Sei sulla pagina 1di 8

11/01/2016

LE FUNZIONI

Definizione
Una funzione una corrispondenza che associa ad ogni elemento di un insieme A
(detto dominio) uno e un solo elemento di un insieme B (detto insieme di arrivo).

A (o D)
1
2
3

Se un elemento x del dominio associato ad un


elemento y del codominio, si dice che y limmagine
di x e si scrive: = ().

1
2

3
4

CoD
1 = 2
2 = 2
1 2 = {1 , 2 }

Gli elementi del dominio associati ad un elemento y


del codominio costituiscono la controimmagine di y.

1 1 =

Linsieme delle immagini di tutti gli elementi del


dominio si dice codominio.

= {2 , 4 }

11/01/2016

Esercizio
E una funzione?
D

1
2

2
3

No: esiste un elemento del dominio (1 )


che associato a pi di un elemento
dellinsieme di arrivo (uno e un solo).
1 =

1 1 =

2 =

1 2 =

3 =

1 3 =

1 (1 ) =

B
3

No: esiste un elemento del dominio (2 )


che non associato a nessun elemento
dellinsieme di arrivo (ad ogni).

Grafico di una funzione


D

1
2

2
3

D=R
7

3
4

B=R

CoD

1,5
2

6,12

B
4
3
2

1
1

11/01/2016

Legge di una funzione numerica


f: R
x

y = 2x-2

= 2

5
4

0 = 2 0 2 = 2

1 =212= 0

2 =222= 2

3 =232= 4
1

4 =242= 6

= 2

NB - Se non specificato altrimenti, il dominio di una funzione numerica il campo di


esistenza della sua legge (dominio naturale), e linsieme di arrivo linsieme R.

Esercizio
E una funzione? Se s, indicane dominio e codominio.

=+1
=

=
=

a
Co =

a
Co = ]0, +[

= 2 + +
=

= 2 + +

Co = [, +[

= ln()

2 + 2 = 1

= ]0, +[ =

11/01/2016

Esempio
2 + 2 = 1 non una funzione, ma se isoliamo y
2 + 2 = 1

= + 1 2
= [1,1]

= 1 2

2 = 1 2

= 1 2

= [1,1] Co = [1,0]

Co = [0,1]

NB - Le funzioni possono sempre essere scritte nella forma: = ()

Funzioni suriettive, iniettive e biiettive


Una funzione si dice suriettiva se ogni
elemento dellinsieme di arrivo
immagine di almeno un elemento
del dominio.

1
2
4

Una funzione si dice iniettiva se ogni


elemento dellinsieme di arrivo
immagine di al massimo un elemento
del dominio.

2
3

1
3

B
2

(ogni y colpita almeno una volta,


B coincide con il codominio)

(non esistono y colpite due volte)

D
Una funzione si dice biiettiva se
sia suriettiva che iniettiva.

1
2
3

1
3

11/01/2016

Esercizio
Quali di queste funzioni sono suriettive, iniettive o biiettive?

Funzione inversa
Una funzione f si dice invertibile se, cambiando verso alle frecce,
si ottiene ancora una funzione, che si indica con il simbolo f-1.

D(f)=Cod(f-1)

CoD(f)=D(f-1)

2
3

f-1
Una funzione NON iniettiva non invertibile.
(da 1 partirebbero due frecce)

f
1
2
4

Il dominio della funzione inversa coincide


con il codominio (o insieme darrivo, dato
che f biiettiva) della funzione diretta,
e viceversa.
Una funzione NON suriettiva non invertibile.
(da 1 non partirebbe nessuna freccia)

1
2

Una funzione invertibile se e solo se


biiettiva (come mostrato dopo).

1
2
3

1
3

2
4

mo separatamente
e = , si
i corrispondenti ai
nferiore) della para-

11/01/2016

Funzione inversa
La legge della funzione inversa
si ottiene scambiando le variabili x
e y che compaiono nella legge della
funzione diretta.
=

1
+1
2

1 : =

1
+1
2

Il grafico della funzione inversa


il simmetrico del grafico della
funzione diretta rispetto alla bisettrice
del primo e terzo quadrante.

1
=1
2
= 2 2
Dopo lo scambio, la variabile
dipendente (la y) va
nuovamente isolata.

Esempio
Se la funzione non invertibile

cercando la legge della funzione inversa con il


procedimento descritto in precedenza, non si
ottiene lequazione di una funzione.
:

= 2

1 : = 2
=

tracciando il grafico della funzione inversa


con il procedimento descritto prima, non si
ottiene il grafico di una funzione.

NB Nei prossimi esempi vedremo come sia


possibile modificare una funzione in modo
da renderla biiettiva, e quindi invertibile.

11/01/2016

Esempio
Cerchiamo linversa di () = .
La funzione non suriettiva.
Per renderla suriettiva, si pu restringere B:
=]0, +[
La funzione iniettiva.

Ora la funzione biiettiva, e quindi invertibile:


:

1 : =
ln =
= ln

1 = ]0, + [

= ]0, + [

1 =

= ln

Esempio
Cerchiamo linversa di () = tan .
La funzione suriettiva.

Ora la funzione biiettiva, e quindi invertibile.


La funzione inversa prende il nome di arcoseno:
= tan


= ,
2 2
() =

1 :

= arccos

( 1 ) =

1 = ,
2 2

2 2

NB - Il codominio dellarcoseno ,

1 =

La funzione non iniettiva.


Per renderla iniettiva, si pu restringere D:

= ,
2 2

. Allora arctan 0 = 0 e non .

11/01/2016

Esempio
Cerchiamo linversa di () = sin .
La funzione non suriettiva.
Per renderla suriettiva, si pu restringere B:

= [1,1]

La funzione non iniettiva.


Per renderla iniettiva, si pu restringere D:

= ,
2 2

Ora la funzione biiettiva, e quindi invertibile.


La funzione inversa prende il nome di arcoseno:
1 :

= sin


= ,
2 2
() = [1,1]

= arcsin

( 1 ) = [1,1]

1 = ,
2 2

2 2

NB - Il codominio dellarcoseno ,

1
1

1 =

1
2

. Allora arcsin =

e non

5
.
6

Esempio
Cerchiamo linversa di () = cos .
La funzione non suriettiva.
Per renderla suriettiva, si pu restringere B:

= [1,1]

La funzione non iniettiva.


Per renderla iniettiva, si pu restringere D:

= 0,
Ora la funzione biiettiva, e quindi invertibile.
La funzione inversa prende il nome di arcoseno:
1 =

= cos

= 0,
()

= [1,1]

1 :

= arccos

( 1 ) = [1,1]

= 0,

1
1

NB - Il codominio dellarcocoseno , . Allora arccos 1 = 0 e non 2.