Sei sulla pagina 1di 381

1

Al crollo della teoria evoluzionistica viene dedicato un capitolo


a s, poich tale teoria costituisce la base di tutte le filosofie anti-spirituali. Poich il Darwinismo rifiuta la realt della creazione e, di conseguenza, lesistenza di Dio, negli ultimi 140 anni esso ha fatto s che
molte persone abbiano abbandonato la propria fede o siano cadute nel
dubbio. Perci, dimostrare a tutti che questa teoria un inganno un
servizio imprescindibile, un dovere molto importante. Nelleventualit
che qualcuno tra i nostri lettori abbia la possibilit di leggere soltanto
uno dei nostri libri, riteniamo opportuno dedicare un capitolo alla sintesi di questo argomento.
In tutti i libri dellautore, gli argomenti legati alla fede vengono
spiegati alla luce dei versi Coranici, e si invitano le persone ad apprendere le parole di Dio e a vivere in conformit ad esse. Tutti i temi che
riguardano i versetti di Dio sono spiegati in modo tale da non lasciare
alcuno spazio a dubbi o interrogativi nella mente del lettore. Lo stile
sincero, semplice e scorrevole che viene impiegato assicura che ognuno,
di ogni et e proveniente da ogni gruppo sociale, possa comprendere
facilmente i libri. Grazie al loro linguaggio efficace e lucido, li si pu
leggere tutti dun fiato. Anche coloro che rifiutano rigorosamente la
spiritualit vengono influenzati dai fatti che tali libri documentano, e
non possono contestare la veridicit dei loro contenuti.
Questo libro, e tutte le altre opere dellautore, possono essere
lette individualmente o discusse in gruppo. I lettori che sono desiderosi
di trarre profitto dai libri troveranno molto utile la discussione, nel senso che essi saranno in grado di ricollegare reciprocamente le loro riflessioni ed esperienze.
Inoltre, sar un grande servizio all'Islam il contribuire alla pubblicazione e alla lettura di questi libri, che sono scritti soltanto per la
volont di Dio. I libri dellautore sono estremamente convincenti. Per
questo motivo, per chi volesse comunicare ad altri la vera religione, uno
dei metodi pi efficaci incoraggiare a leggere questi libri.
Si spera che il lettore esamini anche le recensioni degli altri libri che si trovano in fondo al testo. La gran quantit di materiali su argomenti di fede molto utile e piacevole da leggere.
In questi libri, a differenza di molti altri, non si troveranno opinioni personali dellautore, spiegazioni basate su fonti dubbie, stili non
osservanti del rispetto e della reverenza dovuti ad argomenti sacri, n
argomentazioni senza speranza, pessimistiche, che creano dubbi nella
mente e distorsioni nel cuore.

Parliamo dellautore
HARUN YAHYA lo pseudonimo dell'autore, Adnan
Oktar, che nato ad Ankara nel 1956. Dopo aver completato gli
studi superiori ad Ankara, ha studiato arte alla Mimar Sinan
University di Istanbul e filosofia allUniversit di Istanbul. A partire dagli anni 1980 ha pubblicato molti libri su temi politici, scientifici e di fede. Harun Yahya molto conosciuto come autore di
opere importanti che svelano l'impostura degli evoluzionisti, le loro
errate tesi, e gli oscuri legami tra il darwinismo e ideologie sanguinarie come il fascismo e il comunismo.
Le opere di Harun Yahya, tradotte in 57 lingue, costituiscono
una collezione di pi di 45.000 pagine in totale con 30.000 illustrazioni.
Il suo pseudonimo composto dai nomi Harun (Aronne) e
Yahya (Giovanni), in memoria dei due venerati Profeti che si batterono contro la perdita di fede dei loro popoli. Il sigillo del profeta sulle copertine dei suoi libri simbolico ed collegato ai loro
contenuti. Esso rappresenta il Corano (la Scrittura Finale) e il
Profeta Muhammad (la pace e la benedizione siano su di lui),
l'ultimo dei profeti. Sotto la guida del Corano e della Sunna (insegnamenti del Profeta [la pace e la benedizione siano su di
lui]), lautore si propone di demolire uno per uno i cardini
delle ideologie atee, e di avere lultima parola, in modo
da mettere completamente a tacere le obiezioni sollevate
contro la religione. Egli usa il sigillo dellultimo Profeta
(la pace e la benedizione siano su di lui), che raggiunse la saggezza definitiva e la perfezione
morale, come segno della sua intenzione di
offrire quest'ultima parola.
Tutte le opere di Harun Yahya hanno un unico obiettivo: trasmettere il
messaggio del Corano; incoraggiare i
lettori a riflettere su questioni fondamentali della fede, come lesistenza
di Dio, l'unit e lAldil; e dimostrare quanto fragili sono le
fondamenta dei sistemi atei e
delle ideologie distorte.
Harun Yahya ha
moltissimi lettori in

molti paesi, dallIndia allAmerica, dallInghilterra allIndonesia, dalla Polonia alla Bosnia, dalla Spagna al Brasile, dalla Malesia all'Italia, dalla Francia alla Bulgaria e alla Russia. Alcuni dei
suoi libri sono gi disponibili in inglese, francese, tedesco, spagnolo, italiano, portoghese, urdu, arabo, albanese, cinese, swahili, hausa, dhivehi (la lingua delle Mauritius), russo, serbocroato (bosniaco), polacco, malese, turco uygur, indonesiano, bengali, danese e svedese.
Molto apprezzate in tutto il pianeta, queste opere sono state lo strumento attraverso il
quale molti hanno ritrovato la fede in Allah e hanno riguadagnato una maggior comprensione
della propria fede. La saggezza e la sincerit, accanto ad uno stile particolare e molto comprensibile, toccano direttamente tutti coloro che le leggono. Chi riflette seriamente su questi
libri non pu continuare a sostenere ancora l'ateismo o qualunque altra distorta ideologia o
filosofia materialistica, poich questi libri sono caratterizzati da una rapida efficacia, da risultati definiti e incontrovertibilit. Anche se qualcuno continuasse a farlo, sarebbe soltanto per un
attaccamento emotivo, dal momento che questi libri dimostrano come tali ideologie siano false
dalle fondamenta. Tutti i movimenti contemporanei di negazione sono ora ideologicamente
sconfitti, grazie alla collezione di libri scritti da Harun Yahya.
Non c dubbio che tutto ci derivi dalla saggezza e dalla chiarezza del Corano. Lautore
intende servire modestamente come mezzo nella ricerca dell'umanit per il giusto sentiero di
Dio. La pubblicazione di queste opere non intesa al guadagno materiale.
Inestimabile il servizio reso da tutti coloro che incoraggiano altre persone a leggere
questi libri, che aprono le loro menti e i loro cuori e li guidano a divenire pi devoti servi di
Dio.
Allo stesso tempo sarebbe soltanto una perdita di tempo e di energia diffondere altri libri che creano confusione nella mente delle persone, le portano nel caos ideologico e, evidentemente, non hanno effetti forti e precisi nel rimuovere i dubbi dal cuore della gente, come verificatosi in precedenti esperienze. impossibile che dei libri concepiti per sottolineare labilit
letteraria dellautore, piuttosto che il nobile scopo di salvare la gente dalla mancanza di fede,
abbiano un cos grande effetto. Quelli che ancora dubitano, possono constatare direttamente
come il solo scopo dei libri di Harun Yahya sia quello di sconfiggere la miscredenza e diffondere i valori morali del Corano. Il successo e lefficacia di questo servizio si manifestano nella persuasione dei lettori.
Bisogna tenere a mente una cosa: la ragione principale della persistente crudelt, dei conflitti e delle sofferenze che affliggono la maggioranza della gente la prevalenza ideologica della miscredenza. A questo stato di cose si pu porre fine unicamente con la sconfitta ideologica
della miscredenza, e divulgando le meraviglie della creazione e la morale Coranica, in modo
che la gente possa vivere secondo queste. Considerando lattuale stato del mondo, che conduce
in una spirale discendente di violenza, di corruzione e di conflitto, chiaro che questo servizio
deve essere reso in modo pi rapido ed efficace, prima che sia troppo tardi.
In questo sforzo, i libri di Harun Yahya assumono un ruolo centrale. Con il permesso di
Dio, questi libri costituiranno un mezzo tramite il quale la gente del XXI secolo raggiunger la
pace, la giustizia e la felicit promesse nel Corano.

Introduzione ........................................................10
Darwinismo sociale ............................................16
La storia della crudelt, da
Malthus a Darwin ..............................................38
I baroni ladri, seguaci di Darwin ................56
Darwinismo sociale e mito
della razza privilegiata...................................... 84
Il risultato della coalizione Hitler-Darwin:
40 milioni di morti .............................................. 162
Darwinisti sociali: sterilizzazione
e leggi capitali...................................................... 194
Una teoria che sminuisce le donne ..................250
Darwinismo e degrado morale ........................270
Lerrore della psicologia evolutiva ..............310
Conclusione ..........................................................338
Il raggiro dellevoluzione ..................................344

10

l XX secolo stato uno dei pi bui e nefasti dellintera storia


delluomo: scenario di disumani spargimenti di sangue e della
sottomissione di milioni di persone alla paura e alloppressione

pi atroci. Dittatori come Hitler, Stalin, Pol Pot e Idi Amin ordinarono
il genocidio di milioni di persone. Hitler si serv delle camere a gas per
sterminare gli inutili. Centinaia di migliaia di persone in molti paesi occidentali (dalla Gran Bretagna alla Germania, dagli USA alla
Svezia) vennero sterilizzati a forza o fatti morire soltanto perch
malati, storpi o anziani. In tutto il mondo furono oppresse e sfruttate
intere popolazioni in nome di una competizione feroce. Il razzismo divenne lideologia di alcuni ceti sociali e alcune razze non furono considerate nemmeno umane. A causa dei conflitti e delle guerre calde e
fredde tra Est e Ovest, le popolazioni dei paesi comunisti e capitalisti,
e persino gli stessi concittadini, divennero nemici tra di loro.

11

La natura del fondamento ideologico che ha sospinto il XX secolo verso lo sconvolgimento, il caos, le guerre e i conflitti, originando
odio e inimicizia per non viene palesata. Fu leconomista inglese
Thomas Malthus a gettare le basi di questo fondamento ideologico.
Questo concetto pernicioso, ampiamente accettato dalla gente estranea ai valori morali religiosi, fu ulteriormente rafforzato da un altro inglese, il sociologo Herbert Spencer, e diffuso dalla teoria dellevoluzione avanzata da un altro britannico ancora: Charles Darwin.
Queste tre figure ignorarono del tutto le virt morali religiose
della collaborazione, dellaltruismo, della tutela dei poveri, degli infermi e delluguaglianza di tutti gli esseri umani. Al contrario, diffusero la menzogna che la vita un campo di battaglia, che loppressione e lo sterminio dei poveri e delle razze da loro considerate inferiori avevano ragione di esistere che, come risultato di quella feroce
battaglia, sarebbero sopravvissuti solo i pi adatti e che tutti gli altri sarebbero stati eliminati. Secondo loro ci avrebbe portato al progresso dellumanit.

12

Con la teoria dellevoluzione, Darwin tent di applicare la


sua filosofia dellegoismo alle scienze naturali. Senza tener conto degli esempi di solidariet e collaborazione creati nella natura da Allah e, nonostante gli mancassero prove scientifiche a
sostegno della sua tesi, sosteneva che a tutti gli esseri viventi
toccava unefferata lotta alla sopravvivenza e che quella stessa
efferatezza poteva applicarsi alle societ umane. Una volta che
la teoria dellevoluzione venne applicata alla societ entr in
scena il darwinismo sociale.
Alcuni ritengono che il darwinismo sociale sia nato nella
seconda met del XIX secolo e che abbia perso la sua influenza
durante la seconda met del XX. Ma questa teoria ha avuto effetti negativi molto pi permanenti e dannosi. In completa contraddizione con i valori morali religiosi si diffuse una visione
distorta del mondo secondo cui la vita un a lotta alla sopravvivenza e la gente deve misurarsi per vincere o, quanto
meno, per sopravvivere. Emersero nuovi stili di vita che ispirarono le sanguinose e totalitarie ideologie del comunismo e
del fascismo, un capitalismo feroce che ignorava la giustizia sociale, il razzismo, i conflitti etnici, la degenerazione morale e
molti altri disastri che hanno inflitto catastrofi allumanit.
All'improvviso il darwinismo sociale serv a dare una presunta validit scientifica ai mali esistenti, alle politiche e alle
pratiche spietate. Adottando questa tendenza, del tutto priva di
qualsiasi fondamento scientifico, molta gente abbandon i valori morali religiosi e cominci a concepire la crudelt, la barbarie e la ferocia come elementi della vita quotidiana, ignorando, di conseguenza, che i valori morali religiosi comportano la
virt della compassione, dellaffetto, della comprensione, del
sacrificio, della solidariet e del sostegno reciproco tra societ e
individui. A giustificare il male che infliggevano gli esecutori
adducevano prove scientifiche ma, naturalmente, queste false
Darwinismo: Arma Sociale

13

Il darwinismo sociale forn una presunta giustificazione scientifica per molte manifestazioni crudeli
contro le vite umane reputate povere e insignificanti.

14

rivendicazioni e supposizioni non erano altro che un terribile raggiro.


In questo libro si esamineranno e si chiariranno due concetti
principali: innanzitutto si far luce sul pericolo di inculcare ai giovani il darwinismo e di accettarne la teoria e si dimostrer alle persone ignare o inconsapevoli la minaccia che questo comporta agli
individui e alle societ.
In un secondo momento daremo una risposta a coloro che
sostengono che Darwin e gli evoluzionisti non sono in totale accordo con i darwinisti sociali dimostrando che ogni evoluzionista
che approva la teoria dellevoluzione come se sottoscrivesse anche il darwinismo sociale.
Dalla prima allultima pagina si porr laccento sul fatto che il
modello proposto dalla teoria dellevoluzione, ossia esseri umani
visti come specie animale, un errore basato sullefferatezza, sulla
mancanza damore, sullegoismo e sullindividualismo. Il darwinismo tenta di far figurare un mondo dove gli esseri umani vivono
e si comportano come animali: concetto sviluppato dagli insegnamenti e dalle pratiche del darwinismo sociale. Da questi si desume
che sia del tutto accettabile che una persona anziana e bisognosa
venga trascinata fuori dalla propria casa per essere uccisa o che
vengano raggruppati i disabili per poi lasciarli morire nei campi di
concentramento. Sempre secondo questa concezione, le classi inferiori possono essere perseguitate, sfruttate ed eliminate. Coloro
che ritengono che la societ umana possa progredire solo quando
si metteranno in atto queste politiche atroci, sottintendono che i
massacri, il genocidio, la crudelt e lefferatezza siano una forma di
successo. Gli individui e le societ (quindi intere nazioni e culture)
incapaci di raggiungere quel successo devono essere eliminate.
Senza dubbio questo tra i modi di pensare pi perversi e
pericolosi ed importantissimo che coloro che contestano la teoria

Darwinismo: Arma Sociale

15

e le ideologie che su di essa si basano, avvertano questa minaccia.


I modelli sociali fondati sul pensiero di Darwin e sul darwinismo
porteranno alle catastrofi pi terribili invece i valori morali che
Allah impartisce allumanit e che rivela nel
Corano porteranno sempre pace e benessere.

16

a disuguaglianza razziale, la discriminazione etnica, la concorrenza sleale, loppressione dei poveri, lo sfruttamento dei
deboli e lidea che la ragione sia sempre del pi forte, sono

mali che le societ hanno patito nel corso della storia. Migliaia di anni fa, ad esempio, allepoca del profeta Mos (pscl) il Faraone si reputava superiore rispetto a chiunque altro per via del suo benessere e
dellesercito al suo servizio. Questa sua alterigia gli fece disconoscere
i profeti Mose e Aaron (la pace sia con loro) che cerc persino di far
ammazzare, nonostante dicessero la verit. Il faraone mise in atto anche politiche discriminatorie: suddivise il suo popolo in classi, definendo alcuni inferiori e inflisse numerose torture agli Israeliti uccidendo gli adulti maschi con lo scopo di estinguerne la razza. Sulle
perversioni del faraone il Corano riporta quanto segue:

17

Il Faraone era altero sulla terra; divise in fazioni i suoi abitanti per
approfittare della debolezza di una parte: sgozzava i loro figli maschi
e lasciava vivere le femmine. In verit era uno dei corruttori (Surat
al-Qasas, 4)
Non son forse migliore di questo miserabile che sa appena esprimersi? (Surat az-Zukhruf, 52)
Cerc cos di confondere il suo popolo ed essi gli obbedirono[...]
(Surat Az-Zukhruf, 54)
E abbiamo fatto, del popolo che era oppresso, l'erede degli Orienti e
degli Occidenti della terra che abbiamo benedetta [...] (Surat alA'raf, 137)

Quella dellantico Egitto non fu affatto lunica societ estremista


in cui il potere era un diritto, gli essere umani furono suddivisi in classi e gli inferiori vennero oppressi e maltrattati. Esistono numerosi
esempi di regimi del genere, senza escludere lattualit.
Nel XIX secolo, tuttavia, queste pratiche malefiche acquisirono
una nuova dimensione. Le politiche e i provvedimenti che fino a quel
momento erano stati ritenuti crudeli, improvvisamente cominciarono
a essere giustificati perch trattavasi di pratiche scientifiche basate
su fatti della natura. Cosa ha reso giustificabili queste forme di efferatezza cos allimprovviso?

18

Darwin avanz la propria teoria dellevoluzione nel libro


Lorigine delle specie pubblicato nel 1859. Si tratta di congetture
sullorigine della vita (prive di alcun fondamento scientifico,
che hanno portato a una visione del mondo pi ingannevole), di
una filosofia distorta che nega lesistenza di Dio e che concepisce il caso come forza creativa (dietro tutto questo c
Allah!). La concezione che luomo sia una sorta di animale e che
la vita sia una sfera di lotta e competizione feroce venne accettata come verit scientifica.
Darwin fu il primo a sviluppare questa teoria, avanzata
come risultato delle interpretazioni primitive del XIX secolo
della scienza. Circa 50 anni prima, nel 1798, Thomas Malthus,
nel suo libro Saggio sul principio di popolazione, aveva proposto
una serie di idee che non hanno nulla a che vedere con la realt.
Secondo questo studio, che adesso stato provato non aver alcun valore scientifico, la popolazione cresceva molto pi rapidamente delle risorse alimentari e, pertanto, si doveva tenerne
sotto controllo laumento. Malthus asseriva che le guerre e le
epidemie fungono da freni naturali e che sono vantaggiose
per le popolazioni. Fu il primo a parlare di lotta alla sopravvivenza. Stando alla sua tesi, lontana anni luce dai valori di
umanit, i poveri non devono essere tutelati ma, anzi, devono
essere lasciati nelle peggiori condizioni possibili e si deve impedire che si riproducano in modo da poter garantire alle classi
benestanti una quantit di cibo sufficiente (per ulteriori dettagli
andare al Capitolo 2 La Storia della crudelt, da Malthus a
Darwin). Di certo, chiunque abbia una coscienza e un minimo
di buon senso si opporrebbe a questa crudele barbarie.
Nonostante i valori morali religiosi prevedano che si dia una
mano ai poveri e ai bisognosi, Malthus (e i suoi seguaci) affermavano che si dovevano lasciar morire senza alcuna piet.

Darwinismo: Arma Sociale

19

Herbert Spencer, sociologo e filosofo inglese, fu il primo di


una lunga serie ad adottare e sviluppare queste idee disumane.
Difatti, sua la sopravvivenza dei pi adatti, definizione che
riassume le affermazioni principali del darwinismo. Spencer
dichiar che gli inadatti dovevano essere eliminati e, a tal
proposito, scrisse:
Se sono sufficientemente idonei per vivere, vivono, ed un bene
che vivano. Se non sono sufficientemente idonei per vivere,
muoiono, ed meglio che muoiano.1

Secondo la sua opinione, i poveri, gli ignoranti, gli infermi,


gli storpi e i falliti dovevano morire tutti e tent di intromettersi nella politica per evitare che venissero emanate leggi a tutela
dei poveri.
Non aveva la bench minima piet per la gente che ispira
sentimenti di compassione e protezione e, proprio alla stregua
Malthus, cerc dei modi per sbarazzarsene. In Social Darwinism
in American Thought, lo storico americano Richard Hofstadter
commenta quanto segue:
Spencer deplor non solo le leggi per i poveri, ma anche
listruzione a spese dello stato, la sorveglianza sanitaria oltre che
la soppressione dei molesti, la regolamentazione delle condizioni
abitative e persino la tutela statale degli ignoranti contro i medici
ciarlatani. 2

Fortemente influenzato dalle crudeli visioni del mondo di


Spencer e Malthus, in Lorigine della specie Darwin avanz la tesi
che le specie si sono evolute per mezzo di una selezione naturale. Darwin non era uno scienziato e il suo interesse verso la biologia era di tipo amatoriale. Nei primitivi microscopi della sua
epoca, le cellule non sembravano altro che macchie confuse e le
leggi biologiche dellereditariet non erano state ancora scoperte. Stando alla teoria, sviluppata su una conoscenza scientifi-

Harun Yahya (Adnan Oktar)

20

ca davvero limitata e in condizioni inadeguate, la natura selezionasempre i pi adatti e la vita si sviluppa di conseguenza.
Fondata su basi del tutto errate sin dallinizio, la teoria prevedeva che la vita fosse data dal caso. Darwin, pertanto, rifiutava il
fatto che lavesse creata Dio (dietro tutto questo c senzaltro
Allah!). Dopo Lorigine della specie Darwin inizi ad adattare la
sua teoria non scientifica agli essere umani in Lorigine delluomo,
in questo libro spiega come le razze cosiddette arretrate si sarebbero estinte entro breve, mentre invece quelle pi avanzate si
sarebbero sviluppate e progredite. Questopera, il suo adattare
la teoria dellevoluzione agli essere umani e altri suoi scritti determinarono la nascita del darwinismo sociale.

21

Laffermazione erronea di
Darwin secondo cui si devono
opprimere i deboli e gli inermi, appoggiata dalla sua teoria non scientifica, uno dei
fattori principali della diffusione della disuguaglianza e
dellingiustizia.

22

A portare avanti queste idee furono i suoi fedeli seguaci.


Tra i pi eminenti ricordiamo Herbert Spencer e Francis Galton,
cugino di Darwin, in Gran Bretagna, William Graham Sumner
in America, l'acceso darwinista Ernst Haeckel e lultimo razzista
fascista Adolf Hitler in Germania.
Il darwinismo sociale divenne presto un mezzo di autodifesa per razzisti, imperialisti, fautori di uningiusta competizione in nome del capitalismo e per i governanti che non avevano adempiuto alla responsabilit di proteggere i poveri e i
bisognosi. I darwinisti socialisti tentarono di far passare come
legge naturale loppressione dei deboli, dei poveri e delle cosiddette razze inferiori, leliminazione degli invalidi da parte dei
forti, la sottomissione delle piccole imprese da parte di quelle
grandi, dando adito a pensare che quello fosse lunico modo per
far progredire lumanit. Cercarono di giustificare tutte le ingiustizie perpetrate nel corso della storia con spiegazioni scientifiche. La mancanza di coscienza e di compassione del darwinismo sociale venne descritta come una legge della natura e la
strada principale per arrivare alla cosiddetta evoluzione.
In particolare, per giustificare a modo loro il clima di competizione incontrollata che avevano stabilito, diversi capitalisti
americani si servirono delle citazioni di Darwin. Ma non si trattava altro che di un enorme raggiro, stavano mentendo spudoratamente. Ad esempio, Andrew Carnegie, uno dei maggiori
capitalisti e uno di quelli coinvolti nella falsit, in un suo discorso del 1889 afferm:
Il prezzo la societ che paga per la legge della competizione, cos
come il prezzo che paga per i comfort economici e per i beni di lusso, alto; ma i vantaggi di questa legge sono maggiori dei suoi
costi ed a questa legge che dobbiamo in nostro meraviglioso
sviluppo materiale, che porta con s condizioni ottimizzate

Darwinismo: Arma Sociale

23

Mentre per gli individui questa legge pu essere dura, per la razza un bene poich assicura la sopravvivenza ai pi adatti in ogni
settore. Accettiamo e sosteniamo, quindi, come condizioni a cui
dobbiamo adeguarci, la grande disuguaglianza dellambiente, la
concentrazione di affari, industriali e commerciali, nelle mani di
pochi; e la legge della competizione tra questi, non soltanto come
vantaggioso, ma essenziale per il futuro progresso della razza .3

Stando al darwinismo sociale lunico obiettivo della razza


il proprio sviluppo fisico, economico e politico. La felicit dellindividuo, il benessere, la pace, la sicurezza sembrano non
avere alcuna importanza. Non si prova alcun tipo di compassione verso chi soffre e chi implora aiuto, verso chi non pu
provvedere ai figli, ai genitori anziani e alle famiglie senza alloggio, cibo e medicine, verso i poveri e gli inermi. Secondo
questa visione contorta anche un povero ma onesto cittadino
non ha alcun valore e la sua morte va a beneficio dellumanit.
Mentre invece una persona ricca ma moralmente corrotta viene
ritenuta importante per il progresso della razza e, a prescindere dalle condizioni, considerata inestimabile. Questa
logica spinge i sostenitori del darwinismo sociale verso un crollo morale e spirituale. Nel 1870, William Graham Sumner, un altro darwinista sociale, proclam questaltro concetto immorale:
[] non possiamo esimerci da questa alternativa: libert, disuguaglianza, sopravvivenza dei pi adatti; non-libert, uguaglianza,
sopravvivenza dei non adatti. I primi mandano avanti la societ e
avvantaggiano i membri migliori, gli ultimi fanno sprofondare la
societ avvantaggiandone i membri peggiori .4

I fedeli pi sfegatati al darwinismo sociale erano razzisti e


i pi pericolosi, ovviamente, furono gli ideologi nazisti e il loro
leader, Adolf Hitler. Il costo pi pesante del darwinismo sociale
lo si deve ai nazisti, i quali misero in pratica leugenetica (ide-

Harun Yahya (Adnan Oktar)

24

ologia del cugino di Darwin, Francis Galton), secondo cui le comunit possono comporsi di individui di qualit superiore
tramite un processo di epurazione dei geni difettosi. Inoltre, i
nazisti misero in pratica il genocidio utilizzando la teoria di
Darwin come copertura, come se potesse in qualche modo giustificare le loro azioni. Su consiglio degli scienziati darwinisti
sterminarono ebrei, zingari ed europei dellEst, considerati appartenenti a razze inferiori. Assassinarono malati mentali, disabili e anziani nelle camere a gas. Nel XX secolo, davanti allo
sguardo del mondo intero, vennero uccise milioni di persone
con i mezzi pi atroci in nome del darwinismo sociale.
Il movimento eugenetico, capeggiato da Francis Galton,
risult un altro prodotto disastroso del darwinismo sociale.
Credendo che lo sviluppo umano potesse accelerarsi, i suoi
seguaci sostenevano che fosse necessaria una selezione umana
per sveltire quella naturale. Inflissero la sterilizzazione obbligatoria ai soggetti inutili in molti ppaesi, dallAmerica alla
Svezia: considerati meno che umani, centinaia di migliaia
furono operati contro la loro volont senza la consapevolezza o
il permesso delle famiglie. Lattuazione pi crudele delleugenetica si verific in Germania dove i nazisti, innanzitutto, sterilizzarono storpi, malati mentali e soggetti affetti da malattie
ereditarie e poi, non contenti di ci, cominciarono ad assassinarli in massa. Centinaia di migliaia di persone vennero condannate a morte solo perch anziane o mutilate.
Una tale crudelt non pu assolutamente trovare posto nella moralit religiosa. Allah ha comandato alle persone di proteggere e assistere i bisognosi. Soddisfare le esigenze dei poveri,
trattare gli invalidi con affetto e compassione e rispettarne i
diritti, assicurare collaborazione e solidariet nella societ sono
tutti valori delletica religiosa. Chi ignora i valori morali di
Allah avvia se stesso e la societ in cui vive verso la rovina.
Darwinismo: Arma Sociale

25

Un'altra catastrofe alla quale il darwinismo sociale adduce


una presunta giustificazione il colonialismo. Gran parte dei
governanti degli Stati coloniali tentarono di giustificare lo sfruttamento selvaggio delle popolazioni native con tesi darwiniste
del tutto prive di validit scientifica o consistenza logica.
Ritenevano che le razze inferiori dovessero essere tenute sotto controllo da quelle superiori poich questo voleva la natura, e fondarono le loro politiche su queste presunte basi scientifiche.
Sfruttando la logica del darwinismo sociale, i combattenti
delle due guerre mondiali tentarono di far figurare la guerra
come un evento inevitabile e lassassinio di innocenti e poveri,
la distruzione delle loro case, attivit e capi di bestiame, labbandono forzato per milioni di persone di case e terreni, lomicidio di neonati e bambini, come modi per garantire il progresso umano.

I nazisti dapprima sterilizzarono i bambini con malattie mentali o


ereditate e poi cominciarono a inviarli nelle camere a gas. Anche i
bambini mutilati divennero vittime delleugenetica.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

26

In conclusione, il darwinismo sociale fu la causa che cost


milioni di vite nel XIX e XX secolo. Con esso, molti mali persistiti nei secoli acquisirono una presunta giustificazione scientifica, a prova di ci, in Lintelligenza e pregiudizio, lultimo paleontologo evoluzionista, Stephen Jay Gould, su Lorigine della specie
di Darwin sostiene quanto segue:
I successivi argomenti a favore del razzismo, del colonialismo,
delle differenze razziali, delle classi sociali e dei ruoli sessuali andarono avanti primariamente nel nome della scienza.5

Lo stesso Darwin fu un darwinista sociale


Non importa quanto gli evoluzionisti doggi tentino di separare il nome di Darwin dalle sofferenze originate dal darwinismo sociale; Darwin us le espressioni inequivocabili dei darwinisti sociali, specialmente in Lorigine delluomo e in altre
opere. In una lettera del 1869 a Hugo Thiel dichiar che non
vedeva nulla in contrario allapplicazione della sua teoria alla
societ:
Non puoi credere quanto sia interessato nel vedere che alle
questioni morali e sociali si applichi una visione analoga a quelle
che ho usato io nei riguardi della trasformazione della specie.6

Benjamin Wiker docente di teologia e scienze alla


Franciscan University e autore di Moral Darwinism: How We
Became Hedonists. In unintervista ha dichiarato che Darwin fu il
primo darwinista socialista e, che piaccia o no, quando si legge
Lorigine delluomo si evince che lo stesso Darwin fu il primo darwinista sociale e padre del movimento eugenetico moderno. Il
darwinismo sociale e leugenetica sono scaturiti direttamente
dal suo principio di selezione naturale:
Ritengo che il vero motivo per cui la gente sia contraria a chi collega il darwinismo a cose come leugenetica si debba al fatto che

Darwinismo: Arma Sociale

27

Moral Darwisnism di Benjamin Wilker

quella stessa gente non vuole che la teoria


venga infamata da implicazioni morali.
Ma le implicazioni sono l, non solo nel
testo, ma come evidenziato negli effetti sociali e morali che il darwinismo ha avuto da
quando apparso un secolo e mezzo fa .7

Come si vedr nei prossimi capitoli, da quanto espresso e


dichiarato da Darwin si deduce che sia stato lui a ingenerare il
darwinismo sociale. Gli evoluzionisti moderni stentano ad accettare questa opinione per
via dei terrificanti effetti
del darwinismo sociale
nel XX secolo. Il fatto
che la competizione, il
razzismo e la discriminazione (elementi fon-

Lorigine delluomo
di Darwin

Harun Yahya (Adnan Oktar)

28

damentali del darwinismo sociale) stanno alla base anche della


teoria dellevoluzione. Che gli evoluzionisti la accettino o meno,
la realt dei fatti che queste sono le conseguenze di aver adottato il darwinismo. Qualsiasi teoria che affermi che gli esseri
umani sono frutto del caso e forme pi avanzate rispetto agli
animali, che alcune razze sono meno sviluppate di altre e, pertanto, pi vicine agli animali e che lumanit pu progredire attraverso loppressione dei deboli per mano dei forti, inevitabilmente avr delle tragiche conseguenze.

29

Lapparente rifiuto del darwinismo sociale da parte degli


evoluzionisti non una soluzione. La nostra speranza che coloro che sono stati ingannati dalla teoria arrivino ad accettare che
la teoria dellevoluzione scientificamente un fallimento.

La percezione della guerra, come mezzo necessario per il progresso delle razze o delle nazioni, uno dei risultati della
filosofia darwinista che ha apportato tale distruzione. Strade
francesi distrutte durante la Seconda Guerra Mondiale, tra le
pi sanguinose mai viste.

30

Lerrore di applicare le leggi della natura


agli esseri umani
Allepoca in cui Darwin propose la sua teoria, la scienza era
ancora piuttosto arretrata su molti aspetti. Il microscopio a elettroni
non era stato ancora inventato per cui i minimi dettagli degli organismi viventi erano ancora sconosciuti. La cellula sembrava una
semplice macchia e nessuno sapeva che possedesse una struttura
non meno complessa di quella di una citt, costituita da molti organuli diversi. La genetica non esisteva e le leggi biologiche dellereditariet dovevano essere ancora scoperte. Molti biologi e
scienziati, incluso lo stesso Darwin, erano cos ignoranti da credere

I microscopi
primitivi dellepoca di Darwin
davano limpressione che le cellule fossero
semplicemente
una struttura
semplice di protoplasmi indifferenziati.

31

che le caratteristiche acquisite si potevano ereditare alle generazioni a venire. Ad esempio, credevano che se per via del lavoro un
fabbro aveva sviluppato dei muscoli potenti allora anche i suoi
figli avrebbero avuto gli stessi muscoli. Fu in quel primitivo clima
scientifico che Darwin svilupp la sua teoria. N Darwin n nessuno dei suoi sostenitori fu capace di estrapolare dalla paleontologia, dalla biologia o dallanatomia delle prove a favore della teoria
dellevoluzione. Inoltre, le osservazioni e gli esperimenti eseguiti
negli anni successivi, e specialmente quelli ottenuti nel XX secolo,
hanno rivelato che la teoria completamente sbagliata. Ma nonostante la sua scarsa valenza scientifica, il fatto che stuzzicasse la cu-

I microscopi
moderni hanno
mostrato quanto
sia davvero
complessa e
perfetta la struttura della cellula.

32

riosit di materialisti e atei fece s che una parte del mondo scientifico la adottasse immediatamente.
Addirittura, per via dei messaggi ideologici che conteneva, alcuni gruppi cominciarono ad applicarla alla sfera sociale. La teoria
sta alla base delle stragi del XX secolo quali genocidio, sterminio di
massa, guerre civili (in cui ci si ammazzava tra fratelli) e guerre
mondiali che hanno distrutto intere nazioni. Si deciso di abbandonare i valori morali religiosi e le rispettive virt a favore della
legge della giungla in cui si opprimono e si eliminano i pi
deboli. Questa teoria, priva di qualsiasi validit scientifica
ha influenzato un intero secolo.

33

Uno dei pi grandi errori del darwinismo sociale fu il tentativo di applicare la teoria alla sfera sociale. Un altro errore fu quello di associare le leggi della natura agli esseri umani che Allah ha
creato con coscienza, ragione, consapevolezza e capacit di
giudizio. Pertanto, contrariamente a quanto i darwinisti sociali affermano, le leggi della giungla non riguardano gli esseri umani e
ognuno responsabile dellesercizio delle proprie capacit nel
corso della vita. Allah ha stabilito per gli esseri umani un arco di
tempo limitato. Quando sopraggiunge la morte, gli individui risuscitano nellInferno o nel Paradiso in base al proprio comportamento adottato nella vita terrena.
Se i bisognosi di una societ vengono maltrattati e
abbandonati a loro stessi, si vengono a creare tensioni e collere, salvo che non prevalgano la pazienza
e il perdono incoraggiati dai valori morali.

34

La pratiche darwiniste sociali inflitte allumanit: odio,


rabbia, conflitto, omicidio e guerra.

35

Nella natura accade che, quando non riescono ad adattarsi alle


condizioni prevalenti, gli esseri viventi muoiono o si estinguono. Ad
esempio, un coniglio dal pelo nero in una foresta ricoperta di neve
risulta una facile preda per le volpi. Tuttavia, al contrario di quanto i
darwinisti vorrebbero farci credere, il fatto che i conigli dal pelo nero
muoiano non implica la nascita di una nuova specie dal pelo pi
chiaro. Inoltre, gli animali sono molto diversi dagli esseri umani perch, per vivere, non devono adattarsi alle condizioni naturali. Noi
umani abbiamo i mezzi per cambiare ci che ci circonda rispetto ai
nostri bisogni ed esigenze. Difatti, adattiamo le costruzioni, i sistemi di
riscaldamento e raffreddamento e il modo di vestirci in base al clima
in cui viviamo. Nelle societ umane non esiste una selezione naturale
poich la ragione e le capacit degli esseri umani prevengono tale
processo.
Questi errori portarono i darwinisti sociali a guardare le societ
da una prospettiva disumana. Un esempio importante di questa
prospettiva, priva di ragione e coscienza, stato quello di pensare che
abbandonare a se stessi i deboli, i bisognosi, gli inermi e i disabili possa fa progredire le societ. Il fatto che questo rifiuto egoistico sfocia
nella rovina, non nel progresso. Coloro che, secondo il darwinismo,
dovrebbero essere trascurati e lasciati negletti sono esseri umani dotati
di coscienza, pensiero e ragione. Abbandonati allingiustizia e alla
crudelt (a meno che non possiedano le virt della pazienza, del per-

36

dono e della comprensione impartiti dai valori morali religiosi)


potrebbero provare rabbia e odio per coloro che infliggono loro
simili trattamenti e, come mostrano i fatti recenti, ricorrere alla violenza che, a sua volta, pu sfociare nel conflitto e nel caos. Il risultato di tutti i mezzi materiali e spirituali adoperati per risolvere i
conflitti sar un regresso in tutte le sfere (dallarte alla tecnologia,
dalleconomia alla scienza).
Inoltre, uccidere i malati o gli invalidi in nome delleugenetica
non solo un atto brutale ma non contribuisce in alcun modo al
progresso sociale. Accettare ci causerebbe unenorme perdita che
porterebbe la societ alla rovina. Oggigiorno circa il 6% della popolazione mondiale (mezzo miliardo di persone, davvero un gran numero) disabile. Ci significa che ognuno perderebbe un membro
della propria famiglia o un conoscente e che ne avrebbe contribuito
alla morte. Si aprirebbero delle ferite spirituali che causerebbero
seri danni al benessere psicologico della gente. La degenerazione e
la depressione sarebbero alla base di societ in cui le madri non
crederebbero ai figli, i figli alle madri o i fratelli fra loro, societ in
cui si potrebbe uccidere in qualsiasi momento. Ad ogni modo, una
societ che uccide le persone solo perch disabili sintomo di un
devastante crollo morale, di una perdita di tutti i valori e dellumanit. Senza dubbio, parlare di raggiungere il progresso per mezzo di omicidi denota la presenza di seri problemi mentali e psicologici.

Se si vuole evitare di ricadere nella sofferenza del secolo scorso, e se questo deve essere un XXI secolo di
pace, allora si deve avvertire la gente del pericolo e
delle menzogne del darwinismo.

37

A soffrire di pi sarebbero i condannati alleliminazione e


quella sofferenza darebbe origine a ferite profonde nelle coscienze
degli altri.
Come si mostrer nelle prossime pagine, il darwinismo sociale
ha tentato di applicare alle societ la teoria dellevoluzione (anchessa basata su interpretazioni scientifiche piuttosto arretrate) ma
la sua concezione del mondo in assoluto contrasto con la natura
umana. Una volta messa in pratica, sminuisce lumanit e la spinge
verso la depressione e il caos, apportando odio che, a sua volta, sfocia nel conflitto, nella guerra e nei delitti. Il darwinismo sociale raggiunse lapice nella seconda met del XIX secolo e la prima met del
XX, ma se ne possono riscontrare gli effetti anche al giorno doggi.
In nome della psicologia evolutiva e del determinismo genetico sono ancora in atto dei tentativi per stimare gli effetti degli errori del darwinismo sulla societ. Con il fine di proteggere il XXI secolo da ulteriori catastrofi, si devono rivelare i pericoli del darwinismo sociale in tutti i loro aspetti e si deve avvertire il mondo intero
che non esiste alcuna prova scientifica della teoria su cui si basa
questa filosofia.

38

ome abbiamo gi chiarito, le considerazioni di Darwin in


Lorigine della specie furono influenzate per lo pi dalleconomista e demografo inglese Thomas Robert Malthus.

In Saggio sul principio di popolazione, pubblicato nel 1798, Malthus

afferm che ogni venticinque anni la popolazione cresceva secondo


una proporzione geometrica (1, 2, 4, 8, 16, 32, 64, 128, 256), mentre
la quantit di cibo secondo una proporzione aritmetica (1, 2, 3, 4, 5, 6,
7, 8, 9...); quindi, mentre la popolazione raddoppiava, le risorse alimentari mostravano un aumento molto pi modesto. Di conseguenza, da l a 300 anni la proporzione tra popolazione e risorse alimentari sarebbe stata 4.096 a 13. Ancora una volta, secondo questidea pri-

39

va di valore scientifico, le risorse non erano sufficienti rispetto alla


crescita rapida della popolazione e, quindi, era essenziale intraprendere una seria lotta alla sopravvivenza. Questo stesso concetto venne
ripreso nel sottotitolo di Lorigine della specie di Darwin, ossia la preservazione delle razze privilegiate nella lotta per la vita.
Nel suo Saggio, Malthus afferm che si doveva arrestare questa
rapida crescita della popolazione e, in merito, sugger varie proposte.
Secondo lui, la carestia e la debolezza erano i due fattori principali che
controllavano la crescita. I fenomeni quali la fame e le epidemie erano esempi di carestia che tenevano sotto controllo la popolazione.
Altri esempi erano costituiti dalle guerre. Malthus scrisse che la guerra, la carestia, le malattie e lo sterminio dei neonati avrebbero contribuito a bilanciare la popolazione e le derrate alimentari. Chiunque
con un minimo di buon senso e di coscienza concorder che tali affermazioni sono irrazionali, illogiche, e spaventosamente brutali.
chiaro che per il futuro delle societ fondamentale unaccurata pianificazione del reddito e delle risorse essenziali per il benessere e la
pace delle stesse. Ma altrettanto evidente che le guerre, i massacri e

40

gli stermini non facciano altro che procurare lacrime e sofferenze al futuro della societ.
Ma Malthus non si ferm solo a questo. Difatti, propose dei
provvedimenti da adottare nei confronti delle coppie meno abbienti per evitare che si riproducessero. Nel 1834 in Inghilterra
venne promulgata una nuova legge, ispirata alle idee di
Malthus, che istitu degli ospizi speciali per i poveri. Con lo
scopo di ridurre la crescita della popolazione, le severe regole
degli ospizi imponevano alle coppie sposate di non concepire.
A contribuire a questi provvedimenti vi fu il timore che il
crescente numero di classi povere avrebbe potuto sopraffare
gli individui pi civilizzati. Naturalmente questa paura era immotivata e il prodotto di un grave raggiro. Innanzitutto, da escludere che un individuo sia superiore a un altro solo per il suo
stato materiale, la posizione sociale, la lingua, la razza o il
genere. Allah ha creato tutti gli essere umani uguali. Ci che li

Thomas Robert Malthus

Darwinismo: Arma Sociale

41

rende preziosi sono le virt morali e il timore di Nostro Signore


che, non di certo, dimostrano i beni materiali o gli attributi fisici.
Nella scia della rivoluzione francese, il ceto medio inglese
sostenne a gran voce il Malthusianesimo. Temendo di non poter pi mantenere la supremazia e il potere, i governanti dellepoca adottarono dei provvedimenti radicali a favore proprio.
Questo uno dei tipici errori commessi da coloro che prendono
le distanze dai valori morali religiosi. La classe elitaria di quel
tempo riteneva che il futuro della societ dovesse consistere in
una cospicua presenza di ricchi e in una quasi assenza di poveri.
normale sperare che in una societ aumenti il numero delle
persone facoltose e il livello di benessere. Ma pi importante
come si intende far crescere il benessere, quali provvedimenti
adottare. Aumentare il numero di benestanti uccidendo i poveri
e opprimendo i bisognosi, come prevede il darwinismo sociale,
naturalmente del tutto inaccettabile. Inoltre, far accrescere il
numero degli abbienti non basta, di per s, al progresso della societ. E se poi questa gente ignora i valori morali religiosi quali
lonest, laltruismo, la modestia, la pazienza e la tolleranza, la
loro solerzia potrebbe danneggiare la societ e non migliorarla.
Gli obiettivi dei piani che mirano al progresso della societ possono essere raggiunti solo se la stessa societ rafforza i propri
valori spirituali di pari passo con il progresso materiale.
Purtroppo, allepoca di Malthus non tutti si resero conto di
questa verit e si schierarono dalla parte delleconomista, atteggiamento che in seguito condusse le societ verso il fallimento.
Per arrestare laumento della popolazione, Malthus propose queste soluzioni atroci:
Invece di raccomandare la pulizia dei poveri, dovremmo incoraggiare i comportamenti inversi. Nelle nostre citt dovremmo re-

Harun Yahya (Adnan Oktar)

42

stringere le strade, affollare le case con pi persone e augurarci il


ritorno della peste. Nel Paese andrebbero costruiti villaggi vicino alle paludi e, in particolare, fomentare gli insediamenti in
tutti i luoghi acquitrinosi e malsani. Ma, soprattutto, dovremmo
contrastare [da disapprovare fortemente] i rimedi specifici per
eliminare le malattie; e quegli uomini benevolenti ma stolti, che
hanno pensato di rendere un servizio allumanit progettando
dei sistemi per lestirpazione totale di disturbi particolari.8

Malthus inneggia anche la morte dei neonati:


[...] siamo formalmente troppo legati alla giustizia e allonore
per negare ai poveri il diritto di essere assistiti. A questo scopo,
propongo di promulgare una legge che preveda che nessun bambino [] abbia il diritto di ricevere

assistenza. Il bambino [ille-

gittimo], relativamente parlando, offre poco valore alla societ


poich altri prenderebbero immediatamente il suo posto [...]
Tutti i bambini nati in pi rispetto a quanto previsto per portare
la popolazione a questo livello [desiderato] devono necessariamente morire, a meno che non siano le persone anziane che
muoiono a fare loro spazio.9

Malthus possedeva una struttura logica sufficientemente


perversa da giustificare la morte dei neonati per il futuro della
societ. Si potrebbe pensare che una simile opinione appartenga
al passato e che oggigiorno sia inconcepibile. Ma non cos.
Nella Cina doggi, in vigore una politica di infanticidio per
controllare la popolazione, esempio palese degli effetti permanenti sulla societ dei pareri devastanti di Malthus a del suo
seguace Darwin. lo stesso stato comunista cinese a evitare che
la gente rispetti i valori morali poich li considera sotto una luce
darwinista. Per questa ragione, oltre allenorme fallimento
morale e sociale, gli esseri umani vengono costretti nei campi di
lavoro in assenza delle condizioni umane pi essenziali. I bam-

Darwinismo: Arma Sociale

43

Stando alla propaganda contorta del


darwinismo sociale
(una delle filosofie
pi spietate della
storia) i deboli e
gli inermi si devono lasciare
morire.

44

bini di genitori che hanno pi figli di quanto consentito dallo


Stato vengono raggruppati e uccisi, la gente viene giustiziata
per reato di pensiero. Le stesse esecuzioni hanno assunto la
forma di cerimonie sociali. La Cina contemporanea un esempio della fine che potrebbe fare una societ se si applicano le
teorie darwiniste.
Le tesi di Malthus non contribuirono solo alla promulgazione di una legge oppressiva che peggior ulteriormente le
condizioni dei poveri in Inghilterra ma crearono anche problemi sociali ancora pi intrattabili. Quelle stesse tesi, riproposte
anche ai giorni nostri e che hanno fatto strada a teorie quali il
darwinismo (causando nel XX secolo caos, guerra, razzismo e
ateismo), non hanno alcun fondamento scientifico, difatti, a
ispirare le idee di Malthus fu una leggenda legata a capre e cani
(nessuno pu assicurarne la veridicit).

Dalle capre e dai cani al darwinismo


La vera fonte di ispirazione del Saggio di Malthus fu una
leggenda secondo cui il marinaio spagnolo Juan Fernndez aveva abbandonato delle capre su unisola del Sud Est del Pacifico.
Stando alla leggenda, quelle capre si moltiplicarono e divennero
una fonte di sostentamento per i marinai di passaggio sullisola. Ma il numero di capre aument rapidamente e cominci a
consumare tutte le risorse di cibo presenti. Per evitare che i corsari inglesi (che importunavano il commercio spagnolo)
usufruissero della carne di capra, gli spagnoli sbarcarono sullisola cani e cagne. Col tempo i cani cominciarono ad aumentare e a uccidere le capre.
Il matematico e rivoluzionario francese Condorcet
Townsend raccont lepisodio mettendo in luce linstaurazione
di un equilibrio naturale. Scrisse: La pi debole delle due

Darwinismo: Arma Sociale

45

specie stata la prima a pagare il debito della natura; quella pi


attiva e vigorosa ha preservato la propria esistenza. la quantit di cibo a regolare il numero di specie umane.10
Come gi detto, possono essere state varie circostanze naturali a influire sullaumento o il decremento degli animali e
sulle specie sopravvissute o in via di estinzione. un grave errore supporre che questa dinamica possa applicarsi alle societ
umane e lesperienza mostra i terribili risultati nel mettere in
pratica un simile errore.
La legge per lassistenza ai poveri in vigore allepoca in
Gran Bretagna, prevedeva che questi non venissero lasciati a
digiunare ma che fossero obbligati a lavorare sodo. Secondo
Townsend ci non portava altro che problemi e proteste eccessive. Per lui era pi logico riportare allordine i poveri facendo
soffrire loro la fame. La fame addomesticher gli animali pi feroci e
insegner loro la civilt, lobbedienza e la sottomissione .11 Alla radice
di quellatteggiamento incosciente e spietato risiede lerrore di
classificare gli esseri in base ai loro beni materiali e agli attributi
fisici. Una tale discriminazione, totalmente incompatibile con i
valori morali religiosi, ha sconvolto lordine sociale e ha portato
nel corso della storia al caos, allanarchia e al conflitto.
Dopo Townsend, la leggenda delle capre e dei cani costitu
non solo la base delle teorie di Malthus ma anche la fonte di
ispirazione degli errori nelle espressioni la sopravvivenza dei
pi adatti di Herbert Spencer ed evoluzione per mezzo della
selezione naturale di Darwin.
Come gi ripetuto pi volte, applicare le leggi degli animali agli esseri umani stato un grande errore commesso da
una serie di persone, a cominciare da Townsend per poi continuare con Malthus, Spencer e Darwin. Per loro gli umani erano
creature selvagge da poter tenere a bada solo con misure radi-

Harun Yahya (Adnan Oktar)

46

cali e da controllare con la guerra, la fame e la povert. La verit, invece, che gli esseri umani sono dotati di ragione e buon
senso. Seguono una logica e la propria coscienza e non listinto
come fanno gli animali.

Le teorie di Malthus prive di dati scientifici


La teoria di Malthus fu supportata da diversi gruppi dellepoca e serv a costituire molte ideologie e movimenti spietati
nei secoli successivi. Non si fonda su alcuna logica scientifica ed
zeppa di inconsistenze. Ad esempio:
1) Nel periodo in cui scrisse, Malthus non aveva a disposizione alcun dato sulla popolazione. In Gran Bretagna il primo
censimento nazionale fu effettuato nel 1801, tre anni dopo aver
scritto il Saggio. Per poter calcolare lindice di crescita della
popolazione, Malthus necessitava delle statistiche degli anni
precedenti al 1801. Di conseguenza, non possedeva alcuna statistica affidabile su cui basare un indice di crescita, le sue erano
solo pure supposizioni.
2) Malthus non aveva a disposizione alcun dato per calcolare laumento delle risorse: a quellepoca non vi era modo di
calcolare quanta terra fosse coltivata e quanto producesse.
Anche in questo caso le sue sono solo pure congetture.
3) La legge proposta da Malthus era di per s contraddittoria. Lui riteneva che le popolazioni crescessero geometricamente. Anche gli animali e le piante crescevano geometricamente e, insieme, formavano la base della vita umana. Ma, in
pratica, gli animali, le piante e gli esseri umani non si moltiplicano geometricamente. Il loro aumento varia in base alle circostante prevalenti. Lintero ecosistema, umani inclusi, si trova
allinterno di un equilibrio pi bilanciato.

Darwinismo: Arma Sociale

47

Levidente ordine della natura lontano anni luce dalla


cosiddetta lotta alla sopravvivenza proposta da Malthus e
Darwin: o mangi o vieni mangiato.
In breve, le teorie errate e illogiche di Malthus continuano
a restare infondate scientificamente. Nonostante ci, su queste
congetture Darwin vi bas la sua teoria dellevoluzione.

Allah comanda alle persone di proteggere i bisognosi e di essere affettuosi e compassionevoli. Diffondere i valori morali da Lui comandati, risolver
molti problemi.

48

evoti a Malthus e a Darwin, alcuni hanno portato ai massimi


estremi lidea che la vita una lotta, affermando che a competere non solo gli animali ma anche tutti gli esseri viventi.
Lembriologo tedesco Wilhelm Roux diceva che, per vivere, gli organi
lottano fra loro: reni contro polmoni, cuore contro cervello. T. H.
Huxley asser addirittura che dentro ogni organismo tutte le molecole
competono fra loro!1
Le scoperte biologiche del XX secolo hanno dimostrato che in
natura non si manifestano lotte di alcun genere. I biologi doggi, invece, parlano di cooperazione e non di competizione. Ad esempio, in
Le vite di una cellula, il biologo Thomas Lewis scrive:
Molte delle associazioni, a noi note, tra gli esseri viventi sono, in
un grado o nellaltro, essenzialmente di tipo collaborativo e simbiotico. Quando hanno laspetto di essere avversarie, si tratta generalmente di una relazione discostata in cui una parte invia segnali e avvertimenti e indebolisce laltra [].2
Norman Macbeth, autore di Darwin Retried: an Appeal to
Reason, descrive come Malthus e Darwin sbagliassero e come in natura non esistano lotte fino alla morte:
Darwin la acquis da Malthus, che era un sociologo (uno accanito) pi che un biologo. Non derivava da una
contemplazione di piante e animali. Una contemplazione simile [] non dimostrerebbe
che ogni essere organico lotta
per accrescere in proporzione geometrica o che
esiste una lotta continua [].3
In Mutual Aid: A Factor of Evolution,
Peter Kropotkin descrive lerrore in cui caddero Darwin e i suo seguaci:

49

I numerosi seguaci di Darwin estremizzarono la nozione di lotta


per lesistenza. Arrivarono a concepire il mondo animale come un
mondo di lotta perpetua tra individui semi-affamati, assetati di
sangue altrui [] Per citare Huxley [] il mondo animale allo
stesso livello di uno spettacolo di gladiatori. Le creature sono trattate bene e schierate a combattere; sono i pi forti, i pi veloci e i
pi furbi e a rimanere vivi e a combattere un altro giorno[] Ma
si pu
subito sottolineare che la visione della natura di
Huxley aveva ben poco appiglio per essere considerata una deduzione scientifica.4
Un articolo della rivista scientifica turca Bilim ve Teknik (rivista
di scienza e tecnologia) ammette lerrore di considerare la natura un
campo di battaglia:
Il problema capire perch gli esseri viventi si aiutano a vicenda. Secondo la teoria di Darwin, ogni organismo lotta per s o pravvivere e riprodursi. Dal momento che aiutare gli altri ridurrebbe le probabilit di sopravvivenza delle creature, levoluzione,
nel corso del tempo, avrebbe dovuto eliminare tale comportamento. Si osservato, tuttavia, che gli esseri viventi possono essere altruisti.5
Questi fatti, tutti insieme, rivelano ancora una volta che la teoria
di Darwin, nata in condizioni scientifiche primitive, piena di errori e
menzogne. Molte branche della scienza svelano linvalidit della teoria
dellevoluzione. Chi la supporta (presumibilmente in nome della scienza) non deve ignorare la responsabilit che si assume nel sostenere una
teoria non scientifica e dovrebbe capire la necessit di accantonarla al
pi presto.

1. T. D. Hall, Ph.D., Influence of Malthus and Darwin on the European


Elite, 1995, http://www.trufax.org/avoid/manifold.html
2. Ibid.
3. Ibid.
4. Kropotkin P., Mutual Aid: A Factor of Evolution, 1902, Chapter 1;
http://www.spunk.org/library/writers/kropotki/sp001503/ch1.html
5. Bilim ve Teknik (Science and Technology Magazine), No: 190, 4.

50

La logica distorta di Malthus fu applicata anche ai bambini,


molti dei quali furono costretti a lavorare in condizioni orribili

Darwinismo: Arma Sociale

51

Darwin, il malthusiano
Nella sua autobiografia Darwin scrive:
Nellottobre del 1838, ossia quindici mesi dopo aver iniziato la mia indagine sistematica, mi capit di leggere per diletto il Saggio di Malthus, ed essendo ben preparato a comprendere
la lotta per lesistenza che trapela ovunque dallosservazione
continua delle abitudini di piante e animali, tutto a un tratto mi
colp che, in tali circostanze, le variazioni favorevoli tendevano
a essere preservate, quelle sfavorevoli a essere eliminate. Il risultato sarebbe la formazione di nuove specie. Avevo finalmente
una teoria con cui lavorare [...].12
I concetti di evoluzione per selezione naturale e la lotta alla sopravvivenza presero forma nella mente di Darwin dopo

Secondo Malthus, la classe


inferiore, andava tenuta sotto controllo, oppressa, indebolita e fatta lavorare. Una
volta accettata la sua visione
degenerata, la classe operaia
fu costretta a lavorare nelle
condizioni pi spaventose

Harun Yahya (Adnan Oktar)

52

aver letto Malthus. In Lorigine della specie Darwin ammise di


aver accettato appieno le idee:
Non c eccezione alla regola secondo cui ogni essere organico
aumenta naturalmente a un ritmo cos elevato, che, se
non distrutto, la Terra sarebbe presto coperta dalla progenie di
una singola coppia. Anche luomo di lenta riproduzione si raddoppiato in venticinque anni, e a questo ritmo, in meno di mille
anni, non ci sar letteralmente posto per la sua progenie.13

Darwin descrisse cos la relazione tra la teoria di Malthus e


la tesi della selezione naturale:
Dal momento che vengono prodotti pi individui di quanti ne
possano sopravvivere, deve esserci per forza una lotta per
la sopravvivenza, un individuo con un altro della stessa specie o
con individui di specie diverse, o con le condizioni fisiche
della vita. la dottrina di Malthus applicata con una forza diversa allintero regno animale e vegetale.14

Le idee di Darwin, che presero spunto dal modo di pensare


di Malthus, non possiedono alcun valore scientifico. Inoltre, secondo questa prospettiva crudele, la pianificazione demografica
pu essere regolata con leliminazione dei deboli e dei poveri.
Considerando la vita non fondata sulla pace, sulla sicurezza e
sulla comprensione bens una mera sopravvivenza in cui necessaria una lotta feroce, lapplicazione della teoria ha inflitto alla societ le catastrofi pi terribili.

Da Malthus a una visione


del mondo spietata
Pur non avendo fondamento scientifico, le teorie di
Malthus e di Darwin ricevettero un ampio consenso. Le ragioni
sono da ricercare nel periodo in cui vissero, ossia durante la rivoluzione post-industriale in Inghilterra. Dopo la rivoluzione,

Darwinismo: Arma Sociale

53

laristocrazia inglese temeva di dover cedere il proprio status e


potere alle classi lavoratrici. Inoltre, aveva bisogno di una forza
lavoro pi consistente ed economica. Il risultato fu che la classe
governante arriv alla conclusione che la classe inferiore andava indebolita, tenuta sotto controllo, oppressa e sfruttata.
Affermando che le risorse alimentari erano insufficienti a fronteggiare il rapido aumento della popolazione, Malthus aveva
suggerito la soluzione, ossia evitare che gli ordini inferiori si
moltiplicassero, ingenerando, cos, listituzione di misure contro
i poveri. Applicando le tesi di Malthus alla biologia e alle scienze sociali, Darwin present la sua teoria con una fittizia parvenza scientifica.
Nel suo Social Darwinism in American Thought, Richard
Hofstadter sul supporto di Darwin alla tesi di Malthus afferma:
Il Malthusianesimo era divenuto popolare in Inghilterra [] era
stato utilizzato anche per sollevare i ricchi dalla responsabilit
delle sofferenze dei poveri. Il corso degli eventi aveva provato
che Malthus aveva torto e proprio quando la sua teoria stava
per morire nelleconomia politica, ritorn alla ribalta per via della biologia darwiniana.15

In un articolo, il ricercatore e autore Ian Taylor scrisse


quanto segue sulle idee degenerate della tesi di Malthus:
In tutto questo la lezione che Darwin e gli altri che rifiutarono
sia Dio che la promessa del Suo intervento e della sua
provvidenza hanno trovato nel principio di Malthus uno spettro
terrificante della tragedia e della disperazione che li hanno portati verso unetica inenarrabile e assurde supposizioni scientifiche. Tutto ci a dispetto dellevidente debolezza e delle carenze
nella teoria di Malthus.16

Nonostante abbia definito la teoria spietata, insensata e


induttiva alla disperazione la scienza ha perpetrato la sua influenza fino ai giorni nostri. Il libro In the Minds of Men di Ian

Harun Yahya (Adnan Oktar)

54

Taylor riassume la catena di crudelt che


ebbe inizio con Malthus e che si concluse
con Hitler:
La massima su cui Malthus bas il suo
pensiero fu ci che in seguito divenne il
motto la sopravvivenza dei pi adatti.
Le fasi dellidea passano da Condorcet a
Malthus, a Spencer, a Wallace e a Darwin.
Alla fine si svilupp rapidamente e influenz uomini del calibro di Adolf Hitler,
ma dovremmo ricordarci che tutto ebbe
inizio con la leggenda delle capre e dei
cani.17

Come abbiamo visto, le opinioni di


Malthus servirono a molti governanti e
leader per mascherare i propri interessi. A
favore del consenso che ebbero, svolsero
un ruolo fondamentale i formatori di opinioni con i rispettivi interessi ideologici. I
disastri causati dal supporto dato a questa
visione del mondo spietata furono di
unentit mai vista prima. Nelle prossime
pagine esamineremo come questa crudele
visione del mondo approntata da Malthus
si sia rafforzata sotto il nome del darwinismo sociale e quanto sia costata allumanit.

I primi a supportare le idee sinistre di


Malthus furono coloro che necessitavano di
manodopera a basso costo.

Darwinismo: Arma Sociale

55

Harun Yahya (Adnan Oktar)

56

l darwinismo risiede alla base di un gran numero di tendenze,


ideologie e pratiche intellettuali che sono persistite fino ai
giorni nostri. ancora pi interessante il fatto che costituisca

un fondamento condiviso da ideologie che sono completamente opposte tra loro. Il darwinismo ha svolto un ruolo nella nascita e diffusione di nazismo, fascismo e comunismo, con la presunta giustificazione dei massacri razzisti e comunisti e ha contribuito anche alla
formazione di presunte basi scientifiche per il capitalismo incontrollato. In particolare nellInghilterra vittoriana e in America il darwinismo stato ampiamente acclamato e si rafforzato a causa del supporto che offr ai capitalisti spietati noti come baroni ladri.

57

Lerrore pi grave del capitalismo selvaggio consiste nel non


tutelare le imprese pi deboli (e gli individui pi deboli) dal rischio di
essere soffocate, sfruttate e fatte fuori. indubbio che una crudelt e
unefferatezza simili siano del tutto inaccettabili. Oggi questerrore
riassunto nel detto il pesce grande mangia quello piccolo. In altre
parole, le piccole imprese vengono eliminate (o acquisite) da quelle
pi grandi. Questo leffetto dellapplicazione del darwinismo al
mondo degli affari.
Nel XX secolo il mondo ha provato due diversi tipi di modelli
economici: quello liberale, basato sulla propriet privata e sul libero
intervento, e quello socialista, fondato sulla propriet statale e su
uneconomia pianificata. Le economie socialiste hanno fallito in ogni
Paese apportando povert e miseria alle societ. Leconomia liberale,
dal suo canto, ha mostrato un indiscusso successo, procurando benessere agli individui e alle societ.
Ma leconomia liberale di per s non basta. Difatti essa aiuta a incrementare il benessere di cui, per, non tutti possono godere. I poveri
rimangono poveri e comincia ad aumentare il pericolo dellingiustizia
sociale. Per prevenire ci esistono due metodi:

58

1) lo Stato deve dare una mano agli emarginati e ai disoccupati


come obbligo del concetto di stato sociale e prendere dei
provvedimenti per aiutarli.
2) Inculcare allintera societ i sentimenti di collaborazione e
solidariet insiti nei valori morali religiosi.
Questultimo requisito di particolare importanza perch, alla fine, tende a determinare il primo. Se una societ conferisce
grande importanza ai valori morali e religiosi, allora leconomia liberale garantir sia uno sviluppo economico che una giustizia sociale. I ricchi useranno parte del loro capitale per aiutare i poveri e
costituiranno dei programmi sociali a favore dei deboli. (Questo
il modello economico rivelato da Allah nel Corano. La propriet
privata esiste nellIslam ma i proprietari sono obbligati a spendere
parte dei loro capitali, sotto forma di elemosina, per assistere i
poveri e i bisognosi).
Se una societ subisce una degenerazione morale, in quel caso
leconomia liberale si trasforma in capitalismo selvaggio in cui i
poveri e gli emarginati vengono oppressi e non ricevono alcun aiuto, non vengono adottati programmi di assistenza sociale e lingiustizia non viene vista come problema ma come questione naturale.
Il modello economico che criticheremo in questa sede non sar
quello liberale (basato sulla libera economia, sulla propriet privata e sulla competizione) bens il capitalismo selvaggio.
La fonte di ispirazione, come vi mostreremo, il darwinismo
sociale.
Furono gli americani noti come baroni ladri i primi ad applicare le pratiche darwiniste al mondo degli affari. Questi credevano che il darwinismo e la sopravvivenza dei pi adatti giustificasse in qualche modo le loro politiche spietate.18 Il risultato fu
linizio di una feroce competizione negli affari talmente estrema dai
culminare persino nellomicidio. Lunico scopo dei baroni ladri era
quello di ricavare pi soldi e potere possibili. Non avevano alcun
Darwinismo: Arma Sociale

59

interesse nel benessere sociale, nemmeno di quello dei propri lavoratori. Milioni di vite furono rovinate dallentrata del darwinismo nelleconomia, che port a salari estremamente esigui, allo
sconvolgimento delle condizioni lavorative e a ore di lavoro prolungate. La mancanza di precauzioni di sicurezza fece s che molti
lavoratori caddero malati, restarono feriti o addirittura morirono.

Secondo la morale crudele


dei darwinisti sociali, ai
poveri e ai bisognosi non andrebbe porta la mano.

60

61

La gente maltrattata che affronta la fame


o limpoverimento a causa della guerra e
dei conflitti merita laiuto dei benestanti.
Con la morale darwinista sociale in atto,
tuttavia, nessuno spinto ad assistere e
prendersi cura dei bisognosi.

62

Alla luce dei concetti darwinisti sociali, gli stipendi bassi,


le condizioni di lavoro pietose, le lunghe ore di
lavoro e la mancanza di qualsiasi misura di sicurezza nei luoghi di lavoro portano i lavoratori a cadere malati, a farsi male
o addirittura restare uccisi.

63

Le crudelt dei datori di lavoro darwinisti


Con la rivoluzione industriale che ebbe origine in
Inghilterra e che poi si diffuse nel resto nel mondo, vennero
costruite nuove industrie e utilizzati nuovi macchinari. Il fatto
che i datori di lavoro non prestassero importanza al valore della vita umana (soprattutto a quella dei propri lavoratori) ignorando qualsiasi forma di precauzione di sicurezza, caus il
moltiplicarsi degli incidenti sul posto di lavoro. Alcuni lavoratori morirono, altri restarono mutilati. Si stimato che nei primi
anni del XX secolo ogni anno un milione di lavoratori rimanvea
vittima di incidenti, restava mutilato o si ammalava.19
Per i lavoratori che trascorrevano la vita in fabbrica, la
perdita di un arto o di un organo era quasi inevitabile. Durante
la vita lavorativa, pi della met dei lavoratori si ammalava, si
feriva gravemente restando mutilato, perdendo la vista o ludito. I produttori di cappelli a tesa rigida, ad esempio, soffrirono
di avvelenamento da mercurio. Tutti gli imbianchini a contatto
con il radio finirono per ammalarsi di cancro.20
Sebbene fossero consapevoli delle condizioni e degli incidenti che accadevano, alcuni datori di lavoro non presero alcun
provvedimento per migliorare le condizioni. Molti lavoratori
delle fonderie di acciaio lavoravano dodici ore a temperature da
40 a 50 C per paghe bassissime.21 Nel 1892 il presidente americano Benjamin Harrison, riassumendo le condizioni disumane
afferm che ogni giorno il lavoratore americano affronta in media gli stessi pericoli di un soldato in guerra.22
Alcuni capitalisti non attribuivano alcuna importanza alla
vita umana ritenendola sacrificabile. A causa delle pessime
condizioni di lavoro morirono centinaia di lavoratori durante la
sola costruzione della ferrovia.23 Uno degli esempi pi toccanti di questa ferocia riguarda laffarista americano J. P. Morgan

Harun Yahya (Adnan Oktar)

64

che acquist 5.000 fucili difettosi a $3.50 ciascuno per poi venderli
allesercito americano a $22. In altre parole, si era cos estraniato
dalla comprensione morale da essere stato capace di imbrogliare il
Paese e mettere a repentaglio la vita dei suoi soldati arruolati. Ai
soldati che utilizzarono quei fucili difettosi saltarono via i pollici.24
Le truppe che si ferirono con quei fucili intentarono causa contro
Morgan ma persero poich a quei tempi i tribunali decidevano in
favore dei baroni ladri.25
Un altro esempio di crudelt in quel periodo fu il rifiuto di
uno dei capitalisti a cui era stato chiesto di costruire una tettoia di
protezione per i lavoratori. Egli, per giustificarsi, afferm gli uomini costano meno delle scatole.26
Alla base di tutta quella crudelt facilmente individuabile il
darwinismo. Una visione del mondo che definisce gli esseri umani
come specie animali, che crede alla menzogna che alcune persone
sono meno sviluppate di altre e che la vita un luogo di lotta dove
prevalgono i potenti, ha come risultato lefferatezza, la spietatezza
e loppressione.

Darwinismo: Arma Sociale

65

Nelle fabbriche e
nelle altre aziende
industriali del XIX
secolo, le pratiche
capitaliste e darwiniste sociali furono
imposte nelle forme
pi selvagge. I datori di lavoro con
quella forma mentis
non attribuivano alcun valore alle vite
dei lavoratori, pensando solo ai propri
interessi.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

66

67

Nel XIX secolo, non si


risparmiavano nemmeno i
bambini, costretti a fare lavori
pesanti per lunghe ore.

68

Il danno causato dal darwinismo


nel mondo degli affari
Molti affaristi sostenitori del capitalismo sfrenato, in realt,
erano stati allevati come credenti di Dio. Successivamente, per,
influenzati dalle false idee del darwinismo, avevano abbandonato il loro credo. Un esempio il capitalista americano Andrew
Carnegie, uno dei principali nomi nellindustria dellacciaio del
XIX secolo, che in un primo momento era stato devoto al
Cristianesimo. Nella sua autobiografia Carnegie descrisse apertamente come lui e molti altri amici suoi erano caduti nellinganno del darwinismo.
Tuttavia, la teoria dellevoluzione che Carnegie considerava come dato di fatto non era altro che una totale falsit. Negli
anni a seguire i progressi nel mondo della scienza rivelarono la
verit. Ma a quel tempo, commettendo lo stesso errore di
Carnegie, altri capitalisti accettarono il capitalismo selvaggio osannato dal darwinismo. Ci li indusse a giustificare la concorrenza spietata per incrementare i propri capitali e a tralasciare i
valori dellaltruismo e della vita umana.

Andrew Carnegie

Darwinismo: Arma Sociale

69

Carnegie pensava che la competizione fosse una legge di


vita inevitabile e su questo errore bas la sua filosofia. Egli afferm che nonostante la legge della competizione complicasse
la situazione ad alcuni, era un bene per la razza poich assicurava la sopravvivenza dei pi adatti in ogni settore.27
Carnegie venne a conoscenza del darwinismo in casa di un
professore della New York University in cui incontr un gruppo di cosiddetti pensatori liberi e illuminati, alla ricerca di una
nuova religione dellumanit.28 Uno dei membri del ristretto
circolo di Carnegie era Herbert Spencer, seguace di Darwin e
una delle figure di spicco nel darwinismo sociale. Gli uomini
daffari adottarono il pensiero contorto di Spencer e Darwin ma
non furono capaci di prevedere il vicolo cieco in cui avrebbe
trascinato loro e la societ.
Richard Milner, antropologo del Museo americano di storia naturale e autore di The Encyclopedia of Evolution, descrive
come Carnegie cadde nella trappola del darwinismo:
Carnegie rafforz gli affari per diventare un magnate potente e
spietato che sfrutt luomo e la terra, che annient la c o m p e tizione e che giustific le proprie azioni con la filosofia del darwinismo sociale. La competizione imprenditoriale, credeva,
rende un servizio alla societ eliminando gli elementi pi deboli.
Coloro che sopravvivono negli affari sono adatti e quindi meritano la posizione e le ricompense che hanno.29

Carnegie e quelli che la pensavano come lui commisero un


grave errore ritenendo che essere potenti e spietati facesse parte
della vita economica. del tutto naturale che le persone si
guadagnino da vivere per condurre unesistenza agiata e confortevole ma inaccettabile farlo a discapito altrui, ignorare la
gente in difficolt a beneficio personale o per opprimere i deboli
con lo scopo di aumentare sempre pi il proprio potere. Allah

Harun Yahya (Adnan Oktar)

70

ha ordinato alle persone di essere oneste negli affari, come in


tutte le altre sfere, e di proteggere i diritti dei bisognosi.
unenorme bugia affermare che opprimendo i deboli e cercando
di eliminarli vuole il bene della societ.
Nelle conversazioni, nei discorsi e nelle opere degli ultimi
anni della sua vita, Carnegie utilizz sempre espressioni darwiniste. Nel suo Andew Carnegie lo storico Joseph F. Wall scrive:
Carnegie fa frequenti e facili allusioni al credo del darwinismo
sociale non solo nel suoi articoli e libri pubblicati ma anche nelle
lettere personali ai contemporanei daffari. Frasi quali miglioramento della razza e lotta per lesistenza

venivano

fuori

dalla sua penna e presumibilmente dalle sue labbra. Vedeva gli


affari come una grande lotta competitiva [].30
Un altro che si fece abbindolare dal darwinismo fu il famoso industriale americano John D. Rockefeller che afferm:la crescita
di una grande azienda non che una sopravvivenza dei pi adatti [] il risultato di una legge della natura [].31

La gita in America di Spencer, descritta da Richard


Hofstadter in Social Darwinism in American Thought, un chiaro
esempio degli effetti del darwinismo nel mondo degli affari:
Per quanto manchevole lapprezzamento degli ospiti per i
convenevoli del pensiero di Spencer, il banchetto mostr
quanto egli fosse diventato popolare negli Stati Uniti. Quando si
trov sulla banchina, in attesa della nave che lo riconducesse in
Inghilterra, Spencer afferr le mani di Carnegie e Youmans.
Ecco grid ai giornalisti i miei due migliori amici americani.
Per Spencer fu un raro gesto di affetto personale; ma oltre a
questo, simboleggi larmonia della nuova scienza [darwinismo
sociale] con la prospettiva di una civilt economica.32

Il darwinismo sociale comportava la liberazione dalla responsabilit verso i poveri e fu questo uno dei motivi che indusse i capitalisti ad adottarlo. Nelle societ che preservano i

Darwinismo: Arma Sociale

71

valori morali, ci si aspetta che i ricchi mostrino interesse nellaiutare i poveri e i bisognosi,
ma il darwinismo sociale tent di eliminare questo atteggiamento. In The Golden
Door: The United States from
1876 to 1918 lo scrittore Isaac
Asimov commenta cos sullaspetto crudele del darwinismo sociale:
Spencer coni la frase la
sopravvivenza dei pi adatti e
nel 1884 sostenne, ad esempio, che
i disoccupati o i fardelli della societ
dovevano essere abbandonati al loro
John D.
Rockefeller

destino piuttosto che essere aiutati.


Apparentemente, per fare ci, si dovevano eliminare gli inadatti e rafforzare
la razza. Era una filosofia orribile che
poteva essere utilizzata per giustificare

i peggiori impulsi degli esseri umani 33

Chi attuava il capitalismo selvaggio appoggiava il darwinismo e, a sua volta, veniva appoggiato dai darwinisti. Ad esempio, William Graham Sumner afferm che i miliardari erano gli
individui pi adatti della societ e poi trasse la conclusione illogica che, pertanto, meritassero privilegi speciali e che venivano selezionati naturalmente nel crogiolo della competizione.34 In un articolo sul darwinismo sociale nel periodico
The Humanist il docente di filosofia Stephen Asma descrive il
supporto di Spencer ai capitalisti:

Harun Yahya (Adnan Oktar)

72

Spencer coni la frase sopravvivenza dei pi adatti e Darwin


la adott nellultima edizione di Lorigine della specie []
Stando a Spencer e ai suoi discepoli americani (imprenditori del
calibro di John D. Rockfeller e Andrew Carnegie) la

gerarchia

sociale riflette le leggi stabili e universali della natura. La natura


si rivela in modo che i forti sopravvivano e i deboli periscano.
Quindi le strutture sociali ed economiche che sopravvivono sono
le pi forti e le migliori e quelle che non lo fanno, sono ovviamente destinate a fallire35

Come gi stato enfatizzato, i valori spirituali e la loro


preservazione rappresentano lelemento principale nel progresso delle comunit. Nelle societ in cui lo spirito di collaborazione e solidariet sono forti, dove la gente tratta il prossimo
con compassione e rispetto, le difficolt economiche possono essere facilmente superate in uno spirito di fratellanza. Ma dove
le relazioni umane sono scomparse e le persone ignorano la
compassione e la comprensione verso gli altri, possono sorgere
effetti molto pi distruttivi nonostante la presenza di un progresso economico. Quindi tutti gli individui di una societ devono ingegnarsi delle soluzioni per innalzare la qualit della vita e del benessere e far fiorire un ambiente in cui la gente possa
godere di una sicurezza non solo economica ma anche psicologica. Naturalmente tutto ci pu accadere osservando i valori
morali religiosi. Come gi dimostrato infinite volte, nessun
movimento o ideologia incompatibile con i valori morali religiosi pu apportare quel benessere, quella pace e quella sicurezza tanto anelate dalle persone.

Darwinismo: Arma Sociale

73

Capitalismo selvaggio: prodotto dellunione


tra darwinismo sociale e irreligiosit
Dal XIX secolo in avanti i capitalisti darwinisti, ritenendo
che solo i ricchi e i potenti avessero il diritto di vivere e che i
poveri, i deboli, gli storpi e i malati fossero dei fardelli inutili,
crearono dei sistemi oppressivi in tanti paesi. In questo clima di
competizione selvaggia si giustificarono lo sfruttamento, lintimidazione, i soprusi, la violazione e persino luccisione della
gente. Non si prevenne o condann alcuna attivit immorale o
illegale poich considerata compatibile con le leggi della
natura.
Questo sistema esiste ancora oggi in molti paesi dove la
gente vive non osservando i valori morali religiosi. Il divario fra
ricchi e poveri continua a crescere a un ritmo ancora pi incalzante e si ignorano le condizioni in cui versano i bisognosi.
Stando alla propaganda del darwinismo sociale proteggere e
prendersi cura dei poveri e dei bisognosi una violazione delle
leggi della natura e, appunto perch considerati come un fardello, non viene assicurato loro alcun aiuto.
Le grande differenze tra i livelli di benessere non sussistono solo allinterno di un paese, bens anche fra pi paesi.
Mentre in Occidente si assiste a una rapida crescita del benessere, le malattie, la fame e la povert continuano ad affliggere i paesi del Terzo Mondo dove la gente muore di fame e
viene abbandonata. Per, se le risorse mondiali venissero utilizzate in modo oculato e coscienzioso, basterebbero a sfamare chi
stato lasciato alla fame e alla povert.
Per consentire ci fondamentale che venga sradicata dal
mondo linfluenza intellettuale del darwinismo. Quando le concezioni darwiniste saranno soppiantate dai valori morali del

Harun Yahya (Adnan Oktar)

74

Corano questi problemi si risolveranno automaticamente. Se da un


lato il darwinismo inculca lidea della competizione selvaggia e
delloppressione dei poveri, dallaltro i valori morali religiosi infondono compassione, protezione, collaborazione reciproca, solidariet e condivisione. Ad esempio, in una delle linee di condotta
trasmesse dal nostro Profeta (che Allah lo benedica e gli conceda la
pace) Non un credente [maturo] colui che mangia a saziet
quando il suo vicino affamato. Queste sagge parole del Profeta
(che Allah lo benedica e gli conceda la pace) dimostrano laffetto e
la compassione dei musulmani.
In molti Suoi versi Allah ha comandato amore, compassione,
affetto e altruismo dando ai musulmani esempi di giusto compor-

Il mondo possiede risorse a sufficienza per tutti, ma devono essere utilizzate in modo
razionale e oculato. In molte parti del mondo il
cibo si spreca mentre in altri paesi si muore di
fame e di povert. Se si vuol dare giustizia a
questa gente bisogna sradicare completamente la mentalit darwinista sociale.

Darwinismo: Arma Sociale

75

76

Immagini della Gran Bretagna nella seconda met del


XIX secolo. Mentre alcuni godevano di salute e benessere, altri vivevano nella povert.

77

78

Darwinismo: Arma Sociale

79
Nonostante sia passato un secolo, non cambiato nulla. Le
quantit di risorse mondiali consentirebbero a tutti di vivere degnamente. Bisogna disseminare laltruismo, la collaborazione e la
solidariet previsti
dai valori morali religiosi.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

80

81

tamento morale. Mentre il darwinismo sociale prevede che i


ricchi sfruttino i poveri come gradini per ascendere al potere,
i valori morali islamici ordinano ai ricchi di proteggerli.
Alcuni dei versi rivelati a tal proposito da Allah:
Coloro di voi che godono di favore e agiatezza, non giurino
di non darne ai parenti, ai poveri e a coloro che emigrano sul
sentiero di Allah. Perdonino e passino oltre [ ] (Surat anNur, 22)
Ti chiederanno:"Cosa dobbiamo dare in elemosina?" Di': "I
beni che erogate siano destinati ai genitori, ai parenti,
agli orfani, ai poveri e ai viandanti diseredati [...] (Surat alBaqara, 215)
[...] Mangiatene voi stessi e datene al bisognoso e al
povero. (Surat al-Hajj, 28)
[I credenti sono] coloro sui cui beni c' un riconosciuto diritto per il mendicante e il diseredato. (Surat alMa'arij, 24-25)
loro che, nonostante il loro bisogno, nutrono il povero, l'orfano e il prigioniero solo per il volto di Allah, che vi
nutriamo; non ci aspettiamo da voi n ricompensa, n gratitudine. Invero noi temiamo un Giorno terribile e

cata-

strofico da parte del nostro Signore (Surat al-Insan, 8-10)

Nel Corano Allah rivela anche che sar riservato


lInferno a chi non aiuta i poveri e i deboli:
Loro [i compagni della destra] chiederanno ai colpevoli:
Cosa mai vi ha condotti al Calore che brucia?
Risponderanno: Non eravamo tra coloro che eseguivamo
l'orazione, n nutrivamo il povero (Surat alMuddaththir, 41-44)
e poi legatelo con una catena di settanta cubiti. Non credeva in Allah, il Supremo, e non esortava a nutrire il
povero. Oggi non avr qui nessun amico sincero (Surat alHaqqaq, 32-35)

Harun Yahya (Adnan Oktar)

82

Non dobbiamo dimenticare che: Allah onnipotente, il


Signore dellesistenza e delluniverso ad elargire beni e successo
a ognuno di noi. Non si diventa facoltosi innestando una competizione crudele per la lotta alla sopravvivenza oppure opprimendo i deboli. Allah che d alle persone ci che possiedono,
ripartendo loro ricchezze con lo scopo di metterle alla prova. la
ricchezza che ricevono a metterli alla prova. Questo fatto rivelato da Allah nel verso:
In verit abbiamo voluto abbellire la terra di tutto quel che vi
si trova per verificare chi di loro opera al meglio (Surat alHaqqa, 32-35)

83

Ognuno di noi , quindi, responsabile dellutilizzo nel modo migliore possibile dei doni insufflatigli da Allah, con lo
scopo di guadagnare la Sua approvazione. Un vero credente
deve agire con la consapevolezza che tutto ci che possiede
una benedizione di Allah e che cos come il Signore pu aumentare quei beni quando crede, allo stesso modo pu anche
decidere di portarglieli via.

84

ebbene nel corso della storia si siano sempre riscontrate tracce di razzismo, Darwin fu il primo ad attribuirgli una presunta validit scientifica. Il sottotitolo di Lorigine della specie

La preservazione delle razze privilegiate nella lotta per la vita. Le opere di


Darwin sulla preservazione delle razze privilegiate e, in particolare,
le teorie non scientifiche in Lorigine delluomo, funsero da supporto allerroneo credo dei nazisti sulla superiorit della razza ariana e alla
convinzione degli inglesi sugli anglosassoni. In pi la teoria della selezione naturale parlava di una lotta fino alla morte, una legge della
giungla. Applicare questa teoria alle societ umane comport
linevitabilit della guerra tra razze e nazioni. La teoria di Darwin fu

85

adottata da personaggi di spicco dellepoca, da statisti guerrafondai a


filosofi, da politici a scienziati. In The Twisted Road to Auschwitz, il professore Karl A. Scheunes della facolt di storia dellUniversit del
North Carolina scrive:
I razzisti non ci misero molto ad appropriarsi dellidea di Darwin della lotta per la sopravvivenzatale lotta, legittimata dalle ultime opinioni (cosiddette) scientifiche, giustificava il concetto razzista della superiorit e inferiorit dei popolie avvalorava la lotta tra questi.37

Con le affermazioni di Darwin, chi riteneva il razzismo un fattore naturale, immagin di aver trovato un fondamento scientifico a
supporto delle proprie opinioni sulle classi umane. Ma poco dopo la
scienza dimostr non solo che la sua teoria non aveva validit scientifica, ma rivel anche che i movimenti fondati intorno alle sue idee
ignoranti avevano commesso un grande errore.
Con il supporto ottenuto dal darwinismo, i nazisti praticarono
lantisemitismo con una violenza inaudita. Ma la Germania non fu
lunica Nazione in cui si manifest il cosiddetto razzismo scientifico. In molti Paesi si fecero avanti governanti e intellettuali razzisti, in
modo particolare in Gran Bretagna e in America e, in breve, vennero
attuate leggi e pratiche segregazioniste.

86

Gli evoluzionisti del XIX e XX secolo avevano una visione quasi totalmente razzista e
molti scienziati non avevano alcuna esitazione a
esprimerlo apertamente. I libri e gli articoli dellepoca ne offrono una chiara dimostrazione. In
Outcasts from Evolution: Scientific Attitudes of
Racial Inferiority, John S. Haller, docente di storia
alla Southern Illinois University, descrive come
gli evoluzionisti del XIX secolo credevano a torto nella superiorit della razza bianca e nellinferiorit di altre razze. Un articolo della rivista
American Scientist riporta dal libro di Haller:
... estremamente importante...poich documenta ci che si sospettato a lungo: il radicato, fermo e quasi unanime razzismo degli uomini di
scienza nordamericani del XIX secolo (e XX secolo inoltrato) [...] Ab initio, questi intellettuali
videro gli afroamericani irredimibili, immutabili
e irrevocabilmente inferiori.38

Un altro articolo nella rivista Science riport un commento sulle affermazioni di Haller:
Il darwinismo fu la novit del periodo vittoriano [...] Prima del 1859 molti scienziati si erano
chiesti se i neri fossero della stessa specie dei
bianchi. Dopo il 1859 lo schema evolutivo
sollev altre questioni, in particolare se gli
afroamericani fossero in grado di sopravvivere
alla competizione con i vicini bianchi. La grave
risposta fu un risonante no[...]. Gli africani
erano inferiori perch rappresentavano lanello
mancante tra scimmie e teutoni.39

Darwinismo: Arma Sociale

87

Nel 1893 uno schiavo nero venne torturato e fustigato ma infine riusc a scappare. Durante gli anni
precedenti alla Guerra Civile, gli schiavi dAmerica
venivano fustigati spesso o trattati peggio.

88

Naturalmente questa teoria del tutto infondata. Il fatto


che abbiano un colore della pelle diverso oppure origini razziali
o etniche differenti non li rende superiori n inferiori a nessun
altro. Una delle ragioni per cui questa menzogna si diffuse nel
XIX secolo fu lignoranza diffusa dovuta alle primitive condizioni scientifiche.
Un altro scienziato noto per le sue idee razziste fu il biologo americano dellUniversit di Princeton Edwin G. Conklin
che, come altri razzisti, non si fece alcuno scrupolo nel
dichiarare apertamente le proprie opinioni:
Il confronto di qualsiasi razza moderna con luomo di
Neanderthal o di Heidelberg mostra che [] la razza negroide
assomiglia di pi alla stirpe originale rispetto a quella bianca e gialla. Ogni riflessione dovrebbe indurre chi crede nella superiorit
della razza bianca a cercare di preservarne la purezza e stabilire
e mantenere la segregazione delle razze.40

Nel 1911 William Sollas, docente di paleontologia e geologia presso lUniversit di Oxford, scrisse nel suo libro Ancient
Hunters:
La giustizia appartiene ai forti, ed stata assegnata a ogni razza
sulla base della forza che possiede[...] Non la priorit delloccupazione, bens il potere di cui servirsi a stabilire la concessione
della terra. Per cui, ogni razza deve a se stessa e alla famiglia
umana il dovere di esercitare la propria forza con ogni mezzo possibile: non appena resta indietro a

rispettare questo dovere,

sia nellarte della scienza, nellistruzione o nellorganizzazione


per lautodifesa, si verifica una punizione che la Selezione
Naturale, il severo ma benevolo tiranno del mondo della natura,
esiger senzaltro

e quanto pi velocemente possibile41

Affermare che la giustizia appartiene ai forti (grave errore)


porter a un terribile caos sociale. Non importa quali siano le
condizioni e le circostanze, tutti devono beneficiare di una sana

Darwinismo: Arma Sociale

89

giustizia indipendentemente dal colore, dalla lingua e dal


genere. Le affermazioni dei darwinisti razzisti sulla validit della giustizia solo per i forti non riflette in alcun modo la verit.
Ogni individuo pu sperare di acquisire oggetti molto belli e di
qualit per se stesso e per la sua societ, ma non giustificabile
che non tenga conto del male che infligge agli altri comportandosi cos. Asserire il contrario viola la ragione e la buona coscienza.
Queste idee razziste si mantennero anche negli anni a
seguire, persino nelle opere degli evoluzionisti che dichiaravano di non essere razzisti (come conseguenza naturale della
loro fede nellevoluzione). Uno di questi il paleontologo
George Gaylord Simpson che, a prescindere da quanto odiasse
fortemente essere definito razzista, in un articolo pubblicato
nella rivista Science afferm che le differenze razziali erano
frutto dellevoluzione e che alcune razze erano pi avanzate o
arretrate di altre:
Levoluzione non si manifesta necessariamente allo stesso ritmo
nelle varie popolazioni, infatti tra molti gruppi di animali possibile notare che alcune specie si sono evolute pi lentamente,
riguardo a certi particolari o nel complesso. Risulta spontaneo
chiedersi (come hanno fatto molti) se tra le razze umane ve ne sia
ugualmente qualcuna pi primitiva in un modo o in un altro oppure in generale. Difatti, possibile riscontrare singole caratteristiche che

probabilmente sono pi avanzate o pi primitive in

una razza piuttosto che in unaltra.42

Tuttavia, nonostante la mancanza di fondamento scientifico, laffermazione pregiudizievole di Simpson fu adottata da alcuni gruppi per ragioni ideologiche. Il fatto che altri scienziati
dellepoca difendessero le affermazioni non scientifiche della
teoria dellevoluzione nei loro scritti, nei libri e nei loro discor-

Harun Yahya (Adnan Oktar)

90

si, era come se automaticamente supportassero il razzismo. In


un articolo intitolato The Evolution of Human Races, Henry
Fairfield Osborn, presidente del museo americano di scienze
naturali, razzista di spicco e antropologo evoluzionista dei primi del XX secolo, mise a confronto le razze e tir fuori una
quantit di deduzioni del tutto prive di attendibilit scientifica:

La met del XX secolo fu testimone di unaltra ondata di razzismo in certe regioni degli USA. Il Ku Klux Klan, la cui ideologia si
basava sulla violenza, fu uno dei gruppi a sostenere di pi il
razzismo americano. Questa organizzazione sosteneva errori
quali la superiorit della razza bianca e causava la morte di
molte persone.

91

Il livello di intelligenza di un negro adulto medio simile a


quella di un undicenne della specie Homo sapiens. 43

Come si pu vedere da tali affermazioni, molti degli scienziati evoluzionisti del XIX e XX secolo erano razzisti ignari del
pericolo che comportavano le loro opinioni. Sugli effetti distruttivi del cosiddetto razzismo scientifico, lo scienziato americano James Ferguson dichiara:
NellEuropa del XIX secolo il concetto di razza fu un assillo
per le scienze sociali che si stavano sviluppando [] I primi
antropologi fisici contribuirono allo sviluppo del concetto di
supremazia ariana, che in seguito foment il razzismo
istituzionale nella Germania degli anni 30 e attualmente in Sud
Africa.44

In un articolo sulle idee razziste degli antropologi


evoluzionisti, lultimo evoluzionista Stephen Jay Gould afferma:
Non si pu capire granch della storia dellantropologia della
fine del XIX e inizi del XX secolo [] salvo che non si comprenda la sua ossessione per lidentificazione e la classificazione delle
razze.45

Una volta che la teoria dellevoluzione ebbe acquisito una


presunta validit scientifica, gli scienziati poterono avanzare,
senza esitazione, i concetti illusori di razze inferiori e di razze
pi simili alle scimmie che agli esseri umani. Dittatori dispotici
del calibro di Hitler videro in queste affermazioni unoccasione
doro per uccidere milioni di persone ritenute inferiori, inadeguate, difettose o malate. Uno dei motivi per cui quasi
tutti gli evoluzionisti del XIX secolo furono razzisti, che il loro
stesso precursore intellettuale, Darwin, la pensava cos.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

92

Anche Darwin era razzista


A differenza dei loro omologhi del XIX secolo, gli
evoluzionisti doggi affermano di essere contrari al razzismo e
tentano di scagionare Darwin dalle accuse razziste. Molti libri
su Darwin fanno grandi sforzi per dare limpressione che egli
fosse compassionevole, ben intenzionato e oppositore della
schiavit. Ma la verit che credeva che la teoria della selezione
naturale costituisse una giustificazione scientifica alla discriminazione razziale e al conflitto fra le razze. I suoi libri, le lettere e
gli appunti privati contengono apertamente affermazioni razziste. Ad esempio, in Lorigine delluomo Darwin dichiar che alcune razze (neri e aborigeni), fossero inferiori e che, a tempo
debito, sarebbero state eliminate e sarebbero scomparse nella
lotta alla sopravvivenza:
In un futuro non molto distante in termini di secoli, le razze civilizzate delluomo quasi certamente stermineranno e rimpiazzeranno quelle selvagge in tutto il mondo. Senza dubbio, verranno
sterminate contemporaneamente le scimmie antropomorfe. Il divario tra luomo e i suoi affini pi prossimi sar allora pi ampio,
poich si interporr tra luomo in uno stato pi civilizzato, come
ci auguriamo, rispetto a quello caucasico, e alcune scimmie lente
quanto i babbuini rispetto a quanto accade adesso tra il nero o
laustraliano e il gorilla.46

Darwin mette a confronto alcune razze con i primati e


predice che razze umane civilizzate elimineranno razze selvagge dalla faccia della Terra. In altre parole, Darwin stava
prevedendo il genocidio, una pulizia etnica che sarebbe stata effettuata a distanza di pochi anni. In effetti le predizioni disastrose di Darwin si verificarono e i razzisti del XX secolo, forti del
supporto della teoria dellevoluzione, perpetrarono terribili
massacri. Esempi a riguardo: 40 milioni di persone uccise dai
nazisti durante la seconda guerra mondiale; vantaggi delle
Darwinismo: Arma Sociale

93
Gli australiani o gli aborigeni
autoctoni, che i darwinisti
considerano inferiori, non
sono diversi da nessunaltra
razza. La foto a destra raffigura latleta australiano Cathy
Freeman che accende la fiamma olimpica nel 2000.

razze europee sulle altre dovuti allapartheid dei governi


sudafricani; attacchi razzisti contro i turchi e altri stranieri in
Europa, contro i neri in America e contro gli aborigeni in
Australia; comparsa intermittente di movimenti neonazisti in
vari paesi europei. Tutti questi episodi si sono rafforzati a causa
del presunto supporto scientifico presentato dal darwinismo.
(Per ulteriori dettagli sul legame tra fascismo, razzismo e darwinismo, leggete il libro di Harun Yahya Fascism: The Bloody
Ideology of Darwinism, Kultur Publishing, aprile 2002).
Ma le affermazioni razziste di Darwin non si fermano qui.
Difatti, in Viaggio di un naturalista intorno al mondo, pubblicato

Harun Yahya (Adnan Oktar)

94

prima di Lorigine della specie, afferma di aver incontrato razze


arretrate della Terra del Fuoco:
Era senza dubbio lo spettacolo pi curioso e interessante che
avessi mai visto; non avrei mai immaginato quanto fosse
grande la differenza tra l'uomo civile e quello selvaggio. maggiore di quella tra un animale selvatico e uno domestico []
Credo che in questo lembo estremo dell'America meridionale
l'uomo viva in uno stato di civilt inferiore a quella di qualsiasi
altra parte del mondo.47

Darwin descrive cos gli autoctoni della Patagonia, che


definisce barbari:
Forse nulla suscita pi stupore della visione di un barbaro nella
sua tana di un uomo nel suo stato pi infimo e selvaggio. La
mente va a ritroso nei secoli e poi si chiede se i nostri progenitori
sono stati uomini del genere. Uomini i cui segni ed espressioni
sono per noi meno intelligibili di quelli degli animali domestici
Non credo sia possibile descrivere o raffigurare la differenza fra
uomo selvaggio e civile.48

Il libro di Darwin Viaggio


di un naturalista intorno
al mondo

Darwinismo: Arma Sociale

95

In una lettera a Charles Kingsley, Darwin descrive i nativi


della Terra del Fuoco:
Quando vidi un selvaggio nudo, truccato, spaventoso e orrendo
nella Terra del Fuoco, il pensiero che i miei avi potessero essere in
qualche modo simili a lui in quel momento fu cos rivoltante, anzi
pi rivoltante, del mio attuale credere di aver avuto una bestia
pelosa per antenato di gran lunga pi remoto. La scimmie hanno
proprio un cuore buono.49

Queste sono indicazioni importanti del razzismo di Darwin.


Egli scredita alcune razze pi che pu mentre umanizza e loda le
scimmie parlandone come di animali dal cuore buono. Nel luglio
del 1881, in una lettera allo scienziato W. Graham, Darwin
dichiar apertamente che le razze inferiori dovessero essere
eliminate, che questa conseguenza della selezione naturale
avrebbe contribuito favorevolmente alla civilizzazione:
Potrei dimostrare che la lotta dovuta alla selezione naturale ha
fatto e sta facendo per il progresso della civilizzazione
pi di quanto sembri propenso ad ammettere. Ricorda il rischio
che hanno corso le nazioni, non tanti secoli fa, di essere
sopraffatti dai turchi e quanto sia ridicola adesso unidea simile!
La razza cosiddetta bianca, pi civilizzata, ha sconfitto i
turchi nella lotta allesistenza. Pensando al mondo tra un paio di
anni, chiss quante razze inferiori saranno state eliminate dalle
razze pi civilizzate in tutto il mondo.50

Le sciocchezze razziste di Darwin arrivarono a colpire anche la Turchia, nazione gloriosa e di alti valori morali (per ulteriori notizie sulle affermazioni illegittime e ostili di Darwin
riguardo la Nazione turca, sulla loro infondatezza storica e scientifica, potete consultare il libro di Harun Yahya Evrim
Teorisinin Irk Yz: Darwin'in Trk Dmanl,Kultur
Publishing, Istanbul, Ottobre 2001).
Parlando di eliminazione delle razze inferiori Darwin
stimol non solo il razzismo ma stabil anche un fondamento
Harun Yahya (Adnan Oktar)

96

presumibilmente scientifico per le guerre razziali, per i massacri e il


genocidio che si sarebbero verificati nel XX secolo.
Gli evoluzionisti hanno compiuto grandi sforzi per tentare di
dissociare il nome di Darwin dal razzismo, ma Stephen Jay Gould
dellUniversit di Harvard, riferendosi a Lorigine della specie, ha riconosciuto limpulso che Darwin diede al razzismo:
Prima del 1859 i ragionamenti biologici a favore del razzismo erano
frequenti, ma a seguito dellapprovazione della teoria evolutiva,
aumentarono a dismisura .51

97

Anche Thomas Huxley, altro sostenitore della teoria, era razzista. Subito dopo la guerra civile americana e lemancipazione degli
schiavi neri, scrisse:
Nessun uomo razionale, al corrente dei fatti, crede che un nero nella media sia uguale, o addirittura superiore, a un bianco. E se anche
fosse vero, semplicemente incredibile che il nostro parente prognato, accantonate tutte le sue inabilit, sia capace di vincere in un campo neutro, senza favoritismi n oppressori, contro un rivale dal
cervello pi grande e con una mascella pi piccola, in una sfida di
cervelli e non di morsi.52

1904: gli schiavi che cercavano di


scappare nel sud-ovest dellAfrica
venivano soppressi aspramente.

98

Huxley parla dei neri come fossero animali, non esseri


umani, e afferma (dichiarazioni confutabili) che i neri resteranno inevitabilmente indietro nel concetto di razza.
I semi del razzismo, piantati insieme alla teoria dellevoluzione a met del XIX secolo, cominciarono a produrre i
frutti verso la met del 1900. Friedrich Nietzsche, contemporaneo di Darwin e sostenitore appassionato delle teoria dellevoluzione, divulg i concetti insensati di superuomo e
razza suprema che sfociarono inevitabilmente nel socialismo
nazionale. Hitler e i nazisti fecero della legge della giungla di
Darwin una politica di stato che port alla morte di 40 milioni
di persone. (Se ne parler pi ampiamente nel capitolo 5).

A livello genetico non c differenza razziale


tra gli esseri umani
Specialmente negli ultimi dieci anni la scienza della genetica ha dimostrato che, in termini biologici, non esistono differenze tra le razze. La maggioranza degli scienziati concorde.
Difatti, in occasione del congresso di Atlanta sul Progresso della Scienza hanno affermato:
La razza un concetto sociale derivato prevalentemente dalle
percezioni condizionate dagli eventi della storia documentata e
non ha una realt biologica alla base.53

Le ricerche condotte hanno determinato che le differenze


genetiche tra le razze sono minime e che non si possono differenziare in termini di geni. Gli scienziati esperti in materia affermano che esiste uno 0,2% di differenza genetica tra due persone qualsiasi, anche appartenenti allo stesso gruppo. Le caratteristiche che rivelano le differenze razziali, quali il colore della
pelle e la forma degli occhi, incidono solo per il 6% di questa

Darwinismo: Arma Sociale

99
1902: due giovani neri
impiccati perch membri di una razza diversa. Nel XXI secolo ci
si resi conto che in
termini biologici non
esistono differenze fra
le razze.

2001
Milliyet, febbraio 13
Hitler, ti sbagliavi!

100

variazione dello 0.2%. A livello genetico ci significa una differenza dello 0,012% tra le razze (cos poco da essere irrilevante).
Le ultime scoperte sono state racchiuse nellarticolo Do
Races Differ? Not Really, DNA Shows del New York Times del 22
agosto del 2000:
Gli scienziati hanno sospettato a lungo che le categorie razziali
riconosciute dalla societ non avessero un riscontro a livello genetico. E pi da vicino esaminano il genoma umano (il complemento del materiale genetico racchiuso nel cuore di quasi ogni
cellula del corpo) e pi la maggioranza dei ricercatori convinta
che le etichette tradizionali per distinguere le popolazioni per
razza non abbiano per nulla, o quasi, un senso biologico. Essi
affermano che, mentre facile dire a colpo docchio se una persona appartiene alla razza bianca, africana o asiatica, questa sicurezza svanisce quando si osserva al di sotto delle caratteristiche della superficie e si esamina il genoma per le caratteristiche
del DNA della razza .55

Un articolo intitolato
Do Races Differ?
Not Really, DNA
Shows, pubblicato
nel New York
Times

Darwinismo: Arma Sociale

101

Il dottor J. Craig Venter, direttore della Cilera Genomics


Corp., che dirige il Human Menome Project, afferma che la
razza un concetto sociale, non scientifico.56 Il dottor Venter e
altri scienziati degli Istituti nazionali di salute hanno costruito
una mappa dellintero genoma umano e hanno stabilito che esiste ununica razza umana.
Il dottor Harold. P. Freeman, presidente del North General
Hospital di New York, sintetizza cos i risultati del suo lavoro in
materia di biologia e razza:
Se ci si domanda che percentuale di geni viene riflessa
nel proprio aspetto fisico, lelemento su cui differenziamo le
razze, la risposta sembra essere dello 0.01 percento. Viene riflesso molto poco della composizione genetica.57
Alla stessa conclusione arrivato Alan R. Templeton, scienziato e docente di biologia presso lUniversit di Washington,
che, dopo aver analizzato il DNA di membri di diverse popolazioni umane, ha notato che, nonostante la grande variet genetica tra gli esseri umani, gran parte di queste variazioni sono
a livello individuale. Possono esserci alcune variazioni tra le
popolazioni, ha affermato, ma sono minime. Templeton riassume le sue conclusioni, sostenendo anche la sua fede preconcetta nellevoluzione, in questi termini:
Quello della razza un concetto culturale, politico ed economico della societ, non un concetto biologico, ma

sfortu-

natamente sono le differenze genetiche a essere considerate dalla


gente lessenza della razza negli umani [] Voglio apportare un
po di oggettivit allargomento. I risultati di questa analisi
oggettiva, tuttavia, non lasciano adito a dubbi: niente pi lontano dal vero di una suddivisione in gruppi distinti dell'umanit.58

Harun Yahya (Adnan Oktar)

102

Stando alle conclusioni di Templeton, la


somiglianza genetica tra gli europei e gli
africani subsahariani e tra gli europei e i
melanesiani che popolano le isole a nord est
dellAustralia maggiore rispetto a quella tra
africani e melanesiani. Tuttavia, gli africani
subsahariani e i melanesiani si assomigliano in
molti modi: la pelle scura, la consistenza dei
capelli e i caratteri cranico-facciali. Sebbene sia
tipico utilizzare queste caratteristiche nella descrizione di una razza, geneticamente parlando, queste popolazioni si assomigliano molto
poco. Questa scoperta, afferma Templeton,
dimostra che i geni non rispecchiano i tratti
razziali.59
Nel libro Storia e geografia dei geni
umani, i genetisti della popolazione Luca
Cavalli Sforza, Paolo Menozzi e Alberto Piazza
arrivano alla seguente conclusione:
Una volta dati per scontati i geni per i tratti
superficiali quali il colore e la statura, le
razze umane sono notevolmente

simili

sotto la pelle. La variazione fra gli individui


molto pi grande delle differenze fra i gruppi.60

Lanalisi della rivista Time del sopramenzionato libro:


In realt, la diversit tra gli individui cos
enorme che lintero concetto di razza diventa
insignificante a livello genetico. Gli autori affermano che non c fondamento scientifico

Darwinismo: Arma Sociale

103

104

105

per le teorie inneggianti alla superiorit


genetica di una popolazione rispetto a
unaltra [] Nonostante le difficolt,
sono crollati dei miti grazie ad alcune
scoperte fatte dagli scienziati. Una di
queste compare sulla copertina del libro:
una mappa colorata della variazione genetica mondiale ha lAfrica e lAustralia
ai due estremi dello spettro. Poich gli
aborigeni dellAustralia e gli africani subsahariani hanno in comune il colore della pelle e la conformazione del corpo, si
presume che si assomiglino. Ma i loro
geni dimostrano il contrario. Di tutti gli
umani, gli australiani sono i pi diversi
dagli africani ma i pi simili ai nostri
vicini, i sud est asiatici.61

106

lcune aziende farmaceutiche testano i loro prodotti su


cittadini africani, asiatici, sudamericani e dellEuropa
dellEst e, durante il corso degli esperimenti, violano le
leggi morali e professionali. Nel 1996, vi fu il caso di una decenne
di 18.5 kg residente nella citt nigeriana di Kano, vittima di dolori
causati dalla meningite. Allepoca, una famosa azienda farmaceutica americana stava testando un antibiotico (che non era stato autorizzato alla vendita) sui bambini di un accampamento che aveva
insediato. Il farmaco in questione valeva molto per lindustria : la
borsa aveva stimato che, una volta consentitone luso da parte della Food and Drug Authority, lazienda avrebbe guadagnato 1 miliardo di dollari allanno. Lazienda non aveva trovato soggetti su
cui testare il farmaco in America e, per questo, si era recata a Kano.
I medici dellazienda cominciarono a somministrare alla
ragazza una dose giornaliera sperimentale di 56 mg. Il terzo giorno
la ragazza mor. Alcuni reportage del Washington Post
mostrarono che i test farmacologici stavano aumentando in Africa,
Asia, Europa dellEst e Sud America. Con lo scopo di eludere le regole ferree della FDA americana, alcune aziende iniziarono a collaborare con i medici di quei paesi e decine di migliaia di cittadini
dei paesi del Terzo Mondo vennero utilizzati negli esperimenti
come porcellini dIndia. Per quanto un portavoce dellazienda in
questione affermasse che gli esperimenti avevano ricevuto il permesso necessario, gli esperti asserirono che nel caso del trattamento della meningite in Nigeria fosse stato condotto, sotto vari aspetti, violando letica e i regolamenti medici. Sebbene esperimenti del
genere durino almeno un anno, quello in Nigeria dur solo sei settimane. In America, ai malati di meningite generalmente venivano
iniettati per endovena farmaci a effetto rapido, ma alla ragazza

Darwinismo: Arma Sociale

107

nigeriana venne data una medicina per via orale che non era mai
stata testata sui bambini. In caso di effetti negativi nei test di
questo genere, la somministrazione del farmaco dovrebbe essere
interrotta immediatamente e se ne dovrebbe utilizzare un altro.
Ma lazienda continu a dare alla ragazza lo stesso farmaco fin
quando mor.
Lazienda non ricevette mai lautorizzazione per somministrare il farmaco ai bambini. In America, luso fu ristretto agli adulti fintanto che caus decessi o problemi ai reni e venne completamente proibito in Europa. Ci dimostra quanto, in realt, fosse
pericoloso.1

opo la pubblicazione di Lorigine della specie, vari darwinisti esaltati cominciarono a cercare lanello mancante nella cosiddetta evoluzione umana. Gli evoluzionisti razzisti
credevano che gli aborigeni nativi dellAustralia rappresentassero
una delle fasi primitive dellevoluzione umana. Per provare questa idea sbagliata, cominciarono a disseppellire le tombe degli
aborigeni e a venderne le salme ai musei europei e americani. Nel
1991 nel settimanale australiano The Bulletin apparvero rivelazioni scioccanti per mano di David Monaghan.2 Questi lavor alla storia per 18 mesi svolgendo delle ricerche a Londra e producendo un documentario intitolato Darwins Body Snatchers
(ladri di corpi di Darwin), che and in onda in Inghilterra l8 ottobre del 1990. Alcune delle informazioni che forn Monaghan:
Anche gli evoluzionisti statunitensi furono coinvolti in questa industria fiorente di esemplari di subumani. Lo
Smithsonian Institution di Washington possiede i resti di 15.000
individui di varie razze. [Gli esemplari raccolti, naturalmente,
non erano per nulla esseri umani di razze inferiori, come affermato, ma umani di razze e origini etniche diverse con differenti
strutture psicologiche].
Harun Yahya (Adnan Oktar)

108

Insieme ai conservatori di museo di tutto il mondo, in questo


esteso commercio tra sciacalli, furono coinvolti alcuni dei nomi
pi importanti della scienza inglese. 3 Tra questi, Sir Richard
Owen, lantropologo Sir Arthur Keith e lo stesso Charles Darwin.
Si scoperto che Darwin aveva richiesto dei crani di tasmaniani
sebbene ne fossero rimasti solo quattro aborigeni purosangue.
Egli sperava di ottenerli ma solo se la sua richiesta non avesse
scosso i loro sentimenti. Ai musei non interessavano solo le ossa, ma anche le pelli. Una volta riempite, avrebbero fornito delle
vetrine evolutive interessanti.
Erano richiesti anche i cervelli degli aborigeni sotto spirito
per cercare di provare che fossero inferiori a quelli dei bianchi.
Dalle prove scritte non c dubbio che molti dei campioni
freschi erano stati ottenuti semplicemente uscendo fuori e uccidendo gli aborigeni.

Le pratiche discriminatorie contro


gli autoctoni australiani continuano ancora oggi. La foto
sovrastante mostra un
gruppo in rivolta contro la
confisca dei terreni.

109

In particolare, nello scandalo fu pesantemente coinvolto


Edward Rasmay, conservatore del museo australiano di Sidney
per ventanni (dal 1874). Egli aveva pubblicato un opuscolo mussale in cui gli aborigeni comparivano con la definizione di animali australiani. Nel libricino non solo cerano istruzioni su
come saccheggiare le tombe, ma anche su come suturare le ferite
di arma da fuoco nei campioni uccisi. Molti collezionisti indipendenti lavorarono sotto la sua guida. Quattro settimane dopo
aver chiesto crani di neri, Bungee (Russell River), un giovane studente di scienze gliene invi due, sottolineando che i proprietari,
gli ultimi della loro trib, erano appena stati uccisi.4
Unevoluzionista tedesca, Amelie Dietrich and in Australia
chiedendo ai proprietari delle stazioni di uccidere gli aborigeni
per farne dei campioni, in particolare ricavarne la pelle per riempire e allestire il museo dei suoi datori di lavoro.5
Un altro studio che documenta questi maltrattamenti e massacri inflitti agli aborigeni il libro: White Australia: A
Documentary History of the Attitudes Affecting Official Policy
and the Australian Aborigine 16971973 edito da Sharman Stone,
ministro parlamentare del Ministero australiano del patrimonio e
dellambiente. A parte pochi commenti delleditore, questo libro
costituito da documenti quali resoconti parlamentari, rapporti
desame, lettere a editori e reportage antropologici.
Nel 1859 Lorigine della specie di Charles Darwin rese popolare lidea di evoluzione biologica (e quindi sociale). Gli studiosi
cominciarono a trattare la civilizzazione come un processo unilineare con razze capaci di salire e scendere una scala progressiva.
Gli europei erano i pi adatti a vivere. [Gli aborigeni] erano
destinati a morire secondo una legge naturale, come il dronte e
il dinosauro. Questa teoria, supportata dai fatti alla mano, venne
protratta fino al ventesimo secolo quando si not che la razza dalla pelle scura si stava riproducendo. Fino a quel momento poteva
essere utilizzata per giustificarne labbandono e lomicidio.6

Harun Yahya (Adnan Oktar)

110

Come sottolinea leditore, alcuni darwinisti europei fecero


figurare la morte degli aborigeni come prova che questa razza era
condannata a sparire per via della legge naturale. Nel XX secolo, tuttavia, si prov che quelle presunte prove non avevano alcuna validit. Gli aborigeni erano morti non per una legge di natura ma per i maltrattamenti ricevuti. Naturalmente, ci si rese conto
che la affermazioni darwiniste erano false anche quando si osserv che stava aumentando il numero dei neri.
Le risposte date da un poliziotto a unindagine eseguita dalla Royal Commission nel 1861 serv a chiarire come fossero naturali, a quel tempo, i fondamenti razzisti e i maltrattamenti degli
aborigeni. Allagente venne chiesto:
E se non punissimo i neri, questi la prenderebbero come
unammissione di debolezza?
S, esattamente ci che penso
Una domanda riguardo a qual la razza pi forte se sottostessimo a loro, ci disprezzerebbero?
S.7
Secondo il resoconto di Stone, una relazione giornalistica del
1880 diceva:
Nulla di ci che possiamo fare alterer le enigmatiche e immutabili leggi che guidano il nostro progresso in questo globo. Per
mezzo di queste leggi, le razze autoctone dellAustralia sono state
condannate con larrivo delluomo bianco, e la sola cosa che ci
concessa di fare aiutare a farli fuori con la minor crudelt possibile. Dobbiamo dominare i neri con la paura.8

Queste righe rivelano, ancora una volta, la ferocia nel cuore


della prospettiva darwinista sociale. Quella gente veniva vista coma specie animale e trattata come nessuno tratterebbe un animale, solo a causa della pelle di un colore pi scuro e perch
possedeva certe caratteristiche fisiche differenti (unaltra prova
della crudelt dei darwinisti sociali). Una lettera a un quotidiano,
datata 1880, descrive loppressione degli aborigeni:

Darwinismo: Arma Sociale

111

Sir Douglas Nicholls, il primo indigeno


australiano a essere investito cavaliere,
e sua moglie.

In parole spicciole, cos che trattiamo


gli aborigeni. Nelloccupare nuovi territori gli aborigeni vengono trattati esattamente nello stesso modo delle bestie selvagge o degli uccelli che possono trovarvi
i colonizzatori. Le loro vite, le propriet, le
reti, le canoe [] vengono requisite dagli europei che le tengono a loro completa disposizione. Vengono

privati dei beni, dei bambini,

delle donne, totalmente a capriccio delluomo bianco. Alla resistenza si risponde con pallottole di un fucile[Chi] vuole divertirsi, uccide, stupra e deruba i neri senza impedimenti o limitazioni. Non
solo sono stati lasciati incontrollati, ma per di pi il governo della
colonia stato sempre disposto a salvarli dalle conseguenze dei
loro crimini.9

Ci che stato raccontato qui rappresenta solo una minima


parte del lato oscuro del darwinismo sociale, ma basta a dare
unidea della portata gigantesca dei disastri che lateismo e il darwinismo hanno apportato allumanit.

1 Stephens J., The Body Hunters:As Drug Testing Spreads, Profits and Lives Hang
in Bilance, Washington Post,, December 17, 2000.
2 David Monaghan, The Body-Snatchers, The Bulletin, November 12, 1991, pp.
30-38
3 Ibid., pag .33
4 Ibid., pag.34
5 Ibid., pag.33
6 Sharman Stone, Aborigines in White Australia: A Documentary History of the
Attitudes Affecting Official Policy and the Australian Aborigine 16971973,
Melbourne: Heinemann Educational Books, 1974
7 Ibid., pag.83
8 Ibid. pag.96
9 Ibid., pag.93

Harun Yahya (Adnan Oktar)

112

113

114

econdo la teoria della ricapitolazione proposta dallateo ed


evoluzionista tedesco Ernst Haeckel, gli embrioni in fase di
sviluppo ripetono il processo evolutivo subito dai loro presunti antenati. Questa teoria sostiene che durante lo sviluppo nel ventre materno, lembrione umano mostra dapprima caratteristiche da pesce, poi
da rettile prima di trasformarsi in un beb. Per lunghi anni ci divenne
la prova della teoria dellevoluzione, ma infine divent nientaltro che
frutto di immaginazione, senza alcun fondamento scientifico.1
Per provare la sua presunta teoria non scientifica, Ernst Haeckel falsific i disegni, cercando di far assomigliare gli embrioni umani a quelli dei pesci. Quando il suo imbroglio fu smascherato, si difese dicendo che altri evoluzionisti si erano comportati in modo similare.2
Lo scenario immaginario che Haeckel aveva sostenuto con disegni falsificati, gett apparentemente la base scientifica per il razzismo in
gran parte dei paesi, particolarmente in Germania.
Secondo le affermazioni della teoria della ricapitolazione, i tratti
posseduti da un umano nella fase embrionale o nella prima infanzia
sono ereditati dagli antenati evolutivi adulti. Ad esempio, Haeckel e i
suoi seguaci sostenevano che un bambino civilizzato possedesse la
stessa intelligenza e le caratteristiche comportamentali di un adulto
selvaggio, e utilizzarono queste affermazioni per provare la
superiorit della razza bianca. In Questa
idea della vita:la sfi-

Ernst Haeckel e i suoi fraudolenti disegni

115

da di Charles Darwin, Stephen Jay Gould riassume il supporto che la


teoria della ricapitolazione diede al razzismo:
La ricapitolazione fu largomento favorito di Haeckel La us per
attaccare laristocratica pretesa del nostro status particolare tra gli esseri viventi (non siamo forse tutti pesci durante lo sviluppo embrionale?) e per ridicolizzare limmortalit dellanima (dove sarebbe infatti lanima quando, da embrioni, somigliamo a dei vermi?).
.....Herbert Spencer scrisse che i caratteri intellettuali dei non civilizzati...sono ricorrenti nei bambini dei civilizzati. Carl Vogt si espresse
pi drasticamente, nel 1864: per quanto riguarda le sue facolt intellettuali, il negro cresciuto ha un po laspetto del bambino....3

Naturalmente, questa idea avanzata da Spencer, Vogt e altri non rifletteva in alcun modo la verit. La stessa scienza ha invalidato quelle affermazioni che sono poi state abbandonate del tutto. In Il pollice del
panda : riflessioni sulla storia naturale, Gould scrive:
Questa teoria, nota con il termine impronunciabile lontogenesi ricapitola la filogenesi sosteneva che, nel loro sviluppo embrionale,
gli animali pi eminenti passassero attraverso una serie di fasi rappresentanti, in sequenza, le forme adulte di creature ancestrali pi insignificanti. La ricapitolazione forn lobiettivo adatto per il pervasivo razzismo degli scienziati bianchi.4

Il Professor George Stein, direttore dellInternational Security Studies


Core at the Air War College, pubblic un articolo intitolato Biological
Science and the Roots of Nazism nella rivista American Scientist.
Scrisse: In pratica, Haeckel e i suoi seguaci darwinisti sociali avanzarono lidea che sarebbe diventata il presupposto centrale del socialismo nazionale5, riassumendo quindi la relazione fatale tra Haeckel,
darwinismo sociale e razzismo.
1 Thompson K. S., Ontogeny and Phylogeny Recapitulated, American Scientist,
vol. 76, May/June 1988, p. 273
2 Francis Hitching, The Neck of the Giraffe: Where Darwin Went Wrong, Ticknor and
Fields, New York:,, 1982, p. 204
3 Gould S. J., Questa idea della vita: la sfida di Charles Darwin
4 Gould S. J., Il pollice del panda : riflessioni sulla storia naturale, Mondadori-De
Agostani, Novara, 1995
5 Stein G. S., Biological Science and the Roots of Nazism, American Scientist, vol.
76, Jan/Feb. 1988, p. 56

116

Il nuovo imperialismo e il darwinismo


sociale
Il colonialismo cominci a espandersi in Europa nel XVI secolo, molto prima di Darwin. Alla stregua del razzismo, per, il
colonialismo acquis forza con la teoria di Darwin, diventando
un nuovo obiettivo. Specialmente dopo la rivoluzione industriale, i fini commerciali alimentarono la fame di potere degli stati
europei che, alla ricerca di nuovi mercati e di materie prime,
presero a sfruttare i paesi di altri continenti. Le iniziative imperialiste del XIX secolo, per, si basavano su altri stimoli ed
questa la ragione per cui si parla di nuovo imperialismo.

117

Le idee del darwinismo sociale condizionarono la nuova


visione imperialista del mondo, soprattutto laspetto della superiorit. Raggirati da questa nuova politica, inglesi, francesi,
tedeschi e altre nazioni in combutta fra loro, si precipitarono alla conquista di nuove terre per acquisire il titolo di Nazione pi
potente nella corsa alla supremazia.
Furono anche spinti dallidea errata di provare la loro superiorit sulle altre razze. Gli anglosassoni e gli ariani pensarono che fosse un loro diritto naturale quello di poter assumere il controllo su africani, asiatici e australiani, (popo-

Quadro di Adam Willaerts che ritrae una nave inglese


che salpa per le Indie orientali.

118

Sopra: Processione della famiglia reale inglese in India sotto il controllo del governo coloniale inglese.
Sotto: Larrivo della forze britanniche per occupare le terre palestinesi sulla scia dellImpero ottomano. Sotto il governo ottomano la
Palestina aveva vissuto nella pace e nella sicurezza per centinaia
di anni, ma lamministrazione coloniale port con s caos, conflitto e
oppressione.

119

lazioni ritenute di razza inferiore) e di sfruttarne la forza lavoro e le risorse naturali. Limperialismo del XIX secolo si
svilupp pi come risultato degli obiettivi darwinisti che non
per motivi economici.62
Nelledizione del 1964 dellEnciclopedia Britannica si legge:
Questo nuovo periodo di imperialismo alla fine del XIX secolo
trov supporto spirituale nel Bismarckismo e nel darwinismo sociale, in tutte le teorie inneggianti al potere e al successo, che avevano travolto lEuropa [] Le teorie razziali sembravano dare a
questo atteggiamento, contrapposto a tutti i valori di moralit
tradizionali [ad ex cristiani], una giustificazione scientifica e
naturale, la convinzione di stare quasi diventando la fede dominante del periodo. 63

Sono in molti i ricercatori e gli autori che concordano che il


darwinismo sociale rappresenti la fonte del nuovo colonialismo
del XIX secolo. Infatti, in Darwin and the Darwinian Revolution, la
docente di storia, Gertrude Himmelfarb, sullo stretto legame tra
razzismo darwinista sociale e imperialismo, afferma:
Il darwinismo sociale stato spesso interpretato in questo senso: come una filosofia inneggiante alla competizione, al potere e
alla violenza a discapito della convenzione, letica e la religione.
divenuto, quindi, un incrocio di nazionalismo, imperialismo,
militarismo e dittatura, del culto delleroe, del superuomo e della razza suprema.64

Il ben noto storico tedesco Hans-Ulrich Wehler descrive


questo aspetto del darwinismo sociale in questi termini:
[il darwinismo sociale] fece s che le aspirazioni emancipatrici
dei lavoratori e dei coloni venissero ignorate perch ritenute
proteste inutili di soggetti inferiori nella lotta allesistenza.
Dotata di unaura di conoscenza scientifica inconfutabile, fu
questa versatilit di applicazione a dare potere al darwinismo sociale riguardo agli interessi dominanti. In qualit di ideologia,
risult virtualmente ideale per giustificare limperialismo, [e]

Harun Yahya (Adnan Oktar)

120

venne tenuta in vita da una schiera di divulgatori nelle nazioni


industrializzate.65

Si possono riscontrare idee darwiniste sociali a favore dellimperialismo tra le righe del libro del generale tedesco
Friedrich Von Bernhardi (ormai in pensione) Britain as
Germanys Vassal, pubblicato nel 1912:
Nellinteresse della civilizzazione del mondo nostro dovere allargare limpero coloniale tedesco. Per fare ci, possiamo soltanto unire i tedeschi in tutto il mondo a livello politico, o per lo
meno nazionale, perch solo allora riconosceranno che la civilt
tedesca lelemento fondamentale nel progresso umano.
Dobbiamo trovare il modo di conquistare nuovi territori in tutto
il mondo con tutti i mezzi in nostro potere, perch dobbiamo
preservare alla Germania i milioni di tedeschi che nasceranno in
futuro, e dobbiamo provvedere al cibo e al lavoro. Dovranno essere capaci di vivere sotto un cielo tedesco e condurre una vita
tedesca 66

La brama di conquistare nuovi territori caus la nascita di


conflitti tra gli stessi paesi imperialisti. Lidea dellesistenza di
razze inferiori, basata sugli errori del darwinismo, port a
crudelt enormi. Con il pretesto di apportare civilt alle terre
conquistate, gli imperialisti non inflissero altro che dolori e sofferenze.

Darwinismo sociale e conflitti tra razze


Lo scambio culturale tra razze, trib e nazioni diverse, uno
degli aspetti della loro creazione sulla Terra per volont di Allah
che, nel Corano, rivela di aver creato diverse societ umane
affinch voi conosceste a vicenda. (Surat al-Hujurat, 13)
Stando alla visione del mondo del darwinismo sociale gli
esseri umani esistono non per conoscersi ma per lottare. Di conseguenza, limpulso pi importante per il progresso umano il

Darwinismo: Arma Sociale

121

conflitto fra le razze e le nazioni. Le supposizioni irrazionali del


darwinismo sociale indicano che si devono effettuare delle
nuove scoperte per risultare vittoriosi nel conflitto tra le razze.
Ne risulter che i civilizzati e i superiori si classificheranno
per primi e lumanit progredir. Indicare che si arriver al progresso uccidendo e massacrandosi a vicenda, perseguitando e
opprimendo gli altri non altro che barbarie.
A volte possono verificarsi problemi e incomprensioni, ma
tutte le difficolt si possono risolvere con mezzi pacifici.
Immaginare di risolvere tutto con la violenza rende le difficolt
in questione ancora pi insormontabili. Come gi detto pi
volte, giustificabile che le nazioni prendano delle precauzioni
per tutelare gli interessi futuri, ma illogico e contro ogni buona
coscienza attuare una politica che ignori i diritti delle altre
nazioni o credere che gli interessi di un Paese si ottengano distruggendo quelli degli altri.
Gli evoluzionisti doggi tentano di far figurare Darwin
umano e contrario al
razzismo ma, in realt,
fu un fautore della lotta tra le razze e avanz
la menzogna che, dal
conflitto, sarebbe stata
la razza bianca civilizzata (secondo la
sua opinione) a uscirne
vittoriosa. In Lorigine
delluomo

si

legge

quanto segue:
Quando le nazioni civilizzate entrano in contatLe popolazioni africane furono sfruttate per anni dagli occidentali
che credevano nelle menzogne darwiniste.

122

to con i barbari, la lotta breve,


eccetto in quei luoghi dove il clima
implacabile gioca a favore degli autoctoni [] Il loro grado di civilizzazione
sembra un elemento molto importante
nel successo delle nazioni in competizione.67

Sparsi per il libro si trovano riferimenti al conflitto tra selvaggi e civilizzati sottolineando che questi ultimi vinceranno sui primi. Basandosi su queste supposizioni del tutto prive
di logica, Darwin gett le basi per il caos e la sofferenza che si
sarebbero perpetrati per quasi un secolo.
Darwinismo: Arma Sociale

123

La Guerra Civile americana (1861-1865) tra gli stati del


Nord, che chiedevano di abolire la schiavit, e quelli del
Sud che si opponevano. Lidea della superiorit della razza
bianca divenne un casus belli e per quattro anni i concittadini combatterono fra loro. Quando vinse il Nord,
la schiavit fu abolita negli USA

Molti darwinisti che vennero dopo di lui, trattarono il conflitto razziale come un fatto scientifico. A tal proposito, ricordiamo National Life from the Standpoint of Science di Karl Pearson,
teorico dellevoluzione del XIX secolo e seguace di Francis
Galton, che rivela la visione dei contemporanei sul conflitto interrazziale e le cause celate dietro il nuovo imperialismo. Come
altri darwinisti sociali, Pearson affermava che il conflitto razziale fosse necessario e che la lotta allinterno di una singola razza non bastasse per levoluzione. Ecco alcune delle sue affermazioni prive di qualsiasi verit scientifica:
Harun Yahya (Adnan Oktar)

124

Ci che ho asserito sul bestiame di bassa qualit, a mio modo di


vedere, si addice anche per le razze inferiori delluomo.
Per quanti secoli, quante migliaia di anni i cafri o i neri hanno
posseduto ampie regioni in Africa senza che i bianchi si
intromettessero? Ma le loro lotte intertribali non hanno ancora
prodotto una civilt nemmeno paragonabile a quella ariana. Si
pu nutrire ed educare il bestiame come si vuole, ma non credo
che si possa riuscire a modificarlo. La storia mi mostra un modo,
lunico modo, in cui si sia formato un alto stato di civilizzazione,
ossia tramite la lotta di una razza contro unaltra e la sopravvivenza della razza fisicamente e mentalmente pi adatta.68

Affermazioni del genere offrirono allimperialismo un


sostegno presumibilmente scientifico. Gli europei che occupavano il continente africano e gran parte dellAsia, oltre a perseguitare le popolazioni autoctone, diffondevano lidea che la loro
invasione si basasse sulla legge della natura e che fosse il solo
modo per il progresso dellumanit. (Che queste affermazioni
fossero false fu provato in seguito dai progressi successivi nel
mondo scientifico). Secondo Pearson le guerre precedentemente
condotte in modo inconsapevole, da quel momento dovevano
essere dichiarate in maniera consapevole e pianificata:
Esiste una lotta tra razze e tra nazioni. Ai primordi, si trattava di
una battaglia di trib barbariche condotta in modo cieco e inconsapevole. Oggigiorno, nel caso delluomo bianco civilizzato, divenuto il tentativo sempre pi consapevole e ben gestito della
Nazione di adattarsi a un ambiente in continua evoluzione. La
Nazione deve prevedere come e quando verr portata avanti la
battaglia [] Vi chiedo di considerare la Nazione come un insieme organizzato in continua lotta con altri paesi attraverso la
forza delle armi o processi economici e commerciali. Vi chiedo di
considerare questa battaglia come un bene e non un male; la fonte del
progresso umano di tutta la storia delluomo.69

Darwinismo: Arma Sociale

125

Nel XIX secolo si diffuse in gran parte del mondo l idea


perversa che il conflitto tra razze e nazioni fosse un cammino
verso il progresso e che le altre razze e nazioni, oltre alla propria, fossero inferiori. Alcuni europei imperialisti si comportarono in modo spietato verso gli abitanti delle terre che conquistavano. Dalle misure adottate, fu evidente che considerassero quella gente debole e inferiore. Li denigravano e si rifiutavano di accettarli come esseri umani che godevano di uguali
diritti. Il nuovo imperialismo del XIX secolo fu unimplementazione su scala mondiale del darwinismo sociale.
Una delle ragioni per cui le idee darwiniste ricevettero un
supporto cos ampio fu il distacco degli europei dellepoca dai
valori morali religiosi che invitano gli uomini a vivere in pace.
Allah ha comandato loro di essere tolleranti e di perdonare il
prossimo. Rivoluzionare lordine del mondo e incitare alla guerra e al conflitto sono mali che, al cospetto di Allah, recano pesanti responsabilit. Nostro Signore ha rivelato di non amare la
corruzione e il male inflitto alla gente:
quando ti volge le spalle, percorre la terra spargendovi la corruzione e saccheggiando le colture e il bestiame. E Allah non
ama la corruzione. (Surat al-Baqara, 205)

Pratiche feroci nelle colonie


Le idee darwiniste degli invasori si trasformarono in
politiche contro le popolazioni native. Le amministrazioni le
consideravano primitive, forma di vita intermedie e infliggevano loro sofferenza, distruzione e desolazione. Il darwinismo sociale fu uno dei fattori chiave in queste politiche spietate
delle nazioni. Come gi visto, questi provvedimenti adottati da
alcuni paesi, che nella loro ignoranza si reputavano superiori

Harun Yahya (Adnan Oktar)

126

agli altri, acquisirono una falsa legittimazione attraverso il darwinismo sociale. Questi paesi si sentivano giustificati nelladottare simili politiche che servivano solo ad accrescere la
loro avidit e aggressivit.
Ne costituiscono un esempio interessante le guerre delloppio. La Gran Bretagna cominci a vendere oppio alla Cina
nei primi anni del 1800, sebbene, allepoca, nel proprio territorio ne proibiva la produzione, la vendita e il consumo. La classe
inglese al potere, che proteggeva scrupolosamente la propria
gente da questa piaga, riusc presto a far assuefare i cinesi alloppio. Dopo che suo figlio mor per eccessivo consumo doppio limperatore decise di bloccarne limportazione nel Paese e
venne inviato un funzionario del governo, Lin Zenu (Lin TseHs) a Canton (il porto pi grande della Compagnia delle Indie
Orientali) per mettere fine al commercio. I mercanti inglesi non
accettarono la decisione di buon grado e Zexu fece chiudere i
depositi. A questo punto intervenne lesercito inglese. I cinesi
furono costretti ad accettare un trattato umiliante che legittimava il commercio doppio in Cina. Lin Zexu venne rimosso dallincarico e mandato in esilio.
I portoghesi, a loro volta, esercitarono la loro superiorit
schiavizzando gli autoctoni. Li rapivano dalla loro colonia di
Angola e li spedivano per mare come lavoratori contrattati
per cinque anni. Ma solo in pochi riuscivano a sopravvivere
cos a lungo da far ritorno in Patria.70 Nella maggior parte dei
territori occupati, i colonizzatori si appropriavano dei territori e
delle risorse senza porsi scrupoli e li davano alle compagnie o ai
coloni loro connazionali. Non provavano alcuna piet per la
gente che aveva perdeva la propria terra, anzi, ne sfruttavano la
forza lavoro, i beni e le risorse minerali.

Darwinismo: Arma Sociale

127

Dai territori conquistati gli inglesi importavano materie


prime quali cotone, t e minerali che lavoravano in patria per poi
rivendere i prodotti ad alto costo nelle colonie. In Inghilterra si
lavorava il cotone proveniente dallIndia, Paese in cui era proibita la vendita di cotone indiano. In altre parole, potevano utilizzare soltanto il cotone venduto dagli inglesi. Laltra cosa che
potevano comprare era il sale, sempre prodotto dagli inglesi.
Unaltra pratica del nuovo imperialismo consisteva nello
sminuire e nel comportarsi in modo irrispettoso nei confronti
dei governanti dei paesi colonizzati. Questo fatto era successo
anche in passato, dallepoca di Elisabetta I a Napoleone. Lidea
di ritenersi superiori si rafforz nellEuropa del XIX secolo sfociando nell insolenza e nella maleducazione dei governanti
verso gli ex leader stranieri.
Gli imperialisti darwinisti giustificavano la loro colonizzazione adducendo pretese di superiorit e di civilizzazione rispetto alle nazioni conquistate. Secondo queste affermazioni lordine della razza superiore doveva diffondersi in
tutto il mondo e, per il suo progresso, bisognava far sviluppare
quella inferiore. Detto in altri termini, i detentori del potere
colonialista dichiaravano di apportare civilizzazione alle terre
conquistate. Ma le loro pratiche e le politiche non riflettevano in
alcun modo il loro essere ben intenzionati. Oltre alle idee darwiniste sociali, i colonizzatori del XIX e XX secolo portarono
caos, conflitti, paura e umiliazione invece di felicit, cultura e
civilizzazione. Il male che causarono i colonizzatori superiore
ai benefici che trassero le colonie.
Le parole di Karl Pearson (prive di umanit e compassione) proposte qui di seguito riassumono le idee basate sul
darwinismo:

Harun Yahya (Adnan Oktar)

128

Quando in atto, la lotta significa sofferenza, intensa sofferenza; ma quella lotta e quella sofferenza sono stati i mezzi tramite
cui luomo bianco ha raggiunto lattuale livello di sviluppo;
mostrando come prova che non vive pi nelle caverne e non si ciba di radici n di noci. questa dipendenza del progresso dalla
sopravvivenza della razza pi adatta, terribilmente empia come
potrebbe apparire ad alcuni di voi, a garantire alla lotta per lesistenza una connotazione accettabile; un crogiolo incandescente da cui esce il metallo pi prezioso. Uno pu sperare che ar-

Immagine del Congo sotto il dominio coloniale francese. Le popolazioni indigene della giungla furono assassinate perch considerate dai bianchi una specie animale.

129

Sopra: La Regina madre


e Re Prempeh, leader
della trib africana
Astanti, in fase di sottomissione alle truppe
inglesi
A sinistra: Il trattamento
inflitto agli indigeni australiani.

rivi il momento in cui la spada diventi vomere, che i commercianti americani, tedeschi e inglesi smettano di farsi concorrenza
nei mercati mondiali per le materie prime o le risorse alimentari
che forniscono e che luomo bianco e quello nero condividano la
terra e la dissodino insieme. Ma credetemi, quando arriver quel
giorno il genere umano non progredir pi, non si potr far nulla per la fertilit delle razze inferiori, la spietata legge delleredit
non sar controllata n guidata dalla selezione naturale. Luomo
si fossilizzer [] Il cammino del progresso cosparso di resti
delle nazioni; ovunque vi sono tracce [dei resti massacrati] di

Harun Yahya (Adnan Oktar)

130

Cerimonia militare inglese in India

razze inferiori e di vittime che non hanno trovato la retta via per
la perfezione. Queste persone sono, in verit, i gradini su cui
salito il genere umano verso la vita pi intellettuale ed emotivamente pi profonda doggi.71

Questa visione del mondo secondo cui molti paesi sono


inferiori e che considera la sofferenza e la morte necessarie al
raggiungimento dellevoluzione, rappresenta un pericolo per
lumanit. Se gli individui uniscono le proprie forze per rappresentare unidea come fatto scientifico, non importa quanto questa sia pericolosa, illogica e priva di fondamento scientifico,
presto questidea, e le rispettive conseguenze, verranno accettate da chi non abbastanza informato in materia. questo il
vero pericolo che comporta il darwinismo. La gente che ha creduto ai concetti di lotta per la sopravvivenza e conflitto tra

Darwinismo: Arma Sociale

131

In alto: esercito britannico che reprime


brutalmente gli indiani che chiedono la libert
A sinistra: Principe Edoardo, duca di
Windsor, riceve i regali del Maharajah di
Koihayur
Sotto: Zulu intrattengono le truppe inglesi
che celebrano il compleanno della Regina
Vittoria con la
corsa al sacco
In basso: Un soldato inglese mentre seleziona i soldati dellesercito indiano.

132

Nel 1827, i francesi occupano lAlgeria. Come parte della mentalit colonialista dellepoca, per i francesi le altre nazioni erano di seconda classe
e costruirono un sistema basato sulloppressione e la violenza contro gli
algerini. Dapprima, bandirono listruzione e luso della lingua araba. Poi,
dal punto di vista economico, lAlgeria venne resa totalmente dipendente dalla Francia. Chi si opponeva veniva massacrato brutalmente.
Sotto: immagine che ritrae la tortura e il maltrattamento degli algerini.

133

razze inferiori e superiori ha compiuto azioni spietate parandosi le spalle con affermazioni del genere (o hanno taciuto mentre le facevano altri). Il risultato stata la comparsa di dittatori
aggressivi e cruenti quali Hitler, Mussolini e Franco le cui parole
venivano applaudite da milioni di individui. E, a causa di quelle
ideologie crudeli, decine di milioni di persone hanno vissuto e
sono morte nel dolore, nella paura e nella sofferenza.

134

135

Riquadro a sinistra: Nebraska 1919:


un gruppo di 5000 bianchi assediano il palazzo di giustizia e catturano un prigioniero nero, lo maltrattarono senza senso, lo uccisero
con pi di mille spari e poi ne
bruciarono il corpo.
Immagine grande: Indiana 1930:
due neri, Thomas Sip e Abraham
Smith, vengono linciati. Migliaia di
bianchi, armati di mazze da baseball, picchiano a morte i due prima
di impiccarli. Negli anni 30 comincia a crescere il Ku Khux Klan.
Questi linciaggi sono solo un esempio di centinai di episodi di odio
e crudelt dovuti al razzismo.

136

Darwinismo sociale e guerra


Lidea ingannevole che il conflitto razziale portava al progresso delle nazioni gett le basi anche per le guerre. Prima della Prima Guerra Mondiale, quando il darwinismo sociale era
ampiamente diffuso, la guerra veniva considerata il mezzo pi
appropriato per leliminazione dei deboli e lestirpazione dei
fardelli, la sopravvivenza dei forti e lo sviluppo della razza
umana.
Nel corso della storia sono state combattute molte guerre (in
genere svolte entro certi limiti e senza ledere i civili), tra gli eserciti dei paesi in contrasto. Quelle dichiarate in nome del darwinismo sociale, invece, avevano come obiettivo i civili con lo
scopo di eliminare i cosiddetti inadatti e i presunti inferiori
dalla popolazione in eccesso.
Prima della Prima Guerra Mondiale le basi darwiniste della
guerra furono descritte in molti libri e discorsi. Richard Milner,
redattore della rivista del museo americano di storia naturale,
Natural History, sulle idee bellicose darwiniste degli intellettuali
tedeschi dellepoca scrive:
Durante la Prima Guerra Mondiale, gli intellettuali tedeschi credevano allonnipotenza irresistibile (Allmacht) della

selezione

naturale, una legge della natura che li incitava a una sanguinosa


battaglia per il dominio. I loro libri di testo

militari e politici

promuovevano le teorie di Darwin come basi scientifiche di una


ricerca della conquista del mondo, con il pieno appoggio degli
scienziati tedeschi e dei docenti di biologia.72

In quegli anni, chi si dedic alla propaganda a favore del


darwinismo sociale, fu il generale F. von Bernhardi. Nel suo libro
Germany and the Next War, sostiene che il conflitto sia un obbligo
biologico e il modo migliore per sbarazzarsi degli inadatti: La
guerra una necessit biologica di importanza primaria, un elemento regolatore nella vita del genere umano di cui non si pu

Darwinismo: Arma Sociale

137

far a meno, poich, senza, seguirebbe uno sviluppo malsano che


escluderebbe ogni forma di progresso della razza e, quindi, una vera civilizzazione.73
Lidea che la guerra sia un elemento regolatore non pu essere giustificato in termini
logici o razionali e nemmeno con fatti scientifici. La guerra una forza distruttiva
che causa enormi perdite di vite umane
e di beni, comportando alla societ effetti a cui difficile porre rimedio.

Ragazza polacca a cui venne uccise


la sorella dai nazisti nel 1939.

138

Nonostante ci, quelli che ritenevano che la guerra e i


massacri fossero requisiti irrinunciabili per la cosiddetta civilizzazione, continuarono a sostenere le proprie idee.
Sempre nel libro di Bernhardi si legge:
La guerra non soltanto un elemento necessario nella vita
delle nazioni, ma anche un fattore indispensabile di cultura
in cui un Paese davvero civilizzato trova la pi alta espressione di forza e vitalit [] La guerra offre una scelta biologicamente giusta poich la sua scelta dipende proprio dal-

La teoria darwinista secondo cui il conflitto parte essenziale della natura


umana incoraggia la guerra tra le
nazioni. Rimane ovvio limpatto delle
guerre sui civili innocenti devastante

139

140

la natura delle cose [] Non solo una legge biologica, ma un obbligo morale e, come tale, un indispensabile fattore di civilizzazione.74

indubbio che uno dei pi grandi errori commessi dai


sostenitori di queste idee fu quello di ritenere che la guerra fosse
compatibile con la natura umana e, pertanto, inevitabile. Secondo

La logica darwinista sociale diede vita alla crudelt delle occupazioni


naziste, durante le quali milioni di russi vennero espatriati per lavorare come schiavi e molti altri milioni uccisi senza aver commesso
alcun crimine.

141

questo modo di vedere le cose, pi la gente dichiara guerra e pi


sono il potere e la vitalit che acquisisce. Ma unenorme falsit.
Allah ha creato gli esseri umani in modo che fossero felici in tempo di pace. Il caos e i conflitti causano tensioni terribili nellanimo
umano. In un clima di pace e sicurezza, raggiungere un progresso
sociale, economico e culturale pi veloce. Nel suo libro Darwin
and the Darwinian Revolution, Gertrude Himmelfarb commenta:
Per il generale [Bernhardi] i bisogni della guerra venivano
per primi e, in seguito, le imprese imperialiste e gli esperimenti
nazionalisti. Secondo altri valeva il contrario: le aspirazioni imperialiste e nazionaliste si portavano al seguito guerra e militarismo.
Ma cera anche chi optava per le virt della guerra senza lonere
del militarismo o del nazionalismo; questo il darwinismo sociale
nella sua forma pi pura e pi disinteressata.75
Sir Arthur Keith, antropologo evoluzionista e biografo di Darwin,
ammise apertamente di essere a favore della guerra. Sebbene personalmente amasse
lidea di pace, temeva i risultati di una
sua applicazione alla . Inoltre, predisse
che dopo 500 di pace il mondo si
sarebbe trasformato in un frutteto
che per intere stagioni non ha
conosciuto il potatoio e che per
uninfinit di anni insorto con
una fitta vegetazione .76

142

Le parole di Keith indicano quanto le idee di Darwin rendano cattive le persone. Keith credeva che il mondo dovesse essere potato di tanto in tanto, che quegli elementi che rallentavano il rafforzamento del mondo dovevano essere tagliati fuori
e gettati via. Stava apertamente supportando la violenza. Il
potare a cui si riferiva Keith era la guerra e quelli che morivano (che secondo lui andavano gettati via), erano gli uomini, le
donne e i bambini indifesi. I fautori delle menzogne del darwinismo non provavano alcuna compassione per quei poveri
innocenti. La teoria, secondo cui andavano eliminati i deboli
con lo scopo di rafforzare e sviluppare la razza bianca, port ad
atrocit mai viste prima.
Il darwinismo sociale una delle ragioni che hanno portato alle guerre, al conflitto e ai massacri che sono continuati senza tregua dal XIX secolo. Come risultato dei costanti appelli di
guerra, anche chi non sapeva nulla del darwinismo sociale,
cadde vittima del suo maleficio.
Nei primi anni del XX secolo, a pensare che la guerra fosse
essenziale non era solo un gruppo marginale di ideologi, ma un
gran numero di giornalisti, accademici, politici e funzionari
statali. 77 Queste categorie spalleggiavano leliminazione di
donne, bambini, anziani e bisognosi e incitavano lo schieramento di giovani vite sul campo di battaglia per il beneficio
dellumanit.
Anche le alte sfere condividevano questi ideali. Ad esempio, il cancelliere tedesco Theobald von Bethmann-Hollweg
concordava con lidea, comune tra il ceto medio prima che scoppiasse la Prima Guerra Mondiale, che il conflitto tra slavi e teutoni fosse inevitabile. ben noto che anche il Kaiser la pensasse
cos. Molti storici ritengono che la guerra vista come fattore inevitabile e utile per sbarazzarsi delle razze inferiori fu una delle
cause principali dello scoppio della Prima Guerra Mondiale.
Darwinismo: Arma Sociale

143

Il fatto che i
giovani siano
obbligati a
lottare nonostante la sofferenza che
comporta la
guerra, rappresenta il lato
oscuro del
darwinismo.

144

Anche il filosofo Friedrich Nietzsche fu uno dei pi grandi


sostenitori del darwinismo sociale in Germania. Secondo lui, il
sistema sociale ideale doveva basarsi sul conflitto armato:
Luomo verr addestrato alla guerra e la donna per trastullare
il guerriero, tutto il resto follia.79
Per Nietzsche la vita consisteva nel fare la guerra e la guerra racchiudeva tutto.
Hitler, darwinista sociale fanatico e grande ammiratore sia
di Darwin che di Nietzsche, mise in pratica le sue idee bellicose.
Fondendo idee militariste e teoria dellevoluzione, afferm:
Tutta la natura una continua
lotta tra forza e debolezza ed
eterna vittoria dei forti sui
deboli.80

145

Queste idee lanciate da Hitler e da altri come lui erano il


prodotto di una terribile ignoranza. Coloro che immaginavano
che con la teoria dellevoluzione stessero fondando il loro pensiero militaristico e aggressivo su una base scientifica, non facevano altro che raggirare se stessi. Indussero decine di migliaia
di persone a seguirli e a disseminare il mondo di terrore in modo mai visto prima.

Durante la prima Guerra Mondiale i tedeschi utilizzarono


liprite, violando le regole di guerra. Limmagine ritrae un
soldato inglese ucciso dalla sostanza.

146

Fintanto che non patiscono la guerra, i popoli non possono mai rendersi conto quali disastri comporta. Non si deve mai dimenticare che
la guerra dissemina dolore, perdite e sofferenza a milioni di innocenti. Il modo per costruire
un mondo senza guerra n conflitti, pieno
di pace e sicurezza quello di sradicare le ideologie in contrasto
con i valori morali religiosi comandati da Allah.

147

148

In un articolo intitolato The Philosophy and Morals of


War, Max Nordau (uno dei leader del movimento sionista),
identifica Darwin come uno dei principali sostenitori della
guerra:
Darwin stata la pi grande autorit di tutti i fautori della guerra. Con la promulgazione della teoria dellevoluzione, essi possono coprire la loro barbarie con il nome di Darwin e proclamare
i sanguinari istinti dellintimo dei loro cuori come lultima parola della scienza.81

In Darwin, Marx, Wagner: Critique of a Heritage, Jacques


Barzun, insegnante di storia alla Columbia University afferma
che Darwin attizz i fuochi del militarismo ovunque:
La guerra divenne il simbolo, limmagine, lo stimolo, la ragione
e il linguaggio di tutte le azioni umane sul pianeta. Chi non ha
letto una ragguardevole porzione di letteratura del periodo 18701914 non ha idea di cosa scateni un lungo incitamento al sangue
[]I militaristi della seconda met del secolo poetizzavano la
guerra e se ne beavano al solo pensiero. Con relativa impunit
per se stessi, davano per scontato che tutte le lotte della vita
dovessero essere lotte per la vita e la morte dei perdenti, lo scopo
naturale. 82

Furono milioni le persone afflitte dalle idee darwiniste sociali che


inneggiavano alla lotta. Uno degli esempi della grande sofferenza inflitta dalla guerra sono i bambini che piangevano sui corpi
delle loro madri morte ammazzate.

149

150

Nello stesso libro Barzun descrive come lEuropa, in particolare, cadde sotto linfluenza dei fautori militaristici e razzisti del
darwinismo:
Tra il 1870 e il 1914 in ogni Paese europeo ci fu un partito di guerra propenso agli armamenti, un partito individualista propenso alla
competizione efferata, un partito imperialista propenso alla libert
di azione contro la gente arretrata, un partito
socialista propenso al potere e un partito
razzista propenso allepurazione

Fintanto che non prevarranno lamore di


Allah, i sentimenti di
compassione, solidariet per gli esseri
umani che Lui ha
creato, lumanit
continuer a vivere
simili tragedie.

151

Afroamericani
linciati nel 1906.

152

degli stranieri (tutti, una volta falliti gli appelli alla gloria e allavidit, o persino prima, invocarono Spencer e Darwin, cio scienza personificata) [] La razza era biologica, sociologica; darwiniana.83

Questi inganni, identificati e descritti da molti accademici,


spiegano la storia delle guerre, dei massacri e del genocidio del
XX secolo.

Il XX secolo, dominato dalla filosofia darwinista


sociale, passato alla storia come un secolo di
guerra e conflitto. Per decenni, le espressioni di
sofferenza non hanno mai lasciato i volti di milioni
di persone.

153

154

In tempo di guerra, a soffrire


non sono solo i civili. I soldati
costretti a lottare come risultato di una filosofia che non ha
inflitto altro che sangue e dolore nel mondo, fanno parte
anchessi del lato crudele della guerra.

155

156

Al cospetto di Allah la superiorit sta


nella devozione, non nella razza
Una cattiveria simile non da attribuire solo ai nazisti. Il
razzismo, infatti, ha causato catastrofi terribili in molte parti del
mondo. Centinaia di migliaia di persone furono considerate inutili, vennero umiliate e forzate ad abbandonare le proprie case.
Vennero schiavizzate, uccise o lasciate morire, trattate come an-

157

Studenti bianchi attaccano un avvocato nero.


Il razzismo causa di rabbia, odio, aggressione e conflitto. Quegli
studenti sono cos lontani dal sentimento di umanit da uccidere un
innocente solo per il colore della pelle. Vivono, consapevolmente o
inconsapevolmente, sotto linfluenza del darwinismo.
In alto: Alabama 1930: un passeggero di autobus. Sul retro del veicolo cera una parte riservata ai neri chiamata passeggeri di colore.

158

159

imali e utilizzate come cavie da laboratorio. In


questo libro sono riportati solo pochi esempi di
crudelt e violenza rispetto a tutti quelli documentati nella storia.
Innanzitutto va accuratamente esplicata la
struttura sociale prevista dal darwinismo. Al pari
delle altre teorie materialiste, il darwinismo sociale, secondo cui le persone sono creature egoiste
che vivono solo per i propri interessi e che sono responsabili solo verso se stesse, non potr mai apportare giusti valori morali o felicit agli individui
o allintera societ. Affinch ci avvenga, la gente
deve abbandonare i propri desideri egoistici. I valori morali religiosi, come comandato da nostro
Signore, ci insegnano come fare. Il Corano ci rivela
la responsabilit verso Allah e i valori morali da
seguire per ricevere la Sua approvazione.
Se si ha fede nei comandamenti di Allah e nel
libro da Lui rivelatoci, proveremo compassione e
affetto verso gli altri.
Chi ama e teme Allah e osserva i Suoi comandamenti, vede le altre persone come esseri creati da
Lui e non fa alcuna distinzione di razza, nazionalit, colore o lingua. Vede in ogni essere umano
bellezza creata da Lui e se ne rallegra. La sua fede
lo fa amare, lo fa essere compassionevole protettivo. Ma, purtroppo, chi stato irretito dalle falsit
del darwinismo guarda le altre razze e nazioni dallalto e si sente giustificato nellopprimerle ed eliminarle, dilagando tensioni, malcontento e paura. Il
razzismo e limperialismo del XIX e XX secolo sono
il risultato di questa visione del mondo darwinista.
Harun Yahya (Adnan Oktar)

160

161

Nel Corano Allah ha proibito la discriminazione razziale e


ha rivelato che, al Suo cospetto, superiore chi ha fede e Lo
teme:
O uomini, vi abbiamo creato da un maschio e una femmina e
abbiamo fatto di voi popoli e trib, affinch vi conosceste a vicenda. Presso Allah, il pi nobile di voi colui che pi Lo
teme. In verit Allah sapiente, ben informato. (Surat al
Hujurat, 13)

162

lla luce di quanto rivelato fin qui sul darwinismo sociale,


non sorprender che i nazisti, artefici infami di uno dei pi
terribili atti di genocidio della storia, ne fossero degli osser-

vanti fedeli.
Quando si prendono in esame le opere, i discorsi e i documenti
di Hitler e di altri ideologi nazisti, facile riscontrarne linfluenza darwiniana.
Hitler pensava di poter migliorare la razza umana come fanno
gli allevatori. Per lui si doveva eliminare chi contaminava la razza

163

ariana, chi soffriva di malattie genetiche e i deboli. A questo scopo, ordin il feroce sterminio di molti, prova che considerasse gli essere
umani come animali e che fosse fissato con il darwinismo. In un articolo intitolato The Nazi Terror, Alexander Kimel, uno dei pochi sopravvissuti al genocidio nazista, enfatizza il legame tra darwinismo e
nazismo descrivendo come i nazisti, con il loro credo nel darwinismo
sociale, furono capaci di trattare le persone come animali senza
provarne alcuna piet:
Con lapprovazione del darwinismo sociale, il nazismo equipar luomo agli animali, privandolo della libert individuale di compiere delle
scelte, la capacit di pensare a se stesso. Brutalit, terrore, mendacit e
sfruttamento spietato delluomo da parte di altri uomini, divennero la
norma di comportamento. Se le stesse leggi di selezione naturale degli
animali valgono per luomo, quando la coscienza delluomo viene privata del barlume del divino piuttosto [sic]84 gli uomini possono essere
visti come un animali [sic]85 ; nutriti artificialmente e trattati come
bestie. Ad esempio, la guerra e la sua conduzione efferata causarono un
alto numero di vittime. Hitler tent di migliorare la situazione non
diminuendo le perdite ma migliorando i metodi di riproduzione. Ad
Auschwitz [] Mengele (medico nazista) fu [sic]86 condotto sperimenti
scientifici sui gemelli, uccidendoli, dissezionandoli, nel tentativo di

164

scoprire come poter migliorare i metodi riproduttivi per raddoppiare la prole delle donne tedesche. I tedeschi furono trattati
come animali da allevamento dalle SS, loro pastori e dallallevatore padrone, loro Fuhrer. I tedeschi vennero trattati come bestiame da concorso, le altre nazionalit come bestiame comune e gli
ebrei come parassiti.87

I nazisti adottarono questa prospettiva per perpetrare uno


degli atti pi terribili di genocidio mai verificatisi. La menzogna
della razza superiore diffusa da Hitler, si basava sulla falsit
della disuguaglianza tra gruppi appartenenti a una stessa
specie. Secondo Hitler e i suoi seguaci, mentre alcune specie si
evolvevano, alcuni individui o gruppi di quella specie rimanevano indietro e allo stato primitivo. Questa opinione perversa, alle base del razzismo, era uno degli elementi fondamentali della teoria di Darwin. In un libro su Auschwitz il dott. Karl
A. Schleunes, docente di storia, ammette il darwinismo come
giustificazione, cosiddetta scientifica, del razzismo:
Lidea di Darwin della lotta per la sopravvivenza []
serv da giustificazione al concetto razzista di persone e nazioni
superiori e inferiori e avvalor il conflitto fra di essi.88
Gli scienziati evoluzionisti si limitarono solo a dipingere il
quadro teorico desiderato dai nazisti. In particolare,
levoluzionista Konrad Lorenz, fondatore delletologia moderna
(scienza del comportamento animale), mise a confronto miglioramento delle razze e strutture biologiche:
Proprio come con il cancro, il miglior trattamento estirpare la
crescita parassitica il pi velocemente possibile, necessaria la
difesa eugenetica contro gli effetti sociali disgenici delle sottopopolazioni [] Quando questi elementi inferiori non vengono
eliminati del tutto dalla popolazione [sana], allora, proprio come
quando le cellule di un tumore maligno proliferano per il corpo
umano, distruggono se stessi e il corpo ospitante.89

Darwinismo: Arma Sociale

165

Considerare le razze diverse o i poveri e i bisognosi della


societ come fardelli di cui sbarazzarsi inspiegabilmente primitivo e barbarico. I nazisti cercarono di celare la loro crudelt dietro una maschera scientifica citando le menzogne di Darwin.
Joseph Tenenbaum, autore di Race and Reich:The Story of an
Epoch, riassume come presero forma le politiche naziste:

Tra le tante vittime della crudelt


nazista, anche gli orfani e i bambini
abbandonati.

166

Hitler al raduno di
Norimberga

167

[] la lotta, la selezione e la sopravvivenza dei


pi adatti, tutte nozioni e osservazioni a cui si
arriv [] dal darwinismo [] ma gi in germoglio nella filosofa sociale tedesca del diciannovesimo secolo [] Come conseguenza svilupparono la dottrina del diritto proprio della
Germania di governare il mondo sulla base della forza superiore [] [di una] relazione
martello e incudine tra il Reich e le nazioni
pi deboli.90

Dopo aver descritto con estrema esattezza


quale influenza ebbe il darwinismo sulle
politiche naziste Tenenbaum scrisse:
Il loro dizionario politico straripava di parole
quali spazio, lotta, selezione ed estinzione
(Ausmerzen). Il sillogismo della loro logica fu
dichiarato chiaramente: Il mondo una giungla
in cui diverse nazioni lottano per lo spazio. Sar
il pi forte a vincere, il pi debole a morire o a
essere ucciso [].91

Al raduno di Norimberga del 1933 Hitler


afferm che la razza superiore sottomette quella inferiore [] un diritto che vediamo in natura
e che poich basato sulla scienza, pu essere
lunico diritto concepibile.92 Affermando ci
perpetr una delle menzogne pi assurde della
storia.
Il discorso di Hitler On the Fate of the Nation
pullula di idee darwiniste:
Tra i fattori pi scatenanti della vita vi sono
lautodifesa e la tutela delle generazioni future.
La politica non altro che la lotta per la sopravvivenza del popolo. Il potente desiderio di vi-

Harun Yahya (Adnan Oktar)

168

vere universale e abbraccia lintera Nazione. Questo desiderio


di sopravvivere deve sfociare nel conflitto, perch anche se non
appagabile questo desiderio anche fondamento di vita. Lo
spazio da vivere limitato. La crudelt , quindi, una parte imprescindibile dellumanit! Luomo diventa il signore della terra come risultato dei conflitti e della lotta costante. Questa la superiorit non del genere umano ma della forza di chi detiene il
potere e il dominio. Esistono differenze fra le razze. Il mondo ha
acquisito la sua cultura da una classe elitaria. Ci che vediamo
oggi il risultato del lavoro e del successo ariano. Ma in ogni razza il vero fattore che ha portato a questi risultati sono gli individui di valore che riesce ad allevare. Non sono le moltitudini
democratiche ad aver formato il genere umano, bens gli individui di valore.93

In quel periodo le tirate di Hitler ebbero grande influenza.


Decine di migliaia di persone ignoranti accolsero quelle ipotesi,
frutto della sua immaginazione. Come gi sottolineato, il forte
slancio al conflitto o a unefferata lotta per la sopravvivenza non
contribuisce al progresso della societ. Tutti gli individui si battono per una vita pi sana, pi piacevole, ma il raggiungimento dello scopo direttamente proporzionato allattaccamento
della propria societ ai valori morali e spirituali. Tentare di
eliminare gli altri con la violenza non fa altro che danneggiare
tutti. Le differenze fisiche o culturali non rendono superiore
nessuna razza. Al contrario, in un clima di pace e sicurezza, le
differenze sono elementi di valore che determinano un arricchimento culturale.
Per trasformare queste differenze in ricchezza culturale,
sono essenziali i valori morali religiosi. A prescindere dalle circostanze, Allah ha comandato ai popoli di non allontanarsi dal
cammino della giustizia e di trattare e perdonare il prossimo
con affetto e compassione. I credenti, coscienti dellenorme

Darwinismo: Arma Sociale

169

saggezza nella creazione di razze e nazioni diverse, agiscono in


uno spirito di fratellanza e solidariet. Cercare arrogantemente
di classificare le persone in base alla razza a cui appartengono,
in assenza di qualsiasi giustificazione, una caratteristica dei
miscredenti e di chi si crea delle divinit al di fuori di Allah. Un
versetto descrive lardore fanatico dei non credenti:
quando i miscredenti riempirono di furore i loro cuori, il
furore dell'ignoranza []. (Surat al-Fath, 26)

Unimmagine
della Germania
nel 1945

Harun Yahya (Adnan Oktar)

170

Influenzato dal suo squilibrio mentale, Hitler vide la simbiosi tra la teoria di Darwin e la propria visione del mondo
come il mezzo ideale per diffonderla. Mein Kampf, pubblicato
nel 1925, la prova del suo attaccamento al darwinismo. Nel
quarto capitolo, ad esempio, scrisse che il darwinismo era lunica base per il successo della Germania. Robert Clark, autore di
Darwin: Bifore and After, a proposito della devozione di Hitler al
darwinismo, scrive:
Le idee evolutive, abbastanza manifeste, giacciono alla base
delle cattiverie in Mein Kampf e nei suoi discorsi pubblici []
Hitler argomentava [] che una razza superiore avrebbe conquistato sempre una inferiore.94

Beate Wilder-Smith, autrice di The Day Nazi Germany Died,


descrive lelemento fondamentale nella dottrina nazista:
Uno dei capisaldi nella teoria e nella dottrina naziste fu [] la
teoria evolutiva [e] [] ci che la biologia aveva sviluppato []
verso il miglioramento, e che [] gli esemplari meno evoluti []
dovevano essere eliminati [e] [] che la selezione naturale poteva e doveva essere supportata, e quindi [i nazisti] istituirono
provvedimenti politici per sradicare [] ebrei, e [] neri, che
consideravano sottosviluppati.95

Il Mein Kampf d i
Hitler include molte
affermazioni
darwiniste.

Darwinismo: Arma Sociale

171

In American Scientist, il professore Gorge J. Stein scrisse


un articolo intitolato Biological Science and the Roots of
Nazism:
[] Il darwinismo sociale tedesco [fu] di un genere noto e accettato in Germania su ampia scala e [] pi importante,

fu

considerato scientificamente vero da molti tedeschi, scienziati inclusi. Uno studio pi recente sul socialismo nazionale e su Hitler
ha cominciato a dimostrare che [] [lapplicazione della teoria di
Darwin] fu la caratteristica specifica del nazismo. La biopolitica socialista nazionale [] [fu] basata sul credo mistico-biologico nella disuguaglianza radicale, [] basata sulleterna lotta per
lesistenza e nella sopravvivenza dei pi adatti come legge di
natura e nel conseguente uso del potere statale per una politica di
selezione naturale.96

Larticolo del professor Stein evidenzia lidea del darwinismo sociale tedesco che gli esseri umani non sono diversi dagli
animali:
Il punto essenziale del darwinismo sociale tedesco [era] [] che
luomo faceva parte della natura senza qualit trascendentali o
benevolenze speciali. Daltro canto, i tedeschi erano membri di
una comunit biologicamente superiore [] le politiche non erano altro che la semplice applicazione delle leggi della biologia. In
sostanza, Haeckel e i suoi seguaci darwinisti proposero le idee
che sarebbero diventate i presupposti chiave del socialismo
nazionale [] Lattivit dello stato corporativo fu leugenetica o
selezione artificiale [].97

Questi errori del Socialismo nazionale, chiaramente espressi nel testo di Stein, gettarono le basi per una guerra mondiale a
cui molti paesi furono costretti a partecipare. Il nazismo, che
nacque e si svilupp con lappoggio delle teorie illusorie di
Darwin, fu fautore di un disastro che non ha eguali nella storia
del mondo. Questa catastrofe fu cos terribile che milioni di persone persero la vita e intere citt scomparvero dallatlante. A
Harun Yahya (Adnan Oktar)

172

soffrire il male peggiore fu la stessa societ tedesca che, secondo la propaganda, si sarebbe rafforzata e
avrebbe raggiunto il successo.
Ancora una volta si pu vedere
come il conflitto e la disperata ricerca
di eliminare gli altri non serva al progresso di una Nazione.
Per tutta la sua vita Hitler non abbandon mai la visione che i nazisti avevano di se stessi e degli altri: Noi nazisti
[] siamo barbari! Vogliamo essere barbari. un titolo onorevole [perch, grazie
a esso] potremo ringiovanire il mondo.98
A detta di Sir Arthur Keith, Hitler
tent consapevolmente di conformare le
usanze della Germania alla teoria dellevoluzione.99 Sulla teoria dellevoluzione,
Hitler e la guerra, Keith afferma:

173

174

Hitler e i nazisti rafforzarono le loro idee


perverse (prodotto della loro instabilit
mentale) con le affermazioni darwiniste
sociali e misero in pratica i massacri pi
terribili della storia del mondo.

175

Se la guerra fosse la progenie dellevoluzione (e sono convinto


che lo sia), allora levoluzione impazzita, raggiungendo un
tale apice di ferocia da dover frustrare il proprio ruolo nel mondo della vita [] Non c modo di sbarazzarsi della guerra eccetto uno, ossia liberare la natura umana dalle sanzioni impostele
dalla legge dellevoluzione.100

In Hitlers Personal Security, Peter Hoffmann parla delle


idee darwiniste di Hitler:
Hitler vedeva la lotta come il principio darwiniano della vita
umana che costringeva ogni popolazione a tentare di dominare le
altre; senza lotta il mondo sarebbe marcito e morto. Anche in occasione della sua sconfitta nellaprile del 1945 Hitler espresse il
suo credo nella sopravvivenza del pi forte dichiarando che gli
slavi avevano dimostrato a se stessi di essere i pi forti.101

Come si desume dalle opinioni di gran parte degli storici e


dei ricercatori, il nazismo acquis forza e nutrimento dal darwinismo, dai libri e dai discorsi di Hitler nel giro di poco.
Nascondendosi dietro presunti fondamenti scientifici, Hitler e
gli altri leader nazisti tentarono di giustificare la loro crudelt
psicopatica. Come vedremo nelle prossime pagine, il darwinismo sociale che prese piede in Germania nella prima met del XX
secolo, grazie ai darwinisti fanatici come
Ernst Haeckel, influenz profondamente la
societ tedesca e costitu un fondamento
filosofico pi importante per il successo del
nazismo.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

176

Guerra nella Germania nazista ed evoluzione


Stando alla visione distorta del darwinismo sociale, la guerra
consente alle societ di progredire, seleziona i pi adatti ed elimina
i deboli. La guerra viene concepita come forza positiva poich sradica non solo le razze deboli, ma anche i deboli allinterno della razza superiore. Questa la ragione per cui il darwinismo sociale approva la guerra. Il nazismo adott il militarismo con la stessa logica del darwinismo sociale. Robert Clark, in Darwin: Before and After,
cita Mein Kampf come riferimento e fornisce la seguente informazione su Hitler:

19 agosto 1942: Gente


nella citt costiera di
Dieppe (Francia) uccisa
dalla guarnigione nazista
In alto a destra: Tedeschi
trasportano armi pesanti
durante la feroce battaglia
sul fronte norvegese. La
logica darwinista sociale
caus molti morti nelle
guerre del secolo scorso
e port alla rovina di altrettante nazioni.

177

Latteggiamento di Hitler verso la Societ delle nazioni, verso la guerra e la pace, si basava sugli stessi principi.
Una corte internazionale di giustizia [] sarebbe un fatto ridicolo
[] lintero mondo della natura una potente battaglia tra forza e
debolezza, uneterna vittoria dei forti sui deboli. Se non fosse cos,
nellintera natura non ci sarebbe altro che degrado. Gli Stati che [violano] [] questa legge elementare cadranno in rovina [] Chi
vuole vivere deve combattere. Chi non vuole combattere in questo
mondo in cui la lotta legge di vita, non ha diritto di esistere.102

178

Pensarla diversamente vuol dire insultare la natura.


Langoscia, la miseria e la malattia sono le sue risposte.
Con il darwinismo sociale si rafforzarono lideologia di conflitto e listeria della guerra. I concetti darwinisti furono un catalizzatore molto influente che incoraggi queste tendenze fino a
convincere lintera societ ad adottarle. Per la prima volta il razzismo e il desiderio di lotta trovarono, cos, un presunto fondamento scientifico e furono presentati alla societ come fatto irrefutabile. Le opere del Dr. Albert Edward Wiggam, teorico evolutivo durante lepoca nazista, pubblicate nel 1922, riflettono una
delle menzogne riscontrate pi di frequente nel mondo delle idee
tedesche del tempo:
[] ci fu un momento in cui luomo aveva poco pi cervello dei
suoi [cosiddetti] cugini antropoidi, le scimmie antropomorfe. Ma
scalciando, mordendo, lottando [], mettendo nel sacco i nemici e,
con il fatto che chi non aveva la ragione e la forza per farlo veniva
ucciso, il cervello umano si evolse e accrebbe in saggezza e agilit se
non addirittura in dimensioni [].103

Darwinismo: Arma Sociale

179

Molti ideologi
tedeschi perversi credevano che la guerra
e il conflitto accelerassero levoluzione
portando lumanit al
progresso. I nazisti,
che credevano nella
presunta superiorit
della razza ariana, fecero scoppiare la
Seconda Guerra
Mondiale per rendere
la loro razza sempre
pi pura al costo
della vita di circa 40
milioni di persone.

La conclusione che i nazisti


trassero da questa storia evolutiva immaginaria (il prodotto di
una mentalit malata), la
seguente:
Stando alle false prospettive
dei nazisti, la guerra era costruttiva a lungo termine, poich gli
evoluzionisti ritenevano che gli esseri umani progredissero solo per
mezzo di conflitti letali. Al pari di Hitler e Rosenberg, altri ideologi
nazisti affermarono che la civilizzazione contemporanea si era
manifestata prevalentemente grazie alla guerra costante. Anche diversi [cosiddetti] scienziati dellepoca difesero questo punto di
vista poco ortodosso.
Harun Yahya (Adnan Oktar)

180

Il professor Haeckel dellUniversit di


Berlino, ad esempio, noto sostenitore del darwinismo, lodava lo stato militaristico di Sparta
dellantica Grecia affermando che il fatto che
fosse un popolo scelto, spiegava perch gli
spartani avessero successo e fossero superiori
agli altri. Asseriva che uccidendo tutti tranne i
bambini forti e in ottima salute gli spartani erano continuamente in vigore e forza perfetti104 Haeckel giustificava quelle pratiche selvagge. Secondo lui, anche la Germania avrebbe
dovuto seguire le usanze spartane perch linfanticidio di bambini deformi e malati era una
pratica a vantaggio sia dei bambini soppressi
sia della comunit. Queste opinioni irragionevoli di Haeckel sono importanti nel rivelare la struttura logica rappresentata dalle idee
prive di fondamento scientifico del darwinismo, secondo cui lidea che tutte le vite valgono
allo stesso modo e che necessitano di protezione era solo un dogma tradizionale e,

Lossessione di Hitler e dei nazisti di


insediare una razza superiore port alla morte di milioni di innocenti e al patimento per anni di trattamenti disumani di molti altri milioni.

Darwinismo: Arma Sociale

181

182

presumibilmente, una violazione della verit scientifica. Nessun uomo razionale dotato di buona coscienza
potrebbe mai accettare affermazioni simili, ma,
purtroppo, alcuni tedeschi lo fecero.
Non solo in Germania ma in molti paesi del mondo il darwinismo sociale port a rinnegare i valori
morali e le virt della compassione, della protezione,
della collaborazione, della solidariet e della pazienza
impartite dalle religioni divine. Al posto di queste, indic limportanza dellassassinio di chi non fosse compatibile con gli interessi della societ (attraverso la distruzione e la cattiveria, sentimenti che appartengono a
Satana, il pi grande raggiratore dellumanit). Lodio
che i darwinisti provarono per le religioni divine giace
nel cuore dellinimicizia dei nazisti verso gli ebrei.
Il neonazismo esiste ancora nel mondo, a dimostrazione che ideologie malate del genere continuano a rappresentare un pericolo per lumanit anche al
giorno doggi. E non importa con quale nome venga
messo in pratica, lo stile di vita che propone il darwinismo sociale consiste solamente di lotte, spargimenti di
sangue, guerra sofferenze e paura. I campi di sterminio
di Auschwitz rappresentano i luoghi in cui stato applicato il darwinismo sociale. Il darwinismo porta inevitabilmente al darwinismo sociale. In un mondo in
cui questa piaga continua a esistere, sar impossibile
evitare nuovi Auschwitz.

Gente morta o in procinto di morte per fame nel campo di concentramento di Auschwitz in cui furono uccisi dai tre ai quattro milioni di persone. Lossessione
dei nazisti della idea (falsa) di una razza superiore,
che basarono sul darwinismo sociale, port alla morte
di milioni di innocenti nei campi.

Darwinismo: Arma Sociale

183

184

Hitler fu un tiranno perch era un


darwinista sociale
Hitler e gli altri leader nazisti non si sentivano minimamente
colpevoli per la crudelt che avevano inflitto per diversi anni, anzi,
si consideravano degli eroi. Si credevano salvatori che avrebbero
dato vita allevoluzione dellumanit e ai quali, in seguito, sarebbero state grate le generazioni evolute. Ma si trattava di una bugia.
Le idee pericolose, frutto della mentalit malata di Hitler, si
diffusero e vennero messe in pratica sotto linfluenza del darwinismo sociale. Secondo la sua ideologia, i campi di concentramento
non erano prigioni dove gli innocenti venivano torturati e sterminati, ma piuttosto luoghi di quarantena dove gli elementi malati,

Tre jugoslavi uccisi dalle truppe occupanti


tedesche e mostrati in pubblico nel 1940.

185

deboli e indesiderati venivano isolati per


tutelare la razza suprema. Il darwinismo, pertanto, passato alla
storia come una scienza falsa
che ha costituito la filosofia
basilare di una guerra e di un
genocidio che hanno inflitto la sofferenza, la distruzione e il terrore peggiori
della storia. Lo stesso Hitler pass alla storia come tiranno che mise
in atto questa scienza falsa.

186

opo aver letto Lorigine della specie, Ernst Haeckel, rappresentante di spicco di Charles Darwin e del darwinismo sociale in
Germania, comment:
Nella grande concezione unificata di Darwin della natura e nello schiacciante fondamento per la dottrina dellevoluzione, trovai
la soluzione a tutti i dubbi che mi avevano turbato sin dallinizio
dei miei studi di biologia.1
Haeckel pensava che il libro di Darwin avesse fugato tutti i suoi
dubbi, ma ovviamente si sbagliava. La teoria dellevoluzione, formulata in condizioni primitive dellepoca, non fu capace di avanzare una spiegazione valida, consistente e (ancora pi importante) scientifica su
come abbia avuto inizio la vita. In Le meraviglie della vita, Haeckel riassume le proprie idee irrazionali sulle razze umane sviluppate sulla
base del darwinismo:
Sebbene siano note le grandi differenze nella vita mentale e nella
civilizzazione delle razze supreme e inferiori degli uomini, di regola, queste vengono sottostimate e cos il valore della vita a livelli diversi viene a essere stimato ingiustamente[] [Le] razze inferiori
(come i Veddah o i neri australiani) sono psicologicamente pi simili ai mammiferi (scimmie e cani) rispetto agli europei civilizzati;
dobbiamo, quindi, assegnare un valore totalmente diverso alle loro
vite [] Il divario tra [la] mente pensatrice delluomo civilizzato e
lanima animale e irriflessiva del selvaggio enorme (maggiore di
quello che separa lanima del selvaggio e quella del cane).2
Le affermazioni di Haeckel erano prive di alcun fondamento scientifico. Tuttavia le sue idee furono adottate da molte persone, come se
ne avessero. Dalla teoria dellevoluzione Haeckel svilupp anche un
tipo di teoria materialista, che lui stesso chiam monismo, secondo cui

Darwinismo: Arma Sociale

187

lanima non esiste e tutto sola materia. Haeckel scrisse:


[] per le prima volta ci concesso immaginare lunit della
natura [] [cos da poter avere] una spiegazione meccanicocausale persino del fenomeno organico pi complesso [con il
risultato che] la

distinzione tra corpi animati e inanimati non

esiste [] [Tutti i fenomeni naturali, sia] una pietra [...] tirata in


aria [] [o] lo zolfo e il mercurio

[insieme]

formare

il

cinabro [] [non sono] che manifestazioni meccaniche di vita


n pi n meno della crescita delle piante, della propagazione di
animali o lattivit dei loro sensi, della percezione o la formazione del pensiero nelluomo.3
Haeckel ingannava se stesso
immaginando di aver trovato le
risposte a molte domande con una
prospettiva materialista. La visione materialista, secondo cui
non c differenza tra corpi ani-

Nazi doktorlar, jenist


uygulamalar
gzleri kapal
yerine getiriyor, hayat
kurtarmalar
gerekirken,
milyonlarca
insann lmne arac
oluyorlard.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

188

mati e inanimati e che ogni cosa ha una spiegazione meccanica, stata smentita dal progresso e dalle ricerche scientifiche condotte nel XXI
secolo, che ne hanno invalidato totalmente la presunta validit scientifica. Ogni nuova scoperta, ogni progresso scientifico ha rivelato il fatto che luniverso un prodotto impeccabile della creazione. Luniverso
non eterno e infinito, come vorrebbero farci credere i materialisti, e
non il frutto di influenze e sviluppi meccanici. Allah ha creato luniverso e tutto ci che contiene, e quando arriver il momento da Lui stabilito, luniverso, gli esseri umani e le altre entit presenti troveranno
la loro fine.
Per via di questo modo di pensare materialista, dunque, Haeckel
rinneg le religioni divine, lumanit e la compassione impartite dai
valori morali religiosi. Egli decantava la selezione umana artificiale
praticata dagli spartani (membri della citt-stato greca fondata nel IX
secolo d.C. che rifiutavano larte, la filosofia, la letteratura e che era
costruita solo sulla forza militare) difendendo la barbarie eugenetica.
Durante il periodo degli spartani, con una legge speciale, i bambini appena nati venivano sottoposti ad attenti controlli e quelli che erano deboli, malaticci o avevano difetti fisici venivano brutalmente uccisi. Il
diritto alla vita era concesso solo ai bambini sani e robusti. Haeckel
difendeva questa pratica barbarica che prevedeva luccisione di bambini innocenti.4
A chi lo criticava, Haeckel rispondeva:
Che bene apporta allumanit mantenere artificialmente e allevare migliaia di storpi, sordomuti, dementi ecc.., che nascono ogni anno con un fardello ereditario di malattie incurabili?.5
Indubbiamente, questa logica avanzata da Haeckel disumana.
Secondo lui, i sentimenti dellamore, della compassione, dellaffetto
dovrebbero essere diretti solo alle persone utili. Questo atteggiamento egoista prospera sotto linfluenza del materialismo e del darwinismo. La gente che osserva i valori religiosi, al contrario, prova
compassione per i bisognosi e li protegge nonostante non ci guadagni
nulla a farlo. Questo il vero significato dellumanit. Nel Corano si

Darwinismo: Arma Sociale

189

rivela che i veri credenti offrono cibo ai poveri, ai prigionieri e ai bisognosi prima ancora che a se stessi, e lo fanno soltanto per ricevere lapprovazione di Allah:
[loro] che, nonostante il loro bisogno, nutrono il povero, l'orfano e il prigioniero. E' solo per il volto di Allah, che vi nutriamo; non ci aspettiamo da voi n ricompensa, n gratitudine.
(Surat al-Insan, 8-9)
Al contrario, i monisti, guidati da Haeckel, affermavano che dai
difetti genetici potevano derivare non solo i tratti fisici ma anche il carattere, e sostenevano che si dovevano eliminare gli esseri non perfetti.
I libri di Haeckel svolsero un ruolo importante nell'accettazione
del programma nazista di eugenetica. Lo studente e biografo di
Haeckel, Wilhelm Blsche, trasmise direttamente a Hitler le idee del
darwinismo sociale del maestro. Inoltre, Haeckel fu un autore citato di
continuo nella rivista Archiv fr Rassen- und Gesellschaftsbiologie
(Archivio di biologia razziale e sociale), che fu pubblicata dal 1904 al
1944, e che divenne uno fra gli organi principali per la propagazione
di idee eugenetiche e della pseudoscienza nazista, e riportava regolarmente estratti dalle pericolose opere di Haeckel.6
Le parole dello storico Daniel Gasman:
Le idee di Hitler su storia, politica, religione, Cristianesimo,
natura, eugenetica, scienza, arte ed evoluzione, per quanto eclettiche, e nonostante la pluralit delle loro fonti, coincidono per la
maggior parte con quelle di Haeckel e vengono spesso espresse
in un linguaggio molto simile.7
Haeckel era a favore del suicidio e delleutanasia. Secondo lui,
lessere umano non altro che il risultato di un rapporto sessuale fra
un padre e una madre. Per questa ragione, quando vivere risulta
gravoso, una persona pu decidere di porre fine ai suoi giorni:
Se, quindi, le circostanze della vita diventano troppo dure da
reggere sul povero essere che si sviluppato, senza che questi ne
abbia colpa, dallovulo fertilizzato (se, invece del bene sperato arriva solo la necessit, il bisogno di cure, malattie e miseria di og-

Harun Yahya (Adnan Oktar)

190

ni genere) egli ha il diritto inconfutabile di porre fine alla sue


sofferenze con la morte [] La morte volontaria, tramite cui luomo pone fine a una sofferenza intollerabile , in realt, un atto di redenzione8
La verit che gli esseri umani non nascono per caso. Sono frutto
di una creazione e dietro questa creazione umana c un fine che Allah
rivela nel Corano:
solo perch Mi adorassero che ho creato i demoni e gli uomini (Surat adh-Dhariyat, 56)
Gli esseri umani sono responsabili di ogni azione che compiono nel
corso della vita, e ne dovranno rispondere nel giorno del Giudizio.
Quelli come Haeckel, che incitano il prossimo a suicidarsi e a commettere omicidi, indubbiamente si gravano di una responsabilit che non
saranno in grado di giustificare.
In Le meraviglie della vita, Haeckel afferm che i bambini nascono
sordi e privi di coscienza (non vero) e, quindi, sono sprovvisti di animo umano. Basandosi su questa teoria, egli difese linfanticidio di
neonati anormali sostenendo che non si trattava di omicidio. Come ab-

I neonati,
anche se
disabili e
malati,
sono esseri
umani che
necessitano di affetto e protezione.

Darwinismo: Arma Sociale

191

biamo visto, Haeckel difendeva apertamente lomicidio e incoraggiava


chi gli stava intorno a farlo. Era cos tanto privo di sentimenti che non
solo sosteneva leutanasia volontaria, ma anche il suo equivalente coatto. A questo proposito Haeckel espresse cos la sua rabbia: centinaia di
migliaia di incurabili (matti, lebbrosi, malati di cancro ecc. vengono
tenuti in vita artificialmente [] senza che apportino un minimo di benessere a se stessi o alla societ.9 La sua soluzione era:
[] la redenzione da questo male dovrebbe essere compiuta con
una dose di veleno rapido e indolore[] sotto il controllo di una
commissione autoritaria.10
La barbarie da lui proposta ebbe degli effetti devastanti in
Germania. La ricerca di Haeckel apr le porte al programma di eutanasia noto come T4, a causa del quale vennero brutalmente uccisi 300.000
disabili mentali e fisici, gli incurabili e gli indesiderati.
La crudelt di questuomo e gli omicidi perpetrati con lapprovazione di Hitler hanno ununica fonte: il darwinismo sociale.
Leugenetica, leutanasia, la sterilizzazione forzata, i campi di concentramento, la purezza della razza e le camere a gas della met del XX
secolo sono il frutto di una coalizione tra Darwin, Haeckel e Hitler, e rappresentano i pi malvagi e peggiori atti di crudelt nella storia dellumanit.

1 Quoted in Daniel Gasman, The Scientific Origins of National Socialism: Social


Darwinism in Ernst Haeckel and the German Monist League (London: MacDonald,
1971), p. 6
2 Haeckel E., Le meraviglie della vita :complemento ai problemi delluniverso, Unione
Tipografico-Editrice, Torino, 1905
3 Haeckel E., Antropogenia e storia dellevoluzione umana, Unione TipograficoEditrice, Torino, 1891
4 Ibid.
5 Wiker B., Moral Darwinism: How We Became Hedonists (Intervarsity Press, 2002), p.
260
6 Lifton R. J., I medici nazisti, BUR, Milano, 2006
7 Gasman, Scientific origins, pag.161
8 Haeckel, Le meraviglie della vita
6 Lifton R. J., I medici nazisti, BUR, Milano, 2006
7 Gasman, Scientific origins, pag.161
8 Haeckel, Le meraviglie della vita
9 Ibid.
10 Ibid.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

192

193

Caricare corpi scheletrici nei camion faceva


parte della vita quotidiana nella Germania
nazista. Milioni di polacchi, zingari ed
ebrei innocenti, considerati inferiori dai
nazisti, vennero uccisi nei campi di
concentramento.
Libri quali A Gypsy in Auschwitz; Shared
Sorrows: A Gypsy Family Remembers the
Holocaust; e The Nazi Persecution of the
Gypsies1 sono solo pochi esempi delle
opere che rivelano la persecuzione nazista
degli zingari.
1 N.d.T. Traduzione non ufficiale dei titoli: Uno zingaro ad Auschwitz; Una
famiglia zingara ricorda lolocausto e La persecuzione nazista degli zingari

194

naltra delle pratiche pi significative del darwinismo sociale fu leugenetica, la cosiddetta scienza che tenta di
migliorare la razza umana attraverso la riproduzione. Il

termine, proposto per la prima volta nel 1883 da Francis Galton, cugino di Darwin, composto dalla combinazione di due parole: eu
(buono) e genet (nascita). Messe insieme stanno a significare buona
nascita o bont genetica. In contrasto con il suo significato linguistico e ben lontano dallessere buono, questo concetto port a una
crudelt inaudita.

195

I sostenitori delleugenetica affermavano che soltanto la loro razza doveva essere protetta e migliorata mentre le altre dovevano subire
una selezione artificiale. Secondo Galton, solo lelite inglese poteva
godere di tale privilegio. La sua proposta fu quella di prevenire la
riproduzione di poveri, deboli, malati e privi di talento.
I nazisti, a loro volta, sostenevano che chi non apparteneva alla
prospera razza ariana, rappresentava un fardello per lo stato e che,
pertanto, dovesse essere eliminato per mezzo della sterilizzazione o
dello sterminio. Dalla teoria passarono alla pratica. Oltre a sterilizzare
centinaia di migliaia di persone (politica eugenetica), i nazisti uccisero
anche migliaia di malati, storpi, minorati mentali, anziani, incapaci e
orfani mandandoli nelle camere a gas, avvelenandoli o lasciandoli
morire di fame.
I fautori delleugenetica credono, o lo fanno sottintendere, che la
maggior parte dei tratti del carattere di una persona venga ereditata.
Secondo loro, Galton incluso, si ereditano anche le caratteristiche indesiderate quali la pigrizia o la povert. Ipotizzando che genitori indolenti allevano figli indolenti, tentarono di prevenire i matrimoni di
tali persone. Sarebbe interessante capire come gli evoluzionisti ab-

196

1914: Fotografia di una classe addestrata all eugenetica

biano potuto affermare queste idee prive di logica e buon senso,


in nome della cosiddetta scienza.
Leugenetica, tanto amata dai darwinisti, caus la sofferenza di tanta gente. Esaminare lo sviluppo di questa crudelt, far
capire meglio i fondamenti di coloro che lhanno appoggiata.
quindi fondamentale capire come Darwin support e incoraggi la perversione nota come eugenetica, in nome della cosiddetta scienza. Sebbene la sua origine risalga alla Repubblica di
Platone, con il darwinismo, leugenetica acquist una presunta
apparenza scientifica divenendo, quasi di diritto, una branca
della scienza. Karl Pearson, di cui abbiamo gi citato le idee
razziste influenzate fortemente da Galton, afferm che la teoria
dellevoluzione sta alla base dellorigine delleugenetica:

Darwinismo: Arma Sociale

197

[] le moderne idee eugenetiche sono nate solo nel XIX secolo.


Lemergere dellinteresse nelleugenetica durante quel secolo
ebbe diverse radici. La pi importante fu la teoria dellevoluzione
perch le idee sulleugenetica di Francis Galton, (e fu lui a coniare
il termine eugenetica) furono la conseguenza logica diretta della dottrina scientifica elaborata dal cugino, Charles Darwin.106

Leredit di Darwin al cugino Galton :


leugenetica
Le basi della perversione delleugenetica furono gettate da
Malthus e da Darwin. Il Saggio di Malthus, fonte di ispirazione
di Darwin, conteneva le idee primarie che, in seguito, avrebbero
costituito leugenetica. Ad esempio, Malthus afferm che gli esseri umani potevano riprodursi con gli stessi mezzi utilizzati
per la selettocoltura:
Tuttavia, sembra in qualche modo possibile che, controllando la
riproduzione, possa manifestarsi tra gli uomini un certo grado di
miglioramento simile a quello tra gli animali. Se si possa passare lintelletto resta un mistero, ma la forza, la bellezza, laspetto e, forse, persino la longevit, sono in parte trasmissibili.107

Da questa e da tante altre affermazioni si deduce che


Malthus ritiene luomo al pari di un animale. Questa sue opinioni influenzarono Darwin le cui asserzioni, a sua volta, contenevano il seme che poi avrebbe dato come frutto leugenetica.
In Lorigine delluomo, si mostr preoccupato del fatto che, attraverso varie pratiche sociali, i deboli non venissero eliminati e
che ci potesse portare a una tendenza biologicamente arretrata. Secondo Darwin, i difettosi tra le popolazioni selvagge e
gli animali venivano eliminati rapidamente, e commettevano
un errore i medici e i pietisti che proteggevano quelle stesse categorie presenti tra le popolazioni civilizzate. Nello stesso modo
in cui gli allevatori miglioravano il loro bestiame attraverso una

Harun Yahya (Adnan Oktar)

198

selezione artificiale, cos dovevano fare le societ umane, eliminando i malati e i deboli:
Chiunque abbia assistito alla selettocoltura non dubiter che
debba essere altamente dannosa alla razza umana. s o r p re n dente quanto la mancanza di cure, o una cura gestita erroneamente, porti velocemente alla degenerazione della razza; ma,
tranne nel caso delluomo, nessuno cos ignorante da consentire
che le proprie bestie peggiori si riproducano .108
Insieme ai selvaggi vengono presto eliminati i malati nel corpo
e nella mente; e quelli che sopravvivono mostrano generalmente
un ottimo stato di salute. Noi uomini civilizzati, a nostra volta,
facciamo tutto il possibile per tenere sotto controllo il processo di
eliminazione; costruiamo centri di ricovero per dementi, mutilati
e malati; istituiamo leggi per i poveri; i nostri medici si impegnano al massimo per salvare la vita di tutti fino allultimo momento [] Cos i membri deboli delle societ civili propagano il
loro genere.109

Queste parole, frutto di una mentalit malata, costituirono


un buon supporto per razzisti, fautori delleugenetica e sostenitori della guerra che, alla fine, inflissero terribili catastrofi allumanit. Nella parte finale di Lorigine delluomo, Darwin si sbizzarrito con affermazioni prive di alcuna logica scientifica, asserendo che la lotta per lesistenza un bene per lumanit,
che i pi intelligenti avrebbero avuto pi successo nella
battaglia della vita rispetto ai meno intelligenti, e che senza di
essa le gente cadrebbe nellindolenza.110
Con queste teorie distorte Darwin gett le basi per le
pratiche eugenetiche. La teoria dellevoluzione, vista come dato
scientifico, sfoci nellaccettazione e nellattuazione di politiche
razziste ed eugenetiche.

Darwinismo: Arma Sociale

199

Secondo gli eugenisti, anche gli anziani erano individui deboli


da eliminare. Non erano degni di amore o rispetto e si credeva
che dovessero essere rimossi dalla societ.

200

Eugenetica in Gran Bretagna


Come gi menzionato, il leader delleugenetica fu il cugino
di Darwin, ossia Francis Galton. E Leonard Darwin, figlio di
Charles, fu quello che lappoggi e la diffuse in Gran Bretagna.
Winston Churchill fu un altro a dare il proprio appoggio al
movimento.111
Galton sosteneva che si
dovesse ottemperare il principio della sopravvivenza
dei pi adatti e che si
dovesse consentire solo
ai pi forti di prendere
parte

Galton svilupp uno studio illogico e infruttuoso per determinare i


tratti genetici comuni dei criminali
basandosi sulle impronte delle dita e sulla forma del viso.

Darwinismo: Arma Sociale

al

mondo.

201

Secondo le tesi illogiche e non scientifiche di Galton, lumanit


era in una posizione tale da prendere il controllo della sua stessa evoluzione e poter creare una razza suprema. Egli riteneva
che i neri avessero un livello di intelligenza inferiore:
[] vasto il numero di neri che dovremmo definire di parziale
intelligenza. Qualsiasi libro che alluda ai servi neri dAmerica ne
pieno di esempi. Io stesso me ne sono reso conto durante i miei
viaggi in Africa. Gli errori commessi dai neri nei loro stessi
riguardi erano cos puerili, stupidi e da semplicioni che mi sono
vergognato spesso di appartenere alla loro stessa razza.112

Ma Galton si spinse oltre. Arriv, infatti, ad affermare che


diverse razze di cane avessero un intelletto pi sviluppato
rispetto ad alcune razze umane.113 Ma nella sua valutazione di
neri e schiavi, ignor unevidente verit: che la maggior parte
dei libri sugli schiavi furono scritti da gli stessi schiavi. Inoltre,
essendo immersi in una societ completamente estranea a loro,
in una cultura di cui non sapevano nulla, il loro comportamento e le loro azioni dovevano sembrare da ignoranti.
Chiaramente, qualsiasi europeo portato a vivere in un villaggio
africano, mostrerebbe lo stesso genere di incompetenza nel
tentare di adattarsi a una cultura e a uno stile di vita a lui estranei.
E ancora pi importante, le affermazioni di Galton sui neri
e sui propri concittadini che andavano a vivere in altri paesi,
non possiedono alcuna validit scientifica, ma si basano soltanto sulle ipotesi illusorie di vari cosiddetti scienziati, irretiti da
una visione materialista del mondo, tipica delle riflessioni primitive del tempo.
Le teorie di Galton, prevenute e inconsistenti, non si fermavano qui. Difatti, per il progresso sociale, secondo lui, si
doveva prevenire la procreazione di chi avesse un basso livello
di intelligenza e incoraggiare, invece, i dotati di intelligenza.
Harun Yahya (Adnan Oktar)

202

Altrimenti, si sarebbe raggiunto un crollo sociale. Ovviamente il


vero crollo sociale si manifest quando venne messo in pratica
il modello di Galton e di chi come lui, basato sullo sterminio, sul
conflitto, sulla violenza e sui massacri. Nel 1901, durante una
conferenza presso lHuxley Institute, Galton afferm: i cervelli
del nostro Paese si trovano nelle classi pi alte.114 Inoltre, raccomand che i bambini delle classi pi agiate venissero identificati alla nascita e che venissero pagate 1000 sterline alle loro
famiglie. Propose anche di far partorire alle donne di classe
agiata almeno un figlio e una figlia in pi.115
Lidea di Galton, (ossia che un aumento del numero di persone appartenenti a quella che lui riteneva la classe agiata
potesse portare al progresso sociale), irrazionale, illogica e non
scientifica. Ci sono tanti elementi che determinano il progresso
della societ, ma i pi importanti sono i valori e i caratteri
morali di coloro che compongono quella societ. Una societ in
cui i membri possiedono forti valori e caratteri morali progredir in modo rapido e permanente. Queste non sono caratteristiche che si possono trasmettere geneticamente. Se si vuole
che la societ progredisca bisogna ricorrere al rafforzamento
spirituale degli individui con mezzi culturali ed educativi.
Galton, e chi come lui, tent di aumentare il numero di ricchi e
ridurre quello dei poveri trattando, alla lettera, gli esseri umani
come animali nei paesi in cui aveva una certa influenza e, addirittura, cerc di giustificare gli assassini in proposito, segno di
una crudelt terribile e di unignoranza indescrivibile.
Su invito di Galton, la prima attivit del movimento eugenetico in Gran Bretagna si bas sul controllo delle nascite.
Questo provvedimento, preso da chi era stato ingannato dalle
menzogne della teoria dellevoluzione, fu attuato solo nei confronti dei poveri e degli appartenenti alla razza inferiore.

Darwinismo: Arma Sociale

203

Negli anni 20 e 30 il fatto che stesse aumentando il numero dei poveri e diminuendo quello dei ricchi, stava rappresentando una minaccia. Nel 1925, ad esempio, Julian Huxley
scrisse nella rivista Nature:
La proporzione dei desiderabili in diminuzione, quella degli
indesiderabili sta aumentando. Questa situazione va presa in
mano.116

Stando agli eugenetici, il primo passo per garantire un


equilibrio tra i desiderabili e gli indesiderabili era la cosiddetta igiene razziale. Per prima cosa andava stabilito a chi si
dovesse riservare ligiene razziale e a chi non. Per tale distinzione, vennero utilizzati dei metodi assurdi ed eccessivamente primitivi. In Gran Bretagna e negli USA, ad esempio, si
cominci a misurare la grandezza della testa delle persone e dei
crani, determinandone lintelligenza sulla base dei risultati ottenuti. Successivamente, la scienza ha rivelato lassenza di alcun
legame tra la misura del cranio e lintelligenza.
Dopo le misurazioni del cranio, si pass ai test dintelligenza. Dai risultati ottenuti si decideva se sterilizzare o meno la
persona testata e se tenerla sotto controllo a vita. In seguito, fu
provato che i risultati dei test non erano attendibili. E questo dimostra lignoranza scientifica dellepoca. Non si consideravano
affatto fattori quali le condizioni del tipo di test a cui venivano
sottoposte le persone e il livello di istruzione che avevano ricevuto, ma si saltava direttamente al risultato. Ad ogni modo, lo
scopo non era quello di assicurasi dellaffidabilit dei risultati,
bens leliminazione o lisolamento dei poveri indesiderati,
dei malati e delle razze ritenute inferiori.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

204

Eugenetica negli USA


Dopo la morte di Galton, la leadership del movimento eugenetico pass in America. Citiamo Henry Goddard, Henry
Fairfield Osborn, Harry Laughlin e Madison Grant come esempi degli eredi americani di Galton.
Il Rockefeller Institute e la Carnegie Foundation guidano la
lista dei sostenitori delleugenetica negli USA. Il primo, in particolare, ha finanziato il Kaiser Wilhelm Institute, uno dei leader
del movimento eugenetico in Germania, e negli anni 20 ha contribuito alla costruzione di un edificio speciale per la ricerca genetica del Professore Ernst Rdin, che era ossessionato dallidea
di igiene razziale. Il Rockefeller Institute support appieno il
Movimento di Igiene Mentale. Inoltre, il premio nobel, Dr.
Alexis Carrel, del Rockefeller Institute, plaud lo sterminio ef-

LUniversit di
Heidelberg confer unonorificenza a H. Laughlin,
eugenista di spicco, per il suo
progetto su la
scienza delligiene razziale.
Questo ritaglio di
giornale riporta il
lavoro in questione.

Darwinismo: Arma Sociale

205

fettuato in Germania e non ebbe riserve sui malati mentali, sui


prigionieri sottoposti a stermini di massa.117
La perversione delleugenetica port allapprovazione
delle leggi sulla sterilizzazione obbligatoria in molto Stati americani. Negli USA, venne sterilizzato un totale di 100.000 persone, per la maggior parte contro il loro volere. Per dare un esempio delle dimensioni che assunse la barbarie eugenetica, riportiamo che nei primi anni del XX secolo vennero sterilizzate
8000 persone inadatte nella Virginia. Questa pratica disumana fu legale in molti Stati fino al 1974.118
Uno degli americani preminenti nel campo delleugenetica
fu Charles B. Davenport, noto per i suoi articoli che tentavano
di combinare le leggi genetiche con il darwinismo. Ma le sue
opinioni non erano altro che mere supposizioni. Nel 1906 scrisse

Un grafico sul numero di sterilizzazioni per scopi


eugenetici negli USA tra il 1907 e il 1935

gennaio, 1935

Numero di operazioni

gennaio, 1934
gennaio, 1933
gennaio, 1928

luglio, 1925
gennaio, 1921
marzo, 1907
3.233

6.244

8.315

15.356

16.688

19.285

Harun Yahya (Adnan Oktar)

21.339

206

che LAmerican BreedersAssociation effettuava studi sulleugenetica. Nel 1910 fond lEugenics Record Office (ERO), che
ricevette dal 19 al 29% del budget stanziato per la Station for
Experimental Evolution. In sostanza, la ERO fu lorganizzazione meglio finanziata rispetto agli altri istituti scientifici
dellepoca. Questa organizzazione si prese il compito di formare
molte persone per farle contribuire alla diffusione della barbarie
delleugenetica. Agli studenti venne insegnato ad applicare e
valutare vari test di intelligenza, quali lo Standford-Binet, intensivamente impiegato nelle pratiche eugenetiche.119
Le persone formate alla ERO avevano lincarico di raccogliere le statistiche nelle loro aree di lavoro. Con quei dati,

LEugenics
Record Office
(ERO) di New
York e Charles
B. Davenport

Darwinismo: Arma Sociale

207

lorganizzazione mirava a evitare che gli elementi inadatti si


sposassero e avessero figli. Nel 1924 la ERO stil un disegno di
legge che prevedeva che chi aveva commesso il crimine di
ammalarsi, doveva essere sterilizzato.
La sterilizzazione contro il proprio volere una pratica inaccettabile sia dal punto di vista della ragione, sia della coscienza. Gli affetti da difetti genetici, malattie di vario genere, handicap fisici o mentali dovrebbero essere trattati con affetto e compassione. Nelle societ in cui prevalgono i valori morali religiosi, tali persone vengono protette e i loro bisogni sono trattati
nel modo migliore. Non altro che un atto barbarico quello di
sterilizzare o eliminare con la forza le persone con tendenze
criminali. Queste ultime possono essere educate con programmi culturali appositi e integrati nella societ come membri utili.
Anche quando non facile far migliorare le persone in questione, si devono trovare delle soluzioni giuste ed etiche piuttosto che optare per lo sterminio.

Il presunto fondamento scientifico delleugenetica la teoria


dellevoluzione. Un poster in cui gli eugenisti sottolineano il
legame fra eugenetica ed evoluzione.

208

LAmerican
Eugenics
Association
tenne delle
lezioni nei
giorni di festa
nazionale e anche una gara
dalla quale
risult la
famiglia pi
adatta.

Darwinismo: Arma Sociale

209

Negli anni successivi, gli americani si resero conto che leugenetica non era altro che una barbarie, e il buon senso li indusse ad adottare dei provvedimenti per fermare tali pratiche.
Ma allo stesso tempo, nei loro primi atti barbarici, i nazisti avevano adottato le leggi americane come modello e praticarono la
sterilizzazione a 2 milioni di persone.120
Come mostrano gli esempi citati finora, la propaganda illusoria del darwinismo sociale, cos piena di falsit, tenta di desensibilizzare la gente nei confronti del prossimo, abbattere i
sentimenti di solidariet e compassione fino a che gli uomini
non si trattino a vicenda come animali. Queste idee si oppongono completamente alle virt impartite dai valori morali religiosi. Il Corano impone di prendersi cura dei deboli e dei bisognosi, di proteggere i malati e coloro che non godono di assistenza. E, a prescindere dalle circostanze, Allah comanda ai credenti di assicurare il bene agli altri prima che a se stessi, e di essere
sempre pazienti e altruisti. A chi fa del bene mostrando pazienza, Allah preserva le seguenti liete notizie:
Loro che, nonostante il loro bisogno, nutrono il povero, l'orfano e il prigioniero: solo per il volto di Allah, che vi nutriamo; non ci aspettiamo da voi n ricompensa, n gratitudine.
Invero noi temiamo un Giorno terribile e catastrofico da parte
del nostro Signore. Allah li preserver dal male di quel
Giorno e verser su di loro splendore e gioia, li compenser del
loro perseverare con il Giardino e la seta. (Surat al-Insan, 8-12)

Harun Yahya (Adnan Oktar)

210

Eugenetica nella Germania nazista


Dalla biografia di Adolf Hitler, scritta da Ian Kershaw nel
1998, trasuda che il darwinismo sociale, leugenetica e il fascismo
erano correlati fra loro nella Germania degli anni 20:
il nazionalismo integrale, [...]il socialismo nazionale, il darwinismo
sociale, lantisemitismo biologico, leugenetica, lelitarismo si fusero
in forze mutevoli[...]121

Il Dr Robert Youngson, che ha studiato gli errori nella storia


della scienza, nella sua analisi afferma lidea che i massacri nazisti
si fondassero sullidea delleugenetica e che la stessa eugenetica
fosse un grande errore scientifico:
Il culmine del lato buio delleugenetica stato,naturalmente,il tentativo di Adolf Htler di generare una razza superiore incoraggiando laccoppiamento tra gli ariani puri e lo sterminio di sei milioni di persone che, secondo lui, avevano geni inferiori. Non sarebbe
giusto incolpare Galton dellolocausto o di non aver anticipato le
conseguenze della sua difesa della causa. Ma di certo lui fu il fautore
principale delleugenetica e Hitler fu certamente ossessionato da
questa idea. Quindi, in termini di conseguenze, ci si deve qualificare come il pi grande errore scientifico di tutti i tempi.122

Descrivere le idee irrazionali e non scientifiche di Galton un


semplice errore scientifico , in realt, un approccio troppo ottimistico. Le affermazioni di Galton e chi come lui, gettarono le
basi di una barbarie e di un massacro senza precedenti. Le catastrofi che sono seguite allapplicazione della visione del mondo
darwinista alla societ, costituiscono una lezione storica di ci che
pu accadere.
I nazisti adottarono come politica luccisione di ogni essere
umano inferiore, demente, storpio e malato che contaminasse la razza ariana. Hitler ne spieg la ragione:

Darwinismo: Arma Sociale

211

Molti bambini
vengono
trascurati e abbandonati a se
stessi perch
non appartengono alla razza
ariana e si tenta
di ucciderli o
sterilizzarli con
vari pretesti.

212

[...] popolazioni alla rovina [...] A lungo andare la natura elimina gli elementi nocivi. Si pu restare inorriditi da questa legge
della natura che prevede che tutte le cose animate si divorano
reciprocamente. La mosca viene catturata dalla libellula che, a
sua volta, viene inghiottita dalluccello, anchesso vittima di un
uccello pi grande [...] conoscere le leggi della natura [...] ci consente di osservarle.123

Hitler commise il grave errore di sostenere che vari


fenomeni che mantengono lequilibrio ecologico nella natura
possono essere anche applicati agli esseri umani. Gli animali
non hanno coscienza. Se gli animali si vedono vicendevolmente
come prede, non significa che gli umani debbano sopprimere
crudelmente quelli che ritengono malati. Gli animali non hanno
coscienza. Gli esseri umani, invece, possiedono la capacit di
giudizio, una coscienza e anche la consapevolezza, labilit di
distinguere tra ci che giusto e ci che non lo , tra il bene e il
male. Solo chi, come Htler, tenta di giustificare il proprio
squilibrio psicologico pu affermare che gli esseri umani
dovrebbero condurre uno stile di vita animalesco. Hitler medesimo descrisse la misura in cui ostent le sue idee:
Se proprio devo accettare un comandamento divino, scelgo
questo: Tu preserverai la specie. La vita di un individuo non
deve essere posta a un alto prezzo. Se gli individui fossero importanti agli occhi della natura, la natura se ne prenderebbe cura.
Tra le milioni di uova che depone una mosca, solo poche si schiudono, ma la specie delle mosche prospera ancora.124

La vita di ogni essere umano preziosa a prescindere dalla razza, dal genere o dalla lingua. Quelli di buona coscienza
dovrebbero fare tutto ci che in loro potere per proteggere ogni essere umano senza limiti di razza o caratteristiche fisiche.
Durante la Seconda Guerra mondiale, le catastrofi causate dagli
ideologi nazisti, che attribuivano poca importanza alla vita

Darwinismo: Arma Sociale

213

umana e che provavano sentimenti di vendetta verso gli altri


paesi, furono chiare a molti. Inoltre, le idee di Hitler rappresentarono un incubo per molta della sua stessa gente e non solo per
le altre razze. Ne un chiaro esempio leugenetica, ampiamente
applicata in Germania.

o Crescita del movimento eugenetico


in Germania
Nel 1900, lindustriale tedesco Alfred Krupp finanzi un
concorso per il miglior saggio avente come argomento Cosa
possiamo imparare dai principi del darwinismo per lapplicazione allo sviluppo politico interno e alle leggi di stato?
Il primo premio fu assegnato a Wilhelm Schallmeyer, che
interpret il concetto di cultura, societ, moralit e persino di
giusto e sbagliato in termini di lotta per la sopravvivenza.
Egli voleva applicare a tutte le leggi il concetto di prevenire che
la razza bianca degenerasse al livello degli aborigeni australiani
e, fintanto che la societ proteggeva i malati mentali e fisici, la
degenerazione era inevitabile. Il Dr Alfred Ploetz, il darwinista
sociale che fond ligiene razziale in Germania, afferm di supportare appieno le idee barbare di Schallmeyer. Continu ad avvalorarle insistendo che, a tempo di guerra, gli inferiori dovrebbero essere mandati al fronte per proteggere la razza bianca. Dal
momento che i soldati del fronte generalmente venivano uccisi,
ci avrebbe preservato la parte pi pura della razza da un indebolimento contingente. Il dottore si spinse oltre proponendo
che venisse istituito un consiglio medico che avrebbe presenziato a ogni nascita per giudicare se il neonato fosse sufficientemente adatto a vivere o, in caso negativo, a essere ucciso.125
Queste proposte terrificanti furono le prime a essere applicate dal movimento eugenetico prima del dominio nazista. Il 14

Harun Yahya (Adnan Oktar)

214

luglio del 1933, quattro mesi dopo le elezioni che portarono i


nazisti al potere, leugenetica e il movimento cosiddetto di
igiene mentale, cominciarono a espandersi rapidamente.
Prima di quella data, la sterilizzazione per scopi eugenetici era
vietata, sebbene venisse effettuata comunque. Ma da quel
giorno in avanti, la Legge per la prevenzione delle malattie
ereditarie alla progenie (meglio nota come legge della sterilizzazione) diede lautorizzazione per lattuazione della barbarie
eugenetica. Il primo fautore di questa tirannia fu Ernst Rdin,
docente di psichiatria presso la Munich University e direttore
del Kaiser Wilhelm Institute. Poco dopo lapprovazione della
legge, Rdin (coadiuvato da un buon numero di avvocati e specialisti del partito nazista) pubblic una dichiarazione sul signi-

Modelli di studi eugenetici effettuati dal Kaiser Wilhelm Institute

Darwinismo: Arma Sociale

215

ficato e sugli scopi della legge. In pratica, lintento era quello di


pulire la Nazione dagli elementi impuri e indesiderabili allo
scopo di raggiungere lideale ariano.
Soltanto chi era stato irretito dalle menzogne del darwinismo sociale poteva ritenere accettabile assoggettare i bisognosi di
protezione al trattamento disumano delleugenetica. I medici
statali avevano il diritto legale di praticare la sterilizzazione
forzata con lassistenza della polizia. In Into the Darkness: Nazi
Germany Today, lamericano pro-nazista Lothrop Stoddard
scrisse le sue impressioni dei campi eugenetici durante una visita in Germania. Un ufficiale della sezione tubercolotica del
quartier generale del servizio sanitario pubblico confid a
Stoddard:
La cura somministrata a un paziente tubercolotico determinata
in parte dal suo valore sociale. Se si tratta di un cittadino valido e
il suo caso curabile, non si bada a spese. Se il soggetto dichiarato incurabile ... non viene fatto alcuno sforzo per prolungare anche di poco la sua esistenza di cui non trarrebbe alcun beneficio n
la comunit n se stesso. La Germania pu nutrire solo un certo
numero di vite umane. Noi socialisti nazionalisti siamo tenuti a
favorire gli individui di valore sociale e biologico.126

Nei valori morali islamici le persone possiedono il diritto a


un trattamento equo, a prescindere dai loro beni, dal ceto e dallo status sociale. Lasciar morire la gente con difetti fisici o perch non facoltosa un omicidio vero e proprio; e tentare di attuare lo stesso principio nella sfera sociale costituisce un omicidio di massa.
La portata della legge sulla sterilizzazione della Germania
nazista venne ulteriormente allargata. Il 24 novembre del 1933
fu decretato che i trasgressori abituali della morale pubblica
sarebbero stati soggetti a sterilizzazione. Da quel momento le

Harun Yahya (Adnan Oktar)

216

Poster ideati alla luce della propaganda razziale nazista. La


gente nei poster, con capelli biondi, cranio allungato, naso
stretto e occhi azzurri, corrisponde allideale ariano

tesi naziste di contaminazione razziale comprendevano anche il crimine di lesione alla moralit pubblica. Gli anni successivi avrebbero dimostrato che i terribili piani dei socialisti
nazionali non si limitavano soltanto alla sterilizzazione.

Darwinismo: Arma Sociale

217

Harun Yahya (Adnan Oktar)

218

o Le leggi di Norimberga
La legge sulla sterilizzazione non bast ai nazisti per raggiungere il loro vero obiettivo. Nel 1935, allo scopo di istituire una razza
ariana purificata, vennero promulgate le leggi di Norimberga. Una
volta in vigore, queste leggi (barbarie e brutalit legalizzate) custodivano lideale della cosiddetta purificazione della razza ariana.
Impegnarsi in tal senso, significava accertarsi degli alberi genealogici dei funzionari statali: chi si pensava non appartenesse alla
razza ariana, veniva costretto al pensionamento. Le leggi di
Norimberga divisero la popolazione tedesca in due: sudditi dello
stato e cittadini a pieno titolo con diritti politici. Ebrei, zingari e
membri di altre razze erano semplicemente soggetti dello stato che
non godevano del diritto di cittadinanza. La seconda delle leggi di
Norimberga, per la tutela del sangue e dellonore tedeschi (nota
come legge di tutela del sangue) cercava di garantire la cosiddetta
purezza razziale della Nazione.
Con questa nuova legge, il matrimonio tra cittadini tedeschi e
sudditi tedeschi divenne un crimine. Inoltre, costitu anche un precedente per pratiche attuate in seguito atte a isolare gli individui indesiderabili.

o Programmi di descrizione della razza suprema


Il primo passo nel programma eugenetico fu classificare i particolari posseduti dalla razza che i nazisti ritenevano superiore. Le
caratteristiche della cosiddetta razza suprema furono enumerate
come segue:
Biondo, alto, cranio allungato, viso stretto, mento pronunciato, naso
stretto con dorso alto, capelli morbidi, occhi chiari ben distanziati, colore della pelle rosa-biancastro.127

Questi e altri criteri similari, prodotto palese di una mentalit


malata, sono entrambi una violazione della scienza e anche moralmente inaccettabili. Come gi enfatizzato, non esistono basi logiche
Darwinismo: Arma Sociale

219

Uno dei poster della propaganda razziale ariana utilizzato dai nazisti.

220

Per identificare chi apparteneva alla razza


superiore gli eugenetici si basavano
sulle misurazioni del cranio, sul colore dei
capelli, sulla capacit polmonare e sulle
impronte digitali.

Darwinismo: Arma Sociale

221

o morali per discriminare le persone sulla base del colore della pelle,
degli occhi o dei capelli.
Nonostante questi criteri irrazionali, non fu facile per i nazisti
distinguere una razza dallaltra. A tal fine, intrapresero vari provvedimenti, servendosi di metodi eccessivamente primitivi per misurare
il cranio e implementarono molti test di intelligenza senza alcuna validit scientifica. Le donne che soddisfacevano i requisiti razziali necessari, venivano collocate in case speciali e restavano incinte degli ufficiali nazisti per tutto il tempo che continu questo stato dei fatti. I
bambini di padri sconosciuti venivano al mondo in immorali
stazioni di monta umana. Questi bambini rappresentarono la generazione successiva della cosiddetta razza superiore. Il risultato, del
tutto inaspettato, fu che la media del QI dei bambini nati in queste
stazioni era pi basso di quello dei rispettivi genitori.128
Harun Yahya (Adnan Oktar)

222

Hitler era consapevole dellimportanza dei


geni per la Germania nazista e pianific
che i ragazzi della nuova generazione,
cresciuta alla luce della perversa propaganda nazista, fossero suoi seguaci.
Quella dei giovani fu la categoria su cui si
concentrarono maggiormente gli esperti
della propaganda nazista. Molti ragazzi con
caratteristiche fisiche superiori vennero riuniti in campi speciali di eugenetica utilizzati come stazioni di monta private. Con
questo metodo immorale e pervertito, si
pensava sarebbe venuta fuori una razza
tedesca purificata e progredita. I giovani,
vittime del lavaggio del cervello della propaganda nazista fin dalla tenera et, non
erano capaci di distinguere cosa fosse
giusto o meno.

Darwinismo: Arma Sociale

223

Harun Yahya (Adnan Oktar)

224

Il programma eutanasia T4:


omicidi scientifici
Queste leggi gettarono le basi per provvedimenti ancora
pi inimmaginabili. Una di queste pratiche fu lomicidio di
massa delle persone mentalmente imperfette. Il programma eutanasia t4 prese il nome dalle iniziali dellindirizzo del quartiere
generale di Berlino dove vennero attuate queste pratiche:
Tiergartenstrasse 4.
Con il programma T4, gli incurabili, i minorati fisici e mentali, le persone con problemi psicologici e gli anziani vennero
uccisi in nome della purezza della razza. I bambini, le donne
egli anziani finivano nelle camere a gas, solo perch appartenenti a una razza diversa; mentre migliaia di innocenti della
stessa razza venivano assassinati perch ritenuti deboli o senza
forze. Hitler inizi questa campagna atroce nel 1939. I massacri
continuarono ufficialmente fino al 1941 e ufficiosamente fino alla sconfitta nazista nel 1945.
Il T4 prevedeva misure note come Geheime Reichssache
(Affari segreti del Reich) e chi le metteva in pratica, era costretto a mantenere il silenzio. La ragione per cui si riusc a ottenere
poche informazioni sulleutanasia nella Germania nazista che
il personale addestrato e impiegato allinterno del programma,
venne inviato a combattere nei fronti pi pericolosi in cui la resistenza partigiana jugoslava attuava una politica di sterminio
delle truppe nemiche piuttosto che della loro prigionia. La maggior parte dei testimoni delleutanasia venne inviata in quel
fronte particolare e, conseguentemente, eliminata.
In Fundamental Outline of Racial Hygiene, Alfred Ploetz fu
tra i primi a parlare di assassinio di malati e invalidi. Stando a
Ploetz, dal punto di vista della tutela e igiene della razza, fu
un grave errore quello di proteggere e curare i malati e i deboli
Darwinismo: Arma Sociale

225

1945: vignetta raffigurante come le politiche di


Hitler terminavano con la morte e la barbarie

Harun Yahya (Adnan Oktar)

226

(che esattamente ci che dovrebbe accadere in una societ sana).


Secondo il suo pensiero perverso, i malati venivano protetti e mantenuti in vita quando, invece, dovevano essere eliminati. Ploetz era
cos insensibile da indicare alla commissione medica di uccidere
immediatamente un neonato invalido o storpio con una dose minima di morfina.
Furono in tanti a seguire i passi di Ploetz. Nel 1922 il giurista
Karl Binding e lo psichiatra Alfred Hoche pubblicarono un libro a
favore delleutanasia intitolato Die Freigabe der Vernichtung lebensunwerten Lebens. Nel libro si descrive come i malati e i disabili fossero
un peso per se stessi e per la societ; ucciderli non avrebbe comportato alcuna grossa perdita poich il costo per tenerli in vita era molto
alto e lo Stato poteva spendere quei soldi in altri ambiti. Come
soluzione proposero luccisione dei disabili fisici e mentali invitando a soprassedere sugli ostacoli religiosi e legali.129 Una delle idee irrazionali di Hoche fu che i valori morali sulla tutela della vita sarebbero presto scomparsi e che leliminazione della vita inutile
sarebbe divenuta essenziale alla sopravvivenza della societ.
Per avere unidea pi chiara di quanto fosse terrificante quellidea, provate a immedesimarvi in una societ in cui vengano attuati davvero questi modelli proposti. Se aveste una sorella sorda,
una madre cieca, un nonno con problemi psicologici, una nonna
zoppa o un padre anziano costretti a morire davanti ai vostri stessi
occhi in nome della scienza e per il bene della societ? Non credo ci
siano dubbi sullassurdit della scienza riguardo allassassinio di
persone che amate. Non vi verrebbe difficile vedere queste idee
come frutto di una mentalit bacata. Una barbarie simile
causerebbe una sofferenza indescrivibile a voi e a chiunque conosciate. Ma, purtroppo, furono molte le societ che sperimentarono
questa sofferenza (specialmente la Germania nazista), e gli omicidi
nellisteria delleugenetica lasciarono ferite profonde nella coscienza della societ.130
Darwinismo: Arma Sociale

227

Gli eugenetici inventarono termini speciali senza alcuna corrispondenza con


la letteratura medica. Ad esempio, ai membri di altre razze o ai malati mentali veniva diagnosticato uno stato mentale cagionevole e a loro era riservata la morte.
Sopra: malati mentali americani dellepoca

Gli sforzi tentati dagli evoluzionisti di ignorare o dimenticare


la portata di queste depravazioni, sono destinati in definitiva a fallire. I fatti sono chiari nonostante si tenti di insabbiarli in tutti i modi. Lumanit stata vittima di sofferenze terribili e di gravi perdite
Harun Yahya (Adnan Oktar)

228

a causa degli elementi ideologici suggeriti dal darwinismo.


Contemporaneamente alla sua attuazione nella Germania
nazista, la barbarie delleugenetica si diffuse anche in molti altri
paesi, in particolare negli USA. Nel 1935, il Dr. Alexis Carrel del
Rockefeller Institute pubblic il libro Luomo, questo sconosciuto
che, in tre anni, fu tradotto in nove lingue diverse. Nel capitolo
finale del libro, Il rifacimento delluomo, Carrel indic leugenetica e leutanasia come soluzioni plausibili ai problemi sociali.
Disse che i malati mentali e i criminali dovevano essere uccisi in
piccoli centri di eutanasia attrezzati di gas letali e cerc di giustificare lomicidio con queste parole:
Rimane ancora irrisolto il problema del gran numero di disabili
e di criminali. Questi rappresentano un enorme fardello per la
parte della popolazione che rimasta normale. Come gi espresso, servono ingenti somme per mantenere le carceri, i manicomi
e per proteggere la societ dai malviventi e dai matti. Perch preserviamo questi esseri inutili e pericolosi? Lanormale previene
lo sviluppo del normale.
Questo fatto va affrontato di petto.
Perch una societ
non

dovrebbe

sbarazzarsi

dei

criminali e dei
malati in un mo-

Dr Alexis Carrel, sostenitore della perversione eugenetica

Darwinismo: Arma Sociale

229

do pi economico? Non possiamo andare avanti tentando di separare i responsabili dagli irresponsabili, punire i colpevoli,
risparmiare chi, nonostante abbia commesso una pena, si pensa
sia moralmente innocente.
Non siamo capaci di giudicare gli uomini. Tuttavia la comunit
deve essere protetta dagli elementi importuni e pericolosi.
Come possiamo farlo? Di sicuro non costruendo carceri pi grandi e confortevoli, proprio perch non si migliora la sanit costruendo ospedali pi grandi e pi confortevoli. In Germania il governo ha intrapreso dei provvedimenti contro la riproduzione di
soggetti inferiori, matti e criminali. La soluzione ideale sarebbe
eliminare tali individui una volta provata la loro pericolosit.
Nel frattempo, si deve anche provvedere ai criminali in modo effettivo. Forse bisognerebbe abolire le carceri che potrebbero essere rimpiazzate da istituti pi piccoli e meno costosi.
Condizionare i criminali meschini con la frusta o con a l t r i
mezzi pi specifici, coadiuvati da una breve permanenza in ospedale, potrebbe bastare a stabilire lordine. Chi ha

[commes-

so crimini pi gravi] [...] dovrebbe essere eliminato in modo


umano ed economico in piccoli istituti eutanasici attrezzati di gas
specifici. Un trattamento similare potrebbe essere vantaggiosamente applicato ai malati, colpevoli di atti criminali. La societ
moderna non dovrebbe esitare a organizzarsi prendendo esempio dagli individui normali. Di fronte a una necessit del genere,
i sistemi filosofici e i pregiudizi sentimentali dovrebbero essere
messi da parte. Lo sviluppo della personalit umana lo scopo finale della civilizzazione.131

Il Dr Carrel sosteneva che lassassinio di criminali e di chi


si pensava fosse pericoloso per la societ era la soluzione
migliore e la pi economica. Come gi palesato, quando il darwinismo sociale cerca una soluzione ai problemi sociali, ignora
la dimensione umana proponendo soluzioni estremamente
meccaniche, disumane, efferate e crudeli del tutto incompatibili
con la coscienza umana. Gli esseri umani, specialmente i cosidHarun Yahya (Adnan Oktar)

230

detti indesiderabili dovrebbero essere visti come animali o beni


mobili.
Vero, la lotta al crimine e ai criminali di estrema importanza
per la societ. Ma questa lotta deve rispettare certi limiti. Andrebbero
eliminate le condizioni che determinano il verificarsi dei crimini e
messi in pratica vari programmi culturali ed educativi con lo scopo
di tentare di riconquistare quelli caduti nella rete della criminalit. Le
falsit che dipingono gli esseri umani come specie animale, preparano il terreno per crimini di tutti i generi, con la pretesa di giustificare
massacri, furti, stupri, aggressioni e tutte le forme di male.
Giustificare la gente che commette crimini e poi suggerirne la pena

231

di morte totalmente inspiegabile. Per questa ragione, di enorme


importanza che chi continua a supportare la teoria dellevoluzione
(sia perch mal informato o per ignoranza delle catastrofi che comporta) si rendano conto dellimportanza del pericolo. Pensare di fare
del bene alla societ uccidendo i criminali pi selvaggio, primitivo e barbarico. Il mezzo pi efficace e permanente per abbassare il
tasso di criminalit e il numero di implicati in attivit criminali
quello di rafforzare la societ in termini spirituali, migliorare
listruzione, gli standard di vita e i livelli di benessere. E, cosa pi
importante, vanno rafforzati la fede religiosa della societ e lamore
di Allah. Chi teme Allah sa che dopo la morte ricever una ricompensa o una punizione per come si comportato sulla terra; chi ama
Allah ama anche le cose che Egli ha creato. Rispetta, ama il prossimo e si comporta in modo morale. Pi si cerca di inculcare questo
concetto e pi la societ trarr benessere, pace e progresso.

232

o Mandato di morte segreto di Hitler


Dopo la promulgazione delle leggi razziste, i nazisti dovevano
ottenere il consenso pubblico delle misure eugenetiche, specialmente
leutanasia. A tale scopo, vennero impiegati vari metodi di propaganda, soprattutto film, che dovevano indurre la gente a credere alla
bugia che non si ricava nulla nel tenere in vita le persone pericolose.
I giornali pubblicarono servizi e articoli sulla cospicuit delle spese
di mantenimento dei disabili mentali e sottolineavano come, invece,
potevano essere pi utili spesi in altro modo. La campagna fu avviata in proporzioni tali da essere inserita persino nei testi scolastici.
Le prime misure eutanasiche furono adottate in Germania nel
1938, anno in cui un certo Knauer da Lipsia scrisse una lettera a
Hitler in cui chiedeva lassistenza di un medico per mettere fine alla
vita di uno dei suoi figli nato cieco, malformato e apparentemente
demente. In tutta risposta, Hitler invi a Lipsia il suo medico privato, il professor Karl Brandt, che pose debitamente fine alla vita del
bambino.133
Hitler firm un documento in cui autorizzava Karl Brandt e
Philip Bouhler (leader del Reich) a praticare leutanasia in casi speciali. Il permesso ufficiale, noto come Fhrer-Order diceva:
Viene attribuita al Reichsleader Bouhler e al Dr. Brandt, M.D., la responsabilit di estendere lautorizzazione a certi medici, che saranno
nominati per volta, di concedere una morte misericordiosa alle persone
che, secondo il giudizio umano, nessuna diagnosi potrebbe salvare dalla condizione di malattia.
Firmato - A. Hitler. 134

Questa autorit, che rese lomicidio parte della vita quotidiana,


gett le basi per i crimini perpetrati dagli psichiatri della Germania
nazista. Pi tardi, gli imputati ai processi di Norimberga per i crimini di guerra tentarono ironicamente di farli figurare come ordini ricevuti e attenuante ai loro crimini.
Darwinismo: Arma Sociale

233

Questa autorizzazione, nota


come FhrerOrder, diede
maggiori poteri ai
medici nazisti per
uccidere quei
pazienti che, secondo loro, dovevano morire.
Lordine costitu
la presunta prova
legale dei crimini perpetrati dai
medici nazisti.

Come venne attuato il programma


eutanasia T4?
I preparativi finali per il programma iniziarono a met
del 1939. A ottobre dello stesso anno, furono inviati a ospedali
e istituti questionari per i malati mentali, redatti da consulenti e dal Comitato di psichiatria. Le informazioni richieste erano le seguenti: Nome del pazienze, stato civile, nazionalit,
parente prossimo. Il paziente viene visitato regolarmente? In
caso positivo, da chi? Su chi ricade la responsabilit pecuHarun Yahya (Adnan Oktar)

234

niaria? Da quanto tempo ricoverato il paziente? Da quanto tempo malato? Diagnosi, sintomi principali. Il paziente confinato
al letto? sedato? stato ricoverato per condizione o malattia incurabile? un ferito di guerra? Razza del paziente. A distribuire
i questionari erano i gruppi leader operanti per conto del programma T4.
Il sistema T4 era strutturato nel seguente modo: quattro
gruppi di facciata che svolgevano gli ordini del vero gruppo T4.
In caso di indagini, i gruppi avrebbero nascosto la reale identit
delle operazioni. Qualsiasi ospedale o famiglia che tent di indagare sullautorizzazione o sulla metodologia di morte applicata ai
propri cari, non riusc mai a oltrepassare il muro dei quattro gruppi di facciata.

Camino fumante dei


forni del mattatoio
Hadamar in cui venivano bruciati i corpi

Darwinismo: Arma Sociale

235

Il mattatoio
Bernburg da diverse
angolazioni

Parallelamente a questi quattro gruppi, ne lavorava un altro


i cui membri, in particolare, erano divenuti esperti negli infanticidi. Il suo nome era Realms Committee for Scientific Approach to
Severe Illness due to Heredity and Constitution con cui collaboravano altre due organizzazioni: La Charitable Company for the
Transport of the Sick, responsabile del trasporto dei malati nei
centri di sterminio; la Charitable Foundation for Institutional
Care, che si occupava delle disposizioni e delle procedure finali.
Una delle altre pratiche impietose dei nazisti era quella di
domandare le spese alle famiglie dei pazienti uccisi, inconsapevoli che, in realt, stavano pagando per lassassinio dei propri parenti.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

236

I questionari, riempiti dai medici o dagli psichiatri responsabili dei pazienti ricoverati, venivano restituiti e valutati dagli
psichiatri e da altri esperti del T4. Nessuno dei pazienti veniva
esaminato od osservato direttamente. La decisione sulla sua vita
veniva presa in funzione delle informazioni dei questionari.
Dopo il primo invio dei formulari, alcuni edifici e molti ospedali psichiatrici vennero riutilizzati come mattatoi e scuole di
addestramento allomicidio. Le camere di morte allinterno degli
edifici sembravano sale da bagno.
Questo sistema terrificante funzionava cos: dopo aver ricevuto le risposte ai questionari, si mandava un avviso agli istituti
incaricati della cura dei pazienti scelti in cui si precisava che bisognava far spazio per feriti di guerra o pazienti che necessitavano
cure migliori. Uno dei gruppi di facciata andava a prendere i pazienti e li conduceva nei mattatoi. Una volta l, venivano sterminati
entro un paio di ore dallarrivo.
Ma i malati mentali non furono le uniche vittime di questa
carneficina. Una volta che leutanasia riusc a prendere piede, i
nazisti cominciarono a prendere di mira anche gli indesiderabili.
Venivano rilasciati avvisi di morte per malati mentali, schizofrenici, anziani, infermi, epilettici, affetti dal morbo di Parkinson, paralitici, affetti da sclerosi multipla, tumori al cervello e altre malattie neurologiche organiche. La stessa sorte toccava ai bambini e,
per questo, venivano ispezionati a tappeto orfanotrofi e riformatori per scovare nuove vittime.
A questo punto, dobbiamo chiarire un punto molto importante: il 50% delle persone uccise sarebbe potuta guarire se solo
gliene fosse stata concessa la possibilit.135
Per nascondere le operazioni del T4, fu fatto di tutto per cercare di far apparire i mattatoi come normali ospedali psichiatrici.
Questo fatto usc fuori durante i processi di Norimberga grazie a
Viktor Brack, capo della seconda unit del KdF (termine utilizzato
Darwinismo: Arma Sociale

237

Limmagine sovrastante mostra


un modello dellOspedale
Psichiatrico Bernbutg. Le frecce
blu indicano il percorso dei
pazienti verso la zona in cui
trovavano la morte. Gli edifici
cerchiati comprendono i crematoi e le camere a gas.
Estrema destra: La dottoressa
Kathe Leichte, docente nel campo delle scienze sociali, fu inviata a Ravensbrck nel 1940. Nel 1942, fu condannata alla camera a gas dalla Gestapo
presso il Bernburg Eutanasia Institute.
A destra: Margarita Singer, figlia del docente di zoologia, venne uccisa con il
programma di eutanasia.

per riferirsi alla Cancelleria del Fhrer) e una delle figure principali
responsabile del programma eutanasia. Brack dichiar che i pazienti entravano nelle camere con tovaglie e sapone, pensando di
dover fare la doccia. Invece dellacqua, per, usciva gas.
Harun Yahya (Adnan Oktar)

238

I nazisti pi fedeli a Hitler selezionavano gli studenti che


avrebbero commesso gli omicidi e ricevuto un addestramento
speciale. In un primo momento assistevano e, man mano che
laddestramento andava avanti, conducevano i pazienti nelle
camere e aprivano i rubinetti del gas. Guardavano le vittime
agonizzanti e, una volta accertatane la morte, facevano arieggiare le stanze e rimuovevano i corpi. Gli studenti contribuirono
al massacro di migliaia di vittime innocenti.
Questi atti immondi venivano effettuati sotto stretta sicurezza e con ogni precauzione possibile per prevenire la pi
piccola fuga di informazioni. Tutto ci perch le persone uccise
in quegli edifici non erano membri di altre razze, ma si trattava per lo pi di tedeschi e austriaci. Se lopinione pubblica
tedesca avesse mai scoperto la fine che facevano alcuni compatrioti, i nazisti avrebbero avuto grosse difficolt a dare delle spiegazioni. Questo il motivo per cui adottarono tutte le misure
di sicurezza possibili.
Gli studenti, divenuti a loro volta esecutori, si abituarono
presto alle procedure e divennero immuni alle suppliche, alle
urla e agli strepiti delle vittime. Durante questo processo, gli
istruttori osservavano da vicino le loro reazioni e ne descrivevano il risultato nelle relazioni. Si calcolato che se gli studenti
non avevano difficolt nelluccidere i membri della loro stessa
razza solo perch malati, allora sarebbe stato facile per loro uccidere quelli di razze inferiori. In seguito, difatti, furono addestrati a pratiche di pi ampio raggio. Gli studenti non
idonei venivano inviati al fronte e costretti dai loro comandanti
di unit a prendere parte alle squadre suicide.
Per diventare esecutori, gli studenti venivano addestrati a
mantenere il sangue freddo: assassini perfetti (tali da resistere
alle urla e agli strepiti dei morenti e la puzza della carne umana
in fiamme, capaci di parlare alle persone che stavano per far
Darwinismo: Arma Sociale

239

In alto a sinistra: Il percorso per le


camere a gas
In alto a destra: la sala settoria
In basso a sinistra: Finestra di osservazione utilizzata per assicurarsi che i
pazienti fossero morti
In basso a destra: sprinkler installato
per far credere ai pazienti che stavano
per fare la doccia quando, invece, si
trattava di bocchette del gas.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

240

morire come se stessero andando a farsi davvero la doccia).


Venivano ricompensati e incoraggiati in vari modi. Oltre a questi
incentivi vari, veniva attribuita loro la Croce di ferro di seconda
classe per affare segreto del Reich.
A poco a poco lopinione pubblica si rese conto di quello che
stava accadendo in quegli istituti e cominci a protestare. Fu in
quel momento che si annunci che Hitler aveva emesso un mandato per mettere fine agli omicidi. Come si pu immaginare, ci non
accadde, ma vennero cambiati i metodi. Si pass anche alle
iniezioni letali e alla fame, con i morti sepolti in fosse comuni. Fu
cos che la barbarie delleutanasia fu perpetrata durante la guerra.

241

242

Azione speciale 14f13


Dopo aver massacrato molta gente indesiderabile e presumibilmente inutile, il programma T4 allarg la sua sfera di
azione sotto il codice 14f13. Il programma, precedentemente rivolto solo a ospedali e istituti di ricerca, da quel momento prese di
mira i prigionieri tedeschi e austriaci che si ammalavano per via
delle condizioni in cui venivano tenuti, e verso gli ebrei, i polacchi e gli zingari nei campi di concentramento. Loperazione 14f13
ebbe inizio nel dicembre nel 1941. Al team T4 di Berlino si aggiunsero delle commissioni di psichiatri che selezionavano, a loro
parere, i malati o gli individui indesiderabili, inviandoli ai campi
di concentramento con lo scopo di svuotare gli istituti medici e i
centri di ricovero. Generalmente, i pazienti selezionati venivano
mandati in uno dei sei mattatoi dove venivano uccisi. Le persone
scelte dai campi di concentramento, in genere, venivano classificate sulla basse delle loro capacit lavorative e, se non adatte ai
lavori pesanti, venivano uccise.

Ospedale psichiatrico
tedesco nel 1925

Cimitero del mattatoio Hadamar

Darwinismo: Arma Sociale

243

Monumento ai morti del programma


eutanasia

Sinistra: I nazisti hanno ucciso


anche 200.000 malati
Articolo del Milliyet datato 10
ottobre 2003

244

Nel 1943 anche i bambini caddero vittima dei massacri a


Hadamar, uno dei centri di massacro. Oltre a quelli infermi
mentalmente e fisicamente, venivano inclusi anche quelli degli
asili statali e degli orfanotrofi.136

Lirreligione giace alla radice


dellefferatezza e della mancanza di compassione
La Germania nazista un chiaro esempio delle sofferenze
inflitte alla gente quando le idee darwiniste sociale vengono
messe in pratica. Joseph L. Graves Jr., docente di biologia evo-

245

lutiva e autore di The Emperors New Clothes, che critica le teorie


razziste, commenta:
La tragedia della Germania nazista rimane lesempio pi chiaro
di ci che pu accadere quando si ricorre alle conclusioni logiche
delleugenetica, della gerarchia razziale e del darwinismo sociale.137

Come hanno potuto nutrire un tale odio, una tale insensibilit ed efferatezza queste persone? Come sono arrivate a omicidi del genere e a diventare nemici della razza umana? La

Lontano a sinistra: costruzione di un muro atto a dividere il


ghetto di Varsavia dal resto della citt
Sinistra: Gente inerme inviata al campo di concentramento di
Belzec
In basso a sinistra: una coppia di zingari nel campo di concentramento di Belzec
In basso a destra: Uno zingaro utilizzato dai medici nazisti per
la sperimentazione sulla potabilit dellacqua di mare

246

risposta evidente che la gente educata con gli insegnamenti


del darwinismo, che vede gli uomini come animali, che immagina la vita come un campo di battaglia e che crede che tutte le
forme di male sono giustificate nella lotta per la sopravvivenza
costituir inevitabilmente un ordine sociale spietato. Chi nega
che luomo stato creato e che possiede unanima insufflatagli
da Allah, che rifiuta di guardare il prossimo come entit
preziosa con ragione e coscienza, e che si ritiene non dissimile
da animali e piante, non subir alcuno shock dagli omicidi di
massa e dalle sofferenze dei malcapitati. Quando questa gente
pensa che il male pu riguardare se stessa o i propri interessi,
non si crea scrupoli a uccidere gli altri senza provare piet o
compassione o abbandonarli a una vita di povert e infelicit.
Non ci si pu aspettare che gente cos provi piet per i malati, i
bisognosi o che sia altruista. Magari, non protegge nemmeno i
suoi parenti sofferenti o i genitori anziani e vede come una
perdita di tempo, energia e denaro prendersi cura di un fratello
invalido. Se questa visione malata del mondo si diffondesse, allora ognuno (dagli amministratori ai membri della famiglia, dai
medici agli insegnanti) si comporterebbe sotto la sua influenza.
impossibile applicare laltruismo, la pazienza, la compassione,
laffetto, il rispetto e la devozione a quelle societ che non osservano i valori morali religiosi, la cui mancanza ha sempre portato distruzione e catastrofi.

Darwinismo: Arma Sociale

247

248

Nellimpero ottomano in cui prevalevano i valori morali islamici, le famiglie si prendevano cura non solo dei malati, ma anche
di chi gli stava intorno. I sofferenti venivano ricoverati in cliniche
speciali e si faceva di tutto per curarli nel miglior modo possibile. I
poveri godevano del servizio sanitario gratuito e i medici e il personale sanitario venivano sanzionati se chiedevano denaro ai
poveri. Nel 1871, con lo scopo di regolare il servizio sanitario pubblico, vennero istituiti degli uffici nazionali dei medici e vennero
nominati degli ispettori sanitari. Alcuni dei provvedimenti:
- In determinati giorni della settimana, i medici esaminavano
gratuitamente i pazienti in luoghi specifici e senza fare distinzione
fra ricchi e poveri. Anche i vaccini venivano fatti gratuitamente.
- I medici visitavano coloro che non potevano ricevere le cure
in casa propria, e chi aveva i mezzi per pagare versava una quota
fissa. I poveri non sostenevano alcuna spesa e i medici venivano pagati con i fondi del comune.
- Sbagliare una cura senza una valida ragione o farsi pagare la
parcella dai poveri poteva essere causa di licenziamento.1
Nei manicomi ottomani si impiegavano anche metodi di trattamento speciali. Nellimpero ottomano del XV secolo vennero
costruiti ospedali adatti per i malati mentali. Si faceva di tutto per
curare i malati, a prescindere dalla malattia, basandosi su melodie
turche, piatti speciali e fiori. In particolare, ai pazienti si somministrava pollame. Ogni stanza aveva due finestre che spesso davano su
un giardino di rose.2
Molto prima dellavvento dellimpero ottomano, altri Stati
musulmani avevano impiegato metodi speciali per la cura dei disabili mentali o fisici. Durante il califfato di Abbasid, in particolare,
il mondo islamico raggiunse la pi alta sofisticazione medica e
psichiatrica. I primi ospedali furono costruiti nel mondo islamico e
fu l che venne utilizzato per la prima volta il trattamento dei malati

249

mentali con il metodo della suggestione. Sono stati i valori morali


del Corano impartiti ai musulmani (la compassione, laffetto, la ragione, la comprensione) a far s che ci accadesse. I valori morali islamici spingono i credenti a provare affetto, prendersi cura del
prossimo, a sacrificarsi e ad agire in modo compassionevole verso i
poveri, i deboli, i meno abbienti, i bisognosi e chi non sa prendersi
cura di s. In alcuni dei versi del Corano, Allah ha rivelato come
dovrebbero essere trattati i deboli, i poveri e gli anziani:
[...] "Non adorerete altri che Allah, vi comporterete bene
con i genitori, i parenti, gli orfani e i poveri; userete buone
parole con la gente, assolverete all'orazione e pagherete la
decima! (Surat al-Baqara, 83)
La carit non consiste nel volgere i volti verso l'Oriente e
l'Occidente, ma nel credere in Allah e nell'Ultimo Giorno,
negli Angeli, nel Libro e nei Profeti e nel dare, dei propri
beni, per amore Suo, ai parenti, agli orfani, ai poveri, ai
viandanti diseredati, ai mendicanti e per liberare gli schiavi;
assolvere l'orazione e pagare la decima . Coloro che mantengono fede agli impegni presi, coloro che sono pazienti nelle
avversit e nelle ristrettezze, e nella guerra, ecco coloro che
sono veritieri, ecco i timorati (Surat al-Baqara, 177)
Ti chiederanno:"Cosa dobbiamo dare in elemosina?" Di': "I
beni che erogate siano destinati ai genitori, ai parenti, agli
orfani, ai poveri e ai viandanti diseredati. E Allah conosce
tutto il bene che fate (Surat al-Baqara, 215)
Adorate Allah e non associateGli alcunch. Siate buoni con
i genitori, i parenti, gli orfani, i poveri, i vicini vostri parenti e coloro che vi sono estranei, il compagno che vi sta accanto, il viandante e chi schiavo in vostro possesso. In verit Allah non ama l'insolente, il vanaglorioso (Surat anNs, 36)
1 Doc. Dr. Haydar Sur, "Saglik Hizmetlerinin Gecmisi ve Gelisimi"
(Passato e sviluppo del servizio sanitario);
http://www.merih.net/m1/whaysur12.htm
2 "Osmanlda lim" (Science of the Ottomans);
http://www.mihr.com/mihr/osm/sistem/ilim.htm

250

l presunto supporto scientifico che il darwinismo sociale forn


al razzismo, al fascismo, allimperialismo e anche il comunismo, un argomento su cui si scritto molto. Ma un fatto meno

noto che molti darwinisti, incluso lo stesso Darwin, hanno creduto


nellerrore che le donne siano biologicamente e mentalmente inferiori
agli uomini. La differenza mentale che i darwinisti ritengono esistere
tra i due generi di una dimensione tale che alcuni evoluzionisti li
hanno addirittura divisi in specie fisiche diverse: gli uomini Homo

frontalis e le donne Homo parietalis.138


Darwin descrisse le donne come specie inferiore (secondo la
sua opinione), perch la sua visione del mondo si basava sulla se-

251

lezione naturale. Secondo questa visione non scientifica e irrazionale,


gli uomini sono in proporzione pi adatti delle donne a competere in
guerra, a trovare un partner, a ottenere cibo e vestiario, mentre le
donne sono lontane da attivit del genere. Stando a questa deduzione
scientificamente infondata, la selezione naturale esercita uninfluenza
pi forte sugli uomini tanto da far acquisire loro una posizione superiore in tutte le sfere e da averli fatti evolvere pi della donna. Come
mostreremo nelle prossime pagine, Darwin avanz delle deduzioni illusorie, su nessun fondamento scientifico, ma semplicemente sulla
base di preconcetti evoluzionistici.
Molti ricercatori hanno rivelato che le idee di Darwin sulla selezione naturale hanno fomentato la discriminazione sessuale. Ad esempio, la docente di storia e filosofia della scienza, Evelleen Richards,
concluse che Darwin aveva introdotto la sua visione sulla natura delle
donne nel suo teorizzare evolutivo, nutrendo, in tal modo, molte
generazioni di [cosiddetto] sessismo scientifico. 139 La scrittrice
evoluzionista scientifico Elaine Morgan afferma che servendosi di
varie branche della scienza quali la biologia e letnologia, Darwin incoraggi gli uomini a pensare che le donne fossero palesemente inferiori e irreversibilmente subordinate.140

252

Come ha dichiarato lo scienziato evoluzionista John R.


Durant, le due principali conseguenze della teoria dellevoluzione sono il razzismo e la discriminazione sessuale:
Darwin ha fondato le sue ragioni su unaccorta combinazione di
argomenti zoomorfi e antropomorfici. I selvaggi, che si era detto
avere un cervello pi piccolo e arti pi prensili rispetto alle razze
pi nobili, e le cui vite si pensa siano dominate dallistinto e
meno dalla ragione [] furono collocati in una posizione intermedia tra natura e uomo; e Darwin, per analogia, estese questa
classificazione per includere non solo bambini e dementi congeniti, ma anche le donne, le cui facolt di intuizione, di
percezione rapida e magari di imitazione erano caratteristiche
delle razze pi basse e quindi di una stato di civilizzazione passato e inferiore.141

Gli errori commessi da Darwin in Lorigine delluomo a cui si


riferisce Durant:
generalmente riconosciuto che nelle donne le facolt di intuizione, percezione rapida e magari di imitazione,sono molto pi
evidenti che nelluomo; ma, per lo meno, alcune di queste facolt
sono caratteristiche delle razze inferiori e quindi di uno stato di
civilizzazione passato e inferiore.142

Se si esaminano le visioni generali di Darwin sulle donne e


il matrimonio, si evince chiaramente come, per lui, le donne fossero cittadine di seconda classe. Questa opinione, per nulla scientifica, si riflesse anche sulla sua teoria dellevoluzione. Questa
era la sua idea sul matrimonio:
[] bambini compagna costante (amica in et avanzata) a cui
sar legato, oggetto da amare e con cui giocare, comunque
meglio di un cane. Casa, e qualcuno che se ne prenda cura. Malie
di musica e pettegolezzi di donna. Queste cose fanno bene alla
salute.143

In pratica, per Darwin il matrimonio da desiderare perch lamicizia di una donna meglio di quella di un cane. Le sue

Darwinismo: Arma Sociale

253

affermazioni sul matrimonio non fanno alcun riferimento a


tutte le sue peculiarit tipiche, quali amicizia, affetto, amore, devozione, lealt, vicinanza, sincerit e fiducia tra due persone che
vivono la vita insieme. Sul matrimonio Darwin dice anche:
[] perdita di tempo non si pu leggere la sera grassezza e
ozio ansia e responsabilit meno denaro per i libri ecc. Se
tanti bambini, costretto a guadagnarsi il pane [] magari a mia
moglie non piacer Londra; poi la condanna lesilio e il degrado con una pigra sciocca indolente.144

Queste affermazioni irragionevoli sono perfettamente naturali, poich provengono da uno che non vedeva alcuna differenza tra gli esseri umani e gli animali e che pensava che le
donne e, in particolare, i bambini fossero davvero pi simili agli

Darwin scrisse che essere sposati con una donna voleva dire avere
una compagna costante, unamica per la vecchiaia, [...] un oggetto
da amare e con cui giocare, comunque meglio di un cane. Queste
parole sintetizzano chiaramente la concezione delle donne di Darwin.
Sotto: unimmagine di Darwin e sua moglie

254

animali. Chi vede la propria moglie e i figli come specie inferiori, naturalmente prover poco attaccamento e far pochi sacrifici, non prester loro alcuna attenzione almeno fintantoch
questo comportamento non gli giovi. Infatti, le idee di Darwin
mostrano, ancora una volta, che non c posto per lamore
umano, la vicinanza e lamicizia nella moralit darwiniana.
Darwin affermava che gli uomini erano superiori alle
donne:
La distinzione chiave nelle facolt intellettuali dei due sessi la
dimostra il raggiungimento di una superiorit da parte delluomo a qualsiasi cosa si dedichi rispetto a quanto in potere alle
donne sia che si tratti di pensieri profondi, ragionamento, immaginazione, o semplicemente luso dei sensi e delle mani. Se
venissero redatte due liste degli uomini e delle donne pi eminenti nella poesia, pittura, scultura, musica [] storia, scienza e
filosofia [] la lista delle donne non reggerebbe il confronto.
Potremmo anche inferire, dalla legge dello scarto delle medie,
ben illustrata da Galton nel suo Hereditary Genius, che se gli uomini sono dotati di una netta superiorit sulle donne in molti
campi, la media del potere mentale delluomo deve essere superiore a quella delle donne.145

Lessere umano unentit con unanima insufflatagli da Allah, e che, pertanto, possiede i sentimenti dellamore,
dellaffetto, della compassione e del
rispetto.

255

256

Allah ha creato gli uomini e le donne uguali. Entrambi


possono riscuotere grande successo agendo alla luce
e con la ragione impartita loro dalla fede.

257

Naturalmente Darwin non aveva alcuna prova scientifica per


determinare ci, ma le sue affermazioni, prevenute e ostili, si diffusero velocemente tra gli scienziati suoi contemporanei.
Il materialista Carl Vogt, docente di storia naturale presso
lUniversit di Ginevra, accett tutte le conclusioni di Darwin,
senza sottoporle ad alcuna analisi scientifica e afferm che: il
bambino, la femmina e lanziano di razza bianca avevano tutti caratteristiche intellettuali e personalit del nero in et adulta146 Vogt si
spinse perfino oltre, affermando che, in realt, fossero pi simili
agli animali che agli uomini. Secondo Vogt, una donna era un uomo ritardato il cui sviluppo era stato ostacolato perch la sua
evoluzione era giunta a uninterruzione prematura.147 Vogt asser
anche che il divario tra maschi e femmine aumenta con il progresso della civilizzazione ed maggiore nelle societ europee avanzate. 148 Darwin fu enormemente influenzato
dalle farneticazioni di Vogt e si sent onorato di enumerarlo tra i suoi seguaci
pi eminenti.149

258

259

Molte volte nel corso della storia, per ignoranza


e arretratezza delle societ in questione, si tentato
di mettere da parte la figura della donna. Ma qualcosa che deriva dallinfluenza della cultura. Non
sussiste alcun ritardo biologico, come, invece, supponevano Darwin e i suoi seguaci, poich Allah ha
creato luomo e la donna uguali. Affermare che luomo sia superiore, e utilizzare questa dichiarazione
per trattare le donne come cittadine di seconda
classe, un comportamento primitivo praticato dalle
societ che non vivono di valori morali religiosi. Al
giorno doggi, nelle societ in cui sono garantite le
pari opportunit, vi sono infiniti esempi di donne
note per successo, intelligenza e capacit, al pari
degli uomini.

Discriminazione di genere basata


sulle misurazioni del cranio
Per dimostrare che le donne erano inferiori,
alcuni scienziati evoluzionisti tentarono di provare
che avessero minori capacit cerebrali. Alcuni adottarono dei metodi illogici e umilianti quali la misurazione del cranio. Essi, credendo che lo sviluppo
dellintelligenza fosse direttamente proporzionale
alla dimensione del cranio (che sappiamo non cos)
misero a confronto i crani e dichiararono che le
donne erano inferiori. Questo uno dei metodi non
scientifici di cui si parla nel libro di Darwin:
Quasi certamente il cervello dovrebbe ingrandirsi
man mano che le varie facolt mentali si sviluppano,

Harun Yahya (Adnan Oktar)

260

[] la grande proporzione che la dimensione del cervello umano


scarica sul corpo, paragonata alla stessa proporzione nel gorilla o nellorango, strettamente connessa alle sue pi spiccate facolt mentali
[] che nelluomo esista una relazione simile tra la misura del cervello e lo sviluppo delle facolt intellettuali supportato dal confronto
dei crani delle razze civilizzate e selvagge, degli anziani e dei giovani
e dallanalogia dellintera serie dei vertebrati.

Stando alle idee avanzate da Darwin, gli studi sulle misurazioni del cranio e il volume del cervello (secondo le condizioni
scientifiche primitive dellepoca) fornirebbero dati di supporto alla
teoria dellevoluzione. In realt i risultati scientifici dimostrano tutto il contrario. Le diverse misurazioni dei crani e il volume del
cervello non forniscono informazioni tali da sostenere la teoria dellevoluzione. Al giorno doggi si stabilito che tali misurazioni non
costituiscono alcun fondamento valido.
Uno scienziato che immagin di poter dichiarare che le donne
erano inferiori utilizzando la craniologia (scienza della misurazione
del cranio) fu Paul Broca. Noto come uno dei fondatori dellantropologia fisica, fu uno di quelli che impieg e support metodi primitivi quali la misurazione dei crani di gruppi umani, attribuendo loro dei valori.150 Alla luce di queste misurazioni cosiddette scientifiche, Broca avanz la sua logica distorta:
In generale, il cervello pi grande negli adulti maturi che negli
anziani; negli uomini pi che nelle donne, negli uomini eminenti piuttosto in quelli di mediocre talento, nelle razze superiori rispetto alle
razze inferiori [] A parit di altre

condizioni, c una relazione

notevole fra lo sviluppo dellintelligenza e il volume del cervello.151

Broca era particolarmente interessato alla differenza craniale


tra gli uomini e le donne. In modo prevenuto analizz le misurazioni del cranio ricavate e se ne usc con lidea che le donne erano intellettualmente inferiori.152 Egli disse anche che stava aumen-

Darwinismo: Arma Sociale

261

tando la differenza nella dimensione del cervello tra luomo e la


donna pur non avendo nessuna prova a supporto della sua tesi. Per
sopperire a questa dfiance, fece ricorso a una supposizione altrettanto non scientifica: che laumento della differenza era un risultato della diversificazione delle pressioni evolutive sugli uomini
dominanti e sulle donne passive.153

Harun Yahya (Adnan Oktar)

262

Oggigiorno,

perfino

gli

evoluzionisti ammettono che le


conclusioni di Broca non hanno
alcun

valore

scientifico.

Gould commenta:
essi [i dati di Broca] vennero
raccolti selettivamente e poi
manipolati incoscientemente a
servizio di conclusioni
affrettate.154

In altri termini, Broca aveva


Gustave Le Bon

incoscientemente interpretato i
dati ottenuti in modo preconcetto, alla

luce della fuorviante teoria dellevoluzione.


Un altro evoluzionista che si serv delle misurazioni del
cranio e che considerava le donne esseri inferiori fu Gustave Le
Bon, uno dei fondatori della psicologia sociale:
Nelle razze pi intelligenti [] vi sono un gran numero di
donne la cui dimensione del cervello pi vicina a quello dei gorilla piuttosto che ai cervelli maschili pi sviluppati. Questa inferiorit cos ovvia che nessuno pu contestarla nemmeno per un
attimo; vale la pena dibattere solo sul suo grado [] Le donne
[] rappresentano le forme pi inferiori di evoluzione umana e
[] si avvicinano di pi ai bambini e ai selvaggi che a un uomo
adulto e civilizzato. Queste eccellono in volubilit, inconsistenza, assenza di pensiero e logica e incapacit di ragionamento.
Indubbiamente esistono donne di spicco [] ma sono un caso eccezionale come la nascita di qualsiasi mostruosit tipo, ad esempio, un gorilla con due teste; di conseguenza, potremmo non
tenerne conto del tutto.155

I darwinisti, come con molte altre affermazioni, si sbagliavano totalmente riguardo alle donne. Contrariamente a quanto
immaginassero gli evoluzionisti, il fatto che le donne siano af-

Darwinismo: Arma Sociale

263

fettuose, compassionevoli e ponderate nel loro modo di pensare


non significa che siano arretrate, ma, in realt, segno di superiorit. Convinti che gli esseri umani fossero delle specie animali, gli evoluzionisti vedevano queste caratteristiche come
segni di arretratezza, quando invece sono tra gli attributi pi
importanti per laccrescimento della qualit della vita umana.
Le caratteristiche umane, di cui gli evoluzionisti non amano ammetterne lesistenza, consentono di avanzare e progredire in
molte sfere quali letteratura, arte e tecnologia.

I tedeschi mentre
usano compassi
e righelli per le
misurazioni dei
crani per stabilire
chi era ariano e
chi non.

264

La scienza confuta ancora il darwinismo


Poich le dimensioni del cervello e del cranio non hanno nulla
a che vedere con le capacit intellettive o mentali, la scienza ha
confutato la misurazione dei crani e la loro classificazione sulla base
della razza e del genere.
In natura, difatti, non esiste una relazione diretta tra intelligenza e dimensione del cervello. Ad esempio, gli elefanti e le balene
hanno un cervello pi grande di quello degli umani. Inoltre, la capacit cranica degli esseri umani moderni varia da circa 700 cc a
2.200 cc.156 Ma queste differenze non stabiliscono livelli di intelligenza diversi tra le persone.
Misurazioni del cranio a parte, la scienza genetica ha rivelato
anche che le affermazioni di Darwin sulle differenze tra uomini e
donne sono sbagliate. Secondo le leggi dellereditariet un uomo
passa i propri geni sia alla prole di sesso maschile che femminile. Se

265

luomo possiede caratteristiche biologicamente superiori, come


sosteneva Darwin, allora anche la figlia erediter gli stessi tratti superiori. Ma Darwin e i suoi contemporanei ne sapevano cos poco
di genetica da affermare che le caratteristiche di una specie acquisite dalla selezione sessuale sono limitate di solito a un sesso.157
Lo scienziato fece innumerevoli altre dichiarazioni secondo cui le
qualit superiori quali lingegno, le facolt di immaginazione e la ragione sono trasmessi appieno pi alla prole maschile che a quella
femminile.158

Le tesi di Darwin non si basavano sulla scienza, bens sulla cultura


e sullinterpretazione scientifica primitiva dellepoca vittoriana

266

267

Secondo la moralit coranica,


le donne e gli uomini sono uguali e la
superiorit si determina dallattenzione
che si presta ad Allah
In termini di valori morali, stando al Corano,
non c differenza tra uomini e donne. Allah ha affidato uguali responsabilit a entrambi e li ritiene responsabili delle stesse questioni. Al cospetto di Allah,
luomo non superiore alla donna e viceversa, ci
che conta sono il timore, lamore profondo, la devozione verso di Lui e i giusti valori morali. In uno
dei Suo versi, nostro Signore rivela che, a prescindere
dal sesso, chi dimostra il miglior atteggiamento
ricever la giusta ricompensa per i valori morali:
Quanto a coloro che, uomini o donne, operano il
bene e sono credenti, ecco coloro che entreranno nel
Giardino e non subiranno alcun torto, foss'anche [del
peso] di una fibra di dattero. (Surat an-Nis, 124)

Allah ha stabilito anche la caratteristiche che ogni credente deve possedere:


I credenti e le credenti sono alleati gli uni degli altri. Ordinano le buone consuetudini e proibiscono
ci che

riprovevole,

eseguono

l'orazione

pagano la decima e obbediscono ad Allah e al Suo


Messaggero. Ecco coloro che godranno della misericordia di Allah. Allah eccelso, saggio. (Surat atTawba, 71)

Come rivelato da Allah nel versetto, ogni essere


umano ha le stesse responsabilit. Agli uomini e alle
donne che le rispettano, che cercano conforto in Lui
e che hanno fede, saranno riservate queste buone notizie:
Harun Yahya (Adnan Oktar)

268

269

Il loro Signore risponde all'invocazione: "In verit non far


andare perduto nulla di quello che fate, uomini o donne che
siate [...]. (Surat Al Imrn)
Le caratteristiche mentali che i darwinisti usano come canoni,
sono capacit donate da Allah, a prescindere dalla razza. In un
verso Allah rivela: O voi che credete! Se temete [e rispettate]
Allah, vi conceder la capacit di distinguere [il bene dal male]
[...] (Surat Al-Anfl)

Come rivela il versetto, il giudizio (e quindi lintelletto) si


sviluppa non secondo il genere ma sulla base del timore di
Allah.
Chiunque, maschi o femmine, che agisca con la ragione insufflata da Allah, pu raggiungere il successo in molti campi e
acquisire caratteristiche superiori. Il vero credente, tuttavia, tenta di guadagnare pi che pu la piet di Allah, la compassione
e il Paradiso.

270

a degenerazione morale in crescita costante. Gli atteggiamenti che poche generazioni fa sono state disapprovate, disdegnate, proibite e condannate, tutto a un tratto vengono ac-

cettate, addirittura ricercate e ampiamente praticate. Questa una


questione importante che molti disconoscono. Gli stili di vita e i comportamenti considerati finora come immorali, adesso sono consentiti
perch trattasi di scelte diverse. Si accettano perversioni quali
omosessualit, aggressivit nelle societ, aumento di frodi, mancanza
di rispetto fra coniugi e convivenza in tali condizioni, aumento dei divorzi e del consumo di droghe e alcol, aumento di furti e aggressioni,
esecuzione di omicidi senza scrupoli, aumento del tasso di criminalit, mancanza di rispetto e diffusione del gossipQuesti pochi esem-

271

pi e la situazione attuale in cui versano alcuni paesi occidentali,


mostrano chiaramente quanto sia pericolosa la degenerazione.
Alla radice di tutto ci si trovano le risposte sbagliate alla domanda Perch esistono gli esseri umani? La verit che la gente esiste per conoscere Allah, il Creatore. Nel verso [...] In verit i cuori si
rasserenano al Ricordo di Allah (Surat Ar-Rad, 28), Allah rivela che
esiste solo una fonte di pace che la gente cerca nei posti sbagliati. Lo
stile di vita morale religioso comandato da Lui doner alla gente pace
e felicit nel mondo.
Ignorare questi fatti porta alla degenerazione morale, alla tristezza, alla disperazione e alla depressione.
Una delle maggiori cause di questa corruzione morale la
definizione dellideologia darwinista che vuole lessere umano non
come servo di Dio ma come un animale egoista venuto al mondo per
caso. Stando a questa affermazione non scientifica, un essere non si
dovrebbe aspettare di avere leggi e valori diversi da quelli di un animale. La vita una lotta e gli esseri umani devono essere spietati combattendo gli uni contro gli altri con le unghie e con i denti.
Ci significa totale disprezzo dei veri valori morali. In Defeating
Darwinism, il professor Phillip E. Johnson dellUniversit della

272

California, Berkeley, parla degli effetti negativi comparsi nella


societ dagli anni 60 con lindebolimento dei credi religiosi e la
prevalenza della visione materialista del mondo:
Sarebbe pressappoco corretto dire che gli anni 60 hanno segnato la seconda Dichiarazione americana di Indipendenza, [] [la
dichiarazione di distaccamento di alcuni] da Dio. Ci si potrebbe
aspettare che a una tale dichiarazione seguano conseguenze legali e morali, e cos accaduto.159

Il biologo molecolare Michael Denton dichiara che impossibile analizzare i problemi che hanno lasciato il segno nel
XX secolo senza tener conto del darwinismo:
Il ventesimo secolo sarebbe incomprensibile senza la rivoluzione darwiniana. Le correnti sociali e politiche dilagate nel
mondo negli scorsi ottant anni sarebbero state impossibili senza
la sua approvazione intellettuale. ironico ricordare che stata

Phillip Johnson e il suo libro Defeating


Darwinism

Darwinismo: Arma Sociale

273

la visione laica del XX secolo a facilitare il modo di accettare


levoluzione, mentre oggi forse la visione darwiniana della
natura a essere responsabile, pi di ogni altra, della visione scettica e agnostica del ventesimo secolo. Quella che un tempo stata una deduzione del materialismo, adesso diventata il suo fondamento.160

A questo punto sarebbe opportuno esaminare le affermazioni darwiniste che gettarono le basi per questo degrado e
questa degenerazione morale.

Il darwinismo costituisce la base dellateismo


Una delle ragioni per cui i gruppi materialisti supportano il
darwinismo con una tale determinazione il suo aspetto ateistico.
Lateismo esiste da tempi remoti, ma con lavvento del darwinismo gli atei immaginavano di aver trovato alla domanda
come sono nate le cose viventi (e gli esseri umani)? una
risposta che per secoli non erano riusciti a ottenere. Essi credevano che lordine naturale e lequilibrio derivassero dal risultato di coincidenze, e che non ci fosse proposito nelluniverso.
Ognuna di queste opinioni croll di fronte ai progressi scientifici, politici e sociali del XX secolo. Le scoperte e le analisi in
molte discipline, dallastronomia alla biologia, dalla psicologia
alletica sociale, sradicarono totalmente le tesi dellevoluzione e
le ipotesi di ateismo.
Molti evoluzionisti e materialisti riconoscono che il darwinismo sfocia inevitabilmente nellateismo. Thomas Huxley fu
il primo ad affermarlo apertamente, sottolineando che, una volta accettata la teoria dellevoluzione, era impossibile credere alla religione.
William Provine, evoluzionista e docente di storia alla
Cornell University dichiara che la visione del mondo di chi
crede nella teoria dellevoluzione cozza con la religione.161
Harun Yahya (Adnan Oktar)

274

Anche Charles Smith, ex presidente dellAmerican


Association for the Advancement of Atheism (Associazione
americana per il progresso dellateismo) la pensa cos:
Levoluzione ateismo.162
Phillip Johnson descrive limportanza della teoria dellevoluzione per le tendenze ateiste e intellettuali incompatibile
con i valori morali religiosi:
Il trionfo del darwinismo implic [il rifiuto dellesistenza] di Dio
e stabil una piattaforma per rimpiazzare la religione biblica con
una nuova fede basata sul naturalismo evolutivo. Quella nuova
fede era diventata la base non solo della scienza ma anche del
governo, della giurisprudenza e della moralit. Era la filosofia ufficiale [] di modernit.163

Come dice Johnson, molti scienziati con una fede cieca nel
darwinismo e nel materialismo, si sono appoggiati a queste
teorie per usare la scienza come mezzo per rinnegare Dio. Ma la
verit che la scienza il mezzo pi efficace per rivelare le
prove dellesistenza di Dio. Negli ultimi ventanni si assistito
a un rapido aumento del numero di scienziati a favore della
creazione. Ogni nuovo studio e ogni nuova informazione
mostra che nelluniverso esiste un equilibro eccessivamente
sensibile e perfetto, e rivela il lavoro di unIntelligenza grande e
superiore che appartiene a Dio Onnipotente, che eminente e
ricco al di l di ogni bisogno.
Michael Denton afferma che il darwinismo semina ateismo
e causa gravi danni nel modo in cui lumanit guarda se stessa:
La nuova e rivoluzionaria [e allo stesso tempo insensata e
non scientifica] visione del mondo[di Darwin] [] insinuava che
tutte le diversit di vita sulla Terra fossero risultate dai processi
naturali e casuali e non, come si pensava precedentemente, dallattivit creativa di Dio. [Dietro tutto questo c senzaltro Allah!]

Darwinismo: Arma Sociale

275

Rabbia, aggressivit e violenza si manifestano nelle societ che non osservano i


valori morali religiosi, dove la gente perde
linteresse per gli attributi morali quali affetto, compassione, perdono, pazienza e
tolleranza comandati da Allah.

276

Lapprovazione di questa grande affermazione [] avrebbe svolto


un ruolo decisivo nella secolarizzazione della societ occidentale.
[] stato a causa delle sue conseguenze: la rottura del legame delluomo con Dio e labbandono delluomo alla deriva in un cosmo
senza propositi o obiettivi, che la teoria darwiniana ebbe un impatto cos incisivo. Nessunaltra rivoluzione intellettuale ai tempi moderni [] ha colpito cos profondamente il modo in cui gli uomini
vedevano se stessi e la loro collocazione nelluniverso.164

La perdita o laffievolimento del credo in Allah, porta a un declino spirituale della societ. Chi non teme Allah, chi crede di
trovare la propria verit, la vita eterna dopo la morte e che sar ricompensato per il suo comportamento sulla Terra con il Paradiso
o lInferno, non pu che essere inaffidabile, aggressivo, spietato,

277

egoista e incline a comportamenti criminali pericolosi. Chi non


teme Allah, non si porr limiti. Fin quando questa persona penser
di poter ovviare alla legge, sar in grado di commettere tutte le immoralit possibili e causare sconvolgimenti alla societ, im-

278

279

brogliare il prossimo, ferirlo e protrarre comportamenti simili.


Il timore e lamore di Allah, invece, garantiscono alla gente di vivere secondo giusti valori
morali, comportandosi nei modi a Lui graditi. Si arriverebbe cos, al progresso e alla fortificazione della societ. Altrimenti non ci sar pi fine ai conflitti,
alle guerre, alla crudelt e allingiustizia.
Allah comanda bont, giustizia, onest e ordine. Nel Corano rivela:
Agli abitanti di Madyan [inviammo] il loro fratello Shu'ayb! Disse: O popolo mio, adorate Allah.
Per voi non c' altro dio che Lui. Vi giunta una
prova da parte del vostro Signore. Riempite la
misura e date il giusto peso e non danneggiate gli
uomini nei loro beni . Non corrompete la terra
dopo che Allah la cre pura: ci meglio per voi,
se siete credenti. (Surat al-Araf, 85)
Non appostatevi su ogni strada, distogliendo dal
sentiero di Allah coloro che credono in Lui, e cercando di renderlo tortuoso. Ricordatevi di quando
eravate pochi ed Egli vi ha moltiplicati. Guardate
cosa accaduto ai corruttori. (Surat al-Araf, 86)

Harun Yahya (Adnan Oktar)

280

Darwinismo:
Sosyal SilahArma
Darwinizm
Sociale

281

Il darwinismo diffonde la menzogna che


luomo sfrenato e vano
Le seguenti parole dellevoluzionista George Gaylord
Simpson costituiscono il riassunto pi chiaro della visione dellumanit di Darwin, fondata totalmente su supposizioni:
Luomo sta solo nelluniverso, unico prodotto di un lungo, inconscio, impersonale e materiale processo dotato di

compren-

sione e potenzialit uniche. Le possiede solo per s ed verso se


stesso che ne responsabile.165

Questa affermazione rispecchia una delle classiche falsit


di Darwin e una delle cause principali del declino sociale.
Sebbene tentino di preservare questa falsit per ragioni ideologiche, i darwinisti non possono fornire la pi piccola prova
scientifica che luomo sia comparso nel mondo da solo. Secondo
la loro idea surreale non sussiste alcuna ragione predeterminata per lesistenza degli esseri umani, entit presumibilmente
vane che un giorno moriranno e scompariranno. Ma la verit
diversa. Allah ha creato luomo dal nulla. Dietro la creazione
umana c uno scopo ben preciso rivelato nel Corano. Allah ha
creato gli esseri umani per servirLo. Ogni essere rester sulla
Terra per il tempo assegnatogli insieme al proprio destino, e
dopo che quel periodo scadr, morir e risorger. Il Giorno del
Giudizio, tutti gli esseri umani saranno chiamati a rendere conto delle proprie azioni sulla Terra. Che gli evoluzionisti provino
a dimenticarlo e istigare gli altri a negarlo, non cambia nulla.
Fintanto che si rifiuteranno di accantonare i propri errori, di rinnegare Allah e il Giorno del Giudizio e di affermare che luomo
unentit vana, quando il Giorno del Giudizio arriver
davvero, il pentimento che proveranno sar immenso. Nostro
Signore ne parla nel Corano:

Harun Yahya (Adnan Oktar)

282

283

Se li potessi vedere, quando saranno presentati al Fuoco!


Diranno: Piacesse al cielo che fossimo ricondotti sulla terra!
Non smentiremmo pi i segni del nostro Signore e saremmo tra
i credenti. (Surat al-Anam, 27)

Far credere alle persone che le loro vite non hanno alcuno
scopo, le induce a provare sofferenza, senso di vuoto e depressione. Credere alla falsit che la vita non ha senso e che sia futile porta, a sua volta, a un declino spirituale. Le affermazioni irrazionali e illogiche di Richard Dawkins, uno degli odierni fautori della teoria dellevoluzione, sono tipiche della visione materialista. Dawkins sostiene che gli esseri umani sono semplici
macchine geniche e che lunica ragione della loro esistenza
passare i geni alle generazioni successive. Secondo Dawkins
non c altro scopo nelluniverso: luomo e luniverso sono entrambi prodotti della coincidenza e del caos. Questa credenza
causer grande disperazione e infelicit perch niente ha pi
significato per chi crede che nel momento della morte cesser
semplicemente di esistere. Lamicizia, lamore e le buone azioni
non danno gioia a chi immagina che queste non riceveranno alcuna ricompensa e che non i sar alcuna speranza per lui in nessun caso.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

284

In pi, questo tessuto morale distorto porter le persone a


pensare che i mali commessi non saranno puniti e, quindi, a
ritenere di poterli nascondere per evitare di essere sanzionati.
Non avranno alcun rimorso o esitazione a mentire, a perpetrare
lipocrisia, a spettegolare, ad arricchirsi sulle spalle altrui, a
rubare e addirittura a uccidere. Nelle societ in cui il numero di
persone raggirate da queste idee perverse aumenta, indubbio
che vada ristabilito lordine.
Uno degli esempi pi impressionanti dei danni inflitti dalla propaganda darwinista allanimo umano compare nella prefazione al libro di Dawkins Larcobaleno della vita:

285

Un editore straniero del mio primo libro ha confessato che, dopo


averlo letto, non pot dormire per tre notti, rimasto

turbato

dal suo messaggio cos freddo e sconfortante. Altri mi hanno


chiesto come potevo sopportare di alzarmi al mattino. Un insegnante di un Paese lontano mi rimprover scrivendomi che una
sua studentessa si era rivolta a lui in lacrime dopo aver letto il libro poich laveva convinta che la vita fosse vuota e vana. Lui le
consigli di non mostrare il libro a nessuno

dei suoi amichetti

per timore di contaminarli con lo stesso pessimismo nichilista.166

Come si pu vedere dalle ammissioni di Dawkins, il pessimismo e linutilit promossi dal darwinismo, rappresentano
una grave minaccia per lumanit. Si d alla persone non un
messaggio sconfortante, come dice Dawkins, bens una bugia

286

287

sconfortante che tenta di deviarli dalla verit


che ispira gioia. Quella gioia risiede nel fatto
che luomo non solo, senza amici e abbandonato ma possiede uno scopo prescelto da Allah.
Le societ che dimenticano che stato
Allah a creare gli esseri umani per uno scopo
specifico, sono condannate a patire una decadenza morale e spirituale. Gran parte degli alcolizzati e dei drogati, che voltano le spalle alla vita, che soffrono di disordini psicologici
quali depressione e stress e che si suicidano,
sono ignari del loro vero scopo di vita.
Nonostante sia un evoluzionista, Fred
Hoyle sulla filosofia nichilista dellOrigine della
specie (che la vita vana e che gli esseri umani
non hanno valore ), dice:
Sono tormentato dalla convinzione che la
filosofia nichilista, che la cosiddetta opinione
colta ha scelto di adottare a seguito della pubblicazione di Lorigine della specie, abbia instradato lumanit verso un sentiero di autodistruzione automatica. Fu allora che ebbe inizio il
conto alla rovescia per la fine del mondo.167

Allah ha creato tutti gli esseri umani per


servirLo insufflando nei loro corpi la Sua anima. Luomo non unentit venuta al mondo
per caso da sostanze inanimate, ma unentit
creata da Allah, a cui Lui ha concesso la ragione e la coscienza e tutte le benedizioni immaginabili. Gli esseri umani (che i darwinisti
credono vani e sfrenati), in realt godono di

Harun Yahya (Adnan Oktar)

288

289

uno scopo pi importante nella vita: soddisfare Allah


Onnipotente che li ha creati e che li ha fatti nascere dal nulla, che
ha dato loro unanima e una coscienza. In ogni momento della
nostra vita dovremmo rispettare i comandamenti di Nostro
Signore con grande cura ed entusiasmo, sperando di
guadagnare in cambio la Sua grazia e il Paradiso eterno. La vera vita quella nellaldil, dopo la morte terrena. Viviamo sulla
terra solo per poterci guadagnare il Paradiso.
Allah rivela nel Corano che gli esseri umani non sono liberi
da qualsiasi restrizione:
Crede forse l'uomo che sar lasciato libero? (Surat alQiyama, 36)
Pensavate che vi avessimo creati per celia e che non sareste
stati ricondotti a Noi? (Surat Al-Mu'minn, 115)

Harun Yahya (Adnan Oktar)

290

La bugia dei darwinisti sociali: luomo


una specie animale
Quelli raggirati da questa affermazione irrazionale e
non scientifica sostengono che tutti gli attributi delluomo
siano un lascito degli antenati animali. Questa affermazione esercita degli effetti pericolosi sulla visione che
una persona ha di se stessa e degli altri. Chi vede il prossimo come animale, non ne avr rispetto per le idee e per la
vita. Reputer la vita altrui non pi importante di quella di
un cane o di un gatto. Il fatto che le persone possano avere
dei bisogni, non far sorgere nessun sentimento di piet a
chi le considera animali e pensa che, in ogni caso, gli animali si evolvono attraverso il conflitto e la competizione.
Questa visione spaventosa non ha nulla a che vedere con
il rispetto e lamore reciproco. Per queste ragioni chi stato illuso dal darwinismo non deve ignorare quanto gli
coster questa menzogna.
Sulla visione darwinista degli esseri umani, George
Gaylord Simpson scrive:
Nel mondo di Darwin, luomo non gode di altro stato se
non quello della definizione di specie animale distinta. a
tutti gli effetti parte della natura e non estranea a essa.
simile, non in senso figurato bens letterale, a ogni cosa
vivente, che sia unameba, un tenia, una pulce, unalga,
una quercia o una scimmia, anche se i gradi di parentela
sono diversi [].168

Questa affermazione irrazionale, illogica e priva di


fondamento scientifico. Gli esseri umani e gli animali sono
entit diverse create da Allah. Gli animali agiscono di
istinto e non possiedono la razionalit. Lessere umano, invece, unentit che ha facolt di giudizio e che possiede
Darwinismo: Arma Sociale

291

Secondo la propaganda
darwinista sociale, la
morte di un essere
umano non diversa da
quella di una mosca. Il
darwinismo non attribuisce grande importanza agli esseri umani.
Persino la condizione di
questi bambini potrebbe
non suscitare alcun effetto nelle coscienze
delle persone irretite
dalla propaganda darwinista.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

292

la ragione. Chi ritiene che luomo sia una specie animale, tenta
di applicare la legge della giungla alle societ umane, il che
porter a un caos terrificante che eliminer ogni genere di pace
e benessere.
Basandosi sulla falsit che gli uomini si siano evoluti dagli
animali, in una sua lettera Darwin si domand se le idee delluomo possano avere alcun valore:
A me sorge sempre lorrido dubbio se le convinzioni della
mente umana, evolutasi dalle menti degli animali pi infimi,
siano valide o per nulla affidabili. Chi crederebbe alle convinzioni della mente di una scimmia, semmai ce ne fossero in una
mente simile?.169

Le parole di Darwin sintetizzano chiaramente la terrificante visione dellumanit degli evoluzionisti. Questo grave errore di Darwin arriv a influenzare gran parte del mondo occidentale e lidea che gli esseri umani siano animali ancora oggi
diffusa in molti paesi, persino nei libri di testo. Ad esempio,
Biology: Visualizing Life, pubblicato nel 1994, dice:
Siete animali e condividete uneredit comune con lombrichi,
dinosauri, farfalle e stelle marine.170

Benjamin Wiker, docente universitario di scienza e teologia


e autore di Moral Darwinism: How We Became Hedonist, afferma
come, dopo Darwin, si arriv ad avere una concezione cos bassa delluomo. Nel libro descrive come si diffuse lerrore di considerare gli uomini come animali, ignorandone le differenze:
[] gran parte, se non tutta, della moralit tradizionale si bassa sullipotesi che gli esseri umani siano una specie distinta.
Quindi, il divieto di omicidio viene stabilito in termini di natura
umana. Non uccidere! Non uccidere cosa? Afidi? Formichieri?
Oranghi? No, non uccidere un altro essere umano innocente. Con
il darwinismo, quindi, quella distinzione di specie tra esseri umani

Darwinismo: Arma Sociale

293

e animali completamente vaga. Non esiste pi alcun limite


morale da tracciare perch il limite delle specie stato cancellato.
I darwinisti del calibro di Richard Dawkins e Peter Singer ne
sono perfettamente coscienti [] Nel momento in cui ci si ritiene
di essere solo un animale in pi nello spettro evolutivo, allora
dobbligo affermare anche che la nostra moralit si applica a tutte
le cose viventi o negare che la nostra moralit non abbia alcun
fondamento. In genere i darwinisti forniscono una specie di potpourri incoerente di entrambe teorie. Questi trattano gli animali
come se avessero lo stesso status morale degli esseri umani e trattano gli esseri umani, per certi aspetti, come fossero una specie
animale in pi. Da un lato, si battono per i diritti degli animali;
dallaltro, con la stessa compassione che si mostra agli animali
domestici, affermano che gli esseri umani deformi, anziani o infermi dovrebbero essere fatti fuori.171

Richard Dawkins e il suo Lorologiaio cieco

Harun Yahya (Adnan Oktar)

294

Come abbiamo visto, una delle ragioni principali per cui


gli evoluzionisti tentano di raffigurare luomo come specie animale il loro desiderio di sradicare tutti i valori morali. Se luomo fosse un animale, come vorrebbe farci credere il darwinismo, allora anche il concetto di moralit non avrebbe alcun importanza per le persone. Il danno che ci causerebbe alla societ
al di l di ogni immaginazione. Per questa ragione tutta lumanit deve stare in guardia contro il darwinismo e le menzogne di questa falsit scientifica.
Asserendo che gli esseri umani non sono diversi dagli animali in termini fisici e biologici, il darwinismo tenta anche di
imporre lidea che il comportamento umano e animale sia lo
stesso. Questo concetto fa s che la violenza, laggressivit, legoismo, la competizione crudele, lo stupro e lomosessualit,
presumibilmente ereditati dagli antenati animali delluomo, acquisiscano per la gente uno status di comportamento naturale. A tal proposito lo scienziato evoluzionista Philip Jackson
Darlington scrive:
Il primo punto che legoismo e la violenza sono insisti in noi,
ereditati dai nostri antenati pi remoti. La violenza , pertanto,
naturale per luomo, un prodotto dellevoluzione.172

Tutti i generi di crimini vengono quindi giustificati e


ritenuti normali e si pensa anche che non debbano essere puniti. In Questa idea della vita, Stephen Jay Gould afferma che lidea
cominci con il professor Cesare Lombroso, un italiano esperto
di criminologia:
Le teorie biologiche della criminalit non erano una novit, ma
Lombroso [fisico italiano, Cesare Lombroso] diede al discorso un
taglio originale, di tipo evoluzionistico: i criminali non sono solo
degli squilibrati o dei malati ma, addirittura degli esseri regrediti ad uno stadio evolutivo ormai superato dalla specie umana; i
caratteri ereditari dei nostri antenati primitivi e scimmieschi sono

Darwinismo: Arma Sociale

295

Un esempio della sofferenza inflitta alle persone innocenti dalla


filosofia darwinista sociale. Anche gli attacchi terroristici di oggi
sono il risultato dei valori darwinisti, secondo cui gli esseri
umani sono come animali e che non hanno inflitto allumanit altro che sangue, lacrime e sofferenza.

ancora presenti nel nostro patrimonio genetico e ad alcuni uomini capita la sfortuna di nascere con un numero anormale di questi
caratteri ancestrali. Il comportamento di questi individui, che
poteva essere adatto alle societ selvagge del passato, viene oggi
bollato come criminale. Possiamo aver piet del criminale nato,
poich non pu far nulla per se stesso [].173

Come evidente dalla descrizione dellidea di Lombroso


da parte dellevoluzionista Gould, la perpetrazione di un crimine qualcosa che va oltre la volont umana, un lascito dei preHarun Yahya (Adnan Oktar)

296

sunti antenati animali delluomo. Ovviamente, questa affermazione non realistica. Allah ha creato tutti gli esseri umani
con i pi infimi ego che li inducono costantemente verso il
male, ma anche con una coscienza che li tutela e fa evitare loro
il male e attuare il bene. Ci viene rivelato in un versetto:
per l'anima e Ci che l'ha formata armoniosamente, ispirandole empiet e devozione. Ha successo invero chi la purifica,
perduto chi la corrompe. (Surat ash-Shams, 7-10)

Tutti gli esseri umani sono, quindi, consapevoli della bont o crudelt delle proprie azioni, se hanno un comportamento
giusto o non. Ognuno responsabile di evitare il male e di fare
ci che bene. Allo stesso modo in cui chi attua adeguatamente
riceve una ricompensa, chi perpetra il male sar punito. La teoria dellevoluzione, giustificando tutte le forme di crimine e immoralit, porta la gente a terribili disastri, sia sulla Terra che nellaldil.
A differenza degli animali, lessere umano ha ricevuto da
Allah lanima, la ragione, il libero arbitrio, la coscienza, il buon
senso e la capacit di distinguere il bene dal male. Gli esseri
umani hanno la facolt di prendere delle decisioni e di giudicare, punire e premiare, imparare dallesperienza sempre
sotto il monitoraggio di Allah. Nessuna di queste abilit
presente negli esseri viventi perch queste non hanno nulla a
che vedere con la struttura fisica o genetica degli umani.
Quelle sopraelencate sono tutte caratteristiche dallanimo
umano.
Essendo stato creato cos ognuno di noi, dotato di ragione, deve conoscere questa verit e, di conseguenza, vivere
una vita onorevole e determinata, riconciliabile con la buona
coscienza.

Darwinismo: Arma Sociale

297

298

La scarsa moralit imposta dalla menzogna


lottare per sopravvivere
Come gi affermato, uno dei pi grandi raggiri del darwinismo laffermazione riassunta nei termini lotta per la sopravvivenza e sopravvivenza dei pi adatti. Secondo le
dichiarazioni non realistiche degli evoluzionisti, la vita una
sfera di conflitto e competizione per tutti gli esseri viventi, uomo incluso. In un mondo simile, non c posto per caratteristiche di vera moralit quali amore, rispetto, collaborazione o altruismo.
In Lorigine delluomo, Charles Darwin scrisse che lumanit
aveva raggiunto la posizione in cui si trovava attraverso la lotta, e che doveva continuare a lottare per progredire, che nessuna
legge dovrebbe impedire tale processo:
Luomo, al pari di ogni altro animale, progredito alla sua attuale condizione suprema indubbiamente attraverso la lotta per
lesistenza derivante dalla sua rapida riproduzione; e se vuole arrivare ancora pi in alto, deve soccombere a questa dura lotta.
Altrimenti cadr presto nellindolenza e saranno di pi gli uomini in gamba a non avere successo nella battaglia della vita rispetto ai meno dotati. Da ora in avanti la nostra percentuale naturale
di aumento, sebbene porti a molti e ovvi mali, non deve
diminuire a dismisura in nessun modo. Ci dovrebbe essere
unaperta competizione per tutti gli uomini []174

Nel mondo buio imposto dal darwinismo, la cosa importante per le persone trascorrere lintera vita combattendo.
Questa affermazione manca di ogni fondamento scientifico ed
anche incompatibile con la ragione e la logica. Ma queste ipotesi pericolose vengono messe in pratica; lonest, leroismo, la
lealt e la devozione vengono rimpiazzati dallipocrisia, dalle-

Darwinismo: Arma Sociale

299

goismo, dalla mendacit e dalla slealt; e vincer solo chi


possiede queste caratteristiche. Questi fondamenti su cui il darwinismo basa la sua visione contorta del mondo e la sua moralit, vengono spesso applicati dagli evoluzionisti con lo scopo di
influenzare la gente.
Ad esempio, in un articolo intitolato The center of Life,
Lorraine Lee Larison Cudmore, vincitrice di un dottorato in biologia, ammette apertamente che nella visione evoluzionista
della vita non c posto per la piet e la compassione:
Levoluzione [] dura, inevitabile [] Non c posto per la
compassione o la buona competizione. Troppi organismi sono
nati, cos, in modo abbastanza semplice, molti di loro sono destinati a morire. Lunica cosa che importa lasciare pi figli a
portare i propri geni di quanti ne lasci il vicino.175

Come con il razzismo, il capitalismo selvaggio e leugenetica esaminati precedentemente in questo libro, le idee contorte e
le pratiche pericolose rafforzate dal darwinismo sono i risultati
degli errori e delle menzogne sulla lotta dei pi forti per la sopravvivenza. Rimane il fatto che la vita non una sfera di lotta.
Lunica battaglia degli esseri umani deve essere quella contro i
loro simili pi infimi. Nella lotta contro il male nella propria
natura e in quelli intorno a lui, luomo deve cercare di far
prevalere gli aspetti positivi dellamore, della compassione, dellaffetto, della pace, della sicurezza, del rispetto e della lealt. A
richiedere tutto questo sono i valori morali graditi ad Allah e
che Lui ha scelto per i suoi servi.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

300

Il darwinismo sociale non d valore alla


vita umana
Quando vengono messi in pratica il dogma darwinista della lotta per la sopravvivenza e le sue visioni errate, si svaluta
la vita umana. Uccidere la gente per qualsiasi motivo, abbandonarla alla fame, provocare guerre e massacri, perpetrare atti
di terrorismo, sterminare gli invalidi mentali o fisici o chi appartiene a una razza diversa, diventano tutti atti legittimi.
In linea con questa mentalit bacata il professore americano E. A. Ross che non d alcun valore alla vita umana.
Secondo la visione darwinista sociale di Ross: il culto cristiano
della carit come mezzo di grazia ha creato un riparo sotto il
quale hanno strisciato e si sono nutriti i dementi e i cretini.

Il grafico sotto mostra laumento


enorme del livelli di criminalit
negli ultimi trentanni.

Darwinismo: Arma Sociale

301

Secondo Ross: Lo stato accoglie fra le sue braccia protettive i


sordomuti, ed in processo di formazione una razza di sordomuti. Dal momento che queste azioni ostacolano il cosiddetto
sviluppo evolutivo naturale, Ross dichiar che la scappatoia per
un mondo migliore era quella di lasciare la gente in balia di se
stessa di modo che venisse eliminata tramite la selezione naturale.
Siamo di fronte a una visione spietata! Luomo possiede
una coscienza, e la coscienza impone di proteggere i deboli, gli
emarginati e i poveri. Altrimenti, se luomo perde la sua capacit di pensare come un essere umano poi raggiunger
davvero una posizione inferiore a quella degli animali perch
questi ultimi mostrano grande solidariet e collaborazione. (Per
ulteriori informazioni, leggete Devotion Among Animals:
Revealing the Work of God di Harun Yahya's, Global Publishing,
Istanbul).
Ross non lunico darwinista sociale ad attribuire scarso
valore alla vita umana. Sono in molti a condividere la sua idea.
Ad esempio, levoluzionista Peter Singer, docente di bioetica
presso lUniversit di Princeton, si spinge ad affermare che la
gente con gravi disabilit fisiche non merita di vivere. Egli
espresse la sua opinione crudele in questi termini:
Se mettiamo a confronto un bambino con gravi disabilit [] con
un cane o un maiale, ad esempio, la maggior parte delle volte
noteremo che il non umano ad avere capacit superiori [] solo il fatto che il bambino disabile sia un membro della specie Homo
Sapiens a farlo trattare in maniera diversa da un cane o un maiale.
Tuttavia, la specie, di per s, non moralmente rilevante [].177

Singer si spinse oltre affermando che i disabili mentali


dovrebbero essere uccisi negli sperimenti scientifici o persino
per scopi alimentari! Le sue esatte parole:

Harun Yahya (Adnan Oktar)

302

I disabili mentali non hanno diritto alla vita, e quindi devono essere uccisi per scopi alimentari (qualora dovessimo sviluppare
un gusto per la carne umana) o per esperimenti scientifici.178

Nella logica darwinista pu essere supportato anche un


simile comportamento rivoltante e selvaggio. Joseph Fletcher,
ex presidente della Right to Die Society (Societ per il diritto alla morte) fa unaffermazione simile sugli invalidi mentali:
Gli esseri umani con deficit intellettivi o con capacit mentali
minime non sono persone. Non importa quanti organi abbiano
attivi e quanto siano spontanei i loro processi vitali [] [gli idioti] non sono, non lo sono mai stati e mai lo saranno, responsabili in nessun grado. I dementi, perci, non sono esseri
umani.179

Secondo la forma-mentis
darwinista, che considera luomo una specie
animale, gli umani non
valgono molto. La logica
darwinista sociale impone di non fare nulla
per aiutare chi soffre, e
questa gente che
resta abbandonata senza
aiuto n protezione.
Stando alla logica
morale islamica, ogni
credente responsabile
di assicurare agli altri
pace, sicurezza e benessere.

303

Anche l'infanticidio unaltra pratica concessa dal darwinismo, dottrina che non attribuisce valore alla vita umana.
Secondo il darwinismo: se prendersi cura di un neonato riconduce i genitori a lottare per la sopravvivenza, allora in termini
evolutivi, quel neonato deve essere ucciso. Darwin affermava
che gli animali mangiavano spesso i loro stessi cuccioli e che
quello fosse un fattore importante per tenere la popolazione sotto controllo. In un articolo della rivista Science levoluzionista
Barbara Burke scrive:
Tra alcune specie animali, allora, luccisione dei cuccioli sembra una
pratica naturale. Potrebbe essere
naturale anche per gli esseri
umani, una caratteristica
ereditata dai primati? []

304

Charles Darwin, in Lorigine delluomo, not che linfanticidio


stato probabilmente il pi importante dei controlli sulla crescita della popolazione nel corso di tutta la storia umana.180

Come abbiamo visto prima, i darwinisti come Haeckel incoraggiavano il suicidio e affermavano che chi pensava che la
vita fosse insopportabile aveva il diritto di farla finita. Allah lo
ha definito un peccato.
Tutte queste pratiche selvagge e questi credi (eugenetica,
eutanasia e razzismo) mostrano come il darwinismo sia unideologia che non d alcun valore alla vita umana e sia costruito su
miti di nessun valore scientifico.
Il fatto che la vita di ogni singolo essere vivente di
enorme importanza. Attenendosi ai valori morali coranici, la
gente ritiene il prossimo importante e prezioso e si sacrifica per
gli altri. Il credente dar il cibo al suo vicino pur avendone di
bisogno per se stesso:
[loro] che, nonostante il loro bisogno, nutrono il povero, l'orfano e il prigioniero. (Surat al-Insan, 8)

I musulmani hanno il compito di tutelare i poveri, di


aiutare gli abbandonati e proteggere gli orfani, gli uomini e le
donne disperati, i bambini e gli anziani. In un versetto, ad esempio, Allah ha comandato alle persone di non poter dire nemmeno Uff! ai propri genitori (Surat al-Isr, 23) e di dire
sempre il meglio del prossimo (Surat al-Isr, 53). In altri versetti Allah rivela [...] chiunque uccida un uomo che non abbia
ucciso a sua volta o che non abbia sparso la corruzione sulla
terra, sar come se avesse ucciso l'umanit intera . E chi ne abbia salvato uno, sar come se avesse salvato tutta l'umanit
(Surat al-Mida, 32)
evidente che una societ in cui ognuno riconosce nel
prossimo il valore e limportanza della ragione e della coscienza, trabocchi di pace, sicurezza, amore e rispetto.

Darwinismo: Arma Sociale

305

306

l 20 aprile del 1999, due studenti americani della Colombine


High School nel Colorado, Eric Harris (diciotto anni) e Dylan
Klebold (17), presero dassalto la scuola, armati di pistole e

bombe a mano. Dopo aver ucciso 12 studenti e un insegnante nellarco


di mezzora, si tolsero la vita. Subito dopo il tragico evento vennero
perquisite le case dei due ragazzi e saltarono fuori documenti e informazioni interessanti. In
uno dei suoi pezzi pubblicati sul sito Westword di
Denver, Harris aveva scritto che lui e Klebold avrebbero imposto la selezione
naturale nella loro scuola:

Darwinismo: Arma Sociale

307

I giovani che hanno


ucciso i loro amici,
asserendo di effettuare una selezione
naturale, hanno
scritto nel diario di
essere di gran lunga pi evoluti (e
quindi superiori)
rispetto ad altri.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

308

Ad aprile [del 1999] io e V [Klebold, che lui chiamava


V di Vodka] ci prenderemo la rivincita dando una mano
alla selezione naturale. Armati di borsa da terrorista con pistole a spillo, pistole a spillo fissate a bombolette WD40, esplosivi artigianali con [] un mucchio di shrapnel, bombe incendiarie, bombe al cloro e fumogeni.1
Inoltre, al momento dellassalto, Harris aveva stampate
sulla maglietta le parole SELEZIONE NATURALE.2
Dal testo emerge che quello fosse un atto di vendetta contro gli insegnanti e gli studenti che i due consideravano inferiori.3
In quasi tutto ci che scrive, Harris fa riferimento alla selezione naturale e ai sentimenti di superiorit. Nei tre video girati prima dellattacco i due si autodefiniscono pi evoluti
di altri e dicono di sentirsi sovrumani.4
Esattamente ad aprile, come aveva scritto nel suo giornale, Harris e Klebold entrarono alla Colombine High School
con armi simili a quelle descritte e cominciarono a massacrarne gli studenti. A scuola si sapeva che i due provavano
ammirazione per Hitler e che indossavano magliette con svastiche disegnate. Inoltre, il giorno in cui compirono lattacco
sarebbe stato il 110 compleanno di Hitler.
Allapparenza i ragazzi erano due normalissimi studenti
di scuola superiore con una solida famiglia alle spalle, che nessuno avrebbe mai immaginato potessero compiere un atto
simile. Dai giornali si evince che avessero un buon rapporto
con la famiglia e che non avessero problemi.
Questa anormale vena aggressiva nei caratteri dei due
giovani, che li ha spinti a un atto psicopatico, deve essere stata rafforzata dallistruzione ricevuta. Con lo scopo di risolvere
i problemi con i compagni che, secondo loro, li avevano es-

Darwinismo: Arma Sociale

309

clusi, fecero ricorso al concetto di selezione naturale appreso a scuola. Non sorprende affatto che la gente istruita a
credere a quelle false idee tipo che la vita una battaglia fino
alla morte, che bisogna lottare per sopravvivere, che i forti
vincono sui pi deboli, che la vita non ha valore e che gli uomini non sono diversi dagli animali, porta ad attacchi legati
al concetto di selezione naturale.
La visione della vita che si riceve dallistruzione quella che impone il darwinismo. La gente che viene a conoscenza della competizione crudele della selezione naturale
tramite i libri e le lezioni sar indotta a credere che questo sia
lunico modo per sopravvivere e riterr che lodio e linimicizia siano legittimi. Sar quindi capace di perpetrare atti del
genere.
Invece, se istruiti alla luce dei valori morali del Corano e
non con i dogmi della selezione naturale, i giovani (e quindi
la societ) cercheranno di perdonare, provare amore, affetto e
amicizia, e di assicurare la pace e non lodio e il conflitto. La
soluzione alla degenerazione morale sta nel rovesciamento
intellettuale della filosofia che conduce a tale degenerazione
e al suo rimpiazzo con i valori morali comandati dal Corano.

1 CNN, "Columbine Killer Envisioned Crashing Plane in NYC," 6


December 2001,
http://edition.cnn.com/2001/US/12/05/columbine.diary
2 Denver Rocky Mountain News, 25 June 1999, pp. 4A, 14A
3 Antonio Mendoza, "High School Armageddon," http://www.mayhem.net/Crime/columbine.html
4 Ibid.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

310

ulla scia di Lorigine della specie e Lorigine delluomo, una pletora di evoluzionisti cominciarono a meditare su come possano essersi formati, attraverso levoluzione, il comporta-

mento sociale umano, le emozioni, i giudizi e le idee, tutti attributi


dello spirito umano. Secondo lerrore pi diffuso, se il funzionamento del nostro corpo e laspetto fisico erano conseguenza dellevoluzione, allora lo era anche il comportamento dei nostri corpi.
Incapaci di spiegare come si fossero formate le strutture biologiche
negli esseri viventi, gli evoluzionisti cominciarono a inventare storie
sulla cosiddetta evoluzione dellanima umana.
In Lorigine delluomo, Darwin afferm che negli anni a seguire

311

levoluzione avrebbe costituito il fondamento della psicologia e


espresse la sua ingannevole ipotesi in questi termini:
Per il futuro intravedo terreni fertili per ricerche sempre pi importanti. La psicologia si baser su un nuovo fondamento, quello dellacquisizione necessaria di ogni potere e capacit mentale per gradi. Si far
luce sullorigine delluomo e sulla sua storia.181

Il primo progetto dettagliato per dare una spiegazione alle origini del comportamento umano e animale in termini evolutivi fu
sviluppato dallentomologo di Harvard, Edward O. Wilson.
Nonostante il completo fallimento del Progetto di Wilson, questa disciplina prese il nome di sociobiologia.
In Sociobiologia: la nuova sintesi, pubblicato nel 1975, Wilson
sosteneva che il comportamento animale avesse una spiegazione del
tutto biologica. Basando il suo errore sullevoluzione biologica, pensava il comportamento umano e animale fosse controllato da determinati geni. Nel 1978 pubblic un altro libro, Sulla natura umana, in
cui affermava che i geni umani fossero responsabili dei comportamenti ostili, aggressivi, xenofobi, amichevoli, omosessuali e delle differenze caratteristiche tra uomini e donne. Le ipotesi di Wilson non si
rivelarono altro che congetture.

312

E. O. Wilson e
il suo libro
Sociobiologia:
la nuova sintesi

Nessuna delle sue teorie o di quelle dei suoi sostenitori


mai stata provata scientificamente. Anzi, tutti i dati scientifici
hanno dimostrato che le sue idee sono completamente sbagliate.
Unaltra delle affermazioni non scientifiche di Wilson che
gli esseri umani non sono nientaltro che portatori di geni che la
loro pi grande responsabilit quella di trasmettere quei geni
alle generazioni future. Secondo lui, levoluzione , in realt,
levoluzione dei geni. In Sociobiologia: la nuova sintesi, scrive:
In senso darwinista, lorganismo non vive per se stesso. La sua
funzione primaria non nemmeno quella di riprodurre altri organismi; bens riprodurre geni e servire da vettore temporaneo.
Ogni organismo generato dalla riproduzione sessuale un sottoinsieme unico e accidentale di tutti i geni che costituiscono la
specie. La selezione naturale il processo con cui alcuni geni ottengono una rappresentazione nelle generazioni a venire superiore a quella di altri geni collocati nella stessa posizione cromosomica [] Ma lorganismo individuale solo il loro veicolo,
parte di un sistema elaborato per preservare e diffonderli con il
minor turbamento biochimico possibile. Il famoso aforisma di
Samuel Butler, che il pollo lunico mezzo che ha luovo di fare
un altro uovo, stato modernizzato: lorganismo lunico modo
che ha il DNA di

fare pi DNA.182

Darwinismo: Arma Sociale

313

Le affermazioni di Wilson non erano che il risultato di preconcetti evolutivi. Persino tra gli evoluzionisti alcuni obiettarono
la congettura di Wilson. Uno di loro fu Stephen Jay Gould:
Ma le pretese di Wilson sono ben pi gravi. Nel capitolo 27 non
c solo la descrizione della gamma dei potenziali comportamenti umano o, al limite, laffermazione che questa gamma di comportamenti un sottoinsieme di quelli, ben pi vari, che si
trovano in tutti gli animali. Vi si trova, prima di tutto, una prolungata speculazione sullesistenza di geni per caratteri specifici e
variabili del comportamento umano tra i quali il rancore, laggressivit, la xenofobia, il conformismo, lomosessualit e le
tipiche differenze di comportamento tra luomo e la donna nella
societ occidentale.183

Con lo zoologo evolutivo Richard Dawkins, la speculazione evolutiva sul comportamento umano che ebbe inizio
con Wilson, ha raggiunto un picco incredibile e illogico.

Dawkins e i robots dai geni egoisti


Come risultato delle affermazioni non scientifiche fatte sui
geni dalla sociobiologia e dalla sua estensione, la psicologia
evolutiva, Richard Dawkins avanz e rese popolare la menzogna del gene egoista.
Secondo lui, lo scopo pi importante degli esseri viventi
la sopravvivenza e la riproduzione (in altre parole, proteggere i
propri geni e passarli alle generazioni future). Questa affermazione una speculazione bella e buona.
Stando a questa congettura della teoria dellevoluzione, le
sostanze chimiche inanimate tutto a un tratto si sono organizzate (ci avviene davvero) e hanno formato un sistema basato
sul DNA capace di riprodursi. Il primo organismo a emergere
da questo immaginario mix chimico, era un gene con nessun altro scopo se non quello di riprodursi. In qualche modo aveva
Harun Yahya (Adnan Oktar)

314

deciso di fare una copia di se stesso e cominci a farlo, producendo nuovi geni. Dagli errori durante il processo di copiatura erano nati geni con diverse caratteristiche. In seguito, questi
materiali genetici avevano appreso in qualche modo come
formare vari corpi e quindi riprodurre quei materiali genetici in
modo pi efficiente. I geni che avevano codificato il corpo
migliore venivano, quindi, copiati meglio degli altri. Sebbene
non abbiano prove del come e del perch, gli evoluzionisti
sostengono che il risultato di questa operazione costituisce una
delle affermazioni fondamentali del darwinismo moderno. Gli
evoluzionisti sono ben consapevoli che impossibile che un
corpo umano (qualsiasi organo contenga, le cellule che formano
quegli organi o anche un singolo componente di quelle cellule)
si sia creato da solo.
Tuttavia Dawkins tir fuori questa leggenda affermando
che tra i geni esiste una competizione. In Il gene egoista, egli
spiega il suo concetto distorto di umanit:
Siamo macchine da sopravvivenzaveicoli robot ciecamente
programmati per preservare le molecole egoiste note come geni.
Questa una verit che mi riempie di stupore. Sebbene lo sappia
da anni, non riesco ad abituarmi completamente. Una delle mie
speranze di poter riuscire a stupire gli altri []184

Secondo laffermazione illogica di Dawkins, un essere


umano semplicemente un robot portatore di geni la cui ragione di esistere consiste nel riprodurre i geni che trasporta,
supportarli nella competizione con altri geni e passarli alle generazioni successive. evidente che questa affermazione, che ignora lesistenza dellanima e che vede lessere umano come dispositivo meccanico, manca di qualsiasi aspetto realistico.
Nonostante ci, questa teoria non scientifica di Dawkins
stata sostenuta dalla maggioranza degli evoluzionisti in cerca di
una spiegazione materialista. In Sulla natura umana, Wilson
Darwinismo: Arma Sociale

315

sostiene che gli esseri umani acquisiscono importanza e uno


scopo solo attraverso i geni:
[] nessuna specie, inclusa la nostra, possiede uno scopo al di
l degli imperativi creati dalla sua stessa storia genetica (ad esempio, levoluzione) [] La specie priva di qualsiasi scopo esterno alla propria natura biologica.185

Secondo questa credenza materialista senza fondamento


scientifico, se la perpetrazione dei geni il solo scopo, allora gli
esseri umani responsabili di proteggerli devono essere il pi
possibile egoisti e spietati negli interessi dei propri geni. Per
Dawkins e i suoi sostenitori saranno i geni egoisti a uscire vittoriosi dalla competizione. In Il gene egoista, Dawkins sintetizza la visione perversa darwinista:
Noi, e tutti gli altri animali, siamo macchine create dai nostri
geni. Al pari dei famosi gangster di Chicago, i nostri geni sono sopravvissuti, in alcuni casi per milioni di anni, in un mondo altamente competitivo. Ci ci d il diritto di aspettarci certe qualit
nei nostri geni. Sostengo che una qualit predominante da aspettarsi in un gene sopravvissuto, legoismo spietato. Questo egoismo del gene dar vita allegoismo nel comportamento dellindividuo. Tuttavia, come vedremo, ci sono circostanze speciali in
cui un gene pu raggiungere i suoi obiettivi egoistici al meglio
nutrendo una forma limitata di altruismo al livello di singoli animali. "Speciali" e "limitata" sono parole importanti nella frase
precedente. Per quanto potremmo sperare di credere altrimenti,
lamore universale e il benessere delle specie come gruppo, sono
concetti che semplicemente non hanno senso evolutivo186

Stando allignoranza di Dawkins, dato che i geni nati dagli


esseri umani sono egoisti, anche gli uomini sono egoisti.
Essendo cos, ci si pu aspettare che questi robot egoisti possano ricorrere a qualsiasi mezzo per proteggere e preservare i
propri geni. Non ci sono pi motivi per evitare assassini, furti o
stupri. Non si pu pretendere che le macchine egoiste osHarun Yahya (Adnan Oktar)

316

servino qualsiasi legge morale o che attuino in modo coscienzioso o


etico. Date le circostanze, uccidere un essere umano non pi un atto criminale o immorale, bens un impulso al di l dei propri interessi. Dai geni egoisti scaturisce un comportamento altrettanto ego-

I geni sono strutture inanimate composte di atomi e prive di intelligenza.


illogico parlarne come di entit che
prendono decisioni e fanno delle
scelte. La psicologia evolutiva, tuttavia, si basa su questa illogicit.

317

istico. Il concetto di essere umano di Dawkins molto pericoloso e


implica la frammentazione della morale sociale.
Laffermazione del gene egoista illogica e senza senso poich
Dawkins e altri come lui descrivono i geni come entit dotate di coscienza e volont. I geni sono catene di DNA (spirale a doppia elica
di acidi nucleici tenuti insieme da filamenti di fosfato e zucchero.
Cos come H2O (acqua)o H2SO4 (acido solforico) sono molecole,
anche il DNA una molecola. Quindi, nello stesso modo in cui
impossibile parlare di acqua egoista o sale egoista o acido solforico invidioso altrettanto impossibile parlare di geni egoisti.
Gli evoluzionisti raffigurano gli esseri umani come collezioni
di materia, e in qualche modo tentano di attribuire un raziocinio al-

La violenza e laggressivit
non sono uno strascico
ereditato dai presunti antenati animali delluomo codificate nei nostri geni.
Piuttosto, sono il risultato
degli scarsi valori morali
dovuti allirreligiosit e alla
mancanza di coscienza.

318

Darwinismo: Arma Sociale

319

linterno di quella variet. Il fatto che possono attribuire ragionamento e coscienza ai geni dimostra quanto sia diventata inconsistente la teoria dellevoluzione. Oggi giorno il darwinismo
sostiene che esiste una ragione e una coscienza nelle molecole e
negli atomi inanimati che compongono quelle molecole,
rimpiazzando il paganesimo che attribuisce una ragione e una
coscienza agli idoli di pietra e legno.

Un altro dilemma per levoluzione:


i geni altruisti
Secondo la teoria dellevoluzione, in natura esiste una lotta fino alla morte in cui sopravvivono solo i forti. Tuttavia, si
pu osservare che gli esseri viventi generalmente si aiutano a vicenda, fanno sacrifici per gli altri e rischiano la propria vita per
il beneficio altrui. Per spiegare questo fatto, totalmente in conflitto con il concetto basilare della teoria dellevoluzione, Wilson
propose un numero di ipotesi infondate che avrebbero poi costituito la sociobiologia. Wilson bas le sue spiegazioni su unaltra menzogna: la selezione della parentela di W. D. Hamilton,
secondo cui un elemento vivente che protegge i suoi membri
giovani o altri membri del gruppo non lo fa per scopi altruistici
bens per proteggere i propri geni egoisti. Dato che lobiettivo
quello di passare i geni alle generazioni future e visto che i
geni di una madre sopravvivono nella sua prole, allora una
madre che difende la sua prole a costo della vita non fa altro che
difendere i propri geni. In altre parole, legoismo rafforza il sacrificio di se stessi!
Questa affermazione non ha n testa n piedi! Anzitutto
nessun animale in natura possiede consapevolezza dei propri
geni e quindi non pu sentirsi motivato a proteggerli. Inoltre,
non pu sapere se i geni sono presenti anche nella prole o nei
Harun Yahya (Adnan Oktar)

320

parenti e quindi non c motivo di sacrificare la propria vita per


loro. impossibile per i geni (catene inconsapevoli di molecole) indirizzare un essere vivente in questo senso.
In pi, ci sono molti esempi in natura di animali che assistono
non solo quelli della propria specie che conservano i geni ma anche
altri. Gli evoluzionisti non riescono a spiegarselo perch non ha

La natura non consiste solo


nella battaglia fino alla morte.
Molti esseri viventi mostrano
atteggiamenti estremamente
altruistici sia verso la propria
prole sia verso gli altri.

Darwinismo: Arma Sociale

321

senso che una creatura che assume un atteggiamento protettivo


non lo faccia per proteggere i propri geni.
E, affermando che il desiderio di proteggere i propri cuccioli
codificato nella struttura genetica degli esseri viventi, non si risolve
nemmeno il dilemma degli evoluzionisti perch, allora, sorge la
questione di come un comportamento simile sia stato codificato al
primo posto nei geni. La teoria dellevoluzione non pu spiegare
come anche un singolo gene sia potuto nascere attraverso coincidenze, e quindi impossibile spiegare come possa essere nata per
caso linformazione codificata nei geni. Ogni informazione codifi-

322

cata nei geni stata creata da Allah, Signore di infinita


conoscenza e saggezza.
I sociobiologi tentano di applicare la stessa ipotesi sul comportamento altruista degli animali agli esseri umani. In altre parole, quando una madre protegge suo figlio dal pericolo senza
esitare nemmeno per un momento, in realt si sta preoccupando di proteggere i propri geni. Il rifiuto degli attributi appartenenti allanimo umano e i tentativi degli evoluzionisti di spiegare questo fenomeno in termini di evoluzione non hanno la
minima prova scientifica. Con le loro idee illogiche, gli
evoluzionisti hanno sottovalutato la consapevolezza e la coscienza umana. Rimane il fatto che un essere umano possiede
unanima, le capacit di giudizio e pensiero e pu distinguere
ci che giusto e ci che non lo . Quando una madre si sacrifica per il figlio, lo fa perch lo ama, prova affetto e compassione
per lui, perch lo ritiene debole e si assume la responsabilit di
proteggerlo. Quando il bambino soffre, ad esempio, lei si immedesima e far di tutto per alleviare il suo dolore. Questi sono
attributi che un robot o una macchina trasporta geni, cos tanto amati dagli evoluzionisti, non potranno mai possedere.
Gli evoluzionisti sono ben coscienti che levoluzione non
pu dare una spiegazione agli attributi dellanimo umano. Ad
esempio, levoluzionista Robert Wallace in The Genesis Factor
dice:
Non credo che luomo sia semplicemente un egoista pi intelligente, geneticamente portato ad aver cura della propria progenie.
Lo . Chiaro che lo . Ma anche di pi. La prova di ci semplice e palese. Basta solo ascoltare il Canone in re maggiore di
Johann Pachelbel per sapere che esistono profondit insondabili
nello spirito umano.187

Wallace sottolinea un punto di grande importanza.

Darwinismo: Arma Sociale

323

Secondo la definizione irrealistica degli evoluzionisti un essere


umano semplicemente una macchina vettore di geni. quindi
impossibile per un entit del genere trarre piacere dalla musica,
godere di un film e anche produrlo, leggere o scrivere un libro,
imparare ci che legge o raffrontarsi con gli altri. Le teorie non
scientifiche degli evoluzionisti non potranno mai rispondere
alle domande su come gli esseri umani, capaci di pensieri profondi, di provare emozioni e gioie, siano nati e come si siano
originate quelle caratteristiche.

Le madri si sacrificano per i propri figli non per


proteggere i propri geni, come vorrebbero farci
credere gli evoluzionisti, ma per un sentimento di
amore, affetto e protezione.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

324

ra il 1996 e il 1997 i quotidiani riportarono due casi scioccanti di infanticidio. Nel primo, dopo aver dato alla luce in una stanza dalbergo, una diciottenne insieme a un collega universitario uccisero
il bambino disfacendosi del corpo in un contenitore della spazzatura.
Nellaltro, dopo essersi allontanata dal ballo scolastico per partorire nel
bagno, una diciottenne gett il bambino morto nella spazzatura e ritorn
in sala. Entrambi i casi furono definiti casi di omicidio. Mentre molti attribuiscono questi eventi a una perdita di valori o a disturbi mentali,
Steven Pinker, docente di psicologia presso LIstituto di tecnologia del
Massachusetts, d una spiegazione agghiacciante: impulso genetico.
Nellarticolo pubblicato sul New York Times, Pinker afferm che uccidere il bambino il giorno in cui nasce non denota una malattia mentale
perch una pratica accettata in molte culture della storia.
Uccidere un bambino un atto immorale e spesso manifestiamo la nostra
indignazione parlando di malattia. Ma i normali stimoli umani non sono
sempre morali e linfanticidio non deve essere un prodotto della malfunzionante circuiteria neurale o di uneducazione disfunzionale.1
La parte pi sconvolgente dellaffermazione di Pinker lespressione Ma
i normali stimoli umani non sono sempre morali Ci rivela unanormalit nel suo modo di vedere le cose. In altre parole, anche se qualche comportamento immorale, pu considerarsi legittimo perch fa parte degli
istinti normali specialmente degli esseri umani. Secondo Pinker, luccisione di un neonato, quando le circostanze la rendono necessaria, un
comportamento da considerarsi normale. Stando alle affermazioni fittizie degli evoluzionisti, le madri in condizioni selvagge si trovano davanti a una scelta difficile: prendersi cura dei figli gi nati o sfamare i neonati.
Se il neonato nasce malato improbabile che sopravviva, di conseguenza
la madre pu decidere di disfarsene e ritentare. Naturalmente questa affermazione falsa e priva di validit scientifica. Nonostante tutto la formamentis darwinista spinge Pinker ad appoggiare questa barbarie.
Affermazioni del genere avanzate da Pinker e da altri come lui compromettono la societ. Quando nelle scelte morali si avanza il concetto di im-

Darwinismo: Arma Sociale

325

pulso genetico, chi commette un omicidio pu dire dovevo farlo, ce lho


nei geni. In questo caso i geni non possono essere puniti, non esiste un
crimine n un criminale. Nelle sue affermazioni, Pinker non tiene conto n
della ragione n della coscienza, immaginando che tutto possa essere spiegato in termini di geni. Una volta che la societ reagisce, apporta pochi
cambiamenti alla sua terminologia, ma stavolta affronta unincoerenza interna.
Uno dei critici di Pinker fu Andrew Ferguson che in The Weekly
Standard scrisse:
Ce lo fanno vedere non come un orrore morale, ma come un adattamento evolutivo codificato geneticamente [].2
Pinker bravo a difendere le affermazioni in questione nonostante la totale assenza di supporti scientifici. Una delle critiche alle affermazioni di
Pinker che queste non siano altro che congetture basate sulle illusorie visioni del mondo degli evoluzionisti. Ferguson, ad esempio, critic la sua
logica affermando che non supportava le sue affermazioni con prove scientifiche. Il fatto che tutta la psicologia evolutiva si basa su una congettura senza prove e sul potere dellimmaginazione. In The Wedge of Truth,
Phillip Johnson afferma:
Fondamentalmente la psicologia evolutiva avanza erigendo una
montagna di speculazioni sulla base di prove
frammentarie
3
sulle culture primitive.
Ferguson fa una diagnosi delloggetto della sua critica:
la congettura si cristallizza in fatto; il fatto diviene una base per ulteriori congetture che si tramuta in unaltra premessa effettiva, e cos
via.4

1 Pinker S. Why They Kill Their Newborns," New York Times, 2 November 1997
2 Ferguson A., "How Steven Pinker's Mind Works", The Weekly Standard, January 12,
1998, p. 16
3 Johnson P., The Wedge of Truth, Intervarsity Press, Illinois, 2000, p. 113
4 Andrew Ferguson, "How Steven Pinker's Mind Works," The Weekly Standard, p. 16

Harun Yahya (Adnan Oktar)

326

Il crollo del determinismo genetico


Con la sequenziazione e lanalisi del genoma umano, si diffuse lidea che il DNA possiede un potere enorme e che i geni
assumono un ruolo importante nel determinare chi siamo
davvero. Quasi ogni giorno vengono pubblicati quotidiani che
riportano articoli in cui si afferma che siamo controllati dai nostri geni: Scientists Target Genius Gene, Kennedy Tragedies
Put Down To Risk Taking Gene, "Scientists Say Research on
Male Siblings Proves the Existence of a 'Homosexual Gene.
Nelle riviste specializzate e non, appaiono articoli in cui si
descrive che i geni controllano ogni cosa, dalla schizofrenia alla
gelosia, dallalcolismo allabitudine di guardare la televisione.
La gente che leggeva quei titoli pensava che tutti i generi di
attributi (intelligenza, carattere, successo, fallimento) fossero
codificati nel genoma umano, e alcuni cominciarono a credere,
erroneamente, che la nostra vita potesse essere ridotta a una formula.
Le ricerche sul genoma umano sono di estrema importanza e gli studi sulla struttura genetica umana hanno fornito informazioni utilissime su tante malattie. Ma come hanno affermato chiaramente coloro che lavorano al Progetto Genoma
Umano e gli scienziati esperti in materia, ci non giustifica lattribuzione di funzioni irrealistiche ai geni. Le ricerche dimostrano che i geni umani svolgono un ruolo molto piccolo, quasi insignificante, nel carattere, nel comportamento e nel modo di
pensare. In un articolo intitolato The Human Genome Map:
The Death of Genetic Determinism and Beyond Mae-Wan Ho
dellIstituto di Scienze nella Societ, afferma:
Il numero di geni di gran lunga inferiore a quanto serva per
supportare le affermazioni stravaganti degli scorsi decenni, secondo cui singoli geni non solo determinerebbero come sono for-

Darwinismo: Arma Sociale

327

mati i nostri corpi, le malattie di cui soffriamo, ma anche gli stili


di comportamento, le capacit intellettuali, le preferenze sessuali
e la criminalit.188

Francis S. Collins, direttore dellIstituto Nazionale di


Ricerca del Genoma Umano, chiarisce che non sono i geni a rendere umano un essere umano. In un articolo intitolato
Heredity and Humanity: Have No Fear. Genes Aren't
Everything, Collins afferma:
Fortunatamente dieci anni di studio intensivo del genoma
umano hanno fornito diverse prove sullarbitrariet dei timori
del determinismo genetico. Si dimostrato in modo definitivo
che gli esseri umani sono ben pi che la somma di parti genetiche. Inutile a dirsi, i nostri geni svolgono un ruolo primario e
formativo nello sviluppo umano (e in molti dei processi di malattie umane), ma studi molecolari altamente tecnologici e non (pur
sempre utili) di gemelli monozigoti e dizigoti dimostrano chiaramente che i nostri geni non sono fattori onnideterminanti nellesperienza umana.189

Nello stesso articolo, Collins afferma che i geni non influiscono sul comportamento umano. Egli spiega che esaminare i
geni di un criminale per vedere se ha una predisposizione al
crimine e, alla luce di ci, determinare una punizione, possa
portare a dei risultati fuorvianti:
E per quanto riguarda le caratteristiche non legate alle malattie,
quali lintelligenza e il comportamento violento? [] La scoperta
di una variante del gene predominante, fortemente correlata con
la violenza, potrebbe avere un effetto profondo sul nostro concetto millenario di libero arbitrio, appesantendo la bilancia della
giustizia in due modi parimenti pericolosi. Se chi commette un
crimine violento possiede la variante del gene, il suo avvocato
potrebbe utilizzare come difesa il DNA (Se ce lha nel gene, innocente!) e limputato potrebbe essere reputato non responsabile delle proprie azioni dal giudice e dalla giuria. Ma altret-

Harun Yahya (Adnan Oktar)

328

329

tanto possibile immaginare uno scenario in cui chi non ha


mai commesso un atto violento, ma si scopre possieda la variante del gene, sia soggetto alla presunzione della colpevolezza (o addirittura spedito in una colonia di lebbrosi postmoderna) per il resto della sua vita.
Se i geni controllassero davvero il nostro comportamento, il
nostro sistema di giustizia e le sue linee direttrici altrettanto
tutelanti non sarebbero le sole vittime. Come sopravvivrebbe
il concetto di pari opportunit? E lidea del merito?
Pensiamo alla spaventosa genetocrazia raffigurata nel film
Gattaca (e notate le lettere che compongono il titolo)190 , un
mondo in cui i bambini sono assegnati a delle caste alla nascita sulla base della valutazione della loro capacit intellettuale
e potenziale professionale iscritti nel loro DNA.191

Citando il biologo Johnjoe Mc Fadden, Collins descrive


nel suo articolo lillogicit di affermare che il comportamento sia codificato nei geni:
Sfruttando una metafora offerta dal biologo Johnjoe
McFadden, cercare geni che codifichino i nostri comportamenti unici e altri prodotti della nostra mente come analizzare le corde di un violino o i tasti di un pianoforte nella speranza di trovare LEmperor Concerto192 Si pu immaginare il
gene umano come la pi grandiosa delle orchestre, con ognuno dei

nostri circa trenta mila geni che rappresenta un

unico strumento che suona nel concerto mirabile e intenso


che la biologia molecolare. Ogni strumento essenziale e
deve essere intonato per produrre il giusto (e altamente
sofisticato) suono musicale. Allo stesso modo, i geni sono essenziali allo sviluppo del cervello e devono essere intonati
per produrre neuroni e neurotrasmettitori funzionanti. Ma
tutto ci non implica che i geni compongano le menti pi di
quanto una viola o un ottavino compongano una sonata. 193

Harun Yahya (Adnan Oktar)

330

331

Collins dedica il finale dellarticolo a spiegare le ragioni per cui gli attributi umani non possano derivare dal
DNA e richiama lattenzione alla creazione superiore di
Dio:
Per molti di noi, c ancora unaltra ragione influente, totalmente distante dalla meccanica della scienza, per rifiutare la nozione che il DNA sia il nucleo della nostra
umanit. Si tratta del credo [in] un potere superiore[]
Naturalmente alcuni scienziati e scrittori scartano questa
nozione spirituale definendola una pura superstizione.
[certamente commettono un grande errore!] Richard
Dawkins ha osservato che siamo macchine costruite dal
DNA il cui scopo quello di fare copie dello stesso DNA
[] lunica ragione di vita di ogni essere vivente.
Davvero? Non c nulla nellessere umano che diverso
dallessere un batterio o una lumaca?
Lo studio della genetica e la biologia molecolare possono
davvero spiegare la conoscenza intrinseca universale di
ci che giusto e sbagliato comune a tutte le culture
umane di tutte le epoche? Possono spiegare la forma altruistica di amore che i greci chiamano agape? Possono
spiegare la vocazione di sacrificarsi per gli altri anche
quando ci comporta mettere a repentaglio il proprio
DNA? Mentre i biologi evoluzionisti proferiscono varie
spiegazioni per i comportamenti umani che minano la
propagazione efficiente dei nostri geni c qualcosa in
quelle affermazioni che ci suona falso.
La nozione che la scienza da sola detiene tutti i segreti
della nostra esistenza divenuta una religione di se stessa [] La scienza il giusto modo di capire il mondo naturale, naturalmente; ma non ci fornisce alcuna ragione
per negare che ci sono aspetti dellidentit umana che ricadono al di fuori della sfera della natura e, quindi, fuori
dalla sfera della scienza.194

Harun Yahya (Adnan Oktar)

332

Come ha osservato Collins, le catena di molecole


costituite da composti di ossigeno-azoto-idrogeno-carbonio non possono in alcun modo dotare una persona di
sentimenti quali amore, devozione, piacere dellarte,
gioia, emozioni materne, desiderio di abnegazione. Se escludiamo lanima, luomo non altro che carne e ossa. I
geni, che sono entit materiali, non consentono a questo
mucchio di carne e ossa di pensare, fare calcoli matematici, godere del cibo, sentire la mancanza di un amico che
non sincontra da tanto tempo, o compiacersi delle cose
belle. Lessere umano unentit creata da Allah, totalmente diversa e distinta dal corpo, dal cervello e dai geni.
Nel Corano viene rivelato che lessere umano unentit
con unanima donata da Allah:
Colui che ha perfezionato ogni cosa creata e dall'argilla ha dato inizio alla creazione dell'uomo, quindi
ha tratto

la sua discendenza da una goccia d'acqua in-

significante ; quindi gli ha dato forma e ha insufflato in


lui del Suo Spirito. Vi ha dato l'udito, gli occhi e i cuori.
Quanto poco siete riconoscenti! (Surat as-Sajda, 7-9)

Lanima stata insufflata nelluomo da Allah. I materialisti evoluzionisti, riluttanti ad accettare lesistenza di
Dio e che gli esseri umani possiedono caratteristiche
metafisiche, tentano di diffondere la menzogna che ogni
cosa codificata nei geni (che ovviamente non possono
costituire lanima umana, sebbene gli evoluzionisti lo ignorano ciecamente).
A dire il vero, questo pensiero non affatto nuovo.
Difatti, nel corso della storia, si diffuso come paganesimo. Cos come gli antenati hanno creato dal legno degli
idoli che sostenevano fossero i loro dei, allo stesso modo

Darwinismo: Arma Sociale

333

334

la teoria dellevoluzione afferma che i geni sono lo scopo e i creatori di ogni cosa. (Dietro tutto questo c senzaltro Allah!)
Questo punto di vista dogmatico e primitivo, che si sperava fornisse una base per la teoria dellevoluzione, stato invalidato
dagli accertamenti scientifici. Anche Collins, che ha condotto
delle ricerche sui geni, dichiara apertamente che i geni non hanno alcun potere e che gli esseri umani sono entit metafisiche.
Il paganesimo, che attribuisce lo status di divinit a entit
materiali senza alcun potere proprio, una tradizione persistita
nei secoli e che, al giorno doggi, sostenuta dalla forma-mentis evoluzionista. Nel Corano, a chi attribuisce lo status di divinit a entit prive di potere, Allah rivela:
E invece si sono presi, all'infuori di Lui, divinit che, esse
stesse create, nulla creano, e che non sono in grado n e a n c h e
di fare il male o il bene a loro stesse, che non son padrone n
della morte, n della vita, n della Resurrezione. (Surat alFurqn, 3)

In un altro versetto, sulla natura perversa di questo credo,


Allah rivela:
Di' [loro]: "Invocate quelli che pretendete [essere di] all'infuori di Lui.Essi non sono in grado di evitarvi la sventura e
neppure di allontanarla (Surat al-Isr, 56)

Il comandamento di Allah ai dotati di ragione:


e non invocare, all'infuori di Allah, chi non ti reca n beneficio n danno. Se lo facessi, saresti uno degli ingiusti (Surat,
Ynus, 106)

Darwinismo: Arma Sociale

335

336

337

338

Crollo morale pi grave di quello economico!, Prostitute


bambine, Stupri: fatto naturale stando ai giovani inglesi,
400 coppie omosessuali e lesbiche si sposano in Finlandia,
Matrimonio gay, la rabbia non diminuisce, La corruzione
non ha fine, Corruzione, bella grana, Abuso di droga inizia a
tredici anni, Oppressione ovunque, Guerra alla fame,
Lincubo continua, Un anno di guerra, scandalo e rivolta,
Serbi imitano nazisti, Civili uccisi da carri armati, La Terra:
barile di polvere da sparo, Lacrime e incendi affliggono il mondo, Esplosione del crimine, Consumo di alcol come acqua,
Giovani europei resi allalcol, Prevenire la violenza: gli Usa
fanno fiasco, Lumanit svanisce, Crollo spirituale,
Giovent americana nel turbine del crollo morale, Lumanit
verso la solitudine

339

Questi sono solo alcuni esempi di titoli che appaiono quasi


giornalmente nei quotidiani. Ci sono cos tanti reportage del
genere che le persone ormai si sono abituate a tali eventi. Molti
non vedono nulla di straordinario nella lotta costante, nel conflitto e nellanarchia del mondo, nel come gente di uno stesso Paese
lotti contro i propri concittadini, nella corruzione infinita, nella
mancanza di aiuto ai poveri e ai bisognosi, nellaumento della
diffusione di malattie psicologiche quali stress e depressione, e
nel numero crescente di suicidi. Il mondo intero sembra aver
adottato uno stile di vita di lotta e di conflitto, difficolt e tensione, in cui lingiustizia e la crudelt regnano sovrane.
Una delle ragioni principali del fenomeno di accettazione di
quei fenomeni naturali il fatto che si vedono come conseguenze inevitabili della natura umana. In realt, si tratta delle
conseguenze della visione del mondo materialista e darwinista
che stringe lumanit nella sua morsa. Il darwinismo sociale preso in esame in questo libro rappresenta una parte sostanziosa di
quella visione.

340

Sebbene inconsapevoli di ci, molti


sono spinti a seguire la vita materialista-darwinista, che non suscita tristezza o preoccupazione verso la povert delle nazioni del
Terzo Mondo, che insensibile alle condizioni degli oppressi, che invoglia a uno
stile di vita egoistico, che giustifica lodio, la
vendetta e la competizione, specialmente
nel mondo degli affari, che fa provare poco
amore o affetto per il prossimo. Questo libro
dimostra che la visione del mondo materialista-darwinista legittima e, quindi, incoraggia tutte le forme di depravazione, dallo
stupro alla guerra.
Siamo tutti vittime di questa visione!
Molti vivono una vita infelice, problematica
e carica di tensioni: dagli studenti neri mira
di attacchi razzisti ai genitori anziani abbandonati dai figli egoisti; dai lavoratori costretti a lavorare in condizioni terribili in cambio
di salari da fame ai giovani che credono che
la vita non abbia un senso e che si inguaiano
da soli vivendo in modo sfrenato e irresponsabile.
di fondamentale importanza che la
visione materialista del mondo venga sconfitta intellettualmente per porre fine a
questo circolo vizioso e per far s che si ottenga un mondo di pace e felicit. , quindi,
essenziale che la gente sappia che il darwinismo non ha sostegno scientifico e che venga

Darwinismo: Arma Sociale

341

342

343

a conoscenza delle orrende catastrofi che


comporta la diffusione di questa teoria.
Inoltre, chi stato irretito dal darwinismo deve capire che la teoria dellevoluzione, difesa nonostante i punti
deboli e gli errori, non supportata da alcuna prova scientifica. Ogni scoperta fatta nel campo della scienza conferma che
la teoria dellevoluzione relegata agli
scaffali polverosi della storia. Inoltre,
come mostrato nel libro, lesperienza
mostra che il modello di vita avanzato
dalla teoria dellevoluzione non porta altro che oppressione, ingiustizia, crudelt,
perdita e sofferenza. Anche i darwinisti,
quindi, devono rendersi conto dei mali
che scaturiscono dalla loro teoria e devono smettere immediatamente di perpetrarla. La nostra speranza che questo libro induca chi stato abbindolato dagli
errori del darwinismo a capire di aver
commesso un grave errore.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

344

l darwinismo, in altre parole la teoria dell'evoluzione, fu


avanzato con lo scopo di negare il fatto concreto della
creazione, ma in realt non altro che un nonsense de-

bole e antiscientifico. Questa teoria, che sostiene che la vita sia


emersa per caso dalla materia inanimata, stata invalidata dalle
prove scientifiche dell'ordine miracoloso nell'universo e degli
esseri viventi. In tal modo, la scienza ha confermato il fatto che
Dio ha creato l'universo e le cose in esso viventi. La propaganda condotta oggi allo scopo di mantenere in vita la teoria dell'evoluzione si basa esclusivamente sulla distorsione dei fatti
scientifici, su interpretazioni pregiudiziali, bugie e falsit
mascherate da scienza.

345

Eppure questa propaganda non riesce a nascondere la verit. Il fatto che la teoria dell'evoluzione sia il pi grande inganno della storia della scienza stato espresso molte volte nel
mondo scientifico negli ultimi 20-30 anni. Le ricerche svolte
dopo gli anni Ottanta, in particolare, hanno rivelato che le tesi
del darwinismo sono totalmente infondate, e questo stato affermato da un gran numero di scienziati. Negli Stati Uniti in
particolare, molti scienziati di campi diversi, come la biologia, la
biochimica e la paleontologia, riconoscono che il darwinismo
non valido e utilizzano, per dar conto dell'origine della vita, il
fatto della creazione.
Noi abbiamo esaminato il crollo della teoria dell'evoluzione e le prove della creazione in gran dettaglio scientifico in molte delle nostre opere, e continueremo a farlo. Data
l'enorme importanza di questo argomento, sar molto utile
darne qui una sintesi.

346

Il crollo scientifico del darwinismo


Sebbene si possa far risalire questa dottrina fino all'antica
Grecia, la teoria dell'evoluzione stata avanzata in maniera estensiva nel XIX secolo. Lo sviluppo pi importante, che ha fatto
di essa l'argomento principale nel mondo della scienza stato
L'origine delle specie di Charles Darwin, pubblicato nel 1859. In
questo libro egli negava che Dio avesse creato ciascuna diversa
specie vivente sulla terra separatamente, sostenendo che tutti
gli esseri viventi avevano un antenato comune e si erano diversificati nel tempo attraverso piccoli cambiamenti. La teoria di
Darwin non era basata su un dato scientifico concreto, come egli
stesso ammetteva, si trattava solo di una "assunzione". Inoltre,
come Darwin stesso confessava nel lungo capitolo del suo libro
intitolato Le difficolt della teoria, la teoria era debole di fronte a
molte questioni essenziali.
Darwin riponeva
tutte le sue speranze
nelle nuove scoperte
scientifiche, che egli si
aspettava

avrebbero

risolto queste difficolt.


Invece, contrariamente
alle sue aspettative, le
scoperte

scientifiche

ampliarono le dimensioni di tali difficolt.


La sconfitta del darwinismo di fronte alla
scienza pu essere sintetizzata in questi tre
argomenti di base:

Charles Darwin

Darwinismo: Arma Sociale

347

1) La teoria non pu spiegare come la vita si sia prodotta


sulla terra.
2) Nessuna scoperta scientifica dimostra che il "meccanismo evolutivo" proposto dalla teoria abbia alcun potere e evolutivo.
3) I reperti fossili provano l'esatto opposto di ci che suggerisce la teoria.
In questa sezione, esamineremo questi tre fondamentali
nelle linee generali.

Il primo passaggio non superabile:


L'origine della vita
L'evoluzione presuppone che tutte le specie viventi si siano
evolute da una singola cellula vivente emersa sulla terra primitiva 3,8 miliardi di anni fa. Come stato possibile che un'unica
cellula abbia potuto generare milioni di specie viventi complesse e, se vero che c' stata questa evoluzione, perch non
possibile osservarne tracce nei reperti fossili? Queste sono solo
alcune delle domande cui la teoria non riesce a rispondere.
Tuttavia, innanzitutto, dobbiamo chiedere: da cosa ha avuto
origine questa "cellula iniziale"?
Poich la teoria dell'evoluzione nega la creazione e
qualunque tipo di intervento soprannaturale, sostiene che la
"cellula iniziale" si originata per coincidenza nell'ambito delle
leggi della natura, senza alcun progetto, piano o predisposizione. Secondo la teoria, la materia inanimata deve aver
prodotto una cellula vivente come risultato di coincidenze. Una
tale affermazione, tuttavia, incoerente con le pi inattaccabili
regole della biologia.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

348

"La vita viene dalla vita"


Nel suo libro Darwin non ha mai fatto riferimento all'origine della vita. L'interpretazione primitiva della scienza al suo
tempo si basava sull'assunzione che gli esseri viventi avevano
una struttura molto semplice. Fin dai tempi medievali era stata
ampiamente accettata la generazione spontanea, teoria che
sostiene che materiali non viventi si siano uniti a formare organismi viventi. Si credeva comunemente che gli insetti si creassero dai resti di cibo e i topi dal grano. Venivano condotti interessanti esperimenti per provare questa teoria. Si metteva del
grano su un pezzo di stoffa sporco e si credeva che da questo si
originassero, dopo un po', dei topi.
Allo stesso modo le larve che si sviluppano nel cibo guasto erano prese come prova della generazione spontanea.
Tuttavia, in seguito si
compreso che i vermi
non compaiono sulla
carne spontaneamente
ma sono portati da
mosche in forma di
larve, invisibili all'occhio nudo.
Anche

quando

Darwin scrisse L'origine


delle specie, la credenza
che i batteri si producessero dalla materia
Darwin sosteneva che la cellula fosse un
semplice ammasso di protoplasma. Man
mano che la scienza progredita, tuttavia,
ha rivelato che la cellula possiede una struttura con una complessit che ha sbalordito
gli scienziati.

non

vivente

era

ampiamente accettata
nel

mondo

scienza.

Darwinismo: Arma Sociale

della

349

Tuttavia, cinque anni dopo la pubblicazione del libro di


Darwin, Louis Pasteur annunci i suoi risultati dopo lunghi studi ed esperimenti, che dimostravano la falsit della generazione
spontanea, uno dei pilastri della teoria di Darwin. Nella sua trionfale conferenza alla Sorbona nel 1864 Pasteur disse: "La dottrina della generazione spontanea non potr mai risollevarsi dal
colpo mortale infertole da questo semplice esperimento". 195
Per lungo tempo i sostenitori della teoria dell'evoluzione
hanno fatto resistenza a queste scoperte. Tuttavia, quando lo
sviluppo della scienza ha svelato una complessa struttura della
cellula di un essere vivente, l'idea che la vita potesse venire in
essere per coincidenza si trovata in un'impasse ancora maggiore.

Gli sforzi inconcludenti del XX secolo


Il primo evoluzionista ad occuparsi dell'argomento dell'origine della vita nel ventesimo secolo fu il noto biologo russo
Alexander Oparin. Con varie tesi avanzate negli anni Trenta
tent di provare che una cellula vivente si poteva generare per
coincidenza ma questi studi erano condannati al fallimento e
Oparin dovette confessare:
Sfortunatamente, tuttavia, il problema dell'origine della cellula
forse il punto pi oscuro nell'intero studio dell'evoluzione degli
organismi.196

Gli evoluzionisti seguaci di Oparin tentarono di condurre


esperimenti per risolvere questo problema. L'esperimento pi
noto quello condotto dal chimico americano Stanley Miller nel
1953. Combinando nell'esperimento i gas, che egli sosteneva essere esistiti nell'atmosfera della terra primordiale, e aggiungendo energia a questa mescolanza, Miller sintetizz diverse molecole organiche (aminoacidi) presenti nella struttura delle proteine.
Harun Yahya (Adnan Oktar)

350

Erano passati appena pochi anni che gi si rivel che l'esperimento, a suo tempo presentato come un passo importante
nel nome dell'evoluzione, non era valido poich l'atmosfera usata nell'esperimento era molto diversa dalle reali condizioni
della terra.197
Dopo un lungo silenzio, Miller confess che l'ambiente atmosferico che aveva usato non era realistico.198
Tutti gli sforzi degli evoluzionisti durante il XX secolo per
spiegare l'origine della vita sono finiti in fallimento. Il geochimico Jeffrey Bada, del San Diego Scripps Institute accetta questo
fatto in un articolo pubblicato sulla rivista Earth nel 1998:
Stiamo per lasciare il XX secolo ma siamo ancora di fronte al pi
grande problema irrisolto che avevamo quando il secolo iniziato:
come si originata la vita sulla terra? 199

La complessa struttura della vita


La ragione principale per cui la teoria dell'evoluzione
finita in una cos grande impasse riguardo l'origine della vita,
che anche quegli organismi viventi destinati ad essere pi semplici hanno delle strutture incredibilmente complesse. La cellula di un essere vivente pi complessa di tutti i prodotti tecnologici dell'uomo. Oggi, anche nei laboratori pi avanzati del
mondo, non possibile creare una cellula vivente mettendo insieme elementi chimici organici.
Le condizioni necessarie per la formazione di una cellula
sono quantitativamente troppe per essere liquidate con le coincidenze. La probabilit che le proteine, i blocchi costitutivi di
una cellula, vengano sintetizzati per coincidenza, di 1 su 10950
per una proteina media costituita da 500 aminoacidi. In matematica, una probabilit inferiore a 1 su 1050 considerata impossibile in termini pratici.
La molecola del DNA, che si trova nel nucleo di una celluDarwinismo: Arma Sociale

351

Tutte le informazioni
rigurdanti gli esseri
viventi sono immagazzinate nella molecola del
DNA. Tale incredibile metodo di immagazzinamento dinformazioni di per s una prova
chiara del fatto che la vita non pervenne allesistenza per casualit, ma
che richiede un disegno, o, per meglio
dire, una meravigliosa creazione.

la e che conserva le informazioni genetiche, una


incredibile banca dati. Se le informazioni codificate
nel DNA dovessero essere messe per iscritto, impegnerebbero una biblioteca gigantesca formata da circa novecento
volumi di enciclopedia, ognuno di cinquecento pagine.
Un dilemma molto interessante si presenta a questo punto:
il DNA pu replicarsi soltanto con l'aiuto di alcune proteine specializzate (enzimi). Tuttavia, la sintesi di questi enzimi pu essere realizzata soltanto con le informazioni codificate nel DNA.
Poich ambedue dipendono l'uno dall'altro, devono essere esistiti nello stesso momento perch potesse esserci replicazione.
Questo conduce in un vicolo cieco lo scenario che vede la vita
originata da se stessa. Il professor Leslie Orgel, un evoluzionista
di fama dell'Universit di San Diego, California, confessa
questo fatto nel numero del settembre 1994 della rivista
Scientific American:
estremamente improbabile che le proteine e gli acidi nucleici,
entrambi strutturalmente complessi, siano nati spontaneamente
nello stesso luogo e nello stesso momento. E inoltre sembra anche
impossibile avere l'uno senza l'altro. Quindi, a veder bene,
bisognerebbe concludere che la vita non avrebbe mai, in effetti,
potuto originarsi mediante elementi chimici. 200

Harun Yahya (Adnan Oktar)

352

Senza dubbio, se impossibile che la vita si sia originata da


cause naturali, si deve accettare che la vita stata "creata" in un
modo soprannaturale. Questo fatto invalida esplicitamente la
teoria dell'evoluzione, il cui scopo principale negare la
creazione.

L'immaginario meccanismo dell'evoluzione


Il secondo punto importante che nega la teoria di Darwin
che si capito che entrambi i concetti avanzati dalla teoria come
"meccanismi evolutivi" non hanno, in realt alcun potere evolutivo.
Darwin ha basato la sua costruzione interamente sul meccanismo della "selezione naturale". L'importanza che egli attribuiva a questo meccanismo traspariva gi nel nome del suo
libro: L'origine delle specie, per mezzo della selezione naturale...
Secondo il principio di selezione naturale, gli esseri viventi pi forti e pi adatti alle condizioni naturali del proprio habitat sopravviveranno nella lotta per la vita. Per esempio, in un
branco di cervi minacciato dall'attacco di animali selvatici, sopravviveranno quelli che riescono a correre pi velocemente.
Quindi, il branco di cervi sar composto dagli individui pi veloci e pi forti. Tuttavia, senza discussione, questo meccanismo
non provocher il fatto che il cervo si evolve e si trasforma in
un'altra specie vivente, per esempio un cavallo.
Quindi, il meccanismo della selezione naturale non ha alcun potere evolutivo. Anche Darwin era consapevole di questo
fatto e dovette dichiarare nel suo libro L'origine delle specie:
La selezione naturale non pu provocare nulla se non intervengono differenze o variazioni individuali favorevoli. 201

Darwinismo: Arma Sociale

353

L'impatto di Lamarck
Dunque, come si possono verificare queste "variazioni favorevoli"? Darwin prov a rispondere a questa domanda dal
punto di vista della consapevolezza scientifica primitiva di quel
tempo. Secondo il biologo francese Chevalier de Lamarck (17441829), vissuto prima di Darwin, le creature viventi trasmettevano i tratti acquisiti durante la propria esistenza alla generazione successiva. Egli sosteneva che questi tratti, accumulati
da una generazione all'altra, causassero la formazione di nuove
specie. Per esempio egli sosteneva che le giraffe si erano evolute
dalle antilopi poich queste si sforzavano di mangiare le foglie
di alberi alti, i loro colli si erano estesi di generazione in generazione.
Anche Darwin dava esempi simili. Nel suo libro L'origine
delle specie, per esempio, dice che degli orsi finiti a cercare cibo nell'acqua si erano
con il tempo trasformati in balene.202
Tuttavia, le leggi dell'ereditariet
scoperte da Gregor Mendel (1822-84)
e verificate dalla scienza della genetica, fiorita nel XX secolo, hanno demolito completamente la leggenda
che i tratti acquisiti siano trasmessi
alle generazioni successive. Cos, la selezione naturale perse la sua considerazione come meccanismo evolutivo.

Gregor Mendel

Neo-darwinismo e mutazioni
Per trovare una soluzione, i darwinisti avanzarono la "teoria sintetica moderna" pi comunemente conosciuta come neodarwinismo, alla fine degli anni Trenta. Il neo-darwinismo ag-

Harun Yahya (Adnan Oktar)

354

giunse le mutazioni, che

Una mucca a due teste

sono distorsioni provocate dei geni degli esseri


viventi da fattori esterni
come radiazioni o errori
di replicazione, come
"causa di variazioni favorevoli" in aggiunta alla mutazione naturale.
Oggi, il modello che
nel mondo rappresenta
l'evoluzionismo il neo
darwinismo. La teoria
sostiene che i milioni di

Soltanto un esempio del anormalit che si producono in esseri


viventi soggetti a mutazioni.

esseri viventi si sono formati come risultato di


un processo mediante il quale numerosi organi complessi di
questi organismi (per esempio, orecchie, occhi, polmoni ed ali)
hanno subito "mutazioni", cio disordini genetici. Eppure, c' un
fatto scientifico diretto che smentisce completamente questa
teoria: le mutazioni non provocano sviluppo negli esseri viventi, al contrario, sono sempre dannose.
La ragione di questo molto semplice: il DNA ha una
struttura molto complessa, e gli effetti casuali possono solo danneggiarlo. Il genetista americano B. G. Ranganathan spiega a
questo fatto cos:
Innanzitutto le vere e proprie mutazioni sono molto rare in
natura. In secondo luogo, la maggior parte delle mutazioni sono
pericolose perch sono casuali, invece di essere cambiamenti ordinati nella struttura dei geni; qualunque cambiamento casuale
in un sistema strettamente ordinato sar per il peggio, non per il
meglio. Per esempio, se un terremoto va a scuotere la struttura

Darwinismo: Arma Sociale

355

rigorosamente ordinata di un edificio, provocher un cambiamento casuale nell'armatura dell'edificio che, con ogni probabilit, non sar un miglioramento.203

I reperti fossili: nessun segno di forme


intermedie
La prova pi evidente che lo scenario suggerito dalla teoria dell'evoluzione non mai esistito sono i reperti fossili.
Secondo questa teoria, tutte le specie viventi sono scaturite
da un predecessore. Una specie precedentemente esistente si
mutata nel tempo in qualcosa di diverso e tutte le specie sono
venute in essere in questa maniera. In altre parole, questa
trasformazione si compiuta gradualmente per milioni di anni.
Se fosse stato cos, avrebbero dovuto esistere e vivere in
questo lungo periodo di trasformazione, innumerevoli specie
intermedie.

I "fossili viventi"
provano che gli esseri
viventi non hanno subito
alcun cambiamento per
milioni di anni, in altre
parole non si sono evoluti.
A sinistra: una libellula
odierna
Sotto: una libellula fossile di 140 milioni di anni

356

Per esempio, nel passato avrebbe dovuto esserci qualche


essere met pesce/met rettile, che aveva acquisito alcuni tratti
rettili in aggiunta ai tratti ittici che gi possedeva. Oppure
avrebbe dovuto esistere qualche rettile-uccello, che aveva acquisito alcuni tratti di un volatile in aggiunta ai tratti rettili che
gi possedeva. Poich questa sarebbe stata una fase transitoria,
questi esseri viventi avrebbero dovuto essere handicappati,
difettosi, limitati. Gli evoluzionisti chiamano queste creature
immaginarie, che essi credono siano vissute nel passato, "forme
transitorie".
Se tali animali fossero realmente esistiti, avrebbero dovuto
essere milioni o addirittura miliardi, di numero e variet. Quel che
pi importa, nei reperti fossili dovrebbero essere presenti i resti di
queste strane creature. In L'origine delle specie, Darwin spiegava:
Se la mia teoria fosse vera, dovrebbero senz'altro essere esistite
innumerevoli variet intermedie, che collegano pi strettamente
tutte le specie dello stesso gruppo... Di conseguenza, la prova della loro esistenza potrebbe essere trovata solo tra i resti fossili. 204

Le speranze di Darwin demolite


Tuttavia, sebbene gli evoluzionisti abbiano fatto enormi
sforzi per trovare i fossili fin dalla met del XIX secolo in tutto
il mondo, non sono mai state scoperte forme transitorie. Al contrario delle aspettative degli evoluzionisti, tutti i fossili dimostrano che la vita comparsa sulla terra all'improvviso e gi
ben formata.
Un famoso paleontologo britannico, Derek V. Ager, ammette questo fatto, nonostante sia un evoluzionista:
Emerge il punto che se esaminiamo nel dettaglio i reperti fossili,
a livello di ordini o di specie, troviamo - ripetutamente - non
l'evoluzione graduale, ma l'esplosione improvvisa di un gruppo
a spese di un altro. 205

Darwinismo: Arma Sociale

357

Ci significa che nei reperti fossili, tutte le specie viventi


sono emerse all'improvviso gi completamente formate, senza
alcuna forma intermedia. Questo esattamente il contrario delle
tesi di Darwin. Inoltre, una prova schiacciante che tutti gli esseri viventi sono stati creati. L'unica spiegazione di una specie
vivente che compare all'improvviso e gi completa di ogni dettaglio senza alcun antenato evolutivo, che stata creata.
Questo fatto viene ammesso anche dal notissimo biologo
evoluzionista Douglas Futuyma:
Con la creazione e l'evoluzione si esauriscono le possibili spiegazioni dell'origine degli esseri viventi. O gli organismi sono apparsi sulla terra completamente sviluppati, oppure no. Se non lo
sono, devono essersi sviluppati da specie preesistenti mediante
qualche processo di modifica. Se sono apparsi ad uno stadio gi
completamente sviluppato, devono essere stati indubbiamente
creati da una qualche intelligenza onnipotente. 206

I fossili dimostrano che gli esseri viventi sono emersi completamente sviluppati in uno stato perfetto sulla terra. Ci significa che alla "origine delle specie", contrariamente alle supposizioni di Darwin, non c' l'evoluzione ma la creazione.

La favola dell'evoluzione umana


L'argomento pi spesso avanzato dai sostenitori della teoria dell'evoluzione quello dell'origine dell'uomo. La tesi darwinista d per scontato che l'uomo moderno si sia evoluto da
creature scimmiesche. Nel corso di questo presunto processo
evolutivo, che si suppone sia cominciato 4-5 milioni di anni fa,
si ritiene siano esistite alcune "forme transitorie" tra l'uomo
moderno e i suoi predecessori. Secondo questo scenario del tutto immaginario, ci sono state quattro "categorie" di base:
Australopiteco
Homo habilis
Harun Yahya (Adnan Oktar)

358

Homo erectus
Homo sapiens
Gli evoluzionisti chiamano Australopiteco - che significa
'scimmia sudafricana' - i presunti primi antenati scimmieschi dell'uomo. Questi esseri viventi in realt non sono altro che un'antica specie di scimmie che si estinta. La completa ricerca fatta su
vari esemplari di Australopiteco da parte di due anatomisti di
fama mondiale, dall'Inghilterra e dagli Usa, cio Lord Solly
Zuckerman e il prof. Charles Oxnard, dimostra che queste scimmie appartenevano ad una specie comune di scimmie estintesi,
che non aveva alcuna somiglianza con gli umani. 207
Gli evoluzionisti classificano i successivi stadi dell'evoluzione umana con il termine "Homo", uomo. Secondo la
loro tesi, gli esseri viventi della serie Homo sono pi sviluppati
del Australopiteco. Gli evoluzionisti hanno architettato uno
schema evolutivo fantastico sistemando diversi fossili di queste
creature e in un ordine particolare. Questo schema immaginario perch non mai stato provato che ci sia stata una relazione evolutiva tra queste classi diverse.

UNA FAVOLA EVOLUZIONISTA

359

Ernst Mayr, uno dei pi importanti evoluzionisti delXX secolo, sostiene nel suo libro Una lunga controversia che "in particolare [i rompicapi] storici come l'origine della vita o dell'Homo
sapiens, sono estremamente difficili e possono sfuggire perfino
ad una spiegazione finale soddisfacente". 208
Disegnando la catena di collegamenti Australopiteco>
Homo habilis> Homo erectus> Homo sapiens, gli evoluzionisti
sottintendono che ognuna di queste specie l'antenata dell'altra. Tuttavia le recenti scoperte dei paleontologi hanno rivelato
che l'Australopiteco, l'Homo abilis e l'Homo erectus vivevano in
parti diverse del mondo nello stesso momento. 209
Inoltre, un certo segmento di umani classificati come
Homo erectus vissuto fino a tempi molto recenti. L'Homo
sapiens neandarthalensis e l'Homo sapiens sapiens (l'uomo
moderno) coesistevano nello stesso territorio geografico. 210
Questa situazione sembra indicare l'invalidit della tesi che
essi sono antenati gli uni degli altri. Stephen Jay Gould ha spiegato cos questo punto morto della teoria dell'evoluzione,
nonostante fosse egli stesso uno dei principali sostenitori dell'evoluzione delXX secolo:
Che cosa stato della nostra scala se ci sono tre stirpi di ominidi coesistenti (A. africanus, i robusti australopithechi e H. habilis), nessuna chiaramente derivata dall'altra? Inoltre, nessuna
delle tre mostra alcuna tendenza evolutiva durante la sua permanenza sulla terra. 211

In breve, lo scenario dell'evoluzione umana, "sostenuto"


con l'ausilio di vari disegni di creature "met scimmia/met uomo" che compaiono nei media e nei libri di testo, il che propaganda esplicita, non altro che una favola senza alcun fondamento scientifico.
Lord Solly Zuckerman, uno dei pi famosi e rispettati
scienziati della Gran Bretagna, che ha condotto ricerche su
Harun Yahya (Adnan Oktar)

360

L'immaginario albero dell'uomo

Gli evoluzionisti cercano di


definire un immaginario "Albero
genealogico" usando specie estinte di
scimmie e varie razze umane. Tuttavia, le
prove scientifiche non lasciano loro alcuna
possibilit di fare tutto ci.

questo argomento per anni e ha studiato i fossili di


Australopiteco per 15 anni, ha concluso infine, nonostante fosse
egli stesso un evoluzionista, che in realt non c' alcun albero
genealogico che si dirama da creature scimmiesche all'uomo.
Zuckerman ha anche realizzato un interessante "spettro della
scienza" che va da ci che egli considerava scientifico a ci che
egli considerava anti-scientifico. Secondo lo spettro di
Zuckerman, i campi della scienza pi "scientifici" - cio dipendenti da dati concreti - sono la chimica e la fisica. Dopo di questi
vengono le scienze biologiche e quindi le scienze sociali.
All'estremit dello spettro, che dunque la parte considerata
Darwinismo: Arma Sociale

361

pi "anti-scientifica", ci sono le "percezioni extra-sensoriali" concetti come la telepatia e il sesto senso - e infine "l'evoluzione
umana". Cos Zuckerman spiega il suo ragionamento:
Quando ci spostiamo dal registro della verit oggettiva in quei
campi di presunta scienza biologica, come le percezioni extrasensoriali o l'interpretazione della storia dei fossili umani, laddove
[all'evoluzionista] fiducioso possibile qualunque cosa - e laddove l'ardente credente [nell'evoluzione] a volte capace di
credere parecchie cose contraddittorie allo stesso tempo. 212

La favola dell'evoluzione umana si riduce a nulla pi che


le interpretazioni pregiudizievoli di qualche fossile portato alla
luce da certe persone che aderiscono ciecamente alla propria
teoria.

La formula darwinista!
Oltre a tutte le prove tecniche che abbiamo trattato fin qui,
ora, per una volta, esaminiamo quale tipo di superstizione hanno gli evoluzionisti, con un esempio tanto semplice da essere
compreso perfino dai bambini:
la teoria dell'evoluzione sostiene che la vita si forma per caso. Secondo questa affermazione, gli atomi senza vita e incoscienti si unirono a formare la cellula e quindi in qualche maniera
formarono gli altri esseri viventi, compreso l'uomo. Pensiamo a
questo. Quando mettiamo insieme di elementi che sono i blocchi
costruttivi della vita come il carbonio, il fosforo, l'azoto e il potassio, si forma soltanto un ammasso. Non importa a quanti trattamenti lo si sottopone, l'ammasso di atomi non potr formare
nemmeno un unico essere vivente. Se volete, formuliamo un "esperimento" su questo argomento ed esaminiamo dal punto di
vista degli evoluzionisti ci che essi in realt sostengono, senza
pronunciarlo ad alta voce, con il nome di "formula darwinista".
Poniamo che gli evoluzionisti mettano in grandi fusti granHarun Yahya (Adnan Oktar)

362

di quantit dei materiali presenti nella composizione degli esseri viventi come il fosforo, l'azoto, il carbonio, l'ossigeno, il ferro e il magnesio.
Inoltre, poniamo che aggiungano a questi barili qualunque
materiale non esistente in condizioni normali, ma che ritengano
necessario. Poniamo che aggiungano a questa mescolanza tutti
gli aminoacidi e tutte le proteine - ognuna delle quali ha una
probabilit di formazione di 10-950 - che vogliono. Facciamo s
che espongano queste mescolanze al calore e all'umidit che
preferiscono. Che le mescolino con qualunque strumento tecnologico desiderino. Che pongano i pi famosi scienziati accanto
a questi fusti e che questi esperti aspettino a turno, accanto ai
barili, per miliardi e anche milioni di miliardi di anni.
Lasciamoli liberi di usare tutti tipi di condizione che ritengono
essere necessario per la formazione di un essere umano. Non
importa ci che essi faranno, non riusciranno produrre da
questi barili un essere umano, ad esempio un professore che
esamini la propria struttura cellulare sotto il microscopio elettronico. Non riusciranno a produrre giraffe, leoni, api, canarini,
cavalli, delfini, rose, orchidee, gigli, garofani, banane, arance,
mele, datteri, pomodori, angurie, meloni, fichi, olive, uva,
pesche, pavoni, fagiani, farfalle multicolori o milioni di altri esseri viventi come questi. In effetti, non potranno ottenere
neanche un'unica cellula di uno di essi.
In breve, gli atomi incoscienti non possono formare la cellula unendosi. Non possono prendere una nuova decisione e dividere questa cellula in due, che poi prende le altre decisioni e
crea i professori che per primi hanno inventato il microscopio
elettronico e poi hanno esaminato la propria struttura cellulare
con quel microscopio. La materia un ammasso incosciente,
senza vita, e viene alla vita per la creazione suprema di Dio.

Darwinismo: Arma Sociale

363

La teoria dell'evoluzione, che sostiene l'opposto, una fallacia totale completamente opposta alla ragione. A pensarci anche soltanto un po', si svela questa realt, proprio come nell'esempio che precede.

La tecnologia dell'occhio dell'orecchio


Un altro argomento che resta senza risposta nella teoria
dell'evoluzione l'eccellente qualit della percezione dell'occhio
dell'orecchio.
Prima di passare all'argomento dell'occhio, esaminiamo
brevemente il modo in cui vediamo. I raggi di luce che provengono da un oggetto finiscono capovolti sulla retina dell'occhio.
Qui, tali raggi di luce vengono trasmessi in segnali elettrici da
parte delle cellule e raggiungono un piccolo punto nella parte
posteriore del cervello, il "centro della visione". Questi segnali
elettrici sono percepiti in questo centro come un'immagine
dopo una serie di processi. Con questo presupposto tecnico, facciamo qualche ragionamento.

Quando paragoniamo l'occhio e l'orecchio a videocamere e registratori,


vediamo che essi sono di gran lunga pi complessi, funzionali e perfetti
rispetto a questi prodotti tecnologici.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

364

Il cervello isolato dalla luce. Ci significa che al suo interno completamente buio, e che non c' luce che raggiunga il
luogo in cui esso collocato. Quindi, il "centro della visione"
non toccato dalla luce e pu essere perfino il luogo pi sicuro
di cui si abbia conoscenza. Tuttavia, si riesce a vedere un mondo luminoso e brillante in questo pozzo di oscurit.
L'immagine formata nel occhio cos chiara e distinta che
perfino la tecnologia del XX secolo non stata ancora in grado di
ottenerla. Per esempio, guardate il libro che state leggendo, le
vostre mani con cui lo tenete e poi sollevate la vostra testa e
guardate attorno a voi. Avete mai visto altrove un'immagine tanto chiara e distinta come questa? Anche lo schermo televisivo pi
avanzato prodotto dal maggior fabbricante di TV nel mondo non
vi potr fornire un'immagine tanto chiara. Questa un'immagine tridimensionale, colorata e estremamente netta. Per pi di
cento anni, migliaia di ingegneri hanno provato a raggiungere
questa chiarezza. Sono state impiantate fabbriche, enormi stabilimenti, stata fatta molta ricerca, sono stati creati progetti e piani per questo scopo. Di nuovo, guardate uno schermo TV e il libro che tenete tra le mani. Vedrete che c' una grande differenza
nella definizione e nella chiarezza. Inoltre, lo schermo TV mostra
un'immagine bidimensionale laddove con i vostri occhi avete
una prospettiva tridimensionale con la profondit.
Per molti anni, decine di migliaia di ingegneri hanno
provato a fare una TV tridimensionale e ad ottenere la qualit di
visione dell'occhio. S, hanno creato un sistema TV tridimensionale, ma non possibile guardarlo senza indossare speciali
occhiali 3D, inoltre, soltanto una tridimensionalit artificiale.
Lo sfondo confuso, il primo piano appare come uno scenario
di carta. Non stato mai possibile produrre una visione chiara
e distinta come quella dell'occhio. Sia nella macchina fotografica sia nella televisione, c' una perdita di qualit dell'immagine.
Darwinismo: Arma Sociale

365

Gli evoluzionisti sostengono che il meccanismo che produce questa immagine chiara e distinta si formato per caso.
Ora, se qualcuno vi dicesse che la televisione nella vostra stanza si formata come risultato del caso, che tutti i suoi atomi la
sua mente si sono trovati insieme ed hanno composto l'apparecchio che produce un'immagine, che cosa pensereste?
Come possono gli atomi fare ci che migliaia di persone non riescono a fare?
Se un apparecchio che produce un'immagine pi primitiva
di quella dell'occhio non pu essersi formato per caso, allora
molto evidente che l'occhio e l'immagine vista dall'occhio non
possono essersi formati per caso. La stessa situazione si applica
all'orecchio.
L'orecchio esterno cogliere i suoni disponibili mediante il
padiglione auricolare e li dirige verso il centro dell'orecchio,
l'orecchio centrale trasmette le vibrazioni sonore intensificandole, e l'orecchio interno invia queste vibrazioni al cervello traducendole in segnali elettrici. Proprio come con l'occhio, l'atto
di udire si completa nel centro dell'udito, nel cervello.
La situazione dell'occhio vera anche per l'orecchio. Cio,
il cervello isolato dal suono proprio come lo dalla luce.
Nessun suono gli arriva. Quindi, non importa quanto rumoroso
sia l'esterno, l'interno del cervello completamente silenzioso.
Tuttavia, i suoni pi definiti vengono percepiti nel cervello. Nel
nostro cervello completamente silenzioso, possibile ascoltare
le sinfonie e udire tutti i rumori di un luogo affollato. Tuttavia,
se il livello del suono nel nostro cervello venisse misurato da un
apparecchio di precisione al momento, vi si troverebbe completo silenzio come elemento prevalente.
Come con le immagini, decenni di sforzi sono stati spesi
nel provare a generare e riprodurre il suono che fosse fedele all'originale. I risultati di questi sforzi sono i registratori del
Harun Yahya (Adnan Oktar)

366

suono, i sistemi Hi-Fi e i sistemi per la percezione del suono.


Nonostante tutta questa tecnologia e le migliaia di ingegneri ed
esperti che hanno lavorato a questi sforzi, non stato ancor ottenuto un suono che abbia la stessa definizione e chiarezza del
suono percepito dall'orecchio. Pensate ai sistemi Hi-Fi di qualit superiore prodotti dalle pi grandi societ dell'industria musicale. Anche in questi apparecchi, quando il suono viene registrato, si perde qualcosa; o quando si accende un Hi-Fi si sente
sempre un suono sibilante prima che inizi la musica. Tuttavia, i
suoni che sono il prodotto della tecnologia del corpo umano
sono estremamente definiti e chiari. Un orecchio umano non
percepisce un suono accompagnato da un suono sibilante o con
i ronzii come un Hi-Fi invece, percepisce il suono esattamente
come, definito il chiaro. Questo il modo in cui stato fin dalla
creazione dell'uomo.
Fin qui, nessun apparecchio visivo o di registrazione creato
dall'uomo si rivelato tanto sensibile n riuscito nel percepire i
dati sensoriali come l'occhio e l'orecchio. Tuttavia, per quello che
riguarda la vista e l'udito, c' dietro una verit ancora pi grande.

A chi appartiene la coscienza che vede e sente


all'interno del cervello?
Chi guarda l'affascinante mondo nel cervello, chi ascolta le
sinfonie e il cinguettio degli uccellini e chi sente il profumo della rosa?
Le stimolazioni che vengono dagli occhi, dalle orecchie e
dal naso di una persona viaggiano fino a cervello come impulsi
nervosi elettrochimici. Nei libri di biologia, fisiologia e biochimica, si possono trovare tutti i dettagli su come quest'immagine si
forma nel cervello. Tuttavia, non riuscirete a spiegarvi il fatto
pi importante: chi percepisce questi impulsi nervosi eletDarwinismo: Arma Sociale

367

trochimici come immagini, suoni, odori e eventi sensoriali nel


cervello? C' una coscienza nel cervello che percepisce tutto ci
senza sentire alcuna necessit di un occhio, un orecchio e un naso. A chi appartiene questa coscienza? Naturalmente non appartiene i nervi n allo strato di grasso n ai neuroni che formano il cervello. per questo che i darwinisti-materialisti, che
credono che ogni cosa sia composta di materia, non possono
rispondere a queste domande.
Poich questa coscienza lo spirito creato da Dio, che non
ha bisogno dell'occhio per guardare le immagini dell'orecchio
per udire i suoni. Inoltre, non ha bisogno del cervello per pensare. Chiunque legga questi fatti espliciti e scientifici dovrebbe
riflettere su Dio onnipotente e avere timore e cercare rifugio in
Lui, poich Egli pu concentrare l'intero universo in un luogo
oscuro di pochi centimetri cubici in una forma tridimensionale,
colorata, ombreggiata e luminosa.

Una fede materialista


Le informazioni che abbiamo proposto fin qui ci mostrano
che la teoria dell'evoluzione incompatibile con i dati scientifici. La tesi della teoria che riguarda l'origine della vita incoerente con la scienza, i meccanismi evolutivi che propone non
hanno alcun potere evolutivo, e i fossili dimostrano che le forme
intermedie necessarie non sono mai esistite. Cos ne segue di
certo che la teoria dell'evoluzione dovrebbe essere messa da
parte come idea anti-scientifica. questo il modo in cui molte
idee, come per esempio il modello di un universo con al centro
la Terra, sono state eliminate dall'ordine del giorno della scienza nel corso della storia.
Tuttavia, la teoria dell'evoluzione viene mantenuta all'ordine del giorno della scienza. Alcune persone provano addiritHarun Yahya (Adnan Oktar)

368

tura a raffigurare le critiche dirette contro di essa come un "attacco la scienza". Perch?
La ragione che questa teoria una credenza dogmatica indispensabile per alcuni ambienti. Questi ambienti sono ciecamente devoti alla filosofia materialista ed adottano il darwinismo perch l'unica spiegazione materialistica che possa essere
avanzata per spiegare le opere della natura. In modo abbastanza
interessante, di quando in quando essi confessano anche questo
fatto. Un noto genetista e sfegatato evoluzionista, Richard C.
Lewontin della Harvard University, confessa di essere "innanzitutto e soprattutto un materialista e poi uno scienziato":
Non che i metodi e le istituzioni della scienza in qualche modo ci spingono ad accettare la spiegazione materiale del mondo
dei fenomeni, ma, al contrario, siamo costretti dalla nostra aprioristica adesione alle cause materiali a creare un apparato investigativo e un insieme di concetti che producono spiegazioni materiali, non importa quanto contro-intuitive, non importa quanto
mistificanti per chi non iniziato. Inoltre, questo materialismo
assoluto, cos noi non possiamo consentire che nella nostra porta
si infili un Piede Divino. 213

Queste sono affermazioni esplicite che il darwinismo un


dogma tenuto vivo solo per amore di adesione al materialismo.
Questo dogma sostiene che non c' alcun essere tranne la materia. Quindi, se ne deduce che la materia inanimata, inconscia ha
creato la vita. Si insiste che i milioni di specie viventi diverse
(per esempio, uccelli, pesci, giraffe, tigri, insetti, alberi, fiori, balene ed esseri umani) sono originate come risultato delle interazioni tra materia come la pioggia, i lampi e cos via dalla materia inanimata. Questo un preconcetto contrario sia alla ragione che alla scienza. Eppure i darwinisti continuano a difenderlo proprio per non "consentire che nella porta si infili un Piede
Divino".
Darwinismo: Arma Sociale

369

Chi non guarda all'origine degli esseri viventi con


pregiudizio materialista vedr la verit evidente: tutti gli esseri
viventi sono opere del Creatore, Che Onnipotente,
Onnisciente e Sapiente. Questo Creatore Dio, Che ha creato
l'intero universo dalla non esistenza, lo ha progettato nella forma perfetta e ha plasmato tutti gli esseri viventi.

La teoria dell'evoluzione:
l'incantesimo pi potente del mondo
Chiunque sia libero dal pregiudizio e dall'influenza di
qualunque ideologia particolare, chiunque usi soltanto la propria ragione e la propria logica, comprender chiaramente che
la fede nella teoria dell'evoluzione, che riporta alla mente le superstizioni di societ che non avevano alcuna conoscenza della
scienza o della civilt, del tutto impossibile.
Come spiegato in precedenza, chi crede nella teoria dell'evoluzione pensa che qualche atomo e molecola, lanciati in un
grande contenitore, possano produrre sia il pensiero, i professori che argomentano e anche gli studenti universitari, gli scienziati come Einstein e Galileo, gli artisti come Humphrey Bogart,
Frank Sinatra e Luciano Pavarotti, nonch le antilopi, gli alberi
di limone e i garofani. Inoltre, poich gli scienziati professori
che credono in questo nonsense sono persone colte, veramente
giustificabile parlare di questa teoria come "l'incantesimo pi
potente del mondo". Mai prima un'altra fede o idea aveva mai
cancellato il bene dell'intelletto della gente, impedendo di lasciarli pensare in maniera intelligente logica e nascondendo ad
essila verit come se fossero bendati. Questa una cecit anche
peggiore e pi incredibile dell'adorazione dei totem in alcune
parti dell'Africa, della devozione al Sole del popolo di Saba, dell'adorazione di idoli costruiti con le proprie mani da parte della
Harun Yahya (Adnan Oktar)

370

trib del Profeta Ibrahim (lpscl), o del Vitello d'Oro da parte del
popolo del Profeta Mos (lpscl).
In realt, Dio ha additato questa assenza di ragione nel
Corano. In molti versetti, Egli rivela che le menti di alcune persone verranno chiuse e che essi saranno impotenti a vedere la
verit. Ecco alcuni di questi versetti:
In verit [per] quelli che non credono, non fa differenza che tu
li avverta oppure no: non crederanno. Allah ha posto un sigillo
sui loro cuori e sulle loro orecchie e sui loro occhi c' un velo;
avranno un castigo immenso. (Sura al-Baqara, 6-7)
In verit creammo molti dei dmoni e molti degli uomini per
l'Inferno: hanno cuori che non comprendono, occhi che non vedono e orecchi che non sentono, sono come bestiame, anzi ancor peggio. Questi sono gli incuranti. (Sura al-Araf, 179)
Se anche aprissimo loro una porta del cielo perch possano ascendervi, direbbero: "I nostri occhi sono ipnotizzati o ci hanno
lanciato un sortilegio!". (Sura al-Hijr, 14-15)

Non si trovano parole per esprimere quanto sconcertante


che questo sortilegio possa tenere in schiavit una tanto vasta
comunit, e non venir spezzato per 150 anni. comprensibile
che una o poche persone possono credere in scenari impossibili
e tesi piene di stupidit ed illogicit. Tuttavia, la "magia" l'unica possibile spiegazione per persone di tutto il mondo che credono che atomi incoscienti e senza vita all'improvviso abbiano
deciso di unirsi per formare un universo che funziona con un
sistema perfetto di organizzazione, disciplina, ragione e coscienza; un pianeta chiamato Terra con tutte le sue caratteristiche cos perfettamente adatte alla vita; e gli esseri viventi con
infiniti sistemi complessi. In effetti, il Corano riferisce l'episodio
del Profeta Mos (lpscl) e del faraone per mostrare che alcune
persone che sostengono filosofie alte in effetti influenzano gli al-

Darwinismo: Arma Sociale

371

tri con la magia. Quando al faraone fu detto della vera religione,


egli disse al Profeta Mos (lpscl) di incontrare i suoi maghi.
Mos (lpscl) lo fece e disse loro di dimostrare le proprie capacit per primi. Il versetto continua:
<<"Gettate pure" rispose. Dopo che ebbero gettato, stregarono
gli occhi della gente, la spaventarono e realizzarono un grande
incantesimo>>. (Sura al-Araf, 116)

Come abbiamo visto, i maghi del faraone erano in grado di


ingannare chiunque, tranne Mos (lpscl) e coloro che credevano
in lui. Tuttavia, la sua prova interruppe l'incantesimo, o "inghiott tutto quello che avevano fabbricato", come dice il versetto:
Noi ispirammo a Mos: "Getta la tua verga". E quella inghiott tutto quello che avevano fabbricato. Cos si afferm la verit
e vanific quello che avevano fatto. (Surat al-Araf, 117-8)

Come possiamo vedere, quando gli uomini realizzarono


che su di loro era stato gettato un incantesimo e ci che vedevano non era che illusione, i maghi del faraone perso lo tutta la
credibilit. Anche oggi, coloro che, sotto l'influenza di un incantesimo simile credono in queste tesi ridicole e in veste scientifica e passano la loro vita a difenderle, se non abbandoneranno le
loro credenze superstiziose, saranno anch'essi umiliati quando
la piena verit emerger e l'incantesimo sar spezzato. Infatti, lo
scrittore e filosofo inglese di fama mondiale Malcolm
Muggeridge, in passato ateo che ha difeso l'evoluzione per circa sessant'anni, ma che successivamente ha compreso la verit,
rivela la posizione in cui la teoria dell'evoluzione si trover nel
prossimo futuro in questi termini:
Io stesso sono convinto che la teoria dell'evoluzione, specialmente con l'ampiezza con cui stata applicata, sar soltanto uno
dei grandi giochetti nella libri di storia del futuro. La posterit si
meraviglier che un'ipotesi cos esile e dubbia possa essere stata
accettata con tale incredibile credulit. 214

Harun Yahya (Adnan Oktar)

372

Il futuro non molto lontano: al contrario, le persone vedranno presto che "il caso" non una divinit, e guarderanno indietro alla teoria dell'evoluzione come il peggior inganno e il
pi terribile incantesimo del mondo. Questo incantesimo sta gi
cominciando rapidamente ad essere scaricato dalle spalle dei
popoli in tutto il mondo. Molte persone che vedono il suo vero
aspetto si chiedono meravigliate come possono esserne state
catturate.

Essi dissero: Gloria a Te. Non conosciamo


se non quello che Tu ci hai insegnato:
in verit Tu sei il Saggio, il Sapiente
(Surat al-Baqara: 32)

Darwinismo: Arma Sociale

373

NOTE
1. Spencer H., Social Statics, Chapman,
London, 1851
2. Hofstadter R., Social Darwinism in
American Thought, Beacon Press, Rev.
Ed., Boston:, 1955, p. 4.
3. Kingwell M., Competitive States of
America, Microsoft proves it: we're still
wrestling with that treasured national
ideal, New York Times, June 25, 2000;
h t t p : / / w w w. s p a c e s h i p earth.org/Letters/Editor/Competitive_
States_of_America.htm
4. Modern History Sourcebook: William
Graham Sumner (1840-1910): "The
Challenge of Facts;" http://www.fordham.edu/halsall/mod/1914sumner.ht
ml
5. Gould S. J., The Mismeasure of Man,
New York: W.W. Norton and Company,
1981, p. 72 (trad. it. Intelligenza e
pregiudizio, Il Saggiatore, Milano, 1998)
6. Darwin F., The life and Letters of
Charles Darwin, D. Appleton and Co.,
1896, vol. 2, p. 294
7. "Darwin as Epicurean: An Interview
with
Benjamin
Wiker,"
http://www.touchstonemag.com/docs
/issues/15.8docs/15-8pg43.html
8. Malthus T. R., An Essay on the principle of population as it affects the future improvement of society, Reprint,
London: Reeves and Turner, (1798) 1878,
p. 412. (enfasi aggiunta). (trad. it.
Saggio sul principio di popolazione,
Einaudi, Torino, 1798)
9. Ibid. (enfasi aggiunta)
10.
Polanyi K., The Great
Transformation, Boston: Beacon Press,
1957, p. 112 (trad. it. La grande trasformazione, Einaudi, Torino, 1974)
11. Ibid.
12. Sir Gavin de Beer, Charles Darwin,
London : Thomas Nelson & Sons, 1963
(trad. it. Darwin : diario 1838-1881 e
scritti autobiografici del 1837-38, Teoria,

Roma, 1982)
13. Darwin C., On the Origin of Species
by Means of Natural Selection, London,
1859,
2nd
edition
1964,
Cambridge:Harvard University Press,
p. 64 (trad. it. Lorigine della specie,
Editori Riuniti, Roma, 1982)
14. Ibid.
15. Hofstadter R., Social Darwinism in
American Thought, Beacon Press, Rev.
Ed., Boston:, 1955, p. 88
16. Taylor I., Historical Sketch: Robert
Thomas
Malthus
(17661834)";http://www.creationism.org/cs
shs/v04n3p18.htm
17. Taylor I., In the Minds of Men, TFE
Publishing, 3rd. ed., Toronto, 1991, p. 65
18. Bergman J., "Darwin's Influence on
Ruthless Laissez Faire Capitalism,"
March
2001;
http://www.icr.org/pubs/imp/imp333.htm
19. Hunter R., Poverty, New York,
Torchbooks, 1965
20. Stellman J., Daum S., Work is
Dangerous to Your Health, New York:
Random House Vintage Books, 1973
(trad. it. Lavorare fa male alla salute : i
rischi del lavoro in fabbrica, Feltinelli,
Milano, 1979)
21. Bettmann O., The Good Old Days!
They Were Terrible!, Random House,
New York, 1974, p. 68
22. Ibid, pag.70
23. Zinn H., A People's History of the
United States, New York: Harper
Collins, 1999, p. 255 Zinn (trad. it. Storia
del popolo americano: dal 1492 a oggi, Il
Saggiatore, Milano, 2005)
24. Ibid.
25. Bettmann O., The Good Old Days!
They Were Terrible!, p. 71
26. Ibid.
27. Hsu K., The Great Dying; Cosmic
Catastrophe, Dinosaurs and the Theory
of Evolution, New York, Harcourt,
Brace, Jovanovich, 1986, p. 10 (trad. it.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

374

La grande moria dei dinosauri, Adelphi,


Milano, 1993)
28. Wall J.F., Andrew Carnegie, Oxford
University Press, New York, 1970, p. 364
29. Milner R., Encyclopedia of
Evolution, 1990, p. 72.
30. Wall J.F., Andrew Carnegie, p.389
31. Ghent W., Our Benevolent
Feudalism, New York: Macmillan, 1902,
p. 29 (trad. it. Il nostro benevolo feudalesimo, Guaraldi, Firenze, 1977 )
32. Hofstadter, Social Darwinism in
American Thought, p. 49
33. Asimov I., The Golden Door: The
United States from 1876 to 1918,
Houston Mifflin Company, Boston,
1977, p. 94
34. Milner, Encyclopedia of Evolution,
p. 412
35. Stephen T. Asma, The New Social
Darwinism:
Deserving
Your
Destitution, The Humanist, 1993,
53(5):11, 10/3
36. Sahih al-Bukhari, Al-Adab AlMufrad; al-Hakim e al-Baihaqi
37. Schleunes K.A., The Twisted Road to
Auschwitz, University of Illinois Press,
Urbana, IL, 1970, pp. 30, 32 ; Bergman J.,
"Eugenics and Nazi Racial Policy," p.
118
38. Mintz S.M., American Scientist,
vol. 60, May/June 1972, p. 387
39. Burham J.C., Science, vol.175,
February 4, 1972, p. 506
40. Conklin E.G., The Direction of
Human Evolution, Scribner's, New
York, 1921, p. 34
41. "Evolution and Ethnicity;"
http://www.ncl.ac.uk/lifelong-learning/distrib/darwin/08.htm
42. Simpson G. G., The Biological
Nature of Man, Science, vol.152
(April 22, 1966), p. 475
43. Osborn H. F., "The Evolution of
Human Races," Natural History,
January/February 1926; 2nd pub.
Natural History, vol. 89, April 1980, p.

129
44. James Ferguson, The Laboratory of
Racism, New Scientist, vol. 103,
September 27, 1984, p. 18
45. Gould S. J., Human Equality is a
Contingent Fact of History, Natural
History, vol.93, November 1984, p. 28
46. Darwin C., The Descent of Man, 2nd
ed., A L. Burt Co, New York, 1874, p. 178
(trad. it. Lorigine delluomo, Editori
Riuniti, Roma, 1983)
47. Ridley M., Nature Via Nurture,
Chapter One, "The Paragon of Animals"
(trad. it. Il gene agile: la nuova alleanza
fra eredita e ambiente, Adelphi, Milano,
2005)
48. Darwin C., The Voyage of the
Beagle, edited David Amigoni, London:
Wordsworth, 1997, p. 477 (trad. it.
Viaggio di un naturalista intorno al
mondo, Einaudi, Torino, 1989)
49. "Evolution and Ethnicity;"
http://www.ncl.ac.uk/lifelong-learning/distrib/darwin/08.htm
50. Darwin F., The Life and Letters of
Charles Darwin, Vol. I, Appleton and
Company, New York, 1888, pp. 285-286
51. Gould S.J., Ontogeny and
Phylogeny, Harvard University Press,
Cambridge, 1977,, p. 127
52. Huxley T., Lay Sermons, Addresses
and Reviews, Appleton, New York,
1871, p. 20
53. Hotz R. L., Race has no Basis in
Biology, Researchers Say, Los Angeles
Times, February 20, 1997
54. Ibid.
55. Angier N., Do Races Differ? Not
Really, DNA Shows, New York
Times, August 22, 2000
56. Ibid.
57. Ibid.
58. Fitzpatrick T., Genetically Speaking,
Race Doesn't Exist in Humans;
http://www.eurekalert.org/pub_releases/1998-10/WUiS-GSRD071098.php (enfasi aggiunta)

Darwinismo: Arma Sociale

375

59. Ibid.
60. Subramanian S., The Story in Our
Genes; Time, January 16, 1995, p. 38
61. Ibid.
62. Knapp J., Imperialism: The Struggle
to Be Superior, http://www-personal.umich.edu/~jimknapp/papers/Imp
erialism.html
63. Encyclopedia Britannica, 1946 edition, vol. 12, p. 122A
64. Himmelfarb G., Darwin and the
Darwinian Revolution, Elephant
Paperbacks, Chicago:1996, p. 416
65. Wehler H., The German Empire, 180;
http://www.geocities.com/Area51/Ra
mpart/4871/Darwin.html
66. T. D. Hall, The Scientific
Background of the Nazi "Race
Purification" Program, US & German
Eugenics, Ethnic Cleansing, Genocide,
and
Population
Control;"
http://www.trufax.org/avoid/nazi.ht
ml
67. Darwin C., The Descent of Man
68. Pearson K., National Life from the
Standpoint of Science, Cambridge
University Press, Cambridge, 1900, pp.
11-16, 20-23, 36-37, 43-44
69. Ibid.
70. Merriman J., A History of Modern
Europe, vol. 2: From the French
Revolution to the Present, pp. 990-991
71. Pearson K., National Life from the
Standpoint of Science
72. Milner, Encyclopedia of Evolution,
p. 59
73. Levy O., Complete Works of
Nietzsche, 1930, vol. 2, p. 75
74. Himmelfarb G., Darwin and the
Darwinian Revolution, p. 417
75. Ibid.
76. Ibid.
77. Carr W.,, A History of Germany
1815-1990, 4th. ed, p. 205
78. Ibid. pag.208
79. Levy, Complete Works of Nietzsche,
vol. 2, p. 75.

80. Enoch H., Evolution or Creation


(1966), pp. 147-148
81. Nordau M., "The Philosophy and
Morals of War," North American
Review, 169 (1889), p. 794
82. Barzun J., Darwin, Marx, Wagner,
Garden City, Doubleday, N.Y., 1958, pp.
92-93
83. Ibid, pag. 92-95
84. N.d.T. Nelloriginale than, ossia
piuttosto. La parola corretta then,
ossia allora
85. N.d.T. Nelloriginale an animals,
ossia un animali. Le parole corrette
sono an animal, ossia un animale
86. N.d.T. Nelloriginale was conducted, ossia fu condotto. Le parole corrette sono had conducted, ossia condusse
87. Kimel A., "Nazi Terror;"
http://www.kimel.net/terror.html
88. Schleunes K. A., The Twisted Road
to Auschwitz, pp. 30-32
89. Chase A., The Legacy of Malthus;
The Social Costs of the New Scientific
Racism, Alfred A. Knopf, New York,
1980, p. 349
90. Keith A., Evolution and Ethics, G.P.
Putnam's Sons, New York, 1946, p. 230
91. The Nuremberg Trials, vol. 14, U.S.
Government
Printing
Office,
Washington D.C, p. 279
92. Tenenbaum J., Race and Reich,
Twayne Pub, New York, 1956, p. 211
93. Hitler A., Um das Schicksal der
Nation, in B. Dusik (ed.), Hitler. Reden
Schriften Anordnungen. Februar 1925
bis Januar 1933, vol. 2(2), Munich, 1992,
Doc 245
94. Clark R., Darwin: Before and After,
Grand Rapids International Press,
Grand Rapids, MI, 1958, p. 115
95. Wilder-Smith B., The Day Nazi
Germany Died, Master Books, San
Diego, CA, 1982, p. 27
96. Stein G. J., "Biological Science and
the Roots of Nazism," American

Harun Yahya (Adnan Oktar)

376

Scientist 76(1): 5058, 1988, p. 51


97. Ibid., pag.56
98. Rauschning H., The Revolution of
Nihilism, New York: Alliance Book
Corp., 1939 (trad. it. La rivoluzione del
nichilismo, Armando, Roma, 1994)
99. Keith A., Evolution and Ethics, p.
230
100. Ibid. pag.105
101. Hoffman P., Hitler's Personal
Security, Pergamon Press, London, 1979,
p. 264
102. Clark, Darwin: Before and After,
pp. 115-116
103. Wiggam A. E., The New Decalogue
of Science, Garden Publishing Co.,
Garden City, NY, 1922, p. 102
104. Haeckel E., The History of
Creation: Or the Development of the
Earth and Its Inhabitants by the Action
of Natural Causes, Appleton, New York,
1876, p. 170
105. Stein, "Biological Science and the
Roots of Nazism," American Scientist, p.
56; Ernst Haeckel, The Wonders of Life;
A Popular Study of Biological
Philosophy, : Harper, New York, 1905, p.
116
106. Ludmerer K., Eugenics, In:
Encyclopedia of Bioethics, Edited by
Mark Lappe, The Free Press, New York,
1978, p. 457
107. Malthus T. R., An Essay on the
Principle of Population, Sixth Edition,
1826, based on the second edition (1803)
108. Darwin C., The Descent of Man
109. Ibid.,
110. Ibid.
111. Chase A., The Legacy of Malthus,
University of Illinois Press, Chicago,
1980, p. 136
112. Galton F., Hereditary Genius: An
Inquiry
into
its
Laws
and
Consequences, Macmillan, London,
1892, p. 330
113. Graves J. L. Jr., The Emperor's New
Clothes, Rutgers Universtiy Press, 2001,

p. 96
114. Ibid., p.99
115. Ibid.
116. Nature, 116, (1925), p. 456
117. Schreiber B., The Men Behind Hitler
- A German Warning to the World, p. 18
118. Brown B., Va. House Voices Regret
for Eugenics, Washington Post,
February 3, 2001
119. Graves, Jr., The Emperor's New
Clothes, pp. 116-117
1230. Ibid., pag.119
121. Kershaw I., Hitler, New York: W.W
Norton & Company, 1998, p. 134 (trad.
it. Hitler e lenigma del buon senso,
Laterza, Roma, 2000)
122. Youngson R.,, Scientific Blunders; A
Brief History of How Wrong Scientists
Can Sometimes Be, Carroll and Graf
Pub, New York, 1998
123. Hitler A., Hitler's Secret
Conversations 19411944, With an introductory essay on The Mind of Adolf
Hitler by H.R. Trevor-Roper, New York:
Farrar, Straus and Young, 1953, p. 116
(trad. it. Conversazioni segrete, Richter,
Napoli, 1954)
124. Ibid.
125. Schreiber, The Men Behind Hitler
126. Ibid.
127. Fest J. C., The Face of the Third
Reich, New York: Pantheon, 1970, pp.
99100 (trad. it. Il volto del terzo Reich,
U. Mursia & C., Milano, 1970)
128. Bergman J., "Darwinism and the
Nazi
Race
Holocaust;"
http://home.christianity.com/worldviews/52476.html
129. Schreiber, The Men Behind Hitler
130. Ibid.
131. Ibid.
132. Ibid.
133. Ibid.
134. Ibid.
135. Ibid.
136. Ibid.
137. Graves, Jr., The Emperor's New

Darwinismo: Arma Sociale

377

Clothes, p. 128
138. Bergman J., "The History of
Evolution's Teaching of Women's
I n f e r i o r i t y ; "
http://www.rae.org/women.html
In questo articolo, Bergman che ha pubblicato pi di 400 articoli in diverse riviste e giornali scientifici e noto per le sue
opere contro il darwinismo) ha esaminato la visione di Darwin e degli
evoluzionisti suoi contemporanei nei
confronti delle donne e ne ha riportato
delle affermazioni, disprezzandole. In
questo modo, ha esposto, con prove abbastanza schiaccianti un aspetto
sconosciuto di Darwin e del darwinismo.
139. Richards E., Will the Real Charles
Darwin Please Stand Up?, New
Scientist, (Dec. 22/29 1983): p. 887
140. Morgan E., The Descent of Woman,
New York: Stein and Day, 1972, p. 1
(trad. it. Lorigine della donna, Einaudi,
Torino, 1979
141. Durant J. R., "The Ascent of Nature
in Darwin's Descent of Man" in The
Darwinian Heritage, Ed. by David
Kohn, Princeton University Press,
Princeton, 1985, p. 295
142. Darwin, The Descent of Man and
Selection in Relation to Sex, New York:
D. Appleton and Company, 1871 (1896
ed.), p. 326 (trad. it. Lorigine delluomo
e la selezione sessuale, Newton
Compton, Roma, 1977)
143. Darwin C., The Autobiography of
Charles Darwin 1809-1882, New York:
W. W. Norton & Company, Inc., 1958,
pp. 232-233 (trad. it. Autobiografia 18091882 : con l'aggiunta dei passi omessi
nelle precedenti edizioni, Einaudi,
Torino, 2006)
144. Ibid.
145. Darwin, Lorigine delluomo e la selezione sessuale
146. Vogt C., Lectures on Man: His Place
in Creation, and the History of Earth,

edited by James Hunt, Paternoster Row,


Longman, Green, Longman, and
Roberts, London, 1864, xv, p. 1
147. Shields S. A., Functionalism,
Darwinism, and the Psychology of
Women: A Study in Social Myth,
American Psychologist, no. 1 (1975): p.
749
148. Richards E., Darwin and the
Descent of Women, in David Oldroyd
and Ian Langham (Eds.), The Wider
Domain of Evolutionary Thought (D.
Reidel, Holland, 1983), p. 75
149. Ibid., pp. 74, 49
150. Gould S. J., The Measmeasure of
Man p.83
151. Ibid. p.83, 188
152. Ibid. p.104
153. Ibid.
154. Ibid. p.85
155. Ibid. p.104-105
156. Wayne Jackson, More SkullDuggery,
October
7,
2002,
http://www.christiancourier.com/penpoints/skullDuggery.htm
157. Crook J. H., "Sexual Selection,
Dimorphism, and Social Organization
in the Primates," in Campbell (Ed.),
Sexual Selection and the Descent of Man
1871-1971, Aldine Publishing Company,
Chicago, 1972
158. Darwin C., The Descent of Man and
Selection in Relation to Sex, p. 565.
159. Johnson P.E., Defeating Darwinism,
Intervarsity Press, 1997, pp. 103-104
160. Denton M., Evolution: A Theory in
Crisis, 1988, p. 358
161. Provine W., "Evolution and the
Foundation of Ethics," MBL Science, (A
Publication of Marine Biological
Laboratory
at
Woods
Hole,
Massachusetts), vol. 3, no. 1, pp. 25-29;
The Scientist, September 5, 1988
162. Bert Thompson, Evolution as a
Threat to the Christian Home,
Apolegetics Press, USA
163. Johnson, Defeating Darwinism, p.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

378

99
164. Denton, Evolution: A Theory in
Crisis, pp. 17, 67
165. Simpson G. G., Life of The Past:An
Introduction to Paleontology, Yale
University Press, New Haven, 1953
166. Dawkins R., Unweaving The
Rainbow, New York: Houghton Mifflin
Company, 1998, p. ix. (trad. it. L' arcobaleno della vita : la scienza di fronte
alla bellezza dell'universo, Mondadori,
Milano, 2001)
167. Hoyle Sir F., Luniverso intelligente,
Mondadori, Milano, 1984
168. Simpson G. G., The World into
Which Darwin Led Us, Science 131
(1960), p. 970
169. Darwin F. (ed.), Life and Letters of
Charles Darwin (1903; 1971 reprint),
vol. 1, p. 285
170. Johnson G. B., Biology: Visualizing
Life, Rinehart and Winston, Inc., Holt,
1994, p. 453
171. Darwin as Epicurean: An
Interview with Benjamin Wiker;
http://www.touchstonemag.com/docs
/issues/15.8docs/15-8pg43.html
172. Darlington P. J., Evolution for
Naturalists, 1980, pp. 243-244
173. Gould S. J., Ever Since Darwin,
New York: W. W. Norton & Company,
1992, p. 223 (trad. it. Questa idea della
vita: la sfida di Charles Darwin, Editori
Riuniti, Roma, 1990)
174. Darwin, The Descent of Man and
Selection in Relation to Sex, p. 403
175. Lorraine Lee Larison Cudmore,
The Center of Life, Science Digest,
November 1977, p. 46
176. Gossett T. F., Race: The History of
an Idea in America, Southern Methodist
University Press, Dallas, 1963, p. 170
177. Singer P., "Sanctity of Life or
Quality of Life?, Pediatrics, July
1983, pp. 128-129
178. Mawyer M., Death Act Dies in
California, Fundamentalist Journal,

June 7, 1988, p. 61
179. Ibid.
180. Burke B., Infanticide, Science
84, May 1984, p. 29
181. Darwin C., On the Origin of
Species, 1859, p. 449
182. Wilson E. O., Sociobiology: The
New Synthesis, Cambridge, 1975, p. 3
(trad. it. Sociobiologia: la nuova sintesi;
Zanichelli, Bologna, 1983)
183. Gould S. J., Ever Since Darwin
184. Dawkins,R. The Selfish Gene, 1976,
Oxford: Oxford University Press, prime
pagine (trad. it. Il gene egoista: la parte
immortale di ogni essere vivente,
Mondatori, Milano, 2007)
185. Wilson E. O., On Human Nature,
Cambridge, Mass.: Harvard University
Press, 1978, pp. 2-3 (trad. it.., Sulla natura umana, Zanichelli, Bologna, 1980)
186. Dawkins R., The Selfish Gene, 2nd.
ed.,1989, Oxford: Oxford University
Press., p. 2
187. Fallace R., The Genesis Factor,
William Morrow and Co, New
York,1979, pp. 217-218
188. Mae-Wan Ho, "The Human
Genome Map, the Death of Genetic
Determinism and Beyond," ISIS Report,
February 14, 2001; http://www.isis.org.uk/HumangenTWN-pr.php
189. Collins F. S., Lowell Weiss ve Kathy
Hudson, "Have no fear. Genes Aren't
Everything," The New Republic,
06/25/2001
190. In italiano Gattaca: la porta delluniverso. Il termine Gattaca formato
da: gat (pronuncia americana di
got) che sta per ottenere e attac
(termine corretto attack) che sta per attacco.
191. Collins F. S., Lowell Weiss ve Kathy
Hudson, "Have no fear. Genes Aren't
Everything,"
192. Con Emperor Concerto ci si
riferisce al concerto di pianoforte n.5 di
Ludwig van Beethoven

Darwinismo: Arma Sociale

379

193. Ibid.
194. Ibid.
195. Sidney Fox, Klaus Dose, Molecular
Evolution and The Origin of Life, W. H.
Freeman and Company, San Francisco,
1972, p. 4.
196. Alexander I. Oparin, Origin of Life,
Dover Publications, NewYork, 1936,
1953 (reprint), p. 196.
197. "New Evidence on Evolution of
Early Atmosphere and Life," Bulletin of
the American Meteorological Society,
vol 63, November 1982, 1328-1330.
198. Stanley Miller, Molecular Evolution
of Life: Current Status of the Prebiotic
Synthesis of Small Molecules, 1986, p. 7.
199. Jeffrey Bada, Earth, February 1998,
p. 40.
200. Leslie E. Orgel, "The Origin of Life
on Earth," Scientific American, vol. 271,
October 1994, p. 78.
201. Charles Darwin, The Origin of
Species by Means of Natural Selection,
The Modern Library, New York, p. 127.
202. Charles Darwin, The Origin of
Species: A Facsimile of the First Edition,
Harvard University Press, 1964, p. 184.
203. B. G. Ranganathan, Origins?,
Pennsylvania: The Banner of Truth
Trust, 1988, p. 7.
204. Charles Darwin, The Origin of
Species: A Facsimile of the First Edition,
p. 179.
205. Derek A. Ager, "The Nature of the
Fossil Record," Proceedings of the
British Geological Association, vol 87,
1976, p. 133.
206. Douglas J. Futuyma, Science on
Trial, Pantheon Books, New York, 1983,
p. 197.
207. Solly Zuckerman, Beyond The
Ivory Tower, Toplinger Publications,
New York, 1970, 75-14; Charles E.
Oxnard,
"The
Place
of
Australopithecines
in
Human
Evolution: Grounds for Doubt", Nature,
vol 258, 389.

208. "Could science be brought to an


end by scientists' belief that they have final answers or by society's reluctance to
pay the bills?" Scientific American,
December 1992, p. 20.
209. Alan Walker, Science, vol. 207, 7
March 1980, p. 1103; A. J. Kelso, Physical
Antropology, 1st ed., J. B. Lipincott Co.,
New York, 1970, p. 221; M. D. Leakey,
Olduvai Gorge, vol. 3, Cambridge
University Press, Cambridge, 1971, p.
272.
210. Jeffrey Kluger, "Not So Extinct After
All: The Primitive Homo Erectus May
Have Survived Long Enough To Coexist
With Modern Humans," Time, 23
December 1996.
211. S. J. Gould, Natural History, vol. 85,
1976, p. 30.
212. Solly Zuckerman, Beyond The
Ivory Tower, p. 19.
213. Richard Lewontin, "The DemonHaunted World," The New York Review
of Books, January 9, 1997, p. 28.
214. Malcolm Muggeridge, The End of
Christendom, Grand Rapids: Eerdmans,
1980, p. 43.

Harun Yahya (Adnan Oktar)

Potrebbero piacerti anche