Sei sulla pagina 1di 5
AlPattenzione del Sindaco Pasquale Aliberti del dott.ssa Anna Sorrentino del dottor Giovanni Santonicola del Servizio Avvocatura del Comune di Scafati Oggetto: interrogazione a risposta seritta Con la presente, avvalendomi delle facolta concesse dall'articolo 56 dello Statuto del Comune di Scafati, chiedo di essere orientato sul seguente argomento: wdottati dall’Ente. Premesso. che ['Edilizia residenziale pubblica (Erp) & un‘attivita diretta all'acquisizione, alla costruzione o al recupero di fabbricati da destinare ad abitazioni per le persone meno abbienti o per quelle che, dotate di un reddito fisso da lavoro dipendente, non potrebbero reperire un'abitazione ai prezzi di mereato, il tutto a totale carico 0 con il concorso 0 contributo dello Stato, della Regione, degli enti pubblici territoriali, delle Aziende tervitoriali per ledilizia residenziale pubblica (gia Istituti autonomi per le case popolari, IACP); che in Italia nel patrimonio residenziale pubblico gestito dalle Aziende Casa abitano poco ‘meno di 2 milioni di persone, in una concentrazione di situazioni di estrema fragilita sociale: 150 mila persone disabili; 500 mila anziani ultrasessantacinquenni; 124 mila immigrati extracomunitari. Un terzo delle famiglie dichiara redditi al di sotto di 10 mila euro I’anno, percentuale in costante crescita; che Istituto Autonomo Case Popolari (IACP) della Provincia di Salerno amministra un patrimonio edilizio di cirea 13.500 immobili dei quali circa 10.100 appartamenti_ a locazione, circa 3.200 alloggi alienati e ancora in gestione ¢ cirea 200 immobili ad uso diverso in locazione. I! 4% di tali immobili insistono sul territorio comunale di Scafati che [a grave crisi economica in corso genera continue tichieste per l'utiizzo di alloy pubblici di Edilizia Residenziale Pubblica, richieste che giungono anche da parte di nuove fasce di poverta, in aggiunta a quelle storicamente conclamate;, L, R. Campania 13/2000; la deliberazione del Consiglio comunale n. 47 del 12.10.2015, in particolare in relazione punto 2, lettera ¢; la nota prot. n, 7531 del 25.2.2016, di risposta-all’interrogazione proposta dal sottoseritto consigliere. in particolare nella parte in cui si dichiara che “/a delibera di G. M. 206 del 16.7.2015 prot, int. n. 32 del 24,7.2015 & stata trasmessa al Servizio Avvocatura affinché dia corso alla verifica del procedimento delle assegnazioni degli alloggi ¢ quanto altro previsto al punto uno del deliberato; ad oggi non & pervenuta alcun riscontro”; la nota prot. n.17752 del 4.5.2016 dell’Area “Servizi per il territorio” del Comune di Scafati, di risposta all’interrogazione proposta dal sottoscritto consigliere, in particolare nella parte in cui si dichiara che “com nota prot. int. n. 32 del 24.7.2015 8 stata trasmessa al Servizio Avvocatura la delibera di G.M. n° 206 del 16.7.2015 affinché si desse corso alla verifica del procedimento per Vassegnazione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica € quant aliro riportato al punti 1 del deliberato. Ad oggi tale nota non ha avuto ancora nessun riscontro”: Ja nota prot. n.17752 del 4.5.2016 dell’Area “Servizi per il territorio” del Comune di Scafati, di risposta all'interrogazione proposta dal sottoscritto consigliere. in particolare nella parte in eui si dichiara che “dal 2007 anno di pubblicazione della graduatoria definitiva di cui al bando approvato con delibera di G.M. n? 339/2002 sono stati assegnati solo 5 alloggi. In tutto se ne sono liberati 10. Per i restanti 5 sono in corso le procedure di rilascio sospese a seguito dell approvazione della delibera di G.M. 206 del 16/7/2013": la lettera g) del “~BANDO DI CONCORSO INTEGRATIVO PER L’ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA CHE. SARANNO COSTRUITI O SI RENDERANNO DISPONIBILI”, pubblicato all*Albo Pretorio del Comune di Scafati, il 27/06/2016, il quale sancisce che possono partecipare al Bando di Concorso Integrativo i cittadini che siano in possesso dei seguenti requisiti: lett, g “non essere oecupante senza titolo di un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica (art 26 comma 4 legge 8/08/77 n° 513)”;