Sei sulla pagina 1di 3

Guardia reale albanese

La Guardia reale albanese (GRA) era un reparto del Il 1 aprile 1940[2] il reparto venne ricongurato in BatRegio Esercito, istituito dopo l'annessione del Regno taglione Guardia Reale Albanese del 1 Reggimend'Albania.
to Granatieri di Sardegna[3] , ma conservava la proAveva compiti cerimoniali e di protezione del re e del- pria bandiera. Il reggimento si sciolse in seguito allo
sbandamento che segu l'armistizio di Cassibile.
le alte cariche dello stato, prestando servizio di guardia
d'onore e di vigilanza al palazzo del Quirinale, all'Altare
della Patria e nei palazzi del potere della capitale.

2 Uniformi ed equipaggiamento
1
1.1

Storia

La GRA adottava la normale uniforme grigioverde


dell'esercito nelle versioni grande uniforme, ordinaria e
di marcia ed i relativi distintivi di grado. Il fregio per
il berretto e la bustina era la granata a amma diritta,
mentre sull'elmetto Mod. 33[4] era verniciato a mascherina il monogramma V.E. di Vittorio Emanuele, sormontato dall'elmo di Skanderbeg, simbolo nazionale albanese. Sul bavero della giubba sono applicati gli alamari,
simili a quelli dei granatieri di Sardegna ma violacei
su sfondo nero, e le stellette sovrastate da un elmo di
Skanderbeg, comuni ai cacciatori d'Albania; le controspalline per la grande uniforme invece sono caricate con
l'aquila bicipite in canutiglia dorata. La grande uniforme degli uciali, contraddistinta dalla sciarpa azzurra
d'ordinanza, si distingueva da quella italiana per le cordelline, portate da spalla a spalla invece che pendenti da
una sola controspallina, e per il cinturino tradizionale.

L'occupazione dell'Albania

In seguito all'attribuzione della corona del Regno


d'Albania a Vittorio Emanuele III il 16 aprile 1939, le forze armate albanesi conuirono in quelle italiane con legge
del 13 luglio 1939 n. 1115. Esercito, Aeronautica, Marina, Gendarmeria e Guardia di conne conuirono nelle
corrispondenti tre forze armate italiane, nei carabinieri
reali e nella Regia guardia di nanza. Il 14 agosto successivo venne istituita la Milizia fascista albanese, posta alle
dipendenze della Milizia volontaria per la sicurezza nazionale, seguita poi dalla costituzione delle sue specialit
Milizia fascista forestale e Milizia albanese della strada.

1.2

Assolutamente inconfondibile era invece l'uniforme di


gala, impiegata nei servizi di guardia d'onore. Esistevano due versioni dierenti, ispirate rispettivamente agli
abiti tradizionali del nord (gheghi) e del sud (toschi) del
paese, adattati con le tenute d'ordinanza dell'esercito italiano (gradi, sciarpa, armi). L'uniforme della Compagnia
del Nord si distingueva per i cedike, pantaloni stretti di fustagno bianco, con pistagne ed alamari dorati; il
fondo terminava con false ghette di colore rosso, lettate con ricami oreali d'oro. L'uniforme della Compagnia
del Sud si rifaceva all'abito tradizionale tosco, fortemente
inuenzato dal vicino greco; infatti essa si compone della
fustanella, il classico gonnellino bianco, indossato sopra i
pantaloni, anch'essi bianchi, ed i gambali di feltro al ginocchio terminanti con le false ghette rosse lettate di
nero. Era invece uguale per le due compagnie la camicia
bianca con sul bavero le stellette e gli elmi di Skanderbeg, i paramani rossi bordati d'oro, i gradi (sui paramani
per gli uciali, sulle maniche per sottuciali e truppa)
e, per gli uciali, la sciarpa azzurra. Sulla camicia veniva indossato il gilet, simile alla farmula dei libici del
Regio corpo truppe coloniali, rosso con arabeschi in lo
dorato o nero. Comune ai due reparti anche la "qeleshe",

L'organizzazione

Il battaglione era strutturato su due compagnie, che riettevano la struttura linguistica del paese in Gheghi a
nord del ume Shkumbini e Toschi a sud. Dal battaglione inoltre dipendeva la Banda militare della Guardia reale
albanese[1] , una delle 20 del RE.

1.3

Le attivit e lo scioglimento

Tra i reparti albanesi inseriti nel Regio Esercito, un


reggimento venne destinato al servizio a Roma come
guardia d'onore al Re d'Italia e d'Albania. Il 1 novembre 1939 venne costituito ucialmente come Reggimento Guardia reale albanese, su un battaglione e banda
reggimentale. Il 28 novembre successivo, anniversario
dell'indipendenza dall'Impero ottomano, il Reggimento
schierato nella caserma Principe di Napoli del 2 Reggimento Granatieri di Sardegna, ricevette la bandiera
di guerra del Regno d'Albania, con l'aquila bicipite tra
due fasci littori.
1

il copricapo bianco tradizionale, privo di fregi. La vita


era cinta da una fascia di lana rossa e nera, fermata dal
tipico cinturino per gli uciali o, per sottuciali e truppa, da una cartucciera a 12 tasche per i caricatori del fucile, in pelle naturale, che reggeva anche il fodero della
baionetta[5] . Completava la tenuta l'ampio mantello nero, simile al burnus degli spahis, con lettature e ricami di rosso. La banda militare indossava l'uniforme della
Compagnia del Nord.
L'armamento era lo stesso dei granatieri ovvero sciabola
d'ordinanza italiana e pistola semiautomatica Beretta
M34 per gli uciali e Fucile Mod. 91 con sciabolabaionetta per la truppa.

Ordine di battaglia
21 Divisione fanteria Granatieri di Sardegna
1 Reggimento Granatieri di Sardegna
Battaglione Guardia reale albanese
Compagnia del Nord
Compagnia del Sud
Banda militare

Note

[1] Ibidem, capo XXI, art. 35.


[2] Legge 9 maggio 1940, n. 368, capo XXIV, art. 52.
[3] ibidem, capo V, art. 9.
[4] Elmetto Mod. 33 della GRA.
[5] Da Alessandro Raspagni, Militaria n. 11, giugno 1994.

Bibliograa
L'Unione fra l'Albania e l'Italia, Silvia Trani, Strumenti CLXXIII, Pubblicazioni degli Archivi di
Stato.
Gazzetta Uciale del Regno d'Italia, n. 113, 15
maggio 1940-XVIII

Voci correlate
Regno albanese
Regio Esercito
Occupazione italiana dell'Albania (1939-1943)
Milizia fascista albanese
Truppe straniere nelle forze armate italiane
Truppe coloniali italiane

COLLEGAMENTI ESTERNI

7 Collegamenti esterni
Filmato dell'Istituto Luce della consegna della
bandiera di guerra.

Fonti per testo e immagini; autori; licenze

8.1

Testo

Guardia reale albanese Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Guardia_reale_albanese?oldid=79708977 Contributori: OrbiliusMagister,


Eumolpo, Discanto, Il Dorico, FrescoBot, AttoBot, Aieieprazu, Isartor, Bologai, EnzoBot e Anonimo: 2

8.2

Immagini

File:Crossed_sabres.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/71/Crossed_sabres.svg Licenza: CC-BY-SA-3.0


Contributori: Own work, based on image Military symbol.svg by Ash Crow (GFDL pic) Artista originale: Ash Crow, F l a n k e r
File:Eagle_with_fasces.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/e/ec/Eagle_with_fasces.svg Licenza: Public domain Contributori: www.axishistory.com Artista originale: F l a n k e r
File:Exquisite-kfind.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f1/Exquisite-kfind.png Licenza: GPL Contributori:
www.kde-look.org Artista originale: Guppetto
File:Flag_of_Albania_(1939).svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/e/e1/Flag_of_Albania_%281939-1943%
29.svg Licenza: Public domain Contributori: Roberto Breschi ags home page Artista originale: F l a n k e r
File:Flag_of_Italy_(1861-1946).svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/a/ad/Flag_of_Italy_%281861-1946%29.
svg Licenza: CC BY-SA 2.5 Contributori: http://www.regiamarina.net/ref/flags/flags_it.htm Artista originale: F l a n k e r
File:Heinkel_He_111_during_the_Battle_of_Britain_2.jpg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/65/Heinkel_
He_111_during_the_Battle_of_Britain_2.jpg Licenza: Public domain Contributori: This is photograph MH 6547 from the collections of
the Imperial War Museums (collection no. 4700-05) Artista originale: Unknown + User:RaminusFalcon
File:Italian_empire_1940.PNG Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/3/39/Italian_empire_1940.PNG Licenza: Public domain Contributori: ? Artista originale: ?
File:Italy_looking_like_the_flag.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/45/Italy_looking_like_the_flag.svg
Licenza: CC-BY-SA-3.0 Contributori: Map shape is from Image:It-map.png, colors and CoA are from Image:Flag of Italy.svg Artista
originale: es:Usuario:Mnemoc
File:Mostrina_guardia_reale_albanese.jpg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/4/45/Mostrina_guardia_reale_albanese.
jpg Licenza: Copyrighted Contributori: Sito Uciale Esercito Italiano - www.esercito.difesa.it Artista originale: Esercito Italiano

8.3

Licenza dell'opera

Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0