Sei sulla pagina 1di 3

Federica Majore Materiale per lesame di Stato Psicologo Albo A

2009

Educazione socio affettiva: PREMESSA AL PROGETTO


In ambito scolastico, il termine educazione socioaffettiva fa riferimento a quella parte del
processo educativo che si occupa di atteggiamenti, sentimenti, credenze ed emozioni degli
studenti. Implica unattenzione allo sviluppo personale e sociale degli allievi e alla
promozione della loro autostima.
Gli obiettivi sono:
A livello individuale: tale metodologia ha lobiettivo di migliorare nellindividuo la
conoscenza di s, e di sviluppare sentimenti di accettazione, di sicurezza, di fiducia
in s e negli altri, delle capacit di risolvere problemi interpersonali e di affrontare
situazioni di stress emotivo.
A livello gruppale: mira a promuovere comportamenti e atteggiamenti di
collaborazione, solidariet, mutuo rispetto, tolleranza per le diversit.
Nello specifico gli obiettivi sono: sviluppo della capacit di riconoscere ed esprimere
sentimenti ed emozioni e di ascoltare e rispettare quella altrui, accrescimento del livello di
autostima, miglioramento dei rapporti interpersonali.
Il metodo integrato:
Metodo Gordon: per migliorare la comunicazione tra adulto e bambino e si divide in:
Messaggio Io: Si tratta di una modalit di comunicazione assertiva che permette di
esprimere critiche in modo costruttivo, contrapposta al messaggio-tu che tende a
colpevolizzare e umiliare.
Ascolto attivo: che consente allinsegnante di entrare in comunicazione empatica
con lo studente che ha un problema ed accetta di parlarne. Requisito indispensabile
per attuare un autentico e efficace ascolto attivo laccettazione incondizionata
dellaltro.
Il metodo senza perdenti: si tratta di una metodologia utilizzata per gestire al meglio
le situazioni conflittuali che possono manifestarsi tra studenti e insegnanti e tra
studente e studente; consiste nella ricerca di una soluzione in grado di tener conto
delle esigenze di entrambe le parti.
Circle time: E una tecnica di intervento di gruppo mirata a favorire il rapporto tra i
componenti del gruppo classe e la loro conoscenza reciproca. Durante il Circle time i
membri della classe si riuniscono per discutere un argomento o un problema
proposto da uno o pi alunni. Luso di tale metodologia facilita: lo scambio di opinioni,
una conoscenza reciproca pi approfondita e rapporti pi gratificanti tra i membri del
gruppo, incremento del senso di appartenenza e coesione del gruppo. Prevede la
disposizione delle sedie in circolo, a frequenza settimanale o bisettimanale ed ha
una durata di circa 50 minuti.
Gli esercizi psicomotori: Il metodo integrato prevede uno spazio dedicato
alleducazione corporea come unimportante esperienza a livello emotivo. Lo scopo

Materiale protetto dallAutore. Tutti i diritti riservati.


Vendita, Distribuzione e Duplicazioni vietate.
per contatti: federicam.81@gmail.com

Federica Majore Materiale per lesame di Stato Psicologo Albo A

2009

quello di rapportarsi a se stessi e con il mondo che ci circonda, privilegiando il


vissuto pi immediato che quello corporeo.
Il candidato elabori un progetto di intervento volto a favorire lintegrazione di bambini
di culture diverse nel gruppo classe.
Premessa: Tale progetto parte da un presupposto fondamentale:
La scuola non solo un contesto di apprendimento ma anche una delle pi
importanti agenzie di socializzazione. E dunque responsabile dello sviluppo non solo
cognitivo ma anche socio-affettivo e relazionale. Lo sviluppo dellintelligenza emotiva e
sociale alla base della costruzione di comportamenti fondati su tolleranza ed accettazione
delle diversit.
Obiettivo generale:
Il progetto di intervento qui presentato si pone come obiettivo generale lintegrazione di
bambini con culture diverse, sia per favorirne il migliore adattamento possibile
(prevenendo cos il disagio psicosociale), sia per promuovere modalit di comportamento
prosociale della classe nel suo insieme.
Obiettivi specifici:
1) Promozione, nel corpo docente, di una nuova cultura del processo educativo che,
accanto agli aspetti cognitivi, si occupi anche degli aspetti affettivi e relazionali.
2) Promozione nel gruppo classe di comportamenti e atteggiamenti di:
Solidariet.
Mutuo rispetto.
Collaborazione.
Tolleranza delle diversit.
Promozione della capacit di riconoscere ed esprimere sentimenti ed emozioni e di
ascoltare quelli degli altri.
Migliorare i rapporti interpersonali nel gruppo classe.
Target:
lintervento rivolto agli insegnanti e alle classi di una scuola elementare dove si
registrato, negli ultimi anni, un incremento nelle iscrizioni di bambini stranieri.
Metodologia: fasi, attivit, tempi.
Si seguiranno i principi teorici e le metodologie dintervento delleducazione
socioaffettiva. Lintervento si articoler nelle seguenti fasi, e ricoprir lintero anno
scolastico:
Fase 1 Formazione agli insegnanti: In questa prima fase gli insegnanti saranno formati
alle tecniche delleducazione socioaffettiva e del cooperative learning. Si prevedono, nello
specifico:

Materiale protetto dallAutore. Tutti i diritti riservati.


Vendita, Distribuzione e Duplicazioni vietate.
per contatti: federicam.81@gmail.com

Federica Majore Materiale per lesame di Stato Psicologo Albo A

2009

2 giornate di formazione daula con i seguenti obiettivi: che cos leducazione


socioaffettiva e la cooperative learning? Quali sono le tecniche, qual lobiettivo e
come si colloca nellintervento?
1 giornata di formazione con metodi attivi: role playing, simulate e gruppi di
discussione.
Fase 2 Educazione socioaffettiva in classe: Gli insegnanti, alla fine della formazione,
porteranno le tecniche apprese in classe attraverso:
Circle time: da loro stessi condotti a cadenza settimanale con una durata di 50
minuti, per sviluppare competenze sociali e rafforzare la coesione nel gruppo.
Cooperative learning : a cadenza settimanale, gli insegnanti daranno un compito da
svolgere in classe in gruppi di 5-6 persone e spiegheranno ai bambini che solo
collaborando potranno svolgere il compito, cui seguir un premio. I gruppi saranno
composti ad hoc, in modo da includere sempre i bambini stranieri in ogni gruppo.
Fase 3 Verifica dellintervento: E una verifica non dellesito ma in itinere. Si prevede la
costruzione di una griglia di osservazione costruita ad hoc contenente i comportamenti
che rispecchiano gli obiettivi dellintervento. Sar compilata dagli insegnanti una volta al
mese per verificare lincremento di comportamenti di rispetto e collaborazione. Il confronto
tra le schede allinizio e alla fine del trattamento sar un buon indicatore dellefficacia
dellintervento.

Materiale protetto dallAutore. Tutti i diritti riservati.


Vendita, Distribuzione e Duplicazioni vietate.
per contatti: federicam.81@gmail.com