Sei sulla pagina 1di 4

DEFINIZIONE DI RESTAURO

Teoria e Storia del Restauro

Saggio e definizione di Restauro dopo la lettura di Walter Benjamin,Lopera darte nellepoca della
sua riproducibilit(2000) e la bilbiografia del corso Teoria e Storia del Restauro (a.a.2015/2016)

Per cominciare la lettura di Walter Benjamin (1892-1940) necessario comprendere il autore e il


suo contesto. Egli, filosofo, marxista e critico culturale dellepoca, scrive questo saggio nellanno 1936.
Spiega come con il passare del tempo lopera darte comincia a soffrire trasformazioni nella sua
riproducibilit e la sua essenza.

Walter Benjamin parla della perdida dellaura dellopera a causa della sua
riproducibilit tecnica. Egli comincia dicendo che lopera darte stata sempre
riproducibilie: dagli allievi che riproducevano le opere per imparare ai maestri per
insegnare. Racconta come stata trasformata la tecnica della riproduzione, dalla silografia
(in legno) alla litografia (in pietra), arrivando alla stampa, alla fotografia e finalmente al
film. Cominciare con questo fa aprire la mente per capire com stato trasformato locchio
deluomo nel percorso della storia.
Lautore fa menzione su lhic et nunc, questo punto ci pu aiutare a capire che
sebbene si faccia come loriginale, questopera non sar mai piu nello stesso contesto che
lopera che riprodotta o interventa, per questo si arriva alla concluzione che non ha senso
provare a fare una riproduzione altamente perfezionata perche cos si arriver a un falso
originale.
Benjamin introduce alla massa, come maniera di refferimento a la popolazione,
arrivata a causa dei cambiamenti che portano con s le nueve possibilit venute dalla
modernit e tutto ci implica; libert di pensiero, innovazione tecnologiche, organizzazione
della societ, arrivo alla citt, cio spazi ridotti e tempi accelrati, cos lumanit si trova
immersa in uno scenario di distrazioni dove lopera darte perde laura.

Anche si modifica la percezione sensoriale quando si perde limportanza delloggetto


per essere riprodotto dai media, tra le masse, quasi senza rispettare lopera, facendo che
questa perda il suo valore. ci che accade oggi, a causa della tecnologia, le opere perdono
un po' di mistero, sebbene non lo stesso guardare un video o una foto da testimoniare
proprio lo spazio di unopera rilevante d'architettura, si pu dire che la percezione
sensoriale completamente diversa da quella che era 20 anni fa.
Gli edifici accompagnano lumanit fin dalla sua preistoria (Benjamin 2000,45),
per questi motivi si deve fare attenzione a tutti gli interventi fatti su qualche opera darte,
sia pittura, sia architettura o scultura. Pensando sempre nel contesto, nel significato
dellopera, e come dice Viollet Le Duc, mettendosi nel pensiero dellarchitetto originale
restando sempre l'importanza della conoscenza del presente, tramite esperienze dirette.
Restauro, in architettura, vuol dire studiare e valutare lopera, cio conoscere
il valore sociale, culturale e storico di essa; custodire lopera di ulteriori danni, cio
salvaguardare quello esistente; mantenere e proteggere quello che essiste come
originale e se si trova qualche parte distrutta rifarla comera originariamente, per
sempre lasciando vedere le cicatrici della riparazione, cos non fare un falso antico;
ricostruire quello che manca essendo fedeli con le opere che sono patrimonio storico
dellumanit, e essendo rispettoso con quelle opere che non lo sono, fornendo un
nuovo uso.
In modo di assicurare la continuit della vita di tutte le opere giacch sono
queste cui racconteranno la storia con il percorso del tempo.

Dati autori e opera (I edizione)


Autore:
Titolo originale:
Titolo:
Editore:
Collana:
Edizioni:
Numero pagine:

Benjamin, Walter
Das Kunstwerk im Zeitalter seiner technischen Reproduzierbarkeit
L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilit tecnica
Giulio Einaudi editore s.p.a., (2000)
Piccola Biblioteca Einaudi
615 vol.
184 p.

Sceda di dettaglio / Cronolgia


Stesura:
Prima edizione original:
Traduzione al italiano:
Prefazione di:
Ristampe ed edizione
successive:

1935
1936
Filippini, Enrico
Cases, Cesare

Prima edizione italiana:

1966

Postfazione di:

Pullega, Paolo

1966, 1991, 2000

Descrizione (I edizione ed edizioni successive)


Tipologia:
Sottogenere:

Saggio
filosofia, estetica

Titolo capitoli o parti:

L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilit tecnica (15+Postilla)


Piccola storia della fotografia
Eduard Fuchs, il collezionista e lo storico
Che cos il teatro epico?
Commenti ad alcune liriche di Brecht

Temi trattati in ciascun


capitolo o parte:

Benjamin identifica l'aura con l'esperienza dello irripetibile. La riproduzione


tecnica uccide loriginalit. La perdita di originalit per l'esistenza di molteplici
riproduzioni fa dal'arte un oggetto il cui valore non pu essere dimensionato in
riferimento alla sua funzione nella tradizione.
2-Laura si perde nellepoca della riproducibilit tecnica.
Utilizza il termino massa, traizione, umanit. Il cinema come elemento sociale.
3-Percezione sensoriale: Aura: oggetti storici, oggetti naturali
4-Lunicit dellopera darte si identifica con la sua integrazione nel contesto
della tradizione. Una Venus nel suo contesto tradiozionale tra i greci funziona
come oggetto di colto, per tra i minaci medievali si vede come un oggetto
maledetto. Ogniuno vede la propria aura dellopera.
5-Ricezione di opere: valore culturale/valore espositivo
7-Come si riesce ad entrare il cinema come arte, il film come copia del mondo
esterno con le sue strade, le sue stazioni, ristoranti.
8-La apparecchiatura, il cinema, latore e come si immedesima il pubblico.
11-La ripresa cinematografica. Il teatro, il cinema, la pittura. Qual il rapporto
tra loperatore e il pittore.
12--La riproducibilit tecnica dellopera darte modifica il rapporto delle
masse con larte.
Il fatto appunto questo, che la pittura non in grado di proporre l'oggetto
alla ricezione collettiva simultanea, cosa che invece sempre riuscita
all'architettura, che riusciva un tempo all'epopea, che riesce oggi al film.
14-Arrivo del Dadaismo
15- Le masse cercano distrazioni, mentre larte esige il racolgimento.

Raccolta del riferimenti:

Walter Benjamin, Lopera darte nellepoca della sua riproducibilit tecnica,


Einaudi, Torino, 2000 (prima ed. 1936)
Walter Benjamin, La obra de arte en la poca de su reproductibilidad
tcnica, ITACA, 2003
B. P. Torsello, Che cos il restauro? Nove studiosi a confronto, Marsilio,
Venezia, 2005
Appunti delle lezioni di Teoria e Storia del Restauro a.a. 2015/2016

Potrebbero piacerti anche