Sei sulla pagina 1di 8

Pronuncia:

BREVIARIO DI TURCO

a, b, c, , d, e, f, g, , h, , i, j, k, l, m, n, o, , p, r, s, , t, u, , v, y, z.
Si legge ogni lettera e ciascuna rappresenta solo un unico suono preciso.
Le lettere che si pronunciano diversamente dall'italiano sono:
c : come la g dolce di gente
: come la c dolce di cena
g : sempre dura come in gatto
: non ha suono ma prolunga la vocale precedente
h : aspirata
: ha un suono simile alla e muta francese; in italiano non esiste, ma si avvicina al suono vocalico
che interponiamo quando si prova a pronunciare per esempio la preposizione tra separando la t da
ra: t-ra = tra
j : come in garage
: come la tedesca
s: sempre sorda come in santo
: come sc in scena
: come la tedesca
v : si pronuncia come in italiano, ma un po' pi morbida: suono intermedio tra v e w inglese
y : come la i di ieri
z: si pronuncia sempre sonora, come in Zorro
Tra parentesi quadre [ ] le forme di cortesia (in turco si da del voi)
Saluti
-Ciao: Merhaba (informale, solo quando si arriva); anche pi informale Selam
-Buongiorno: Gnaydn
-Buona giornata: yi gnler
-Buonasera: yi akamlar, yakamlar
-Buonanotte: yi geceler
-Ciao, arrivederci:
Allahasmarladk,
Hoa kal [kaln]: lo dice chi se ne va
Gle gle : lo dice chi resta
-Buon lavoro: Kolay gelsin (cosa da dire quando ci si congeda da qualcuno)
-Ci vediamo, a presto: Grrz
-Benvenuto: Hogeldin! [plur. e cortesia: hogeldiniz]
si risponde Hobulduk!
Espressioni base:
-Si: Evet
-No: Hayr
-Forse: Belki
-Ok: Tamam
-C'/Ci sono: Var
-Non c'/non ci sono; a volte anche no: Yok
- possibile, si, va bene: Olur
-Impossibile, no:Olmaz

-Per favore, prego: Ltfen:


-Grazie: Teekkr(ler), teekkr(ler) ederim; Saol [Saolun]
-Prego: Rica ederim; Bir ey deil (di niente non c' di che)
-Non importa, fa niente: bo ver
ok: molto, tanto
Az: poco
Fazla: troppo
Her: ogni, tutti; Btn: tutto, intero, completo
Herkes: tutti, ognuno; Hep: sempre
Hi: nessuno, alcuno; mai
Biraz: un poco
Gzel: bello, buono
yi: buono, bene
Kt: cattivo, male
Byle, yle, yle: cos, in questo modo
erefe!: Salute (quando si brinda). ok yaa!: salute (dopo starnuto); si risponde-->sen de gr!
Elbette!: sicuramente, certamente!
Hadi (Haydi)!: suvvia!, su! Forza!, anche hadi ya! (un po' tipo l'arabo yalla, anche se molto meno usato...)
Gidelim!: Andiamo!
Domande base
Ne?: Che/che cosa?
Kim?: Chi?
Nerede?: dove? (stato in luogo)
Nereye?: dove? (moto a luogo)
Nereden?: da dove? (moto da luogo)
Ne zaman?: quando? (solo in domanda)
Niin?, Neden? Niye?: perch?;
in risposta si usa: nk, zira
Nasl?: come?
Ne kadar?: quanto?, Quanto costa?
Ka?: quanti (quale numero)?
Hangi?: quale?

Alcuni esempi di conversazione utili:

-Naslsn [Naslsnz]?: Come stai? Come va?


-yiyim: sto bene, tutto bene
-yle-byle: cos cos
-Sende [Sizde] . var m? Hai .?

(La particella mi/m/mu/m la particella dell'interrogazione. Si pone in fondo alla frase quando interrogativa, tranne
quando abbiamo uno degli aggettivi/pronomi interrogativi elencati sopra).

Pronomi:
Ben: Io (beni: me acc; bana: mi dat)
Sen: Tu (seni: te acc; sana: ti dat)
O: Lui/Lei (onu: acc; ona: dat)
Biz: Noi (bizi: acc; bize: dat)
Siz: Voi (forma di cortesia) (sizi: acc; size: dat)
Onlar: Loro (onlar: acc; onlara: dat)
Bu: questo
O (o u): quello

Parole utili in ambito di scavo:


scavo: kaz
quadrato: kare
pianta, mappa: harita
linea: izgi
amico: arkada, plur. arkadalar
colazione: kahvalt
pausa: mola
malato: hasta
lavoro: i
aperto: ak
chiuso: kapal
acqua: su
tempo atmosferico:
sole: gne
pioggia: yamur
vento: rzgar
nuvola: bulut
caldo: scak
freddo: souk
kar: neve
materiali, ritrovamenti e elementi arch.:
buluntu: ritrovamento (buluntu yeri: luogo del ritrovamento)
malzeme: il materiale, i ritrovamenti

omlek: ceramica
kemik: osso
ta: pietra, sasso
akmak ta: selce
kabuk: conchiglia
cam: vetro
metal, maden: metallo
kerpi: mattone crudo
sva: intonaco
toprak: terra (anche sporco)
kl: cenere
kum: sabbia
akl: ciottolo
kmr: carbone
p: spazzatura, scarti

duvar: muro
ukur: fossa
frn: forno
zemin, taban: pavimento, piano
bina: edificio
ev: casa

sokak: strada (anche yol)


strumenti:
pennello: fra
secchio (zambil): kova
piccone: byk kazma
picconcino (kaddumi): kk kazma
pala: krek
zappa: apa
carriola: el arabas (o + sempl. Araba)
scopino (mishbat): elek
penna/matita: kalem
etichetta/cartellino: etiket
sacchetto/borsa: torba
corda: ip
chiodo, picchetto: ivi
bastone: kazk
aggettivi utili:
grande: byk
piccolo: kk
duro: sert
morbido: yumuak
diritto/piatto: dz
verticale: dikey
lungo: uzun
corto: ksa
profondo: derin
poco profondo: s
pulito: temiz
sporco: kir, pislik
uguale (lo stesso): ayn
diverso, differente: farkl
separato: ayr
mischiato: karak
lento, lentamente: yava
veloce, velocemente: hzl, abuk
ancora: tekrar
di nuovo: yeniden, gene, gine, yine
un altro, differente: baka
tempo e periodi:
ora, in questo momento: imdi
dopo: sonra
tardi: ge
ora (di orologio): saat
minuto: dakika, dakka
secondo: saniye
giorno: gn

settimana: hafta
mese: ay (vuol dire anche luna)
anno: yl, sene
oggi: bugn
ieri: dn
domani: yarn
prossimo, venturo: gelecek
passato, scorso: gemi
Che ore sono? Saat ka?
Sono le dieci: saat on.

dnem: periodo
evre: fase
ada: contemporaneo
yeni: nuovo
eski: vecchio, antico
Comandi/verbi:
Kazmak: scavare
almak: lavorare
Sprmek: spazza, spolverare, pulire
Temizlemek: pulire
Dzlemek: raddrizza, livellare
Toplamak: raccogliere
Doldurmak: riempire
Boaltmak: svuotare
Getirmek: portare (qui)
Gtrmek: portare (via)
Dikkat etmek: attenzione, fare attenzione!
Durmak: fermarsi
Kalsnmek: lasciare (per far lasciare una cosa in posto...)
ksnmek: togliere
Bakmak: guardare
Beklemek: aspettare
Devam etmek: continuare
Gitmek: andare
Gelmek: venire
Susmak: stare zitti, in silenzio
Yapmak: fare
Dnmek: ritornare
Ykamak: lavare
Ayrmak: separare, dividere
Blmek: dividere, separare
Bilmek: sapere
Anlamak: capire
Tekrar etmek: ripetere
-I verbi turchi hanno l'infinito in mek/mak. Per ottenere la forma dell'imperativo di seconda
persona, basta togliere la desinenza dell'infinito ai verbi!!
Es: Bak!: guarda!; Devam et!: continua!; Gel!: vieni!

-Per fare le forme negativa, basta aggiungere prima della desinenza mek/mak -ma- (se l'ultima
vocale a o u) o -me- (ultima vocale e i ).
Es.: Bakmamak: non guardare; Devam etmemek: non continuare.
-Pi complicato fare la forma del potenziale: si deve aggiungere al verbo (prima del mek/mak) abil- (se l'ultima vocale a o u) o -ebil- (ultima vocale e i ).
Esempli di verbi coniugati che potrebbero essere utili:
Biliyorum: lo so
Anlamadm: non ho capito
Tekrar edebiliyor musun[uz]?: Potresti ripetere?
Altre espressioni utili:
occorre, necessario: gerek, lazm (anche con infiniti)
basta, sufficiente: yeter (anche con infiniti)
Nereden ckt? Da dove viene?
Da questo punto a questo punto: buradan, buraya kadar
Fino alla corda: ipe kadar
Fino alla linea: izgiye kadar
fino, a questo livello: bu seviyeye kadar
Direzioni:
Per esprimere lo stato in luogo di qualcosa, bisogna posporre alla parola il caso locativo: -da (se
l'ultima vocale a o u) o -de (ultima vocale e i ).Es: Evde: in casa. Kazda: nello scavo. Ecc
ecc...
Per il modo a luogo si usa il dativo: -(y)a/(y)e;
Per il moto da luogo l'ablativo: -dan/-den.
Destra: Sa,
a destra: moto a luogo-->saa, stato in luogo-->sada
Sinistra: Sol,
a sinistra: moto a luogo-->sola, stato in luogo-->solda
sopra: yukar
sotto: aa
davanti: ileri
dietro: arka, geri
centro, in mezzo: orta
dentro: iinde
fuori: darnda
in fondo,sotto: altnda
in cima,sopra: stnde
di fianco: yannda
questo posto: buras;
qui: burada (burda), moto a luogo: buraya, moto da luogo: buradan
quel posto: oras;
l, l: orada (orda), moto a luogo: oraya, moto da luogo: oradan

Colori:
renk/rengi: colore
siyah: nero [forma arcaica: kara]
beyaz: bianco [forma arcaica: ak]
gri: grigio
kahverengi: marrone
krmz: rosso [forma arcaica: kyzl]
portokal: arancione
sar: giallo
mavi: blu, azzurro
yeil: verde
pembe: rosa
mor: viola
bej: beige
Numeri:
0: sfr
1:bir
2:iki
3:
4:drt
5:be
6:alt
7:yedi
8:sekiz
9:dokuz
10:on
20:yirmi
30:otuz
40:krk
50:elli
60:altm
70:yetmi
80:seksen
90:doksan
100: yz
1000: bin
-I numeri si costruiscono come in italiano per semplice giustapposizione:
Es: 11: onbir, 15:onbe, 58: ellisekiz, 129: yzyirmidokuz, 885: sekizyzseksenbe
-Per fare i numeri ordinali basta aggiungere al numero il suffisso -(i)nci1.
Nomi dei giorni:
pazar: domenica
pazartesi: luned
sal: marted
aramba: mercoled
perembe: gioved;
cuma: venerd
1

Se ultima vocale a, : -nc; e, i : -inci; u, o: -uncu; , : -nc.

cumartesi: sabato
Nome dei mesi:
Ocak: Gennaio
ubat: Febbraio
Mart: Marzo
Nisan: Aprile
Mays: Maggio
Haziran: Giugno
Temmuz: Luglio
Austos: Agosto
Eyll: Settembre
Ekim: Ottobre
Kasm: Novembre
Aralk: Dicembre
Stagioni:
Mevsim: Stagione
Yaz: estate
K: inverno
(lk)Bahar: primavera
Sonbahar o Gz: autunno
Punti cardinali:
Kuzey: nord
Gney: sud
Dou: est
Bat: ovest