Sei sulla pagina 1di 1
COMPRO E VENDO: oro argento orologi monete Laboratorio orafo con vendita a prezzi di fabbrica
COMPRO E VENDO: oro argento orologi monete
Laboratorio orafo con vendita a prezzi di fabbrica
PAGAMENTO IMMEDIATO IN CONTANTI
Via G. Ferraris 27 - Santhià - Tel. 0161 921134 (Centro commerciale Coop)

LUNEDÌ 11 APRILE 2016

NotiziaOggi Vercelli

SanthiàSanthià

31

POLITICA Lex primo cittadino: «Il paese sta peggio di prima. Colpa di chi ci governa»

SANTHIÀ (rbv) Botta e risposta a distanza tra i due contendenti alla carica di primo cittadino a San- thià. Dopo le precisazioni del sindaco Angelo Cappuccio sulla Sviluppo Srl, il consigliere di mi- noranza Gilberto Canova attacca queste esternazioni: «Dopo cin- que ani di questa amministra- zione Santhià sta peggio di prima. La città peggio tenuta, triste e mal gestita degli ultimi 40 anni: niente investimenti, niente sviluppo, niente crescita, niente lavoro, niente occupazione. Noi abbiamo portato 20milioni di euro di opere pubbliche e loro?Cinque anni di vita e il ritornello è sempre quello e la storiella continua: nascon- dono i propri fallimenti politici- amministrativi dietro a costi din- vestimento e passivi societari del- la Servizi pubblici srl iventati e gonfiati a dismisura che loro con terminologia volutamente scan- dalistica chiamano debiti. Una maggioranza che attacca la mi- noranza non sembra un mondo politico alla rovescia?La mia è

«Santhiàèdiventatatristissima»

CanovarispondeaCappuccio

«Santhiàèdiventatatristissima» CanovarispondeaCappuccio Gilberto Canova stata una politica di crescita, di sviluppo

Gilberto Canova

stata una politica di crescita, di sviluppo e di ricchezza, occu- pazione e investimento. Questo infatti era lobiettivo del Pip (pia-

no insediamenti produttivi) in- serito nel mio programma elet-

torale che ora viene criticato, ma

in realtà non si ricorda che al

tempo era unanime lopinione

volta allimmediata progettazione

di un ampliamento tanto che il

progetto di unarea logistica a

prolungamento del Pip Moleto entra a far parte del lavoro del Pti (piano territoriale integrato) del Vercellese che prevedeva un am- pliamento di un milioni di metri quadrati. Molti criticano questa decisione di fare unurbanizza- zione totale dellarea, ma una suddivisione in più lotti avrebbe

di fatto reso impossibile lotte-

nimento di economie e sinergie nella realizzazione delle opere. Parliamo ora della Servizi pubblici locali, ovvero dei nostri anziani e dei nostri bambini. Era davvero necessario cedere i servizi sociali

di Santhià? La cessione della far- macia, casa di riposo e asilo nido alla cooperativa per i prossimi 15

ann non può quindi che essere vista come un notevole danno arrecato ai nostri cittadini. Le rette

della casa di riposo sono arrivate a costare 1650 euro penalizzando fortemente gli ospiti e le loro famiglie. La scelta politico-am- ministrativa di privatizzare questi servizi non può essere condivisa e liquidare tutto con lo sbilancio non è credibile. Cè forse ben altro. Una zona grigia. Ma questa verrà a galla e posso assicurare che il caso è tuttaltro che chiuso.

Per chiarezza il Bilancio del Co- mune di Santhià è di circa 8 milioni lanno e lavanzo di am- ministrazione da me lasciato è di circa 500mila euro Altro che de- ficit come si intende far crede- re».

euro Altro che de- ficit come si intende far crede- re». Luigi Bondonno, Sindaco di Alice

Luigi Bondonno, Sindaco di Alice

ALICE CASTELLO

Il Sindaco interviene sul progetto che riguarda la regione Valchiesa

Bondonno: «Contrari a tutte le discariche»

ALICE CASTELLO (rbv) Il sindaco di Alice Castello interviene sul progetto per la nuova discarica in regione Valchiesa, tematica che negli ultimi mesi è stata oggetto di numerose discussioni. «Il progetto presentato il 10 dicembre 2015 - spiega Luigi Bondonno - si riferisce ad una di- scarica per rifiuti non pericolosi. Lautorizzazione eventualmente vie- ne rilasciata dalla Provincia sentiti i pareri di tutti gli enti coinvolti du- rante le conferenze dei servizi. Il pri- mo di questi incontri è cominciato il 3 febbraio scorso ed ha visto presenti

i vari enti pubblici coinvolti e la ditta proponente. Questultima, dopo al- cune ore di confronto, ha chiesto una sospensione, accordata, per fornire ulteriore documentazione e quindi il dibattito non è stato dichiarato con- cluso. A questo punto è stato stabilito di rincontrarsi 20 giorni dopo la pub- blicazione dei verbali della seduta, ma nonostante il tempo sia trascor- so, ad oggi non ho notizia di una data certa. Da quel giorno sono trascorsi 2 mesi ed io nel frattempo ho con- tinuato a leggere ed ascoltare pareri tecnici riferiti al progetto, mi sono

confrontato con Giunta e consiglieri di maggioranza, della cui fiducia va- do particolarmente orgoglioso, ve- nendo a formulare un indirizzo da tenere di qui in poi, indipenden- temente da come proseguirà il di- battito: In ragione della massima e legittima cautela (principio di pre- cauzione) Il Comune di Alice Ca- stello esprime parere negativo in merito al progetto». Una decisione aspettata da molti, soprattutto dai Comuni limitrofi che stanno avvian- do una serie di iniziative per con- trastare il proliferare di discariche.

BORGO DALE

Al Comprensivo

La formazione entra a scuola

BORGO D'ALE (rbv) LIstituto Compren- sivo di Cigliano (che include le scuole di Borgo dAle e Alice Castello) ha par- tecipato ad un seminario di formazio- ne/informazione sui modelli certificativi delle competenze presso lItis Fac- cio a Vercelli. Per gli studenti che con- cludono i cicli del primo grado quinto anno della scuola primaria e terzo della secondaria di primo grado alla tradi- zionale pagella, si aggiungerà presto una scheda che descrive la padronanza dei

saperi acquisiti, la capacità di usarli per affrontare compiti e problemi, complessi

e nuovi, reali e simulati. Non più (solo)

laccumulo di conoscenze, ma il modo in cui vengono messe in relazione fra di loro e con il mondo che ci circondasi legge nella Circolare del Miur, che con-

tiene le indicazioni per l’”adozione spe- rimentale dei nuovi modelli nazionali di certificazione delle competenze. Un complesso insieme di caratteristiche che

i docenti sono chiamati a osservare nel

tempo, misurare e esplicitare in una scheda che verrà consegnata alle fa- miglie a fine del ciclo di studi, insieme alla pagella. Fornirà un profilo più det- tagliato dello studente, ne documenterà il percorso compiuto e il processo di crescita individuale. Le competenze cui la certificazione fa riferimento sono quelle considerate chiave per lappren- dimento permanente e individuate dalla Raccomandazione del Parlamento eu- ropeo. (Le Indicazioni nazionali del 2012 introducono il concetto di certificazione delle competenze, ma le caratteristiche della certificazione si definiscono solo con la Circolare Ministeriale n. 3 del 13 febbraio 2015, in particolare con le Linee guida che laccompagnano). Durante il Seminario Territoriale le istituzioni sco- lastiche delle province di Biella e Vercelli che hanno intrapreso un percorso di ricerca-sperimentazione per il curriculo secondo le Indicazioni Nazionali 2012, hanno avuto un momento di discus- sione e confronto.

LA SUA MAGLIA A MARCO BEDON

«Grazie Mustacchio» La Pro regala magie

SANTHIÀ (rbv) Grande gioia per il santhiatese Marco Bedon che la scorsa settimana, al fine di una par- tita della Pro Vercelli, si è visto av- vicinarsi a lui il calciatore Mattia Mustacchio per porgli come regalo la sua maglia. «Oggi a fine partita mi è stata fatta una bellissima sorpresa. Mattia mi ha regalato la sua maglia- spiega il santhiatese- e per questo motivo vorrei ringraziarlo pubblica- mente». Marco, da anni costretto a vivere in carrozzina, è un grande tifoso della Pro Vercelli e la società ha voluto ringraziarlo in questo modo. Il giovane tempo addietro aveva fatto un suo appello per evitare fuochi daritificio sotto le festività di ca- podanno in quanto da anni deve lottare contro la fobia dei botti. Se per molti Capodanno rappresenta una festa, per Marco invece è una vera e propria tragedia. Di qui era partita la richiesta a una festa fatta sì di di- vertimento, ma anche di rispetto per chi i botti non li ama. Fortunata- mente nel corso degli anni il suo appello è stato asclotato e Marco ha potuto vivere Capodanni "tranquil- li".

mente nel corso degli anni il suo appello è stato asclotato e Marco ha potuto vivere

I bimbi scrivono il libro Successo a Moncrivello

MONCRIVELLO (rbv) Un libro scrittodai bimbi delle me- taerne: è questo il progetto sviluppato nella scuola

dellInfanzia di Moncrivello che ha avuto lobiettivo di far scrivere ai piccoli un vero e proprio libro. Il progetto ha permesso ai piccoli scrittori

di avvicinarsi al modello della

struttura grazie alla realizza- zione di un cartellone su cui si disegnavano le regolarità delle fiabe, indipendentemente dal-

le vicende narrate. Pian piano

i bambini hanno compreso il

meccanismo e si sono abituati

a cercare gli ingredientidel-

la struttura sotto le diverse avventure, narrazioni, a rico- noscere le caratteristiche del testo che si ripetono. La storia prodotta collettivamente e scritta dallinsegnante è stata suddivisa in sequenze e rap- presentata graficamente dai bambini. In occasioni succes-

sive, i bambini sono stati in- vitati ad abbinare le frasi scrit- te sotto alle immagini pro- dotte da loro individualmente, poi assemblate in modo da

creare un libro. Sono stati poi

invitati a scrivere spontanea- mente, come sono capaci" i

nomi dei personaggi.

mente, “ come sono capaci" i nomi dei personaggi. I bimbi della scuola d ’ infanzia

I bimbi della scuola dinfanzia di Moncrivello protagonisti del progetto «Scrivi un libro»

SANTHIÀ (rbv) Giovedì scorso il presidente del Rotary Club San- thià-Crescentino Livio Autino, ha presentato il service più impor- tante del suo anno. Facendo suo il tema presidenziale Siate dono nel mondodel Presidente del Ro- tary International Ravindran il Club ha sviluppato il progetto di aiutare la scuola professionale Estrela do Mar di Inhassoro-Mo- zambico. Il Club con la collabo- razione dell' IPSIA di Vercelli, rap- presentata da Michele Lepora, ha individuato le necessità per dotare quella scuola professionale di un nuovo settore di insegnamento: la manutenzione di motori elettrici e trasformatori. Fino ad ora per po- ter riparare materiale elettrico, bi- sognava mandare il materiale in Sud Africa e con tempi di attesa dell´ordine dei mesi. Il Club ha quindi fornito il macchinario e la strumentazioni indispensabili a riparazioni in loco e un impor- tante kit di fili di rame di diversi

SANTHIÀ

Sviluppato il progetto per aiutare una scuola professionale in Mozambico

Il Rotary Club e il «service» del cuore

diametri, capicorda e ogni altro possibile materiale di consumo in modo da rendere possibile una riparazione in loco a tempo zero. La Scuola di don Pio Bono, mis- sionario di Cigliano a capo della struttura di Inhassoro ha la ca- ratteristica di avere aule per la for- mazione professionale degli al- lievi e di avere laboratori didattici dove gli stessi allievi , solitamente al pomeriggio, svolgono attività´ lavorativavera e propria, al ser- vizio della comunità locale. Al progetto, del valore di 9,000 Euro circa, hanno partecipato anche la Fondazione Rotary del Distretto Rotary 2031 ed i Rotary Club Ver- celli, Vercelli Sant´Andrea, Gatti- nara, Viverone Lago l´Inner Wheel Santhià-Crescentino.

nara, Viverone Lago l´Inner Wheel Santhià-Crescentino. La serata del Rotary Club Santhià - Crescentino per la

La serata del Rotary Club Santhià - Crescentino per la scuola in Mozambico