Sei sulla pagina 1di 8

MOMENTO PREPARATORIO

Analisi della situazione di partenza


Titolo

Le Parti del Corpo


Largomento sul quale si intende progettare
per competenze riguarda le parti del corpo.
La scuola dellinfanzia mira a sviluppare
gradualmente nel bambino la capacit di
leggere e interpretare messaggi provenienti
dal corpo proprio e altrui, rispettandolo e
avendone cura, inoltre, mira a sviluppare e
affinare la capacit di orientarsi nello
spazio,

di

muoversi

di

comunicare

secondo immaginazione e creativit.


Il

corpo

ha

potenzialit

comunicative

che

si

espressive

realizzano

in

e
un

linguaggio caratterizzato da una propria


Premessa/Introduzione

struttura e da regole che il bambino


impara a conoscere attraverso specifici
percorsi

di

apprendimento.

bambini

giocano con il loro corpo, comunicano, si


esprimono con la mimica, vivono emozioni
e

sensazioni,

consolidano

la

loro

autonomia e sicurezza emotiva.


Il progetto Le parti del corpo, nasce
infatti, dallesigenza di prendere coscienza
del proprio corpo, considerandolo struttura
basilare su cui si fonda lacquisizione delle
conoscenze di s nel mondo. Il bambino si
relaziona

con

lambiente

gli

altri,

attraverso la corporeit e le proprie azioni,


arriva a scoprire nuovi contesti.

Informazioni sui destinatari

I destinatari del progetto sono alunni di 4


anni della scuola dellinfanzia, D.D III
Circolo Didattico Luigi Pirandello di
Bagheria.

Destinatari

Durata della proposta

Individuazione di un bisogno/i
formativo/i

La durata della proposta, di 20 ore.

In seguito ad unattenta osservazione della


sezione, ho avuto modo di individuare che
la situazione su cui intervenire, consiste
nel rendere i bambini consapevoli del
proprio corpo attraverso lesperienza
sensoriale e percettiva. Soddisfare inoltre,
lesigenza e il bisogno di movimento,
attraverso il gioco.

Requisiti preliminari in possesso degli


alunni presi in considerazione, sono:
Associare i suoni ai movimenti.
Muoversi nello spazio.
Individuare concetti topologici quali
destra e sinistra.
Muoversi
opportunamente
rispettando le consegne date.
Ascoltare attivamente
Saper comporre puzzle.
Rispettare i turni.

Prerequisiti

MOMENTO OPERATORIO
Traguardi dello sviluppo delle
competenze in unottica di verticalit

Il bambino vive pienamente la


propria corporeit, ne percepisce il
potenziale
comunicativo
ed
espressivo.
Riconosce il proprio corpo, le sue
diverse parti e rappresenta il corpo
fermo e in movimento.
Prova piacere nel movimento e
sperimenta schemi posturali e

Obiettivi di apprendimento

Contenuti

motori, applicandoli nei giochi.


Controlla i propri gesti e interagisce
con gli altri nei giochi di movimento.
Segue correttamente un percorso
sulla base di indicazioni verbali.

Riconoscere
e
denominare
le
principali parti del corpo su se
stesso e sullaltro.
Acquisire consapevolezza di s.
Assumere posizioni su imitazione e
su consegna verbale.
Promuovere capacit di ascolto.
Compiere azioni con il proprio corpo
in base a precise consegne.

Il corpo e il movimento.
Il s e laltro.
Immagini, suoni, colori.

Attivit didattiche
Cosa fa
linsegnante

Cosa fanno gli


alunni

Attivit 1:
Giochiamo con il
corpo.
Per iniziare lattivit
propongo ai bambini
di sistemarci seduti
per terra in assetto
circolare, per
ascoltare la canzone
del boogie boogie, e
chiedo loro qual
largomento della
canzone.
Successivamente,
servendomi del libro
cartonato creato da
me, leggo il racconto
Il mostro peloso,
tratto da: Puggioni,
M. (2007). Idee in

Attivit 1: Si
sistemano in
assetto circolare, in
posizione di
ascolto. Ascoltano
attentamente la
canzone ed
esprimono le loro
idee su ci che
sentono.
Interagiscono
durante la
discussione
guidata. Mettono
insieme i pezzi del
puzzle, per
costruire il corpo
del protagonista
del racconto
ascoltato. In fine

movimento. Del borgo


scuola. In seguito alla
lettura, propongo ai
bambini di osservare
e manipolare il libro,
dando cos inizio ad
una discussione
guidata riguardante
le parti del corpo. Al
termine della
discussione, presento
ai bambini un puzzle
costruito in
precedenza con il
compensato. Al
termine dellattivit
propongo loro di
ordinarci per
riascoltare la canzone
del boogie boogie e
ballarla imitando i
miei gesti.

Attivit 2:
Disegniamo la
sagoma.
Come di routine, per
iniziare questa
seconda attivit,
propongo ai bambini
di ascoltare la
canzone dalla testa
in gi, seguita dal
balletto, cos da poter
ripetere e riepilogare
le varie parti del
corpo.
Successivamente
propongo ai bambini
di sistemarci in
assetto laboratoriale,
prendo un cartellone
bianco e lo stendo sul

attraverso
limitazione,
eseguono il ballo
del boogie boogie.

Attivit 2:
Ascoltano, cantano
ed eseguono il
balletto dalla testa
in gi, scelgono
un compagno da
far stendere sul
cartellone, il
modello preparato
viene pitturato con
la tempera. Mentre
il colore si asciuga,
i bambini eseguono
il gioco proposto; a
coppie camminano
tenendo a contatto
la stessa parte del
corpo. Al termine
del gioco,

pavimento, dicendo
loro di scegliere un
compagnetto da far
stendere sul
cartellone e disegnare
la sagoma del suo
corpo. Invito i
bambini a pitturare il
modello con la
tempera, e quando il
colore asciutto,
devono disegnare e
pronunciare con il
nome le varie parti
del corpo, attraverso
il lancio dei dadi
costruiti da me.
Nellattesa che si
asciughi il colore
della sagoma,
propongo ai bambini
un gioco di coppia; i
bambini devono
camminare tenendo a
contatto la stessa
parte del corpo
indicata da me.

riprendono il
modello della
sagoma, a turno
ogni bambino
lancia il dado, dopo
aver osservato la
figura impressa su
un lato del cubo,
pronuncia e
disegna la relativa
parte.

Attivit 3: Scolpisci
con la voce.
Lattivit ha inizio con
lascolto e
lesecuzione del
balletto il corpo
umano.
Successivamente
invito i bambini ad
ordinarsi in gruppi
composti da tre, in
modo da poter
svolgere
ordinatamente un
gioco.

Attivit 3:
Ascoltano ed
eseguono il balletto
il corpo umano.
Si sistemano in
piccoli gruppi da
tre; il primo
giocatore, ha gli
occhi bendati; il
secondo, fa la
statua restando
immobile in una
posizione a sua
scelta; in fine il
terzo giocatore,
descrive al
giocatore con gli
occhi bendati la
posizione esatta
assunta dalla

statua (es: ha il
braccio sinistro
dritto in alto e la
gamba destra stesa
in dietro, ha gli
occhi chiusi e la
bocca aperta,
ecc) il giocatore
con gli occhi
bendati esegue la
descrizione e
assume la stessa
posizione del
modello, in fine, si
toglie la benda al
giocatore numero
uno e tutti insieme
discutono sulle
differenze.

Attivit 4: Assembla
lomino.
Durante questultima
attivit, propongo ai
bambini di ascoltare
ed eseguire la
canzone se sei
felice. In seguito li
invito a sistemarsi
per svolgere il gioco
del fazzoletto, e
posiziono il lapbook
creato da me, in un
banco. Al termine del
gioco, consegno loro
una scheda
contenente le varie
parti di un omino.

Attivit 4:
Dopo aver
ascoltato,cantato e
ballato la canzone
se sei felice i
bambini si
dispongono in due
squadre, uno di
fronte allaltro,
formando due file
parallele, ogni
coppia formatasi
ha il nome di un
colore; un bambino
tiene il fazzoletto e
a turno chiama
una coppia
pronunciando il
relativo colore, i
due corrono a
prendere il
fazzoletto, il
bambino vincente,
sceglie una busta
del lapbook da
aprire; ogni busta
contiene una parte

del corpo che dovr


essere incollata
nella parte centrale
del libro e creare
cos un bambino.
Al termine del
gioco i bambini
colorano la scheda
contenente lomino,
in seguito questo
viene ritagliato e
assemblato con i
ferma campioni,
creando cos un
burattino.

Metodologia

Le attivit sono organizzate in modo da


consentire lalternanza di lavoro autonomo
e di gruppo; viene adottato:
Dialogo guidato.
Approccio ludico-pratico.

Per la realizzazione delle attivit previste


occorre:

Materiali e strumenti

Stereo, cd.
Benda, fazzoletto.
Materiale di cancelleria.
Compensato.
Cartelloni.
Cartoncini bianchi e colorati.
Carta crespa.
Forbici, pennelli, fermacampioni.
Colori a tempera.

Spazi

Lo spazio fisico utilizzato per svolgere le


attivit didattiche, laula, modificata in
base allattivit in assetto laboratoriale.

Tempi

Le 20 ore saranno suddivise in 4 situazioni


di apprendimento, e le varie attivit
proposte coinvolgeranno gli alunni per 1
ora circa.

MOMENTO RISTRUTTURATIVO

Valutazione dei risultati

Verifica

Valutazione

Lacquisizione delle conoscenze e delle


abilit previste degli obiettivi programmati
saranno rilevati per mezzo di prove di tipo
pratico.

Al termine del percorso si valuta lanalisi


dei risultati raggiunti dai bambini, ma
anche i processi attivati. Gli indicatori
contenuti nella griglia, faranno riferimento
agli aspetti qualitativi che riguardano
competenze cognitive, sociali, affettive e
metacognitive.