Sei sulla pagina 1di 2

Verbale gruppo GLH operativo

In data 16 Giugno 2016 alle ore 08:30 si riunito nella sala dell'auditorium il gruppo GLH.
Presiede il D.S. Sergio Colella
verbalizza la prof.ssa Carmela Romano
Sono assenti i coordinatori: Artesani, Bordini, Buzzi, Caputo, Catalano, Daino, Faruffini, Jotti,
Malberti, Malvicini, Mascotti, Milanesi, Ossena, Rivetta, Rusconi, Soleri, Tussi. Parisi, Sperti.
Sono presenti la referente GLH prof.ssa Monica Fuccio, la proff.ssa Giuliana Di Biase funzione
strumentale Bes, gli insegnati di sostegno: Pergola, Ardit, Cavallaro.
I cordinatori di classe: Acchiappati, Morelli, Magistretti, Rozzo, Bulletta, Parrini, Campaner,
Trabella, Massa, Mastrorosa, Andreini, Galli, Graziano, Carminati, Licciardi, Romano A.
Arrivano alle ore 08:45 i proff. Spallina, Poma, Zuffellato, D'alessandro, Mascherpa. Cogliandolo
L'ordine del giorno prevedeva:
consuntivo lavoro svolto
integrazione e modifica PAI
Prende la parola la Prof.ssa M. Fuccio che presenta una sintesi per quanto riguarda i casi degli
studenti DVA, mettendo in evidenza alcune problematiche quali le difficolt per alcuni studenti di
seguire una programmazione lunga, inoltre nelle valutazioni spesso non si tiene conto dei PEI. La
prof.ssa Fuccio ha ribadito la necessit di una maggiore collaborazione.
La prof.ssa Graziano mette in evidenza le difficolt riscontrate da alcuni studenti DSA/DVA in
materie quali il diritto, la storia, l'anatomia.
Prende la parola la prof.ssa G. Di Biase la quale chiarisce in che cosa consiste il PAI e spiega le
proposte fatte dal gruppo di sostegno per il documento del prossimo anno scolastico.
La prima proposta riguarda l'intervento sulle prime classi; attraverso film, documentari, lavori di
gruppo si presenta agli studenti cosa siano le difficolt di apprendimento e quindi i bisogni
educativi speciali.
La prof.ssa Magistretti chiede spiegazioni sull'intervento proposto sottolineando che il lavoro non
deve essere solo a carico di pochi docenti ma dell'intero consiglio di classe.
La prof.ssa C. Romano spiega nello specifico in cosa consiste l'intervento sulle classi prime facendo
presente che il gruppo di sostegno ad organizzare l'intervento e che nelle classi il lavoro deve
essere svolto da tutto il consiglio.
Il signor Spadaro interviene chiedendo spiegazioni su come sia possibile preservare la privacy degli
studenti dva/dsa.
Il preside ribadisce l'importanza di coinvolgere gli studenti in difficolt e risponde al sig. Spadaro
che la privacy degli studenti DVA/DSA viene comunque mantenuta.
La prof.ssa Graziano sottolinea come sia importante spiegare ai ragazzi in cosa consistano i disturbi
specifici dell'apprendimento e mettere in campo strategie per l'inclusione degli studenti. La prof.ssa
Morelli chiede che si presti attenzione nella formazione delle classi per distribuire equamente i
ragazzi difficolt, inoltre fa presente che in una delle sue classe erano presenti 3 studenti con DSA e
che pertanto era molto difficile prestare loro le attenzioni necessarie. La prof.ssa Andreini evidenzia

le difficolt a cui andranno incontro questi studenti durante gli esami di maturit. La prof.ssa
Romano precisa che il compito dei docenti quello di individuare le giuste strategie per affrontare
al meglio sia il percorso scolastico che l'esame finale.
Prende la parola la prof.ssa Mastrorosa che mette in evidenza come sia necessario un legame stretto
tra l'equipe che segue il ragazzo fuori dalla scuola e i docenti sottolineando come questo legame
manchi completamente presso l'istituto. Propone quindi di contattare e incontrare gli specialisti,
affinch possano dare indicazioni utili ad aiutare questi studenti. Il dirigente scolastico condivide
questa idea e propone di prendere contatti per creare questi rapporti. La docente Campaner spiega
che, secondo la sua esperienza, l'ASL partecipa solo nei casi di DVA e non in quelli di DSA.
La prof.ssa Di Biase spiega che a settembre prossimo sar necessario creare un gruppo per
l'inclusione che possa lavorare stabilmente su questi temi. La prof.ssa Acchiappati propone che
all'interno del gruppo ci sia una differenziazione tra biennio e triennio che rispecchi la diversa
natura delle difficolt incontrate dagli studenti.
La prof.ssa Di Biase riprende a leggere le proposte di modifica del PAI: corso di potenziamento di
Italiano, sistema di tutoraggio per gli studenti stranieri, sportello di studio per gli studenti DSA e
DVA, un'attenzione maggiore per l'orientamento in uscita degli studenti DVA. A questi punti
vengono aggiunti l'organizzazione di un incontro formativo con un logopedista, che possa fornire
strumenti di lavoro agli insegnanti. La prof.ssa Graziano chiede inoltre se sia possibile fornire ai
docenti delle tipologie di verifica adatte ai vari casi problematici.
La seduta si chiude alle h. 9:30.