Sei sulla pagina 1di 100

REFRIGERATORI

AS 201751 FC

M A NU A L E

D I I S TR U Z I O N E E M A NU T E N Z IO N E

38178800199

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Indice

CAPITOLO 1

INDICE
INDICE ................................................................................................................................................. 1
INFORMAZIONI GENERALI ................................................................................................................. 3
2.1
2.2
2.3
2.4
2.5

Terminologie.................................................................................................... 3
Simbologia ....................................................................................................... 3
Come interpretare il modello ........................................................................... 4
Come interpretare i codici................................................................................ 4
Come interpretare la stringa alfanumerica....................................................... 5

DATI TECNICI, PRESTAZIONI E LIMITI DI FUNZIONAMENTO ............................................................ 7


3.1

Prestazioni........................................................................................................ 8

SICUREZZA .......................................................................................................................................... 9
4.1
4.2

Generalit......................................................................................................... 9
Precauzioni generali......................................................................................... 9
4.2.1
4.2.2
4.2.3
4.2.4
4.2.5

4.3

Liquidi da raffreddare ...................................................................................... 9


Precauzioni nel sollevamento e trasporto ...................................................... 10
Precauzioni da osservare nellinstallazione .................................................. 10
Precauzioni durante l'esercizio ...................................................................... 11
Precauzioni per la manutenzione e la riparazione ........................................ 11

Gas refrigeranti .............................................................................................. 12


4.3.1

Scheda di sicurezza refrigeranti ..................................................................... 12

DESCRIZIONE .................................................................................................................................... 15
5.1
5.2

Principio di funzionamento............................................................................ 15
Circuito frigorifero......................................................................................... 15
5.2.1
5.2.2
5.2.3
5.2.4

Compressori ................................................................................................... 15
Condensatori .................................................................................................. 15
Motoventilatori ............................................................................................... 16
Evaporatore .................................................................................................... 16

5.3

Circuito idraulico ........................................................................................... 16

5.4

Gruppo idraulico ............................................................................................ 17

5.3.1
5.4.1
5.4.2

5.5
5.6

Batterie free cooling ....................................................................................... 17


Cofanatura ...................................................................................................... 18
Indice di protezione ........................................................................................ 18

Circuito elettrico ............................................................................................ 18


Dimensioni dingombro ................................................................................. 18

INSTALLAZIONE ................................................................................................................................ 19
6.1
6.2
6.3
6.4
6.5
6.6

Ispezione ........................................................................................................ 19
Localizzazione ............................................................................................... 19
Distanze minime dalle pareti dellambiente di installazione ......................... 19
Protezione antigelo ........................................................................................ 19
Collegamenti idraulici.................................................................................... 20
Collegamenti elettrici..................................................................................... 22

AVVIAMENTO .................................................................................................................................... 23
REGOLAZIONE E CONTROLLO ......................................................................................................... 25
8.1
8.2
8.3

Ventilazione forzata del quadro elettrico....................................................... 25


Resistenza quadro elettrico ............................................................................ 25
Pompa di circolazione.................................................................................... 26

8.4
8.5
8.6
8.7

Riavvio automatico ........................................................................................ 26


Protezione integrale compressore (PI) ........................................................... 26
Manometro acqua .......................................................................................... 26
Pressostati di alta ........................................................................................... 26

8.3.1

8.7.1
8.7.2

8.8
8.9
8.10

Funzione antigelo pompa ............................................................................... 26

Pressostati di alta pressione solo unit AS 201 351 FC .............................. 26


Pressostati di alta pressione solo unit AS 401 751 FC .............................. 27

Trasduttori di pressione ................................................................................. 28


Regolazione velocit ventilatori .................................................................... 28
Pressostato differenziale acqua ...................................................................... 28

CONDUZIONE E MANUTENZIONE ..................................................................................................... 29


9.1

Conduzione .................................................................................................... 29

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Indice

9.2

Manutenzione .................................................................................................29

9.2.1 Accesso ai vani interni della macchina ..........................................................29


9.2.2 Pianificazione dei controlli e della manutenzione .........................................30
RICERCA GUASTI .............................................................................................................................. 31

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Informazioni generali

CAPITOLO 2

INFORMAZIONI GENERALI
2.1

Terminologie

Questo manuale destinato al personale addetto alla installazione, utilizzazione e manutenzione della macchina.
Le macchine descritte in questo manuale saranno successivamente chiamate REFRIGERATORI AD ACQUA O
SEMPLICEMENTE REFRIGERATORI.
Queste macchine sono state progettate per raffreddare una portata dacqua.
Nella maggior parte dei casi il liquido raffreddato ACQUA, e perci questo termine varr utilizzato per
identificare il liquido da raffreddare, anche se diverso (per esempio una miscela di acqua e glicole come prevista da
questa gamma).
Il liquido da raffreddare deve essere compatibile con i materiali utilizzati.
Questa analisi deve essere fatta durante linstallazione della macchina.
Di seguito il termine pressione verr utilizzato per identificare la pressione relativa.
Tutte la parti del manuale importanti per la sicurezza delle persone e delle cose, sono in grassetto e identificate dal
simbolo visibile qui a lato, che apparir anche nelle sezioni inerenti la sicurezza.
ATTENZIONE
Questo manuale fornisce all'utilizzatore, all'installatore e al manutentore tutte le informazioni tecniche richieste
per installare, operare con la macchina ed espletare le operazioni di manutenzione di routine che ne assicurano
una lunga durata.
Se sono necessarie parti di ricambio devono essere utilizzati componenti originali.
Le richieste di queste PARTI DI RICAMBIO e di eventuali INFORMAZIONI riguardanti la macchina devono essere
avanzate al distributore o al pi vicino centro di assistenza fornendo il MODELLO e la MATRICOLA riportati sia
sulla targa della macchina che sulla prima pagina del presente manuale.

2.2

Simbologia

I simboli seguenti appaiono sugli adesivi presenti sulla macchina e sui relativi disegni diingombro e schemi frigo
del manuale:

Ingresso acqua nella macchina

Uscita acqua dalla macchina

Indicazione dellasse a cui


riferirsi nelle operazioni di
sollevamento della macchina

Punto di drenaggio della


macchina

Rischio di folgorazione

Flusso daria di raffreddamento


(solo per le macchine
raffreddate ad aria)

Verso di scorrimento del fluido


frigorigeno

Verso di rotazione della pompa


(se installata) e della ventola

Rischio di ferita dovuta a bordi


taglienti

Rischio di ustioni dovute a


contatto con superfici ad alta
temperatura

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Informazioni generali

Foro da utilizzare per


lintroduzione di sbarre da
adoperare per il sollevamento
della macchina

Presenza di cinghie in
movimento allinterno

Come interpretare il modello

2.3

MODELLO
AS

/ FC

DESCRIZIONE

XXX
Versione della macchina (N, SN o SSN)
Abbreviazione che indica la versione Free Cooling
Numero di circuiti (per tutta la gamma 1)
Potenza nominale dei compressori espressa in HP
Modello Aries

Come interpretare i codici

2.4

/N

Con refrigerante R407C adatti ad una temperatura massima ambiente fino a 44C.
(Dato indicativo: per il valore esatto fare riferimento alle tabelle dei cataloghi tecnici).

/SN

Con refrigerante R407C adatti ad una temperatura massima ambiente fino a 42C.
(Dato indicativo: per il valore esatto fare riferimento alle tabelle dei cataloghi tecnici).
Rispetto alla versione N la rumorosit viene ridotta.

/SSN

Con refrigerante R407C adatti ad una temperatura massima ambiente fino a 39C.
(Dato indicativo: per il valore esatto fare riferimento alle tabelle dei cataloghi tecnici).
Rispetto alla versione SN la rumorosit viene ridotta ulteriormente.

* Temperature massime ambiente riferite ad una temperatura acqua in uscita di 10 C.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Informazioni generali

2.5

Come interpretare la stringa


alfanumerica

La stringa alfanumerica riportata sulla targhetta metallica presente sul frontespizio del presente manuale.

Alcune parti degli schemi frigo e degli schemi elettrici sono


contrassegnate dal simbolo qui a fianco, allinterno del quale
rappresentata una parte della stessa stringa alfanumerica presente sul
manuale.
La casella superiore (X) individua la posizione nella stringa, quella
inferiore (Y) individua il valore assegnato a quella precisa posizione.

Sullimmagine a lato, evidenziata la stringa


alfanumerica vuota; ad ogni posizione della riga
superiore verr associato un valore alfanumerico sulla
riga inferiore (0, 1, 2, A, B, ecc.) e ad ogni carattere
corrisponder una particolare caratteristica della
macchina.
Di seguito viene riportato il significato dei caratteri
che potranno essere utilizzati in ciascuna posizione.

TENSIONE
PERSONALIZZAZIONE
VERSIONE

POS.

VALORE

DESCRIZIONE

400/3/50

2-3

STANDARD

4-5-6

SN

SN

SSN

SSN

REFRIGERANTE

R407C

MINIMA TEMPERATURA
AMBIENTE

STANDARD

-15C

EVAPORATORE

FASCIO TUBIERO

BATTERIA ALETTATA

NO

SI

TERMOSTATICA
ELETTRONICA

10

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Informazioni generali

GRUPPO IDRAULICO

RUBINETTI COMPRESSORI

POS.

VALORE

11

NESSUNO

P2

P2+P2

ACCUMULO + P2

ACCUMULO + P2+P2

P3

P3+P3

ACCUMULO + P3

ACCUMULO + P3+P3

ACCUMULO + P4
(solo AS 201351 FC)

ACCUMULO + SENZA POMPA


(solo AS 201351 FC)

NO

SI

NESSUNA

FILTRI

CONTROLLO ELETTRONICO

A STEP

NO

SI

SI

NO

NO

SEMPLICE

NO

SI

12

PROTEZIONE BATTERIE
CONDENSANTI

13

REGOLAZIONE VENTILATORI

14

CONDENSATORI DI
RIFASAMENTO

15

PHASE MONITOR

16

CONTROLLO REMOTO
RESISTENZA CARTER
COMPRESSORE

17
18

DESCRIZIONE

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Dati tecnici, prestazioni e limiti di funzionamento

CAPITOLO 3

DATI TECNICI, PRESTAZIONI E LIMITI DI


FUNZIONAMENTO
Sulla targa applicata sulla macchina sono indicati i dati tecnici principali.
MODELLO e SIGLA

Identificano la grandezza della macchina (vedi cap. "


Informazioni generali") e il tipo di costruzione che la
contraddistingue.

MANUALE

N di codice di questo manuale.

MATRICOLA

il n di serie o di fabbricazione della macchina.

ANNO COSTRUZIONE

lanno del collaudo finale della macchina.

TENSIONI/FASI/FREQUENZA

Caratteristiche della alimentazione elettrica.

ASSORBIMENTO MAX
I MAX

Corrente assorbita dalla macchina nelle condizioni limite di


funzionamento (temperatura di condensazione e di
evaporazione del refrigerante rispettivamente di 65C =
149F e 10C = 50F).

POTENZA INSTALLATA
P MAX

Potenza assorbita dalla macchina nelle condizioni limite di


funzionamento (temperatura di condensazione e di
evaporazione del refrigerante rispettivamente di 65C =
149F e 10C = 50F).

GRADO DI PROTEZIONE

Grado di protezione dellintera macchina, come definito dalla


norma europea EN 60529.

REFRIGERANTE

Tipo di fluido frigorigeno con cui stata caricata la


macchina.

CARICA REFRIGERANTE

Quantit di fluido frigorigeno caricato nellimpianto.

PRESS. REFRIG. MAX. HP SIDE

Pressione di progetto del circuito frigorifero lato alta


pressione.

PRESS. REFRIG. MAX. LP SIDE

Pressione di progetto del circuito frigorifero lato bassa


pressione.

FLUIDO CIRC. DI UTILIZZO

Fluido raffreddato dalla macchina (normalmente: acqua).

PRESS. ESERCIZIO MAX

Pressione massima di progetto del circuito di utilizzo.

TEMPERATURA MAX.

Temperatura massima di progetto del circuito di utilizzo, da


non confondere assolutamente con la temperatura massima di
esercizio che definita in fase di offerta.

LIVELLO DI PRESSIONE SONORA Livello di pressione sonora in campo libero in condizioni di


irraggiamento emisferico (campo aperto) ad una distanza di 1
m dalla macchina lato condensatori ed a 1.2 m dal suolo.
TEMPERATURA AMBIENTE

Valore minimo e massimo della temperatura dellaria di


raffreddamento.

PESO

Peso approssimativo della macchina prima dell'imballaggio.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Dati tecnici, prestazioni e limiti di funzionamento

Prestazioni

3.1

Le prestazioni del refrigeratore dipendono principalmente dalla portata e temperatura dellacqua refrigerata e dalla
temperatura ambiente.
Questi dati vengono definiti in fase di offerta ed ad essi che bisogna fare riferimento.
Nella tabella seguente sono riportati i valori nominali di resa frigorifera espressa in kW per le varie versioni
previste ad una temperatura dellaria ambiente di 35 C, una temperatura dellacqua in ingresso di 15C, in uscita di
10C e utilizzo di glicole al 30%.

Versioni

Refrigerante

AS 201 FC

AS 251 FC

AS 301 FC

AS 351 FC

AS 401 FC

/N

R407C

50.9

54.7

69.2

80.4

97.9

/SN

R407C

76.4

92.4

/SSN

R407C

76.6

88.1

Versioni

Refrigerante

AS 501 FC

AS 551 FC

AS 601 FC

AS 701 FC

AS 751 FC

/N

R407C

115.3

133.2

145.8

161

177.3

/SN

R407C

108.8

126.8

138.0

152.9

168

/SSN

R407C

108.5

127.7

139.1

146.3

158.7

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Sicurezza

CAPITOLO 4

SICUREZZA
ATTENZIONE
Questo impianto stato progettato per essere sicuro nell'utilizzo a cui stato destinato purch esso sia installato,
messo in esercizio e manutenzionato seguendo le istruzioni contenute in questo manuale.
Esso perci deve essere studiato da qualsiasi persona che desidera installare, utilizzare o manutenzionare
l'impianto.
La macchina contiene componenti elettrici che operano alla tensione di linea ed anche organi in movimento come
motoventilatori e pompe. Esso perci deve essere isolato dalla rete di alimentazione elettrica prima di venire
aperto.
Le operazioni di manutenzione, per cui previsto l' intervento all'interno della macchina, devono essere eseguite
da personale esperto, adeguatamente qualificato, munito delle opportune precauzioni e protezioni (attive e passive
ad es. guanti da lavoro) al fine di poter operare nella massima sicurezza.

4.1

Generalit

Nel maneggiare o manutenzionare la macchina e gli equipaggiamenti ausiliari, il personale deve operare in modo
sicuro e osservare le prescrizioni concernenti la sicurezza e la salute del luogo di installazione.
Molti incidenti che avvengono durante l'esercizio e la manutenzione delle macchine sono il risultato di una
inosservanza delle regole o precauzioni di sicurezza basilari. Un incidente pu spesso essere evitato riconoscendo
una situazione che potenzialmente pericolosa.
L'utilizzatore deve assicurarsi che tutto il personale che ha a che fare con l'esercizio e la manutenzione della
macchina e delle apparecchiature ausiliarie abbia letto e capito tutti gli avvertimenti, cautele, proibizioni e note
riportate sul presente manuale e sulla macchina.
Un esercizio o manutenzione impropria della macchina e delle apparecchiature ausiliarie potrebbe essere pericoloso
e provocare un incidente anche mortale.
Non operare con la macchina e le apparecchiature ausiliarie finch le istruzioni relative all'avviamento e
all'esercizio non siano state chiaramente capite dal personale coinvolto.
Non eseguire nessun lavoro di manutenzione o riparazione finch le istruzioni riportate nel presente manuale
siano state chiaramente capite dal personale coinvolto.
Non possono essere previste tutte le possibili circostanze che potrebbero rappresentare un potenziale pericolo per le
persone. Le note relative alla sicurezza di questo manuale, perci, non esauriscono tutto. Se l'utilizzatore impiega
delle procedure operative, degli strumenti o metodi di lavoro che non sono specificatamente raccomandati egli deve
assicurare che la macchina e le apparecchiature ausiliarie non saranno danneggiate o rese insicure e che non ci
saranno rischi per le persone e le cose.

4.2
4.2.1

Precauzioni generali
Li q u id i d a ra f f re d d a r e

I liquidi da raffreddare devono essere compatibili con i materiali utilizzati.


Essi possono essere ad es. acqua o miscele di acqua e glicole etilenico.
Si consiglia di aggiungere allacqua degli additivi chimici anticorrosivi e di operare con pH compresi fra 7e8.
Anche nel caso di miscele glicolate luso di additivi chimici appropriati (rivolgersi al fornitore del glicole) molto
importante per proteggere i materiali della macchina da possibili fenomeni corrosivi causati dal degrado chimico
cui il glicole soggetto.
Luso di questi additivi chimici necessario quando lunit fa parte di un circuito idraulico aperto in almeno un punto
allatmosfera. Infatti, in questo caso, il continuo apporto di ossigeno alimenta le possibili reazioni corrosive
allinterno della macchina.
I liquidi da raffreddare non devono essere infiammabili.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

10

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Sicurezza

Se i liquidi da raffreddare non possono essere scaricati nelle fognature a causa della presenza di sostanze pericolose
(ad es. come il glicole etilenico) la macchina deve essere installata in un luogo dotato di un sistema di raccolta
delleventuale liquido fuoriuscito da una zona di perdita senza che questo arrivi alle fognature. Questo sistema di
raccolta deve poter contenere tutto il volume di liquido del circuito idraulico.
Inoltre, quando la macchina non verr pi utilizzata, si dovr provvedere allo smaltimento dei liquidi pericolosi
affidandoli a ditte specializzate e autorizzate al loro trattamento.

4.2.2

Pr e ca u z i o n i n e l sol l ev am e n t o e t r as p o r t o

Evitare situazioni pericolose quando si utilizza un montacarichi per sollevare oggetti pesanti. Controllare che tutte
le catene, ganci, anelli e cinghie siano in buone condizioni e di capacit adeguata. Essi devono essere testati e
approvati in accordo ai regolamenti sulla sicurezza vigenti nel luogo di installazione. Cavi, catene o funi non
devono mai essere applicati direttamente a occhielli di sollevamento. Utilizzare sempre un anello o uncino
posizionato correttamente. Fare in modo che i cavi di sollevamento non formino curve troppo strette.
Utilizzare una barra per evitare carichi laterali su ganci e occhielli. Quando un carico sollevato da terra bisogna
restare lontani dall'area sottostante e circostante. Mantenere le accelerazioni e la velocit di sollevamento entro
limiti di sicurezza e non lasciare mai un carico appeso ad un montacarichi pi a lungo di quanto necessario.
La movimentazione dalla macchina deve essere eseguita in accordo agli schemi riportati nellallegato.

4.2.3

Pr e ca u z i o n i d a o ss e rv a re n el l i n st al l az i o n e

Il lavoro di installazione deve essere eseguito da personale competente diretto da un supervisore qualificato.
Vedi disegni dingombro.
La linea di alimentazione elettrica della macchina deve essere protetta da apparecchiature che devono essere scelte
ed installate dall'utilizzatore sulla base dei dati riportati nello schema elettrico e nel paragrafo "6.6 Collegamenti
elettrici".
Se la macchina collegata ad un circuito idraulico di tipo chiuso dotato di un sistema di alimentazione automatico e
la pressione del sistema di alimentazione supera la pressione massima di esercizio della macchina necessario
installare un dispositivo limitatore di pressione (ad. es. una valvola di sicurezza che interviene ad una pressione
inferiore alla pressione massima di esercizio della macchina e posta in vicinanza dellattacco di ingresso).
Tutte le tubazioni dellacqua refrigerata o acqua di raffreddamento devono essere dipinte o chiaramente marcate in
accordo alle prescrizioni locali di sicurezza del luogo di installazione.
Prevedere delle valvole manuali di intercettazione della macchina per permetterne lesclusione dal circuito idraulico
in caso di manutenzione.
Tutte le connessioni elettriche devono essere conformi alle prescrizioni locali del luogo di installazione.
La macchina e le apparecchiature ausiliarie devono essere messe a terra e protette contro i corto circuiti e i
sovraccarichi.
Se sono necessarie delle piattaforme rialzate per accedere alla macchina esse non devono interferire con le normali
operazioni o ostruire l'accesso per il sollevamento o lo smontaggio dei componenti. Le piattaforme e le scale devono
essere grigliate o lastricate e devono avere ringhiere di sicurezza su tutti i lati aperti.
Se la macchina installata allaperto fare in modo che non sia direttamente esposto a venti di intensit molto forte.
Essi infatti possono essere pericolosi per due motivi:

potrebbero ridurre la stabilit della struttura metallica della macchina e potrebbero danneggiare
lancoraggio dei pannelli della cofanatura;
potrebbero influenzare negativamente le prestazioni del condensatore.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Sicurezza

4.2.4

Pr e ca u z i o n i d ura n t e l 'e se r ci z i o

L'esercizio della macchina deve essere seguito da personale competente diretto da un supervisore qualificato.
Non rimuovere o manomettere i dispositivi di sicurezza, le protezioni o i materiali di isolamento installati nella
macchina o negli apparecchi ausiliari.
Quando l'interruttore generale viene chiuso il voltaggio nel circuito elettrico raggiunge valori letali per cui, se
necessario eseguire dei lavori sul circuito elettrico, devono essere prese le massime precauzioni.
Non superare i valori di portata del liquido da raffreddare segnalati nel paragrafo "6.5 Collegamenti
idraulici".

4.2.5

Pr e ca u z i o n i p er l a m an u t enz i o n e e l a r i p ar a z i o n e

La manutenzione, la revisione e la riparazione della macchina devono essere eseguiti da personale competente
diretto da un supervisore qualificato.
ATTENZIONE
Durante il funzionamento normale della macchina, le superfici non coibentate dei componenti del circuito
frigorifero presenti allinterno del vano compressori, possono raggiungere temperature elevate che rimangono tali
anche nei minuti successivi allo spegnimento della macchina stessa.
Questo crea un potenziale pericolo di ustioni per chi deve accedere allinterno della macchina.
Quando si devono scaricare materiali di scarto assicurarsi di non inquinare condotti o corsi d'acqua e che non
vengano bruciati materiali che possono inquinare l'aria.
Utilizzare solo metodi di stoccaggio adeguati e rispettosi dell'ambiente.
Se sono necessarie parti di ricambio utilizzare solo pezzi originali.
Tenere un rapporto scritto di tutti gli interventi eseguiti sulla macchina e le apparecchiature ausiliarie.
La frequenza e la natura del lavoro richiesto in un certo periodo pu rivelare condizioni di esercizio anormali che
dovrebbero essere corrette.
Utilizzare solo il gas refrigerante specificato sulla targa della macchina.
Assicurarsi che tutte le istruzioni concernenti l'esercizio e la manutenzione siano strettamente seguite e che l'intera
unit con tutti gli accessori e i dispositivi di sicurezza sia mantenuta in un buon ordine funzionale.
L'accuratezza dei misuratori di temperatura e pressione deve essere controllata regolarmente.
Essi devono essere sostituiti quando vengono superate le tolleranze accettabili.
Tenere sempre la macchina pulita.
Proteggere i componenti e le aperture esposte coprendole ad es. con stracci puliti durante il lavoro di manutenzione
e riparazione.
Non saldare o eseguire mai qualsiasi operazione che produca calore vicino a un sistema contenente olio o liquidi
infiammabili.
I sistemi che possono contenere olio o liquidi infiammabili devono essere completamente scaricati e puliti, ad es.
con vapore d'acqua, prima di eseguire tali operazioni.
Non eseguire mai saldature o comunque modificare, un recipiente che pu essere messo in pressione.
Per prevenire un aumento delle temperature e pressioni di esercizio verificare e pulire le superfici di scambio
termico (ad es. le alette dei condensatori) regolarmente.
Per ogni unit stabilire un conveniente intervallo di tempo per le operazioni di pulizia.
Evitare di danneggiare le valvole di sicurezza e gli altri dispositivi limitatori di pressione.
Evitare di ostruire questi organi con vernice, olio o accumulo di sporcizia.
Devono essere prese precauzioni quando si eseguono saldature o operazioni di riparazione che generano calore,
fiamme o scintille.
I componenti nelle vicinanze devono essere protetti con materiale non infiammabile e se l'operazione deve essere
condotta vicino a parti del sistema di lubrificazione o vicino a componenti che possono contenere olio o liquidi
infiammabili, il sistema deve essere prima spurgato.
Non utilizzare mai una sorgente di luce come una fiamma libera per ispezionare le parti di una macchina.
Prima di smantellare le parti di una macchina assicurarsi che tutte le parti mobili e pesanti siano fissate.
AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

11

12

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Sicurezza

Quando una riparazione stata completata assicurarsi che nessun attrezzo, parti sciolte o stracci siano lasciati nella
macchina.
Controllare la direzione di rotazione dei motori elettrici (motoventilatori, compressori con alimentazione trifase)
quando si avvia la macchina per la prima volta dopo un intervento sulle connessioni elettriche o sul dispositivo di
sezionamento della alimentazione.
Tutte le protezioni devono essere reinstallate dopo una manutenzione o riparazione.
Non utilizzare liquidi infiammabili per pulire dei componenti durante l'esercizio della macchina.
Se vengono utilizzati per la pulizia idrocarburi contenenti cloro non infiammabili devono essere prese tutte le
precauzioni di sicurezza contro i vapori tossici che possono essere rilasciati.
Prima di rimuovere qualsiasi pannello di protezione del quadro elettrico o smontare qualsiasi sua parte eseguire le
seguenti operazioni:

4.3

Isolare lunit dall'alimentazione elettrica principale agendo a monte del cavo di alimentazione.
Bloccare il sezionatore nella posizione di OFF mediante lucchetto e rimuovere i fusibili se presenti.
Attaccare una etichetta sulla manovra del sezionatore e mettere un cartello con l'avvertenza LAVORI
IN CORSO - NON METTERE IN TENSIONE. Non agire sull'interruttore dell'alimentazione elettrica
o tentare di far partire la macchina se c' un cartello di avvertimento attaccato.

Gas refrigeranti

Le macchine sono caricate con R407C.


Non sostituire o mescolare mai il gas refrigerante con uno di altro tipo.
Per pulire un circuito frigorifero pesantemente contaminato, ad es. dopo la bruciatura di un compressore,
necessario che il lavoro sia svolto da un esperto frigorista.
L'uso e lo stoccaggio di bombole contenenti gas frigorigeni deve essere in accordo alle raccomandazioni dei
produttori di queste bombole e in accordo alle leggi e prescrizioni sulla sicurezza vigenti sul luogo di installazione.

4.3.1

Sc hed a di si cur e z z a r e fr i ger a nti


R407C

Denominazione:

23% Difluorometano (R32);


25% Pentafluoroetano (R125);
52% R134a
INDICAZIONE DEI PERICOLI

Maggiori pericoli:
Pericoli specifici:

Asfissia
la rapida evaporazione pu causare congelamento.
MISURE DI PRONTO SOCCORSO

Informazione generale:
Inalazione:

Non somministrare alcunch a persone svenute.


trasportare all'aria aperta. Ricorrere all'ossigeno o alla respirazione
artificiale se necessario. Non somministrare adrenalina o sostanze similari.

Contatto con gli occhi:

sciacquare accuratamente con acqua abbondante per almeno 15 minuti e


rivolgersi ad un medico.

Contatto con la pelle:

Lavare subito abbondantemente con acqua. Togliersi di dosso


immediatamente gli indumenti contaminati.
MISURE ANTINCENDIO

Mezzi di estinzione:

qualunque.

Pericoli specifici:

aumento della pressione.

Metodi specifici:

raffreddare i contenitori con spruzzi d'acqua.


MISURE IN CASO DI FUORIUSCITA ACCIDENTALE

Precauzioni individuali:

evacuare il personale in aree di sicurezza. Prevedere una ventilazione


adeguata. Usare mezzi di protezione personali.

Precauzioni ambientali:

evapora.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Sicurezza

Metodi di pulizia:

evapora.
MANIPOLAZIONE E STOCCAGGIO

Manipolazione
misure/precauzioni tecniche:

assicurare un sufficiente ricambio di aria e/o unaspirazione negli ambienti


di lavoro.

consigli per lutilizzo sicuro:


Stoccaggio

Non respirare vapori o aerosol.


Chiudere accuratamente e conservare in un luogo fresco, asciutto e ben
ventilato. Conservare nei contenitori originali. Prodotti incompatibili:
esplosivo, materiali infiammabili, Organic peroxide

CONTROLLO DELLA ESPOSIZIONE/PROTEZIONE INDIVIDUALE


Parametri di controllo:

AEL (8-h e 12-h TWA) = 1000 ml/m3 per ciascuno dei tre componenti.

Protezione respiratoria:

per il salvataggio e per lavori di manutenzione in serbatoi usare un apparato


respiratore autonomo. I vapori sono pi pesanti dell'aria e possono
provocare soffocamento riducendo l'ossigeno disponibile per la
respirazione.

Protezione degli occhi:

occhiali di sicurezza.

Protezione delle mani:

guanti di gomma.

Misure di igiene:

non fumare.
PROPRIET FISICHE E CHIMICHE

Colore:

incolore.

Odore:

simile all'etere.

Punto di ebollizione:

-43.9C a press. atm.

Punto di accensione:

non si infiamma.

Densit relativa:

1.138 kg/l a 25C.

Solubilit nellacqua

trascurabile.
STABILIT E REATTIVIT

Stabilit:

nessuna reattivit se impiegato con le apposite istruzioni.

Materie da evitare:

metalli alcalini, metalli alcalino terrosi, sali di metallo granulato, Al, Zn,
Be, ecc. in polvere.

Prodotti di decomposizione
pericolosi:

acidi alogeni, tracce di alogenuri di carbonile.


INFORMAZIONI TOSSICOLOGICHE

Tossicit acuta:

(R32) LC50/inalazione/4 ore/su ratto >760 ml/l


(R125) LC50/inalazione/4 ore/su ratto >3480 mg/l
(R134a) ALC/inalazione/4 ore/su ratto = 567 ml/l.

Effetti locali:

concentrazioni sostanzialmente al di sopra del TLV possono causare effetti


narcotici. Inalazione di prodotti in decomposizione ad alta concentrazione
possono causare insufficienza respiratoria (edema polmonare).

Tossicit a lungo termine:

non ha mostrato effetti cancerogeni, teratogeni o mutageni negli esperimenti


su animali.
INFORMAZIONI ECOLOGICHE

Potenziale di riscaldamento
globale HGWP (R11=1):

R125: 0.84 - R134a: 0.28

Potenziale di depauperamento
dell'ozono ODP (R11=1):

0
CONSIDERAZIONI SULLO SMALTIMENTO
utilizzabile con ricondizionamento.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

13

14

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Sicurezza

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Descrizione

CAPITOLO 5

DESCRIZIONE
5.1

Principio di funzionamento

Tutte le macchine descritte in questo manuale lavorano sulla base dello stesso principio.
I chiller della serie ARIES con Free Cooling sono unit monoblocco condensate ad aria, con ventilatori elicoidali,
compressori Scroll e batterie alettate dedicate al Free Cooling per il raffreddamento dell'acqua di processo.
Il sistema Free Cooling utilizzato quando la richiesta di carico frigorifero persiste anche durante i mesi freddi o
comunque quando la temperatura ambiente inferiore alla temperatura dell'acqua di processo in ingresso chiller. In
tal modo, l'acqua di processo raffreddata, parzialmente o totalmente, sfruttando la bassa temperatura ambiente,
permettendo sensibili risparmi energetici (fermata parzializzata o totale dei compressori frigo e relativi ventilatori
di condensazione).
Le batterie per il Free Cooling, hanno ventilatori assiali dedicati, ovvero in tutte le macchine vi sono due file di
ventilatori con funzionamento separato, una fila per la batteria condensante e l'altra per le batterie del Free Cooling.
Il circuito frigorifero, che singolo per tutta la gamma, raffredda una portata dacqua grazie allutilizzo di un
scambiatore di calore a fascio tubiero nel quale, da un lato avviene levaporazione del fluido refrigerante e dallaltro
scorre il liquido da raffreddare.
I compressori frigoriferi sono comandati da una centralina elettronica.

5.2

Circuito frigorifero

Vedere allegati
Le unit ARIES FREE COOLING sono unit bicompressore monocircuito refrigerante.
Il refrigerante allo stato gassoso viene compresso dai compressori e pompato al condensatore.
Qui il gas condensa scambiando calore con laria ambiente.
Ne esce allo stato liquido.
Dopo aver attraversato il filtro deidratatore e la spia di flusso, il liquido viene laminato dalla valvola termostatica ed
entra nellevaporatore.
Qui scambia calore evaporando e raffreddando lacqua di processo.
Tornato allo stato gassoso, viene aspirato dai compressori ed il ciclo si ripete.
Riportiamo di seguito informazioni relative ai componenti delle macchine standard.
E possibile che per soddisfare esigenze particolari siano impiegati componenti diversi dallo standard.
In questo caso necessario fare riferimento ai dati dellofferta.

5.2.1

Co m p r es sor i

I compressori utilizzati sono di tipo SCROLL. Sono dotati di protezione integrale contro le sovratemperature degli
avvolgimenti del motore elettrico, valvola di non ritorno in mandata e by-pass tra aspirazione e mandata.
Su richiesta possono essere forniti di rubinetti sulla tubazione di aspirazione e di mandata.
Nelle macchine con due compressori (per circuito), ciascun circuito dotato di tubo di equalizzazione dellolio.
I compressori sono montati su antivibranti in gomma e alloggiati in un vano compressori, nelle versioni silenziate
(SN e SSN) tale vano isolato acusticamente da un materassino fonoassorbente.

5.2.2

Co n d e n sa t o r i

I condensatori sono scambiatori di calore del tipo a pacco alettato e sono attraversati dal flusso daria prodotto da
pi motoventilatori. I tubi sono in rame e le alette in alluminio.Le spalle sono in acciaio al carbonio zincato.Il
circuito frigo comprende una batteria condensante e la propria fila di ventilatori.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

15

16

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Descrizione

5.2.3

Motov ent i la tor i

I ventilatori di tipo assiale sono costituiti da una ventola di alluminio pressofuso a profilo a falce. Il grado di
protezione dei ventilatori IP54. Tutti i ventilatori hanno classe di isolamento F per assicurare il funzionamento
allesterno con tutti i climi. Completa il montaggio un boccaglio in lamiera zincata sagomato aerodinamicamente e
griglie di protezione antinfortunistica a valle del flusso daria.

5.2.4

Ev apo ra tor e

Le unit possono essere dotate o di evaporatore a batteria alettata o di evaporatore a fascio tubiero.
A batterie alettata dal modello AS 201 FC al AS 301 FC:
Gli evaporatori sono del tipo a pacco alettato con tubi in rame ed alette in alluminio; l'acqua scorre a contatto con la
superficie alettata, mentre il fluido refrigerante scorre all'interno dei tubi. Per tale ragione, questi modelli hanno
sempre il serbatoio di accumulo.
A fascio dal modello AS 351 FC al AS 751 FC:
Levaporatore costituito da uno scambiatore a fascio tubiero a U in cui il fluido refrigerante proveniente dal
circuito frigo evapora sottraendo calore allacqua da refrigerare che scorre lato fasciame.
Mantello, piastra tubiera e testate sono in acciaio al carbonio, i tubi sono in rame e i diaframmi in ottone.
Gli attacchi acqua sono del tipo filettato dal modello AS 201 FC al modello AS 601 FC.
A partire dal modello AS 701 FC sono invece di tipo Victaulic.
Essi sono facilmente raggiungibili dallesterno del refrigeratore.
previsto un rubinetto per facilitare lo scarico dellacqua in esso contenuta quando si vuole vuotare limpianto (si
veda capitolo " Conduzione e manutenzione").
L'evaporatore protetto dal pericolo di ghiacciamento causato da basse temperature di evaporazione dalla funzione
antigelo della centralina elettronica che controlla la temperatura di uscita dell'acqua.
Inoltre, dal modello AS 351FC, ogni evaporatore porta montato un pressostato differenziale che protegge
l'evaporatore stesso dalla mancanza di flusso d'acqua.
ATTENZIONE
La portata di fluido che scorre lato fasciame non deve superare i valori segnalati nella tabella riportata nel
paragrafo "6.5 Collegamenti idraulici".

Circuito idraulico

5.3

Il circuito idraulico prevede i seguenti componenti:

Evaporatore
Attacchi in/out acqua di processo del tipo victaulic o filettati
Valvola a tre vie motorizzata con comando proporzionale per la commutazione del circuito idrico da
Normale a Free-Cooling
Batterie free-cooling
Valvole automatiche per lo sfiato dell'aria
Rubinetti per lo scarico acqua dall'impianto

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE

5.3.1

BATTERIA FREE
COOLING

BATTERIA
CONDENSANTE

Descrizione

Bat te ri e fr ee cool i ng

Sono batterie a pacco alettato costituite da tubi e collettori in rame ed alette in alluminio.
Tutti i tubi delle batterie sono internamente lisci, mentre le alette sono turbolenziate.
Le batterie sono dotate, nei collettori di ingresso ed uscita, di sfiatatori manuali per lo sfiato dell'aria durante il
caricamento del circuito, e di rubinetti di scarico per lo svuotamento delle stesse.

Gruppo idraulico

5.4

UNIT AS 201301 FC
Le unit in considerazione sono sempre dotate di serbatoio, in quanto presente allinterno dello stesso la batteria
alettata dellevaporatore. Su richiesta pu essere installata la pompa P2 o P4.
UNIT AS 351751 FC
Le macchine su richiesta possono essere dotate di gruppo idraulico installato a bordo macchina. Questo costituito
da pompa centrifuga e serbatoio daccumulo.
Sono presenti, inoltre, i seguenti accessori:

vaso despansione
valvola di sicurezza acqua
valvola automatica di sfiato aria
valvola di svuotamento
manometro acqua sulla mandata della pompa

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

17

18

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Descrizione

gruppo automatico di caricamento composto da:


riduttore di pressione
manometro
rubinetto di intercettazione.
Le macchine su richiesta possono essere dotate di pompa a pi alta prevalenza.

5.4.1

Cofa nat ur a

La cofanatura realizzata con pannelli zincati e verniciati con resine poliesteri.

5.4.2

In d i c e d i p r o t e z io n e

Lindice di protezione dellintera macchina IP54 con classe di isolamento F per assicurare il funzionamento
allesterno con tutti i climi.

5.5

Circuito elettrico

Lo schema elettrico riportato nei disegni allegati.

5.6

Dimensioni dingombro
Vedere allegati

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Installazione

CAPITOLO 6

INSTALLAZIONE
ATTENZIONE
Prima di eseguire linstallazione o di operare su queste macchine, assicurarsi che tutto il personale abbia letto e
capito il capitolo " Sicurezza" di questo manuale.

6.1

Ispezione

Immediatamente dopo aver liberato la macchina dallimballo verificare che non presenti danneggiamenti.

6.2

Localizzazione
1. La macchina pu essere installata sia allaperto che in un luogo chiuso.
2. Se installata in un luogo chiuso il locale deve essere ben ventilato. In alcuni casi pu essere necessario
installare ventilatori o estrattori nel locale per limitarne la temperatura.
3. Laria ambiente deve essere pulita e non contenere gas infiammabili o solventi.
4. La temperatura ambiente minima e massima di esercizio sono specificate sulla targa della macchina. In
condizioni estreme di temperatura possono intervenire dei dispositivi di protezione.
5. La macchina pu essere posizionata su una qualsiasi superficie piana che ne possa sopportare il peso.
6. Lasciare circa 1 metro intorno alla macchina per permettere laccesso durante le operazioni di servizio
(vedere Allegati).
7. Non ostruire o disturbare il flusso dellaria di scambio termico del condensatore. Laria deve entrare nella
macchina attraverso le batterie alettate dei condensatori per essere espulsa all'esterno attraverso i
ventilatori. Posizionare la macchina in modo che laria di scambio termico non possa ricircolare nelle
griglie di aspirazione. Assicurarsi che essa non sia investita dallaria calda proveniente dai sistemi di
raffreddamento di altre macchine.
8. Non installare la macchina in un luogo dove il vento pu essere di pericolosa intensit.

6.3

Distanze minime dalle pareti


dellambiente di installazione
Vedere allegato

6.4

Protezione antigelo

Per la gamma Aries free-cooling le prestazioni sono espresse tenendo in considerazione come fluido, una miscela di
acqua e glicole al 30%.
Le percentuali di glicole possono essere cambiate ma MTA sconsiglia comunque lutilizzo di sola acqua per
prevenire fenomeni di ghiacciamento e rotture di evaporatori e batterie free-cooling

T min. ambiente
[C]

Glicole Etilenico
[in volume]

<0

10

-5

15

-10

20

-15

30

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

19

20

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Installazione

In funzione della temperatura di uscita dellacqua refrigerata necessario, per evitare la formazione di ghiaccio,
l'aggiunta di antigelo (glicole etilenico) nelle seguenti percentuali:

T min. uscita acqua


[C]

Glicole Etilenico
[in volume]

<5

10

15

-5

20

-15

35

Collegamenti idraulici

6.5

La macchina dotata di attacchi filettati o di tipo Victaulic (vedi disegno sotto).


1. Collegare la macchina alle tubazioni dell'acqua come indicato nel disegno sottostante.
2. Prevedere due rubinetti (uno in ingresso e uno in uscita) per escludere la macchina in caso di
manutenzione senza dover svuotare il circuito dell'acqua dell'utilizzatore.
3. Se la macchina non dotata di pompa assicurarsi che la pompa installata dallutilizzatore abbia
laspirazione direttamente collegata allunit in modo che la pressione lato fasciame nellevaporatore non
sia troppo elevata.

A ganasce di serraggio
B guarnizione di tenuta
C tronchetto a saldare
D tronchetto evaporatore

ATTACCO TIPO VICTAULIC


AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Installazione

Limpianto idraulico deve essere dimensionato in modo tale che nella macchina non affluisca acqua con valori di
pressione superiori al valore di targa e portate superiori a quelle esposte nella tabella seguente:

EVAPORATORE
Portata massima [m3/h]
AS 201 FC

18

AS 251 FC

18

AS 301 FC

27

AS 351 FC

21

AS 401 FC

21

AS 501 FC

25

AS 551 FC

30

AS 601 FC

30

AS 701 FC

41

AS 751 FC

41

NOTA
Per il corretto funzionamento suggerito l'installazione di un filtro acqua da collegare alla tubazione di ingresso
macchina per evitare lingresso di particelle solide che possono danneggiare le tenute delle pompe.
La mancata osservanza di questa prescrizione pu essere la causa di danni irreparabili all'evaporatore.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

21

22

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Installazione

Collegamenti elettrici

6.6

Il collegamento della macchina alla rete di alimentazione elettrica deve essere realizzato in conformit alle leggi ed
alle prescrizioni vigenti nel luogo di installazione.
Il voltaggio, la frequenza ed il numero di fasi devono essere conformi a quanto riportato sulla targa della macchina.
La tensione di alimentazione non deve, neppure per brevi periodi, essere fuori dalle tolleranze riportate sullo
schema elettrico. Salvo diversa indicazione, la tolleranza sulla frequenza pari a +/-1% del valore nominale (+/-2%
per brevi periodi).
Nel caso di alimentazione trifase, la tensione deve essere simmetrica (valori efficaci delle tensioni ed angoli di fase
fra fasi consecutive uguali fra loro).

In particolare, salvo diversa indicazione, il max squilibrio ammesso fra le

tensioni di fase pari al 2%, calcolato per ciascuna fase secondo la formula

Max differenza della tensione di fase dalla Vavg


100
Vavg
Vavg= media delle tensioni di fase
Il conduttore di fase e quello di neutro non devono essere scambiati fra loro.

Per lalimentazione elettrica:


1.
2.

E collegare la macchina (terminale PE nel quadro elettrico) allimpianto di terra delledificio.


E garantire linterruzione automatica dellalimentazione in caso di guasto dellisolamento (protezione

contro i contatti indiretti secondo le prescrizioni della norma IEC 60364) mediante dispositivo a corrente
differenziale (normalmente con corrente nominale dintervento pari a 0,03 A).
3. assicurare allorigine del cavo di alimentazione una protezione contro i contatti diretti pari ad almeno
IP2X o IPXXB (riferimento CEI EN 60529).
4. installare allorigine del cavo di alimentazione un dispositivo che protegga lo stesso dalle sovracorrenti
(cortocircuito) (vedere indicazioni nello schema elettrico).
5. utilizzare conduttori che portino la max corrente richiesta alla max temperatura ambiente di
funzionamento, secondo il tipo di installazione scelto (IEC 60364-5-523) (vedere indicazioni nello
schema elettrico).
Indicazioni nello schema elettrico:

massima taglia ammessa del fusibile tipo gG.


In generale, i fusibili possono essere sostituiti da un interruttore automatico regolato sulla max
corrente assorbita dalla macchina (contattare il costruttore se necessario)
sezione e tipo di cavo di alimentazione (se non gi fornito):
installazione: conduttori isolati o cavo multipolare in condotto in aria o sopra muratura (tipo C secondo
IEC 60364-5-523 1983) nessun altro cavo a contatto
temperatura di esercizio: la max temperatura ambiente di esercizio della macchina
tipo di cavo: conduttori di rame, isolamento in PVC da 70C (se non specificato) o isolamento in EPR
da 90C
Per la verifica del corretto collegamento della macchina alla rete elettrica vedi capitolo " Avviamento".

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Avviamento

CAPITOLO 7

AVVIAMENTO
ATTENZIONE
Prima di procedere con lavviamento di queste macchine, assicurarsi che tutto il personale abbia letto e capito il
capitolo " Sicurezza" di questo manuale.
1. Controllare che le valvole di intercettazione della macchina siano aperte.
2. Se il circuito idraulico di tipo chiuso controllare che sia stato installato un vaso di espansione di capacit
adeguata.
3. Controllare che la temperatura ambiente sia compresa nei limiti indicati sulla targa della macchina.
4. Controllare che linterruttore generale sia nella posizione di apertura (O).
5. Controllare che la tensione di alimentazione sia corretta.
6. Agire sul dispositivo di protezione della linea di alimentazione per dare tensione alla macchina.
7. Agire sullinterruttore generale della macchina mettendolo in posizione di chiusura (I).
La presenza della tensione di rete garantita dallaccensione del led e dallattivazione del display del
pannello di controllo (vedi manuale pCO allegato).
8. Modelli senza pompa:
prima di accendere la macchina accertarsi che la pompa del circuito dellacqua sia in funzione e ci sia
flusso dacqua attraverso levaporatore.
9. Modelli con rubinetti di mandata sui compressori:
Accertarsi che i rubinetti di mandata dei compressori siano aperti.
10.Premere i tasti g +

h per avviare la macchina. La pompa, se installata, parte subito.

Dopo un ritardo impostato sulla scheda elettronica (vedi nel manuale pCO allegato) il compressore
frigorifero partir. Al primo avviamento dopo pi giorni di fermata, dopo aver messo linterruttore
generale in posizione di chiusura (I), attendere almeno 4 ore prima di avviare la macchina con il
pulsante ON/OFF della scheda (se sono presenti le resistenze carter compressori).
11.Compressori, pompa e ventilatori hanno un solo senso di rotazione corretto.
Se un compressore SCROLL non gira nel senso corretto, il suo funzionamento molto rumoroso e
non effettua compressione.
Un ventilatore gira in senso corretto se aspira laria dallinterno della macchina. Le macchine sono
fabbricate e collaudate in modo tale che i tre componenti suddetti abbiano senso di rotazione concorde.
Perci, se un componente gira nel verso corretto, anche gli altri sono correttamente connessi.
Verificare il senso di rotazione di ciascuno dei componenti sopracitati al primo avvio e dopo ogni
intervento di manutenzione. Nel caso si riscontrasse il non corretto senso di rotazione di tutti i
componenti, invertire due delle fasi ai morsetti principali di alimentazione del quadro elettrico. Se,
invece, si riscontrasse che uno o pi di un componente non correttamente connesso, eseguire tale
operazione ai morsetti del/i contattore/i corrispondente/i (vedi schema elettrico allegato).
12.Se alla prima partenza la temperatura ambiente elevata e la temperatura dellacqua del circuito
idraulico molto superiore al valore di lavoro (ad es. 25-30C) significa che il refrigeratore parte
sovraccaricato con conseguente possibile intervento delle protezioni. Per ridurre questo sovraccarico si
pu chiudere progressivamente (ma non del tutto!) una valvola in uscita dal refrigeratore per ridurre
la portata dacqua che lo attraversa. Man mano che la temperatura dellacqua nel circuito idraulico
raggiunge il valore di lavoro aprire la valvola.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

23

24

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Avviamento

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Regolazione e controllo

CAPITOLO 8

REGOLAZIONE E CONTROLLO
8.1

Ventilazione forzata del quadro elettrico

Tutte le macchine sono provviste di un sistema termostatato di ventilazione del quadro elettrico.
La ventola di circolazione comandata da un termostato presente allinterno del quadro elettrico e si attiva quando
la temperatura, dellambiente allinterno del quadro elettrico, supera il setpoint del termostato.
Stato del ventilatore quadro elettrico

ON

OFF

Temperatura di

Temperatura interna
al quadro elettrico

DIFFERENZIALE (Fisso) SETPOINT

Il setpoint pari a 40C.


Il differenziale, del valore di 4C, fisso.

8.2

Resistenza quadro elettrico

Nel quadro elettrico delle unit progettate per lavorare fino a -15C, viene installata una resistenza elettrica, che ha
lo scopo di mantenere a temperatura ambiente adeguata i componenti elettrici presenti allinterno del quadro stesso,
per salvaguardarli dai problemi relativi allabbassamento di temperatura.
La resistenza comandata da un termostato presente allinterno del quadro elettrico e si attiva quando la
temperatura dellambiente allinterno del quadro elettrico si abbassa sotto il valore di setpoint meno il differenziale.

Stato della resistenza quadro elettrico

ON

OFF

DIFFERENZIALE (fisso)

Temperatura di
SETPOINT

Temperatura interna
al quadro elettrico

Il setpoint pari a 5C.


Il differenziale, del valore di 4C, fisso.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

25

26

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Regolazione e controllo

Pompa di circolazione

8.3

OPTIONAL
La pompa di circolazione pu essere installata in tutte le macchine solo su richiesta.
La sua installazione prevede diverse configurazioni gi descritte nel capitolo " Descrizione".
Allaccensione della macchina mediante pulsante ON-OFF il led del tasto si accende e la pompa (se installata) parte
e rimane accesa fino a quando la macchina non viene messa in OFF mediante pulsante ON-OFF.
La pompa (prevista come optional) si ferma solo per l'intervento dei seguenti messaggi di allarme segnalati dal
controllo elettronico pCO:
Caduta di portata dacqua
Sovraccarico pompa
Erronea sequenza fasi alimentazione elettrica

8.3.1

F u n z i o n e a n t i g el o p o m p a

Lunit dotata di una funzione antigelo pompa. Tale funzione consiste nellattivare la pompa quando la
temperatura ambiente inferiore al valore impostato sul controllo pCO.

Riavvio automatico

8.4

Se c' una mancanza di alimentazione elettrica al ritorno di questa la macchina parte in ON, se era in ON, e resta in
OFF se invece era in OFF.

Protezione integrale compressore (PI)

8.5

Questa protezione costituita dalla combinazione dellinterruttore magnetotermico e dalla protezione del
compressore.
Questo sistema assicura una protezione completa contro la maggior parte dei problemi che possono provocare la
bruciatura degli avvolgimenti.
Quando interviene necessario verificare ed eliminare la causa, dopo ci, possibile far ripartire la macchina
agendo sul pulsante ON-OFF.

Manometro acqua

8.6

OPTIONAL
La sua installazione opzionale ed legata alla installazione della pompa.
Se, su richiesta, viene installata la pompa, sul pannello posteriore della macchina verr installato anche il
manometro acqua.
Esso indicher la pressione dell'acqua in mandata della pompa con pompa in moto e la pressione del circuito
idraulico con pompa ferma.

Pressostati di alta

8.7
8.7.1

Pr e ss ost at i di al ta pr es si one sol o uni t AS 2 01 35 1 FC

1. Controlla la pressione di mandata del compressore frigorifero e impedisce che essa raggiunga valori
pericolosi per il buon funzionamento del compressore e per la sicurezza delle persone.
Esso del tipo a riarmo automatico.
Il suo intervento viene rilevato dal controllo elettronico che visualizzer lallarme sul display e disattiver
luscita rel presente nella scheda stessa. Inoltre il pressostato agir direttamente sulla bobina del
contatore di comando del compressore, (vedi manuale pCO).
Quando la pressione di mandata del compressore diminuisce e scende sotto il punto di ripristino esso si
riarma.
Sar possibile far ripartire la macchina seguendo la procedura di ripristino degli allarmi descritta nel
manuale pCO.
Se la causa dell'intervento del pressostato non stata rimossa questo ciclo si pu ripetere continuamente.
AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Regolazione e controllo

I pressostati HP sono avvitati alle tubazioni del circuito frigorifero con delle valvoline SCHRAEDER (con spillo)
che impediscono la fuoriuscita del refrigerante in caso di sostituzione.
I valori di INTERVENTO e di RIPRISTINO dei pressostati dipendono dal tipo di refrigerante e sono indicati nella
tabella seguente:

Pressostato

Refrigerante

HP

R407C

8.7.2

INTERVENTO

RIPRISTINO

bar

bar

27.2

63.4

146.1

20.5

51.5

124.7

Pr e ss o s t at i d i al t a p r es s io n e sol o u n i t A S 4 01 75 1 F C

Assicurano una protezione di tipo elettromeccanico aggiuntiva rispetto alla protezione offerta dai rispettivi
trasduttori di cui dotato il pCO.
Sono installati per controllare la pressione di mandata del compressore frigorifero e impedire che essa raggiunga
valori pericolosi per il buon funzionamento del compressore e per la sicurezza delle persone.

In ogni macchina installato un solo pressostato di alta Safety (di sicurezza) per circuito che del
tipo a riarmo manuale
Il suo intervento apre il circuito di alimentazione del compressore (vedi schema elettrico).
Quando poi la pressione di mandata del compressore diminuisce e scende sotto il punto di ripristino
esso deve essere riarmato manualmente quindi possibile far ripartire la macchina agendo sul pulsante
ALARM del controllo elettronico.
In ogni macchina, associato a ciascun circuito frigorifero, presente un pressostato di alta Type
Approved che del tipo a riarmo automatico.
Il loro intervento apre il circuito di alimentazione del compressore (vedi schema elettrico).
Quando poi la pressione di mandata del compressore diminuisce e scende sotto il punto di ripristino
esso si riarma automaticamente ed possibile far ripartire la macchina agendo sul pulsante ALARM
del controllo elettronico.

I pressostati HP possono essere avvitati alle tubazioni del circuito frigorifero utilizzando le apposite valvoline
SCHRAEDER (con spillo), in modo da impedire la fuoriuscita del refrigerante in caso di sostituzione del
pressostato stesso.
I valori di INTERVENTO e di RIPRISTINO dei pressostati dipendono dal tipo di refrigerante.
Per un corretto funzionamento della macchina consigliamo che i valori di intervento e ripristino dei pressostati
siano quelli indicati nella tabella seguente:

COMPONENTE

REFRIGERANTE

Pressostato di alta
HP-Safety
Pressostati di Alta
HP Type Approved

INTERVENTO

RIPRISTINO

bar

bar

R407C

26.7

62.6

144.7

22.7

55.7

132.3

R407C

26.3

61.9

143.4

20.3

51.1

129.2

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

27

28

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Regolazione e controllo

8.8

Trasduttori di pressione

Consultare il manuale pCO allegato per avere maggiori informazioni.


Le unit Aries Free-Cooling sono dotate di un trasduttore di bassa pressione e da un trasduttore di alta pressione per
ogni circuito frigorifero.
Rilevando le pressioni di aspirazione e di mandata dei compressori, essi regolano il funzionamento dellunit, in
base a dei valori di setpoint della pressione impostati con il pCO.
Attraverso i valori da essi rilevati possibile infatti controllare le seguenti funzioni di ciascun circuito
separatamente:
allarme di alta pressione;
allarme di bassa pressione;
unloading per alta o bassa pressione;
controllo ventilatori a gradini;
misurazione dei valori di alta e bassa pressione.
Perci, se la pressione in un circuito sale o scende rispetto ai valori limite preimpostati, potremmo avere un segnale
di allarme che blocca la macchina, laccensione o lo spegnimento dei ventilatori, lo spegnimento pi o meno
ritardato di uno o pi compressori.

8.9

Regolazione velocit ventilatori

OPTIONAL
Su richiesta in queste macchine, in alternativa al controllo a gradini dei ventilatori, c' la possibilit di effettuare la
regolazione continua della loro velocit.Questo possibile installando un regolatore di velocit dei ventilatori che
collegato tra il controllo pCO e i ventilatori.
Il valore di pressione rilevato dai trasduttori di alta, viene inviato al controllo pCO che traduce il segnale inviato dai
trasduttori di alta pressione e a sua volta lo trasmette al regolatore il quale stabilisce la velocit di rotazione ottimale
dei ventilatori.
Per le tarature si rimanda al manuale del controllo elettronico pCO allegato.
NOTA
Le unit progettate per lavorare fino a -15C, sono sempre dotate di regolazione elettronica dei ventilatori.

8.10

Pressostato differenziale acqua

La macchina dotata di un pressostato differenziale che rileva la differenza di pressione dellacqua tra il manicotto
di ingresso ed il manicotto di uscita dellevaporatore.
Quando il pressostato misura un p minore di 50 mbar (250 mmH2 O), esso invia un segnale di allarme alla scheda
che blocca la macchina dopo il ritardo fissato (VEDI MANUALE pCO).
Quando il p torna ad essere superiore a 50 mbar possibile far ripartire la macchina agendo sul pulsante ALARM
oppure ON/OFF.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Conduzione e manutenzione

CAPITOLO 9

CONDUZIONE E MANUTENZIONE
9.1

Conduzione

La macchina funziona in modo completamente automatico.


Non necessario spegnerlo quando non c' carico termico in quanto si spegne automaticamente una volta raggiunta
la temperatura prefissata dell'acqua in ingresso.
ATTENZIONE
Non superare mai i valori di portata dacqua indicati nella tabella riportata nel paragrafo "6.5 Collegamenti
idraulici".
Non spegnere mai la pompa di circolazione del circuito acqua prima di spegnere la macchina.

9.2

Manutenzione

ATTENZIONE
Prima di eseguire linstallazione o di operare su queste macchine, assicurarsi che tutto il personale abbia letto e
capito il capitolo " Sicurezza" di questo manuale.
Se manutenzionate in modo appropriato queste macchine possono lavorare per molti anni senza problemi.

9.2.1

Acc e ss o ai va n i i n t er n i d el l a m a cc h i n a
(Vedi Disegni Allegati)

ATTENZIONE
Laccesso allinterno del quadro elettrico della macchina deve avvenire esclusivamente a macchina spenta.
Per accedere ai componenti del circuito frigorifero togliere il pannello frontale inferiore.
Per togliere il pannello frontale bisogna svitare con un cacciavite le viti che lo fissano ai montanti laterali.
Per accedere ai componenti del quadro elettrico portare linterruttore generale/sezionatore sulla posizione di
apertura O e aprire le ante del quadro elettrico agendo sui catenacci di chiusura con lapposita chiave fornita in
dotazione.
Per accedere al vano posteriore, rimuovere il pannello posteriore.
ATTENZIONE
Data la presenza, nel vano posteriore, di spigoli e bordi taglienti, necessario che il manutentore si protegga dai
contatti accidentali che possono verificarsi nel corso di interventi allinterno del vano stesso.
E necessario, inoltre, fare attenzione al pavimento del vano, in quanto pu sempre essere bagnato e
sdrucciolevole.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

29

30

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Conduzione e manutenzione

9.2.2

Pi a n if i ca z io n e d e i c o n t r o l l i e d el l a m a n u t e n z io n e
OPERAZIONE

1
Giorno

Controllare che non ci siano segnalazioni di allarme.

Controllare che la temperatura di uscita dellacqua sia allinterno


dellintervallo previsto.

1
Mese

Controllare che la temperatura di ingresso dellacqua sia inferiore al


valore utilizzato per la selezione del refrigeratore.

Controllare che la differenza fra pressione di mandata della pompa (se


installata) e di aspirazione (misurata sul manometro con pompa ferma)
sia nei limiti previsti ed in particolare non sia inferiore al valore
corrispondente alla portata massima.

6
Mesi

Controllare che la spia di flusso sia piena o con un piccolo passaggio di


bolle quando il compressore in moto.

Controllare che la corrente assorbita dalla macchina sia entro i valori di


targa.

Eseguire una ispezione visiva del circuito refrigerante per verificare lo


stato delle tubazioni e ricercare eventuali tracce di olio che possono
indicare una perdita di fluido refrigerante.

Controllare le condizioni e la sicurezza delle connessioni delle tubazioni.

Controllare le condizioni e la sicurezza dei collegamenti elettrici.

Controllare, serrando con una chiave, che le ghiere che stringono i tubi di
aspirazione e di mandata del compressore frigorifero non si siano
allentate.

Controllare che la temperatura dellaria ambiente sia inferiore al valore


utilizzato per la selezione del refrigeratore.
Controllare che lambiente sia ben ventilato.

1
Anno

Controllare che i motoventilatori siano azionati automaticamente dalla


centralina elettronica.
Controllare che il loro funzionamento non sia rumoroso.
Pulire le alette del condensatore con una spugnetta soffice o un getto di
aria compressa pulita.
Controllare che le griglie non siano ostruite e/o sporche.
Pulire le alette del condensatore con detergente non aggressivo.

ATTENZIONE
Questa pianificazione si basa su una situazione di esercizio media.
In alcune installazioni pu essere necessario aumentare la frequenza della manutenzione.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Ricerca guasti

CAPITOLO 10

RICERCA GUASTI
PROBLEMA
A

Temperatura uscita acqua


BTOWT superiore al valore
previsto.

CAUSA
A1

A2

A3

A4

A5

A6

A7

A8

Scarsa prevalenza
(pressione acqua) alla
mandata della pompa (se
installata).

B1

Portata acqua troppo


elevata.

Carico termico troppo


elevato (portata acqua) x
(temperatura ingresso uscita dellacqua) = Carico
termico.

Temperatura ambiente
troppo elevata.

Alette del condensatore


sporche.
Superficie frontale del
condensatore ostruita.
Il ventilatore gira
rovescio.
Impianto scarico di fluido
frigorigeno.

I compressori girano al
rovescio.

Portata acqua troppo


elevata, la pompa lavora
fuori curva (portata
elevata, bassa
prevalenza, alto
assorbimento).

B2
Vedi punto

B3

C.

Evaporatore ostruito a
causa di sporcizia
trasportata dallacqua di
utilizzo.

SINTOMO
A1.1

Differenza tra BTOWT e


BEWIT inferiore ai 5C
con ambedue i circuiti
attivi.

A2.1
Temperatura BTOWT
superiore al valore
previsto;
intervento allarme alta
temperatura acqua in
uscita (VEDI MANUALE
pCO).

A3.1
Vedi

A2.1.

Vedi

A2.1.

Vedi

A2.1.

Vedi

A2.1.

A4.1

Riportare il carico termico entro i limiti


prefissati.

Se possibile, aumentare il ricircolo daria


nellambiente di installazione per
riportare la temperatura entro i limiti
prefissati.
Pulire le alette del condensatore.

A5.1

A6.1

A7.1
Vedi

A2.1 ;

pressione di evaporazione
bassa;
presenza di molte bolle
sulla spia di flusso.

A8.1

RIMEDIO
Aumentare la perdita di carico del circuito
acqua (ad es.: chiudendo parzialmente
un rubinetto sulla mandata della pompa).

Il funzionamento dei
compressori molto
rumoroso.

B1.1
Possibile aumento della
temperatura di uscita (vedi
A2.1 );

Liberare la superficie frontale del


condensatore.
Invertire la posizione di 2 delle 3 fasi
dellalimentazione elettrica.
Fare controllare da un frigorista la
eventuale presenza di fughe ed
eliminarle.
Far caricare limpianto da un frigorista.

Invertire la posizione di due fasi


dellalimentazione dei compressori (vedi
cap. " Avviamento" ).
Riportare la portata entro i limiti
prefissati, ad esempio chiudendo
parzialmente un rubinetto in mandata
della pompa.

con pompa installata a


bordo macchina: differenza
di pressione, letta sul
manometro della
macchina, con pompa in
moto e pompa ferma
troppo bassa.

B2.1

B3.1

Vedi punto C . Prima


che il ghiaccio ostruisca
tutto levaporatore si ha
un aumento delle
perdite di carico.
Differenza di
temperatura fra
ingresso e uscita acqua
elevata.

Vedi punto

C.

In funzione del tipo di sporco:


pulire levaporatore facendo scorrere
una soluzione detergente non
aggressiva per lacciaio ed il rame;
far scorrere una elevata portata
dacqua in controcorrente.
Installare un filtro a monte della
macchina.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

31

32

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Ricerca guasti

PROBLEMA
C

La macchina ostruita e
lacqua non fluisce.

Intervento dellallarme di
alta pressione
(VEDI MANUALE pCO)

CAUSA
C1

D1

D2

Valore del SET-POINT


impostato troppo basso
per cui c congelamento
dellacqua.

Uno o pi motoventilatori
non funzionano.

Aria ambiente troppo


elevata.

SINTOMO
C1.1
Non passa acqua;
allarme per intervento
pressostato differenziale
acqua (VEDI MANUALE
pCO);
interviene allarme di bassa
pressione (VEDI MANUALE
pCO);
pressione di aspirazione
troppo bassa.

D1.1
Il compressore frigorifero
si ferma;
si accende il led del tasto
ALARM;
intervento rel di allarme
generale.

D2.1
Temperatura aria
ambiente superiore al
valore massimo;
vedi

D3

Ricircolo di aria calda per


errata installazione.

Temperatura aria di
raffreddamento
condensatore superiore al
valore massimo;
vedi

D4
Vedi

A4 .

Vedi

A5 .

D5

D6

D7

Intervento dellallarme di
bassa pressione
(VEDI MANUALE pCO)

E1

Alta temperatura
ambiente in concomitanza
con un errata rotazione
del ventilatore.

Carico termico = (portata


acqua) x (temperatura
ingresso - uscita
dellacqua) troppo
elevato.

Impianto scarico di fluido


frigorigeno (vedi anche
A7 ).

D1.1 .

D3.1

RIMEDIO
Scegliere fra:
alzare il valore del SET-POINT;
aggiungere glicole etilenico (antigelo)
in % adeguata (vedi paragrafo "6.4

Protezione antigelo" ).

La formazione di ghiaccio pu
danneggiare irrimediabilmente
la macchina.
Riparare o sostituire il motoventilatore.
Verificare anche la protezione termica
del/i ventilatore/i.

Riportare la temperatura ambiente entro i


limiti prefissati ad es. aumentando la
ventilazione del locale.
Premere il pulsante ALARM oppure ON/
OFF per far ripartire la macchina.
Modificare la posizione della macchina o
delle barriere circostanti per eliminare i
ricircoli.
Premere il pulsante ALARM oppure ON/
OFF per far ripartire la macchina.

D1.1 .

D4.1
Vedi

D1.1 .

Pulire le alette del condensatore.


Premere il pulsante ALARM oppure ON/
OFF per far ripartire la macchina.

Vedi

D1.1 .

Liberare la superficie frontale del


condensatore.
Premere il pulsante ALARM oppure ON/
OFF per far ripartire la macchina.

D5.1

D6.1
Laria di raffreddamento
investe prima il ventilatore
e poi attraversa il
condensatore;
il compressore frigorifero
si ferma;
intervento rel di allarme
generale.

D7.1
Temperatura uscita acqua
troppo elevata;
il compressore frigorifero
si ferma;
intervento rel di allarme
generale.

E1.1
Il compressore frigorifero
si ferma;
led ALARM acceso;
intervento rel di allarme
generale.

Invertire la posizione di due fasi


dellalimentazione del ventilatore (vedi
capitolo " Avviamento" ).

Riportare il carico termico entro i limiti


prefissati.
Premere il pulsante ALARM oppure ON/
OFF per far ripartire la macchina.

Fare controllare da un frigorista la


eventuale presenza di fughe ed
eliminarle.
Far caricare limpianto da un frigorista.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Ricerca guasti

PROBLEMA
F

Intervento della
protezione integrale PI1 o
PI2 dei compressori
(VEDI MANUALE pCO)

CAUSA
F1

F2

Carico termico = (portata


acqua) x (acqua ingresso
- temperatura uscita)
troppo elevato in
concomitanza con elevate
temperature ambiente.

Carico termico = (portata


acqua) x (acqua ingresso
-temperatura uscita)
troppo elevato in
concomitanza con una
situazione di circuito
frigorifero scarico (vedi
anche A7 ).

F3
Vedi punti da

Display e tutti i leds spenti


con interruttore generale
P1 acceso (I).

G1

G2

Intervento allarme
relativo a trasduttore
guasto o scollegato
(VEDI MANUALE pCO)
Intervento allarme bassa
temperatura ingresso
acqua
(VEDI MANUALE pCO).
Intervento allarme alta
temperatura ingresso
acqua
(VEDI MANUALE pCO).
Intervento allarme bassa
temperatura uscita acqua
(VEDI MANUALE pCO).

H1

I1

J1

K1

K2

K3

Intervento allarme alta


temperatura uscita acqua
(VEDI MANUALE pCO)

L1

D1 a D7 .

Intervento del fusibile


della scheda.
Eventuali disturbi nella
linea di alimentazione.
Assorbimento anomalo di
qualche componente della
scheda.
Trasduttore aperto o in
corto.

Il valore di set impostato


dallallarme superiore al
valore misurato dalla
sonda BTOWT.
Il valore di set impostato
dallallarme inferiore al
valore misurato dalla
sonda BTOWT.
Il valore di set impostato
dallallarme superiore al
valore misurato dalla
sonda BEWIT.

Portata acqua troppo


bassa.
Valore di set troppo
basso.
Il valore di set impostato
dallallarme inferiore al
valore misurato dalla
sonda BEWIT.

SINTOMO
F1.1
Vedi problema;
intervento rel di allarme
generale;
il compressore frigorifero
si ferma.

F2.1
Vedi

F1.1.

Vedi

F1.1.

F3.1
G1.1

RIMEDIO
Verificare che la temperatura dellacqua
di utilizzo e dellaria ambiente siano entro
i limiti previsti (vedi capitolo " Dati

tecnici, prestazioni e limiti di


funzionamento" ).

Riportare il carico entro i limiti prefissati.


Attendere qualche minuto prima di
riaccendere.
Fare controllare da un frigorista la
eventuale presenza di fughe ed
eliminarle.
Far caricare limpianto da un frigorista.

Vedi punti da

D1 a D7 .

Sostituire il fusibile.
Nonostante la presenza Eliminare i disturbi nella linea di
alimentazione.
di tensione ai morsetti
della scheda il display e
i leds rimangono spenti.

G2.1
Vedi

G1.1.

H1.1
Vedi problema;
intervento rel di allarme
generale.

I1.1
Vedi problema;
intervento rel di allarme
generale.

J1.1
Vedi problema;
intervento rel di allarme
generale.

K1.1
Vedi problema;
il compressore si ferma e
riparte quando il valore di
set aumenta;
intervento rel di allarme
generale.

K2.1

Sostituire il fusibile. Eliminare i disturbi


nella linea di alimentazione.

Verificare che il trasduttore sia


correttamente collegato ai morsetti della
scheda e il filo non sia danneggiato. Se
necessario sostituire il trasduttore con
ricambi originali.
Identificare ed eliminare la causa. Se
necessario regolare la temperatura di
allarme a un valore inferiore a quello
misurato dalla sonda BTOWT.
Identificare ed eliminare la causa. Se
necessario regolare la temperatura di
allarme a un valore superiore a quello
misurato dalla sonda BTOWT.
Identificare ed eliminare la causa. Se
necessario regolare la temperatura di
allarme a un valore inferiore a quello
misurato dalla sonda BEWIT.

Aumentare la portata dacqua.


Vedi

K1.1.

Vedi

K1.1.

K3.1

Aumentare il valore del SET-POINT.

L1.1
Vedi problema;
intervento rel di allarme
generale.

Identificare ed eliminare la causa. Se


necessario regolare la temperatura di
allarme a un valore superiore a quello
misurato dalla sonda BEWIT.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

33

34

MANUALE DI ISTRUZIONE E MANUTENZIONE


Ricerca guasti

PROBLEMA
M

Intervento allarme
sovraccarico ventilatori
(VEDI MANUALE pCO)

CAUSA
M1

M2

Intervento allarme di
sovraccarico della pompa
(VEDI MANUALE pCO)

N1

N2

N3

Allarme intervento
pressostato differenziale
acqua
(VEDI MANUALE pCO)

O1

O2

La protezione termica di
uno dei ventilatori
intervenuta perch la
temperatura dellaria
espulsa molto elevata.

Il motore di uno dei


ventilatori bloccato o
rischia di grippare.

La protezione termica
della pompa (se installata)
intervenuta perch la
portata dacqua era
troppo elevata.

La griglia attraverso la
quale passa laria di
raffreddamento della
pompa (se installata)
ostruita.

La pompa (se installata)


difettosa.

La pompa (se installata)


non funziona.

Il circuito dellacqua
ostruito esternamente alla
macchina.

SINTOMO
M1.1
Vedi problema;
intervento rel di allarme
generale;
il compressore frigorifero
si ferma;
si accende il led del tasto
ALARM.

M2.1
Vedi problema;
intervento rel di allarme
generale;
il compressore frigorifero
si ferma;
si accende il led del tasto
ALARM;
il funzionamento di uno dei
ventilatori rumoroso.

N1.1
Vedi problema;
intervento rel di allarme
generale;
il compressore frigorifero e
la pompa si fermano;
si accende il led del tasto
ALARM;

N2.1
Vedi problema;
intervento rel di allarme
generale;
il compressore frigorifero e
la pompa si fermano;
si accende il led del tasto
ALARM.

N3.1
Vedi problema;
intervento rel di allarme
generale;
il compressore frigorifero e
la pompa si fermano;
si accende il led del tasto
ALARM;
la corrente assorbita dalla
pompa superiore al
valore nominale;
possibile che la pompa
sia rumorosa.

O1.1

RIMEDIO
Verificare che la temperatura dellaria
ambiente sia entro i limiti previsti.

Identificare e verificare il ventilatore


danneggiato e, eventualmente,
sostituirlo.

Ripristinare il termico.
Aumentare la perdita di carico del circuito
idraulico chiudendo parzialmente, ad
esempio, un rubinetto in mandata della
pompa.

Ripristinare il termico.
Liberare la griglia.

Ripristinare il termico.
Sostituire la pompa.

Verificare lo stato della pompa.

Vedi problema;
intervento rel di allarme
generale;
il compressore frigorifero e
la pompa si fermano;
si accende il led del tasto
ALARM.

O2.1

Verificare il circuito dellacqua esterno.

Vedi problema;
intervento rel di allarme
generale;
il compressore frigorifero e
la pompa si fermano;
si accende il led del tasto
ALARM.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

Controllo Elettronico pCO


REFRIGERATORI
ARIES FREE-COOLING

M A N U A L E D I I S TR U Z I O N E D E L C O N TR O L L O E L E T TR O N I C O

AS 201751 FC

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO


- Indice Generale

INDICE GENERALE
INDICE GENERALE ............................................................................................................................. 1
CARATTERISTICHE TECNICHE ........................................................................................................... 3
1.1
1.2
1.3
1.4
1.5
1.6
1.7
1.8
1.9
1.10

Organizzazione delle macchine ....................................................................... 3


I componenti della rete pCO............................................................................ 3
Le connessioni degli ingressi e delle uscite pCO ............................................ 3
Layout della rete .............................................................................................. 4
Unit terminale ................................................................................................ 4
Come effettuare lindirizzamento hardware del terminale locale/remoto ....... 5
Come impostare lindirizzo software tra il terminale e la scheda.................... 5
Indirizzamento valvole termostatiche elettroniche .......................................... 7
Come cablare il terminale ................................................................................ 7
Come cablare il terminale remoto (optional) ................................................... 8

TRASDUTTORI E SONDE ..................................................................................................................... 9


2.1
2.2
2.3
2.4

Trasduttori di pressione ................................................................................... 9


Sonde di temperatura ..................................................................................... 10
La funzione dei trasduttori e delle sonde ....................................................... 10
Posizionamento dei trasduttori....................................................................... 10

UTILIZZO DEL TERMINALE .............................................................................................................. 11


3.1

Display del terminale pCO ............................................................................ 11

3.2

I pulsanti del terminale .................................................................................. 13

3.1.1
3.2.1

Maschere di visualizzazione/segnalazione ..................................................... 12


Combinazione tasti ......................................................................................... 14

AVVIAMENTO E SPEGNIMENTO DELLA MACCHINA ........................................................................ 15


4.1
4.2
4.3

Avviamento della macchina........................................................................... 15


Riavvio automatico ........................................................................................ 15
Spegnimento della macchina ......................................................................... 16

ACCESSO ALLA PROGRAMMAZIONE ................................................................................................ 17


5.1
5.2
5.3

Modifica di un parametro del Men Libero ............................................... 17


Modifica di un parametro del Men con Password.................................... 18
Come impostare la lingua .............................................................................. 19

LE REGOLAZIONI PRINCIPALI .......................................................................................................... 21


6.1
6.2

Come modificare il setpoint........................................................................... 21


Come modificare il differenziale ................................................................... 22

GESTIONE DEL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA FREE-COOLING ................................................. 23


GESTIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLA SINGOLA O DOPPIA POMPA........................................... 25
8.1
8.2

Tempo di funzionamento e attivazioni della pompa...................................... 25


Gestione e funzionamento della pompa......................................................... 25
8.2.1

Rotazione Manuale ......................................................................................... 26

SISTEMA DI SUPERVISIONE .............................................................................................................. 27


9.1
9.2
9.3
9.4
9.5
9.6

Carel............................................................................................................... 27
Modbus .......................................................................................................... 27
Gsm ................................................................................................................ 27
Modem Diretto (Rs232)................................................................................. 28
LonWorks ...................................................................................................... 28
Le variabili gestite dal controllo elettronico .................................................. 29

9.6.1 Variabili digitali ............................................................................................. 29


9.6.2 Variabili analogiche ....................................................................................... 33
9.6.3 Variabili Intere ............................................................................................... 35
MASCHERE SENZA PASSWORD ......................................................................................................... 39

10.1
10.2

Menu .............................................................................................................. 39
Menu Libero .................................................................................................. 40

MASCHERE CON PASSWORD ............................................................................................................ 45


11.1

Men con password ....................................................................................... 45

GESTIONE DEGLI ALLARMI .............................................................................................................. 53


12.1

Segnali di allarme .......................................................................................... 53

12.2

Reset degli allarmi ......................................................................................... 53

12.1.1 Visualizzazione degli allarmi ......................................................................... 53

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO


- Indice Generale

12.3

Maschere di allarme .......................................................................................53

STORICO ............................................................................................................................................ 57
TABELLE DEI SETTAGGI................................................................................................................... 59
IMPOSTAZIONI LEGATE AL TIPO DI MACCHINA .............................................................................. 61
15.1

Impostazioni che dipendono dalla stringa alfanumerica ................................61

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 1 - Caratteristiche tecniche

CAPITOLO 1

CARATTERISTICHE TECNICHE
1.1

Organizzazione delle macchine

Tutte le unit sono monocircuito dotate e dotate di due compressori SCROLL.


Queste unit hanno una rete pCO.

1.2

I componenti della rete pCO

La rete pCO costituisce praticamente il controllo


elettronico della macchina ed simile ad una

piccola rete informatica (pLAN) composta da:


1. Unit terminale
2. Scheda di controllo principale
3. Cavo telefonico di collegamento tra
terminale e scheda
La Fig.1 evidenzia le connessioni della pLAN

(Local Area Network) che costituisce larchitettura


hardware classica di una rete pCO con il terminale
locale/remoto (1).
Fig.1

1.3

COMPONENTI DI UN MODULO PCO

Le connessioni degli ingressi e delle


uscite pCO

Nella Fig.2 viene rappresentata la planimetria della scheda pCO. In essa sono evidenziati i morsetti degli ingressi e
delle uscite disponibili (J1J18). Alcuni ingressi sono utilizzati per ricevere segnali di tipo analogico altri per
ricevere segnali di tipo digitale. Le uscite sono utilizzate per inviare segnali di tipo digitale.
Particolari della scheda:
1. Connettore di alimentazione 24 Vac.
2. Connettore telefonico per il collegamento al
terminale o per il download/upgrade del
software utilizzando la chiave programmata
Smart-Key.
3. Scheda optoisolata RS485/Modem per il
collegamento seriale ai sistemi supervisor/
teleassistenza (optional)
4. Collettore per collegamento schede pCO alla
rete pLAN.
5. Rel di uscita.
6. Ingressi digitali;
Ingressi analogici;
Uscite analogiche.
Fig.2

SCHEDA DEL PCO

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 1 - Caratteristiche tecniche

ATTENZIONE
La mappatura degli ingressi e delle uscite della scheda, rappresentata nello schema elettrico allegato ad ogni
macchina.

Layout della rete

1.4

Su ciascuna macchina installata una scheda che assieme al terminale va a costituire la rete del pCO.
La macchina pu lavorare in modo indipendente, allora il suo funzionamento LOCALE oppure pu lavorare
collegata ad altre macchine (fino ad un massimo di quattro) allora il suo funzionamento MODULARE.
ATTENZIONE
Le unit ARIES freecooling non possono essere utilizzate nel funzionamento MODULARE.
Lhardware pCO permette infatti, per il funzionamento modulare, di gestire una rete composta da due fino a quattro
moduli. Il funzionamento modulare utilizzato nei casi in cui si vuole coordinare il funzionamento complementare
di pi macchine. I vari moduli collegati tra loro vanno a costituire la rete di moduli nella quale necessario definire
il modulo 1 cio il modulo principale o modulo master. Esso il modulo che coordina le principali funzioni del
gruppo di macchine.Gli altri moduli sono definiti secondari o moduli slave.La definizione dei moduli viene
effettuata tramite indirizzamento della scheda via software
Il layout delle connessioni della rete di moduli raffigurato nello schema elettrico allegato alla macchina.

Unit terminale

1.5

Ogni macchina provvista di un terminale per il controllo


e la programmazione (vedi Fig.3).
Lunit terminale che parte integrante della scheda di
ogni modulo, permette di programmare la macchina e di
visualizzare i suoi parametri di funzionamento.
Essa consente di eseguire le seguenti operazioni:

Fig.3

IL TERMINALE PGD

programmazione con password;


programmazione senza password;
visualizzazione di tutti gli ingressi/uscite;
possibilit di modificare run-time il setpoint di funzionamento;
visualizzazione di tutti i valori misurati;
visualizzazione di ogni condizione di allarme;
visualizzazione storico allarmi
Lunit presenta 6 pulsanti, il terminale dispone inoltre di:
1. un display LCD per la visualizzazione e la programmazione;
2. indicatori LED associati ai tasti;
Inoltre ogni macchina pu essere provvista, come optional, di un terminale REMOTO per il controllo e la
programmazione a distanza (vedi Fig.3).

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 1 - Caratteristiche tecniche

Come effettuare lindirizzamento


hardware del terminale locale/remoto

1.6

Il terminale remoto pGD necessita di essere indirizzato per poter funzionare nella rete pLAN.
La modifica dellindirizzo la si effettua solo dopo aver fornito alimentazione tramite il connettore telefonico, vedi
1.2 I componenti della rete pCO .
Indirizzare terminale remoto pGD:
1. premere contemporaneamente i tasti g, f, h per 5 secondi,
2. verr visualizzata la seguente maschera, e inizier a lampeggiare
il cursore nellangolo in alto a sinistra

Display address
setting.............................:nn
I/O Board address:xx

3. Per modificare lindirizzo del terminale remoto premere h; il


cursore si sposta nel campo indirizzo ( nn )
4. Premere i tasti g, f per modificare lindirizzamento e h per
memorizzarla.
5. Se

limpostazione

diversa

da

quella

memorizzata

precedentemente verr visualizzata la seguente maschera e il

Display address
changed

nuovo valore verr memorizzato nella memoria permanente del


display
ATTENZIONE
Nel caso di funzionamento MODULARE impostare lindirizzo delle schede di ciascun modulo come indicato di
seguito.

1.7

Come impostare lindirizzo software tra


il terminale e la scheda

ATTENZIONE
Prima di effettuare le seguenti operazioni accertarsi che siano stati effettuati correttamente tutti i cablaggi della
scheda e del terminale (vedi i paragrafi 1.2 I componenti della rete pCO e 1.3 Le connessioni degli ingressi e
delle uscite pCO ).
Assicurarsi che siano state rispettate tutte le indicazioni in merito agli indirizzamenti hardware (vedi paragrafi 1.6
Come effettuare lindirizzamento hardware del terminale locale/remoto ).
1. Se la macchina spenta, dare tensione agendo sul sezionatore presente sul quadro elettrico, quindi
attendere almeno un minuto per consentire che la rete pCO si stabilizzi;
2. Assicurarsi che lunit sia in STAND-BY;
Apparir una maschera simile alla seguente;
Sullultima riga del display deve esserci la scritta Unit Off:
12/11/02
03:00
Temp.IN :
000.0C
Temp.OUT: 000.0C
Unit Off

3. Mantenere premuti contemporaneamente i tre pulsanti: g, f e h;

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 1 - Caratteristiche tecniche

4. Dopo alcuni secondi apparir la maschera seguente;


Terminal
I/O board

Adr: 3
Adr: 1

(utilizzato per indirizzo terminale locale)


(utilizzato per indirizzo terminale remoto)
rilasciare i tre pulsanti:

significa che il terminale, collegato alle schede che si stanno utilizzando, ha

lindirizzo 3 (vedi paragrafo 1.6 Come effettuare lindirizzamento hardware del terminale locale/remoto
);

significa che la scheda sulla quale verr effettuato lindirizzamento software quella

con indirizzo 1.
premere g o f per metterlo a 1.

Se compare la

5. Premere il pulsante h, apparir la maschera seguente:


Terminal config
Press ENTER
to continue

6. Premere nuovamente il pulsante h; apparir quindi la seguente maschera:


P:01 Adr Priv/Shared
Trm1
3
Pr
Trm2 None
__
Trm3 None
__Ok/No

La sigla P:01 presente sullangolo in alto a sinistra della maschera, corrisponde allindirizzo della
scheda sulla quale si sta impostando lindirizzamento software gi selezionata nel punto 4. con il
parametro I/O

board Adr:1 .

7. Se la maschera non uguale a quella raffigurata sopra, impostare lindirizzo del terminale LOCALE
(

) su usando il pulsante g (vedi anche paragrafo 1.6 Come effettuare lindirizzamento hardware

del terminale locale/remoto );


8. Poi premere il pulsante h per confermare la variazione del parametro;
9. Usando il pulsante g, impostare la modalit di funzionamento del terminale LOCALE come
terminale REMOTO come

(se unit con un solo modulo), come

e del

(se unit con pi moduli);

10.Premere il pulsante h per confermare la variazione del parametro; apparir poi la maschera seguente:
12/11/02
03:00
Temp.IN :
000.0C
Temp.OUT: 000.0C
Unit Off

ATTENZIONE
Se sul display non appare niente, ripetere nuovamente tutta la procedura avendo cura di scollegare la macchina
dallalimentazione elettrica e di attendere qualche secondo prima di ridare tensione.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 1 - Caratteristiche tecniche

1.8

Indirizzamento valvole termostatiche


elettroniche

Le valvole termostatiche elettroniche collocate nel vano del circuito frigo devono essere indirizzate tramite i propri
dip-switch collocati nel Driver presente nel quadro elettrico (vedi Fig.4) per poter funzionare correttamente.

Fig.4

DRIVER EVD

Lindirizzamento si effettua a schede non alimentate spostando opportunamente i dip-switch mediante un oggetto
appuntito (vedi Fig.5).

Fig.5

1.9

INDIRIZZO 14

Come cablare il terminale

E possibile installare un terminale seguendo le indicazioni riportate di seguito presenti anche sullo schema elettrico
allegato alla macchina:

50m

3
1
Fig.6

CABLAGGIO FINO A 50 M DEL TERMINALE LOCALE IN UN MODULO PCO

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 1 - Caratteristiche tecniche

Come cablare il terminale remoto


(optional)

1.10

LOCALE Adr: 3

4
REMOTO Adr: 13
Fig.7

CABLAGGIO FINO A 200M DEL TERMINALE REMOTO IN UN MODULO PCO

1. Unit terminale (indirizzo n3);


2. Cavetto telefonico per il collegamento tra scheda di connessione e scheda

PCO;

3. Cavetti telefonici di collegamento tra terminali e scheda;


4. Unit terminale REMOTO (indirizzo n13 - vedi paragrafo 1.6 Come effettuare lindirizzamento
hardware del terminale locale/remoto );
5. Scheda di connessione per il terminale REMOTO.
6. Cavo schermato per il cablaggio delle schede di connessione (vedi Fig.8).

Fig.8

PARTICOLARE DEL CAVO SCHERMATO

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 2 - Trasduttori e Sonde

CAPITOLO 2

TRASDUTTORI E SONDE
Trasduttori di pressione

2.1

Sono trasmettitori di pressione alimentati direttamente dal pCO (5 Vdc) che hanno le seguenti caratteristiche:

range di misura:
alta pressione 034 barg (misurazione della pressione relativa);SENZA
cablaggio polarizzato;
segnale di ritorno (0.54.5V) o (420mA);
funzione di trasferimento lineare.
Tensione/Corrente

4,5 V / 20 mA

0,5 V / 4 mA

Fig.9

max

Range di Pressione

LOGICA DI FUNZIONAMENTO DEI TRASDUTTORI

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

10

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 2 - Trasduttori e Sonde

Sonde di temperatura

2.2

Sono di tipo resistivo NTC (Negative Temperature Coefficient) con cablaggio non polarizzato.
La loro caratteristica quella che al variare della temperatura, varia la loro resistenza elettrica, come descritto nella
Tabella 1:
Temperatura

Valori di resistenza

0 C / +32F

27.28 k

+20 C / +68F

12.00 k

+25 C / +77F

10.00 k

+30 C / +86F

8.31 k

Tabella 1

CARATTERISTICHE DEI TRASDUTTORI DI TEMPERATURA

La funzione dei trasduttori e delle sonde

2.3

Sugli appositi ingressi della scheda del pCO sono collegati trasduttori di pressione (P) e sonde di temperatura (T).
Ciascuno di essi ha una sua precisa funzione e viene identificato con la lettera B associata ad un numero.
La tabella identifica i tipi di trasduttore e sonde ed evidenzia la loro funzione:

Ingresso analogico pCO


Denominazione
Morsetto

Denominazione
Sonda-Trasduttore

Descrizione

Funzione

B1

(-BHP1)

Trasm. di alta press. 1

B2

B3

(-BFCIT)

Temperatura ingresso acqua Free Cooling

B4

(-BEWIT)

Temperatura ingresso acqua evaporatore

B5

(-BEWOT)

Temperatura uscita acqua evaporatore

B6

(-BLP1)

Trasm . di bassa press . 1

B7

B8

(-BAT1)

Temperatura ambiente 1

B9

(-BAT2)

Temperatura ambiente 2

B10

(-BTOWT)

Temperatura uscita acqua serbatoio

ATTENZIONE
Il numero di trasduttori o sonde collegati alla scheda dipende dal tipo di macchina ed stabilito in fase di progetto.

2.4

Posizionamento dei trasduttori

Per individuare i trasduttori di temperatura e di pressione e verificare il loro posizionamento, consultare lo schema
frigo allegato al manuale.
Si consideri che la presenza o meno di alcuni di essi dipende dal tipo di macchina.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 3 - Utilizzo del terminale

CAPITOLO 3

UTILIZZO DEL TERMINALE


Display del terminale pCO

3.1

Il display del terminale pCO utilizzato per visualizzare le informazioni sullo stato della macchina e per cambiare i
valori dei parametri programmabili.
Langolo in alto a sinistra del display rappresenta la posizione HOME del cursore.
Alla prima accensione del controllo elettronico viene visualizzata la maschera PRINCIPALE (vedi Rif. A1).
In ogni caso, se durante la programmazione del pCO fosse necessario tornare alla maschera principale, sufficiente
premere una o pi volte il pulsante k.
NOTA
Se non viene eseguita alcuna operazione per 5 minuti lunit ritorner automaticamente alla maschera
PRINCIPALE.
I contenuti sul display sono rappresentati nella Fig.10:
Data e ora impostati (se presente scheda orologio)

Quando accesa indica il

Posizione HOME

funzionamento in
FREE COOLING
Temperatura
misurata dalla sonda
di ingresso.

Indicatore dello stato dellunit

Temperatura misurata
dalla sonda di uscita.

Fig.10 LA MASCHERA PRINCIPALE


Il display visualizza maschere che verranno cos distinte:
R - Maschere solo in lettura :
usate per visualizzare lo stato dellunit (temperature, pressioni, allarmi, ecc.).
W - Maschere in lettura e scrittura :
usate per visualizzare i valori impostati dei parametri programmabili e/o per permettere una loro modifica.
Nelle maschere solo in lettura (R) possibile solamente visualizzare i valori dei parametri, mentre nelle maschere in
lettura-scrittura (W) tali valori possono anche essere modificati (per ulteriori informazioni consultare il manuale pi
avanti).
Lultima riga della maschera PRINCIPALE informa lutente sullo stato dellunit usando uno dei messaggi elencati
nella Tabella 2:
STATO
MESSAGGIO DELLA
MACCHINA

AZIONE
OTTENUTA CON

CONDIZIONE

ON

pulsante ON/OFF Lazione non possibile se in precedenza lunit


del terminale
era in OFF da ingresso digitale ID1 o se unit era in
OFF da supervisore.

ON

ingresso digitale
ID1 alimentato

Lazione non possibile se in precedenza lunit


era in OFF dal terminale.

ON

da supervisore /
da ingresso
digitale

Lazione non possibile se in precedenza lunit


era in OFF dal terminale.

Tabella 2

MESSAGGI SULLO STATO DELLUNIT

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

11

12

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 3 - Utilizzo del terminale


STATO
MESSAGGIO DELLA
MACCHINA

AZIONE
OTTENUTA CON

OFF

pulsante ON/OFF Lazione sempre possibile, ha la priorit su ogni


del terminale
altro comando.

OFF

ingresso digitale
ID1 non
alimentato

Lazione possibile solo se in precedenza lunit


era in ON da terminale.
Se ID1 viene disattivato con unit gi in OFF, si
modifica il messaggio e il led resta spento.

OFF

da supervisore

Lazione possibile solo se precedentemente


lunit era in ON da terminale.

OFF

da fasce orarie

Lazione possibile solo se le fasce orarie


giornaliere o settimanali sono abilitate.

OFF

condizione di
allarme

Il messaggio appare solo in caso di un allarme che


preveda lo spegnimento della macchina

OFF

da procedura
manuale

Il messaggio appare solo se la procedura manuale


abilitata.

Tabella 2

3.1.1

CONDIZIONE

MESSAGGI SULLO STATO DELLUNIT

Mas c h er e d i v is u a li z z a z io ne/ s eg n a l az i o n e

Il controllo elettronico, oltre alla maschera principale spiegata in precedenza, possiede altre maschere definite di
visualizzazione o segnalazione. Esse vengono visualizzate dopo un tempo di transizione durante il quale non viene
premuto nessun pulsante del pGD.

Questa maschera apparir dopo circa 10 minuti che non


vengono premuti i pulsanti del pGD.
Essa riporta, nella parte superiore sinistra, la temperatura di
termostatazione e la modalit di funzionamento unit
ON=accesa; la parte inferiore sinistra riporta il setpoint di
termostatazione e lora corrente.
Maschera con caratteristiche simili alla precedente, essa viene
rappresentata con unit OFF=spenta

Maschera con caratteristiche simili alla precedente, essa viene


rappresentata in caso di intervento di un allarme (la campanella
lampeggia).
Per visualizzare il relativo allarme premere il pulsante j (vedi
Capitolo 12 Gestione degli allarmi)
Sfondo Screen/saver appare dopo circa 20 minuti che non
vengono premuti i pulsanti del pGD.

Maschera di segnalazione: indica che in funzione la


procedura unloading nel circuito1 (vedi Capitolo 9 Procedura
di Unloading dei compressori).

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 3 - Utilizzo del terminale

NOTA
Per tornare a visualizzare la maschera principale premere uno pulsante del terminale pGD.

3.2

I pulsanti del terminale


k Utilizzato per tornare dai vari loop alla maschera di visualizzazione
principale.
l Premuto una volta utilizzato per accedere al loop DIRECT.

Premuto per pi di 5" permette di entrare in configurazione (richiesta

password).
Premuto una volta utilizzato per interrogare il pCO su eventuali allarmi
attivi.
Una volta rimossa la causa dell'allarme, una seconda pressione sul tasto
provoca il reset della segnalazione.

Utilizzato per scorrere le varie maschere di un loop, quando il cursore

nella posizione HOME.

Utilizzato per incrementare o diminuire il valore in un campo numerico

(configurazione).
Utilizzato per scorrere le varie sottosezioni di una maschera.
Consente di scorrere la lista delle sottosezioni di un loop.
Premuto durante il normale funzionamento o con macchina in stand-by
viene visualizzata la versione del programma, lo stato dei compressori, il
tipo di scheda, e la versione del BIOS e del BOOT.
Utilizzato per spostare il cursore sui vari campi modificabili di una h
maschera.
Consente l'accesso alla sottosezione di programmazione selezionata.
In alcuni casi utilizzato per confermare l'operazione.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

13

14

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 3 - Utilizzo del terminale

3.2.1

Co m b i n az i o n e t as t i

pGD

Descrizione

g+h

A macchina alimentata, premuti insieme sono utilizzati per accendere e spegnere lunit.

k+f

A macchina alimentata, premuti insieme sono utilizzati per cambiare modulo.

l+j+g
l+j+f
g+f+h

A macchina alimentata, mantenendo premuti l + j e premendo ripetutamente g


utilizzato per aumentare il contrasto.
A macchina alimentata, mantenendo premuti l + j e premendo ripetutamente f
utilizzato per diminuire il contrasto.
A macchina alimentata, premuti insieme sono utilizzati per indirizzare il pGD/rete

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 4 - Avviamento e spegnimento della macchina

CAPITOLO 4

AVVIAMENTO E SPEGNIMENTO DELLA MACCHINA


Avviamento della macchina

4.1

Una volta effettuata linstallazione e i collegamenti elettrici agire sullinterruttore-sezionatore generale della
macchina (presente sul quadro elettrico) mettendolo in posizione ON.
Lunit terminale correttamente collegata alla linea di alimentazione elettrica, quando i led dei pulsanti f, g,
h e k sono accesi, e nel display appare la maschera seguente:

 



 







Una volta stabilizzata la rete verr visualizzata la maschera principale (vedi Rif. A1).

In queste condizioni la macchina in STAND-BY.


NOTA
Ogni volta in cui si da tensione alla macchina tramite linterruttore-sezionatore generale, si consiglia lasciare
lunit in STAND-BY per qualche secondo per consentire la stabilizzazione della rete pCO.
Per avviarla e conseguentemente iniziare il processo di regolazione per il quale stata progettata, premere i pulsanti
h+g nel terminale pGD.
Quando la macchina sar avviata sul display apparir il messaggio

Se la macchina non parte seguire le seguenti indicazioni:

nel caso di controllo remoto abilitato assicurarsi che lingresso digitale n. 1 della scheda sia chiuso
(vedi Rif. E9 );
assicurarsi che le lunit non sia stata messa in OFF da un sistema Supervisor (se installato);
assicurarsi che la scheda sia stata correttamente collegata ed indirizzata;
lunit non deve essere nel modo di funzionamento manuale (vedi Rif. K1);
non ci deve essere alcuna condizione di allarme.
Contattare un centro di assistenza tecnica autorizzato qualora il problema persista.

4.2

Riavvio automatico

Il controllo elettronico ha lopzione che consente di far ripartire automaticamente lunit dopo un black-out o dopo
una qualsiasi interruzione dellalimentazione elettrica.
Per ottenere questo, necessario che sia abilitata la

accedendo alla

maschera Rif. D3 nel loop USER.


La ripartenza automatica possibile solo se la macchina, al momento dellinterruzione dellalimentazione, era gi
in ON.
Maschere utilizzate:

Rif. D3




  
 






AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

15

16

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 4 - Avviamento e spegnimento della macchina

4.3

Spegnimento della macchina

Per fermare la macchina premere i pulsanti h+g nel terminale pGD.


La macchina si spegner e sul display apparir il messaggio

In queste condizioni la macchina in STAND-BY.


Se presenti, le funzioni antigelo restano attive.
Se necessario, agire anche sullinterruttore-sezionatore generale della macchina (presente sul quadro elettrico)
mettendolo in posizione OFF.
In queste condizioni la macchina SPENTA e scollegata dalla linea di alimentazione elettrica.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 5 - Accesso alla programmazione

CAPITOLO 5

ACCESSO ALLA PROGRAMMAZIONE


Il controllo elettronico dotato di 2 principali men:
1. Men LIBERO (NON richiesta PASSWORD) vedi 5.1 Modifica di un parametro del Men Libero
Accessibile premendo e rilasciando il pulsante l.
2. Men PASSWORD ( richiesta PASSWORD) vedi 5.2 Modifica di un parametro del Men con
Password
Accessibile premendo e mantenendo premuto per 5 sec. il pulsante l.
A seconda della password inserita il men PASSWORD si divide in UTENTE, SERVICE e
COSTRUTTORE.

5.1

Modifica di un parametro del Men


Libero
1. Premere e rilasciare il pulsante l sul terminale (vedi paragrafo 3.2 I pulsanti del terminale ) si avr
accesso alla maschera loop (men libero) (Rif. B1 ).
2. E possibile muoversi tra i vari loop (vedi

Rif. B1

Rif. B1 ) utilizzando i pulsanti g o f sul


terminale.

3. Individuato il loop desiderato (per esempio


User) premere h, per accedere alla
maschera del loop selezionato (posizione

Rif. B1

HOME).
Con lutilizzo dei pulsanti g o f sar
possibile muoversi tra le maschere.

ATTENZIONE
La selezione del loop o del parametro avviene quando la dicitura diventa negativa.
4. Individuare il parametro da modificare, premere pulsante h per spostare il cursore sul primo parametro
della maschera visualizzata.
Se la maschera ha pi di un parametro ogni volta che viene premuto il pulsante h il cursore seleziona il
successivo campo della stessa maschera.
5. Variare il valore con i pulsanti g o f.
6. Premere nuovamente il pulsante h per confermare la modifica.
Se la maschera ha pi di un parametro il cursore si sposter sul successivo e quando verr raggiunto
lultimo parametro ritorner alla posizione HOME.
7. Per passare ad unaltra maschera del loop premere il pulsante g o f, quando il cursore nella posizione
HOME.
Per accedere ad un nuovo loop premere una volta il pulsante k e si ritorner alla maschera loop (Rif.
B1 ).

8. Per tornare alla maschera PRINCIPALE ( Rif. A2 ), premere due volte il pulsante k sul terminale.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

17

18

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 5 - Accesso alla programmazione

Modifica di un parametro del Men con


Password

5.2

1. Attivare il men password premendo per 5 secondi il pulsante l sul terminale (vedi paragrafo 3.2 I
pulsanti del terminale );
Rif. F1

2. Viene richiesta la password;


3. Inserire la password corretta usando i
pulsanti g o f sul terminale;










!!!!!


4. Premere nuovamente il pulsante h per confermare la password.


5. Se la password sbagliata, apparir il

Rif. F2

messaggio >>PASSWORD ERRATA<< e


bisogner

ripetere

loperazione

di

inserimento.
Se la password corretta si avr accesso ai
vari loop a scorrimento (Rif. F2);
E possibile muoversi tra i loop utilizzando i
pulsanti g o f sul terminale.
I loop verranno visualizzati tre alla volta.

6. Individuato il loop desiderato (per esempio

Rif. F2

Modularit) premere h per accedere alla


maschera del loop selezionato (posizione
HOME).
Con lutilizzo dei pulsanti g o f sar
possibile muoversi tra le maschere.
ATTENZIONE
La selezione del loop avviene quando la dicitura diventa in negativo.
Laccesso a dei determinati loop dipende dalla password inserita.
7. Individuare il parametro da modificare, premere pulsante h per spostare il cursore sul primo parametro
della maschera visualizzata.
Se la maschera ha pi di un parametro ogni volta che viene premuto il pulsante h, il cursore seleziona il
successivo campo della stessa maschera.
8. Variare il valore con i pulsanti g o f.
9. Premere nuovamente il pulsante h per confermare la modifica.
Se la maschera ha pi di un parametro il cursore si sposter sul successivo e quando verr raggiunto
lultimo parametro ritorner alla posizione HOME.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 5 - Accesso alla programmazione

10.Per passare ad unaltra maschera del loop premere il pulsante g o f, quando il cursore nella posizione
HOME.
Per accedere ad un nuovo loop premere una volta il pulsante k e si ritorner alla maschera loop (Rif.
E2 ).

11.Per tornare alla maschera PRINCIPALE ( Rif. A2 ), premere due volte il pulsante k sul terminale.
ATTENZIONE
Tutte le maschere dei parametri sono elencate dal Capitolo 10 o Capitolo 11, raggruppate per LOOP di
appartenenza.
Sono associate a un riferimento alfanumerico, che verr usato nel resto del presente manuale per individuare con
facilit la maschera corrispondente.

5.3

Come impostare la lingua

Con il pCO possibile scegliere la lingua nella quale verranno visualizzate le varie maschere.
Le lingue disponibili sono: Italiano, Inglese, Tedesco, Francese e Spagnolo.
Rif. B1

1. Seguire la stessa procedura 5.1 Modifica di un


parametro del Men Libero accedendo al
loop User.

2. Raggiungere la maschera delle lingue (Rif.


D5 ) usando i pulsanti g o f;

Rif. D5


  "




3. Premere h: il cursore inizia a lampeggiare


sotto la voce relativa alla lingua corrente;


Rif. D5


  "




4. Selezionare la lingua desiderata usando i


Rif. D5

pulsanti g o f;
5. Premere h per confermare la lingua scelta;
Il display torna automaticamente a visualizzare
la maschera principale tradotta nella lingua
scelta e di conseguenza anche tutte le altre
maschere.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

19

20

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 5 - Accesso alla programmazione

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 6 - Le regolazioni principali

CAPITOLO 6

LE REGOLAZIONI PRINCIPALI
ATTENZIONE
La macchina viene consegnata pronta per funzionare, pertanto tutti i parametri di controllo sono gi stati impostati
durante il collaudo e non necessitano di variazione.
comunque possibile, in caso di esigenze particolari, aggiustare il setpoint o il differenziale seguendo le istruzioni
riportate di seguito.

6.1

Come modificare il setpoint


1. Se la macchina spenta, dare tensione agendo sul
sezionatore presente sul quadro elettrico, quindi attendere


 



 

almeno un minuto per consentire che la rete pCO si


stabilizzi;

2. Deve essere visualizzata la maschera principale (Rif.


A1 ), simile a quella rappresentata qui a fianco;


Rif. A1

!!#!!#!!
$%
$%("$
")(**


3. Premere l sul terminale:


!! !!
!!!%!&'
!!!%!&'

Rif. B1

verr visualizzato il men Libero (Rif. B1 );


4. Selezionare il loop Set-Point e premere h sul terminale.

5. Verr visualizzata la prima maschera del

loop Setpoint,

scorrere le maschere usando i pulsanti g o f fino a


raggiungere la maschera rappresentata qui di fianco (Rif.
C2 );

6. Premere il pulsante h sul terminale:


il cursore si posizioner sul campo
NOTA
Il secondo setpoint visualizzato solo se abilitato.

Rif. C2



+ 
,-
!!!%!&'
+  + 
,-
!!!%!&'


Rif. C2



+ 
,-
!!!%!&'
+  + 
,-
!!!%!&'



7. Cambiare il valore usando i pulsanti g o f;


8. Premere h per memorizzare il nuovo valore;
9. Premere due volte k sul terminale per tornare alla maschera Principale.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

21

22

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 6 - Le regolazioni principali

Come modificare il differenziale

6.2

1. Se la macchina spenta, dare tensione agendo sul


sezionatore presente sul quadro elettrico, quindi attendere


 



 

almeno un minuto per consentire che la rete pCO si


stabilizzi;

2. Deve essere visualizzata la maschera principale (Rif.


A1), simile a quella rappresentata qui a fianco;


Rif. A1

!!#!!#!!
$%
$%("$
")(**


3. Premere l sul terminale:


!! !!
!!!%!&'
!!!%!&'

Rif. B1

verr visualizzato il men Libero (Rif. B1 );


4. Selezionare il loop User e premere h sul terminale.

5. Verr visualizzata la prima maschera del

loop User,

scorrere le maschere usando i pulsanti g o f fino a


raggiungere la maschera rappresentata qui di fianco (Rif.
D1 );

6. Premere il pulsante h sul terminale:


il cursore si posizioner sul campo
.

Rif. D1



. 
'/
    
,-
!!%!&'
-

!!%!&'


Rif. D1



. 
'/
    
,-
!!%!&'
-

!!%!&'



7. Cambiare il valore usando i pulsanti g o f;


8. Premere h per fissare il nuovo valore in memoria;
9. Premere due volte k sul terminale per tornare alla maschera Principale.
ATTENZIONE
Modificare il SETPOINT o il DIFFERENZIALE solo se necessario, assicurandosi che questi non assumano valori
n troppo bassi n troppo elevati.

PERICOLO
Un Setpoint Estivo troppo basso ad esempio, pu causare la formazione di ghiaccio per cui deve essere
aggiunto liquido anticongelante.
I valori di differenziale in generale non devono essere troppo bassi.
Se deve essere variato il valore del differenziale, bisogna tenere in considerazione anche i ritardi di
avviamento e di fermata del compressore.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 7 - Gestione del funzionamento del sistema Free-Cooling

CAPITOLO 7

GESTIONE DEL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA


FREE-COOLING
Il controllo pCO in grado di gestire la funzione Free-Cooling.
Esso attiva e disattiva il Free-Cooling in base alla temperatura media ambiente Tamb, rilevate dalle sonde BAT1
e BAT2 e alla temperatura di ritorno dell'acqua di utilizzo Tin FC, rilevata dalla sonda BFCIT.
Con il sistema free-cooling possibile pre-raffreddare tale acqua facendogli scambiare calore con l'ambiente
tramite delle batterie alettate.
Quando la temperatura ambiente inizier a scende, la percentuale di aiuto aumenta fino a sostituire completamente
il chiller (free-cooling totale).
Quando non ci sono le condizioni per attivare la funzione free-cooling lunit funzioner come un chiller normale.
Di seguito rappresentato schematicamente il circuito idraulico della macchina:

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

23

24

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 7 - Gestione del funzionamento del sistema Free-Cooling

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 8 - Gestione del funzionamento della singola o doppia pompa

CAPITOLO 8

GESTIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLA SINGOLA


O DOPPIA POMPA
8.1

Tempo di funzionamento e attivazioni


della pompa

Il pCO memorizza le ore di funzionamento e il numero di attivazioni di ciascuna pompa (vedi Rif. J2, Rif. J3 ).
Inoltre possibile impostare un valore di soglia delle ore di funzionamento nellapposita maschera (vedi Rif. J6).
Quando viene accumulato un tempo di funzionamento superiore alla soglia impostata, verr visualizzato un
messaggio di allarme, per avvisare che opportuno effettuare una manutenzione ordinaria, in tempi rapidi (vedi
Rif. AM27, Rif. AM28).

Il messaggio di allarme non blocca la macchina.


ATTENZIONE
Una volta effettuata la manutenzione ordinaria, loperatore deve resettare i timer e i contatori accedendo alle
relative maschere situate nel loop ORE LAVORATE (vedi Rif. J8 , Rif. J9).
La procedura di reset (consultare le relative maschere del paragrafo Maschere con password ) necessaria per
evitare che il terminale pCO continui a segnalare lallarme di manutenzione.
Dopo aver resettato timer e contatori, resettare lallarme come indicato nel paragrafo 12.2 Reset degli allarmi .

Maschere utilizzate:

Rif. J2

Rif. J6

8.2


 0

(
 . % !!!!!
&-  !!!!!



Rif. J3


 1


(
 . % !!!!!
&-  !!!!!





+  (
 . %
")
!!!!!


!!!!!

' 

 !!!!!




Gestione e funzionamento della pompa

Il pCO permette di gestire una pompa singola o due pompe.


Nel caso della doppia pompa, viene comandata una sola pompa per volta mentre laltra rimane in stand-by, ed in
caso di anomalia della pompa in funzione, avviene la commutazione automatica istantanea sullaltra pompa. Sempre
nel caso della doppia pompa, essa pu essere gestita automaticamente dal pCO o manualmente
(vedi Rif. M5).
Luscita pompa viene attivata quando sono soddisfatte tutte le condizioni seguenti:
Lunit in ON
Non presente nessuno dei seguenti allarmi:
Protezione pompa
Allarme Pressostato differenziale acqua
Allarme sequenza fasi
Allarme livello
Scheda orologio guasta o scollegata
Eeprom danneggiata
Quando la macchina viene messa in STAND-BY premendo il pulsante g + h, la pompa in funzione verr
disattivata al termine del tempo impostato con il parametro

.
AS 201751 FC

I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

25

26

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 8 - Gestione del funzionamento della singola o doppia pompa

Il grafico della Fig.11 esprime la logica del funzionamento della pompa, appena descritta
Funzionamento della macchina
ON

OFF
ON

Funzionamento della pompa


Ritardo
spegnimento
pompa

OFF

Fig.11 LOGICA FUNZIONAMENTO POMPA


In caso di intervento di un allarme che implichi lo spegnimento della pompa, questultima si spegne
istantaneamente, indipendentemente dal parametro

8.2.1

Ro t a z ion e M a n u al e

Quando la rotazione automatica della pompa disabilitata, il pCO permette di gestire la pompa manualmente
tramite labilitazione della singola pompa utilizzando la maschera

(vedi Rif.

M5 ).
Maschere utilizzate:

Rif. M5


2 
  
 0
 1







AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 9 - Sistema di Supervisione

CAPITOLO 9

SISTEMA DI SUPERVISIONE
Il pCO in grado di gestire dei protocolli di supervisione.
I protocolli di supervisione possono essere:

CAREL
MODBUS
GSM
MODEM DIRETTO (Rs 232)
LONWORKS

Carel

9.1

Impostando nella maschera Rif. U2 il protocollo CAREL, il pCO in grado di comunicare con tutti i protocolli
CAREL.

Modbus

9.2

Impostando nella maschera Rif. U2 il protocollo Modbus, il pCO permette lutilizzo del sistema di supervisione.
Il protocollo Modbus consente al pCO di essere gestito dal supervisore remoto solo quando si ha a disposizione una
linea telefonica tradizionale.
La comunicazione tra pCO e protocollo Modbus avviene secondo lo standard RS485 ed quindi necessario
installare lapposita interfaccia.

Gsm

9.3

Il pCO permette, utilizzando un modem GSM, linvio di messaggi SMS, da un minimo di 1 ad un massimo di 3
numeri, per la segnalazione di allarmi anche quando non si ha a disposizione una linea telefonica tradizionale.
Il controllo dotato di una rubrica di tre numeri telefonici per linvio dei messaggi, inoltre possibile selezionare,
per ogni singolo numero, i tipi di allarmi da inviare:
tutti gli allarmi
solo gli allarmi a riarmo manuale
solo gli allarmi a riarmo automatico
Allintervento dellallarme il pCO invier il relativo messaggio dallarme al primo numero disponibile e se non
ricever un messaggio di risposta entro un tempo impostato il controllo proceder a spedire lallarme al secondo
numero e poi al terzo (se disponibili).
La comunicazione tra pCO e modem GSM avviene secondo lo standard RS232 ed quindi necessario installare
lapposita interfaccia.
Prima di utilizzare il modem GSM fondamentale assicurarsi che:

La scheda SIM del modem abbia il codice PIN disabilitato.


Il pCO, durante linizializzazione del modem, controlla se il codice PIN stato disabilitato.
In caso negativo segnala tramite un messaggio che il PIN abilitato e che quindi bisogna disabilitarlo.
Generalmente tale controllo pu essere fatto a vista verificando che il LED rosso del dispositivo non
rimanga acceso quando il modem viene alimentato.
Se tale LED non si spegne bisogna procedere alla disabilitazione del PIN.
Il numero del centro servizi sia gi inserito nella scheda SIM.
Per poter ricevere e spedire i messaggi SMS necessario inserire nella scheda il numero del Centro
servizi della compagnia telefonica che si vuole utilizzare.
Tale operazione pu essere effettuata semplicemente, inserendo la SIM del modem su un qualsiasi
telefono cellulare ed utilizzando le funzioni del telefono.
La memoria per gli SMS della scheda SIM sia libera.
Prima di collegare il modem al pCO, soprattutto se la scheda SIM viene utilizzata anche in telefoni
cellulari, preferibile cancellare tutti i messaggi ricevuti in modo da liberare la memoria destinata agli
SMS.
AS 201751 FC

I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

27

28

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 9 - Sistema di Supervisione

possibile impostare il pCO per spedire messaggi di allarme SMS, ad un qualsiasi numero di cellulare.
1. Abilitare la supervisione con protocollo

(vedi Rif. U1 e Rif. U2 );

2. Impostare lindirizzo di rete del pCO e la velocit di comunicazione dei dati (vedi Rif. U2 );
3. Abilitare la spedizione SMS (vedi Rif. U4) e successivamente impostare un numero di cellulare per
linvio dei messaggi SMS e una password di protezione sui dati in memoria (vedi Rif. U3);
NOTA
E possibile memorizzare fino ad un massimo di tre numeri di telefono, nellinserimento necessario procedere con
cautela per dare tempo al pCO di memorizzare i numeri.
La spedizione degli SMS pu avere i seguenti esiti:

Se il modem non risponde correttamente alla richiesta di invio, lapplicativo conserva il messaggio,
reinizializza il modem e ritenta la spedizione dopo 18 secondi dal termine della inizializzazione del
modem.
Se il modem accoglie la richiesta di invio, il messaggio viene inoltrato e cancellato dalla memoria.
Se il centro servizi non ha ricevuto il messaggio o si verifica qualche errore lapplicativo cancella
comunque il messaggio ma segnala un errore.
Se, durante il processo di invio, viene accolta una chiamata entrante da remoto prima di avere ottenuto
lesito dellinvio dal centro servizi, il pCO garantisce la ripresa del processo di invio del messaggio
SMS alla fine della connessione col supervisore.

Modem Diretto (Rs232)

9.4

Impostando nella maschera Rif. U1 il protocollo Modem Diretto, il pCO permette lutilizzo del sistema di
supervisione.
Il protocollo Modem Diretto consente al pCO di essere gestito dal supervisore remoto solo quando si ha a
disposizione una linea telefonica tradizionale.
La comunicazione tra pCO e protocollo Modem Diretto avviene secondo lo standard Rs232 ed quindi necessario
installare lapposita interfaccia.

9.5

LonWorks

Impostando nella maschera Rif. U2 il protocollo LonWorks, il pCO permette lutilizzo del sistema di supervisione.
Il protocollo LonWorks consente al pCO di essere gestito dal supervisore remoto connettendolo direttamente ad una
rete LonWorks.
La comunicazione tra pCO e protocollo LonWorks avviene secondo lo standard RS485 ed quindi necessario
installare lapposita interfaccia.
Maschere utilizzate:


Rif. U1

2 
+
- 






Rif. U2



 *%


 3+
!!!
4 )
01!! 2

  


AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 9 - Sistema di Supervisione

9.6

Le variabili gestite dal controllo


elettronico

Il pCO comunica con i sistemi di supervisione utilizzando una connessione seriale, attraverso la quale vengono
ricevute o inviate delle variabili che gestiscono il funzionamento del sistema.
Nei paragrafi seguenti vengono elencate tutte le variabili gestite dal applicativo del pCO, complete di descrizione
quindi viene indicato il flusso dei dati che pu essere in uscita dal pCO (Out), in ingresso al pCO o sia in ingresso
che in uscita (In/Out).

9.6.1

Indirizzo
Variabile

Va r i ab i l i d i g i ta l i

Nome Variabile

Descrizione

Flusso

Tipo variabile
per rete
LonWorks

QAL_SONDA_BFC

Allarme sonda di temperatura BFCIT guasta o scollegata

Out

95

QAL_SONDA_AMB1

Allarme sonda di temperatura BAT1 guasta o scollegata

Out

95

QAL_SONDA_AMB2

Allarme sonda di temperatura BAT2 guasta o scollegata

Out

95

QAL_VENT_FC

Sovraccarico Ventilatori / Anomalia Regolatore Circuito Freecooling Out

95

EN_FREECOOL

Abilitazione Freecooling

Out

95

VENT_FC_GRADINI

Tipo Ventilazione Freecooling (0= Regolata - 1= A Gradini)

Out

95

EN_SONDA_BFC

Abilitazione sonda BFCIT

In/Out

95

EN_SONDA_AMB1

Abilitazione sonda BAT1

In/Out

95

EN_SONDA_AMB2

Abilitazione sonda Bat2

In/Out

95

10

TIPO_SONDE_HP2

Tipo sonde alta pressione circuito 2 (0= 4-20 mA - 1= 0-5 Vdc)

Out

95

11

TIPO_SONDE_LP2

Tipo sonde bassa pressione circuito 2 (0= 4-20 mA - 1= 0-5 Vdc)

Out

95

12

--

Non utilizzata

--

--

13

--

Non utilizzata

--

--

14

--

Non utilizzata

--

--

15

--

Non utilizzata

--

--

16

--

Non utilizzata

--

--

17

--

Non utilizzata

--

--

18

--

Non utilizzata

--

--

19

--

Non utilizzata

--

--

20

--

Non utilizzata

--

--

21

--

Non utilizzata

--

--

22

--

Non utilizzata

--

--

23

--

Non utilizzata

--

--

24

--

Non utilizzata

--

--

25

--

Non utilizzata

--

--

26

--

Non utilizzata

--

--

27

--

Non utilizzata

--

--

28

--

Non utilizzata

--

--

29

--

Non utilizzata

--

--

30

--

Non utilizzata

--

--

31

--

Non utilizzata

--

--

32

--

Non utilizzata

--

--

33

--

Non utilizzata

--

--

34

--

Non utilizzata

--

--

35

--

Non utilizzata

--

--

36

--

Non utilizzata

--

--

37

--

Non utilizzata

--

--

38

--

Non utilizzata

--

--

39

QEPROMNOOK

Allarme memoria flash malfunzionante

Out

95

40

QAL_CLOCK

Allarme orologio guasto

Out

95

Tabella 3

VARIABILI DIGITALI
AS 201751 FC

I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

29

30

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 9 - Sistema di Supervisione

Indirizzo
Variabile

Nome Variabile

Descrizione

Flusso

Tipo variabile
per rete
LonWorks

41

QAL_FLUS_ACQ

Allarme pressostato differenziale acqua

Out

95

42

QAL_LIV_SERB

Allarme livello serbatoio

Out

95

43

QAL_POMPA1

Allarme sovraccarico pompa 1

Out

95

44

QAL_POMPA2

Allarme sovraccarico pompa 2

Out

95

45

QAL_TV_ALREG_1

Allarme sovraccarico ventilatori/Anomalia regolatore gruppo 1

Out

95

46

QAL_TV_ALREG_2

Allarme sovraccarico ventilatori/Anomalia regolatore gruppo 2

Out

95

47

QAL_HP_CIRC1

Allarme alta pressione circuito 1

Out

95

48

QAL_HP_CIRC2

Allarme alta pressione circuito 2

Out

95

49

QAL_LP_CIRC1

Allarme bassa pressione circuito 1

Out

95

50

QAL_LP_CIRC2

Allarme bassa pressione circuito 2

Out

95

51

QAL_P_HP_CIRC1

Allarme pressostato alta circuito 1

Out

95

52

QAL_P_HP_CIRC2

Allarme pressostato alta circuito 2

Out

95

53

QAL_PHP1_TC13

Allarme pressostato alta / Sovraccarico compressore 3 circuito 1

Out

95

54

QAL_PHP2_TC23

Allarme pressostato alta / Sovraccarico compressore 3 circuito 2

Out

95

55

QAL_TERM_C_1_1

Allarme sovraccarico compressore 1 circuito 1

Out

95

56

QAL_TERM_C_1_2

Allarme sovraccarico compressore 2 circuito 1

Out

95

57

QAL_TERM_C_2_1

Allarme sovraccarico compressore 1 circuito 2

Out

95

58

QAL_TERM_C_2_2

Allarme sovraccarico compressore 2 circuito 2

Out

95

59

QAL_PROT_INT_C1

Allarme protezione integrale compressore 1

Out

95

60

QAL_PARTW_COMP1

Allarme errato part-winding compressore 1

Out

95

61

QAL_LIV_OLIO1

Allarme livello olio compressore 1

Out

95

62

QAL_OLIO_COMP1

Allarme pressostato olio compressore 1

Out

95

63

QAL_OLIO_COMP2

Allarme pressostato olio compressore 2

Out

95

64

QAL_PD_CIRC1

Allarme procedura di pump-down errata circuito 1

Out

95

65

QAL_PD_CIRC2

Allarme procedura di pump-down errata circuito 2

Out

95

66

QAL_ALIMENT

Allarme anomalia alimentazione trifase

Out

95

67

QAL_HT_IN_ACQ

Allarme alta temperatura acqua ingresso evaporatore

Out

95

68

QAL_LT_IN_ACQ

Allarme bassa temperatura acqua ingresso evaporatore

Out

95

69

QAL_HT_OUT_ACQ

Allarme alta temperatura acqua uscita evaporatore

Out

95

70

QAL_LT_OUT_ACQ

Allarme bassa temperatura acqua uscita evaporatore

Out

95

71

QAL_HT_SERB

Allarme alta temperatura uscita acqua serbatoio

Out

95

72

QAL_LT_SERB

Allarme bassa temperatura uscita acqua serbatoio

Out

95

73

QAL_SONDA_B5

Allarme trasduttore di pressione -BHP1 guasto o scollegato

Out

95

74

QAL_SONDA_B13

Allarme trasduttore di pressione -BHP2 guasto o scollegato

Out

95

75

QAL_SONDA_B7

Allarme trasduttore di pressione -BLP1 guasto o scollegato

Out

95

76

QAL_SONDA_B15

Allarme trasduttore di pressione -BLP2 guasto o scollegato

Out

95

77

QAL_SONDA_B1

Allarme sonda di temperatura -BEWIT guasta o scollegata

Out

95

78

QAL_SONDA_B2

Allarme sonda di temperatura -BEWOT guasta o scollegata

Out

95

79

QAL_SONDA_B23

Allarme sonda di temperatura -BTOWT guasta o scollegata

Out

95

80

QAL_SONDA_B3

Allarme sonda di temperatura -BD1 guasta o scollegata

Out

95

81

QAL_SONDA_B11

Allarme sonda di temperatura -BD2 guasta o scollegata

Out

95

82

QAL_SONDA_B9

Allarme sonda di temperatura -BAT1 guasta o scollegata

Out

95

83

QAL_ORE_UNITA

Allarme manutenzione unit

Out

95

84

QAL_ORE_POMPA1

Allarme manutenzione pompa 1

Out

95

85

QAL_ORE_POMPA2

Allarme manutenzione pompa 2

Out

95

86

QAL_ORE_C_1_1

Allarme manutenzione compressore 1 circuito 1

Out

95

87

QAL_ORE_C_1_2

Allarme manutenzione compressore 2 circuito 1

Out

95

88

QAL_ORE_C_1_3

Allarme manutenzione compressore 3 circuito 1

Out

95

89

QAL_ORE_C_2_1

Allarme manutenzione compressore 1 circuito 2

Out

95

90

QAL_ORE_C_2_2

Allarme manutenzione compressore 2 circuito 2

Out

95

91

QAL_ORE_C_2_3

Allarme manutenzione compressore 3 circuito 2

Out

95

92

QAL_N_SBRIN_1

Allarme numero massimo sbrinamenti ora circuito 1

Out

95

93

QAL_N_SBRIN_2

Allarme numero massimo sbrinamenti ora circuito 2

Out

95

Tabella 3

VARIABILI DIGITALI

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 9 - Sistema di Supervisione

Indirizzo
Variabile

Nome Variabile

Descrizione

Flusso

Tipo variabile
per rete
LonWorks

94

QAL_NO_MODUL1

Allarme modulo master sconnesso

Out

95

95

QAL_NO_MODUL2

Allarme modulo 2 sconnesso

Out

95

96

QAL_NO_MODUL3

Allarme modulo 3 sconnesso

Out

95

97

QAL_NO_MODUL4

Allarme modulo 4 sconnesso

Out

95

98

QAL_PROBE_D1

Allarme driver 1 errore sonda

Out

95

99

QAL_EEPROM_D1

Allarme driver 1 errore eeprom

Out

95

100

QAL_STEP_MOT_D1

Allarme driver 1 errore step motore

Out

95

101

QAL_BATTERY_D1

Allarme driver 1 errore batteria

Out

95

102

QAL_MOP_DEL_D1

Allarme driver 1 alta pressione

Out

95

103

QAL_LOP_DEL_D1

Allarme driver 1 bassa pressione

Out

95

104

QAL_LOW_SH_D1

Allarme driver 1 basso superheat

Out

95

105

QAL_VLV_NCL_D1

Allarme driver 1 valvola non chiusa (allo spegnimento)

Out

95

106

QAL_HIGH_SH_D1

Allarme driver 1 timeout massima aspirazione in MOP

Out

95

107

QAL_PROBE_D2

Allarme driver 2 errore sonda

Out

95

108

QAL_EEPROM_D2

Allarme driver 2 errore eeprom

Out

95

109

QAL_STEP_MOT_D2

Allarme driver 2 errore step motore

Out

95

110

QAL_BATTERY_D2

Allarme driver 2 errore batteria

Out

95

111

QAL_MOP_DEL_D2

Allarme driver 2 alta pressione

Out

95

112

QAL_LOP_DEL_D2

Allarme driver 2 bassa pressione

Out

95

113

QAL_LOW_SH_D2

Allarme driver 2 basso superheat

Out

95

114

QAL_VLV_NCL_D2

Allarme driver 2 valvola non chiusa (allo spegnimento)

Out

95

115

QAL_HIGH_SH_D2

Allarme driver 2 timeout massima aspirazione in MOP

Out

95

116

QAL_DRIVER1

Allarme driver 1 sconnesso

Out

95

117

QAL_DRIVER2

Allarme driver 2 sconnesso

Out

95

118

EN_ON_OFF_EXT

Abilitazione ingresso On/Off remoto

In/Out

95

119

EN_EST_INV_REM

Abilitazione ingresso Estate/Inverno

In/Out

95

120

AUTOSTART

Ripartenza automatica dopo blackout

In/Out

95

121

FORZ_FUNZ_LOC

Forzatura modulo al funzionamento locale

In/Out

95

122

VENTIL_DUE_FILE

Tipo ventilazione (0=Singola Fila - 1=Doppia Fila)

Out

95

123

ABIL_LOW_NOISE

Abilitazione funzione Low Noise

In/Out

95

124

ABIL_RECUPERO

Abilitazione recupero calore

Out

95

125

EN_FORZ_V_SBR

Forzatura ventole in sgocciolamento

In/Out

95

126

EN_ALARM_SERB

Abilitazione allarme livello serbatoio

Out

95

127

ABIL_AL_ALIMENT

Abilitazione allarme alimentazione

In/Out

95

128

RIPR_AL_ALIMENT

Ripristino allarme alimentazione (0=Manuale - 1=Auto)

In/Out

95

129

EN_FASCIA_S

Abilitazione fascia settimanale per On/Off unit

In/Out

95

130

EN_FASCIA_G

Abilitazione fascia giornaliera per On/Off unit

In/Out

95

131

TIPO_UNITA

Tipo unit (0=CH - 1=CH+HP)

Out

95

132

TIPO_CONDENS

Tipo condensazione (0=Aria -1=Acqua)

Out

95

133

LOGIC_PARZ

Logica funzionamento controllo capacit (0=Normal Close 1=Normal Open)

Out

95

134

TIPO_COMP

Tipo compressore (0=BITZER - 1=COMER-FU SHENG)

Out

95

135

ABIL_SERBATOIO

Abilitazione presenza serbatoio

Out

95

136

ABIL_RES_SERB

Abilitazione presenza resistenza serbatoio

Out

95

137

UNIT_CELS_FAR

Unit di misura temperature (0=C - 1=F)

In/Out

95

138

UNIT_BAR_PSI

Unit di misura pressioni (0=Bar - 1=PSI)

In/Out

95

139

EN_SONDA_B1

Abilitazione sonda temperatura IN acqua -BEWIT

In/Out

95

140

EN_SONDA_B2

Abilitazione sonda temperatura OUT acqua -BEWOT

In/Out

95

141

EN_SONDA_B3

Abilitazione sonda temperatura batteria 1 -BD1

In/Out

95

142

EN_SONDA_B11

Abilitazione sonda temperatura batteria 2 -BD2

In/Out

95

143

EN_SONDA_B5

Abilitazione sonda alta pressione circuito 1 -BHP1

In/Out

95

144

EN_SONDA_B13

Abilitazione sonda alta pressione circuito 2 -BHP2

In/Out

95

145

TIPO_SONDE_HP

Tipo sonde alta pressione (0=4-20 mA - 1=0-5 Vdc)

Out

95

Tabella 3

VARIABILI DIGITALI
AS 201751 FC

I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

31

32

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 9 - Sistema di Supervisione

Indirizzo
Variabile

Nome Variabile

Descrizione

Flusso

Tipo variabile
per rete
LonWorks

146

EN_SONDA_B7

Abilitazione sonda bassa pressione circuito 1 -BLP1

In/Out

95

147

EN_SONDA_B15

Abilitazione sonda bassa pressione circuito 2 -BLP2

In/Out

95

148

TIPO_SONDE_LP

Tipo sonde bassa pressione (0=4-20 mA - 1=0-5 Vdc)

Out

95

149

EN_SONDA_B9

Abilitazione sonda temperatura ambiente -BAT1

In/Out

95

150

EN_SONDA_B23

Abilitazione sonda temperatura serbatoio -BTOWT

In/Out

95

151

ABIL_PUMPDOWN1

Abilitazione pumpdown circuito 1

In/Out

95

152

ABIL_PUMPDOWN2

Abilitazione pumpdown circuito 2

In/Out

95

153

ABIL_RES_ANTIG

Abilitazione resistenza antigelo

Out

95

154

CLOCK_PRESENTE

Orologio presente

Out

95

155

DISABIL_CIRC1

Esclusione funzionamento circuito 1

In/Out

95

156

DISABIL_CIRC2

Esclusione funzionamento circuito 2

In/Out

95

157

ABIL_DUE_POMPE

Abilitazione doppia pompa

Out

95

158

ABIL_ROT_POMPE

Rotazione automatica pompe

In/Out

95

159

SI_ON_POMPA1

Abilitazione accensione pompa 1

In/Out

95

160

ABIL_POMP_ANTIG

Abilitazione pompa come antigelo

In/Out

95

161

EN_DRIVER_VLV

Abilitazione driver termostatica elettronica

Out

95

162

EN_ON_OFF_SUP

Abilitazione On/Off da supervisore

In/Out

95

163

ON_OFF_SUP

On/Off da supervisore

In/Out

95

164

ABIL_MODULI

Abilitazione funzionamento modulare

Out

95

165

MOD_MASTER_ON

L'unit il modulo Master

Out

95

166

MOD_SLAVE_ON

L'unit un modulo Slave

Out

95

167

NO_MODULARE

Unit in funzionamento locale

Out

95

168

ABIL_COMP_1_1

Compressore 1 circuito 1 presente

Out

95

169

ABIL_COMP_1_2

Compressore 2 circuito 1 presente

Out

95

170

ABIL_COMP_1_3

Compressore 3 circuito 1 presente

Out

95

171

ABIL_COMP_2_1

Compressore 1 circuito 2 presente

Out

95

172

ABIL_COMP_2_2

Compressore 2 circuito 2 presente

Out

95

173

ABIL_COMP_2_3

Compressore 3 circuito 2 presente

Out

95

174

ABIL_CIRCUITO2

Circuito 2 presente

Out

95

175

ABIL_PARZ_G

Abilitazione parzializzazione compressori semiermetici

Out

95

176

ABIL_PARZ_C

Abilitazione parzializzazioni compressore a vite

Out

95

177

ABIL_PIU_COMP

Unit con numero compressori maggiore di 1

Out

95

178

OK_MACCH2_MONOV

Unit P57 Bicircuito

Out

95

179

MACCHINA_P57

Unit P57

Out

95

180

ESTIN_ONOFF_LOC

Abilitazione Estate/Inverno e On/Off in locale

Out

95

181

INVERNO

Unit in funzionamento pompa calore

Out

95

182

EN_SONDE_HP

Presenza di una sonda di alta pressione

Out

95

183

EN_SONDE_LP

Presenza di una sonda di bassa pressione

Out

95

184

EN_SONDE_BAT

Presenza di una sonda di temperatura batteria

Out

95

185

GLB_ALARMS

Presenza di almeno un allarme

Out

95

186

SETPOINT_FISSO

Abilitazione setpoint fisso

Out

95

187

ABIL_SET_COMP

Abilitazione setpoint compensato

Out

95

188

ABIL_DOPPIO_SET

Abilitazione doppio setpoint

Out

95

189

ABIL_SET_FASCE

Abilitazione setpoint da fasce

Out

95

190

ABIL_SET_EXT

Abilitazione setpoint esterno

Out

95

191

SBRIN_CONTEMP

Abilitazione sbrinamento contemporaneo

Out

95

192

SBRIN_SEPARATO

Abilitazione sbrinamento separato

Out

95

193

SBRIN_INDIPEND

Abilitazione sbrinamento indipendente

Out

95

194

ABIL_SBR_DT

Abilitazione sbrinamento per dt

Out

95

195

ABIL_SBR_TEMP

Abilitazione sbrinamento in temperatura

Out

95

196

FINE_SBR_TEMP

Abilitazione fine sbrinamento in temperatura

Out

95

197

AB_SBR_SINGOLO

Abilitazione sbrinamento singolo

Out

95

198

AB_BI_SBR

Abilitazione per sbrinamenti su bicircuiti P50

Out

95

Tabella 3

VARIABILI DIGITALI

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 9 - Sistema di Supervisione

9.6.2

Indirizzo
Variabile
1

Va r i ab i l i a n a lo g i c h e

Nome Variabile
TEMP_IN_ACQ

Descrizione
Temperatura acqua ingresso evaporatore

Flusso
Out

Tipo variabile
per rete
LonWorks
105

TEMP_OUT_ACQ

Temperatura acqua uscita evaporatore

Out

105

TEMP_OUT_SERB

Temperatura acqua uscita serbatoio

Out

105

TEMP_BATTERIA1

Temperatura batteria circuito 1

Out

105

TEMP_BATTERIA2

Temperatura batteria circuito 2

Out

105

PRESS_COND1

Alta pressione circuito 1

Out

30

PRESS_COND2

Alta pressione circuito 2

Out

30

TEMP_CONV_COND1

Temperatura alta pressione circuito 1

Out

105

TEMP_CONV_COND2

Temperatura alta pressione circuito 2

Out

105

10

PRESS_EVAP1

Bassa pressione circuito 1

Out

30

11

PRESS_ EVAP2

Bassa pressione circuito 2

Out

30

12

TEMP_CONV_ EVAP1

Temperatura bassa pressione circuito 1

Out

105

13

TEMP_CONV_ EVAP2

Temperatura bassa pressione circuito 2

Out

105

14

TEMP_AMBIENTE

Temperatura ambiente

Out

105

15

ACTUAL_SHEAT_D1

Driver 1: valore del surriscaldamento

Out

105

16

SUCTION_TEMP_D1

Driver 1: temperatura aspirazione

Out

105

17

SUCTION_PRESS_D1

Driver 1: pressione evaporatore

Out

30

18

SATURATION_TEMP_D1

Driver 1: temperatura pressione evaporatore

Out

105

19

ACTUAL_SHEAT_D2

Driver 2: valore del surriscaldamento

Out

105

20

SUCTION_TEMP_D2

Driver 2: temperatura aspirazione

Out

105

21

SUCTION_PRESS_D2

Driver 2: pressione evaporatore

Out

30

22

SATURATION_TEMP_D2

Driver 2: temperatura pressione evaporatore

Out

105

23

SET_TEMP_CALC

Attuale setpoint di temperatura

Out

105

24

MIN_SET_T_EST

Valore minimo del setpoint temperatura estivo

In/Out

105

25

MAX_SET_T_EST

Valore massimo del setpoint temperatura estivo

In/Out

105

26

MIN_SET_T_INV

Valore minimo del setpoint temperatura invernale

In/Out

105

27

MAX_SET_T_INV

Valore massimo del setpoint temperatura invernale

In/Out

105

28

SET_TEMP_EST

Setpoint temperatura estivo

In/Out

105

29

SEC_SETT_EST

Secondo setpoint temperatura estivo

In/Out

105

30

SET_TEMP_INV

Setpoint temperatura invernale

In/Out

105

31

SEC_SETT_INV

Secondo setpoint temperatura invernale

In/Out

105

32

SET_EXT_COMP_E

Setpoint temperatura ambiente per compensazione estiva

In/Out

105

33

DIFF_COMPENSA_E

Differenziale temperatura ambiente per compensazione estiva

In/Out

105

34

SET_EXT_COMP_I

Setpoint temperatura ambiente per compensazione invernale

In/Out

105

35

DIFF_COMPENSA_I

Differenziale temperatura ambiente per compensazione


invernale

In/Out

105

36

MAX_COMPENSA

Valore di massima compensazione

In/Out

105

37

SET_FASCIA1_EST

Secondo setpoint temperatura estivo fascia oraria 1

In/Out

105

38

SET_FASCIA1_INV

Setpoint temperatura invernale fascia oraria 1

In/Out

105

39

SET_FASCIA2_EST

Secondo setpoint temperatura estivo fascia oraria 2

In/Out

105

40

SET_FASCIA2_INV

Setpoint temperatura invernale fascia oraria 2

In/Out

105

41

SET_FASCIA3_EST

Secondo setpoint temperatura estivo fascia oraria 3

In/Out

105

42

SET_FASCIA3_INV

Setpoint temperatura invernale fascia oraria 3

In/Out

105

43

SET_FASCIA4_EST

Secondo setpoint temperatura estivo fascia oraria 4

In/Out

105

44

SET_FASCIA4_INV

Setpoint temperatura invernale fascia oraria 4

In/Out

105

45

MAX_SET_EXT

Valore massimo setpoint da ingresso analogico

In/Out

105

46

DIFF_TEMP_EST

Banda regolazione estiva

In/Out

105

47

DIFF_TEMP_INV

Banda regolazione invernale

In/Out

105

48

SET_VENT_1_1

Setpoint step 1 ventilatori gruppo 1

In/Out

30

49

SET_VENT_1_2

Setpoint step 2 ventilatori gruppo 1

In/Out

30

50

DIFF_VENT_1

Differenziale disattivazione ventilatori gruppo 1

In/Out

30

Tabella 4

VARIABILI ANALOGICHE
AS 201751 FC

I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

33

34

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 9 - Sistema di Supervisione

Indirizzo
Variabile

Nome Variabile

Descrizione

Flusso

Tipo variabile
per rete
LonWorks

51

SET_VENT_2_1

Setpoint step 1 ventilatori gruppo 2

In/Out

30

52

SET_VENT_2_2

Setpoint step 2 ventilatori gruppo 2

In/Out

30

53

DIFF_VENT_2

Differenziale disattivazione ventilatori gruppo 2

In/Out

30

54

SET_VENT_LN_1_1

Secondo setpoint step 1 ventilatori gruppo 1

In/Out

30

55

SET_VENT_LN_1_2

Secondo setpoint step 2 ventilatori gruppo 1

In/Out

30

56

DIFF_VENT_LN_1

Secondo differenziale disattivazione ventilatori gruppo 1

In/Out

30

57

SET_VENT_LN_2_1

Secondo setpoint step 1 ventilatori gruppo 2

In/Out

30

58

SET_VENT_LN_2_2

Secondo setpoint step 2 ventilatori gruppo 2

In/Out

30

59

DIFF_VENT_LN_2

Secondo differenziale disattivazione ventilatori gruppo 2

In/Out

30

60

SET_REG_GIRI_1

Setpoint speed control gruppo 1

In/Out

30

61

DIFF_GIRI_1

Differenziale speed control gruppo 1

In/Out

30

62

SET_REG_GIRI_2

Setpoint speed control gruppo 2

In/Out

30

63

DIFF_GIRI_2

Differenziale speed control gruppo 2

In/Out

30

64

DIFF_GIRI_LN_1

Secondo differenziale speed control gruppo 1

In/Out

30

65

DIFF_GIRI_LN_2

Secondo differenziale speed control gruppo 2

In/Out

30

66

SET_NO_MEDIA

Setpoint by-pass speed medium control

In/Out

30

67

DIFF_NO_MEDIA

Differenziale by-pass speed medium control

In/Out

30

68

SET_TEMP_UNLOAD

Soglia attivazione unloading in temperatura

In/Out

105

69

DIF_TEMP_UNLOAD

Differenziale unloading in temperatura

In/Out

105

70

SET_PRES_UNL_E

Soglia attivazione unloading con sonde alta pressione

In/Out

30

71

DIF_PRES_UNL_E

Differenziale unloading con sonde alta pressione

In/Out

30

72

SET_PRES_UNL_I

Soglia attivazione unloading con sonde bassa pressione

In/Out

30

73

DIF_PRES_UNL_I

Differenziale unloading con sonde bassa pressione

In/Out

30

74

SET_MAAX_ON_REC

Pressione massima di On recupero

In/Out

30

75

SET_ON_SBR

Setpoint inizio sbrinamento

In/Out

105

76

SET_OFF_SBR

Setpoint fine sbrinamento

In/Out

105

77

SET_MIN_IN_EV_E

Setpoint minima temperatura ingresso evaporatore estate

Out

105

78

SET_MAX_IN_EV_E

Setpoint massima temperatura ingresso evaporatore estate

Out

105

79

SET_MIN_IN_EV_I

Setpoint minima temperatura ingresso evaporatore inverno

Out

105

80

SET_MAX_IN_EV_I

Setpoint massima temperatura ingresso evaporatore inverno

Out

105

81

SET_MIN_OUT_EV

Setpoint minima temperatura uscita evaporatore

Out

105

82

SET_MAX_OUT_EV

Setpoint massima temperatura uscita evaporatore

Out

105

83

SET_LT_SERB

Setpoint minima temperatura uscita serbatoio

Out

105

84

SET_HT_SERB

Setpoint massima temperatura uscita serbatoio

Out

105

85

SET_AL_LP

Soglia allarme bassa pressione

Out

30

86

DIFF_AL_LP

Differenziale allarme bassa pressione

Out

30

87

SET_HP_EST

Soglia allarme alta pressione estate

Out

30

88

DIFF_HP_EST

Differenziale allarme alta pressione estate

Out

30

89

SET_HP_INV

Soglia allarme alta pressione inverno

Out

30

90

DIFF_HP_INV

Differenziale allarme alta pressione inverno

Out

30

91

FSC_MIN_HP

Fondo scala minimo sonde alta pressione

Out

30

92

FSC_MAX_HP

Fondo scala massimo sonde alta pressione

Out

30

93

FSC_MIN_LP

Fondo scala minimo sonde bassa pressione

Out

30

94

FSC_MAX_LP

Fondo scala massimo sonde bassa pressione

Out

30

95

SET_FIME_PDOWN

Setpoint pressione fine pumpdown

In/Out

30

96

SET_POMP_ANTIG

Setpoint abilitazione pompa come antigelo

In/Out

105

97

DIFF_POMP_ANTIG

Differenziale pompa come antigelo

In/Out

105

98

SUPER_HEAT_SET_CH

Setpoint regolazione surriscaldamento in CH

In/Out

105

99

SUPER_HEAT_SET_HP

Setpoint regolazione surriscaldamento in HP

In/Out

105

100

SUPER_HEAT_SET_DF

Setpoint regolazione surriscaldamento in DF

In/Out

105

101

THRESHOLD_MOP

Soglia protezione MOP

In/Out

105

102

SET_RES_ANTIG

Setpoint resistenza antigelo

In/Out

105

103

DIFF_RES_ANTIG

Differenziale resistenza antigelo

In/Out

105

Tabella 4

VARIABILI ANALOGICHE

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 9 - Sistema di Supervisione

Indirizzo
Variabile

Nome Variabile

Descrizione

Flusso

Tipo variabile
per rete
LonWorks

104

SET_RES_SERB

Setpoint resistenza serbatoio

In/Out

105

105

DIFF_RES_SERB

Differenziale resistenza serbatoio

In/Out

105

106

TEMP_OUT_MENU

Temperatura visualizzata terza riga maschera menu

Out

105

107

FSC_MIN_HP2

Fondo scala minimo sonde alta pressione circuito 2

Out

30

108

FSC_MAX_HP2

Fondo scala massimo sonde alta pressione circuito 2

Out

30

109

FSC_MIN_LP2

Fondo scala minimo sonde bassa pressione circuito 2

Out

30

110

FSC_MAX_LP2

Fondo scala massimo sonde bassa pressione circuito 2

Out

30

111

TEMP_AMB_1

Temperatura Ambiente 1

Out

105

112

TEMP_AMB_2

Temperatura Ambiente 2

Out

105

113

TEMP_IN_BATT_FC

Temperatura acqua Ingresso Batteria Freecooling

Out

105

114

LIM_MIN_DELTAFC

Limite minimo Delta Freecooling

Out

105

115

LIM_MAX_DELTAFC

Limite massimo Delta Freecooling

Out

105

116

DELTA_FC

Delta di attivazione Freecooling

In/Out

105

Tabella 4

9.6.3

Indirizzo
Variabile

VARIABILI ANALOGICHE

Va r i ab i l i I n te r e

Nome Variabile

Descrizione

Flusso

Tipo variabile
per rete
LonWorks

VIS_REG_GIRI1

Percentuale uscita regolatore velocit ventilatori 1

Out

VIS_REG_GIRI2

Percentuale uscita regolatore velocit ventilatori 2

Out

VIS_VALV_COND1

Percentuale apertura valvola condensatore 1

Out

VIS_VALV_COND2

Percentuale apertura valvola condensatore 2

Out

POSITION_VALVE_D1

Apertura valvola termostatica circuito 1

Out

POSITION_VALVE_D2

Apertura valvola termostatica circuito 2

Out

ORA_ON_SET1

Ora inizio fascia oraria 1 per cambio setpoint

In/Out

124

MIN_ON_SET1

Minuti inizio fascia oraria 1 per cambio setpoint

In/Out

123

ORA_ON_SET2

Ora inizio fascia oraria 2 per cambio setpoint

In/Out

124

10

MIN_ON_SET2

Minuti inizio fascia oraria 2 per cambio setpoint

In/Out

123

11

ORA_ON_SET3

Ora inizio fascia oraria 3 per cambio setpoint

In/Out

124

12

MIN_ON_SET3

Minuti inizio fascia oraria 3 per cambio setpoint

In/Out

123

13

ORA_ON_SET4

Ora inizio fascia oraria 4 per cambio setpoint

In/Out

124

14

MIN_ON_SET4

Minuti inizio fascia oraria 4 per cambio setpoint

In/Out

123

15

TIPO_REG_VENT

Tipo regolazione ventilatori (0=Step Control - 1=Speed Control 2=Speed Medium Control)

Out

16

MIN_REG_GIRI

Minima velocit speed control

Out

17

MAX_REG_GIRI

Massima velocit speed control

Out

18

TIME_SPEED_UP

Tempo speed up

Out

107

19

GIRI_SPEED_UP

Velocit ventilatori in speed up

Out

20

TIME_BY_P_MEDIA

Tempo by-pass speed medium control

In/Out

107

21

MIN_REG_VALVC

Minima apertura valvole condensazione

Out

22

MAX_REG_VALVC

Massima apertura valvole condensazione

Out

23

RIT_PRES_UNL_E

Durata massima unloading sonde alta pressione

In/Out

24

RIT_PRES_UNL_I

Durata massima unloading sonde bassa pressione

In/Out

25

TIPO_RECUPERO

Modalit recupero (0=TOTALE - 1=PARZIALE-SEPARATO - 2=


PARZIALE-UNICO)

In/Out

26

TIME_TRA_RECUP

Tempo minimo tra due recuperi

In/Out

123

27

TIME_MINON_REC

Tempo minimo di On recupero

In/Out

123

28

TIME_MINOFF_REC

Tempo minimo di Off recupero

In/Out

123

29

TIME_RECUP_T1

Ritardo attivazione uscita recupero

In/Out

107

30

TIME_RECUP_T2

Tempo minimo di off recupero

In/Out

107

Tabella 5

VARIABILI INTERE

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

35

36

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 9 - Sistema di Supervisione

Indirizzo
Variabile

Nome Variabile

Descrizione

Flusso

Tipo variabile
per rete
LonWorks

31

TIPO_SBRINAM

Tipo controllo sbrinamento (0=Inizio:DT-Fine: a Tempo 1=Inizio:Temperatura-Fine: a Tempo - 2=Inizio: TemperaturaFine: Temperatura)

Out

32

MODO_SBRINAM

Modalit di sbrinamento (0=CONTEMPORARY - 1=SEPARATED 2=INDIPENDENT)

Out

33

SBR_MAX_TIME

Tempo di sbrinamento

In/Out

123

34

SBR_DELAY_TIME

Tempo esclusione controllo sbrinamento

In/Out

123

35

SBR_CHECK_TIME

Tempo controllo sbrinamento

In/Out

123

36

SBR_ADD_TIME

Tempo addizionale sbrinamento

In/Out

107

37

TIME_SBR_T1

Tempo Off compressore prima dello sbrinamento

In/Out

107

38

TIME_SBR_T2

Tempo Off compressore dopo lo sbrinamento

In/Out

107

39

VEL_VENT_SBR

Velocit ventilatori in sgocciolamento

In/Out

40

N_ALL_SBR

Numero massimo sbrinamenti/ora

In/Out

41

RIT_AL_IN_ACQ

Ritardo allarmi alta/bassa temperatura acqua ingresso evaporatore

Out

123

42

RIT_AL_T_SERB

Ritardo allarmi alta/bassa temperatura acqua uscita serbatoio

Out

123

43

RIT_LP_PAR

Ritardo allarme bassa pressione alla partenza compressore

Out

107

44

RIT_LP_REG

Ritardo allarme bassa pressione con compressore attivo

Out

107
107

45

RIT_AL_OLIO

Ritardo allarme livello olio

Out

46

RIT_AL_FLUS_PAR

Ritardo allarme flussostato alla partenza della pompa

Out

107

47

RIT_AL_FLUS_REG

Ritardo allarme flussostato con pompa funzionante

Out

107

48

RIT_AL_LIV_SERB

Ritardo allarme livello serbatoio

Out

107

49

RIT_AL_ALIMENT

Ritardo allarme alimentazione

In/Out

107

50

ORA_ON_LOW_N

Ora inizio fascia funzione low noise

In/Out

124

51

MIN_ON_LOW_N

Minuti inizio fascia funzione low noise

In/Out

123

52

ORA_OFF_LOW_N

Ora fine fascia funzione low noise

In/Out

124

53

MIN_OFF_LOW_N

Minuti fine fascia funzione low noise

In/Out

123

54

ACC_DAY_WEEK

Giorno accensione fascia oraria settimanale(1=Dom - 2=Lun 3=Mar - 4=Mer - 5=Gio - 6=Ven - 7=Sab)

In/Out

55

SPEGN_DAY_WEEK

Giorno spegnimento fascia oraria settimanale (1=Dom - 2=Lun 3=Mar - 4=Mer - 5=Gio - 6=Ven - 7=Sab)

In/Out

56

ACC_HOUR

Ora accensione fascia oraria giornaliera

In/Out

124

57

ACC_MINUTE

Minuti accensione fascia oraria giornaliera

In/Out

123

58

SPEGN_HOUR

Ora spegnimento fascia oraria giornaliera

In/Out

124

59

SPEGN_MINUTE

Minuti spegnimento fascia oraria giornaliera

In/Out

123

60

TIPO_MACCHINA

Tipo macchina (1=Monocircuito-N2 Comp.Scroll - 2=BicircuitoN4 Comp.Scroll - 3= Bicircuito-N5 Comp.Scroll - 4= BicircuitoN6 Comp.Scroll - 5=Bicircuito-N2 Comp.Semiermetici+Parz. 6=Monocircuito-N1 Compressore Vite)

Out

61

RIT_PARZ

Ritardo disattivazione controllo capacit compressori

Out

107

62

SONDA_REGOLAZ

Sonda regolazione (0=-BEWIT - 1=-BEWOT - 2=-BTOWT)

In/Out

63

TIPO_ROTAZ

Tipo rotazione compressori (0=Nessuna - 1=Circuito 2=Compressore)

In/Out

64

TIPO_GAS

Tipo gas per conversione pressione/temperatura (0=R22 1=R134C - 2=R404A - 3=R407C - 4=R410A - 5=R507C - 6=R209
- 7=R600 - 8=R600A - 9=R717 - 10=R744)

In/Out

65

TIME_MAX_PDOWN

Tempo massimo pump-down

In/Out

107

66

NUM_MODULI

Numero moduli funzionamento modulare

Out

67

SONDA_REG_MOD

Sonda regolazione funzionamento modulare (0=-BEWIT - 1=BEWOT - 2=-BTOWT)

Out

68

PESO_MODULO1

Peso modulo 1 per calcolo temperatura termostatazione

Out

69

PESO_MODULO2

Peso modulo 2 per calcolo temperatura termostatazione

Out

70

PESO_MODULO3

Peso modulo 3 per calcolo temperatura termostatazione

Out

71

PESO_MODULO4

Peso modulo 4 per calcolo temperatura termostatazione

Out

72

RIT_ATTIV_GRAD

Ritardo tra accensioni fuori zona neutra

In/Out

107

73

RIT_DISAT_GRAD

Ritardo tra spegnimenti fuori zona neutra

In/Out

107

74

RIT_AT_INT_GRAD

Ritardo tra accensioni in zona neutra

In/Out

123

75

TEMPO_INTEGRA

Tempo integrazione controllo PI

In/Out

107

76

RIT_ON_COMP

Ritardo accensione compressori all'accensione dell'unit

In/Out

107

Tabella 5

VARIABILI INTERE

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 9 - Sistema di Supervisione

Indirizzo
Variabile

Nome Variabile

Descrizione

Flusso

Tipo variabile
per rete
LonWorks

77

T_MIN_OFF

Tempo minimo spegnimento compressori

Out

107

78

T_MIN_ON

Tempo minima accensione compressori

Out

107

79

T_STESS_COMP

Tempo tra accensioni dello stesso compressore

Out

107

80

T_TRA_COMP

Tempo tra accensione compressori diversi

Out

107

81

TIME_PARTW

Tempo partwinding

Out

82

RIT_AL_PARTW

Ritardo allarme partwinding

Out

107

83

TIME_VALV_INT

Tempo valvola intermittente

Out

107

84

TIME_MAX_START

Tempo massimo di start

Out

107

85

TIME_ROT_POMPE

Intervallo di rotazione pompe

In/Out

124

86

RIT_OFF_ROTP

Intervallo funzionamento contemporaneo

In/Out

107

87

RIT_SPEGN_POMPE

Ritardo spegnimento pompe allo spegnimento dell'unit

In/Out

107

88

TIPO_REGOLAZ

Tipo regolazione (0=P - 1=P+I - 2=N.Z.)

In/Out

89

TIPO_SETPOINT

Modalit gestione setpoint (0=FISSO - 1=COMPENSATO 2=DOPPIO SETP. - 3=DA FASCE - 4=DA ING.ANALOG.)

In/Out

90

STATO_MACCHINA

Stato macchina (0=Unita'Off - 1=Unita'On - 2=Unita'Off da Fasce 3=Unita'Off da Superv. 4=Unita'Off da Remoto - 5=Unita'Off
d'Allarme -6=Procedura Manuale)

Out

91

TXT_T_OUT_MENU

Visualizzazione testo temperatura su maschera menu


(0=Temp.OUT - 1=Temp.Serb. - 2=Temp.Regol.)

Out

92

Versione del programma per la lista di variabili spedite al


Supervisore

Out

93

VIS_VALV_FC

% apertura valvola 3 Vie

Out

94

VIS_VENT_FC_MOD

% di lavoro ventilatori Freecooling (se regolazione continua)

Out

95

RIT_ATT_FC

Tempo attivazione/disattivazione Freecooling

In/Out

107

96

RIT_ATT_VENT_FC

Tempo controllo attivazione gradini ventilatori Freecooling

In/Out

107

97

RIT_ATT_VALV_FC

Tempo controllo attivazione gradini valvola 3 Vie

In/Out

107

98

PERC_VENT_FC

% regolazione ventilatori (se regolazione continua)

In/Out

99

PERC_VALV_FC

% regolazione valvola 3 Vie

In/Out

100

WORD_IN_OUT_1

Stato ingressi/uscite digitali variabile 1


(vedi NOTA A: Variabili digitali )

Out

101

WORD_IN_OUT_2

Stato ingressi/uscite digitali variabile 2


(vedi NOTA A: Variabili digitali )

Out

102

WORD_IN_OUT_3

Stato ingressi/uscite digitali variabile 3


(vedi NOTA A: Variabili digitali )

Out

103

MIN_VEL_FC

Minima velocit ventilatori regolati Freecooling

In/Out

104

MAX_VEL_FC

Massima velocit ventilatori regolati Freecooling

In/Out

105

GIRI_SPEEDUP_FC

Tempo in Speed-up ventilatori regolati in Freecooling

In/Out

107

106

TIME_SPEEDUP_FC

Velocit percentuale ventilatori regolati Freecooling in Speed-up

In/Out

107

Tabella 5

VARIABILI INTERE

NOTA A: Variabili digitali

Nome Variabile

N Bit

Descrizione singolo Bit

WORD_IN_OUT_1

Stato ingresso digitale 1 (0=Chiuso - 1=Aperto)

WORD_IN_OUT_1

Stato ingresso digitale 2 (0=Chiuso - 1=Aperto)

WORD_IN_OUT_1

Stato ingresso digitale 3 (0=Chiuso - 1=Aperto)

WORD_IN_OUT_1

Stato ingresso digitale 4 (0=Chiuso - 1=Aperto)

WORD_IN_OUT_1

Stato ingresso digitale 5 (0=Chiuso - 1=Aperto)

WORD_IN_OUT_1

Stato ingresso digitale 6 (0=Chiuso - 1=Aperto)

WORD_IN_OUT_1

Stato ingresso digitale 7 (0=Chiuso - 1=Aperto)

WORD_IN_OUT_1

Stato ingresso digitale 8 (0=Chiuso - 1=Aperto)

WORD_IN_OUT_1

Stato ingresso digitale 9 (0=Chiuso - 1=Aperto)

WORD_IN_OUT_1

Stato ingresso digitale 10 (0=Chiuso - 1=Aperto)

WORD_IN_OUT_1

10

Stato ingresso digitale 11 (0=Chiuso - 1=Aperto)

WORD_IN_OUT_1

11

Stato ingresso digitale 12 (0=Chiuso - 1=Aperto)

WORD_IN_OUT_1

12

Stato ingresso digitale 13 (0=Chiuso - 1=Aperto)

WORD_IN_OUT_1

13

Stato ingresso digitale 14 (0=Chiuso - 1=Aperto)

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

37

38

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 9 - Sistema di Supervisione

Nome Variabile

N Bit

Descrizione singolo Bit

WORD_IN_OUT_1

14

Stato ingresso digitale 15 (0=Chiuso - 1=Aperto)

WORD_IN_OUT_1

15

Stato ingresso digitale 16 (0=Chiuso - 1=Aperto)

WORD_IN_OUT_2

Stato ingresso digitale 17 (0=Chiuso - 1=Aperto)

WORD_IN_OUT_2

Stato ingresso digitale 18 (0=Chiuso - 1=Aperto)

WORD_IN_OUT_2

Stato uscita digitale 1 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_2

Stato uscita digitale 2 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_2

Stato uscita digitale 3 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_2

Stato uscita digitale 4 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_2

Stato uscita digitale 5 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_2

Stato uscita digitale 6 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_2

Stato uscita digitale 7 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_2

Stato uscita digitale 8 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_2

10

Stato uscita digitale 9 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_2

11

Stato uscita digitale 10 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_2

12

Stato uscita digitale 11 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_2

13

Stato uscita digitale 12 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_2

14

Stato uscita digitale 13 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_2

15

Stato uscita digitale 14 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_3

Stato uscita digitale 15 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_3

Stato uscita digitale 16 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_3

Stato uscita digitale 17 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_3

Stato uscita digitale 18 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_3

Stato uscita recupero 1 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_3

Stato uscita recupero 2 (0=Aperta - 1=Chiusa)

WORD_IN_OUT_3

Non Utilizzato

WORD_IN_OUT_3

Non Utilizzato

WORD_IN_OUT_3

Non Utilizzato

WORD_IN_OUT_3

Non Utilizzato

WORD_IN_OUT_3

10

Non Utilizzato

WORD_IN_OUT_3

11

Non Utilizzato

WORD_IN_OUT_3

12

Non Utilizzato

WORD_IN_OUT_3

13

Non Utilizzato

WORD_IN_OUT_3

14

Non Utilizzato

WORD_IN_OUT_3

15

Non Utilizzato

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 10 - Maschere senza password

CAPITOLO 10

MASCHERE SENZA PASSWORD


PERICOLO
La programmazione errata del pCO pu provocare gravi danni alla macchina;
nel caso di incertezze rivolgersi esclusivamente ad un centro assistenza tecnica autorizzato.
NOTA
Per informazioni sullimpostazione dei parametri consultare il Capitolo 14 Tabelle dei Settaggi.
ATTENZIONE
La visualizzazione di alcune maschere o parte di esse legata ad impostazioni effettuate su altre maschere stabilite
anche dalla configurazione della macchina, decisa fase di progetto.

Menu

10.1

Rif.

Sul terminali, in modalit normale premere f oppure g


Maschera

(*)

A1

!!#!!#!!
$%
$%("$
")(**



3%$%% %p%a%
' % 3$3/$5
4
% 1.8
22/10/07
  03.92 11/04/06



A3

Specifiche della macchina, versione attiva del


programma applicativo.
Versione attiva del software Bios.

Visualizzazione dello stato modem.

3(,3 ,+$,(
+
+ 26 7% 

 8 !

Note
Questa la maschera principale che visualizza nella
seconda riga i valori misurati dalla sonda di
temperatura dellacqua in entrata (-BEWIT)
nellevaporatore, e nella terza riga la temperatura
dellacqua in uscita (-BEWOT) dallevaporatore.
La prima riga indica lora e la data corrente.
Lultima riga mostra lo stato della macchina
(accesa, spenta, in modo manuale, controllo
remoto off, azione di controllo per fasce orarie off).
In caso di funzionamento anormale sullultima riga
del display verr visualizzato il messaggio
lampeggiante: '
'.

!! !!
!!!%!&'
!!!%!&'

A2

Range

R: Maschera solo in lettura


W: Maschera in lettura e scrittura.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

39

40

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 10 - Maschere senza password

10.2

Menu Libero

Premere e rilasciare il pulsante l sul terminale per avere accesso alla maschera loop (Men Libero); per
modificare un parametro vedi Capitolo 5 Modifica di un parametro del Men Libero
Rif.

Maschere

(*)

B1

Range

Note
Una volta raggiunta questa maschera, per accedere

ai parametri seguire le indicazioni del diagramma


seguente:

C1

f
D1

h
f
h

E1

R: Maschera solo in lettura


W: Maschera in lettura e scrittura.

Allinterno delle maschere di un loop (vedi maschere da Rif. C1 a Rif. C11) possibile tornare al Men Libero
(vedi Rif. B1), semplicemente premendo una sola volta il pulsante k ;
premendolo due volte si torna alla maschera principale (Rif. A1 - vedi paragrafo 10.1 Menu).

SET-POINT
Rif.

Maschere

(*)

C1



+  $



!!!%!&'
C2

C3

C4



+ 
,-
!!!%!&'
+  + 
,-
!!!%!&'




' %,-
+  $


2
!!%!&'
**
%
!!%!&'




4
  3
'   !!%!&'

C5



. 0
(
   !! !!
+ ,-
!!!%!&'
+ -
% !!!%!&'



Range

Identifica il Set-Point attuale con cui sta lavorando


lunit.

Note

step: 00.1

step: 00.1

step: 00.1
W

step: 00.1

Usare questa maschera per impostare il setpoint e il


secondo setpoint se abilitato.

Utilizzare questa maschera per impostare il setpoint


della temperatura esterna per la quale verr
calcolato il setpoint compensato.

Utilizzare questa maschera per impostare il valore


di massima compensazione.

Utilizzare questa maschera per impostare lora di


inizio e il Set-Point della prima fascia.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 10 - Maschere senza password

Rif.

Maschere

(*)

C6



. 1
(
   !! !!
+ ,-
!!!%!&'
+ -
% !!!%!&'



C7



. 9
(
   !! !!
+ ,-
!!!%!&'
+ -
% !!!%!&'



C8



. :
(
   !! !!
+ ,-
!!!%!&'
+ -
% !!!%!&'


*

Range

step: 00.1
W

step: 00.1
W

step: 00.1

Note
Utilizzare questa maschera per impostare lora di
inizio e il Set-Point della seconda fascia.

Utilizzare questa maschera per impostare lora di


inizio e il Set-Point della terza fascia.

Utilizzare questa maschera per impostare lora di


inizio e il Set-Point della quarta fascia.

R: Maschera solo in lettura


W: Maschera in lettura e scrittura.

USER
Rif.

Maschera

(*)

D1



. 
'/
    
,-
!!%!&'
-

!!%!&'



D2



2  
%
(#(**  

2  
%
,#-





D3




  
 

step: 00.1
W


  "

D4



*

Range

Note
Usare questa maschera per impostare la fascia di
regolazione della temperatura (Differenziale).

Usare questa maschera per attivare laccensione e


lo spegnimento remoto del pCO (ingresso digitale n.
1).

Il controllo elettronico ha lopzione che consente di


far ripartire automaticamente lunit dopo un blackout o dopo una qualsiasi interruzione
dellalimentazione elettrica.
La ripartenza automatica possibile solo se la
macchina, al momento dellinterruzione
dellalimentazione, era gi in ON.
Per maggiori informazioni consultare il paragrafo
4.2 Riavvio automatico
Permette la selezione della lingua desiderata per la
visualizzazione delle maschere.
Per maggiori informazioni consultare il paragrafo
5.3 Come impostare la lingua

R: Maschera solo in lettura


W: Maschera in lettura e scrittura.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

41

42

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 10 - Maschere senza password

I/O
Rif.

Maschera

(*)

E1



$

 ;
 ,-
%
!!!%!&'
("$ ,-
% !!!%!&'
("$ +
2% !!!%!&'


E2



$

 

'
 0
!!!%!&'





 
'
 0 !!!%!2

Valore misurato dalla sonda di temperatura della


batteria condensante del circuiti 1.
Questa maschera verr visualizzata solo se le sonde
-BD1 e -BD2 sono state precedentemente abilitate.
Per maggiori informazioni consultare il Capitolo 2
Trasduttori e Sonde

Valore misurato dal trasduttore di alta pressione del


circuito 1.
Questa maschera verr visualizzata solo se la sonda
-BHP1 stata precedentemente abilitate.
Per maggiori informazioni consultare il Capitolo 2
Trasduttori e Sonde

Valori misurati dai trasduttori di alta pressione del


circuito 1 espressi in C.
Questa maschera verr visualizzata solo se la sonda
-BHP1 stata precedentemente abilitate.
Per maggiori informazioni consultare il Capitolo 2
Trasduttori e Sonde

Valori misurati dai trasduttori di bassa pressione


del circuito 1 espresse in bar.
Questa maschera verr visualizzata solo se la sonda
-BLP1 stata precedentemente abilitate.
Per maggiori informazioni consultare il Capitolo 2
Trasduttori e Sonde

Valori misurati dai trasduttori di bassa pressione


del circuito 1 espressi in C.
Questa maschera verr visualizzata solo se la sonda
-BLP1 stata precedentemente abilitate.
Per maggiori informazioni consultare il Capitolo 2
Trasduttori e Sonde

Valori misurati dalla sonda di temperatura


ambiente1 e ambiente2 espressi in C.
Questa maschera verr visualizzata solo se la sonda
-BAT1 e -BAT2 stata precedentemente abilitata.
Per maggiori informazioni consultare il Capitolo 2
Trasduttori e Sonde.

E4




 
'
 0
!!!%!&'


E5




 
'
 0 !!!%!2

E6




 
'
 0
!!!%!&'


E7





  $]
]

 $]


E8

Valori misurati dalla sonda di temperatura ingresso


free cooling espressi in C.
Questa maschera verr visualizzata solo se la sonda
-BFCIT stata precedentemente abilitata.
Per maggiori informazioni consultare il Capitolo 2
Trasduttori e Sonde.




5FNQFSBUVSB]
*OHSFTTP#BUUFSJB]

  $]
]
'SFFDPPMJOH$]

 $]
]


E9



  
<0%%%09=
E10

>>>>>> >>>>>> >>>>>>





"  
<0%%%09=

>>>>>> >>>>>> >>>>>>





Note
Valori misurati dalle sonde di temperatura
dellacqua in entrata e in uscita dallevaporatore e
dallacqua in uscita dal serbatoio.
Questa maschera verr visualizzata solo se le sonde
-BEWIT, -BEWOT e -BTOWT sono state
precedentemente abilitate.
Per maggiori informazioni consultare il Capitolo 2
Trasduttori e Sonde

E3

Range

Questa maschera mostra lo stato degli ingressi


digitali della Scheda:
= chiuso: connesso a 24 Vac (stato normale);
= aperto: non connesso a 24 Vac (stato di
allarme).

Questa maschera mostra lo stato delle uscite


digitali della Scheda:
= carico sconnesso;
= uscita alimentata.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 10 - Maschere senza password

Rif.

Maschera

(*)

E11



4-  

'
 0


E12



 %4 )0


E13



!!!?


Note

Questa maschera mostra lo stato delle valvole di


recupero di calore del circuito 1.

Questa maschera mostra la percentuale della


velocit dei ventilatori se controllati da regolatore
di velocit.

Questa maschera mostra la percentuale della


velocit dei ventilatori freecooling se controllati da
regolatore di velocit.



7BMW'SFFDPPM]

]

  $]
]
7FOUJM'SFFDPPM]

 $]
]


*

Range

R: Maschera solo in lettura


W: Maschera in lettura e scrittura.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

43

44

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 10 - Maschere senza password

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 11 - Maschere con password

CAPITOLO 11

MASCHERE CON PASSWORD


Men con password

11.1

PERICOLO
La programmazione errata del pCO pu provocare gravi danni alla macchina;
nel caso di incertezze rivolgersi esclusivamente ad un centro assistenza tecnica autorizzato.
NOTA
Per informazioni sullimpostazione dei parametri consultare il Capitolo 14 Tabelle dei Settaggi.
Allinterno di questi Loop sono contenute maschere che permettono di impostare parametri fondamentali per il
funzionamento corretto della macchina.
La modifica dei parametri necessaria solo nei seguenti casi:

Quando si installa una nuova scheda pCO.


Quando, per qualche motivo come grossi disturbi sullalimentazione elettrica, qualche parametro
programmabile assume valori non corretti.

ATTENZIONE
La modifica dei parametri deve essere fatta da personale specializzato pertanto necessario rivolgersi ad un
centro assistenza autorizzato.
Laccesso al men con password si effettua seguendo la procedura di seguito indicata; per modificare i parametri
seguire le indicazioni descritte nel Capitolo 5 Modifica di un parametro del Men con Password.

Mantenere premuto per almeno 5 secondi il pulsante l quindi rilasciarlo;


Inserire la password utilizzando i pulsanti f o g e confermarla premendo il pulsante h.

ATTENZIONE
Il numero di maschere a cui si pu accedere dipende dalla password (utente, manutenzione o costruttore).
La password UTENTE 00805.
ATTENZIONE
La visualizzazione di alcune maschere o parte di esse legata ad impostazioni effettuate su altre maschere stabilite
anche dalla configurazione della macchina, decisa fase di progetto.
.
Rif.
F1

Maschere








(*)


!!!!!

Range

Note
Dopo aver inserito la password premere il pulsante
h.
Se la password sbagliata, apparir il messaggio

e bisogna ripetere
loperazione di inserimento.
Se la password corretta si potr accedere alla
maschera seguente Men Password ( Rif. F2).

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

45

46

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 11 - Maschere con password

Rif.

Maschere

F2

(*)
R

Range

Note
Una volta raggiunta questa maschera, per accedere ai
parametri seguire le indicazioni del diagramma seguente :

G1

f
H1

h
f
h

I1

f
J1

h
f
h

K1

f
L1

h
f
h

M1

f
N1

h
f
h

O1

f
P1

h
f
h

Q1

f
Q1

h
f
h

R1

f
S1

h
f
h

U1

f
V1

h
f
h

W1

f
*

R: Maschera solo in lettura


W: Maschera in lettura e scrittura.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 11 - Maschere con password


Allinterno delle maschere di un loop (vedi maschere CONFIGURAZIONE

UNITA)

possibile tornare al men

password Rif. F2 , semplicemente premendo una sola volta il pulsante k ;


premendolo due volte si torna alla maschera principale Rif. A1 (vedi paragrafo 10.1 Menu )..

CONFIGURAZIONE UNITA

MODULARIT

DRIVER

ORE LAVORATE
Rif.
J1

Maschera

(*)


' 

. 
")


J2


!!!!!



 0

(
 . % !!!!!
&-  !!!!!



J3


 1

(
 . % !!!!!
&-  !!!!!



J4


'%0' 

 0

(
 . % !!!!!
&-  !!!!!



J5


'%0' 

 1

Note

Ore di funzionamento della macchina (periodo


durante il quale la scheda attiva).

Totale delle ore di funzionamento e del numero di


attivazioni della pompa 1.

Totale delle ore di funzionamento e del numero di


attivazioni della pompa 2.

Totale delle ore di funzionamento e del numero di


attivazioni del compressore 1 del primo circuito.
Per maggiori informazioni consultare il paragrafo
9.2 Tempo di funzionamento e attivazioni dei
compressori e dellunit .

Totale delle ore di funzionamento e del numero di


attivazioni del compressore 2 del primo circuito.
Per maggiori informazioni consultare il paragrafo
9.2 Tempo di funzionamento e attivazioni dei
compressori e dellunit .

(
 . % !!!!!
&-  !!!!!


*

Range

R: Maschera solo in lettura


W: Maschera in lettura e scrittura.

FUZIONAMENTO MANUALE

COMPRESSORI

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

47

48

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 11 - Maschere con password

POMPE
Rif.
M5

Maschera

2 
  
 0
 1


(*)


Range

Questa maschera sar visualizzata solo se


abilitata la doppia pompa e se disabitata la
rotazione automatica delle pompe ( Rif. M2).
Usare questa maschera per abilitare accensione
della pompa 1 o 2.





Note

R: Maschera solo in lettura


W: Maschera in lettura e scrittura.

VENTILATORI

UNLOADING

RECUPERO

SBRINAMENTO

ALLARMI

OROLOGIO
Rif.
R1

Maschera

  
(
 
(

!! !!

!!#!!#!!


(*)


Range

/
/



.    
- 
!! !!
-%
!! !!



+  .
(#(** ")
+
@




R3

W




Usata per impostare data, giorno della settimana e


ora corrente.

R2

Note

Usare questa maschera per impostare lora di


attivazione e di disattivazione del funzionamento
silenziato (vedi Capitolo 10 Funzionamento
Notturno)

Usare questa maschera per abilitare la fascia oraria


settimanale e giornaliera (la fascia oraria
settimanale e giornaliera permette laccensione e lo
spegnimento automatico della macchina negli orari
e nei giorni stabiliti).

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 11 - Maschere con password

Rif.

Maschera

(*)

R4

Range

W

. +
% ")


 ")

R5



. @


% ") !! !!


 ") !! !!

*

Note
Usare questa maschera per stabilire il giorno di
accensione e spegnimento.

/
/

Usare questa maschera per stabilire lorario di


accensione e spegnimento.

R: Maschera solo in lettura


W: Maschera in lettura e scrittura.

STORICO
Rif.

Maschera

(*)

S1

Range

Note
La sequenza degli storici allarmi, viene visualizzata
con una serie di maschere nelle quali viene indicata
la data, lora e la descrizione degli allarmi; vengono
memorizzate fino a 50 segnalazioni di allarme.

ATTENZIONE
Premendo pi volte il pulsante h allinterno di
qualsiasi maschera dello storico allarmi,
possibile visualizzare i valori di pressione, di
temperatura e lo stato degli ingressi e delle uscite
che sono stati rilevati dai sensori del pCO
nellistante in cui intervenuto quel preciso
allarme. Vedi maschere da Rif. T1 a
*

R: Maschera solo in lettura


W: Maschera in lettura e scrittura.

Ad ogni intervento di un allarme il pCO automaticamente memorizza in alcune maschere le condizioni di


funzionamento (pressione, temperatura, stato degli ingressi, ecc...).
Di seguito sono elencate tali maschere. La visualizzazione di alcune di esse dipende dalla configurazione dellunit.

STORICO ALLARMI
Rif.
T1

Maschera


T2

$

 ;
 ,-
%
!!!%!&'
("$ ,-
% !!!%!&'
("$ +
2% !!!%!&'

$

 

'
 0
!!!%!&'

(*)

Range

Note

Temperature ingresso/uscita acqua evaporatore (BEWIT, -BEWOT), temperature uscita acqua


serbatoio (-BTOWT).

Temperatura batteria (-BD1).




AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

49

50

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 11 - Maschere con password

Rif.
T3

Maschera

T4

(*)


 
'
 0 !!!%!2


 
'
 0 !!!%!2

Range

Note

Pressione di alta (-BHP1).

Pressione di bassa (-BLP1).

Temperature delle sonde BFCIT, BAT1 e BAT2.

Situazione ingressi digitali.

Situazione uscite digitali.

Situazione valvola di recupero.

Situazione regolatore di velocit.

Situazione driver1.

Situazione della valvola 3 vie free-cooling e del


regolatore di velocit.

T6



5FNQ'SFFDPPMJOH]
*OHS#BUU$]
"NCJFOUF$]
"NCJFOUF$]


T7


T8


T9

T10

T11


  
<0%%%09=
>>>>>> >>>>>> >>>>>>




"  
<0%%%09=
>>>>>> >>>>>> >>>>>>

4-  

'
 0






 
 
4 )0

!!!?


-
0
+
/
!!%!&'
  4-% !!!!
$%
%
!!%!&'

T12



7BMWPMB]
'SFFDPPMJOH]
3FH(JSJ7FOUJMBUPSF]
'SFFDPPMJOH]


*

R: Maschera solo in lettura


W: Maschera in lettura e scrittura.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 11 - Maschere con password

SUPERVISORE
Rif.
U1

Maschera

U2


2
 7
4%


 

!

!!!!

Note
Questa maschera permette di abilitare il pCO ad
essere gestito da un sistema di supervisione.



 *%


 3+
!!!
4 )
01!! 2

  


Range

U3

2 
+
- 

(*)

Questa maschera verr visualizzata solo se


abilitata la supervisione ( Rif. U1).
Usare questa maschera per impostare il valore
massimo dei numeri telefonici che si possono
memorizzare e i numeri di telefono per inviare gli
SMS.

Questa maschera verr visualizzata solo se


abilitata la supervisione ( Rif. U1).
Usare questa maschera per dare alla macchina un
indirizzo specifico quando collegata in una rete in
un sistema supervisor.
Nella seconda riga possibile impostare la velocit
di comunicazione dati.
In essa possibile impostare il tipo di protocollo di
supervisione.
Per maggiori informazioni consultare il Capitolo 9
Sistema di Supervisione

ATTENZIONE
Prima di inserire i numeri di telefono necessario
abilitare la spedizione SMS ( Rif. U4)
Inoltre in questa maschera possibile impostare
una password di protezione sui dati in memoria.

U4

U5


;
!
$  
$ 
+   +3+


U2 ).
Essa permette di impostare il numero massimo di
squilli che il modem pu ricevere prima della
risposta e il tipo di modem utilizzato.
Inoltre in questa maschera possibile abilitare
linvio dei messaggi SMS.
Per maggiori informazioni consultare il Capitolo 9
Sistema di Supervisione.

Questa maschera verr visualizzata solo se


abilitata la supervisione ( Rif. U1).
Utilizzare questa maschera per abilitare o no la
possibilit di accendere o spegnere la macchina dal
sistema di supervisione.

2  (#(**
 +
-



Questa maschera verr visualizzata solo se


abilitata la supervisione con Protocollo GSM (Rif.

R: Maschera solo in lettura


W: Maschera in lettura e scrittura.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

51

52

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 11 - Maschere con password

ALTRE IMPOSTAZIONI
Rif.
V8

Maschera

(*)



 - 

"
!!!!!

*

Range

Note
Questa maschera da la possibilit di cambiare la
password UTENTE.

R: Maschera solo in lettura


W: Maschera in lettura e scrittura.

FREECOOLING

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 12 - Gestione degli allarmi

CAPITOLO 12

GESTIONE DEGLI ALLARMI


Segnali di allarme

12.1

1 2 . 1 . 1 Vi s u al i z z az i o n e d eg l i al l ar m i
Durante il funzionamento della macchina possono verificarsi condizioni di allarme che a seconda della pericolosit,
vengono gestite dal pCO tramite una semplice segnalazione oppure con il blocco parziale o completo della
macchina. Quando viene segnalato un allarme, sul display del pCO appare la scritta

e si accende il led

rosso del tasto j.


Premere il pulsante j sul terminale per visualizzare la
prima maschera di allarme.
Nellangolo a destra verr visualizzato il numero di
allarmi attivi.
Usare i pulsanti g o f sul terminale per far scorrere altri
eventuali messaggi di allarme.

Dopo aver letto il messaggio di allarme sul display, usare la lista degli allarmi (vedi paragrafo 12.3 Maschere di
allarme ) per identificare lallarme visualizzato e avere ulteriori informazioni.

Reset degli allarmi

12.2

Una volta risolto il problema che aveva causato lallarme, se questultimo era a reset automatico, lunit ritorner
automaticamente in funzione. Se lallarme era a reset manuale premere pi volte il tasto j sul terminale fino ad
ottenere il reset. Se viene premuto il pulsante j, e non attivo alcun allarme, sul display apparir il messaggio
. Per tornare alla maschera principale, premere il pulsante k.

Maschere di allarme

12.3
Rif.

Maschera

Azione di
controllo

Reset

Ingresso

AM1

Note
Nessuna maschera di allarme attiva.


 

-

AM2

AA 
 BB
3
 .+/
3* 

AM3

AA 
 BB
(
  @


AM4

!!

!!

aut.

Arresto
completo della
macchina
compresa la
pompa

---

La memoria pCO danneggiata


irreparabilmente.
Provare a riavviare lunit.
Se lallarme si ripete contattare un
centro assistenza autorizzato.

aut.

Arresto
completo della
macchina
compresa la
pompa

---

La scheda clock del pCO


danneggiata irreparabilmente.
Provare a riavviare lunit.
Se lallarme si ripete contattare un
centro assistenza autorizzato.

ID3

Il flusso dacqua che attraversa


levaporatore insufficiente
(pressostato differenziale).

manuale Arresto
completo della
AA 
 BB !!
macchina

 
**
 ;
compresa la
pompa.




Tabella 6

MASCHERE DI ALLARME

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

53

54

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 12 - Gestione degli allarmi

Rif.
AM5

Maschera


AA 
 BB
-
+
2 

AA 
 BB
+ -


 0


AM7

AA 
 BB
+ -


 1


AM8

AM9

Il livello dacqua presente nel


serbatoio insufficiente.
Quando il livello dellacqua nel
serbatoio viene ristabilito, lallarme
viene resettato automaticamente.

manuale Arresto
completo della
!!
macchina
compresa la
pompa.

manuale Arresto

completo della
!!
macchina
compresa la
pompa.


ID9

Sovraccarico della pompa 1

ID10

Sovraccarico della pompa 2

ID7

Questo allarme si presenta solo


quando i ventilatori sono gestiti con
la regolazione di velocit, nel caso
in cui il regolatore presenti anomalie
nel suo funzionamento oppure nel
caso di sovraccarico dei ventilatori
relativi al circuito1 (ventilatori di
condensazione).

manuale Stop circuito 1

B1

Il valore della pressione misurato


dal trasduttore di alta del circuito 1
uguale o superiore alla soglia
dallarme.
Vedi Capitolo 2 Trasduttori e
Sonde .

manuale Stop circuito 1

B6

Il valore della pressione misurato


dal trasduttore di bassa del circuito
1 uguale o inferiore alla soglia
dallarme.
Vedi Capitolo 2 Trasduttori e
Sonde.

manuale Stop circuito 1

ID5

Il valore della pressione del circuito


1 uguale o superiore al setpoint
del pressostato (se presente).

manuale Stop
compressore 1
del circuito 1

ID11

Sovraccarico compressore 1 circuito


1.

manuale Stop
compressore 2
del circuito 1

ID12

Sovraccarico compressore 2 circuito


1.

manuale Stop circuito 1

---

Errore nella procedura di pumpdown nel circuito 1: livello minimo


di pressione non raggiunto entro il
tempo di ritardo pump-down.

ID18

Anomalie dovute alla non corretta


sequenza di fase dellalimentazione
elettrica.
Quando lalimentazione elettrica si
ristabilizzata, lallarme deve essere
resettato manualmente.

!!

AM10

manuale Arresto dei


ventilatori e dei
AA 
 BB !!
compressori
+ -

 4%
#   

relativo al
'
 0
circuito 1.




AM13

AM14

AM15

!!

AA 
 BB

  
'
 0

AM12

!!


AA 
 BB

 
'
 0

AM11

aut.

AA 
 BB

 
'
 0

!!

AA 
 BB
+ -


' 

 0
'
 0



AA 
 BB
+ -


' 

 1
'
 0



AA 
 BB

 
 
  ,


'
 0



AA 
 BB
 
 
$
*


Note

ID4

Ingresso

Arresto
completo della
macchina
compresa la
pompa.


AM6

Azione di
controllo

Reset

!!


!!


!!

manuale Arresto
completo della
!!
macchina
compresa la
pompa



Tabella 6

MASCHERE DI ALLARME

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 12 - Gestione degli allarmi

Rif.
AM16

AM17

AM18

Maschera


AA 
 BB
 $


; 

,-




AM20

AM21

AM22

AM23

AM24

AM25

AM26

!!

Azione di
controllo

Ingresso

Note

manuale Stop dellunit, B4


la pompa resta in
funzione.

La temperatura misurata dalla


sonda uguale o superiore alla
soglia di allarme.
Vedi Capitolo 2 Trasduttori e
Sonde.

manuale Stop dellunit, B4


la pompa resta in
funzione.

La temperatura misurata dalla


sonda uguale o inferiore alla soglia
di allarme.
Vedi Capitolo 2 Trasduttori e
Sonde.

manuale Stop dellunit, B5


la pompa resta in
funzione.

La temperatura misurata dalla


sonda uguale o superiore alla
soglia di allarme.
Vedi Capitolo 2 Trasduttori e
Sonde.

AA 
 BB !!
 $


; 

,-




AA 
 BB
 $


; "
,-




AM19

Reset

!!

manuale Stop dellunit, B5


la pompa resta in
funzione.

La temperatura misurata dalla


sonda uguale o inferiore alla soglia
di allarme.
Vedi Capitolo 2 Trasduttori e
Sonde.

manuale Stop dellunit, B10


la pompa resta in
funzione.

La temperatura misurata dalla


sonda uguale o superiore alla
soglia di allarme.
Vedi Capitolo 2 Trasduttori e
Sonde.

AA 
 BB !!
 $


; "
,-




AA 
 BB
 $


" ;
+
2 


!!

manuale Stop dellunit, B10


la pompa resta in
funzione.

La temperatura misurata dalla


sonda uguale o inferiore alla soglia
di allarme.
Vedi Capitolo 2 Trasduttori e
Sonde.

manuale Stop dellunit, B1


la pompa resta in
funzione.

La sonda misura un valore fuori dal


range: pu essere danneggiata, non
connessa o in corto circuito.
Vedi Capitolo 2 Trasduttori e
Sonde.

manuale Stop dellunit, B6


la pompa resta in
funzione.

La sonda misura un valore fuori dal


range: pu essere danneggiata, non
connessa o in corto circuito.
Vedi Capitolo 2 Trasduttori e
Sonde.

manuale Stop dellunit, B4


la pompa resta in
funzione.

La sonda misura un valore fuori dal


range: pu essere danneggiata, non
connessa o in corto circuito.
Vedi Capitolo 2 Trasduttori e
Sonde.

manuale Stop dellunit, B5


la pompa resta in
funzione.

La sonda misura un valore fuori dal


range: pu essere danneggiata, non
connessa o in corto circuito.
Vedi Capitolo 2 Trasduttori e
Sonde.

AA 
 BB !!
 $


" ;
+
2 


AA 
 BB !!
$
 
 

  / 0
@ +  


AA 
 BB !!
$
 
 

   0
@ +  


AA 
 BB !!
+   
$

 ,C$
@ +  


AA 
 BB !!
+   
$

 ,C($
@ +  



manuale Stop dellunit, B10


la pompa resta in
AA 
 BB !!
funzione e
+   
$

 $(C$
accensione
@ +  
funzione


resistenza
antigelo


Tabella 6

La sonda misura un valore fuori dal


range: pu essere danneggiata, non
connessa o in corto circuito.
Vedi Capitolo 2 Trasduttori e
Sonde.

MASCHERE DI ALLARME

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

55

56

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 12 - Gestione degli allarmi

Rif.

Maschera

AM27

AA 
 BB
3 
")

AM28

!!

AA 
 BB
3 
 0

!!

AM29

AA 
 BB
3 
 1

!!

AM30

AM31

AA 
 BB
3 
' 

 0
'
 0


AM32

AM33

AM34

AM35

AM36

AM37

AA 
 BB

-
0
,


 +  

!!

!!

AA 
 BB

-
0
,


 ,


!!

AA 
 BB !!

-
0
,


 + 3 


AA 
 BB

-
0
,


 


!!

AA 
 BB

-
0

 

!!

AA 
 BB

-
0

 

!!

AA 
 BB

-
0
 +
8

Azione di
controllo

Reset

!!

Ingresso

Note

aut.

Segnalazione di
avvertimento

---

Richiesta manutenzione completa


della macchina.

aut.

Segnalazione di
avvertimento

---

Richiesta manutenzione della pompa


1.
Per maggiori informazioni consultare
il paragrafo 8.1 Tempo di
funzionamento e attivazioni della
pompa .

aut.

Segnalazione di
avvertimento

---

Richiesta manutenzione della pompa


2.
Per maggiori informazioni consultare
il paragrafo 8.1 Tempo di
funzionamento e attivazioni della
pompa

aut.

Segnalazione di
avvertimento

---

Richiesta manutenzione del


compressore 1 del circuito1.

manuale Stop
compressore 1

---

Una delle due sonde collegate al


Driver della termostatica elettronica
del circuito 1 sconnesso o
danneggiato.

manuale Stop
compressore 1

---

La Eeprom del Driver della


termostatica elettronica relativa al
circuito 1 danneggiata o presenta
qualche anomalia.

manuale Stop
compressore 1

---

Il motorino passo-passo che pilota


la termostatica elettronica del
circuito 1 danneggiato o presenta
qualche anomalia.

aut.

Segnalazione di
avvertimento

---

La batteria che alimenta il Driver del


circuito 1 scarica o scollegata.

aut.

Segnalazione di
avvertimento

---

La sonda di pressione collegata al


Driver della termostatica del circuito
1, rileva un valore troppo alto.

aut.

Segnalazione di
avvertimento

---

La sonda di pressione collegata al


Driver della termostatica del circuito
1, rileva un valore troppo basso.

aut.

Segnalazione di
avvertimento

---

Il valore del surriscaldamento


elaborato dal Driver della
termostatica del circuito 1, troppo
basso.

Tabella 6

MASCHERE DI ALLARME

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 13 - Storico

Rif.

Maschera

Reset

AM38

Note

---

Allo spegnimento della macchina, il


Driver che elabora i dati della
termostatica del circuito 1, rileva
che la stessa non perfettamente
chiusa.

manuale Stop
compressore 1

---

La sonda collegata al Driver della


termostatica del circuito 1, rileva un
valore troppo alto della temperatura
di aspirazione del fluido frigorigeno
in funzionamento MOP.

manuale Segnalazione,
accensione
funzione
resistenza
antigelo

B3



"MMBSNF]
4POEBEJ]
5FNQFSBUVSB#'$*5]
(VBTUBP4DPMMFHBUB]

La sonda misura un valore fuori dal


range: pu essere danneggiata, non
connessa o in corto circuito.
Vedi Capitolo 2 Trasduttori e
Sonde.

manuale Segnalazione,
accensione
funzione
resistenza
antigelo

B8



"MMBSNF]
4POEBEJ]
5FNQFSBUVSB#"5]
(VBTUBP4DPMMFHBUB]

La sonda misura un valore fuori dal


range: pu essere danneggiata, non
connessa o in corto circuito.
Vedi Capitolo 2 Trasduttori e
Sonde.

manuale Segnalazione,
accensione
funzione
resistenza
antigelo

B9



"MMBSNF]
4POEBEJ]
5FNQFSBUVSB#"5]
(VBTUBP4DPMMFHBUB]

La sonda misura un valore fuori dal


range: pu essere danneggiata, non
connessa o in corto circuito.
Vedi Capitolo 2 Trasduttori e
Sonde.

manuale Arresto dei


ventilatori e dei
compressori
relativo al
circuito 1.

ID8

Questo allarme si presenta solo


quando i ventilatori sono gestiti con
la regolazione di velocit, nel caso
in cui il regolatore presenti anomalie
nel suo funzionamento oppure nel
caso di sovraccarico dei ventilatori
relativi al circuito (ventilatori freecooling).




AM40

Ingresso

manuale Stop
compressore 1

AM39

Azione di
controllo

AA 
 BB !!

-
0
4-    '8
< +  =
AA 
 BB !!

-
0
$  3

   3(




AM41

AM42

AM43



"MMBSNF]
4PWSBDDBSJDP7FOUJM]
"OPNBMJB3FHPMBUPSF]
$JSDVJUP'SFFDPPMJOH]

Tabella 6

MASCHERE DI ALLARME

CAPITOLO 13

STORICO
Il controllo elettronico dotato di un loop storico, vedi Capitolo 11 Maschere con password e Rif. U1,
allinterno di tale loop vengono memorizzati:
1. gli ultimi 50 accessi ai men Utente, Service e Costruttore con relativa data e ora;
2. gli ultimi 50 allarmi con i relativi:

sigla che contraddistingue lallarme;


data ora dintervento;
temperatura -BEWIT, -BEWOT, BFCIT, BAT1, BAT2 e -BTOWT (se presente) allintervento;
pressione di alta e bassa allintervento;
stato delle uscite e degli ingressi allintervento.
stato della valvola 3 vie freecooling e dei ventilatori free-cooling (se regolati)

NOTA
Gli storici possono essere resettati solo accedendo con password Costruttore.

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

57

58

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 13 - Storico

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 14 - Tabelle dei Settaggi

CAPITOLO 14

Rif.

TABELLE DEI SETTAGGI


Le tabelle di seguito riportate rappresentano lelenco di tutte le
maschere che contengono i parametri modificabili, importanti per il
funzionamento della macchina.
La mancata visualizzazione sul display di alcune maschere non un
malfunzionamento.

ATTENZIONE
La visualizzazione di alcune maschere o parte di esse
legata ad impostazioni effettuate su altre maschere
stabilite anche dalla configurazione della macchina,
decisa in fase di progetto.
Tutte le maschere sono identificate da un codice alfanumerico
univoco riportato nella colonna Rif. ; tale codice verr usato nel
manuale per poter rintracciare con facilit qualsiasi maschera.
Nella colonna Settaggio di Fabbrica sono indicati i valori di
taratura impostati durante il collaudo della macchina e sono riferiti
esclusivamente alla macchina avente la stessa matricola riportata
nella targhetta applicata alla prima pagina di questo manuale.

PERICOLO
La programmazione errata del pCO pu provocare
gravi danni alla macchina
I parametri possono essere modificati solo da
personale competente.
Lelenco completo, che comprende sia i parametri modificabili che
quelli non modificabili e le informazioni pi approfondite sul loro uso
e significato, pu essere consultato nelle tabelle allinterno del
manuale.

Settaggi senza
Password
ATTENZIONE
La modifica dei parametri deve essere fatta da
personale specializzato.

C4

C5

C6

C7

C8

USER

D2

D3

Rif.

D4
Maschera

SET-POINT
C2

C3



. 0

(
   !! !!
+ ,-
!!!%!&'
+ -
% !!!%!&'




. 1

(
   !! !!
+ ,-
!!!%!&'
+ -
% !!!%!&'




. 9

(
   !! !!
+ ,-
!!!%!&'
+ -
% !!!%!&'




. :

(
   !! !!
+ ,-
!!!%!&'
+ -
% !!!%!&'




. 
'/ 
    

,-
!!%!&'
-

!!%!&'





2  
%  Vedi Capitolo 15
(#(**  
 
Tabella 8
2  
% 
,#-

 





  
 

procedura illustrata nel Capitolo 10 Maschere senza

Settaggio di
Fabbrica



4
  3

'   !!%!&'





D1

Per modificare i seguenti parametri seguire la


password

Settaggio di
Fabbrica

Maschera



  "






 











+ 
,-
!!!%!&'
+  + 
,-
!!!%!&'




' %,-
+  $


2
!!%!&'
**
%
!!%!&'



AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

59

60

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 14 - Tabelle dei Settaggi

Settaggi con
Password

Rif
R5

ATTENZIONE
La modifica dei parametri dipendenti da password deve
essere fatta da personale specializzato pertanto
necessario rivolgersi ad un centro assistenza
autorizzato.
Per modificare i seguenti parametri seguire la



. @

 
% ") !! !!


 ") !! !!





STORICI
SUPERVISORE
U1

procedura illustrata nel Capitolo 11 Maschere con


password
Rif

Settaggio di
Fabbrica

Maschera

U2

MODULARIT
U3

DRIVER
ORE LAVORATE




FUNZIONAMENTO MANUALE
COMPRESSORI
POMPE

U4


2 
  
 0
 1


VENTILATORI









U5


 *%


 3+
!!!
4 )
01!! 2

  


2
 7
4%


 

!!!!








2  (#(**
 +
-



ALLARMI

FREECOOLING

Tabella 7:


  
(
 
(

!! !!

!!#!!#!!


!



;
!
$  
$ 
+   +3+


ALTRE IMPOSTAZIONI

R1




SBRINAMENTO
OROLOGIO

UNLOADING
RECUPERO

2 
+
- 

CONFIGURAZIONE UNIT

M5

Settaggio di
Fabbrica

Maschera

SETTAGGI CON PASSWORD

R2



.    
- 
!! !!
-%
!! !!



+  .
(#(** ")
+
@




R3





R4


. +
% ")


 ")

Tabella 7:

SETTAGGI CON PASSWORD

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 15 - Impostazioni legate al tipo di macchina

CAPITOLO 15

IMPOSTAZIONI LEGATE AL TIPO DI MACCHINA


Nelle tabelle del Capitolo 14 Tabelle dei Settaggi sono indicati i settaggi di tutti i parametri programmabili.
Alcune maschere fanno riferimento alle tabelle contenute in questo paragrafo, in quanto i parametri in esse
contenuti, dipendono direttamente dalle caratteristiche della macchina.
ATTENZIONE
E' importante attenersi scrupolosamente a tali indicazioni per evitare un errato funzionamento della macchina.

15.1

Impostazioni che dipendono dalla


stringa alfanumerica

NOTA
Consultare il capitolo COME INTERPRETARE LA STRINGA ALFANUMERICA, presente nel manuale della
macchina.

5 16
1819
1 202122 23
2 13 14 15
1617 18
? ? ? ? ?? A
A ?? ?? ? ? ? ?

D2

5 16
1819
1 202122 23
1 12 13 14 15
1617 18
? ? ? ? ?? B
B ?? ?? ? ? ? ?



2  
%
(#(**  

2  
%
,#-




Tabella 8 SETTAGGIO ON/OFF DA REMOTO

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.

61

62

MANUALE DI ISTRUZIONE DEL CONTROLLO ELETTRONICO

Capitolo 15 - Impostazioni legate al tipo di macchina

AS 201751 FC
I dati contenuti nel presente man uale non so no impegn ativi e po ssono esser e camb iati dal costr utto re senza obb ligo di preavviso . Riproduzio ne anche parziale vietata.