Sei sulla pagina 1di 1

74

CRISTINA VALLIMI

assolutamente la pretesa di proporsi come modello per la


produzione di qualunque testo, o come aspetto di una teoria
della costituzione del testo del CLG.
La prima parte del nostro schema rende ragione del
processo di costituzione dei testi-fonte: sottolineiamo
l'interesse che una rilettura delle note manoscritte e della
produzione scientifica di Saussure potrebbe avere nella
prospettiva della ricostruzione della formazione del Progetto
saussuriano (Pi). Altrettanto utile potrebbe essere un
confronto dei testi dei diversi quaderni di appunti dello stesso
corso l'uno con l'altro o, nel caso in cui ci sia possibile, con
gli appunti autografi saussurian delle corrispondenti lezioni.
Questa operazione potrebbe fornire interessanti spunti per lo
studio di varianti diasistematiche di uno stesso archetipo
oralmente prodotto. Occasione di riflessione potrebbe essere
data anche dalla lettura in questa prospettiva della collation
operata da Sechehaye sui materiali relativi al terzo corso, cui
Riedlinger non aveva partecipato l5: il testo della collation
rappresenterebbe infatti una preziosa testimonianza della fase
intermedia del lavoro dei cos detti Editori, nell'opera di
trasformazione del materiale frammentario degli appunti nel
discorso continuo del testo del CLG.
Per la ricostruzione del Progetto degli Editori (P2),
punto focale della seconda met del nostro schema, possiamo
operare, per cos dire, induttivamente, mediante un'analisi
dell'Edizione critica del CLG che renda ragione, punto per
punto, di tutta la manipolazione cui Bally e Sechehaye hanno
sottoposto i testi collazionati delle lezioni saussuriane. Le
esplicitazioni, le normalizzazioni termino-logiche, le
inserzioni ed inversioni, i completamenti, gli interventi
espliciti e dissimulati, si rivelerebbero, in questa luce,
altrettante operazioni finalizzate all'esecuzione di un Progetto
ben preciso ed in gran parte riconoscibile. Una ricerca di
questo tipo oggi resa possibile ed allettante
15

R. Godei sottolinea come la collation du cours III tmoigne-rait


a elle seiile de la part trs importante qui revient a Sechehaye dans
l'econome de l'ouvrage camme dans l'interpretation des notes
d'tudiants SM p. 97.
[10]