Sei sulla pagina 1di 96

Universit degli Studi della Calabria

Facolt di Ingegneria

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA


DELLE TELECOMUNICAZIONI

TELERILEVAMENTO
Docente
Prof.ssa. Sandra COSTANZO

Studenti
Gaston Chamba
Reda Miliyard

166888
165249

Anno Accademico 2014-2015

Indice
Telerilevamento .................................................................................................................................... 4

1.

1.1.

Interazioni con latmosfera e con la superficie terrestre ............................................................... 5

Spettro di Assorbimento........................................................................................................................ 6

2.

2.1.

Fenomeno di assorbimento. .......................................................................................................... 6

2.2.

Spettro di Assorbimento................................................................................................................ 7

2.2.1.

Modello di Lorenzt................................................................................................................ 8

2.2.1.1.

Prima derivata modello di Lorentz fatte analiticamente ................................................... 9

2.2.1.2.

Seconda derivata Modello di Lorentz fatte analiticamente. ........................................... 11

2.2.2.

Modello di Van Vleck- Weisskopf ..................................................................................... 12

2.2.2.1.

Prima derivata di Modello di Van Vleck fatte analiticamente ........................................ 14

2.2.2.2.

Seconda derivata di Modello di Van Vleck fatte analiticamente .................................... 15

2.2.3.

Modello di Gross................................................................................................................. 17

2.2.3.1.

Prima derivata di questo modello fatte analiticamente ................................................... 18

2.2.3.2.

Seconda derivata di questo modello fatte analiticamente ............................................... 20

2.3.

Coefficienti di Assorbimento di 2 e 2 ................................................................................. 21

2.3.1.

Coefficiente di Assorbimento del Vapore Acqueo .............................................................. 21

2.3.2.

Coefficiente di Assorbimento dellossigeno...................................................................... 23

Antenna ad apertura monodimensionale ............................................................................................. 26

3.

3.1.

Illuminazione Uniforme .............................................................................................................. 26

3.2.

Illuminazione tipo triangolare .................................................................................................... 29

3.3.

Illuminazione tipo cosinusoidale ................................................................................................ 33

3.4.

Radiazione da una apertura rettangulare ..................................................................................... 35

3.5.

Radiazione da una apertura circolare .......................................................................................... 39

RADAR............................................................................................................................................... 42

4.

4.1.

Radar ad apertura Reale .............................................................................................................. 42

4.2.

Radar FMCW .............................................................................................................................. 45

4.3.

Simulazione del radar FMCW .................................................................................................... 48

5.

ARRAY DI ANTENNE...................................................................................................................... 55

5.1.

Array Lineare .................................................................................................................................. 55

5.2.

Phased Array ................................................................................................................................... 57

5.3.

Progettazione del Phased Array ...................................................................................................... 58


2

5.3.1.

Disegno del singolo Patch (Antenne a microstriscia) ............................................................. 58

5.3.1.1.

Caratteristiche ................................................................................................................. 58

5.3.1.2.

Alimentazione ................................................................................................................. 59

5.3.1.3.

Formule approssimate per lanalisi di patch rettangolari ................................................ 60

5.3.1.4.

Progettazione in ansoft designer ..................................................................................... 61

5.3.1.4.1.

Disegno del Patch con insert .......................................................................................... 63

Per progettare il phased array viene utilizzato il Disegno del Patch con insert. ................................ 66
5.3.2.

Disegn del phased array .......................................................................................................... 67

5.3.2.1.

Realizzazione del Phased Array ...................................................................................... 80

Anexos ........................................................................................................................................................ 85
A.

Script per calcolare il modello di Lorentz ....................................................................................... 85

B.

Script per calcolare il modello di Van Vleck- Weisskopf ............................................................... 86

C.

Script per calcolare il modello di Gross .......................................................................................... 87

D.

Script per calcolare coefficienti di Assorbbimento del Vapore Acqueo ......................................... 89

E.

Script per calcolare coefficienti di Assorbbimento del Ossigeno ................................................... 89

F.

Script per calcolare il campo con illuminazione tipo uniforme ...................................................... 90

G.

Script per calcolare il campo con illuminazione tipo triangular .................................................... 91

H.

Script per calcolare il campo con illuminazione tipo circolare ....................................................... 92

I.

Script per calcolare il campo della antenna con apertura circular................................................... 93

K.

Script per la simulazione del radar FMCW..................................................................................... 95

Bibliografia ................................................................................................................................................. 96

1. Telerilevamento
Il telerilevamento, in inglese Remote Sensing, la disciplina tecnico-scientifica o scienza
applicata con finalit diagnostico-investigative che permette di ricavare informazioni, qualitative
e quantitative, sull'ambiente e su oggetti posti a distanza da un sensore mediante misure di
radiazione elettromagnetica (emessa, riflessa o trasmessa) che interagisce con le superfici fisiche
di interesse.
Nel telerilevamento, quattro elementi sono essenziali:
a. Una piattaforma in grado di sostenere lo strumento
b. Un oggetto da osservare
c. Uno strumento o un sensore per osservare loggetto
d. Informazione che si ottengono dai dati dellimmagine e in che modo esse vengono
utilizzate e salvate.
Quando gli scienziati parlano di telerilevamento, loggetto osservato la superficie della Terra.
Per loro, il telerilevamento un mezzo di misura a distanza delle propriet di oggetti presenti
sulla superficie della Terra. Le informazioni utili nel campo del Telerilevamento sono trasportate
sotto forma di energia elettromagnetica.
Un processo di Telerilevamento consiste, infatti, nella registrazione dellenergia riflessa o
emessa spontaneamente dalloggetto sotto osservazione (target). In tale processo possibile
individuare un insieme di elementi fondamentali:
a. Sorgente di energia: illumina, ossia fornisce energia elettromagnetica al target.
b. Interazione

dellenergia

con

latmosfera:

latmosfera

induce

delle

variazioni

sullintensita della radiazione emessa dal target o dalla sorgente esterna.


c. Interazione dellenergia con il target: questa forma di interazione si ha in presenza di una
sorgente di illuminazione esterna al target.
d. Registrazione dellenergia: lenergia riflessa o emessa dal target viene raccolta da
specifici sensori.

1.1. Interazioni con latmosfera e con la superficie terrestre


La radiazione solare, prima di raggiungere la superficie terrestre percorre latmosfera: in questo
passaggio una parte dellenergia riflessa verso lalto; unaltra parte viene invece assorbita e poi
riemessa in tutte le direzioni come radiazione termica; una parte viene diffusa. Lenergia
elettromagnetica riflessa e parte di quella diffusa trasporta le informazioni registrate dai
radiometri e dai sensori utilizzati nel telerilevamento.
Latmosfera modifica la radiazione utile in tre modi differenti:

Diffusione (scattering);

Assorbimento atmosferico

Rifrazione

La radiazione elettromagnetica che raggiunge la superficie terrestre interagisce con essa


attraverso processi di:

Riflessione;

Trasmissione

Assorbimento terrestre

Figura 1.6.- Interazioni raggio elettromagnetico-atmosfera; raggio elettromagnetico-superficie terrestre

2. Spettro di Assorbimento
2.1. Fenomeno di assorbimento.
Consiste in una riduzione dellenergia incidente legata alla lunghenzza d onda e alla
caratteristiche del mezzo in cui avviene la propagazione. Tale fenomeno subisce una transizione
da un livello energetico pi basso ad uno pi alto che idealmente avviene in corrispondenza di
quei valori di lunghezza donda che sono multipli interi di che la frequenza caratteristica di
oscillazione della molecola (quantit ).
=

(2.1)

- =frequenza di risonanza associata alla transizione.


- =livello energetico superiore.
- =livello energetico inferiore.
Lenergia intera totale della molecola isolata caratterizzata da tre stati enegetici: elettronico,
vibrazionale e rotazionale
= + +

(2.2)

Le transizioni energetiche tra stati elettronici hanno valori compresi tra 2 e 10 ; seguono le
transizioni tra stati vibrazionali, comprese tra 0.1 e 2, ed infine quelle tra stati rotazionali, con
valori appartenenti al range 104 e 102 .
Le transizioni tra stati puramente rotazionali danno luogo alle linee di assorbimento presenti
nella regione delle microonde e dellinfrarosso lontano.
Ma la nostra analisi viene effettuata con un approccio ingegneristico, che analizza aspetti reali
del fenomeno, quindi ci concentriamo principalmente sulle collisioni delle particelle con le
molecole ed altri disturbi, che producono allargamenti di banda, ovvero le molecole assorbono
intorno alla propria frequenza caratteristica di oscillazione.
Questo fenomeno di allargamento non uno spettro discreto, perch non c assorbimento nei
multipli interi della frequenza caratteristica di oscillazione delle molecole, invece uno spettro

continuo in quanto le molecole assorbono nell intorno dei multipli interi, a causa di diversi
fenomeni, come la collisione tra molecole e particelle, differenza di velocit o lo smorzamento
delle vibrazioni; abbiamo tre tipi di allargamento:

Allargamento Naturale: E legato allo smorzamento naturale delle oscillazioni delle


molecole.

Allargamento Doopler: Dovuto alla differenza di velocit termica tra le atomi e le


molecole.

Allargamento Lorentz: Causato dalle collisioni tra le molecole e particelle, per questo
determinante lassorbimento atmosferico nella banda delle microonde

2.2. Spettro di Assorbimento


Quando una particella assorbe energia, consegue una transizione di livello energetico, quindi lo
spettro di assorbimento relativo a questa transizione energetica tra gli stati energetici (stato
inferiore) e (stato superiore) la seguente funzione che dipende dalla frequenza:
(, ) =

4
(, )

(2.3)

(, ) = 2 (, )

(2.4)

Dove:

la frequenza di risonanza associata alla transizione energetica:


=

(2.5)

la costante di propagazione;

[] rappresenta la larghezza di linea che dipende dalla temperatura del sistema


molecolare e dalla densit delle molecole (numero di molecole assorbenti per unit di
volume).

(, ) la funzione di forma dello spettro.

Figura 2.1.- Spettro di Assorvimento

Per rappresentare la funzione di forma dello spettro (, ) ci sono dei modelli diversi come il
modello di Lorenzt, Van Vleck- Weisskopf e Gross che variano secondo lintervallo di frequenza
a cui siamo interessati.
2.2.1. Modello di Lorenzt
Ci da una funzione che fornita da questa espressione:
(, ) =

( )2 + 2

(2.6)

Dove la semilarghezza corrispondente al picco


E facile verificare che:
(, ) = ( = ) =

(2.7)

Dove il valore del picco massimo, il picco inversamente proporzionale a , al crescere il


picco disminuisce, vuol dire mentre cresce.
La funzione di lorentz e valida, generalmente, per linee spettrali i cui valori di risultano
molto piu piccoli della frequenza di transizione .
Per la simulazione abbiamo considerato:

= 20
abbiamo fatto variare da 0 a 55
abbiamo fatto variare da 0 50
8

Fig 2.2.- Spettro di Assorvimento: Modello di Lorentz (calculo attraverso vettori)

Fig 2.3.- Spettro di Assorvimento: Modello di Lorentz (calculo attraverso variabile simbolica)

2.2.1.1. Prima derivata modello di Lorentz fatte analiticamente


(, ) =

( )2 + 2

(, ) =


1

1
[
]=
[
]
( )2 + 2
( )2 + 2

(, ) =

0(( )2 + 2 ) 2( )(1)(1)

2( )
[
]=
2
2
2
(( ) + )

[( )2 + 2 ]2

Fig 2.4.- Prima derivata Modello di Lorentz (calculo attraverso vettori)

Fig 2.5.- Prima derivata Modello di Lorentz (calculo attraverso variabile simbolica)

10

2.2.1.2. Seconda derivata Modello di Lorentz fatte analiticamente.


(, ) =

2
2( )
[( )2 + 2 ]2

(, ) =

2 1 (( )2 2 )2 ( ) 2(( )2 2 )(2( ))(1)


[( )2 + 2 ]4

(, ) =

2 1 (( )2 2 ) ( ) 2(2( ))(1)
[( )2 + 2 ]3

(, ) =

2 (( )2 2 ) + 4( ) 2
[( )2 + 2 ]3

(, ) =

2 2 + 2 2 + 2 + 4 2 8 + 4 2
[( )2 + 2 ]3

(,

2 3( )2 2
=
[( )2 + 2 ]3

Fig 2.6.- Seconda derivata Modello di Lorentz (calculo attraverso vettori)

11

Fig 2.7.- Seconda derivata Modello di Lorentz (calculo attraverso variabile simbolico)

2.2.2. Modello di Van Vleck- Weisskopf


Quando il valore di e comparabile con ( ), questa funzione di forma dello spettro,
partendo dal modello di Lorentz, quando la minore rispetto a , si definisce come:
(, ) =

( )[
+
]
( )2 + 2 ( + )2 + 2

(2.8)

I parametri che abbiamo usato sono identici a quelli di prima, ma questa espressione

( +)2 +2

un contributo di migliore approsimazione.


Questo modello funziona bene a destra della .
Per la simulazione abbiamo considerato:

= 20
abbiamo fatto variare da 0 a 55
abbiamo fatto variare da 0 50

12

Figura 2.8.- Spettro di Assorvimento: Modello di Van Vleck- Weisskopf (calculo attraverso vettori)

Figura 2.9.- Spettro di Assorvimento: Modello di Van Vleck- Weisskopf (calculo attraverso variabile
simbolico)

13

2.2.2.1. Prima derivata di Modello di Van Vleck fatte analiticamente


(, ) =

( )[
+
]
2
2
( + )2 + 2
( ) +

(, ) =

( )[
+
]
( )2 + 2 ( + )2 + 2

(, ) =

( )
[
+
]
( )2 + 2 ( + )2 + 2

(, ) =

1(( )2 + 2 ) 2( )(1)() 1(( + )2 + 2 ) 2( + )(1)()


( )[
+
]
(( )2 + 2 )2
(( + )2 + 2 )2

(, ) =

2 2 + 2 + 2 + 2 2 2 2 + 2 + 2 + 2 2 2 2
( )[
+
]
(( )2 + 2 )2
(( + )2 + 2 )2

(, ) =

1
2 2 + 2
2 2 + 2
[
+
]
(( )2 + 2 )2 (( + )2 + 2 )2

Figura 2.10.- Prima derivata Modello di Van Vleck- Weisskopf (calculo attraverso vettori)

14

Figura 2.11.- Prima derivata Modello di Van Vleck- Weisskopf (calculo attraverso variabile simbolico)

2.2.2.2. Seconda derivata di Modello di Van Vleck fatte analiticamente


(,

1 2f[(flm f)2 + 2 ]2 + 4(flm 2 f 2 + 2 )[(flm f)2 + 2 ]


=
[
((flm f)2 + 2 )4
flm
2f[(flm f)2 + 2 ]2 4(flm 2 f 2 + 2 )[(flm f)2 + 2 ]
+
]
((flm + f)2 + 2 )4

F(f, flm ) =

1 2f(flm f)2 2f2 + 4(flm 2 f 2 + 2 ) 2f(flm f)2 + 2f2 4(flm 2 f 2 + 2 )


[
+
]
((flm f)2 + 2 )3
((flm + f)2 + 2 )3
flm

15

Figura 2.12.- Seconda derivata Modello di Van Vleck- Weisskopf (calculo attraverso vettori)

Figura 2.13.- Seconda derivata Modello di Van Vleck- Weisskopf (calculo attraverso variabile simbolico)

16

2.2.3. Modello di Gross


Anche in questo modello , per pi adatta per rappresentare le frequenze superiore a

(, ) =

1
4
( 2 2 )2 + 4 2 2

(2.9)

Anche qui i parametri che abbiamo usato sono gli stessi.


Questo modello funziona bene a sinistra della .
Per la simulazione abbiamo considerato:

= 20
abbiamo fatto variare da 0 a 55
abbiamo fatto variare da 0 50

Figura 2.14.- Spettro di Assorvimento: Modello di Gross (calculo attraverso vettori)

17

Figura 2.15.- Spettro di Assorvimento: Modello di Gross (calculo attraverso variabile simbolico)

2.2.3.1. Prima derivata di questo modello fatte analiticamente


(, ) =

1
4
4

=
2
( 2 2 ) + 4 2 2
( 2 2 )2 + 4 2 2

2
2
2
2 2
2
2
4 (( ) + 4 ) (() (4( )) + (8 ))
(, ) =
2
2

(( 2 2 ) + 4 2 2 )
2

4 ( 2 2 ) + 4 2 2 ()(4 2 + 4 3 + 8 2 )
(, ) =
2
2

(( 2 2 ) + 4 2 2 )
2

4 ( 2 2 ) + 4 2 2 + 4 2 2 4 4 8 2 2
(, ) =
2
2

(( 2 2 ) + 4 2 2 )
2

(,

4 ( 2 2 ) + 4 2 ( 2 2 ) 4 2 2
=
(
)
2
2

(( 2 2 ) + 4 2 2 )

18

Figura 2.16.- Prima derivata Modello di Gross (calculo attraverso vettori)

Figura 2.17.- Prima derivata Modello di Gross (calculo attraverso variabile simbolico)

19

2.2.3.2. Seconda derivata di questo modello fatte analiticamente


2

(, ) = (

)(

(( 2 2 ) +42 2 ) (4 2 123 82 )
2

(( 2 2 ) +42 2 )

2(( 2 2 ) +42 2 )(2( 2 2 )(2)+82 )( 4 +2 2 2 34 +42 2 )


2

(( 2 2 ) +42 2 )

(, ) = (

(, ) = (

)(

)(

(( 2 2 ) +42 2 )(4 2 12 3 82 )
3

(( 2 2 ) +42 2 )

(( 2 2 ) +42 2 )

2(42 +4 3 +82 )(4 +2 2 2 3 4 +42 2 )

( 4 2 2 3 + 4 +42 2 )(4 2 12 3 82 )
3

(( 2 2 ) +42 2 )

2(4 2 +4 3 +82 )( 4 +22 2 3 4 +42 2 )


2

(( 2 2 ) +42 2 )

16
3 6 3 4 3 6 2 4 3 2 5 + 8 2 2 3 + 3 7 10 2 5 24 4 3
(, ) = (
)(
)
3
2

2
2
2
2
(( ) + 4 )

Figura 2.18.- Seconda derivata Modello di Gross (calculo attraverso vettori)

20

Figura 2.19.- Seconda derivata Modello di Gross (calculo attraverso variabile simbolico)

2.3. Coefficienti di Assorbimento di e


Lassorbimento di energia elettromagnetica da parte di molecole allo stato gassoso coinvolge
linterazione del campo elettrico o magnetico dellonda incidente con un dipolo elettrico o
magnetico delle molecole; il vapore acqueo (2 ) e lossigeno (2) sono le uniche molecole che
mostrano bande di assorbimento nella regione delle microonde.
Per questo ci interessa analizzare lo spettro di assorbimento nelle frequenze che non sono adatte
alla comunicazione su larghe distanze.
2.3.1. Coefficiente di Assorbimento del Vapore Acqueo
In base a questo ragionamento, la seguente formula ci da il coefficiente ad una frequenza di
100GHz:
2 0 () = 2 0 (, 22) + ()

(2.10)

dove:

21

644
300 5/2
1
2 0 (, 22) = 2 [
] [
]
(494.4 2 )2 + 4 2 1

(2.11)

Il valore di 1 :
1 = 2.85 (

300 0.626

)(
)
[1 + 0.018
]
1013

(2.12)

in queste formule, e 1 sono espresse in GHz, T in K, en in 3 , e P la pressione


atmosferica in mbar. Ed il secondo termine
3

300 2
() = 2.4 106 2 (
)

(2.13)

Per frequenze tra 100 e 300GHz, si usa la formula:


10

2 0

300 5/2

= 2 [
] [ 2
]
2
( )2 + 4 2 2

(2.14)

=1

Dove:

300

1 = (
)(
) [1 + 102
]
1013

(2.15)

i valori di , , , , , sono stati tabulati da Waters nel 1976.

Tavola 2.1.- valori di , , , , ,

22

Figura 2.20.- Coefficienti di Assorbbimento del Vapore Acqueo

2.3.2. Coefficiente di Assorbimento dellossigeno


Per una concentrazione di ossigeno pari a 0.21 per volume atmosferico, il coefficiente di
assorbimento uguale a
2

300 2
= 1.61 10 (
)(
) .
1013

2 2

dove espresso in GHz, P in mbar e T in K. La funzione determina, insieme al fattore 2 , la


forma dello spettro di assorbimento, essa data dallespressione:
0.7
= 2
+
+ 2

39

[+ () + + () + () + ()]

dove:

()

( )2 + ( )
=
( )2 + 2

= 4.6 103 (

300
300
3
) (2 + 1) 6.8910 (+1)

23


300 0.85
= 1.118 (
)(
)
1013

[]

300 0.89
)(
)
1013

[]

= 0.49 (
+

1/2
(2 + 3)
=[
]
( + 1)(2 + 1)

( + 1)(2 1)
=[
]
(2 + 1)

1/2

Le quantit +, , + , sono state tabulate da Rosenkranz nel 1975.

Tavola 2.2.- valori di+, , + ,

24

Figura 2.21.- Coefficienti di Assorbbimento dellossigeno

25

3. Antenna ad apertura monodimensionale

Figura 3.1.-Antenna ad apertura: caso monodimensionale

Si consideri uno schermo impenetrabile, disposto nel piano z=0, su cui sia praticato un foro di
larghezza lungo ed lunghezza infinita lungo . Questa struttura, ideale, ci permete di
studiare, in modo semplificato, lilluminazione di unapertura.

3.1. Illuminazione Uniforme


Nel semispazio z < 0 si ipotizzi la propagazione di unonda piana uniforme lungo , il cui campo
elettrico ha espressione:
= 0
(3.1)
In questo caso si scompone lantenna che va da 2 a 2, in una sucezioni di antennine ad
apertura elementari, ne abbiamo preso una che a una distanza dal origine e da una estenzione
. Il Campo irradiato da questo elemento dx :
= 0
= sin
Sostituendo la (3.2) nella (3.3), si ricava:
= 0 sin

(3.2)
(3.3)

(3.4)

Il campo totale irradiato dallantenna ad apertura si ottiene integrando la (4) tra a/2 e a/2:

26

= 2 sin

(3.5)

Manipolando la (3.5), si ha:

sin 2
= [
]
sin
2

sin
=
[ 2
2 sin ]
sin

2 sin 2 sin
= 2
[
]

2
2 2 sin
= [

sin
2

sin( sin )

(3.6)

La forma della equazione (3.6) suggerisce che il modulo del campo Ey irradiato dallantenna ad
apertura si annulla quando soddisfatta la condizione:

sin = , 0
2
In particolare, il primo nullo si ottiene dalla condizione:

2 sin =
Ovvero:

sin =

(3.7)

Al fine di risolvere lequazione (3. 7 ), e opportuno distinguere due casi:


a) Se ( / a ) > 1, non esiste nessun valore reale di , pertanto non si hanno nulli di campo e
lantenna irradia uniformemente in tutte le direzioni (direttivit teoricamente infinita).
b) Se ( / a ) < 1, il primo nullo di campo si ha in corrispondenza di = sin1 ( / a )
Immagini della simulazione in Matlab
Calcolo del campo attraverso Equazione 3.6, implementato in MATLAB.

27

Figura 3.2: Antenna ad apertura: Campo irradiato, illuminazione uniforme

Figura 3.3: Finestra rettangolare per il calcolo attraverso della FFT.

Figura 3.4: Antenna ad apertura: Campo irradiato, attraverso della FFT


28

La larghezza di fascio di unantenna ad apertura inversamente proporzionale alle


dimensioni dellapertura.
= 9 ; 0.33
=

3.2. Illuminazione tipo triangolare


Unilluminazione triangolare avremo unaltezza del lobo secondario che sar il doppio rispetto al
caso delluniforme (che pari a -13 dB) in quanto risulta essere una sinc al quadrato. Ci
facilmente verificabile andando a considerare il valore della funzione quando largomento
(3/2). In questo caso abiammo la seguente integrale:
0

= [ (
2

+ ) sin + 02 (
0

+ ) sin ]

(3.8)

2
+ ) sin

29

2
( + 1) sin

0
2 0
sin + sin ]

=
sin
=
sin

= sin

sin ]

0
0
2 sin
sin
{ [
|
] + sin }
sin

sin

2 sin

1
1
sin
sin
2
2
[
( )
(1

)]
+
(1

)}
( sin )2
sin 2
sin

2 sin
2
1
2 sin
sin
{

(1 2
)+

}
sin
( sin )2
sin
sin

2 2 sin 1

(
)
+
( sin )2

sin

2 sin

2
+ ) sin

1
1
sin
sin
2
2
[
( )
(

1
)]
+
(

1 )}
( sin )2
sin 2
sin

2 2 sin 1

(
)

( sin )2

sin
Le sommatorie dei due integrali sono:

2 2 sin 1

2 2 sin 1

=
(
) +
+
(
)
[
]
2
2
(
(

sin )
sin

sin )
sin

2
2 sin 2 + 2 sin

=
(
)(
)
( sin )2

4
1
2 sin + 2 sin

=
(
) (
+
)
( sin )2

2( sin )2

30

cos( 2 sin )
4
1
(
)(

)
( sin )2
( sin )2

2 sin2 ( sin )
4
4
)
(
)
( sin )2

2 sin2( sin )
4
2
4
)
(
)
(
2 )

16
( sin )

= (

= (

)(
2

= (

sin2( sin )
4
2

( sin )
4

)(
2

= (

)(

sin2 ( sin )

2 ( sin )

sin2( sin )
4
2

2 ( sin )
4

(3.9)

Immagini della simulazione in Matlab

Figura 3.5: Antenna ad apertura: Campo irradiato, illuminazione triangolare

Figura 3.6: Finestra triangolare per il calcolo attraverso della FFT.

31

Figura 3.7: Antenna ad apertura: Campo irradiato, attraverso della FFT

Viene eseguita la simulazione dove si pu vedere il campo irradiato modificando la dimensione


dell'apertura.
= 9 ; 0.33
=

32

3.3. Illuminazione tipo cosinusoidale


Il caso ideale sarebbe avere un lobo principale con una certa larghezza e nientaltro. Una
funzione di compromesso la cosinusoidale che avr un andamento pi dolce rispetto al caso
precendete. Liluminazione data della espressione 3.10:

1 () = cos ( )
=

(3.10)

() ( sin )

cos ( ) sin


cos ( ) =

2

=
( +

) sin

2

[

( + sin )

( + sin ) 2

( + sin ) ]

( + sin ) 2

[
] + [
]

( + sin )
( + sin )

}
{
2



sin ( 2 + 2 sin )
() sin ( 2 + 2 sin )
[
+
]

2
+

sin

sin

2
2

Ottengo ora un exp 2 in coseno


cos[cos( ) + cos( )]
Eguaglio a zero il numeratore, avendo gi calcolato il min com multiplo, ottengo:
3
2

()
2

cos(2 sin )

+ sin
2

cos( 2 sin )

2

+ sin

che il primo nullo

][

cos( 2 sin )( + 2 sin ) cos( 2 sin )(+ 2 sin )



2

( + sin )( + sin )

(3.11)

33

Immagini della simulazione in Matlab

Figura 3.8: Antenna ad apertura: Campo irradiato, illuminazione circolare

Figura 3.9: Illuminazione triangolare per il calcolo attraverso della FFT.

Figura 3.10: Antenna ad apertura: Campo irradiato, attraverso della FFT

34

Viene eseguita la simulazione dove si pu vedere il campo irradiato modificando la dimensione


dell'apertura.
= 9 ; 0.33
=

3.4. Radiazione da una apertura rettangulare


Cominciamo ad esaminare alcuni casi pratici di antenne ad aperture. Un caso particolarmente
semplice quello di una apertura, sempre posizionata nel piano = 0, di forma rettangolare, con
dimensione 2 lungo e dimensione 2 lungo :
Assumimao che il campo elettrico in tale apertura sia costante sul valore 0 e diretto
parallelamente ad (per cui un campo tangenziale): scriviamo perci che:

(, ) = { 0
0

|| , ||

(3.12)

35

Figura 3.11.- Apertura Rettangulare

Sulla base di questa informazione, possiamo immediatamente calcolare la componente


tangenziale della funzione
bidimensionale:

( , ), tramite una semplice trasformata di Fourier

++

( , ) =
(, ) = 0

1
1
( , ) = 0
. = 0
.
[ ]. .
[ ]

( , ) = 0
. 2

( )
( )
. 2

In base a queta espressione, evidente che ( , ), presenta solo la componente lungo


ed un risultato intuitivo in quanto anche il campo in corrispondenza dellapertura ha solo la
componente .
Nota la funzione
( , ), posiamo andare a calcolare il campo lontano, tenendo conto che
( , ), ha lespressione trovata poco fa, mentre

( , ), nulla: abbiamo perci che


() =

0 0
[( + ).
+ ( ).
]
2
() =

( ) =

() =

0 0
[ .
.
]
2

0 0
(0 . . )
(0 . . )
. 0 . 2
. 2
. [.
.
]
2
0 . .
0 . .

20 0 0 (0 . . ) (0 . . )
.
. [.
.
]

0 . .
0 . .

Dove in base alle considerazioni fatte nel paragrafo precedente, abbiamo fatto la sostituzioni:
36

= 0
= 0
Generalmente, si fanno anche le seguenti due posizioni:
= = 0 . ,
= = 0 .
Per cui concludiamo che il campo irradiato dallapertura rettangolare inzona lontana assume
lespressione:
() =

20 0 0 () ()
[.
.
]

(3.13)

Figura 3.12.- Pattern di radiazione di una Apertura Rettangulare

Immagini della simulazione in Matlab

Figura 3.13.- Pattern di radiazione di una Apertura Rettangulare (3D)


37

Figura 3.14.- Pattern di radiazione di una Apertura Rettangulare (2D = 0 )

Figura 3.15.- Pattern di radiazione di una Apertura Rettangulare (2D = 90

38

3.5. Radiazione da una apertura circolare


Consideriamo adesso una apertura circolare, di ragio , posta sempre nel piano = 0:

Figura 3.16.- Apertura Circolare

Supponiamo ancora il campo diretto lungo e uniforme su tutta lapertura, il che significa che:
2 + 2 2

(, ) = { 0
0

(3.18)

Andiamo allora a calcolare la componente tangenziale della funzione ( , ), come abbiamo


fatto nel precedente paragrafo: cominciamo percia scrivere che:
+

( , ) =
(, ) = 0

(3.19)

Essendo una circonferenza, ci conviene introdurre le coordinate cilindriche , al posto di


quelle cartesiane, sappiamo che:
= 2 + 2
= cos
= sin
Per cui
2

( , ) = 0

(3.20)

00

Sappiamo inoltre che:

= 0
= 0
39

Per cui quella funzione assume lespressione:


2

(0 , 0 ) = 0
0 0
00

Per risolvere lintegrale cosi ottenuto, si deve necessariamente ricorrere alle funzioni di Bessel di
primo tipo e di ordine 0 ed 1, che indichiamo rispettivamente con 0 () 1 (): si trova infatti,
sfruttando queste funzioni , che:

(0 , 0 ) = 0
20 (0 ) = 22 0
.
0

1 (0 )
0

Figura 3.17.- Pattern di radiazione di una Apertura Circolare

Immagini della simulazione in Matlab

Figura 3.18.- Pattern di radiazione di una Apertura Circolare (3D)


40

Figura 3.19.- Pattern di radiazione di una Apertura Circolare (2D = 0 )

Figura 3.20.- Pattern di radiazione di una Apertura Circolare (2D = 90 )


41

4. RADAR
4.1. Radar ad apertura Reale
Il Radar (Radio Detection and Ranging) e un sistema di telerilevamento attivo che opera nella
regione dello spettro elettromagnetico denominata delle microonde (0.83cm - 133cm) ed
finalizzato principalmente alla produzione di immagini (imaging sensor ). Il termine attivo si
riferisce alla peculiarita di possedere una sorgente propria di energia, necessaria
allilluminazione della scena.
In fig.4.1 riportato lo schema a blocchi generale di un sistema radar, composto da quattro
sottosistemi fondamentali: il sistema dantenna, i dispositivi di trasmissione, i dispositivi di
ricezione ed il blocco di elaborazione del segnale.

Figura 4.1.- Schema a blocchi di un sistema radar

Come illustrato in fig. 4.2, il radar ha una visione laterale rispetto alla direzione di volo
(SLAR=Side-Looking Airborne Radar), in quanto lantenna (tipicamente ad apertura) non punta
verticalmente al suolo, ma risulta inclinata di un angolo (di off-nadir). Detto P il punto in cui
localizzato il target, si definisce:

Slant range: la distanza misurata direttamente dallantenna al punto P;

Ground range: la distanza dal punto P misurata a terra;

Swath: lampiezza dellarea illuminata durante una scansione;

Angolo di depressione: langolo che lo slant range forma con una linea parallela al
ground range, tracciata in corrispondenza dellantenna.

42

Figura 4.2.- Schema a blocchi di un sistema radar

Il principio di funzionamento di un sistema radar molto semplice: lantenna trasmittente


illumina la scena con unonda elettromagnetica che incide su eventuali oggetti e subisce un
fenomeno di riflessione disordinata. Il campo diffuso viene parzialmente raccolto dalla stessa
antenna, commutata in ricezione. Il ritardo temporale tra listante di trasmissione e quello di
ricezione consente di valutare la distanza (ranging) a cui si trovano i vari bersagli e di localizzare
gli oggetti nella direzione di range. Al fine di rendere riconoscibile il segnale di eco, la
trasmissione non avviene in modo continuo, ma ad impulsi rettangolari di durata .

Figura 4.3.- Segnale ad impulsi

Detta la distanza (slant range) del target dal radar, si puo scrivere:

.
2

(4.1)

dove la velocita della luce e rappresenta lintervallo temporale misurato tra listante di
invio e quello di ricezione del segnale pulsante.

43

Un parametro fondamentale nella valutazione qualitativa di unimmagine radar la sua


risoluzione, ossia la minima distanza tra due oggetti distinguibili seppur caratterizzati da
riflettivit molto simili. Si considerino due bersagli, allocati rispettivamente nei punti 1 e 2 e
posti a distanza 1 ed 2 dal radar (fig.4). Applicando la (1), si ricava:

1 =

. 1
. 2
, 2 =
2
2

(4.2)

Dove 1 e 2 sono gli istanti di ricezione dei rispettivi segnali di eco. Per evitare che tali segnali
si sovrappongano, rendendo indistinguibili i due target, occorre che sia soddisfatta la relazione:

2 1 =

.
2

(4.3)

Figura 4.4.- Risoluzione nella direzione ground-range

Dove il periodo del segnale ad impulsi. Dalla (3) si ricava facilmente la risoluzione nella
direzione ground range (fig.4):
=

.
=
2

(4.4)

Un segnale pulsante di periodo ridotto non contiene energia sufficiente da consentire una misura
del segnale di eco, in quanto lenergia associata al singolo impulso data dalla relazione:
= .

(4.5)

44

dove lampiezza del segnale. Daltra parte, non possibile aumentare eccessivamente il
valore di , in quanto si avrebbero impulsi intensissimi ma di breve durata che potrebbero
danneggiare il radar; stato verificato che non possibile utilizzare segnali pulsanti con periodo
temporale T inferiore a 0.07 .
Un metodo alternativo per aumentare la risoluzione consiste nel modulare la frequenza
dellimpulso, utilizzando il cosiddetto impulso FM chirp. Per illustrare tale metodo, si scriva la
(4.3) nella forma:

2.

(4.6)

Figura 4.5: Modulazione del segnale ad impulsi mediante chirp

dove rappresenta la frequenza dellimpulso. Si supponga, ora, di moltiplicare il treno di


impulsi per un segnale sinusoidale con frequenza variabile linearmente da un valore ad un
valore + (fig. 5) Nel dominio delle frequenze, il nuovo segnale sar caratterizzato non pi
1

da una singola frequenza ( = ), ma da una certa banda .

4.2. Radar FMCW


I radar di tipo CW trasmetto idealmente in modo continuo una forma donda sinusoidale,
pertanto la correspondente banda operatva risulta essere infinitesima, trattandosi di un sistema
non fisicamente realizzabile. Di conseguenza, la banda effettiva di un radar CW quella che si
ottiene dal troncamento della forma donda. Inoltre, poiche la distanza di un target calcolata a
partire dallecoradar misurato il ritardo temporale andata/ritorno, i radar CW a singola frequenza
45

non sarebbero formare donda modulate, tale informazione, pertanto si utilizzano tipicamente
formme donda modulate, la piu comune delle quali resulta essere la modulazione lineare di
frequenza, da cui il termnie FMCW(Frequency Modulated Continuous Wave) . In presenza di
tale tipo di modulazione, il segnale trasmesso assume la forma:

() = cos [2 (0 + 2 )]
2

0 0

Il termino u= rappresenta il coeficiente Lfm, mentre 0 denota la frequenza iniziale del chirp.
0

Figura 4.6.- Forma donda trasmessa LFM

Il seganale di referimento della Forma donda di riferimento LFM e dato dall espressione

() = 2cos [2 ( + 2 )]
2

Doce lintervallo di ricezione Trec e definito da:


= 2

( )

=2

Solitamente, si pone =

Figura 4.7.- Forma donda di riferimento LFM


46

Assumendo la presenza di un target a distanza R1, il segnale ricevotu dopo un tempo 1 e dato
dall espressione:

() = {2 [ ( 1 ) + ( 1 )2 ]}
2
Dove il cofficiente a risulta proporzionale alla Radar cross Section (RCS) del target, al guadagno
dell antenna e all attenuazione in range,metre il tempo di ritardo 1 e dato dall espressione:
1 =

21

Effettuato il prodotto tra il segnale ricevuto ed il segnake di riferimento Segnale trasmesso e


segnale ricevuto LFM, si ricava:

Figura 4.8.- Segnale trasmesso e segnale ricevuto LFM.

La frequenza instantane puo essere calcolata mediante l espressione:


=

1 41
41
1 41 21
(
+
)=

=
2

Quest ultima relazione indica esplicitamente che il target range risulta proporzionale alla
frequenza instantanea, pertanto, nellipotesi di effettuare la FFT.

47

4.3. Simulazione del radar FMCW


Scrivere, in linguaggio Matlab, un algoritmo che simuli un radar FMCW in grado di rilevare la
presenza di N target (1N5). L'algoritmo deve ricevere in input il numero N di target, la banda B e
la durata del chirp e deve riprodurre in uscita il radargramma con l'indicazione della distanza dei
target.

stato creato un funzione in ambiente MATLAB in cui necessario inserire quattro parametri
necessari per la simulazione: = , = ,
= , = .
La simulazione con i seguenti dati viene eseguita:
= 200000
=2
= 100000
= 0.5

Figura 4.9.- esecuzione della funzione di Matlab

Nel grafico che segue il segnale chirp si osserva con i parametri impostati.

Figura 4.10.- Segnale dove si pu vedere la banda e il tempo di durata della banda.

48

Si ottiene anche come risultato il vettore dt e il vettore R. Questi dati rappresentano la distanza di
ogni target nel caso di R, e il tempo di ritardo del segnale per ogni target, nel caso di dt.

Figura 4.11.- Risultato dell'esecuzione della funzione

Il grafico seguente mostra il segnale trasmesso e il seganale ricevuto con il propio ritardo.

Figura 4.12.- Segnale trasmesso e segnale ricevuto

Con questi dati si pu calcolare la distanza di ciascun bersaglio, applicando l'equazione


=

R1 e R2 viene calcolato, e sono pari a:


1 =

1 (3 108 )(0.1842)
=
= 2.7636 + 07
2
2
49

2 =

2 (3 108 )(0.3128)
=
= 4.6921 + 07
2
2

Questi risultati sono confrontati con quelli ottenuti nell radargramma:

Figura 4.13.- Radargramma

Si osservato che i risultati sono come previsto:


1 = 2.7636 + 07 2.764 + 07
2 = 4.6921 + 07 4.692 + 07

50

Un'altra simulazione viene quindi eseguita, aumentando la banda e il numero di bersagli, i


seguenti risultati si ottengono.

Figura 4.14.- Parametri di input

Figura 4.15.- Risultati ottenuti

Figura 4.16.- Radargramma


51

Simulazione realizzata riducendo il valore della frequenza:

Figura 4.17.- Parametri di input

Figura 4.18.- Risultati ottenuti

Figura 4.19.- Radargramma


52

Simulazione realizzata riducendo il valore della frequenza e il valore del tempo.

Figura 4.20.- Parametri di input

Figura 4.21.- Risultati ottenuti

Figura 4.22.- Radargramma

53

Simulazione realizzata riducendo il valore della frequenza e il valore del tempo, e aumentando il numero
di targets.

Figura 4.23.- Parametri di input

Figura 4.24.- Risultati ottenuti

Figura 4.25.- Radargramma


54

5. ARRAY DI ANTENNE
5.1. Array Lineare
Un array un insieme di antenne (uguali) alimentate in modo coerente, overo alimentate tutte da
una singola sorgente mediante una rete (BFN) che distribuisce la potenza alle singole antenne.

Figura 5.1.- Array lineare equispaziato.

Si consideri un insieme di N antenne equispaziate di una distanza d lungo lasse x (fig. 5.1). Il
campo irradiato dallarray esprimibile mediante la relazione:
1

= = .
=0

=0

(5.1)

rappresenta il diagramma di radiazione dellantenna i-esima. Nelipotesi che i campi irradiati


dalle N antenne abbiano la stessa forma e differiscano soltanto per un fattore di ampiezza :
= . 0

(5.2)

Dove 0 rappresenta il diagramma di radiazione della prima antenna. Effettuando la valutazione


del campo a grande distanza dallarray:
=
(5.3)
che, sostituita con la (1.2) nella (1.1) fornisce la relazione:
1

.

= . .
.
= 0.
. .

=0

(5.4)

=0

55

=
=0

Si chiama fattore di array in quanto dipende dalla geometria, dal numero di elementi,
dalla spaziatura, in sostanza, dipende da come sono distribuiti questi elementi.
Il fattore dellelemento rappresenta il diagramma di radiazione del singolo elemento, il
fattore di schiera il diagramma di radiazione di un array composto da K elementi
radiativi isotropi.

Per questultimo termine, si pu scrivere:


1

() = . .

(5.5)

=0

In particolare, ipotizzando che i coefficienti di eccitazione siano tutti identici e unitari:


1

() =

1
.

=0

(5.6)

=0

dove si posto:
= . =

(5.7)

La (5.5) rappresenta una serie di potenze, convergente al termine:


1

=
=0

1
1

(5.8)

Manipolando opportunamente la (5.8), si ricava:

sin ( )
1 2 2 2
2
(1)
2.
() =
= .

1
sin ( 2 )
2 2 2

Nellipotesi che

(5.9)

1, vale la seguente approssimazione:

|sin ( 2 )|
|()|
(5.10)

2
Il primo nullo della (1.10) si ricava imponendo la condizione:

()
=
=
2
2

(5.11)
56

Da cui:
= 1 (

5.2. Phased Array


Col termine Phased Array si indica un array in cui le eccitazioni non sono costanti, ma hanno una
progressione di fase lineare. Come vedremo, il massimo di irradiazione di un tale array
spostato rispetto alla direzione di broadside (ovvero nella direzione ortogonale allarray).
Consideriamo allora un array lineare di eccitazioni = . Il fattore di array in campo
lontano vale

() = .

()

(5.12)

Lespressione precedente si ottiene sostituendo con .


Il segnale ricevuto da un radar che usi questo fattor e di array massimo quando loggeto si trova
in una direzione in cui tutti gli esponenziali sono in fase, ovvero per cui
= 0

(5.13)

Segue
=

(5.14)

Analogamente, il primo zero si ottiene quando gli esponenziali sono equispaziati sul cerchio
complesso, ovvero se
2
=
(5.15)
2 + 1
Sostituendo dalla (5.13) segue
=

=
(5.16)
( + 1)

57

5.3. Progettazione del Phased Array


Per fare il disegno di unantenna phased array utilizziamo il Software AndSoft Designer e Tool
essemble , per poter farlo lo dividiamo il lavoro della seguenti maniera:
- Disegno del patch.
- Disegno phased array.

5.3.1. Disegno del singolo Patch (Antenne a microstriscia)


5.3.1.1. Caratteristiche
Le antenne a microstriscia hanno molti vantaggi rispetto alle normali antenne a microonde,
soprattutto per il fatto che possono facilmente coprire una vasta gamma di frequenze,
generalmente dai pi bassi 100 MHz ai 100 GHz.
Alcuni vantaggi di questo tipo di antenne sono:

Peso contenuto, volume ridotto, basso profilo;


Alta versatilit e robustezza meccanica;
Basso costo di fabbricazione, facilit di produzione in serie;
Facilit a realizzare campi elettromagnetici a polarizzazione rettilinea e circolare;
Semplice integrazione nei circuiti a microonde;
Linee di alimentazione e reti di adattamento realizzabili congiuntamente alla struttura
dellantenna a microstriscia.

Ci nonostante, le antenne a microstriscia mostrano anche degli svantaggi:

Banda stretta e problemi di tolleranza;


Guadagno piuttosto basso (circa 6 dB);
La maggior radiazione limitata generalmente ad un semispazio;
Difficolt nel conseguire la purezza in polarizzazione;
Alti livelli di correlazione mutua e di mutuo accoppiamento alle alte frequenze;
Eccitazione di onde superficiali.

Fin dallinizio i patch di forma rettangolare (Fig.5.2-a, 5.2-b) sono stati i primi ad essere
realizzati ed utilizzati, visto che il modello fisico e matematico per questo tipo di geometria era il
pi semplice.

58

Figura 5.2.- a) Antenna patch rettangolare

Figura 5.2.- b) Antenna patch rettangolare (vista laterale)

5.3.1.2. Alimentazione
Esistono due tipologie principali di alimentazione per unantenna a microstriscia.
a. La prima tecnica utilizza una linea di trasmissione a microstriscia adattata che si inserisce
in una piccola fessura nel patch (inset feed). Limpedenza dingresso pu essere
facilmente variata cambiando le dimensioni geometriche del feed allinterno del patch.

Figura 5.3.- Alimentazione ad inset

b. Il secondo metodo consiste nelluso di un cavo coassiale (coaxial feed) il cui conduttore
interno collegato al patch attraverso il substrato, mentre il conduttore esterno debe
essere collegato al piano di massa.

59

Figura 5.4.- Alimentazione in cavo coassiale

5.3.1.3. Formule approssimate per lanalisi di patch rettangolari


Il primo fattore da prendere in considerazione nella progettazione di unantenna a microstriscia
sicuramente la scelta di un materiale appropriato per il substrato
La lunghezza del patch invece, determina fortemente la frequenza di risonanza. Laumento
dellaltezza del substrato ed una costante dielettrica pi piccola possono aumentare la larghezza
di banda.
Per progettare una patch risonante ad una data frequenza e sufficiente seguire alcune regole nella
progettazione della stessa. Innanzitutto si calcola la larghezza del patch che massimizza
l'efficienza come:

2 (1 + )

(5.20)

dove la velocit della luce nel vuoto, f la frequenza di lavoro ed la costante dielettrica
relativa del substrato.
Sfruttando la larghezza appena calcolata ci si ricava la permettivit dielettrica relativa effettiva
del substrato:

+ 1 1
12
1 +
+
2
2

(5.21)

dove e lo spessore del substrato. La lunghezza del patch invece, va stimata in tre passaggi:
2

(5.22)

Dove:

(5.23)
60

( + 0.3) ( + 0.264)

0.412

( 0.258) ( + 0.8)

5.3.1.4.

(5.24)

Progettazione in ansoft designer

In particolare, i parametri di progetto sui quali operare per ottenere il diagramma di radiazione
assegnato sono i seguenti:
a.
b.
c.
d.
e.

Configurazione geometrica della schiera (lineare, circolare, ecc.)


Numero di elementi e distanza fra gli elementi
Ampiezza della corrente di eccitazione dei singoli elementi
Sfasamenti delle correnti di eccitazione dei singoli elementi
Diagramma di radiazione dei singoli elementi

Per fare il disegno di unantenna phased array utilizziamo il Software AnSoft Designer e Tool
essemble , per poter farlo Usiamo i seguenti parametri:
a.
b.
c.
d.

Frequenza: = 10
Angolo di sfasamento: 7
Dielettrico: ARLON 25Fr; = 3.58
Altezza dielettrico: = 0.762

Con questi valori cominciamo a fare il lavoro di simulazione. Per fare il disegno in Ansoft
Designer facciamo lo seguenti:
Introduciamo il layer, dove faremo il disegno della patch, mettiamo il piano del segnale, il
dielettrico e il piano di massa.

Figura 5.5.- Livelli della struttura


61

Facciamo il calcolo del patch, con il calcolator del Designer.

Figura 5.6.- Calcolatore del Patch

Ma , come non si ottenuta una risposta di accordo a quello che si bisogna con il valore di 7.665
mm, si ha fatto le variazione dei parametri a 7.737 mm ottenendo una figura cos:

Figura 5.7.- Patch

Il patch deve essere adattato e deve essere 0 nella parte immaginaria a frequenza da 10 GHz.

Figura 5.8.- Impedenza reale e immaginaria


62

5.3.1.4.1. Disegno del Patch con insert


Se deve mettere nel patch una linea di trasmissione a 50 ohm, perch quella la impedenza di un
connettore di una guida donda, per ottenere una linea di trasmissione si fa il utilizzo del
calcolatore del software dove si trova come larghezza 1.684mm, la lunghezza dellonda non
interessa perch in la linea di trasmissione non dipende di qual lungo sia la linea,

Figura 5.9.- Estimatore della linea transmissione

Adesso per adattare la linea di trasmissione e il patch si deve addentrare con la linea di
trasmissione sul patch, mam mano che si addentrano se otterr la impedenza desiata, anche si
deve considerare un piccolo spazio nei lati della linea che al meno deve essere grande per ogni
lato, questo si fa per il problema di disegno gi che la punta della fresa sottile.

Figura 5.10.- Patch con Insert


63

Con i parametri precedenti, si ottiene un adattamento a 50 ohm a una frequenza da 10 GHz,


anche un coefficiente di riflessione sotto -10dB.
Grafico delle impedenze nellantenna patch con insert.

Figura 5.11.- Parte real e immaginaria.

Grafico del coefficiente di riflessione dellantenna patch con insert.

Figura 5.12.- Coefficiente di riflessione.

64

5.3.1.4.2. Patch Antenna Fed With a Quarter-wave Transformer

Per fare questo disegno, viene utilizzato un trasformatore a 4, posto tra la linea di trasmissione e
l'antenna patch. L'accoppiamento viene eseguito utilizzando la seguente relazione:
1/4 =
Dove:
limpedenza caratteristica della linea di trasmissione e l'impedenza di ingresso della
antenna patch. Ad esempio, un disegno viene eseguita con i seguenti parametri:
a.
b.
c.
d.

Frequenza: = 10
Dielettrico: Rogers RT/duroid 5880; = 2.2
Dielectric loss tangent: 0.009
Altezza dielettrico: = 0.762

Facciamo il calcolo del patch, con il calcolator del Designer.

Figura 5.13.- Antenna Patch

Utilizzando con il calcolator del Designer, calcoliamo le dimensioni del trasformatore e la linea di
trasmissione. I seguenti risultati sono stati ottenuti.

65

Figura 5.14.- Patch Antenna Fed With a Quarter-wave Transformer

Figura 5.15.- Coefficiente di riflessione.

Per progettare il phased array viene utilizzato il Disegno del Patch con insert.
66

5.3.2. Disegn del phased array


Una opportuna distanza deve essere mantenuta tra i dipoli. Troppo poco spazio tra elementi
adiacenti pu comportare effetti negativi di accoppiamento reciproco. Ma troppo grande distanza
tra elementi adiacenti causer reticolo lobi nel diagramma di radiazione.
Come compromesso adeguato, una tipica spaziatura nell'intervallo da 0,6 a 0,8 di lunghezza
d'onda nello spazio libero stato scelto per una prestazione ottimale. In questo disegno
particolare, la distanza tra i dipoli di 0.7 lunghezza d'onda.
Il valore della lunghezza d'onda a 10 uguale a 30 , quindi la lunghezza della
separazione sar 21 . L'array di elementi rappresentata come segue:

Figura 5.16.- Array di Patch uniformi

La simulazione di questa configurazione fornisce i seguenti risultati per il coefficiente di


riflessione, impedenza e il campo elettrico:

67

Figura 5.17.- Risultati della simulazione di Array di Patch uniformi

Adesso si deve costruire il circuito di alimentazione, che permette di collegare il sistemi di


antenne con la guida donda. Si parte di un circuito di alimentazione uniforme.

Figura 5.18.- Alimentazione Uniforme

La prima linea di trasmissione la stessa dimensione del singolo patch sono quelli che hanno il
nome di Port 2 e Port 3, per collegare questi due si mette una linea di trasmissione a 2 volte 0.7
con la stessa dimensione di larghezza come nel caso precedente, allora solo manca mettere una
linea di trasmissione in pi por potere alimentare il circuito, in questo punto dobbiamo
considerare che al collegare la linea di trasmissione alla porzioni di rete ha un circuito in
parallelo per quello si riduce la impedenza a 25 ohm, quindi per collegare la linea di
trasmissione a 50 ohm con la pezzo di rete a 50 ohm si fa il utilizzo di un adattatore a /4, pure
questo adattatore lo si calcola con il calcolator del Andsoft designer, e si ottiene le seguenti
dimensioni: di lunghezza 4.385 mm e larghezza 2.814 mm.

68

Figura 5.19.- Estimatore adattatore a /4

Con lo stesso criterio che si ha costruito il primo pezzo si costruir il circuito completo.

Figura 5.20.- Alimentazione

Nella lunghezza L2 si ha fatto una variazione fino ad ottenere una coefficiente di riflessione
ottimo che arriva a -32.75 dB, lasciando la lunghezza L3 fissa a 27 mm. Nel disegno di una rete
uniforme si deve ottenere una fase simile dal port1 a tutti gli altri ed il risultato il seguenti.

69

Figura 5.21.- Coefficiente di riflessione

Figura 5.22.- Plot Fase

70

Figura 5.23.- Potenza trasmessa

Dopo la progettazione della rete di cibo uniforme, possiamo inserire le quattro antenne patch
progettati in precedenza e verificare il comportamento di questa disposizione di antenne
uniformi. La disposizione risulta essere, come illustrato di seguito:

Figura 5.24.- Array di antenne Uniform

71

Figura 5.25.- Diagramma di radiazione in forma Cartesiano

Possiamo confrontare questo risultato con quello ottenuto attraverso dal strumento di sintesi
chiamato: Ensemble 1D Array Synthesis, il seguente diagramma di radiazione ottenuto:

Figura 5.26.- Diagramma di radiazione attraverso di Ensemble 1D Array Synthesis

Con questi due risultati possono essere visti comportamento molto simile. Il comportamento del
coefficiente di riflessione pu essere visto nel grafico seguente:

72

Figura 5.27.- Coefficiente di Riflessione

Adesso si deve variare la distanza tra la porta 1 a ogni porte per ottenere il sfasamento in -7 gradi
della nostra antenna phased, la distanza di variazione sta in dipendenza della equazione:
=

dove

Per conoscere la distanza dalla porta 1 alle altre porte se bisogna conoscere i gradi che ci
rappresenta il sfasamento da -70 per quello si usa il software Tool Essemble.
Ingresso il numero di patch e la distanza tra di loro.

Figura 5.28.- Calcolator del tool Ensemble

Ingresso il valore dello sfasamento, -7

73

Figura 5.29.- Calcolator del tool Ensemble Beam Direction

Lo sfasamento tra ogni patch sono 30 gradi per ottener unantenna phased a -7 gradi

Figura 5.30.- Gradi tra ogni elemento.

Quindi una differenza di 30.711075 gradi si ottiene tra ogni elemento. Ci significa che il
segnale che alimenta il sistema di antenne, sar circa trenta gradi fuori fase. Per raggiungere
questo obiettivo necessario variare le dimensioni della linea di trasmissione da una
distribuzione uniforme. Un'altra importante condizione che deve essere soddisfatta in aggiunta
all'offset del segnale, il livello di potenza, che deve essere uguale per ciascun segnale.
Per raggiungere questo obiettivo si estende la lunghezza di ciascuno degli elementi, in base
all'elemento che pi a destra (phased a -7 gradi). Quindi, il primo elemento non cambia di
dimensioni e altri devono allungare dal centro della linea orizzontale, questo cambiamento di
lunghezza della linea, mi permette di controllare lo sfasamento, mentre il livello di potenza deve
essere uguale nel caso ideale, controllata dalla lunghezza orizzontale prescelto.

Figura 5.31.- Spostamento per controllare il sfasamento


74

Considerato quanto sopra, abbiamo ottenuto risultati nei seguenti impostazioni per i quattro
elementi:

Figura 5.32.- Configurazione finale prima parte

Figura 5.33.- Configurazione finale seconda parte

75

Figura 5.34.- Configurazione finale

Si vede qua sotto il risultato del circuito di alimentazione modificato, dove si ha in ognuno uno
sfasamento di 30 gradi.

Figura 5.35.- Alimentazione sfasata

Sfasamento:

_ deg( (1, 2)) = 159.13


_ deg( (1, 3)) = 129.02
_ deg( (1, 4)) = 99.57
_ deg( (1, 5)) = 69.01

Sfasamento tra porte:


a. 69.01 (99.57) = 30.56
b. 99.57 (129.02) = 29.45
c. 129.02 (159.13) = 30.11
La figura seguente mostra la distribuzione di potenza ai quattro elementi:
76

Figura 5.36.- Distribuzione di Potenza

((2,1)) =
((3,1)) =
((4,1)) =
((5,1)) =

7.76
7.67
7.68
7.6

Il coefficiente di riflessione uguale a -44,71 dB a 10 GHz.

Figura 5.37.- Coefficiente di Riflessione

Collegando la rete di alimentazione ed i patch insieme se ottiene una figura 2.21 con un
sfasamento de 30.

77

Figura 5.38.- Rete di alimentazione ed i patch.

Come si pu notare dalla figura 2.21, nella struttura necessario utilizzare dei trasformatori a
/4, affinch la parte reale dellimpedenza caratteristica sia pari a 50 , dal momento che alla
congiunzione delle coppie di patch si ha unimpedenza data dal parallelo quindi la met. Il
dimensionamento dei trasformatori stato effettuato tramite luso del tool Estimate di Designer.
La presenza dello stub rende possibile la compensazione della parte immaginaria.
Risultato dal coefficiente di riflessione dellantenna, dove si ha una risposta a -37.98 dB.

Figura 5.39.- Coefficiente di riflessione

78

Grafico dellaccoppiamento da impedenze, si ottiene in la parte reale a 51.01 ohm e la parte


immaginaria a 0.18 a una frequenza da 10 GHz.

Figura 5.40.- Impedenza di ingresso

Il diagramma di radiazione, si trova uno sfasamento da -7, dei lobi laterali sono una risposta
coerente, poich deve avere una differenza da 13dB tra il lobo principale e il lobo laterale
sinistro.

Figura 5.41.- Diagramma di radiazione in forma Cartesiano

Lobo principale centrato a: 7 e con una grandezza uguale a: 34.77


79

Secondo lobo principale centrato a: 38 e con una grandezza uguale a: 48.56

Si pu vedere una differenza de 13.79 tra il lobo principale e il lobo secondario (valore
approssimativo per il teorico: 13). Usando il software Tool Essemble possibile analizzare il
comportamento di un array di 4 elementi, e quindi eseguire il confronto con i risultati ottenuti
attraverso HFFS.
Nella seguenti figura si vede il lobo di radiazione ottenuto attraverso il software Tool Essemble,
chiaramente si pu osservare che il lobo principale sfasato a -7 gradi.

Figura 5.42.- Diagramma di radiazione calculato con il Tool Essemble

Il secondo lobo si trova a 13.5 dB.

5.3.2.1.

Realizzazione e Misura del Phased Array

Dopo uniniziale fase di analisi e progettazione del phased array.


80

Il phased array stato infine realizzato presso il Laboratorio grazie ad una fresa a controllo
numerico. Questa, si avvale di un file AutoCAD esportato da Designer, per tracciare il percorso
sul foglio di rame Una volta che la fresa ha tracciato il percorso, il rame in eccesso rimosso e il
risultato ottenuto il seguente:

Figura 5.43.- Realizzazione del Phased Array

Per completezza di esposizione dei risultati delle misure, si scelto di monitorare il coefficiente
di riflessione.

81

Figura 5.44.- Misura del Phased Array

82

Figura 5.44.- Confronto tra il risultatosimulato e misurato

Risultato della Simulazione: -33.34 alla frequenza di 10 GHz


Risultato della misura: -41.83 dB alla frequenza di 10.23 GHz.
Nelle seguenti figure, si pu vedere il diagramma di radiazione simulato e misurato.

Figura 5.45.- Diagramma di Radiazione: misurato a sinistra e simulato a destra

83

Figura 5.46.- Confronto tra diagramma di Radiazione misurato a sinistra e simulato a destra

84

Anexos
A. Script per calcolare il modello di Lorentz
%% ESPECTRO DI ABSORVIMENTO: MODELLO DI LORENTZ
clear all, close all
syms x
flm = 20;
%Frecuencia de resonancia
g=0:5:55;
%Coeficiente epsilon
f=0:0.1:50;
%Intervalo de variacion de la frecuencia
c=hsv(12);
%Variable para representar el color de las diferentes graficas
%% DESARROLLO
% GRAFICO DE LA FUNCION
for i=1:1:12
%Sentencia for para calcular los 12 valores posibles que toma epsilon: 'g'
L = (1./pi).*(g(i)./((flm-f).^2+g(i).^2));
%Calculo con el vector de frecuencia 'f'
S = (1/pi).*(g(i)./((flm-x).^2+g(i).^2));
%Calculo simbolico con variable 'x'
figure(1)
subplot (121)
plot (f,L,'color',[c(i,1),c(i,2),c(i,3)]);hold on;grid on
title('Spettro di Assorvimento: Modello di Lorentz','FontSize',10,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
ylabel('F(f,flm)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
var =
legend('\gamma=0Ghz','\gamma=5Ghz','\gamma=10Ghz','\gamma=15Ghz','\gamma=20Ghz','\gamma=25Ghz','\
gamma=30Ghz','\gamma=35Ghz','\gamma=40Ghz','\gamma=45Ghz','\gamma=50Ghz','\gamma=55Ghz');
set(var,'FontAngle','italic')
subplot (122)
var1 = ezplot(S,[0,50]);hold on;grid on;axis auto
set(var1,'color',[c(i,1),c(i,2),c(i,3)])
var1 =
legend('\gamma=0Ghz','\gamma=5Ghz','\gamma=10Ghz','\gamma=15Ghz','\gamma=20Ghz','\gamma=25Ghz','\
gamma=30Ghz','\gamma=35Ghz','\gamma=40Ghz','\gamma=45Ghz','\gamma=50Ghz','\gamma=55Ghz');
title('Spettro di Assorvimento: Modello di Lorentz','FontSize',10,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
ylabel('F(f,flm)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
end
% GRAFICO DE LA PRIMERA DERIVADA
for i=1:1:12
%Sentencia for para calcular los 12 valores posibles que toma epsilon: 'g'
L1=(2.*g(i).*(flm-f))./(pi.*(g(i).^2+(flm-f).^2).^2);
%Calculo con el vector de frecuencia
'f'
S = (1/pi).*(g(i)./((flm-x).^2+g(i).^2));
%Funcin de Lorentz
S1=diff(S);
%%Primera derivada de Lorentz con
variable simbolica
figure(2)
subplot (121)
plot (f,L1,'color',[c(i,1),c(i,2),c(i,3)]);hold on;grid on;
title('Prima derivata Modello di Lorentz','FontSize',10,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
ylabel('F(f,flm)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
varp =
legend('\gamma=0Ghz','\gamma=5Ghz','\gamma=10Ghz','\gamma=15Ghz','\gamma=20Ghz','\gamma=25Ghz','\
gamma=30Ghz','\gamma=35Ghz','\gamma=40Ghz','\gamma=45Ghz','\gamma=50Ghz','\gamma=55Ghz');
set(varp,'FontAngle','italic')
subplot (122)
varp1 = ezplot(S1,[0,50]);
hold on;grid on;axis auto
set(varp1,'color',[c(i,1),c(i,2),c(i,3)])
varp1 =
legend('\gamma=0Ghz','\gamma=5Ghz','\gamma=10Ghz','\gamma=15Ghz','\gamma=20Ghz','\gamma=25Ghz','\
gamma=30Ghz','\gamma=35Ghz','\gamma=40Ghz','\gamma=45Ghz','\gamma=50Ghz','\gamma=55Ghz');
title('Prima derivata Modello di Lorentz','FontSize',10,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
ylabel('F(f,flm)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
end
% GRAFICO DE LA SEGUNDA DERIVADA
for i=1:1:12
%Sentencia for para calcular los 12 valores posibles que toma epsilon: 'g'
L2=(2.*g(i).*(-g(i).^2+3.*(flm-f).^2))./(pi*(g(i).^2+(flm-f).^2).^3);

85

S = (1/pi).*(g(i)./((flm-x).^2+g(i).^2));
%Funcin de Lorentz
S1=diff(S);
%Primera derivada de lorenz
S2=diff(S1);
%Segunda derivada de lorenz
figure(3)
subplot (121)
plot (f,L2,'color',[c(i,1),c(i,2),c(i,3)]);hold on;grid on
title('Seconda derivata Modello di Lorentz','FontSize',10,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
ylabel('F(f,flm)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
varpp =
legend('\gamma=0Ghz','\gamma=5Ghz','\gamma=10Ghz','\gamma=15Ghz','\gamma=20Ghz','\gamma=25Ghz','\
gamma=30Ghz','\gamma=35Ghz','\gamma=40Ghz','\gamma=45Ghz','\gamma=50Ghz','\gamma=55Ghz');
set(varpp,'FontAngle','italic')
subplot (122)
varpp1 = ezplot(S2,[0,50]);
hold on;grid on;axis auto
set(varpp1,'color',[c(i,1),c(i,2),c(i,3)])
varpp1 =
legend('\gamma=0Ghz','\gamma=5Ghz','\gamma=10Ghz','\gamma=15Ghz','\gamma=20Ghz','\gamma=25Ghz','\
gamma=30Ghz','\gamma=35Ghz','\gamma=40Ghz','\gamma=45Ghz','\gamma=50Ghz','\gamma=55Ghz');
title('Seconda derivata Modello di Lorentz','FontSize',10,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
ylabel('F(f,flm)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
end

B. Script per calcolare il modello di Van Vleck- Weisskopf


%% ESPECTRO DI ABSORVIMENTO: MODELLO DI VAN VLECK - WEISSKOPF
clear all,close all
syms x
flm = 20;
%Frecuencia de resonancia
g=0:5:55;
%Coeficiente epsilon
f=0:0.1:50; %Intervalo de variacion de la frecuencia
c=hsv(12); %Variable para representar el color de las diferentes graficas
%% DESARROLLO
% GRAFICO DE LA FUNCION
for i=1:1:12 %Sentencia for para calcular los 12 valores posibles que toma epsilon: 'g'
L=(1/pi).*(f./flm).*((g(i)./((flm-f).^2+g(i).^2))+(g(i)./((flm+f).^2+g(i).^2)));
%Calculo
con el vector de frecuencia 'f'
S = (1/pi).*(x./flm).*((g(i)./((flm-x).^2+g(i).^2))+(g(i)./((flm+x).^2+g(i).^2))); %Calculo
simbolico con variable 'x'
figure(1)
subplot (121)
plot (f,L,'color',[c(i,1),c(i,2),c(i,3)]);hold on;grid on
title('Spettro di Assorvimento: Modello di Van Vleck Weisskopf','FontSize',10,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
ylabel('F(f,flm)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
var =
legend('\gamma=0Ghz','\gamma=5Ghz','\gamma=10Ghz','\gamma=15Ghz','\gamma=20Ghz','\gamma=25Ghz','\
gamma=30Ghz','\gamma=35Ghz','\gamma=40Ghz','\gamma=45Ghz','\gamma=50Ghz','\gamma=55Ghz');
set(var,'FontAngle','italic')
subplot (122)
var1 = ezplot(S,[0,50]);
set(var1,'color',[c(i,1),c(i,2),c(i,3)])
var1 =
legend('\gamma=0Ghz','\gamma=5Ghz','\gamma=10Ghz','\gamma=15Ghz','\gamma=20Ghz','\gamma=25Ghz','\
gamma=30Ghz','\gamma=35Ghz','\gamma=40Ghz','\gamma=45Ghz','\gamma=50Ghz','\gamma=55Ghz');
hold on;grid on;axis auto
title('Spettro di Assorvimento: Modello di Van Vleck Weisskopf','FontSize',10,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
ylabel('F(f,flm)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
end
%% GRAFICO DE LA PRIMERA DERIVADA
for i=1:1:12

86

L1=(1/pi*flm).*(((f.*2.*g(i).*(flm-f))./(g(i).^2+(flm-f).^2).^2)((f.*2.*g(i).*(flm+f))./(g(i).^2+...
(flm+f).^2).^2)+(g(i)./(g(i).^2+(flm-f).^2))+(g(i)./(g(i).^2+(flm+f).^2)));
S = (1/pi).*(x./flm).*((g(i)./((flm-x).^2+g(i).^2))+(g(i)./((flm+x).^2+g(i).^2)));
S1=diff(S);
figure(2)
subplot (121)
plot (f,L1,'color',[c(i,1),c(i,2),c(i,3)]);hold on;grid on;legend('\gamma=5Ghz')
title('Prima derivata Modello di Van Vleck - Weisskopf','FontSize',10,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
ylabel('F(f,flm)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
varp =
legend('\gamma=0Ghz','\gamma=5Ghz','\gamma=10Ghz','\gamma=15Ghz','\gamma=20Ghz','\gamma=25Ghz','\
gamma=30Ghz','\gamma=35Ghz','\gamma=40Ghz','\gamma=45Ghz','\gamma=50Ghz','\gamma=55Ghz');
set(varp,'FontAngle','italic')
subplot (122)
varp1 = ezplot(S1,[0,50]);
hold on;grid on;axis auto
set(varp1,'color',[c(i,1),c(i,2),c(i,3)])
varp1 =
legend('\gamma=0Ghz','\gamma=5Ghz','\gamma=10Ghz','\gamma=15Ghz','\gamma=20Ghz','\gamma=25Ghz','\
gamma=30Ghz','\gamma=35Ghz','\gamma=40Ghz','\gamma=45Ghz','\gamma=50Ghz','\gamma=55Ghz');
title('Prima derivata Modello di Van Vleck - Weisskopf','FontSize',10,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
ylabel('F(f,flm)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
end
%% GRAFICO DE LA SEGUNDA DERIVADA
for i=1:1:12
%Sentencia for para calcular los 12 valores posibles que toma epsilon: 'g'
L2 = (-((4*g(i).*(f+flm))./((f+flm).^2+g(i)^2).^2)((2*g(i)*f)./((f+flm).^2+g(i)^2).^2)+((8*g(i)*f.*(f+flm).^2)./((f+flm).^2+g(i)^2).^3)...
+((8*g(i)*f.*(flm-f).^2)./((flm-f).^2+g(i)^2).^3)-((2*g(i)*f)./((flmf).^2+g(i)^2).^2)+((4*g(i)*(flm-f))./((flm-f).^2+g(i)^2).^2))./(pi*flm);
S = (1/pi).*(x./flm).*((g(i)./((flm-x).^2+g(i).^2))+(g(i)./((flm+x).^2+g(i).^2))); %Calculo
simbolico con variable 'x'
S1=diff(S);
%Primera derivada de lorenz
S2=diff(S1);
%Segunda derivada de lorenz
figure(3)
subplot (121)
plot (f,L2,'color',[c(i,1),c(i,2),c(i,3)]);hold on;grid on
title('Seconda derivata Modello di Van Vleck - Weisskopf','FontSize',10,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
ylabel('F(f,flm)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
varpp =
legend('\gamma=0Ghz','\gamma=5Ghz','\gamma=10Ghz','\gamma=15Ghz','\gamma=20Ghz','\gamma=25Ghz','\
gamma=30Ghz','\gamma=35Ghz','\gamma=40Ghz','\gamma=45Ghz','\gamma=50Ghz','\gamma=55Ghz');
set(varpp,'FontAngle','italic')
subplot (122)
varpp1 = ezplot(S2,[0,50]);
hold on;grid on;axis auto
set(varpp1,'color',[c(i,1),c(i,2),c(i,3)])
varpp1 =
legend('\gamma=0Ghz','\gamma=5Ghz','\gamma=10Ghz','\gamma=15Ghz','\gamma=20Ghz','\gamma=25Ghz','\
gamma=30Ghz','\gamma=35Ghz','\gamma=40Ghz','\gamma=45Ghz','\gamma=50Ghz','\gamma=55Ghz');
title('Seconda derivata Modello di Van Vleck - Weisskopf','FontSize',10,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
ylabel('F(f,flm)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
end

C. Script per calcolare il modello di Gross


%%Spettri di assorbimento
clc;clear all;close all
syms x
flm = 20;
g=0:5:55;
f=0:0.1:50;
c=hsv(12);

87

%% DESARROLLO
% GRAFICO DE LA FUNCION
for i=1:1:12
L=(1./pi).*((4.*f.*flm.*g(i))./(((flm.^2-f.^2).^2)+4.*g(i).^2*f.^2));
S=(1./pi).*((4.*x.*flm.*g(i))./(((flm.^2-x.^2).^2)+4.*g(i).^2*x.^2));
figure(1)
subplot (121)
plot (f,L,'color',[c(i,1),c(i,2),c(i,3)]);hold on;grid on
title('Spettro di Assorvimento: Modello di Gross','FontSize',10,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
ylabel('F(f,flm)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
var =
legend('\gamma=0Ghz','\gamma=5Ghz','\gamma=10Ghz','\gamma=15Ghz','\gamma=20Ghz','\gamma=25Ghz','\
gamma=30Ghz','\gamma=35Ghz','\gamma=40Ghz','\gamma=45Ghz','\gamma=50Ghz','\gamma=55Ghz');
set(var,'FontAngle','italic')
subplot (122)
var1 = ezplot(S,[0,50]);hold on;grid on;axis auto
set(var1,'color',[c(i,1),c(i,2),c(i,3)])
var1 =
legend('\gamma=0Ghz','\gamma=5Ghz','\gamma=10Ghz','\gamma=15Ghz','\gamma=20Ghz','\gamma=25Ghz','\
gamma=30Ghz','\gamma=35Ghz','\gamma=40Ghz','\gamma=45Ghz','\gamma=50Ghz','\gamma=55Ghz');
title('Spettro di Assorvimento: Modello di Gross','FontSize',10,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
ylabel('F(f,flm)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
end
% GRAFICO DE LA PRIMERA DERIVADA
for i=1:1:12
L1=((4*flm*g(i))/pi).*(((-3.*f.^4)+(2.*f.^2).*(flm.^2-2*g(i).^2)+flm.^4)./(f.^4(2.*f.^2).*(flm^2-2*g(i).^2)+flm.^4).^2);
S=(1./pi).*((4.*x.*flm.*g(i))./(((flm.^2-x.^2).^2)+4.*g(i).^2*x.^2));
S1=diff(S);
figure(2)
subplot (121)
plot (f,L1,'color',[c(i,1),c(i,2),c(i,3)]);hold on;grid on;
title('Prima derivata Modello di Gross','FontSize',10,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
ylabel('F(f,flm)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
varp =
legend('\gamma=0Ghz','\gamma=5Ghz','\gamma=10Ghz','\gamma=15Ghz','\gamma=20Ghz','\gamma=25Ghz','\
gamma=30Ghz','\gamma=35Ghz','\gamma=40Ghz','\gamma=45Ghz','\gamma=50Ghz','\gamma=55Ghz');
set(varp,'FontAngle','italic')
subplot (122)
varp1 = ezplot(S1,[0,50]);
hold on;grid on;axis auto
set(varp1,'color',[c(i,1),c(i,2),c(i,3)])
varp1 =
legend('\gamma=0Ghz','\gamma=5Ghz','\gamma=10Ghz','\gamma=15Ghz','\gamma=20Ghz','\gamma=25Ghz','\
gamma=30Ghz','\gamma=35Ghz','\gamma=40Ghz','\gamma=45Ghz','\gamma=50Ghz','\gamma=55Ghz');
title('Prima derivata Modello di Gross','FontSize',10,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
ylabel('F(f,flm)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
end
% GRAFICO DE LA SEGUNDA DERIVADA
for i=1:1:12
%Sentencia for para calcular los 12 valores posibles que toma epsilon: 'g'
L2 = (16*flm*g(i)/pi)*((3*flm^6*f-3*flm^4*f.^3-6*f*g(i)^2*flm^43*flm^2*f.^5+8*f.^3*g(i)^2*flm^2-10*g(i)^2*f.^5-24*g(i)^4*f.^3+3*f.^7)...
./((flm^2-f.^2).^2+4*g(i)^2*f.^2).^3);
S = (1./pi).*((4.*x.*flm.*g(i))./(((flm.^2-x.^2).^2)+4.*g(i).^2*x.^2));
S1 = diff(S);
%Primera derivada de lorenz
S2=diff(S1);
%Segunda derivada de lorenz
figure(3)
subplot (121)
plot (f,L2,'color',[c(i,1),c(i,2),c(i,3)]);hold on;grid on
title('Seconda derivata Modello di Gross','FontSize',10,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
ylabel('F(f,flm)','FontSize',10,'FontWeight','bold')

88

varpp =
legend('\gamma=0Ghz','\gamma=5Ghz','\gamma=10Ghz','\gamma=15Ghz','\gamma=20Ghz','\gamma=25Ghz','\
gamma=30Ghz','\gamma=35Ghz','\gamma=40Ghz','\gamma=45Ghz','\gamma=50Ghz','\gamma=55Ghz');
set(varpp,'FontAngle','italic')
subplot (122)
varpp1 = ezplot(S2,[0,50]);
hold on;grid on;axis auto
set(varpp1,'color',[c(i,1),c(i,2),c(i,3)])
varpp1 =
legend('\gamma=0Ghz','\gamma=5Ghz','\gamma=10Ghz','\gamma=15Ghz','\gamma=20Ghz','\gamma=25Ghz','\
gamma=30Ghz','\gamma=35Ghz','\gamma=40Ghz','\gamma=45Ghz','\gamma=50Ghz','\gamma=55Ghz');
title('Seconda derivata Modello di Gross','FontSize',10,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
ylabel('F(f,flm)','FontSize',10,'FontWeight','bold')
end

D. Script per calcolare coefficienti di Assorbbimento del Vapore Acqueo


%% Coefficienti di assorbimento H2O
% Programma che simuli e rappresenti graficamente i coefficienti di assorbimento del vapore
acqueo
% (H2O), in [dB=Km], al variare della frequenza nellintervallo 1 _ 300 GHz, utilizzando le
formule
% appropriate nei rispettivi sottointervalli. Si assumano i seguenti
% parametri:
% T=300 K, P=1013 mbar, _ ro = 7.5;
clc,clear all,close all
T= 300;
P=1013;
r= 7.5;
f= 0:300;
S=0;
g = 2.85.*(P./1013).*((300./T).^0.626).*(1+0.018.*(r.*T./P));%equation 1
K22 = 2.*f.^2.*r.^2.*(300./T).^(5./2).* exp(-644./T).*(g./((494.4-f.^2).^2+4.*f.^2.*g.^2));%first
part of principal equation
Kr= 2.4e-6.*f.^2.*r.*(300./T).^(3/2).*g;%second part of principal equation
KH2O= K22 + Kr;%principal equation
W=load('waters.txt');
for i=1:10
gi= W(i,4).*(P./1013).*(300/T).^(W(i,6)).*(1+10.^(-2).*W(i,5).*(r.*T)./P);%equation 4
S= S + W(i,3).*exp(-(W(i,2)/T))*(gi./((W(i,1)^2-f.^2).^2+4.*(f.^2).*gi.^2)); %summation of
equation 3
end
KH2O2 = 2.*(f.^2).*r.*(300/T).^(5/2).*S;%equation 3
deltaK= 4.69e-6*r*((300/T).^2.1).*(P/1000)*f.^2;%equation 6
K2= KH2O2+deltaK;%equation 5
semilogy(f,KH2O,f,K2,f,KH2O2,'LineWidth',2);grid on
title('Coefficiente di assorbimento H2O','FontSize',12,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',12,'FontWeight','bold')
ylabel('KH2O (dB)','FontSize',12,'FontWeight','bold')
legend('Modello 1(1:100 GHz)','Modello 2(100:300 GHz) con fattore di correzione','Modello
2(100:300 GHz) senza fattore di correzione','Location','SouthEast')

E. Script per calcolare coefficienti di Assorbbimento del Ossigeno


%% Coefficienti di assorbimento O
% Programma che simuli e rappresenti graficamente i coefficienti di assorbimento del
dellossigeno
% (O2), in [dB=Km], al variare della frequenza nellintervallo 1 _ 300 GHz, utilizzando le
formule
% appropriate nei rispettivi sottointervalli. Si assumano i seguenti
% parametri:
% T=300 K, P=1013 mbar;
clc,clear all,close all

89

T= 300;
p=1013;
f= [0:1:300];
R=load('oxygen.txt');
S1=0;
go=0.59;
fo=60;
g=go*(p/1013)*(300/T)^(0.85);%equation 16
K=1.1e-2.*f.^2.*(p/1013)*(300/T)^2*g.*((1./((f-fo).^2+g^2))+1./(f.^2+g^2));%equation 15
gN = 1.18*(p/1013)*((300/T)^0.85);%equation 11
gB = 0.49*(p/1013)*((300/T)^0.89);%equation 12
for i=1:20;
phiN = (4.6e-3)*(300/T)*(2*R(i,1)+1)*exp((-6.89e-3)*R(i,1)*(R(i,1)+1)*(300/T));%equation 10
dNp = ((R(i,1)*((2*R(i,1))+3))/((R(i,1)+1)*((2*R(i,1))+1)))^(0.5);%equation 13
dNn = ((R(i,1)+1)*((2*R(i,1))-1)/(R(i,1)*((2*R(i,1))+1)))^(0.5); %equation 14
GNp= ((gN*(dNp^2))+p.*(f- R(i,2))*R(i,4))./((f-R(i,2)).^2+gN^2);%equation 9
GNn= ((gN*(dNn^2))+p.*(f- R(i,3))*R(i,5))./((f-R(i,3)).^2+gN^2);%equation 9
GNpfn= ((gN*(dNp^2))+p.*((-f)- R(i,2))*R(i,4))./(((-f)-R(i,2)).^2+gN^2);%equation 9
GNnfn= ((gN*(dNn^2))+p.*((-f)- R(i,3))*R(i,5))./(((-f)-R(i,3)).^2+gN^2);%equation 9
S1 = S1 + (phiN.*(GNp+GNn+GNpfn+GNnfn));%summation of equation 8
end
F=((0.7*gB)./(f.^2+gB^2))+S1;%equation 8
K1= 1.61e-2.*f.^2.*(p/1013)*(300/T).^2.*F;%equation 7
semilogy(f,K1,f,K,'LineWidth',2);grid on
title('Coefficiente di assorbimento O2','FontSize',12,'FontWeight','bold')
xlabel('f(GHz)','FontSize',12,'FontWeight','bold')
ylabel('KO2 (dB)','FontSize',12,'FontWeight','bold')
legend('Modello 1(1:300 GHz)','Modello 2(1:45 GHz)')

F. Script per calcolare il campo con illuminazione tipo uniforme


%% Field radiated by an antenna aperture of arbitrary size
% UNIFORM ILUMINATION
close all,clear all
syms x theta
%PARAMETERS
f=1*10^9;
c=3*10^8;
lambda=c/f;
k= 2*pi/lambda;
E0 = 1;
d = 3;
a=d*lambda;

%% 1GHz frequency
%% Speed of light
%% Calculation of Lambda
%% Calculation of k
%% Field incident module
%% Size of the apertura en lambdas

%% IRRADIATED FIELD THROUGH INTEGRAL


E_sim =abs(int( E0* (exp(j*k*x*(sin(theta)))),x,-a/2,a/2));% Equation 3.16 of: "Lezioni di
Telerilevamento" by Sandra Costanzo
figure(1)
graf = ezplot(E_sim,[-pi/2 pi/2]);
set(graf,'LineWidth',2),grid on
title('Irradiated field through integral','FontSize',12,'FontWeight','bold');
xlabel ('\theta','FontSize',12,'FontWeight','bold')
ylabel ('|E|','FontSize',12,'FontWeight','bold')
axis([-2 2 0 1])
%% IRRADIATED FIELD THROUGH FFT
% Triangular signal
step=lambda/100;
x1=(-3*a):step:(-a/2-step);

90

x2=(-a/2):step:(a/2);
x3=(a/2+step):step:(3*a);
xt=[x1,x2,x3];
Fun=E0*[zeros(1,length(x1)),ones(1,length(x2)),zeros(1,length(x3))];
figure(2)
plot(xt./lambda, Fun,'LineWidth',2)
title('Uniform Illumination','FontSize',12,'FontWeight','bold');axis([-10 10 0 1.2]);grid on
xlabel ('\lambda','FontSize',12,'FontWeight','bold');
ylabel ('E0','FontSize',12,'FontWeight','bold');
%% Irradiated field through FFT
E_fft=abs(fftshift(fft(Fun)))*step;
N=length(xt);%% Lunghezza vettore x
dkx=2*pi/((N-1)*step);%% cambio di discretisazione (campionamento)
kx=-(((N-1)/2)*dkx):dkx:(((N-1)/2)*dkx);
theta=asin(kx/k);
figure(3)
plot(theta,E_fft,'LineWidth',2),grid on
title('Irradiated field through FFT ','FontSize',12,'FontWeight','bold');axis([-2 2 0 1])
xlabel ('\theta','FontSize',12,'FontWeight','bold');
ylabel ('|E|','FontSize',12,'FontWeight','bold');

G. Script per calcolare il campo con illuminazione tipo triangular


%% IRRADIATED FIELD OF APERTURE ANTENNA OF ARBITRARY SIZE
%TRIANGULAR ILUMINATION
clear all,close all
syms theta x
%PARAMETERS
f=1*10^9;
c=3*10^8;
lambda=c/f;
k= 2*pi/lambda;
E0 = 1;
d = 3;
a=d*lambda;

%%
%%
%%
%%
%%
%%

1GHz frequency
Speed of light
Calculation of Lambda
Calculation of k
Field incident module
Size of the apertura en lambdas

%% IRRADIATED FIELD THROUGH INTEGRAL


Integral1 =abs(int(((2*E0*x/a)+E0)* (exp(1i*k*x*(sin(theta)))),x,-a/2,0));
Integral2 =abs(int((-(2*E0*x/a)+E0)* (exp(1i*k*x*(sin(theta)))),x,0,a/2));
Integral_t=(Integral1+Integral2);
figure(1)
graf = ezplot(Integral_t,[-pi/2 pi/2]);
set(graf,'LineWidth',2),grid on
title('Irradiated field through integral ','FontSize',12,'FontWeight','bold');
xlabel ('\theta','FontSize',17,'FontWeight','bold')
ylabel ('|E|','FontSize',17,'FontWeight','bold')
axis([-1.5 1.5 0.05 0.5])
%% IRRADIATED FIELD THROUGH FFT
% Triangular signal
step=lambda/100;
xt= -3*a:step:3*a;
f1= E0*((2*xt/a)+1);
f2= E0*((-2*xt/a)+1);
Fun=f1.*(-a/2<=xt & xt<0) + f2.*(0<=xt & xt<=a/2);
figure (2)
plot(xt./lambda, Fun,'LineWidth',2)
title('Triangular Illumination','FontSize',12,'FontWeight','bold');axis([-10 10 0 1.2]);grid on

91

xlabel ('\lambda','FontSize',17,'FontWeight','bold');
ylabel ('E0','FontSize',17,'FontWeight','bold');

%% Irradiated field through FFT


E_fft=abs(fftshift(fft(Fun)))*step;
N=length(xt);%% Lunghezza vettore x
dkx=2*pi/((N-1)*step);%% cambio di discretisazione (campionamento)
kx=-(((N-1)/2)*dkx):dkx:(((N-1)/2)*dkx);
theta=asin(kx/k);
figure(3)
plot(theta,E_fft,'LineWidth',2),grid on
title('Irradiated field through FFT','FontSize',12,'FontWeight','bold');axis([-1.5 1.5 0 0.5])
xlabel ('\theta','FontSize',17,'FontWeight','bold');
ylabel ('|E|','FontSize',17,'FontWeight','bold');

H. Script per calcolare il campo con illuminazione tipo circolare


%% IRRADIATED FIELD OF APERTURE ANTENNA OF ARBITRARY SIZE
%CIRCULAR ILUMINATION
clear all,close all
syms theta x
%PARAMETERS
f=1*10^9;
c=3*10^8;
lambda=c/f;
k= 2*pi/lambda;
E0 = 1;
d = 4;
a=d*lambda;

%%
%%
%%
%%
%%
%%

1GHz frequency
Speed of light
Calculation of Lambda
Calculation of k
Field incident module
Size of the apertura en lambdas

%% IRRADIATED FIELD THROUGH INTEGRAL


Integral = abs(E0*(int((cos(x*pi/a))*exp(1i*k*x*sin(theta)),x,-a/2,a/2))); %Equation 3.16
figure(1)
graf = ezplot(Integral,[-pi/2 pi/2]);
set(graf,'LineWidth',2),grid on
title('Irradiated field through integral','FontSize',12,'FontWeight','bold');
xlabel ('\theta','FontSize',15,'FontWeight','bold')
ylabel ('|E|','FontSize',15,'FontWeight','bold')
axis([-1.5 1.5 0 0.8])
%% IRRADIATED FIELD THROUGH FFT
% Circular signal
step=lambda/100;
x1=(-3*a):step:(-a/2-step);
x2=-a/2:step:a/2;
x3=(a/2+step):step:(3*a);
xt=[x1,x2,x3];
Fun=E0*[zeros(1,length(x1)),cos(x2*pi/a),zeros(1,length(x3))];
figure(2)
plot(xt./lambda, Fun,'LineWidth',2)
title('Circular Illumination','FontSize',12,'FontWeight','bold');axis([-10 10 0 1.2]);grid on
xlabel ('\lambda','FontSize',15,'FontWeight','bold');
ylabel ('E0','FontSize',15,'FontWeight','bold');

%% Irradiated field through FFT


E_fft=abs(fftshift(fft(Fun)))*step;
N=length(xt);%% Lunghezza vettore x

92

dkx=2*pi/((N-1)*step);%% cambio di discretisazione (campionamento)


kx=-(((N-1)/2)*dkx):dkx:(((N-1)/2)*dkx);
theta=asin(kx/k);
figure(3)
plot(theta,E_fft,'LineWidth',2),grid on
title('Irradiated field through FFT','FontSize',12,'FontWeight','bold');axis([-1.5 1.5 0 0.8])
xlabel ('\theta','FontSize',15,'FontWeight','bold');
ylabel ('|E|','FontSize',15,'FontWeight','bold');

I. Script per calcolare il campo della antenna con apertura circular


%% CIRCULAR APERTURES
clear all,close all,clc
%PARAMETERS
f = 1e9;
lamda = 3e8/f;
k = 2*pi/lamda;
a = 3*lamda;
Eo = 1;
%% GRAPHIC OF IRRADIATED FIELD IN 3D
[theta,phi] = meshgrid(0:1:90, 0:1:360);
theta = theta*pi/180;
phi = phi*pi/180;
kx = k*sin(theta).*cos(phi);
ky = k*sin(theta).*sin(phi);
E = abs(2*a^2*pi*Eo*besselj(1,k*a*sin(theta))./(k*a*sin(theta)));
surfl(kx,ky,E);
shading interp; colormap(gray(16));
title('Radiation Pattern for \phi = 0','FontSize',15,'FontWeight','bold');axis auto;grid on
xlabel ('kx','FontSize',13,'FontWeight','bold');
ylabel ('ky','FontSize',13,'FontWeight','bold');
zlabel ('Field E','FontSize',13,'FontWeight','bold');
%% GRAPHIC OF IRRADIATED FIELD WHEN PHI = 0
X = (180/pi).*theta(1,:);
En = max(E(1,:));
Y = (E(1,:)./En);
figure(2)
plot (X,Y,'LineWidth',2);
title('Radiation Pattern for \phi = 0','FontSize',15,'FontWeight','bold');axis auto;grid on
xlabel ('\theta (degrees)','FontSize',13,'FontWeight','bold');
ylabel ('Field E','FontSize',13,'FontWeight','bold');
text(12,0.51,'The first sidelobe occurs at u = 0.8174 and its height
is','FontSize',12,'FontWeight','normal','BackgroundColor',[.7 .9 .7])
text(12,0.44,'|f(u)|= 0.1323 or 20log10(0.1323)= -17.56
dB','FontSize',12,'FontWeight','normal','BackgroundColor',[.7 .9 .7])
%% GRAPHIC OF IRRADIATED FIELD WHEN PHI = 90
X1 = (180/pi).*theta(1,:);
En1 = max(E(91,:));
Y1 = (E(91,:)./En1);
figure(3)
plot (X1,Y1,'LineWidth',2); grid on
title('Radiation Pattern for \phi = 90','FontSize',15,'FontWeight','bold');axis auto;grid on
xlabel ('\theta (degrees)','FontSize',13,'FontWeight','bold');
ylabel ('Field E','FontSize',13,'FontWeight','bold');
text(12,0.51,'The first sidelobe occurs at u = 0.8174 and its height
is','FontSize',12,'FontWeight','normal','BackgroundColor',[.7 .9 .7])

93

text(12,0.44,'|f(u)|= 0.1323 or 20log10(0.1323)= -17.56


dB','FontSize',12,'FontWeight','normal','BackgroundColor',[.7 .9 .7])

J. Script per calcolare il campo della antenna con apertura rectangular


%% RECTANGULAR APERTURES
clear all,close all,clc
%PARAMETERS
f = 1e9;
lamda = 3e8/f;
k = 2*pi/lamda;
a = 8;
b = 4;
Eo = 1;
%% GRAPHIC OF IRRADIATED FIELD IN 3D
[theta,phi] = meshgrid(0:1:90, 0:1:360);
theta = theta*pi/180;
phi = phi*pi/180;
kx = a*sin(theta).*cos(phi);
ky = b*sin(theta).*sin(phi);
E = abs(((1 + cos(theta))/2) .* sinc(kx) .* sinc(ky));
surfl(kx,ky,E);
shading interp; colormap(gray(16));
title('Radiation Pattern ','FontSize',15,'FontWeight','bold');axis auto;grid on
xlabel ('kx','FontSize',13,'FontWeight','bold');
ylabel ('ky','FontSize',13,'FontWeight','bold');
zlabel ('Field E','FontSize',13,'FontWeight','bold');
%% GRAPHIC OF IRRADIATED FIELD WHEN PHI = 0
X =(180/pi).* theta(1,:);
En = max(E(1,:));
Y = (E(1,:)./En);
figure(2)
plot (X,Y,'LineWidth',2);
title('Radiation Pattern for \phi = 0','FontSize',15,'FontWeight','bold');axis auto;grid on
xlabel ('\theta (degrees)','FontSize',13,'FontWeight','bold');
ylabel ('Field E','FontSize',13,'FontWeight','bold');
text(12,0.51,'First sidelobe is down by about 13.26 dB from
the','FontSize',12,'FontWeight','normal','BackgroundColor',[.7 .9 .7])
text(12,0.44,'mainlobe and occurs at kx = 1.4303; in this
case:','FontSize',12,'FontWeight','normal','BackgroundColor',[.7 .9 .7])
text(12,0.37,'\theta a = asin(1.4303 \lambda/a) =
10.3','FontSize',12,'FontWeight','normal','BackgroundColor',[.7 .9 .7])
text(12,0.30,'20log10(0.21)= -13.5556
dB','FontSize',12,'FontWeight','normal','BackgroundColor',[.7 .9 .7])
%% GRAPHIC OF IRRADIATED FIELD WHEN PHI = 90
X1 = (180/pi).*theta(1,:);
Y1 = E(91,:);
figure(3)
plot (X1,Y1,'LineWidth',2); grid on
title('Radiation Pattern for \phi = 90','FontSize',15,'FontWeight','bold');axis auto;grid on
xlabel ('\theta (degrees)','FontSize',13,'FontWeight','bold');
ylabel ('Field E','FontSize',13,'FontWeight','bold');
text(12,0.51,'First sidelobe is down by about 13.26 dB from
the','FontSize',12,'FontWeight','normal','BackgroundColor',[.7 .9 .7])
text(12,0.44,'mainlobe and occurs at kx = 1.4303; in this
case:','FontSize',12,'FontWeight','normal','BackgroundColor',[.7 .9 .7])

94

text(12,0.37,'\theta b = asin(1.4303 \lambda/b) =


20.95','FontSize',12,'FontWeight','normal','BackgroundColor',[.7 .9 .7])
text(12,0.30,'20log10(0.21)= -13.5556
dB','FontSize',12,'FontWeight','normal','BackgroundColor',[.7 .9 .7])

K. Script per la simulazione del radar FMCW


function [dt,R] = FMCW(fo,N,B,To)
%% %%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%
% FREQUENCY MODULATION CONTINUOS WAVE
% Input Parameters
% fo = fundamental frecuency (Hz)
% N = number of targets
% B = band (Hz)
% To = temporary period where we cover the band (s)
% R = vector of distances
% dt = vector of delay (received signal)
%% %%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%
clc,close all
c=3*10^8;
k=B/To;
%LFM PARAMETER
fs=4*B;
%We calculate the f sampling, which must be greater than 2B in order to
respect the sampling theorem
ts=1/fs;
t=[0:ts:To];
f= fo+k*t;
St=cos(2*pi*f.*t);
%Transmited signal
Sr=0;
dt=rand(1,N)*To;
for i=1:1:N
n=dt(i)/ts;
Sr=Sr+circshift(St,[1,round(n)]).*(t>dt(i)); %Received Signal
R(i)=dt(i)*c/2;
end
tfourier=fftshift(fft(St.*Sr));
fradar=abs(tfourier);
fradar=fradar(round(length(t)/2):length(t));
rmax=c*To*fs/8/B;
r=[0:rmax/length(fradar):rmax-rmax/length(fradar)];
figure(1)
plot(t,f,'LineWidth',2)
title('CHIRP SIGNAL','FontSize',12,'FontWeight','bold'),grid on
xlabel('t','FontSize',12,'FontWeight','bold')
ylabel('fo','FontSize',12,'FontWeight','bold')
figure(2)
subplot(2,1,1)
plot(t,St)
title('TRANSMITED SIGNAL','FontSize',12,'FontWeight','bold'),grid on
xlabel('t','FontSize',12,'FontWeight','bold')
ylabel('A','FontSize',12,'FontWeight','bold')
subplot(2,1,2)
plot(t,Sr)
title('RECEIVED SIGNAL','FontSize',12,'FontWeight','bold'),grid on
xlabel('t','FontSize',12,'FontWeight','bold')
ylabel('A','FontSize',12,'FontWeight','bold')
figure(3)
plot(r,fradar)
title('NUMBER OF TARGETS','FontSize',12,'FontWeight','bold'),grid on
xlabel('f','FontSize',12,'FontWeight','bold')
ylabel('A','FontSize',12,'FontWeight','bold')
end

95

Bibliografia
-

Sandra Costanzo,
Coefficienti di assorbimento dei componenti atmosferici,
Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Universita' della Calabria.

Sandra Costanzo, Telerilevamento e Diagnostica Elettromagnetica, DEIS-Universit


della Calabria.

Tasselli Diego, Il Corpo Nero o Radiazione da Corpo Nero, Teoria di Planck

Sans Federica, Analisi di dati telerilevati ottici e radar per la gestione dei disastri: le
alluvioni del bangladesh, 2010.

Andrea Piemonte, Introduzione al Telerilevamento, ABC Geomatica.

DI MASSA Giuseppe, Lezioni di Antenne, Dip. Elettronica, Informatica e


Sistemistica Universita della Calabria, 2014

PETRIZELLI Sandro, Appunti di Antenne, Antenne ad apertura, Capitolo 4,

96