Sei sulla pagina 1di 4

MASTERCALCIO.

I MIGLIORI A COVERCIANO
Coverciano, 15 ottobre 2013

ESERCITAZIONE RIPARTENZE E TRANSIZIONI


OBIETTIVI
TECNICICOORDINATIVI
Tecnica di base: guida e
dominio della palla.
Tecnica applicata:
smarcamento, controllo
e difesa della palla,
trasmissione, ricezione,
tiro in porta, finta e
dribbling.

TATTICI-COGNITIVI

FISICI-MOTORI

Tattica individuale: presa


di posizione,
marcamento,
intercettamento e
anticipo, contrasto e
difesa della porta.
Tattica collettiva: elastico
difensivo,
temporeggiamento,
raddoppio di marcatura,
principio della
concentrazione
difensiva. Transizioni
positive e negative,
ripartenze veloci,
conoscere e risolvere le
situazioni di 2c1, 2c2 e
3c2

Capacit coordinative
speciali: fantasia
motoria, equilibrio,
orientamento spazio
temporale, anticipazione
motoria e destrezza fine.
Capacit condizionali:
resistenza, velocit,
rapidit.
Reazione neuromuscolare

PREMESSA
Tradizionalmente nel calcio si sempre cercato di allenare le due fasi di
gioco pi conosciute, quella di possesso e quella di non possesso palla. In
realt esiste anche una terza fase, non meno importante delle
precedenti, conosciuta con il nome di TRANSIZIONE. La transizione una
fase che, nel calcio moderno, caratterizzato da una maggiore velocit
nella circolazione della palla, riveste
un ruolo fondamentale:
rappresentata dal passaggio da una fase allaltra, in sostanza il
momento che si perde o si riconquista palla. Se il passaggio avviene da
una fase di possesso ad una di non possesso, avremmo una transizione
negativa; viceversa, ci troveremo ad affrontare una transizione
positiva.

Nellaffrontare e risolvere, nel minor tempo possibile una fase di


transizione, recita, un ruolo fondamentale la capacit dei calciatori di
reagire ed adattarsi prontamente alle nuove situazioni di gioco, per
questo motivo opportuno inserire tali proposte ed esercitazioni gi nel
settore giovanile, in modo da abituare fin da giovani i calciatori a
risolvere velocemente tali situazioni.
Nella seguente esercitazione vengono proposte situazioni di transizioni
positive e negative; in particolare, viene sviluppata unazione che
riguarda le transizioni positive. La ripartenza.

MATERIALI
giocatori: min.10 max tutta la squadra (con 2 portieri)
cinesini/coni: 5
palloni: 8/10
casacche: 10
durata esercitazione: 15/20 min.
dimensioni campo: 35 lungh. X 25 largh.
n. 2 porte (possibilmente regolamentari)

DESCRIZIONE
L'azione inizia dal portiere che calcia il pallone al collega che difende la
porta nellaltra met campo. Il portiere che riceve gioca, sempre con i
piedi e possibilmente di prima, per uno dei due gialli e si sviluppa un 2c1
contro il blu frontale. Nel frattempo, anche l'altro difensore blu, partendo
da una posizione di svantaggio e solo dopo che il giallo ha toccato palla,
cerca di rientrare velocemente per ristabilire la parit numerica 2c2
(Figura 1). Conclusa l'azione, il giocatore blu - nel lato opposto - in guida
della palla inizia una nuova azione, cercando di fare gol nella porta
opposta con laiuto dei due blu che prima avevano difeso (transizione
positiva). Al contempo i gialli, che prima avevano attaccato, difendono la
porta (transizione negativa) creando quindi una situazione di 3c2 (Figura
2).
GRAFICO

Figura n.1

Figura n.2

Autore: Alessio Mizzoni


Allenatore di Base UEFA B
Istruttore Scuola Calcio CONI-FIGC