Sei sulla pagina 1di 9

1.

"AMBASCIATOR NON PORTA PENA":


PICCOLA STORIA DELLA DIPLOMAZIA
di RENZO PATERNOSTER
"Ambasciator non porta pena" il detto che rispecchia i privilegi e le immunit
conquistate dal Corpo diplomatico nel corso della storia.
Diplomazia un termine che deriva dal verbo greco diploun (piegare in due). Ai tempi
dell'impero romano i documenti imperiali, come lasciapassare, permessi di transito, eccetera,
erano applicati su piastre metalliche doppie, piegate e cucite. Questi documenti venivano
chiamati "diplomas". Successivamente tutti i documenti ufficiali, che conferivano privilegi o
statuivano accordi e cos via, non necessariamente applicati su metallo, furono chiamati
"diplomas". L'enorme produzione di "diplomas" fece nascere la figura dell'archivista e
decifratore di questi documenti. L'aggettivo "diplomatica", in origine si riferiva
esclusivamente alla scienza che studia i documenti ufficiali: la res diplomatica, gli "affari
diplomatici", appunto. L'utilizzo dei termini "diplomazia" e "diplomatico" risale a non prima
del 1796, quando in Inghilterra Edmund Burke inizi a utilizzarli designando "l'insieme
delle procedure politicoistituzionali mediante le quali gli Stati intrattengono relazioni
reciproche". A partire dal 1815, dopo il Congresso di Vienna, il servizio diplomatico divenne
una vera e propria professione distinta da quella del politico, acquistando cos valore
giuridico con norme e prescrizioni.
2.
E' probabile che anche nella preistoria, sin dal primo organizzarsi di gruppi di uomini
separati da altri, si sent l'esigenza di inviare emissari per proporre delle tregue ai
combattimenti che si registravano in quel periodo. E' sicuro, comunque, che l'attivit
diplomatica era ampiamente praticata nell'antichit, dalle polis greche a Roma, da Bisanzio
alla Cina imperiale. Tuttavia, in nessuno

La Casa Bianca, cuore


della diplomazia mondiale
Stato antico vi fu mai un'organizzazione permanente preposta all'espletamento delle attivit
diplomatiche.
Nel mondo greco i rapporti diplomatici erano essenziali, dato il frazionamento delle
cittStato. Per questo si and elaborando una prima embrionale forma di diplomazia
organizzata, anche se siamo ancora lontanissimi dalla vera e propria attivit diplomatica
permanente. Dal diritto privato, cos, si svilupp il concetto di immunit diplomatica che,
sebbene non codificato esplicitamente, costitu una regola costante che col passare del
tempo diverr prassi formalizzata. In pratica si cap subito che, in caso di guerra o di ostilit
non guerreggiata tra Stati, se l'emissario di una delle parti fosse stato ucciso, senza aver
esaurito il suo compito, i negoziati per una probabile pace o per una eventuale alleanza
sarebbero sfumati.
A partire dal VI secolo a.C., i greci svilupparono anche la pratica di scegliere i loro

ambasciatori tra i pi abili oratori o tra i pi preparati avvocati del foro. Questo sta a
significare che gi allora si cap l'efficacia per uno Stato di dotarsi di uomini capaci di
portare ambascerie e convincere le autorit degli altri Stati.
A Roma la diplomazia si svilupp ampiamente solo nel tardo periodo repubblicano e durante
l'impero. La necessit principale fu quella di mantenere i contatti con un gran numero di
Stati sovrani, alleati a Roma o soggetti.
3.
I bizantini, receperirono l'utilit delle ambasciate e, oltre a stabilire uno specifico
cerimoniale per il ricevimento degli ambasciatori, istituzionalizzarono la pratica della
consegna di credenziali e della ratifica dei trattati. L'inviolabilit degli ambasciatori, oltre al
rispetto della vita, era estesa anche alla loro immunit personale e alla inviolabilit del
palazzo in cui risiedeva. Ovviamente tutti questi privilegi furono condizionati alla
reciprocit.
Gli imperatori bizantini perfezionarono i compiti dell'inviato, chiedendo loro di spedire
periodicamente rapporti dettagliati sulla situazione interna dei Paesi stranieri in cui
risiedevano, oltre ovviamente al compito di rappresentare ufficialmente gli interessi
dell'impero presso le corti assegnate. L'inviato doveva essere quindi, oltre ad un bravo
oratore, anche un affidabile osservatore con un' adeguata capacit di giudizio: inizia cos a
delinearsi meglio la figura del diplomatico di professione.
I sovrani barbarici, come quelli degli Stati arabi, seguirono l'esempio di Costantinopoli,
adottando il protocollo bizantino. Anticipando la prassi moderna, tutti i trattati stipulati in
questa epoca (ad esempio quello di Verdun dell'843 o quello di Meersen dell'870) venivano
preparati con l'aiuto di esperti.
4.
Nella tarda antichit comparve anche la diplomazia pontificia. L'editto di Milano,
emanato nel 313 da Costantino il Grande, garant la libert religiosa per tutti i culti, tuttavia
l'imperatore diede maggior peso al cristianesimo sostenendolo, poich ritenuto fattore di
unit per il suo impero. Cos il potere primaziale ottenuto dai pontefici contribu alla nascita
e allo sviluppo della diplomazia pontificia. Infatti, il pontefice, in seguito alle dispute interne
alla cristianit, dovette mandare propri inviati, non solo per consolidare tale superiorit
all'interno del cristianesimo, ma per far sentire l'opinione del pontefice alle riunioni
conciliari. Il primo inviato pontificio comparve al sinodo di Arles nel 314, sotto il
pontificato di Silvestro I (314-337). L'utilizzo dei nunzi risale invece all'impero di Bisanzio,
presso il quale il pontefice romano delegava un suo "apocrisario" (il portavoce). Il primo
apocrisario fu comunque Giuliano di Coo, inviato da papa Leone I (440461) presso la
coppia imperiale Marciano e Pulcheria per intercedere a favore degli interessi della Sede
apostolica. A partire dal pontificato di Agapito I (535536) gli apocrisari divennero
un'istituzione stabile. Fra i pi noti apocrisari pontifici alla corte imperiale di Bisanzio,
ricordiamo i futuri pontefici Virgilio I (537555), Pelagio I (556560) e Gregorio Magno
(590604).
Sotto papa Innocenzo I (402417) la Chiesa cattolica conobbe un alto diritto di
rappresentanza: il cosiddetto "vicariato apostolico". In pratica il pontefice, attraverso una
bolla, concedeva ad un vescovo Nostra vece (al suo posto) di occuparsi di un vescovado,
oppure del controllo di tutte le ordinazioni vescovili in un determinato territorio.
5.
La moderna diplomazia nacque nell'Italia del Rinascimento. Nel Medio Evo, il sistema
diplomatico rest sostanzialmente immutato. In questo periodo della storia operarono

Ugo Grozio
comunque i legati, i commissari, i nunzi, gli ambasciatori, ma nessuno di questi per
raggiunse lo status di diplomatico permanente.
I Principati italiani del Quattrocento e del Cinquecento, con i loro mille intrighi,
contribuirono a far nascere la moderna diplomazia, con un nuovo tipo di diplomatico, colto
ma allo stesso tempo astuto e spregiudicato. Furono cos le signorie italiane a introdurre un
sistema di missioni diplomatiche permanenti che avevano il compito di rappresentare gli
interessi dei loro Stati, di negoziare e di "riferire".
Con la "pace di Lodi" del 1454 e la costituzione della Lega italica, la diplomazia serv a
mantenere faticosamente l'equilibrio politico raggiunto nella penisola. Infatti, ognuna delle
signorie italiane, non avendo tuttavia la forza per signoreggiare sulle altre, si preoccupava di
salvaguardare gli equilibri di potere.
In questa politica si distinse la Firenze di Lorenzo il Magnifico, ma soprattutto Venezia. La
diplomazia veneta, infatti, fu famosa per l'acume e il coltivato senso politico dei suoi
diplomatici residenti. Le "Relazioni" che questi inviavano al Gran Consiglio costituiscono
ancora oggi una preziosissima fonte storica. Il Senato veneziano stabil la precisa struttura
formale della diplomazia, fissando le modalit comportamentali, la periodicit dei rapporti
da inviare, la loro parziale cifratura.
La prima missione permanente accertata dagli storici fu quella di Francesco Sforza, duca di
Milano, a Genova nel 1455. Cinque anni pi tardi anche il duca di Savoia invi il suo primo
ambasciatore permanente, l'arcidiacono di Vercelli Eusebio Margaria, a Roma dal pontefice.
Possiamo tranquillamente affermare che l'Italia della seconda met del 1400, oltre ad essere
la culla dell'arte e della cultura europea, fu anche genitrice di un istituto giuridico che
segner la futura vita politica mondiale. Una delle caratteristiche della "diplomazia
all'italiana", fu l'autorevolezza di alcuni personaggi d'eccezione incaricati di svolgere
delicate azioni diplomatiche: in questo periodo ritroviamo cos ambasciatori e rappresentanti
di Stato della statura di Dante, Petrarca, Boccaccio e, pi tardi, di Machiavelli e
Guicciardini, tutti influenzati dall'aspro contesto storicopolitico dell'Italia dell'epoca.
6.
Gli ambasciatori avevano dunque l'autorit di entrare nelle citt, un tempo ostili, e di
monitorare tutti i movimenti politici del Paese ospite; essi fungevano da tramite con la loro
patria, ma ricoprivano spesso la figura di vere e proprie spie in territorio straniero. Infatti, tra
i compiti occulti, gli ambasciatori organizzavano reti di spionaggio, intercettavano i dispacci
degli altri diplomatici, distribuivano materiale di propaganda.
Ecco presentarsi cos l'eterno dilemma legato alla diplomazia: lecito per un ambasciatore

mentire o comportarsi slealmente nel Paese di cui ospite? La logica del tempo, anche
riprendendo intuizioni di due grandi del periodo, Machiavelli e Guicciardini, reputava lecito
a un diplomatico operare anche con la menzogna e l'inganno senza che questi venisse
perseguitato dall'autorit di cui era ospite. Il diplomatico in missione non era al disopra della
legge, ma era semplicemente sottoposto a una legge diversa. In pratica gli ambasciatori
dovevano considerarsi immuni dal reato di tradimento poich soggetti, nel corso del loro
mandato all'estero, alla giurisdizione del sovrano di cui erano legali rappresentanti.

L'ambasciata italiana a Praga


Il fiorentino Niccol Machiavelli (14691527), oltre ad essere considerato uno dei padri della
moderna scienza politica, anche stato un superbo conoscitore dell'arte della diplomazia.
Egli svilupp una concezione del diplomatico profondamente condizionato dal clima
politico del suo tempo. Secondo la sua opinione l'operato degli ambasciatori era
indissolubile dalla volont del principe e dagli interessi del suo Stato, i quali permettevano di
scavalcare la morale individuale. La diplomazia, secondo Machiavelli si configurava
soprattutto come un potente strumento d'inganno.
Anche Francesco Guicciardini (14831540), ambasciatore nel 1512 presso la corte di
Ferdinando il Cattolico in Spagna, assoggett l'azione degli ambasciatori alla ragion di
Stato, sostenendo anche la necessit che il diplomatico potesse godere di una certa
autonomia. La sua visione spregiudicata lo port ad adoperarsi per un'infelice azione
diplomatica nella complessa situazione italiana, ormai investita dalle lotte per l'egemonia
europea. Egli, infatti, si adoper per creare una lega tra Papato, Stati italiani e Francesco I di
Francia contro il concreto pericolo costituito da Carlo V, che tendeva a un'assoluta
supremazia imperiale sull'Italia. Ma, come la storia racconta, la lega fu sconfitta e l'esercito
di Carlo V entr in Roma saccheggiandola (1527). I Medici, invece, furono brevemente
esiliati da Firenze.
7.
Il sistema della diplomazia italiana si estese gradualmente anche al resto dell'Europa. I
primi furono i britannici nel 1519, con due ambasciatori permanenti - sir Thomas Boleyn e il
dottor West - accreditati come diplomatici a Parigi. Con l'affermarsi degli StatiNazione, nel
XVII secolo l'attivit diplomatica venne finalizzata all'interesse degli Stati piuttosto che
guidata dall'arbitrio del signore. Ovviamente l'obiettivo principale della politica estera
divenne l'equilibrio tra le Nazioni pi potenti. Una curiosit: un "mezzo diplomatico" molto
utilizzato nella storia fu il ricorso al "matrimonio" come misura politica per appianare
tensioni delicatissime e rinforzare alleanze. Tale metodo rese, ma solo un esempio fra i

molti, regina di Francia Maria Antonietta, la figlia di Maria Teresa d'Austria.


L'arte dell'inganno e della dissimulazione, che aveva dominato nella diplomazia
rinascimentale, fu rimpiazzata da un codice di comportamento formale e corretto,
reciprocamente accettato. In questo periodo, e precisamente nel 1625, Huigh de Groot
(conosciuto meglio in italiano come Ugo Grozio, 15831645) pubblic il suo capolavoro De
jure belli ac pacis (Sul diritto di guerra e di pace). Il giurista e filosofo olandese riteneva che
tutti gli aspetti delle relazioni fra Stati dovessero essere soggetti ad una legge internazionale.
Grozio, sconvolto dal conflitto che si stava combattendo (la Guerra dei Trent'anni), si dedic
allo studio e all'elaborazione delle norme che dovevano in qualche modo regolare la
condotta degli Stati nei loro rapporti: nasce cos il diritto internazionale. Tale disciplina,
oltre a disciplinare l'attivit del diplomatico e della diplomazia, sar materia indispensabile
per lo stesso lavoro del diplomatico.
8. Nel pensiero del giurista olandese ritroviamo sempre il concetto di "guerra giusta", intesa
come un'azione per realizzare un diritto giusto. Tuttavia, pur definendo la guerra quale
sistema per proteggere i diritti e punire le violazioni, egli afferma la necessit di definirne
giudizialmente le procedure in quanto, sebbene la guerra debba essere considerata un "male
necessario", essa ha la necessit di essere regolata.
Importante nel pensiero di Grozio il sistema elaborato per chiudere pacificamente una

Il Congresso di Vienna dopo


la vittoria su Napoleone
controversia. Egli sugger tre metodi: il primo costituito da conferenze e negoziazioni tra i
due contendenti; il secondo viene definito "di compromesso", ed in esso ciascuno dei due
contendenti rinuncia a qualche richiesta o accetta concessioni; il terzo, infine,
rappresentato da una scelta casuale (tipo tirare a sorte). Nelle trattative indispensabile deve
essere la presenza di un giudice esterno, che deve appurare la correttezza delle negoziazioni.
Giudiziosa l'idea di Grozio del comportamento da adottare durante le trattative: infatti,
secondo il filosofo, a volte pi opportuno rinunciare a delle giuste pretese piuttosto che
cercare di imporle con la forza creando inimicizia e scontento.
La pace di Westfalia del 1648, che segn il dissolversi del predominio del Papato e
dell'Impero, fece nascere la moderna societ internazionale, formata su base paritetica da
Stati sovrani. Dall'intrecciarsi di intensi rapporti tra i nuovi Stati deriv la grande diffusione
del reciproco invio di missioni diplomatiche permanenti. Nel 1661 la Francia aveva ben
ventidue rappresentanti permanenti all'estero; nel 1667 la Russia ne aveva ventuno. Anche lo
Hannover, il piccolo Stato tedesco, aveva nel 1714 ben sedici rappresentanti permanenti.
Contemporaneamente and meglio definendosi la figura dell'ambasciatore, nonch
l'istituzione di organi consultivi per la politica estera che anticiparono l'odierna figura del
ministro degli Esteri.
Avere rappresentanti all'estero era costoso, per questo gli ambasciatori erano spesso ricchi
nobili di alto rango che, nonostante la bassissima retribuzione, a proprie spese riuscivano a
soggiornare fuori patria. Essi comunque accettavano il compito per prestigio, ma anche in
vista di avanzamenti futuri in patria.
9.

La Prima guerra mondiale ebbe, tra le altre amare conseguenze, anche quella di
screditare la diplomazia europea. A partire da questo periodo, e precisamente dalla
Conferenza di Pace di Parigi (1919), si inaugur un nuovo metodo: la Diplomaci by
Conferece, ovvero quel tipo di avvenimento diplomatico che elimin il dogma diplomatico
della segretezza per fare spazio a riunioni politiche aperte anche ad osservatori esterni, come
giornalisti o politologi. Tale metodo fu avversato dal famoso diplomatico britannico, lo
scozzese Harold Nicolson (18861968) che mise in evidenza gli effetti negativi della
presenza di osservatori esterni, in quanto quest'ultimi modificavano la realt (ad esempio le
ostilit fra rappresentanti governativi venivano amplificate, seminando altra zizzania tra le
parti). Nicolson, per ovviare a questi inconvenienti, proponeva la preparazione e la
conclusione dei lavori di negoziato prima della sua presentazione al pubblico. In pratica un
lavoro svolto su due tavoli, uno privato e l'altro pubblico, e che - raggiunto l'accordo - si
sarebbero uniti pubblicamente.
A partire dalla fine del primo conflitto mondiale fa la sua comparsa la "diplomazia
multilaterale". Tutto cominciato con la fondazione della Societ delle Nazioni, ma ulteriori
sviluppi si ebbero soltanto con le Nazioni Unite e le loro numerose Agenzie specialistiche,
dalla FAO all'UNESCO, eccetera. Tutt'oggi la maggior parte degli Stati ha un rappresentante
permanente presso ciascuna di esse. Successivamente alla Seconda guerra mondiale la
diplomazia multilaterale si ancor pi allargata grazie al ruolo centrale assunto da
organizzazioni regionali o internazionali come l'Alleanza Atlantica, l'Unione Europea
Occidentale (UEO) l'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE),
l'Agenzia Internazionale dell'Energia Atomica (AIEA), l'Organizzazione per la
Cooperazione e la Sicurezza in Europa (OSCE), per non parlare del Fondo Monetario
Internazionale (FMI) della Banca Mondiale o dell'Organizzazione Mondiale del Commercio.
La "diplomazia classica" subisce cos una sostanziale trasformazione, dovuta soprattutto
all'irrompere nell'ambito delle relazioni internazionali di un fenomeno nuovo, che quello
della cooperazione allo sviluppo. In pratica, attorno alla met del secolo scorso, si posero le
basi per le cooperazione economica bilaterale e per quella multilaterale con utilizzo sia di
crediti agevolati che di doni e con l'obiettivo di promuovere la ricostruzione e lo sviluppo.
Monumenti di questa politica furono (e sono) il Fondo Monetario Internazionale, nato nel
1944 a Bretton Woods e con il compito di monitorare le politiche monetarie degli Stati
membri per armonizzarle fra loro e migliorare le prospettive di crescita economica degli
stati stessi; la Banca Internazionale per le Ricostruzione lo Sviluppo (BIRS) con il compito
di finanziare la ricostruzione dei Paesi europei indeboliti dal conflitto mondiale. Nel 1950 la
BIRS fu trasformata in Banca Mondiale, con l'obiettivo di fornire crediti a condizioni di
favore per contribuire allo sviluppo dei Paesi meno sviluppati.
10.
La posizione giuridica dei diplomatici inizi ad essere stabilit attraverso specifiche norme
sancite da accordi internazionali, solo dopo il 1815, a partire quindi dal Congresso di
Vienna. Con i famosi Rglement del 19 marzo 1815, e le successive norme elaborate al
Congresso di Aquisgrana del 1818, si definirono le quattro categorie di rappresentanti
diplomatici: gli ambasciatori legati e i nunzi pontifici, rispettivamente per lo Stato e per la
Chiesa romana; gli inviati straordinari e i ministri plenipotenziari; i ministri residenti; gli
incaricati d'affari.
Per evitare ogni motivo di contrasto in materia di precedenza, e quindi per dimostrare che
tutti i rappresentanti diplomatici erano su una posizione di parit, fu stabilito un criterio di
precedenza (valido tutt'oggi) in base all'anzianit di accreditamento. Colui che era stato
accreditato prima degli altri, ricopre il titolo di "ambasciatore decano" del Corpo
Diplomatico accreditato in un determinato Paese; via via succedevano gli altri sempre
nell'ordine determinato dalla loro anzianit di servizio in quel determinato Corpo

Diplomatico. Il decano funge da portavoce dei diplomatici accreditati in occasione di


cerimonie ufficiali; presenta inoltre, in nome del Corpo Diplomatico e dopo consultazione
dello stesso, eventuali note di protesta all'indirizzo dello Stato di residenza.
Fino al XVII secolo la lingua ufficiale della diplomazia fu il latino, diffuso in tutta Europa
tra gli uomini di cultura. Gradualmente, con la supremazia politica della Francia sul
continente europeo, il latino fu sostituito dal francese. L'intervento degli Stati Uniti nella
prima guerra mondiale segn l'avvento anche dell'inglese come seconda lingua diplomatica.
La Convenzione di Vienna del 1961 codific le regole della diplomazia. L'art. 3 indica le

Churchill, Roosevelt e Stalin


durante il convegno di Yalta
attuali funzioni di una missione diplomatica permanente: rappresentare il proprio Stato;
proteggere gli interessi di questo e dei suoi cittadini nel territorio dello Stato accreditatario;
negoziare con il governo estero; inviare rapporti al proprio governo sullo sviluppo degli
avvenimenti; promuovere relazioni amichevoli; incrementare i rapporti commerciali,
culturali e scientifici tra il proprio Stato e quello in cui accreditato.
Per quanto riguarda gli edifici della missione, la convenzione di Vienna conferm la loro
inviolabilit: nessuna persona dello Stato ospitante pu entrare nella missione senza i
consenso del suo funzionario di grado pi elevato. Pertanto le missioni non possono essere
sottoposte a indagini, perquisizioni e sequestri.
Gli agenti diplomatici e i loro collaboratori non possono essere soggetti a nessuna forma di
arresto o detenzione, il loro bagaglio o la loro corrispondenza inviolabile. Se essi
commettono reati sono quasi sempre rinviati in patria come persona non grata. In caso di
guerra, lo Stato accreditatario ovviamente tenuto a facilitare ai diplomatici degli Stati
belligeranti la partenza dal Paese.
11.
La diplomazia italiana. In Italia, per tutto il 1800, il compito del diplomatico fu assegnato
ad una ristretta cerchia di persone vicine alla Corte. Successivamente,con l'evoluzione dello
Stato repubblicano, si pass alla selezione di personale qualificato. Il primo concorso
pubblico per la selezione e il reclutamento del personale diplomatico che avrebbe dovuto
lavorare per il Ministero degli Affari esteri si registr soltanto alla vigilia del primo conflitto
mondiale. Durante il regime fascista nacquero al di fuori del Ministero degli Affari esteri
alcune funzioni connesse alla politica coloniale e alla propaganda del partito: il Ministero
per l'Africa italiana e quello della Propaganda.
All'epoca del fascismo si erano sviluppate due "carriere" diplomatiche separate, quella dei
diplomatici veri e propri e quella degli "addetti commerciali", dipendenti dal Commercio
con l'Estero. Successivamente le carriere vennero unificate, ma rest sempre al di fuori degli
Esteri l'Istituto per il Commercio Estero (ICE), con la sua rete internazionale di uffici e
rappresentanti. Ovviamente, caduto il fascismo, molte carriere legate all'evoluzione del
regime scomparvero.
Sino al 1967 esistevano in Italia sei carriere direttive in ambito diplomatico: quella
diplomaticoconsolare, per l'emigrazione, commerciale, per l'Oriente, per la stampa e per i
servizi amministrativi dell'amministrazione centrale. La nuova normativa in materia, che

entr in vigore con il DPR del 5 gennaio 1967, il n. 18, unific tutte queste carriere direttive,
ad eccezione di quella amministrativa, in un unico ruolo diplomatico. La nuova normativa
permise anche alle donne di intraprendere la carriera diplomatica.
L'adesione alla "nuova Europa" ha permesso alla diplomazia italiana di allargare i suoi
campi di competenza. Qui gli ambasciatori hanno imparato un mestiere radicalmente diverso
da quelli del passato, perch intimamente legato alla gestione di interessi e politiche cui
normalmente gli Esteri erano del tutto estranei.
La diplomazia multilaterale europea quindi divenuta di fatto una branca molto importante
del sistema di governo italiano, questo ha cos permesso la creazione di una nuova categoria
di diplomatici "riservati" all'Unione Europea che solo raramente intersecano carriere, sedi ed
interessi con il resto della "carriera".
La partecipazione dell'Italia alle cosiddette "missioni umanitarie" ha ulteriormente
ingrandito i compiti della diplomazia, che questa volta, oltre a contatti politicomilitari con
gli "alleati", si deve occupare anche di situazioni particolari collegate agli avvenimenti
(come la liberazione di cittadini italiani presi in ostaggio da gruppi di ribelli o da terroristi).
12.
L'evoluzione attuale della diplomazia vuole un ritorno all'antica prassi dell'invio di
missioni speciali, tutt'oggi per lo pi presiedute da capi di Stato o di governo, le quali si
recano presso un governo straniero per trattare, direttamente e in breve tempo, determinati
problemi politici, economici, e cos via. Questa detta "diplomazia volante", anch'essa
codificata alla Convenzione di New York il 16 dicembre 1969.
Un'altra evoluzione dell'attuale diplomazia stata la nascita delle cosiddette "Unit di crisi".
Si tratta in pratica di un organo nazionale di "gestione delle crisi", che si occupa di questioni
delicate e di alta responsabilit come conflitti locali, (ad esempio la guerra in exJugoslavia),
terrorismo, rapimenti di connazionali all'estero, calamit naturali, eccetera.

La Farnesina, sede del Ministero


degli Esteri italiano
Naturalmente l'Unit di crisi collabora a stretto contatto con altri istituti dello Stato, quali la
presidenza del Consiglio, i ministeri della Difesa e dell'Interno, le Organizzazioni non
governative.
Alla luce delle barbarie del secondo conflitto mondiale, il politologo Hans Morgenthau nel
1948, nel suo libro Politica tra le nazioni aveva cos riassunto i princpi a cui la moderna
diplomazia doveva fare appello per scongiurare ennesimi conflitti armati: la diplomazia
deve liberarsi dello spirito di crociata, la diplomazia deve saper vedere le situazioni dal
punto di vista delle altre Nazioni, gli Stati devono essere disposti a compromessi su tutte le
questioni che non siano vitali, il cittadino non dovrebbe per nessun motivo essere vincolato
dal suo governo a impegni internazionali di cui egli non sia stato informato, i governi
devono unicamente indirizzare l'opinione pubblica senza sottometterla e, soprattutto, le
Forze armate devono essere uno strumento di collaborazione della politica estera e non il
"padrone" delle relazioni internazionali.
L'attuale Onu ha dimostrato la sua inefficienza, poich la misura di uno voto di uno Stato o
il suo grado di responsabilit e influenza su una decisione resta comunque vincolato alla

decisione di cinque Stati (Usa, Russia, Francia, Gran Bretagna, Cina) con il "diritto di veto"
in seno al Consiglio di Sicurezza. Questo diritto paralizza di fatto l'organo esecutivo
dell'Onu. La sostituzione del consenso e l'aggiramento di alcune decisioni (come quella di
fare la guerra all'Iraq per far cadere il suo dittatore) hanno praticamente messo in crisi
l'intero apparato dell'Onu. La presidenza dell'unica potenza rimasta in campo, gli Stati uniti
d'America, preferisce infatti stringere molteplici accordi bilaterali evitando quelli
multilaterali, che la impegnerebbero nel riconoscimento imbarazzante degli organismi
internazionali. Tuttavia, l'evoluzione della politica internazionale, con i suoi squilibri politici
e di campo, ha portato al paradosso, per dirla come Giovanni Giolitti, che per i nemici le
leggi si applicano, per gli amici si interpretano.

editto - kiltvny