Sei sulla pagina 1di 4

N.

132 LUGLIO-AGOSTO 2015


RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET
REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03
SEDE VIA E.FRANCALANCI 418 55054 BOZZANO (LU)
TEL. 0584 976585 - FAX 0584 977273
DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO
COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

ESERCITAZIONI

articolo

Precampionato: gli esercizi per la fase


offensiva.
A cura della Redazione

Idee per programmare gli allenamenti in vista della prossima stagione.

Attraverso

questo contributo andiamo


ad evidenziare una serie di esercitazioni
tecnico-tattiche per mettere a punto la
fase offensiva.
In realt prenderemo in considerazione
anche alcune proposte per allenare le
risposte da fornire negli istanti,
immediatamente, successivi all'intercettamento (transizione positiva).

Trasformare
infatti
una
azione
potenziale in uno sviluppo d'attacco
un aspetto di cui l'allenatore deve
tenere
in
grande
considerazione
nell'ottica
di
ottimizzare
qualsiasi
opportunit si presenti sul campo per
creare
difficolt
all'avversario
e
soprattutto segnare un goal.

Obiettivo: Intercetto e consolidamento.


Classico gioco di possesso nel quale i giocatori sono schierati in posizione ed hanno l'obiettivo
di collaborare con i jolly per il mantenimento del possesso palla.
Nel momento in cui i difendenti riescono ad intercettare la sfera dovranno a loro volta
consolidare il possesso e trasformare la loro azione da difensiva in offensiva.
Sul campo infatti i giocatori invertiranno dinamicamente posizioni e ruoli e l'esercizio prosegue
senza interruzioni.
Per guadagnare un punto, la squadra in possesso palla, dopo aver effettuato 10 passaggi
consecutivi ha l'obiettivo di calciare il pallone (dall'interno dello spazio di gioco) in una delle
porticine poste come in figura.

Obiettivo: Intercetto e verticalizzazione.


I giocatori in possesso palla sono schierati in posizione ed hanno l'obiettivo di completare,
all'interno della proprio spazio, 10 passaggi consecutivi per guadagnare un punto.
I difendenti hanno invece il compito di recuperare il pallone e verticalizzare per i compagni in
attesa al di fuori dello spazio avversario che, una volta pervenuti in possesso palla,
traslocheranno rapidamente nello spazio opposto (il proprio), dove le squadre invertiranno i
compiti.

Obiettivo: La costruzione della manovra nel terzo


arretrato.
L'esercitazione ha il compito di allenare i flussi di gioco della squadra per lo sviluppo della
manovra dal basso.
La proposta ha inizio con la rimessa in gioco del portiere in direzione di uno dei compagni posti
nei tre settori orizzontali nei quali divisa la met campo difensiva.
L'esercitazione, come mostra la figura, vede la presenza della squadra al completo con 6
elementi che fungono da avversari attivi nel momento in cui il portiere effettua la rimessa e
successivamente rimangono inermi ed in attesa all'interno del campo di gioco (creando
comunque di fatto ostacolo alla manovra).
Il portiere, in relazione al posizionamento avversario, indirizza la palla nel settore pi
opportuno ed a seguire i compagni sono chiamati a sviluppare i flussi di gioco secondo le
indicazioni conferite loro dall'allenatore.

Obiettivo: La
intermedio.

circolazione

del

pallone

nel

terzo

L'esercitazione viene svolta all'interno di uno spazio suddiviso in tre settori (due periferici ed
uno centrale) e vede i giocatori schierati come mostrato dal grafico.
All'interno del settore periferico ogni squadra dispone dei propri difensori centrali che giocano a
sostegno dei propri compagni quando si trovano in possesso palla.
Nel settore centrale si fronteggiano invece 5 elementi cos schierati: i difensori laterali di destra
e sinistra, i due centrocampisti centrali ed il trequartista.
La squadra in possesso palla, potendo contare sulla collaborazione dei difensori centrali pu
manovrare in superiorit numerica allo scopo di sganciare un giocatore nel settore periferico
che a sua volta guadagna un punto se evita l'opposizione degli avversari e riesce a condurre il
pallone oltre la linea di met tratteggiata.

Obiettivo:
avanzato.

Rifinitura

finalizzazione

nel

terzo

La proposta ha l'obiettivo di allenare le combinazioni di catena ed sviluppata


alternativamente all'interno dei due versanti (destro e sinistro) del campo.
Nella met di destra la manovra viene articolata con lo scopo di guadagnare l'ampiezza e
rifinire l'azione con un cross mentre nella met di sinistra l'azione si conclude con una
conclusione da fuori area a seguito della sponda del riferimento avanzato.
Nella grafica sono evidenziati due possibili sviluppi adottabili con il modulo 4-3-3.

Obiettivo: Aggressione e ripartenza.


L'esercitazione viene effettuata nella met campo offensiva e vede i giocatori del reparto di
attacco e centrocampo aggredire in forma passiva i possessori che si trasmettono il pallone
secondo i comandi dell'allenatore.
Al segnale la pressione diventa attiva ed i giocatori del reparto di centrocampo ed attacco sono
chiamati a recuperare il pallone ed a sviluppare una rapida ripartenza.
Per allenare l'ampio ventaglio di situazioni importante consentire il recupero del pallone e la
successiva ripartenza a partire dalle diverse zone del campo.