Sei sulla pagina 1di 74

NATURALISMO E VERISMO

Materiali da Wikipedia

Indice generale
Naturalismo (letteratura)......................................................................................................................4
I fondamenti teorici del naturalismo................................................................................................4
Hippolyte Taine...........................................................................................................................5
Honor de Balzac........................................................................................................................5
Gustave Flaubert.........................................................................................................................6
mile Zola...................................................................................................................................6
I fratelli Goncourt .......................................................................................................................7
La poetica naturalista.......................................................................................................................7
I temi della narrativa naturalista......................................................................................................7
Voci correlate...................................................................................................................................8
Collegamenti esterni........................................................................................................................8
mile Zola............................................................................................................................................8
Biografia .........................................................................................................................................9
Le collaborazioni con i giornali ....................................................................................................10
Bibliografia ...................................................................................................................................13
Romanzi ...................................................................................................................................14
Ciclo dei "I Rougon-Macquart, storia naturale e sociale di una famiglia sotto il Secondo
ImperoRougon-Macquart" (1871-1893) ..................................................................................14
Ciclo delle tre citt ...................................................................................................................15
Appunti di viaggio ...................................................................................................................15
Ciclo de I quattro Vangeli.........................................................................................................15
Saggi .........................................................................................................................................16
Romanze ...................................................................................................................................16
Bibliografia ...................................................................................................................................16
Altri progetti .................................................................................................................................16
Collegamenti esterni .....................................................................................................................16
Il romanzo sperimentale.....................................................................................................................17
I principi della poetica naturalista..................................................................................................17
Il rapporto dialettico tra arte e scienza...........................................................................................17
Lo stile impersonale.......................................................................................................................18
L'appoggio alla nuova concezione di romanzo (Taine e Verga)...................................................18
Il compito dello scrittore................................................................................................................18
Voci correlate.................................................................................................................................18
Collegamenti esterni......................................................................................................................18
Verismo..............................................................................................................................................19
La nascita ......................................................................................................................................19
Tecniche ........................................................................................................................................20
Voci correlate ................................................................................................................................20
Collegamenti esterni .....................................................................................................................21
Giovanni Verga..................................................................................................................................22
Biografia .......................................................................................................................................23
La polemica sul luogo e sulla data di nascita ...........................................................................23
Gli studi e la prima formazione ................................................................................................25
Le prime esperienze a Catania..................................................................................................26

Gli anni fiorentini......................................................................................................................27


Il ventennio a Milano................................................................................................................28
Il ritorno a Catania....................................................................................................................30
Opere..............................................................................................................................................32
Romanzi ...................................................................................................................................32
Novelle......................................................................................................................................33
Trasposizioni teatrali.................................................................................................................33
Versioni cinematografiche........................................................................................................34
Bibliografia....................................................................................................................................34
Biografie....................................................................................................................................34
Studi sull'opera..........................................................................................................................35
Voci correlate.................................................................................................................................38
Altri progetti .................................................................................................................................38
Collegamenti esterni .....................................................................................................................38
Opere e poetica di Giovanni Verga....................................................................................................39
Opere..............................................................................................................................................39
Le prime opere giovanili...........................................................................................................39
La prima maniera......................................................................................................................40
La prima raccolta di novelle......................................................................................................42
Una pausa verista......................................................................................................................43
La fase verista...........................................................................................................................43
Poetica e tecnica narrativa.............................................................................................................45
Il pessimismo............................................................................................................................46
L'impersonalit..........................................................................................................................47
La tecnica narrativa...................................................................................................................47
La concezione della societ ......................................................................................................48
La svolta verista........................................................................................................................48
L'arte e la lingua.............................................................................................................................48
L'influsso del naturalismo.........................................................................................................48
Le tecniche narrative......................................................................................................................48
La tecnica dell'impersonalit.....................................................................................................48
La lingua........................................................................................................................................49
Il discorso indiretto libero.........................................................................................................49
L'uso dei proverbi......................................................................................................................49
La soluzione linguistica............................................................................................................49
Le sue opere e la lirica...................................................................................................................50
Le sue opere e il cinema................................................................................................................50
Voci correlate.................................................................................................................................51
Altri progetti..................................................................................................................................51
Giovanni Verga (Ciclo dei Vinti).......................................................................................................51
La struttura del ciclo .....................................................................................................................52
La fisionomia dei romanzi ............................................................................................................53
Dai "Malavoglia" all'"Uomo di lusso"...........................................................................................53
I motivi del positivismo.................................................................................................................54
La concezione darwiniana di ciclo.................................................................................................54
Voci correlate.................................................................................................................................55
Collegamenti esterni......................................................................................................................55
I Malavoglia........................................................................................................................................55
Descrizione....................................................................................................................................56
Trama.............................................................................................................................................56
L'opera...........................................................................................................................................57
L'ambiente.................................................................................................................................58

I personaggi...............................................................................................................................58
Caratteristiche di alcuni personaggi secondari..........................................................................59
La visione pessimistica.............................................................................................................59
Temi principali..........................................................................................................................60
L'economia................................................................................................................................60
Lo stile.......................................................................................................................................61
Edizioni .........................................................................................................................................61
Bibliografia ...................................................................................................................................61
Voci correlate.................................................................................................................................61
Altri progetti .................................................................................................................................61
Collegamenti esterni .....................................................................................................................62
Concetto dell'ostrica...........................................................................................................................62
Voci correlate ................................................................................................................................63
Altri progetti .................................................................................................................................63
Collegamenti esterni .....................................................................................................................63
Tecnica narrativa di Giovanni Verga..................................................................................................63
Premessa........................................................................................................................................64
Tecnica dello straniamento............................................................................................................66
Tecnica dello straniamento ne I Malavoglia.............................................................................66
Tecnica dello straniamento in La roba......................................................................................67
Pessimismo e straniamento nella novella Rosso Malpelo.........................................................68
Il discorso indiretto libero in Giovanni Verga ..............................................................................70
Il discorso indiretto libero in Mastro Don Gesualdo.................................................................70
Il discorso indiretto libero in I Malavoglia...............................................................................71
Tecnica dell'impersonalit ............................................................................................................71
La narrazione corale..................................................................................................................74
Il linguaggio..............................................................................................................................75
Il metodo naturalistico...................................................................................................................75
Voci correlate.................................................................................................................................75
Collegamenti esterni......................................................................................................................76
Naturalismo e Verismo (confronto)....................................................................................................76
Definizione e sviluppo ..................................................................................................................76
I teorici del pensiero, Verga, Capuana e Zola ..........................................................................77
Esempio e differenze ....................................................................................................................78
Giovanni Verga (darwinismo sociale)................................................................................................79
La lotta per l'esistenza....................................................................................................................80
La visione della vita secondo Verga.........................................................................................80
La visione del mondo................................................................................................................80
I personaggi verghiani...............................................................................................................81
Il progresso non reca felicit.....................................................................................................81
Impossibilit ad uscire dal proprio stato sociale.......................................................................81
La concezione tragica della vita................................................................................................81
La concezione fatalistica della vita...........................................................................................82
Voci correlate.................................................................................................................................82
Collegamenti esterni......................................................................................................................82

Naturalismo (letteratura)
Il naturalismo in letteratura quel movimento che nasce in Francia alla fine
dell'Ottocento come applicazione diretta del pensiero positivista e che si
propone di descrivere la realt psicologica e sociale con gli stessi metodi usati
dalle scienze naturali.
Esso riflette in letteratura l'influenza della generale diffusione del pensiero
scientifico, che basa la conoscenza sull'osservazione, sulla sperimentazione e
sulla verifica.
Lo scrittore deve realizzare la realt nel modo pi oggettivo ed impersonale
possibile, lasciando alle cose e ai fatti stessi narrati e descritti il compito di
denunciare lo stato della situazione sociale, evidenziare il degrado e le
ingiustizie della societ. Gli scrittori naturalisti adottano in genere un
narratore onnisciente, che sa tutto dei personaggi e che racconta la storia in
terza persona.
A Taine risale la classificazione dei tre fattori che lo scrittore naturalista deve
considerare raccontando una vicenda e rappresentando i suoi personaggi:
l'ereditariet, l'ambiente sociale e l'epoca storica. Altri due scrittori del
naturalismo sono mile Zola che rappresenta nelle sue opere il proletariato
industriale e Guy de Maupassant che scrive novelle i cui protagonisti sono
contadini, modesti impiegati, donne di piacere e militari.

I fondamenti teorici del naturalismo


Tra i fondamenti teorici del naturalismo vi era la concezione che la psicologia
umana dovesse essere considerata alla stessa stregua dei fenomeni della
natura perch anch'essi accadevano con il medesimo svolgersi di causa ed
effetto. Non venivano messe in discussione le finalit sociali e morali dell'arte
ma si riteneva necessario, per migliorare veramente la societ, basarsi sulla
ricerca del vero.
Il naturalismo si opponeva all'ideologia spiritualistica del periodo romantico
per basarsi sulle premesse deterministiche che stavano alla base della filosofia
positivista e l'attenzione dei naturalisti veniva posta su quell'aspetto
meccanicistico della societ che sovrastava l'uomo degradandolo e
causandogli ogni male.

Hippolyte Taine
Il critico e storico positivista Hippolyte Taine considerato il primo teorico del
naturalismo sia per l'uso del termine stesso, che venne da lui usato in un
saggio dedicato a Honor de Balzac e pubblicato sul "Journal de dbats"
nell'anno 1858, sia per aver affermato il concetto che anche in letteratura sia
possibile trattare la realt e pertanto la psicologia umana con la medesima
rigorosit utilizzata dal metodo scientifico1.
1rielaborazione da: Verga e il verismo. Sperimentalismo 'formale' e critica del progresso, a

L'uomo, sosteneva Taine, il risultato di tre elementi, "race, milieu, moment",


che corrispondono al fattore ereditario, all'ambiente sociale, al momento
storico che "lo determinano nei suoi tratti psicologici e ne generano il
comportamento, sicch anche la virt e il vizio non sono che corpi compositi,
scindibili, come lo zucchero e il vetriolo, negli elementi semplici che li
costituiscono"2.

Honor de Balzac
Precursore del naturalismo francese viene considerato lo scrittore Honor de
Balzac che nel 1842, gi nella prefazione al suo ciclo narrativo "La Comdie
humaine", nello stabilire i canoni delle future tendenze realiste, aveva scritto
che "... il romanziere deve ispirarsi alla vita contemporanea, studiando l'uomo
quale appare nella societ e aveva rappresentato la societ capitalistica, con
un nuovo interesse per il fattore economico, di cui aveva messo in rilievo
l'importanza predominante nei rapporti fra gli uomini, tenendosi vicino anche
nel linguaggio e nello stile alla realt del mondo rappresentato" 3. Pertanto,
aggiunge il Pazzaglia4, "Procedendo su questa linea e rafforzandola con le
idee positivistiche, il Naturalismo si era proposto uno studio scientifico della
societ e della psicologia dell'uomo, rigettando ogni idealismo e studiando di
preferenza i ceti pi umili, che, per le loro reazioni psicologiche elementari,
meglio sembravano prestarsi a un'analisi scientifica oggettiva".

Gustave Flaubert
Lo scrittore che i naturalisti indicheranno come loro maestro sar Gustave
Flaubert, autore di Madame Bovary (1857), per la sua teoria
dell'impersonalit che fa largo uso del "discorso indiretto libero".
Flaubert aveva, con i suoi romanzi, impresso una svolta radicale alla
tradizione del realismo romantico. Nel 1857, a proposito della sua teoria
dell'impersonalit, scriver: "L'artista deve essere nella sua opera come Dio
nella creazione, invisibile e onnipotente, s che lo si senta ovunque, ma non lo
si veda mai. E poi l'Arte deve innalzarsi al di sopra dei sentimenti personali e
delle suscettibilit nervose. ormai tempo di darle, mediante un metodo
implacabile, la precisione delle scienze fisiche". Flaubert porta il letteratura
un sarcasmo che investe tutte le strutture tradizionali della societ perbenista
e ipocrita.

cura di Guido Baldi, Paravia, Torino, 1980, pag. 22;L'Universale, Letteratura, vol. I, pag. 703;
Storia della letteratura italiana, Laterza, Roma-Bari, a cura di Carlo Salinari e C. Ricci, vol. 3,
1989, pag. 1090
2Giuseppe Petronio, Compendio di storia della letteratura italiana, Palumbo, Firenze, 1968,
pag. 402
3Letteratura italiana, a cura di Mario Pazzaglia, vol. 3, Zanichelli, Bologna, 1986, pag. 706
4op. cit., pag. 706

mile Zola
Al metodo di Flaubert si rif la scuola naturalistica di mile Zola che, come
scrive De Sanctis5, "L'artista di questa scuola. lui, che, pur combattendo
ogni tendenza convenzionale dell'arte, e atteggiandosi a novatore, ripiglia le
tradizioni, e non distrugge, ma compie il romanzo psicologico e storico
assorbendolo e realizzandolo ancor pi nel suo romanzo fisiologico... il suo
romanzo dunque uno studio pi acuto e pi compiuto dell'uomo, a base
fisiologica".
Se la critica tradizionale aveva fatto una precisa distinzione tra Zola come
romanziere e Zola come teorizzatore, oggi gli studiosi, nel rivalutare il lavoro
critico e teorico dello scrittore hanno saputo dimostrare che fra la parte
programmatica e quella artistica vi una forte connessione.
Nel saggio su Il romanzo sperimentale ("Le roman exprimental") che
raccoglie gli scritti teorici di Zola pubblicato nel 1880 e che viene considerato
l'unico Manifesto del Naturalismo, egli definisce il romanzo "una conseguenza
dell'evoluzione scientifica del secolo; esso , in una parola, la letteratura della
nostra et scientifica, come la letteratura classica e romantica corrispondeva
a un'et di scolastica e di teologia" e aggiunge che "Il romanziere muove alla
ricerca di una verit... innegabile che il romanzo naturalista, quale ora lo
intendiamo, sia un vero e proprio esperimento che il romanziere compie
sull'uomo, con l'aiuto dell'osservatore"6.

I fratelli Goncourt
Tra gli esponenti del naturalismo vanno considerati i fratelli Edmond de
Goncourt e Jules de Goncourt autori del romanzo Le due vite di Germinie
Lacerteux pubblicato nel 1865 che si ispirava ad una vicenda vissuta e che
venne classificato come il primo esempio di romanzo-documento e di romanzo
vero. Nella prefazione alla prima edizione gli autori, rivolgendosi ad un
ipotetico pubblico abituato ai romanzi falsi, scrivono "... questo un romanzo
vero... Ed ora questo libro venga pure calunniato: poco importa. Oggi che il
Romanzo si allarga e ingrandisce, e comincia ad essere la grande forma seria,
appassionata, viva, dello studio letterario e della ricerca sociale, oggi che esso
diventa, attraverso l'analisi e la ricerca psicologica, la Storia morale
contemporanea, oggi che il Romanzo s' imposto gli studi e i compiti della
scienza, pu rivendicarne la libert e l'indipendenza. Ricerchi dunque l'Arte e
la Verit; mostri miserie tali da imprimersi nella memoria dei benestanti di
Parigi; faccia vedere alla gente della buona societ... la sofferenza umana,
presente e viva"7.

5Francesco De Sanctis, Studio sopra Emilio Zola, in Saggi critici, a cura di Luigi Russo,
Laterza, Bari, pag. 90
6mile Zola, Il romanzo sperimentale, traduzione di Ida Zaffagnini, Pratiche, Salerno, 1980,
pagine 6-8
7E. e J. Goucourt, Le due vite di Germinia Lacerteux, Prefazione alla prima edizione, trad. it.
di Oreste Del Buono, Rizzoli, Milano, 1957, pagine 9-10, citato in Il materiale e l'immaginario,
vol. 4, a cura di Remo Ceserani e Lidia De Federicis, Loescher, Torino, 1956

La poetica naturalista
La poetica naturalistica deriva dalla concezione deterministica della vita e
dell'uomo e il romanzo non altro che una piccola parte di vita analizzata con
il metodo delle scienze sia naturali che sociologiche.
I principi della teoria del romanzo sperimentale furono comunque fissati da
mile Zola in due punti fondamentali secondo i quali lo scrittore:
deve osservare la realt, e non inventarla, per poi riprodurla oggettivamente;
deve utilizzare una scrittura che risulti essere un documento oggettivo dal
quale non deve trasparire nessun intervento soggettivo dell'autore.

I temi della narrativa naturalista


I temi preferiti della narrativa naturalista furono antiidealistici e antiromantici
in modo che la narrazione portasse con s una forte carica di denuncia sociale
che doveva risultare dalla descrizione scientifica ed obiettiva dei fatti.
Tra i temi principali vi erano dunque:
la vita quotidiana con le sue banalit, le sue meschinit e le sue ipocrisie;
le passioni morbose che dovevano rasentare il limite della patologia
psichiatrica, come la follia e il crimine;
le condizioni di vita delle classi subalterne, soprattutto del proletariato
urbano che, con la sua miseria (prostituzione, alcolismo, delinquenza minorile)
potessero dare un chiaro esempio di patologia sociale.

Voci correlate
Naturalismo
Verismo
Realismo
Storicismo
Naturalismo e Verismo (confronto)
mile Zola
Gustave Flaubert
Edmond de Goncourt
Discorso indiretto libero
Il romanzo sperimentale
Giovanni Verga (tecnica dell'impersonalit)

La morale dell'arte, di Mario Rapisardi 1884, con critica al naturalismo o


realismo o verismo dell'arte.
Mario Rapisardi e la poesia naturalista

Collegamenti esterni
Approfondimento sul Naturalismo
TORNA ALL'INDICE

mile Zola
mile Zola
mile Zola (Parigi, 2 aprile 1840 Parigi, 29 settembre 1902) stato un
giornalista e scrittore francese. considerato il creatore del filone naturalista.

Biografia
mile Zola, nato a Parigi il 2 aprile 1840, figlio di Francesco Zola (all'anagrafe
Zolla) un ingegnere italiano di origine veneziana, e di milie Aubert, una
francese (della Beauce, una regione della Francia centrale), di ventiquattro
anni pi giovane del marito, trascorse l'infanzia e la prima giovinezza ad Aixen-Provence, dove il padre dirigeva la costruzione di un canale. A questo
periodo risale la sua amicizia con Paul Czanne e Philippe Solari. Morto il
padre (1847), il ragazzo comp i suoi studi ad Aix e vi rest sino al 1857, anno
in cui la madre, soprattutto per le crescenti difficolt economiche, decise di
rientrare a Parigi.
Tomba di mile Zola nel cimitero
Tomba di mile Zola al

di Montmartre fino al 1908


Panthon

Nella capitale, Zola ebbe


difficolt di
ambientamento che si
riflessero sui suoi studi
presso il liceo Saint-Louis.
Dopo essere stato bocciato
per due volte agli esami di
maturit (baccalaurat),
decise di abbandonare gli
studi e di trovarsi un
lavoro. Svolse, per brevi
periodi, vari tipi di attivit,
poi entr come fattorino
nella casa editrice
Hachette. Qui venne notato
per la sua intelligenza e gli
fu affidato l'ufficio
Pubblicit. Questo lavoro gli
permise di entrare in
contatto con il mondo
letterario e artistico del
tempo. Nel 1862 ottenne la
cittadinanza francese.
Sempre nello stesso anno,
iniziando la sua collaborazione al Journal populaire di Lilla, intraprese la sua
carriera di giornalista, attivit che prosegu per tutta la vita

contemporaneamente a quella di scrittore. Nel 1864 pubblic i Contes


Ninon e nel 1865 la Confession de Claude. Tutte e due le opere risentivano
degli influssi romantici.
Ammiratore dei fratelli Goncourt8 e attirato dalla idee di Hippolyte Taine e di
Claude Bernard, Zola si avvicin sempre pi verso il Realismo e il Naturalismo
che si manifestava gi in Teresa Raquin (1867) e Madeleine Frat (1868).
Svilupp quindi la sua concezione del romanzo come "opera sperimentale",
applicando una metodologia scientifica all'osservazione della realt sociale.
Tale teoria lo avvicin ad altri scrittori come Guy de Maupassant e Joris-Karl
Huysmans, facendone il caposcuola del Naturalismo.
Zola ritratto da douard

Manet

Negli anni 1870-1893


Zola compose il ciclo
dei Rougon-Macquart,
una serie di romanzi
incentrati sulla realt
sociale del tempo, i cui
personaggi e ambienti
sono osservati e
descritti con grande
realismo. Questa sua
linea narrativa, oltre a
grandi consensi, gli
attir spesso violente
critiche da parte degli
ambienti pi
conservatori e
moralisti dell'epoca.
Nei suoi romanzi
vengono infatti
frequentemente
smascherate le
ipocrisie e le bassezze
della borghesia
francese, con ritratti
sfacciatamente realisti
anche nei confronti dei
costumi sessuali (come
in Nan), il che gli
procur anche l'epiteto
di "pornografo". In altri
romanzi vengono
denunciate con vigore
le miserevoli condizioni
di vita delle classi pi
povere (come per
esempio in "Germinal",
ambientato in un villaggio di minatori), o la corruzione della societ del
Secondo impero, il che gli attir l'accusa di essere addirittura un sovversivo.
Nel 1898 intervenne con passione nell'affare Dreyfus in difesa dell'accusato,
con una celebre lettera aperta al Presidente, intitolata J'accuse, che fu
pubblicata nel quotidiano L'Aurore. Questo intervento lo costrinse a fuggire in
Inghilterra, per evitare il carcere, e pot rientrare solo in seguito a
un'amnistia. Fu anche amico del pittore Paul Czanne che aiut nella sua
carriera. Mor nel 1902, soffocato dalle esalazioni di una stufa, ma i dubbi su
un assassinio non furono mai fugati del tutto. Le sue spoglie sono sepolte a
Parigi nel Pantheon, accanto alle tombe di due altri grandi scrittori francesi,
Alexandre Dumas padre e Victor Hugo.

Le collaborazioni con i giornali


L'elenco delle collaborazioni tratto da Zola, La disfatta - Edizione Newton p.
16 ISBN 88-8289-115-1
La Provence (1859-1860)
Le Journal du dimanche (1861)
8Il diario dei Goncourt ovvero le avventure erotiche dei grandi scrittori

Athenaeum franais (1863)


Revue du mois (1863)
Le Journal populaire de Lille (1863-1864)
L'cho du Nord (1864)
La Nouvelle Revue de Paris (1864)
L'Entra'acte (1864)
Le Petit journal (1864-1865)
Le Courrier du monde (1865)
La Revue franaise (1865)
La Vie parisienne (1865)
Le Journal des villes et des campagnes (1865)
Le Grand journal (1865-1866)
Le Salut public de Lyon (1865-1867)
Le Figaro (1865-1867)
L'vnement (1866)
La Revue contemporaine (1866)
L'Illustration (1866-1867)
La Revue du XIX sicle (1867)
La Situation (1867)
La Rue (1867)
Le Globe (1868)
L'vnement illustr (1868)
Le Gaulois (1868-1869)
La Tribune (1868-1870)
Le Rappel (1869-1870)
La Marseillaise (1870)
La Cloche (1870-1872)
Le Smaphore de Marseille (1871-1872)
Le Corsaire (1872)
L'Avenir national (1873)
La Reinaissance littraire et artistique (1873)
Revue du nouveau monde (1874)
Le Messager de l'Europe (1875-1880)
Le Bien public (1876-1878)
La Vie littraire (1877)

Le Voltaire (1878-1880)
La Rforme (1878-1881)
Le Figaro (1880-1881)
La vie moderne (1881)
Le Globe (1881)
Le Figaro (1885-1891)
Le Figaro (1892)
Le Gaulois (1892)
Le Journal (1893)
Le Temps (1893)

Bibliografia
Il J'accuse

Romanzi
Racconti a Ninon

(1864)

La confessione di

Claude (1865)

Thrse Raquin (1867)


Madeleine Frat

(1868)

Ciclo dei "I


Macquart,
e sociale di
sotto il

Rougonstoria naturale
una famiglia
Secondo
ImperoRougon-

Macquart" (1871-1893)
1. La fortuna dei Rougon (1871)
2. La cuccagna (1872)
3. Il ventre di Parigi (1874)
4. La conquista di Plassans (1875)
5. La colpa dell'abate Mouret (1875)
6. Sua Eccellenza Eugne Rougon (1876)
7. L'ammazzatoio (L'Assommoir) (1877)
8. Una pagina d'amore (1878)

9. Nan (1880)
10. Quel che bolle in pentola (1882)
11. Al paradiso delle signore (1883)
12. La gioia di vivere (1884)
13. Germinal (1885)
14. L'Opera (1886)
15. La Terra (1887)
16. Il Sogno (1888)
17. La bestia umana (1890)
18. Il denaro (1891)
19. La disfatta (1892)
20. Il dottor Pascal (1893)

Ciclo delle tre citt


Lourdes (1894)
Roma (1896), trad. anomina, Roux e Viarengo, Torino 1904
Parigi (1897), trad. di G. Palma, Roux & Viarengo, Torino 1904

Lourdes
Nel suo viaggio a Lourdes, Zola ebbe un'esperienza privilegiata, in quanto vi si
trov proprio nei giorni in cui avvennero le guarigioni di Marie Lebranchu e
Marie Lemarchand, due dei miracoli poi riconosciuti ufficialmente, casi che il
dottor Boissarie, a capo del Bureau Mdical, present allo scrittore. Zola, nel
suo romanzo, si rifer alle due donne, con altro nome, facendole per morire
nel racconto. Questo episodio tornato in auge, in veste polemica, sulla
stampa italiana in occasione della pubblicazione sul "Corriere della Sera" di
un articolo del giornalista cattolico Vittorio Messori9. L'articolo di Messori,
contenente inesattezze ed errori di metodologia storica, stato ampiamente
criticato da Pierluigi Pellini, docente di Letterature Comparate presso
l'Universit di Siena e curatore delle pi importanti edizioni italiane delle
opere di Zola10.

Appunti di viaggio
Viaggio a Lourdes, tr. Mario Porro, introduzione di Marco Dotti, Medusa,
Milano 2010 ISBN 9788876980930
Diario romano (titolo originale: Mes Voyages), trad. di Silvia Accardi, note di
Ren Ternois, prefazione di Cesare De Seta, SugarCo, Milano 1994 ISBN
8871982681
9Da Zola a Internet. L'eterno duello su Lourdes, "Corriere della Sera", 23 febbraio 2010
10Il caso descritto in dettaglio nel post intitolato "Le storie di Messori", del blog Bioetica

Ciclo de I quattro Vangeli


1. Fecondit (1900)
2. Lavoro (1901)
3. Verit (1903) (postuma)
4. Giustizia (incompiuta)

Saggi
Il romanzo sperimentale (1880)
I romanzieri naturalisti (1881)
Il naturalismo in teatro (1881)

Romanze
Le Nuage, versi di mile Zola, musica di Francesco Paolo Frontini, ed.
Ricordi, 1884. Musica

Bibliografia
Remo Ceserani, La bestia umana di mile Zola, Loescher, Torino 1989 ISBN
8820117290
Luca Della Bianca, Introduzione alla grandezza di mile Zola, Metauro,
Pesaro 2008 ISBN 9788861560390
Giuseppe Panella, mile Zola scrittore sperimentale. Per la ricostruzione di
una poetica della modernit, Solfanelli, 2008 ISBN 8889756515
Riccardo Reim, La Parigi di Zola, Editori Riuniti, Roma 2001 ISBN
8835951224

Altri progetti

Wikisource contiene opere originali di o su mile Zola

Wikisource contiene inoltre un'opera di Mario Rapisardi: Per mile

Zola

Wikiquote contiene citazioni di o su mile Zola

Wikimedia Commons contiene file multimediali su mile Zola

Collegamenti esterni
(FR) cahiers-naturalistes.com - Sito consacrato a Zola e al Naturalismo
(FR) Mostra virtuale della Bibliothque Nationale de France dedicata a Zola
(FR) Sito su mile Zola
Video di "Le Nuage"
TORNA ALL'INDICE

Il romanzo sperimentale
Il romanzo sperimentale
Titolo originale

Le Roman exprimental

Autore

mile Zola

1 ed. originale

1880

Genere

saggio

Il romanzo sperimentale (Le Roman exprimental) un saggio che


raccoglie gli scritti teorici di mile Zola pubblicato nel 1880 e viene
considerato l'unico Manifesto del Naturalismo.
Le teorie letterarie sullo sperimentalismo in esso esposte non vennero per
accettate dai giornali francesi che ignorarono la battaglia letteraria dello
scrittore e la prima edizione dell'opera usc su una rivista di Pietroburgo, in
traduzione russa, per vedere la luce in Francia solamente nel 1880 quando
l'autore era ormai diventato famoso.

I principi della poetica naturalista


In esso lo scrittore, considerato il padre del naturalismo francese, delinea i
principi della
: qui egli afferma che
.

Il rapporto dialettico tra arte e scienza


"Il romanzo sperimentale" rispecchia pienamente i concetti espressi in campo
scientifico nel
perch essa offre uno strumento utile per comprendere le cose e gli uomini
oltre che a risolvere problemi.
Zola afferma infatti che tra
e

vi deve essere un rapporto dialettico in modo che la


possa apprendere dalla scienza il suo metodo: quello
.

Lo stile impersonale
L'autore sostiene che se il metodo sperimentale viene applicato all'arte si
possono evitare inutili lirismi a favore di uno stile che, essendo impersonale
perch sottopone il sentimento dell'artista alla verifica della verit, sar
intessuto di logica e di chiarezza.
Nella narrazione lo scrittore "esperimenta" il determinismo dei fenomeni
studiati, attraverso la concatenazione dei fatti che coinvolgono i personaggi.
Cos l'autore si esprime nel suo saggio: "Non abbiamo esaurito il nostro
compito quando abbiamo descritto la collera, l'avarizia, l'amore; l'intera
natura e l'uomo ci appartengono, non solo nei fenomeni, ma nelle cause di
quei fenomeni".

L'appoggio alla nuova concezione di romanzo


(Taine e Verga)
Questa nuova concezione di romanzo venne appoggiata dal filosofo Hippolyte
Taine che determin, tramite degli studi sulla societ, tre fattori fondamentali
influenti sulla condizione dell'uomo: il luogo, il tempo storico e la condizione
sociale.
Anche Verga si avvicin al romanzo sperimentale e guard con molto
interesse l'opera di Charles Darwin Origine delle specie. Come Darwin in
questo trattato scientifico descrive la prevalenza del pi forte sul pi debole in
natura, cos Verga racconta storie di popolo subalterno ad un potente quasi a
rafforzare la teoria dimostrata dallo scienziato.

Il compito dello scrittore


Compito dello scrittore quindi di indagare il funzionamento dei
comportamenti dell'uomo, in particolare quelli passionali, scoprendone le
cause in rapporto alle condizioni individuali o ambientali.

Voci correlate
mile Zola
Naturalismo (letteratura)

Collegamenti esterni
"Il romanzo sperimentale" di mile Zola
Approfondimento sul romanzo realista e romanzo sperimentale o naturalista
Approfondimento su Hippolyte Taine
TORNA ALL'INDICE

Verismo
Il verismo una corrente letteraria italiana nata all'incirca fra il 1875 e il
1895 ad opera di un gruppo di scrittori - per lo pi narratori e commediografi che costituirono una vera e propria "scuola" fondata su precisi principi.

La nascita
Il Verismo nasce sotto influenza del clima del positivismo, quell'assoluta
fiducia nella scienza, nel metodo sperimentale e negli strumenti infallibili
della ricerca che si sviluppa e prospera dal 1830 fino alla fine del XIX secolo.
Inoltre, il Verismo si ispira in maniera evidente al Naturalismo, un movimento
letterario diffuso in Francia a met ottocento. Per gli scrittori naturalisti
(come mile Zola, Guy de Maupassant) la letteratura deve fotografare
oggettivamente la realt sociale e umana, rappresentandone rigorosamente le
classi comprese quelle pi umili, in ogni aspetto anche sgradevole; gli autori
devono comportarsi come gli scienziati analizzando gli aspetti concreti della
vita.
Si sviluppa a Milano, la citt dalla vita culturale pi feconda, in cui si
raccolgono intellettuali di regioni diverse; le opere veriste per rappresentano
soprattutto le realt sociali dell'Italia centrale, meridionale e insulare. Cos la
Sicilia descritta nelle opere di Giovanni Verga, di Luigi Capuana e di
Federico de Roberto; Napoli in quelle di Matilde Serao e di Salvatore di
Giacomo; la Sardegna nelle opere di Grazia Deledda; Roma nelle poesie di
Cesare Pascarella; la Toscana nelle novelle di Renato Fucini.
Il primo autore italiano a teorizzare il verismo fu Luigi Capuana, il quale
teorizz la "poesia del vero"; in seguito tuttavia Verga, che dapprima era
collocabile nella corrente letteraria tardoromantica (era stato soprannominato
il poeta delle duchesse e aveva un successo notevole) intraprese la strada del
verismo con la raccolta di novelle Vita dei campi e infine col primo romanzo
del Ciclo dei Vinti, I Malavoglia, nel 1881. In Verga e nei veristi, a differenza
del naturalismo, convive comunque il desiderio di far capire al lettore il
proprio punto di vista sulla vicenda, pur non svelando opinioni personali nella
scrittura.

Tecniche
La "particolarit" del verismo rispetto ad altre tecniche narrative l'utilizzo
del "principio dell'impersonalit", tecnica che, come mostrato da Verga,
consente all'autore di porsi in un'ottica di distacco nei confronti dei
personaggi e dell'intreccio del racconto. L'impersonalit narrativa propria di
una narrazione distaccata, rigorosamente in terza persona e, ovviamente, in
chiave oggettiva, priva, cio, di commenti o intrusioni d'autore che
potrebbero, in qualche maniera, influenzare il pensiero che il lettore si crea a
proposito di un determinato personaggio o di una determinata situazione. Il
verismo, come si vede in Verga si interessa molto delle questioni socioculturali dell'epoca in cui vive e si sviluppa. In Giovanni Verga, per esempio,
ritroviamo in molte opere la questione della situazione meridionale, dei
costumi e delle usanze, del modo di vivere assai diverso rispetto a quelli del
nord Italia.
Secondo Verga, non possibile che un personaggio di umili origini riesca in
qualche modo, per quanto esso valga, a riemergere da quella condizione in cui
nato ("concetto dell'ostrica"). Non possibile che un povero diventi ricco. In
questo caso vi la consueta eccezione narrativa nella novella La roba, in cui il
povero e umile contadino Mazzar riesce a divenire ricco, grazie al suo
impegno. Ma anche giunto a una condizione relativamente benestante, o
quanto meno comoda, il personaggio non potr mai vivere tranquillamente,
non potr mai integrarsi in quello che si definisce l'ambiente alto-borghese,
proprio perch egli non vi appartiene di nascita. Questo principio triste e
sconsolante ha come soggetto narratori popolari, quasi sempre contadini o
artigiani, che spiegano a modo loro la vicenda, talvolta usando espressioni
gergali. Gli autori veristi, in particolare Verga, tendono ad usare un linguaggio
non colto, che si caratterizza per l'assenza di segni grammaticali, celebre
anche l'artificio di regressione. da citare, da ultimo, il principio della
concatenazione e della concatenazione opposta; il primo consiste nel porre a
poca distanza parole di significato analogo, il secondo di mettere una parola e
subito dopo il suo contrario. Si termina con la ripetizione narrativa, la quale,
come si capisce, privilegia le ripetizioni.

Voci correlate
Realismo
Naturalismo
Giovanni Verga
Confronto tra Naturalismo e Verismo
Luigi Capuana
Scrittori veristi
La morale dell'arte, di Mario Rapisardi 1884, con critica al naturalismo o
realismo o verismo dell'arte.

Collegamenti esterni
Il Verismo
TORNA ALL'INDICE

Giovanni Verga
Giovanni Verga
Giovanni Carmelo Verga (Catania, 2 settembre 1840 Catania, 27 gennaio
1922) fu uno scrittore italiano, considerato il maggior esponente della
corrente letteraria del verismo.
Autografo di G. Verga11
Ritratto penna e acquerello,
Collezione di Francesco Paolo

autore Antonino Gandolfo Frontini

Biografia
Giovanni Verga nacque il 2
settembre 1840: fu
registrato all'anagrafe di
Catania. Il padre, Giovanni
Battista Catalano, era di
Vizzini, dove la famiglia
Verga aveva delle propriet,
e discendeva dal ramo
cadetto di una famiglia alla
quale appartenevano i
baroni di Fontanabianca; la
madre si chiamava Caterina
Di Mauro e apparteneva ad
una famiglia borghese di
Catania. Il nonno di
Giovanni, come testimonia
il De Roberto12 in un articolo raccolto, insieme a molti altri, in un volume a
cura di Carmelo Musumarra, era stato carbonaro e, nel 1812, eletto deputato
per Vizzini al primo Parlamento Siciliano.13

La polemica sul luogo e sulla data di nascita


Il luogo
Rappresenta da sempre motivo di acceso dibattito la questione riguardante
l'esatto luogo di nascita di Giovanni Verga, nonch la data dell'evento. Bench
gran parte dei testi collochino a Catania l'evento, basandosi sul contenuto
dell'atto di nascita, esistono fondate argomentazioni sulla base delle quali
possibile ritenere che la nascita di Verga sia avvenuta nei pressi di Vizzini.

11Autografo proveniente da lettera del 1890 a Francesco Paolo Frontini


12Federico De Roberto, Casa Verga e altri saggi verghiani, Firenze, Le Monnier, 1964
13Alfredo Mazzone, Polemiche verghiane, Catania, Edigraf, 1971

Tra gli studiosi che pi di altri si appassionarono e dedicarono numerose


ricerche alla soluzione di questo interrogativo, vi sono il prof. Emilio
Interlandi (docente di lettere, critico, scrittore e acuto polemista) e l'avv.
Alfredo Mazzone (giornalista, drammaturgo e scrittore, particolarmente attivo
in ambito teatrale). Quest'ultimo, in particolare, fu autore di un saggio dal
titolo Polemiche Verghiane14, dedicato per met proprio all'indagine sul luogo
e la data di nascita di Giovanni Verga. L'opera supportata dai molti articoli
scritti sull'argomento dal prof. Interlandi e citati integralmente.
La tesi secondo cui Verga nacque in un podere di campagna, di propriet dello
zio don Salvatore, in contrada Tipidi (una zona di campagna a pochi
chilometri dal centro abitato di Vizzini, citata dall'autore verista nei suo scritti
col nome di Tebidi o Tpidi) poggia su diverse constatazioni. La prima
riguarda l'epidemia di colera che nell'estate del 1840 si era abbattuta su
Catania e che avrebbe spinto la famiglia Verga (gi abituata ad abbandonare
l'afosa Catania d'estate per la frescura collinare di Vizzini) a scegliere il
piccolo centro del Calatino per proteggere sia la madre sia il nascituro da ogni
potenziale rischio. Nato prematuro, di 7 mesi, il piccolo sarebbe poi stato
riportato nel capoluogo etneo poich l'epidemia, nel frattempo, si era spostata
nelle campagne vizzinesi.
La seconda constatazione riguarda il numero dell'atto di nascita con il quale il
padre, Giovanni Battista Verga (originario di Vizzini ma residente nel
capoluogo), registr il figlio come nato a Catania, nell'abitazione di via
Sant'Anna. Il documento riporta infatti il numero 284 ter, prova del fatto che
si tratta di un atto interposto (insieme al 284 bis). Stranamente, l'atto fu
sottoscritto scegliendo come testimoni l'usciere Michele Dell'Acqua (58 anni)
e l'analfabeta guardia marina Alfio Murabito (70 anni), anzich due parenti o
amici di famiglia. probabile, inoltre, che Giovanni Battista Verga scelse
Catania anche per compiacere la moglie Caterina Di Mauro (o Mauro),
catanese, e per comodit, visto che la futura eventuale richiesta di
certificazioni avrebbe necessitato un viaggio nella distante Vizzini.
La terza constatazione relativa a un'annotazione apposta sull'occhiello di
una copia della prima edizione delle Novelle Rusticane, che Verga regal
all'amico scrittore Luigi Capuana. Si legge:
A Luigi Capuana "villano" di Mineo Giovanni Verga "villano" di Vizzini.
Sebbene secondo Corrado Di Blasi, curatore della biblioteca Capuana, la nota
esatta sarebbe
A Luigi Capuana da Mineo Giovanni
Verga da Vizzini o quasi "villani
entrambi".

14Edigraf Catania, 1971

l'uso del termine villani dimostrerebbe, comunque, come Verga fosse a


conoscenza di essere nato in un piccolo paese di provincia (come Capuana), a
Vizzini o quasi, appunto in una contrada di campagna, e pertanto villano.
Infine lo stesso Verga, in molte delle sue missive a diversi interlocutori, si
dimostra schivo nell'affrontare l'argomento, segno che, effettivamente, anche
in lui esiste la consapevolezza che Catania come luogo di nascita una
dichiarazione pi che dubbia. Non da trascurare, inoltre, che molti amici
personali dell'epoca , come lo scienziato geologo Ippolito Cafici, il chirurgo on.
Gesualdo Costa, il prof. comm. Luigi La Rocca e l'avv. Giovanni Selvaggi,
sostenevano, per conoscenza diretta, che Verga fosse nato nelle campagne di
Vizzini.

La data
Sull'esatta data di nascita l'incertezza altrettanto ampia. L'atto di nascita 15
riporta la data del 2 settembre 1840. Il Verga, il 1 marzo 1915, scrive per in
una sua missiva a Benedetto Croce16:
Illustre amico, sono stato al
Municipio per avere la data precisa
che desidera conoscere: 31 agosto
1840, Catania. Io invece credevo fosse
il 2, oppure l'8 settembre dello stesso
anno. Eccomi dunque pi vecchio di
una settimana, ma sempre con grande
stima ed affetto per Lei.
L'8 settembre in realt la data di battesimo, mentre quella di nascita
probabilmente antecedente e potrebbe risalire alla fine di agosto, se non
addirittura il 29, giorno in cui a Vizzini si festeggia San Giovanni. Il
trasferimento da Vizzini a Catania giustificherebbe dunque il ritardo nella
registrazione e la posticipazione della data.

Gli studi e la prima formazione


La Casa-Museo di Verga a

Catania.

Verga, compiuti gli


studi primari presso la
scuola di Francesco
Carrara, venne inviato,
per gli studi secondari
alla scuola di don
Antonio Abate,
scrittore, fervente
patriota e
repubblicano, dal quale
assorb il gusto
letterario romantico ed
il Patriottismo. Abbate
faceva leggere ai suoi
allievi le opere di
Dante, Petrarca,
Ludovico Ariosto,
Torquato Tasso,
Vincenzo Monti,
Manzoni e pagine
dell'Estetica di Hegel; inoltre proponeva anche il romanzo storico-patriottico I
tre dell'assedio di Torino (scritto nel 1847) del poeta catanese Domenico
Castorina, che era lontano parente di Verga e che a quei tempi "era
15Archivio generale del Municipio di Catania, volume anno 1840, sezione II, pagina 284 ter
16Citata nella rivista da Croce stesso diretta, "La Critica", nel 1916.

considerato dai contemporanei il miglior poeta e scrittore catanese della


prima met dell'Ottocento".17
Nel 1854, a causa d'una epidemia di colera, la famiglia si rifugi nella
campagna di Tbidi e vi ritorner nel 1855 per lo stesso motivo. I ricordi di
questo periodo, legati alle sue prime esperienze adolescenziali e alla
campagna, ispireranno molte delle sue novelle, come Cavalleria rusticana e
Jeli il pastore, oltre al romanzo Mastro don Gesualdo. A soli quindici anni, tra
il 1856 ed il 1857, Verga scrisse il suo primo romanzo d'ispirazione
risorgimentale Amore e patria rimasto inedito. Il romanzo infatti ottenne
giudizio positivo da parte dell'Abbate, ma venne considerato immaturo
dall'insegnante di latino, don Mario Torrisi, che lo convinse a non pubblicarlo.
Iscrittosi nel 1858 alla Facolt di legge all'Universit di Catania, non dimostr
per grande interesse per le materie giuridiche e nel 1861 abbandon i corsi,
preferendo dedicarsi all'attivit letteraria e al giornalismo politico. Con il
denaro datogli dal padre per concludere gli studi, il giovane pubblic a sue
spese il romanzo I carbonari della montagna (1861- 1862), un romanzo storico
che si ispira alle imprese della Carboneria calabrese contro il dispotismo
napoleonico di Murat. La sua fu dunque una formazione irregolare che, come
scrive Guido Baldi,18 "... segna inconfondibilmente la sua fisionomia di
scrittore, che si discosta dalla tradizione di scrittori letteratissimi e di
profonda cultura umanistica che caratterizza la nostra letteratura, anche
quella moderna: i testi su cui si forma il suo gusto in questi anni, pi che i
classici italiani e latini sono gli scrittori francesi moderni di vasta popolarit,
ai limiti con la letteratura di consumo, come Dumas padre (I tre moschettieri)
e figlio (La signora delle camelie), Sue (I misteri di Parigi), Feuillet (Il
romanzo di un giovane povero)". Oltre a questo genere di romanzi egli
prediligeva i romanzi storici italiani, soprattutto quelli a carattere fortemente
romantico, come quelli di Guerrazzi la cui influenza si coglie anche nel suo
terzo romanzo, pubblicato nel 1863, dapprima a puntate sulle appendici della
rivista fiorentina La nuova Europa, intitolato Sulle lagune, nel periodo in cui,
ottenuta ormai l'Italia l'indipendenza, Venezia ancora sotto la potenza
austriaca. Il romanzo narra la vicenda sentimentale di un ufficiale austriaco
con una giovane veneziana in uno stile severo e privo di retorica. Entrambi
innamorati della vita finiranno per morire insieme. Verga lavor in questo
periodo frequentemente anche ad Acitrezza ed Acicastello.

Le prime esperienze a Catania


In Sicilia si verific un periodo di violente sommosse popolari per l'abolizione
del dazio sul macinato e, soprattutto nella provincia catanese, si assistette alla
reazione dei contadini che, esasperati, arrivarono ad uccidere e a
saccheggiare le terre. Sar Nino Bixio che, con la forza, riuscir a riportare
l'ordine. Nella novella Libert, il Verga rivive con forza drammatica una di
queste rivolte, quella di Bronte.
Sciorinarono dal campanile un
fazzoletto a tre colori, suonarono le
campane a stormo, e cominciarono a
17Sarah Zappulla Muscar, Invito alla lettura di Verga, Milano, Mursia, 1984, pag. 37
18Guido Baldi, Verga e il verismo. Sperimentazione formale e critica del progresso, Torino,
Paravia, 1980, pag. 13

gridare in piazza: "Viva la libert!".


Come il mare in tempesta. La folla
spumeggiava e ondeggiava davanti al
casino dei galantuomini, davanti al
Municipio, sugli scalini della chiesa: un
mare di berrette bianche, le scuri e le
falci che luccicavano19.
Con l'arrivo di Garibaldi a Catania venne istituita la Guardia Nazionale e il
Verga, nel 1860, si arruol in essa prestando servizio per circa quattro anni
ma, non avendo inclinazioni per la disciplina militare, se ne liber con un
versamento di 3.100 lire (equivalenti a circa 1.30 euro attuali)20 alla Tesoreria
Provinciale. Nel frattempo, insieme a Nicol Niceforo, conosciuto con lo
pseudonimo di Emilio Del Cerro, fond il settimanale Roma degli Italiani, che
si basava su una programma anti-regionale, e lo diresse per tre mesi oltre a
collaborare alla rivista L'Italia contemporanea. Il settimanale passer in
seguito sotto la direzione di Antonino Abate.
Nel 1862, Verga e Niceforo ritentano l'esperienza con la rivista letteraria
L'Italia contemporanea sulla quale il Verga pubblica la sua prima novella
verista, Casa da th. La rivista per ha breve durata e, dopo il primo numero,
viene assimilata da Enrico Montazio alla rivista fiorentina Italia, veglie
letterarie.
Anche il giornale l'Indipendente, fondato e diretto da Verga sempre nel '62,
venne, dopo dieci numeri, lasciato alla direzione dell'Abate. In quello stesso
anno Verga pubblic su la Nuova Europa le prime due puntate del romanzo
Sulle lagune che verranno sospese per un anno e infine riprese dall'inizio e
terminate il 15 marzo 1863 dopo 22 puntate.

Gli anni fiorentini


Nel 1865 si rec per la prima volta, lasciando la provincia, a Firenze e vi
rimase dal 13 gennaio fino al 14 maggio. In questo periodo scrisse una
commedia, che stata pubblicata solo nel 1980, dal titolo I nuovi tartufi, che
venne inviata, sotto forma anonima, al Concorso Drammatico bandito dalla
Societ d'incoraggiamento all'arte teatrale ma senza successo e il romanzo
Una peccatrice.
Firenze era a quei tempi la capitale del Regno e rappresentava il punto
d'incontro degli intellettuali italiani e il giovane Verga avr modo di
conoscere, in questo primo breve periodo, Luigi Capuana, allora critico della
Nazione, i pittori Michele Rapisardi e Antonino Gandolfo, il maestro Giuseppe
Perrotta e il poeta Mario Rapisardi.
19Giovanni Verga, Tutte le novelle, Milano, Arnoldo Mondadori, 1979, pag. 338
20Valore attuale approssimativo di 3.100 lire del 1860. Prendendo i dati della tabella Istat
(che purtroppo sono disponibili solo dal 1861 e non dal 1860 come la voce richiederebbe) che
prendono come riferimento il 2008 si ottiene che 3.100 lire del 1861 corrispondono a 13.631
euro del 2008. Se il calcolo stato fatto nel 2004 risultano invece 12.514 euro. Per
chiarimenti sul valore della lira negli anni e sulla conversione da lire in euro vedi tabella Istat
per il 2004: Il valore della moneta in Italia dal 1861 al 2007 n. 8 2008 (PDF), pp. 158. Istat,
2008. URL consultato il 20-12-2009. e tabella Istat aggiornata al 2008: Coefficienti per
tradurre valori monetari dei periodi sotto indicati in valori del 2008. Istat. URL consultato il
20-12-2009.

A Firenze ritorner nell'aprile 1869 dopo che la nuova epidemia di colera


diffusasi nel 1867 l'aveva costretto, insieme alla famiglia, a trovare rifugio
dapprima nelle propriet di Sant'Agata li Battiati e poi a Trecastagni.
A Firenze, dove rimarr fino al 1871, decise quindi di stabilirsi avendo
compreso che la sua cultura provinciale era troppo restrittiva e che gli
impediva di realizzarsi come scrittore.
Nel 1866 l'editore torinese Negro gli aveva intanto pubblicato Una peccatrice,
un romanzo di carattere autobiografico e fortemente melodrammatico, che
narra la vicenda di un piccolo borghese catanese che, pur avendo ottenuto la
ricchezza e il successo, si suicida per amore di una donna.
Gli anni fiorentini saranno fondamentali per la formazione del giovane
scrittore che avr modo di conoscere artisti, musicisti, letterati e uomini
politici oltre che frequentare i salotti pi conosciuti del momento.
Con una lettera di presentazione di Mario Rapisardi si introdusse facilmente
in casa dello scrittore e patriota Francesco Dall'Ongaro dove incontra
Giovanni Prati, Aleardo Aleardi, Andrea Maffei e Arnaldo Fusinato.
Introdotto dal Dall'Ongaro presso i salotti culturali di Ludmilla Assing e delle
signore Swanzberg, madre e figlia entrambe pittrici, conobbe Vittorio
Imbriani e altri letterati. Inizi quindi a condurre una vita mondana
frequentando il Caff Doney, dove conosce letterati e attori, il Caff
Michelangelo luogo d'incontro dei pittori macchiaioli pi noti dell'epoca e
recandosi spesso alla sera a teatro.
Risale a questo periodo la stesura del romanzo epistolare Storia di una
capinera che apparve nel 1870 sul giornale di moda Il Corriere delle Dame e
che l'anno seguente verr pubblicato, per interessamento del Dall'Ongaro,
dalla tipografia Lampugnani di Milano. La prefazione al romanzo venne scritta
dal Dall'Ongaro che riportava la lettera da lui scritta a Caterina Percoto per
presentarle il libro. Il romanzo ebbe un gran successo e il Verga incominci ad
ottenere i suoi primi guadagni.

Il ventennio a Milano
Il 20 novembre 1872 Verga si trasfer a Milano dove si fermer, pur con
diversi e lunghi ritorni a Catania, fino al 1893. Lo presenteranno l'amico
Capuana con una lettera per il romanziere Salvatore Farina direttore della
Rivista minima e il Dall'Ongaro con una al pittore e scrittore Tullio Massarani.
A Milano frequenter in modo assiduo il salotto Maffei dove conosce i
maggiori rappresentanti del secondo romanticismo lombardo e si incontra con
l'ambiente degli scapigliati, legando soprattutto con Arrigo Boito, Emilio
Praga e Luigi Gualdo.
Frequentando i ristoranti, come il Cova e il Savini, ritrovo di scrittori e artisti,
conosce Gerolamo Rovetta, Giuseppe Giacosa, Emilio Treves e il Felice
Cameroni con il quale intreccer una fitta corrispondenza epistolare molto
interessante sia per le opinioni sul verismo e sul naturalismo espresse, sia per
i giudizi dati sulla narrativa contemporanea, da Zola a Flaubert, a D'Annunzio.
Conoscer inoltre il De Roberto con il quale sar amico per tutta la vita.

Gli anni milanesi saranno ricchi di esperienze e favoriranno la nuova poetica


dello scrittore. Risalgono a questi anni Eva (1873), Nedda (1874), Eros e Tigre
reale (1875).
Lo scrittore intanto si era avvicinato ad autori nuovi per tematiche e forme,
come Zola, Flaubert, Balzac, Maupassant, Daudet, Bourget, e aveva iniziato
un abbozzo del romanzo I Malavoglia.
Nel 1876 verr pubblicata dall'editore Brigola una raccolta di novelle,
Primavera e altri racconti, che erano precedentemente apparsi sulle riviste
Illustrazione italiana e Strenna italiana, che presentano stile e soggetto diversi
dai precedenti scritti.
Nel 1878 apparve sulla rivista Il Fanfulla la novella Rosso Malpelo e nel
frattempo egli inizi a scrivere Fantasticheria.
Risale a questi anni il progetto, annunciato in una lettera del 21 aprile
all'amico Salvatore Paola Verdura,21 di scrivere un ciclo di cinque romanzi,
Padron 'Ntoni, Mastro-don Gesualdo, La Duchessa delle Gargantas,
L'onorevole Scipioni, L'uomo di lusso, che in origine avrebbero dovuto essere
titolati la Marea per poi essere cambiati in I vinti, che, nell'intenzione del
Verga, dovevano rappresentare ogni strato sociale, da quello pi umile a
quello pi aristocratico e sar questo "l'inizio della pi felice e fervida
stagione narrativa dello scrittore catanese".22
Il 5 dicembre 1878 Verga ritorn a Catania in seguito alla morte della madre e
far seguito un lungo periodo di depressione. In luglio lasci Catania e, dopo
essere stato a Firenze ritorn a Milano dove ricomincer, con maggior
fervore, a scrivere. Nell'agosto 1879 uscir Fantasticherie sul Fanfulla della
domenica e, nello stesso anno, scriver Jeli il pastore oltre a pubblicare, su
diverse riviste, alcune novelle di Vita dei campi che vedr la luce presso
l'editore Treves nel 1880.
Nel 1881 apparve sul numero di gennaio della Nuova Antologia l'episodio
tratto da I Malavoglia che narra della tempesta con il titolo Poveri pescatori e,
nello stesso anno, verr pubblicato da Treves il romanzo che sar per accolto
molto freddamente dalla critica come confesser il Verga stesso all'amico
Capuana in una lettera dell'11 aprile da Milano: "I Malavoglia hanno fatto
fiasco, fiasco pieno e completo. Tranne Boito e Gualdo, che ne hanno detto
bene, molti, Treves il primo, me ne hanno detto male".23
Nel 1882, oppresso da bisogni economici, pubblic presso l'editore Treves il
romanzo "Il marito di Elena" dove verranno ripresi i temi erotico-mondani
della prima maniera anche se con una pi accurata indagine psicologica.
Risale a questo periodo la stesura delle future "Novelle rusticane" che
verranno pubblicate man mano su alcune riviste.

21Giovanni Verga - Lettera a Salvatore Paolo Verdura (1878) . IRRE-Piemonte. URL consultato
il 19-09-2009.
22Sarah Zappulla Muscar, Invito alla lettura di Verga, Mursia, Milano, 1984, pag. 50
23Carteggio Verga-Capuana, Roma, Edizioni dell'Ateneo, 1984

Durante la primavera lo scrittore si rec a Parigi dove incontrer lo scrittore


svizzero di lingua francese Louis Edouard Rod, conosciuto l'anno precedente,
che nel 1887 pubblicher I Malavoglia nella traduzione francese. Dopo Parigi
comp un altro viaggio a Mdan per vedere Zola e a giugno si rec a Londra.
Alla fine dell'anno, ma con data 1883, pubblic la raccolta di dodici novelle
con il titolo Novelle rusticane dove si fa predominante il tema della "roba".
Lavorava intanto intensamente ai racconti Per le vie, iniziati l'anno
precedente, che saranno pubblicati sul Fanfulla della domenica, nella
Domenica letteraria e sulla Cronaca bizantina e da Treves nello stesso anno.
Il 1884 sar caratterizzato dall'esordio teatrale dello scrittore che, adattando
la novella omonima apparsa in Vita dei campi, mise in scena Cavalleria
rusticana che verr rappresentata il 14 gennaio 1884 dalla compagnia di
Cesare Rossi al Teatro Carignano di Torino e avr come attori Eleonora Duse
nella parte di Santuzza e Flavio And nella parte di Turiddu. Il dramma, come
gi aveva intuito il Giacosa che aveva seguito il lavoro del Verga, ottenne un
grande successo.
Confortato da ci, Verga prepar un'altra commedia adattando una novella di
Per le vie, Il canarino del n. 15, e il 16 maggio 1885, con il titolo In portineria,
essa venne rappresentata a Milano al Teatro Manzoni, senza per ottenere il
successo di quella precedente.

Il ritorno a Catania
Afflitto da una grave crisi psicologica dovuta alle preoccupazioni di carattere
finanziario e dal fatto che non riusciva a portare avanti come voleva il Ciclo
dei Vinti, decise di ritornare in Sicilia. Nel 1887 usc, presso l'editore Barbra
di Firenze, la raccolta Vagabondaggio.
Gli anni tra l'86 e l'87 li trascorse lavorando, ampliandole, alle novelle
pubblicate dal 1884 in poi per la raccolta Vagabondaggio che uscir nel 1887
presso l'editore Barbra.
Nel 1888 soggiorn per un periodo di alcuni mesi a Roma e all'inizio
dell'estate ritorn in Sicilia e, tranne alcuni soggiorni a Roma, vi rimase fino al
novembre del 1890. Terminata nel frattempo la prima stesura del romanzo
Mastro don Gesualdo, esso venne pubblicato a puntate sulla rivista La Nuova
Antologia.
Durante il 1889 si dedic completamente alla revisione del Mastro don
Gesualdo che venne dato alle stampe, da Treves, a fine anno ottenendo una
buona accoglienza sia dal pubblico sia dalla critica.
Lo scrittore, rincuorato dal buon successo del romanzo, progett di continuare
il Ciclo dei Vinti con La duchessa di Leyra e L'Onorevole Scipione mentre
continu la pubblicazione delle novelle che faranno poi parte delle due ultime
raccolte.

L'8 aprile 1890, al Teatro Costanzi di Roma, venne intanto messa in scena
Mala Pasqua tratta dalla novella dello scrittore che per non ottenne un gran
successo. Solo un mese dopo venne rappresentata, nello stesso teatro, l'opera
Cavalleria rusticana musicata da Pietro Mascagni riscuotendo grande
applauso di pubblico e di critica.
L'opera continu ad essere rappresentata con sempre maggior successo e il
Verga chiese al musicista e all'editore, come da accordi pattuiti, la parte di
guadagno per i diritti d'autore. Gli verr offerta una modesta cifra, 1.000 lire
che il Verga non volle accettare. Rivoltosi alla Societ degli Autori, che si
dimostr solidale con lo scrittore, egli sar per costretto ad agire attraverso
vie legali. Ha inizio cos nel 1891 una complessa vicenda giudiziaria che
sembra concludersi, il 22 gennaio 1893, allorch Verga accetta, una tantum,
la somma di lire 143.000 come "compensazione finale".24
Nel 1891 erano intanto usciti presso l'editore Treves I ricordi del capitano
d'Arce e nel 1894 Don Candeloro e C.i.
Nel 1893 lo scrittore si trasfer definitivamente a Catania dove, a parte
qualche breve viaggio a Milano e a Roma, vi rimase fino alla morte.
Nel 1895 inizi minuziose indagini di costume che affermava necessarie per il
terzo romanzo dei Cicli dei vinti, La duchessa di Leyra, che per non termin
mai (ci rimangono solamente il primo capitolo e un frammento del secondo).
Da alcuni anni lo scrittore aveva intanto intrapreso una relazione con la
pianista Dina Castellazzi contessa di Sordevolo che dur tutta la vita, anche se
la riluttanza del Verga al matrimonio ridusse la relazione amorosa ad una
affettuosa amicizia.
Una fotografia scattata da

Verga: La Sicilia rurale

Presso Treves, vennero


drammi La Lupa, In
rusticana. La Lupa venne
successo sulle scene del
a met dell'anno lo
lavorare a La duchessa di

pubblicati nel 1896 i


portineria, Cavalleria
rappresentata con
Teatro Gerbin di Torino e
scrittore ricominci a
Leyra.

Sulla rivista di Catania Le


venne pubblicata la
al lupo e l'editore Treves
versione di Vita dei campi,
Arnaldo Ferraguti che
cambiamenti se
1880.

Grazie, il 1 gennaio 1897,


novella intitolata La caccia
pubblic una nuova
con le illustrazioni di
presentava notevoli
confrontata all'edizione del

Sembra intanto proseguire


assiduamente la stesura
de La duchessa di Leyra,
come si apprende da una
lettera scritta all'amico Edouard Rod nel 1898, notizia confermata da La
Nuova Antologia che ne annuncia la prossima pubblicazione.25
Nel 1901 furono rappresentati i bozzetti La caccia al lupo e La caccia alla
volpe al teatro Manzoni di Milano e gli stessi saranno pubblicati nel 1902
dall'editore Treves.
24op. cit., Invito alla lettura di Verga, pag. 59
25Carla Riccardi, in Giovanni Verga. Tutte le novelle, Milano, Arnoldo Mondadori, 1979, pag.
XL

Alla morte del fratello Pietro, avvenuta nel 1903, il Verga ebbe in affido i figli.
Nel novembre dello stesso anno venne rappresentato, sempre al teatro
Manzoni, il dramma Dal tuo al mio che uscir solamente nel 1905 a puntate su
La Nuova Antologia e vedr le stampe, ancora da Treves, nel 1906.
Lontano ormai dalla scena letteraria, il Verga rallent notevolmente la sua
attivit di scrittore per dedicarsi in modo assiduo alla cura delle sue terre
anche se, come abbiamo notizia da una lettera all'amico Rod del 1 gennaio
1907, egli continuava a lavorare a La duchessa di Leyra del quale vedr la
luce un solo capitolo pubblicato postumo in La Letteratura a cura del De
Roberto il 1 giugno 1922. Al De Roberto lo scrittore affid, tra il 1912 e il
1914, la sceneggiatura cinematografica di alcune delle sue opere ed egli
stesso provvedette alla riduzione della Storia di una capinera e della La caccia
al lupo allo scopo di farne una versione per il teatro. La sua ultima novella,
intitolata Una capanna e il tuo cuore, risale al 1919 e fu pubblicata anch'essa
postuma, il 12 febbraio 1922 sull'Illustrazione italiana, mentre nel 1920 verr
pubblicata una edizione riveduta delle Novelle rusticane a Roma sulla rivista
La Voce.
Nel luglio di quell'anno, per gli ottanta anni dello scrittore, si tennero a Roma
le onoranze presso il Teatro Valle alla presenza dell'allora Ministro della
Pubblica Istruzione Benedetto Croce e il discorso ufficiale fu ottenuto da Luigi
Pirandello. Sempre in quell'anno Verga ricevette la nomina di senatore del
Regno.
Il 24 gennaio 1922, colto da ictus, non riprese conoscenza e il 27 gennaio mor
a Catania nella casa di Sant'Anna assistito dai nipoti e dall'amico De Roberto.

Opere
Romanzi
Amore e Patria (1856-1857) (il romanzo, tranne qualche brano pubblicato nel
volume di Federico De Roberto, Casa Verga e altri saggi verghiani, a c. di C.
Musumarra, Le Monnier, Firenze, 1964, inedito)
I Carbonari della Montagna, Galatola, Catania, (1861-1862)
Sulle lagune, "La Nuova Europa", (5 e 9 agosto 1862-13 gennaio e 15 marzo
1863)
Una peccatrice, Negro, Torino, (1866)
Storia di una capinera, Lampugnani (editore), Milano, (1871)
Eva, Treves, Milano, (1873)
Eros, Brigola, Milano, (1875)
Tigre reale, Brigola, Milano, (1875)
I Malavoglia, Treves, Milano,(1881)
Il marito di Elena, Treves, Milano, (1882)
Mastro Don Gesualdo, Treves, Milano, (1889)

Dal tuo al mio, Treves, Milano, (1906)


La duchessa di Leyra (incompiuto)

Novelle
Nedda, Brigola, Milano, (1874)
Primavera e altri racconti, Brigola, Milano (1876); terza ristampa, presso
Treves, Milano, 1877 con il titolo di Novelle
Rosso Malpelo, (1878)
Vita dei campi, Treves, Milano, (1880)
Pane nero, Giannotta, Catania, (1882)
Novelle rusticane, Treves, Milano, (1883)
Per le vie, Treves, Milano, (1883)
Drammi intimi, Sommaruga, Roma, (1884)
Vagabondaggio, Barbera, Firenze, (1887)
I ricordi del capitano d'Arce, Treves, Milano, (1891)
Don Candeloro e C., Treves, Milano, (1894)
Una capanna e il tuo cuore, "Illustrazione italiana", (12 febbraio 1922);
postuma
Libert

Trasposizioni teatrali
I nuovi tartufi (1865-1866)
Rose caduche (1867)
L'onore I (1869)
L'onore II
Cavalleria rusticana (1884)
In portineria (1885)
La lupa (1886)
Dopo (1886)
Mastro Don Gesualdo (1889)
Cavalleria rusticana (1896)
La caccia al lupo (1901)
La caccia alla volpe (1901)
Dal tuo al mio (1903)

Versioni cinematografiche
Tigre reale (1916) diretto da Piero Fosco (Giovanni Pastrone).
La terra trema (1948) diretto da Luchino Visconti, ispirato a I Malavoglia.
Storia di una capinera (1993) di Franco Zeffirelli con Vanessa Redgrave,
ispirato al romanzo omonimo.
La lupa (1996) diretto da Gabriele Lavia con Monica Guerritore, Michele
Placido e Raoul Bova, ispirato alla novella omonima.
Rosso Malpelo (2007) sceneggiato e diretto da Pasquale Scimeca, ispirato
alla novella omonima.

Bibliografia
Biografie
Cappellani Nino, Vita di Giovanni Verga, Opere di Giovanni Verga, voll. 2,
Firenze, Le Monnier, 1940
Cattaneo Giulio, Giovanni Verga, Torino, UTET, 1963
De Roberto Federico, Casa Verga e altri saggi verghiani, a cura di C.
Musumarra, Firenze, Le Monnier, 1964

Studi sull'opera
Cameroni Felice, Realismo. "Tigre reale" di Giovanni Verga, in "L'Arte
drammatica", 10 luglio 1975; "I Malavoglia", in "La rivista repubblicana", n. 2,
1881; "Novelle rusticane", in "La Farfalla", 17 dicembre 1882; poi in
Interventi critici sulla letteratura italiana, a cura di G. Viazzi, Napoli, Guida,
1974
Capuana Luigi, Studi sulla letteratura contemporanea, I serie, Milano,
Brigola, 1880; II serie, Giannotta, Catania, 1882; ristampa a cura di G. Luti,
Milano, Fabbri, 1973
Capuana Luigi, Gli "ismi" contemporanei, Catania, Giannotta, 1898
Capuana Luigi, Verga e D'Annunzio, a cura di M. Pomilio, Bologna, Cappelli,
1972
Torraca Francesco, Saggi e rassegne, Livorno, Vigo, 1885
Scarfoglio Edoardo, Il libro di don Chisciotte, Roma,Sommaruga, 1885
Panzacchi Enrico, Morti e viventi, Catania, Giannotta, 1898
Ojetti Ugo, Alla scoperta dei letterati, Milano, Fratelli Bocca editori, 1899
Croce Benedetto, Giovanni Verga, in "La Critica", I, IV, 1903; poi in La
Letteratura della nuova Italia, III, Bari, Laterza, 1922
Serra Renato, Le lettere, Roma, Bontempelli, 1914

Vossler Karl, Letteratura italiana contemporanea, Napoli, Ricciardi, 1916


Tozzi Federigo, Giovanni Verga e noi, in "Il messaggero della domenica", 17
novembre 1918; poi in Realt di ieri e di oggi, Milano, Alpes, 1928
Russo Luigi, Giovanni Verga, Napoli, Ricciardi, 1920; nuova edizione, Bari,
Laterza, 1934; terza edizione ampliata 1941; ultima edizione, 1974
Russo Luigi, Prefazione a G. V., Opere, Milano-Napoli, Ricciardi, 1955
Russo Luigi, Profilo critico in I narratori (1850-1957), Milano-Messina,
Principato, 1958
Russo Luigi, Verga romanziere e novelliere, Torino, Eri, 1959
Momigliano Attilio, Giovanni Verga narratore, Palermo, Priulla, 1923; poi in
Dante, Manzoni, Verga, Messina, D'Anna, 1944
Lugli Vittorio, I due "Mastro-don-Gesualdo", in "Rivista d'Italia", marzo 1925,
poi in Dante, Balzac, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 1952 (contiene
anche Il discorso indiretto libero in Flaubert e in Verga)
Studi Verghiani, a cura di L. Perroni, Palermo, Edizioni del Sud, 1929
(ristampati con il titolo Studi critici su Giovanni Verga, Roma, Bibliotheca,
1934)
Marzot Giulio, L'arte del Verga, in "Annuario dell'Istituto Magistrale A.
Fogazzaro", Vicenza, 1930; rielaborato in Preverismo, Verga e la generazione
verghiana, Bologna, Cappelli, 1965
Ragonese Gaetano, Giovanni Verga. Studio critico, Roma, Maglione, 1931
Ragonese Gaetano, La lingua parlata dei "Promessi Sposi" e del Verga, in
"Belfagor", III, 3, 1948
Ragonese Gaetano, Interpretazione del Verga. Saggi e ricerche, Palermo,
Manfredi, 1965
Bacchelli Riccardo, L'ammirabile Verga, in Confessioni letterarie, Milano,
Soc. ed. "La Cultura", 1932; poi in Saggi critici, Milano, Mondadori, 1962
Bacchelli Riccardo, Giovanni Verga, le canzone, il romanzo, la tragedia,
prefazione a G. V., I grandi romanzi, Milano, Mondadori, 1972
Pirandello Luigi, Giovanni Verga, in Studi critici su Giovanni Verga; poi in
Saggi, Milano, Mondadori, 1939 e in Saggi, poesie e scritti vari, a cura di M.
Lo Vecchio Musti, Milano, Mondadori, 1960
Trombatore Gaetano, Mastro-don-Gesualdo, in "Ateneo veneto", luglioagosto, 1935; poi in Saggi critici, Firenze, La Nuova Italia, 1950
Arrighi Paul, Le vrisme dans la prose narrative italienne, Paris, Boivin e C.,
1937
Bontempelli Massimo, Verga, in "Nuova Antologia", marzo 1940, poi in
Verga, l'Aretino, Scarlatti, Verdi, Milano, Bompiani, 1941
Bontempelli Massimo, Sette discorsi, Milano, Bompiani, 1942
Garrone Dino, Giovanni Verga, prefazione di L. Russo, Firenze, Vallecchi,
1941
De Michelis Eurelio, L'arte del Verga, Firenze, La Nuova Italia, 1941

Sapegno Natalino, Appunti per un saggio sul Verga, in "Risorgimento", I, 3,


1945; poi in Ritratto di Manzoni e altri saggi, Bari, Laterza, 1961
Lo Nigro Sebastiano, Le due redazioni di Mastro-don-Gesualdo, in "Lettere
italiane", I, 1, 1949
Falqui Enrico, Verga, il verismo e il novecento, in "Giornale"di Sicilia", 28
novembre 1940
Seroni Adriano, La Nedda nella storia dell'arte verghiana, Lucca, Lucentia,
1950
Seroni Adriano, Studi verghiani, in Nuove ragioni critiche, Firenze, Vallecchi,
1960
Seroni Adriano, Verga (antologia della critica), Palermo, Palumbo, 1960
Seroni Adriano, Da Dante a Verga, Roma, Editori riuniti, 1972
Navarria Aurelio, "L'amante di Raya" e "L'amante di Gramigna", in
"Belfagor", VI, 2, 1951
Navarria Aurelio, "Nedda" e "Primavera" nell'opera di Verga, in "Narrativa",
giugno, 1961
Navarria Aurelio, Lettura di poesia nell'opera di Giovanni Verga, MessinaFirenze, D'Anna, 1962
Navarria Aurelio, Giovanni Verga, Catania-Roma-Milano, "La Navicella",
1964
Navarria Aurelio, Annotazioni verghiane e pagine staccate, CaltanissettaRoma, Sciascia, 1976
Piccioni Leone, Per una storia dell'arte del Verga, in Lettura leopardiana e
altri saggi, Firenze, Vallecchi, 1952
Devoto Giacomo, I "piani del racconto" in due capitoli dei "Malavoglia", in
"Bollettino del Centro studi filologici e linguistici siciliani", II, 1954; poi in
Nuovi studi di stilistica, Firenze, Le Monnier, 1962 e in Itinerario stilistico,
Firenze, Le Monnier, 1975
Santangelo Giorgio, Storia della critica verghiana, Firenze, La Nuova Italia,
1954, ultima edizione 1969
Spitzer Leo, L'originalit della narrazione nei "Malavoglia", in "Belfagor", XI,
1, 1956
Debenedetti Giacomo, Presagi del Verga, in Saggi critici, III serie, Milano, Il
Saggiatore, 1959
Gino Raya, Un secolo di bibliografia verghiana, Padova, Cedam, 1960
Gino Raya, Ottocento inedito, Roma, Ciranna, 1960.
Gino Raya, La lingua di Verga, Firenze, Le Monnier, 1961.
Gino Raya, Mastro don Gesualdo di Giovanni Verga, Roma, Ciranna, 1967.
Gino Raya, Giovanni Verga, Roma, Ciranna, 1970.
Gino Raya, Bibliografia verghiana, Roma, Ciranna, 1972.
Gino Raya, Verga e il cinema, Roma, Herder, 1984.

Gino Raya, Carteggio Verga-Capuana, Roma, Edizioni dell'Ateneo, 1984.


Gino Raya, Verga e i Treves, Roma, Herder, 1986.
Gino Raya, Carteggio Verga-Monleone, Roma, Herder, 1987.
Gino Raya, Verga e gli avvocati, Roma, Herder, 1988.
Gino Raya, Vita di Giovanni Verga, Roma, Herder, 1990.
Carmelo Ciccia, Il mondo popolare di Giovanni Verga, Milano, Gastaldi, 1967.
Carmelo Ciccia, Giovanni Verga, in Impressioni e commenti, Milano, Virgilio,
1974.
Carmelo Ciccia, Giovanni Verga, in Profili di letterati siciliani dei secoli
XVIII-XX, Catania, Centro di Ricerca Economica e Scientifica, 2002. Profili di
letterati siciliani dei secc. XVII-XX
Carmelo Ciccia, Venezia e Oderzo nella narrativa di Giovanni Verga, in Saggi
su Dante e altri scrittori, Cosenza, Pellegrini, 2007. ISBN 978-88-8101-435-4
[0]
Sciascia Leonardo, I fatti di Bronte, in Pirandello e la Sicilia, CaltanissettaRoma, Sciascia, 1961
Sciascia Leonardo, Verga e la libert, in La corda pazza, Torino, Einaudi,
1970
Sciascia Leonardo, Giovanni Verga e la memoria, in "Notiziario
culturaleitaliano", Istituto italiano di cultura, Parigi, XIV, 1, 1973
Petronio Giuseppe, Lettura di Mastro-don-Gesualdo, in Dall'illuminismo al
verismo, Palermo, Manfredi, 1962
Asor Rosa Alberto, Scrittori e popolo. Saggio sulla letteratura populista in
Italia, Roma, Samon e Savelli, 1965
Ettore Bonora Le novelle milanesi del Verga e Lo stile dei Malavoglia
esemplificato nel capitolo dodicesimo in " Manzoni e la via italiana al
realismo", Napoli, Liguori 1989
Iannello Silvia, Le immagini e le parole dei Malavoglia, Roma, Sovera, 2008

Voci correlate
Verismo (letteratura)
Naturalismo e Verismo (confronto)
Naturalismo (letteratura)
I Malavoglia
Mastro Don Gesualdo, sceneggiato televisivo
Opere e poetica di Giovanni Verga

Altri progetti

Wikisource contiene opere originali di Giovanni Verga

Wikimedia Commons contiene file multimediali su Giovanni Verga

Wikiquote contiene citazioni di Giovanni Verga

Collegamenti esterni
La vita e le opere di Giovanni Verga
Giovanni Verga: vita e opere. ItaliaLibri, Milano, 2006. URL consultato il 20-092009.
Casa Museo Giovanni Verga. Regione siciliana. URL consultato il 20-09-2009.
Giuseppe Bonghi. Cronologia essenziale di Giovanni Verga. Biblioteca dei
Classici italiani, 09-04-2006. URL consultato il 25-10-2009.
Vergaweb, sito amatoriale. 06-03-2009. URL consultato il 20-09-2009.
Vita di Giovanni Verga, poetica. URL consultato il 20-09-2009.
Giovanni Verga: Vita dei campi. URL consultato il 20-09-2009.
Opere di Giovanni Verga in versione e-book
Opere di Giovanni Verga: testi con concordanze e liste di frequenza
Indici statistici e sequenziali di Nedda
Giovanni Verga: l'archivio cronologico
I Malavoglia di Giovanni Verga Testi e approfondimenti delle opere del Verga
La trilogia catanese: approfondimento generale
I Malavoglia - capitolo primo ascolta in audio mp3 gratuito
TORNA ALL'INDICE

Opere e poetica di Giovanni Verga


Opere
L'attivit letteraria di Giovanni Verga, dopo le prime
giovanili e di scarso rilievo, pu essere divisa in due fasi: una prima
caratterizzata dalle descrizioni di ambienti artistici e dell'alta societ, in cui
unisce residui
e modi

con la tendenza generica a una letteratura "vera" e "sociale"; una seconda che
pu propriamente essere definita quella verista.

Le prime opere giovanili


Amore e Patria
Il primo esordio del giovane Verga prende inizio dal romanzo "Amore e Patria"
del quale abbiamo le prime notizie negli anni 1829 da De Roberto e da Lina
Perroni che ne pubblica alcuni capitoli.
Esso narra un avvenimento della guerra di indipendenza americana e descrive
grandi eroi ma anche vili traditori con uno stile romantico dove la passione
amorosa si intreccia con quella patriottica. La storia ha un lieto fine. A guerra
terminata il protagonista, il colonnello Edoardo di Walter, giovane di
bell'aspetto e ardente patriota, sposa la pura e bella Eugenia di Redward.

I Carbonari della montagna


Ma la vera attivit letteraria del Verga si fa iniziare con il romanzo storico "I
carbonari della montagna" scritto nel 1860 e pubblicato tra il 1861 e il 1862 a
Catania per l'editore Galtola a spese dell'autore in quattro volumi. Esso
risente di tutte le letture fatte in quei tempi dal giovane, dall'Abate al
Castorina, dal Manzoni al Foscolo, dal D'Azeglio a Byron, Dumas e Scott oltre
ai vari poemi cavallereschi.
Il romanzo, di carattere idealmente autobiografico, risente di forte amore di
patria e di "risentimenti antifrancesi"26.
La vicenda si svolge nel 1810-1812 durante la guerra partigiana dei carbonari
che combattono per ottenere l'indipendenza. I Borboni, per combattere
l'usurpatore Gioacchino Murat raccolgono uomini coraggiosi al comando del
giovane Corrado. L'intreccio avventuroso vedr alla fine il giovane
protagonista che, deluso per il tradimento dei Borboni e di Carolina, la donna
che ama, morir restando per venerato da tutte le genti d'Italia.

Sulle lagune
Nell'appendice del quotidiano di Firenze "La Nuova Europa" viene pubblicato
a puntate, tra il 13 gennaio ed il 15 marzo 1863, il racconto lungo "Sulle
lagune", terza opera giovanile dello scrittore, nel quale prevalgono i motivi
romantici e l'eco dell'opera foscoliana "Jacopo Ortis".
La vicenda si svolge a Venezia nel periodo del dominio austriaco dal settembre
del 1860 al 1861 e racconta la storia d'amore del giovane ufficiale ungherese
Stefano de Keller e la giovane fanciulla veneziana Giulia Collini che, dopo aver
superato numerosi ostacoli, riescono a fuggire insieme su una gondola verso
Chioggia.
26Sarah Zappulla Muscar in Invito alle lettura di Verga, Mursia, Milano, 1984, pag. 65

La prima maniera
Risalgono alla prima maniera tutti quei romanzi, come Una peccatrice del
1866, Storia di una capinera del 1869, Eva e Tigre reale del 1873, Eros del
1875, che si possono considerare autobiografici nel senso che, come scrive
Giuseppe Petronio27, "... il Verga mirava a effondere stati d'animo e sentimenti
che erano anche suoi, e a vivere, nei suoi libri, avventure non vissute
effettivamente ma sognate".
Oltre a questo suo desiderio autobiografico si trova per in questi romanzi la
volont di analizzare la societ del suo tempo, soprattutto dello strato sociale
pi elevato, mettendo in evidenza i fallimenti sentimentali e l'immoralit, non
solo dei singoli personaggi ma di tutta la societ.
Le storie di questi primi romanzi, dal tono spiccatamente melodrammatico,
descrivono tutte un mondo che, se pur descritto, in un certo senso negato
"... la baronessa russa sconfitta dall'amor familiare, e il treno che ne porta in
Russia il cadavere si incontra in una stazione, simbolicamente, con quello che
porta in villeggiatura il suo ex amante con la moglie e la figlia. Enrico Landi, il
pittore romantico e bohmien di Eva, sconfitto nell'arte e nell'amore, ferito in
duello e ammalato, va a morire in Sicilia, tra gli affetti, sia pure oleografici
della famiglia: il mondo della passione, del lusso, dei sentimenti facili e
superficiali, si svela pi debole di altre cose, pi semplici ma sane, radicate
nel costume sociale e nella coscienza dei personaggi".28 In una lettera scritta a
Felice Cameroni il 18 luglio del 1875 lo scrittore, come se presagisse la
conclusione di questa sua prima fase, scrive:
Ho cercato sempre di essere vero,
senza essere n realista, n idealista,
n romantico, n altro, e se ho
sbagliato, o non sono riuscito, mio
danno, ma ne ho avuto sempre
l'intenzione, nell'Eva, nell'Eros in Tigre
reale.29

Una peccatrice
Nel 1866 Verga pubblica il romanzo "Una peccatrice" che aveva iniziato a
Catania e terminato a Firenze durante il suo primo soggiorno. In esso si
ritrovano molti di quei motivi che il giovane scrittore riprender,
rielaborandoli, nei romanzi che seguiranno.

27Giuseppe Petronio, Compendio di Storia della letteratura italiana, 1968, pag. 403
28op. cit., pp. 403-404
29lettera a Felice Cameroni del 18 luglio 1875

Storia di una capinera


"Storia di una capinera", romanzo scritto in forma epistolare e definito dallo
stesso Verga in una lettera al Rod di "genere romantico e sentimentale",
venne scritto nell'estate del 1869 e pubblicata nel 1871 ottenendo subito un
grande successo. In esso si intravvedono alcuni temi tipicamente verghiani
come quello della famiglia e della campagna. Il romanzo, pur presentando una
sensibilit ultraromantica, "... presenta anche uno studio dell'ambiente ben
documentato e la ricerca di verit e di efficacia sociale".30

Eva
Il romanzo "Eva", pubblicato nel 1873, narra la passione di un giovane pittore
per una ballerina e in esso si nota "un notevole realismo nello studio della
psicologia di Eva e nella considerazione dell'influenza decisiva del motivo
economico sulla vicenda amorosa".31

Tigre reale
"Tigre reale", pubblicato da Brigola nel 1875, narra la storia dell'attrazione
del giovane diplomatico Giorgio La Ferlita per una contessa russa "avida e
capricciosa, malata di tisi e condannata a breve vita".32 Anche in questo
romanzo spiccano alcuni di quei temi "... che ritroveremo nell'arte compiuta
del Verga maturo, in una disposizione di toni e di parole che nascono con un
timbro loro e ci obbligano ad appoggiare la voce su alcune e smorzarla su
altre".33

Eros
Il romanzo "Eros", pubblicato nel 1875 un romanzo "mondano" costruito
sulla violenza delle passioni in un mondo raffinato ed elegante ma falso e
"costituisce una tappa significativa nell'iter narrativo dello scrittore siciliano
(influenzato dal milanese clima scapigliato), un bisogno di semplicit e
naturalezza, di verit, dopo tanti artifici di sentimenti, di situazioni, di
linguaggio".34

30Mario Pazzaglia, L'Ottocento. Testi e critica con lineamenti di storia letteraria, Zanichelli,
Bologna, 1992, pag. 654
31op. cit., pag. 654
32Sarah Zappulla Muscar, Invito alla lettura di Giovanni Verga, Mursia, Milano, 1984, pag.
78
33Dino Garrone, G. Verga, Firenze, Vallecchi, 1941
34Sarah Zappulla Muscar, op. cit., pag. 81

La prima raccolta di novelle


Primavera e altri racconti
Nel 1876 l'editore Brigola di Milano pubblica la prima raccolta di novelle dello
scrittore intitolata "Primavera e altri racconti" che verr ristampata nel 1877
con l'aggiunta di "Nedda". Le novelle erano apparse precedentemente sulla
rivista "Illustrazione italiana" e "Strenna italiana". Il tema comune che lega
queste novelle dal carattere eterogeneo l'amore e in esse si pu gi cogliere
significativi tratti di realismo. Tra le novelle pi riuscite di questa raccolta si
ricorda Primavera, dove viene narrata la storia d'amore di una sartina,
chiamata la Principessa, per Paolo, un giovane musicista giunto a Milano dove
"... girondolava, masticando pensieri musicali, e sogni di giovinezza e di
gloria".35 In questa novella l'autore ritenta, come gi aveva fatto in Nedda e in
qualche passo di Eros, l'uso del discorso indiretto libero che adotter in
seguito e che risulter una nuova e vincente tecnica narrativa.

Una pausa verista


Nedda
Nel 1874 la serie di romanzi romantici e sentimentali, che per denunciavano
gi una forma di preverismo, vengono interrotti da una novella, intitolata
Nedda, completamente diversa sia per l'argomento trattato che per lo stile. In
essa Verga non descrive pi il mondo borghese dell'alta societ milanese o
fiorentina, ma il mondo umile e povero, lontano da ogni specie di vita
mondana, di un piccolo paese siciliano. In Nedda si avverte, come gi nei
precedenti romanzi, l'accusa contro un certo tipo di societ, ma l'accusa in
questo caso molto pi concreta e si basa su uno studio attento e realistico di
una situazione sociale ben precisa che l'autore denota di ben conoscere.

La fase verista
Dopo questa novella, che pu considerarsi un episodio isolato, il Verga
continu a scrivere i romanzi alla prima maniera, per poi riprendere dopo un
po' di anni le posizioni stilistiche e umane che aveva espresso in Nedda,
iniziando cos la sua nuova fase narrativa. Risalgono al 1880 la raccolta di
"Vita dei campi", al 1883 la raccolta "Novelle rusticane" e la progettazione di
cinque romanzi del Ciclo dei Vinti del quale scrisse i primi due: I Malavoglia
nel 1881 e Mastro don Gesualdo nel 1888 con la pubblicazione tra i due, nel
1882, di un romanzo tra la vecchia maniera e la nuova, intitolato "Il marito di
Elena".

35da Primavera, Giovanni Verga. Tutte le novelle, Mondadori, Milano, collana I Meridiani,
1979, pag. 35

Lo sfondo di tutte queste opere sono i luoghi intorno a Catania al quale lo


scrittore era fortemente legato e hanno tutte come protagonisti uomini di
umili origini sociali, come contadini, pastori, pescatori, artigiani. Se vengono
messi in scena alcuni rappresentanti della nobilt del paese, essi hanno tutti
caratteristiche assai diverse dal modo di pensare dei primi personaggi
verghiani. Tutto quindi cambia, dai temi, all'ambiente e ai personaggi dando
spazio allo scrittore per una nuova maniera di intendere l'arte e la vita.

Vita dei campi


La nuova stagione dello scrittore si pu far iniziare con la raccolta di novelle
intitolata "Vita dei campi", pubblicata a Milano dall'editore Treves nel 1880,
che pu essere considerata "il primo capolavoro della narrativa verghiana; un
libro che contiene alcune tra le sue pi celebri novelle, da Rosso Malpelo a Jeli
il pastore, da Cavalleria rusticana a Fantasticheria.36
In queste novelle Verga descrive, dal punto di vista popolare, gli eventi e le
situazioni di quell'ambiente contadino siciliano che egli conosceva bene e a
cui era particolarmente legato, focalizzando l'attenzione sul piccolo mondo
locale.

Il ciclo dei Vinti


Lo scrittore siciliano aveva progettato un ciclo di cinque romanzi, Il ciclo dei
vinti, dei quali, per, scrisse solo i primi due: I Malavoglia (1881) e Mastrodon Gesualdo (1888), ai quali interpose Il marito di Elena (1882), romanzo che
mostra ancora l'indecisione di Verga all'adozione del verismo. I successivi tre
titoli che dovevano completare il ciclo non sono mai stati scritti: essi
comprendono La duchessa di Leyra (di cui rimangono solo i primi capitoli),
L'onorevole Scipioni e L'uomo di lusso. Questi ultimi, in ordine, dovevano
narrare la sconfitta di quella vanit che pu sussistere solo ad un alto livello
sociale, la sconfitta nelle ambizioni politiche tese alla conquista del potere, e
la sconfitta nell'ambizione dell'artista che aspira alla gloria.

I Malavoglia
I Malavoglia la storia di una famiglia, i cui membri sono rimasti sconfitti nel
loro grande sforzo per uscire dalla miseria: la lotta per il progresso allo stato
elementare, in un ambiente i cui problemi sono quelli del pane quotidiano e le
possibilit di mobilit sociale sono ridotte a zero.

Mastro-don Gesualdo
Mastro-don Gesualdo la sconfitta di chi, vinta la battaglia per una migliore
condizione economica, aspira alla promozione sociale e spera di conquistarla
attraverso un matrimonio combinato, per accedere alla nobilt.

36Mario Pazzaglia, L'Ottocento. Testi e critica con lineamenti di storia letteraria, Zanichelli,
1992, pag. 653

Novelle rusticane
"Novelle rusticane" una raccolta di 12 novelle pubblicate a Torino
dall'editore Casanova nel 1883 e sono, come scrive Sarah Zappulla Musar37
"Mirabili, nella loro sofferta, opprimente desolazione, percorse da un pi cupo
pessimismo e nessun spiraglio di luce sembra illuminare i protagonisti di
questa disperata tragedia del vivere".

Per le vie
Risale al 1883 anche la pubblicazione, da parte dell'editore Treves della
raccolta di novelle intitolata "Per le vie" che vede come protagonisti gli
emarginati di una grande citt come Milano in continua lotta per la
sopravvivenza.

Drammi intimi
La raccolta di novelle "Drammi intimi", pubblicata a Roma nel 1884 da
Sommaruga contiene "Ancora fantasticherie erotiche, "malsane divagazioni
della mente", amori che uccidono ed insieme novelle rusticane"38

Dal tuo al mio


Nel 1905 compose infine un romanzo tratto da un dramma che aveva scritto
nel 1903 dallo stesso titolo, Dal tuo al mio dove si assiste all'evolversi del suo
pensiero sociale. Quando il movimento operaio si rafforz e cominci ad
organizzarsi, pass da una adesione commossa alla diffidenza. Il romanzo
descrive il voltafaccia di un capolega operaio che, avendo sposato la figlia del
padrone, si trova sia economicamente che socialmente dalla parte finora
contestata.

La sceneggiatura delle novelle


Oltre la composizione delle sue opere maggiori, Verga va ricordato per il suo
contributo alla nascita in Italia di un teatro verista. Egli infatti scrisse la
sceneggiatura di alcune sue novelle, Cavalleria rusticana e La lupa alle quali
seguirono opere scritte espressamente per il teatro, come In portineria e Dal
tuo al mio.
TORNA ALL'INDICE

37Sarah Zappulla Musar, Invito alla lettura di Giovanni Verga, Mursia, Milano, 1984, pag.
100
38op. cit., pag. 107

Poetica e tecnica narrativa


La poetica di Verga esprime un grande pessimismo, che unisce l'impossibilit
dell'elevazione del proprio essere, con quella di tipo economico o sociale: lo
troviamo nei Malavoglia, dove la famiglia che vuole elevarsi economicamente
finisce letteralmente per disintegrarsi, e in tutte le sue altre opere. Alla base
del pessimismo di Verga sta la profonda convinzione che la societ moderna
sia dominata dal meccanismo della lotta per la vita. Alla fine, Verga ci vuol
fare capire che non dobbiamo mai lasciare quello che abbiamo, perch
andremmo incontro alla sconfitta: "mai lasciar la strada vecchia per quella
nuova".

Il pessimismo
Nella Prefazione al Ciclo dei vinti, dalla quale si apprende l'ideologia
verghiana, egli afferma, fra l'altro, che l'autore non deve intervenire perch
non ha il diritto di giudicare e di criticare gli eventi: chi scrive deve quindi
usare la tecnica dell'impersonalit, che si configura come il modo pi adatto
per esprimere una realt di fatto, ovvero la presenza incontrastata del Male
nel mondo. La vita infatti una dura lotta per la sopravvivenza, e quindi per la
sopraffazione: un meccanismo crudele che schiaccia i deboli e permette ai
forti di vincere. questa la legge della natura la legge del diritto del pi
forte che nessuno pu modificare in quanto necessaria.
Si perviene perci all'illegittimit di giudizio e di critica da parte dell'autore,
dato che il cambiamento non comunque possibile: tanto vale lasciare che le
cose vadano come devono naturalmente andare. Quella della natura una
legge dura e spietata che gi Darwin aveva intuito e formulato nella legge
della selezione naturale e che il darwinismo sociale aveva fatto propria e ad
essa non ci sono alternative: come direbbero i latini, dura lex sed lex. L'autore
deve solamente limitarsi a fotografare la realt, descrivendo i meccanismi che
ne stanno a fondamento; la posizione verghiana pertanto diversa da quella di
Emile Zola: non c' denuncia, bens solo constatazione nuda e cruda della
realt per quella che . Il verismo autentico si attua perci solamente nella
forma, e la letteratura assume la funzione di studiare ci che dato e quindi
di rappresentare fedelmente il reale. Verga non per indifferente ai
problemi del suo tempo, in quanto conservatore, galantuomo del Sud e non
socialista: significativo infatti che parli dopotutto dei vinti e non dei
vincitori. Il suo linguaggio lucido e disincantato lo porta per a scrivere della
realt denunciandone la crudelt senza mitizzazioni: non c' pietismo, ma solo
osservazione lucida del vero. questa la concezione pessimistica di Verga
circa la condizione umana nel mondo, una condizione che l'uomo non pu
modificare perch gli fondamentalmente propria. Egli, alla pari di chi scrive,
deve solamente limitarsi alla nuda constatazione di uno spettacolo
immutabile, in cui ogni giudizio o proposta di cambiamento si rivelano vani ed
insignificanti. In questo senso, le possibilit umane nel mondo sono
pesantemente limitate.

Tale visione pessimistica e tragica perch Verga, positivisticamente, non


credeva nella Provvidenza, e Dio assente dai suoi libri; ma non credeva
nemmeno in un avvenire migliore da conquistarsi sulla terra, con le forze degli
uomini.
Vinto chiunque voglia rompere con il passato in maniera improvvisa e
clamorosa, senza esservi preparato, mentre coloro che accettano il proprio
destino con rassegnazione cosciente posseggono saggezza e moralit.
La scoperta dell'umanit delle plebi, l'analisi del risvolto negativo del
progresso, e quindi delle lacrime e del sangue di cui esso grondava, dietro la
sua facciata rilucente, spinsero Verga a considerare il presente e il futuro con
un pessimismo che lo indusse alla critica della societ borghese, ma anche alla
rinuncia sfiduciata ad ogni tentativo di lotta.
Verga, pur avendo frequentato ambienti aperti e spregiudicati, rest
intimamente legato alla mentalit siciliana profondamente tradizionalista e
fatalista; anche l'ideologia politica rest epidermica e retorica, senza
abbracciare le teorie socialiste.
Il contatto con la borghese e disinvolta societ milanese (1872 1893) lo
spinse a ripensare l'intero codice dei valori.

L'impersonalit
Secondo la sua visione, la rappresentazione artistica deve conferire al
racconto l'impronta di cosa realmente avvenuta; per far questo deve riportare
"documenti umani"; ma non basta che ci che viene raccontato sia reale e
documentato: deve anche essere riportato in modo da porre il lettore "faccia a
faccia col fatto nudo e schietto", in modo che non abbia l'impressione di
vederlo attraverso "la lente dello scrittore". Per questo lo scrittore deve
"eclissarsi", cio non deve comparire nel narrato con le sue reazioni
soggettive, le sue riflessioni, le sue spiegazioni, come nella narrativa
tradizionale. L'autore deve inoltre "mettersi nella pelle" dei suoi personaggi,
"vedere le cose coi loro occhi ed esprimerle colle loro parole" (regressione).
In tal modo, la sua mano "rimarr assolutamente invisibile" nell'opera, tanto
che l'opera dovr sembrare "essersi fatta da s", "essere sorta spontanea
come fatto naturale, senza serbare alcun punto di contatto col suo autore",
proprio come una fotografia.

La tecnica narrativa
Nelle sue opere effettivamente l'autore si "eclissa", si cala "nella pelle" dei
personaggi, vede le cose "coi loro occhi" e le esprime "colle loro parole". A
raccontare infatti non il narratore onnisciente tradizionale, che riproduce il
livello culturale, i valori, i principi morali, il linguaggio dello scrittore stesso
ed interviene continuamente nel racconto ad illustrare gli antefatti o le
circostanze dell'azione, a tracciare il ritratto dei personaggi, a spiegare i loro
stati d'animo e le motivazioni psicologiche dei loro gesti, a commentare e
giudicare i loro comportamenti, a dialogare col lettore, ma un occhio che
osserva i fatti senza darne interpretazione; star poi al lettore, sulla scorta
delle proprie idee e convinzioni, dare un significato a ci che l'autore ha
riportato sulle pagine del libro. In questo modo, la letteratura verghiana si
configura come scientifica ed oggettiva, capace di esporre delle vicende senza
l'intrusione teoretica dello scrittore.
Il punto di vista dell'autore non si avverte -quasi- mai nelle opere di Verga: la
"voce" che racconta si colloca tutta all'interno del mondo rappresentato, allo
stesso livello di personaggi.

La concezione della societ


Verga vede la societ come una specie di giungla intricata, in cui gli uomini
sono costretti alla violenza ed alla sopraffazione, per sopravvivere; una
giungla in cui vige la spietata - ma naturale - legge del pi forte. In questo
senso, possibile porre delle analogie con lo stato di natura teorizzato da
Hobbes, per cui l'uomo lupo degli altri uomini ("homo homini lupus"); la
differenza sta per nel fatto che questa condizione non stata superata,
secondo Verga, dalla costituzione di uno Stato legiferante, bens vige ancora
in tutta la sua crudelt nella vita di tutti i giorni, soprattutto tra le classi
sociali pi disagiate.

La svolta verista
La cosiddetta "svolta" verista nacque dal proposito di contrapporre alla
mentalit borghese la schiettezza di un'umanit umile, travagliata, eppure
capace di conservare intatti i valori tradizionali ed affettivi. A tal fine Verga
teorizz uno stile antiromanzesco il cui fulcro fu il canone dell'impersonalit.
Come verista, Verga intese svelare le conseguenze eticamente negative del
progresso economico, voluto ed attuato dalla borghesia.

L'arte e la lingua
L'influsso del naturalismo
Verga, nella convinzione che il romanzo moderno dovesse rappresentare tutta
la societ, accett le linee generali del naturalismo, descrivendo
accuratamente l'ambiente e il momento storico, indispensabili alla spiegazione
della psicologia dei personaggi, che immise direttamente nell'azione lasciando
che il loro carattere si svelasse attraverso il loro comportamento.

Le tecniche narrative
La tecnica dell'impersonalit
Egli, inoltre, insistette in modo particolare sull'impersonalit narrativa,
affermando che lo scrittore deve restare assolutamente invisibile, e il romanzo
deve avere l'impronta dell'avvenimento reale, e l'opera d'arte deve apparire
un fatto naturale, senza serbare alcun punto di contatto con la personalit
dell'autore.
Nelle opere del Verga, il narratore calato nella vicenda per mentalit,
linguaggio, cultura, canoni di giudizio, valori etici, consuetudini e si rivolge,
apparentemente, ad ascoltatori appartenenti a quella stessa societ. In Rosso
Malpelo si pu, ad esempio, parlare di narratore corale.
Nella prefazione a "L'amante di Gramigna", Verga sostenne che oggetto del
romanzo devono essere i fatti veri, e quindi degni di analisi scientifica, ma che
la letteratura non solo questo. Il romanzo deve infatti basarsi sull'obiettivit
ed da considerarsi riuscito quando ha la naturalezza della realt e l'autore
dimostra di essere al di fuori della vicenda che narra.

La lingua
Verga, anche nella lingua, persegu un'aderenza assai rigorosa ai personaggi e
all'ambiente utilizzando il discorso indiretto libero che rendeva bene la tecnica
dello straniamento che l'autore usava. Inoltre, Verga fa ampio uso di termini
ed espressioni dialettali, persino volgari, per mantenere una forte
corrispondenza con il mondo reale.

Il discorso indiretto libero


La narrazione dominata da una prosa "parlata", intessuta di dialoghi,
apparentemente incolore, nella quale si avverte la cadenza dialettale e che fa
uso del discorso indiretto libero.

L'uso dei proverbi


L'uso del proverbio, con la sua suggestione di saggezza arcaica, ha la funzione
di evocare un mondo mitico ormai morente, edificato e cristallizzato al di l
del tempo, ricco di valori e tradizioni, ma anche di pregiudizi e meschinit.
Alla stessa finalit risponde la concatenazione di periodi e capitoli mediante la
ripetizione di un termine o di un'espressione, oppure certe formule che
individuano i caratteri salienti di un personaggio e che sono espressione di
luoghi comuni, fortemente radicati nella mentalit popolare.

La soluzione linguistica
La soluzione linguistica fu originale, infatti, la lingua era, per i veristi italiani,
il problema pi grave perch avevano intorno a s una societ pi regionale
che nazionale, e una lingua nazionale solo a livello letterario.
Giovanni Verga fu il solo, dei veristi, ad avere il coraggio di adottare una
soluzione radicale: non una lingua parlata, che non c'era; non la lingua
regionale, che avrebbe costretto il libro in un ambito ristretto; bens una
lingua italiana intessuta di espressioni e vocaboli locali, adatta a
caratterizzare i personaggi ed a nascondere l'autore, costruita sulla stessa
semplice struttura sintattica della lingua siciliana, al fine di semplificarne la
lettura da parte di persone poco istruite.

Le sue opere e la lirica


Pietro Mascagni ha messo in musica il soggetto della novella Cavalleria
rusticana su libretto di Guido Menasci e Giovanni Targioni-Tozzetti.

Le sue opere e il cinema


I romanzi e le opere di Verga hanno ispirato diversi film e sono stati motivi
ispiratori fin dalla nascita del cinema italiano.
Nel 1916 viene diretta da Giovanni Pastrone il film muto Tigre reale dove la
Contessa Natka Pia Menichelli mentre Alberto Nepoti l'ambasciatore
Giorgio la Ferlita. Il film stucchevole e insiste molto sugli aspetti romantici.
Il romanzo pi diretto, invece, Cavalleria rusticana, prima da Ugo Falena nel
1916 e poi da Mario Gargiulo nel 1924 dove Alfio era recitato da Giovanni
Grasso. Nel 1939 viene messo girato un film musicale, sempre sullo stesso
tema, diretto da Amleto Palermi con Isa Pola nella parte di Santuzza, Doris
Duranti nella parte di Lola, Carlo Ninchi in Alfio e Leonardo Cortese in
Turiddu.

Il suo maggiore romanzo, I Malavoglia, sono alla base de La terra trema,


girato da Luchino Visconti nel 1948 su dialoghi di Antonio Pietrangeli. Il film
sfiora il documentario e gli stessi attori sono tutti pescatori siciliani che
parlano il loro dialetto. In pratica il realismo di Verga viene qui esaltato dal
neo-realismo del regista ottenendo ottimi risultati [1].
Verga diventa ispiratore di parecchi registi importanti. Nel 1953 Alberto
Lattuada realizza La lupa che per viene attualizzata, ambientando il dramma
nell'immediato dopoguerra. Il risultato non sui livelli di Visconti. Vi recitano
Kerima nella parte de La lupa, Ettore Manni in Lasca, May Britt in Maria
Maricchia [2].
Gli stessi attori sono nell'anno seguente nel film La cavalleria rusticana di
Carmine Gallone con May Britt nella parte di Santuzza, Ettore Manni in
Turiddu, Kerima in Lola e un giovane Anthony Quinn in Alfio.
Nel 1968 lo stesso soggetto rappresentato nell'opera di Pietro Mascagni, viene
trasposto per la TV tedesca da ke Falck, il primo regista straniero che
prende in esame le opere di Verga. Qualche anno dopo Carlo Lizzani riprende
L'amante di Gramigna (1969) in una produzione italo-bulgara. Il tema
dell'opera di Verga viene ripreso in una chiave socio-politica e trasposto al
presente. Questo nonostante ottimi attori come Gian Maria Volont nel ruolo
di Gramigna, Stefania Sandrelli in Gemma e Ivo Garrani [3].
Negli anni successivi si hanno solo delle rappresentazioni dell'opera di
Mascagni nel 1982 con Franco Zeffirelli, nel 1990 con Peter Goldfarb e nel
1996 con Liliana Cavani, sono comunque o opere minori dei registi o opere
per la TV.
Una ripresa ispirativa in Verga si ha sempre con Franco Zeffirelli in Storia di
una capinera nel 1993 con Angela Bettis in Maria, Johnathon Schaech in Nino
e Sara-Jane Alexander in Annetta. Il risultato non degli ottimi e la storia
appare molto stucchevole e poco convincente, in pratica i difetti del romanzo,
prodotto nei primi anni dell'attivit del Verga, vengono qui esasperati.
Nel 1996 stata invece prodotta La lupa di Gabriele Lavia. Il film presenta
Monica Guerritore, Giancarlo Giannini, Michele Placido e Raoul Bova in
Nanni. Il risultato non ha convinto la critica ma il giudizio stato migliore
presso il pubblico. Rispetto alla versione di Lattuada questo film pi fedele a
Verga e insiste maggiormente sulla crudezza.

Voci correlate
Giovanni Verga (descrizione dello spazio)

Altri progetti

Wikisource contiene opere originali di o su Opere e poetica di

Giovanni Verga
TORNA ALL'INDICE

Giovanni Verga (Ciclo dei Vinti)


Con il termine Ciclo dei Vinti viene indicato l'insieme dei romanzi di cui
avrebbe dovuto comporsi un impegnativo progetto letterario dello scrittore
Giovanni Verga. A costituire il corpus di tale ciclo avrebbe dovuto essere un
gruppo di cinque romanzi a definizione tematica:
I Malavoglia
Mastro-don Gesualdo
La duchessa di Leyra
L'onorevole Scipioni
L'uomo di lusso
L'intera serie - secondo il progetto originario dello scrittore - avrebbe dovuto
avere come comune denominatore un tema comune e universale, quello
dell'indiscussa lotta dell'uomo per l'esistenza e per il progresso. L'opera
completa rimarr incompiuta in quanto La Duchessa de Leyra rimane solo
abbozzato, mentre gli ultimi due romanzi previsti del Ciclo, L'Onorevole
Scipioni e L'uomo di lusso, non verranno neppure iniziati.
Una sorta di operazione analoga - su una tematica leggermente diversa - verr
compiuta molti anni dopo, nel Novecento, negli Stati Uniti dallo scrittore
statunitense Erskine Caldwell con quello che verr definito il suo Ciclo del
Sud (La via del tabacco, ecc.).

La struttura del ciclo


Prefazione a "I Malavoglia"
"Questo racconto lo studio sincero e spassionato del come probabilmente devono nascere e
svilupparsi nelle pi umili condizioni le prime irrequietudini pel benessere; e quale perturbazione
debba arrecare in una famigliuola, vissuta sino allora relativamente felice, la vaga bramosia
dell'ignoto, l'accorgersi che non si sta bene, o che si potrebbe star meglio.
Il movente dell'attivit umana che produce la fiumana del progresso preso qui alle sue sorgenti,
nelle proporzioni pi modeste e materiali. Il meccanismo delle passioni che la determinano in
quelle basse sfere meno complicato, e potr quindi osservarsi con maggior precisione. Basta
lasciare al quadro le sue tinte schiette e tranquille, e il suo disegno semplice. Man mano che
cotesta ricerca del meglio di cui l'uomo travagliato cresce e si dilata, tende anche ad elevarsi e
segue il suo moto ascendente nelle classi sociali ...". .

Nella prefazione che precedeva I Malavoglia, pubblicato nel 1881, Giovanni


Verga illustrava la struttura pi complessa di cui l'opera avrebbe dovuto far
parte, un ciclo appunto composto da cinque romanzi, che si sarebbe dovuto
intitolare "Marea" perch Verga intendeva studiare il tema del progresso
dell'umanit da una prospettiva che rovesciava il trionfalismo positivistico,
cio coloro che si opporranno al progresso saranno travolti da appunto questa
marea chiamata "fiumana del progresso".
Si sostiene quindi chiaramente l'imparzialit del fato come fluire negativo.
Nessuno al sicuro dalla lotta per la vita.
Solo successivamente decise di optare per il titolo "I Vinti".

La fisionomia dei romanzi


Gi in precedenza, Verga aveva annunciato in una lettera del 1878 all'amico
Salvatore Paolo Verdura39 che aveva in mente un lavoro grandioso nel quale
avrebbe parlato di questa lotta, una lotta che si estendeva "dal cenciaiuolo al
ministro e all'artista... Insomma cogliere il lato drammatico, o ridicolo, o
comico di tutte le fisionomie sociali ... Ciascun romanzo avr una fisionomia
speciale, resa con mezzi adatti. Il realismo, io, lintendo cos, come la schietta
ed evidente manifestazione dellosservazione coscienziosa; la sincerit
dellarte, ...".
La lettera all'amico continua con i titoli provvisori di questi romanzi. I
protagonisti saranno tutti vinti dal fato, dalla necessit o bramosia di
miglioramento.

Dai "Malavoglia" all'"Uomo di lusso"


Sempre nella prefazione de "I Malavoglia" l'artista ancora pi esplicito e
preciso:
Ritorna il monito a non giudicare, ma a capire e riflettere.
Quasi il punto di vista di un antropologo che deve soltanto osservare,
registrare e studiare. Studiare per comprendere e conoscere le culture
diverse ma mai intervenire con il giudizio del diverso dallaltro.
Paragrafo (dalla prefazione a "I Malavoglia", Giovanni Verga)

39La lettera custodita nella Biblioteca Regionale Universitaria di Catania

"Nei Malavoglia non ancora che la lotta pei bisogni materiali. Soddisfatti questi, la ricerca
diviene avidit di ricchezze, e si incarner in un tipo borghese, Mastro-don Gesualdo,
incorniciato nel quadro ancora ristretto di una piccola citt di provincia, ma del quale i colori
cominceranno ad essere pi vivaci, e il disegno a farsi pi ampio e variato. Poi diventer vanit
aristocratica nella Duchessa de Leyra; e ambizione nell' Onorevole Scipioni, per arrivare all'
Uomo di lusso, il quale riunisce tutte coteste bramosie, tutte coteste vanit, tutte coteste
ambizioni, per comprenderle e soffrirne, se le sente nel sangue, e ne consunto. A misura che la
sfera dell'azione umana si allarga, il congegno della passione va complicandosi; i tipi si disegnano
certamente meno originali, ma pi curiosi, per la sottile influenza che esercita sui caratteri
l'educazione, ed anche tutto quello che ci pu essere di artificiale nella civilt. Persino il
linguaggio tende ad individualizzarsi, ad arricchirsi di tutte le mezze tinte dei mezzi sentimenti, di
tutti gli artifici della parola onde dar rilievo all'idea, in un'epoca che impone come regola di buon
gusto un eguale formalismo per mascherare un'uniformit di sentimenti e d'idee.
Perch la produzione artistica di cotesti quadri sia esatta, bisogna seguire scrupolosamente le
norme di questa analisi; esser sinceri per dimostrare la verit, giacch la forma cos inerente al
soggetto, quanto ogni parte del soggetto stesso necessaria alla spiegazione dell'argomento
generale. Il cammino fatale, incessante, spesso faticoso e febbrile che segue l'umanit per
raggiungere la conquista del progresso, grandioso nel suo risultato, visto nell'insieme, da
lontano. ... Ogni movente di cotesto lavoro universale, dalla ricerca del benessere materiale alle
pi elevate ambizioni, legittimato dal solo fatto della sua opportunit a raggiungere lo scopo del
movimento incessante; e quando si conosce dove vada quest'immensa corrente dell'attivit
umana, non si domanda al certo come ci va. Solo l'osservatore, travolto anch'esso dalla fiumana,
guardandosi intorno, ha il diritto di interessarsi ai deboli che restano per via, ai fiacchi che si
lasciano sorpassare dall'onda per finire pi presto, ai vinti che levano le braccia disperate, e
piegano il capo sotto il piede brutale dei sovravvegnenti, i vincitori d'oggi, affrettati anch'essi,
avidi anch'essi d'arrivare, e che saranno sorpassati domani.
I Malavoglia, Mastro-don Gesualdo, la Duchessa de Leyra, l'Onorevole Scipioni, l'Uomo di lusso
sono altrettanti vinti che la corrente ha deposti sulla riva, dopo averli travolti e annegati,
ciascuno colle stimate del suo peccato, che avrebbero dovuto essere lo sfolgorare della sua virt.
Ciascuno, dal pi umile al pi elevato, ha avuta la sua parte nella lotta per l'esistenza, pel
benessere, per l'ambizione - dall'umile pescatore al nuovo arricchito - alla intrusa nelle alte classi
- all'uomo dall'ingegno e dalle volont robuste, il quale si sente la forza di dominare gli altri
uomini, di prendersi da s quella parte di considerazione pubblica che il pregiudizio sociale gli
nega per la sua nascita illegale; di fare la legge, lui nato fuori della legge - all'artista che crede di
seguire il suo ideale seguendo un'altra forma dell'ambizione. Chi osserva questo spettacolo non ha
il diritto di giudicarlo; gi molto se riesce a trarsi un istante fuori del campo della lotta per
studiarla senza passione, e rendere la scena nettamente, coi colori adatti, tale da dare la
rappresentazione della realt com' stata, o come avrebbe dovuto essere."

I motivi del positivismo


Nella "Prefazione" sono presenti tutti i motivi del positivismo che sono assunti
dal Verga in modo personalissimo.
L'evoluzionismo infatti esprimeva l'idea di un progresso indefinito e pertanto
accettava nella sua totalit la societ industriale borghese, in Verga invece il
progresso appare come un'onda travolgente - tanto che lo stesso Verga, nella
prefazione ai Malavoglia, definisce il progresso come la fiumana del progresso
- ( da ricordare che all'inizio il ciclo sarebbe dovuto chiamarsi "Marea") che
sommerge non solo i pi deboli ma anche quelli che sembravano i vincitori.
Verga vuole infatti dimostrare quanto sia difficile per chiunque trasformarsi in
un vincitore, ma anche che ogni vincitore destinato a trasformarsi in vinto.

La concezione darwiniana di ciclo


Verga aveva ricavato da Zola, oltre ai principi generali del romanzo
sperimentale, anche la concezione di origine darwiniana del ciclo inteso come
il susseguirsi di romanzi che, riguardando gli stessi personaggi, permettono di
osservare con il metodo scientifico le costanti e i cambiamenti di
legati al cambiamento dell'ambiente sociale.
Icomportamento
Malavoglia

I Malavoglia

IAutore
cinque romanzi dell'annunciato "Ciclo Giovanni
dei Vinti"Verga
non furono per mai
conclusi.
1
ed. originale
1881 e una piccola parte del terzo,
Verga
scrisse solamente i primi due romanzi
"La
duchessa de Leyra", del quale ci rimangono
Genere
romanzo il primo capitolo e qualche
altro frammento. Le ragioni che portarono il Verga a non completare la
Ambientazione
Aci Trezza,
1863-1878
circa In prima
stesura del suo ciclo furono essenzialmente
stilistiche
e filosofiche.
istanza, Verga ritenne che sarebbe potuto risultare noioso e pedante per i
Protagonisti
lettori; ma, essenzialmente, ormai carico di disprezzo per l'aristocrazia e le
Famiglia Toscano, ovvero i Malavoglia:
classi sociali pi elevate, credeva non sarebbe riuscito a esporre in maniera
oggettiva e positiva la vita di costoro.

Voci correlate
Giovanni Verga
Giovanni Verga (poetica)
Verismo
I Malavoglia

- Padron 'Ntoni: capo famiglia


- Bastianazzo: figlio
- Maruzza la Longa: nuora
Figli di Bastianazzo e Maruzza:
- 'Ntoni di Padron 'Ntoni
- Mena
- Luca
- Alessi
- Lia

Mastro-don Gesualdo
I Malavoglia il titolo del romanzo pi conosciuto dello scrittore siciliano
Giovanni Verga, pubblicato a Milano dall'editore Treves nel 1881.

Collegamenti esterni
I vinti - Approfondimento
Descrizione

Il romanzo narra la storia di una famiglia di pescatori che vive e lavora ad Aci
Trezza, un piccolo paese siciliano nei pressi di Catania. Il romanzo ha
un'impostazione corale, e rappresenta personaggi uniti dalla stessa cultura ma
divisi dalle loro diverse scelte di vita, soverchiate comunque da un destino
ineluttabile.
Lo scrittore adotta la tecnica dell'impersonalit, riproducendo alcune
caratteristiche del dialetto e adattandosi quanto pi possibile al punto di vista
dei differenti personaggi, rinunciando cos all'abituale mediazione del
narratore.
L'opera va inserita nel Ciclo dei vinti, insieme a Mastro-don Gesualdo e a La
Duchessa de Leyra, opere che affrontano il tema del progresso, visto dal punto
di vista degli "sconfitti" di ogni strato sociale. La Duchessa de Leyra rimase
solo abbozzato, mentre altri due romanzi previsti nel Ciclo (L'Onorevole
Scipioni e L'uomo di lusso) non vennero neppure iniziati.

Trama
Presso il paese di Aci Trezza, nel catanese, vive la famiglia Toscano che,
nonostante sia decisamente laboriosa, viene soprannominata Malavoglia per
antifrasi. Il patriarca Padron 'Ntoni, vedovo, che vive presso la casa del
nespolo insieme al figlio Bastiano,detto Bastianazzo, quest'ultimo sposato con
Maria (la longa). Bastiano ha cinque figli: 'Ntoni, Luca, Filomena (detta
Mena), Alessio (detto Alessi) e Rosalia (detta Lia). Il principale mezzo di
sostentamento la "Provvidenza", una piccola imbarcazione utilizzata per la
pesca. Nel 1863 'Ntoni, il maggiore dei figli, parte per la leva militare. Per far
fronte alla mancanza, Padron Ntoni tenta un affare comprando una grossa
partita di lupini, peraltro avariati, da un suo compaesano, chiamato Zio
Crocifisso per via delle sue continue lamentele e del suo perenne pessimismo.
Il carico viene affidato al figlio Bastianazzo perch vada a venderlo a Riposto,
ma egli perder tutta la merce durante un naufragio, e con essa anche la vita.
A seguito di questa sventura, la famiglia si ritrova con una triplice disgrazia: il
debito dei lupini, la Provvidenza da riparare e la perdita di Bastianazzo e
quindi di un membro importante della famiglia. Finito il servizio militare,
'Ntoni torna molto malvolentieri alla vita laboriosa della sua famiglia, e non
rappresenta alcun sostegno per la gi precaria situazione economica del
nucleo familiare.

Purtroppo, le disgrazie per la famiglia non terminano. Luca, uno dei nipoti,
muore nella battaglia di Lissa (1866), e questo determina la rottura del
fidanzamento di Mena con Brasi Cipolla. Il debito causer alla famiglia la
perdita dell'amata Casa del nespolo, e via via la reputazione della famiglia
andr peggiorando fino a raggiungere livelli umilianti. Un nuovo naufragio
della "Provvidenza" porta Padron 'Ntoni ad un passo dalla morte, dalla quale,
fortunatamente, riesce a scampare. In seguito Maruzza, la nuora, muore di
colera. Il primogenito 'Ntoni decide di andare via dal paese per far ricchezze,
ma, una volta tornato ancora pi impoverito, perde ogni desiderio di lavorare,
dandosi all'alcolismo ed all'ozio. La partenza di 'Ntoni costringe la famiglia a
vendere la Provvidenza per accumulare denaro al fine di riacquistare la casa
del nespolo, mai dimenticata. La padrona dell'osteria Santuzza, gi ambita
dallo sbirro Don Michele, a causa dei numerosi intrallazzi di quest'ultimo, si
invaghisce di 'Ntoni, mantenendolo gratuitamente all'interno del suo locale.
La condotta di 'Ntoni e le lamentele del padre la convinceranno a distogliere
le sue aspirazioni dal ragazzo, e a richiamare Don Michele all'osteria. Ci sar
origine di una rissa tra i due; rissa che sfocer in una coltellata di 'Ntoni al
petto di Don Michele durante una retata anti contrabbando alla quale il
Malavoglia si era dato. 'Ntoni finir dunque in prigione. Padron 'Ntoni,
accorso al processo e sentite le voci circa una relazione tra Don Michele e sua
nipote Lia, stramazza al suolo. Ormai vecchio, il suo salmodiare si fa
sconnesso e i suoi proverbi pronunciati senza cognizione di causa. Lia, la
sorella minore, vittima delle malelingue, lascia il paese e si abbandona
all'umiliante mestiere della prostituta. Mena, a causa della vergognosa
situazione della sorella, sceglie di rinunciare a sposarsi con compare Alfio, di
cui innamorata, e rimarr in casa ad accudire i figli di Nunziata e di Alessi, il
minore dei fratelli, che continuando a fare il pescatore ricostruir la famiglia e
potr ricomprare la "casa del nespolo". Acquistata la casa, ci che resta della
famiglia far visita all'ospedale al vecchio Padron 'Ntoni, per informarlo della
compravendita e annunciargli un suo imminente ritorno a casa. Sar l'ultima
gioia per il vecchio, che morir proprio nel giorno del suo agognato ritorno.
Neanche il desiderio di morire nella casa dov'era nato sar dunque esaudito.
Quando 'Ntoni, uscito di prigione, ritorner al paese, si render conto di non
poter restare a causa del suo passato, in cui si auto-escluso dal nucleo
familiare rinnegando sistematicamente i suoi valori.

L'opera
Tutta la storia si svolge alla fine dell' 800 ad Aci Trezza, piccolo paese della
Sicilia. Si pu dividere l'intera opera fondamentalmente in tre parti:
La prima parte (capitoli I-IV) inizia con la presentazione dei Toscano, in
ordine di et, quindi si accenna alla partenza di 'Ntoni per il servizio militare
e, soprattutto, sono trattati lo sfortunato affare dei lupini e la morte di
Bastianazzo; i funerali di questo sono l'occasione, per Verga, di presentare i
principali concittadini dei Toscano.
La seconda parte (capitoli V-IX) narra di diversi episodi, ma il principale
costituito dal debito causato dai lupini e dal tentativo dei Toscano di saldarlo
senza rinunciare alla casa; infine, vista l'inutilit di tali tentativi, il
trasferimento nella casa del beccaio.

La terza ed ultima parte inizia dopo un capitolo di transizione (il X), in cui
'Ntoni vorrebbe andare in una citt a far fortuna; lo far poi, approfittando
della morte della Longa, la quale era contraria alla sua partenza. Quindi inizia
la terza parte vera e propria (capitoli XI-XV), che narra di Padron 'Ntoni
costretto a vendere la barca ed a recarsi da Padron Cipolla, del ritorno di
'Ntoni pi povero di prima che, infine, vive da contrabbandiere. 'Ntoni
accoltella don Michele; L'avvocato di 'Ntoni per getta discredito sulla
famiglia rivelando una presunta relazione tra Don Michele e la Lia, che
fuggir verso la citt. Il nonno cade in uno stato di depressione e 'Ntoni finisce
in prigione. Alla fine sono narrati i destini dei membri della famiglia.

L'ambiente
L'ambientazione molto importante per lo svolgersi della vicenda: infatti,
quello che fa da sfondo al racconto un paese con attivit agricole o
marittime di scarsa entit, volte alla sopravvivenza pi che all'arricchimento
dei privati che le praticano, in linea con un sistema economico arretrato ed
antitetico ai precetti borghesi.

I personaggi
I personaggi, a causa della loro condizione, sono imprigionati in una fascia
economica da cui impossibile uscire: la politica chiusa di tutto il Sud Italia
di quel periodo.
Il mondo ad Aci Trezza non cambia, e non cambier nonostante le vicende dei
Malavoglia: a testimonianza di questo aspetto, Giovanni Verga applica uno
stile ripetitivo nella parte finale del racconto per creare l'idea di ripetizione
nella mente del lettore. L'autore vuole insegnarci che il progresso travolge le
classi pi umili, ancora legate ai valori arcaici, le quali soccombono perdendo
le antiche usanze senza riuscire comunque ad adeguarsi alla societ moderna.
L'idea quella di un progresso impossibile ed inattuabile.
Ogni personaggio viene chiamato con un nomignolo attribuitogli dal popolo, e
la famiglia stessa veniva chiamata dai concittadini i Malavoglia. Verga usa
cos una serie di antifrasi, per le quali il soprannome attribuito a ciascun
personaggio indica una caratteristica opposta a quella reale. Ad esempio i
Malavoglia sono cos chiamati per la loro volont e la loro voglia di lavorare
per poter sanare i propri debiti ed elevare la loro condizione sociale.

Caratteristiche di alcuni personaggi secondari


Zio Crocifisso: detto anche "Campana di legno", l' usuraio del paese,
vecchio e avaro, protagonista di "negozi" e proprietario di barche e case. zio
della Vespa, con la quale si sposer non per amore, ma per appropriarsi della
sua chiusa; il matrimonio si riveler per lui un inferno, poich la moglie
dilapida in breve tempo il patrimonio da lui costruito in una vita interamente
trascorsa ad accumulare denaro.

Compare Agostino Piedipapera: sensale di pochi scrupoli, zoppo,


immischiato nella vicenda del contrabbando. Si rende responsabile, assieme
allo zio Crocifisso, della rovina economica dei Malavoglia, fingendo di
acquistare il credito che Padron 'Ntoni deve al vecchio usuraio e poter cos far
uscire la famiglia dalla casa del nespolo. sposato con Grazia Piedipapera,
donna pettegola ma sensibile ai problemi dei Malavoglia.
La Locca: sorella dello zio Crocifisso, vedova, una vecchia demente e fuori
di senno, che vaga perennemente per il paese alla ricerca del figlio Menico,
morto in mare sulla Provvidenza assieme a Bastianazzo ed al carico di lupini.
madre di un altro ragazzo che non viene mai nominato, e che sempre
chiamato "figlio della Locca". Dopo l'arresto di quest'ultimo, viene mandata
all'ospedale dei poveri.
Alfio Mosca: onesto lavoratore, possiede un asino e un mulo, ed ha la sua
ambizione lavorativa. Si innamora di Mena, che ricambia, ma i due non
possono sposarsi perch Alfio povero, e per convenienza Mena tenter
invece il matrimonio con Brasi Cipolla. Alfio torner ad Aci Trezza 8 anni dopo
la sua partenza.
Luca: secondogenito di Bastianazzo e La longa, pi responsabile di 'Ntoni e
degli altri fratelli. Muore nella tragica battaglia di Lissa.

La visione pessimistica
Nel romanzo vi una sorta di visione pessimistica della vita da parte
dell'autore: egli sottolinea il fatto che le disgrazie debbano essere subite
passivamente e vengano una dopo l'altra per affondare le sorti di una famiglia
intera. Quella in questione, una famiglia di tipo patriarcale con due
capisaldi: Padron Ntoni e l'imbarcazione "La Provvidenza".
Il primo il senex, il galantuomo, custode della saggezza; si ricordino, a tal
proposito, i tantissimi proverbi sciorinati in ogni momento. possibile
ipotizzare che l'autore, attraverso queste manifestazioni della cultura del
popolo, esprima il proprio giudizio e le proprie opinioni: egli comunica con il
lettore attraverso i detti e le sentenze.
La seconda, la barca, la fonte di guadagno, simbolo della vita: in essa sono
racchiuse le speranze di una buona pesca.

Temi principali
I temi principali sono: gli affetti familiari e le "prime irrequietudini per il
benessere" (cfr. Prefazione). Come anticipato nella novella Fantasticheria,
emerge il cosiddetto ideale dell'ostrica: i personaggi che, tentando di
migliorare le proprie condizioni economiche, combattendo una continua lotta
per la sopravvivenza (darwinismo sociale), si allontanano dal modello di vita
consueto e finiscono male (come 'Ntoni e Lia). Soltanto quelli che si adattano
alla loro condizione possono salvarsi ( il caso di Alessi e di Mena)

La famiglia
Giovanni Verga torna pi e pi volte su un tema preciso: quello
dell'attaccamento alla famiglia, al focolare domestico, alla casa; facile
comprendere, quindi, i sentimenti di amarezza e dolore di chi costretto a
vendere la propria abitazione per pagare i debiti di un affare sfortunato, come
nel caso dei Malavoglia. Per i Malavoglia la "roba" consiste nella Provvidenza
e nella casa del nespolo. Quando entrambe si perdono, i membri della famiglia
sentono di aver perduto le radici stesse della loro esistenza. Solo alla fine del
romanzo, Alessi riesce a recuperare la casa e con essa il legame con il passato
e gli affetti familiari.

L'economia
Giovanni Verga riprende pi volte il discorso economico, anche nelle tragedie
familiari. Quando, ad esempio, muore Bastianazzo, la prima ed ultima cosa
che si dice che la barca era carica di lupini: quindi il fattore economico
molto importante. Inoltre, Verga vuole sottolineare la differenza tra la malizia
del popolo e la famiglia operosa. Difatti il popolo a pensare che Padron
'Ntoni si preoccupi dei lupini, quando quest'ultimo afflitto per il figlio. I
Malavoglia per tutto il romanzo sono tesi a recuperare la condizione
economica iniziale, o a migliorarla. L'economia del paese chiusa e di tipo
feudale: le classi sociali sono immobili e non lasciata nessuna possibilit alla
libera iniziativa (come dimostra l'investimento nei lupini avariati).

Lo stile
Nello stile di Verga bisogna ricordare la frequenza dei dialoghi. Mescolando il
discorso diretto, quello indiretto e il discorso indiretto libero, il Verga assume
nella lingua italiana modi tipici del parlato siciliano, avvicinandovisi con
intenti veristi. Questo stile narrativo ci permette di identificare i personaggi
del romanzo come esseri inseparabili dal proprio paese e dalla propria casa.
Contemporaneamente, la coralit del parlato permette allo scrittore di non
comparire mai in primo piano con i propri giudizi, lasciando campo libero alle
interpretazioni proprie del lettore, posto di fronte ad un fatto oggettivo.

Edizioni
Giovanni Verga, I Malavoglia, Prima edizione ed., collana Oscar Mondadori,
Mondadori, 1983. pp. 272, cap. XV ISBN 8804525193
Giovanni Verga, I Malavoglia, Prima edizione "Nuova Universale Einaudi"
1995, Einaudi, 1995. pp. 414, cap. XV con appendici e con testo critico e con
commento di Ferruccio Cecco ISBN 9788806177805

Bibliografia
Carmelo Ciccia, Il mondo popolare di Giovanni Verga, Milano, Gastaldi, 1967.

Silvia Iannello, Le immagini e le parole dei Malavoglia. Roma, Sovera, 2008.


Romano Luperini, Pessimismo e verismo in Giovanni Verga, Padova, Liviana
Scolastica, 1968.
Massimo Romano, Come leggere i Malavoglia di Giovanni Verga. Milano,
Mursia, 1983.

Voci correlate
Giovanni Verga
Verismo
Ciclo dei Vinti (Giovanni Verga)

Altri progetti

Wikiquote contiene citazioni da I Malavoglia

Collegamenti esterni
Informazioni sul romanzo "I Malavoglia"
"I Malavoglia" ed altre opere di Verga
Testo de "I Malavoglia"
I Malavoglia, riduzione radiofonica di Radio 3 Rai (Il Terzo Anello - Ad alta
voce): 22 puntate, formato.ram
"I Malavoglia" di Giovanni Verga Testo e approfondimenti
Concordanze e frequenze lessicali dell'opera
TORNA ALL'INDICE

Concetto dell'ostrica
Il concetto dell'ostrica si basa sulla convinzione che per coloro che
appartengono alla fascia dei deboli necessario rimanere abbarbicati ai valori
della famiglia, al lavoro, alle tradizioni ataviche, per evitare che il mondo, cio
il "pesce vorace", li divori.
Intorno al concetto dell'ostrica costruito il romanzo del Verga, I Malavoglia
ma gi nella novella Fantasticheria scritta prima del 1878, lo scrittore si
dilunga a parlare della povera gente del sud, anticipando i personaggi del suo
primo romanzo verista e chiarisce la filosofia, o necessit, di vita, dei
pescatori di Aci Trezza.

La novella in forma di lettera ad una dama dellalta societ, che fermatasi


per due giorni nel paesino di pescatori, affascinata da quel mondo pittoresco,
rude e semplice, subito annoiata fugge.
Ecco lincipit: "Una volta, mentre il treno passava vicino ad Aci-Trezza, voi,
affacciandovi allo sportello del vagone, esclamaste - Vorrei starci un mese
laggi!
Noi vi ritornammo, e vi passammo non un mese, ma quarantott'ore; i
terrazzani che spalancavano gli occhi vedendo i vostri grossi bauli avranno
creduto che ci sareste rimasta un par d'anni. La mattina del terzo giorno,
stanca di vedere eternamente del verde e dell'azzurro, e di contare i carri che
passavano per via, eravate alla stazione, e gingillandovi impaziente colla
catenella della vostra boccettina da odore, allungavate il collo per scorgere un
convoglio che non spuntava mai"40
In questa novella Verga parla dellideale dellostrica che sostiene la povera
gente.
Nel concetto dell'autore, finch i contadini, i braccianti, i pescatori vivono
protetti dall'ambiente che li ha visti nascere e crescere, finch credono e
rispettano i valori in cui hanno creduto e che hanno rispettato i loro padri,
allora, anche se poveri, sono al sicuro. Il problema nasce quando cominciano a
provare il desiderio del cambiamento, il desiderio di migliorare, di progredire.
Come lostrica che vive sicura finch resta avvinghiata allo scoglio dov nata,
cos luomo di Verga vive sicuro finch non comincia ad avere smanie di
miglioramento.
Cos, lo scrittore continua a parlare, dolcemente, con la dama in questa
novella che ha tanto il sapore di un programma stilistico e contenutistico: ...
mi parso ora di leggere una fatale necessit nelle tenaci affezioni dei deboli,
nell'istinto che hanno i piccoli di stringersi fra loro per resistere alle tempeste
della vita, e ho cercato di decifrare il dramma modesto e ignoto che deve aver
sgominati gli attori plebei che conoscemmo insieme. Allorquando uno di quei
piccoli, o pi debole, o pi incauto, o pi egoista degli altri, volle staccarsi dai
suoi per vaghezza dell'ignoto, o per brama di meglio, o per curiosit di
conoscere il mondo; il mondo, da pesce vorace com', se lo ingoi, e i suoi pi
prossimi con lui. - E sotto questo aspetto vedrete che il dramma non manca
d'interesse. Per le ostriche l'argomento pi interessante deve esser quello che
tratta delle insidie del gambero, o del coltello del palombaro che le stacca
dallo scoglio41
Ed ancora nella prefazione ai Malavoglia, Verga afferma chiaramente questo
concetto chiarendo, inoltre, che ritorner a parlare della gente del bel mondo
e dei salotti perch la sua ideologia non privilegia una classe sociale piuttosto
che unaltra.

Voci correlate
Fantasticheria
40Fantasticheria, in Giovanni Verga. Tutte le novelle, a cura di Carla Riccardi, Mondadori,
Milano, 1979, pag.129
41op.cit.,pag.136

I Malavoglia
Verismo

Altri progetti
La morale dell'arte, di Mario Rapisardi 1884, con critica al naturalismo o
realismo o verismo dell'arte.

Collegamenti esterni
Antelitteram, approfondimento
TORNA ALL'INDICE

Tecnica narrativa di Giovanni Verga


La tecnica narrativa utilizzata da Giovanni Verga nelle opere veriste
composte dal 1878 in poi, possiede caratteri di originalit innovativi che si
distaccano dalla tradizione e anche dalle esperienze contemporanee sia
italiane che straniere.
Tra le tecniche narrative utilizzate dal Verga si ricordano:
La tecnica dello straniamento
L'utilizzo del discorso indiretto libero
La tecnica dell'impersonalit

Premessa
Nelle opere di Giovanni Verga non si avverte mai il punto di vista dello
scrittore e la voce che racconta allo stesso livello dei personaggi. Infatti non
capita nei romanzi di Verga che a raccontare sia il narratore "onnisciente"
tradizionale come nei romanzi di Manzoni, Balzac o Thackeray che
intervengono in continuazione nel racconto a commentare o giudicare i
comportamenti dei personaggi.
Nelle opere di Verga a raccontare non un personaggio in particolare ma il
narratore che, mimetizzandosi negli stessi personaggi, pensa e sente come
loro e adotta il loro stesso modo di esprimersi. Chi racconta potrebbe essere
uno dei personaggi che per non appare mai direttamente nella vicenda e
rimane nell'anonimato.

Un chiaro esempio che inaugura il nuovo modo di narrare di Verga lo troviamo


nell'incipit della sua prima novella verista, Rosso Malpelo, pubblicata nel
1878: "Malpelo si chiamava cos perch aveva i capelli rossi; ed aveva i capelli
rossi perch era un ragazzo malizioso e cattivo, che prometteva di riescire un
fior di birbone".42 Da queste parole si rivela una visione primitiva e
superstiziosa della realt e tutta la vicenda viene narrata da questo punto di
vista, cio non quello del narratore colto ma da uno qualunque dei vari
minatori della cava in cui lavora Malpelo.
Se capita che la voce narrante commenti e giudichi i fatti, non lo fa secondo la
visione colta dell'autore, ma secondo la visione semplice e rozza della
collettivit popolare che, non riuscendo a cogliere le motivazioni psicologiche
autentiche delle azioni, le deforma in base ai suoi principi di interpretazione.
Di conseguenza anche il linguaggio non quello che potrebbe essere dello
scrittore, ma un linguaggio carente, intermezzato da modi di dire, paragoni,
proverbi e imprecazioni.
La sintassi elementare e a volte scorretta e in essa appare la struttura
dialettale, anche se il Verga non usa mai direttamente il dialetto e se deve
citare un termine dialettale lo isola per mezzo del corsivo. Verga afferma di
aver cercato, nelle sue opere, di mettere in prima linea, e solo in evidenza
l'uomo, dissimulando ed eclissando per quanto si pu lo scrittore.
Egli nelle sue dichiarazioni teoriche sembra dunque propenso verso una
tecnica narrativa in cui la psicologia dei personaggi emerga solo dai dialoghi e
dalle azioni, ma in realt non tutti i suoi personaggi sono visti dall'esterno e
non sempre si conoscono i pensieri e i sentimenti solamente attraverso i gesti
e le parole.
Capita anzi spesso che il punto di vista del racconto coincida con quello di un
personaggio, in modo che il lettore, vedendo le cose con i suoi occhi, le
interpreti attraverso i suoi giudizi e venga posto al centro della sua psiche.
Se la riproduzione sincera della realt oggettiva con l'esclusione di ogni
intervento giudicante dall'esterno possono condurre all'annullamento di ogni
rapporto critico tra l'autore e la materia, Verga riesce, proprio grazie alla sua
particolare tecnica narrativa ad evitare questo rischio. Perch, come scrive
Baldi43 "... la regressione nella realt rappresentata, lungi dal riprodurre la
realt ad un unico livello del suo manifestarsi, determina tutto un gioco di
primi piani e di punti di vista."
Viene cos spesso, nei racconti di Verga, ad opporsi un punto di vista
alternativo che interno alla realt come nel caso di Rosso Malpelo, dove al
mondo della miniera che accetta in modo passivo i meccanismi della lotta per
la vita, viene a contrapporsi il punto di vista del protagonista che illuminato
da una sua consapevolezza critica.
Cos avviene anche nei Malavoglia, in cui si oppone alla realt del villaggio
dominata dall'interesse e dall'egoismo, il punto di vista dei protagonisti che
ispirato ai valori pi puri e disinteressati, come la famiglia, l'onore, la
generosit.

42Rosso Malpelo, in Giovanni Verga. Tutte le novelle. Mondadori, collana I Meridiani, 1979, p.
173
43Guido Baldi, Verga e il verismo. Sperimentalismo formale e critica del progresso,
Paravia,Torino, 1980, pag. 36

Ma anche dove dominante l'ottica della lotta per la vita, come nella novella
"La roba", il rapporto critico con la realt non viene ad annullarsi.
Infatti proprio l'accettazione apparente della logica del protagonista che
sembra ignorare ogni senso di umanit e di generosit, viene a creare un forte
attrito con il modo giusto di vedere le cose a cui l'autore fa riferimento in
modo implicito.
In questo modo, il lettore costretto a fare un confronto tra il comportamento
disumano del personaggio con i principi naturali che regolano ogni convivenza
civile e il mondo della lotta per la vita appare cos in tutta la sua crudelt in
modo pi chiaro che se l'autore intervenisse a commentare e a giudicare.
In tutti questi casi il Verga, pur restando fedele al principio della
impersonalit, non accetta, grazie alla tecnica dello straniamento, il lato
negativo della realt in modo acritico, ma fa scaturire dalle cose stesse il
giudizio.

Tecnica dello straniamento


La tecnica dello straniamento consiste nell'adottare, per narrare un fatto e
descrivere una persona, un punto di vista completamente estraneo
all'oggetto44. Questo procedimento narrativo lo troviamo utilizzato, tra l'altro,
nelle opere veriste di Giovanni Verga.
La definizione di straniamento venne data dai formalisti russi degli anni venti
che adottano, per narrare un fatto e descrivere una persona, un punto di vista
completamente diverso. Un esempio il racconto di Tolstoj, "Cholstomer", un
bellissimo cavallo, costretto a fare la bestia da soma, che perplesso sull'uso
che gli uomini fanno del linguaggio e soprattutto delle parole mio, mia, miei,
giungendo alla conclusione che i cavalli sono superiori agli uomini per la loro
capacit di riflettere sui fatti e non sulle parole."Continuai a pensarci su e
solamente assai pi tardi, in seguito a molti e diversi rapporti con gli uomini
capii finalmente il significato che a queste oscure parole attribuiscono gli
uomini. Il loro significato eccolo: nella loro vita gli uomini si lasciano guidare
non dai fatti ma dalle parole. Tali parole, considerate da loro molto importanti,
sono 'mio, mia, miei' che essi usano riferendosi alle cose pi disparate. Chi
pu, per effetto di questo gioco combinato tra di loro, dire la parola 'mio' in
relazione al maggior numero di cose, considerato il pi felice di tutti".45
Come risultato si ottiene quello di far apparire insolite e incomprensibili cose
normali, o viceversa, solo perch presentate attraverso un punto di vista
estraneo.

44Guido Baldi, Verga e il verismo. Sperimentalismo formale e critica del progresso, Paravia,
Torino, 1980, p. 219
45Lev Nikolaevic Tolstoj, Cholstomer. Storia di un cavallo, casa editrice Equitare, 2003

Tecnica dello straniamento ne I Malavoglia


Molti esempi di straniamento si trovano nel romanzo I Malavoglia dove tutto
quello che provano i protagonisti di vero e disinteressato viene visto dal punto
di vista della gente del paese che, non avendo gli stessi valori, portata a dare
giudizi solamente in base all'interesse economico e al diritto di chi pi forte
facendo cos apparire "strano" ci che, secondo la scala dei valori
universalmente accettata, "normale".
Cos, ad esempio, l'onest di padron 'Ntoni, che pur di non mancare di parola
riguardo al debito dei lupini, lascia che la sua casa venga pignorata, si
trasforma, dal punto di vista di padron Cipolla, che avrebbe preso per nuora
Mena Malavoglia solamente se come dote avesse portato delle propriet, una
vera truffa a suo danno: "D'allora in poi i Malavoglia non osarono mostrarsi
per le strade n in chiesa la domenica, e andavano sino ad Aci Castello per la
messa, e nessuno li salutava pi, nemmeno padron Cipolla, il quale andava
dicendo: - Questa partaccia a me non la doveva fare padron 'Ntoni. Questo si
chiama gabbare il prossimo, se ci aveva fatto mettere la mano di sua nuora
nel debito dei lupini! - Tale e quale come dice mia moglie! - aggiungeva
mastro Zuppiddu. - Dice che dei Malavoglia adesso non ne vogliono nemmeno
i cani".46 O come quando per lo stesso motivo padron 'Ntoni viene giudicato
"minchione" dall'avvocato Scipioni ("... ma questi gli rideva sul naso, e gli
diceva che "chi minchione se ne sta a casa")47 e dalla collettivit perch non
era stato capace di fare i suoi affari, cos la purezza dei sentimenti tra Alfio e
Mena viene vista dalla mentalit di zio Crocifisso in "rabbia" di maritarsi.
Verga vuole pertanto dimostrare, con questo effetto di "straniamento", come
sia impossibile praticare valori puri e disinteressati in un mondo regolato dalla
legge della lotta per la vita e mettere in evidenza il prevalere dei principi
dell'interesse e della forza, a cui non possibile contrapporre nessuna
alternativa.
Questo tipo di straniamento compare quando sono in scena personaggi puri e
onesti come i Malavoglia, ma quando si presentano i personaggi del villaggio
gretti e meschini, si assiste ad una forma di straniamento che si pu definire
"rovesciata", dove ci che "strano" appare "normale" dal momento che il
punto di vista di chi racconta perfettamente in armonia con quello dei
personaggi.48

Tecnica dello straniamento in La roba


Nella novella La roba, ad esempio, il "narratore" non dimostra mai
riprovazione nei confronti di Mazzar e dei metodi da lui usati per arricchire,
anzi il comportamento di Mazzar non solo appare "normale", ma degno di
lode.

46Giovanni Verga, I Malavoglia, Arnoldo Mondadori, Milano, 1993, pag. 129


47op. cit., pag. 159
48Romano Luperini, L'orgoglio e la disperata rassegnazione, Roma, La nuova sinistra-Savelli,
1974, pag. 47

Questo secondo tipo di straniamento genera un forte contrasto tra la


deformazione che viene operata e il modo "giusto" di vedere le cose che
assente dalla narrazione, ma che introdotto con immediatezza da chi legge.
Pertanto esso ha la funzione di mettere in evidenza come sia cruda la realt
della lotta per la vita, senza introdurre dall'esterno nessun giudizio, dal
momento che il giudizio scaturisce dalle cose stesse.

Pessimismo e straniamento nella novella Rosso


Malpelo
La tecnica dello straniamento, che assicura l'impersonalit dell'autore,
necessaria soprattutto per veicolare il pessimismo che muove la scelta dei
contenuti verghiani. Il pessimismo e lo straniamento si possono ampiamente
osservare nella novella Rosso Malpelo che pu considerarsi "il primo testo
della nuova maniera verghiana ad essere pubblicato":49
"Malpelo si chiamava cos perch aveva i capelli rossi; ed aveva i capelli
rossi perch era un ragazzo malizioso e cattivo, che prometteva di riescire
un fior di birbone. Sicch tutti alla cava della rena rossa lo chiamavano
Malpelo; e persino sua madre, col sentirgli dir sempre a quel modo, aveva
quasi dimenticato il suo nome di battesimo."
L'inizio evidenzia subito la rivoluzionaria novit dell'impostazione narrativa
verghiana: affermare che Malpelo ha i capelli rossi perch un ragazzo
malizioso e cattivo una chiara deformazione logica, che palesa un
pregiudizio popolare: la voce narrante non identificabile con l'autore reale,
non portavoce della sua visione del mondo; il narratore riflette, invece, la
mentalit dei personaggi che si muovono all'interno della storia, il loro mondo
di valori e necessit, (come accade nella "Lupa") anche se non coincide con un
ben identificato personaggio.
L'autore si "eclissato", si messo nella pelle dei suoi personaggi, vede le
cose con i loro occhi e le esprime con le loro parole.
Nell'apertura del racconto si procede subito con la "regressione" con la quale
si attua il basilare principio dell'impersonalit.
Il narratore, non essendo onnisciente, ma portavoce di un ambiente popolare
primitivo e rozzo, non depositario della verit, com'era proprio dei narratori
tradizionali dell'Ottocento come Manzoni, Balzac ed altri.
Ci che si dice di Malpelo non attendibile: il narratore non capisce l'agire
del protagonista e quindi interpreta le azioni deformandole con il suo punto di
vista, ad esempio narrata in modo distorto la reazione che ha Rosso quando
il padre muore nell'incidente della cava di rena rossa:

49in note, Guido Baldi, Verga e il verismo. Sperimentalismo formale e critica del progresso,
Paravia, Torino, 1980, pag. 122

"Malpelo non rispondeva nulla, non piangeva nemmeno, scavava colle


unghie col, nella rena, dentro la buca, sicch nessuno s'era accorto di lui; e
quando si accostarono col lume, gli videro tal viso stravolto, e tali occhiacci
invetrati, e la schiuma alla bocca da far paura; le unghie gli si erano
strappate e gli pendevano dalle mani tutte in sangue. Poi quando vollero
toglierlo di l fu un affar serio; non potendo pi graffiare, mordeva come un
cane arrabbiato, e dovettero afferrarlo pei capelli, per tirarlo via a viva
forza."50
facile intuire che il comportamento del ragazzo dovuto alla speranza di
poter salvare il padre, ma il narratore non comprende i suoi sentimenti, e
attribuisce il suo agire al pregiudizio che Malpelo strano e cattivo, tanto da
pensare che un "diavolo gli sussurrasse qualcosa negli orecchi".
Il carattere di Rosso Malpelo viene sempre visto in modo distorto, quando
viene rinvenuto il cadavere del padre si scopre che il pover'uomo aveva
scavato nel senso opposto a quello dove scavava il figlio, ma nessuno disse
niente al ragazzo non certo per piet ma perch temevano che Rosso potesse
pensare a chiss quale vendetta generalizzata.
Ed ancora quando Malpelo si attacca alle reliquie del padre e dimostra cos
l'attaccamento filiale che egli nutriva, il suo comportamento considerato
incomprensibile dal coro che gli sta intorno:
"Malpelo se li lisciava sulle gambe, quei calzoni di fustagno quasi nuovi, gli
pareva che fossero dolci e lisci come le mani del babbo, che solevano
accarezzargli i capelli, quantunque fossero cos ruvide e callose. Le scarpe
poi, le teneva appese a un chiodo, sul saccone, quasi fossero state le
pantofole del papa, e la domenica se le pigliava in mano, le lustrava e se le
provava; poi le metteva per terra, l'una accanto all'altra, e stava a guardarle,
coi gomiti sui ginocchi, e il mento nelle palme, per delle ore intere,
rimuginando chi sa quali idee in quel cervellaccio. ...".51
Quando Rosso comincia a volere bene a Ranocchio, lo protegge, gli vuole
insegnare le leggi crudeli che regolano la vita, sgridandolo e picchiandolo ma
sa togliersi il pane di bocca per darlo all'amico. Eppure il narratore interpreta
questo atteggiamento come un ulteriore esempio della malvagit di Malpelo
che pu in tal modo prendersi il diritto di tiranneggiare il povero storpio. La
figura del protagonista cos sistematicamente stravolta a causa del
pessimismo del Verga.
Egli sceglie il punto di vista dei lavoranti della cava per descrivere un mondo
brutale in cui non c' alcuno spazio per i sentimenti pi disinteressati. In
questo mondo i pregiudizi hanno la meglio, quindi uno con i capelli rossi deve
essere cattivo per forza e quando fa qualcosa che dovrebbe apparire sano e
buono le sue azioni vengono stravolte ed incomprese.
Anche la famiglia di Malpelo si disinteressa di lui; quando la sorella si sposa
la madre va via con lei e lascia il ragazzo da solo senza alcun rammarico
dando per scontato che un Malpelo non possa avere sentimenti di nessun
genere.

50op. cit., pag. 176


51op. cit., pag. 183

Nella seconda parte del racconto emerge la visione del protagonista, il punto
di vista impercettibilmente cambia ed ecco che affiora la visione cupa e
pessimistica di Rosso. Il ragazzo ha compreso la legge che regola la vita, la
lotta per l'esistenza quella sociale e quella naturale, comprende che
sopravvive il pi forte e che il debole rimane schiacciato. Questa
consapevolezza lo ha indurito, egli non tenta rivolte di nessun genere perch
sa che quella realt immodificabile e vi si rassegna in modo disperato. Egli
ha saputo dunque interpretare la realt ed orgoglioso di aver capito ed
agisce in modo consapevole, non come gli altri che vivono inconsapevolmente
la realt in cui sono costretti dal fato.
In Rosso Malpelo si proietta dunque tutto il pessimismo dell'autore e la sua
visione lucida ma disperatamente rassegnata di tutta la realt negativa sociale
e naturale.
Verga cos d voce ad un mondo popolare aspro ed a tratti disumano o meglio:
il mondo popolare di Verga fuori dal mito della povera ma buona gente
custode di valori genuini, antichi e sovrani.
Non c' alcuna visione nostalgica del mondo popolare, nel mondo contadino
vigono le stesse leggi crudeli che regolano la vita degli strati pi ricchi ed
evoluti. Nessuna illusione pertanto di trovare lontano dalle luci e dal caos
cittadino un genuino e bucolico mondo contadino dove rifugiarsi e dove
trovare brava e buona gente.

Il discorso indiretto libero in Giovanni Verga


Il discorso indiretto libero in Mastro Don Gesualdo
Nel monologo interiore al capitolo IV di Mastro-don Gesualdo, dove Gesualdo
rievoca la sua storia, vi un esempio molto rappresentativo di discorso
indiretto libero: "Egli invece non aveva sonno. Si sentiva allargare il cuore. Gli
venivano tanti ricordi piacevoli. Ne aveva portate delle pietre sulle spalle,
prima di fabbricare quel magazzino! E ne aveva passati dei giorni senza pane,
prima di possedere tutta quella roba!".52
In questa parte del testo, fino a "gli venivano tanti ricordi piacevoli", il
discorso del narratore che descrive, rimanendo all'esterno, lo stato d'animo
di Gesualdo, mentre subito dopo inizia, pronunciato mentalmente, il discorso
del personaggio con un passaggio che non si avverte ed che talmente vicino
al discorso diretto da conservarne tutte le sfumature e i modi di dire
caratteristici del personaggio.

Il discorso indiretto libero in I Malavoglia


Ne I Malavoglia il discorso indiretto libero riferisce non solo i discorsi di
singoli personaggi ma anche parole di un imprecisato parlante, che coincide
con la collettivit del paese, con gli occhi del quale sono visti i fatti.
52Giovanni Verga, Mastro Don Gesualdo, a cura di Luigi Russo, Mondadori, Milano. 1956

Nel III capitolo si legge: "Dopo la mezzanotte il vento s'era messo a fare il
diavolo, come se sul tetto ci fossero tutti i gatti del paese (... ). Il mare si udiva
muggire attorno ai faraglioni, che pareva ci fossero riuniti i buoi della fiera di
sant'Alfio... ", dove evidente che il discorso non fa altro che riprodurre il
tipico modo di esprimersi dei pescatori di Aci Trezza e che non un solo
personaggio che parla.
Le parole riportate sono infatti quelle della collettivit e non di un preciso
personaggio, per cui la "voce" che racconta non quella dell'autore esterno ai
fatti con la sua cultura e il suo linguaggio, ma una voce popolare interna al
mondo rappresentato, in cui l'autore scompare.
Mentre nei Malavoglia difficile certe volte stabilire se il discorso appartiene
al narratore o ad un personaggio, questo non avviene nel discorso indiretto
libero "ortodosso" dove risulta evidente che viene riportato un discorso
preciso, pronunciato o pensato da un particolare personaggio, riuscendo cos
a distinguere dove questo ha inizio e dove termina il discorso del narratore.
Nei Malavoglia pertanto la confusione tra narratore e personaggi serve a far
risaltare che il narratore all'interno del mondo rappresentato rendendo cos
maggiormente evidente che quella realt "si racconti da s".
Il discorso indiretto libero uno strumento narrativo diffusissimo nell'area del
romanzo otto-novecentesco e viene pertanto a costituire una struttura
alternativa rispetto al discorso diretto o indiretto, che ha lo scopo di rendere
pi vivace lo stile.

Tecnica dell'impersonalit
Nell'ambito delle poetiche del vero la posizione di Verga quella della
necessit di usare la tecnica dell'impersonalit, lasciare cio che sia "il
fatto nudo e schietto" e non le valutazioni dell'autore, il centro della
narrazione, come egli stesso scrive nella premessa alla novella L'amante di
Gramigna.
Sar proprio su questa impostazione che lo scrittore siciliano imposter la
parte pi alta della sua produzione novellistica.
Lo scrittore, per dare energia e spessore alla sua ideologia, ritiene confacente
la tecnica verista dell'impersonalit dell'autore. Se l'autore, dall'alto della sua
visione onnisciente, fosse l: a sentenziare, a giudicare, a portare il lettore alla
riflessione ora su un argomento, ora su un personaggio; a guidare il lettore nel
valutare positivo o negativo qualcuno o qualcosa, egli sarebbe un giudice,
applicherebbe le sue regole morali, politiche o religiose.
Giovanni Verga non vuole giudicare; considera lo scrittore uno strumento
tecnico che documenta e non interviene nel documento che trasmette; non
crede che la letteratura possa contribuire a modificare la realt, quindi deve
trarsi fuori dal campo e studiare senza passione i personaggi e gli eventi. Il
lettore, dal canto suo, deve sentire, percepire con evidenza il parlare dei
soggetti che sono rappresentati e deve vedere i comportamenti.
Il lettore deve vedere il personaggio,
per servirmi del gergo, l'uomo secondo
me, qual , dov', come pensa, come

sente, da dieci parole e dal modo di


soffiarsi il naso... 53
Come la pensasse il Verga riguardo il metodo dell'impersonalit chiaro nella
lettera che lo scrittore inserisce come dedicatoria a Salvatore Farina, quasi
una prefazione alla novella "l'amante di Gramigna", dove vengono messi a
fuoco i principi fondamentali della poetica verghiana e nelle lettere a Luigi
Capuana e a Felice Cameroni.
Questi ultimi due documenti furono scritti successivamente all'uscita del
romanzo I Malavoglia.
Nella lettera a Salvatore Farina (il quale era contrario alle idee veriste) Verga
estremamente preciso quando afferma che:
"... il racconto un documento umano... Io te lo ripeter cos come l'ho
raccolto pei viottoli dei campi, press'a poco con le medesime parole semplici
e pittoresche della narrazione popolare... senza stare a cercarlo fra le linee
del libro, attraverso la lente dello scrittore... La mano dell'artista rimarr
assolutamente invisibile e l'opera d'arte sembrer essersi fatta da s."54
Verga parla della lente dello scrittore ed palese il riferimento al metodo che
vuole adottare lo scrittore come "narratore onnisciente"; ma Verga rifiuta
l'onniscienza; anzi adotter nella sua opera verista pi compiuta, qual la
novella Rosso Malpelo, la tecnica pi pura dello straniamento.
Nella lettera a Felice Cameroni,che aveva recensito il romanzo, del 27
febbraio 1881 l'autore siciliano si premura di ringraziarlo per il giudizio
scritto su il "Sole" riguardo ai Malavoglia perch gli aveva fatto un gran
piacere. Aggiunge poi che anche lui sapeva bene che il suo lavoro non avrebbe
avuto "successo di lettura" ma che comunque doveva provare a rappresentare
la realt anche se era d'accordo con l'amico che in Italia, a questo proposito,
c'era ancora molto da fare. "Io mi son messo in pieno, e fin dal principio, in
mezzo ai miei personaggi e ci ho condotto il lettore come ei li avesse
conosciuti diggi, e pi vissuto con loro e in quell'ambiente sempre. Parmi
questo il modo migliore per darci completa l'illusione della realt; ecco perch
ho evitato studiatamente quella specie di profilo che tu mi suggerivi pei
personaggi principali".55

53da Giovanni Verga, lettera a felice Cameroni del 19 marzo 1881


54Dedicatoria a Salvatore Farina, in L'Amante di Gramigna,1880
55Lettera a Felice Cameroni, 27 febbraio 1881, in Lettere sparse, a c. di G. Finocchiaro,
Chimirri, Bulzoni, Roma, 1979

Nella lettera a Capuana del 25 febbraio 1881 egli per esprime dubbi sulla
validit dell'opera pienamente consapevole di andare contro corrente e di
rischiare, ma sa anche che ormai non avrebbe potuto impostare un romanzo
tradizionale con presentazioni canoniche senza rinunciare al suo principio
verista: "Avevo un bel dirmi che quella semplicit di linee, quell'uniformit di
toni, quella certa fusione dell'insieme che doveva servirmi a dare nel risultato
l'effetto pi vigoroso che potessi, quella tal cura di smussare gli angoli, di
dissimulare quasi il dramma sotto gli avvenimenti pi umani, erano tutte cose
che avevo volute e cercate apposta e non erano certo fatte per destare
l'interesse ad ogni pagina del racconto, ma l'interesse doveva risultare
dall'insieme, a libro chiuso, quando tutti quei personaggi si fossero affermati
s schiettamente da riapparirvi come persone conosciute, ciascuno nella sua
azione. Che la confusione che dovevano produrvi in mente alle prime pagine
tutti quei personaggi messivi faccia a faccia senza nessuna presentazione,
come se li aveste conosciuti sempre, e foste nato e vissuto in mezzo a loro,
doveva scomparire mano a mano col progredire nella lettura, a misura che
essi vi tornavano davanti, e vi si affermavano con nuove azioni ma senza
messa in scena, semplicemente, naturalmente, era artificio voluto e cercato
anch'esso, per evitare, perdonami il bisticcio, ogni artificio letterario, per
darvi l'illusione completa della realt. Tutte buone ragioni, o scuse di chi non
si sente sicuro del fatto suo; e sai che l'inferno lastricato di buone intenzioni.
Capirai dunque com'ero inquieto non solo sul valore che avrebbe accordato il
pubblico a queste intenzioni artistiche, giacch le intenzioni non valgono
nulla, ma sul risultato che avrei saputo cavarne nell'ottenere dal lettore
l'impressione che volevo".56
L'amico Capuana lo rassicura pubblicamente con la sua recensione e tra le
altre cose dice:
"... I Malavoglia si rannodano agli ultimissimi anelli di questa catena
dell'arte. L'evoluzione del Verga completa. Egli uscito dalla vaporosit
della sua prima maniera e si afferrato alla realt, solidamente. Questi
Malavoglia e la sua Vita dei campi saranno un terribile e salutare corrosivo
della nostra bislacca letteratura ... Finora nemmeno Zola ha toccato una
cima cos alta in quell'impersonalit che l'ideale dell'opera d'arte
moderna".57
Ancora, in una lettera del 12 maggio 188158 inviata a Francesco Torraca per
ringraziarlo dell'articolo scritto sui "Malavoglia", il Verga scrive: ... "S, il mio
ideale artistico che l'autore s'immedesimi talmente nell'opera d'arte da
scomparire in essa".59

56Lettera a Capuana del 25 febbraio 1881 in Lettere a Luigi Capuana, a c. di G. Raja, Le


Monnier, Firenze, 1975
57da Luigi Capuana, in "Fanfulla della Domenica", 1881
58da Giovanni Verga, lettera a F. Torraca del 12 maggio 1881
59Francesco Torraca, I Malavoglia, in "Rassegna", 9 maggio 1881

La narrazione corale
Nel romanzo I Malavoglia Verga non privilegia un punto di vista, non assume
la prospettiva di questo o quel personaggio, imposta una narrazione corale.
Tutti i punti di vista hanno pari dignit, avviene una narrazione che a volte
pu apparire quasi simultanea, come se lo scrittore anticipasse i tempi di dieci
o venti anni. Vi sono scene in cui i pensieri e le parole dei personaggi sono
colte come da un caleidoscopio.
Ad esempio, nel secondo capitolo de I Malavoglia, significativa la
chiacchierata serotina sul ballatoio tra le donne:
"... La Longa, com'era tornata a casa, aveva acceso il lume, e s'era messa
coll'arcolaio sul ballatoio, a riempire certi cannelli che le servivano per
l'ordito della settimana. Comare Mena non si vede, ma si sente, e sta al
telaio notte e giorno, come Sant'Agata, dicevano le vicine. - Le ragazze
devono avvezzarsi a quel modo, rispondeva Maruzza, invece di stare alla
finestra: A donna alla finestra non far festa. - Certune per collo stare alla
finestra un marito se lo pescano, fra tanti che passano; osserv la cugina
Anna dall'uscio dirimpetto. La cugina Anna aveva ragione da vendere;
perch quel bietolone di suo figlio Rocco si era lasciato irretire dentro le
gonnelle della Mangiacarrubbe, una di quelle che stanno alla finestra colla
faccia tosta. Comare Grazia Piedipapera, sentendo che nella strada c'era
conversazione, si affacci anch'essa sull'uscio, col grembiule gonfio delle
fave che stava sgusciando, e se la pigliava coi topi che le avevano
bucherellato il sacco come un colabrodo, e pareva che l'avessero fatto
apposta, come se ci avessero il giudizio dei cristiani; cos il discorso si fece
generale, perch alla Maruzza gliene avevano fatto tanto del danno, quelle
bestie scomunicate! La cugina Anna ne aveva la casa piena, da che gli era
morto il gatto, una bestia che valeva tant'oro, ed era morto di una pedata di
compare Tino. - I gatti grigi sono i migliori, per acchiappare i topi, e
andrebbero a scovarli in una cruna di ago ... ".60
L'impersonalit dello scrittore si attua - in buona sostanza - in modo ancora
pi preciso con l'uso attento ed adeguato del linguaggio.

Il linguaggio
I personaggi si esprimono senza il filtro del narratore colto, onnisciente. Nella
narrazione delle opere di Verga presente un linguaggio povero, semplice,
spoglio, intervallato da modi di dire, di imprecazioni popolari, spesso ripetute;
presente una sintassi elementare racchiusa in una struttura dialettale.

60Giovanni Verga, I Malavoglia, Arnoldo Mondadori Editore, 1993, pag. 21

Verga non usa il dialetto in modo diretto, i tempi non lo consentivano ancora,
ogni tanto usa il corsivo ed il virgolettato per inserire un termine o un
proverbio in dialetto, come nella novella La lupa: "In quell'ora fra vespero e
nona, in cui non ne va in volta femmina buona la gn Pina era la sola anima
viva che si vedesse errare per la campagna, sui sassi infuocati delle viottole,
fra le stoppie riarse dei campi immensi."61. Pi diretto il linguaggio in
Cavalleria rusticana, quando si parla di gn Lola: "- La volpe quando all'uva
non ci pot arrivare... - Disse: come sei bella racinedda mia!62 e ancora quando
Turiddu dice a Lola che sta per sposare il carrettiere "Ora addio, gn Lola,
facemmo cuntu ca chioppi e scampau, e la nostra amicizia finiu".63

Il metodo naturalistico
L'autore verista, di conseguenza, cerca di scoprire le leggi che regolano la
societ umana, muovendo dalle forme sociali pi basse verso quelle pi alte,
come fa lo scienziato in laboratorio quando cerca di scoprire le leggi fisiche
che stanno dietro ad un fenomeno.
In questo Verga fa pienamente proprio il metodo naturalistico: pone cio
attenzione alla realt nella dimensione del quotidiano prediligendo una
narrazione realistica e scientifica degli ambienti e dei soggetti della
narrazione.
Sotto questo aspetto, in altre parole, non racconta le emozioni, ma fa
percepire i sentimenti che i personaggi - con il loro fare e il loro dire provano. Rappresenta, con l'uso geniale di un narratore intradiegetico, il
modo di pensare di una categoria sociale, di un vicinato, insomma di un
gruppo che ha valori comuni, convinzioni radicate e indiscutibili.
In tal modo il lettore sente letteralmente la gente, vede e percepisce un
determinato personaggio o un particolare evento.

Voci correlate
Giovanni Verga (poetica)
Giovanni Verga (concetto dell'ostrica)
Giovanni Verga (descrizione dello spazio)
Verismo
Naturalismo e Verismo (confronto)
Naturalismo (letteratura)
I Malavoglia
Mastro-don Gesualdo

61Giovanni Verga, Tutte le Novelle, Arnoldo Mondadori, Milano, 1979, pag. 199
62op. cit., pag. 192
63op. cit., pag. 191

Collegamenti esterni
Lettera a Salvatore Farina
TORNA ALL'INDICE

Naturalismo e Verismo (confronto)


Definizione e sviluppo
Il Naturalismo un movimento letterario che nasce in Francia come
applicazione diretta del pensiero positivista e si propone di descrivere la
realt psicologica e sociale con gli stessi metodi usati dalle scienze naturali.
La voce narrante nel naturalismo riproduce il modo di vedere e di esprimersi
dell'autore, del borghese colto, e tale voce interviene spesso con giudizi sia
espliciti che impliciti. Tra il narratore e i personaggi vi un distacco netto: il
narratore allontanandosi dall'oggetto e guardandolo dall'alto, adotta il punto
di vista dello scienziato.
Il Verismo un forte movimento letterario naturalista che si afferma negli
anni settanta del XIX secolo e riproduce sostanzialmente nella sua poetica
quella del Naturalismo francese, ma con caratteri regionalistici derivanti da
una situazione economica e sociale segnata dal ritardo dell'industrializzazione
e dalla centralit della questione contadina. Nel verismo il narratore come
se fosse uno dei personaggi stessi, al loro livello e narra i fatti con la loro
mentalit. Alla fine del 1870 quando l'Italia era stata appena costituita in unit
ed i problemi esistenti si erano fatti pi acuti e pressanti, quando la questione
sociale dei rapporti fra patronato e masse lavoratrici stava diventando
pericolosa per la stabilit sociale, gli scrittori veristi italiani, prendendo le
mosse dal naturalismo francese, elaborarono le loro teorie letterarie creando
opere che modificarono il modo dintendere larte dello scrivere.
Il modo di concepire la letteratura da parte del verismo italiano fu ben
diverso da quello del Naturalismo francese.

I teorici del pensiero, Verga, Capuana e Zola


Gli autori della teoria verista furono Luigi Capuana (1839-1915) e Giovanni
Verga (1840-1922), entrambi siciliani ed entrambi milanesi per scelta
artistica.
Avvenne proprio a Milano la diffusione, politica ed ideologica oltre che
letteraria, del naturalismo francese. Il naturalismo francese volle essere di
effettiva denuncia sociale, ed, infatti, fu la denuncia sociale il contenuto
dellopera darte del naturalista francese pi apprezzato in Italia, mile Zola.
Limmagine di questo scrittore era quella del romanziere scienziato e realista
che non temeva di lottare contro le piaghe della societ borghese
industrializzata. Zola era lo scienziato positivista che aveva fiducia nel
progresso per migliorare le condizioni dellumanit.
Il Naturalismo francese positivista, vedeva quindi nel progresso scientifico la
possibilit per lumanit di affrancarsi da stenti e fatiche.
Nasce cos il romanzo sperimentale che indaga la realt degli esseri umani,
studia linteragire degli uomini tra loro, esplora i meccanismi psicologici per
vederne le storture e poterle cos raddrizzare.
Il romanziere non pi il letterato in senso poetico, ma un intellettuale
scienziato. Su di un metaforico tavolo della dissezione c lanimo umano, c
la psiche con le sue debolezze e grandezze, ed anche lambiente dove si nasce,
si cresce e si sviluppa il carattere, diventa motivo dindagine. I naturalisti
pensavano quindi che appena possedute le leggi universali dell'agire umano
sarebbe bastato intervenire sugli ambienti e sugli individui in modo scientifico
per poter migliorare la societ. Lo scrittore assume pertanto un preciso
impegno sociale e politico, quello di aiutare le scienze politiche, sociali ed
economiche a regolare la societ, eliminando i problemi della criminalit.
Secondo Zola il lavoro dello scrittore-scienziato pu svolgersi soltanto in uno
stato in cui vi sia un regime repubblicano democratico che utilizzi gli
strumenti della scienza moderna per realizzare il progresso e il benessere
degli uomini. Milano, che era la citt italiana pi vicina allEuropa
industrializzata per lo sviluppo economico e sociale, era lambiente
intellettuale adatto ad accogliere un prodotto come il Naturalismo figlio dei
tempi moderni.
Felice Cameroni fu tra i sostenitori pi fervidi di Zola e con i suoi articoli su
vari giornali milanesi, fece conoscere lo scrittore francese.
La sinistra milanese colse subito limportanza delle nuove tendenze ma fu
culturalmente ed intellettualmente debole: non fu, cio, in grado di formulare
n un linguaggio letterario nuovo n una teoria artistica coerente e valida.
Furono proprio i due conservatori siciliani: Capuana e Verga ad elaborare una
teoria letteraria che, come detto, prese le mosse dal Naturalismo per divenire
subito autonoma ed indipendente. Lammirazione per Zola era condivisa ma si
muoveva da una prospettiva diversa e molto piu veloce rispetto
all'ammirazione verso verga. Luigi Capuana ebbe unimportanza fondamentale
come critico nel diffondere la conoscenza di Zola. Il modo che per ebbe
Capuana di intendere la letteratura fu fondamentalmente diverso da quello del
Naturalismo francese. Ecco quindi che nasce il verismo.

Esempio e differenze
Zola appartiene al movimento chiamato Naturalismo.
Verga appartiene al movimento chiamato Verismo.
Questultimo si rif al movimento francese del Naturalismo (1875).
Tra questi due movimenti vi sono alcune differenze principali:
Gli autori naturalisti preferiscono analizzare le grandi citt. Al contrario degli
autori veristi che preferiscono analizzare piccoli paesi e campagne. Gli autori
naturalisti sono ottimisti e preferiscono analizzare la denuncia sociale, lo stato
degli operai, i bambini. Hanno uno scopo attivo e propositivo. Gli autori veristi
i quali, trattando gli argomenti prima citati, sono pessimisti e vi sempre il
dolore. Non vedono speranza alcuna di cambiare la classe sociale di
appartenenza anche se questo il periodo dell'entrata in gioco della
borghesia e i ceti medi. Per Zola vi un rifiuto di consolazione di tipo
religioso. Di contro, vi una visione meccanica gi predefinita da leggi scritte,
ma poi, con il susseguirsi degli eventi si pu raggiungere la felicit. Secondo i
veristi ed i naturalisti luomo il prodotto di tre fattori:
1.Famiglia
2.Ambiente sociale
3.Periodo storico
Le tecniche narrative di Zola sono:
I. REALT CONTEMPORANEA;
II. AMBIENTE (preciso ed attento);
III. I PERSONAGGI (che sono calati in quellambiente);
IV. LESSICO DELLA LINGUA PARLATA (gli ambienti sono presentati secondo
la lingua parlatadi quei luoghi);
V. IMPERSONALIT (come distacco scientifico dalla materia analizzata; il
narratore commenta le vicende);
Le tecniche narrative di Verga sono:
I. IMPERSONALIT E NARRATORE POPOLARE. Pare quasi che lautore non
ci sia e che non esprima giudizio alcuno, anzi, vi il punto di vista dei
personaggi allinterno della rosa (vd La roba). Lautore usa il linguaggio corale
che da globalmente il giudizio implicito e spessissimo vi sono fenomeni di
straniamento (vengono presentati normali atteggiamenti che tali non sono).
II. ARTIFICIO DELLA REGRESSIONE. Per adottare il punto di vista del
popolo, rinuncia alla sua intellettualit ed assume la prospettiva (cultura,
etica) popolare.
III. PRINCIPIO DELLO STRANIAMENTO. La tecnica dello straniamento
consiste nell'adottare, per narrare un fatto e descrivere una persona, un punto
di vista completamente estraneo all'oggetto e questo procedimento narrativo
lo troviamo usato in larga misura nelle opere veriste del Verga.

IV. DISCORSO INDIRETTO LIBERO. Non vi sono segni grafici, il discorso in


3^ persona. Manca il verbo reggente e nel linguaggio popolare vengono
riferite idee proprie del personaggio.
V. LA CONCATENAZIONE. Questa pu essere per identit o per convinzione.
In quella per identit consiste nel porre a poca distanza parole di significato
analogo, in quella per convinzione di mettere una parola e subito dopo il suo
contrario.
VI. RIPETIZIONE. Rientro significativo a dettagli descrittivi che ritornato per
dare ununit organica. Queste possono essere a distanza di pagine ma anche
nella frase successiva.
Il linguaggio di Verga non colto ma non vi neppure poco dialetto. Vi si
trovano espressioni popolari, ha una sintassi del modo parlato (la parola che
utilizzata pi volte e con significati diversi).
TORNA ALL'INDICE

Giovanni Verga (darwinismo sociale)


La concezione della societ che si ricava dalle affermazioni teoriche del Verga
e dalla sua rappresentazione della realt si pu far rientrare nell'ambito
culturale di un darwinismo sociale.

La lotta per l'esistenza


In una lettera inviata il 21 aprile del 1878 a Salvatore Paola Verdura, il Verga
scrive: "Ho in mente un lavoro che mi sembra bello e grande, una specie di
fantasmagoria della lotta per la vita, che si estende dal cenciaiuolo al ministro
e all'artista, e assume tutte le forme, dalla ambizione all'avidit del guadagno,
e si presta a mille rappresentazioni del grottesco umano".64
Questo concetto di "lotta per la vita", che Verga aveva gi utilizzato nella
prefazione ai Vinti e che era gi presente nel primo progetto del ciclo dei
romanzi, deriva dall'applicazione, comunemente definita darwinismo sociale,
di alcuni aspetti della teoria evoluzionistica di Charles Darwin in campo
sociale.
Darwin sosteneva, infatti, riprendendo la tesi dell'economista Thomas
Malthus, che tra i vari individui esiste una lotta continua per la sopravvivenza
perch il numero degli organismi viventi superiore a quello che pu vivere
con le risorse di cui si dispone.
A sopravvivere a questa lotta sono i pi adatti alle condizioni di vita in cui si
trovano che possono cos trasmettere i loro caratteri ai discendenti con una
naturale selezione.

64Da Giovanni Verga, lettera a S. Paola Verdura del 21 aprile 1878.

La visione della vita secondo Verga


Nella visione della vita secondo Verga la societ a tutti i suoi livelli dominata
da un antagonismo spietato tra gli individui, i gruppi e le classi e le leggi che
la regolano sono quelle della sopraffazione del pi forte sul pi debole e
l'interesse individuale.
Questa condizione non potr mai mutare perch insita nella natura stessa in
ogni tempo e in ogni luogo.
Verga non riesce a trovare una giustificazione allo sfruttamento e alla
sopraffazione e anche se non sa trovare alternative alla situazione sociale
vuole porsi nei suoi confronti con un atteggiamento fortemente critico e, con
disperata amarezza e forte lucidit, ne rappresenta tutti gli aspetti negativi.

La visione del mondo


Verga scrisse opere di grande valore umano e poetico e il suo Verismo non fu
una fredda e distaccata riproduzione del reale ma la sua opera rispecchia,
nonostante il rispetto del canone dell'impersonalit, una personale visione del
mondo, ed il suo forte sentimento di dolore e di tristezza di fronte alla vita.
Il mondo del Verga un mondo senza Dio, un mondo governato dalle leggi
della societ moderna, in continuo cammino per la conquista del progresso,
che non grandioso per i vinti che alzano le braccia disperate e piegano il
capo sotto il piede brutale dei vincitori.

I personaggi verghiani
I personaggi verghiani, infatti, non si ribellano: la loro vita dominata dal
fato, un fato che non concede all'uomo alcuna libert di realizzare i propri
sogni e le proprie aspirazioni.
Essi sono preda di un cieco fatalismo e quando cercano di uscire dal solco
inesorabilmente segnato, la loro condizione si aggrava.
Verga ama profondamente i suoi personaggi perch li comprende
profondamente, perch sa che essi non hanno fede nella Provvidenza che sola
pu far aspirare in un mondo di pace e di giustizia.

Il progresso non reca felicit


Verga, in netto contrasto con l'entusiasmo positivistico, nega che il progresso
significhi serenit e felicit ed convinto che in questo mondo, teso verso la
ricerca di beni materiali e di ambizioni sempre pi elevate, l'uomo chiuso in
s affidato alle sue forze che si logorano giorno dopo giorno. Verga paragona
il progresso a una fiumana, tipico fiume siciliano a regime torrentizio che per
la maggior parte dell'anno in secca ma nella stagione delle piogge straripa e
reca danno alle cose pi deboli, come il progresso che inattivo per la
maggior parte del tempo ma quando vi i pi deboli e i pi poveri ne sono
soggiogati.

Impossibilit ad uscire dal proprio stato sociale


Uscire dallo stato sociale in cui il destino pone l'uomo non possibile, ed
questo ci che avviene al giovane 'Ntoni ed a Lia, che vedono fallire il
tentativo di trovare fuori dal proprio ambiente una vita migliore; questo ci
che avviene anche a Mastro-don Gesualdo, il mastro, che invano cerca di
diventare don e che in questo vano tentativo verr respinto sia dai suoi simili,
sia da coloro che appartengono alla classe sociale a cui egli voleva accedere.
La "roba" diventa quindi in Verga una sorta di dannazione poich spinge
l'uomo a ricercare sempre di pi fino a provocarsi l'autodistruzione.
In questo mondo si muovono i personaggi del Verga, uomini condannati al
dolore e alla sconfitta ma, nonostante tutto, pieni di dignit, una dignit umile
ed eroica che nasce soprattutto dalla loro forza interiore, dal modo con cui
sopportano le avversit quotidiane, senza vane ribellioni e senza vilt.

La concezione tragica della vita


La concezione che Verga ha della vita dolorosa e tragica perch egli vede
tutti gli uomini sottoposti a un destino impietoso e crudele, che li condanna,
non solo alla infelicit e al dolore, ma anche all'immobilismo nell'ambiente
familiare, sociale ed economico in cui sono venuti a trovarsi nascendo.
Chi cerca di uscire dalla condizione in cui il destino lo ha posto non trova la
felicit sognata, anzi va immancabilmente incontro a sofferenze maggiori,
come succede a 'Ntoni Malavoglia ed a Mastro-don Gesualdo.
Per il Verga, all'uomo non rimane che la rassegnazione eroica al suo destino.

La concezione fatalistica della vita


questa la concezione fatalistica ed immobile dell'uomo che sembra
contraddire la fede nel progresso, propria del Positivismo e al quale non
rimane che la rassegnazione eroica al suo destino.
Infatti per Verga il progresso solo esteriore e da esso derivano solamente
pene infinite. L'umanit progredisce per le conquiste scientifiche e
tecnologiche ma l'uomo singolo sempre dolorosamente infelice e
costantemente posto nelle mani del fato.

TORNA ALL'INDICE