Sei sulla pagina 1di 60

Forze Intermolecolari

Liquidi e Solidi
Cambiamenti di stato

Quesiti?
Perch alcuni solidi si sciolgono in
acqua ed altri no?
Perch alcune sostanze sono gas a
temperatura ambiente, mentre altre
sono solide e liquide?
Perch i metalli conducono lelettricit
ed i non-metalli sono fragili?

Stati della Materia


La differenza fondamentale trai i diversi stati
della materia la distanza tra le particelle.
fasi condensate

Stati della Materia


Lo stato di una
sostanza a determinate
temperatura e pressione
diepende da due entit
opposte :
energia cinetica;
forza di attrazione tra
particelle.

Forze intermolecolari
Forze intra-molecolari (legami covalenti):
Forti, direzionali (200 kJ/mol)

Forze inter-molecolari:
Pi deboli, meno direzionali, (<50 kJ/mol) alcune
propriet fisiche

Forze intermolecolari
Intermolecolari vs Intramolecolari

41 kJ per vaporizzare 1 mole di H2O (inter)

930 kJ per rompere tutti gli O-H in 1 mole di H2O (intra)


Generalmente,
intermolecolari
molto pi deboli
delle
intramolecolari

Misura forze intermolecolari


punto ebollizione
punto fusione
DHvap
DHfus
DHsub

Forze intermolecolari

interazioni dipolo-dipolo
forze di dispersione (di London)
legami (ponti) idrogeno
interazioni ione -dipolo

Curve di energia potenziale


Gli atomi o molecole a grande
distanza hanno EP = 0
EP <0 quando entrano in
gioco le forze intermolecolari
EP minima un compromesso
tra le forze intermolecolari e
quelle repulsive
EP >0 quando dominano le
forze repulsive

Energie di legami deboli

Energie di legami deboli


Relazione tra Energia e distanze
Intermolecolari, in funzione della
tipologia di interazioni.
La interazione ione-ione (1/d) che
va lentamente a zero una longrange interaction
Quella di London (1/d6) che va
subito a zero e una short-range
interaction

Interazioni ione-dipolo

Z: carica dello
ione
m: momento
dipolare

Interazioni ione-dipolo
idratazione degli ioni in soluzione,
esempio sale da cucina NaCl sciolto in acqua

Si dice che in acqua gli ioni non sono nudi, ma circondati da


un guscio di molecole dacqua legate con interazione ioneionedipolo.

Interazioni ione-dipolo
LA FORZA DELLINTERAZIONE IONE-DIPOLO
AUMENTA AL DIMINUIRE DELLA DISTANZA

CATIONI PIU PICCOLI E CON MAGGIORI


CARICHE SONO IDRATATI PIU
FACILMENTE DI QUELLI PIU GRANDI.

Es:
Li e Na
Ba++ (r=136pm) vs K+ (r=138pm)
NH4+ (r=143pm) ANIDRO

Interazioni dipolo-dipolo
la forza dipolo-dipolo deriva dall'interazione tra Dipoli
elettrici di molecole polari. Essa pi debole della forza
attrattiva tra ioni di carica opposta, poich tra cariche
parziali.
Lattrazione tra le cariche
parziali dei dipoli. Sia le
interazioni testa-testa che
quelle laterali sono
favorevoli.
La rotazione delle
molecole diminuisce
linterazione

Dipolo-dipolo

Per Solidi
(molecole allo
stato stazionario)

/6

Per Liquidi e Gas


(molecole in
rotazione)

Interazioni Dipolo-Dipolo

> polarit della molecola > punto di ebollizione

Forze di Dispersione
forze attrattive che si realizzano per linsorgenza di
dipoli temporanei o indotti in atomi o molecole

interazione tra ione e dipolo indotto

interazione tra dipolo e dipolo indotto

Le forze di London e di Van der Walls


agiscono tra tutti i tipi di molecole, anche tra
quelle non-polari (condensazione allo stato
liquido dei gas nobili, di O2 ed N2.)
dipoli istantanei
Aumentano all'aumentare del peso
molecolare
Molecole piccole e apolari con pochi
elettroni producono deboli forze (Es: H2,
condensa a -25C).
Hanno intensit maggiore nel caso di
molecole cilindriche rispetto a molecole
sferiche.
a: polarizzabilit

London Dispersion Forces

e-

Gli elettroni dellelio occasionalmente si


ritovano nella stessa zona dellorbitale
In quellistante lelio polare, con un
eccesso di elettroni da un lato ed un difetto

Forze di London

Ci induce un dipolo in un altro atomo di


elio vicino
Le forze di dispersione di London, o forze
di dispersione, sono forze attrattive tra
dipoli istantanei e dipoli indotti.

Fattori che influenzano le


forze di London

Tutte le molecole ( polari or non-polari)


Polarizzabilit.
Le molecole pi grandi sono pi
polarizzabili.
Punti di ebollizione (K) di alogeni
F2
Cl2
Br2
I2
85.1 238.6 332.0 457.6
Punti di ebollizione di gas nobili
He
Ne
Ar
Kr
Xe
4.6
27.3 87.5 120.9 166.1

Forma delle molecole


cilindriche >>> sferiche

In molecole cilindriche e con peso


molecolare maggiore le interazioni tra
dipoli istantanei sono pi forti che
nelle molecole sferiche:
presenti molti atomi ed elettroni
esposti per le interazioni.

Gli idrocarburi
aumentano punto di
fusione e temperatura
di ebollizione con
laumento del numero
di atomi di carbonio a
causa delle forze di van
der Walls

C5 C15 C18
Liquidi Viscosi Cerosi

punti di fusione ed ebollizione


18Gr.

pf

He
Ne
Ar
Kr
Xe

pe (C)
-270
249
189
157
112

17Gr.
F2
Cl2
Br2
I2

-220
-101
-7
114

-188
-34
59
184

HF
HCl
HBr
HI

-93
-114
-89
-51

20
-85
-67
-35

-269
-246
-186
-153
-108

H2
N2
O2
H2O
H2S
NH3
CO2
SO2

pf
-259
210
218
0
86
-78
--76

pe (C)
-253
-196
-183
100
-60
-33
-78
-10

CH4
CF4
CCl4
C6H6
CH3OH

-182
-150
-23
-6
-94

-162
-129 > PM ma < polarizzazione
77
80
6

Ione-Dipolo indotto
Dipolo-Dipolo indotto
In una miscela di due
liquidi, uno polare e laltro
non-polare, quello polare
pu indurre un dipolo
nellaltro
La forza dipende dalla
polarizzabilit della
molecola, quelle pi grandi
sono pi polari

Argon
Atom

Argon
Atom

m2

a: polarizzabilit

Punti di ebollizione di composti con H

Legame idrogeno
La forza dinterazione dipolo-dipolo
che si realizza quando un H legato
a N, O, o F INSOLITAMENTE
elevata.
Si chiama legame (ponte) idrogeno.
2 fattori:
1) elevata elettronegativit
2) dimensioni ridotte H

Il legame idrogeno
E un legame costituito da un atomo
di idrogeno che si pone a ponte tra
due atomi fortemente elettronegativi
(N, O o F)

LEGAME DI NATURA
FORTEMENTE POLARE

Accettore e donatore

Propriet del legame H


I tre atomi devono essere allineati, ed a una
distanza stabilita (0,25-0,35 nm)
Ha parziali caratteristiche di legame covalente
Energia bassa (4 to 25 kJ/mol), ma estremamente
diffuso ed importante.
E la forza intermolecolare pi considerevole.
Causa resistenza allevaporazione (H2O a T
ambiente sarebbe un gas)

I liquidi
Viscosit: resistenza al flusso.
Forti interazioni non fanno
scorrere le molecole
Molecole con forti interazioni
intermolecolari sono pi viscose
La viscosit diminuisce con
laumentare della temperatura
per aumento dellenergia che
permette lallontanamento delle
molecole
Legami H sono forti interazioni
e H2O ha viscosit pi elevata
del Benzene
Molecole lunghe si attorcigliano

Tensione superficiale
La forza che deve essere spesa
per aumentare la superficie del
liquido
La tensione superficiale
dellacqua (7.29 102 J/m2 )
circa tre volte superiore a
quella degli altri liquidi, ma
minore di quella del mercurio
(4.6 101 J/m2) dovuta,

invece, a legami metallici

Determina gocce sferiche

Bagnare le pareti
Fenomeno della Capillarit
Competizione tra due tendenze:
Forze coesive (CONDENSAZIONE)
Forze adesive (CAPILLARITA)

Lacqua attratta da sostanze con cui fa legami H


forze di adesione
Se forza di adesione > coesione: capillarit
Es: H2O > F.Adesione rispetto a F. Coesione=
menisco concavo in capillare
Hg > F. Coesione rispetto a F.Adesione =
menisco convesso in capillare
(ridotta superficie a contatto con vetro)

SOLIDIFICAZIONE
Di un Liquido per raffreddamento
Tc: temperatura di congelamento presenta
un basso livello energetico e le molecole
non sfuggono alle forze attrattive.
Tc Normale: un liquido solidifica ad 1 atm.
Eccezione per lH2O: congela a T inferiori
se aumento la pressione.

Due gruppi

Solidi

Cristallini atomi (particelle)


arrangiate in un ordine elevato

Amorfinessun particulare
ordine nella disposizione degli atmi
(particelle)

I solidi cristallini e amorfi


Hanno facce ben
definite. Es. PbS,
galena

Solidi cristallini

Solidi cristallini
Metallici
Ionici
Reticolari

Molecolari

elementi dei blocchi s e p


mallebili, duttili, conduttori
NaCl KNO3 CuSO4.5H2O
duri, rigidi, fragili, p.e e p.f elevati
B, C, SiO2
duri, rigidi, fragili p.f. altissimo,
insolubili in h20
BeCl2 S8 P4 I2 ghiaccio glucosio
p.e p.f relativamente bassi
fragili se puri

Solidi metallico

punti reticolari occupati da atomi metallici


Uniti da legami metallici
Da soffici a duri, da bassi ad alti p.F.
ottimi conduttori di calore e elettricit
Nucleo &
guscio interno di emare mobile
di e-

Nei metalli, elettroni di valenza


sono delocalizzati in tutto il
solido.

Ordine dei cristalli ionici


Gli ioni si impaccano in modo da
massimizzare le attrazioni e minimizzare le
repulsioni

Struttura esagonale
Compatta
(Mg, Zn)
Numero di coordinazione:12

Struttura cubica
Compatta
(Al, Cu, Au)

Solidi Cristallini
Grazie allordine a lungo
raggio, la struttura di una
piccola porzione (cella
elementare) diviene
rappresentativa
dellintero solido

Cristalli di
NaCl

Na+ rosa, Cl- verde. Ogni ione circondato da 6


contro-ioni.

Solidi Cristallini ionici

punti reticolari occupati da cationi e anioni


Uniti da forze elettrostatica
Duri, fragili, alti p.F.
poveri conduttori di calore e elettricit

CsCl

ZnS

CaF2

Solidi molecolari

Ghiaccio

punti reticolari occupati da molecole


uniti da forze intermolecolari
Soffici, bassi p.F.
poveri conduttori di calore e elettricit

Solidi Reticolari

punti reticolari occupati da atomi


uniti da legami covalenti
Duri, alti p.F.
poveri conduttori di calore e elettricit

Diamante e grafite

Solidi reticolari

Diamante: strati di atomi sono


legati covalentemente gli uni
con gli altri
Il solido duro e con elevato
punto di fusione.

Grafite strati di atomi sono uniti da forze


di van der Waals.
Tendono ad essere pi soffici e con
punti di fusione pi bassi

Gli equilibri fisici

Tensione di vapore
A qualsiasi T, alcune molecole in un liquido
hanno sufficiente energia per fuggire alle
forze intermolecolari.
Se T aumenta, la frazione di molecole che
hanno energia sufficiente per sfuggire
aumenta.

Tensione di vapore

Se in un contenitore chiuso, il fenomeno procede


fino a che raggiunta una certa pressione
allEQUILIBRIO.

Stato di equilibrio dinamico : molecole


liquide evaporano e molecole di gas
condensano alla stessa velocit.

Tensione di vapore
La pressione di vapore
caratteristica di un liquido ad
una temperatura. E indice di
volatilit
Per lacqua bassa a causa dei
legami H.
La tensione di vapore un
equilibrio dinamico

750 mm Hg

Pressione di vapore e Struttura molecolare


Vapore

Liquido in equilibrio = p. vapore

Elevate forze intermolecolari a T ambiente diminuiscono


la pressione di vapore
C2H6O Etere dimetilico: F.London e Dipolo-Dipolo (Gas)
C2H6O Etanolo: ha OH e quindi leg. H (Liquido)

punto di ebollizione
Un liquido bolle quando la pv uguale alla pressione
atmosferica (Te Normale)
punto di ebollizione Normale temp in cui pv 760
torr.
punto di ebollizione effettivo in cui il liquido ha pv
uguale alla pressione atmosferica esterna
Lacqua bolle a temperature < 100C in montagna, non
raggiunge mai 100C
Lacqua bolle a temperature maggiori nella pentola a
pressione.

Pressione di vapore e T ebollizione


Te elevata se elevata la p atmosferica
Te Normale= Te di un Liquido alla quale la pressione di
vapore di 1 atm.
Te elevata in presenza di Liquidi con forti interazioni
intermolecolari.
E necessario elevare la T per innalzare la p.di vapore ad
1 atm.
Il legame H nellH2O impedisce che evapori a T pi
basse.
Elevata Te corrisponde ad elevata DHvap (entalpia di
vapore)

punto di ebollizione: la
temperatura in cui pv = 760 torr

Temperatura e Pressione Critiche


Tc critica la t al di sopra della quale una sostanza non pu
esistere come liquido e/o solido

Pressione critica:
la pressione
necessaria per
liquefare un gas
alla temperatura
critica
Sostanze a Tc e Pc
- fluidi supercritici

Congelamento e fusione
Temperatura d congelamento
Punto ordinario (normale) di congelamento

Diagrammi di fase
Rappresentazione grafica per mostrare gli
equilibri tra le fasi di una sostanza
Gli aspetti da valutare sono:
punto critico
come il pe (e pf) varia con la pressione
punto triplo (tre fasi)

Nota: punto triplo non dipende dalla


pressione un valore inequivocabile.

Punto Triplo

Caratteristiche dellacqua

Presente come solido, liquido e gas


Il ghiaccio meno denso dellacqua
molto coesiva
Scioglie le sostanze ioniche
Scoglie le sostanze polari
Repelle le sostanze non polari
la principale fonte di idrogeno
Scambia protoni

Acqua
La sua chimica dominata
da:
dipolo con alta costante
dielettrica
Forma quattro legami H.
Interazioni idrofobiche
Tc Normale: un liquido
solidifica ad 1 atm.
Eccezione per lH2O:
congela a T inferiori se
aumento la pressione

***

Heating Curve

Hvap = 40.67 kJ/mol.

Hfus = 6.01 kJ/mol.