Sei sulla pagina 1di 14

*Rom.Cantagallo_Rom.

Cantagallo 02/11/11 13:47 Pagina i

La riabilitazione neuropsicologica

*Rom.Cantagallo_Rom.Cantagallo 02/11/11 13:47 Pagina ii

*Rom.Cantagallo_Rom.Cantagallo 02/11/11 13:47 Pagina iii

Giuseppe Vallar Anna Cantagallo Stefano F. Cappa


Pierluigi Zoccolotti (a cura di)

La riabilitazione
neuropsicologica
Unanalisi basata sul metodo
evidence-based medicine
Foreword by
John E. Niederhuber

123

*Rom.Cantagallo_Rom.Cantagallo 02/11/11 13:47 Pagina iv

A cura di:
Giuseppe Vallar
Dipartimento di Psicologia
Universit degli Studi di MilanoBicocca,
Milano
Laboratorio di Neuropsicologia,
IRCCS Istituto Auxologico Italiano, Roma

Stefano F. Cappa
Universit VitaSalute
e Divisione di Neuroscienze
Istituto Scientifico San Raffaele, Milano

Anna Cantagallo
Fisiatra e Neurologo,
Docente a Contratto presso le Universit
degli Studi di Ferrara e Padova,
Presidente del Gruppo
Interprofessionale di Riabilitazione
in Neuropsicologia (GIRN)
Pierluigi Zoccolotti
Fondazione Santa Lucia IRCCS, Roma
Dipartimento di Psicologia
Sapienza Universit di Roma
Roma

possibile scaricare materiale aggiuntivo al seguente indirizzo: http://extras.springer.com,


password: 978-88-470-2348-2
ISBN 978-88-470-2348-2

e-ISBN 978-88-470-2349-9

DOI 10.1007/978-88-470-2349-9

Springer-Verlag Italia 2012


Questopera protetta dalla legge sul diritto dautore, e la sua riproduzione ammessa solo ed esclusivamente nei limiti stabiliti dalla stessa. Le fotocopie per uso personale possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dallart. 68, commi 4
e 5, della legge 22 aprile 1941 n. 633. Le riproduzioni per uso non personale e/o oltre il limite del 15%
potranno avvenire solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, Corso di Porta
Romana n. 108, Milano 20122, e-mail segreteria@aidro.org e sito web www.aidro.org.
Tutti i diritti, in particolare quelli relativi alla traduzione, alla ristampa, allutilizzo di illustrazioni e
tabelle, alla citazione orale, alla trasmissione radiofonica o televisiva, alla registrazione su microfilm o
in database, o alla riproduzione in qualsiasi altra forma (stampata o elettronica) rimangono riservati
anche nel caso di utilizzo parziale. La violazione delle norme comporta le sanzioni previste dalla legge.
Lutilizzo in questa pubblicazione di denominazioni generiche, nomi commerciali, marchi registrati, ecc.
anche se non specificatamente identificati, non implica che tali denominazioni o marchi non siano protetti dalle relative leggi e regolamenti.
Responsabilit legale per i prodotti: leditore non pu garantire lesattezza delle indicazioni sui dosaggi
e limpiego dei prodotti menzionati nella presente opera. Il lettore dovr di volta in volta verificarne
lesattezza consultando la bibliografia di pertinenza.
9 8 7 6 5 4 3 2 1
Copertina: Ikona S.r.l., Milano, Italia
Impaginazione: Graphostudio, Milano, Italia
Stampa: Grafiche Porpora S.r.l., Segrate (MI)
Stampato in Italia
Springer-Verlag Italia S.r.l. Via Decembrio 28 I-20137 Milan
Springer fa parte di Springer Science+Business Media (www.springer.com)

2012 2013 2014 2015

*Rom.Cantagallo_Rom.Cantagallo 02/11/11 13:47 Pagina v

Prefazione
A few personal reflections

I processi cognitivi ed emotivo-motivazionali possono essere alterati da lesioni


o disfunzioni cerebrali di diversa origine, modificando il comportamento, la condizione di salute della persona, le sue relazioni familiari e la sua integrazione sociale, riducendo inoltre la sua autonomia nella vita quotidiana.
Lincremento dellattesa di vita e la riduzione della mortalit nella fase acuta di
varie malattie neurologiche, dovute allefficacia crescente dei trattamenti medici e
chirurgici, nonch laumento dellincidenza e della prevalenza in relazione allet
di malattie associate a demenza, determinano una richiesta crescente di riabilitazione dei disturbi neuropsicologici spesso presenti in queste condizioni. Le potenzialit di recupero del paziente cerebroleso supportate da modificazioni plastiche del
sistema nervoso, ben documentate anche nella persona adulta stanno alla base di
ogni programma riabilitativo dei deficit cognitivi ed emotivo-motivazionali.
Le principali associazioni e societ scientifiche italiane interessate alla riabilitazione neuropsicologica hanno affrontato questi problemi promuovendo una
Consensus Conference per i disturbi neuropsicologici acquisiti delladulto, per discutere le evidenze empiriche sullefficacia della riabilitazione neuropsicologica e i
suoi metodi, i modelli organizzativi, le figure professionali coinvolte e i percorsi formativi universitari.
La scelta della procedura della Consensus Conference indica il riconoscimento
che un problema, cos complesso e significativo per la vita di molte persone, debba
essere affrontato con un approccio multidisciplinare, interprofessionale, sistematico, metodologicamente rigoroso e radicato nei progressi scientifici pi recenti. La
Consensus Conference ha, infatti, lo scopo di produrre raccomandazioni attraverso
un processo formale di accordo tra diverse figure rispetto a questioni sanitarie particolarmente controverse e complesse, favorendo la scelta di orientamenti il pi
possibile uniformi nella pratica clinica, nellottica di fornire ai pazienti la migliore
qualit di cura in rapporto alle risorse disponibili1. La Consensus Conference si
occupata dei deficit neuropsicologici della persona adulta, non prendendo in consi1 Candiani G, Colombo C, Daghini R, Magrini N, Mosconi P, Nonino F, Satolli R, Sistema
Nazionale delle Linee-Guida Manuale Metodologico Come organizzare una Conferenza di
Consenso, 2009-2013 (http://www.snlg-iss.it/cms/files/manuale_metodologico_consensus_0.pdf).

*Rom.Cantagallo_Rom.Cantagallo 02/11/11 13:47 Pagina vi

vi

Prefazione

derazione la riabilitazione dei disturbi neuropsicologici in et evolutiva e quelli


associati a malattie psichiatriche, caratterizzati da modelli di riferimento scientifici
e organizzativi in parte diversi.
La Consensus Conference stata avviata in occasione del Convegno
Lappropriatezza nella riabilitazione dei disordini neuropsicologici dopo danno
cerebrale acquisito nelladulto. Percorso verso la Consensus Conference (Ferrara,
9-10 novembre 2006), presieduto da uno dei curatori di questo volume (A.
Cantagallo) e da Paolo Nichelli. Successivamente, stata costituita la Consensus
Conference per la riabilitazione neuropsicologica della persona adulta2. Con il
coordinamento del Presidente, Elisabetta Ldavas, sono stati formati diversi gruppi
di lavoro, che hanno revisionato le evidenze scientifiche per la riabilitazione neuropsicologica e i modelli formativi e organizzativi; i gruppi hanno coinvolto circa
sessanta esperti di riabilitazione con formazione ed esperienze molto diversificate.
In particolare, allinterno dellarea tecnico-scientifica e di ricerca, gli esperti
hanno proceduto alla revisione delle evidenze scientifiche utilizzando il modello proposto dal gruppo SPREAD, messo a punto dal Centre for Evidence-Based Medicine di
Oxford3. Lo SPREAD si basa su una procedura avanzata di evidence-based medicine,
che tiene in considerazione metodologie diffuse internazionalmente, considerando
come gold standard il trial clinico randomizzato (Randomized Clinical Trial, RCT) e,
come livello pi elevato di evidenza, la meta-analisi. La scelta della metodologia
SPREAD, solida e affidabile, presenta tuttavia delle limitazioni se applicata al caso
della ricerca in riabilitazione neuropsicologica. Per esempio, la cecit delloperatore e
del paziente non possibile nei trattamenti comportamentali, come sono tipicamente
quelli neuropsicologici; i risultati ottenuti dallo studio di casi singoli sono spesso rilevanti sul piano teorico e di studio-pilota, ma poco generalizzabili (si veda il Capitolo
Metodologia di Paolucci e De Luca di questo volume).
Il lavoro dei gruppi si focalizzato sulle domande critiche identificate dal
Comitato Scientifico promotore della Consensus e, attraverso lanalisi della letteratura scientifica sulla riabilitazione neuropsicologica, ha portato alla stesura di
revisioni sistematiche secondo gli standard della evidence-based medicine. Questi
documenti tecnici, assai dettagliati, rappresentano una base essenziale per determinare quali raccomandazioni formulare rispetto alla valutazione e alla riabilitazione
neuropsicologica dei disturbi del comportamento e dei deficit cognitivi ed emotivomotivazionali (a carico di processi quali lattenzione e le funzioni esecutive, la pro2 Consensus Conference: Presidente E. Ldavas (Bologna); Segreteria scientifica: A. Cantagallo
(Ferrara), S. Paolucci (Roma), P. Zoccolotti (Roma), A. Basso (Milano), M.G. Inzaghi (Como);
Comitato scientifico: Associazione Italiana di Psicologia-AIP (C. Umilt, G. Vallar, C. Caselli),
Gruppo Interprofessionale di Riabilitazione in Neuropsicologia-GIRN (A. Cantagallo, M.
Mancuso, A. Vestri), Societ Italiana di Neurologia-SIN (C. Caltagirone, R. Sterzi, S. Cappa),
Societ Italiana di Neuropsicologia-SINP (L. Pizzamiglio, A. Basso, E. Ldavas), Societ Italiana
di Medicina Fisica e Riabilitativa SIMFeR (P. Boldrini, P. Fiore, F. Zaro), Societ Italiana di
Riabilitazione Neurologica-SIRN (A. Giustini, S. Paolucci, P. Nichelli), Societ degli Psicologi
nellArea della Neuropsicologia-SPAN (M.G. Inzaghi, M. Sozzi, N. Beschin), A. Salvia (Roma).
3 http://www.cebm.net/; per considerazioni generali su questo approccio si veda anche
http://www.spread.it/?q=node/795

*Rom.Cantagallo_Rom.Cantagallo 02/11/11 13:47 Pagina vii

Prefazione

vii

grammazione del movimento, il linguaggio, la memoria, la cognizione spaziale, le


abilit numeriche) in persone affette da esiti di malattie cerebrovascolari, trauma
cranico lieve e moderato, grave cerebrolesione, demenze, sclerosi multipla, tumori
cerebrali e altre malattie neurologiche causa di disabilit neuropsicologica.
Nellanalisi delle evidenze si prestata attenzione sia a misure di outcome, per
valutare il livello di menomazione causato dal disturbo, sia a misure di tipo funzionale del livello di capacit del paziente di svolgere atti di varia complessit, quali
le scale di attivit nella vita quotidiana. Infine stato verificato, qualora il dato
fosse disponibile, se i risultati ottenuti fossero mantenuti a un follow-up a distanza
di almeno 6 mesi dalla fine del trattamento. Oltre agli aspetti tecnico-scientifici sullevidenza di efficacia dei possibili interventi, la Consensus Conference ha affrontato anche le implicazioni sociali della disabilit secondaria a disturbi neuropsicologici, gli aspetti organizzativi e normativi e i percorsi formativi universitari per gli
operatori coinvolti nella riabilitazione neuropsicologica.
I documenti prodotti dai gruppi di lavoro sono stati infine illustrati e discussi in
un convegno svoltosi a Siena il 19-20 Febbraio 2010 (Consensus Conference per
la riabilitazione neuropsicologica della persona adulta), organizzato localmente da
Antonio Federico e Mauro Mancuso. La Giuria, presieduta da Giovanni Berlucchi,
era composta da esperti nazionali e internazionali di riabilitazione e di neuroscienze, da rappresentanti degli operatori coinvolti nella riabilitazione neuropsicologica (quali logopedisti, fisioterapisti, terapisti occupazionali), da persone direttamente interessate al tema (stakeholders, componenti delle associazioni dei pazienti e dei familiari) e da rappresentanti delle istituzioni sanitarie nazionali e regionali4. Le conclusioni della Giuria (riportate in Appendice 1 in fondo al presente volume) costituiscono un documento di riferimento importante per tutti gli operatori
che lavorano nellambito della riabilitazione neuropsicologica in Italia. I risultati
ottenuti dalla Consensus Conference sono stati successivamente presentati il 20 settembre 2011 presso lIstituto Superiore di Sanit a Roma, in una breve conferenza.
I materiali preparatori della Consensus Conference hanno gi dato lo spunto ad
alcune pubblicazioni in riviste internazionali e italiane: un numero speciale dellEurop
J Phys Rehabil Med (2011, 47) curato da Elisabetta Ldavas, Stefano Paolucci e Carlo
Umilt; alcuni articoli (Cantagallo A, Maini M, Rumiati RI, The cognitive rehabilitation of limb apraxia. Neuropsychol Rehab, in corso di stampa; Cattelani R, Zettin M,
Zoccolotti P, Rehabilitation treatments for adults with behavioral and psychosocial disorders following acquired brain injury: a systematic review. Neuropsychol Rev, 2010,
20:52-85; Zoccolotti P, Consensus Conference su La riabilitazione neuropsicologica
della persona adulta. Giornale Italiano di Psicologia, 2011, 38: 257-261).
Questo volume raccoglie saggi basati sui lavori di revisione della letteratura preparati per la Consensus Conference, opportunamente aggiornati e adattati al formato di un volume collettaneo. I capitoli, redatti da esperti che hanno partecipato alla
Consensus, trattano: (a) lepidemiologia dei vari deficit cognitivi ed emotivo-moti4 Giuria: G. Berlucchi (Presidente), F. Boller, A. Caramazza, G. Denes, E. Di Nallo, P. Fogar, G.
Leonardi, L. Magnaghi, T. Rossetto, A. Bortone, G. Miceli, L. Provinciali, M. Romeri, M.L.
Sacchetti, N. Smania, P. Spadin, S. Toniolo, O. Zanetti.

*Rom.Cantagallo_Rom.Cantagallo 02/11/11 13:47 Pagina viii

viii

Prefazione

vazionali causati da malattie neurologiche; (b) i metodi di trattamento riabilitativo


neuropsicologico e la loro efficacia; (c) il ruolo delle diverse competenze che, oggi
in Italia, concorrono a formare il team riabilitativo; e (d) la formazione universitaria degli operatori coinvolti. Il volume diretto a tutti gli operatori che, a vario titolo, sono coinvolti nella riabilitazione neuropsicologica, lavorando nel team che la
svolge (in particolare: medici neurologi, fisiatri e geriatri; psicologi, specialisti in
neuropsicologia; logopedisti, fisioterapisti, terapisti occupazionali).
Lesigenza di trattamenti riabilitativi neuropsicologici in forte espansione.
nostra speranza che questo volume contribuisca ad accrescere la consapevolezza
dellimportanza che questi interventi siano fondati su verifiche solide e rigorose sul
piano metodologico, come quelle sviluppate nellambito della evidence-based
medicine. Questo approccio consente di valutare in modo attendibile lefficacia dei
trattamenti neuropsicologici, favorendo cos cure pi efficaci e omogenee nel territorio nazionale e ottimizzando lutilizzazione delle risorse limitate del nostro sistema sanitario.
ottobre 2011

Giuseppe Vallar
Anna Cantagallo
Stefano F. Cappa
Pierluigi Zoccolotti

*Rom.Cantagallo_Rom.Cantagallo 02/11/11 13:47 Pagina IX

Indice

Elenco degli Autori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IX


0
01 Metodologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Stefano Paolucci, Maria De Luca
02 Epidemiologia dei deficit neuropsicologici acquisiti delladulto . . . . 17
Stefano Paolucci
03 Riabilitazione neuropsicologica dei disturbi dellattenzione
e delle funzioni esecutive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
Luigi Trojano, Maria De Luca, Cecilia Guariglia, Patrizia Ianes,
Pierluigi Zoccolotti
04 Riabilitazione delleminattenzione spaziale unilaterale o neglect . . . 35
Elisabetta Ldavas, Andrea Serino, Gabriella Bottini,
Nicoletta Beschin, Luisa Magnotti
05 Disturbi della memoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
Federica Piras, Erika Borella, Chiara Incoccia,
Giovanni Augusto Carlesimo
06 Riabilitazione dei disturbi del linguaggio e del calcolo: afasie,
alessie, agrafie, acalculia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
Anna Basso, Silvia Cattaneo, Antonio Miozzo, Luciana Modena,
Alessia Monti
07 Aprassia degli arti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
Manuela Maini, Anna Cantagallo, Raffaella Ida Rumiati
08 Rieducazione dellaprassia dellarticolazione (apraxia of speech) . . 161
Claudio Luzzatti
ix

*Rom.Cantagallo_Rom.Cantagallo 02/11/11 13:47 Pagina X

Indice

09 Riabilitazione neuropsicologica della persona con trauma


cranio-encefalico lieve o moderato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
Anna Cantagallo, Franca Stablum, Anna Di Santantonio, Alec Vestri,
Roland Keim, Giuseppe Mancini
10 I postumi della grave cerebrolesione: stato vegetativo e stato
di minima coscienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197
Maria Grazia Inzaghi, Matteo Sozzi, Francesco Lombardi,
Jessica Conforti
11 Riabilitazione neuropsicologica in pazienti con menomazione
cognitivo-comportamentale conseguente a grave cerebrolesione
acquisita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
Mauro Mancuso, Paolo Boldrini
12 I postumi della grave cerebrolesione acquisita: esiti
comportamentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221
Raffaella Cattelani, Marina Zettin, Pierluigi Zoccolotti
13 Sclerosi multipla . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 233
Ugo Nocentini, Roberto Sterzi, Sarah Di Vincenzo, Monica Falautano,
Monica Grobberio, Laura Mendozzi
14 Malattia di Alzheimer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
Stefano F. Cappa, Elisabetta Farina, Giuseppe Foderaro
15 La neuropsicologia in Italia. Percorsi di formazione universitaria
e post-universitaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 255
Giuseppe Vallar, Carlo A. Umilt, Pierluigi Zoccolotti
16 Aspetti normativi sullattivit di riabilitazione in Italia . . . . . . . . . . . 265
Antonino Salvia, Anna Cantagallo, Alec Vestri, Maria Grazia Inzaghi,
Stefano Paolucci
Appendice 1
Documento finale della Giuria. Consensus Conference
per la Riabilitazione Neuropsicologica della persona adulta . . . . . . . 289
Indice analitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 297

*Rom.Cantagallo_Rom.Cantagallo 02/11/11 13:47 Pagina XI

Elenco degli Autori

Anna Basso Dipartimento di Scienze Neurologiche, Universit degli Studi


di Milano, Milano
Nicoletta Beschin Servizio di Neuropsicologia Clinica e Riabilitazione
Cognitiva, Dipartimento di Riabilitazione, Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate,
Gallarate, Varese
Paolo Boldrini Dipartimento di Medicina Riabilitativa, Azienda ULSS 9, Treviso
Erika Borella Dipartimento di Psicologia Generale, Universit degli Studi
di Padova, Padova
Gabriella Bottini Dipartimento di Psicologia, Universit degli Studi di Pavia,
Pavia
Anna Cantagallo Fisiatra e Neurologo, Docente a Contratto presso le Universit
degli Studi di Ferrara e Padova, Presidente del Gruppo Interprofessionale
di Riabilitazione in Neuropsicologia (GIRN)
Stefano F. Cappa Universit VitaSalutee Divisione di Neuroscienze, Istituto
Scientifico San Raffaele, Milano
Giovanni Augusto Carlesimo Clinica Neurologica, Universit degli Studi
di Roma Tor Vergata, Roma
Silvia Cattaneo Logopedista libera professionista, Milano
Raffaella Cattelani Dipartimento di Neuroscienze, Facolt di Medicina
e Chirurgia, Universit degli Studi di Parma, Parma

xi

*Rom.Cantagallo_Rom.Cantagallo 02/11/11 13:47 Pagina XII

xii

Elenco degli Autori

Jessica Conforti Centro Cardinal Ferrari Santo Stefano, Riabilitazione Ospedale


S. Sebastiano, Correggio, Reggio Emilia
Maria De Luca Servizio di Neuropsicologia, Fondazione Santa Lucia IRCCS
Unit di Neuropsicologia, Roma
Anna Di Santantonio Centro Studi e Ricerche in Neuroscienze Cognitive,
Cesena
Sarah Di Vincenzo Fondazione Santa Lucia IRCCS, Roma
Monica Falautano Dipartimento Neurologico, Fondazione San Raffaele
del Monte Tabor IRCCS Milano
Elisabetta Farina IRCCS Santa Maria Nascente, Neurologia Riabilitativa,
Servizio per la Diagnosi e la Riabilitazione dei Disturbi Cognitivi Acquisiti,
Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus, Milano
Giuseppe Foderaro Ambulatorio di Neuropsicologia Clinica al Parco, Lugano,
Svizzera; Servizio di Neuropsicologia Centro di Riabilitazione Extraospedaliera
Paolo VI, Casalnoceto, Alessandria
Monica Grobberio Dipartimento Neuroscienze, Azienda Ospedaliera Ospedale
SantAnna, Como
Cecilia Guariglia Fondazione Santa Lucia IRCCS, Roma;
Dipartimento di Psicologia Sapienza Universit di Roma, Roma
Patrizia Ianes Centro di Ricerca in Riabilitazione Neuromotoria e Cognitiva,
Universit di Verona, Verona
Chiara Incoccia Servizio di Neuropsicologia, Fondazione Santa Lucia IRCCS,
Roma
Maria Grazia Inzaghi Ospedale Moriggia-Pelascini, Gravedona, Como;
Casa di Cura Quarenghi, S. Pellegrino, Bergamo
Roland Keim Azienda Sanitaria dellAlto Adige, Comprensorio Sanitario
di Bressanone, Servizio Psicologico Bressanone, Bolzano
Elisabetta Ldavas Dipartimento di Psicologia e Centro Studi e Ricerche
in Neuroscienze Cognitive, Universit degli Studi di Bologna, Bologna

*Rom.Cantagallo_Rom.Cantagallo 02/11/11 13:47 Pagina XIII

Elenco degli Autori

xiii

Francesco Lombardi Dipartimento di Riabilitazione, USL di Reggio Emilia


Riabilitazione Intensiva Neurologica, Ospedale S. Sebastiano Correggio, Reggio
Emilia
Claudio Luzzatti Dipartimento di Psicologia, Universit degli Studi
di MilanoBicocca, Milano
Luisa Magnotti Servizio di Neuropsicologia, Fondazione Santa Lucia IRCCS,
Roma
Manuela Maini Modulo di Neuropsicologia Riabilitativa UMR Dipartimento
di Neuroscienze/Riabilitazione, Ospedale e Universit degli Studi di Ferrara,
Ferrara
Giuseppe Mancini Dipartimento di Riabilitazione, Servizio di Logopedia ASL
RMG Presidio Ospedaliero Tivoli, Roma
Mauro Mancuso Riabilitazione Neurologica, Azienda USL 9, Grosseto,
P.O. Misericordia, Grosseto
Laura Mendozzi Unit di Degenza Neurologia Sclerosi Multipla IRCCS
S. Maria Nascente, Fondazione don Carlo Gnocchi, Milano
Antonio Miozzo Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche, Laboratorio
di Neuropsicologia, Universit degli Studi di Brescia, Brescia
Luciana Modena Azienda Ospedaliero-Universitaria S. Orsola Malpighi,
Bologna
Alessia Monti Centro Interdipartimentale Mente e Cervello (CIMeC), Centro
di Riabilitazione Neurocognitiva (CeRiN), Universit degli Studi di Trento,
Trento
Ugo Nocentini Dipartimento di Neuroscienze Cattedra di Neurologia, U.O.
di Neurologia e Riabilitazione Neurologica, Universit degli Studi di Roma
Tor Vergata, Roma; Fondazione Santa Lucia IRCCS, Roma
Stefano Paolucci Fondazione Santa Lucia IRCCS, Roma
Federica Piras Institute of Medical Psychology and Behavioral Neurobiology,
Eberhard-Karls-University Tbingen, Germania; Fondazione Santa Lucia
IRCCS, Roma

*Rom.Cantagallo_Rom.Cantagallo 02/11/11 13:47 Pagina XIV

xiv

Elenco degli Autori

Raffaella Ida Rumiati Cognitive Neuroscience Sector, Scuola Internazionale


Superiore di Studi Avanzati, Trieste
Antonino Salvia Fondazione Santa Lucia IRCCS, Roma
Andrea Serino Dipartimento di Psicologia e Centro Studi e Ricerche
in Neuroscienze Cognitive, Universit degli Studi di Bologna, Bologna
Matteo Sozzi Dipartimento Scienze Neuroriabilitative Servizio di
Neuropsicologia Clinica, Casa di Cura Privata del Policlinico, Milano
Franca Stablum Dipartimento di Psicologia Generale, Universit degli Studi
di Padova, Padova
Roberto Sterzi Dipartimento Neuroscienze SC Neurologia Stroke Unit, AO
Niguarda, Milano
Luigi Trojano Dipartimento di Psicologia, Seconda Universit degli Studi di
Napoli, Caserta
Carlo A. Umilt Dipartimento di Psicologia Generale, Universit degli Studi
di Padova, Padova
Giuseppe Vallar Dipartimento di Psicologia, Universit degli Studi
di MilanoBicocca, Milano; Laboratorio di Neuropsicologia, IRCCS Istituto
Auxologico Italiano, Milano
Alec Vestri IRCCS E. Medea Associazione La Nostra Famiglia, Unit per la
Riabilitazione delle Turbe Neuropsicologiche Acquisite, Pieve di Soligo, Treviso
Marina Zettin Centro Puzzle, Torino
Pierluigi Zoccolotti Fondazione Santa Lucia IRCCS, Roma; Dipartimento
di Psicologia Sapienza Universit di Roma, Roma