Sei sulla pagina 1di 8

Lezione 5 - Modelli a parametri distribuiti

POLITECNICO DI TORINO
Corso di Laurea in Ingegneria Chimica e Alimentare

Modelli a parametri distribuiti

Roberto Pisano

Dipartimento di Scienza Applicata e Tecnologia


e-mail: roberto.pisano@polito.it
Tel. 011 0904679

Introduzione
I modelli a parametri distribuiti sono utilizzati per descrivere il
comportamento dinamico di processi le cui variabili di stato sono
funzioni del tempo e dello spazio.

Politecnico di Torino Controllo e strumentazione per processi chimici

Prof. Roberto Pisano

Lezione 05 2/15

Lezione 5 - Modelli a parametri distribuiti

Esempio Scambiatore a tubo coassiale


Si consideri uno scambiatore di calore a tubo coassiale. Il fluido di
processo (avente portata massica ( ) e temperatura T ) scorre nel
tubo interno ed riscaldato da un fluido tecnologico (avente
temperatura Tf ) che scorre nel tubo esterno.

Sia R il raggio del tubo interno, L la sua lunghezza, U il coefficiente


globale di scambio termico e AL larea di scambio per il trasferimento
di calore tra i due fluidi.
Politecnico di Torino Controllo e strumentazione per processi chimici

Lezione 05 3/15

Esempio Scambiatore a tubo coassiale


1. Obiettivi e applicazione finale
Descrivere levoluzione del profilo di temperatura del fluido di
processo al variare della temperatura in ingresso del fluido
tecnologico.

Politecnico di Torino Controllo e strumentazione per processi chimici

Prof. Roberto Pisano

Lezione 05 4/15

Lezione 5 - Modelli a parametri distribuiti

Esempio Scambiatore a tubo coassiale


2+3. Schema di processo e classificazione delle variabili
T (z = 0,t ) = T0(t ) variabile di ingresso di tipo disturbo
Tf (z = 0,t ) = T0(t ) variabile di ingresso di tipo disturbo
T ( z, t )
variabile di stato
Tf (z,t )
variabile di stato
T (z = L,t ) = TL(t ) variabile di uscita
Tf (z = L,t ) = TL(t ) variabile di uscita
T f ( z = L, t )

m , T ( z = 0, t )

m , T ( z = L, t )

T f ( z = 0, t )
Politecnico di Torino Controllo e strumentazione per processi chimici

Lezione 05 5/15

Esempio Scambiatore a tubo coassiale


4. Ipotesi semplificative
 Flusso a pistone;
 Non ci sono fenomeni di retro-miscelazione;
 Twall costante lungo z e nel tempo
 cp e sono costanti con la temperatura
5. Scelta della tipologia di modello
Modello a parametri distribuiti.
Tf
m , T ( z = L, t )

m , T ( z = 0, t )

Tf
Politecnico di Torino Controllo e strumentazione per processi chimici

Prof. Roberto Pisano

Lezione 05 6/15

Lezione 5 - Modelli a parametri distribuiti

Esempio Scambiatore a tubo coassiale


6+7. Equazioni del modello

Condizioni stazionarie
a +u = e+ g

 p Ts T
mc

 p Ts
mc

z + dz

1
 p Ts
mc
dz

z + dz

 p Ts T
= mc

+ UdAz Tw Ts

Ts = Ts ( z )

A dz
dAz = 2 Rdz = L
L

dz

) + U 2 Rdz (T T ) = 0

UA
T ) +
dz (T T ) = 0
L

Ts

z + dz

s z

dT
UA
 p s + L Tw Ts = 0
mc
dz
L

T ( z = 0, t ) = T
s ,0
s

( E1)
dz

Politecnico di Torino Controllo e strumentazione per processi chimici

Lezione 05 7/15

Esempio Scambiatore a tubo coassiale


6+7. Equazioni del modello

Condizioni dinamiche
a+u = e+ g

dVc p

T
 p T T*
+ mc
t

 p T T*
= mc
z + dz

2
Rdz
+ U dAz T f T

UA
T
 p T z + dz T z + L dz Tw T = AR dzc p
mc
L
t

1
UA
1
T
 p T z +dz T z + L dz Tw T =
AR dz c p
mc
dz
L
dz
t

T UAL
T
 p
+
Tw T = AR c p
mc
z
L
t

T ( z = 0, t ) = T0 ( t )

T ( z , t = 0 ) = Ts ( z )

dV = R 2 dz
AR = R 2
AL
= 2 R
L

( E2 )

Politecnico di Torino Controllo e strumentazione per processi chimici

Prof. Roberto Pisano

1
dz

Lezione 05 8/15

Lezione 5 - Modelli a parametri distribuiti

Esempio Scambiatore a tubo coassiale


8+9. Riscrivere le equazioni del modello in termini di variabili di
scarto
(E2) (E1):
(E1):

(T Ts ) UAL
(T Ts )
 p
+
Tw Tw,s T Ts = AR c p
mc
z
L
t

T ( z = 0, t ) Ts ( z = 0, t ) = T0 ( t ) T0,s

T ( z, t = 0 ) Ts ( z , t = 0 ) = Ts ( z ) Ts ( z ) = 0

(T Ts )
(T Ts )
UAL
+
Tw Tw,s T Ts =
v
z
t
AR c p L

T ( z = 0, t ) Ts ( z = 0, t ) = T0 ( t ) T0,s

T ( z, t = 0 ) Ts ( z , t = 0 ) = Ts ( z ) Ts ( z ) = 0

Politecnico di Torino Controllo e strumentazione per processi chimici

Lezione 05 9/15

Esempio Scambiatore a tubo coassiale


8+9. Riscrivere le equazioni del modello in termini di variabili di
scarto
Si definiscano le seguenti variabili di scarto:
 ,    ,    
  
  
,
Lequazione in termini di variabili di scarto diventa:
y y
UAL
=
y
v +

c
LA
p
R

y ( z = 0, t ) = T0 ( t ) T0,s = d ( t )

y ( z, t = 0) = 0

Politecnico di Torino Controllo e strumentazione per processi chimici

Prof. Roberto Pisano

Lezione 05 10/15

Lezione 5 - Modelli a parametri distribuiti

Esempio Scambiatore a tubo coassiale


8+9. Riscrivere le equazioni del modello in termini di variabili di
scarto
y y
UAL
y
v + =
c p LAR
z t

y ( z = 0, t ) = T0 ( t ) T0,s = d ( t )

y ( z, t = 0) = 0

Nel dominio di Laplace si ottiene:


UAL
y
y
vL + L =
L { y}
c p LAR
z
t
v

dy ( s )
UAL
+ sy ( s ) y ( 0 ) =
y ( s )

dz
c p LAR

Politecnico di Torino Controllo e strumentazione per processi chimici

Lezione 05 11/15

Esempio Scambiatore a tubo coassiale


8+9. Riscrivere le equazioni del modello in termini di variabili di
scarto
Si ottiene quindi unequazione differenziale ordinaria:
dy ( s )
UAL
v
+ sy ( s ) =
y ( s )
dz
c p LAR
La cui condizione iniziale risulta essere:
y ( s, z = 0 ) = d ( s )
Lequazione pu essere cos riscritta:
v

dy ( s )
UAL
= s +
dz
y ( s )
c p LAR

dy ( s )
UAL
= s +

y s ,0 ) y
(s)
c p LAR
y ( s , z )

dz

Politecnico di Torino Controllo e strumentazione per processi chimici

Prof. Roberto Pisano

Lezione 05 12/15

Lezione 5 - Modelli a parametri distribuiti

Esempio Scambiatore a tubo coassiale


8+9. Riscrivere le equazioni del modello in termini di variabili di
scarto
Risolvendo si ottiene:

y ( s, z )
UAL
v ln
( z 0)
= s +
y ( s,0 )
c p LAR
)

(

U ,z

y ( s, z ) = y ( s,0 ) e

1
UAL
s+
z
v vc p AR L

( z)

d ( s )


 z s
y s,0 e v

UAL

vc p AR L

z s
y ( s, z ) = d ( s ) e ( ) (U , z )

Applicando lantitrasformata di Laplace si ha:


y ( t , z ) = d ( t ( z ) ) (U , z )
T ( t , z ) Ts ( z ) = (U , z ) T0 ( t ( z ) ) T0,s

( )

( ) (

) ( ( ))

T t , z = Ts z + U , z T0 t z T0,s
Politecnico di Torino Controllo e strumentazione per processi chimici

Lezione 05 13/15

Esempio Scambiatore a tubo coassiale


10. Analisi dei gradi di libert
NE=1
NV=2
NF=NV-NE=1

Politecnico di Torino Controllo e strumentazione per processi chimici

Prof. Roberto Pisano

Lezione 05 14/15

Lezione 5 - Modelli a parametri distribuiti

Esercizi di verifica
1.

Qual la risposta del sistema a fronte di un disturbo (di tipo


rampa) sulla temperatura in ingresso del fluido? Calcolare la
risposta nel dominio del tempo.

2.

Rappresentare graficamente la risposta del sistema nel caso in


cui:
 Il sistema sia adiabatico (U=0);
 Ci sia trasferimento di calore tra il fluido tecnologico e quello
di processo.

Politecnico di Torino Controllo e strumentazione per processi chimici

Lezione 05 15/15

See you next class!

Prof. Roberto Pisano