Sei sulla pagina 1di 29

MATERIALE E COSTUMI PER

GRV
Guida Pratica alla Realizzazione
Amatoriale
Di Fabrizio Pedani, 2010

Come realizzare un'arma innocua ......................................................................................................................................................... 2


Armi in nastro telato (metodo base)................................................................................................................................................. 3
Bastone........................................................................................................................................................................................... 4
Lancia ............................................................................................................................................................................................. 5
Mazza ............................................................................................................................................................................................. 6
Martello ........................................................................................................................................................................................... 7
Mazzafrusto .................................................................................................................................................................................... 8
Ascia ............................................................................................................................................................................................... 9
Arma economica ........................................................................................................................................................................... 10
Arma in lattice (Metodo Base) ....................................................................................................................................................... 11
Come realizzare un'arma da tiro innocua ........................................................................................................................................... 12
Arco corto ..................................................................................................................................................................................... 12
Frecce ........................................................................................................................................................................................... 13
Come realizzare armature .................................................................................................................................................................... 14
Lorica squamata ........................................................................................................................................................................... 14
Usbergo o giaco di maglie ............................................................................................................................................................. 15
Camaglio....................................................................................................................................................................................... 16
Una semplice armatura ad anelli ................................................................................................................................................... 17
Lavorare con pelle e cuoio .................................................................................................................................................................. 18
Come realizzare scudi .......................................................................................................................................................................... 19
Scudo di cartone ........................................................................................................................................................................... 19
Scudo di legno .............................................................................................................................................................................. 20
Oggettistica e costumi ......................................................................................................................................................................... 21
Porta spada .................................................................................................................................................................................. 21
Borsa da cintura ............................................................................................................................................................................ 21
Fodero .......................................................................................................................................................................................... 22
Faretra .......................................................................................................................................................................................... 22
Cappuccio sfrangiato .................................................................................................................................................................... 22
Sacca ............................................................................................................................................................................................ 23
Cappa ........................................................................................................................................................................................... 23
Tunica ........................................................................................................................................................................................... 24
Maschere in Lattice .............................................................................................................................................................................. 25
Maschera integrale........................................................................................................................................................................ 25
Sicurezza del materiale di gioco .......................................................................................................................................................... 26
Norme di sicurezza per le armi ...................................................................................................................................................... 26
Per tutte le armi:............................................................................................................................................................................ 26
Per le armi da mischia: .................................................................................................................................................................. 26
Per le armi da lancio: .................................................................................................................................................................... 27
Per le armi da tiro: ......................................................................................................................................................................... 27
Per le armi fissate al braccio: ........................................................................................................................................................ 27
Per gli scudi: ................................................................................................................................................................................. 27
Norme di sicurezza per loggettistica: ............................................................................................................................................ 28
Riparare il materiale ...................................................................................................................................................................... 28
Controllo del materiale .................................................................................................................................................................. 28

Come realizzare un'arma innocua


Per la costruzione di una buona arma che rispetti le norme di sicurezza importantissima la selezione dei giusti materiali. Sconsigliamo
di utilizzarne di diversi da quelli consigliati perch il risultato potrebbe essere un'arma non adatta al gioco, troppo dura, troppo fragile o
comunque non consona ai requisiti di sicurezza del gioco.
In base alla nostra esperienza suggeriamo i seguenti materiali:
Materassino da ginnastica in gommapiuma: Si tratta del comune materassino di gomma che si usa nelle palestre per gli esercizi a terra o
per dormire in tenda. Consigliamo di acquistare il pi economico in commercio, quello monostrato di spessore pari a circa 8 mm,
arrotolato e senza pieghe gi sagomate, che risulta essere il migliore per la produzione di armi. La versione con pieghe gi sagomate non
pu essere usata, in quanto non se ne ricaverebbero ritagli utilizzabili abbastanza grandi. Il colore non importante, ma per le armi in
lattice suggeriamo colori scuri, possibilmente nero.
Colla a contatto universale a presa rapida: Deve essere adatta ad incollare gomma, gommapiuma, resine e plastica. Abbiamo riscontrato
ottimi risultati con il Bostik superchiaro in barattolo.
Canalina di PVC o stecca di vetroresina: La canalina di PVC pi indicata per la produzione di armi in nastro telato ed consigliabile un
diametro di 20 mm o 25 mm. La vetroresina invece maggiormente usata per le armi in lattice. Il diametro suggerito di 8-10 mm,
inferiore al quale l'arma oscillerebbe, mentre con un diametro maggiore risulterebbe troppo spessa e pesante.
Nastro adesivo isolante da elettricista: Pensiamo che il colore pi versatile in questo caso sia il nero.
Camera d'aria da bicicletta (bucata): Si utilizza per recuperare ritagli di gomma che servono in alcune fasi della lavorazione. Riteniamo
non abbia senso comprarne una nuova e sacrificarla, visto che sufficiente recarsi da un qualsiasi meccanico per biciclette e chiedere
quelle bucate che butta via. Le hanno con sorprendente frequenza.
Scampolo di tessuto: Non strettamente necessario, ma utile a rendere meno scivolosa l'impugnatura. Il colore rilevante in quanto
una parte dell'arma che rimane visibile.
Nastro bi-adesivo: Si tratta del nastro adesivo su entrambi i lati usato solitamente in tappezzeria.
Per le armi in nastro:
Nastro telato: Detto anche nastro americano o duct tape. Di solito si trova argentato ma alle volte disponibile anche in altri colori, il color
argentato da un buon aspetto "metallico" all'arma.
Per le armi in lattice:
Lattice liquido: Viene venduto solitamente in taniche da 5 litri, che sono sufficienti a costruire un elevato numero di armi, consigliamo
pertanto di acquistare le taniche in societ con altri costruttori. Evitare la pasta di lattice, altro prodotto in commercio, che non adatta.
Colori acrilici ad acqua da modellismo: Sono gli stessi utilizzati per i figurini di piombo ed in generale per il modellismo. Altri tipi di colore
potrebbero reagire chimicamente col lattice. Sono ottimi i colori Citadel o LifeColor.
Vernice impermeabilizzante: Si tratta di un prodotto protettivo per ottenere limpermeabilizzazione dei parquet.
Filo o spago colorato: Questo non essenziale eventualmente serve solo a decorare l'impugnatura dell'arma.
Gli strumenti di lavoro pi comuni:
Forbici di media grandezza: Sono lo strumento di lavoro principale, quasi ogni parte dell'arma frutto di "ritaglio".
Seghetto: Un normale seghetto a mano di piccole dimensioni adatto allo scopo, mentre un traforo potrebbe non essere abbastanza
resistente.
Spatola per spalmare la colla: Vanno benissimo anche un coltello di plastica o un ritaglio di cartoncino o di materassino.
Riga e pennarello: Un pennarello ad alcool si presta bene allo scopo,o un qualsiasi pennarello che sia in grado di scrivere sui materiali
che usate. La riga conveniente che sia improvvisata o di scarsissimo valore, perch potrebbe sporcarsi parecchio.
Pennello: Serve a spalmare il lattice e, probabilmente, a fine lavoro sar da buttare. Deve avere la punta a scalpello abbastanza larga, in
linea di massima un 2/3 della larghezza della lama dell'arma.
Vasetti: Sono buoni contenitori dove mettere il lattice per intingere il pennello e mescolare il colore. Va bene qualsiasi bicchierino di
plastica, ma in vasetti di vetro con il tappo che si avvita il lattice avanzato si conserva per qualche tempo.
Altro: Lavorazioni pi avanzate e fantasiose, come incisioni, trafori e rilievi, possono richiedere altri strumenti, ma saranno eventualmente
trattati a parte, per adesso ci concentreremo sul processo base.

Armi in nastro telato (metodo


(metod base)
Processo consigliato: Il processo che andiamo ad illustrare quello che abbiamo usato finora per le nostre armi, che ha sempre
semp dato
buon esito producendo armi perfettamente a norma, di bell'aspetto, resistenti e durature. Ovviamente non l'unico modo per farle, si
possono trovare molte varianti, tuttavia vi suggeriamo di attenervi a quanto illustrato a seguito, visto che tale metodo fr
frutto di
esperienza maturata su numerosi errori che hanno prodotto armi di bassa qualit.
Per prima cosa necessario
ssario avere un'idea di che cosa andiamo a costruire, ovvero di quale sar (ottimisticamente) l'aspetto dell'arma
finita. quindi consigliabile realizzare uno schizzo di come la si vuol fare. Spesso si tende a disegnare armi piuttosto barocche, tuttavia
meno
eno l'arma semplice meno sar possibile realizzarla e, in linea di massima, meno sar resistente l'arma finita. In particolare meglio
evitare troppe parti sporgenti, come punte secondarie sulla lama, uncini, artigli, guardie elaborate ecc., simili dettagli
dettagli tendono a logorarsi
in fretta e talvolta a strapparsi. Dopo di che necessario avere uno spazio di lavoro, magari un piano o un tavolo, sgombro e ricoperto di
carta di giornale e un sacchetto per i rifiuti poich ili processo di produzione genera una discreta quantit di scarti e richiede un certo
spazio.
Con in mano o in mente il disegno dell'arma finita la prima cosa da fare prendere la canalina
di PVC e segarne col seghetto un segmento di lunghezza tale che sia circa 6
6-7 cm pi corto
della lunghezza
lunghezza totale dell'arma. Ad esempio, se l'arma finita progettata per essere lunga
100 cm la canalina deve essere lunga 93 cm. Fatto ci schiacciate un'estremit del tubo e
ricopritela col nastro telato, in modo che l'aiuti a restare schiacciata e smussate bene gli
spigoli vivi della plastica. La canalina l'anima dell'arma ed il sostegno intorno a cui si basa
l'intera struttura.
Utilizzare la riga e il pennarello per disegnare tre volte la sagoma della lama sul materassino.
In una delle tre sagome deve essere ritagliato uno spazio rettangolare largo quanto il diametro
della canalina (la deve ospitare). necessario che dalla canalina al filo della spada ci siano
almeno 3 cm di materassino, quindi suggeriamo di calcolare la larghezza dell'arma in base a
questo. La lunghezza della lama rispetto alla canalina deve essere tale da lasciare
abbastanza spazio per l'elsa. Ad esempio, su 100 cm di arma la lama dovrebbe essere lunga
circa 75 cm. E' essenziale che tra la fine dello spazio rettangolare e la punta de
della sagoma ci
siano almeno 3
3-4
4 cm, perch, da norme di sicurezza, previsto che la punta dell'arma resti
flessibile.
Ritagliare dalla camera d'aria tre pezzi di gomma come A, B e C della figura, le dimensioni
degli stessi devono essere "adatte" alla punta dell'arma, ovvero: i pezzi B e C devono essere
abbastanza lunghi da arrivare a 1 cm circa dalla punta dell'arma e coprire la canalina di PVC
per almeno 3 cm ed abbastanza larghi da coprire fino a circa 1,51,5-2 cm da entrambi i lati
dell'arma, mentre ilil pezzo A deve essere fatto in modo che si incolli, nella posizione mostrata
in figura, all'interno della sagoma di lama a cui stata tagliata la parte interna.

Incollare il pezzo A alla sagoma, dopo di che incollare la sagoma alla canalina e infine
incollare i pezzi B e C sulle facce della sagoma, in modo che coprano sia la sagoma che la
canalina. importante far bene questa parte perch da essa dipende la resistenza e la qualit
dell'arma. Ricordiamo che la colla va spalmata prima su entrambe le ssuperfici e va lasciata
asciugare sopra. Sembra che si secchi, ma non cos ed l'unico modo perch si incolli e
tenga.

Incollare adesso le restanti due sagome alla prima, ricordando il corretto uso della colla. Fatto
ci necessario ritagliare un ulteriore
ulteriore pezzo di materassino con il quale realizzare il pomo
della spada, il modo pi semplice usare una striscia di materassino e arrotolarla intorno alla
canalina, tappando poi il buco con un ritaglio circolare di materassino, altrimenti necessario
replicare
eplicare un processo simile a quello fatto per la punta, con tre sagome e la struttura di
gomma a sostenerli. Il pomo dell'arma deve sporgere per almeno 3 cm dalla canalina in modo
da imbottirla, se cos non l'arma non rispetta le norme di sicurezza. A q
questo punto si pu
decidere di aggiungere particolari per abbellirla, come una guardia con una forma
accattivante, o rientranze nella lama, purch non riducano troppo la distanza tra il filo e la
canalina, che deve rimanere di almeno 3 cm per lato. Le estremit
estremit della guardia devono
essere flessibili per rispettare le norme di sicurezza.
Adesso resta solo da ricoprire tutta l'arma di nastro telato. Non bene esagerare con gli strati,
solo uno possibilmente, perch altrimenti l'arma risulta troppo dura e pesante. Fa eccezione
l'impugnatura, nello spazio tra la guardia e il pomo si pu infatti abbondare con il nastro, in
quanto questo controbilancia il peso della lama e ne rende pi agevole luso. La si pu poi
abbellire decorandola con il nastro isolante nero. Abbiamo cos realizzato un'arma resistente,
a norma di sicurezza e gradevole d'aspetto, che non stona col costume

Bastone

Materiale aggiuntivo: Potrebbero


otrebbero far comodo dei fogli di carta e il nastro telato potrebbe essere
pi indicato di colore marrone
marrone o nero. La camera d'aria non utilizzata. Anzich una canalina di
PVC ne occorrono tre, di diametro rispettivamente 15, 20 e 25 mm, le tre dimensioni pi
comunemente reperibili
Infilare la canalina 3 nella 2 e la 2 nella 1. Le tre canaline potrebbero
potrebbero non incastrarsi e
continuare a ballare una dentro l'altra e non va bene. Per farle meglio aderire avvolgervi sopra i
fogli di carta fermandoli alla canalina interna col nastro bi-adesivo,
bi adesivo, quattro o cinque fogli
equidistanti sulla sono sufficienti. Fare attenzione a non esagerare con lo spessore di tali
rincalzi, altrimenti la canalina potrebbe bloccarsi a met mentre la si infila e non sbloccarsi
nemmeno cercando di estrarla. Tappare poi magari gli estremi con del nastro telato.

Avvolgere l'intera
l'in
canalina in un primo strato di materassino, ricordando deve sporgere dalla
canalina per entrambi gli estremi di almeno 3 cm.

Segnare i punti del bastone dove si terranno le mani in combattimento lasciando un po di


spazio sopra e sotto la presa di entrambe. Non necessario essere parchi, 30
30-40 cm
complessivi per mani vanno bene, avvolgere il resto del bastone con un secondo strato di
materassino.

Segnare 40-50
40 50 cm da ciascun estremo del bastone, che sono la parte del bastone usata per
colpire,
re, ed avvolgerla con un terzo strato di materassino.

Realizzare la copertura in nastro telato, cercando di smussare un poco gli scalini tra i singoli
strati, e decorare.

Lancia

Materiale aggiuntivo: Non occorre alcuna aggiunta al materiale gi


gi illustrato, salvo che
anzich una canalina di PVC ne occorrono tre, una di diametro 25 mm, una 20 mm, una 15
mm, le tre dimensioni pi comunemente in commercio.
Infilare la canalina 3 nella 2 e la 2 nella 1. Le tre canaline potrebbero non incastrarsi e
continuare a ballare una dentro l'altra e non va bene. Per farle meglio aderire avvolgervi
sopra i fogli di carta fermandoli alla canalina interna col nastro bi-adesivo,
bi adesivo, quattro o cinque
fogli equidistanti sulla sono sufficienti. Fare attenzione a non esagerare
esagerare con lo spessore di
tali rincalzi, altrimenti la canalina potrebbe bloccarsi a met mentre la si infila e non
sbloccarsi nemmeno cercando di estrarla. Tappare poi magari gli estremi con del nastro
telato.
Avvolgere la canalina in uno strato di materassino, che sporga dal fondo della lancia di
almeno 3 cm e lasci scoperta la parteche deve supportare la punta della lancia, 20
20-25 cm
dovrebbero andare bene.

Ritagliare cinque sagome della punta dal materassino e realizzare lo spazio per la can
canalina
in una delle cinque.

Realizzare il supporto in gomma per la punta ed incollare


ncollare poi le sagome alla canalina.
Occorrono cinque sagome, anzich le consuete tre, perch la lancia, essendo usata di
punta, riceve sollecitazioni pi forti alla struttura
struttura e deve essere pi solida. Inoltre una
superficie di impatto pi larga pi sicura e ammortizzata per chi riceve il colpo. Ritagliare
poi un rettangolo di materassino e avvolgerlo al fondo della lancia, in modo tale che sia, in
parte, sopra il PVC interno
interno allo strato, ed, in parte, sopra la parte di materassino che sporge,
questo rinforzer il fondo dell'arma che altrimenti si logora in fretta.
Eseguire la copertura in nastro e la decorazione.

Mazza

Materiale aggiuntivo: Occorre un ulteriore foglio


o di materiale per imbottire l'arma, poich la
testa della mazza risulterebbe troppo dura se fosse fatta solo di strati di materassino
materassino, che
pu essere gommapiuma, oppure un filtro per cappa aspirante.
Avvolgere uno strato di materassino in modo che sporga dal fondo della mazza di almeno 3
cm e lasciare scoperta la parte che deve supportare la testa, 30-35
cm,
35 cm dovrebbero andare
bene.

Avvolgere lo spazio per la testa della mazza con due strati di materassino.

Avvolgere la testa con uno strato di


d gommapiuma (o filtro).

Aggiungere un'ulteriore strato di materassino alla testa e sul fondo


ondo della mazza, a cavallo
del bordo della canaletta.
canaletta

Coprire il tutto con il nastro telato e decorate con il nastro isolante.

Martello

Materiale aggiuntivo:
aggi
Occorre un ulteriore foglio di materiale per imbottire l'arma, poich la
testa del martello risulterebbe troppo dura se fosse fatta solo di strati di materassino,
materassino che pu
essere gommapiuma, oppure un filtro per cappa aspirante.
Avvolgere la
l canalina con uno strato di materassino che sporga dal fondo di almeno 3 cm e
che lasci scoperta la parte che deve supportare la testa del martello. 30-35 cm dovrebbero
andare bene.

Ritagliare gli otto rettangoli come in figura. I due pi grandi devono es


essere meno larghi di
quanto non sar la testa del martello completa, di circa 3-4
3 4 cm per lato e meno alti dello
spazio libero sulla canalina di 3 cm circa. I rettangoli pi piccoli devono avere una dimensione
tale da coprire la distanza tra la canalina e la fine dei pi grandi ciascun lato.

Incollare i vari ritagli come in figura.

Coprire lultimo tratto della canaletta in modo che limbottitura sporga per almeno 3 cm,
rinforzare poi il fondo con uno strato di materassino a cavallo del fondo del PV
PVC.

Ritagliare i quattro rettangoli di materassino in figura con una dimensione adeguata a rivestire
i quattro lati del martello e incollarle anchessi all'arma.

Coprire larma col nastro telato e decorarla.


decorarla

Mazzafrusto

Materiale aggiuntivo: Sono necessari una catena di plastica di esattamente tre anelli, due
blocchi di gommapiuma ed un robusto spago.
Avvolgere la canalina in uno strato di materassino che sporga dal fondo della mazza di
almeno 3 cm, e lasciare scoperta la parte che deve sostenere la catena, 3 cm dovrebbero
andare bene.

Praticare un foro da parte a parte sulla parte scoperta della canalina, non eccessivamente
largo, sufficiente che permetta allo spago di passarvi alcune volte. Utilizzare lo spago per
legare saldamente un capo della catena allasta.

Utilizzare due rettangoli di materassino, uno per rinforzare il pomo, ed uno per coprire in parte
(circa un terzo) il primo anello della catena insieme al PVC.

Realizzare un rettangolo di materassino, largo 3-4 cm e lungo circa 6 cm ed incollarci intorno


una fascetta di gomma della camera daria. Utilizzare poi lo spago per fissarlo alla catena.
Suggeriamo di non stringere troppo e pu essere necessario usare la colla per un fissaggio
migliore. Lo spago deve essere abbastanza lungo da permettere di posizionare il rettangolo
circa al centro della testa dellarma.

Realizzare due blocchi di gommapiuma con le dimensioni e la sagoma desiderata e incollarle


lun laltra, posizionando al centro il rettangolo di materassino legato alla catena. Lultimo
anello deve essere in parte inglobato nella testa (circa un terzo).

Eseguire la copertura e decorare.

Ascia

Materiale aggiuntivo: Oltre al materiale gi illustrato necessario un ulteriore foglio di


materiale per
p rinforzare la struttura dell'arma. Riteniamo che delle strisce di camera d'aria
possano assolvere allo scopo, anche un ritaglio di tessuto della forma della testa dell'arma ci
sembra una buona soluzione. In passato abbiamo avuto successo impiegando dell
delle
tovagliette da colazione di panno, che tuttavia appesantivano un po l'arma.
Avvolgere la canalina in uno strato di materassino che sporga dal fondo della mazza di
almeno 3 cm e lasci scoperta la parte che deve supportare la testa dellascia, 30
30-35 cm
dovrebbero andare bene.

Ritagliare cinque sagome della testa dell'arma come in figura. Lo strato pi interno deve
essere suddiviso in due sagome pi piccole per poter ospitare nel mezzo la canalina. Le due
sagome di colore marrone sono realizzate in
in un materiale di rinforzo e devono essere pi
piccole delle altre di almeno 1 cm in ogni direzione perch l'arma risulti imbottita solo da
materassino nelle parti esterne. Le altre tre sagome sono in materassino.

Incollare le sagome al resto dell'arma.


dell'arma. La sagoma divisa in due centrale e va incollata ai lati
della canalina, le due sagome di rinforzo sono incollate ai lati di questa e le ultime due
sagome di materassino racchiudono il tutto.

Rinforzare
inforzare il fondo dellarma e coprire la cima ricordandosi
ricordandosi di far sporgere il materassino per
almeno 3cm, inoltre delimitare limpugnatura con un anello di materassino pu rendere pi
agevole luso dellarma.

Eseguire la copertura in nastro telato e decorare.

Arma economica

Questo particolare tipo di spada larma che richiede la minore quantit possibile di materiale
e di conseguenza ha i costi pi contenuti, pur mantenendo tutte le caratteristiche necessarie
di sicurezza e robustezza. Il processo di produzione inoltre estremamente rapido e semplice
ed particolarmente indicato per realizzare un grande numero di armi in tempi brevi
minimizzando le spese.
Tagliare lanima (canalina di PVC o stecca di vetroresina) a misura, utilizzando il seghetto.
Ritagliare un rettangolo di materassino, lungo circa 6 cm pi dellanima e largo circa 8 cm, pi
il diametro dellanima. Ritagliare un ulteriore rettangolo, largo 3-4 cm e lungo circa 1 cm pi
della larghezza del rettangolo precedente. Ritagliarne un terzo largo 2-3 cm e lungo circa 1
cm pi della circonferenza dellanima. Ritagliare infine come in figura un pezzo di camera
daria, larga almeno un paio di cm pi del diametro dellanima e lunga circa 5 cm.
Incollare la camera daria centralmente sul materassino, con la punta distante circa 1 cm dal
bordo. Spalmare tutta la canalina e tutta la superficie del rettangolo (ovviamente solo un lato)
di colla, ricordando si aspettare che si asciughi, e chiudere il foglio a libro, facendo
combaciare esattamente i bordi.

Ritagliare le parti eccedenti di materassino, ottenendo la sagoma dellarma, ricordandosi di


lasciare imbottitura sufficiente al pomo ed alla punta.

Realizzare il pomo e la guardia incollando gli altri due rettangoli.

Coprire il tutto con il nastro telato, decorate poi con il nastro isolante e l'arma pronta.

10

Arma in lattice
(Metodo Base)

La realizzazione di unarma in lattice pi lunga, difficile ed onerosa rispetto alle armi in


nastro, ed essa risulta meno resistente e maggiormente logorabile, tuttavia possibile
prolungare
prolun
la sua vita osservando delle semplici regole di buon uso:
Moderare sempre la forza del colpo. Questa ovviamente una norma di
comportamento che un buon giocatore dovrebbe osservare comunque.
Evitare di colpire superfici rigide, abrasive o taglienti.
Conservare sempre larma in una posizione tale da evitare che le sue parti flessibili,
punta inclusa, permangano in posizione piegata.
Non esporre prolungatamente al sole o a forti fonti di calore.
Non lasciare oggetti appoggiati sopra a lungo.
Non conservare due armi in lattice a contatto reciproco.
Ungere periodicamente con un lucidante spray
Con in mano o in mente il disegno dell'arma finita,
finita la prima cosa da fare prendere l'asta di
vetroresina e segarne col seghetto un segmento di lunghezza tale cche sia circa 6-7 cm pi
corto del
della lunghezza totale dell'arma. Ad esempio,
sempio, se l'arma finita previsto che sia lunga
100 cm la canalina deve essere 93 cm). Occorre poi smussarne le estremit con la carta
vetrata, fino a renderle semisferiche. Fatto ci tagliare un segmento di PVC lungo quanto si
vuol far lunga l'impugnatura dell'arma ed un rettangolo di materassino
rassino della stessa lunghezza.
Incollare il rettangolo di materassino alla vetroresina allaltezza dellimpugnatura, e strozzarne
le estremit ed alcuni
alcu punti al centro con il nastro isolante.
Realizza le tre sagome, di cui una con la scanalatura per ospitare il tondino di vetroresina,
mantenendo uno spessore di almeno 3 cm dalla punta e dal filo. Rispetto ad un arma in nastro
telato possibile realizzare
re
dettagli molto pi elaborati.

Realizzare il rinforzo per la punta con la gomma della camera daria, mantenendo almeno un
centimetro di distanza in ogni direzione dal bordo del materassino.

Incollare adesso le restanti due sagome alla prima,


prim il pomo che sporga, come richiesto, di
almeno tre centimetri dalla stecca, e realizzare gli elementi decorativi.

Occorre adesso preparare il lattice,, che allo stato liquido di colore bianco opaco, ma diventa
trasparente asciugandosi, e quindi nec
necessita
essita dellaggiunta di vernice acrilica per assumere il
colore desiderato.
desiderato Si versa il lattice in un recipiente, possibilmente tappabile ermeticamente,
per conservare lavanzo, e lo si mescola alla vernice, finch lamalgama non omogenea,
che, sebbene m
mantenga un colore biancastro, una volta asciugata avr il colore della vernice
usata.
Larma deve essere poi letteralmente verniciata con il lattice in ogni sua parte, tranne
limpugnatura, fino ad ottenere un buono spessore di copertura. Si inizia con strati incolore,
che fanno mi
miglior presa sul materassino, in non meno di quattro strati per ottenere una
superficie omogenea e liscia che copra le asperit del materiale.. In seguito si applicano
ulteriori strati di lattice con laggiunta del colore,
colore perfezionando
ndo la colorazione con
ombreggiature. Per dare il lattice si pu usare un pennello,
pennello ma deve essere rapidamente
sciacquato dopo ogni applicazione per limitarne lusura. Coprire poi tutta la superficie del
lattice con uno strato di vernice impermeabilizzante,
impermeabilizzante, per togliere la consistenza appiccicosa e
proteggerlo dagli strappi. Per completare laspetto estetico rivestire
ire l'impugnatura con pelle o
stoffa, magari cucendola vistosamente.

Come realizzare un'arma da tiro innocua


Materiali e strumenti di lavoro:
Listello di legno: Occorre un legno elastico e resistente, i listelli di ramino, larghezza 20 mm, spessore 5 mm, hanno dato buoni risultati.
Colla: Deve essere adatta ad incollare sia la gomma che la gommapiuma, che le resine, che la plastica, noi suggeriamo il Bostik
superchiaro in barattolo.
Tondini di legno: La scelta del ramino adatta, il diametro dovrebbe essere sempre intorno ai 5 - 6 mm
Materassino da ginnastica in gommapiuma: Si tratta del materassino gi illustrato in precedenza.
Tubo da acquagym: Sono dei tubi di gomma usati nellesercizio dellaquagym.
Piume per freccia: Sono piume specifiche per realizzare le frecce per il tiro con larco sportivo.
Cuoio: Deve essere solido ma non troppo spesso.
Nastro adesivo isolante da elettricista: Pensiamo che il colore pi versatile in questo caso sia il nero.
Nastro telato: Detto anche nastro americano o duct tape.
Nastro bi-adesivo: Si tratta del nastro adesivo su entrambi i lati usato solitamente in tappezzeria.
Forbici di media grandezza: Occorrono per tagliare le corde e il nastro adesivo.
Seghetto: Un normale seghetto a mano di piccole dimensioni va bene.
Lima: particolarmente indicata una lima a sezione ellittica o circolare.
Le armi da tiro del G.R.V., per loro natura, consentono un minor controllo dei colpi rispetto alle armi da mischia, lattenzione alla sicurezza
pertanto quanto mai importante. Invitiamo quindi a non apportare modifiche ai processi produttivi illustrati, ed a collaudare ogni arma e
freccia in condizioni di sicurezza.

Arco corto

Materiale necessario: Un listello di legno ramino larghezza 20 mm, spessore 5 mm, lunghezza
120 cm, un gomitolo di spago, materassino da ginnastica, nastro colorato, nastro bi-adesivo.
Prendere il listello di ramino e tagliarlo a met con il seghetto. Sovrapporre quindi le due parti
in modo che i 2/3 di entrambe risultino sovrapposti.

Avvolgere molto saldamente lo spago intorno alle due met, coprendo l'intera parte
sovrapposta.

Realizzare due coppie di tacche agli estremi dell'arco con la lima e preparare con lo spago
una corda con due cappi di opportuna lunghezza.

Coprire le estremit dell'arco avvolgendoci intorno del materassino e ricoprendolo di nastro


telato. Infilare poi la corda e l'arco pronto.

12

Frecce

Materia necessario: Un tondino di legno ramino, diametro 6 mm, un tubo da aquagym, tre
piume per freccia, un foglio di cuoio.
Segare il tondino alla giusta lunghezza e incidere con il seghetto unestremit per ricavarne la
cocca. Ritagliare due cilindri dal tubo da aquagym, uno lungo circa tre volte laltro, un cilindro
di gommapiuma lungo quanto il pi piccolo degli altri due e un cerchio di cuoio del diametro
dei cilindri.

Incollare le piume allasta in modo che la piuma rossa sia perpendicolare alla cocca e le
piume azzurre quasi parallele. Praticare un foro nel cilindro pi lungo fino a circa 2/3 della
lunghezza.

Incollare i cilindri e il cerchio come in figura e lasta della freccia allinterno del foro. Scavare la
parte anteriore al cerchio di cuoio in modo da renderlo conico e ricoprire la parte in tubo da
aquagym con lattice nero o nastro da elettricista.

13

Come realizzare armature


A differenza delle armi, le armature del G.R.V. sono di solito armature autentiche, realizzate in cuoio o metallo, ispirate a modelli storici
od alla creativit individuale. La scelta di materiali autentici non compromette la sicurezza del gioco, al contrario, essendo larmatura una
struttura difensiva, il loro protegge il giocatore ulteriormente dai colpi gi innocui delle armi.
Materiali e strumenti di lavoro:
Anellini in ferro: Gli anellini sono reperibili di solito negli ingrossi che trattano forniture per le pelletterie. Devono essere gi aperti in un
punto, se fossero chiusi, infatti, aprirli sarebbe un processo troppo oneroso in termini di tempo. La misura che consigliamo. diametro
10mm, spessore 1,5 mm, tale da ottenere una maglia abbastanza fitta e di bell'effetto, senza esagerare col peso. Chi volesse
unarmatura pi leggera o investirci meno tempo potrebbe optare per anelli pi grandi, ma larmatura avrebbe uno spiacevole effetto a
rete da pesca.
Pinze da elettrotecnica: Devono essere a punta fine ma molto solide.
Scaglie di metallo: Sono delle lamelle di metallo a forma di foglia perforate ad un estremit
Rivetti: I rivetti sono una sorta di piccole borchie da pelletteria caratterizzate da un perno cavo. Possono essere composti da due parti ad
incastro o da un pezzo singolo. In entrambi i casi, per essere fissati ad un taglio di pelle o cuoio, necessitano di essere schiacciati in
modo tale che il perno si dilati e si arricci su se stesso, incastrandosi saldamente al foro nella pelle.
Rivettatrice: Si tratta di una semplice macchina che schiaccia i rivetti in maniera rapida e precisa, con ottimi e solidi risultati.
Anelli da tenda di ferro: Si possono reperire facilmente in mesticheria o in ferramenta. Sono dei grossi anelli di ferro, solidi e spessi, di
vari diametri.
Fascette per cablaggio: Sono delle strisce di plastica dentate, con un gancio ad un estremit, allinterno del quale possibile far passare
la striscia, che vi si incastra e non pi possibile estrarla.
Tagli di pelle o cuoio: Pi sono spessi, pi il risultato realistico e prestigioso, i tagli migliori di solito si trovano nei negozi di sellai
piuttosto che in pelletteria.
Fustella a mano: un piccolo e utile strumento, usato solitamente per aggiungere buchi alle cinture, simile ad una pinza salvo che
dotato di una serie di punte cave, applicabili ad unestremit del morso, che servono a praticare fori nella pelle o nel cuoio.

Lorica squamata

Una validissima alternativa allusbergo di maglia sicuramente larmatura a scaglie o lorica


squamata. Per realizzarla occorrono delle foglie di metallo perforate ad un estremit. Queste
purtroppo sono di non facile reperimento. Occorrono inoltre anelli di metallo come quelli visti in
precedenza, in uguale numero rispetto alle foglie di metallo.
Realizzare una copertura di scaglie: Lo schema molto semplice, sufficiente affiancare
due scaglie e sovrapporre ad essere una terza, in modo che giaccia al centro delle due
affiancate. Fatto questo necessario unire tra di loro le scaglie con due anelli. Ciascun anello
unir sempre solo due scaglie. In particolare unisce una scaglia di una fila ad una scaglia
della fila sottostante, come si vede in figura. Una volta a regime la struttura si presenta come
una serie di file di scaglie sovrapposte, ciascuna sfasata di mezza scaglia rispetto alla
precedente e ciascuna scaglia sorretta da due anelli. Suggeriamo di realizzare larmatura in
singoli pezzi, separando la parte anteriore del corpetto dalla posteriore, dagli spallacci e da
eventuali maniche o simili e di giuntare tra di loro le parti sfruttando il pattern di anelli
dellarmatura di maglie.

14

Usbergo o giaco di
maglie

necessario quantificare bene il numero di anellini che occorrono. Non una cosa semplice,
in quanto, in base alla stazza di una persona, ovviamente, varia il numero di anelli occorrenti.
Diciamo che per un maschio di media corporatura
corporatura e altezza le cifre (riferite alla misura
consigliata) sono pi o meno queste:
Solo torace fino allinguine e copertura spalle:
Torace fino all'inguine e manica corta (gomito):
Torace fino all'inguine e manica lunga (Polso):
Tunica a mezzo stinco e manica corta:
Tunica a mezzo stinco e manica lunga:

10.000
12.000
14.00
14.000
18.000 - 20.000
22.000 - 24.000

Prima di scegliere un modello suggeriremmo di tenere presente che 10.000 anelli di ferro della
dimensione consigliata pesano circa 8 Kg.
Aprire
prire gli anelli: Si pu fare in due modi: allargando l'anello dall'interno o piegando
lateralmente le due estremit
t intorno all'apertura. Noi preferiamo il secondo metodo perch
indebolisce meno l'anello e le due estremit si ricongiungono meglio. Si pu ottenere questo
semplicemente prendendo l'anello con le pinze e ruotando il polso reggendo l'anello con l'altra
mano.

Lo schema "quattro in uno: Questo lo schema che si ripete sull'intera struttura


dell'armatura (salvo giunture particolari). Il lavoro
lavoro inizia aprendo il primo anello (non sar
necessario aprire tutti gli anelli, ma all'incirca met come vedremo in seguito) e infilandone
dentro quattro chiusi. Poi si distende la struttura come in figura. Si noti bene la struttura che si
ottenuta, con gli anelli inclinati secondo due versi opposti.

Proseguire lo schema: Si procede aggiungendo tre anelli per volta (uno aperto e due chiusi)
verso destra (o sinistra). Si apre un anello e si fa passare per i due anelli pi a destra, poi si
infilano nell'anello
nell'anello aperto altri due chiusi e si chiude l'anello. I nuovi anelli inseriti dovranno
essere messi in modo che replichino lo schema precedente. Finita la prima fila si attacca la
seconda, infilando un anello aperto nei due anelli pi in basso dei cinque iniziali e infilando
altri due anelli chiusi nell'anello aperto e chiudendolo. Ancora i nuovi anelli inseriti dovranno
essere messi in modo che replichino lo schema precedente. A questo punto si procede "a
regime", ovvero si apre un anello e si infila nei tre anelli chiusi che formano uno "scalino" nella
struttura. Si infila poi un'ulteriore anello chiuso in basso a destra come in figura nell'anello
aperto che poi si chiude.
Il pattern del giaco: Reiterando il processo sopra alcune migliaia di volte si deve ottenere
come prima cosa una "fratina" come quella in figura, misurata in base alle proprie spalle. Non
un caso se l'abbiamo disegnata per quel verso, in quanto si mantiene coerente alla
direzione con cui sono stati disegnati gli anellini dell'illustrazione
dell'illustrazione precedente. importante
osservare che la struttura quattro in uno ha un preciso verso, se proviamo a ruotare di
novanta gradi tale struttura noteremo che il disegno differente. In particolare esiste un verso
"verticale" ed uno "orizzontale". Nell'illustrazione precedente abbiamo disegnato il verso
verticale da sinistra verso destra e coerentemente l'armatura di questa illustrazione posta
con la direzione verticale da sinistra verso destra.
Chiudere il giaco: Una volta raggiunta una lunghezza
ghezza sufficiente in entrambi i lati della
fratina, questa va chiusa aggiungendo anelli a destra e a sinistra di uno dei due lati. Noterete
che, arrivati al momento di congiungere le parti aggiunte ad un lato all'altro, lo schema quattro
in uno si manterr,
manterr, rendendo estremamente semplice congiungere i due lati reiterando ancora
lo schema di sempre. Sia i buchi per le maniche che quello per la testa a questo punto
appariranno quadrati, piuttosto che circolari, come in figura, in quanto mancano ancora delle
piccole aggiunte. Nei due angoli inferiori dei buchi per le maniche e nei quattro angoli di quello
per il collo dovrete aggiungere degli anelli, che, a differenza di quanto fatto finora ottenendo
sempre rettangoli di anelli, come vedrete, dovranno avere uno
uno schema diverso, scalando
sempre di un anello ciascuna fila dal basso verso l'alto, ottenendo cos una struttura stavolta a
triangolo. Cos facendo avrete i buchi abbastanza circolari.
Aggiungere le maniche: Come prima cosa le maniche vanno fatte a p
parte. Dopo aver fatto il
corpetto dell'armatura avrete tutta l'esperienza necessaria per farle essendo le maniche due
semplici tubi. Ci sono per due accortezze da seguire. Per prima cosa dovrete aggiungere
degli anellini rispetto al tubo, nella parte che congiungendo la manica al corpetto rester sotto
l'ascella. Tale aggiunta serve per garantire una certa elasticit alla manica quando alzate il
braccio sopra la testa. In secondo luogo probabilmente non sar possibile rispettare sempre lo
schema quattro in
in uno nella giuntura tra la manica e il corpetto, quindi dovrete cercare di
rispettarlo finch possibile e trovare dei buoni compromessi nelle parti che dovrete unire
senza rispettare lo schema canonico. Spero
pero che vi risulter consolante sapere che farla
molto pi semplice e immediato di quanto non sembri leggendo la spiegazione.

Camaglio

Il camaglio un tipico elmo abbinato alle armature di maglie, si tratta di una specie di
cappuccio di anelli di ferro che fascia completamente la testa ed il collo e ricade
ampiamente sulle spalle e sul petto. In realt non una buona protezione per il cranio, non
essendo in grado di assorbire un impatto, mentre protegge eccellentemente il collo.
Storicamente veniva indossato sotto ad una cervelliera rigida di ferro, la combinazione dei
due elmi forniva unottima protezione.
Occorrono gli anellini di ferro, le pinze da elettricista ed un anello di ferro un po pi grande
degli altri. Con la misura consigliata suggeriamo diametro 15 mm, spessore 1,5 mm.
La base del camaglio: A differenza di un usbergo il camaglio si sviluppa su una base
circolare, retta alla sua sommit da un anello pi grande degli altri, dalla quale partono
cerchi concentrici di anelli intrecciati.

Iniziare uno schema circolare:: Il primo passo da fare iniziare a costruire la calotta del
camaglio partendo dal suo centro, il quale, come gi detto, lanello pi grande, al quale
necessario agganciare il primo cerchio di anelli. Semplicemente aprite lanello centrale e
infilateci 10 anelli. importante che siano esattamente 10.

La tecnica del raddoppio: Comincia adesso la fase pi complessa del lavoro. Il numero di
anelli per cerchio deve progressivamente aumentare, per permettere alla calotta di allargarsi
verso lesterno. Questo effetto pu essere ottenuto in molti modi, in questa sede
suggeriamo per il metodo del raddoppio, che si ottiene aggiungendo un quinto anello allo
schema quattro in uno. Tale anello dovr essere agganciato allanello centrale e soltanto a
quello. Una volta completato un cerchio di anelli, realizzato in questo modo, noterete che il
numero di anelli di tale cerchio esattamente il doppio del cerchio che lo precede (e a cui si
aggancia). Eseguiamo subito un raddoppio sul secondo cerchio di anelli; otterremo cos un
oggetto costituito dallanello centrale a cui collegato un cerchio di 10 anelli, a cui a sua
volta collegato un cerchio di 20 anelli. Il cerchio successivo di anelli non dovr essere
realizzato mediante il raddoppio, mentre quello dopo ancora lo richieder. Sar necessario
seguire questo schema:
1 cerchio
10 anelli
2 cerchio
20 anelli
3 cerchio
20 anelli
4 cerchio
40 anelli
5 cerchio
40 anelli
6 cerchio
40 anelli
7 cerchio
40 anelli
8 cerchio
80 anelli
Calotta e tubo del camaglio: I cerchi seguenti all8 saranno tutti composti da 80 anelli e
non sar pi necessario eseguire raddoppi. A questo punto consigliamo di aggiungere allo
schema circolare altri 6-10 cerchi di 80 anelli e considerare cos la calotta conclusa e
procedere poi separatamente a realizzare il tubo del camaglio. Tale tubo sar realizzato
mediante il consueto schema quattro in uno e dovr essere lungo 80 anelli, per poter essere
poi collegato alla calotta. Laltezza dovr essere sufficiente per arrivare fino alla base del
collo ed allinterno dello schema dovr essere realizzato uno spazio a forma di goccia
capovolta abbastanza largo da lasciar scoperta la faccia.
Coprire il collo e le spalle: Collegare il tubo alla calotta e chiuderne la parte posteriore. A
questo punto il camaglio pu considerarsi concluso ma per un migliore impatto estetico
consigliamo di proseguire la lavorazione realizzando un largo collare di anelli appeso al
camaglio che copra il collo e le spalle. Lo schema di tale collare circolare e richieder di
applicare la tecnica del raddoppio per aumentare la circonferenza.

16

Una semplice
armatura ad anelli

Questo tipo di armatura probabilmente il pi semplice ed economico possibile, senza


scadere in materiali implausibili come il cartone e la gommapiuma. Richiede tempi brevissimi,
alla portata di chiunque ed il risultato gradevole esteticamente, soprattutto se abbinato ad
un bel costume. Occorrono anelli da tenda di ferro, circa 150/200 del diametro di circa 60 mm,
fascette da cablaggio nere ed un paio di forbici.
Unire gli anelli con la fascetta: Gli anelli da tenda vengono uniti due a due con una fascetta
da cablaggio. necessario far attenzione a chiudere la fascetta dal lato giusto, lunico che la
fa bloccare. Una volta bloccata la fascetta non pu pi essere aperta, ma solo tagliata, e
pertanto distrutta, presenta inoltre un lungo disavanzo ed necessario tagliarlo con le forbici
qualche tacca pi in alto del gancio.

Gli schemi: Solitamente si usano due schemi, quello triangolare o quello quadrato. Il
triangolare pi compatto e solido, laltro richiede meno anelli ma deformabile.

Il pattern del corpetto: Lobiettivo ottenere una sorta di corpetto aperto come quello in
figura. Una volta indossata pu essere tenuta chiusa da una cintura o da lacci.

Completare larmatura: Larmatura pu essere completata aggiungendo bracciali e gambali


da fissare con lacci, questo pu richiedere altri 50 - 100 anelli.

17

Lavorare con pelle e cuoio


Pelle e cuoio sono sicuramente materiali molto indicati per realizzare armature leggere di grande impatto visivo. Tuttavia non tratteremo
la produzione di uno specifico modello di armatura, lasciando alla fantasia il progetto della stessa. Esporremo invece alcune tecniche utili
per realizzare armature in cuoio o pelle. Occorrono rivetti, un trincetto per tagliare la pelle e il cuoio, possibilmente una rivettatrice e una
fustella.
Chiudere i rivetti: Perch un rivetto si chiuda necessario comprimerlo. Avendo a
disposizione una rivettatrice semplice e rapidissimo farlo, senza di essa, invece, non molto
facile, occorrono un martello e un cuneo che si possa infilare nella fessura posteriore del
rivetto. Per fare ci occorre appoggiare la testa del rivetto su una superficie solida e liscia.

Unire il cuoio con i rivetti: Il processo semplicissimo, praticare un foro su entrambi i lembi
di cuoio con la fustella o con le forbici, sovrapporre i fori e infilarli entrambi con il rivetto.
Chiudere poi il rivetto come gi spiegato ed i lembi saranno saldamente uniti.

Collegare due pezzi di cuoio: Per collegare due pezzi di cuoio ottenendo una superficie
priva di scalini occorre un giunto; che si presenta semplicemente come una striscia di cuoio
fustellata abbastanza larga da non rischiare che i fori per i rivetti si strappino con luso.
Sovrapporre i lembi di cuoio al giunto, in modo tale che ne risulti completamente nascosto, e
rivettare.

Ottenere una superficie curva: Pu essere utile realizzare superfici curve solide, per
produrre parti tondeggianti e avvolgenti come guanti, spalline e ginocchiere. Per ottenere tale
superficie si procede come per unire due pezzi di cuoio, solo che i lembi dovranno avere i
bordi curvi. Tali bordi si raddrizzeranno una volta rivettati al giunto (che dovr essere diritto),
incurvando il pezzo di cuoio dietro se. Questa lavorazione un po difficile e faticosa, ma da
dei bei risultati.
Ottenere un giunto mobile: Alcune parti dellarmatura potrebbero doversi muovere, come il
ginocchio, il gomito o una visiera mobile. Occorre in questi casi un giunto mobile. I giunti
mobili sono di solito piccoli e nascosti rispetto alla struttura dellarmatura. Come si vede in
figura, tali giunti vengono interposti tra i due lembi di cuoio e non messi dietro. Il lembo
superiore dovrebbe essere abbastanza largo da coprire il giunto. Rivettare quindi prima il
giunto sopra il lembo inferiore e dopo sotto il lembo superiore.
Borchiature: Le borchie sono un elemento decorativo che sta sempre bene su unarmatura e
da un senso di completezza. Bisogna per sempre far attenzione a non scegliere borchie
troppo lunghe e appuntite, che renderebbero pericolosa larmatura. Esistono pi tipi di
borchie, i pi usati sono le borchie a vite e quelle con i gancetti dietro. Sconsigliamo luso delle
seconde perch si staccano facilmente e finiscono perdute. Per le borchie a vite necessario
praticare un foro nel cuoio e avvitarcele attraverso. La vite pu risultare troppo lunga e in tal
caso necessario segarla. Per le borchie con i gancetti occorre praticare un piccolo foro per
ciascun gancetto, infilarli e piegarli dietro in modo da ancorare la borchia.

18

Come realizzare scudi


Materiali e strumenti di lavoro:
Fogli di cartone: Li si possono ottenere facilmente da scatoloni usati, ne occorrono almeno tre da sovrapporre.
Cordoncino da sartoria: Deve essere abbastanza spesso e morbido da non dare fastidio al braccio, una volta legato.
Rondelle: Devono avere un ampio diametro, perch devono permettere al cartone di sostenere i cordoncini senza tagliarsi.
Viti a testa piatta e bulloni: Le teste di tali viti devono essere piatte per non sporgere dalla struttura dello scudo.
Tavola di legno: Suggeriamo un compensato economico e leggero.
Corda per serrande: Si tratta si una robusta striscia che viene usata per tirare gli avvolgibili delle finestre.
Materassino da ginnastica: Si tratta del materassino gi illustrato in precedenza.
Foglio di gommapiuma: Uno scudo deve essere maggiormente ammortizzato sugli spigoli rispetto alle armi, necessario utilizzare dei
fogli di gommapiuma in pi.
Nastro adesivo isolante da elettricista: Pensiamo che il colore pi versatile in questo caso sia il nero.
Nastro telato: Detto anche nastro americano o duct tape.
Nastro bi-adesivo: Si tratta del nastro adesivo su entrambi i lati usato solitamente in tappezzeria.
Forbici di media grandezza: Occorrono per tagliare le corde e il nastro adesivo.
Trincetto: Un normale seghetto a mano di piccole dimensioni va benissimo. Evitare il traforo, potrebbe non essere abbastanza resistente.
Lima: particolarmente indicata una lima a sezione ellittica o circolare.

Scudo di cartone

Realizzare tre sagome di cartone della forma che dovr avere lo scudo, su due di esse
praticare i fori da cui dovranno uscire i cordoncini per legare lo scudo al braccio. Inserire i
cordoncini nelle rondelle e nei fogli di cartone, come in figura, e attaccare i fogli gli uni agli altri
con il nastro bi-adesivo. In questo caso il bostik sconsigliabile.

Realizzare una striscia di materassino abbastanza lunga da circondare il perimetro dello


scudo e abbastanza larga da avvolgerne il bordo interamente ed attaccarla poi allo scudo.
Ricoprire la superficie posteriore dello scudo con il nastro telato, servir a proteggere il
cartone dal sudore del braccio. Realizzare una striscia di gommapiuma, analoga alla
precedente in materassino e ricoprire ulteriormente il bordo dello scudo. Sebbene non sia
necessario, si pu migliorare la qualit dello scudo realizzando delle decorazioni di
materassino da attaccare sulla superficie esterna di cartone, rendendola cos pi imbottita e
pi gradevole esteticamente.

Ricoprire interamente lo scudo di nastro telato e decorare con il nastro da elettricista, oppure,
in alternativa, ricoprire solo le parti in gommapiuma e in materassino, lasciando scoperta la
superficie esterna di cartone e disegnarvi sopra le venature del legno con il pennarello,
ottenendo cos un buon effetto assi di legno.

19

Scudo di legno

Praticare col trapano quattro fori sullasse di legno e altrettanti sulla corda per serrande.
Fissare poi la corda allasse mediante i bulloni.

Realizzare due fogli di materassino pi lunghi e larghi dellasse di legno e incollarli alla sua
superficie in modo che ne resti al centro. Realizzare
Realizzare poi quattro strisce di materassino di
dimensioni tali da coprire ciascuna un lato della superficie del materassino che sporge dallo
scudo. Incollare tali strisce in modo da colmare il gradino esistente tra il legno e il materassino
gi applicato. Realizzare altre quatto strisce pi ampie e sovrapporle sia al materassino che a
parte del legno, ottenendo un imbottitura anche sulla parte posteriore dello scudo.

Coprire il materassino con il nastro telato e decorare il lato opposto. Lo scudo pron
pronto.

Oggettistica e costumi
Il gioco di ruolo dal vivo soprattutto interpretazione e recitazione in un mondo fantasy che ci aspettiamo essere tangibile, e laddove
venisse disattesa questa aspettativa si perderebbe gran parte del gusto di giocare. necessario pertanto realizzare un adeguato
impianto scenico che si sostituisca a quelle che sono, nel gioco di ruolo tradizionale, le descrizioni del master. Essenziale la scelta del
luogo giusto, ma anche la migliore atmosfera risulterebbe guastata se i giocatori non fossero vestiti di costumi adeguati, che forniscano
una caratterizzazione visiva immediata e che sostengano visivamente la narrazione. Ogni giocatore dovrebbe quindi essere in grado di
realizzarsi un costume e corredarlo di accessori oltre che crearsi materiale di gioco di natura tecnica come armi e armature. In questa
sezione illustreremo come realizzare alcuni tipi di costumi e dellutile oggettistica per completarli.

Porta spada

Occorre una striscia di cuoio spesso, come quello usato per le cinture, quattro rivetti ed un
anello di ferro del diametro interno maggiore della larghezza della spada, ma pi stretto della
larghezza della guardia. Possono occorrere una fustella e una rivettatrice.
Come prima cosa occorre fustellare la striscia di cuoio praticando in totale 8 fori posizionati in
modo da realizzare due occhielli, piegando la striscia di cuoio su se stessa, uno abbastanza
grande da contenere lanello di ferro, laltro a far passare la cintura a cui si intende affibbiare il
porta spada. Piegare la striscia su se stessa attorno allanello di ferro, in modo da far
combaciare i buchi a coppie.

Inserire un rivetto in ciascuna coppia di buchi e chiuderli. Il porta spada completo, sar
sufficiente farvi passare dentro la cintura.

Borsa da cintura

Occorrono un foglio di pelle, dei rivetti, una fustella, una rivettatrice ed un paio di forbici o un
trincetto.
Realizzare dei tagli di pelle o cuoio come in figura, praticando una serie di fori. I fori lungo al
bordo del taglio pi grande devono corrispondere a quelli dei due tagli alla sua destra. I bordi
forati di questi due tagli dovranno essere piegati indentro per farne combaciare i fori ai
rispettivi fori del taglio pi grande. I due tagli rettangolari pi grandi andranno sulla parte
posteriore della borsa e faranno da occhielli per cintura, il rettangolo pi piccolo sar fissato
davanti, per fare da fibbia alla linguetta della borsa.
Ripiegare il taglio pi grane lungo i bordi tratteggiati e posizionare gli altri tagli come in figura.
Inserire un rivetto in ciascuna coppia di buchi e chiuderli.

21

Fodero

Occorrono un foglio di pelle, uno spago, due rivetti, una fustella, una rivettatrice ed un paio di
forbici o un trincetto.
Realizzare un taglio di pelle o cuoio come in figura. praticandoci una serie di fori lungo al
bordo che coincidano simmetricamente e i fori della linguetta coincidano con quelli al centro.

Piegare in due il taglio e passare lo spago nei buchi cucendo i due lembi del cuoio con una
vistosa cucitura. Piegare indietro poi la linguetta e rivettarla ai buchi al centro del fodero.

Faretra

Occorrono un foglio di pelle, uno spago, due rivetti, una fustella, una rivettatrice ed un paio di
forbici od un trincetto.
Realizzare un taglio di pelle o cuoio come in figura praticando una serie di fori, in modo che
coincidano lungo ed i due della linguetta con quelli al centro.

Piegare il taglio lungo le linee tratteggiate e rivettare le coppie di fori. Piegare indietro poi la
linguetta e rivettarla ai buchi al centro della faretra.

Cappuccio sfrangiato

Occorrono un taglio di stoffa, ago e filo ed un paio di forbici . Possono essere utili una riga di
legno ed un gessetto da sartoria. Possono occorrere dei campanelli.
Realizzare due tagli di stoffa come in figura. Si pu scegliere austere tinte unite come
sgargianti colori e motivi, anche diversi per i due tagli.

Orlare singolarmente i due tagli lungo le linee punteggiate.

Cucire insieme i due tagli lungo le linee tratteggiate. Rivoltare il cappuccio e sar pronto.
possibile decorarlo con campanelli per ottenere un cappuccio da giullare.

22

Sacca

Occorrono un foglio di pelle o stoffa e un cordoncino ed un paio di forbici. Pu occorrere una


fustella.
Realizzare un taglio di pelle o tessuto come in figura e praticarci coppie di fori equidistanti.

Infilare il cordoncino in modo che sia esterno al sacchetto negli intervalli tra le coppie di fori ed
interno nella coppia di fori. Tirare lo spago e la sacca fatta.

Cappa

Occorrono un taglio di stoffa, un cordoncino, ago e filo, un paio di forbici, una riga di legno ed
un gessetto da sartoria. Possono occorrere un paio di alamanni.
Accertarsi che il taglio di stoffa abbia una lunghezza sufficiente, partendo dalla testa fino a
dove volete che arrivi ed una larghezza circa doppia rispetto alle proprie spalle. Considerate le
linee in figura, pu aiutare tracciarle con un gessetto da sartoria. La linea verticale deve
essere il centro esatto della larghezza del taglio, la linea orizzontale superiore deve distare dal
bordo un poco di pi della distanza tra le proprie spalle e la sommit della testa, la linea
orizzontale inferiore deve essere circa 2 cm pi in basso. Piegare il taglio su se stesso lungo
la linea orizzontale inferiore e piegarlo ancora, in senso opposto, lungo la linea orizzontale
superiore, si otterr cos un occhiello come in figura. Cucire tale occhiello lungo la linea
orizzontale inferiore.

Piegare il taglio lungo la linea verticale. Praticare una nuova linea verticale sulle due met, la
distanza di tale linea dal bordo sar la larghezza del cappuccio, tale linea dovr arrivare fino
allocchiello. Tagliare la parte esterna alla nuova linea verticale allaltezza della cucitura
dellocchiello.

Cucire la sommit del cappuccio, lungo le linee tratteggiate ed inserire il cordoncino


nellocchiello in modo che esca da entrambi i lati. Orlare tutti gli altri lati del taglio.

Rivoltare la cappa, a questo punto sia la cucitura del cappuccio e gli orli che locchiello
saranno allinterno. Tirare il cordoncino e la cappa pronta. Per chiuderla sar sufficiente
legare il cordoncino. In alternativa possibile cucire il cordoncino agli estremi dellocchiello,
dopo averlo sistemato alla giusta misura e applicare degli alamanni come chiusura.

23

Tunica

Occorrono un foglio di pelle o stoffa, un cordoncino ed un paio di forbici.


Realizzare un taglio di pelle o tessuto come in figura. Praticare un foro per la testa con un
piccolo scollo a V. Opzionalmente pratica un taglio centrale sul lato anteriore per agevolare la
camminata ed una cintura dello stesso materiale.

Orlare in ogni sua parte.

24

Maschere in Lattice
Materiali e strumenti di lavoro:
Creta: Da conservarsi umida per poterla lavorare facilmente.
Gesso: Occorre utilizzare la variante detta scagliola, a grana molto fine e a presa rapida.
Lattice di gomma: E possibile utilizzare lo stesso adatto alle armi in lattice, ma preferibile la pasta di lattice, che raggiunge pi
facilmente lo spessore ed il risultato finale meno deformabile.
Fettuccia elastica: Non necessario che sia molto spessa, ma neppure troppo sottile, o risulterebbe scomoda e poco stabile.
Vernice impermeabilizzante: Si tratta di un prodotto protettivo per ottenere limpermeabilizzazione dei parquet.

Maschera integrale
Plasmare il volto del mostro con la creta. Le parti sporgenti devono essere contenute e
tondeggianti e non devono presentare nette rientranze che renderebbero complessa sia la
realizzazione del calco che il distacco della maschera da esso. Le cavit oculari devono
essere ampie e poco profonde, per evitare difficolt inutili nella stesura del lattice, e si devono
predisporre punti in cui vi saranno fori di areazione in corrispondenza di naso e bocca. Prima
che la creta si secchi circondarla con una barriera di cartone, alta almeno tre centimetri pi del
punto pi alto del volto, fissandola magari al piano di lavoro con del nastro telato. Realizzare
poi un amalgama di acqua e gesso di consistenza appena viscosa e versarla sulla creta fino
a sommergerla.
Pochi minuti dopo, quando il gesso a presa rapida inizia a rapprendersi, con una consistenza
gelatinosa, rimuovere la parete di cartone, e lisciare costantemente la superficie del gesso per
raccoglierla ed ovalizzarla il pi possibile, onde ottenere un calco di contenute dimensioni e
ben maneggevole. Mentre il gesso si solidifica la sua superficie emette calore, e quando si
completamente raffreddata possibile distaccarla dal piano e capovolgerla. Si consiglia
comunque di lasciarlo asciugare per qualche ora. A questo punto possibile rimuovere la
creta, processo che distrugge la forma plasmata, essendo una tecnica a creta persa. Pu
essere un buon criterio lavare linterno del calco per rimuovere i residui di creta, ma il lavaggio
deve essere molto rapido, per non rischiare che il gesso si impregni dacqua.
Per realizzare la maschera si predispone un vasetto di lattice, nella quantit di circa un
bicchiere, e lo si versa interamente nel calco. Oscillando questultimo fare spandere il lattice
fino a coprire linterno del calco completamente, e versare leccesso nel bicchiere, colandolo
scrupolosamente per prevenire sprechi. Capovolgere poi il calco e lasciarlo a grondare gli
ultimi eccessi di lattice per circa un minuto. Terminato questo processo scoprire di nuovo il
calco, che ora presenta allinterno uno strato omogeneo di lattice liquido, e ventilarlo con un
phon, fino ad asciugarlo completamente. Se il processo svolto correttamente il lattice
diviene trasparente e di colore giallognolo, altrimenti insistere con il phon finch non accade.
Dopo aver replicato il passo terzo una decina di volte, ottenendo altrettanti strati di lattice,
nebulizzare del borotalco allinterno del calco, in modo che il lattice perda la consistenza
appiccicosa. Procedere adesso con cautela a distaccare la maschera dal calco, facendo
attenzione a non deformarla tirando eccessivamente. Una volta separata dal calco, lasciare
riposare la maschera per almeno un paio dore, adagiandola su una superficie convessa
perch tenda a rapprendersi in una forma adatta al viso. Realizzare infine dei vasetti di lattice
colorato, aggiungendo vernice acrilica come per le armi in lattiche, e colorare la maschera,
cercando di ottenere ombreggiature e colpi di luce. Passare uno strato omogeneo di protettivo
da entrambi i lati, e fissare, mediante uno zoccoletto di pelle, la fettuccia elastica allaltezza
delle tempie.

25

Sicurezza del materiale di gioco


La qualit del gioco offerta da una seria associazione di GRV espressione di molteplici fattori. Senzaltro labilit di master ed arbitri nel
produrre trame e scenari di gioco avvincenti, la seriet con cui i giocatori affrontano il gioco e il colore che sanno dare allinterpretazione
del proprio personaggio, lonest nel rispettare scrupolosamente il regolamento, la bellezza, la tranquillit e la credibilit del luogo di
gioco ed il pregio estetico di armi e costumi sono tutti elementi costituenti di quella che si pu definire una bella e ben riuscita sessione di
gioco e le belle sessioni di gioco sono la principale fonte di prestigio di unassociazione. Tuttavia nessuna associazione pu realmente
definirsi seria se trascura laspetto fondamentale della sicurezza del gioco. Il GRV. unattivit che si pone a met strada tra il gioco e
lo sport e come ogni sport espone i giocatori al rischio di piccoli infortuni. Oltre a questo il gioco si svolge in gran parte attraverso
combattimenti simulati con armi giocattolo. E facile quindi intuire quanta differenza faccia maneggiare un oggetto che si possa definire
innocuo e sicuro piuttosto che un oggetto che abbia in se elementi strutturali che lo possono rendere in qualche modo pericoloso,
rischioso da usare, dannoso o inadatto allimpiego che se ne fa. Sebbene il sano buon senso sia una dote insostituibile, questa parte del
manuale si pone come obiettivo quello di stabilire dei criteri oggettivi di valutazione che possano aiutare a determinare se i singoli oggetti
(armi, armature, elementi decorativi, oggettistica) che un giocatore porta con se possano costituire un elemento di pericolo per il
giocatore stesso e per gli altri giocatori. Il rispetto di tali criteri non garantisce che loggetto sia effettivamente innocuo, per questo che
ciascun oggetto deve essere vagliato da personale esperto dellassociazione allinizio di ogni sessione di gioco, mentre il non rispettarli
garantisce di vedersi scartare automaticamente loggetto a tale controllo. La lettura di questa parte del manuale un passo fondamentale
per chi si accinga a costruirsi il proprio materiale di gioco, cos che possa realizzarlo nel rispetto delle norme di sicurezza postulate.
Ricordiamo inoltre che questo manuale si ispira a quelle che sono le norme generali universalmente accettate a livello internazionale
nelle associazioni di GRV, che sono il frutto di una vasta esperienza sul campo di migliaia di giocatori.

Norme di sicurezza per le armi

Per tutte le armi:


Larma non deve mai avere parti taglienti o appuntite che possano perforare o lacerare. Non deve avere parti esposte costruite in
materiali rigidi. Non deve contenere materiali espressamente proibiti. In particolare sono proibiti: Legno, metallo, plastica che non sia
PVC e in ogni caso non sia allinterno dellarma, qualsiasi materiale rigido, tagliente o fragile. Tali materiali sono consentiti per costruire
limpugnatura dellarma, posto che durante luso dellarma questa sia completamente coperta dalla mano, e dove esplicitamente
consentito.
Non deve superare le dimensioni consentite dal regolamento vigente sulle dimensioni dello specifico tipo di arma. Deve essere in buone
condizioni esente da danneggiamenti dovuti alluso o allincuria.
Per le armi da mischia:
Limbottitura nelle parti colpenti deve essere adeguata, ovvero: Sui lati preposti a colpire ci devono essere almeno 3 cm tra il bordo
dellanima e la fine dellimbottitura, dallestremit dellanima alla fine della punta (o testa in caso di martelli o mazze) ci devono essere
almeno 3 cm, identicamente tra laltra estremit dellanima e la fine del pomo ci devono essere 3 cm. Ai lati del pomo e nelle parti
dellarma non preposte a colpire 1 cm di imbottitura sufficiente.

Ogni arma deve avere un pomo morbido, vuoto allinterno, lo spazio minimo di imbottitura del pomo quello prescritto. La punta dellarma
(se presente) deve essere flessibile. Eventuali parti sporgenti, come decorazioni, la guardia delleventuale elsa, punte, eccetera, non
devono contenere unanima e devono risultare pertanto assolutamente flessibili.

26

Eventuali punte, uncini, ganci, corni e simili, usati per colpire o per semplice decorazione, come ogni parte sporgente, devono essere
flessibili e privi di anima, inoltre non devono essere sufficientemente lunghi e sottili da poter colpire gli occhi. Eventuali parti mobili
dellarma, come la testa di un mazzafrusto, non devono essere assicurate al resto dellarma con corde, spaghi o nastri, bens con una
catena di plastica di massimo 3 anelli, compresi quelli che fissano la catena ai due estremi. La testa di tale arma non deve contenere
alcuna anima. Limpugnatura di unarma pu essere priva di imbottitura, purch sia una parte che viene coperta dalla mano durante luso
dellarma in gioco. Le armi da mischia non devono oscillare, neanche se scosse vigorosamente. Sebbene sia impossibile che un arma
non oscilli affatto, tale oscillazione dovr essere assolutamente limitata, appena percettibile per le armi ad 1 mano e molto contenuta per
le armi a due mani. Per le armi in nastro telato necessario che il nastro venga fatto aderire allimbottitura senza stringere la stessa,
comprimendola fino a indurirsi. E sufficiente stendere il nastro sullarma e farlo aderire con una leggera pressione in tutta la lunghezza.
Per le armi da lancio:
Le armi da lancio non devono contenere alcuna anima. Non devono essere sufficientemente sottili o appuntite da colpire gli occhi in
nessuna loro parte. Non devono avere alcuna forma di zavorra per aumentare la velocit di lancio, lintera arma deve essere realizzata
con i materiali consentiti. Non devono essere eccessivamente pesanti al fine di aumentare la velocit di lancio.
Per le armi da tiro:
Le dimensioni di unarma da tiro devono essere quelle prescritte dal regolamento vigente. Per la realizzazione di un arco consentito
usare il legno. La potenza dellarma non deve superare le 30 libbre. Il legno dellarma e la corda devono essere in buone condizioni e non
presentare schegge o sfilacciature. Le estremit dei flettenti devono essere coperte da almeno 1 cm di imbottitura.
Per le frecce:
Per lasta delle frecce consentito luso del legno. La punta delle frecce deve essere adeguatamente imbottita, ovvero, deve essere
coperta da un cilindro di gommapiuma e da una sub-struttura di tubo da aquagym, che sporga dallestremo dellasta della freccia per
almeno 6 cm e che sia assicurata allasta della freccia coprendola per almeno 5 cm. Tale imbottitura deve avere un diametro
sufficientemente largo da non rischiare di colpire direttamente un occhio. Limbottitura della punta deve avere, sebbene morbida e
flessibile, una rigidit sufficiente perch non si pieghi allindietro nellurto, ma mantenga la sua posizione diritta.

Tutte le frecce devono avere una tacchetta (cocca) nellestremit posteriore dellasta, per evitare che in fase di lancio la freccia sgusci via
dalla corda.
consentito impiumare le frecce, ma non obbligatorio. Durante il trasporto in faretra la punta deve essere rivolta verso lalto, non
viceversa, in quanto la cocca non imbottita. Su di ogni freccia deve essere saldamente incollata unetichetta recante il nome del
proprietario.
Per le armi fissate al braccio:
Larma fissata al braccio deve rispettare tutte le norme prescritte per le armi da mischia. Deve essere fissata almeno in due punti
sufficientemente distanziati in modo che nelluso non si discosti mai dal braccio sollevandosi.

Deve avere una lunghezza sufficiente da non rischiare di colpire i giocatori con la mano anzich con larma. considerata sufficiente la
lunghezza se, una volta fissata larma al braccio e distesa completamente la mano, la punta dellarma dista per almeno 20 cm dalla punta
delle dita.
Per gli scudi:
Nella realizzazione di uno scudo consentito luso di plastica diversa dal PVC, purch non eccessivamente rigida o tagliente, ne fragile.
Deve avere la dimensione prescritta dal regolamento vigente. Non deve avere parti appuntite eccessivamente sporgenti, ne parti che
possano agganciare o lacerare le armi. Eventuali punte o merlature decorative devono essere flessibili e prive si anima. Il bordo di uno
scudo deve essere interamente coperto dallimbottitura per uno spessore di almeno 3 cm, verso lesterno, in avanti e indietro. La
superficie dello scudo, se realizzato in materiali plastici, deve essere completamente ricoperta da uno strato di almeno 1 cm di
imbottitura, se lo scudo di cartone non necessario. Le cinghie di uno scudo non devono essere tali da ferire il braccio o bloccare la
circolazione e devono essere sufficientemente robuste e ben fissate da non rischiare di staccarsi. Per le armi in asta e

27

i bastoni:
Le armi in asta non devono flettere e oscillare eccessivamente. Aderire a questa norma richiede un certo impegno in fase di costruzione
dellarma. La parte colpente deve essere imbottita secondo le norme delle armi da mischia, mentre per le altre parti dellarma, che
comunque devono essere interamente imbottite, 1 cm di imbottitura sufficiente. La parte colpente deve essere sufficientemente lunga
ed estesa rispetto alla lunghezza complessiva dellarma da scongiurare la possibilit che, durante luso dellarma, una parte non preposta
a colpire e quindi non sufficientemente imbottita per un colpo, finisca per collidere con il bersaglio. Le armi ad asta devono rispettare tutte
le norme delle armi da mischia.
Norme di sicurezza per le armature:
Per le armature ovviamente ammesso luso del metallo. I bordi di ciascuna parte in metallo devono essere stondati, adeguatamente
limati o piegati, privi di angoli e di spigoli vivi. Nessuna delle parti dellarmatura deve risultare appuntita, tagliente o acuminata. Per le
armature a lamelle o a scaglie necessario che le lamelle (o le scaglie) siano disposte a spiovere, ovvero con il lato sollevato disposto
verso il basso ed il lato che va sotto la lamella precedente verso lalto, altrimenti larmatura rischia di rovinare le armi. Per le armature ad
anelli necessario che tutti gli anelli risultino ben chiusi, un anello aperto pu agganciare e lacerare. Le armature rigide di metallo non
devono avere parti eccessivamente sporgenti, come larghe spalline o grandi protezioni ai gomiti. Le armature rigide allinterno devono
essere sufficientemente imbottite da non ferire chi le porta in nessun modo. Le borchie di unarmatura non devono essere
eccessivamente lunghe e acuminate e non devono presentare spigoli acuminati ai lati. Un elmo deve essere sufficientemente arieggiato
e non presentare allinterno superfici abrasive e parti taglienti. Le eventuali cinghie di unarmatura devono essere ben fissate da non
strapparsi e tali da non piagare o lacerare la pelle. I guanti darme di metallo rigido sono sconsigliati, in quanto un accidentale pugno con
un simile guanto pu risultare alquanto dannoso. Decorazioni a forma di punta non sono mai accettate.

Norme di sicurezza per loggettistica


Per oggettistica intendiamo tutto quello che un giocatore si porta dietro come accessorio del proprio costume come collane, bastoni da
passeggio, boccali, borse, bracciali, ninnoli, eccetera. Tutti oggetti che non hanno un uso durante il combattimento, ma che, tuttavia, se
grossolanamente pericolosi, possono costituire elementi di pericolo. Ovviamente le norme sulloggettistica non sono restrittive quanto
quelle per le armi e le armature e non previsto un controllo ad inizio partita, sebbene un oggetto che potrebbe palesarsi pericoloso verr
segnalato dallarbitro che esamina il costume del giocatore. Loggetto non deve essere costruito in materiali fragili o che si possano
scheggiare. Un oggetto di legno deve essere ben levigato e smussato. Nessun oggetto deve avere punte acuminate, uncinate o parti
taglienti. Non si possono avere armi vere con se, neanche a scopo decorativo. Fanno ovviamente eccezione gli archi scuola. Collane
troppo lunghe che si possono impigliare e tirare il collo sono sconsigliate.

Riparare il materiale
Le armi del GRV pagano la sicurezza che garantiscono, mediante i materiali morbidi, con una certa fragilit e con la tendenza a logorarsi
nel tempo. E necessaria pertanto una periodica manutenzione dellarma che ripari danni e sostituisca le parti rovinate. Tali riparazioni
per rischiano di modificare la struttura dellarma fino a renderla non pi idonea per il gioco ed tra le ragioni per cui ogni arma deve
passare il controllo ad ogni sessione e non una volta sola.

Se unarma si lacera, si strappa o si consuma la copertura in nastro in alcuni punti sufficiente coprire con dellaltro nastro la parte
danneggiata. Tale aggiunta non deve comprimere o stringere limbottitura, indurendo di conseguenza larma, ma deve essere posata con
accortezza. Ripetute riparazioni della stessa zona dellarma causerebbero un eccessiva sovrapposizione del nastro, appesantendo e
indurendo larma, quindi necessario evitare tale accumulo rimovendo i precedenti strati di nastro extra prima di eseguire la
riparazione. Se limbottitura dellarma si strappa in una parte, viene perforata o gravemente danneggiata necessario tagliare via una
sezione rettangolare dellimbottitura attorno alla parte danneggiata e sostituita con del materiale nuovo, non si deve cercare di
rattoppare limbottitura, che potrebbe risultare inefficace in quel punto. Se la punta dellarma si danneggia gravemente necessario
rimuoverla, tagliandola via e ricostruirla con materiale nuovo. Tentare di tenerla insieme con il nastro o con la colla la indurirebbe
troppo. Se lanima dellarma si spezza non c modo di ripararla, cercare di fare un giunto sarebbe solo una riparazione temporanea
destinata a rompersi di nuovo ai primi colpi, mentre cercare di tenere insieme larma con pesanti quantit di nastro non produrrebbe alcun
effetto utile. Si possono tuttavia utilizzare i moncherini dellarma per produrre due armi pi piccole, rispettando scrupolosamente tutte le
norme prescritte per le armi da mischia. Se gli strati di imbottitura allinterno si dovessero scollare inefficace, oltre che dannoso, cercare
di tenerle insieme stringendo larma con il nastro. piuttosto necessario aprire larma incidendo lateralmente la copertura di nastro e
rincollare le parti, coprendo poi di nuovo i bordi dellarma con il nastro. Se si scollasse limpugnatura dellarma e cominciasse a ruotare
sullanima o a sfilarsi necessario sfilarla prima che ceda del tutto e rincollarla.

Controllo del materiale


Il controllo del materiale una procedura da attuarsi allinizio di ogni sessione di gioco. Ogni giocatore deve presentarsi dal personale
preposto dopo aver eseguito le procedure di segreteria e consegnare le proprie armi e la propria armatura, che verranno esaminate
immediatamente. Lo scopo del controllo rilevare la possibilit che unarma, unarmatura o un elemento del costume possa arrecare
danno ai giocatori o al materiale di gioco altrui. Le norme di valutazione sono il metro da seguire nella valutazione dellarma, tuttavia esse
di per s non garantiscono che larma sia innocua, il personale dovr unirvi la propria esperienza ed il proprio buon senso per valutare a
pieno se un oggetto sia o meno effettivamente pericoloso. Latteggiamento delladdetto al controllo deve essere propositivo, non
repressivo, in quanto pu risultare molto seccante e frustrante per un giocatore aver realizzato unarma con dispendio di tempo e fatica
od averne acquistata una solo per vedersela bocciare senza appello. Pertanto consigliabile non avere un atteggiamento dispotico o

28

brusco verso il giocatore ed accompagnare la bocciatura di unarma con una chiara spiegazione di quali sono gli elementi che hanno fatto
maturare la decisione di bocciare larma, illustrandoli al giocatore sulloggetto stesso e fornendo suggerimenti e consigli su come
modificare larma in modo che diventi a norma e non subisca una seconda bocciatura se riproposta. anche necessaria assoluta
fermezza nella decisione di rifiutare un oggetto, anche in presenza di forti lamentele del giocatore. ;eglio non affidarsi alla buona volont
del giocatore di utilizzare con maggiore accortezza un oggetto potenzialmente pericoloso e mantenere unequa oggettivit nei confronti di
tutti, evitando forme di favoreggiamenti e di indulgenze verso giocatori pi esperti in grado di gestire anche unarma meno sicura. Un
oggetto viene approvato o respinto a prescindere da chi lo usa.
Come controllare unarma da mischia
Valutare visivamente larma nel complesso per verificare eventuali sovra (o sotto) dimensionamenti e individuare potenziali
infrazioni delle norme di sicurezza verificandole.
Tastare il taglio (o la testa) dellarma in tutta la sua lunghezza e verificare che sia morbida e che allinterno non ci siano
elementi duri percepibili con le dita come angoli o spuntoni.
Tastare il pomo e verificare che allinterno sia vuoto entro la dimensione prescritta e che sia sufficientemente imbottito.
Piegare le parti sporgenti dellarma per controllare che siano flessibili e prive di anima e valutare visivamente se siano troppo
lunghe o acuminate.
Piegare la punta per verificare che sia flessibile e sia vuota allinterno entro le dimensioni prescritte.
Scuotere larma impugnandola saldamente per verificare che non oscilli troppo.
Percuotersi il braccio con la parte colpente dellarma e verificare che sia sufficientemente imbottita e abbastanza rigida da non
sentirsi lanima allinterno durante il colpo.
Come controllare unarma da tiro:
Se si tratta di un arco scuola cercare lungo i flettenti il bollino dove sta scritta in libbre la potenza dellarco.
Se si tratta di un arco di realizzazione amatoriale eseguire un lancio di prova per vagliarne la potenza.
Controllare visivamente lo stato di salute del materiale.
Verificare che entrambe le estremit dei flettenti siano adeguatamente imbottite.
Come controllare una freccia:
Le frecce devono essere controllate ad una ad una.
Controllare visivamente che sia presente la cocca.
Controllare, tastando e flettendo, che la punta sia sufficientemente flessibile senza eccedere, sufficientemente imbottita e
sufficientemente larga.
Come controllare unarma da lancio:
Verificare tastando e flettendo che larma sia vuota allinterno.
Valutarne il peso soppesandola.
Valutare visivamente che sia abbastanza larga e stondata da non costituire pericolo per gli occhi in ogni sua parte.
Come controllare uno scudo:
Prenderlo in mano e vagliarne il peso.
Controllare visivamente che limbottitura copra unarea della superficie dello scudo consona alle prescrizioni.
Tastare il bordo e verificare che limbottitura sia sufficientemente spessa.
Dare colpetti al bordo con la mano per verificare che non si senta troppo facilmente la rigidit dello scudo sotto limbottitura.
Verificare che eventuali decorazioni sporgenti siano vuote allinterno e flessibili.
Come controllare unarmatura:
Controllare visivamente che larmatura rispetti le norme prescritte per il tipo di armatura che .
In presenza di parti che si sospettano essere troppo acuminate e affilate controllare con le dita che tali parti non siano
effettivamente pericolose.
In caso di armature rigide controllare visivamente anche linterno.
Valutare in base al peso, ai materiali e al pregio estetico in quale categoria di armatura rientri secondo il regolamento vigente.

29