Sei sulla pagina 1di 240

1

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

107

108

109

110

111

112

113

114

115

116

117

118

119

120

121

122

123

124

125

126

127

128

129

130

131

132

133

134

135

136

137

138

139

140

141

142

143

144

145

146

147

148

149

150

151

152

153

154

155

156

157

158

159

160

161

162

163

164

165

166

167

168

169

170

171

172

173

174

175

176

177

178

179

180

181

182

183

184

185

186

187

188

189

190

191

192

193

194

195

196

197

198

199

200

201

202

203

204

205

206

207

208

209

210

211

212

213

214

215

216

217

218

219

220

221

222

223

224

225

226

227

228

229

230

231

232

233

234

235

236

237

238

239

240

241

242

243

244

245

246

247

248

249

250

251

252

253

254

255

256

257

258

259

260

261

262

263

264

265

266

267

268

269

270

271

272

273

274

275

276

277

278

279

280

281

282

283

284

285

286

287

288

289

290

291

292

293

294

295

296

297

298

299

300

301

302

303

304

305

306

307

308

309

310

311

312

313

314

315

316

317

318

319

320

321

322

323

324

325

326

327

328

329

330

331

332

333

334

335

336

337

338

339

340

341

342

343

344

345

346

347

348

349

350

351

352

353

354

355

356

357

358

359

360

361

362

363

364

365

366

367

368

369

370

371

372

373

374

375

376

377

378

379

380

381

382

383

384

385

386

387

388

389

390

391

392

393

394

395

396

397

398

399

400

401

402

403

404

405

406

407

408

409

410

411

412

413

414

415

416

417

418

419

420

421

422

423

424

425

426

427

428

429

430

431

432

433

434

435

436

437

438

439

440

441

442

443

444

445

446

447

448

449

450

451

452

453

454

455

456

457

458

459

460

461

462

463

464

465

466

467

468

469

470

471

472

473

474

475

476

477

478

479

480

481

482

483

484

485

486

487

488

489

490

491

492

493

494

495

496

497

498

499

500

501

502

503

504

505

506

507

508

509

510

511

512

513

514

515

516

517

518

519

520

521

522

523

524

525

526

527

528

529

530

531

532

533

534

535

536

537

538

539

540

541

542

543

544

545

546

547

548

549

550

551

552

553

554

555

556

557

558

559

560

561

562

563

564

565

566

567

568

569

570

571

572

573

574

575

576

577

578

579

580

581

582

583

584

585

586

587

588

589

590

591

592

593

594

595

596

597

598

599

600

601

602

603

604

605

606

607

608

609

610

611

612

613

614

615

616

617

618

619

620

621

622

623

624

625

626

627

628

629

630

631

632

633

634

635

636

637

638

639

640

641

642

643

644

645

646

647

648

649

650

651

652

653

654

655

656

657

658

659

660

661

662

663

664

665

666

667

668

669

670

671

672

673

674

675

676

677

678

679

680

681

682

683

684

685

686

687

688

689

690

691

692

693

694

695

696

697

698

699

700

701

702

703

704

705

706

707

708

709

710

711

712

713

714

715

716

717

718

719

720

721

722

723

724

725

726

727

728

729

730

731

732

733

734

735

736

737

738

739

740

741

742

743

744

745

746

747

748

749

750

751

752

753

754

755

756

757

758

759

760

761

762

763

764

765

766

767

768

769

770

771

772

773

774

775

776

777

778

779

780

781

782

783

784

785

786

787

788

789

790

791

792

793

794

795

796

797

798

799

800

801

802

803

804

805

806

807

808

809

810

811

812

813

814

815

816

817

818

819

820

821

822

823

824

825

826

827

828

829

830

831

832

833

834

835

836

837

838

839

840

841

842

843

844

845

846

847

848

849

850

851

852

853

854

855

856

857

858

859

860

861

862

863

864

865

866

867

868

869

870

871

872

873

874

875

876

877

878

879

880

881

882

883

884

885

886

887

888

889

890

891

892

893

894

895

896

897

898

899

900

901

902

903

904

905

906

907

908

909

910

911

912

913

914

915

916

917

918

919

920

921

922

923

924

925

926

927

928

929

930

931

932

933

934

935

936

937

938

939

940

941

942

943

944

945

946

947

948

949

950

951

952

953

954

955

956

957

958

959

960

961

962

963

964

965

966

967

968

969

970

971

972

973

974

975

976

977

978

979

980

981

982

983

984

985

986

987

988

989

990

991

992

993

994

995

996

997

998

999

1000

Elenco completo delle domande comprensive delle


risposte per le Selezioni interne 2015 - Area: C
* La risposta corretta posizionata per prima

Secondo l'art. 15 del Regolamento di Organizzazione dell'INPS approvato con Determinazione


Commissariale n. 117 del 17/07/2014, come sono articolate le strutture territoriali INPS?
In Direzioni Regionali, Direzioni metropolitane/provinciali, Filiali di coordinamento, Agenzie, Punti INPS, Strutture
Sociali
Solo in Direzioni Regionali, Direzioni metropolitane/provinciali, Agenzie, Punti INPS, Strutture Sociali
Solo in Direzioni Regionali, Direzioni metropolitane/provinciali, Filiali di coordinamento, Agenzie, Punti INPS

A norma dellart. 7 del Regolamento di Organizzazione dell'INPS approvato con Determinazione


Commissariale n. 117/14, chi ha la responsabilit complessiva della gestione dellINPS, sovrintend
allorganizzazione, alle attivit e al personale, assicurandone lunit operativa e di indirizzo tecnic
amministrativo, al fine di garantire il perseguimento di livelli ottimali di efficacia ed efficienza?
Il Direttore Generale
Il Presidente
Il Consiglio di Amministrazione

Sono Organi dellIstituto, ai sensi dellart. 3, comma 1, del Regolamento di Organizzazione dell'INP
approvato con Determinazione Commissariale n. 117/14:
il Presidente, Consiglio di Indirizzo e Vigilanza, Collegio dei Sindaci e il Direttore generale
solo il Presidente, il Collegio dei Sindaci e il Direttore generale
solo il Presidente,il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza, Direttore generale

In base a quanto previsto dall'art. 17 della Determinazione Commissariale n. 117/14, il Direttore


Regionale, nellambito di competenza territoriale, esercita, tra le altre, funzioni di:
conferire lincarico di Direzione territoriale subregionale, determinato dal Direttore generale
coordinare e controllare le Agenzie e i Punti Inps operanti allinterno delle articolazioni territoriali di competenz

disciplinare le modalit di organizzazione ed erogazione dei servizi al pubblico e gli orari di apertura dei punti d
servizio secondo le linee di indirizzo e le direttive emanate dalla Direzione Generale e dalla Direzione regionale

Secondo lart. 21 del Regolamento di Organizzazione dell'INPS approvato con Determinazione


Commissariale n. 117/14, da chi dipendono le Agenzie INPS?
Dalla Direzione metropolitana/provinciale o dalla filiale di coordinamento che ha competenze sul bacino
territoriale di appartenenza
Dalla Direzione Regionale, con funzioni di indirizzo e controllo di sistema
Dalla Direzione Generale, con funzioni di gestione, coordinamento e controllo dellattivit territoriale
Secondo quanto previsto dall'art. 13 del Regolamento di Organizzazione dell'INPS approvato con
Determinazione Commissariale n. 117/14, chi pu conferire, con atto formale e informativa al
Presidente, specifiche deleghe relative alle funzioni di coordinamento sue proprie a Dirigenti di
livello dirigenziale generale dellIstituto:
il Direttore Generale
il Consiglio di Amministrazione
il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza
Le competenze e le relazioni tra gli organi dell'Istituto, e tra questi e la tecnostruttura, sono
regolamentati da:
Regolamento di organizzazione
Regolamento di amministrazione e contabilit.

Circolari del Direttore Generale.

Ai sensi dellart. 33 del Regolamento di Organizzazione dell'INPS approvato con Determinazione


commissariale n. 117 del 17 luglio 2014, a chi demandato il compito di individuare il dirigente cu
affidare la direzione di area metropolitana o provinciale:
al Direttore Generale
al Direttore Regionale
al Magistrato della Corte dei Conti

Secondo lart. 35 del Regolamento di Organizzazione dellInps approvato con Determinazione


commissariale n. 117 del 17 luglio 2014, i Direttori centrali e regionali, nellesercizio delle proprie
funzioni ed in attuazione degli indirizzi politico-gestionali dettati dai competenti organi dellIstitut
formulano proposte ai fini dellelaborazione dei programmi e della pianificazione operativa
elaborano i dati statistici relativi all'ambito territoriale di riferimento
assolvono alla funzione di messa a disposizione delle risorse alla strutture operative
I Dirigenti, nellesercizio delle proprie funzioni, ai sensi dell'art. 36 del Regolamento di
Organizzazione dellInps approvato con Determinazione commissariale n. 117 del 17 luglio 2014:
curano lattuazione delle funzioni e dei progetti ad essi delegati
riferiscono al Consiglio di indirizzo e Vigilanza sui risultati conseguiti
riferiscono al Magistrato della Corte dei Conti delegato al controllo sui risultati conseguiti
Secondo lart. 10 della Determinazione Commissariale n. 117 del 17 luglio 2014, nellambito
dellorganizzazione delle funzioni, chi detiene funzioni di indirizzo e controllo di sistema?
La Direzione Generale
Il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza
Il Collegio dei Sindaci

Lart. 32 del Regolamento di Organizzazione dellInps approvato con Determinazione commissarial


n. 117 del 17 luglio 2014, prevede che lincarico di Direzione Regionale di livello dirigenziale
conferito:
dal Direttore generale
dal Presidente
dal Direttore Centrale Risorse Umane
Ai sensi dellart. 28 del Regolamento di Organizzazione dellInps approvato con Determinazione
commissariale n. 117 del 17 luglio 2014,
il Ruolo dei dirigenti dellINPS articolato in due fasce:

nella prima fascia del Ruolo sono inseriti i dirigenti che abbiano ricoperto incarichi di direzione di uffici dirigenz
generali nei ruoli dellINPS per un tempo pari ad almeno cinque anni
nella seconda fascia del Ruolo sono inseriti i dirigenti che abbiano ricoperto incarichi di direzione di uffici
dirigenziali generali nei ruoli dellINPS per un tempo pari ad almeno cinque anni
nella prima fascia sono inseriti gli altri dirigenti con et anagrafica superiore a 55 anni
I Dirigenti, nellesercizio delle proprie funzioni, ai sensi dellart. 36 del Regolamento di
Organizzazione dellInps approvato con Determinazione commissariale n. 117 del 17 luglio 2014:
assolvono alla funzione di messa a disposizione delle risorse alle strutture operative
riferiscono al Consiglio di indirizzo e Vigilanza sui risultati conseguiti
individuano le linee guida gestionali per lanno solare

Secondo quanto previsto dall'art. 35 del Regolamento di Organizzazione dellInps approvato con
Determinazione commissariale n. 117 del 17 luglio 2014, i Direttori centrali e regionali, nelleserci
delle proprie funzioni ed in attuazione degli indirizzi politico-gestionali dettati dai competenti Org
dellIstituto:

verificano la congruit delle procedure organizzative ed informatiche e segnalano le eventuali anomalie e critic
alle Direzioni centrali competenti

assolvono alla funzione di messa a disposizione delle risorse alle strutture operative
espletano la fase istruttoria del procedimento amministrativo

Secondo quanto previsto dallart. 40 del Regolamento di Organizzazione dellInps approvato con
Determinazione commissariale n. 117 del 17 luglio 2014, il sistema dei controlli interni dellINPS si
attua, tra gli altri, mediante:
l'Anticorruzione e la trasparenza
la verifica della sussistenza dei requisiti di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro
la verifica dell'osservanza del divieto di fumo
Secondo lart. 14 del Regolamento di Organizzazione dellINPS approvato con la Determinazione
commissariale n. 117 del 2014, chi attribuisce incarichi di direzione delle Aree ai dirigenti loro
assegnati dal Direttore Generale?
I Direttori Centrali
Il Presidente
Il C.I.V.
Secondo lart. 17 del Regolamento di Organizzazione dellInps approvato con Determinazione
commissariale n. 117 del 17 luglio 2014, il Direttore regionale, nellambito di competenza
territoriale, esercita le funzioni di:

avviare il processo di programmazione e di budget delle Direzioni territoriali sub regionali, coordinando il proce
per la definizione dei piani di attivit e di produzione al fine di garantire la coerenza con le linee strategiche e d
indirizzo definite dagli Organi
garantire la costante adeguatezza del livello di funzionalit della tecnostruttura
individuare le linee guida gestionali per lanno solare

Lart. 11 del Regolamento di Organizzazione dellInps approvato con Determinazione commissarial


n. 117 del 17 luglio 2014, prevede che la Direzione generale INPS si colloca nel sistema organizzat
come Centro direzionale, con il ruolo di:

garantire la costante adeguatezza del livello di funzionalit della tecnostruttura e delle attivit professionali ag
obiettivi di sviluppo del sistema organizzativo, esercitando il potere di elaborazione dei criteri e delle modalit
attuazione delle politiche gestionali, di allocazione delle risorse e di definizione delle responsabilit nellambito
dei processi di budget, nonch di controllo

individuare le linee guida gestionali per lanno solare


avviare il processo di programmazione e di budget delle Direzioni territoriali sub regionali, coordinando il proce
per la definizione dei piani di attivit e di produzione al fine di garantire la coerenza con le linee strategiche e d
indirizzo definite dagli Organi

Secondo la circolare n. 112 del 30/08/2011, qual il ruolo della Direzione centrale Sistemi infomat
e tecnologici?
Regia nella realizzazione delle applicazioni software e di indirizzo tecnologico ed applicativo
Assistenza all'utenza interna e gestione infrastrutture e sistemi
Promozione, formazione e assistenza all'utenza esterna
In base alla circolare n. 112 del 30/08/2011, quali attivit svolge la Direzione centrale sistemi
informativi e tecnologici?
Gestione dei sistemi e reti nazionali e attivit del centro elettronico nazionale
Attivit di assistenza all'utente sia interno che esterno
Promozione, formazione e assistenza all'utenza esterna
Indicare, in base a quanto previsto dalla circolare n. 112 del 30 agosto 2011, quali sono le
caratteristiche di un progetto ad alto contenuto tecnologico:

progetti altamente tecnologici e complessi caratterizzati dalla necessit di coordinare pi iniziative di


pregettazione riguardanti differenti ambiti operativi, orientati all'innovazione tecnolgica e all'integrazione
operative che necessitino di risorse esterne addette allo sviluppo e di un frequente affiancamento con il
management
realizzazione di specifici progetti informatici
gestione dei sistemi e reti nazionali
In base alla circolare n. 112 del 30/08/2011, le attivit di progettazione, sviluppo e gestione del
software vengono svolte presso
la Direzione centrale sistemi informativi e tecnologici
le agenzie complesse
le agenzie di produzione

In base a quanto previsto dalla circolare n. 36 del 20 marzo 2014, oltre alle competenze gi in cari
quali attivit acquisisce l'Unit organizzativa "Anagrafica e flussi"?
Le attivit in carico all'Unit Organizzativa Posizione assicurativa per la gestione dipendenti pubblici
Le attivit in carico all'Unit Organizzativa Entrate per la gestione dipendenti pubblici e tutte le attivit inerenti
alla gestione dei rimborsi
Le attivit di valutazione e controllo della congruit contributiva delle denunce

In base a quanto previsto dalla circolare n. 36 del 20 marzo 2014, oltre alle competenze gi in cari
quali attivit acquisisce l'Unit organizzativa "Accertamento e gestione del credito"?
Le attivit in carico all'Unit Organizzativa Entrate per la gestione dipendenti pubblici e tutte le attivit inerenti
alla gestione dei rimborsi
Attivit di valutazione e controllo della congruit contributiva delle denunce
Le attivit in carico all'Unit Organizzativa Posizione assicurativa per la gestione dipendenti pubblici
Ai sensi della circolare n. 36 del 20 marzo 2014 quale denominazione assume l'Agenzia interna?
Agenzia Prestazioni e servizi individuali
Agenzia Flussi contributivi
Agenzia complessa

In base a quanto previsto dalla circolare n. 36 del 20 marzo 2014, oltre alle competenze gi in cari
quali attivit acquisisce l'Unit organizzativa "Verifica amministrativa"?
Attivit di valutazione e controllo della congruit contributiva delle denunce
Le attivit in carico all'Unit Organizzativa Posizione assicurativa per la gestione dipendenti pubblici
Le attivit in carico all'Unit Organizzativa Entrate per la gestione dipendenti pubblici e tutte le attivit inerenti
alla gestione dei rimborsi
I punti Inps, in base alla determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014:
sono moduli organizzativi dipendenti dalla Direzione metropolitana/provinciale/Filiale di coordinamento che
l'Istituto pu istituire in sinergia con altre Pubbliche Amministrazioni
sono organizzati in due aree omogenee di attivit: l'area gestione flussi e e l'area servizi all'utente
esercitano le funzioni di assistenza ai sistemi informativi
Quale, tra le seguenti, in base alla determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014, una
Struttura periferica sub-regionale non dirigenziale?
L'Agenzia complessa
La Filiale di coordinamento
La Direzione provinciale

L'istituzione dei Punti INPS, in base alla determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014,
determinata dal
Direttore regionale, sulla base di una apposita autorizzazione del Direttore generale
Direttore generale

Direttore Area metropolitana/provinciale/Filiale di Coordinamento

Le Aree manageriali previste nel nuovo modello organizzativo previsto dalla circolare n. 102 del 12
agosto 2009 sono affidate a
dirigenti di seconda fascia
dirigenti di prima fascia
funzionari di Area C

In base alla circolare 119 del 14 settembre 2011, i punti INPS


garantiscono servizi di prima accoglienza e servizi a ciclo chiuso ed erogano, secondo logiche di tempo reale
quei prodotti e servizi che hanno un impatto immediato sul bisogno dellutente
sono orientati al cittadino, sono multifunzionali ed inter-enti e per il loro tramite il cittadino pu accedere a
numerosi servizi dellIstituto, anche laddove lIstituto non sia presente ovvero esista un digital divide da supera
sono sportelli virtuali il cui presidio affidato alla responsabilit ed operativit del personale
dellAmministrazione/Associazione richiedente
In base alla circolare n. 36 del 20 marzo 2014, il Responsabile dell'Agenzia Flussi contributivi
non assume la responsabilit, ai sensi della legge 241/1990, del procedimento e del provvedimento
assume la responsabilit, ai sensi della legge 241/1990, del procedimento e del provvedimento
assume la responsabilit, ai sensi della legge 241/1990, del solo procedimento
In base alla determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014, le Direzioni regionali
assicurano le funzioni abilitanti e di supporto alle Direzioni territoriali, tra l'altro, per la gestione delle risorse
umane e strumentali
sviluppano forme di contatto con le associazioni dei consumatori
definiscono le linee di indirizzo della tecnostruttura

A norma dellart. 18 del Regolamento di Organizzazione dellInps approvato con Determinazione n


117 del 17 luglio 2014, le Direzioni metropolitane/provinciali, tenuto conto delle direttive regional
esercitano, tra le altre, le funzioni di:
gestione dei flussi assicurativi e contributivi e dei conti individuali e aziendali
definire le linee di indirizzo della Direzione Regionale
promuovere iniziative culturali sul territorio

Quali sono le sanzioni disciplinari previste dall'art. 2 del Regolamento di disciplina adottato con
determinazione commissariale n. 228 del 26 novembre 2009 e s.m.i?
Rimprovero verbale, rimprovero scritto (censura), multa fino ad un massimo di 4 ore di retribuzione, sospension
dal sevizio con privazione della retribuzione fino a 10 gg, sospensione con privazione della retribuzione da 11 g
fino ad un massimo di 6 mesi, licenziamento con preavviso, licenziamento senza preavviso

Rimprovero verbale, rimprovero scritto (censura), licenziamento, trasferimento d'uffcio a 100 km dalla residenz
Rimprovero scritto (censura), multa fino ad un massimo di 4 ore di retribuzione, sospensione dal sevizio con
privazione della retribuzione fino a 10 gg, licenziamento con preavviso, trasferimento a 50 km dalla residenza

Secondo l'art. 2 del Regolamento di disciplina adottato con determinazione commissariale n. 228 d
26 novembre 2009 e s.m.i, quale sanzione disciplinare prevista in caso di falsa attestazione della
presenza in servizio, mediante alterazione dei sistemi di rilevazione della presenza o con altre
modalit fraudolente?
Licenziamento senza preavviso
Trasferimento d'uffcio a 100 km dalla residenza
Sospensione con privazione della retribuzione da 11 gg fino ad un massimo di 6 mesi

Secondo il regolamento di disciplina adottato con determinazione commissariale n. 228 del 26


novembre 2009 e s.m.i, quale sanzione disciplinare prevista in caso di giustificazione dellassenz
dal servizio mediante una certificazione medica falsa o che attesti falsamente uno stato di malatti
Licenziamento senza preavviso
Rimprovero verbale
Sospensione con privazione della retribuzione da 11 gg fino ad un massimo di 6 mesi

Secondo l'art. 3 del Regolamento di disciplina adottato con determinazione commissariale n. 228 d
26 novembre 2009 e s.m.i, chi competente a contestare gli addebiti in caso di infrazioni per le
quali prevista lirrogazione di sanzioni superiori al rimprovero verbale ed inferiori alla sospensio
dal sevizio con privazione della retribuzione fino a 10 gg.?
Il responsabile, con qualifica dirigenziale, della struttura in cui il dipendente lavora
Il responsabile della struttura anche senza qualifica dirigenziale
Il dirigente dellarea responsabilit disciplinare

Secondo l'art. 9 del Regolamento di disciplina adottato con determinazione commissariale n. 228 d
26 novembre 2009 e s.m.i, chi il giudice competente in materia di impugnazione delle sanzioni
disciplinari?
Giudice ordinario
Giudice contabile
Giudice penale

Secondo l'art. 1 del Regolamento di disciplina adottato con determinazione commissariale n. 228 d
26 novembre 2009 e s.m.i, a quali principi deve essere improntato il comportamento del dipenden
Perseguimento dellefficienza e dellefficacia dei servizi istituzionali
Perseguimento solo dellefficienza dei servizi istituzionali
Perseguimento solo dellefficacia dei
servizi istituzionali

Secondo l'art. 1 del Regolamento di disciplina adottato con determinazione commissariale n. 228 d
26 novembre 2009 e s.m.i, quale comportamento deve rispettare il dipendente in caso di malattia?
Dare tempestiva comunicazione dellassenza allinizio del turno salvo impedimento
Avvertire il proprio medico curante
Avvertire il collega di stanza

Secondo l'art. 1 del Regolamento di disciplina adottato con determinazione commissariale n. 228 d
26 novembre 2009 e s.m.i, quale comportamento deve tenere il dipendente nei rapporti
interpersonali con i colleghi?
Condotta corretta, astenendosi da comportamenti lesivi della dignit personale
Condotta leale
Condotta improntata ai principi di buona educazione

Secondo l'art. 1 del Regolamento di disciplina adottato con determinazione commissariale n. 228 d
26 novembre 2009 e s.m.i, quale comportamento deve tenere il dipendente nei rapporti con
lutenza?
Condotta corretta, astenendosi da comportamenti lesivi della dignit personale
Comportamento leale e civile
Comportamento rispettoso

Secondo l'art. 2 del Regolamento di disciplina adottato con determinazione commissariale n. 228 d
26 novembre 2009 e s.m.i il rimprovero verbale .
una sanzione disciplinare
una sanzione penale
una sanzione amministrativa

Ai sensi dell'art. 2 del Codice di comportamento dei dipendenti INPS adottato con Determinazione
commissariale n. 181 del 7 agosto 2014, a chi viene applicato il Codice di comportamento dei
dipendenti pubblici dellINPS?

A tutti i dipendenti dellIstituto, sia a tempo indeterminato che determinato, ivi compresi i dirigenti, medici e
professionisti legali, tecnico-edilizi e statistico-attuariali, nonch al personale di altre amministrazioni in posizio
di comando presso lIstituto medesimo
Solo ai dirigenti, medici e professionisti legali, tecnico-edilizi e statistico-attuariali, nonch al personale di altre
amministrazioni in posizione di comando presso lIstituto medesimo
Ai dipendenti dellIstituto, sia a tempo indeterminato che determinato, ad eccezione dei dirigenti, medici e
professionisti legali, tecnico-edilizi e statistico-attuariali

Ai sensi dellart. 3 del Codice di comportamento dei dipendenti INPS adottato con Determinazione
commissiarale n. 181/14, la violazione degli obblighi previsti dal Codice di comportamento dei
dipendenti pubblici dellINPS fonte di:
responsabilit disciplinare e di eventuale responsabilit penale, civile, amministrativa o contabile
solo responsabilit disciplinare
solo responsabilit penale

Ai sensi dellart. 3 Codice di comportamento dei dipendenti INPS adottato con Determinazione
commissariale n. 181/14, la responsabilit disciplinare sanzionata nel rispetto di quale principio?
Gradualit e proporzionalit della sanzione in relazione alla gravit della violazione commessa
Gradualit ma non proporzionalit della sanzione in relazione alla gravit della violazione commessa
Proporzionalit ma non gradualit della sanzione in relazione alla gravit della violazione commessa
Il codice di comportamento di cui all'art. 54 del D.Lgs. n. 165/2001 e s.m.i. deve:
essere pubblicato nella Gazzetta ufficiale e consegnato al dipendente all'atto dell'assunzione
essere affisso in luogo accessibile a tutti i lavoratori
essere consegnato al dipendente tramite l'organizzazione sindacale di appartenenza
All'art. 3 del DPR n. 62 del 2013 vengono elencati i principi generali cui deve ispirarsi il pubblico
dipendente nello svolgimento del proprio servizio. Quale tra quelli di seguito elencati non
conforme al "Codice di comportamento dei dipendenti della pubblica amministrazione"?

Il dipendente usa a fini privati le informazioni di cui dispone per ragioni di ufficio, evita situazioni e comportame
che possano ostacolare il corretto adempimento dei compiti o nuocere agli interessi o all'immagine della pubbl
amministrazione. Prerogative e poteri pubblici sono esercitati unicamente per le finalit di interesse generale p
le quali sono stati conferiti
Il dipendente non usa a fini privati le informazioni di cui dispone per ragioni di ufficio, evita situazioni e
comportamenti che possano ostacolare il corretto adempimento dei compiti o nuocere agli interessi o
all'immagine della pubblica amministrazione. Prerogative e poteri pubblici sono esercitati unicamente per le
finalit di interesse generale per le quali sono stati conferiti

Il dipendente esercita i propri compiti orientando l'azione amministrativa alla massima economicit, efficienza
efficacia. La gestione di risorse pubbliche ai fini dello svolgimento delle attivit amministrative deve seguire un
logica di contenimento dei costi, che non pregiudichi la qualit dei risultati
Ai sensi dell'art. 6 del Codice di Comportamento dei dipendenti dell'INPS adottato con
Determinazione commissariale n. 181 del 7 agosto 2014, in caso di pratecipazione a convegni,
seminari o corsi di formazione in qualit di relatore o docente di competenza dell'Istituto, il
dipendente pu rendere nota la sua appartenenza allo stesso:
Soltanto se previamente autorizzato dall'Amministrazione
Sempre
Solo in caso di successive pubblicazioni di volumi, saggi o articoli

In ottemperanza a quanto previsto dall'art. 7 del Codice di Comportamento dei dipendenti dell'INP
adottato con Determinazione commissariale n. 181 del 7 agosto 2014, l'obbligo di comunicazione i
caso di partecipazione ad associazioni e organizzazioni da parte di un dipendente :

Non sussiste in caso di adesione a partiti politici o sindacati


Sussiste sempre
Non sussiste in alcun caso
Ai sensi dell'Art. 7 del Codice di Comportamento dei dipendenti dell'INPS adottato con
Determinazione commissariale n. 181 del 7 agosto 2014 , a chi deve essere resa la comunicazione
della partecipazione ad associazioni e organizzazioni da parte del dipendente?
Al diretto superiore
Sempre ai Direttori Centrali
Sempre ai Direttori Regionali

Secondo quanto previsto dall'art. 7 del DPR n. 62 del 2013, il dipendente si astiene dal partecipare
all'adozione di decisioni o ad attivit che possano coinvolgere interessi propri ovvero di affini. Qua
il grado di affinit previsto?
Il secondo grado
Il terzo grado
Non sono previsti gradi di affinit
A norma dell'art. 53, comma 8, del D. Lgs n. 165/2001, il conferimento di incarico retribuito a
dipendenti di altre amministrazioni pubbliche senza la previa autorizzazione dell'amministrazione
appartenenza dei dipendenti stessi:
Costituisce in ogni caso infrazione disciplinare per il funzionario responsabile del procedimento
Non costituisce in ogni caso infrazione disciplinare per il funzionario responsabile del procedimento
Costituisce illecito civile risarcibile ex art. 2043 del codice civile
In base all'art. 2 del Regolamento di disciplina adottato con determinazione commissariale n. 228
26 novembre 2009 e s.m.i, il licenziamento senza preavviso :
una sanzione disciplinare
una sanzione penale
una sanzione amministrativa

Ai sensi dell'art. 12 Codice di Comportamento dei dipendenti dell'INPS adottato con Determinazion
commissariale n. 181 del 7 agosto 2014, il dipendente garantisce la regolare tracciabilit dei
processi operativi espletati
mediante procedure informatizzate oppure, in assenza, su supporto cartaceo
solo mediante procedure informatizzate
solo su supporto cartaceo

In tema di interessi finanziari del dipendente, l'art. 8 del Codice di Comportamento dei Dipendenti
INPS sancisce un termine entro cui deve avvenire la comunicazione degli stessi. Qual questo
termine?
Il termine perentorio di 5 giorni dall'assegnazione all'ufficio
Il termine 15 giorni
dall'assegnazione all'ufficio
Il termine di 7 giorni dall'assegnazione all'ufficio

Secondo l'art. 9 del Codice di Comportamento dei dipendenti dell'INPS adottato con Determinazion
commissariale n. 181 del 7 agosto 2014, il dipendente nei cui confronti ricorra una situazione di
conflitto d'interessi

ha l'obbligo di segnalare tale circostanza al dirigente responsabile dell'ufficio di appartenenza o in mancanza a


Direttore centrale Risorse Umane
ha la facolt di segnalare tale circostanza al dirigente responsabile dell'ufficio di appartenenza o in mancanza a
Direttore centrale Risorse Umane
ha la facolt di segnalare tale circostanza al dirigente responsabile dell'ufficio di appartenenza o, a sua scelta,
Direttore centrale Risorse Umane

Secondo la determinazione n. 118 del 17 luglio 2014 quante sono le direzioni regionali di livello
generale?

Secondo la determinazione n. 118 del 17 luglio 2014 quante sono le direzioni regionali di livello
dirigenziale?

Cosa lOIV?
Organismo indipendente di valutazione
Organo indiretto di valutazione
Organizzazione indipendente di verifica
Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 chi sovraintende alle attivit
preposte allaccertamento e alla riscossione della contribuzione per ogni tipologia di soggetto
contribuente?
Direzione centrale entrate
Il Direttore generale
Il Presidente
Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 quale direzione centrale
sovraintende allArea istituzionale preposta allerogazione e gestione delle pensioni?
D.C. Pensioni
D.C. Risorse strumentali
D.C. Prestazioni a sostegno del reddito

Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 quale direzione centrale gestis
il casellario dei pensionati?
D.C. Pensioni
D.C. Credito e Welfare
D.C.Prestazioni a sostegno del reddito

Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 quale direzione centrale
sovraintende allArea istituzionale preposta allerogazione delle pensioni in regime di convenzioni
internazionali e comunitarie?
D.C. Convenzioni internazionali e comunitarie
D.C. Risorse strumentali
D.C. Entrate

Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 quale direzione centrale cura e
sovraintende allArea delle prestazioni creditizie, sociali ed assistenziali a favore degli iscritti alle
varie gestioni aventi diritto?
D.C. Credito e Welfare
D.C. Organizzazione
D.C. Risorse strumentali
Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 quale direzione centrale cura
lanalisi dello stato degli interventi previdenziali e socio assistenziali e lelaborazione di proposte
per la riforma dellassistenza e degli ammortizzatori sociali?
D.C. Prestazioni a sostegno del reddito
D.C. Audit
D.C. Organizzazione

Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 quale direzione centrale
sovraintende allArea istituzionale preposta alla gestione e allerogazione delle prestazioni
assistenziali collegate allinvalidit civile, cecit civile, handicap e disabilit?
D.C. Assistenza e invalidit civile
D.C. Entrate
D.C. Organizzazione
Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 quale direzione centrale
partecipa al popolamento ed implementazione del casellario dellassistenza?
D.C. Assistenza e invalidit civile
D.C. Credito e Welfare
D.C. Organizzazione
Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 quale direzione centrale
definisce e monitora, nellambito delle politiche generali e degli obiettivi di piano, lo sviluppo
complessivo del sistema organizzativo aziendale?
D.C. Organizzazione
D.C. Risorse umane
D.C. Posizione assicurativa

Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 quale direzione centrale assicu
la tenuta dei rapporti con le organizzazioni sindacali del personale?
D.C. Risorse umane
D.C. Assistenza e invalidit civile
D.C. Risorse strumentali
Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 quale struttura assicura i
processi di acquisizione, selezione e sviluppo dei percorsi di carriera delle risorse umane?
D.C. Risorse umane
D.C. Prestazioni a sostegno del reddito
Direzione regionale
Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 chi conferisce lincarico di
direzione territoriale subregionale?
Il Direttore regionale su determina del direttore generale
Il Presidente su proposta del Direttore generale
Il Direttore centrale Pensioni
Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 quale direzione centrale
provvede allanalisi, identificazione, classificazione e quantificazione dei rischi, delle disfunzioni e
delle irregolarit nei processi amministrativi e di servizio?
D.C. Audit
D.C. Bilanci e servizi fiscali
Ufficio Disciplina

Secondo la determinazione commissarriale n. 118 del 17 luglio 2014 quale direzione centrale ha la
responsabilit nazionale del servizio di tesoreria dellIstituto?
D.C. Bilanci e servizi fiscali
D.C. Convenzioni Internazionali
D.C. Prestazioni a sostegno del reddito

Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 quale direzione centrale cura l
gestione del processo di programmazione e budget?
D.C. Pianificazione e controllo di gestione
D.C. Comunicazione

D.C. vigilanza, prevenzione e contrasto alleconomia sommersa

Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 quale direzione centrale
sovraintende alle attivit preposte alla prevenzione, accertamento e alla repressione e prevenzion
di tutte le forme di evasione ed elusione contributiva?
D.C. Vigilanza, prevenzione e contrasto alleconomia sommersa
D.C. Entrate
D.C. Audit

Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 quale direzione centrale
sovraintende alla gestione del conto individuale nellambito del processo assicurato-pensionato di
tutte le gestioni previdenziali dellIstituto?
D.C. Posizione assicurativa
D.C. Bilanci e servizi fiscali
D.C. Audit
Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 da chi dipendono le Agenzie?
Dalle Direzioni metropolitane/provinciali o dalle filiali di coordinamento
Direttamente dal Direttore Generale
Dal Direttore Centrale Sistemi informativi
e tecnologici

Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 le Filiali di coordinamento a ch


sono funzionalmente e gerarchicamente subordinate?
Alle Direzioni metropolitane
Direttamente al direttore generale
Direttamente al direttore centrale sistemi informativi e tecnologici

Con la determinazione del Direttore generale n. 15 del 29 maggio 2015 quante Funzioni specifiche
sono state istituite?

Qual la durata delle Funzioni Specifiche istituite con la determinazione del Direttore generale n.
15 del 29 maggio 2015?
triennale
decennale
trimestrale

Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 come viene definita la direzion
regionale Piemonte?
Direzione regionale di livello generale
Direzione centrale Piemonte
Ufficio centrale Piemonte

Secondo la determinazione commissariale n. 118 del 17 luglio 2014 come viene definita la direzion
regionale Molise?
Direzione regionale di livello dirigenziale
Direzione centrale Molise
Ufficio centrale Molise
Nei casi di cui all'art. 55-quinquies, comma 1, (false attestazioni o certificazioni) del D.Lgs. n.
165/2001, il lavoratore, ferme la responsabilit penale e disciplinare e le relative sanzioni,
obbligato a risarcire anche il danno patrimoniale?

S, pari al compenso corrisposto a titolo di retribuzione nei periodi per i quali sia accertata la mancata prestazio
nonch il danno all'immagine subiti dall'amministrazione
No
S, limitatamente al risarcimento del danno all'immagine
Recita l'art. 55-nonies del D.Lgs. n. 165/2001, introdotto dal D.Lgs. n. 150/2009: "....sono tenuti a
rendere conoscibile il proprio nominativo mediante l'uso di cartellini identificativi o di targhe da
apporre presso la postazione di lavoro". A chi si rivolge tale disposizione?
Ai dipendenti delle P.A. che svolgono attivit a contatto con il pubblico
A tutti i dipendenti delle P.A
Ai dipendenti delle P.A. che prestano servizio presso amministrazioni diverse da quelle di appartenenza

Con il comma 6-bis dell'art. 7 del D.Lgs. 165/2001 tutte le amministrazioni pubbliche....
Hanno l'obbligo di disciplinare e rendere pubbliche, secondo i propri ordinamenti, procedure comparative per il
conferimento degli incarichi di collaborazione
Potranno conferire incarichi di collaborazione intuitu personae direttamente senza valutazioni comparative
Dovranno informare le OO.SS. circa gli incarichi di collaborazione conferiti

In materia di "funzioni e responsabilit", l'art. 4 del D.Lgs. 165/2001 stabilisce che i dirigenti delle
P.A...
Sono responsabili in via esclusiva dell'attivit amministrativa, della gestione e dei relativi risultati
Non sono responsabili della gestione n dei relativi risultati
Sono responsabili della gestione,ma non dei relativi risultati

Ai sensi dell'art. 54, comma 7, del D.Lgs. n. 165/2001 e succ. mod. e integr. le Pubbliche
amministrazioni....
verificano annualmente lo stato di applicazione dei codici di comportamento e organizzano attivit di formazion
del personale per la conoscenza e la corretta applicazione degli stessi
devono interrogare periodicamente il personale per verificare la conoscenza e la corretta applicazione dei codic
di comportamento
non possono organizzare attivit di formazione del personale per la conoscenza e la corretta applicazione dei
codici di comportamento, essendo in conflitto d'interessi

Ai sensi dell'art. 7, comma 5, del D.Lgs. n. 165/2001, le amministrazioni pubbliche possono erogare
trattamenti economici accessori che non corrispondano a prestazioni effettivamente rese?
No, non possono
S. Non esistono particolari limitazioni al riguardo
S, purch le prestazioni determinino un aumento della qualit dei servizi

Chi sono nelle pubbliche amministrazioni, in base al D.Lgs. 165/2001, i responsabili in via esclusiva
dell'attivit amministrativa, della gestione e dei relativi risultati?
I dirigenti
Gli organi di governo dell'amministrazione
Solo i responsabili del procedimento
Ai sensi dell'art. 16 del D.Lgs. n. 165/2001 il compito di proporre le risorse e i profili professionali
necessari allo svolgimento dei compiti dell'ufficio cui sono preposti attribuito....
Ai dirigenti di uffici dirigenziali generali
Agli organi preposti al controllo di gestione
Agli organi consultivi dell'amministrazione

L'art. 11 del D.Lgs. n. 165/2001 detta i principi generali sull'istituzione e il funzionamento dell'Uffic
relazioni con il pubblico, disponendo tra l'altro,....
che gli uffici per le relazioni con il pubblico provvedono, anche mediante l'utilizzo di tecnologie informatiche, al
servizio all'utenza per i diritti di partecipazione di cui alla legge n. 241/1990

che il personale dell'Ufficio relazioni con il pubblico abbia accesso a tutti gli atti dell'amministrazione, compresi
quelli per i quali il rappresentante legale dell'ente abbia inibito la visione
che l'Ufficio relazioni con il pubblico valuti con ampia autonomia se porre a carico dell'utente ovvero a carico
dell'ente le spese per le comunicazioni postali relative al rapporto d'utenza

Dispone l'art. 63 del D.Lgs. n. 165/2001 in merito alle controversie relative ai rapporti di lavoro ch
sono devolute al giudice ordinario, in funzione di giudice del lavoro,....
le controversie concernenti le indennit di fine rapporto, comunque denominate e corrisposte
le controversie in materia di procedure concorsuali per l'assunzione dei dipendenti delle pubbliche
amministrazioni
le controversie in materia di rapporti di lavoro del personale militare
Dispone l'art. 16 del D.Lgs. n. 165/2001 che i dirigenti di uffici dirigenziali generali....
adottano gli atti relativi all'organizzazione degli uffici di livello dirigenziale non generale
organizzano la protocollazione degli atti emanati dai loro uffici
definiscono i criteri generali in materia di determinazione di tariffe, canoni e analoghi oneri a carico di terzi
Il D.Lgs. n. 165/2001 demanda la disciplina dei rapporti di lavoro dei pubblici impiegati al codice
civile, escludendo, all'art. 3, da tale disciplina i rapporti concernenti....
magistrati ordinari, amministrativi e contabili
personale del comparto "Sanit"
personale del Ministero della giustizia
In materia di disciplina delle mansioni, l'art. 52 del D.Lgs. n. 165/2001 dispone, tra l'altro, che....
qualora l'utilizzazione del dipendente in mansioni superiori sia disposta per sopperire a vacanze dei posti in
organico, immediatamente, e comunque nel termine massimo di novanta giorni dalla data in cui il dipendente
assegnato alle predette mansioni, devono essere avviate le procedure per la copertura dei posti vacanti
vietata l'utilizzazione del dipendente in mansioni superiori a quelle dell'area di appartenza
l'utilizzazione del dipendente in mansioni superiori possa essere disposta solo su parere motivato del Direttore
centrale risorse umane

A norma di quanto dispone l'art. 55-bis del D.Lgs. n. 165/2001, cosa accade in caso di trasferiment
del dipendente al quale sia stata contestata una sanzione disciplinare, a qualunque titolo, in un'al
amministrazione pubblica?
Il procedimento disciplinare avviato o concluso o la sanzione applicata presso quest'ultima
Il procedimento si estingue
Il procedimento disciplinare avviato o concluso ma l'applicazione della sanzione resta sospesa

Quale competenza attribuisce alla Corte dei Conti l'art. 48, comma 7, del d.lgs. n. 165/2001 in
materia di verifica degli andamenti della spesa per il personale delle pubbliche amministrazioni?
La Corte dei Conti, anche nelle sue articolazioni regionali di controllo, verifica periodicamente gli andamenti de
spesa per il personale delle pubbliche amministrazioni, utilizzando, per ciascun comparto, insiemi significativi d
amministrazioni
La Corte dei Conti valuta l'opportunit di ogni provvedimento di spesa per il personale
La Corte dei Conti esercita un controllo a campione sui provvedimenti di spesa per il personale trasmessi dalle
P.A.
A norma dell'art. 11 del D.Lgs. 165/2001 come sono denominati gli uffici che provvedono
all'informazione all'utenza relativa agli atti e allo stato dei procedimenti?
Uffici per le relazioni con il pubblico
Uffici per la trasparenza delle amministrazioni pubbliche
Uffici di comunicazione con l'utenza

In base all'art. 57 del D.lgs. 165/01, in materia di pari opportunit, quale percentuale di posti
riservata alle donne quali componenti di commissioni di concorso?
Almeno un terzo dei posti
Almeno i due terzi dei posti
Almemo un sesto dei posti

In seguito all'introduzione del D.lgs. 165/01, corretto parlare di completa contrattualizzazione de


pubblico impiego?
No, perch rimane ancora sottoposto al regime pubblicistico, per esempio, il personale della carriera diplomatic
S, perch ormai tutti i rapporti di lavoro alle dipendenze delle P.A. sono sottoposti al regime di diritto privato
S, perch cos stabilisce l'art. 2 del D.lgs.165/01

In seguito all'introduzione del D.lgs. 165/01, corretto parlare di completa contrattualizzazione de


pubblico impiego?
No, perch rimangono ancora sottoposti al regime pubblicistico, per esempio, i magistrati amministrativi
S, perch ormai tutti i rapporti di lavoro alle dipendenze delle P.A. sono sottoposti al regime di diritto privato
S, perch cos stabilisce l'art. 2 del D.lgs.165/01

Per dare corretta attuazione al D.lgs. 165/01 in materia di pari opportunit, le P.A
Riservano alle donne, salva motivata impossibilit, almeno un terzo dei posti di componente delle commissioni
concorso
Riservano alle donne, salva motivata impossibilit, almeno la met dei posti di componente delle commissioni
concorso
Riservano alle donne, salva motivata impossibilit, almeno due terzi dei posti di componente delle commission
concorso

In seguito all'introduzione del D. lgs. 165/01, corretto parlare di completa contrattualizzazione d


pubblico impiego?
No, perch rimane ancora sottoposto al regime pubblicistico, per esempio, il personale della carriera prefettizia
S, perch ormai tutti i rapporti di lavoro alle dipendenze delle PA sono sottoposti al regime di diritto privato
S, perch cos stabilisce l'art. 2 del D.lgs.165/01

In seguito all'introduzione del D. lgs. 165/01, corretto parlare di completa contrattualizzazione d


pubblico impiego?
No, perch rimangono ancora sottoposti al regime pubblicistico, per esempio, i magistrati ordinari
S, perch ormai tutti i rapporti di lavoro alle dipendenze delle PA sono sottoposti al regime di diritto privato
S, perch cos stabilisce l'art. 2 del D.lgs.165/01

In base all'art. 30 del D.lgs. 165/01, ammesso il passaggio diretto di personale tra amministrazio
diverse?
S, ma per il trasferimento necessario, tra l'altro, il previo consenso della PA di appartenenza
No, alla necessit di personale si pu rispondere esclusivamente bandendo un concorso pubblico
S, ma sufficiente la sola richiesta del dipendente

In seguito all'introduzione del D. lgs. 165/01, corretto parlare di completa contrattualizzazione d


pubblico impiego?
No, perch rimangono ancora sottoposti al regime pubblicistico, per esempio, gli avvocati e procuratori dello St
S, perch ormai tutti i rapporti di lavoro alle dipendenze delle PA sono sottoposti al regime di diritto privato
S, perch cos stabilisce l'art. 2 del D.lgs.165/01

In seguito all'introduzione del D. lgs. 165/01, corretto parlare di completa contrattualizzazione d


pubblico impiego?
No, perch non tutti i settori del pubblico impiego sono regolati dal codice civile
S, perch tutti i settori del pubblico impiego sono regolati dal codice civile
S, perch cos stabilisce l'art. 2 del D.lgs.165/01

In base all'art 63 del D.lgs. 165/01, quali tra le seguenti controversie sono devolute alla giurisdizio
del giudice ordinario?
Quelle concernenti la responsabilit dirigenziale
Quelle concernenti l'espletamento delle procedure concorsuali per il reclutamento di personale
Quelle concernenti il personale della carriera prefettizia
In base all'art. 63 del D.lgs. 165/01, quali tra le seguenti controversie sono devolute alla
giurisdizione del giudice ordinario?
Quelle concernenti il conferimento e la revoca degli incarichi dirigenziali
Quelle concernenti i magistrati ordinari
Quelle concernenti i magistrati amministrativi
Dispone l'art. 35 del D.lgs. n. 165/2001 che i vincitori di concorsi devono permanere nella sede di
prima destinazione per un periodo non inferiore a....
Cinque anni
Due anni
A vita

A norma di quanto dispone il novellato art. 55 del D.lgs. n. 165/2001, la pubblicazione sul sito
istituzionale dell'amministrazione del codice disciplinare, recante l'indicazione delle infrazioni e de
relative sanzioni, equivale a tutti gli effetti alla sua affissione all'ingresso della sede di lavoro?
S
No, il codice disciplinare deve essere affisso all'ingresso della sede di lavoro
No, il codice disciplinare deve essere consegnato al dipendente all'atto della assunzione

Ai sensi dell'art. 33 del D.lgs. n. 165/2001, collocato in disponibilit al termine della procedura d
mobilit....
Il personale che non sia possibile impiegare diversamente nell'ambito della medesima amministrazione e che n
possa essere ricollocato presso altre amministrazioni nell'ambito regionale, ovvero che non abbia preso servizio
presso la diversa amministrazione secondo gli accordi di mobilit
Esclusivamente il personale che non sia possibile impiegare diversamente nell'ambito della medesima
amministrazione
Il personale che abbia maturato l'anzianit contributiva prevista dai vigenti ordinamenti sufficiente per il
conseguimento della pensione di anzianit

A norma di quanto dispone l'art. 55-bis del D.lgs. n. 165/2001, quale strumento deve essere prefer
per ogni comunicazione al dipendente, nell'ambito del procedimento disciplinare?
Posta elettronica certificata ovvero consegna a mano
Fax
Raccomandata
L'art. 16 del D.lgs. n. 165/2001 attribuisce il compito di adottare gli atti relativi all'organizzazione
degli uffici di livello dirigenziale non generale
Ai dirigenti degli uffici dirigenziali generali
All'organo di indirizzo politico
Al Comitato esecutivo

Ai sensi dell'art. 52 del D.lgs n. 165/2001, e succ. mod. o int., qualora l'utilizzazione del dipendent
in mansioni superiori sia disposta per sopperire a vacanze dei posti in organico, devono essere
avviate le procedure per la copertura dei posti vacanti....

Immediatamente, e comunque nel termine massimo di novanta giorni dalla data in cui il dipendente assegna
alle predette mansioni
Non immediatamente
Immediatamente dopo l'approvazione della nuova dotazione organica

Dispone l'art. 63 del D.lgs. n. 165/2001 in merito alle controversie relative ai rapporti di lavoro che
sono devolute al giudice ordinario, in funzione di giudice del lavoro,....
le controversie relative a comportamenti antisindacali delle pubbliche amministrazioni
le controversie in materia di procedure concorsuali per l'assunzione dei dipendenti delle pubbliche
amministrazioni
le controversie relative alla magistratura
Ai sensi dell'art. 63 del D.lgs. n. 165/2001, quali delle seguenti controversie relative ai rapporti di
lavoro sono devolute
al giudice ordinario, in funzione di giudice del lavoro?
Le controversie concernenti l'assunzione al lavoro
Le controversie in materia di rapporti di lavoro degli Avvocati dello Stato
Le controversie in materia di procedure concorsuali per l'assunzione dei dipendenti delle pubbliche
amministrazioni

A chi assegna l'art. 16 del D.lgs. n. 165/2001 il compito di curare i rapporti con gli uffici dell'Unione
europea e degli
organismi internazionali nelle materie di competenza secondo le specifiche direttive dell'organo di
direzione politica,
semprech tali rapporti non siano espressamente affidati ad apposito ufficio o organo?
Dirigenti di uffici dirigenziali generali
Responsabile dell'ufficio di segreteria del Direttore generale
Responsabile dell'ufficio di segreteria del Presidente

A quale dei seguenti criteri, ai sensi dell'art. 2 del D.lgs. n. 165/2001, le amministrazioni pubbliche
ispirano la loro organizzazione?
Attribuzione ad un unico ufficio, per ciascun procedimento, della responsabilit complessiva dello stesso
Attuazione di sistemi di controllo preventivo su tutti gli atti a rilevanza esterna
Attivazione di mensili e specifici controlli sulle determinazioni operative e gestionali

A norma di quanto dispone l'art. 55-bis del D.lgs. n. 165/2001 chi individua l'ufficio competente pe
procedimenti disciplinari?
Ciascuna amministrazione, secondo il proprio ordinamento
La direzione provinciale del lavoro
Il dipartimento della funzione pubblica
L'art. 33 del D.lgs. 165/2001 prevede che se le pubbliche amministrazioni rilevano eccedenze di
personale sono tenute ad informare preventivamente...
le Organizzazioni Sindacali
l'ANAC
l'ARAN
Ai sensi dell'art. 52 del D.lgs n. 165/2001, l'esercizio di fatto di mansioni non corrispondenti alla
qualifica di appartenenza
non ha effetto ai fini dell'assegnazione di incarichi di direzione
d diritto all'assegnazione di incarichi di direzione se svolte per una durata superiore a tre mesi
d diritto all'assegnazione di incarichi di direzione se svolte per una durata superiore a sei mesi

Secondo l'art. 17 del CCNL 2006/2009 gli incarichi di posizione organizzativa possono essere revoc
con atto scritto e motivato?
S, solo al verificarsi di determinate condizioni
S, sempre
No, mai

Secondo l'art. 19 del CCNL 2006/2009 gli incarichi di elevata professionalit possono essere revoca
con atto scritto e motivato?
S, solo al verificarsi di determinate condizioni
S, sempre
No, mai
L'art. 6 del CCNL 2006/2009 definisce il sistema di classificazione del personale articolandolo in
3 aree professionali
un'unica area professionale
5 aree professionali
L'art. 5 del CCNL 2006/2009 disciplina l'istituto dell'Aspettativa per motivi familiari o personali. In
tale periodo,
la retribuzione non corrisposta
la retribuzione corrisposta in forma ridotta del 50%
corrisposto solo lo stipendio tabellare

Il diritto allo studio tutelato dal CCNL integrativo del CCNL 1998/2001 che, all'art. 9, indica in 150
ore individuali per anno i permessi concedibili al
3% del personale in servizio a tempo indeterminato
30% del personale in servizio a tempo indeterminato e determinato
al 100% del personale in servizio a tempo determinato e indeterminato
Il diritto di assemblea disciplinato dall'art. 2 del CCNQ 7/8/1998. Tale disciplina prevede che le
assemblee possano essere indette su materie di
interesse sindacale e del lavoro
interesse culturale
politica internazionale
Secondo l'art. 10 del CCNQ 7/8/1998 i permessi sindacali per espletamento del mandato sono
destinati anche
ai componenti delle RSU
alla generalit dei dipendenti
ai dirigenti dell'Amministrazione

L'art 43 del T.U. 165/2001 definisce rappresentative, quindi ammesse alla contrattazione collettiva
nazionale, quelle organizzazioni sindacali che abbiano nel comparto una rappresentativit non
inferiore al

2
3
Cosa l'ARAN?
LAgenzia tecnica - dotata di personalit giuridica di diritto pubblico e di autonomia organizzativa, gestionale e
contabile - che rappresenta le pubbliche amministrazioni nella contrattazione collettiva nazionale di lavoro
Un Ufficio del Dipartimento della funzione pubblica
Un'associazione di professionisti

L'art. 40-bis del T.U. 165/2001 disciplina la materia dei controlli sulla contrattazione integrativa.
Quali sono gli organi preposti al controllo sulla compatibilit dei costi della contrattazione collettiv
integrativa con i vincoli di bilancio e quelli derivanti dall'applicazione delle norme di legge, con
particolare riferimento alle disposizioni inderogabili che incidono sulla misura e sulla corresponsio
dei trattamenti accessori?

Collegio dei revisori dei conti, collegio sindacale, uffici centrali di bilancio o analoghi organi previsti dai rispettiv
ordinamenti
Comitato di settore
Presidente

L'art. 40-bis del T.U. 165/2001 disciplina la materia dei controlli sulla contrattazione integrativa.
Quali sono gli organismi cui devono essere inoltrate le ipotesi di contratto integrativo sottoscritte
fini dell'accertamento della compatibilit economico-finanziaria?
Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della funzione pubblica e Ministero dell'economia e delle
finanze - Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato
ANAC
Banca d'Italia

A cosa serve la procedura di interpretazione autentica dei contratti collettivi citata all'art. 49 del T
165/2001?
Quando insorgano controversie sull'interpretazione dei contratti collettivi, le parti che li hanno sottoscritti si
incontrano per definire consensualmente il significato delle clausole controverse
A interpretare norme di legge che possano incidere sul rapporto di lavoro
A proporre emendamenti a norme in fase di approvazione parlamentare
L'art. 9 del CCNL 2006/2009 integra la disciplina sulle mansioni superiori definendo mansioni
immediatamente superiori quelle
proprie dell'area immediatamente superiore
proprie di un profilo specialistico
che garantiscono una retribuzione superiore a 1/5 rispetto a quella in godimento
Secondo l'art. 19 del CCNL 1994/1997 integrato dal CCNL 1998/2001, quanti giorni di permesso
retribuito ogni anno spettano al dipendente per la partecipazione a concorsi o esami?

L'art. 19 del CCNL 1994/1997 integrato dal CCNL 1998/2001 attribuisce particolari permessi per
consentire l'esercizio del diritto di voto?
Non esiste un'autonoma e specifica tipologia di permesso per consentire al dipendente lesercizio del diritto di
voto
S, in base alla localit dove il dipendente dovr esercitare il diritto di voto
S, fino ad un massimo di 10 giorni l'anno
L'acronimo R.S.U. sta per:
Rappresentanza sindacale unitaria
Raccordo sindacati unificati
Rete sindacalisti uniti

Alla luce dell'art. 46 del CCNL 1994/1997, cosa l'ASDEP?


un organismo di carattere nazionale con la finalit di assicurare ai dipendenti trattamenti complementari a
quelli previsti nell'ambito delle assicurazioni sociali obbligatorie mediante la stipula di polizze sanitarie integrat
delle prestazioni erogate dal S.S.N
un'associazione che gestisce attivit dopolavoristiche

l'Associazione Sindacale delle Elevate professionalit

Secondo l'art. 19 comma 1 del CCNL del 6/7/1995 i tre giorni di permesso per lutto devono essere
consecutivi?
Per le fattispecie di lutto espressamente indicate (lutto per perdita del coniuge, di parenti entro il secondo grad
di affini di primo grado), il dipendente ha diritto a tre giorni consecutivi per evento
Possono essere fruiti nel corso dell'anno interessato dall'evento
Possono essere fruiti entro un mese
L'art. 55 della Costituzione stabilisce che il Parlamento si riunisce in seduta comune....
nei soli casi stabiliti dalla Costituzione
ogni qualvolta lo richieda il Presidente di una delle due Camere
quando la richiesta approvata dalla maggioranza assoluta delle due Camere

L'art. 73 della Costituzione prevede che le leggi entrino in vigore:


il quindicesimo giorno successivo alla loro pubblicazione, salvo che le leggi stesse stabiliscano un termine diver
sempre il quindicesimo giorno successivo alla loro pubblicazione, in quanto le leggi non possono stabilire un
termine diverso
il mese successivo alla loro pubblicazione, salvo che le leggi stesse stabiliscano un termine diverso

L'art. 83 della Costituzione dispone che per l'elezione del Presidente della Repubblica, dopo il terz
scrutinio sia sufficiente...
la maggioranza assoluta
la maggioranza dei due terzi dell'Assemblea
la maggioranza dei tre quarti dell'Assemblea
La Costituzione, all'art. 98, afferma che i pubblici impiegati sono al servizio
della Nazione
del Parlamento
del Governo
L'art. 9 della Costituzione prevede che la Repubblica
tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico
la tutela di tutte le confessioni religiose
la tutela delle minoranze linguistiche
A norma dell'art. 101 della Costituzione, la giustizia amministrata
in nome del popolo
in nome del Governo
in nome del Presidente della Repubblica
Secondo lart. 111 della Costituzione
la legge assicura la ragionevole durata dei processi
nessun processo pu durare pi di tre anni
la durata complessiva del giudizio non pu superare i cinque anni

A norma dell'art. 75 della Costituzione, il referendum popolare...


non ammesso per le leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto e di autorizzazione a ratificare tratta
internazionali
non pu mai essere indetto
pu essere indetto quando lo richiedono tre Consiglieri regionali
Indicare quale delle seguenti affermazioni esprime il principio di autonomia e indipendenza del
giudice, sancito dall'art. 101 della Costituzione:

I giudici sono soggetti soltanto alla legge


I giudici sono soggetti soltanto alla volont del popolo
I giudici sono soggetti soltanto agli organi di giustizia sovranazionali
L'art. 73 della Costituzione prevede deroga al principio di pubblicazione delle leggi?
No
S, ma solo per i disegni di legge in materia elettorale
S, ma solo nei casi di urgenza
L'art. 64 della Costituzione dispone che il Regolamento della Camera dei deputati ....
adottato dalla stessa Camera
adottato con provvedimento del Presidente del Senato
adottato con decreto del Presidente della Repubblica
Lart. 48 della Costituzione
Prevede leguaglianza del voto
Ammette la possibilit del voto solo per i cittadini di sesso maschile
Ammette la possibilit di attribuire peso diverso al voto a seconda dello status dellelettore

L'art. 89 della Costituzione prevede che gli atti del Presidente della Repubblica che hanno un valor
legislativo sono controfirmati
anche dal Presidente del Consiglio dei Ministri
dal Presidente del Senato
dal Presidente della Camera dei deputati

Ai sensi dellart. 9 della Costituzione la tutela del Patrimonio storico e artistico della Nazione a chi
spetta?
Alla Repubblica
Alle ASL
Al Ministero per i Beni e le Attivit Culturali
L'art. 77 della Costituzione dispone che i decreti-legge perdono efficacia se non sono convertiti in
legge entro 60 giorni. Quale data assunta a riferimento ai fini della decorrenza dei 60 giorni?
La data della pubblicazione
La data della presentazione al Parlamento
La data dell'approvazione del decreto-legge da parte del Consiglio dei Ministri

Con l'art. 59, la Costituzione stabilisce che i Senatori a vita di nomina presidenziale vengano scelti
tra:
i cittadini che hanno illustrato la Patria per altissimi meriti in campo artistico, sociale, scientifico e letterario
coloro che hanno rivestito la carica di Presidente di Corte d'Appello
coloro che siano stati nominati Presidenti del Consiglio dei Ministri per almeno 3 legislature
Per l'art. 137 della Carta costituzionale, le garanzie di indipendenza dei giudici della Corte
costituzionale sono stabilite
da legge costituzionale
dal regolamento generale della Corte dei Conti
dal regolamento generale della Corte di Cassazione
Secondo l'art. 64 della Costituzione, le sedute di ciascuna delle Camere sono.
pubbliche: tuttavia ciascuna delle due Camere e il Parlamento a Camere riunite possono deliberare in seduta
segreta
sempre e solamente pubbliche
sempre e solamente segrete
Ai sensi dell'art. 61 della Costituzione, le elezioni delle nuove Camere hanno luogo entro.
settanta giorni dalla fine delle precedenti

ventuno giorni dalla fine delle precedenti


cinquanta giorni dalla fine delle precedenti
L'art. 13 della Costituzione autorizza lautorit di pubblica sicurezza ad adottare provvedimenti
restrittivi della libert personale
in casi eccezionali di necessit ed urgenza, indicati tassativamente dalla legge
nei soli casi e modi stabiliti dalla Costituzione
nei casi di pericolo per la sicurezza e lincolumit pubblica
Ai sensi dell'art. 39 della Costituzione, lorganizzazione sindacale libera?
S, sempre
S, purch non sia in contrasto con lutilit sociale
No, soggetta ad autorizzazione governativa
Il Presidente della Repubblica pu essere messo in stato daccusa?
S, per alto tradimento o attentato alla Costituzione
S, per reati commessi fuori dallesercizio delle sue funzioni
No
Lart. 19 della Costituzione vieta i riti religiosi contrari
al buon costume
all'utilit sociale
al buon senso
Entro quanti giorni dalla sua formazione il Governo deve presentarsi alle Camere per ottenere la
fiducia, secondo quanto stabilito dall'art. 94 della Costituzione?
Entro dieci giorni
Entro sessanta giorni
Il giorno dopo, se non un festivo
Per l'art. 83 della Costituzione, il Presidente della Repubblica viene eletto:
A scrutinio segreto
A scrutinio palese mediante procedimento elettronico
Per appello nominale
Il potere di scioglimento delle Camere che l'art. 88 della Carta costituzionale attribuisce al
Presidente della Repubblica pu essere esercitato in qualsiasi momento del suo mandato?
No, egli non pu esercitare tale facolt, di norma, negli ultimi sei mesi del suo mandato
S sempre
S, egli pu esercitare tale facolt, di norma, negli ultimi nove mesi del suo mandato
Secondo lart. 36 della Costituzione, la durata massima della giornata lavorativa stabilita
dalla legge
dal datore di lavoro
mediante regolamento governativo
Dispone l'art. 22 della Costituzione che nessuno pu essere privato, per motivi politici
della capacit giuridica, della cittadinanza, del nome
della libert di religione
della capacit di intendere e di volere
L'art. 77 della Costituzione definisce i decreti-legge
provvedimenti provvisori con forza di legge
leggi approvate dal Parlamento su proposta del Governo
leggi emanate dal Governo su delega del Parlamento

Dispone l'art. 135 della Costituzione che la Corte costituzionale composta di quindici giudici
nominati
per un terzo dal Presidente della Repubblica, per un terzo dal Parlamento in seduta comune e per un terzo dalle
supreme magistrature ordinaria ed amministrative
dal Presidente del Consiglio dei Ministri
dal Presidente della Corte dei Conti
A norma dell'art. 60 della Costituzione, la Camera dei deputati e il Senato della Repubblica sono
eletti
per cinque anni
per venti anni
per quindici anni

A norma dell'art. 83 della Costituzione, con quali modalit si svolge la prima votazione per l'elezio
del Presidente della Repubblica?
Per scrutinio segreto a maggioranza di due terzi dell'Assemblea
Per voto palese a maggioranza di due terzi dell'Assemblea
Per scrutinio segreto a maggioranza assoluta dei componenti l'Assemblea
Quale legge disciplina il procedimento amministrativo?
La L. 241/1990
Il Testo Unico 165/2001
La L. 335/1995
L'art. 22 della L. 241/90 definisce il diritto di accesso quale
il diritto degli interessati di prendere visione e di estrarre copia di documenti amministrativi
il diritto dei cittadini ad accedere in uffici pubblici
il diritto della P.A. ad accedere ai rapporti di conto corrente dei cittadini

L'art. 22 della L. 241/90 d la definizione di "interessato" come


tutti i soggetti privati, compresi quelli portatori di interessi pubblici o diffusi, che abbiano un interesse diretto,
concreto e attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale
chiesto l'accesso
altra P.A. coinvolta nel procedimento amministrativo
le organizzazioni sindacali

Ai sensi dell'art. 22 della L. 241/90 cosa si intende con il termine "controinteressato"?


Tutti i soggetti, individuati o facilmente individuabili in base alla natura del documento richiesto, che dall'eserci
dell'accesso vedrebbero compromesso il loro diritto alla riservatezza
Ogni cittadino
I rappresentanti sindacali

Qual la definizione di Pubblica Amministrazione data dall'art. 22 della L. 241/90?


Tutti i soggetti di diritto pubblico e i soggetti di diritto privato limitatamente alla loro attivit di pubblico interes
disciplinata dal diritto nazionale o comunitario
Solo i Ministeri
Gli enti locali

Qual la definizione che l'art. 22 della L. n. 241/1990 d di documento amministrativo?


Ogni rappresentazione grafica, fotocinematografica, elettromagnetica o di qualunque altra specie del contenut
di atti, anche interni o non relativi ad uno specifico procedimento, detenuti da una pubblica amministrazione e
concernenti attivit di pubblico interesse, indipendentemente dalla natura pubblicistica o privatistica della loro
disciplina sostanziale
La sola rappresentazione grafica del contenuto di atti, anche non interni, detenuti da una P.A.
La sola rappresentazione elettromagnetica del contenuto di atti, detenuti da una P.A.

In base all'art. 22 della L.n 241/1990, come deve essere qualificato l'interesse ai fini dell'accesso a
documenti amministrativi?
Diretto, concreto ed attuale
Trasversale
Indiretto

L'art. 22 della L. n. 241/1990 prevede che l'accesso ai documenti amministrativi costituisce princip
generale dell'attivit amministrativa al fine di favorire
la partecipazione e di assicurarne l'imparzialit e la trasparenza
il diretto coinvolgimento delle OO.SS.
l'esercizio del controllo sulla attivit della P.A. da parte dei portatatori di interessi diffusi
Ai sensi dell'art. 23 della L. 241/90, il diritto di accesso pu essere esercitato nei confronti
delle pubbliche amministrazioni, delle aziende autonome e speciali, degli enti pubblici e dei gestori di pubblici
servizi
delle PP.AA. con esclusione degli Enti locali
delle sole aziende municipalizzate
Secondo l'art. 3 della L. 241/90, la motivazione
un elemento essenziale del provvedimento amministrativo
facoltativa da parte della P.A.
pu essere richiesta dal destinatario del provvedimento
Quali sono i soggetti che, secondo l'art. 9 della L. 241/90 possono intervenire nel procedimento
amministrativo?
Qualunque soggetto, portatore di interessi pubblici o privati, nonch i portatori di interessi diffusi costituiti in
associazioni o comitati, cui possa derivare un pregiudizio dal provvedimento, hanno facolt di intervenire nel
procedimento
Esclusivamente il privato cittadino
Esclusivamente i portatori di interessi diffusi
La Commissione per l'accesso ai documenti amministrativi composta da (art. 27 L. 241/90)
10 membri
2 membri
30 membri

In base all'art. 27 della L. 241/90 facolt della P.A. cui la Commissione per l'accesso fa richiesta d
accesso a documenti amministrativi rifiutare tale richiesta?
No, tutte le amministrazioni sono tenute a comunicare alla Commissione, nel termine assegnato dalla medesim
le informazioni ed i documenti da essa richiesti, ad eccezione di quelli coperti da segreto di Stato
S, nella discrezionalit della P.A. valutare se e come dare corso alla richiesta della Commissione
No, alla Commissione sempre consentito l'accesso anche a quelli coperti da segreto di Stato
Un provvedimento amministrativo annullabile se (art. 21-octies L. 241/90)
adottato in violazione di legge o viziato da eccesso di potere o da incompetenza
viziato da difetto assoluto di attribuzione
non ha il visto di conformit della Corte dei conti
Il provvedimento amministrativo nullo se (art. 21-septies L. 241/90)
manca degli elementi essenziali, viziato da difetto assoluto di attribuzione, stato adottato in violazione o
elusione del giudicato, nonch negli altri casi espressamente previsti dalla legge
comunicato agli interessati oltre 90 giorni dall'assunzione
in caso di presentazione di ricorso avverso al provvedimento stesso

Il provvedimento adottato in violazione di norme sul procedimento o sulla forma degli atti qualora
per la natura vincolata del provvedimento, sia palese che il suo contenuto dispositivo non avrebbe
potuto essere diverso da quello in concreto adottato(art. 21-octies L. 241/90)
non annullabile
nullo
annullabile
Un provvedimento amministrativo illegittimo pu essere annullato d'ufficio? (Art. 21-nonies L.
241/90)
S, sussistendone le ragioni di interesse pubblico, entro un termine ragionevole e tenendo conto degli interessi
destinatari e dei controinteressati, dall'organo che lo ha emanato, ovvero da altro organo previsto dalla legge.
Pu essere annullato solo dal Giudice ordinario
No, mai
Quali sono i criteri che reggono l'attivit amministrativa? (art. 1 L. 241/90)
Economicit, efficacia, imparzialit, pubblicit e trasparenza
Efficienza, rapidit, tolleranza e trasparenza
Trasparenza, costanza, prudenza e tolleranza
L'art. 3 della L. 241/90 indica la motivazione quale elemento essenziale del provvedimento
amministrativo, salvo che
per gli atti normativi e per quelli a contenuto generale
per i provvedimenti di carattere tributario
per i provvedimenti coperti da segreto di Stato

Secondo l'art. 10 -bis della L. 241/90, il responsabile del procedimento o l'autorit competente, ne
procedimenti ad istanza di parte, cosa deve fare in caso di emissione di provvedimento negativo?
Comunica tempestivamente agli istanti i motivi che ostano all'accoglimento della domanda
Non ha alcun obbligo verso gli istanti
Raccomanda le modalit con cui deve essere ripresentata l'istanza per favorirne l'accoglimento

L'art.19, comma 15, del D.L. n.90/2014 convertito nella legge 114/2014 ha previsto tra l'altro che l
funzioni del Dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri in
materia di trasparenza e di prevenzione della corruzione, di cui allart. 1, cc. 4, 5 e 8 della legge
6.11.2012 n. 190, sono trasferite:
all'Autorit Nazionale Anticorruzione (ANAC)
al Ministero dell'Interno
alla Scuola Nazionale dell'Amministrazione (SNA)

Ai sensi dell'art.1 comma 5 lett. A) della legge n.190 del 2012 le pubbliche amministrazioni
definiscono e trasmettono all'ANAC
un piano di prevenzione della corruzione che fornisce una valutazione del diverso livello di esposizione degli uffi
al rischio di corruzione e indica gli interventi organizzativi volti a prevenire il medesimo rischio
un piano di valutazione dell'assetto organizzativo degli uffici
l'elenco dei dipendenti destinati ad operare in settori particolarmente esposti alla corruzione

Il responsabile della prevenzione della corruzione ai sensi dell'art.1 comma 8 della legge n.190 del
2012
definisce procedure appropriate per selezionare e formare, ai sensi del comma 10, i dipendenti destinati ad
operare in settori particolarmente esposti alla corruzione
redige un elenco dei dipendenti a rischio corruzione e lo trasmette alla Procura della Repubblica
definisce azioni di miglioramento secondo le linee guida del Ministero dell'Interno

Ai sensi dell'art. 1, comma 4, della legge 190/2012, in quali settori della P.A. prevista di regola la
rotazione dei dirigenti?
Nei settori particolarmente esposti alla corruzione

Nei settori particolarmente esposti al rischio ambientale


Nei settori di lavoro con rischi di malattie professionali
A norma dell'art. 1 della L. 190/2012, chi predispone il Piano Nazionale Anticorruzione?
Il Dipartimento della Funzione Pubblica
Il Ministero dell'Interno
la Scuola Nazionale dell'Amministrazione (SNA)
Che cosa si intendeva per CIVIT?
Commissione indipendente per la valutazione, la trasparenza e l'integrit delle amministrazioni pubbliche
Consiglio interministeriale per la vigilanza degli atti amministrativi italiani
Commissione indipendente per la valutazione, la trasparenza e l'integrit delle prefetture
Ai sensi dell'art. 1 comma 4 della legge 190/2012 , il Dipartimento della funzione pubblica
definisce criteri per assicurare la rotazione dei dirigenti nei settori particolarmente esposti alla corruzione
coordina le attivit legislative del Parlamento
definisce azioni di miglioramento secondo le linee guida del Ministero dell'Interno

Nelle pubbliche amministrazioni centrali l'adozione del Piano triennale di Prevenzione della
Corruzione avviene
da parte dellorgano di indirizzo politico ai sensi dellart.1 comma 8 della legge 6 novembre 2012 n.190, su
proposta del responsabile della prevenzione della corruzione
da parte del Direttore della Direzione Centrale Risorse Umane di concerto con il Direttore centrale Risorse
strumentali, su proposta del responsabile individuato dallo stesso soggetto
da parte del Presidente del Consiglio di indirizzo e vigilanza su proposta del responsabile individuato dallo stess
organo di indirizzo politico ai sensi del comma 7

Quale principio di carattere generale sui dati sensibili sancisce il comma 5 dell'art. 26 del Codice d
protezione dei dati personali?
I dati idonei a rivelare lo stato di salute non possono essere diffusi
I dati sensibili possono essere oggetto di trattamento
I dati sensibili possono essere oggetto di trattamento solo su autorizzazione dell'Autorit giudiziaria

A norma di quanto dispone l'art. 26 del Codice di protezione dei dati personali, quando il
trattamento dei dati sensibili necessario per adempiere a specifici obblighi o compiti previsti dal
legge, da un regolamento o dalla normativa comunitaria per la gestione del rapporto di lavoro, i da
sensibili possono essere oggetto di trattamento anche senza consenso?
S, previa autorizzazione del Garante
S, e in tal caso non necessaria l'autorizzazione del Garante
No, in tal caso i dati anche se sensibili possono essere trattati senza alcuna formalit o tutela.
Come sono definiti dall'art. 4 del Codice di protezione dei dati personali i dati personali idonei a
rivelare la vita sessuale?
Dati sensibili
Dati personali
Dati identificativi

Ai sensi dell'art. 167 del Codice di protezione dei dati personali, quale tra le seguenti violazioni
costituisce illecito penale?
Trattamento di dati personali in violazione di quanto disposto dall'art. 23 (consenso) al fine di trarne per s o pe
altri profitto o di recare ad altri un danno
Trattamento dei dati identificativi senza il consenso dell'interessato
Nessuna delle altre risposte corretta, il Codice non prevede violazioni che costituiscono illecito penale
Quale principio sancito all'art. 1 del Codice di protezione dei dati personali?

Chiunque ha diritto alla protezione dei dati personali che lo riguardano


La protezione dei dati personali un diritto riconosciuto ai soli cittadini italiani
I minori hanno diritto alla protezione dei dati personali che li riguardano

Ai fini del Codice di protezione dei dati personali (art.4, comma 1), per "trattamento" si intende:
qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l'ausilio di strumenti elettronici,
concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, la consultazione, l'elaborazione, la
modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la
diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati

il dare conoscenza dei dati personali a soggetti indeterminati, in qualunque forma, anche mediante la loro mes
a disposizione o consultazione
manipolazione dei dati personali da parte di uno o pi soggetti per finalit illecite

Ai fini del Codice di protezione dei dati personali (art.4, comma 4) per "scopi storici" si intendono:
le finalit di studio, indagine, ricerca e documentazione di figure, fatti e circostanze del passato
le finalit di indagine statistica o di produzione di risultati statistici, anche a mezzo di sistemi informativi statist

le finalit di studio e di indagine sistematica finalizzata allo sviluppo delle conoscenze scientifiche in uno specifi
settore

Ai sensi dell'art. 28 del d.lgs.196/2003 chi ricopre il ruolo di Titolare del trattamento?
Quando il trattamento effettuato da una pubblica amministrazione per titolare s'intende l'entit nel suo
complesso o l'unit od organismo periferico che esercita un
potere decisionale del tutto autonomo sulle finalit e sulle modalit del trattamento, ivi compreso il profilo della
sicurezza
Quando il trattamento effettuato da una pubblica amministrazione titolare del trattamento il Ministro
competente per materia
Quando il trattamento effettuato da una pubblica amministrazione per titolare si intende il Presidente del
Collegio dei Sindaci/dei Revisori

Ai sensi dell'art. 27 del D.Lgs 196/2003, il trattamento di dati giudiziari da parte di privati o di enti
pubblici economici:
consentito soltanto se autorizzato da espressa disposizione di legge o provvedimento del Garante che
specifichino le rilevanti finalit di interesse pubblico del trattamento, i tipi di
dati trattati e di operazioni eseguibili.
consentito soltanto se autorizzato dalla Consiglio Superiore della Magistratura
Non consentito

Ai sensi dell'art. 70 del Decreto legislativo n. 196/2003, si considerano di rilevante interesse


pubblico, le finalit di applicazione della disciplina sui dati personali in materia di:
Rapporti tra i soggetti pubblici e le organizzazioni di volontariato, in particolare per quanto riguarda l'elargizion
di contributi finanziari a loro sostegno, la tenuta di registri
generali delle medesime organizzazioni e la cooperazione internazionale.
Rapporti tra i soggetti pubblici e le associazioni sportive dilettantistiche, in particolare per quanto riguarda la
possibilit di stipulare convenzioni con i medesimi soggetti
Rapporti tra i soggetti pubblici e le Associazioni a difesa dei consumatori, in particolare per quanto riguarda la
possibilit di poter accedere a finanziamenti dell'Unione Europea

Ai sensi dell'articolo 24, lettera a) del Decreto legislativo n. 196/2003, il consenso non richiesto
quando il trattamento
necessario per adempiere ad un obbligo previsto dalla legge, da un regolamento o dalla normativa comunitar
necessario diffondere i dati per far valere un diritto in sede giudiziaria
attiene alla sicurezza dello Stato

Ai sensi dell'art. 64, primo comma del Decreto legislativo n. 196/2003, si considerano di rilevante
interesse pubblico, le finalit di applicazione della disciplina sui dati personali in materia di:
cittadinanza, immigrazione, asilo e condizione dello straniero
libert di circolazione di autoveicoli sul territorio della UE
iscrizione del cittadino ad albi professionali nei paesi appartenenti alla UE
Ai sensi dell'art.18 del D.lgs.81/2008 da chi sono designati gli addetti al primo soccorso?
Dal datore di lavoro
Dal Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP)
Dal Ministro della Salute
Ai sensi dell'art.18 del D.lgs.81/2008 da chi sono designati gli addetti antincendio?
Dal datore di lavoro
Dal Capo dipartimento della protezione civile
Dal Prefetto

Ai sensi dell'art.33 del D.lgs.81/2008 il servizio di prevenzione e protezione dai rischi professionali
provvede:
all'individuazione dei fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all'individuazione delle misure per la sicurezz
e la salubrit degli ambienti di lavoro
alla trasmissione al Dipartimento della Protezione civile di un rapporto annuale sulle politiche di sicurezza attua
dall'Amministrazione
alla nomina del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS)

Ai sensi dell'art.41 del D.lgs.81/08, il medico competente, pu sulla base delle risultanze delle visi
mediche, esprimere dei giudizi riguardanti lo stato di idoneit del lavoratore?
S
Solo con il consenso del lavoratore
No, mai

Ai sensi dell'art.37, comma 6, del D.lgs. 81/08, la formazione dei lavoratori e dei loro rappresentan
deve essere periodicamente ripetuta in relazione all'evoluzione dei rischi o all'insorgenza di nuovi rischi
rimessa alla volont del lavoratore
la RSU indica quali lavoratori avviare annualmente a percorsi formativi in materia di sicurezza

Il lavoratore che utilizza in modo sistematico un'attrezzatura munita di videoterminale, ai sensi de


art. 175 D.lgs. n.81/08, ha diritto:
ad una interruzione della sua attivit mediante pause
a un giorno di riposo compensativo
a una specifica indennit
Ai sensi dell'art 20 del D.lgs. n. 81/08, quali sono gli obblighi che il lavoratore deve osservare?
Partecipare ai programmi di formazione e di addestramento organizzati dal datore di lavoro
Compiere di propria iniziativa operazioni che non sono di loro competenza
Avere un comportamento rigoroso fuori dall'orario di lavoro
I lavoratori incaricati di attuare le misure di prevenzione incendi, ai sensi dell'art. 18 del D.lgs.
81/08, vengono designati:
preventivamente dal datore di lavoro
dal Corpo dei VV.FF. territorialmente competente
dai collaboratori stretti del datore di lavoro

Ai sensi dell'art. 64 D.lgs. n. 81/08, in materia di luogo di lavoro, il datore di lavoro deve provvede
affinch:

i luoghi di lavoro, gli impianti e i dispositivi vengano sottoposti a regolare manutenzione tecnica
i luoghi di lavoro siano puliti quotidianamente
i luoghi di lavoro, gli impianti e i dispositivi vengano sottoposti a puliture sporadiche

Ai sensi del D.lgs. 81/08, si intende per "preposto":


la persona che, in ragione delle competenze
professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell'incarico conferitogli, sovrinten
alla attivit lavorativa e garantisce l'attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione d
parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa
la persona fisica a cui affidato il compito di redigere il piano di sicurezza
la persona fisica la cui attivit lavorativa concorre alla realizzazione dell'opera senza vincolo di subordinazione

Le disposizioni del Codice dell'amministrazione digitale


si applicano alle pubbliche amministrazioni di cui all'art. 1, comma 2, del D.Lgs. n. 165/2001, rispetto del ripart
di competenza di cui all'articolo 117 della Costituzione
concernenti la trasmissione dei documenti informatici non si applicano ai privati
concernenti i documenti informatici e le firme elettroniche non si applicano ai privati

Che differenza c' tra PEC e firma digitale?


La PEC il mezzo per inviare in maniera certificata documenti. La firma digitale rappresenta il mezzo elettronic
per apporre la propria firma ad un documento elettronico o ad una mail
Sono strumenti simili ma la firma digitale ha una valenza legale pi forte
Nessuna

In base all'art. 1 del Codice dell'amministrazione digitale, cosa la firma digitale?


Un particolare tipo di firma elettronica qualificata, basata su un sistema di chiavi crittografiche, una pubblica e
una privata, correlate tra loro, che consente al titolare tramite la chiave privata e al destinatario tramite la chia
pubblica, rispettivamente, di rendere manifesta e di verificare la provenienza e l'integrit di un documento
informatico o di un insieme di documenti informatici
La firma apposta su documenti mediante l'utilizzo di una penna dotata di microchip
La firma apposta su un documento scansionato e trasmesso via e.mail al destinatario
In ambito informatico, cosa si intende con il termine "link"?
Un collegamento tra pagine web
Un file di testo
Un virus
In ambito INPS, Hermes ...
un sistema di messaggistica e gestione documenti ufficiali
un'applicazione di controllo remoto
un software di rete
Cos' una rete informatica "intranet"?
Un raggruppamento di reti locali, usato all'interno di una organizzazione per facilitare la comunicazione e
l'accesso all'informazione
Una rete virtuale
Un sistema di collegamenti di rete con velocit superiore ai 100Mbits
La firma digitale:
consentita in base alle indicazioni contenute in specifiche normative
consentita senza alcuna limitazione o indicazioni particolari
consentita solo per particolari tipologie di documenti
Quali tra le seguenti caratteristiche sono garantite dalla firma digitale?

Riservatezza e integrit
Solo integrit
Solo riservatezza
Il nuovo protocollo informatico introduce un sistema automatizzato che consente di
recuperare ogni documento in qualunque parte della pubblica amministrazione
analizzare i documenti catalogati
non ripudiare i documenti in arrivo
In un foglio excel possibile ordinare automaticamente i dati?
S, sempre
No, mai
No, se i dati sono alfanumerici
Che tipo di software MS Windows?
Sistema operativo
Applicativo
Linguaggio di programmazione
Che cosa si intende per "testo giustificato" in un programma di elaborazione testi?
Testo in cui la larghezza di ogni riga del paragrafo adattata ai margini della pagina
Testo su cui stato effettuato un controllo ortografico
Testo suddiviso in due o pi colonne
Con il termine "browser" si intende:
un programma che consente la visualizzazione dei documenti ipertestuali presenti sul World Wide Web
un linguaggio di formattazione per creare documenti ipertestuali
un sistema di trasmissione dell'informazione da uno a molti
Nei programmi per Windows, la sequenza CTRL+C normalmente associata all'operazione di
copia dei dati selezionati nella Clipboard
ripristino di una riga cancellata per errore
cancellazione di una riga di testo
In Excel, possibile selezionare pi celle?
S, in qualsiasi posizione
S, ma solo della stessa riga o colonna
S, solo se sono contigue
Che tipo di periferica la tastiera?
Input
Output
Input/Output
Cosa indica il termine "wireless"?
Indica i sistemi di comunicazione tra dispositivi elettronici, che non fanno uso di cavi
Indica un tipo particolare di cavo per la comunicazione tra unit centrale e periferica
Indica un tipo particolare di driver per poter comunicare tra periferiche senza supporto dell'unit centrale
In base al d.lgs. n. 82/2005, cosa si intende per firma elettronica?
L'insieme dei dati in forma elettronica,
allegati oppure connessi tramite associazione logica ad altri dati elettronici, utilizzati come metodo di
identificazione informatica
La firma apposta su documenti mediante l'utilizzo di una penna dotata di microchip
La firma apposta su un documento scansionato e trasmesso via e.mail al destinatario

Quali sono le caratteristiche pi significative che differenziano la PEC rispetto all'e-mail tradiziona
La certificazione dell'invio e della consegna del messaggio; l'opponibilit a terzi delle evidenze relative alle
operazioni di invio e ricezione di un messaggio
La qualit del servizio, che nel caso della PEC viene certificata
La velocit di consegna
Inviando un messaggio tramite PEC, cosa viene certificato al mittente?
La consegna del messaggio nella casella di PEC del destinatario
La corretta composizione ortografica del messaggio
La lettura del messaggio da parte del destinatario
Da una casella di PEC possibile inviare un messaggio certificato a chiunque abbia una casella di
posta elettronica tradizionale?
S, ma in questo caso si perdono le informazioni qualificanti il valore legale del messaggio
No, possibile inviare messaggi solo ad altri indirizzi di PEC
S

A norma dell'art. 3 del Codice dell'amministrazione digitale


i cittadini e le imprese hanno diritto a richiedere ed ottenere
l'uso delle tecnologie telematiche nelle comunicazioni con le pubbliche amministrazioni
i cittadini e le imprese non hanno diritto a richiedere ed ottenere l'uso delle tecnologie telematiche nelle
comunicazioni con le pubbliche amministrazioni
l'uso delle tecnologie telematiche nelle comunicazioni con le pubbliche amministrazioni riservato solo alle alt
PP.AA.
La raccomandata con ricevuta di ritorno assimilabile a:
un messaggio inviato tramite PEC
un messaggio firmato con firma elettronica
un messaggio firmato con firma elettronica avanzata
Qual il dispositivo di legge che ha introdotto il Codice dell'amministrazione digitale (CAD)?
Il D.lgs. 82/2005
Il T.U. 165/2001
La normativa europea di settore

possibile cancellare un documento dopo averlo protocollato?


No, l'operazione di cancellazione di un documento protocollato non possibile, in quanto una tale azione sareb
in contrasto con le direttive in materia
S solo se la cancellazione prevista dalle procedure interne
S sempre
Qual la finalit della prestazione previdenziale della malattia?
Compensare la perdita del reddito da lavoro
Consentire l'erogazione dei rimborsi per prestazioni sanitarie connesse con lo stato di malattia
Prevedere una forma di contributo forfettario a fronte della diminuita capacit lavorativa
Il trattamento economico della prestazione previdenziale della malattia viene ridotto in caso di
ricovero in Struttura sanitaria?
S se il lavoratore non ha familiari a carico
S e la riduzione pari ai 2/3 dell'indennit normalmente prevista
No, non prevista alcuna riduzione
Quali sono le prestazioni di malattia riconosciute ai lavoratori iscritti alla Gestione separata?
Indennit di malattia e indennit di degenza ospedaliera

Indennit di malattia e rimborso spese sanitarie


Indennit di degenza ospedaliera e post ricovero
La tutela previdenziale della malattia riconosciuta anche agli apprendisti del settore Industria e
Artigianato?
S, la tutela riconosciuta agli apprendisti operanti in qualsiasi settore di attivit a partire dal 1 gennaio 2007
S, la tutela riconosciuta ai soli apprendisti del settore Industria e Artigianato
No, la tutela riconosciuta ai soli apprendisti del settore Terziario e Servizi

Il certificato di malattia telematico viene inviato dal medico direttamente all'Inps. Deve essere
inviato anche al datore di lavoro?
No, il datore di lavoro pu utilizzare i sistemi messi a disposizione dall'Inps per visualizzare l'attestato di malatt
del proprio dipendente
S, a meno che il datore di lavoro non abbia richiesto all'Inps l'invio di copia dell'attestato tramite il proprio
indirizzo Pec
Solo nel caso in cui la prognosi riportata sul certificato sia particolarmente lunga
Come viene considerato l'invio tramite fax o Pec del certificato di malattia redatto in modalit
cartacea?
L'invio tramite fax o Pec valido ai soli fini del rispetto del termine di invio
L'invio tramite fax non ha alcun valore mentre quello tramite Pec equivale a trasmissione del certificato in
originale
L'invio tramite fax o Pec non ha alcun valore
Che cos' l'assegno di cure e sostentamento?
una prestazione antitubercolare riconosciuta in caso di capacit lavorativa ridotta a meno del 50%
una prestazione economica per il rimborso delle spese sostenute durante le cure antitubercolari
un riconoscimento economico per i familiari di lavoratori ammalati di tbc

Qual il Comitato competente alla definizione del ricorso presentato dal lavoratore iscritto alla
Gestione separata?
il Comitato Amministratore del Fondo per la gestione speciale dei lavoratori autonomi di cui all'art. 2, comma
26, della legge 8 agosto 1995, n. 335
il Comitato amministratore per la Gestione degli interventi assistenziali e di sostegno alle gestioni previdenzi
il Comitato amministratore della gestione per le Prestazioni Temporanee ai lavoratori dipendenti

Come deve essere presentato il ricorso amministrativo in caso di reiezione della domanda di
intervento del Fondo di Garanzia di cui all'art. 2 della Legge 297/1982?
Utilizzo della procedura "Ricorsi on line" disponibile nell'area dedicata del portale www.inps.it oppure tramite u
ente di patronato o altri intermediari abilitati
Allo sportello
Al CAF
Entro quanti giorni ammesso il ricorso amministrativo al Comitato Provinciale in caso di
provvedimento di reiezione o di parziale accoglimento della domanda di intervento del Fondo di
garanzia di cui all'art. 2 della Legge 297/1982?
90 giorni
6 mesi
9 mesi
Il lavoratore pu proporre azione giudiziaria, trascorsi inutilmente 90 giorni dalla data di
presentazione del ricorso amministrativo?
Si, entro il termine di decadenza di un anno
No

S, ma solo in alcuni casi

L'esecuzione della decisione adottata dal Comitato Provinciale sui ricorsi di loro competenza pu
essere sospesa dal Direttore della competente struttura dell'Istituto qualora si evidenzino profili d
illegittimit?
S, il provvedimento di sospensione deve essere adottato entro cinque giorni ed essere sottoposto al Comitato
Amministratore competente per materia
No
S, entro un anno dalla decisione adottata dal Comitato Provinciale

Il Trattamento di rimpatrio per i lavoratori extracomunitari, di cui alla Legge n. 943/1986, artt. 13 e
14, previsto anche in caso di rimpatrio di lavoratori deceduti?
S
No
S, in caso di lavoratori coniugati
Per quali lavoratori la legge 653/1940 sancisce il diritto, in caso di richiamo alle armi, alla
conservazione del posto di lavoro e alla corresponsione di un'indennit?
Tutti i lavoratori pubblici e privati
Solo i lavoratori pubblici
Solo i lavoratori privati

Il trattamento di indennit di richiamo alle armi, di cui alla legge 653/1940, soggetto alle norma
trattenute previdenziali ed erariali?
S
No
soggetto solo alle trattenute previdenziali

A quale Comitato Amministratore sono state attribuite le funzioni del soppresso "Comitato special
del Fondo di Previdenza per gli impiegati dipendenti dei Concessionari del servizio di riscossione d
tributi e delle entrate dello Stato e degli Enti pubblici" (esattoriali)?
Al Comitato Amministratore del Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti
Al Comitato Gestione prestazioni temporanee ai lavoratori dipendenti
Al Comitato amministratore della gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali dei coltivatori diretti,
mezzadri e coloni

Quali sono i lavoratori tutelati dall'intervento del fondo di garanzia del TFR di cui all'art. 2 L. 297/8
Solo i lavoratori subordinati
Gli artigiani
Tutti i lavoratori subordinati ed autonomi

In quale caso interviene il Fondo di garanzia del TFR di cui all'art. 2 L. 297/82?
In caso di insolvenza del datore di lavoro provata dall'apertura di una procedura concorsuale o, per i datori di
lavoro non assoggettabili a procedura concorsuale, dall'infruttuoso esperimento di un'azione esecutiva individu
Solo in caso di fallimento
Solo in caso di esecuzione forzata individuale non andata a buon fine
Il fondo di garanzia del TFR di cui all'art. 2 L. 297/82 pu intervenire prima della cessazione del
rapporto di lavoro?
No
S
S, solo in caso di fruizione del trattamento CIGS
Entro quale termine deve essere liquidata la domanda di intervento del Fondo di garanzia del TFR
cui all'art. 2 L. 297/82?

60 giorni
100 giorni
120 giorni
Quali sono i crediti di lavoro di cui agli artt. 1 e 2 del D.lgs 80/92 tutelati dal Fondo di garanzia?
Le retribuzioni relative agli ultimi tre mesi del rapporto di lavoro
Le retribuzioni relative agli ultimi sei mesi del rapporto di lavoro
Il Fondo di garanzia non tutela le retribuzioni

Il fondo di garanzia del TFR e dei Crediti di Lavoro di cui all'art. 2 L. 297/82 indennizza per intero le
retribuzioni non pagate dal datore di lavoro?
No esiste un massimale pari a tre volte la misura massima del trattamento straordinario di integrazione salaria
mensile al netto delle trattenute assistenziali e previdenziali
S
S, ma solo se non si percepita l'indennit di mancato preavviso
Quali crediti tutela il Fondo di garanzia della Posizione Previdenziale complementare di cui all'art.
D.lgs. 80/92?
I contributi omessi alle forme di previdenza complementare
Le retribuzioni relative agli ultimi tre mesi del rapporto di lavoro
Il TFR versato al Fondo di Tesoreria
Il lavoratore iscritto al Fondo Esattoriali che venga licenziato per giusta causa ha diritto al TFR?
S
No
S, ma solo per una quota

I contratti di solidariet per imprese non rientranti nel campo di applicazione dell'art. 1 del decret
legge 30 ottobre 1984, n. 726, converito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 1984, n. 863
possono essere stipulati

al fine di evitare o ridurre le eccedenze di personale nel corso


della procedura di cui all'articolo 24 della legge 23 luglio 1991, n.223, o al fine di evitare licenziamenti plurim
individuali per giustificato motivo oggettivo

al fine di evitare o ridurre le eccedenze di personale nel corso della procedura di cui all'articolo 24 della legge 2
luglio 1991, n.223
solamente da imprese con pi di 15 dipendenti

Il contratto di solidariet (art. 1 L. 863/84) considerato idoneo a perseguire il suo scopo


quando la percentuale di riduzione di orario concordata tra le parti, parametrata su base settimanale, non supe
il 60% dellorario di lavoro contrattuale dei lavoratori coinvolti nel contratto di solidariet
quando la percentuale di riduzione di orario concordata tra le parti tale che il totale del numero delle ore non
lavorate dalla complessiva platea degli interessati al contratto stesso risulti superiore nella misura del 30%,
ovvero inferiore nella stessa misura percentuale, al numero delle ore che sarebbero state effettuate dai lavorat
dichiarati in esubero. Il parametro di riferimento costituito dall'orario di lavoro su base settimanale
se il numero dei lavoratori interessati alla riduzione oraria risulta essere uguale o inferiore al numero dei
lavoratori ritenuti in esubero

Per i periodi relativi ai contratti di solidariet (art. 1 L. 863/84) ai lavoratori coinvolti viene garanti
il
TFRmisura intera e cio pure per la retribuzione perduta in seguito alla riduzione di orario
nella
nella misura dell'80%
in proporzione alla retribuzione percepita nel periodo stesso
Il lavoratore decade dal diritto al trattamento di integrazione salariale

nel caso in cui non abbia provveduto a dare preventiva comunicazione alla sede provinciale dellINPS dello
svolgimento di altra attivit lavorativa
nel caso in cui non abbia provveduto a dare comunicazione entro 5 giorni alla sede provinciale dellINPS dello
svolgimento di altra attivit lavorativa
nel caso in cui non abbia provveduto a dare preventiva comunicazione al centro per l'impiego dello svolgiment
di altra attivit lavorativa
Il limite massimo di durata della CIGS di cui all'art. 1 co. 9 L. 223/91
36 mesi in un quinquennio
52 settimane in un biennio
24 mesi

Nel corso di un anno solare, il trattamento di integrazione salariale compete, nei limiti dei massim
previsti dall'articolo unico, secondo comma, della legge 13 agosto 1980, n. 427
per un massimo di dodici mensilit, comprensive dei ratei di mensilit aggiuntive
per un massimo di tredici mensilit
per un massimo di dodici mensilit, esclusi i ratei di mensilit aggiuntive
Quali lavoratori sono esclusi dalla Cassa Integrazione Ordinaria?
Dirigenti, apprendisti, lavoratori a domicilio e i soci di cooperativa (DPR n. 602/1970)
Nessuno
Lavoratori con anzianit inferiore a 90 giorni

Durante il trattamento di Cassa Integrazione Ordinaria, ai lavoratori spetta un'indennit di importo


pari
All'80% della retribuzione globale che sarebbe spettata per le ore di lavoro non prestate per un monte ore non
superiore alle 40 ore settimanali
Al 60% della retribuzione globale che sarebbe spettata per le ore di lavoro non prestate per un monte ore non
superiore alle 36 ore settimanali
Al 50% della retribuzione globale che sarebbe spettata per le ore di lavoro non prestate per un monte ore non
superiore alle 35 ore settimanali
Quando deve essere presentata la domanda di Cassa Integrazione Ordinaria?
Entro 25 giorni dalla fine del periodo di paga in corso al termine della settimana in cui ha avuto inizio la
sospensione o riduzione di orario
Entro 15 giorni dallinizio della sospensione o riduzione dellattivit lavorativa
Entro la fine del mese in cui ha avuto inizio la sospensione o riduzione dellattivit lavorativa
Come deve essere presentata la domanda di Cassa Integrazione Ordinaria?
Esclusivamente per via telematica
A mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno
Direttamente allo sportello della Sede INPS territorialmente competente
In caso di negata concessione della CIGO ordinaria chi competente ad esaminare il ricorso
amministrativo?
Il Comitato Centrale
Il Comitato Provinciale
Il Direttore della Sede Provinciale INPS
Quale tipologia di Cassa Integrazione viene concessa dal Ministero del Lavoro e delle Politiche
Sociali?
La cassa integrazione straordinaria
La cassa integrazione in deroga
La cassa integrazione ordinaria
Quanti lavoratori deve avere in forza un'azienda per poter richiedere la Cassa Integrazione
Ordinaria?
Nessun limite

Pi di 15
Meno di 15

L'Assegno per il Nucleo Familiare pu essere richiesto da:


lavoratori dipendenti, lavoratori parasubordinati, titolari di pensione da lavoro dipendente, titolari di prestazion
economiche previdenziali derivanti da lavoro dipendente
esclusivamente dai lavoratori dipendenti
lavoratori dipendenti e autonomi e titolari di pensione da lavoro dipendente e autonomo
Ai fini dell'acquisizione del diritto all'Assegno per il Nucleo Familiare, il nucleo familiare del
richiedente pu essere composto anche da:
figli maggiorenni ed equiparati che si trovino, a causa di infermit o difetto fisico o mentale nell'assoluta e
permanente impossibilit di dedicarsi ad un proficuo lavoro
parenti ed affini entro il terzo grado
fratelli, sorelle e nipoti nel caso in cui siano orfani di entrambi i genitori e titolari di pensione ai superstiti
L'Assegno per il Nucleo Familiare non spetta se la somma dei redditi da lavoro dipendente e
assimilati del nucleo familiare:
inferiore al 70% del reddito complessivo del nucleo
inferiore al 60% del reddito complessivo del nucleo.
inferiore al 50% del reddito complessivo del nucleo

L'importo dell'Assegno per il Nucleo Familiare varia in base al:


reddito complessivo del nucleo percepito nell'anno solare precedente il primo luglio di ogni anno, numero dei
componenti il nucleo, tipologia di nucleo familiare
reddito complessivo del nucleo percepito nell'anno solare precedente il primo luglio di ogni anno, numero dei
componenti il nucleo indipendentemente dall'et, tipologia di nucleo familiare
reddito complessivo del nucleo percepito nei due anni solari precedenti il primo luglio di ogni anno, numero dei
componenti il nucleo, tipologia di nucleo familiare
L'Assegno per il Nucleo Familiare pu essere erogato nella misura intera, cio per l'intero periodo
paga, ai lavoratori dipendenti che:
abbiano svolto nell'arco del mese almeno 104 ore lavorative se operai ed almeno 130 ore se impiegati
abbiano svolto almeno 130 ore lavorative nell'arco del mese indipendentemente dalla qualifica
non esiste un limite minimo di ore lavorative svolte nel mese

Gli Assegni Familiari spettano:


ai coltivatori diretti, coloni e mezzadri, ai piccoli coltivatori diretti, ai titolari delle pensioni a carico delle gestion
speciali dei lavoratori autonomi
non esiste pi la prestazione Assegni Familiari
solo ai titolari delle pensioni a carico delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi (artigiani, commercianti,
coltivatori diretti, coloni e mezzadri)

L'assegno per il Nucleo Familiare nelle situazioni di collocamento o accasamento etero familiare pu
essere corrisposto se:
l'accasamento disposto con sentenza del Tribunale dei Minori e confermato dalla struttura affidataria
solo se il provvedimento del tribunale contiene disposizioni relative all'attribuzione della prestazione familiare a
struttura affidataria
solo se la struttura affidataria non delega all'accasante lo svolgimento dei compiti propri dell'affidatario
L'importo dell'Assegno per il Nucleo Familiare ai lavoratori domestici:
pari ad un numero di assegni giornalieri calcolati sulla base delle ore di lavoro per le quali spetta la
contribuzione trimestrale
pari ad un numero di assegni giornalieri calcolati sulla base delle ore di lavoro per le quali spetta la
contribuzione mensile

pari ad un numero di assegni giornalieri calcolati sulla base delle ore di lavoro per le quali spetta la
contribuzione giornaliera

L'autorizzazione alla percezione dell'Assegno per il Nucleo Familiare necessaria:


per l'inclusione di determinati familiari nel nucleo, nei casi di possibile duplicazione del pagamento, per applica
l'aumento dei livelli reddituali
solo nel caso in cui il coniuge non sottoscriva la dichiarazione di responsabilit nel mod. ANF/DIP
per l'inclusione di determinati familiari nel nucleo, nei casi di possibile duplicazione del pagamento, per applica
la diminuzione dei livelli reddituali
La Dichiarazione sostitutiva unica (DSU) ha validit:
dal momento della presentazione al 15 gennaio dellanno successivo
due anni
tre anni
I redditi ai fini dellISEE si riferiscono:
al secondo anno solare precedente la presentazione della DSU
al quarto anno solare precedente la presentazione della DSU
al quinto anno solare precedente la presentazione della DSU
Quando sono entrati in vigore i nuovi moduli di dichiarazione unica sostitutiva ai fini ISEE?
1 gennaio 2015
1 luglio 2014
1 gennaio 2014
I redditi percepiti dai componenti il nucleo come vengono rilevati ai fini del calcolo dellindicatore
della situazione reddituale?
Vengono in parte autodichiarati e in parte inseriti dall'Agenzia delle Entrate e dallINPS
Sono tutti autodichiarati dal dichiarante
Viene indicato un reddito presunto
A chi spetta il potere concessivo dellassegno per il nucleo familiare con almeno tre figli minori ex
articolo 65 della legge n. 448 del 1998?
Al Comune
All'INPS
Alla Prefettura

Un lavoratore subordinato licenziato il 30 aprile 2015 a quali indennit di disoccupazione pu aver


diritto (in presenza di tutti i requisiti)?
Alle indennit in ambito ASpI (ASpI/miniASpI)
Alle indennit ASpI, miniASpI, NASpI
Alle indennit NASpI, DIS COLL

La durata dell'indennit di disoccupazione ASpI collegata


all'et anagrafica del lavoratore al momento della cessazione del rapporto di lavoro
all'et anagrafica del lavoratore al momento della cessazione del rapporto di lavoro unitamente al computo dei
periodi di contribuzione presenti negli ultimi 4 anni antecedenti il licenziamento
al computo dei periodi di contribuzione presenti negli ultimi 4 anni antecedenti il licenziamento
L'indennit di disoccupazione NASpI spetta ai lavoratori che possono far valere
nei quattro anni precedenti l'inizio del periodo di disoccupazione, almeno 13 settimane di contribuzione contro
disoccupazione e almeno 30 giornate di lavoro effettivo, a prescindere dal minimale contributivo, nei 12 mesi
precedenti l'evento di disoccupazione

nei quattro anni precedenti l'inizio del periodo di disoccupazione, almeno 52 settimane di contribuzione contro
disoccupazione e almeno 13 settimane di lavoro effettivo, a prescindere dal minimale contributivo, nei 12 mesi
precedenti l'evento di disoccupazione
nei quattro anni precedenti l'inizio del periodo di disoccupazione, almeno 13 settimane di contribuzione contro
disoccupazione e almeno un mese di lavoro effettivo, a prescindere dal minimale contributivo, nei 12 mesi
precedenti l'evento di disoccupazione

Il beneficiario di NASpI non pu chiedere la liquidazione anticipata in unica soluzione dell'importo


complessivo spettante e non ancora erogato, a titolo di incentivo all'autoimprenditorialit, al fine
instaurare un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa anche a progetto
avviare un'attivit lavorativa autonoma o di impresa individuale o per la sottoscrizione di una quota di capitale
sociale di una cooperativa nella quale il rapporto mutualistico ha ad oggetto la prestazione di attivit lavorativa
da parte del socio
avviare qualunque attivit di tipo autonomo

Ai fini del perfezionamento del requisito contributivo per la NASpI, si considerano utili
i periodi di astensione dal lavoro per malattia dei figli fino agli 8 anni di et, nel limite di 5 giorni lavorativi
nell'anno solare
i periodi di cassa integrazione straordinaria e ordinaria con sospensione dell'attivit a zero ore
assenze e permessi fruiti dal lavoratore che sia coniuge convivente, genitore, figlio convivente, fratello o sorella
convivente di soggetto con handicap grave

Ai fini del calcolo della durata dell'indennit di disoccupazione NASpI sono presi in considerazione
periodi contributivi
presenti nel quadriennio di osservazione purch risulti, anno per anno, complessivamente erogata o dovuta un
retribuzione non inferiore ai minimali settimanali
che hanno gi dato luogo alla corresponsione delle prestazioni di disoccupazione, anche nei casi in cui dette
prestazioni sono state fruite in forma anticipata
effettuati, nel quadriennio di osservazione, in ambito agricolo

La corresponsione dell'indennit NASpI condizionata alla permanenza dello stato di disoccupazio


ex art.1, co. 2, lett. c) del D.Lgs n. 181/2000
ex art. 8 del D.L. n. 76 del 2013, convertito con modificazioni nella legge n. 99/2013
ex art. 15 del D.L. n. 22/2015

Ricorrendone tutti i requisiti previsti per legge, un lavoratore ha diritto alla NASpI in caso di
risoluzione consensuale del rapporto di lavoro intervenuta nell'ambito della procedura di cui all'art. 7, L.
n.604/1966, come modificato dal co. 40 dell'art. 1, L. n. 92/2012
risoluzione consensuale del rapporto di lavoro intervenuta nell'ambito della procedura di cui all'art. 9, c. 1 del
D.Lgs. n. 22/2015
risoluzione consensuale del rapporto di lavoro intervenuta nell'ambito della procedura di cui agli articoli 46 e 47
del D.P.R. n. 445/2000

L'erogazione anticipata in un'unica soluzione della NASpI a titolo di incentivo


all'autoimprenditorialit
non d diritto all'accredito della contribuzione figurativa n all'assegno per il nucleo familiare
d diritto sia all'accredito della contribuzione figurativa che all'assegno, laddove spettante, per il nucleo familia

non d diritto all'accredito della contribuzione figurativa ma, qualora spettante, d diritto all'assegno per il nuc
familiare

Tra le cause di dimissioni per giusta causa che danno luogo al riconoscimento della indennit NAS
non sono contemplate quelle motivate da:
inosservanza degli obblighi contrattuali
spostamento del lavoratore da una sede ad unaltra, senza che sussistano le comprovate ragioni tecniche,
organizzative e produttive previste dallart. 2103 codice civile

notevoli variazioni delle condizioni di lavoro a seguito di cessione ad altre persone (fisiche o giuridiche)
dellazienda (art.2112 co.4 codice civile)

Il lavoratore con contratto di collaborazione ex art. 15 del D.L. 22/2015, ai fini dell'accesso alla
prestazione DIS-COLL, che periodo di contribuzione nella Gestione Separata INPS deve possedere?
Almeno tre mesi
Almeno 6 mesi
Almeno 1 mese

Nel caso di evento di maternit o di degenza ospedaliera indennizzabili insorti entro 68 giorni dall
data di cessazione del rapporto di collaborazione, quando scade il termine per la presentazione de
domanda DIS COLL?
Il termine rimane sospeso per un periodo pari alla durata dell'evento di maternit o di degenza ospedaliera
indennizzabili e riprende a decorrere, al termine dell'evento, per la parte residua
Entro il termine di 68 giorni dalla data di cessazione del periodo di maternit o di degenza ospedaliera
indennizzati
Entro il termine di 68 giorni dalla data di cessazione del rapporto di collaborazione
Il requisito minimo di tre mesi previsto per l'accesso alla DIS-COLL stato introdotto
dall'art. 15, comma 2, lett. b) del Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22
dall'art. 2, comma 15, lett. a) del Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22
dall'art. 1, comma 2, lett. c) del Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22
L'indennit UNA TANTUM per i collaboratori a progetto viene corrisposta per i periodi di
disoccupazione riferiti all'anno 2013 come stabilito
dall'art. 2, commi 51-56 della legge n. 92/2012
dall'art. 2, commi 1-5 della legge n. 92/2012
dall'art. 2, commi 20-26 della legge n. 92/2010

Il lavoratore rimpatriato ex lege n. 402/1975


un cittadino italiano che ha lavorato all'estero in Paesi comunitari, convenzionati e non convenzionati rimasto
disoccupato per licenziamento o mancato rinnovo del contratto di lavoro
un cittadino italiano o straniero che ha lavorato all'estero in Paesi comunitari, convenzionati e non convenzion
rimasto disoccupato per licenziamento o mancato rinnovo del contratto di lavoro
un cittadino italiano o straniero che ha lavorato all'estero in Paesi extracomunitari, rimasto disoccupato per
licenziamento o dimissioni
Per avere diritto all'indennit di disoccupazione rimpatriati occorre
essere rimpatriato entro 180 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro e aver reso la DID entro 30
giorni dalla data del rimpatrio
essere rimpatriato in qualunque periodo e fare domanda all'INPS
presentare domanda all'INPS online, allegando una autocertificazione, anche rimanendo nello Stato estero
La normativa comunitaria in materia di disoccupazione prevede la possibilit di
totalizzare i periodi di lavoro e occupazione negli Stati membri; esportare il diritto alle prestazioni, in presenza
precisi adempimenti, se il disoccupato si reca in un altro Stato alla ricerca di un lavoro
ottenere la prestazione di disoccupazione con i soli contributi di uno Stato ed essere liberi di cercare un nuovo
lavoro in ogni altro Stato UE
ogni lavoratore, una volta licenziato in uno Stato membro, deve chiedere la prestazione di disoccupazione solo
quello Stato e l rimanere per tutta la durata della prestazione

Il documento PD U1
l'unico documento portatile utile che l'interessato deve chiedere personalmente prima di partire per un altro St
membro, da presentare per la certificazione dei periodi di assicurazione, occupazione, attivit autonoma compi
in uno Stato UE ai fini della eventuale totalizzazione

un formulario che pu essere chiesto dall'assicurato che si gi recato in un altro Stato membro,anche
telefonicamente, tramite mail o fax o tramite parenti/conoscenti, da presentare per la certificazione dei periodi
assicurazione, occupazione, attivit autonoma compiuti in un altro Stato UE ai fini della eventuale totalizzazion
un formulario utilizzato per ogni scambio di informazioni tra le istituzioni previdenziali degli Stati membri

La prestazione di disoccupazione corrisposta in uno Stato membro si pu esportare in un altro Sta


membro senza perdere neppure un giorno di pagamento dell'indennit se
il disoccupato, iscritto prima della partenza all'ufficio del lavoro e vi rimane a disposizione almeno 4 settimane,
iscritto all'ufficio del lavoro dello Stato UE in cui si reca entro 7 giorni dalla cessazione dell'iscrizione presso
l'ufficio del lavoro dello stato competente
il disoccupato si iscritto prima della partenza all'ufficio del lavoro e vi rimasto a disposizione almeno 4
settimane prima di recarsi in altro Stato UE
il disoccupato si iscrive direttamente all'ufficio del lavoro nello Stato UE in cui va a cercare un'occupazione

L'indennit di disoccupazione ai lavoratori frontalieri viene corrisposta


dallo stato di residenza, che ne chiede il parziale rimborso allo Stato di ultima assicurazione inviando il paper s
U020 alla Direzione regionale INPS del Lazio entro la scadenza del semestre successivo a quello nel corso del
quale avvenuto l'ultimo pagamento delle prestazioni di cui si chiede il rimborso
dallo Stato di ultima occupazione, che ne chiede il rimborso allo Stato di residenza inviando il paper sed U 022
alla Direzione regionale INPS del Lazio entro la scadenza del semestre nel corso del quale avvenuto l'ultimo
pagamento delle prestazioni di cui si chiede il rimborso

in pro-rata tra lo Stato di residenza dell'assicurato e lo Stato membro di ultima occupazione, compensando le
spese per il tramite della Direzione Regionale INPS del Lazio mediante il formulario U 020 chiedendo il rimborso

Chi sono i lavoratori diversi dai frontalieri ai sensi dell'art. 65 del Regolamento (CE) n. 883/2004?
Coloro i quali, nel corso della loro ultima attivit subordinata o autonoma, risiedono in uno Stato membro diver
da quello alla cui legislazione sono soggetti e che non necessariamente lo Stato in cui esercitata lattivit
subordinata o autonoma (marittimi, persone degli equipaggi di condotta e di cabina addetti al trasporto aereo
passeggeri o merci, persone che normalmente esercitano la loro attivit nel territorio di due o pi Stati membri
stagionali)

Coloro i quali, nel corso della loro ultima attivit subordinata o autonoma, risiedono in uno Stato comunitario o
extracomunitario diverso da quello alla cui legislazione sono soggetti e che non necessariamente lo Stato in c
esercitata lattivit subordinata o autonoma (marittimi, persone degli equipaggi di condotta e di cabina addet
al trasporto aereo passeggeri o merci, persone che normalmente esercitano la loro attivit nel territorio di due
pi Stati membri)

Coloro i quali, nel corso della loro ultima attivit subordinata o autonoma, risiedono in uno Stato extracomunita
diverso da quello alla cui legislazione sono soggetti e che non necessariamente lo Stato in cui esercitata
lattivit subordinata o autonoma (personale delle Ambasciate e dei Consolati, marittimi, persone degli equipag
di condotta e di cabina addetti al trasporto aereo passeggeri o merci, stagionali)
Sono previsti rimborsi tra le Istituzioni dei paesi membri in materia di disoccupazione?
L'unica forma di rimborso quella contemplata dall'art. 65 del Regolamento n. 883/2004
S, vanno richiesti sempre per il tramite della Direzione Regionale Lazio
No, la prestazione di disoccupazione sempre pagata dallo Stato membro nel quale stata svolta l'attivit
lavorativa

Come posso stabilire la legislazione applicabile nel caso di un lavoratore diverso dal frontaliere ex
art. 65 Reg. 883/2004?
In base alle norme dei regolamenti comunitari e/o sulla base dell'attestato relativo alla legislazione applicabile
una scelta del lavoratore mediante autocertificazione
Lo stabilisce l'Istituzione dello Stato comunitario con riferimento alla cittadinanza del lavoratore

Tra i beneficiari dell'indennit di disoccupazione agricola sono ricompresi i lavoratori agricoli in


proprio?
S, oltre agli operai agricoli a tempo determinato ed indeterminato, possono aver diritto all'indennit anche i
piccoli coloni e compartecipanti familiari, i piccoli coltivatori diretti
No, i lavoratori autonomi agricoli non sono assicurati contro la disoccupazione involontaria
No, i lavoratori autonomi agricoli debbono essere obbligatoriamente iscritti alla Gestione Coltivatori diretti, colo
e mezzadri
Qual il primo requisito per aver diritto all'indennit di disoccupazione agricola?
Essere un lavoratore dipendente agricolo iscritto negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli nell'anno di
competenza della prestazione
Essere assicurato contro la disoccupazione involontaria da almeno un anno
Aver svolto almeno 51 giornate di lavoro agricolo nell'ultimo anno
Quante giornate di contribuzione contro la disoccupazione involontaria occorrono per aver diritto
all'indennit di disoccupazione agricola?
Occorrono almeno 102 contributi giornalieri versati per attivit dipendente agricola ed eventualmente non
agricola nel biennio costituito dall'anno di competenza della prestazione e dall'anno precedente
Occorrono almeno 102 giornate di iscrizione negli elenchi nel biennio precedente la domanda
Occorrono almeno 102 contributi giornalieri versati per attivit dipendente agricola ed eventualmente non
agricola nel biennio precedente la domanda, di cui almeno 51 gg nell'anno di competenza della prestazione

Come viene calcolata la durata dell'indennit di disoccupazione agricola?


La durata dell'indennit pari alle giornate di lavoro dipendente prestate nell'anno di compentenza della
prestazione nel limite del parametro annuo di 365 giorni
La durata dell'indennit pari alle giornate di iscrizione negli elenchi nell'anno di competenza della prestazione
La durata dell'indennit pari alle giornate ottenute detraendo dal parametro 270 le giornate lavorate e le
giornate gi indennizzate ad altro titolo

Quanto spetta per indennit di disoccupazione agricola?


L'indennit giornaliera pari al 40% della retribuzione giornaliera di riferimento (media dei salari percepiti
nell'anno). Dall'indennit viene detratto un 9% a titolo di contributo di solidariet per un massimo di 150 giorni

L'indennit giornaliera pari al 75% della retribuzione giornaliera di riferimento (media dei salari percepiti
nell'anno). Dall'indennit viene detratto un 9% a titolo di contributo di solidariet per un massimo di 150 giorni
L'indennit giornaliera pari al 66% della retribuzione giornaliera di riferimento (media dei salari percepiti
nell'anno).
Esiste un termine per la presentazione della domanda di indennit di disoccupazione agricola?
S, la domanda di indennit di disoccupazione agricola deve essere presentata entro il 31 marzo dell'anno
successivo a quello in cui si verificato l'evento di disoccupazione
No, la domanda di indennit di disoccupazione agricola, riferendosi a stati di disoccupazione gi decorsi, pu
essere presentata in qualunque momento
S, la domanda di indennit di disoccupazione agricola, riferendosi a stati di disoccupazione gi decorsi, pu
essere presentata entro la fine dell'anno successivo a quello in cui si verificato l'evento
Con quale modalit viene erogata l'indennit di disoccupazione agricola
L'indennit di disoccupazione agricola viene erogata in unica soluzione
L'indennit di disoccupazione agricola viene erogata in unica soluzione se l'indennit di durata inferiore o
uguale ai 30 giorni; in pi mensilit se la durata superiore ai trenta giorni
L'indennit di disoccupazione agricola viene erogata in rate mensili
I cittadini extracomunitari hanno diritto a percepire l'indennit di disoccupazione agricola?

S, i cittadini extracomunitari hanno diritto all'indennit di disoccupazione agricola purch abbiano svolto attivit
lavorativa agricola in Italia e siano in possesso di permesso di soggiorno per lavoro subordinato non stagionale
S, i cittadini extracomunitari possono aver diritto all'indennit di disoccupazione agricola purch siano
regolarmente iscritti presso lAnagrafe della popolazione residente
No, i cittadini extracomunitari non hanno diritto all'indennit di disoccupazione agricola non potendo essere
verificati i periodi di occupazione presso lo stato non convenzionato

Per periodi rientranti nel biennio 2015-2016 pu essere concesso un periodo di mobilit in deroga
alla normativa vigente ad un lavoratore che ha gi beneficiato di un periodo di tre anni di mobilit
deroga?
No
S
S, solo se il periodo di tre anni gi beneficiato non era continuativo

L'indennit di disoccupazione ASpI ai lavoratori sospesi (art.3, comma 17, legge 28 giugno 2012 n.
92), prevista anche per l'annualit 2016?
No, riconosciuta in via sperimentale per il periodo 2013-2015
S
No, valida solo fino al 30 aprile 2015 perch dal 1 maggio 2015 entra in vigore la NASPI

Un decreto interministeriale concede un periodo di 6 mesi di proroga della mobilit in deroga alla
normativa vigente ad un lavoratore che ha gi beneficiato di due anni di mobilit in deroga conces
in seguito alla cessazione dello stesso rapporto lavorativo. La prestazione di mobilit in deroga vie
corrisposta per intero?
No, viene abbattuta del 30%
Viene corrisposta per intero, non viene applicato nessun abbattimento
No, viene abbattuta del 10%
In caso di crisi che coinvolgono unit produttive site in diverse Regioni o Province autonome chi
concede la cassa integrazione in deroga alla normativa vigente?
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze
Una qualsiasi delle Regioni o Province autonome dove sono ubicate le unit produttive
L'INPS
Pu essere concesso il trattamento di CIG in deroga alla normativa vigente in caso di cessazione
dell'attivit dell'impresa?
No
S
Solo alle imprese con meno di 15 dipendenti
Entro quanti giorni dall'inizio della sospensione o la riduzione dell'orario di lavoro l'azienda deve
presentare la domanda di concessione o proroga del trattamento di CIG in deroga alla normativa
vigente?

Entro 20 giorni
Entro 25 giorni dalla fine del periodo di paga in corso al termine della prima settimana di sospensione o riduzio
di orario
Pu presentarla sempre, la data di presentazione non ha importanza

Qual il Comitato amministratore, ai sensi della legge 9 marzo 1989 n.88, che decide in materia d
prestazioni economiche di malattia ai lavoratori dipendenti?
Comitato amministratore della gestione prestazioni temporanee ai lavoratori dipendenti
Comitato amministratore del Fondo pensioni lavoratori dipendenti
Comitato amministratore della Gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali dei coltivatori diretti,
mezzadri e coloni

Entro quanto tempo il competente Comitato amministratore della gestione prestazioni temporanee
ai lavoratori dipendenti decide la conferma, ovvero l'annullamento della decisione assunta dal
Comitato provinciale -sospesa dal Direttore della Direzione provinciale dell'Istituto ai sensi dell'art
46, comma 9, del legge 9 marzo 1989 n.88- per un ricorso in materia di prestazioni economiche di
malattia?
Novanta giorni dalla data di adozione del provvedimento di sospensione
Cinque giorni di calendario dalla data di adozione del provvedimento di sospensione
Un anno dalla data di adozione del provvedimento di sospensione

Il Direttore della Direzione provinciale dell'Istituto, qualora si evidenzino profili di illegittimit ne


decisione del locale Comitato provinciale -competente quest'ultimo a decidere su ricorsi avverso i
provvedimenti dell'Istituto in materia di prestazioni economiche di malattia ai lavoratori dipenden
entro quanto tempo pu adottare, ai sensi dell'art. 46, comma 9, del legge 9 marzo 1989 n.88, un
provvedimento di sospensione della esecuzione della decisione del Comitato provinciale?
Entro cinque giorni di calendario dalla data della decisione del Comitato provinciale
Entro cinque giorni lavorativi dalla data della decisione del Comitato provinciale
Entro il termine annuale di prescrizione vigente in materia di prestazioni economiche di malattia

L'indennit economica di malattia ai lavoratori dipendenti viene erogata dal primo giorno dell'even
morboso in caso di:
ricaduta di precedente evento di malattia
malattia grave
lavoratore che svolge anche una attivit di lavoro autonomo
L'azione per conseguire le prestazioni economiche dell'indennit di malattia erogate dall'INPS si
prescrive, ai sensi dell'art. 6, u.c., della legge 11 gennaio 1943, n. 138, nel termine di:
un anno dal giorno in cui esse sono dovute
tre anni dal giorno in cui esse sono dovute
sei mesi dal giorno in cui esse sono dovute

In materia di prestazioni economiche di malattia, in caso di controversia, l'esperimento della fase


del contenzioso amministrativo, che si esplica con il ricorso al competente Comitato provinciale, s
pone come condizione di proceduralit per un eventuale domanda giudiziale?
S
No
Dipende dalla durata dell'evento morboso

Un lavoratore dipendente, assicurato INPS ed avente diritto alle prestazioni economiche di malatt
in caso di diniego o mancato riconoscimento della relativa prestazione pu ricorrere al Comitato
provinciale entro il termine di:
novanta giorni dalla data di comunicazione del provvedimento di diniego o mancato riconoscimento della
prestazione
centottanta giorni dalla data di comunicazione del provvedimento i diniego o mancato riconoscimento della
prestazione
non c' scadenza per presentare il ricorso
Per un assicurato INPS del settore privato, avente titolo alle prestazionie economiche di malattia,
fasce orarie giornaliere di reperibilit per il controllo pubblicistico della malattia sono:
dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 17,00 alle 19,00
dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 17,00 alle 19,00, escluso il sabato, la domenica ed i festivi
dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 18,00

In caso di malattia insorta durante un temporaneo soggiorno in un Paese UE un lavoratore occupat


in Italia avente titolo alle prestazioni economiche di malattia erogate dall'INPS deve:
provvedere a inviare al proprio datore di lavoro e all'INPS, nel termine ordinario di 2 giorni, la certificazione
medica rilasciata all'estero

chiamare la struttura territoriale INPS competente per residenza per informare del proprio stato di malattia
attendere, durante le fasce previste per la reperibilit (10-12 e 17-19), la visita di controllo.
Ad un lavoratore occupato in Italia avente titolo alle prestazioni economiche di malattia erogate
dall'INPS, in caso di malattia insorta durante un temporaneo soggiorno in un Paese UE, la relativa
indennit economica di malattia viene:
erogata in eguale misura come se l'evento fosse avvenuto in Italia
erogata in misura ridotta.
non viene erogata
Qual la finalit della prestazione previdenziale della malattia?
Compensare la perdita del reddito da lavoro
Consentire l'erogazione dei rimborsi per prestazioni sanitarie connesse con lo stato di malattia
Prevedere una forma di contributo forfettario a fronte della diminuita capacit lavorativa
Il trattamento economico della prestazione previdenziale della malattia viene ridotto in caso di
ricovero in Struttura sanitaria?
S se il lavoratore non ha familiari a carico
S e la riduzione pari ai 2/3 dell'indennit normalmente prevista.
No, non prevista alcuna riduzione
Quali sono
Indennit di
Indennit di
Indennit di

le prestazioni di malattia riconosciute ai lavoratori iscritti alla Gestione separata?


malattia e indennit di degenza ospedaliera
malattia e rimborso spese sanitarie
degenza ospedaliera e post ricovero

La tutela previdenziale della malattia riconosciuta anche agli apprendisti del settore Industria e
Artigianato?
S, la tutela riconosciuta agli apprendisti operanti in qualsiasi settore di attivit a partire dal 1 gennaio 2007
S, la tutela riconosciuta ai soli apprendisti del settore Industria e Artigianato
No, la tutela riconosciuta ai soli apprendisti del settore Terziario e Servizi

Il certificato di malattia telematico viene inviato dal medico direttamente all'Inps. Deve essere
inviato anche al datore di lavoro?
No, il datore di lavoro pu utilizzare i sistemi messi a disposizione dall'Inps per visualizzare l'attestato di malatt
del proprio dipendente
S, a meno che il datore di lavoro non abbia richiesto all'Inps l'invio di copia dell'attestato tramite il proprio
indirizzo Pec
Solo nel caso in cui la prognosi riportata sul certificato sia particolarmente lunga

Nel caso di certificato redatto in modalit cartacea, necessario che il lavoratore invii il certificato
all'Inps e l'attestato al datore di lavoro?
S, deve effettuare l'invio entro due giorni dalla data di redazione del certificato
Deve inviare il certificato all'Inps appena possibile mentre l'attestato al datore di lavoro deve essere inviato in
giornata
No, provvede il medico che ha redatto il certificato
Come viene considerato l'invio tramite fax o Pec del certificato di malattia redatto in modalit
cartacea?
L'invio tramite fax o Pec valido ai soli fini del rispetto del termine di invio
L'invio tramite fax non ha alcun valore mentre quello tramite Pec equivale a trasmissione del certificato in
originale
L'invio tramite fax o Pec non ha alcun valore
Qual il requisito contributivo per aver diritto alle prestazioni antitubercolari?

Il requisito consiste in 52 settimane di contribuzione nell'arco dell'intera vita lavorativa


Occorrono 52 settimane di contribuzione negli ultimi 5 anni prima dell'evento
Il requisito richiesto di 48 settimane di contribuzione durante l'ultimo rapporto di lavoro

Qual il Comitato competente alla definizione dei ricorso presentato dal lavoratore iscritto alla
Gestione separata?
il Comitato Amministratore del Fondo per la gestione speciale dei lavoratori autonomi di cui all'art. 2, comma
26, della legge 8 agosto 1995, n. 335
il Comitato amministratore per la Gestione degli interventi assistenziali e di sostegno alle gestioni previdenzi
il Comitato amministratore della gestione per le Prestazioni Temporanee ai lavoratori dipendenti
La madre o il padre lavoratori dipendenti, che siano genitori unici, hanno diritto ad un numero di
mesi di congedo parentale pari a:
dieci, nei primi otto anni di vita del bambino
sei, nei primi otto anni di vita del bambino
tre, nel primo anno di vita del bambino
La madre lavoratrice iscritta alla gestione separata ha diritto ad un numero di mesi di congedo
parentale pari a:
tre, nel primo anno di vita del bambino
sei, nei primi otto anni di vita del bambino
non ha diritto al congedo parentale
Le madri lavoratrici autonome sono soggette allobbligo di astensione dallattivit lavorativa?
No, il percepimento dell'indennit non comporta comunque obbligo di astensione dall'attivit lavorativa
S, si devono obbligatoriamente astenere
S, ma solo nei tre mesi successivi al parto

Il beneficio voucher baby sitting- contributo asili nido pu essere richiesto:


dalle lavoratrici dipendenti di amministrazioni pubbliche o di privati datori di lavoro e dalle lavoratrici iscritte al
gestione separata in sostituzione di tutto o parte del congedo parentale spettante
dalle lavoratrici autonome in aggiunta al congedo parentale spettante
dai padri lavoratori dipendenti e iscritti alla gestione separata in sostituzione di tutto o parte del congedo
parentale spettante

Per i lavoratori assicurati ex Ipsema a far data dal 1 gennaio 2014 lINPS:
riscuote i contributi ed eroga le prestazioni di malattia, maternit, disabilit, donazione sangue e/o midollo osse
eroga le prestazioni per malattia, maternit, disabilit, donazione sangue e/o midollo osseo
riscuote i contributi di malattia, maternit e disabilit

Ai lavoratori assicurati ex Ipsema per la tutela di maternit/paternit:


si applica integralmente il d.lgs. n. 151 del 26 marzo 2001 (Testo unico sulla maternit)
si applica anche per la maternit/paternit, come per la malattia erogata ai soli lavoratori marittimi, una specifi
normativa di settore
non riconosciuta la tutela per maternit/paternit
Quale obbligo hanno i Fondi di solidariet?
Pareggio di bilancio
Automaticit delle prestazioni
Pubblicazione dell'elenco dei beneficiari
Quale settore non ricompreso nel fondo di solidariet residuale?
Credito

Servizi
Commercio
I fondi di solidariet sono
gestioni dell'INPS
gestioni autonome dotate di propria personalit giuridica
gestioni dell'INPS dotate di propria personalit giuridica
I Fondi di solidariet possono assicurare:
tutele integrative rispetto all'ASPI/NASPI
tutele integrative rispetto alla maternit
tutele integrative rispetto alla malattia
L'Istituzione dei fondi di solidariet obbligatoria per i settori o classi dimensionali
non coperti dalla normativa in materia di integrazione salariale ordinaria o straordinaria
non coperti dalla normativa in materia di cassa integrazione guadagni ordinaria
non coperti dalla normativa in materia di cassa integrazione guadagni straordinaria
Il settore dell'artigianato
ha adeguato il preesistente fondo bilaterale ai principi della L. 92/2012
rientra nel fondo residuale
ha istituito ex novo un proprio fondo di solidariet ai sensi dell'art. 3, co 4 della l. 92/2012
I fondi di solidariet sono amministrati da:
un comitato amministratore
un commissario
il Presidente dell'INPS
Il fondo di solidariet per il settore del credito :
un fondo di solidariet preesistente adeguato
un fondo interprofessionale
un fondo di solidariet confluito nel residuale
Il fondo degli Assicurativi non prevede la seguente prestazione:
assegno emergenziale
assegno ordinario
assegno straordinario
Tra i beneficiari del fondo residuale vi sono anche gli apprendisti
S
S ma solo se hanno almeno 90 giorni di anzianit
No
Tra i beneficiari del fondo residuale vi sono anche i dirigenti
No
S ma solo se hanno almeno 90 giorni di anzianit
S

I lavoratori che ne facciano richiesta possono ottenere (art. 7, comma 5, legge 223/1991)
un'anticipazione dell'indennit di mobilit al fine di intraprendere un'attivit autonoma o associars
in cooperativa?
S, con la decurtazione delle mensilit gi godute
S, per l'intera somma spettante a titolo di indennit di mobilit
No, poich non possibile chiedere l'anticipazione dell'indennit di mobilit

Il lavoratore in mobilit ha facolt di svolgere attivit di lavoro subordinato, a tempo parziale,


ovvero a tempo determinato (art. 8, comma 6, legge 223/1991)?
S, mantenendo l'iscrizione nella lista di mobilit
S, previa cancellazione dalle liste di mobilit
No

Il trattamento di disoccupazione speciale edile (art. 3 comma 3, legge n. 451 del 1994) in caso di
rioccupazione con contratto a tempo determinato o parziale pu essere sospeso?
S, si applica l'art, 8 commi 6 e 7 della legge 223 del 1991
No, non si applica l'art 8 , commi 6 e 7 della legge 223 del 1991
S, si applica l'art 8, commi 6 e 7 , legge 223 del 1991, ma nei limiti di 18 o 27 mesi di durata della prestazione
La garanzia Giovani il Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione a sostegno dei giovani che
non sono impegnati in un'attivit lavorativa, n inseriti in un percorso formativo. Quale tra le
misure, di seguito riportate, previste dal Piano operativo nazionale Italiano occupazione giovani,
sono erogate dall'Istituto ai giovani partecipanti al programma?
L'indennit di tirocinio
Il servizio civile
Tutte e due le misure precedenti

L'indennit di mobilit per i lavoratori disoccupati in conseguenza di un licenziamento collettivo pe


riduzione di personale spetta alle seguenti categorie di lavoratori (art. 16, comma 1, legge 223 de
1991)?
Operai, impiegati o quadri
Operai, impiegati o quadri e dirigenti
Operai, impiegati o quadri, dirigenti, apprendisti, lavoratori occupati in attivit stagionali e lavoratori con
contratto a tempo determinato
Per poter beneficiare dell'indennit di mobilit i lavoratori devono essere iscritti nelle liste di
mobilit ed essere in possesso di un'anzianit aziendale di almeno 12 mesi di cui 6 di effettivo
lavoro con contratto di lavoro a tempo indeterminato (art. 16, comma 1, legge 223 del 1991)?
S
No, l'anzianit aziendale deve essere di almeno 24 mesi di cui 12 di effettivo lavoro
No, non previsto il requisito dell'anzianit aziendale, ma solo quello di iscrizione nelle liste di mobilit

La domanda di mobilit deve essere presentata a pena di decandenza entro (art. 7 comma 12, legg
223 del 1991 e r.d.l. n. 1827 del 1935)?
Il 68 giorno dalla data del licenziamento
Il 60 giorno dalla data del licenziamento
Il 30 giorno dalla data del licenziamento

La durata dell'indennit di mobilit determinata in base all'et anagrafica dei lavoratori alla data
del licenziamento ed all'ubicazione geografica dell'unit produttiva di appartenenza (art. 1, commi
e 2 , legge 223 del 1991)?

S
No, si tiene conto solo dell'ubicazione geografica dell'unit produttiva di appartenenza
No, non si tiene conto n dell'et anagrafica n dell'ubicazione geografica dell'unit produttiva di appartenenz

Da chi pu essere concesso l'assegno per lo svolgimento dell'attivit socialmente utile (assegno
ASU) erogato dall'INPS con oneri a carico del Fondo Sociale per Occupazione e Formazione (ex Fon
Occupazione)?

Dal Ministero del lavoro e delle Politiche sociali e dalle Regioni a seguito della stipula di apposite Convenzioni c
definiscono, tra l'altro, il numero dei soggetti rientranti nel bacino regionale
Dall'INPS su richiesta dell'interessato
Da Italia Lavoro S.p.A

Per i periodi di impegno nelle attivit socialmente utili riconosciuto l'accredito della relativa
contribuzione?
S, ma solo figurativa ossia valida ai fini dell'acquisizione dei requisiti assicurati per il diritto al pensionamento e
non anche ai fini della misura
No
S

Quali sono i requisiti richiesti dall'art. 2, comma 1, del D.Lgs. n. 81/2000 che definisce quali sono
soggetti utilizzabili in attivit socialmente utili con oneri a carico del Fondo Sociale Occupazione e
Formazione (ex Fondo Occupazione)?
Essere stati impegnati in Progetti di lavori socialmente utili e aver effettivamente maturato dodici mesi di
permanenza in tali attivit nel periodo dal 1 gennaio 1998 al 31.12.1999
Essere stati impegnati in Progetti di lavori socialmente utili e aver effettivamente maturato diciotto mesi di
permanenza in tali attivit nel periodo dal 1 gennaio 1998 al 31.12.1999
Essere stati impegnati in Progetti di lavori socialmente utili e aver effettivamente maturato dodici mesi di
permanenza in tali attivit nel periodo dal 1 gennaio 1999 al 31.12.1999

Possono essere concessi gli assegni familiari (ANF) per lo svoglimento di attivit socialmente utile
S
No
Solo per i primi 12 mesi
Per quante ore settimanali possono essere utilizzati i lavoratori socialmente utili?
I lavoratori sono impegnati per un orario settimanale di 20 ore e per non pi di 8 ore giornaliere
I lavoratori sono impegnati per un orario di 40 ore settimanali e per non pi di 8 ore giornaliere
I lavoratori sono impegnati per un orario di 30 ore settimanali e per non pi di 4 ore giornaliere

Da chi pu essere concesso un periodo di cig in deroga alla normativa vigente ad una determinata
azienda?
Dal Ministero del lavoro e delle Politiche sociali di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze oppure
dalla Regione o Provincia autonoma dove ubicata l'unit produttiva che richiede l'intervento
Soltanto dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanz
Sempre e soltanto dalla Regione o Provincia Autonoma

Per periodi rientranti nel biennio 2015-2016 pu essere concesso un periodo di mobilit in deroga
alla normativa vigente ad un lavoratore che ha gi beneficiato di un periodo di tre anni di mobilit
deroga ?
No
S
S, solo se il periodo di tre anni gi beneficiato non era continuativo

Sul finanziamento disposto in un decreto di concessione di mobilit in deroga quali costi vanno
imputati?
La somma delle indennit di mobilit corrisposte ai lavoratori indicati nel decreto di concessione, del costo dell
corrispondente contribuzione figurativa e degli ANF corrisposti nel periodo in cui stata erogata la prestazione

La somma delle sole indennit di mobilit corrisposte ai lavoratori indicati nel decreto di concessione
La somma delle indennit di mobilit corrisposte ai lavoratori indicati nel decreto di concessione e del costo de
corrispondente contribuzione figurativa

L'indennit di disoccupazione ASpI ai lavoratori sospesi (art.3, comma 17, legge 28 giugno 2012 n.
92) prevede un intervento integrativo a carico dei Fondi bilaterali?
S, pari almeno alla misura del 20% dellindennit stessa

No
S

Gli oneri complessivi di un intervento di concessione di un ammortizzatore in deroga alla normativ


vigente su quale fondo insistono?
Fondo sociale per l'Occupazione e Formazione
Fondo per la deroga
Fondo per l'Italia

Un decreto interministeriale concede un periodo di 6 mesi di proroga della mobilit in deroga alla
normativa vigente ad un lavoratore che ha gi beneficiato di due anni di mobilit in deroga conces
in seguito alla cessazione dello stesso rapporto lavorativo. La prestazione di mobilit in deroga vie
corrisposta per intero?
No, viene abbattuta del 30%
Viene corrisposta per intero, non viene applicato nessun abbattimento
No, viene abbattuta del 10%
In caso di crisi che coinvolgono unit produttive site in diverse Regioni o Province autonome chi
concede la cassa integrazione in deroga alla normativa vigente?
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze
Una qualsiasi delle Regioni o Province autonome dove sono ubicate le unit produttive
L'INPS
Pu essere concesso il trattamento di cig in deroga alla normativa vigente in caso di cessazione
dell'attivit dell'impresa?
No
S
Solo alle imprese con meno di 15 dipendenti

L'anzianit lavorativa presso l'impresa per accedere all'intervento di cassa integrazione in deroga
alla normativa vigente, a partire dal 1 gennaio 2015, deve essere di:
almeno 12 mesi alla data di inizio del periodo di intervento
non pi di 11 mesi alla data di inizio del periodo di intervento
100 giorni alla data di inizio del periodo di intervento

Quanti mesi di mobilit in deroga possono essere concessi, nel 2015, ai lavoratori che alla data di
decorrenza del trattamento non hanno mai beneficiato di periodi di mobilit in deroga?
6 mesi pi ulteriori 2 mesi nel caso di lavoratori residenti nelle aree di cui al testo unico approvato con D.P.R. n.
218 del 1978
12 mesi
zero

Le disposizioni contenute nel decreto interministeriale n. 83473 del 1 agosto 2014 si applicano ag
accordi stipulati
dal giorno della data di pubblicazione del decreto medesimo
dal 1 agosto 2014
dal 1 gennaio 2014

Un decreto interministeriale concede un periodo di 6 mesi di proroga della mobilit in deroga alla
normativa vigente ad un lavoratore che ha gi beneficiato di un anno di mobilit in deroga concess
in seguito alla cessazione dello stesso rapporto lavorativo. La prestazione di mobilit in deroga vie
corrisposta per intero?
No, viene abbattuta del 10%
No, viene abbattuta del 40%
Viene corrisposta per intero, non viene applicato nessun abbattimento

Quale tipologia di imprese possono richiedere il trattamento di cassa integrazione guadagni in


deroga alla normativa vigente?
Solo le imprese di cui all'articolo 2082 del codice civile
Soltanto le imprese sopra i 50 dipendenti
Solo le imprese del settore industria
Alla prestazione di esodo ex art. 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92/2012 possono accedere i
datori di lavoro che impieghino mediamente:
pi di 15 dipendenti
pi di 10 dipendenti
pi di 20 dipendenti
Come si chiama lorgano amministratore del Fondo credito ordinario?
Comitato
Commissione
Collegio
Gli assegni straordinari del Fondo credito cooperativo sono perequati?
No
S
S, ogni due anni
Qual la durata massima dellassegno straordinario erogato dal Fondo credito ordinario?
60 mesi
36 mesi
48 mesi
Qual la forma giuridica dei regolamenti dei Fondi di solidariet?
Decreto interministeriale
Decreto legislativo
Legge
Lassegno straordinario dei Fondi di solidariet :
una prestazione temporanea che accompagna alla pensione
una pensione
un prepensionamento
La finalit dellassegno straordinario dei Fondi di solidariet :
il raggiungimento del diritto alla pensione
la formazione continua
lintegrazione dellAspi
Il versamento della contribuzione figurativa correlata previsto:
per lassegno straordinario dei Fondi di solidariet e per la prestazione di esodo ex art. 4, commi da 1 a 7-ter,
della legge n. 92/2012
solo per lassegno straordinario dei Fondi di solidariet
solo per la prestazione di esodo ex art. 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92/2012
La prestazione di esodo ex art. 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92/2012 garantita da:
una fideiussione bancaria
una fideiussione assicurativa
unipoteca

Quali sono i Fondi di solidariet i cui assegni straordinari sono soggetti al regime della tassazione
separata?
Credito ordinario, Credito cooperativo e Poste Italiane
Credito ordinario, Credito cooperativo e Ferrovie dello Stato
Credito cooperativo, Poste Italiane e Ferrovie dello Stato

Per quale Fondo di solidariet lInps eroga le prestazioni sulla base di una convenzione stipulata n
2010?
Ferrovie dello Stato
Poste Italiane
Credito ordinario
Per lassegno straordinario di quale Fondo di solidariet non prevista la tredicesima?
Poste Italiane
Credito ordinario
Ferrovie dello Stato

Lassegno straordinario dei Fondi di solidariet pu essere erogato al lavoratore beneficiario in uni
soluzione?
S, su richiesta del lavoratore beneficiario
S, ma previo nulla osta dellazienda esodante
No
Per poter accedere ai Fondi di solidariet (cos detto accreditamento/censimento), lazienda
esodante deve presentare allInps:
laccordo aziendale
il contratto collettivo nazionale di lavoro
la domanda di assegno straordinario per il singolo lavoratore
I dirigenti possono accedere al Fondo di solidariet Ferrovie dello Stato?
No
S
S, se hanno unanzianit di almeno 5 anni nella qualifica

Il beneficiario di assegno straordinario dei Fondi di solidariet pu svolgere attivit di lavoro press
un diverso datore di lavoro in concorrenza con lazienda esodante?
S, ma cessa lerogazione dellassegno straordinario
No
S
Il beneficiario di prestazione di esodo ex art. 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92/2012 pu
svolgere attivit di lavoro presso un diverso datore di lavoro?
S
No
S, se non in concorrenza
Laccordo sindacale presentato dallente esodante dei Fondi di solidariet sottoscritto:
da entrambi
dallente esodante
dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative
Per la prestazione di esodo ex art. 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92/2012 il datore di lavoro
esodante pu scegliere di versare la provvista anticipata in unica soluzione?
S
No

S, se presta garanzia fideiussoria


Qual il periodo massimo di erogazione della prestazione di esodo ex art. 4, commi da 1 a 7-ter,
della legge n. 92/2012?
48 mesi
24 mesi
60 mesi

Lonere per il pagamento degli assegni straordinari dei Fondi di solidariet e delle prestazioni di
esodo ex art. 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92/2012 sono a esclusivo carico dei datori di lavo
esodanti. Come avviene il finanziamento da parte loro?
Mediante provvista anticipata
Mediante rimborso a consuntivo
Mediante conguaglio sulla contribuzione dovuta per i lavoratori in servizio

Pu essere accolta la domanda di assegno straordinario dei Fondi di solidariet o di prestazione di


esodo ex art. 4, commi da 1 a 7-ter, finalizzate alla pensione anticipata nel caso in cui il lavoratore
sia gi titolare di pensione di invalidit ovvero di assegno ordinario di invalidit?

No
S, se il lavoratore beneficiario ha gi perfezionato, prima dellaccesso allesodo, il requisito contributivo di 20 a
S
Alla prestazione di esodo ex art. 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92/2012 possono accedere i
lavoratori, in possesso dei prescritti requisiti, iscritti:
alle gestioni private o alla gestione pubblica o alla gestione spettacolo e sport
solo alle gestioni private
solo alla gestione pubblica

Il DPR n. 157/2013 ha incrementato i requisiti minimi di accesso al pensionamento per gli iscritti a
Fondo spedizionieri doganali e per la liquidazione dellindennit di buonuscita del Fondo medesimo
Qual il nuovo requisito anagrafico per il periodo da 01/01/2014 a 31/12/2015?
66 anni e tre mesi
65 anni
65 anni e tre mesi
Il Fondo Sportass un Fondo:
facoltativo
sostitutivo
esclusivo
Nella gestione Sportass a quale et i Tecnici possono iniziare a percepire la pensione?

In materia pensionistica i termini per la proposizione del ricorso ai Comitati di Vigilanza delle
gestioni ex INPDAP sono:
30 giorni
60 giorni
90 giorni

Che tipo di parere viene espresso dal Consiglio di Stato in sede di ricorso straordinario al Capo del
Stato?
Vincolante

Facoltativo
Obbligatorio e parzialmente vincolante
Nel processo pensionistico vigente la sospensione feriale?
S
No
Si, solo per i provvedimenti durgenza
Lestinzione del giudizio davanti alla Corte dei Conti, nel quale risulti deceduto il ricorrente e non
tempestivamente riassunto dagli eredi, stata introdotta:
dalla legge n. 205 del 21/07/2000
dalla legge n.19 del 14/01/1994
dal Regio Decreto n. 1038 del 2/07/1933
La possibilit per lamministrazione di farsi rappresentare nei giudizi pensionistici tramite un
dirigente o un funzionario delegato stata prevista:
dalla legge n.19 del 14/01/1994
dalla legge n. 205 del 21/07/2000
dal Regio Decreto n. 1038 del 2/07/1933
ammesso il ricorso cautelare nel giudizio pensionistico innanzi alla Corte dei Conti?
S, se ricorrono i presupposti del fumus boni iuris e del periculum in mora
No
Solo se ricorrono i presupposti del periculum in mora
Che cosa si intende per esecutoriet dellatto amministrativo?
Il potere di dare diretta esecuzione allatto amministrativo anche contro il volere del destinatario del
provvedimento
Lastratta attitudine dellatto di imporre oneri
Lastratta attitudine dei soli provvedimenti giudiziali ad espletare i propri effetti
Le deliberazioni dei Comitati di vigilanza gestione pubblica che accolgono i ricorsi degli interessat
possono essere modificate dai Comitati stessi dopo la notificazione ai ricorrenti?
S, per revocazione
No
S
Cosa sono i Tar?
Organi di giustizia amministrativa di primo grado
Organi di giustizia amministrativa di secondo grado
Organi di giurisdizione ordinaria
Quanti sono i Comitati di Vigilanza competenti in materia di ricorsi di pensionati e iscritti della
gestione pubblica?
Sei
Dieci
Otto
Nel processo pensionistico, per il ricorso in appello dinanzi alla Corte dei conti:
necessario farsi assistere da un avvocato patrocinante in Cassazione
necessario farsi assistere da un procuratore
non necessaria lassistenza di un avvocato
In caso di istanza cautelare in primo grado, la Corte dei Conti giudica:
in composizione collegiale

in composizione monocratica
innanzi alle Sezioni Riunite
In caso di decesso dell'iscritto in attivit di servizio con coniuge e figli, l'indennit (premio di
servizio) spetta:
al coniuge
al coniuge e figli
al coniuge solo nella misura del 40%
Quali sono i dipendenti pubblici con rapporto di lavoro a tempo indeterminato in regime di TFS?
Quelli assunti entro il 31/12/2000
Quelli assunti a partire dal 01/01/2001
Quelli con pi di 18 anni di contribuzione al 31/12/1995
Qual il periodo di iscrizione minimo per avere diritto al TFS?
1 anno
15 giorni
6 mesi e un giorno
La contribuzione a carico del dipendente ai fini dell'indennit di buonuscita pari a:
2,50% dell'80% della contribuzione utile
9,60% della contribuzione utile
2,50% della contribuzione utile

La legge 87/94 ha disposto l'assoggettamento ai fini dell'indennit di buonuscita di una quota dell
seguente voce retributiva:
indennit integrativa speciale
tredicesima mensilit
retribuzione individuale di anzianit
Per avere diritto al TFR ex dpcm 20/12/99 necessario un contratto di lavoro di almeno:
15 giorni consecutivi nel mese
30 giorni consecutivi nel mese
1 anno

Il riscatto ai fini TFR pu essere presentato:


solo dai dipendenti che hanno sottoscritto un contratto a Tempo determinato in essere alla data del 30/05/2000
da tutti
solo dai dipendenti con almeno 18 anni di contribuzione
L'anticipazione del TFR ex dpcm 20/12/99:
possibile ma al momento non esercitabile in mancanza dei decreti attuativi
sempre possibile
non mai possibile
I dipendenti in regime TFS entrano volontariamente in regime TFR:
aderendo ad un fondo di previdenza complementare
chiedendo la liquidazione del TFS
se hanno pi di 18 anni di contribuzione

Secondo la legge istitutiva del 28/7/1939, n. 1436, l' Enpdep, in caso di decesso dell'iscritto e dei
familiaria a carico, erogava un' indennit (A.S.V.). L'Ente soppresso nel 1993 confluito nell' Inpda
a sua volta soppresso e confluito nell' Inps (art.21 d.lgs. 201/2011).Tale prestazione, di natura
previdenziale, rientra ora tra le competenze dell' Inps. Qual' il termine prescrizionale entro il qua
possibile inoltrare la domanda?
Un anno dall'evento
Non c' limite prescrizionale
90 gg. dall'evento

Ai sensi della legge 296/2006, che ha istituito il "Fondo per l'erogazione ai lavoratori dipendenti de
settore privato dei trattamenti di fine rapporto di cui all' art. 2120 del c.c." (Fondo di Tesoreria), le
aziende con almeno 50 addetti alle proprie dipendenze sono obbligate al versamento all' Inps delle
quote di TFR lasciate in azienda dai dipendenti. Quali lavoratori non devono essere computati per
calcolo del limite dimensionale?
Lavoratori assenti a qualsiasi titolo sostituiti con assunzione di altro lavoratore
Lavoratori assenti a qualsiasi titolo
Lavoratori somministrati

Ai sensi della legge 296/2006, che ha istituito il "Fondo per l'erogazione ai lavoratori dipendenti de
settore privato dei trattamenti di fine rapporto di cui all' art. 2120 del c.c." (Fondo di Tesoreria), le
aziende con almeno 50 addetti, per quali lavoratori non devono effettuare il versamento del TFR
lasciato in azienda?
Lavoratori con lavoro a tempo determinato inferiore a tre mesi
Lavoratori a tempo indeterminato il cui rapporto si interrompe prima di tre mesi
Lavoratori in cassa integrazione

La legge 296/2006, che ha istituito il "Fondo per l'erogazione ai lavoratori dipendenti del settore
privato dei trattamenti di fine rapporto di cui all' art. 2120 del c.c." (Fondo di Tesoreria), si applica
anche alle aziende costituite prima dell'entrata in vigore?
S
No
A scelta dell'azienda

Anche il TFR accantonato presso il Fondo di Tesoreria INPS ai sensi della legge 296/2006 deve esse
rivalutato ogni anno ed alla cessazione del rapporto di lavoro. A carico di chi posta questa
rivalutazione?
Del Fondo di Tesoreria
Del datore di lavoro
Del lavoratore

Come si presenta la domanda di pensione di vecchiaia?


Attraverso uno dei seguenti canali: tramite accesso ai Servizi on line al cittadino per i possessori di PIN disposit
rilasciato dall'Inps; telefonicamente tramite il Contact Center Inps; tramite i Patronati e intermediari autorizzati
dall'Istituto
Consegnandola a mano presso la sede Inps pi vicina
Inviandola per posta con raccomandata alla sede Inps pi vicina
Come viene denominata la pensione erogata ai familiari del pensionato deceduto?
Pensione di reversibilit
Pensione ai superstiti
Pensione indiretta
La pensione ai superstiti spetta al coniuge divorziato?
S, se titolare di assegno divorzile
S

No

Che cos' la Pensione di inabilit?


La pensione di inabilit una prestazione economica, erogata a domanda, in favore dei lavoratori per i quali vie
accertata l'assoluta e permanente impossibilit di svolgere qualsiasi attivit lavorativa
La pensione di inabilit una prestazione economica, erogata direttamente, in favore dei lavoratori per i quali
viene accertata l'assoluta impossibilit di svolgere qualsiasi attivit lavorativa
La pensione di inabilit una prestazione economica, erogata a domanda, in favore dei lavoratori per i quali vie
accertata la parziale e temporanea impossibilit di svolgere qualsiasi attivit lavorativa usurante

La pensione supplementare spetta anche ai titolari di pensione a carico del fondo di previdenza de
Clero secolare per i ministri del culto delle confessioni religiose diverse dalla cattolica?
S
S, ma solo per i residenti nello Stato della Citt del Vaticano
No
La pensione supplementare prevede l'integrazione al trattamento minimo?
No
S
S, solo per i titolari con pi di 60 anni di et

Qual lo scopo della totalizzazione dei periodi assicurativi?


La totalizzazione consente l'acquisizione del diritto ad un'unica pensione di vecchiaia, di anzianit, di inabilit o
superstiti a quei lavoratori che hanno versato contributi in diverse casse, gestioni o fondi previdenziali e che
altrimenti non avrebbero potuto utilizzare tutta o in parte la contribuzione versata

La totalizzazione consente l'acquisizione del diritto ad un'unica pensione di vecchiaia, una volta raggiunto il
compimento dei 70 anni di et
La totalizzazione consente l'acquisizione del diritto ad un'unica pensione di vecchiaia, di anzianit, di inabilit o
superstiti solo a quei lavoratori che hanno compiuto 70 anni che hanno versato contributi per aver svolto attivi
lavorativa all'estero

La facolt di totalizzazione pu essere esercitata dai superstiti per la liquidazione della pensione a
superstiti di assicurato, anche se quest'ultimo sia deceduto prima di aver acquisito il diritto a
pensione?
S
No
S, se l'assicurato deceduto prima del 1 gennaio 2015
Qual una delle clausole ostative alla richiesta di totalizzazione dei periodi assicurativi?
La totalizzazione non pu essere richiesta se il lavoratore gi titolare di una pensione diretta liquidata in uno
fondi di previdenza dove ha versato i contributi
La totalizzazione non pu essere richiesta se il lavoratore gi titolare di una pensione ai superstiti di importo
superiore a 70.000
La totalizzazione non pu essere richiesta dal lavoratore con un'et superiore a 70 anni

A quale Ente pensionistico deve essere presentata la domanda per ottenere la pensione in regime
totalizzazione?
Deve essere presentata, dal lavoratore o dal familiare superstite, all'ultimo Ente pensionistico presso il quale
iscritto o stato iscritto in caso di pregressa cessazione dell'attivit lavorativa
Deve essere presentata a tutti gli Enti pensionistici interessati
Deve essere presentata esclusivamente all'Agenzia delle Entrate

Da quando decorrono le pensioni di inabilit in regime di totalizzazione?


Le pensioni di inabilit in regime di totalizzazione decorrono dal primo giorno del mese successivo a quello di
presentazione della domanda di pensione, se risultano perfezionati tutti i requisiti previsti compreso il requisito
sanitario

Le pensioni di inabilit in regime di totalizzazione decorrono dal primo giorno del mese successivo a quello di
presentazione della domanda di pensione
Le pensioni di inabilit in regime di totalizzazione decorrono dal primo giorno dell'anno successivo a quello di
presentazione della domanda di pensione, se risultano perfezionati tutti i requisiti previsti compreso il requisito
sanitario

Per la pensione in regime di totalizzazione prevista la tassazione Irpef?


prevista la normale tassazione Irpef come per gli tutti gli altri trattamenti pensionistici derivanti da contributi

Viene tassata solo al superamento della soglia di . 50.000 euro annui lordi
prevista la normale tassazione Irpef come per gli tutti gli altri trattamenti pensionistici derivanti da contributi
esclusi per quelli derivanti dal Fondo ferrovieri

Che cos' il supplemento di pensione?


Il supplemento di pensione un incremento della pensione, liquidato, a domanda, sulla base di contribuzione
relativa a periodi successivi alla data di decorrenza della pensione medesima
Il supplemento di pensione un incremento della pensione, liquidato automaticamente dall'INPS, sulla base di
contribuzione relativa a periodi successivi alla data di decorrenza della pensione medesima
Il supplemento di pensione un incremento della pensione, liquidato, a domanda, sulla base di contribuzione
relativa a versamenti contributivi effettuati dalla data di decorrenza della pensione medesima fino a un massim
di tre anni

Che cosa l'assegno sociale?


una prestazione assistenziale introdotta dall'art. 3, commi 6 e 7 della L. 335/95 per i cittadini italiani ultra65e
con redditi di importo inferiore a quello dell'assegno stesso, che dal 01/01/96 sostituisce la pensione sociale
una prestazione economica erogata dal Ministero del Tesoro
una prestazione economica erogata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali
Per avere diritto alla pensione sociale necessaria la residenza in Italia?
S
No
No, sufficiente il domicilio in Paese extra comunitario
Da quando decorre l'assegno sociale?
L'assegno sociale decorre dal mese successivo a quello della presentazione della domanda del richiedente
L'assegno sociale decorre dal mese successivo a quello di compimento del 70 anno di et del richiedente
L'assegno sociale decorre dal mese successivo a quello di compimento del 80 anno di et del richiedente

Che cosa la somma aggiuntiva (c.d. quattordicesima)?


Larticolo 5, del D. L. n.81/2007 convertito con modificazioni nella L. n.127/2007,ha previsto a partire dal 2007
corresponsione di una somma aggiuntiva (c.d. "quattordicesima")con la mensilit di luglio (a partiredall'anno
2008)afavore dei titolari di uno o pi trattamenti pensionistici a carico dellAssicurazione Generale Obbligator
delle forme sostitutive, esclusive ed esonerative della medesima in presenza di determinate condizioni redditu
e con unet pari o superiore a 64 anni (Circ. 119 del 8 ottobre 2007)
una prestazione economica a favore esclusivamente degli invalidi civili
una prestazione economica a favore esclusivamente dei dipendenti pubblici

La maggiorazione sociale (prevista dall'articolo 1 della L. 29 dicembre 1988, n. 544) esente IRPE
S
No
Solo per titolari di pensione con reddito superiore a 30.000
Le pensioni corrisposte ai cittadini italiani, agli stranieri e agli apolidi divenuti invalidi
nell'adempimento del loro dovere o a seguito di atti terroristici o di criminalit organizzata sono

S
No
Solo per titolari di pensione con reddito superiore a 30.000
Il trattamento speciale di reversibilit corrisposto ai superstiti delle vittime del dovere, del
terrorismo o della criminalit organizzata esente IRPEF?
S
No
Solo per titolari di pensione con reddito superiore a 30.000

Con quale periodicit viene effettuata la verifica delle situazioni reddituali dei pensionati incidenti
sul diritto o sulla misura delle prestazioni pensionistiche, disposta dall'art. 13, comma 2, della Leg
412/1991?
Annualmente
Ogni 2 anni
Ogni 10 anni

Ai fini della verifica dei requisiti reddituali i redditi prodotti all'estero, in base a quanto disposto
dall'art. 49, comma 1, della Legge 27 dicembre 2002, n. 289 come devono essere accertati?
In base al'art. 49, comma 1 della legge n.289/2002 i redditi prodotti all'estero, comunque rilevanti per la verific
dei requisiti reddituali se fossero prodotti in Italia, devono essere accertati sulla base delle certificazioni rilascia
dalla competente autorit estera. Inoltre, il D.M. 12 maggio 2003, con il quale vengono fissate le norme di
attuazione dell'art. 49 della L. n. 289/2002, precisa in quale casi l'accertamento reddituale debba effettuarsi co
l'acquisizione di certificazioni rilasciate dagli Organismi esteri ed in quali altri possa essere sufficiente
l'autocertificazione

I redditi prodotti all'estero, comunque rilevanti per la verifica dei requisiti reddituali se fossero prodotti in Italia,
devono essere accertati sulla base di un'autocertificazione redatta in lingua inglese
I redditi prodotti all'estero, comunque rilevanti per la verifica dei requisiti reddituali se fossero prodotti in Italia,
devono essere accertati sulla base delle certificazioni rilasciate dalla competente autorit italiana redatta in
lingua francese

A chi devono essere forniti i dati e ogni altra informazione, in possesso dell'Amministrazione
finanziaria e di ogni altra Amministrazione pubblica, utili a determinare l'importo delle prestazioni
previdenziali e assistenziali collegate al reddito, secondo quanto disposto dall'art. 15 della Legge
agosto
n. 102?
All'Inps e2009,
agli altri
Enti di Previdenza e assistenza obbligatori
Esclusivamente al Ministero del Lavoro
Esclusivamente al Ministero dell'Economia e Finanze
Con quali modalit devono essere fornite agli enti previdenziali e assistenziali le informazioni
presenti in tutte le banche dati a disposizione dell'Amministrazione finanziaria e di ogni altra
Amministrazione pubblica, relative ai titolari di prestazioni previdenziali ed assistenziali residenti
Italia, in base a quanto disposto dall'art. 15 della L. 102/2009?
In via telematica, in forma disaggregata per singola tipologia di redditi e
nel rispetto della normativa in materia di dati personali
Esclusivamente in modalit cartacea
Esclusivamente tramite pubblicazione sul sito Internet

Lassistenza ai pensionati per la presentazione del modello RED (comunicazione della situazione
reddituale incidente sulla prestazione) all'INPS fornita gratuitamente dai CAF o dai professionist
abilitati all'assistenza fiscale (di cui al D.lgs 241/97) convenzionati?
S
No
S, ma solo agli eventuali coniugi

Con quali modalit i pensionati residenti all'estero possono presentare il modello RED EST all'Istitu
per comunicare i redditi rilevanti ai fini della verifica della spettanza e misura delle prestazioni
collegate al reddito?

I pensionati residenti all'estero possono: chiedere assistenza per la compilazione ad uno degli Enti di Patronato
riconosciuti dalla legge; trasmettere la dichiarazione telematicamente all'Inps tramite l'Ente di Patronato ovver
Consolato d'Italia; spedire la dichiarazione direttamente all'Inps che ha in carico la pensione, debitamente
compilata e sottoscritta, unitamente alla documentazione richiesta e ad una fotocopia del documento di
riconoscimento in corso di validit
I pensionati possono inviare il modello al Ministero del Lavoro
I pensionati possono inviare il modello al Ministero dell'Interno

Con quale legge stato istituito presso lINPS il Fondo speciale per i dipendenti della Ferrovie dell
Stato Italiane S.p.A.?
L. 488/1999
D.P.R. 1092/1973
Decreto legislativo 503/1992
Da quale data nei confronti dei superstiti degli iscritti al Fondo speciale FS si applica la disciplina
vigente presso lassicurazione generale obbligatoria?
17 agosto 1995
1 aprile 2000
1 gennaio 1995
Di chi la competenza a liquidare le pensioni di reversibilit a carico del fondo speciale FS?
Direzione provinciale di residenza
Sedi Polo
Sede di residenza
Con quanti anni di servizio effettivo si consegue il diritto alla pensione di inidoneit a qualsiasi
mansione ferroviaria?

A che et possono accedere alla pensione di vecchiaia, nellanno 2016, le lavoratrici iscritte al fond
speciale ferrovie?
65 anni e 7 mesi
66 anni e 7 mesi
63 anni e 9 mesi
Laumento di valutazione di 1/10 del servizio ferroviario era attribuito a quei profili professionali il
cui limite di et, per la pensione di vecchiaia era pari a anni:

Ai fini del calcolo della pensione col sistema contributivo occorre applicare al montante contributiv
il coefficiente di trasformazione che varia in funzione:
dell'et del lavoratore, al momento della pensione
dellanzianit contributiva , al momento della pensione
dellanzianit di servizio , al momento della pensione

Con riferimento alla pensione ai superstiti quale quota di pensione, espressa in percentuale, spett
al figlio nel caso in cui soltanto lui ne abbia diritto?
7

5
8
Nel sistema misto la pensione viene calcolata in parte secondo il sistema retributivo e in parte
secondo il sistema contributivo. Con il sistema retributivo viene calcolata:
l'anzianit maturata fino al 31 dicembre 1995
l'anzianit maturata fino al 31 dicembre 1996
l'anzianit maturata dal 1 gennaio 1996

A decorrere dallentrata in vigore del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con
modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 (legge Fornero), recante disposizioni a tutela
dei c.d. lavoratori esodati, e fino allemanazione della legge 10 ottobre 2014, n. 147, contenente
ulteriori disposizioni a tutela dei predetti lavoratori, quante operazioni di salvaguardia pensionisti
sono intervenute:

Per laccesso alla pensione di vecchiaia dei lavoratori iscritti allassicurazione generale obbligatori
dei lavoratori dipendenti ed alle forme sostitutive ed esclusive della medesima e delle lavoratrici
dipendenti iscritte alle forme esclusive dell'A.G.O. di cui allart 22-ter, comma 1, del decreto legge
luglio 2009, n. 78 e s.m.i., nellanno 2015 richiesto il possesso del seguente requisito anagrafico
66 anni e 3 mesi
66 anni e 10 mesi
67 anni

Lart. 24, comma 19, del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dal
legge 22 dicembre 2011, n. 214, in materia di pensioni in regime di totalizzazione, con effetto dal
gennaio 2012, ha previsto:
la facolt di cumulare i periodi assicurativi non coincidenti, ancorch inferiori a tre anni, al fine del
conseguimento di un'unica pensione in totalizzazione
la facolt di cumulare i periodi assicurativi non coincidenti, superiori a tre anni, al fine del conseguimento di
un'unica pensione in totalizzazione
la facolt di cumulare i periodi assicurativi coincidenti, ancorch inferiori a tre anni, al fine del conseguimento
un'unica pensione in totalizzazione
Il Fondo di previdenza del clero e dei ministri di culto delle confessioni religiose diverse dalla
cattolica
un fondo di:previdenza compatibile con lassicurazione generale obbligatoria per linvalidit, la vecchiaia ed i
superstiti e con altre forme di previdenza sostitutive, esclusive o esonerative di questultimo
un fondo di previdenza sostitutivo dellassicurazione generale obbligatoria per linvalidit, la vecchiaia ed i
superstiti
un fondo di previdenza facoltativo

Il Fondo di previdenza per gli impiegati dipendenti dai concessionari del servizio di riscossione dei
tributi e delle altre entrate dello Stato e degli enti pubblici :
un fondo obbligatorio integrativo dellassicurazione generale obbligatoria per linvalidit, la vecchiaia ed i
superstiti
un fondo di previdenza facoltativo
un fondo di previdenza sostitutivo dellassicurazione generale obbligatoria per linvalidit, la vecchiaia ed i
superstiti
Il fondo di previdenza del clero e dei ministri di culto delle confessioni religiose diverse dalla
cattolica non eroga la seguente prestazione:
la pensione anticipata
la pensione ai superstiti

la pensione di invalidit

I requisiti per la pensione di vecchiaia a carico del Fondo di previdenza del clero e dei ministri di
culto delle confessioni religiose diverse dalla cattolica sono stati da ultimo modificati:
dalla legge 23 dicembre 1999 n.488
dal decreto legge 6 dicembre 2011 convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011 n. 214 (riforma
Monti-Fornero)
dal D.P.R. 28 ottobre 2013 n.157
Le pensioni a carico del fondo di previdenza per il personale dipendente dalle aziende private del
gas e del fondo di previdenza per gli impiegati dipendenti dai concessionari del servizio di
riscossione dei tributi e di altre entrate dello Stato e degli enti pubblici, come si conseguono dal
1998?
Esclusivamente al perfezionamento dei requisiti anagrafici e contributivi richiesti nel fondo pensioni lavoratori

dipendenti contestualmente a quelli previsti dal fondo stesso


Solo dopo aver conseguito una pensione principale
Al perfezionamento dei requisiti anagrafici e contributivi richiesti dal fondo stesso indipendentemente da quelli
richiesti dal fondo pensioni lavoratori dipendenti

La pensione di vecchiaia a carico del fondo di previdenza del clero e dei ministri di culto delle
confessioni religiose diverse dalla cattolica si pu conseguire alla maturazione dei seguenti requis
68 anni di et + adeguamento alla speranza di vita e unanzianit contributiva minima di 20 anni o allet di 65
anni +adeguamento alla speranza di vita e anzianit contributiva di almeno 40 anni
66 anni di et + adeguamento alla speranza di vita e unanzianit contributiva di almeno 20 anni
70 anni di et + adeguamento alla speranza di vita e anzianit contributiva di 20 anni
Il sistema di calcolo della quota integrativa a carico del Fondo di previdenza per il personale
dipendente dalle aziende private del gas:
un sistema di calcolo retributivo
un sistema di calcolo contributivo
determinato in misura fissa
Il fondo di previdenza del clero e dei ministri di culto delle confessioni religiose diverse dalla
cattolica, al ricorrere delle condizioni di legge, eroga prestazioni:
anche a favore degli iscritti ridotti allo stato laicale o esonerati dalle funzioni di ministro di culto
anche al clero regolare
anche agli insegnanti di religione

Secondo la legge 214/11 di conversione del decreto legge 201/11, nel sistema di calcolo contributi
oltre ai requisiti anagrafici e contributivi previsti, l'importo della pensione di vecchiaia deve essere
non inferiore a:

1,5 volte l'importo dell'assegno sociale, tranne i casi di accesso al pensionamento con 70 anni et ma in questo
caso la contribuzione effettiva minima richiesta pari a 5 anni
2,5 volte l'importo dell'assegno sociale, tranne i casi di accesso al pensionamento con 70 anni et
3,5 volte l'importo dell'assegno sociale, tranne i casi di accesso al pensionamento con 70 anni et ma in questo
caso la contribuzione effettiva minima richiesta pari a 5 anni

Listituto della penalizzazione introdotto dallart. 24, comma 10, del DL n. 201/2011 convertito c
legge n. 214/2011 prevede una decurtazione in percentuale dellimporto della pensione anticipata
liquidata a decorrere dal 1 gennaio 2012 nel caso in cui il lavoratore acceda al pensionamento con
un'et anagrafica inferiore ai 62 anni. Su quali quote di pensione incide tale decurtazione?
Solo sulla quota retributiva
Sulla quota retributiva e sulla quota contributiva
Solo sulla quota contributiva

Ai fini del perfezionamento del diritto dei requisiti di contribuzione prescritti per la pensione di
vecchiaia anticipata ai ballerini e tersicorei nonch per quelli previsti per la pensione di vecchiaia
anticipata agli sportivi professionisti gestite dal FPLS e dal FPSP dellIstituto, utile la contribuzio
volontaria versata dal lavoratore?

La contribuzione volontaria utile ai fini del perfezionamento del requisito di contribuzione solamente per la
pensione di vecchiaia anticipata agli sportivi professionisti
La contribuzione volontaria utile ai fini del perfezionamento del requisito di contribuzione solamente per la
pensione di vecchiaia anticipata ai ballerini e tersicorei
La contribuzione volontaria utile ai fini del perfezionamento del requisito di contribuzione sia per la pensione
vecchiaia anticipata ai ballerini e tersicorei sia per la pensione di vecchiaia anticipata agli sportivi professionist

Il Fondo di previdenza per le persone che svolgono lavori di cura non retribuiti derivanti da
responsabilit familiari di cui al D. Lgs. 16 settembre 1996, n. 565 prevede che la pensione di
vecchiaia
sia calcolata
Secondo il sistema
di calcolo contributivo
Secondo il sistema di calcolo retributivo per i soggetti aventi anzianit contributiva anteriore al 1.1. 1996
Secondo il sistema di calcolo retributivo per i soggetti aventi pi di diciotto anni di anzianit contributiva al
1.1.1996

La legge 3 agosto 2004, n. 206 ha introdotto una serie di benefici previdenziali:


in favore delle vittime del terrorismo e delle stragi di tale matrice
rivolti ai lavoratori occupati, per un periodo non inferiore a 10 anni, in attivit lavorative comportanti esposizion
allamianto
in favore delle vittime del dovere, del terrorismo e della criminalit organizzata

Qual l'et anagrafica richiesta alle donne iscritte alla gestione esclusiva ex Inpdap dellAgo per la
pensione di vecchiaia al 31 dicembre 2011?
Sessantuno anni
Sessanta anni
Sessantatre anni

Ai fini della pensione di anzianit, gli iscritti alla gestione esclusiva ex Inpdap in qualit di lavorato
invalidi hanno diritto ad una maggiorazione sull'anzianit contributiva?
S, se hanno una invalidit superiore al settantaquattro per cento
S, se hanno una invalidit superiore al cinquanta per cento
No

Per gli iscritti alla gestione esclusiva dellex Inpdap, nel caso in cui il soggetto acceda alla pension
anticipata il 1 dicembre 2016 con 60 anni di et soggetto alla penalizzazione per gli anni manca
ai 62 anni di et?
No
S
S solo se lanzianit contributiva maturata comprensiva di periodi riscattati

Qual la decorrenza della pensione in regime di totalizzazione, ai sensi del decreto legislativo la
legge n. 42 del 2006, per il personale del comparto scuola iscritto alla gestione esclusiva ex Inpda
Il 1 settembre dellanno successivo alla maturazione del requisito
Trascorsi 18 mesi dalla data di maturazione dei requisiti
Trascorsi 21 mesi dalla data di maturazione dei requisiti

A decorrere da quale data si applica per gli iscritti alla gestione esclusiva ex Inpdap l'adeguament
agli incrementi della speranza di vita?
1 gennaio 2013
1 gennaio 2012
Per gli iscritti allex Inpdap non si applica ladeguamento della speranza di vita

Per gli iscritti alla gestione esclusiva ex Inpdap a quanti mesi corrisponde lulteriore incremento
della speranza di vita dal 1 gennaio 2016?
4 mesi
6 mesi
3 mesi

Quali sono ad oggi i requisiti previsti per il diritto alla pensione di anzianit per il personale milita
iscritto alla gestione esclusiva ex Inpdap?
57 anni di et e tre mesi con un'anzianit contributiva pari a 35 anni oppure, a prescindere dall'et anagrafica,
40 anni pi incremento alla speranza di vita
57 anni di et con un'anzianit contributiva pari a 35 anni oppure, a prescindere dall'et anagrafica, di 40 anni
tre mesi
57 anni di et e tre mesi con un'anzianit contributiva pari a 35 anni oppure, a prescindere dall'et anagrafica,
40 anni

Per i magistrati iscritti alla gestione esclusiva ex Inpdap si valutano nella quota A di pensione le
seguenti voci retributive:
lo stipendio, le quote mensili di cui allarticolo 161 della legge n. 312 del 1980 e lindennit integrativa speciale
lo stipendio e le competenze accessorie
lo stipendio e lindennit integrativa speciale
Quali requisiti contributivi sono previsti per il personale femminile appartenente al comparto
Ministeri iscritto alla gestione esclusiva ex Inpdap per il diritto al trattamento pensionistico
anticipato nel biennio 2013-2015?
41 anni 6 mesi
40 anni
42 anni 6 mesi

Qual let anagrafica minima prevista per lanno 2015 per i lavoratori che svolgono attivit
particolarmente faticose e usuranti iscritti alla gestione esclusiva ex Inpdap per laccesso anticipa
al trattamento pensionistico, ai sensi della legge n. 214/2011?
61 anni e tre mesi
62 anni e tre mesi
63 anni e tre mesi

Qual la decorrenza del trattamento pensionistico di vecchiaia per il personale del comparto scuo
iscritto alla gestione esclusiva ex Inpdap?
1 settembre
1 ottobre
1 gennaio
Il personale del comparto scuola iscritto alla gestione esclusiva dellex Inpdap entro quando pu
maturare i requisiti previsti per laccesso alla pensione anticipata?
Entro il 31 dicembre
Entro il 31 agosto
Entro il 30 giugno
Quali sono i soggetti iscritti alla Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato della
gestione esclusiva ex Inpdap?
Tutti i dipendenti civili e militari dello Stato
Solo il personale civile dello Stato
Solo il personale militare

Con riferimento alla pensione ai superstiti degli iscritti allex Inpdap quale quota di pensione,
espressa in percentuale, spetta ai due figli nel caso in cui soltanto loro ne abbiano diritto?
80%
50%
70%

L iscritto alla gestione esclusiva ex Inpdap che per infermit o difetto fisico o mentale si trovi nella
assoluta e permanente impossibilit di svolgere qualsiasi attivit lavorativa a quale prestazione ha
diritto, ai sensi dell'art. 2 , comma 12 della legge n. 335/1995?
Alla pensione di inabilit
All'assegno ordinario di invalidit
Alla pensione di invalidit civile

Per gli iscritti alla gestione esclusiva ex Inpdap, la pensione di inabilit riconosciuta ai sensi della
2, comma 12 della legge n. 335/1995 soggetta a revisione?
S, qualora la commissione medica competente reputi necessaria la revisione dellaccertamento sanitario
No
Ogni due anni
Per gli iscritti alla Cassa dipendenti Enti locali della gestione esclusiva dellex Inpdap oltre alla
pensione di inabilit ai sensi dellart. 2, comma 12 della legge n. 335/1995, sono previste altre
tipologie di pensioni di inabilit?
Si, pensione di inabilit ordinaria
No, non esiste altro trattamento pensionistico di inabilit
Si, gli assegni al nucleo familiare

Per gli iscritti alla gestione esclusiva ex Inpdap, quali sono le commissioni mediche competenti pe
riconoscimento dellinabilit ai fini del relativo trattamento pensionistico?
Commissione medica ospedaliera, Commissione di verifica o commissione della ASL in relazione al comparto di
appartenenza del dipendente
Commissioni dellInps
Commissione ASL

Per il personale del comparto scuola iscritto alla gestione esclusiva ex Inpdap che cessa per inabili
la decorrenza del relativo trattamento pensionistico deve essere:
dal giorno successivo alla cessazione dal servizio
dal 1 settembre
trascorsi dodici mesi dal riconoscimento del diritto alla pensione di inabilit
Quando i pensionati della gestione esclusiva ex Inpdap possono presentare domanda per la
corresponsione dell'assegno per il nucleo familiare?
Sia al momento del pensionamento o anche successivamente
Solo al momento del pensionamento
Solo successivamente al pensionamento

Per gli iscritti alla gestione esclusiva ex Inpdap quale fonte legislativa ha introdotto il calcolo della
pensione in due quote, una quota relativa alle anzianit maturate fino al 31/12/1992 e una quota
calcolata con le anzianit maturate dal 1/1/1993 in poi?
Il D.Lgs. 503/1992, a far data dal 1/1/1993
La legge n. 335/1995, a far data dal 1/1/1996
La legge n. 449/1997, a far data dal 1/1/1998

Il sistema retributivo si basa su tre elementi: anzianit contributiva, retribuzione/reddito


pensionabile e aliquota di rendimento. Per gli iscritti alla gestione esclusiva ex Inpdap la riduzione
dellaliquota di rendimento di cui allart. 12 del Dlgs n. 503/1992 si cosa si applica?

Sulla retribuzione media utile per la c.d quota B di pensione


Sulla retribuzione alla cessazione utile per la c.d quota A di pensione
Su tutte le retribuzioni pensionabili utili per la c.d. quota A e B

Come viene determinato il montante contributivo individuale per gli iscritti alla gestione esclusiva
Inpdap?
Si applica alla base imponibile l'aliquota di computo e la contribuzione cos ottenuta si rivaluta su base compos
al 31 dicembre di ciascun anno, con esclusione della contribuzione dello stesso anno, al tasso di capitalizzazion

Si applica alla base imponibile un'aliquota di computo del 6% e la contribuzione cos ottenuta si rivaluta al tass
di capitalizzazione
Si applica alla base imponibile il coefficiente di trasformazione del 10% e la contribuzione cos ottenuta si rivalu
su base composta al 31 dicembre di ciascun anno

Per gli iscritti alla gestione esclusiva ex Inpdap che cos' la pensione indiretta?
la pensione che alla morte del lavoratore spetta ai componenti del suo nucleo familiare che hanno i requisiti d
legge, se questo aveva almeno 15 anni di contributi oppure era assicurato da almeno 5 anni di cui almeno 3
versati nel quinquennio precedente la data della morte

la pensione che alla morte del pensionato spetta ai componenti del suo nucleo familiare che hanno i requisiti
legge
Per pensione indiretta si intende il trattamento pensionistico spettante ai parenti di terzo e quarto grado del
lavoratore non pensionato

Per gli iscritti alla gestione esclusiva ex Inpdap possibile cumulare la prestazione pensionistica d
vecchiaia, in un sistema retributivo o misto, con redditi di lavoro autonomo?
S, la prestazione pensionistica di vecchiaia totalmente cumulabile
S, la prestazione pensionistica di vecchiaia cumulabile solo con redditi da lavoro autonomo, ma non con redd
da lavoro dipendente
No, la prestazione pensionistica di vecchiaia cumulabile con i redditi da lavoro dipendente fino al 50%, ma no
con quelli da lavoro autonomo
Per gli iscritti alla gestione esclusiva ex Inpdap la legge 23 dicembre 2000, n. 388 all'articolo 80,
comma 3, prevede che ai lavoratori sordomuti, nonch agli invalidi per qualsiasi causa, con
un'invalidit superiore al 74 per cento, riconosciuto, a richiesta, per ogni anno di servizio
effettivamente svolto, presso pubbliche amministrazioni o aziende private ovvero cooperative, il
beneficio di due mesi di contribuzione figurativa utile ai soli fini del diritto alla pensione e
dell'anzianit contributiva fino a quale limite?
Fino al limite massimo di cinque anni di contribuzione figurativa
Fino al limite massimo di quindici anni di contribuzione figurativa
Fino al limite massimo di dieci anni di contribuzione figurativa
Per le pensioni degli iscritti alla gestione esclusiva ex Inpdap qual l'aliquota di rendimento?
La percentuale di commisurazione di ogni anno di contribuzione
La somma di tutti i contributi accantonati nella vita lavorativa
Un valore che varia in relazione all'et del lavoratore all'atto della domanda di pensionamento

Il sistema retributivo si basa su tre elementi: anzianit contributiva, retribuzione pensionabile e


aliquota di rendimento. Per gli iscritti alla gestione esclusiva ex Inpdap la retribuzione pensionabil
per la c.d. quota B di pensione come viene determinata?

data dalla media delle retribuzioni percepite negli ultimi anni lavorativi, opportunamente rivalutate sulla base
degli indici Istat fissati ogni anno
data soltanto dalla media delle retribuzioni percepite durante un certo periodo di tempo
data dal numero degli anni coperti da contribuzione obbligatoria o volontaria tra la data di inizio
dellassicurazione e quella di decorrenza della pensione

Per gli iscritti alla gestione esclusiva ex Inpdap il trattamento pensionistico viene corrisposto
dufficio alla cessazione dal servizio?
No, liscritto deve presentare la domanda
S, in quanto una peculiarit degli iscritti al fondo esclusivo
Solo per la pensione di vecchiaia

La Corte dei Conti, nei giudizi in materia pensionistica, competente anche in ordine:
alla legittimit del recupero disposto dallente in ordine alle somme erogate a titolo di trattamento pensionistic
ed accessori
al rapporto di lavoro
ai procedimenti disciplinari a carico dei dipendenti Inps
La prescrizione dei singoli ratei di pensione decorre:
dal momento in cui sorto il diritto
dalla prima liquidazione
dal raggiungimento dellet pensionabile
Le controversie riguardanti le pensioni dei dipendenti pubblici civili e militari dello Stato sono
attribuite alla giurisdizione:
della Corte dei conti
del Tribunale Amministrativo Regionale
del Tribunale Civile, sezione lavoro

Per gli iscritti alla gestione esclusiva ex Inpdap qual il requisito contributivo richiesto a decorrer
dal 1 gennaio 2012 per la pensione di vecchiaia?
Almeno venti anni di contributi
Almeno dieci anni di contributi per coloro che al 31 dicembre 1992 avevano gi tale anzianit
Almeno quindici anni di contributi per coloro che al 31 dicembre 1996 avevano gi tale anzianit
La quota A della pensione calcolata con il sistema retributivo riguarda lanzianit contributiva
versata o accreditata:
al 31 dicembre 1992
al 31 dicembre 1993
al 31 dicembre 1995

Come determinato limporto della pensione secondo il sistema contributivo?


moltiplicando l'anzianit contributiva per il coefficiente di trasformazione relativo allet dellassicurato al
momento del pensionamento
moltiplicando l'anzianit contributiva per il coefficiente di trasformazione relativo allet dellassicurato al
momento della presentazione della domanda di pensione
moltiplicando la retribuzione annua dei lavoratori dipendenti o i redditi conseguiti dai lavoratori autonomi o
parasubordinati per il coefficiente di trasformazione relativo allet dellassicurato al momento del pensioname

Ai sensi del decreto legislativo n. 67 del 2011, per coloro che maturano i requisiti per laccesso
anticipato alla pensione dal 1 luglio 2009, si considera lavoro particolarmente faticoso e pesante:
quello notturno a turni per un numero minimo di giorni lavorativi allanno non inferiore a 64
quello notturno a turni per un numero minimo di giorni lavorativi allanno non inferiore a 78
quello notturno a turni per un numero minimo di giorni lavorativi allanno non inferiore a 71
Dal 6 luglio 2011 qual il termine di prescrizione dei ratei arretrati dei trattamenti pensionistici?
5 anni secondo il c.d. meccanismo di riduzione del previgente periodo decennale di prescrizione
7 anni
10 anni

Hanno diritto alla pensione ai superstiti i figli che, alla data della morte del genitore, siano in
possesso dei sequenti requisiti:
studenti universitari per tutta la durata del corso legale di laurea e comunque non oltre i 26 anni, che siano a
carico del genitore e che non svolgano alcuna attivit lavorativa
studenti universitari per tutta la durata del corso legale di laurea e comunque non oltre i 28 anni, che siano a
carico del genitore
studenti universitari per tutta la durata del corso legale di laurea e comunque non oltre i 27 anni
Hanno diritto alla pensione ai superstiti i figli inabili?
S, indipendentemente dall'et
Solo fino al compimento della maggiore et
No, perch gli inabili percepiscono gi altra provvidenza a carico dello Stato
Il coniuge separato rientra tra i beneficiari della pensione ai superstiti?
S, se separato "per colpa" solo se il Tribunale ha stabilito che ha diritto all'assegno di mantenimento
No
S, a prescindere dalla imputabilit della separazione ed anche se il Tribunale non ha stabilito che ha diritto
all'assegno di mantenimento
L'assegno ordinario di invalidit reversibile?
No
S, in favore del coniuge e dei figli
S, solo in favore del coniuge
Il personale viaggiante addetto ai pubblici servizi di trasporto accede alla pensione di vecchiaia:
con un requisito anagrafico inferiore rispetto a quello previsto per la generalit dei lavoratori dipendenti
sempre a 60 anni se uomini e 55 anni se donne
con un requisito anagrafico analogo a quello previsto per la generalit dei lavoratori dipendenti
Il fondo di previdenza del personale dipendente da aziende di navigazione aerea:
un fondo sostitutivo dell'assicurazioni generale obbligatoria
stato soppresso
un fondo integrativo dell'assicurazione generale obbligatoria

I piloti del pilotaggio marittimo e i marittimi abilitati al pilotaggio conseguono il diritto alla pensio
di vecchiaia:
al raggiungimento del requisito anagrafico ridotto di cinque anni rispetto a quello in vigore nel regime generale
a 60 anni se uomini e 55 anni se donne
alla stessa et prevista per la generalit dei lavoratori dipendenti
Quando stato soppresso il fondo di previdenza per i dipendenti dell'Ente nazionale per l'energia
elettrica e delle aziende elettriche private?
A decorrere dal 1 gennaio 2000
A decorrere dal 1 gennaio 1997
tutt'ora vigente
Nella fase del recupero, le somme indebite, relative a prestazioni pensionistiche della gestione
privata, possono essere gravate da interessi legali?
S, in caso di dolo
S
No

In materia di ripetizione degli indebiti pensionistici della gestione privata, in quali casi si applica la
legge n. 412/1991?

Indebite riscossioni riferite a periodi successivi al 31/12/2000


Indebite riscossioni riferite a periodi anteriori al 1/1/2001
Indebite riscossioni riferite a periodi anteriori al 31/12/1996

Nel recupero di un indebito con trattenuta su pensione di vecchiaia, qual limporto che deve esse
salvaguardato?
Il trattamento minimo ed il quinto della pensione
Il trattamento minimo pi importo dell'assegno sociale
Il quinto dela pensione

In caso di trasferimento della pensione della gestione privata ad altra Sede, leventuale abbandon
dellindebito di competenza:
della Sede sulla quale il debito stato accertato contabilmente
della nuova sede che ha in carico la pensione
a scelta delloperatore

Nella fase di acquisizione manuale di un indebito da prestazione pensionistica della gestione priva
dove vengono verificati i dati anagrafici del soggetto?
In Arca
Al Comune di residenza
In Arcatel
Sono cedibili tutte le prestazioni previdenziali indipendentemente dal loro importo?
Non sono cedibili le pensioni inferiori o pari al trattamento minimo
Si, limporto della pensione non un limite
Solo le pensioni di valore superiore a due volte il trattamento minimo
Quale la durata massima di un contratto di finanziamento da estinguere tramite cessione di un
quinto della pensione?
Non superiore a 10 anni
Superiore a 20 anni
Superiore a 15 anni
La rata di rimborso del prestito da trattenere mensilmente sulla pensione pu essere pari a:
1/5 della pensione mensile al netto delle trattenute fiscali e previdenziali
1/3 della pensione mensile al netto delle trattenute fiscali e previdenziali
2/5 della pensione mensile al netto delle trattenute fiscali e previdenziali
Il Decreto Ministeriale n. 313/2006 prevede che la quota cedibile sia determinata con riferimento:
alla pensione netta mensile
alla pensione lorda annuale
alla pensione lorda mensile
Nellapplicare la trattenuta per cessione quinto della pensione quali condizioni devono essere
osservate per legge:
sia il limite del quinto della pensione che il rispetto del trattamento minimo
solo il rispetto del trattamento minimo previsto per lanno di riferimento
solo il limite del quinto della pensione
In caso di decesso del pensionato che ha stipulato un prestito contro cessione del quinto della
pensione il residuo debito rimborsato:
dalla compagnia assicurativa che ha garantito il prestito
dagli eredi del pensionato
dallINPS

Possono operare con INPS al fine della concessione dei prestiti da estinguere con cessione di quot
della pensione:
le banche e le societ finanziarie di cui allart. 106 del T.U. Bancario che abbiano nelloggetto sociale l attivit
finanziamento purch si siano accreditate o convenzionate con lINPS
solo le banche di cui allart. 106 del T.U. Bancario che abbiano nelloggetto sociale lattivit di finanziamento
solo le societ finanziarie di cui allart. 106 del T.U. Bancario che abbiano nelloggetto sociale lattivit di
finanziamento

Qual la normativa di riferimento per la concessione di prestiti da estinguersi con cessione di quo
della pensione fino ad un quinto della stessa?
Il D.P.R. n. 180/1950
La Legge n. 335/1995
La Legge n. 274/1991

Ai sensi dellart. 3 del D.M. 313/2006 la notifica del contratto di cessione del quinto della pensione
allIstituto come pu essere effettuata?
In forma libera purch recante data certa
Solo tramite Ufficiale Giudiziario
Solo tramite raccomandata
La rilevazione trimestrale dei tassi soglia in materia di usura, da osservare ai fini della stipula dei
contratti di cessione del quinto della pensione, da chi viene effettuata?
Dalla Banca d'Italia
Dall'Istituto
Dalle Banche e dalle Societ Finanziarie
Tutti gli enti finanziari che operano con lIstituto ai fini della cessione del quinto della pensione
possono notificare i contratti in via telematica?
No, solo gli enti finanziari in regime di convenzionamento
S, tutti
No, solo gli enti finanziari in regime di accreditamento

Ai sensi dellart. 4 del decreto ministeriale 313/2006 i contratti di cessione del quinto della pensio
notificati allIstituto da quando producono effetti giuridici?
Dal primo giorno del mese successivo alla notifica
Dalla data di attivazione della trattenuta sulla pensione
Dalla data di sottoscrizione del contratto da parte del pensionato

Le banche e le societ finanziarie possono effettuare tra di loro delle cessioni dei crediti derivanti
contratti di prestito stipulati dai pensionati e rimborsati con cessione di un quinto della pensione?
S
No
Solo con il consenso del pensionato
In caso di decesso del pensionato la trattenuta relativa al prestito con cessione di un quinto della
pensione si trasferisce in automatico sul trattamento pensionistico ai superstiti?
No, visto che il prestito garantito da assicurazione sulla vita del pensionato
S
Solo se il pensionato aveva prestato il consenso al trasferimento

Una cessione del quinto della pensione pu coesistere con una trattenuta recuperata a titolo di
pignoramento?
S, se viene assicurata la salvaguardia del trattamento minimo di pensione e non sia stato altrimenti disposto d
giudice
No

La trattenuta per cessione del quinto della pensione scaturente da contratto di prestito stipulato c
un ente finanziario viene effettuata anche sulla tredicesima mensilit?
No
S
A richiesta del pensionato

Il TAEG che lente finanziario deve applicare al contratto di prestito da estinguere con cessione di u
quinto della pensione viene individuato con riferimento:
alla data di sottoscrizione del contratto di cessione del quinto della pensione da parte dellinteressato e dellen
finanziario
alla data di notifica allIstituto del contratto di cessione del quinto della pensione
alla data di decorrenza del trattamento pensionistico dellinteressato

Oltre ai Paesi dellUnione europea, a quali altri Stati si applicano i regolamenti comunitari (CE) nn.
883/2004 e 987/2009 in materia di sicurezza sociale?
Svizzera e Paesi SEE (Islanda, Liechtenstein e Norvegia)
Corea del Nord e Cina
Stati Uniti e Canada
Quale Stato legato allItalia da una Convenzione bilaterale in materia di sicurezza sociale?
Stati Uniti
Honduras
Thailandia
Le pensioni in regime internazionale sono:
pensioni in regime comunitario e in regime di convenzione bilaterale
solo in regime comunitario
solo in regime di convenzione bilaterale

LInps tenuto per legge alla verifica annuale delle situazioni reddituali dei pensionati incidenti su
diritto o sulla misura delle prestazioni pensionistiche. Sono inclusi i redditi rilevanti prodotti
allestero?
S
No
Solo quelli da lavoro dipendente

Tenuto conto che lINPS obbligato a procedere alla verifica delle situazioni reddituali dei pension
incidenti sulle prestazioni pensionistiche, quando viene disposto laccertamento dei redditi, relativ
allanno precedente, dei pensionati residenti allestero?
Ogni anno
Ogni 5 anni
Ogni 10 anni
Con alcuni Paesi sono in vigore Convenzioni per evitare le doppie imposizioni fiscali, in base alle
quali:
Ciascuno Stato contraente individua i propri residenti fiscali
Ciascuno Stato contraente individua i requisiti per totalizzare i periodi assicurativi
Ciascuno Stato contraente individua i requisiti per il diritto a pensione
La periodicit dei pagamenti delle pensioni allestero:
identica a quella delle pensioni pagate in Italia
diversa da quella delle pensioni pagate in Italia
non prevista
La regolamentazione comunitaria in materia di sicurezza sociale:

immediatamente e direttamente applicabile ai Paesi che fanno parte dellUnione europea


non applicabile ai Paesi che fanno parte dell'Unione Europea
non vincolante
Alcune Convenzioni bilaterali di sicurezza sociale stipulate dallItalia prevedono la totalizzazione
multipla, ossia:
la possibilit di sommare i contributi versati in Paesi terzi che risultano legati a loro volta da analoghi accordi
internazionali sia allItalia sia allaltro Stato contraente
la possibilit di sommare i contributi versati in Europa e Asia
la possibilit di sommare i contributi versati in Europa e America
I regolamenti comunitari (CE) nn.883/2004 e 987/2009 si applicano:
ai lavoratori dipendenti e autonomi
solo ai lavoratori dipendenti
solo ai lavoratori autonomi
I regolamenti comunitari (CE) nn.883/2004 e 987/2009:
si applicano anche ai dipendenti pubblici
non si applicano ai dipendenti pubblici
si applicano solo ai dipendenti pubblici che lavorano nei Ministeri
I regolamenti comunitari (CE) nn.883/2004 e 987/2009 si applicano:
anche alle prestazioni di malattia
solo alle prestazioni di malattia
solo alle prestazioni di disoccupazione
I regolamenti comunitari (CE) nn.883/2004 e 987/2009 si applicano:
anche alle prestazioni di disoccupazione
solo alle prestazioni di disoccupazione
solo alle prestazioni di malattia

LElectronic Exchange of Social Security Information, cd. EESSI, previsto dai regolamenti comunitar
(CE) nn.883/2004 e 987/2009 :
un sistema di scambio elettronico di informazioni sulla sicurezza sociale, che consente uno scambio di dati sicu
fra le Istituzioni nazionali
una modalit di tenuta degli archivi nazionali
una modalit di fatturazione elettronica
Alla luce del principio di esportabilit previsto dai regolamenti comunitari (CE) nn.883/2004 e
987/2009, le prestazioni di sicurezza sociale possono essere pagate di regola:
nellintero territorio dellUnione europea
solo ai soggetti residenti nello Stato che eroga la prestazione
solo ai soggetti residenti nello Stato che eroga la prestazione, quando si trovino in situazione di disagio
Alla luce del principio della buona amministrazione introdotto dai regolamenti comunitari (CE)
nn.883/2004 e 987/2009, le Istituzioni degli Stati membri sono obbligate a:
cooperare tra loro e fornire assistenza reciproca a vantaggio dei cittadini
applicare solo le leggi nazionali non in contrasto con i regolamenti comunitari
applicare solo leggi nazionali che tutelino i lavoratori migranti
Come da determinazione presidenziale n. 95 del 30/05/2012, le domande di pensione in regime
internazionale dei residenti in Italia devono essere presentate:
in via telematica, come le domande di pensione in regime nazionale
solo recandosi personalmente in Sede
solo via PEC

Larticolo 57 del regolamento (CE) n. 883/2004 conferma il periodo assicurativo minimo per
effettuare la totalizzazione. Infatti, detta disposizione precisa che listituzione competente, alla
quale viene richiesta la prestazione, non deve concedere alcuna prestazione, se i periodi di
assicurazione compiuti sotto la legislazione da essa applicata non raggiungano:
un anno
dieci anni
venti anni

I regolamenti comunitari in materia di sicurezza sociale, non si sostituiscono alle legislazioni


nazionali ma ne coordinano lapplicazione, pertanto il diritto alle prestazioni viene determinato all
condizioni e in base ai requisiti stabiliti:
dalle legislazioni nazionali
dai trattati istitutivi dellUnione europea
dalle direttive comunitarie
Le convenzioni bilaterali di sicurezza sociale sono:
negozi giuridici di diritto internazionale, efficaci solo dopo la ratifica da parte degli Stati contraenti
direttive comunitarie non vincolanti
negozi giuridici di diritto privato

I periodi di assicurazione maturati prima della data di entrata in vigore dei regolamenti comunitar
delle Convenzioni bilaterali di sicurezza sociale:
sono presi in considerazione per la determinazione del diritto alle prestazioni in applicazione dei regolamenti o
delle Convenzioni
sono presi in considerazione per la determinazione del diritto alle prestazioni in applicazione dei regolamenti o
delle Convenzioni, ma solo se maturati in Germania
sono presi in considerazione per la determinazione del diritto alle prestazioni in applicazione dei regolamenti o
delle Convenzioni, ma solo se maturati negli Stati Uniti
Con riferimento alle pensioni in regime internazionale, le Istituzioni competenti si scambiano
direttamente le informazioni relative ai periodi di assicurazione maturati negli Stati interessati
utilizzando i formulari di collegamento concordati a tale scopo. Come possono essere certificati i
periodi assicurativi maturati nei vari Stati?
Il formulario di collegamento lunico documento valido per certificare i periodi assicurativi.
I periodi assicurativi possono essere autocertificati
Le istituzioni possono utilizzare qualsiasi documento
Ai fini della totalizzazione dei periodi assicurativi, prevista dai regolamenti comunitari e dalle
Convenzioni bilaterali di sicurezza sociale:
i periodi assicurativi possono essere totalizzati, a condizione di regola che non si sovrappongano
i periodi assicurativi possono essere sempre totalizzati, anche se si sovrappongono
i periodi assicurativi possono essere totalizzati anche se si sovrappongono, su domanda dellinteressato

Ai fini dellintegrazione al trattamento minimo delle pensioni in regime internazionale:


si tiene conto delleventuale trattamento pensionistico corrisposto da organismi assicuratori di Paesi UE o lega
allItalia da Convenzioni bilaterali di sicurezza sociale
si tiene conto solo delleventuale trattamento pensionistico corrisposto da organismi assicuratori francesi
si tiene conto solo delle prestazioni a sostegno del reddito di cui beneficia linteressato
La detassazione della pensione italiana, nei casi espressamente previsti dalle Convenzioni per
evitare le doppie imposizioni fiscali, applicata automaticamente dallINPS?
No, solo su richiesta dellinteressato
S
S, ma solo ai pensionati residenti in Germania

Le Convenzioni contro la doppia imposizione fiscale operano allo stesso modo, sia per le pensioni
delle gestioni previdenziali dei lavoratori pubblici che per le pensioni delle gestioni previdenziali d
lavoratori privati?
No
S, ma solo per le pensioni con decorrenza 1 gennaio 2014
S, ma solo per le pensioni con decorrenza 1 gennaio 2015
Con quale Stato lItalia ha stipulato una Convenzione contro la doppia imposizione fiscale?
Svizzera
Cuba
Principato di Monaco
Qual lo scopo delle Convenzioni internazionali contro le doppie imposizioni fiscali?
Sono trattati internazionali che hanno principalmente lo scopo di prevenire l'evasione e l'elusione fiscale
Sono accordi amichevoli tra gli Stati contraenti
Sono negozi giuridici di diritto privato volti a disciplinare lo scambio dinformazioni
I dipendenti pubblici possono riscattare onerosamente i periodi assicurativi maturati nei Paesi UE
sensi del D.lgs. n. 184/97?
No, i periodi assicurativi possono essere totalizzati in base ai regolamenti comunitari
Sono riscattabili solo i periodi assicurativi maturati in Spagna, Belgio e Lussemburgo
Sono riscattabili solo i periodi assicurativi maturati in Francia, Germania e Regno Unito

In base ai regolamenti comunitari di sicurezza sociale, la domanda di pensione in regime comunita


deve essere presentata di norma:
allIstituzione dello Stato membro di residenza o allIstituzione dello Stato membro alla cui legislazione il
richiedente stato soggetto da ultimo
allIstituzione dello Stato di nascita del richiedente
allIstituzione di un qualsiasi Stato membro dellUnione europea

Diversi soggetti, pubblici e privati, in possesso di requisiti strutturali, tecnologici, organizzativi e d


qualit previsti dallapposita normativa nazionale e regionale, possono accedere ai finanziamenti
pubblici per lofferta di servizi. Con quale modalit?
Accreditamento
Autorizzazione
Convenzionamento
LINPS ha attivato, in favore degli utenti anziani, convenzioni con RSA. Cosa si intende per RSA?
Residenze Sanitarie Assistite
Ricoveri Sanitari Ambulatoriali
Strutture Residenziali Assistite

La Legge 328/2000 prevede che attivit proprie dei pubblici poteri possano essere svolte da sogge
privati o comunque esterni allorganizzazione della Pubblica Amministrazione su suo mandato:
individuare, tra i seguenti sotto indicati, quale meccanismo corrisponde a tale definizione
quello della sussidiariet orizzontale
quello della sussidiariet verticale
quello del decentramento dei poteri della P.A.
Il Fondo nazionale per le politiche sociali stato istituito con la legge 449/1997 e poi
istituzionalizzato come parte del sistema di interventi e servizi sociali: attraverso quale Legge?
La L. 328/2000
La L. 335/1995
La L. 289/2002

LINPS, in collaborazione con istituti di alta formazione e ricerca, mette a disposizione alcune bors
di studio per finanziare corsi di dottorato. A chi si rivolge?
Ai laureati, figli e orfani di iscritti e pensionati della Gestione Pubblica e di lavoratori e pensionati pubblici iscrit
Fondo credito, inoccupati o con contratto a tempo determinato, oppure lavoratori pubblici iscritti al Fondo credi
con contratto a tempo determinato
Ai laureati, figli e orfani di iscritti e pensionati INPS, inoccupati o con contratto a tempo determinato
Ai laureati, figli e orfani di iscritti e pensionati INPS e di lavoratori e pensionati pubblici iscritti al Fondo credito,
inoccupati oppure iscritti Indpap e lavoratori pubblici iscritti al Fondo credito

Le RSA offrono ospitalit ad anziani in ogni Regione, adottando specifici standard qualitativi: quali
norme stabiliscono questi standard qualitativi?
La normativa locale
La normativa nazionale
La normativa INPS
La famiglia di origine , ancora oggi in molti casi, lunico ammortizzatore sociale": indicare tra le
seguenti iniziative INPS, quale tende, pi delle altre, a risolvere questo problema.
Stage e tirocini per linserimento dei giovani nel mondo del lavoro
Borse di studio per Master e Dottorati
Borse di studio per specializzazione universitaria
Quali sono gli interventi dellINPS che possono essere considerati in linea con le politiche di
invecchiamento attivo?
Assistenza remota per valorizzare lautosufficienza dei pensionati come risorsa del sistema paese
Soggiorni benessere in ogni periodo dellanno per anziani autosufficienti
Assistenza domiciliare in sinergia con gli Enti territoriali

Quali sono i Convitti di propriet INPDAP?


Collegio S. Caterina di Arezzo, Collegio Regina Elena di Sansepolcro, Convitto Luigi Sturzo di Caltagirone, Convi
Principe di Piemonte di Anagni, Convitto unificato di Spoleto
Convitto Luigi Sturzo di Anagni, Convitto Principe di Piemonte di Caltagirone
Collegio S. Caterina di Arezzo, Convitto Principe di Piemonte di Sansepolcro, Convitto unificato di Spoleto

Quali sono i servizi costitutivi, nell'ambito della DCCW, del pacchetto credito?
Mutui ipotecari edilizi, piccoli prestiti, prestiti pluriennali
Mutui ipotecari edilizi, piccoli prestiti, prestiti pluriennali, borse di studio
Mutui ipotecari edilizi, piccoli prestiti, prestiti pluriennali, assegni universitari, ospitalit in Convitti e Case Alber

Oggi assistiamo ad un forte cambiamento della natura dei rischi sociali; quali sono le risposte che
moderno sistema di welfare pu fornire a fronte di tali cambiamenti?
Le nuove politiche sociali dovranno essere politiche individualizzate, con riferimento alla mobilit del soggetto,
alla sua situazione economico-sociale, alle condizioni di bisogno
Le nuove politiche sociali dovranno essere politiche individualistiche, che pongano l'accento sulla autosufficien
e sul perseguimento di obiettivi individuali
Le nuove politiche sociali dovranno essere politiche conservative, volte a rafforzare le prestazioni sociali
obbligatorie contro la vecchiaia, linvalidit, la malattia, la disoccupazione

In quante mensilit pu essere richiesto da un dipendente pubblico un piccolo prestito quadrienna


in assenza di trattenute sugli emolumenti stipendiali erogate come cessione del quinto?
Quattro o otto
Una o due
Due o tre

Uno dei requisiti essenziali per accedere a un prestito pluriennale quello di essere iscritto alla
gestione unitaria delle prestazioni creditizie e di aver compiuto un rapporto dimpiego o di lavoro
valido ai fini del trattamento di quiescenza
di almeno 4 anni
di almeno 2 anni
di almeno 3 anni

Sullimporto del prestito pluriennale che lInps concede alliscritto oltre agli interessi sono previste
altre spese?
S, spese di amministrazione e premio fondo rischi
S, spese di amministrazione
no, sono previsti solo interessi
Per quale tipologia di prestiti lInps prevede, a corredo della domanda, una motivazione e una
documentazione giustificativa per ottenere la prestazione?
Prestito pluriennale diretto
Prestito pluriennale indiretto
Piccolo prestito
Chi eroga un prestito pluriennale garantito dallInps?
Societ finanziarie o Istituti di Credito autorizzati a concedere prestiti ai sensi dellart. 15 del D.P.R. 180/50
Societ finanziarie o Istituti di Credito autorizzati a concedere prestiti ai sensi dellart. 27 del D.P.R. 180/50
Qualunque Istituto di Credito
Gli Istituti autorizzati a concedere prestiti garantiti devono versare allInps gestione prestazioni
creditizie, un premio compensativo dei rischi, entro quanto tempo dalla concessione?
60 giorni
30 giorni
90 giorni

Il dipendente di una Amministrazione Pubblica che versa il contributo dello 0,35% al fondo credito
che ha gi ottenuto un piccolo prestito dalla gestione delle prestazioni creditizie e vuole avanzare
domanda per un altro piccolo prestito pu farlo?
Deve aspettare che sia decorsa la met della durata del prestito in corso
Deve aspettare che sia estinto il prestito in corso
Pu farlo in qualunque momento, il residuo debito del prestito in corso verr recuperato in sede di rinnovo

Un dipendente iscritto Gestione delle Prestazioni Creditizie Inps in attivit di servizio, ha il quinto
della retribuzione pignorato pu ottenere una cessione del quinto, ovvero un prestito pluriennale?
S, solo nellambito del doppio quinto complessivo
S, le due trattenute possono coesistere
No, il pignoramento preclude la possibilit di ottenere un prestito pluriennale

Per i mutui a tasso variabile, qual linteresse previsto dal Regolamento approvato con la
Determinazione Presidenziale (ex INPDAP) n. 362 del 23 settembre 2011 ?
3,50% per il primo anno e, con decorrenza dalla terza rata, tasso variabile pari allEuribor a 6 mesi, calcolato su
360 giorni, maggiorato di 90 punti base, rilevato al 30 giugno o al 31 dicembre del semestre precedente ed
applicato sul debito residuo a tale rata

3,50 per il primo anno e, con decorrenza dalla terza rata, tasso variabile pari allEuribor a 6 mesi, calcolato su 3
giorni, maggiorato di 90 punti base, rilevato al 1. giugno o al 1. dicembre del semestre precedente ed applicato
sul debito residuo a tale rata

3,50% per il primo semestre e, con decorrenza dalla terza rata, tasso variabile pari allEuribor a 6 mesi, calcola
su 360 giorni, maggiorato di 80 punti base, rilevato al 30 giugno o al 31 dicembre del semestre precedente ed
applicato sul debito residuo a tale rata

Quale rischi deve coprire polizza assicurativa che liscritto alla gestione unitaria delle prestazioni
creditizie e sociali deve stipulare al momento dellerogazione di mutuo ipotecario edilizio INPS?
Responsabilit civile nei confronti dei terzi, per un importo minimo assicurato di . 1.000.000 pi incendio,
fulmine e scoppio in genere
Polizza globale fabbricati
Responsabilit civile nei confronti dell' INPS, per un importo minimo assicurato di . 1.000.000, incendio e fulm

Chi pu partecipare ai soggiorni climatico-termali organizzati in primavera ed in inverno presso le


Case del Maestro della Gestione Magistrale?
LIscritto dUfficio alla Gestione Magistrale, in servizio o in quiescenza, assieme ai propri familiari, presenti nella
certificazione ISEE
LIscritto dUfficio alla Gestione Magistrale, in quiescenza, unitamente ai propri familiari, presenti nella
certificazione ISEE
LIscritto dUfficio alla Gestione Magistrale, in servizio, unitamente ai propri familiari minorenni, presenti nella
certificazione ISEE

Le Direzioni Regionali, unitamente alle Sedi Provinciali, devono configurarsi come efficaci sensori
dei bisogni sociali sul territorio: a quale scopo?
Orientare le strategie dellIstituto e contribuire a dare attuazione ai princpi di sussidiariet
Eseguire i piani di intervento della Direzione Centrale Welfare e Strutture Sociali, la quale rileva direttamente i
bisogni sociali
Coordinare gli interventi stabiliti dalla Direzione Centrale Welfare e Strutture sociali
LINPS prevede lerogazione di soggiorni benessere a favore di quale utenza?
Anziani autosufficienti
Anziani non autosufficienti
Giovani disabili
Ai sensi del D.P.R.180/1950 cosa comporta il decesso del pensionato beneficiario prima
dellerogazione della somma pattuita con il contratto di prestito?
La concessione del prestito si ha come non avvenuta
Il prestito pu comunque essere incassato dagli eredi
Il prestito pu comunque essere incassato da chi ha un credito privilegiato nei confronti del "de cuius"

Gli iscritti al Fondo PSMSAD, in regola con i versamenti annuali e in possesso degli ulteriori requis
previsti dai D.M. 20 aprile 1990 e 25 febbraio 1991 possono presentare domanda di concessione
per
contributo e/o patrocinio a manifestazioni; contributo e/o patrocinio realizzazione attivit editoriale; premi di
incoraggiamento ed operosit; provvidenze economiche
contributo e/o patrocinio realizzazione attivit editoriale; premi di incoraggiamento ed operosit; provvidenze
economiche
contributo e/o patrocinio a manifestazioni; contributo e/o patrocinio realizzazione attivit editoriale; premi di
incoraggiamento ed operosit; provvidenze economiche; acquisto prima casa

LInps assegna le borse di studio mediante Bando di concorso, per la partecipazione a corsi di
aggiornamento professionale dedicati a tematiche a elevato contenuto innovativo per i processi e
funzioni della PA. Possono partecipare al Bando:

i dipendenti della pubblica amministrazione iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali
(Fondo credito), anche per effetto del D.M. 45/07, in possesso almeno del diploma di scuola secondaria superio

i dipendenti della pubblica amministrazione iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali
(Fondo credito)
i dipendenti della pubblica amministrazione iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali pe
effetto del D.M. 45/07

A chi spetta il beneficio denominato " contributo ai pensionati non autosufficienti"?


Ai soli pensionati iscritti alla Gestione Magistrale
Ai pensionati della Gestione Pubblica
A tutti i pensionati INPS
Il beneficio denominato "assegni integrativi" per gli iscritti alla gestione Magistrale pu essere di
due
tipi:temporaneo integrativo e assegno integrativo per malattia
assegno
assegno temporaneo integrativo e assegno straordinario
assegno straordinario e assegno di solidariet

L'assegnazione delle Borse di studio per la frequenza della scuola media inferiore e superiore, dei
corsi universitari e post universitari avviene:
previa partecipazione ad un bando di concorso e collocazione utile nella relativa graduatoria
in ogni caso, su presentazione della domanda
non sono previste borse di studio fra le prestazioni erogate dall'Istituto

Che cosa si intende con il codice di segnalazione, in nuova passweb, CCX04?


Che sono presenti rapporti di lavoro sovrapposti (con gestione pensionistica diversa da CTPS) senza l'indicazion
del tipo di sovrapposizione)
Che sono presenti rapporti di lavoro con iscrizione alla CTPS sovrapposti senza l'indicazione del tipo di rapporto
ammesso
Che sono presenti periodi riconosciuti sovrapposti ad un servizio giornaliero con periodo temporale riferito a pi
un mese solare

Che cosa si intende con il codice di segnalazione, in nuova passweb, CCX05?


Che il totale del diritto e/o della misura nel periodo supera la capienza consentita
Che il valore della misura supera la capienza del periodo
Che per la totalizzazione estera se il diritto e/o la misura sono maggiori od uguali ad 1 anno, deve essere indica
la presenza di prestazione estera
In base alla circolare 148/2014, per i periodi retributivi dal 1 ottobre 2012 come avviene
limplementazione della PA?
Esclusivamente con il flusso UNIEMENS Lista PosPa
Con il flusso UNIEMENS Lista PosPa e con lapplicativo Passweb da parte delloperatore di sede
Con il flusso UNIEMENS Lista PosPa e con lapplicativo Passweb da parte delloperatore di ente
Che cosa contiene la Banca dati cosiddetta GEA?
Parte delle denunce contributive degli iscritti alle Gestioni CPDEL (Cassa Pensioni Dipendenti Enti Locali) e CPS
(Cassa Pensioni Sanitari) fino al 1996
Parte delle denunce contributive degli iscritti alle Casse degli Enti locali dal 1 gennaio del 2000
Parte delle denunce contributive degli iscritti alle Casse dellex INPDAP dal 1 gennaio 2005
La Banca dati cosiddetta Hydra contiene quali tipi di dichiarazioni?
Le dichiarazioni O1/M fino al 1998 e gli EMENS, quadri SA e SS del 770 per gli anni successivi
Le dichiarazioni affluite tramite flusso DMA
Le dichiarazioni affluite tramite flusso DMA e UNIEMES Lista PosPa
Che cosa si intende con lacronimo RVPA?
Richiesta di variazione della posizione assicurativa
Richiesta di variazione di un piano di ammortamento
Richiesta di validazione della posizione assicurativa

Qual il termine ultimo di presentazione dellistanza, da parte delliscritto, del riconoscimento de


contribuzione figurativa per cariche sindacali, previsto dallart. 3 del Dlgs 564/96?
Entro il 30 settembre dellanno successivo a quello nel quale ha avuto corso laspettativa

Entro il 31 marzo dellanno successivo a quello nel quale ha avuto corso laspettativa
Entro il 30 ottobre dellanno successivo a quello nel quale ha avuto corso laspettativa

Quali sono le cariche previste dall art. 31 della legge 300/70 e dallart. 3 del Dlgs 564/96, per le
quali possibile presentare istanza di riconoscimento della contribuzione figurativa?
Membri eletti del Parlamento nazionale o europeo o di Assemblea regionale ovvero nominati a ricoprire funzion
pubbliche
Amministratori locali
Eletti al Parlamento nazionale ed europeo
Che cosa si intende per contribuzione figurativa?
Una contribuzione fittizia a carico dellIstituto previdenziale
Una contribuzione fittizia a carico del sindacato
Una contribuzione fittizia a carico dellAmministrazione di appartenenza
In caso di riconoscimento della contribuzione figurativa per cariche sindacali, sar posta a carico
dellIstituto previdenziale:
la quota a carico ente pi la quota a carico iscritto
la quota a carico iscritto
la quota a carico ente

Cosa prevede lart. 38 della legge 488/99 ai fini del riconoscimento della contribuzione figurativa p
cariche elettive?
Liscritto deve presentare apposita istanza entro i previsti termini di legge e deve effettuare il versamento della
quota a proprio carico
Liscritto deve presentare apposita istanza entro i previsti termini di legge
Liscritto deve presentare apposita istanza entro i previsti termini di legge e deve effettuare il versamento della
quota a carico ente
Il periodo di aspettativa non retribuita per cariche elettive e sindacali non utile:
ai fini previdenziali
ai fini pensionistici
ai fini pensionistici e previdenziali
Qual la norma che ha introdotto la contribuzione aggiuntiva?
Art. 3 Dlgs 564/96
Art. 31 legge 300/70
Art. 38 legge 488/99
Che cosa si intende per contribuzione aggiuntiva?
Una contribuzione utile ai fini dellincremento del trattamento pensionistico
Una contribuzione utile ai fini previdenziali
Una contribuzione utile ai fini del diritto e della misura
Qual il termine ultimo di scadenza per effettuare il versamento della contribuzione aggiuntiva?
Entro il 30 settembre dellanno successivo a quello nel corso del quale abbia avuto inizio o si sia protratta
laspettativa o il distacco sindacale
Entro il 31 marzo dellanno successivo a quello nel corso del quale abbia avuto inizio o si sia protratta
laspettativa o il distacco sindacale
Entro il 30 ottobre dellanno successivo a quello nel corso del quale abbia avuto inizio o si sia protratta
laspettativa o il distacco sindacale

Il Dlgs 564/96 allart. 3 commi 5 e 6 prevede che:


a favore dei lavoratori collocati in aspettativa sindacale non retribuita e in distacco retribuito, pu essere versa
facoltativamente, una contribuzione aggiuntiva

a favore dei lavoratori collocati in aspettativa sindacale non retribuita e in distacco retribuito, pu essere versa
obbligatoriamente, una contribuzione aggiuntiva
a favore dei lavoratori collocati in aspettativa sindacale non retribuita e in distacco retribuito, pu essere versa
esclusivamente per un massimo di 6 mesi, una contribuzione aggiuntiva

Per i lavoratori collocati in aspettativa sindacale non retribuita, qual la retribuzione da prendere
riferimento per il calcolo della contribuzione aggiuntiva?
La retribuzione che si ottiene dall'eventuale differenza tra le somme corrisposte per lo svolgimento dell'attivit
sindacale e la retribuzione di riferimento per il calcolo della contribuzione figurativa
La retribuzione corrisposta dallAmministrazione di appartenenza presa a riferimento per il calcolo della
contribuzione figurativa
La retribuzione corrisposta dallOrganizzazione Sindacale, per lo svolgimento dell'incarico ricoperto

Per gli iscritti alla CTPS, per i quali viene chiesta lautorizzazione al versamento della contribuzion
aggiuntiva, la maggiorazione del 18% da includere nel calcolo dellimponibile contributivo?
No
S
Solo per il 50%
Limporto massimo della retribuzione aggiuntiva, erogabile dalle Organizzazioni sindacali quello
previsto sulla base dei tetti retributivi disposti:
dagli atti regolamentari delle Organizzazioni medesime
dal CCNQ del 7 agosto 1998
dal CCNL di categoria
La legge 02/04/1958, n.322 che prevedeva la costituzione della posizione assicurativa allINPS
stata abrogata dalla seguente disposizione legislativa:
Legge 30/07/2010, n.122
Legge 08/08/1995, n.335
Legge 23/12/1994, n.724

Non pi possibile provvedere alla costituzione della posizione assicurativa allINPS prevista dalla
legge 02/04/1958, n.322 per coloro che sono definitivamente cessati dal servizio
in data posteriore al 30/07/2010
in data posteriore al 30/07/2007
in data posteriore al 30/07/2009

Il D.P.R. 29/12/1973, n.1092 prevede che il personale iscritto alla Cassa Trattamenti Pensionistici
dipendenti dello Stato cessato definitivamente dal servizio senza aver maturato il diritto a pension
ha diritto allIndennit una tantum purch abbia compiuto almeno:
1 anno intero di servizio effettivo
42 anni di servizio utile
43 anni di servizio utile
Per poter chiedere la ricongiunzione dei periodi assicurativi ai sensi dellart.1 legge 07/02/1979,
n.29 necessario che il lavoratore sia titolare di contribuzione in almeno due gestioni
pensionistiche diverse e che tale contribuzione:
non abbia gi dato luogo alla liquidazione di una pensione
abbia gi dato luogo alla liquidazione di una pensione
ammonti ad almeno 43 anni

La ricongiunzione dei periodi assicurativi ai sensi dellart.1 della legge 07/02/1979, n.29 a titolo
oneroso se la relativa domanda risulta essere presentata:
in data posteriore al 30/06/2010
in data posteriore al 30/06/2007

in data posteriore al 30/06/2006


LEstratto Conto informativo (EC) consente alliscritto di prendere visione della propria Posizione
Assicurativa nella Gestione Dipendenti Pubblici. Sono presenti in EC le informazioni relative ai
periodi
di:
stati di servizio,
eventuali altri servizi riconosciuti con provvedimenti di riscatto, ricongiunzioni o computo,
eventuali periodi riconosciuti con contribuzione figurativa
stati di servizio ed eventuali altri servizi riconosciuti con provvedimenti di riscatto, ricongiunzioni o computo
i soli periodi di Stato di Servizio

Liscritto pu consultare il proprio Estratto Conto informativo (EC):


online, dal sito www.inps.it, se in possesso di un PIN, telefonando al contact center dellINPS, sempre se possied
il PIN, rivolgendosi a un patronato, anche se non possiede il PIN
online, dal sito www.inps.it, anche se non si possiede un PIN, telefonando al contact center dellINPS, rivolgend
a un patronato, anche se non si possiede il PIN
esclusivamente online, dal sito www.inps.it, se in possesso di un PIN

Qualora liscritto rilevi che i dati della propria posizione assicurativa siano carenti o errati pu
inoltrare una Richiesta di Variazione Posizione Assicurativa (RVPA) con le seguenti modalit:
online, dal sito www.inps.it, se in possesso di un PIN, telefonando al contact center dellINPS, sempre se possied
il PIN, rivolgendosi a un patronato, anche se non possiede il PIN
online, dal sito www.inps.it, anche se non si possiede un PIN, telefonando al contact center dellINPS, rivolgend
a un patronato, anche se non si possiede il PIN
esclusivamente online, dal sito www.inps.it, se in possesso di un PIN
Qualora liscritto rilevi che i dati della propria posizione assicurativa siano carenti o errati pu
inoltrare una Richiesta di Variazione Posizione Assicurativa (RVPA) relativa a periodi di:
stati di servizio, eventuali altri servizi riconosciuti con provvedimenti di riscatto, ricongiunzioni o computo,
eventuali periodi riconosciuti con contribuzione figurativa
stati di servizio ed eventuali altri servizi riconosciuti con provvedimenti di riscatto, ricongiunzioni o computo
i soli periodi di Stati di Servizio
Qualora liscritto rilevi che i dati della propria posizione assicurativa siano carenti o errati pu
inoltrare una Richiesta di Variazione Posizione Assicurativa (RVPA). Con una RVPA pu essere
richiesta:
la modifica, linserimento, la cancellazione di un periodo in EC
la modifica e linserimento di un periodo in EC
la sola cancellazione di un periodo in EC

Una Richiesta di Variazione Posizione Assicurativa (RVPA) per un periodo riconosciuto (es. riscatti,
ricongiunzione) pu essere presentata dalliscritto quando:
il periodo in questione sia gi stato oggetto di provvedimento
abbia presentato una domanda di prestazione per il riconoscimento del periodo in oggetto e non sia stato anco
emesso il relativo provvedimento
anche se non ha presentato domanda di prestazione per il riconoscimento del periodo in oggetto

Alla implementazione e sistemazione della posizione assicurativa degli iscritti concorrono gli enti
datori di lavoro e gli operatori dellIstituto tramite i canali UniEmens e Passweb. Per laggiorname
dei dati relativi a periodi retributivi dal 1 gennaio 2005 fino al 30 settembre 2012 possono essere
utilizzati rispettivamente dallInps e dallente i canali:
Passweb dalloperatore INPS, Passweb e flusso UniEmens dallente datore di lavoro
Passweb e flusso UniEmens dalloperatore INPS, Passweb dallente datore di lavoro
Flusso Uniemens dalloperatore INPS, flusso UniEmens dallente datore di lavoro

Per la corretta implementazione della posizione assicurativa degli iscritti possibile lutilizzo, in v
esclusiva o alternativa tra essi, di diversi canali di trasmissione delle relative informazioni. I dati
relativi a periodi retributivi a partire dal 1 ottobre 2012 possono essere aggiornati...

esclusivamente con il flusso UniEmens


con Uniemens e Passweb
esclusivamente con Passweb

Nel Casellario Lavoratori Attivi (art. 1, comma 23 L. 243/2004) vengono raccolti dati e altre
informazioni relative ai lavoratori iscritti:
a qualunque regime previdenziale a carattere obbligatorio compresi i lavoratori autonomi, i liberi professionisti
la Gestione Separata, nonch ai regimi facoltativi gestiti dagli enti previdenziali
ai regimi obbligatori di previdenza e a quelli sostitutivi dell'assicurazione generale obbligatoria per l'invalidit,
vecchiaia e i superstiti o che ne comportino comunque l'esclusione o l'esonero
allassicurazione generale obbligatoria per l'invalidit, la vecchiaia e i superstiti dei lavoratori dipendenti, anche
con riferimento ai periodi di fruizione di trattamenti di disoccupazione o di altre indennit o sussidi che preveda
una contribuzione figurativa
Lart. 2 comma 6 del D.M. 4 febbraio 2005, attuativo della L. 243/2004, istitutiva del Casellario
Lavoratori Attivi, prevede che lo strumento principale per la consultazione della posizione
assicurativa di coloro che presentano contributi in pi enti previdenziali sia:
Estratto Conto Integrato
Estratto Conto Informativo
Estratto Conto Unificato
Lart. 1 comma 27 della L. 243/2004 prevede che sulla base delle informazioni e dei dati contenuti
Casellario Lavoratori Attivi sia consentita:
la verifica del regolare assolvimento degli obblighi contributivi da parte degli assicurati a pi gestioni ed enti
la verifica della presenza di trattamenti pensionistici vigenti o cessati a favore degli assicurati
la verifica dellesistenza di prestazioni assistenziali a favore degli assicurati

Il Casellario dei Lavoratori Attivi ai sensi dellart. 1 comma 27 della L. 243/2044 provvede a
raccogliere i dati delle denunce nominative degli assicurati relative ad assunzioni, variazioni e
cessazioni di rapporto di lavoro trasmesse dai datori di lavoro all'Istituto nazionale per
l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL) ai sensi dell'articolo 14, comma 2, del Decreto
legislativo 23 febbraio 2000, n. 38. Quale forma hanno assunto tali denunce a seguito del Decreto
Interministeriale 30 ottobre 2007?
Comunicazioni obbligatorie inoltrate dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale allIstituto Nazionale d
Previdenza Sociale, allIstituto Nazionale per le Assicurazioni e previste dallarticolo 24 del decreto legislativo 2
febbraio 2005, n. 42. Infortuni sul Lavoro, e alle altre forme previdenziali sostitutive o esclusive, nonch alla
Prefettura - Ufficio Territoriale di Governo (UTG).

Flussi contributivi trasmessi dagli enti previdenziali e dagli gli enti gestori di forme di previdenza e assistenza
obbligatori con i dati anagrafici ed i periodi di iscrizione e alle retribuzioni e ai redditi nonch a tutte le
contribuzioni, ivi comprese quelle figurative. Contribuzioni, con evidenziazione delle date di inizio e fine, riferite
tutte le posizioni assicurative aperte risultanti nei propri archivi e i dati relativi

Flussi mensilizzati con dati retributivi e informazioni necessarie per il calcolo dei contributi, per l'implementazio
delle posizioni assicurative individuali e per l'erogazione delle prestazioni

Con Circolare INPS n. 131 del 19/11/2012 stata stabilita, tra le altre, la modalit di presentazion
delle domande di ricongiunzione ai sensi dellart. 2 della Legge n. 29/79 della Gestione ex INPDA
che prevede:
lutilizzo del canale telematico
la presentazione diretta allo sportello INPS
linoltro tramite lettera raccomandata A/R
Il periodo riconosciuto mediante riscatto implementa la Posizione Assicurativa?
S, sia per la parte giuridica che per la parte economica
No
S, solo per la parte giuridica

La Circolare INPS n. 148 del 21/11/2014 ha disciplinato le modalit di implementazione della


Posizione Assicurativa degli iscritti prevedendo, a partire dal 01/10/2012, come unico canale di
trasmissione dei dati giuridici e economici il seguente strumento:
Flusso UniEmens
Mod. PA04
Passweb
Quale tra i seguenti documenti necessario acquisire informaticamente nella procedura SIN per
definire un provvedimento di Computo ai sensi dell art. 11 del D.P.R. n. 1092/1973?
Prospetto CER
Modello TRC 01/bis
Certificato di laurea
In quale caso nel Modello TRC 01/bis viene visualizzato un numero di settimane ai fini del diritto
maggiore del corrispondente numero di settimane ai fini della misura?
In caso di rapporto di lavoro part-time
In caso di servizio ispettivo
In caso di rapporto di lavoro a tempo pieno

Le procedure attualmente in vigore riguardanti i ricorsi ai Comitati di Vigilanza presentati dagli


iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici sono disciplinate dal:
Regolamento di procedura dei ricorsi ai Comitati di Vigilanza delle gestioni , approvato con Delibera del Consigl
di Amministrazione ex INPDAP n.1249 del 5/7/2000
Regolamento delle procedure in materia di ricorsi amministrativi della Gestione Privata, adottato con
Determinazione Presidenziale INPS N.195 del 20/12/2013
Regolamento per le riunioni dei Comitati Centrali e Periferici dellINPS

Con Circolare INPS n.151 del 28/10/2013 si sono introdotte nuove modalit di presentazione dei
ricorsi amministrativi ai Comitati di Vigilanza Gestione Dipendenti Pubblici- con utilizzo del canal
telematico. A partire da quale data detti ricorsi devono essere presentati esclusivamente
attraverso modalit telematiche?
1 gennaio 2014
31 ottobre 2013
30 giugno 2014

Il Regolamento di procedura dei ricorsi ai Comitati di Vigilanza delle Gestioni Pubbliche, approvato
con Delibera del Consiglio di Amministrazione ex INPDAP n.1249 del 5/7/00, prevede che il ricorso
possa essere presentato:
entro 30 giorni decorrenti dalla data di notifica dellatto impugnato alliscritto
entro 90 giorni decorrenti dalla data di notifica dellatto impugnato alliscritto
entro 30 giorni decorrenti dalla data di emissione dellatto impugnato

Il Casellario dei Lavoratori Attivi amministra l'Anagrafe generale delle posizioni assicurative attive
alla cui alimentazione provvedono gli enti gestori dei regimi previdenziali obbligatori di cui all'art.
comma 23, della legge n. 243 del 2004. Qual lunit di rilevazione dellAnagrafe?

Il soggetto, identificato dal proprio codice fiscale, che risulta iscritto in almeno uno degli enti gestori di forme d
previdenza e assistenza obbligatorie ovverosia ogni soggetto che ha trascorso un periodo assicurativo di qualsi
durata presso un Ente e risulta, quindi, titolare di una posizione assicurativa aperta a suo nome

La riga contributiva con lindicazione di periodo, fondo e forma di contribuzione, contributi utili, retribuzione o
imponibile previdenziale, datore di lavoro e/o azienda
Lunit di tempo o intervallo utile che definisce lobbligo del versamento contributivo dei contributi soggettivi e
obbligatori, dei contributi integrativi o aggiuntivi e degli altri tipi di contributi

Il Casellario dei Lavoratori Attivi costituisce l'Anagrafe generale delle posizioni assicurative
condivisa tra tutte le amministrazioni dello Stato e gli organismi gestori di forme di previdenza e
assistenza obbligatorie, secondo modalit di consultazione e di scambio di dati disciplinate dal D.M
4 febbraio 2005. Quale organismo o ente ,attualmente, preposto al monitoraggio e alla verifica
delle attivit attinenti alla gestione del Casellario?
Il Ministero del Lavoro Direzione Generale Politiche Previdenziali ed Assicurative
Una Commissione appositamente istituita ai sensi dellart. 5 del D.M. 4 febbraio 2005 di attuazione della L.
243/2004
Il Nucleo Valutazione Spesa Previdenziale
Oltre ai dati e alle altre informazioni di cui allart 1, comma 23 della L. 243/2004 relativi alla
situazione contributiva dei lavoratori iscritti a tutte le forme di previdenza obbligatorie e quelle
facoltative gestite dagli enti previdenziali devono essere trasmessi al Casellario Lavoratori Attivi:

le informazioni trasmesse dal Ministero dell'interno, secondo le modalit di cui al comma 24, relative ai permes
di soggiorno rilasciati ai cittadini extracomunitari
le informazioni relative alla previdenza integrativa e complementare trasmesse dalla COVIP
le informazioni sugli infortuni che hanno prodotto invalidit permanente o morte e sono stati accertati da un
Istituto Assicuratore trasmessi dal Casellario Centrale Infortuni dellINAIL

Ai sensi dell art. 1, comma 28 della L. 243/2004, le informazioni costantemente aggiornate


contenute nel Casellario centrale delle posizioni previdenziali attive costituiscono, insieme a quell
del Casellario centrale dei pensionati:
base per le previsioni e per la valutazione preliminare sulle iniziative legislative e regolamentari in materia
previdenziale
basi informative integrate
banche dati condivise per lacquisizione delle informazioni da parte dellautorit giudiziaria

Sono riscattabili i diplomi conseguiti nei Conservatori di Musica, in base allordinamento previgent
alla legge n. 509/1999?
No, sono ammessi a riscatto i titoli AFAM per i corsi attivati dallanno accademico 1 novembre 2005- 31 ottobre
2006, in virt dellequiparazione ai titoli universitari
S, solo per i docenti di musica nelle scuole di ogni ordine e grado
S, solo se il richiedente in possesso del diploma di istruzione secondaria superiore

riscattabile il corso per il conseguimento del dottorato di ricerca?


S, il D.Lgs. n. 184/97 ha reso riscattabile, per domande dal 12/7/1997, i corsi di dottorato di ricerca istituti dalle
universit, a condizione che il periodo non deve essere coperto da contribuzione
No, solo se prestato durante un periodo di aspettativa per motivi di studio
S, solo se la durata legale del corso di dottorato pari ad un anno
possibile chiedere il riscatto dei periodi di iscrizione allUniversit che non hanno dato luogo al
conferimento del titolo?
No, solo se stato conseguito il diploma di laurea o diploma universitario
S, solo se il richiedente in possesso di un precedente titolo universitario gi riscattato
S, solo per incrementare la misura del trattamento pensionistico

In caso di errore materiale nel computo del servizio ammesso a riscatto entro quale termine
possibile modificare un provvedimento?
Entro il termine di tre anni dalla data di notifica del provvedimento (art. 26 della Legge n. 315/67 per il persona
iscritto alle casse pensioni gestite dagli ex II.PP e art. 203 e seguenti del Dpr n. 1092/73 per il personale statale
Entro il termine di dieci anni dalla data di notifica del provvedimento (art. 26 della Legge n. 315/67 per il
personale iscritto alle casse pensioni gestite dagli ex II.PP e art. 203 e seguenti del Dpr n. 1092/73 per il
personale statale)
Il provvedimento di riscatto sempre modificabile fino al momento del collocamento a riposo

La rinuncia al provvedimento di ricongiunzione ex art. 2 della legge n. 29/79, per domanda


presentata a decorrere dal 6/12/2000, pu essere esercitata dalliscritto entro i seguenti termini:
90 giorni dalla data di notifica del provvedimento
90 giorni dalla data di spedizione del provvedimento
120 giorni dalla data della notifica del provvedimento
Lautorizzazione alla prosecuzione volontaria concessa qualora linteressato possa far valere:
5 anni di contributi effettivi riferiti a qualsiasi epoca ovvero 3 anni di contributi effettivi nel quinquennio
precedente la domanda
3 anni di contributi effettivi nel quinquennio precedente la domanda
1 anno di contributi effettivi nel quinquennio precedente la domanda
Termini per il versamento della contribuzione volontaria:
i contributi volontari vanno versati entro il trimestre successivo a quello solare a cui riferita la contribuzione,
tale termine perentorio e le somme versate in ritardo non possono essere accreditate
i contributi volontari vanno versati entro il trimestre successivo a quello solare a cui riferita la contribuzione
ovvero, qualora linteressato ne faccia richiesta, in ununica soluzione entro lanno che si intende coprire
i contributi volontari si versano mensilmente

La prosecuzione volontaria consente:


di proseguire volontariamente il versamento dei contributi dopo aver cessato lattivit lavorativa per raggiung
il diritto a pensione o incrementarne la misura
di proseguire volontariamente il versamento dei contributi dopo aver cessato lattivit lavorativa per raggiung
il diritto a pensione
valorizzare, ai fini contributivi, periodi di studio
Il provvedimento di autorizzazione alla prosecuzione volontaria:
non soggetto ad alcun termine decadenziale
soggetto ad accettazione formale
sottoposto allistituto del silenzio assenso

Tra gli elementi che concorrono alla determinazione della contribuzione da versare figura:
la media settimanale delle retribuzioni percepite dal richiedente negli ultimi dodici mesi di contribuzione effetti
antecedenti la data della domanda
la media settimanale delle retribuzioni percepite dal richiedente negli ultimi ventiquattro mesi di contribuzione
effettiva antecedenti la data della domanda
la media settimanale delle retribuzioni percepite dal richiedente negli ultimi 10anni di contribuzione effettiva
antecedenti la data della domanda
Per la sistemazione delle Posizioni assicurative dei propri dipendenti, gli Enti datori di lavoro, per
quale applicativo devono chiedere labilitazione?
Richiesta Abilitazione allapplicazione (PassWeb)
Richiesta Abilitazione allapplicazione (Denunce Contributive)
Richiesta Abilitazione allapplicazione (Contributi e Versamenti)
In quali casi un Ente datore di lavoro, pu delegare un professionista esterno, per lutilizzo di
Passweb?
In tutti i casi
Solo se lente datore di lavoro un Ente Locale
Solo se lente datore di lavoro una Amministrazione Statale
La Posizione Assicurativa viene alimentata dalle Denunce degli Enti datori di lavoro, con quale
periodicit?
Mensile

Annuale
Trimestrale
Qual lo strumento utilizzato dallIstituto per monitorare la produzione mensile delle Sedi?
VERIF
SAP BW-SEM
SAP CA-TS

Nella gestione pubblica, per le domande di riscatto presentate dai dipendenti EE.LL.
successivamente al 06/12/00 (decreto ministeriale 07/11/00), da quante rate sar composto il pian
di
Un ammortamento?
numero di rate mensili pari a quello del periodo riscattato e comunque non superiore a 180
sempre prevista la rateizzazione per 10 anni
La rateizzazione prevista per un numero di anni pari al doppio del periodo ammesso a riscatto/ricongiunzione
fino ad un massimo di anni 15

In base alla circolare n. 105 del 7 agosto 2012 come devono essere riportate dai sostituti di impos
le informazioni nel quadro F1 della DMA/UniEmens sulle rate dei piani di ammortamento? Quanti
quadri devono essere valorizzati?
Deve essere valorizzato un quadro per ciascuna rata del piano di ammortamento
Deve essere valorizzato un solo quadro contenete tutte le rate del piano di ammortamento versate e non
dichiarate
Devono essere comunicate solo le rate pagate utilizzando il quadro V1 causale 5
Quale la rateazione prevista per i riscatti dei corsi di studio universitari richiesti da dipendenti
dello stato - enti locali dal 01/01/08 in poi?
prevista una rateazione per massimo 10 anni (senza interessi)
180 rate
Per i dipendenti dello stato 10 anni senza interessi, per i dipendenti enti locali 180 rate con interessi

In base al Messaggio Hermes n. 15914 del 2 ottobre 2012, nella gestione pubblica, nellipotesi di
cessazione ovvero di sospensione dal servizio, oltre alla possibilit di estinzione del residuo debito
unica soluzione, data possibilit alliscritto di proseguire il versamento rateale?

Liscritto prosegue autonomamente il versamento, utilizzando il modello F24, attenendosi sia alle scadenze che
allammontare della rata del piano di ammortamento iniziale
Liscritto prosegue autonomamente il versamento, utilizzando il modello F24, attenendosi allammontare della
rata del piano di ammortamento iniziale e concordando le scadenze e gli eventuali interessi con la Sede.

Nellipotesi di cessazione ovvero di sospensione dal servizio, consentita solo lestinzione del residuo debito in
unica soluzione

In base al Messaggio Hermes n. 15914 del 2 ottobre 2012, come vengono effettuati i pagamenti de
oneri di riscatto/ricongiunzione a seguito della emanazione dei relativi provvedimenti emessi nei
confronti di un soggetto cessato dal servizio ma non ancora titolare di un trattamento pensionistic
I pagamenti potranno essere effettuati autonomamente con modello F24 nei modi e nei termini indicati nella
determina di concessione, con le precisazioni indicate per le ipotesi di sospensione.
I pagamenti non potranno essere effettuati autonomamente con modello F24
Solo al momento del pensionamento, linteressato potr provvedere ad estinguere il residuo debito o chiedere
trattenuta sulla pensione, sulla base del piano di ammortamento in essere
In base al Messaggio Hermes n. 15914 del 2 ottobre 2012, nellipotesi di trasferimento di un
lavoratore da un ente pubblico ad un altro, entrambi con iscrizione alle gestioni ex Inpdap, come
prosegue il pagamento delle rate del piano di ammortamento per riscatto/ricongiunzione gi in
corso?
Loriginaria amministrazione di appartenenza dovr comunicare al nuovo datore di lavoro lesistenza e lo stato
piano di ammortamento, nonch comunicare alla Sede di competenza il nuovo versante

Il lavoratore dovr proseguire il versamento rateale con le stesse modalit previste per i casi di autonoma
prosecuzione del versamento
Il lavoratore dovr estinguere il residuo debito in unica soluzione

In base al Messaggio Hermes n. 15914 del 2 ottobre 2012,in caso di autonoma prosecuzione di
versamento di riscatto ai fini pensionistici effettuata da un iscritto alle gestioni ex INPDAP cessato
sospeso dal servizio, quale leffetto dellinterruzione del versamento delle rate del piano?

Il provvedimento di riscatto decade e verr proporzionalmente riconosciuto solo il periodo per il quale stato
effettuato il versamento
Il provvedimento di riscatto non decade e verr proporzionalmente riconosciuto solo il periodo per il quale sta
effettuato il versamento
Il provvedimento di riscatto non decade e verr comunque riconosciuto

In base al Messaggio Hermes n. 15914 del 2 ottobre 2012, in caso di autonoma prosecuzione di
versamento di ricongiunzione ai fini pensionistici effettuata da un iscritto alle gestioni ex INPDAP
cessato o sospeso dal servizio, cosa succede del provvedimento di ricongiunzione qualora lo stess
abbia superato il limite delle 3 rate non versate?
Il provvedimento di ricongiunzione decade e non verr riconosciuto alcun periodo dello stesso
Il provvedimento di ricongiunzione non decade e verr comunque riconosciuto
Il provvedimento di ricongiunzione decade e verr riconosciuto solo il periodo per il quale stato effettuato il
versamento
Quali sono nella gestione pubblica i termini di accettazione in forma rateale dei provvedimenti di
riscatto /ricongiunzione in regime di accettazione esplicita?
90 giorni
120 giorni
60 giorni

Per le domande riscatto/ricongiunzione presentate dal 06/12/00 in poi, da un dipendente iscritto a


cassa CPDEL, quale il termine per il pagamento in unica soluzione?
Entro 90 giorni dalla data di notifica del provvedimento
Dal 6/12/00 previsto solo il pagamento rateale senza interessi
Entro 1 anno dalla notifica del provvedimento

La L.122/2010, oltre allabrogazione della L.322/58, modifica anche alcuni artt. della L.29/79 (art. 1
decies L.112/2010). Quale leffetto della modifica per il pagamento dellonere di ricongiunzione?
Aumenta lonere di ricongiunzione a seguito dellintroduzione dei nuovi coefficienti attuariali (DM. 31 agosto
2007)
La modifica apportata riguarda i termini di pagamento
La modifica apportata non ha effetti per il pagamento dellonere

La L.122/2010 oltre allabrogazione della L.322/58 modifica anche alcuni artt. della L.29/79 (art. 12
septies L.112/2010 ). Quale leffetto della modifica per lart.1 della L.29/79?
Lart. 1 della L.29/79 a decorrere dal 1 luglio 2010 diventa oneroso e gli si applicano le disposizioni gi previst
per lart.2 della stessa legge
Lart. 1 della L.29/79 a decorrere dal 1 luglio 2010 viene abrogato
Le disposizioni sono rivolte solo agli iscritti degli EE.LL.
Nella determinazione del calcolo dellonere di ricongiunzione, se la riserva matematica inferiore
contributi da trasferire dallInps (desunti dal mod.TR, quale sar il costo dellonere?
Lonere determinato pari a 0
Lonere determinato = alla somma della riserva matematica + i contributi da trasferire
La riserva matematica non pu essere inferiore ai contributi da trasferire

Qual limporto minimo richiedibile ad una pubblica amministrazione per il recupero dei benefici
concessi in sede di pensione o di TFS (o di qualunque altro credito) ai sensi dellarticolo 25 della
legge 289 del 2002 ?
12 euro
10 euro
18 euro

Lart. 6 della Legge 824/71 stabilisce che gli oneri finanziari erogati dallInps per il riconoscimento
dei benefici derivanti dallapplicazione della legge 24 maggio 1970, n. 336 concessi sul trattament
di pensione, nonch il maggior importo corrisposto a titolo di indennit di buonuscita, sono a caric
dell'ultimo ente datore di lavoro
del beneficiario
dell'Inps

Il D.M. 25 agosto 1972 stabilisce che le somme dovute dagli enti datori di lavoro allInps in qualit
ente erogatore dei benefici concessi ai sensi della legge 336 /70 possono essere corrisposte in uni
soluzione oppure in
24 rate semestrali
12 rate semestrali
8 rate semestrali

In base alla circolare n. 3 del 13 gennaio 2012, che natura ha il trasferimento di contribuzioni
(reciproche) tra le gestioni INPS ed ex INPDAP ed ex ENPALS, dopo il 01/01/2012, a seguito di
provvedimenti di ricongiunzioni, indennit una tantum e valori capitali, costituzione della posizion
assicurativa
Trasferimento etc.?
economico
Trasferimento finanziario
Trasferimento di cassa

In base al Messaggio hermes n. 10613 del 25 giugno 2012,quale modello deve emettere e stampar
loperatore al momento del trasferimento di contribuzioni reciproche tra le gestioni INPS ed ex
INPDAP ed ex ENPALS a seguito di provvedimenti di ricongiunzioni, indennit una tantum e valori
capitali, costituzione della posizione assicurativa etc, da consegnare allufficio di ragioneria di sed
per la contabilizzazione?
Mod. SC. 3 biglietto contabile per operazioni fuori cassa
Mod. IP6bis per pagamenti di Cassa
Mod. SC7/24 da contabilizzazioni interne

In base alla Nota Operativa INPDAP n. 11 del 27/06/2006, con quale modalit gli iscritti alle gestion
ex INPDAP, una volta autorizzati con apposito provvedimento, versano i contributi volontari?
Mediante F24
Mediante bollettino MAV
Mediante c/c/p intestato alla sede
In base all'art. 8 della L.184/97, i termini di versamento della contribuzione volontaria indicati nel
provvedimento autorizzativo sono perentori. Cosa succede alle somme versate in ritardo?
Vengono rimborsate senza maggiorazione per interessi, salva la loro imputazione a richiesta dell'interessato al
trimestre immediatamente precedente la data del pagamento
Vengono rimborsate dietro richiesta dellinteressato con maggiorazione per interessi
Vengono rimborsate con maggiorazione per interessi, salva la loro imputazione a richiesta dell'interessato al
trimestre immediatamente successivo la data del pagamento
LEstratto Conto informativo (EC) consente alliscritto di prendere visione della propria Posizione
Assicurativa nella Gestione Dipendenti Pubblici. Sono presenti in EC le informazioni relative ai
periodi
di:
stati di servizio,
eventuali altri servizi riconosciuti con provvedimenti di riscatto, ricongiunzioni o computo,
eventuali periodi riconosciuti con contribuzione figurativa

stati di servizio ed eventuali altri servizi riconosciuti con provvedimenti di riscatto, ricongiunzioni o computo
i soli periodi di stato di servizio

Liscritto pu consultare il proprio Estratto Conto informativo (EC):


online, dal sito www.inps.it, se in possesso di un PIN, telefonando al contact center dellINPS, sempre se possied
il PIN, rivolgendosi a un patronato, anche se non possiede il PIN
online, dal sito www.inps.it, anche se non si possiede un PIN, telefonando al contact center dellINPS, rivolgend
a un patronato, anche se non si possiede il PIN
esclusivamente online, dal sito www.inps.it, se in possesso di un PIN

Qualora liscritto rilevi che i dati della propria posizione assicurativa siano carenti o errati pu
inoltrare una Richiesta di Variazione Posizione Assicurativa (RVPA) con le seguenti modalit:
online, dal sito www.inps.it, se in possesso di un PIN, telefonando al contact center dellINPS, sempre se possied
il PIN, rivolgendosi a un patronato, anche se non possiede il PIN
online, dal sito www.inps.it, anche se non si possiede un PIN, telefonando al contact center dellINPS, rivolgend
a un patronato, anche se non si possiede il PIN
esclusivamente online, dal sito www.inps.it, se in possesso di un PIN
Qualora liscritto rilevi che i dati della propria posizione assicurativa siano carenti o errati pu
inoltrare una Richiesta di Variazione Posizione Assicurativa (RVPA) relativa a periodi di:
Stati di Servizio, eventuali altri servizi riconosciuti con provvedimenti di riscatto, ricongiunzioni o computo,
eventuali periodi riconosciuti con contribuzione figurativa
Stati di Servizio ed eventuali altri servizi riconosciuti con provvedimenti di riscatto, ricongiunzioni o computo
i soli periodi di Stati di Servizio
Qualora liscritto rilevi che i dati della propria posizione assicurativa siano carenti o errati pu
inoltrare una Richiesta di Variazione Posizione Assicurativa (RVPA). Con una RVPA pu essere
richiesta:
la modifica, linserimento, la cancellazione di un periodo in EC
la modifica e linserimento di un periodo in EC
la sola cancellazione di un periodo in EC

Una Richiesta di Variazione Posizione Assicurativa (RVPA) per un periodo riconosciuto (es. riscatti,
ricongiunzione) pu essere presentata dalliscritto quando:
il periodo in questione sia gi stato oggetto di provvedimento
abbia presentato una domanda di prestazione per il riconoscimento del periodo in oggetto e non sia stato anco
emesso il relativo provvedimento
anche se non ha presentato domanda di prestazione per il riconoscimento del periodo in oggetto

All'implementazione e sistemazione della posizione assicurativa degli iscritti concorrono gli enti
datori di lavoro e gli operatori dellIstituto tramite i canali UniEmens e Passweb. Per laggiorname
dei dati relativi a periodi retributivi dal 1 gennaio 2005 fino al 30 settembre 2012 possono essere
utilizzati rispettivamente dallInps e dallente i canali:
Passweb dalloperatore INPS, Passweb e flusso UniEmens dallente datore di lavoro
Passweb e flusso UniEmens dalloperatore INPS, Passweb dallente datore di lavoro
Flusso Uniemens dalloperatore INPS, flusso UniEmens dallente datore di lavoro

Per la corretta implementazione della posizione assicurativa degli iscritti possibile lutilizzo, in v
esclusiva o alternativa tra essi, di diversi canali di trasmissione delle relative informazioni. I dati
relativi a periodi retributivi a partire dal 1 ottobre 2012 possono essere aggiornati:
esclusivamente con il flusso UniEmens
con il flusso Uniemens e Passweb
esclusivamente con Passweb
Possono formare oggetto di ricongiunzione in base alla Legge n.29/1979 o alla Legge n.45/90
contributi versati nella gestione separata per i parasubordinati?

No, non si possono ricongiungere


S, sempre
S, solo per la Legge 45/90

Nel caso in cui l'assicurato voglia effettuare il pagamento delle rate di onere per riscatto tramite R
bancario o Postale, a chi deve presentare la relativa richiesta?
Deve presentarla alla propria banca o all'ufficio Postale
Deve presentarla all'INPS
Deve presentarla sia all'INPS sia alla banca/poste

A decorrere da quale data le ricongiunzioni ai sensi dellart.1 della legge n.29/1979 sono diventate
onerose?
A partire dal 01/07/2010
A partire dal 01/06/2010
A partire dal 31/07/2010
Per effettuare la ricongiunzione nel Fondo pensioni lavoratori dipendenti ai sensi dellart. 1 della
Legge n. 29/1979:
non richiesta liscrizione in atto alla data della relativa domanda; comunque condizione necessaria che il
lavoratore sia titolare di contribuzione in almeno due gestioni pensionistiche diverse
previsto un requisito contributivo minimo
richiesta liscrizione in atto alla data di presentazione della domanda

Nell'ipotesi in cui oggetto della ricongiunzione siano periodi di iscrizione nelle gestioni speciali dei
lavoratori autonomi richiesto che:
il soggetto possa vantare cinque anni di contribuzione da lavoro dipendente in una o pi gestioni obbligatorie d
lavoratori dipendenti nel periodo intercorrente tra lultima iscrizione nelle gestioni speciali dei lavoratori autono
e la domanda di ricongiunzione

il soggetto possa vantare otto anni di contribuzione da lavoro dipendente in una o pi gestioni obbligatorie dei
lavoratori dipendenti nel periodo intercorrente tra lultima iscrizione nelle gestioni speciali dei lavoratori autono
e la domanda di ricongiunzione

il soggetto possa vantare dieci anni di contribuzione da lavoro dipendente in una o pi gestioni obbligatorie dei
lavoratori dipendenti nel periodo intercorrente tra lultima iscrizione nelle gestioni speciali dei lavoratori autono
e la domanda di ricongiunzione
La facolt di ricongiunzione ex lege n.45/1990 pu essere esercitata anche dai superstiti?
S, entro due anni dal decesso dellinteressato
S
No

Le domande di ricongiunzione nel fondo pensioni lavoratori dipendenti dellassicurazione generale


obbligatoria ai sensi dellart.1 della legge n.29/1979 devono essere presentate:
in via telematica
in via cartacea
sia in via telematica che in via cartacea, a scelta dellinteressato
Per le domande di riscatto dei corsi di studio universitario presentate a decorrere dall1.1.2008,
lonere pu essere rateizzato:
in 120 rate mensili senza interessi di rateizzazione
in 60 rate mensili con applicazione di interessi
in 120 rate mensili con applicazione di interessi

La rateizzazione dellonere di riscatto esercitato nel fondo pensioni lavoratori dipendenti dellAGO
concedibile al pensionato?
No

S
S, salvaguardando il trattamento minimo
Nel caso di riscatto laurea esercitato nel F.P.L.D. dellago, limporto complessivo o la prima rata di
onere devono essere pagati:
entro 60 giorni dalla ricezione del provvedimento
entro 120 giorni dalla ricezione del provvedimento
entro 60 giorni dalla spedizione del provvedimento

possibile rinunciare alla contribuzione da riscatto laurea legittimamente accreditata a seguito de


pagamento dellonere?
No, esclusa la facolt di rinuncia
S, possibile rinunciare fintantoch il periodo di riscatto non sia stato utilizzato per pensione
S, ma senza rimborso di quanto versato
Posso interrompere il pagamento del riscatto laurea? Cosa succede?
Si. Deve essere accreditato il periodo parziale in base allimporto versato
Si. Deve essere rimborsato limporto pagato
No. Non possibile interrompere i pagamenti

prevista la copertura figurativa al servizio civile volontario nei limiti e con le modalit previste p
il servizio di leva?
S
No
S, solo se sostitutivo del servizio militare obbligatorio
obbligatorio riscattare tutto il periodo del corso legale di laurea?
No, il riscatto pu essere richiesto anche per una parte della durata del corso
S
Solo per i diplomi conseguiti allestero
Posso presentare domanda di ricongiunzione se ho rinunciato ad una precedente domanda?
S, dopo dieci anni dalla prima domanda o al momento del pensionamento
No, mai
S, sempre
Il soggetto che ha conseguito due Diplomi di laurea pu riscattarli entrambi?
S, non vi sono limiti al numero di titoli universitari riscattabili
No, riscattabile solo il primo diploma di laurea
No, riscattabile solo lultimo titolo conseguito
Il momento genetico della contribuzione figurativa :
il momento in cui sorge per listituto lobbligo di procedere allaccredito figurativo
la contribuzione figurativa per malattia
la contribuzione figurativa per periodo di assistenza a persone affette da handicap

previsto laccredito figurativo per cariche pubbliche e sindacali per soggetti che hanno gi tutela
previdenziale?
No, esclusa in quanto gi esiste contribuzione
S, sempre
No, non prevista contribuzione figurativa per cariche pubbliche o sindacali
Ai sensi della legge n. 118 del 1971 qual la definizione di mutilati e invalidi civili?

Cittadini affetti da minorazioni congenite o acquisite che abbiano subito una riduzione permanente della capac
lavorativa non inferiore ad un terzo o, se minori, che abbiano difficolt a svolgere i compiti e le funzioni proprie
della loro et
Cittadini totalmente abili al lavoro
Lavoratori titolari dellindennit di malattia

Non rientrano nella categoria di invalidi civili:


gli invalidi di guerra, gli invalidi del lavoro e gli invalidi per servizio, che vengono riconosciuti tali a seguito di
cause specifiche derivanti dalla guerra, dalla prestazione lavorativa o di un servizio
i cittadini affetti da minorazioni congenite o acquisite che abbiano subito una riduzione permanente della capa
lavorativa non inferiore ad un terzo o, se minori, che abbiano difficolt a svolgere i compiti e le funzioni proprie
della loro et
lavoratori titolari dellindennit di malattia
La domanda per laccertamento dello stato dinvalidit allINPS pu essere presentata dal:
cittadino extracomunitario residente in modo abituale e stabile in Italia e titolari del permesso di soggiorno CE
soggiornanti di lungo periodo
cittadino extracomunitario residente nel paese estero di origine
cittadino extracomunitario domiciliato in Italia per un breve periodo
La domanda per laccertamento dello stato dinvalidit allINPS pu essere presentata dal:
cittadino comunitario legalmente soggiornante nel territorio dello Stato iscritto allanagrafe del comune di
residenza
cittadino comunitario residente nel paese di origine
cittadino comunitario domiciliato in Italia per un breve periodo

Il certificato medico introduttivo, ai fini della presentazione della domanda dinvalidit civile, ha u
validit di:
90 giorni
30 giorni
15 giorni
Nel caso in cui il soggetto interessato sia un minore, per inoltrare la domanda dinvalidit civile:
va utilizzato il codice PIN rilasciato al minore stesso
va utilizzato il codice PIN rilasciato al genitore o al tutore
occorre consegnare la domanda cartacea alla sede Inps
Fino a quando non sia esaurito liter della domanda dinvalidit civile in corso o, in caso di ricorso
giudiziario, finch non sia intervenuta una sentenza passata in giudicato:
non possibile presentare una nuova domanda per la stessa prestazione
possibile presentare una nuova domanda per la stessa prestazione
il tutore dellinteressato pu presentareuna nuova domanda per la stessa prestazione

In materia di invalidit civile, una volta presentata la domanda, lInps provvede alla comunicazione
della data della visita medica di accertamento:
secondo il calendario di appuntamento dellAsl corrispondente al CAP di residenza dellinteressato
secondo il calendario di appuntamento dellAsl corrispondente alla sede Inps competente
secondo il calendario di appuntamento predisposto dallInps
In materia di invalidit civile, linteressato, in caso di impedimento, pu indicare una data diversa
quelle previste dal sistema:
purch sia compresa entro 30 giorni dalla data di presentazione della domanda
purch sia compresa entro15 giorni dalla data di presentazione della domanda
in nessun caso

In materia di invalidit civile, alla visita linteressato pu farsi assistere:


da un medico di sua fiducia
da un medico delle Associazioni di categoria
da un medico dei Patronati

La commissione medica integrata esprime il suo giudizio indicando un grado di invalidit espresso
percentuale, sulla base di:
unapposita tabella predisposta dal Ministero della Salute
parametri stabiliti dai medici Asl
parametri stabiliti dalla Commissione stessa

Il grado dinvalidit accertato dalla Commissione medica integrata si riferisce:


allincidenza che ha la menomazione sullacapacit lavorativa dellinvalido, per i soggetti di et compresa tra i
e i 65 anni
allincidenza che ha la menomazione sullo svolgimento delle attivit quotidiane dellinvalido per i soggetti di et
compresa tra i 18 e i 65 anni
allincidenza che ha la menomazione sullo svolgimento delle attivit quotidiane dellinvalido per i soggetti di
qualsiasi et
In materia di invalidit civile, in sede di verifica straordinaria il provvedimento di sospensione
immediata viene adottato:
nel caso in cui linvalido, convocato a visita medica di verifica, non si presenta senza giustificato motivo
nel caso in cui linvalido, convocato a visita medica di verifica, non si presenta
nel caso in cui linvalido non stato convocato a visita medica di verifica perch irreperibile

In materia di invalidit civile, nel caso di mancata presentazione dellinteressato alla visita di
verifica:
linteressato tenuto a fornire entro 90 giorni dalla data del provvedimento di sospensione, idonee giustificazio
in ordine alla mancata presentazione a visita
si procede alla revoca della provvidenza economica
linteressato tenuto a fornire nellimmediatezza idonee giustificazioni in ordine alla mancata presentazione a
visita
In materia di invalidit civile, se linteressato non fornisce idonee giustificazioni in ordine alla
mancata presentazione a visita di verifica:
si procede alla revoca della provvidenza economica, con decorrenza dalla data di sospensione
si procede alla sospensione della provvidenza economica
l'interessato viene riconvocato a visita
In materia di invalidit civile, sono esclusi dalle verifiche straordinarie:
i soggetti per i quali sia stata riconosciuta una delle patologie o menomazioni elencate nel Decreto
interministeriale 2 agosto 2007, inclusi quelli affetti da sindrome da talidomide
nessun soggetto
i soggetti totalmente inabili

In materia di invalidit civile, in caso di non trasportabilit dellinteressato, il certificato medico di


richiesta di visita domiciliare deve pervenire:
almeno 5 giorni prima della data gi fissata per la visita ambulatoriale
almeno 30 giorni prima della data gi fissata per la visita ambulatoriale
almeno 20 giorni prima della data gi fissata per la visita ambulatoriale
Qualora linteressato non si presenti il giorno fissato per la seconda convocazione a visita per il
riconoscimento dellinvalidit civile:
viene considerato rinunciatario e la sua domanda perde efficacia
viene riconvocato in una successiva data
non pu presentare pi domanda

Laccertamento sanitario in materia dinvalidit civile:


compete allAsl, che lo esercita attraverso una Commissione medica integrata da un medico dellInps e detta,
appunto, Commissione Medica Integrata CMI
compete esclusivamente allAsl
compete esclusivamente allInps
In materia di invalidit civile, iI Centro Medico Legale (CML) dellInps che deve validare il verbale
ASL:
pu disporre nuovi accertamenti, anche tramite visita diretta
non pu disporre nuovi accertamenti
pu disporre accertamenti ulteriori soltanto agli atti
In materia di invalidit civile, il verbale sanitario definitivo viene inviato allinteressato:
in duplice copia, una con tutti i dati sanitari, anche sensibili, e laltra con il solo giudizio finale
in ununica copia contenente i dati sanitari anche sensibili
in ununica copia contenente solo il giudizio finale
Nel caso di
linteressato
linteressato
linteressato

riconoscimento di un grado dinvalidit civile pari al 46% :


ha diritto alliscrizione nelle liste speciali dei Centri per limpiego per lassunzione agevolata
ha diritto allassistenza sanitaria e ad agevolazioni fiscali
ha diritto allesenzione del ticket sanitario

Nel caso di
linteressato
linteressato
linteressato

riconoscimento di un grado dinvalidit civile tra il 74 e il 100%:


pu aver diritto alle prestazioni economiche erogate dallInps
ha diritto soltanto ad agevolazioni fiscali
ha diritto soltanto ad esenzione del ticket sanitario

In materia di invalidit civile, qualora la Commissione medica ritenga che le minorazioni possono
essere suscettibili di modificazioni nel tempo:
indica nel verbale il termine alla scadenza del quale linvalido dovr essere sottoposto ad unavisita di revisione

indica nel verbale il termine alla scadenza del quale linteressato deve presentare una nuova domanda
dinvalidit civile
indica nel verbale il termine alla scadenza del quale linteressato dovr essere sottoposto a verifica straordinar

In materia di invalidit civile, i soggetti affetti dalle patologie elencate nel DM 2 agosto 2007:
sono esclusi dagli accertamenti di controllo
non devono presentare la domanda per il riconoscimento dellinvalidit civile
hanno diritto soltanto ai permessi ex legge 104/1992
Dal 1 gennaio 2010 le domande per il riconoscimento dellinvalidit civile devono essere inviate:
allInps esclusivamente in via telematica
presentate presso lAsl competente
presentate allo sportello della sede Inps competente
Dal 1 gennaio 2010 le domande per il riconoscimento dellinvalidit civile devono essere:
inviate tramite patronato in via telematica
presentate presso lAsl competente
presentate allo sportello della sede Inps competente
Dal 1 gennaio 2010 le domande per il riconoscimento dellinvalidit civile devono essere:
inviate tramite unassociazione di categoria(ANMIC, ENS, UIC, ANFASS) in via telematica
presentate presso lAsl competente
presentate allo sportello della sede Inps competente

A seguito della notifica del verbale sanitario linteressato, ai fini della liquidazione della prestazion
dinvalidit civile, inoltra telematicamente:
il modello ap70
il certificato medico
soltanto i dati delleventuale ricovero
In che modo linteressato pu presentare la domanda dinvalidit civile?
Esclusivamente in modalit telematica allInps tramite pin
In modalit cartacea consegnandola presso la sede competente
In modalit cartacea consegnandola presso un CAF
In che modo linteressato pu presentare la domanda dinvalidit civile?
Esclusivamente in modalit telematica allInps tramite Patronato
In modalit cartacea consegnandola presso la sede competente
In modalit cartacea consegnandola presso un CAF

Laccertamento dellinvalidit civile, in base allart. 6 della legge n. 80 del 2006, riguardante sogge
con patologie oncologiche, deve essere effettuato:
entro 15 giorni
entro 30 giorni
entro 90 giorni
Da quando decorre il pagamento delle prestazioni dinvalidit civile?
Dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda
Dal giorno successivo alla presentazione della domanda
Decorsi tre mesi dalla presentazione della domanda

In materia di invalidit civile, in sede di visita di revisione la commissione medico-legale Inps potr
esprimere:
giudizio di conferma, revoca o aggravamento
nessun giudizio di aggravamento
soltanto giudizio di conferma

In caso di mancata conferma, in sede di visita di revisione, dei requisiti necessari per il diritto alla
prestazione dinvalidit civile:
la decadenza dei diritti opera con decorrenza dal primo giorno del mese successivo alla chiusura del verbale
sanitario definitivo di revisione. Nel periodo tra la data di revisione indicata nel verbale e il nuovo accertamento
sanitario di revisione, la legge riconosce comunque il diritto ai benefici
la decadenza dei diritti opera con decorrenza dal primo giorno successivo alla chiusura del verbale sanitario
definitivo di revisione e non dalla data di revisione indicata nel precedente verbale
la decadenza opera con decorrenza dalla data di revisione indicata nel precedente verbale di accertamento
sanitario

I minori titolari di indennit di frequenza possono presentare domanda per il riconoscimento delle
prestazioni economiche spettanti ai maggiorenni?
S, a partire dal 25 giugno 2014 i minori titolari di indennit di frequenza possono, entro i 6 mesi precedenti il
compimento della maggiore et, presentare domanda ex art. 25 comma 5 del DL n. 90 del 2014 per il
riconoscimento delle prestazioni economiche spettanti ai maggiorenni
No, possono presentare la domanda al compimento dei 18 anni
S, a partire dal 25 giugno 2014 i minori titolari di indennit di frequenza possono, entro i 12 mesi precedenti il
compimento della maggiore et, presentare domanda ex art. 25 comma 5 del DL n. 90 del 2014 per il
riconoscimento delle prestazioni economiche spettanti ai maggiorenni
In base alla legge n. 114 del 2014 in materia di visite di revisione:

Nelle more delleffettuazione delle eventuali visite di revisione e del relativo iter di verifica, i minorati civili e le
persone con handicap in possesso di verbali in cui sia prevista rivedibilit conservano tutti i diritti acquisti in
materia di benefici, prestazioni e agevolazioni di qualsiasi natura.

Nelle more delleffettuazione delle visite di revisione, i minorati civili e le persone con handicap in possesso di
verbali in cui sia prevista rivedibilit perdono i diritti alla data indicata nel verbale di cui sono i possesso
Nelle more delleffettuazione delle visite di revisione, i minorati civili e le persone con handicap in possesso di
verbali in cui sia prevista rivedibilit conservano i diritti acquisiti esclusi quelli relativi alle prestazioni
economiche"

Che cosa sintende per Invalidit civile in convenzione (CIC)?


La possibilit per le regioni di affidare allInps, in base allart. 18, comma 22, del decreto legge 6 luglio 2011 n.
(convertito con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011 n. 11), attraverso la stipula di specifiche convenzioni, le
funzioni relative allaccertamento dei requisiti sanitari
La stipula di protocolli con le Associazioni di categoria.
La stipula di protocolli con i Patronati
In Campania quali strutture hanno aderito allinvalidit civile in convenzione?
Avellino, Benevento, Caserta, Salerno, Nocera inferiore
Napoli
Nessuna struttura
In materia di invalidit civile, in sede di verifica straordinaria la Commissione medica Inps pu
effettuare giudizio di aggravamento?
Mai
Sempre
Solo in alcuni casi tassativamente indicati
In materia di invalidit civile, lattivit di verifica straordinaria attribuita allInps consiste:
nel controllo da parte delle Commissioni mediche Inps sulla permanenza dei requisiti sanitari e reddituali nei
confronti dei titolari di invalidit civile, cecit civile, sordit civile, handicap e disabilit
nel controllo da parte del Ministero dellinterno sulla permanenza dei requisiti sanitari e reddituali nei confronti
titolari di invalidit civile, cecit civile, sordit civile, handicap e disabilit
nel controllo da parte dellAsl sulla permanenza dei requisiti sanitari e reddituali nei confronti dei titolari di
invalidit civile, cecit civile, sordit civile, handicap e disabilit

In materia di invalidit civile, in base alla legge di stabilit 2013, lInps, nellambito dellattivit di
verifica straordinaria, deve effettuare:
un campione di 150.000 verifiche annue per il triennio 2013-2015
le verifiche straordinarie che ritiene opportune in base a singoli casi segnalati
le verifiche straordinarie nei casi segnalati dal Ministero dellinterno

Che cosa sintende per accertamento tecnico preventivo obbligatorio?


Un accertamento finalizzato alla verifica delle condizioni sanitarie - in materia dinvalidit civile - che legittiman
le pretese che il ricorrente intende far valere in giudizio
Una valutazione da parte dei medici Asl precedente allinvio della domanda dinvalidit civile da parte
dellinteressato
Una valutazione dei Medici Inps preliminare allinvio della domanda dinvalidit civile da parte dellinteressato

In materia dinvalidit civile il ricorso amministrativo ammesso:


esclusivamente contro provvedimenti di rigetto o di revoca della prestazione richiesta che attengono a requisit
non sanitari
contro i provvedimenti di rigetto e revoca della prestazione per motivi sia sanitari che amministrativi
esclusivamente contro provvedimenti di rigetto o di revoca della prestazione richiesta che attengono a requisit
sanitari

In materia di invalidit civile, la richiesta di accertamento tecnico preventivo va fatta:


dal cittadino che intende impugnare un verbale sanitario, prima di dare inizio al contenzioso giudiziale
dallInps in sede di contenzioso giudiziale
dal giudice in sede di contenzioso giudiziale
In materia di invalidit civile, in sede di Accertamento Tecnico Preventivo obbligatorio, una volta
terminata la consulenza tecnica, il giudice:
fissa un termine perentorio, non superiore a 30 giorni, entro il quale le parti devono dichiarare se intendono
contestare o meno le conclusioni del consulente
fissa un termine ordinatorio, non superiore a 30 giorni,entro il quale le parti devono dichiarare se intendono
contestare o meno le conclusioni del consulente
emette il decreto di omologa
In materia di invalidit civile, in sede di Accertamento Tecnico Preventivo obbligatorio, in assenza
contestazioni, il giudice:
predispone il decreto di omologazione dellaccertamento, che non pi impugnabile n modificabile
predispone il decreto di omologazione dellaccertamento, che impugnabile e modificabile
predispone la sentenza

In materia di invalidit civile, contro il rigetto della domanda per motivi amministrativi il ricorso va
presentato allInps:
esclusivamente per via telematica utilizzando lapplicativo Ricorsi online presente sul sito dellIstituto
mediante consegna presso la sede competente
non possibile presentare ricorso amministrativo
In materia di invalidit civile, la presentazione dei ricorsi amministrativi deve avvenire
esclusivamente per via telematica:
tramite gli Enti di patronato e gli altri soggetti abilitati all'intermediazione con l'Istituto, attraverso i servizi
telematici Inps a loro dedicati
tramite i Caf attraverso i servizi telematici Inps a loro dedicati
soltanto tramite accesso mediante proprio pin personale

In materia di invalidit civile, decorsi 90 giorni dalla comunicazione del provvedimento che si inten
impugnare, possibile:
adire direttamente lautorit giudiziaria entro 6 mesi
soltanto presentare ricorso amministrativo
ripresentare listanza

In materia di invalidit civile, il ricorso giurisdizionale pu essere presentato:


nel caso in cui il provvedimento che riguarda il cittadino non sia stato adottato entro 180 giorni dal verbale dell
commissione medica
nel caso in cui il provvedimento che riguarda il cittadino non sia stato adottato entro 30 giorni dal verbale della
commissione medica
soltanto nel caso in cui il provvedimento che riguarda il cittadino sia stato adottato
La procedura di concessione della prestazione dinvalidit civile:
deve concludersi nel termine di 180 giorni dalla data di ricezione di copia della domanda dellinteressato
deve concludersi nel termine di 60 giorni dalla data di ricezione di copia della domanda dellinteressato
non esiste un termine stabilito per legge
Ai fini della determinazione del limite reddituale per la concessione della prestazione dinvalidit
civile:
si considerano i redditi soggetti a tassazione separata riferiti ad anni precedenti a quelli di effettiva
corresponsione
le rendite infortunistiche INAIL

i sussidi di carattere assistenziale


Ai fini della determinazione del limite reddituale per la concessione della prestazione dinvalidit
civile rilevano:
i redditi prodotti allestero che, se prodotti in Italia, sarebbero assoggettabili allIrpef
le pensioni, gli assegni e le indennit corrisposte ai minorati civili
le rendite infortunistiche INAIL

Qualora dagli accertamenti risulti che il titolare della prestazione dinvalidit civile sia possessore
redditi superiori ai limiti annuali prescritti:
lerogazione del beneficio economico deve essere immediatamente sospesa
la prestazione deve essere revocata immediatamente
linteressato deve essere avvisato mediante raccomandata A/R
La pensione dinabilit, ex art. 12 della legge n. 118 del 1971, spetta:
in caso di totale inabilit lavorativa
in caso di parziale inabilit lavorativa
in caso dincapacit a compiere gli atti quotidiani della vita
La pensione dinabilit, ex art. 12 della legge n. 118 del 1971, spetta:
ai mutilati e invalidi civili di et superiore agli anni 18 e fino ai 65 anni e 4 mesi dal 2014
agli invalidi civili di et inferiore ai 18 anni
agli invalidi civili di et superiore ai 65 anni e 4 mesi dal 2014

La pensione di inabilit ex art. 12 della legge n. 118 del 1971 :


Compatibile con le prestazioni dirette concesse a titolo di invalidit contratta per causa di guerra, di lavoro o d
servizio, nonch con gli altri trattamenti pensionistici diretti concessi per invalidit erogati dall'assicurazione
generale obbligatoria per l'invalidit ,la vecchiaia e i superstiti dei lavoratori dipendenti, dalle gestioni
pensionistiche per i lavoratori autonomi e da ogni altra gestione pensionistica per i lavoratori dipendenti avent
carattere obbligatorio

Incompatibile con le prestazioni dirette concesse a titolo di invalidit contratta per causa di guerra, di lavoro o
servizio, nonch con gli altri trattamenti pensionistici diretti concessi per invalidit erogati dall'assicurazione
generale obbligatoria per l'invalidit, la vecchiaia e i superstiti dei lavoratori dipendenti, dalle gestioni
pensionistiche per i lavoratori autonomi e da ogni altra gestione pensionistica per i lavoratori dipendenti avent
carattere obbligatorio
"Incompatibile con leventuale attivit lavorativa"
La pensione dinabilit viene corrisposta:
per 13 mensilit
per 12 mensilit
Una tantum

Ai fini della determinazione del limite reddituale per lerogazione delle prestazioni dinvalidit civi
in sede di prima liquidazione si considerano i redditi dellanno in corso dichiarati dallinteressato in via presunti
in sede di prima liquidazione si considerano i redditi dellanno precedente
in sede di prima liquidazione i redditi percepiti nellanno solare di riferimento

Ai fini della liquidazione delle prestazioni dinvalidit civile, per gli anni successivi al primo, si
considerano:
per le pensioni, i redditi percepiti nellanno solare di riferimento, mentre per le altre tipologie di redditi gli impo
percepiti negli anni precedenti
i redditi dellanno in corso dichiarati in via presuntiva dallinteressato
i redditi dichiarati in sede di prima liquidazione

Lassegno mensile di assistenza :


incompatibile con qualsiasi trattamento pensionistico diretto di invalidit
compatibile con qualsiasi trattamento pensionistico diretto dinvalidit
compatibile con qualsiasi attivit lavorativa

Lassegno mensile di assistenza:


non pi subordinato allobbligo delliscrizione nelle liste di collocamento speciali, fermo restando la facolt pe
soggetto di iscriversi comunque
subordinato allobbligo delliscrizione nelle liste di collocamento speciali
compatibile con lo svolgimento di qualsiasi attivit lavorativa
Lassegno mensile di assistenza, ex art. 13 della legge n. 118 del 1971, spetta:
in caso di riduzione della capacit lavorativa in misura pari o superiore al 74%
in caso di totale inabilit lavorativa
In caso dincapacit a compiere gli atti quotidiani della vita
I titolari di assegno mensile di assistenza sono obbligati a presentare ogni anno:
una dichiarazione di responsabilit relativa alla permanenza o meno del requisito di mancata prestazione di
attivit lavorativa
una dichiarazione di responsabilit relativa alla sussistenza o meno dello stato di ricovero
la dichiarazione dei redditi
La pensione dinabilit e lassegno mensile di assistenza al compimento del 65 anno di et sono:
sostituiti dallassegno sociale
sostituiti dallindennit di accompagnamento
non vengono pi erogati n sostituiti con altre prestazioni
Lindennit di accompagnamento concessa:
nel caso dimpossibilit di deambulare senza laiuto permanente di un accompagnatore
In caso di parziale inabilit lavorativa
In caso di riduzione della capacit lavorativa pari al 74%
Lindennit di accompagnamento concessa:
a chi, non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, abbisogna di unassistenza continua
in caso di riduzione della capacit lavorativa pari al 74%
in caso di parziale inabilit lavorativa
Lindennit di accompagnamento :
compatibile con lo svolgimento di unattivit lavorativa
compatibile con unanaloga indennit per invalidit contratta per causa di guerra, di lavoro o di servizio
compatibile con lo stato di ricovero gratuito per un periodo superiroe a 30 giorni
Lindennit di accompagnamento :
compatibile con la pensione dinabilit
incompatibile con la pensione per cieco parziale
incompatibile con la pensione per cieco totale
Il pagamento dellindennit di accompagnamento sospeso in caso di:
ricovero gratuito presso struttura ospedaliera
assistenza di un familiare
frequenza di centri riabilitativi

Cosa sintende per ricovero gratuito ai fini della sospensione dellindennit di accompagnamento?
Ricovero presso strutture ospedaliere o istituti, con retta o mantenimento a totale carico di ente pubblico
Ricovero in cui linteressato versa una parte della retta

Ricovero in cui linteressato versa lintera retta


Ai fini della sospensione del pagamento dellindennit di accompagnamento, rileva:
il periodo di ricovero pari o superiore a 30 giorni
il periodo di ricovero pari o superiore a 10 giorni
il periodo di ricovero pari o superiore a 60 giorni
Lindennit di accompagnamento spetta:
a prescindere dai limiti di reddito e di et
a favore dei soggetti tra i 18 e i 65 anni
a favore dei soggetti minori di 18 anni.
I titolari dindennit di accompagnamento sono obbligati a presentare ogni anno:
una dichiarazione di responsabilit relativa alla sussistenza o meno dello stato di ricovero
la dichiarazione dei redditi.
una dichiarazione di responsabilit relativa alla permanenza o meno del requisito di mancata prestazione di
attivit lavorativa
Lindennit di frequenza ai sensi della legge n. 289 del 1990, pu essere concessa:
a favore dei minori di 18 anni
a favore dei maggiori di 18 anni
a favore dei soggetti di et superiore ai 65 anni
Lindennit di frequenza pu essere concessa:
durante il periodo di frequenza di scuole pubbliche o private di ogni ordine e grado a partire dagli asili nido
per la frequenza a corsi sportivi
per la partecipazione a vacanze studio
Lindennit di frequenza pu essere concessa:
nel caso di frequenza di centri ambulatoriali operanti in regime convenzionale specializzati nel trattamento
terapeutico o nella riabilitazione e nel recupero di persone portatrici di handicap
nel caso di frequenza a corsi sportivi
per la partecipazione a vacanze studio
Lindennit di frequenza incompatibile:
con ogni forma di ricovero
con i trattamenti riabilitativi
con la frequenza scolastica
Lindennit di frequenza incompatibile con:
l'indennit di accompagnamento
i trattamenti riabilitativi
la frequenza scolastica
Lindennit di frequenza incompatibile:
lindennit speciale prevista per i ciechi parziali
i trattamenti riabilitativi
la frequenza scolastica
Ai fini della determinazione del limite reddituale per la liquidazione dellindennit di frequenza si
tiene conto del reddito:
del minore interessato
dei genitori
si prescinde dal reddito

I titolari dindennit di frequenza sono obbligati a presentare ogni anno:


una dichiarazione di responsabilit relativa alla sussistenza o meno dello stato di ricovero
una dichiarazione di responsabilit relativa alla permanenza o meno del requisito di mancata prestazione di
attivit lavorativa
la dichiarazione dei redditi
Le prestazioni dinvalidit civile sono subordinate al non superamento di determinati limiti di
reddito:
s, tranne lindennit di accompagnamento
no
s, tranne la pensione dinabilit

Ai fini della determinazione del limite reddituale per le prestazioni dinvalidit civile, si tiene conto
del reddito personale
del reddito coniugale
nessun limite
I titolari di prestazioni dinvalidit civile devono inviare le dichiarazioni di responsabilit:
allInps on line tramite CAF
al Ministero dellinterno
allAsl
In materia di invalidit civile, i disabili intellettivi e i minorati psichici, senza tutore o
rappresentante, devono presentare:
in sostituzione della dichiarazione di responsabilit, un certificato medico
la dichiarazione di responsabilit.
la dichiarazione dei redditi
Si considerano ciechi assoluti:
coloro che hanno residuo visivo pari a zero in entrambi gli occhi con eventuali correzioni
coloro che hanno residuo visivo non superiore ad 1/20 in entrambi gli occhi con eventuale correzione
coloro che hanno un residuo visivo superiore ad 1/20 in entrambi gli occhi con eventuale correzione
La pensione per i ciechi assoluti al 65 anno di et:
continua ad essere erogata
si trasforma in assegno sociale
revocata
Lindennit di accompagnamento per i ciechi assoluti spetta:
anche in caso di ricovero
in assenza di ricovero
se linteressato in stato di bisogno economico

Lindennit speciale per i ciechi parziali :


incompatibile con analoghe prestazioni concesse per invalidit contratte per cause di guerra, di lavoro o di
servizio, salva la facolt di optare per il trattamento pi favorevole
compatibile con analoghe prestazioni concesse per invalidit contratte per cause di guerra, di lavoro o di serviz
incompatibile con la pensione non reversibile per ciechi parziali
La pensione non reversibile ai sordi spetta:
dal 18 anno di et
ai minori di 18 anni
agli ultrasessantacinquenni
Lindennit di comunicazione spetta:

a prescindere dallet
ai minori di 18 anni
agli ultrasessantacinquenni
Lindennit di comunicazione erogata:
in favore dei soggetti ai quali sia stata riconosciuta una sordit congenita o acquisita durante let evolutiva
in favore dei soggetti ai quali sia stata riconosciuta una sordit acquisita dopo let evolutiva
in favore dei soggetti ai quali sia stata riconosciuta soltanto una sordit congenita e non acquisita
Lindennit di comunicazione :
incompatibile con lindennit di frequenza, salva la facolt di opzione per il trattamento pi favorevole
compatibile con lindennit di frequenza
incompatibile con lindennit di accompagnamento a titolo di invalidit civile
Lindennit di comunicazione pu essere concessa agli extracomunitari:
titolari del permesso di soggiorno CE per i soggiornanti di lungo periodo
titolari del permesso di soggiorno della durata di un anno
iscritti allanagrafe del comune di residenza nel territorio italiano
Il titolo di soggiorno di lungo periodo viene concesso a chi possiede uno dei seguenti requisiti:
un periodo minimo di cinque anni di permanenza legale ed ininterrotta sul territorio italiano
domicilio in Italia
un periodo minimo di un anno di permanenza legale ed ininterrotta sul territorio italiano.

Lindennit da talassemia major o drepanocitosi spetta:


a tutti i lavoratori affetti da talassemia major e drepanocitosi che hanno raggiunto un'anzianit contributiva par
superiore a dieci anni, in concorrenza con almeno trentacinque anni di et anagrafica
a tutti i cittadini affetti da talassemia major e drepanocitosi con almeno trentacinque anni di et anagrafica
a tutti i lavoratori affetti da talassemia major e drepanocitosi che hanno raggiunto un'anzianit contributiva par
superiore a dieci anni a prescindere dallet anagrafica
Lassegno sociale una prestazione economica istituita dalla legge:
n.335 del 1995
n.118 del 1971
n.508 del 1980
Ai fini della concessione dellassegno sociale si tiene conto del reddito:
personale per i soggetti non coniugati e del reddito cumulato con quello del coniuge, per i soggetti coniugati
esclusivamente personale dellinteressato
si prescinde dal reddito
Se un collaboratore a progetto svolge la sua attivit da ottobre 2014 a febbraio 2015 e il suo
compenso pagato a gennaio 2015, il contributo accreditato nel 2014?
S, se il compenso pagato entro il 12 gennaio 2015
No, accreditato nel 2015
S, sempre

Lazienda Alfa paga i contributi alla gestione separata su compensi superiori al massimale annuo. I
rimborso pu essere chiesto:
solo per la quota a proprio carico (2/3)
per tutto il contributo indebitamente versato
non pu essere chiesto rimborso
consentito l'utilizzo dei Voucher (buoni lavoro) nel lavoro domestico?

possibile utilizzare i voucher per remunerare prestazioni di lavoro accessorio rese nellambito domestico con
l'unico limite dellimporto massimo del compenso del lavoratore
Nel lavoro domestico ne concesso lutilizzo soltanto per prestazioni occasionali o per la sostituzione temporan
di un lavoratore assente per malattia, maternit, ferie, aspettativa non retribuita
Non possibile retribuire un lavoratore domestico con il sistema dei voucher

Quando concesso il raggiungimento del requisito contributivo per il rilascio dell'autorizzazione a


versamenti volontari con il cumulo di pi gestioni?
concesso per il rilascio dell'autorizzazione soltanto nelle Gestioni speciali dei lavoratori autonomi nei casi in c
non sia soddisfatto il requisito contributivo in altra gestione dellassicurazione generale obbligatoria
concesso per il rilascio dell'autorizzazione anche nei casi in cui sia presente il requisito pieno in una delle
gestioni dellassicurazione generale obbligatoria
Non possibile rilasciare l'autorizzazione senza che sia perfezionato il requisito pieno nella gestione stessa

possibile effettuare versamenti volontari contestualmente ad altra contribuzione obbligatoria?


S, per periodi, successivi al 31 dicembre 1996, durante i quali non prestata attivit lavorativa per gli effetti
derivanti dal contratto di lavoro part-time
S, sempre
S, per periodi in cui, pur essendo presente la contribuzione obbligatoria, l'assicurato vuole incrementare l'impo
della sua pensione

possibile effettuare versamenti volontari contestualmente all'iscrizione nelle gestioni speciali de


lavoratori autonomi?
S, possono continuare a versare contributi volontari nel FPLD gli autorizzati con una decorrenza anteriore al 25
febbraio 1983, anche contemporaneamente alliscrizione ad una delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi

S, possono continuare a versare contributi volontari solo i soggetti autorizzati in una delle gestioni speciali dei
lavoratori autonomi
No, non mai possibile effettuare versamenti volontari contemporaneamente alliscrizione ad una delle gestion
speciali dei lavoratori autonomi

Il contributo degli artigiani e commercianti calcolato sui redditi da lavoro subordinato degli oper
assunti nell'impresa?
No, il contributo calcolato sull'imponibile previdenziale formato dalla totalit dei redditi di impresa dichiarati a
fini fiscali
S, vero
No, solo sui redditi assimilitati al lavoro dipendente
Il procedimento amministrativo avviato a seguito dei controlli intrapresi dall'attivit di Verifica
Amministrativa prevede la convocazione del soggetto sottoposto a verifica?
S se necessaria per acquisire ulteriore documentazione utile a verificare e quantificare la contribuzione non
versata
Sempre
Mai
Ai sensi dell'art. 6 del D.Lgs. C.P.S. (Capo Provvisorio dello Stato) n. 708/1947, a che cosa serve il
certificato di agibilit?
Consente alle imprese dell'esercizio teatrale, cinematografico e circense, ai teatri tenda, agli enti, alle
associazioni, alle imprese del pubblico esercizio, agli alberghi, alle emittenti radiotelevisive e agli impianti
sportivi, di far agire nei locali di propriet (o di cui abbiano un diritto personale di godimento) i lavoratori dello
spettacolo delle categorie di cui ai numeri da 1) a 14) dell'art. 3 del D.Lgs. C.P.S. (Capo Provvisorio dello Stato)
708/1947
A servire bevande alcooliche in un pubblico esercizio
A comprovare che sono rispettate le norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro

Ai sensi dellart. 3, c. 9, della L.335/1995, le contribuzioni di previdenza e di assistenza sociale


obbligatoria si prescrivono con il decorso del termine di
Cinque anni
Non si prescrivono mai
Decorsi sei mesi dalla cessazione del relativo rapporto di lavoro
Ai sensi dell'art. 43, comma 3 della L. n.289/2002, come vengono assoggettati a contribuzione i
compensi per la cessione economica dei diritti d'autore, di immagine e di replica?
I compensi sono esenti da contribuzione nei limiti del 40% dell'importo complessivo percepito per prestazioni
riconducibili alla medesima attivit
I compensi sono esenti da contribuzione per la parte corrispondente alle spese inerenti lo svolgimento della
prestazione
Sono assoggettati a contribuzione secondo le regole ordinarie

La legge n. 92/2012 ha introdotto alcuni principi generali applicabili a tutti gli incentivi alle
assunzioni. Nelle ipotesi in cui il datore di lavoro abbia in atto una sospensione dal lavoro per crisi
riorganizzazione aziendale pu godere degli incentivi per l'assunzione di altri lavoratori?

Larticolo 4, co. 12, lettera c) della citata legge prevede che gli incentivi non spettano se il datore di lavoro o
l'utilizzatore con contratto di somministrazione abbiano in atto sospensioni dal lavoro connesse ad una crisi o
riorganizzazione aziendale, salvi i casi in cui l'assunzione, la trasformazione o la somministrazione siano
finalizzate all'acquisizione di professionalit sostanzialmente diverse da quelle dei lavoratori sospesi oppure sia
effettuate presso una diversa unit produttiva
Nelle ipotesi di crisi o riorganizzazione aziendale, il datore di lavoro pu godere degli incentivi per le nuove
assunzioni senza limitazioni
Nelle ipotesi di crisi o riorganizzazione aziendale, il datore di lavoro non pu mai godere degli incentivi per le
nuove assunzioni

L'articolo 8, co. 9, della legge 407/1990 prevede particolari incentivi per lassunzione di lavoratori
disoccupati o in cigs da almeno 24 mesi. Gli incentivi previsti dalla suddetta norma possono trovar
applicazione per un'assunzione effettuata nel 2015?

No, non possono trovare applicazione in quanto lart. 1, comma 121, della legge n. 190 del 23 dicembre 2014 h
previsto che i benefici contributivi di cui allart. 8, comma 9, della legge 29 dicembre 1990, n. 407, e successiv
modificazioni, sono soppressi con riferimento alle assunzioni dei lavoratori ivi indicati decorrenti dal 1 gennaio
2015
S, possono trovare applicazione
S, possono trovare applicazione per le assunzioni effettuate nel 2015

Lart. 1, commi da 118 a 124, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 ( Legge di stabilit 2015) ha
introdotto lesonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro in
relazione alle nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato effettuate nel corso
del 2015. possibile riconoscere questo esonero anche per i rapporti di lavoro domestico e per
l'apprendistato?
No: non si pu godere dell'esonero previsto dalla legge di Stabilit 2015 per i contratti di apprendistato e i
contratti di lavoro domestico, in relazione ai quali il quadro normativo in vigore gi prevede lapplicazione di
aliquote previdenziali in misura ridotta rispetto a quella ordinaria

Si pu godere dell'esonero previsto dalla legge di stabilit esclusivamente per i rapporti di apprendistato
professionalizzante. I rapporti di lavoro domestico non fruiscono dellagevolazione prevista dalla legge di stabil
2015
Si pu godere dell'esonero previsto dalla legge di Stabilit 2015 per i contratti di lavoro domestico, purch a
tempo indeterminato, mentre non si pu godere dell'esonero per le assunzioni in apprendistato
La Legge di stabilit 2015 prevede che la fruizione del diritto allesonero contributivo triennale
subordinata alla sussistenza, alla data dellassunzione, di una determinata condizione in capo al
lavoratore da assumere. Qual questa condizione?

Lesonero contributivo spetta a condizione che, nei sei mesi precedenti lassunzione, il lavoratore non sia stato
occupato, presso qualsiasi datore di lavoro, con contratto a tempo indeterminato

Lesonero contributivo spetta a condizione che, nei dodici mesi precedenti lassunzione, il lavoratore non sia sta
occupato, presso qualsiasi datore di lavoro, con contratto a tempo indeterminato
Lesonero contributivo spetta a condizione che, nei dodici mesi precedenti lassunzione, il lavoratore non sia sta
occupato, presso lo stesso datore di lavoro, con contratto a tempo determinato

L'incentivo occupazionale previsto dal "Programma Garanzia Giovani" uguale per tutti i lavorator
No: limporto dellincentivo determinato dalla classe di profilazione attribuita al giovane e dal contratto di lav
concluso
S: l'importo dell'incentivo prescinde dal tipo di lavoratore e dal tipo di assunzione effettuata
No: l'importo dell'incentivo varia in base alla classe di profilazione attribuita al giovane

La legge 92/2012, all'art. 4, commi 8-11, ha previsto la concessione di uno sgravio contributivo per
l'assunzione di lavoratori svantaggiati, disoccupati da oltre 12 mesi. E' previsto un requisito minim
di et in capo ai lavoratori?
S: i lavoratori devono avere almeno 50 anni di et
No: non richiesto nessun requisito di et
S: i lavoratori devono avere almeno 60 anni
I principali incentivi all'assunzione spettano anche in caso di assunzione a scopo di
somministrazione?
S, senza limitazioni
No, mai
S, ma solo nelle ipotesi di assunzione a tempo indeterminato a scopo di somministrazione
Che cos FondInps?
un Fondo di previdenza complementare a carattere residuale
un Fondo per l'erogazione di trattamenti di sostegno al reddito
un Fondo per lerogazione di trattamenti assistenziali ai dipendenti Inps
Quali sono le assicurazioni obbligatorie previste per i rapporti di apprendistato?
a) assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali (INAIL); b) assicurazione contro
l'invalidit e vecchiaia (IVS); c) assicurazione contro la malattia; d) maternit; e) assegno familiare; f) NASpI
a) assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali (INAIL); b) assicurazione contro
l'invalidit e vecchiaia (IVS)
I rapporti di apprendistato non sono soggetti ad alcuna assicurazione obbligatoria

Le imprese artigiane possono accedere alla cassa integrazione guadagni straordinaria?


Solo le imprese artigiane dell'indotto che occupano pi di 15 dipendenti nel semestre precedente la domanda d
ammissione
S tutte, a prescindere dal requisito occupazionale
Solo a favore del titolare dellimpresa artigiana

L'art. 1, c. 1175, della L. 296/2006, subordina al possesso del documento unico di regolarit
contributiva da parte del datore di lavoro:
la fruizione dei benefici normativi e contributivi previsti dalla normativa in materia di lavoro e legislazione socia
la fruizione dei benefici fiscali
la stipulazione di contratti di lavoro part time

L'art. 24, c. 1, del D.Lgs. 81/2015 stabilisce che, salvo diversa disposizione dei contratti collettivi,
lavoratore che, nell'esecuzione di uno o pi contratti a tempo determinato presso la stessa aziend
ha prestato attivit lavorativa per un periodo superiore a sei mesi:

ha diritto di precedenza nelle assunzioni a tempo indeterminato effettuate dal datore di lavoro entro i successiv
dodici mesi con riferimento alle mansioni gi espletate in esecuzione dei rapporti a termine
ha diritto di precedenza nelle assunzioni a tempo determinato effettuate da un altro datore di lavoro dello stess
settore economico

ha diritto ad una maggiorazione della retribuzione

Ai sensi dell'art. 4, c. 3, del D.Lgs. 151/2001, lo sgravio contributivo del 50 per cento, per i contrib
a carico del datore di lavoro che assume personale con contratto a tempo determinato in
sostituzione di lavoratrici e lavoratori in congedo, trova applicazione:
nelle aziende con meno di venti dipendenti
nelle aziende con meno di cento dipendenti
nelle aziende con meno di cinque dipendenti

Nell'ambito dei rapporti di lavoro dipendente:


la contribuzione previdenziale e assistenziale non pu essere calcolata su imponibili giornalieri inferiori a quelli
previsti dalla legge
la contribuzione previdenziale e assistenziale deve essere calcolata sempre su retribuzioni convenzionali
la contribuzione previdenziale e assistenziale deve essere sempre calcolata sull'importo effettivamente erogato
senza tenere conto dei minimali di retribuzione giornaliera previsti dalla legge
Il massimale annuo della base contributiva e pensionabile previsto dalla legge:
per i lavoratori privi di anzianit contributiva a forme pensionistiche obbligatorie al 31.12.1995, c.d. "nuovi
iscritti", e per coloro che optano per la pensione con il regime contributivo
per tutti i lavoratori a prescindere dall'anzianit assicurativa a forme pensionistiche obbligatorie
per i lavoratori che optano per la pensione con il sistema retributivo
Lindennit sostitutiva del preavviso:
assoggettata a contribuzione di previdenza e di assistenza sociale
sempre totalmente esente da contribuzione previdenziale e assistenziale
assoggettata alla sola contribuzione assistenziale

Quale delle seguenti voci retributive sono escluse dalla base imponibile contributiva?
Le indennit liquidate dal giudice a titolo di risarcimento danno in caso di reintegrazione nel posto di lavoro per
illegittimo licenziamento secondo quanto previsto dall'art. 1, comma 5, della legge 11/5/1990, n. 108
Le maggiorazioni erogate per prestazioni di lavoro straordinario
Le tredicesime mensilit

Nel caso in cui il datore di lavoro svolga attivit plurime autonome una rispetto all'altra e separate
dal punto di vista organizzativo, amministrativo e finanziario:
Il datore di lavoro dovr essere classificato nei diversi settori corrispondenti a ciascuna attivit svolta
Il datore di lavoro andr classificato nel settore corrispondente all'attivit prevalente
Occorrer fare riferimento al contratto collettivo applicato

L'autorizzazione all'accentramento degli adempimenti contributivi dei datori di lavoro nei confront
dei propri dipendenti:
viene rilasciata direttamente dall'Istituto a decorrere dal 1 gennaio 2009
un provvedimento rilasciato esclusivamente dalle Direzioni Provinciali del Lavoro
l'Istituto non rilascia mai tale autorizzazione, se non previo assenso da parte del Ministero del Lavoro e delle
Politiche Sociali

I lavoratori domestici interinali sono lavoratori dipendenti?


S sono lavoratori dipendenti somministrati per lo svolgimento di mansioni da domestici; pertanto, la prestazion
di lavoro domestico sottoposta agli adempimenti previdenziali del lavoro dipendente fa s che la determinazion
dellimponibile sia rapportato alle ore secondo le regole proprie del lavoro domestico (art 117 della L.388/2000
1 b)
No sono assimilati ai lavoratori autonomi
Dipende dall'orario di lavoro

Quale caratteristica contraddistingue i lavoratori occupati all'estero in paesi non convenzionati co


l'Italia?
La contribuzione dovuta su retribuzioni convenzionali stabilite annualmente con DM; , inoltre, prevista la
riduzione dell'aliquota di 10 punti L. 398/87
Pagano i contributi sociali all'estero
Non pagano alcuna contribuzione sociale
La maggiorazione imponibile e pensionabile del 18% prevista per gli iscritti al fondo FS e Ipost si
applica sull'intera retribuzione?
No, si calcola solo sulle voci espressamente indicate dall'art. 15 della L. 177/76 ed dovuta solo per il delta
eccedente le competenze accessorie
S, sulla retribuzione del mese
S, ad esclusione della tredicesima e quattordicesima
Il lavoratore dipendente che assume una carica di amministratore locale deve versare la
contribuzione per il periodo in cui in carica?
Per il tempo di aspettativa e mentre permane in carica, semprech si tratti di cariche ex art. 86 1 co. D.Lgs.
267/2000, la contribuzione deve essere versata dall'Ente Locale come se fosse lavoratore dipendente e con le
caratteristiche proprie della gestione presso cui iscritto all'atto dell'aspettativa
No, ha titolo alla contribuzione figurativa
Deve riscattare il periodo

La legge 223/1991 prevede dei benefici a favore dei datori di lavoro che assumano lavoratori iscrit
nelle liste di mobilit. Quali tipologie di contratti possono essere stipulati per godere di queste
agevolazioni?
Contratti a tempo determinato e a tempo indeterminato
I soli contratti a tempo indeterminato
I soli contratti a tempo determinato

La NASpI, che dal 1 maggio 2015 fornisce una tutela di sostegno al reddito ai lavoratori dipendent
che hanno perduto involontariamente l'occupazione, riguarda anche i dipendenti pubblici?
Solamente i dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 2, d
decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165
Tutti i dipendenti pubblici, a prescindere dalla tipologia contrattuale (tempo indeterminato - determinato)
Solo quelli assicurati a una gestione pensionistica dell'ex Inpdap
La nozione di retribuzione imponibile ai fini contributivi:
non comprende solo quanto percepito dal lavoratore ma anche le somme ed i valori dovuti per legge,
regolamento, contratto collettivo o individuale
comprende esclusivamente le somme percepite dal lavoratore
comprende le somme percepite dal lavoratore e solo in misura minima i valori dovuti per legge
La valorizzazione dell'anzianit contributiva segue un criterio unico per tutti i lavoratori?
No dipende dal valore di accredito previsto per la gestione a cui affluiscono i contributi (es. settimane in FPLD,
gg mensili per Fondo Speciale FS, o ex INPDAI fino al 31/12/2002, IPOST, gas, esattoriali, ecc.)
S
No, dipende da come dichiara il dato il datore di lavoro

I coltivatori diretti nel provvedere alla coltivazione dei fondi, allallevamento del bestiame ed allo
svolgimento delle attivit connesse direttamente, abitualmente e con partecipazione manuale dev
garantire, ai sensi dellart. 2 della legge 9/63,
una copertura, da parte dei componenti il nucleo, di 1/3 del fabbisogno aziendale
una copertura, da parte dei componenti il nucleo, di almeno la met del fabbisogno aziendale
una copertura totale, da parte dei componenti il nucleo, del fabbisogno aziendale

Ai sensi dellart. 3 della legge 9/63, requisito essenziale per il riconoscimento della qualifica di
Coltivatore Diretto che
il fabbisogno aziendale sia di almeno 104 giornate lavorative allanno
il fabbisogno aziendale sia di almeno 200 giornate lavorative allanno
il fabbisogno aziendale sia di almeno 365 giornate lavorative allanno
La Denuncia Aziendale (D.A.), di cui allart. 5 del Decreto legislativo n. 375/93
attesta la composizione agro-economica dellazienda
contiene i dati anagrafici degli operai agricoli a tempo indeterminato (OTI)
contiene i dati anagrafici degli operai agricoli a tempo determinato (OTD)
La dichiarazione trimestrale della manodopera agricola subordinata (DMAG)
contiene tutti gli elementi necessari sia per il calcolo della contribuzione che lazienda deve versare sia per
limplementazione della posizione assicurativa dei lavoratori
contiene tutti gli elementi necessari per il solo calcolo della contribuzione che lazienda deve versare
contiene tutti gli elementi necessari per la sola implementazione della posizione assicurativa dei lavoratori
Gli elenchi nominativi degli operai a tempo determinato (OTD) di cui alla legge 608/96, possono
essere:
principali e suppletivi
principali ma non suppletivi
solo suppletivi

Con circolare Inps 88/2006, avente ad oggetto "Il nuovo modello di denuncia aziendale (D.A.) ex ar
5 Decreto Legislativo n. 375/93", stata prevista:
lintroduzione del CIDA (Codice Identificativo Denuncia Aziendale)
la trasmissione esclusivamente in formato cartaceo del modello di denuncia aziendale (D.A.)
l'abolizione del modello di denuncia aziendale (D.A.)

L'art. 2 del D.lgs. n. 228/2001 prevede l'obbligo d'iscrizione alla sezione speciale del registro delle
imprese di cui all'articolo 2188 e seguenti per
imprenditori agricoli, coltivatori
diretti e societ semplici esercenti attivit agricola
i soli coltivatori diretti
imprenditori agricoli e societ semplici non esercenti attivit agricola

Ai sensi dell'art. 10 del d.lgs 375/93, contro i provvedimenti adottati dall'Inps in materia di
accertamento dei contributi dovuti per i lavoratori agricoli dipendenti consentito ai datori di lavo
di presentare ricorso

alla Commissione Centrale per l'accertamento e la riscossione dei contributi agricoli unificati
al Comitato Amministratore della gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali degli artigiani
al Comitato Amministratore della gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali degli esercenti attivit
commerciali
Ai sensi dell'art. 11 del D.Lgs. n.375/1993, il lavoratore - avverso il provvedimento di
disconoscimento del rapporto di lavoro, o avverso gli elenchi nominativi annuali, pu proporre
ricorso
in primo
grado:
alla C.I.S.O.A.
presso
la sede I.N.P.S. provinciale competente
al Comitato Amministratore fondo pensioni lavoratori dipendenti
al Comitato di Vigilanza del fondo di previdenza per il personale di volo dipendente da aziende di navigazione
aerea
Ai sensi dell'art. 19, della legge 23 dicembre 1994, n. 724, con decorrenza 1 luglio 1995 lo SCAU
stato soppresso e le funzioni sono state trasferite:
all'INPS
al Ministero della Difesa
al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

Ai sensi dell'art. 9 sexies, comma 5, legge n. 608/1996, la Commissione centrale per l'accertament
la riscossione dei contributi agricoli unificati (CAU):
esercita attivit consultiva nei confronti del Consiglio di vigilanza e del Consiglio di amministrazione dell'Istituto
materia di previdenza agricola
esercita attivit consultiva nei confronti del Direttore Generale
esercita attivit consultiva nei confronti del Presidente

A decorrere dal 1 gennaio 2011, l'attivit' di riscossione relativa al recupero delle somme non
versate dagli iscritti nelle gestioni speciali Artigiani ed Esercenti attivit Commerciali, effettuata
mediante:
la notifica di un avviso di addebito con valore di titolo esecutivo
la notifica di una cartella di pagamento con valore di titolo esecutivo
la notifica di un decreto ingiuntivo

Nellambito delle procedure per le aziende con dipendenti il codice stato lavorazione 416 indica ch
la pratica stata trasmessa allufficio legale
la pratica stata pagata nei termini
linadempienza iscritta a ruolo
Che cosa Evaweb?
Uno strumento di gestione che consente di monitorare in tempo reale tutte quelle evidenze che potrebbero
rappresentare situazioni di irregolarit della contribuzione per ciascuna posizione
Procedura non ancora testata in Inps
Procedura per la consultazione degli UniLav

Che cosa l'Anagrafica Unica?


Archivio anagrafico del soggetto contribuente, incentrato sul concetto di persona, fisica o giuridica, identificata
univocamente mediante il codice fiscale
Archivio delle cartelle esattoriali per soggetto
Archivio degli accertamenti
Un insoluto relativo al periodo 12/2012 visualizzabile e gestibile tramite quale procedura?
Nuovo Recupero Crediti
Recupero Crediti EAP (4654)
Iscrizione e Variazione Aziende

Quando il DM2013 viene classificato come non generabile?


Quando assente la denuncia aziendale, la quale contiene i dati dichiarativi e, solo in presenza degli stessi, vie
considerato assolto lobbligo della presentazione mensile
Quando non stato trasmesso alcun flusso di denuncia mensile
Quando il DM2013 risulta quadrato

Quando una denuncia mensile viene qualificata come anomala/provvisoria?


Le denunce anomale/provvisorie sono denunce che riportano una "squadratura" tra la somma dei singoli eleme
contributivi individuali e i dati dichiarativi totale a debito e totale a credito a livello aziendale
Quando non stato trasmesso alcun flusso di denuncia mensile
Quando la denuncia presenta importi a credito dellazienda

Attraverso quale procedura pu ordinariamente essere effettuato il rimborso, a favore di unazien


che opera con il sistema Uniemens, di una denuncia passiva?
Mediante la funzione Debiti dellapplicativo Gestione Contributiva
LInps non effettua rimborsi
Mediante la procedura Ruoli Esattoriali

Nellambito delle procedure di recupero crediti delle aziende con dipendenti qual il codice che
identifica il codice stato lavorazione inadempienza iscritta a ruolo?

7
Non esiste un codice per la rilevazione di tale stato

Un'azienda con dipendenti trasmette, nel rispetto dei termini, una denuncia mensile di 12,00 sen
farne seguire il relativo pagamento. In questo caso come operano le procedure?
Essendo stato adeguato a tale importo l'abbuono dei piccoli crediti contributivi, non si apre alcuna inadempienz
Si apre uninadempienza di pari importo al recupero crediti
Non possibile trasmettere denunce per tali importi

Che cos Gestione Contributiva?


Una piattaforma realizzata per la gestione delle denunce contributive mensili che i datori di lavoro che operano
nellambito del sistema UniEmens effettuano per i propri dipendenti, in uno con le relative deleghe di versamen
(F24)
Una procedura ancora non rilasciata
Una procedura di analisi dei Ruoli Esattoriali

Attraverso quale funzionalit possibile estrarre il report relativo alla riscossione delle quote
associative?
Lelenco presente in Gestione Contributiva sezione Contabilit Quote Associative" e riporta, per ogni mese
ripartizione, oltre ai riferimenti aziendali (matricola codice fiscale c.s.c.- denominazione) i dati relativi al cod
delle Quote Associative, il periodo di competenza della denuncia, il numero, limponibile di riferimento, il mese
ripartizione e limporto delle quote versate.
L'elenco presente in Ruoli Esattoriali
L'elenco presente in Evaweb
A partire dal 1993, la base imponibile per il calcolo del contributo eccedente il minimale
relativamente agli iscritti nelle gestioni speciali Artigiani ed Esercenti attivit Commerciali
costituita:
dalla totalit dei redditi dimpresa risultanti dalla dichiarazione dei redditi
dal reddito dimpresa che d titolo all'iscrizione alla gestione di appartenenza
dal reddito complessivo risultante dalla dichiarazione dei redditi
Quale gestione stata istituita dall'art. 1, comma 245, della Legge 23 dicembre 1996 n.662?
La gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali
La gestione del Fondo di previdenza e credito per i dipendenti civili e militari dello Stato
La gestione della Cassa per le pensioni ai dipendenti degli enti locali (CPDEL)

Quale cassa pensionistica stata istituita dall'art. 1 della Legge 11 aprile 1955, n.379, per effetto
della unificazione della Cassa di previdenza per le pensioni agli impiegati degli enti locali, istituita
con legge 6 marzo 1904, n. 88 e della Cassa di previdenza per le pensioni ai salariati degli enti loca
di cui alla legge 11 giugno 1916, n. 720?
La Cassa per le pensioni ai dipendenti degli enti locali (CPDEL)
La Cassa per le pensioni ai sanitari
La Cassa per le pensioni agli ufficiali giudiziari
Quali lavoratori possono esercitare la facolt di opzione di cui allart.5 , comma 1, della legge 10
settembre 1991 n.274 che consente di conservare il trattamento di iscrizione alle casse pensioni
degli istituti previdenziali?

I dipendenti degli Enti che perdono la natura giuridica pubblica che consente l'iscrizione alle casse in esame e i
dipendenti degli Enti pubblici e delle aziende municipalizzate o consortili che transitano a societ private per
effetto di norme di legge, di regolamento, di convenzione che attribuiscono alle societ stesse le funzioni
esercitate dai citati enti pubblici

I lavoratori che hanno gi dei contributi accreditati presso una delle casse degli ex Istituti di previdenza quando
instaurano un nuovo rapporto di lavoro
Il personale delle Amministrazioni dello Stato trasferiti per mobilit volontaria agli Enti Locali
Quali categorie del personale militare sono iscritte, tra le altre, alla Gestione ex ENPAS ai fini
dell'indennit di buonuscita ex art. 1, comma 3, del D.P.R. 29 dicembre 1973, n. 1032?
I militari delle forze armate e dei corpi di polizia in servizio permanente o continuativo
Il personale che effettua il servizio di leva
Il personale militare in ferma volontaria breve o prolungata

Il Decreto 7 marzo 2007, n. 45 "Regolamento di attuazione dell'articolo unico, comma 347 della leg
23 dicembre 2005, n. 266, in materia di accesso alle prestazioni creditizie agevolate erogate
dall'INPDAP" prevede:

l'iscrizione facoltativa alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali per i pensionati gi dipendenti
pubblici che fruiscono di trattamento a carico delle gestioni pensionistiche dell'INPDAP e per i dipendenti o
pensionati di enti e amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo
2001, n. 165, iscritti ai fini pensionistici presso enti o gestioni previdenziali diverse dall'INPDAP, previa adesione
scritta all'INPDAP

l'iscrizione obbligatoria alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali dei pensionati che non fruisco
di un trattamento a carico delle gestioni pensionistiche dell'INPDAP
l'iscrizione obbligatoria alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali dei pensionati che fruiscono d
un trattamento a carico delle gestioni pensionistiche dell'INPDAP

Che cosa deve stabilire, tra l'altro, la deliberazione di massima di cui all'art. 39 della Legge 11 apr
1955, n. 379?
L'iscrizione obbligatoria di tutto il personale assunto a partire dalla data di approvazione, da parte dei Ministeri
della deliberazione di massima adottata dall'Ente
L'iscrizione facoltativa di tutto il personale che esercita l'opzione entro il termine di anni cinque dalla data di
adozione della delibera di massima da parte dell'Ente
L'iscrizione obbligatoria di tutto il personale assunto dalla data di adozione della deliberazione di massima da
parte dell'Ente

Il Regio Decreto Legge 23 luglio 1925, n. 1605 convertito dalla legge 18 marzo 1926 n. 562 che
istituisce l'INADEL prevede che liscrizione ad una cassa pensionistica degli ex Istituti di previdenz
(CPDEL, CPS, CPI, CPUG) comporti automaticamente liscrizione alla gestione INADEL?

No, sono iscritti alla gestione INADEL i dipendenti degli Enti obbligati ad iscrivere il proprio personale a tale
gestione
No, sono iscritti alla gestione INADEL esclusivamente i dipendenti assunti con contratto a tempo indeterminato
iscritti ad una delle casse pensionistiche degli ex Istituti di previdenza
No, sono iscritti alla gestione INADEL esclusivamente i dipendenti di ruolo iscritti ad una delle casse
pensionistiche degli ex Istituti di previdenza

A quale retribuzione commisurata l'aliquota contributiva della gestione unitaria delle prestazion
creditizie e sociali secondo l'art.1, comma 242, della Legge 23 dicembre 1996 n.662?
L'aliquota contributiva, pari allo 0,35%, interamente a carico del dipendente, commisurata alla retribuzione
contributiva e pensionabile determinata ai sensi dell'articolo 2, commi 9 e 10,
della Legge 8 agosto 1995, n. 335

L'aliquota contributiva, pari allo 0,35%, interamente a carico del dipendente, commisurata allo stipendio nett
percepito dal dipendente
L'aliquota contributiva, pari allo 0,35%, interamente a carico del dipendente, commisurata alle voci fisse e
continuative spettanti al dipendente

I professori e i ricercatori in servizio presso le Universit non statali, a decorrere dalla data di
entrata in vigore della Legge 29 luglio 1991 n. 243 (21/8/1991) possono essere soggetti alla
disciplina prevista per i dipendenti civili e militari dello Stato ai fini del trattamento di quiescenza
ai fini del trattamento di previdenza (indennit di buonuscita)?
S, qualora tale trattamento sia previsto da apposita norma statutaria
S, in ogni caso
No, mai

I dipendenti delle amministrazioni pubbliche hanno diritto alla contribuzione figurativa, ex art. 35
comma 3, del decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, da parte dell'Istituto previdenziale durant
il congedo parentale di cui al Decreto medesimo?

S, i dipendenti di amministrazioni pubbliche hanno diritto alla contribuzione figurativa, commisurata alla
retribuzione mancante, quando viene corrisposta nei periodi di congedo parentale una retribuzione ridotta o no
viene corrisposta alcuna retribuzione

S, i dipendenti delle amministrazioni pubbliche hanno sempre diritto alla contribuzione figurativa durante i
periodi di congedo parentale anche se viene corrisposta una retribuzione intera
No, in quanto le amministrazioni pubbliche sono sempre obbligate a corrispondere la contribuzione nella misur
intera durante tutto il periodo di congedo parentale dei propri dipendenti

Durante i periodi di congedo di cui al comma 2, dell'articolo 4 della legge 8 marzo 2000, n. 53
(massimo due anni per ciascuna per ciascuna persona portatrice di handicap e nell'arco della vita
lavorativa) le amministrazioni pubbliche sono obbligate a versare i contributi per effetto dell'art.4
del Decreto legislativo 26 marzo 2001, n.151?

S, durante i periodi di congedo in esame le amministrazioni pubbliche sono obbligate a versare i contributi in
quanto erogano direttamente la retribuzione nei limiti previsti dal legislatore
No, durante i periodi di congedo in esame le amministrazioni pubbliche non sono obbligate a versare i contribu
in quanto i dipendenti hanno diritto alla contribuzione figurativa da parte dell'Istituto previdenziale, ex art. 42
della legge 26 marzo 2001, n.151

No, durante i periodi di congedo in esame le amministrazioni pubbliche non sono obbligate a versare i contribu
i dipendenti non hanno diritto alla contribuzione figurativa da parte dell'Istituto previdenziale

Quali sono gli Enti che, per effetto dellart.7 del Decreto Legislativo del Capo provvisorio dello Sta
n. 1304 del 31 ottobre 1947, sono obbligatoriamente iscritti all'Assicurazione sociale vita (gestion
ENPDEP)?
Gli Enti di diritto pubblico
Le Amministrazioni statali
Gli Enti di diritto pubblico e le Amministrazioni statali
Le disposizioni contenute nel D.P.R. 29 dicembre 1973, n. 1092 riguardano il trattamento di
quiescenza
dei dipendenti civili e militari dello Stato
di tutti i dipendenti pubblici
dei dipendenti degli Enti locali
Avverso la notifica di un avviso di addebito
pu essere presentato ricorso giudiziario entro quaranta giorni
non pu essere presentato ricorso giudiziario
pu essere presentato ricorso giudiziario senza alcun termine di scadenza
Lavviso di addebito deve necessariamente indicare
limporto dei contributi da pagare e delle relative sanzioni
limporto dei soli contributi da pagare
limporto delle sole sanzioni da pagare
In presenza di un accertamento dellIstituto impugnato davanti allAutorit Giudiziaria
possibile lemissione di avviso di addebito solo in presenza di un provvedimento esecutivo del giudice

comunque sempre possibile lemissione di avviso di addebito


non mai possibile lemissione di avviso di addebito
In caso di mancato o ritardato pagamento dei contributi previdenziali, il cui ammontare rilevabil
dalle denunce obbligatorie, sar comminata
una sanzione civile pari al tasso ufficiale di riferimento maggiorato di 5,5 punti per ogni anno
una sanzione civile pari al tasso ufficiale di riferimento maggiorato di 10 punti per ogni anno
una sanzione civile pari al tasso ufficiale di riferimento senza maggiorazioni

La sanzione civile prevista in caso di mancato o ritardato pagamento dei contributi previdenziali, i
cui ammontare rilevabile dalle denunce obbligatorie
non pu essere complessivamente superiore al 40% dell'importo dei contributi non corrisposti entro la scadenz
di legge
non pu essere complessivamente superiore al 100% dell'importo dei contributi non corrisposti entro la scaden
di legge
pu raggiungere qualunque importo, non essendo previsti limiti massimi
In caso di evasione dal pagamento dei contributi previdenziali connessa a denunce obbligatorie
omesse o non rispondenti al vero, sar comminata
una sanzione civile pari al 30% annuo del contributo non corrisposto
una sanzione civile pari al 50% annuo del contributo non corrisposto
una sanzione civile pari al 100% annuo del contributo non corrisposto

La sanzione civile prevista in caso di evasione dal pagamento dei contributi previdenziali connessa
denunce obbligatorie omesse o non rispondenti al vero
non pu essere complessivamente superiore al 60% dell'importo dei contributi non corrisposti entro la scadenz
di legge
non pu essere complessivamente superiore al 100% dell'importo dei contributi non corrisposti entro la scaden
di legge
pu raggiungere qualunque importo, non essendo previsti limiti massimi

Dopo il raggiungimento del tetto massimo delle sanzioni civili previste in caso di omesso o ritardat
pagamento dei contributi previdenziali, sul debito contributivo
maturano interessi nella misura degli interessi di mora
non matura alcun interesse
maturano interessi nella misura degli interessi di dilazione
La richiesta di dilazione dei debiti contributivi presentata allINPS ha ad oggetto
tutti i debiti contributivi dellazienda in fase amministrativa, ossia non ancora trasmessi allAgente della
Riscossione
tutti i debiti contributivi dellazienda, inclusi quelli trasmessi allAgente della Riscossione
tutti i debiti contributivi dellazienda, esclusi quelli relativi alla Gestione Separata
Il contribuente che intende regolarizzare la propria posizione debitoria in forma rateale viene
identificato
in base al codice fiscale
in base alla sola matricola
in base alla sola partita IVA
La cd. rateazione breve dei debiti contributivi ha ad oggetto
debiti maturati nel corso di una rateazione gi concessa e relativi alla contribuzione mensile o periodica
rate di una dilazione gi concessa ed il cui pagamento non stato onorato
debiti dei lavoratori autonomi relativi esclusivamente alla cd. contribuzione eccedente il minimale
La verifica sulla regolarit contributiva di un operatore economico avviene
tramite un'unica interrogazione eseguita indicando il codice fiscale del soggetto da verificare

tramite un'unica interrogazione eseguita indicando la matricola aziendale del soggetto da verificare
tramite un'unica interrogazione eseguita indicando la partita IVA del soggetto da verificare
L'esito della verifica della regolarit contributiva di un soggetto economico
ha validit di 120 giorni dall'interrogazione
ha validit di 60 giorni dall'interrogazione
ha validit di 30 giorni dall'interrogazione
Il contributo alla Gestione separata dovuto anche se il lavoratore ha un reddito occasionale?
S, nel caso di reddito autonomo occasionale e compenso annuo superiore a 5.000
S, se il compenso di 5.000 per ogni committente
S sempre

Lazienda committente prima di inviare il flusso emens deve essere iscritta alla Gestione separata?
No, lazienda non si iscrive
S, sempre
Solo la prima volta
Il parasubordinato deve iscriversi alla Gestione separata?
S, solo quando inizia per la prima volta un rapporto di collaborazione
Ogni volta che ha un contratto a progetto
Mai, l'obbligo di iscrizione in capo al committente
Il professionista senza cassa professionale che anche lavoratore subordinato
assicurato sia alla Gestione separata sia al fondo pensione lavoratori dipendenti
assicurato solo alla GS
assicurato solo al fondo pensione lavoratori dipendenti
Quale obbligo contributivo grava in capo al socio amministratore di una societ a responsabilit
limitata che riceve una indennit quale Presidente del CdA?
Per lindennit da Presidente deve essere assicurato presso la Gestione separata
Lindennit attratta al reddito di impresa
Sullindennit non dovuto il contributo previdenziale

Le aliquote previste per la Gestione separata sono:


diverse a seconda che il soggetto sia iscritto in via esclusiva alla Gestione separata ovvero pensionato/assicura
presso altra contribuzione previdenziale obbligatoria
esiste una sola aliquota per la Gestione separata
diverse a seconda che lattivit sia da collaboratore a progetto ovvero da Libero professionista
Per i lavoratori autonomi ultra65enni prevista una riduzione dell'aliquota contributiva?
S, se gi pensionati presso le gestioni INPS
S sempre
S, se pensionati e coltivatori diretti

A partire da quale data le domande di iscrizione alle Camere di commercio delle imprese artigiane
commerciali hanno effetto anche ai fini dell'iscrizione alle gestioni previdenziali e del pagamento d
relativi contributi?

Dal 1 gennaio 2004


Le domande di iscrizione alle Camere di commercio delle imprese artigiane e commerciali non hanno mai effett
ai fini previdenziali
Dal 1 gennaio 2005
obbligatorio assicurare un lavoratore domestico?
S, fin dal periodo di prova

No, se pensionato
S, se un addetto alle pulizie di un locale commerciale
Un datore di lavoro domestico pu assumere il coniuge?
Solo se il datore di lavoro invalido e titolare di indennit di accompagnamento
Mai, le prestazioni del coniuge si presumono gratuite e dovute per affetto (art. 143 C.C.)
Mai, pu assumere solo i figli

Nel rapporto di lavoro domestico per quale motivo determinante la convivenza tra le parti?
Per stabilire se dovuto o meno il contributo per la Cassa Unica Assegni Familiari (CUAF) nel caso di assunzione
un parente entro il 3 grado
Per accertare l'esistenza del rapporto di lavoro fra parenti o affini entro il 3 grado
Per stabilire l'orario di lavoro settimanale
Oltre alla famiglia, chi pu essere considerato datore di lavoro domestico?
Una comunit religiosa
Una agenzia di lavoro interinale
Una associazione sportiva per ragazzi

Come si assume un lavoratore domestico extra-Unione Europea prima del suo arrivo in Italia?
Il datore di lavoro deve presentare una richiesta nominativa di nulla osta al lavoro alla Prefettura, secondo quan
stabilito periodicamente da apposito decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
Il datore di lavoro non pu assumere un lavoratore straniero che non sia gi in possesso del permesso di
soggiorno
Il datore di lavoro deve presentare la richiesta di assunzione tramite l'Ambasciata del paese di provenienza del
lavoratore
Come si comunica l'assunzione di un lavoratore domestico?
AllINPS, entro le ore 24 del giorno precedente linizio del rapporto di lavoro, attraverso il canale telematico o il
Contact Center Multimediale
Al Centro per lImpiego, in base alla sede di lavoro, mediante il modello UNILAV DOMESTICI
Tramite Patronato
Il lavoratore domestico ha diritto all'indennit di congedo per maternit?
S, a domanda, se ne sussistono i requisiti contributivi
No, non ne ha diritto
S, se presenta la domanda dopo il compimento di un anno del bambino
Come si calcolano i contributi dei lavoratori domestici?
Il contributo orario ed commisurato a quattro fasce di contribuzione, applicando l'aliquota di finanziamento
FPLD alla retribuzione convenzionale
Il contributo orario ed commisurato a quattro fasce di contribuzione, applicando l'aliquota di finanziamento
FPLD alla retribuzione pattuita tra le parti
Il contributo trimestrale ed commisurato a quattro fasce di contribuzione, applicando l'aliquota di
finanziamento FPLD alla retribuzione mensile

Si decade dall'autorizzazione alla prosecuzione volontaria dei versamenti?


Non si decade mai dall'autorizzazione una volta conseguita. I versamenti volontari, anche se interrotti, possono
essere ripresi in qualsiasi momento senza dover presentare una nuova domanda
Si decade dall'autorizzazione conseguita. I versamenti volontari possono essere ripresi presentando una nuova
domanda
Si decade dall'autorizzazione se si interrompono i pagamenti
Lautorizzazione ai versamenti volontari pu essere concessa anche se il rapporto di lavoro non
cessato?

S, nei casi di sospensione o interruzione del rapporto di lavoro previsti da specifiche norme di legge o disposizi
contrattuali
No. L'autorizzazione concessa soltanto in caso di cessazione del rapporto di lavoro
S, fino al 31 dicembre 1996

La domanda di pensione da considerarsi come contestuale domanda di autorizzazione alla


prosecuzione volontaria?
In caso di reiezione di domanda di pensione di vecchiaia, anzianit o invalidit, la stessa deve essere esaminat
come domanda di autorizzazione ai versamenti volontari, intestando dufficio il Mod. O10M
In caso di reiezione di domanda di pensione di vecchiaia, anzianit o invalidit, la stessa deve essere presa in
considerazione come domanda di autorizzazione ai versamenti volontari, soltanto su richiesta dell'assicurato
Mai, la respinta di pensione non pu essere presa in considerazione come domanda di autorizzazione ai
versamenti volontari, al massimo pu valere per l'integrazione agricola
Quali sono i requisiti contributivi per avere diritto all'autorizzazione alla prosecuzione volontaria
nella gestione commercianti?
Tre anni di contributi negli ultimi cinque anni precedenti la domanda di autorizzazione o cinque anni in tutta la
vita assicurativa
Un anno negli ultimi cinque
Tre anni nella gestione commercianti ed almeno un anno in altra gestione
Un iscritto alla Gestione Separata pu essere autorizzato alla prosecuzione volontaria?
S, in corrispondenza di periodi non coperti da contribuzione
Solo dopo la cessazione dell'attivit che ha dato luogo all'iscrizione nella gestione separata
Un iscritto alla gestione separata potr essere autorizzato alla prosecuzione volontaria soltanto nella stessa
gestione

Quali sono i soggetti interessati all'iscrizione al Fondo di Previdenza per le persone che svolgono
lavoro di cura non retribuito derivante da responsabilit familiari?
Sono iscrivibili, a domanda, tutti i soggetti che svolgono lavoro di cura familiare non retribuito purch non prest
attivit da lavoro dipendente o autonomo con obbligo di contribuzione e che non siano titolari di pensione diret
Sono iscritti obbligatoriamente tutti i soggetti che non hanno altra contribuzione obbligatoria o volontaria
Solo le donne tra i 15 ed i 65 anni

Gli iscritti al Fondo di Previdenza per le persone che svolgono lavoro di cura non retribuito derivan
da responsabilit familiari possono decidere quando e quanto versare?
S, dal 1 gennaio 1999 stato fissato un contributo minimo mensile (25,82 ). Per la determinazione
dellanzianit contributiva si applica il principio di cassa
Si versa secondo il principio di cassa con bollettini ad importo precompilato
Il contributo a base volontaria sia per i tempi che per l'importo, anche per i soggetti che non presentato la
domanda di iscrizione

Per essere iscritto al Registro delle imprese l'artigiano o commerciante deve essere anche un liber
professionista?
No, il lavoratore deve essere titolare d'impresa ai sensi dell'art. 2195 del c.c.. Solo alcune figure professionali
come le ostetriche, i maestri di sci e le guide turistiche sono obbligate all'iscrizione alla gestione speciale
commercianti
S sempre
S, deve essere iscritto ad un Albo professionale
Per il contribuente che ha aderito al regime fiscale dei minimi ed ha presentato domanda di
agevolazione anche alla gestione speciale, il contributo dovuto sempre calcolato sul reddito
minimale?
No, il contribuente calcola il contributo dovuto sul reddito forfettario e non paga i contributi fissi

S, il reddito di riferimento sempre il minimale


Non si applica regime contributivo per il regime dei minimi fiscali
ll contribuente artigiano o commerciante deve presentare una dichiarazione del proprio reddito
all'INPS ai fini del calcolo del contributo?
No, compila il quadro RR sez. I del modello Unico PF
No, compila il quadro RR sez. III del modello Unico PF
S, ogni anno presenta un'autocertificazione
Il contributo a percentuale pagato in eccedenza pu essere compensato?
S, l'eccedenza deve essere dichiarata nel quadro RR sez. I del modello Unico e pu essere compensata con il
contributo dovuto per l'anno successivo in acconto o con altri tributi
No, pu essere solo richiesto a rimborso
No, i contributi restano nella gestione e vanno a beneficio di altri contribuenti

Il titolare di impresa paga i contributi anche per i suoi familiari che lavorano nella stessa azienda?
S, il titolare di impresa iscritto alle gestioni speciali versa anche per i familiari
S, solo per il coniuge
S, solo per i figli

Come viene fissato il reddito minimo imponibile che determina il contributo da versare per gli
artigiani e per i commercianti?
Convenzionalmente in 312 volte il salario minimo giornaliero ai fini contributivi previsto per gli operai del settor
artigianato e commercio in vigore al 1 gennaio dell'anno a cui si riferiscono i contributi, maggiorato di una cifr
fissa

Convenzionalmente in 312 volte il salario minimo giornaliero ai fini contributivi previsto per gli operai del settor
artigianato e commercio in vigore al 1 gennaio dell'anno a cui si riferiscono i contributi
Il reddito minimo imponibile fissato ogni anno in legge finanziaria

A decorrere dal mese di gennaio 2015, in virt della circolare n. 154 del 3/12/2014, i datori di lavor
del settore dello spettacolo e dello sport professionistico devono presentare le denunce contributi
mensili attraverso
l'invio del flusso Uniemens, valorizzando la lista PosContributiva
l'invio di una denuncia on-line
l'invio di un modello di denuncia cartacea
In caso di domanda di rateazione di debiti contributivi in fase amministrativa afferenti sia alle
Gestioni lavoratori dello spettacolo e sportivi professionisti sia alle altre Gestioni amministrate
dall'Istituto, cosa prevede la circolare n. 108 del 12/07/2013?
Che la domanda riguardi tutti i debiti dell'impresa, pena il rigetto della stessa
Che la domanda indichi solo i debiti presenti nelle Gestioni Lavoratori dello spettacolo e sportivi professionisti
Che la domanda non contenga alcuna specificazione delle Gestioni nelle quali siano presenti debiti
I benefici contributivi e normativi sono subordinati al possesso del DURC da parte del datore di
lavoro?
S, sempre
No, mai
No, tranne nelle ipotesi in cui ci sia stato un accesso ispettivo presso l'azienda beneficiaria delle agevolazioni

Larticolo 1 del decreto legge 28 giugno 2013, n. 76 - convertito, con modificazioni, dalla legge 9
agosto 2013, n. 99 - ha istituito, nel limite di risorse determinate, un incentivo per i datori di lavor
che assumano, con contratto di lavoro a tempo indeterminato, giovani lavoratori privi dimpiego
regolarmente retribuito da almeno sei mesi ovvero privi di diploma di scuola media superiore o
professionale. Per quali categorie di lavoratori pu trovare applicazione questo incentivo?

Per i lavoratori di et compresa tra i 18 ed i 29 anni


Per i lavoratori di et compresa tra i 35 e i 45 anni
Per i lavoratori diet inferiore ai 19 anni e maggiore di 55 anni
Che cos' il Fondo di Tesoreria gestito dall'Inps?
un Fondo per lerogazione ai lavoratori dipendenti del settore privato dei trattamenti di fine rapporto di cui
allarticolo 2120 del codice civile
un Fondo di previdenza complementare
un Fondo pensionistico riferito a lavoratori pubblici
Che cos' il contratto di apprendistato?
un contratto di lavoro a tempo indeterminato e a causa mista
un contratto di lavoro part-time
un contratto a termine
Quali datori di lavoro possono instaurare contratti di apprendistato professionalizzante?
Tutti i datori di lavoro appartenenti a qualsiasi settore di attivit
Solo i datori di lavoro con pi di 200 dipendenti
Solo i datori di lavoro del settore industria
Cosa sono i Fondi interprofessionali?
Sono fondi paritetici interprofessionali nazionali per la formazione continua dei lavoratori
Sono Fondi comuni di investimento rivolti ai liberi professionisti
Sono Fondi per l'assistenza sanitaria integrativa dei lavoratori
Per quale delle seguenti assicurazioni sono dovuti i contributi previdenziali allInps?
Lassicurazione obbligatoria per invalidit, vecchiaia e superstiti
Lassicurazione contro gli infortuni sul lavoro
Lassicurazione R.C. autoveicoli

La legge prevede che la retribuzione da assumere come base per il calcolo dei contributi di
previdenza e assistenza sociale:
non pu essere inferiore all'importo delle retribuzioni stabilito da leggi, regolamenti, contratti collettivi, stipulat
dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative su base nazionale, ovvero da accordi collettivi o
contratti individuali, qualora ne derivi una retribuzione d'importo superiore a quello previsto dal contratto
collettivo
non pu essere inferiore all'importo delle retribuzioni stabilito esclusivamente dai regolamenti
deve essere superiore all'importo delle retribuzioni stabilito dal contratto collettivo nazionale stipulato dalle
Organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative

Quale delle seguenti affermazioni esatta?


Il datore di lavoro responsabile in via esclusiva del versamento dei contributi previdenziali anche per la quota
carico del lavoratore, ma si rivale nella misura di un terzo sulla retribuzione lorda spettante al lavoratore

Il datore di lavoro responsabile in via esclusiva del versamento dei contributi previdenziali anche per la quota
carico del lavoratore, senza possibilit di rivalsa
Il datore di lavoro tenuto a versare solo la quota di contribuzione a suo carico

Per l'assegnazione della posizione contributiva al fine dell'assolvimento della contribuzione dei
datori di lavoro nei confronti dei dipendenti, come va proposta la domanda d'iscrizione all'Istituto?
Esclusivamente con modalit telematica
Esclusivamente a mano, presso gli sportelli delle sedi
Non sono previste particolari modalit, si pu richiedere l'apertura della posizione anche telefonicamente

Avverso un atto di contestazione per evasione contributiva derivante da un verbale ispettivo, il


soggetto contribuente pu esperire le seguenti azioni di tutela:
azioni di tutela in sede amministrativa e giudiziale (ricorsi)
in questi casi il soggetto contribuente non ha strumenti di tutela
il soggetto contribuente pu rifiutarsi di adempiere alla diffida
imprenditore agricolo ai sensi dellart. 2135 del c.c. chi:
esercita unattivit diretta alla coltivazione del fondo, alla silvicoltura, allallevamento del bestiame e attivit
connesse
esercita unattivit diretta alla sola coltivazione del fondo
esercita unattivit diretta alla sola silvicoltura
La silvicoltura
la manutenzione e salvaguardia del patrimonio boschivo ed estrazione del legname dal bosco
la cura del bestiame
il ciclo completo della lavorazione dalla aratura alla raccolta del prodotto

Ai sensi dell'art. 12 del D.lgs. 11 agosto 1993, n. 375 i lavoratori agricoli subordinati, esclusi quelli
con qualifica impiegatizia, si distinguono in:
operai a tempo indeterminato ed operai a tempo determinato
operai solo a tempo determinato
operai solo a tempo indeterminato

Lart.1, co. 2, del D.lgs. 99/2004 attribuisce il potere di accertare il possesso dei requisiti previsti p
il riconoscimento della qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale (I.A.P.)
alle Regioni o altri enti da essa delegati
al Ministero della Difesa
al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
La Denuncia Aziendale (D.A.), ai sensi dellart. 5 del Decreto legislativo n. 375/93, deve essere
presentata:
entro 30 giorni dallinizio attivit
entro 12 mesi dallinizio attivit
12 mesi prima dellinizio dellattivit

Ai sensi dell'art. 1, co.6, della Legge n.81/2006, a decorrere dal 1 luglio 2006 la dichiarazione
trimestrale della manodopera agricola subordinata (DMAG) deve essere presentata all'INPS per via
telematica
entro a quello del trimestre di riferimento
il mese successivo
il dodicesimo mese successivo a quello del trimestre di riferimento
il primo giorno di ogni mese

L'iscrizione agli elenchi nominativi degli operai a tempo determinato (OTD) di cui alla legge 608/96
costituisce il presupposto per l'ammissione dei lavoratori agricoli alle prestazioni previdenziali ed lo strumen
per dimostrare il diritto alle stesse
non costituisce il presupposto per l'ammissione dei lavoratori agricoli alle prestazioni previdenziali
non lo strumento per dimostrare il diritto alle prestazioni previdenziali
Ai sensi dell'art. 9-quinquies della 608/96, chi provvede alla compilazione degli elenchi nominativi
annuali degli operai agricoli a tempo determinato?
L'I.N.P.S.
il Ministero della Difesa
il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
La circolare INPS n. 88 dell'11 luglio 2006 prevede la presentazione del modello di denuncia
aziendale (D.A.) esclusivamente in via telematica a decorrere
dal 1 novembre 2006

dal 1 novembre 2005


dal 1 novembre 2015
Qual il modello di pagamento da utilizzare per il versamento dei contributi Inps non ancora
consegnati agli Agenti della Riscossione, da parte delle aziende con dipendenti?
Mod. F24
Mod. F35
Bollettino postale
Con lacronimo AVA nella messaggistica ufficiale si fa riferimento a:
Avviso di Addebito
Accertamento con validit anteriore
Atto di annullamento

Qual il modello di pagamento da utilizzare per il versamento dei contributi dovuti dagli iscritti ne
gestioni speciali Artigiani ed Esercenti attivit Commerciali?
Mod. F24
Mod. F23
Mod. F35
In caso di inserimento in avviso di addebito di partite per le quali stata precedentemente
presentata una domanda di rateazione bisogna:
procedere, con l'apposita funzione, all'annullamento dell'avviso di addebito: in tal modo si ripristiner il codice
stato lavorazione preesistente
non possibile intervenire
si sospende l'avviso di addebito sino a data da definirsi

Che cosa sono le liste di scarto?


Apposite liste, frutto di una serie di controlli procedurali, finalizzate ad escludere dall'infasamento centralizzato
partite per le quali, ad esempio, sia intervenuto il pagamento ma non risulti ancora abbinato
Elenchi delle partite non lavorabili
Istanze telematizzate prive di mittente
Che cosa Uniemens?
Un nuovo flusso, con cui l'Istituto ha dato attuazione alle previsioni di cui alla L. n.326/2003, che unifica e
sostituisce, la denuncia EMens e la denuncia DM10, raccogliendo a livello individuale per ogni lavoratore sia le
informazioni retributive che quelle contributive
Flusso di Emens di pertinenza esclusiva della gestione separata
Flusso che unifica emens e note di rettifica
Quale lordinario termine di trasmissione del flusso UniEmens?
Entro l'ultimo giorno del mese successivo a quello di riferimento
Ogni 4 mesi
Entro la fine dell'anno di riferimento

Relativamente agli iscritti nelle gestioni speciali Artigiani ed Esercenti attivit commerciali le quot
dovute entro il minimale (quote fisse) vanno versate:
con cadenza trimestrale
con cadenza mensile
alle scadenze previste per il pagamento dell'IRPEF

Qual la norma fondamentale del nostro ordinamento per individuare i datori di lavoro pubblici?
L'articolo 1, comma 2, del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n.165 recante Norme generali sull'ordinamento
del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche"

L'art. 1 del D.P.R. 10 gennaio 1957, n. 3 "Testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civ
dello Stato"
L'art.1 del Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163 "Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e
forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE"
Quale gestione pensionistica dei dipendenti pubblici stata istituita, a decorrere dal 1 gennaio
1996, dallarticolo 2, comma 1, della Legge 8 agosto 1995 n.335?
La gestione separata dei trattamenti pensionistici ai dipendenti dello Stato nonch alle altre categorie di
personale i cui trattamenti di pensione sono a carico del bilancio dello Stato
La gestione per le pensioni ai dipendenti degli enti locali (CPDEL)
La gestione per le pensioni ai Sanitari (CPS)

Qual il termine previsto dal comma 3, dell'art. 5 delle Legge 8 agosto 1991, n. 274 per esercitare
facolt di opzione di cui al comma 1 del medesimo articolo?
Entro 90 giorni
Entro 3 mesi
Entro 120 giorni

L'art. 6, della Legge 6 febbraio 1941 n.176 istitutiva della Cassa Pensioni Insegnanti tra gli iscritti
alla Cassa prevede:
gli insegnanti dasilo dipendenti dei Comuni, gli insegnanti delle scuole elementari parificate, gli insegnanti deg
asili infantili eretti in enti morali
gli insegnanti di tutte le scuole di ogni ordine e grado
gli insegnanti delle scuole private parificate di ogni ordine e grado

La ritenuta ex ENAM di cui allart. 3, comma 1, lett. a) della legge 7 marzo 1957, n. 93 obbligator
dopo la soppressione, ex art.7, comma 3 bis, del Decreto Legge 31 maggio 2010, n. 78 convertito c
modificazioni dalla Legge 30 luglio 2010, n. 122, dellENAM?
S, in quanto le funzioni di assistenza magistrale (ex Enam) a seguito della soppressione dellEnte sono state
trasferite prima allInpdap (art.7, comma 3 bis, del D.L. n. 78/2010 convertito dalla Legge n. 122/2010) e
successivamente, a seguito della soppressione di quest'ultimo, allInps

No, in quanto l'art.7, comma 3 bis, del Decreto Legge 31 maggio 2010, n. 78 convertito con modificazioni dalla
Legge 30 luglio 2010, n. 122, ha eliminato anche l'obbligo di effettuare la ritenuta
No, in quanto le funzioni di assistenza magistrale sono state assorbite dopo la soppressione dell'ENAM dalla
gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali dell'Ex INPDAP

Quali Enti sono iscrivibili alla Cassa di previdenza per le pensioni agli impiegati degli enti locali (or
CPDEL) secondo l'art. 1 del Regio Decreto Legge 3 marzo 1938 n.680, convertito in legge 9 gennaio
1939, n. 41?
Comuni, Province, Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza, Aziende municipalizzate, Aziende speciali
degli Enti locali, nonch gli Enti a cui sono estese le disposizioni sulla cassa, da norme statali o regionali
Gli Enti morali e le gli Enti comunali di consumo
Le Unit sanitarie locali e le Comunit montane
Liscrizione ad una cassa pensionsitica (CPDEL, CPS, CPI, CPUG, CTPS) o previdenziale (ENPAS,
INADEL) della Gestione Pubblici Dipendenti comporta obbligatoriamente liscrizione alla gestione
unitaria delle prestazioni creditizie e sociali?
S, sono obbligatoriamente iscritti alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali i dipendenti iscritti
una delle gestioni pensionistiche (CPDEL, CPS, CPI, CPUG, CTPS) o ad una delle gestioni previdenziali (ENPAS,
INADEL) amministrate dall'ex INPDAP
No, sono iscritti obbligatoriamente alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali esclusivamente i
dipendenti iscritti ad una delle gestioni pensionistiche (CPDEL, CPS, CPI, CPUG, CTPS)
No, sono obbligatoriamente iscritti alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali esclusivamente i
dipendenti iscritti ad una delle gestioni previdenziali (ENPAS, INADEL)

A decorrere dall'1.01.1996 il pagamento dei contributi previdenziali dellIstituto


oggetto di prescrizione quinquennale
non oggetto di alcun termine di prescrizione
oggetto di prescrizione ventennale
LINPS pu recuperare i propri crediti previdenziali
mediante lemissione di avvisi di addebito
solo presentando ricorso in Tribunale
segnalando linadempienza alla Guardia di Finanza
In base al Regolamento di Disciplina delle rateazioni dei debiti contributivi in vigore, lINPS pu
concedere dilazioni di pagamento fino ad un massimo di 24 rate mensili
concedere dilazioni di pagamento fino ad un massimo di 10 rate mensili
concedere dilazioni di pagamento fino ad un massimo di 150 rate mensili
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, su istanza del contribuente, pu prolungare la
dilazione di pagamento dei crediti contributivi
fino a 36 rate mensili
fino a 30 rate mensili
fino a 120 rate mensili

Il Documento Unico di Regolarit Contributiva certifica


che un operatore economico ha regolarmente rispettato i suoi obblighi contributivi nei confronti di INPS, INAIL e
Casse Edili
che un operatore economico ha regolarmente rispettato i suoi obblighi in materia fiscale e contributiva
che un operatore economico ha regolarmente rispettato i suoi obblighi in materia fiscale
La regolarit contributiva di un operatore economico verificata
con modalit telematica da INPS, INAIL e Casse Edili
con modalit telematica dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
esclusivamente dallINPS e mai con modalit telematica

In presenza di richiesta di DURC, nei casi in cui non sussistano i requisiti per il suo rilascio, gli Enti
preposti alla verifica
invitano l'interessato a regolarizzare la propria posizione entro un termine non superiore a 15 giorni
non possono invitare l'interessato a regolarizzare la propria posizione
invitano l'interessato a regolarizzare la propria posizione entro un termine non superiore a 45 giorni
La procedura DEU, tra laltro, consente
la visualizzazione delle riscossioni da delega unica (F24)
la visualizzazione degli importi pagati presso gli ADR
la visualizzazione degli avvisi di addebito