Sei sulla pagina 1di 259

QI_16_coberta.

pdf

13/11/10

16:25

Dossier. FRANCESCO DE SANCTIS (1817-1883)


La storia della letteratura, ancora?
La histria de la literatura, encara?

16

Istituto Italiano di Cultura de Barcelona; rees de Filologia Italiana de la


Universitat Autnoma de Barcelona, de la Universitat de Barcelona i de la Universitat de Girona

La Storia della letteratura italiana come romanzo (Remo Ceserani).


Dal catalogo alla narrazione identitaria (Maria Serena Sapegno).
De Sanctis e la storiografia letteraria italiana (Roberto Antonelli).
Il diagramma storico-letterario di De Sanctis e la construzione della
identit italiana (Mara de las Nieves Muiz Muiz).
Il Partito Comunista Italiano e De Sanctis negli anni Cinquanta. Classe
operaia ed egemonia nazionale (Umberto Carpi).
De Sanctis nella tradizione critica catalana (Gabriella Gavagnin).
Articles

CM

MY

CY

CMY

16
Nm. 16, 2011, ISSN 1135-9730, http://ddd.uab.cat/record/41

Francesco De Sanctis (1817-1883)

Lectura Dantis: Paradiso XXXI (Rachel Jacoff).


Le machiavlisme problmatique de Valds dans le Dilogo de las
cosas acaecidas en Roma (Laurent Gerbier).
La scrittura dellesilio: militari ed intellettuali italiani in Catalogna
durante il Trienio Liberal 1820-1823 (Agostino Bistarelli).
Brevi considerazioni sulla familiarit perturbante di Dino Buzzati:
Una animalesca metamorfosi terrificante (Elisa Martnez Garrido).
Lingua e potere in Pier Paolo Pasolini (Francesco Virga).
Sanguineti, Don Chisciotte, il viaggio e alcune occasioni spagnole
(Franco Vazzoler).
Riflessioni sullitinerario poetico de Franco Sepe (Vinci-Enzo Tota).

FRANCESCO DE SANCTIS (1817-1883)


La storia della letteratura, ancora?
La histria de la literatura, encara?

QI_16_coberta.pdf

13/11/10

16:25

Dossier. FRANCESCO DE SANCTIS (1817-1883)


La storia della letteratura, ancora?
La histria de la literatura, encara?

16

Istituto Italiano di Cultura de Barcelona; rees de Filologia Italiana de la


Universitat Autnoma de Barcelona, de la Universitat de Barcelona i de la Universitat de Girona

La Storia della letteratura italiana come romanzo (Remo Ceserani).


Dal catalogo alla narrazione identitaria (Maria Serena Sapegno).
De Sanctis e la storiografia letteraria italiana (Roberto Antonelli).
Il diagramma storico-letterario di De Sanctis e la construzione della
identit italiana (Mara de las Nieves Muiz Muiz).
Il Partito Comunista Italiano e De Sanctis negli anni Cinquanta. Classe
operaia ed egemonia nazionale (Umberto Carpi).
De Sanctis nella tradizione critica catalana (Gabriella Gavagnin).
Articles

CM

MY

CY

CMY

16
Nm. 16, 2011, ISSN 1135-9730, http://ddd.uab.cat/record/41

Francesco De Sanctis (1817-1883)

Lectura Dantis: Paradiso XXXI (Rachel Jacoff).


Le machiavlisme problmatique de Valds dans le Dilogo de las
cosas acaecidas en Roma (Laurent Gerbier).
La scrittura dellesilio: militari ed intellettuali italiani in Catalogna
durante il Trienio Liberal 1820-1823 (Agostino Bistarelli).
Brevi considerazioni sulla familiarit perturbante di Dino Buzzati:
Una animalesca metamorfosi terrificante (Elisa Martnez Garrido).
Lingua e potere in Pier Paolo Pasolini (Francesco Virga).
Sanguineti, Don Chisciotte, il viaggio e alcune occasioni spagnole
(Franco Vazzoler).
Riflessioni sullitinerario poetico de Franco Sepe (Vinci-Enzo Tota).

FRANCESCO DE SANCTIS (1817-1883)


La storia della letteratura, ancora?
La histria de la literatura, encara?

Istituto Italiano di Cultura de Barcelona; rees de Filologia Italiana


Universitat Autnoma de Barcelona, Universitat de Barcelona, Universitat de Girona
Nm. 16, 2011, ISSN 1135-9730
http://ddd.uab.cat/record/41

uaderns
D I tali

16
FRANCESCO DE SANCTIS (1817-1883)
La storia della letteratura, ancora?
La histria de la literatura, encara?

Universitat Autnoma de Barcelona


Servei de Publicacions
Bellaterra, 2011

Quaderns ditali s una publicaci de les rees de Filologia Italiana de tres universitats: Universitat
Autnoma de Barcelona, Universitat de Barcelona i Universitat de Girona, a ms de lIstituto Italiano di
Cultura de Barcelona. Va ser fundada a la UAB el 1996 amb la voluntat ser un referent de les iniciatives
lligades a lmbit dels estudis de llengua, literatura i cultura italianes a Catalunya. El seu objectiu s servir
de mitj de difusi didees i investigacions originals lligades a aquests camps, en el vessant literari,
lingistic, teric o comparatista, amb especial atenci a les relacions entre les cultures hispniques i la
italiana. La revista publica articles originals en dossiers monogrfics, articles dinvestigaci, notes i ressenyes
dobres italianes traduides a alguna de les llenges de lEstat espanyol. Lacceptaci dels articles es regeix
pel sistema davaluaci dexperts externs (per review).
Equip de direcci
Giovanni Albertocchi

Margarita Natalia
Borreguero Zuloaga

Universitat de Girona

Universidad Complutense
de Madrid

Rossend Arqus

Raffaele Pinto

Universitat Autnoma
de Barcelona

Gabriella Gavagnin
Universitat de Barcelona

Consell de redacci
Mariona Carreras
Universit di Bologna

Miguel ngel Cuevas


Universidad de Sevilla

Piero Dal Bon

Universitat de Barcelona

Nicol Messina

Universitat de Girona

Universitat de Barcelona

Lola Badia

Universitat de Barcelona

Zygunt G. Baranski
University of Cambridge

Bruno Basile

Anna Dolfi

Universit degli Studi


di Firenze

Pier Vincenzo
Mengaldo

Helena Puigdomnech

Universit di Bologna

Universit degli Studi


di Padova

Eduard Vilella

Francesco Bruni

Universit Ca Foscari
di Venezia

Giuseppe Nicoletti

Universitat de Barcelona
Universitat Autnoma
de Barcelona

Manuel Carrera Daz


Universidad de Sevilla

Coords. del nmero


Marcello Ciccuto
Giovanni Albertocchi
Universit di Pisa
Rossend Arqus (dossier)
Marga Cottino-Jones
Nicol Messina
University of California,
Anna Zembrino
Los Angeles
Comit cientfic
Domenico De Robertis
Universit degli Studi
Emilio DAgostino
Universit di Salerno

Redacci
quadernsitalia@gmail.com
Universitat Autnoma de Barcelona
Departament de Filologia Francesa i Romnica
rea de Filologia Italiana
08193 Bellaterra (Barcelona). Spain
Tel. +34 93 581 23 22. Fax +34 93 581 20 01
Universitat de Barcelona
Facultat de Filologia
rea de Filologia Italiana
Gran Via de les Corts Catalanes, 585
08007 Barcelona. Spain
Tel. +34 93 403 56 58. Fax +34 93 403 55 96
Universitat de Girona
Facultat de Lletres
rea de Filologia Italiana
Plaa Ferrater Mora, 1. 17071 (Girona)
Tel. +34 972 41 89 58. Fax +34 972 41 82 30

di Firenze

Universit degli Studi di Firenze

Gilberto Pizzamiglio
Universit Ca Foscari
di Venezia

Cesare Segre

Universit degli Studi di Pavia

Raffaele Simone

Universit Roma Tre

Mirko Tavoni
Universit di Pisa

Paolo Valesio
Yale University

Subscripci i administraci
Universitat Autnoma de Barcelona
Servei de Publicacions
08193 Bellaterra (Barcelona). Spain
Tel. +34 93 581 10 22. Fax +34 93 581 32 39
sp@uab.cat
Edici i impressi
Universitat Autnoma de Barcelona
Servei de Publicacions
08193 Bellaterra (Barcelona). Spain
Tel. +34 93 581 21 31. Fax +34 93 581 32 39
sp@uab.cat
http://www.uab.cat/publicacions
ISSN 1135-9730
Dipsit legal: B. 5437-1996
Imprs a Espanya. Printed in Spain
Imprs en paper ecolgic

Bases de dades en qu Quaderns dItali est referenciada:


BIGLI (Bibliografia Generale della Lingua e della Letteratura Italiana); Dialnet (Unirioja); ndice Espaol de
Ciencias Sociales y Humanidades (ISOC-CSIC); Italinemo (Riviste di Italianistica nel Mondo); Latindex;
RACO (Revistes Catalanes amb Accs Obert); RESH (Revistas Espaolas de Ciencias Sociales y Humanas).
Quaderns ditali es publica sota el sistema de llicncies Creative Commons segons la modalitat:
Reconeixement - NoComercial (by-nc): Es permet la generaci dobres derivades sempre que no sen
faci un s comercial. Tampoc es pot utilitzar lobra original amb finalitats comercials.

Quaderns dItali 16, 2011 3-4

Sumari
Quaderns dItali
Nm. 16, p. 1-254, 2011, ISSN 1135-9730
http://ddd.uab.cat/record/41

5-6
7-8

Presentaci
Premessa

Dossier
11-19 Remo Ceserani
La Storia della letteratura italiana come romanzo. Quaderns dItali,
2011, nm. 16, p. 11-19.
21-30 Maria Serena Sapegno
Dal catalogo alla narrazione identitaria. Quaderns dItali, 2011,
nm. 16, p. 21-30.
31-51 Roberto Antonelli
De Sanctis e la storiografia letteraria italiana. Quaderns dItali,
2011, nm. 16, p. 31-51.
53-66 Mara de las Nieves Muiz Muiz
Il diagramma storico-letterario di De Sanctis e la costruzione della
identit italiana. Quaderns dItali, 2011, nm. 16, p. 53-66.
67-84 Umberto Carpi
Il Partito Comunista Italiano e De Sanctis negli anni Cinquanta.
Classe operaia ed egemonia nazionale. Quaderns dItali, 2011,
nm. 16, p. 67-84.
85-100 Gabriella Gavagnin
De Sanctis nella tradizione critica catalana. Quaderns dItali, 2011,
nm. 16, p. 85-100.
Articles
103-114 Rachel Jacoff
Lectura Dantis: Paradiso XXXI. Quaderns dItali, 2011, nm. 16,
p. 103-114.
115-142 Laurent Gerbier
Le machiavlisme problmatique de Valds dans le Dilogo de las cosas
acaecidas en Roma. Quaderns dItali, 2011, nm. 16, p. 115-142.
143-163 Agostino Bistarelli
La scrittura dellesilio: militari ed intellettuali italiani in Catalogna
durante il Trienio Liberal 1820-1823. Quaderns dItali, 2011,
nm. 16, p. 143-163.

4 Quaderns dItali 16, 2011

Sumari

165-174 Elisa Martnez Garrido


Brevi considerazioni sulla familiarit perturbante di Dino Buzzati:
Una animalesca metamorfosi terrificante. Quaderns dItali, 2011,
nm. 16, p. 165-174.
175-196 Francesco Virga
Lingua e potere in Pier Paolo Pasolini. Quaderns dItali, 2011,
nm. 16, p. 175-196.
197-207 Franco Vazzoler
Sanguineti, Don Chisciotte, il viaggio e alcune occasioni spagnole.
Quaderns dItali, 2011, nm. 16, p. 197-207.
209-224 Vinci-Enzo Tota
Riflessioni sullitinerario poetico di Franco Sepe. Quaderns dItali,
2011, nm. 16, p. 207-224.
Ressenyes
225-228 Rius Gatell, Rosa; Casas Nadal, Montserrat. Il Principe de
Maquiavel. Primera traduccin espaola basada en un manuscrito
indito (Diana Berruezo Snchez).
228-231 Buonarroti, Michelangelo. Sol, jo, cremant a lombra. (Antologia
potica) (Miquel Edo).
231-233 Gambara, Veronica; Colonna, Vittoria; Matraini, Chiara; Stampa,
Gaspara; Franco, Veronica. Venuda en amorosa guerra (Susanna
Alls).
233-236 Boine, Giovanni. Frantumi (Santa Ferretti).
236-238 Svevo, Italo. La veritat i altres comdies curtes (Nausicaa Vaccaro).
238-240 Franco, Vazzoler. Il chierico e la scena. Cinque capitoli su Sanguineti
e il teatro (Daniela Palmeri).
240-243 Dalla Rosa, Patrizia; Da Rif, Bianca Maria (a cura di). UN GIGANTE TRASCURATO? 1988-2008: ventanni di promozione di studi
dellAssociazione Internazionale Dino Buzzati (Mara J. Calvo Montoro).
243-245 de Miguel y Canuto, Juan Carlos (a cura di). Scrittura civile. Studi
sullopera di Dacia Maraini (Annalisa Mirizio)
246-247 Sapegno, Maria Serena (a cura di). Che genere di lingua? Sessismo e
potere discriminatorio delle parole (Eleonora Carinci).
248-250 Sepe, Franco. Fabrizia Ramondino. Rimemorazione e viaggio (Isabel
Fernndez Giua).
251-254 Santoro, Marco (a cura di). La donna nel Rinascimento meridionale
(Giovanni Di Domenico).

Quaderns dItali una pubblicazione che nasce dal lavoro congiunto delle Aree
di Filologia Italiana di tre universit catalane: Universitat Autnoma de Barcelona,
Universitat de Barcelona e Universitat de Girona, oltre allIstituto Italiano di Cultura
di Barcellona. iniziata nel 1996 presso lUAB con la volont di diventare un polo di
iniziative nellambito degli studi di italianistica in Catalogna. stata ideata per servire
come mezzo di diffusione di idee e di ricerche originali legate a questo campo, sia
relativamente alla letteratura che alla linguistica, sia da un punto di vista teorico che
comparatistico, con speciale attenzione per le relazioni tra le culture ispaniche e quella
italiana. La rivista pubblica articoli originali in dossier monografici, articoli di ricerca,
note e rassegne di opere italiane tradotte in tutte le lingue dello Stato spagnolo. Gli articoli vengono accettati secondo il criterio di valutazione di esperti esterni (peer review).
Norme tipografiche e criteri editoriali
Tutti i contributi che verranno proposti alla redazione dovranno essere originali pervenire per mail con documento in formato Word (o comunque facilmente convertibile).
Se non previamente concordato, il testo non dovr superare le 40.000 battute
(note a pi di pagina comprese). Si prega di usare il carattere Times New Roman o il
Courier New in corpo 12 con interlinea 1,5. I margini del documento saranno tutti
di 2 cm. (in alto, in basso, a destra e sinistra). Sotto il nome e il cognome dellestensore sar riportato il nome delluniversit o dellente di appartenenza e, a discrezione
dellautore, lindirizzo di posta elettronica.
Insieme al testo si dovr consegnare (in un file diverso) un abstract (non pi di otto
righe) dellarticolo e alcune parole-chiave (non pi di 5).
Citazioni
Le citazioni interne al testo, se brevi, saranno inserite fra virgolette caporali ();
se lunghe, andranno in corpo minore (10) con interlinea 1 e rientro di 1 cm.
Le virgolette alte () si useranno per le citazioni interne ad altre citazioni.
I titoli delle poesie andranno sempre in corsivo, come pure i termini stranieri non
accettati in italiano.
Lesponente del rinvio per le note a pi di pagina verr inserito dopo la punteggiatura e le parentesi ma preceder sempre la lineetta, come nei seguenti esempi:
Ne parleremo in seguito.1
Non serve aggiungere (e sia detto tra parentesi)2 nientaltro.
Non necessario tranne in pochissimi casi 3 specificare ulteriormente
la questione.

I riferimenti bibliografici andranno esplicitati in nota, segnalando per esteso


nome e cognome (questultimo in maiuscoletto) dellautore, luogo di edizione, anno,
pagina/-e (p.). Si prega di riportare integralmente il numero delle pagine: p. 345-347
e non 345-47. Se si fa riferimento ad unedizione successiva alla prima sar bene indicarlo aggiungendo un esponente allanno di pubblicazione e riportando fra parentesi
quadre la prima edizione. Ci si pu basare sul seguente modello:
Francesco Orlando, Per una teoria freudiana della letteratura, Torino: Einaudi, 19873
[1973], p. 130-131.

I titoli degli articoli vanno inseriti fra virgolette caporali mentre i titoli delle riviste
andranno sempre in corsivo come nellesempio:

Cesare S egre , La critica semiologica in Italia, Quaderns dItali, n. 1, 1996,


p. 21-28.

Nel caso di volume collettivo si dovr specificare il nome del curatore seguito,
senza virgola interposta, dalla formula: (a cura di). Per la citazione di un singolo articolo ci si atterr a questo criterio:
Giorgio Brberi Squarotti, Il simbolo dellartifex, in Emilio Mariano (a cura di),
DAnnunzio e il simbolismo europeo. Atti del convegno di studio Gardone Riviera (14-16
settembre 1973), Milano: Il Saggiatore, 1976, p. 163-196.

Si cercher sempre di evitare la formula AA.VV.


Altri segni diacritici
Si eviter sempre luso delle sottolineature.
Si eviter sempre di usare lapostrofo al posto dellaccento con le lettere maiuscole
(per cui si scriver e non E, ecc.).
Si cercher di differenziare graficamente il trattino dalla lineetta. Es.:
Facendo attenzione a questi segni per quanto possibile si eviteranno ulteriori
problemi.
dizionario italiano-spagnolo.

Abreviazioni e simboli
Cfr. (evitare v. o vd.)
n. = numero/-i
fasc. = fascicolo
ibid. = stesso testo (con ulteriore
specificazione di pagina)

Id. = stesso autore


op. cit. / cit.
vol. = volume/-i
p. = pagina/-e
passim

Diritti di pubblicazione
1. Quaderns dItali si regge con il sistema di licenze Creative Commons nella
modalit Riconoscimento Non Commerciale (by-nc): si permette lutilizzazione
di opere sempre quando non se ne faccia uso commerciale. Non altres permesso
utilizzare lopera originale a fini commerciali.
2. Per cui, quando lautore/autrice manda il suo contributo, accetta esplicitamente
la cessione dei diritti di edizione e di pubblicazione. Autorizza inoltre Quaderns
dItali a inserire il suo lavoro in un numero della rivista per la distribuzione e
vendita. La cessione del lavoro avviene con il fine che sia pubblicato sulla stessa
rivista in un lasso di tempo massimo di due anni.
3. Allo scopo di favorire la diffusione del sapere, Quaderns dItali aderisce al
movimento di riviste di Open Access (DOAJ), ed affida la totalit dei contenuti
ai diversi repository che agiscono sotto questo protocollo; pertanto linvio di
un contributo da pubblicare sulla rivista, implica laccettazione esplicita, da parte
dellautore/autrice di questo sistema di distribuzione.
Quaderns dItali catalogata nelle seguenti base di dati:
BIGLI (Bibliografia Generale della Lingua e della Letteratura Italiana) (QuItal); Dialnet
(Unirioja); ndice Espaol de Ciencias Sociales y Humanidades (ISOC-CSIC); Italinemo
(Riviste di Italianistica nel Mondo); Latindex; RACO (Revistes Catalanes amb Accs Obert);
RESH (Revistas Espaolas de Ciencias Sociales y Humanas).

Quaderns ditali
Universitat Autnoma de Barcelona. Servei de Publicacions
Apartat postal 20. 08193 Bellaterra (Barcelona). Spain
Tel. 93 581 10 22. Fax 93 581 32 39
sp@uab.cat
http://publicacions.uab.es/llibres/Quaderns_italia.asp
Comanda dexemplars / Pedido de ejemplares / To order issues / Richiesta di copie
PVP / Prize / Prezzo: 15 (ms despeses de tramesa / ms gastos de envo / plus shipping expenses
/ pi spese di spedizione
Volum nmero / Volumen nmero / Issue number / Volume numero:...........................................
Nombre dexemplars / Nmero de ejemplares / Number of items / Numero di copie: ....................

SUBSCRIPCIONS / SUSCRIPCIONES / SUBSCRIBE / ABBONAMENTI


Subscripci / Suscripcin / Subscribe / Abbonamento : yes
no
des del nmero / desde el nmero / from number / dal numero: ....................................................
15
(un volum anual / un volumen anual / one issue a year / un volume annuo)
Les publicacions seran enviades contra reembors a Espanya i a Europa / Las publicaciones sern
enviadas contra reembolso a Espaa y Europa / Cash on delivery only in Spain and Europe /
I volumi saranno spediti via contrassegno in Spagna e in Europa

ALTRES PASOS / OTROS PASES / OTHER COUNTRIES / ALTRI PAESI


Targeta de crdit / Tarjeta de crdito / Credit card / Carta di credito
Nmero / Number / Numero: .......................................................................................................
Tipus de targeta de crdit / Tipo de tarjeta de crdito / Type of credit card / Carta di credito:
........................................................................................................................................................
Data de caducitat / Fecha de caducidad / Expiration date / Scadenza: ............................................
Nom i cognoms del titular / Nombre y apellidos del titular / Cardholders name as it appears on the
credit card / Nome e cognome del titolare:

DADES PERSONALS / DATOS PERSONALES / PERSONAL INFORMATION / DATI


ANAGRAFICI
Nom i cognoms / Nombre y apellidos / Name and surnames / Nome e cognomi:
........................................................................................................................................................
Instituci / Institucin / Institution / Istituzione dappartenenza:
........................................................................................................................................................
NIF / CIF / Social Security Number: .............................................................................................
Adrea / Direccin / Address / Indirizzo: ........................................................................................
........................................................................................................................................................
Codi postal / Cdigo postal / Postal code / CAP: ...........................................................................
Poblaci / City / Town / Citt: ......................................................................................................
Pas / State-Country / Stato: ...........................................................................................................
E-mail: ...........................................................................................................................................
Fax: ......................................................

Tel. / Phone: ...............................................................

Quaderns dItali 16, 2011 5-6

Presentaci

Dediquem el dossier daquest nmero a reflexionar sobre la Storia della letteratura italiana de Francesco De Sanctis, publicada entre els anys 1870-1871, no
noms com una anticipaci del proper segon centenari del naixement daquest
importantssim literat, sin tamb perqu ens permet encarar la qesti de la
histria de la literatura amb la distncia epistemolgica de dos segles plens
de grans canvis pel que fa als paradigmes espaciotemporals (fsica quntica,
relativitat). Daqu labverbi encara?, amb un interrogant, que acompanya
el ttol i que pretn posar laccent en la vigncia o no del concepte dhistria; per tamb sobre la complexitat del de literatura i sobre el lligam entre
tots dos. Si lespai i el temps han deixat destar regits recprocament per una
perspectiva homognia i unitria (la visi lineal duna fletxa que apunta cap
al futur i la geografia occidental), vet aqu que aleshores podem preguntarnos, per exemple, si la teoria de la reversibilitat del temps pot tenir un lloc
en les futures narracions de la literatura. Amb aquesta teoria sexplicaria,
entre altres coses, aquella paradoxa que tant agradava a Borges i que podem
resumir amb la frase Luciano de Samsata, lector de Leopardi, en el sentit
que, sense Leopardi, ning no hauria considerat lhellnic un antecedent de
la literatura moderna. La caixa espaciotemporal en la qual es trobava inserit
De Sanctis representava la seva histria, la qual, en el seu dibuix elegant fet de
narraci i descripcions clares dels principals protagonistes daquesta histria,
era tamb la gbia de la Veritat, don eren excloses moltes altres veritats,
moltes altres veus i molts altres espais, com no podia ser altrament, tractant-se
dun historiador hegeli que veia la histria nacional com una manifestaci de
lesperit de la naci en el seu desenvolupament en forma dalts i baixos, i que,
en aquest sentit, recollia les lnies essencials de la historiografia del Risorgimento
(Balbo, Gioberti) i democrtica (Sismondi, Quinet, Mazzini) conceptes
en els quals sentreteixia la idea duna temporalitat progressiva amb la idea
biolgica dun organisme viu (que per a De Sanctis coincidia amb la forma).
Cal dir, per, que De Sanctis era conscient de les limitacions del seu dibuix
histric. Noms cal llegir la ressenya de les Lezioni di letteratura italiana de
Luigi Settembrini en qu es pregunta: Quan ser possible una histria de la

6 Quaderns dItali 16, 2011

Presentaci

literatura?, perqu una histria de la literatura pressuposa una storia esatta


della vita nazionale, pensieri, opinioni, passioni, costumi, caratteri, tendenze;
una storia della lingua e delle forme; una storia della critica, e lavori parziali
sulle diverse epoche e su diversi scrittori. E che ci di tutto questo? Nulla,
o, se v alcuna cosa importante, per nostra vergogna lavoro straniero. De
Sanctis s un anticipador de frmules que ms tard saplicaran a tantes histries
de la literatura italiana, tot seguint, per, una frmula ms dionisottiana que
no pas desanctisiana.
Lhistoricisme va entrar en crisi ja fa molt de temps pel concepte mateix de
temporalitat i despacialitat tancada, homognia, monolinge, tant si sadiu,
com sovint ho ha fet i encara ho fa, als documents, com si persegueix la singularitat dels documents (com fa la histria anomenada esttica). Per tamb
shan deixat de banda altres models: Stilgeschichte, sociologia de la literatura,
la histria-biografia, la teoria de la recepci aplicada a la histria de la literatura, etc. Tanmateix, encara no sha arribat a formular una nova histria o narraci de la literatura que reculli no sols els nous paradigmes espaciotemporals
esmentats sin tamb lescepticisme i leclecticisme postmoderns. Tamb en
aquest cas es podria dir que mor el vell mn, per que el nou triga a aparixer.
Hem convidat sis experts en lmbit de la histria de la literatura a fer un
balan del pes de De Sanctis en la definici de la historiografia literria moderna. Roberto Antonelli, redactor de la Storia della letteratura italiana (Einaudi)
i autor recent, juntament amb Maria Serena Sapegno, duna histria de la
literatura italiana per a lensenyament superior i universitari (La Nuova Italia);
Umberto Carpi, la passi histrica del qual s present en tots els seus escrits,
des de Montale dopo il fascismo (1971) fins a La nobilt di Dante (2004). Remo
Ceserani, autor del mtic Il materiale e limmaginario, coordinat conjuntament
amb Lidia de Federicis, de la Guida allo studio della letteratura i de Raccontare
la letteratura (1990); Gabriella Gavagnin, estudiosa de la recepci catalana de
la literatura italiana, a la qual ha dedicat la monografia Classicisme i Renaixement: una idea dItlia durant el Noucentisme (2005); Mara de las Nieves
Muiz Muiz, autora de la traducci al castell de la histria de Giuseppe
Petronio i collaboradora de la histria de la literatura dirigida per Enrico
Malato; i Maria Serena Sapegno, per la seva collaboraci a la Letteratura italiana dEinaudi, entre daltres, amb articles sobre la historiografia literria italiana
del segle xviii (Tiraboschi, etc.) i la seva participaci en estudis de gnere.

Quaderns dItali 16, 2011 7-8

Premessa

Dedichiamo il dossier monografico del presente numero ad una riflessione


sulla Storia della letteratura italiana di Francesco De Sanctis pubblicata negli
anni 1870-1871, non solo come anticipazione del futuro secondo centenario della nascita di questo importantissimo intellettuale, ma anche perch
ci ci permette di affrontare la questione della storia della letteratura con
la distanza epistemologica di due secoli densi di cambiamenti per quanto
concerne i paradigmi spazio-temporali (fisica quantica, relativit..). Lavverbio ancora?, con il punto interrogativo che accompagna il titolo, intende
sottolineare la validit o meno del concetto di storia e sottolineare anche la
complessit del termine letteratura e del legame di entrambi. Se lo spazio ed
il tempo hanno cessato di essere governati reciprocamente da una prospettiva
omogenea ed unitaria (la visione lineare di una freccia scagliata verso il futuro e verso la geografia occidentale), ecco che allora potremmo chiederci, ad
esempio, se la teoria della reversibilit del tempo pu entrare nelle future
narrazioni della letteratura. Con questa teoria si spiegherebbe, tra le altre cose,
il paradosso che tanto piaceva a Borges e che possiamo riassumere nella frase
Luciano di Samosata lettore di Leopardi: nel senso che, senza Leopardi,
nessuno avrebbe potuto considerare il greco lantesignano della letteratura
moderna. Il contenitore spazio-tempo nel quale si trovava inserito De Sanctis
rappresentava la sua Storia, che, nel proprio elegante disegno costituito da
narrazioni e da chiare descrizioni dei protagonisti principali di questa storia,
era pure la gabbia della Verit, da cui erano escluse altre verit, altre voci
ed altri spazi, inevitabilmente, va detto, trattandosi di uno storico hegeliano
che vedeva la storia nazionale come una manifestazione dello spirito della
Nazione nel suo svolgersi in un ciclo di alti e bassi, e pertanto che raccoglieva
le linee essenziali della storiografia risorgimentale (Balbo, Gioberti) e democratica (Sismondi, Quinet, Mazzini), linee concettuali, bene dire, in cui lidea
di una temporalit progressiva si intreccia con lidea biologica di organismo
vivente (che per De Sanctis era costituito dalla forma). Occorre dire, comunque, che De Sanctis era cosciente dei limiti del suo disegno storicistico. Basta
leggere la recensione alle Lezioni di letteratura italiana di Luigi Settembrini

8 Quaderns dItali 16, 2011

Premessa

nella quale si chiede Quando sar possibile una storia della letteratura, giacch tale operazione implica una storia esatta della vita nazionale, pensieri,
opinioni, passioni, costumi, caratteri, tendenze; una storia della lingua e delle
forme; una storia della critica, e lavori parziali sulle diverse epoche e su diversi
scrittori. E che ci di tutto questo? Nulla, o, se v alcuna cosa importante,
per nostra vergogna lavoro straniero. De Sanctis un anticipatore di formule
che successivamente si sarebbero utilizzate in diverse storie della letteratura
italiana, seguendo comunque, una formula pi dionisottiana che desantisiana.
Lo storicismo entrato in crisi gi da diverso tempo proprio per il concetto
di temporalit e di spazialit chiusa, omogenea, monolingue, sia che si adegui,
come ha fatto spesso e fa tuttora, ai documenti, sia che ricerchi la singolarit
dei documenti (come fa la cosiddetta storia estetica). Del resto sono stati
messi da parte anche molti altri modelli: lo Stilgeschichte, la sociologia della
letteratura, la storia-biografia, la teoria della ricezione applicata alla storia
della letteratura, ecc. Per non si ancora arrivati alla formulazione di una
nuova storia o di una nuova narrazione della letteratura che assuma non soltanto i nuovi paradigmi stazio-temporali gi menzionati, ma anche lo scetticismo e leclettismo postmoderno. Anche in questo caso si potrebbe affermare
che scompare il vecchio mondo senza che sia ancora apparso il nuovo.
Abbiamo invitato sei esperti nellambito della storia della letteratura a tracciare un bilancio dellimportanza di De Sanctis allinterno della storiografia
letteraria moderna. Roberto Antonelli, collaboratore della Storia della letteratura italiana Einaudi ed autore insieme a Maria Serena Sapegno di una
recente storia della letteratura italiana per la scuola superiore e per luniversit
(La Nuova Italia); Umberto Carpi, la cui passione storicista presente in ogni
suo scritto, da Montale dopo il fascismo (1971) a La nobilt di Dante (2004).
Remo Ceserani, autore dellormai mitico Il materiale e limmaginario, coordinato con Lidia de Federicis, della Guida allo studio della letteratura (1990) e di
Raccontare la letteratura (1990); Gabriella Gavagnin, studiosa della ricezione
della letteratura italiana in Catalogna a cui ha dedicato la monografia Classicisme i Renaixement: una idea dItlia durant el Noucentisme (2005); Mara de
las Nieves Muiz Muiz, autrice della traduzione al castigliano della storia di
Giuseppe Petronio e collaboratrice di quella diretta da Enrico Malato; e Maria
Serena Sapegno, collaboratrice della Letteratura Einaudi ed autrice, tra le altre
cose, di articoli sulla storiografia italiana del diciottesimo secolo (Tiraboschi,
ecc.) e di studi di genere.

Quaderns dItali 16, 2011 11-19

La Storia della letteratura italiana come romanzo


Remo Ceserani
Universit di Bologna
remo.ceserani@unibo.it

Abstract
La Storia della letteratura italiana di Francesco De Sanctis viene letta in questa relazione
come un romanzo, forse il romanzo di maggior successo dellOttocento italiano, dopo
I promessi sposi di Alessandro Manzoni. Nellinterpretazione di Ceserani la struttura del
libro basata su tre tipi molto popolari di narrazione praticati in quel secolo: 1) il romanzo
storico, in cui realt e invenzione sono mescolate e scene di movimento di grandi masse si
alternano con scene in cui singoli grandi eroi (Dante, Machiavelli) sono celebrati e rappresentati nella loro monumentalit: 2) il romanzo di educazione o Bildungsroman, nel quale
tuttavia il protagonista non un singolo personaggio, che costruisce la sua individualit
dalla giovinezza alla maturit, ma , invece, un intero popolo, che passa attraverso fasi successive: una fase creativa e spontanea nel Trecento, una fase di decadenza nel Cinquecento
e Seicento, una nuova partenza e un vero rinascimento nellet moderna; 3) il dramma
borghese e lopera in musica, con il loro gusto per i contrasti dialettici e i forti conflitti.
Parole chiave: Storia; Letteratura; Romanzo; Bildungsroman; Dramma.
Abstract
Francesco De Sanctis History of Italian Literature is read in this paper as a novel, probably the most successful novel of the Italian Nineteenth-Century after The betrothed by
Alessandro Manzoni. According to Ceseranis interpretation, the structure of the book is
based on three popular types of narrations written in that century: 1) the historical novel
(or romance), in which reality and invention are combined and scenes of large masses
alternate with scenes in which single great heroes (Dante, Machiavelli) are celebrated and
represented in their monumentality; 2) the novel of education or Bildungsroman, but in
this case the protagonist is not a single character, who constructs his individuality from
youth to maturity; instead it is an entire people, who passes through different stages: a very
creative and genuine one in the Trecento, an age of decadence during the Cinquecento and
Seicento, a new start and a true renaissance in the modern times; 3) the bourgeois drama
and the opera, with their penchant for dialectical contrasts and sharp conflicts.
Keywords: History; Literature; Novel; Bildungsroman; Drama.

12 Quaderns dItali 16, 2011

Remo Ceserani

Mi capitato pi volte di scrivere1 che la Storia della letteratura italiana (187071) di Francesco De Sanctis forse, dopo i Promessi sposi, il pi bel romanzo
italiano dellOttocento. Provo qui ad approfondire questa idea.
Richiamo anzitutto i generi letterari, tutti di forte presenza nella letteratura dellOttocento, a cui il libro di De Sanctis si ispira. Essi sono il romanzo
storico, il romanzo di formazione e il dramma borghese.
1. La Storia della letteratura italiana come romanzo storico
Fra le caratteristiche tipiche del romanzo storico la Storia della letteratura
italiana ha preso, anzitutto, quello che ne forma la struttura narrativa pi
ampia e cio lalternanza di scene-affresco di massa con scene in cui su tutto
spicca e si staglia leroe-individuo. Si possono prendere, come esempi di questa particolare struttura, i modi in cui sono rappresentati Dante e Savonarola.
Ecco il primo, in un ritratto che arieggia i personaggi della pittura romantica
e anche dellopera in musica ottocentesca:
Dante accigliato, brusco, tutto di un pezzo, com ne suoi ritratti, ha troppa
bile e collera, e non buono n alla caricatura, n allironia. Ma dalla sua
fantasia dartista uscita una di quelle creazioni, che sono le grandi scoperte
nella storia dellarte, un mondo nuovo: il nero cherubino, che strappa a San
Francesco lanima di Guido da Montefeltro, il padre di Mefistofele.2

Accanto a Dante, altre figure in forte rilievo scultoreo: Brunetto, Pier delle
Vigne, Francesca:
Queste grandi figure, l sul loro piedistallo rigide ed epiche come statue, attendono lartista che le prenda per mano e le gitti nel tumulto della vita e le faccia
esseri drammatici. E lartista non fu un italiano: fu Shakespeare. (SLI, p. 275)

Il collegamento fra i due grandi artisti del canone romantico, Dante e


Shakespeare, introduce qui un forte nesso (i formalisti russi avrebbero parlato
di elementi tematici legati), facendo risaltare la trama narrativa del libro.
Non diversamente avviene quando sulla pagina prende posto Savonarola,
anche lui con spicco scultoreo e drammatico, anche lui presentato come un
elemento fondamentale della trama narrativa che lega fra loro le epoche storiche:
[Savonarola] parve lombra scura e vindice del medio evo, che riapparisse
dimprovviso nel mondo tra frati e plebe e gitta nel rogo Petrarca, Boccaccio,
Pulci, Poliziano, Lorenzo e gli altri peccatori, e rovescia il carro di Bacco e

1. Per esempio Remo Ceserani, Raccontare la letteratura, Torino: Bollati Boringhieri, 1990,
p. 19-23.
2. Francesco De Sanctis, Storia della letteratura italiana, a cura di Grazia Melli Fioravanti,
introduzione di Ren Wellek, Milano, Rizzoli BUR, 1983, p. 269. Dora in avanti indicata
nel testo con la sigla SLI e il numero delle pagine.

La Storia della letteratura italiana come romanzo

Quaderns dItali 16, 2011 13

Arianna, e ritta sul carro della Morte tende la mano minacciosa e con voce
nunzia di sciagure grida agli uomini: Penitenza! penitenza! (SLI, p. 473)

A Savonarola si contrappone, nellimmaginaria scena drammatica, e con


altrettanto spiccati tratti somatici e di carattere, e in posizione chiave nellimpianto registico, il Segretario fiorentino:
Niccol Machiavelli, ne suoi tratti apparenti, una fisionomia essenzialmente
fiorentina ed ha molta somiglianza con Lorenzo deMedici. Era un piacevolone, che si spassava ben volentieri tra le confraternite e le liete brigate [...]
Ma caduti i Medici, ristaurata la repubblica e nominato segretario, ebbe parte
principalissima nelle pubbliche faccende. [...] In quegli uffici e in quelle lotte
si rafferm la sua tempra e si form il suo spirito. (SLI, p. 590)

Purtroppo quello spirito, per divenire carattere nazionale ed esempio di


riscatto, dovette cedere la scena ad altri personaggi: Giovanni Boccaccio, Ludovico Ariosto, Pietro Aretino, protagonisti (con tratti fra il comico e il disincantato) di un mondo in cui non alcuna seriet, non patria, non famiglia. Ecco
Aretino, ritratto, come Ariosto, da Tiziano, trasformato da De Sanctis in
maschera teatrale:
Ebbe da natura grandi appetiti e forze proporzionate. Vedi il suo ritratto,
fatto da Tiziano. Figura di lupo che cerca la preda. Lincisore gli form la
cornice di pelle e zampe di lupo; e la testa del lupo assai simile di struttura sta
sopra alla testa delluomo. Occhi scintillanti, narici aperte, denti in evidenza
per il labbro inferiore abbassato, grossissima la parte posteriore del capo, sede
degli appetiti sensuali, verso la quale pare che si gitti la testa, calva nella parte
anteriore. (SLI, p. 654)

Come esempio di scene-affresco si pu leggere la pagina in cui De Sanctis,


riscrivendo un celebre passo di Dino Compagni, descrive la folla dei pellegrini
cristiani accorsi a Roma per il Giubileo del 1300: la pagina costruita con la
stessa tecnica narrativa di alcune famose scene corali o di massa di Michelet (o
di Balzac o Zola, o Verdi), mescolando gli elementi tratti dalla cronaca e dalle
fonti storiche con elementi immaginari e di fantasia:
Tutta la cristianit concorse a Roma, dogni et, dogni sesso, di ogni ordine e
condizione, per ottenere il perdono de peccati e guadagnarsi la salute eterna.
Tutti animava lo stesso concetto espresso cos variamente in tante prose e
poesie, la maledizione del mondo e della carne, la vanit de beni e delle cure
terrestri e la vita cercata al di l della vita. Il nuovo secolo cominciava, consacrando in modo tanto solenne il pensiero comune nella variet della coltura.
I preti e i frati soprastavano nella riverenza pubblica, non solo pel carattere
religioso, ma per la dottrina, tenuta loro privilegio, tanto che il Villani loda
di scienza Dante, aggiungendo: bench laico, e i dotti uomini, bench laici,
erano detti chierici. Tutta la societ italiana, raccolta col dallo stesso fine,
rendeva una viva immagine di quel pensiero comune e di quella varia cultura.
Vedevi i contemplanti, i romiti, i solitari del deserto e della cella col corpo
macero da digiuni, da cilizi e dalle vigilie, ritratti viventi de misteri e delle

14 Quaderns dItali 16, 2011

Remo Ceserani

leggende. Cerano gli umili di spirito, animati da schietto sentimento religioso


e che tenevano la scienza come cosa profana, e ci erano i dotti, i predicatori e
i confessori, il cui testo era la Bibbia e i santi Padri. Vedevi gli scolastici e gli
eruditi, teologi e filosofi, che univano in una comune ammirazione i classici e i
santi Padri, disputatori sottili di tutte le cose e anche delle cose di fede, parlanti
un latino duso e di scuola, vibrato, rapido, vivace, dove sentivi il volgare destinato a succedergli, amici della filosofia con quello stesso ardore di fede che gli
altri si professavano servi del Signore, ma di una filosofia non ripugnante alla
fede, anzi sostegno, illustrazione e ragione di quella, confortata da sillogismi e
da sentenze e da citazioni, dove trovi spesso Tullio accanto a san Paolo. Alteri
della loro scienza e del loro latino, spregiatori del volgare, da costoro uscivano
que trattati, que comenti, quelle somme, quelle storie, che empivano di
maraviglia il mondo. Accanto a questi veggenti della fede e della filosofia, a
questa vita dello spirito, trovi la vita attiva e temporale, affratellati dallo stesso
pensiero i signori e i tirannetti feudali e i priori e gli anziani delle repubbliche,
il cavaliere de romanzi e il mercatante delle cronache. L appi del Coliseo,
un ardito negoziante, Giovanni Villani, pens che la sua Fiorenza, figliuola di
Roma, era non meno degna di avere una storia, e la scrisse. Fra tanto splendore
e potenza del chiericato, lo spregiato laico cominciava a levare la testa e pensava
allantica Roma e a Firenze, figliuola di Roma. L molte amicizie si strinsero,
molte paci si fecero, come avviene in certi grandi momenti della storia umana;
sparirono guelfi e ghibellini, ottimati e popolari, baroni e vassalli, stretti tutti
ad una sola bandiera: uno Dio, uno papa, uno imperatore. L il papato ebbe
lultimo suo gran giorno, lultimo sogno di monarchia universale, rotto per
sempre dallo schiaffo di Anagni. (SLI, p. 174-175)

Senti, in questa pagina, che lautore vuol costruire, o ricostruire, proiettandolo nei secoli futuri, lo spirito (il Geist) della nazione e, con mossa tipicamente risorgimentale, si sforza di ritrovarne (o inventarne) le radici nella lontana
civilt comunale, religiosa e laica a un tempo, officiata da Mazzini e Gioberti.
I concetti dominanti sono quelli che gli storici del Risorgimento a noi contemporanei hanno analizzato con grande cura: di nazione, di patria, di popolo.3
Le nazioni hanno, secondo De Sanctis, una missione e una vita:
Come gli individui hanno la loro missione in terra, cos anche le nazioni. Glindividui senza patria, senza virt, senza gloria sono atomi perduti,
numerus fruges consumare nati. E parimenti ci sono nazioni oziose e vuote,
che non lasciano alcun vestigio di s nel mondo. [...] Ci che rende grandi le
nazioni la virt o la tempra, gagliardia intellettuale e corporale, che forma
il carattere o la forza morale. Ma come glindividui, cos le nazioni hanno la
loro vecchiezza, quando le idee che le hanno costituite sindeboliscono nella
coscienza e la tempra si fiacca. E lindirizzo del mondo fugge loro dalle mani
e passa ad altre nazioni. (SLI, p. 603)

3. Per esempio: Silvio Lanaro, Patria: circumnavigazione di unidea controversa, Venezia: Marsilio, 1996; Alberto Maria Banti, La nazione nel risorgimento: parentela, santit e onore alle
origini dellItalia unita, Torino: Einaudi, 2006.

La Storia della letteratura italiana come romanzo

Quaderns dItali 16, 2011 15

La patria anche pi importante: essa va servita con passione e per essa si


deve esser disposti a morire. Cos, purtroppo, in Italia non sempre stato. Qual
, per esempio, lattaccamento alla patria di Giovanni Boccaccio?
Spento in lui il cristiano, e anche il cittadino. Non gli mai venuto in mente
che servire la patria e dare a lei lingegno e le sostanze e la vita un dovere cos
stretto, come il provvedere al proprio sostentamento. Dietro al cittadino
comincia a comparire il buon borghese, che ama la sua patria, ma a patto non
gli dia molto fastidio, e lo lasci attendere alla sua industria, e non lo tiri per
forza di casa o di bottega. (SLI, p. 363)

Sembra fare eccezione, staccandosi anche in questo, almeno in parte,


Machiavelli:
Machiavelli, per la sua coltura letteraria, per la vita licenziosa, per lo spirito
beffardo e motteggevole e comico, si lega al Boccaccio, a Lorenzo e a tutta la
nuova letteratura. Non crede a nessuna religione, e perci le accetta tutte, e
magnificando la morale in astratto vi passa sopra nella pratica della vita. Ma
ha lanimo fortemente temprato e rinvigorito negli uffici e nelle lotte politiche,
aguzzato negli ozii ingrati e solitari. E la sua coscienza non vuota. Ci l
dentro la libert e lindipendenza della patria. (SLI, p. 593)

Nella ricerca del genio nazionale (specifico e distinto da quello degli


stranieri) e di un sentimento politico elevato e nazionale, non resta che
ritornare allet comunale e mettere di nuovo, su un piedistallo, Dante Alighieri, il vero italiano. Con non poca forzatura storica Dante, che era anzitutto
fiorentino e sostenitore del potere sovranazionale dellimpero, diviene poeta
risorgimentale:
A Dante non fa bisogno di rettorica. Si sente italiano e ne ha tutte le passioni,
e ne senti il fremito e il tumulto nella sua poesia. (SLI, p. 339)

2. La Storia della letteratura italiana come romanzo di formazione


Fra le caratteristiche tipiche del romanzo di formazione De Sanctis ha fatto
uso, anzitutto, del tema principale: quello che ricostruisce la crescita graduale,
attraverso errori, correzioni e una progressiva presa di coscienza di s, di un
protagonista: in questo caso non un singolo individuo ma un intero popolo,
o meglio la coscienza del popolo italiano. Altre caratteristiche del genere a
cui si riallacciato sono: un impianto narrativo teleologico, verso la piena
realizzazione del progetto di educazione o formazione; un forte contenuto
etico-morale; una costante applicazione della metafora biologica della nascita,
crescita e maturazione.
Di particolare interesse sono alcuni elementi della tessitura narrativa e
dellimpianto linguistico del testo, che gli danno unimpronta chiaramente
romanzesca, come il ricorso frequentissimo a nessi e legami narrativi che scandiscono levoluzione temporale della vita dei protagonisti. Sono comunissimi

16 Quaderns dItali 16, 2011

Remo Ceserani

gli elementi di raccordo temporale del tipo non ancora... ancora... non pi...
gi... ecco. Ci sono poi parole e termini che vengono ripetuti e ribaditi con
frequenza e rappresentano limpianto concettuale della storia, segnandone il
percorso attraverso lo schema storico dalla situazione originaria di freschezza
civile, fervore vitale e severo impegno etico alla decadenza morale (accompagnata da un amore per la forma e la bellezza) alla rigenerazione, alla risurrezione, al rinnovamento, al risorgimento. A dare forza e plasticit a questo percorso provvedono molte metafore biologiche e naturalistiche, quali
quelle del nascere, del prender carne, del vivere, dellessere ancora in
culla e poi del venire a maturit, della sonnolenza, del risveglio.
Ne do alcuni esempi:
[Nella poesia cortigiana] hai tutti difetti della decadenza, un seicentismo che
infetta larte ancora in culla. (SLI, p. 71)
[Nelle Vite del Cavalca] il concetto del secolo, uscito dalle astrattezze teologiche
e scolastiche, prende carne, acquista una esistenza morale e materiale. (SLI,
p. 177)
[La Divina commedia] una di quelle costruzioni gigantesche e primitive, vere
enciclopedie, bibbie nazionali, non questo o quel genere, ma il tutto, che contiene nel suo grembo ancora involute tutta la materia e tutte le forme poetiche,
il germe di ogni sviluppo ulteriore. (SLI, p. 243)
[Nel Canzoniere di Petrarca] molti generi di letteratura ancora iniziali e abbozzati gi nella Commedia [vennero] a maturit. (SLI, p. 354)
[Abbandonati il gusto della lotta e messa a tacere la coscienza, nellItalia del
Seicento prevalse una generale sonnolenza e] il primo fenomeno di questa sonnolenza italiana fu il meccanismo, una stagnazione nelle idee, uno studio di
fissare e immobilizzare le forme. Si arrest ogni movimento filosofico e speculativo. (SLI, p. 678)

E potrei continuare a lungo con questa esemplificazione.


3. La Storia della letteratura come dramma borghese
Dal dramma borghese (e dal melodramma) derivano alcuni altri esempi, come
per esempio il forte spicco che ricevono alcuni personaggi-protagonisti: Jacopone, Cavalcanti, Dante, Beatrice, Caterina da Siena, Petrarca, Boccaccio,
Machiavelli, Ariosto, Folengo, Aretino, Sarpi, Tasso, Vico, Alfieri). Inoltre il
gusto delle contrapposizioni dialettiche molto nette e potenzialmente drammatiche: Ciacco DellAnguillara e Ciullo dAlcamo, Dante e Guido Cavalcanti, Dante e Petrarca, Dante e Ariosto, Dante e Vico, Boccaccio e Molire,
Boccaccio e Voltaire, Machiavelli e Guicciardini, Galilei e Goldoni, Goldoni
e Gozzi, ecc.
Infine la gustosa mescolanza di elementi drammatici e di elementi comici,
per cui succede che Ludovico Ariosto, complici le Satire, di cui De Sanctis non

La Storia della letteratura italiana come romanzo

Quaderns dItali 16, 2011 17

avverte la dimensione letteraria e oraziana, diventa un personaggio da romanzo e viene messo in compagnia con Sancio Panza e Don Abbondio:
Il poveruomo era un personaggio idillico, non aveva ambizioni, non curava
grandezze, n onori: gli sapeva meglio una rapa in casa sua che tordo e starna
allaltrui mensa [...]. Ma non lasciato vivere, e ha tra piedi il cardinale, e ne
sente una stizza che sfoga con questo e con quello. Qualche rara volta la stizza
si alza a indignazione e gli strappa nobili accenti [...]. Ma sono scarse faville.
Non cos rimesso danimo o cupido donori, che imiti i cortigiani e sacrifichi
la sua comodit per far a gusto del cardinale; e non cos altero che rompa la
catena una buona volta, e lo mandi con Dio. Scrive borbottando e sfogando il
mal umore, con una sua propria fisionomia nella scala de Sancio Panza e de
don Abbondio. (SLI, p. 536-537)

Lavvio alla vita e alla carriera di molti personaggi simile a quello di tanti
protagonisti di romanzi borghesi:
[Ludovico Ariosto nel 1498] proprio lanno che il Machiavelli era eletto segretario del comune fiorentino [...] aveva allora ventisei anni. Cinque ne aveva
sciupati intorno alle leggi; finch, avuta dal padre licenza, si mise con ardore
allo studio delle lettere, e tutto pieno il capo di Virgilio, Orazio, Petrarca,
Plauto, Terenzio, cominci a far versi latini e italiani, come tutti facevano.
(SLI, p. 526-527)
Carlo Goldoni era, come Metastasio, artista nato. Di tutti e due se ne volea
fare degli avvocati. Anzi Goldoni fece lavvocato con qualche successo. Ma
alla prima occasione correva appresso agli attori, insino a che il natural genio
vinse. (SLI, p. 908)
[Giuseppe Parini]. Venuto dal contado in Milano, cominci i soliti studii
classici sotto i barnabiti, e il padre Branda fu suo maestro di rettorica. Il babbo
volle farne un prete per nobilitare il casato; ma sul pi bello fu costretto per le
strettezze domestiche a troncare i suoi studii e a ingegnarsi per trarre innanzi
la vita. (SLI, p. 922)

La metafora teatrale molto frequente:


Il mondo [di Boccaccio] il teatro de fatti umani abbandonati al libero arbitrio e guidati ne loro effetti dal caso. (SLI, p. 393)

Cos come frequente lallusione al mascheramento e ai costumi degli


attori:
[Lorenzo de Medici] era il pi fiorentino fra fiorentini, non della vecchia
stampa, sintende. Cristiano e platonico in astratto e a scuola, in realt epicureo
e indifferente, sotto abito signorile popolano e mercante. (SLI, p. 444)

Frequenti sono le espressioni che chiamano in scena il lettore e gli suggeriscono come porsi di fronte ai vari personaggi: questo ha laria di..., di
questaltro senti in lui uno o altro atteggiamento psicologico. Un tratto carat-

18 Quaderns dItali 16, 2011

Remo Ceserani

teristico, che ha una forte intonazione drammatica e scultorea, lo si ha nelluso


del verbo gittare, che gi abbiamo incontrato nella descrizione del personaggio di Savonarola. Eccone un altro esempio, a proposito del personaggio dantesco di Vanni Fucci:
Ma lumano non muore mai in tutto. Luomo diviene bestia4, ma la bestia
torna uomo. E con senso profondo Dante anche sulla faccia sfrontata di Vanni
Fucci scoperto ladro gitta il rossore della vergogna. (SLI, p. 268)

4. Strategie narrative
Basta confrontare la Storia della letteratura italiana con altre due forme praticate da De Sanctis, e cio la lezione universitaria e il saggio destinato alla
pubblicazione in rivista, per cogliere la forte specificit narrativa della Storia.
Fra gli elementi che danno forza e compattezza narrativa a questo testo si
possono annoverare: a) la rappresentazione della testualit letteraria come spazio, come mondo che il narratore visita, invitando il lettore a visitarlo a sua
volta; b) la tendenza alla personificazione della societ nazionale, lItalia, fornita di una coscienza e di uno spirito, trasformata in personaggio e anche alla
personificazione delle epoche storiche. La tradizione letteraria italiana, attraverso una fitta rete di collegamenti interni, rappresentata come un tutto continuo,
con propri caratteri molto spiccati, allinterno della tradizione europea.
Quello della costruzione di uno spazio letterario italiano mi sembra una
soluzione molto originale. Il narratore assume il tono della guida, del maestro,
che porta con s gli allievi e i lettori a visitare quello, come fosse un museo.
Usa il noi del plurale. Non un narratore onnisciente, ma certo un narratore che ha le sue buone e ampie conoscenze, ha davanti i suoi testi e senza farsene sopraffare li comunica, con svelta eleganza, agli ascoltatori e lettori:
Cincontriamo dapprima nella letteratura claustrale, ascetica, mistica, religiosa
[...] Senti che quegli uomini prendono viva partecipazione a quello che scrivono, e vivono l dentro, e ci lasciano limpronta del loro carattere e della loro
fisionomia intellettuale e morale. Usciamo dalle astrattezze... (SLI, p. 176)
Entriamo in questo mondo [quello di Dante] e guardiamolo in s stesso e
interroghiamolo... (SLI, p. 239)
[In Petrarca troviamo] un doppio mondo [...] un mondo che se ne va e un
mondo che se ne viene. (SLI, p. 348)
Mettiamo ora il pi in questo mondo del Boccaccio. Che vi troviamo? (SLI,
p. 364)
Inchiniamoci innanzi a Giordano Bruno. (SLI, p. 766)
4. Questa espressione riechegger nel titolo di un famoso romanzo di mile Zola: La bte
humaine (1890).

La Storia della letteratura italiana come romanzo

Quaderns dItali 16, 2011 19

La tendenza alle personificazioni la si incontra a ogni passo. Prima a essere


personificata lItalia, come nelle immagini e nei monumenti del Risorgimento: la nazione con la sua storia, il suo passato, la sua vita, il suo spirito che si
incarna in tanti suoi figli:
In questa risurrezione dellantica Italia naturale che la lingua latina fosse
stimata non solo lingua de dotti, ma lingua nazionale, e che la storia di Roma
dovesse sembrare aglItaliani la loro propria storia. (SLI, p. 328)
LAriosto, il Machiavelli, lAretino sono le tre forme dello spirito italiano a
quel tempo. (SLI, p. 672)
[Il Cinquecento:] quello era il tempo che lItalia non solo non riusciva a fondare la patria, ma perdeva affatto la sua indipendenza, la sua libert, il suo
primato nella storia del mondo. Di questa catastrofe non ci era una coscienza
nazionale, anzi ci era una certa soddisfazione. (SLI, p. 673)

Personificate sono le epoche storiche:


Il concetto del secolo [il Trecento], uscito dalle astrattezze teologiche

e scolastiche, prende carne, acquista una esistenza morale e materiale. (SLI, p. 177)
[Boccaccio] volge le spalle al medio evo e inizia la letteratura moderna. (SLI,
p. 379)
Intanto il secolo [il Settecento] camminava con passo sempre pi celere. (SLI,
p. 855)

Personificati sono i singoli testi, elevati a canone, divenuti monumento.


Tali sono la Divina Commedia, il Principe, la Scienza nuova:
[La Scienza nuova di Vico] la Divina commedia della scienza, la vasta sintesi,
che riassume il passato e apre lavvenire. (SLI, p. 850)

E cos si stabilisce un ultimo grande nesso narrativo, un ulteriore elemento


legato della trama.

Quaderns dItali 16, 2011 21-30

Dal catalogo alla narrazione identitaria


Maria Serena Sapegno
Universit di Roma La Sapienza
mariaserena.sapegno@uniroma1.it

Abstract
Il saggio delinea le caratteristiche principali dei diversi modelli di narrazione storico-letteraria (Crescimbeni, Tiraboschi, Foscolo) che si succedono in Italia nel secolo diciottesimo e
costituiscono il retroterra politico-culturale delle scelte che presiederanno alla composizione
della Storia desanctisiana.
Parole chiave: narrazione; storia; identit nazionale; primato.
Abstract
The essay outlines the main characteristics of the different models of literary-historical
narration (Crescimbeni, Tiraboschi, Foscolo) which followed one another in Italy in the
18th century and set up the political-cultural background that stands out in the composition of De Sanctiss Storia.
Keywords: narration; Storia; national identity; primacy.

certamente nel Settecento, il secolo delle rivoluzioni, che vanno rintracciate


le origini di molti tra i nuclei fondanti della modernit europea, e perfino della
post-modernit, tra gli altri naturalmente anche linveterata abitudine al medesimo uso del secolo come categoria periodizzante.
In particolare mi interessa qui osservare come il Settecento sia il secolo nel
quale lo strumento della narrazione va assumendo una importanza crescente e
per certi versi nuova. Sia che si tratti di usarla nella costruzione di identit del
nuovo individuo pubblico nelle numerose scritture autobiografiche di uomini
illustri, sia che si voglia rappresentare attraverso invece la finzione, spesso pseudo-autobiografica, la vita e le avventure dei nuovi eroi, investiti del ruolo pionieristico di fondatori della societ moderna, o ancora che si voglia affidare alla
narrazione il compito di comunicare con particolare efficacia una nuova concezione filosofica. Si tratta in ogni caso di Istorie, una forma di racconto che si

22 Quaderns dItali 16, 2011

Maria Serena Sapegno

allontana sempre di pi dal mito di tradizione antica e anche dalla narrazione


fantastica legata al romance, per farsi invece chiave di lettura ed intervento sul
presente, strumento di elaborazione e costruzione della memoria, individuale
e collettiva. A guardar bene un approccio non diverso da quello utilizzato
nello stesso lasso di tempo allo scopo di costruire e rappresentare laltra identit che va prendendo allora forma, quella delle nascenti nazioni.
Infatti nei diversi paesi europei, accanto allingrossarsi del vivace moto
riformatore che investe tanti aspetti della societ, ferve anche durante il secolo unattivit di costruzione del passato. Lo scopo di tale attivit, nuova
soprattutto per ampiezza di scala e ambizione di prospettive, quello di contribuire al soddisfacimento di un bisogno crescente di identificazione che sembra essere una delle forme in cui si esprimono la strisciante crisi delle societ
di ancien rgime e laffermarsi di nuovi protagonisti, nonch laffacciarsi di
profondi conflitti che tendono a disgregare dallinterno la societ. In questa
prospettiva, lattivit erudita di accumulo di documenti di vario genere vista
da molti come base necessaria di qualsiasi esercizio culturale e di grande utilit per la definizione di unidentit nel presente, attraverso la proiezione delle
sue radici in una memoria comune e condivisa.
Se tale mi sembra il quadro di riferimento generale in cui leggere anche le
vicende italiane, certo innegabile che il caso italiano presenti delle atipicit
marcate, che la modernit giunge non a smussare ma semmai a sottolineare.
Il secolo che nasce deve infatti subito registrare in Italia lavvenuta pubblicazione (Roma 1698), seguita da diverse ristampe ed ampliamenti, di una Istoria
della volgar poesia, ad opera dellabate Giovan Maria Crescimbeni, primo
Custode dellAccademia dellArcadia. La stessa messa a fuoco delloggetto poesia volgare non , a quella altezza cronologica e in quellambiente culturale n
scontata n banale. Va infatti osservato che tale focalizzazione corrisponde da
un lato ad una certa idea di modernit e dallaltro ad uninterpretazione
dellAccademia in chiave nazionale ed egemonica (interpretazione che avr
del resto un vasto successo). Nel termine Istoria invece credo vada letta non
tanto ancora unambizione propriamente narrativa, quanto almeno la premessa metodologica che ad una narrazione teoricamente presiede, quella cio della
necessit di una selezione dei materiali in base ad un giudizio di valore e a dei
criteri, accompagnata da ipotesi di uno sviluppo e di una finalit.
In effetti, al di l della sua struttura macchinosa e ideologica, caratterizzata prevalentemente nel senso di un accumulo quantitativo, la Istoria del Crescimbeni esprime una convinzione. Il modo migliore per contribuire alla missione salvifica dellAccademia, cio sottrarre la cultura italiana al baratro nel
quale precipitata nel secolo appena concluso, sta precisamente nel restituire
agli Arcadi, e attraverso di essi capillarmente a tutti i colti della penisola (sotto
la guida degli Arcadi), il senso forte di una tradizione specifica: quella poesia
in volgare viene pertanto ufficialmente consacrata da un lato come la base
comune a tutti i letterati italiani e dallaltro come una inestimabile ricchezza
di cui tornar fieri per riprendere un posto donore tra le nazioni civili. Unidentit poetica dunque, che fa perno sulla Roma papale e definisce la modernit

Dal catalogo alla narrazione identitaria

Quaderns dItali 16, 2011 23

in una continuit senza traumi, attraverso la ripresa di una poesia in volgare


espurgata dal cattivo gusto marinista. Si tratta in verit di unoperazione che
avrebbe del paradossale, ma quel mettere insieme il diavolo (della poesia volgare) e lacqua santa (della curia romana) possibile ed auspicabile solo perch
quella tradizione viene estenuata e privata di ogni carica conoscitiva e investita soltanto di un valore patrimoniale: per questo che lArcadia riesce a farne
la base del suo progetto egemonico che si estende di colonia in colonia attraverso i tanti confini dei diversi stati italiani, affratellando gli intellettuali in
vesti poetiche e pastorali.
Un orizzonte piuttosto lontano certo da quel gruppo di intellettuali che
negli stessi anni, tra Bologna e Milano per giungere a Modena, e ancora pochi
anni dopo a Venezia, cominciando come arcadi, vestono anchessi spesso abiti
talari e sono animati da un analogo desiderio di voler chiamare a raccolta tutte
le forze disponibili per giovare alla buona letteratura dItalia.1 Essi per si
adoperano intorno a giornali eruditi, come fanno a Venezia i Zeno, Maffei e
Vallisnieri, e inoltre coltivano rapporti con personaggi come Mabillon e Leibniz, o con la Royal Society di Londra, e rispondono ai nomi di Magliabechi,
Bacchini, Muratori, Manfredi e Marsili. Si tratta in altre parole dellincontro
fecondo tra lillustre tradizione dellIstituto delle Scienze di Bologna e il metodo archivistico e filologico dei Benedettini francesi, e poi con la cultura veneziana, che apre le porte ad un rinnovamento metodologico e culturale nel quale
cominciano a germogliare i grandi progetti muratoriani, portatori dei principi
del razionalismo nelle scienze umane.
Non gi pi il tempo dei grandi cataloghi alla Crescimbeni, utilizzati per
dare il senso di una ricchezza patrimoniale con cui sentirsi forti e difendersi.
Nella progettualit muratoriana si passa dal disegno interessante ma fantastico
di una Repubblica Letteraria dItalia, ancora memore dellantico predominio
romano e volta a servir meglio la gloria dellItalia,2 ad un piano di lavoro
molto concreto, quello che nei Rerum Italicarum Scriptores intende mettere
insieme tutte le sparse fonti e i documenti, necessari ad una storia unitaria
dItalia, attraverso una mobilitazione straordinaria e inedita delle migliori energie intellettuali del paese, ben al di l delle schiere degli Arcadi per gloria delle
loro patrie e per vantaggio della repubblica letteraria dItalia.3 Analoghe raccolte di fonti esistevano gi per gli altri paesi europei, messe insieme spesso tra
fine Cinquecento e Seicento, nel clima culturale legato alla Riforma.
Il motto virgiliano dellimpresa chiarisce bene che siamo ora davanti ad una
nuova narrativa che si pone simbolicamente come erede di una lunga e dolorosa vicenda ma allo stesso tempo rilancia sulla modernit, con una comples1. Cos recita la prefazione al primo numero delledizione stampata a Parma nel 1686 dell
importante giornale erudito italiano, il Giornale deLetterati dItalia, uscito inizialmente a
Roma e, dopo Parma, trasferito a Modena dal suo editore Benedetto Bacchini.
2. Lamindo Pritanio, Primi disegni della Repubblica Letteraria dItalia, in Ludovico Antonio
Muratori, Opere, a cura di Giorgio Falco e Fiorenzo Forti, Milano Napoli: Ricciardi,
1964, vol. 44, t. I, p. 185.
3. Id., Epistolario, in Opere, cit., t. II, p. 1879.

24 Quaderns dItali 16, 2011

Maria Serena Sapegno

sit e una profondit nuove, unimmagine forte e densa di significati diversi:


ANTIQUAM EXQUIRITE MATREM.
Esiste inoltre la famosa lettera nella quale Muratori spiega il suo progetto,
ed rilevante notare come sia indirizzata a quel medesimo conte di Porca che
di l a qualche anno si far personalmente promotore di uniniziativa assai
significativa presso tutti i grandi personaggi del tempo, primo fra tutti Vico,
perch scrivano le loro autobiografie a scopo esemplare interno ma anche
come immagine allestero dellItalia. Scrive nella lettera Muratori: In mia
giovent altro non aveva io in testa che antichit greche e romane. Per lo contrario mi facevano male agli occhi le fortune dei secoli susseguenti, la loro
storia, i loro scrittori, riti, costumi e imbrogli, trovando io dappertutto del
meschino, del barbaro (e infatti non ne manca), e parendo a me di camminare solamente per orride montagne, per miserabili tuguri e in mezzo ad un
popolo di fiere. Laonde se mi capitava tra le mani qualche storia od operetta
di quei rozzi secoli io neppur la degnava di uno sguardo. Mi rido ora di me
stesso.4 Ed in effetti pu ridere perch ha scoperto una vera miniera di documenti e di informazioni inedite che, messe insieme, gettano una luce interamente nuova sulla storia dItalia, ma anche perch riuscito a coinvolgere un
numero inimmaginabile di collaboratori, inverando cos il suo progetto di
unificazione intellettuale.
Ma qui interessa soprattutto il pieno riconoscimento di un profondo mutamento di prospettiva con la caduta del paradigma classicista e la conseguente
entusiastica scoperta di unaltra storia, quella dellItalia dei tempi di mezzo. Si
tratta di unaltra e nuovissima narrativa identitaria, sottolineata dalla ripresa
della figurazione materna, di cui non sfuggiranno le implicazioni emotive e
morali: quasi Italia, parens nostra, eadem sempre non fuerit ac sit tam sub
Romanis rerum dominis, quam sub Langobardis, Francis atque Germanis.5
La condanna intellettuale, ma anche morale, nei confronti degli umanisti per
lidolatria classicista e per il disprezzo delle culture di mezzo molto netta e
rappresenta una vera e propria cesura, una svolta.
Naturalmente, dal momento in cui viene abbandonata lopposizione civilt/barbarie, dalla storia delle diverse patrie, nel loro differenziarsi progressivamente nellincontro con le altre culture dei popoli sopraggiunti e nel loro
lasciare testimonianze tanto diverse anche nella lingua scritta dei documenti,
limmagine della Italia, parens nostra che si va presentando agli occhi di
Muratori e dei suoi tanti collaboratori sempre pi ricca e variegata e richiede
lacquisizione e luso di nuovi e pi elastici strumenti di analisi.
Bisogna partire da questo retroterra per iniziare a valutare appieno le caratteristiche delliniziativa di Girolamo Tiraboschi e comprenderne le scelte.
Se per un verso infatti il dotto gesuita grande ammiratore del Muratori, gli
succede come bibliotecario lavorando nella medesima Biblioteca Estense, ne
coltiva la memoria e si pone esplicitamente in continuit con lui, per altri non
4. Ludovico Antonio Muratori, Lettera al Porca, in Opere, cit., t. I, p. 26-27.
5. Id., Antiquitates Italicae Maedii Aevi in Opere, cit., t. I, p. 588.

Dal catalogo alla narrazione identitaria

Quaderns dItali 16, 2011 25

vuole o non pu comprendere appieno la portata delle sue scelte e soprattutto


dare seguito e sviluppo alle potenzialit in esse implicite. Infatti la passione erudita e storiografica lo conduce a raccoglierne la sfida e, attraverso la sua monumentale e ricchissima Storia della letteratura italiana (1772-1782), ad estenderla
alla costruzione della prima grande storia della cultura italiana, condotta con
spirito filologico dagli albori della civilt fino quasi ai suoi giorni. Inoltre la
scelta, in s originalissima, di documentare con la maggior completezza possibile le tracce delle diverse culture che si sono succedute sul suolo italiano, si pu
leggere come una tacita accettazione della correzione muratoriana: nel corso di
un tempo lunghissimo, lantica terra madre ha generato dal suo seno popoli e
culture diverse, delle quali tutte spetta allo storico dar conto. E il nostro storico
lo fa, dagli Etruschi al Seicento, con una accuratezza ed una completezza che
rendono la sua opera un repertorio, ancora proficuamente consultabile, di notizie ed informazioni preziose su una grande variet di aspetti dello sviluppo della
cultura umana in territorio italiano. Certo paradossalmente proprio quella
dimensione storica della complessit culturale cos genialmente aperta da Muratori, e che offre al lettore moderno spunti di sorprendente interesse, a restare
invece del tutto muta per il dotto gesuita: il rincorrersi di tanti popoli diversi
sullo stesso territorio appare infatti piuttosto fine a se stesso e in definitiva vano.
Eppure la stessa narrazione erudita non pu bastare alle esigenze dei tempi
che, nonostante tutto, il gesuita ha ereditato e fatto sue: pertanto alla struttura
di impianto enciclopedico Tiraboschi intreccia una griglia di valori, derivati
dalle correnti dellIlluminismo italiano e condivisi anche da Muratori, identificati nella coppia oppositiva progresso/declino, (articolata poi in molte altre
opposizioni come luce/tenebre, ragione/superstizione, buon gusto/cattivo gusto
ecc.) sulla base dei quali cerca risposta alla fondamentale domanda sulle cause
del declino delle scienze in Italia.
Proprio nello sforzo di rispondere a tale domanda egli ricorre preliminarmente, gi nel primo tomo dellopera, ad una divisione concettuale dalle conseguenze rilevanti, quella tra scienze ed arti liberali e, ancor pi profondamente tra vero e bello: Nelle scienze vha luogo allerrore, finch esse non son
giunte alla lor perfezione, cio finch non scoperta ed accertata la verit. Ma
quando ci accada, parmi che non vi sia luogo a decadimento. Ma non cos
vuol ragionarsi delle arti liberali che hanno il bello per il loro primario oggetto.
Questo consiste nella unione, nella distribuzione, nellordine, nellespression
delle parti; e quando in ci arrivi a quella perfezion che costituisce il bello, il
volere avanzarsi oltre il medesimo che dare addietro. Nelle arti liberali solo
adunque e nel loro progresso ha luogo la linea curva, nella quale, ove uno sia
giunto alla pi alta cima, non pu andare oltre senza ricadere al basso.6
La distinzione e la netta e irreparabile separazione sono interessanti da
diversi punti di vista. Intanto non certo banale linsistenza sul progresso e
lapertura alle Scienze naturali che consente al gesuita di includere tra i suoi
6. Girolamo Tiraboschi, Storia della letteratura italiana, Milano: [Classici Italiani]

1822-26, [Modena 1772-1782] t. I, libro III, capo II.

26 Quaderns dItali 16, 2011

Maria Serena Sapegno

eroi Galileo Galilei. Infatti la sua originale definizione del Seicento come secolo ancipite, da un lato del Marino e dallaltra di Galileo e della nuova scienza,
sar ripresa da molti, e in particolare da De Sanctis.
Risulta molto chiara anche ladesione al paradigma classicista, pur nel delinearsi di una nuova gerarchia che subordina il Bello al Vero scientifico oltre che
metafisico. Eppure tale rinnovata fede nel modello classicista del Bello non
deriva allautore da una passiva accettazione della tradizione classicista italiana,
ma ne costituisce piuttosto una nuova interpretazione. Mentre infatti, dal Duecento in avanti, lo storico ricostruisce la storia della cultura italiana per scansioni secolari, dando uno spazio rilevante ma non dominante allo specifico letterario, si va facendo via via pi chiara quale interpretazione egli consideri
necessaria alla sua impresa e quale ne sia lo scopo prioritario. Innanzitutto la
venerazione verso Muratori non giunge a fargli accettare davvero la rivoluzionaria attenzione da questi dedicata alla cultura dei tempi di mezzo: se Muratori guardava con una risata di indulgente riprovazione alla propria giovinezza
infatuata del modello classicista, che condannava alloscurit otto secoli di cultura italiana, Tiraboschi non ci trova nulla da ridere, anzi. La sua narrazione
infatti riprende linterpretazione umanistica per rilanciarla su basi radicali: gli
umanisti, sulla scorta del gran Petrarca latino, (il primo che gittandosi tra le
tenebre, onde ogni cosa era miseramente ingombrata, cercasse di richiamare a
nuova vita quegli uomini illustri dellantiquit, senza la scorta dequali appena
poteasi sperare di dissiparle)7 hanno recuperato la civilt (messa in salvo
dalloperosit dei monaci) e costituiscono il cuore forte della cultura italiana,
il contributo unico e incalcolabile che essa ha dato al resto dEuropa.
Si va cos delineando una precisa idea di primato, quella che oppone la
cultura italiana, in quanto collettivo operoso di studiosi, eruditi e bibliotecari
(che si reincarna poi nella stessa Compagnia di Ges, ingiustamente oggetto
di critiche contemporanee tanto severe da decretarne la chiusura) agli altri, che
spesso si presentano nelle vesti minacciose dei barbari. Nel dare risposta alla
domanda sulle cause della decadenza delle scienze infatti, Tiraboschi identifica senza problemi nella presenza degli stranieri e nella loro influenza corruttrice, sia la causa di decadenza della letteratura latina (dopo la morte di Augusto
cominci Roma ad essere pi assai che prima inondata da popoli stranieri (...)
Con ci a me pare che probabilmente si spieghi non solo la rozzezza dello stile
di quegli che erano stranieri, ma di quegli ancora, aquali il parlare latino era
natio. Questi frammischiati cobarbari (...) ne apprendevano la maniera di
favellare, ne adottavano le parole, vestivano i difetti del loro stile)8 che naturalmente quella della vittoria del cattivo gusto in tempi pi recenti. Tale la
passione ideologica anti-straniero per la difesa del primato italiano da spingerlo a prendere esplicitamente le distanze dalla svolta muratoriana (Sembra
che il dottissimo Muratori avesse una singolare predilezione per questi Barbari. Egli abbraccia nesuoi Annali ogni occasione che gli si offra a mostrare che
7. Id., Storia della Letteratura Italiana, cit., t.V, libro I, capo IV, par. v, p. 154.
8. Id., Dissertazione preliminare, in Storia della letteratura Italiana, cit., t. II, par. xxxi, p. 46-48.

Dal catalogo alla narrazione identitaria

Quaderns dItali 16, 2011 27

essi non eran poi n cos barbari n cos crudeli, come comunemente si
crede).9
Coerentemente a tale ricostruzione, del resto, se da un lato Tiraboschi non
in grado di percorrere davvero la nuova via aperta da Muratori, via che uscir
largamente sconfitta nella sua audacia rivoluzionaria, dallaltro anche nelle scelte
del gesuita lintera narrazione tradizionale ad uscirne profondamente modificata, attraverso un cambiamento della sua base identitaria: il canone poetico
italiano che aveva costituito lasse portante della tradizione rinascimentale e sul
quale si era voluto costruire il principato letterario italiano, recede ora in posizione esornativa per motivi sostanziali di valutazione ideologica e culturale.
Se infatti Petrarca resta modello di perfetta poesia e va accettato (e perdonato) quando sfoga pietosamente la sua amorosa passione10 certo altra cosa
quando levasi pi sublime e prende pi nobili oggetti a scopo delle sue
rime.11 Ancora pi esplicitamente, dopo la rivoluzione degli umanisti che
praticavano occupazioni pi degne duom dotto, e la Poesia Italiana parea in
confronto ad esse un fanciullesco intrattenimento12 il Cinquecento viene presentato per contrasto come letterariamente sbiadito ma illuminato dal Concilio di Trento, dalla Compagnia di Ges e dalla filosofia.
Tiraboschi consegna quindi ai suoi contemporanei, e ai posteri, un modello forte e autorevole, destinato a lunga fortuna: una narrazione storica accurata e fortemente marcata dalle domande e dalle urgenze del presente, inserita
nel dibattito contemporaneo e volta a fornire le basi culturali di unidentit
nazionale unitaria. Una storia erudita ma militante che, pur cercando di fornire giudizi equanimi tenendo conto dei diversi aspetti della cultura che va
ricostruendo, e tentando di storicizzare i giudizi di valore, compie tuttavia le
sue scelte ed orientata da valutazioni di ordine ideologico e morale, proprio
come rivendicato ripetutamente dal suo estensore. La spinta a restaurare lorgoglio nazionale del primato, innanzitutto, ma anche unidea di cultura come
impegno per il progresso delle scienze e il senso etico di tale scavo storico.
Sono questi tutti elementi che verranno ripresi nella sua Storia da De Sanctis che lo definir il Muratori della letteratura, apprezzandolo e allo stesso
tempo sottovalutando le profonde differenze tra i due impianti, mosso da una
fortissima urgenza che per non gli impedir di concludere la sua Storia con
una valutazione dei suoi tempi che suona omaggio implicito al metodo del
gesuita: I sistemi sono sospetti, le leggi sono accolte con diffidenza, i principi
pi inconcussi sono messi nel crogiuolo, niente si ammette pi che non esca
da una serie di fatti accertati. Accertare un fatto desta pi interesse che stabilire una legge.13
Giudizio in verit assai vicino a quello che apparir di l a poco sulle pagine programmatiche del primo numero del Giornale storico della letteratura
9. Id., Storia, cit., t. III, libro II, capo I, par. iv, p. 129.
10. Ibid., t. VI, libro III, capo II, par. xxxv, p. 815.
11. Ibid.
12. Ibid., capo III, p. 1226.
13. Francesco De Sanctis, Storia della letteratura italiana, Bari: Laterza, 1925, vol. II, p. 417.

28 Quaderns dItali 16, 2011

Maria Serena Sapegno

italiana: che cosa sono, (...) dopo quella del Tiraboschi, (...) le storie della
nostra letteratura? O esposizioni superficiali e manchevoli, o sintesi pi o meno
geniali in cui, pi assai che allo studio diretto dei fatti, si bad ad alcuni preconcetti estetici, politici, filosofici, con laiuto de quali si pretese di interpretare e ordinare fatti male sceverati e mal noti, ossia di ricostruire sistematicamente la storia.14
La Storia desanctisiana e quella tiraboschiana sembrano in queste parole
percepite ormai come modelli opposti e inconciliabili, tra i quali preferire senza
dubbio quello del gesuita in quanto farebbe a meno di una struttura sistematica, di un ordinamento narrativo.
Era stata questa, dellopposizione inconciliabile tra i due modelli, anche lopinione del Foscolo, che era per severissima, considerando allopposto la mancanza di una narrazione un difetto imperdonabile, pur se non scevra di rispetto
e ammirazione per il formidabile lavoro di scavo, accertamento ed ordinamento
di materiali che risultava evidente ad apertura e consultazione dei monumentali
volumi tiraboschiani.
In particolare Foscolo osserva acutamente che de letterati italiani raramente il Tiraboschi mi mostra quanto giovarono o quanto nocquero alla loro
arte ed al mondo. (...) Vero che nelle Dissertazioni preliminari il nostro storico intende di provvedervi, ma (...) se la storia senza filosofia non che serie
cronologica davvenimenti, le disquisizioni critiche senza avvenimenti non sono
mai storia.15 Da storico della letteratura, ma soprattutto da scrittore tutto
dentro la contemporaneit dei fatti letterari, e da poeta, Foscolo coglie la profonda debolezza della ricerca del gesuita da un lato nellincapacit di costruire
una narrazione che renda conto dello sviluppo dellarte poetica, della letteratura, nel tempo e attraverso i contributi dei singoli, dallaltro nello scollamento che perci rimane tra i medesimi fatti letterari e la trattazione storica.
Sappiamo che, pur senza giungere mai a completare il suo disegno di
storia letteraria, Foscolo si dedica a lungo e con grande assiduit allo studio
della letteratura italiana dal punto di vista storico-critico e lascia un materiale ricchissimo ed affascinante pur se in parte frammentario. Per lui proprio
la narrazione che deve costruire il senso del percorso e lidentit culturale
italiana ha un filo rosso semplice e fortissimo: la lingua. La lingua letteraria
gli appare la chiave per ricostruire le epoche della letteratura italiana, presa
in esame perch per essere la pi antica e copiosa tra tutte le moderne, pu
contribuire pi efficacemente alla storia della civilt e della critica
letteraria.16 Da questa angolazione, fondata nel presente di chi si trovato
a fare i conti con la mancanza di una lingua moderna nella quale poter scrivere, molti snodi appaiono cruciali, le domande sui fatti letterari, sui testi,
si radicano nella storia civile e la dannosa separazione imputata a Tiraboschi
viene meno.
14. Giornale storico della letteratura italiana, Programma, vol. I (1883), 1, p. 2.
15. Ugo Foscolo, Edizione Nazionale delle Opere, Firenze: Le Monnier, 1933, vol. VII, p. 49.
16. Ibidem, vol. XI, p. 99.

Dal catalogo alla narrazione identitaria

Quaderns dItali 16, 2011 29

La chiave della lingua e lintelligenza della poesia aprono le porte di una


storia letteraria integralmente nuova, fatta di testi e di uomini, fatta di problemi ad un tempo stilistici e storici, di opere letterarie scritte per rispondere a
questioni che si ponevano ad uomini inseriti in un contesto di passioni personali e collettive, potremmo dire politiche in senso generale. Si tratta quindi di
una storia militante su piani molteplici poich la passione politica e quella
poetica, insieme ai tempi nuovi nei quali si trova a vivere e a pensare, consentono a Foscolo di cogliere con profondit inedita intrecci mai davvero compresi prima.
Per cominciare con Dante, egli il primo a mettere in relazione feconda il
teorico della lingua con il poeta, a riconoscere la visione profetica non solo del
poeta-teologo, ma anche dellintellettuale che voleva avvezzare tutti gli Italiani a comunicarsi a vicenda le leggi, la storia patria, i pensieri e gli affetti con
una lingua scritta (...) confondendo e fondendo (...) tutte le parole e le locuzioni (...) pi atte a comporre la lingua letteraria e generale della nazione.17
Proprio la stessa raffinata percezione che lo conduce a esaltare Petrarca
come colui che porta a perfezione la lingua poetica in quanto codice precipuo
delle passioni del soggetto.
Ma invece la passione politica che gli fa cogliere le conseguenze devastanti del fatto che se la lingua italiana nacque e crebbe dalla libert popolare
eppure la lingua letteraria comune fu lingua sempre scritta e mai parlata e
pertanto la nazione in generale non ne ricav mai profitto. In questa narrazione unitaria tutta incentrata sulla lingua volgare non pu naturalmente trovare posto alcuna celebrazione dellUmanesimo, fenomeno nella valutazione
del quale anzi si palesa una forte novit nel punto di vista, quella che considera precisamente ladorazione dellantico come parte del pi generale stato di
servit del paese e come una delle concause della catastrofe italiana: gli scrittori contemplavano oziosamente lantica Roma ed Atene pi che lItalia; e
scrivendo in latino, andavano riducendosi pi sempre a comunit diversa al
tutto dalla nazione.18
Si avverte in questo sguardo dello storico una lucidit del tutto nuova e
fuori dallordinario, data probabilmente oltre che dalla particolare esperienza
politica e culturale, anche dalla sua peculiare posizione di interno/esterno alla
situazione italiana e certo dal fatto che proprio in quegli anni, (per dirla con
Bollati) un processo irreversibile era iniziato e ne erano stati designati i
principali interessati.19
Sono gli stessi anni in cui circola con clamore e successo la Littrature del
Sismondi, che batte su molti dei tasti gi toccati da Foscolo e invita gli italiani
ad assumere una narrazione identitaria decisamente moderna. Ma sono anche
gli anni in cui gli intellettuali italiani, romantici o classicisti che fossero, dovettero al contrario via via attenuare le proprie differenze politico-culturali per
17. Ibid., vol. X, p. 313.
18. Ugo Foscolo, Edizione Nazionale delle opere, cit., vol. XI, I, p. 227.
19. Giulio Bollati, LItaliano. Il carattere nazionale come storia e come invenzione, Torino:
Einaudi, 1983.

30 Quaderns dItali 16, 2011

Maria Serena Sapegno

partecipare alla stessa impresa, unoccasione storica che probabilmente cost


il prezzo di una mancata chiarezza, che in verit nessuno desiderava davvero,
e non solo perch avrebbe significato scelte che apparivano intempestive e fonte
di divisione. Sono gli anni in cui sar leditoria a Milano (Classici italiani) e
poi a Firenze (la Biblioteca nazionale di Le Monnier) a mettere insieme, sotto
legida della bella letteratura e della lingua, testi di autori che non erano mai
stati sugli stessi scaffali, secondo una logica ancora una volta patrimoniale.
Alla fine di questo periodo, per quanto caotico, pur sempre operoso e stimolante, sar De Sanctis a scegliere invece in tale serbatoio confuso una linea
narrativa e interpretativa che poi prevarr nella nuova Italia. Forse perch anche
lui come Foscolo aveva fatto lesperienza dellesilio, di quella acquisizione
dallesterno di uno sguardo dinsieme da cui raccontare agli stranieri la cultura
italiana, de Sanctis dimostrer una straordinaria sintonia con la sensibilit e
lapproccio foscoliani. Rispetto alla militanza erudita e umanista di Tiraboschi,
infatti, Foscolo aveva saputo cogliere la necessit tutta nuova di forgiare unidentit nazionale che accentuasse la modernit della tradizione letteraria italiana,
quella sua nascita nellet della libert popolare gi ai livelli altissimi delle tre
corone. Ma allo stesso tempo aveva saputo trasmettere per primo lurgenza e
linevitabilit di un riscatto politico e morale cui la letteratura stessa poteva
contribuire costruendo, attraverso ledificazione di un nobile passato comune,
il senso di una identit forte che aiutasse a superare le miserie del presente e
soprattutto le profonde differenze tra le diverse culture della penisola.
La storia si incaricher poi di dimostrare come si trattasse ancora una volta
di una generosa illusione, o meglio della ripresa di una scena gi vista e destinata a ripetersi innumerevoli volte: invece che della ricostruzione di una storia
complessa e articolata di esperienze differenziate, si tratter in buona sostanza
di quella funzione di supplenza esercitata da parte degli intellettuali che
sempre stata allo stesso tempo sintomo e concausa della debolezza italiana. E
resta significativo il fatto che in definitiva a Tiraboschi, e al suo immenso
lavoro di archivio della variegata produzione culturale della penisola, si sia poi
per tanti versi tornati di recente, anche grazie alla consapevolezza crescente che
la narrativa ideologicamente forte, che si era ritenuta necessaria al riscatto e alla
costruzione di una identit comune, aveva per appunto trascurato molto di
ci che caratterizza la specificit e lunicit della tradizione culturale del sistema
Italia.
Nel raccogliere dunque leredit non di quella prima storia nazionale della
letteratura, quanto della narrativa foscoliana, incompiuta ma brillante e appassionata, de Sanctis intende la propria impresa come misura temporanea da
destinarsi alla scuola, ma la sua Storia costituir invece la risposta ideale ad
unesigenza identitaria che finir per prevalere su ogni altra considerazione,
restando il capolavoro del suo genere e il modello implicito della maggioranza
dei testi scolastici, ma sacrificando allurgenza del fine la complessit contraddittoria delle diverse tradizioni italiane.

Quaderns dItali 16, 2011 31-51

De Sanctis e la storiografia letteraria italiana


Roberto Antonelli
Universit di Roma La Sapienza

Abstract
Lautore analizzza limpatto della Storia della letteratura italiana di Francesco De Sanctis
sulla storiografia italiana del xx secolo, rilevando come la linea storicistica lineare di De
Sanctis sia stata assunta come modello storiografico di tutte le Storie letterarie successive
ma come nel contempo sia stata oggetto anche di una riduzione ideologica, da Croce a
Gentile, a Gramsci, con la sottolineatura degli aspetti militanti della sua opera. De Sanctis ha concepito la sua Storia in funzione del processo unitario risorgimentale: soltanto
Carlo Dionisotti ha criticato le ragioni storiche di tale modello proponendone acutamente
uno radicalmente alternativo, di tipo geografico-storico,che recentemente ha iniziato a
produrre i suoi risultati, anche a livello formativo.
Parole-chiave: De Sanctis; Storiografia letteraria; Croce; Geografia e storia; Dionisotti.
Abstract
The author analyses the impact of the Storia della letteratura italiana by Francesco De
Sanctis about the Italian historiography of the Twentieth century, pointing out how the historicist line by De Sanctis has established itself as a historiographical model for the whole later
literary history while, at the same time, it proposes an ideological reduction, from Croce and
Gentile, to Gramsci, with the underlining of the militant aspects of his work. De Sanctis
has conceived his Storia in relationship with the unitary process of the Risorgimento: only
Carlo Dionisotti has criticised the historical reasons of such a model, and has aptly proposed
a radical alternative one of a historical-geographical type. This alternative has recently begun
to achieve results at a formative level.
Keywords: De Sanctis; Literary historiography; Croce; Geography and history; Dionisotti.

32 Quaderns dItali 16, 2011

Roberto Antonelli

Da De Sanctis la cultura letteraria italiana eredita due grandi problemi: 1. la


storia della letteratura come storia della civilt, per di pi finalistica, e, conseguentemente, la questione del modello storiografico; 2) il rapporto fra testo
letterario e storia, fra letterariet e storia o, per dirla con la vulgata (che
peraltro Contini gi nel 1949 ha mostrato insufficiente, vista la variabilit
terminologica desanctisiana), tra forma e contenuto.
Per quel che riguarda la prima questione, in un passo notissimo De Sanctis
sottolinea quanto una storia della letteratura debba alle ricerche specialistiche
e quanto, nel momento in cui stava scrivendo la sua Storia della letteratura,
ancora rimanesse da fare, arrivando paradossalmente a sottolineare che quello
era il tempo delle monografie:
Una storia della letteratura come lepilogo, 1ultima sintesi di un immenso
lavoro di tutta intiera una generazione nelle singole parti. Tiraboschi, Andrs,
Ginguen sono sintesi del passato. Oggi tutto rinnovato, da tutto sbuccia
un nuovo mondo: filosofia, critica, arte, storia, filologia. Non ci pi alcuna
pagina della nostra storia che resti intatta. Dovunque penetra con le sue ricerche lo storico e il filologo, e con le sue speculazioni il filosofo e il critico.
Lantica sintesi sciolta. Ricomincia il lavoro paziente dellanalisi, parte per
parte. Quando una storia della letteratura sar possibile? Quando questo lavoro paziente avr portata la sua luce in tutte le parti; quando su ciascuna epoca,
su ciascun scrittore importante ci sar tale monografia o studio o saggio che
dica lultima parola e sciolga tutte le quistioni. Il lavoro di oggi non la storia,
ma la monografia, ci che i Francesi chiamano uno studio.1

De Sanctis ha quindi ben chiaro che la sua Storia un po particolare: il


frutto di una particolare congiuntura storica e che lItalia ha una filosofia e
una letteratura la quale ha la sua leva fuori di lei, nella libert e nella nazionalit, quanto a dire nella politica:
LItalia stata finora avviluppata come di una sfera brillante, la sfera della
libert e della nazionalit, e n nata una filosofia e una letteratura, la quale ha
la sua leva fuori di lei, ancorch intorno a lei. Ora si dee guardare in seno, dee
cercare s stessa; la sfera dee svilupparsi e concretarsi come sua vita interiore.
[...] Viviamo molto sul nostro passato e del lavoro altrui. Non ci vita nostra
e lavoro nostro. E da nostri vanti sintravede la coscienza della nostra inferiorit. Il grande lavoro del secolo decimonono al suo termine. Assistiamo a
una nuova fermentazione didee, nunzia di una nuova formazione. Gi vediamo in questo secolo disegnarsi il nuovo secolo. E questa volta non dobbiamo
trovarci alla coda, non a secondi posti.2

In questo senso lintreccio fra spinta storico-politica risorgimentale e scrittura della sua Storia formano un tuttuno. Ricostruzione delle basi letterarie
1. F. De Sanctis, Settembrini e i suoi critici (1869), poi in Nuovi saggi critici (1879), Napoli
18904, p. 251-252.
2. F. De Sanctis, Storia della letteratura italiana, a c. di N. Gallo, intr. di N. Sapegno, Con
una nota introduttiva di C. Muscetta, Torino 1975, 2 voll., II, p. 975.

De Sanctis e la storiografia letteraria italiana

Quaderns dItali 16, 2011 33

dellunit dItalia e Risorgimento si collocano in un processo ascendente che


trova la sua soluzione con la presa di Roma: la sua una storia particolare, una
storia militante della letteratura, finalizzata:
Il fondamento scientifico di questo mondo la cosa effettuale, come te la porge
lesperienza e losservazione. Limmaginazione, il sentimento, lastrazione sono
cos perniciosi nella scienza, come nella vita. Muore la scolastica, nasce la
scienza. Questo il vero machiavellismo, vivo, anzi giovane ancora. E il programma del mondo moderno, sviluppato, corretto, ampliato, pi o meno
realizzato. E sono grandi le nazioni che pi vi si avvicinano. Siamo dunque
alteri del nostro Machiavelli. Gloria a lui quando crolla alcuna parte dellantico edificio. E gloria a lui quando si fabbrica alcuna parte del nuovo. In questo
momento che scrivo, le campane suonano a distesa, e annunziano lentrata
deglitaliani a Roma. Il potere temporale crolla. E si grida il viva allunit
dItalia. Sia gloria a Machiavelli.3

Sarebbe per certo parziale giudicare la Storia desanctisiana, come fosse una
storia dettata da interessi puramente politici: storiografia e valutazione estetica si
compongono in lui, e nella sua opera, in un insieme non scomponibile. E qui
che si colloca la seconda questione lasciata in eredit dalla sua opera, quella della
definizione estetica dellopera letteraria e, conseguentemente, del suo rapporto
con la storia letteraria, in particolare con una storia della letteratura come quella
da lui costruita. Se infatti prima della stesura della Storia, nel 1858, la letteratura e la sua storia hanno un senso, per il tipo particolare di rapporto che intercorre fra contenuto e forma (Lidea e lestetica dello Hegel: ogni contenuto
una totalit, che come idea appartiene alla scienza, come esistere materiale appartiene alla realt, come forma appartiene allarte [...] Il mistero della vita che il
tutto non comparisce mai come tutto, ma come parte, la quale non esclude ma
si assimila il rimanente). Concetto ribadito e analiticamente articolato e sviluppato ancora nel 1869, a Storia quasi completata, e basato, seppur con qualche
rielaborazione, sullinsegnamento hegeliano:
La forma non a priori, non qualcosa che stia da s e diversa dal contenuto,
quasi ornamento o veste o apparenza o aggiunto di esso, anzi essa generata dal
contenuto, attivo nella mente dellartista: tal contenuto tal forma. E il contenuto
attivo, appunto perch ha la sua poesia, il suo bello naturale, come la natura ha
il suo bello reale, ha qualcosa di proprio che fa impressione e mette in movimento il cervello dellartista, ed apparisce nella forma. Ivi, nella forma, il critico ritrova il contenuto, da lui gi esaminato come un antecedente, lo ritrova non pi
natura, ma arte; non pi qual era, ma qual divenuto, e sempre tutto esso, col
suo valore, colla sua importanza. [...] Il contenuto non dunque indifferente, non
trascurato. Apparisce due volte nella nuova critica: la prima, come naturale e
astratto, qual era; la seconda, come forma, qual divenuto. [...] Il contenuto
sottoposto a tutte le vicende della storia; nasce e muore; la forma immortale.4

3. Ibid., p. 606-607.
4. F. De Sanctis, Settembrini, cit., p. 240.

De Sanctis e la storiografia letteraria italiana

Quaderns dItali 16, 2011

33

dellunit dItalia e Risorgimento si collocano in un processo ascendente che


trova la sua soluzione con la presa di Roma: la sua una storia particolare, una
storia militante della letteratura, finalizzata:
Il fondamento scientifico di questo mondo la cosa effettuale, come te la porge
lesperienza e losservazione. Limmaginazione, il sentimento, lastrazione sono
cos perniciosi nella scienza, come nella vita. Muore la scolastica, nasce la
scienza. Questo il vero machiavellismo, vivo, anzi giovane ancora. E il programma del mondo moderno, sviluppato, corretto, ampliato, pi o meno
realizzato. E sono grandi le nazioni che pi vi si avvicinano. Siamo dunque
alteri del nostro Machiavelli. Gloria a lui quando crolla alcuna parte dellantico edificio. E gloria a lui quando si fabbrica alcuna parte del nuovo. In questo
momento che scrivo, le campane suonano a distesa, e annunziano lentrata
deglitaliani a Roma. Il potere temporale crolla. E si grida il viva allunit
dItalia. Sia gloria a Machiavelli.3

Sarebbe per certo parziale giudicare la Storia desanctisiana, come fosse una
storia dettata da interessi puramente politici: storiografia e valutazione estetica si
compongono in lui, e nella sua opera, in un insieme non scomponibile. E qui
che si colloca la seconda questione lasciata in eredit dalla sua opera, quella della
definizione estetica dellopera letteraria e, conseguentemente, del suo rapporto
con la storia letteraria, in particolare con una storia della letteratura come quella
da lui costruita. Se infatti prima della stesura della Storia, nel 1858, la letteratura e la sua storia hanno un senso, per il tipo particolare di rapporto che intercorre fra contenuto e forma (Lidea e lestetica dello Hegel: ogni contenuto
una totalit, che come idea appartiene alla scienza, come esistere materiale appartiene alla realt, come forma appartiene allarte [...] Il mistero della vita che il
tutto non comparisce mai come tutto, ma come parte, la quale non esclude ma
si assimila il rimanente). Concetto ribadito e analiticamente articolato e sviluppato ancora nel 1869, a Storia quasi completata, e basato, seppur con qualche
rielaborazione, sullinsegnamento hegeliano:
La forma non a priori, non qualcosa che stia da s e diversa dal contenuto,
quasi ornamento o veste o apparenza o aggiunto di esso, anzi essa generata dal
contenuto, attivo nella mente dellartista: tal contenuto tal forma. E il contenuto
attivo, appunto perch ha la sua poesia, il suo bello naturale, come la natura ha
il suo bello reale, ha qualcosa di proprio che fa impressione e mette in movimento il cervello dellartista, ed apparisce nella forma. Ivi, nella forma, il critico ritrova il contenuto, da lui gi esaminato come un antecedente, lo ritrova non pi
natura, ma arte; non pi qual era, ma qual divenuto, e sempre tutto esso, col
suo valore, colla sua importanza. [...] Il contenuto non dunque indifferente, non
trascurato. Apparisce due volte nella nuova critica: la prima, come naturale e
astratto, qual era; la seconda, come forma, qual divenuto. [...] Il contenuto
sottoposto a tutte le vicende della storia; nasce e muore; la forma immortale.4

3. Ibid., p. 606-607.
4. F. DE SANCTIS, Settembrini, cit., p. 240.

34 Quaderns dItali 16, 2011

Roberto Antonelli

Sul rapporto fra contenuto e forma Croce nellEstetica pervenne, estremizzandolo, a risultati diversi, con implicazioni notevoli anche riguardo alla natura della storia letteraria il cui senso, come noto, negato in radice:
La conoscenza ha due forme: o conoscenza intuitiva o conoscenza logica;
conoscenza per la fantasia o conoscenza per lintelletto; conoscenza dellindi
viduale o delluniversale; [...] , insomma, o produttrice dimmagini o produttrice di concetti. [...]
Ogni vera intuizione o rappresentazione , insieme, espressione. Ci che non
si oggettiva in una espressione non intuizione o rappresentazione, ma sensazione o naturalit. [...] Intuire esprimere; e nientaltro (niente di pi, ma
niente di meno) che esprimere.
[...] [Materia e forma] sono non gi due atti nostri, di cui luno stia di fronte
allaltro, ma luno un di fuori che ci assalta e ci trasporta, laltro un di
dentro che tende ad abbracciare quel di fuori e a farlo suo. La materia, investita e trionfata dalla forma, d luogo alla forma concreta. E la materia, il
contenuto quel che differenzia una nostra intuizione da unaltra: la forma
costante, lattivit spirituale; [...]
[...] La materia poetica corre negli animi di tutti: solo lespressione, cio la
forma, fa il poeta. E qui si trova la verit della tesi che nega allarte qualsiasi
contenuto, intendendosi per contenuto appunto il concetto intellettuale.
In questo senso, posto contenuto uguale a concetto, esattissimo non solo
che larte non consiste nel contenuto, ma che essa non ha contenuto.
[...] Se lespressione forma della coscienza, come cercare lorigine storica di
ci che non prodotto della natura, e che della storia umana presupposto?5

Il giudizio che conseguentemente lo stesso Croce d della Storia desanctisiana6 si muove su due piani; da una parte ne esalta il valore di storia, si badi,
di tutta la vita italiana, religiosa politica morale, senza mai usare il termine
letteraria, dallaltra ne pone in rilievo lo stile, dunque la valenza estetica, del
tutto conseguentemente con le premesse teoriche crociane (estetica come
scienza dellespressione), che portano ad una storia quale opus rhetoricum
maxime: Qui importa considerare lanimo di lui, il sentimento che alita nei
suoi scritti, lo stile che ne lespressione. Della soluzione desancisiana del rapporto fra contenuto-forma e storiografia letteraria non c pi traccia esplicita,7
implicitamente acquisendo De Sanctis allinterno del proprio sistema. La Storia della letteratura non pu valere sul piano del giudizio estetico (ma essere
semmai oggetto, in quanto opera darte, di un giudizio estetico).
5. B. Croce, Estetica come scienza dellespressione e linbguistica generale (1902), Bari 1958,
p. 3 e segg.
6. Id., Francesco De Sanctis, in La letteratura della nuova Italia. Saggi critici, Bari 1921,
p. 357-377.
7. Ibid., pur se sottolineava la grande novit di un critico nel quale il giudizio sullopera
darte diventava al tempo stesso libero da ogni dominio estraneo e rigidamente sottomesso
al criterio dellarte.

De Sanctis e la storiografia letteraria italiana

Quaderns dItali 16, 2011 35

Con la posizione crociana consuona ovviamente Borgese, nel suo periodo


crociano, e la sua posizione ha valore abbastanza rappresentativo di un intero
filone critico egemone per decenni:
Ora il De Sanctis diede un esemplare mirabile [...] di una storia della civilt
mostrata per via della letteratura. Si ripensi al filo dArianna di quellopera: il
popolo italiano, che dal forte spiritualismo di Dante e dallingenua fede del
Cavalca e del Compagni passava, col Petrarca, ad un torbido atteggiamento
dei sensi della realt della ragione: che, improvvisamente affacciatosi alla vita
civile, si ride e si burla della barbarie plebea e chiericale, la quale rimaneva
vestigio del forte medio evo negli uomini indotti di greco e di latina. Ride con
indifferenza nel Boccaccio, con scetticismo nellAriosto, con cinismo nel Folengo; la civilt si muta in raffinatezza impotente e indolente, e distrugge nella
coscienza e nella letteratura ogni seriet di contenuto; conduce alluomo del
Guicciardini e alla poesia del Marino, mentre daltro canto prepara, nel sottosuolo, la nuova scienza, che dar in progresso di tempo il nuovo poeta ed il
nuovo uomo. Or questa era certamente continuit di tela, e il De Sanctis non
da riprovare perch trascur la folla dei mediocri (che pure seppe in qualche
modo aggruppare o additare intorno ai maggiori), essendosi egli proposto di
mostrar nella letteratura lo specchio della vita civile e giovandogli per tale scopo
massimamente quegli scrittori, che aveano conseguito la massima potenza nella
espressione dei loro tempi. Era il pi perfetto modello di storia letteraria? Forse
i nostri desiderii son mutati; [...] forse noi prepariamo un nuovo ideale di
storia letteraria; ma di quello che fu in mente ai romantici, dal Berchet al
Cant, lopera del De Sanctis un capolavoro di esecuzione.8

Croce dunque quale intelligente e tendenzioso lettore di De Sanctis, del


quale comunque si pone come continuatore, iscrivendolo in un disegno strategico di costruzione dellideologia borghese della Nuova Italia. In tal senso
quella di Croce presunzione in gran parte legittima, anche per la grandiosit
del suo progetto postrisorgimentale, concepito come completamento liberale
di quello risorgimentale, fino ad includere il disegno desanctisiano in un quadro teorico generale: la filosofia dello spirito.
Il primo ad autorizzare del resto tale ovvia ma parziale interpretazione, con
sottolineature necessariamente pi contenutistiche, proprio De Sanctis: si
rileggano le affermazioni contenute nella Storia della letteratura vs quelle consegnate precedentemente ai Saggi critici (non per nulla saggi monografici, e
come tali apparentemente pi utilizzabili da Croce poich pi vicini al suo
sistema): lo stesso De Sanctis che per primo sostiene con molta consapevolezza, e perfino modestia una lettura della Storia della letteratura come
storia di una civilt, alla luce del Risorgimento.
A queste ragioni forse dovuto lo scarso appeal di De Sanctis come critico,
fuori dItalia. Passione risorgimentale e urgenza di offrire alla Nuova Italia
un quadro del recente passato risorgimentale e del suo senso: storia e senti8. G. A. Borgese, Storia della critica romantica in Italia, in F. De Sanctis, Storia della letteratura italiana, a c. di N. Gallo, Introduzione di G. Ficara, Torino: Einaudi-Gallimard,
1996, Sulla letteratura italiana di F. De Sanctis, Antologia critica a c. di G. Ficara, p. 820.

36 Quaderns dItali 16, 2011

Roberto Antonelli

mento formano un insieme che d conto dei giudizi di Croce e di tanti dopo
di lui, fino a Wellek9, compresa la sottolineatura della narrativit del testo
desanctisiano, gi in Croce ma ancor pi in Debenedetti e ancora recentemente presso Sanguineti e Ficara, fino a concepirlo, oggi, come una sorta di grande romanzo storico: il capolavoro del Romanticismo risorgimentale italiano,
un po come Verdi in musica.10 Lettura certamente legittima e acuta, ma in
qualche modo limitativa della personalit di De Sanctis.
Luso politico(-culturale) di De Sanctis inizia dunque con Croce e la sua
battaglia, liberale e antisocialista, contro il positivismo e contro la scuola storica11: De Sanctis esaltato come risorgimentale e precursore dellidealismo,
oltre che come serbatoio di temi (ivi compresa lEstetica), suggestioni critiche
e perfino formule linguistiche.
Mentre linterpretazione tendenziosa crociana insisteva su un filo in qualche modo continuo, con Gentile, a regime fascista ormai trionfante, si determina una vera e propria svolta, in evidente polemica con Croce (ribadita poi
pi esplicitamente in La filosofia dellarte), di cui inizialmente si discutono i
presupposti teorici, rilevando come la filosofia di riferimento di De Sanctis,
lhegelismo, non fosse riducibile al sistema crociano (che non filosofia, ma
semplice descrizione empirica e dommatica). De Sanctis innanzitutto il
critico e lo storico di una cultura dellanimo e riforma della vita, innanzitutto il maestro di una critica militante perfettamente adatta a un momento
in cui oggi [...], almeno in Italia, si ride delle preoccupazioni ingenue e melense per la purezza degli ideali dei chierici, poich la stessa arte, la stessa
filosofia non si sanno pi concepire se non in funzione della vita, e cio come
forme della stessa vita che si svolge sotto limpero duna stessa legge nella politica come nella scuola, nelle armi come negli studi, nel lavoro come nella
riflessione scientifica. Non c pi posto per larte, pura arte, poesia in opposizione alla prosa, forma da definire prescindendo dal contenuto, ecc.. Bisogna
tornare a De Sanctis:
9. Ren Wellek per, mentre sottolineava la scarsa conoscenza dellopera di De Sanctis fuori
dItalia, esaltava anche la sua capacit di fondere felicemente un ampio schema storico
con una critica rigorosa, la teoria con la pratica, la generalizzazione estetica con lanalisi
specifica, fino a definirla la pi bella storia letteraria che sia mai stata scritta (A History
of Modern Criticism (1965) [tr. it. Storia della critica moderna (1750-1950), Bologna 19581969, 5 voll., IV, p. 155]).
10. Su tali aspetti cfr. lIntroduzione di G. Ficara a F. De Sanctis, Storia della letteratura cit.,
p. xv e segg.
11. La funzione con cui Croce utilizz la Storia desanctisiana perfettamente chiara a Carlo
Dionisotti, Postilla a una lettera scarlatta (1946), poi in Geografia e storia della letteratura
italiana (1967), Torino 1977, p. 19: Nel dominio della letteratura italiana, conteso a quel
tempo dai carducciani e dai filologi, come allora si diceva, di scuola tedesca, in un reggimento oligarchico fondato sulle cattedre universitarie e su riviste spcializzate, il Croce non
ebbe da fare breccia con la prepotenza della conquista [...]. Perno del rivolgimento la Storia
del De Sanctis: e il nuovo assetto fu raggiunto sulla base di una teocrazia desanctisiana alla
quale si adattarono anche i precedenti oligarchi, accettando per s funzioni pi definite e
controllate.

De Sanctis e la storiografia letteraria italiana

Quaderns dItali 16, 2011 37

Il vero che lestetica del De Sanctis non inquadrata come oggi barbaricamente si dice ma fondata in una filosofia; e perci tuttuno con
questa filosofia; laddove lestetica dei continuatori (voglio dire, di quelli che
si presumono o sono ritenuti suoi continuatori) non ha questo fondamento,
perch non filosofia, ma semplice descrizione empirica e dommatica. [...]
Oggi che tra glItaliani s diffusa la convinzione che una cultura dellintelligenza che non sia cultura dellanimo e riforma della vita una cultura vuota
e falsa; oggi che la stessa arte, la stessa filosofia non si sanno pi concepire se
non in funzione della vita, e cio come forme della stessa vita che si svolge
sotto limpero duna stessa legge nella politica come nella scuola, nelle armi
come negli studi, nel lavoro come nella riflessione scientifica; oggi che, almeno in Italia, si ride delle preoccupazioni ingenue e melense per la purezza
degli ideali dei chierici; oggi nella critica letteraria, e non soltanto in essa,
bisogna tornare a De Sanctis. E tempo di spazzare i ragnateli di quella inafferrabile critica che pretende invano di dividere lindivisibile e fissare un
momento ideale della vita dello spirito: arte, pura arte, poesia in opposizione alla prosa, forma da definire prescindendo dal contenuto, ecc. Larte che
si potesse cos additare, in s e per s, sarebbe in verit un alibi assurdo per
luomo. Il quale sempre che ha vissuto una schietta forma darte, ha sentito
dentro di essa tutta la sua umanit, con la sua fede e con la sua passione; da
cui nessuno s potuto mai staccare se non per precipitare nel falso della vita
e insieme dellarte.12

Gramsci raccoglie immediatamente la parola dordine gentiliana, per


capovolgerne il segno, pur se sulla definizione del tipo di atteggiamento critico
di De Sanctis, in quanto appassionato, aperto alla vita e non frigido i due,
da sponde opposte, concordano: Gramsci contro linterpretazione dei De
Sanctis, militante e fascista, di Gentile, ma allo stesso tempo contro quella
liberale di Croce (di cui coglie la tendenziosit, ma in modo pi acuto, o
corretto, di Gentile: Il Croce riesce a distinguere questi aspetti diversi del
critico, che nel De Sanctis erano organicamente uniti e fusi), rivendicando
invece, in un brano famoso e poi citatissimo, che varr la pena di rileggere per
intero, la complessit delle posizioni De Sanctis e la sua fisionomia sostanzialmente democratica, non liberale:
Cosa significa e cosa pu e dovrebbe significare la parola dordine di Giovanni
Gentile Torniamo al De Sanctis!? Significa tornare meccanicamente ai
concetti che il De Sanctis svolse intorno allarte e alla letteratura, o significa
assumere verso larte e la vita un atteggiamento simile a quello assunto dal De
Sanctis ai suoi tempi? Posto questo atteggiamento come esemplare, da vedere: 1) in che sia consistita tale esemplarit; 2) quale atteggiamento sia oggi
corrispondente, cio quali interessi intellettuali e morali corrispondano oggi a
quelli che dominarono lattivit del De Sanctis e le impressero una determinata direzione. N si pu dire che la biografia del De Sanctis, pur essendo essenzialmente coerente, sia stata rettilinea, come volgarmente sintende. Il De
12. G. Gentile, Torniamo a De Sanctis!, in Quadrivio, 6 agosto 1933 [rist. in Memorie italiane,
Firenze, 1936, p. 173-181].

38 Quaderns dItali 16, 2011

Roberto Antonelli

Sanctis, nellultima fase della sua vita e della sua attivit, rivolse la sua attenzione al romanzo naturalista o verista e questa forma di romanzo, nellEuropa
occidentale, fu lespressione intellettualistica del movimento pi generale di
andare al popolo, di un populismo di alcuni gruppi intellettuali sullo scorcio
del secolo scorso, dopo il tramonto della democrazia quarantottesca e lavvento
di grandi masse operaie per lo sviluppo della grande industria urbana. Del De
Sanctis da ricordare il saggio La scienza e la vita, il suo passaggio alla Sinistra
parlamentare, il suo timore di tentativi forcaioli velati da forme pompose, ecc.
Un giudizio del De Sanctis: Manca la fibra perch manca la fede. E manca
la fede perch manca la cultura. Ma cosa significa cultura in questo caso?
Significa indubbiamente una coerente, unitaria e di diffusione nazionale concezione della vita e delluomo, una religione laica, una filosofia che sia
diventata appunto cultura, cio abbia generato unetica, un modo di vivere,
una condotta civile e individuale. Ci domandava innanzi tutto lunificazione
della classe colta e in tal senso lavor il De Sanctis con la fondazione del
Circolo filologico, che avrebbe dovuto determinare 1unione di tutti gli uomini colti e intelligenti di Napoli; ma domandava specialmente un nuovo atteggiamento verso le classi popolari, un nuovo concetto di ci che nazionale,
diverso da quello della Destra storica, pi ampio, meno esclusivista, meno
poliziesco, per cos dire.
[...] La critica del De Sanctis militante non frigidamente estetica, la
critica di un periodo di lotte culturali, di contrasti fra concezioni di vita
antagonistiche. Le analisi del contenuto, la critica della struttura delle
opere, cio della coerenza logica e storico-attuale delle masse di sentimenti
rappresentati artisticamente, sono legate a questa lotta culturale: proprio in
ci pare consista la profonda umanit e lumanesimo del De Sanctis, che
rendono tanto simpatico anche oggi il critico. Piace sentire in lui il fervore
appassionato delluomo di parte, che ha saldi convincimenti morali e politici e non li nasconde e non tenta neanche di nasconderli. Il Croce riesce a
distinguere questi aspetti diversi del critico, che nel De Sanctis erano organicamente uniti e fusi.
[...] Insomma, il tipo di critica letteraria propria della filosofia della prassi
offerto dal De Sanctis, non dal Croce o da chiunque altro (meno che mai dal
Carducci): essa deve fondere la lotta per una nuova cultura, cio per un nuovo
umanesimo, la critica del costume, dei sentimenti e delle concezioni del
mondo, con la critica estetica o puramente artistica nel fervore appassionato,
sia pure nella forma del sarcasmo.13

Nel dopoguerra, a Quaderni dal carcere ormai noti (Gli intellettuali e lorganizzazione della cultura del 1949), la posizione di Gramsci viene assunta
come paradigma assoluto della politica culturale del Partito comunista italiano
e di moltissimi critici che al marxismo si ispirano, fino a determinare nella
critica militante una vera e propria tipologia critica, come forse Gianfranco
Contini presagisce (o gi rileva?), proprio nel 1949, quando ancora non stata
pubblicata Letteratura e vita nazionale, con leggerezza ma con distacco critico
ben evidente nei riguardi di De Sanctis:
13. A. Gramsci, Letteratura e vita nazionale, Torino 1954, p. 5.

De Sanctis e la storiografia letteraria italiana

Quaderns dItali 16, 2011 39

Parlare di Francesco De Sanctis diventato singolarmente difficile da quando,


nella considerazione popolare il mito e il tipo hanno surrogato luomo. [...] Cosa
pi preoccupante, egli non appare per ai molti un critico, bens il critico;
[...] Ogni visione teologica, o meglio emanatistica, della poesia, nella quale
ogni universo poetico appare necessariamente integrato dal successivo, per
definizione si fonda sulla nozione del progresso in poesia. Anche il De Sanctis
[...] crede al progresso [...] seppure lo sposti verso le forme, opponendole al
genio.14

La posizione di Gramsci utilizzata dalla critica di parte comunista soprattutto quale critica nei confronti di Croce, per tentare di rovesciarne legemonia
esercitata sulla cultura e in particolare sulla critica letteraria, tanto che ancora
nel 1967, nella Premessa e dedica ad un libro dimportanza epocale per la storiografia letteraria italiana, Geografia e storia della letteratura italiana, Carlo
Dionisotti ritiene necessario reintervenire sulla questione, ritenendola ancora
viva, specie per un libro il cui saggio fondativo era stato letto come prolusione
nel 1949 e stampato nel 1951:
Poich dopo la guerra si sviluppata una diffusa e acre insofferenza del governo che lungamente, per quasi cinquantanni, Benedetto Croce esercit sulla
cultura italiana, e perch negli scritti qui raccolti una qualche riserva espressa nei riguardi di quel governo, [...] mi sia lecito dire alla buona e chiaramente che, se per assurda ipotesi la scelta si ponesse, oggi, fra la lezione del De
Sanctis e quella del Croce, non esiterei, come studioso di storia e di letteratura italiana, un istante: ancora starei umilmente e volentieri, come mi pregio di
essere stato sempre, col pi formidabile lettore e intenditore di testi italiani che
a mia notizia sia apparso dal Settecento a oggi.15

Potremmo dire, se volessimo semplificare su un piano storico-politico, che per


sul momento vince la lettura gramsciana perch nello scontro in atto anche in
Italia, in piena guerra fredda, sul terreno cultural-letterario vince il PCI e perde la
borghesia democratica, il Partito dAzione (azionisti erano sia Contini, cattolico,
che Dionisotti, laico, fra loro amici e reciproci estimatori). Insomma, dopo il
recupero crociano, il ventennio di dittatura fascista, la Seconda guerra mondiale
e la politica del dopoguerra che segnano anche la storiografia e la teoria letteraria.
Ci coinvolge anche le posizioni storiografiche elaborate in questi anni
(1949/1951) dallo stesso Dionisotti, in aperto e radicale rovesciamento delle
tesi di De Sanctis, non tanto riguardo alla funzione e alle modalit della critica, ma proprio dellinterpretazione desanctisiana e risorgimentale della storia
italiana e quindi del modello strutturale della Storia:
Poco prima dellultima guerra torn in discussione fra studiosi italiani il quesito se e fino a qual segno la storia dItalia potesse dirsi unitaria. In tale occasione Benedetto Croce pubblic [...] un saggio in cui ribadiva la tesi, coerente
14. G. Contini, Introduzione a F. De Sanctis, Scritti critici, 1949, ora in Id., Varianti e altra
linguistica. Una raccolta di saggi (1938-1968), Torino: Einaudi, 1970, p. 499.
15. C. Dionisotti, Geografia e storia, cit., p. 11.

40 Quaderns dItali 16, 2011

Roberto Antonelli

al suo pensiero, ma splendidamente ardita in quella sede e a quella data (1936),


che di una storia dItalia anteriore al processo unitario del Risorgimento non
fosse il caso di parlare, risolvendosi essa nella varia storia delle singole unit
politiche, regionali o municipali o altramente costituite, in cui lItalia per
secoli era stata divisa.16

Lo schema per Dionisotti andava invertito, poich si giustificava allora,


dopo la guerra, un riesame della questione per vedere fino a qual punto fosse
accettabile la linea unitaria comunemente seguita nel disegno storico della
letteratura italiana.17 Dunque, non storia della letteratura italiana ma geografia e storia della letteratura italiana: Si pu discutere se quel che in una
letteratura pi importa, lofferta che essa reca di umana poesia, soffra o no
distinzioni e definizioni di spazio e di tempo. Ma discutibile non sembra il
principio che, ove a tali distinzioni e definizioni per qualunque motivo si
ricorra, esse debbano farsi avendo riguardo alla geografia e alla storia, alle
condizioni che nello spazio e nel tempo stringono ed esaltano la vita degli
uomini18, giusta losservazione crociana del 1936, da cui Dionisotti era partito per iniziare la prolusione londinese del 1949.
Dionisotti con Croce dunque, malgrado le riserve talvolta espresse,
contro Gramsci e quindi contro De Sanctis, cos come del resto Contini con
Croce: su presupposti diversi ma uniti nel rifiuto di quellegemonia culturale gramsciana che sembrava intaccare lautonomia della letteratura, sia sul
piano storiografico che valoriale.19 Dionisotti metteva in discussione i presupposti storiografici della Storia della letteratura di De Sanctis; Contini, in
unanalisi linguistica ravvicinata delluso desanctisiano, ne discuteva i presupposti estetici, condensati nelluso del binomio forma e contenuto (ovvero le due questioni lasciate in eredit da De Sanctis, dalle quali siamo partiti), per storicizzarne il senso e per proporre un diverso recupero e analisi della
forma.20 Sul piano storiografico era certo pi vicina alla strategia crociana
la serie La Letteratura italiana. Storia e testi della Ricciardi, diretta da Raffaele Mattioli, Pietro Pancrazi e Alfredo Schiaffini, che non a caso si apriva con
la pubblicazione di un volume antologico di scritti crociani (nel piano
dellopera, ultimo della serie), curato dallo stesso autore, e che dei volumi di
storia pubblicher soltanto Il Trecento di Natalino Sapegno, forse anche in
ragione delluscita, nel 1965, della Storia della Letteratura Italiana della Garzanti, diretta dallo stesso Sapegno e da Emilio Cecchi, secondo lantico modello per secoli della Storia letteraria dItalia della Casa editrice Vallardi Scritta da una Societ di Professori.
16. Ibid., p. 25.
17. Ibid., p. 35.
18. Ibid., p. 54.
19. E uniti, a ben vedere, anche nella valorizzazione dellimportanza della variet dei centri italiani: sul piano strettamente linguistico in Contini, su quello storico-culturale in Dionisotti.
E uniti anche nel recupero dellimportanza della scuola storica.
20. Si veda G. Contini, Introduzione a De Sanctis cit., p. 499-531, dimportanza paragonabile
al saggio dello stesso Contini sullinfluenza culturale di Benedetto Croce.

De Sanctis e la storiografia letteraria italiana

Quaderns dItali 16, 2011 41

A Sapegno si dovevano gi i volumi del Compendio di storia della letteratura italiana per le scuole medie superiori, un vero e proprio classico della storiografia letteraria italiana (former varie generazioni di giovani), uscito a partire
dal 1938; nel 1947, con il terzo volume, Dal Foscolo ai moderni, Sapegno
tenter di fondere la lezione crociana e quella desanctisiana, secondo una prospettiva storiografica che maturer pienamente proprio nellimpresa della Storia della Letteratura Italiana Garzanti, dove verr ancora una volta pienamente confermato il modello storiografico, non ideologico, di De Sanctis, e la
garbata, come di consueto, ma decisa ripulsa di ogni altra prospettiva:
I presupposti teorici, i criteri di metodo, gli strumenti tecnici idonei allela
borazione di una seria storiografia letteraria si proposero come oggetto di una
analisi approfondita e di un dibattito esteso e fruttuoso soltanto nel corso del
secolo xix, nel quadro dello storicismo romantico; e proprio in Italia tale dibat
tito attinse forse alle sue formulazioni pi sottili e rigorose, ovviamente in
rapporto con il rapido e generoso sviluppo della rivoluzione nazionale e borghese e con lo sforzo che essa doveva comportare, da parte dei gruppi dirigenti e degli intellettuali che ne interpretavano le aspirazioni, di unorganica presa
di coscienza delle varie vicende nel tempo e della struttura coerente e unitaria
della nostra cultura.
Non soltanto allora fu concordemente rifiutata lidea di una storia letteraria come mero repertorio di notizie biografiche e bibliografiche, quale era
stata fissata in teoria ed in pratica dalla pur benemerita erudizione settecentesca; s anche divenne oggetto di discredito laltra tendenza, che a quella in
parte si era contrapposta e in parte accompagnata quasi a guisa di integrazione e di complemento, a fornire un parallelo repertorio di marginali rilievi
grammaticali e rettorici. Daltra parte la ricerca di un piano di discorso pi
elevato ed organico, pi intrinsecamente storico, attraverso le discussioni a
cui in vario modo parteciparono le maggiori personalit del mondo intellettuale (dal Foscolo ai redattori del Conciliatore e dellAntologia, dal Mazzini al Gioberti e al Cattaneo, dal Tommaseo al Tenca e allImbriani) e attraverso i primi tentativi di sistemazione espositiva (del Maffei e dellEmiliani
Giudici, del Cant e del Settembrini) sulla scia di frettolosi schemi politici e
moralistici, doveva presto rivelarsi infruttuosa e insoddisfacente al paragone
di un concetto dellarte che veniva prendendo coscienza di se stesso sul piano
speculativo, coscienza voglio dire della propria natura distinta e della propria
autonomia.
A questo punto venne ad inserirsi nel dibattito ancora aperto il De Sanctis,
con la sua travagliata consapevolezza teorica e con il concreto esempio della
sua attivit di storico. Vera storia della letteratura non poteva essere, a parer
suo, n una valutazione di contenuti astratti, di mondi intenzionali, di per s
anteriori al momento della creazione estetica, n unindagine altrettanto astratta del lato apparente e superficiale della forma che si suol definire come stile.
N quella materia morale, n quegli strumenti espressivi hanno realt al di
fuori della loro sintesi. A quei procedimenti astrattivi deve pertanto contrapporsi il criterio della forma come unit organica, che non unidea, ma una
cosa, e cio la realt stessa in quanto si configura nella mente dellartista realizzandosi in un nuovo organismo, che esso medesimo momento in s perfetto ed insopprimibile del processo vitale.

42 Quaderns dItali 16, 2011

Roberto Antonelli

Se tuttavia il criterio della forma giova a stabilire lautonomia e lindividua


lit del fenomeno artistico, come valore irriducibile di volta in volta al mutarsi e al progredire delle ideologie e delle tecniche, che cosa potr ancora assicurare lunit e la continuit di un discorso storico che si proponga di ritrovare
un senso, una linea progressiva, nella serie dei fatti poetici come tali? Proprio,
pensava il De Sanctis, la loro storicit intrinseca, la possibilit di un costante
riferimento dialettico di quei fatti alla realt, di cui essi sono al tempo stesso
specchio e ricreazione ed elemento operante.
[...]
La critica veramente tale solo se diventa storia, cio se riesce ad inserirsi
in una visione globale dello svolgimento storico. Per tale via, proprio mentre
elaborava la critica pi radicale e in qualche modo definitiva di ogni tipo di
storia meramente sociologica dei fatti artistici, il De Sanctis si ingegnava (o
silludeva?) di salvare lidea di una storia della letteratura che, nella piena consapevolezza della relativa autonomia e individualit dei suoi oggetti, ritrovasse
il filo di un discorso continuo e coerente riaffondando di volta in volta le
radici nel terreno della storia civile e culturale della societ.
A noi pare, e non soltanto per il prestigio ed il fascino dellopera in cui egli
si sforz di porgere un primo tentativo di attuazione delle sue idee, che la solu
zione del De Sanctis conservi intatta la sua validit anche oggi.21

E ancora, in chiara distinzione dalla ben nota condanna crociana delle


storie letterarie a favore del saggio monografico, ma forse anche dellormai
affermata critica stilistica e formale, Sapegno propone un vero e proprio capovolgimento di paradigma, in cui semmai la critica letteraria, il saggio monografico di derivazione crociana, a mostrarsi inevitabilmente bisognoso di un
retrostante disegno storiografico:
Come noto, il problema di una giustificazione della storiografia letteraria ed
artistica e di una distinta funzione nel quadro della storiografia generale,
tornato a porsi in tempi recenti con maggiore risolutezza, e anche questa volta
proprio in Italia in termini pi lucidi e rigorosi per merito soprattutto del
Croce, il quale ha negato che si potesse postulare un complesso di caratteri
comuni fra le singole opere di poesia, e quindi il criterio di una serie ideale
oltre che cronologica, perch, egli diceva, ogni carattere comune riferendosi
alla materia delle opere artistiche (e materia anche la loro forma quando
presa astrattamente e materializzata, il cosiddetto stile) non ha pi valore estetico e non vale a congiungere fatti di natura estetica: non si d pertanto storia
letteraria come narrazione di una tradizione organica e distinta di una serie di
fatti omogenei; e ogni opera che si proponga come tale si risolve, nel migliore
dei casi, in un seguito discontinuo di saggi monografici, malamente imprigionati in uno schema extraestetico. [...]
La condanna sembra senza appello, almeno in sede teorica. N certo contro di essa possono aver forza i tentativi sempre risorgenti di sistemazione
sociologica, che avviliscono le opere poetiche a documenti, ma neppure valgono gli opposti e altrettanto astratti tentativi di storicizzazione degli elementi
21. N. Sapegno, Introduzione alla Storia della Letteratura Italiana, I. Le Origini e il Duecento,
Milano: 1965, p. viii-ix.

De Sanctis e la storiografia letteraria italiana

Quaderns dItali 16, 2011 43

tecnici rettorici e formali (del gusto, delle poetiche o delle strutture polivalenti), elementi tutti che non hanno storia al di fuori dei singoli organismi
poetici. Meno che mai potrebbero giovare a trarci dimpaccio le numerose
storie che di fatto si continuano a scrivere della letteratura, della musica o delle
arti figurative, le quali anzi spesso si potrebbe dire che confermino e ribadiscano in atto la condanna crociana, allorch appunto si riducono ad aggregati
discontinui di monografie critiche collegate soltanto da unesigenza didattica
[...]. Laporia, che sembra irriducibile, pu esser superata soltanto ove si ritorni allimpostazione desanctisiana e si riconosca che i fatti artistici (ma non essi
soli, anche i sistemi filosofici, i progressi gressi della scienza, gli eventi politici),
mentre non si costituiscono in una serie autonoma e astrattamente riconoscibile in un ambito chiuso, crescono, e pertanto diventano oggetto di concreto
studio, solo in quanto si collocano nel flusso totale delle condizioni storiche,
in cui prendono il loro significato pi vero anche i dati della tradizione letteraria e gli apporti e le innovazioni linguistiche tecniche e strutturali. Per questa
via il problema potr addirittura capovolgersi; se vero che appare sempre pi
evidente limprobabilit di dar fondamento di scienza a una critica letteraria
che non si identifichi in una storia della letteratura, intesa come storia della
civilt nella particolare prospettiva delle vicende letterarie, e capace di riassorbire nel sentimento concreto e individualizzante dei valori poetici lindagine
genetica del complesso e multiforme contenuto che in quei valori si configura
come in nuovi organismi e, mentre li determina, ne a sua volta determinato
nel suo progredire.22

Le posizioni di Dionisotti, note gi dal 1951, non hanno corso nella


prospettiva storiografica italiana almeno fino al 1967, quando egli pubblica,
nella collana dei Saggi einaudiani, Geografia e storia della letteratura italiana, appena due anni dopo luscita dellimponente storia letteraria collettiva
della Garzanti, ancora organizzata secondo un modello per secoli (Duecento, Trecento, ecc.), ossia di fatto, secondo un criterio cronologico lineare
di tipo generazionale.23 E difficile non pensare al volume di Dionisotti
come ad una sorta di risposta alla riproposizione di una storia desanctisiana: un agile veliero contrapposto a un potente bastimento, che tuttavia
suggerisce un possibile cambiamento di rotta. La prolusione del 1949, Geografia e storia della letteratura italiana, che d il titolo al volume del 1967,
costituisce, quantomeno oggettivamente, una proposta alternativa a quanto
si era fino allora, e ancora due anni prima, pensato e scritto in Italia in materia di storiografia letteraria: importante e criticamente incontrovertibile proprio perch basata su un esame storico fattuale, con Croce, della situazione
storico politica e culturale italiana prima del 1860 e perch capace di inserire coscientemente tale analisi nel quadro politico-culturale dellItalia del
dopoguerra (cos come contemporaneamente e significativamente aveva fatto
Curtius in Germania con la sua Letteratura europea e Medio Evo latino, ragio22. Ibid., p. ix-xi.
23. Sulle possibili diverse concezioni e proposte del tempo storiografico cfr. R. Antonelli,
Tempo e spazio nella storiografia letteraria, in La scrittura e la storia. Problemi di storiografia
letteraria, a cura di A. Asor Rosa, Firenze: La Nuova Italia, 1995, p. 161-195.

44 Quaderns dItali 16, 2011

Roberto Antonelli

nando su unaltra crisi, particolarmente evidente dopo la seconda guerra


mondiale, quella dellEuropa):
Certo che mai come allindomani di una disfatta militare e nel decorso di
una crisi politica che hanno insidiato lunit e lesistenza stessa, come nazione
e come stato, dellItalia, si sentito forte il bisogno di vedere con chiarezza in
che modo e fino a che punto lItalia sia stata a tuttoggi fatta, ma il problema
che si posto nei suoi termini propri di storia politica, invade per un buon
tratto la storia della letteratura, e sollecita lattenzione degli studiosi di questa.
Gi significativo il fatto che una storia della letteratura, quella ormai classica
di Francesco De Sanctis, sia, credo, il solo libro che alla maggioranza degli
Italiani abbia offerto e tuttavia offra una suggestiva rappresentazione e interpretazione unitaria della loro storia. N occorre ricordare che su documenti
letterari, da Dante al Manzoni, principalmente fondata la tradizione unitaria
in Italia. Occorre per forse precisare che questa tradizione [...] non risulta [...]
da un intempestivo ideale politico [...] [ma] da un tempestivo e vittorioso
ideale letterario, dal mito che la cultura italiana del Rinascimento cre e impose di una Italia risvegliatasi dal suo lungo e impotente sonno medievale non
pi donna di province ma pur sempre donna di una ineguagliata e forse ineguagliabile civilt.24

La letteratura ha fondato la tradizione unitaria in Italia: dopo una disfatta militare che ha insidiato lunit e lesistenza stessa, come nazione e come
stato, dellItalia occorre riconsiderare come si sia fatta politicamente lItalia, ma anche, per necessaria conseguenza, come sia stata fatta e interpretata
la storia della letteratura italiana.
La Storia di De Sanctis, in quanto storia emblematica dellunit dItalia,
assunta unanimemente quale modello di storia letteraria militante, appare a
Dionisotti, nella Premessa e dedica scritta per il volume einaudiano del 1967,
ormai inadeguata, sia per le premesse storiche da cui partiva, sia per le problematiche che la situazione storica contemporanea poneva:
Poich la via di un impegno letterario insieme e politico, e di una interpretazione storica del passato in funzione del presente, pu apparire in Italia, e di
fatto stata variamente e anche recentemente proposta, quasi una ripresa della
tradizione risorgimentale, devo dire, o piuttosto ripetere, che non ho mai per
parte mia pensato alla possibilit di una tale ripresa. N sul piano dellazione
politica, n su quello della ricerca storica. Il debito che abbiamo contratto con
gli uomini del Risorgimento fuori discussione. Ma le difficolt e pertanto
i compiti nostri sono stati e sono tuttaltri.
Ogni grande impresa richiede grandi sacrifici. N raro il caso che i sa
crifici risultino a distanza maggiori del previsto e mettano finalmente a nudo
la debolezza dei vincitori o dei loro eredi. E senza dubbio il caso dellimpresa risorgimentale. Lultima guerra non bastata a infrangere lunit dItalia, ma ha rimess o in questione la struttura che allItalia unita era stata
imposta.
24. C. Dionisotti, Geografia e storia, cit., p. 26-27.

De Sanctis e la storiografia letteraria italiana

Quaderns dItali 16, 2011 45

[...] Compito nostro era di mettere, per quanto potessimo, un qualche


riparo alla rovina di ogni cosa intorno a noi e in noi. Sempre avevamo creduto allunit, e per a una storia dItalia e a una storia della letteratura italiana.
Ma sempre anche avevamo dubitato della struttura unitaria, che nellet nostra
era giunta a fare cos trista prova di s, e per anche di quella corrispondente
storia dItalia e della letteratura italiana, che era stata prodotta nellet risorgimentale. N il fatto che, a differenza della storia politica, proprio la storia della
letteratura prodotta allora avesse ottenuto dal De Sanctis la forma del capolavoro, poteva in alcun modo attenuare il dubbio. Quella storia splendidamente rappresentava listanza unitaria del Risorgimento e il decisivo apporto del
Regno di Napoli alla causa dellunit. Ma per ci stesso e per i caratteri propri
della storia del Regno, diversa affatto e appartata per lunghi tratti da quella del
resto dItalia, ci si poteva chiedere se essa anche non rappresentasse, coi suoi
tratti semplici e decisi, la sopraffazione spiccia che ai fini dellunit era stata
imposta alle differenze reali e tradizionali della vecchia Italia. [...]
A chi oggi si volga dubitando indietro, giova riconsiderare lo sforzo che,
come gi s detto, fu compiuto nellet postrisorgimentale, dal 1860 innanzi,
per vedere pi chiaro nella struttura e storia della vecchia Italia prerisorgimentale. Anche e pi giover risalire allet memore e presaga, che pi di ogni altra
volle vedere chiaro, al Settecento. L, fra il Gravina e il Tiraboschi, ancora sono
le fondamenta solide di una storia della vecchia Italia. L anche, e di l risalendo
indietro, sono i fatti, gli uomini, i testi, che nessuna successiva descrizione
o interpretazione pu sostituire e che devono essere riconsiderati uno a uno.25

Riconsiderati uno a uno; ma non appunto secondo uno schema storicogeografico unitario dei rari e indipendenti mondi poetici che la critica
romantica era venuta scoprendo e colonizzando: le grandi figure tragiche
dellInferno dantesco si incontravano, nel pensiero del De Sanctis, non con
altre nel susseguente processo della poesia italiana, ma se mai, fuori dItalia e
a intervallo di secoli, con le grandi figure tragiche dello Shakespeare. [...] Il
paragone veniva a farsi fra quel che lItalia sembrava essere stata e quel che
avrebbe potuto o dovuto essere, e, come accade, il secondo termine influiva e
si imponeva sul primo.26
Insomma, potremmo commentare, non al modo della Storia della Letteratura Italiana Garzanti, n di altre che con quella si confrontarono nei decenni
successivi, tutte degne e spesso importanti per nuovi singoli contributi, ma basati su un modello ormai arcaico, pur se occorre sottolineare come Carlo Muscetta,
nel 1970, nella presentazione della sua Letteratura italiana, Storia e testi (il titolo
riprende quello della serie ricciardiana e punta alla sintesi unitaria di rappresentazione storiografica e antologia), avvertisse che il paradigma ormai scricchiolava,
citando esplicitamente una relazione di Dionisotti, ma non la Geografia e storia
della letteratura italiana uscita ormai da tre anni e restando sostanzialmente fedele al modello desanctisiano, pur rivendicando unattenzione al policentrismo della
letteratura italiana che faceva risalire addirittura a Settembrini:
25. Ibid., p. 8, 9 e 11.
26. Ibid., p. 31.

46 Quaderns dItali 16, 2011

Roberto Antonelli

Queste pagine di presentazione erano gi in corso di stampa col piano generale


dellopera, quando sono state rese pubbliche al Congresso dellAssociazione inter
nazionale per gli studi di lingua e letteratura italiana tre relazioni di Carlo Dioni
sotti, Mario Sansone e Dante Isella, particolarmente stimolanti per i problemi
che il nostro gruppo di lavoro ha avuto e continuer ad avere presenti.
Attraverso le discussioni degli italianisti si sono puntualizzati importanti aspetti metodici nella ricerca di un nuovo canone di interpretazione storica, o per dirla in termini alquanto ambiziosi, di una forma totale ed organica della nostra storia letteraria: come ha detto Mario Sansone, che non ha
mancato di aggiungere, con solenne onest, un significativo ripudio della
nota scepsi crociana sulla possibilit di una storia della letteratura. Riteniamo (pur intendendone nel tempo, pienamente, le ragioni polemiche e teoriche) ormai inaccettabile il principio della dissoluzione della storia letteraria
nelle costruzioni monografiche sui singoli poeti. Non meno fondamentali
ci sono parse le due preoccupazioni emerse nelle parole di Carlo Dionisotti :
la ricerca di una consapevolezza storica del presente e la necessit di guardarsi dal puzzo di vieti esclusivismi, angustie ideologiche e borie locali, quando si affrontano i rapporti tra culture e tradizioni regionali e municipali, e
letteratura nazionale. Siamo tanto convinti che non si possa prescindere da
tesi cos vivacemente e autorevolmente sviluppate, che gi prima che nel
nostro gruppo si definisse limpianto di questopera, non avevamo mai
dimenticato (ogni volta che se ne presentasse loccasione) il carattere policentrico della nostra letteratura e le diverse condizioni di sviluppo culturale
delle nostre regioni durante le varie epoche. Tanto pi che a questo tema
metodologico avevamo appuntato lo sguardo fin dallinizio della nostra edi
zione delle opere di Francesco De Sanctis, venti anni fa, confrontando
limpostazione data dal grande maestro irpino con quella di altri tentativi
storiografici : Settembrini intendeva [...] far giustizia ai contributi pi
importanti che dalle varie regioni erano venuti alla letteratura nazionale.
E ci conteneva un suggerimento metodico, che se fosse stato tenuto nel
debito conto dagli storici letterari successivi, poteva portare ad una visione
unitaria pi realistica, pi obiettiva.27

Bisogner aspettare una decina danni e la Letteratura italiana Einaudi


diretta da Alberto Asor Rosa, perch si prenda veramente in considerazione
lipotesi dionisottiana, pur se il punto di riferimento iniziale e di confronto
sempre De Sanctis, abbandonato a favore di una possibile storiografia dei testi,
delle forme28, ma soprattutto a favore di una struttura di tipo tematico:
Il diagramma De Sanctis... e il nostro.
Chiunque affronti un ragionamento sulla storia della letteratura italiana,
costretto a misurarsi con la grande opera di Francesco De Sanctis. [...] Tuttavia lacuta consapevolezza della sua grandezza serve oggi soprattutto a disegnare, anche con malinconia, labisso che ci separa dalla sua prospettiva.
27. C. Muscetta, La letteratura italiana Storia e testi, I. 1 Il Duecento. Dalle Origini a Dante,
1970, p. 7.
28. Letteratura italiana, diretta da A Asor Rosa, I. Il letterato e le istituzioni, Torino: Einaudi,
1982, p. 22-23.

De Sanctis e la storiografia letteraria italiana

Quaderns dItali 16, 2011 47

Il mondo che egli ci propone non cinteressa pi; un mondo nuovo si dispiega
ai nostri occhi, proprio quando volgiamo le vele ad allontanarci dal suo.
Pensate al paradosso contenuto nella Storia della letteratura italiana di
De Sanctis. Essa lopera pi significativa dedicata a celebrare, attraverso la
letteratura, la civilt italiana moderna e la sua identit nazionale: pure,
il diagramma, che il De Sanctis disegna, quello di una decadenza. Questa
decadenza comincia in limine, e precisamente quando, tra Dante da una
parte e Petrarca e Boccaccio dallaltra, alla figura del poeta si sostituisce
quella del letterato e dellartista. Comincia l la secolare scissione tra luomo
e lo scrittore, tra la cosa e la forma, che solo a met Settecento scrittori dotati di forte senso morale (Parini, Alfieri), cominciano [...] a risanare. La sensibilit di De Sanctis per tanti aspetti cos moderna (ricordiamo le splendide letture dei testi di Petrarca) da risarcire almeno in parte le durezze dello
schema. Ma queste durezze restano, e sono per molti versi decisive: le incomprensioni verso due grandissimi come Machiavelli e Guicciardini ne sono la
testimonianza. Bisogna dunque sostituire interi pezzi dello schema, invertire le ascisse del diagramma.
Se si parte da questi due presupposti e cio che 1) La letteratura italiana
non pu essere associata alla storia etica e civile della nazione italiana (anche
se ovviamente ha con essa rapporti); 2) Non necessariamente la grande letteratura nasce da una grande vita morale, si pu arrivare finalmente a
capire che laspetto veramente progressivo della letteratura italiana, la sua
autentica gloria in cospetto al mondo, la creazione (a partire da Dante, non
escluso) di quel gigantesco sistema delle forme, di quellaffascinante proposta
di vita per mezzo di segni, che dispiega fra Trecento e Seicento, attraverso e
anche nonostante le crisi sociali e politiche pi acute, la sua fase di maggiore
produttivit e prestigio europeo.29

Al diagramma di Dionisotti, contrapposto a quello di De Sanctis, invece dedicata totalmente lintroduzione alla Storia e geografia della letteratura
italiana 30, la serie con cui la Letteratura italiana Einaudi risolve, in una serie
concepita originariamente come esclusivamente tematica (iscritta in parte sotto
il modello dellEnciclopedia Einaudi iniziata nel 1977 e diretta da Ruggiero
Romano, e in parte sotto la Letteratura europea e Medio Evo latino di Curtius),
il problema di una storia della letteratura italiana integrata alla serie tematica,
che gi proponeva implicitamente unimmagine radicalmente ribaltata del
nostro passato letterario e della sua periodizzazione, fondato, almeno nella
prospettiva del prefatore, pi sulla coscienza della Krisis europea (e quindi su
Curtius) che non sulle pi recenti metodologie critiche (formalistiche e semiologiche, cui si riferiva invece Asor Rosa), pur esse conseguenza particolare
della pi generale Crisi della cultura umanistica:
Con questo volume inizia la parte conclusiva, dedicata riprendendo una
nota analisi di Carlo Dionisotti alla Storia e geografia della letteratura italia29. Ibid.
30. R. Antonelli, Storia e geografia, tempo e spazio nellindagine letteraria, in Letteratura italiana, Storia e geografia I. Let medievale, Torino: Einaudi, 1987, p. 5-26.

48 Quaderns dItali 16, 2011

Roberto Antonelli

na. La storia della letteratura unilineare (fondata su una successione cronologica ordinata di cause ed effetti, spesso progressivi, posti sotto la regia
di un unico principio ispiratore), viene sostituita da un modello articolato di
realt storico-geografiche, non esaminate in quanto semplici premesse, con
torni o conferme della letteratura nazionale post-unitaria. Per di pi la stessa
Storia e geografia a sua volta concepita come un insieme modulare da porre
in correlazione e in reazione con tutte le analisi trasversali contenute nei
volumi della precedente sezione tematica.
La novit complessiva del progetto dest, alla pubblicazione del primo
volume [...], molte e vive discussioni, legate al definitivo abbandono del modello storiografico prevalente, quello desanctisiano, e alla proposta di un diverso
modo di fare storia letteraria e di concepire la letteratura, che teneva ormai
conto, nellassumere il testo a polo primario della ricerca, del dibattito novecentesco intorno alla teoria e ai metodi letterari, specie in ambito linguisticoformale e semiologico.
[...] Implicitamente, ma non tanto, i sei volumi gi pubblicati della Letteratura italiana propongono unimmagine radicalmente ribaltata del nostro passato letterario e della sua periodizzazione. Nello stesso rifiuto della storia crono
logica progressivamente ordinata e nella dissezione del materiale storico per tagli
trasversali, uno dei punti focali dellellissi, quello decisivo, consapevolmente
piantato nel Novecento: appunto il nostro presente, ivi compresa la sua progettualit di futuro. La periodizzazione conseguente riconosce e costituisce il
sistema letterario italiano in un unico insieme, sia pure scandito da tempi interni. Se ci si fosse per limitati a questa quasi inevitabile constatazione si sarebbe
proposta soltanto una versione lievemente aggiornata e forse banalizzata del nesso
passato-presente, storia-politica, pensiero-azione. Il fatto che tale periodizzazione non solo fa centro sulla soggettivit situazionale e storico-politica degli
autori e dei lettori della Letteratura italiana, ma identifica in tale soggettivit
lesito nuovo radicalmente diverso, per quanto ancora fluido e transitorio, di un
evento catastrofico e di una crisi: la perdita delle certezze e delloggettivit
dei Valori (e dei metodi) e la contemporanea nascita e sviluppo della moderna
cultura di massa. La riaggregazione di tutto quanto precede in un sistema diverso e globalmente unitario ne la logica conseguenza.
Potr apparire ancora oggi sorprendente una concezione storiografico-
letteraria che leghi in un unico blocco tutta la letteratura italiana (e occiden
tale), dalle origini delle moderne letterature volgari alla nascita e allo sviluppo
della cultura di massa.
[...] certo per che nella coscienza e nella prassi della parte pi significativa e alta della grande letteratura e critica europea proprio tra la fine
dellOttocento e gli anni 30 del Novecento, nel cuore del moderno, che si
situa la crisi che muta organicamente (e geneticamente) i termini stessi della
letteratura e del fare letterario, creativo e critico.
Senza le riflessioni che tale situazione nuova ha determinato nelle zone
pi varie della letteratura e della cultura, ivi compresa quella apparentemente pi protetta e lontana, la storiografia e la teoria letteraria, altrettanto
certo che la Letteratura italiana Einaudi, in quanto struttura formale e metodologica e in quanto progetto di ricerca, non sarebbe nata o avrebbe comunque assunto forme molto diverse.

De Sanctis e la storiografia letteraria italiana

Quaderns dItali 16, 2011 49

La questione dunque del modello De Sanctis a questo punto non riguarda pi immediatamente il versante politico-culturale (anche se in effetti si
contrappone alla politica-culturale del PCI nel dopoguerra e negli anni Cinquanta), ma il modello storiografico e i suoi presupposti, certamente anchessi latamente definibili come politico-culturali, come ogni atto storico-critico,
ma innanzitutto teorici e storici: unitario/lineare (alla De Sanctis, o comunque
al modo storicistico evenemenziale) o diacronico-tematico (alla Curtius) e
storico-geografico (alla Dionisotti)? Riguarda, in definitiva, due diverse concezioni dello spazio e del tempo. Cosa sottende la concezione riflessa nella
Letteratura Einaudi? Certamente la crisi dellintellettuale post-68 (la Letteratura Einaudi messa in cantiere in unaltra data fatidica per lItalia, il 1977)
e il processo dindustrializzazione e proletarizzazione dei paesi a capitalismo
avanzato: conseguentemente ha come punto di partenza il tema del Caos e
della Krisis e le risposte date alla crisi dalla cultura europea sul piano interpretativo: dalla longue dure alle periodizzazioni e tematizzazioni lunghe,
volte a capire le permanenze strutturali e a proiettarle sul futuro. Quanto a
dire, come in Reinhart Koselleck, una riflessione sull idea del tempo storiografico.
Negli anni pi recenti si tentato di ripristinare, talvolta anche per banali
motivi di mercato editoriale, un modello storiografico pi semplice, fondato
su uno storicismo lineare, non pi desanctisiano, ma comunque di stampo
originariamente ottocentesco: il caso della Storia della letteratura italiana,
diretta per le edizioni Salerno da Enrico Malato (iniziata nel 1995), dove
peraltro, accanto alla consapevole ed esplicita ripresa della tradizione (tanto da
far apparire inopportuna unampia disquisizione teorica preliminare), si d
spazio anche alla questione del policentrismo italiano e si allarga lorizzonte
alla storia delle istituzioni e alle connessioni fra letteratura e altre arti:
In questa prospettiva qui appena schematizzata: ma parsa inopportuna
unampia disquisizione teorica preliminare, quasi a giustificazione del lavoro
che si presenta stata giudicata, pi che possibile, necessaria una nuova
Storia della Letteratura Italiana che, strutturata in modo tradizionale, si
distinguesse da altre esistenti per la diversa articolazione interna della materia
e per il p ampio orizzonte entro il quale i fatti letterari vengono indagati e
ricostruiti. Avvicinandosi una scadenza la fine del millennio che sar
comunque unoccasione di consuntivi e di bilanci, mentre la suggestione delle
mode ideologiche e lesasperata ricerca del nuovo ha portato altrove alla
decomposizione e di fatto alla dissoluzione del quadro storico, sempre pi
pressante e perentoria si avvertita lesigenza di ricomporre quel quadro, di
ridisegnare un diagramma lungo il quale potesse utilmente svilupparsi la ricerca sui testi e sui rispettivi percorsi, dalla produzione e circolazione alla ricezione e attualzzazione, intesi come tracciato dei percorsi della civilt italiana.
[...] La Storia della Letteratura Italiana che qui si presenta va dunque intesa come storia della civilt letteraria se non, tout court, come storia della
civilt italiana. La storia letteraria viene ripercorsa sullo sfondo e nelle necessarie connessioni non soltanto soprattutto in alcuni particolari momenti
storici con la storia della lingua, ma altres con la storia dellarte, la storia

50 Quaderns dItali 16, 2011

Roberto Antonelli

della musica, la storia del pensiero e in generale la storia della cultura, considerata anche nei suoi rapporti di scambio con le altre culture europee (e,
quando sia il caso, extraeuropee), nonch con la storia dei fatti e delle istituzioni politiche, alla quale le vicende della cultura sono sempre levate e dalla
quale sono spesso orientate e condizionate. Una specifica attenzione riservata ai modi della tradizione e della ricezione dei testi e ai connotati regionali
della letteratura italiana, recuperando se e quando possibile aspetti e momenti della cultura popolare accanto a quelli della tradizione aulica.31

Ma il caso soprattutto della riduzione apportata alla Letteratura italiana


Einaudi dallo stesso Asor Rosa per le edizioni pubblicate quali supplemento al
quotidiano La Repubblica, con eliminazione della serie dionisottiana della
Storia e geografia della letteratura italiana, a vantaggio di una pi consueta
storia suddivisa per secoli, secondo il modello della Storia della letteratura
italiana Garzanti 1965 e della Storia letteraria dItalia della Casa editrice Vallardi 1926.
Pochi anni dopo, il modello dionisottiano sar invece riproposto da Maria
Serena Sapegno e da Roberto Antonelli in una storia e antologia, LEuropa degli
scrittori, dedicata, come gi quella di Natalino Sapegno, alle Scuole superiori
italiane, dove anche la storia della letteratura europea viene riletta alla luce del
modello geografia e storia, tanto pi in un momento di crisi dellunit dItalia e del processo dintegrazione europea:
Il titolo dellopera sottolinea nel titolo il ruolo della letteratura nella formazione della coscienza, delle idee, dei valori e delle emozioni degli europei. Riconosce anche la stretta relazione fra letteratura europea e letteratura italiana e la
funzione dellItalia nella formazione di quel sistema letterario europeo che
costituisce oggi (e costituir ancor pi nel prossimo futuro) lorizzonte necessario di ogni riflessione sul senso della letteratura.
Non esiste ancora una letteratura europea condivisa e insegnata nelle scuole, ma esiste gi una coscienza comune su quali possano essere i testi caratterizzanti, al di l di lingue e frontiere, di un canone europeo, mentre di fatto esiste
un canone della letteratura italiana, proposto innanzitutto attraverso la scuola.
LEuropa degli scrittori pone perci in relazione il canone della letteratura italiana con un possibile canone della letteratura europea, mostrando le dinamiche
tra i centri e le periferie e le frequenti inversioni dei loro rispettivi ruoli: in alcuni periodi infatti impossibile capire la letteratura italiana senza conoscere le
opere della letteratura europea che ne costituiscono il presupposto (Origini,
Illuminismo e Romanticismo, Novecento), mentre in altri (dalla fine del Duecento agli inizi del Seicento) vero esattamente lopposto. [...]
La critica riconosce gi da decenni la validit del paradigma storiografico
proposto da Carlo Dionisotti nel 1949 con Geografia e storia della letteratura
italiana [...] senza che si sia tentato di trarne davvero le conseguenze sul piano
formativo. Questa storia e antologia (come chiarisce il sottotitolo, Storia, centri, testi) presenta i testi collocandoli alinterno dei centri e degli Stati preuni31. Storia della letteratura italiana, diretta da E. Malato, I Dalle Origini a Dante, I. Le Origini,
p. xii.

De Sanctis e la storiografia letteraria italiana

Quaderns dItali 16, 2011 51

tari, ovvero nel loro ambiente effettivo di produzione e fruizione, senza schiacciarli sulla ricostruzione compiuta dalla storiografia risorgimentale e
postunitaria, ma senza sottovalutare limportanza del ruolo svolto dalla lingua
e dalla letteratura nella costruzione dellidentit italiana. Si cos rispettata,
rendendola evidente, quella dialettica fra centri italiani (cittadini e regional),
Stati nazionali ed Europa che costituisce oggi, come gi in Italia al momento
dellUnit, un dato di fatto e insieme uno dei nodi problematici dellunt
culturale e politica europea.32

Mai come in questo momento, a 150 anni dalla raggiunta unit dItalia e
in una nuova crisi europea, stavolta e per ora fortunatamente solo economica,
necessario riconsiderare, necessario che soprattutto i giovani riconsiderino,
per riprendere Dionisotti, come e perch lItalia e lEuropa siano state fatte
e quale ruolo possa giocare la letteratura in questa nuova situazione.

32. Roberto Antonelli-Maria Serena Sapegno, LEuropa degli scrittori. Storia, centri, testi della
letteratura italiana ed europea, 1a. Dalle origini al Trecento: la formazione del canone, p. iv-v.

Quaderns dItali 16, 2011 53-66

Il diagramma storico-letterario di De Sanctis


e la costruzione della identit italiana1
Mara de las Nieves Muiz Muiz
Universitat de Barcelona
muniz@ub.edu

Abstract
La Storia della letteratura italiana di Francesco de Sanctis (1870) viene qui analizzata
come segno delle contraddizioni inerenti al processo di costruzione identitaria italiana,
una difficolt di cui sono riflesso le aporie riscontrabili nel suo diagramma.
Parole chiave: De Sanctis; storia letteraria italiana; identit italiana.
Abstract
The Storia della letteratura italiana by Francesco de Sanctis (1870) is analysed as a
sign of the contradictions inherent to the construction process of an Italian identity,
a difficulty which reflects itself in the aporias to be found in its diagram.
Keywords: De Sanctis; Italian literary history; Italian identity.

Che il capolavoro desanctisiano segni in Italia latto di nascita della moderna


storiografia letteraria, assioma difficilmente discutibile. Giovanni Getto vi
dedic un noto libro2 che ridusse le compilazioni precedenti a mancati abbozzi del modello, e ne fiss i punti cardinali come altrettanti capisaldi per le
storie avvenire: narrazione articolata in un continuum progressivo; complesse
mediazioni fra il particolare, filologicamente accertato, e il generale organizzato in sistema; specificit del fatto letterario pur nei legami profondi con la
vita sociale e con lo sviluppo del pensiero; attenzione allindividualit dei
1. Queste pagine, nate in occasione delle Giornate di studio su Francesco De Sanctis,
organizzate da Rossend Arqus allUniversitat Autnoma di Barcellona (9-11 dicembre
2008), sono state anticipate nel volume di studi Per Romano Luperini, edito a cura di Pietro
Cataldi, Palermo: Palumbo, 2010, p. 169-180. Le ripubblico ora in versione ampliata su
richiesta del collega Arqus.
2. Giovanni Getto, Storia delle storie letterarie [1942], nuova edizione riveduta, Firenze:
Sansoni, 1969.

54 Quaderns dItali 16, 2011

Mara de las Nieves Muiz Muiz

grandi scrittori, visti per come espressione delle tendenze pi rappresentative


dellepoca.
Qui vorrei invece rivolgere linteresse ad altri versanti del problema, e in
particolare ai segni lasciati sullopera dal dibattito che laveva preceduta, indicando alcuni anelli deboli della catena che port ad amalgamare lidentit
nazionale italiana con il collante del patrimonio letterario.
Quando nel 1870 vide la luce la Storia di De Sanctis, era ancora incerta
la scelta degli autori italiani pi emblematici e oscillava il diagramma del loro
disporsi per epoche. Il modello bembiano crescita lineare verso la perfezione rappresentata da Petrarca e Boccaccio e sua clonazione in uno spazio
acronico aveva ricevuto qualche correttivo con i crescimenti e scemamenti dellArcadia,3 anche se il diagramma altalenante aveva come punto
fisso il perfetto bello (quando ... si arrivi a quella perfezion che costituisce
il bello, il volere avanzarsi oltre il medesimo che dare addietro, scriveva
Tiraboschi);4 quanto alla teoria settecentesca del clima, nel primo Ottocento
si era allacciata ambiguamente alla linea sociopolitica di Schlegel-SismondiStal, col risultato di situare lItalia allincrocio fra immobilit genetica (il bel
paese condannato a contemplare il proprio cielo) e sventura politica (il popolo inerme, asservito e diviso). La scossa pi forte, anzi, il capovolgimento dello
schema, risaliva alla filosofia vichiana della storia, le cui tesi primitivistiche
erano state poi sviluppate da Rousseau e da Herder spingendo a fissare lautenticit poetica nelle origini Omero o Dante e a tracciare una lunga
parabola di declino e di rinascita.
Punto in comune tra i vari filoni era la preoccupazione per la decadenza
presente e i mezzi per superarla: un fatto imposto dalla necessit di rispondere alle critiche che dal tardo Seicento piovevano sullItalia (basti ricordare la
polemica Bouhours-Orsi)5, e il cui flusso era continuato senza soste fino
al dibattito tra classicisti e romantici che Madame de Stal aveva suscitato nel
1816.6 Le autoapologie imbastite al riguardo e le loro repliche avevano agita3. LIstoria della volgar poesia scritta da Giovanni Mario de Crescimbeni detto tra gli Arcadi
Alfesibeo Cario custode dellArcadia, Stamperia di Luca Antonio Chracas, Roma 1698.
4. Storia della letteratura italiana di Girolamo Tiraboschi della Compagnia di Ges bibliotecario del serenissimo Duca di Modena, Societ Tipografica, Modena 1772-1795, t. V, libro I,
capo IV.
5. Com noto Dominique Bouhours, nei suoi Entretiens dAriste et dEugne (1671), aveva
affermato la superiorit della lingua francese e ridotto la poesia italiana a vuoti e malinconici
sospiri, mentre nel successivo Manire de bien penser dans les ouvrages desprit (1687) critic
le vacue sottigliezze della letteratura pi recente. Nel 1703 labate Giambattista Orsi rispose
alle accuse ricevendo lappoggio di Muratori, cfr. Corrado Viola, Tradizioni letterarie a
confronto: Italia e Francia nella polemica Orsi-Bouhours, Verona: Fiorni, 2001.
6. Arcinoto il dibattito suscitato dallarticolo di Germaine de Stal, Sulla maniera e la utilit
delle traduzioni, apparso sulla Biblioteca Italiana nel gennaio 1816 (p. 9-18), il cui passo
pi cocente diceva: glintelletti della bella Italia, se amano di non giacere oziosi, rivolgano
spesso lattenzione di l dallAlpi, non dico per vestire le fogge straniere, ma per conoscerle; non per diventare imitatori, ma per uscire di quelle usanze viete, le quali durano nella
letteratura come nelle compagnie i complimenti, a pregiudizio della naturale schiettezza.

Il diagramma storico-letterario di De Sanctis

Quaderns dItali 16, 2011 55

to il verso e il rovescio dei caratteri della letteratura patria classicit, suavitas,


raffinatezza formale..., interpretandoli a seconda dei casi come prova di un
primato universale o come causa ultima della sua perdita.7 Il dilemma tra
identit nativa e moderno progresso fu non a caso la croce del Risorgimento,
i cui precursori si erano affannati a convertire il marchio di nascita in mito fondativo. Vico era apparso a tale fine lo strumento pi adatto, e Foscolo lo aveva
adoperato allaltezza del 1806 tracciando nei Sepolcri una curva di ritorno fra
Dante e Parini, con in mezzo la schiera di altri grandi: Petrarca, Machiavelli,
Michelangelo, Galilei. Vero che dal sogno si era svegliato presto Leopardi,
convinto, gi nel 1820, del carattere irreversibile della mutazione storica (qualcosa di pi grave e profondo della decadenza):
Da questo stato di corruzione scriveva in un appunto del dicembre di
quellanno, lesperienza prova che luomo non pu tornare indietro senza
un miracolo: lo prova anche la ragione, perch quello che si imparato non si
dimentica.8

Di qui il suo rifiuto dellimitazione classicista nonostante il persistere dell'ammirazione per gli antichi:
Che smania questa dunque di voler fare quello stesso che facevano i nostri
avoli, quando noi siamo cos mutati? di ripugnare alla natura delle cose? di
voler fingere una facolt che non abbiamo, o abbiamo perduta, cio
landamento delle cose ce lha renduta infruttuosa e sterile, e inabile a creare?
di voler essere Omeri, in tanta diversit di tempi?9

N possiamo dimenticare che in quegli stessi anni Manzoni stroncava i


modelli classicisti nella lettera a Cesare dAzeglio, mentre affidava ai protago7. Non posso qui entrare nei particolari degli stereotipi pi radicati in proposito. Baster
ricordare come dal muratoriano Della perfetta poesia italiana (1706) agli scritti sparsi di
Voltaire, classicit e musicalit erano i tratti universalmente attribuiti nel Settecento alla
letteratura italiana, e come, proprio per questo, essa era stata ristretta alla sola poesia ed
esclusa dal teatro e dalla prosa: i due generi della modernit.
8. Zibaldone di pensieri, appunto datato 9-15 dicembre 1820, p. 403 dellautografo (cito
dalled. critica a cura di Giuseppe Pacella, Milano: Garzanti, 1991).
9. Zib. 727-728, 8 marzo 1821. Inedito era ancora lo Zibaldone ai tempi in cui De Sanctis
scriveva la sua Storia, come pure il Discorso sopra lo stato presente dei costumi degli Italiani,
composto quasi certamente nel 1824, dove Leopardi arrivava a riconoscere un capovolgimento epocale a favore della moderna civilt, mentre lItalia appariva sommersa nel proprio
letargo, parimenti lontana dallantico e dal moderno: lItalia , in ordine alla morale, pi
sprovveduta di fondamenti che forse alcunaltra nazione europea e civile, perocch manca
di quelli che ha fatti nascere ed ora conferma ogni d pi co suoi progressi la civilt medesima, ed ha perduti quelli che il progresso della civilt e dei lumi ha distrutti. [...] // Sembra
che il tempo del settentrione sia venuto. Finora ha sempre brillato e potuto nel mondo il
mezzogiorno. Ed esso era veramente fatto per brillare e prepotere in tempi quali furono
gli antichi. E il settentrione viceversa propriamente fatto per tenere il disopra ne tempi
della natura de moderni, cfr. G. Leopardi, Tutte le poesie, tutte le prose e lo Zibaldone,
a cura di Lucio Felici e Emanuele Trevi, Roma: Newton Compton Editori, 20102, p. 1020 e
p. 1024.

56 Quaderns dItali 16, 2011

Mara de las Nieves Muiz Muiz

nisti del suo romanzo una rifondazione ex novo dellidentit italiana. Ex novo
perch, scegliendo come eroi due contadini credenti e analfabeti, li spogliava
di miti culturali e li rendeva edotti del solo buon senso cristiano. Il passato
veniva cos raso al suolo, anzi ridotto a una catena di errori culminati nel servile Seicento, rozzo insieme e affettato,10 secondo un ossimoro che risaliva,
come vedremo, a Sismondi.
Vico, Muratori, Sismondi: ecco i modelli che si andavano alternando o
intrecciando, vuoi per ripristinare le glorie passate, vuoi per farne tabula rasa;
ora intendendo lantico come classico, ora come omericamente primitivo, ora
come remora da cui liberarsi.
Non stupisce che le proposte di periodizzazione letteraria susseguitesi tra
Sette e Ottocento mostrassero incertezze e discordanze. Cos, le prime ad affacciarsi si erano dichiarate concordi nella lode di Petrarca e del Cinquecento, e
salvo eccezioni, nella condanna del Seicento, ma si erano divise sul XV secolo
(fase di caduta per Crescimbeni, di risalita per Tiraboschi);11 mentre quelle
successive avevano confermato il ripudio del Barocco, ma avevano allargato i
dubbi al Rinascimento. Fondamentale fu al riguardo la tesi di Sismondi secondo cui let di Carlo V aveva posto le basi del futuro declino quale inevitable
effet de lesclavage de lItalie.12 Lepoca pi prestigiosa delle lettere e delle arti
italiane era cos degradata nel De la littrature du Midi de lEurope a unarma
a doppio taglio i fasti dellimpero e il culto della bella forma individuandovi il germe maligno che doveva svilupparsi nel Seicento sotto specie dellossimoro caro a Manzoni: la vuota affettazione, le faux esprit, la prtention,
lenflure:
Ainsi le rgne de Charles-Quint, malgr toute la gloire qui semble lui tre
attache, fut une poque non moins funeste pour lEspagne que pour lItalie.
[...] Mais, comme nous lavons dj pu observer en Italie, ce nest point au
10. Cos nellIntroduzione, a proposito dello stile dellanonimo secentista. Nella lettera a Fauriel
del 29 maggio 1822, lo scrittore applicava la formula a tutta lepoca: Sachez donc que je suis
enfonc dans mon roman, dont le sujet est plac en Lombardie, et lpoque de 1628. 31.
Les memoires qui nous restent de cette poque prsentent et font supposer une situation de la
socit fort extraordinaire: le gouvernement le plus arbitraire combin avec lanarchie fodale
et lanarchie populaire: une lgislation tonnante par ce quelle prescrit, et par ce quelle fait
dviner, ou quelle raconte: une ignorance profonde, froce, et prtentieuse (corsivi miei).
11. [il secolo decimosesto] non sarebbe stato s lieto e s fecondo di dotti ed eleganti scrittori, se
le fatiche e gli sforzi di que che gli aveano preceduti, non avessero spianato loro il cammino,
e segnata la via, scriveva Tiraboschi nella Premessa al Tomo VI della Storia della letteratura italiana (1776); mentre Crescimbeni sfumava di pi il tragitto: [...] i Lettori resteranno
informati dellorigine della nostra Volgar Poesia, e dello stato della medesima, s appresso
gli Antichi come tra i Moderni, e potranno con pi agevolezza riconoscere [...] quanto nel
primo secolo fosse ella rozza, come nel secondo ingrandisse, come nel terzo cadesse, quanto
gloriosamente risorgesse nel quarto, e come varia nel quinto si sia mostrata, infino a i nostri
giorni, che a glorioso risorgimento si prepara, merc dello Studio, e della continua fatica di
molti nobilissimi ingegni viventi, cito dalledizione di Venezia, presso Lorenzo Basegio,
1731, p. 76
12. Jean-Charles-Leonard Sismonde de Sismondi, Histoire des Republiques Italiennes du Moyen
ge, Zrich: Henri Gessner, 1807, t. I, Introduction.

Il diagramma storico-letterario di De Sanctis

Quaderns dItali 16, 2011 57

moment o une nation perd tous ses avantages politiques, cest cinquante ans
aprs tout au plus que lessor de lesprit sarrte chez elle, et que sa littrature
dcline ou finit tout--fait. [...] Charles-Quint prparait pour le sicle suivant
le faux esprit, la prtention, lenflure [...].13

Si capisce cos che nel 1844 Emiliani-Giudici assegnasse loriginalit al solo


Trecento, riscontrando una stasi nel Quattrocento e una perfezione meramente imitativa nel Cinquecento da cui Machiavelli emergeva come unico ingegno
libero del secolo. La decadenza veniva dunque allargata ulteriormente in un
continuum che includeva lArcadia e finiva solo col primo Ottocento grazie ad
Alfieri e Foscolo, che, in quanto figli spirituali di Dante, si riagganciavano alle
radici originarie:
Ho diviso i nostri annali letterarii in due grandi evi o periodi chiariva nella
Premessa alla Storia delle belle lettere in Italia. Il primo comprende la letteratura originale; principia dal nascimento della lingua, e finisce con la morte
di Lorenzo de Medici. Il secondo abbraccia la letteratura di perfezionamento
e dimitazione; muove dal Cinquecento, e si chiude con la prima met del
secolo decimonono.14

Arrivato il momento di descrivere i periodi, la grande bipartizione si sfumava, tuttavia, in interni chiaroscuri. Loriginalit del Trecento, al cui apice
campeggiava Dante, appariva attenuata da Petrarca e da Boccaccio malgrado
la loro perfezione artistica, o forse in ragion diretta di essa, per la perdita di
vigore e di schietta originalit, mentre la stasi del Quattrocento veniva
corretta con lelogio dellumanesimo, al quale si riconosceva il merito di aver
tratto le lettere antiche dalle tenebre medievali, anche se aveva interrotto il
corso della letteratura nazionale:
Lettore, affermava Emiliani-Giudici nella Lezione X col cadere del secolo decimoquinto si chiude il primo grande evo storico della italica letteratura;
voglio dire il periodo della letteratura originale finisce, e quello della letteratura di imitazione o di perfezionamento incomincia. Nello spazio di circa tre
secoli e mezzo lo ingegno italiano nel vortice delle perenni discordie cittadine,
dove la Provvidenza lo aveva gettato, godendo la necessaria libert ad esplicarsi, svolgeva le ragioni tutte di un incivilimento che illumin la universa Euro13. De la littrature du Midi de lEurope [1813], Paris: Treuttel et Wurtz, 1829, p. 278. Concordi furono invece Muratori e Sismondi nella condanna delle tenebri medievali, seppure
luno la espresse nel nome del classicismo, laltro in quello della virtus repubblicana. Nella
sua Histoire littraire dItalie (Paris: Michaud, 1811-1819), Ginguen tent una via di
mezzo fra le due posizioni, evitando lo stacco fra Quattro e Cinquecento: L, se prsente
nous un grand spectacle, celui de lesprit de lhomme se prparant secouer ses chanes et
reprenant peu peu sa vigueur, jusqu ce que, par un lan que ces premiers efforts avaient
prpar, mais quils ne pouvaient faire prvoir, il se relve tout coup dans le quatorzime
sicle toute sa hauteur, et recommence briller de tout son clat (Prface).
14. Paolo Emiliani-Giudici, Storia delle belle lettere in Italia [Firenze: Societ Editrice Fiorentina, 1844], premessa del 1855 alla 2 ed. rivista (cito dalla 4 ristampa di Le Monnier 1865,
p. IV).

58 Quaderns dItali 16, 2011

Mara de las Nieves Muiz Muiz

pa e sar sempre celeberrimo nella storia della umanit. Questo portentoso


periodo va partito in quattro epoche [...] nella terza epoca sorge Dante Alighieri che sviluppa tutte le capacit della poesia inalzandola fin dove era dato ad
ingegno mortale condurla, ne rafferma per sempre le sorti, le immedesima nel
principio vitale della nazione, e le esprime col pi grande monumento poetico
del nuovo incivilimento, con perpetuit dinfluenza sopra le arti tutte non che
sopra la intera letteratura.
La quarta lepoca del Petrarca e del Boccaccio, merc i quali larte, mentre conduce la forma ad altissimo grado, sente il desiderio di fare rivivere larte
antica e giovarsene; e a fine di emularne legione, si apre nuovi sentieri, vi si
spinge animosa, cresce e lussureggia non senza detrimento del proprio vigore
e della ingenita e schietta originalit propria. La voglia di satisfare a celesta
curiosit, a potest sublime ambizione, interrompe, nel quattrocento, il corso
della letteratura nazionale, ma riesce nello intento di trarre dalle tenebre e
risuscitare le lettere antiche, finch il culto della lingua nuova viene ripristinato, trionfa e si diffonde per tutta la penisola.15

Lunica figura luminosa restava, dunque, Dante Alighieri, sintesi universale che univa la grandezza letteraria e il vigore civile. Indietro era rimasta la
stroncatura del poeta pronunciata da Saverio Bettinelli, ma la luce del grande
padre gettava ombra sulle altre due corone, come il primato del Trecento
oscurava lepoca rinascimentale.
Il disagio emerse comunque anche in altri critici di fronte a figure che
apparivano anfibie, rendendo anche problematici i loro accostamenti: cos, se
Sismondi aveva associato il Dante dellInferno a un Tasso letto in chiave di
Sturm und Drang, Carlo Tenca discord da Emiliani-Giudici nella scelta
monografica di Dante, e vi aggiunse Ariosto col suo sorriso dissolvitore della
mitologia pagana, insieme a Tasso, col suo ricupero della tradizione cavalleresca.16 Nel tentativo di salvare tutto e tutti a dimostrazione del primato italiano, Gioberti propose infine la coppia Dante-Ariosto come superamento della
dualit del reale e dellideale,17 ma poi segn le distanze fra il pagano Furioso e il divino poema (quasi la Genesi universale delle lettere e arti cristiane),
piegando il tragitto intermedio in una curva declinante:
Se il Furioso si riscontra colla Divina Commedia, d meraviglia il vedere quanto sia grande lintervallo morale, che parte questi due poemi; ma se in vece
si ragguaglia colle lettere coetanee, (tranne gli scritti del Savonarola), non ci si
trova alcun divario notabile rispetto agli spiriti, che li dettarono. Glinflussi
cristiani e cattolici non erano gi spenti, ma infievoliti e soverchiati dal risorgente paganesimo. LAriosto in poesia ci che sono il Caro, il Castiglione, il
Casa, il Bembo, il Firenzuola nella prosa amena, il Machiavelli, il Guicciardini, il Giannotti nella politica, e allora o poco appresso il Pomponazzi, il Bruni,
15. Conclusione della Lezione X, ibidem, p. 457-458.
16. Cos nellarticolo-recensione sulla Istoria di Emiliani-Giudici, A proposito di una storia della
letteratura italiana, Il Crepuscolo, febbraio-marzo, 1852, n. 1.
17. Vincenzo Gioberti, Del primato morale e civile degli Italiani, Bruxelles: Meline Cans e C.a,
seconda ed. corretta e accresciuta dallAutore, 1845, p. 382.

Il diagramma storico-letterario di De Sanctis

Quaderns dItali 16, 2011 59

il Sarpi nella filosofia e nella religione. In tutti questi autori lIdea manca
affatto, o di luce abbagliata solamente risplende, perch lastro viene eclissato
dalle ombre interposte della gentilit ricorrente [...]. LAriosto, come il Segretario fiorentino, era uomo di cervello troppo robusto e italiano per lasciarsi
adescare alla misticit boreale e splenetica dei primi Protestanti; ma non seppe
ugualmente cautelarsi contro le profane lusinghe delle lettere antiche, in cui il
buono non va scevro dal reo, e contro la sventura de tempi, nei quali lo splendore dellIdea cristiana era pi che mai annebbiato dai vizi degli uomini, e
lindegna scorza soffocava il midollo.
Queste poche considerazioni bastano a mostrare che la poesia italiana,
dallet di Dante a quella dellAriosto, non crebbe, ma and declinando.18

Su quel crinale Tasso si alzava ancora come campione dellarmonia tra


classicismo e cattolicesimo, a conferma della cifra nativa della cultura italica
(La classica antichit, come italica, nazionale, e come semiortodossa [...]
affine al cattolicesimo),19 ma il binomio Campanella-Machiavelli riapriva il
divario creando un chiaroscuro con pi nero che bianco: due rari ingegni,
luno dei quali, sagacissimo nello scrutare i cuori e i fatti degli uomini, fece
poco caso della giustizia, legittimando i mezzi col fine, e laltro ide una utopia
cos strana, che avrebbe dovuto intitolarla, non dal sole, ma dalla luna.20 Non
era, insomma, facile armonizzare il reale e lideale, e il diagramma giobertiano si dissolveva in un vago annuncio di palingenesi affidata ai moderni, che
senza distinzioni di sorta da Vico a Balbo dichiarava eredi di Dante:
Uopo era dunque che la virt e il nome italiano affatto perissero, o una morale rivoluzione li ritirasse dal letargo, in cui giacevano; e come nel corso della
vita organica la specie non si rinnova altrimenti, che mediante il ritorno
dellindividualit a suoi primordii, onde il padre nel figlio rivive e ringiovanisce, cos nella storia di un popolo il suo brio morale e intellettivo, non si
rinnovella, se non quando rinasce il principio dinamico, che lo produsse. Il
quale per le nostre lettere essendo riposto nella Divina Commedia, la risurrezione di Dante era la condizione richiesta pel risorgimento del pensiero e
dellingegno italiano. Questa risurrezione cominci in pochi grandi, che figliati intellettualmente dagli scritti delluomo sommo, ne rinfrescarono gli esempi, e si stese quindi al resto degli studiosi. E siccome lAlighieri moltiforme,
universale, e da lui usc ogni moderna letteratura, come la greca nacque da
Omero, ciascuno dei valorosi che calcarono le sue pedate, tolse a studiare ed
esprimere in ispecie una parte del suo ingegno: cos il Vannetti, il Cesari, il
Perticati, applicarono lanimo alla mirabile lingua delle tre Cantiche, il Vico e
il Nicolini alla filosofia, Gaspare Gozzi al buon giudizio generalmente, il Varano e il Monti alla poesia, il Giordani allo stile, il Parini allausterit morale dei
pensieri e degli affetti, lAlfieri, il Foscolo, il Leopardi, il Marchetti, allidea
politica e alla carit patria, il Troya, il Balbo, e altri pochi, alle attinenze colla
storia nazionale, il Manzoni alla religione, che pura risplende in ogni parte del
18. Ibidem, p. 393.
19. Ibidem, p. 372.
20. Ibidem, p. 313.

60 Quaderns dItali 16, 2011

Mara de las Nieves Muiz Muiz

divino poema. [...] Grazie allopera di quei valenti, lingegno di Dante rivive
oggi fra glItaliani; e se questa rinascita letteraria, se questa seconda incarnazione di quel divino spirito, fra noi non viene interrotta e soffocata da un
nuovo sonno o da straordinaria malignit di fortuna, io non dispero delle sorti
civili e religiose della mia patria.21

Tali, a volo duccello, gli antecedenti della storia che De Sanctis si trov a
riscrivere. Vediamo ora cosa ne risult, pure in aerea prospettiva. Innanzitutto
egli condivise con i predecessori lidea di Dante come autore della grande
sintesi genetica raggiunta nella Commedia (una vasta creazione dellartista, del
poeta, del filosofo e del cristiano, in cui viveva involto ancora e nodoso un
mondo che la letteratura moderna avrebbe realizzato, sottoposto allanalisi,
umanizzato, VII: La Commedia, 46).22 Da Foscolo accolse il progetto di
una storia letteraria e civile fortemente coesa: un libro che discerna le vere
cause della decadenza dellutile letteratura, che riponga lonore italiano pi nel
merito che nel numero degli scrittori, che si nutra di maschia e spregiudicata
filosofia, che col potere delleloquenza vi accenda allemulazione degli uomini
grandi (Dellorigine e dellufficio della letteratura, 1809). Ma rimedit questi
principii alla luce di Vico, di Sismondi e di Hegel.
Ne nacquero due diagrammi sovrapposti: luno monogenetico e lineare,
laltro pi articolato e contraddittorio. La duplicit dei tragitti aveva la sua
radice nella concezione ambivalente delle origini: da un lato il peccato originale della scuola siciliana e del suo innesto toscano; dallaltro la sintesi incompiuta di Dante (VII 13).
Il peccato dorigine consisteva nellaver importato dalla Provenza concetti e forme che non avevano riscontro nella vita nazionale (Premessa al capitolo I: I Siciliani), come la cultura cavalleresca francese era passata nei cantari
senza alcun aggancio con la vita del popolo italiano:
La coltura cavalleresca, se giov a formare il volgare, imped la libert e spontaneit del sentimento popolare, e cre un mondo artificiale e superficiale, fuori
della vita, che rese insipidi glinizi della nostra letteratura, cos interessanti presso altri popoli. Quel contenuto stazionario comincia a moversi presso Guido,
di un moto impresso non da sentimento di amore, ma da contemplazione
scientifica dellamore e della bellezza, che se non riscalda il core, sveglia limmaginazione. Questo dunque si ricordi bene, che la nostra letteratura fu prima
inaridita nel suo germe da un mondo poetico cavalleresco, non potuto penetrare nella vita nazionale, e rimaso frivolo e insignificante, e fu poi sviata dalla
scienza, che lallontan sempre pi dalla freschezza e ingenuit del sentimento
popolare, e cre una nuova poetica, che non fu senza grande influenza sul suo
avvenire. Larte italiana nasceva non in mezzo al popolo, ma nelle scuole, fra
san Tommaso e Aristotele, tra san Bonaventura e Platone (II: I Toscani, 4).
21. Ibidem, p. 394-395.
22. Mi attengo qui e in seguito al testo curato da Niccol Gallo (Torino: Einaudi, 1958, con
introduzione di Natalino Sapegno), limitandomi, per maggiore agilit, a indicare il numero
del capitolo e quello dei relativi paragrafi.

Il diagramma storico-letterario di De Sanctis

Quaderns dItali 16, 2011 61

Inoltre lo spirito toscano aveva una tendenza naturale alleleganza artistica,


che, separando forma e contenuto, aveva eroso ulteriormente le basi della non
nata letteratura patria:
Questa bella forma, in tanto spirito e vivacit cos castigata, propria e semplice e piena di grazia, si and sviluppando non perch il suo contenuto voleva
cos, ma in opposizione ad esso contenuto, vuoto ed astratto. Anzi che qualit
del contenuto, o di questo e quel poeta, sembra il progressonaturale dello
spirito toscano, dotato di un certo senso artistico, che lo tirava alla forma, nella
piena indifferenza del contenuto (II: I Toscani, 2).

Un filo conduttore legava poi il peccato del Duecento a quelli compiuti da


Petrarca e da Boccaccio, i quali, in anni di disimpegno civile e di raffinato
imborghesimento, avevano aggiunto al purismo formale il culto fine a se stesso dei classici:
Lo studio de classici, la scoperta di nuovi capilavori, una maggior pulitezza
nella superficie della vita, la fine delle lotte politiche col trionfo de guelfi, la
maggior diffusione della coltura sono i tratti caratteristici di questa nuova
situazione. La superficie si fa pi levigata, il gusto pi corretto, sorge la coscienza puramente letteraria, il culto della forma per s stessa. Gli scrittori non
pensarono pi a render le loro idee in quella forma pi viva e rapida che si
offrisse loro innanzi; ma cercarono la bellezza e leleganza della forma. Dimesticatisi con Livio, Cicerone, Virgilio, parve loro barbaro il latino di Dante;
ebbero in dispregio quei trattati e quelle storie che erano state lammirazione
della forte generazione scomparsa, e non poterono tollerare il latino degli scolastici e della Bibbia. Intenti pi alla forma che al contenuto, poco loro importava la materia, pur che lo stile ritraesse della classica eleganza. Cos sorsero i
primi puristi e letterati in Italia, e capi furono Francesco Petrarca e Giovanni
Boccaccio (VIII: Il Canzoniere, 1).

Boccaccio soprattutto aveva rappresentato la maggior rivoluzione (una vera


e propria catastrofe) con il naturalismo senza ideali del Decameron, che, unito
ad altri fattori e al formalismo del Canzoniere, aveva fatto subentrare allet
virile e credente e appassionata di Dante, unaltra contraddistinta dalllinfiac
chimento della coscienza (IX: Il Decamerone, 2).
Vero che nel diagramma desanctisiano Dante appariva gi come una
deviazione (salutare) dalla rotta originaria, sicch questo secondo cambiamento di rotta era una deviazione dalla deviazione, e pertanto un ritorno. A complicare le cose, il salto indietro conteneva elementi di progresso e segnatamente, la superiore consapevolezza artistica e una conoscenza pi approfondita della
cultura classica, acquisti a loro volta indisgiungibili dalla futura decadenza.
Il diagramma si piegava cos in circolo vizioso mettendo al centro il volto di
Giano di Petrarca, arretrato coltivatore dellarte per larte, ma ammirevole
maestro di stile:
Ci erano tutti i segni di un grande progresso: una pi esatta conoscenza
dellantichit, un gusto pi fine e un sentimento artistico pi sviluppato, una

62 Quaderns dItali 16, 2011

Mara de las Nieves Muiz Muiz

disposizione meno alla fede, che alla critica e allinvestigazione, minor violenza di passioni, maggiore eleganza di forme: lidolo di questa societ dovea
essere il Petrarca, nel quale riconosceva e incoronava s stessa. Ma sotto a quel
progresso vera il germe di una incurabile decadenza, linfiacchimento della
coscienza (IX 3).

Anzi, in quanto profondo conoscitore dellinteriorit umana, Petrarca faceva sembrare vecchie le astrattezze dellallegorismo medievale, e precorreva quella letteratura moderna che avrebbe umanizzato il mondo della Commedia:
Pare un regresso: pure un progresso affermava a proposito del Canzoniere. Questo mondo pi piccolo, appena un frammento della vasta sintesi
dantesca, ma un frammento divenuto una compiuta e ricca totalit, un
mondo pieno, concreto, sviluppato, analizzato, ricerco ne pi intimi recessi.
Beatrice sviluppata dal simbolo e dalla scolastica, qui Laura nella sua chiarezza e personalit di donna; lamore, scioltosi dalle universe cose entro le quali
giaceva inviluppato, qui non concetto, n simbolo, ma sentimento; e lamante
che occupa sempre la scena, ti d la storia della sua anima, instancabile esploratore di s stesso. In questo lavoro analiticopsicologico la realt pare
sullorizzonte chiara e schietta, sgombra di tutte le nebbie, tra le quali era stata
ravvolta. Usciamo infine da miti, da simboli, dalle astrattezze teologiche
e scolastiche, e siamo in piena luce, nel tempio dellumana coscienza. Nessuna
cosa oramai si pone di mezzo tra luomo e noi. La sfinge scoperta; luomo
trovato (VIII 3).

Viste cos le cose, il diagramma desanctisiano cambia: al ponte lungo tra


Dante e i moderni, se ne sovrappone un altro fra lumanizzazione petrarchesca
e il realismo psicologico dellOttocento. Non v continuit fra questi due
tragitti, ma dilemma. Petrarca non nasce da Dante ma contro Dante, proprio
perch alla grande sintesi della Commedia mancava la capacit di scendere ad
altezza duomo, non per difetto darte ma per essenza di concezione. Da questo
punto di vista la Commedia restava, nel suo migliore realismo figurale, uneccezione irripetibile; Petrarca, invece, fungeva meglio da anello di transizione
perch consentiva di andare per gradi verso larmonia futura. Tant vero che
un filo ininterrotto ricongiungeva lerotica rarefatta del Canzoniere allideale
volupt di Poliziano e questa al naturalismo idealizzato del Rinascimento:
Il secolo finisce scriver De Sanctis a proposito del Quattrocento, e non
hai ancora il libro del secolo, quello che lo riassume e lo comprende ne suoi
tratti sostanziali. Se hassi a dir secolo unet sviluppata e compiuta in s in tutte
le sue gradazioni, come un individuo, il primo secolo comprende il Dugento
e il Trecento, il cui libro fondamentale la Commedia, e il secondo secolo
comincia col Boccaccio ed ha il suo compimento, la sua sintesi, nel Cinquecento. Il Petrarca la transizione dalluno allaltro (XI: Le Stanze, 17).

Come affrontare in tale prospettiva il problema della decadenza secentesca?


I difetti dellera di Petrarca e Boccaccio erano laltro anello di congiunzione
con lepoca rinascimentale di cui avevano precorso il vuoto formalismo;

Il diagramma storico-letterario di De Sanctis

Quaderns dItali 16, 2011 63

il Cinquecento a sua volta aveva posto le premesse (qui Sismondi aiutava) del
corrotto Seicento. Ma, lungi dal bastare lesclavage de lItalie a dar conto
della crisi, essa appariva ora come fattore accelerante di una lunga evoluzione
interna, quella che dal peccato originale aveva portato a Petrarca, da Petrarca a Poliziano, da Poliziano alla ambivalenza rinascimentale, corrotta nellinterno, rigogliosa nella forma:
La corruzione e la grandezza del secolo non era merito o colpa di principi o
letterati, ma stava nella natura stessa del movimento, ondera uscito, che ora
si rivelava con tanta precisione, generato non da lotte intellettuali e novit di
credenze, come fu in altri popoli, ma da una profonda indifferenza religiosa,
politica, morale, accompagnata con la diffusione della coltura, il progresso delle
forze intellettive e lo sviluppo del senso artistico. Qui il germe della vita,
e qui il germe della morte; qui la sua grandezza e la sua debolezza (XII:
Il Cinquecento, 3).

Di qui il dualismo chiastico con il quale De Sanctis dispone le figure di


Ariosto e di Machiavelli, il primo creatore nel Furioso di un mondo affascinante per levidenza miracolosa e per la seriet artistica, ma vuoto di valori
(LOrlando furioso ti d la nuova letteratura sotto il suo duplice aspetto,
positivo e negativo. un mondo vuoto di motivi religiosi, patriottici e morali, un mondo puro dellarte, il cui obbiettivo realizzare nel campo dellimmaginazione lideale della forma, XII 5); il secondo, profondo conoscitore
dellumana natura anche se affetto da un materialismo dissimulato (Il
Machiavelli la coscienza e il pensiero del secolo, la societ che guarda in s e
sinterroga, e si conosce; la negazione pi profonda del medio evo, e insieme
laffermazione pi chiara de nuovi tempi; il materialismo dissimulato come
dottrina, e ammesso nel fatto e presente in tutte le sue applicazioni alla vita,
XII 13). Quanto a Tasso, il fallimento del suo progetto epico appariva paradossalmente come il trionfo involontario della poesia lirico-elegiaca, segnando
cos, per unaltra via, la continuit con Petrarca, creatore dellidillio italiano
(Lidillio italiano non imitazione, ma creazione originale dello spirito. Gi
si annunzia nel Petrarca, quale si afferma nel Tasso, un dolce fantasticare tra
mille suoni della natura, XVII: Torquato Tasso, 12).
La linea dantesca, se emergeva, lo faceva sul versante della nuova scienza,
non della nuova letteratura: era il filone politico-filosofico-scientifico di
Machiavelli, Bruno, Campanella, Galiei e Sarpi, definiti formole diverse
di uno stesso concetto (XIX: La Nuova Scienza, 18).
Le sintesi di reale e di ideale si avverava quindi riaprendo e poi suturando la
biforcazione fra scienza e letteratura: prima Vico con la sua grande sintesi del
verum e del certum, poi tanti gradini scalati a passo a passo dagli scrittori: Goldoni, col suo realismo limitato, Parini, con la seriet di un contenuto vivente
nella coscienza (XX: La Nuova Letteratura, 17); Alfieri, nel quale luomo
nuovo appare ancora in veste classica; Foscolo i cui Sepolcri contengono la
profondit di sentire e laffermazione della coscienza rifatta (XX 20), infine il Romanticismo, che con Manzoni raggiunge la vera conciliazione sotto

64 Quaderns dItali 16, 2011

Mara de las Nieves Muiz Muiz

le false spoglie della reazione spiritualista (ancora una volta un progresso che
sembra un regresso), e approda al progressivo divenire:
La base teorica di questa conciliazione un nuovo concetto della verit, rappresentata non come un assoluto immobile a priori, ma come un divenire ideale,
cio a dire secondo le leggi dellintelligenza e dello spirito. Onde nasceva
lidentit dellideale e del reale, dello spirito e della natura, o, come disse Vico,
la conversione del vero col certo. Il qual concetto da una parte ridonava ai fatti
una importanza che era contrastata da Cartesio in qua, li allogava, li legittimava, li spiritualizzava, dava a quelli un significato e uno scopo, creava la filosofia
della storia; daltra parte realizzava il divino, togliendolo alle strettezze mistiche
e ascetiche del soprannaturale, e umanizzandolo. Il concetto adunque era in
fondo radicalmente rivoluzionario, in opposizione ricisa col medio evo e con
lo scolasticismo, quantunque apparisca una reazione a tutto ci che di troppo
esclusivo e assoluto era nel secolo decimottavo. Sicch quel movimento in
apparenza reazionario dovea condurre a un nuovo sviluppo della rivoluzione
su di una base pi solida e razionale (XX 21).

Ecco finalmente lidea realizzata, la metafisica fatta storia (XX 23).


Tutto combaciava: la poesia e la prosa, il linguaggio letterario e quello del
popolo. Il tempo della letteratura nazionale poteva dirsi giunto dopo aver
capovolto il dantesco indiamento del reale in una umanizzazione dello spirito.
Eppure la Storia di De Sanctis si chiude senza riuscire a integrarvi Leopardi: quel poeta-pensatore che aveva messo in dubbio nel 1820 le radici della
conciliazione. Non che il suo scetticismo nascesse da freddezza; al contrario,
nasceva dalla massima profondit del sentimento. Era, insomma, il sentimento, nel suo pi profondo tentativo di conciliarsi col pensiero, a mettere in crisi
insieme la ragione e lideale. Larmonia fra gli opposti si rompeva denudando larido vero:
Giacomo Leopardi segna il termine di questo periodo. La metafisica in lotta
con la teologia si era esaurita in questo tentativo di conciliazione. La moltiplicit de sistemi avea tolto credito alla stessa scienza. Sorgeva un nuovo scetticismo che non colpiva pi solo la religione o il soprannaturale, colpiva la
stessa ragione. La metafisica era tenuta come una succursale della teologia.
Lidea sembrava un sostituto della provvidenza. Quelle filosofie della storia,
delle religioni, dellumanit, del dritto avevano aria di costruzioni poetiche. La
teoria del progresso o del fato storico nelle sue evoluzioni sembrava una fantasmagoria. Labuso degli elementi provvidenziali e collettivi conduceva diritto
allonnipotenza dello stato, al centralismo governativo. Lecletismo pareva una
stagnazione intellettuale, un mare morto. Lapoteosi del successo rintuzzava il
senso morale, incoraggiava tutte le violenze. Quella conciliazione tra il vecchio
ed il nuovo, tollerata pure come temporanea necessit politica, sembrava in
fondo una profanazione della scienza, una fiacchezza morale. Il sistema non
attecchiva pi: cominciava la ribellione. Mancata era la fede nella rivelazione.
Mancava ora la fede nella stessa filosofia. Ricompariva il mistero. Il filosofo
sapeva quanto il pastore. Di questo mistero fu leco Giacomo Leopardi nella
solitudine del suo pensiero e del suo dolore. Il suo scetticismo annunzia la

Il diagramma storico-letterario di De Sanctis

Quaderns dItali 16, 2011 65

dissoluzione di questo mondo teologico-metafisico, e inaugura il regno


dellarido vero, del reale (XX 26).

Il filo sciolto di Leopardi spingeva cos De Sanctis a riaprire una nuova e


pi macroscopica duplicit, quella tra il coronamento della sintesi nel segno
di Manzoni (approdo ideale della Storia, come cap Debenedetti),23 e un incerto avvenire fondato sulleternizzarsi del paradosso regresso=progresso:
Il secolo sorto con tendenze ontologiche e ideali avea posto esso medesimo il
principio della sua dissoluzione: lidea vivente, calata nel reale. Nel suo cammino il senso del reale si va sempre pi sviluppando, e le scienze positive
prendono il di sopra, cacciando di nido a tutte le costruzioni ideali e sistematiche [...]. La nuova letteratura, rifatta la coscienza, acquistata una vita interiore, emancipata da involucri classici e romantici, eco della vita contemporanea
universale e nazionale, come filosofia, come storia, come arte, come critica,
intenta a realizzare sempre pi il suo contenuto, si chiama oggi ed la letteratura moderna [...].
C passato sopra Giacomo Leopardi. Diresti che proprio appunto, quando s formata lItalia, si sia sformato il mondo intellettuale e politico da cui
nata. Parrebbe una dissoluzione, se non si disegnasse in modo vago ancora ma
visibile un nuovo orizzonte. Una forza instancabile ci sospinge, e, appena
quietate certe aspirazioni, si affacciano le altre (Ibidem).

Dante e Petrarca non potevano conciliarsi, allo stesso modo che la lunga
marcia di dicotomie e ambivalenze iniziata da questultimo portava di necessit al rinvio ad infinitum della sintesi: il progressivo divenire, appunto. Il
Romanticismo risorgimentale, allacciato al positivismo con laiuto di Vico e
di Hegel, era stata la chiave di De Sanctis per convertire la palingenesi in storia. La sua onest consistette nel riconoscere che il problema restava aperto.
E aperta restava anche (ma forse qui stava il punto) la questione dellidentit nazionale italiana. Perch a ben pensarci, le difficolt riscontrate da De
Sanctis nel tracciare un diagramma lineare, erano inscritte nella indefinitezza
stessa delle origini (anzi il tratto originario delle lettere italiane consisteva
nellassenza ab initio di una coscienza e di una realt nazionale). In fondo non
siamo molto lontani dalla visione dantesca dellItalia come una possibilit
negata (o tradita) in origine. N si discostarono dallorbita coloro che da Petrarca a Machiavelli, da Alfieri a Foscolo e a Leopardi, videro lItalia come problema: una possibilit non data, una ricerca, uno stato contraddittorio e inquieto.
Non c dunque da stupirsi se nellOttocento pre e risorgimentale si fin per
riporre il carattere italiano in unossimorica amalgama di contrasti facendo di
necessit lassenza di un tratto ben definito virt. il filo rosso che congiunge la dualit del reale e dellideale ricomposta in armonia da Gioberti,
alla critica diagnosi di Madame de Stal: Il y a dans ce pays un bizarre mlan23. Cfr. Giacomo Debenedetti, Commemorazione di De Sanctis [1934], poi raccolto in Saggi
critici. Nuova serie, Roma: Edizioni del Secolo, 1945, e ora in Saggi, Milano: Mondadori,
1999 (I Meridiani), p. 387.

66 Quaderns dItali 16, 2011

Mara de las Nieves Muiz Muiz

ge de simplicit et de corruption, de dissimulation et de vrit, de bonhomie


et de vengeance, de faiblesse et de force (Corinne ou lItalie, Livre VI, ch. II).
Alla luce di questo problema, la formula manzoniana un volgo disperso che
nome non ha (coro dellAdelchi, atto III) acquista significati pi inquietanti:
essa fissa lassenza stessa di nome di coscienza e di essere come premessa genetica della futura identit, condannando gli italiani come ebbe a dire
Massimo dAzeglio a rifarsi da capo24. Si spiega cos meglio che De Sanctis
affidasse la soluzione del paradosso al divenire storico come dialettica dei contrari. Ma se lidentit era la storia in quanto avvicinamento infinito allideale,
ogni sua realizzazione, compresa quella manzoniana, era da considerarsi provvisoria. Oggi pensare a queste cose potrebbe essere utile.

24. Non c spazio qui per approfondire il paradosso sottostante allidea manzoniana di italianit, che, in mancanza di caratteri genetici, poggi su due puntali: la lingua unita e i precetti
del Vangelo assurti a comune e razionale buon senso.

Quaderns dItali 16, 2011 67-84

Il Partito Comunista Italiano e De Sanctis


negli anni Cinquanta. Classe operaia
ed egemonia nazionale1
Umberto Carpi
Universit di Pisa
umberto.carpi@alice.it

Abstract1
Nel secondo dopoguerra il Partito Comunista Italiano, sotto la guida di PalmiroTogliatti e alla luce dei Quaderni scritti in carcere da Antonio Gramsci (in particolare le note sul Risorgimento, sulla funzione degli intellettuali, sul concetto di
egemonia)imposta una grande battaglia per la conquista dellegemonia culturale.
Il primo obiettivo quello di combattere la prevalente influenza di Benedetto Croce e
della sua interpretazione del Risorgimento, sostituendole appunto quella di Gramsci
e facendo della classe operaia e del suo partito il vero erede della miglior tradizione
laico-democratica del Risorgimento stesso, la tradizione di Bertrando Spaventa, di
Francesco De Sanctis, di Antonio Labriola. Loggetto di pi aspra contesa fra liberali
e marxisti, dalla stampa quotidiana alle riviste accademiche,diventa negli anni Cinquanta Francesco De Sanctis, secondo il dilemma diventato classico De Sanctis-Croce
o De Sanctis-Gramsci? Strettamente legata, anzi propedeuticaa questa la discussione
sul filosofo marxista Antonio Labriola. Una vera e propria battaglia delle idee cui
partecipano tutti, politici e intellettuali.
Parole chiavi: De Sanctis; Labriola; Croce; Gramsci; Risorgimento.
Abstract
In the second post-war period the Italian Communist Party, under the guidance of Palmiro
Togliatti and in the light of the Quaderni written in prison by Antonio Gramsci (in particular the notes about the Risorgimento, the role of the intellectuals, and his concept of
hegemony) poses a great battle for the conquest of cultural hegemony. The main purpose
was to challenge the prevalent influence of Benedetto Croce and his interpretation of the
Risorgimento, replacing precisely that of Gramsci and taking the working class and his
party as the true heritage of the best lay-democratic tradition of the Risorgimento itself,
the tradition of Bertrando Spaventa, of Francesco De Sanctis, and Antonio Labriola. The
subject of this bitter confrontation between liberals and Marxists, to be found in the daily
1. La relazione che ho presentato in sunto l11 dicembre 2008 venuta via via assumendo,
nella stesura, le dimensioni ampie di un libro (anche fittamente documentario). Qui perci
mi restringo a presentare alcuni paragrafi, particolarmente significativi di quel che nella
relazione orale riassunsi.

68 Quaderns dItali 16, 2011

Umberto Carpi

papers and in academic journals, becomes in the Fifties Francesco De Sanctis, according
to the classic dilemma De Sanctis-Croce o De Sanctis-Gramsci?
Closely related to it, albeit occurring before this, is the discussion by the Marxist
philosopher Antonio Labriola. A true and peculiar battle of ideas in which all politicians
and intellectuals participated.
Keywords: De Sanctis; Labriola; Croce; Gramsci; Risorgimento.

1. Col senno del poi si pu ben dire che molte lacerazioni del fatale 1956
erano gi latenti e che lo choc Stalin dellanno successivo funzion da detonatore per micce gi accese: n sembri allotrio questo cenno in un contesto
desanctisiano, sol che si rifletta come il numero di Societ 1953 specialmente dedicato a De Sanctis si aprisse con un ampio saggio commemorativo di
Gastone Manacorda sullUmanesimo di Stalin. Ebbene (fatta salva lapologia
di Stalin adesso irricevibile in quei termini, ma bisogna tener conto che nel
1953 tutti anche i pi accaniti avversari e magari nei termini pi aspri
commemorarono non un mostro, bens un gigante della politica, e comunque
oggi si richiederebbe maggior oggettivit di giudizio storico), per capire quale
equilibrio dai comunisti italiani si tentasse nel segno di Gramsci2 fra recupero
della tradizione nazionale di cultura progressiva a guida borghese e inserimento nel processo mondiale di rivoluzione proletaria a guida sovietica e dunque
per capire lo spirito di unoperazione filodesanctisiana a seguire un umanesimo di Stalin; per capire anche quanto questa linea politica fosse temuta efficace dagli ambienti liberal-crociani, al punto di indurli a fondare nel 1954 una
rivista Nord e Sud precipuamente destinata a contrastarla, serve rileggere le parole stesse del Manacorda. Parole tanto pi significative perch uscite dalla penna del direttore della testata, storico del movimento operaio di
indiscusso valore e autentico intellet tuale di raccordo (un po come Carlo
Salinari in campo letterario, Valentino Gerratana in campo filosofico, Massimo Aloisi in campo scientifico, ma Manacorda forse con minor rigidit di
applicazione che non gli altri) fra Partito e mondo della cultura:
Il Croce agli inizi della sua vita intellettuale introdusse insieme con il Labriola lo studio del marxismo in Italia. Se egli fosse veramente desempio, se coloro che si considerano suoi discepoli avessero verso il nuovo e il vitale un
interesse pari a quello che animava agli inizi il loro maestro, essi dovrebbero
volgersi con pari attenzione allo studio degli sviluppi odierni del marxismo,
che sono in Lenin e in Stalin, invece di ricalcare lanticomunismo monotono
e dogmatico degli ultimi anni del maestro, in nulla differente da quello che
da pi di un secolo usano, con scarso successo, i gesuiti per tenere a bada i
liberali. Nel numero precedente di questa rivista, commemorando brevemen-

2. Esemplare e quasi didascalico gi nel titolo, da questo punto di vista, larticolo di Franco
Ferri (uno degli storici coinvolti nelledizione Einaudi di De Sanctis, per la quale cur nel
1960 Il Mezzogiorno e lo Stato unitario) su Questione meridionale e unit nazionale in
Gramsci, Rinascita, IX, 1, gennaio 1952, p. 6-10.

Il Partito Comunista Italiano e De Sanctis negli anni Cinquanta

Quaderns dItali 16, 2011 69

te la morte di Benedetto Croce, scrivevamo che ad un approfondito colloquio


critico con la sua opera occorre oggi presentarsi ricchi dellesperienza della
storia del mondo in questi ultimi trentacinque anni. Questa esperienza ha
nellopera di Stalin la sua forma pi elevata. Se vero, come vero, che noi
abbiamo bisogno, in questo momento della storia del nostro paese, di riaffermare la forza creativa della scienza contro il ritorno delloscurantismo, di difendere lo spirito critico contro le reinvoluzioni verso principi dautorit variamente camuffati o addirittura neppure camuffati, di fondare una nuova
moralit sociale, e di garantire la nostra stessa unit culturale nazionale dalle
insidie che la minacciano [n.b., corsivo non nel testo], non possiamo ignorare
che le armi per questa lotta sono state affilate l dove una lotta per molti aspetti affine stata combattuta e vinta.3

Nel 1955, ripeto, quel che sarebbe successo nel 1956 non lo si sapeva: si
sapeva bene, invece, quel che era successo nel 1948, con la sconfitta elettorale
e il sostanziale isolamento del blocco di sinistra, il trionfo di un blocco moderato nel quale i partiti di democrazia laica si erano aggregati al grande partito
cattolico in funzione anticomunista e antisocialista. Daltro dunque cera bisogno che della storia e della prospettiva di un movimento operaio e popolare a
s e per s: il suo punto di vista, certo, ma per una diversa storia generale della
societ italiana. Sono puntualmente del 1950 in questottica politico-storiografica due fondamentali interventi di Togliatti, sul piano della storia la
rivalutazione delloperato a inizio secolo di Giovanni Giolitti per le sue aperture al Partito Socialista lette come disponibilit allinserimento di quel Partito nel governo del Paese; sul piano della prospettiva, la riproposizione del
celebre discorso 1946 su Ceto medio e Emilia rossa (il titolo dice tutto), di
autentica svolta nella determinazione delle alleanze sociali.4 Dal punto di vista
culturale, nel 1948 fu avviata in forma di volumi tematici la diffusione dei
quaderni scritti in carcere da Gramsci: n li pubblicava leditoria di partito,
bens la solita casa editrice Einaudi, torinese come lOrdine Nuovo di Gramsci
e di Togliatti per espressione della pi raffinata borghesia laica e progressista,
diretta discendenza dal grande economista liberale Einaudi Luigi, allora presidente della neonata Repubblica.
3. Nel testo si allude al redazionale (ma credo scritto dal Manacorda) La morte di Benedetto Croce, Societ, VIII, 4, dicembre 1952. Subito dopo la morte di Croce comparvero
su Rinascita due interventi piuttosto severi, che segnalo per la particolare pertinenza al
nostro tema, di C. Salinari, Benedetto Croce critico, Rinascita, IX, 11 novembre
1952, p. 621-25 (La cultura italiana chiude per sempre oggi il capitolo Benedetto Croce
e ne apre uno nuovo: quello di Antonio Gramsci) e di M. Alicata, Benedetto Croce e il
Mezzogiorno, ibid, IX, 12 dicembre 1952, p. 680-84 (lindifferenza, anzi il disprezzo del
Croce per la presenza nella storia anche delle classi subalterne toccano, quando egli volge
lo sguardo al Mezzogiorno, il loro culmine, cos acuta in lui evidentemente la volont che
gli intellettuali meridionali non saccostino alla realt economica e sociale delle loro regioni
e mantengano la loro pratica, come egli stesso ammonisce alla fine della Storia del Regno
di Napoli, dentro le accademie).
4. P. Togliatti, Discorso su Giolitti, Roma: 1950 e Id., Ceto medio e Emilia rossa, Roma, s.d.
[1950, ma pronunciato nel 1946 a Reggio Emilia].

70 Quaderns dItali 16, 2011

Umberto Carpi

Da notare che la prima informazione-presentazione dei mitici quaderni


era stata affidata nientemeno che a Luigi Russo, proprio il crociano e desanctisiano Russo, il quale ne aveva fatto loggetto dun celebre discorso (1947,
decimo anniversario della morte di Gramsci, Antonio Gramsci e leducazione
democratica in Italia) alla Scuola Normale Superiore di Pisa, della quale era
direttore5: non fu un caso che da quellincarico il Russo venisse di l a poco
bruscamente rimosso, con un intervento censorio di inusuale durezza. Comunque, questa scelta di sottrarre i quaderni del carcere ad una chiusa circolazione
partitica e di presentarne le riflessioni sulla storia e sulla societ italiana riaggregate in saggi specifici sugli intellettuali, sul Risorgimento, su Benedetto
Croce, su Machiavelli come elaborati da un grande politico-intellettuale nazionale piuttosto che dallantico teorico dei consigli di fabbrica e dal dirigente
comunista contribu al successo clamoroso del loro impatto sulla cultura italiana anche non partiticamente orientata.
Molti in seguito hanno storto il naso, n solo per motivi filologici, di fronte a questa scelta editoriale di tematizzare, ma Togliatti aveva colto nel segno,
e comunque ottenuto il suo scopo egemonico. Era prima di tutto sul piano
culturale infatti, per rompere lisolamento e creare le condizioni di una svolta
politica, che occorreva soppiantare legemonia del sistema ideologico dominante, il quale peraltro nella scuola e fra gli intellettuali non era quello cattolico omogeneo alla Democrazia Cristiana partito di maggioranza bens lidealistico, la propaganda clericale della Chiesa e delle sue emanazioni tipo Azione
Cattolica avendo funzione ed efficacia piuttosto pratica e agitatoria (emblematico il disprezzo laico del pur moderato Montale nelle Processioni del 49, col
tanfo acre dei loro madonnari pellegrini): di questa tal quale subalternit culturale al liberalismo laico-borghese i settori pi integralisticamente cattolici
non sempre necessariamente i pi reazionari, basti pensare alle Cronache
sociali di Dossetti avvertivano il disagio6: bisognava rovesciare insomma, o
per meglio dire bisognava far slittare la lettura della storia nazionale, impostata da Croce in funzione dellegemonia duna classe borghese a vocazione nazionale, in una lettura di quella medesima storia in funzione dellegemonia duna
5. Antonio Gramsci e leducazione democratica in Italia, poi dal Russo raccolto in De vera religione. Noterelle e schermaglie, 1943-1948, Torino: Einaudi 1948, p. 232-56.
6. Penso allinteressante gruppo cattolico integralista di Gianni Baget Bozzo peraltro partito
dalle Cronache sociali di Dossetti raccolto intorno a Terza generazione. Altro discorso
andrebbe fatto per i guppi cattolici influenzati dallidealismo (Il Mulino) o dal marxismo (Il
Dibattito Politico). Ma lo iato fra potere politico dei cattolici e loro incapacit di egemonia
culturale veniva registrato come un fatto. Paolo Alatri, in una rassegna di Le riviste di
cultura dellepoca (Rinascita, VII, 1, gennaio 1950, p. 32-37), affermava che in campo
cattolico, si pu dire che il silenzio regni sovrano. Alla eccezionale predominanza politica, che i cattolici sono riusciti a conquistarsi in Italia negli ultimi anni, non corrisponde
neppure di lontano una degna posizione culturale che possa esprimersi attraverso la stampa
periodica. Si ripete qui, in sostanza, quel fenomeno che Pietro Ingrao metteva giustamente
in rilievo a proposito della stampa quotidiana cattolica [Rinascita, ottobre 1949, p. 436]:
il peso dellinfluenza clericale sullopinione pubblica non si esprime attraverso adeguati
strumenti di egemonia culturale, che i cattolici non detengono affatto.

Il Partito Comunista Italiano e De Sanctis negli anni Cinquanta

Quaderns dItali 16, 2011 71

classe operaia a sua volta nazionalmente vocata, come Gramsci laveva proposta e Togliatti tentava di realizzare nella prassi politica.
Al lavoro degli storici comunisti veniva insomma affidato il compito di
supportare unoperazione politica di trasformazione del nazionalismo dei ceti
medi, cui era approdata lidea di Patria formatasi nel Risorgimento, in un
nuovo patriottismo compatibile con una nozione di internazionalismo proletario affatto diversa, anzi aliena dal cosmopolitismo grande borghese; un patriottismo riconducibile se mai allideologia patriottica che era stata del giacobinismo, nellaccezione sintende di quel realismo politico alieno dallastrattezza
settaria con cui Gramsci lo aveva nazionalmente opposto alla strategia di termidorismo preventivo poi adottata dai moderati del Risorgimento, Cavour in
primo luogo. Si dispieg, su questo punto decisivo, una campagna sistematica,
articolata nei saggi e recensioni dei periodici e in articoli di quotidiano.7 Sottolineo la particolare importanza del richiamo a questo patriottismo giacobino
(nel senso gramsciano equivalente a nazional-popolare) come criterio storiografico teso a rovesciare sia la tradizione nazionalistica della borghesia imperialista sia la municipalistica del sanfedismo, e insieme a contrastare linsidiosa
tendenza alla disidentificazione nazionale comportata dalla nuova ideologia
dellamericanismo globale. Anche su questo punto, pure assai interessante, un
solo esempio a titolo esemplificativo, la risposta di Renato Zangheri alla rivista
Il Mulino, che aveva attaccato la politicizzazione della storiografia sovietica
e messo in discussione appunto luso storiografico dei criteri di patriottismo e
di cosmopolitismo.
Zangheri si chiedeva polemicamente se nazioni, movimenti nazionali,
apporto di ogni nazione alla cultura mondiale, contino qualcosa nella storia,
e siano individuabili e definibili. Vi chi lo asserisce e fra questi i marxisti;
i quali tuttavia si differenziano dai ricercatori del colore locale, dai mistici
dello spirito nazionale, e simili. Vera anche chi lo negava. Ed erano spesso
nobili spiriti, mossi da un sogno di universale concordia. Oggi per il cosmopolitismo, nella sua essenza, diventato altra cosa. Si nega e deprime il
patrimonio nazionale altrui per esaltare il proprio, e neanche la sua parte
migliore. Si invitano le nazioni dEuropa a dimenticare il passato che le fece
grandi, e si afferma la supremazia americana. Per questa via si arriva a formulare una direttiva storiografica, e si falsifica la storia dei popoli. La questione aveva valenza primaria, ed significativo che in Rinascita, a un articolo
intorno al capitale tema desanctisiano la scienza e la vita, ne facesse seguito
un altro su Lotta nazionale e lotta di classe nel Viet Nam, in cui oltre al
tema nazional-popolare della rivoluzione patriottica nel senso giacobino di
7. Cito per tutti, in questa sede non posso fare di pi, il saggio Dal nazionalismo al patriottismo (Rinascita, VII, 11-12, novembre-dicembre 1950, p. 529-32) di Lucio Lombardo
Radice: lo scelgo per la particolare personalit dellautore, matematico di vaglia, un altro
marxista e comunista proveniente da famiglia di grande tradizione idealistica (era figlio del
pedagogista Giorgio), un interprete fra i pi intelligenti della linea politico-culturale di
Togliatti.

72 Quaderns dItali 16, 2011

Umberto Carpi

nazionale e sociale insieme veniva messa in rilievo la natura ormai affatto


americana dellimpegno francese in Indocina. Quanto a criteri interpretativi
disidentificanti di origine statunitense che riguardavano da vicino lItalia, un
caso tipico era quello, per esempio, della questione meridionale costretta nella
categoria mondializzante delle aree sottosviluppate.8
2. Battaglia politica, conflitto storiografico
Il Risorgimento, politiche economiche e linee culturali, divenne dunque
soprattutto dopo luscita di Risorgimento e di Materialismo storico e la filosofia di Benedetto Croce del Gramsci e nelle forme della disputa storiografica
terreno di una contesa ideologica particolarmente acuta: De Sanctis ne fu al
centro, e daltronde non si pu dimenticare che il mito (o, se si vuole meglio,
la crucialit) risorgimentale di De Sanctis era stato a sua volta costruito dal
Croce come uno dei cardini essenziali Vico, la sconfitta giacobina del 1799,
Cuoco, i Poerio-Imbriani-Spaventa, De Sanctis, poi Giolitti della sua nuova
Italia, e che proprio su questa base intrinsecamente politica De Sanctis era
diventato come Vico in filosofia il suo precursore nazionale in estetica e
critica letteraria. Certo nella Storia dItalia del 1927 De Sanctis non era pi il
rappresentante non dottrinale del materialismo storico come Croce laveva definito [1896] quando il suo filosofo italiano di riferimento era ancora il marxista
Antonio Labriola, ma uno dei crociani pi ferventi e combattivi, il gi rammentato Luigi Russo, aveva subito fatto seguire nel 1928 linquieto libro su De
Sanctis: e proprio ad esso Gramsci si era specialmente riferito per il suo ritorno
a De Sanctis in opposizione al ritorno fascista proposto da Gentile. Perch,
mentre Gramsci in carcere ragionava sul libro di Russo (su quel che poteva
intuirne, conoscendolo solo attraverso recensioni), Gentile contro la linea
desanctisiana Croce-Russo si stava appunto preoccupando di rivendicare,
emblematicamente sul numero inaugurale dellambiziosa rivista fascista Quadrivio, un De Sanctis con gli Spaventa precursore del fascismo e della sua
ideologia della cultura come azione.9 Non si pu dimenticare, voglio dire, che
De Sanctis e la sua fortuna erano sempre stati legati ad uninterpretazione
politica del recente Stato unitario, della formazione sua e dei suoi gruppi dirigenti, delle sue prospettive: una fortuna insomma radicata fin dalla pionieristica rivendicazione crociana in ragioni storico-politiche piuttosto, o
comunque prima che storico-letterarie.
8. Per un cenno al dibattito su questo punto e a come si intrecciasse con la discussione etnologica e letteraria rinvio a U. Carpi, Scotellaro 1954, lintellettuale conteso, Nuova Rivista
di Letteratura Italiana, VII (2004), 1-2, p. 383-410.
9. Il Quaderno 23 del 1934 si apriva per lappunto con un essenziale paragrafo (significativamente gi impostato nel Quaderno 17 allinterno di una riflessione sulla letteratura popolare) Ritorno a De Sanctis, sollecitato dal recente Torniamo a De Sanctis! di Gentile
(Quadrivio, I, 1, 6 agosto 1933, p. 3). Sar interessante sapere che larticolo di De Sanctis
era incastonato fra due liriche rispettivamente di Ungaretti, 1914-1915 e di Cardarelli,
Sardegna.

Il Partito Comunista Italiano e De Sanctis negli anni Cinquanta

Quaderns dItali 16, 2011 73

Non deve dunque stupire che lultimo Croce, con i suoi fedelissimi di
Nord e Sud del Mondo dello Spettatore Italiano, venisse combattuto in
modo cos aspro dagli intellettuali comunisti dei quali non a caso era intanto diventato autorevole compagno di strada quel Russo desanctisianamente
suggestivo per il Gramsci dei quaderni come colpevole di aver negli anni,
sostanzialmente a partire dallEstetica, progressivamente abbandonato, anzi
rovesciato, le posizioni innovatrici della giovinezza (diciamo la linea labrioliano-desanctisiana) approdando a posizioni conservatrici e fin reazionarie.10 N
deve stupire che nel medesimo tempo quegli stessi intellettuali, nelle loro battaglie delle idee combattute contro i liberali sui temi della libert e partiticit
della cultura, non esitassero a richiamarsi proprio sempre naturalmente attraverso, esplicita o sottintesa, la mediazione gramsciana alla tradizione borghese e progressiva della linea De Sanctis-Croce11, fondandovi le ragioni della
nuova prospettiva De Sanctis-Gramsci. Nellinfinita casistica, vale la pena di
citare ancora, per la sua lucidit, Zangheri:
La scienza e la vita. Non vi far il torto di ripetervi il gi noto. Non vi citer
il De Sanctis. Ma bisogna ammettere che anche nello specifico campo della
produzione storiografica ha avuto luogo quella corrispondenza. Corrispondenza che veramente una unit, la unit del pensiero storico con lattualit
della vita: come scrisse il maestro che ora ci ha lasciati. vero che il Croce
quella unit non volle poi tenerla ferma e la annull, volgendola in speculazione. Ma allorch voi inorridite di questa funzione pratica e di strumento
insomma della societ che vi pare sia attribuita alla storiografia sovietica,
vorrei ancora richiamarvi il pensiero crociano che tutta la scienza, tutta la
cultura storica, specificamente elaborata e promossa, sta in rapporto al bisogno
generale di matenere ed accrescere la vita civile ed attiva dellumana societ.

Il dilemma fra resistenza di De Sanctis-Croce ovvero emergenza di De


Sanctis-Gramsci alludeva insomma a ben altro che ad una specialistica questione di metodologia storiografico-letteraria, era tanto pi se posto nei termini
delleredit storica piuttosto che della mera contrapposizione la metafora di
una battaglia culturale per la conquista della nuova egemonia politica. Ed da
notare che questo insidioso riallacciarsi dellintellettuale marxista a De Sanctis
e a Croce in funzione della militante politica comunista, insomma latteggiarsi dei comunisti ad eredi per conto della classe operaia del liberalismo progressivo, irritava particolarmente quelli del Mulino: tu presenti il Partito Comunista sulla linea di sviluppo del liberalismo, e citi De Sanctis e Croce. Se vero
che questi nostri pensatori gi stabilirono un nesso tra politica e storiografia
[...] questo nesso non fu per loro quello che per te o, pi precisamente, per
10. Memorabili le polemiche col Croce combattute da Togliatti alias Roderigo di Castiglia,
e ricordo fra tutte la celebre nota Monotonia e vacuit dellanticomunismo crociano,
Rinascita, IV, 8-9, agosto-settembre 1949, p. 357-59 in risposta al Monotonia e vacuit
della storiografia comunista del Croce.
11. Dalle gi citate pagine del gennaio 1953 in polemica col Mulino sulla politicit della cultura,
nel caso la politicit-partiticit del lavoro storiografico.

74 Quaderns dItali 16, 2011

Umberto Carpi

Lenin e Stalin. (Questo di prendervi a tutti i costi dei protettori o precursori


gloriosi e autorevoli, un malcostume culturale che non pu esservi facilmente perdonato...).
Battaglia culturale? Levocazione di una terminologia bellicista non sembri
fuori luogo o eccessiva: allaggressivit della politica culturale comunista
mentre lo schieramento cattolico rispondeva soprattutto con lazione capillare delle organizzazioni di massa (Azione Cattolica, universitari della F.U.C.I.,
Coltivatori diretti ecc.) il mondo laico, la cosiddetta terza forza, rispondeva con una vera e propria controffensiva antimarxista. Il pi incisivo dei periodici liberal-repubblicani (Il Mondo settimanale), annunciava luscita a Napoli
della rivista Nord e Sud, nata in ambiente crociano col precipuo scopo di
contrastare loffensiva della cultura marxista nel Mezzogiorno e sulle cui pagine di l a poco Rosario Romeo avrebbe sferrato un attacco frontale contro
linterpretazione gramsciana del Risorgimento, con una nota dal titolo inequivocabile Fronte del Sud .12 La quale nota si concludeva, alla stregua di un
bollettino bellico, con lannuncio che gli amici di Nord e Sud conducono,
come ci auguravamo ed avevamo previsto, una buona guerra finalizzata ad
aver ragione di un avversario rotto a tutte le astuzie, di cui la pi insidiosa
era proprio questa capacit di farsi passare per gli eredi autentici del pensiero
di un De Sanctis, di uno Spaventa o di un Labriola.
La stampa comunista, che nellambito di una grande campagna meridionalista era per prima passata allattacco nel 1954 lanciando a Napoli le mensili Cronache meridionali con immediata preoccupazione dello schieramento
laico, reag alluscita di Nord e Sud opponendo sul Contemporaneo un impegnativo articolo, notevole anche a posteriori n solo per la firma di Giorgio
Napolitano, dal titolo che, con lintegrazione del sottotitolo riassuntivo (Nord
e Sud riconosce ai comunisti il merito di aver promosso il moto di liberazione
delle plebi meridionali, ma insiste a indicare nel comunismo il pericolo numero
uno del Mezzogiorno dItalia), era tutto un programma, Lacqua nel mortaio.13
La neonata rivista napoletana controrispose con una nota redazionale, Le stoccate di Ferravilla, in cui ribatteva essere il disegno comunista nientemeno che
quello di catturare le energie politiche del Mezzogiorno per poterle rivolgere
contro le istituzioni dello Stato democratico. Di questo disegno, era sottinteso,
Vico De Sanctis Labriola Croce rappresentavano la strumentale copertura culturale, ed ecco perch con Napoli essendo in gioco lEuropa, lOccidente
tanto accanimento da ultima barricata nella contesa storico-filologica sui
padri.14
12. Il 29 marzo 1955.
13. G. Napolitano, Lacqua nel mortaio, Il Contemporaneo, II, 1, 1 gennaio 1955, p. 1-2.
Per la campagna meridionale lanciata dai comunisti nel 1954 ricordo, fra gli innumerevoli,
due interventi particolarmente importanti di impostazione politica generale (P. Togliatti,
Lazione democratica e socialista nel Mezzogiorno, Cronache meridionali, I, 6, giugno
1954, p. 401-22) e di prospettiva politico-culturale (M. Alicata, Il meridionalismo non
si pu fermare a Eboli, Cronache meridionali, I, 9, settembre 1954, p. 604-16).
14. Nord e Sud, II, 3, febbraio 1955, p. 32-35.

Il Partito Comunista Italiano e De Sanctis negli anni Cinquanta

Quaderns dItali 16, 2011 75

Riferimento culturale Croce, riferimento politico dei napoletani di Nord


e Sud era invece Giorgio La Malfa, il vero, intelligente interlocutore meridionale di Amendola, Napolitano, Alicata: sul primo numero della rivista pubblic un saggio, Mezzogiorno nellOccidente, nel quale sviluppava in prospettiva economico-politica attuale la tesi crociana del respiro europeo della
cultura e degli intellettuali meridionali. Osservo che anche La Malfa proveniva da quella Banca Commerciale, dove era in allestimento la collezione ricciardiana dei classici sopra rammentata. Tutto un mondo borghese di cultura laicoliberale democratica e illuminista (questo singolare asse filosofico-bancario fra
Milano e Napoli attrasse e mise in movimento, come ho accennato, anche la
Torino gobettiana, si pensi a cosa stato in quella collezione e quale patrimonio continua a rappresentare per noi il Settecento ordinato per la Ricciardi da
Franco Venturi e da Mario Fubini) che scomparso lasciando un vuoto incolmato, e sul quale si capisce come i pi intelligenti dei comunisti, i Togliatti gli
Amendola i Napolitano gli Alicata, potessero pensar di innestare la nuova linfa
riformatrice e democratica del movimento operaio. Il pregiudizio anticomunista da un lato, i condizionamenti internazionali dallaltro (se li rinfacciavano
a vicenda questi limiti, e avevano entrambi ragione e insieme torto, assicurando cos con questo loro reciprocamente paralizzante conflitto una vera e
propria rendita di posizione per la pragmatica Democrazia Cristiana ...) impedirono una sintesi che forse avrebbe consentito allItalia intera, alla stessa
Democrazia Cristiana e al Partito Socialista, una diversa evoluzione. Ma questo
un altro discorso.
Quel linguaggio (quella logica) conflittuale era evidentemente ineluttabile.
LUnit del 20 gennaio 1955, per esempio, pubblic un articolo del filosofo
pi prestigioso nel Partito, il Cesare Luporini ben noto anche agli italianisti
per linnovativo saggio del 1947 Leopardi progressivo in cui aveva rovesciato il
giudizio crociano sulla vita strozzata e insieme valorizzato la critica mossa da
Leopardi al moderatismo e spiritualismo dei gruppi dirigenti del Risorgimento15, e quellarticolo di Luporini il quotidiano del PCI lo intitol appunto Il
fronte filosofico. Non meravigli che un quotidiano pubblicasse articoli di
questo genere, anche a destra accadeva che per esempio il Giornale dItalia
15. Il Luporini allinizio del 1954 aveva pubblicato un libro su La mente di Leonardo compiendo per il rinascimentale Leonardo unoperazione analoga a quella compiuta per il risorgimentale Leopardi, di rivalutazione cio in senso progressivo della mente contro il giudizio
cociano di a- ovvero anti-filosoficit molto importante anche per una definizione ed
un uso storicamente determinati di quel concetto di realismo che era poi il vero nocciolo
teorico-politico della concomitante querelle desanctisiana (da leggere anche la recensione
di L. Lombardo Radice, Un libro di Cesare Luporini: La mente di Leonardo, LUnit, 5
febbraio 1954, in cui venivano puntualmente richiamate, in uno con la polemica antimedievalista e antispiritualista, le problematiche rinascimentali di De Sanctis e di Gramsci).
Ricordo che Luporini, il quale aveva alle spalle una formazione assai complessa essendo stato
a suo tempo allievo anche di Heidegger, fu in quel periodo il protagonista forse di maggior
spessore e prestigio delle discussioni filosofiche combattute anche sul fronte interno, basti
pensare a quelle con la scuola di Della Volpe intorno alle prospettive del materialismo
dialettico.

76 Quaderns dItali 16, 2011

Umberto Carpi

entrasse in filosofia stampando, come aveva fatto il 13 marzo 1949, un grande


Dialogo immaginario di Croce con Hegel, nel quale il vecchio filosofo si era
preoccupato di espungere dalla storia del proprio incontro con Hegel quel che
aveva riconosciuto fino al 1915, cio la sostanziale mediazione, per arrivare a
quellincontro, del marxista Labriola e del marxismo storico. Ricordo il fatto
perch, per comprendere quanto il terreno o se si vuole il fronte filosofico (ovvero estetico-letterario) fosse sentito ravvicinatamente, anzi intrinsecamente e quasi immediatamente politico e politico-formativo, mi sembra significativo che gli stessi quotidiani e rotocalchi ritenessero di darne informazione
ai propri lettori.16
Fronte molto ampio il filosofico prospettato da Luporini ai lettori dellUnit (par di sognare, con quel che passa oggi il convento del giornalismo politico italiano!), fronte che andava dalle pi aggiornate forme di neospiritualismo
e irrazionalismo fino allempiriocriticistico neopositivismo logico contro cui
veniva invocato lallora canonico Lenin di Materialismo ed empiriocriticismo
(ma non farebbe poi troppo male rileggerlo anche oggi...). In quel fronte
(espressione ereditata dal lessico politico leniniano) di guerra filosofica la trincea di base si confermava peraltro lapologia in chiave labrioliana e gramsciana
delle pi vigorose fra le correnti ideali che avevano accompagnato la formazione dello Stato borghese in Italia e che si esprimevano nei nomi di Spaventa
e De Sanctis per rovesciare il tentativo compiuto dallidealismo crociano e
gentiliano di unificare e dirigere la cultura italiana in nome della borghesia. E
il fatto che questo tema venisse ripreso in un articolo di orientamento politico
proprio da un filosofo come Luporini, fra gli intellettuali comunisti italiani il
meno toccato dalla tradizione idealistica nazionale (insieme con lAntonio
Banfi gi allievo di Simmel e di Husserl e col materialista antistoricista Ludovico Geymonat, mentre diverso sempre con qualcosa di costitutivamente
esterno fu il caso di Della Volpe e della sua scuola), conferma ulteriormente che si trattava di una linea dintervento sistematica e forte, senza nulla
dellestemporaneo e gratuito che aduggia le deboli schermaglie odierne.
Sistematica e forte, altrettanto sistematicamente e fortemente contrastata
proprio su questo punto della tradizione nazionale, che era un autentico nervo
scoperto. I comunisti celebravano lottantesimo compleanno di Thomas
Mann17? Il Mondo replicava tornando a battere sul dente che pi doleva:
Ma tant, i comunisti si ostinano a celebrare proprio i campioni della civilt
capitalistica, a preferire al realismo socialista quello borghese, ad inneggiare
a Dreiser e a Mann, o, per restare in Italia, a Verga e De Sanctis e Spaventa
16. Il veleno politico del dialogo immaginario venne puntualmente rilevato da un giovane studioso marxista di filosofia, Giovanni Mastroianni, che ritroveremo fra poco a puntualizzare
filologicamente e bibliograficamente nelle polemiche vichiane. Per loccasione invi una
lettera a Rinascita, 5 maggio 1949, p. 240, dalla redazione titolata La discendenza HegelCroce.
17. Una celebrazione effettivamente vistosissima: bisognerebbe rivedere le ragioni del giudizio
su Mann espresso dalla cultura marxista italiana, n solo comunista.

Il Partito Comunista Italiano e De Sanctis negli anni Cinquanta

Quaderns dItali 16, 2011 77

e Labriola, e, per un po che i loro interlocutori si distraggano, anche Croce.18


Lobiezione di fondo, la medesima dal Mulino al Mondo, era ingenua: perch i
nostri comunisti hanno bisogno di cercare un avallo nei campioni del pensiero borghese e non si avvalgono (o non si limitano ad avvalersi) di quelli
del loro Pantheon marxista? Era proprio questa separatezza, questa concezione del conflitto delle classi come una sorta di incomponibile scissione della
storia e della societ e dei valori che lo storicismo dialettico di Gramsci e di
Togliatti rifiutava: dal proletariato antinazionalista e dalla separazione-incontaminazione culturale delle classi subalterne al popolo nazionale e alla cultura
nazional-popolare, dalla scissione rivoluzionaria allo storicismo progressista,
questo marxismo desanctisiano-labrioliano spostava i termini consueti della
discussione. Li spostava al punto di aprire acuti conflitti, oltre che nel fronte
liberale (Bobbio e Nuovi Argomenti mostravano tuttaltra apertura e interazione che Mondo e Nord e Sud), anche sullo stesso fronte interno, a sinistra,
con sempre pi diffuse manifestazioni di insofferenza, destinate ad esplodere
negli anni Sessanta, per questo che se ai crociani pareva unusurpazione a
molti marxisti cominciava invece a sembrare un pericoloso scivolamento sul
terreno dello storicismo idealistico: n solo ai marxisti critici di quei settori
che evolveranno ad extra-sinistra, ma anche ai pi ortodossi marxisti-leninisti
(Sereni, Aloisi), impegnati infatti in uninterpretazione di Gramsci condotta
secondo canoni pi rigidamente, come si diceva, marxisti-leninisti.19
Guerra ideologica per guerra ideologica, in quei mesi fra 1954 e 1955 i
punti di fuoco erano molti, i colpi talvolta sviavano da un campo allaltro con
non pochi episodi di quel che oggi si chiama rischio da fuoco amico, gli strateghi faticavano a tener sotto controllo il senso generale della battaglia: fuor di
metafora, una straordinaria stagione di confronto politico-culturale, come ad
una svolta decisiva per la conquista dellegemonia. Ogni occasione di dibattito
anche stagionale per un film o per un romanzo, ovvero per questioni di pi
lunga durata dal nesso libert-uguaglianza fino alluso industriale dellenergia
nucleare e in genere della scienza, ovvero ancora per le prospettive di organizzazione e indirizzo della ricerca storica o filosofica, tutto diventava motivo di
serrato confronto politico. E tutto stava dentro o veniva comunque ricondotto sempre alla questione essenziale dellidentit e unit nazionale, allinterpretazione del suo formarsi e delle sue forze motrici dal Risorgimento alla Resistenza e alla Repubblica. Politicit e partiticit della cultura: non solo per
disputare o disputarsi la storicit di De Sanctis o Gramsci, ma la contingenza
delloperaio Metello, dei cafoni di Tricarico, dei giorni damore del regista
18. Lomaggio comunista, Il Mondo, 23 agosto 1955, p. 2.
19. Sereni gi nel 1948 (Gramsci e la scienza di avanguardia, Societ, IV, 1, gennaio-febbraio
1948, p. 3-30); Aloisi nel 1950 (Gramsci, la scienza e la natura come storia, ibid., VI, 3,
settembre 1950, p. 385-410: dallintervento di Aloisi nacque uninteressante discussione
con il Matteucci filosofo di punta del Mulino (N. Matteucci-M. Aloisi, Gramsci e la
conoscenza della natura, Emilia, dicembre 1950, p. 400-04, e analoghe discussioni successive non ebbero pi la medesima vivacit e freschezza politica) sul dilemma oggi affatto
storico-filosofico, allora tutto politico Gramsci-Croce ovvero Gramsci-Marx/Lenin.

78 Quaderns dItali 16, 2011

Umberto Carpi

De Santis, del primato sui dieci anni dalla fine della guerra ovvero le prospettive materialiste della biologia (scienza assai pi sospetta di deviazionismi
idealistici era considerata la fisica...) e i cieli della declinazione politica della
libert, dei destini dellarte, del rapporto globale fra Occidente e Oriente.
Chi ne abbia memoria, si sar accorto che ho puntualmente alluso ad
alcune allora clamorose e fra loro intrecciantisi contese culturali di quegli anni,
particolarmente concentrate fra il 1954 e il nostro 1955, alle soglie del 1956;20
protagonisti, spesso, i medesimi politici e intellettuali: sempre, le medesime
ragioni politiche. Con un nesso strettissimo fra queste ragioni e la ricerca storica, particolarmente rilevabile proprio nella nostra questione desanctisiana:
che si articolava infatti, autentica strategia storiografica, in varie direzioni
intrinsecamente connesse, da Vico agli Spaventa a Labriola, le tessere da rovesciare della linea crociana.21 Ma tutto ci accadeva (dimenticarlo significherebbe perdere il senso complessivo di una stagione in cui i diversi piani di
movimento, economico-produttivo, ideologico, politico, artistico, ognuno sul
proprio terreno pullulante di vitalit e di contraddizioni, si scivolavano spesso
20. Le querelles su Metello e su Scotellaro sono ben note. La discussione sulla libert pure molto
conosciuta e coinvolse, fra Nuovi Argomenti e Rinascita, soprattutto Bobbio e Togliatti. Il
dibattito sulla biologia (nel primo decennio postbellico fu ampia la discussione sul rapporto
fra ricerca scientifica e materialismo, altra tessera delicatissima delle relazioni con la cultura
idealistica) fu guidato particolarmente su Societ dallAloisi; dellarte e di estetica si discusse
per ogni dove, ma (insieme alla discussione del Contemporaneo, dicembre 1954, su marxismo, arte ed estetica) soprattutto va ricordata una grande inchiesta di Nuovi Argomenti e
sulla medesima rivista anche la discussione su Oriente e Occidente. Dieci anni si intitol
una lunghissima inchiesta del Contemporaneo 1955, peraltro ripresa da varie altre testate,
sul decennio intercorso: al fondo, linterrogativo angoscioso e politicamente stringente se
la Resistenza fosse stata anche dal punto di vista culturale tradita. La discussione
meno nota e apparentemente pi datata, ma per noi molto significativa perch tutta incentrata, come quella per Metello, sulla questione del realismo, riguard il film di De Santis
Giorni damore (pellicola oggi di arduo reperimento ancorch allepoca di gran successo,
protagonisti, per la cronaca, Marcello Mastroianni e Marine Vlady) e si svolse sulledizione
settentrionale dellUnit nel nostro 1955. Come si vede, il campo di battaglia desanctisiano
era illuminato anche dai fuochi di altri e contigui terreni di scontro (ma una vivacissima
discussione su cinema e neorealismo, nellestate, si svolse pure sullAvanti!).
21. Questi nessi politici non sfuggirono a unintelligente rassegna di Giuseppe Vacca (Recenti
studi sullhegelismo napoletano, Studi Storici, VII, 1, gennaio-marzo 1966, p. 159-209), il
quale mise puntualmente in luce come a distanza di dieci anni (altri dieci anni, ma un lasso
ormai da calcolare per progressione geometrica, non sommatoria...) quella stagione togliattiana fosse diventata delicato oggetto di serrato confronto politico: che si apr per esempio
fra Rossana Rossanda (Le ragioni della cultura. Note e appunti critici su impegno, cultura e ideologia, Il Contemporaneo, febbraio 1965, p. 1-4) e Luciano Gruppi (Palmiro
Togliatti, cultura e metodo, Rinascita, 18 settembre 1965, p. 23-24, cui Rossanda replic
con Marxismo e storicismo, ibidem, 13 novembre 1965, p. 22-23) emblematicamente a
un anno dalla morte di Togliatti e gi quasi in termini di resa dei conti (proprio a partire da
un numero commemorativo del Contemporaneo, nel frattempo trasformatosi in supplemento
mensile di Rinascita). Argomento delicato ancor adesso pur in un secolo affatto diverso,
peraltro divenuto oggetto di riflessione storica e non pi, come allora, di confronto militante: capire le origini del declino che ci ha condotto ad oggi, lastrattezza politica senza
responsabilit di Rossanda, il ripetitivo buon senso occhi allindietro di Gruppi.

Il Partito Comunista Italiano e De Sanctis negli anni Cinquanta

Quaderns dItali 16, 2011 79

accanto senza luno incrociar laltro ovvero talvolta collidendo) in un tempo


inquieto: discutevano dellesemplarit operaia di Metello e dellautonomia culturale dei contadini del Sud, e intanto a Roma Pasolini e Patroni Griffi facevano scappar fuori lemarginazione dei ragazzi di vita22 e a Milano Pagliarani
cominciava a dar forma alle nevrosi metropolitane della ragazza Carla; era sotto
i torchi il primo volume della Storia dellItalia moderna di Candeloro (una
lunga serie che sarebbe giunta fino agli anni Ottanta in leale fedelt alla linea
interpretativa De Sanctis- Gramsci) mentre di Gramsci i versi pasoliniani invitavano a interrogare ormai le ceneri.
Il pi ampio dibattito nazionale del 1956, a parte quello promosso da
Nuovi argomenti con le famose 10 domande su Stalin e stalinismo, si svolger non a caso, come per riprendere le fila e riaccordare i piani, sul tema
La cultura marxista: il primo intervento, senza De Sanctis e senza Labriola,
Stato dassedio.
3. S
 ul fronte idealistico, dal liberalismo al marxismo:
per Spaventa e per Labriola
De Sanctis? Ma in discussione era tutto lhegelismo napoletano, a partire da
Croce (ovvero per giungere allantiCroce). Hegel e Croce, intervenne Mario
Alicata,23 in quel momento vero regista operativo soprattutto in questioni
meridionali della politica culturale comunista: e fu uno dei casi in cui
i proiettili fischiarono anche fra le linee amiche. Il fatto che Lombardo Radice, stroncando sulla classica linea leniniana della critica allempiriocriticismo
i Lineamenti di una teoria dei segni di Charles Morris tradotti e proposti alle
scuole italiane da Ferruccio Rossi-Landi, aveva concluso esser comunque preferibile, a questo scientismo neoempirista, lEstetica di Croce e, per restar fedeli alla dialettica, meglio esser sentenziati marxisti imbevuti di idealismo.24
Alicata, pur convenendo che queste nuove correnti di pensiero erano estranee
alla linea tradizionale di sviluppo del pensiero italiano e anche in quanto tali da
combattere, respingeva qualunque contestuale intiepidimento della battaglia
contro lidealismo hegeliano nei modi che ha assunto in Italia con Benedetto Croce.
Anzi, proprio questo della linea tradizionale doveva restare il fronte principale,
22. Di questi due libri fece una stroncatura politica Giovanni Berlinguer (Il vero e il falso
delle borgate di Roma, lUnit, 29 luglio 1955), indisponibile a leggere in quei termini il
popolo romano delle borgate.
23. M. Alicata, Hegel e Croce, Il Contemporaneo, II, 33, 20 agosto 1955, p. 4.
24. L. Lombardo Radice, In principio era il Segno, Il Contemporaneo, II, 32, 13 agosto
1955, p. 11: Dite pure: marxisti imbevuti di idealismo. Non un insulto. Anzi, una verit
storica quando si dica: marxisti imbevuti di quella dialettica della quale ebbero una prima
consapevolezza i grandi filosofi dellidealismo. La polemica continu, con replica di Lombardo Radice e conclusione dello stesso Alicata, coinvolgendo anche Badaloni, Della Volpe,
Colletti. Andrebbe riletta, soprattutto come sintomo dellinsoddisfazione ormai latente per
larroccamento nella vecchia formula antiempiriocriticista a fronte del nuovo antistoricismo
neopositivista e neoempirista.

80 Quaderns dItali 16, 2011

Umberto Carpi

e proprio per la sua specificit nazionale: legemonia culturale, in Italia e


nellottica ancora fortemente postrisorgimentale del Risorgimento senza rivoluzione e della Resistenza come secondo Risorgimento, la si conquistava certo
anche con il contrasto a Morris sul terreno della circolazione mondiale delle
culture, ma prima di tutto sconfiggendo lo storicismo idealistico come Croce
lo aveva nazionalmente declinato e incardinato. Che era una prospettiva di
lotta filosofica sostanzialmente analoga al fronte prospettato in gennaio da
Luporini.
Sconfiggendolo, ripeto, nella lettura crociana, ma facendone proprie le
originarie ragioni di rivoluzione nazionale, riprendendone il filo progressivo
che lo stesso giovane Croce nei suoi anni labrioliani aveva tenuto in mano e
poi abbandonato, anzi tessuto per una diversa tela antisocialista e regressiva.
Uno storico marxista di appartenenza socialista ma fortemente e stabilmente
impressionato da Gramsci, Gaetano Arf, gi nel 1952 aveva affrontato il problema, prendendolo per il corno pi difficile, proprio quel Bertrando Spaventa nel cui Stato etico il Gentile aveva fissato lorigine risorgimentale dello Stato
forte fascista, mentre nella sua Destra hegeliana (e di De Sanctis nella Sinistra)
Croce aveva cercato il fondamento dellItalia liberale. Sulla scia di Gramsci,
diceva lArf,25 molto si sta facendo per De Sanctis, ma occorre ritornare anche
a Spaventa, riprenderne, contro quelle di Gentile e di Croce, linterpretazione
di sinistra datane da Labriola: e puntare sullhegelismo, filosofia rivoluzionaria
nel contesto italiano dominato dal neoguelfismo di Gioberti e dal clericalismo
dei gesuiti. N solo Hegel, ma anche il Giordano Bruno dello Spaventa, la
tradizione italiana dei pensatori ribelli del Rinascimento, Bruno Vanini Campanella Vico: sintonia, notava Arf, fra la storia filosofica nazionale di Spaventa
e la letteraria di De Sanctis, mentre Croce ha depurato la tradizione idealistica
di ogni punta eretica, di ogni data rivoluzionaria. In realt secondo Arf
Bertrando Spaventa tra quei pochi uomini del Risorgimento che sentano il
liberalismo come fatto rivoluzionario, e postulino come necessario il momento della rottura, del distacco netto dal passato: e dunque, se una minoranza
quella che si assunta il compito di dirigere il movimento nazionale, essa deve
avere la forza e il coraggio di assegnare allo Stato, perci concepito come
potenza etica, il compito preciso di creare e attuare nuove forme di socialit e
di vita morale. Certo vi era implicita la possibilit di una reazionaria interpretazione statolatrica alla Gentile (illiberale per Croce, antidemocratica per
Gramsci); ma una lettura dal punto di vista gramsciano consentiva ad Arf, e
cera in nuce il programma della riforma morale e culturale, di rovesciare il
ragionamento come problema di ottenere ladesione spontanea, il consenso
dei cittadini allo Stato sulla base di unegemonia esercitata attraverso il diffondersi di una ideologia nuova laica e liberale. Un modo hegeliano-dialettico
di pensare, che prepara il terreno Labriola iniziatore allaccoglimento del
marxismo.
25. G. Arf, Lhegelismo napoletano e Bertrando Spaventa, Societ, VIII, 1 marzo 1952,
p. 45-62.

Il Partito Comunista Italiano e De Sanctis negli anni Cinquanta

Quaderns dItali 16, 2011 81

Mi sono soffermato sullarticolo di Arf perch nel modo pi netto, se


vogliamo pi schematico, vi sono delineate ragioni ed obiettivi della politica
culturale storicistico-marxista e nazionale-marxista di quegli anni, il programma di lavoro per De Sanctis e per Labriola: Spaventa, la rottura hegelianoliberale della borghesia laica e poi De Sanctis, il realismo, il modello del borghese progressivo; ma cruciale, per il nesso con la via gramsciana e per il
passaggio dallegemonia della classe borghese allegemonia delle classi lavoratrici, Labriola, storicisticamente lanello marxista sul terreno della cultura. Una
battaglia anticrociana a tutto campo.
Pi si approfondisce la storia di Antonio Labriola, pi ci si sforza, cio, di
intenderne lopera.
Situandola nel posto che le spetta rispetto alle sue premesse e alle sue
conseguenze, pi si rivela.
Inadeguata la pretesa, durata a lungo sulle orme del Croce, di considerarlo una figura geniale ma isolata nella storia della cultura italiana. Da Francesco De Sanctis, da Bertrando Spaventa fino ad Antonio Gramsci ci appare,
oggi, il disegno dello svolgimento ideale di uno storicismo italiano diverso da
quello crociano, e che passa attraverso Labriola, anzi fa cardine nel suo pensiero. Corrente italiana, non nel senso angusto e meschino che fustigava
Gramsci, ma nel senso pi vero, perch fecondata nel continuo connubio col
pensiero europeo da Hegel a Marx a Lenin.26

Uno storicismo italiano diverso da quello crociano, da De Sanctis e Spaventa al


Gramsci ordinovista per la via di Labriola, ecco il disegno, col Partito Comunista che si propone erede, dopo il secondo Risorgimento, delle forze trainanti
risorgimentali: e con un marxismo italiano, per queste sue radici, intrinsecamente diverso dal positivistico delle socialdemocrazie europee di matrice secondointernazionalista. Vero? Non vero? Il problema era prima di tutto politico, se cio
fosse vera lipotesi strategica a cui questa linea culturale voleva esser funziona-

26. Da un corsivo redazionale Per il cinquantenario di Antonio Labriola, Societ, X, 3,


maggio-giugno 1954, p. 402-05, cui seguiva, p. 406-30, G. Berti, Bertrando Spaventa,
Antonio Labriola e lhegelismo napoletano (econcluso in due puntate successive, nel luglioagosto, p. 583-607 e nel settembre-ottobre, p. 764-91). La proliferazione di interventi
sugli Spaventa e su Labriola nella stampa comunista fu notevole. Qualche indicazione:
M. Spinella, Per un ritorno ad Antonio Labriola, Emilia, gennaio 1954, p. 9-11;
L. Cafagna, La critica di Labriola, Il Contemporaneo, II, 2, 8 gennaio 1955, p. 3 (diverso
dagli altri, questo intervento non parte dalla collocazione del Labriola rispetto allhegelismo,
bens ne esamina la polemica contro le tendenze opportunistiche e la debolezza teorica del
riformismo di Turati); M. Alicata, Ricordo di Antonio Labriola, LUnit, 2 febbraio
1955; D. Cantimori, Su Antonio Labriola, Nuovo Corriere, 7 febbraio 1954; entr in
campo anche Togliatti, Per una giusta comprensione del pensiero di Antonio Labriola,
quattro puntate in Rinascita dal n. 2 al n. 5 del 1954, le prime tre accompagnate da un
Profilo biografico e intellettuale del Cafagna (allora fra i pi assidui e lucidi collaboratori della stampa comunista); ma Togliatti si ferm sostanzialmente alle premesse storiche
esempio notevole di storiografia di un politico e purtroppo non sembra che abbia
mai portato a termine la ricerca, come pure avrebbe voluto.

82 Quaderns dItali 16, 2011

Umberto Carpi

le, cio la maturit della classe operaia ad uscire di subalternit, a diventare


egemone nel processo di costruzione dun nuovo Stato. Da Stato a Stato, cio
dal primo al secondo Risorgimento, come impostava subito Berti: LItalia
doveva essere uno Stato: le parole con cui Hegel riassunse il pensiero e lopera di Machiavelli furono lideale cui dedicarono la vita Bertrando e Silvio
Spaventa, Francesco De Sanctis.... Ma, concludeva il Berti, Spaventa e De
Sanctis avevano diagnosticato il male della societ italiana, i democratici come
Garibaldi avevano cominciato ad operare per sanarli, per era stato Labriola,
pronunciando la parola socialismo e cio transitando da Hegel a Marx, ad
aprire un nuova era nella storia del nostro paese:
Che vi fossero gi in Italia molteplici aspetti di socialismo sansimoniano o
mazziniano o anarchico conta certamente moltissimo, ma non il fatto decisivo. Il fatto decisivo che le forze progessive che il nostro Risorgimento aveva
gi maturate nella societ italiana a un certo momento trovarono un punto di
confluenza, ch fu al tempo stesso un punto di trasformazione, di salto dialettico, in quel socialismo marxista che Antonio Labriola riassunse ed elabor
nel suo pensiero.

Valentino Gerratana, fattosi poi altrimenti benemerito come editore critico dei Quaderni gramsciani, tocc di l a poco uno degli argomenti pi spinosi per i crociani e cruciale per i marxisti, il rapporto con Labriola di Croce,27
cio la mediazione labrioliana fra Croce, hegelismo napoletano e marxismo:
che era lunico aggancio possibile per fondare storicamente lo slittamento da
Croce a Gramsci (oltre che il processo da Hegel a Marx) e per dare una chiave
di lettura progressiva, sulla linea appunto Labriola [Croce] Gramsci, alla
tradizione nazionale di De Sanctis e degli Spaventa. La valorizzazione del
marxismo di Labriola, oltre che a determinare una linea democratico-nazionale, serviva anche a riempire il vuoto di dottrina marxista che aveva caratterizzato il movimento politico delle classi lavoratrici italiane nel trentennio
precedente la prima guerra mondiale: nel sottolineare questa esigenza, Alicata
la faceva coincidere con quella di dare alla cultura italiana, contro lastrattezza
idealistica e il tecnicismo empiristico, una nuova sintesi umanistica fondata sulla
ragione storica28 ed elencava puntualmente i nomi, oltre che di Garin per la
sua comprensione dellinscindibile nesso in Gramsci fra attivit rivoluzionaria
e attivit culturale), di Labriola e del suo stile, di De Sanctis in quanto modello di uomo di cultura militante.
Sul nodo Labriola-Gramsci, ad ogni modo, Gerratana torner subito dopo
(in Rinascita, e insomma era tutta la rete della stampa comunista a venir impe27. Labriola e Croce, Il Contemporaneo, 23 ottobre 1954, p. 3-4).
28. M. Alicata, Un allievo di Gramsci, Il Contemporaneo, II, 32, 6 agosto 1955, p. 1.
Larticolo commemorava Ruggero Grieco, lappena scomparso ispiratore della politica agraria e meridionalista del PCI, uno degli ideatori di Cronache meridionali, che gli dedicher
un fascicolo speciale (II, 12, dicembre 1955). Grieco, sempre nella preoccupazione delle
linee storiche, veniva messo in serie con Giustino Fortunato e Guido Dorso.

Il Partito Comunista Italiano e De Sanctis negli anni Cinquanta

Quaderns dItali 16, 2011 83

gnata), proprio in un articolo di polemica frontale contro la neonata Nord e Sud


e il suo programma essenzialmente antigramsciano: si stava tentando adesso
contro Gramsci, secondo Gerratana, la medesima opera di neutralizzazione
attuata contro Labriola alla fine dellOttocento. Essenziale dunque, anche per
contrastare questo disegno, il nesso Croce-Labriola: perch, mentre il Partito
Socialista aveva lasciato cadere linsegnamento labrioliano nel vuoto di teoria
fra riformismo e massimalismo, quelleredit, come nel caso di De Sanctis,
laveva fatta propria e inaridita lidealismo crociano.29 E nel Labriola e Croce
del Contemporaneo Gerratana ripercorreva puntigliosamente tutte le fasi dei nessi
Spaventa-Labriola e Labriola-Croce,30 mostrando i due percorsi opposti compiuti da Labriola e da Croce, il primo dalla Destra storica di Bertrando Spaventa al marxismo, il secondo dal materialismo storico ad una vera e propria, e
progressivamente sempre pi accanita, militanza antisocialista; mostrando altres come a Torino mentre Croce nel 1911 dichiarava sepolto (da lui medesimo)
il socialismo teorico due giovanissimi studenti entrasssero nuovamente in
dimestichezza con Labriola e con la sua teoria marxista (ma leggevano, e come!,
anche il Croce degli anni vociani...) e si avviassero a riaprire insieme alla classe
operaia torinese un nuovo ciclo marxista e rivoluzionario.
Quanto il controllo del caposaldo Labriola fosse considerato strategico
confermato (oltretutto il cinquantesimo anniversario della morte, nel 1954,
offriva unoccasione preziosa) dalla diffusione e autorevolezza degli interventi:
larticolo di Gerratana giungeva infatti dopo unannata martellante. Aveva
cominciato Giuseppe Berti annunciando su LUnit del 13 gennaio che, per
sua medesima cura, Rinascita avrebbe pubblicato un fascio di ben 123 lettere
inedite indirizzate fra 1870 e 1883 dal Labriola a Bertrando Spaventa:31 Rinascita, si badi bene, la allora mensile rassegna di politica e di cultura italiana
particolarmente indirizzata alla formazione e allorientamento del quadro politico attivo, non i pi scientifici periodici darea quali Societ o Movimento
29. Lopera di Gramsci nella cultura italiana, Rinascita, novembre-dicembre 1954, p. 74953. Subito di seguito Mario Spinella (Presenza del marxismo, p. 753-56) rivendicava
lefficacia dellazione marxista nella cultura e in particolare nel campo dellestetica, dove si
stava sbloccando una situazione particolarmente chiusa a causa del monopolio crociano,
e ci in particolare, si noti, attraverso il ripristino della figura e dellimportanza decisiva
degli scritti e soprattutto del pensiero di Francesco De Sanctis (un curiosit: il ritratto di
Labriola campeggiava, invece che nel corpo dellarticolo labrioliano di Berti, di fianco a
questa apologia desanctisiana).
30. Tuttavia il profilo di Labriola pi ampio fu quello, affidato alla sede mensile di Rinascita e
nella compagnia prestigiosa di Togliatti, compilato in tre puntate da Luciano Cafagna, gia
ricordato.
31. Le lettere furono pubblicate dal Berti (ideologicamente usava spesso laccetta, ma era un
paziente, abile, affidabilissimo ricercatore di documenti, e nel complesso un ottimo storicopolitico) nei supplementi di Rinascita del dicembre 1953 e del gennaio 1954. Lo stesso Berti,
nel supplemento del marzo 1954, pubblic altre lettere del Labriola, fra cui particolarmente
notevoli quelle indirizzate a Ruggero Bonghi nel 1872, quando Labriola era ancora schierato
a Destra. Va detto che lintroduzione premessa dal Berti alle lettere a Bertrando Spaventa
(p. 713-18 del supplemento), nella quale fiss tempi e modi della conversione labrioliana
prima al socialismo e poi al marxismo, si leggono ancora utilmente.

84 Quaderns dItali 16, 2011

Umberto Carpi

Operaio, come ci si sarebbe potuti aspettare per un evento storiografico di tale


portata. Di quellepisodio politico-culturale era dunque laspetto della fruizione politica interna ad essere valorizzato ancor prima del messaggio per lesterno, quasi una questione identitaria; del resto, il taglio dellannuncio di Berti
una vera e propria chiave di interpretazione fornita ai lettori del quotidiano
di partito era inequivocabile: Queste lettere [...] ci aiutano a meglio capire
da dove venuto il marxismo italiano. Che voleva dire dalla destra storica al
marxismo, nel solco (come gi Marx ed Engels in Germania) della tradizione
nazionale capace di pensare lo Stato, lasciando perdere la cronachetta delle
conventicole anarcoidi o dei gruppetti pi o meno socialisteggianti (un implicito pollice verso e ingiusto, ma il senso politico era ben chiaro al taglio
che alla ricerca storica di Movimento Operaio, il movimento operaio per s,
insisteva a voler conservare per esempio il fondatore di quella rivista Gianni
Bosio): Cos nelle grandi correnti di sviluppo del pensiero e della societ
italiana. [...] cos continua ed unifica e porta a un pi alto livello la sinistra e
la destra storica. Cos continua i democratici e al tempo stesso continua Francesco De Sanctis, Bertrando Spaventa e Angelo Camillo De Meis. [...]. Cos,
pi o meno compreso, getta le basi di un partito che egli non vedeva come una
conventicola anarchica o un intruglio riformista ma come una forte compagine popolare.
Nel linguaggio diretto del giornale quotidiano il Berti, partendo da Labriola, andava anche oltre Gramsci, arrivava al partito di Togliatti: non difficile
immaginare un tragitto da Spaventa a Labriola al PCI senza neppur pi la
mediazione di Croce! lallegar di denti dei redattori crociani di Nord e Sud.
Ma questo era il terreno su cui (edizioni, ricerca storico-critica, polemiche
politiche) si stava impiantando il decennio desanctisiano: cio, allinterno della
complessiva questione risorgimentale, il fronte pi caldo della battaglia fra
marxisti e idealisti (ma sar meglio dire fra comunisti e crociani) per legemonia storicista.

Quaderns dItali 16, 2011 85-100

De Sanctis nella tradizione critica catalana1


Gabriella Gavagnin
Universitat de Barcelona
gavagnincapoggiani@ub.edu

Abstract
Malgrado siano pochissime e parziali le traduzioni in catalano di testi di Francesco De
Sanctis, nel corso del Novecento le sue opere hanno avuto una notevole diffusione fra
scrittori e critici catalani, di cui sono prova lampio repertorio di esemplari conservati in
biblioteche private e pubbliche, gli interventi critici apparsi su pubblicazioni periodiche e le
precise influenze riscontrabili nella produzione saggistica catalana. Il presente studio traccia
le linee principali della fortuna desanctisiana in Catalogna, soffermandosi soprattutto sul
ruolo svolto da Carles Riba, Josep M. Capdevila e Josep Pla.
Parole chiave: Francesco De Sanctis; critica letteraria; ricezione catalana della cultura
italiana.
Abstract
Despite the fact that there are very few and partial translations into Catalan of the texts
by Franceso De Sanctis, during the twentieth century his works were widely circulated
by Catalan writers and critics. Evidence of this is the ample repertoire of book holdings
kept in private and public libraries, their critical presence in periodicals and the precise
influence these had in the Catalan essay production. The present study draws the main
lines of the Desanctisian production in Catalonia, focusing on the role played by Carles
Riba, Josep M. Capdevila and Josep Pla.
Keywords: De Sanctis; literary criticism; Catalan reception of Italian culture.

Il libro che Josep Pla, ormai ultraottuagenario, dedic allItalia prende avvio
da unosservazione sulla fortuna, a suo giudizio diametralmente opposta, che
in Catalogna hanno avuto Machiavelli e De Sanctis. Sicch, se Machiavelli
non ha bisogno di presentazione alcuna e gode, anzi, di una lunga schiera di
1. Questo lavoro stato svolto nel quadro del Progetto di Ricerca FFI2008-02987: Intercambios
entre sistemas literarios: mediacin y mediadores desde la literatura catalana (s. XX).

86 Quaderns dItali 16, 2011

Gabriella Gavagnin

fautori e di detrattori, quantes persones daquest pas si chiede Pla,


coneixen la Storia della letteratura italiana de Francesco De Sanctis, que s
un dels llibres apareguts a Europa el segle passat en el qual es troba el meravells paper sobre el secretari de Florncia che Pla si accinge appunto a tradurre nel suo libro?2 La risposta fa appello allesperienza personale, notoriamente segnata da un bagaglio nutritissimo di cose e uomini visti: Nhe
conegudes poqussimes, i que el conegui b, cap. Simile considerazione sembra azzerare in partenza ogni possibile ipotesi di una ricezione catalana di De
Sanctis, ridotta a esigue testimonianze disperse di una conoscenza peraltro
superficiale. A distanza di pi di un secolo, la Storia di De Sanctis continua
ad essere ignota ai catalani, afferma Pla, che coglie loccasione per riscattarla
dalloblio, affidandole il compito di fornire al lettore, con ladmirable notcia
di Machiavelli in essa contenuta, la porta dingresso nella galleria di personaggi storici, enormes personalitats,3 di cui si nutrita la cultura italiana e
su cui si incardina la prima parte del libro Itlia i el Mediterrani.
Sul De Sanctis di Pla, che traduce nello stesso volume anche il capitolo su
Aretino torneremo poi. Quel che importa ora capire fino a che punto questa
affermazione tanto sbrigativa quanto scoraggiante sulla mancata fortuna desanc
tisiana sia fondata e ponderata, o quanto piuttosto non offra una visione fin
troppo, e forse anche tendenziosamente, ridimensionata. Certo, se si parte da
un censimento delle traduzioni, il bilancio quanto mai magro. Lunico De
Sanctis catalano fino al libro di Pla risale al 1921, quando Josep Maria Capdevila, nel contesto del centenario dantesco, tradusse i capitoli della Storia dedicati al Trecento e alla Divina Commedia in un volume edito da Editorial
Catalana.4 Non che il panorama fosse molto pi confortante sul fronte delle
traduzioni spagnole, in cui si pubblicarono solo due antologie, ambedue opera
dello stesso traduttore, Armando lvaro Vasseur, una nel 1917, Prohombres
de Italia, e unaltra di saggi danteschi nel 1919.5 Cos, mentre la Storia e alcune altre opere desanctisiane videro la luce in versioni argentine del dopoguerra, in Spagna, stando ai dati di cui ho notizia, non si pubblica altro, salvo
laggiunta dei capitoli tradotti da Pla nel volume citato6 e, ancora pi di recente, nel 1988, del saggio su Guicciardini recuperato in appendice a una tradu2. J. Pla, Itlia i el Mediterrani, Barcelona: Destino, 1988 [19801], p. 13.
3. Ibid., p. 9.
4. Cfr. F. De Sanctis, Crtica de la Divina Comdia, Barcelona: Editorial Catalana, 1921.
Un estratto del libro fu pubblicato sul periodico La Revista, VII, n. 138, 16 giugno 1921,
p. 183-184: Del Purgatori (Fragment del llibre Crtica de la Divina Comdia).
5. Prohombres de Italia: Manzoni, Guicciardini, Mazzini, Cant, Madrid: Ed. Amrica, 1917
[basata su Scritti varii inediti o rari di F. De Sanctis, a cura di B. Croce]; En torno a la Divina
Comedia: ensayos crticos, Madrid: Ed. Amrica, 1919 [basata su Quattro saggi danteschi,
a cura di F. Moroncini]. Ricavo questi dati dal Catalogo on-line del Progetto Boscn:
Catlogo de las traducciones espaolas de obras italianas (hasta 1939). http://www.ub.edu/
boscan. [Consultato il 21/01/2011].
6. Alcuni stralci del capitolo su Machiavelli erano stati tradotti da Pla nellarticolo El secretari
de Florncia: Machiavelli apparso su Destino il 25 aprile 1970, ora ristampato nel volume
Per acabar, Barcelona: Destino, 1992.

De Sanctis nella tradizione critica catalana

Quaderns dItali 16, 2011 87

zione in spagnolo dei Ricordi.7 Insomma, la Storia, di cui Pla constatava la


latitanza nella cultura del paese, non era stata e non stata a tuttoggi mai
tradotta n in catalano n in spagnolo.
Tuttavia, la negazione planiana della conoscenza del libro per eccellenza
di De Sanctis nella cultura catalana non pu essere confermata o smentita
solo sulla base delle traduzioni, posto che la scarsezza o rarit di traduzioni
era abbastanza generalizzata in materia di saggistica letteraria, almeno in
ambito catalano, malgrado levidente influenza della critica straniera su autori catalani.8 Anzi, potremmo capovolgere la valutazione appena fatta, perch
il libro di De Sanctis tradotto da Capdevila diventa in tal senso uneccezione tanto esemplare quanto significativa del protagonismo che riusc a raggiungere il critico italiano. Nondimeno, va tenuto conto che, in Catalogna,
in unampissima cerchia di letterati, scrittori, intellettuali e artisti, nonch
di politici, notabili e professionisti, sono circolati da secoli i libri in italiano,
a prova di una ricezione diretta di tutta la cultura artistica, letteraria, tecnica, scientifica e filosofica che dallItalia potesse arrivare. in questa densa
tradizione che bisogna cercare per accorgersi di quanto sia profonda e diffusa la conoscenza di De Sanctis, del De Sanctis della Storia e di tutte le altre
sue svariate opere. Unanalisi delle informazioni sugli esemplari delle sue
opere in edizioni italiane conservati nelle biblioteche catalane e ricavabili
dal catalogo collettivo consultabile in rete (CCUC: http://ccuc.cbuc.
cat/*cat) ci consente di osservare innanzitutto due fenomeni.9 Il primo consiste nella notevole variet di opere conservate. Infatti, sebbene la Storia sia
presente in un numero di esemplari e di edizioni proporzionalmente pi alto
(12 esemplari su 29, vale a dire circa il 40%), si registrano edizioni antiche,
cio anteriori alla guerra civile, di molti altri testi desanctisiani (dalle due
serie di Saggi critici alle lezioni su Mazzini e su Manzoni o ai volumi della
serie La letteratura italiana nel secolo XIX, dal Saggio su Petrarca a quelli su
Leopardi, da unedizione scolastica di Prose scelte alle Pagine dantesche, dalle
Lettere a Virginia a La giovinezza). Il secondo fenomeno riguarda invece la
cronologia di questi testimoni, che registra un andamento non omogeneo
nel tempo e sbilanciato, in positivo o in negativo, verso alcuni periodi.
Spicca, su un versante, lassenza di edizioni ottocentesche, il che pur non
escludendo che fossero circolate, indizio comunque che tale circolazione
fosse scarsa. Sul polo opposto, diventa significativa, per contrasto, limpennata che si registra nel primo dopoguerra, in coincidenza, cio, con un
periodo di particolare espansione dellitalianismo catalano avvenuta in seno
al Noucentisme, impennata seguita poi da un progressivo diradarsi dei testimoni negli anni trenta.
7. El hombre de Guicciardini, in F. Guicciardini, Recuerdos, trad. di Antonio Hermosa Andjar, Madrid: Centro de Estudios Constitucionales, 1988.
8. Cfr. Jaume Medina, La crtica literria i la histria de la literatura, in J. Molas (dir.),
Histria de la literatura catalana, X, Barcelona: Ariel, 1987, p. 192.
9. Linventario di volumi ricavato dal CCUC riportato in appendice.

88 Quaderns dItali 16, 2011

Gabriella Gavagnin

Guardando pi da vicino i dati, osserviamo poi come, dopo il testimone


pi antico, del 1907, cio la prima edizione curata da Croce del Saggio sul
Petrarca, nel corso del secondo decennio del secolo si registra una prima fase
di diffusione segnata da una relativa continuit. Essa comincia nel biennio
1912-1913 grazie a due edizioni importanti per la fortuna italiana e internazionale di De Sanctis: la prima edizione laterziana della Storia curata da
Croce nel 1912 (presente sia nella Biblioteca de Catalunya, sia soprattutto nella Biblioteca dellAteneu Barcelons, centro nevralgico dellintellettualit nella capitale) e la prima edizione commentata della Storia, dello stesso
anno, la cosiddetta prima edizione milanese allestita da Paolo Arcari per il
Treves di Milano (della quale si conserva la ristampa del 1913 nella Biblioteca dellUniversitat de Barcelona).10 Poi, a cavallo del centenario dantesco
si concentra il momento di maggior circolazione di libri desanctisiani, anzi
il 1921 lanno in cui datano il pi alto numero di esemplari italiani conservati, cio 5, ed anche lanno della traduzione di Capdevila. Nel terzo
decennio si rileva ancora una certa quantit di edizioni, mentre dopo il 1930
esse diventano sporadiche. La variet delle opere, comunque, costante in
tutto il periodo considerato.
Ovviamente, si tratta di dati parziali e puramente orientativi, i quali daltronde non possono che essere accresciuti dallo spoglio di altre biblioteche
private o pubbliche. Di fatti, se proviamo a rileggere tali dati alla luce di un
altro fondo interessante e nutrito, quello dei libri desanctisiani appartenuti al
suo primo traduttore, Josep Maria Capdevila,11 il risultato conferma in sostanza il quadro precedente, salvo una novit rilevante, cio la comparsa di due
edizioni ottocentesche (i Nuovi saggi critici del 1879 e gli Scritti critici nelledizione postillata da Imbriani), edizioni che presumibilmente Capdevila, nato
nel 1892, aveva ereditato dalla biblioteca familiare.
Infine, unaltra informazione che non va trascurata quella riguardante gli
antichi proprietari di alcuni degli esemplari conservati. In particolare, ledizione del 1907 del Saggio sul Petrarca fa parte del legato di Joan Vidal Alcover e
di M. Aurlia Capmany (e quindi anche in questo caso si tratterebbe di uneredit familiare di uno dei due scrittori). Unedizione Treves del 1921 della
Storia quella che possedeva Josep Pla, mentre una del 1922 per i tipi di
Morano proviene dal fondo appartenuto a Joan Crexells. Molto pi corposo
lapporto della biblioteca di Carles Riba lasciata in donazione alla Biblioteca
de Catalunya con le sue otto opere desanctisiane, una variet comparabile a
quella dellaltrettanto nutrito fondo posseduto da Capdevila.
10. Quanto allimportanza di Croce nella diffusione di De Sanctis, si tenga conto che nella
Biblioteca de Catalunya si conservano anche due esemplari del primo importante saggio
bibliografico da lui pubblicato nel 1917, Gli scritti di Francesco De Sanctis e la loro varia
fortuna.
11. Il Fondo Capdevila appartiene attualmente alla Biblioteca del Seminario Diocesano di
Girona. possibile consultarne il catalogo alla pagina: http://www.seminaridegirona.com/
docs/fonscapdevila.pdf.

De Sanctis nella tradizione critica catalana

Quaderns dItali 16, 2011 89

Tutto quanto detto finora potrebbe gi bastare a smentire il carattere drastico della dichiarazione di Josep Pla citata in apertura e a prospettare lipotesi
di una diffusione delle opere e del pensiero di De Sanctis situabile nel secondo
e terzo decennio del Novecento con un picco intorno al 1920-1922, in coincidenza con i fermenti italianisti che precedono e seguono il centenario dantesco. Senonch, lo stesso Pla, in realt, a fornirci altrove indizi in questa
direzione, in particolare nel Quadern gris dove racconta di quando e come
cominci a interessarsi per la cultura italiana:
Vaig comenar a estudiar litali per llegir la Histria de la literatura italiana
de Francesco de Sanctis, llibre dun inters decisiu segons lopini de Josep
M. Capdevila i del seu inseparable Joan Climent. Josep M. Capdevila semblava tenir llavors tres obsessions: sant Francesc de Sales, Francesco de Sanctis
i Josep Joubert. Climent el seguia. Aquestes tres obsessions havien estat creades
per Eugeni dOrs, naturalment. [...]12
Di qui che si iscrive a un corso di lingua italiana alla Casa degli Italiani,13 e
[p]ocs dies desprs dhaver comenat el curs, demano a la biblioteca de lAteneu
la Histria de De Sanctis. No arribo a confegir res. Llegeixo un pargraf i a la
fi s com si no hagus llegit res. Faig la mateixa provatura amb un volum de
la Crtica de Croce i arribo al mateix resultat.14

A questo punto, continua lo scrittore, si prefigge di trasferirsi per qualche


tempo in Italia, dove, come ben noto, sbarcher nel 1922. Lepisodio raccontato nellannotazione dell8 settembre del 1919, ma come se fosse anteriore. Pla non ne precisa lanno, lo fa risalire al periodo dei suoi studi universitari, cio fra il 14 e il 19, di fatto situabile non prima del gennaio 1918,
quando Pla diventa socio dellAteneu, e non oltre laprile del 1920, quando
parte per Parigi come corrispondente de La Publicidad.15 Intanto, laneddoto
ci rivela almeno un paio di cose: anzitutto, che era stato lambiente noucentista
a spingerlo verso la lettura di De Sanctis,16 e poi, che aveva trovato alloccorrenza anche un esemplare della Storia disponibile in biblioteca. Ma quel che
12. J. Pla, El quadern gris, Barcelona: Destino, 1983, vol. 2, p. 276.
13.
Il professore che teneva il corso, che Pla ribattezza con il nome di Cavaradosi, era Benedetto Colarossi (cfr. Silvio Santagati, La Casa degli Italiani. Storia della comunit italiana
di Barcellona (1865-1936), Barcelona: Editorial Mediterrnia, 2007, p. 259-260).
14. J. Pla, El quadern gris, op. cit., p. 277.
15. Come riporta Xavier Febrs (Josep Pla: biografia de lhomenot, Barcelona: Plaza & Jans,
1990, p. 37), Pla vi si iscrive il 5 gennaio 1918 come soci transent. Nel diario manoscritto del 1918-1919, Pla annota in data 12 gennaio 1919: Em dono dalta a lAteneu
(cfr. ledizione facsimile El primer Quadern gris, a cura di Xavier Pla, Barcelona: Destino,
2004). In ogni caso, nel manoscritto, che si interrompe nellestate del 1919, non compare
alcun riferimento n al corso ditaliano n a De Sanctis.
16. Nel volume Itlia i el Mediterrani, Pla rifonde in parte e con varianti la storia della sua prima
scoperta dellItalia e dellitaliano esposta nel Quadern gris. In particolare, vi ricollega la lettura
di De Sanctis allinfluenza di Capdevila: Potser, a Barcelona, Josep Maria Capdevila em recoman, amb gran insistncia, la Storia della letteratura italiana de De Sanctis (op. cit., p. 402).

90 Quaderns dItali 16, 2011

Gabriella Gavagnin

succede a Pla, succede di pari passo anche ad altri, perch la scoperta di De


Sanctis e la sua assunzione a modello critico diventa un fenomeno collettivo
e generazionale negli anni che seguirono la prima guerra mondiale. Durante
la guerra, la francofilia politica e ideologica aveva implicato una francofilia
culturale e letteraria dominante e incontrastata negli ambienti intellettuali,
la quale in certa misura aveva contrarrestato litalianismo promosso gi da
prima dal Noucentisme.17 Il nuovo scenario storico favorisce, invece, la ripresa e la propaganda di quel discorso italianista, creando condizioni propizie
anche alla diffusione di De Sanctis. illuminante in questo senso quanto
racconta in un articolo di giornale del 1927 lo scrittore di formazione modernista Puig i Ferreter riportando la testimonianza di un amico:18
Uns anys enrera em diu ning de nosaltres, els de la meva generaci ni
els de la generaci que ens preced, manifest conixer de Sanctis. Jo confesso
que no en sabia res. La primera referncia dell la vaig tenir per un escriptor
francs que en feia un gran elogi [...]
Aix afegeix lamic desvetll la meva curiositat i vaig fer-me trametre les obres del crtic itali. Dantuvi marribaren tres volums de Saggi critici,
que vaig devorar en pocs dies. Per la Histria, la gran Histria de la literatura italiana no acabava de venir mai. Figurat la meva sorpresa quan un
capvespre la vaig veure exposada a laparador duna de les nostres llibreries
estrangeres. Jo la tenia encarregada a una altra casa. Trobant-se aquesta obra a
Barcelona, jo no em resignava a no llegir-la aquella mateixa nit. No portava
diners, cosa que em passa molt sovint, i vaig crrer a manllevar-ne a un amic,
el qual macompany fins a la mateixa llibreria tot estranyant el meu inters
apassionat per aquella obra derudici [...].
Entusiasmat amb aquest gran itali diu el meu amic no vaig tenir
reps fins que em vaig procurar lestudi sobre Leopardi, les llions dhistria
de la literatura italiana del segle dinov, recollides i prologades per Croce, i tot
el que vaig poder de lobra desanctisiana. [...] Per no s ben curis el que
succe llavors? Mentre feia aquestes lectures, vet ac que apareix a La Veu de
Catalunya un article de Jordi March sobre de Sanctis, lucidssim i slid com
tot el que ell fa. Poc temps desprs una casa castellana editava els estudis de de
Sanctis sobre la Divina Comdia. I a no trigar, Josep Maria Capdevila parlava de lescriptor itali a la mateixa Veu i publicava en catal i comentava
els estudis esmentats.
17. interessante al riguardo ci che racconta lo stesso Pla nella pagina del Quadern gris gi
citata dell8 settembre del 1919, p. 276: Jo havia viscut fins a la data en un ambient francfil. La penya de lAteneu, que havia tingut un paper tan important en el curs de lltima
guerra, era duna francoflia delirant i frentica. Frana i res ms! [...] Tot el que feia referncia a Itlia tenia un cert descrdit, una consideraci molt petita. Eugeni dOrs havia parlat
dItlia, a la penya, molt seriosament. [...] Les primeres persones del pas que havien anat
a Itlia fora de les peregrinacions a Roma havien estat els noucentistes. [...] Pero, en fi, tot
aquest moviment havia estat ms aviat aptic i shavia mantingut en un terreny minoritari.
Sullitalianismo del primo dopoguerra, cfr. Gabriella Gavagnin, Classicisme i Renaixement:
una idea dItlia durant el Noucentisme, Barcelona: Publicacions de lAbadia de Montserrat,
2005.
18. De Sanctis i Catalunya, La Publicitat, 8-X-1927.

Quaderns dItali 16, 2011 91

De Sanctis nella tradizione critica catalana

La circoscrizione temporale (tra il 1919 e il 1925, stando alle pubblicazioni cui si allude) di questo fenomeno di ricezione, che appare alla sensibilit dei
contemporanei tanto improvviso quanto di ampia risonanza, coincide in
sostanza con le date che abbiamo dedotto dalle edizioni censite nei fondi
bibliotecari. In questi anni, quindi, si pu parlare di una propagazione dellinteresse e della conoscenza di De Sanctis fuori dalla stretta cerchia dei singoli
sostenitori, i quali avevano avuto modo, gi dagli anni anteriori alla guerra, di
avvicinarsi alle sue opere, per diretta influenza di Ors, come sostiene Pla, o no.
Intanto, Puig i Ferreter, prima di concludere larticolo con un appello a proseguire sulla stessa strada,19 segnala anche, in Carles Riba e Josep M. Capdevila, i due esempi pi significativi di questa benefica influenza del pensiero di
De Sanctis.
* * *
Effettivamente, di questa ricezione catalana primonovecentesca, Riba e Capdevila vanno considerati a ragione i due massimi esponenti, e non solo per lo
sforzo di divulgazione svolto con elzeviri e traduzioni,20 ma soprattutto perch
seppero trasformare la lezione desanctisiana in un modello critico operativo,
applicandone principi, suggerimenti, categorie e perfino il linguaggio alla critica che esercitarono sulla letteratura catalana. Ciascuno dal proprio orizzonte
ideologico e letterario, utilizzarono De Sanctis non solo come una chiave di
lettura della storia letteraria italiana, di autori come Dante, Petrarca, Ariosto
o Leopardi, o di epoche storiche come il Rinascimento, come altrove ho gi
cercato di dimostrare,21 ma anche e soprattutto come un metodo solido,
duttile e nuovo per fare critica letteraria.
Per quanto riguarda Capdevila, meriterebbe senza dubbio unanalisi pi
approfondita di quella che mi consentita di fare in questa sede. 22 La sua
19. Benvingut sigui de Sanctis a Catalunya. Ell hi ha penetrat per camins diversos, hi ha trobat
un terreny favorable. No ens allunyem massa aviat dell, que la seva influncia no sigui
fugissera. Impulsem el seu estudi. Ens pot ensenyar moltes coses bones, i no solament els
crtics, ans ms aviat als creadors, i la principal de totes s la fusi harmoniosa de lart i
de la vida: la vida com a contingut i lart com a contingent, que fou el seu credo literari, el
que predic i practic fins a la mort.
20. Vanno segnalati in primo luogo gli interventi cui si riferisce Puig i Ferreter, cio lescoli che
Riba dedic a De Sanctis (Jordi March, De Sanctis, La Veu de Catalunya, 8-II-1919,
poi pubblicato in volume in Escolis i altres articles, Barcelona: Publicacions de La Revista,
1921) e gli articoli di Capdevila: Francesco De Sanctis, La Publicitat, 5-II-1921 e Una
pgina de Francesc de Sanctis. Lindividualisme, La Veu de Catalunya, 14-II-1922, poi
raccolti nel volume Poetes i crtics, Barcelona, Llibreria Catalnia, 1925. Ma di Capdevila vanno ricordati anche le pagine che commentano, traducendone ampi stralci, i saggi
su Guicciardini (Luomo de Guicciardini, anchesso incluso in Poetes i crtics, op. cit.) e su
Manzoni (Manzoni, La Paraula Cristiana, n. 36, dicembre 2007, p. 484-498).
21. Cfr. G. Gavagnin, Classicisme i Renaixement..., op. cit.
22.
Linfuenza di De Sanctis su Capdevila stata ribadita pi volte dallo stesso autore, e ricordata, oltre che da Josep Pla, dai critici che si sono occupati di lui (Molas, Josep M. Capdevila, crtic literari (1966), in Lectures crtiques, Barcelona: Edicions 62, 1975, p. 83-89 e

92 Quaderns dItali 16, 2011

Gabriella Gavagnin

conoscenza di De Sanctis risale a prima della guerra: nel 1914, come attestato
dalla corrispondenza, fa arrivare lo Studio su Giacomo Leopardi al mentore e
amico Josep M. de Garganta. Capdevila era allora ventiduenne ma, grazie
allincoraggiamento di Garganta, membro dellArcadia italiana, aveva gi una
formazione italianista perch aveva cominciato a leggere scrittori italiani classici e moderni allet di 16 anni.23 Tempo a venire, nel 1926, pubblicher la
sua prima raccolta di saggi, Poetes i crtics, un libro rilevante nellorizzonte
critico dellepoca. Qui la presenza di De Sanctis costante, spesso direttamente chiamato in causa, il che favorisce peraltro una certa predilezione per
un approccio comparativo fra autori catalani e italiani: Alcover-Leopardi,
Verdaguer-Tasso, Costa-Parini, etc. Ma anche quando il suo nome non appare citato esplicitamente avvertiamo nozioni, valori, dicotomie e procedimenti
a lui riconducibili: dallopposizione fra poeta e artista alla ricerca della passione e della vitalit come motori del testo, dalla gestione del rapporto fra mondo
interno ed esterno al poeta alla ricerca del fondo umano depositato nellopera.
Vediamone qualche esempio.
La poesia di Josep Carner valorata in quanto armonico risultato di un
perfetto accordo fra il poeta e lartista:
I llavors quan el poeta parla de la passi ms profunda, la m de lartista s ms
ferma, el vers no es deslliga, no es desf; lartista el domina i marca les simetries
de comps, les concordncies dimatges, de conceptes.24

Su Costa, Capdevila soppesa positivamente il riflesso della personalit


dellautore nellopera:
Per lhome domina en la seva obra; lhome moral que hi havia en el poeta
mostra, a cada descripci, la seva vigoria interna.25

Ancora, a proposito dello stile di Costa i Llobera, da un lato sanziona leccessivo controllo esercitato sul linguaggio, che denota assenza di appassionamento:
s un estil culte com el de les poesies de Manzoni o de Parini. Desconfia del
seu instint, i per aqueixa desconfiana, contenint linstint verbal, en ell meravells, cau de vegades en la fredor i trenca les ales del vers.26

M. Serrahima, Josep Maria Capdevila. Assaig biogrfic, Barcelona: Barcino, 1974). Nuovi
dati sono stati apportati dallo studio di Joan Carreras i Pera, Josep Maria Capdevila. Ideari
i potica, Barcelona: Publicacions de lAbadia de Montserrat, 2003, p. 144-148.
23. Lepistolario di Josep Maria Capdevila a Josep Maria de Garganta stato pubblicato in
appendice alla Tesi di Dottorato di Joan Carreras i Pera, Ideari i potica de Josep Maria
Capdevila, Universitat Autnoma de Barcelona, 2001, ed ora consultabile in rete: http://
www.tesisenxarxa.net/TESIS_UAB/AVAILABLE/TDX-1004102-144116//jcp6de6.pdf
24. Poetes i crtics, op. cit., p. 149.
25. Ibid., p. 53.
26. Ibid., p. 45.

De Sanctis nella tradizione critica catalana

Quaderns dItali 16, 2011 93

dallaltro, per, riconosce nei suoi versi una sempre sincera dialettica tra forma
e contenuto al riparo da ogni uso artificioso e vuoto, secondo un metro di
giudizio applicato tante volte da De Sanctis: 27
era incapa dartifici, en el sentit de simular un fons inexistent o de consagrar
a capricis de forma estrofes buides.28

Quanto al rapporto mondo interno-esterno al poeta, valga questa riflessione su Carner:


sempre imposa la selecci seva al mn de fora, i solament quan es parla ell sol
minva aquelles reserves.29

Ma anche lo stile di Capdevila riesce ad essere di stampo desanctisiano.


Si legga, a proposito di Verdaguer:
Per el geni, si el cerquem, el trobem; si no el cerquem, tot duna sens imposa.30

Se dovessi, per, indicare in sintesi che cosa Capdevila ammira di pi in


De Sanctis, direi che soprattutto la lezione morale e pedagogica che informa
i suoi scritti. Mai el crtic ni lerudit scrive van a part de lhome dacci,
de leducador, del poltic. A propsit de lanlisi literari duna obra, entra dins
lesperit della i llavors hi aplica la seva mesura, el seu cnon, i acaba parlant
leducador i el poltic.31 E Capdevila, che come segnala Maurici Serrahima,
possedeva una innegable i poderosssima vocaci pedaggica,32 si adoper
per divulgare, da tale ottica, linsegnamento di De Sanctis.
Il peso specifico che ha De Sanctis nella formazione della poetica e
nellesercizio della critica ribiana stato gi richiamato da tempo dalla critica.33 Pi di recente, le monografie di Jordi Mal hanno contribuito a esplicitare con riscontri testuali i debiti ribiani nei confronti del critico irpino.34
Non potendo addentrarmi in modo sistematico nellargomento, preferisco
soffermarmi su un paio di aspetti, perch a mio avviso singolarizzano la
lettura quanto mai minuziosa che Riba fa di De Sanctis. Una delle questioni
di metodo che Riba coglie nei suoi scritti lattenzione rivolta alla struttura
27. Si veda per esempio questaffermazione nel Saggio sul Petrarca: Questa bella forma non
puro artificio tecnico, una costruzione meccanica fatta a freddo ed a priori; ma il prodotto
della sua anima.
28. Ibid., p. 43.
29. Ibid., p. 155.
30. Ibid., p. 39.
31. J.M. Capdevila, Francesco De Sanctis, art. cit.
32. M. Serrahima, op. cit., p. 102.
33. Cfr. Giuseppe E. Sansone, Lobra crtica de Carles Riba, dins C. Riba, Obres Completes/ 2,
Crtica, 1, a cura dE. Sull, Barcelona: Edicions 62, 1985 [19671].
34. Cfr. Carles Riba i el Noucentisme. Les idees literries (1913-1920), Barcelona: Edicions de la
Magrana, 1995 e Potica de Carles Riba (1920-1938), Barcelona: Edicions de la Magrana,
2001.

94 Quaderns dItali 16, 2011

Gabriella Gavagnin

interna del testo. Per esempio, De Sanctis descrive come un valore la forza
con cui un autore riesce ad aggregare intorno a un centro vitale gli altri elementi testuali mentre, al contrario, connota come un disvalore, lassenza di
tale solidariet interna. Nel primo caso, il concetto esemplificato a proposito della Commedia:
La creazione comincia veramente, quando quel mondo tumultuario e frammentario trovi un centro intorno a cui stringersi. Allora esce dallillimitato che
lo rende fluttuante, e prende una forma stabile; allora nasce e vive, cio si
sviluppa gradatamente secondo la sua essenza. Ora il mondo dantesco trov la
sua base nella idea morale.35

Nel secondo, a proposito della canzone Perch la vita breve di Petrarca:


La materia che vuol trattare non ancora organizzata; le idee gli stano innanzi senza colore e senza calore; e, come non hanno trovato un centro intorno a
cui raggrupparsi e comporsi, fluttuano nello spazio a guisa di atomi erranti,
che vorrebbero unirsi e non hanno ancora la forza dattrarsi.36

Questa riflessione, strutturalista avant la lettre, ripresa da Riba in varie


occasioni ed poi rielaborata nella misura in cui diventa una preoccupazione
centrale nella sua poetica. Nella recensione a La vida nua di Llus Valeri, lidea
applicata da Riba a partire da una citazione esplicita dalla Storia,37 in cui
De Sanctis, a proposito dellInferno, scriveva che
la passione raccoglie tutte le forze interiori, distratte e sparpagliate nelluso
quotidiano della vita, intorno a un punto solo, di modo che lo spirito acquista la coscienza della sua libert infinita.38

Ma in un altro articolo ribiano di un anno e mezzo prima, dedicato a


La nau di Ventura Gassol, pur non essendovi alluso De Sanctis, il concetto gi
appariva con riprese letterali di questo stesso stesso passo:
La passi del nostre Ventura Gassol, en canvi, sembla necessitar, com el vent,
un espai sense lmits. No s tensi, ni tan sols arremorament de forces entorn
dun sol punt del sentiment o de la intelligncia; sin ms aviat el voler que
samolla en una avinentesa dinfinita llibertat.39

In una prospettiva analoga, Riba fa appello a un altro principio strutturante che preoccupa De Sanctis, anzi a uno dei principi metodologici cardinali
nella sua prassi critica: la sintesi unitaria fra ideale e reale, fra universale e particolare cos come essa viene realizzata in determinate opere letterarie. Lesem35. Storia della letteratura italiana, Torino: Einaudi, 1981, I, p. 188-189.
36. F. De Sanctis, Saggio critico sul Petrarca, Torino: Einaudi, 1952, p. 145-146.
37. C. Riba, Obres completes / 2. Crtica, 1, op. cit., 1985, p. 256. La recensione risale al
17 dicembre 1921.
38. Storia della letteratura italiana, op. cit., 209.
39. Ibid., p. 190-191. Il passo commentato da Jordi Mal, Carles Riba i..., op. cit., p. 266.

De Sanctis nella tradizione critica catalana

Quaderns dItali 16, 2011 95

pio che citer proviene da un articolo ricco di unintertestualit implicita con


i testi desanctisiani e dedicato alla poesia di Lpez-Pic.40 Questa, scrive Riba,
a differenza di quanto succede in Leopardi, il Leopardi degli idilli, non partirebbe da una convenzione generale ma da un motivo personale, anzi, intimo.41
Il problema, dunque, il limite, anzi, che nella poesia di Lpez-Pic,
[l]objecte potic li roman, doncs, darrera un nom com darrera una paret: la
imaginaci no pot fondres amb ell, generant la nova realitat artstica, total,
simple i clara [corsivi miei].42 Tanto la specifica lettura leopardiana43 quanto
la recriminazione a Lpez-Pic di non esser riuscito a fondere immaginazione e oggetto poetico si ispirano a un passaggio di De Sanctis su A Silvia (ora
nello Studio su Giacomo Leopardi), da cui proviene, oltre alla ripresa della serie
aggettivale chiara semplice totale , soprattutto il concetto di fusione come
azione che permette il passaggio dallio al genere umano, senza che si perda il
carattere reale e non astratto dellesperienza vissuta.
Ci qui dunque tutta quella partecipazione danima che necessaria per dare
a questa storia un carattere dindividualit, quel finito, quel contorno ch
proprio di cosa reale.
La situazione cos chiara come semplice, la formazione totale.
Ma questa poesia oltrepassa il limite di un fatto individuale e prende proporzioni colossali. [...] Questo carattere comune a tutta la poesia leopardiana;
il senso generale fa stacco a modo di sentenza o di riflessione, e talora raffredda limpressione che ti viene dal particolare. Ma qui fusione completa. Il
senso umano della poesia cos intimamente fuso col senso individuale che
40. Il testo pubblicato nel maggio del 1921, poco dopo che lamico Josep Obiols, ormai
ritornato a Barcellona, gli aveva fatto arrivare i libri che Riba gli aveva incaricato di
comprargli in Italia: I les obres de De Sanctis que jo no tingui, i que Vs conegueu que
tenen un inters literari. Jo tinc: La Storia de la Letta Italiana; els Saggi critici. Em
manquen, doncs el Saggio sobre el Petrarca i el sobre Leopardi. No s no tinc aqu
la llista si hi ha uns altres reculls de Saggi critici. Per guiar-vos, els que jo tinc sn 4
volumets petits, i comencen amb uns estudis sobre el Dant, entre ells un sobre Beatriu
(Lettera a Obiols del 14 febbraio 1921, in Cartes de Carles Riba. I: 1910-1938, a cura de
Carles-Jordi Guardiola, Barcelona: Edicions de la Magrana, p. 134). I titoli qui elencati
sono tutti presenti nel fondo della Biblioteca de Catalunya proveniente dalla Donazione
(cfr. il catalogo in appendice).
41. Il richiamo a Leopardi non gratuito ma stimolato dal fatto che nei versi di Lpez-Pic
appare un motivo riconducibile alla rete tematica leopardiana, cio el deseiximent melangis de lendem de la festa: Leopardi cant el dissabte illusionat i el melangis vespre
de diumenge, elevant-los a allegories de la fugacitat del goig i de la persistncia de lafany.
Per no medit sobre un nom, sin sobre un idilli hum, concret i genric alhora, que
donava fesomia al dia. / En el seu Septenari, J. M. Lpez-Pic sembla centrar la srie en una
ancdota diumengera damor. s a dir, no parteix duna convenci general, com Leopardi,
sin dun motiu personal, i ms encara, ntim (C. Riba, Obres completes / 2. Crtica, 1,
op. cit., p. 235).
42. Ibid., p. 236.
43. De Sanctis sottolinea questo passaggio dal personale alluniversale nel saggio Gli idilli,
concretamente a commento dei versi 30-33 della Sera del d di festa, cfr. F. De Sanctis,
La letteratura italiana nel secolo decimonono. XIII, Leopardi, a cura di C. Muscetta e Antonia
Perna, Torino: Einaudi, 1969, p. 120-121.

96 Quaderns dItali 16, 2011

Gabriella Gavagnin

sembra parte di quello e che venga fuori come eccitato e provocato nel vivo
della passione, quasi un crescendo.44

Queste riflessioni sul funzionamento del testo di cui Riba faceva tesoro e
rielaborava nella sua prassi critica si coniugavano perfettamente con la sua
ricerca teorica maturata in un orizzonte poetico postsimbolista, gli fornivano
degli strumenti che poteva proficuamente integrare con quelli ricavati da Vossler o Valry.
Ben diverso il De Sanctis di Josep Pla, che fondamentalmente il De Sanc
tis della Storia, libro che Pla legge e rilegge in vari momenti nel corso della sua
vita, contribuendo poi a divulgare fra i lettori catalani nella seconda met del
Novecento mediante ripetuti riferimenti in testi come el Quadern gris (1966) o
La vida amarga (1967) e soprattutto mediante la traduzione dei capitoli su
Machiavelli e su Aretino in Itlia i el Mediterrani.45 Giova ricordare, peraltro,
che la sua funzione di mediatore potenziata dalla sua popolarit in quanto
giornalista e scrittore. Pla usa la Storia della letteratura italiana come una ricca
fonte di informazione sullItalia, quasi una Baedecker culturale,46 la definisce
addirittura llibre bsic per a conixer ms o menys aquest pas.47 Non solo. Pla
vi scorge anche qualcosaltro, fondamentalmente due cose. Da un lato, un modo
di parlare della storia, della cultura, della letteratura e della societ attraverso la
costruzione di ritratti umani, di personalit complesse, esplorate nella loro vita
materiale e morale, penetrate nella loro essenza, raccontate nella loro quotidianit. Daltronde, lo scrittore degli homenots non poteva non ammirare i ritratti
di queste enormes figures che per Pla condensano lessenza di un paese. Dallaltro, il principio secondo cui lo scrittore ha una responsabilit storica, e pertanto
la letteratura deve fare i conti con la realt in cui viene prodotta. Sulla base della
Storia di De Sanctis, Pla giustifica la sua difesa del realismo, della letteratura
interpretata con militanza in chiave antiidealistica. noto il passo in cui Pla
manifesta tale principio poggiando sullautorit desanctisiana:
La primera obligaci dun escriptor s observar, relatar, manifestar lpoca
en qu es troba [...]. La literatura s el reflex duna societat determinada en
44. Ibid., p. 370-371. Occorre dire il testo Silvia non venne incluso nello Studio su Leopardi
fino alledizione di Nino Cortese del 1933, ma in quegli anni Riba avrebbe potuto leggerlo
nel volume curato da Croce Scritti varii inediti e rari (1898).
45. Non ho trovato alcuna allusione a De Sanctis nelle opere di Pla pubblicate prima della
guerra, nemmeno in un libro come Cartes meridionals (1929), dove pure spesseggiano
rinvii alle pi svariate fonti bibliografiche sulla cultura italiana, da Sthendal a Goethe, da
Burckhardt a Gebhart, da Vasari a Papini. Di contro, significativa la presenza costante
di De Sanctis nel volume Itlia i el Mediterrani, al margine ovviamente delle parti tradotte.
I primi cenni a De Sanctis compaiono proprio nei testi degli anni sessanta sopra citati.
lo stesso Pla a ragguagliarci ancora una volta sulla cronologia delle sue letture; nelle
Notes per a un diari gener 1967 - octubre 1968, scrive in data 16 maggio 1967: A la matinada, llegida la Histria de la literatura italiana de De Sanctis en relaci amb el Bembo
(El viatge sacaba, Barcelona: Destino, 1981, p. 42).
46. J. Pla, Itlia i el Mediterrani, op. cit., p. 312.
47. Ibid., p. 316.

De Sanctis nella tradizione critica catalana

Quaderns dItali 16, 2011 97

un determinat moment. Laxioma vlid des del temps ms reculats s de


De Sanctis, i jo modestament el comparteixo.48

Dal canto suo, anche Riba si poneva la questione del rapporto fra letteratura e realt, ma laffrontava in modo un po pi problematico, in quanto
gli risultava improponibile tradurre tale rapporto in un mero e immediato
riflesso di questa in quella. Non stupisce, quindi, che, leggendo De Sanctis
si soffermasse su una formulazione che precisava e relativizzava la funzione
di mediatore del poeta e che verosimilmente appare pi conciliabile con le
sue aspirazioni poetiche. Il passo evidenziato a matita nella copia a lui
appartenuta del Saggio critico sul Petrarca e inoltre viene richiamato con
lespressione el poeta i la realitat in un succinto indice tematico, dotato
anche delle pagine di riferimento, redatto a mano da Riba alla fine del volume per uso personale:
Ci che si dee domandare al poeta che, calando nel reale, non vi stagni, non
vi sinsozzi; che vi guardi inviolata la libert dello spirito e il sentimento
dellarte.49

Certo si capisce perch Riba prendeva nota proprio di questa riflessione


con cui De Sanctis individuava un principio importante del decalogo di un
poeta. Riba vi trovava salvaguardata in questo modo la sostanziale indipendenza del mondo poetico nei confronti del mondo reale.
La ricchezza e la complessit del pensiero e del metodo critico di De Sanctis consentiva quindi a due scrittori come Pla e Riba, per tanti aspetti diversi, specie poi per le concezioni estetiche, di riuscire a scoprirvi ciascuno la
lezione teorica e metodologica pi adeguata alla propria ricerca e pratica letteraria. in questa pluralit di approcci e di letture che risiede, credo, la forza
e lintensit dellinfluenza di De Sanctis in Catalogna.

48. J. Pla, La vida amarga, Barcelona: Destino, 1967, p. 8


49. F. De Sanctis, Saggio critico sul Petrarca, Napoli: Morano, 1921, p. 182. Lindice tematico
manoscritto a p. 316.

98 Quaderns dItali 16, 2011

Gabriella Gavagnin

Catalogo delle edizioni italiane anteriori al 1950


di opere di De Sanctis conservate in biblioteche
catalane
1. Opere conservate nelle biblioteche del catalogo digitale CCUC50
1907
Saggio critico sul Petrarca di Francesco De Sanctis. Nuova edizione a cura di
Benedetto Croce, Napoli: A. Morano. [URV: Legato Vidal-Capmany]
1912
Storia della letteratura italiana, a cura di Benedetto Croce, Bari: Gius. Laterza
& Figli, 2 vol. [BC]; [BAB]
1913
Storia della letteratura italiana, nuova edizione riveduta e corretta, Napoli:
Alberto Morano, 2 vol. [RABL]
Storia della letteratura italiana, Milano: Fratelli Treves, 2 vol. [UB: lesemplare era appartenuto alla biblioteca dellAteneu Enciclopdic Popular]
1915
La giovinezza di Francesco De Sanctis, frammento autobiografico pubblicato da
Pasquale Villari, Napoli: A. Morano, 5 ed. [BC: Fondo August Matons]
1914-1916
Saggi critici, a cura di Michele Scherillo, nuova edizione riordinata, accresciuta e corretta, Napoli: A. Morano, 4 vol. [BC: Donazione Riba-Arderiu. Sul
primo dei 4 volumi scritta a matita la firma di Carles Riba e la data dacquisizione: Perugia set 1920]
1917
Lettere a Virginia, edite da B. Croce, Bari, Gius. Laterza & Figli. [BC]
1919
Nuovi saggi critici, Napoli: A. Morano. [BC: Donazione Riba i Arderiu. Contiene firma autografa di Carles Riba]
Studio su Giacomo Leopardi: opera postuma, curata dal prof. Raffaele Bonari,
Napoli: A. Morano, 6 ed. [BC: Donazione Riba i Arderiu. Contiene firma
autografa di Carles Riba]
1920
Prose scelte: per le persone clte e per le scuole, a cura di Michele Scherillo, Napoli: Alberto Morano, 3 ed. [BC: Donazione Riba i Arderiu]
50. Il catalogo stato consultato nel dicembre 2008. Si indica la biblioteca di appartenenza con
le sigle usate nel catalogo.

De Sanctis nella tradizione critica catalana

Quaderns dItali 16, 2011 99

Scritti critici, con prefazione e postille di Vittorio Imbriani, Napoli: Alberto


Morano, 6 ed. [BC: Donazione Riba i Arderiu. Contiene firma autografa di
Carles Riba]
Storia della letteratura italiana, vol. 1, Milano: Fratelli Treves. [UdL]
1921
Pagine dantesche, con prefazione e note di Paolo Arcari, Milano: Fratelli Treves [BC]; [BPA]
Saggio critico sul Petrarca di Francesco De Sanctis, a cura di Benedetto Croce,
Napoli: Alberto Morano, nuova ed. [BC: Donazione Riba i Arderiu. Contiene firma autografa di Carles Riba. Annotazioni a matita alla p. 316].
Storia della letteratura italiana, nuova edizione riveduta e corretta, Napoli:
Alberto Morano, 2 vol. [BC]
Storia della letteratura italiana, prima edizione milanese a cura di Paolo Arcari, Milano: Fratelli Treves, 2 vol. [BJP]
1922
La letteratura italiana nel secolo XIX. Scuola liberale=scuola democratica, lezioni raccolte da Francesco Torraca e pubblicate con prefazione e note da Benedetto Croce, Napoli: Alberto Morano, 7 ed. [BC: Donazione Riba i Arderiu]
Manzoni: studi e lezioni, a cura di Giovanni Gentile, Bari:Gius. Laterza &
Figli. [BC]
Storia della letteratura italiana nuova edizione riveduta e corretta, Napoli:
Alberto Morano, 2 vol., terza ristampa. [BC: Donazione Riba i Arderiu];
[BAB: Fondo Joan Crexells]
1925
Storia della letteratura italiana, Milano: Fratelli Treves, 2 vol. [RABL]
Storia della letteratura italiana, a cura di Benedetto Croce, Bari: Laterza, 2 vol.
[UB]
1928
Mazzini: cinque lezioni, Bari: Gius. Laterza & Figli, ristampa. [BC]
1930
Storia della letteratura italiana, a cura di Paolo Arcari, Milano: Fratelli Treves,
2 vol. [UAB]
1943
Un viaggio elettorale, a cura di Edmondo Cione, Milano: Bompiani. [UB]
1946
La giovinezza [frammento autobiografico], introduzione di Daniele Mattalia,
Milano: Aldo Martello. [UB]
1950
La giovinezza [frammento autobiografico], a cura di Dario Puccini, Milano:
Universale. [UB]

100 Quaderns dItali 16, 2011

Gabriella Gavagnin

2. Opere conservate nel Fondo Josep Maria Capdevila della Biblioteca


del Seminari Dioces de Girona
1879
Nuovi saggi critici, Napoli: A. Morano, 2 ed.
1895
Scritti critici di Francesco De Sanctis, con prefazione e postille di Vittorio
Imbriani, Napoli: A. Morano, 5 ed.
1913
Saggio critico sul Petrarca di Francesco De Sanctis, nuova edizione a cura di
Benedetto Croce, Napoli: Fratelli Morano.
Storia della letteratura italiana, nuova edizione riveduta e corretta, Napoli:
Alberto Morano, 2 vol.
1914-1916
Saggi critici, a cura di Michele Scherillo, nuova edizione riordinata, accresciuta
e corretta, Napoli: A. Morano, 4 vol.
Pagine dantesche, con prefazione e note di Paolo Arcari, Milano: Fratelli Treves.
1924
Saggi critici, a cura di Michele Scherillo, nuova edizione riordinata, accresciuta
e corretta. Terza serie, Napoli: A. Morano.
1930-1933
La letteratura italiana del secolo decimonono, Napoli: Morano, 4 vol. (Opere
complete a cura di Nino Cortese, vol. III-VI: III. Manzoni, 1931; IV. La
scuola liberale, 1931; V. Mazzini e la scuola democratica, 1930; VI. Leopardi,
1933).

Quaderns dItali 16, 2011 103-114

Lectura Dantis: Paradiso XXXI


Rachel Jacoff
Wellesley College
rjacoff@wellesley.edu

Abstract
Questo articolo analizza la struttura e il ruolo di Paradiso XXXI, il secondo dei quattro
canti finali del Paradiso, tutti ambientati nell Empireo. Il canto amplia la presentazione
iniziale dell Empireo in Canto XXX , sia con il ritratto del ruolo degli angeli che con la
presentazione eterodossa dei beati nei corpi gloriosi cos come appariranno nel giorno
del Giudizio Universale. Il canto contiene la sostituzione sorprendente di San Bernardo
con Beatrice e la preghiera di addio che Dante indirizza alla donna. Nella lettura delle
similitudini del canto, la centralit dell idea del pellegrinaggio diventa chiara, indicando
il modo in cui Dante crea una poetica alternativa personale al Giubileo ufficiale di Papa
Bonifacio nel 1300, lanno stesso del poema dantesco.
Parole chiave: Dante; Empireo; angeli; Roma; Beatrice; San Bernardo; Veronica; pelligrinaggio.
Abstract
This article analyzes the structure and role of Paradiso XXXI, the second of the four final
cantos of Paradiso, all set in the Empyrean. The canto amplifies the initial presentation
of the Empyrean in Canto XXX, both in its depiction of the role of the angels and its
heterodox presentation of the blessed in their glorious bodies as they will appear at the
Last Judgment. It also contains the surprising substitution of Saint Bernard for Beatrice
and Dantes farewell prayer to Beatrice. In reading the cantos similes, the centrality of the
idea of pilgrimage becomes clear, and points to the way in which Dante creates a poetic
personal alternative to Pope Bonifaces Jubilee of 1300, the fictional date of Dantes poem.
Keywords: Dante; Empyrean; angels; Rome; Beatrice; St. Bernard; Veronica; pilgrimage.

Sono molto contenta di tornare a Barcellona e davere lopportunit di rivedere le persone che ho incontrato quando sono stata qui quasi due anni fa. Per
me sempre un piacere partecipare a una serie di Lecturae Dantis, una tradizione secolare che continua a divulgare le opere del grande poeta fiorentino e

104 Quaderns dItali 16, 2011

Rachel Jacoff

che assicura che tutti i canti della Commedia ricevano la nostra attenzione.
Sebbene lInferno rimanga la cantica pi letta e pi conosciuta, per me il
Paradiso pi affascinante. Stasera parleremo del trentunesimo canto del Paradiso, il secondo dei canti dellEmpireo. Nei quattro canti finali del Paradiso,
Dante arriva alla fine del suo viaggio, passando dalluniverso materiale a quello spirituale, il cielo di pura luce: luce intellettual, piena damore, amor di
vero ben, pien di letizia, letizia che trascende ogni dolzore. Bench la parola
empireo ricorra solo una volta nella Commedia (e nell Inferno), lidea
discussa da Dante nel Convivio dove dice: li cattolici pongono lo cielo Empireo, che a dire cielo di fiamma o vero luminoso. [...] Questo loco dei spiriti beati, secondo che la Santa chiesa vuole che non pu dire menzogna(3.2).
LEmpireo di Dante, diversamente da quello dei teologi scolastici, immateriale, fuori dello spazio e fuori del tempo. Come disse Etienne Gilson, un
mito dal punto di vista fisico e una metafora dal punto di vista teologico.
Identificato con la mente di Dio e con la visione beatifica degli angeli e dei
santi, il luogo dellamore, della gioia, e della dolcezza.1
Paradossalmente, questo luogo incorporeo il posto dove appaiono i corpi
gloriosi dei beati, gli unici corpi veri che Dante vede nel suo viaggio. Anna
Maria Chiavacci Leonardi ha giustamente detto che questo luogo, che non
ha realt se non metafisica e mistica ci rivela infine il luogo pi reale di tutta
la cantica.2 La poetica dell Empireo, un sito di paradosso e di ossimoro,
una sfida per il poeta e anche per il lettore. Dobbiamo imparare a tener
insieme cose che di solito teniamo separate. La verit poetica, come quella
teologica, sopranaturale.
Ciascuno dei quattro canti finali ha un tono e uno scopo un po diverso,
e ciascuno rallenta e allo stesso tempo accelera il movimento inesorabile verso
la visione finale che lapice del poema. Nel trentesimo canto la bella vista
della fiumana di luce, con le rive dipinte con mirabile primavera e le faville vive che escono dalla fiumana per infiorarsi, tutta questa scena viene
svelata come un umbrifero prefazio della realt. Dopo un battesimo oculare
nella fiumana di luce le faville ed i fiori sono smascherati e Dante vede le due
schiere, gli angeli e i beati, e i beati nella forma corporale che avranno dopo
lultimo giudizio. Dante descrive lenorme anfiteatro nel quale i beati sono
posti come un fiore e anche come una citt, una rosa sempiterna e la nostra
citt. In questo convento delle bianche stole le bianche stole dei beati costituiscono i petali di un colosseo floreale.3 Cos Dante fonde le due idee tradizionali di paradiso come giardino e come citt.
1. Citato da Christian Moevs, The Metaphysics of Dantes Comedy, New York: Oxford University Press, 2005, p. 23.
2. Anna Maria Chiavacci Leonardi, Introduzione, Dante Alighieri Commedia, vol. III,
Milano: Mondadori, 1977, p. xxvii.
3. Prendo la frase da Peter S. Hawkins, Are You Here?: Surprise in the Commedia, in Sparks
and Seeds: Medieval Literature and its Afterlife, Essays in Honor of John Freccero, ed. Dana
A. Stewart e Alison Cornish, Turnhout: Brepols, 2000, p. 182.

Lectura Dantis: Paradiso XXXI

Quaderns dItali 16, 2011 105

La grande rosa stata legata ai rosoni delle cattedrali dellepoca, in particolare a San Zeno a Verona, una citt dove Dante ha vissuto. La parola rosone
non stata usata fino a pi tardi, ma la forma di quelle grandi finestre circolari
suggerisce il fiore, e molte di loro erano dedicate alla Vergine. Il legame fra la
Vergine e la rosa era tradizionale nella liturgia ed altrove. Ricordiamo che Dante
lha chiamato la rosa in che l verbo divino /carne si fece nel ventitreesimo canto
del Paradiso. La rosa ha cos tante connotazioni religiose e secolari che difficile
delimitare il suo significato. proprio la sua polisemia che crea la sua risonanza e la rende un icona perfetta dellultimo paesaggio del poema.
Il tono estatico cambia negli ultimi versi del canto quando Beatrice parla
del gran seggio che aspetta limperatore Arrigo VII e la vendetta di Dio
contro il papa Clemente V che lha tradito. Questattacco contro lingannevole papa, con le sue allusioni a Bonifacio VIII e alla bolgia dei papi simoniaci,
interrompe latmosfera celestiale che pervade il canto. A proposito di questo
feroce attacco, Charles Singleton, il grande dantista americano, nel suo commento domanda, Non ha imparato il pellegrino nessuna carit Cristiana?4 E
Singleton non stato lunico a turbarsi dinanzi alleruzione di rabbia e al
ricordo dellinferno in un momento paradisiaco. anche sconvolgente quando ci rendiamo conto pi tardi che queste sono le ultime parole di Beatrice.
I primi versi del canto trentuno ristabiliscono lumore brevemente interrotto:
In forma dunque di candida rosa mi si mostrava la milizia santa/ che nel suo
sangue Cristo fece sposa. Il dunque della prima riga implica la continuit di
quello che seguir con quello che gi stato detto. Dante amplifica la descrizione iniziale della candida rosa, ritornando alle due categorie, i beati e gli angeli,
che sono apparsi come fiori e faville quando egli entrato nellEmpireo. La
milizia santa/che nel suo sangue Cristo fece sposa descrive i beati nel linguaggio
del Libro degli Atti degli Apostoli (20.28) e nella metafora dello sposalizio mistico. Poi il testo si concentra sullaltra schiera, gli angeli, e sul ruolo di mediazione
che essi svolgono nellEmpireo. Paragonandoli alle api che volano fra i beati
e Dio, infiorandosi fra i beati e portando il nettare dallalveare divino a loro.
Il paragone di angeli e api era gi in SantAnselmo, e molti commentatori vedono anche una riscrittura del passo del sesto libro dellEneide dove Enea vede le
ombre nellEliso come una moltitudine di api che si posano sui fiori. La versione
dantesca, per, pi attiva e bidirezionale, perch gli angeli vengono e vanno su
e gi fra i fiori e lalveare, fra le anime e Dio. 5 Portando il nettare dallalveare ai
fiori invertono la direzione abituale della loro attivit. Quel nettare la quasi
paradossale combinazione di pace e ardore che hanno acquisito dallesperienza
di Dio. Le api bidirezionali sono un esempio di un fenomeno naturale che allo
stesso tempo fuori natura, come direbbe il poeta Yeats.
4. Charles S. Singleton, The Divine Comedy, Commento a Paradiso, Princeton: Princeton
University Press, 1975, p. 510: Has the wayfarer learned no lesson of Christian charity in
the long journey to God, and does he, being now so near to God, not love his fellow man,
not forgive?.
5. Cf. la discussione nel Commento a Paradiso di Robert Hollander, New York: Doubleday,
2006, p. 775.

106 Quaderns dItali 16, 2011

Rachel Jacoff

La qualit pittorica della descrizione dei bianchissimi angeli con i loro volti
di fiamma viva e le loro ali doro ricorda gli angeli della pittura trecentesca,
aggiungendo colore e movimento alla scena. La loro plenitudine volante non
impedisce la vista e lo splendore della luce divina, una luce che penetrante per luniverso secondo ch degno. [Questa frase ricorda le prime parole del
Paradiso: La Gloria di colui che tutto move/per luniverso penetra e cos via].
Il movimento dellapertura del canto si conclude con una visione dellunit dei beati di questo sicuro e gaudioso regno, tutti concentrati sulla trina
luce e scintillanti in un unica stella che simboleggia il divino. Per un
momento Dante passa dal cielo alla terra, pregando, in un linguaggio che
ricorda Boezio, che la trina luce guardi qua giuso a la nostra procella, alla
tempesta della vita terrena. Anche in questo momento di sublimit, il poeta
rimane legato alla terra,qua giuso.
Dopo le dieci terzine dapertura, il testo si concentra sulla reazione di Dante
alla scena che ha descritto, allo stupore e alla gioia che si sente allarrivo nellEmpireo. Il canto include tre paragoni che comportano lidea del pellegrinaggio e
del compimento di una meta. Il primo comincia con la figura dei barbari, che,
venendo dal nord, vedono Roma per la prima volta.
Se i barbari, venendo da tal plaga
che ciascun giorno dElice si cuopra,
rotando col suo figlio ondella vaga,
veggendo Roma e larda sua opra,
stupefaciensi, quando Laterano
a le cose mortali and di sopra;
io, che al divino dallumano,
alletterno dal tempo era venuto,
e di Fiorenza in popol giusto e sano,
di che stupor dovea esser compiuto!

Per Dante Roma anzich Gerusalemme che serve come modello privigilato del cielo, quella Roma onde Cristo romano (Purg. XXXII.102). Dante
identifica Roma con la sua ardua opera, in particolare il Laterano. Il Palazzo
Laterano era stato donato da Costantino a papa Silvestro, e serviva da residenza papale fino alla partenza del Papato per Avignone nel 1309. La grande
basilica era stata fondata da Costantino, e tutto il complesso di palazzo e basilica era un centro papale nel medioevo. Fu l, nella sua loggia della benedizione, che Bonifacio VIII proclam il giubileo del 1300. Per Dante il Laterano
poteva rappresentare la gloria della Roma imperiale e papale. Per si deve tener
conto dellopinione del poeta sulle consequenze disastrose della Donazione
di Costantino. La Donazione era un documento che raccontava la storia della
conversione dell Imperatore e il suo dono alla Chiesa. Malato di lebbra,
Costantino sarebbe guarito dopo essere stato battezzato da papa Silvestro.
Dopo la sua conversione, egli avrebbe dato al papato i territori di Roma e il
potere temporale. Il documento era un falso, come ha provato Lorenzo Valla
nel Quattrocento. Dante pensava che fosse vero, ma lo considerava illegale e

Lectura Dantis: Paradiso XXXI

Quaderns dItali 16, 2011 107

sbagliato perch aveva dato alla Chiesa il potere temporale. Feroce critico del
papato del suo tempo, nondimeno Dante ammirava la grandezza del Laterano.
Quando Dante scriveva del Laterano, sapeva che era gi stato quasi distrutto
da un incendio nel 1308, e non serviva pi da residenza papale. (Dopo il
ritorno da Avignone, i papi andarono a vivere in Vaticano).
Nel grande paragone dei barbari Dante dice che essi vengono da tal plaga
che ciascun giorno dElice si cuopra/rotando col suo figlio ondella vaga.
Vengono, cio, dal Nord, dalla regione dove le costellazioni dellOrsa Maggiore e dellOrsa Minore sono sempre visibili. Dante combina lastronomia e la
mitologia, alludendo a Ovidio che racconta come Elice, anche chiamata Callisto, una delle ninfe seguaci di Diana, dea della castit, fosse stata presa da Giove
e rimasta incinta. Cacciata da Diana per aver perso la sua verginit, Elice/Callisto era stata poi mutata in orsa dalla gelosa Giunone, moglie di Giove. Quando stava per essere uccisa da suo figlio Arcas, tutti e due, madre e figlio, furono
trasformati da Giove nelle costellazioni dellOrsa Maggiore e Minore.6
Credo che qui Dante abbia riveduto la figura di Elice di cui ha scritto nel
venticinquesimo del Purgatorio lodando Diana come emblema di castit. Elice
sembra colpevole quando Dante dice, Al bosco/si tenne Diana, ed Elice caccionne/che di Venere aveva sentito il tosco. Ma la ninfa non era colpevole,
perch era stata presa con la forza da Giove. La piccola frase, ondella vaga
d enfasi alla continuit dellamore materno, un soggetto sempre trattato con
tenerezza da Dante.
Con il paragone dei barbari davanti alle meraviglie di Roma Dante introduce tre antitesi che, come dice John Scott, creano un crescendo di opposti.7
Lentrata nell Empireo racchiusa nel movimento al divino dall umano,
alleternit dal tempo, e poi, in uninversione chiastica, da Firenze a un
popolo giusto e sano. Com amaro questaccenno a Firenze, lultimo del
poema. Dante, cos vicino alla fine, menziona i grandi temi di tutto il poema:
lumano e il divino, il tempo e leternit, Firenze e il cielo.
Il paragone dei barbari che arrivano a Roma la prima delle tre similitudini di questo canto che utilizzano lidea di pellegrinaggio. Ciascuno di questi
paragoni comporta uno spazio pi limitato e unemozione pi forte. Il secondo anche pi vicino alla situazione attuale di Dante:
E quasi peregrin che si ricrea
nel tempio del suo voto riguardando,
e spera gi ridir comella stea,
su per la viva luce passeggiando,
menava io li occhi per li gradi,
mo su, mo gi e mo recirculando.

6. Metamorphoses, II. 409-507.


7. John A. Scott, Understanding Dante, Notre Dame, Indiana: University of Notre Dame
Press, 2004, p. 207. Cf. la sua lettura di questo canto in Lectura Dantis Turicensis: Paradiso,
ed. Georges Gntert e Michelangelo Picone, Firenze: Cesati, 2002, p. 473-89.

108 Quaderns dItali 16, 2011

Rachel Jacoff

Qui esplicito il senso darrivo a una meta desiderata per lungo tempo. Il
Pellegrino che spera di ridir quello che vede il poeta che noi leggiamo.
In questo momento Dante personaggio e Dante poeta sono la stessa cosa.
Cosa vede Dante quando guarda intorno? Vede i visi e i corpi dei beati:
Vedea visi a carit sadi,
daltrui lume fregiati e di suo riso,
e atti ornate di tutte onestadi.

Questa vista introduce, come dice la Chiavacci Leonardi, i primi veri corpi
della Commedia. I corpi fittizi dei morti, per quanto siano vivaci e vividi,
erano in realt solo ombre. Nel Paradiso, fino all Empireo, i beati non hanno
neanche la forma umana; appaiono come luci, come gioelli, come fiamme
sempiterne. Solo ora Dante vede i beati come saranno dopo lultimo giudizio,
cio nei corpi gloriosi. Il tema del desiderio dei morti per i loro corpi un
topos teologico, ma espresso da Dante con particolare passione. Pensiamo al
discorso di Solomone nel quattordicesimo canto del Paradiso sulla revestita
carne gloriosa e santa, e alla risposta dei beati alle sue parole:
Tanto mi parver subiti e accorti
luno e laltro coro a dicer Amme!
che ben mostrar disio di corpi morti:
forse non pur per lor, ma per le mamme,
per li padri e per li altri che fuor cari
anzi che fosser sempiterne fiamme.

Pensiamo anche alla richiesta di Dante di vedere San Benedetto con limagine scoverta, cio, nel corpo, e poi al suo tentativo fallito di vedere il corpo
di San Giovanni che qualche leggenda dice sia asceso nella carne. Dante nega
la leggenda dellascensione di San Giovanni, ma interessante che essa sia stata
dipinta da Giotto nella cappella Peruzzi in Santa Croce a Firenze parecchi anni
dopo lesilio di Dante.8
Laffermazione di Dante secondo la quale egli vede i beati come saranno
alla fine del tempo non soltanto eterodossa, ma anche problematica entro
i termini del suo mondo poetico. Poich Dante dichiara che lanfiteatro dei
beati non ancora completo, si potrebbe dire che allo stesso tempo egli lo vede
e non lo vede come sar alla fine del tempo. Qui abbiamo uno dei paradossi
del paradiso dantesco: al protagonista concessa una veduta di ci che non
ancora successo.
Il ritorno del corpo nella sua specificit storica giovane e vecchio, femmina e maschio al punto pi etereo del poema mi sembra un segno potente delle intuizioni e dei desideri del poeta. Ci ricordiamo, allora, Paradiso XXV,
dove Dante parla della sua speranza pi grande, quella della Resurrezione:
8. Cf. il mio saggio, Dante and the Legend(s) of St. John, in Dante Studies CXVII (1999),
p. 45-58.

Lectura Dantis: Paradiso XXXI

Quaderns dItali 16, 2011 109

...Le nove e le scritture antiche


pongon lo segno ed esso lo mi addita,
de lanime che Dio sha fatte amiche.
Dice Isaia che ciascuna vestita
ne la sua terra fia di doppia vesta,
e la sua terra questa dolce vita;
e l tuo fratello assai vie pi digesta,
l dove tratta de le bianche stole,
questa revelazion ci manifesta.

Le bianche stole di cui scrive San Giovanni sono quelle che ora Dante vede
nella rosa sempiterna.
In questo passo di alta serenit Dante si gira verso Beatrice, ma non la
trova. uno shock per lui, e anche per il lettore. Non c stata nessuna preparazione per la sostituzione di Beatrice. Anzi, nel primo canto dell Inferno
Virgilio aveva parlato solo di un anima pi di me degna che sarebbe stata la
guida di Dante a le beate genti. Quando Dante si gira verso Beatrice per fare
delle domande, trova un altro:
Uno intendea, ed altro mi rispuose:
credea veder Beatrice e vidi un sene
vestito con le genti gloriose.
Diffuso era per li occhi e per le gene
di benigna letizia, in atto pio
quale a tenero padre si convene.

Pensiamo al momento simile nel trentesimo del Purgatorio quando Dante,


girandosi verso Virgilio, scopre che sparito, e piange. Il forte pathos di quella scena, forse la pi commovente di tutta la Commedia, contrasta con lumore dell episodio nel nostro canto. Beatrice non sparita, ma invece tornata
al suo trono nel terzo grado dalla cima della rosa, il posto dal quale era discesa
a chiedere laiuto di Virgilio.
Le prime parole di Dante sono, Ov ella? La nuova guida spiega che egli
stato mandato da Beatrice, come Virgilio aveva dichiarato nel secondo canto
dellInferno. Questo nuovo tenero padre assume il suo ruolo nella serie dei
mediatori che assistono il viaggio. Dante trattiene il suo nome fino a pi tardi,
cos mettendo lenfasi su Beatrice, alla quale egli ora rivolge una preghiera:
O donna in cui la mia speranza vige,
e che soffristi per la mia salute
in inferno lasciar le tue vestige,
di tante cose quant Iho vedute,
dal tuo podere e da la tua bontate
riconosco la grazia e la virtute.
Tu m hai di servo tratto a libertate
per tutte quelle vie, per tutt i modi
che di ci fare avei la potestate.
La tua magnificenza in me custodi,

110 Quaderns dItali 16, 2011

Rachel Jacoff

s che lanima mia, che fatt hai sana,


piacente a te del corpo disnodi.

La bellissima preghiera il culmine della poesia della lode di Beatrice che


aveva avuto inizio nella Vita nova. Beatrice risponde alla preghiera senza parlare; lei, che ha parlato tanto nel Paradiso, qui rimane silenziosa, e lo ricompensa con un sorriso prima di ritornare all etterna fontana.
Borges, in uno dei Nueve essayos dantescos intitolato La ltima sonrisa
de Beatriz, parla di questi versi come i versi pi commoventi nella letteratura, interpretandoli come il fallimento tragico di ricatturare la donna adorata.
Scrive Borges che nessuno ha veramente capito la tristezza di questi versi. Ma
questa lettura dice pi di Borges che di Dante, perch per Dante questo non
affatto un momento tragico. Beatrice aveva definito i desideri di Dante per
lei come quelli che menavano ad amar lo bene di l dal qual non che saspiri (Purg. XXXI.24). Beatrice non pu essere la meta finale perch lamore per
lei deve portarlo oltre lei stessa a Dio. Dante volge Beatrice verso Dio, letterna fontana, perch fra poco Dante stesso guarder la medesima fontana. Come
dice Lino Pertile, Beatrice deve scomparire non perch ella ama Dio pi che
Dante, ma perch Dante deve amare Dio pi che Beatrice.9
La preghiera a Beatrice esprime la gratitudine per tutto ci che ella ha
fatto per lui, portandolo da servo alla libertate. Dandole del tu per la prima
volta, Dante prega Beatrice come se fosse una santa. Luso del tu implica
anche un affetto, quasi un intimit non visibile fino ad ora. Questa preghiera anticipa e somiglia alla preghiera alla Vergine nell ultimo canto. Le due
figure femminili, Beatrice e Maria, sono state legate da Dante fin dalla Vita
nova, dove egli pensa alla sua donna dopo la sua morte sotto la insegna di
quella regina benedetta virgo Maria, lo cui nome fue in grandissima reverenza ne le parole di questa Beatrice beata. Nel secondo canto dell Inferno
abbiamo imparato che Maria inizi il soccorso di Dante e che Beatrice venne
nel Limbo per chiedere laiuto di Virgilio. Dante richiama quell episodio
quando dice che ella ha lasciato le sue vestige in Inferno per la sua salute.
Gi nella Vita nova Beatrice era la Donna della Salute. Beatrice lasciando le
sue vestige nell Inferno ricorda anche Cristo che sceso nell Inferno per
liberare i beati. Fra i tanti suoi ruoli Beatrice ricopre anche quello di figura
Cristi. Come dice Charles Williams, Beatrice the Christ event nella vita
di Dante.10
La preghiera piena di sostantivi astratti: podere, bontate, virtute, potestate, magnificenza. La bellezza di Beatrice, tema centrale del poema, non
menzionata qui, e Dante non parla neanche del suo amore per lei. Un altra
cosa da notare la distanza fra Beatrice e Dante, una distanza grande come
si poteva immaginare, ma anche irrilevante visto che ella totalmente visi 9. Lino Pertile, Does the Stilnovo Go to Heaven? in Dante for the New Millennium, ed. Teodolinda Barolini e H. Wayne Storey, New York: Fordham University Press, 2003, p. 111.
10. Charles Williams, The Figure of Beatrice: A Study in Dante, New York: The Noonday Press,
1961).

Lectura Dantis: Paradiso XXXI

Quaderns dItali 16, 2011 111

bile a Dante. Nel mondo fuori dello spazio e del tempo la legge naturale non
funziona.
Presso e lontano, l, n pon non n leva:
ch dove Dio sanza mezzo governa
la legge natural nulla rileva (Par. XXX, 121-23).

Quanto tutta la plenitudine volante degli angeli non impedisce la diffusione della luce divina, tanto lo spazio vasto tra Beatrice e Dante non impedisce la visibilit della sua effige. Questa parola effige importante perch
usata solo un altra volta, negli ultimi versi del poema quando Dante cerca di
vedere la nostra effige dentro i cerchi della visione finale.
Di solito la sostituzione di San Bernardo a Beatrice viene discussa in
termini del perch questa scelta sia opportuna. Certo Bernardo uno dei
personaggi pi affascinanti del dodicesimo secolo, famoso come mistico
e anche come uomo attivissimo: fra laltro era stato consulente di papi e di
re, predicatore della seconda crociata, teologo polemico, autore di riforma
monastica, predicatore eloquente, e scrittore prolifico di trattati e sermoni.
Bernardo aveva tante qualit e tanti talenti che Dante avrebbe ammirato, ma
il poeta si sofferma solo sulla sua esperienza contemplativa e sulla sua devozione mariana.
Bernardo, scrive Dante, contemplando, gust di questa pace. Il Bernardo
storico aveva negato la possibilit di una visione di Dio diretta, faccia a faccia,
in questa vita, ma il Bernardo del poema sta per pregare che Dante abbia
questesperienza. Joseph Mazzeo nota che Dante non dice di San Bernardo che
aveva visto il cielo in questa vita, ma solo che gust della sua pace.11 Il ruolo
di Bernardo, dunque, un po problematico, o forse provocatorio, visto che
egli chiede per Dante unesperienza che, in vita, non aveva creduto possibile.
La vera domanda, per, perch Dante scelga qualcuno per assumere il
ruolo che Beatrice ha avuto fino ad ora. Parecchi commentatori, seguendo
Pietro di Dante, dicono che Bernardo prende il posto di Beatrice perch, per
attingere alla visionr beatifica, la contemplazione deve superare la teologia. Ma
questo mi sembra troppo semplicistico. Pi interessante lidea di Lino Pertile che Dante forse aveva pianificato il ritorno di Santa Lucia a questo punto,
data la sua importanza come una delle tre donne benedette di Inferno II e il
suo ruolo nel condurre Dante allangelo della porta del Purgatorio. Secondo
Pertile, Dante ha cambiato idea mentre scriveva e non ha voluto mantenere
latmosfera stilnovistica nella quale la santa era presentata. 12 Per me, sembra
pi giusto che San Bernardo, il dottor mellifluis della tradizione, gran maestro retorico, faccia la preghiera magnifica alla Vergine. Bernardo rappresenta
anche un ritorno al mondo dei padri; Dante ha avuto una serie di padri, Virgilio, Brunetto, e Cacciaguida per nominarne tre. Bernardo lunico perso11. Joseph Anthony Mazzeo, Structure and Thought in the Paradiso, Ithaca, NY: Cornell
University Press, 1958, p. 90-91, 99. E cf. il saggio gi citato di Hawkins, p. 185.
12. Pertile, p. 11-13.

112 Quaderns dItali 16, 2011

Rachel Jacoff

naggio per cui laggettivo tenero usato, e sembra quasi un padre materno,
come a volte Virgilio.
Un altro aspetto interessante della presentazione di Bernardo la sua vecchiaia. Due volte Dante si referisce a lui con il latinismo sene, dal latino
senex. Cos Dante segna la sua partenza dalla tradizione teologica in cui
SantAgostino, San Tommaso e quasi tutti i Padri e i Dottori della Chiesa
sostengono che la Resurrezione avr luogo nellet perfetta, cio verso
i trentanni, quando mor Cristo. I beati di Dante comprendono non soltanto
i vecchi ma anche i bambini che vedr nel canto seguente. Lenfasi sullet di
Bernardo, come i latinismi, fanno crescere il senso della sua dignit.
Bernardo si nomina solo dopo la preghiera a Beatrice, e lo fa in un linguaggio cortese:
E la regina del cielo, ondio ardo
tutto damor, ne far ogne grazia,
per chi sono il suo fedel Bernardo.

Dante risponde alla scoperta della sua identit con grande emozione. Qui
abbiamo il terzo e lultimo accenno al pellegrinaggio. Dante si paragona a un
pellegrino che viene da lontano per vedere la Veronica, il velo o il panno che
si pensava portasse impresso il volto di Cristo.
Qual colui che forse di Croazia
viene a veder la Veronica nostra
che per lantica fame non sen sazia,
ma dice nel pensier, fin che si mostra;
Segnor mio Ies Cristo, Dio verace,
or fu s fatta la sembianza vostra?

Diverse leggende si sono combinate per creare la storia di una donna di


Gerusalemme che ha dato un panno, un sudarium, a Cristo mentre saliva il
Calvario. Dopo questo atto compassionevole limmagine del suo volto rimasta sul panno. Il nome Veronica, combinando le parole verae icona, fu
legato alla donna e divent un aspetto della leggenda.
La Veronica era la reliquia pi preziosa e pi famosa del medioevo. Autenticata da Papa Innocenzo III nel 1216, veniva mostrata nella basilica di San
Pietro il venerd e nei giorni santi, ed era collegata alla concessione di indulgenze. La Cronica di Giovanni Villani nota che lostensione era avvenuta diverse
volte durante il Giubileo del 1300, quando forse Dante stesso avrebbe potuto assistervi. Ma Dante sa della Veronica gi dal tempo della Vita nova, perch
verso la fine del libello scrive di un gruppo di pellegrini che muovono verso
Roma. Pensa che essi vadano proprio per vedere quella immagine benedetta la
quale Ges Cristo lasci a noi per esempio de la sua bellissima figura, la quale
vede la mia donna gloriosamente. Sono qui collocate le idee di pellegrinaggio,
della Veronica, e di Beatrice in gloria che lo spirito peregrino di Dante
intravede e di cui le ultime parole della Vita nova parlano. Tutti questi elementi sono presenti di nuovo nel trentunesimo canto, dove Dante veramente vede

Lectura Dantis: Paradiso XXXI

Quaderns dItali 16, 2011 113

la sua donna in gloria. Questa riscrittura della fine della Vita nova verso la fine
della Commedia crea un bel senso di coerenza, unificando il libello giovanile
con lopera dei suoi ultimi anni e chiudendo il circolo.
Il paragone del volto di Cristo con quello di San Bernardo sembrato
inadatto a parecchi lettori. Il commento di Bosco e Reggio spiega che esso non
riguarda due visi, ma piuttosto lintensit di desiderio nel pellegrino croato e
in Dante. Qualcuno obietta, scrivono, che sconveniente paragonare la
commozione di vedere le fattezze di Bernardo a quella di vedere il volto di
Ges; ma il paragone non di due volti, bens tra due desiderii e tra due moti
quasi dincredulit per esser giunto a soddisffarlo.13 Mi domando, per, se
Dante abbia davvero avuto tanta voglia di vedere il volto di San Bernardo, e...
ho i miei dubbi.
Per me pi importante invocare la Veronica per creare il legame con la
Vita nova di cui ho parlato. Poi, il desiderio di vedere il viso di Cristo suggerisce anche la conclusione della Commedia, dove Dante cerca di vedere il volto
di Cristo, la nostra effige nella visione finale. Dietro le parole sulla Veronica
c il forte bisogno di incontrare il vero Cristo che informa gli ultimi versi del
poema.
Fino a questo punto Dante ha guardato la candida rosa nella sua forma
generale. Ora Bernardo lo dirige a focalizzare sul punto pi luminoso e pi
alto, sulla regina del regno. Maria paragonata allaurora, com stata Beatrice
quando apparsa nel paradiso terrestre alla fine del Purgatorio. Circondata
dagli angeli che cantano e giocano intorno a lei, Maria somiglia alla figura di
una Maest, una Madonna regale, anche se non accompagnata dal Bambino.
Dante la chiama pacifica oriafiamma, una formula di ossimoro poich loriafiamma era lo stendardo dei re francesi, segno di guerra anzich di pace com
qui. Intorno a Maria tutto letizia e delizia. Il canto si conclude com cominciato, parlando degli angeli, qui in rapporto a Maria invece che ai beati.
vidio pi di mille angeli festanti,
ciascun distinto di fulgore e darte.
Vidi a lor giochi quivi e a lor canti
ridere una bellezza, che letizia
era ne li occhi a tutti li altri santi.

Bernardo dirige Dante verso Maria perch solo lei che pu aiutarlo ad
avere la visione beatifica. Maria, ricordiamo, ha messo in moto il soccorso di
Dante dalla selva oscura. E stata lei a inviare Santa Lucia da Beatrice nella
catena di grazia descritta nel secondo canto dellInferno.
Maria raffigurata su ciascuna delle terrazze del Purgatorio come esempio
delle virt che i penitenti cercano di acquistare. Era gi stata presente in una
visione preliminare nel canto XXIII, dove sono rappresentate simbolicamente
lAnnunciazione, lAssunzione, e lIncoronazione. Qui nel canto XXXI lac13. Umberto Bosco e Giovanni Reggio, Commento a Paradiso, Firenze: Le Monnier, 1982,
p. 506 (Introduzione al canto XXXI).

114 Quaderns dItali 16, 2011

Rachel Jacoff

cento sulla sua regalit e la sua bellezza. Ora che Beatrice non pi presente,
il linguaggio della pulcritudine pu essere diretto a Maria. Nel canto seguente
lattenzione su di lei, la faccia che a Cristo pi si somiglia, sar anche pi
forte. Dante deve avvicinarsi a Maria per ottenere la grazia per cui finalmente
si avviciner a Dio.
Alla fine del canto tutti e due, Dante e Bernardo, stanno ardentemente
mirando la Vergine. Sembra che siano pronti per pregarla, ma c un altro
canto che interviene fra questo momento e le parole che Bernardo indirizzer
a Maria. Questi due canti finiscono quasi nello stesso modo, concentrandosi
sulla figura della Madonna. Come dir Bernardo, chi vuol grazia e a te non
ricorra, sua disanza vuol volar sanzali. Nel canto XXXII Dante sar chiamato da Bernardo figliuol di grazia, e sar preparato per quella grazia che lo
porter allultima salute.
Vorrei concludere sottolineando limportanza dellidea di pellegrinaggio in
questo canto. NellInferno, dove la forma del suo viaggio era una discesa nel
basso aldil, Dante non parla mai del pellegrinaggio. La parola entra nel lessico del poema solo nel Purgatorio. Ora che sta per terminare, il viaggio si rivela come un pellegrinaggio che ha per suo fine la visio Dei ed anche il poema
che stiamo leggendo. Lanno di questo viaggio, il 1300, era un anno di grande
pellegrinaggio a Roma, essendo lanno del Giubileo proclamato da Bonifacio
VIII, il papa cos vilificato da Dante. Vorrei suggerire che Dante ha creato nel
suo poema unalternativa personale al Giubileo ufficiale. Il Laterano e la Veronica, sito e reliquia fondamentale nella Roma papale del 1300, si trovano ora
in quella Roma onde Cristo romano: il paradiso immaginato e creato da
Dante.14

14. Vorrei ringraziare Emma Mallardi e Piero Boitani per il generoso aiuto che mi hanno dato
nella preparazione di questo saggio.

Quaderns dItali 16, 2011 115-142

Le machiavlisme problmatique de Valds


dans le Dilogo de las cosas acaecidas en Roma
Laurent Gerbier
Universit de Tours / Centre dtudes Suprieures de la Renaissance
laurent.gerbier@sfr.fr

Lexamen de certaines catastrophes majeures est peut-tre, par analogie,


un moyen puissant de dceler dans lbranlement gnral dune socit
les forces qui assuraient sa cohsion relative et de reconnatre travers
les mouvements lmentaires de leffroi, de la dsolation et de la honte
des ressorts quon voit rarement paratre nu.
Andr Chastel, Le sac de Rome, 1527,
Paris: Gallimard, 1984, p. 14.
Rsum
Sil y a un sens rapprocher la construction du Dilogo de Valds des uvres de Machiavel, ce nest pas pour de mauvaises raisons extrinsques (une influence positive trs peu
probable, une identification htive de Valds un machiavlisme simpliste), mais parce
que les deux auteurs, quelques annes de distance, cherchent tous deux inventer le
discours politique adapt leur temps, et les rgimes discursifs quils adoptent prsentent
une analogie intressante. Cette analogie peut tre tudie dans trois directions: dune
part, dans la manire dapprhender les faits politiques en les saisissant comme des effets
naturels, et en neutralisant ainsi leur charge idologique ou symbolique ; dautre part, dans
le choix de construire un raisonnement ordonn pour rendre ces faits intelligibles; et enfin,
dans la manire dont lun et lautre choisissent daffronter les divisions et les discordes
pris comme objets essentiels du raisonnement politique. Lexamen de cette triple analogie
permet de former en conclusion lhypothse selon laquelle ces trois oprations, communes
Machiavel et Valds, font de leurs crits une sorte de prhistoire de la raison dtat.
Mots clefs: Machiavel; Valds; Charles Quint; Rationalit; Politique; Raison dtat.
Abstract. Valdss problematic Machiavellianism in the Dilogo de las cosas acaecidas en
Roma
If there is a way of comparing the construction of Valdss Dilogo with the works of
Machiavelli, it is not for the wrong extrinsic reasons (a very unlikely positive influence,
Valds hasty identification with a simplistic Machiavellianism), but because both
authors, separated by a few years, seek to invent the political discourse adapted to their

116 Quaderns dItali 16, 2011

Laurent Gerbier

era, and the discursive regimes they adopt make for an interesting analogy. This analogy
can be studied from three angles: firstly, in their way of comprehending political facts
by grasping them as natural effects, and by thus neutralising their ideological or symbolic
content; secondly, in their choice of constructing an orderly reasoning to make these
facts intelligible; and lastly, in the way in which both choose to face the divisions and
dissension seen as essential objects of political reasoning. The study of this triple analogy
will, in conclusion, enable the hypothesis to be formed, according to which these three
processes, common to Machiavelli and Valds, make their writings a type of prehistory
of the raison dtat.
Keywords: Machiavelli; Valds; Charles V; Rationality; Politics; Raison dtat.

Introduction
Lorsque la nouvelle de la prise et du pillage de Rome par les troupes impriales
atteint Valladolid, la fin du mois de mai 1527, la cour de Charles Quint est
en train de fter la naissance de lhritier, le futur Philippe II. Le 6 juin, un
mois jour pour jour aprs le dbut du sac de Rome, Charles Quint suspend
les festivits: le temps des rjouissances est pass, il sagit dsormais de concevoir et de diffuser travers lEurope le discours par lequel lEmpereur va
expliquer cette catastrophe, sans dsavouer ses troupes, mais sans prendre sur
lui la faute. Dans cette tche, la chancellerie impriale joue un rle dcisif, et
ce titre le Dilogo de las cosas acaecidas en Roma, probablement rdig dans
les mois qui suivent par Alfonso de Valds, segretario de cartas latinas de lEmpereur, occupe une place trs particulire.1 En effet, si le Dilogo ne fait pas
partie de la raction officielle de la cour impriale face au sac de Rome, il
constitue cependant une des tentatives les plus compltes et les plus articules
pour rendre intelligible et raisonnable cet vnement catastrophique, et propose ainsi une des formes les plus abouties de ce que lon pourrait appeler
lhumanisme imprial. Comme lcrivait en 1956 Jos Fernndez Montesinos dans son dition du Dilogo, les hordes affames de Bourbon avaient mis
Rome sac. La nouvelle de ce fait incroyable produisit dans toute lEurope
une impression terrible. Valds, qui avait suivi les vnements de prs, se vit
en situation dappliquer ses conceptions la ralit.2 Je voudrais montrer que
cette application de ses conceptions la ralit conduit Valds construire
un discours politique qui prsente plusieurs analogies frappantes mais problmatiques avec cet autre discours politique que, quinze ans plus tt, Machiavel
a inaugur en Italie avec le Prince.
1. Toutes mes rfrences au Dilogo renvoient ldition dAngel Alcal (Alfonso de Valds,
Obra completa, Madrid: Fundacin J. A. de Castro, 1996; le Dilogo de las cosas acaecidas en
Roma se trouve p. 279-358). Jutilise aussi, ponctuellement, les ditions de Jos Fernndez Montesinos (voir note suivante) et de Rosa Navarro Durn (Alfonso de Valds,
Dilogo de las cosas acaecidas en Roma, Madrid: Ctedra, 2001).
2. Alfonso de Valds, Dilogo de las cosas acaecidas en Roma, ed. J. F. Montesinos, Madrid:
Espasa-Calpe, 1956, introduccin, p. xxxix.

Le machiavlisme problmatique de Valds

Quaderns dItali 16, 2011 117

Il me faut toutefois commencer par empcher un malentendu: il y a en effet


au moins deux mauvaises manires de chercher identifier dans le Dilogo
dAlfonso de Valds une quelconque trace de machiavlisme. La premire
consisterait se focaliser sur le contexte historique, et donc aussi sur le sens
tactique de ce dialogue, en considrant que si lentreprise de Valds a pour but
de justifier le fait scandaleux que constituent la prise et le pillage de Rome par
les troupes impriales en mai 1527, alors elle sinscrit dans une forme de
cynisme politicien dans lequel il faudrait reconnatre un certain machiavlisme
(mais cest un machiavlisme que lon rduirait alors sa propre caricature).
La seconde consisterait tcher avant tout didentifier la possibilit dune
influence directe de Machiavel sur Valds, en se concentrant ainsi sur des
questions de transmission doctrinale (et lon se heurterait alors un double
cueil: dune part, il nest jamais possible de dterminer avec certitude la
manire dont, tout particulirement la Renaissance, ce type dinfluence peut
passer par une connaissance simplement auriculaire; dautre part, cette premire difficult est redouble par la relative obscurit qui entoure lexistence
dAlfonso de Valds avant 1522).
Ce que je voudrais montrer ne relve au contraire ni de la ressemblance
entre des intentions morales htivement comprises, ni de lassignation historique dune relation concrte entre les deux humanistes, mais dune hypothse
sur lanalogie entre les rgimes discursifs quadoptent, presque au mme
moment mais dans des situations politiques et face des problmes pratiques
assez dissemblables, Niccol Machiavelli Florence et Alfonso de Valds
Valladolid. En dautres termes, on est conduit, lorsquon examine le Dilogo
de Valds, faire lhypothse que lon assiste linvention dune manire
nouvelle de construire le discours politique, invention qui est claire et rendue
plus intelligible par lanalogie que ses principes et ses enjeux entretiennent avec
lentreprise que mne Machiavel dans le Principe (1513) et les Discorsi sopra la
prima deca di Tito Livio (1513-1519).3
Pour dcrire cette analogie de faon ordonne, il faut commencer par identifier les points sur lesquels, au contraire, le discours de Valds semble diffrer
radicalement de celui de Machiavel. Trois points sont ce titre remarquables:
dabord, il y a entre les deux humanistes un dsaccord sur le statut de la providence; ensuite, il y a une diffrence dans la nature des sources textuelles quils
utilisent et dans lusage quils en font; il y a enfin, et plus fondamentalement
peut-tre, une dissonance dans la nature mme de leur humanisme. Ces trois
divergences sont loin dtre anecdotiques: toutes trois concernent lidentification mme du rgime de rationalit qui oriente les deux entreprises de Machia3. Pour le Prince, toutes mes rfrences renvoient ldition de Giorgio Inglese aux Presses
Universitaires de France (De principatibus / Le prince, ed. G. INGLESE, tr. fr. J.-L. Fournel
et J. Cl. Zancarini, Paris: PUF, 2000). Pour les Discours, je cite ldition dInglese (Discorsi
sopra la prima deca di Tito Livio, a cura di G. INGLESE, Milano: Rizzoli, 1984), tout en
utilisant galement ldition de Francesco Bausi (Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio,
a cura di F. BAUSI, Roma: Salerno Editrice, Edizione Nazionale delle Opere di Niccol
Machiavelli, 2001, 2 vol.).

118 Quaderns dItali 16, 2011

Laurent Gerbier

vel et de Valds. Il faut donc examiner ces trois points, partir dune question
prliminaire massive: cette triple diffrence ninvalide-t-elle pas la possibilit
mme dune analogie dans la construction des discours politiques de nos deux
humanistes?
a) La premire divergence tient au statut de la providence: loin den rabattre
la notion sur celle de fortune, comme le fait Machiavel dans le chapitre xxv
du Prince, Valds consacre la seconde partie du Dilogo montrer que le
vritable rgime dintelligibilit de la catastrophe de mai 1527 doit tre
recherch dans le plan de la providence. Cest ainsi comme chtiment
divin, sinscrivant dans lordre dune pdagogie douloureuse dont lavnement drasme et celui de Luther sont explicitement dsigns comme les
premires tapes,4 quil faut concevoir le sens du sac de Rome. Il y a l, chez
Valds, un palimpseste prcis et intelligent, en mme temps quune subversion, de la position doctrinale quadopte Augustin lorsquil rdige les trois
premiers livres de la Cit de Dieu aprs le sac de Rome par les Vandales
dAlaric en 410. Cependant, si le discours proprement augustinien se trouve subverti par le Dilogo, lheuristique providentialiste est maintenue: or
elle est profondment incompatible avec lorientation rsolument antisurnaturaliste du rgime de rationalit quentend adopter Machiavel dans
ses uvres. Machiavel construit en effet ses dmonstrations partir de
lapprhension de lois fondamentales de la nature, prcisment identifies
dans le proemio des Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio,5 et cest la
structure anthropologique des affects (passions et dsirs naturels des hommes) qui constitue lhorizon unique dans lequel se construit chez lui lintelligibilit des vnements.6 Cela entrane chez Machiavel la rpudiation
impitoyable, et dune ironie mordante, des prophtes dsarms
(Savonarole)7 et des princes conseills par Dieu (Mose),8 au lieu que Valds conclut le Dilogo sur la reprise du thme prophtique qui, depuis
lavnement de Charles Quint, joue un rle crucial dans la construction de
la figure proprement impriale de lhumanisme (on peut montrer que ce
sont les mmes formules et les mmes rfrences scripturaires9 qui permet4. Valds, Dilogo, p. 314: [Dieu] nous a de nos jours envoy cet excellent homme drasme
de Rotterdam, qui [...] a dvoil les vices et les tromperies de la cour romaine [...]. Et comme
vous ne tiriez en rien profit de tout cela, mais quau contraire les vices et les mauvais comportements croissaient chaque jour, Dieu [...] permit que se levt ce frre Martin Luther
[...] ([Dios] embi en nuestras das aquel excellente varn Erasmo Rotherodamo, que [...] ha
scrito descubriendo los vicios y engaos de la Corte romana [...]. Y como esto niguna cosa os
aprovechasse, antes los vicios y malas maneras fuessen de cada da creciendo, Dios [...] permiti
que se levantasse aquel fray Martin Luter [...]).
5. Machiavelli, Discorsi, Proemio, p. 60.
6. Voir tout particulirement Machiavelli, Discorsi, III, 43, p. 564-565.
7. Machiavel, Le Prince, chap. VI, p. 74-77.
8. ID., p. 72.
9. Et tout particulirement le fameux fiet unum ovile et unum pastor(quil ny ait quun seul
troupeau et quun seul berger), Jn 10:16.

Le machiavlisme problmatique de Valds

Quaderns dItali 16, 2011 119

tent darticuler ce thme prophtique, depuis la risponsiva oratio du Grand


Chancelier Mercurino Gattinara aux lgats des Princes-lecteurs en 151910
jusqu la conclusion du Dilogo,11 en passant par les dernires lignes de la
Relacin de la batalla de Pava rdige par Valds en 1525).12 Jessaierai
cependant de montrer que la dfinition mme par Valds de la distinction
entre les deux rgimes dintelligibilit, politique et providentiel, produit un
effet sur la nature du discours politique qui nest pas trs loign de celui
dans lequel sinscrit Machiavel.
b) La seconde divergence tient la nature et lusage des sources sur lesquelles repose la construction du discours politique. Machiavel met au service
de son entreprise une lecture constante des historiens antiques (cest la
continua lectione delle [cose] antiche, qui doit selon la lettre-ddicace du
Prince tre articule la lunga experienza delle cose moderne pour produire la connaissance des actions des hommes).13 Quant aux Discorsi euxmmes, ils constituent dabord une longue mditation raisonne sur les dix
premiers livres de lHistoire romaine de Tite-Live. Ainsi, pistmologiquement, ce sont les historiens antiques qui permettent de construire les
squences rationnelles rendant raison des faits et clairant lexprience.
Valds, au contraire, ne cite jamais les auteurs anciens: les seules rfrences
du discours de Latancio dans le Dilogo sont scripturaires. Pourtant, l
encore, une convergence relle existe, qui ne doit pas tre masque par cette
divergence: la connaissance intime des vnements, que Valds doit sa
fonction de segretario de cartas latinas, et quil investit dans le discours de
Latancio, correspond prcisment la comprhension dtaille des faits
que Machiavel investit dans les exemples historiques quil relate et quil
tudie. En dautres termes, lnorme masse dinformations, issue des lettres
et des rapports que reoit la cour impriale Valladolid partir du mois
de juin 1527, joue analogiquement le mme rle que les exemples romains
ou modernes convoqus et exploits par Machiavel. Nous essaierons de
mettre en vidence cette analogie ci-dessous.
c) Vient enfin une ultime diffrence: lhumanisme de Valds, marqu par
lvanglisme drasme, semble puiser des sources qui le rendent trs
diffrent de lhumanisme italien et naturaliste de Machiavel. Chez ce dernier en effet lappel la rforme spirituelle et morale du christianisme ne
constitue pas un thme dcisif, alors que chez Valds (comme chez le chan10. Voir le texte de la risponsiva oratio, traduite et commente, dans Laurent Gerbier, Les
raisons de lempire et la diversit des temps. Prsentation, traduction et commentaire de la
responsiva oratio de Mercurino Gattinara prononce devant la lgation des princes-lecteurs
le 30 novembre 1519, Erytheis, n 3, septembre 2008 (avec le texte et son commentaire en
franais et en espagnol: http://idt.uab.es/erytheis/numero3/gerbier.html).
11. Valds, Dilogo, p. 357.
12. Valds, Relacin de la batalla de Pava, in Obra completa, p. 46.
13. Machiavel, Le Prince, lettre-ddicace Lorenzo de Medici, p. 40.

120 Quaderns dItali 16, 2011

Laurent Gerbier

celier Gattinara) une bonne partie de la spcificit de lhumanisme imprial


tient prcisment sa tentative la fois culturelle et stratgique pour annexer larchi-humanisme rasmien lentreprise de dfense et dillustration
de lide impriale.14 Il y a cependant une dimension dans laquelle, au-del
de lcart qui se creuse entre lhumanisme rasmien et lhumanisme
italien,15 les deux humanismes de Machiavel et de Valds correspondent:
cette dimension, cest lappel la rforme. De la rforme des institutions
rpublicaines dont Machiavel thorise lindispensable riduzione verso il
principio16 lappel la nova reformatio de lglise et de lEmpire, cest-dire de la respublica christiana toute entire,17 par la grce de lEmpereur
doublement lu, il ny a pas ncessairement communaut de doctrine, mais
il y a trs certainement analogie de lexprience du temps prsent et de son
urgence.
Comme on le voit, si ces trois diffrences sont profondes, elles laissent tout
de mme entrevoir des points de contact possibles. Mais il y a, plus fondamentalement encore, une convergence cruciale entre les deux dmarches de
Machiavel et de Valds: les deux humanistes cherchent rendre raison dune
crise. La calata des Franais en 1494, et le bouleversement quelle a entran
dans les manires denvisager la guerre, la politique et la diplomatie, constituent lobjet privilgi de Machiavel objet auquel il faut ajouter la chute de
la rpublique en 1512, dont une part importante de lentreprise des Discorsi
tche de rendre raison. Analogiquement, cest bien sr le sac de Rome qui
constitue la crise fondatrice de lentreprise de Valds dans le Dilogo; et cest
aussi, dune autre manire, lvnement la fois politique et providentiel que
constitue lavnement de Charles Quint et la perspective de lunit de la respublica christiana.
La ncessit de penser lvnement et de le rendre intelligible constitue
donc la clef de lanalogie entre les formes dans lesquelles sinventent les discours
politiques de Machiavel et de Valds. Or, pour penser lvnement, il faut le
neutraliser, il faut lanalyser, et il faut accepter ainsi de trouver la fcondit
mme de la pense politique dans la crise, la discorde ou le conflit quelle se
14. Pour une lecture de la synthse entre humanisme rasmien et humanisme imprial dans les
dialogues de Valds, voir Marcel Bataillon, rasme et lEspagne. Recherches sur lhistoire
spirituelle du XVIe sicle, Genve: Droz, 1937, rd. 1998, chap. VIII, p. 395-466; voir
galement John M. Headley, Gattinara, Erasmus and the Imperial Configurations of
Humanism, Archiv fr Reformationsgeschichte, 71, 1980, p. 64-98.
15. cart que le Ciceronianus drasme, publi en 1528, va approfondir de faon dfinitive et
brutale.
16. Machiavelli, Discorsi, III, 1, p. 461.
17. Non seulement le lexique de la renovatio/reformatio est trs prsent dans les discours et les
remontrances de Gattinara entre 1519 et 1527, appliqu la manire mme de gouverner
lEmpire, mais on le retrouve dans les lettres et les rapports envoys de Rome entre mai et
juillet 1527, appliqu cette fois la rforme de lglise (voir les crits rassembls par Antonio Rodrguez Villa, Memorias para la historia del asalto y saqueo de Roma en 1527 por el
ejrcito imperial, Madrid, 1875).

Le machiavlisme problmatique de Valds

Quaderns dItali 16, 2011 121

donne pour objets. Cest dans ces trois dimensions neutralisation, analyse,
conflit que je vais tcher de mettre en vidence lanalogie entre le discours
de Valds et celui de Machiavel.
1. Effectualisme et neutralisation des faits politiques
Dans une lettre crite Barcelone le 15 mai 1529, Valds raconte rasme
dans quelles conditions il a t amen rdiger le Dilogo de las cosas acaecidas
en Roma. Cette lettre mrite dtre cite, parce quelle prsente le Dilogo
comme la rponse littraire une crise qui, ouverte par le sac de Rome au sein
de la chrtient toute entire, se trouve dabord rflchie dans le cercle des amis
humanistes de Valds:
El da en que se tuvo noticia de que nuestro ejrcito haba tomado y saqueado
la ciudad, cenaron conmigo varos amigos. A unos les caus risa lo ocurrido en
Roma, otros lo execraban, todos me rogaron que diera mi parecer, lo que promet
hacer por escrito aadiendo que el empeo era demasiado dificil para que nadie
decidiera de improviso. Ellos alabaron mi intencin y me pidieron palabra de
cumplir lo que prometa y, en efecto, tanto me inspiraron que hube de drsela.
En su cumplimiento escrib, casi jugando, el dilogo sobre la toma y el saqueo
de Roma (Dialogus de capta et diruta Roma). Procuraba en l descargar al Emperador de toda culpa y hacerla recaer en el Pontfice o, ms exactamente, en sus
consejeros, mezclando a mis consideraciones muchos pasajes extrados de tus
escritos (multaque his admiscui, quae ex tuis lucubrationibus excerpseram).18

Il faut donc, pour que la catastrophe qui dchire la chrtient engendre la


discursivit du Dilogo, la mdiation du cnacle humaniste: cest parce que ce
cnacle, runi autour de Valds lorsque la nouvelle parvient en Espagne, se trouve
instantanment divis dans sa raction lvnement, que la construction dun
discours pour raisonner du sac de Rome devient ncessaire. Les amis de Valds,
les rasmiens dEspagne dont il constitue avec son frre Juan une des figures les
plus importantes, se divisent en deux partis (qui miment la division de lEurope
chrtienne devant la nouvelle du sac de Rome), et demandent Valds son
arbitrage: le dialogue est cet arbitrage, ce qui le fait demble reposer sur un
dsaccord fondamental quil lui revient de prendre en charge et de rsoudre.19
Valds retrouve l une fonction du dialogue humaniste qui nest pas sans rappeler lhumanisme civique italien: il sagit de faire reposer lconomie du dialogue
sur une crise dans le cercle des amis, que la conduite mme du dialogue doit
permettre de reconstituer.20
18. Lettre de Valds rasme, de Barcelone, le 15 mai 1529, in Obra completa, p. 159.
La traduction est celle de J. F. Montesinos, op. cit., p. lxii.
19. Cest l un point qui a des consquences trs importantes: il constitue par lui-mme un des
lments qui permettent de penser une analogie entre Machiavel et Valds. Je reviendrai
sur cette question ci-dessous, dans la troisime partie.
20. On trouve un exemple parfait de cette manire de faire fonctionner le dialogue humaniste
dans les Dialogi ad Petrum Paulum Histrum (Dialoghi a Pier Paolo Vergerio) rdigs par
Leonardo Bruni dans les toutes premires annes du XVe sicle: les Dialogi mettent en scne

122 Quaderns dItali 16, 2011

Laurent Gerbier

Valds, dune manire qui doit donc au moins autant lhumanisme italien
qu lrasmisme des Colloques, fait alors du dialogue lespace mme dans lequel
peut avoir lieu limpossible confrontation entre les partisans et les adversaires
de lEmpereur, dont lopposition a t rendue apparemment inconciliable par
le sac de Rome. Comment va-t-il sy prendre? Il lui faut avant tout dlimiter
le champ dans lequel lincandescence symbolique de lvnement sera neutralise, de sorte que le discours entre les deux partis puisse sarticuler. Cette neutralisation constitue la fonction du titre mme de luvre: en nommant son
dialogue Dilogo en que particularmente se tratan las cosas acaecidas en Roma el
ao MDXXVII, Valds choisit en effet demble une formulation qui neutralise
trois fois le scandale du sac de Rome. Tout dabord, le titre nindique que ce
dont on va traiter: la neutralit du verbe suspend tout jugement de valeur,
toute apprciation de lvnement, et objective le sac de Rome en le tenant
distance dans la dnomination mme de lopration qui le vise. Ensuite, le sac
lui-mme nest plus dsign que par lexpression las cosas: dans le titre latin
annonc rasme en 1529, lobjet du dialogue tait Rome, prise et pille
(capta ac diruta Roma); dans le titre espagnol, lobjet est mis distance par
linsertion du verbe (qui fait porter la dfinition du dialogue sur lopration
quil ralise et non pas immdiatement sur lobjet lui-mme), puis rduit
la pure neutralit des choses survenues (cosas acaecidas). Ainsi lvnement,
la catastrophe, ou le scandale, se trouvent ramens leur dimension neutre de
faits, saisis dans leur survenue, cest--dire dans le mouvement par lequel ils
tombent, provisoirement privs par la grammaire elle-mme de toute indication de leur cause, puisque cest bien l que, prcisment, le dialogue va
trouver son principal problme. Enfin, ces choses survenues sont prises dans
les dterminations circonstancielles et simplement objectives de leurs coordonnes spatiales (en Roma) et temporelles (el ao MDXXVII).
Cette neutralisation initiale est essentielle pour dlimiter le champ dans
lequel le discours peut semparer dun tel vnement, lequel se trouve ainsi
factualis et ramen aux dimensions dun objet possible pour le raisonnement.
Mais, sil sagit dapprhender lvnement du sac comme chose, cest--dire
en le ramenant sa pure nature neutre de fait, comment peut-on prcisment
atteindre ce fait lui-mme, dbarrass de la rumeur qui lentoure? Comment
convaincre le lecteur lui-mme de suspendre son invitable prvention, favorable
ou dfavorable, quant au sens immdiatement axiologique de lvnement?
Ladresse au lecteur le dit: en ne sarrtant pas aux apparences.
Es tan grande la ceguedad en que por la mayor parte est oy el mundo
puesto, que no me maravillo de los falsos juizios que el vulgo haze sobre lo
que nuevamente ha en Roma acaecido, porque como piensan la religin
consistir solamente en estas cosas exteriores, vindolas ass maltractar, parceles que enteramente va perdida la fe. Y a la verdad, ans como no puedo
une querelle sur la valeur littraire des tre corone fiorentine (Dante, Ptrarque et Boccace),
et cette querelle qui divise le cercle des disciples du vnrable Coluccio Salutati est le moteur
mme du dialogue qui doit la rsoudre et recomposer le cercle de la parole.

Le machiavlisme problmatique de Valds

Quaderns dItali 16, 2011 123

dexar de loar la santa aficin con quel vulgo a esto se mueve, ass no me puede
parecer bien el silencio que tienen los que lo devran desengaar. Viendo, pues,
yo por una parte qun perjudicial sera, primeramente a la gloria de Dios
y despus a la salud de su pueblo cristiano, y tambin a la honra deste cristianissimo Rey y Emperador que Dios nos ha dado si esta cosa ass quedasse
solapada, ms con simplicidad y entraable amor que con loca arrogancia, me
atrev a complir con este pequeo servicio las tres cosas principales a que los
hombres son obligados. [...] vea las contrariedades del vulgo, que est tan asido
a las cosas visibles que casi tiene por burla las invisibles; pero acordme que no
escriva a gentiles, sino a cristianos, cuya perficin es distraerse de las cosas
visibles y amar las invisibles.21

Bien sr, lopposition du visible et de linvisible constitue ici un hritage


direct drasme,22 mais elle indique en ralit deux choses: non seulement elle
ouvre la voie une interprtation plus haut sens de lvnement quest le
sac de Rome (et cela annonce la lecture providentialiste que va en fournir la
seconde partie, et qui correspond la tonalit augustinienne de largumentaire de Valds), mais encore elle caractrise une entreprise qui entend dvoiler
le sens brut des faits, cach sous les illusions que colporte le vulgaire.23
Lillusion quil sagit donc de combattre consiste croire que cest la religion qui est maltraite dans les faits, alors que la foi, au contraire, ne se rduit
pas aux choses extrieures. Cette distinction est fondamentale pour ce quil
faut bien nommer lpistmologie du dialogue: elle dit que le sens religieux de
lvnement nest pas dans les choses extrieures, et quil va donc falloir en
proposer une lecture spirituelle, mais elle dit aussi symtriquement que ces
choses que nommait dj le titre ont un sens en dehors de la religion. Par l
se trouvent distingus les deux rgimes dintelligibilit de lvnement: dun
ct, prenant lvnement comme fait, on doit demander qui en est la cause
(ou, ce qui revient au mme, qui en est coupable), donc reconstituer la chane
causale qui produit la chose comme effet. Dun autre ct, prenant lvnement
comme sens, on doit prouver la ncessit spirituelle de la rforme, dont le sac
nest que le dernier avertissement envoy par la providence. Il y a l deux
rgimes de rationalit spars, dont la sparation mme indique que les faits
21. Valds, Dilogo, Al lector, p. 283-284.
22. Voir par exemple le 5e canon de lEnchiridion milites christiani: place la perfection de
la pit uniquement dans leffort pour toujours progresser du visible, qui dordinaire est
imparfait et mdiocre, linvisible, tr. A.-J. Festugire in rasme, loge de la folie et autres
uvres, Paris, Robert Laffont, 1992, p. 566.
23.
On pourrait sur ce seul point envisager un rapprochement possible avec la remarque, frquente chez Machiavel, selon laquelle les hommes ne se laissent convaincre que par ce
quils voient in viso, cest--dire face--face, au lieu quil est extrmement difficile de les
conduire se reprsenter un accident loign dans le futur ou une consquence lointaine
de leurs actes (voir, par exemple, Discorsi, I, 18). Il y a ainsi chez Valds et Machiavel une
commune volont de ne pas sen tenir aux apparences qui arrtent le vulgaire: bien sr,
la direction dans laquelle ils cherchent dpasser ces apparences nest pas la mme, mais le
mouvement lui-mme, cest--dire si lon veut lhermneutique politique conue comme
dpassement, est analogue.

124 Quaderns dItali 16, 2011

Laurent Gerbier

doivent disposer de leur propre horizon dintelligibilit purement politique (et


non religieux). Il sagit l encore de mettre en uvre une forme de neutralisation: pour faire taire les lamentations des partisans de Rome, il faut commencer par mettre entre parenthses le symbolisme religieux qui surcharge la lecture
de lvnement. Ce dernier devient alors susceptible dune analyse en termes
purement rationnels, qui dbouche sur une enqute sur les causes.
On a ainsi affaire, ds la mise en place du dialogue, un ensemble de
mcanismes de neutralisation qui dterminent la possibilit du discours que
le dialogue va tenir, et le mode sur lequel ce discours va tre tenu: objectivation, factualisation, quelle que soit la manire dont on choisira de dcrire ces
mcanismes, il est vident que lon est tent dy reconnatre certains lments
cruciaux de la composition du discours machiavlien. En effet, la rduction
des objets du discours politique leur pur statut de faits, et la neutralisation
idologique et morale de leurs enjeux, constituent des oprations fondamentales qui dterminent les conditions de possibilit du discours du Secrtaire
florentin. Il y a en effet chez Machiavel une opration de neutralisation des
enjeux idologiques, moraux et religieux du discours politique, qui est pistmologiquement indispensable, qui par ailleurs dtermine le rapport critique
que le Prince entretient avec la tradition mdivale des specula principorum,24
et qui enfin joue un rle si important quelle a conditionn la rception de
luvre de Machiavel tout au long du XVIe sicle, et dtermin certaines de ses
critiques les plus virulentes (en particulier dans les milieux proches de la papaut). Cest cet impratif de neutralisation qui conduit Machiavel refuser de
parler de Mose dans le chapitre VI du Prince (que jai dj voqu ci-dessus),
au motif quil bnficiait du conseil de Dieu lui-mme et sortait ainsi du cadre
des exemples utilisables pour la construction du discours politique. Cest un
impratif semblable qui anime toute la lettre-ddicace du Prince Lorenzo de
Medici, puisque la fonction principale de cette lettre est de convaincre les
Medici, revenus aux affaires avec la chute de la Rpublique, que le serviteur de
cette mme Rpublique dispose dun savoir politique qui est en lui-mme
dnu de toute valeur idologique: seule cette neutralit pistmologique du
ragionare dello stato rend pensable ladresse un Medici dun opusculo de
principatibus25 rdig dans lhiver 1513 par celui qui, quelques mois plus tt,
24. Sur la tradition des Miroirs des Princes, et sur la manire dont Machiavel en reprend et en
subvertit la forme, en vacuant tout particulirement la spcularit morale par laquelle les
Miroirs entendaient participer la formation des vertus princires, voir M. Senellart,
Les Arts de gouverner. Du romain mdival au concept de gouvernement, Paris: Seuil, 1994,
en particulier chap. 2.
25. Cest lexpression quemploie Machiavel dans la lettre Francesco Vettori dans laquelle il lui
annonce la rdaction du Prince, en dcembre 1513 (Jai compos un opuscule De principatibus, [...] qui dbat de ce quest le principat, de ce que sont ses espces, de la manire dont
elles sacquirent, de la manire dont elles se maintiennent, de la cause qui les fait perdre
([...] io ho composto uno opusculo De principatibus, [...] disputando che cosa principato, di
quale spetie sono, come e si acquistono, come e si mantengono, perch e si perdono), Lettre
F. Vettori, 10 dcembre 1513, in Machiavelli, Tutte le Opere, a cura di M. Martelli,
Firenze: Sansoni, 1992, p. 1160a).

Le machiavlisme problmatique de Valds

Quaderns dItali 16, 2011 125

tait emprisonn et tortur par ces mmes Medici. Cest, enfin, ce mme impratif de neutralisation qui est au cur du chapitre XV du Prince, lorsque
Machiavel annonce explicitement quil est impossible de construire une
connaissance efficace des affaires politiques en se conformant aux rgles purement morales, parce quil ny a aucune concidence entre ltre et le devoir-tre.
Ce dernier point mrite dailleurs quon y insiste, et quon cite le passage
en dtail: en effet, lenjeu de ce bref incipit du chapitre XV du Prince nest pas
seulement linstauration dune sorte damoralisme utilitaire. Il sagit, de
manire bien plus profonde, de dterminer un des fondements pistmologiques du discours politique machiavlien; or ce fondement, on va le voir, nest
pas sans analogie avec lentreprise de neutralisation de lvnement dont je
viens dessayer de dcrire les formes dans lincipit du Dilogo de Valds:
E perch io so che molti di questo hanno scripto, dubito, scrivendone ancora
io, non essere tenuto prosumptuoso, partendomi maxime, nel disputare questa materia, dalli ordini delli altri. Ma sendo lintenzione mia stata scrivere cosa
che sia utile a chi la intende, mi parso pi conveniente andare drieto alla
verit effettuale della cosa che alla immaginazione di epsa. E molti si sono
immaginati republiche e principati che non si sono mai visti n conosciuti in
vero essere. Perch gli tanto discosto da come si vive a come si doverrebbe
vivere, che colui che lascia quello che si fa, per quello che si doverrebbe fare,
impara pi presto la ruina che la preservazione sua: perch uno uomo che
voglia fare in tutte le parte professione di buono, conviene che ruini infra tanti
che non sono buoni.26

On reconnat dans la dernire phrase de ce passage ce quil est convenu de


nommer le pessimisme anthropologique de Machiavel: cest ce pessimisme qui
rend lide mme dune conduite morale aberrante dun point de vue pratique,
et qui rend donc indispensable la neutralisation axiologique des faits et des actes
humains sur lesquels porte le discours machiavlien. Mais lessentiel nest peuttre pas lnonc de ce pessimisme, qui se retrouve dans plusieurs autres passages
de luvre du Secrtaire: lessentiel est larticulation de ce pessimisme un principe pistmologique fondateur du ragionare dello stato, principe qui trouve ici
sa formulation la plus claire. En effet, la distinction entre la verit effettuale della
cosa et limmaginazione di epsa, et la dsignation de la premire comme principe
du ragionare machiavlien, constitue le manifeste de leffectualisme machiavlien.
Il sagit ici pour Machiavel de prsenter la supriorit du fait sur lide, et daffirmer que cest dans le fait que repose la seule vrit de la chose: la verit est dite
effettuale au double sens o elle est factuelle et effective. Elle est dabord factuelle, par opposition avec les rpubliques et les principats imaginaires, dans
la condamnation desquels les commentateurs saccordent voir un rejet du
platonisme et plus gnralement de lidalisme philosophique en matire politique. Elle est ensuite effective, ce qui signifie avant tout que chez Machiavel
les objets du raisonnement sont les faits pris comme effets, cest--dire comme
26. Machiavel, Le Prince, chap. XV, p. 136-137.

126 Quaderns dItali 16, 2011

Laurent Gerbier

lments dune squence causale qui les produit, et dans laquelle ils sont leur
tour apprhendables comme producteurs deffets subsquents.
La reconstitution de ces squences constitue la mthode mme du ragionare
machiavlien: cest cette fin que sont employs les exemples historiques
modernes ou anciens, et cest par ce moyen que le ragionare peut tre utile au
prince, puisquil lui fournit les connaissances utiles portant sur les formes
typiques que prennent dans le temps de laction humaine les relations de
cause effet, ce qui lui donne la possibilit de calculer les voies de ses propres
oprations, et danticiper la survenue des vnements civils.
Il faut toutefois, sur ce point prcis, maintenir une distinction importante
et clairante: si le discours de Valds articule lui aussi sa manire un ragionare
des vnements civils, il nest cependant pas utile au prince au sens o il lui
offrirait un outil raisonn pour guider sa conduite et asseoir ses dcisions. Le
ragionare de Valds est utile au prince parce quil construit aprs coup le point
de vue sous lequel sa conduite est lgitime et rationnelle, tandis que le ragionare
de Machiavel ne vient aprs laction que parce quelle constitue le matriau
quil lui faut analyser et ordonner. Ainsi, le ragionare machiavlien est avant
tout conu pour raisonner et guider a priori les actions qui viendront aprs lui,
tandis que le ragionare de Valds, au contraire, vient aprs laction et en montre
a posteriori la rationalit. Il faut dsormais passer ltude de ce ragionare luimme: il y a bien entre les discours politiques de Machiavel et de Valds une
orientation commune, selon laquelle cest par la raison que doit se construire
lintelligibilit politique des faits, mais il faut examiner la manire dont se
dploie, dans le tissu mme du discours, cet usage de la raison.
2. Le ragionare, la razn et les racines de la raison dtat
Si lentreprise machiavlienne peut tre dcrite par le Secrtaire dans le prologue des Discorsi comme un effort pour trovare modi e ordini nuovi27 en
politique, loutil de cet effort est le ragionare dello stato dont Machiavel faisait
sa vocation propre dans une lettre Vettori en avril 1513.28 Le ragionare
machiavlien constitue le cur de linvention des ordres et des modes nouveaux: cest en effet un certain usage de la raison qui permet le riscontro des
vnements nouveaux avec les vnements anciens, la construction des
squences causales typiques, et lapplication de leffectualisme aux figures chan27. Machiavel, Discorsi, proemio A, p. 55.
28. La Fortune a fait que, ne sachant raisonner ni de lart de la soie ni de lart de la laine, ni
des gains ni des pertes, il me faille raisonner de ltat (la Fortuna ha fatto che, non sapiendo
ragionare n dellarte della seta et dellarte della lana, n de guadagni n delle perdite, e mi
conviene ragionare dello stato), Lettre F. Vettori, in Machiavelli, Tutte le Opere, op. cit.,
p. 1131b. On remarque que le ragionare politique est ici reconduit ses sources marchandes: raisonner de ltat, cest tenter de trouver dans le dsordre apparent des vnements politique une rgle de calcul analogue celle quemploient les marchands qui
pratiquent lart de la soie ou lart de la laine, et qui tablissent dans leurs livres de comptes
la ratio des gains et des pertes.

Le machiavlisme problmatique de Valds

Quaderns dItali 16, 2011 127

geantes du temps civil. La raison de Machiavel a donc pour objet principal


les cas que fournissent lexprience des fait modernes et la lecture des faits
antiques: elle sapplique reconstruire ces cas, en tirer des leons complexes,
opposer les exemples aux rgles, et rsoudre leurs contradictions. Parmi les
outils privilgis de cette raison, la disjonction permet Machiavel de rapporter une rgle gnrale des faits particuliers en identifiant ceux de leurs facteurs qui varient, calculant ainsi les situations pour les rendre intelligibles et
disponibles pour guider les oprations ultrieures des diffrents agents politiques. La question quil me faut dsormais aborder est la suivante: la razn
qui joue un si grand rle dans largumentaire de Latancio dans la premire
partie du Dilogo de Valds entretient-elle un quelconque rapport avec le
ragionare machiavlien ainsi compris?
Dans le Dilogo, la razn se prsente dabord comme un prolongement
logique de lentreprise de neutralisation de lvnementialit brutale du sac de
Rome: elle constitue lantidote la passion qui anime lArchidiacre del Viso,
dans la longue lamentation sur le sac de Rome qui occupe sa premire tirade.
Selon lArchidiacre, lEmpereur a fait Rome ce que jamais ne firent les
infidles, il na agi que par passion particulire ([ha] hecho en Roma lo que
nunca infieles hizieron), et le sac est une succession dignominies et doutrages pires que ceux que les Goths avaient infligs la Ville, de sorte que
lEmpereur est coupable davoir trahi son rle de protecteur de la chrtient,
de dfenseur de la papaut et dhritier des Rois catholiques. Face ce cri du
cur, qui inscrit dans le commencement mme du dialogue la version la plus
vive de lacrimonie des partisans de Rome, Latancio choisit au contraire de
changer de registre:
Yo he odo con atencin todo lo que havis dicho, y a la verdad, aunque en
ello he odo hablar a muchos, a mi parecer vos lo acriminis y afeis ms que
ningn otro. Y en todo ello vens muy mal informado, y me parece que no la
razn, mas la passin de lo que avis perdido os haze dezir lo que havis dicho.
Yo no os quiero responder con passin como vos havis hecho, porque sera
dar vozes sin fructo. Mas sin ellas yo espero, confiando en vuestra discrecin
y buen juizio, que antes que de m os partis os dar a entender qun engaado estis en todo lo que havis aqu hablado. Solamente os pido que estis
atento y no dexis de replicar quanto toviredes qu, porque no quedis con
alguna duda.29

Ainsi Latancio oppose la raison quil emploiera lui-mme la passion, voz


sin fructo, qui meut lArchidiacre. Se dtournant de cette passion, il choisit
de sadresser la discrecin et au juicio de son interlocuteur, cest--dire sa
capacit de discrimination raisonnable: la razn se prsente donc dabord
comme le moyen par lequel le dbat entre positions adverses est rendu possible, par cela mme que ladversaire se trouve intgr non seulement dans le
jeu narratif du dialogue, mais aussi dans la sphre du jugement sain. En refu29. Valds, Dilogo, p. 290.

128 Quaderns dItali 16, 2011

Laurent Gerbier

sant le discours passionn pour sinstaller lui-mme, et installer son adversaire


avec lui, dans le discours raisonn, Latancio rend possible la rencontre de deux
positions idologiquement et moralement inconciliables. Cette rplique de
Latancio est donc dcisive: elle pose les bases de lconomie de la discussion,
qui requiert de lArchidiacre la participation non seulement passive (en tant
quon lui a reconnu les facults de la discrecin et du juicio) mais aussi lengagement actif: en demandant lArchidiacre dtre atento, et de ne jamais
manquer de replicar afin quaucun doute ne subsiste, Latancio manifeste le
besoin dune adversit non pas seulement reprsente et muette, mais active,
et investie dans la conduite du dbat. La requte de Latancio dessine ainsi le
projet dune longue chane de raisons, continue, qui doit conduire la leve
de tout doute, et qui exige lattention et la production de la contradiction tout
au long de ses maillons.
Il va donc falloir suivre un raisonnement continu, sans saut ni rupture,
dans lequel ladversaire jouera le rle de contrleur de la continuit de largumentation, de sorte que lArchidiacre nest pas un rpondant plastique ( la
manire dun Mnon ou dun Thtte, changeant de position au fil des thses
que Platon veut voir Socrate combattre ou rfuter), mais un vritable interlocuteur, dot dune authentique position, et dont il est vital quil contrle la
procdure discursive et y adhre. Ce nest en effet que par son investissement
discursif que le cercle de la parole que dessine le dialogue pourra vritablement inclure ladversaire, et que lentreprise de dmonstration pourra tre
efficace.
Cependant lArchidiacre ne saisit pas ce mode argumentatif dans lequel
il est tentant (mais sans grand intrt technique du point de vue de lintelligibilit du texte lui-mme, vrai dire) de voir une anticipation des chanes
de raison cartsiennes: il ne comprend pas totalement la modernit de cet
appel la raison, et il le saisit donc en le rabattant sur un usage plus classique
du jugement, en considrant quil va sagir dune plaidoirie, et en comparant par bravade le rle que Latancio se prpare assumer celui de Cicron:
je vous tiendrai pour meilleur orateur que Tullius si vous parvenez
dfendre cette cause(yo os tern por mejor orador que Tulio si vos supiredes
defender esta causa) (ibid.). Cette rplique tmoigne dun double malentendu: un malentendu rhtorique sur la nature mme du rle que Latancio
se dispose jouer, doubl dun malentendu technique sur le sens du mot
causa. En effet Latancio refuse lhommage paradoxal que porte la comparaison avec Cicron:
No quiero sino que me tengis por el mayor necio que hay en el mundo si no
os la defendiere con evidentssimas causas y muy claras razones.30

Ainsi Latancio ne veut pas tre Cicron (et il est tentant didentifier dans
cette dngation une dicrte affinit avec rasme, qui publiera lanne suivante
30. Ibid.

Le machiavlisme problmatique de Valds

Quaderns dItali 16, 2011 129

le Ciceronianus, dialogue stigmatisant la fascination de lhumanisme italien


pour le modle cicronien, et que lon peut considrer comme la seule vritable
rponse drasme au sac de Rome),31 il veut simplement dmontrer selon la
raison: or, dmontrant selon la raison, il ddouble le sens de lide de cause.
Sil entend en effet dfendre sa cause, cest par le recours un raisonnement
qui porte sur les causes (videntissimes), ajoutant ainsi la construction de
la rhtorique judiciaire lindication dun mode argumentatif rationnel, fond
sur des principes que leur vidence mme doit rendre incontestables par les
deux parties. La razn va donc sincarner dans la construction de dmonstrations capables de fournir des explications causales indubitables.
Quelle forme va prendre ce raisonnement par les causes? Comment
construire ce raisonnement de telle sorte quil emporte la conviction de lArchidiacre lui-mme? Il faut avant tout tablir pour la dmonstration un point
de dpart sur lequel Latancio et lArchidiacre soient daccord: ce point de
dpart, cest la dfinition des offices propres du pape et de lEmpereur, dfinition que Latancio demande lArchidiacre de formuler lui-mme. Ces
dfinitions officielles saisissent les natures respectives de la papaut et de
lempire la fois comme devoirs (cest le sens classique de lofficium) et
comme fonctions (selon le sens moderne de lofficio): elles constituent donc
littralement un cahier des charges, auquel le travail de la raison consiste
rapporter lensemble des faits et gestes des deux agents. Toute la dmonstration de la premire partie du dialogue consiste alors relire lensemble de la
squence politique qui a conduit au sac de Rome, en analysant en dtail les
faits et gestes de chacun des deux agents pour les rapporter leur office. Un
tel discours constitue alors proprement un discursus, au sens machiavlien que
prend le terme dans les Discorsi, un discursus, cest--dire littralement un
va-et-vient, qui se jouera ici entre lordre des faits et lordre des natures:
toutes les razones quinvoque Latancio dans sa dmonstration sont les arguments qui tayent les mesures de la conformit dune conduite, dun geste,
dune action, avec loffice de celui qui en est le sujet. Raisonner, cest donc
ici vrifier quun acteur politique agit conformment ce que porte sa nature,
cest--dire son officio.
Cependant ces mesures de conformit se prsentent successivement sous
deux rapports diffrents: dans un premier temps, la dmonstration sopre en
prenant en compte loffice rel du pape, cest--dire le vicariat spirituel auquel
tout le comportement de Clment VII na cess de droger; puis, dans un
second temps, Latancio entreprend de raisonner par fiction, en inversant cet
office et en considrant le pape comme un prince sculier (prncipe seglar).
Cette nouvelle perspective constitue la fois une drogation la raison (qui
commande de juger de la conduite du pape en la rapportant son office
propre) et lamorce dune autre forme de raisonnement:
31. Voir largumentaire dAndr CHASTEL, Le sac de Rome, 1527, Paris: Gallimard, 1984,
p. 181-192.

130 Quaderns dItali 16, 2011

Laurent Gerbier

Hasta agora he tratado la causa llamando al Papa vicario de Jesu Cristo, como
es razn. Agora quiero tratarla haziendo cuenta o fingiendo qul tambin es
prncipe seglar, como el Emperador, porque ms a la clara conozcis el error
en que estvades.32

Ce changement de perspective appelle trois remarques:


a) Tout dabord, on a dsormais affaire un raisonnement par hypothse,
mais lhypothse elle-mme, ou pour reprendre le terme mme quemploie
Latancio la fiction, ne fait que prendre acte de la dfense que lArchidiacre
ne cesse dopposer son interlocuteur (en effet, depuis le dbut de la
dmonstration, lArchidiacre cherche justifier politiquement les manquements du Pape un office dabord spirituellement dfini). De ce point de
vue, la fiction qui envisage la conduite du pape comme prince sculier
constitue videmment en ralit une condamnation en soi de son comportement, puisquelle le saisit dans la vrit nue de son calcul politique, qui
droge son vritable office. Cette manire de feindre loffice politique
du pape pour les besoins de la dmonstration produit bien sr, comme en
passant, un dvoilement puissamment critique de la rduction par le pape
lui-mme de son vicariat spirituel de sordides calculs dintrt: le procd
tranche, aprs tant dautres, lancienne querelle qui porte sur la lgitimit du
pouvoir temporel du pape, et sinscrit ainsi trs videmment dans la longue
histoire des dnonciations de lengagement de la papaut dans les affaires
civiles, qui mne de Marsile de Padoue33 rasme34 en passant par Lorenzo
Valla35 et Machiavel.36
b) Ensuite, il faut remarquer quen reconstruisant lanalyse de la conduite du
pape comme prince sculier, Valds installe dsormais de plain-pied sa
dmonstration dans limmanence dun agir politique humaine et purement
naturel. LArchidiacre, dont tout le comportement tend montrer quil ne
32. Valds, Dilogo, p. 301.
33. Le Defensor Pacis de Marsile de Padoue dnonce en 1324 linvestissement du pape dans les
affaires civiles comme un sophisme pernicieux pour les cits et les royaumes; selon un
ordre qui nest pas sans voquer le plan mme du Dilogo, le Defensor entreprend dextirper
ce sophisme en le combattant dans la prima dictio par des raisons humaines et civiles et
dans la secunda dictio par des raisons divines et religieuses.
34. La position constante drasme, qui fonde tout largument de la Querela Pacis et qui
se retrouve galement dans dinnombrables ptres, consiste refuser que le pape
simmisce dans les conflits politiques puisquil devrait au contraire en tre larbitre et
le juge de paix.
35. Valla est bien entendu lauteur du De falsa credita et ementita Constantini donatione (1442),
clbre dmonstration de la fausset de la soi-disant donation de Constantin, qui fondait
sur un faux (probablement produit dans lcole de Reims au IXe sicle) les possessions
territoriales par lesquelles la papaut se trouvait de fait engage dans les affaires politiques
de la pninsule italienne.
36. Machiavel fait porter sur les entreprises temporelles de la papaut la responsabilit dune
grande partie des malheurs de lItalie, en particulier dans les Histoires Florentines, quil
a prsentes Clment VII lui-mme en 1525.

Le machiavlisme problmatique de Valds

Quaderns dItali 16, 2011 131

sait au fond raisonner que sous ce biais, accepte naturellement cette manire
de conduire la dmonstration, quand bien mme les conclusions le drangent.
Ainsi, si Rosa Navarro Durn remarque propos de cette rorientation du
propos que la exposicin es, a partir de ahora, esencialmente poltica,37 on
pourrait au contraire considrer quelle ltait dj, et que cette figure du
pape-prince ne fait que prendre acte de la forme que le dialogue a adopte
ds le dbut de la premire partie. Les raisons appliques lanalyse de la
conduite de Clment VII ne se contentent pas de pointer la transgression par
le pape de son office rel: elles manifestent la consistance du raisonnement
politique lui-mme. Les raisons politiques quinvoquait lArchidiacre taient
destines justifier la conduite du pape en excipant dune sorte de raison
dtat embryonnaire,38 qui et autoris les actions de Clment au nom de
lintrt suprieur de ses tats: la fiction du pape-prince permet Latancio
de dnoncer cette raison dtat, en montrant que le plan politique possde
aussi ses raisons ordinaires, auxquelles le pape a galement drog. Cette
manire dargumenter est particulirement sensible lorsquil sagit dimputer
aux conseillers du pape lessentiel des fautes qui ont conduit au dsastre: Latancio, en une tirade dautant plus remarquable quelle prend le contre-pied de
la position officielle assume par Charles Quint dans des lettres rdiges par
Valds lui-mme, refuse cette excuse:
Pensis vos que delante de Dios se escusar un prncipe echando la culpa a
los de su consejo? No, no. Pues le dio Dios juicio, escoja buenas personas
que estn en su consejo e consejarle bien. E si las toma o las quiere tener
malas, suya sea la culpa, e si no tiene juizio para escoger personas, dexe
el seorio.39

Non seulement cest en rappelant que le pape possde par nature un juizio qui le rend comptable de ses actes, semblable au juizio quil entendait
dabord solliciter chez lArchidiacre, que Latancio construit son argument,
mais encore cet argument reprend-il littralement largument semblable que
Gattinara, chancelier de Charles Quint, adressait en 1519 lEmpereur dans
son Mmoire sur lempire pour lui recommander de bien choisir ses propres
conseillers:
Est necessaire que vostre mageste ayt plus esgard a pourveoir que les offices et
benefices soient decourez de personnes vertueuses dignes et souffisantes que
de vouloir decourer personnes indignes et inhabiles par offices benefices
37. R. Navarro Duran, introduction son dition du Dilogo, op. cit., p. 39.
38. La trace textuelle la plus vidente de cette proto-raison dtat se trouve dans lexclamation
de lArchidiacre sidr par la prcision des informations factuelles quexhibe Latancio:
Do savez-vous cela? Vous parlez ici comme si vous tiez du conseil secret du Pape (Por
dnde sabis vos esso? Ass hablis como si fussedes del consejo secreto del Papa) (Valds,
Dilogo, op. cit., p. 293): ainsi lArchidiacre se trouve battu sur son propre terrain, qui est
celui du conseil secret et des raisons caches de la politique des souverains, cest--dire celui
des arcana imperii.
39. Valds, Dilogo, p. 293.

132 Quaderns dItali 16, 2011

Laurent Gerbier

et dignitez. Car sire vous seriez tenu respondre devant dieu de maulx qui
sensuyvroient par la promotion de personnes indignes et inhabiles.40

Valds, par la bouche de Latancio, affirme ainsi que cette raison dtat
qui est en germe dans largumentaire politique quil adopte ne doit jamais
se concevoir seulement comme une autorisation dexceptionnalit, mais
quelle implique toujours aussi un ordre: la raison dtat est dabord une
raison.
c) Enfin, on doit souligner que dans le dtail des arguments, lenqute sur la
rationalit politique des comportements du pape offre Latancio loccasion
de reconstruire quelques squences causales qui constituent la matire dun
rapprochement tentant avec la pratique machiavlienne du ragionare dello
stato. Sans tenter de suivre tout au long du dialogue les usages de la razn (ni
les occurrences du terme), les arguments articuls autour du cas du duch de
Milan fournissent un bon exemple de la reconstruction trs particulire de ces
squences causales, qui constitue lquivalent valdsien du ragionare machiavlien.
Au moment o laffaire du duch de Milan entre en scne, Latancio vient
de dclamer contre la faute des ministres de Dieu, qui est plus grande encore
lorsquils pchent que ne lest le pch des simples ministres des hommes,
parce que lexemplarit qui est requise chez eux est plus grande, et plus graves
leurs errements. LArchidiacre cherche alors, comme il le fait tout au long du
dialogue, ouvrir un nouveau front: il interroge Latancio brle-pourpoint
sur linjustice commise contre le duc de Milan, dchu de son duch par lEmpereur. Latancio se lance donc dans une patiente reconstruction de la rationalit des conduites impliques dans la production de cet vnement: cest cette
reconstruction quil nous faut examiner en dtail.
a) Les (bonnes) raisons de lEmpereur
Dans un premier temps, la dmonstration porte sur les faits: comment et
pourquoi lEmpereur a-t-il confi le duch Sforza avant de le lui retirer?
Latancio montre tout dabord que LEmpereur a confi le duch Sforza qui
ntait pas un de ses vassaux et ne lui avait rendu aucun service, alors quil
aurait lgitimement pu conserver le duch pour lui-mme ou un de ses faux:
[...] el Emperador puso en el Estado de Miln al duque Francisco Sforcia,
podindole tomar para s pues tiene a l mucho ms derecho que el mismo
Duque, y slo por la paz y sossiego de Italia y de toda la cristiandad le quiso
dar a un hombre de quien nunca servicio hava recevido.41
40. Mercurino Gattinara, Mmoire sur lempire adress Charles Quint (juillet 1519), in Carlo
Bornate, Historia Vite et gestorum per dominum magnum cancellarium, Miscellanea
di Storia Italiana, 3a serie, tomo XVII, Torino: Fratelli Bocca, 1862, p. 407.
41. Valds, Dilogo, p. 302.

Le machiavlisme problmatique de Valds

Quaderns dItali 16, 2011 133

Cette argumentation est doublement intressante: dune part, elle tmoigne


de la connaissance interne des longs dbats qui ont agit les conseillers de
Charles Quint pour savoir sil fallait laisser Sforza la tte du duch (dans les
remontrances quil adressait lEmpereur en 1523, Gattinara plaidait justement, presque seul contre les autres conseillers, pour que Charles laisst le
duch Sforza, lment essentiel de ce quil appelait lasseurement de
Italie;42 linvestiture officielle de Sforza est finalement signe par Charles
Quint le 30 octobre 1524 Tordesillas).43 Dautre part, ce raisonnement
comporte une premire leon: il faut comprendre la conduite relle des agents
politiques en la rapportant lensemble des conduites possibles (ici, linvestiture de Sforza nest pleinement intelligible que si lon rappelle que lEmpereur
aurait pu agir autrement, et pourquoi).
Ensuite, dit Latancio, lEmpereur a appris que Sforza conspirait avec les
ligus: il a ainsi trahi la confiance de son suzerain, commettant un crime de
lse-majest qui justifie la dcision de le dchoir du duch (pues hava
cometido crimen laesae maiestatis, era razn que como rebelde y desagradecido fuesse privado de su stado, Dilogo, p. 302). Ce nouvel argument
appelle son tour deux remarques: dune part, il y a l la seconde leon du
raisonnement, qui enseigne que lorsque lon reconstruit rationnellement
lordre des vnements, ils deviennent parfaitement intelligibles et ne laissent
plus de prise limprcation passionne de lArchidiacre (il tait de raison
(era razn) que Sforza perdt le duch). Dautre part, le passage appelle une
remarque plus anecdotique, mais instructive: Angel Alcal, dans ldition de
lObra completa, suit dans le passage que je viens de citer la leon privado
de su stado (p. 302), que Rosa Navarro Durn, dans son dition du Dilogo, corrige en privado de su Estado (p. 112). Alcal laisse donc lire dans le
texte un de ces trs nombreux italianismes quil voque dans la prface, et
quil attribue hypothtiquement au fait que les premires ditions compltes
des deux dialogues de Valds (le Latancio et le Mercurio y Carn) ont t
42. En ce point, pour ce que scai que la pluspart de ceux de vostre conseil pourront parler
au contraire, les ungs pour non congnoistre que cest de lestat de Milan ni scavoir les
choses dItalie, et les aultres pour estre ladventure informez de aulcungs qui, sous
couleur de remectre les bannis en lestat, avec vaine demonstracion de prouffit, penseront de vous bien conseiller de non bailler la investiture au Duc, ains prendre led[i]t
Estat en vos mains, suis pour ce constraint de mextendre en ce plus amplement [...]. Je
dis doncques, Sire, quil vous est necessaire de bailler la investiture de Milan ce Duc
Francisque ou estre en danger de perdre lEstat de Milan. (Avis donn lEmpereur
Charles-Quint par les premiers seigneurs, conseillers et ministres dEtat pour le bon
gouvernement de ses royaumes et Etats (1523), in Ernest Gossart, Notes pour servir
lhistoire du rgne de Charles-Quint, extrait du tome LV des Mmoires couronns et autres
mmoires publis par lAcadmie royale de Belgique, Bruxelles: Hayez, 1897, Appendice B,
p. 118).
43. Le dcret de Charles Quint qui attribue Francesco Sforza le Ducatum Mediolani,
& Comitatum Papiae, atque Angleriae, cum eorum Civitatibus, ac Terrarum directo jure
ad Sacrum Romanum Imperium spectantes, est videmment rdig par Valds lui-mme,
et figure p. 32-36 dans lObra completa.

134 Quaderns dItali 16, 2011

Laurent Gerbier

faites en mme temps que leurs traductions italiennes.44 Mais on pourrait


aussi bien considrer que ces italianismes dpendent galement dun ensemble
de leons politiques formules ici loccasion dun problme italien, et dune
manire italienne de raisonner des affaires civiles: cest trs exactement le sens
de lavertissement de Gattinara dans la remontrance de 1523, qui met Charles
Quint en garde contre le fait que ses conseillers espagnols et bourguignons ne
comprennent pas bien la politique moderne telle quelle sincarne dans les
affaires dItalie. A ce titre, les italianismes du Dilogo ne sont pas seulement
des interfrences linguistiques que lon peut rfrer un certain tat de ldition: ils constituent peut-tre aussi des traces dune vritable, quoique discrte,
fcondation de la pense politique de lhumanisme imprial par lhumanisme
italien.45
Enfin, Latancio conduit une brve discussion contre lArchidiacre visant
tablir les consquences juridiques de limputation du crime de lse-majest:
cette discussion qui tablit la lgitimit de la dposition de Sforza et fixe
la manire de juger ce genre de flonies montre que le dlit tait vident,
le dommage caus urgent, de sorte quil ntait pas juridiquement ncessaire
dentendre laccus avant de prendre les mesures qui simposaient que Sforza ait aussitt rejoint les conjurs prouvant dailleurs, sil en tait besoin, sa
culpabilit. On tient l la troisime leon de ce passage: la rationalit de largumentation implique la dtermination objective du statut juridique des faits
dont on raisonne.
Cette brve analyse illustre donc trois caractristiques de lusage valdsien
de la razn: premirement, il sagit de reconstruire lintelligibilit des conduites
relles sur le fond de lensemble des conduites possibles; deuximement, en
produisant cette intelligibilit on raisonne des faits en empchant quon les
apprhende par le seul moyen du discours passionn; troisimement, un des
vecteurs de lobjectivation de ces faits tient ltablissement de leur statut
juridique. La suite de la discussion sur le duch de Milan va mettre en vidence
un autre usage de la raison, propre la fiction par laquelle on peut considrer le pape comme un prince sculier.
b) Les (mauvaises) raisons du pape
Latancio, aprs avoir dmontr que lEmpereur avait agi en toute raison, passe
au problme suivant: quest-ce que le Pape venait faire l-dedans? (qu tena
el Papa que hazer en esto?) (ibid.). La reconstruction de la rationalit des
conduites va cette fois se faire sur le mode hypothtico-dductif, et elle conduit
44. [...] todas esas ediciones de ambos Dilogos estn llenas de itanianismos, por ser hechas
quiz a la vez que la traduccin de ambos al italiano (Venecia, 1545), que se reimprimi
seis veces en poco aos (A. Alcal, in Obra completa, p. xlviii).
45. De cette fcondation le vecteur principal est de toute vidence Mercurino Gattinara
lui-mme, mais peut-tre aussi, de manire plus sourde, Pietro Martire dAnghiera, humaniste milanais pass au service des Rois Catholiques ds 1487 et trs certainement premier
protecteur de Valds.

Le machiavlisme problmatique de Valds

Quaderns dItali 16, 2011 135

Latancio envisager diverses conduites possibles pour clairer celle que le pape
a effectivement adopte, reprenant et systmatisant la mise en rapport de
la conduite relle aux conduites possibles qui guidait le dbut de largument.
Le premier constat de Latancio est strictement juridique: si un prince (Charles
Quint) doit chtier un vassal (Francesco Sforza), ce nest pas au pape de sinterposer. Deux logiques se combinent dans cet argument: une logique fodale,
qui repose sur la hirarchie des agents impliqus, dans laquelle nul tiers ne doit
sinterposer; et une logique rasmienne, qui souligne encore une fois que le
pape ne doit pas simpliquer dans les affaires politiques des princes sculiers.
Puis Latancio, selon une premire fiction, accepte lhypothse selon
laquelle cette implication correspondrait loffice du pape: il fallait alors, ditil, accepter loffre transmise par Hugo de Moncada. Que fait ici Latancio?
Il donne la fiction dlibre le poids dun principe do peut se dduire une
consquence. Le rle de la fiction est avant tout de permettre la reconstruction
de la rationalit pratique comme calcul des consquences sur la base dun
principe (qui plus est, ce calcul prend ici une forme explicitement quantitative:
il et t raisonnable, dit Latancio, de prfrer gagner uno en paz que dos en
guerra, ibid.).
Enfin, poursuivant son entreprise de reconstruction, Latancio remonte
lintention du pape: si le pape voulait restaurer Sforza dans le seul but dviter
que lEmpereur conserve le duch ou le transmette son frre Hernando, alors
il et t dautant plus raisonnable daccepter loffre porte par Hugo (et
Latancio rappelle alors les termes de cette offre, qui constitue elle-mme une
squence, ou une procdure: il tait prvu de remettre le duch des tiers,
et de faire juger le cas de Sforza, de sorte que de cette squence naissait une
alternative: si Sforza tait innocent le duch lui tait restitu, mais sil tait
coupable le duch devait passer Bourbon, candidat agr par le Pape). A ce
stade la conduite du Pape est intgralement reconstruite sur la base des disjonctions hypothtiques qui en examinent et en dissquent tous les calculs et
toutes les raisons, mme les moins convenables son office rel. Il ne reste
donc plus que sa conduite concrte, singulire, qui ne correspond aucune
de ces voies rationnelles, et dont Latancio peut alors achever sa dmonstration
en reconstruisant lintention relle:
Queris que os diga? El Papa pensava tener la cosa hecha, y que desbaratado
el exrcito del Emperador, no solamente la echaran de Lombarda, mas de
toda Italia y le quitaran todo el Reino de Npoles, como tenan concertado
y aun entre s partido. Y con esta esperana el Papa no quiso aceptar lo que
con don Hugo el Emperador le ofreci.46

Ainsi, Latancio parvient partir de son quadrillage rationnel de lvnement identifier la seule logique suivie par le pape: il pensait provoquer la
dbandade des troupes impriales et obtenir ainsi le triomphe de la Ligue.
Cest donc bien par une minutieuse reconstruction des squences causales
46. VALDS, Dilogo, p. 303.

136 Quaderns dItali 16, 2011

Laurent Gerbier

sous-tendant les conduites observes, et des formes de rationalit structurant


ces squences, que Latancio parvient faire une hypothse, par limination,
sur la motivation relle de la conduite du Pontife. Cette procdure extrmement prcise suppose une connaissance des faits intime et dtaille: cette
connaissance, cest videmment celle de Valds, tire de sa position privilgie
dobservateur de la vie diplomatique de lEmpire, et mise ici au service de la
construction des raisonnements de son porte-parole Latancio. Cest de cette
manire que Latancio peut reconstruire en dtail les squences causales et les
intentions caches qui dirigent les conduites politiques lies laffaire milanaise, adoptant ainsi un type dusage des faits qui les saisit comme effets, pris
dans des squences, selon une mthode qui est tout fait analogue celle que
Machiavel met constamment en uvre.
Cette reconstruction se trouve, dans le dialogue, dote dune efficacit
tactique immdiate: littralement souffl par la manire dont Latancio vient
de recomposer les squences causales possibles et relles qui objectivent les
intentions possibles et relles du pape, lArchidiacre, pris au jeu, intervient
pour rvler la vritable intention du pape, qui est aussi la vraie raison de
toute sa conduite, laquelle repose sur un facteur que le discours de Latancio
na pas fait entrer en ligne de compte dans ses calculs. Le pape, en effet, tait
en ralit m par la solidarit avec ses partenaires de la Ligue de Cognac, et
cette solidarit est la raison qui vient achever la reconstruction de la rationalit de sa conduite: antes no fue por esso, sino que ya l estava concertado
con los otros, y no quera romper la fe que les hava dado (ibid.). Cette vraie
raison, cache, constitue une nouvelle illustration de la tentation permanente
que manifeste lAchidiacre: sauver la conduite du pape en la rfrant des
raisons caches de sa politique, des arcana imperii qui constituent lhorizon
de toute cette premire partie du Dilogo la figure embryonnaire de la raison
dtat. Latancio a beau jeu, alors, dopposer cette pseudo-raison une raison
vritable et plus forte: antes de razn devia guardar la que dio al Emperadory
romper la que dio al Rey de Francia (ibid.). LArchidiacre doit alors reconnatre son chec du point de vue mme de la razn: en esso yo confiesso que
tenis mucha razn (ibid.).
Il est temps de tirer la leon gnrale de cette lecture de la manire dont
se dploie le ragionare propre Latancio, cest--dire Valds: on laura
compris, la razn, comme outil du dialogue, est la facult qui permet de
comprendre la razn, comme procdure investie dans la mise en uvre des
conduites politiques. Il faut raisonner des ces choses, parce que ces choses
sont elles-mmes des produits de la raison calculante des acteurs, qui tablissent leur conduite comme cheminement dtermin par des motivations
et des buts. Ce sont ces procdures que la trs fine connaissance que Valds
a du comportement politique de Clment VII permet Latancio de reconstruire, en acculant ainsi son interlocuteur reconnatre quil a chaque fois
identifi la vraie rationalit de la conduite, et donc aussi la vraie cause dun
effet (cest--dire, transitivement, quil a ainsi chaque fois atteint la vritable
assignation de la culpabilit).

Le machiavlisme problmatique de Valds

Quaderns dItali 16, 2011 137

Valds fait ainsi au fond le mme usage des hypothses que Machiavel:
pour recomposer les squences causales qui gouvernent la production des faits
politiques lorsque les intentions humaines y sont investies, il faut raisonner
par hypothses, de manire rapporter une certaine distribution des causes
possibles la production de leurs effets possibles. Cest cette mthode qui permet disoler les effets rels au sein de la vaste distribution des effets potentiels,
et ce mcanisme mme est intrinsquement celui du raisonnement politique
qui est commun Machiavel et Valds. Ce mcanisme exige, on vient de le
rappeler, une trs bonne connaissance, si possible en premire personne, de
tous les faits pris comme effets, et donc aussi de leurs motivations: cette
connaissance est propre loffice singulier du conseiller, qui constitue lautre
point mthodologiquement commun Machiavel et Valds. Cest cette
comprhension des faits et des intentions propre au conseiller que pointe
lArchidiacre lorsquil suppose que Latancio appartient au conseil secret du
pape: ce faisant, il reconnat implicitement que cette rationalit que recompose
Latancio est bien celle qui gouverne concrtement la politique papale, et que
cette politique, en ralit, est mdicenne plutt que papale, comme lArchidiacre lavoue dailleurs ingnuement:
[...] est ya tan acostumbrado en Italia no tener en nada el Papa que no haze
guerra, que ternan por muy grande afrenta que en su tiempo se perdiesse sola
una almena de la tierras de la Iglesia.47

La squence que je viens dtudier de prs fournit ainsi le modle de la


structure argumentative qui gouverne toute la premire partie du dialogue:
Latancio reconstruit les squences procdurales qui manifestent la raison des
conduites du Pape, puis lArchidiacre lui oppose tel ou tel fait quil juge scandaleux et qui ses yeux devrait contraindre reconnatre une faute commise
par lEmpereur, de sorte que Latancio doit reprendre la reconstruction pour
contredire son adversaire. A la fin de ce processus, lArchidiacre baisse la garde;
Latancio la emport, lensemble des squences causales qui ont conduit au sac
de Rome ont t reconstruites, et elles remontent toutes la conduite du Pape
qui est donc doublement pris en faute par la raison: dune part, parce que la
raison a montr quil avait dsobi son office en agissant comme prince
sculier, et dautre part, parce que, comme prince sculier, la raison montre
quil est le vritable agent de la squence conduisant la catastrophe.
Bien sr, si lArchidiacre reconnat ainsi que Latancio a rempli ainsi la
premire partie de sa promesse (cierto, en esto vos havis largamente cumplido lo que prometistes, p. 312), il reste remplir la seconde, qui consiste
montrer que lvnement mme du sac de Rome avait un sens, celui du chtiment de la corruption. Je ne vais pas mintresser au dtail de cette seconde
argumentation, qui met en jeu des rfrences et des mthodes diffrentes;
toutefois, dans le cadre dune interrogation gnrale sur lanalogie quentre47. Valds, Dilogo, p. 298.

138 Quaderns dItali 16, 2011

Laurent Gerbier

tiennent les discours politiques de Machiavel et de Valds, un point mrite


dtre examin de plus prs: montrer que le sac de Rome possde lui-mme
une raison, une intelligibilit, et quil est possible den tirer une leon ou
peut-tre mme de le considrer tout entier come une leon administre par
Dieu cest faire fond sur la positivit de la catastrophe.
Cest cette hypothse de dpart, celle de la positivit de la catastrophe, ou
de la fcondit de la crise, qui tout en tant fort loigne de la logique naturaliste des argumentaires machiavliens, me semble comporter dans son principe mme un trait qui constitue peut-tre le vritable cur de lanalogie entre
Machiavel et Valds quant la construction du discours politique moderne:
il y a en effet une concidence imprvue entre la thse presque augustinienne
de la positivit du sac de Rome telle que la dploie Valds et la thse de la
fcondit des discordes civiles par laquelle Machiavel se distingue trs constamment de lhumanisme de son temps.
3. Un accord sur la discorde
Pour mettre en vidence la convergence des conceptions de la discorde quillustrent les discours de Machiavel et de Valds, il faut partir dun problme
que jai rapidement voqu en introduction: celui de la construction mme de
lespace dialogique dans lequel Valds choisit de dployer son discours.
Comme jai essay de le montrer, si la division de la chrtient devant le sac
de Rome peut faire lobjet du dialogue, cest parce quelle sincarne dabord
dans la division du cercle des amis de Valds, de sorte que lhumaniste
construit son dialogue comme un mcanisme discursif destin rsoudre cette
division en reconstituant le cercle de la parole. Jai indiqu que lon pouvait
trouver le modle de cet usage du dialogue dans une certaine pratique propre
lhumanisme civique, mais il faut galement noter que cet usage constitue
un point de divergence avec la pratique rasmienne du colloque: alors que
Valds reconnat lui-mme dans sa lettre rasme quil lui a emprunt beaucoup, et alors mme que lincipit du Dilogo peut tre rapproch de certains
colloques prcis drasme48 (dont il faut rappeler quils sont justement traduits
en espagnols dans les annes qui suivent le sac de Rome), le dialogisme rasmien des Colloques et le dialogisme valdsien du Dilogo sopposent pourtant
prcisment sur un point, qui tient au statut de la discorde.
La place de ladversaire dans les Colloques nest en effet pas du tout la mme
que dans le Dilogo: les colloques sont des dialogues deux voix, qui se
construisent autour dune position commune, et dune pratique dabord
48. La situation sur laquelle souvre le Dilogo, celle de deux amis se rencontrant par hasard
aprs une longue sparation, et peinant se reconnatre, est commune de nombreux
colloques drasme (voir par exemple Les Funrailles, Le Plerinage, Les Vux imprudents);
lun dentre eux en particulier prsente dans ses premiers lignes des similitudes frappantes avec lincipit du Dilogo: il sagit du colloque Le Soldat et le Chartreux, dans lequel
on retrouve le jeu sur le changement dhabit qui empche les deux interlocuteurs de se
reconnatre.

Le machiavlisme problmatique de Valds

Quaderns dItali 16, 2011 139

conversationnelle (il ne faut pas oublier que les Colloques drasme ont dabord
une fonction purement formulaire, qui transparat encore dans leurs dernires
ditions, alors mme qurasme a entrepris depuis plusieurs annes den faire
des guides de la bonne conduite de la vie). Ladversaire nest pas intgr la
structure du colloque, pas plus quil ne ltait dans les Antibarbari de 1480,
ou quil ne le sera dans le Ciceronianus de 1528: le vritable adversaire, quil
sagisse du scolastique obtus ou de lhumaniste romain dcadent, est toujours
rejet en dehors du cercle de la parole, parce que sa nature mme de barbare dans le premier cas, ou son incomprhension du vritable sens de
lamour de la belle langue latine dans le second, le rend incapable dintgrer
lespace de la parole. Ladversaire nest pas digne de partager une pratique du
discours qui permettrait que le dialogue lintgre et lui fasse une place, mme
problmatique, dans lconomie du discours. Ainsi, dans la pratique mme du
dialogue, rasme ne fait pas du conflit ou de la crise qui scinde les interlocuteurs le vritable moteur de leur discours.
Au contraire, jai essay de le montrer, la construction du dialogue de
Valds implique que ladversaire y soit vritablement intgr, sans quoi la
fonction principale du dialogue est empche: il faut que le conflit le plus
grave passe prcisment au sein mme de lespace du dialogue, de telle sorte
quun authentique travail de la discorde meuve tout le discours. Ce travail de
la discorde nest nulle part plus vident que dans la demande formule par
Latancio lArchidiacre: il faut que lArchidiacre ne se contente pas dassister
au dploiement du discours de Latancio-Valds, mais quil soit attentif, et
surtout quil ne manque jamais dobjecter ou de rpliquer, chaque fois quil y
aura lieu. Cest ainsi la manifestation active de la discorde qui peut seule
garantir lefficacit de la mcanique discursive du dialogue: la discorde est le
moteur vritable du discours.
Ce constat me semble appeler deux remarques: dune part, il est frappant
que ce dsaccord sur la discorde qui constitue un clivage saisissant entre les
pratiques rasmienne et valdsienne du dialogue renvoie en ralit un dsaccord sur la concorde, touchant cette fois aux positions idologiques et politiques respectives de lhumanisme rasmien et de lhumanisme imprial.
rasme en effet ne peut pas adhrer la conception de la concorde qui constitue le contenu de la pax imperii que dfendent ensemble Gattinara et Valds:
la concorde ainsi conue passe ncessairement par lunification de la chrtient quimposera lEmpereur providentiel, investi dune mission pastorale
qui clipse cest bien l le cur du problme politique celle du souverain
pontife lui-mme. Au contraire, la conception rasmienne de la concorde
commence par rejeter toute tentative pour ractiver lide mme dempire
(cest une thse martele dans la Querela Pacis ds 1520, mais aussi dans la
prface des Vies des Douze Csars de Sutone en 1522), et se tourne au contraire
vers une paix qui ne peut venir que de lintrieur, comme un mouvement
spontan de la volont la plus intime. En dautres termes, le concours des
curs qui constitue le sens le plus propre de la concorde exige un mouvement
interne qui est incompatible avec ltablissement externe et au besoin forc de

140 Quaderns dItali 16, 2011

Laurent Gerbier

ce mme concours par la main arme de lEmpereur. Cest trs videmment


cette profonde rticence qui explique qurasme ne rponde pas la proposition que lui font Gattinara et Valds en 1526 de rditer le De Monarchia de
Dante: si limprialisme gibelin de Dante fait partie de lhritage propre de
lhumanisme de Gattinara, il est beaucoup trop marqu par une conception
juridique et providentielle de la pax imperii pour correspondre au sentiment
le plus profond drasme quant la nature de la paix quil appelle de ses vux
pour la chrtient.
Le dsaccord sur la concorde en matire politique rpond ainsi au dsaccord sur la discorde en matire dialogique: on comprend donc que la pratique
de Valds, en tant quelle sappuie sur lhypothse dabord discursive de lutilit de la discorde, ne peut en aucun cas constituer un hritage rasmien. Mais
il y a plus: ce travail de la discorde, comme forme mme du discours politique quarticule le dialogue, dbouche sur une reconnaissance concrte de la
positivit historique de la discorde. Autrement dit, non seulement la discorde
constitue le moteur fcond du dialogue, mais ce dialogue conduit lui-mme
reconnatre la fcondit du conflit historique: le sac de Rome a un sens
positif. Quel est le sens de cette positivit? Que produit cette immense discorde que constitue le sac de Rome? Latancio rpond trs clairement cette
question dans la seconde partie du Dilogo: le sac de Rome produit la reformatio indispensable de la chrtient, en commenant par incarner le chtiment
mrit de la Rome des papes, foyer de la corruption de la religion chrtienne.
Dans les mois qui suivent la prise de Rome, ce discours se retrouve dans les
analyses transmises par les correspondants de la cour de Charles Quint; il
renoue lui-mme avec un thme dj dvelopp par lEmpereur en personne
dans son ptre au Collge des Cardinaux en octobre 1526: la reformatio de la
chrtient passe, pour le bien de la respublica christiana, par la castigatio du
pape et la convocation dun concile.49
Il est donc tenant de dire, en dmarquant Machiavel, que si le fait du sac
de Rome accuse lEmpereur, son effet, qui est la reformatio tant attendue de
la rpublique chrtienne, doit lexcuser.50 Toutefois lanalogie entre les discours de Valds et de Machiavel va sur ce point bien au-del dun simple effet
de citation artificiel: la reconnaissance de la positivit des conflits constitue en
effet un des thmes centraux du ragionare dello stato que Machiavel construit
la lecture de lHistoire romaine de Tite-Live. Prenant par l le contre-pied de
la conception humaniste de la discorde civile, qui dans le droit fil de la pense
chrtien e rapporte tout conflit la division interne de la volont induite par
49. Lptre, qui est comme il se doit rdige par Valds lui-mme, se trouve dans lObra completa, p. 61-66.
50. Dans le premier livre des Discorsi, propos de laction extraordinaire (azione straordinaria)
par laquelle un prince est parfois contraint dordonner ou de rordonner une rpublique,
Machiavel remarque quon ne la lui reprochera jamais: il convient que, le fait laccusant,
leffet lexcuse (conviene bene, che, accusandolo il fatto, lo effetto lo scusi) (Discorsi, I, 9,
p. 86). Cest l une autre des manifestations de cet effectualisme que jai tch de mettre
en vidence dans la premire partie de cette tude.

Le machiavlisme problmatique de Valds

Quaderns dItali 16, 2011 141

le pch dAdam, et la considre donc comme une manifestation rellement


pathologique de lincapacit des hommes se gouverner droitement, Machiavel affirme au contraire non seulement que toutes les cits qui ont exist,
existent et existeront doivent connatre une division gnrale entre les deux
principales humeurs civiles (celle du peuple et celle des grands),51 mais
encore que cette conflictualit ordinaire joue un rle positif. Ainsi, alors que
les humanistes du quattrocento avaient coutume de rejeter sur les divisions de
la Plbe et du Snat la faute de la corruption de la rpublique romaine, qui
devait conduire Rome la servitude des Csars avant de lentraner dans la
dcadence impriale et militaire, Machiavel affirme au contraire que ces
conflits eux-mmes ont t la vritable cause de la libert de la rpublique
romaine:
Io dico che coloro che dannono i tumulti intra i Nobili e la Plebe mi bare
biasimino quelle cose che furono prima causa del tenere libera Roma, e che
considerino pi a romori e alle grida che di tali tumulti nascevano, che a
buoni effetti che quelli partorivano; e che e non considerino come e sono in
ogni republica due omori diversi, quello del popolo e quello de grandi; e come
tutte le leggi che si fanno in favore della libert, nascano della disunione
loro [...].52

On voit de quelle faon dans ce passage trs dense leffectualisme de


Machiavel se trouve appliqu la thse gnrale de la division des humeurs
civiles pour produire une valuation nouvelle de leffet des discordes romaines.
Bien entendu, le cadre politique et historique dans lequel ces discordes sont
conues nest pas du tout le mme que celui dans lequel prend place le raisonnement de Valds; et cependant les deux auteurs nourrissent un sentiment
analogue, qui tient la conception des bons effets du conflit comme rforme.
En effet, si les discordes civiles doivent produire les lois que lon fait en faveur
de la libert selon Machiavel, cest prcisment parce que ces discordes constituent le moteur dune reconduction de la cit son principe mme, en un
mouvement constitutif de ce que Machiavel lui-mme nomme la ncessit de
riformare la cit: ce riformare des ordini civils nest certes pas la reformatio
de la rpublique chrtienne quappelle de ses vux lhumanisme imprial, et
pourtant ces deux manires de prendre en compte la positivit des discordes
dbouchent bien, chacune leur manire, sur un appel la rforme.
Conclusion
Quel bilan faut-il faire de cette tentative de lecture compare de Machiavel
et de Valds? Jai tent de montrer que, dans trois dimensions bien prcises,
51. On trouve les trois dfinitions canoniques de lopposition entre les Grands et le peuple
dans le Prince (chapitre IX), dans les Discours (chapitre I, 4) et dans les Histoires florentines
(chapitre II, 12).
52. MACHIAVEL, Discorsi, I, 4, op. cit., p. 71.

142 Quaderns dItali 16, 2011

Laurent Gerbier

le discours politique du Segretario de cartas latinas de Charles Quint et celui


du Secrtaire de la Seconde Chancellerie de Florence taient susceptibles de
convenir: ces trois dimensions sont dune part la neutralisation des faits examins, dautre part lemploi du raisonnement pour examiner ces faits, et enfin
la reconnaissance de la fcondit de la discorde. On peut ainsi mettre en vidence un faisceau de positions analogues, qui jouent un rle central dans la
construction de ces deux figures du discours politique pr-moderne. La question invitable sur laquelle il me faut conclure est simple: pourquoi, puisque
jai initialement cart aussi bien les rapprochements moralisants que lhypothse dune influence directe, rencontre-t-on entre les discours de Machiavel
et le discours dploy par Valds dans le Dilogo cette triple analogie?
Je fais lhypothse que la rponse cette question est double: dune part,
elle se tient dans une origine professionnelle commune. On trouve, chez
Machiavel dans le secrtariat de la seconde chancellerie, et chez Valds dans
le secrtariat imprial, lorigine professionnelle dune pratique discursive applique aux faits politiques et historiques. Le secrtariat constituerait ainsi lorigine commune de ces deux discours, origine qui se marque dans la figure du
conseil, essentiel au dploiement de ces deux penses: le conseil en effet nest
pas seulement lindice dun mtier commun, il constitue galement une des
pices importantes du raisonnement classique sur la prudence, de sorte que
Machiavel et Valds incarnent peut-tre tous deux le rsultat dune longue
mtamorphose du consilium scolastique, mtamorphose qui aurait finalement
engendr une des formes du discours politique essentielles la modernit.
Dautre part, ce rle matriciel du conseil ou du secrtariat, qui va se trouver confirm par le dveloppement immense de la littrature politique sur les
fonctions du conseiller, du ministre et du secrtaire lge classique, est chez
Machiavel comme chez Valds ce qui permet lapplication de la culture humaniste et de son art du discours des faits politiques pratiques, accueillis et
nomms dans leur effectivit mme (cest--dire aussi chez nos deux auteurs,
il faut le souligner, dans la langue pragmatiquement la plus apte les rendre
intelligibles pour tous: le vernaculaire). Cette manire de mettre lpreuve
des faits les puissances dun discours instruit et arm de culture classique
dsigne, me semble-t-il, la fcondit commune de ces deux discours analogues dont jai tent de montrer la problmatique proximit: ils annoncent tous
deux le dploiement des thories de la raison dtat, dploiement qui ninterviendra dans la littrature politique qu partir de la fin du XVIe sicle, mais
qui trouve chez Machiavel et chez Valds deux de ses laboratoires les plus
fconds.

Quaderns dItali 16, 2011 143-163

La scrittura dellesilio: militari ed intellettuali


italiani in Catalogna durante il Trienio Liberal
1820-1823
Agostino Bistarelli
Giunta centrale per gli studi storici - Roma
agostino.bistarelli@fastwebnet.it

Abstract
Il lavoro descrive le scritture lasciate dagli esuli italiani che hanno partecipato al Trienio
per ricostruirne lesperienza individuale e il rapporto con la societ in cui si calarono. La
prospettiva storica: incrociata con la letteratura storiografica, la loro produzione pu
dare nuove informazioni sulle relazioni politiche tra Italia e Spagna, sulla vita sociale della
penisola nel Trienio, sulle guerre. Luso di lettere, dichiarazioni testimoniali, memorie e
produzione quindi proposto come problema di analisi della fonti (produttori e destinatari
della scrittura, tempi) perch oltre a determinare stili e contenuti, danno informazioni sui
processi individuali di costruzione dellidentit che accompagna il percorso risorgimentale.
Parole chiave: Esilio; Trienio liberal; Scritture; Rappresentazioni; Identit.
Abstract
This paper describes texts left by Italian exiles who participated in the Trienio (Triennium)
in order to reconstruct their personal experience and relationship with the society in which
they were immersed. The perspective is historical: when intertwined with historiographical literature, their production may give new insights into political relations between Italy
and Spain, peninsular social life during the Trienio, and wars. The use of letters, witness
statements, pleadings and other texts is therefore proposed as a source of analysis (authors
and recipients of texts, dates), which, apart from determining style and content, provides
information on individual processes of identity construction that took place during the
Risorgimento period.
Keywords: Exile; Liberal Triennium; Texts; Representations; Identity.

In seguito al fallimento dei moti costituzionali del 1820 nel Regno delle due
Sicilie e del 1821 in quello di Sardegna, migliaia di militanti liberali italiani
furono costretti allesilio e una gran parte di essi, attratti dal modello politico
e dalla possibilit di continuare la lotta, si diressero verso la Spagna. Questo
lavoro affronta le scritture che ci hanno lasciato alcuni di questi esuli per

144 Quaderns dItali 16, 2011

Agostino Bistarelli

ricostruirne lesperienza individuale e il rapporto con la societ in cui si calarono ma in una prospettiva pi storica che filologica: incrociata con la letturatura storiografica, la loro produzione pu dare nuove informazioni sulle
relazioni politiche tra Italia e Spagna, sulla vita sociale della penisola nel Trienio, sulle guerre, quella interna e quella contro i francesi del 1823. Luso di
lettere, dichiarazioni testimoniali, memorie e produzione creativa pone il problema classico della contestualizzazione della fonte con una particolare attenzione, oltre che al produttore, anche al destinatario della scrittura, perch
questo ne determina stile e contenuto.
1. Destinatari e momenti
E esemplare il confronto che possiamo fare tra una lettera che Fiorenzo Galli1
scrive ai genitori allinizio dellesilio e quella che scrive alle autorit piemontesi due anni dopo per chiedere la possibilit di rimpatriare.
Non possibile esprimere con quale trasporto ci abbiano accolti e quanto
sieno ospitali. Niente ci lasciano a desiderare al presente e ci ricolmano della
dolce speranza di fare risorgere lintiera Europa. Felice il Mondo e in particolare il Piemonte se fossero tanti Spagnuoli! La Religione, le propriet ed il
personale sono i pi sacri nomi, ed in queste parti inviolabili: il clima, lopulenza, e mille altre circostanze che qui sincontrano ci offrono un quadro pi
perfetto del Paradiso Terrestre.2
Una vittima sfuggita alla maledizione del Cielo rifugge al filantropo
cuore di V. E., onde impetrare uno scampo. Compromesso nellultima rivoluzione di Piemonte, javol al giusto sdegno del suo oltraggiato Monarca
emigrando in Ispagna, ma qual non fu la sua sorpresa e terrore, appena
afferratone il lido, in ve dessere accolto dalla vezzosa ospitalit, vedersi
stendere le braccia dallorrida peste che nellatro speco della nera fame precipitosa il condusse! Soltanto il flagello della guerra mancava a porre il colmo
alle sue disgrazie e non tard a coronarle. Rottesi le prime ostilit, per non
aggiungere alla taccia di sciagurato quella di vile, si vide nella dura necessita di prendere larmi. Invitato dal generale in capo dellarmata di Catalogna,
venne al suo fianco fin dal principio della spirante campagna ed ottenne da
questi in contraccambio delle sue tenui fatiche il grado di Capitano e suo
aiutante di campo, impiego che sta tuttavia disimpegnando. Se per le, sue
sventure, la sua condotta militare, pi volte in pubblici fogli, forse con
esagerazione pronunziata, ed il copioso sangue sgorgatogli dalle varie ferite
riportate nel campo di battaglia non sono sufficienti per lavare le sue mac1. Nato a Carr nel 1802 da una famiglia giacobina, quando scoppiano i moti era alfiere a Novara. In Spagna aiutante di Mina e con Luigi Monteggia tra i creatori dellEuropeo. Dopo la
fine del Trienio sar a Londra e in Messico, dove con Claudo Linati edita El Iris. Rientra in
Italia nel 1837 e dona a Papa Gregorio XVI la Tabula Philologica, una tavola sinottica con
pi di 3.000 lingue che secondo lui risalivano ad una unica origine. Muore nel 1844.
2. Lettera di Fiorenzo Galli del 21 aprile 1821 ai genitori, in Archivio dello Stato di Torino,
Polizia, Mat. Pol., 1822, II, 8.

La scrittura dellesilio: militari ed intellettuali italiani in Catalogna Quaderns dItali 16, 2011 145

chie e renderlo scevro di colpa agli occhi del suo Sovrano da cui implora la
grazia di rimpatriarsi, garantito contro ogni molestia, baccier la mano che
vergasse castigo qualunque sentenza, quando non fosse quella di non poter
pi mai respirare la dolce aura natia, e consagrare agli adorati suoi concittadini il frutto dei suoi disinganni.3

Penso che il riferimento al suo disinganno non sia puramente strumentale e


funzionale alla richiesta di perdono, che certo lo influenza, ma non mi sembra
la chiave di lettura esclusiva. Analizzando infatti la sua produzione coeva, quella
pubblicata su El Europeo e le Mmoires sur la dernire guerre de Catalogne, si pu
individuare un percorso che dallentusiasmo iniziale, approda ad riflessione interiore, ad un continuo ascendere alle idee mistiche e trascendentali secondo la
scelta degli estatici4 che segna la produzione inglese (il Prospectus of a Plan of
Philosopy e la Tabula Philologica) e quella successiva al rientro in Italia. Penso che
il punto di svolta di questo percorso sia il confronto, duro e diretto, con la guerra civile che connota lesilio spagnolo. Anche in questo caso presento un confronto tra un testo significativo come partenza e uno per larrivo.
Prode, Invitto, Immortale, / De Tiranni e De Schiavi / Fulmine / Un Proscritto
dItalia / Questi Carmi / Consacra
CANTO
Son io dApollo nellaugusta reggia,
O dellalme Camene in compagnia?
Qual piaggia questa che si dolce eccheggia
Della pi soave e tenera armonia?
Ah! Di Barcino l fortunato lido
Di eccelsi vati delizioso nido.
Ma chi motiva lor sublimi accenti?
Ignaro! ... e lo dimando? Il gran Campione
Che dalla strage liber le genti
Chhanno per stemma intrepido leone
Forse a bear non giunge questa sponda
Che immersa stava in doglia profonda?
Alla causa di Spagna non sinnesta
Quella del liberale europeo?
Perci se un cor riconoscente attesta
Il vate ibero al prode semideo
Egli dover che al suo benefattore
Inni consacri un italo cantore
3. AST, Consolati nazionali Barcellona, lettera del 25 ottobre del 1823 trasmessa con nota del
18 novembre a La Tour, ministro degli Esteri.
4. Pio Conti, Inaugurandosi a Carr la lapide commemorativa in onore del poliglotta prof.
Fiorenzo Galli, Carr: Societ operaia, 1902, p. 7.

146 Quaderns dItali 16, 2011

Agostino Bistarelli

Il dolce mormorar di limpid onda,


Del vario pinto angel le soavi note,
Il vago aspetto duna verde fronda
Non son pi di mio plettro amena dote:
Solo mispira il pallido lamento,
La vendetta, il furor, ed il tormento
Terribil squillo! Che in lorrendo abisso
Li Genii del mal chiam a consiglio
Per stringer ci che da natura fisso.
Ah! non mi sento inumidire il ciglio
Ma roder dalla rabbia allor chio miro
Le trame che in quel baratro sordiro,
Proposta con terribile ardimento
Viene la tomba dogni umano diritto,
E autorizzato lempio tradimento
Per far di libert il pi gran conflitto.
Sciolto il congresso alfin, in ogni dove
Volan di lor ferocia a dar le prove.
Ombre amiche, adorate, il grato Eliso
Volgete ad abitar lieti, e contenti;
De proscritti dItalia in cor inciso
Vendicar vostra morte, o cader spenti.5
In attestato del pi sicuro affetto
Convinced by ten years of experience, of travels and of trials, by practical and
constant study of the great map of the world, that the picture of which I have
just given an outline is not exaggerated, and that the political horizon is really
gloomy, more gloomy than I am able to depict it, I propose to civilized nations
a system of philosophy, the object of which is to attack the very root of the
evil, to calm the passions, to dress the wounds, to extinguish the spirit of party,
and to promote union, peace and harmony amongst men, by endeavoring to
reconcile science with morality, politics with religion, philosophy with divinity, nature with God. It is well known, that without religion the people have
no security for the justice of kings, kings for the loyalty of the people, people
and kings for the sanctity of priests, nor people, kings and priests, for the favor
of the Almighty. The strength of the nations of Europe is already too much
impaired by error, unbelief and domestic differences: Woe to these nations!
it is here that the judgment of God awaits them.6
5. Fiorenzo Galli, Allinclito Mina, Valencia: Ed. Domingo, 1822. Il riferimento alle ninfe
Camene e a versi di Milton o Tasso (Il dolce mormorar di limpid onda) si spiegano con la
sua precocit negli studi classici: a quattordici anni riusciva a comporre una tragedia nella
quale, a giudizio dei contemporanei, apparivano i lampi di un ingegno precoce e peregrino
(Conti, Inaugurandosi a Carr, cit., p. 6)
6. Fiorenzo Galli, Prospectus of a Plan of Philosopy, London, 1830, p. 21.

La scrittura dellesilio: militari ed intellettuali italiani in Catalogna Quaderns dItali 16, 2011 147

Dunque questi confronti, per tempo e destinatari diversi, ci aiutano a investigare il rapporto tra esilio e scrittura, sul quale per utile ora fornire elementi di cornice dove inserire il periodo e il luogo che studiamo.

2. Laddio
Ammaina la tua vanit, dice lesilio, non sei che un granello di sabbia nel
deserto. Non ti confrontare con gli altri uomini di penna, ma con linfinit
umana: la quale umana e triste pi o meno quanto quella non umana.
questo che deve suggerirti le parole.7 C cos un piano soggettivo di questo
rapporto, indagato anche dalla psicoanalisi, come nel caso dei Grinberg che,
nellanalisi dellesilio come emigrazione particolare, pongono lattenzione su
alcuni nodi tematici, partendo dal lavoro di Bion8 sul rapporto contenitore
contenuto. Lesiliato visto come idea nuova (il contenuto) e la comunit
come gruppo ricevente (il contenitore), attribuiscono al commiato un senso
dirimente: la partenza il confine che divide lo stato di unione dallo stato di
separazione tra chi se ne va e chi rimane, tra la speranza e lassenza.9 Mancare il rito del saluto significa rompere quella protezione, aggiungere allesperienza gi dura una angoscia in pi. Sostengono che molti esiliati possono soffrire della sindrome del sopravvissuto, sentendosi oppressi dalla colpa provata
nei confronti dei morti o dei prigionieri. Questo stato danimo si trasforma in
fertile terreno per lo scetticismo e la delusione. quindi chiaro lemergere del
viaggio liminare come topos nelle scritture dei nostri esuli. Addio dunque,
terra diletta, amatissimo albergo dogni a me pi cara cosa, ove le prime aure
ore di vita respirai, ove sperava chiudere i giorni in pace. Addio, patria adorata, scopo dolcissimo a tanti fervidi voti, a tante care speranze. 10 Secondo
Giovanni Albertocchi questo appassionato passo dellesule piemontese anticipa el que uns quants anys ms tard, en la famosa novella dAlessandro Manzoni, I promessi sposi, Lucia recitar en abandonar el pas natal, addio che
risuoner anche, com noto, nel poema La ptria di Carles Aribau.11 Mi
interessa sottolineare questo rimando a spirale perch analogo a quello che si
ritrova continuamente nelle vicende degli esuli italiani: per tutti valga il circuito che parte da Ugo Foscolo che esule a Londra studia Dante e che passa per
tutti gli esuli successivi nella citt e che studiano, pubblicano, commentano
lopera dei due e che costituiscono lossatura di quello che stata definita una

7. Josif Brodskij, Profilo di Clio, Milano: Adelphi, 2003, p. 45.


8. E in particolare Wilfred R. Bion, Attention and interpretation, London: Tavistock Publications, 1970.
9. Leon Grinberg - Rebeca Grinberg, Psicoanlisis de la migracin y del exilio, Madrid:
Alianza editorial, 1984, p. 161, anche per la citazione successiva.
10. Carlo Beolchi, Reminiscenze dellesilio, Torino: Biancardi, 1853 [ma London, 1830],
p. 23.
11. Giovanni Albertocchi, Exiliats italians a Catalunya a comenament del segle XIX,
Revista de Catalunya, n. 215, 2006, p. 20.

148 Quaderns dItali 16, 2011

Agostino Bistarelli

istituzione italiana.12 Torniamo per alla partenza per lesilio e a come stata
raccontata in esuli diretti in Spagna, fornendo alcune tipologie narrative.
Tramontava il sole del 17 aprile 1821 quando dicemmo lultimo addio agli
amici ed alla patria. Salpammo per Barcellona. Io col cuore rotto dal dolore
mi posi a giacere sul ponte del vascello, e mi sorgevano luna appresso laltra
tante immagini che mi funestavano lanimo, tra le quali labbandono della
famiglia. Ma una fiera burrasca le dilegu.13
Le navi cariche di tanti sventurati salparono; quelle pi veloci della nostra
sorpassandoci pareva volessero fermarsi per stringerci la mano. La nostra costernazione era al colmo. A noi nullamente assuefatti a coteste vicissitudini e
novizi ai viaggi sul mare era troppo doloroso allontanarsi dalla Patria. Quasi
tutti pativano il mal di mare. Alcuni colle braccia conserte stavan meditando
e guardando lognor crescente spazio che ci allontanava dal Lido; molti per
calmare il loro cordoglio si misero a cantare: Addio Padre Addio Madre Addio
tutti non vi vedrem mai pi; se la mia morosa una bella tosa la pregher per me;
Profezia avveratasi per molti! Tutti si attristavano di separarsi dalla patria per
andare in terra straniera, ove ci si poteva chieder conto della nostra condotta,
e rimproverarci di non aver saputo morire in difesa del patrio suolo.14
Si fece vela verso la Spagna; e sarebbe troppo lungo e doloroso il voler qui
ricordare la posizione critica in cui il bastimento e noi ci trovammo durante i
primi cinque giorni di navigazione verso Barcellona ... Il mare essendosi intanto calmato, ci fu dato di arrivare, nel termine di quattro giorni, al nord della
costa del porto di Rosas, donde facendo vela verso il mezzod e costeggiando
il lido spagnuolo a poca distanza da esso, ci dirigemmo al porto di Barcellona,
dove approdammo verso le due pomeridiane del 19 aprile.15
Io aveva scelto per mio rifugio le montagne della Svizzera aspettando che
passasse il temporale. Ma avendomi il ministro B. , con cui da lungo tempo
sono stretto in amicizia, invitato a recarmi seco lui in Ispagna non esitai punto
a cambiare una dubbia ospitalit con un asilo sicuro. Eccomi adunque quasi
per incantesimo trasportato qui da un bel Landau a tira sei.16

Negli esuli la necessit di accettare una sconfitta, nella ricostruzione della


vita quotidiana, non rende semplice il processo di integrazione, anche perch
questa rottura della sacralit dellesilio pu generare la paura della perdita di
identit. Lintegrazione pu essere sentita come un tradimento e questo pu
trasformarsi in un rifiuto della comunit ospitante. Il considerarsi di passaggio
di alcuni esuli spiega
12. Carlo Cattaneo, Ugo Foscolo e lItalia, Il Politecnico, 1860.
13. Giuseppe Avezzana, I miei ricordi, Napoli: Fibreno, 1881, p. 29.
14. Giuseppe Sorisio, Memorie di Sorisio Giuseppe emigrato dal 1821, manoscritto conservato
nel Museo Nazionale del Risorgimento di Torino, Archivio Museo, p. 19-20.
15. Pietro Garda, La rivoluzione del 1821, Ivrea: Curbis, 1879, p. 42.
16. Giuseppe Pecchio, Sei mesi in Ispagna nel 1821; Lettere di Giuseppe Pecchio a Ledi G.O.,
Madrid, 1821 nella edizione contenuta in Id, Scritti politici, a cura di Paolo Bernardelli,
Roma: ISRI, 1978, p. 3-50, p. 6. Il riferimento a Eusebio Bardaxi y Azara gi ambasciatore
a Torino e poi ministro degli esteri spagnolo. La lettera datata Irn, 5 maggio 1821.

La scrittura dellesilio: militari ed intellettuali italiani in Catalogna Quaderns dItali 16, 2011 149

la mancanza di interesse a raggiungere il precedente livello sociale o professionale; allo stesso tempo la degradazione sociale di molti esiliati aumenta la loro
insicurezza e il senso di persecuzione. Il bisogno di svolgere, per sopravvivere,
i lavori pi diversi che non hanno nulla in comune con il lavoro svolto in patria
in una situazione di eccessiva dipendenza dagli altri che contrasta con la
precedente indipendenza rischia di suscitare nellesiliato sensazioni di depersonalizzazione, dal momento che gli difficile assumere unidentit diversa da
quella di esiliato.17

3. Esilio e scrittura
Queste osservazioni aiutano a capire limportanza cha ha assunto linsegnamento dellitaliano e la produzione pubblicistica per molti degli esuli dei moti
risorgimentali, strumenti per la sopravvivenza materiale, ma anche per rimanere ancorati al proprio mondo. Del rapporto tra esilio e lingua danno visioni
complementari poeti (lesilio , prima di tutto, un evento linguistico: uno
scrittore esule scagliato, o si ritira, dentro la sua madrelingua. Quella che era,
per cos dire, la sua spada, diventa il suo scudo, la sua capsula),18 e storici: in
alcuni tipi di migrazione la scrittura insieme strumento per gestire il cambiamento culturale e arma per lasciare una traccia del proprio vissuto.19
Lintreccio tra produzione politica degli esuli e dinamiche locali cos
ricordato:
La literatura fulletonesca feta pels italians exiliats a Espanya durant el Trienni
Constitucional mereix un pargraf. Foren molts els pamflets, fulletons i, fins i tot,
algun opuscle poltic que es publicaren a Barcelona, Madrid o Valncia. A la
ciutat comtal la famlia Roca es convert en la impressora de totes les obres elaborades pels italians. Els diaris de la ciutat tamb permeteren que en les seves pgines
apareguessin articles signats pels italians residents a Catalunya. Tot aquest material i el publicat en daltres ciutats espanyoles ens permetr esbrinar quin discurs
poltic forgen i com es relaciona amb la cultura poltica imperant a Barcelona.20

Rilevante quindi il ruolo italiano in questa radicalizzazione dellalfabetizzazione politica che poi, come rileva Alberto Gil Novales, precipita una volta
che le classi dirigenti percepiscono il pericolo in una controrivoluzione di
ambito continentale.21 E interessante ricordare quello che uno degli autori a
17. Grinberg, cit., p. 163.
18. Josif Brodskij, Dallesilio, Milano: Adelphi, 2001, p. 32.
19. Camillo Brezzi-Anna Iuso, Introduzione a Esuli pensieri, Storia e problemi contemporanei, n. 38, a. XVIII, 2005, p. 8.
20. Jordi Roca vernet, La Barcelona revolucionria : cultura constitucional i la sociabilitat
poltica del Trienni Constitucional : 1820-1823, Tesi UAB, 2005.
21. Il tema presente in pi parti di Alberto Gil Novales, Las sociedades patrioticas, 18201823 : las libertades de expresion y de reunion en el origen de los partidos politicos, Madrid:
Tecnos, 1975, 2 voll.

150 Quaderns dItali 16, 2011

Agostino Bistarelli

cui si riferisce Jordi Roca, Emilio Bottone, scrive al fratello Alessandro della
comunit degli esuli liberali a Barcellona,
dove intraprenderemo la pubblicazione di un giornale italiano intitolato: il
Costituzionale Italiano. Un simile periodico che si stampava a Londra contribu non poco al ristoramento della Costituzione in Spagna: non mancare
dunque di mandarmi quante notizie ti possono pervenire e che facciano pel
caso nostro; puoi anche talora spedirmi i giornali Inglesi che ti paiono interessanti; poich sebbene non sappia io scrivere, ne parlare questa lingua tuttavia
la capisco. Tu potresti ancora promuovere cost una simile impresa. Scrivimi
se si crede che gli Inglesi siano per dar favore alle cose dItalia.22

Rimandando per lanalisi in particolare dei contributi politici di vari esuli,


tra i quali spicca Bartolomeo Fiorilli, ai lavori di Jordi Roca,23 riprendo lesempio di cosa pu indicarci lincrocio di queste scritture con la letteratura storiografica e la cronologia degli avvenimenti. Prima per mi sembra interessante
segnalare una riflessione a proposito della lingua, o meglio delle lingue, incontrate in questo esilio:
La lingua de Barcellonesi la catalana, sebbene i signori adoprin anche la
castigliana, massime conversando cogli stranieri. La differenza tra queste due
lingue grande, ed un Catalano del volgo non capirebbe il castigliano pi
presto che litaliano o il francese. La lingua catalana in confronto alla castigliana si pu dir dialetto, ma considerata in se stessa vera lingua, ricca,
robusta, e non senza certa leggiadria che le viene dai suoi diminutivi di cui
abbonda. Essa ha grammatica, dizionario, scrittori di prosa e di verso, ed ha
servito agli atti pubblici. Un Italiano, che la sente per la prima volta, piacevolmente sorpreso di poterla capire quasi interamente, trovandovi molte
voci italiche, o de dialetti d Italia. Colui poi che ha letto gli scritti di que
signori della scienza gaja, i quali coll armonia de loro canti ivan dirozzando
i barbari costumi dell undecimo e duodecimo secolo, voglio dire de Trovatori, vi scorger con maraviglioso diletto una medesima lingua, od a quella
somigliantissima.24
22. La lettera datata 30 ottobre ed ha questo inizio: Caro fratello e pi che fratello amico,
Dacch tu mi lasciasti non ebbi che due sole lettere tue, una da S. Sebastiano e laltra da
Bilbao alle quali non ho lasciato di rispondere; sebbene io credessi che le lettere mie non
fossero per giungervi in tempo. Di tutte quelle somme che tu graziosamente mi cedesti io
non riscossi un soldo solo; per vero chio non volli molestare nessuno. Conservata nel
Fondo Buon Governo segreto dellArchivio di Stato di Firenze e citata quasi integralmente
da Ernesto Benedetto, Cospiratori piemontesi in Toscana ed un fallito attentato alla
vita di Carlo Alberto in Pisa nel 1822, in, Rassegna storica del Risorgimento, 1936, p. 11971218, p. 1203-1206.
23. Oltre la tesi citata vedi De la democrcia a Napole. Les grans aportacions dels exiliats italians
al discurs poltic liberal del Trienni Constitucional (1820-1823), in Congrs Ocupaci i
resistencia a la Guerra del Francs (1808-1814), Barcelona (5-8 octubre 2006), vol. 2,
p. 1063-1087.
24. Beolchi, Reminiscenze, cit., p. 113.

La scrittura dellesilio: militari ed intellettuali italiani in Catalogna Quaderns dItali 16, 2011 151

4. Scrittura come fonte tra altre fonti


Con il nuovo governo San Miguel, anche sullonda del pericolo scampato a
Madrid dopo la rivolta della Guardia Real (7 luglio), si passa a contromisure
decise come la dichiarazione dello stato di guerra e lincarico ad Espoz y Mina
a comandante dellesercito di stanza in Catalogna. A questo proposito, oltre ai
versi di Galli gi citati, posso indicare le parole di Pecchio che quando Mina
aveva iniziato le operazioni in Catalogna ricorda: the factious fly at his approach as birds shun the hawk.25 Anche Sorisio testimonia delle speranze suscitate nel fronte costituzionale: I liberali inebriavansi di gioia per la nomina di
Espos Y Mina a Capitano generale della Catalogna.26 Abbiamo infine un altro
ricordo, quello di Giovanni Allegra che scrive:
La Spagna tutta commossa; molte dissensioni, bande di insorgenti e mal
affetti al sistema attuale di governo compaiono in pressoch tutti i punti della
Penisola; ma poche guardie nazionali, poca truppa disperdono il maggior
numero degli avversari, e si spera con ragione la calma allinstallazione delle
Cortes. Intanto poco manc che ai 24 non corresse qui in Barcellona il sangue
cittadino per una quistione nata tra il Capo Politico e il Colonnello della
Guardia Nazionale; ma per ventura si sed il tumulto, e torn la dolce calma
senza che avvenisse disgrazia. State sano e salutate la carissima madre.27

Ma come era vista in generale laccoglienza? Ci aiuta ancora Giuseppe


Pecchio, con un brano rimasto poi famoso nella storiografia sul periodo.
In Barcellona, Tarragona e Valenza si trovano da ben cinquecento rifugiati piemontesi. Le Corti hanno decretato che si diano loro dei sussidi mensili in proporzione dei gradi e delle cariche che occupavano sotto il sistema costituzionale.
La Spagna si condotta coglitaliani come colui che lascia assassinare il suo amico
senzaccorrere in suo aiuto, ma poi lo ricovera in casa per medicargli le ferite.28

Di quei primi giorni abbiamo anche notizie da Giuseppe Bruno, ventenne


di Alessandria che poi per torna subito in Italia dove racconta che nella citt
catalana riceveva una pezzetta al giorno, che era alloggiato in un quartiere con
altri 35 tra sottufficiali e soldati, mentre gli ufficiali potevano stare in citt e
che avevano ricevuto la paga per quindici giorni in relazione al grado. Nel
rapporto che raccoglieva la sua testimonianza ci sono indicazioni assai interessanti: in Barcellona sono stati ricevuti piuttosto bene che male, ha recato per
25. Giuseppe Pecchio, Journal of Military and Political Events in Spain during the last twelve
months, London: Whittaker, 1824 edizione contenuta in Id., Scritti politici, cit., p. 89-151,
p. 112.
26. Sorisio, Memorie, cit., p. 46.
27. Gian Luigi Colli, L avvocato Giovanni Allegra da Costigliole di Saluzzo: note storiche e
biografiche: dal 1821 al 1861, Torino: Bona, 1886, p. 55.
28. Pecchio, Sei mesi in Ispagna nel 1821, cit., p. 25.

152 Quaderns dItali 16, 2011

Agostino Bistarelli

molta sorpresa il loro arrivo ai Barcellonesi, i quali dicevano che non bisognava fuggire, ma combattere sino allultima goccia di sangue. Questo carico si fa
maggiore ai Napoletani.29 Il sentimento doveva essere abbastanza esteso se il
30 aprile il Redactor General de Espaa pubblica, con cierta conmiseracin
simptica, y no slo irona,30 queste rime:
Pulcinella malcontento
Disertor del Reggimento
Scrive a mamma in Benevento
Della Patria il tristo evento:
Movimento, Parlamento,
Giuramento, giuramento,
gran fermento, poco argento,
armamento, e nel cimento,
tra spavento e tradimento,
me ne pento, me ne pento,
siam fuggiti come il vento.
Mamma cara, mamma bella
Prega Iddio per Pulcinella

interessante notare questa immediata ripresa dalla canzonetta variata,


secondo Croce, da Giovanni Giraud su un tema classico precedente quello
della stanchezza della guerra che accomunava tutte le maschere,31 ma che
dopo il moto del 1820 assumeva un senso particolare, quasi a rappresentarne
il fallimento.32 Non a caso a Napoli comparve anche la risposta della mamma
allesortazione finale di Pulcinella, che nel sarcasmo velenosissimo pu essere
lo specchio di sentimenti pi generali:
Donna Chiara immantinente
Rispondendo amaramente
Al figuolo delinquente
Fe la replica seguente:
Chaggio inteso, figlio infame
Tu sia acciso dalla fame,
Che ti possa magnar lorco!
Sei fuggito come un porco,
Hai tradito il parlamento,
Tu con tutto il reggimento.
Ah! managgio, che minchioni
29. Rapporto del 16 giugno 1821 citato da Mario Dossena, Lettere di esuli piemontesi del 1821,
Rivista di storia arte archeologia per le province di Alessandria e Asti, 1981, p. 77-91, p. 88-89.
30. Gil Novales, Las sociedades patrioticas, cit. p. 621.
31. Anton Giulio Bragaglia, Pulcinella, Firenze, Sansoni, 1982 (ma 1953), nel capitolo XXIII
dal significativo titolo Il cittadino Pulcinella, ricorda ad esempio lo stesso motivo per Arlecchino.
32. Benedetto Croce, Canti politici del popolo napoletano, Napoli : Priore, 1892, p. LXVII.

La scrittura dellesilio: militari ed intellettuali italiani in Catalogna Quaderns dItali 16, 2011 153

Che vuon far costituzioni


Quando ad altro non son buoni
Che a mangiar dei maccheroni
E cacarli nei calzoni.
Figlio unico, figlio caro,
Dio tassista, e S. Gennaro;
Carbon spento fuoco ito.
Pelle gambe non c male,
Il ginocchio guarir.
S lItalia uno stivale
E tal sempre rester 33

Analogo incrocio pu esser fatto per le vicende che riguardano lo scontro


con la reazione interna o quello con i francesi nella guerra del 1823, vedendo
come le memorie degli esuli abbiano contribuito a costruire un pantheon
dellesperienza per poter rivendicare il proprio contributo al percorso di costruzione della nazione. A titolo di esempio possiamo descrivere la figura di Giuseppe Pacchiarotti, gi ufficiale nel reggimento di Alessandria, nato nel fatidico 1789 a Castelnuovo Scrivia. Ferito nel combattimento di Llad venne poi
portato allospedale di Perpignan, dove rifiut lamputazione di una gamba e
mor dopo 12 giorni di agonia.
Grande della persona, di nobile e grato aspetto [...] Coloro che lhan veduto
combattere, non dimenticheranno mai la serena sua fronte in mezzo ai pericoli, e la sua ferocia negli assalti. Vinceva col valore i nemici, colla piacevolezza e cortesia i compagni. I Francesi che militavano al suo fianco solevan chiamarlo: Le brave Pimontais. Quelli che lo combattevano e gli erano nemici
avevan per lui la pi alta stima e considerazione. Am la patria e la libert sopra
ogni cosa. Fu tacciato di ambizione: era smisurato desiderio di gloria, a conseguir la quale non cosa che non avrebbe osato. Il suo nome vive e vivr lungo
tempo venerato in Catalogna e Spagna. Se la fortuna gli avesse aperto pi vasto
campo che non il comando di pochi esuli, avrebbe operato grandi cose, e
lasciato un nome fra glillustri capitani dItalia.34

A lui dedicata anche una vasta produzione agiografica e il riferimento


allambizione forse dovuto allepisodio del 7 luglio 1821 quando era a capo
della commissione per determinare il grado di soccorso,
mentre attendeva a s delicato incarico, due suoi concittadini, gi ufficiali
dellesercito piemontese, credutisi mal classificati, e per gelosia, dal Pac33. Rimproveri fatti dalla mamma, che segue la lettera di Pulcinella, nella versione contenuta in
La coda. Almanacco nato fatto pel 1865 che contiene un po di tutto e molte altre cose serie e da
ridere, Bologna: Tip. S.M. Maggiore, 1864.
34. Aneddoti militari, p. 96.

154 Quaderns dItali 16, 2011

Agostino Bistarelli

chiarotti, recavansi armati al suo domicilio, e davano origine ad una rissa


in cui lillustre patriotta, difendendosi, ne stendeva morto a terra uno dopo
aver egli riportate parecchie ferite. Lopinione pubblica assolveva il Pacchiarotti, il quale anzi, allo scoppiare in Catalogna della ribellione reazionaria contro le Cortes e la Costituzione, venne dal celebre generale spagnuolo Mina nominato capo della Legione Italiana, creata a combattere gli
assolutisti.35

La figura di Pacchiarotti entra cos nel mito risorgimentale tanto da essere


citato anche da grandi protagonisti: se Garibaldi lo cita nel suo romanzo storico Cantoni il volontario,36 Mazzini gli dedicher addirittura alcuni suoi versi
giovanili.37
Ai martiri della libert
O Pacchiarotti! Tu peristi e voi
Prodi seco periste ... Itali veri
Cos morian! Posate in pace o forti:
Voi pi non siete, ma nel mondo suona
Il nome vostro eterno.
O voi beati!
Infelice chi resta! Ed io rimango
A lagrimar su voi sommessamente!
Chaltro possio? Ma dinfecondo pianto
Non vappaga il tributo; il sangue vostro
Vendetta chiama e lotterr [...]

35. Gian Luigi Colli, Lavvocato Giovanni Allegra, cit, p. 59: difese lAllegra linquisito
davanti al Tribunale di Guerra della Catalogna, e cos splendida fu la sua arringa, che
lUfficiale venne pienamente assolto, e il giovane avvocato ebbe lode e fama di valente
oratore. Ma Allegra non riesce a fare lavvocato per problemi di lingua e conoscenza delle
leggi locali. Scriver al padre che lo spingeva a cercarsi un reddito: Non sarei sincero
se non confessassi il mio stato di indigenza; ma non colpa mia, e si pu assicurare con
fondamento che lantico proverbio la povert non vizio quadra perfettamente al caso
mio; voi vi ricorderete dellultima vostra, e vi ricorderete dellavviso datomi di pensare
a me stesso io non lho seguito perch mi trovava in Barcellona, e voi avete rettamente
consigliato, perch vi trovavate in Piemonte; sicch vi prego per quellamore che sempre
aveste per me a non volermi abbandonare, il che spero non farete, giacch non mi abbandonereste in circostanze per me pi critiche. Voi mi incolperete per non aver io lasciato
la Spagna prima dora; vi risponder che la Spagna promise dei soccorsi agli emigrati: e
perch attesi il compimento delle promesse di una Nazione, rimasi cost fino adesso; in
questo poi la colpa mia e mi rassegno sin dora alla penitenza lunga de miei trascorsi
(1 aprile 1823, p. 60).
36. Pacchiarotti tra coloro che appartenevano alla schiera de prodi che traditi da uno spergiuro emigrarono nella Spagna e che vi fecero bello il nome Italiano, pugnando per gli
stessi diritti che avean loro fruttato lesilio (capitolo XXX dedicato ad Avezzana, Milano:
Politti, 1870, p. 180).
37. Poesie giovanili; con prefazione e note di Arturo Salucci: Milano, Lavinia, 1926.

La scrittura dellesilio: militari ed intellettuali italiani in Catalogna Quaderns dItali 16, 2011 155

Anche Linati si esercit nella poesia, consacrando quattro rime 38


a Pacchiarotti:
Gia delle pugne il tuono orrendo tace
Sul prode estinto per la patria , e il frale
dello schiavo de regi il Corvo edace
Gi batte lAle.
[...]
Piangi Italia i tuoi prodi, i figli tuoi
Che lavara coperse estrania terra
Piangi i tuoi difensor, piangi gli Eroi
Caduti in Guerra
E grata i nomi lor narra alla fama
E ne sospiri al suon let crescente
Lufficio comp, e paga sia la brama
Delluom morente.

Torniamo alle memorie degli esuli sul primo periodo, prendendo come
base quelle di Garda.39

5. La peste
A questepoca tutte le piccole citt della Catalogna lungo la strada da noi
percorsa e lungo le rive del mare, davano rifugio ad un buon numero di emigrati nostri compatrioti.40 Causa di quella disseminazione il sovrapporsi
della necessit politica di non concentrare nello stesso punto gli esuli italiani
(sulla quale poi torneremo) e quella di sfuggire allepidemia di febbre gialla.
Questa apparve nella capitale catalana nei primi giorni di agosto e per circa
un mese non ci fu la piena coscienza della sua pericolosit,41 fin quando tutti

38. Lettera di Linati a Panizzi, da Avignone 6 settembre 1824, in Lettere a Panizzi, British
Library, al n. 16. La lettera ci fornisce anche indicazioni preziose sullo stato danimo
dellesule: Alcuni riguardi di famiglia mi hanno fatto rimanere in Francia, per non avere
laria di dare un calcio alla vecchia, quantunque persuaso e persuasissimo che tutte le circospizioni non mi servano a niente in Ispagna. Col si vuol confiscare, ed ci che hanno
conseguito con un processo che mi fanno che finir col medesimo risultato di quello di
Parma. In questo stato di cose aveva determinato di passare nel Belgio a provare se col
potessi guadagnarmi il pane ma la mancanza di denari mi ha impedito di farlo, e sto vegetando in questa infamissima terra Papale.
39. Pier Alessandro [Pietro] Garda, Memorie 1815-1860, Ivrea: Ferraro, 1993 e Id.,
La rivoluzione del 1821, Ivrea: Curbis, 1879.
40. Garda, La rivoluzione del 1821, cit., p. 47.
41. Nelle memorie degli esuli si fa riferimento alla vana opera di denuncia del medico Simonda,
che abitando alla Barceloneta ebbe loccasione di visitare un marinaio proveniente dallAvana e subito riconobbe i segni di quel male che vien detto comunemente la febbre gialla; e
senza frapporre indugio ne diede avviso al capo politico di Barcellona (Carlo Beolchi,
Reminiscenze dallesilio, Torino: Tipografia Nazionale, 1852, p. 71).

156 Quaderns dItali 16, 2011

Agostino Bistarelli

i quartieri della citt non vennero contagiati ad inizio settembre. A diecisiete


de ese mes la Junta Superior de Sanidad de Catalua pubblicaba un bando
por el cual impona un cordn sanitario a Barcelona, medida, sta, que no
consigui frenar su avance hacia otros puntos de Catalua.42
Scriveva al fratello un esule da Villanueva nel dicembre 1821 di avere
buona salute,
ma per sono annoiato di stare in questo piccolo paese (...) Barcellona incomincia a respirare; alli 25 novembre si cant il Te Deum ed alli 20 dello scorso
dicembre si permise di entrare in citt: si fanno ascendere a quindicimila le
vittime di questo terribile contagio e fra esse settecento guardie nazionali, due
alcaldi, quindici medici e diciannove de nostri emigrati. Tra questi ultimi per,
tranne Rattazzi e Appiani, non ve n nessuno di tua conoscenza.43

Il ricordo dellepidemia un elemento costante nelle narrazioni e rimanda


alle osservazioni di Romero Marn.44 Scrive Pietro Garda: osservai che Barcellona, afflitta dallepidemia, aveva perduto tutta la sua vita di attivit, e nellaspetto di tutti i cittadini che incontrai per istrada si leggeva la tristezza e la paura.45
La descrizione pi interessante del periodo, vista con gli occhi di un italiano,
quella che ci restituisce la lettera di Emilio Bottone al fratello Alessandro:
Si conteranno ora a stento trenta emigrati in Barcellona e poco pi di trentacinquemila abitanti di cento ottanta chegli erano, sia perch molti si sono
prima dora in varie parti dispersi, sia perch il morbo crudele che va di giorno in giorno imperversando distrusse non pochi di quelli che rimanevano.46

Dopo avergli dato notizie sugli esuli (una trentina rimasti, venticinque
morti) e sulle persone di loro conoscenza (tra cui lo stampatore Doria) passa
a commentare la triste situazione:
Ma per ritornare al proposito nostro ti dir che la descrizione lasciataci dal
Boccaccio della peste di Firenze debole immagine delle stragi che fa ogni
giorno la morte nel recinto di queste mura, tuttavia siccome io non voglio
mettermi in confronto con s grande autore e che temo il paragone, cos mi
42. Joaquim Bonastra Tols, Ciencia, sociedad y planificacin territorial en la intitucin del
lazareto, tesis doctoral Universitat de Barcelona 2006, nella versione digitale allindirizzo
www.tdx.cbuc.es, p. 190-191.
43. Carlo Braggio, La rivoluzione piemontese del 1821.
44. Juan Romero Marn, La dramaturgia social. Dios y fuego en la Barcelona del siglo xix,
Hispania Nova, n.1, 1998-2000, nella versione digitale allindirizzo www.hispanianova.
rediris.es. Larticolo ricorda le relazioni tra limpatto dellepidemia e le differenziazioni
sociali e anche il rogo in effigie di un medico come rito purificatorio avvenuto nella Rambla
dramatizacin catrtica liberadora como la de Don Carnal.
45. Garda, La rivoluzione del 1821, cit., p. 48.
46. Lettera di Emilio ad Alessandro Bottone, cit.

La scrittura dellesilio: militari ed intellettuali italiani in Catalogna Quaderns dItali 16, 2011 157

asterr dal parlarne, e solo accenner cos di passo che pare che la febbre
gialla, i medici, gli speziali, i preti ed i frati abbiano fatta qui una santa
alleanza intesa ai danni del genero umano. Di fatti, come prima uno cade
ammalato, i parenti suoi si danno ogni premura di convocare nello stesso
tempo el Doctor Matatodos, fra Oliosanto e D. Rafael Encaxa con i chiodi.
Questi non tengono linfermo molto tempo in disagio ed incomincia il
Dottore a scrivergli un medicamento cos efficace che subito dopo il primo
cucchiaio incomincia linfermo a perdere immediatamente la parola e poco
stante anche i sensi, subentra allora Fray Oliosanto a borbottare colla bocca
piena di aromati alcune parolaccie in lingua peregrina e quindi lo rimette
nelle mani di Don Rafael Encaxa il quale gli presta brevemente i suoi offici
e si dilegua. severamente proibito di dare pi di un medicamento ad un
infermo e vi una tariffa per tutti gli ammalati: una pezzetta (peseta) al
medico; una allo speziale, otto per la cassa e un duro e mezzo per Don
Rafael il quale tenuto a provvedere i chiodi ed a portarsi via il cadavere che
diventa sua propriet. Dopo questo vedresti i suoi parenti a spalancare tutte
le finestre della casa, ardere incenso, mirra, aceto e varie misture antipestilenziali, lavare accuratamente con aceto tutti gli angoli della casa e, brevemente, a gettare dalla finestra tutti gli oggetti di vestiario che appartenevano
al defunto rinunciando a chi la vuole a questa parte della sua eredit! Con
molto impegno sono finalmente riuscito a procurarmi una ricetta di questo
meraviglioso rimedio, il quale, se dobbiamo giudicare dagli effetti, deve
essere un veleno potentissimo che potrebbe per avventura venire in concio
quando che sia per lamato nostro Carlo Felice. S veduto qualche raro
esempio di persone che sono guarite dalla febbre gialla, ma di tutti quelli
che ebbero ricorso a questo rimedio non un solo scampato; vedi efficacia!!
Insomma, questa misera citt pare essere trasformata in lagrimarum valle: le
strade, le piazze e le passeggiate deserte, i templi abbandonati, i caff, i
teatri, le botteghe chiuse: le campane, i tamburi muti, e se pur vedi di quando in quando qualche viso umano ti si appresenta con aspetto di ombra o
di fantasma che ti fa arricciare il pelo per ogni dove.47

La figura del dottor Matatodos sembra ispirarsi ai giudizi critici che il


dottor Carlo Simonda esprime sui metodi locali. In una relazione fatta per
il Jefe poltico (e che il console piemontese trasmette in Italia), lesule medico avvertiva che le sole cure usate dal dottor Campany nel lazzaretto erano
somministrazioni di oppio, vino, china ed etere: Il dottore Rusch, che
ottenne cosi felici cure in America, sarebbe ben lontano dalladditare un
consimile metodo ed il dotto, limmortale professore Tommasini lo condannerebbe altamente.48

47. Ibid.
48. AST, Materie politiche per rapporto allestero, Consolati nazionali, Barcellona, mazzo 1,
12 settembre 1821.

158 Quaderns dItali 16, 2011

Agostino Bistarelli

6. Immagini
Nella lettera di Bottone compare latteggiamento anticlericale che caratterizza
i due fratelli, ma la relazione complessa con la comunit ospitante, che non si
era comunque dimostrata semplice anche nella testimonianza di Garda ci
sembra un dato comune. Ricorda ad esempio Giuseppe Avezzana, in quel
momento dislocato nei dintorni di Ronda, in Andalusia:
E in verit lo spirito pubblico delle plebi ci era avverso: i preti e i frati, che
erano un nugolo in quei paesi, ce lo avevano con arti infami talmente concitato contro, che dovemmo conquistare palmo a palmo il terreno [...] difatti
questo parroco venne sorpreso dai miei soldati, mentre dal campanile faceva
segnali con un fazzoletto bianco a quei masnadieri: sicch, afferatelo con indignazione per le gambe lo capovolsero gi sulla strada, dove di subito mor [...].
In quei paesi le risorgenti guerre civili, dove i partiti si contendono il trionfo,
hanno cos inferocito gli animi, che il sangue non fa pi ribrezzo.49

Sorisio cerca di spiegare i motivi di frizione tra le due comunit facendo


osservazioni antropologiche:
I catalani sono pure figli di quella razza iberica che per la sua fierezza e per il
suo amore eccessivo nazionale fecero prodigi di valore contro i barbari loro
nemici conservando sempre un odio tenace contro i forestieri. Queste loro
qualit quantunque isterilite dai preti li spinsero in ogni tempo a fare ogni
sorta di sacrifici per conseguire la libert e mantenere la loro indipendenza.
Tanta la loro avversione per gli stranieri che persone civili ed istruite, le quali
mi professavano una certa amicizia, mi dicevano di non potermi affezionare
perch ero straniero.50

Fermiamoci allora sullimmagine della nazione e delle persone che le scritture degli esuli ci rimandano riguardo la Spagna e attraverso essa della patria
lontana. A Girona si pubblica la Cantata Patriottica di Luigi Monteggia, sfortunata previsione dellesito del periodo costituzionale. Scritta nel momento
delle azioni contro i realisti, nelle due parti del poema si alternano i versi di
quattro protagonisti, Libert, Genio dItalia, Vecchio contadino spagnolo e il
Coro, che disegnano un quadro vincente dellunione dei popoli che lottano
per la libert. Nel Genio dItalia c la rappresentazione degli esuli approdati:
Ti bacio o suol beato / Fecondo ognor dEroi: / Mantenga amico il fato / Lardir
defigli tuoi.
Se la mia cara Italia / Sar felice un d, / Lo debba a questo popolo / Che un tanto
esempio offr.
49. Avezzana, I miei ricordi, cit., p. 25-26.
50. Memorie Sorisio, p. 24.

La scrittura dellesilio: militari ed intellettuali italiani in Catalogna Quaderns dItali 16, 2011 159

Insieme a Libert incontra il contadino che rappresenta la saggezza di una


societ che riconosce i diritti ma che non eccede: il popol non trascorra / oltre
i limiti suoi. Larmonia per messa in discussione dai ribelli, che uccidono
i figli del contadino ma sono sconfitti grazie anche allintervento armato del
Genio dItalia. A due voci cantano Europa scuotiti: / perch temer? / Di opporti ai despoti / Ecco il sentier.51 Lauspicio non si realizza ma lopera pu servire ad introdurre altre riflessioni. Partendo dalla considerazione che limmagine nazionale nasca anche come riflesso delle immagini altrui (per opposizione
o per analogia) stato sottolineato linteresse di studiare
la ricezione dello stereotipo romantico da parte dei paesi che ne furono oggetto e pi concretamente i meccanismi adoperati da essi per introiettare le rispettive immagini man mano che si acutizzava il conflitto fra fedelt al passato e
modernit borghese. Unoperazione valida soprattutto nel caso dellItalia, cui
lalter ego spagnolo serv in vario modo da specchio e da discrimine per elaborare il proprio autoritratto risorgimentale.52

La stessa autrice sottolinea come lelogio dellAlfieri delleroismo iberico


avesse alimentato una immagine assai positiva della Spagna gi nellItalia prerisorgimentale e che poi i moti liberali conferirono valore esemplare alla resistenza contro Napoleone e alla successiva Costituzione di Cadice, basta ricordare linvidia e lammirazione di Berchet per le qualit iberiche : puntiglio
donore, lentusiasmo del popolo e lamor patrio.53 Quando lItalia si inoltre nel processo risorgimentale, la sua immagine per la Spagna diverr, secondo lanalisi della Muiz, sempre pi sfuggente rendendo pi problematico il
tentativo del rispecchiamento. E quindi al consenso riscosso negli ambienti
letterari dagli esuli del gruppo vicino al Conciliatore approdati nella Catalogna durante il triennio liberale,54 va accompagnata la considerazione
51. Luigi Monteggia, Cantata patriottica, Gerona: A. Oliva, 1822. Lopera dedicata a
Lopecio como un testimonio de mi amistad y aprecio. Su questo lavoro di Monteggia
vedi Albertocchi, Exiliats italians a Catalunya a comenament del segle XIX, cit.
52. Maria de las Nieves Muiz Muiz, Italia-Spagna: limmagine riflessa, in Maria Silvia
Tatti (acd), Italia e Italie. Fra rivoluzione e Restaurazione. Atti del Convegno di Studi, Roma,
Bulzoni, 1999, p.161-180, p. 163.
53. Muiz, p. 165 citazione di Berchet tratta da Il Conciliatore, edito da Vittore Branca,
Firenze: Le Monnier, 1954, vol. III, p. 183.
54. Muiz cita, a conforto della tesi di una versione debole del romanticismo conciliante e cattolico importata dallItalia nella Catalogna attraverso le riviste El Europeo e il Vapor, il
giudizio di Macr: Questo impeto catalano del Vapor davvero preoccupante, gonfiato
il Grossi, e quindi il Manzoni, nelle tube dei Puritani (non ancora lAida), aggrovigliato tra
scenografie neogotiche e neobarocche (con tentata assimilazione ispanica nelle analogie del
Greco e dello Spagnoletto), (Oreste Macr, Varia fortuna del Manzoni in terre iberiche,
Ravenna, Longo, 1976, p. 21). Ricorda per che qualche decennio dopo si verificarono
esempi di garibaldismo letterario e la sua analisi fa riferimento a Victor Balaguer, soldato
nella campagna del 1859 e autore di un Cant a Garibaldi dove mitologia liberale e ideali
nazionalisti catalani si mescolavano in modo inestricabile.

160 Quaderns dItali 16, 2011

Agostino Bistarelli

che quel romanticismo conciliante fin per alimentare gli spiriti reazionari delle
generazioni successive (quanto ami esplicita la contrapposizione stabilita da
Menendez Pelayo tra i modelli imperanti dopo il 1834 Manzoni, Pellico,
Grossi, DAzeglio a quelli validi per gli uomini del 1812 e del 1820, educados a los pechos de la Enciclopedia y de Bentham) e serv infine a rafforzare limmagine tradizionale di una Spagna cattolica, monarchica e calderoniana per natura.55

Questo primato spagnolo dellesempio armato si unisce a volte ad una


tentazione di fagocitare il paese fratello: come nel caso di Moreno Guerra,
deputato di sinistra alle Cortes nel Trienio, che argomenta cos la richiesta
di appoggio militare ai liberali italiani: Npoles es una parte de Espaa,
como Catalua, y debemos auxiliarla, Npoles es como una cosa propia;
todava est la sangre mezclada entre los de Npoles y los de Madrid
(2 aprile 1821). Cos possiamo capire come, dopo la sconfitta dei moti
costituzionali, per gli italiani la Spagna non rappresenti solo uno spazio di
rifugio ma anche la concretizzazione di una Nazione Ideale, per rimanere
alla definizione di Carr. Oltre la trasfigurazione mitica un forte vettore
romantico come ci viene rimandato dalle lettere ai familiari degli esiliati.
Qui tutto libero, tutto unito; gli uomini, le donne, le pietre, le bestie ed
i monti, tutto, tutto altro non esala che libert, diva gradita alle anime pure
e ben nate.56 Angelo Ravizza poi invitava i parenti a partire: venite in
Spagna o diventate Spagnuoli.57
7. Il genere della patria
I Barcellonesi ed in generale i Catalani sono di bella statura, ben fatti, e ne
lor moti agilissimi. Occhi neri, nera capellatura, color bruno, spirito pronto e
vivace. Le donne se le metti a petto alle Inglesi le diresti brune; ma in confronto con laltre di Spagna son bianchissime; di maniere molto semplici, di
piacevole ingenuit nel conversare, ed amabilissime. Tanto le maritate, quanto le zitelle, veston per lo pi gonna di seta o dun misto di seta e lana color
nero, con semplice ma bella assettatura alla persona, ed alquanto corta, in
modo da lasciar vedere il piede ed un pochetto della gamba, volendo in ci
imitare le altre Spagnuole, ed in ispecie le donne dAndalusia, senza per
averne lo stesso motivo; perch ove quelle il fanno per certa ambizione e
vaghezza di mostrare un piedino ed una gamba che pajon fatte a pennello, le
Catalane invece ti metton fuori un cotal piede, cha vederlo spontanea nasce
55. Muiz, cit., p. 175. citazione tratta da Marcelino Menendez Pelayo, Quadrado y sus
obras (1893), in, Discursos, Madrid: Espasa-Calpe, 1942.
56. Lettera dalla Spagna di Giuseppe Chenna, sottotenente di Alessandria, alla zia, 6 dicembre
1821 (AST, Polizia, Copia lettere private intercettate). Il Chenna sar poi prigioniero in
Francia e si imbarcher per lInghilterra nel 1825.
57. La lettera in AST, Polizia, Mat pol, 1822, II, 10. sottotenente al momento dei moti, tenente
per ADB, a Reus nel 1822.

La scrittura dellesilio: militari ed intellettuali italiani in Catalogna Quaderns dItali 16, 2011 161

lidea, che vi possan dormir sopra placidi i sonni senza pericolo di cadere.
Usano venir in pubblico con nulla in capo, e col solo ornamento duna ricca
e nera capellatura inanellata. Il vestir degli uomini, quel de signori quale si
vede per tutta Europa, che non offre ormai che una stucchevole uniformit;
ma quel del popolo singolarissimo, ed a certa foggia, che dir si potrebbe
celtico-romana. Hanno un gran manto di lana, listato a pi colori, cui essi
danno il nome di manta, e questo portano sopra una spalla e serve loro non
solo da mantello di giorno, ma da coperta di notte, se per qualche accidente
son condotti a dormire all aria aperta; ed a questo fine dallun de lati ha i
lembi cuciti a guisa di sacco, ove, giacendo, introducono i piedi, e si tiran
indosso il rimanente. Calzoni larghi e lunghi, che salgono sino a sommo il
petto, di varie stoffe secondo la facolt di ciascuno, i pi ricchi di velluto, i
pi poveri di cotone, per lo pi color verdognolo, e di state di tela bianca.
Giubbetto di velluto o cotone, strettissimo al corpo, e che scende appena
mezzo palmo sotto le ascelle, ricamato tutt intorno o semplicemente orlato
di cordoncino di seta o di lana. Farsettino al giubbetto corrispondente, per lo
pi di seta a vaghi colori. Cingono poi intorno al corpo e sul sommo dell
anche gran sciarpa di lana, ed i pi ricchi di seta color rosso, allacciata da un
canto, i lembi pendenti sino al ginocchio. Al piede calzari di corda, che non
han che la suola, terminati in brevi rivolte, una da vestire un pochetto il tallone, 1altra, la punta de piedi, dalle quali muovon nastri, che sorgendo a
vario intreccio su per la gamba, sono e sostegno del calzare ed ornamento ad
un tempo; molti senza calze di state; e tutti in capo una berretta rossa di lana,
stretta alla fronte dinanzi, e scendente di dietro in forma di cono sino a mezzo
la schiena. I a qual foggia di vestire tutt insieme accresce mirabilmente alla
vista lapparente agilit de loro corpi. Il vestir delle donne volgari non molto
dissimile da quello delle nostre contadine dItalia; busto e gonna di cotone o
seta, e sempre di color diverso, in modo che 1uno dia risalto allaltro; grembiale di mossolina; nulla in capo od un fazzoletto; capelli raccolti in trecce,
cadenti sugli omeri, ovvero avvolte a pi giri sul mezzo del capo; gli stessi
calzari degli uomini, ed esse pure sovente scalze; aria ed andatura assai disinvolta; e non si veggon mai per via, senza ch abbian un cestellino sotto al
braccio, il quale serve loro, come dicono, di compagnia, e senz esso non
saprebbero ove collocar le braccia e le mani. Van dritte dritte, dimenandosi
un cotal poco, e con certa baldanza che va l l sui confini dell impudenza.
Fierissime se provocate ; vomitan ingiurie, articolandole con tanta prestezza,
che appena vi si pu tener dietro colla mente.58

Descrizione del piede, e pi in generale delle donne, anche nella prosa di


Collegno, quando ricorda di essere stato servito dalla figlia di un un oste ad
Ocaa, una giovane, grande pi che non lo sogliono essere le spagnuole, fatta
a pennello; ed ha occhi degni delle Andaluse.59 Il 13 aprile Collegno annota:
58. Beolchi, Reminiscenze, cit., p. 53.
59. Giacinto Provana di Collegno, Diario di un viaggio in Spagna nel 1823, alla data del
15 febbraio. Il Diario viene pubblicato su Il Cronista in 16 puntate, praticamente con
continuit se si eccettua il numero 4 dal numero 3 (20 luglio 1856) al numero 19
(10 novembre 1856). Il settimanale torinese venne fondato da Giuseppe Torelli, deputato
e amico di Cavour. Al settimanale collabor, oltre il Torelli che usava lo pseudonimo

162 Quaderns dItali 16, 2011

Agostino Bistarelli

Oggi domenica tutto il sesso gentile della Corogna gira per le chiese ed i passeggi, vestendo quanto ha pi di elegante. La bellezza delle Galliziane meno
delicata forse che non quella delle donne di Siviglia o di Madrid; ma anche
qui locchio vivace, il piedicino microscopico, il portamento orientale ricordano il tipo generale spagnuolo. D. Pedro (quel nostro compagno della Nuestra Seora del Carmen) mi parlava ieri, mentre si aspettava nel porto che ci si
venisse a dare pratica, della cortesia delle Corognesi verso i forestieri; i Francesi ed Italiani giunti in fine di marzo ce lo confermano; essi paiono tanti
Telemachi presso queste ninfe peninsulari, e non so quale Minerva potr
venirli a rapire per portarli altrove.60

Si legano alle ultime parole, con i riferimenti al mondo classico, anche i


ricordi di Sorisio, confinato con altri esuli ad Alhucemas, quella piccola isola
era un nudo scoglio elevato a baluardo, su cui si fabbricarono le sole case per
gli impiegati governativi e vi sono delle mura guarnite di tre cannoni che
qualche volta si sparano contro i marocchini che dalla spiaggia ci bersagliavano. Nellisola si innamora della figlia del comandante,
nuovo Tancredi nella Gerusalemme liberata di Torquato Tasso andavo in traccia
di quella felicit impossibile da raggiungere. Nel pelago di quelle mie agitazioni
ed immerso nel dolore di sapere che lItalia gi maestra di civilizzazione stava
allora neghittosa e gemente sotto il vergognoso giogo domestico e straniero mi
tormentavo talmente che divenni taciturno, solitario, sinch ammalai costretto
di ricoverarmi allospedale ove fui riconosciuto dal Medico affetto di scorbuto
creduto da alcuni attaccaticcio per cui linfermiere mi serviva con diffidenza.61

Cerchiamo di generalizzare largomento. Giovanni Allegra aveva il volto


scuro ma, secondo il biografo, tuttaltro che brutto, e quindi esercitava fascino
sulle donne catalane i cui sguardi vengono incontro fissi e diritti come punte
di spade.62 Il rapporto con il genere femminile che qui ho citato non un
elemento di grande presenza nella memorialistica degli esuli ma dove appare
introduce certamente un discorso che ha assunto un peso notevole anche nella
recentissima produzione storiografica.63 Ci riferiamo alla relazione tra patria e
generi sessuali, tra nazione e sentimenti nel loro farsi concreti. Secondo Banti
Ciro DArco, anche Massimo DAzeglio. Dur solo due anni, anche avendo un discreto
pubblico. La citazione nel n. 11, p. 18.
60. Collegno, Diario di un viaggio in Spagna nel 1823, cit., n. 16, p. 46.
61. Sorisio, Memorie, cit., p. 56-57.
62. Colli, Lavvocato Giovanni Allegra, cit., p. 57.
63. Per tutti vedi Alberto Mario Banti, La nazione del Risorgimento. Parentela, santit e onore
alle origini dellItalia unita, Torino, Einaudi, 2000 e il volume degli Annali della Storia
dItalia Einuadi, Il Risorgimento, Torino, Einaudi, 2007, curati da Banti e Paul Ginsborg,
in particolare i saggi di Ginsborg, Romanticismo e Risorgimento: lio, lamore e la nazione;
di Marta Bonsanti, Amore familiare, amore romantico e amor di patria, e nella Parte
seconda. Donne e uomini del Risorgimento: esperienze e identit di genere il saggio di Lucy
Riall, Eroi maschili, virilit e forme della guerra.

La scrittura dellesilio: militari ed intellettuali italiani in Catalogna Quaderns dItali 16, 2011 163

lidentificazione tra patria e donna, eredit del triennio giacobino, passa in Italia
attraverso lesercito francese e lassimilazione di valori e vocabolario: il termine
nazione che descrive la comunit fondamentale che legittima listituzione si
collega cos alla parola patria attraverso il ruolo del cittadino e patriottismo
si declina cos come amore della patria. Questo determina una attribuzione dei
ruoli di genere in cui lideale militare, e limpegno politico, hanno la funzione
anche di ridefinire il discorso patriottico: lallegoria originaria immagina la
patria come una donna e una madre.64 Agli sguardi femminili catalani, Allegra
non era insensibile, ma troppo preso dallamore patrio per pensare a quello pi
prosaico; lamore per lItalia gli assorbe tutte le potenze dellanima, che poco
tempo ho io avuto da dedicare ad altri amori, sicch le donne tengono parte ben
piccola nella storia della mia vita.65 Ma c anche unaltra declinazione di questo discorso che Pecchio attribuisce al racconto di una giovane madrilena che gli
descriveva Riego nel settembre 1821, cio il periodo della rimozione dal comando aragonese: Ora si dice che prenda moglie! Questo mi dispiace. Se ci fosse,
non sarebbe pi vero chegli non vive che per la patria; chegli non ama che la
libert. No, non deve ammogliarsi. Il suo matrimonio mi sembrerebbe una
infedelt alla nazione. Non egli il suo amante?.66

64. Banti, La nazione del Risorgimento, cit., p. 67.


65. Colli, Lavvocato Giovanni Allegra, cit., p. 57. Secondo Colli per era indubbiamente
irresistibile quelle poche volte che il suo severo Ideale gli permise di rivolgere gli occhi al
Reale. Ed anche in Ispagna il sorriso di pi di una Pquita, locchio fiammeggiante di pi
di una Consuelo, rischiar dun raggio limpido e sereno la scura giornata del povero esule.
Impara, attraverso le donne, la lingua.
66. Pecchio, Sei mesi in Ispagna, cit., p. 46.

Quaderns dItali 16, 2011 165-174

Brevi considerazioni sulla familiarit perturbante


di Dino Buzzati1: Una animalesca metamorfosi
terrificante
Elisa Martnez Garrido
Universidad Complutense de Madrid
elimarti@filol.ucm.es

Abstract
Il saggio studia il famoso racconto buzzatiano: I topi alla luce della psicoanalisi freudiana
e dellesperienza esistenziale dellautore veneto, allo scopo di dimostrare la polisemica e
ricca valenza ermeneutica dei roditori allinterno della narrazione. La presenza simbolica
dei topi, legata a una chiara catena intertestuale, antica e moderna, struttura allinterno del
rcit onorico di Buzzati, langoscia edipica di uno dei suoi testi pi perturbanti.
Parole chiave: perturbante; angoscia; problematica edipica; topi, simbolo; Buzzati.
Abstract
This essays focuses on Buzzatis famous short story, I topi (Mice), in the light of Freudian
psychoanalysis and the existential experience of this author of Veneto, in order to demonstrate the polysemous and rich hermeneutical representation of rodents in his narrative.
The symbolic presence of mice, associated with a clear inter-textual chain, both ancient
and modern, builds, through Buzzatis oneiric rcit, the oedipal anguish of one of his
most disquieting works.
Keywords: disquieting; anxiety; oedipal complex; mice; symbol; Buzzati.

Il perturbante sarebbe quella sorta di spaventoso che ha a che vedere con le


cose pi conosciute e familiari, da tempo inmemoriale.2 Con queste parole,
Freud nel suo saggio sul Perturbante ci allerta sulla profonda ambivalenza
dellaggettivo heimlich, perch se da una parte indica quello che conosciuto
1. Questa parte del nostro lavoro prende ispirazione dal saggio di Graziella Berto, Estranea
familiarit, in Retoriche dellalterit, Aut, Aut, novembre-dicembre 1992, p. 47-55. Sul
rapporto fra la letteratura fantastica e lalterit cfr. Silvia Zangrandi, Il rapporto con il
mondo autre, in Pagine infestate. I fantasmi e la tradizione fantastica del XX secolo, Milano:
Arcipelago Edizioni, 2008, p. 41-66.
2. Cfr. Sigmund Freud, Lo siniestro (1919) in Obras completas, Madrid: Biblioteca Nueva,
tomo VI, 1974, p. 2484.

166 Quaderns dItali 16, 2011

Elisa Martnez Garrido

e familiare, dallaltra ha uno stretto rapporto con ci che occulto e nascosto.


Non si deve dimenticare che il sostantivo Heim, casa, dimora, focolare, patria
alla base del nucleo semantico di heimlich, ma anche del suo antonimo
unheimlich. Cos la casa delluomo si trova sempre al posto dellAltro.3
Lo psicoanalista mette in contatto quello che familiare e domestico con
ci che pi oscuro, inquietante e maligno; un rapporto in se stesso quasi
magico, in cui il perturbate ci che vi di pi conosciuto e familiare (heimlich diventa unheimlich). Di conseguenza, Unheimliche tutto quanto sarebbe dovuto rimanere occulto, segreto, ma che invece si manifestato.4 Il perturbante, quindi, comporta la rivelazione o la manifestazione di ci che
dovrebbe nascondersi, in un luogo in cui affiorano strane e inquietanti presenze che non avrebbero dovuto vedere la luce n avere spazio allinterno della
domus.5 Pertanto, ci che per noi conosciuto e familiare, non rassicurante
quanto avevamo pensato. Siamo, insomma, davanti a un misterioso segreto
che il fantastico e il perturbante mostrano in piena luce.6 Il perturbante, allora, non solo non ci allontana dalla nostra pi familiare dimora, ma, al contrario, ci porta direttamente nei sotterranei pi profondi ed oscuri delle sue
viscere, dove vive accovacciato il mostro insondabile della famiglia. Per questo
stesso motivo, lunheimliche sempre quello che ritorna, ci che si ripete
continuamente e incessantemente nel centro stesso del Heim.
La rivelazione di questa minaccia perturbatrice nascosta nelle profondit
pi intime della famiglia di Dino Buzzati, nella sua stessa casa dinfanzia,
rappresenta il centro tematico di gran parte della sua letteratura fantastica7
e la casa di San Pellegrino, o le diverse varianti domestiche, ci mettono in
rapporto diretto con il cuore stesso delle inquietudini inconscie dellautore.
Queste girano sempre intorno alla manifestazione delle diverse presenze perturbatrici della/Altro, diventando reali allinterno della domus, malgrado
i suoi tentativi razionali per far s che rimangano nascoste e i tanti animali
3. Cfr. Jacques Lacan, Dal cosmo allUnheimlichkeit, in Il seminario. Libro X. Langoscia,
Torino: Einaudi, 2007, p. 33-47.
4. Sigmund Freud, Lo siniestro, cit, p. 2578.
5. Afferma Berto nel suo commento allo stesso saggio: Unheimlich un affiorare, piuttosto
che un sottrarsi: ci che ci turba una presenza, piuttosto che una mancanza, qualcosa che
si manifesta, uscendo dallopacit in cui avrebbe dovuto rimanere...Una sfumatura distingue questi due modi dellinquietudine, che tendono a confondersi: heimlich nella sua
seconda accezione, lunica sopravvisuta la sensazione sottile di una presenza nascosta e
indefinibile, che, pur molto vicina, agisce non vista (cfr. Il tramare alle spalle); unheimlich
invece lo svelarsi di tale presenza, nella sua inafferrabilit (Graziella Berto, cit, p. 53).
6. In questo senso sembra chiarificatore lo studio linguistico-etimologico di Gulio Lepschy
sulla parola fantastico. Il linguista rivela il rapporto esistente fra il termine fantastico e
la famiglia delle voci phantosomai, farsi visible, apparire, da una parte, e la forma latina
parlata senza aspirazione pantasia, con il significato di visione, angoscia, incubo. Cfr.
Gulio Lepschy, Aspetti linguistici del fantastico, in Nuovi saggi linguistici italiani, Bologna:
il Mulino, 1989, p. 199-230.
7. Cfr. Stefano Lazzarin, Ces terrifiantes histoires de maisons hantes .... Su alcune case infestate del Novecento italiano , in Italianistica, n. 2-3, maggio-dicembre 2002, p. 163-180.

Brevi considerazioni sulla familiarit perturbante di Dino Buzzati

Quaderns dItali 16, 2011 167

inquietanti che vivono in segreto allinterno della casa, insieme ai rumori, agli
spiriti ed ai fantasmi non sono altro che le multiformi traduzioni simboliche,
ossessionanti, del suo stesso unheimliche.
Davanti a ci che perturbante, perch rimosso e negato, ma chiaramente
certo, lo scrittore mostra la sua pi che evidente ambivalenza, il fascino e il
contemporaneo rifiuto verso le visioni interiori che vengono confessate attraverso la scrittura, nellevidente duplicit dei suoi racconti, i quali girano sempre
su ci che gli pi familiare e amato: la casa, come rifugio e fortificazione
contro il male, ma allo stesso tempo luogo che emana il pi assoluto e temuto
unheimliche. lautore stesso a confessarlo, quando dice che la casa
rappresenta uno dei fondamenti di quello che il mio mondo poetico o
piuttosto di quello che ho dentro di poetico [...]. Questa casa una cosa
proprio fondamentale [...]. Il concetto di casa per me quello di una fortezza domestica, entro la quale cercano di penetrare le sventure dal di fuori [...].
Ma indubbiamente nei bambini limpressione che fanno le case una cosa
straordinaria...Gli schricchioli, la sera, la porta chiusa o aperta, di notte, nel
buio [...]. Questo tipo di mistero parlo del mistero della casa ma anche
del mistero dei rumori del giardino implica la presenza di entit sconosciute, probabilmente immaginarie... Spiriti, fantasmi, esseri della natura,
elfi... Ecco: quelle cose l... Chi che passa nel corridoio, di notte? Sono i
topi o il vecchio nonno morto in peccato mortale?...E perch a dire il vero,
il mistero della casa in fondo pi denso del bosco? Perch nella casa abitata tanta gente. E questa gente ha lasciato su questo c poco da discutere qualche cosa nei muri.8

A partire da questa doppia prospettiva, bisogna leggere il racconto I topi,


che fu pubblicato per la prima volta sul Corriere della Sera del 9 agosto 1953,
lanno successivo compreso nella raccolta Il crollo della Baliverna e poi nei
Sessanta racconti del 1958. I topi pu essere considerato uno dei testi pi
inquietanti della narrativa fantastica di Buzzati, dove si manifestano anche
tutte le costanti strutturali, tematiche, simboliche e stilistiche della sua opera.
1. L inversione e il capovolgimento dei principi e delle realt del mondo
naturale. In questo racconto i topi mangiano i gatti, schiavizzano e uccidono gli umani.
2. La mistura tematica fra la realt e la fantasia, fra il vissuto, limmaginato e
il sognato.
3. La metamorfosi perturbante dellanimale semidomestico e inoffensivo (sorcio), che diventa, lungo lo sviluppo narrativo del testo, un mostro diabolico che si moltiplica.
4. Lo spostamento simbolico e connotativo dellasse semantico spaziale su vs.
gi. Nel racconto gli animali scendono dalla mansarda fino alla cantina.
8. Cfr. Yves Panafieu (a cura di), Dino Buzzati: un autoritratto, Milano: Mondadori, 1973,
p. 12.

168 Quaderns dItali 16, 2011

Elisa Martnez Garrido

Questa, come la fogna,9 simbolo onirico delle parti basse del corpo
umano.10
5. La condensazione e la rapidit del testo, costruito tramite la ripetizione (per
cinque volte) dellunico e stesso motivo narrativo, altamente perturbante,
sempre in crescendo; che nel racconto lorrida presenza e moltiplicazione
dei topi. In corrispondenza a questa, ogni volta che il protagonista-narratore rende conto allamico-padrone di casa di tale fatto, si ripete da parte
di questultimo, la reiterata negazione (rimozione) dellavvenimento angoscioso.
6. La ripetizione testuale nascosta dellaltra parola chiave del racconto: paura,
la quale agisce da leit motive perturbante nel momento centrale della storia.
Paura, con quattro occorrenze lessicali, diventa la chiave semantica del
mistero inquietante di tutto il testo. La parola si trova al centro della confessione che Giorgio, il figlio pi grande dei Corio, fa al narratore a proposito
della paura del padre per i topi e della sua stessa incapacit di poter agire
contro i terribili animali.
7. La ricorrente presenza simbolica e allegorica del male allinterno del testo,
stabilita a partire dallimmaginario religioso cristiano di Buzzati.11 Il racconto traccia lo sviluppo tematico e narrativo della storia (come succede
spesso allinterno dellopera buzzatiana) attraverso lo scontro indiretto fra
il Bene e il Male. Ne I topi, le bestie, alla fine del racconto, ormai diventate talpe dovoratrici, alludono indirettamente al bestiario infernale dantesco.12 La rivelazione e la scoperta dominatrice del male nel testo-casa-mondo, ci avvicina ancora, attraverso la condensazione allegorica presente nel
simbolo dei topi e del loro dominio devastante sugli umani, al sentimento
apocalittico di gran parte della narrativa buzzatiana.13
Come stato gi detto, la narrazione gira intorno al topos della casa infestata: una casa isolata in mezzo al bosco, nel limite fra lo spazio domestico e
la/Altro. Questa casa un luogo familiare per lio narrante (chiaro doppio
di Buzzati) e ovviamente per i Corio, i proprietari. In essa il narratore-protagonista, trascorre le sue vacanze estive in loro compagnia, in pacifica beatitu 9. Si ricordino anche Lettera noiosa de Le notti difficili (1971) o Eppure battono alla porta
(pubblicato nel 40 per la prima volta) dei Sessanta racconti (1958), dove le parti basse della
casa rappresentano i luoghi del mistero perturbante.
10. Rimandiamo alle rifessioni freudiane sulla simbologia sessuale della casa. Cfr. Sigmund
Freud, La representacin simblica en el sueo. Nuevos sueos tpicos, in La interpretacin de
los sueos (1900), in Obras completas, cit., tomo II, 557.
11. Cfr. Sigmund Freud, El sueo de angustia, en Psicologa de los procesos onricos, en La interpretacin de los sueos, cit., 693.
12.
giustamente la scelta della parola rombo quella che ci mette sulla possibile traccia dantesca nella scena finale del racconto studiato. Cfr. Nella Gianetto, Sessanta racconti e una
lingua da scoprire, in Il sudario delle caligini, Firenze: Leo Olschki, 1996, p. 209.
13. Si pensi, per esempio, a Allidrogeno e anche a Rigoletto, contenuti nei Sessanta racconti.
Cfr. Dino Buzzati, Opere scelte, a cura di Lorenzo Carnazzi, Milano: Mondadori,
I Meridiani, 2002, p. 856-861 e 889-893.

Brevi considerazioni sulla familiarit perturbante di Dino Buzzati

Quaderns dItali 16, 2011 169

dine, ma la situazione muta quando inizia la narrazione di alcuni fatti estranei,


in apparenza insignificanti, che costituiranno la base del racconto. Il rcit, per
questa ragione, si svolge in presente continuo e il narratore sinterroga, in modo
breve e rapido, su ci che sta accadendo nella Doganella, allo scopo di poter
decifrare il mistero che ha reso impossibile il suo abituale ritorno in un posto
per lui tanto familiare: Che ne degli amici Corio? Che sta accadendo nella
loro vecchia villa di campagna, detta la Doganella?.14
Dopo lincipit breve, quasi telegrafico, il narratore, ricorda i tempi felici
trascorsi durante lestate con gli amici nella casa di famiglia e introduce, quasi
in modo involontario, di sfuggita, ci che costituir lessenza della narrazione:
lelenco delle bizzarre memorie che cominciano a mostrarsi nella loro vera
dimensione, e che, nellaffiorare, si rivelano in tutta la loro potenza terrificante: Quanti giorni lieti ho vissuto in casa loro, nella solitudine dei boschi. Dai
vecchi ricordi oggi per la prima volta affiorano dei piccoli fatti che allora mi
parvero banali o indifferenti. E allimprovviso si rivelano.15 Questi ricordi
servono da risposta alle domande precedenti e anche a quelle ultime con le
quali si chiude la narrazione: E adesso?, Perch Giovanni ha scritto di non
poter pi invitarmi? Cosa successo?.16
La struttura ripetitiva e circolare di tali terribili domande, in stretto rapporto con lanimalesca invasione della casa degli amici, sempre in crescendo,
prender nel racconto una progressione testuale minacciosa e perversa: il topolino fragile della prima vacanza si riveler alla fine della storia una presenza
molto perturbante, la quale ha gi a che vedere con il Male e con la sua paurosa metamorfosi. Ogni apparizione degli animali, separata tipograficamente
dal punto a capo, e, di conseguenza, indipendente in rapporto alla manifestazione della sua progressiva testualit, comincia con un sintagma temporale:
Da un estate lontanissima [...] parecchio prima della guerra [...] , Passa un
anno, Passa un altro anno, E lanno dopo [...], Cos per anni [...]. Fatto
che evidenzia lantica e ripetuta minaccia degli animali terribili allinterno della
casa dei Corio, e la conseguente negazione da parte del proprietario. Si tratta
indubbiamente di unantica presenza, di uninquietudine atemporale sempre
in agguato nella casa.
Dopo i ricordi del passato, elencati dalla voce narrativa, siamo gi in grado
di intuire la dimensione profonda di quello che veramente successo allinterno della casa di campagna. I topi, diventati mostri divoratori, mangiano i
gatti di casa, uccidono i nonni e schiavizzano Elena, la madre della famiglia.
Lei apparir alla fine come una miserabile cenerentola, davanti a un grande
pentolone, nel quale cucina per i suoi padroni. La casa di villeggiatura diven14. Cfr. Dino Buzzati, I topi in Opere scelte, cit., p. 833. Forse sarebbe il caso di pensare alle
valenze semantiche contenute nel nome della casa dei Corio: la Doganella, creato a partire
dal sostantivo dogana: posto di frontiera fra paesi diversi dove si deve pagare per le merci
che passano da una parte allaltra del territorio.
15. Il corsivo nostro.
16. Cfr. Dino Buzzati, I topi, cit., 837.

170 Quaderns dItali 16, 2011

Elisa Martnez Garrido

tata, quindi, unaltra casa tomada17 dalle forze strane e straniere, dalle bestie
terrificanti e maligne che si sono impadronite della famiglia. Sono loro che
adesso detengono un potere mostruosamente violento.
Anche se vero che nella simbologia onirica c una differenza abissale
fra un sorcio ed una talpa, dato che le valenze semantiche di questi animaletti sono ambivalenti, i topi fin dallantichit sono stati presenti nelle favole e nelle leggende popolari.18 La loro enorme e pi mite popolarit, allinterno dellimmaginario fantastico occidentale contemporaneo, si vista
indubbiamente aumentata, per, grazie al cinema e soprattutto grazie allindustria Disney. Ma entrambi non hanno potuto mitigare completamente i
loro aspetti pi oscuri.
Dobbiamo ricordare che i roditori, e fondamentalmente le talpe, sono state
nelle fiabe figure ambivalenti data la loro stessa familiarit perturbante. Perch
se da una parte, i piccoli topi sono rappresentanti ingenui del mondo infantile, date le loro dimensioni, dallaltra simbolizzano anche leterno timore umano
verso la/Altro. Saccheggiatori del grano, propagatori delle malattie, divoratori dei piccoli esseri viventi, potentissimi riproduttori della loro specie, sono
stati per gli umani un grave pericolo per la salute. Pertanto, rappresentano uno
dei nostri nemici pi inquietanti, e tante volte sono stati anche visti persino
come un simbolo malefico.
Daltra parte, da una prospettiva inconscia, data la loro poderosissima capacit riproduttiva, i roditori sono associati direttamente alla sessualit, e spesso
a una sessualit oscura e sadica. Da una prospettiva ermeneutica meno minacciosa, tenendo conto della debolezza e dellingenuit del sorcio, il topolino,
nonostante il suo aspetto pi simpatico e grazioso, continua ad essere un animale inquietante. In ragione della sua stessa piccolezza, ha la capacit di guardare tutto, di conoscere tutto. Il topo osserva di nascosto tutto quanto succede
allinterno della casa e dal suo silenzioso nascondiglio in grado di contemplare i misteri domestici proibiti, soprattutto durante la notte. Cio, in un certo
senso, il piccolo animale il vero conoscitore della vita segreta della famiglia.
Il suo atteggiamento ha, dunque, qualcosa del voyeur, e, contemporaneamente, data la sua stessa morfologia e il suo continuo andirivieni dalla propria tana,
17. Alludiamo al racconto di Julio Cortzar, Casa tomada, contenuto nel suo Bestiario (1951).
Cfr. Julio Cortzar, Bestiario, Madrid: Alfaguara, 1961, p. 56-61. Come si ricorder
in questa narrazione una strana e perturbante presenza occupa la casa di una coppia di
fratelli (uomo e donna) che vivono in perfetta pace ed armonia. Alla stessa raccolta dello
scrittore argentino, appartiene anche Una seorita en Pars. In questo caso il fantastico
perturnbante simbolizzato tramite la riproduzione, non maligna, dei coniglietti che si
molteplicano nella casa della protagonista (che in viaggio a Parigi). Lei lascia in prestito
lappartamento di Buenos Aires a un suo amico, lui che trova questi piccoli animaletti in
ogni angolo della dimora. Entrambi i racconti di Cortzar parlano della sessualit negata,
quella che si rivela trasversalmente tramite le diverse presente perturbanti dei due testi:
lincesto e la riproduzione. Cfr. Giovanna IOLI, Dino Buzzati, Milano: Mursia, 1988,
cit., p. 33.
18. Si pensi per esempio a Il gatto e i topi di Esopo, a La battaglie dei topi e le donnole di Fedro
o a I topi e il gufo de La Fontaine.

Brevi considerazioni sulla familiarit perturbante di Dino Buzzati

Quaderns dItali 16, 2011 171

pu anche essere immaginato come un simbolo fallico della libido infantile.19


Per questo motivo, Buzzati, quando usa nel suo racconto il simbolo del topo,
ci parla, tramite lallegorismo del suo bestiario, della propria paura e della
propria minacciosa angoscia sessuale (vicina e familiare), la quale cresce di
nascosto allinterno della propria domus.
Dobbiamo anche tener conto che la stessa simbologia animale si inserisce
allinterno di tutta una tradizione letteraria vicina a lui. I topi entrano, quindi,
in diretto rapporto intertestuale con un insieme di opere dove i roditori sono
elementi perturbanti, che ci portano verso una sessualit colpevole e mortale.
Da Il pifferaio magico dei fratelli Grimm (autori tanto ammirati da Buzzati),20
a Schiaccianoci e il re dei topi di Hoffmann,21 Il pozzo e il pendolo di Poe,22 Il
piccolo Eyolf di Ibsen23 o La peste di Camus,24 questi animali, fra il domestico
e il selvatico, ci mettono sempre nella traccia della sessualit e della riproduzione, della colpa e della morte. Buzzati, che condivide con gli scrittori prima
citati, tanto lallegorismo della sua letteratura, quanto i suggerimenti emozionali propri dellimplicito, essendo anche lui un maestro del non detto, si serve
delle potenti connotazioni simboliche, infantili e popolari, appartenenti al
mondo dei roditori, con la finalit di confessare la sua angoscia infantile, in
stretto rapporto alla problematica irrazionale del proprio vicenda sessuale.
Allinterno di questa linea ermeneutica, bisogna anche ricordare che il simbolo dei topi si trova anche presente nel saggio freudiano Il caso clinico delluomo dei topi (1909), dove lautore mette in evidenza lo stretto rapporto esistente fra i roditori, la sessualit sadica, la colpa e la nevrosi ossessiva. Anche Jung
nella sua Metamorfosi e simboli della libido (1912) afferma che il simbolo animale sempre una figura sessuale; un chiaro sostituto fallico saldamente legato alla problematica dellincesto.25
Su queste basi non sembra inverosimile sospettare che il sorcio minuscolo, grazioso e fragile che apre il nostro racconto, entrando nella camera da
letto del narratore-protagonista, ci metta gi sulla strada della timida presenza
19. Cfr. Carl Jung, Metamorfosis y smbolos de la libido, en Gilbert Durand, Las estructuras
antropolgicas del imaginario, Madrid: Taurus, 1982, p. 67-69.
20. Cfr. Yves Panafieu, cit, p. 25.
21. Ibid., p. 25, 35, 175.
22. Anche Poe alla base del fantastico buzzatiano e di tutto il genere. Cfr. Yves Panafieu, cit,
p. 12, 25, 28, 31, 175. Hoffmann e Poe sono indubbiamente i grandi maestri dello scrittore.
Cfr. Nella Gianetto, Buzzati, Hoffmann e Poe, in Il sudario delle caligini, cit., p. 75-104.
23. Anche se non ci sono studi sulla traccia di Ibsen in Buzzati, pensiamo che il sapore dei
mondi del nord, inquietante e perturbante, ci che ci consentirebbe di parlare dei possibili
legami fra i due scrittori.
24. Si ricordi che linizio angosciante del romanzo di Camus anche basato sulla perturbante
presenza in crescendo delle talpe morte, annuncio di ci che avverr pi tardi. Il rapporto
fra Buzzati e Camus molto conosciuto; ladattamento francese di Un caso clinico si deve
proprio a Camus. Cfr. Lorenzo Vigan, Album Buzzati, cit., Milano: Mondadori, 2006,
p. 238-242.
25.
Siamo dellavviso che sarebbe interessante studiare pi approfonditamente il rapporto esistente fra lanimale totemico, i ratti divoratori e tutta la problemtica sessuale dellincesto.

172 Quaderns dItali 16, 2011

Elisa Martnez Garrido

delle prime manifestazioni sessuali di un soggetto maschile (il nostro autore);


cio, davanti alla crescita della propria libido e alla potenza inarrestabile che
questa prender pi tardi, allinterno della propria famiglia e soprattutto in
rapporto diretto alla figura della madre. La crescita e la moltiplicazione dellanimale rappresenterebbe, dunque, il passaggio dalla libido infantile alla sua posteriore fase adolescenziale. Tramite I topi, quindi, come in tanti altri casi, Buzzati confessa la sua stessa paura nei confronti alla propria sessualit. questa
la vera presenza perturbante del testo, quella che si impossessata del suo
desiderio irrazionalmente incestuoso. Assistiamo, nel racconto, quindi, alla
progressiva trasformazione sessuale del soggetto maschile (Dino Buzzati) e al
suo corrispondente terrore colpevole nei confronti di una tale realt.
In questo modo ne I topi, la mostruosa metamorfosi e riproduzione degli
animali diventa un frenetico brulichio di forme nere, un laido tumulto,
una potenza infernale che nessuno avrebbe pi fermato;26 si arriva, cos, fino
alla visione malefica della propria crescita sessuale, in chiara rivalit con la
figura del padre. I topi adulti annunciano, dunque, la potenza di una sessualit maschile matura, vista, per, come qualcosa terrificante alla luce edipica
della colpa. Perci non casuale che sia Giorgio a raccontare al narratore le
paure di suo padre nei confronti delle terribili bestie e dellincapacit del genitore ad eliminarle.
Inoltre nel testo, insieme alla presenza del figlio adolescente e del suo tradimento del padre (in quanto rivale), c anche unaltra figura determinante
per linterpretazione del racconto nel senso incestuoso. Questa corrisponde al
personaggio della madre-sposa e alla sua ultima immagine, con la quale si
chiude il racconto.
Elena, serva dei topi, fa loro da mangiare.27 La madre, stanchissima e
afflitta [...] cucina, rimestando in un immenso calderone, mentre intorno grappoli fetidi di topi la incitavano, avidi di cibo.28 La scena, vicina alla simbologia delle fiabe e dei sogni, presenta in se stessa una ricchissima polisemia che
ci porta verso una catena di domande ermeneutiche senza risposta univoca.
Nonostante tutte quante le possibili questioni interpretative poste dallultima
immagine di Elena, queste continuano a metterci sulla strada percorsa finora,
che progredisce intorno a costanti simboliche oniricamente incestuose.
Vediamo ora le domande nascoste pi importanti, quelle che immediatamente ci pone il racconto.
1. Perch la madre del racconto rimane sola, come unica superstite di tutta
la famiglia Corio?
26. Cfr. Dino Buzzati, I topi, cit., p. 838.
27. Secondo Freud, la cucina e le pentole ci mettono in contatto diretto con la genitalit
femminile, cfr. Sigmund Freud, La interpretacin de los sueos, cit., p. 575. Il fatto che
Elena cucini davanti ad una grande pentola potrebbe rinforzare ulteriormente la prospettiva
sessuale del racconto.
28. Cfr. Dino Buzzati, cit., p. 838.

Brevi considerazioni sulla familiarit perturbante di Dino Buzzati

Quaderns dItali 16, 2011 173

2. Perch, dice che troppo tardi e che non c pi speranza?29


3. I topi, dopo aver gi mangiato i due grossi gatti della casa, hanno anche ucciso i nonni. Ma quale stata la fine di Giovanni Corio e degli altri fratelli?
4. Che cosa sta cucinando Elena nella grande pentola?
5. I topi, diventati divoratori terribili, che cosa stanno mangiando? La carne
di quelli che sono stati fatti fuori da loro stessi? La carne del padre morto?
Prima di tutto, dobbiamo tener presente che Elena (la madre del racconto)
lunica che appare alla fine della favola, perch il resto dei membri della
famiglia, verosimilmente, sono stati eliminati dalle bestiacce. Cos scompare
dalla storia fantastica di Buzzati qualsiasi possibile rivalit che possa intrommettersi fra la madre e il desiderio sessuale dei topi (cio quello incestuoso del figlio).
In secondo luogo, vero che il padre dei Corio era presente allinizio della
narrazione in un primo momento lamico ci parla di una lettera di Giovanni, dove gli si dice dellimpossibilit di trascorre le abituali vacanze estive nella
loro casa di campagna; ma anche vero che, alla fine del testo, il padre non
c pi, sparito, non c traccia di lui n degli altri membri della famiglia.
Solo alla fine della narrazione, si sa qualcosa della devastazione della casa dei
Corio e si scopre parzialmente il mistero che la avvolge, perch c una lontana
voce corale che mormora. Dicono (il verbo ripetuto per tre volte nel testo)
che la casa stata occupata da bestie mostruose. Lunico contadino che si
avvicinato al macabro luogo e che ha avuto la visione infernale di Elena Corio
nelle circostanze gi conosciute, le ha sentitito dire, come sappiamo gi, che
troppo tardi.
Ma perch troppo tardi? Qual in realt la sua situazione in mezzo ai topi
affamati che la incitano a cucinare in continuazione? Anche in lei ha avuto
luogo una metamorfosi, perch, essendo una donna dolcissima e amabilissima (possiamo dedurre che fosse anche bella), diventata una pezzente, [...]
stanchissima ed afflitta serva dei topi. Indubbiamente, la domanda centrale
di tutto il nostro testo questa: Elena li serve soltanto come cuoca? Dato lo
stretto rapporto simbolico ed onirico fra la sessualit e il cibo, sembra abbastanza verosimile immaginare che le bestie terribili labbiano schiavizzata anche
in senso sessuale. Per questo motivo, tutti gli altri umani/uomini della famiglia
Corio sono fuori casa. I topi alla fine si sono cos impossessati della madre e
hanno, quindi, distrutto la Legge del padre e il tab dellincesto.
Alla domanda che riguarda il cibo cucinato da Elena per i voraci roditori,
la risposta implicita pu sembrare macabra, ma non inverosimile: la carne del
padre, degli altri familiari uccisi.30 Questa possibilit sembra coerente anche
con la simbologia degli animali divoratori dellultima parte del testo, in corri29. In realt il testo dice per noi non c pi speranza.
30. Se ricordiamo la presenza dei roditori nel racconto di Poe prima citato, questa rinforza
lattendibilit della nostra analisi e la possibilit dellantropofagia o il cannibalismo del testo.
Le talpe de Il pozzo e il pendolo aspettano la morte dell io-protagonista per soddisfare la loro
voracit.

174 Quaderns dItali 16, 2011

Elisa Martnez Garrido

spondenza al cannibalismo dei popoli primitivi e alla problematica edipica infantile, come riferisce Freud in Totem e tab (1912-1913).31 Dobbiamo ricordare
anche che lantropofagia e il cannibalismo sono tematiche fortemente presenti
in innumerevoli fiabe infantili: in Hansel e Gretel, in Pollicino o in alcune versioni de La bella addormentata, per esempio. In queste, come in tante altre favole,
adombrata la problematica delledipo, svelata dalle letture dellantropologia e
del folfklore.32 Non dobbiamo essere, dunque, colpiti da questa interpretazione,
abbastanza familiare al mondo magico dei racconti popolari per linfanzia. Per
questo motivo, Elena, la madre del racconto, raddoppiando le sue caratteristiche
di vittima in afflizione, appare alla fine del testo e dice al contadino che troppo tardi e che non c pi speranza. Lei ormai la doppia vittima di una
sessualit golosamente33 e mostruosamente incestuosa e violenta.
Ma bisogna anche dire che forse lultima immagine del testo non tanto
terribile come sembra. Non dobbiamo dimenticare che lironia parodica
sempre presente in gran parte dellopera buzzatiana, e molto probabilmente
presente anche in questo caso, travestita nellultima visione de I topi. In un
certo modo si potrebbe anche affermare che lo scrittore qui, come in tante altre
occasioni, ci strizza locchio, ci fa un segno della sua trasversalit, ride dellorrore eccessivamente visionario delle favole e dei propri incubi,34 allo scopo di
relativizzare e diminuire la paura che provoca in lui, forse, e nei lettori la schiavit sessuale di Elena, preda e vittima dei terribili mostri incestuosi.
Buzzati ne I topi confessa, dunque, letterariamente e allegoricamente tutto
quanto doveva rimanere taciuto, occulto, segreto, ma che, attraverso lincubo
del suo racconto, si manifestato e rivelato. Siamo, dunque, davanti allaffiorare di quella presenza preturbante che non doveva aver spazio allinterno della
domus, ma che malgrado tutto si rivelata tramite la letteratura.
La narrazione buzzatiana, di conseguenza, testimonia linsondabile mostro
della sua/nostra immagine di famiglia. Perci, i topi, chiara rappresentazione
dellunheimliche dello scrittore, sono la realt che incessantemente si ripete al
centro della sua casa. I topi rappresentano, di conseguenza, lirrazionale e violenta forza sessuale dellincesto e delledipo, quella che porta verso le pi profonde viscere della dimora familiare: alla confessione perturbante dellangoscia
colpevole e alla morte, anche se questa, allinterno del proprio testo, , contemporaneamente, relativizzata e parodiata.
31. Cfr. Sigmund Freud, Totem y tab (1912-1913), in Obras Completas, cit., tomo V,
p. 1745-1850.
32. Si ricordi nella stessa linea Vladimir Propp, Edipo alla luce del folklore, Torino: Einaudi,
1974.
33. Lorco delle fiabe ci mette in contatto diretto con lo sviluppo sessuale della prima fase orale.
Cfr. Bruno Bettelheim, Il mondo incantato: uso, importanza e significati psicoanalitici delle
fiabe, Milano: Feltrinelli, 1977.
34. Forse nelle stesse parole di Elena: troppo tardi [...] per noi no c pi speranza, tendenti
in parte verso la tonalit melodrammatica, si camuffa lcart che ci consente di parlare di
parodia e di umore allinterno della visione infernale. La prima possibilit di lettura continua
per ad essere, a nostro avviso, presente nel testo.

Quaderns dItali 16, 2011 175-196

Lingua e potere in Pier Paolo Pasolini


Francesco Virga
Palermo
npvirga@libero.it

La lingua la spia dello spirito.1


I potenti [...] che in questi anni hanno detenuto il potere, dovrebbero
andarsene, sparire [...]. Invece non solo restano al potere, ma parlano. Ora
la loro lingua la pietra dello scandalo. [...] La loro lingua la lingua della
menzogna.2
attraverso lo spirito della televisione che si manifesta in concreto lo
spirito del nuovo potere.3
Abstract
Lanalisi delle diverse forme del linguaggio umano e dei suoi poteri, la questione dei rapporti tra lingua e dialetti, con i suoi nessi stretti con la politica e la societ, rappresentano
una delle preoccupazioni centrali e insieme una costante dellopera pasoliniana.
Pasolini non venne mai meno al dovere per lui primo di un intellettuale: esercitare prima di tutto e senza cedimenti di nessun genere un esame critico dei fatti. Fin da
giovane concep tale esame come una verifica continua, un continuo adattamento del
periscopio allorizzonte dei fenomeni, contro gli ideologi dogni tipo che hanno sempre
fatto il contrario. Fu cos tra i primi ad intravedere gli albori di una nuova epoca storica
che oltre a cancellare i tratti dellantica civilt contadina, ancora propria di gran parte
dellItalia nei primi anni 60 avrebbe finito per mutare antropologicamente gli italiani.
Larticolo intende dimostrarlo, passando in rassegna tutti gli scritti dellautore, non
solo quelli linguistici, e soffermandosi su alcuni testi meno noti e poco studiati o trascurati
dalla critica.
Parole chiave: lingua-potere; lingua-dialetti; Gramsci; televisione; consumismo; mutazione
antropologica.

1. P. P. Pasolini, Saggi sulla letteratura e sullarte (dora in poi Sla), II, Milano: Mondadori,
1999, p. 2844.
2. Trattatello pedagogico incompiuto, intitolato Gennariello, uscito a puntate su Il Mondo
(primavera 1975), poi in P. P. Pasolini, Lettere luterane, Torino: Einaudi, 1976, p. 29.
3. P. P. Pasolini, Scritti corsari, Milano: Garzanti, 1975, p. 30.

176 Quaderns dItali 16, 2011

Francesco Virga

Abstract
Analysing different forms of human language and its powers, the issue of language-dialect
connections, strictly intertwined with politics and society, represent one of the authors
main concerns and, at the same time, a constant feature of Pasolinis work.
Pasolini never compromised on what he believed to be his primary duty as an intellectual: To perform, first and foremost, a critical examination of the facts. Since youth,
he conceived of this examination as a continuous assessment, continuous focussing of his
periscope to the horizon of phenomena, opposing ideologues of every kind who always
did the opposite. He was therefore amongst the first to glimpse the dawn of a new historical era that in addition to eliminating the traits of an ancient agricultural civilization,
which still defined most of Italy in the early 60s would eventually anthropologically
transform Italians.
This article aims to demonstrate the above by reviewing all of the authors works, not
only his linguistic ones, and to focus on some pieces that are lesser-known, rarely studied
or neglected by critics.
Keywords: language-power; language-dialects; Gramsci; television; consumerism; anthropological transformation.

Nellampia bibliografia critica esistente su Pasolini gli studi che hanno messo
a fuoco le sue riflessioni sui rapporti tra lingua e potere sono pochi;4 eppure,
lanalisi delle diverse forme del linguaggio umano e dei suoi poteri, la questione dei rapporti tra lingua e dialetti, con i suoi nessi stretti con la politica e la
societ, come rilevato per primo da Tullio De Mauro,5 occupano un posto
centrale nellopera del poeta e attraversano tutti i suoi scritti. Il Volgareloquio,6
4. Esiste solo una bella monografia rielaborazione della tesi di laurea di Francesco Ferri,
Linguaggio, passione e ideologia. Pier Paolo Pasolini tra Gramsci, Gadda e Contini, Roma:
Progetti Museali Editore, 1996. Non a caso lo studio fu seguito e incoraggiato da Tullio De
Mauro, autore dei brevi ma fondamentali: Pasolini critico dei linguaggi e Pasolini linguista,
scritti in tempi diversi e raccolti nel suo LItalia delle Italie, Roma: Editori Riuniti, 19922. Va
inoltre ricordato: Gustavo Buratti, Pasolini: dialetto rivoluzionario e minoranze linguistiche, limpegno, XIV 3, dicembre 1994. Si devono, infine, ad Antonio Piromalli prefazione
e cura degli Atti del dibattito, svoltosi al Liceo Palmieri di Lecce (21 ottobre 1975) con la
partecipazione attiva di Pasolini: Volgareloquio, Napoli: Athena, 1976. Se non s visto
male, non risultano altri contributi a stampa che, fin dal titolo, affrontano espressamente la
tematica linguistica in Pasolini. Comunque, per la centralit da essa rivestita nella sua opera
complessiva, corso lobbligo di consultare tutti i principali studi pasoliniani.
5. T. De Mauro, LItalia delle Italie cit., p. 274: Grazie a Gramsci, Pasolini intese che le
scelte di linguaggio non avevano solo premesse e conseguenze di natura letteraria, ma si
inscrivevano nel tessuto dei rapporti e contrasti sociali, avevano [...] una valenza politica
[...]. Questa interpretazione di Gramsci non solo fu significativa per orientare il seguito
dellattivit intellettuale di Pasolini, ma per la sua interna originalit. Essa scorgeva con
chiarezza la natura portante che le questioni di lingua e, dunque, di cultura avevano nella
teoria politica e sociale di Gramsci, ci che solo molto lentamente, pi di ventanni dopo
si doveva acquisire.
6. Titolo dantesco scelto da Pasolini per lintervento test citato (ora Sla, p. 2825-2862).
Gli scritti pasoliniani, pubblicati nel tempo da editori diversi, sono stati raccolti in dieci

Lingua e potere in Pier Paolo Pasolini

Quaderns dItali 16, 2011 177

oltre ad essere il tema del suo ultimo intervento pubblico, stato al centro dei
suoi interessi fin dagli anni giovanili, quando era un linguista ossessionato.7
Indubbiamente con gli anni Pasolini ha affinato i suoi strumenti danalisi
e si scorgono facilmente le differenze esistenti tra larticolo Dialet, lenga e stil,
pubblicato nel 1944 su una rivistina provinciale friulana, e i saggi e gli articoli dei decenni successivi.
Daltra parte chi, fin dagli anni 50, aveva concepito lattivit critica come
una verifica continua, un continuo adattamento del periscopio allorizzonte dei
fenomeni,8 contro gli ideologi dogni tipo che hanno sempre fatto il contrario,
era particolarmente predisposto a cogliere e decifrare i segni dei tempi. Cos
Pasolini stato tra i primi ad intravedere gli albori di una nuova epoca storica
che, oltre a cancellare i tratti dellantica civilt contadina, caratterizzante gran
parte dellItalia ancora nei primi anni 60, avrebbe finito per mutare antropologicamente gli stessi italiani.9
La valutazione critica della complessa opera pasoliniana, ancora oggi controversa. Il carattere non sistematico degli scritti, il loro continuo sforare i
tradizionali confini disciplinari, si prestano a letture ed interpretazioni diverse.
Nessuno pu avere la pretesa di possedere lunica chiave interpretativa giusta.
Ogni interpretazione deve essere consapevole della propria parzialit ed essere
offerta alla discussione come ipotesi di lavoro.
Tutti hanno riconosciuto il legame stretto esistente tra vita e opera in
Pasolini, tanto che ad alcuni egli apparso come la dimostrazione vissuta,
un martire, in senso etimologico, dei propri pensieri.10 Ma non tutti hanno
colto la continuit di fondo della sua opera. Chi scrive ritiene che sia, quanto
meno, discutibile asserire che, a partire dagli anni 70, si delinei un nuovo
Pasolini.11 stato, peraltro, lo stesso poeta a segnalare questa continuit, sia
nella famosa lettera aperta indirizzata ad Italo Calvino nel luglio del 1974,
volumi, a cura di Walter Siti e Silvia De Laude (I Meridiani, Milano: Mondadori). La
sistemazione non ha ottenuto consensi unanimi. Particolarmente dure le osservazioni di
Carla Benedetti (LUnit, 29 aprile 2003), che prende le mosse dalla discutibile Postfazione
con cui Siti chiude lultimo tomo dellopera. Soprattutto contestabile, per me, la separazione
dei saggi letterari da quelli socio-politici ed antropologici (Saggi sulla politica e la societ,
dora in poi Sps). Forse, rispettando lordine cronologico in cui furono concepiti tutti gli
scritti, a prescindere dal loro genere, sarebbe stato pi agevole cogliere il ritmo e il naturale
sviluppo del pensiero di un autore che non amava i confini disciplinari.
7. P. P. Pasolini, I parlanti (1951), ora in Appendice a Ragazzi di vita, Torino: Einaudi, 1979,
p. 230.
8. P. P. Pasolini, Passione e ideologia, Milano: Garzanti, 1960, p. 486-487.
9. Per tutti, P. P. Pasolini, Studio sulla rivoluzione antropologica in Italia, in Scritti corsari,
cit. singolare che lintuitivo giudizio sul particolare sviluppo del capitalismo italiano abbia
ora ricevuto conferme da parte di un economista: Giulio Sapelli, Modernizzazione senza sviluppo. Il capitalismo secondo Pasolini, Milano: Bruno Mondadori, 2005, il quale ha valorizzato
sapientemente lo sguardo antropologico del poeta, ma ha preso anche qualche abbaglio,
come quando tenta di far passare Gramsci per un attualista gentiliano (ibid., p. 27).
10. Da ultimo Roberto Carnero, Morire per le idee. Vita letteraria di Pier Paolo Pasolini. Con
unappendice sul caso giudiziario, Milano: Bompiani, 2010, p. 7-9.
11. Cesare Segre, Vitalit, passione, ideologia. Introduzione a Sla, I, p. xxxvi-xxxvii.

178 Quaderns dItali 16, 2011

Francesco Virga

esaminata pi avanti, sia nella Nota introduttiva agli Scritti corsari, inspiegabilmente trascurata dalla critica,12 i cui passaggi chiave si ripropongono:
La ricostruzione di questo libro affidata al lettore. lui che deve rimettere
insieme i frammenti di unopera dispersa e incompleta. lui che deve ricongiungere passi lontani che per si integrano. lui che deve organizzare i momenti
contraddittori ricercandone la sostanziale unitariet. lui che deve eliminare le
eventuali incoerenze (ossia ricerche o ipotesi abbandonate). [...] Mai mi capitato nei miei libri, pi che in questo di scritti giornalistici, di pretendere dal
lettore un cos necessario fervore filologico. Il fervore meno diffuso del momento.
Naturalmente, il lettore rimandato [...] ai testi degli interlocutori con cui
polemizzo o a cui con tanta ostinazione replico o rispondo. Inoltre, allopera
che il lettore deve ricostruire, mancano del tutto dei materiali [...] fondamentali.
Mi riferisco soprattutto a un gruppo di poesie italo-friulane [...]. Non potevo
raccogliere qui quei versi, che non sono corsari (o lo sono molto di pi).13

Le poesie, cui si fa cenno, non sono quelle famose del 1941-42, ma un


gruppo di versi, meno noti, scritti tra il 1973 e il 1974, che si richiamano ai
precedenti. NellAutopresentazione di tutti i versi friulani, editi nel 1975,
con il titolo La nuova giovent, lo stesso Pasolini rivendica ironicamente il
diritto a diventare un podiverso in trentanni e ammette di sentirsi ossessionato dal pensiero di non aver detto e non poter dire la parola ultima e definitiva, o almeno precisa, sullunica cosa che gli sta a cuore.14 Laffermazione
risulta di per s enigmatica. Ma Pasolini non sempre stato chiaro, anzi ha
fortemente subito il fascino dellenigma e del mistero. Daltra parte era convinto che bisogna essere folli per essere chiari e che alcune cose si vivono
soltanto; o, se si dicono, si dicono in poesia.15 In ogni caso, secondo me, non
12. Con leccezione di Marco Belpoliti, Pasolini corsaro e luterano, Nuovi Argomenti, 21
(2003), che ad essa fa espresso riferimento, ricordando la singolare revisione pasoliniana del
1974 dei primi versi friulani, la cui analisi per rinviata ad altri tempi e luoghi. Ci che
non convince, nella pur originale rilettura di Belpoliti ripresa nel suo recente Pasolini in
salsa piccante, Parma: Guanda, 2010 la presunta centralit della tematica omosessuale,
di cui certo non si pu ignorare la presenza, ma che credo riduttivo considerare nodale, se
non ossessiva. Non , inoltre, confermato dallanalisi testuale che, negli scritti degli anni 70,
lanalisi linguistica sostituita da quella semiologica. Basti ricordare che i principali saggi
semiologici sono certo raccolti in Empirismo eretico, Milano: Garzanti, 1972, ma erano stati
pubblicati in diverse riviste tutti negli anni 60. Peraltro Pasolini, proprio per il suo tipico
empirismo eretico, non fu mai seguace ortodosso di alcuna scuola di pensiero. Per questo,
fin dagli anni 60, riesce a conciliare Gramsci e Contini, e il suo marxismo eterodosso con
la psicoanalisi e lo strutturalismo. Non a caso Contini apparir ai suoi occhi fino allultimo,
il solo critico italiano i cui problemi siano stati i problemi letterari di Gramsci [...] scandalo
per i Giudei, stoltezza per i Gentili. Cfr. P. P. Pasolini, Descrizioni di descrizioni, Torino:
Einaudi, 1979, p. 443.
13. Scritti corsari, cit., p. 1-2. Salvo diverso avviso, il corsivo dei testi citati mio.
14. P. P. Pasolini, La nuova giovent. Poesie friulane 1941-1974, Torino: Einaudi, 1975, p. 267.
15. P. P. Pasolini, Il sogno del centauro, ed. Jean Duflot, Roma: Editori Riuniti, 19932 (dora
in poi Duflot), p. 5. una delle pi importanti interviste rilasciate da Pasolini a cavallo
degli anni 60-70.

Lingua e potere in Pier Paolo Pasolini

Quaderns dItali 16, 2011 179

ha mai smesso di svolgere quello che riteneva il primo dovere di un intellettuale, ossia esercitare prima di tutto e senza cedimenti di nessun genere un
esame critico dei fatti.16
Non pare casuale, poi, che nellarticolo Che cos questo golpe? (Corriere della
sera, 14 novembre 1974), Pasolini segua lo stesso metodo ed eserciti proprio
quel fervore filologico, sopra invocato, nel tentativo di spiegare alcuni dei misteri italiani:
Io so perch sono un intellettuale, uno scrittore che cerca di seguire tutto ci
che succede, di conoscere tutto ci che non si sa o che si tace; che coordina fatti
anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica l dove sembrano regnare
larbitrariet, la follia e il mistero.17

Nelle pagine che seguono, anticipando i risultati di uno studio pi analitico in corso, si mostrer come il poeta sia riuscito a rompere il circolo perverso
che lega il potere della lingua alla lingua del potere, e abbia saputo trovare
parole chiare per svelare le menzogne che attraverso la stampa e soprattutto
la televisione inondano e soffocano quel corpo del resto inerte che lItalia.18
Si cercher, inoltre, di applicare il metodo pasoliniano per rimettere insieme
i frammenti di unopera dispersa e incompleta, ricongiungere passi lontani
che per si integrano, ristabilire la logica l dove sembrano regnare larbitrariet, la follia e il mistero, facendo particolare riferimento agli articoli apparsi su giornali e periodici diversi, nellarco di trentanni, evidenziandone la
sostanziale coerenza, ma senza sollecitare i testi19 o chiudere gli occhi di
fronte alle contraddizioni del pensiero dello scrittore che, comunque, risultano
sempre feconde.20
1. Il Gramsci di Pasolini
Pasolini ha dichiarato di aver letto Gramsci, per la prima volta, nel 1948-49,
anni in cui cominciano a vedere la luce, seppure in modo incompleto, i suoi
scritti.21 Ma lassimilazione critica del pensiero del sardo successiva a questo
16. Scritti corsari, cit., p. 31.
17. Ora col titolo Il romanzo delle stragi, ibid., p. 108.
18. Lettere luterane, cit., p. 29.
19. Espressione di Antonio Gramsci, che tanto contribu alla formazione di Pasolini. Sarebbe
tradire entrambi dimenticarsi del giudizio severo del sardo contro la diffusa tendenza a far
dire ai testi, per amor di tesi, pi di quanto i testi realmente dicono, un errore di metodo
filologico che si verifica anche allinfuori della filologia, in tutte le analisi e gli esami delle
manifestazioni di vita (A. Gramsci, Quaderni del carcere, ed. V. Gerratana, II, Torino:
Einaudi, 1975, p. 838).
20.
Tra i tanti critici che hanno evidenziato la contraddizione costitutiva dellopera pasoliniana: Vittorio Spinazzola, La modernit letteraria, Milano: Il Saggiatore, 2001, ripreso
da R. Carnero, Morire per le idee, cit., p. 9.
21. Lopera di Gramsci noto vide la luce, da Einaudi, con la supervisione di Palmiro
Togliatti. Uscirono dapprima le Lettere dal carcere (1947), poi i volumi tratti dai Quaderni

180 Quaderns dItali 16, 2011

Francesco Virga

biennio. Ci dimostrato, tra laltro, da un testo inedito del marzo 1949,22


che affronta il tema classico dei rapporti tra cultura e politica, senza alcun
riferimento al lessico e alla filosofia gramsciana, e da una lettera a Carlo Betocchi dellottobre 1954, dove lautore svela con candore le proprie incertezze
ideologiche.23 probabile che, in un primo momento, Pasolini sia rimasto
colpito dalla statura morale delluomo imprigionato dal regime fascista: tanto
pi libero scriver quanto pi segregato dal mondo, fuori del mondo, in
una situazione suo malgrado leopardiana, ridotto a puro ed eroico pensiero.24
Solo dai primi anni 60 possibile trovare, negli scritti di Pasolini, tracce
significative del pensiero gramsciano. Soprattutto se si considera laspetto pi
problematico di esso, chegli stato tra i primi a cogliere. Occorre, infatti, tenere sempre presente che il Gramsci di Pasolini non quello ufficiale del PCI, ma
il Gramsci studioso del linguaggio e del senso comune che riesce a vedere, anche
nelle pi elementari espressioni umane, una particolare visione del mondo.25
Da questo punto di vista, lintera rubrica curata dal 1960 al 1965 su Vie
Nuove, settimanale popolare comunista diretto da Maria Antonietta Macciocchi, ha uninconfondibile impronta gramsciana. Non un caso che, intrattenendovi uno straordinario dialogo con lettori spesso incolti, a proposito di
questioni linguistiche, Pasolini elogi il glottologo Graziadio Isaia Ascoli e, una
volta asserito che Gramsci non mai normativo, citi a memoria un passo dei
Quaderni: Ogni volta che affiora, in un modo o nellaltro, la questione della
lingua, significa che si sta imponendo una serie di altri problemi.26
Quello praticato da Pasolini in Vie Nuove un giornalismo rivoluzionario,
assai vicino al modello gramsciano.27 Forse, persino superiore allo stile corsaro
del carcere, tematicamente cos raccolti: Il materialismo storico e la filosofia di Benedetto
Croce (1948), Gli intellettuali e lorganizzazione della cultura (1949), Il Risorgimento (1949),
Note sul Machiavelli, sulla politica e sullo Stato moderno (1949), Letteratura e vita nazionale
(1950), Passato e presente (1951). In pi volumi saranno infine riuniti gli scritti giornalistici
del periodo pre-carcerario. Bisogna aspettare il 1975 per avere, dei Quaderni, unedizione
critica (sup., n. 19).
22. Il testo, preparato per il Congresso provinciale del PCI di Pordenone, appare, per la prima
volta, su Rinascita, 4 novembre 1977; ora Sps, p. 81-84.
23. P. P. Pasolini, Vita attraverso le lettere (ed. G. Naldini), Torino: Einaudi, 1994, p. 163165.
24. Passione e ideologia, cit., p. 487. Laccostamento a Leopardi torna in unintervista del 1963,
dove afferma: lunico antenato spirituale che conta Marx e il suo dolce, irto, leopardiano
figlio, Gramsci (A. Arbasino, Sessanta posizioni, Milano: Feltrinelli, 1971; ora Sps,
p. 1573). Nella stessa intervista Pasolini, ricordati anche i debiti contratti con Longhi e
Contini, assicura di non averli dimenticati, perch la mia caratteristica principe la fedelt. Non manca per di dare una stoccata a quanti hanno fatto di tutto per rendere intollerabile luso dei padri (ibid., p. 1573-1574).
25. T. De Mauro, Prefazione a P. P. Pasolini, Le belle bandiere [1977], Roma: Editori Riuniti,
1991, p. 8, ha osservato che il PCI non ha mai saputo attuare la lezione di Gramsci.
26. Ibid., p. 86-88 e 229.
27. Nel lessico pasoliniano di quegli anni ricorrono espressioni gramsciane. Cos, ad es., il brano:
So quanto loperazione giornalistica sia falsa: prende, della realt, brani isolati, appariscenti
[...]. Non pensa il giornalista borghese, nemmeno per un istante, a servire la verit (Le belle

Lingua e potere in Pier Paolo Pasolini

Quaderns dItali 16, 2011 181

degli anni 70 che rimane legato al modello tradizionale dellintellettuale vate


o profeta, dei cui limiti Pasolini mostra di essere ben conscio fin dal 1962.
Infatti, ad un lettore che gli chiede se un grande scrittore, denunciando le
ingiustizie, possa mettere in crisi la societ, replica:
No, non credo possibile che lopera di uno solo, per quanto grande, possa porre
in crisi uno stato di cose. [...] La democrazia ha abituato, bene o male, alla
discussione e alla partecipazione: lo scrittore-oracolo non concepibile in tempi
di produzione in serie. una figura del passato (se mai ce ne sono stati): tipica
di una civilt agricolo-artigianale. Ma anche ammesso che ci fosse uno scrittore di tale levatura [...] da poter mettere in crisi una societ, egli verrebbe inesorabilmente sconfitto, oggi, dalla potenza industriale, dalle catene dei giornali e dei mezzi di diffusione conservatori e reazionari.28

Un critico severo ed esigente, come Franco Fortini, ha individuato proprio


nelle pagine di Vie Nuove il Pasolini migliore.29 Lo stesso scrittore, nel dicembre 1962, poco prima di partire per quel viaggio in Africa che lascer un segno
indelebile nella sua vita,30 nel congedarsi dai lettori della sua rubrica, la definir uno dei punti fermi di questi ultimi anni: addirittura, in certi momenti
neri, unancora di salvezza.31
Rileggendo queste pagine scritte, peraltro, in una delle fasi pi convulse
e creative dellautore che aveva trovato nel cinema una nuova via per esprimersi colpisce leccezionale capacit di ascolto insieme alla volont di capire e
di essere capito. Nei dialoghi coi lettori Pasolini parler di tutto; ma due
costanti, fra loro congiunte, predomineranno: la riflessione sui rapporti tra
comunismo e cristianesimo e lanalisi dei rapporti tra le diverse forme del
linguaggio umano e le cose.
Va precisato, per, che il Pasolini di quegli anni cos lontano dalla vulgata
marxista-leninista, allora in voga, da essere ritenuto eretico, non solo dai lettori
bandiere, cit., p. 53), riecheggia in modo impressionante una lettera (12 ottobre 1931) di
Gramsci: Io non sono mai stato un giornalista professionista, che vende la sua penna a
chi gliela paga meglio e deve continuamente mentire perch la menzogna entra nella sua
qualifica professionale. Sono stato giornalista liberissimo, sempre di una sola opinione, e non
ho mai dovuto nascondere le mie convinzioni per fare piacere a dei padroni o manutengoli
(A. Gramsci - T. Schucht, Lettere 1926-1935, Torino: Einaudi, 1997, p. 833-834).
28. P. P. Pasolini, Il cinema e la poesia, Vie Nuove, 6 dicembre 1962, ora Le belle bandiere,
cit., p. 209-210.
29. F. Fortini, Pasolini e le ultime illusioni (1977), ora Attraverso Pasolini, Torino: Einaudi,
1993. Quanto Pasolini tenesse al giudizio di Fortini stato evidenziato da Enzo Golino,
Tra lucciole e Palazzo. Il mito Pasolini dentro la realt, Palermo: Sellerio, 1995, p. 91-113.
30.
stato giustamente notato che lAfrica, negli anni 60, prende il posto del Friuli nellimmaginario pasoliniano: Dal Friuli alle borgate romane, al meridione dItalia, allAfrica,
allIndia si susseguono in Pasolini le tappe di uninterrotta ricerca di nuove incarnazioni del
mito di unumanit vergine e primitiva: sempre pi a sud, sempre pi lontano dallodiata
civilt neocapitalistica e borghese, verso mondi ancora barbari e incontaminati. G. Santato, Labisso tra corpo e storia. Pasolini fra mito, storia e dopostoria, Studi pasoliniani,
1, 2007.
31. Le belle bandiere, cit., p. 210-211.

182 Quaderns dItali 16, 2011

Francesco Virga

pi sprovveduti, ma persino dagli intellettuali marxisti pi aperti.32 A tutti replica, con grande mitezza ed efficacia, lasciandoci pagine esemplari. Cos, a chi gli
chiede di rompere con il proprio passato piccolo-borghese, risponde:
La sua una richiesta mistica. Lei pensa lideologia come unascesi. Questi
distacchi dal proprio io, dal proprio passato (che poi la storia), sono tipici
delle conversioni nevrotiche che hanno caratterizzato tante santit. I marxisti
non sono dei santi: sono degli uomini. La loro vita, la loro opera, la loro lotta
si svolge nella storia: e la storia una mescolanza inscindibile di passato, presente e futuro.33

Lo stesso concetto sar ripreso nellarticolo Cultura contro nevrosi (3 maggio


1962):
essere marxisti, oggi, in un paese borghese, significa essere ancora in parte
borghesi. Finch i marxisti non si renderanno conto di questo, non potranno
mai essere del tutto sinceri con se stessi. La loro infanzia, la loro formazione,
le loro condizioni di vita, i loro rapporti con la societ, sono ancora oggettivamente borghesi. La loro esistenza borghese, anche se la loro coscienza
marxista.34

Pasolini sempre pi convinto che il marxismo non va chiuso in un sistema fisso, altrimenti diventa la copia capovolta del dogmatismo clericale.
Soprattutto significativa pare cos la replica a Lucio Lombardo Radice che,
nel luglio 1962, gli attribuisce le sommarie equazioni Cristo = Marx e DC = fa-
scismo:
Io non scrivo solo questa rubrica parlata [...] Mi integri con gli altri miei
scritti, e non mi faccia dire quello che non voglio dire! Non ho mai inteso
inglobare Ges in Marx! [...] Ho sostenuto [...] che nulla di ci che stato
sperimentato storicamente dalluomo, pu andare perduto: e che quindi non
possono andare perdute neanche le parole di Cristo. Esse sono in noi, nostra
storia. E io sono ancora (e ancora ingenuamente) convinto che per un borghese una buona lettura del Vangelo sempre un fertilizzante per una buona
prassi marxista.
Quanto alla DC come nuovo fascismo, io ho solo citato il mio corrispondente con una certa simpatizzante ironia. Non volevo dire che la DC ,
alla lettera, un nuovo fascismo. Le faccio notare, ad ogni modo, che la borghesia italiana che ha espresso il fascismo la stessa che esprime la DC: la sfido a
elencare sostanziali differenze nel campo della scuola, della magistratura, della
32. Intervenendo nel dibattito sui rapporti marxismo-cristianesimo in corso su Vie Nuove,
un intellettuale non codino come Lombardo Radice lo accuser di eresia e dilettantismo.
Cfr. ibid., p. 179-183. Critiche analoghe gli rivolgeranno, in seguito, Asor Rosa, Salinari,
Sanguineti, Calvino ed altri. Questi ed altri critici saranno pi tardi bollati come nuovi
chierici.
33. P. P. Pasolini, Mistica e storia, Vie Nuove, 27 maggio 1961, ora Le belle bandiere, cit.,
p. 102.
34. Ibid., p. 171.

Lingua e potere in Pier Paolo Pasolini

Quaderns dItali 16, 2011 183

polizia, della pubblica amministrazione, dei rapporti con la potenza clericale


del Vaticano. E la sfido a dimostrarmi anche le ragioni vere, culturali nel senso
gramsciano della parola, per cui la DC pu essere definita, come lei fa, un
grande partito cattolico. Quale cultura ha mai espresso?35

Sul valore rivoluzionario del Cristianesimo Pasolini torner pi volte,


soprattutto, nel 1964, dopo Il Vangelo secondo Matteo, dedicato alla memoria
di Giovanni XXIII. Il film, nonostante i riconoscimenti della critica, sar accolto con freddezza e diffidenza dai settori pi retrivi del mondo cattolico e comunista. E il poeta dovr dare spiegazioni anche su Vie nuove:
Non sono affatto cattolico, anzi sono certamente uno degli uomini meno
cattolici che operino oggi nella cultura italiana [...] Forse appunto perch sono
cos poco cattolico ho potuto amare il Vangelo e farne un film [...] Ho potuto
farlo cos come lho fatto, perch mi sento libero, e non ho paura di scandalizzare nessuno; e, infine, perch sento che la parola damore (incapacit di
concepire discriminazioni manichee, istinto di gettarsi aldil delle abitudini,
sempre, sfidando ogni contraddizione), parola damore di cui stato campione Giovanni XXIII, va considerata un impegno nella nostra lotta.36

Papa Giovanni, con Kennedy e Kruscev, costituir nei primi anni 60 la


principale fonte di speranza di un mondo nuovo, che Pasolini condivider con
milioni di uomini. Sullo stesso periodico (ottobre 1964), si fa notare, peraltro,
linfluenza dellamata filologia nella formazione del papa buono:
Non c nulla di pi follemente aberrante del razzismo. Ora, da parte dei
comunisti verso i preti, e da parte dei preti verso i comunisti, c una specie di
atteggiamento razzistico: essi, volendolo o no, cedono a una specie di tentazione discriminatoria, che svaluta linterezza umana e storia dellaltro [...] Papa
Giovanni era incapace di discriminare, di vedere nelluomo laltro, il nemico
per definizione [...]. Ho saputo in questi giorni che quando era a Istanbul, egli
frequentava le lezioni di filologia e di critica stilistica di Auerbach; e questo mi
spiega molte cose, non solo il suo particolare modo di fare lo spirito (che
tipico della persona raffinatamente specializzata), ma del distacco luminoso
che egli aveva dalle cose della vita, dello sguardo globale che egli gettava sul
mondo, al di l delle sue folli discriminazioni.37

Larticolo si conclude con due affermazioni che diverranno pietre angolari


nella storia del dialogo tra marxisti e cristiani in Italia: 1) Una filosofia atea
non la sola filosofia possibile del marxismo; 2) Il grande nemico di Cristo
non il materialismo comunista, ma il materialismo borghese.38
35. Ibid., p. 181-183; e cfr. anche p. 76-78 e 136-140.
36. Ibid., p. 222-224.
37. Ibid., p. 225-226.
38. Ibid., p. 226. Pasolini fu senzaltro uno dei pi convinti sostenitori di tale dialogo. In merito,
rivelatrice la conferenza Marxismo e cristianesimo tenuta a Brescia (dicembre 1964), ora
Sps, p. 786-824. In uno dei passi centrali si afferma: nel fondo dellazione di Marx c un
profondo spiritualismo (ibid., p. 801).

184 Quaderns dItali 16, 2011

Francesco Virga

2. Dalla critica del linguaggio tecnocratico alla critica della televisione


I testi che ancor pi rivelano la creativa assimilazione del pensiero gramsciano,
sono quelli scritti da Pasolini tra il 1964 e il 1965, e raccolti poi in Empirismo
eretico. Il primo di essi, Nuove questioni linguistiche, esce su Rinascita
(26 dicembre 1964), ma il contenuto anticipato in Vie Nuove, il mese prima,
con un esplicito riferimento al sardo:
si ricordi Gramsci: ogni volta che si ripropone la questione della lingua, vuol
dire che si ripropongono problemi sociali e politici di fondo, diceva Gramsci,
pressappoco [...] spero di avere finalmente centrato largomento.39

Lavvio del saggio piuttosto incerto e sfocato, tradendo lorigine orale


del testo; largomentazione diventa pi convincente quando si comincia a
spiegare perch in Italia non esiste una vera e propria lingua italiana nazionale:
la lingua italiana la lingua della borghesia italiana che per ragioni storiche
determinate non ha saputo identificarsi con la nazione, ma rimasta classe
sociale: [...] la lingua delle sue abitudini, dei suoi privilegi, delle sue mistificazioni, insomma della sua lotta di classe.40

La parte pi originale quella centrale che, analizzando il linguaggio


politico e giornalistico, diffuso dai mass-media, vi coglie le spie dei cambiamenti profondi in corso nella societ italiana. Pasolini si sofferma, in particolare, su un brano di un discorso di Aldo Moro, teletrasmesso in occasione
dellinaugurazione dellautostrada del sole. Sembra utile riportare le acute
osservazioni anche per la loro straordinaria attualit in tempi di crescente
tecnocrazia:
non si tratta di un discorso a tecnici come il quantitativo di terminologia tecnica potrebbe far credere; si tratta di un discorso a un pubblico normale [...] di
tutte le condizioni, le culture, i livelli, le regioni [...] le sue frasi crudamente
tecniche hanno addirittura una funzione di captatio benevolentiae: sostituiscono
quei passi che un tempo sarebbero stati di perorazione e enfasi. Infatti Moro
strumentalizza linaugurazione dellautostrada per fare un appello politico agli
italiani [...]: quello di cooperare al superamento della congiuntura. [...] Una tale
raccomandazione nellitaliano che noi siamo abituati a considerare nazionale,
avrebbe richiesto un tour de force dellars dictandi [...]. Qualcosa di fondamentale dunque successo alle radici del linguaggio politico ufficiale.41

Per Pasolini la tecnologia dominante nelle societ altamente industrializzate ha trasformato anche il linguaggio politico. Mentre, fino a ieri, losmosi
con il latino, tendeva a differenziarlo dagli altri linguaggi, la tecnologia tende
39. Le belle bandiere, cit., p. 229.
40. Empirismo eretico, cit., p. 5-6.
41. Ibid., p. 17.

Lingua e potere in Pier Paolo Pasolini

Quaderns dItali 16, 2011 185

ad omologare tutto. Televisione e giornali sono stati i primi a registrare questo


cambiamento epocale per il quale centri creatori, elaboratori e unificatori di
linguaggio, non sono pi le universit, ma le aziende.42
Un ulteriore segno della rivoluzione in corso dato dal potere di suggestione linguistica enorme che hanno gli slogan nel linguaggio della pubblicit.
Pasolini sa che si tratta di un linguaggio vero e proprio, i cui principi cominciano a passare nello stesso parlato. In esso, scrive, il principio omologatore e
direi creatore la tecnologia.43
Per lui il fenomeno tecnologico investe la lingua, come una nuova spiritualit, dalle radici a tutte le sue ramificazioni. E ci perch finito un tipo
di societ [...] e ne cominciato un altro.44
Quando esce questo saggio, non era in corso alcun dibattito sui mutamenti linguistici in atto nella societ italiana. Pasolini era rimasto colpito,
fin dai primi anni 60, dagli sconvolgimenti sociali che stavano cambiando
il volto dellItalia (crisi della secolare civilt contadina, urbanesimo, emigrazioni interne ed esterne, imborghesimento della classe operaia, esplosione dei
mass-media) e dalle loro ricadute sul terreno culturale e linguistico. Nessun
altro, prima di lui, aveva percepito questo terremoto. E sar forse stato proprio lo sconfinamento nel terreno sociologico, a fare arricciare il naso ai
linguisti e ai semiologi del tempo, chiusi nelle loro fortezze e certezze disciplinari.
Insieme allavvento del neocapitalismo, Pasolini in Italia tra i primi a
segnalare la crisi dei partiti che si richiamano al marxismo. Cos proprio su Vie
Nuove publicher nellestate del 1965 Due crisi.45 Egli convinto che la crisi
del marxismo determinata, da un lato, dallo sviluppo in qualche modo
rivoluzionario del neocapitalismo, dallaltro, dal persistente stalinismo, sopravvissuto a Stalin e agli stessi Kruscev e Togliatti. Anche per questo chieder al
PCI unautocritica reale degli errori del passato46 e, pur rimasto senza risposta e costretto a interrompere la collaborazione con Vie nuove, continuer a
cercare dentro il PCI e il suo eterodosso marxismo la via duscita dalla crisi.
Pasolini sa che nessuna formula mai buona per superare i momenti
critici della realt e, poich ogni cosa si muove col muoversi della storia e
non esistono cose immobili, si richiama ancora una volta a Gramsci per
esortare tutti a guardare in faccia la realt cos com.47 Egli consapevole di
avere rotto una lunga tradizione: da Gramsci ha appreso che gli intellettuali

42. Ibid., p. 18. Qualche anno dopo scriver (Il caos, Roma: Editori Riuniti, 1979, p. 41):
Legemonia culturale, che per circa un ventennio stata del PCI, passata nelle mani
dellindustria.
43. Il passo anticipa di quasi due lustri lanalisi linguistica della rclame dei jeans Jesus in Scritti
corsari.
44. Ibid., p. 22.
45. Le belle bandiere, cit., p. 315-316.
46. Ibid., p. 324-325.
47. Empirismo eretico, cit., p. 46.

186 Quaderns dItali 16, 2011

Francesco Virga

italiani sono sempre stati cortigiani e sono sempre vissuti dentro il Palazzo,48
perci li considera corresponsabili dellorrendo potere costruitosi in Italia
dalla prima met degli anni 60. La critica contro questo potere, come visto,
comincia allora, ma diventa pi serrata, sfiorando talora linvettiva, negli ultimi anni della sua vita. Per rendersene conto, basta rileggere gli articoli scritti
tra il 1973 e pochi giorni prima della tragica morte:
I potenti democristiani che in questi anni hanno detenuto il potere, dovrebbero andarsene, sparire, per non dire di peggio. Invece non solo restano al
potere, ma parlano. Ora la loro lingua che la pietra dello scandalo. Infatti
ogni volta che aprono bocca, essi, per insincerit, per colpevolezza, per paura,
per furberia, non fanno altro che mentire. La loro lingua la lingua della menzogna. E poich la loro cultura una putrefatta cultura forense e accademica,
mostruosamente mescolata con la cultura tecnologica, in concreto la loro lingua pura teratologia. Non la si pu ascoltare, bisogna tapparsi le orecchie. Il
primo dovere degli intellettuali, oggi, sarebbe quello di insegnare alla gente a
non ascoltare le mostruosit linguistiche dei potenti democristiani, a urlare,
a ogni loro parola, di ribrezzo e di condanna. In altre parole, il dovere degli
intellettuali sarebbe quello di rintuzzare tutte le menzogne che attraverso la
stampa e soprattutto la televisione inondano e soffocano quel corpo del resto
inerte che lItalia.49

Questo testo del 25 marzo 1975 pu considerarsi il manifesto programmatico del Pasolini corsaro e luterano, e aiuta a capire alcuni dei motivi per cui
prese a collaborare contraddittoriamente con due giornali borghesi per continuare la battaglia avviata quindici anni prima su Vie Nuove.
Soprattutto mirato pare larticolo Sfida ai dirigenti della televisione (Corriere della sera, 9 dicembre 1973),50 che indica la TV quale principale veicolo di
quella che, lanno dopo, sar definita la mutazione antropologica degli italiani.
Per Pasolini neppure il fascismo riuscito a fare ci che ha fatto il neocapitalismo con la televisione: il fascismo proponeva un modello, reazionario e
monumentale, che per restava lettera morta. Le varie culture particolari (contadine, sottoproletarie, operaie) continuavano imperturbabili a uniformarsi ai
loro antichi modelli: la repressione si limitava a ottenere unadesione a parole.
Oggi, invece, ladesione ai modelli imposti dal Centro totale e incondizionata a causa del potere della televisione, gi entrata in quegli anni in tutte le case:
La responsabilit della televisione [...] enorme. Non certo in quanto mezzo
tecnico, ma in quanto strumento del potere e potere essa stessa. [...]. attraverso lo spirito della televisione che si manifesta in concreto lo spirito del nuovo
potere. [...] Il fascismo, voglio ripeterlo, non stato in grado nemmeno di
scalfire lanima del popolo italiano: il nuovo fascismo, attraverso i nuovi mezzi

48. Lettere luterane, cit., p. 93-94.


49. Ibid., p. 29.
50. Senza la parte conclusiva, in cui si articolava la sfida, finisce in Scritti corsari come Acculturazione e acculturazione (sic), quasi a sottolineare il prevalente taglio antropologico.

Lingua e potere in Pier Paolo Pasolini

Quaderns dItali 16, 2011 187

di comunicazione e di informazione (specie, appunto, la televisione), non solo


lha scalfita, ma lha lacerata, violata, bruttata per sempre.51

Va ricordato che Pasolini aveva colto, fin dal 1958, in unintervista dal
titolo premonitore, la funzione livellatrice della TV, la sua potente capacit
di diffondere, anche indirettamente, una visione unitaria della vita e del
mondo.52
Nel 1963, conversando con Arbasino, affermer con straordinaria preveggenza:
Si produrr e si consumer, ecco. E il mondo sar esattamente come oggi la
televisione questa degenerazione dei sensi umani ce lo descrive con stupenda, atroce ispirazione profetica.53

Nello stesso anno arriva nei cinema La rabbia.54 In una scena lo speaker
del cinegiornale annuncia trionfante che presto gli abbonati della TV saranno
decine di migliaia; Pasolini lo corregge: No. Saranno milioni. Milioni di
candidati alla morte dellanima. Il nuovo mezzo stato inventato per la diffusione della menzogna.55
La televisione occupa un posto centrale anche nei saggi linguistici del biennio 1964-65, prima esaminati, in cui le attribuito anche il merito di avere
operato la prima unificazione linguistica nazionale.
Come si vede, dietro ai giudizi trancianti degli ultimi anni, c pi di un
decennio di riflessioni. Cos, chi aveva scoperto il linguaggio delle cose, negli
ultimi mesi di vita sperimenta limpotenza delle sue denunce e della sua pedagogia di fronte alla prepotenza della TV che:
altro non fa che offrire una serie di esempi [...]. Anche se annunciatori,
presentatori parlano (e orrendamente) in effetti il vero linguaggio della televisione simile al linguaggio delle cose: perfettamente pragmatico e non ammette repliche, alternative, resistenze.56

Tuttavia, pochi giorni prima di essere trucidato, Pasolini precisa pubblicamente che tanti equivoci sul suo pensiero sono sorti per il suo stile comunicativo provocatorio e paradossale, e smentisce la visione apocalittica data di s
in qualche momento.57
51. Ibid., p. 30.
52. Neocapitalismo televisivo. Intervista a cura di Arturo Gismondi, Vie Nuove, XIII 50,
20 dicembre 1958, ora Sps, p. 1553-1559.
53. Sps, p. 1572.
54. Il film, nella sua versione originale, stato restaurato nel 2008 da Giuseppe Bertolucci.
55. Curzio Maltese, Il film-profezia di Pasolini, cos nel 63 raccont lItalia doggi,
La Repubblica, 28 agosto 2008.
56. Lettere luterane, cit., p. 36-37.
57. Volgareloquio, cit., ora Sla, II, p. 2846: non ho nulla contro la scuola e la televisione
come strumenti. Sono strumenti meravigliosi, la televisione soprattutto. Pensa un pocosa
potrebbe essere la televisione.

188 Quaderns dItali 16, 2011

Francesco Virga

Il tema specifico della mutazione antropologica degli italiani sar affrontato nellarticolo Gli italiani non sono pi quelli, divenuto poi il corsaro
Studio sulla rivoluzione antropologica in Italia. Prendendo spunto dallesito del
referendum sul divorzio, scandalizzando molti suoi amici, Pasolini sostiene
che la vittoria del NO una sconfitta non solo di Fanfani e del Vaticano, ma
anche di Berlinguer e del partito comunista, a cui ancora vicino.58 Il rimprovero di non aver capito nulla delle trasformazioni profonde avvenute in
Italia negli ultimi dieci anni.59
Larticolo suscita un vespaio di polemiche. Pasolini accusato di estetismo
e irrazionalismo, di mancanza di senso storico: Calvino gli rimprovera di rimpiangere lItalietta provinciale e contadina60 ed altri gli ricorderanno lelogio
della civilt borghese contenuto nel Manifesto dei comunisti del 1848. Ma il
corsaro replica a tutti:
stata la propaganda televisiva del nuovo tipo di vita edonistico che ha determinato il trionfo del NO al referendum. [...] vero che in tutti questi anni
la censura televisiva stata una censura vaticana. Solo per che il Vaticano
non ha capito che cosa doveva censurare. Doveva censurare per esempio
Carosello, perch in Carosello, onnipotente, che esplode in tutto il suo
nitore, la sua assolutezza, il nuovo tipo di vita che gli italiani devono vivere
[...] Il bombardamento ideologico televisivo non esplicito: esso tutto nelle
cose, tutto indiretto.61

Ad altri e a Calvino soprattutto, dal cui intervento si sent profondamente ferito ed offeso risponder con una lettera aperta su Paese Sera
(8 luglio 1974):
Che degli altri abbiano fatto finta di non capire naturale. Ma mi meraviglio
che non abbia voluto capire tu (che non hai ragioni per farlo). Io rimpiangere lItalietta? Ma allora tu non hai letto un solo verso delle Ceneri di Gramsci o di Caldern, non hai letto una sola riga dei miei romanzi, non hai visto
una sola inquadratura dei miei films, non sai niente di me! Perch tutto ci
che io ho fatto e sono, esclude per sua natura che io possa rimpiangere lIta-

58. Cfr. Che cos questo golpe?, dove arriva a definire il PCI un paese pulito in un paese sporco,
un paese onesto in un paese disonesto, un paese intelligente in un paese idiota. Ora Scritti
corsari, cit., p. 110.
59. Ibid., p. 47-48.
60. Calvino interviene nel dibattito dalle colonne del Messaggero (18 giugno 1974). Ma non
lunico a farlo. Cfr. i pareri di Alberto Moravia, Lucio Colletti, Franco Fortini e Leonardo
Sciascia, pubblicati da LEspresso la settimana dopo larticolo di Pasolini. Non a caso sar
proprio Sciascia a mostrarsi il pi comprensivo e generoso nei suoi confronti. A distanza di
anni, la critica ancora divisa sulla valutazione del Pasolini corsaro. Accanto ai Sanguineti
e Guglielmi che hanno, da sempre, giudicato reazionaria lanalisi pasoliniana, ci sono altri
(Betti, Mantegazza) che la reputano rivoluzionaria. Una posizione pi equilibrata pare
quella di Alfonso Berardinelli, Prefazione a P. P. Pasolini, Scritti corsari, Nuova ed.,
Milano: Garzanti, 2007, p. VII-X.
61. Ibid., p. 69-70.

Lingua e potere in Pier Paolo Pasolini

Quaderns dItali 16, 2011 189

lietta. A meno che tu non mi consideri radicalmente cambiato: cosa che fa


parte della psicologia miracolistica degli italiani, ma che appunto per questo
non mi par degna di te.62

Qui Pasolini, oltre a rivendicare la continuit di fondo della sua opera, fa


un primo tentativo di precisare il senso del suo rimpianto della millenaria
civilt contadina:63
Luniverso contadino (cui appartengono le culture sottoproletarie urbane, e,
appunto fino a pochi anni fa, quelle delle minoranze operaie [...]) un universo transnazionale [...]. questo illimitato mondo contadino prenazionale
e preindustriale, sopravvissuto fino a pochi anni fa, che io rimpiango (non per
nulla dimoro il pi a lungo possibile, nei paesi del Terzo Mondo, dove esso
sopravvive ancora, bench il Terzo Mondo stia anchesso entrando nellorbita
del cosiddetto Sviluppo).64

Per non fraintendere lo scrittore, certo consapevole che gli uomini in carne
ed ossa di questo mitico universo contadino non vivevano in unet delloro,
occorre tenere sempre presente che il suo punto di vista non quello del
sociologo, che guarda con distacco le cose, ma quello del poeta che ama e
soffre osservando, con tutti i sensi e non solo con la ragione, i cambiamenti in
corso.65 Ci si manifesta in particolare nei testi in prosa scritti nel biennio
1973-74 insieme ai nuovi versi friulani di La nuova giovent, in cui il poeta
polemizza con il riformismo del PCI del tempo, ritenuto subalterno al modello di sviluppo capitalistico:
Il modello di sviluppo quello voluto dalla societ capitalistica che sta per
giungere alla massima maturit. Proporre altri modelli di sviluppo, significa
accettare tale primo modello di sviluppo. [...] No: non bisogna accettare tale
modello di sviluppo. [...] Bisogna rifiutare lo sviluppo. Questo sviluppo:
perch uno sviluppo capitalista [...]. I comunisti che accettano questo sviluppo, considerando il fatto che lindustrializzazione [...] irreversibile, sarebbero indubbiamente realisti a collaborarvi, se la diagnosi fosse assolutamente
giusta e sicura. E invece non detto [...] che tale sviluppo debba continuare com cominciato. C anzi la possibilit di una recessione. 66 Cinque anni
di sviluppo hanno reso gli italiani un popolo di nevrotici idioti, cinque anni
di miseria possono ricondurli alla loro sia pur misera umanit.67
62. Ibid., p. 60. Corsivo dA. La lettera (ibid., p. 60-65) sar titolata Limitatezza della storia e
immensit del mondo contadino. Calvino e Pasolini torneranno a confrontarsi nellottobre
1975. Per questultimo scambio epistolare, cfr. Lettere Luterane, cit., p. 179-184.
63. Scritti corsari, cit., p. 32.
64. Ibid., p. 62.
65. Giovanni Raboni non ha tutti i torti, quando paradossalmente afferma che c pi poesia
nella prosa e nel cinema di Pasolini che nei suoi versi. Cfr. P. Conti, Raboni: poeta senza
poesia, Corriere della sera, 2 novembre 1995.
66. Si ricordi che nel 1973 loccidente aveva conosciuto la prima crisi petrolifera mondiale,
a seguito della rivoluzione in Iran.
67. La nuova giovent, cit., p. 241. Corsivo dA.

190 Quaderns dItali 16, 2011

Francesco Virga

Loriginalit dellanalisi non va per ricercata in tale critica. I fogli extraparlamentari del tempo Lotta Continua in testa erano pieni di attacchi simili
alla subalternit del PCI. Loriginalit sta tutta nellattacco allo sviluppo e
nellaffermazione eretica dal punto di vista marxista secondo cui lo sviluppo economico e lindustrializzazione, di per s, non sono portatori di Progresso.
Per quanti dubbi possano nutrirsi sulla razionalit dellanalisi, non esagerato intravedervi unanticipazione della teoria della decrescita avanzata
dalleconomista Serge Latouche.68 Pasolini aveva lonest di riconoscere la
difficolt di argomentare in modo scientifico il suo pensiero. Anche per questo, forse, riprende a scrivere versi in friulano proprio in quegli anni:69
si torna indietro? Stupida verit.
Jo mi vurdi indavour, e i plans
i pas purs [...]
I plans un mond murt.
Ma i no soj murt jo chi lu plans.
Si vuln zi avant bisogna chi planzini
il timp cha nol ps pi torn, chi dizini di no
a chista realtt cha ni siert
ta la so preson...70

Il testo friulano a questo punto sinterrompe per proseguire in italiano.


Non credo per una presunta aridit creativa dellautore, quanto per il permanente carattere pedagogico della sua scrittura.71 Cos i versi incalzano:
Lhanno costruita i signori: cio
i nemici di classe. Adesso hanno delle difficolt.
Noi dovremmo dargli una mano? Certo se fosse
loro il futuro, ci sarebbe realistico...
Ma non saremo stati troppo lucidi
(la lucidit del piacere di morire)
a credere che quella loro realt
fosse quella di tutto il futuro?72

68. Cfr. almeno S. Latouche, Petit trait de la dcroissance sereine, Paris: Fayard, 2007.
69. Cfr. Duflot, cit., p. 5. In unaltra pagina autobiografica Scritti corsari, cit., p. 221222 commenta magistralmente alcuni versi di Ignazio Buttitta e spiega le ragioni che
lhanno spinto a riscrivere in friulano.
70. Ibid., p. 236-237. A pi di pagina, Pasolini offre la versione italiana: Io mi guardo indietro, e piango i paesi poveri [...] Piango un mondo morto. Ma non sono morto io che lo
piango. Se vogliamo andare avanti, bisogna che piangiamo il tempo che non pu pi tornare,
che diciamo di no a questa realt che ci ha chiusi nella sua prigione....
71. lui stesso (Lettere luterane, cit., p. 15-67) a confessare tale tratto prevalente. Quanto forte
sia stata la sua vocazione pedagogica stato riconosciuto da tutti e, in particolare, da Enzo
Golino, Pasolini. Il sogno di una cosa. Pedagogia, Eros, Letteratura dal mito del popolo alla
societ di massa, Milano: Bompiani, 1992.
72. La nuova giovent, cit., p. 237. Un popi gi (p. 245), lAppunto per una poesia in terrone,
radicalizza ulteriormente il suo punto di vista: Cos non si pu andare avanti. Perch avete
lasciato che i nostri figli fossero educati dai borghesi? Perch avete permesso che le nostre

Lingua e potere in Pier Paolo Pasolini

Quaderns dItali 16, 2011 191

Pasolini aveva indubbiamente ragione di considerare questi testi pi corsari di quelli noti come tali.73 In essi, infatti, si anticipano alcuni dei temi
del famoso articolo Il vuoto di potere in Italia (Corriere della sera, 1 febbraio
1975):
Gli uomini di potere democristiano sono passati dalla fase delle lucciole alla
fase della scomparsa delle lucciole senza accorgersene [...] non hanno sospettato minimamente che il potere che essi detenevano e gestivano, non stava
semplicemente subendo una normale evoluzione, ma stava cambiando radicalmente natura [...] Gli uomini di potere DC hanno subito tutto questo,
credendo di amministrarlo. Non si sono accorti che esso era altro: incommensurabile non solo a loro ma a tutta una forma di civilt. Come sempre (cfr.
Gramsci) solo nella lingua si sono avuti dei sintomi. Nella fase di transizione [...]
gli uomini di potere DC hanno bruscamente cambiato il loro modo di esprimersi, adottando un linguaggio completamente nuovo (del resto incomprensibile come il latino): specialmente Aldo Moro: cio (per una enigmatica correlazione) colui che appare il meno implicato di tutti nelle cose orribili che
sono state organizzate dal 69 a oggi, nel tentativo, finora formalmente riuscito, di conservare comunque il potere.74

La densit del brano richiederebbe un commento particolareggiato. Per


ora rilevo solo che non casuale che Sciascia,75 tra i pochi ad averlo compreso
case fossero costruite dai borghesi? Perch avete tollerato che le nostre anime fossero tentate
dai borghesi? Perch avete protestato solo a parole mentre pian piano la nostra cultura
(sapere, modo di essere) si andava trasformando in una cultura borghese?.
73. Da buon filologo quale era, egli conosceva il significato delle parole e, come pochi, sapeva
usarle. Se decise dintitolare lultimo libro Scritti corsari, una ragione doveva esserci. Il termine corsaro, si sa, equivoco o, se si preferisce, polisemico. I dizionari storici distinguono
i corsari dai pirati, perch i primi, a differenza dei secondi, erano autorizzati ad issare una
speciale bandiera e a praticare in mare la cosiddetta guerra di corsa. Nel senso comune
odierno tale differenza andata smarrita. Credo per che, in questo caso, la filologia aiuti
pi della storia ad avvicinarci al significato nascosto attribuito da Pasolini a corsaro; essa,
infatti, rivela letimo mediolatino: cursariu(m), deriv. da cursus viaggio per mare e da currere correre. Ricordando, peraltro, il costante impegno di Pasolini a non adattare lorizzonte
al periscopio, ma il periscopio allorizzonte, allimmenso orizzonte dei fenomeni, vedo in
corsaro il senso di corsa in mare aperto. Daltronde, se ci si pensa bene, cosaltro stata
la vita di Pasolini, prima ancora della sua opera?
74. Scritti corsari, cit., p. 160-163.
75. singolare che, pur essendo tanto diversi per formazione e temperamento, i due si siano
ritrovati, alla fine, sulla stessa lunghezza donda. Assai toccante la testimonianza resa da
Sciascia dopo la morte di Pasolini: io mi sentivo sempre un suo amico; e credo anche lui
nei miei riguardi. Cera per come un ombra tra noi, ed era lombra di un malinteso. Credo
che mi ritenesse alquanto come dire? razzista nei riguardi dellomosessualit. E forse
era vero, e forse vero: ma non al punto da non stare dalla parte di Gide contro Claudel,
dalla parte di Pier Paolo Pasolini contro gli ipocriti, i corrotti e i cretini che gliene facevano
accusa. E il fatto di non essere mai riuscito a dirglielo mi ora di pena, di rimorso. Io ero
e lo dico senza vantarmene, dolorosamente la sola persona in Italia con cui lui potesse
veramente parlare. Negli ultimi anni abbiamo pensato le stesse cose, dette le stesse cose,
sofferto e pagato per le stesse cose. Eppure non siamo riusciti a parlarci, a dialogare. (Nero
su nero, Torino: Einaudi, 1979, p. 175-176). Sciascia cur il prezioso volumetto con versi

192 Quaderns dItali 16, 2011

Francesco Virga

fino in fondo, apra Laffaire Moro richiamandosi proprio ad esso. In secondo


luogo, noto che lesplicito rimando a Gramsci conferma la persistente e decisiva influenza del sardo nellultimo Pasolini.
Il cerchio attorno ai dirigenti democristiani si stringe ancor di pi
nellarticolo Il Processo (Corriere della sera, 24 agosto 1975). Colpisce, ancor
oggi, lapertura in cui si elencano i reati contestati alla classe politica del
tempo:
Disprezzo per i cittadini, manipolazione di denaro pubblico, intrallazzo con
i petrolieri, con gli industriali, con i banchieri, connivenza con la mafia, alto
tradimento in favore di una nazione straniera, uso illecito dei servizi segreti,
responsabilit nelle stragi di Milano, Brescia e Bologna [...], distruzione paesaggistica e urbanistica dellItalia.76

Bisogner aspettare quasi ventanni per sentire leco della solitaria denuncia pasoliniana in aule giudiziarie. Gli unici politici contemporanei che, pur
in ritardo, non rimasero insensibili ad essa si chiamavano Enrico Berlinguer e
Ugo La Malfa.77 Non a caso, i due incontrarono pi di una resistenza allinterno dei loro stessi partiti, ma ci non avrebbe sorpreso chi aveva scritto che
il coraggio intellettuale della verit e la pratica della politica sono due cose
inconciliabili in Italia.78
La spietata analisi del consumismo e del conformismo dilaganti voleva
essere soprattutto un grido dallarme contro i pericoli incombenti intravisti
allorizzonte e indicati chiaramente nellultima profetica intervista:
State attenti. Linferno sta salendo da voi.[...] Non vi illudete. Voi siete, con
la scuola, la televisione, la pacatezza dei vostri giornali, voi siete i grandi conservatori di questo ordine orrendo basato sullidea di possedere.79

Nella trascrizione che Pasolini non fece in tempo a rivedere, si trova una
delle migliori definizioni del concetto di potere da lui formulate:
Il potere un sistema di educazione che ci divide in soggiogati e soggiogatori.
[...] Uno stesso sistema educativo che ci forma tutti, dalle cosiddette classi
dirigenti, gi fino ai poveri. Ecco perch tutti vogliono le stesse cose e si comgiovanili: P. P. Pasolini, Dal diario (1945-47), Caltanissetta: Salvatore Sciascia, 1979,
chiosato cos nellintroduzione: dopo aver riletto queste sue poesie, mi pare di aver vissuto
una lunghissima vita e che la felicit di allora sia come il ricordo di un altro me stesso; un
lontano e remoto me stesso, non il me stesso di ora. Eravamo davvero cos giovani, cos
poveri, cos felici?.
76. Lettere luterane, cit., p. 114-123.
77. nota la levata di scudi contro Berlinguer, quando propose la politica dellausterit e
la centralit della questione morale. Meno nota, invece, lattenzione prestata da La Malfa
al poeta, venuta alla luce in un suo inedito (Corriere della sera, 6 maggio 2004).
78. Scritti corsari, cit., p. 110.
79. P. P. Pasolini, Siamo tutti in pericolo, Intervista a cura di Furio Colombo, La Stampa,
Tuttolibri, 18 novembre 1975, ora Sps, p. 1728-1729.

Lingua e potere in Pier Paolo Pasolini

Quaderns dItali 16, 2011 193

portano nello stesso modo [...] Leducazione ricevuta stata: avere, possedere,
distruggere.80

3. N
 ostalgia del volgareloquio e bisogno di un nuovo modo dessere
gramsciani
Ormai in conclusione, non posso eludere lultimo intervento pubblico in cui
Pasolini affronta di petto il tema suggerito dal titolo di questo saggio.
un documento di fondamentale importanza, colpevolmente trascurato
dalla critica;81 una sorta di summa, in cui si ritrovano i principali temi dibattuti appassionatamente dallautore nel corso della breve vita. Esso, peraltro,
conferma la sostanziale coerenza della riflessione di Pasolini e la centralit che
ha nella sua opera la questione dei rapporti tra lingua e potere.
Lintervento, come accennato, si svolse al Liceo Palmieri di Lecce il
21 ottobre 1975, pochi giorni prima della tragica morte, nellambito di un
Corso di aggiornamento per docenti di Scuola Media Superiore sul tema
Dialetto a scuola.
Fu Pasolini a voler dare allincontro il titolo dantesco, cos evocativo della
tradizione letteraria italiana.82 Lo scrittore esordisce affermando di non saper
parlare e di non essere in grado di tenere una lezione. Propone, pertanto, di
passare immediatamente al dibattito. Ma di fronte al silenzio imbarazzato degli
astanti decide di leggere, come introduzione, il monologo finale del dramma,
allora inedito, Bestia da stile, che gli ha fornito lidea dintitolare lincontro
in quel modo bizzarro.
Ecco solo i versi iniziali della nota poesia, per rendersi conto del suo stile
comunicativo e del singolare rapporto con le patrie lettere:83
Il volgareloquio: amalo.
Porgi orecchio, benevolo e fonologico,
alla lala (Che ur a in!)
che sorge dal profondo dei meriggi,
tra siepi asciutte,
nei Mercati nei Fori Boari
nelle Stazioni tra Fienili e chiese.84

80. Ibid., p. 1725-1726.


81. Si rimanda alla bibliografia discussa in apertura.
82. La prima trascrizione, come ricordato, si deve a A. Piromalli, Volgareloquio, cit.
83. Una delle contraddizioni pi feconde e persistenti nellopera di Pasolini luso democratico
dellaristocratica tradizione letteraria nazionale. Su di essa si sono soffermati diversi critici.
Per tutti, cfr. Alberto Moravia, Pasolini poeta civile (1977), in AA.VV., Per conoscere
Pasolini, cit., p. 7-10 e Arcangelo Leone De Castris, Sulle ceneri di Gramsci. Pasolini,
i comunisti e il 68, Napoli: CUEN, 1993, p. 31-32.
84. Sla, p. 2825-2827.

194 Quaderns dItali 16, 2011

Francesco Virga

Era uno spunto dichiaratamente provocatorio. Come confermano vari


testimoni, lo smarrimento delluditorio, a lettura finita, non poteva che crescere, tanto pi che linvito ad amare il Volgareloquio era rivolto a un inesistente giovane di unimmaginaria Destra sublime, che solo Pasolini poteva
inventarsi!
Ma per comprendere meglio quanto avvenne quel giorno, conviene riprendere le parole di uno degli organizzatori dellincontro, Gustavo Buratti, presidente dellAIDLCM (Associazione internazionale per la difesa delle lingue e
delle culture minacciate), che aveva direttamente invitato Pasolini, ricordandogli lantica militanza per quelle che Frdric Mistral chiamava li lengo
meprisado (le lingue disprezzate):
Ma questi temi (lamore per il volgareloquio e limpegno conseguente),
diceva Pasolini, sono una specie di palla al piede per noi, uomini della sinistra.
[...] Tuttavia, noi che abbiamo lottato per la nostra lingua, sappiamo quanto
Pasolini avesse ragione... sovente i nostri discorsi sono travisati; siamo accusati di dividere, con problematiche sovrastrutture, la classe operaia; di fare il
gioco dei padroni e della destra, magari financo di essere razzisti.85

In effetti, nellintervento, Pasolini ammette di non avere alcuna ricetta:


tutto problematico, ed problematica soprattutto unazione politica chiara,
che non vedo da nessuna parte.86

Torna allora a discutere dei rapporti tra lingua e dialetti, con cui aveva
fatto i conti fin da giovane; rimette a fuoco, aggiornando lanalisi, lannosa
questione dei rapporti tra lingua e societ, evidenzia come i rapidi mutamenti delle abitudini linguistiche degli italiani fossero uno dei frutti della scomparsa della civilt contadina. Nel riconoscere infine la crisi della vecchia ideologia marxista-leninista, incapace di comprendere il neocapitalismo, invoca
la necessit di un nuovo modo dessere gramsciani. Pi precisamente, dopo
aver rivendicato con orgoglio di essere stato un marxista critico da trentanni87
e di aver dato un contributo originale allo storicismo gramsciano, afferma,
memore della classica lezione marxiana:
bisogna tenere presente lassioma primo e fondamentale delleconomia politica, cio che chi produce non produce solo merci, produce rapporti sociali,
cio umanit.88

Ora, aggiunge Pasolini, dato che il neocapitalismo ha rivoluzionato il vecchio modo di produzione e tramite la produzione di beni superflui e il consu85. G. Buratti, Pasolini: dialetto rivoluzionario e minoranze linguistiche, cit.
86. Sla, p. 2854.
87. Ibid., p. 2839.
88. Ibid., p. 2840. Il passo , di fatto, una delle pi ortodosse espressioni della critica marxiana
al sistema di produzione capitalistico.

Lingua e potere in Pier Paolo Pasolini

Quaderns dItali 16, 2011 195

mismo ha trasformato antropologicamente gli italiani, i vecchi comunisti non


sanno pi cosa fare. Nella confusione tendono a trasformarsi in un nuovo
tipo di chierici che, non tenendo conto dei cambiamenti profondi avvenuti
negli ultimi dieci anni, ripetono salmodicamente il catechismo marxista-leninista, accusando di eresia tutti coloro che la pensano diversamente:
dove ho scritto che bisogna ritornare indietro? Dove? Vedete punto per punto,
e io [...] vi dico no: avete capito male, vi siete sbagliati, non intendo affatto
ritornare indietro, appunto perch mi pongo i problemi pi attuali, fiuto i
problemi del momento [...] Gramsci lavorava quaranta anni fa, in un mondo
arcaico che noi non osiamo neppure immaginare [...] puoi ricordarmi Gramsci come anello di una catena storica che porta a fare nuovi ragionamenti oggi,
a riproporre un nuovo modo di essere progressisti, un nuovo modo di essere
gramsciani.89

Come si vede, anche queste parole confermano limmagine data di s


nellintervista ad Arbasino del 1963: la mia caratteristica principe la fedelt.
Rileggendo gli scritti di Pasolini si rimane colpiti dalla loro intatta forza
espressiva e comunicativa, dalla loro resistenza al tempo. Il fatto stesso che
alcune sue parole-chiave (Palazzo, omologazione, mutazione antropologica, sviluppo senza progresso) siano diventate senso comune mi sembra unulteriore
prova dellattualit della sua analisi. Soprattutto centrata la critica al consumismo, percepito e vissuto come un vero e proprio cataclisma antropo
logico.90 vero che in essa si ritrovano motivi gi presenti nella Scuola di
Francoforte,91 ma sono certo una novit il linguaggio usato, lestrema chiarezza ed immediatezza che lhanno resa comprensibile a tutti. Pasolini, con il suo
acume antropologico, stato tra i primi a capire la centralit dei mass media
nella societ contemporanea. Fin dagli anni 60,92 sviluppando la geniale intuizione gramsciana rilevante lo stretto nesso tra lingua, societ e potere, aveva
colto nelle prime manifestazioni del linguaggio tecnocratico lemergere di una
nuova classe sociale tendenzialmente egemone. Ma, a differenza di tanti intellettuali odierni, non ebbe paura di andare contro corrente, di mettersi in gioco
in prima persona, rompendo schemi e logiche di schieramento consolidati.
Pi volte, dopo la sua morte, si cercato di metterci una pietra sopra. I pi
cinici hanno persino usato la sua orribile fine per farlo. Solo Sciascia, a modo
suo, ha tentato di mantenere viva la sua lezione. E non un caso che proprio
un discepolo di questultimo, Vincenzo Consolo, insieme a pochi altri, abbia
utilizzato, in un manifesto del giugno 2000, il lessico di Pasolini per tentare
di aggiornarne lanalisi:

89. Ibid., p. 2843-2844.


90. Scritti corsari, cit., p. 135.
91. Penso, in specie, a Minima moralia di T.W. Adorno e a Luomo a una dimensione di
H. Marcuse. Su questo punto, cfr. un mio precedente saggio: F. Virga, Pasolini corsaro,
Colapesce, almanacco di scrittura mediterranea, X.11, 2004, p. 101.
92. Cfr. soprattutto i saggi linguistici di Empirismo eretico, cit.

196 Quaderns dItali 16, 2011

Francesco Virga

Caduto il regime democristiano per corruzione interna, per mafia, per crimini, subentrato ad esso un partito di destra il cui leader (Silvio Berlusconi)
proprietario (caso unico in Europa) di tre reti televisive, oltre che di giornali
e case editrici. Queste reti televisive, che poggiano la loro esistenza e la loro
potenza sui messaggi pubblicitari, hanno negli anni inciso enormemente sulla
cultura e sulla lingua italiana. La televisione statale, per ragione di concorrenza o di volontaria omologazione, si conformata alla cifra culturale e stilistica
di quella privata. Sempre pi piccolo borghese, consumistico, fascista, il paese,
telestupefatto, ha perso ogni memoria di s, della sua storia, della sua identit.
Litaliano diventato unorrenda lingua, un balbettio invaso dai linguaggi
mediatici che non esprime altro che merce e consumo.93

E, in un momento in cui lItalia sembra davvero andare alla deriva, pu


essere di conforto ricordare che un giovane scrittore come Roberto Saviano,
che ha riscosso con il suo Gomorra un meritato successo internazionale, abbia
additato tra i suoi maestri il poeta di Casarsa.94

93. Per il testo integrale del Manifesto, cfr. Corriere della Sera, 6 giugno 2000.
94. R. Saviano, Io so e ho le prove, Nuovi Argomenti, 32 (2005).

Quaderns dItali 16, 2011 197-207

Sanguineti, Don Chisciotte, il viaggio e alcune


occasioni spagnole
Franco Vazzoler
Universit di Genova
franco.vazzoler@lettere.unige.it

Abstract
Questo omaggio al poeta recentemente scomparso (uno dei maggiori intellettuali italiani
del Novecento) prende spunto dalla pubblicazione in Varie ed eventuali (lultima raccolta
poetica) dei Frammenti da Invenzione di Don Chisciotte (un testo del 1949), dove il
personaggio cervantino proposto come viaggiatore sensibile. Si propone una lettura
delle poesie di viaggio di Sanguineti ispirate a luoghi spagnoli e catalani. Partendo dalla
poetica del piccolo fatto vero, vi sviluppata la dimensione-tema della bilocazione
(come la chiamer in Cose 63), che si rivela, nei poli dello sdoppiamento e dellassenza,
come uno dei nodi fondamentali che lesperienza poetica del viaggio mette in evidenza.
Parole chiave: Sanguineti; Poesia; Viaggio; Sdoppiamento; Assenza.
Abstract
This tribute to the recently deceased poet (one of the leading Italian intellectuals of the
20th century) is inspired by the publication of a piece from 1949, Frammenti da Invenzione di Don Chisciotte (Fragments from The Invention of Don Quixote), in Varie
ed eventuali his last poetry collection, where the Cervantes character is presented as a
sensitive traveller. The paper revisits Sanguinetis travel poems, which were inspired
by Spanish and Catalan places. Starting from the poetry of the piccolo fatto vero (small
true event), this paper develops the dimension/topic of bilocazione as he calls it in
Cose 63 which is revealed, in terms of duality and absence, as one of the key topics
highlighted by his poetic experience of travels.
Keywords: Sanguineti; Poetry; Travel; Duality; Absence.

Ad apertura di Varie ed eventuali,1 lultimo suo libro (un libro che si pubblica
postumo, ma non un libro postumo),2 Edoardo Sanguineti ha collocato un testo
che porta la data 1949: Frammenti da Invenzione di Don Chisciotte, la cui singo1. Edoardo Sanguineti, Varie ed eventuali. Poesie 1995-2010, Milano: Feltrinelli, 2010, p. 7-9.
2. Niva Lorenzini, Postfazione, ibidem, p. 159.

198 Quaderns dItali 16, 2011

Franco Vazzoler

larit e importanza sono state giustamente e immediatamente messe in evidenza


da una delle sue prime lettrici, Niva Lorenzini, nella Postfazione che lo correda.
Recuperati da Sanguineti nella loro veste originale, scritti a macchina su
tre fogli, ed offerti a Mimmo Paladino nellestate del 2006 mentre lartista
stava ultimando, con Corrado Bologna, il lungometraggio Quijote, questi
Frammenti erano venuti a far parte del film, dove Sanguineti stesso li recitava.3
Erano poi apparsi nel 2006, prima in tiratura limitata in una plaquette accompagnati da una incisione di Mimmo Paladino e da un CD in cui erano letti
da Toni Servillo, e successivamente, in forma di riproduzione fotografica del
dattiloscritto,4 sul numero della rivista Critica del testo, che aveva per titolo,
I mondi possibili del Quijote, in occasione del 400 anniversario del capolavoro
cervantino, preceduti da una introduzione di uno dei curatori della rivista,
Corrado Bologna,5 che ricostruiva loccasione della loro presentazione al
museo Peggy Guggenheim di Venezia, avvenuta il 5 settembre di quellanno,
a corredo, a sua volta, della presentazione di una edizione del Quijote, curata
da Bologna e illustrata dagli acquarelli di Mimmo Paladino, pubblicato da
Editalia-Poligrafico dello Stato, mentre, quasi contemporaneamente, il lungometraggio Quijote di Paladino veniva presentato, nella sezione Orizzonti
della Mostra del Cinema.
Della presentazione di Venezia, al museo Guggenheim il 5 settembre 2006,
esiste un video in cui, oltre alla sua lettura di una parte della Invenzione,
registrato lintervento di Sanguineti, da cui si ricava che il testo di Invenzione
di Don Chisciotte, insieme ad un altro, Invenzione di Don Giovanni, faceva
parte del progetto, poi abbandonato, di un libro che avrebbe dovuto avere il
titolo di Composizioni.6
Al film di Paladino fa riferimento Niva Lorenzini, nel segnalare lapparente anomalia cronologica7 della presenza di questo testo nellultima raccolta
di Sanguineti,8 toccando il problema essenziale di questo recupero, che ha
3. Come risulta dai crediti del lungometraggio, indicati sul sito della casa produttrice del
film e scaricabili in pdf allindirizzo <http://www.ananascinema.com/ita/crediti-ita.htlm>,
Sanguineti vi figura nel ruolo di Poeta.
4.
Con alcune notazioni, secondo la testimonianza di Bologna, di Paladino, relative allinserimento del testo nella sceneggiatura, addirittura numerando e citando le sequenze (schermo
spalle, camminata dx, profilo (lago), nuvole), il luogo della ripresa (disegno teatro
india), un attore (dopo Cucchi: Enzo Cucchi, nella parte del Mago Merlino).
5. Corrado Bologna, La novissima Invenzione di Don Chisciotte di Edoardo Sanguineti, in
Critica del testo, IX, 1-2, 2006, p. 385-396 (il testo di Sanguineti alle p. 397-399). Mentre
questo saggio era in bozze, Corrado Bologna tornato su questi temi, con la relazione Fra
Sancho e Don Chisciotte, in occasione del convegno per Edoardo Sanguineti: lavori in corso
(Genova, 12-14 maggio 2011), dei cui atti prevista la pubblicazione.
6. visibile sul sito <http://www.labiennale.tv> Cfr. anche: <http://www.editalia.it/>.
7. A proposito dellorigine di questo testo la Lorenzini afferma che allepoca Sanguineti era
stato suggestionato dal film di Pabst (Postfazione, cit., p. 160).
8. Lo considera addirittura come nucleo costitutivo del film e motivo ispiratore del Don
Chisciotte acquarellato del pittore, probabilmente pensando le animazioni che accompagnavano nel Cd la voce recitante di Servillo.

Sanguineti, Don Chisciotte, il viaggio e alcune occasioni spagnole

Quaderns dItali 16, 2011 199

il valore soprattutto di una riemersione. Se Bologna scrive che le parole di


quel vecchio testo vi galleggiano come schegge di un iceberg dissolto nel
tempo [...] affiorano, Sanguineti ne parla come del risuscitare un vecchio
fantasma. Il materiale verbale, in effetti, vi viene rielaborato e trattato da
Sanguineti come se fosse di un altro (dice Sanguineti, nel video: lho sforbiciato perch non pi cosa mia) e poi rimontato da Paladino come in un
gioco di specchi perfettamente consono alle poetiche dei due artisti.9
Insomma, pensando alle date di questi recuperi, la riemersione di questo
testo (2006) va a collocarsi quasi al centro cronologico-ideale di questo nuovo
libro (i cui estremi, indicati dal titolo sono 1995-2010), da un lato dandogli
il tono (d il la a tutto il volume: ancora Lorenzini), dallaltro come condensandolo.10 Ma al tempo stesso, il riemergere del personaggio-tema di Chisciotte, di allora, in questultima fase sanguinetiana, avviene dopo esser ri-comparso in Corollario 33 nellimmagine del bronzeo ronzinante (in carta pesta),
quasi a far assonanza col sono un bronzo di Riace insecchito, ingobbito (e un
po invecchito) di Cataletto 1.
Il personaggio (o forse, ancor meglio, il progetto di personaggio) di Don
Chisciotte 1949-2006 di Varie ed eventuali (2010), homme plein de sens,
senza uno spazio e un tempo precisato, ma posto allinizio di quella che potrebbe essere definita come la modernit (io apro il tempo che viene, come una
porta o una finestra: o come una qualunque cosa chiusa:) sembra catalizzare, allora, un tema che dallinizio alla fine ha percorso gran parte della poesia
di Sanguineti, quello del viaggio: viaggiatore sensibile, io sono luomo che
deve partire, la tua partenza soprattutto la mia.
Posto in uno spazio che non ha nessuna connotazione geografica (di fronte a
tutti i luoghi della terra) pu, allora, autodefinirsi uomo delle nuvole, e colui
che nei paesaggi colloca figure, in una prima intuizione di quella identificazione
fra vivere e scrivere che sar determinante per tutto il futuro di Sanguineti e che
qui sembra risentire di uneco boccacciana in quellappello alla buona brigata.11
Va ricordato anche (lo fa Bologna nella presentazione citata precedentemente) che
Paladino aveva realizzato anche un libro dartista pubblicato dalleditore modenese Roberto
Gatti, in 100 esemplari, contenente 6 incisioni allacquaforte e acquatinta, collage, fustel
latura, impressioni tipografiche, tecniche miste e accompagnato da un Cd in cui Mimmo
Cuticchio aveva inciso il cunto Sui sentieri di Don Chisciotte, questa volta accompagnato
da quattordici poesie di Giuseppe Conte.
9. Corrado Bologna, cit., p. 393.
10. A questi recuperi, daltra parte, che rompono la regolare scansione cronologica delle raccolte
fino a Segnalibro, Sanguineti ci aveva gi abituati raccogliendo in Senzatitolo (1992) una
serie di testi, che poi in Il gatto lupesco corrono paralleli ad un discorso inizialmente ancora
ordinato cronologicamente (almeno fino a Rebus, e che solo Corollario e Cose sembrano
parzialmente riprendere), come confermer la struttura in due parti di Mikrokosmos che
mantiene una stretta sequenza cronologica solo nella prima. Di questo modo (di questi
modi) di costruire i libri (sia di poesia, quanto le raccolte di prose saggistiche e giornalistiche) bisogner che primo o poi qualcuno si occupi a fondo.
11. Don Chisciotte parla, state in silenzio ad ascoltare, / voi che siete una buona brigata / Don
Chisciotte si espone e si dichiara e si spiega e si dimostra / questo Don Chisciotte

200 Quaderns dItali 16, 2011

Franco Vazzoler

Ed il primo comparire prima della riemersione dalla palus putredinis di


Laborintus di quella figura di viaggiatore che poi, man mano, andr a collocare figure sempre pi precise in paesaggi sempre meglio definiti e registrati attraverso toponimi sempre pi dettagliati nelle raccolte successive.
Se in Laborintus (1956) le indicazioni di toponimi (la Dead Valley,12 il
ponte della luna,13 la Paradise Valley,14 il lago di Sompunt),15 quasi tutti contenenti un significato gi nel nome, al punto da poter sembrare luoghi immaginari (lEldorado club,16 la sala da ballo El Flamingo),17 sono soprattutto
luoghi simbolici, come le precise indicazioni lunari, o conservano un aura
artistico-letteraria,18 a partire dalla piazza Chanoux (ad Aosta) se non me
ne sono sfuggiti di precedenti che il toponimo (con registrazione della data,
anche) presente nelle poesie, legato ad una precisa occasione biografica, erotica ovviamente in questo caso (Erotopegna 1); in seguito le prime determinazioni di luoghi e date compariranno in Purgatorio dellInferno (1964), in concomitanza con lallargarsi delle sue relazioni nazionali ed internazionali di
qui le poesie che assumono laspetto di appunti delle discussioni (verbali)19
e ricordi di collaborazioni20, ma anche di momenti di divertimento e davventura (come il paesaggio della Normandia, in 7), le visite ai musei, le strade
di Parigi, ecc. qui, infatti, che si fonda quel modo di poetare citando non
solo i testi, ma anche le minime occasioni della biografia, registrate con puntigliosa pedanteria, che rimarr poi la caratteristica di tanta poesia successiva.
Per il momento una geografia gi definita, ma ancora abbastanza ristretta
(lItalia, la Francia), che nelle sette poesie di T.A.T., si estende anche al Belgio
e agli Stati Uniti,21 ma imminente il primo vero e proprio libro di viaggio,
Reisebilder, che comprende 51 poesie del 1971 (scritte fra giugno e ottobre, fra
(p. 7). Molto pi tardi, rispondendo al questionario di Erminio Risso (in Edoardo Sanguineti,
Mikrokosmos. Poesie 1951-2004, a cura di Erminio Risso, Milano: Feltrinelli, 2004,
p. 326-328), se non includer Don Chisciotte fra i suoi eroi della finzione (scegliendo
Amleto, Faust, Woyzech), indicher in Cervantes (accanto a Petronio e Stendhal) uno dei
suoi autori in prosa.
12. Laborintus 1 (in Edoardo Sanguineti, Segnalibro. Poesie 1951-1981, Milano: Feltrinelli,
2010 [1982], p. 13).
13. Der Mondbrcke, in una citt della Svizzera (Laborintus 8, ibidem, p. 23).
14. Laborintus 10, ibidem, p. 25.
15. Laborintus 23, ibidem, p. 43.
16. Laborintus 4, ibidem, p. 17.
17. Laborintus 7, ibidem, p. 21.
18. Come la proustiana Chteaudun o i luoghi di Van Gogh di Laborintus 19 (ibidem, p. 39).
Per questi, come per gli altri, si cfr. Erminio Risso, Laborintus di Edoardo Sanguineti. Testo
e commento, Lecce: Manni, 2006.
19. Penso ad esempio alle poesie 2 (novembre1960), 3 (marzo 1961), 17 (novembre 1963) per
gli incontri di Cerisy e Palermo (cfr. Edoardo Sanguineti, Segnalibro. Poesie 1951-1981,
cit., p. 72, 74, 90).
20. La poesia 6 (ibidem, p. 79), testimonianza importante della nascita di Passaggio.
21. Alamosa in Colorado nominata con tanto di distanze in 3 (una delle poesie pi interessanti
da questo punto di vista). Allo stesso vanno riferite (hanno tutte la data di ottobre 1967)
le poesie 3-6 (ibidem, p. 95-102).

Sanguineti, Don Chisciotte, il viaggio e alcune occasioni spagnole

Quaderns dItali 16, 2011 201

Olanda e Germania), cui seguiranno le 67 Postkarten dellomonima raccolta


scritte fra il 1972 e il 1977.
In queste raccolte, in cui si afferma ormai la poetica del piccolo fatto
vero,22 il viaggio diventa loccasione privilegiata per imporre all io del poeta
quel carattere di io per le strade secondo la felice formula di Elisabetta
Baccarani 23 in cui loriginaria tensione al partire, che abbiamo vista in Don
Chisciotte, si fa prassi di vita e si concretizza in itinerari reali. Ma non tutti i
libri (o le singole sezioni) sono caratterizzati, come avveniva in Reisebilder, da
un itinerario. Se, infatti, Mauritshuis (agosto 1986) tutto concentrato nello
spazio e nel tempo della visita alle sale del museo dellAja, le occasioni di viaggio (e le distanze delle varie mete) si moltiplicano, moltiplicandosi nella vita
di Sanguineti, nelle raccolte successive che, come Mauritshuis, confluiranno
successivamente e complessivamente in Il gatto lupesco.24
Lesorbitante geografia di Corollario (1977), che spazia dal Sud America,
alla Palestina, al Nord Africa ai pi abituali ambienti europei, pur sempre
attenta agli orari degli aerei o dei treni, ai menu, d comunque luogo a microsequenze, come quella del soggiorno a Barcellona (marzo 1996), che viene a
costituirsi come la tappa di una molle autoanalisi. Significativo, in questo
senso, la numero 42, di fronte allhanging model di Gaud probabilmente
con in mano un opuscolo illustrativo, in spagnolo e in inglese dove dentro
quel buio criptico, le strutture pi interiori dellio si presentano come un
folle enigma, come una questione ipercomplessa di fronte allambigua fascinazione prodotta dai saquitos llenos de pernigones della maqueta invertida
nel buio criptico della basilica della Sagrada famiglia.25
Ma pi spesso sono le esperienze erotiche (sotto forma di tradimento coniugale) a costituire un aspetto sempre presente in questi viaggi. Si veda ancora, sempre
a Barcellona, nella n. 43 (che precede il commiato della n. 44) il pistolone scarlatto / acceso, fondamentalmente bucato in punta, semieretto semirigido, la fodera pelosa del mio picio nel momento di un amplesso (per accoppiarci (per
accopparci, si pu persino sospettare), cuore a cuore, su sabbie desolate); oppure
laddio allaeroporto (amarti fu un dispendio, un lusso un vistoso sciupio).26
L erotismo aveva i caratteri dellenigma e dellossessione nella contigua
n. 41, la prima della serie barcellonese, incentrata sulla qute della statua di
un Eros, sbiancato e mutilato.
in compagnia di altre tre persone (di una, una donna, cita anche il nome:
Coral; poi ne evoca unaltra, Carmen), e la scena il labirinto di siepi del Parc
dHorta (il giardino botanico di Barcellona):
22. Esplicitamente enunciata nella poesia 49 di Postkarten (ibidem, p. 209).
23. Elisabetta Baccarani, La persona migliore dello schermo. Modi ed evoluzioni dellautobiografismo nella poesia di Edoardo Sanguineti, in Autobiografie in versi. Sei poeti allo
specchio, a c. di M.A. Bazzocchi, Bologna: Pendragon, 2002, [p. 149-180], p. 167.
24. Edoardo Sanguineti, Il gatto lupesco. Poesie (1982-201), Milano: Feltrinelli, 2002, (le poesie
di Mauritshuis sono alle p. 171-179).
25. Ibidem, p. 301.
26. Ibidem, p. 302.

202 Quaderns dItali 16, 2011

Franco Vazzoler

per arrivare a un Eros, sbiancato e mutilato (gli mancano due mani e, quasi, un
braccio): (gli mancano anche tante frecce, per una glorificazione impietosa,
impietosita, martirizzabile triste come sta), noi ci siamo perduti e riperduti (in
quattro compresa una Coral), dentro el laberint: che l allingresso si legge, dopo
un entre, un saldras (cui tiene dietro, cortese, un sencillo):
(pi tardi poi, da una
Carmen, ebbi notizia scritta che, in qualche modo, in certo senso, donna
gentile pu dirsi xeitosa): (ma qui un dedalo ovunque, uso disabili):27

un eros grottescamente martirizzato (gli mancano due mani e quasi, /


un braccio): (gli mancano anche tante frecce, per una glorificazione impietosa,
/ impietosita, martirizzabile come sta)), a dar vita ad un gioco complesso di
allusioni e mascheramenti metaforici (oltre alla statua mutilata, il labirinto),
mentre gli inserti in spagnolo mimano un gioco linguistico (entre, saldras,
sencillo) introdotto come se fosse un rebus (dopo, cui tiene dietro).
E le prime sette poesie di Rebus sono scritte proprio in occasione di un
viaggio in Spagna (Saragoza, Salamanca, Valencia, Santiago di Compostela,
Toledo, Madrid), nel maggio 1984.28
Nella prima, lamosfera grottesco-espressionista subito evocata dallallusione al film di Sternberg con la Dietrich ([...] stato un angelo (a Zaragoza
azul, dove faticoso unratizzarsi sufficientemente):), passando poi alla citazione di una canzone del gruppo rock-pop (rockeros) dei Golpes Bajos il cui
titolo (Malos tiempos para la lrica) immediatamente deformato con la traduzione italiana di unespressione latina diventata proverbiale e inframmezzato
da un commento che utilizza, anche in questo caso, un elemento popolare
spagnolo e di Saragoza in particolare: [...] che mali tempi corrono, deo gratias,
e grazie alla Madonna / del Pilar, para la lrica, in genere; sviluppando poi
lofferta proveniente da para la lrica (interpretata come opera lirica), per
citare LIncoronazione di Poppea, di Monteverdi nella deformazione caricaturale di un cabaret (caf cantante) di vecchia tradizione (la Plata e ne d anche
la localizzazione nel Tubo, quartiere di Saragoza):
[...] (e dove il poetico si incarna in un urneronillo, che si disagrippin al primo
strillo, e che si spera, naturalmente, assassino dassalto, unaltra volta un tanto,
che un pochino):
si vocalizz, popputo e luminoso, gigantesco sciantoso,
nellarcheologico retablo della Plata, nel Tubo, tra gli Hysterostudenti e prototuristici: [...]29
27. Ibidem, p. 300.
28. Rebus , inizialmente, la prima sezione di Bisdibis (Milano: Feltrinelli, 1987). I nomi delle
citt compaiono come titolo delle sette poesie pubblicate nel 1995 in Cuadernos de Filologa
italiana (n. 5, p. 327-331) con il titolo Rebus 1984 (BISDIBIS). Nello stesso numero
compare una Entrevista a Edoardo Sanguineti, a cura di Rosario Scrimeri e Aurora Conde
(p. 381-387).
29. Edoardo Sanguineti, Il gatto lupesco, cit., p. 41.

Sanguineti, Don Chisciotte, il viaggio e alcune occasioni spagnole

Quaderns dItali 16, 2011 203

Si delinea cos quel percorso segnalato dall unrattizzarsi iniziale


verso un degrado o una degradazione che riunisce destinazione e destino.
Come sottolineer pi tardi lautocommento, il progetto di un ulteriore
sviluppo della poetica dellimpersonalit che allorigine di tutto Rebus (Avevo
in mente una poesia, che per cos dire, desoggettivandosi a fondo, nascesse
dalle cose stesse, quasi esentata da qualunque intervento autoriale), 30 in
realt piuttosto una strategia autoanalitica, una autoterapia per cui indispensabile guardare come da fuori il logorarsi dell io.
Lesito pu essere, allora, lautoironia con cui osserva la propria goffaggine, che
ricorda certi personaggi di romanzi beckettiani (mi inceppo, mi incespico, / sballottato sballato, sbalordito),31 paragonandosi ad un pelele (uomo di paglia, spaventapasseri): cadendo come cado e dove cado, saltandomi e storcendomi, sbando / di qua e di l (Rebus 3), o rappresentandosi come lombra / di un pellegrino
malinconico e alcolico [...] un dissoluto acuto, / soluto dentro i gorghi del torres
in un fininsterresco paesino, paradisino / campesino della Galizia (Rebus 4).
E ancora lauto-ironia risolta in giochi verbali ((ti faccio appunto punto,
smunto emunto: il tuo / confusionalmente compunto:)) nella conclusione
della n. 6.
Questo autoironico osservarsi da fuori culmina nell esplosione di felice
follia per aver assistito in prima fila, / e in prima persona, in proiezione al
proprio pomposissimo entierro.32
Qui il riferimento senzatro all Entierro del conde de Orgaz, il dipinto di
El Greco che si trova nella chiesa di Santo Tom di Toledo: ennesima occasione di autorappresentazione della propria morte, nella spettacolarit di una
sepoltura barocca, che come nota Weber, si riallaccia ai toni testamentari
della conclusione del rebus precedente,33 tono testamentario che si affaccia
anche qui nella devastante dimensione ossimorica con cui osservata la propria
vita: fedelt irriconoscibile, costanza sfigurata, tenacia guasta. E questo,
dice, il mio segreto. Segreto rivelato in una raccolta che si chiama Rebus e
che doveva essere il manifesto di una poesia impersonale, fatta, cio, con le
cose (secondo la riconosciuta ambiguit del titolo).
Uno solo dei rebus spagnoli, in cui limmagine, invece che disegnata
descritta (nel gergo dellenigmistica si tratta di rebus descritti, come spiega
Sanguineti stesso),34 ha una soluzione immediatamente riconoscibile: GENO30. Edoardo Sanguineti, Genova per me, Napoli: Guida, 2004, p. 65. Su Rebus, oltre a Luigi
Weber, Usando gli strumenti di utopia. Tradizione, parodia e riscrittura in Edoardo Sanguineti, Bologna: Gedit, 2004, p. 303-347, cfr. Stefano Agosti, Sanguineti fuori catalogo,
in il verri, n.44 (ottobre 2010), p. 5-28, ma soprattutto p. 17-28.
31. Lo spunto, il piccolo fatto laver pestato il piede ad una visitatrice del Prado, a Madrid
(un femminone / tutto DOC, marca Rubens).
32. Rebus 5, in Edoardo Sanguineti, Il gatto lupesco, cit., p. 45.
33. c una rivelazione che piacerebbe forse ai venezianisti galizianisti: / sta nascosta in un
nunca: dice che gi, per me, qualunque ormai si traduce in un mai (Rebus 4). Cfr. Luigi
Weber, cit., p. 320.
34. Edoardo Sanguineti, Genova, per me, cit., p. 65.

204 Quaderns dItali 16, 2011

Franco Vazzoler

VESE GALANTE. E rinvia anche qui ad unavventura erotica, in questo caso il


corteggiamento di una maliziosa fanciullotta segretaria dambasciata satanica.
questa frase (8,7) da ventaglio, non firmata, non datata, un ritaglio banale,
da un giornale:
un uomo, che porta un GE sopra una spalla destra, suda, per una
sega, seriamente, l alle prove con una lignea e liscia cosa numero 9: seguono due
finestre, con le imposte quasi del tutto aperte, legate con unL:
(esempio: quando M:M: mi rimbrotta, in ambasciata, la fanciullotta segretaria ispanica, e dice:
quella, la devi sculacciarmela:
(e quella quella che mi sped, satanica, a succhiarmi un caf solo, da solo, in una tasca Losca): io ho aggiunto pronto,
allora, con un hola: evviva arriba, mica unidea cattiva: che fu un complimento bastante, di strisciante sostanza pensante):
(morale al 12 4D, nella calle
del Duque de Medinaceli, sempre quella, ancora, quella che poi, nellora del
dipartirsi: ci vuole, disse, e ci sta bene, qui, un addio tanto iberico):
(che significa, invece, arrivederci, e, senza strazio, a presto), per te (cio per me):
(vedi, al
prossimo numero, il risultato arcano di un bacio un po gitano):35

Qui il programma del piccolo fatto quotidiano (collocato con la solita


minuziosa indicazione della topografia cittadina) realizza anche lidea della
poesia come enigma (o come test) caratteristica di Rebus riproponendo la doppia interpretazione (quella della soluzione del rebus e quella della poesia in
quanto testo che deve essere comunque decifrato), che prende spunto da un
rebus disegnato, ricavato da un ritaglio di giornale ( Sanguineti stesso a spiegarlo). Lecfrasi (la descrizione del disegno) si sviluppa nel racconto della propria avventura erotica che coincide con la sua soluzione. La coincidenza fra la
soluzione del rebus conservato da tempo, e linaspettata occasione offerta dalla
situazione vissuta consente una doppia autoironia: sia nel procedere dell
avventura, attraverso i giochi linguistici (caf solo, da solo, tasca losca),
ma appunto nellessere lui, Sanguineti (il genovese galante) lesempio per la
soluzione del rebus. E lautocommento (in Genova per me) a distanza di anni,
sar ancora giocato su questa autorappresentazione (mi metto in scena, la
galanteria disinvolta del galante genovese da me felicemente interpretato),
sottolineando il fatto (lo definisce un rebussino a puntate) di aver taciuto,
creando cos un nuovo malizioso enigma, il seguito dellavventura.
Invece in Rebus 2 la riflessione sullo sdoppiarsi, che nasce (scopro dovunque) dallincontro con i sosia pi diversi di smarriti e dispersi,36 per le
35. Edoardo Sanguineti, Il gatto lupesco, cit., p. 47.
36. In una galleria, anche in questo caso, beckettiana di gente spaventosamente asincronizzata:
(e asintopizzata / e asintonizzata): e sformata [...].

Sanguineti, Don Chisciotte, il viaggio e alcune occasioni spagnole

Quaderns dItali 16, 2011 205

strade di Valencia tra il Micalet e il Mercado, provocava un ben diverso


turbamento, quasi uno svenimento. E per contrasto nasce il sentimento dellassenza della moglie (tu non ci sei, tu che mi manchi lunica:),37 assenza che
in Rebus 6 ribadita dalluso del pronome personale di seconda persona (ti
ritorno grondante di arguzie dottorali, ti ho contemplato un arcobaleno
smisurato) nel racconto ( una classica Postkarte) del viaggio di ritorno da
una conferenza a Salamanca.
Questa assenza collegata ad unaltra dimensione, che si insinua cos nella
frenesia del viaggio, quella della bilocazione (come la chiamer in Cose 63).
Ed questo, per il Sanguineti viaggiatore, uno dei nodi fondamentali che
lesperienza poetica mette maggiormente in evidenza.
Anche nelle poesie degli anni successivi, quelle appunto di Cose (19962001), che con Rebus ha anche lanalogia del titolo, il viaggio (il primo dei
rebus, abbiamo visto, comincia: qui ogni destinazione un destino) la
frenetica casualit di un dappertutto ormai ovunque (Cose 1), riflesso di
un mondo globalizzato,38 in cui al posto della struttura del viaggio, troviamo
laccostamento di realt fortemente contrastanti: ad esempio, la riflessione
storico-politica innescata dalla visita alla ex-Jugoslavia in fase ormai postbellica (Cose 47), da un lato, e, dallaltro, la privata avventura di una notte
madrilena, che provoca il ricordo genovese di una discussione sul tragico
(Cose 55).
Linizio un trasferimento in taxi, alla Fundacin Juan March, per vedere
la mostra del pittore espressionista Kart Schmidt-Rottluff facendo tappa al
Prado, ma solo per dare un passaggio ad una poetessa romena (ho scortato
una Simona poetica (una rumena di Codlea, in taxi, come sempre) / sino
allingresso del Prado: poi lho continuata da solo, la mia corsa [...]). Continua
in un ristorante (Casa Manolo alla Princesa): e qui, mentre intorno la movida del sabato sera perdura, dura, labbondante bevuta (una bottigliona di
Paternina Rioja (banda azul), e dopo un sorbete / de aguardiente de orujo, con
pasas) gli fa temere di non riuscire a raggiungere lalbergo (se arrivo al Tirol),
dove poi, in realt riesce ad arrivare, con la precisa citazione del numero della
stanza (ma sono alla 405) e linserimento del particolare del rumore proveniente dalla stanza vicina dove una puttana fa chiasso [...] ha gi rotto un
bicchiere, si sbatte), fino al finale epigrammatico: (vedi ho vissuto per essere
un macho: e se non per questo, perch vivere).39
Non semplice aneddoto, ma vera e propria poesia-racconto, dove il montaggio di tipo espressionistico (lo sottolinea Sanguineti nell autocommento)40
lega e collega i frammenti apparentemente senza relazione fra loro e in una
casualit temporale. quel montaggio cinematografico spesso evocato da
Curi che trova qui una definizione precisa nel probabile, anche se non espli37. Edoardo Sanguineti, Il gatto lupesco, cit., p. 42.
38. Interessanti al riguardo le osservazioni di Luigi Weber, op. cit., in particolare alle p. 370-373.
39. Edoardo Sanguineti, Il gatto lupesco, cit., p. 394.
40. In Edoardo Sanguineti, Genova, per me, cit., p. 28-40.

206 Quaderns dItali 16, 2011

Franco Vazzoler

cito, riferimento a Buuel, quando precisato come post-espessionismo di


tipo ispanico41 (rimandando cos anche alla suggestione del film di Pabst che,
secondo la testimonianza di Niva Lorenzini, aveva impressionato Sanguineti
al tempo dell Invenzione di Don Chisciotte).42
Come abbiamo visto il viaggio diventato, da Rebus in poi, uno strumento (un trucco?) per sdoppiarsi, guardarsi da fuori. C un verso, in Cose, lincipit del n. 63, che rende questa idea:
ho praticato le bilocazioni, per riuscirmi a vedermi: fuori di me, fuori di te, in
un vuoto:43

Il viaggio , dunque, in un vuoto (ed probabilmente per questo che


viene colmato dai mille minuti particolari), una di queste bilocazioni attraverso cui Sanguineti riesce a vedersi, fuori di me, fuori di te e la conferma
viene, mi pare, soprattutto dai testi di viaggio in cui esplicitata lassenza della
moglie, come Corollario 6, prima di atterrare a Madrid (maggio 1992): se mi
strappo da te mi strappo tutto: [...] ritorno in me quando ritorno in te: vivo
ancora per te, se vivo ancora:.44
Cosicch, tramata di allusioni allavventura madrilena di Cose 55 (novembre 2000), la nuova poesia dedicata a Madrid (in un viaggio questa volta con
la moglie, pochi mesi dopo), Cose 58 (febbraio 2001), pu ragionevolmente
apparire come una restituzione.
Una restituzione soprattutto erotica (ma siamo stati, devi ammetterlo
pure, mostruosamente felici, / noi due), immancabilmente narcisistica (io
sono stato un re, un mago, credo, spero. Il tuo mago, / il tuo re), sancita da
un lato dalla trionfalmente triviale discesa/ascesa dal putridero e dalla basilica
dellEscorial al Museo Erotico (calle Doctor Cortezo), passando per i ristoranti Oter Epicure (calle Claudio Coello) e Vips (occasioni anchessi di allusioni
erotiche), dallaltro dalla autorappresentazione come don Juan (corretta con
un buen Juan) e dalla citazione di tre libri di Bernard Montorgueil.45
Daltra parte, dopo lavventura notturna, in Cose 55, la bilocazione aveva
prodotto il correre del pensiero al ricordo di una serata genovese, la partecipazione a un dibattito sul tragico, inserito prima dell epigramma terminale
(che ancora riferito alla notte madrilena):
[...] ( soltanto per te che laltra sera, a Genova, al Teatro della Tosse, ho
spiegato (e capito) che cosa che , davvero, una tragedia):
(vedi ho vissuto per
essere un macho: e, se non per questo, perch vivere?):46
41. Si vedano al riguardo, per lincidenza stilistica, fin da Laborintus, del montaggio cinematografico surrealista, le osservazioni di Erminio Risso, op. cit., p. 34.
42. Niva Lorenzini, Postfazione, cit., p. 160.
43. Edoardo Sanguineti, Il gatto lupesco, cit., p. 403.
44. Ibidem, p. 264.
45. Ibidem, p. 397.
46. Ibidem, p. 394.

Sanguineti, Don Chisciotte, il viaggio e alcune occasioni spagnole

Quaderns dItali 16, 2011 207

Commentando la poesia,47 Sanguineti ribadir ancora come laporia indissolubile del tragico si sia perduta con lavvento della societ borghese e come
sia rimasta solo la possibilit del postespressionismo, quello di cui ha dato un
saggio nella parte spagnola della poesia.
Introducendo questo commento Sanguineti scrive che quella rievocazione
genovese era poco pi che un segno (come lindirizzo apposto a una cartolina)
e che un po tutti luoghi della sua vita, nei suoi scritti, effimeri e durevoli,
sono presenti cos, per strappi marginali, per fragili lampi, come le tessere nane
di un puzzle molto pi largo, come un qualunque frammento di mondo.48
Anche per questo, pur avendo indugiato in questa occasione sulle poesie
spagnole di Sanguineti, sarebbe arbitrario cercare di rintracciare una specifica logica, al di l di quella delloccasione biografica, sia nelle citazioni (spesso
minuziose) di luoghi e particolari locali, sia nel dialogo che il testo italiano
instaura con la lingua spagnola (che caratteristico del polilinguismo da viaggio di Sanguineti ed ha funzione e caratteristiche ben diverse dalluso, dal
prelievo di testi altrui in lingua originale di altri suoi testi).
E per non ingenerare confusione vorrei avvertire, in conclusione, che nel
caso di Sanguineti il legame coi luoghi non va sopravvalutato, almeno in partenza e che semmai la Spagna, come qualsiasi altro luogo visitato da Sanguineti innanzitutto un luogo allegorico, realisticamente allegorico.

47. Edoardo Sanguineti, Genova per me, cit., p. 40-41.


48. Ibidem, p. 37.

Quaderns dItali 16, 2011 209-224

Riflessioni sullitinerario poetico di Franco Sepe


Vinci-Enzo Tota
Universit di Bari

Abstract
Partendo dalla prima raccolta poetica di questo autore italiano residente in Germania da
circa un trentennio, raccolta che insieme omaggio devoto e ricognizione storico-culturale
di un paesaggio urbano eletto a propria dimora, larticolo passa a considerare la sua opera
in versi pi recente. Qui lo sguardo si allargato dalla citt al mondo, dalla relazione intima e personale del poeta con il suo ambiente vitale alle grandi questioni concernenti la
salute del pianeta. Dal confronto tra i brani lirici pi significativi del libro e le posizioni
teoriche dei massimi studiosi di ecologia emergono interessanti parallelismi e sorprendenti
sincronie, soprattutto sul piano linguistico-iconologico.
Parole chiave: Franco Sepe; percorso lirico; Elegia Planetaria; poesia civile e teorie ambientaliste.
Abstract
Taking as a starting point the early poetic work of this Italian author, who has lived in
Germany for over thirty years, a collection which as a whole is a sincere homage and a
historical and cultural recognition of the urban landscape he made his home, the article
then goes on to look at his more recent verse. Here the focus moves out from the city to
the world, from the intimate and personal relationships the poet maintains with his vital
surroundings to major issues related with the health of the planet. A juxtaposition of
the most significant lyric pieces in the book and the theoretical standpoints of the most
relevant academics in the field of ecology leads to interesting parallelisms and surprising
synchronicities, especially in the field of linguistics and iconography.
Keywords: Franco Sepe; lyric poetry selection; Elegia Planetaria; civil poetry and environmentalist theory.

210 Quaderns dItali 16, 2011

Vinci-Enzo Tota

Al mio nipotino Francesco Hairen, nato il 1 ottobre 2008,


con lauspicio che possa vivere in un mondo migliore

Era gi da otto anni a Berlino Ovest, quando Franco Sepe si fece conoscere
pubblicando una piccola raccolta di versi intitolata Elegiette berlinesi (Firenze
Libri 1987). Forse, come con le sue Elegie renane Luigi Pirandello aveva voluto rendere omaggio a Johan W. Goethe, autore delle Rmische Elegien, anche
il nostro poeta esordiente intendeva onorare Rainer M. Rilke, che durante il
proprio soggiorno italiano a Duino aveva composto le Duineser Elegien.
E proprio ispirandosi a questultimo, Sepe concep i suoi primi versi come
Erfahrungen (Esperienze) e non come Gefhle (Sentimenti).
Allora la Citt del Muro era pervasa da una tale mestizia per la presenza
da oltre quarantanni di truppe delle quattro Potenze alleate, che qualcuno
nella metropoli os sentenziare: Berlino muore. Si trattava della berlinite
che, contagiando pure Sepe, ne perme le composizioni poetiche. Lautore le
chiam elegiette, certamente per un senso di modestia nei confronti di Rilke,
ma soprattutto per una particolare tenerezza verso Berlino e le poesie da essa
ispirategli. La sua era una tenerezza non dissimile da quella che aveva indotto
il poeta Guido Cavalcanti, fraterno amico di Dante, a rivolgersi con laffettuoso diminuitivo ballatetta alla poesia da lui scritta in esilio Perchi no
spero di tornar giammai.
Le Elegiette berlinesi annunciano pure, sia sul piano del contenuto che su
quello della scrittura, quei caratteri di autenticit, essenzialit e rigore che
diverranno acquisizioni permanenti del nostro poeta maturo. Valga, a proposito, unaltra elegietta-chiave della stessa raccolta. Il testo di questa poesia,
senza titolo, che si potrebbe intitolare Il Muro recita: Sui davanzali di
latta incrostati/di gelo ho sentito rimbalzare/leco del mattino sempre uguale/di qua e di l del muro,/senza eccezioni; come uguale/la gente che vi
abita di qua/e di l del muro: ad eccezione/di qualche limitazione. A prima
vista, essa potrebbe sembrare dettata da indifferenza dellautore per il penoso destino della Berlino di allora tagliata dal Muro in due entit politiche,
luna contro laltra armata. Egli invece prescinde da ogni luogo comune della
propaganda politica e da ogni pathos retorico per rilevare, sia che il Muro,
pur creando qualche limitazione alla libert di movimento dei cittadini
delle due Berlino, non riesce a generare estraneit, avversione, inimicizia, sia
che in tutti i berlinesi rimasta intatta la coscienza della comune identit
cittadina e nazionale. A Berlino Ovest come a Berlino Est pensa Sepe il
ritmo della vita giornaliera sempre uguale perch uguale/la gente che
vi abita di qua/e di l del muro. Insomma, il fatto della comune appartenenza e quotidianit di tutti i berlinesi vanifica, in buona parte, leffetto
muro. Ed evidente che in questa poesia, da un lato, si manifesta, sia pure
con un linguaggio asciutto, lattaccamento del poeta alla sua citt di adozione e alla sua gente, e, daltro lato, non assente un barlume di speranza per
Berlino e la pace.

Riflessioni sullitinerario poetico di Franco Sepe

Quaderns dItali 16, 2011 211

Dopo le Elegiette berlinesi, in Sepe il poeta ha taciuto per circa un dodicennio.


Il lungo silenzio si spiega con due ragioni. Anzitutto, egli ha sempre nutrito
una tale devozione per la poesia da coltivarla soltanto quando era lei a richiederglielo. E, quindi, per riguardo allintelligenza del lettore, egli, nella sua
attivit poetica, ha praticato il criterio economico del detto Intelligenti pauca.
Nel silenzio della poesia, Sepe fa altro. Fa altre esperienze: storiche, letterarie,
esistenziali.
A livello di Weltgeschichte, egli assiste, da quellosservatorio speciale che
Berlino intorno agli anni 90, alla crisi e alla fine del comunismo nellEsteuropeo e nellURSS e alla pacifica rivoluzione tedesco-orientale del biennio
1989-90, iniziata con lentusiastico abbattimento del Muro e conclusasi con
la riunificazione delle due Berlino e delle due Germanie. Nel momento in cui
Berlino si apre pi liberamente al mondo e il pianeta tende a trasformarsi in
un villaggio globale, nel bene e nel male, anche linteresse di Sepe si va estendendo alla Terra nel suo insieme e ai suoi problemi pi scottanti. Ora non si
tratta pi di qualche limitazione concernente la vita di Berlino, bens di
minacce gravissime che pendono sulla sora nostra madre terra/la quale ne
sustenta et governa per dirla con San Francesco e sullintera umanit.
Proprio nel decennio di fine-secolo-e-millennio comincia ad acuirsi nel
mondo la crisi ambientale. Vero che gi da almeno tre decenni varie personalit basti pensare ad Aurelio Peccei che nel 1968 fond il Club di Roma
e di l a poco indusse il Massachusetts Institut of Technology (M.I.T.) ad
occuparsi dei problemi del clima e dello sviluppo e numerosi gruppi di
verdi vanno suonando lallarme sul pericolo ecologico incombente sul pianeta. Ma negli anni 90 si ha una duplice svolta: da una parte, si constata che
lagonia del pianeta gi cominciata, daltra parte, si verifica un salto qualitativo nellimpegno profuso dallumanit per salvare con la Terra se stessa. Qui
meritano di essere menzionati in modo particolar lopera di un singolo, come
Al Gore, e il primo incontro mondiale sui cambiamenti climatici tenutosi in
Giappone ad iniziativa dellONU nel dicembre del 1997, il cui risultato fu il
Protocollo di Kyoto. Purtroppo a questo impegno non corrispose un interesse
adeguato da parte dei governi dei grandi Paesi a cominciare da USA, Russia,
Cina. Al che Sepe, non solo ha percepito tutta langoscia che assillava la gente
comune ormai consapevole di vivere su una Terra in fase terminale, ma ha
anche avvertito unacuta esigenza etica di farsi testimone della crisi in corso.
plausibile che la compresenza nel mondo della minaccia ambientale e di
quella terroristica e bellica abbia portato Sepe a meditare a lungo e a tornare
alla poesia dato che, per lui, essa parafulmine e, al tempo stesso, testimonianza dei mali del mondo.
Ma intanto lo scrittore si era dedicato con maggiore impegno alla prosa,
attivit da lui praticata nellarco di diversi anni, pubblicando due pezzi teatrali, Berlinturcomedea e Lincontro (1990), due opere di narrativa, Autobiografia
dei cinque sensi (2001) e Investigazioni su un castello (2003) e vari racconti;
lavori questi che richiamano su di lui lattenzione di alcuni scrittori e critici
letterari e gli procurano una minuta cerchia di lettori fedeli.

212 Quaderns dItali 16, 2011

Vinci-Enzo Tota

ovvio che queste esperienze personali ed esistenziali avranno uneco,


talora serena, talaltra allegra, in alcune composizioni della sua successiva opera
poetica, con le quali lautore riesce in qualche misura a contemperare la tristezza che permea molti dei testi che a quella appartengono.
Pure nella sua seconda stagione di creazione poetica Franco Sepe resta legato
alla realt del mondo e del tempo. Pertanto anche questa pu definirsi una
poesia nata da esperienza di vita. Talora, certo, il poeta pare voglia evadere dal
proprio tempo e dal proprio mondo, che non gli devono sembrare gradevoli,
per rifugiarsi in una sfera tutta intellettuale. Infatti una volta scrive: Cammino
verso luscita del tempo/per altre latitudini/in un altro cielo della mente. Ma
questo solo un sogno momentaneo, di un momento senza seguito. Una tale
fuga non saddice n al Sepe uomo n al Sepe poeta. Non glielo permettono n
la sua concezione della poesia come frutto di esperienze di vita n la sua lucidit intellettuale, n la sua responsabilit etica, n il suo amore per la vita.
giunto il momento di occuparsi dellElegia planetaria, che costituisce la
produzione poetica matura del nostro autore. Uscita presso leditore Piero
Manni di San Cesario di Lecce nel novembre del 2007 con una succosa e acuta
Postfazione di Alessandro Baldacci, lopera si divide in due sezioni: la prima,
che d il titolo al volume, contiene 65 elegie; la seconda, intitolata La notte
allordine del giorno, raccoglie 31 liriche.
Spesso lopera di un vero poeta, e Franco Sepe tale, risulta a tutta prima
ermetica, vuoi per la peculiarit della sua cifra espressivo-stilistica, vuoi per
la novit del suo contenuto. Perci solo unassidua convivenza con lopera in
esame, una riflessione lenta sulla stessa e il contributo di pi studiosi possono
rendere accessibili e familiari i valori specifici dellElegia planetaria. In questo
studio si prester pi attenzione alla ricostruzione degli elementi contenutistici dellopera, anche perch, pur senza ignorarne il contenuto, Alessandro Baldacci ha condotto un accurato, anche se sintetico, esame linguistico-stilistico
della raccolta poetica di Sepe.
Per un primo approccio allopera non parr inopportuno soffermarsi sugli
eserghi preposti alle sue due sezioni. Alla prima lautore premette i versi Triste come il ramo che lascia cadere il suo frutto per nessuno./Pi triste, pi.
Come quel vapore/che la terra esala dopo la morte della polpa del poeta spagnolo Vincente Alexaindre nonch due versi del poeta statunitense Robert Lee
Frost che recitano: Alcuni dicono che il mondo finir in fuoco/altri che finir in ghiaccio. chiaro che cos al lettore viene anticipato che latmosfera
dellElegia planetaria, stricto sensu, sar desolata, funerea, apocalittica. Il lettore italiano risentir nelle orecchie e nel cuore il fatidico verso di Dante:
Lasciate ogni speranza, voi chentrate. Pare proprio che la mestizia delle
Elegiette berlinesi si sia trasformata in una visione pessimistica. Ovviamente
non centra Leopardi, il cui pessimismo riguarda la natura che madre di
parto e di voler matrigna nei confronti dei propri incolpevoli figli. Il pessimismo di Sepe, invece, di carattere storico-antropologico, nel senso che relativo al nostro tempo, a noi uomini di oggi e, soprattutto, agli attuali governan-

Riflessioni sullitinerario poetico di Franco Sepe

Quaderns dItali 16, 2011 213

ti del mondo e alle odierne forze oscure. Al nostro poeta sembra di


sperimentare e vivere la devastazione e la fine della natura per la sconsideratezza degli abitanti della Terra. Per giunta, luomo divenuto tanto furbo
che, pur essendo lartefice dellopera distruttiva in atto, per scagionare se
stesso rende imputato sotto tortura/la natura. Sotto migliori auspici sembra,
invece, che il nostro autore abbia concepito La notte allordine del giorno. Il la
a una musica meno triste o, meglio, pi varia dato dalla quartina di Emily
Dickinson da lui premessa come esergo alla seconda sezione dellopera. Per
cogliere tutto il senso del testo dickinsoniano, da Sepe citato in inglese, si rende
necessario ricostruire il contenuto dellintero frammento 419 (Cfr. Emily
Dickinson, Tutte le poesie, Milano, 2005, p. 458-59). In questo testo, la poetessa americana dice che, come nel buio della notte senza luce ci si pu abituare alle tenebre e affrontare la strada a testa alta, anche nelle pi vaste tenebre
delle notti dellanima se ci si fa coraggio e simpara a vedere conclude la
quartina riportata da Sepe o si altera la tenebra/o qualcosa nella vista/si
adatta alla notte fonda/e la vita cammina quasi dritta. Dal che si evince che il
nostro poeta pare voglia preannunciare che, sebbene anche in questa sezione
gli toccher brancolare nella notte del proprio tempo e della propria anima,
egli riuscir ad orientarsi e a far s che la vita proceda quasi dritta. In breve,
latmosfera de La notte allordine del giorno sar meno buia e pi gradevole di
quella dominante nellElegia planetaria. In questa notte non mancano una
qualche luce e una qualche speranza.
Dopo aver cercato di evidenziare alcune peculiarit di ciascuna delle due
sezioni di questopera, ci pare doveroso precisare che, non potendo in questo
saggio sottoporre ad unindagine analitica tutte le 96 poesie del volume o
confrontare approfonditamente fra di loro le due parti, ci si limiter a prendere in considerazione lElegia planetaria nel suo insieme per rilevarne alcuni temi
fondamentali.
Argomento dominante in questopera la sofferenza inferta alla pelle della
Terra dal crescente inquinamento e surriscaldamento dellatmosfera causati
dalla nostra civilt industriale. A introdurlo proprio la I Elegia che, data la
sua importanza, ci pare opportuno riportare integralmente: Millenni che non
sorridono/tacciono quella pelle ferita/fiorita sotto la volta avversata dal nero
fumo: il cielo roso in squarci radiosi./Calano sciabolate/sui campi e ghiacciai/
tra le cellule avvizzite/di tanta ovvia umanit. una poesia frutto di diversa
esperienza e, nel contempo, testimonianza verace. Nonostante il proprio selfcontrol Sepe non riesce a restare imperturbabile di fronte ai mali che colpiscono la superficie del nostro pianeta, nel vedere cio allopera il nerofumo micidiale che ammorba la nostra biosfera con letali emissioni di CO2 e le
sciabolate di radiazioni solari che bruciano i campi coltivati, sciolgono i ghiacciai e aggrediscono tanta umanit al livello cellulare. Mentre gli uomini della
nostra millenaria civilt, pur avendo perso il loro sorriso davanti alla sciagura
in atto, tendono a passare sotto silenzio il delitto che viene consumato alla loro
presenza. Di contro lautore, coinvolto dal dramma, anzitutto ha sentito lesi-

214 Quaderns dItali 16, 2011

Vinci-Enzo Tota

genza etica di parlarne, in secondo luogo ha antropomorfizzato o umanizzato


la Terra, ricorrendo allespressione metaforica pelle ferita, per indicarne la
superficie danneggiata. Non sembrer inopportuno ricordare qui che anche il
politico americano Al Gore, nobel per la sua molteplice attivit come ecologista, occupandosi della crosta terrestre nel suo voluminoso saggio Earth of
Balance del 1992 (edizioni italiane: Roma-Bari, 1993; Milano, 2008) ha usato
le stesse metafore antropomorfizzanti. Esempi: una volta, egli intitola A fior di
pelle il sesto capitolo (p. 161-176) in cui esamina lattuale superficie terrestre;
unaltra volta, occupandosi delle lesioni arrecate dalla nostra civilt tecnologica alla pelle della Terra, anche lui sostiene che esse costituiscono una ferita
mortale alla ragnatela della vita (p. 163). Il che prova del fatto che uomini
spiritualmente affini si chiamino essi Francesco dAssisi, Aurelio Peccei, Al
Gore o Franco Sepe finiscono per pensare ed esprimersi in modo affine.
Infatti, per tornare allopera del nostro autore, si pu constatare che a) in altre
composizioni egli parla di erbe e piante cosparse di veleno, insetti che morendo in volo lanciano cattivi auspici e uomini che, naufraghi di s sembrano
vivere nellultima alba del mondo; b) in tre versi della XIII Elegia osserva:
Gi il danno in lungo, in piano/in leghe sotto il mare e sopra/a incorniciare riva e onda. Queste esperienze sconsolate e sconsolanti fatte dallautore
inducono a concludere che, per lui, la contaminazione, lalterazione e la devastazione allopera nella nostra natura portano a ferire mortalmente la biodiversit marina e terrestre e la stessa umanit.
Di fronte a una prospettiva simile il comune buonsenso avrebbe dovuto
imporre ai potenti del pianeta di correre ai ripari per scongiurare un possibile disastro ecologico. Invece accade il paradosso, come il lettore pu constatare leggendo la XXXV Elegia che qui si cita per esteso e nella propria
forma grafica:
Non pi di qualche miglia
metropolitana
distano le potenze del mondo
convocate per il disbrigo
degli affari ambientali.
Di chi impera torvo
il diniego: la vita ha peso
in barili,
il bene del corpo
dovr ancora battere moneta.
Che vengano da un altro
pianeta?

Un discorso adeguato allimportanza di questa poesia prevediamo di farlo


nelle conclusioni. Per ora si preferisce dare spazio a tre testimonianze che confermano quanto detto da Sepe in questa elegia a proposito dellallergia astiosa
mostrata dai capi delle grandi Potenze nei confronti dellodierno dramma
ambientale. La prima di al Gore che osserva: I leader mondiali non fanno

Riflessioni sullitinerario poetico di Franco Sepe

Quaderns dItali 16, 2011 215

altro che chiacchierare nella speranza che il pericolo si dilegui (op. cit. p. 245).
La seconda rappresentata dal fatto che a tuttoggi ottobre 2008 n gli
USA n lAustralia hanno formalmente aderito al Protocollo di Kyoto. La terza
riguarda il sostanziale insuccesso con cui si concluso il vertice sui problemi
climatici svoltosi nel luglio scorso in Giappone fra i G8 e i Paesi emergenti,
non avendo approvato nessuna riduzione vincolante circa le sempre crescenti
emissioni di gas letali nellatmosfera. Eppure dovrebbe essere noto a tutti ormai
che con sei gradi in pi di temperatura globale la sopravvivenza dellumanit come specie potrebbe essere minacciata dallapocalisse (Cfr. Mark Lynas,
Six Degrees. Our Future on Hotter Planet, 2007; edizione italiana: Sei gradi. La
sconvolgente verit sul riscaldamento globale, Roma, p. 200).
Un ruolo pure considerevole lo gioca nellElegia planetaria la guerra, anche se
in modo esplicito viene trattata almeno in due poesie. Leitmotiv della LI Elegia il terrificante bombardamento statunitense della notte 20/21 marzo 2003
su Baghdad in vista dellinvasione dellIrak. Questa guerra preventiva, condotta dallamministrazione Bush II nella convinzione infondata che il Paese
mesopotamico possedesse armi di distruzione di massa e avesse stretti legami
con il movimento terrorista di Al Qaeda, deve avere intimamente persuaso
anche il nostro autore che la straricca e supertecnologicamente armata America stava conducendo uningiusta guerra di aggressione contro un Paese piuttosto povero e male armato, portandolo cos a concentrare la propria attenzione su quella notte infernale. Il testo dellelegia dice: Sulla notte deserta
rovesciano/forni di luce/ma la stola doro del martire-giustiziere/a far brillare la sua forza/nel mirino delle armi mediali./Gli attacchi sono cielo e incenso/
sparsi sul suo nome./Meno sicura laria dove non c guerra:/cautela sia alla
mano del respiro./Intorno alle molecole umane/polveri minute dettano legge.
Qualcosa di simile era gi avvenuto altre volte: in Vietnam, in Afghanistan.
Diluvio di bombe su Baghdad, annota quella notte una giornalista e scrittrice americana (Cfr. Alice Oxman. Sotto Berlusconi. Diario di unamericana a
Roma. 2001-2006, Roma, 2008, p. 171). Il nostro poeta va ben oltre la rappresentazione della orribile visione notturna, soffermandosi con la mente
sullazione delle armi mediali, sullaria che ora stata inquinata anche dove
non c guerra e sulle impalpabili particelle duranio impoverito che, investendo, a livello molecolare, tanta gente anche a distanza spaziale e temporale, ne
segnano il destino. Dunque guerra e intossicazione atmosferica combinano la
loro azione micidiale ai danni della Terra e della sua umanit. Ma Sepe rivolge
il proprio interesse anche alle guerre di domani. Sono le cosiddette guerre
stellari alle quali stanno pensando da anni e in maniera realistica i militari e i
politici delle maggiori Potenze del mondo. Per convincersi del fatto che a tali
guerre ci si sta preparando con zelo, basta prendere visione del nutrito fascicolo 5 del 2004 di LIMES, la rivista italiana di geopolitica, scientificamente
ben informata dal titolo Le mani sullo spazio. Nel quale fascicolo alleditoriale Assalto al cielo seguono saggi illuminanti come Aspettando le guerre stellari, Il piano americano per il dominio dello spazio, La sicurezza europea nello

216 Quaderns dItali 16, 2011

Vinci-Enzo Tota

spazio, Un dragone [= Cina] nello spazio, La Russia resta in orbita e simili. Da


ci si desume che, quando nella XLVII Elegia Sepe prefigura le guerre di
domani, non lo si pu screditare come un autore meramente fantascientifico
o, peggio ancora, come un inattendibile profeta di sciagure. Data la particolare rilevanza di questa composizione, la riportiamo integralmente e nella sua
peculiare forma grafica:
Non ha fine n confini contendersi
le alture dello spazio
tra satelliti gestione di anime
e dutenti, altre guerre
si preparano oltre
il settimo dei cieli
ignoto sar il corso
delle devastazioni.
Una sola certezza:
la morte avverr
distante dai corpi.

Con un linguaggio sobrio e apparentemente freddo il poeta presagisce


ma pare stia dando una testimonianza su eventi veramente accaduti che
le prossime guerre saranno davvero infinite, senza cio limiti temporali e
spaziali, e avranno lobiettivo di creare basi interplanetarie e conquistare mondi
extraterrestri. Queste guerre stellari o cosmiche diverranno tanto sterminatrici
e annientatrici che, per mancanza di testimoni superstiti, non rimarr memoria storica del corso delle devastazioni. Il clou di questa elegia senza pathos
rappresentato dai tre sentenziosi e assiomatici versi finali, separati dal corpo
della poesia. Pare che il poeta voglia dire che, a causa della supertecnologia
bellica, lunica cosa certa che la morte sar impersonale, burocratica, senza
combattimenti ravvicinati. Qualcosa del genere pens nel 1958 il filosofo tedesco Gnther Anders, quando, nel suo Essere o Non-essere. Diario di Hiroshima
e Nagasaki chiam tele-cidio la tele-guerra del prossimo futuro.
Eppure la musica dellElegia planetaria ha anche altri aspetti rispetto a quelli
sinora descritti. Non mancano, infatti, in essa motivi o argomenti, direi, concilianti. C la presenza dellamore che detta al poeta sia singoli versi vibranti
di emozione come Te vedo felpata sfiorarmi sia una lirica gaia come: La
gioia porti stretta negli occhi/che trattengono voglie pi leggere/di amore non
si parla a tavola/se il vino a mancare,/il mio bicchiere riempiresti con un
fiore/e questo sarebbe amore. Un altro tema , poi, quello della paternit, della
tenerezza del poeta nel momento in cui diventa padre. Infatti nella VI Elegia,
con dedica a Ion Mavilo, il padre, che ha assistito alla nascita del piccolo con
un misto di felicit, fierezza e commozione, gli dice: Hai strattonato la tua
caverna dacqua/corpicciolo decantato dentro un fermo/liquore di bonaccia.
Per poi seguirne con curiosit affettuosa i primi movimenti: il suo frullare
nella culla, la voglia di vita che il lattante manifesta protendendo la gola verso

Riflessioni sullitinerario poetico di Franco Sepe

Quaderns dItali 16, 2011 217

il seno materno, il suo catturare il fiotto di quellunica linfa vitale che, almeno temporaneamente, lo salvaguarder dagli omogeneizzati, prodotti di una
sempre meno affidabile industria alimentare.
Lesistenza di Ion Mavilo ha un ulteriore effetto positivo sul nostro poeta:
lo porta a scoprire la propria infanzia e fanciullezza. In una breve poesia de
La notte allordine del giorno egli esprime la nostalgia per la sua prima et in
questi termini: Occorre tornare bambini per sentire/dal fazzoletto deposto
delle ore/il peso lieve di una farfalla. Lesigenza di appagare la propria
nostalgia risulta doppiamente feconda: infatti, per un verso, ha indotto Sepe
a scrivere il romanzo Autobiografia dei cinque sensi, che rimane la prosa pi
fresca e pi artisticamente valida che egli abbia offerto, e, per altro verso, gli
ha ispirato la XX Elegia. In questultima composizione, che presenta una
certa affinit con latmosfera di qualche pagina del romanzo autobiografico,
lautore rievoca con delicatezza alcuni momenti del suo passato di ragazzo.
Basta riportarne qui la prima parte: La vita ci cingeva con cura, crescevamo/
col fiato lento, laltra met del secolo/ritraeva le mani dallabisso./Esultavamo
per poco: larrivo del treno in stazione, la foglia dacero tra il rosso/dei doni,
lo scarpone con le labbra di Charlot,/il richiamo/della ciocca sulla giovane
fronte/innamorata.
Anche la morte naturale un tema che suscita linteresse del nostro
autore: di essa ha una visione rasserenata, che, da una parte, ricorda la francescana nostra sora morte corporale, dallaltra, richiama alla mente la serenit filosofica di Lucrezio per il quale, post mortem, nulla si risolve nel
nulla. Morte naturale vero trionfo/di natura osserva Sepe, e ci in quanto solo sopra un ciclo sano/ruota il compasso della vita (LIII Elegia). In
natura pare, quindi, vigere un fisiologico ciclo di vita-morte-e-di-mortevita e cos di seguito. In tal senso non affatto spaventoso, ma del tutto
naturale e razionalmente accettabile che un giorno morir anche il pi grande e durevole incendio, che quello del sole e pertanto: La terra non avr
pi ragione del freddo/dei morti/svanir lectoplasma/da stringere nel cerchio
della vita (LXV Elegia).
Anche se nella seconda sezione del libro sembrano predominanti la notte
e gli aspetti oscuri della vita, Sepe, come Emily Dickinson, mostra di saper
serbare sempre, pure nelle tenebre notturne e nei momenti bui della vita, un
po di luce del sole e un po di speranza. Perch si veda in modo giusto la
compresenza nella sua poesia di gaudio, luce solare e buio notturno vogliamo
riportare qui una perla quasi nascosta in fondo al volume:
Le gioie pi solari
sono nel buio
quanto le diurne miserie.
Nel buio le teniamo
perch la luce sia solo
e tutta nei nostri
occhi.

218 Quaderns dItali 16, 2011

Vinci-Enzo Tota

Sepe si posto il problema del ruolo della poesia in generale e della propria
in particolare con le due domande che seguono: Forse che un verso criptico
o ermetico/varrebbe a sigillare il raggio/e la tossina? [...] Se il verso, vero, la
natura/non offende, potr qualcosa/in sua difesa? (XIII Elegia). Qui e ora, il
poeta appare alquanto scettico sulla capacit della poesia di operare in difesa della
natura. Per lui, a differenza della politica che agisce per cercare di risolvere
i problemi di convivenza degli uomini tra loro e con il mondo, la poesia pu
offrire solo parole. Parole, per, che anche se criptiche o ermetiche, contengono riflessioni critiche, testimonianze, speranze. Ed questo il ruolo che il nostro
poeta ritaglia per s: riflettere-criticare, testimoniare, sperare e far sperare.
Che la riflessione critica sia sempre vigile e attiva in Sepe emerge particolarmente dalla XXXV Elegia riportata in precedenza. Qui il poeta critica senza
riguardi i potenti del mondo, che, convocati per provvedere alle gravi patologie ambientali del pianeta, manifestano la loro insensibilit, incompetenza ed
irresponsabilit, declassandole ad affari ambientali e rifiutandosi aspramente
di occuparsene.
E ci perch ad essi quel che importa sono gli affari del petrolio, a loro
parere ben pi corposi e redditizi sia sotto laspetto economico che politico.
Ma la critica ai governanti delle grandi Potenze si fa pi stringente nella
domanda finale, che lautore ha voluto spazialmente distaccare sotto laspetto
grafico dal corpo della poesia. La domanda Che vengano da un altro/pianeta?, chiaramente una domanda retorica, la cui implicita risposta affermativa
significa: s, quei potenti vengono da un altro pianeta, sono degli alieni od
extraterrestri, estranei cio alla comune umanit che suole attenersi alletica
che approva e promuove il bene e riprova e contrasta il male. Inoltre la domanda apparentemente innocua fatta dal poeta in realt un fermo giudizio di
condanna globale sui signori statisti tanto pi significativo in quanto a pronunciarlo un uomo mite.
Va dunque riconosciuto alla poesia di Sepe lesigenza etica di contribuire
a migliorare il mondo e di sperare e suscitare speranza. quanto avviene per
esempio in una lirica de La notte allordine del giorno, che una specie di manifesto della poetica del nostro autore. Scritta per lamico rumeno Ion Albu
Stanescu, precocemente scomparso, a cui anche dedicata, la composizione
sembra al lettore di chiara ispirazione donchisciottesca. Racconta lautore che
sia in ambienti popolari come le taverne sia in avamposti militari sia ancora in aristocratici castelli, un po dappertutto nel mondo doggi, cresce vigorosamente un multiforme insieme di forze oscure in attesa delle quali dmoni burocrati e vampiri operano con tutti gli strumenti del male per
preparargli e facilitargli la via daccesso. Sepe, come Don Chisciotte, sente
limpellente bisogno morale dintervenire, scendendo in campo insieme con
Ion Albu Stanescu, per affrontare le forze del male in arrivo. Pertanto, rivolgendosi a se stesso e allamico, domanda:
Sapremo tu e io, gentiluomo e cavaliere
tarare la parola sui biechi crocevia

Riflessioni sullitinerario poetico di Franco Sepe

Quaderns dItali 16, 2011 219

del destino, cavare dal nero trafitto a fondo


un angelo ad uso giornaliero?

Dallesame della quartina risulta palese per la profonda differenza fra Don
Chisciotte e il suo scudiero Sancio Panza, che, peregrinando per amor di giustizia, vanno armati, sia pure di armi fittizie, e Sepe e Albu Stanescu, i quali
vorrebbero battersi solo e unicamente con la parola poetica. Per il nostro
cavaliere si tratta di considerare bene se lui e il suo amico gentiluomo
sapranno creare una poesia capace di riuscire efficace nei sinistri incroci del
destino del mondo attuale e ricavare dal male un angelo che sia di buon
auspicio e di sostegno morale per la vita quotidiana di tutti. Perci Sepe, se
vuole combattere, pu farlo con lunica arma a lui confacente, che la parolapoesia. Solo cos egli potr trasformare le umane forze oscure in angeliche forze,
armate solo di buona volont. Per far albeggiare pi intensa la speranza.

XIII
Un transfuga da infida chimica
da malfidata fisica altererebbe
il verso al solo pronunciarne il nome.
Forse che un verso, criptico o ermetico
varrebbe a sigillare il raggio
e la tossina?

Un trnsfuga de qumica falaz


de desleal fsica alterara
el verso con slo pronunciar su nombre.
Quizs un verso, crptico o hermtico
servira para sellar el rayo
y la toxina?

Un trnsfuga dindigna qumica


de deslleial fsica alteraria
el vers en pronunciar-ne noms el nom.
Potser un vers crptic o hermtic
serviria per sigillar el raig
i la toxina?

Gi il danno in lungo, in piano


in leghe sotto il mare e sopra
a incorniciare riva e onda.

Ya el dao es largo, a lo llano


en leguas bajo el mar, y encima
a enmarcar orilla y ola.

El dany ja s al llarg, i en pla


en lleges sota el mar, y sobre
per emmarcar riba i ona.

Se il verso, vero, la natura


non offende, potr qualcosa
in sua difesa?

Si el verso, es cierto, la naturaleza


no ofende, podr hacer algo
en su defensa?

Si el vers, s cert, la natura


no ofn, podr fer alguna cosa
en defensa seva?

220 Quaderns dItali 16, 2011

FRANCO SEPE, da / de Elegia planetaria, Postfazione di A. Baldacci, San Cesario di Lecce, Manni, 2007 (trad. Rossend Arqus).

Vinci-Enzo Tota

Dellaria, bianco calore nel petto


respiro senza ombra, nudit
che un raggio riveste di polvere
viva, fazzoletto dalle trasparenze
scolpite nel vento

Del aire, blanco calor en el pecho


respiro sin sombra, desnudez
que un rayo reviste de polvo
vivo, pauelo de transparencias
esculpidas en el viento

De laire, blanca calor al pit


respiro sense ombra, nudesa
que un raig revesteix de pols
viva, mocador de les transparncies
esculpides al vent

dellaria a preoccupare non lo screzio


innocente del catino ossidato, ma la nera
frode sui pinnacoli sacri alti per risplendere
laffanno dorato dei giorni dellozono
il piombo della cefalea.

del aire preocupa no la grieta


inocente del cuenco oxidado, sino el negro
fraude en las altas cimas sagradas donde brille
el ahogo dorado de los das del ozono
el plomo de la cefalea.

de laire preocupa no la fesa


innocent del bol oxidat, sin el negre
frau sobre els alts pinacles sagrats on resplandeixi
lofec daurat dels dies doz
el plom de la cefalea.

Non pi di qualche miglia


metropolitana
distano le potenze del mondo
convocate per il disbrigo
degli affari ambientali.
Di chi impera torvo
il diniego: la vita ha peso
in barili, 
il bene del corpo
dovr ancora battere moneta.

En slo alguna milla


metropolitana
distan las potencias del mundo
convocadas para despachar
las tareas del ambiente.
De quien impera es torva
la negacin: la vida se pesa
en barriles, 
el bien del cuerpo
deber an acuar moneda.

No gaire ms dalguna milla


metropolitana
disten les potncies del mn
reunides per despatxar
les tasques de lambient.
De qui impera s fosca
la negaci: la vida t pes
en barrils, 
el benestar del cos
encara haur dencunyar moneda.

Che vengano da un altro


pianeta?

Acaso vienen de otro


planeta?

s que vnen dun altre


planeta?

Riflessioni sullitinerario poetico di Franco Sepe

XXVII

XXXV

Quaderns dItali 16, 2011 221

Non ha fine n confini contendersi


le alture dello spazio
tra satelliti gestione di anime
e dutenti, altre guerre
si preparano oltre
il settimo dei cieli
ignoto sar il corso
delle devastazioni.

No tiene fin ni lmites disputarse


las alturas del espacio
entre satlites se gestionan almas
y usuarios, otras guerras
se preparan allende
el sptimo cielo
desconocido ser el curso
de las devastaciones.

No t fi ni confins disputar-se
les altures de lespai
entre satllits s gesti dnimes
i dusuaris, altres guerres
es preparen enll
del set dels cels
ignot ser el curs
de les devastacions.

Una sola certezza:


la morte avverr
distante dai corpi.

Una sola certeza:


la muerte acaecer
lejos de los cuerpos.

Una sola certesa:


la mort esdevindr
distant dels cossos.

Godiamo il rosa attivo


di questi ultimi coralli

Gocemos del rosa activo


de estos ltimos corales

Gaudim del rosa actiu


daquests darrers coralls

dove londa si sfoglia


e traspare

donde la ola se deshoja


y transparenta

on lona es desfulla
i transparenta

quale manto nuziale


su unalba dalla luce
scoronata.

como manto nupcial


en un alba por la luz
descoronada

com mantell nupcial


en una alba que la llum
descorona

222 Quaderns dItali 16, 2011

XLVII

LV

Vinci-Enzo Tota

Si en el embrujo de los elementos


reconocer no sabes el ambiguo
canto, es muy grave.

Si en lembruix dels elements


reconixer no saps lambigu
cant, s prou greu.

Non vi Itaca in vista


per le antenne cetacee
e docile il branco di molossi
presto condotto alla riva
incagliata
al tumulo di sabbia.

No hay taca en el horizonte


para las antenas cetceas
y dcil la jaura de molosos
en seguida es llevada a la orilla
encallada
en el tmulo de arena.

No hi ha cap taca a la vista


per les antenes cetcees
i dcil la canilla de molosos
tot seguit es duta a riba
encallada
en el tmul de larena.

Non vento amico da poterci entrare


da farsi cullare
il passo ha gracile di un forzato
a scatenarlo sufficiente
lacredine di una nube, lumore aspro
dellaria che non vuole stare.

No es un viento que permita entrar


ni se deje arrullar
el paso tiene grcil de un galeote
para que se desate basta
la acrimonia de una nube, el humor spero
del aire que no quiere parar.

No s un vent amic de deixar-thi entrar


ni de fer-se bressolar
el pas t grcil dun galiot
per provocar-lo nhi ha prou
amb lacrimnia dun nvol, lhumor aspre
de laire que no vol parar.

Fossi soltanto ancora forza pura


che la vela fa andare, il pallone
volare. Ma altre scoperte
ti hanno chiamato a scoprire.
Cos denudi la terra avvinghiato
a tutto quanto mulinando trovi.

Fueras an t slo fuerza pura


que hace andar la vela, el globo
volar. Pero otros descubrimientos
te han llamado a descubrir.
As desnudas la tierra aferrado
a todo lo que fantaseando hallas.

Fossis encara sols fora pura


que la vela fa anar, el globus
volar. Per altres descobriments
than cridat a descobrir.
Aix despulles la terra abraonat
a tot all que barrinant trobes.

Del denaro che sinvola


tu sei il signore.

Del dinero que se volatiliza


tu eres el seor.

Del diner que es volatilitza,


tu nets senyor.

LX

Quaderns dItali 16, 2011 223

Se nella mala degli elementi


riconoscere non sai lequivoco
canto, ben grave.

Riflessioni sullitinerario poetico di Franco Sepe

LVII

Dicono che si fermer un giorno


il pi grande e durevole incendio
agli occhi tondo e senza fiamme
nello scudo della distanza.

Se dice que un da parar


el mayor y ms largo incendio
a la vista redondo y sin llamas
en el escudo de la distancia.

Diuen que parar un dia


el ms gran i durador incendi
a ulls clucs rod i sense flames
en lescut de la distncia.

La terra non avr pi ragione del freddo


dei morti
svanir lectoplasma
da stringere nel cerchio della vita.

La tierra ya no triunfar sobre el fro


de los muertos
del crculo de la vida que atarlo deba
se esfumar el ectoplasma.

La terra ja no prevaldr sobre el fred


dels morts
del cercle de la vida que lhavia destrnyer
sesvanir lectoplasma.

224 Quaderns dItali 16, 2011

LXV

Vinci-Enzo Tota

Quaderns dItali 16, 2011 225-254

RESSENYES

Rius Gatell, Rosa; Casas Nadal, Montserrat (2010)


Il Principe de Maquiavel
Primera traduccin espaola basada en un manuscrito indito
Castelln-Barcelona: Fundaci Germ Coln Domnech-Publicacions de
lAbadia de Montserrat
El quinto nmero de la coleccin Germ
Coln de estudios filolgicos publica el
meritorio trabajo de edicin que han realizado conjuntamente dos profesoras de la
Universidad de Barcelona, Rosa Rius Gatell, de la Facultad de Filosofa, y Montserrat Casas Nadal, de la Facultad de Filologa. El fruto de dicha investigacin pone
al alcance del pblico especializado una
edicin del manuscrito, hasta ahora indito, que contiene la primera traduccin al
espaol de Il Principe de Maquiavelo.
El volumen objeto de esta resea,
adems de la edicin del manuscrito y de
un estudio introductorio, contiene interesantes prolegmenos, como una breve
biografa y una extensa cronologa, que
sitan al lector en el contexto histrico
de la vida y obra de Maquiavelo, desde el
nacimiento del autor, en 1469, hasta la
primera edicin de Il Principe en 1532.
Por otro lado, el volumen se cierra con
un valioso apartado de material grfico
donde se reproducen tres pginas del manuscrito editado.
En cuanto al resumen de la vida de
Maquiavelo, cabe destacar la atencin

que las investigadoras dedican a las lecturas de juventud y a los hechos histricos que marcaron la obra del pensador
italiano. Por ejemplo, la participacin
de Maquiavelo en la vida pblica de su
ciudad natal; el regreso de los Medici a
Florencia, que conllev la destitucin y
expulsin del que fuera secretario de
cancillera; los periplos que le llevaron a
refugiarse en San Casciano, donde compuso sus obras ms conocidas, entre ellas
El Prncipe; y, finalmente, el Saqueo de
1527, que trunc sus esperanzas de volver a la poltica florentina. Poco despus, el 21 de junio de 1527, se apagaba
la vida del secretario.
Despus de esta presentacin general,
un riguroso estado de la cuestin adentra
al lector en las traducciones conservadas.
Los tres manuscritos de El Prncipe conocidos hasta la fecha son los nmeros 902,
1084 y 1017 de la Biblioteca Nacional de
Madrid. El primero contiene la traduccin que Juan Vlez de Len finaliz en
Roma en 1680; el segundo es annimo y
sin fecha, aunque la crtica conviene en
datarlo con anterioridad al primero;

226 Quaderns d'Itali 16, 2011

el tercero fue descubierto por Jos Luis


lvarez en 1934 y estudiado por Maravall,
cuyas investigaciones permiten ulteriores
anlisis (p. 28). Es precisamente el manuscrito 1084, la traduccin ms antigua en
lengua castellana de El Prncipe, el que se
edita y describe en este volumen.
La contribucin de Rosa Rius y
Montserrat Casas a los estudios maquiavelianos en Espaa no slo se centra en la
valiosa edicin de un manuscrito indito,
sino que tambin esboza una hiptesis
sobre su datacin. Segn las autoras, la
traduccin del ms. 1084, que haba sido
fechada por algunos estudiosos hacia las
ltimas dcadas del siglo xvi o las primeras dcadas del siglo xvii, debe ubicarse
avanzado el siglo xvii.
Los investigadores que, como Puigdomnech o Bertelli, databan el manuscrito con anterioridad se basaban en las
cartas que el duque de Sesa y Soma, Antonio Fernndez de Crdoba, escribi a
la Inquisicin solicitando permiso para
publicar en lengua castellana y con nombre de otro autor las obras de Maquiavelo. Sin embargo, la indagacin que han
realizado Rius Gatell y Casas Nadal concluye que no hay indicios suficientes para
afirmar o desmentir que la carta del
duque de Sesa se refiera a la traduccin
del manuscrito 1084. Partiendo de esta
referencia y otros datos que nos desvelan
en el estudio introductorio, las autoras
han formulado la hiptesis segn la cual
la datacin del manuscrito debe posponerse. La argumentacin que exponen se
centra en la circulacin de la obra de Maquiavelo y su recepcin en Espaa.
Il Principe, pese a haber sido prohibido en Italia desde el Index romano de
1557, no figurar en un ndice espaol
hasta 1583, el del cardenal de Toledo
e inquisidor general Gaspar Quiroga.
De esta manera, durant ms de dues
dcades desprs dhaver estat prohibides
a Itlia, les obres del Secretari circularen
lliurement per Espanya (p. 31). A partir de 1583, la obra maquiaveliana fue

Ressenyes

censurada por contener ideas contrarias


a la fe catlica y a las buenas costumbres.
Ahora bien, la circulacin de las obras,
la repercusin y el inters que despertaban no se detuvieron con la censura. La
obra continu distribuyndose por canales clandestinos, como la edicin de las
testine, o por el denominado antimaquiavelismo.
Las testine, que, como recuerdan en
nota las autoras, adoptaron ese nombre
por el pequeo busto de Maquiavelo reproducido en el frontispicio, difundieron la obra de Maquiavelo en cinco ediciones distintas. Segn Gerber, estas
ediciones clandestinas datan entre
1610/1619 y 1660; un total de cinco mil
ejemplares que, en el transcurso de me
dio siglo, se publicaron sin lugar de impresin y con fechas falsas anteriores a la
prohibicin. Otro de los caminos que
siguieron las obras de Maquiavelo fue el
que trazaron sus detractores. El antimaquiavelismo, extendido rpidamente tras
la muerte del autor, contribuy eficazmente a la difusin de la obra, pues se
citaban pasajes para contradecirlo o condenarlo. Dentro de esta corriente, en Espaa encontramos las voces de Francisco
Monzn, del jesuita Pedro de Rivadeneyra, Antonio Lpez de la Vega, Juan
Pablo Mrtir Rizo y tambin las de
Francisco de Quevedo, Diego Saavedra
Fajardo o Baltasar Gracin para cuyo estudio se remite a referencias bibliogrficas actuales.
Una vez trazada la circulacin de las
obras en Espaa, Rius Gatell y Casas
Nadal confrontan el texto del manuscrito
con tres ediciones italianas de Il Principe:
Roma, Antonio Blado dAsola, 1532; Florencia, Bernardo di Giunta, 1532, que se
basa en la edicin de Blado aunque aade
enmiendas; y la testina conservada en la
Biblioteca de la Universidad de Barcelona (BUB, C-198/6/1). La comparacin
de estas ediciones permite observar que
la traduccin del manuscrito 1084 se
acerca a la testina y se aleja de Blado y

Ressenyes

Giunta. Algunos de los pasajes ms ilustrativos de dicho cotejo se reproducen en


el estudio introductorio.
Del anlisis realizado, las autoras
suponen que el text de referncia del
nostre manuscrit fou, amb tota probabilitat, una testina, cosa que no exclou
el possible s complementari daltres
edicions (p. 37). Esta hiptesis implica,
por tanto, desplazar el manuscrito a, por
lo menos, mediados del siglo xvii, segn
la difusin clandestina de estas publicaciones. De todos modos, debe ser anterior a la dcada de 1680, fecha en que se
data el cdice 902. Asimismo, un anlisis paleogrfico y un estudio comparativo de las grafas, la falta de separacin
entre las palabras, la puntuacin y algunas abreviaturas permiten fechar el manuscrito bien avanzado el siglo xvii.
Por ltimo, las autoras examinan la
traduccin y su paratexto. Posiblemente,
la versin castellana fue fruto de un traductor que conoca bien ambas lenguas,
aunque se deja engaar por falsos amigos
e introduce bastantes italianismos. Por
otro lado, son interesantes las notas al
margen, como la que indica Gran ejemplo Catalua. Esta referencia al conflicto latente entre la monarqua hispnica
y Catalua, que desemboc en la Guerra
dels Segadors (1640), aade un indicio
ms en la datacin del manuscrito.
Otros marginalia del manuscrito apuntan variantes de traduccin o, incluso,
reflexiones e interpelaciones al texto.
Todas las adiciones, variaciones, omisiones, errores y marginalia se sealan en
nota en la edicin. Del mismo modo,
son de agradecer las notas explicativas
que sitan al lector en los hechos histricos del texto. Por ltimo, la bibliografa incluye las primeras ediciones italianas consultadas, las ediciones crticas
actuales, las traducciones castellanas y
catalanas as como una considerable lista
de estudios crticos.
El manuscrito hasta ahora indito, el
1084, contina planteando dudas acerca

Quaderns d'Itali 16, 2011 227

de la anonimia, del ambiente en que se


promovi dicha traduccin, de la finalidad y del original que sirvi de base a la
traduccin. Si bien es cierto que todava
no pueden encontrarse respuestas que
satisfagan tantos interrogantes, la edicin
y el estudio introductorio compendiados
en este volumen aportan una pieza clave
que ayudar a reconstruir la documentacin maquiaveliana. Una pieza que,
segn las autoras, recull la que considerem com la primera traducci castellana
dun text fonamental per a la histria del
pensament poltic (p. 37).
En cuanto a la edicin, es reseable la
fidelidad absoluta al manuscrito. Salvo
algunas alteraciones, debidamente marcadas entre parntesis cuadrados, se trascribe el texto respetando escrupulosamente
el manuscrito. De entre las intervenciones
de las editoras destaca la puntuacin y la
resolucin de las abreviaturas. No se acenta ni se regularizan las maysculas y se
respetan las grafas antiguas. Estos criterios de edicin interpelan, sin duda, a un
pblico avezado a la lengua castellana de
la poca.
Para facilitar la lectura, se ha optado
por separar aquellas palabras que aparecen unidas en el manuscrito a excepcin
de las preposiciones articuladas. En
este sentido, nos parece innecesario
mantener <conel> (p. 54), <delas> o
<enlas> (p. 55) en el texto, pues no son
compuestos caractersticos del espaol
en poca clsica, donde s eran frecuentes, por ejemplo, las contracciones de la
preposicin de con pronombres, como
desto, dellas o dello.
A pesar de las preposiciones articuladas inexistentes en espaol o de la reiterada presencia de parntesis cuadrados
marcando los signos de puntuacin, que
ralentizan la lectura, la transcripcin
constituye un extraordinario documento
para los estudios diacrnicos de la lengua
espaola. Es ms, un anlisis minucioso
de dicha lengua, especialmente el de las
formas verbales, ofrecera ms pistas

228 Quaderns d'Itali 16, 2011

sobre la fecha de la traduccin. De esta


manera, queda abierto un camino inexplorado cuyos frutos podran vislumbrarse en estudios venideros. Estamos convencidos de que el documento que
tenemos entre nuestras manos renovar

Ressenyes

el entusiasmo por los estudios maquiavelianos en Espaa y facilitar futuras investigaciones.


Diana Berruezo Snchez

Buonarroti, Michelangelo (2010)


Sol, jo, cremant a lombra. (Antologia potica)
Tria, versi i presentaci de Miquel Desclot
Epleg de Toms Llorens i Serra. Edici bilinge
Bellcaire dEmpord / Barcelona: Edicions Vitella, 278 p.
En aquest llibre culmina la llarga dedicaci
de Miquel Desclot a la lrica de Miquel
ngel, dedicaci de la qual ja havem assajat els primers tasts a Saps la terra on floreix
el llimoner? (Proa, 1999, p. 133-154) i en
la Miscellnia Ricard Torrents Scientiae
patriaeque impendere vitam (Vic, Eumo,
2007, p. 189-208). Si aquestes dues publicacions ens aportaven un nombre no
gens insignificant de textos, vint i vint, el
nou volum no es limita ni de bon tros a
aplegar-los revisats en un volum exclusivament miquelangeli, sin que
eleva el nombre de composicions tradudes fins a cent-cinc, si fa no fa una tercera part del total del corpus potic de lautor. Tria doncs abundosa, que
illustra amb escreix les diverses temtiques i maneres explorades en les Rime:
sonets i madrigals, per tamb un bon
feix de les breus composicions fragmentries o epigramtiques i un poema ms
llarg en tercines; poesia amorosa adreada
a Tommaso de Cavalieri, a Vittoria Colonna, a la donna bella e crudele, per
tamb versos per a amics com larquebisbe Beccadelli o Giorgio Vasari, respostes
a versos daltres poetes i homenatges a
Dante, els famosos sonets sobre el tema
de la nit, els de penediment i dubte sobre
la salvaci de la prpia nima en qu s
interpellat directament Du, uns quants
dels epitafis a Cecchino Bracci i alguna

mostra de filpica antipapal o desbravament humorstic. En el tractament de


lamor queda ben palesa la versi particularment miquelangeliana de lherncia
neoplatnica, stilnovista i petrarquista:
duna banda, lanlisi introspectiva, tot
acollint la sintomatologia i les personificacions de rigor, alterna dolor i vitalitat i
troba una de les seves variacions ms suggestives en el tema dels efectes de la passi
sobre la vellesa. De laltra, el deseiximent
del jo de si mateix per a espiritualitzar-se
i purificar-se en la perfecci de la persona
estimada implica una projecci cap a una
bellesa tamb esttica, una bellesa ideal i
arquetpica equivalent a la que cerquen un
escultor o un pintor. El fet que aquesta
equivalncia, i ms en general lactivitat
de lautor en les arts plstiques, sigui tractada en diverses composicions no cal dir
que aporta un inters suplementari al recull, per b que s important remarcarho tant aquest volum com altres que
han aparegut recentment a casa nostra
(Michelangelo Buonarroti, De la meva
flama, traduccions dIsrael Clar i Reinald-Pere Benet de Capar, i Poemes a
Cecchino, traduccions dIsrael Clar i Caterina Briguglia, Badalona, Omicron,
2006 i 2007) sn principalment el resultat duna reivindicaci del valor intrnsec
de la producci potica de Miquel ngel,
reivindicaci que no ha estat del tot con-

228 Quaderns d'Itali 16, 2011

sobre la fecha de la traduccin. De esta


manera, queda abierto un camino inexplorado cuyos frutos podran vislumbrarse en estudios venideros. Estamos convencidos de que el documento que
tenemos entre nuestras manos renovar

Ressenyes

el entusiasmo por los estudios maquiavelianos en Espaa y facilitar futuras investigaciones.


Diana Berruezo Snchez

Buonarroti, Michelangelo (2010)


Sol, jo, cremant a lombra. (Antologia potica)
Tria, versi i presentaci de Miquel Desclot
Epleg de Toms Llorens i Serra. Edici bilinge
Bellcaire dEmpord / Barcelona: Edicions Vitella, 278 p.
En aquest llibre culmina la llarga dedicaci
de Miquel Desclot a la lrica de Miquel
ngel, dedicaci de la qual ja havem assajat els primers tasts a Saps la terra on floreix
el llimoner? (Proa, 1999, p. 133-154) i en
la Miscellnia Ricard Torrents Scientiae
patriaeque impendere vitam (Vic, Eumo,
2007, p. 189-208). Si aquestes dues publicacions ens aportaven un nombre no
gens insignificant de textos, vint i vint, el
nou volum no es limita ni de bon tros a
aplegar-los revisats en un volum exclusivament miquelangeli, sin que
eleva el nombre de composicions tradudes fins a cent-cinc, si fa no fa una tercera part del total del corpus potic de lautor. Tria doncs abundosa, que
illustra amb escreix les diverses temtiques i maneres explorades en les Rime:
sonets i madrigals, per tamb un bon
feix de les breus composicions fragmentries o epigramtiques i un poema ms
llarg en tercines; poesia amorosa adreada
a Tommaso de Cavalieri, a Vittoria Colonna, a la donna bella e crudele, per
tamb versos per a amics com larquebisbe Beccadelli o Giorgio Vasari, respostes
a versos daltres poetes i homenatges a
Dante, els famosos sonets sobre el tema
de la nit, els de penediment i dubte sobre
la salvaci de la prpia nima en qu s
interpellat directament Du, uns quants
dels epitafis a Cecchino Bracci i alguna

mostra de filpica antipapal o desbravament humorstic. En el tractament de


lamor queda ben palesa la versi particularment miquelangeliana de lherncia
neoplatnica, stilnovista i petrarquista:
duna banda, lanlisi introspectiva, tot
acollint la sintomatologia i les personificacions de rigor, alterna dolor i vitalitat i
troba una de les seves variacions ms suggestives en el tema dels efectes de la passi
sobre la vellesa. De laltra, el deseiximent
del jo de si mateix per a espiritualitzar-se
i purificar-se en la perfecci de la persona
estimada implica una projecci cap a una
bellesa tamb esttica, una bellesa ideal i
arquetpica equivalent a la que cerquen un
escultor o un pintor. El fet que aquesta
equivalncia, i ms en general lactivitat
de lautor en les arts plstiques, sigui tractada en diverses composicions no cal dir
que aporta un inters suplementari al recull, per b que s important remarcarho tant aquest volum com altres que
han aparegut recentment a casa nostra
(Michelangelo Buonarroti, De la meva
flama, traduccions dIsrael Clar i Reinald-Pere Benet de Capar, i Poemes a
Cecchino, traduccions dIsrael Clar i Caterina Briguglia, Badalona, Omicron,
2006 i 2007) sn principalment el resultat duna reivindicaci del valor intrnsec
de la producci potica de Miquel ngel,
reivindicaci que no ha estat del tot con-

Ressenyes

sensuada per la crtica a la mateixa Itlia fins a aquests darrers vint anys.
La traducci de Miquel Desclot, clarament arcatzant, crea una illusi de
llengua antiga i obscura, com antiga i
obscura s la llengua del text original. No
era, s clar, lnica estratgia possible. T
lavantatge, aquesta opci, de fer acceptables literalismes davant dels quals en
unes altres circumstncies hauria calgut
fer un treball de reformulaci (vesta, p.
41; tot quant sc, p. 59; als teus bells
membres, p. 69; nou per a nuoce,
p. 79; tol per a toglia, p. 145; lespa
venta, p. 187; nodrissa, p. 193; si de
nosaltres cura, p. 197), i permet de com
binar amb una gran llibertat llengua moderna i arcaica (I si bromeja o feny,
p. 65; refs sistemtic de llur per utilitzaci profusa de tal i ans), formes
estndards i dialectalismes (se mestireganxa, p. 43; a barcelles, p. 53) o diverses variants morfolgiques dun mateix mot (res/re, pro/per).
Podem fins i tot considerar que sha agafat, amb aquesta tctica, un cam relativament fcil: lalta retrica, en tant que
exclou dantuvi la naturalitat, esdev el
paraiges sota el qual qualsevol formulaci sona vlida, i al capdavall autoritza a
emprar una llengua en el seu conjunt artificiosa. Ja al prleg, per, Desclot pren
les distncies de tot servilisme castrador
i defineix la seva feina com una recreaci (p. 22-23), pressupsits que es concreten en un ampli desplegament dels
recursos menys comuns del catal, amb
una espcie de voluntat danar a desenterrar del fons del temps una comuni original entre totes dues llenges
romniques, i sobretot amb una refrescant desinhibici redactora que es rebella
contra les estretors de la llengua actual
ds. Constatem, s, una complaena excessiva en ladopci de cultismes i de solucions difcils, i segurament no es pot
adduir per a totes les formes lingstiques
posades en joc una legitimitat histrica.
Cal, tamb, matisar algunes de les afir-

Quaderns d'Itali 16, 2011 229

macions del prleg, com la de no pretendre mai esdevenir clar on ell [Michelangelo] era obscur, o la que sost que
en els casos, no gens infreqents, en qu
el lector itali necessita ajuda per entendre el text [...] tamb nhi caldr al meu
lector (p. 22): si de cas, es pot provar de
fer un clcul global i defensar que el text
catal t un grau dobscuritat similar o
poc inferior al del text itali, per en
molts punts s evident que ho s ms,
dobscur, i en alguns versos la comprensibilitat s relegada directament a la nota
a peu de pgina. Ara b, la nota hi s, al
cos del text saconsegueix que no caigui
mai el registre, sostenten uns coneixements vastssims de catal literari i, per
b que la traducci sigui aqu entesa ms
com un exercici ldic que no com un
exercici de responsabilitat, el sentit
daquesta segona imposa un fre a les expansions i a leufria expressives.
Pel que fa a lestil, podem concloure,
doncs, que safronten amb valentia les
dificultats que presenta el discurs potic
miquelangeli, el seu spessore ragionativo [...] spesso al limite del sofisma
(Paolo Zaja), la seva sintaxi envitricollada, els seus oxmorons i allegories prebarrocs, alhora que saprofiten les facilitats que aquesta potica encara que a
primera vista no ho sembli tamb ofereix. Les edicions anotades de qu disposem duns anys en han fet intelligibles
els textos per al traductor, el qual, en
comptes de perseguir aquesta intel
ligibilitat des de la perspectiva dun poeta
modern que amb el seu llenguatge modern actualitza un poeta antic, sha estimat ms desfer el cam i travestir-se de
Michelangelo. Tant luna com laltra
opci repetim-ho ens semblen lcites, i el cas s que les veritables infidelitats que es cometen a Sol, jo, cremant a
lombra no vnen tant de la tcnica estilstica implementada com de la fidelitat
mtrica a ultrana que lacompanya.
La volubilitat lxica i sintctica tamb
s til, en efecte, i segurament necessria

230 Quaderns d'Itali 16, 2011

per a salvar aquest obstacle immens que


significa reproduir lisosillabisme i les
rimes amb unes seqncies accentuals,
a ms a ms, molt canniques dun
centenar de textos regulars dels quals ms
de la meitat sn sonets. Tampoc en
aquest cas no era lnic cam possible,
per Desclot no estava disposat a transigir
amb cap flexibilitzaci dels esquemes:
Per esquivar algunes de les dificultats
que van intimidar poetes de la talla de
Wordsworth i Rilke, hauria pogut resoldre sens dubte aquestes traduccions amb
ls de rimes assonants, [...] per haig de
confessar que aleshores els poemes no
mhaurien semblat pertanyents a la tradici mediterrnia de la qual sn fills els
originals (p. 23-24). La qesti s fins a
quin punt el respecte de la mtrica, en el
cas de formes tan tancades i restrictives,
compensa les renncies i les desviacions
que obliga a fer. Hem de confessar, en
aquest sentit, que veure com un traductor
de la talla del que aqu ens ocupa ha de
pagar tamb ell un peatge tan car no fa
sin confirmar els dubtes que anteriorment ja covvem en aquesta matria. El
mal, segurament, s que la traducci potica sha acostumat a fer molt majoritriament aix a casa nostra, i sembla gaireb una covardia, o una manifestaci
dimpotncia, no assumir el gran repte, o
assumir-lo a mitges, quan en realitat les
solucions intermdies podrien conduir a
un grau dequilibri ms satisfactori en termes de fidelitat. Dit duna manera ms
barroera: potser els assonants no fan pujar
tant ladrenalina, per la limitaci que
haurien imposat al virtuosisme no hauria
tingut per fora efectes perjudicials. s a
final de ratlla, en aquest llibre, que es
concentren les solucions ms equvoques
o ambiges, les ms recercades i esmunyedisses amb relaci al text original, perqu
sn inevitablement solucions demergncia: ferito e morto, non che vinto e stanco / ferit i mort, no ests i sense sang
(p. 62-63); onde la speme il duol par che
raffreni / i amb lesperana el dol aix

Ressenyes

em retens (p. 96-97); un legno secco e


arso verde torni / un ti negre i sec rebroti lleu (p. 154-155). Fins a lextrem,
quan sacumulen els entrebancs, que
quartets sencers es fan realment abstrusos:
Molto diletta al gusto intero e sano
lopra della primarte, che nassembra
i volti e gli atti, e con pi vive membra,
di cera o terra o pietra un corp umano.
Molt adelita el gust enter i sa
lobra de lart primera, que ens hi sembra
en trets i gestos, que ms vius hom membra,
en cera, argila o pedra, un cos hum.
(p. 182-183)

Paraules com lleu guanyen un protagonisme que no els atorga Miquel


ngel (vuit aparicions a la pgina dreta
contra una sola a la pgina esquerra), i
sovint no es troba altra manera de rimar
lescull gros s aquest, no pas la mesura sillbica o els accents que afegir
mots, uns mots que, per ben triats que
siguin, alteren molt o poc el teixit semntic del poema: esquiva (p. 61); franc
(p. 63); amarga (p. 73); isard (p. 85);
ferest (p. 91); fatal (p. 95); xalestes
(p. 113); i enterra (p. 177); gallard
(p. 215); que el cor deplora (p. 245).
O b es recorre a perfrasis i circumloquis, portadors duna dinmica prpia,
duna imatgeria i dunes sensacions que
saparten fora del referent: onde larte
e lingegno si dilegua / que empeny
lart i lenginy fora de via (p. 228-229);
conosco or ben comera [laffettuosa
fantasia] derror carca / ara s quant
derror [aquella encesa fantasia] tancava
a larca (p. 230-231). Moltes daquestes
imatges destillen una vocaci innovadora i una qualitat potica innegable, per
ms reeixida per si mateixa que no per la
seva afinitat amb imatges miquelangelianes: ch forse or quel ca pianger mi
conduce / que s potser el que a plorar
tot marramada (p. 92-93); ogni belt
che qua si vede / tot el bell que aqu t
al (p. 98-99); alla grazia che sinfonde

Ressenyes

/ nel cor // a la grcia, perqu es faci un


ja / al cor (p. 102-103). I la pregunta
clau s si no hauria estat possible i desitjable que les intervencions haguessin
estat ms inncues, ms incolores, o que
el travestiment shagus atingut ms a les
figures i al lxic habituals en el model. Ja
hem dit, per, que Desclot havia pres
una posici ben diferent daquesta. No s
estrany, doncs, que en la resoluci de les
rimes, punt on la seva actitud de traductor no invisible coincideix amb una tra-

Quaderns d'Itali 16, 2011 231

dubilitat ms feixuga, la creativitat sescapi ms perillosament del servilisme i se


superposi ms sovint a la veu de lautor
la veu dun altre autor, decidida a deixarse sentir per tal datnyer objectiu
aquest s plenament assolit uns poemes estticament suficients, vlids per
ells mateixos (p. 23).
Miquel Edo

Gambara, Veronica; Colonna, Vittoria; Matraini, Chiara; Stampa,


Gaspara; Franco, Veronica (2010)
Venuda en amorosa guerra
Introducci, edici, traducci i notes a cura dIsrael Clar i Maria-Isabel Segarra
Collecci Charta Aurea Clssica
Badalona: Editorial Omicron, 208 p.
La lrica femenina del Cinquecento itali,
un dels fenmens ms interessants de la
cultura del Renaixement, don veu a un
grup de poetes que sinscriviren en la lrica de tradici petrarquista, tant difosa
en aquest segle, especialment per Pietro
Bembo. Del conjunt de dones que van
anar introduint-se en el terreny literari,
sobretot en lmbit de la poesia, no foren
poques les que produren obres de gran
qualitat, com ara, encara al segle xv, Isotta Nogarola o Cassandra Fedele; i, ja al
segle segent, Laura Terracina, la dissortada i jove Isabella di Morra, la cortesana
Tullia dAragona, Laura Battiferri Ammannati, lescriptora i actriu Isabella Andreini o Moderata Fonte. Eren dones que
majoritriament pertanyien a la noblesa i
al patriciat, o b al grup de les conegudes
com cortigiane oneste. Per de ben segur
que les ms conegudes sn les que formen part del recull de poemes intitulat
Venuda en amorosa guerra, una tria de
cinquanta composicions elaborades per
Vittoria Colonna (15), Veronica Gambara (9), Chiara Matraini (8), Gaspara

Stampa (15) i Veronica Franco (3). Un


corpus homogeni, tradut per Israel Clar
i Maria-Isabel Segarra, que dna una
mostra significativa del carcter i la diversitat de la producci lrica femenina del
moment.
Tant la portada del llibre una reproducci de lallegoria de Venus de
Bronzino, com la citaci preliminar
de Cassandra Fedele, en qu recorda la
dificultat de les dones per fer de la literatura un mitj de subsidncia, predisposen
el lector a entrar en lesfera daquest mn
femen. M.-I. Segarra s lencarregada
delaborar el breu estudi introductori que
porta el subttol Els senyals de lantiga
flama, expressi que estableix explcitament una lnia de continutat entre lantiga flama que Dido sentia per Enees
(Virg., Eneida, 4, 23) i el sentiment amors de les protagonistes de lantologia vers
els seus estimats. Una troballa encertada
tenint en compte la instrucci i linters
que demostren per lAntiguitat clssica
no solament elles sin tota la cultura de
lHumanisme i el Renaixement. Aquest

Ressenyes

/ nel cor // a la grcia, perqu es faci un


ja / al cor (p. 102-103). I la pregunta
clau s si no hauria estat possible i desitjable que les intervencions haguessin
estat ms inncues, ms incolores, o que
el travestiment shagus atingut ms a les
figures i al lxic habituals en el model. Ja
hem dit, per, que Desclot havia pres
una posici ben diferent daquesta. No s
estrany, doncs, que en la resoluci de les
rimes, punt on la seva actitud de traductor no invisible coincideix amb una tra-

Quaderns d'Itali 16, 2011 231

dubilitat ms feixuga, la creativitat sescapi ms perillosament del servilisme i se


superposi ms sovint a la veu de lautor
la veu dun altre autor, decidida a deixarse sentir per tal datnyer objectiu
aquest s plenament assolit uns poemes estticament suficients, vlids per
ells mateixos (p. 23).
Miquel Edo

Gambara, Veronica; Colonna, Vittoria; Matraini, Chiara; Stampa,


Gaspara; Franco, Veronica (2010)
Venuda en amorosa guerra
Introducci, edici, traducci i notes a cura dIsrael Clar i Maria-Isabel Segarra
Collecci Charta Aurea Clssica
Badalona: Editorial Omicron, 208 p.
La lrica femenina del Cinquecento itali,
un dels fenmens ms interessants de la
cultura del Renaixement, don veu a un
grup de poetes que sinscriviren en la lrica de tradici petrarquista, tant difosa
en aquest segle, especialment per Pietro
Bembo. Del conjunt de dones que van
anar introduint-se en el terreny literari,
sobretot en lmbit de la poesia, no foren
poques les que produren obres de gran
qualitat, com ara, encara al segle xv, Isotta Nogarola o Cassandra Fedele; i, ja al
segle segent, Laura Terracina, la dissortada i jove Isabella di Morra, la cortesana
Tullia dAragona, Laura Battiferri Ammannati, lescriptora i actriu Isabella Andreini o Moderata Fonte. Eren dones que
majoritriament pertanyien a la noblesa i
al patriciat, o b al grup de les conegudes
com cortigiane oneste. Per de ben segur
que les ms conegudes sn les que formen part del recull de poemes intitulat
Venuda en amorosa guerra, una tria de
cinquanta composicions elaborades per
Vittoria Colonna (15), Veronica Gambara (9), Chiara Matraini (8), Gaspara

Stampa (15) i Veronica Franco (3). Un


corpus homogeni, tradut per Israel Clar
i Maria-Isabel Segarra, que dna una
mostra significativa del carcter i la diversitat de la producci lrica femenina del
moment.
Tant la portada del llibre una reproducci de lallegoria de Venus de
Bronzino, com la citaci preliminar
de Cassandra Fedele, en qu recorda la
dificultat de les dones per fer de la literatura un mitj de subsidncia, predisposen
el lector a entrar en lesfera daquest mn
femen. M.-I. Segarra s lencarregada
delaborar el breu estudi introductori que
porta el subttol Els senyals de lantiga
flama, expressi que estableix explcitament una lnia de continutat entre lantiga flama que Dido sentia per Enees
(Virg., Eneida, 4, 23) i el sentiment amors de les protagonistes de lantologia vers
els seus estimats. Una troballa encertada
tenint en compte la instrucci i linters
que demostren per lAntiguitat clssica
no solament elles sin tota la cultura de
lHumanisme i el Renaixement. Aquest

232 Quaderns d'Itali 16, 2011

estudi introductori, de fet, examina breument en quina mesura les poetes sadapten o sallunyen del codi petrarquista.
Segarra defensa que Gambara, Matraini
i Colonna sinscriuen en una potica de
lnima i del dol, ja que totes tres romangueren vdues, ploraren el seus difunts o
perduts amants i sinclinaren per un vessant ms mstic de la vida i la poesia;
mentre que Gaspara Stampa i Veronica
Franco centren les seves rimes damor en
la potica del cos i de labsncia, s a dir,
una concepci lligada a la presncia o
absncia fsica de lamant que desperta
tota la gamma de sentiments amorosos,
que van des del goig ms extrem a la gelosia i la desesperaci ms anihilant.
Ha estat un cop ms leditorial Omicron, fundada el 2004 i gestionada pels
mateixos editors i traductors, lencarregada de traslladar una obra relacionada amb
la italianstica de lHumanisme i el Renaixement a les lletres catalanes, fidel al seu
afany per publicar sols all que consideren bo al marge dinteressos estrictament
econmics. En aquest cas, la traducci ha
estat inclosa en la Collecci Charta Aurea
Clssica on hi tenen cabuda majoritriament textos de poesia de totes les poques.
Els curadors de lobra han donat sobrades
mostres del seu inters pel Renaixement
itali, amb dues traduccions de Michelangelo Buonarroti, duna banda, els cinquanta epitafis (De la meva flama, 2006),
de laltra, els Pomes a Cecchino (2007).
Tamb havien afrontat la traducci del
Canoner de Lorenzo deMedici (2008) i
un estudi de Benet Garret (2007), acompanyat duna reduda antologia dels seus
poemes. I no noms en el terreny de la
traducci, sin tamb en de la ficci literria, on donaren vida a Vittoria Colonna
(I. Clar, El monastir de Ferrara, 2007) i a
Isabel de Vilamar (M.-I.Segarra, In maninus tuis, 2009).
Les primeres composicions que enceten aquest recull pertanyen a Veronica
Gambara (Brescia, 1485 Correggio,
1550) i Vittoria Colonna (Marino, 1492

Ressenyes

aprox. Roma, 1547), ambdues provinents de famlies nobles que arribaren a


envoltar-se de personatges rellevants de
lpoca, com Pietro Bembo, Pietro Aretino o Ludovico Ariosto. Dentre aquestes
amistats, la ms coneguda fou segurament
la de Colonna amb Buonarroti, el qual, a
la seva mort, la plor vivament. Tot i que
ambdues restaren vdues, la primera opt
per una vida polticament activa a la ciutat
de Correggio, i aix va substituir el paper
del seu marit, mentre que la segona prefer una vida retirada en lespiritualitat i
allunyada de la vida mundana. Llurs potiques sinscriuen de ple en el corrent petrarquista, especialment la de Colonna.
A continuaci, sofereixen algunes
composicions de Chiara Matraini (Lucca,
1515 aprox. 1597), ms atrevides i passionals que les anteriors. Aquesta poeta,
desprs denviudar, fu una elecci de
vida ms llibertina, sense renunciar a
posteriors relacions amoroses, fet que li
supos no poques crtiques. Les dues altres peces clau sn Gaspara Stampa
(Pdua, 1523 Vencia, 1554) i Veronica Franco (Vencia, 1546-1591), ambdues membres dels cercles intellectuals
de Vencia. Stampa no deixar mai el seu
estatut de cortesana i s entre totes les
poetes la que potser manifesta ms obertament la seva vocaci de literata. Com
b assenyala Segarra, per b que inscrita
en el petrarquisme, la lrica de Gaspara
Stampa es caracteritza per lespontanetat, per lemoci, el sentiment i la passi,
pel ritme del vers, hereu de la formaci
musical de lautora, per un tarann potic personalssim (p. 25). Per la seva
banda, Veronica Franco declara el seu
estatut de cortesana i s la que posseeix
una sensibilitat ms moderna, des del
punt de vista dun lector actual. El to
discursiu i realista de les seves composicions ofereix la visi duna dona agent de
lacci amorosa en la mateixa mesura que
lhome, tant en el vessant espiritual com
en el fsic, la qual cosa fa que sallunyi del
petrarquisme i lidealisme.

Ressenyes

s justament duna de les composicions de Veronica Franco don prov el


ttol daquest recull. El tpic petrarquista
de lamorosa guerra que en Petrarca infligia a lenamorat una lluita interior i un
sentiment contradictori, evoluciona en la
potica de la veneciana fins al punt que
aquesta batalla esdev el mateix joc amors, amb un clar component fsic. Aqu
Segarra hi veu una visi moderna i natural de la uni amorosa, que contrav el
dramtic clix petrarquista.
Pel que fa a la traducci, aquesta
aconsegueix sempre arribar al lector duna
manera clara i directa, lestil no s forat
i es de lectura agradable. Evidentment,
la dificultat de traduir un text itali del
s. xvi, com b han assenyalat els traductors, s sempre un tasca complexa i, diria
tamb, perillosa, ja que es corre el risc de
no poder arribar a transportar lartificiositat, deliberadament volguda per les poetes. La voluntat dels traductors per oferir un text bell i natural (p.43) en la
llengua darribada porta alguns cops a
algunes llibertats, com ara no mantenir
ladjectivaci de loriginal (Se ci farai,
non fia men chiaro il grido > Si ho fas, no
ser fosc el que ara es diu, p. 60-61,
ognalto stil sarebbe roco e basso > seria
tot tan rude i baix lestil, p. 68-69); permetres traduccions ms aviat interpretatives (cingi le tempia de tuoi mirti e
allori > cenyeix-te amb murtra, amb llor
i amb altres dons p.62-63; non vivo io
qui, lui miglior parte or serba > Ell gau-

Quaderns d'Itali 16, 2011 233

deix, per mi la terra s llarga, p. 84-85);


no respectar la sintaxi original (sieno felici e tali / che dar non possa il ciel altra
mercede > siguin el feu / ms ric del cel,
sense una altra merc, p. 62-63); crear
simplificacions destructures (Ma solo il
voler nostro erge e ritoglie /dalla nebbia
mortal > Sols el nostre desig el conquereix
/ de la boira mortal, p. 92-93) o lleugeres
modificacions (con dogliosi accenti >
entre precs i queixes, p. 64-65); o canviar algunes estructures de la versificaci.
Efectivament, a aix safegeix el fet que
es tracta de poetes diferents, i per tant
destils diferents; en aquest sentit, les traduccions ms ben reeixides serien segurament les de Chiara Matraini, potser a
causa del seu carcter narratiu.
En la mateixa lnia que les traduccions precedents, el volum reflecteix la
voluntat de donar a conixer al pblic
actual una obra de rar i gran valor literari, en una forma gens erudita (aix ho
demostren les notes a peu de pgina poques i generals, per indiscutiblement
tils), sin ms aviat divulgativa i destinada a un espectre ampli de lectors. En
definitiva, crec que lexcellncia literria
de loriginal, que recull algunes de les
joies de la lrica del Cinquecento, i la correcci de la traducci en fan un llibre
molt recomanable.
Susanna Alls

Boine, Giovanni (2007)


Frantumi, a cura di Veronica Pesce,
prefazione di Giorgio Bertone
Genova: Edizioni San Marco dei Giustiniani, 208 p.
Si attendeva da anni unedizione completa di Frantumi e ringraziamo la curatrice, Veronica Pesce, per averci procurato finalmente un insieme degno non

soltanto di essere studiato e letto piacevolmente ma altres fornito preziose


indicazioni sullampio apparato delle
varianti.

Ressenyes

s justament duna de les composicions de Veronica Franco don prov el


ttol daquest recull. El tpic petrarquista
de lamorosa guerra que en Petrarca infligia a lenamorat una lluita interior i un
sentiment contradictori, evoluciona en la
potica de la veneciana fins al punt que
aquesta batalla esdev el mateix joc amors, amb un clar component fsic. Aqu
Segarra hi veu una visi moderna i natural de la uni amorosa, que contrav el
dramtic clix petrarquista.
Pel que fa a la traducci, aquesta
aconsegueix sempre arribar al lector duna
manera clara i directa, lestil no s forat
i es de lectura agradable. Evidentment,
la dificultat de traduir un text itali del
s. xvi, com b han assenyalat els traductors, s sempre un tasca complexa i, diria
tamb, perillosa, ja que es corre el risc de
no poder arribar a transportar lartificiositat, deliberadament volguda per les poetes. La voluntat dels traductors per oferir un text bell i natural (p.43) en la
llengua darribada porta alguns cops a
algunes llibertats, com ara no mantenir
ladjectivaci de loriginal (Se ci farai,
non fia men chiaro il grido > Si ho fas, no
ser fosc el que ara es diu, p. 60-61,
ognalto stil sarebbe roco e basso > seria
tot tan rude i baix lestil, p. 68-69); permetres traduccions ms aviat interpretatives (cingi le tempia de tuoi mirti e
allori > cenyeix-te amb murtra, amb llor
i amb altres dons p.62-63; non vivo io
qui, lui miglior parte or serba > Ell gau-

Quaderns d'Itali 16, 2011 233

deix, per mi la terra s llarga, p. 84-85);


no respectar la sintaxi original (sieno felici e tali / che dar non possa il ciel altra
mercede > siguin el feu / ms ric del cel,
sense una altra merc, p. 62-63); crear
simplificacions destructures (Ma solo il
voler nostro erge e ritoglie /dalla nebbia
mortal > Sols el nostre desig el conquereix
/ de la boira mortal, p. 92-93) o lleugeres
modificacions (con dogliosi accenti >
entre precs i queixes, p. 64-65); o canviar algunes estructures de la versificaci.
Efectivament, a aix safegeix el fet que
es tracta de poetes diferents, i per tant
destils diferents; en aquest sentit, les traduccions ms ben reeixides serien segurament les de Chiara Matraini, potser a
causa del seu carcter narratiu.
En la mateixa lnia que les traduccions precedents, el volum reflecteix la
voluntat de donar a conixer al pblic
actual una obra de rar i gran valor literari, en una forma gens erudita (aix ho
demostren les notes a peu de pgina poques i generals, per indiscutiblement
tils), sin ms aviat divulgativa i destinada a un espectre ampli de lectors. En
definitiva, crec que lexcellncia literria
de loriginal, que recull algunes de les
joies de la lrica del Cinquecento, i la correcci de la traducci en fan un llibre
molt recomanable.
Susanna Alls

Boine, Giovanni (2007)


Frantumi, a cura di Veronica Pesce,
prefazione di Giorgio Bertone
Genova: Edizioni San Marco dei Giustiniani, 208 p.
Si attendeva da anni unedizione completa di Frantumi e ringraziamo la curatrice, Veronica Pesce, per averci procurato finalmente un insieme degno non

soltanto di essere studiato e letto piacevolmente ma altres fornito preziose


indicazioni sullampio apparato delle
varianti.

234 Quaderns d'Itali 16, 2011

Ne emerge un testo conservativo del


maggior numero consentito di oscillazioni
grafiche, interpuntive, diacritiche e propriamente grammaticali spesso atipiche
alle convenzioni; testo leggibile e pi vicino, certamente, alle intenzioni di Boine.
Acute note critiche garantiscono il piacere
e linteresse della lettura immediata.
Il volume, risultato di ricerche seriamente documentate e ben condotte, getta
ulteriore luce su un argomento quello
della lettura dei manoscritti di Boine
che non sembra esagerato definire di difficile interpretazione.
Al di l della contorta grafia di
Boine, ci pare importante notare come
nei componimenti di Frantumi la scrittura sia rotta, la lingua usata e il ritmo
stiano a met tra la poesia e la prosa e
sembrino dichiarare lo sgretolamento di
ogni legge. Il linguaggio che ne deriva
pertanto un linguaggio molto particolare
che risulta dalla disarticolazione di quello tradizionale. Lo scrittore crea assonanze e rime (la... serenit; laggi... pi), si
diverte a coniare verbi nuovi dai sostantivi (mi ruscell).
Nel lessico di Boine si mescolano lingua colta ed arcaica, con una sintassi
scorciata, a volte alogica e anacolutica,
con fusione di epiteti (riso-rifugio) e di
sostantivi e una sapiente dosatura ritmico-fonica, una scrittura che evolve verso
lespressionismo.
Son frammenti di prosa descrittiva
dove si vede lo sforzo nel cercare lequilibrio tra il desiderio della lucidit, il
controllo della ragione e la veemenza
delle allucinazioni. Boine affronta, sulla
scorta non solamente di Bergson ma
anche delle osservazioni sulla musica di
Nietzsche, Schopenhauer e Wagner, la
questione di come tradurre in scrittura
la simultaneit di impressioni, emozioni
e pensieri che nella vita si concentrano
nellattimo. Frammenti in cui si avvale di
soluzioni stilistiche, ribadiamo, vicine
allespressionismo, in forte rottura con la
tradizione.

Ressenyes

Arturo Onofri, il vero teorico del


Frammentismo, nel 1915 cosi scrive
sulle pagine di La Voce:
Tutti i poeti vanno letti e gustati a frammenti, che tutti son frammentari, senza
eccezione; ... si deve separare nettamente la poesia non solo da ogni altra attivit
umana, pratica o teoretica; ma prima di
tutto, con un taglio netto, dalla letteratura: (...) nella poesia non c nulla da capire, da spiegare, da tradurre, da commentare, da divulgare.

Lintuizione pura, cio, si traduce


nella prosa darte e nel frammento lirico;
in essi il sentimento moderno trova la
sua vibrazione, anche la poesia nuova si
vale dellespressione frammentata, sciolta
dal sistema ottocentesco che richiamava
con s un mondo di cultura sorretto
dagli elementi della vecchia retorica, dai
miti, dallispirazione civile e sociale.
La curatrice partendo da una comprovata revisione delle bozze da parte di
Boine, da un profondo studio ed analisi
delle lettere tra Boine e la redazione della
rivista, opta qui per la versione di Riviera Ligure, la rivista letteraria fondata,
nel 1899, da Mario Novaro, partendo
dal presupposto che solo ammettendo
lintervento del poeta si pu giustificare
buona parte delle varianti.
Non ritiene pertanto di privilegiare
lautografo in presenza di una stampa
autorizzata dallautore,rimandandoci all
Apparato per casi particolari, pur essendo
conscia del pericolo di includere nelle
varianti eventuali sviste tipografiche.
Il testo stato suddiviso in Frantumi
e Frantumi postumi ad indicare quanto
pubblicato essendo ancora vivo lautore e
quanto raccolto da Mario Novaro in Pensieri e Frammenti integrando per quanto
questi aveva arbitrariamente escluso.
Nella prima sezione troviamo le
prose liriche che Boine pubblic su Riviera Ligure tra il 1915 e 1917 e precisamente Frammenti (unico testo ad esser
pubblicato anche su Almanacco della

Ressenyes

Voce), Resoconto dellescursione, Deliri,


Frantumi, I miei amici di qui, Prosette
quasi serene, Conclusioni dottobre, Bisbiglio a vespero, Circolo (unico testo di cui
non si conserva lautografo).
La storia editoriale dei Frantumi
legata al generoso interessamento di
Mario Novaro, al quale si deve lidea
della raccolta in volume, il suo ordinamento e la sistemazione testuale. Fu lo
stesso Boine a chiamare cos, con un titolo generale e riferito ad un solo gruppo di poesie, i 26 fogli di manoscritti
che invi a Novaro il 12 giugno 1915 e
che furono pubblicati sulla Rivista Ligure nel settembre del 1915: ...Sono
infatti frantumi di qualcosaltro che lavoro, ed un certo respiro che li lega vedrai
che c.
Nel 1917, alla morte di Boine, si conoscevano solo nove testi, pubblicati singolarmente dal 1915 su Riviera
Ligure.
Va ricordato che questa impostazione
voluta da Novaro resister a lungo e dovremo aspettare la ristampa delleditore
Ugo Guanda, nel 1971, a cura di Giancarlo Vigorelli, per poter vedere le sole
prose liriche con i singoli titoli della pubblicazione su Riviera Ligure.
Non facile lavoro per lautrice che si
vista a far i conti con un poeta che sia
per la prematura morte sia per attitudine esistenziale mai si preoccup di una
sistemazione testuale compiuta. A ci va
aggiunto il criterio editoriale novariano,
scevro di preoccupazioni di ordine filologico e talora al limite della manipulazione testuale.
V. Pesce normalizza loscillazione, di
Riviera Ligure e verificata anche nei
testi di altri autori, tra accenti gravi e
acuti. Va ricordato che sugli autografi
non c distinzione tra grave e acuto e
conserva le peculiari caratteristiche interpuntive come numero e spaziatura dei
puntini di sospensione.
La sezione di Frantumi postumi
comprende:Quadernetto di appunti

Quaderns d'Itali 16, 2011 235

1914, Definizione di me, Taccuino


15/16, Varsavia, Dialoghi de tempore
belli, Presentazione a Dio, Lattivit
disperde, Cos lento andando, Allora
qua le rive, A tagliare gli ormeggi.
La curatrice ha inserito qui quello
che M. Novaro aveva pubblicato dopo la
morte di Boine ad eccezione di Varsavia,
pubblicata postuma da Giorgio Caproni,
nel 1959, su La Fiera Letteraria e della
quale non si conserva nessun autografo.
Di questi testi, nati dalla contaminazione di scritti differenti e selezionati da
M. Novaro a suo piacimenti e utilit, se
ne conservano solo alcuni autografi:
Quadernetto di appunti 1914, Definizione di me, Presentazione a Dio,
Lattivit disperde, Cos lento andando, Allora qua le rive, A tagliare gli
ormeggi. Tali autografi dimostrano,
senza ombra di dubbio, come i testi originali siano stati tagliati e cambiati da
parte di Novaro che ambiva a selezionare
materiale conveniente per la stampa.
Per i testi Taccuino 15/16 e Dialoghi
de tempore belli si dispone di un apografo, disordinata e parziale trascrizione di
M. Novaro fatta subito dopo la morte
di Boine.
Grazie al paziente lavoro di Veronica
Pesce vengono qui completati, ripristinando da G. Boine Scritti inediti, ed. critica e
saggio di G. Bertone, Il melangolo, Genova,1977, tutte le parti mancanti ai singoli
testi: per quelli di cui non si ha lautografo la curatrice ci avverte che vanno tenuti
in conto plausibili tagli operati da Novaro
gi in sede di trascrizione. Per quanto attiene ai titoli a testo vengono riportati tra
virgolette tutti quelli, in genere eponimi,
attribuiti o da Novaro o in sede di edizione critica, mentre si ricorre alla parentesi
quadra quando il titolo viene qui attribuito per la prima volta.
In Appendice sono collocati i due
frammenti, [ Ritagli di sartoria ] e [ La
solitudine ], inclusi da Novaro nella III
edizione di Frammenti da lui curata per
Guanda, Modena, 1938 e le due stesure

236 Quaderns d'Itali 16, 2011

de I cespugli bizzarro (N) e I cespugli bizzarro (C) identificate dalle iniziali di Novaro ed Emilio Cecchi.
A noi che da sempre abbiamo desiderato sapere qualcosa di pi sullopera di
Boine e ci chiediamo perch di questo autore, indubbiamente scomodo in un genere scomodo, se ne parli cos poco, questo
libro offre lopportunit di una lettura che
ci riporta a nuove emozioni.
Perch rileggere i Frantumi? Ce lo
spiega Giorgio Bertone nell acuta prefazione:

Ressenyes

Rileggere Frantumi comparire frontalmente... davanti alla genesi del Novecento. Non uno dei referti primigeni del
secolo ci viene risparmiato: crisi d'identit della persona e del ruolo dell'intellettuale; reificazione dell'individuo sociale che diviene una cosa col nome;
contrasto tra Tradizione e Ribellione,
tra Legge e Anarchia, Dovere e Sfrenamento...

Santa Ferretti

Svevo, Italo (2010)


La veritat i altres comdies curtes
trad. di Marta Guitart e Miquel Edo
Barcellona: Arola Editors, 142 p.
Questi lavori di Svevo potranno essere
deboli teatralmente, forse, ma non pu
darsi che in essi non ci sia niente. Non
pu darsi che non ci sia nulla in una cosa
scritta da Svevo. Cos ribatt candidamente Albert Camus a chi lo informava
della presunta modestia di quelle commedie a lui ancora sconosciute. Nello
scrittore francese era sorta unimmediata
curiosit verso queste creazioni del genio
letterario di Ettore Schimtz e, dopo aver
letto alcuni testi, pens immediatamente
di farli allestire nel suo Paese, presagendo
che il loro valore si sarebbe rivelato sulla
scena. Solo la morte improvvisa in un
incidente dauto a sottolineare un tragico parallelismo di destini imped a
Camus di concretizzare il suo progetto,
ritardando lassunzione di Svevo nel novero dei grandi drammaturghi europei
del Novecento.
Con lo stesso entusiasmo che animava Camus, accogliamo la traduzione di
questa manciata di commedie (La verit,
Le teorie del conte Alberto, Prima del ballo,
Terzetto spezzato), lodando liniziativa

con cui Marta Guitart e Miquel Edo


hanno squarciato, anche in territorio catalano, il silenzio nel quale rimasta ingiustamente avvolta, per quasi un secolo,
una parte rilevantissima dellopera dello
scrittore triestino.
noto che il caso Svevo, scoppiato
nel 26 allindomani delle recensioni di
Montale e di Crmieux, si protrasse per
alcuni decenni. Si tratt della faticosa
metabolizzazione di un autore che, rimasto per lungo tempo indigesto agli italici
appetiti, si affermava, finalmente, come
un classico della narrativa. Meno noto il
fatto che, dopo il primo, si fosse prodotto un nuovo caso Svevo, relativo, questa volta, alla sua produzione drammaturgica. emblematico il fatto che nel
sintetico memoriale stilato da Ettore nel
settembre 1927, base del suo Profilo autobiografico, manchi qualsiasi riferimento
al teatro. Linattesa scomparsa di Svevo,
l11 settembre 1928, fece ricadere su
questa singolare autobiografia in terza
persona un valore testamentario, contribuendo a relegare nellombra non solo le

236 Quaderns d'Itali 16, 2011

de I cespugli bizzarro (N) e I cespugli bizzarro (C) identificate dalle iniziali di Novaro ed Emilio Cecchi.
A noi che da sempre abbiamo desiderato sapere qualcosa di pi sullopera di
Boine e ci chiediamo perch di questo autore, indubbiamente scomodo in un genere scomodo, se ne parli cos poco, questo
libro offre lopportunit di una lettura che
ci riporta a nuove emozioni.
Perch rileggere i Frantumi? Ce lo
spiega Giorgio Bertone nell acuta prefazione:

Ressenyes

Rileggere Frantumi comparire frontalmente... davanti alla genesi del Novecento. Non uno dei referti primigeni del
secolo ci viene risparmiato: crisi d'identit della persona e del ruolo dell'intellettuale; reificazione dell'individuo sociale che diviene una cosa col nome;
contrasto tra Tradizione e Ribellione,
tra Legge e Anarchia, Dovere e Sfrenamento...

Santa Ferretti

Svevo, Italo (2010)


La veritat i altres comdies curtes
trad. di Marta Guitart e Miquel Edo
Barcellona: Arola Editors, 142 p.
Questi lavori di Svevo potranno essere
deboli teatralmente, forse, ma non pu
darsi che in essi non ci sia niente. Non
pu darsi che non ci sia nulla in una cosa
scritta da Svevo. Cos ribatt candidamente Albert Camus a chi lo informava
della presunta modestia di quelle commedie a lui ancora sconosciute. Nello
scrittore francese era sorta unimmediata
curiosit verso queste creazioni del genio
letterario di Ettore Schimtz e, dopo aver
letto alcuni testi, pens immediatamente
di farli allestire nel suo Paese, presagendo
che il loro valore si sarebbe rivelato sulla
scena. Solo la morte improvvisa in un
incidente dauto a sottolineare un tragico parallelismo di destini imped a
Camus di concretizzare il suo progetto,
ritardando lassunzione di Svevo nel novero dei grandi drammaturghi europei
del Novecento.
Con lo stesso entusiasmo che animava Camus, accogliamo la traduzione di
questa manciata di commedie (La verit,
Le teorie del conte Alberto, Prima del ballo,
Terzetto spezzato), lodando liniziativa

con cui Marta Guitart e Miquel Edo


hanno squarciato, anche in territorio catalano, il silenzio nel quale rimasta ingiustamente avvolta, per quasi un secolo,
una parte rilevantissima dellopera dello
scrittore triestino.
noto che il caso Svevo, scoppiato
nel 26 allindomani delle recensioni di
Montale e di Crmieux, si protrasse per
alcuni decenni. Si tratt della faticosa
metabolizzazione di un autore che, rimasto per lungo tempo indigesto agli italici
appetiti, si affermava, finalmente, come
un classico della narrativa. Meno noto il
fatto che, dopo il primo, si fosse prodotto un nuovo caso Svevo, relativo, questa volta, alla sua produzione drammaturgica. emblematico il fatto che nel
sintetico memoriale stilato da Ettore nel
settembre 1927, base del suo Profilo autobiografico, manchi qualsiasi riferimento
al teatro. Linattesa scomparsa di Svevo,
l11 settembre 1928, fece ricadere su
questa singolare autobiografia in terza
persona un valore testamentario, contribuendo a relegare nellombra non solo le

Ressenyes

sue commedie, ma anche la sua personale formazione teatrale.


Perch questo silenzio? Dai venti ai
sessantasette anni, Svevo partorisce ben
tredici drammi. Sospinto da una fervente
passione, frequenta con assiduit le sale
quintate di Trieste. Svolge, addirittura,
lattivit di critico teatrale per il quotidiano triestino LIndipendente e approfitta
le trasferte commerciali allestero per assistere agli spettacoli londinesi e parigini.
Non c da stupirsi, quindi, di fronte
alla dichiarazione della moglie, Livia Veneziani, secondo cui: Il teatro, che fu il
suo amore segreto, non gli diede mai le
soddisfazioni sperate. Era stato il primo
dei suoi sogni artistici e rimase un sospiro. [...] La forma delle forme, il teatro,
la sola dove la vita possa trasmettersi per
vie dirette e precise, diceva.
Insomma, la produzione teatrale di
Svevo, fu condannata per molti anni da
un triplice pervicace silenzio: dellautore,
della critica, del palcoscenico.
Il silenzio dellautore, spesso assunto
come argomento a supporto della tesi
della minor importanza della sua opera
drammaturgica, va, invece, spiegato alla
luce delle singolari circostanze che determinarono il suo successo letterario in
extremis. Il Profilo autobiografico, lungi
dallessere un atto testamentario, usciva
allindomani di unormai insperata assunzione di Svevo nel pantheon degli
scrittori e voleva ricomporre, in ordinato
equilibrio, la sofferta storia di un autore
atipico. Citare i trascorsi teatrali avrebbe
significato esporsi, per lennesima volta,
allimprevedibile penna della critica,
senza contare il fatto che al tempo in Italia vigeva, letterariamente parlando, un
diffuso pregiudizio sullimpurit del teatro come genere. Ma non si scrive teatro
per una vita senza crederci e per una testimonianza definitiva baster invocare le
lettere sveviane.
A rischiarare il buio in cui sono state
confinate le commedie di Ettore Schimtz
fino agli anni Sessanta, sono serviti molti

Quaderns d'Itali 16, 2011 237

autorevoli interventi interpretativi, insufficienti, tuttavia, a scalzare i preconcetti


alimentati dalla severa stroncatura di
Eugenio Montale che, mentre esaltava
la grandezza del romanziere, affossava i
risultati del drammaturgo.
Senza scomodare le pur meritevoli
edizioni in volume del teatro completo,
risalenti agli anni Sessanta, e linteresse
da antesignano del Maier, pare corretto
affermare che il vero e proprio processo
di riabilitazione del corpus drammaturgico sveviano inizia dagli interventi di
Ruggero Rimini, confluiti nella monografia La morte nel salotto (1974), dove si
propugna una radicale rivalutazione delle
commedie. Sulla stessa linea si porranno,
in seguito, gli studi di Marisa Tancredi e
di Tullio Kezich. I testi teatrali hanno
finalmente potuto rivedere la luce solo
dopo la caduta del copyright, grazie ai torchi della collana economica Grandi
libri della Garzanti nel 1986. Ma non
prima del 2004 giunta, da pi voci invocata, la completa e scrupolosa edizione
critica di Mondadori dellintero corpus
drammatico, a cura di Federico Bertoni.
Ciononostante, alle pices sveviane
stata riservata, anche da parte del mondo
dello spettacolo, una sorda indifferenza,
anche quando le aue opere, una volta allestite, hanno ottenuto dei sorprendenti
successi.
Alla luce di quanto descritto, si comprende lo spirito pionieristico che ha
animato Guitart ed Edo nel volgere al
catalano un piccolo assaggio di questa
produzione, preparato attorno allidea
della relativizzazione della verit e della
caduta del modello positivista ottocentesco. Si tratta di quattro testi accomunati
dalluso di unironia leggera, che pone
lucidamente allo scoperto la crisi della
societ borghese e della sua istituzione
fondante, il matrimonio: lintricato territorio delle relazioni preconiugali, coniugali ed extraconiugali viene scandagliato con una divertita sincerit, che
lascia allo scoperto lo squallore delle mi-

238 Quaderns d'Itali 16, 2011

serie umane. Il salotto borghese diviene


un simulacro, un contenitore vuoto nel
quale si innesta una sensibilit gi propria del xx Secolo.
Per quel che concerne la traduzione,
preme dire che sarebbe stato facile, appoggiandosi, per di pi, allautorevole stroncatura di Montale, cedere alla tentazione di
spianare il linguaggio di Svevo, semplificandolo e sciogliendolo. La trasposizione, invece, rispetta coraggiosamente il ritmo e la
musicalit contaminata della lingua del triestino. I due curatori si sono limitati a correggere i dettagli incongruenti e a rendere,
in certi passaggi, pi naturale il discorso laddove rischiava di apparire oscuro, enigmatico o ingiustificatamente contraddittorio.
, dunque, un peccato che, probabilmente
per scelte di carattere editoriale, manchi,
proprio nelledizione a stampa, il testo a
fronte in italiano, che avrebbe permesso al
lettore di apprezzare appieno pregi e divergenze di una resa accurata e puntuale.
Certo, al volume allegato un cd in
cui troviamo il testo a fronte, nonch la
versione sonora in italiano. Sebbene sia
lodevole e meritoria lidea di arricchire
ledizione con un supporto acustico, pi
discutibile appare la decisione di affidare
parti tanto complesse e ricche di sfuma-

Ressenyes

ture tanto ad attori professionisti quanto


ad aspiranti e dilettanti, con il risultato
di un involontario effetto di straniamento, derivato dallinevitabile divario tecnico fra gli interpreti.
Ma non sarebbe, forse, stato pi coerente con lo spirito della proposta, nonch
molto pi interessante, azzardare una lettura delle commedie nella loro nuova
veste catalana, anzich in italiano? Per assaporare il testo tradotto nella sua pienezza espressiva ci toccher, dunque, aspettare la prova del palcoscenico, luogo per
eccellenza magico, dove il dialogo prende
le forme della vita, dove lazione pu contraddire la parola, dove il silenzio e la
pausa creano il conflitto o fanno scattare
lilarit, sottolineano unindecisione, partoriscono la tensione o generano lemozione, danno consistenza ad un pensiero
sotterraneo o tradiscono una paura, creando quellalchimia che determina il funzionamento di opere che il drammaturgo
Svevo aveva da sempre concepito, con
buona pace della critica pi ostinata, per
essere non solo lette ma, soprattutto, agite.
Nausicaa Vaccaro

Franco, Vazzoler (2009)


Il chierico e la scena. Cinque capitoli su Sanguineti e il teatro
Genova: Il Nuovo Melangolo, 200 p.
ISBN: 978-88-701-8745-8
Come ben riassume il titolo, questo libro
mette in relazione Sanguineti intellettuale,
ovvero il chierico di inspirazione grams
ciana, con la scena teatrale. Lintenzione
non di elaborare un bilancio ma di interrogarsi su alcuni tratti specifici della sua
complessa e vasta produzione teatrale.
Dunque, non una monografia quanto
piuttosto degli (as)saggi su alcuni aspetti
della sua drammaturgia e sugli scritti critici.

Il libro propone due saggi, sulla


drammaturgia e sulla produzione come
critico, e tre letture, ovvero tre analisi,
che ripercorrono le connessioni fra lautore genovese e i registi Besson e Liberovici; infine, si chiude con unintervista,
avvenuta nel 1988 e gi pubblicata, e una
scheda teatrografica.
Lattenzione si centra soprattutto sui
testi; pertanto non si analizzano nello spe-

238 Quaderns d'Itali 16, 2011

serie umane. Il salotto borghese diviene


un simulacro, un contenitore vuoto nel
quale si innesta una sensibilit gi propria del xx Secolo.
Per quel che concerne la traduzione,
preme dire che sarebbe stato facile, appoggiandosi, per di pi, allautorevole stroncatura di Montale, cedere alla tentazione di
spianare il linguaggio di Svevo, semplificandolo e sciogliendolo. La trasposizione, invece, rispetta coraggiosamente il ritmo e la
musicalit contaminata della lingua del triestino. I due curatori si sono limitati a correggere i dettagli incongruenti e a rendere,
in certi passaggi, pi naturale il discorso laddove rischiava di apparire oscuro, enigmatico o ingiustificatamente contraddittorio.
, dunque, un peccato che, probabilmente
per scelte di carattere editoriale, manchi,
proprio nelledizione a stampa, il testo a
fronte in italiano, che avrebbe permesso al
lettore di apprezzare appieno pregi e divergenze di una resa accurata e puntuale.
Certo, al volume allegato un cd in
cui troviamo il testo a fronte, nonch la
versione sonora in italiano. Sebbene sia
lodevole e meritoria lidea di arricchire
ledizione con un supporto acustico, pi
discutibile appare la decisione di affidare
parti tanto complesse e ricche di sfuma-

Ressenyes

ture tanto ad attori professionisti quanto


ad aspiranti e dilettanti, con il risultato
di un involontario effetto di straniamento, derivato dallinevitabile divario tecnico fra gli interpreti.
Ma non sarebbe, forse, stato pi coerente con lo spirito della proposta, nonch
molto pi interessante, azzardare una lettura delle commedie nella loro nuova
veste catalana, anzich in italiano? Per assaporare il testo tradotto nella sua pienezza espressiva ci toccher, dunque, aspettare la prova del palcoscenico, luogo per
eccellenza magico, dove il dialogo prende
le forme della vita, dove lazione pu contraddire la parola, dove il silenzio e la
pausa creano il conflitto o fanno scattare
lilarit, sottolineano unindecisione, partoriscono la tensione o generano lemozione, danno consistenza ad un pensiero
sotterraneo o tradiscono una paura, creando quellalchimia che determina il funzionamento di opere che il drammaturgo
Svevo aveva da sempre concepito, con
buona pace della critica pi ostinata, per
essere non solo lette ma, soprattutto, agite.
Nausicaa Vaccaro

Franco, Vazzoler (2009)


Il chierico e la scena. Cinque capitoli su Sanguineti e il teatro
Genova: Il Nuovo Melangolo, 200 p.
ISBN: 978-88-701-8745-8
Come ben riassume il titolo, questo libro
mette in relazione Sanguineti intellettuale,
ovvero il chierico di inspirazione grams
ciana, con la scena teatrale. Lintenzione
non di elaborare un bilancio ma di interrogarsi su alcuni tratti specifici della sua
complessa e vasta produzione teatrale.
Dunque, non una monografia quanto
piuttosto degli (as)saggi su alcuni aspetti
della sua drammaturgia e sugli scritti critici.

Il libro propone due saggi, sulla


drammaturgia e sulla produzione come
critico, e tre letture, ovvero tre analisi,
che ripercorrono le connessioni fra lautore genovese e i registi Besson e Liberovici; infine, si chiude con unintervista,
avvenuta nel 1988 e gi pubblicata, e una
scheda teatrografica.
Lattenzione si centra soprattutto sui
testi; pertanto non si analizzano nello spe-

Ressenyes

cifico le messe in scena n tantomeno la


ricezione degli spettacoli ma si smonta
la complessa architettura testuale sanguinetiana mettendone in evidenza i giochi
linguistici, i rimandi letterari, le citazioni,
i riferimenti culturali e filosofici.
Con una straodinaria capacit di
muoversi fra linguaggio della scena e letteratura, Franco Vazzoler restituisce attentamente limmagine poliedrica di Sanguineti autore di teatro, critico, traduttore ed
intellettuale la cui ricca produzione dimostra che non si possono tracciare precisi
confini nella sua attivit (p. 12). Anzi,
secondo Vazzoler, per comprendere il valore del lavoro sanguinetiano bisogna mettere in relazione la qualit poetica del
drammaturgo e la presenza di una certa
performativit e teatralit gi nella sua
poesia. E cos che viene fuori unimmagine complessa e fedele di Sanguineti.
Dallanalisi di K a Passaggio, da Traumdeutung a Laborintus II fino a Carrousel,
da Orlando Furioso a Storie Naturali, Vazzoler tiene insieme le fila di una complessa trama: linteresse per la musica, la sperimentazione linguistica, lintertestualit,
la volont di produrre una drammaturgia
impegnata politicamente e culturalmente.
Inoltre una attenzione particolare viene
dedicata anche alle traduzioni definite
dautore perch spesso si tratta di riscritture creative che trasformano lipotesto.
Come si dice nel primo capitolo, che
costituisce il nucleo centrale del libro, si
tratta di capire in che modo Sanguineti
mini dallinterno lidea stessa del teatro
di parola a cui una lettura superficiale
potrebbe ricondurlo p. 19. Ed infatti se
di teatro di parola si tratta, si deve parlare di teatro della parola travestita perch una parola rimanda continuamente
ad unaltra (p. 22). Concetto chiave per
comprendere lopera sanguinetiana
travestimento, termine ampiamente
utilizzato dallo scrittore genovese. Il teatro travestimento perch legato al
ruolo della maschera e alla metamorfosi.
Si tratta di una concezione del teatro che

Quaderns d'Itali 16, 2011 239

investe tanto la prassi attoriale e registica


quanto quella drammaturgica e il cui
senso mettere in evidenza la fiction del
teatro e del mondo. Le stesse traduzioni
costituiscono dei travestimenti. Spesso
si tratta di riscritture creative che trasformano totalmente il testo classico (si vedano ad esempio testi come Faust. Un
travestimento o La Commedia dellinferno,
un travestimento dantesco)
Nel secondo capitolo, Il critico in poltrona. Sanguineti recensore, si affronta la
produzione sanguinetiana di critico teatrale; soprattutto, quella offerta sullUnit tra il 1976 e il 1979. Sulla linea delle
dichiarazioni sanguinetiane, Vazzoler
evidenzia la forte inspirazione gramsciana, il rapporto complesso che lo lega alla
poetica brechtiana, la presa di distanza da
Grotowski, laffinit con figure come Leo
e Perla, Cecchi, Ronconi, Besson. Si tratta di un capitolo delicato in cui Vazzoler
propone una valutazione politica positiva
del lavoro di Sanguineti evidenziando
latteggiamento con cui mette sempre in
evidenza la sua appartenenza ad una sinistra marxista ammettendo di essere un
chierico rosso (p. 99). Infine lautore
non trascura un altro aspetto caratteristico dellattivit critica dellartista ovvero
la scrittura di forte inspirazione letteraria
con la sua verve satirica e laccesa sperimentazione linguistica.
Nel terzo e quarto capitolo si affronta la
relazione di collaborazione fra lo scrittore e
il regista svizzero Benno Besson, analizzando
prima la scrittura La philosophie dans le
thtre e poi anche Lamore per le tre melarance. Questultimo rappresenta un travestimento della fiaba comica gozziana,
interesse che ha le sue radici in anni passati
e che si unisce al tentativo di storicizzare
la fiaba (p. 138).
Infine il capitolo quinto indaga la
collaborazione fra Sanguinet e Liberovici
per Sei personaggi.com, sorta di travestimento pirandelliano in cui lautore decide di sottovalutare il discorso metateatrale e approfondire invece il tema

240 Quaderns d'Itali 16, 2011

dellincesto attraverso un collage di diversi testi pirandelliani. Vazzoler indaga la


relazione dellipertesto con lipotesto di
riferimento mettendo in evidenza il profondo lavoro di ribaltamento.
In appendice si trova lintervista
dello stesso Vazzoler a Sanguineti, dal
titolo significativo La scena, il corpo, il
travestimento. Questo testo, pi che una
funzione marginale e laterale, svolge un
ruolo centrale essendo oggetto di rimando continuo. Cuore dellintervista ancora una volta il concetto di travestimento a partire dal superamento dela
teoria brechtiana dello straniamento. Lo
straniamento viene considerato una
tecnica che rimanda ad un altrove e
che non provoca veramente lo spettatore perch rende il teatro uno spazio
innocente dove si pu dire qualsiasi
cosa(p.199). Afferma Sanguineti: Il
travestimento, invece, funziona se evidente che si davanti a della gente che
non messa fra parentesi, ma in ma-

Ressenyes

schera (p.199). Lintervista funziona


quindi come una sorta di dizionario che
fornisce una spiegazione attenta del lessico sanguinetiano.
Pertanto questo libro costituisce
unattenta e sapiente disamina e una
mappa completa dei riferimenti teorici e
lettarari del teatro di Sanguineti nel ricco
e travagliato panorama della cultura italiana del secondo novecento. Con un
registro linguistico colto e specialistico,
Vazzoler conduce il lettore attraverso un
percorso guidato, e non facile, nel teatro
e nella teoria teatrale sanguinetiana, spesso non adeguatamente tenuti in conto
dalla critica. Ed in questo modo, Vazzoler svela non solo una conoscenza profonda del teatro dello scrittore ma anche
una passione non celata ma esplicita ed
autentica per lautore.
Daniela Palmeri

Dalla Rosa, Patrizia; Da Rif, Bianca Maria (a cura di) (2010)


UN GIGANTE TRASCURATO? 1988-2008: ventanni di promozione di studi
dellAssociazione Internazionale Dino Buzzati,
Quaderni del Centro Studi Buzzati, n. 6
Pisa - Roma: Fabrizio Serra editore
Un nombre resuena a lo largo de las pginas que recogen veinte aos dedicados
al estudio de la obra de Dino Buzzati:
Nella Giannetto. Se trata de la impulsora
de la asociacin dedicada a coordinar y
promover la investigacin sobre el autor
vneto, alguien a quien todos los colaboradores de esta obra colectiva recuerdan
por su capacidad anticipadora de un futuro prolfico para los estudios buzzatianos y por su lucidez a la hora de plantearlos de forma abierta, extendindolos
fuera del mbito exclusivamente acadmico. Producto de un congreso que tristemente se celebr sin la recordada Pro-

fesora Giannetto, UN GIGANTE


TRASCURATO? presenta el fenmeno
Buzzati a partir de un interrogante
desde la perspectiva del reconocimiento
del pblico lector dentro y fuera de Italia, y del aplauso de la crtica extranjera,
frente a una cierta reticencia de la crtica
italiana, que, sin embargo, va desplegando su atencin en los ltimos aos.
Entre las novedades crticas, recoge
de forma innovadora las aportaciones de
periodistas que han indagado en la prensa local vneta o entre las columnas del
Corriere della Sera peridico milans
para el que Buzzati trabaj durante casi

240 Quaderns d'Itali 16, 2011

dellincesto attraverso un collage di diversi testi pirandelliani. Vazzoler indaga la


relazione dellipertesto con lipotesto di
riferimento mettendo in evidenza il profondo lavoro di ribaltamento.
In appendice si trova lintervista
dello stesso Vazzoler a Sanguineti, dal
titolo significativo La scena, il corpo, il
travestimento. Questo testo, pi che una
funzione marginale e laterale, svolge un
ruolo centrale essendo oggetto di rimando continuo. Cuore dellintervista ancora una volta il concetto di travestimento a partire dal superamento dela
teoria brechtiana dello straniamento. Lo
straniamento viene considerato una
tecnica che rimanda ad un altrove e
che non provoca veramente lo spettatore perch rende il teatro uno spazio
innocente dove si pu dire qualsiasi
cosa(p.199). Afferma Sanguineti: Il
travestimento, invece, funziona se evidente che si davanti a della gente che
non messa fra parentesi, ma in ma-

Ressenyes

schera (p.199). Lintervista funziona


quindi come una sorta di dizionario che
fornisce una spiegazione attenta del lessico sanguinetiano.
Pertanto questo libro costituisce
unattenta e sapiente disamina e una
mappa completa dei riferimenti teorici e
lettarari del teatro di Sanguineti nel ricco
e travagliato panorama della cultura italiana del secondo novecento. Con un
registro linguistico colto e specialistico,
Vazzoler conduce il lettore attraverso un
percorso guidato, e non facile, nel teatro
e nella teoria teatrale sanguinetiana, spesso non adeguatamente tenuti in conto
dalla critica. Ed in questo modo, Vazzoler svela non solo una conoscenza profonda del teatro dello scrittore ma anche
una passione non celata ma esplicita ed
autentica per lautore.
Daniela Palmeri

Dalla Rosa, Patrizia; Da Rif, Bianca Maria (a cura di) (2010)


UN GIGANTE TRASCURATO? 1988-2008: ventanni di promozione di studi
dellAssociazione Internazionale Dino Buzzati,
Quaderni del Centro Studi Buzzati, n. 6
Pisa - Roma: Fabrizio Serra editore
Un nombre resuena a lo largo de las pginas que recogen veinte aos dedicados
al estudio de la obra de Dino Buzzati:
Nella Giannetto. Se trata de la impulsora
de la asociacin dedicada a coordinar y
promover la investigacin sobre el autor
vneto, alguien a quien todos los colaboradores de esta obra colectiva recuerdan
por su capacidad anticipadora de un futuro prolfico para los estudios buzzatianos y por su lucidez a la hora de plantearlos de forma abierta, extendindolos
fuera del mbito exclusivamente acadmico. Producto de un congreso que tristemente se celebr sin la recordada Pro-

fesora Giannetto, UN GIGANTE


TRASCURATO? presenta el fenmeno
Buzzati a partir de un interrogante
desde la perspectiva del reconocimiento
del pblico lector dentro y fuera de Italia, y del aplauso de la crtica extranjera,
frente a una cierta reticencia de la crtica
italiana, que, sin embargo, va desplegando su atencin en los ltimos aos.
Entre las novedades crticas, recoge
de forma innovadora las aportaciones de
periodistas que han indagado en la prensa local vneta o entre las columnas del
Corriere della Sera peridico milans
para el que Buzzati trabaj durante casi

Ressenyes

43 aos con el propsito de poner en


valor uno de los aspectos ms interesantes del autor, ya sea para analizar la presencia que tuvo entre las pginas de los
rotativos, ya sea destacando la maestra
multifactica de Buzzati como periodista
de sucesos, crtico de arte, corresponsal
de guerra o escritor de elzeviri. En este
sentido, cobra especial importancia, un
texto poco conocido y nunca recogido
por el autor en sus colecciones de relatos.
Se trata del cuento alegrico Trieste, publicado el 9 de mayo de 1950 en la terza
pagina del Corriere della Sera. Narra la
historia de un padre desolado porque su
hija vive separada de los suyos en una
especie de isleta en medio del ro. A pesar
de las lgrimas, llega a pensar que quiz
lo mejor sera que ella no existiese, que se
olvidase de la familia, que se fuese: Ma
lei invece esiste, respira, vive, fatta di
carne e di ossa; e ha il nostro stesso sangue (p. 166). Si se tiene en cuenta la
fecha de este texto, se podr comprender
el significado que cobra su postura en la
defensa de la italianidad de Trieste, en
aquel momento ambicionada por el ejrcito yugoslavo. Es decir, a travs del estudio planteado por Alessandro Mezzena
Lona, queda subrayada la dimensin civil
de Buzzati, uno de los enfoques que se
plantean de forma recurrente en el libro.
A partir de una mirada de conjunto,
cada artculo constituye el anlisis puntual de aspectos novedosos y muy reveladores que configuran las coordenadas
espacio temporales de la recepcin y lectura crtica de Dino Buzzati. En primer
lugar, se destaca el papel definitivo de los
estudiosos franceses como Yves Panafieu
y la creacin de las primeras asociaciones
dedicadas a impulsar la difusin de su
obra con la fundacin de la Association
Internationale des Amis de Dino Buzzati,
a travs de la publicacin de sus Cahiers
y la celebracin de importantes congresos, y en Italia, la Associazione Dino Buzzati fundada en diciembre de 1988 gracias a la voluntad y el esfuerzo de Nella

Quaderns d'Itali 16, 2011 241

Giannetto. Ambas asociaciones se fundiran en 1994 instituyendo la actual Associazione Internazionale Dino Buzzati
cuyos objetivos principales, como explica
Patrizia Dalla Rosa, son la investigacin
y el desarrollo de la crtica al ms alto
nivel, la recogida y catalogacin bibliogrfica y su divulgacin. Tareas que
desde 1991 se desarrollan en gran parte
en torno a las actividades del Centro
Studi Buzzati y se plasman en la convocatoria de becas, celebracin de congresos y reuniones cientficas y en sus publicaciones: la revista Studi buzzatiani y la
coleccin de ensayos Quaderni del Centro
Studi Buzzati.
Una parte significativa del libro recoge la mirada pormenorizada de la crtica
buzzatiana y de los trabajos cientficos en
diferentes contextos italianos de los ltimos aos. A este propsito, son elocuentes los estudios de corte acadmico como
el que expone Silvia Zangrandi sobre las
tesis de licenciatura en las universidades
milanesas; o el artculo de Fabio Atzori,
dedicado al grupo de estudiosos que en la
Universidad de Bolonia han trabajado
sobre el autor desde una multiplicidad de
enfoques, como la perspectiva semiolgica en los cursos de Paolo Fabbri, a travs
del anlisis del captulo XXX del Deserto
dei Tartari como representacin plstica
de la batalla, o el innovador planteamiento lingstico de Maria Luisa Altieri Biagi
que pone en cuestin la presunta facilidad
de la lengua buzzatiana y plantea asimismo el estudio de su sonoridad, ritmo y
musicalidad. En mbito veneciano destaca el estudio de Ilaria Crotti atenta a las
imgenes que en la obra de Buzzati exploran la alteridad, la enfermedad y el mal,
pero que a la vez, propone otro aspecto
novedoso, es decir, el estudio de la materialidad de la escritura como objeto de
papel, su fragilidad y su consistencia en
un momento en que la literatura es tambin capacidad de transmisin, y en que
los libros representan una forma de narrar
el destino de los hombres, como ocurre

242 Quaderns d'Itali 16, 2011

en la primara novela de Buzzati donde


ha modo di emergere la dimensione sacrale-privata che detengono la carta e la
scrittura, un parametro quasi celato tra le
pieghe geometriche del paesaggio della
fortezza Bastiani (p. 95).
Entre los artculos de expertos extranjeros hay que destacar el de Yves Panafieu,
autor de la conocida e imprescindible entrevista a Buzzati, que traza una interesante trayectoria desde los orgenes de su inters por el escritor italiano, hasta llegar a
una propuesta potenciadora del perfil ms
vinculado con su conciencia civil y su sentido del deber y de la participacin. Aspectos que segn el estudioso francs
se traducen en una lcida capacidad
adivinatoria que le habra hecho anticipar
las consecuencias derivadas del cambio de
roles provocado por la crisis financiera
mundial en la sociedad actual, e incluso,
la eventualidad de un desenlace trgico:
allora s, Buzzati, pi che mai ci starebbe
ai fianchi, gli occhi sempre stralunati,
aperti sullorizzonte incerto ed improbabile delle nostre vite individuali e collettive (p. 83). Dentro de esta esfera de la
crtica francesa, el artculo de Delphine
Bahuet Gachet ilustra de forma pormenorizada el desarrollo del gran inters del
pblico lector y del mundo editorial en
Francia desde que apareciera el Dsert des
Tartares en 1949. Sugerentes comentarios
sobre problemas de traduccin o la eleccin de los ttulos e incluso de las portadas, completan esta visin privilegiada de
una atenta traductora y estudiosa que ha
cuidado varias ediciones del autor.
La visin de la crtica extranjera presenta asimismo una panormica de los
estudios buzzatianos en Argentina realizada por Mara Beatriz Cceres y un
estudio de Elisa Martnez Garrido, la
mayor experta espaola en el autor,
sobre la creciente presencia de Buzzati
en Espaa donde analiza las razones de
su xito editorial vinculndolas a la cultura y al momento presente: la actualidad de su escritura, comprometida con la

Ressenyes

sociedad, pero al margen de condicionantes ideolgicos; su atencin por el


ecologismo, la naturaleza y el medio ambiente; la fuerza de una cierta espiritualidad exenta de dogmatismo y cercana a la
humildad y al sentido de fraternidad propios del cristianismo; la metfora del ms
all, de la bsqueda al otro lado del umbral, el tema de la muerte, la alteridad y
la angustia y el miedo que rodean al ser
humano y por ltimo, la potencia visual
de sus imgenes, tan ligadas a la pintura.
Pero el artculo de Martnez Garrido no
se centra exclusivamente en un estudio
de la recepcin del autor de Belluno,
sino que aporta interesantes novedades
crticas, como la magnitud de Poema a
fumetti por su ricca polifonia semiotica
di una manifestazione artistica globalizzante en una mezcla de registros de la
cultura popular o de procedencia clsica
como el mito de Orfeo, cuyo resultado
es una moderna e geniale sperimentazione artistica, rischiosa e poliedrica la
quale riuscita a sconcertare la critica e
la societ italiana dellepoca (p.104).
Un planteamiento que est en la lnea de
la propuesta de Alvaro Biondi cuando
destaca la iconicidad de la escritura buzzatiana y su papel en la formacin del
contenido fantstico en su obra. A este
propsito hay que destacar la contextualizacin realizada por Alessandro Scarsella y el propio Biondi al trazar la lnea
conductora de la literatura fantstica en
Italia en relacin con la obra de Buzzati.
Biondi, de hecho, establece un puntual
itinerario de lo fantstico, adscribindolo a los temas buzzatianos que deberan
ser objeto de mayor profundizacin: el
silencio, el tiempo, la muerte, el mal y
por ltimo, lo que define como morte
laica e la speranza cristiana (p. 155) vinculadas al vaco, mejor dicho, al miedo
al vaco: Ma il vuoto assoluto insopportabile. questo vuoto terribile che
spaventa Buzzati (p. 156).
Vaco que, sin embargo, no oculta la
responsabilidad del escritor en continua

Ressenyes

comunicacin con el lector, atento al


mundo que lo rodea, fuera de toda orientacin ideolgica que no sea esa forma de
coherencia con la humanidad que le hace
ver de forma amarga a Trieste como la
hija llorada aparentemente por un padre,

Quaderns d'Itali 16, 2011 243

que en el fondo, desea que desaparezca y


se vaya.
Mara J. Calvo Montoro

Miguel y Canuto, Juan Carlos (a cura di) (2010)


Scrittura civile. Studi sullopera di Dacia Maraini
Roma: Giulio Perroni editore, 398 p.
de

Un testo critico pu essere sempre letto


come un doppio ritratto, che mostra sia
la riflessione sulla letteratura, sia il volto
della critica letteraria che con questa letteratura si confronta, in un particolare
momento storico. Il volume che recensiamo non si sottrae a questa doppia funzione speculare, svelando la sorprendente
dimensione internazionale degli studi
sullopera di Dacia Maraini (Italia, Spagna, Inghilterra, ma anche Polonia), e,
nel contempo, la diversificazione degli
approcci teorici nella critica contemporanea. Nel volume si alternano, infatti,
studi filologici e studi sul teatro, studi
sullautobiografia e storia culturale, critica femminista, studi sulla traduzione e
film studies. Il risultato una cartografia
della produzione di Dacia Maraini tracciata da pi punti, che mostra lautrice
come rappresentante ed erede di quella
sensibilit sociale che perme la riflessione degli intellettuali italiani negli anni
del miracolo economico. Lopera di Maraini insiste, di fatto, caparbiamente, da
quasi cinquantanni, su quel vincolo tra
scrittura e civilt, tra forme letterarie e
forme sociali, tra esperienza estetica ed
esperienza quotidiana, che segn una
parte della letteratura italiana del secondo Novecento, quella parte che volle fissare il suo sguardo sulla societ, senza
rinunciare alla sperimentazione estetica:
Pier Paolo Pasolini, Cesare Pavese, Alberto Moravia, Natalia Ginzburg, Amelia

Rosselli, sono alcuni dei nomi che, come


si apprende nei saggi presenti in questo
volume, hanno lasciato traccia nella scrittura di Maraini, ed questa traccia che il
volume curato da Juan Carlos de Miguel
mette felicemente in luce.
Dacia Maraini, ricorda Giulio Ferroni, un pezzo di unItalia che non c
pi: non solo sono scomparse le sue cinque madri, Natalia Ginzburg, Anna
Banti, Elsa Morante, Lalla Romano,
Anna Maria Ortese (p. 25), ma anche i
compagni di viaggio, Pasolini e Moravia;
permane per, nella sua opera, quel
fare inteso come disponibilit a sperimentare diverse forme di scrittura e di
presenza (p. 25), che infuoc il dibattito
letterario di quegli anni.
Dalla ostinata passione per la realt,
che si offre come radice e come interlocutrice della sua scrittura, sorge il titolo
scelto per racchiudere una produzione
certo eterogenea, nelle forme e nei soggetti, il cui unico, comune denominatore
, appunto, il tentativo di osservare gli
interstizi della societ attraverso la parola
poetica, senza per rinunciare alla concretezza della prosa.
Il principale merito del volume risiede, dunque, non soltanto nella rinnovata
presentazione dellopera di Dacia Maraini, resa necessaria dalla generosa produzione degli ultimi anni che continua a
spaziare dalla narrativa al teatro, dalla
poesia al saggio, con brevi incursioni nel

Ressenyes

comunicacin con el lector, atento al


mundo que lo rodea, fuera de toda orientacin ideolgica que no sea esa forma de
coherencia con la humanidad que le hace
ver de forma amarga a Trieste como la
hija llorada aparentemente por un padre,

Quaderns d'Itali 16, 2011 243

que en el fondo, desea que desaparezca y


se vaya.
Mara J. Calvo Montoro

Miguel y Canuto, Juan Carlos (a cura di) (2010)


Scrittura civile. Studi sullopera di Dacia Maraini
Roma: Giulio Perroni editore, 398 p.
de

Un testo critico pu essere sempre letto


come un doppio ritratto, che mostra sia
la riflessione sulla letteratura, sia il volto
della critica letteraria che con questa letteratura si confronta, in un particolare
momento storico. Il volume che recensiamo non si sottrae a questa doppia funzione speculare, svelando la sorprendente
dimensione internazionale degli studi
sullopera di Dacia Maraini (Italia, Spagna, Inghilterra, ma anche Polonia), e,
nel contempo, la diversificazione degli
approcci teorici nella critica contemporanea. Nel volume si alternano, infatti,
studi filologici e studi sul teatro, studi
sullautobiografia e storia culturale, critica femminista, studi sulla traduzione e
film studies. Il risultato una cartografia
della produzione di Dacia Maraini tracciata da pi punti, che mostra lautrice
come rappresentante ed erede di quella
sensibilit sociale che perme la riflessione degli intellettuali italiani negli anni
del miracolo economico. Lopera di Maraini insiste, di fatto, caparbiamente, da
quasi cinquantanni, su quel vincolo tra
scrittura e civilt, tra forme letterarie e
forme sociali, tra esperienza estetica ed
esperienza quotidiana, che segn una
parte della letteratura italiana del secondo Novecento, quella parte che volle fissare il suo sguardo sulla societ, senza
rinunciare alla sperimentazione estetica:
Pier Paolo Pasolini, Cesare Pavese, Alberto Moravia, Natalia Ginzburg, Amelia

Rosselli, sono alcuni dei nomi che, come


si apprende nei saggi presenti in questo
volume, hanno lasciato traccia nella scrittura di Maraini, ed questa traccia che il
volume curato da Juan Carlos de Miguel
mette felicemente in luce.
Dacia Maraini, ricorda Giulio Ferroni, un pezzo di unItalia che non c
pi: non solo sono scomparse le sue cinque madri, Natalia Ginzburg, Anna
Banti, Elsa Morante, Lalla Romano,
Anna Maria Ortese (p. 25), ma anche i
compagni di viaggio, Pasolini e Moravia;
permane per, nella sua opera, quel
fare inteso come disponibilit a sperimentare diverse forme di scrittura e di
presenza (p. 25), che infuoc il dibattito
letterario di quegli anni.
Dalla ostinata passione per la realt,
che si offre come radice e come interlocutrice della sua scrittura, sorge il titolo
scelto per racchiudere una produzione
certo eterogenea, nelle forme e nei soggetti, il cui unico, comune denominatore
, appunto, il tentativo di osservare gli
interstizi della societ attraverso la parola
poetica, senza per rinunciare alla concretezza della prosa.
Il principale merito del volume risiede, dunque, non soltanto nella rinnovata
presentazione dellopera di Dacia Maraini, resa necessaria dalla generosa produzione degli ultimi anni che continua a
spaziare dalla narrativa al teatro, dalla
poesia al saggio, con brevi incursioni nel

244 Quaderns d'Itali 16, 2011

mondo del cinema e della televisione,


ma, e soprattutto, nella ricostruzione
delle coordinate storico-culturali in cui
doveroso leggere i testi dellautrice, come
suggeriscono sia il saggio di apertura di
Giulio Ferroni (Scrivere a Roma intorno
al 68), sia lo studio poetico di Niva
Lorenzini (Poesia e disarmonia).
La scrittura di Dacia Maraini , a
tutti gli effetti, una scrittura del Novecento, in cui ancora strutturante il tentativo di stringere, nella parola letteraria,
critica sociale ed equilibrio estetico; una
scrittura profondamente estranea ai giochi estetici della postmodernit, che si
riafferma, invece, nei generi, pi solidi
dellautobiografia, del romanzo documento, del romanzo epistolare o del romanzo storico; forme definite che consentono massima libert nellinvenzione
dei personaggi e massima adesione alla
realt nei dettagli storici, come precisa
la stessa Maraini nel colloquio pubblicato nel volume (p. 372). In effetti, ricorda
Antonio Nicol Zito (Da Dacia a Marianna: una lettura di La lunga vita di
Marianna Ucra), anche nella forma del
romanzo storico, Maraini non rinuncia
alla presenza dei dibattiti collettivi, le
differenze economiche, sociali e di genere, il femminismo, le lotte sociali
(p. 64), sicch tutto, in esso, diviene metafora dellattualit.
In qualche occasione, la fonte autobiografica dellopera narrativa suscita
nella critica una passione per largomento, per il segreto della storia, che finisce,
purtroppo, per occupare tutto lo spazio
della riflessione (come accade, per esempio, nel caso del rapporto con il sud,
dellamore per il padre o del recupero
della genealogia familiare). Eppure la
stessa Maraini sottolinea la necessit di
confrontare sempre e continuamente
la memoria personale con la memoria
collettiva (p. 378-379), anche per poter
osservare, come consiglia Juan Carlos
de Miguel, il rapporto tra verit e racconto -compreso lautoinganno-, ricordo

Ressenyes

e rimozione, invenzione letteraria e reinvenzione (e abbellimento) della realt


(p. 114), presente in ogni narrativa di
taglio autobiografico.
Diverso , invece, il rapporto con il
sapere narrativo che emerge nei pi recenti romanzi di finzione, come Colomba
(2003), in cui Justo Serna legge le trasformazioni della forma narrativa classica
e, dunque, il documento di una nuova
scrittura dellautrice che mostra non una
ricerca finita e tutta compiuta, bens gli
andirivieni delle ricerche, le false piste
seguite e poi scartate, ovvero il meccanismo interno della creazione letteraria
(p. 132).
Il vero terreno della sperimentazione
di Maraini , per, il teatro, audace nelle
sue intuizioni e qui finalmente oggetto di
una meritata attenzione critica. Nel teatro, Maraini fa di tutto tranne che lattrice, come ricorda il saggio di Giorgio
Taffon (p. 202) proprio perch, se la narrativa tende a costruire un pantheon
familiare (p. 114), la finalit del teatro
dare la battuta agli altri (p. 138), realizzare, come precisa Franca Angelini nel
suo contributo al volume, il sogno insieme di una incursione nel passato e di un
incontro con laltro nel presente (ibid.),
un sogno in cui si intrecciano, come nel
teatro di H. Cixous, scrittura e storia,
persona e collettivit (p. 144).
un teatro quello di Dacia Maraini
in cui, come nel caso del Teatro della
Maddalena, le donne abbandonano il
lamento per prendere la parola politica:
molti personaggi femminili che parlavano, urlavano, ridevano, sussurravano,
imprecavano e imploravano, ma non
piangevano pi su se stesse (p. 140).
Un teatro femminista, dunque? S, se
per femminismo si intende, con lautrice, un modo di guardare il mondo (p.
141) che non dimentica il corpo sessuato dal quale si guarda la realt. In effetti,
dallo sguardo sessuato sul mondo che
sorge, nel 1973, il testo Dialogo di una
prostituta con un suo cliente, recuperato

Ressenyes

nel volume dalla lettura di Carlo Dilonardo, che riconosce a Maraini il merito
di aver messo a fuoco laltra faccia del
fenomeno della prostituzione (p. 183),
e di aver anticipato la dimensione tragica che pu assumere, in essa, il desiderio
(Manila, attenta che questo vuole scorticarti, vuole lasciarti senza fiato, si dice
la protagonista del testo di Maraini,
p. 188). La stessa tragica incompatibilit
contrassegner, due anni dopo, il capolavoro di Chantal Akerman, Jeanne Dielmann, 23 Quai du Commerce, 1080 Bruxelles (1975).
Sulla relazione tra teatro e democrazia
culturale si sofferma anche la splendida
laudatio di Ferdinando Taviani che presenta Dacia Maraini come un testimone
e un pezzo della storia del teatro del secondo Novecento italiano, in particolare
dagli anni Sessanta in poi (p. 151); un
teatro vivo che per lautore vuol dire
inquieto, frutto di un non rassegnato
scontento (p. 152). Taviani legge nelle
pices di Maraini e, in particolare, nel
dialogo con lattrice Piera degli Espositi
Storia di Piera (1980) e Piera e gli assassini (2003) una posizione intellettuale irrinunciabile negli studi sul teatro:
A Dacia non interessa come Piera abbia
vissuto nel teatro, ma come il teatro viva
in lei (p. 162). E come potrebbe non
essere questa la prospettiva di chi, come
Maraini, recupera e ri-attualizza le lezioni di Brecht e Pirandello, come sottolinea Giorgio Taffon?
Teatro della riflessione pi che della
finzione (p. 143), che non rinuncia alla
metateatralit, neanche quando si estende sulla condizione femminile del presente, o quando riprende figure emblematiche del passato (Veronica Franco,
meretrice e scrittora, 1991); teatro che
non nega, ma trae forza dal rapporto con
la tradizione, trasformando, ad esempio,

Quaderns d'Itali 16, 2011 245

il Don Giovanni di Mozart in un testo


sulla politica sessuale, come spiega Antonio Tordela (p. 170).
Pi vicina la tradizione con cui dialoga la sua poesia, una poesia che Niva
Lorenzini suggerisce di leggere in relazione a un momento in cui le strutture dei
generi lirici si sfaldano per poter accogliere lo scollamento del soggetto e le nuove
forme del realismo letterario (p. 317).
Soltanto cos si pu comprendere,
per Lorenzini, la sintassi descrittiva, e
non evocativa della poesia di Maraini
(Crudelt allaria aperta, 1962), il suo
legame con loggettivazione di Pavese
(p. 320), con la figurativit sventrata
di Pasolini (p. 325) e, soprattutto, con
il fragilissimo pensare di Amelia Rosselli (p. 328-329).
Altri interventi, analizzano il ruolo
della traduzione nella diffusione e circolazione dellopera di Maraini in Spagna
(Mara Consuelo de Frutos Martnez),
esplorano le possibilit di giocare tra pi
lingue che i suoi testi poetici offrono
(Vincente Fors Lpez), o mettono in
rilievo il dialogo tra cinema e letteratura
che si stabilito nel suo percorso creativo, e non solo grazie allesperienza di
coautrice di sceneggiature (Sonia Ravanelli e Cinzia Sam).
Il volume si chiude con un testo inedito della stessa Maraini (Inadeguatezza),
che sembra quasi voler riprendere la parola in qualit di autrice, ma il gesto
soltanto un modo per rilanciare, in ultima battuta, quel fitto e appassionato dialogo tra critica e scrittura che ha dato vita
ai saggi raccolti e che si rivela sempre pi
indispensabile per la buona salute della
creativit artistica.
Annalisa Mirizio

246 Quaderns d'Itali 16, 2011

Ressenyes

Sapegno, Maria Serena (a cura di) (2010)


Che genere di lingua? Sessismo e potere discriminatorio delle parole
Roma: Carocci, 248 p.
Porre il problema del sessismo nella lingua italiana e cercare delle strategie per
opporvisi una questione di grande attualit e importanza, sia culturale che
politica, che richiede lattenzione di tutte
e tutti, in particolare delle istituzioni
e dei mezzi di informazione, in un momento storico come quello che lItalia sta
vivendo, in cui atteggiamenti sessisti di
varia natura dilagano nella politica e nei
media. Sebbene il problema linguistico
sia stato posto a livello istituzionale gi
nel 1986, quando Alma Sabatini, pubblicava le sue Raccomandazioni per un uso
non sessista della lingua italiana, sul piano
del simbolico, e quindi del senso comune, da allora pochissimo sembra essere
cambiato. Ancora oggi, infatti, in Italia
luso delluniversale maschile, che dietro
una pretesa neutralit di fatto esclude le
donne, lesitazione nelluso delle forme
femminili di titoli o professioni a cui
le donne, per ragioni storiche e culturali,
hanno avuto accesso pi tardi rispetto
agli uomini, luso dellarticolo per segnalare il genere davanti a cognomi di
donne, solo per citare i casi di sessismo
linguistico pi comuni e lampanti, sono
percepiti come naturali e aproblematici
dalla maggior parte dei parlanti e delle
parlanti, quando sono invece il risultato
di complesse dinamiche socio-culturali.
LItalia, inoltre, sembra restia ad accogliere e fare propri aspetti, come luso di
un linguaggio politically correct, che in
altri paesi Europei sono diventati ormai
parte del patrimonio culturale e linguistico comune grazie a politiche antidiscriminatorie mirate.
Che genere di lingua?, il cui titolo
gioca con il doppio significato di genere
in italiano, coinvolgendo sia il tipo di lingua usata intrisa di elementi sessisti,
sia quella che sarebbe auspicabile usare

che dovrebbe tenere conto delle differenze di genere, frutto del convegno
dallo stesso titolo tenutosi a Roma nel novembre 2009 e affronta la questione da
varie prospettive. Nati dallesigenza di discutere il problema sempre pi evidente e
preoccupante del sessismo nella lingua
italiana, infatti, il convegno prima e il volume poi hanno coinvolto studiose e studiosi di et, formazione ed aree disciplinari diverse offrendo una stimolante variet
di opinioni e punti di vista.
Il libro diviso in tre sezioni: la
prima affronta il problema del sessismo
nella lingua italiana in generale. Maria
Serena Sapegno esamina la questione dal
punto di vista storico, teorico, e politico
ripercorrendone le tappe, e mettendo in
evidenza il ruolo cruciale avuto dal movimento delle donne per sollevare il problema e produrre una nuova sensibilit
antidiscriminatoria. Maria Rosa Cutrufelli considera come stato affrontato il
problema della lingua sessuata e dei limiti di una lingua declinata al maschile da
alcune scrittrici contemporanee. Maria
Antonietta Passarelli, partendo da alcuni
lemmi del Piccolo dizionario della disuguaglianza femminile di Alice Ceresa,
quali donna, femmina e madre, esamina
come siano definiti e codificati da tre
noti dizionari della lingua italiana. Lorenza Pescia, infine, indaga luso della
forma femminile di sostantivi che indicano professioni, titoli e cariche politiche
nei quotidiani in italiano del Canton Ticino, mettendolo in relazione con luso
dellItaliano dItalia e con quello delle
altre lingue ufficiali svizzere.
La seconda parte dedicata al linguaggio della politica. Grazia Basile, analizza un campione di interviste a uomini
e donne impegnati/e nella politica rilasciate ad alcuni quotidiani italiani per

Ressenyes

stabilire se la differenza di genere produce differenze di usi linguistici. Fabrizia


Giuliani, dopo aver puntualmente analizzato da un punto di vista filosofico le
implicazioni esistenti tra linguaggio e
cultura, si sofferma sullarea semantica
della riproduzione e della vita, tradizionalmente riservata allambito privato, nel
discorso pubblico, riferendosi in particolare al dibattuto referendum del 2005
sulla procreazione assistita. Nadia Cannata, invece, dopo alcune riflessioni sulla
semantica dellesclusione, sulluso,
cio, delluniversale maschile per indicare ed escludere le donne, propone
unanalisi delluso del linguaggio emotivo come codice politico nella politica
berlusconiana e nei media.
La questione fondamentale del sessismo nella scuola e dellimportanza dellis
truzione per agire sui soggetti e modificare il senso comune affrontata nella terza
sezione. Le insegnanti Maria Pia Ercolini
e Aureliana Di Rollo descrivono e riportano i risultati e gli sviluppi del progetto
sui generis, volto a sensibilizzare gli alunni
di due istituti romani sul sessismo e gli
stereotipi di genere attraverso una serie di
attivit, seminari e unit didattiche da loro
pensate e attuate, mostrando come affrontare tematiche di genere a livello scolastico
possa notevolmente contribuire allo sviluppo di una consapevolezza di genere e al
conseguente smascheramento del sessismo
linguistico. Anna Angelucci considera il
sessismo nel didattichese, il sottocodice
ibrido usato in ambito scolastico e ministeriale, mentre Francesca Vennarucci
prende in esame alcune antologie scolastiche pubblicate tra il 1985 e il 2008, individuando la quantit dei testi di scrittrici
inseriti e latteggiamento critico dei curatori e delle curatrici, e chiedendosi se sia
sufficiente proporre percorsi di donne o si
debba dare maggiore attenzione alle ragioni dellassenza come solo Antonelli e Sapegno in LEuropa degli scrittori (2008)
fanno. Gli ultimi due contributi sono di
due studenti: Claudio Nobili considera la

Quaderns d'Itali 16, 2011 247

comunicazione attraverso le bacheche universitarie, mettendo in evidenza gli elementi sessisti e proponendo alternative
pi eque; Laura Venturini esamina il linguaggio dei siti web delle facolt di lettere
delle principali universit romane, costatando come gli studenti, i laureandi e i
dottorandi senza alcun riferimento ai corrispettivi femminili, dominino i portali.
Affrontando la fondamentale questione
del sessismo nella lingua italiana in contesti differenti e chiamando in causa filosofia, linguistica e studi di genere, i saggi
che compongono il volume, quindi, offrono numerosi spunti di riflessione, mettendo in evidenza in modo chiaro e convincente lurgenza di scalfire un sistema
linguistico, e quindi culturale, profondamente radicato, che tende ad escludere,
discriminare, sminuire o cancellare il
femminile. Oltre a proporre una riflessione teorica e a mostrare esempi significativi delluso sessista della lingua, in particolare negli ambiti della politica, dei media
e dellistruzione in quanto veicoli fondamentali di diffusione e possibile trasformazione della lingua duso, le autrici e gli
autori propongono delle strategie per modificare lo status quo, dando grande rilevanza al ruolo educativo della scuola e
delluniversit e offrendo ai lettori e alle
lettrici la possibilit reale di ripensare pi
consapevolmente il modo in cui utilizzano o fruiscono la lingua italiana. Lunica
via per modificare efficacemente il sistema linguistico, infatti, agire sul simbolico, promuovendo la consapevolezza di
genere delle donne e degli uomini affinch mettano in atto un uso equo e non
discriminatorio della lingua. Che genere di
lingua?, oltre ad essere ricco, stimolante e
di piacevole lettura, un contributo importante per rendere visibile il problema,
alimentare il dibattito e promuovere un
cambiamento di tendenza.
Eleonora Carinci

248 Quaderns d'Itali 16, 2011

Ressenyes

Sepe, Franco (2010)


Fabrizia Ramondino. Rimemorazione e viaggio
Napoli: Liguori, 150 p.
Finalmente vede la luce un volume sulla
figura e lopera di unautrice napoletana
che, nonostante la sua cospicua produzione letteraria e saggistica (racconti, romanzi e libri di vario argomento e genere), e il fatto di essere stata pubblicata
quasi interamente da Einaudi, non era
finora riuscita a destare presso la critica
italiana lattenzione che a nostro avviso
meritava.
Numerosi sono gli articoli, gli interventi nei convegni svoltisi quasi sempre
in sedi straniere, a lei dedicati da pi autori e spesso nella prospettiva di una lettura femminile o a partire dalla critica
femminista, pubblicati fin dai lontani
anni ottanta, e sopratttutto novanta, tra
i quali spiccano i contributi di Adalgisa
Giorgio. Tuttavia, solo a partire dal
duemila che la critica ha cominciato a
guardare a Fabrizia Ramondino con crescente interesse. Allinterno di questi
nuovi e meritevoli approfondimenti critici (si veda ad esempio lultimissima
versione del Taccuino Tedesco edito da
Nottetempo con un interessante saggio
critico di Valentina Di Rosa, che contiene anche alcune lettere inedite di Gesualdo Bufalino e Anna Maria Ortese) si inserisce il contributo di Franco Sepe,
poeta, saggista e docente di lingua e cultura italiana allUniversit di Potsdam, il
cui obiettivo di offrire per la prima
volta al lettore una panoramica sulla vita
e sulle opere della Ramondino in una
prospettiva unitaria e attraverso una sorta
di itinerario della memoria, fatto di piccoli tasselli, che contribuisce a dare una
visione dinsieme dellautrice divisa tra
lirismo e impegno sociale, tra narrativa e
documentazione, tra autobiografia e finzione, tra illusione e disincanto.
Sepe organizza il suo saggio in tre
sezioni. Nella prima (Le due isole),

lautore parte dal romanzo autobiografico Guerra di infanzia e di Spagna per ripercorrere i primi anni di vita dellautrice
trascorsi a Maiorca durante la guerra
civile spagnola e approdare poi a Lisola
riflessa, in cui lautrice racconta del suo
soggiorno sullisola di Ventotene. Due
punti estremi di un itinerario che si
snoda su piani diversi, dallautobiografico-esistenziale allo storico-filosofico.
Lisola viene qui intesa ed interpretata come mito, come topos letterario gi
presente ad esempio nella Morante, cos
come dallesperienza maiorchina si trae
spunto per esporre il particolare rapporto
della Ramondino con le lingue (il famoso trilinguismo sociale, stilistico e affettivo di cui parla Farnetti), e il conflitto
(si potrebbe dire atavico e archetipico)
tra madre e figlia, che viene riproposto in
Althnopis e, capovolto, in Terremoto con
madre e figlia.
Insieme allanalisi dei tratti biografici
che emergono dalle opere sopraccitate,
Sepe compie anche una ricognizione accurata degli aspetti peculiari della poetica
ramondiniana, come, ad esempio, quello
che definisce il continuum dialettico tra
romanzo e saggio, lutilizzo della tecnica
narrativa del caleidoscopio basata su impressioni ed immagini aurorali e archetipiche (in senso pavesiano), e lespediente
dellintertestualit che, con rimandi pi
o meno evidenti, lega le opere dellautrice in una complessa trama unitaria.
A proposito de Lisola riflessa, Sepe
sottolinea la tendenza storico-documentaria dellautrice a raccontare Ventotene
nella sua dimensione diacronica e a mettere in evidenza la sua profonda metamorfosi da terra mitica di pirati ed eremiti, da
luogo di segregazione per patrioti risorgimentali o di confino per intellettuali antifascisti, a isola invasa da orde di turisti e

Ressenyes

vacanzieri. Ma lontano dai clamori, lautrice, ormai sessantenne, ci racconta della


sua esperienza panica, del disagio mentale
ed esistenziale sempre in agguato, e del
suo destino di etilista.
Sempre nella prima sezione, vengono
considerate altre isole, reali immaginarie
o metaforiche. Come ad esempio Lisola
dei bambini, che assume la valenza di
isola utopica per il fatto di racchiudere in
s quella importante esperienza pedagogica realizzata con i bambini dei vicoli di
Napoli negli anni sessanta. Ma il concetto di isola acquista per la Ramondino
anche un significato metaforico-esistenziale. Entrano a far parte della sua poetica dellisola anche le isole mentali,
lisola-scrittura, cio quel luogo dove
mettersi al sicuro dalle proprie ossessioni, e lisola-zibaldone-taccuino, che rappresenta una vera e propria zattera di
salvataggio.
Nella seconda sezione di questo saggio, Althnopis e dintorni, Sepe ripercorre gli anni in cui la famiglia della
scrittrice da Maiorca fa ritorno in Italia,
in un quadro sociologico segnato dalla
crisi del dopoguerra. Dove si approfondiscono i rapporti tra madre e figlia, si
accenna alla crisi psichica che accompagner lautrice per tutta la vita, e che lei
stessa far risalire a una sorta di senso di
non appartenenza a nessun luogo, a un
esistenziale e congenito spaesamento nel
mondo.
Napoli diventa centro di questo sentimento di estraneamento, che per non
immobilizza la Ramondino, ma la sprona
a rendersi partecipe di esperienze collettive di solidariet. Si cita, a questo proposito, la fondazione dellARN (Associazione Risveglio Napoli) e lazione
didattica della giovane intellettuale negli
anni sessanta. Pi avanti, nella decade
successiva, unaltra esperienza-inchiesta
vede la citt partenopea al centro della
riflessione dellautrice, si tratta di Napoli:
i disoccupati organizzati. I protagonisti
raccontano.

Quaderns d'Itali 16, 2011 249

Lultima parte del saggio di Sepe, La


vita viaggio, approfondisce il genere
del racconto-saggio, adottato dallautrice
un po sulla falsariga del flaneur benjaminiano. La tecnica narrativa sempre
quella della commistione dei generi e
dellintreccio di reale e di vissuto, di passato e presente allinsegna di un girovagare senza sosta, di un nomadismo persino metropolitano quello al quale per
esempio sono costrette la Ramondino e
sua figlia durante il terremoto dell80.
E mentre la poetica nomade, basata sugli
oggetti-ricordo, si va sempre pi approfondendo, i viaggi spingono la Ramondino ad esplorare la Germania, che visiter pi volte, a partire dallet di
diciannove anni, e che poi diverr una
tappa ricorrente quando la figlia Livia
(combinazione, anche lei a diciannove
anni) vi si trasferir per far carriera come
ballerina e coreografa al seguito della
compagnia di Pina Bausch.
Pendolare tra la Germania e lItalia,
o meglio, tra Essen-Werden e Napoli
(che lei definir le sue due patrie), la
scrittrice istaura una sorta di gemellaggio
ideale tra queste e altre citt in un gioco
di simmetrie assai particolare e piuttosto
ricorrente nel suo Taccuino tedesco, quella sorta di diario, insieme viaggio esteriore ed interiore, che comprende gli
anni che vanno dal 1954 ai primi del
duemila.
Altro viaggio significativo e che lascia
una traccia profonda nella vita e nellopera della Ramondino quello compiuto
in Africa, quando nel 1996 accompagna
la troupe cinematografica di Mario Martone e Cesare Accetta nel deserto sahrawi
per girare un documentario commissionato dallUnicef e dalla Rai. Da questa
esperienza nascer il diario intitolato
Polisario. Unastronave dimenticata nel
deserto, dove lautrice, confrontandosi
con la cultura sahrawi, muove una critica, peraltro gi presente in altri romanziinchiesta, alla storia ufficiale. Cos, nella
misera condizione di vita dei profughi

250 Quaderns d'Itali 16, 2011

sahrawi, si innalzano i valori profondi di


unumanit ferita e un intimo e accorato
appello alla umana fratellanza che lega i
popoli, e che risuona nella battuta finale
dellautrice Qui ti senti un uomo.
Tra i saggi-reportage pi interessanti,
Sepe analizza Passaggio a Trieste, altra
opera certamente difficile da catalogare
dal punto di vista del genere, ancora una
volta tra memoria letteraria ed esperienza
vissuta. La visita dellautrice al Centro
Donna Salute Mentale viene visto come
una sorta di viaggio archetipico, come
una discesa negli inferi della solitudine,
come ricerca ed approfondimento di
quelle forme di esistenza poste ai margini
della societ.
Nel suo insieme questo saggio possiede lindubbio valore di presentare in
modo articolato ed avvincente molti
degli aspetti biografici e letterari di una
personalit complessa e ricca di sfaccettature, e per certi versi ancora sconosciuta, com quella della Ramondino. Un
contributo imprescindibile, dunque, per
avvicinarsi allopera della scrittrice napoletana, anche grazie al paratesto fornito
in fondo al volume (indice delle opere,
delle traduzioni e bibliografia critica),
utilissimo a chi voglia approfondire la
poetica dellautrice.
Va sottolineato il fatto che lautore
adotta un criterio biografico di organizzazione del materiale letterario e saggistico
dellautrice a scapito della cronologia delle
opere, dalle quali Sepe trae gli elementi
salienti che gli servono per illustrare diversi aspetti del vissuto dellautrice. Tale rie-

Ressenyes

laborazione risulta evidente soprattutto


nella prima sezione del saggio, in cui lautore muove da Guerra di infanzia e di Spagna, apparso nel 2001, a ventiquattro anni
dal suo romanzo desordio procedimento che risulta pienamente coerente con
lobiettivo di Sepe di fornire una panoramica della vita e dei grandi temi che attraversano lopera dellautrice in una trama
sapientemente articolata ed unitaria.
A richiamare la nostra attenzione
per una curiosa assenza, quella dellultimo romanzo, La via uscito postumo
due giorni dopo la scomparsa della scrittrice nel mare di Gaeta, al quale ella
aveva lavorato negli ultimi suoi anni di
vita, e che pure ha destato un certo interesse da parte della critica; assenza determinata forse dalla data, ancora recente,
di pubblicazione dellopera e che, per
la sua complessit e densit di spunti,
richieder ancora del tempo prima di essere inclusa in una riflessione dinsieme.
Per concludere, si potrebbe dire che
il saggio di Sepe conferma linteresse crescente nei confronti della scrittrice, napoletana per origine e appartenenza,
contribuendo cos ad assegnare alla sua
opera il giusto valore. E, come avvenuto per autori come Elsa Morante e Anna
Maria Ortese, c da sperare che negli
anni a venire diventino sempre pi numerosi e accurati gli studi relativi alla
poetica ramondiniana.
Isabel Fernndez Giua

Ressenyes

Quaderns d'Itali 16, 2011 251

Santoro, Marco (a cura di) (2010)


La donna nel Rinascimento meridionale
Atti del convegno internazionale: Roma, 11-13 novembre 2009
Pisa-Roma: Fabrizio Serra editore, 468 p.
(Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento Meridionale)
Il volume raccoglie (tempestivamente)
ventinove delle trentuno relazioni di un
convegno dedicato a un tema per il quale
cresciuto negli ultimi anni linteresse
degli studiosi ([...] non v dubbio che
la conoscenza e linterpretazione della
presenza e del ruolo femminili allinterno
della realt umanistico-rinascimentale
italiana ed europea si sono evolute negli
ultimi decenni in maniera sempre pi
scaltrita e persuasiva, osserva il curatore
nella sua Presentazione), ma che attendeva il conforto di una maggior mole di
ricerche specificamente riguardanti larea
meridionale. Il convegno romano riuscito certamente a ridurre la lacuna e ad
aprire il varco per ulteriori approfondimenti interpretativi.
Gli atti riflettono fedelmente larticolazione delle tre giornate, nel corso delle
quali si sono succedute nove sessioni di
lavoro, diventate poi altrettante sezioni
del libro, in grado di coniugare molteplici approcci disciplinari e metodologici
(storico, letterario, artistico, medico-filosofico, giuridico, sociologico, bibliografico, bibliologico) e cos di presentare una
ricca galleria di figure ed esperienze femminili, ricostruire vicende paradigmatiche, mettere a fuoco le problematiche di
genere e, soprattutto, considerarle nella
loro complessit. Il tutto alla luce dei rapporti e delle gerarchie sociali, degli eventi,
delle regole e dei comportamenti, del
clima culturale che si respirava nelle corti,
nei cenacoli, nei luoghi di produzione e
scambio; ma alla luce, anche, di quei
cambiamenti nel costume e nella percezione (e coscienza di s) del mondo femminile, che attraversarono, come un
fiume sotterraneo, un secolo e mezzo di
storia del Mezzogiorno.

Sono quattro i relatori ospitati nella


prima sezione, intitolata La letteratura.
Michele Cataudella si sofferma sui profili e sulle sfortunate vicende coniugali e
familiari di Maria dAvalos ed Eleonora
dEste, rispettivamente prima e seconda
moglie di Carlo Gesualdo, principe dei
musici. Assistiamo qui alla fine del Rinascimento e al tramonto della sua cultura dellarmonia e dellequilibrio. Matteo Palumbo analizza la lingua poetica e
le forme stilistiche delle Rime di Isabella
di Morra, nelle quali lo stile chiamato
a garantire un efficace equilibrio al rapporto fra dimensione individuale delle
passioni e canoni estetici e culturali della
tradizione. Flavia Luise ci mostra come
Tommaso Guardati (Masuccio Salernitano) deplori nel Novellino, attraverso il
racconto realistico di figure e comportamenti femminili e di situazioni amorose,
il degrado morale e i pessimi costumi sociali del Regno di Napoli nella seconda
met del Quattrocento. Infine, Concetta
Ranieri si occupa del prestigioso cenacolo ischitano di Vittoria Colonna e delle
notevoli influenze culturali, artistico/letterarie e religiose che esso esercit sulla
sua formazione intellettuale e sulla sua
poesia.
Nella seconda sezione (Teatro, musica, danza) figurano due relazioni. Tonia
Fiorino sceglie alcune figure della santit
femminile nel Cinquecento meridionale
(la Madonna Addolorata, la Madonna
col Bambino, la Maddalena, Santa
Lucia), verificandone ed esaminandone
la presenza nelle rappresentazioni figurative e religiose, nei riti, nelle processioni.
Nicoletta Mancinelli studia i personaggi
femminili delle commedie tardo-rinascimentali di Giovan Battista Della Porta,

252 Quaderns d'Itali 16, 2011

cogliendone gli elementi di continuit


con le figure tradizionali della Commedia regolare insieme con le sollecitazioni
spettacolari mutuate dalla Commedia
dellArte.
Nella sezione riservata a Le scienze
della natura si avvicendano tre relatrici.
Il primo contributo, di Daniela Castelli,
riconosce nello scritto De puella germanica di Simone Porzio, uscito a Napoli nel
1542, uno dei pi significativi esempi di
cultura medica rinascimentale e di fuoriuscita dalla mistica medievale: il caso di
una ragazza tedesca malata di anoressia
presentato da Porzio in chiave scientifico-naturalistica, di ritorno ai criteri della
medicina ippocratico-galenica e di desacralizzazione del fenomeno anoressico.
Il secondo contributo, di Maria Conforti, prende in esame il ruolo delle ostetriche e delle curanti empiriche nel Regno
di Napoli, evidenziando i ritardi della
ricerca storiografica nel campo delle pratiche di cura femminili e la necessit di
un pi convinto ricorso a una pluralit
di fonti archivistiche, biografiche e bibliografiche. Chiude la sezione Corinna
Bottiglieri, che intorno alla memoria
delle mulieres salernitanae nel tardo Medioevo e nel primo Rinascimento sviluppa un excursus critico, dal quale emergono dapprima i legami dellattivit medica
e paramedica femminile con la Scuola
medica di Salerno, poi gli echi letterari e
mitografici di quelle pratiche, infine i
recenti e persuasivi esiti di un approccio
filologico ai testi di medicina medievale,
in grado di documentare lunicit della
medicina e della cultura salernitana medievale, di cui testimonianza anche
lopera di una donna medico come Trota
(o Trotula).
La sezione Donna e societ laica registra tre interventi. Giovanni Muto evidenzia il carattere sostanzialmente marginale del mondo femminile, e in
particolare della funzione della viceregina, nei cerimoniali di corte e nella vita
pubblica napoletana tra la fine del Cin-

Ressenyes

quecento e gli anni Trenta del Seicento.


Francesco Guardiani mette a confronto
Alcina, la maga seduttrice dellOrlando
furioso (1532), e Falsirena, la maga seduttrice dellAdone (1623), fra loro molto
diverse: nel solco della tradizione omerica
e classica la prima, un personaggio moderno la seconda. laffermarsi del punto di
vista individuale, veicolato dalla crescita
e dalla diffusione della cultura tipografica,
che spiega, secondo lautore, levoluzione
di questo tpos dallAriosto a Giovan Battista Marino. Il lavoro di Franoise Decroisette torna, invece, su Giovan Battista
Della Porta, qui in veste di autore di Penelope (1591) e soprattutto Ulisse (1614),
due opere nelle quali la figura di Penelope
si emancipa dallo stereotipo della sposa
fedele, sottomessa e in paziente attesa,
si eleva a protagonista, si misura con
lorrore tragico.
In convento il titolo della quinta sezione. Lopera di due aristocratiche,
Maria Longo e Fulvia Caracciolo (luna
attiva nelle opere di carit e interprete di
istanze riformatrici nella prima met del
Cinquecento, laltra stupita testimone
dei disagi e delle limitazioni imposte ai
conventi femminili in epoca post-tridentina), consente ad Adriana Valerio di ripercorrere la crisi del Rinascimento a
Napoli tra il 1510 e il 1580; mentre Gabriella Zarri passa in rassegna gli studi
recenti in tema di santit e vita religiosa
femminile nellet rinascimentale e nella
prima et moderna, in particolare dedicati a Caterina da Siena e allidentit
femminile domenicana e francescana. Di
indubbio rilievo rileva lautrice le
ricerche riguardanti i monasteri femminili come centri di cultura.
Non poteva mancare una sezione che
affrontasse Le norme di comportamento.
Ne scrivono Elisa Novi Chavarria, Michle Benaiteau e Mercedes Lpez Surez. La
Chavarria richiama lattenzione sullimportante apporto femminile (delle principesse aragonesi, di Roberta Carafa, di
Silvia Piccolomini) allorganizzazione del

Ressenyes

mecenatismo culturale e allo sviluppo del


collezionismo darte e librario nel Rinascimento napoletano. La Benaiteau fa
notare come gli studi sul genere e sulla
realt sociale delle donne, per quanto riguarda il Mezzogiorno in epoca rinascimentale, scontino molte difficolt, da un
lato per lo scarso numero di testimonianze scritte di mano femminile e dallaltro
per il carattere contraddittorio, convenzionale e non realistico delle informazioni
ricavabili dalla produzione maschile
(opere filosofiche e letterarie, cronache),
con qualche eccezione fra i poeti. La poesia di Laura Terracina largomento centrale della relazione della Lpez Surez: se,
tra concessioni laudative e misoginia, la
trattatistica cinquecentesca maschile sulle
donne fissa codici comportamentali dai
quali risultano di fatto rimossi o sottostimati la dimensione intellettuale e lesercizio della scrittura, nella Napoli di met
secolo le rime di Laura Terracina avviano
una forte rivendicazione di autonomia
e dignit culturale, che anticipa e orienta
i successivi trattati di Modesta Pozzo e
Lucrezia Marinella.
Su Le arti figurative (settima sezione)
intervengono quattro relatori. Paola Zito
propone uno studio sul corredo iconografico delleditoria meridionale dallincunabolistica ai primi anni del XVII
secolo, nel quale corredo (marche, frontespizi, antiporte ecc.) dominante una
rappresentazione allegorica delle figure
femminili, eccezion fatta per alcune vignette di gusto realistico, rintracciabili
soprattutto in prodotti tipografici poveri
e di consumo popolare. Con lobiettivo
di suggerire nuovi percorsi di ricerca, a
fronte di unindubbia carenza di studi
sulla questione, Cettina Lenza indaga il
ruolo delle donne (in qualit di artiste,
committenti, soggetti iconografici)
nellambito della produzione figurativa
napoletana quattro-cinquecentesca. Riesaminando alcune lettere gi edite, e lavorando su altri materiali di archivio, qui
trascritti e pubblicati per la prima volta,

Quaderns d'Itali 16, 2011 253

Gennaro Toscano individua in Costanza


dAvalos figura di primo piano negli
ambienti culturali aragonesi la Contessa di Acerra, destinataria di un ritratto
dellamica Isabella dEste, ritratto da costei commissionato prima ad Andrea
Mantegna e poi a Giovanni Santi. Margherita dAngi Durazzo fu invece personaggio di rilievo e di polso dellagitata
scena politico-diplomatica angioina, ma
anche donna di cultura e committente
darte: Luciana Mocciola relaziona
sullemblema del drago, simbolo di forza,
che la regina fece apporre su alcune delle
sue committenze, con lintento di evocare liconografia di Margherita di Antiochia, santa sua eponima.
Domenico Defilippis, Aurelio Cernigliaro e Isabella Nuovo sono i relatori
della sezione La vita quotidiana. Nel
1534 usciva a Napoli il trattato di vita
nobiliare De re aulica del sessano Agostino Nifo. Defilippis mette in luce le
affinit del secondo libro dellopera,
scritto a beneficio delle donne di corte,
con il fresco modello del Cortegiano, ma
insiste soprattutto sulle differenze tra la
precettistica proposta dal Castiglione per
la corte di Urbino e quella che in Nifo
rispecchia la realt meridionale della
corte di Ferrante Sanseverino a Salerno.
Oggetto dellanalisi di Cernigliaro la
presenza delle figure e delle tematiche
femminili nel diritto e nelle opere giuridiche di area meridionale nellet del
Rinascimento, campo dindagine storiografica complesso e sin qui pochissimo
frequentato. Avvalendosi di pi fonti
letterarie, la Nuovo ricostruisce il percorso evolutivo della condizione femminile (simbolicamente rappresentato nel
passaggio dal fuso al libro) e della normativa comportamentale di riferimento
nella societ aristocratica meridionale
di antico regime.
La donna e il libro la sezione di
chiusura, affidata alle relazioni di Marco
Santoro, Antonella Orlandi, Carmela
Reale, Concetta Bianca, Rosa Marisa

254 Quaderns d'Itali 16, 2011

Borraccini. Il contributo di Santoro


verte sul ruolo e sullimpegno imprenditoriale femminile in campo editoriale,
tipografico e del commercio librario:
nellepoca del libro rinascimentale non
mancarono, anche nel Mezzogiorno,
esempi di donne attive, autonome e capaci, sia in ambito produttivo sia in ambito distributivo. La Orlandi tratta delle
epistole dedicatorie (una componente
peritestuale di primaria importanza del
libro cinque-seicentesco) scritte da
donne o indirizzate a donne. Tornano
qui i nomi di Laura Terracina, di Vittoria Colonna e del circolo ischitano. La
Reale si mette sulle tracce delle presenze
femminili nei repertori bio-bibliografici
meridionali (Capaccio, Toppi, Gimma
ecc.) con riscontri che segnalano un
basso numero di registrazioni, unaltrettanto limitata concessione di spazio al
profilo e alle opere di ciascun personaggio, giudizi sovente inficiati da riserve
moralistiche. Concetta Bianca interviene
sulle letture e sulle biblioteche delle principesse aragonesi: si trattava, prevalentemente, di opere in volgare e di contenuto religioso spiega e di raccolte che
avevano soprattutto carattere di beni pa-

Ressenyes

trimoniali e che, in alcuni casi, erano


parte della dote per il matrimonio. Insistendo a sua volta sul ruolo femminile
nelle professioni del libro, senza lasciarsi
scoraggiare dalla esiguit di fonti e ricerche, la Borraccini delinea alcuni profili di
donne, che (in collaborazione con i mariti o in forma autonoma) gestirono imprese tipografiche o di commercio librario nella Marca Anconitana, a cavallo fra
Cinquecento e Seicento.
La variet dei punti di osservazione e
la densit delle relazioni fanno di questi
atti un prezioso strumento di comprensione di aspetti cruciali della societ e
della cultura napoletana e meridionale
fra epoca tardo-angioina, sessantennio
aragonese e primo secolo di dominazione
vicereale, in linea con gli altri convegni
fino ad oggi meritoriamente organizzati
dallIstituto nazionale di studi sul Rinascimento meridionale.
Da menzionare, per chiudere, lindispensabile indice dei nomi, curato da
Paola Pagano
Giovanni Di Domenico