Sei sulla pagina 1di 54

Eurocodice 2

NORMA ITALIANA
S P E R I M E N TA L E

Progettazione delle strutture di calcestruzzo

UNI ENV 1992-2

Parte 2: Ponti di calcestruzzo

SETTEMBRE 2000
Eurocode 2
Part 2: Concrete bridges

DESCRITTORI

Ingegneria civile, struttura di calcestruzzo, ponte, progettazione, criterio di


progettazione, calcolo

CLASSIFICAZIONE ICS

93.040

SOMMARIO

La norma, sperimentale, indica criteri per la progettazione strutturale dei


ponti di calcestruzzo che sono complementari alle parti 1-1, 1-3 e 1-5
dellEurocodice 2. Se non diversamente stabilito in questa parte i principi e
le regole applicative nelle parti predette si applicano ai ponti. Questa parte
si applica ai ponti stradali, pedonali e ferroviari la cui struttura realizzata
con calcestruzzo armato o precompresso; inoltre pu essere usata per
calcestruzzo ad alta resistenza o alleggerito purch le norme su questi
materiali lo permettano.

RELAZIONI NAZIONALI
RELAZIONI INTERNAZIONALI

= ENV 1992-2:1996
La presente norma sperimentale la versione ufficiale in lingua italiana
della norma europea sperimentale ENV 1992-2 (edizione settembre 1996).

ORGANO COMPETENTE

Commissione "Ingegneria strutturale"

RATIFICA

Presidente dellUNI, delibera del 21 agosto 2000

RICONFERMA

UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unificazione
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia
Gr. 13

NORMA EUROPEA SPERIMENTALE

Design of concrete structures

UNI - Milano 2000


Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
pu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza
il consenso scritto dellUNI.

N di riferimento UNI ENV 1992-2:2000

Pagina I di VI

PREMESSA NAZIONALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, della
norma europea sperimentale ENV 1992-2 (edizione settembre 1996),
che assume cos lo status di norma nazionale italiana sperimentale.
La traduzione stata curata dallUNI.
La Commissione "Ingegneria strutturale" dellUNI, che segue i lavori
europei sullargomento, per delega della Commissione Centrale
Tecnica, ha approvato il progetto europeo il 28 settembre 1995 e la
versione in lingua italiana della norma l11 luglio 2000.
La scadenza del periodo di validit della ENV 1992-2 stata fissata
inizialmente dal CEN per settembre 1999. Eventuali osservazioni
sulla norma possono comunque pervenire allUNI entro marzo 2001.
La presente norma contiene i valori dei coefficienti approvati dal
CEN/TC 250.
Lindicazione dei coefficienti da utilizzare a livello nazionale, previsti
alla voce "Documenti Nazionali di Applicazione (DAN)", nella premessa della presente norma, sar data, ove ritenuto necessario,
dalla Autorit Nazionale competente, nel rispetto dei livelli di sicurezza stabiliti dalle Regole Tecniche nazionali.

Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni
o di aggiornamenti.
importante pertanto che gli utenti delle stesse si accertino di essere in possesso
dellultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.
Le norme sperimentali sono emesse, per applicazione provvisoria, in campi in cui viene
avvertita una necessit urgente di orientamento, senza che esista una consolidata esperienza a supporto dei contenuti tecnici descritti.
Si invitano gli utenti ad applicare questa norma sperimentale, cos da contribuire a fare
maturare l'esperienza necessaria ad una sua trasformazione in norma raccomandata.
Chiunque ritenesse, a seguito del suo utilizzo, di poter fornire informazioni sulla sua applicabilit e suggerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato
dell'arte in evoluzione pregato di inviare, entro la scadenza indicata, i propri contributi
all'UNI, Ente Nazionale Italiano di Unificazione.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina II di VI

INDICE
PREMESSA

1
1.1
1.1.2
1.2
1.4
1.4.1
1.4.2
1.6
1.6.3
1.7
1.7.3

INTRODUZIONE
4
Scopo .............................................................................................................................................................. 4
Scopo della parte 2 della ENV 1992-2 .............................................................................................................. 4
Distinzione tra principi e regole di applicazione ....................................................................... 5
Definizioni...................................................................................................................................................... 6
Termini comuni a tutti gli Eurocodici .................................................................................................................... 6
Termini speciali impiegati nella parte 2 della ENV 1992 ................................................................. 6
Simboli comuni a tutti gli Eurocodici ............................................................................................... 6
Simboli in lettere greche minuscole...................................................................................................................... 6
Simboli speciali utilizzati nella parte 2 della ENV 1992........................................................ 7
Simboli in lettere latine minuscole.......................................................................................................................... 7

2
2.2
2.2.1
2.2.2
2.2.3
2.3
2.3.2
2.3.3
2.3.4
2.5
2.5.1
2.5.2

2.5.3

BASI DELLA PROGETTAZIONE


7
Definizioni e classificazioni .................................................................................................................. 7
Stati limite e situazioni di progetto ......................................................................................................................... 7
Azioni .................................................................................................................................................................................................. 7
Propriet dei materiali ........................................................................................................................................................ 7
Requisiti del progetto .............................................................................................................................. 8
Stati limite ultimi ....................................................................................................................................................................... 8
Fattori di sicurezza parziali per stati limite ultimi ..................................................................................... 8
Stati limite di esercizio ....................................................................................................................................................... 8
Analisi .............................................................................................................................................................. 8
Prescrizioni generali............................................................................................................................................................. 8
Schematizzazione della struttura ............................................................................................................................ 9
Definizioni delle dimensioni per la larghezza efficace delle ali ..................................................... 9
Luci efficaci approssimate per il calcolo dei rapporti di larghezza collaborante .................. 10
Metodi di calcolo .................................................................................................................................................................. 10

3
3.2
3.2.2

PROPRIET DEI MATERIALI


10
Acciai per armature............................................................................................................................... 10
Classificazione e geometria ..................................................................................................................................... 10

4
4.1
4.1.3
4.2
4.2.2
4.2.3
4.3
4.3.1
4.3.2
4.3.5
4.3.6
4.3.7

PROGETTAZIONE DELLE SEZIONI E DEGLI ELEMENTI


11
Requisiti di durabilit ............................................................................................................................ 11
Progettazione ......................................................................................................................................................................... 11
Dati per il progetto ................................................................................................................................. 11
Calcestruzzo armato........................................................................................................................................................ 11
Calcestruzzo precompresso .................................................................................................................................... 11
Stati limite ultimi ...................................................................................................................................... 12
Stati limite ultimi per flessione e forza longitudinale ........................................................................ 12
Taglio .............................................................................................................................................................................................. 13
Stati limite ultimi indotti da deformazione della struttura (instabilit)............................... 13
Verifica allimpatto .............................................................................................................................................................. 14
Verifica per fatica ................................................................................................................................................................ 15
Fattori di sicurezza parziali per le propriet dei materiali per la verifica a fatica ................. 16

figura

2.102

figura

2.103

prospetto 4.115
figura

4.134

Variazione dello sforzo ammissibile per il calcestruzzo compresso secondo l'equazione


[4.188] senza un'esplicita verifica a fatica ....................................................................................... 17

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina III di VI

figura

4.135

Variazione dello sforzo tangenziale ammissibile per elementi privi di armatura a taglio
secondo le equazioni [4.189] e [4.190] .............................................................................................. 18

prospetto 4.116

Parametri per le curve S-N dell'acciaio da precompressione .................................................... 19

figura

4.136

Forma delle curve caratteristiche di resistenza a fatica (curve S-N) per lacciaio
da precompressione ................................................................................................................................ 20

prospetto 4.117

Parametri delle curve S-N per lacciaio per armatura ordinaria................................................. 20


Stati limite di esercizio ........................................................................................................................ 20
Generalit ................................................................................................................................................................................... 20
Classificazione dei criteri di verifica .................................................................................................... 21
Limitazione delle tensioni in esercizio ............................................................................................................ 21
Stati limite di decompressione e di fessurazione ................................................................................ 22

4.4
4.4.0
prospetto 4.118

4.4.1
4.4.2
prospetto 4.119

Rapporto nominale tra le tensioni medie di aderenza dell'armatura di


precompressione e dell'armatura ordinaria ad aderenza migliorata per il
controllo della fessurazione ................................................................................................................... 25

prospetto 4.120

Diametri massimi

prospetto 4.121

Spaziatura massima tra le barre, per barre ad aderenza migliorata ....................................... 26

s per barre ad aderenza migliorata ............................................................. 26

4.4.3
4.4.4

Stati limite di deformazione ....................................................................................................................................... 26


Stato limite di vibrazione .............................................................................................................................................. 28

5
5.1
5.3
5.3.4
5.4
5.4.2
5.4.9
5.5

PRESCRIZIONI COSTRUTTIVE
29
Generalit .................................................................................................................................................. 29
Elementi per la precompressione ................................................................................................. 29
Ancoraggi e dispositivi di accoppiamento per armature di precompressione ......... 29
Distanza dei connettori ............................................................................................................................ 29
Elementi strutturali ................................................................................................................................ 29
Travi .................................................................................................................................................................................................. 29
Elementi prefabbricati ..................................................................................................................................................... 30
Limitazione del danno dovuto ad azioni eccezionali .......................................................... 31

ESECUZIONE E PREPARAZIONE DEGLI ADDETTI

31

CONTROLLO DI QUALIT

31

prospetto 5.106

APPENDICI NORMATIVE
APPENDICE
(normativa)

DATI SUPPLEMENTARI PER LA DETERMINAZIONE DEGLI EFFETTI


DELLE DEFORMAZIONI DEL CALCESTRUZZO DIPENDENTI
DAL TEMPO

32
32

APPENDICE
(normativa)

ANALISI NON LINEARE

APPENDICE
(normativa)

INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI SUGLI STATI LIMITE ULTIMI INDOTTI


DA DEFORMAZIONI STRUTTURALI
32

APPENDICE
(normativa)

VERIFICA DELLE INFLESSIONI MEDIANTE IL CALCOLO

32

APPENDICE
(normativa)

105

PRECOMPRESSIONE CON ARMATURE A CAVI SCORREVOLI


ED ESTERNI

32

APPENDICE
(normativa)

106

TENSIONI EQUIVALENTI AL DANNO PER LA VERIFICA A FATICA

34

figura

A.106.1

Valore di s,1 per la verifica a fatica nella zona di appoggio intermedio ................................ 35

figura

A.106.2

Valore di s,1 per la verifica a fatica in campata e per elementi locali .................................... 36

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina IV di VI

prospetto A.106.1

Fattori Q per tipo di traffico ..................................................................................................................... 36

prospetto A.106.2

Valori di s,1 per travi a una sola campata e per travi continue ................................................ 39

A.106.3

Zone delle sezioni della campata ......................................................................................................... 40

prospetto A.106.3

Valori di c,1 per travi in semplice appoggio e travi continue ..................................................... 42

figura

APPENDICE INFORMATIVA
APPENDICE
(informativa)

107

PONTI STRALLATI

UNI ENV 1992-2:2000

43

Pagina V di VI

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina VI di VI

Eurocodice 2
PRENORMA EUROPEA

Progettazione delle strutture di calcestruzzo

ENV 1992-2

Parte 2: Ponti di calcestruzzo


SETTEMBRE 1996
Eurocode 2
EUROPEAN PRESTANDARD

Design of concrete structures


Part 2: Concrete bridges
Eurocode 2

PRNORME EUROPENNE

Calcul des structures en bton


Partie 2: Ponts en bton
Eurocode 2

EUROPISCHE VORNORM

Planung von Stahlbeton- und Spannbetontragwerken


Teil 2: Betonbrcken

DESCRITTORI

Ingegneria civile, struttura di calcestruzzo, ponte, progettazione, criterio di progettazione, calcolo

ICS

93.040

La presente norma europea sperimentale (ENV) stata approvata dal CEN,


come norma per applicazione provvisoria, il 28 settembre 1995.
Il periodo di validit di questa ENV limitato inizialmente a 3 anni. I membri
del CEN saranno invitati dopo 2 anni a sottoporre i loro commenti, in particolare per quanto riguarda la sua trasformazione da ENV a norma europea
(EN).
I membri del CEN sono tenuti a rendere nota lesistenza di questa ENV nello stesso modo utilizzato per una EN e a renderla prontamente disponibile
a livello nazionale in una forma appropriata. possibile mantenere in vigore, contemporaneamente alla ENV, altre norme nazionali contrastanti, fino
alla decisione finale sulla possibile conversione da ENV a EN.
I membri del CEN sono gli Organismi nazionali di normazione di Austria,
Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda,
Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia e Svizzera.

CEN
COMITATO EUROPEO DI NORMAZIONE
European Committee for Standardization
Comit Europen de Normalisation
Europisches Komitee fr Normung
Segreteria Centrale: rue de Stassart, 36 - B-1050 Bruxelles

CEN 1996
I diritti di riproduzione sono riservati ai membri del CEN.
UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 1 di 48

PREMESSA
Obiettivi degli Eurocodici
(1)
(2)

(3)

Gli Eurocodici strutturali costituiscono un gruppo di norme relative alla progettazione strutturale e geotecnica degli edifici e delle opere di ingegneria civile.
Essi trattano lesecuzione e il controllo solo nella misura atta a definire la qualit
dei prodotti da costruzione e il livello di preparazione professionale necessario per
soddisfare le ipotesi assunte nella progettazione.
Fino a quando il necessario insieme di norme tecniche unificate sui prodotti e sui
metodi di prova delle loro prestazioni non sar disponibile, alcuni degli Eurocodici
strutturali tratteranno alcuni di questi aspetti nelle appendici informative.

Cronistoria del programma degli Eurocodici


(4)

(5)

(6)

La Commissione delle Comunit Europee (CCE) assunse l'iniziativa di redigere un


insieme di norme tecniche per la progettazione di edifici e di opere di ingegneria civile che dovrebbero servire inizialmente quale alternativa ai diversi regolamenti in
vigore nei vari Paesi membri e infine sostituirli. Queste norme tecniche sono state
designate "Eurocodici strutturali".
Nel 1990, dopo aver consultato i rispettivi Paesi membri, la CCE incaric il CEN
del lavoro di sviluppo ulteriore, dell'emanazione e dell'aggiornamento degli Eurocodici strutturali; la Segreteria dell'EFTA accett di dare supporto ai lavori del
CEN.
Il Comitato Tecnico CEN/TC 250 responsabile di tutti gli Eurocodici strutturali.

Programma degli Eurocodici


(7)

(8)
(9)
(10)
(11)

Sono in fase di redazione i seguenti Eurocodici strutturali, ognuno dei quali generalmente consta di varie parti:
ENV 1991 = Eurocodice 1 Basis of design and actions on structures [Basi di calcolo ed azioni sulle strutture]
ENV 1992 = Eurocodice 2 Design of concrete structures [Progettazione delle
strutture di calcestruzzo]
ENV 1993 = Eurocodice 3 Design of steel structures [Progettazione delle strutture di acciaio]
ENV 1994 = Eurocodice 4 Design of composite steel and concrete structures
[Progettazione delle strutture composte acciaio-calcestruzzo]
ENV 1995 = Eurocodice 5 Design of timber structures [Progettazione delle strutture di legno]
ENV 1996 = Eurocodice 6 Design of masonry structures [Progettazione delle
strutture di muratura]
ENV 1997 = Eurocodice 7 Geotechnical design [Progettazione geotecnica]
ENV 1998 = Eurocodice 8 Design provisions for earthquake resistance of structures
[Indicazioni progettuali per la resistenza sismica delle
strutture]
ENV 1999 = Eurocodice 9 Design of aluminium alloy structures [Progettazione
delle strutture di alluminio]
Il CEN/TC 250 ha costituito dei sottocomitati, uno per ciascuno degli Eurocodici
sopra citati.
Questa parte 2 dell'Eurocodice 2 viene pubblicata come norma europea sperimentale (ENV) per un periodo iniziale di tre anni.
La presente norma sperimentale da intendersi per utilizzo sperimentale e sottoposta a commenti.
Dopo un periodo di circa due anni, i membri del CEN saranno invitati a presentare
commenti formali da considerare per definire le future azioni.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 2 di 48

(12)

Nel frattempo, suggerimenti e commenti su questa norma sperimentale dovrebbero essere inviati alla Segreteria del CEN/TC 250/SC 2 al seguente indirizzo:
Deutsches Institut fr Normung e.V. (DIN)
Burggrafenstrasse 6
D-10787 Berlin
Germany
Telefono: (+49) 30 - 26 01 - 25 01
Fax: (+49) 30 - 26 01 - 12 31
o allente normatore nazionale.
(nota nazionale - per l'Italia:
UNI
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 MILANO
(tel. 02/70024.1 - fax. 02/70.106.106)

Documenti Nazionali di Applicazione (DAN)


(13)

(14)

(15)

Considerando le responsabilit delle autorit dei Paesi membri in fatto di sicurezza, salute e altri argomenti contenuti nei requisiti essenziali della Direttiva "Prodotti
da costruzione" (CPD), ad alcuni coefficienti di sicurezza contenuti nella presente
ENV sono stati assegnati dei valori indicativi che vengono identificati da
("valore incasellato"). Le autorit di ciascun Paese membro sono chiamate a considerare tali valori che possono essere sostituiti da valori alternativi da usare nelle
applicazioni nazionali.
Alcune delle norme di supporto europee o internazionali possono non essere disponibili al momento in cui la presente norma sperimentale viene pubblicata.
previsto che verr pubblicato da ciascun Paese membro o dal suo organismo di
normazione, un Documento Nazionale di Applicazione (DAN) che fornir valori sostitutivi per i coefficienti di sicurezza, indicher le norme di supporto compatibili e
fornir indicazioni di guida per l'applicazione di questa norma sperimentale.
inteso che questa norma sperimentale venga utilizzata congiuntamente al DAN
valido nel Paese in cui l'edificio o le opere di ingegneria civile sono collocate.

Argomenti specifici della presente norma sperimentale


(16)

(17)
(18)

(19)

(20)

Lo scopo della ENV 1992 definito in 1.1.1 della ENV 1992-1-1 e lo scopo della presente parte 2 definito in 1.1.2.
Le ulteriori parti dellEurocodice 2 che sono in programma sono indicate in 1.1.3 della ENV 1992-1-1; esse riguarderanno ulteriori tecnologie o applicazioni e completeranno e integreranno la presente parte.
Nellusare in pratica la presente norma sperimentale si deve fare particolare attenzione alle affermazioni e alle condizioni indicate in 1.3 della ENV 1992-1-1.
I sette punti (capitoli) della ENV 1992-1-1 sono completati da quattro appendici.
Queste appendici sono state introdotte rimuovendo dal testo, per chiarezza, alcuni
dei principi e regole di applicazione fra i pi dettagliati, che occorrono solo in casi
particolari.
Come indicato in (14) di questa premessa, si dovrebbe fare riferimento ai documenti di applicazione nazionale che forniranno dettagli delle norme di supporto
compatibili che dovranno essere utilizzate. Per questa parte dellEurocodice 2 si
deve fare particolare attenzione alla norma sperimentale ENV 206 (Concrete Performance, production, placing and compliance criteria [Calcestruzzo - Prestazioni, produzione, messa in opera e criteri di conformit]) e dei requisiti di durabilit indicati in 4.1 della presente norma sperimentale.
Nello sviluppo della presente norma sperimentale sono stati preparati dei documenti di supporto che esprimono commenti e giustificazioni per alcuni punti
indicati nella presente norma sperimentale.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 3 di 48

Per la ENV 1992-2 valgono i sottopunti aggiuntivi seguenti:


(21)
La presente parte 2 della ENV 1992 completa la ENV 1992-1-1 per gli aspetti che
riguardano in particolare i ponti di calcestruzzo.
(22)
L'impostazione e la struttura di questa parte 2 corrispondono a quelle della
ENV 1992-1-1. Tuttavia, la parte 2 contiene principi e regole di applicazione
che sono specifici per i ponti di calcestruzzo.
(23)
Se un sottopunto della ENV 1992-1-1 non menzionato in questa ENV 1992-2,
tale sottopunto della ENV 1992-1-1 si applica secondo quanto appropriato al caso
specifico.
Alcuni principi e regole di applicazione della ENV 1992-1-1 sono modificati o sostituiti in questa parte 2.
Quando un principio o una regola di applicazione della ENV 1992-1-1 modificato
o sostituito, il nuovo numero si identifica per l'aggiunta di 100 al numero originale.
Quando viene aggiunto un nuovo principio o una regola di applicazione, esso
identificato da un numero che segue l'ultimo della ENV 1992-1-1, con l'aggiunta di
100.
Un argomento non coperto dalla ENV 1992-1-1 introdotto in questa parte attraverso un nuovo sottopunto. Il numero di tale sottopunto segue il numero del punto
pi appropriato della ENV 1992-1-1.
(24)
La numerazione delle equazioni, delle figure, delle note e dei prospetti di questa
parte segue gli stessi principi della numerazione dei punti secondo il precedente
punto (23).
(25)
Lo scopo della presente parte 2 della ENV 1992 definito al punto 1.1.2 seguente. Le parti aggiuntive della ENV 1992 e altre norme o norme sperimentali alle
quali si fa riferimento sono anch'esse indicate al punto 1.1.2.
(26)
Per l'applicazione della presente parte 2 dell'Eurocodice 2 si assume che le relative autorit competenti o i committenti:
- definiscano il modello di carico e i valori caratteristici dei carichi di traffico secondo la ENV 1991-3;
- definiscano, con riferimento alle condizioni ambientali di esposizione, i criteri
di verifica per gli stati limite di esercizio; vedere 4.4.0.3 di questa parte 2 per
una possibile classificazione.

INTRODUZIONE

1.1

Scopo

1.1.2

Scopo della parte 2 della ENV 1992-2


Sostituzione di questo sottopunto della ENV 1992-1-1 con:
P(101) La parte 2 della ENV 1992 fornisce le regole per il progetto strutturale dei ponti di
calcestruzzo armato, che si applicano come complementari alle parti 1-1, 1-3 e 1-5
della ENV 1992. Se non altrimenti specificato in questa parte 2, i principi e le regole di applicazione di tali altre parti si applicano anche ai ponti.
P(102) Questa parte 2 si riferisce a ponti stradali, pedonali e ferroviari, le strutture dei
quali siano di calcestruzzo armato ordinario e/o precompresso, realizzato con aggregati normali. In aggiunta, questa parte 2 pu essere usata per il calcestruzzo
ad alta resistenza e per il calcestruzzo con aggregati leggeri purch sia possibile
giustificare le regole per questi materiali.
P(103) Questa parte 2 non fornisce regole specifiche per altre forme strutturali coperte da
altre parti della ENV 1992. In aggiunta, quando si considerino gli effetti degli appoggi strutturali, delle barriere e di altre attrezzature dei ponti sul progetto strutturale, si deve fare riferimento agli altri documenti e specifiche relativi al progetto di
quel particolare costruttivo (per esempio: per i ponti stradali alcune regole riguardanti i particolari costruttivi di barriere e parapetti sono fornite nella ENV 1991-3).

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 4 di 48

P(104) Si applicano le regole ingegneristiche relative al vento, al sisma e, quando appropriato, ad altre azioni, date nella ENV 1991 e nella ENV 1998 per i ponti.
(105) Quando si usa questa parte 2 si dovrebbe fare riferimento, ove opportuno, alle seguenti norme europee sperimentali:
ENV 1991-1-1 Eurocode 1 - Basis of design and actions on structures - Part 1-1:
Basis of design [Eurocodice 1 - Basi di calcolo ed azioni sulle
strutture - Parte 1-1: Basi di calcolo]
ENV 1991-2 -1 Eurocode 1 - Basis of design and actions on structures - Part 2-1:
Actions on structures - Densities, self-weight and imposed loads
[Eurocodice 1 - Basi di calcolo ed azioni sulle strutture - Parte 2-1:
Azioni sulle strutture - Massa volumica, pesi propri e carichi imposti]
ENV 1991-2-4 Eurocode 1 - Basis of design and actions on structures - Part 2-4:
Actions on structures - Wind actions [Eurocodice 1 - Basi di calcolo ed azioni sulle strutture - Parte 2-4: Azioni sulle strutture Azioni del vento]
ENV 1991-2-5 Eurocode 1 - Basis of design and actions on structures - Parte 2-5:
Actions on structures - Thermal actions [Eurocodice 1 - Basi di
calcolo ed azioni sulle strutture - Parte 2-5: Azioni sulle strutture Azioni termiche]
ENV 1991-3
Eurocode 1 - Basis of design and actions on structures - Part 3:
Traffic loads on bridges [Eurocodice 1 - Basi di calcolo ed azioni
sulle strutture - Parte 3: Carichi di traffico sui ponti]
ENV 1992-1-2 Eurocode 2 - Design of concrete structures - Part 1-2: General rules
- Structural fire design [Eurocodice 2 - Progettazione delle strutture di calcestruzzo - Parte 1-2: Regole generali - Progettazione
della resistenza allincendio]
ENV 1992-1-3 Eurocode 2 - Design of concrete structures - Part 1-3: Supplementary
ryles for precast concrete elements and structures [Eurocodice 2 Progettazione delle strutture di calcestruzzo - Parte 1-3: Regole generali - Elementi e strutture prefabbricate di calcestruzzo]
ENV 1992-1-4 Eurocode 2 - Design of concrete structures - Part 1-4: Supplementary
rules for the use of lightweight aggregate concrete with closed structure
[Eurocodice 2 - Progettazione delle strutture di calcestruzzo - Parte 14: Regole generali - Calcestruzzo a struttura chiusa realizzata con aggregati leggeri]
ENV 1992-1-5 Eurocode 2 - Design of concrete structures - Part 1-5: Supplementary
rules for the use of unbonded and external prestressing tendons [Eurocodice 2 - Progettazione delle strutture di calcestruzzo - Parte 1-5:
Regole generali - Strutture con cavi non aderenti e cavi di precompressione esterna]
ENV 1992-1-6 Eurocode 2 - Design of concrete struttures - Part 1-6: Supplementary
rules for plain or lightly reinforced concrete structures [Eurocodice 2 Progettazione delle strutture di calcestruzzo - Parte 1-6: Regole generali - Strutture di calcestruzzo non armato]
ENV 1992-3
Eurocode 2 - Design of concrete structures - Part 3: Concrete
foundations [Eurocodice 2 - Progettazione delle strutture di calcestruzzo - Parte 3: Fondazioni di calcestruzzo]
ENV 1997-1
Eurocode 7 - Geotechnical design - Part 1: General rules [Eurocodice 7 - Progettazione geotecnica - Parte 1: Regole generali]
ENV 1998-2
Eurocode 8 - Design provisions for earthquake resistance of
structures - Part 2: Bridges [Eurocodice 8 - Indicazioni progettuali
per la resistenza sismica delle strutture - Parte 2: Ponti]

1.2

Distinzione tra principi e regole di applicazione


I punti da P(1) a P(6) sono sostituiti da:
(101) I punti del presente Eurocodice vengono distinti, a seconda del loro contenuto, in
principi e regole di applicazione.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 5 di 48

(102)

(103)
(104)

(105)

I principi comprendono:
- affermazioni generali e definizioni per le quali non vi alternativa;
- requisiti e modelli analitici per i quali non ammessa alternativa se non quando specificatamente stabilito.
I principi sono identificati da una lettera P, che precede il numero del punto tra parentesi.
Le regole di applicazione sono regole generalmente riconosciute che seguono i
principi e ne soddisfano i requisiti. L'uso di regole di progettazione alternative, diverse dalle regole di applicazione contenute nell'Eurocodice, consentito a condizione che si dimostri che tali regole alternative sono in accordo con i principi ad
esse attinenti e che sono almeno equivalenti a quelle dell'Eurocodice per quanto
riguarda la resistenza, il comportamento in esercizio e la durabilit della struttura.
In questa parte, le regole di applicazione sono identificate da un numero in parentesi, come in questo punto.

1.4

Definizioni

1.4.1

Termini comuni a tutti gli Eurocodici


Aggiunta dopo il principio P(3):
P(104) In aggiunta alla ISO 8930, vale la terminologia usata nella ENV 1991-1 e nella
ENV 1991-3.
P(105) I termini seguenti sono comuni a tutti gli Eurocodici che si riferiscono ai ponti (le
traduzioni in inglese, in francese e in tedesco sono tra parentesi):
ponte (bridge, pont, Brcke): Costruzione intesa principalmente a portare carichi relativi al trasporto sopra un ostacolo naturale o sopra una linea di comunicazione.
Sono inclusi tutti i tipi di ponte, in particolare i ponti stradali, i ponti pedonali, quelli
ferroviari, i ponti canale e i ponti per aeromobili.
spalla (abutment, cule, Widerlager): Qualsiasi appoggio di estremit di un ponte che
non abbia continuit rigida con l'impalcato. Si distingue, di regola, tra spalle rigide
e spalle flessibili, quando appropriato.
pila (pier, pile, Pfeiler): Appoggio intermedio di un ponte, collocato sotto l'impalcato.
apparecchio d'appoggio (bearing, appareil d'appui, Lager): Dispositivo strutturale situato tra l'impalcato e una spalla o una pila del ponte con la funzione di trasferire
i carichi dell'impalcato alla spalla o alla pila e, quando appropriato, di consentire
spostamenti.
strallo (cable stay, hauban, Schrgseil): Elemento in tensione che agisce come dispositivo di sospensione passivo regolabile di un telaio a collegamenti incrociati
formato dall'impalcato, dai piloni e dagli stralli.
precompressione (prestress, prcontrainte, Vorspannung): Effetto permanente dovuto
a forze controllate e/o a deformazioni controllate imposte alla struttura. Si distinguono i vari tipi di precompressione come opportuno (per esempio: precompressione con cavi tesi, precompressione con deformazioni imposte agli appoggi).
altezza libera (headroom, hauteur libre, lichte Hhe): Altezza libera disponibile per il
traffico.
P(106) Per la terminologia usata per la verifica a fatica vale la ENV 1993-1-1.

1.4.2

Termini speciali impiegati nella parte 2 della ENV 1992


Aggiunta dopo il principio P(2):
P(103) giunzioni d'accoppiamento: Giunzioni nelle posizioni dove si congiungono i cavi.

1.6

Simboli comuni a tutti gli Eurocodici

1.6.3

Simboli in lettere greche minuscole


Aggiunta alla fine di questo punto:
1'
valore di combinazione non frequente.
UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 6 di 48

1.7

Simboli speciali utilizzati nella parte 2 della ENV 1992

1.7.3

Simboli in lettere latine minuscole


Aggiunta:
fpt
valore ultimo garantito della resistenza a trazione dell'acciaio da precompressione
usato per gli stralli.

BASI DELLA PROGETTAZIONE

2.2

Definizioni e classificazioni

2.2.1

Stati limite e situazioni di progetto

2.2.1.1

Stati limite
Sostituzione della regola di applicazione (4) con:
(104) Gli stati limite ultimi suscettibili di richiedere verifica comprendono:
- perdita di equilibrio della struttura o di una parte di essa considerata come corpo rigido;
- dissesto per deformazione eccessiva, rottura o perdita di stabilit della struttura o di una parte di essa, compresi gli appoggi e le fondazioni;
- crisi per fatica.
Vedere 4.2, 4.3.

2.2.2

Azioni

2.2.2.2

Valori caratteristici delle azioni


Aggiunta dopo il principio P(5):
(106) Per la fase di esecuzione si devono, di regola, calcolare i valori dei carichi considerando il macchinario in uso e, quale variabile addizionale, si deve tenere conto
del carico libero, dovuto alle persone, pari a 1 kN/m2 .

2.2.2.3

Valori rappresentativi delle azioni variabili


Sostituzione del principio P(2) con:
P(102) Altri valori rappresentativi sono espressi moltiplicando il valore caratteristico Qk
per mezzo di un fattore i. Questi valori sono definiti come segue:
- valore di combinazione
: 0 Qk
- valore non frequente
: 1' Qk
- valore frequente
: 1 Qk
- valore quasi permanente : 2 Qk
Sostituzione del principio P(4) con
P(104) I coefficienti i da applicare ad alcune azioni di interesse sono forniti nella ENV 1991.
I valori dei coefficienti i per le azioni non fornite nella ENV 1991 si devono selezionare con dovuto riguardo alle caratteristiche fisiche dell'azione.

2.2.3

Propriet dei materiali

2.2.3.1

Valori caratteristici
Sostituzione della regola di applicazione (4) con:
(104) Il procedimento descritto al punto P(1) si applica anche alla verifica per fatica.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 7 di 48

2.3

Requisiti del progetto

2.3.2

Stati limite ultimi

2.3.2.2

Combinazioni di azioni
Sostituzione di questo sottopunto con:
P(101) Per i ponti stradali, pedonali e ferroviari si devono usare le combinazioni di azioni
definite nella ENV 1991-3. Per altri tipi di ponti si devono specificare le combinazioni in base ai corrispondenti documenti. Per la verifica per fatica vedere 4.3.7.2
di questa parte 2.
(102) In genere, non necessario considerare gli effetti termici di origine climatica per
gli stati limite ultimi.
P(103) Si devono considerare i cedimenti se provocano effetti d'azione significativi rispetto a quelli delle azioni dirette.
(104) Se si considerano i cedimenti, si devono di regola usare stime appropriate dei cedimenti previsti.

2.3.3

Fattori di sicurezza parziali per stati limite ultimi

2.3.3.1

Fattori di sicurezza parziali per azioni sulle strutture dei ponti


Sostituzione di questo sottopunto con:
(101) Si devono, di regola, trarre i fattori di sicurezza parziali dalla ENV 1991-3.
Se non altrimenti stabilito, per gli effetti di precompressione si deve, di regola, assumere P = 1,0 .
(102) Per la verifica a fatica vedere 4.3.7.
(103) Quando, secondo 2.3.2.3 P(3) della ENV 1992-1-1, occorre considerare separatamente come azioni individuali le parti favorevole e sfavorevole di un'azione permanente, la parte favorevole deve essere, di regola, associata a G,inf = 0,95 e la
parte sfavorevole a G,sup = 1,05 .
(104) Precompressione. Per la valutazione degli effetti locali (zone di ancoraggio,
azioni locali sul calcestruzzo) sulle armature di precompressione, deve essere
di regola applicata una forza equivalente alla resistenza caratteristica ultima
(vedere 2.5.4 della ENV 1992-1-1).

2.3.3.2

Fattori di sicurezza parziali per i materiali


Sostituzione della regola di applicazione (5) con:
(105) Questi valori si applicano per la verifica a fatica.

2.3.4

Stati limite di esercizio


Sostituzione della regola di applicazione (7) con:
(107) Le combinazioni semplificate di azioni di cui in 2.3.4 (7) della ENV 1992-1-1 non si
applicano ai ponti.
Aggiunta dopo il principio P(8):
P(109) Le combinazioni di azioni per gli stati limite di esercizio sono definite nella
ENV 1991-3 e nella ENV 1992-1-1. Per le deformazioni imposte non definite
da rispettive norme tecniche si devono usare stime appropriate.

2.5

Analisi

2.5.1

Prescrizioni generali

2.5.1.2

Casi e combinazioni di carico


Sostituzione della regola di applicazione (4) con:
(104) Il punto 2.5.1.2 (4) della ENV 1992-1-1 non si applica ai ponti.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 8 di 48

2.5.1.3

Imperfezioni
Sostituzione della regola di applicazione (3) con:
(103) In assenza di altre prescrizioni, l'influenza delle imperfezioni strutturali pu essere presa in conto conglobandola in una imperfezione geometrica efficace,
utilizzando un procedimento come quello descritto in (4) del sottopunto 2.5.1.3
della ENV 1992-1-1.
Sostituzione delle regole di applicazione da (5) a (8) con:
(105) Le regole di applicazione da (5) a (8) in 2.5.1.3 della ENV 1992-1-1, non si applicano ai ponti.

2.5.2

Schematizzazione della struttura

2.5.2.1

Modelli strutturali per l'analisi globale


Sostituzione della regola di applicazione (5) con:
(105) La regola di applicazione (5) al punto 2.5.2.1 della ENV 1992-1-1 non si applica ai
ponti.

2.5.2.2

Dati geometrici

2.5.2.2.1

Larghezza efficace delle ali


Sostituzione delle regole di applicazione da (2) a (5) con:
(102) Nell'analisi, quando non sia richiesta grande accuratezza, si pu assumere una
larghezza costante per l'intera luce.
(103) Per l'analisi delle azioni interne, per la verifica allo stato limite ultimo, per la verifica dello stato limite di vibrazione e per il calcolo delle deformazioni allo stato limite
di esercizio si pu usare la larghezza effettiva dell'ala.
(104) Per la verifica degli sforzi e della larghezza di apertura delle fessure allo stato limite di esercizio e per la verifica per fatica, la larghezza efficace per una trave a T
simmetrica pu essere assunta pari a:
1
b eff = b w + --5

l0 b

[2.113]

e per travi di bordo (cio, con ala da un solo lato):


1
b eff = b w + -----10

l0 b 1

( oppure b 2 )

[2.114]

(per la simbologia vedere le figure 2.102 e 2.103 seguenti).


figura

2.102

Definizioni delle dimensioni per la larghezza efficace delle ali

(105)

La distanza l0 tra punti di momento nullo pu essere ricavata dalla figura 2.103
per alcuni casi significativi.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 9 di 48

figura

2.103

Luci efficaci approssimate per il calcolo dei rapporti di larghezza collaborante

Di regola vanno soddisfatte le condizioni seguenti:


i)
La luce dello sbalzo deve essere minore della met della luce della campata adiacente.
ii)
Il rapporto tra luci di campate adiacenti deve essere compreso tra 1 e 1,5.
(106) Per la diffusione delle forze di precompressione nelle travi a T vedere 4.2.3.5.3
della ENV 1992-1-1.

2.5.3

Metodi di calcolo

2.5.3.1

Considerazioni di base
Sostituzione del principio P(4) e della regola di applicazione (5) con:
(104) Per lo stato limite di esercizio, quando appropriato, si deve svolgere, di regola,
un'analisi globale per le deformazioni imposte dovute agli effetti termici e del ritiro.

2.5.3.3

Semplificazioni
Sostituzione delle regole di applicazione (2) con:
(102) Le regole di applicazione (2), (3), (5) e (6) della ENV 1992-1-1 non si applicano ai
ponti.

2.5.3.5

Analisi strutturale delle piastre

2.5.3.5.1

Campo di applicazione
Aggiunta dopo la regola di applicazione (3):
(104) Per i carichi concentrati sugli impalcati dei ponti l'impronta di carico teorica da
usare nell'analisi deve di regola essere presa come segue:
- per momenti flettenti: secondo 4.3.2 della ENV 1991-3;
- per forze di taglio: un'area limitata dal perimetro critico fornito per il punzonamento dato secondo 4.3.4.2 della ENV 1992-1-1.

PROPRIET DEI MATERIALI

3.2

Acciai per armature

3.2.2

Classificazione e geometria
Aggiunta dopo il principio P(8):
(109) In generale, si deve usare per i ponti solo acciaio di alta duttilit B500B secondo
la ENV 10080.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 10 di 48

PROGETTAZIONE DELLE SEZIONI E DEGLI ELEMENTI

4.1

Requisiti di durabilit

4.1.3

Progettazione

4.1.3.3

Copriferro
Aggiunta dopo la regola di applicazione (12):
(113) In generale, il ricoprimento minimo di un condotto non deve essere minore di
50 mm .
In caso di calcestruzzo impermeabile di classe C40/50 (vedere la ENV 206, prospetto 3 punto 7.3.1.5) e superiori o di superfici di calcestruzzo ricoperte con pellicole impermeabili aderenti, il ricoprimento minimo dei cavi di precompressione
non deve essere, di regola, minore di 40 mm .
Se i cavi sono situati sotto la superficie di piastre di carreggiata o di piastre
all'estradosso di ponti pedonali e la superficie direttamente esposta a prodotti
antigelo, il ricoprimento minimo dei cavi e dei condotti non deve essere, di regola,
minore di 80 mm .
(114) Il ricoprimento minimo dell'acciaio di armatura non deve essere di regola minore
di 30 mm .
Dove la superficie del calcestruzzo esposta direttamente a prodotti antigelo, ad
aria satura di sali, all'azione abrasiva dell'acqua di mare o ad ambiente chimico
(per esempio ponti al di sopra di ferrovie non elettrificate) il ricoprimento minimo
dell'acciaio di armatura non deve essere, di regola, minore di 50 mm .
(115) In ambiente chimico altamente aggressivo secondo il prospetto 4.1, riga 5c, della
ENV 1992-1-1 si deve, di regola, disporre una barriera di protezione per prevenire
il contatto diretto con le sostanze aggressive.

4.2

Dati per il progetto

4.2.2

Calcestruzzo armato

4.2.2.3

Propriet meccaniche dell'acciaio per armature

4.2.2.3.3

Fatica
Sostituzione della regola di applicazione (1) con:
(101) Per la verifica a fatica vedere 4.3.7 di questa parte 2.

4.2.3

Calcestruzzo precompresso

4.2.3.3

Propriet meccaniche dell'acciaio per precompressione

4.2.3.3.5

Fatica
Sostituzione della regola di applicazione (1) con:
(101) Per la verifica a fatica vedere 4.3.7 di questa parte 2.

4.2.3.5

Progetto di elementi di calcestruzzo precompresso

4.2.3.5.1

Generalit
Sostituzione del principio P(1) con:
P(101) Questo punto si riferisce a strutture con i seguenti tipi di armature di precompressione:
- cavi aderenti;
- cavi scorrevoli interni;
- cavi esterni.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 11 di 48

Qualora, in casi specifici, si devono adottare procedimenti diversi per le armature


di precompressione a cavi scorrevoli e per quelle a cavi esterni, deve essere fatto,
di regola, riferimento all'appendice 105 di questa parte 2.

4.3

Stati limite ultimi

4.3.1

Stati limite ultimi per flessione e forza longitudinale

4.3.1.1

Generalit
Sostituzione della regola di applicazione (5) con:
(105) Nel calcolo della resistenza di progetto si pu mettere in conto la larghezza totale
effettiva, se un'adeguata connessione assicurata dall'armatura a taglio tra ala e
anima.

4.3.1.3

Rottura fragile e iperresistenza


Aggiunta dopo la regola di applicazione (3):
(104) Qualora si consideri necessario adottare provvedimenti specifici per evitare la
frattura fragile dell'acciaio di precompressione dovuta a corrosione in presenza di
sforzo, si devono di norma applicare le regole seguenti.
(105) Per strutture precompresse, il principio P(1) della ENV 1992-1-1 pu essere soddisfatto da ciascuno dei seguenti metodi alternativi:
a) riducendo ipoteticamente il numero di barre d'armatura a un numero tale per
cui il momento di fessurazione, calcolato assumendo una resistenza a trazione fctk;0,05 risulti minore o uguale al momento dovuto alla combinazione di
azioni frequenti e assicurando poi che, con tale numero ridotto di elementi di
armatura, la resistenza ultima a flessione superi il momento dovuto alla combinazione di azioni frequenti.
Per questa verifica si pu considerare la ridistribuzione dei momenti.
La resistenza ultima a flessione deve essere, di regola, calcolata in base ai
fattori M corrispondenti alla situazione di progetto eccezionale;
b) assicurando che l'integrit delle barre di armatura possa essere o monitorata
o verificata con una tecnica di ispezione esterna di provata efficacia;
c) fornendo un'area minima di armatura secondo l'equazione [4.184]:
M r, ep
A s min. = -------------f yk z s
dove:
Mr,ep

zs
(106)
(107)

(108)

[4.184]

il momento di fessurazione calcolato in base a uno sforzo di trazione pari a fctk;0,05 secondo il prospetto 3.1 della ENV 1992-1-1,
all'estrema fibra in trazione della sezione, ignorando qualsiasi azione
di precompressione. Per giunzioni tra segmenti prefabbricati, fctk;0,05
deve essere assunto di regola uguale a zero;
il braccio allo stato limite ultimo relativo all'armatura; per sezioni rettangolari esso pu essere assunto come zs = 0,9 d.

Nei casi in cui viene usato il metodo c) al punto (105) valgono le seguenti regole.
L'area minima di armatura, As min., deve di regola essere prevista nelle zone in
cui, a causa della combinazione di azioni non frequente, si riscontrano sforzi di
trazione nel calcestruzzo. Per questa verifica devono di regola essere trascurati
gli effetti isostatici della precompressione, mentre si devono considerare quelli
iperstatici.
Per elementi pre-tesi, la precedente equazione [4.184] deve essere di regola applicata come segue:
- possono essere messi in conto i cavi con ricoprimento pari ad almeno 2 volte
il ricoprimento minimo secondo 4.1.3.3. In tale caso, si deve sostituire fyk con
fpo,1k;

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 12 di 48

(109)

(110)

oppure,
- possono essere messi in conto tutti i cavi, prendendo fyk non maggiore di
500 N/mm2.
In entrambi i casi, zs si riferisce ai cavi pre-tesi.
Per soddisfare il principio P(1) della ENV 1992-1-1 opportuno progettare la
struttura in modo da assicurare una duttilit adeguata. A questo fine e in assenza
di altri provvedimenti appropriati, l'area minima di armatura, As min., definita
nell'equazione [4.184] per le campate di travi continue con sezione a T o a cassone, deve essere estesa fino agli appoggi della campata considerata.
D'altra parte, nelle sezioni a cassone questa estensione non necessaria se allo
stato limite ultimo la capacit di resistenza a trazione sopra gli appoggi fornita
dall'armatura ordinaria e di precompressione, calcolate rispettivamente con i valori caratteristici fyk e 0,9 fpk, minore della capacit di resistenza a compressione
della soletta inferiore, cio improbabile la crisi della zona compressa:
A s f yk + A p 0, 9 f pk < t inf b 0 0, 85 f ck
dove:
tinf
b0
As, Ap

[4.185]

lo spessore della soletta inferiore della sezione a cassone;


la larghezza della soletta inferiore della sezione a cassone;
denotano rispettivamente l'area dell'armatura ordinaria e di quella di precompressione nella zona tesa allo stato limite ultimo.

4.3.2

Taglio

4.3.2.5

Taglio tra ala e anima


Sostituzione della regola di applicazione (6) con:
(106) Nel caso di ali o anime soggette a taglio e flessione trasversale combinati, con o
senza sforzi primari complanari, l'elemento deve di regola essere considerato diviso in due strati. Le forze complanari devono essere suddivise proporzionalmente tra i due strati mentre il momento flettente deve essere trasposto in una coppia
equivalente con le sue forze agenti ai baricentri degli strati.
Ad assicurare l'equilibrio di ciascuno strato, si deve disporre un'armatura che pu
essere calcolata usando un modello a traliccio appropriato. L'angolo dei puntoni di
calcestruzzo con l'armatura limitato da:
0,5 cot 2,0

4.3.5

Stati limite ultimi indotti da deformazione della struttura (instabilit)

4.3.5.2

Procedimenti di calcolo
Sostituzione del principio P(3) con:
P(103) Eventuali incertezze sui vincoli ai nodi devono di regola essere tenute in conto.

4.3.5.3

Classificazione delle strutture e degli elementi strutturali

4.3.5.3.1

Generalit
Sostituzione del principio P(1) con:
P(101) Ai fini dei calcoli di progetto le strutture o gli elementi strutturali possono essere
classificati come controventati o non controventati, a seconda della loro sensibilit
agli effetti del secondo ordine dovuti a spostamenti perpendicolari alla direzione
della forza di compressione.

4.3.5.3.2

Elementi di controvento e strutture controventate


Sostituzione delle regole di applicazione da (1) a (3) con:
(101) Le regole di applicazione da (1) a (3) in 4.3.5.3.2 della ENV 1992-1-1 non si applicano ai ponti.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 13 di 48

4.3.5.3.4

Colonne isolate
Sostituzione della regola di applicazione (1) con:
(101) Possono essere:
- elementi compressi isolati;
- elementi compressi che fanno parte integrante di una struttura, ma che sono
considerati isolati per esigenze di calcolo.

4.3.5.3.5

Snellezza di colonne isolate


Sostituzione della regola di applicazione (1) con:
P(101) Per i ponti, l'altezza o la lunghezza libera di una colonna l0 deve essere calcolata
mettendo in conto l'interazione terreno-struttura e le condizioni di vincolo in sommit e alla base della colonna stessa.

4.3.5.4

Imperfezioni
Aggiunta dopo la regola di applicazione (3):
(104) Quando si calcola l'inclinazione usando l'equazione [2.10] della ENV 1992-1-1,
non si devono, di regola, applicare i valori minimi specificati in 2.5.1.3 (4).
(105) Gli effetti termici dovuti alle differenze di temperatura lungo la sezione delle pile
possono essere considerati come imperfezioni iniziali, in aggiunta a quelle specificate nella ENV 1992-1-1.

4.3.5.5

Dati specifici per diversi tipi di strutture


Sostituzione dei sottopunti da 4.3.5.5.1 a 4.3.5.5.3 con:
P(101) Il sottopunto 4.3.5.5 della ENV 1992-1-1 non si applica al caso dei ponti.
Punti addizionali dopo il 4.3.5.7:

4.3.6

Verifica all'impatto

4.3.6.1

Generalit
P(101) I punti seguenti contengono provvedimenti che riguardano l'impatto sulle sole
strutture. Le barriere di sicurezza, i dispositivi di ritenuta, i muri parapetto, ecc., si
devono progettare in accordo con la ENV 1991-3 e d'accordo con il committente
e/o l'autorit responsabile.
P(102) Le azioni d'impatto si devono considerare come azioni eccezionali.

4.3.6.2

Provvedimenti
(101)
(102)
(103)
(104)

(105)

(106)

In assenza di regolamenti nazionali, si applicano i seguenti.


Si deve, di regola, dare priorit alle misure preventive che evitano o riducono il rischio di impatto.
L'efficacia delle strutture di protezione poste davanti alla struttura che porta il carico deve di regola essere verificata.
Gli elementi di protezione ad incasso di energia devono di regola perdere la loro
capacit di trasmettere forze orizzontali considerevoli dopo avere ceduto sotto un
impatto.
Le deformazioni della struttura dopo la crisi di un elemento strutturale di protezione ad incasso di energia devono di regola essere verificate, per assicurare spazio
adeguato sotto la struttura deformata.
Se il pericolo di impatto non pu essere eliminato e se non possibile progettare
la presenza di elementi di protezione ad incasso di energia, si deve di regola assicurare la sicurezza strutturale progettando gli elementi strutturali con una resistenza adeguata.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 14 di 48

4.3.6.3

Particolari costruttivi
P(101) In assenza di studi specifici in campo dinamico, gli elementi strutturali soggetti a
impatto devono essere progettati in modo da resistere anche all'impatto proveniente dalla direzione opposta.
P(102) In tutti i casi in cui si considera che le deformazioni plastiche degli elementi strutturali soggetti ad impatto assorbano una quota sostanziale dell'energia cinetica, si
devono verificare le deformazioni ultime. In questo caso l'armatura non deve essere saldata.
(103) Il ricoprimento di calcestruzzo sopra lo strato pi esterno dell'armatura longitudinale non si deve mettere in conto nella determinazione della capacit ultima delle
zone di collisione.
L'armatura a compressione pu essere considerata nel progetto solo quando
vincolata nei riguardi dell'instabilit (vedere 5.4.1.2.2 della ENV 1992-1-1).
(104) Si deve di regola prevedere un'armatura trasversale per mezzo di staffe con passo ridotto. Per forze d'impatto molto elevate pu essere richiesta una gabbia d'armatura per la zona di collisione.
Deve essere inserito un nuovo sottopunto dopo 4.3.6:

4.3.7

Verifica per fatica

4.3.7.1

Condizioni di verifica
P(101) Gli elementi strutturali soggetti a variazioni di sforzo significative devono essere
progettati per la fatica. In questo caso, la verifica si deve condurre separatamente
per il calcestruzzo e per l'acciaio.
(102) Una verifica a fatica non in genere necessaria per strutture e componenti strutturali quali:
a) ponti pedonali;
b) strutture ad arco e a telaio interrate con un ricoprimento minimo di terra pari a
1,0 m per i ponti stradali e 1,5 m per i ponti ferroviari;
c) fondazioni;
d) pile e colonne non connesse rigidamente alle sovrastrutture;
e) muri di sostegno di ponti stradali1);
f) spalle di ponti stradali1) non connesse rigidamente alle sovrastrutture (salvo le
piastre e le pareti di spalle cave);
g) calcestruzzo compresso per i ponti stradali se soddisfatto il punto 4.4.1.1 (103)
di questa parte 2;
h) acciaio di armatura ordinaria e di precompressione senza giunzioni saldate o
connettori per i ponti progettati secondo le categorie A, B e C del prospetto
4.118 di questa parte 2;
i) acciaio di armatura ordinaria e di precompressione con giunzioni saldate o connettori nelle zone in cui, sotto la combinazione di azioni frequente con un fattore
di riduzione 0,85 applicato al valore caratteristico della forza di precompressione, Pk, si manifestano solo sforzi di compressione nelle fibre di estremit.

4.3.7.2

Combinazione di azioni e fattori di sicurezza parziali per la verifica a fatica


(101)

I fattori di sicurezza parziali per le incertezze di carico e di modellazione degli effetti delle azioni devono, di regola, essere assunti pari a:

F = 1,0
(102)

1)

e Sd = 1,0

[4.186]

I fattori di sicurezza parziali per le propriet dei materiali sono dati nel prospetto
4.115.

Verifica da condursi per i ponti ferroviari.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 15 di 48

prospetto 4.115

Fattori di sicurezza parziali per le propriet dei materiali per la verifica a fatica
Verifica per

Calcestruzzo

fattore di sicurezza

c,fat

Armatura di
acciaio, tiranti
s,fat

1,5

1,15

P(103) In generale, le verifiche a fatica dell'acciaio e del calcestruzzo si devono eseguire


prendendo in considerazione gli effetti della seguente combinazione di azioni:
- azioni permanenti;
- valore caratteristico della forza di precompressione (vedere 2.5.4.2);
- valore pi sfavorevole dei cedimenti vincolari (valori di stima appropriati);
- valore frequente pi sfavorevole della temperatura;
- il modello di carico di traffico per fatica opportuno (vedere la ENV 1991-3 e
lappendice 106);
- le fluttuazioni del vento, quando pertinenti.
D'altra parte, quando si usano per il calcestruzzo i metodi dati in 4.3.7.4, si deve
di regola applicare la combinazione di azioni frequente.
In assenza di un metodo di verifica pi raffinato, per le giunzioni di accoppiamento
il valore caratteristico della forza di precompressione deve essere ridotto moltiplicandolo per un fattore 0,85.

4.3.7.3

Azioni interne e sforzi per la verifica a fatica


P(101) Il calcolo degli sforzi deve basarsi sull'ipotesi di sezioni parzializzate trascurando
la resistenza a trazione del calcestruzzo ma soddisfacendo la congruenza delle
deformazioni (le sezioni piane rimangono piane).
(102) Le azioni interne possono essere calcolate usando modelli elastici lineari per gli
elementi strutturali considerati. Nelle zone fessurate si pu mettere in conto una
rigidezza ridotta.
(103) Per il calcolo delle azioni interne secondo il precedente punto (102) e degli sforzi
[vedere il precedente P(101)] il rapporto tra i moduli pu essere preso come = 10.
P(104) Per sezioni fessurate soggette a fatica si deve mettere in conto l'effetto del diverso
comportamento di aderenza per lacciaio di armatura ordinaria e di precompressione, vedere 4.3.7.6.
P(105) Per gli elementi strutturali con armatura a taglio, la determinazione delle forze nell'armatura e nel calcestruzzo deve essere condotta usando un modello reticolare.
(106) Quando si usa il metodo convenzionale per la verifica a fatica dell'armatura a taglio,
Vcd, il contributo del calcestruzzoVRd3 deve essere preso non maggiore di 0,5 VRd1.
(107) Quando gli effetti dovuti all'azione di taglio sono determinati usando il metodo del
puntone a inclinazione variabile, l'inclinazione dei puntoni compressi fat pu essere desunta dall'equazione [4.187]:
tan fat =
dove:

4.3.7.4

tan 1, 0

[4.187]

l'angolo dei puntoni di calcestruzzo compresso rispetto all'asse della


trave, assunto nel progetto per il taglio allo stato limite ultimo secondo
4.3.2.4 della ENV 1992-1-1.

Verifica a fatica per il calcestruzzo soggetto a compressione, taglio e punzonamento


(101)

Per il calcestruzzo compresso si pu assumere una resistenza a fatica adeguata


se soddisfatta l'equazione [4.188], di cui la figura 4.134 mostra il grafico. Altrimenti, pu essere necessaria una verifica a fatica pi raffinata (vedere appendice
106 per i ponti ferroviari).

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 16 di 48

c, max
c, min
---------------- 0, 5 + 0, 45 -------------- 0, 9
f cd
f cd
dove:
c,max

c,min

[4.188]

lo sforzo massimo di compressione in una fibra sotto la combinazione di


azioni frequente;
lo sforzo minimo di compressione nella stessa fibra nella quale si produce c,max.
Se c,min < 0 (trazione), deve di regola essere soddisfatta la relazione
c,max /fcd 0,5.

L'incremento della resistenza a compressione di riferimento con l'invecchiamento


del calcestruzzo al tempo t0 prima dell'applicazione del carico ciclico pu essere
messa in conto attraverso l'applicazione di un fattore cc(t0) alla resistenza di progetto del calcestruzzo fcd. Per cc(t0) vedere 4.4.3.2 (102) in questa parte 2.
figura

4.134

Variazione dello sforzo ammissibile per il calcestruzzo compresso secondo l'equazione [4.188] senza
un'esplicita verifica a fatica
Legenda
a) Regione ammissibile

(102)

(103)

L'equazione [4.188] e la figura 4.134 si applicano anche ai puntoni compressi degli elementi soggetti a taglio. In questo caso la resistenza di riferimento fcd deve di
regola essere ridotta per mezzo di un fattore di efficacia dato dall'equazione
[4.21] della ENV 1992-1-1.
In elementi privi di armatura a taglio, si pu ritenere adeguata la resistenza a fatica del calcestruzzo se soddisfatta l'una o l'altra delle equazioni [4.189] o [4.190],
illustrate nel grafico di figura 4.135. Altrimenti, pu essere necessaria una verifica
a fatica pi raffinata.

min
max
min
per ----------- 0: ---------- 0,5 + 0, 45 ---------- 0, 9
max
Rd1
Rd1

[4.189]

min
max
min
per ----------- < 0: ---------- 0, 5 --------- max
Rd1
Rd1

[4.190]

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 17 di 48

dove:
max

min
Rd1
figura

4.135

lo sforzo tangenziale massimo nominale sotto la combinazione di azioni


frequente;
lo sforzo tangenziale minimo nominale sotto la combinazione di azioni
frequente nella sezione dove si produce max;
= VRd1/(bw d) con la resistenza a taglio di progetto VRd1 secondo l'equazione [4.18] della ENV 1992-1-1.

Variazione dello sforzo tangenziale ammissibile per elementi privi di armatura a taglio secondo le
equazioni [4.189] e [4.190]
Legenda
a) Regione ammissibile

(104)

4.3.7.5

Nel caso di punzonamento, gli sforzi tangenziali massimo e minimo di progetto


devono, di regola, soddisfare rispettivamente le equazioni [4.189] e [4.190].
Per il calcolo degli sforzi tangenziali di progetto si applica il punto 4.3.4.2 della
ENV 1992-1-1, cio = Sd /d e Rd1 = Rd1/d.

Verifica a fatica dell'acciaio per armatura di precompressione e ordinaria


(101)

(102)

Per barre di armatura non saldate soggette a trazione, si pu ritenere adeguata la


resistenza a fatica se, per la combinazione di azioni frequente, la variazione di
sforzo, s, non maggiore di 70 N/mm2.
Per lacciaio di armatura ordinaria o di precompressione e per i connettori si pu
ritenere adeguata la resistenza a fatica se soddisfatta la seguente espressione:
Rsk ( N )
F Sd s, equ ---------------------------- s, fat

[4.191]

dove:
Rsk( N )

(103)

l'intervallo di sforzo ad N cicli dalle curve S-N appropriate fornite


in 4.3.7.7 o 4.3.7.8 di questa parte 2;
s,equ
l'intervallo di sforzo equivalente al danno definito come l'intervallo
di sforzo di uno spettro a sforzo costante con N cicli di sforzo che
risulti produrre lo stesso danno dello spettro di intervalli di sforzo
causati dal fluire dei carichi di traffico.
Per impalcati di ponti stradali e ferroviari, l'intervallo di sforzo equivalente al danno
s,equ pu essere calcolato secondo la procedura fornita nell'appendice 106.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 18 di 48

(104)

Per i casi non definiti nell'appendice 106, si deve di regola verificare che il fattore
di danno per fatica dell'acciaio DSd causato dai relativi carichi di traffico a fatica
soddisfi la condizione:
DSd 1

(105)

(106)

4.3.7.6

[4.192]

Per il calcolo del fattore di danno per fatica DSd si applica la regola di PalmgrenMiner. Le curve appropriate per lacciaio si devono, di regola, prendere dal punto
4.3.7.7 o dal punto 4.3.7.8 di questa parte 2 riducendole di un fattore s,fat.
Per la verifica a fatica secondo il precedente punto (104), si possono usare i modelli di carico per fatica 4 e 5 secondo la ENV 1991-3 per i ponti stradali come rispettivi carichi di traffico per fatica.
Le regole di applicazione precedenti da (101) a (105) si applicano anche all'armatura a taglio.

Effetti del diverso comportamento di aderenza dell'acciaio per armatura da precompressione e ordinaria
P(101) L'effetto del diverso comportamento di aderenza dell'acciaio per precompressione
e di quello per armatura ordinaria devono essere messi in conto per il calcolo degli
sforzi nell'acciaio dell'armatura ordinaria.
(102) L'effetto del diverso comportamento di aderenza dell'acciaio per precompressione
e di quello per armatura ordinaria possono essere messi in conto incrementando
lo sforzo convenzionale dell'acciaio nell'armatura ordinaria del fattore:
As + Ap
= -------------------------As + 1 Ap

[4.193]

dove:
1
(103)

(104)

4.3.7.7

il rapporto adattato della resistenza di aderenza secondo 4.4.2.3 di questa parte 2.


Se non viene usato il metodo fornito al precedente punto (102), lo sforzo convenzionale nell'acciaio deve di regola essere calcolato secondo i punti 4.3.7.3 (102) e
(103), ma con un fattore di riduzione 1 applicato al modulo di elasticit dellacciaio di precompressione.
Per la verifica in situazioni di progetto nelle quali sono utilizzati cavi di precompressione con tracciato curvo, si deve di regola assumere 1 pari a 1,0.

Resistenza a fatica dell'acciaio da precompressione


(101)
prospetto 4.116

I parametri che definiscono la resistenza a fatica dell'acciaio da precompressione


devono di regola essere tratti dal prospetto 4.116 (vedere anche figura 4.136).

Parametri per le curve S-N dell'acciaio da precompressione


Esponente dello sforzo

Curva S-N dellacciaio da precompressione usato per:

Pretensionamento

Rsk [N/mm2]
per N =

k1

k2

2 106

106

185

170

106

185

170

10

160

145

10

120

110

10

80

70

Post-tensionamento:
- trefoli singoli in guaine di plastica
- cavi curvi in guaine di plastica e cavi rettilinei
- cavi curvi in guaine di acciaio
- connettori

a)

a) Salvo che altre curve S-N possano essere giustificate da risultati sperimentali.

(102)
(103)

La verifica a fatica dei cavi interni scorrevoli o di quelli esterni non necessaria.
Le curve S-N secondo la figura 4.136 seguono in genere l'equazione (Rsk)m N = costante sia per N < N che per N > N con il corrispondente esponente m = k1 e m = k2.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 19 di 48

figura

4.136

4.3.7.8

Forma delle curve caratteristiche di resistenza a fatica (curve S-N) per lacciaio da precompressione

Resistenza a fatica dell'acciaio per armatura ordinaria


(101)
prospetto 4.117

I parametri che definiscono la resistenza a fatica dell'acciaio per armatura ordinaria devono di regola essere tratti dal prospetto 4.117.

Parametri delle curve S-N per lacciaio per armatura ordinaria


Tipo di armatura

Barre diritte e piegate


per D 25
per D < 25 vedere a)
Barre saldate, comprese le saldature per punti e le
giunzioni di testa b)
Connettori

Esponente dello sforzo

Rsk [N/mm2]
per N =

k1

k2

2 106

106

195

180

107

60

100

b)

= Diametro della barra


= Diametro del mandrino

a) I valori di Rsk si riferiscono alla barra diritta appropriata. I valori per una barra di diametro con un diametro di
piegatura D < 25 si devono di regola ottenere moltiplicando i valori relativi alla barra diritta per un fattore di riduzione = 0,35 + 0,026 D /.
Per le staffe si deve prendere di regola pari a 0,9.
b) Salvo che altre curve S-N possano essere giustificate da risultati sperimentali.

(102)

Si deve porre particolare attenzione agli effetti della fatica in ambiente corrosivo
come definito nella ENV 1992-1-1, prospetto 4.1, classi di esposizione 4 e 5.

4.4

Stati limite di esercizio

4.4.0

Generalit

4.4.0.2

Scopo
Sostituzione di questo sottopunto con:
P(101) Questo punto tratta gli stati limite di esercizio pi comuni, cio:
- limitazione delle tensioni (vedere 4.4.1);
- controllo della fessurazione e della perdita di compressione (vedere 4.4.2);
- controllo dell'inflessione (vedere 4.4.3);
- controllo delle vibrazioni (vedere 4.4.4).

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 20 di 48

Altri stati limite (come l'impermeabilit alla penetrazione dei fluidi) possono essere
importanti in particolari strutture, ma non sono considerati in questa norma.
Aggiunta dopo il sottopunto 4.4.0.2:

4.4.0.3

Classificazione dei criteri di verifica


P(101) Il ponte, o sue parti specifiche, deve essere classificato in classi ambientali secondo il prospetto 4.1 della ENV 1992-1-1.
(102) Al fine di assicurare le prestazioni richieste, i criteri di verifica di un ponte, o di sue
parti specifiche, possono essere classificati secondo categorie di verifica come da
prospetto 4.118. La categoria appropriata deve di regola essere definita in accordo con il committente. Il prospetto 4.118 si applica sia alle fasi di costruzione che
a situazioni definitive.
(103) Il prospetto 4.118 contiene i criteri di verifica per la perdita di compressione e per
l'apertura delle fessure. Quando si usa questo prospetto occorre soddisfare entrambi questi criteri.
prospetto 4.118

Classificazione dei criteri di verifica


Categoria

4.4.1

Combinazione di azioni per la verifica della


Perdita di compressione

Larghezza della fessura

Non frequente

Frequente

Non frequente

Quasi permanente

Frequente

Frequente

Quasi permanente

Limitazione delle tensioni in esercizio


Sostituzione del sottopunto 4.4.1.1 della ENV 1992-1-1 con:

4.4.1.1

Considerazioni di base
P(101) Si devono evitare livelli di viscosit e microfessurazione eccessivi limitando la tensione di compressione in presenza dei carichi di esercizio.
(102) Per il calcestruzzo precompresso la tensione massima di precompressione al trasferimento del carico deve essere limitata a 0,6 fc(t).
Quando la tensione di compressione nel calcestruzzo maggiore di 0,45 fc(t), si
deve considerare un comportamento viscoso non lineare. Con fc(t) si indica il valore medio della resistenza a compressione del calcestruzzo al tempo t del trasferimento.
(103) La tensione di compressione nel calcestruzzo dovuta alla combinazione non frequente delle azioni e il valore caratteristico della precompressione devono, di regola, essere limitati a 0,6 fck. Questo limite pu essere innalzato se la zona compressa confinata, per esempio, con un'armatura trasversale maggiore dell1%
del volume della zona compressa.
Per elementi prefabbricati soggetti ad un sistema di controllo adeguato (vedere,
per esempio, il punto 7 della ENV 1992-1-1), il valore 0,6 fc(t) pu essere superato del 10% durante la costruzione se si provvede ad uno stretto controllo della
resistenza e ad un controllo separato della perdita di precompressione.
P(104) Il livello di sforzo nell'acciaio deve essere tale da evitare deformazioni anelastiche
dell'acciaio stesso.
(105) La tensione di trazione nell'armatura non deve di regola essere maggiore di 0,8 fyk
sotto la combinazione di azioni non frequente.
(106) La tensione nei cavi di precompressione per la combinazione di azioni quasi permanente non deve, di regola, essere maggiore di 0,65 fpk, dopo tutte le perdite.
UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 21 di 48

4.4.1.2

Metodi per la verifica delle tensioni


Sostituzione delle regole di applicazione (2) e (3) con:
(102) Le limitazioni di tensione indicate in 4.4.1.1 devono, in generale, essere verificate.
(103) Gli effetti a lungo termine possono essere messi in conto assumendo un coefficiente di omogeneizzazione tra 10 e 15, a seconda del rapporto tra azioni permanenti e azioni variabili.
Aggiunta dopo la regola di applicazione (8):
(109) Per la verifica dell'ampiezza della fessura e delle tensioni, si deve utilizzare, di regola, l'ampiezza efficace fornita in 2.5.2.2 di questa parte 2.

4.4.2

Stati limite di decompressione e di fessurazione

4.4.2.1

Considerazioni generali
Sostituzione delle regole di applicazione da (6) a (8) e del principio P(9) con:
(106) Quando si progetta con riguardo alle categorie A, B e C del prospetto 4.118 per lo
stato limite di decompressione, non sono consentite tensioni di trazione nel calcestruzzo per la relativa combinazione di azioni.
(107) Per il controllo dell'apertura delle fessure, i criteri considerati soddisfacenti e forniti
nei prospetti 4.120 e 4.121 sono basati sulle seguenti ampiezze di progetto delle
fessure:
- 0,2 mm per il calcestruzzo precompresso;
- 0,3 mm per il calcestruzzo armato ordinario.
(108) Nelle situazioni di progetto per le quali l'ampiezza della fessura differisce dai valori
indicati in (107), il massimo diametro della barra per controllare tale ampiezza pu
essere determinato con l'equazione [4.200] in 4.4.2.3 (106).
(109) Per l'ampiezza di progetto della fessura, gli elementi precompressi esternamente,
senza cavi interni, possono essere trattati come elementi ad armatura ordinaria.
Sostituzione dei sottopunti 4.4.2.2, 4.4.2.3 e 4.4.2.4 della ENV 1992-1-1 con:

4.4.2.2

Aree minime di armatura

4.4.2.2.1

Generalit
P(101) Per motivi di durabilit e di aspetto estetico del calcestruzzo nelle strutture da
ponte di calcestruzzo armato si deve prevedere un'area minima di armatura che
eviti ampie fessure singole dovute a deformazioni imposte non previste nei calcoli
di progetto, ad autotensioni, o a distorsioni dovute alla precompressione.
(102) Il precedente punto P(101) si pu considerare soddisfatto, quando si fornisce
un'area minima di armatura nelle parti pi esterne della sezione. Quest'area minima di armatura pu essere messa in conto per tutte le verifiche agli stati limite ultimi e di esercizio.
(103) La massima spaziatura delle barre dell'armatura minima non deve di regola essere maggiore di 200 mm .

4.4.2.2.2

Regioni con armatura minima


(101)

4.4.2.2.3

L'area minima di armatura secondo l'equazione [4.194] deve, di regola, essere


posizionata in zone dove, sotto la combinazione di azioni non frequente, le tensioni nel calcestruzzo sono di trazione oppure di compressione, minore di 1 N/mm2.

Aree minime di armatura


(101)

La percentuale minima d'armatura pu essere calcolata dalla relazione seguente.


Per travi a cassone e a T, il rapporto minimo di armatura deve essere di regola calcolato separatamente per anima e ali.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 22 di 48

0, 8 k c k f ctm
s + 1 p = ----------------------------------s
dove:
s

fctm
Act

[4.194]

il rapporto tra l'area dell'acciaio d'armatura e l'area della zona tesa della
parte della sezione considerata: s = As/Act;
il rapporto tra l'area dell'armatura di precompressione, entro un'area
non maggiore di 300 mm intorno all'acciaio d'armatura nella zona tesa, e
l'area della zona tesa della parte di sezione considerata: p = Ap/Act;
la resistenza a trazione del calcestruzzo; per giunzioni tra elementi a
conci prefabbricati fctm deve di regola assumersi pari a zero;
larea della zona tesa immediatamente prima della fessurazione, per
anima o ala come appropriato;
la tensione dell'acciaio nell'area minima di armatura secondo il prospetto 4.120. La tensione s pu essere aumentata di un fattore

f ctm f ctm

dove f ctm = 2,5 N/mm2 e fctm l'effettiva tensione di trazione nel calce-

1
k

kc

struzzo. La tensione s non deve di regola essere maggiore di k fyk;


il rapporto adattato della resistenza di aderenza secondo 4.4.2.3;
un coefficiente che quantifica l'effetto della formazione di fessure secondarie, che porta alla riduzione delle forze di vincolo:
k = 1,0 per anime con h 0,3 m o ali con larghezze minori di 0,3 m;
k = 0,65 per anime con h 0,8 m o ali con larghezze maggiori di 0,8 m.
I valori intermedi possono essere interpolati;
un coefficiente che tiene conto del tipo di distribuzione delle tensioni
all'interno della sezione subito prima della fessurazione e del braccio nello stato fessurato:
- per trazione pura:
kc = 1,0;
- per sezioni rettangolari e per anime di sezioni a cassone e di travi a T:
N Sd

k c = 0, 4 1 + -----------------------------------------------

k 1 b h ( h h ) f ctm

con

h =h
per h < 1,0 m,

h = 1,0 m
per h 1,0 m;
per solette di sezioni a cassone e ali di travi a T:
F cr
k c = 0, 9 ------------------- 0, 5
A ct f ctm

NSd

k1

[4.195]

[4.196]

la forza assiale (negativa se di compressione) allo stato limite di esercizio, agente sulla parte di sezione considerata; NSd deve essere, di regola,
determinata considerando i valori caratteristici della precompressione e
dellazione assiale sotto la combinazione di azioni quasi permanente;
il coefficiente che considera gli effetti delle azioni assiali sulla distribuzione delle tensioni:
k1 = 1,5
dove NSd una forza di compressione;

2h
k 1 = ----------3h

UNI ENV 1992-2:2000

dove NSd una forza di trazione;

Pagina 23 di 48

Fcr
(102)

4.4.2.3

la forza di trazione nell'ala immediatamente prima della fessurazione


dovuta al momento di fessurazione calcolato con fctm.

Per solette a spessore variabile l'armatura minima relativa allo spessore medio
pu essere distribuita uniformemente. Per correnti tesi di travi a T o a cassone
l'armatura minima deve, di regola, fare riferimento al corrispondente spessore.

Controllo della fessurazione


(101)

(102)

(103)

(104)

L'armatura minima secondo l'equazione [4.194] adeguata per il controllo


dell'ampiezza delle fessure secondo 4.4.2.1 (107) se si pu verificare che sotto la
relativa combinazione di azioni per il controllo dell'ampiezza delle fessure secondo
il prospetto 4.118 la tensione nel calcestruzzo alla fibra di estremit della sezione
non supera il valore medio della resistenza a trazione del calcestruzzo (c fctm).
Se la tensione nel calcestruzzo alla fibra di estremit della sezione sotto la relativa
combinazione di azioni per il controllo dell'ampiezza delle fessure secondo il prospetto 4.118 supera, invece, il valore medio della resistenza a trazione del calcestruzzo (c > fctm) si deve di regola applicare uno dei metodi di controllo dell'ampiezza delle fessure indicati nel seguito.
In situazioni di progetto secondo il precedente punto (102), l'ampiezza delle fessure si pu considerare adeguatamente sotto controllo se il diametro della barra
non supera i valori dati nel prospetto 4.120 oppure la spaziatura massima delle
barre non supera il limite dato nel prospetto 4.121.
In questi prospetti, s la tensione nell'acciaio di armatura, salvo che non vi sia
solo armatura di precompressione, nel qual caso s uguale a p.
La tensione nell'acciaio per l'applicazione dei prospetti 4.120 e 4.121 deve di regola essere calcolata per le relative combinazioni di azioni usando rispettivamente le equazioni [4.198] e [4.199].
Nel caso di sezioni rettangolari o anime di travi a T e a cassone il massimo diame
tro della barra s dato nel prospetto 4.120 pu essere modificato come segue:
h cr

- s
s = s -------------------------10 ( h d )
dove:
s

il diametro massimo modificato delle barre;

il diametro massimo delle barre dato nel prospetto 4.120;

[4.197]

l'altezza della zona tesa immediatamente prima della fessurazione,


considerando il valore caratteristico di precompressione e le azioni assiali
sotto la combinazione di azioni quasi permanente;
h
l'altezza totale della sezione;
d
l'altezza efficace misurata fino al baricentro dello strato esterno di armatura.
Per il controllo dell'ampiezza delle fessure la tensione nell'acciaio pu essere calcolata mettendo in conto il diverso comportamento di aderenza dell'acciaio di armatura ordinaria e di precompressione:
hcr

(105)

(106)

1
1
s = ''s + 0, 4 f ctm -------------- -----------------
eff p eff tot

[4.198]

2
1
1
-
p = ''s 0, 4 f ctm ----------------- ------------ eff tot eff p

[4.199]

Il massimo diametro della barra per il controllo dell'ampiezza delle fessure wk pu


essere calcolato come:
3,6 w k eff p E s
s = ------------------------------------------------------------------------------f ctm
- ( 1 + e eff p )
s 0,4 ------------eff p

[4.200]

con la seguente simbologia nelle equazioni da [4.198] a [4.200]:

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 24 di 48

As + 1 Ap
eff p = -------------------------A c, eff

[4.201]

As + Ap
eff tot = -----------------A c, eff

[4.202]

e
''s
Ac,eff

il coefficiente di omogeneizzazione (e = Es/Ecm);


la tensione nell'acciaio nell'armatura ordinaria o nell'armatura di precompressione, calcolata nello stato fessurato assumendo piena aderenza sotto la relativa combinazione di azioni;
larea efficace del calcestruzzo significativa per il controllo della fessurazione:
F cr
A c, eff = 2, 5 b ( h d ) ---------f ctm

b
Fcr

As
Ap

la larghezza della sezione nella regione di As e Ap;


la forza di trazione nella zona tesa immediatamente prima della fessurazione dovuta al momento di fessurazione calcolato con fctm considerando i valori caratteristici di precompressione e le azioni assiali sotto la
combinazione di azioni quasi permanente;
larea dell'armatura ordinaria all'interno dell'area efficace Ac,eff;
larea dei cavi di precompressione, pre- o post-tesi, all'interno dell'area
efficace Ac,eff;
il rapporto modificato delle resistenze di aderenza, che prende in conto
i differenti diametri dell'acciaio di armatura ordinaria e di precompressione e che pu essere calcolato come:

1 =

s
p

[4.203]

----sp

[4.204]

Se si usa solo armatura da precompressione per controllare l'ampiezza


delle fessure, 1 = 1,0.
il diametro massimo dell'armatura ordinaria;
il diametro equivalente dell'armatura di precompressione:

p = 1, 6 A p per cavi con parecchi fili o trefoli,

prospetto 4.119

p = 1,75 wire

per trefoli singoli a 7 fili,

p = 1,20 wire

per trefoli singoli a 3 fili;

il rapporto tra la resistenza di aderenza dell'acciaio di precompressione


e quella dell'acciaio di armatura ordinaria ad aderenza migliorata. In assenza di dati appropriati, pu essere tratto dal prospetto 4.119.

Rapporto nominale tra le tensioni medie di aderenza dell'armatura di precompressione e dell'armatura ordinaria ad aderenza migliorata per il controllo della fessurazione
Tipo di tirante

Elementi pre-tesi

Elementi post-tesi

0,4

Trefoli a 7 fili

0,6

0,5

Fili da precompressione sagomati

0,8

0,7

Barre da precompressione sagomate

1,0

0,8

Acciaio da precompressione liscio

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 25 di 48

prospetto 4.120

Diametri massimi s per barre ad aderenza migliorata

Diametro massimo della barra s (mm)

Tensione nellacciaio

s (N/mm2)

Sezioni con armatura ordinaria

Sezioni precompresse

120

40

140

40

32

160

32

25

200

25

16

240

20

12

280

16

320

12

360

10

400

450

Se per controllare l'ampiezza delle fessure si usa solo armatura di precompressione, i va


lori s dati nel prospetto 4.120 devono, di regola, essere moltiplicati per il valore di desunto dal prospetto 4.119.
prospetto 4.121

Spaziatura massima tra le barre, per barre ad aderenza migliorata


Spaziatura massima delle barre (mm)

s (N/mm2)

Flessione pura
(sezioni con armatura
ordinaria)

Trazione pura
(sezioni con armatura
ordinaria)

Sezioni precompresse
(flessione)

160

300

200

200

200

250

150

150

240

200

125

100

280

150

75

50

320

100

360

50

Tensione nellacciaio

Se per controllare l'ampiezza delle fessure si usa solo armatura di precompressione, i valori di spaziatura delle barre forniti nel prospetto 4.121 devono di regola essere moltiplicati
per 0,5.

4.4.3

Stati limite di deformazione


Sostituzione di questo sottopunto della ENV 1992-1-1 con:

4.4.3.1

Considerazioni di base
P(101) La deformazione di un elemento o di una struttura deve, di regola, essere tale da
non comprometterne la funzionalit o l'aspetto estetico.
P(102) Per i ponti ferroviari si applica il punto G.3 della ENV 1991-3. Per gli altri ponti, i
valori limite delle deformazioni in presenza di traffico, quando appropriato, devono, di regola, essere concordati con il committente, insieme alle combinazioni di
azioni ad esse associate.
P(103) Le deformazioni non devono superare quei valori che possono essere sopportati
senza inconvenienti da connessioni, giunti e appoggi.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 26 di 48

P(104) Le deformazioni durante le fasi di costruzione devono essere controllate in modo


che:
- il calcestruzzo non ne risenta durante il getto e la presa;
- si ottenga un profilo longitudinale regolare;
- si ottenga la geometria prevista a lungo termine.
(105) Allo scopo di evitare fessurazione durante la fabbricazione, l'inflessione o il riposizionamento dell'impalcatura devono, di regola, essere limitati a:
(L + 40)/2 000

(106)

(107)

4.4.3.2

[4.205]

dove: L la luce efficace in metri.


Questo limite pu essere aumentato a L /300 se si controlla la fessurazione durante la fabbricazione.
Se le deformazioni di una struttura sono determinate con il calcolo, esse si devono calcolare considerando la combinazione di azioni quasi permanente. Le propriet dei materiali si devono assumere di regola come valori medi. Gli effetti della
viscosit, del ritiro e della fessurazione devono essere messi in conto.
In assenza di altre informazioni, il calcolo delle deformazioni durante la costruzione deve essere basato sulla combinazione di azioni caratteristica associata al valore medio della precompressione.

Verifica delle inflessioni con il calcolo


P(101) Le inflessioni devono essere calcolate usando un modulo elastico appropriato al
calcestruzzo effettivamente usato nella struttura.
(102) Gli effetti della viscosit possono essere calcolati usando il modello visco-lineare
secondo 2.5.5.1 (5) e usando l'equazione [2.21] della ENV 1992-1-1 con Ec(t0) definito come:
Ec(t0) = E(t0) Ec28

[4.206]

dove:

E ( t 0) =

cc ( t 0 )

28
cc ( t 0 ) = exp s 1 -------------
t0 t1

t1
t0

[4.207]

[4.208]

= 0,20 per cementi ad alta resistenza e a presa rapida;


= 0,25 per cementi normali a presa rapida;
= 0,38 per cementi a presa lenta;
il tempo di riferimento: t1 = 1 d;
il tempo al primo carico del calcestruzzo (in giorni).

P(103) Il metodo di calcolo adottato deve rappresentare il comportamento reale della


struttura sotto le relative azioni con una accuratezza appropriata agli obiettivi del
calcolo.
(104) Le strutture progettate per le categorie A, B o C secondo il prospetto 4.118 possono essere considerate non fessurate quando se ne calcolano le inflessioni. Le altre strutture possono essere considerate fessurate.

4.4.3.3

Altre componenti di spostamento


(101)

Le rotazioni e gli spostamenti orizzontali devono, di regola, essere determinati assumendo, per le propriet dei materiali, i valori medi, e considerando lo stato fessurato, quando appropriato.
Per le relative combinazioni di azioni e per gli elementi di sicurezza vedere
EN 1337-1 "Appoggi strutturali - Criteri generali di progettazione".

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 27 di 48

Nuovo sottopunto dopo 4.4.3.3

4.4.4

Stato limite di vibrazione

4.4.4.1

Considerazioni generali
P(101) Sotto gli effetti dinamici di carichi stradali, ferroviari, pedonali, di cicli e del vento il
ponte deve soddisfare i criteri degli stati limite di esercizio, che considerano anche
il disagio degli utenti del ponte.
(102) Gli effetti dinamici del vento non sono trattati da questo sottopunto ma devono di
regola essere considerati per strutture quali i ponti strallati.
(103) In aggiunta agli effetti dinamici del traffico e del vento sul ponte nel suo insieme,
devono di regola essere considerati gli effetti locali sui componenti snelli, quali,
per esempio, ampi sbalzi laterali.

4.4.4.2

Ponti stradali
(101)

4.4.4.3

Gli effetti dinamici dei carichi normali da traffico su tipi comuni di ponti stradali sia
per gli stati limite ultimi sia per quelli di esercizio possono essere ritenuti coperti
dal fattore dinamico, che gi incluso nei carichi di traffico caratteristici.

Ponti ferroviari
(101)

Gli effetti dinamici del carico ferroviario normale sono dati nella ENV 1991-3.

4.4.4.4

Ponti pedonali e per cicli

4.4.4.4.1

Criterio di progetto
P(101) Il criterio di progetto per i ponti con traffico pedonale e di cicli deve essere quello
di evitare possibile disagio all'utente.
(102) Si pu ritenere che non si verificher disagio allutente se l'accelerazione verticale
massima di qualsiasi parte dell'impalcato non maggiore di 0,5 f 0 [m/s2], dove
f0 la frequenza propria fondamentale del ponte compreso il carico permanente
portato ma escludendo il carico pedonale.
Si deve di regola evitare che la frequenza propria fondamentale cada nell'intervallo da 1,6 Hz a 2,4 Hz e, se specificato, nell'intervallo superiore da 2,5 Hz a 4,5 Hz.
Se la frequenza propria fondamentale, f0, maggiore di 5 Hz si pu ritenere che
lo stato limite di vibrazione sia automaticamente soddisfatto.

4.4.4.4.2

Frequenza propria fondamentale


(101)

(102)

4.4.4.4.3

La frequenza propria fondamentale, f0, deve di regola essere calcolata usando la


sezione non fessurata e il modulo elastico del calcestruzzo dinamico a breve termine.
Quando appropriato, la rigidezza dei parapetti deve essere considerata se essi
contribuiscono alla rigidezza globale dell'impalcato.

Accelerazione
(101)

L'accelerazione verticale massima deve, di regola, essere calcolata assumendo


che il carico dinamico, applicato dal traffico pedonale, possa essere rappresentato con un carico concentrato pulsante F, che si muove attraverso la campata principale dell'impalcato a velocit costante v, come segue:
F = 180 sin (2 f0T )
v = 0,9 f0

(102)

in newton

[4.209]
[4.210]

Dove T il tempo in secondi e v la velocit in metri per secondo.


Per valori di f0 maggiori di 4 Hz, l'accelerazione massima calcolata pu essere ridotta di una quantit che varia linearmente da una riduzione nulla a 4 Hz al 70%
di riduzione a 5 Hz.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 28 di 48

PRESCRIZIONI COSTRUTTIVE

5.1

Generalit
Sostituzione della regola di applicazione (3) con:
(103) Questo sottopunto si applica anche a strutture soggette a carico di fatica.

5.3

Elementi per la precompressione

5.3.4

Ancoraggi e dispositivi di accoppiamento per armature di precompressione


Sostituzione della regola di applicazione (5) con:
(105) Occorre, di regola, evitare la disposizione di connettori a pi del 50% delle armature di precompressione in una sola sezione, a meno che:
- sia fornito un minimo di armatura continua secondo 4.4.2.2.3, oppure
- sia presente una tensione residua minima di compressione di 3 N/mm2 sotto
la combinazione frequente di azioni che si oppone alle tensioni locali di trazione.
I cavi che in una di tali sezioni non sono accoppiati non possono essere accoppiati
entro una distanza da tale sezione minore del valore a del prospetto 5.106.
prospetto 5.106

Distanza dei connettori


Altezza h di costruzione

Distanza a

2,0 m
> 2,0 m

1,5 m
3,0 m

P(106) Nel caso di solette o solette di carreggiata precompresse trasversalmente, si deve


produrre un campo di tensioni di compressione uniforme.
(107) Un campo di tensioni di compressione uniforme pu essere prodotto posizionando un apparecchio d'ancoraggio ogni due al bordo della soletta.
(108) In ambiente aggressivo le aperture e le cavit necessarie ad applicare la pretensione ai cavi devono di regola essere evitate, quando possibile, sul lato superiore
delle solette di carreggiata.

5.4

Elementi strutturali

5.4.2

Travi

5.4.2.1

Armature longitudinali

5.4.2.1.1

Massima e minima percentuale di armatura


Sostituzione della regola di applicazione (1) con:
(101) L'area effettiva della sezione trasversale delle armature di trazione deve, di regola, essere non minore di quella richiesta per il controllo della fessurazione (vedere
4.4.2.2.3 della ENV 1992-2) e, quando necessario, per la prevenzione di fratture
fragili (vedere 4.3.1.3 della ENV 1992-2).

5.4.2.2

Armatura a taglio
Sostituzione della regola di applicazione (7) con:
(107) Il massimo passo longitudinale smax di insiemi successivi di staffe di assemblaggi
di taglio definito dalle seguenti condizioni (con VSd, VRd1 e VRd2 definiti in 4.3.2
della ENV 1992-1-1):
se

VSd 1/5 VRd2

se

UNI ENV 1992-2:2000

/5 VRd2 < VSd 2/3 VRd2

: smax = 0,8 d

[5.117]

: smax = 0,6 d

[5.118]

Pagina 29 di 48

se

VSd > 2/3 VRd2

: smax = 0,3 d

[5.119]

(per VRd2, vedere 4.3.2.4, equazioni [4.25] e [4.26] della ENV 1992-1-1).
Sottopunto aggiuntivo dopo 5.4.8.3:

5.4.9

Elementi prefabbricati

5.4.9.1

Considerazioni generali
P(101) La progettazione e i provvedimenti costruttivi degli elementi prefabbricati di calcestruzzo devono essere in accordo con la ENV 1992-1-3 considerando, tuttavia, le
modifiche di questo sottopunto o delle norme di prodotto relative.
P(102) I seguenti punti della ENV 1992-1-3 sono specifici per gli edifici e non si applicano
ai ponti:
1.1.2 P(106)

2.1 (106)

2.5.2.1 (107)

2.5.3.5.8

3.5.3

4.1.3.3

4.3.5.6.1 (101)

4.5.3.2 (106)

5.4.7.6

5.4.2.2 (111), (112), (113)

5.4.7.7

5.5

P(103) Nel punto 4.4.1.1 della ENV 1992-1-3 deve essere usata la combinazione di azioni non frequente invece della combinazione caratteristica. Nel punto 5.4.2.1.1
della ENV 1992-1-3 il riferimento alla ENV 1991-1-1 deve essere sostituito dalla
ENV 1992-2.

5.4.9.2

Giunti di costruzione

5.4.9.2.1

Stato limite ultimo di taglio


(101)

5.4.9.2.2

I giunti fra gli elementi prefabbricati, compresa la costruzione per conci successivi, devono di regola essere progettati in accordo con 4.5.3 della ENV 1992-1-3.
Tuttavia, non si applica il punto 4.5.3.2 (106).

Stati limite di esercizio


P(101) Non deve essere permessa alcuna decompressione di giunti a contatto non armati per la combinazione di azioni non frequente, compresa la fase di erezione.
(102) Per giunti di malta di cemento sotto la combinazione frequente di azioni le tensioni
nel giunto devono essere, di regola, di compressione attraverso il giunto e non minori di 1,5 N/mm2.
(103) Nella fase di erezione, durante la polimerizzazione della malta, la pressione applicata
ad un giunto di malta di resina non deve, di regola, essere minore di 0,15 N/mm2 in
qualsiasi punto della sezione sotto la combinazione caratteristica di azioni; la pressione media non deve, di regola, essere minore di 0,25 N/mm2.

5.4.9.3

Elementi compositi

5.4.9.3.1

Considerazioni generali
(101)

Il punto 5.4.9.3 si applica a elementi inflessi che consistono di parti di calcestruzzo


pregettato che agiscono con calcestruzzo gettato in situ, dove si provveduto al
trasferimento del taglio nel giunto di contatto. Le parti prefabbricate possono essere di calcestruzzo ad armatura ordinaria oppure precompressa.
P(102) Si deve porre particolare attenzione all'effetto del metodo di costruzione sullo stato di sforzo e di deformazione. La struttura deve essere verificata ad ogni stadio di
costruzione.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 30 di 48

(103)

5.4.9.3.2

Il diverso ritiro tra gli elementi di calcestruzzo gettati in situ e quelli prefabbricati
pu dover essere considerato nell'analizzare gli elementi compositi nei riguardi
degli stati limite di esercizio (vedere 5.4.9.3.3), ma non necessario considerarlo
per gli stati limite ultimi.

Stati limite ultimi


P(101) Gli elementi compositi devono essere progettati per taglio verticale e longitudinale
in accordo con 4.5.3.2 della ENV 1992-1-3.

5.4.9.3.3

Stati limite di esercizio


P(101) La rigidezza di un elemento composito deve essere determinata mettendo in conto le diverse propriet elastiche del calcestruzzo prefabbricato e di quello gettato
in situ.
(102) Gli effetti del diverso ritiro e della diversa viscosit devono, di regola, essere messi in conto quando si verificano i criteri di progetto di 4.4. Il diverso ritiro pu essere determinato secondo i punti 2.5.5, 3.1.2.5.5, A.1 e A.2 della ENV 1992-1-1.
(103) Per elementi compositi che comprendono parti precompresse prefabbricate e calcestruzzo gettato in situ che d contenimento alla zona compressa della parte
prefabbricata, la tensione massima di compressione nel calcestruzzo della parte
prefabbricata pu essere aumentata oltre i valori dati in 4.4.1.1 fino a 0,75 fck.

5.5

Limitazione del danno dovuto ad azioni eccezionali


Questo punto della ENV 1992-1-1 non si applica ai ponti.

ESECUZIONE E PREPARAZIONE DEGLI ADDETTI


Questo punto si applica anche alla ENV 1992-2.

CONTROLLO DI QUALIT
Questo punto si applica anche alla ENV 1992-2.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 31 di 48

APPENDICI NORMATIVE

APPENDICE
(normativa)

1 DATI SUPPLEMENTARI PER LA DETERMINAZIONE DEGLI EFFETTI DELLE


DEFORMAZIONI DEL CALCESTRUZZO DIPENDENTI DAL TEMPO
L'appendice 1 si applica anche alla ENV 1992-2. Tuttavia, per il calcestruzzo alleggerito
vedere la ENV 1992-1-4.

APPENDICE
(normativa)

2 ANALISI NON LINEARE


L'appendice 2 si applica alla ENV 1992-2, purch si possa assicurare alla struttura, compresi i giunti, duttilit adeguata.

APPENDICE
(normativa)

3 INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI SUGLI STATI LIMITE ULTIMI INDOTTI


DA DEFORMAZIONI STRUTTURALI
L'appendice 3 si applica anche alla ENV 1992-2.

APPENDICE
(normativa)

4 VERIFICA DELLE INFLESSIONI MEDIANTE IL CALCOLO


L'appendice 4 si applica anche alla ENV 1992-2.

APPENDICE 105 PRECOMPRESSIONE CON ARMATURE A CAVI SCORREVOLI ED ESTERNI


(normativa)
A.105.1

Scopo
P(101) Questa appendice completa e chiarifica l'uso della ENV 1992-1-5 "Uso di armature di precompressione a cavi scorrevoli o esterni" nei ponti di calcestruzzo. Se
non altrimenti stabilito, tutti i riferimenti di questa appendice sono relativi alla
ENV 1992-1-5.

A.105.2

Basi del progetto

A.105.2.5

Analisi

A.105.2.5.3

Metodi di calcolo

A.105.2.5.3.1

Considerazioni fondamentali
Sostituzione della regola di applicazione (108) della ENV 1992-1-5 con:
(108) Per i cavi di precompressione interni di ponti di luce piccola e media con impalcati
che consistono di travi o di sezioni a cassone di altezza costante, si pu assumere
che:
- la forza in un cavo sia costante lungo la luce;
- le forze radiali distribuite siano verticali per cavi deviati nel piano verticale.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 32 di 48

A.105.4

Progetto della sezione e dell'elemento


Inserire un nuovo sottopunto:

A.105.4.1

Forza iniziale di precompressione


P(101) Per i cavi il cui profilo contenuto entro l'altezza totale della sezione dell'elemento
precompresso si deve applicare, di regola, la forza iniziale di precompressione
definita al punto 4.2.3.5.4 P(2) della ENV 1992-1-1.
P(102) Per cavi esterni, il profilo dei quali supera l'altezza totale della sezione trasversale
dell'elemento precompresso e il cui intervallo di tensione relativo alla combinazione
di azioni frequente non deve essere maggiore di 50 N/mm2, la tensione iniziale di
precompressione deve essere minore di 0,60 fpk.
Diversamente, i cavi esterni devono essere considerati come stralli.

A.105.4.3

Stati limite ultimi

A.105.4.3.1

Generalit

A.105.4.3.1.5

Cavi scorrevoli interni


(101)

La regola di applicazione (101) della ENV 1992-1-5 non si applica ai ponti.

A.105.4.3.2

Taglio

A.105.4.3.2.6

Costruzione per conci successivi


Sostituzione delle regole di applicazione (103) e (104) della ENV 1992-1-5 con:
(103) In considerazione della combinazione non frequente di azioni e in assenza di giustificazione sulla base di precedente esperienza, le sezioni dei giunti non armati
devono, di regola, essere compresse per almeno 2/3 della loro altezza totale. Si
deve, di regola, porre speciale attenzione agli effetti torsionali nella progettazione
di sezioni a cassone.

A.105.4.4

Stati limite di esercizio

A.105.4.4.0

Generalit

A.105.4.4.0.3

Casi e combinazioni di carico


Sostituzione delle regole di applicazione da (101) a (103) della ENV 1992-1-5 con:
P(101) La classificazione dei criteri di progetto deve essere concordata con il committente.

A.105.5

Prescrizioni costruttive

A.105.5.3

Dispositivi di precompressione
Questo punto della ENV 1992-1-5 si pu applicare salvo che nei casi seguenti:

A.105.5.3.1

Disposizione dei dispositivi di precompressione


Sostituzione del principio P(102) della ENV 1992-1-5 con:
P(102) Si deve prevedere la sostituzione delle armature esterne, se specificato dal committente.
Aggiunta dopo la regola di applicazione (110) della ENV 1992-1-5:
P(111) L'accessibilit per l'ispezione, il monitoraggio e, quando appropriato, la sostituzione dei cavi esterni devono sempre essere previste.
(112) Per quanto riguarda i sistemi di ancoraggio, si deve di regola considerare l'efficienza dell'ancoraggio, la resistenza a fatica, la capacit di trasferire il carico, la
protezione dalla corrosione e la capacit di accogliere deviazioni angolari fino a
0,05 rad senza riduzione osservabile dell'efficienza dell'ancoraggio stesso.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 33 di 48

A.105.5.3.2

Ricoprimento di calcestruzzo
Sostituzione del principio P(101) e della regola di applicazione (102) della ENV 1992-1-5
con:
P(101) Il ricoprimento di calcestruzzo per cavi interni scorrevoli deve essere lo stesso
specificato al punto 4.1.3.3 della ENV 1992-1-1 per cavi aderenti.

A.105.5.5

Limitazione del danno dovuto ad azione eccezionale

A.105.5.5.2

Proporzionamento delle legature


Sostituzione del principio P(106) della ENV 1992-1-5 con:
P(106) Si deve verificare, usando i relativi valori , che nell'evento della crisi locale di un
cavo il ponte non collassi sotto la combinazione di azioni eccezionali.

APPENDICE 106 TENSIONI EQUIVALENTI AL DANNO PER LA VERIFICA A FATICA


(normativa)
A.106.1

Generalit
P(101) Questa appendice fornisce una procedura semplificata per calcolare le tensioni
equivalenti al danno per la verifica a fatica delle sovrastrutture dei ponti stradali e ferroviari di calcestruzzo sulla base dei modelli di carico per fatica dati nella ENV 1991-3.
Qualsiasi modello di carico dato nella ENV 1991-3 pu essere usato, purch siano disponibili dati appropriati per i valori di .

A.106.2

Ponti stradali
P(101) I valori dati in questo sottopunto sono applicabili solo al modello di carico per fatica 3 secondo la ENV 1991-3, fattorizzato.
Per il calcolo degli intervalli di tensione equivalenti al danno per la verifica dell'acciaio,
i carichi d'asse del modello di carico per fatica 3 devono essere moltiplicati per i fattori:
- 1,75
per la verifica agli appoggi intermedi;
- 1,40
per la verifica in altre zone.
P(102) L'intervallo di tensione equivalente al danno per la verifica dell'acciaio deve essere calcolato come segue:
s, equ = s, EC s

[A.106.1]

dove:
s,EC l'intervallo di tensione conseguente al modello di carico per fatica 3 (secondo la ENV 1991-3) con carico d'asse aumentato secondo quanto indicato in
P(101), assumendo la combinazione di carico data in 4.3.7.2 P(103) di questa parte 2;
s
il fattore di correzione per calcolare l'intervallo di tensione equivalente al
danno dall'intervallo di tensione causato da s,EC.
(103)

I fattori di correzione s includono l'influenza della luce, del volume annuale di traffico, della vita di esercizio, della molteplicit delle corsie, del tipo di traffico e della
rugosit superficiale e possono essere calcolati come:

s = fat s,1 s,2 s,3 s,4


dove:
s,1
s,2
s,3
s,4
fat

[A.106.2]

il valore relativo alla luce;


il valore relativo al volume annuale di traffico;
il valore relativo alla vita di esercizio;
il valore relativo alla molteplicit delle corsie;
il fattore d'impatto equivalente al danno controllato dalla rugosit della
superficie secondo quanto sotto riportato.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 34 di 48

(104)
figura

A.106.1

Il valore s,1 dato nelle figure A.106.1 e A.106.2 denota l'influenza della luce L e
della forma della curva S-N.

Valore di s,1 per la verifica a fatica nella zona di appoggio intermedio


Legenda
1 Dispositivi di coprigiunto
2 Cavi curvi in guaina di acciaio
3 Acciaio d'armatura
pretensionamento (tutti)
post-tensionamento:
trefoli in guaine di plastica
cavi diritti in guaine di acciaio

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 35 di 48

figura

A.106.2

Valore di s,1 per la verifica a fatica in campata e per elementi locali


Legenda
1 Dispositivi di coprigiunto
2 Cavi curvi in guaina di acciaio
3 Acciaio d'armatura
pretensionamento (tutti)
post-tensionamento:
trefoli in guaina di plastica
cavi diritti in guaina di acciaio
4 Armatura a taglio
a Trave continua*)
b Trave a luce singola*)
c Soletta di carreggiata

*) Per luci

(105)

< 10 m si applicano i valori relativi a

Il valore s,2 denota l'influenza del volume annuale di traffico e del tipo di traffico e
pu essere calcolato con l'equazione [A.106.3].

s, 2 = Q
dove:
Nobs
k2
Q
prospetto A.106.1

= 10 m.

k2

N obs
----------2, 0

[A.106.3]

il numero di autocarri all'anno secondo la ENV 1991-3, prospetto 4.5, in


milioni;
la pendenza della curva S-N appropriata da assumersi dai prospetti
4.116 o 4.117 di questa parte 2;
il fattore relativo al tipo di traffico secondo il prospetto A.106.1.

Fattori Q per tipo di traffico


Tipo di traffico (vedere la ENV 1991-3, prospetto 4.7)
Fattore Q per

Lunga percorrenza

Percorrenza media

Traffico locale

k2 = 5

1,0

0,90

0,73

k2 = 7

1,0

0,92

0,78

k2 = 9

1,0

0,94

0,82

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 36 di 48

(106)

Il valore s,3 denota l'influenza della vita di progetto in esercizio e pu essere calcolato con l'equazione [A.106.4]:

s,3 =

k2

N years
--------------100

[A.106.4]

dove:
Nyears
(107)

la vita di progetto del ponte (che deve essere specificata, se diversa da


100 anni).
Il valore s,4 denota l'influenza della molteplicit delle corsie e pu essere calcolato con l'equazione [A.106.5]:

s, 4 =
dove:
Nobs,i
Nobs,1
(108)

k2

N obs, i

---------------------N obs, 1

[A.106.5]

il numero di autocarri atteso sulla corsia i-esima all'anno;


il numero di autocarri sulla corsia del traffico lento all'anno.

Il valore fat un fattore d'impatto equivalente al danno secondo la ENV 1991-3,


appendice B:

fat = 1,2 per superficie di bassa rugosit;


fat = 1,4 per superficie di media rugosit.
Di regola, si deve mettere in conto un fattore d'impatto aggiuntivo per la verifica
delle sezioni entro la distanza di 6,0 m da un giunto di espansione secondo la
ENV 1991-3, appendice B (per maggiori dettagli vedere anche la ENV 1991-3, appendice B: Valutazione della vita a fatica).

A.106.3

Ponti ferroviari

A.106.3.1

Armature ordinarie e di precompressione


P(101) L'intervallo di tensioni equivalenti al danno per l'armatura ordinaria e di precompressione deve essere calcolato secondo l'equazione [A.106.6]:
s,equ = s s,71
dove:
s,71

[A.106.6]

l'intervallo di tensione nell'acciaio dovuto al modello di carico 71 (posizionato nel modo pi sfavorevole) sotto la combinazione non frequente di
azioni, che include il coefficiente dinamico secondo la ENV 1991-3;
il fattore di correzione per calcolare l'intervallo di tensione equivalente al
danno dall'intervallo di tensione causato dal modello di carico 71. I valori
riportati nel prospetto A.106.2 si basano su 1' = 1.

P(102) Il fattore di correzione s mette in conto la luce, il volume annuale di traffico, la


vita di esercizio, e la molteplicit dei binari. Pu essere calcolato con la formula seguente:

s =s,1 s,2 s,3 s,4


dove:
s,1

s,2
s,3
s,4
(103)

[A.106.7]

il fattore che mette in conto la luce dell'elemento e la composizione di


traffico;
il fattore che mette in conto il volume annuale di traffico;
il fattore che mette in conto la vita di esercizio;
il fattore relativo alla molteplicit dei binari.

Il fattore s,1 funzione della luce dell'elemento e della composizione del traffico.
I valori di s,1 per la composizione normale del traffico e per la composizione di
traffico pesante come definite nei prospetti F.1 e F.2 della ENV 1991-3 possono
essere tratti dal prospetto A.106.2 di questa appendice.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 37 di 48

(104)

Per altre combinazioni di tipi di treno il fattore s,1 pu essere calcolato con i metodi dati nei relativi documenti1).
Il valore s,2 denota l'influenza del volume annuale di traffico e pu essere calcolato con l'equazione [A.106.8]:
k2

s, 2 =
dove:
Vol
k2
(105)

[A.106.8]

il volume di traffico (tonnellate per anno e per binario);


la pendenza della curva S-N.

Il valore s,3 denota l'influenza della vita di esercizio e pu essere calcolato con
l'equazione [A.106.9]:
k2

s,3 =
dove:
Nyears
k2
(106)

Vol
---------------------625 10

N years
---------------100

[A.106.9]

la vita di progetto del ponte [anni];


la pendenza della curva S-N.

Il valore s,4 denota l'effetto del carico da pi di un binario. L'effetto del carico da
due binari pu essere calcolato con l'equazione [A.106.10]:

s, 4 =

k2

k2

n + ( 1 n) s1 + ( 1 n) s2

1
s 1 = ---------------- 1 + 2

2
s 2 = ---------------- 1 + 2

Nc
n = ------NT

[A.106.10]

dove:
n
la quota del traffico che percorre il ponte;
Nc
il numero dei treni che percorrono il ponte;
NT
il numero totale dei treni che percorrono un singolo binario;
1, 2 sono lintervallo di tensione dovuto al modello di carico 71 su un binario;
1 + 2 lintervallo di tensione dovuto al modello di carico 71 su due binari;
k2
la pendenza della curva S-N.
Se sotto i carichi di traffico su un binario si manifestano solo tensioni di compressione, si pone il valore corrispondente sj = 0.

1)

Vedere, per esempio, il Documento di cronistoria "Progettazione per fatica dei ponti ferroviari di calcestruzzo nell'Eurocodice 2, Parte 2: Carico, resistenza e procedure di verifica".

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 38 di 48

prospetto A.106.2

Valori di s,1 per travi a una sola campata e per travi continue
a) travi in semplice appoggio
Tipo

Curva S-N

k1
[1]

[2]

[3]

[4]

k2
9

10

10

10

10

Luce
[m]

Composizione del traffico


Normale

Pesante

0,90

0,95

20

0,65

0,70

1,00

1,05

20

0,70

0,70

1,25

1,35

20

0,75

0,75

0,80

0,85

20

0,40

0,40

b) travi continue (campata intermedia, sezione di mezzeria)


Tipo

Curva S-N

k1
[1]

[2]

[3]

[4]

k2
9

10

10

10

10

Luce
[m]

Composizione del traffico


Normale

Pesante

0,95

1,05

20

0,50

0,55

1,00

1,15

20

0,55

0,55

1,25

1,40

20

0,55

0,55

0,75

0,90

20

0,35

0,30

c) travi continue (sezione di campata destremit)


Tipo

Curva S-N

k1
[1]

[2]

[3]

[4]

k2
9

10

10

10

10

Luce
[m]

Composizione del traffico


Normale

Pesante

0,90

1,00

20

0,65

0,65

1,05

1,15

20

0,65

0,65

1,30

1,45

20

0,65

0,70

0,80

0,90

20

0,35

0,35

segue nella pagina successiva

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 39 di 48

continua dalla pagina precedente


d) travi continue (sezione allappoggio intermedio)
Tipo

Curva S-N

k1
[1]

[2]

[3]

[4]

k2
9

10

10

10

10

Luce
[m]

Composizione del traffico


Normale

Pesante

0,85

0,85

20

0,70

0,75

0,90

0,95

20

0,70

0,75

1,10

1,10

20

0,75

0,80

0,70

0,70

20

0,35

0,40

Definizione dei tipi nel prospetto A.106.2:


[1] Acciaio darmatura, pretensionamento (tutti), post-tensionamento (trefoli in guaine di plastica e cavi diritti in guaine di
acciaio).
[2] Post-tensionamento (cavi curvi in guaine di acciaio).
[3] Connettori (armatura di precompressione).
[4] Dispositivi di coprigiunto (armatura ordinaria), barre saldate per punti o di testa (vedere 5.2 della ENV 1992-1-1).

(107)

I valori di s,1 per luci L tra 2 m e 20 m possono essere ottenuti con la seguente
equazione:

s,1 (L) = s,1(2) + [s,1(20) - s,1(2)] (log L - 0,3)


Per la definizione di sezione di campata d'estremit, sezione all'appoggio intermedio e sezione di mezzeria di una campata intermedia, vedere la figura A.106.3
seguente.
figura

A.106.3

Zone delle sezioni della campata


Legenda
a) Sezione di campata d'estremit
b) Sezione all'appoggio intermedio
c) Campata intermedia, sezione di mezzeria

A.106.3.2

Calcestruzzo soggetto a compressione


(101)

Per il calcestruzzo soggetto a compressione si pu assumere che la resistenza a


fatica sia adeguata se soddisfatta lequazione seguente:
1 S cd, max, equ
14 --------------------------------------- 6
1 R equ

[A.106.11]

dove:

cd, min,equ
cd, max, equ
S cd, min,equ
R equ = ---------------------------- ; S cd, min,equ = Sd ---------------------------; S cd, max, equ = Sd ----------------------------f cd, fat
f cd, fat
S cd, max, equ

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 40 di 48

cd,max,equ e cd,min,equ
(102)

sono le tensioni maggiore e minore dell'intervallo di ten-

sioni equivalente al danno con un numero di cicli N = 106.


Le tensioni maggiore e minore dell'intervallo di tensioni equivalente al danno deve, di regola, essere calcolato secondo l'equazione [A.106.12]:

cd,max,equ = c,perm + c (c,max,71 c,perm)

[A.106.12]

cd,min,equ = c,perm - c (c,perm c,min,71)


dove:
c,perm

c,max,71, c,min,71
c

(103)

la tensione di compressione nel calcestruzzo sotto la combinazione non frequente di azioni senza modello di carico 71;
sono la tensione massima o minima di compressione sotto la
combinazione non frequente di azioni, che include il fattore 2
dinamico (secondo la ENV 1991-3);
il fattore di correzione per il calcolo delle tensioni superiore e
inferiore dell'intervallo di tensioni equivalente al danno, a partire dalle tensioni conseguenti al modello di carico 71.
I valori forniti nel prospetto A.106.3 si basano su 1' = 1.

Il fattore di correzione c tiene conto dello stato di sforzo permanente, della luce,
del volume annuale di traffico, della vita di esercizio e della molteplicit dei binari.
Tale fattore pu essere calcolato con la formula seguente:

c = c,0 c,1 c,2 c,3 c,4


dove:
c,0
c,1

c,2
c,3
c,4
(104)

un fattore che tiene conto dello stato di sforzo permanente;


un fattore che tiene conto della luce dell'elemento e della composizione
del traffico;
un fattore che tiene conto del volume annuale di traffico;
un fattore che tiene conto della vita di esercizio;
un fattore che tiene conto della molteplicit dei binari.

Il valore di c,0 denota l'influenza dello stato di sforzo permanente e pu essere


calcolato con l'equazione [A.106.14]:

c, perm
- 1, 0
c, 0 = 0, 94 + 0, 2 ----------------f cd, fat

(105)

(106)

[A.106.14]

Per la zona di trazione precompressa negli elementi di calcestruzzo armato precompresso il valore di c,0 pu essere assunto pari a 1,0.
Il fattore c,1 una funzione della luce dell'elemento e della composizione del traffico. I valori di c,1 per la composizione normale del traffico e per la composizione
del traffico pesante come definite nei prospetti F.1 e F.2 della ENV 1991-3 possono essere tratti dal prospetto A.106.3 di questa appendice.
Il valore di c,2 denota l'influenza del volume annuale di traffico e pu essere calcolato con l'equazione [A.106.15]:
1
Vol
c,2 = 1 + --- log ---------------------68
25 10

(107)

[A.106.13]

[A106.15]

dove: Vol indica il volume di traffico (tonnellate all'anno e per binario).


Il valore di c,3 denota l'influenza della vita di esercizio e pu essere calcolato con
l'equazione [A.106.16]:
N years
1
c,3 = 1 + --- log --------------100
8

[A.106.16]

dove: Nyears la vita di esercizio del ponte [anni].


(108)

Il valore di c,4 denota l'effetto del caricamento da pi di un binario. L'effetto del caricamento da due binari pu essere calcolato con l'equazione [A.106.17]:

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 41 di 48

1
c, 4 = 1 + --- log n 0, 54
8

per a 0,8

c,4 = 1,0

per a > 0,8

[A.106.17]

max. { c, 1 , c, 2 }
N
a = -------------------------------------------------------- ; n = ------c c, 1 + 2
NT
dove:
n
Nc
NT
c,1, c,2
c,1 + 2
prospetto A.106.3

[A.106.18]

la quota del traffico che percorre il ponte;


il numero dei treni che percorrono il ponte;
il numero totale dei treni che percorrono un singolo binario;
sono lintervallo di tensioni di compressione dovuto al modello di carico 71 su un binario;
lintervallo di tensioni di compressione dovuto al modello di carico
71 su due binari.

Valori di c,1 per travi in semplice appoggio e travi continue


a) travi in semplice appoggio
Zona della
sezione

Luce
[m]

Zona
compressa
Zona di trazione
precompressa

Composizione del traffico


Normale

Pesante

0,70

0,70

20

0,75

0,75

0,95

1,00

0,90

0,90

20
1)

b) travi continue (campata intermedia, sezione di mezzeria)


Zona della
sezione

Luce
[m]

Zona
compressa
Zona di trazione
precompressa

Composizione del traffico


Normale

Pesante

0,75

0,90

20

0,55

0,55

1,05

1,15

20

0,65

0,70

c) travi continue (sezione di campata destremit)


Zona della
sezione

Luce
[m]

Zona
compressa
Zona di trazione
precompressa

Composizione del traffico


Normale

Pesante

0,75

0,80

20

0,70

0,70

1,10

1,20

20

0,70

0,70

d) travi continue (sezione allappoggio intermedio)


Zona della
sezione

Luce
[m]

Zona
compressa
Zona di trazione
precompressa

Composizione del traffico


Normale

Pesante

0,70

0,75

20

0,85

0,85

1,10

1,15

20

0,80

0,85

1) Vedere figura A.106.3.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 42 di 48

(108)

I valori di c,1 per luci tra 2 m e 20 m si possono ottenere con la seguente equazione:

c,1(L) = c,1 (2 m) + [c,1 (20 m) - c,1 (2 m)] (log L - 0,3)

APPENDICE 107 PONTI STRALLATI


(informativa)
A.107.1

Introduzione
(101)
(102)

(103)

Questa appendice si applica ai ponti strallati di calcestruzzo progettati secondo la


ENV 1992.
Gli elementi che costituiscono uno strallo sono:
- gli elementi tesi principali (acciaio da precompressione);
- gli ancoraggi;
- il rivestimento;
- i materiali e i dispositivi per la protezione dalla corrosione.
In questa appendice sono considerati solamente gli stralli costituiti da fili paralleli,
trefoli paralleli o barre parallele. Altri tipi di stralli sono trattati nella ENV 1993-2.

A.107.2

Acciaio da precompressione

A.107.2.1

Classificazione e geometria

A.107.2.2

(101)

Il certificato relativo a ciascuna lunghezza prodotta di acciaio da precompressione


deve di regola contenere come informazione aggiuntiva la resistenza ultima a trazione garantita (GUTS), la resistenza a trazione fp e il modulo di elasticit.

(102)

Lacciaio da precompressione per la fabbricazione degli stralli deve essere, di regola, dei seguenti tipi definiti nella EN 10138:
- Trefoli: trefoli trattati termicamente per la riduzione delle autotensioni, che
consistono di 7 fili lisci senza saldature trafilati a freddo;
- Fili:
fili trattati termicamente per la riduzione delle autotensioni, lisci, tondi,
trafilati a freddo, senza saldature;
- Barre: laminate a caldo, con trattamenti termici o meccanici.

Caratteristiche di duttilit
(101)

A.107.2.3

I trefoli devono, di regola, avere i seguenti diametri D secondo l'appendice 1 della


EN 10138-1:
- D = 28
per trefoli con diametri nominali tra 12,5 mm e 13 mm;
- D = 20
per trefoli con diametri nominali tra 15,2 mm e 16 mm.

Fatica
(101)

(102)

Le prove di fatica secondo EN 10138 o altre norme pertinenti devono, di regola,


essere eseguite su campioni estratti da ciascuna lunghezza prodotta di acciaio da
precompressione.
Il materiale delle funi deve, di regola, sopportare senza crisi 2 106 cicli di sforzo
che oscillano con una tensione massima di 0,8 fpk, dove fpk la resistenza a trazione caratteristica dell'acciaio usato.
Gli intervalli di sforzo in oscillazione sono:
- per i trefoli
p = 195 N/mm2;
- per i fili
p = 200 N/mm2;
- per le barre lisce
p = 200 N/mm2;
- per le barre ad aderenza migliorata p = 180 N/mm2.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 43 di 48

A.107.2.4

Suscettibilit alla corrosione in presenza di sforzo


(101)

A.107.3

Ancoraggi, selle e connettori


(101)
(102)

A.107.4

(102)
(103)

(104)
(105)
(106)
(107)
(108)
(109)

(102)

Si deve, di regola, provvedere ad una protezione adeguata degli stralli dalla corrosione.
La tenuta e il drenaggio delle guaine di rivestimento devono essere assicurati per
evitare che l'acqua entri e/o si accumuli nelle cavit.

Disposizione degli stralli


(101)
(102)

A.107.7

Il rivestimento degli stralli pu essere di uno dei seguenti tipi:


- tubo di acciaio, o tubo di polietilene che racchiude completamente gli elementi
tesi;
- rivestimento di polietilene estruso direttamente sui singoli trefoli.
Lo spessore della parete del tubo deve, di regola, essere sufficiente per resistere
a tutte le tensioni durante la messa in opera, l'iniezione e il servizio.
Tutte le saldature del tubo devono, di regola, essere in grado di sviluppare l'intera
resistenza al limite di snervamento della sezione del tubo e devono avere sufficiente resistenza a fatica.
I tubi di acciaio devono essere, di regola, almeno di qualit Fe 510 secondo la
EN 10025:1990 e devono, di regola, soddisfare le norme relative.
La saldatura dei tubi di acciaio non permessa, di regola, quando i tiranti sono gi
inseriti nei tubi stessi.
Tutte le saldature eseguite in cantiere su tubi di acciaio devono, di regola, essere
verificate con esami a ultrasuoni e/o radiografici.
Il tubo o il singolo rivestimento di polietilene devono essere di polietilene ad alta
densit (HDPE) che soddisfi la ISO 161-1 e la ISO 3607, o altre norme pertinenti.
Per tubi di polietilene il massimo rapporto tra il diametro esterno e lo spessore minimo della parete deve, di regola, essere pari a 18 .
Lo spessore minimo del rivestimento in HDPE estruso direttamente sui singoli trefoli deve, di regola, essere di 1,5 mm.

Sistema di protezione dalla corrosione


(101)

A.107.6

Il progetto degli ancoraggi e delle selle deve, di regola, prevedere la rimozione e


la sostituzione dello strallo e gli aggiustamenti successivi delle forze.
Gli ancoraggi, le selle e i connettori non devono, di regola, entrare in crisi prima
della crisi degli elementi tesi principali.

Rivestimento degli stralli


(101)

A.107.5

Si deve, di regola, dimostrare una resistenza adeguata alla corrosione in presenza di sforzo eseguendo prove come definito nella EN 10138.

Gli stralli devono essere, di regola, disposti in modo da evitare sforzi dovuti a flessione negli stralli stessi in corrispondenza degli ancoraggi.
Nella zona di impalcato, gli stralli devono, di regola, essere protetti nei confronti
del danno causato dalla collisione di veicoli e/o dagli utenti.

Fabbricazione degli stralli


(101)
(102)
(103)

Le procedure descritte in 6.3.4.2 della ENV 1992-1-1 devono essere rigorosamente osservate.
Durante la fabbricazione degli stralli si deve, di regola, assicurare che tutti i tiranti
siano installati parallelamente l'uno all'altro.
Nel trattamento di funi prefabbricate si deve, di regola, assicurare che il raggio di
piegatura non sia mai minore di 25 volte il diametro del rivestimento della fune.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 44 di 48

(104)

A.107.8

Installazione degli stralli


(101)

(102)

(103)

(104)
(105)

A.107.9

L'installazione e la messa in tensione di ciascuno strallo deve, di regola, seguire


un programma dettagliato che dia prescrizione dell'allungamento della fune e/o le
forze nella fune stessa, le tolleranze accettabili e gli spostamenti dell'impalcato e
dei piloni.
Qualsiasi deviazione significativa dalle procedure costruttive e dalle tolleranze assunte, dalla temperatura ambientale, dai carichi o dagli spostamenti deve immediatamente portare ad una revisione completa del programma di installazione delle funi.
Si deve, di regola, condurre e registrare un monitoraggio permanente dell'installazione dello strallo, che comprenda l'ispezione dell'impalcato, l'allineamento dei piloni e la temperatura ambientale.
Deve essere fatta una registrazione completa delle forze finali, della livellazione finale, e della temperatura ambientale durante le misure.
Qualsiasi deviazione maggiore del 2,5% dalle forze finali previste negli stralli
secondo il programma di installazione deve essere, di regola, indagata e corretta.
L'ampiezza di movimento da consentire nei dispositivi di aggiustamento agli ancoraggi deve essere previamente specificata.
Qualsiasi aggiustamento che si renda necessario e che corrisponda ad una riduzione di forza in un qualsiasi strallo deve, di regola, essere possibile senza che sia
necessario rilasciare alcuno dei dispositivi interni di ancoraggio dello strallo.

Operazioni di iniezione
(101)

(102)

(103)
(104)

A.107.10

Trefoli, fili o barre danneggiati durante la fabbricazione o la messa in opera devono, di regola, essere sostituiti e le protezioni danneggiate devono essere riparate
o sostituite.

In aggiunta alle regole stabilite in 6.3.4.6 della ENV 1992-1-1, quando appropriato, le operazioni di iniezione degli stralli devono, di regola, soddisfare quanto segue.
Nei tubi di rivestimento in HDPE le iniezioni di materiale sigillante non devono di
regola essere maggiori di 35 m di altezza. La prima iniezione non deve, di regola, essere maggiore di 6 m.
L'ultima iniezione deve, di regola, essere abbastanza piccola da minimizzare la
possibilit di creare un vuoto alla sommit dello strallo.
L'espansione del diametro del tubo al punto di iniezione non deve, di regola, essere maggiore del 2% del diametro originale. Prima di procedere ad una nuova
iniezione della miscela il tubo deve, di regola, essere collegato saldamente alla
miscela indurita alla sommit del getto precedente.

Prove per l'accettazione degli stralli


(101)

(102)
(103)
(104)

Si deve, di regola, dimostrare per mezzo di prove di accettazione opportune che gli
stralli proposti per ciascun progetto possiedono un'adeguata resistenza alla fatica.
I campioni devono, di regola, contenere gli stessi dispositivi di collegamento, le
stesse condizioni di iniezione e lo stesso tipo di rivestimento del sistema finale.
Le prove devono, di regola, riprodurre ogni effetto flessionale o tensione trasversale atteso negli stralli.
Le prove condotte in precedenza su campioni simili per ogni aspetto agli stralli prescritti per un nuovo progetto possono essere accettate ai fini dell'approvazione.
Gli stralli proposti devono, di regola, essere conformi ai minimi requisiti seguenti:
- Lo strallo deve, di regola, resistere a 2 106 cicli di oscillazioni di sforzo con
uno sforzo maggiore di 0,45 fpk e un intervallo di sforzo di 200 N/mm2;
- Durante la prova non deve verificarsi la crisi di pi del 2% della sezione
dell'acciaio da precompressione e i componenti dell'ancoraggio non devono
presentare anomalia alcuna;

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 45 di 48

Dopo il completamento della prova di fatica il campione deve essere caricato


in modo incrementale e deve resistere ad un minimo di 0,90 fpk senza crisi di
nessun suo componente.

A.107.11

Basi del progetto

A.107.11.1

Generalit
(101)

A.107.11.2

Stati limite ultimi


(101)

A.107.11.3

Sotto la combinazione di azioni frequente la tensione di trazione negli stralli non


deve, di regola, essere maggiore dello 0,45 fpk.

Stato limite ultimo di fatica


(101)

(102)
(103)

(104)

(105)

A.107.12

La resistenza a trazione degli stralli deve, di regola, essere verificata sotto la combinazione di azioni corrispondente allo stato limite ultimo con un fattore di sicurezza parziale s = 1,5 applicato alla resistenza caratteristica di trazione, fpk, dell'acciaio da precompressione.

Stati limite di esercizio


(101)

A.107.11.4

Le azioni termiche devono, di regola, essere messe in conto per le verifiche allo
stato limite di esercizio e allo stato limite di fatica. Tali azioni devono, di regola, includere le differenze di temperatura tra gli stralli (considerando il colore di questi)
e l'impalcato e i piloni, compresi i gradienti termici attraverso l'impalcato e i piloni.

La crisi per fatica dei sistemi di stralli solitamente governata da effetti locali agli
ancoraggi, alle selle e nei dispositivi di collegamento. Quando possibile, la verifica
deve essere eseguita per mezzo dei risultati di prove sperimentali.
Tranne che per i ponti pedonali, gli elementi tesi principali degli stralli devono, di
regola, essere verificati nei riguardi della resistenza a fatica.
La verifica per lo stato limite ultimo di fatica deve, di regola, essere eseguita per le
stesse combinazioni di azioni usate per la verifica a fatica degli altri elementi del
ponte.
L'oscillazione delle tensioni negli stralli sotto la combinazione di carico relativa alla
fatica deve includere, di regola, la concomitante tensione di origine flessionale dovuta alle rotazioni degli ancoraggi.
La verifica per fatica dell'acciaio da precompressione deve, di regola, essere condotta secondo 4.3.7.5 di questa parte 2.

Limitazione del danno dovuto ad azioni eccezionali


(101)

(102)
(103)

(104)

Il pericolo di collasso della struttura dovuto alla crisi di uno o pi stralli, sotto
un'azione eccezionale quale l'impatto, l'incendio o l'esplosione di un veicolo, deve, di regola, essere valutato.
Se non stabilito altrimenti, possono essere usate le seguenti regole di applicazione.
Si deve, di regola, verificare che, nell'evento della crisi di tutti gli stralli di una stessa fila entro 20 m consecutivi in qualsiasi posizione lungo il ponte, il ponte non
collassi sotto la combinazione di azioni eccezionale, usando un fattore di sicurezza parziale s = 1,3 per lacciaio da precompressione.
Il progetto deve, di regola, mettere in conto la perdita temporanea di un qualsiasi
strallo senza che sia necessario ridurre i carichi di traffico durante il periodo di riparazione dello strallo stesso.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 46 di 48

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 47 di 48

PUNTI DI INFORMAZIONE E DIFFUSIONE UNI

Milano (sede)

Via Battistotti Sassi, 11B - 20133 Milano - Tel. 0270024200 - Fax 0270105992
Internet: www.uni.it - Email: diffusione@uni.com

Roma

Via delle Colonnelle, 18 - 00186 Roma - Tel. 0669923074 - Fax 066991604


Email: uni.roma@uni1.inet.it

Ancona

c/o SO.GE.S.I.
Via Filonzi - 60131 Ancona - Tel. 0712900240 - Fax 0712866831

Bari

c/o Tecnopolis CSATA Novus Ortus


Strada Provinciale Casamassima - 70010 Valenzano (BA) - Tel. 0804670301 - Fax 0804670553

Bologna

c/o CERMET
Via A. Moro, 22 - 40068 San Lazzaro di Savena (BO) - Tel. 0516250260 - Fax 0516250262

Brescia

c/o AQM
Via Lithos, 53 - 25086 Rezzato (BS) - Tel. 0302590656 - Fax 0302590659

Cagliari

c/o Centro Servizi Promozionali per le Imprese


Viale Diaz, 221 - 09126 Cagliari - Tel. 070349961 - Fax 07034996306

Catania

c/o C.F.T. SICILIA


Piazza Buonarroti, 22 - 95126 Catania - Tel. 095445977 - Fax 095446707

Firenze

c/o Associazione Industriali Provincia di Firenze


Via Valfonda, 9 - 50123 Firenze - Tel. 0552707206 - Fax 0552707204

Genova

c/o CLP Centro Ligure per la Produttivit


Via Garibaldi, 6 - 16124 Genova - Tel. 0102704279 - Fax 0102704436

La Spezia

c/o La Spezia Euroinformazione, Promozione e Sviluppo


Piazza Europa, 16 - 19124 La Spezia - Tel. 0187728225 - Fax 0187777961

Napoli

c/o Consorzio Napoli Ricerche


Corso Meridionale, 58 - 80143 Napoli - Tel. 0815537106 - Fax 0815537112

Pescara

c/o Azienda Speciale Innovazione Promozione ASIP


Via Conte di Ruvo, 2 - 65127 Pescara - Tel. 08561207 - Fax 08561487

Reggio Calabria

c/o IN.FORM.A. Azienda Speciale della Camera di Commercio


Via T. Campanella, 12 - 89125 Reggio Calabria - Tel. 096527769 - Fax 0965332373

Torino

c/o Centro Estero Camere Commercio Piemontesi


Via Ventimiglia, 165 - 10127 Torino - Tel. 0116700511 - Fax 0116965456

Treviso

c/o Treviso Tecnologia


Palazzo Cristallo - Via Roma, 4/D - 31020 Lancenigo di Villorba (TV) - Tel. 0422608858 - Fax 0422608866

Udine

c/o CATAS
Via Antica, 14 - 33048 San Giovanni al Natisone (UD) - Tel. 0432747211 - Fax 0432747250

Vicenza

c/o TECNOIMPRESA I.P.I. S.r.l.


Piazza Castello, 2/A - 36100 Vicenza - Tel. 0444232794 - Fax 0444545573

UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unificazione
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia

La pubblicazione della presente norma avviene con la partecipazione volontaria dei Soci,
dellIndustria e dei Ministeri.
Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 N 633 e successivi aggiornamenti.

UNI ENV 1992-2:2000

Pagina 48 di 48

Potrebbero piacerti anche