Sei sulla pagina 1di 6

La figura del drago nel mondo antico. Immagine e mito.

Andrea Del Duca


Limmagine del drago
Come fatto un drago? La rappresentazione
odierna pi diffusa, sviluppatasi nelliconografia
medievale e rilanciata dalle illustrazioni e dal
cinema fantasy, quella del rettile coperto di
scaglie, con lungo collo, coda potente, ali di
pipistrello, zampe munite di artigli e possenti
fauci dalle quali la bestia in grado di sputare
getti di fuoco.
La parola drago deriva dal latino draco, a sua
volta unimportazione arcaica dal greco drkn,
termine che deriva dal verbo drkomai
(guardare, fissare lo sguardo) con il
significato di dallacuta vista. Ci non indica
solo che la vista di questi animali era acutissima,
ma vi un riferimento alla sapienza, considerata
capacit di penetrare con lo sguardo i misteri
della natura, che il drago possedeva.
Il temine latino draco indica per sia il drago
vero e proprio (un rettile dalla lunga coda
munito di zampe, con una o pi teste) che il
serpente, anche se si tratta sempre di un
serpente eccezionale, se non altro per le
dimensioni. Da Plinio ai bestiari medievali si
osserva una certa incertezza e confusione fra i
termini draco, anguis, coluber, serpens. Gli antichi
commentatori di Virgilio tentarono di
distinguere tra anguis che vive nel mare, serpens
che striscia sulla terra e draco che vola nellaria:
ma Isidoro di Siviglia, (VI - VII secolo)
constatando la molteplicit di aspetti simbolici e
mitici del drago, fu costretto a denunziare il
semplicismo di questa suddivisione e a parlare,
ad esempio, di un draco marinus.
Noto per inciso che la parziale sovrapponibilit
della coppia drago/serpente precede la
diffusione del cristianesimo e pu aver
contribuito allaccostamento del Dragone
dellApocalisse e del Serpente del Giardino
dellEden.
La forma del drago nel mondo antico, ancora
indefinita, poteva essere delle pi varie. Se
alcuni draghi, come quelli aggiogati al carro
della dea greca Demetra, erano alati altri,
sprovvisti della capacit di volare, strisciavano
nelle cavit della terra. Un dragone immenso
come Tifone era in grado di eruttare fuoco, ma

altri vivevano stabilmente nel mare, da cui


uscivano per divorare i marinai, come Scilla.
La variet delle forme e degli ambienti in cui il
drago poteva essere presente si pu ricondurre
ad una caratteristica. I draghi, dagli immensi
Dragoni presenti nelle leggende cosmogoniche
sullorigine del mondo, ai relativamente piccoli
esemplari di molte leggende, sono creature
espressione del Caos primordiale, quando i
Quattro Elementi costituenti il mondo (Aria,
Acqua, Fuoco e Terra) non erano stati ancora
separati. Per questo motivo il drago, che
riassume in se il Caos, pu adattarsi a
qualunque ambiente, controllando ogni
elemento, anche se nelle leggende si riscontra
una sorta di specializzazione e adattamento di
ciascun individuo.
Da quanto detto sopra risulta chiaro che
impossibile tentare di catalogare i draghi antichi
o ricostruirne limmagine precisa, in quanto la
loro natura caotica sfugge per definizione a
qualunque tentativo di riduzione allordine
logico. Possiamo anzi dire che poich ogni
sforzo di classificazione tende a ridurre il
disordine
allordine,
esso
si
traduce
inevitabilmente in una lotta col drago che
termina con la classificazione di un cadavere
privato della sua essenza vitale.
Il drago: animale fantastico o mostro reale?
I primi tentativi di classificazione del mondo
animale posero agli antichi il problema dei
draghi e delle altre bestie favolose di cui erano
pieni i miti e le leggende.
Aristotele fu ispiratore di un approccio
scientifico e razionalizzante nello studio della
natura che consisteva nellordinare gli animali
per categorie, studiarli osservandone le
abitudini e sezionandone i corpi, spogliando la
ricerca da qualunque aspetto magico o mitico.
Approccio diverso ebbe Plinio il Vecchio
poligrafo e naturalista del I secolo d.C., autore
della Naturalis Historia.
Pur ispirandosi allaristotelica Storia degli animali,
Plinio dedic al mondo della zoologia i libri
VIII-XI del suo trattato, ma al contrario di
Aristotele (che aveva scartato o confutato le
leggende riguardanti gli animali fantastici
5

stimandole frutto di pura fantasia), egli diede


loro spazio, attingendo a una serie di fonti
anche orientali. La sua opera alla base di molti
bestiari fantastici redatti nel medioevo e dei
numerosi trattati sui mostri, rimasti in auge fino
alla nascita della moderna zoologia scientifica.
Laffidabilit dei racconti di Plinio dipende
quindi dalle sue fonti: per gli animali esotici, che
egli non conosce o conosce poco, si affida ora
al razionalista Aristotele, ora a viaggiatori e
mitografi che invece abbondano di descrizioni
di mostri e di meraviglie. Plinio quindi una
preziosa fonte dinformazione sui miti e le
leggende che circolavano sui draghi e su altri
animali fantastici, come la Chimera o il
Basilisco.
Ed esempio egli assicura che destate il drago
appetisce il sangue delefante, che molto
freddo.
Pertanto
attacca
lelefante
allimprovviso, gli sarrotola intorno, e lo
trafigge coi denti. Il pachiderma, dissanguato,
stramazza per terra e muore, ma nella lotta
rimane ucciso lo stesso drago, sfracellato dal
peso del suo avversario. Leggiamo pure che i
draghi dEtiopia, in cerca di miglior cibo,
sogliono traversare il Mar Rosso ed emigrare in
Arabia. Per riuscire in questimpresa, quattro o
cinque draghi sabbracciano e formano una
specie di imbarcazione, tenendo le teste fuori
dellacqua.
Le scoperte della paleontologia moderna, che
hanno messo in luce resti fossili riferibili a
grandi rettili vissuti tra 200 e 70 milioni di anni
fa e noti complessivamente come dinosauri
(lett. terribili lucertole), nonch di altri
animali vissuti in epoche pi vicine alluomo ma
oggi estinti (come lorso delle caverne e il
mammut), hanno indotto alcuni studiosi a
ritenere che alla base della credenze sui draghi
vi sia la scoperta, effettuata dalluomo in epoche
remote, di resti di questi animali.
Questa spiegazione razionalista del mito trova
un singolare riscontro in Cina, dove i fossili
vengono venduti ad uso terapeutico come ossa
di drago nei mercati.
Un altro esempio, stavolta occidentale,
rappresentato dai resti fossili di denti di squalo,
che venivano denominati Glossopetre (il
termine di Plinio il Vecchio) e che erano
ritenuti lingue pietrificate di serpente cadute dal
cielo durante le eclissi di Luna.

Se vero che casuali scoperte di fossili possono


aver dato origine ad alcune leggende, il mito del
drago sembra per affondare pi nellinconscio
dellanimo umano e negli aspetti oscuri e
incontrollabili della natura, che in tentativi di
interpretazione razionale di resti di difficile
classificazione, sulla cui origine gli studiosi
antichi erano tra laltro divisi.
Il drago nel mito
Nei miti cosmogonici che dovevano spiegare
lorigine del mondo o i fenomeni naturali che
impressionavano gli uomini si trovano vari
dragoni in lotta contro gli dei.
NellEpopea della Creazione (un poema
mesopotamico che si occupa di eventi
cosmologici) si parla di Tiamat, il pi antico
dragone conosciuto. Tiamat, di sesso
femminile, era la personificazione delle acque
stagnanti e del mare, Apsu, suo marito, delle
acque sotterranee. Dalla loro unione nacquero
quattro generazioni di dei. Quando il chiasso di
questi divenne insopportabile Apsu si lament
con Tiamat, minacciando di cacciare e
disperdere gli dei. Il dio Ea che tutto vede
scopr il pericolo e con linganno uccise Apsu.
Quindi con la sposa Damkina concep Marduk,
il campione degli dei. Tiamat, furibonda, medit
vendetta. Gener un esercito di terribili mostri.
Recita il poema:
Denti aguzzi e zanne spietate.
Tiamat ne ha riempiti i corpi di veleno
anzich di sangue.
Ha avvolto di terribili raggi feroci draghi
E ha dato loro mantelli di luce
Marduk, il possente dio della tempesta e del
tuono,
affront
e
sconfisse
Tiamat,
precipitandone la progenie agli inferi. Col corpo
smembrato di Tiamat, Marduk cre luniverso,
con il sangue e le ossa luomo, nato per servire
gli dei. Infine divenne re degli dei di Babilonia.
Dragoni, serpenti cosmici e mostruosi giganti
serpentiformi compaiono anche nei miti di
molti altri popoli del mondo mediterraneo ed
europeo.
In Egitto Apep/Apophis era raffigurato come
un serpente gigantesco o un drago (le cui spire
circondavano il mondo come le dune di sabbia
del deserto circondavano lEgitto) che ogni
notte tentava di contrastare il cammino del dio
6

Sole (Ra). Erano necessarie le arti magiche di


Iside per evitare che Apep prevalesse e ogni
giorno, per oltre tremila anni, nel momento in
cui il sole sorgeva sullEgitto, i sacerdoti
pronunciarono formule magiche e bruciarono il
simulacro di cera del serpente per propiziare la
vittoria delle forze del bene. Alcuni sovrani
Hyksos, i cosiddetti Re Pastori di stirpe
semitica che invasero lEgitto, assunsero, in
odio agli Egiziani, proprio il nome di Apophis.
Tifone o Tifeo, figlio di Gea, aveva cento teste,
di cui una umana, le altre di toro, serpente,
asino, leone e leopardo. Inoltre aveva due
serpenti al posto delle gambe e duecento mani,
ciascuna con 50 serpenti come dita. Dalla bocca
vomitava fuoco e fiamme. Solo Zeus ebbe il
coraggio di affrontarlo. Lo condusse oltre il mar
Ionio ed infine ebbe la meglio sul mostro
scagliandogli contro un enorme macigno. Ma la
leggenda vuole che Tifone non sia morto:
ancora oggi continuerebbe a vomitare fuoco e
fiamme da sotto il macigno, divenuto isola.
Questa secondo i miti greci sarebbe la causa
delle eruzioni dellEtna.
Uno degli attributi di Jormungand il
mostruoso figlio del germanico dio del male
Loki quello di Gran Verme. Esso riposa
sul fondo delloceano e il suo corpo costituisce
le terre ferme. Nel sonno rode incessantemente
le radici dellAlbero del Mondo, il frassino
Yggdrasill e sussultando e muovendosi provoca
i terremoti. Eppure il possente albero rester
saldo sulle sue radici, delle quali nessuno
conosce lorigine, e produrr frutti salutari e
medicamentosi e non temer n ferro n
fuoco. Almeno sino al gran giorno del
Ragnarok, la Battaglia Finale tra il Bene e il
Male: allora Jormungand si ridester e verr
affrontato dal dio del tuono Thor, che uccider
venendone a sua volta ucciso.
Il mito conosce anche una seconda generazione
di mostri, posti in discendenza pi o meno
diretta dai Dragoni del Caos i cui avversari
furono gli Eroi, non pi gli Dei. Si tratta di
draghi dalle dimensioni certamente pi ridotte,
ma anchessi estremamente esiziali.
LIdra, figlia di Tifone e di Echidna (una
mostruosa donna drago), fu uccisa da Eracle
nella palude di Lerna. Era un velenosissimo
drago delle paludi le cui numerose teste
ricrescevano appena tagliate e potevano essere
vinte solo con il fuoco. Dietro questo mostro si

nasconde la straordinaria vitalit della natura


selvaggia che luomo antico faticava a dominare;
il suo veleno che ammorba laria il simbolo
delle malattie tipiche delle aree paludose.
I dissodamenti e le bonifiche mediante la
costruzione di opere idrauliche, attribuite anche
in altre leggende ad Eracle, hanno assunto
sovente laspetto della lotta contro un drago.
Questo rappresenta il caos informe dal quale
nasce la vita e che occorre domare, ordinare,
razionalizzare, cio uccidere, affinch la vita
si sviluppi articolatamente. Luccisore del drago
, da questo punto di vista, un eroe vincitore del
caos; trionfando sulla palude, predisponendo un
habitat pi adatto alluomo, si manifesta come
un fondatore.
I terribili e saggi custodi
Alcuni draghi svolgevano per delicati incarichi
di sorveglianza al servizio degli dei, talora in
relazione a sorgenti o, e il parallelo col racconto
biblico suggestivo, a giardini ed alberi sacri.
In questi casi il drago custodisce un tesoro,
sia fisico, magico o religioso che pu essere
conquistato solo con la vittoria sul mostro.
Questi draghi non sono quindi solo espressioni
del caos da organizzare, ma creature intelligenti,
in possesso di segreti pi antichi delluomo. La
lotta col drago assume quindi anche un valore
iniziatico: uccidendo, e quindi superando, il
maestro il discepolo si appropria delle sue
conoscenze. Questa verit talora espressa con
la conservazione o lutilizzo delle spoglie del
drago o di una loro parte.
La dragonessa Pitone, figlia della dea madre
Gea, sorvegliava una grotta sacra a Delfi. Il dio
Apollo la uccise (anche per vendicare la
persecuzione che sua madre, incinta di Zeus,
aveva dovuto subire da parte del drago per
ordine della gelosissima Era) e istitu loracolo
di Delfi, dove in onore del drago erano svolti i
giochi Pitici e la Pizia profetava sedendo su di
un trono ricoperto dalla pelle di Pitone.
Un drago compare anche nella fondazione di
Tebe. Cadmo uccise il drago figlio di Ares che
custodiva una fonte sacra e ne semin i denti
per consiglio di Atena. Allora vide sorgere dal
terreno centinaia di guerrieri che iniziarono a
combattere tra loro per conquistare la pietra
che la dea gli aveva suggerito di gettare in
mezzo agli armati. I cinque superstiti furono i
primi abitanti della citt.
7

Due draghi erano collocati a guardia di due


importanti alberi sacri del mito greco. Il Drago
Ladone, che aveva cento teste e parlava tutte le
lingue del mondo, custodiva nel Giardino delle
Esperidi, ai confini occidentali del mondo,
lAlbero dei Pomi dOro sacro ad Era.
Nella Colchide, ai confini orientali, un drago,
nato dal sangue del mostro Tifone, vigilava
lalbero a cui era appeso il Vello dOro che fu
rubato dagli Argonauti con laiuto di Medea.
Draghi si ritrovano anche nelle leggende
nordiche come custodi di tesori sacri agli dei.
Beowulf, eroe del primo poema anglosassone,
sconfisse vari draghi fino alla lotta fatale con un
grande drago che aveva cominciato a devastare
il paese dei Geati, suo regno. Il risveglio del
drago in questo caso era stato provocato dal
furto perpetrato al suo tesoro da uno schiavo
fuggiasco. Per inciso, Tolkien, appassionato
studioso del Beowulf, trasse da questo episodio
della saga i caratteri del drago Smaug ne Lo
Hobbit.
Il nano Fafnir uccise suo padre Hreidhmar
custode del tesoro degli dei e si trasform in
drago per difenderlo. Fu ucciso da Sigfrido che
grazie al suo sangue divenne invulnerabile e
apprese il linguaggio degli uccelli.

Due serpenti doro, questa volta incisi sullelsa


di una spada, compaiono in un mito gallese
composto circa mille anni dopo questi eventi.
In questo caso essi hanno il potere di rendere
invisibile la magica Excalibur posseduta da
Art, figlio di Uther Pendragon (Uther Cinque
Draghi?).
I popoli dei cavalieri delle steppe, come gli Sciti,
ma anche i Persiani utilizzavano linsegna del
drago come vessillo.
Esso fu ripreso anche dai Romani, che accanto
allaquilifero, che portava linsegna della legione,
istituirono i draconarii, che reggevano il draco
stendardo della coorte. Il draco era costituito da
una testa in metallo dorato con denti e cresta
argentati a cui era collegato un cilindro di stoffa
multicolore.
I vichinghi adornavano con una testa di drago
la prua di una loro agile e velocissima
imbarcazione, denominata drakkar, che poteva
ricordare nel suo complesso un mostro. Per
secoli lapparire di queste navi semin il terrore
lungo le coste europee.
Ben oltre la fine del medioevo il corpo dei
Dragoni o la bandiera del Galles hanno
perpetuato il ricordo del valore guerriero di
queste creature.

Sotto linsegna del drago


La forza e la sapienza del drago erano virt cos
note da spingere i guerrieri ad utilizzare
lemblema del drago sulle proprie armi come
insegna o motivo decorativo per atterrire il
nemico e motivare fortemente i soldati. Mi
limito a citare alcuni esempi.
Sullo scudo di Agamennone, descritto
nellIliade da Omero, campeggiava un drago
azzurro a tre teste.
Sui foderi di alcune spade celtiche diffuse verso
il IV e III secolo a.C. sono incisi due mostri
serpentiformi o draghi. Larea di diffusione di
questi oggetti parte dalla Francia centrale e si
espande in mezza Europa, seguendo i
movimenti di gruppi di guerrieri uniti non da
vincoli tribali, ma piuttosto da legami di
affiliazione a consorterie guerriere extratribali.
Recentemente si ipotizzato un rapporto con i
Gesati. Questi mercenari, reclutati dagli Insubri
e dai Boii nel 225 a.C. per la guerra contro
Roma, provenivano dalla vallata del Rodano,
area in cui questo motivo iconografico
frequente.

Il caso pi sorprendente di vitalit del mito


viene per dai Balcani. Verso il 1418
limperatore Sigismondo fond lOrdine del
Drago. Nato come ordine cavalleresco per
contrastare lIslam e le eresie, si distinse
tragicamente soprattutto per le feroci
repressioni ai danni degli eretici ussiti. Tra i
cavalieri che ne fecero parte vi fu il principe
Vlad II di Valacchia che dallOrdine trasse il
cognome Dracul.
Suo figlio Vlad III Tepes (Vlad lImpalatore)
pass alla leggenda con il nome di Dracula.
Appare coincidenza singolare che nel mito del
vampiro (rilanciato proprio dal successo del
libro di Bram Stocker nel 1874) riemergano
molti di quegli elementi (lunghissima vita che
in questo caso diventa non-morte sapienza,
forza, seduzione, ma anche malvagit, potere di
infettare e diffondere le epidemie) che
caratterizzano il drago.
Nella figura di Dracula del resto si vede in
azione la triade drago, vampiro e demonio, in
quanto nelle lingue slave il termine drac indica il
diavolo.
8

Il custode del tempio


Il serpente era attributo di numerose divinit
del mondo antico. La simbologia del serpente
troppo ricca e diffusa perch se ne possa dar
conto in questa sede. In certi casi per il
serpente assume sembianze mostruose e
viene a confondersi con il drago.
Degno di nota, per restare nellambito europeo
occidentale, il serpente con la testa di ariete
attributo del dio Lugos/Lugh, dio supremo dei
Galli, che Cesare paragona al Mercurio romano.
A Mediolanum (Milano), che una citt di
fondazione celtica, stata trovata uniscrizione
che cita dei dragoni doro di cinque libbre dati
in dono a Mercurio. In questo caso non
peraltro possibile chiarire in che misura il dono
sia riconducibile allorigine gallica piuttosto che
al ben noto simbolismo del serpente associato
al dio in ambito greco e romano.
Nei templi pagani erano spesso allevati anche
veri serpenti. In alcuni casi doveva trattarsi di
specie esotiche importate, che contribuivano ad
aumentare lo stupore e la soggezione dei fedeli,
soprattutto quando si trattava di animali
addomesticati dai sacerdoti che li curavano.
Concludiamo il viaggio sul lago dOrta.
Tenendo conto della missione di San Giulio,
che, stando alla Vita del Santo, era
esplicitamente quella di distruggere i luoghi di
culto pagani per sostituirli con quelli cristiani,
lecito ipotizzare, supportati anche dalla
tradizionale identificazione del drago e dei
serpenti col diavolo e il paganesimo, che lisola
fosse sede di un luogo di culto pagano.
Un interessante confronto si ha ad esempio con
lIsola di Montecristo. I Romani la chiamavano
Insula Jovis o Mons Jovis e vi prelevarono massi di
granito per la costruzione di ville patrizie in
altre isole. La tradizione vuole che nel 455
dellera cristiana san Mamiliano, vescovo di
Palermo, per sfuggire alle persecuzioni di
Genserico, re dei Vandali, approdasse nellisola
con alcuni compagni. Secondo la leggenda, Egli
sconfisse il drago che vi abitava e ribattezz
lisola col nome attuale di Montecristo. In quel
caso evidente come il cambiamento di nome
coincida con la sconfitta del paganesimo.
Archeologicamente lisola di San Giulio appare
frequentata per tutta la preistoria, ma non in et
romana. Non vi sono quindi tracce materiali
riconducibili a edifici di culto di concezione
classica, come templi, altari o altro.

Questo dato molto interessante e suggerisce


che le origini dei culti precristiani praticati
sullisola siano da ricercare nelle tradizioni della
popolazione di stirpe celtica che occupava il
territorio fin dallet preistorica.
La religione celtica vedeva proprio nei boschi,
nelle sorgenti e negli elementi della natura i
luoghi privilegiati di elezione del divino. Un
secondo concetto fondamentale era quello di
centro e lisola, che fosse lisola di Mona,
dimora dei Druidi o lintera Britannia (lattuale
Gran Bretagna) costituiva il centro per
eccellenza.
Una risposta definitiva a questo quesito storico
probabilmente impossibile. Tuttavia lo studio
puntuale delle tradizioni, del folclore e della
religiosit popolare potr forse in futuro far
emergere alcuni indizi importanti per la
ricostruzione della preistoria sacra di un luogo,
lisola di San Giulio, che sembra possedere una
sua naturale sacralit.

BIBLIOGRAFIA
AA.VV., Dracula. Una leggenda nella storia.
Medioevo Dossier n. 2/2000.
AA.VV., San Giulio e la sua isola. Nel XVI
centenario di San Giulio, Novara, Interlinea, 2000.
J. L. BORGES; M GUERRERO, Manuale di zoologia
fantastica, Milano, 1979 (1957).
F. CARDINI, Il drago, in Abstracta, 9, 1986.
G. DUMZIL, Gli di dei Germani. Saggio sulla
formazione della religione scandinava, Milano, 1974.
M. GRANT, J. HAZEL, Dizionario della mitologia
classica, Mialno 1986.
L. KRUTA POPPI, Le arti del fuoco dei Celti, Sceaux
Cedex, Framcer, 1999, p. 56.
P. MAC CANA, La religione celtica nella letteratura
irlandese e gallese, in AA.VV., I Celti, Milano,
1991, pp. 596-604.
H. MCCALL, Miti mesopotamici, Milano, 1995.
A. S. MERCATANTE, Dizionario universale dei miti e
delle leggende, Milano, 2001.
R.I. PAGE, Miti scandinavi, Milano, 1995.
H. C. PUECH (a cura di), Le religioni dellEuropa
Centrale precristiana, Milano, 1988.

10