Sei sulla pagina 1di 34

Global Logistics

12 novembre 2014

LOGISTICA
al servizio
della Produzione:

CRESCE
LEFFICIENZA,
SI RIDUCE
IL LEAD TIME.
Relatore: Paolo Farinella

Perch serve un produzione Quick & Lean?


Il mercato ridefinisce le caratteristiche della Produzione:


Quantit prodotta su base consumo reale e non su scorta

Alta velocit di risposta

Ampia gamma offerta

Forte attenzione ai costi

Cambiamenti repentini di mix

Quota di servizio dominante rispetto al prodotto

(produzione + distribuzione)

Il paradigma della produzione Quick & Lean

Ingegnerizzazione di prodotto per diversificare le referenze il


pi a valle possibile nella catena produttiva

Capacit produttiva adeguata per gestire cambi veloci

Flessibilit per produrre in piccole quantit con altissima


velocit di attraversamento

Capacit di personalizzazione spinta

Produzione/distribuzione integrate a livello funzionale

Analisi del modello produttivo


PD = Punto di Disaccoppiamento
E il punto che divide le attivit guidate dallordine da quelle guidate dalla
previsione; varia in base al modello produttivo (MTS, MTO, ETO).

Produzione Q&L: il punto virtuoso


In una produzione Quick & Lean il PD virtuoso lAssemblaggio su
Ordine:


Garantisce velocit di consegna al cliente ottimizzando gli stock

Permette di impostare una Lean Supply Chain tirata dai consumi

La Produzione Quick & Lean richiede:


Informatizzazione per lAssemblaggio
Automazione per il Rifornimento

Strumenti per una


Lean Suppy Chain
production oriented

ENKA SCHEDULER : Schedulazione Lean


ENKA SCHEDULER uno strumento lean per la schedulazione degli OdL,
intesa come sequenza di lavorazione degli stessi per ogni macchina/linea.
Gantt Interattivo: sono visibili e impostabili gli OdL, indicati con colori differenti
in funzione delle condizioni e dello stato di avanzamento.

WMS EASYSTOR : i flussi dalla MP al PF


Basilare lutilizzo del WMS EASYSTOR
per la gestione operativa dei magazzini.
 Uso ottimale delle risorse
Automazione procedure ripetitive (MP ai reparti)
Razionalizzazione movimenti (raccolta KanBan)
Riduzione errori / supporti cartacei (p.e. Voice)
Disponibilit KPI e statistiche di controllo

 Controllo puntuale magazzini


Codifica manuale/automatica prodotti in/out
Gestione dinamica ubicazioni e percorsi
Controllo inventariale rotativo e costante
Integrazione diretta dispositivi di campo

Gestione KanBan con soglie dinamiche


Dynamic Kanban: adeguamento automatico delle soglie (q.t min/max)
di rifornimento, in base ai tempi medi (a storico) di consumo, confrontati
con i tempi reali di approvvigionamento.

Asservimento linee: Quick Pick

Prelievo guidato via


luci per asservimento
tavoli o linee di
produzione.

Asservimento linee: Roll Pick


Nellasservimento di linee e/o tavoli di
lavoro essenziale ridurre i movimenti.


ROLL PICK: la soluzione


Carrello dotato di luci put-to-light pilotabili
(anche) vocalmente
Campo di applicazione: asservimenti multipli,
prelievo di componenti sfusi con sovrapposizione
di referenze

Scopo
Ottimizzare i percorsi di prelievo senza perdere i
vantaggi del picking a ordine singolo

Performance
Efficientamento dal 15 al 30 %

Monitoraggio avanzamento produzione


ENKA consente di monitorare lavanzamento della produzione, attraverso semplici
terminali RF portatili o fissi (rilevamento segnali da macchine / PLC).
Il WMS, grazie allavanzamento, tira il magazzino (logica PULL) per
alimentare le aree di lavoro, generando missioni di ritiro per SL e PF.

AUTOMAZIONE nellevasione ordini


Magazzini automatici per gestire le
minuterie e la componentistica.
 Vantaggi nellutilizzo dellautomatico:
Recupero spazi occupati fino all80%
Riduzione tempi inefficienze del 70%
Riduzione delle risorse impiegate
Azzeramento rischi per infortuni
Azzeramento costi per proteggere il
materiale

 Obiettivi:
Aumento dellefficienza
Riduzione degli errori

PUT-TO-LIGHT & Automazione

PUT-TO-LIGHT & Automazione


Abbinare agli automatici i sistemi di sventagliamento guidato a
luci, permette di efficentarne ulteriormente limpiego.
 Vantaggi nellabbinamento automatico con luci di sortering:
Riduzione dei tempi di prelievo dal 20% al 50% (in base a
sovrapposizione items)
Drastica riduzione degli errori nello sventagliamento dei
prodotti nei contenitori
Riduzione movimentazione interna dellautomatico
 Obiettivo:
Abbattimento dei costi

Realizzazioni
di successo

IL CASO ROJ
ROJ ELECTROTEX produce e distribuisce apparecchiature di controllo e
automazione per industria tessile e applicazioni elettroniche /
elettromeccaniche.
Progetto: Sistema di Logistic-Manufacturing Execution a copertura di tutti
i flussi di materiali connessi con le aree di allestimento.

IL CASO ROJ
Elemento centrale e basilare della
soluzione Roj il MINILOAD:
 Flussi di materiali gestiti:
Ingressi di MP da fornitori / SL da reparti
Uscite di MP per CQ / reparti Produzione
Uscite di SL per assemblaggi
Uscite di PF per stock / spedizione

 Armonizzazione di flussi diversi:


Asservimento IN/OUT aree di assemblaggio
Asservimento IN/OUT area di CQ
Asservimento OUT ordini di spedizione

IL CASO ROJ
TAVOLI DI
ASSEMBLAGGIO

MINILOAD

BAIE IN / OUT
PER OGNI TAVOLO

IL CASO ROJ
Il Miniload serve tutti i tavoli di assemblaggio.
In base agli Ordini di Lavoro ricevuti da ERP e schedulati attraverso SCHEDULER,
il miniload:
Trasferisce automaticamente colli / cassette di SL dal magazzino ai tavoli
Recupera colli / cassette da un tavolo e le trasferisce ad altri tavoli
(lavorazioni multi-fase sequenzializzate)
Riporta cassette / colli a magazzino (doppia / tripla profondita)

IL CASO ROJ

IL CASO BRUGOLA
OFFICINE EGIDIO BRUGOLA (OEB) una realt storica di Lissone (MB), con
sedi in tutta Europa e USA: sul mercato dal 1926 e produce le famose viti a
testa cava (brevetto Brugola), largamente impiegate soprattutto nel comparto
automotive.
Progetto: gestione automatizzata di tutti i magazzini interoperazionali
connessi con il processo di lavorazione delle viti (dai trattamenti termici alla
rullatura, fino al confezionamento).

IL CASO BRUGOLA
TRASLO
ELEVATORI

ISOLE DI LAVORAZIONE
rullatura, trattam. termico
accoppiamento con rondella
selezione - controllo qualit

IL CASO BRUGOLA

Trasferimento
a trattam. termico
Trasferimento
a rullatura
Identificazione
cassone
Controllo
Qualit

Spedizione

IL CASO BRUGOLA
I trasloelevatori automatizzati servono tutte le isole di lavorazione
In base agli Ordini di Lavoro ricevuti da ERP il sistema WMS comanda le missioni
ai traslatori che:
Trasferiscono automaticamente i cassoni alle macchine (con sversamento
automatico delle viti da trattare nelle rispettive tramogge)
Recuperano i cassoni con le viti trattate per lo stock a magazzino e/o il
trasferimento ad altra isola di lavorazione / controllo
Prelevano i cassoni contenenti le viti confezionate per destinarle allarea di
spedizione

IL CASO BRUGOLA
Moduli Software implementati:
EASYSTOR

EASYLOGIC

PLC

WMS EASYSTOR: Business Layer


Gestisce la mappatura logica dei magazzini; le
missioni di movimento vengono generate e inviate al
modulo EasyLogic per essere eseguite.

MODULO EASYLOGIC: Automation Layer


Gestisce tutti i movimenti;
riceve
dal WMS
EasyStor le missioni, che esplode in comandi di
movimento cassoni da inviare ai PLC di competenza.

PLC: Automation Control


Gestisce il campo (motori e sensori, stati e allarmi);
esegue i comandi ricevuti da EasyLogic con un
minimo grado di autonomia.

IL CASO CALEFFI
CALEFFI una realt globalizzata con sede a Fontaneto dAgogna (NO), sul
mercato da pi di 50 anni: leader nella produzione di componentistica per
impianti di riscaldamento, condizionamento e idrico-sanitari, per utenze civili e
industriali.
Progetto: impianto per il lavaggio di minuteria metallica inquinata da olio
intero e alla sua successiva pallettizzazione, in modo completamente
automatizzato.

IL CASO CALEFFI
Stock nel
miniload
Versamento
in cassetta
verde
Macchine di
lavaggio

Palletizzazione

Scivoli di ingresso
cassette metalliche

IL CASO CALEFFI
Schema
applicativo:

IL CASO CALEFFI
Complessit risolte:


Interfacciamento funzionale con SAP R/3 per regole di gestione

Logiche di accorpamento casse verso macchine di lavaggio

Strategie di bufferizzazione e convogliamento ai palletizzatori

Verifiche di peso e eventuale sostituzione cassetta di supporto

Gestione regole multiple di palletizzazione

IL CASO NTK
NTK EUROPE, con sede a Brandico (BS), leader nella realizzazione di
componenti meccanici di alta precisione realizzati esclusivamente su commessa.
La produzione rivolta principalmente al settore oleodinamico.
Progetto: magazzino automatico di asservimento alla produzione, con
funzioni di buffer di raccordo per tutti i reparti.

IL CASO NTK
La Soluzione NTK per punti:


Magazzino automatico per bancali 80x120 di cassette di plastica

42 colonne x 7 livelli, doppia profondit (1.136 bancali)

N. 4 ingressi / uscite per bancali interi

N. 1 linea di prelievo picking di singole cassette dal bancale

Prestazioni orarie: 80 cicli semplici oppure 40 combinati

IL CASO NTK

LINEE DI
INGRESSO / USCITA
DA / VERSO
LESTERNO

USCITA DI
PICKING CASSETTE
VERSO REPARTO

TRASLATORE
BANCALI DI
CASSETTE
USCITA
BANCALI INTERI
VERSO REPARTO

ISOLE DI LAVORAZIONE
tornitura
rettifica componenti
selezione - controllo qualit

Grazie per lattenzione


www.incasgroup.com