I
b

La lettura in Aron indica:

3 5 20.65  3 30 11.09

'1

20.1kW,

17.4kVAr.

V12 IL1 cos D V12  DIL1

W2

V32 IL3 cos D V 32  DIL3 400 38.54 cos 90q  280.9q 15.1kW.

400 38.54 cos 30q  40.9q 5.0kW,

Bo
z

za

W1

W1  W2

20.1kW.

Q
3 W2  W1 17.4kVAr.
In figura 10.4a rappresentato il diagramma fasoriale relativo alla
prima fase.

257

Capitolo 10 Sistemi trifase

Bo
z

za

Figura 10.4a

L1

W1

L2
L3

W2

P1

P2

Figura 10.5

Esercizio 10.5
La linea alimentata
da un sistema trifase
simmetrico di tensioni
concatenate di valore
efficace 400V.
Si determini il sistema
delle correnti di linea.
Si
prevedano
le
indicazioni dei due
wattmetri inserite in
Aron e si verifichi che
da esse possibile
dedurre la potenza
attiva e la potenza
reattiva
totali

assorbite dai carichi nei due casi.


[ P1 2500W, cos I1 0.85, P2 4000W, cos I2
Svolgimento
258

0.7.]

Capitolo 10 Sistemi trifase

Il valore efficace della tensione concatenata 400V, per cui si


definiscono i seguenti fasori fermi allistante 0:
E1 230.9e j0q V, E2 230.9e  j120q V, E3 230.9e  j240q V,
V12 400e j30q V, V23 400e  j90q V, V31 400e  j210q V.
I carichi sono equilibrati quindi basta ricavare le correnti sulla prima
fase per entrami i carichi.
La corrente sulla prima fase del primo carico :
P1
I1
4.24A I1 I1 e  jI1 4.24e  j31.8 A.
3 V cos I1
I2

P2
3 V cos I2

I2 e  jI2

8.24 A I2

8.24e  j45.5 A.

Si valuta la corrente di linea:


IL I1  I2 9.37  j8.11 12.4e  j40.9 A.
La lettura in Aron indica:

V12 IL1 cos D V12  DIL1

W2

V32 IL3 cos D V 32  DIL3 400 12.4 cos 90q  40.9q  240q 4.9kW.

P
Q

400 12.4 cos 30q  40.9q 1.6kW,

Bo
z

za

W1

W1  W2

6.5kW.

3 W2  W1 5.6kVAr.

La potenza reattiva anche data da:


Q

Q1  Q 2

P1tgI1  P2 tgI2

1.5  4.1 5.6kVAr.

Una via alternativa per la risoluzione del problema quella proposta


per mezzo del teorema di Boucherot.
La potenza attiva totale data dalla somma algebrica delle potenze
attive impegnate:
P P1  P2 6.5kW,
la potenza reattiva totale data dalla somma algebrica delle potenze
reattive impegnate:
259

Capitolo 10 Sistemi trifase

Q1  Q2

5.6kVAr,

mentre la potenza apparente complessa totale data dalla somma


vettoriale delle singole potenze apparenti complesse, ma il modulo
della potenza apparente dato da:

A
2
2
A
12.4 A.
P Q
8.6kVA. Consegue che: IL
3V
Esercizio 10.6
La linea alimentata da un sistema trifase simmetrico di tensioni
concatenate di valore efficace 400V.
Si determinino i sistemi delle correnti sui carichi e il sistema delle
correnti di linea. Si valuti la caduta di tensione in linea ed il
rendimento di trasmissione.
[ Z l 0.5  j0.03:, Z a 10  j5:, Z b 20  j30:.]

L2
L3

IL1

.
Zl

za

W1

Bo
z

L1

.
Zl

I1

I1

I1

I1

.
Zl
W2
.
Za
.
Zb
Figura 10.6

Svolgimento
Lesercizio proposto si differenzia dallesercizio 10.4 per la presenza
di impedenze sulla linea dovute alla resistivit dei conduttori
impiegati e allinduttanza associata alle superfici di flusso tra i
conduttori stessi.
260

Capitolo 10 Sistemi trifase

za

La tensione che alimenta i due carichi dipende dalla caduta di


tensione sulle impedenze di linea, quindi dipende dalla corrente
assorbita dai carichi stessi.
Conviene riconfigurare la rete per determinare la caduta di tensione
sulle impedenze di linea e quindi le correnti sui carichi. In figura
10.6a rappresenta la rete in cui si trasformato il carico a triangolo
nellequivalente a stella.

Bo
z

Figura 10.6a

20
 j10:.
3
I due centri stella possono considerarsi virtualmente uniti, poich si
trovano allo stesso potenziale, quello del centro stella dei generatori,
in quanto i carichi sono equilibrati.
La rete puo essere quindi ricondatta ad una equivalente se si
eseguono le operazioni di parallelo tra le due terne di carichi, figura
10.6b.


Limpedenza della nuova stella vale: Zby

Figura 10.6b

261

Capitolo 10 Sistemi trifase

Limpedenza della stella complessiva vale: Z ab 4.53  j3.92:.


Il valore efficace della tensione concatenata 400V, per cui si
definiscono i seguenti fasori fermi allistante 0:
E1 230.9e j0q V, E2 230.9e  j120q V, E3 230.9e  j240q V,
V12 400e j30q V, V23 400e  j90q V, V31 400e  j210q V.
Essendo la rete di figura 10.6b equilibrata, la corrente che circola
nella prima linea del circuito equivalente data da:
E1
230.9e j0q
IL1
28.38  j22.23 36.10e  j38.2q A.
Z  Z
0
.
5

j
0
.
03

4
.
53

j
3
.
92
l
ab

La caduta di tensione sulla prima impedenza di linea data da:


'VL1 Z l IL1 0.5e j3.4q 36.10e  j38.2q 18.08e  j34.7q 14.86 - j10.30 V.

Bo
z

za

Le cadute di tensione sulle altre fasi si ottengono considerando la


solita rotazione di fase.
La caduta sulla linea pari a:
'VL1
18.08
'VL%
100
100 7.8%.
VL
230.9
E adesso possibile valutare le correnti sui carichi di figura 10.6.
La corrente sulla prima fase del primo carico :
E1  'VL1 230.9  14.86  j10.30
IO1 I'1
17.70  j7.81 19.34e  j23.8q A.
10  j5
Z a
Si valuta la corrente I'1 che circola sul lato alimentato tra prima e
seconda fase :
V1  'VL1  V2  'VL 2
I'1
Z b
230.9  14.86  j10.30  230.9  14.86  j10.30  0.5  j0.87
20  j30

9.52  j4.16 10.40e  j23.6q A.

La corrente I' '1 pari a

3 I'1e  j30q :

I' '1 10.68 - j14.48 18.0e  j53.6 A.


262

Capitolo 10 Sistemi trifase

La corrente di linea :
IL1

I'1  I' '1 28.38  j22.23

36.10e  j38.2q A,

Identica a quella trovata precedentemente.


Il rendimento di trasmissione dato dal rapporto tra la potenza
trasmessa e la potenza trasmessa pi le perdite.
La potenza trasmessa al primo carico :
Pa

2
3 Re Z a IO1

3 10 19.34

11.2kW.

La potenza trasmessa al secondo carico :


2
2
P 3 Re Z I
3 20 10.40
6.5kW.

'1

'PL

2
3 Re Z l IL1

Bo
z

La potenza dissipata in linea :

za

3 0.5 36.10

1.9kW.

Il rendimento di trasmissione in termini percentuali :


Pa  Pb
11.2  6.5
K
100
100 90.3%.
Pa  Pb  'PL
11.2  6.5  1.9

263

Capitolo 10 Sistemi trifase

Esercizio 10.7
La linea alimentata da un sistema trifase simmetrico di tensioni
concatenate di valore efficace 400V.
Si determinino le correnti di linea.
[ Z a 10  j10:, Z b 5  j15:, Z c 10  j5:.]
IL1

L1

.
Za

E1
IL2

L2
E2

IL3

L3
E3

.
Zb

za
Bo
z

.
Zc

Figura 10.7

Svolgimento
Il valore efficace della tensione concatenata 400V, per cui si
definiscono i seguenti fasori fermi allistante 0:
E1 230.9e j0q V, E2 230.9e  j120q V, E3 230.9e  j240q V,
V12

400e j30q V, V23

400e  j90q V, V31

400e  j210q V.

La rete non equilibrata per cui si valuteranno tutte le correnti di


linea.
La stella in cui presente Z c una stella equilibrata e non essendo
presenti impedenze di linea alimentata da un sistema di tensioni
simmetriche, per cui basta ricavare la corrente sulla prima fase:
E1 230e j0q
Ic1 
18.47  j9.23 20.65e  j26.5q A.
10  j5
Zc
264

Capitolo 10 Sistemi trifase

La corrente che circola su Z a data da:

230.9 1  0.5  j0.87


27.32  j7.32
10  j10
La corrente che circola su Z data da:
Ia

E1  E2
Z a

28.28e  j15.0q A.

E3 230.9  0.5  j0.87


5  j15
Z b
Le correnti di linea sono:
Ib

IL 2

 Ia  Ic 2

IL3

Ib  Ic 3

45.79 - j16.55 48.7e  j20.0q A,


-44.55 - j 4.06
-15.55 + j23.54

La corrente sul neutro :


IN

 Ib

44.7e  j175.0q A,
28.2  j123.4q A.

za

Ia  Ic1

Bo
z

IL1

14.3  j2.92 14.6e j168.4q A.

14.3  j2.92 14.6e  j11.5q A.

Osservazione
In presenza di impedenze di linea conviene eseguire ripetutamente
le operazioni di trasformazione triangolo-stella per accorpare le
impedenze che si trovano in parallelo e poi risolvere una rete
notevolmente semplidicata.

265

Capitolo 10 Sistemi trifase

L1

Esercizio 10.8
La linea trifase
alimentata da un
sistema simmetrico
di
tensioni
concatenate
di
valore efficace 400V.
Per il primo carico
sono
note
le
impedenze, ed
anche
nota
la
potenza
dei
wattmetri in Aron.
Determinare
limpedenza Zb.

W1

L2
L3

W2
.
Za

.
Zb

Figura 10.8

[ Z a

10  j5:, W1

5kW, W2

15kW ]

Bo
z

za

Svolgimento
La potenza impiegata dal primo carico data da:
Pa

E
3 Re Z a 1
Z a

E
3 Im Z a  1
Za

2
3 Re Z a Ia

230.9
3 10

10  j5

230.9
Qa
3 5

10  j5
Il teorema di Boucherot afferma che:
Pb P  Pa W1  W2  Pa 8.2kW,
2
3 Im Z a Ia

12.8kW,

6.4kVAr.

Qb Q  Q a
3 W2  W1  Pa 10.9kVAr.
Il carico Zb ohmico-induttivo con fattore di potenza:
Q
cos Ib cos a tan b 0.6 in ritardo.
Pb
Si indicano con Gb e Bb rispettivamente la conduttanza e la
suscettanza del secondo carico sulle quali applicata una tensione
di 400V, per cui:
Pb
Pb
Gb V 2 Gb
0.0171 S,
3
3V 2
266

Capitolo 10 Sistemi trifase

Qb
Qb
Bb V 2 B b
0.0227 S.
3
3V 2
Limpedenza del carico a triangolo, ricordando che esso un carico
ohmico-induttivo, data da:
1
1
Z b
21.1  j28.1 :.
Y
Gb  jBb
b

Bo
z

za

Esercizio 10.9
Due carichi equilibrati sono alimentati come mostrato in figura. La
tensione concatenata misurata per mezzo di un voltmetro ed pari
a 400V.
Essendo note le impedenze di linea, determinare:
1) la tensione in partenza;
2) il rendimento di trasmissione;
3) la capacit della batteria di condensatori da inserire affinch si
abbia un fattore di potenza cosrif=0.95.
Si determinino i sistemi delle correnti sui carichi e il sistema delle
correnti di linea. Si valuti la caduta di tensione in linea ed il
rendimento di trasmissione.
[ Z l 0.5  j0.03:, P1 20kW, cos I1 0.6, P2 15W, cos I2 0.8]

L1
L2
L3

.
Zl
.
Zl

.
Zl

P1 cos1

Figura 10.9

Svolgimento
267

Capitolo 10 Sistemi trifase

Si valuta la potenza totalmente richiesta a valle delle impedenze di


linea.
La potenza attiva totale data da:
P P1  P2 35kW,
la potenza reattiva totale data da:
Q Q1  Q 2 P1 tan I1  P2 tan I2 26.7  11.2 37.9 kVAr,
la potenza apparente data da:

A
P2  Q2 8.6kVA.
mentre la potenza apparente complessa totale data dalla somma
vettoriale delle singole potenze apparenti complesse, ma il modulo
della potenza apparente dato da:

A
P2  Q2 51.6kVA.

Bo
z

za

La corrente di linea quindi data da:



A
IL
74.5 A.
3V
Largomento del fattore di potenza dato da:
Q
I a tan
47.3q.
P
Se si considera il fasore della
tensione V con fase nulla, la
corrente di linea sulla prima fase
risulta in ritardo di un angolo
IL1 30q  I 77.3q,
in quanto si considera pure lo
sfasamento
tra
tensione
Figura 10.9a
concatenata
ed
equivalente
tensione stellata, figura 10.9a.
Si ha quindi il seguente sistema di
correnti:
IL1 74.5e  j77.3q A, IL 2 74.5e  j197.3q A, IL3 74.5e  j317.3q A.
La tensione concatenata tra la prima e la seconda linea a monte
delle impedenze di linea ottenibile per mezzo della circuitazione
mostrata in figura 10.9b:
268

Capitolo 10 Sistemi trifase

V12

Z l IL1  V  Z l IL 2

0.5e j3.4q 74.5e  j77.3q  400  0.5e j3.4q 74.5e  j197.3

448.8e  j5.72q

Figura 10.9b

La caduta di tensione relativa :


V12  V
V12

100

448.8  400
100 10.9%.
448.8

za

'V %

Bo
z

Le perdite sulle resistenze di linea sono:


2
'P 3 Re Z I
3 0.5 74.5 2 8.3kW.
l L

Il rendimento di trasmissione in termini percentuali :


P
35
K
100
100 80.0%.
P  'PL
35  8.3
La caduta di tensione relativa troppo elevata
per una corretta gestione della rete e il
rendimento di trasmissione inadeguato, si
rende quindi necessario un rifasamento.
La potenza reattiva assorbita dalla batteria di
condensatori deve essere tale da imporre un
angolo di sfasamento pari al rif voluto. In figura
10.9c rappresentato un bilancio delle potenze
qualitativo.
La potenza attiva deve rimanere inalterata:

A
P  jQ  jQC ,
rif
con

269

Figura 10.9c

Capitolo 10 Sistemi trifase

Q  QC

cos a tan
0.95,
P

risulta quindi
QC Q  P tan Irif 37.9  11.5 26.4kVAr.
cos Irif

Bo
z

za

La capacit della batteria di condensatori a stella pari a:


1 QC
1 26.4 1000
C
0.5 mF.
2
3 V
3 314 230.9 2

Z
3
Nelle nuove condizioni di alimentazione la corrente di linea data da:
P  j Q  QC 35  j 11.5 1000
ILrif
53.1 A.
3V
3 400
Largomento del fattore di potenza imposto pari a:
Irif a cos 0.95 18.2q.
La tensione concatenata tra la prima e la seconda linea a monte
delle impedenze di linea data da:
rif
V12
Z l ILrif1  V  Z l ILrif2 0.5e j3.4q 53.1e  j48.2q  400  0.5e j3.4q 53.1e  j168.2q
444.7e  j1.51q .
La caduta di tensione relativa :
'V %

rif
V12
V
rif
V12

100

444.7  400
100 10.0%.
444.7

Le perdite sulle resistenze di linea sono:


2
'Prif 3 Re Z I rif
3 0.5 53.12 4.2kW.
L

l L

Il rendimento di trasmissione in termini percentuali :


P
35
K
100
100 89.3%.
P  'PL
35  4.2
Per mezzo del rifasamento il rendimento di trasmissione migliorato,
ma resta ancora elevata la caduta di tensione sulla linea;
necessario un intervento strutturale per modificare le caratteristiche
delle impedenze di linea.

270

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

Capitolo 11
Analisi delle forme donda

Esercizio 11.1
Determinare lo sviluppo in
serie di Fourier della forma
donda di figura 11.1.
[Imax =10 A]
Figura 11.1

Svolgimento

Bo
z

za

La forma donda periodica con periodo pari a 2. La funzione pu


essere espressa nella seguente forma:
10
i t Zt.
2S
Affinch tale funzione possa essere scomposta in serie di Fourier
devono essere verificate le tre condizioni di Dirichlet:
1) sia finito il valore medio nel periodo;
2) le discontinuit siano in numero limitato;
3) sia finito il numero di massimi e minimi nel periodo.
La funzione i(t) verifica le tre condizioni di Dirichlet. Si definisce lo
sviluppo in serie di Fourier per mezzo della seguente formula
trigonometrica:
1
i t
a0  a1 cos Zt  a 2 cos 2Zt  a 3 cos 3Zt  ... 
2
 b1 sin Zt  b 2 sin 2Zt  b3 sin 3Zt  ...,
con
1 2S
a0
i t dZt,
S 0
1 2S
an
i t cos nZt dZt,
S 0

271

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

bn

1
S

2S

i t sinnZt dZt.
0

Si determina il primo termine:


a0

1
S

2 S 10

Zt dZt
2S

2
1 10 Zt

S 2S 2

2S

1 10 2S

S 2S 2

10,

1
a 0 5.
2
Si ricavano i coefficienti dei termini trigonometrici:

per cui

an

1
S

2S
1 10 sin nZt

Zt
n 0
S 2S

2 S 10

Zt cos nZt dZt


2S

2S
1 10
1 cos nZt
0



n
n 0
S 2S

10

cos n2S  cos 0

sin nZt
dZt

0,

bn

1
S

2 S 10

Zt sin nZt dZt


2S

Bo
z

za

2n2 S 2

2S

2S
1 10
cos nZt

 Zt
n 0
S 2S

2S

1 10 2S 1 sin nZt


S 2S n n n 0

2S

cos nZt
dZt

 10
.
nS

La funzione corrente diventa quindi:


i t

sin nZt
.
n
1

10
10
10
10
50
sin Zt 
sin 2Zt 
sin 3Zt  ... 5 
2S
3S
S
S n

272

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

Esercizio 11.2
Rappresentare lo spettro
del segnale riportato in
figura 11.2.
[Imax =10 A]
Figura 11.2

Svolgimento
Conviene riportare la forma donda del segnale in uno sviluppo che
includa solamente i termini seno o coseno:
i t

1
a0 
cn cos nZt  Tn ,
2
n 1

oppure
f

za

1
a0 
c n sin nZt  In ,
2
n 1

Bo
z

i t

bn
a
, In a tan n .
an
bn
La presenza esclusiva di termini in seno porta a scrivere la seguente
formula:

con c n

i t

an2  bn2 , Tn

a tan

1
1
a0 
c n sin nZt  180q
a0 
Cn ,
2
2
n 1
n 1

10
.
nS
Lo spettro in ampiezza del
segnale definito in un piano
cartesiano in cui le ascisse
riportano i valori delle pulsazioni
(o delle frequenze f) definite
nello sviluppo e le ordinate
riportano lampiezza del modulo
di tale sviluppo. In figura 11.2a
rappresentato lo spettro del
segnale per le prime dieci

con c n

Figura 11.2a

273

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

10

I(t) [A]

8
6

Bo
z

12

za

frequenze di interesse, per semplificare la lettura le ascisse riportano


solamente lordine della componente di Fourier, la scala quindi
riferita al contenuto armonico
della corrente.
Nello spettro in fase le
ordinate sono costituite dalle
fasi delle componenti dello
sviluppo in serie di Fourier,
figura 11.2b.
La rappresentazione dei due
spettri non completa, infatti
n dovrebbe crescere fino a
Figura 11.2b
raggiungere il valore infinito;
si dice che gli spettri sono
troncati alla nona armonica.
Per capire lapprossimazione che si stabilita, conviene ricomporre il
segnale per mezzo delle funzioni sinusoidali utilizzate.

termine costante
prima armonica
seconda armonica
terza armonica
segnale ricostruito

4
2
0
-2
-4
0

3,14

Zt

6,28

Figura 11.2c

In figura 11.2c sono rappresentati alcuni termini dello sviluppo di


Fourier: il termine costante pari a 5, la prima armonica (quella di
274

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

ampiezza pi elevata), la seconda armonica e la terza armonica (con


ampiezze decrescenti) ed il segnale ricostruito per mezzo delle nove
armoniche; si nota come questultimo approssimi la funzione di
partenza, infatti sebbene la ricostruzione sia accettabile nella zona
centrale, nei punti estremi (t=0 e t= 2) la funzione non assume il
valore nullo, come avviene per il segnale di figura 11.2. Sono
necessari i contributi di molte altre armoniche per avvicinare
landamento della funzione ricostruita ai punti iniziale e finale.

Bo
z

za

Esercizio 11.3
Determinare lo sviluppo in
serie di Fourier della forma
donda di figura 11.3, e
rappresentarne lo spettro.
[Imax =10 A]

Svolgimento

Figura 11.3

La forma donda periodica con periodo pari a 2. La funzione


presenta valore medio nullo, per cui a0 nullo. Pu essere espressa
nella seguente forma:
0 d Zt d S
I
i t max
.
 Imax S d Zt d 2S
Si nota inoltre che la funzione a simmetria dispari, non sono quindi
presenti i termini in coseno nello sviluppo di Fourier. Si ricavano i
coefficcienti bn:
Si ricavano i coefficienti dei termini trigonometrici:

275

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

bn

1
S

10 sin nZt dZt  1


0
S

2S

 10 sin nZt dZt


S

cos nZt S
1
10 

n 0
S

2S

cos nZt
 
n S

1 10 >1  cos nS  1  cos nS@,


nS

per cui per n pari il coefficiente trigonometrico nullo, mentre per n


40
.
dispari pari a
nS

La funzione corrente diventa quindi:


40
40
40
i t 0 
sin Zt 
sin 3Zt 
sin 5Zt  ....
3S
5S
S

Lo spettro in fase
costituito da elementi pari a
0 per i termini esistenti,
per tanto non utile
rappresentarlo.

Bo
z

za

Non essendo presenti i termini in coseno si possono considerare i


coefficienti bn come unici contribuenti allo spettro in ampiezza, figura
11.3a.
40

scala :

=1A

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9
Figura 11.3a

In figura 11.3b sono rappresentati alcuni termini dello sviluppo di


Fourier: il termine costante pari a 0, la prima armonica (quella di
ampiezza pi elevata), la terza armonica e la quinta armonica ed il
segnale ricostruito per mezzo delle nove armoniche.

276

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

15

termine costante
prima armonica
terza armonica
quinta armonica
segnale ricostruito

10

I(t) [A]

5
0
-5
-10
-15
0

3,14

6,28

Bo
z

za

Zt

Figura 11.3b

Esercizio 11.4
Determinare lo sviluppo in
serie di Fourier della forma
donda di figura 11.4, e
rappresentarne lo spettro.
[Imax =10 A]

Svolgimento
Figura 11.4

La forma donda periodica


con periodo pari a 2.
Pu essere espressa nella seguente forma:

Zt

Imax 1  S 0 d Zt d S

i t
.
Imax 1  Zt  S d Zt d 0

277

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

Si nota inoltre che la funzione a simmetria pari, non sono quindi


presenti i termini in seno nello sviluppo di Fourier. Si ricavano i
coefficienti:
Si determina il primo termine:

1
S

a0

1
Zt

10 1 
d Zt 
S
S
S

10

S


Zt
Zt 

2 S

10
S

Zt

10 1 
d Zt
S

S
S

0  S  2  S  2

2

10
Zt
Zt 

2 S
S
S
0

10,

1
a 0 5.
2
Si ricavano i coefficienti dei termini trigonometrici in coseno:

per cui

1
S

an

1
Zt

10 1  cos nZt dZt 


S
S
S

Zt

101  cos nZt dZt


0
S

Bo
z

za

0
10
1 sin nZt
0
> sin nZt@ S  Zt

S
S
n  S

sin nZt
1
dZt 

S
n

S
10
1 sin nZt
sin nZt
S

>


Z
 sin nZt @0  Zt
1
d
t

S
S
n 0 0
n

20
1
10
1

1  cos nS ,
0  0  2 >1  cos nS@  2 >cos nS  1@
S
n S
n S
n2 S 2
tale termine esiste solo per n dispari.

In figura 11.4a rappresentato


lo spettro in ampiezza del
segnale.

Figura 11.4a

278

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

La funzione corrente data da:


40
40
40
cos 3Zt  ....
i t 5 
cos Zt  2 cos 3Zt 
S
25S 2
9S

Esercizio 11.5
Determinare lo sviluppo in
serie di Fourier della forma
donda di figura 11.5, e
rappresentarne lo spettro.
Ipotizzare lutilizzo di un
diodo che ne prelevi la
parte positiva.
[Imax =10 A]

Figura 11.5

Bo
z

za

Svolgimento
La forma donda periodica con periodo pari a 2. La funzione
presenta valore medio nullo, per cui a0 nullo.
Pu essere espressa nella seguente forma:
Zt
i t Imax  S d Zt d S .
S
Si nota inoltre che la funzione a simmetria dispari, non sono quindi
presenti i termini in coseno nello sviluppo di Fourier. Si ricavano i
coefficcienti bn:
S

S cos nZt
1 S 10
10
cos nZt

bn
t
1
d
t
Zt sin nZt dZt

Z



Z

n  S  S
n
S S S
S 2

10
1
S
 S cos nS  S cos nS  >sin nZt @ S
2
n
nS

con segno che dipende dallindice n.

La funzione corrente data da:


20
20
20
i t 0 
sin Zt 
sin 2Zt 
sin 3Zt  ....
S
2S
3S
279

20
 1 n 1,
nS

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

Lo spettro in ampiezza tracciato in figura 11.5a, lo spettro in fase in


figura 11.5b.

Figura 11.5b

Figura 11.5a

Bo
z

za

Si considera adesso la presenza


del diodo che consente il
passaggio della sola corrente
positiva. La corrente assume la
forma di figura 11.5c,che pu
essere espressa nella seguente
forma:
Figura 11.5c

Zt
I 0 d Zt d S
i t max S
.

0
S d Zt d 2S
Per ricavare a0 si procede per ispezione, larea coperta dalla forma
donda risulta un quarto dellarea descritta dal rettangolo Imax1, con 1
che individua il periodo, per cui il coefficiente del termine costante
1
10
a0
.
2
4
La funzione non pari ne dispari, per cui si ricavano i seguenti
coefficenti:

an

S sin nZt
10 sin nZt

t
1
d
t
Z


0 S
n 0 0 n
S 2

10
1
10
S
cos nS  1 ,
0  >cos nZt @ S
2
2 2
n
nS
n S

1
S

S 10

Zt cos nZt dZt

280

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

che presenta valori diversi da zero per n dispari.


Similmente si ricava:
S

S cos nZt
1 S 10
10
cos nZt

Zt sin nZt dZt



Z



bn
t
1
d
Z
t

S 0 S
n 0 0
n
S 2

10
1
10
S
 1 n 1.
 S cos nS  0  >sin nZt @0
2
n
nS
nS

La funzione corrente data da:


10 20
20
20
i t
cos 5Zt 
 2 cos Zt  2 cos 3Zt 
4 S
9S
25S 2
10
10
10
sin Zt 
sin 2Zt 

sin 3Zt  ....
2S
S
3S
I coefficenti dello sviluppo completo sono dati da:

cn

bn
2
2
an  bn

n pari
n dispari

, In

za

1
a0 
c n sin nZt  In ,
2
n 1

Bo
z

i t

a tan

an
.
bn

Si hanno quindi le rappresentazioni delle figure seguenti.

Figura 11.5d

Figura 11.5e

281

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

Esercizio 11.6
Determinare lo sviluppo in
serie di Fourier della forma
donda di figura 11.6, e
rappresentarne lo spettro.
[Imax =10 A, = 1/4T]
Figura 11.6

i t

A cos nZt  j sin nZt ,

A ne jnZt

n f

Bo
z

za

Svolgimento
La forma donda periodica con periodo pari a T. La funzione pu
essere espressa nella seguente forma:
0 d Zt d W
I
i t max
.
W d Zt d T
0
Si considera la definizione esponenziale della scomposizione in serie
di Fourier. La funzione nel tempo definibile per mezzo di coefficenti
complessi e funzioni esponenziali complesse, che si riconducono alla
definizione precedentemente data se si ricorda luguaglianza di
Eulero:
n

n f

Il valore dei coefficienti si ottiene implementando la formula dello


sviluppo in serie, che per larmonica n data da:

2S

i t e  jnZt dZt

2S

... 

2S

A 0 e  jnZt dZt 

2S

2S

A  2e  j2Zt e  jnZt dZt 

2S

A1e jZt e  jnZt dZt  ... 

A 1e  jZt e  jnZt dZt 

A ne jnZt e  jnZt dZt  ...,

da cui:
1 2S
i t e  jnZt dZt.
0
2S 0
Si preferisce individuare lintervallo dintegrazione per mezzo del
periodo, pertanto si ha:

2S

An

i t e  jnZt dZt

1
T

i t e

 jn

2 SA n , A n

2S
t
T dt.

Inoltre se i(t) reale risulta che A  n


282

An* .

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

I coefficenti utilizzati in precedenza possono essere ottenuti per


mezzo delle seguenti formule:
an Re An , bn Im A n .
Si determinano i coefficienti dello sviluppo in serie:

An

1
T

I
0

max e

 jn

2S
t
T dt

2S
 jn W
Imax
1  e T
jn2S

1

T

0e

 jn

S
Imax  jn T W
e

2S
t
T dt

S
jn W
T
e

nS

Imax
T

1
2S
 jn
T

 jn 2 S t
e T

S
 jn W
T
e

2j

sin nS
W
T.
Imax e
W
T
nS
T
Anche esprimibile con la funzione seno cardinale o sinc.
Il coefficiente a0 si ottiene per ispezione, il valore Imax mantenuto
per un intervallo di tempo da riferire ad un periodo T:
1
W
a0 Imax .
2
T
Il modulo dei coefficienti :
W
T

Bo
z

za

 jnS

An

Imax

W
 jnS
T
e

sin nS
T

W
nS
T

Imax

sin nS
W
T.

W
T
nS
T

Imax
T
scala :

=0.66A

-9 -8 -7 -6 -5 -4 -3 -2 -1 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9
Figura 11.6a

283

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

Bo
z

za

In figura 11.6a rappresentato lo spettro in ampiezza, riferito ad una


2S
.
pulsazione Z
T
Si nota che i coefficenti si annullano in corrispondenza delle
armoniche quarta e ottava, questo dovuto al fatto che largomento
della funzione seno cardinale assume il valore di un multiplo di un
angolo piatto in corrispondenza di tali armoniche. La frequenza con
cui si annullano tali armoniche data da:
2S
1
1
Z
4 T
,
Z0 4Z f0 4
2S
2S T 4 W
i coefficienti dello sviluppo in serie di Fourier si annullano come
multipli della frequenza 1/.
Se tende a diminuire le armoniche tendono a completare
uniformemente lo spettro.
In figura 11.6b rappresentato lo spettro in fase di Fourier. Tale
spettro si ripropone ogni 4 armoniche per le stesse motivazioni
riportate per lo spettro in ampiezza.

Figura 11.6b

284

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

Esercizio 11.7
Un generatore la cui forma donda
riportata sotto, alimenta un circuito
passivo RL. Determinare la potenza
dissipata sul resistore. Le tensioni
sono espresse in funzione dei valori
di picco.
v t E0  E1 cos Z1t  E2 cos Z2 t .
Figura 11.7

500 rad/s, 2= 1500 rad/s,


R = 5, L = 20mH]

[E0 =100 V, E1 = 50 V, E2 = 25 V, 1=

Bo
z

za

Svolgimento
Si applica il metodo di sovrapposizione degli effetti riconducendo la
rete ad un insieme di generatori, figura
11.7a.
La rete passiva non presenta gli stessi
E0
valori al variare delle sollecitazioni, basti
R
pensare allinduttore che in corrente
continua si comporta da corto circuito.
E1cos(1t)
rete passiva
Per la frequenza nulla (continua) si ha:
E0 100
I0
20 A.
R
5
Per la pulsazione 1= 500 rad/s si ha:
Z 1 R  jZ1L 5  j10:;
I1

i1 t

E1
Z 1

50
5  j10

2  j4

4.47e  j63.4q A;

4.47 cos 500t  63.4q .

Per la pulsazione 1= 1500 rad/s si ha:


Z 2 R  jZ2L 5  j30:;
285

E2cos(2t)

Figura 11.7a

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

I2

E2
Z 2

25
5  j30

0.13  j0.81 0.82e  j80.5q A;

i2 t 0.82 cos 1500t  80.5q .

La corrente nel dominio del tempo data da:


i t I0  i1 t  i2 t 20  4.47 cos 500t  63.4q  0.82 cos 1500t  80.5q .
Il valore efficace di tale corrente si ottiene integrando la stessa
elevata alla seconda potenza,in un periodo comune alle tre forme
donda, ovviamente nel periodo di integrazione i prodotti mutui hanno
valore efficace nullo, per cui si ottiene:
I12 I22
4.47 2 0.822

20 2 

2
2
2 2
Sul resistore la potenza dissipata vale:
2
'P RIeff
5 20.26 2 2052W.
Ieff

I02 

410.3

20.26 A.

Bo
z

za

In presenza di sollecitazioni a pulsazione differente vale il principio di


sovrapposizione degli effetti per le potenze:
'P0 RI02 5 20 2 2000W;
'P1

RI12

4.47

5
2

50W;
2

0.82

'P2
5
2W ;
2
'P 'P0  'P1  'P2 2052W.
RI22

286

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

i(t)
+ v(t)

Rete
passiva

Figura 11.8

Esercizio 11.8
La rete passiva di figura 11.8 alimentata da
una tensione
v t E0  E1 cos Z1t  E2 cos Z2 t .
La rete anche attraversata da una corrente
i t I0  I1 cos Z1t  I1  I2 cos Z2 t  I2 .
Determinare:
1) la potenza dissipata allinterno della rete;
2) lequivalente circuito serie, sapendo che
una rete bicomponente.

[E0 =100 V, E1 = 141.4 V, E2 = 70.7 V, 1= 100 rad/s, 2= 300 rad/s,


I0=0 A, I1 = 1 A, I2 = 0.67 A, 1=45, 2=18.43 ]

'P2
'P

E1
2
E2

I1
2

cos  I1 100 0.707 0.707

Bo
z

'P1

za

Svolgimento
La potenza media si determina sommando i contributi ad ogni
pulsazione:
'P0 E0 I0 100 0 0W;

cos  I2 50 0.474 0.949


2
2
'P0  'P1  'P2 72.4W.

I2

50W;
22.4W;

Si nota che il circuito a frequenza nulla non


assorbe corrente, quindi deve essere presente un
condensatore che faccia da circuito aperto.
Inoltre il secondo componente deve essere un
resistore, poich la rete assorbe potenza, si ha
quindi la rete di figura 11.8a.
Si valuta la corrente efficace:
Ieff

I02

I12 I22
 
2 2

0 2  0.7072  0.4742

0.724 0.85A.
La resistenza data da:

287

i(t)
+ v(t)

Figura 11.8a

R
C

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

'P

100:.
2
Ieff
Per valutare la capacit C si considera il circuito alla pulsazione 1:

j
j
I1 100 100 
0.707e  j45q
E1 Z 1 I1 R 
Z1C
Z1C

100
0.707  j0.707 100  j Z1C
0.707
Z1C

1
C
100

1
100Z1

10PF.

Bo
z

Figura 11.9

za

Esercizio 11.9
Determinare la trasformata di
Fourier della forma donda di
figura 11.9, e rappresentarne
lo spettro.
[Imax =10 A, = 1/2 s]

Svolgimento
La forma donda non periodica.
Affinch per tale funzione possa essere definito lintegrale di Fourier
devono essere verificate le seguenti condizioni di Dirichlet:
1) la funzione assolutamente integrabile,

f

i t dt  f;

2) sia finito il numero di massimi e minimi e discontinuit in ogni


intervallo finito nel periodo.
Sotto queste ipotesi si definisce la seguente espressione trasformata
di Fourier:
I f

f

i t e  j2 Sft dt,

con f frequenza.
La funzione i(t) definita come trasformata inversa di Fourier:
i t

f

I f e j2 Sft df.

Le funzioni i(t) e I(f) sono chiamate coppia di Fourier.


In alternativa si possono utilizzare le definizioni che prevedono
limpiego della pulsazione:
288

Capitolo 11 Analisi delle forme donda

1 f
I Z e jZt dZ.
f
2S  f
Si procede quindi alla determinazione della trasformata di Fourier per
il segnale dato:
I Z

I f

f

i t e  jZt dt,

i t

i t e  j2 Sft dt,

Si determinano i coefficienti dello sviluppo in serie:


f
W
W
Imax
I f
i t e  j2 Sft dt
Imax e  j2 Sft dt
e  j2Sft 0
f
0
 j2Sf
Imax
Imax  jSfW
1  e  j2SfW
e
sin SfW .
Sf
j2Sf
La funzione I(f) reale poich i(t) pari.
Si traccia lo spettro del segnale non periodico, figura 11.9a. Si nota
come esso sia linviluppo dello spettro periodico dellesercizio11.6.

>

Bo
z

za

|I(f)| [A]

>

4
2
0
-10

-5

10

10

frequenza [Hz]
arg(I(f)) []

200
100
0
-100
-200
-10

-5

frequenza [Hz]
Figura 11.9a

289

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

Capitolo 12
Principi di elettromagnetismo

Figura 12.1

Esercizio 12.1
Determinare la temperatura alla quale
un filo di rame di lunghezza l = 10m e di
sezione S = 2 mm2 ha una resistenza di
0.10.

[resistenza del rame a 0C =0.01610-6 m; coefficiente di


temperatura 0 =0.0042 C-1]
Svolgimento

Bo
z

za

La resistenza del conduttore varia per mezzo della seguente legge:


R T R 0 1  DT ,
avendo indicato con la temperatura in gradi Celsius.
Inoltre un conduttore cilindrico presenta una resistenza a 0C in
funzione delle caratteristiche geometriche data da:
l
10
R 0 T U0
0.016 10  6
0.08:.
S
2 10  6
La resistenza alla temperatura incognita data da:
l
R T U 0 1  DT 0.08 1  DT 0.10:
S
0.10  0.08
0.10 0.08  0.08DT T
59.5qC.
0.08 0.0042

Figura 12.2

Esercizio 12.2
Calcolare la resistenza a 20C di una
lampada che assorbe 100W quando
sottoposta alla differenza di potenziale di
100V, e il cui filamento di tungsteno
raggiunge a regime i 2000C.
Determinare la temperatura alla quale un
290

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

filo di rame di lunghezza l = 10m e di sezione S = 2 mm2 ha una


resistenza di 0.10.
[coefficiente di temperatura 0 =0.0042 C-1]
Svolgimento
La resistenza del conduttore, alla temperatura di 2000C, ottenibile
per mezzo della seguente equazione:
E2 1002
R 2000
100:.
P
100
La stessa resistenza in funzione della resistenza di riferimento a 0C
data da:
R 2000 R 0 1  D2000 ,
per cui
R 2000
100
10.6:.
R0
1  D2000 1  8.4

Bo
z

za

Risulta quindi
R 20 R 0 1  D20 10.6 1  0.0042 20 11.5:.

Figura 12.3

Esercizio 12.3
Per la linea bifilare si calcoli linduttanza
chilometrica e la forza unitaria quando i
conduttori siano percorsi da correnti
controverse di 5000 A.

[resistenza chilometrica r = 0.191 /km; D=0.4 m, d = 13mm,


S0=95mm2]
Svolgimento
Per determinare linduttanza chilometrica si deve prima definire una
superficie di flusso, figura 12.3a. Si suppone di unire due tratti dei
due conduttori, ciascuno di lunghezza pari a 1 km, mediante due
linee in modo da individuare idealmente un circuito chiuso. La
struttura cos ottenuta una maglia percorsa dalla corrente di 5000A
291

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

(ad esempio in senso orario). I tratti di conduttore fitttizi non


modificano la distribuzione dei campi,
giacch per ogni conduttore ipotizzato per
una superficie chiusa ne esiste un secondo
percorso da corrente controversa afferente
alla superficie chiusa che la precede o la
segue.
Essendo D<< 1 km si possono considerare i
due conduttori verticali aventi lunghezza
infinita.
Si valuta inizialmente il flusso esterno, cio
quello relativo alla parte di superficie esterna
ai conduttori.

Figura 12.3a

Il campo magnetico dovuto al conduttore di sinistra valutabile per


mezzo della legge di ampere:
I0 ,

za

H dr

Bo
z

da cui
&
I0
H
,
2Sr
con direzione uscente dal foglio. Si valuta il campo induzione
magnetica ed il flusso chilometrico per la superficie elementare dr1:
&
& P I
P 0I0
00
B
, dI B 1 dr
dr,
2Sr
2Sr
con 0 = 1.2610-6 H/m.
Integrando tra D- R0 e R0 (R0 =d/2) si ottiene:
D R 0

R0

P 0I0
dr
2 Sr

P 0I0 D  R 0
ln
,
2S
R0

in cui si pu trasurare R0 rispetto a D.


Il contributo del conduttore di destra raddoppia il flusso sopra
valutato, ottenendo quindi il flusso totale esterno:
P 0I0
D
IE
ln
,
S
R0
Ovviamente non si considera il contributo dei lati fittizi per quanto
esposto in precedenza.
292

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

Linduttanza del circuito allesterno del conduttore :


P0 D
LE
ln
1.65 PH / km.
S R0

Bo
z

za

Per valutare adesso la parte del coefficiente di


autoinduzione relativa allinterno dei due conduttori si
procede mediante considerazioni energetiche,
tenedo conto che il flusso elementare allinterno dei
conduttori varia in ogni punto in funzione delle linee
di corrente sottese dalla superficie di flusso, figura
12.3b.
Supponendo una distribuzione uniforme di corrente
allinterno del conduttore, si definisce la densit di
corrente superficiale J:
I0
J
,
SR 02
Figura 12.3b
per cui la corrente associata alla superfice S interna
data da:
Sr 2
2
I r JSr
I0 .
SR 02
Lenergia immagazzinata sotto forma di campo magnetico risponde
alla formula generale:
1 2
W r
LrI r ,
2
in cui linduttanza varia al variare di r.
La densit di energia per unit di volume data da:
P0 r 4 2
1
1 I r P 0I r
U r
H r B r
I0 .

2
2 2Sr 2Sr
8S 2r 2 R 04
Per un chilometro di conduttore e per una corona circolare di raggio r
e spessore dr, lenergia immagazzinata data da:
dW r U r 2Sr dr 1,
da cui
W R 0

R0

P0 r 2

I2
2
4 0
8S R 0
0

2Sr dr

R0
21 4
I0 r
4SR 04 4 0

P0

Linduttanza interna data da:


293

P0 2
I0 .
16S

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

P0
0.05 PH / km.
8S
Linduttanza chilometrica totale :
P0
D P0
L LE  2LI
ln

1.75 PH / km.
S R 0 4S
LI

Bo
z

za

Per il calcolo della forza agente tra i due conduttori rettilinei si applica
la formula:
& &
P I
P 0I02
F I0 1 u B D I0 0 0
12.5 N / km,
2SD 2SD
forza di tipo repulsivo.
La stessa forza pu essere ricavata per mezzo della seguente
formula:
P 0I02
P
P
1 wL
1 w P0
2
F
I02
.
ln r  0 ln R 0  0 I0
2 wr r D
2 wr S
4S r D
2SD
S

re

Re

2ri

Esercizio 12.4
Il cavo in olio fluido costituito da un
conduttore anulare di raggi ri ed re e da
una guaina metallica di raggio Re. Si
calcoli l'induttanza chilometrica.
[Vn = 150kV, S = 600 mm2, ri=6 mm,
re=15.5mm, Re =26.5mm, r = 0.04/km]

Figura 12.4

Svolgimento
Si valuta linduttanza interna mediante considerazioni energetiche.
Lenergia contenuta nellunit di volume di conduttore data da:
1 2
W
LI ,
2
in cui sia L che W sono riferite ad un chilometro di cavo ed anche:
L LI  L E ,
in cui con LI si indica la parte del coefficiente di autoinduzione
relativa allinterno del conduttore anulare, mentre con LE la parte
294

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

relativa alla zona compresa tra il conduttore anulare e la guaina


metallica.
La densit di energia del campo
magnetico allinterno del cavo data da:
1
U
HB,
2
r
Con H campo magnetico e B campo
induzione magnetica.
dS
Allinterno del conduttore anulare il campo
magnetico H dipende dalla quantit di
corrente concatenata dalla superficie di
Figura 12.4a
flusso dS, figura 12.4a; per cui applicando
la legge di Ampere si ha:

H r dr

I r ,

I r
.
2Sr
Si suppone per semplicit una distribuzione di linee di corrente
uniforme su tutta la superficie del conduttore anulare ed avendo
indicato con I0 la corrente vettoriata dal cavo si ha:
I0
J
,
S re2  ri2
quindi
r 2  ri2
2
2
I r J S re  ri
I0 ,
re2  ri2
ed anche
r 2  ri2
H r
I0 .
2Sr re2  ri2
Si indica con (r2) la quantit costante:
' r2
re2  ri2 15.5 2  6 2 204.25mm2 2.04 10 4 m2 .
Si valuta quindi la densit di energia concatenata con una superficie
cilindrica di raggio r:

Bo
z

za

H r

U r

1
P 0H2 r
2


> @

2
2
1 2 r  ri
P 0I0
2
2Sr' r 2

295

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

Lenergia magnetica chilometrica, immagazzinata allinterno del


volume infinitesimo confinato dalla superficie dS, data da:


> @

2
2
1 2 r  ri
dW r
P 0I0
2
2Sr' r 2
Quindi si deduce che:

1 2Sr dr.

e
r 2  ri2
1 2
P 0I0
dr
2
2S' r 2 2 r
ri

P 0I02

4S' r 2

P 0I02

re

4S' r

2 2

ri

 ri2
r

dr

re4 3 4 2 2 4 re
 ri  ri re  ri ln .
ri
4 4

Linduttanza interna chilometrica data da:


re4 3 4 2 2 4 re
P0
7
LI
 ri  ri re  ri ln 1.42 10 H / km.
2 2 4
4
r

i
2S' r

Bo
z

za

Si valuta adesso la parte del coefficiente di autoinduzione relativa


alla parte del cavo compresa tra il conduttore anulare e la guaina
metallica.
Il campo magnetico H risulta dato da:
I0
H r
.
2Sr
La densit di energia immagazzinata :
P 0I02
1
U r
P 0H2
.
2
8S 2r 2
Lenergia immagazzinata nel campo magnetico per un chilometro di
cavo tra conduttore anulare e guaina metallica data da:
P 0I02
dW r U r 2Sr 1 dr
2Srdr,
8S 2r 2
P 0I02 R e
W
ln
.
4S
re
Consegue che:

296

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

P0 Re
ln
1.07 10  7 H / km.
2S re
Il coefficiente di autoinduzione chilometrico dato da:
L LE  LI 0.249 PH / km.
LE

Re
ri

Esercizio 12.5
Si calcolino i coefficienti
di
autoinduzione,
il
coefficiente di mutua
induzione e il coefficiente
di accoppiamento delle
due bobine in aria.

L
Figura 12.5

Bo
z

za

[Ni=100, Ne = 1000, L = 500 mm, ri = 40 mm, Re = 50mm]


Svolgimento

297

ri

Per potere risolvere lesercizio necessario semplificare il problema:


bisogna definire inizialmente il campo generato da una singola spira,
successivamente quello generato da una bobina ed infine studiare
linterazione tra due bobine differenti.
La conoscenza deve quindi passare dal livello di unistrutturata a
quello di multistrutturata ed infine a quello di conoscenza relazionale.
Si considera inizialmente la sola bobina interna.
I conduttori costituenti la bobina interna sono disposti sulla superficie
del cilindro di raggio ri e
lunghezza L. Si identifica con
ni=Ni/L
la
densit
di
distribuzione dei conduttori di
tale bobina.
Ogni conduttore della bobina
contribuisce a creare una
distribuzione
di
campo
Figura 12.5a
magnetico in tutto lo spazio;
per semplicit si considera

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

H'

i
cos Dds
4Sr 2

2S

i ri
ridI
4Sr 2 r

Bo
z

2 Sri

za

solamente la distribuzione di campo sullasse del cilindro.


Si considera il fascio di conduttori situato nel punto C, contenuti nello
spessore d], distanti ] dallorigine del sistema, figura 12.5a.
I conduttori del fascio possono essere equiparati ad una singola spira
attraversata dalla corrente i=nid]I.
Tale spira rappresentata in figura
z
12.5b.
H
H
Un singolo elementino ds della spira,
posto nel punto C, genera, sullasse z
A r C
nel punto A, un campo magnetico
B d
y
elementare dato da:
r
i
i ds u r
dH
,
ds
x
4S r 2
in cui ds lelementino di conduttore
Figura 12.5b
percorso dalla corrente i, che viene
moltiplicato tramite prodotto vettoriale per il versore r .
La componente di campo magnetico diretta secondo lasse z si
ottiene integrando i contributi elementari:
ri2
i.
2r 3

Nota la distribuzione del campo di spira (conoscenza unistrutturata)


si passa alla determinazione del campo di bobina (conoscenza multi
strutturata).
Il fascio di conduttori concentrati nel punto C di figura 12.5a genera
nel punto A il campo magnetico elementare:
ri2 Ni
dHz A
Id],
C
2r 3 L

]  z  ri2 .
con r
Si ha quindi:
]

Hz A

L
2

] 

L
2

2
O

A B

ri2 Ni
Id].
2r 3 L

Figura 12.5c

Definito langolo BAC di figura 12.5c, facile notare che:

298

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

1
ri
dE .
, ]- z = ricot, d] ri
sin E
sin2 E
Il campo magnetico dunque dato da:
r

Hz A

E2

N
 iI
2L

E1 2

ri2
ri3

ri
dE
sin2 E

Ni
E
I>sin E@E 2
1
2L

Ni
I>cos E1  cos E 2 @,
2L

Bo
z

za

sin3 E
con 1 e 2 gli angoli sotto cui il punto A vede gli estremi della
bobina.
Nel caso in cui A coincida con il centro della bobina e considerando
bobine in cui la lunghezza L molto pi grande del raggio (1 0 e
2 180), si ha:
Ni
N
Hz O
I>cos E1  cos E 2 @ # i I Hi .
2L
L
Si valuta adesso il coefficiente di autoinduzione della bobina interna
sempre trascurando la presenza della bobina esterna; nella regione
di spazio occupata dalla bobina interna presente un campo Hi, il
quale adesso non rivestir pi il ruolo di effeto della corrente, ma
sar causa della nascita di interazioni elettromagnetiche.
Sulla singola spira si concatena il flusso:
N
) i P 0HiSi P 0 i SiI,
L
Mentre sullintero avvolgimento si manifesta il flusso:
N2
) Ti NiP 0HiSi P 0 i SiI,
L
Essendo collegate Ni spire in serie.
Il coefficiente di autoinduzione riguardante lintera bobina dato da:
) Ti
N2
1002
2
P 0 i Si 4S 10  7
S 0.04 1.28 10  4 H.
I
L
0.5
Il flusso i si concatena anche con la bobina esterna, per cui si pu
definire un coefficiente di mutua induzione:
Ne ) i
N N
1000 100
2
M
P 0 e i Si 4S 10  7
S 0.04 1.28 10  3 H.
I
L
0.5
Reiterando i ragionamenti fatti si pu definire in coefficiente di
autoinduzione per la bobina esterna:
Li

299

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

Le

) Te
I

P0

Ne2
Se
L

4S 10  7

10002
2
S 0.05
0.5

2 10  2 H.

Si definisce k fattore di accoppiamento tra le due bobine, il seguente


coefficiente:
M
k
0.8.
LiL e

Esercizio 12.6
Si calcolino i coefficienti di auto
e di mutua induzione delle due
bobine, nellipotesi trascurare la
riluttanza del ferro (f) e il
flusso disperso.

Bo
z

za

[N1 =1000, N2 =500, S =10 cm2,


=1mm.]

Figura 12.6

Svolgimento

Sipotizza di alimentare inizialmente solo


il primo avvolgimento. Seguendo le
1
ipotesi semplificative fatte si perviene a
uno schema circuitale equivalente in cui
Rt
Rt
sono presenti la forza magnetomotrice
1=N1I raffigurata con un generatore di
+
tensione, dovuta alla circolazione della
3
N1I 2
corrente I sullavvolgimento N1, i flussi
magnetici rappresentati con delle
correnti circolanti nel circuito, e le due
Figura 12.6a
riluttanze offerte dai traferri Rt,
raffigurate da delle resistenze, figura 12.6a.
Le riluttanze offerte dal traferro valgono:
G
0.001
Rt
796 103 H1.
P 0S 4S 10  7 10  3
Il flusso 1 che si concatena con il primo avvolgimento pari a:
300

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

41 N1I
,
Rt Rt
giacch la seconda resistenza di traferro cortocircuitata.
)1

Bo
z

za

Il coefficiente di autoinduzione L1 del primo avvolgimento si ottiene


dividendo il flusso concatenato con
lintero avvolgimento di spire N1 per la
corrente che lo ha generato:
2 +
) T1 N1)1
N2
L1
P 0 1 S 1.256 H.
Rt
Rt
I
I
G
N2I
Si
scollega
adesso
il
primo
avvolgimento e si alimenta il secondo.
3
1
Si perviene allo schema circuitale di
figura 12.6b.
Figura 12.6a
Il flusso 2 che si concatena con il
secondo avvolgimento pari a:
42
NI
)2
2 2,
Rt 2
Rt
da cui:
) T 2 N2 ) 2
N2
L2
2P 0 2 S 0.628 H.
I
I
G
Per valutare il coefficiente di mutua induzione si considera il flusso
generato dalla prima bobina concatenato con la seconda e si ottiene:
) 21 N2) 1
NN
M
P 0 2 1 S 0.628 H.
I
I
G
Allo stesso risultato si perviene considerando il flusso generato dal
secondo avvolgimento concatenato col primo:
)
N1 2
)12
2N I
NN
2
M
N1 2 P 0 1 2 S 0.628 H.
2R t
I
I
G

301

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

Esercizio 12.7
Si calcoli il coefficiente di
autoinduzione del bipolo A, B
nellipotesi
trascurare
la
riluttanza del ferro (f) e il
flusso disperso.

[N =1000, S1 =10 cm2, S2 =20


cm2, 1 =1mm, 2 =1.5mm.]
Figura 12.7

Svolgimento

NI Rt1
1

Bo
z

za

In figura 12.7a rappresentato il circuito


elettrico equivalente, ai fini del calcolo dei +
flussi nelle diverse sezioni del circuito
magnetico.
Si determinano le riluttanze offerte dai
traferri, per le quali si suppone una sezione
in aria pari a quella nel ferro:
0.001
G1
R t1
796 103 H1,
P 0S1 4S 10  7 10  3
G2
0.0015
R t2
597 103 H1.
P 0S2 4S 10  7 2 10  3
Si determinano quindi:
NI
)1
0.0013I Wb,
R t1
)2
)

NI
R t2

Figura 12.7a

0.0017I Wb,

)1  ) 2

0.0030I Wb.

Il flusso totalmente concatenato con le N spire dato da:


) T N) 3I Wb.
Linduttanza perci data da:
)T
L
3 H.
I
302

Rt2
2

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

Una via alternativa per la risoluzione del problema rappresentata


dalla valutazione della riluttanza equivalente del parallelo tra Rt1 e
Rt2:
P 0S2
)T N
NI
2 P 0S1

1.7  1.3 3 H.

N
L
G
1
G
I
I 1
1
2


R t1 R t 2
Esercizio 12.8
Si calcoli la forza magneto motrice necessaria a intrattenere nel
circuito magnetico un flusso pari a 10 mWb, conoscendo la curva
caratteristica del materiale ferromagnetico e gli elementi geometrici.
B [T]

L2
S1

L1

S2

L1

S2

Bo
z

za

S3

L2

500

1000

1500 H [A/m]

Figura 12.8

[N =1000, S1 =100cm2, S2 = 80 cm2, S3 = 50 cm2, =1 cm, L1= 25


cm, L2= 50 cm]
Svolgimento

La struttura di figura 12.8 presenta due colonne e due gioghi. Per


simmetria la distribuzione di campo nei gioghi sar identica, mentre
per via del traferro non lo sar nelle colonne.
Essendo il circuito magnetico costituito da un unico tubo di flusso, si
pu facilmente valutare la forza magnetomotrice, per mezzo della
circuitazione del campo H:
Fmm

H dl,
L

303

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

in cui L rappresenta la linea mediana, quella che consente di


descrive meglio il flusso nella struttura. Si pu scomporre L in
differenti tratti in cui il campo magnetico sempre diretto secondo la
linea mediana (si considera un verso orario), per cui si ha:
Fmm

H dl

Ht G  H1L1  H2L 2  H3L 3  H2L 2  H1L1,

con L3= L1++L1.


Trascurando i flussi dispersi si pu considerare come area della
sezione del traferro la superficie S1:
Bt
)
Bt
1 T, Ht
796 103 A / m.
S1
P0
Per la continuit della componente normale dellinduzione magnetica
nel passaggio dallaria al ferro, si ha:
B1=Bt=1 T,

Bo
z

H1=500 A/m.

za

per cui dalla caratteristica del materiale ferromagnetico si ricava:

Dalla solenoidalit dellinduzione si ricava:


)
B2
1.25 T,
S2
)
2 T,
S3
cui corrispondono:
B3

H2=600 A/m.
H3=1500 A/m.
La forza magnetomotrice complessiva data da:
Fmm Ht G  H1L1  H2L 2  H3L 3  H2L 2  H1L1
7960  20  300  1515  300  20 10115A.
Si nota che la maggiore caduta di tensione magnetica presentata
dal percorso in aria, anche il contributo sul tratto L3 elevato giacch
per tale cammino il sistema lavora in forte saturazione.
304

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

Esercizio 12.9
Tenendo conto che:
- r3 = 75 nel giogo inferiore;
- r1 = r2 = 2.000 negli altri rami del ferro;
- f1 = 0,90 (fattore di riempimento del pacco lamiere);
- f2 = 0,60 (fattore di riempimento dellavvolgimento);
- h = 0,0015 W/cm2 .C (coefficiente di trasmissione del calore);
- tensione di alimentazione: 24 V c.c.;
- temperatura ambiente: 20 C;
si dimensioni la bobina dellelettromagnete di figura in modo da
realizzare le seguenti condizioni :

L2

1. induzione
media
al
traferro: B0 = 1 T;
2. temperatura
massima
dellavvolgimento: 90C

s1

s3

Bo
z

za

a
c

[s1 =25mm, s2 = 25 mm, s3 =


15 mm, =2 mm, L1= 85 mm,
L2= 75 mm, L3= 152 mm, p =
20 mm, a =90 mm, c=17mm]

L3

Figura 12.9

Svolgimento
Lo scopo delesercizio quello di
determinare
il
dimensionamento
dellavvolgimento
(b)
per
date
condizioni di funzionamento.
Si deriva dalle grandezze geometriche
del sistema una linea chiusa che
costituisce
lasse
del
circuito
magnetico, figura 12.9a.
Si hanno quindi:

305

3
Figura 12.9a

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

s 2 s3

65 mm,
2
2
s
O 2 L 2  1 62.5 mm,
2
s
s
O 3 L3  1  1 127 mm.
2 2
In figura 12.9b mostrato lequivalente
circuito elettrico, in cui:
O1

Rt

L1 

G
P 0 G  s 2  G G  p  G

1

2.29 10 H ,
6

R2 Rt

R2
R1

R1
+

R3

Figura 12.9b

R1

O1
Pr1 P 0 f1 s1 p

R2

O2
Pr 2 P 0 f1 s 2 p

5.52 10 4 H1,

R3

O3
Pr 3 P 0 f1 s3 p

5.00 10 4 H1,

Bo
z

za

5.74 10 4 H1,

e si tenuto conto dellincremento della sezione


al traferro dovuto allo sfioccare delle linee di
campo ai bordi dello stesso, e della presenza di
Figura 12.9c
intercapedini tra i lamierini di ferro che ne
limitano la sezione secondo il fattore f1, figura 12.9c.
Il flusso al traferro dato da:
) B0S t 0.7 10 3 Wb.
Per la solenoidalit del circuito magnetico tale flusso rimane
inalterato in ogni sezione del ferro. La forza magnetomotrice
quindi data da:
4 NI ) Ri 3360 A.

Per il dimensionamento dellavvolgimento si valuta lo scambio


termico tra ambiente esterno e lavvolgimento stesso. In assenza di
306

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

correnti variabili nel tempo si hanno perdite nulle nel ferro e la


potenza dissipata nella resistenza R dellavvolgimento pari alla
potenza scambiata con lambiente secondo la relazione:
hST RI2 ,

in cui la differenza di temperatura tra avvolgimento ed ambiente,


S la superficie di scambio termico costituita dalle superfici laterali
interna ed esterna allavvolgimento:
S = a(pe+pi)=2pma,
in cui pe, pi e pm sono rispettivamente il perimetro esterno, interno e
medio.
La resistenza R dellavvolgimento :
l
R U90q
,
Sz

Bo
z

za

con U90q U0q (1  DT), 0 =0.01610-6 m, =0.0042 C-1, Sz


sezione del conduttore di rame, l lunghezza dellavvolgimento pari a
N volte la lunghezza media di spira:
l = Npm.
La sezione del conduttore si ottiene
dividendo larea utile per il numero di spire
(figura 12.9d):
a b f2
Sz
.
b
N
a
La resistenza vale:
Figura 12.9d
2
N pm
R U 90q
.
a b f2
Si esegue il bilancio delle potenze:
N2 pm
33602
N2 pm 2
I
b U90q
h 2pm a T U90q
a b f2
h 2pm T a 2 f2 N2
0.023 10  6 33602
20 mm.
2 15 90 0.09 0.6
Si valuta il perimetro medio (figura 12.9e):
b

307

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

pm

p e  pi
2

2 b  s3  b  b  p  b  2c  2p
2

La resistenza dellavvolgimento esprimibile


con:
N
V
24
.
N
R
140
I 3360
Uguagliando le formule della resistenza, si pu
ricavare adesso N:

U90q

a b f2
140 pm U90q

Ed infine:
3360
I
1.52 A.
2200

152 mm.

p
b
s3

c
b

Figura 12.9e

N2 pm

a b f2
2200.

za

N
140

Bo
z

230  74
2

308

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

Esercizio 12.10
In un toro di sezione rettangolare, costruito con lamierini al silicio,
praticato un traferro.
Trascurando le dispersioni di flusso, si costruisca la caratteristica di
magnetizzazione del circuito e si determini, sia a mezzo di essa, sia
per via grafica sulla curva normale di magnetizzazione, linduzione
media nei rami del circuito corrispondente alla forza magnetomotrice
di 5000 A.

lunghezza del traferro sulla circonferenza media: =4 mm;


raggio interno del toro: r1=150 mm;
raggio esterno del toro: r2=170 mm;
spessore assiale del circuito: a =33 mm.
B [T]
2.0
1.8
1.6
1.4
1.2

r1

Bo
z

r2

za

r2-r1

1.0
0.8
0.6
0.4
0.2
0
0
0

50
500

100
150
1500
1000
H [A/cm]

200
2000

Figura 12.10

Svolgimento
Tracciare la caratteristica di magnetizzazione significa trovare le
curve , assegnando dei valori allinduzione e ricavando cos le
amperespire magnetizzanti.
E opportuno trovare un valore per B che limiti superiormente lambito
di ricerca.Tale valore lo si ricava riferendosi a 10000 amperespire
309

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

(valore molto elevato) e considerando il toro integro, privo della


presenza del traferro, che fa abbassare i livelli di magnetizzazione.
Si determina la linea media:
r2  r1
lm
2S 100.5 cm.
2
Il campo magnetico vale pertanto:
4 10000
H
99.5 A / cm.
lm 100.5
Quindi nel caso di assenza di traferro (caso in cui il flusso nel circuito
magnetico massimo), si trova che Bx =1.62 T.
Si considera adesso la presenza del traferro e ci si riconduce ad un
problema diretto, cio la soluzione del circuito magnetico con
assegnate condizioni di flusso.
Il flusso nel ferro e nel traferro sono identici per la solenoidalit del
campo magnetico, e si suppone che le superfici di flusso siano
identiche.

Il flusso nel traferro pari a:


)

B r2  r1 a

Bo
z

za

Si assegna un campo Bt pari a 0.8 T.

0.8 0.02 0.033

0.53 mWb.

Si ricava la forza magnetomotrice applicata al traferro e per comodit


si impiega la formula della riluttanza, giacch essa non cambia al
variare delle condizioni di magnetizzazione:
0.004
G
4 t Ht G R t )
)
0.53 10  3 2556 A.

7
P 0S t
4S 10 0.02 0.033
Si ricava la caduta di tensione magnetica sul ferro, ottenendo
preliminarmente il valore di campo Hf (Bf = Bt) per mezzo della
caratteristica di magnetizzazione di figura 12.10:
4 f Hf l f 8 100.1 800 A.
La forza magnetomotrice totale data da:
4 4 t  4 f 3350 A.

310

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

Tale valore distante da quello assegnato (5000 A), per tanto si


reiterano i ragionamenti supponendo differenti valori di induzione. Si
perviene alla seguente tabella:
Bt [T]
0.8
0.9
1.0
1.1
1.2
1.3
1.4
1.5
1.6

[mWb]
0.53
0.59
0.66
0.72
0.79
0.86
0.92
0.99
1.05

Rt [H-1]

t [A]

4.8106
4.8106
4.8106
4.8106
4.8106
4.8106
4.8106
4.8106
4.8106

2556
2865
3183
3501
3820
4138
4456
4774
5093

Hf
[A/cm]
8
9
11
13
15
20
30
50
90

Rf [H-1]

f [A]

[A]

1.51106
1.52106
1.68106
1.80106
1.89106
2.33106
3.25106
5.05106
8.53106

800
901
1101
1301
1501
2002
3003
5005
9009

3350
3866
4284
4802
5321
6140
7459
9779
14102

In figura 12.10a rappresentato il diagramma flusso-amperespire


magnetizzanti.

Bo
z

za

1.2

1.1

) [mWb]

0.9

0.8

0.7

0.6

0.5
2000

4000

6000

8000

10000

12000

4 [A]

14000

16000

Figura 12.10a

Per una forza magnetomotrice pari a 5000 Asp si ha un flusso di


74 mWb, cui corrisponde uninduzione di 1.12 T.
Si valuta nuovamente linduzione
differente.
La relazione di Ampere fornisce:
311

seguendo

una

procedura

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

H dl

Ht G  Hf l f .

Si applica luguaglianza dei flussi:


Bf Sf
.
B t S t B f S f Ht
P0 St
Si ottiene per tanto:
Bf Sf
G  Hf l f 4,
P0 St
equazione di una retta.
Si valutano le intercette:
B = 0,
4
H*f
lf

5000
100.1

49.95 Asp / cm,

H = 0,

za

Figura 12.10b

P0

Bo
z

4 S t 4S 10 7
5000 1.57 T.
G Sf
0.004
Linduzione nel punto di lavoro risulta pari a 1.1 T.
B*f

312

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

Esercizio 12.11
Un circuito magnetico costituito da un magnete permanente
cilindrico e da due espansioni polari in ferro dolce.
Per assegnata geometria del sistema, si determini il punto di lavoro
assumendo la caratteristica magnetica del materiale rappresentata in
figura 12.11 e considerando il ferro dolce a permeabilit infinita.
B

ferro dolce

za

magnete permanente

Bo
z

Svolgimento
Si identifica la linea chiusa L che costituisce lasse del circuito
magnetico (figura 12.11a):
L= Lm + L2+L1 ++ L1 + L2.
L2
Su tale linea si possono identificare i
campi medi Bm, Bf2, Bf1, Bt. Tali campi
S2 S1
si deducono dalla solenoidalit del
flusso e quindi dalle relative sezoni:

Sm
)
)
)
)
,
Bm
, Bf 2
, Bf1
, Bm
Sm
S2
S1
S1I
S2
In cui S1 tiene conto dello sfioccare
delle linee di campo ai bordi del
L2
traferro.
Figura 12.11a
La circuitazione del campo magnetico,
riferendosi alla linea media, si esprime
mediante la seguente equazione:

H dl

HmLm  Hf 2 2L 2  Hf 1 2L1  Ht G

313

0,

Capitolo 12 Principi di elettromagnetismo

poich non vi sono amperespire sollecitanti.


Se si considerano trascurabili le cadute di tensione magnetica nel
ferro dolce, per via dellelevatissima permeabilit magnetica, si ha:
HmLm  Ht G 0.
Si considera anche che:
BmSm B t S1I .
Dallultima equazione si ricava linduzione al traferro:
Bm

Sm

,
S1I
e dalla prima il campo al traferro:
H L
Ht  m m ,
G
ricordando infine il legame nellaria tra campo ed induzione si pu
scrivere:
H L
SI L
S
B t Bm mI P 0Ht  m m Bm  1 m Hm .
G
Sm G
S1

Bo
z

za

Bt

Lultima equazione rappresenta una


retta definita nel piano B,H di figura
12.11b, che intercetta la caratteristica
di magnetizzazione nel punto di lavoro
P.
Si determinano quindi i valori di
induzione e campo assunti nel punto di
lavoro: B*, H* .
La presenza di un campo magnetico di
segno opposto rispetto allinduzione
dovuta
alla
presenza
della
magnetizzazione residua, che genera
una
densit
di
corrente
di
polarizzazione magnetica disposta sulla
cilindro, simile a quella che si avrebbe se il
un manicotto di spire. Solo allinterno del
campo antagonista allinduzione, mentre
linduzione sono equiversi.

314

Figura 12.11a

superficie laterale del


cilindro fosse avvolto da
cilindro si manifesta un
allesterno il campo e

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Capitolo 13
Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Bo
z

za

Esercizio 13.1
La bobina di figura 13.1 posta in rotazione intorno al suo asse
maggiore, con velocit angolare costante, in presenza di un
campo magnetico uniforme e costante perpendicolare all'asse di
rotazione. La bobina costituita da spire rettangolari eguali e solidali.
Ciascuno degli estremi della bobina collegato ad un anello
metallico disposto sull'asse e rotante solidalmente alla bobina; due
spazzole fisse consentono il collegamento con il circuito esterno.
Con i dati sotto riportati, si determinino:
a) La legge di variazione nel tempo della f.e.m. indotta totale,
calcolata dalla variazione del flusso concatenato e a mezzo del
flusso tagliato.
b) La legge di variazione nel tempo della corrente, nell'ipotesi di
trascurare l'induttanza del sistema.
c) La potenza elettrica generata, quella fornita al resistore, quella
dissipata nelle resistenze interne e il rendimento elettrico del
sistema. In particolare della potenza elettrica generata si determini
l'andamento nel tempo e il valore medio nel periodo.
d) L'andamento nel tempo della coppia meccanica di interazione tra il
campo magnetico e la corrente, verificando che essa si oppone al
moto e che la potenza meccanica necessaria per la rotazione
eguaglia la potenza elettrica generata.
e) Infine si tracci in modo accurato l'andamento nel tempo del flusso
concatenato, della f.e.m. indotta e della potenza elettrica generata.

Filo di Nicromo = 1,1 .mm2/m. Sezione del filo : S = 0,5 mm2.


Numero di spire della bobina: N = 10. Lati della bobina: L1 = 25 cm;
L2 = 15 cm. Resistenza complessiva dei contatti striscianti: 0,8 .
Resistore esterno: 42 . Numero di giri della bobina al primo: n =
3000. Induzione: B = 1 T.
315

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Bo
z

za

Figura 13.1

Svolgimento
E necessario, per descrivere la
dinamica dei fenomeni coinvolti, stabilire
listante di partenza da cui iniziare lo
studio. Conviene prendere come istante
zero quello in cui n e B sono concordi,
figura 13.1a disegno in tratteggio.
In un generico istante t B e n formano
un angolo pari ad , con =t, nella
quale la velocit angolare che
rimane costante.
Il flusso in un generico istante t
concatenato con una spira :
) B nA BL1L 2 cos D,
il flusso totalmente concatenato con N spire :
) T NBL1L 2 cos D ) x cos D.
316

Figura 13.1a

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Bo
z

za

La f.e.m. indotta si ottiene per mezzo della relazione:


d) T
ui t 
Z) x sin Zt.
dt
La stesso risultato pu essere ricavato a mezzo del metodo del
flusso tagliato, ovviamente stabilendo quali lati della spira
contribuiscano alla creazione di una f.e.m. che faccia circolare la
corrente.
Un conduttore in movimento in presenza di un campo magnetico
vede nascere un campo elettrico dato da:
k i v u B,
in cui la velocit v non costante in tutti i punti di una spira,, in
quanto v=r, con r variabile tra 0 e L2/2, quindi v variabile tra -L2/2
e L2/2.
Considerando un piano ortogonale allasse
di rotazione si possono identificare due
regioni in cui ki mantiene lo stesso segno:
nella zona 1 ki, ottenuto per mezzo della
regola della mano destra, uscente dal
piano, mentre nella zona 2 ki entrante,
figura 13.1b.
Si considerano prima i tratti di spira
orizzontali, in questi partendo dal punto O,
si inizia a generare un ki verso lalto
Figura 13.1b
andando a sinistra, verso il basso andando
a destra (figura 13.1c); questo ki per
contribuisce solamente alla separazione delle
cariche in maniera proporzionale alla
distanza da O, giacch v proporzionale a r,
ma non si genera alcuna f.e.m. di spira.
Per i lati verticali r costante e pari a L2/2,
quindi si ottiene un campo ki:
ki

vuB

vB sin Zt.
Figura 13.1c

La f.e.m. per ogni lato verticale data da:


L1 L
LL
Z 2 B sin Zt dl Z 1 2 B sin Zt,
u'i
0
2
2
considerando che per ogni spira ci sono due contributi additivi dei lati
verticali e considerando N spire, la f.e.m. totale :

317

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

ui t 2NZ

L1L 2
B sin Zt Z) x sin Zt,
2
identica a quelle trovata precedentemente.
La frequenza data dal numero di cicli nellunit di tempo:
3000
50 Hz,
f
60
per cui la pulsazione vale 314 rad/s.

Si ricava quindi:
ui t 117.75 sin 314t.
Si ricava la corrente considerando la resistenza totale del sistema:
RT = NRspira + Rcontatti + RL;
U

2 L1  L 2
S

1.1

2 0.25  0.15
0.5

Bo
z

RT = 101.76 + 0.8 + 42 =64.4 .

1.76 :;

za

R spira

La corrente i(t) data da:


ui t
1.95 sin 314t.
RT
La macchina genera una potenza elettrica P:
i t

P t ui t i t 230 sin2 314t.


2
Considerando che sin D

P t

1  cos 2D
, si ha:
2

230
1  cos 628t 115 1  cos 628t W.
2

La potenza media (potenza attiva) data da:


Pm t

1 2S
115 1  cos 628t dZt
2S 0

115 W.
318

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

La potenza sul carico :


PL t RLi2 t 160 sin2 314t

80 1  cos 628t W.

La potenza dissipata per effetto Joule :


PJ t

Rbobina  R contatti i2 t

70 sin2 314t

35 1  cos 628t W.

Il rendimento si otttiene utilizzando le potenze medie:


K

PLm
PLm  PJm

80
80  35

70%.

Bo
z

za

A vuoto nasce una f.e.m., poi quando circola la corrente i entra in


gioco uninterazione elettromagnetica, la cui forza data dalla
seguente formula:
F i L u B.
In figura sono rappresentate le forze agenti sui
lati verticali percorsi dalla corrente i, si nota
come queste costituiscano una coppia
frenante.
La forza agente sui lati L1 data da:
F Ni t L1B,
e se si considera il braccio b=L2sin, porta ad
una coppia frenante:
CF F b Ni t L1BL 2 sin Zt.
La potenza meccanica data da:
Figura 13.1d
Pmecc CF Z ZNL1L 2B sin Zt i t ui t i t ,
pari quindi alla potenza elettrica.
In figura 13.1e sono rappresentati gli andamenti del flusso, della
f.e.m. e della potenza generata. Si nota come la f.e.m. sia di tipo

319

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

sinusoidale, come la potenza generata sia di tipo pulsante e la


presenza di uno sfasamento di 90 tra flusso e f.e.m.
flusso [Wb]

0.5
0
-0.5
0

0.005

0.01

0.015

0.02
tempo [s]

0.025

0.03

0.035

0.04

0.005

0.01

0.015

0.02
tempo [s]

0.025

0.03

0.035

0.04

0.005

0.01

0.015

0.02
tempo [s]

0.025

0.03

0.035

0.04

ui [V]

200
0

PGEN [W]

-200
0
400
200

za

0
0

Bo
z

Per ottenere un generatore di f.e.m. in corrente continua si pu


impiegare il collettore di figura 13.1f, nel momento in cui la ui deve
cambiare di segno (flusso massimo e minimo) il collettore cambia la
polarit sotto le spazzole, e la f.e.m. risulta quindi continua
(pulsante).

ui [V]

200
100
0
0

0.005

0.01

0.015

0.02
tempo [s]

Figura 13.1f

320

0.025

0.03

0.035

0.04

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Bo
z

za

Esercizio 13.2
Un conduttore del rotore di un motore elettrico attraversato da
corrente e si trova immerso in un campo magnetico radiale costante
e uniforme al traferro. Si calcoli la forza agente su di esso.
Supponendo poi che il rotore si mantenga in rotazione con velocit
costante sotto lazione di tale forza, si calcoli la f.e.m. indotta nel
conduttore per flusso tagliato, verificando che essa ostacola la
circolazione della corrente. Si verifichi infine l'eguaglianza tra la
potenza elettrica assorbita e la potenza meccanica sviluppata.

Figura 13.2

Lunghezza del conduttore: L = 1 m. Corrente nel conduttore: I = 50A.


Velocit periferica del rotore: v = 30 m/s. Induzione: B = 1,2 T.
Svolgimento
Il conduttore percorso dalla corrente I si trova immerso in un campo
induzione magnetica per cui nasce uninterazione elettromagnetica:
&
F I L u B,
agente secondo la direzione mostrata in figura 13.2a.
Il modulo della forza pari a:
&
F ILB 60 N.
321

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

k dL
0

vBL

36 V.

Nel primo scenario uno schema equivalente


circuitale mostrato in figura 13.2c. Un
generatore E collegato ai conduttori di
rotore e inietta una corrente I nel sistema:

ki d L

Bo
z

ui

za

Sipotizza un primo scenario in cui il rotore bloccato da una coppia


frenante. Rimangono presenti inalterate la forza, la corrente e
linduzione.
Se invece il rotore inizia a
ruotare, nasce un campo
elettrico indotto ki dovuto al
I
moto delle particelle del
B F
conduttore (con velocit v =
r) in presenza di un
campo magnetico:
I
F
ki v u B,
la velocit ha la stessa
direzione della forza, per
B

cui il campo che nasce si


oppone alla circolazione di
Figura 13.2a
corrente che attraversa il
conduttore.
Si ha una f.e.m. indotta:

Figura 13.2b

E
.
R
Il secondo scenario, con il sistema in
rotazione, mostrato in figura 13.2c. La
corrente circolante nel sistema :
E  ui
I*
,
R
Figura 13.2c
con I*< I.
Nei primi istanti, quando la velocit bassa anche la f.e.m. indotta
contenuta, per cui la corrente I pu assumere valori molto elevati. In
presenza di rotore bloccato, leffetto Joule tale da danneggiare la
macchina e ci si riferisce a questa situazione come condizione di
corto circuito. Si valutano le potenze:

322

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Passorbita = uiI = 36 50=1800 W (elettrica),


Pgenerata = Fv = 60 30=1800 W (meccanica).

Bo
z

za

Esercizio 13.3
In una cabina di distribuzione installato un trasformatore
normalizzato da 400 kVA, 205%/0.400-0.230 kV, che alimenta i
carichi indicati in figura a mezzo di di linee in cavi unipolari in
gomma con guaina, disposti affiancati su passerella.
Si determinino:
a) i componenti dellammettenza a vuoto (riportata a primario) e
dellimpedenza di c.t. c.to (riportata al secondario) del
trasformatore;
b) le sezioni dei cavi di alimentazione, scelte in base alla tabella,
maggiorando del 20% ciascun carico per tenere conto di futuri
sviluppi;
c) le potenze erogate, la caduta di tensione interna, le perdite e il
rendimento
del
trasformatore,
nelle
condizioni
di
funzionamento finali;
d) la caduta di tensione, le perdite di potenza e il rendimento
della linea in cavo che alimenta il carico P3;
e) le correnti per corto circuito trifase netto alle barre secondarie
del trasformatore e allestremit della linea che alimenta il
carico P3.

P1= 50 kW; cos1=1;


P2= 140 kW; cos2=0.9;
P3= 70 kW; cos3=0.8;
Vn = 400 V

Figura 13.3

Svolgimento
323

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Bo
z

za

Lo
schema
equivalente
alla
prima
fase
del
trasformatore trifase
riportato in figura
13.3a.
Sidentificano
tre
impedenze,
due
Figura 13.3a
disposte
longitudinalmente e
una trasversalmente rispetto alla direzione del flusso di energia, che
attraversa lavvolgimento primario del trasformatore (morsetti AO)
per alimentare la linea a valle del secondario (morsetti AO).
Le impedenze longitudinali sono costituite da un resistore e un
induttore in serie. Il resistore schematizza la resistenza del
conduttore con cui sono realizzati gli avvolgimenti. Linduttore
schematizza le cadute di tensione dovute ai flussi dispersi (figura
13.3b), flussi che si concatenano in
parte con il nucleo magnetico e in
parte in aria, e quindi non
contribuiscono alla generazione del
flusso di campo che magnetizza il
nucleo del trasformatore. In linea di
principio il valore dellinduttanza di
flusso disperso ha un valore
strettamente
correlato
alle
particolari condizioni di lavoro della
Figura 13.3b
macchina, giacch la riluttanza del
percorso in ferro dipende dalle
ampere spire agenti nellistante di tempo considerato, mediante la
caratteristica di magnetizzazione non lineare. Tale approccio
rigoroso tuttavia non consente di creare un modello efficace del
trasformatore, per cui come prima approssimazione si trascura la
riluttanza del percorso in ferro, rispetto alla riluttanza del cammino in
aria che costituisce la parte prevalente della riluttanza totale. I valori
dinduttanza sono pertanto assunti costanti.
Il ramo trasversale schematizza il comportamento del circuito in
ferro, ed costituito da un resistore ed un induttore in parallelo. Il
resistore trasversale tiene conto delle perdite di potenza attiva
324

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Tabella A Serie a perdite normali


Perdite a
vuoto
[W]
190
320
460
650
930
1300
1700
2600
3200
3800

Perdite dovute
al carico
[W]
1100
1750
2350
3250
4600
6500
10500
17000
220000
26500

Impedenza di
cortocircuito
[%]
4
4
4
4
4
4
6
6
6
6

Corrente a
vuoto
[% In]
2.9
2.5
2.3
2.1
1.9
1.8
1.5
1.3
1.2
1.1

Livello di
potenza
sonora dB (A)
55
59
62
65
68
70
73
76
79
81

Impedenza di
cortocircuito
[%]
4
4
4
4
4
4
6
6
6
6
6

Corrente a
vuoto
[% In]
1.9
1.5
1.3
1.1
0.9
0.8
0.8
0.7
0.5
0.5
0.5

Livello di
potenza
sonora dB (A)
46
48
50
52
54
56
56
58
60
62
64

Bo
z

Potenza
nominale
[kVA]
50
100
160
250
400
630
1000
1600
(2000)
2500

za

dovute alle correnti parassite (non circolanti negli avvolgimenti) che


nascono a seguito dei flussi dispersi sui vari elementi metallici
(nucleo stesso, cassone metallico, bulloneria), ed anche delle
perdite dovuto al compimento dei cicli disteresi. Linduttore
trasversale lelemento che nello schema rappresenta il livello di
magnetizzazione (flusso) del nucleo ferromagnetico e quindi riferisce
dellenergia immagazzinata per il corretto funzionamento della
macchina.
La scelta di elementi longitudinali in serie di fatto esprime la
dipendenza delle perdite e cadute di tensione sugli avvolgimenti in
rame dalla corrente che gli attraversa e quella di elementi trasversali
in parallelo esprime la dipendenza dai livelli di tensione assunti nella
macchina.
I parametri dello schema equivalente dipendono dalla stazza del
trasformatore impiegato.
E riportata una tabella che riassume le principali caratteristiche dei
trasformatori normati presenti in Italia.

Tabella B Serie a perdite ridotte


Potenza
nominale
[kVA]
50
100
160
250
400
630
630
1000
1600
(2000)
2500

Perdite a
vuoto
[W]
150
250
360
520
740
1040
900
1330
2090
2400
3040

Perdite dovute
al carico
[W]
850
1400
1850
2600
3650
5200
5600
9000
13000
16000
21000

325

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Bo
z

za

La potenza apparente richiesta dal trasformatore An = 400 kVA.


Dalla tabella si ricavano le perdite a vuoto: P0 = 930 W.
La tensione monofase al primario :
VnI
EI
11547 V.
3
Quando il trasformatore non prevede un carico allacciato ai suoi
morsetti secondari, la potenza in ingresso totalmente dissipata
allinterno della macchina. In questa condizione di funzionamento le
perdite di potenza sul rame degli avvolgimenti sono trascurabili, si
pu assumere pertanto che la potenza dissipata a vuoto interessi
esclusivamente il circuito magnetico. La conduttanza trasversale
(valutata al primario) quindi data da:
P0 1
G0
2.3 10  6 : 1.
II
3 E
La corrente a vuoto (valutata al primario) esprimibile utilizzando i
dati della tabella come:
I0 0.019 IIn ,
con
An
IIn
11.5 A,
3EI
pertanto si ha:
I0 0.22 A.
Lammettenza trasversale
vuoto data da:
I0
Y0
2.0 10 5 : 1.
I
E
La suscettanza a vuoto :
B0

Y02  G02

Figura 13.3c

1.9 10 5 : 1.

Per calcolare limpedenza di corto circuito ci si riferisce a uno


schema in cui alimentazione e impedenze sono riportate tutte a valle
del secondario del trasformatore, figura 13.3c. La corrente derivata
dal ramo trasversale, il cui valore massimo rappresentato dalla
corrente a vuoto, assume qualche percento della corrente nominale
di macchina, pertanto quando la macchina attraversata dalla sua
corrente nominale (condizioni per la prova in corto circuito),
possibile trascurare il contributo dellimpedenza trasversale.
326

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Limpedenza di corto circuito pertanto data dalla somma delle due


impedenze longitudinali.
Il rapporto di trasformazione n dato da:
VnII 0.4
1
n
.
I
20 50
Vn
La corrente nominale al secondario data da:
1I
IIIn
In 50 11.5 577.5 A.
n
Sempre dalla tabella A si considerano le perdite a piena potenza, per
cui la parte resistiva dellimpedenza di cortocircuito data da:
Pcc 1
R cc
4.6 10  3 :.
3 III 2

Bo
z

za

Si calcola adesso limpedenza di cortocircuito partendo sempre dalla


tabella A:
1
11547
EI n
50 1.6 10  2 :.
Z cc Z cc % Zn 0.04 II
0.04
577
.
5
In
Si trova facilmente la reattanza di corto circuito:
X cc

2
2
Z cc
 R cc

1.53 10 2 :.

Le potenze richieste dai carichi, a seguito di un incremento delle


stesse di un 20% per tenere conto di eventuali sviluppi futuri,
valgono:
PI1 = 1.2P1 = 60 kW; PI2 = 1.2P2 = 168 kW; PI3 = 1.2P3 = 78 kW.
Le correnti di impiego nel servizio ordinario sono:
P2I
P1I
Ib1
86
.
6
A
,
I
269.4 A,
b2
3 VnII cos I1
3 VnII cos I2
Ib3

P3I

151.5 A.
3 VnII cos I3
Per la scelta dei conduttori delle tre fasi si utilizza la tabella CEIUNEL 35024. Si considerano cavi unipolari in gomma con guaina
non distanziati, disposti in passerelle.
327

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Tabella C: Portata dei cavi in regime permanente


Tipo di posa
Cavi, unipolari o multipolari
-Entro tubi
-Sotto modanature

Tipo di cavo

Isolante

Unpolari senza guaina

Multipolari ed unipolari PVC o Rf; gomma G*


con guaina
Gomma G2*

PVC R o Rf; gomma G


Multipolari

Gomma G2 o G5

- Su passerelle

Polietilene reticolato

Cavi unipolari non distanziati

PVC R o Rf; gomma G

- Su passerelle

Numero dei conduttori


4

Gomma G2*

Cavi multipolari distanziati


- Fissati alle pareti

PVC R o Rf; gomma G*

4
4

Unipolari senza guaina Gomma G2 o G5

Polietilene reticolato
Cavi unipolari non distanziati
- Fissati alle pareti

PVC R o Rf; gomma G


Unipolari con guaina

- Su passerelle

Gomma G2 o G5
4

Polietilene reticolato

-Sospesi a fune portante

Minerale

Cavi unipolari distanziati

PVC R o Rf; gomma G

- Su passerelle o su isolatori Unipolari senza guaina Gomma G2 o G5

- Su passerelle o su supporti Unipolari con guaina


analoghi

PVC R o Rf; gomma G

Bo
z

Cavi unipolari distanziati

za

Polietilene reticolato
Gomma G2 o G5

Polietilene reticolato

n - numero qualsiasi di cavi

Sezione Nominale

Portate in regime

* - I valori di portata valgono solo per

Conduttori (mm)

Permanente (A)

10,5 12 13,5 15 17 19 21 23

1,5

14 15,5 17,5 19,5 22 24 27 29

sezioni =< 35 mm
Nota - La gomma di qualit G2 non pi

2,5

19

21

24

26 30 33 37 40

descritta nella nuova edizione della Norma

25

28

32

35 40 45 50 55

20-11; si pu fare riferimento, per analogia

32

36

41

46 52 58 64 70

di caratteristiche, all' isolamento G6I.

10

44

50

57

63 71 80 88 97

16

59

68

76

85 96 107 119 130

25

75

89 101 112 127 142 157 172

35

97 111 125 138 157 175 194 213

La temperatura si riferisce a 30 C

328

50

134 151 168 190 212 235 257

70

171 192 213 242 270 299 327

95

207 232 258 293 327 362 396

120

239 269 299 339 379 419 458

150

275 309 344 390 435 481 527

185

314 353 392 444 496 549 602

240

369 415 461 522 584 645 707

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Per le tre correnti di impiego Ib si determinano le relative portate dei


conduttoti Iz (Iz> Ib):
Iz1 = 112 A; Iz2 = 299 A; Iz3 = 168 A;
con le relative sezioni date da:
S1 = 25 mm2; S2 = 120 mm2; S3= 50 mm2.

Bo
z

za

Le sezioni ricavate assicurano la robustezza del conduttore pr


quanto riguarda gli stress termici, ma la lunghezza non trascurabile
del terzo cavo impone una verifica sulla caduta di tensione, che non
deve superare la soglia del 5%, al fine di garantire le corrette
condizioni di alimentazione.
Si fa riferimento alla figura 13.3d, in
cui riprodotto lo schema unifilare
di alimentazione ed il relativo
schema circuitale.
La tesnione sul carico tre V3
funzione della caduta di tensione
sulla linea di alimentazione Vab,
caduta
che
dipende
dalle
caratteristiche
del
conduttore
Figura 13.3d
impiegato.
Si considera il diagramma fasoriale di figura 13.3e, in cui simmagina
nota e fissa la tensione di
alimentazione V3 sul carico ed
anche la relativa corrente I3. A
partire dalle grandezze di carico
si determina la caduta di tensione
sulla linea
suddivisa in una
caduta
di
tensione
Figura 13.3e

3R I ed una caduta di
tensione induttiva j 3 X I , per

resistiva

le quali si sono considerati gli

operatori 3 che consentono di riferire le cadute di tensione di linea


monofase alle tensioni concatenate trifase, ed i parametri di
resistenza chilometrica e reattanza chilometrica ricavati dalla tabella
CEI-UNEL 35023-70, per cui:
R= r L =0.473 0.120 = 0.0568 ;
X = x L =0.101 0.120 = 0.0121 .
329

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Tabella D: Resistenza e reattanza specifica dei cavi unificati


Cavi unipolari
Sezioni nominali
2
in mm

Reattanza x
/km
0.176
0.168
0.155
0.143
0.135
0.119
0.112
0.106
0.101
0.101
0.0965
0.0975
0.0939
0.0928
0.0908
0.0902
0.0895
0.0876
0.0867
0.0865

Resistenza r a
80C
/km
22.5
15.1
9.08
5.68
3.78
2.27
1.43
0.907
0.654
0.483
0.334
0.241
0.191
0.157
0.125
0.0966
0.0780
0.0625
0.0512
0.0417

Reattanza x
/km
0.125
0.118
0.109
0.101
0.0955
0.0861
0.0817
0.0813
0.0783
0.0779
0.0751
0.0762
0.0740
0.0745
0.0742
0.0752
0.0750
0.0742
0.0744
0.0749

Bo
z

za

1
1.5
2.5
4
6
10
16
25
35
50
70
95
120
150
185
240
300
400
500
630

Resistenza r a
80C
/km
22.1
14.8
8.91
5.57
3.71
2.24
1.41
0.889
0.641
0.473
0.328
0.236
0.188
0.153
0.123
0.0943
0.0761
0.0607
0.0496
0.0402

Cavi multipolari

Nota la caduta di tensione sulla linea (sottesa nel diagramma tra i


punti A e P), si traccia il fasore relativo alla tensione di alimentazione
in partenza dal trasformatore, Va, sottesa tra i punti O e P.
Tale tensione pu essere riportata sulla direzione data dal fasore
della tensione sul carico, indicata semplicemento come retta m, per
mezzo di un tratto di circonferenza che incontra la retta m in C. La
caduta di tensione Vab data dal segmento AC, che pu essere
confuso con il segmento AC, con C proiezione del punto P, senza
incorrere in grossi errori. Il segmento AC scomponibile in AB,
proiezione della caduta resistiva su m e BC proiezione della caduta
induttiva sempre su m.
La caduta di tensione sulla linea (utilizzando la corrente maggiorata
del 20%) pertanto data da:
'Vab

3RI3 cos I3  3 XI3 sin I3 ,

da cui la caduta percentuale:

330

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

'Vab%

3I3 R cos I3  X sin I3


Vn' '

100

3 151.5 0.0568 0.8  0.0121 0.6


100
400

3.45%,

valore che rispetta i limiti qualitativi.

Bo
z

za

Si valuta adesso la caduta di tensione


interna di macchina, dovuta al
passaggio di corrente attraverso
limpedenza di corto circuito, introdotta
nella figura 13.3c ed adesso rielaborata
in figura 13.3f, in cui le impedenze
longitudinali
sono
unificate
e
limpedenza
trasversale
non

Figura 13.3f
tracciata.
Si indicata con EL la tensione
(monofase) effettivamente disponibile ai morsetti del trasformatore:
II
EL E II  Z cc Itot
,
che con un ragionamento simile a quello effettuato per la caduta di
tensione di linea porta a:
'E R ccIIItot cos Itot  X ccIIItot sin Itot ,
in cui si definiscono If corrente in fase e Iq corrente in quadratuta con
la tensione lato carico:
If IIItot cos Itot , Iq IIItot sin Itot .
Langolo tot individua lo sfasamento tra la tensione ai morsetti del
secondario del trasformatore e la corrente totale erogata verso i
carichi:
Q Q  Q  Q  'Q
1
2
3
linea
i i
tgItot
;
P
P
P
P



'
Pi
1
2
3
linea

in cui compaiono le potenze effettivamente richieste dai carichi (non


quelle incrementate) e la potenza attiva e reattiva impegnata dalla
linea in cavo sono date da:
331

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

'Plinea

P3

3R
3 V II cos I
n
3

'Qlinea

P3

3X
3 V II cos I
n
3

tgItot

Q
P
i

3 0.0568 126.5

3 0.0121 126.5

0  67.8  52.5  0.558


50  140  70  2.72

i i

2.72 kW,

0.5581 kVAr,

0.46,

tot = 21.45, cos tot =0.908, sin tot =0.418.


La corrente richiesta al secondario data da:

P  Q
2

IIItot

i i

3 VnII

417 A,

za

per cui If = 378.6 A e Iq = 174.3 A.

Bo
z

Si trova quindi la caduta di tensione percentuale di fase:


'E%

R ccIf  X ccIq
EII

100

4.6 10 3 378.6  1.53 10 2 174.3


400

1.9%.

3
Il rendimento di trasmissione della linea dato dal rapporto tra la
potenza trasferita al carico tre e la potenza attiva che transita nella
linea in cavo:
K3

P3
100
P3  'Plinea

70
100 96.26%.
70  2.72

Le perdite di funzionamento nel trasformatore sono individuate nelle


perdite nel ferro (perdite a vuoto) e quelle nel rame (perdite a carico):
'Pfe

930 W;

'Pcu

III

'Pcc tot
III
n

417
4600

577

2400 W;
332

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Il rendimento del trasformatore dato dal rapporto tra la potenza


trasferita al secondario e la potenza totale in ingresso al primario:
K

P1  P2  P3  'Plinea
100 98.75%.
P1  P2  P3  'Plinea  'Pfe  'Pcu

Bo
z

za

Si valutano le correnti di cortocircuito


trifase netto.
In figura 13.3g rappresentato lo
scenario di un cortocircuito alle barre
secondarie del trasformatore, in cui si
ipotizza che la rete a monte del
trasformatore sia a potenza prevalente
e quindi non necessita di descrizione
(tensione indipendente dalla corrente
Figura 13.3g
erogata). In presenza di corto circuiti,
per la determinazione delle correnti
incognite, si soliti applicare il teorema di Thevenin, il quale
consente di rappresentare la rete resa passiva (impedenze di linea e
dei trasformatori) e un unico generatore di tensione, il quale, per
considerare la situazione pi critica, assume il valore della tensione
nominale del sistema e tramite questa alimenta il cortocircuito.
La corrente di corto circuito trifase alla barra del trasformatore :
VnII 1
400
1
Icc 2

14.4 kA.
3 Z cc
3 1.6 10  2
In figura 13.3h rappresentato il
secondo scenario: corto circuito
allestremit della linea in cavo.
La corrente di corto circuito data da:
VnII

Icc

3 R cc  jX cc  R  jX

400

1
3 0.0672

Figura 13.3h

3437 A.

333

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Nella seguente tabella sono enumerati i principali interruttori


monofase e trifase in commercio, elencati in base alla corrente
nominale dellinterruttore.
Tabella E
INTERRUTTORI
MONOFASE [A]

INTERRUTTORI TRIFASE

6
10
16
20
25
32
40
50
63

16
25
32
40
50
63
80
100
125

250
400
630
1000
1250
1600

Bo
z

za

Linterruttore deve proteggere il sistema in maniera intelligente, deve


attivarsi per correnti di guasto e non per le ordinarie correnti di
carico, pertanto nella scelta dellinterruttore, deve essere rispettata la
seguente relazione:
Ib d IN d Iz ,
in cui Ib la corrente di impiego della linea, IN la corrente nominale
o portata dellinterruttore e Iz la portata del cavo.
Per proteggere la rete a valle delle barre di bassa tensione si sceglie
un interruttore trifase da 630A con potere dinterruzione non inferiore
a 15 kA. Non agevole la scelta dellinterruttore da inserire in
prossimit dellestremit della linea, giacch non esiste un formato
commerciale che verifichi:
151 d IN d 168,
si deve quindi impiegare una sezione commerciale superiore per la
linea in cavo e si sceglie quella da 95mm2:
151 d IN d 258.
Si sceglie un interruttore trifase da 250A, con potere dinterruzione
non pi da 3500 A, poich tale conto deve essere aggiornato in base
alla nuova scelta della sezione del conduttore di linea:
VnII
1
I*cc

3 R cc  jX cc  R *  jX *
400
3

1
4.6 10

3

 1.53 10

2

 0.236 0.12  j0.0975 0.12

5.42 kA,

da cui il potere di interruzione deve essere superiore a 5.5 kA.


334

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Esercizio 13.4

Bo
z

za

Si
specifichino
le
caratteristiche
di
ordinazione
di
un
motore asincrono trifase
a 380 V, da installare a
Figura 13.4
corredo di una pompa
centrifuga
per
sollevamento d'acqua in servizio continuo, avente portata di 50 l/s
con prevalenza di 40 m, numero di giri nominale 1500 min-1 e
rendimento del sistema idraulico 0.70.
Si scelga la sezione del cavo di alimentazione, disposto entro un
tubo di protezione interrato, supponendo che il quadro di
distribuzione sia a 250 m di distanza dalla pompa, in modo da
limitare al 3% la caduta di tensione a regime e realizzare una
coppia di spunto non inferiore alla coppia nominale del motore. Si
valuti il rendimento del motore, della trasmissione e dell'intero
sistema a regime.
Infine
si
scelgano
le
caratteristiche
dellinterruttore
magnetotermico di protezione della linea, tenendo conto che lo
stesso deve proteggere il cavo dai sovraccarichi e dai corto
circuiti.
Svolgimento
Si valuta la potenza richiesta dalla pompa centrifuga:
P=gHQ,
in cui la densit (kg/m3), g l accelerazione di gravit
(g=9.81m/s2), H la prevalenza (m), Q la portata volumetrica
(m3/s), il rendimento del sistema idraulico. Si ha quindi:
P 1 103 9.81 40 50 10 3 0.70 ,28 kW.

Nella seguente tabella sono riportati alcuni modelli di motori trifase


asincroni commerciali a quattro poli, che garantiscono una velocit di
1500 giri al primo.
La scelta ricade sul modello 20, che garantisce una potenza di
30kW, con corrente nominale In = 54.7 A a cos=0.86.

335

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

4 poli
Tipo

230/400V@50Hz
Potenza Velocit

In
Fattore
400V potenza
@50Hz

Rendimento

Ia

In

Mz Mm Rumore

Mn Mn

Mn

Massa

kW

giri/min

cos

0.06

1340

0.22

0.69

56

0.09

1340

0.31

0.7

58

0.12

1360

0.42

0.72

59

0.18

1360

0.59

0.73

62

4.4 2.1 2.2

0.25

1380

0.75

0.74

67.3

5.2 2.1 2.2

0.37

1380

1.06

0.75

70

5.2 2.1 2.2

0.55

1400

1.49

0.75

71.8

5.2 2.3 2.3

0.75

1400

1.92

0.77

73.5

2.3 2.3

1.1

1400

2.75

0.78

76.5

10

1.5

1400

3.52

0.79

78.6

11

2.2

1420

4.9

0.82

82

2.3 2.3

54

14.8

23

12

1420

6.44

0.83

83

2.3 2.3

54

20.2

25

13

1440

8.36

0.83

85.1

2.3 2.3

55

26.5

28

14

5.5

1440

11.2

0.84

86.6

2.3 2.2

61

36.5

45

15

7.5

1440

14.8

0.85

87.6

2.3 2.3

61

49.7

55

16

11

1460

21.1

0.85

88

2.2 2.3

64

71.6

118

1460

28.6

0.85

18.5

1470

34.6

0.85

19

22

1470

41

0.85

Nm

kg

42

0.43

3.5

2.1

2.1

42

0.64

3.6

4.4 2.1 2.2

42

0.84

4.5

42

1.26

4.7

45

1.73

45

2.56

6.3

48

3.75

10

48

5.11

11

2.3 2.3

51

7.5

13

2.3 2.3

51

10.2

14

89

7.5 2.2 2.3

64

98.1

132

90.5

7.5 2.2 2.3

65

120

164

91

7.5 2.2 2.3

65

143

182

za

15

18

Bo
z

17

dB(A)
4

20

30

1480

54.7

0.86

92

7.2 2.2 2.3

68

193

245

21

37

1480

66.4

0.87

92.5

7.2 2.2 2.3

70

239

258

22

45

1480

80.4

0.87

92.8

7.2 2.2 2.3

70

290

290

23

55

1480

97.8

0.87

93

7.2 2.2 2.3

72

355

388

24

75

1485

133

0.87

93.8

7.2 2.2 2.3

75

484

510
606

25

90

1485

158.7

0.87

94.2

7.2 2.2 2.3

75

579

26

110

1485

191

0.88

94.5

6.9 2.1 2.2

82

707

910

27

132

1485

228

0.88

94.8

6.9 2.1 2.2

82

849

1000

28

160

1485

273

0.89

94.9

6.9 2.1 2.2

85

1026

1055

29

200

1485

341

0.89

95

6.9 2.1 2.2

85

1283

1128

30

250

1485

421

0.9

95.3

6.9 2.1 2.2

89

1609

1700

31

315

1485

528

0.9

95.6

6.9 2.1 2.2

89

2027

1850

SIGNIFICATO DEI SIMBOLI


Ia = corrente d'avviamento ~ In = corrente nominale (assorbita) ~ Mm = coppia massima ~ Mn = coppia
nominale ~ Mz = coppia d'avviamento

Per la scelta dei conduttori delle tre fasi si utilizza la tabella C


dellesercizio 13.3. Si considerano cavi unipolari in gomma disposti
entro tubi. In base alla corrente di esercizio Ib si sceglie la sezione di
16mm2, la cui portata Iz pari a 68A.
Si valuta la caduta di tensione per la linea in cavo.
336

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

I parametri di resistenza chilometrica e reattanza chilometrica si


ricavano dalla tabella D dellesercizio13.3, per cui:
R= r L =1.41 0.250 = 0.3525 ;
X = x L =0.112 0.250 = 0.0280 .
La caduta di tensione sulla linea pertanto data da:
3RIn cos I  3 XIn sin I
100
Vn

'V%


3 0.028 54.7 0.51


100
400

3 0.35 54.7 0.86


100 
400

7.46%.

Bo
z

za

A causa dellelevata distanza tra alimentazione e motore si


otttenuta una caduta di tensione eccessiva. Si considerano diverse
sezioni e si valutano le relative cadute di tensione:
sezione pari a 25mm2, V% = 4.84%;
sezione pari a 35mm2, V% = 3.57%;
sezione pari a 50mm2, V% = 2.71%.
Per valutare il rendimento della trasmissione
preliminarmente lentit delle perdite in linea:
'Plinea

3rLIn2

3 0.483 0.250 54.7

per cui si ha:


Pm
Kt
100
Pm  'Plinea

si

ricava

1.08 kW,

30
100 96.53%.
30  1.08

Il rendimento del sistema si ottiene moltiplicando i rendimenti del


motore, della trasmissione e del sistema idraulico:
Kt Km Kt Ki 0.92 0.96 0.70 62%.
La scelta del dispositivo di protezione per un motore elettrico va
effettuata tenendo conto della corrente di spunto della macchina
stessa. Durante il transitorio di avviamento il motore asincrono
richiede una corrente superiore a quella di regime, tale corrente di
spunto non deve essere confusa con una corrente di guasto.
337

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Bo
z

za

In figura 13.4a riportata la caratteristica dintervento di un


interruttore automatico magnetotermico. Sullasse delle ascisse si
trovano le correnti riferite alla corrente nominale dellinterruttore; su
quello delle ordinate si trovano i tempi dintervento espressi in
secondi. Nella caratteristica dintervento tempo-corrente si distingue
una zona termica nella quale il tempo di intervento decresce tanto
pi grande la sovracorrente rispetto alla corrente nominale
dell'interruttore. Quando invece la corrente assume i connotati di una
corrente di guasto, si entra nella zona dintervento magnetico,
caratterizzata da un tempo fisso molto breve (millesimi di secondo)
indipendentemente dal valore della corrente.
Sono rappresentate due
curve giacch vi un
intervallo di tolleranza nella
costruzione dei dispositivi.
Si differenziano i dispositivi
automatici magneto-termici
in base ai valori di corrente
dintervento magnetico: per
il tipo B si entra in tale zona
quando la corrente
compresa tra 3 e 5 volte la
corrente nominale; per il tipo
C invece ci avviene
quando la corrente da 5 a
10
volte
la
corrente
nominale (figura 13.4a),
mentre per il tipo D quando
tra 10 e 20 volte.
Figura 13.4a
Se si scegliesse una curva
del tipo C linterruttore automatico interverrebbe allavviamento del
motore asincrono in quanto la corrente di spunto Ia = 7.2 IN, la
scelta cade su un interruttore con caratteristica di tipo D.
Si sceglie un interruttore automatico con IN = 63 A, ed inoltre si
verifica che la corrente di sicuro intervento If =1.45 IN rispetta la
seguente condizione:
If =91.4 < Iz50 = 168 A.

338

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Bo
z

za

Esercizio 13.5
I capannoni di uno stabilimento industriale hanno la disposizione in
pianta indicata in figura 13.5. In corrispondenza di ognuno di essi
indicata la potenza installata, il fattore di potenza e il fattore di
utilizzazione della potenza installata. Assunto unitario il fattore di
contemporaneit, si determinino:
A) la potenza da assegnare al trasformatore MT/bt, da disporre in
posizione baricentrica;
B) le sezioni delle linee in cavo di alimentazione dei capannoni e la
sezione della linea di alimentazione dellimpianto dilluminazione
(linee tutte interrate entro tubi di protezione), nonch gli interruttori
magnetotermici di protezione delle stesse linee, ipotizzando che
ciascuna linea possa seguire il percorso pi breve dal quadro di
cabina al quadro generale del capannone e tenendo conto che:
la c.d.t. in ciascuna linea non deve superare il 3% in corrispondenza
del carico massimo; ciascuna linea deve esser protetta contro i
sovraccarichi e i corto circuiti.
C) le correnti per corto circuito trifase netto alle sbarre b.t. del
trasformatore e in corrispondenza del quadro generale di ogni
capannone, nonch la corrente per corto circuito netto fase-neutro
all'estremo della linea monofase di alimentazione dell'impianto di
illuminazione esterno che parte dal capannone (1) (sei centri
luminosi di eguali caratteristiche).
D) considerando che per la resistenza dellimpianto di terra dello
stabilimento stato misurato il valore di 5 , si verifichi se gli
interruttori magnetotermici scelti siano in grado di assicurare la
protezione contro i guasti a terra; in caso contrario, si indichino gli
interruttori differenziali puri da inserire nelle diverse sezioni
dellimpianto.

Capannone 1: P1= 50 kW, cos1 =0.7, Fu1 =0.7;


Capannone 2: P2= 100 kW, cos2 =0.8, Fu2 =0.7;
Capannone 3: P3= 150 kW, cos3 =0.8, Fu3 =0.5;
Capannone 4: P4= 30 kW, cos4 =1, Fu4 =1;
Capannone 5: P5= 75 kW, cos5 =0.7, Fu5 =0.6.
Illuminazione: Pil= 1500W, cosil =0.9, E=230 V.

339

Bo
z

za

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Figura 13.5
340

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Punto A
Per il dimensionamento delle linee e nonch per la scelta del
trasformatore si deve tener conto della massima potenza utilizzata,
quantit che facilmente ricavabile dalla potenza installata quando
noto il fattore di utilizzazione:
Pui = Fui Pi .
Si trovano cos le massime potenze attive utilizzate e da esse,
adoperando il fattore di potenza, le potenze reattive e apparenti
richieste dai carichi.
CARICO 1

CARICO 2

Tabella 1
CARICO 3

CARICO 4

CARICO 5

Pu1 = 35 kW
Q u1= 35.7 kVAr
A u1 = 50 kVAR

Pu2 = 70 kW
Q u2 = 52.5 kVAr
A u2 = 87.5 kVA

Pu3 = 75 kW
Q u3 = 56.25 kVAr
A u3 = 93.75 kVA

Pu4 = 30 kW
Q u4 = 0 kVAr
A u4 = 30 kVA

Pu5 = 45 kW
Q u5 = 46 kVAr
A u5 = 64.35 kVA

P  Q
2

i ui

ui

318 kVA,

Bo
z

A tot

za

La potenza impegnata dal trasformatore nellalimentazione dei


cinque carichi data dalla somma fasoriale delle singole potenze
apparenti dei cinque carichi:

per tenere conto di eventuali sviluppi si maggiora tale potenza del


5%:
A tot5 A tot 1.05 334 kVA,
dalla tabella A CEI 14-13 si sceglie il trasformatore di potenza
apparente superiore e pi vicina a quella ricavata: AN = 400 kVA.
La scelta della posizione in cui istallare il trasformatore di
alimentazione deve essere fatta per mezzo di formule che tengano
conto della posizione dei carichi ed anche della loro entit, facendo
riferimento alla tabella 2 si ha:
A xi
A yi
i ui
i ui
xb
107 m, yb
54 m.
A ui
Aui

CARICO 1

CARICO 2

Tabella 2
CARICO 3

CARICO 4

CARICO 5

x1 = 26 m
y1 = 62 m
A u1 = 50 kVAR

x2 = 95 m
y2 = 72 m
A u2 = 87.5 kVA

x3 = 145 m
y3 = 72 m
A u3 = 93.75 kVA

x4 = 84 m
y4 = 32 m
A u4 = 30 kVA

x5 = 154 m
y5 = 12 m
A u5 = 64.35 kVA

341

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Punto B
Per mezzo della seguente formula si valutano le distanze dei carichi
dal trasformatore:
Di

x i  x b 2  yi  yb 2 .

Le correnti dimpiego massime, ibi, che attraversano le linee sono


date da:
Aui
Ibi
,
3 Vn
con Vn tensione nominale trifase pari a 400 V.
Nella tabella 3 sono riassunti i valori delle distanze e delle correnti
dimpiego.
CARICO 1

CARICO 2

Tabella 3
CARICO 3

CARICO 4

CARICO 5

D1 = 81.4 m
Ib1 = 73 A

D2 = 21.6 m
Ib2 = 126 A

D3 = 42 m
Ib3 = 135 A

D4 = 32 m
Ib4 = 44 A

D5 = 63 m
Ib5 = 93 A

Bo
z

za

Per mezzo della tabella C dellesercizio 13.3, scegliendo cavi


unipolari in gomma G senza guaina interrati in tubi di protezione
senza neutro (3 conduttori), si ottengono le sezioni riportate in tabella
4, e per mezzo della tabella D dellesercizio 13.3 i relativi parametri
chilometrici.
CARICO 1

CARICO 2

Tabella 4
CARICO 3

CARICO 4

CARICO 5

Ib1 = 73 A
Iz1 = 89 A
S1 = 25 mm2
rl1 = 0.889 /km
xl1 = 0.106 /km

Ib2 = 126 A
Iz2 = 134 A
S2 = 50 mm2
rl2 = 0.473 /km
xl2 = 0.101 /km

Ib3 = 135 A
Iz3 = 171 A
S3 = 70 mm2
rl3 = 0.328 /km
xl3 = 0.0965 /km

Ib4 = 44 A
Iz4 = 50 A
S4 = 10 mm2
rl4 = 2.24 /km
xl4 = 0.119 /km

Ib5 = 93 A
Iz5 = 111 A
S5 = 35 mm2
rl5 = 0.641 /km
xl5 = 0.101 /km

Si valutano adesso le cadute di tensione sulle linee che alimentano i


carichi per mezzo della seguente formula:
3rli Di In cos Ii  3 x li Di In sin I
'Vi%
100,
Vn
ottenendo i valori sotto riportati:
CARICO 1

CARICO 2

Tabella 4
CARICO 3

CARICO 4

CARICO 5

V1 = 1.8%

V2= 0.52%

V3 = 0.79%

V4 = 1.4%

V5 = 1.3%

342

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Si dimensionano gli interruttori magnetotermici, rispettando la


seguente regola e tenendo conto della tabella E dellesercizio 13.3:
Ib d IN d Iz ,
in cui Ib la corrente di impiego della linea, IN la corrente nominale
o portata dellinterruttore e Iz la portata del cavo.
CARICO 1
Ib1 = 73 A
Iz1 = 89 A
IN1 = 80 A

CARICO 2

Tabella 5
CARICO 3

CARICO 4

CARICO 5

Ib2 = 126 A
Iz2 = 134 A
IN2 = 250 A
S2 = 2x16 mm2
Iz2 = 2x68 A
IN2 = 2x63 A

Ib3 = 135 A
Iz3 = 171 A
IN3 = 250 A
S3 = 2x35 mm2
Iz3 = 2x111 A
IN3 = 2x100 A

Ib4 = 44 A
Iz4 = 50 A
IN4 = 50 A
S4 = 16 mm2
Iz4 = 68 A
IN4 = 50 A

Ib5 = 93 A
Iz5 = 111 A
IN5 = 100 A

Bo
z

za

Solamente i carichi 1 e 5 consentono il dimensionamento immediato


del dispositivo di protezione.
Si procede in due maniere differenti: si alimenta il carico 4 per mezzo
di una linea da 16 mm2 con portata di 68 A; si sdoppiano le linee che
alimentano i carichi 2 e 3 in 2 x 16 mm2 e 2 x 35 mm2 e si utilizzano
degli interruttori gemelli per ogni linea.
Si dimensiona adesso la linea monofase che alimenta limpianto
dilluminazione.
La corrente richiesta per ogni derivazione :
Pil
1500
7.25 A.
Iil
E cos Iil 230 0.9
La distribuzione a sbalzo ma si ritiene costante la sezione della
linea in ogni tratto, non realizzando una linea a cannocchiale la
quale comporta difficolt nella gestione di un magazzino ricambi.
In partenza dal capannone 1 la linea attraversata dalla corrente
Iilt =6Iil = 44 A,
che richiederebbe una sezione di 10 mm2 in base alla tabella C
utilizzando due conduttori. Tale sezione non pu essere per presa
in considerazione poich il criterio della massima caduta di tensione
ammissibile pi stringente per una linea con carico distribuito.
Identificati con Li i tratti della linea su cui valutare le singole cadute di
tensione (con L1 il tratto pi vicino dal capannone 1, figura 13.5a),
considerando entrambi i conduttori di andata e di ritorno, i quali
presentano la stessa resistenza chilometrica ril, trascurando il
343

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

contributo dellinduttanza chilometrica, la caduta di tensione totale


data da:
'VT 2rilL1 Iil1  Iil2  Iil3  Iil 4  Iil5  Iil6  2rilL 2 Iil2  Iil3  Iil4  Iil5  Iil6 
 2rilL 3 Iil3  Iil 4  Iil5  Iil6  2rilL 4 Iil 4  Iil5  Iil6  2rilL 5 Iil5  Iil6 

 2rilL 6 Iil6 2ril

O I ,
i i

ili

Bo
z

za

avendo posto:
1= L1,
2= L1+L2,
3= L1+L2+L3,
4= L1+L2+L3+L4,
5= L1+L2+L3+L4+L5,
6= L1+L2+L3+L4+L5+L6.

Figura 13.5a

La massima caduta di tensione ammissibile VT = 0.03230 =


6.9V, per cui possibile ricavare la resistenza chilometrica ril:
'VT
6.9
ril d
0.210 7.25  0.150 7.25  0.120 7.25 
2
2 O i Ii

 0.090 7.25  0.060 7.25  0.030 7.25 0721 : / km.

Si sceglie pertanto un conduttore da 35 mm2 che presenta una


resistivit chilometrica di 0.641 /km (che verifica anche il criterio
termico).
Punto C
Si valuta la corrente di corto circuito alle barre del trasformatore.
In figura 13.5b rappresentato lo scenario di un cortocircuito alle
barre secondarie del trasformatore, in cui si ipotizza che la rete a
344

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

monte del trasformatore sia a potenza prevalente e quindi non


necessita di descrizione. In base alla tabella A dellesercizio 13.3 si
calcola limpedenza di cortocircuito in funzione dellimpedenza vista
al secondario del trasformatore:
E
Z cc Z cc % ZIIn 0.04 II
In
0.04

Vn
An

0.04

3 Vn

4002
400 103

1.6 10  2 :.
Sempre dalla tabella A si considerano le
perdite a piena potenza, per cui la parte
resistiva dellimpedenza di cortocircuito
data da:
Pcc
1
R cc
4.6 10  3 :.
2
3 A
3V
n

za

Figura 13.5b

X cc

2
2
Z cc
 R cc

Bo
z

Si trova facilmente la reattanza di corto circuito:


1.53 10 2 :.

La corrente di corto circuito trifase alle barre del trasformatore :


Vn
1
400
1
Icc

14.4 kA.
3 Z cc
3 1.6 10  2
Per valutare le correnti di cortocircuito
ai quadri dei capannoni si considera
lo scenario di figura 13.5c: corto
circuito allestremit di una linea in
cavo.
La corrente di corto circuito data da:
Icc i

Vn

3 R cc  jX cc

1
.
 ri Di  jx i Di

345

Figura 13.5c

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

CARICO 1

CARICO 2

Tabella 5
CARICO 3

CARICO 4

CARICO 5

rl1 = 0.889 /km

rl2 = 0.705 /km

rl3 = 0.320 /km

rl4 = 1.41 /km

rl5 = 0.641 /km

xl1 = 0.106 /km

xl2 = 0.050 /km

xl3 = 0.050 /km

xl4 = 0.112 /km

xl5 = 0.101 /km

D1 =0.0 814 km
Icc1 =2.85 kA

D2 = 0.0216 km
Icc2 =9.11 kA

D3 = 0.042 km
Icc3 =9.22 kA

D4 = 0.032 km
Icc4 =4.34 kA

D5 = 0.063 km
Icc5 =4.63 kA

Si scelgono interruttori
con
potere
dinterruzione di 10 kA.

t [s]

Bo
z

za

20 kV
Ovviamente la scelta
degli
interruttori
400 V
automatici a monte e a
barre b.t.
valle delle linee in cavo
deve essere effettuata
I.A. monte
per
garantire
la
linea b.t.
selettivit cronometrica:
linterruttore posto sulle
barre del trasformatore
I.A. valle
deve avere un tempo
dintervento
ritardato
INvalle INmonte
IN
rispetto a quello di un
Figura 13.5d
interruttore
terminale.
Se la corrente nominale
dellinterruttore a monte almeno il doppio della corrente nominale
dellinterruttore a valle la selettivit cronometrica per i sovraccarichi
garantita, ci pu non avvenire in caso di correnti di cortocircuito
poich i tempi di intervento dello sganciatore magnetico possono
essere simili.
Si considera adesso un guasto
nel punto terminale della linea
dilluminazione.
Limpedenza
della
linea
Figura 13.5e
dilluminazione costituita
dallimpedenza
chilometrica
del conduttore di fase e da quella del neutro; essendo i conduttori
identici (35 mm2) si utilizzeranno i dati della fase raddoppiati.
Sebbene in linea di principio la corrente di guasto sia limitata
dallimpedenza del trasformatore e da quella della linea 1,
346

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

relativamente alla singola fase, si preferisce valutare la corrente


limite di cortocircuito, mettendosi nelle condizioni peggiori, quindi
trascurando tali impedenze.
Vn
1
400
1
Icc ill

843 A.
3 2 'Lill rill2  x ill2
3 2 0.210 0.6412  0.1012
Linterruttore di protezione deve avere un potere di interruzione di
almeno 1kA.
In base alla tabella E si sceglie un interruttore automatico
magnetotermico con corrente nominale pari a 50 A, che soddisfa la
condizione:
Ib 44 A d IN d Iz 135A.

Bo
z

za

Punto D
Si vuole valutare lefficacia
degli
interruttori
magnetotermici
nella
protezione contro i contatti
indiretti, in altre parole contro il
contatto
con
masse
ordinariamente non in tensione
e accidentalmente in tensione
prima
dellintervento
dello
stesso.
In figura 13.5f rappresentato
il percorso della corrente di
guasto a terra. Tale corrente
incontra limpedenza Ztot che
tiene conto dellimpedenza di
Figura 13.5f
linea ed anche dellimpedenza
del trasformatore, la resistenza di terra dellimpianto da proteggere
RT, e la resistenza di terra della cabina di distribuzione RN.
Si considera un impianto di terra in cui RN sia trascurabile.

347

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Bo
z

za

Una persona in contatto con una


carcassa in tensione si trova
esposta
a
una
tensione
pericolosa, che deve assumere un
valore massimo UT = 50 V,
giacch tale tensione quella che
pu
essere
tollerata
dallorganismo per un tempo
superiore a 5 secondi, tempo di
sicuro intervento dellinterruttore
automatico.
Considerando la caratteristica
dellinterruttore
automatico
magnetotermico di figura 13.5g, si
evince che la corrente di
intervento a 5 secondi, I5s circa
pari a quattro volte la corrente
Figura 13.5g
nominale.
Affinch si abbia la protezione
contro i contatti indiretti nellimpianto, necessario che la resistenza
di terra presenti un valore RT, tale da fare assumere alla tensione
VAB un valore inferiore a UT:
VAB RIT I5s d UT ,
E quindi
U
RIT d T .
I5s
Se si considera la linea dilluminazione, protetta da un interruttore di
corrente nominale pari a 50A, la resistenza dellimpianto di terra
dovrebbe assumere un valore di:
U
50
RIT d T
0.25:.
I5s 4 50
Il valore di resistenza ricavato inferiore a quello dellimpianto, per
cui la protezione non assicurata dal dispositivo magnetotermico,
infatti tale dispositivo nasce per la protezione da sovracorrenti e non
per i contatti indiretti. In ogni punto in cui inserito un interruttore
magnetotermico si inserisce in serie un interruttore differenziale puro
di portata pari alla corrente nominale del dispositivo magnetotermico
348

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

e corrente differenziale di intervento scelta tra 30-300-500 mA, valori


che verificano tutti la condizione:
VAB R T Id 5 0.500 2.5 d UT .

Bo
z

za

Esercizio 13.6
Sulla falda di un tetto con esposizione a sud di dimensioni 8,5m x 5m
si vuole realizzare un impianto fotovoltaico. Si hanno a disposizione
due tipologie di moduli fotovoltaici e un inverter da 6 kW le cui
caratteristiche sono riportate nelle tabelle.
Si determinino:
A. Il tipo e la configurazione dei moduli da utilizzare;
B. Sapendo che i moduli sono dotati di due tratti di cavo solare
da 4mm2 della lunghezza di un metro ciascuno per la
connessione in serie tra di essi, determinare la sezione del
cavo del tratto in c.c. dalle stringhe allinverter, della
lunghezza di 20m, ipotizzando una caduta massima di
tensione dello 0.75% riferita alle condizioni di massima
potenza di esercizio;
C. La sezione del tratto di cavo in c.a. dallinverter al punto di
consegna, distante 120m, da realizzare in cavo unipolare
senza guaina posto entro tubo (utilizzare le tabelle
dellesercizio 13.3) ammettendo una caduta massima di
tensione del 4%;
D. Linterruttore generale lato c.a. a protezione della conduttura
di cui al punto C;
E. Ipotizzando un valore medio della producibilit Em pari a 1430
kWh/kWp/anno, determinare la producibilit dellimpianto ed il
rendimento complessivo al netto delle perdite nei tratti in c.c
ed in c.a.
MODULI
Potenza (PMAX)
Tensione a PMAX (VMP)
Corrente a PMAX (IMP)
Corrente di cto.cto (ISC)
Tensione a vuoto V0C
Coefficiente di temperatura di ISC
Coefficiente di temperatura di V0C (V0C)
Coefficiente di temperatura di PMAX
Massima tensione ammissibile VDC
Lunghezza
Altezza

349

A
220 W
29,1 V
7,7 A
8,3 A
36,6 V
0.065 %/C
-0.36 %/C
-0.5 %/C
1000 V
1,65 m
0,992 m

B
170 W
35,6 V
4,8 A
5,30 A
44,0 V
0.065 %/C
-80 mV/C
-0.5 %/C
1000 V
1,60 m
0.89 m

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

INVERTER
Potenza nominale DC
Potenza max campo fotovoltaico
Intervallo di tensione di funzionamento
Intervallo di tensione per MPPT
Numero di MPPT indipendenti
Corrente massima in ingresso
Connessione alla rete AC
Corrente di uscita massima (IACMAX)
Fattore di potenza
Rendimento

6 kW
6,9 kW
140 580 V
220 530 V
2
18 A (22 A cto.cto)
230 V 50 Hz monofase
30 A
1
97,3%

CAVO SOLARE
Sezione trasversale [mm2]
1.5
2.5
4.0
6.0

za

Resistenza a 20C [/km]


13.71
8.21
4.90
3.39

Bo
z

Svolgimento
Punto A
Si calcola innanzitutto il numero di moduli che possibile installare
sulla falda. Per far ci, basta dividere la superficie a disposizione per
la superficie di un singolo modulo:
Indicando con AA e AB e AT rispettivamente, le superfici dei moduli A
e B e la superficie del tetto, si ottiene:
A A L A u H A 1.65 u 0,992 1.6368m 2 ,
AB

LB u HB

NA

AT
AA

1.60 u 0,89 1.424m2 ,

8.5 u 5
1.6368

25.96,

A T 8.5 u 5
29.84.
A B 1.424
Dai risultati suddetti si ricava che il numero di moduli che possibile
installare sul tetto oscilla tra 25 e 29.
Supponendo di installare i moduli A, si avrebbe una potenza
disponibile di:
NB

350

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Ptot A

N A u PA

25 u 220

5500W,

mentre, utilizzando i moduli B si ottiene:


PtotB NB u PB 29 u 170 4930W.
Si utilizzeranno quindi i moduli A che, per la superficie disponibile,
consentono di ottenere una potenza maggiore.
Dal momento che linverter possiede 2 ingressi MPPT (Maximum
Power Point Tracker, inseguitore del punto di massima potenza),
possibile suddividere i moduli in due gruppi anche non uguali in
numero. Sipotizza di utilizzare due stringhe da 12 e 13 moduli
connessi in serie rispettivamente.
Si eseguono adesso le verifiche per controllare il corretto
funzionamento dellimpianto fotovoltaico nelle condizioni limite:
1) Tensione a vuoto della stringa a 0C < Tensione massima in
ingresso allinverter;
2) Tensione a MPPT della stringa a 70 C > Tensione minima in
ingresso allinverter.

Bo
z

za

Per la condizione 1) si valuter la stringa da 13 moduli, per la


condizione 2) si valuter invece la stringa da 12 moduli. I dati della
tabella sono calcolati a una temperatura Tamb = 25C.
Condizione 1:
'V DV0C u V0C u (Tamb  T0 )

0.36% u 36.6 u 25

3.294V,

,
'VTOT NMOD u 'V 13 u 3.294 42.822V,
avendo indicato rispettivamente la caduta di tensione sul singolo
pannello e sullintera stringa.
La tensione a vuoto alla quale si porterebbe la stringa da 13 moduli
alla temperatura di 0C sarebbe quindi:
V0C NMOD u V0  'VTOT 13 u 36.6  42.822 518.622V.
Dalle caratteristiche di funzionamento dellinverter si evince che la
tensione massima raggiunta inferiore alla tensione massima di
lavoro (580V) ed anche alla massima tensione di lavoro in modalit
MPPT (530V), pertanto la condizione 1 rispettata.
Condizione 2:
'V DV0C u V0C u (Tamb  Tmax )
'VTOT

N u 'V

12 u 5.929

0.36% u 36.6 u (25  70)

71.15 V.
351

5.929V,

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

La tensione alla quale si porterebbe la stringa da 12 moduli alla


temperatura di 70C quindi:
V70C NMOD u VMPPT  'VTOT 12 u 29.1  71.15 278.05 V.
Anche la condizione 2 rispettata.
Punto B
Una stringa di moduli connessa in serie schematizzabile come una
serie di generatori di tensione continua e di resistenze (costituite dai
cavi di connessione) connessi tra loro, figura 13.6. Si eseguono i
calcoli sulla stringa da 13 elementi in serie, essendo questa la pi
gravosa.

za

Figura 13.6

Bo
z

La caduta di tensione totale sui cavi di connessione pari a:

'Vcavi

NMOD u IMP u R cavi u L cavi

13 u 7.7 u 4.90 u 2 / 1000 0.98 V,

avendo indicato in formula il numero dei moduli, la corrente di


stringa, la resistenza dei cavi in /km e la lunghezza dei tratti di cavo
di ciascun modulo espressa in km. A questa caduta di tensione va
sommata la caduta di tensione sul tratto in cavo lungo 20 m che
collega la stringa allinverter.
Determiniamo quindi la caduta di tensione massima:

'VMAX

'V % u NMOD u VMP

0.75% u 13 u 29.1 2.837V.

A questa sottraiamo la caduta di tensione sui cavi di connessione:


'Vres 'VMAX  'Vcavi 2.837  0.98 1.857V ,
quindi, adoperando la formula inversa per il calcolo della caduta di
tensione, si determina la resistenza massima del conduttore da
adoperare:
'Vres
1.857
rx
6.03 : / km,
2 u LDC u IMP 2 u 20 / 1000 u 7.7
352

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Facendo riferimento alla scheda dei cavi solari si evince che un cavo
di sezione pari a 4mm2 presenta una resistenza chilometrica che
verifica i requisiti (r = 4.90 /km).

Bo
z

za

Punto C
Si determina adesso la sezione del cavo da utilizzare per il
collegamento tra linverter ed il punto di consegna, distante 120 m.
La corrente da utilizzare nel calcolo la corrente massima erogabile
dallinverter. Come fatto in precedenza si ricorre alla formula inversa
per determinare la resistenza chilometrica del conduttore da
impiegare:
'V % VAC
4% 230
rACx
1.27: / km.
2 u L AC u IACMAX 2 u 120 / 1000 u 30
Dalla resistenza chilometrica massima del cavo ottenuta dalla
formula, si ricava che la sezione minima del cavo da utilizzare 25
mm2 (rAC = 0,89 /km). Secondo la tabella C, tale cavo ha una
portata ammissibile di 101 A se isolato in PVC, quindi la scelta
adeguata.
Punto D
Per determinare la taglia dellinterruttore da impiegare per proteggere
il cavo in alternata del punto precedente, necessario impiegare la
seguente formula:
Ib d In d Iz ,
nella quale Ib la corrente dimpiego della conduttura, In la taglia
nominale dellinterruttore e Iz la portata massima del cavo.
Nel caso in esame, Ib pari a IACMAX (30 A) e Iz pari a 101 A. Si
sceglier quindi un interruttore con In pari a 40 A.
Punto E
Per ottenere lenergia prodotta in un anno dallimpianto fotovoltaico
necessario moltiplicare il valore della producibilit per la potenza
dellimpianto:
Eanno Em Ptot A 1430 5.5 7865 kWh.
Considerando i conduttori che collegano i moduli (25) e il tratto in
corrente continua dalle stringhe allinverter (20m), le perdite di
potenza sono:
353

Capitolo 13 Elementi di macchine elettriche e impianti elettrici

Lmod  L CONN 2
25  20
IMP 2 4.90
7.7 2
1000
1000
La potenza in ingresso allinverter quindi:
'PDC

PDC

2r

PIMP  'PDC

5500  26.14

26.14 W.

5473.86 W.

Il rendimento dellinverter pari al 97,1%, quindi sul lato in corrente


alternata, la potenza disponibile sar:
PAC

PDC K INV

5473.86 0.971 5315.11 W.

Bo
z

za

A questa potenza necessario sottrarre la potenza dissipata per


effetto Joule sui conduttori. Si calcola la corrente in uscita allinverter:
PAC
5315.11
IAC
23.11 A.
V cos M
230 1
In definitiva, le perdite dal lato AC sono:
L
120
'PAC 2 rAC AC I2AC 2 0.89
23.112 114.07 W.
1000
1000

Il rendimento totale del sistema quindi:


PAC  'PAC 5315.11  114.07
K
0.945,
PIMP
5500
pari al 94.5%.

354

Ringraziamenti

Ringraziamenti

Bo
z

za

Ho scritto questo libro in un periodo in cui lUniversit italiana una


nave senza nocchiero in gran tempesta.
Le motivazioni che mi hanno spinto a farlo sono quelle che hanno
sempre spinto gli uomini a mettersi in mare per cercare nuovi
orizzonti. Ho deciso di rischiare nellimpegnare pi di un anno della
mia vita nel realizzare uno strumento che possa far apprezzare agli
allievi ingegneri questa disciplina. Sentivo dentro di me un debito nei
confronti di tanti maestri che hanno accompagnato la mia vita.
Ringrazio il professore Pietro Lucio Buccheri per avermi indirizzato
alla carriera universitaria e per essere sempre riuscito a chiarire ogni
mio dubbio, senza di lui questo libro non sarebbe mai stato scritto.
Ringrazio il professore Scipione Bobbio per avere scritto il libro che
mi ha fatto appassionare allElettrotecnica.
Ringrazio il professore Guido Ala per i continui sproni a dare il
massimo e per tutti gli insegnamenti negli anni successivi alla laurea.
Ringrazio i colleghi Maria Luisa Di Silvestre e Pietro Romano per
lentusiasmo mostrato e laiuto nella revisione del libro.
Ringrazio lingegnere Gianpaolo Vitale e lingegnere Antonino
Spagnuolo, dicono che si sono divertiti scrivendo alcuni esercizi dei
capitoli 9 e 13.
Ringrazio i miei genitori per avermi insegnato a sperare e fare.
Palermo, 5 maggio 11.

Fabio E. Viola

355

Bibliografia

Bibliografia

Bo
z

za

[1] Bobbio S. Esercizi di elettrotecnica. CUEN, 1995.


[2] Desoer CA, Kuh ES. Fondamenti di teoria dei circuiti. Franco Angeli, 1987.
[3] Someda G. Elettrotecnica generale. Patron editore, Bologna, 1981.
[4] Biey M. Esercitazioni di elettrotecnica. CLUT, Torino, 1988.
[5] Buccheri PL. Esercitazioni di elettrotecnica. Centro stampa di ingegneria,
Palermo.
[6] Dorf RC, Svoboda JA. Circuiti elettrici. Apogeo, 2001.
[7] Perfetti R. Circuiti elettrici. Zanichelli, 2003.
[8] Daniele V, Liberatore A, Graglia RD, Manetti S. Elettrotecnica. Monduzzi
editore, 2005.

356

za

Bo
z