Sei sulla pagina 1di 4

POLITECNICO DI TORINO

Corso di Geotecnica
Docente: prof. R. Lancellotta

Esercitazione N. 5

Resistenza al taglio: criterio di rottura,


determinazione sperimentale dei parametri di resistenza,
verifiche di sicurezza

Riferimenti: Capitolo 5 del libro di testo (paragrafi 5.1, 5.3.1, 5.3.2, 5.4, 5.5, 5.7, 5.9, 5.11)
Esercizio1

I dati riportati in tabella sono stati ottenuti da una prova di taglio diretto eseguita su un

campione di sabbia. Si chiede di diagrammare landamento del rapporto / '

e della

variazione di altezza del provino y in funzione dello spostamento orizzontale x e di ricavare,


da tali diagrammi, il valore di picco dellangolo di resistenza al taglio, il valore dellangolo di
stato critico e dellangolo di dilatanza. Si determini inoltre il valore del volume specifico nel
corso della prova.

Esercizio 2
Descrivere brevemente il criterio di rottura di Coulomb.
Utilizzando i dati delle prove triassiali riportati in tabella 1, determinare linviluppo di rottura
sul piano degli invarianti ( p ' , q ) e i relativi parametri di resistenza al taglio.
Ricavare il cerchio di Mohr corrispondente a ciascuna coppia ( p ' , q ) e tracciare linviluppo di
rottura sul piano di Mohr ( ' , ).

Tabella 1. Risultati di prove triassiali drenate CID.


prova

p 'f (kPa)

q f (kPa)

1
2
3
4
5
6

150
200
256
285
400
600

146
195
250
280
390
588

Esercizio 3

La tabella 2 riporta i dati di una prova triassiale CIU (consolidata isotropicamente, non
drenata). Sapendo che la fase di rottura stata eseguita incrementando la tensione assiale,
si chiede di tracciare il percorso delle sollecitazioni totali e efficaci.
Determinare il valore della sovrappressione interstiziale allistante di rottura.
Chiarire come debba essere interpretata la prova per ottenere la resistenza non drenata e
indicare, sulla scorta del risultato ottenuto, se si tratta di unargilla tenera o di unargilla
consistente, fornendo eventualmente una stima del grado di sovraconsolidazione.
(Nota: per questo ultimo punto fare riferimento alle figure 5.42 e 5.44 del libro di testo).

Tabella 1. Risultati della prova triassiale CIU.


Incrementi di carico

p 'f (kPa)

q f (kPa)

1
2
3
4
5
6
7

600
592
567
525
467
392
300

0
50
100
150
200
250
300

Esercizio 4

(a) Con riferimento al portale soggetto al carico verticale P, si chiede di determinare


lespressione del coefficiente di sicurezza allo scorrimento sul piano di posa del plinto
di fondazione. Supponendo di caratterizzare linterfaccia plinto-terreno con un

coefficiente di attrito = tan = tan 0.9 cv' = 0.5 , si chiede di descrivere graficamente
e analiticamente landamento del coefficiente di sicurezza al variare del rapporto l / h .
(b) Con riferimento al portale soggetto alla forza orizzontale F, determinare il peso del
plinto di fondazione in modo da avere un coefficiente di sicurezza pari a 1.5 nei
confronti del sollevamento. Stabilire per quale valore dellinterasse tra i pilastri tale
peso pu considerarsi sufficiente a garantire un adeguato margine di sicurezza nei
riguardi dello scorrimento sul piano di posa, assumendo sempre = 0.5 .