Sei sulla pagina 1di 159

UNIVERSIT DEGLI STUDI DI SIENA

FACOLT DI LETTERE E FILOSOFIA


Corso di laurea in Lingue e Letterature straniere

ACRACIA
LA CULTURA POPOLARE LIBERTARIA SPAGNOLA NEL
RACCONTO UTOPICO E NEL ROMANZO INDIVIDUALISTA

Relatore: Francisco Jos Martn Cabrero


Controrelatore: Diego Simini

Tesi di laurea di:


Nicola Massafra

Anno accademico 2007-2008


1

ACRACIA
La cultura popolare libertaria spagnola nel
racconto utopico e nel romanzo individualista

INDICE
INTRODUZIONE ALLACRACIA......................................................................pag. 5

CAPITOLO I:
ANARQUISTAS LITERARIOS Y LITERATOS ANARQUISTAS
1. LA RIVOLUZIONE INTELLETTUALE......................................................pag. 9
2. LITERATURA OBRERISTA...........................................................................pag. 12
3. I LETTERATI (Gli intellettuali e lanarchia, lavanguardia, la cultura
popolare e ufficiale).........................................................................................pag. 16
4. LA PALABRA COMO DINAMITA LA POESIA LIBERTARIA............pag. 25
5.

VISIONI PER UNA SOCIET ALTERNATIVA: ANARCHISMO E


FUTURISMO..................................................................................................pag. 36

CAPITOLO II:
IL CULTO DELLUMANIT NUOVA
1. SANTI, MARTIRI E RITI LIBERTARI......................................................pag. 46
2. LA NUOVA RELIGIONE DELLANTIRELIGIOSIT E
LANTICLERICALISMO.............................................................................pag. 56
3. IL CULTO DELLUOMO INTEGRALE....................................................pag. 72

CAPITOLO III:
VITE ESEMPLARI
1. POTERE DELLINDIVIDUO.......................................................................pag. 76
2. LOS HIJOS DEL AMOR.................................................................................pag. 78
2.1 BAUTISTN GIOVANE RIVOLUZIONARIO..........................................pag. 79
2.2 LE CARATTERISTICHE DEL ROMANZO ESEMPLARE...................pag. 89

3. JUSTO VIVES
3.1 LE VICENDE.................................................................................................pag. 90
3.2 NOVELA OBRERISTA IN SALSA ROSA....................................................pag. 91
3.3 PERSONAGGI E TEMI.................................................................................pag. 92
4. SEMBRANDO FLORES.................................................................................pag. 97
4.1 NOVELA DE UNA VIDA IDEAL..................................................................pag. 97
4.2 LE VICENDE..................................................................................................pag. 99
4.3 I TEMI
CULTURA, DIDATTICA E PEDAGOGIA.....................................................pag. 101
LAMORE RIVOLUZIONE..........................................................................pag. 106

CAPITOLO IV:
ACRACIA, LUTOPIA E IL SOGNO
1. L UTOPIA NECESSARIA..........................................................................pag. 111
2. IL RACCONTO DANTICIPAZIONE UTOPICO...................................pag. 114
3. UNA NUOVA UTOPIA PER UN SECOLO D ORO...............................pag. 116
4. LUTOPIA ALLALBA DI UN NUOVO SECOLO..................................pag. 125
5. L UTOPIA POPOLARE E QUELLA DOTTA
5.1 IL QUIJOTE LIBERTARIO.......................................................................pag. 128
5.2 UTOPIA LIBERTARIA E UTOPIA CLASSICA.....................................pag. 131
6. LA CONTROUTOPIA.................................................................................pag. 137
7. EPILOGO......................................................................................................pag. 142

ACRACIA PER IMMAGINI.....................................................................pag. 145

BIBLIOGRAFIA............................................................................................pag. 156

INTRODUZIONE ALLACRACIA

Tra il 1868 e la fine della guerra civile spagnola molti sono stati gli eventi che
hanno sconvolto e cambiato inesorabilmente il volto della Spagna. Cambi radicali
alcuni, pi regolari altri sono avvenuti in tutte le manifestazioni umane: parliamo di
cultura, di politica, di economia, di societ, di costumi. Tutto viene messo in dubbio; la
sorte del futuro la posta in gioco. Nella penisola iberica pi che in ogni altro paese
della civile Europa si accusa e si percepisce questo rinnovamento della realt, a volte
duro, sempre necessario. Si parla di rivoluzione dei costumi, di diritti personali, di
messa al bando di vecchi principi, di estinzione di assurdi privilegi, di repubblica e di
socialismo.
La Spagna a cavallo tra 800 e 900 conosce una ondata di nuove culture e
ideologie, alcune delle quali sempre sommerse in certi strati della societ iberica. Tra
queste emerge quellanarchista, la cultura e lidea libertaria si diffonderanno pi che
altrove e mostreranno il volto rivoluzionario del paese. Una cultura fatta di molteplici
soggetti, da diversi punti di vista accomunati dallesaltazione della libert sopra ogni
cosa e da un estremo individualismo.
La diffusione dellidea, avvenuta in maniera naturale nel paese, si caratterizz
per la sua attitudine popolare e si bas sulla presa di coscienza delluomo. Comunicare e
diffondere messaggi ribelli, fomentare il libero pensiero e lindividualit, ridare la
dignit al popolo, ma pi in generale al genere umano erano scopi fondamentali del
libertario, che militava concretamente nella strada o utilizzava indistintamente la carta
stampata. Lacculturazione, arma del popolo per lemancipazione, divenne vitale
preoccupazione, vera necessit da poter soddisfare in breve. Lonnivoro consumo di
letteratura edificante e la produzione di scritti politici e filosofici insieme alla letteratura
devasione, di canti, romanzi, di racconti per linfanzia, denotarono le caratteristiche
dellideale duomo e della vita nella moderna societ. Si rese popolare la produzione, e
si nobilit la figura dello scrittore dilettante che aveva come scopo ben altro che la
pura distrazione letteraria, la fama o la fuga artistica dalla realt.

Vedremo pi da vicino la produzione artistica, la letteratura prodotta in anni in


cui lo strumento culturale e divulgativo cominciavano a diffondersi per diventare
5

prodotto di consumo. ampiamente riconosciuta labbondanza della produzione


anarchista, che, sotto vari nomi pu essere analizzata come importante opera della
cultura popolare ispanica che a volte sfiorava quelleccelsa, quellufficiale. In un paese
in cui si cerc di sostituire il parlamento con lauto governo e in cui vari furono gli
esperimenti di collettivizzazione, in cui la quema de iglesias e leducazione libertaria
presero corpo attraverso la Escuela Moderna ed agli altri esperimenti di
alfabetizzazione,

in una realt dura dominata dallelite politica, alimentata

dallignoranza popolare, non deve sorprendere la diffusione di un ideale che fece


dellacculturazione un baluardo da difendere per poter giungere alla tanto auspicata
rivoluzione sociale. Le energie furono molte e da ogni versante per poter rendere pi
palpabile, pi vivo il sogno di Acracia.

Acracia un termine probabilmente intraducibile, in una parola viene riassunto


un concetto che in altre lingue pu essere spiegato solo mediante un discorso filosoficosociale. Acracia deriva da A-cratia, in altre parole negazione del governo, nella lingua
italiana potrebbe tradursi con il neologismo acrazia. Si esprime mediante una sola
parola il significato primo della cultura libertaria, la a-crazia, la mancanza di governo
causato dal rifiuto stesso del potere delluomo sulluomo. In sole sette lettere si
sintetizza questa negazione del governo e di tutte le istituzioni che tendono alla
supremazia ed al controllo spasmodico dellindividuo e delle masse. In Acracia, il
disprezzo per lonnipresente oppressore si traduce in amore per la libert. Vediamo
appunto che nella cultura stessa, nella lingua, specchio di una mentalit plasmata nei
secoli, si trova questo valore sconosciuto in altri luoghi, principio atemporale in ogni
modo, (antico quanto il mondo) di autogoverno, di decisione indipendente, di
regolamentazione individuale.

Cercando Acracia in un qualsiasi dizionario, possiamo trovare i seguenti


sinonimi: Anarqua, Desgobierno, Desorden, Libertinaje, Revolucin, Agitacin,
Nihilismo. curioso come nessuno di questi termini possa essere realmente accostato al
concetto acrata vero e proprio. Desgobierno probabilmente ci che pu rendere
unidea pi o meno imprecisa del concetto, anarchia non altro che un sinonimo usato
nella maggior parte delle culture e delle lingue occidentali. Rivoluzione poi il mezzo,
per poter giungere al fine vero che la felicit appunto: Acracia.

Questa felicit intravista nellautogoverno, nella libert assoluta dellindividuo,


nel godimento totale del frutto del lavoro a cui ogni uomo ha diritto, largomento del
presente lavoro. Un lavoro centrato sulla produzione di scritti popolari che ruotano
intorno ai primi anni del XX secolo. La letteratura prodotta dai libertari faceva capo a
strumenti preesistenti; di fatto, nulla inventarono questi scrittori popolari, ma fecero uso
dei mezzi pi diffusi del mondo letterario: il romanzo, il racconto breve, forme letterarie
religiose, come lesempio in forma di parabola, il catechismo, del quale adottano
persino il linguaggio, sonetti e canzoni. Nulla ci fa credere che la volont di questi
scrittori fosse apportare novit estetiche sia pure di basso livello, ci che i libertari
fecero difatti, fu, creare senza prerogative su di un mezzo pienamente conosciuto e
ampiamente utilizzato opere vitalistiche, utili, incendiarie, ribelli per tutti, por y para
todos. Qui risiede loriginalit della letteratura popolare ispanica di matrice anarchica,
obrerista, libertaria o come la si voglia catalogare. La libert della creazione per mano
della volont, una creazione utile o utilitaria, dettata dalla necessit, dal desiderio,
dallurgenza comunicativa.
Vista la notevole mole della produzione libertaria popolare dellepoca, di
racconti, articoli, poesie, ci si concentrer sopratutto nellambito narrativo con
caratteristiche esplicitamente utopiche. Tratteremo di evidenziare le caratteristiche
fondamentali di questo tipo di narrativa, vedremo da vicino i sogni, le speranze, la
rabbia, e le manifestazioni damore e dodio di alcuni dei rappresentanti di
quellambiente che non aveva confini al suo interno. Lo scrittore anarchista di per s
non esiste, non si pu definire lartista come se fosse portatore di una nuova ondata di
apportazioni estetico-letterarie fini solo al senso esteriore. Lo scrittore acrata scrive per
intrattenere, ma ha sopratutto uno scopo: portare un messaggio quanto pi lontano
possibile a quante pi menti e braccia possibili. Vedremo che questa cultura popolare
autentica, verdadera, la sua produzione sar compito di braccianti, agricoltori, tipografi
ed insegnanti in maniera del tutto indifferente, del tutto arbitraria. Ci concentreremo
sopratutto sugli scritti di alcuni personaggi le quali esistenze, i cui insegnamenti saranno
cos vicini a quelli dei personaggi sulla carta stampata da poter creare una piccola
confusione tra realt vissuta ed immaginata, tra biografia e finzione letteraria. Alcuni di
questi personaggi sono arrivati ai giorni nostri e considerati come eroi rivoluzionari,
alcuni militanti, molti sopratutto come uomini, persone che attraverso la propria
condotta trascinarono lettori e incoraggiano tuttora alla produzione popolare. Parliamo
7

di individui a volte anche lontani dalla lotta, di persone uniche amanti della vita e delle
manifestazioni dellessere umano. Come gli stessi eroi dellepica acrata individui
integrali: amanti della natura e del sapere, lavoratori della cultura, con la cultura del
lavoro, capaci di impugnare arnesi da campo e scrivere opere letterarie dal gusto
popolare ma di un sapore unico. Uomini come: Joan Montseny, meglio conosciuto come
Federico Urales, Anselmo Lorenzo, Ricardo Mella spiccano sopra tutti gli altri.
Individueremo le caratteristiche del mondo nuovo secondo loro, le vicende che
porteranno alla societ egualitaria, libertaria, la costruzione della pace con la necessit
della distruzione delle istituzioni che ingabbiano lindividuo e che danno alla
moltitudine una sorta di potere fittizio e un ingiustizia amara.

Ci soffermeremo sopratutto sulla narrativa e nella fattispecie sul racconto


danticipazione, cio su quel genere chiamato romanzo utopico, prendendo come
esempi campione Nueva utopa, El Siglo de oro, Amora rispettivamente di R. Mella, M
Burgs e A. Lorenzo. Inoltre si approfondir il discorso sul romanzo esemplare
tipicamente libertario, una commistione di finzione letteraria, biografia, pedagogia e
intrattenimento rappresentati da Los hijos del amor, la novela obrerista Justo Vives e
dalla novela de una vida ideal Sembrando Flores, a firma di F.Urales il primo ed il
terzo, di A. Lorenzo il secondo. Seguiremo le sorti degli uomini e delle donne destinate
a vivere in Acracia. Lidea di Acracia quella di un paese senza confini in cui gli esseri
liberamente possano esprimersi cercando in ogni modo possibile il raggiungimento della
felicit, attraverso lesperimento, la conoscenza, e la consapevolezza della continua
evoluzione che riparer al fallimento umano della violenta realt dellegoismo.

I.

ANARQUISTAS LITERARIOS Y LITERATOS


ANARQUISTAS

LA RIVOLUZIONE INTELLETTUALE
Fin dalle sue origini, le manifestazioni culturali furono parte essenziale del
movimento libertario spagnolo, dato che la rivoluzione culturale era parte fondamentale
del disegno di una rivoluzione sociale. La cultura come forma d'azione diretta era di
vitale importanza nel processo di costruzione di una societ futura. Mai, ed in nessun
movimento, si diede tanta importanza alla cultura, al sapere ed alleducazione come tra
gli anarchici. In Historia de las agitaciones campesinas andaluzas, Daz de Moral da
una significativa definizione dellanarchista cosciente: Lean y se educaban con
apasionado entusiasmo.1 Ancora adesso, aggiunge Brenan, cuando se pregunta a los
habitantes de Casas Viejas sobre los antiguos militantes se oyen frases como estaban
siempre leyendo algo, siempre discutiendo. [] Su mayor placer era escribir artculos
para la prensa anarquista en un lenguaje elocuente y apasionado.2
E abbondantemente riconosciuto il fatto che gli anarchici usarono ogni mezzo a
loro disposizione per propagare lIdea fino al pi recondito angolo del paese. Ci gener
una ingente quantit di scritti, sotto forma di giornali, riviste, romanzi e opuscoli. Tra il
1869 ed il 1939 si pubblicarono in Spagna circa 900 testate di periodici anarchici e pi
di tremila tra libri ed opuscoli3. Non ci sorprende questo straordinario lavoro tenendo
conto che gli stessi anarchici volevano soppiantare il parlamento, che non
riconoscevano, con un discorso diretto attraverso una comunicazione tanto scritta
quanto orale tramite le assemblee, le riunioni, le discussioni ed i comizi. Gli anarchici
non solo coltivarono la critica sociale mediante larticolo di propaganda, ma
svilupparono anche una variet di testi letterari che vanno dal racconto breve, al
reportage, alla poesia, fino al romanzo.
In un primo momento furono soprattutto le riviste causa dellampia diffusione
delle idee anarchiche, che servirono da trampolino di lancio per queste creazioni
letterarie, ma, a partire dalla prima decade del XX secolo cominciarono a proliferare le
1

Juan Daz De Moral, Historia de las agitaciones campesinas andaluzas, Alianza, Madrid 1967.
Gerald Brenan, The Spanish Labyrinth: an account of the social and political background of the Spanish
civil war, Canto, New York, Londra 1960, p. 85.
3
Serge Salaun, L'expression poetique pendant la guerre d'Espagne, in Les ecrivains et la guerre d'Espagne, a
cura di M. Hanrez, , Pantheon Press, Parigi 1975, p. 105.
2

collane di libri e di opuscoli puramente dedicati alla creazione letteraria.


Sono gli stessi militanti che riempiono le pagine delle innumerevoli
pubblicazioni, con articoli di carattere politico, scientifico-divulgativo, antropologico, o
dal sapore pi letterario: critiche, recensioni e opere in forma di poema-canzone,
racconto, novella o parabola pedagogica. Viene fuori dalla pluma anarchica quella
narrativa che intratteneva ed allo stesso tempo educava i lettori delle varie Revista
Blanca, Acracia, El Despertar, La Anarqua, La Autonoma, Spartaco, Solidaridad
Obrera, El Productor... Si tratta di scrittori professionisti che vanno da Jos Martinez
Ruiz (non ancora Azorn) a Julio Camba, dintellettuali e teorici dellanarchismo
spagnolo come Ricardo Mella, Anselmo Lorenzo, Federico Urales e Federica Montseny
o ancora di pedagoghi come Ferrer y Guardia. Ma pi in generale sono mani ruvide e
callose che, lasciati gli arnesi dei rispettivi mestieri si accingono ad adoperare penna e
calamaio. Sono perci scrittori dilettanti di estrazione operaia, con cultura scarsa ed
artisti autodidatti con necessit comunicative urgenti. Tutto ci oggi, nell'era delle
specializzazioni pu far sorridere o sembrare naif e romantico, ma in realt era in quegli
istanti dettato dallurgenza, dal bisogno di comunicare e dalla sete di cultura di autori e
lettori dellepoca. Produttori e fruitori erano dunque spesso lo stesso soggetto (soggetto
di un predicato attivo, la cui la passivit equivaleva a soccombere). Gli autori quindi pi
rappresentativi erano dunque operai e contadini, ed i loro nomi (cuando esplicitamente
stampati) sono sconosciuti; molti erano i casi in cui gli scritti venivano firmati con uno
pseudonimo, con semplici iniziali o con il mestiere dellautore: un zapatero, un
obrero, ecc. Scritti stampati e distribuiti in maniera indipendente, indipendentemente
da quale fosse lautore, secondo il motto del pi contemporaneo do it yourself!.
A livello strutturale non esistono grandi differenze tra i racconti dei primi e
quelli dei secondi: la narrativa popolare di stampo anarchista risponde infatti a pochi
semplici canoni, segue determinate tematiche, struttura e linguaggio. Poich di scrittori
spontanei spesso si tratta si pu ben dedurre la qualit del linguaggio, in ogni caso
semplice e lineare che deve essere compreso da chiunque si avvicini alla lettura o
allascolto, privo di fronzoli e barocchismi tanto cari alla cultura ufficiale, diretto e
pulito da romanticismi ed esercizi di stile. In quanto alla struttura, la narrazione
scarsamente curata, abbondano i dialoghi, quindi i discorsi diretti; le descrizioni dei
luoghi e dei personaggi sono tuttaltro che minuziose, niente intrecci quindi, nuclei
narrativi lineari e ampio spazio allesposizione ideologica.
In effetti non vi sono quasi confini tra il lirismo, la narrazione e lopera
10

ideologica, tra ci che propaganda e ci che arte. Per questa dubbia posizione, per
limpossibilit di catalogarla, per il basso valore artistico attribuitogli stata definita
infraletteratura. Si parla s di letteratura impegnata o utilitaria, in quanto le frontiere
si perdono e ci si basa sul motto del ci che buono bello e non dato per scontato
che ci che sia bello sia di conseguenza buono. Come in effetti afferma un anonimo
collaboratore di un periodico anarcosindacalista:

La literatura fue y es conceptuada como un artculo de lujo, y por


eso el que lo expende lo adorna, lo dora y lo pinta. Para nosotros es
muy distinto. La literatura es un medio de lucha, un reflejo de la
revolucin que est actuando el proletariado, y por eso toma tinte
violento y tiene mpetu de cargas a fondo. Escribimos para exponer
una lucha violenta o desesperada, para protestar de un crimen, para
denunciar una iniquidad, para revelar una felona, etc., y estos temas
obligan al lenguaje spero, la argumentacin fuerte. De ah que la
literatura sindicalista sea violenta.4

Anche se i confini non sono chiaramente delineati, conviene poter definire ci


che intendiamo per letteratura anarchica ovvero anarchista. Possiamo grosso modo
definire anarchica quella letteratura che prende come spunto la base delle teorie
anarchiche, vale a dire che si ispira o ha come argomento di base i fondamenti della
teoria Acrata: rifiuto delle autorit e delloppressione dellindividuo o gruppo di
individui verso laltro, ci implica quindi il rifiuto dello stato e delle sue istituzioni
fondamentali basate sulle gerarchie (esercito, parlamento, ...). Quindi possiamo dire che
la letteratura anarchica non deve essere esclusiva produzione di mano anarchista, ma di
qualsiasi ribelle dellimposizione politica, sociale o artistica. In effetti non con poca
sorpresa sono molti gli autori riconosciuti che hanno portato a termine creazioni basate
ed ispirate dal seme anarchico, o per lo meno da alcuni dei suoi ideali. Ci avverr
soprattutto tra i membri della cosiddetta Generazione del '98.
Differenziando una letteratura anarchista di stampo operaio, che risponde s
ad un tipo di estetica, ma che non trova spazio nel mondo della cultura ufficiale, da una
letteratura ampiamente riconosciuta la quale estetica corrisponde a quella avanguardista,
possiamo definire una letteratura popolare per carattere e produzione bella e utile, che

Anonimo (1914), in Literatura anarquista , di Francisco Madrid, www.ua.es/cgt/rosa/ponen/litanar.pdf.

11

non si trova normalmente sugli scaffali delle biblioteche pubbliche.

LITERATURA OBRERISTA
La letteratura obrerista ci viene definita da Juan Llunas nel suo prologo al
romanzo di Anselmo Lorenzo Justo Vives. Non si tratta di un manifesto avanguardista,
dato che gli anarchici, fedeli a se stessi, non lhanno mai avuto n voluto, ma pi che
altro di una dichiarazione di intenti. Llunas espone i punti principali della visione
anarchica in un periodo che fondamentale per la storia contemporanea, un momento
storico in cui egli vedeva due grandi blocchi, il nuovo mondo contro il vecchio, ossia,
una lotta tra titani: una guerra tra passato ed avvenire, tra spiritualismo e positivismo, tra
autorit e libert, reazione e rivoluzione, empirismo e sociologia. Una lotta delle
preoccupazioni dei secoli passati contro la fiducia dellavvenire in cui lo Stato non
rappresentava che la punta delliceberg da abbattere, un effetto della causa e non la
causa prima. Cera bisogno di attaccare perci la causa prima e non leffetto esteriore
per emancipare luomo; per poter quindi ottenere la rivoluzione sociale era prima
necessaria attuare quella culturale:

Precisa, pues, atacar, atajar, modificar, destruir la causa, y por ella


cesarn los efectos. Por esto hay que producir antes la revolucin
intelectual que la material; por esto hay que llenar la extensa lnea de
combate que burguesa, clero, nobleza, autoridad, etc. nos presenta;
y cuando en este combate en que no puede esgrimirse ms arma que
la razn queden rotas y maltrechas las lneas enemigas, entonces
llega el momento histrico de la revolucin material, del
complemento, que no es ms que la mano que separa el cristal que
ya antes quebr el diamante de la idea 5

Meglio non poteva definirsi quindi lurgenza primaria di poter diffondere


conoscenze tra glignoranti, di far arrivare cultura agli sfruttati, di divulgare ci che in
realt rende liberi gli individui. la legge della necessit quindi che spinge a diffondere

Jose Llunas, Literatura obrerista, prologo a Justo Vives di A. Lorenzo, Editorial Fueyo, Buenos Aires
s. d., p. 9.

12

lidea attraverso la parola scritta oltre che con lincontro e lazione diretta.
Dunque erano gi molte le pubblicazioni dellepoca di Llunas di stampo
obrerista e visto che gli obreros de la inteligencia non si rivolgevano a chi di cultura
aveva fame, erano los obreros manuales che dovevano farlo da se:

En la prensa, ncleo el ms poderoso que combate por las ideas,


cuenta ya numerosa representacin el obrero, y aunque el peridico
propiamente tal no ostente llamativos giros del lenguaje que denoten
un estudio profundo de la literatura o el perfecto dominio del idioma,
aparece lo suficiente bien redactado para la clase por y para est
escrito, y llena perfectamente su misin. Al peridico han seguido
con tanta o mayor profusin el folleto o el libro de carcter
puramente obrero, y hoy, tanto en Espaa como en las dems
naciones civilizadas, centenares de opsculos de todas clases y
docenas de peridicos de todas condiciones y tamaos libran batalla
todos los das en favor de las aspiraciones de emancipacin de la
clase trabajadora, hasta el punto de que ya muchas publicaciones
genuinamente burgueses se declaran tambin en poco o en mucho en
favor del proletario. Al teatro llevan asimismo algunos obreros sus
producciones, que respiran tambin notas de combate contra la vieja
sociedad de las preocupaciones y del ms desenfrenado

autoritarismo, y por fin empieza a aparecer la novela saturada


de la que podemos llamar literatura obrerista, puesto que en
ella como primer factor la exposicin y defensa de ideales al
calor de los cuales se exponen los sufrimientos de la clase
obrera y los remedios que se consideran oportunos para aliviar
aqullos y aun hacerlos desaparecer.
Podr tambin faltarle a la literatura obrerista la lucidez de la frase,
la brillantez de las figuras, la cadencia de una prosa que despida
notas de harmona, los perodos grandilocuentes que ms exaltan el
sentimiento que hablan a la razn; mas nada de esto es indispensable
para convencer de la bondad de una causa, bastando un regular
conocimiento de las principales reglas de la Gramtica para darse a
entender bien a los que no han de juzgar nuestros trabajos literarios
por la forma sino por el fondo; no por la galantura de la frase, sino
por la intencin que la motiva.6

Llunas ci spiega quindi in questo prologo perch Justo Vives un esempio di


opera obrerista: allopera, scritta con sobriet da Lorenzo non manca nulla per essere tra
6

Ibidem, pp. 10 e 11.

13

le prime nel suo genere. Non era comunque destinata in origine solo alla diffusione di
un ideale ma, creata dallautore obbedendo alla necessit di invadere il terreno dei saggi
e degli acculturati, per partecipare ad un certamen di stampo borghese. Si pu certo
immaginare lo scarso seguito che lopera ebbe al certamen, cosa affatto preoccupante in
quanto la sua giuria non era composta n da operai n da socialisti, n da militanti di
nessuna specie.
La struttura del romanzo non si allontana da quella tipica di qualsiasi novelita de
quiosco, lineare e di facile lettura e comprensione. Non ha pretese stilistiche, ma si
distingue come nella letteratura obrerista per il suo contenuto7, non bada Lorenzo a
sottigliezze di forma, proprio per rendere il racconto e la sua morale pi assimilabile, pi
alla portata delloperaio o del lettore sensibile alla questione sociale che cos evita di
perdersi in complicate letture didattiche non sempre alla portata di determinate menti.
Lopera letteraria ha lo scopo di diffondere lidea di libert, uguaglianza e
fraternit umana che deve segnare il progresso dei popoli verso un perfezionamento
morale, materiale e intellettuale verdadera sntesis del progreso y de la civilizacin 8.
Largomento deve essere tanto semplice quanto interessante, i personaggi
evolvono in costante lotta contro le avversit, sono traini per i propri simili, esempi
viventi, sottolineano i limiti della attuale decrepita societ, distruggono i suoi
formalismi e le sue convenzioni. Personaggi comunque facilmente riconoscibili,
verosimili, protagonisti forti di spirito e coraggiosi si battono in un campo realista
contro antagonisti tipicamente ripugnanti e senza morale, dediti alla sola soddisfazione
dei piaceri carnali.
Gli amori sono puri, puliti e degni, privi di quella novelesquera a cui i lettori di
romanzetti sono avvezzi, le lotte sono accese dal protagonista che un tipico simbolo
dellemancipazione, un esempio per i suoi simili, mai un leader, ma un degno
compagno. Il romanzo comunque deve avvincere il suo lettore e quindi intrattenere:
prende a volte spunti pi spettacolari dalla novela de quiosco o novela de entrega cio
da quei romanzi davventura facilmente reperibili, fruiti dalla gran parte dei lettori
popolari. La novela de quiosco aveva come tema principale lamore/erotismo oppure
lavventura, sia essa esotica (cow boys, pirati, eroi mascherati), sia fantascientifica. La
letteratura obrerista ed in particolare il romanzo prende come base leroe popolare
romanzesco, ma sempre con una forte accezione sociale, gli dona dignit, forza ed un

7
8

Vedi capitolo III, pp. 91-98.


Jose Llunas, Literatura obrerista, in Justo Vives, Op. cit., p. 8.

14

innegabile connotato politico. Il romanzo deve perci risvegliare curiosit e allo stesso
tempo far meditare.
Con la narrativa obrerista si fa scienza sociale: il movimento anarchico pi che
ogni altro a dare importanza allacculturazione oltre che al progresso ed alla sociologia,
questo atteggiamento rivoluzionario, artistico, sociologico sicuramente dovuto
allantipoliticismo anarchico che oppone lazione diretta in ogni campo allazione
politica. La questione sociale quindi si trova sempre al centro del racconto, del canto o
dell'opera teatrale:

No cabe hoy discutir sobre la existencia de la cuestin social, puesto


que ella resulta ya tan patente como el movimiento que se prueba
andando, ms ya que las clases poderosas hacen odos de mercader
al clamoreo general, y, atentas slo la satisfaccin de sus
concupiscencias mantenidas, por el privilegio, no quieren ver el
cuadro de miseria que se va enseoreando del productor , hora es ya
de que todos los hombres de buena voluntad y amigos de que la
justicia en su ms pura expresin impere en todo el mundo y sea el
sillar inamovible en que descanse la base social, sean obreros o
burgueses, produzcan artefactos, telas o alimentos con una trabajo
manual o estn dedicados a la nobilsima labor de atormentar su
inteligencia para difundir la ciencia el arte, aumentando el tesoro
de los humanos conocimientos se manifiesten cada uno en su esfera
y en la medida de su actividad e inteligencia, partidarios de la
trasformacin social, ya inevitable, y es seguro entonces que esa
literatura obrerista, que hoy alborea no tardar en brillar, cual
esplendoroso sol de primavera, en el an hoy encapotado cielo de las
esperanzas humanas y de la reivindicaciones de los trabajadores.9

La base di ogni lavoro sia tecnico-scientifico che artistico deve essere il


progresso dellumanit, limpegno nel migliorare le condizioni di vita. In generale, deve
essere qualsiasi tipo di lavoro svolto, manuale o cerebrale, atto a migliorare le
condizioni di vita umana. Nello specifico il popolo (termine astratto che coincide con gli
sfruttati e gli emarginati in genere, il proletariato) deve potersi emancipare da s,
secondo il motto della Prima Internazionale. Deve attuare spontaneamente, senza la
mediazione politica; lazione diretta si manifesta oltre che con lo sciopero,
linsurrezione, lespropriazione, anche e attraverso la propaganda, la conoscenza dei
fatti, la parola poetica esplosiva come dinamite.
9

Ibidem, p. 15.

15

Lispirazione viene, per quanto riguarda la novella popolare, da vari autori: la


Catalogna ha gi una certa tradizione alla fine del XIX secolo con il romanzo sociale di
Eugene Su, Altadill, Monserd. Lo stesso Lorenzo, il quale sar influenza principale
per autori a seguire, cita la sua ispirazione: Mi iniciador en mis ideas de reforma social
fue Eugenio Su. El judo errante y los misterios de Pars me dieron una triste idea de la
sociedad, producindome asombro y desconsuelo, tan refinada maldad empleada en la
lucha de las pasiones tan discordante ... Si esprime poi Lorenzo riguardo Las ruinas de
Palmyra, del conte Volney, che fu romanzo tra i favoriti degli anarchici: Con esto (la
lectura de un tratado de astronoma que propugna la pluralidad de los mundos) se me
evapor mi cristianismo; cuando despus le Las ruinas de Palmira y otra obra de
ilustracin y propaganda, no hall ms que confirmacin a mi pensamiento.10 Si
affianca allinfluenza di narratori quali Su, Hugo o Zola, lopera scientifico-geografica
di Jules Verne, Eliseo Reclus e anche di Kroptokin con la sua Siberia. Gerard Jacas si
esprime cos: Las novelas de Verne, consideradas -superficialmente- slo como relatos
de anticipacin cientfica, poseen un trasfondo ideolgico que deja entrever ya lo que
ser ms adelante la compleja doctrina anarquista. Concretamente en su Veinte mil
leguas de viaje submarino, nos ofrece una descripcin magnifica de lo que ha de ser el
futuro anarquista individualista, en la persona del capitn Nemo. 11
Tra le altre pubblicazioni portate alla luce da editoriali anarchiche oltre che a
Bakunin, Malatesta, Kropotkin, troviamo opere di Tolstoi, Ibsen, Mirbeau, Zola, Balzac,
Darwin... La reverenza nei riguardi della cultura in generale spiega leterogeneit di
tante pubblicazioni; tutti questi scrittori si aggruppavano secondo quel senso comune di
rebelda, non importava molto lideologia dellautore, bastava che si fosse espresso in
alcun momento dellopera a favore delloppresso.

I LETTERATI (Gli intellettuali e l'anarchia, lavanguardia, la cultura popolare e


ufficiale)
Lepoca a cavallo tra 800 e 900 caratterizzata da forti cambiamenti e
sconvolgimenti socio-economici che toccano tutti i campi produttivi. La speranza si
10

Anselmo Lorenzo, El proletariado militante, Zero, Madrid 1974, p. 282.


Gerard Jacas, Aportacin Bibliografica al Estudio del Anarquismo Espaol, Universitat de Barcelona,
Tesis, in La cultura anarquista a Catalunya, a cura di Ferran Aisa, edicions 1984, Barcellona 2006, p.
233.
11

16

infonde da tutti i versanti nel nuovo secolo a venire; lottimismo basato tutto sulle
potenzialit di sviluppo di scienza e tecnica, nasce la nozione di massa anonima
composta da quella informe moltitudine di cittadini pi o meno inseriti nellingranaggio
societario e con essa nasce la cultura massificata e la societ dei consumi. La calma
apparente del secolo che sta sul punto di morire, viene bruscamente rimossa da un
desiderio e da una necessit di rivoluzionare il presente: nasce perci la coscienza di
classe e con essa la lotta per le migliorie dei diritti lavorativi e sociali. Vengono messi in
discussione il potere temporale e secolare ed anche tutti i valori apparentemente
inattaccabili, si acutizza la sensibilit verso nuove questioni etiche: razzismo, sessismo,
discriminazioni, diritti civili (infanzia, pena di morte, ecc.), vengono presentati come
problemi comuni ad ogni civilt ed affrontati per la prima volta, sforzandosi
comunemente nel superarli. Ci si apre verso il mondo esterno non solo in termini
economici, ci si avvicina con curiosit e si tenta di comprendere altre culture. Si
manifesta il desiderio di estendere la ricerca della felicit in questo mondo,
diventando necessit e proposito politico-sociale.
La Spagna non affatto esente da questa scossa, il paese si risveglier da un
sonno tranquillo perdendo le proprie colonie, scoprendo una forte instabilit interna;
luomo comune che non pu ancora organizzarsi autonomamente si rende conto poco a
poco della lontananza delle istituzioni, della burla politica fatta di superficiali e
altalenanti cambi, di una economia in forte depressione e di una povert dilagante.
Nasce la volont di incontrarsi, di autogestirsi, di unire le proprie forze apertamente (o
clandestinamente se necessario). In Spagna non sono pochi coloro che sinteressano ai
nuovi movimenti, e in termini di nascita di cultura, non potevano gli intellettuali, gli
scrittori e i giornalisti ignorare questi sconvolgimenti. Sar il giovane Martnez Ruiz
(non ancora Azorn), primo fra tutti a condividere il sentimento anarchista. Ma
probabilmente le sue preoccupazioni furono pi in campo estetico che sociale. Come si
divulga lidea anarchista di libert (concetto tuttaltro che nuovo) tra la massa proletaria
in termini terreni, si espande tra gli artisti lattrazione verso quellidea sempre
corteggiata di libert incondizionata. Gli studi sulla relazione Artisti/Anarchia sono a
tuttoggi numerosi ormai, ma poco si discusso dellestetica anarchista. Si pu forse
parlare nel caso dellanarchismo spagnolo e delle sue produzioni di una non estetica.
In quanto ad estetica pura non vi mai un riferimento preciso se non uno
schizzo, delle linee generali da seguire, secondo la libert individuale a cui gli anarchici
sispiravano ed aspiravano (assurdo sarebbe stato per i creatori spontanei dover seguire
17

regole e dettami). I libertari spagnoli articolarono un tipo di estetica la cui base era un
arte non solo para el pueblo ma anche por el pueblo. Il prodotto di un fervente
antiautoritarismo, che applica allarte un insieme di teorie e pratiche rivoluzionarie,
abbraccia estremi apparentemente diversi tra loro e non ha confini.
E vero che tra gli scrittori considerati pi o meno libertari ci sono anarchici di
puro ceppo, socialisti e borghesi, esaltatori dellindividualismo e portatori di sensibilit
collettiva allo stesso tempo. Le premesse dellarte si allacciano alletica: ha larte una
missione sociale indivisibile da quella estetica, ha una missione morale-sociale
indissolubile, essa rivela allo stesso tempo le piaghe del capitalismo e lascia intravedere
con un grande ottimismo il grandioso futuro del genere umano.
Lestetica acrata gira intorno alluomo e la realt da lui vissuta, perci si allinea
con lestetica sociologica del XIX secolo vincolandosi non solo alla storia delluomo,
ma alla storia dellarte e della cultura. Senza dubbio latteggiamento iconoclasta e
individualista acrata e il pluralismo ideologico che alimentava il movimento fa s che
non ci si conceda al determinismo della scienza socialista dell'arte.
Larte cosa viva e pulsante, lobiettivo quello di renderla alla portata di tutti,
di poter essere compresa e insieme prodotta da tutti. Il fine ultimo di questa estetica
socio-artistica la distruzione dello status dellopera darte come oggetto di lusso, di
puro goce privato, derivato dal lavoro dellartista professionista; ci si rivolge ad un
uso pi appropriato del temine arte popolare.
La cultura di cui si alimentano gli anarchici comunque fa capo a scrittori classici
come Lucrezio, si da importanza al Quijote e allopera cervantina in generale oltre che
ai naturalisti, a Balzac, Zola, al teatro di Ibsen. Sono i maestri dellepica classica, gli
insegnamenti di Ges Cristo, le poesie pi moderne di Walt Whitman che in maniera
dispari e a volte in aperta contraddizione ispirano libertari poco o molto illustrati. La
spinta al cambiamento imposta dai pi diversi personaggi, protagonisti provenienti da
geografie disparate, uomini di epoche diverse.
La rivoluzione sociale ha bisogno di una rivoluzione artistica che dia impulso
alluomo:

[...] toda revolucin as como tiene una filosofa y una ciencia del
Derecho, debe tener su arte y literatura. Al menos as ha sucedido
siempre. Por qu, pues, nuestra revolucin social no ha de tener su
literatura y su arte correspondiente? 12
12

Hope, "Excursiones literarias", Acracia, I, 8, Barcellona, agosto 1886.

18

La rivoluzione non si deve dunque limitare a recriminazioni di tipo materiali,


economiche e socio-politiche, deve per forza integrare larte e le lettere, parti
fondamentali della emancipacin integral perseguita:

[...] sabiendo que no solo de pan vive el hombre (los anarquistas) no


se contentan con protestar y rebelarse contra la esclavitud
econmica, sino que tambin reclaman participacin a las bellezas
del arte. Quieren ser hombres completos, quieren desarrollar todas
sus facultades, quieren vivir integralmente. 13

Queste dichiarazioni ci dimostrano che gi agli albori del movimento erano


considerati e discussi problemi di tipo estetico-letterario sulla stampa libertaria.
Gli anarchici reagiscono comunque in maniera spesso polemica nel dibattito
contemporaneo su arte e letteratura - Naturalismo, modernismo, estetismo fra gli altri
sono i movimenti pi dibattuti - e sviluppano in maniera pi che generale alcuni principi
di estetica anarchista, caratterizzata da uno stato provvisorio, un aperto pluralismo di
opinioni a volte perfino in contraddizione tra loro, difficili da accostare. Nonostante
tutto, ci sono in realt allinterno dellideologia e quindi anche delloperato anarchista
delle costanti accettate in maniera pi o meno generale.
Cos quasi tutte le considerazioni degli anarchici referenti al dibattito letterario
contemporaneo prendono spunto da quella distinzione rigida tra Arte decadente e
arte verdadero, larte per larte dei decadenti e larte utile, bella e buona dellimpegno
sociale. Federico Urales da una definizione di decadenza:

[...] perder condiciones de fortaleza moral, fisica e intelectual, dar


importancia a lo puramente externo en perjuicico de lo interno;
supeditarlo todo a la forma, a la linea, a la tecnica.14

Si stima il valore dellopera letteraria non secondo il criterio di tipo esteticoformale, ma etico-sociale. Lincarnazione dellarte decadente in tutte le correnti
letterarie moderne, che con pretesti di purezza e autonomia della poesia, legittimano
teorie di tipo aristocratico, un tipo di arte elitario a disposizione della classe pudiente
13

El Porvenir del Obrero, 127, Mahn (10-1903).


El arte, el amor y la mujer en el Ateneo de Madrid", La revista Blanca, VI 115, Madrid (1-4-1903),
in El anarquismo espaol y sus tradiciones culturales, AAVV, Vervuert Iberoamericana, 1995, p. 130.
14

19

e, in fin dei conti contribuiscono allo sfruttamento del proletariato.


Gli anarchici condannano qualsiasi tipo di esotismo, di estetica che rifugga dalla
realt presente per dedicarsi ad unarte di puro goce, un arte puramente contemplativo
lontano dalla lotta quotidiana per la sopravvivenza. Si parla di degenerazione fisica e
mentale, di aberrazione e perversione nei confronti di questo tipo di prodotto e di
produttori artistici.
Nonostante ci, comunque anarchici ed intellettuali confluirono per un
momento, furono per un periodo sulla stessa lunghezza donda. Mentre il movimento
comunista auspicava una lotta di classe dalla quale si escludeva la partecipazione di
borghesi ed intellettuali, di una coscienza proletaria che prevedeva lavanzare della
classe operaia, lanarchismo non aveva questo tipo di chiusure, in realt tra gli
anarchisti vi furono anche personaggi dal sangue blu o di origini comunque nobili.
Lapertura del movimento, lammirazione per la cultura e lintelligenza spiegano perch
vennero ammessi tra le fila degli anarchici dei letterati di professione: il proletariado
intelectual diveniva un alleato naturale per un movimento spagnolo che non fu mai
classista e che vedeva in ogni ribelle un alleato, dopotutto era anchesso, come il
lavoratore manuale, sottomesso ad un mercato capriccioso, alla domanda e allofferta
borghese e a norme estetiche chiuse e schiavizzanti. Gli intellettuali, da parte loro
trovavano affinit con gli anarchici nella loro protesta contro lalienazione del lavoro,
legoismo della societ borghese, e soprattutto nellesaltazione della libert, la
ribellione, lindividualismo creatore (questi temi come vedremo in seguito travisati da
alcuni intellettuali di tuttaltra origine ideologica). Tra la fine dell '800 e i primi del
'900 si acutizz dunque in Spagna questo avvicinarsi tra operai libertari ed una parte
della giovent artistica e intellettuale del paese. Diversi furono i fattori della coesione
tra intellettuali ed operai: sociali, economici, politici ed in particolare culturali. Era
affine la volont di poter fare una diffusione a larga scala della cultura, tanto tra i
modernisti che i tra i novantottisti. La rottura avverr poi intorno al 1910, quando si
dar gi per morto lanarchismo letterario. Fino a quel punto le collaborazioni furono
prolifiche e proficue in ambo i sensi, e anche quando i due mondi si separeranno
avranno sempre punti dincontro nella visione critica del presente.
Abbiamo gi citato Azorn tra le figure pi rappresentative del fenomeno
artistico anarchista, ma le firme autorevoli furono molte; lo stesso Federico Urales si
esprimeva con orgoglio riguardo alla partecipazione di autori che contribuirono allo
sviluppo della Revista Blanca, tra gli altri ritroviamo: Unamuno, lo stesso Martinez Ruiz
20

(Azorn), Marquina y Urbano, Gonzalez Serrano per gli articoli giornalistici; poemi
sociali furono scritti da Dicenta, Salvador Rueda y Julio Camba. La frequenza delle
collaborazioni era assidua, Camba prima di entrare nell'Abc fu collaboratre sistematico
di varie riviste libertarie, Azorn riempiva periodicamente una colonna ne El Despertar
e Marquina scriveva sul Porvenir del Obrero .
Il prodotto forse pi interessante frutto di tali collaborazioni, fu Ciencia Social,
dove ritroviamo anarchici e modernsti insieme; accanto alle firme di Lorenzo e Mella
ritroviamo Jaume Brossa, Unamuno e Corominas. Le collaborazioni di Brossa apportano
materiale al problema della relazione tra intellettuali e lotta operaia: in un suo articolo
La sociolgia y la utopa, analizza da vicino il problema e si rende conto di come
lhumanismo moderno e la sociologia siano distanti dallutopia: Es an lejano el
tiempo en que vayan convergiendo a un mismo punto el pensamiento y la accin... La
tarea del pensamiento es grande y sublime, pero pensar por el placer de pensar puede
conducir a la anestesia moral y por ende a la duda, al hamletismo, y al olvido absoluto de faquir- de la accin salvadora y fortificante.15
Non possiamo in ogni caso non tener conto in seno a queste complesse relazioni,
della sfiducia latente o spesso evidente che nutrono i militanti nei confronti degli
intellettuali. Alla base vi la credenza di una natura fragile, di un atteggiamento
indeciso tipico delluomo dintelletto, di una debolezza nel momento di prendere
decisioni importanti, nel lottare, nel prendere parte allazione. Viene condannato
latteggiamento da teorico della rivoluzione che nel carattere dogni intellettuale che
vuole dividere la teoria e la pratica libertaria come se non fossero un tuttuno.
Lintellettuale di mestiere non per lanarchico un proletario militante, ma un uomo di
riflessione, la quale conseguenza linerzia. Lantiintellettualismo anarchico non un
rifiuto alle idee, ma alluomo di idee che rifugge lazione. Una polemica tra lavoro
manuale e mentale, tra importanza di teorie e pratiche rivoluzionarie port poi ad una
contraddittoria e sterile discussione iperintellettualistica.
Questa sfiducia del libertario verso luomo di lettere porta a scegliere autori
impegnati; la lista di autori che dallantichit sarebbero apportatori di grandi idee
rivoluzionarie, -teorici dellanarchismo moderno a parte- lunga: si citano Lucrezio,
Hugo, Balzac, Tolstoi, Zola, Thoreau, Ibsen; Carlo Malato cita Eschilo, Dante, Rabelais.
Ma nonostante tutto, questa posizione cos aperta non ci deve indurre in errore:
15

Jaume Brossa,La accin, Ciencia Social, num. 2 (abril 1896) 197-200, in Musa libertaria, a cura di
Lily Litvak, Fundacin Anselmo Lorenzo, p. 291.

21

la letteratura libertaria segue unestetica normativa, ed in generale, nonostante


lavvicinarsi che ci fu con i modernisti, aspra fu la condanna al mondo modernista e
avanguardista in generale, cio a tutti quei movimenti che spostando il proprio interesse
su questioni puramente estetiche, misero da parte la questione sociale.
Gli anarchici se pur amanti del genio, delle innovazioni e delle rivoluzioni in
campo artistico, tutte cose che le avanguardie potevano apportare, non potevano restare
indifferenti al fatto che la rebelda de gesto se non accompagnata dalla rebeldia social
rimaneva puro e sterile esercizio di stile e perci poco utile, quando non dannoso alla
causa: Los literatos se distraen en polmicas encerradose en sus torres de marfil, se
pierden en elucubraciones, y todo postulado avanzado queda en ellos en simples teorias.
Es ms esa literatura por ellos producida entontece a los proletarios, [] unos infelices
obreros de inteligentes y activos han muerto para la accin revolucionaria desde que sus
aspiracin literarias les transform de simple hombres en hombres simples. 16
La letteratura decadente dei modernisti si scontra con il poema rivoluzionario
che inneggia alla lotta, non ha nessuno futuro la poetica modernista per non avere
nessun valore sociale, per essere trascendente o metafisica e non Humana.

A nosotros no nos inspiran respeto esos escritores de vanguardia


que solo se proponen revolucionar las formas [...] esa rebelda no es
de elevada si no rompe tambin con todo lo caduco que ofrecen la
sociedad y la vida. 17

Federico Urales in un attacco verbale nei confronti dei modernisti, definisce la


base umana della literatura verdadera:

Modernistas!... Qu han nuevas ideas han trado a estas


discusiones los modernistas? Qu nuevas ideas llevan al arte? Su
odio al pueblo, su amor por todos los refinamientos, su creencia de
que son superiores a los dems, que han sido ungidos sacerdotes del
arte...eso es antiqusimo. Es la esencia la caracterstica del
decadentismo. Decadente, decadencia: perder condiciones de
fortaleza moral, fsica e intelectual; dar importancia a lo puramente
externo, en perjuicio del interno; supeditarlo todo a la forma, a la

16

A. Lpez Rodrigo literatura y accin, Revista Natura, 1, 9-12, in Musa libertaria, Op.cit., p292.
Libre studio, III, 8, Valencia, enero 1938, p. 21, in El anarquismo espaol y sus tradiciones
culturales, Op.cit., p. 131.
17

22

lnea, a la tcnica.18

Opere caduche quindi, con la data di scadenza impressa, gi marce al nascere,


provenienti da individualismi egoisti; gli anarchici insistono invece sullatemporaneit
dellopera. Lopera darte storia, quindi si nutre del presente, ma si da agli scritti di
Omero, Cervantes, Shelley un valore che supera il vincolo storico, opere che vanno oltre
i limiti storici del loro tempo.
Ci che importa allorigine di un opera darte lesistenza di un ideale; i grandi
lavori del passato racchiudono in se lideale e la volont di diffondere una cultura, si
tratta di opere darte ed insieme enciclopediche. Scienza, filosofia, religione, arte si
uniscono sotto lo stesso tetto per dar vita a testi immortali.
Unamuno in un articolo pubblicato dalla Revista Blanca fa di questargomento
la base per attaccare la narrativa moderna che non riuscuta ad incorporare in s la
denuncia sociale e cita le sue stesse parole da Amor y pedagoga: Las artes llamadas
bellas surgieron de actividades utilitarias, de oficio, y as puede decirse que los primeros
versos se compusieron, antes de invencin de la escritura, para mejor confiar a la
memoria sentencias y aforismos tiles.19
Gli anarchici non si limitano per a criticare la produzione artistica
avanguardista, ma si sforzano nella creazione di una poetica combattiva che risponda a
necessit pi concrete che ideologiche. Si parla quindi darte rivoluzionaria, Arte del
pueblo e literatura obrerista, in cui non tanto importa come venga scritto il pensiero,
ma ci che viene scritto; ci che avr valore positivo sorpasser il valore estetico.
Proprio la supremazia della forma sui contenuti quello che determina la decadenza nel
mondo letterario. I libertari non si vogliono certo confrontare con le opere del passato,
vogliono poter disfrutar, gozar di esse, goderne a pieno e imparare quante pi cose
possibile; la letteratura proletaria si nutre del presente invece e deve avere alla base un
forte realismo, alla radice di questo realismo c la natura umana: El realismo pide a la
realidad sus formas, sujeta sus creaciones a la esencia pura de la naturaleza humana.
Claro es que dentro de esa misma realidad puede el artista, y aun debe, desenvolver
libremente el carcter y condiciones de belleza del tipo e idea concebida. Hasta aqu,
romnticos y realistas apenas discrepan. Pero al llegar a este punto ya no hay acuerdo

18

F. Urales, El arte, el amor y la mujer en el Ateneo de Madrid, La Revista Blanca, 7, num. 150.
Miguel de Unamuno, La novela contempornea y el movimiento social La Revista Blanca, 6, num.11
558-565.
19

23

posible...20
Perch il realismo si disfa dellassoluto romantico della perfezione umana, della
sua divinit, no excluye el realismo el ideal; es un error considerar que s lo hace: El
realismo sino desenvuelve ese ideal sustituyendo las quimeras religiosas por las
aspiraciones humanas."21 Chiarisce Hope a propsito del realismo: El ideal humano
suplantado al ideal divino: tal es el realismo.22
Bisogna, per poter capire il pensiero letterario libertario, poterlo confrontare con
le sue proprie creazioni; le sue teorie alla base di una letteratura rivoluzionaria
cambiano le basi della creazione. Lispirazione si manifesta sotto forma di impulso
sociale che rivela il pluralismo delle diverse correnti allinterno del pensiero libertario, e
dovuto al suo carattere popolare redime potencia creadora, loriginalit e la forza di
ogni individuo, riducendo e quasi annullando il merito dello scrittore di professione.
Il rifiuto della perfezione formale viene dal considerare principalmente lopera
come esperienza diretta, si considera ogni individuo come un creatore potenziale, artista
quindi non si nasce, si crea per necessit e si tende a considerare lartista che fa del
proprio lavoro un oficio, un simbolo della societ classista.
Comunque, con la sua produzione sovrabbondante lanarchismo come letteratura
si situa accanto allavanguardia, unavanguardia del tutto ignorata dalla cultura ufficiale,
ma che ormai fa parte della cultura popolare spagnola.
Larte rivoluzionaria si distingue da ogni altro tipo darte per poche generali
norme, risponde al termine in parte accettato di arte del pueblo, non propriet della
classe pudiente (argomento attualissimo oggi la polemica della propriet
intellettuale), prodotta liberamente da qualsiasi individuo, il popolo fonte della
rinnovazione artistica.
[...] eso de literatura obrerista parecera ridculo o impropio si se
empleara tan slo en el sentido literal de la frase, puesto que la
literatura para que se vea verdaderamente tal, debe estar alejada de
todo exclusivismo, dejando de ser objeto de indigno monopolio
como ocurre en la actualidad. Por lo mismo entiendo que dicha
expresin se ha empleado nicamente con el fin de sintetizar mejor
la idea de intervencin directa y continua del obrero en la
literatura.23
20

Lily Litvak, prologo in El cuento anarquista, Fundacin Anselmo Lorenzo, Madrid 2003, p. 24.
Ibidem.
22
Hope, Excursiones literarias, II, Acracia, 1, numero 8, agosto 1886, p 113.
23
Federico Fructidor, Literatura obrerista, Accin Libertaria, II, 26, Gijn( 7-7-1911), pp 2-3, in El
anarquismo espaol y sus tradiciones culturales, Op. cit., p133.
21

24

[fig. n. 1]
La Tramontana, 13, num. 625, (21-07-1893), 1.
Allegoria de la forza delle idee, rappresentata da Justo Vives e la literatura obrerista

LA PALABRA COMO DINAMITA LA POESIA LIBERTARIA


La poesia per mano operaia, lopera di autori sconosciuti, difficilmente diverr
nota fuori dallambiente acrata, come le pubblicazioni dei pi illustri pensatori del
movimento spagnolo non verranno mai pubblicati nel circuito ufficiale; si evita anche
cos il controsenso storico di produrre letteratura proletaria e rivoluzionaria per
editoriali di stampo borghese.
La poesia e la letteratura in generale devono subordinare dunque il bello al
buono, il bello non ha ragione d'esistere di per s, in sostanza vediamo come si
esprimono le idee ed i sentimenti. Gi si fatto cenno al livello culturale dei fruitori di
tale letteratura, livello basso, che spesso coincide con quello dei produttori, il frutto del
loro lavoro non tra i pi torniti e cesellati dunque, la semplicit fondamentale per
25

esprimere idee e sentimenti forti e accesi, la virt della chiarezza lunica via per dire la
verit.
Non dimenticando il fine comunicativo della parola poetica i libertari
propongono la contrapposizione al linguaggio ermetico e suggestivo delle correnti
poetiche moderne, limpida chiarezza, semplicit e comprensibilit. Deve electrizar
muchedumbre e perci arrivare alle menti di tutti.

Que vaya recto como una flecha al cerebro, y que remueva el


espritu de la rebelda; que idealice el trabajo; que martille con las
estampas alucinantes de los hambrientos y de los asesinados; y que,
por ltimo, consagre el rebelde busto del productor y la insurgente
efigie de la Libertad, metiendo estas imgenes a golpe de pluma o de
24
cincel en el pecho y en la mente de todos los que quieren ser libres.

La formazione del poeta avviene nella strada, dove si nutre lispirazione


dellanimo del libertario sensibile, nella lotta quotidiana per la sopravvivenza. Si cerca
la libert anche nel verso; la creativit del poeta acrata fatta da ritagli di vita, sono gli
eventi che spingono a creare: una vittoria o una sconfitta, una gioia, un dolore, vita e
morte. Lidea senza tempo e senza confini di libert e il particolare del momento vissuto
saranno i principali punti di partenza della creazione. La sensibilit poetica libertaria
legata indissolubilmente alla cultura popolare, la poesia proletaria abbandona lidea
devasione per farsi canto sociale, diventa corale, abbandona quella sfera privata dei
sentimenti tipica dellarte borghese.
In definitiva con la giusta dose di volont e ispirazione ed una conoscenza
grammaticale basilare si pu creare, fare dellarte utile.
I temi: la libert e lamore che ne deriva, la solidariet, la fratellanza, lamore
libero, la fiducia nel progresso e nelleducazione, lutopia come terra futura possibile. Di
contro: lodio per listituzione (il trittico stato, esercito, clero) e lo sfruttamento, lazione
diretta, la bomba e lo sciopero sono alcuni dei pi sfruttati.
Ancora prima dellinno Internazionale il verso era cosa comune allobrerismo
espaol, canti, inni come questo di Joan Droguet, operaio di Sabadell, dedicato appunto
allAssociazione Internazionale dei lavoratori sono tipici esempi dellesercizio che gli
internazionalisti fanno:
24

Aragons, Arte revolucionario", Solidaridad Obrera, III, 101, Valencia (25-3-1933), p. 4. in El


anarquismo espaol y sus tradiciones culturales, Op. cit., p. 133.

26

Internacional eres la joya ms hermosa


conocida en el mundo hasta hoy en da,
eres sepulcro de infame tirana
pues que engendra la idea mas dichosa.
Y nosotros, que de justicia sed ansiosa
satisfacemos, al ver que ya levantas
tu cabeza, y con tu voz ya espantas
al que nos oprime con mano rigurosa.
Sin el socialismo en el mundo todo es muerto,
nada mejor que la moderna sociedad
que sin tiranos ni privilegio, es lo cierto
que ha de conducirnos a mejor felicidad
es la nave que dirige el rumbo al puerto
de la libertad, igualdad, y fraternidad. 25

Lottimismo la carica esplosiva che accende gli animi dei rivoluzionari, a nulla
serve il pessimismo nichilista di scrittori decadenti, meglio la frase semplice e la rima
alternata di facile assimilazione che lelucubrazione artistica di qualche scapigliato.
Gli inni e i canti servono a dare coraggio e ad omaggiare i rivoluzionari, Acracio
Progreso scrive un sonetto dedicato Ferrer y Guardia ed alla sua Escuela Moderna
(frammento):

Nosotros, los que igual que tu pensamos


seguimos adelante tu campaa
y as la tirana destrozamos
En vano nos persigue su odio y saa;
tu escuela La Moderna, propagamos
y de ella llenaremos toda Espaa.26

Vengono incoraggiati i compagni di buona volont che fanno propaganda tra


pueblos y aldeas:

Por embarrados caminos,


a veces por carreteras
caminan los anarquistas
buscando pueblos y aldeas
para llevar al que sufre
algo que alivie sus penas.
Parecen nuevos Quijotes
25

Joan Droguet, La Federaci, 19-12-1871, La cultura anarquista a Catalunya, a cura di F. Aisa,


Edicions de 1984, Barcellona, 2006, p. 265
26
Acracio Progreso, Almanaque de Tierra y Libertad, 1912, in La cultura anarquista a Catalunya, Op.
cit., pp. 265, 266

27

cruzando por tierra manchegas


[...] Como l, desfacen entuertos;
le dan su pan y su abrigo,
sus saberes y experiencias,
sus sentires de hombres libres
que dignifican y elevan,
y como el Sublime Loco,
dan sus vidas por la idea27

Tipico il tema del quijotismo eroico ripreso e rielaborato volentieri dai pi disparati
autori.28

Nella lirica, i libertari per distaccare il valore rivoluzionario della parola, usano
s un linguaggio chiaro ma iperbolico, esagerato, si fa cenno allinsurrezione e alluso
della metafora della bomba, della palabra que estalla como dinamita.
In una canzone rivoluzionaria si esprime la funzione esplosiva della parola:
Esta cancin derribar los tronos/ y los baluartes de la explotacin. Cos come si parla
de las bombas de su pensamiento (in riferimento a Francisco Ferrer y Guardia) con le
quali si far polvo de las guaridas / donde los lobeznos / del poder afilan / la garra
enacecho.29
La violenza che sia pi o meno in chiave epica, caricata di una certa
drammaticit, parte della rivoluzione spontanea del popolo, parte del processo di
ricostruzione, si nota la carica persino positiva delluso della forza. La violencia
revolucionaria es dramtica y la del Estado no lo es 30 afferma Lili Litvak a proposito
del poema La revolucin di Llunas, ed effettivamente luso della forza da parte dello
stato e dei padroni viene descritto come massivo, brutale, mentre dietro le barricate le
tinte sono decisamente pi accese di lirismo; la romantica violenza dei giovani
rinvigoriti da un ideale, di poveri affamati mal armati contro truppe preparate, simbolo
della schiavit del potere. Lesercito possiede armi ed unorganizzazione gerarchica, la
forza dei marginali sta invece nel numero, cosicch quel senso epico di cui sono
impregnati i guerrieri rivoluzionari viene non tanto dalluso stesso della violenza, ma
dalla passione, dal valore del popolo nel combattere la superiore forza del nemico.
Davide contro Golia, Spartaco ed i gladiatori contro loppressore esercito romano, la
27

Virgilio Igualada, Los Anarquistas, Romancero Libertario, in La cultura anarquista a Catalunya,


Op. cit. , p.275
28
Vedi , capitolo III, Lutopia popolare e quella colta.
29
A Francisco Ferrer, Almanaque de Tierra y Libertad, Barcelona (1911), p. 177, in El anarquismo
espaol y sus tradiciones culturales, Op. cit., p. 133.
30
Lily Litvak, Musa libertaria, Op. cit, p. 389.

28

visione romantica del figlio del popolo armato di coraggio e pietre (e rudimentali
bombe) contro la corazzata organizzazione statale.
La rivoluzione e la conseguente nuova societ che ne verr fuori vincitrice e
rigenerata, vengono cantate in maniera epica; sono elementi rigeneratori come fuoco e
fiamme, tempeste e uragani, le figure retoriche pi spesso utilizzate, violente tinte su di
un panorama fatto di rovine di una ormai sconfitta civilt, base per la nuova generazione
di uomini e donne destinati a ricostruire in armoniosa fratellanza libertaria.

Rein por momentos un sordo rugido


Cual vientos que anuncian cercano volcn!
debajo la orga vi el pueblo reunido
formando tumultos con aire atrevido
y en gritos horribles pedanles pan31.

Sembra che le forze della natura si sveglino per annunciare cambiamenti epocali,
in realt il boato delle masse in rivolta, la tempesta umana che si abbatte sulla terra:

Un rumor pavoroso resuena


cual de horrible potente huracn.
Es el sordo fragor de las masas.
De justicia el verisimo afn.32

Ancora ne La constancia, di Ernesto Yorns si fa uso della comparazione forza


naturale/potenza della rivoluzione:

Silenciosa corre
la lava por la montaa
y el camino que ella baa.
No hay temor que se borre
vi desde la alta torre
agruparse silenciosas
las nubes que una horrorosa
y gran tempesta prepara...33

31

Anonimo, La revolucin social. Himno al 18 de marzo 1871, La Solidaridad, Bilbao, marzo 1889, 2,
num. 31.
32
Ibidem.
33
Ernesto Yorn, La constancia, El Ltigo, 1, num. 3, 5-10- 1889, in Musa Libertaria, Op.cit., p. 385.

29

F. Salazar y Camacho scrive un intero poema a base di immagini


incandescenti, in cui il fuoco rivluzionario brucia ogni cosa, riduce tutto in cenere e
tutto purifica:

Poco a poco va la llama


devastadora y hambrienta
del volcn puro abrasando
las entraas de la tierra;
en vano la dbil valla,
que al parecer es inmensa,
quiere aprisionar el fuego
que inquieto en su sueo ondea ...
Pues cuando aquella tirana,
quiere sujetar la hoguera
que ruge en su seno, entonces
suelta la llama su rienda,
y en ardiente lava brota
vencedora y altanera
abriendo ancho crter ruge,
y su atroz incandescencia
reduce a polvo, a ceniza,
lo que era su valla inmensa...34

Per i libertari il fuoco il mezzo per esprimere il cambiamento, la speranza nella


lotta liberatrice.
Visioni apocalittiche di distruzione si mescolano a quelle di un paradiso
terrestre; per poter arrivare al trionfo libertario c bisogno di un passaggio violento tra
una societ e laltra: Por un trastorno revolucionario ha de pasar el mundo del
privilegio para establecerse en la Solidaridad, el Amor y la Justica35
Visioni scioccanti di sangue e disperazione, lazione che prende vita sotto una
forma di dionisiaca sfrenata sommossa, quasi preda di un irrazionale ubriachezza, la
violenza prende corpo nei versi.
Ottimo esempio ci viene fornito dal lungo poema La gran Revolucin, apparso
in La federacin Igualadina, nel quale il poeta da sfogo alla rabbia in versi in cui la
visione delle pi terribili catastrofi si susseguono immani:
34

F. Salazar y Camacho, Tirana y revolucin, A los hijos del pueblo, 62-63.


Anselmo Lorenzo, Amora, La revista Blanca, 6, num.107, 1-12-1902, in El Cuento anarquista, Op. cit,
p.201.
35

30

Y cien escuadrones con saa y encono


intentan salvajes las calles barrer.
Y nios y ancianos en triste abandono
en manos de aquellos serviles de un trono
Contemplo a sablazos sus crneos romper. 36

Alla lotta ce conseguente confusione, disordine, furia, comunque il poeta sa che


nel caos:

Es la lucha entre dos mundos vivientes,


entre dos ideales el encuentro!37

Rivoluzione ed utopia si sfiorano dando vita ad un soave mondo poetico


illuminato dalla visione di un futuro raggiante, la calma dopo la tempesta appare nel
poema:

[] y luego vi que el sol con roja luz


la tierra en su llanura iluminaba;
y desde las blandas nubes la miraba
hermosa y bella con su mar azul.38

Alla lotta violenta, al fuoco abrasador segue la rigenerazione, la vita prende


forma, lumanit viene redenta, sorge la luce dopo le fiamme e il buio:

Surgi la luz sublime del progreso


llen la humanidad de resplandor
y echando de su trono la ignorancia,
hizo la guerra, paz, el odio amores
[...]
El hombre de un pasado pobre y triste
36

La gran revolucin, In Musa Libertaria, Op. cit., p. 388.


Ibidem.
38
Sueos terribles, In Musa Libertaria, Op. cit., p. 388.
37

31

mstrose redimido al mundo entero,


y al influjo sublime de su obra
muri el esclavo y resurgi el obrero. 39

La fiducia nel futuro quindi il motore della rivoluzione, la fede nellavvenire


quella forza che accompagna i rivoltosi verso la vittoria, verso una sorte migliore di un
mondo in cui i conflitti siano ricordi, orrori su cui costruire una nuova e giusta era in cui
la scienza sollever luomo dalle sue pene; la divisione equa del lavoro far s che
lalienazione diventi un cattivo ricordo; il tempo sar sfruttato in ugual misura dagli
uomini, i momenti di ozio si alterneranno ad un piacevole studio delle materie del
mondo e ad un lavoro produttivo e proficuo. Le macchine saranno complici e non rivali
delluomo, la scienza sar la nuova fede, la libert lunico comandamento.
Secondo la visione materialista e atea del mondo, le teorie creazioniste le
spiegazioni religiose dellorigine dell universo venivano decisamente scartate, invece
sulla scientificit e sulla fede della ragione umana verrebbe costruita la base solida
delluomo e del suo futuro.
Nel vocabolario anarchista la parola fede va unita a ragione, dogma a scienza,
sono comuni nel gergo espressioni che definiscono Acracia come el reinado de la
razn, el imperio de la ciencia, la realizacin del ideal racional 40
Le spiegazioni irrazionali, i pregiudizi, le disuguaglianze e loscurantismo
verrebbero combattute e sostituite da una visione scientifica e materialista del mondo; la
ragione porterebbe inevitabilmente alla Anarchia, ad una societ giusta, ad un corretto e
razionale stile di vita, alla salute dellumanit.

Obreros, ya llega el da
que toda la humanidad
estudiar la anarqua:
El dogma es la oscuridad,
La luz la filosofa.41

La fiducia nelle scoperte scientifiche, nel potenziale umano, il rispetto a ci che


naturale accompagnano luomo nel suo cammino verso la perfezione.
39

Josep Mar, Resurreccin, La ilustracin Obrera, (26-3-1904), in La cultura anarquista a Catalunya,


Op. cit., p. 266.
40
Jos Alvarez Junco, La ideologa poltica del anarquismo espaol, Siglo XXI de Espaa editores,
Madrid 1976, pp. 78-81.
41
La Autonoma, 1 num. 45(2-12-1883), 3.

32

La scienza umana sociale, come si detto, diviene un mito tra gli anarchici di
fine 800, le scienze naturali e quelle applicate entrano a far parte anche del mondo
letterario. Sono le riviste che con articoli di vario tipo illuminano o semplicemente
stuzzicano la curiosit dei lettori. Revista Blanca, Ciencia Social, Natura, sono alcuni
dei titoli di riviste che trattavano al loro interno scienza, sociologia, letteratura e arte.
Gli articoli, gli argomenti trattati con poca profondit e con un pizzico di
sensazionalismo a volte, possono far sorridere, ma si tratta in ogni caso di opere
destinate ad un pubblico poco specializzato se non praticamente ignorante.
Venivano offerte informazioni tra le pi disparate, senza un metodo sistematico
di diffusione; rafforzate dove possibile dalle biblioteche dei vari atenei libertari,
soprattutto nelle aree metropolitane, sempre secondo il motto per cui el peor enemigo
del hombre es la ignorancia.
La scienza viene a far parte della letteratura, diventa tema di racconti, romanzi,
novelle, poemi; nellutopia raccontata scienza e tecnica la fanno da padrone ed ispirano
poesia.
Il lirismo che gli acratas ne derivano eccezionale, ne nasce quasi un
sottogenere, una sorta di poesia scientifica. Si cantano le lodi della scienza concepita
come un organismo vivente, grazie alla quale si prepara un domani fulgido e fiorente per
lumanit.
La libert viene anche da essa, dalla possibilit di svincolarsi dalloscurantismo,
dal pregiudizio, dallignoranza, si cantano anche cos gli ideali libertari.
A volte si traducono scientificamente le cose pi banali, c un compiacimento
nella maniera di trattare la materia, in maniera bizzarra, Tarrida de Marmol, traduce la
felicit sotto forma di formula matematica:

F= c
F= felicidad
p= progreso realizado
a= autoridad
c= coeficiente, funcin de cierto nmero de actividades finitas.42

Ma limpatto poteva essere pi profondo, il poeta poteva celebrare in rima le


42

Trrida de Mrmol, Problemas trascendentales, in Musa Libertaria, Op. cit., p. 404.

33

scoperte di geologia, astrologia, fino a delle teorie che permettevano la spiegazione delle
origini del mondo:

Quin sabe oh ciencia ignota!


cuntos mundos encierra cada gota
de la sangre que corre por mi venas?
tal vez cuando en el cielo contemplamos,
junto con el planeta que habitamos,
tan slo un poco llena,
de un grano microscpico de arena
del fondo de los mares de otro mundo,
que se agita a su vez en el profundo
de un tomo de polvo de granito
de otro mudoy as hasta el infinito.43

La scienza apre gli occhi alluomo e lo salva, lignoranza svanisce, nessuno pu


essere sopraffatto quando nel giusto, quando la fede dalla propria parte:

Oh ciencia qu hermosa eres,


Qu suavsima alegra
das al que toma su gua
dejando lo balad!
qu melanclico amor
de sin igual confianza
hay en la dulce esperanza
de llegar a ser de Ti.44

Tipica era questo tipo di produzione, che veniva incoraggiata nelle


pubblicazioni, ad esempio avveniva che in un certamen socialista si aggiudicava un
premio al migliore sonetto dedicato alla scienza.
Un altro tema era la lode dei grandi benefattori dellumanit, influiti dal
positivismo, dallamore vero nei confronti della verit, i libertari cantavano gli eroi che
si erano prodigati nel passato alla soluzione di misteri, nella ricerca del vero. Personaggi
che grazie alla sete di conoscenze e audace persistenza erano riusciti, andando contro le
leggi del proprio tempo, a smontare miti e leggi assolute sostituendole con conoscenze
43

J. M. Bartrina, Poema, El Porvenir Obrero, num. 49 (13-1011903), in Musa Libertaria, Op. cit., p.
361.
44
Saludo a la ciencia, Los Desheredados, 3, num. 117 (23-8-188), in Musa Libertaria, Op. cit., p. 361.

34

razionali.
Tra questi personaggi ritroviamo scopritori dogni sorta: scienziati, viaggiatori,
geografi...

A Coln, a Servet, a Galileo


a Franklin y otros sabios por su estilo
de admirarla verdad de lo infinito.
En cambio; vive Dios! a Torquemada
debemos la invencin del Santo Oficio. 45

Rivelano la lotta dei profeti della verit, che sfortunatamente hanno dovuto
lottare contro la tradizione e la gelosia degli uomini del passato e del presente.
Gli uomini che godono di rispetto e che in vita sono glorificati, non sono questi
personaggi che danno impulso alla evoluzione, bens contrariamente alla logica sono i
pi stolti ad essere considerati grandi.

Qu diferencia! Mientras nuestros sabios


resuelven las entraas del abismo
para hacernos ms grandes en el mundo
los que se llaman grandes inventan cadalso o patbulos
triste es el porvenir de nuestro dolos
a medida que el tiempo va avanzado,
porque slo los tontos los adulan
y la envidia procura derribarlo.46

Questa tematica sostituir lepopea nazionale e patriottica e proporr nuovi eroi.


Il catalano Cels Gomis propone un lungo elenco di eroi senza tempo, nel suo poema
patria de lhome premiato al primo Certamen Socialista; sono poeti, filosofi artisti
dogni tipo e scopritori i protagonisti: No canto, no, la ptria catalana/ [...] /La ptria
que jo canto s la del geni, / i la patria del geni s tot el mon. / Com les obres pel geni
prodides / de la humanitat totes sn. / No pregunteu don sn Homer i Dant, /
Shakespeare, Shiller, Cervantes, LAlbanes / [...] / Ni volgueu saber on varen nixer /
Demstenes, Esquil, ni Plat / ni Socrates, ni Kant, niGalileu / ni Gutemberg, ni
Newton, ni Colom / [...] / Com pel geni, per lhome no hi ha dhaver-hi / frontera que
45
46

Salazar, Poesa, La Anarqua, 2, num. 60 (30-10- 1891).


Ibidem

35

els separi del mn: / Som fills totsde la mateixa terra / de la mateixa ptria tots som... 47
Una delle funzioni primarie nellemancipazione umana della scienza era
lefficacia nellattaccare i vecchi dogmi religiosi, venivano perci citati testi di Darwin,
Nietzsche, si rifiutavano congiutture arbitrarie opponendo le loro spiegazioni a le ipotesi
inverificabili circa lorigine e la fine del mondo materiale.
La poesia combattiva era, per gli anarchici spagnoli, un mezzo: un mezzo di
propaganda, di libert creativa frutto di una ispirazione libera.
Infondeva il coraggio, ispirava alloltraggio, era laccompagnamento della
rivoluzione, non di certo lo strumento principe di questa, la rivoluzione intellettuale
come abbiamo detto importante, ma per poter cambiare il corso degli eventi, per poter
costruire quel tanto sognato giardino di Acracia, era necessario lazione virile, il gesto
deciso:

Cultura y Accin, siempre, deben marchar unidas,


porque si se separan son dos fuerzas perdidas,
pues la una sin la otra carecen de valor.
Pulan nuestro intelecto lo ms sabios tericos,
que aunque, en galanos versos dijo el gran Caldern
que la Vida es sueo, nosotros lo negamos.
Estemos siempre alerta; no soemos, vivamos
que el sueo es parlisis y la Vida es Accin. 48

VISIONI

PER

UNA

SOCIET

ALTERNATIVA:

ANARCHISMO

FUTURISMO
Lanarchismo, nella sua speciale forma darte impegnata non si mai potuto
ingabbiare allinterno di un ismo, un anarchismo come avanguardia letteraria o
pittorica non mai esistito in realt. Molti sono gli artisti che secondo lo stie di vita ed
un particolare punto di vista si definiscono anarchici, giovani della borghesia boheme,
modernisti, ribelli intellettuali, individualisti dogni specie.
In unepoca in cui le avanguardie erano allordine del giorno, molti erano gli
47

Cels Gomis, La ptria de lhome, Primer Certamen Socialista, in La cultura anarquista a


Catalunya, Op. cit., p. 268.
48
Moiss Lpez, Cultura y Accin, II, 38, Zaragoza (2-6-1923), Wolfgang K. Glckner, in B.
Hoffman, El anarquismo espaol y sus tradiciones culturales, Op. cit., p. 137.

36

intellettuali che ispirati dai libertari o che semplicemente facevano la corte al


movimento cercarono di racchiuderlo allinterno di una nuova onda artistica.
Lanarchismo, fedele a se stesso, non ha avuto dettami, convenzioni, formule e
chiusure, vero s che al suo interno si ripetono temi e situazioni, ma sono in realt
molteplici come le facce delluomo; fatte dalluomo, spinte da unidea con basi
filosofiche talmente aperte a nuove correnti, con orizzonti cos vasti e confini cos poco
delimitati che diviene impossibile catalogare. Non pu esistere una letteratura, un teatro,
unarte anarchista. Luomo anarchista, luomo a 360 gradi, figlio, fratello, compagno,
lavoratore, individuo creatore.
Del resto gli anarchici militanti hanno sempre rifuggito gli intellettuali, i quali
vengono guardati se non con disprezzo od indifferenza, s con sospetto. Tanti sono quei
letterati che facevano proprie le idee altrui come pretesti puramente estetici o come
fughe giovanili avventurose, come puri sfoghi di vita scapigliata. Gli anarchici
preferivano gli uomini dazione a quei personaggi contemplativi che affollavano caff
ed universit, pensavano s che la cultura e lerudizione fossero buone e necessarie, ma
che senza lazione e leffettivo rovescio delle istituzioni fosse del tutto inutile, fine a se
stessa.
A parte questo per, lanarchismo spagnolo non era affatto chiuso, scambiava
opinioni con la borghesia artistica, a volte il discorso si traduceva in caustica invettiva,
altre in uno scambio proficuo.
Tante sono le correnti di pensiero entrate a far parte delluniverso anarchista,
molteplici le visioni delle cose del mondo, della cultura del lavoro, delluomo: dal
primitivismo alla fede nella tecnologia, dal pacifismo fino allazione pura, dal naturismo
e il vegetarianismo, dallincoraggiamento alluso delle lingue minoritarie alla spinta
verso lesperanto, dal collettivismo allindividualismo, ateismo e humanismo, da uno
spiccato internazionalismo fino ad un patriottismo antinazionalista.
Molte sono le avanguardie letterarie che si avvicinano allanarchismo come
filosofia estetica; che corteggiano idee libertarie senza poi fare molto in realt per
metterle in pratica. Nelle opere libertarie ci sono echi di naturalismo e positivismo, ma
fondamentelmente ci che si combatteva nel campo dellespressione artistico-letteraria
era limperante egolatra mentalit borghese, proprietaria di ogni mezzo, portatrice di
valori corrotti,

[...] la realidad social del instante, impone una calidad de arte en


37

oposicin al arte burgus, [...] la discrepancia entre el arte de


vanguardia y el arte novsimo con intencin social, existe bien
profunda y dilatada. Aqul parte de s mismo para volver a s mismo,
en una lnea circular, cerrada, eglatra: movimiento burgus o ms
bien aristocrtico, minorista; el arte social arranca de la nueva
democracia, para regresar a ella en una curva, cuyo radio abraza el
universo sin fronteras: movimiento multitudinario, proletario,
realmente creador.49

Conclude Daz Fernndez nella sua sintesi arte-politica in Acerca del arte
nuevo:

El arte de vanguardista al desentenderse de su funcin social, nace y


muere en s mismo, tiene un destino triste y una existencia efmera,
porque se agita en el vaco de una inexistente aristocracia.50

Una delle avanguardie del secolo in particolare, quella tutta italiana del
Futurismo, ha molto in comune con le aspettative e la base filosofica anarchica, ed
anche se in seguito diverr lo stile con cui si canta e si dipinge il regime, e lo stesso
Marinetti sar poeta ufficiale del fascismo, in principio lo scopo di un sindacabile stile
artistico-letterario era encomiabile.
Alcuni fattori quali: la lotta contro il passatismo (classico, clericale o
borbonico), limpeto sovversivo, lamore per la violenza e latto virile, il disprezzo del
parlamentarismo, indussero i futuristi a cercare convergenze ed affinit con
lanarchismo, del quale tuttavia dovettero ignorare o sottovalutare quegli insuperabili
pregiudizi antipatriottici ed antimilitaristi fondamentali del pensiero Acrata.
Il futurismo comunque fu un movimento costituito da diverse individualit
associate a diverse posizioni politiche, anche se limpronta del suo fondatore fu
pregnante. Proprio questo motivo, fu fondamento di vari e numerosi equivoci che, a
quellepoca, espose ad aspre critiche e giudizi quel turbolento movimento artistico.
Bisogna infatti poter distinguere il futurismo dal marinettismo, liniziatore sar
sempre il padre dellavanguardia italiana novecentesca, ma non coincider il suo
protagonismo con tutti gli artisti del mondo futurista. Bisogna anche saper scindere la
49

Jos Daz Fernndez, Acerca del arte nuevo (1927), in Arte y compromiso- Espaa 1917-1936, a cura
di A. A. Pascual Madrigal, Fundacin Anselmo Lorenzo, Madrid 2002, p. 133.
50
Ibidem.

38

visione politica da quella puramente artistica, ed allora vedremo che in fondo ci che
cercavano gli uni e gli altri in unopera artistico-letteraria era qualcosa di molto pi forte
del puro divertimento.
Non si pu comunque negare che il futurismo fu probabilmente lavanguardia
artistica pi fortemente politica, nel senso pi sociale del termine; non importa se
monarchici o libertari fossero i loro produttori, cera sempre alla base un sentimento di
rinnovamento, lauspicio di una societ ex novo. Come lutopia del libertario, anche per
lartista futurista si potrebbe azzardare lipotesi di una sorta di ricerca, di spinta
rivoluzionaria verso un mondo popolato da un uomo nuovo, protagonista di un universo
in continua evoluzione, teso alla ricerca della felicit. Un postulato tuattaltro che
secondario differenzia le due utopie appena accostate: lideale nazionalista.

El futurismo traduce sus teoras de vanguardia esttica a la vida


poltica, apropindose de los conceptos del anarquismo, pero se
diferencia de ste por ser nacionalista.51

Comune allanarchismo era lidea dellutilizzo dellarte come un mezzo per


muovere coscienze, infondere coraggio, accendere la miccia della ribellione.
Nella rivista mensile La Blouse, compilada exclusivamente con escritos
originales de autnticos trabajadores manuales ritroviamo molti esempi interessanti:
Yo no entiendo por arte lo que deleita y divierte, cosa de vagos y de ociosos; sino
como algo ms alto y ms importante, que haga pensar seriamente y estremecerse, que
conmueva y d el sentimiento de rebelin contra todo el cmulo de porqueras y de
iniquidades polticas y sociales que afligen la vida humana en todas sus variadas y
multiformes manifestaciones [...]. 52
Notiamo la convergenza di idee con i libertari, Juan Mir i Mir al principio del
suo prologo alla famosa raccolta di racconti libertari Dinamita cerebral ci parla a
proposito del destino della letteratura: Si la literatura slo sirviese para entretener a los
desocupados y para hacer rer a los satisfechos, no apreciaramos el trabajo de un
escritor en ms de lo que apreciamos las bufonadas de un payaso.
51

Volker Kapp, Anarqua y esttica futurista, in Al di la del comunismo de F. T. Marinetti, in El


anarquismo espaol y sus tradiciones culturales, p. 188
52
Memoria de Licenciatura en Ciencias Polticas, Universit di Milano, corso accademico 2000-2001,
Traduccin del italiano E.G.W. Escrito por el caballero Ass Lpez Martnez.

39

Este nos divierte un momento, mientras que el escritor ejerce una influencia
poderosa en nuestra manera de sentir y pensar53
Sempre da La Blouse:

Larte vera, fulgida, sentita, originale, non pu essere che figlia


genuina della libert! Asservire larte ad una scuola filosofica,
ad un preconcetto politico, ad un pregiudizio sociale, significa
degenerarla ucciderla! [] Le migliori e pi splendide opere
darte furono fatte allor quando sorsero, per volont del
popolo, periodi di vera e propria libert... La libert senza il
necessario dellesistenza non sarebbe libert e un popolo che
vive nellinedia, tra le sofferenze della fame, non pu
comprendere larte e non pu essere artista, perch lottando
come il bruto per lesistenza, come il bruto egli inebetito ed
esausto! Ecco dunque: larte vera devessere rianimata da un
obiettivo sublime di libert e di benessere sociale... Il bello che
ha anche uno scopo giusto e buono effettivamente e
indispensabilmente migliore!
[...] Lartista assolutamente libero potr spaziare la propria
fantasia nelle opere che creer, le quali non avranno pi
lobiettivo di uniformarsi al gusto di chi paga e di accontentare
la turba dei critici brontoloni [].54

Si potrebbero citare ancora numerosi esempi, per i quali rimandiamo al lettore


interessato a consultare La Blouse, dovendo comunque citare un altro dei vari esempi da
Il proletariato anarchista, dove con un sorprendente linguaggio incendiario che
avvicina il proletariato anarchista al futurismo, a firma de Il proletario ritroviamo uno
slogan ben conosciuto negli ambienti futuristi: ...e s bello ledificare pi bello il
distruggere55 e ancora Edificare bello, ma distruggere sublime56. Almeno a livello
formale, ritroviamo, dunque, un linguaggio che accomun i due gruppi.
La violenza ed il revolucionarismo del linguaggio e della grafica del futurismo,
sembrano poter rappresentare realmente i mezzi espressivi ideali dellanarchismo, sia
esso italiano o spagnolo (le barriere in questo caso non esistono!), mensajeros di
principi e dazioni libertarie.
53

Juan Mir i Mir, Prologo a Dinamita cerebral, Icaria Editorial, Barcellona 1977, p. 7.
Larte e il socialismo, La Blouse, II, n. 17, agosto 1907, pp. 6-7. Firmato Guglielmo Boldrini,
cementista di Siena.
55
AA.VV., Bagliori dincendio, Il proletariato anarchico, n. 11, 23 aprile 1911.
56
AA.VV., Salutando lincendio, Il proletariato anarchico, n. 4, 5 febbraio 1911., firmato Manno
54

40

La distanza tra i due gruppi, fondamentalmente si annid in una differenza


sostanziale che si pu sintetizzare con una frase di Molaschi:

Ammetto la violenza e la giudico come mezzo di liberazione e lo


giudico indispensabile per arrivare allemancipazione del lavoro.57

Questi concetti non si distanziano molto dai toni della conferenza marinettiana
Bellezza e necessit della violenza, la dissonanza per sta nel fatto che, della violenza il
futurismo enfatizz il lato estetico, vedendo in essa uninfinita bellezza; per
lanarchismo invece, la violenza signific solo necessit, si tradusse in un rimedio
estremo di azione.
Si potrebbe sostenere che la complessa ma possibile relazione arte-politica si
sarebbe potuta verificare proprio per il fatto di trovarsi in un momento storico preciso,
in un contesto sociale in cui sia gli anarchisti che i futuristi nutrivano una forte volont
rivoluzionaria. Specialmente per Marinetti valido ci che sostiene Accame: Quella di
modificare il mondo dandogli poesia una delle pi sentite e recondite ambizioni
dellartista58. Per, se entrambi i movimenti auspicavano lavvento di una societ
libera, i mezzi ed i principi furono decisamente diversi, se non diametralmente opposti;
quindi:

Anarchismo e futurismo erano fatti per incontrarsi e per scontrarsi,


per fare un tratto di strada assieme molestandosi e provocandosi per
poi smarrirsi irreversibilmente. 59

Lestetica del futurismo perde forza, ne viene fuori impoverita se non si tiene
conto della sua connotazione politica: la sua grandezza e originalit viene
dallambizione dei futuristi di cambiare la situazione socio-politico-culturale partendo
dalle produzioni artistiche, secondo i principi estetici della corrente. Questa fusione
darte e politica, la sovrapposizione di teoria e pratica, la scrittura e la guerra, la
distruzione del vecchio e la ribellione politica sono punti di vista interessanti, anche se
57

Carlo Molaschi, Pagine Libertarie, n.7, 30 settembre 1921, p. 134..


V. Accame, Vivere nella realt, in Dossier Arte e Anarchia, supplemento di A-rivista anarchica, anno
XVI, n. 9, dic.1986-gen.1987, p. 35
59
P. C. Masini, Il futurismo,Umanit Nova, 65, n. 2, 20 gennaio 1985.
58

41

abbiamo visto i forti limiti di queste similitudini con un anarchismo antistato e


antimilitarista ed un futurismo ipernazionalista e guerrafondaio.
Di sicuro la letteratura popolare anarchista prodotto pi genuino e tipico
dellanarchismo che le raffinatezze marinettiane per i futuristi; anche se non possiamo
identificare lanarchismo e la sua cultura con queste opere di contenuti popolari e di
scarso valore estetico, n con la cultura popolare in genere.
I futuristi hanno saputo teorizzare un arte liberatore, un arte futuro che chiave
di libert creatrice, giovane e forte: il movimento artistico futurista da noi iniziato 11
anni fa aveva precisamente per scopo di svecchiare brutalmente lambiente artisticoletterario, esautorarne e distruggerne la gerontocrazia, svalutare i critici e i professori
pedanti, incoraggiare tutti gli slanci temerari dellingegno giovanile per preparare
unatmosfera veramente ossigenata di salute, incoraggiamento e aiuto a tutti i giovani
geniali dItalia.60 Un governo composto dai giovani geniali che si emanciper, che si
ribeller alla repressione ed estirper i difensori dellordine:

La vita italiana di domani altro non deve essere che una serie di
bombe a mano lanciate nelle gambe degli importuni pesantissimi due
nemici: il prete e il carabiniere. 61

Questo discorso fa venire in mente al lettore comune lanticlericalismo e lanti


stato/istituzione tipico dei dinamitardi anarchici, mentre uscir dalla bocca di quello che
sar lintellettuale per eccellenza di una bench nuova Italia fascista, guardiana dei
valori nazional-patriottici e del conservatorismo radicale.
Cosicch i futuristi si augurarono lavvento di una nuova epoca a discapito della
vecchia e sclerotica cultura accademica, la costruzione del nuovo si sarebbe dovuta
erigere sulle ceneri del vecchio sistema, per soddisfare la necessit di una giovent
geniale e ribelle affamata di indipendenza. Questo sogno utopico ben diverso da
quello anarchista. Sebbene i due movimenti, sia in campo estetico che politico, abbiano
vari punti in comune, divergono nelle finalit e nei mezzi pratici. Le teorie si sfiorano e
si intrecciano a volte, ma sicuramente sia il movimento anarchico come il futurista non
possono essere esaminati dal punto di vista puramente estetico. Le due dimensioni
60

F. T. Marinetti, Democrazia futurista, 1919, in Teoria e invenzione futurista, a cura di Luciano de


Maria, Mondadori, 1983, p. 405.
61
Ibidem, p. 387.

42

combaciano, hanno un legame stretto ed inscindibile e se quella anarchica non mai


stata unavanguardia artistica, tra nuove onde di produzione artistica il futurismo
sicuramente quella in cui vi il legame pi stretto tra visione politica e teoria
estetico-letteraria, una dimensione politica molto pi sviluppata di qualsiasi altra scuola
di pensiero dellepoca, le quali sempre cercarono quella necessaria fusione tra arte e
vita.
Visione politica che col tempo si distanzier anni luce da quella anarchica;
individualiste entrambe ma in senso differente furono: luna libertaria, laltra liberale,
antimilitarista la prima e interventista e adoratrice della guerra la seconda, piena libert
nelliniziativa economica da un lato, sindacalismo dallaltro.
Entrambi furono anticlericali, ma se uno trov come fede la ragione e lintelletto
umano, laltro si rifuger in una specie di paganesimo delluomo, antiborghese fino
allultimo lanarchismo, filo-borghese il futurismo.
Lavanguardia futurista comunque lamb la terra iberica ma non vi si sofferm a
lungo. Marinetti, degno di fama mondiale dalla presentazione del suo manifesto a Parigi
nel 1909, viene dapprima introdotto ai lettori spagnoli da una rivista di stampo
conservatore con tinte avanguardiste: La Gaceta Literaria. Qui Gimenez Caballero,
riporta un articolo/intervista con il poeta futurista dal titolo Conversaciones con
Marinetti62, in cui Marinetti si distanzia da coloro che quieren hacer del arte una
poltica63. Contraddittoriamente in Arte y estado dello stesso Gimenez Caballero si
manifesta tutto il contrario, e nella stessa pubblicazione Guillermo de Torre, nella sua
Efigie de Marinetti dice che il futurismo: Trat de ejercer, no solamente una
influencia literaria y esttica [...] sino tambin un influjo moral y politico, mediante una
exaltacin de los valores nacionales 64.
Valori del tutto rifiutati da quella anarchia da Marinetti sentita cos affine
allinizio della sua carriera poetica. Non viene infatti apprezzata la presenza
dellitaliano durante una sua tourn spagnola. Viene riportato dalla rivista PostGuerra la conferenza marinettiana, in un articolo intitolato Marinetti y la quiebra del
futurismo65 riassunto nel fatto che ha venido como viajante de comercio de poductos

62

Ernesto Gimenez Caballero, Conversaciones con Marinetti, La Gaceta Literaria, Febbraio 1928.
Ibidem.
64
Guillermo de Torre, Efigie de Marinetti in Arte y estado, a cura di Ernesto Gimenez Caballero, Grfica
universal, Madrid 1935
65
Marinetti y la quiebra del futurismo, Post-Guerra, febbraio 1928, in Arte y compromiso, a cura di A.
A. Madrigal Pascual, Fundacin Anselmo Lorenzo, Madrid 2002, p. 142.
63

43

ideologicos66 pi che intellettuale rappresentante di una giovane avanguardia artistica.


Ci offre poi il ritratto grottesco del personaggio Marinetti: Un seor de cincuenta aos,
calvo, regordete, de poca estatura, que suda y bracea, gritando: Viva la juventud, la
agilidad, la fuerza, la ligereza, el puetazo! y luego cae derrumbado en una silla. He ah
un fascista67.
Non miete dunque, come prevedibile, nessuna simpatia la demagogia
marinettiana, le parole possono suonare dinamiche, giovani, forti, fresche, ma in
sostanza poco hanno di rivoluzionario.
Nella sua complessa ricerca artistica il futurismo tenta produrre una
commistione tra arti grafiche poesia e suono, fino ad entrare in politica, diffondendosi
nelle pi comuni azioni quotidiane (vedi la cucina futurista).
Lonomatopea fondamentale nella creazione lirica, il suono che ricorda la
potenza delle macchine, la velocit, lenergia nelle parole in libert, poesie come zum
zum bang bang portano sicuramente una ventata daria fresca, svecchiando la poesia di
tipo accademico e pedante odiata dai futuristi, ma nulla dicono alle orecchie degli
anarchici, che ancora prima dellavvento futurista manifestano il loro proposito
letterario secondo il quale Con notas de simple sonoridad, jams podrn determinarse
las ideas, pues siempre el sonido ha tomado forma decisiva en el pensamiento,
auxilindose precisamente del valor de la palabra. A esta hay que darle, con msica y
sin msica, todo, absolutamente todo lo que le corresponde y es, con efecto suyo.68
In un saggio dal titolo El Futurismo, pubblicato dalla Revista Blanca, Federica
Montseny afferma:

Fue primero una ideologa de capillita, de estas innumerables


capillitas intelectuales que existen en todas las grandes ciudades y
particularmente en Pars.
[] alrededor del futurismo se agrupa la intelectualidad joven,
incapaz por esta cobarda moral que lo invade todo, de agruparse
alrededor del anarquismo, idealidad plena y completa, aunque
peligrosa.
[] La anarqua es un ideal de abnegacin y de universalismo que
cierra la escala de ascensos jerrquicos. [] El anarquismo requiere
un renunciamiento absoluto de todo privilegio. [] El anarquismo
representa persecuciones, miseria, sufrimiento. El futurismo es una
66

Ibidem.
Ibidem.
68
Luis Pardo, Literatura vibrante y luciente, La Revista Blanca, (15-09-1904), in La cultura anarquista a
Catalunya, Op cit., p. 235.
67

44

idealidad cmoda, de moda, y de costumbre muy siglo veinte. Y


entre un camino de espinas en donde no ms satisfacciones que las
morales y pursima del deber cumplido y de la justicia de la
aspiracin que nos impulsa, y la apacible calma de un modismo
rudimentario e inofensivo, sin ningn peligro y sin ninguna
responsabilidad, estas juventudes, faltas de energa creadora y de
delicadeza moral, no vacilan ni un momento. 69

Federica Montseny situa la nascita del movimento futurista a cavallo di due


mondi, uno nuovo che richiede ad ognuno la rinuncia di privilegi e dei piaceri della vita,
ed uno antico, che apporta maggiore sicurezza ad i suoi seguaci, giacch si basa su
istituzioni costituite militarmente, e conclude:

Lo triste es que el fondo de renovacin y de rebelda que hay en esta


ideologa, carente de punto donde apoyarse la sociedad actual, es
decir, el mundo viejo, lo absorbe en absoluto, contrapesando con su
cortejo innumerable de intereses creados la sugestin del mundo
nuevo que la ayud a formarse. Y al desaparecer la juventud, la
irresponsabilidad entusiasta de toda juventud, por castrada que est,
desaparecen, tambin, la renovacin y la rebelda que constituan su
nico valor evolutivo.70

Il Futurismo non prese mai del tutto piede nella Spagna repubblicana,
probabilmente per la sua natura poco rivoluzionaria, o antirivoluzionaria, per luso della
violenza fine a se stessa, un programma basato sul nulla, lindividualismo senza causa,
il nazionalismo: ci che sar la base su cui costruire e glorificare lepica fascista.
Rivoluzionari sono invece gli artisti grafici, che savvicineranno maggiormente
alle scelte ed al gusto della ribelle Acracia.

69
70

Federica Montseny, El Futurismo, La Revista Blanca, 8-9-1923, in Arte y compromiso, Op. cit., p. 145.
Ibidem.

45

II. IL CULTO DELLA NUOVA UMANIT


SANTI, MARTIRI E RITI LIBERTARI
Anche se il gruppo dei teorici del movimento anarchista spagnolo era formato,
tra gli altri, da molti studenti ed intellettuali ricordiamo figure come Fermn Salvochea,
(il santo o Christo anarquista), Trinidad Soriano, Antonio Gonzlez Meneses, Gaspar
Sention) la maggior parte di coloro che si incorporavano e militavano nei gruppi
libertari delle citt erano semplici lavoratori, artigiani e per lo pi operai. Persino gran
parte degli storici, dei giornalisti e dei teorici del movimento erano autodidatti: uomini
e donne del proletariato urbano o agricolo alfabetizzati per proprio conto, frequentatori
delle scuole libertarie, degli atenei, in cui dedicavano il tempo imparando a leggere e a
scrivere alla fine della propria giornata lavorativa. Bisogna dire che tra i militanti vi
erano inoltre parecchi tipografi, fra tutti ricordiamo Ricardo Mella e lo stesso Lorenzo,
il cosiddetto abuelo dellanarchismo spagnolo, il che favoriva sicuramente una
sorprendente diffusione di opuscoli e riviste.
Incentivati da una fortissima voglia di emancipazione e da una ferrea volont, i
militanti convinti della loro giustezza provavano un insuperabile orgoglio
nellappartenere alla propria classe; lavoratori sin dalla pi tenera et e presto giovani
madri e padri di creature da mantenere ed educare, sentivano in loro il dovere di
preparare le generazioni future ed una societ intera ad una nuova et dettata dallIdea.
Questi anarchisti provavano orgoglio e sentivano responsabilit per tutto ci che
erano riusciti a costruire con le proprie mani e godevano del pi profondo rispetto da
parte dei propri colleghi, compagni di lavoro e militanti, erano nel loro ambiente figure
eroiche, lontani dai parlamenti e le accademiche tra e con il popolo. Si trattava di
persone serie e capaci, dotate di carisma e forza interiore, franchezza e sincerit,
collanti nel gruppo operaio, difensori di amicizia e compaerismo. Tanto sorprendente
era la loro forza di volont che, una volta abbracciata lidea abbandonavano i vizi, il
bere e il fumare, per dedicarsi completamente alla diffusione delle teorie libertarie e
alla continua formazione personale. Evitavano alcool e tabacco, frequentare bordelli e
pulivano il proprio linguaggio da qualsiasi tipo di volgarit, persino luso del caff
veniva sconsigliato; al contrario incoraggiavano la lettura di periodici e libri di qualsiasi
natura purch edificanti, lescursionismo e lesercizio fisico allaria aperta erano pure
importanti per lo sviluppo personale, in alcuni casi venivano diffuse pratiche di
46

vegetarianismo e naturalismo. Parte di leggenda intorno ad alcuni miti dellanarchismo


ispanico serve comunque a incoraggiare il proletario anarchista ad una condotta retta,
comunque molto attendibile la genuinit con cui vengono descritte le norme di vita nei
racconti dei sopravvissuti della rivoluzione.71
I militanti esemplari sostenevano che tutte quelle distrazioni, i vizi ed il parlare
sporco avvilissero luomo, umiliassero la libert dogni persona e che era proprio
nellobbiettivo della classe dirigente quello di corrompere e cos rendere schiava
materialmente, ma soprattutto moralmente la classe operaia. Era dovere quindi dogni
lavoratore e specialmente di quello anarchico, vivere secondo i propri principi, non
bastava soltanto proclamarli, bisognava vivere da anarchista prima di tutto. Con la
propria condotta questi lavoratori saranno lesempio da seguire e fortificheranno i
compagni pi deboli. Integrit ed onest le caratteristiche principali che i proletari
dovevano anelare per mantenere intatta la propria dignit davanti alla corrotta classe
padronale. Era perci necessaria una rigenerazione pratica da mettere in atto, una
purificazione, e a volte una rinuncia dei piaceri per poter giungere alla rivoluzione e
staccarsi dal precostituito modo di vivere della societ gerarchica capitalista.
Senza lausilio di questa rigenerazione morale sarebbe stata impossibile la
rivoluzione materiale di quella societ corrotta dallo stile di vita innaturale e vizioso
dei borghesi. Vivere secondo natura era fondamento dei principi libertari, secondo i
quali lavorare era cosa buona e naturale, mentre loziosit dei ricchi nociva ed
innaturale.
Tutte queste caratteristiche insieme alla fiducia nella bont delluomo e il
desiderio di acculturazione delle masse, una sorta di redenzione (laica) per mezzo del
lavoro e limportanza data allattivit e alla produttivit, avvicinano sorprendentemente
(con le dovute riserve-si tratta infatti di rinunciare ai vizi, non di mortificare la carne!)
la condotta anarchista a quella dei puritani cristiani o calvinisti.
Cos vaste erano le vedute anarchiche che tra le loro fila si trovavano diverse
maniere di vivere lanarchia, non erano rari gli idealisti, gli humanisti o gli anarchici
cristiani, che potevano affiancare lanticlericalismo alla fede senza cadere in
contraddizione.
Certamente si pu parlare per lanarchismo in generale di culto dellidea, di una
fede innata verso luomo e le sue possibilit, il progresso e la continua evoluzione.

71

Invito a proposito alla visione del documentario Vivir la utopa, diretto da Juan Gamero per Televisin
espaola, 1997.

47

pasaron dos mil aos desde el da


en el que sobre la tierra, nuestra madre
el hombre apareci, y desde entonces
otra raza magnifica se hace
que, acaso, sea, toda inteligencia.72

Ci che avveniva era una sorta di conversione non solo ideologica, ma piuttosto
morale e mistica. Ci si avvicina al misticismo, tipico secondo la visione distorta di
Lombroso, dei maniaci e degli psicotici: La connessione costante della criminalit
congenita collepilessia ci spiega la frequenza nei rei politici di quei casi che chiamerei
di epilessia e di isteria politica. Invero, la vanit, la religiosit, le allucinazioni vivissime
e frequenti, la megalomania, la genialit intermittente, insieme alla grande impulsivit
degli epilettici e degli isterici, ne fanno dei novatori religiosi e politici. 73
Si prodigavano per la diffusione e la fortificazione del nuovo credo, una volta
illuminato, il nuovo libertario andava a ingrossare le fila del proletariato militante.
La presa di coscienza veniva accolta come una rivelazione, un risveglio dal
torpore in cui erano stati imprigionati per anni. Queste esperienze mistiche erano
accompagnate da un vocabolario di tipo religioso basato sullimprovvisa apparizione
della luce:

Salve, oh reverberacin hermosa que ahuyentas las tinieblas con tu


refulgente rayos!74,
Bendita sea, luz monstruosa, de inusitada fulgurantez!75

La conversione aveva dunque un tono emozionale e morale di forte impatto e


coloro che svegliavano queste anime addormentate erano i guru dellidea, pensatori o
uomini fuori dal comune rivestiti da unaurea di tipo profetico.
Cos sono ad esempio Durruti (hroe del pueblo), Joan Montseny i Carret
(meglio conosciuto come Federico Urales), e colui che per primo rese possibile la
diffusione dellidea nella penisola iberica: Giuseppe Fanelli.

72

Lopz Montenegro, El botn de fuego, La Naturaleza. Poema, in Musa Libertaria, Op.cit., p. 56.
Cesare Lombroso, Gli anarchici, Fratelli Bocca, Torino 1895, p. 41.
74
Zoais, Luz, El Ltigo, 1, num. 9, 8-12-1912, in Musa Libertaria, L. Litvak, Op. cit., p. 164.
75
Anonimo,La Idea, Espartaco, 1, num3 (25 nov 1904).
73

48

Era ste un hombre como de 40 aos, alto, de rostro grave y amable,


barba negra y poblada, ojos grandes negros y expresivos, que
brillaban como rfagas o tomaban el aspecto de cariosa compasin,
segn los sentimientos que dominaban. Su voz tena un timbre
metlico y era susceptible de todas las inflexiones apropiadas a lo
que expresaba, pasando rpidamente, del acento de la clera y de la
amenaza contra explotadores y tiranos, para adoptar el del
sufrimiento lstima y consuelo segn hablaba de las penas del
explotado, del que sin sufrirla completamente las comprendes o del
que por un sentimiento altruista se complace en presentar un ideal
ultrarrevolucionario de paz y fraternidad.76

Le parole del profeta Fanelli sono quindi rivelatrici anche se non del tutto
comprensibili dai suoi testimoni. A dimostrazione della potenza delloratore, ma forse
anche della predisposizione positiva degli ascoltatori, i quali si sentivano posseduti
dallardore dello spirito e dellentusiasmo infuso dal delegato italiano cos come ce lo
riporta Anselmo Lorenzo:

Lo raro del caso es que no saba hablar espaol, y hablando francs


que entendamos a medias algunos de los presentes, o en italiano que
slo comprendamos un poco por analoga, quien ms quien menos,
no solo nos identificbamos con sus pensamiento, sino que merced a
su mmica expresiva nos llegamos todos a sentirnos posedos del
mayor entusiasmo. Haba que verle y orle del estado del trabajador,
privado de los medios de subsistencia por falta de trabajo a causa del
exceso de produccin: despus de exponer con riqueza de detalles la
desesperacin de la miseria con rasgos que me recordaban al trgico
Rosi, a quien tuve el gusto de admirar poco tiempo antes, deca: Cosa horrible! spaventosa!
Y sentamos escalofros y
estremecimientos de horror. Paragonaba luego situacin tan triste con
lo de los parsitos de la sociedad que monopolizan la riqueza y la
produccin para entregarse a la malicie y la holganza, y si de ese vicio
huyen para manifestarse inteligentes y activos, abusan de la riquezas,
extreman la explotacin y la usura y slo piensan en acumular
riquezas, y esa descripcin nos indigna en sumo grado. Mostrbamos,
por ltimo, los efectos de la unin obrera internacional, conducida por
la resistencia y por el estudio, llegando a ser fuerza neutralizadora de
la soberbia capitalista y fundamento de una ciencia econmica
verdadera, que corregir los absurdo que la preocupacin, la rutina y
la ignorancia han considerado como fundamentos sociales, dndoles
sancin legal, y nos lo representbamos reemplazados por
76

Anselmo Lorenzo, El proletariado militante, Zero, Madrid, 1974, pp. 19-20.

49

instituciones racionales y dignas que protegeran el derecho natural de


todos los individuos, sin que nadie viviese vejado, ni que hubiera
quien fundase su bienestar sobre la desgracia y la ruina de su igual, y
entonces una dulce esperanza nos animaba, elevndonos a las
sublimes alturas del ideal.77

Il movimento anarchico aveva quindi per i libertari caratteristiche religiose,


dallauspicio di un nuovo mondo in cui vi fosse un forte miglioramento materiale ed una
vera rigenerazione morale, un nuovo modo di vivere la vita terrena basato sulla
solidariet e il mutuo soccorso, sui miglioramenti tecnico scientifici e la fratellanza. La
vita doveva essere pienamente vissuta per sempre secondo natura.
Nonostante la forte carica anticlericale, antireligiosa e la spinta ateomaterialistica, notiamo nella letteratura anarchista influenze bibliche; nonostante il
rifiuto di un Dio ultraterreno e presente nella vita quotidiana, il culto dellidea insito in
ogni attimo della vita. Le Scritture sono fonte di ispirazione poetica, si parla di culto, ed
anche se si sempre pronti a demistificare i dogmi e i misteri del mondo cattolico ci si
rif a miti quali verit (in primis), giustizia, libert ed uguaglianza degli uomini non pi
di fronte a Dio, ma liberi ed autosufficienti allinterno di una societ in continua
evoluzione perfettibile.

El anarquista, ensanchando la idea cristiana, mira en cada hombre un


hermano; pero no un hermano inferior y desvalido a quien otorga
caridad, sino un hermano igual a quien debe justicia, proteccin y
defensa. Rechaza la caridad como una falsificacin hipcrita de la
justicia, como una irona sangrienta, como el don nfimo y vejatorio
del usurpador al usurpado. No admite soberana de ninguna especie
ni bajo ninguna forma, sin excluir la ms absurda de todas: la del
pueblo. Niega leyes, religiones y nacionalidades, para reconocer una
sola potestad: el individuo. Tan esclavo es el sometido a la voluntad
de un rey o de un pontfice, como el enfeudado a la turbamulta de los
plebiscitos o a la mayora de los parlamentos. Autoridad implica
abuso, obediencia denuncia abyeccin, que el hombre
verdaderamente emancipado no ambiciona el dominio sobre sus
iguales ni acepta ms autoridad que la de uno mismo sobre uno
mismo. 78

77

Ibidem.
Manuel Gonzales Prada, La anarqua, , Los Parias, Lima Per, 1907,
www.marxismoeducar.cl/prada01.htm
78

50

Quindi s alla fratellanza, ma banditi i principi tipicamente cristiani di


compassione e carit a favore di individualismo e mutua assistenza, solidariet e
consapevolezza dei propri mezzi, possibilit e limiti, accompagnati da una profonda
fiducia nella bont delle umane capacit.
LAnarchia possiede poi i propri miti, profeti e martiri, si pensi ai successi della
Mano Negra di Jerez, ai caduti della semana tragica e ai giustiziati del Montjuic, ai
martiri di Chicago e di quanti caduti innocenti nelle mani di una nefasta giustizia.
Martiri poi sono tutte quelle donne che devono sopportare continue ingiustizie
ed angherie da parte di sfruttatori, lascivi padroni borghesi, che perpetrano sulle povere
giovani madri sole e disonorate dalla societ le proprie voglie viziose. Martiri tutti quelli
caduti sul lavoro e tutti coloro che si sono prodigati per migliorare le condizioni umane
di fronte ai grassi approfittatori. Un poema da Suplemento dalla Revista Blanca canta le
virt dei martiri:

En Chicago, en Jerez y en Badalona


sucumbieron vilmente asesinados
obreros de ideales elevados
ciendo del martirio la corona.
La sangre de los mrtires abona
los principios por ellos sustentados
y otro ncleo de obreros despertados
la bondad de la Acracia alto pregona.79

Il verbo Verit e Libert, i suoi sono profeti tra i militanti, le sue preghiere inni
e canti alla rivoluzione.
Vi un tipo di produzione letteraria in cui si manifesta appunto questo carattere di
tipo religioso; una produzione basata sulladozione di forme ormai tipiche del
cristianesimo, in cui si innestano temi di ispirazione libertaria. Questi ricorsi stilistici
con i suoi credo, inni e catechesi diedero alla dialettica anarchista dei punti dappoggio
importanti su cui manifestare i principi dogmatici della nuova fede.
Esempio sono i vari credo, basati su quello cattolico, quale fondamentale
antecedente il Credo socialista revolucionario portato alla luce dalla Federacin
Igualadina nel 1884:
79

Antonio Apolo, Libertaria, dedicada a Fermn Salvochea, Suplemento a La Revista Blanca, num. 54,
25-05-1900.

51

Creo en el socialismo revolucionario. Todo poderoso, fomentador de


la Agricultura, de la Industria y del Comercio, y en la Anarqua, su
querida hija, compaera nuestra, que es y ha sido perseguida por los
polticos burgueses, y naci del seno de la verdad, padeci bajo el
poder de todos los gobiernos, por los que ha sido maltratada,
escarnecida y deportada; descendi a los lbregos calabozos y de
ellos ha venido para emancipar el proletariado y est sentada en el
corazn de las Anrquico - Colectivistas, y desde all juzgar a todos
sus enemigos, creo en los grandes principios de AUTONOMA,
FEDERACIN, COLECTIVISMO; detesto los privilegios, la
propiedad individual y los polticos perdurables. 80

La corrispondenza con il credo cattolico, la potenza evocativa, il socialismo


rivoluzionario come unica fede, sua figlia Anarqua che nasce, muore e resuscita per
mano delluomo, la trinit espressa secondo i valori pratici di collettivismo, autonomia e
federalismo, sono pi che sufficienti per comprendere la fede e la fedelt allidea.
Accanto ai suoi credo, cerano degli inni, opere come El botn de fuego,
catecismo anarquista di Lopz Montenegro, che come il catechismo era basato su
domande e risposte di tipo dottrinale:

Qu es el atesmo?
-La adoracin de la verdad o sea, amarnos como hermanos los 1.430
millones de personas que vivimos en la Tierra.
Qu es anarqua?
-Gobernarse cada uno a s mismo. O no haber gobierno poltico. 81

In Resurreccin, Josep Mar, presenta in rima lidea della redenzione umana,


nella fede del progresso:

Surgi la luz sublime del Progreso,


llen la Humanidad de resplandores
y echando de su trono la ignorancia,
hizo la guerra paz, el dio amores
[]
El hombre de un pasado pobre y triste
80

Credo socialista revolucionario, La Federacin Igualadina, 2, num. 87, 3-10-1884, in Musa


Libertaria, L. Litvak, Op. cit., p. 169.
81
Lopez Montenegro, La Naturaleza. Poema. Nociones de geologa y Zoologa para los trabajadores,
Barcellona, 1902, p. 95.

52

mostrse redimido al mundo entero,


y al influjo sublime de su obra
muri el esclavo y resurgi el obrero. 82

Notevole la forza dellopera, limmagine divina di un progresso che squarcia


una breccia di luce nelloscurit, che scaccia il male: lignoranza che soggioga
lumanit.
I romanzi, las novelas, possono essere visti come parabole in cui vi si
trasmettono insieme al coraggio ed alla fiducia necessari da infondere agli oppressi, veri
codici di comportamento morale, vite esemplari ed atti eroici.
La solita dualit antitetica dellestetica anarchista ci riporta qui a: comportamento
alienato/comportamento emancipato, vite dissolute/vite attive e sane, corruzione dei
costumi/rettitudine.
Non sono pochi i casi in cui si sottolineano i comportamenti negativi del
proletariato, limpotenza di vite scellerate, limbruttimento e la bestialit della classe
lavoratrice. Lantitesi la figura retorica maggiormente utilizzata dai libertari:
normalmente viene opposta una figura negativa (spesso il borghese, il padrone, il
nobile, il clero, ma anche il bigotto, il proletario ottuso...) ad unaltra

positiva

normalmente impersonata da un libero pensatore. Queste due figure opposte si ritrovano


a convivere anche nello stesso ambiente sociale ed addirittura nello stesso nucleo
familiare, il caso ad esempio di Jos ed Antonia e di Pablo ed Augustina, protagonisti
del romanzo Los malcasados.83 Allinterno delle due rispettive coppie c infatti il
doppio elemento costruttivo/distruttivo. Rispettivamente Jos ed Augustina, seguono un
comportamento ineccepibile cercando di elevare il proprio stato di uomo e di donna,
sono buoni lavoratori e tentano, per quanto possano, di tenersi informati; leggono e si
impegnano socialmente, mentre gli altri due si trascinano senza evolvere, seguendo
lalienante ideologia dominante della massa, bevono, odiano i libri. I due primi si
allontanano sempre pi dai rispettivi consorti per poi incontrarsi e decidere di stare
insieme.
La storia una parabola sullamore libero secondo la visione dellautore (F.
Urales), condivisa dai libertari e messa in pratica da molti. Un amore che sfociava in
quelle unioni libere che molto spesso erano per tutta la vita, un amore giammai
82

Josep Mar, Resurreccin, La ilustracin Obrera, 26-03-1904, in La cultura anarquista a Catalunya,


F. Aisa, Op. cit., p 266.
83
Federico Urales, Los Malcasados, La Revista Blanca, collana La novela ideal, Barcellona, 1929.

53

promiscuo ma soggetto a norme morali e spirituali basate sulla profonda conoscenza e


fiducia del prossimo.

a veces, cosas que parecen insignificantes y que muchos tendrn


por moral oa, determinan el carcter de los individuos y lo
duradera que puede ser una relacin entre ellos. 84

I personaggi escono vittoriosi dalla loro fuga, la loro integrit morale conservata
nella castit dei corpi riflette la superiorit della coppia e la vittoria della ragione
sullabbandono sensuale. Si oppone il puritanesimo che ben riflette lidea di amore
libero per distaccarsi dalla novella popolare di chiosco di stampo erotico, valvola di
sfogo di quella repressione sessuale operata nel paese da chiesa e governo.
La moralit superiore di certi individui evidente in molti racconti, cui
protagonisti hanno unascesa verso una perfezione e una rettitudine meritoria di
emulazione da parte dei propri simili, il caso di molti di quei lavoratori emancipati
autodidatti e autodisciplinati. Personaggi forti, fieri e spesso consapevolmente ostili alla
povert mentale dei loro simili. il caso di Justo della novella di Anselmo Lorenzo, egli
era leroe proletario amato e rispettato dai suoi compagni di fabbrica in citt, ma visto
con sospetto e disprezzato nel suo paese dorigine per non voler essere parte di quella
societ in cui gli unici luoghi daggregazione sono la chiesa e la taverna [...] Ni se
emborrachaba, ni iba a misa...85. Risultava perci antipatico ai giovani, mentre per i
vecchi (vecchi lo si diventava passati i trenta) era impio.
In una societ in cui la diversit vista con sospetto, in cui lipocrisia regna,
leroe esemplare non pu che scontrarsi con la cultura vigente per cui era preciso
cubrirse con la mscara de la hipocresia o perecer86, ma per Justo mentre la prima
soluzione impossibile, la seconda risulta del tutto inaccettabile. Un personaggio tutto
dun pezzo che non vacilla n davanti al suo padrone n tantomeno nei confronti della
morale imposta, dal momento in cui prende per compagna di vita la povera Pepita,
donna gi disillusionata che trova in Justo Vives (nome che tutto un simbolo di
rettitudine) la redenzione e la felicit. Justo non si compromette nemmeno davanti
allamata madre, donna di una generazione passata e di carattere pietoso che non riesce
84

Ibidem, p. 29.
Anselmo Lorenzo, Justo vives (episodio dramatico social), Editorial Fueyo, Buenos Aires s. d., p. 27.
86
bidem.
85

54

a comprendere del tutto la fierezza indomabile dellunico amato figlio, ma che


comunque ne accetta le scelte perch frutto di onest.
La madre simbolo di quello spirito di piet tipico della cultura cattolica
abituata alla secolare sottomissione per cui ...el bueno es aquel que no hace dao a el
otro...87
Justo si scontra con quella passivit cui secoli di dominazioni hanno reso
schiavo il pensiero umano, schiavo delle autorit secolari e religiose:

Es, querida madre que hay una bondad pasiva que yo llamo cristiana
que consiste en sufrir el mal sin resistencia creyndose libre de toda
complicidad en l; y otra virtud activa y revolucionaria que juzga la
pasividad como una complicidad indirecta, que se concede a cambio
de una tranquilidad relativa y si la primera parece lcita a una madre
desinteresada de las luchas de la vida y que solo anhela como nico
ideal la felicidad de su hijo, no lo es de manera alguna para un
hombre, que por fuerte que sean los lazos que por deber, por
gratitud y por amor le unan a su madre, se considera tambin
miembro de la gran familia humana, y se halla en comunin con las
generaciones pasadas y se considera deudor de los beneficios que
aquellas reunieron en la presente a las venideras, y, por tanto no
puede exceptuarse de contribuir a la gran obra del progreso . 88

Lanziana donna per non comprende lanimo e la missione dellamato figlio,


secondo la quale farebbe meglio a pensare ai propri interessi, proprio come tutti gli altri,
perch i suoi sforzi non sono poi apprezzati dal genere umano, ...el bueno es aquel que
no hace dao a el otro...

No, madre ma ni todo el mundo se inspira en el egosmo como


usted dice, ni tampoco la bondad revolucionaria es un quijotismo
intil. Para desvanecer ese error me basta recordar a usted los
desinteresados sacrificios hechos por muchos individuos generosos
en bien de todos, que como nica recompensa obtuvieron la ruina,
la persecucin y la muerte.89

Nonostante tutto per nel finale la madre figura eroica, donna che ha cresciuto
87

Ibidem, p. 28.
Ibidem, pp. 28-29.
89
Ibidem, p. 29.
88

55

con sacrificio un figlio, che sola nel mondo ha affrontato i giudizi e il disprezzo altrui e
che ha saputo vivere dignitosamente nella povert.
Esemplari sono poi personaggi come Luis in Regenerada por amor90, liberatore
di coscienze, forte e coraggioso uomo dalla volont di ferro, ma tenero amante allo
stesso tempo. Ci che viene fuori da tutti queste figure infatti la loro forza insieme alla
loro umanit; la rigidezza morale e il cuore grande, lessere divisi tra la causa proletaria
e gli affetti.
Personaggi che in realt non si possono identificare con grandi condottieri, non
hanno uno sviluppo allinterno delle storie di cui sono protagonisti. Infatti, una volta
raggiunta una parvenza di felicit, o allontanata la fonte del male, non si sviluppa
unevoluzione n dei buoni n dei cattivi. Non sono niente pi che esempi da seguire,
parabole della bibbia anarchista. I buoni scappano dal villaggio, dal compagno cattivo
o vengono riscattati dalle grinfie di un malvagio padrone, ma non c tensione verso un
miglioramento di fondo, sono piccoli mondi che ruotano attorno a finiti universi.
In questo, sono cos simili ai romanzi destinati al puro intrattenimento, alle
cosiddette novelas de quiosco che imperavano tanto in quegli anni e ancora pi nel
dopoguerra spagnolo.

LA NUOVA RELIGIONE DELLANTIRELIGIOSITA E


LANTICLERICALISMO

Mentre del progresso se ne fa una fede, dei rivoluzionari santi e martiri, non
dobbiamo dimenticare laltra faccia della medaglia: alla base del giogo che tiene a bada
il popolo c la chiesa; lanticlericalismo un fondamento del pensiero acrata. A parte
la quema de iglesias tanto comuni in tempo di rivolta, gli scritti che invitano al rovescio
dei privilegi ecclesiastici e alla smentita santit degli uomini di chiesa e alle loro
dottrine sono molteplici.
In quanto alla religiosit, il postulato principale dellateismo anarchico che
lidea di Dio suppone lannichilimento della libert umana, e lesaltazione della libert

90

Helio Fraterno, Regenerada por amor, La Novela Ideal, Editata in Literatura popular libertaria, trece
aos de La Novela Ideal, a cura di M.S. Boehmer, Ediciones Pennsula, Barcellona 1981.

56

umana non solo deve fare i conti con lautorit terrena, ma anche con la credenza di un
mondo ultraterreno, a ci bisogna aggiungere poi lacceso anticlericalismo tipico dogni
libero pensatore.
La figura del cura quella di un uomo corrotto, un oscurantista, traditore del
vangelo. Si pu facilmente contrapporre la figura di un rivoluzionario e dei suoi
traditori: Cristo e gli ecclesiastici.
Gli empi e grassi uomini di chiesa avevano tradito lesempio cristiano fatto di
povert.
Si giunger a vedere in Cristo una figura proletaria ed un mito libertario, estrema
la visione di Martnez Ruiz di un Cristo che scende dalla croce per destare il credente
in preghiera:

Hijo mo, sois unos imbciles. Hace diecinueve siglos que predije la
paz, y la paz no se ha hecho. Predije el amor, y contina la guerra
entre vosotros; abomin de los bienes terrenos, y os afanis para
amontonar riquezas. Dije que todo sois hermanos, y os tratis como
enemigos. Hay entre vosotros tiranos y hay gentes que se deja
esclavizar. Los primeros son malvados; los segundos, idiotas. Sin la
pasividad de stos, no existiran aquellos. Grandes es la crueldad de
los unos, mayor es la resignacin de los otros. Por qu sufrir en
silencio cuando se tiene la fuerza del nmerodel derecho? No fue
ese el espritu de mis predicaciones; vosotros, los republicanos de la
religin, las habis falseado. Yo vi el origen del mal en la autoridad
y en su rgano al Estado, y por eso me persiguieron. Desconoc el
poder de los Cesares, como atentatorio a la libertad humana, y por
eso perec en la cruz.91

Indignato dalla pessima condotta delluomo, Cristo continua la sua predica


autodefinendosi anarchico:

-Uno de mis ms amados discpulos Ernesto Rnan, ha dicho que yo


fui un anarquista. Si ser anarquista es ser partidario del amor
universal, destructor de todo poder, perseguidor de toda ley, declaro
que fui anarquista. No quiero que trabajen unos y que otros, en la
holganza, consuman lo producido; quiero que trabajis todos. No
91

Jos Martinez Ruiz, Azorn, El Cristo nuevo, in El cuento anarquista (1880-1911), a cura di L. Litvak,
Fundacin Anselmo Lorenzo, Madrid 2003, p. 105.

57

quiero que haya Estados ni Cdigos, ni ejrcitos, ni propiedad, ni


familia; quiero que todos os tengis tan grande amor que no
necesitis ni verdugos, ni jueces; que miris como hijos vuestros a
todos los nios y como esposas a todas las mujeres; que seis una
gran familia feliz, sana y laboriosa. 92

Dopo aver passato in rassegna le meraviglie della tecnica, e le premesse di una


vita felice alla portata dogni individuo e lelogio di una vita secondo natura, torna a
parlare damore:

No sera el amor formula hipcrita sancionada por la Iglesia o por el


estado; seria pasin espontanea y voluntaria. No sera esclavitud de
la mujer al hombre, porque tan libre y duea de la tierra como aquel
sera esta, y para nada tendra que preocuparse del porvenir de los
hijos; no cometera tampoco nadie la ligereza de jurar amor eterno,
como si el amor dependiese de la voluntad y de l se pudiese
responder libremente. 93

Continua poi a decantare le meraviglie di una vita giusta in un mondo senza


crimini, perch senza propriet, senza confini e differenze razziali, essi non avrebbero
ragion dessere, e conclude esortando il fedele allazione:

-Levntate, levntate hijo mo. No es de los tiempos que corren la


oracin, no es de esta poca de lucha la resignacin mstica. Me
habis injuriado gravemente; habis disfrazado mis doctrinas. No
legitimis con mi nombre la explotacin. Los que mantienen
gobiernos y soldados no son mis discpulos.
- levantate y lucha!94

La figura di Cristo tradito che esorta alla lotta il pi alto livello dinvito alla
ribellione, di legittimazione della lotta, di santificazione dellanarchia.
I poemi anticlericali abbondano; essi affondano senza piet nellipocrisia di
beatos, curas e di quanti fedeli di comodo esistono, non risparmiano il clero, ma
neppure quanti pietosi credenti ci sono tra il popolo, sia esso alto o basso:
92

Ibidem, pp. 105,106.


Ibidem, pp. 106-107.
94
Ibidem, p. 108.
93

58

Con hbitos de plebeya,


con pergaminos de ilustre,
es familia que en el pueblo
pide amor y miedo infunde.
Con su apellido, hace el jefe
que les temas y le busquen
los que entronizan caciques
y consienten servidumbres.
no hay ambicin que no apoye,
ni pillo que no lo adule,
ni virtud que no persiga,
ni vicio en que no comulgue. 95

La presentazione della poderosa familia de pueblo ci fa intendere lattitudine


delle famiglie adineradas, dedite allo strozzinaggio, alla corruzione, solite lavarsi la
coscienza con donazioni alla chiesa ed esteriori manifestazioni di devota religiosit:

Pero en punto a lo catlico


fue siempre un primer apunte,
y en culto externo el pueblo
toda gloria le atribuye.
Padre ejemplar e sus hijos,
con la santa madre cumple,
y doce Pascuas floridas
hace de Noviembre a Octubre.
Almohadn compr ante el ara,
que el sacristn limpia y muelle,
y, porque brillen los santos,
les presta en cera sus luces.
Tiene altar que es ascuas,
santa que todo es perfume,
relicarios todos oro
y con ciencia toda mugre.
Reza y peca; en punto a vrgenes,
no hay miedo de que le turbe,
como sus hijas las vistan,
que sus hijos las desnuden.
Pendn es entre cofrades
y bandera entre gandules
prebote de fariseos
95

Eduardo Bustillo, Religin e inmoralidad, Romancero Libertario, in La cultura anarquista a


Catalunya, Op. cit., p. 267.

59

y maestre de tahres.
Su esposa, que es entre tontos
un dechado de virtudes ,
da en lavar sus pecadillos
con agua falsa de Lurdes.
De viciosos y haraganes
son providencia los lunes,
y todo el ao usureros
del pobre que ms lo sude;
y as, haciendo entre rosarios
de logreros los ajustes,
son judos por las cuentas,
si cristianos por las cruces.
Con stas, siempre a sus hijos
frente, boca y pecho cubren,
sin que de sus pensamientos
palabras y obras se curen;
y con tal de que a Dios recen
y su santo nombre escuchen,
no importa que contra el prjimo
por el diablo se pronuncien.
A misa y que se emborrachen,
a la novena y que injurien,
al rosario y que deshonren,
al sermn y que calumnien.
Y as tiene esta familia,
de sangre en gotas azules
lo religioso por clculo
y lo inmoral por costumbre.96

Ci la prova che il cattolicesimo con le sue forme era vicino al paganesimo, la


tendenza alladorazione di reliquie ed oggetti sacri vari, la fedelt ai riti, vissuti pi
come costumi sociali che come atti dovuti al Signore, giustificavano la condotta orribile
di credenti che poi potevano comprare la beatitudine eterna.
Dura la carica antireligiosa e antiborghese insieme, contro le ipocrisie e le
falsit di individui che si fanno scudo della fede cristiana davanti al mondo. Coloro che
hanno tradito il messaggio cristiano di amore e povert sono bersaglio di corrosive
critiche e messi al bando; di certo i rappresentanti di Cristo non vengono risparmiati.
La religione nemica del popolo, ma bisogna in ogni caso distinguere due
atteggiamenti differenti allinterno di questa battaglia: quello antireligioso e quello pi
legato alle istituzioni, anticlericale.
96

Ibidem.

60

Lateismo acrata incarna in un Dio onnipotente ed onnipresente la schiavit


umana, le catene ai polsi delluomo in terra sono il giogo in cielo, lanarchista deve
eliminare la mentira odiosa, la fonte dellautorit suprema; ci che infatti giustifica un
padrone sulla terra Il padrone nei cieli.

manantial de discordia soberano


que has muerto siempre en fratricida lucha
el primordial derecho del humano.
Homicida creacin, mentira odiosa 97

Le credenze religiose, ridicolizzate fin dalle sue origini, si scontrano con la


scientificit voluta dal movimento. Sono nemiche di natura e di progresso; in particolare
rappresentano

la causa della situazione di grave

sottosviluppo economico,

dellarretratezza tecnico-scientifica e culturale in cui stagnava il paese.


Perci vengono sostituite con la fede nellumano, nella sua ragione e nelle
grandi opere da esso raggiungibili.

El hombre es el nuevo Dios; Dnde est? En el Cielo: Cual es el


nuevo Cielo? El Pensamiento. Pero, como se le comprende? Por la
Fe. Cual es la nueva Fe? La Razn, casi otro Dios; Y el Dogma?
La Verdad. Y el Culto? La Libertad. Y el rito? El martillo dando
en el yunque. La justicia. He aqu la nueva religin. Los hombres
adoradores del hombre!98

Come si gi detto a proposito del culto dellidea, della scienza come fede e la
ragione come unico dono degno di un uomo al centro delluniverso riportiamo la
definizione di questa religin del porvenir:

He aqu la nueva religin. Los hombres adoradores del Hombre. Los


pensamientos jerrquicos del Pensamiento. Los cerebros oficiante de
la Razn. Los verdaderos creyentes de la Verdad. Los libres,
97

Miguel Rey, Donde est Dios, Biblioteca Acracia (Tarragona 1921), 17, 1 ed., Barcellona 1889.
Rodriguez Cabrera, in Liberacin, num. 1, in La ideologi poltica del anarquismo espaol (18681910), Alvarez Junco, Op.cit., p. 33.
98

61

esclavos de la Libertad. Los actos, decretos de la Justicia.99

La religione cattolica oltre che a soggiogare luomo mediante il suo potere


politico, reprime il vitalismo presente nellindividuo; lottimismo del pensiero
anarchista cozza e distrugge la nozione di peccato originale, contro il disprezzo del
mondo materiale.
Perci si proclama lateismo o antitesmo, il materialismo

come principio

indiscusso e la sua dignit contrapposta alla teologia cattolica:

A la idea de vuestro Dios, ineficaz para salvar los males de los


pueblos, oponemos el antitesmo , esto es la saludable idea [] el
antitesmo, por el que el hombre comprende no slo no existir cosa
ms sublime ni de mayor elevacin, sino que todo lo debe a s
propio, al esfuerzo social anterior y presente 100

E ancora viene attacata lidea dellesistenza di Dio come inconcepibile, lontana,


incompatibile alla natura umana: Dios y hombre son antagnicos, no pueden existir
conjuntamente, se destruyen101 Federica Montseny si esprime nel modo seguente: o
destas o ateos; o todo Dios o nada de Dios. No cabe un pice de mixtificacin entre una
y otra creencia 102.
Ci che lanarchista vedeva nella Chiesa era il padrone di un metaforico animale
feroce: luomo, da tenere a bada in ogni caso, da sedare e terrorizzare per poterlo
rendere ciecamente fedele. In ci i sacerdoti si comportavano da degni ministri del
disordine. I rappresentanti del clero sono tra i pi grandi nemici ed ostacolatori
dellemancipazione umana, pronti a schierarsi con i governi ed a benedire opere
scellerate degeneratrici, tesorieri del disordine morale, impegnati nel conservare lo stato
delle cose, impedendo la marcia del progresso.
Nel romanzo di Anselmo Lorenzo Los nios malditos, Pedrn, uomo di libero
pensiero, padre dei bambini maledetti, cio atei, esorta il prete a parlare con i ragazzi
99

Anonimo, El Productor, Barcellona, 1, poca 4, num. 36, 16 dicembre 1905, 1, in Musa libertaria, Op.
cit., p. 78.
100
Teobaldo Nieva, Quimica de la razn social, pp. 302, 113, in La ideologi poltica del anarquismo
espaol (1868-1910), Alvarez Junco, Op.cit., p. 32.
101
Ricardo Mella, Sinopsis, p.2, in La ideologi poltica del anarquismo espaol, Op. cit., p. 32.
102
Federica Montseny, Las preocupaciones, p. 17, La ideologa poltica del anarquismo espaol, Op.
cit., p. 32.

62

del villaggio a desistere dalle pietrate e dagli insulti: Nios malditos..., moros...,
judos...., protestantes...., nios malditos cui sono vittime i poveri fanciulli.

-Gracias a Dios que entra Pedrn en esta santa casa. Te casas y


bautizas tus hijos, verdad?
-Seor Patricio, mi visita tiene otro objeto - repuso Pedrn.
-Otro objeto!- replic el cura sorprendido.
-Si seor, vengo a suplicarle que encargue a los nios que no
maltraten mis hijos ni apedreen mi casa.
-Y te casaras con Clavellina? Y bautizars a esos mocos que no se
ni quiero saber como se llaman?
-Casado estoy, seor Patricio, y mis nios tienen por nombre Alhel,
Violeta y el ltimo Amor. 103

Prontamente il prete risponde prendendo le difese dei suoi fedeli:

-Pues en este caso no nos entenderemos, y los hijos de mis catlicos


feligreses harn bien en perseguir y molestar a tu familia y a ti
mismo104

Pedrn cosciente dellindifferenza del prete e dellastio che il pregiudizio


impone, mette in ballo la parola di Cristo:

-No hablara en tales trminos Jesucristo!


-Contra los herejes as habla la Iglesia catlica, que en estos
momentos represento. 105

Il dialogo tra Pedrn e don Patricio finisce cos, delude le aspettative del pover
uomo e lascia lamarezza della sconfitta; ce lo commenta cos il suo stesso autore alla
fine:
Y no hubo manera de convencer al cura de que aconsejaba lo que a
los nios era contrario a lo que poda haber dicho un Dios de amor y
de bondad.106

103

Federico Urales, Los nios malditos, La Revista Blanca, 6, num. 1, Marzo 1903, p. 518.
Ibidem
105
Ibidem.
106
Ibidem.
104

63

Latteggiamento militante e reazionario della Chiesa spagnola era indiscutibile,


alien completamente le masse di lavoratori. Gli anarchici videro nella Chiesa cattolica
lincarnazione del male; ad ogni violazione delle proprie libert personali intuivano la
sua presenza dietro langolo. Perci eliminarono qualsiasi rito religioso dai propri
costumi: matrimonio, battesimo, defunzione, furono banditi. Come gi detto, le unioni
libere, dettate da un reciproca intesa non scritta da parte dei due coniugi si diffuse sul
territorio. Su varie riviste vengono riportate le unioni di coppie libertarie, battesimi
civili (ricordiamo nomi quali Liberto, Acracia, Amor, Igualdad, Miquel-in onore a
Bakunin-...) e associazioni varie di liberi pensatori.
Punto primo dei programmi rivoluzionari, era comunque leliminazione delle
figure ufficiali, di coloro che autorizzavano gli eventi umani: preti e giudici risultavano
inutili e dannosi allevolversi della societ. Nella rivista Espartaco viene riportato a
proposito di una unione libera: Se ha unido libremente en esta capital, es decir,
prescindiendo de testigos inoportunos, los compaeros Isidra Barber y Jos Pearroya.
Slo de esta manera es como se demuestra la inutilidad de los jueces y curas 107.
Nel romanzo di Lorenzo Justo Vives, ritroviamo lesempio di amore libero dei
due protagonisti, siglato in unione nella Sociedad de Carpinteros cui Justo appartiene,
contemporaneamente si iscriver nel registro della Sociedad la nascita del figlio di altri
due compaeros.
Nel suo letto di morte Floreal, protagonista di Sembrando flores di Federico
Urales, rifiuta fermamente la proposta da parte del prete di andarsene in pace con Dio,
cio di confessarsi, anche se non si tirer indietro allincontro/scontro col sacerdote.
Si riportano di seguito parti del dialogo tra il sacerdote e il vecchio protagonista;
alle richieste di Sol, figlio del protagonista, di desistere dal suo intento, il prete sul
punto di accomiatarsi, si rivolge a Floreal:

-Usted, don Floreal nos juzga como los dems hombres, y no est
bien tal juicio en alma superior.
-Si ha venido usted para convencerme de que la compaa de Jess y
las dems congregaciones religiosas se componen de ngeles, puede
usted retirarse.
-No, seor; no he venido con el fin de que usted supone, aunque no
de ngeles, sino de Ministros del seor estn compuestas las
congregaciones religiosas. He venido a saber si desea usted ponerse
a bien con Dios.
107

Espartaco, (Barcellona), 1, num.3 (29-11-1904), in Musa libertaria, L. Litvak, Op. cit., p. 75.

64

-Ms difcil que ponerse a bien con Dios es ponerse a bien con los
hombres, y lo he conseguido.
-En este caso confiesa usted que le costar poco trabajo ponerse a
bien con Dios.
-No quiero decir que me costara poco en el caso que dios existieraRepuso Floreal.108

Floreal fiero portatore di valori terreni, si dimostra una roccia anche prima di
esalare lultimo respiro, mentre il prete fingendo meravigliatosi insiste nel suo lavoro
dissuasivo:

Ah! Conque usted es ateo- exclam el jesuita con fingida


sorpresa. Nunca lo creyera en una persona de la inteligencia de
usted! Herejes ha habido muchos en el mundo, herejes que no han
credo en la religin catlica o en alguna otra, pero herejes de Dios
no ha habido ninguno. Es usted el primero. 109

Con questa dichiarazione il gesuita non fa altro che accendere lanimo di Floreal,
che convinto delle sue posizioni riparte al duro contrattacco:

-Me felicitara de ello y lo sentira por la humanidad si fuese cierto


lo que usted dice; mas no lo es. Si los sabios no fuesen hipcritas,
todos se hubieran declarados ateos. Tambin se lo declararan si no
ambicionaran ms dinero o mas comodidades que las que pudieran
agenciarse diciendo la verdad. El da de que deje de ser reina del
mundo la hipocresa, se acabarn los dioses y las religiones, se
acabarn tambin los Ministros de Dios.
-Me llama usted hipcrita!
-Me ha parecido menos enojoso y ms justo que llamarle tonto.
-Veo que usted es incorregible.
-Soy sincero. Usted viene a confesarme a m y quien debera
confesarse es usted. Usted viene a convertirme a quien debera
convertirse es usted; porque usted ha cometido ms pecados que yo
y vive mucho ms equivocado que yo tambin. 110

108

Federico Urales, Sembarndo Flores, Editoroal Fueyo, Buenos Aires s. d., p. 140.
Ibidem, p. 141.
110
Ibidem.
109

65

Il prete dunque pi che perplesso davanti al fiero Floreal si lamenta del fatto che
lanziano uomo non faccia parte del gruppo dei suoi, dei parrocchiani devoti del
signore, dei credenti, ma anche a queste illazioni Floreal non desiste neanche un po per
continuare la sua ferrea invettiva:

-Si precisamente aqu el creyente soy yo y usted el incrdulo. Usted


no cree en nada y slo hace como que cree en Dios. Usted no cree en
la virtud. Usted no cree en el amor. Usted no cree en el hombre, en
la bondad del hombre. Usted no ve ms que tinieblas en la tierra, y,
como solo ve luz en el cielo y duda de que el cielo exista, usted no
cree en nada. Si usted y los suyos creyeran, acaso habran cometido
tantas maldades?111

Il sacerdote che predica un culto falso e infondato non riesce a credere alle
parole minacciose, e alle accuse di sembrar el mal y recoger dinero, si difende e
difende la debolezza delluomo fatto di carne, alla quale non bisogna dare importanza,
certo che non alluomo deve credere ma a ci che egli rappresenta: alla dottrina, a Dios
que la dict y la encarna. Floreal non accetta tale risposta, consapevole del tradimento
della chiesa allinsegnamento cristiano e delluso della parola fede come specchio per
allodole, un inganno costruito a propria misura:

[...] La primitiva doctrina practican ustedes, por ser demasiado justa,


la que practican es una falsedad y una impostura. Cuando les
convino, pusieron en boca de Jesucristo aquello de que siempre
habra pobres y ricos en el mundo. Cuando les conviene dicen que la
mxima se refiere a los pobres y ricos de espritu, sin prejuicio de
aconsejar la sumisin y el respeto a la propiedad individual,
renegando as del espritu y de la letra del cristianismo. []112

Floreal nel suo acceso attacco alla dottrina, continua accusando un Dio
Todopoderoso che nulla fa per mettere fine alle infamie che in suo nome si
commettono, per portare vera giustizia sulla terra, un Dio che invece di farci buoni
secondo la propria dottrina ha creato luomo cattivo in partenza. Confutando lidea
111
112

Ibidem, p. 142.
Ibidem.

66

dellesistenza di Dio, Floreal porta a termine la sua visione di uomo libero, forte di aver
fatto il bene in terra, non certo per leventuale gloria eterna. Ma proprio per questo
eventuale aldil, il gesuita insister, perch: se non si pu provare lesistenza di Dio non
se ne pu nemmeno provare il contrario; provando infine la confessione por si acaso,
per la convenienza che ne trarrebbe nelleventualit, perch, come un buon borghese
converrebbe, non si sa mai.
Floreal, indignato dalla povert di argomentazione addotta, comprende ora la
disgrazia delluomo, dellesistenza umana, della paura di lasciare la terra, del terrore di
morire che anche il pi giusto e coraggioso essere allultimo prova; comprende la
tentazione di cadere in questo male, di cedere al prete e alla remissione dei peccati, di
dar lo que nada les costaba a cambio de lo que poda ser dicha infinita...!
Cos si raccomanda al figlio Sol prima di andare via per sempre, con dignit:

-cuando te veas en transe en que yo me veo ahora, no permitas que te


hables cura alguno, y propaga, en lo que te quede de vida, la
imprudencia de dejar un moribundo, viejo o joven, a merced de un
jesuita. La prueba es terrible; el ardid inmenso en mal. Porque si yo
me confesara por si acaso, y si t, hijo mo, te confesaras por si
acaso, contribuiramos a formar el error y el mal eterno con la
propaganda que de nuestra confesin hara esa gente. Y ya ves la
importancia que tiene lo que a nosotros en este instante podra
parecernos sin valor.
Mi confesin sera un gran negocio, un negocio enorme para la
clerigalla y un mal enorme para los explotados en su cerebro y en
sus brazos. Os perdno, mortales que claudicsteis en horas como
sta, sin comprender el mal que hacais y creyendo que slo a
vosotros importaba el caso!
Saca ese de aqu, hijo mo, me siento morir y podra negociar con mi
agona Que cruel y que infame es todo esto!113

Cos termina Floreal il suo incontro col religioso, e con esso i suoi giorni, fino
allultimo momento da integerrimo libre pensador; allapice della drammaticit, il
prete che rifiuta di intendere linvito a lasciare la casa viene spinto fuori a forza da Sol,
Floreal rassegnato:

113

Ibidem, pp. 143-144.

67

-Es el nico remedio. Hay que acabar con ellos a la fuerza. Qu


desgracia!114

Lunica maniera di eliminare le ingiustizie fatte in nome di Dio, la superstizione


delluomo, le debolezze che ne derivano, sta nelleliminare la radice marcia. A mali
estremi, estremi rimedi dunque; il clero nemico de toda bondad, di ci che pi
sensato e naturale, dellamore che luomo ha verso i suoi simili e le cose che lo
circondano. Floreal invece lesempio vivente di uomo libero, si interessa da subito alla
cultura, ha sete di sapere e di conoscere il mondo, abbraccia la causa rivoluzionaria
senza riserve, uomo di lettere e insieme uomo dazione, ma sopratutto sa amare: si
circonda di affetto e riesce ad unire ben quattro generazioni sotto lo stesso tetto, come
riportano le sue stesse parole: Para ser un buen revolucionario es preciso estar muy
equilibrado y no descuidar ningun factor.115 La sua anima fa gola alla chiesa quindi,
come tutte quelle degli uomini dingegno che rinnegarono le teorie e le cause per cui
vissero davanti alla morte, alla paura delleterno riposo. Ci non avviene nel
personaggio idealizzato da Urales, Floreal claudica, ma non cede alla provocante offerta
di salvare lanima, di renderla, perch egli il bene mentre il gesuita rappresenta tutto
ci che maligno.
Preti, sacerdoti, conventi, venivano dipinti con una luce oscura e con tinte livide
nelliconografia anarchista; tutto il contrario dellAnarchia, rappresentata come la luce e
la speranza. La religione con il suo oscurantismo porta luomo verso la cecit, la
anarchia verso il sole dellavvenire.
Per descrivere i religiosi era di norma messa in evidenza lassociazione con
lestetica dei preti, il lugubre abito nero, con la morte; in pi, la prossimit ai moribondi,
come qui nella novella di Urales, il voto di castit, latteggiamento di rinuncia e di
disprezzo per la vita terrena facevano pesare la loro odiata presenza a chi, come
lanarchista, carico di vitalismo. Il seguente estratto da El botn de fuego riassume
questa visione in maniera esaustiva: La vida del cura, negra como sus hbitos, sombra
como sus pensamientos, se mantiene y robustece con las aflicciones y lgrimas del
pueblo. El pan del sacerdote se amasa con ayes de moribundo y horrores de cadalso; con
ddivas de criminales y con las herencias forzosas que arranca entre los espantos de la

114
115

Ibidem.
Ibidem, p. 124.

68

agona. 116 Ogni classe di nomignolo veniva affibbiato ai rappresentanti del clero:
sotanas, ensotanados, curiales, prebotes; visti come cuervos e dipinti come
uomini grassi e famelici o al contarario rachitici e degenerati, armati e spietati,
dominatori o pietosi ai piedi della forca o del garrote vil, armati e bendicenti eserciti e
assassini, sempre al fianco dei pi forti.
Sono presi di mira perch traditori prima delloriginale insegnamento di Cristo,
poi del popolo intero. I grassi prelati avevano, in una Spagna affamata, un tenore di vita
decisamente contrario allinsegnamento di modesta povert e di amore per lumanit
predicati dai vangeli. Questa contraddizione era argomento forte:

Qu pltica, seor, la del obispo!


divina, celestial!
Como atac las mundanas pompas,
la humana vanidad!
y despus ensalzando la pobreza
del plpito jams,
descendieron palabras tan sublimes
en tono familiar!
Al llegar el prelado a este pasaje
Volvindose al altar,
observ la profusa pedrera
de su capa pluvial
el rub del anillo era un portento,
joya digna de un zar,
y su macizo bculo de oro
vala mucho ms.117

Tradito Gesucristo ai preti non resta altro che mettersi dal lato degli altri
sopraffattori del popolo, ossia esercito e politici, borghesia, nobilt, detentori della
ricchezza pecuniaria in genere.
Sovente vengono associati los enemigos del pueblo, sono tre elementi, sempre
insieme come buoni amici: lo stato con la sua violenza militare, la chiesa con la sua
pietosa ingordigia, il capitalista con la sua cupidigia, in brevi e significativi racconti;
esempi sono Los amos, di Francisco Pi y Arsuaga, Amora, di Anselmo Lorenzo, El
Hijo del camino di Jacinto Octavio Picn.
116

El botn de fuego, 183, in Musa Libertaria, L. Litvak, Op. cit., p. 80.


Firmato X, predicar y dar trigo, La Protesta, Sabadell, num. 51 (2-8-1900) in L. litvak, Op. cit.
p. 81.

117

69

Nel primo: un prete, un generale e un capitalista passano in rassegna vari campi


e i relativi prodotti, in particolare le messi in un campo di grano e vino in una bottega
vengono avidamente adocchiati dal prete, che con finta ingenuit chiede ai lavoratori:
Para quin ser este trigo? Para quin el blanco pan que se har con su harina?
prima, e: Para quin ser el delicioso licor que extraen esos desdichados?, dopo. In
entrambi i casi la risposta sar la seguente: Ay! Para vosotros. E la risposta sar la
stessa data al capitalista che chieder a chi appartenessero gioie e sete; cambier la
risposta soltanto quando il militare affascinato dalle baionette prodotte in unarmeria
domander: -A quin atravesern primero esas bayonetas el corazn o le har esta
plvora pedazos?- la replica delloperaio sar concisa come le altre, ma ancora pi
agghiacciante: -Ay! A m. 118 Lo stesso terzetto, viene rappresentato nella novela di
Jacinto Octavio Picn El Hijo del camino. Qui il protagonista uno solo: Juan, figlio di
nessuno, cio di un galeotto e della generosit damore di sua madre, finisce operaio in
una ricca casa, folgorato dalla bellezza della padrona e non riuscendo a trattenere la
propria passione cerca di toccarla. A soccorrere la donzella giungono tre cavalieri, uno
ricco borghese, laltro un prete, il terzo un militare. I tre esortano a lasciar stare la ricca
donna: -Su amor no se alcanza por fuerza... [...] Adquiere instruccin y cultura. Eres
libre... Ejercita los derechos que te permiten igualarte a los que somos preferidos.
Il prete endulzando el desengao con acento meloso: -El amor de esa mujer no
es para ti. Contntate con su caridad. Los favoritos de ahora son los dichosos de aqu
bajo t sers de los bienaventurados all arriba. Hay otra vida! Cree, sufre y espera!;
mentre il terzo senza tanta dimestichezza n giri di parole -Si das un paso ms hacia
ella, te matar con esta arma que tu mismo has forjado.119
Come si pu notare i nemici del popolo vengono descritti come un allegra
combriccola, una compagnia che porta disgrazie, come unepidemia che si muove e
non risparmia nulla, come i guai che non vengono mai da soli. Forti del proprio peso, i
sacerdoti si distinguono per la pavidezza, la mancanza di coraggio oltre che di fede,
sicuri del braccio armato a cui danno benedizione eterna.
In numerose vignette il sacerdote grasso colui che si ciba dei prodotti della
terra, faticosamente raccolti e lavorati dai proletari, los que siembran y los que
recogen si legge in una didascalia de La Anarqua rispettivamente riferite ad
unimmagine di contadini che mietono prima e ad un frate che mangia poi [fig. n. 7]. In

118
119

Francisco Pi y Arsuaga, Los amos, in El cuento anarquista, Op. cit., pp. 87,88,89.
Jaginto Ocavio Picn, El hijo del camino, in El cuento anarquista, Op. cit, p. 169.

70

unaltra vignetta apparsa su Almanaque de la Revista Blanca intitotalata Paraiso [fig. n.


13], appare la solita immagine di sfiniti, prostrati mietitori di grano davanti ad un
gigantesco grasso prete con gli occhi sbarrati e la didascalia: Si se pone en los campos,
los seca; si en las inteligencias, las embrutece, y cuando los hombres le rinden culto, no
viven, vegetan. Nella rivista Accin Socialista un disegno di Tito [fig. n. 8] mostra in
primo piano un enorme prete avvolto dalle tenebre che spinge un proletario
nelloscurit, mentre i suoi compagni rivoluzionari vanno in massa verso un sole
splendente; nelle parole della sombra, impersonificata dal sacerdote chiaramente la
spiegazione: - Por aqu.....,la luz no te conviene!
Certamente lanticlericalismo, proprio di una parte del popolo, venne appoggiato
da molti intellettuali ed artisti, tra il 1929 ed il 1935 Ramn Acn realizz due stampe,
con i rispettivi titoli di Sacerdote ahorcado [fig n. 10], immagine che risponde al
desiderio vendicativo di buona parte del proletariato, ed Ejecucin [fig. n. 9] in cui il
clero chiaramente appoggia pienamente e benedice la mattanza di proletari per mano di
forze armate assoldate dal capitale. Intorno al 1936, verso quindi la guerra civile, tutto
larte imitava la realt, non solo i proletari e le loro riviste, la tensione era tale che le
manifestazioni umane erano per forza influite da una posizione di tipo politica. Dal
parlamento venivano fuori frasi spiazzanti come quella di Azaa: Espaa ha dejado de
ser catlica; mentre nellarticolo terzo della costituzione veniva espresso chiaramente
che: El Estado espaol no tiene religin oficial, nel ventiseiesimo si proibiva a
qualsiasi ordine religioso di inmiscuirse nei campi produttivi, industria, commercio ed
insegnamento; anche se El clero segua cobrando su asignacin, a pesar de estar
separada la Iglesia del Estado, y las Ordenes religiosas se les autorizaba la venta de sus
fincas, respetando las necesarias para el culto y el desenvolvimiento de la comunidad,
sin que tampoco tuvieran que pagar contribucin.120 Nemmeno lanticlericalismo mise
daccordo gli intellettuali repubblicani (la grande maggioranza) borghesi, e lo stato delle
cose come si sa si rovesci con lavvento dei nazionalisti e la vittoria franchista sulle
truppe repubblicane.
Nellambito popolare in ogni modo lanticlericalismo continuava a scorrere,
anche in seguito, nelle vene di una grossa fetta del proletariato.

120

Salvador Cnovas Cervantes, proceso histrico de la Revolucin espaola, Apuntes de Solidad


Obrera, Jcar, Madrid 1979, 18.

71

IL CULTO DELLUOMO INTEGRALE

Enamorado del hombre integral, es decir del hombre artista, del hombre
sabio y del hombre obrero, procur que sus hijos tuvieron algo de
poetas, de hombres de ciencia y de productores. 121

Luomo al centro delluniverso nella visione materialista libertaria, egli il


padrone di s stesso e di nessunaltro. Lindividuo colui che cambia la storia, il ribelle
leroe, il profeta della libert. Naturalmente la donna e luomo integri, veri, terreni,
sono gli unici elementi importanti degni di amore, rispetto, fede.
Lessere umano che esce fuori dai racconti, dai romanzi, dalle opere dei libertari
limmagine di un mito, di un essere di aspetto tanto terreno quanto divino.
Lontano dal superuomo nitzschiano, lindividuo acrata forte, libero e bello. Un
individuo che vive in comunit, che ama la sua terra e le persone che la vivono.
Un individuo che prova tutti i sentimenti, di certo un appassionato, egli ama e
odia, prova gioia, rabbia, stupore e felicit. Questuomo ideale descritto
dallanarchico vero, profondo, ma amante dei piaceri materiali senza i quali non pu
vivere, ama la cultura, ma consapevole di dover soddisfare i bisogni pratici, usa la
penna e larnese da lavoro con arte. Sa distinguere i momenti della vita, sa dosare
tenerezza e forza bruta quando necessario, infine, non si piega mai e morirebbe prima di
dover tradire i propri principi.
I personaggi delle storie finora citate sono gli esempi: Justo Vives, Floreal in
Sembrando flores, Pedrn, Luis ed Evarista in Regenerada por amor, ed ancora la
Indomable di Federica Montseny, Bautistn in Los hijos del amor di F. Urales...
Tutti personaggi fuoriusciti dalla penna libertaria, tra questi qualcuno ha valore
autobiografico, qualcun altro ispirato da qualche eroe libertario con certe aggiunte
fantasiose. Questi attori hanno sempre un tocco di reale, che li distingue dai protagonisti
della novela de entrega a cui i lettori popolari di medio e basso ceto sono avvezzi.
Certo, sono sempre circondati da unaura magnifica, sono nel bene e nel male figure che
devono scaturire passione, e sopratutto spingere allemulazione.
Come la societ utopica fantasticata da Mella, non sono arrivati a un punto di
perfezione, non nascondono le debolezze umane e i sentimenti, sono umani a 360.
Il personaggio libertario ideale ama il lavoro come attivit produttiva che gli
121

Federico Urales, Sembrando Flores, Editorial Fueyo, Buenos Aires s. d., p. 139.

72

fornisce le primarie necessit, ama la cultura che lo rende libero dalla schiavit di
padroni, politici, preti e quanti altri personaggi che godono nellignoranza del popolo. Il
libertario ama la natura e ripudia la violenza, pacifico ma non pacifista (nel senso che
giustifica lazione violenta quando necessaria), non tituba, agisce quando dovuto
senza fare un passo indietro. Rispetta il suo corpo e rifiuta il degrado del vizio, sa usare
la parola come arma prima che la bomba, per far saltare in aria il potere. un ottimo
compagno, un buon figlio e un attento genitore, ma nonostante e prima di tutto un
ribelle. Sa manifestare il proprio affetto e si comporta come esempio, consapevole che
luomo ha bisogno a volte di una guida, di un sostegno, di un consiglio, non di un
generale. paterno, ma non paternale neanche con i propri figli, cosciente di dover
dare i mezzi, di suggerire la via, non di costruirla per gli altri, un membro della
comunit.
Nella sua umanit ha dei difetti che sa di dover correggere. La Indomable per
esempio una immagine che lautrice (Federica Montseny) da di s stessa: una donna
da sempre fiera, consapevole, psicologicamente forte e fisicamente temprata dai campi,
indomabile appunto, ma che non sa dare pace a volte a se stessa, ai suoi sentimenti di
donna, non sfoga la passione damore, ma sempre fedele al suo ideale.
La figura di questo essere forte, integro e sincero un evidente esempio di
educazione libertaria, un simbolo nella pedagogia e uno strumento propagandistico
allo stesso tempo: un uomo colto e amante del lavoro, coraggioso ed appassionato eroe
che attua sempre in nome della libert.
Integralmente e in armonia con le proprie facolt umane dovevano essere educati
gli uomini del futuro, partendo dal presente non disconoscendo il passato.
Una volta ancora riportiamo lo scontro di uno dei nostri eroi che si trova ad
affrontare un rappresentante del Signore: il giovane Bautistn Recio, protagonista de Los
hijos del amor di Federico Urales, cui la ribellione alle ingiustizie scorre nelle vene; si
dibatte con un sacerdote davanti alla sua classe di seminaristi. Il giovanissimo, ma pur
cosciente ribelle, si esprime in tale maniera riguardo alla condizione umana che
nemmeno i teologi riescono a tenergli testa. Dimostra come luomo libero non ha
bisogno di maestro alcuno, che auspica la venuta di una nuova e giusta societ basata
sullamore e la reciproca solidariet; che la sua forza fisica e morale si mette a
disposizione dei pi deboli; ne esalta lindividualit mettendo da parte ogni forma
degoismo.

73

[...] cada cual sea el Redentor de s mismo, y no habr Salvadores, ni


Judas, ni mrtires, no habr ms que hombres; o mejor, habr
individuos fuertes que velen mucho ms que todo los Salvadores
reunidos... Por qu frunces el entrecejo?- pregunt a su contricanteMientras los hombres colectiva o inidvidualmente necesitan a quien
les redima y quien les dirija, no darn la impresin de ninguna
grandeza. Es ms: mientras haya Redentores en la Tierra habr
tontos. El redentor de multitudes es un tonto.
- As hablaba Zaratustra!- dijo una voz que sali del coro.
- As hablo yo- grit con vehemencia Bautistn Yo no soy
discpulo de nadie; yo soy discpulo de m mismo. Cuando le a
Nietzsche ya haba pensado yo cuanto el haba escrito: es decir lo
que de Nietzsche merece mi conformidad. Redentores! Todos los
que tienden al apostolado, tienden al cesarismo. No hay que decir al
hombre: Sgueme, yo te redimir. Hay que decirle: No siguas a
nadie, no escuches a nadie, redmete tu mismo. S t solo, t nico
dentro de ti y fuera de ti.
-As hablaba El Unico y su propiedad!- grit la misma voz.
Y Bautistn, volvindose, fieramente exclam:
-He dicho que habla Bautistn Recio, y si otro dijeron antes que yo lo
que yo acabo de decir, significa que nacieron primero, no que fuesen
mis maestros. Adems, yo soy fuerte, y por que soy fuerte amo a los
dbiles. No a los dbiles por degeneracin, que de ellos mi sociedad
ideal no puede esperar nada, sino a los dbiles por ser nios, por ser
viejos o por ser mujeres. Son mis amores. En bien suyo deseo yo
mostrar mi fortaleza desarrollar mi fuerza, mi inmensa fuerza.
En bin suyo, deseo yo salir de este infierno de mentira de
hipocresa: en bin suyo deso gozar. Y h aqu por qu el bien es
goce. Yo veo un viejo al suelo y acudo solicito a levantarlo. Yo veo
un nio que no llega a coger una pera del peral y lo levanto en mis
brazos para que coma. Yo veo una mujer parturienta, y paso una
noche a la cabeza de su lecho aguardando la venida del nuevo ser.
Mas yo veo un borracho tendido en el suelo y paso sin detenerme. Es
as como se hermana el sentimiento de mi individualidad y el de la
solidaridad humana. Quin dijo tal cosa? Yo no s que lo haya
dicho nadie y si antes que yo alguien lo dijo, para m es como si
hubiese callado eternamente.
- Pero un borracho es un desgraciado- observ un seminarista de los
oyentes.
- Se conoce que el que interrumpe es un cristiano; si hubies sido un
medico dira: El borracho es un enfermo, ma yo al medico y al
cristiano les digo que el alcholizado es un ser que no vale un minuto
de mi vida, porque con su enfermedad o su desgracia, no hace ms
que entorpecer la vida ajena, sembrando infelicidad a su alrededor.
Y si la naturaleza selecciona y mata sin piedad a los inadaptables, a
los dbiles por degeneracin, no hemos de ser nosotros, naturaleza
al fin y al cabo, los que han de enmendar la plana a los agentes de la
vida de la salud y de la fuerza. Y repito que por ser yo fuerte, amo a
los dbiles, a los dbiles porque se van, a los dbiles poque llegan y
a los dbiles porque reproducen la eternidad. 122

122

Federico Urale, Los hijos del amor, Editorial Fueyo, Buenos Aires s. d., pp. 48-49.

74

III. VITE ESEMPLARI

IL POTERE DELLINDIVIDUO

Dire che lanarchismo la teoria libertaria basata su una visione estrema


dellindividualismo pu sembrare banale e retorico, ma se non esplicitamente messa in
evidenza questa ricerca della libert individuale, si rischia di perdere di vista il punto
principale di tutta la filosofia anarchica e di quella ispanica in particolare. La libert
per lanarchista lespressione totale di ogni individualit, con la sua unicit, la ricerca
dellespressione con il suo valore unico insostituibile la cui manifestazione non deve
avere nessun tipo di ostacolo, sia esso imposto dalla societ o dalla morale particolare.

Para Bakunin, la libertad era desde el punto de vista positivo, el


pleno desarrollo de todas las facultades que se encuentran en el
hombre y desde el punto de vista negativo, la total independencia de
la voluntad de cada uno respeto de los dems; Stirner haba escrito,
antes, que el hombre debe fundar sobre s mismo su causa, sin
dejarse constreir por fantasmales causas superiores ni aceptar
voluntades ajenas, aunque invoquen su propio bien; y en un
sentido similar puede entenderse el aforismo nietzscheano de hacer
sus pasiones sus virtudes123

Si afferma perci lindividuo come unica realt esistente: no hay, por encima de
l ningn tipo de construccin ideal o social Dios, Corona, Bien Comn, Organismo
social, Razn de estado que justifique decisiones limitadoras de la libertad
individual.124 Ricardo Mella, il pi grande rappresentante dellindividualismo libertario
spagnolo, credeva che il cosiddetto diritto sociale era il sacrificio dellindividuo
nellaltare della societ. Un conjunto di individui, unaggregazione non vale pi del
singolo uomo; la societ secondo Mella un astrazione della nostra mente che deve
esprimere un concetto pi ideale che reale.

123

Jos Alvarez Junco, La ideologa poltica del anarquismo espaol, Siglo XXI de Espaa editores,
Madrid 1976, p. 17.
124
Ibidem.

75

En nombre de la supersticin poltica del derecho social es


sacrificada la personalidad humana, desconocido y atropellado el
derecho individual [] El derecho social es la encarnacin poltica
de la idea de Dios. [] El derecho social, juntamente con la ley de
las mayoras, representa la eterna tutela de los pueblos, el sacrificio
del individuo, la anulacin del pensamiento y la muerte de los ms
caros afectos.125

Lorigine della posizione antropocentrica, individualista pu ricercarsi fino alla


radice cristiana nel suo concetto di persona, nei limiti che la sua dignit impone al
potere politico e la repulsione che la coerzione ispira. La formulazione del concetto di
Soberania individual attribuibile a colui il quale stato designato, non senza i
legittimi dubbi, come primo anarchista spagnolo: Pi y Margall. Il federalismo proposto
da Pi y Margall non corrisponde allanarchica distruzione del potere ma alla sua
massima frammentazione, allestrema democratizzazione. Questa soberania individual,
non nega quella popolare, mentre lanarchista la intende e la utilizza proprio per questo
fine, adducendo le parole di Anselmo Lorenzo che riporta in El Pueblo:

La soberana del pueblo es una ficcin, no existe. La idea de


soberana es absoluta; no tiene su menos y su ms, no es divisible ni
cuantitativa ni cualitativamente. Soy soberano? No cabe, pues,
sobre m otra soberana ni cabe concebirla. Admitida por lo tanto la
soberana individual, como admitir la colectiva?126

Ognuno solo e comunque il rappresentante di se stesso, al centro della visione


dellanarchismo lindividuo non unastrazione, un personaggio fittizio, un mito.
Vediamo pi da vicino dallaltra parte il personaggio della finzione letteraria, il
protagonista, che corrisponde con ogni uomo, ogni essere pensante protagonista del
proprio tempo e luogo, autore del proprio destino. Lessere indipendente il soggetto
principale del romanzo libertario, in cui vi si fornisce un ideale, un modello non fisso da
poter emulare, un esempio di consapevolezza che risvegli coscienze intorpidite che nel
fondo sono uniche. In questo capitolo, si prenderanno in esame gli esempi libertari da

125

Ricardo Mella, Tribuna Libre, 1909, num. 1, in La ideologa poltica del anarquismo espaol, Op. cit,
p 18.
126
Anselmo Lorenzo, El Pueblo, Valencia 1909, 233pp, in La ideologa poltica del anarquismo espaol,
Op. cit, p19.

76

seguire, si sposter lattenzione sullindividuo, sulla sua forza, sul suo potere in
contrasto al potere ufficiale, fatto non di individui, ma di masse amorfe, di burocrazia e
di violenza. Quegli gli individui che faranno fiorire lutopia, i ricercatori della felicit
universale. Gli esempi migliori vengono fuori dai romanzi libertari, parabole del culto
anarchico.
Sono nella fattispecie tre le opere che verranno analizzate, scelte come
rappresentanti di questo sottogenere letterario: Los hijos del amor, Justo Vives e
Sembrando flores.
La prima e la terza vengono fuori dalla penna di Federico Urales, il pi prolifico
forse tra gli intellettuali anarchici dentro e fuori della Spagna, Urales, allanagrafe Joan
Montseny, fu un infaticabile militante libertario, si prodig durante la sua esistenza per
la diffusione dellidea, passava dal lavoro dei campi alleditoria e fond, in seguito
allesilio francese, quella che sar ricordata come la pi popolare rivista libertaria: La
Revista Blanca. La rivista prende il nome dalla francese Reveu Blanche, e sar uno dei
principali strumenti di divulgazione libertaria in terra iberica prima, e in latino America
poi.
Sulla Revista Blanca vengono pubblicati oltre che vari articoli di natura politicosociale, culturale-scientifico, molti dei racconti e dei romanzi che hanno nutrito
limmaginario Acrata del primo 900. Essi verranno raccolti in seguito nell Almanaque
de la Revista Blanca e ne La novela ideal, giunti fino a noi oggi grazie alla grande
diffusione che allepoca ebbe loperato di Urales. La seconda, scritta dal pi autorevole
forse, tra i militanti acratas spagnoli: Anselmo Lorenzo. Conosciuto come el abuelo
del anarquismo espaol, uomo poco noto fuori dei propri confini nazionali, tenuto
nellombra nel suo stesso paese in seguito alla guerra civile, Lorenzo fu sicuramente il
pi importante teorico dellanarchismo ispanico, ricordiamo fra gli altri suoi scritti il
fondamentale El proletariado militante e fu autore peculiare di letteratura di stampo
utopico /obrerista.
Le tre opere sono linsieme delle parabole tipiche delluomo nuovo,
dellindividuo capace di portare la vecchia societ verso quella nuova, fondata sullidea,
sulla solidariet, infine sulla libert.
Le condotte esemplari di questi personaggi si allontanano dalla realt, sono
figure comunque di ficcin literaria, per i quali la realt funge da ispirazione ma che
nella realt devono servire da esempi. Fissiamo lordine delle opere non in senso
cronologico, dato che la pi recente proprio la prima presa in considerazione datata
77

1922, mentre la seconda e la terza vengono pubblicate rispettivamente nel 1893 e nel
1906, bens come un continuum delle vite dei vari protagonisti. Le vicende si svolgono
relativamente dalla prima infanzia alla maturit del protagonista ne Los hijos del amor,
nella piena maturit in Justo Vives e troviamo infine la parabola dellintera vita di
Floreal al centro di Sembrando Flores.

LOS HIJOS DEL AMOR


Novela que traza los hechos de unos cuantos hijos bastardos, por no serlo de
matrimonios legales, con un interesante prologo del autor explicando el motivo de
haberse escrito dicha obra 127. Tale la presentazione del romanzo posta sul retro di una
delle prime edizioni di Sembrando Flores. La vicenda tratta dellincontro e dellamore
che sboccia tra due figli illegittimi, che trasmettono con il loro valore coraggio e gioia di
vivere.
La storia di Bautistn Recio, protagonista del romanzo di Urales, avvincente
sin dallinizio, dai suoi primi passi intravediamo gi le vicende di un personaggio
difficile, fiero, orgoglioso. Bautistn da subito guadagna la simpatia del lettore: figlio
di poveri pastori, ama la sua disgraziata madre che viene sfruttata dal padrone e dal
proprio marito, un pigro alcolizzato che non fa che aumentare la propria miseria. Quasi
subito il giovanissimo Bautistn fa capire di che pasta fatto: disobbedisce al proprio
padre e inganna lo sfruttatore cacique, scappando dallarresto dopo aver aggredito il suo
socio. Ricercato dalle guardie, il piccolo eroe accompagnato dal fedele cane si nasconde
per giorni sulle montagne, riuscendo a sopravvivere in maniera egregia; solo lamore
per la povera madre e lingenuit di questultima faranno s che Bautistn venga
imprigionato e, contrariamente alla propria volont, mandato a studiare al seminario di
Oviedo. Le speranze di chi pensava di poter piegare la volont del coraggioso pastorello
per mezzo della dottrina cattolica vengono quasi subito deluse. Bautistn nonostante la
sua lunga permanenza tra le pareti del collegio e laddottrinamento cattolico, non pu
dimenticare le sue origini, inoltre lo studio di teologia e filosofia non fanno che
alimentare la sua forza di libero pensatore. Pattuito un trasferimento a Madrid ed una
eventuale scarcerazione in et adulta, Bautistn non vedendo assecondate le proprie
127

Federico Urales, Sembrando flores, Ediciones Fomento de la Cultura Libertaria, Parigi s.d.

78

richieste riprende la sua condotta abituale, lasciandosi alle spalle un anno di ipocrisie,
non riuscendo pi a recitare la parte del seminarista assennato, del buon cristiano. A
seguito di vari tentativi, lultimo scontro con il direttore gli da il via libera per poter
intraprendere una vita indipendente fuori dalle mura del seminario. Bautistn fa credere
al vescovo di essere un pericoloso militante anarchico e di avere diffuso da vero
sovversivo le opere rivoluzionarie pi incendiarie.
Una volta fuori il giovane viene tenuto sotto stretto controllo dagli uomini di
chiesa e dalle guardie, ma egli per nulla ingenuo va avanti con uno stile di vita
impeccabile guadagnandosi da vivere scrivendo lettere e versi damore per conto altrui,
raccogliendo in breve rispetto e affetto intorno a s.
Nel finale egli, ormai uomo vigoroso, trova lamore (non senza le difficolt
dovute): una donna con un passato (volutamente) difficile alle spalle, con un amore
tradito e con un figlio. La novela come nella migliore tradizione del romanzo rosa
finisce con una felice e rassicurante speranza per il futuro. Nel finale Bautistn scopre
di essere figlio dellamore, di essere il frutto della passione tra la sua ormai vedova
madre (che muore tra le braccia del figlio non prima di scambiarlo per il proprio antico
amante), e un giovane rivoluzionario, vero amore romantico tenuto segreto tutta la vita.
Allo stesso modo di Luisa e del suo bambino, Rodolfo, sono tutti Hijos del amor, nati
da una relazione passionale, figli bastardi per la societ moralista, frutto dellamore
secondo il punto di vista dei protagonisti.

BAUTISTN GIOVANE RIVOLUZIONARIO


Le caratteristiche di Bautistn sono di quanto pi vicino ci possa essere al
giovane rivoluzionario, al futuro protagonista della societ libertaria: egli fiero,
audace, superiore, il suo individualismo alimentato da una fame di libert e da
uninnata avversione allautorit, un personaggio integro, in cui espliciti sono i
sentimenti di solidariet verso i propri simili e lamore verso i deboli.
Il racconto comincia con la disgraziata vita del protagonista, nato in una povera
campagna asturiana, da padre holgazn, fannullone e gran bevitore di sidra e da una
madre tanto docile quanto vittima degli eventi. Subito Bautistn dimostra il suo carattere
duro, temprato nei campi fin dalla primissima infanzia con nessun altro interlocutore
che la povera madre e le vacche. Su corazn no tena caricias ms que para las bestias
79

y su madrecita.128 Il ragazzo dimostrava precocemente una spiccata intelligenza ed una


fierezza pari solo a quella di un cavallo selvatico, non teme lo scontro e non pu evitare
di esprimere ci che pensa. Un giorno il prete del villaggio incontratolo gli rivolse la
parola:

-Dnde vas, Bautistn?- le pregunt el cura.


-No voy, que me llevan- contest el muchacho.
-Y adonde te llevan, Bautistn? - replic el cura.
-A pastar las vacas del amo de mi padre.
-Y amo del hijo tambin- repuso el cura-; porque el seor de
Gandaira es amo de todas estas tierras y de la gente que las habita.
-Errando anda el seor cura; yo no soy perro ni bestia
domesticada.129

Un figlio endiablado risultava il giovane agli occhi di Pablo Recio, ma il


ragazzo solitamente taciturno, forte della sua innocenza non riesce a zittirsi quando gli
si rivolge parola. Dichiarando apertamente la sua antipatia verso la chiesa ed i suoi
ipocriti rappresentanti, sfoggia un precoce anticlericalismo. Quelle anime timide e
buone che il prete difende e aggettiva come caritativas non sono che in realt
terrorizzate dalla chiesa e dalla supposta esistenza dellinferno: Aterrorizadas, quiere
decir el seor cura; el terror las hace caritativas. Por esto cuidan usted y el prior del
monasterio tan bien el infierno.130
La fama del giovane lo precede, arriva presto alle orecchie di molti, tanto che lo
stesso padrone decide incontrarlo. Il signore di Gandaira rivolgendosi al ragazzo come a
Bautistn il filosofo, viene subito smentito dal ribelle che si autoproclama perro;
non filosofo bens cane, perch proprio come una bestia egli ha un padrone che gravita
sulla sua testa. Tutti sono merce di propriet nelle terre del cacique e tutto in quel
territorio apparteneva al tal signore, come la terra e i prodotti delle vacche da lui curate
ed amate. La terra e i sui frutti, le vacche ed il loro latte non appartenevano a chi
quotidianamente sudava, ma a chi ne godeva giovamento di stomaco e gola e i profitti
economici. Cosas de los anarquistas 131, cercher di tagliare corto lamministratore
accompagnante del signore, insinuando che tali idee non fossero dettate dal pensiero del
128

Federico Urales, Los hijos del amor, Editorial Fueyo, Buenos Aires s. d., p. 6.
Ibidem, pp. 6, 7.
130
Ibidem, p. 8.
131
Ibidem, p. 9.
129

80

piccolo discolo, ma inculcate da qualche adulto de esos que quieren vivir sin
trabajar132.
Bautistn mostra senza riserve la sua antipatia verso lamministratore, il quale,
reo di avergli sottratto in passato dei tacchini da lui stesso comprati, allevati ed amati, a
seguito di una minaccia lo colpisce con una sassata in piena fronte. qui che inizia la
fuga avventurosa di Bautistn; qui il romanzo prende vita e la narrazione si fa
avvincente.
Fino a questo momento ci stato presentato un giovanissimo ribelle che non pu
non attirare che forte simpatia dal versante libertario e pari ostilit da quello
conservatore, un personaggio che non pu lasciare indifferente e che provoca emozione
anche al pi colto dei lettori. Bautistn dimostra che la sua fierezza e che il suo atto
bench impulsivo viene da un individuo dalla mente forte, stabile, da un combattivo che
per mesi riesce a ben sopravvivere tra le aspre montagne circostanti ai campi; aiutato dal
segugio e dai carbonari il nostro eroe diventa pi forte e scaltro, ma lamore della madre
ingenua ed intimorita provoca la cattura e la conseguente incarcerazione del pequeo
rapaz. Bautistn provoca oltre che la simpatia del lettore una certa comicit sarcastica,
frutto della sua innocenza e di una spiccata intelligenza. Egli finisce, con lintervento
del prete del villaggio, davanti al vescovo il quale lo interpella sulle sue origini:

-Tienes padres? pregunt el prior a Bautistn.


-S seor; un solo padre y una sola madre- contest Bautistn con
socarronera.
-Pues cuntos padres tienen los dems?- pregunt el prior.
-Ah! no s contest Bautistn.- Como ustedes tienen tantos!
Los curas se miraron interrogndose. No saban si las palabras de
Bautistn eran inocentes o maliciosas. El muchacho no pestae.
-Nosotros, los sacerdotes, no tenemos ms que un padre como t,
pero por nuestro ministerio somos padres de todos los catlicos.
-Es posible- contest nicamente Bautistn.
Algunos curas de los presentes volvieron la cara para rer sin ser
vistos: el padre Jos estaba rojo de vergenza: el obispo escuchaba
con complacencia.
-Qu oficio te gusta ms?- volvi a preguntar al prior al rapaz,
intentando demostrar que no se daba cuenta de lo que pasaba a su
alrededor.
-Ninguno- contest al momento Bautistn.
-Algunos has de elegir; es preciso trabajar.
132

Ibidem.

81

-Esto dicen muchos, pero ninguno trabaja de los que tal dicen.
-Es un error tuyo- replic el prior. Los seores, administrando sus
bienes, trabajan; los sacerdotes, ejerciendo su apostolado, trabajan
tambin; hay muchas ocupaciones que son trabajo y no son oficio.
-Bueno, pues,- repuso Bautistn; -puesto que he de elegir, elijo eso
que es trabajo y no oficio que ejercen los seores.
El obispo no poda contener la risa; el prior temblaba de clera; los
curitas al servicio de Su Ilustrsima, imitaban al seor obispo, y el
padre Jos, viendo la actitud del jefe de su dicesis, estaba ms
tranquilo.
-Sabes lo que pienso creo?- dijo con rabia el prior a Bautistn que
continuaba impertrrito.
-S, seor.
-Que creo?- pregunt el prior fuera de s.
-Que soy un pcaro sobre todas las cosas.
-Tienes verdadero talento- dijo de mal talante el prior; entregndose
despechado.133

Provoca grazie al suo talento oltre che la rabbia del priore e delle guardie una
certa simpatia in quelli che dovrebbero esser suoi nemici naturali, i quali non riescono a
non sorridere alle spontanee trovate del rapaz.
Una volta che il giovane familiarizza con le mura del seminario, pu mostrare la
propria arguzia e laudacia intellettuale tipica degli spiriti liberi e forti. Lindividualismo
di Bautistn lo spinge a non curarsi delle opinioni altrui e discute con fervore la dottrina
cattolica fino ad un punto tale che i suoi insegnanti non trovano scappatoie. Arrivato al
limite di sopportzione, accusa apertamente preti e monache di promisquit Estoy harto
de tanta hipocresa y de tanta moralidad de lance [...] todo cura tiene su ama, y joven, y
que todo convento de frailes de cualquier orden tiene e su lado un convento de monjas.
Por qu? Si es porque Jesucristo dijo creced y multiplicaos, muy bien, pero a la luz
del sol y sin rendir culto a las vrgenes. 134
Bautistn ormai diciottenne il responsabile dei disordini allinterno del collegio
e grazie ai suoi modi si guadagna il rispetto dei seminaristi che lo portano in spalla
come un vincitore.
Pattata la sua libert con il vescovo, Bautistn decide di comportarsi da bravo
seminarista solo per un anno e di essere trasferito a Madrid per poi essere finalmente
liberato.

133
134

Ibidem, pp. 30 e 31.


Ibidem, p. 35.

82

Passato per lanno e non venendogli concesso come pattuito il permesso di


partire per una missione e poter poi sparire definitivamente dal mondo ecclesiastico
dunque, dopo un lungo tempo fatto di falsa buona condotta, esplode e dimostra la sua
vera natura e la volont di dover andare fuori per poter vivir y gozar 135, perch cos
infondo il bene, il sommo bene se non un goce?
Il forte individualismo si esprime per bocca di Bautistn manifestando la propria
sete di libert e invitando i propri compagni a liberarsi in maniera altrettanto autonoma.

Los dems que hagan lo que yo; haced vosotros mismos que yo y no
habr necesidad de que nadie se sacrifique por vosotros. Pasaron los
tiempos de los sacrificios por el bien ajeno. Que cada cual sea el
Redentor de s mismo, y no habr Salvadores, ni Judas, ni mrtires,
no habr ms que hombres; o mejor, habr individuos fuertes que
velen mucho ms que todos los Salvadores reunidos Por qu
frunces el entrecejo?- pregunt a su contricante- Mientras los
hombres colectiva o indvidualmente necesitan a quien les redima y
quien les dirija, no darn la impresin de ninguna grandeza. Es ms:
mientras haya Redentores en la Tierra habr tontos. El redentor de
multitudes es un tonto.
- As hablaba Zaratustra!- dijo una voz que sali del coro.
- As hablo yo- grit con vehemencia Bautistn Yo no soy
discpulo de nadie; yo soy discpulo de m mismo. Cuando le a
Nietzsche ya haba pensado yo cuanto el haba escrito: es decir lo
que de Nietzsche merece mi conformidad. Redentores! Todos los
que tienden al apostolado, tienden al cesarismo. No hay que decir al
hombre: Sgueme, yo te redimir. Hay que decirle: No siguas a
nadie, no escuches a nadie, redmete tu mismo. S t solo, t nico
dentro de ti y fuera de ti.
-As hablaba El Unico y su propiedad!- grit la misma voz.
Y Bautistn, volvindose, fieramente exclam:
-He dicho que habla Bautistn Recio, y si otro dijeron antes que yo lo
que yo acabo de decir, significa que nacieron primero, no que fuesen
mis maestros. Adems, yo soy fuerte, y por que soy fuerte amo a los
dbiles. No a los dbiles por degeneracin, que de ellos mi sociedad
ideal no puede esperar nada, sino a los dbiles por ser nios, por ser
viejos o por ser mujeres. Son mis amores. En bien suyo deseo yo
mostrar mi fortaleza desarrollar mi fuerza, mi inmensa fuerza.
En bien suyo, deseo yo salir de este infierno de mentira de
hipocresa: en bien suyo deseo gozar. Y h aqu por qu el bien es
goce. Yo veo un viejo al suelo y acudo solicito a levantarlo. Yo veo
un nio que no llega a coger una pera del peral y lo levanto en mis
brazos para que coma. Yo veo una mujer parturienta, y paso una
noche a la cabeza de su lecho aguardando la venida del nuevo ser.
Mas yo veo un borracho tendido en el suelo y paso sin detenerme. Es
as como se hermana el sentimiento de mi individualidad y el de la
solidaridad humana. Quin dijo tal cosa? Yo no s que lo haya
dicho nadie y si antes que yo alguien lo dijo, para m es como si
hubiese callado eternamente.
135

Ibidem, p. 47.

83

- Pero un borracho es un desgraciado- observ un seminarista de los


oyentes.
- Se conoce que el que interrumpe es un cristiano; si hubiese sido un
medico dira: El borracho es un enfermo, mas yo al mdico y al
cristiano les digo que el alcoholizado es un ser que no vale un
minuto de mi vida, porque con su enfermedad o su desgracia, no
hace ms que entorpecer la vida ajena, sembrando infelicidad a su
alrededor. Y si la naturaleza selecciona y mata sin piedad a los
inadaptables, a los dbiles por degeneracin, no hemos de ser
nosotros, naturaleza al fin y al cabo, los que han de enmendar la
plana a los agentes de la vida de la salud y de la fuerza. Y repito que
por ser yo fuerte, amo a los dbiles, a los dbiles porque se van, a los
dbiles porque llegan y a los dbiles porque reproducen la
eternidad. 136

Ma le sue rivelazioni vengono fraintese e rivoltelle contro come se si trattassero


di vaneggiamenti, manie di grandezza, di una supposta vanit frutto di un sentimento di
superiorit. Una superiorit intellettuale che il direttore del seminario non poteva non
concedere al giovane ribelle e che giorno dopo giorno avanzava nella lotta interina tra il
discolo e il vescovo.
Bautistn forte della sua posizione tenta il tutto per tutto in una discussione dalla
cui non pu che uscirne vittorioso: fa credere non a torto al suo rivale di avere un
trabajo echo137 fuori e dentro al seminario; di avere dato vita ad una setta nella
clandestinit dellistituto, otro jesuitismo 138 in pieno stile anarchista:

-Soy libertario, y de los individualistas; tengo en el Seminario mi


grupo, que est relacionado constantemente con los grupos de
Madrid, con los de Espaa y an con los del extranjero. Y aqu en el
Seminario, invisibles para usted, para todos ustedes, tengo libros
explosivos y substancias explosivas y amigos capaces de ir a la
muerte por sus ideales, como ustedes! No, ms superiormente que
ustedes, porque somos ms valerosos y despreciamos ms la muerte.
Somos dos poderes frente a frente. Vea usted si le conviene intentar
mi muerte, ya que mi conversin no ha de lograrla, o echarme del
Seminario. 139

136

Ibidem, pp. 46,47,48.


Ibidem, p. 54.
138
ibidem.
139
ibidem.
137

84

Alla fine della discussione e delle prove fornite da Bautistn il padre direttore
resosi conto della propria impotenza contro un uomo disposto a morire, contro un
individuo che, forte delle proprie convinzioni disprezzava la morte, si arrende.
Una volta libero e appiedato il nostro giovane protagonista si alberga in una casa
per ospiti seguendo la sua strada, viene per tenuto sotto controllo per conto del prete e
del governatore di Madrid da alcune guardie, come se si trattasse di un pericoloso
anarchista sovversivo.
Bautistn burlandosi continuamente di tutto e di tutti, riesce con scaltrezza e
spirito a liberarsi dellocchio indiscreto di guardie, seminaristi e governatori. Intanto si
mantiene scrivendo lettere damore per conto terzi mentre freme dimpazienza per poter
provare anche lui quei sentimenti unici, nel soddisfare la sua passione e la sete di baci,
ma sul suo sentiero non trova altro che uomini e donne vinti dal destino, che non
riescono ad esser padroni delle proprie azioni, che si trascinano nel montn
annimo140. Incontra donne sconfitte e rassegnate, mentre Una mujer seducida podra
ser una heroina, si en ella hubies algo superior. [...] Una mujer seducida, que hubiese
cado por amor y que se mantuviera digna de s misma, arrogante, despreciando el
canalla que la hubiese engaado y para cual el fruto de sus amores fuese galardn y no
oprobio, sera una mujer fuerte, una mujer ideal y un ideal digno de m 141
Bautistn sente che la forza che lo accompagna, che le sue capacit, i suoi
muscoli, la sua intelligenza sono inutili se non rivolti al bene, se non destinati ad
alimentare un amore unico,

Un capital de vida que no sale de uno es un capital muerto, un


capital robado, no ya a la vida ajena y a la energa de la humanidad,
sino a la dicha y a la energa propia
Es as como entiendo yo la fuerza individual y la grandeza.
Malthus, Stirner, Nietzsche: fuistis grandes, os respeto, pero no os
amo, porqu fuistis egostas. Fuistis grandes, pero fuistis secos.
No supistis que la mayor grandes y la fortaleza mayor es aquella
que se convierte en amores.
Que me dejen, s, s!, que me dejen vivir solo. Quiero vivir
ntegramente la vida de mi vida []
Con mi zarpados de len quisiera amontonar, amontonar
desgracias; sacarlas de aqu y de all, y cuando tuviera reunidas un
140
141

Ibidem, p. 79.
Ibidem,pp. 79, 80.

85

montn grande, muy grandre cogerlas todas y lanzarlas al rostro de


los poderosos, de los que son poderosos porque los dems son tontos
o ignorantes Porque esta es otra cosa. Hay hombres fuertes como
yo, cuya fuerza est en m, en mi sangre sana, en mis msculos
recios en mi cerebro rico de recursos y de energias y de ideas, y hay
hombres fuertes, porque los dems han abdicado en ellos su fuerza.
Son sus colonos, sus soldados, son sus guardianes, son sus
criadosQuitadles a esos poderosos la fuerza ajena y no le quedar
nada. Y es porque la fuerza y el poder se lo presta la tontera y la
ignorancia de los dems . 142

Il giovane brota forza da ogni poro, consapevole del suo potere, dellenergia che
sprigiona il suo essere, sente per limpotenza nella mancanza di un obiettivo in cui
incanalare questo potere, la ragione di vita, il fine ultimo, la costruzione di un futuro
regno di amore e felicit.

Yo quisiera un terreno pedregoso, esteril; un terreno que hubiese


visto pasar por encima de si millones de generaciones sin que nadie
hubiese atrevido a echarle una semilla, a sembrarle una flor. Yo
quisiera un terreno que se viera eternamente azotado por el viento y
devastado por el agua. Yo quisiera un terreno as para demostrar mi
fuerza, mi voluntad y mi energa; porque estoy seguro que all donde
nadie se hubiese atrevido a echar una simiente ni sembrar una flor,
yo hara un paraso con mis brazos, con mis musculos, con mis
grandes energias fsica y mentales. Y luego de crear un paraso en
una montaa de roca, donde todo se viera devastado por el viento, o
en una llanura de arena donde todo fuese secado por el sol, yo
regalara el paraso, un paraso que sera mio como mia es mi sangre,
como mia es mi vida a las nias y a los nios, a los jvenes y a los
viejos, los cuales, vestidos de blanco seran mis mariposas y yo su
guardin , dispuesto siempre a sacarlos de todo peligro y a ahuyentar
todo enemigo. Ah leones! ah gigantes! qu dbiles serais ante mi
fiereza si un da osarais entrar, cual brbaros, en el paraso de mis
mariposas blancas!143
yo quisiera una mujer.
De qu me servira tanto valor, tanta fuerza, tantas ansias de
ventura como siento para salir con bien de las cosas ms raras a
fuerza de astucia, de valor y de inteligencia, si no pudieras
emplearlos en bien de los dems, de las mujeres sobre todo, de las

142
143

Ibidem, p. 80
Ibidem, pp. 81, 82.

86

mujeres finitas, delicadas, asustadizas, tiernas, muy tiernas, finas,


muy finas?...144

Mentre Bautistn era un hombre en toda la significacin de la palabra:


inteligente, bueno, y valeroso145, la controparte ci viene offerta dalla giovane nobilt
madrilegna. Il ritratto di questi rampolli al ristorante Nuevo Club, ci presenta un gruppo
di esseri spietati, vuoti, violenti, boriosi, superficiali, fatui. Attirano lantipatia del
lettore con la loro ubriachezza e la degenerazione delle proprie menti, sono lantitesi
delluomo integrale, vivono per sperperare fortune e tirare al fioretto, disprezzano il
lavoro e i poveri, non possono lontanamente comprendere i sentimenti profondi del
protagonista, sono forti solo del proprio potere, della sottomissione dei pi disgraziati.
Bautistn per trovare lamore pone un annuncio innocente sul quotidiano, che
subito fa scattare la scintilla maliziosa del dispetto nei signorini accomodati. Bautistn
vittima di uno scherzo crudele, che ripagher con lindomabile orgoglio, si chiede se il
suo annuncio fosse poi tanto ridicolo cos ben disposto allo scherzo, ma lautore
risponde: A quien poseyese una regresin orgnica y mental, el anuncio de Bautistn.
haba de parecerle una inmoralidad, y una viveza haban de considerarlo los que
pensaban y obraban conforme el presente repugnismo, que algunos llaman positivismo.
Solo las voluntades solidas, las conciencias de evolucin tica, de fiera independencia y
de energa moral, haban de estimar hermoso el anuncio de nuestro joven. 146
Bautistn Recio abituato ad avere avversari minimamente degni da affrontare, si
scontra ora con quattro ciarlatani che non fanno che incollerirlo ed alimentare il suo
amor proprio: -Si son duques y huelen bien, es que ahora se levantan- dijo Bautistn.
Ya ver usted como no tardan en oler mal.

147

E alle pretese assurde di superiorit di

lignaggio dettate dalla codardia e dalla consuetudine, risponde con la personale


superiorit morale:

-Los caballeros establecemos reglas y condiciones.


-Las que dicta el miedo y la destreza en el manejo del florete a los
que nada hacen til en este mundo.
-Los que no pueden entenderse con migo son los rufianes, []

144

Ibidem, p. 82.
Ibidem, p. 85.
146
Ibidem, p. 97.
147
Ibidem, p. 98.
145

87

Eroica al contrario la condotta delle donne protagoniste: la futura sposa di


Bautistn la figura femminile pi audace e fiera che si possa immaginare in un
contesto tanto moralista che maschilista. Concepisce suo figlio solo secondo il desiderio
damore e non si cura affatto delle condizioni esterne, femminile e terrena, ma dotata
di una sensibilit superiore.
La vecchia madre come uno scrigno che tiene segretamente conservate gioie e
dolori di una vita fatta soprattutto di sacrifici, riesce a portare avanti una vita di stenti,
senza per dimenticare il sentimento che la lega al proprio figlio e alluomo che le fece
conoscere il vero amore, ossia lillegittimo padre del rapaz, che come il ragazzo era
lottatore per un ideale:

El de amor entre los hombres, el de Jesucristo, el tuyo, Bautistn; ese


que os hace amar tanto a las madre, a las esposas, a los hijos [] Lo
eredaste de l, hijo mo, as como su figura, como su carcter, como
su bondad. 148

LE CARATTERISTICHE DEL ROMANZO ESEMPLARE ACRATA

Podr tambin faltarle a la literatura obrerista la lucidez de la frase, la


brillantez de las figuras, la cadencia de una prosa que despida notas de
harmona, los perodos grandilocuentes que ms exaltan el sentimiento
que hablan a la razn; mas nada de esto es indispensable para
convencer de la bondad de una causa, bastando un regular
conocimiento de las principales reglas de la Gramtica para darse a
entender bien a los que no han de juzgar nuestros trabajos literarios
por la forma sino por el fondo; no por la galantura de la frase, sino por
la intencin que la motiva.149

Lo stile del romanzo semplice e lineare; secondo il genere biografico segue


una linea temporale continua priva di rimandi e flash back. Ci viene innanzitutto
presentato il contesto del personaggio prima ancora che egli appaia sullo scenario; la
148

Ibidem, p. 123.
Jose Llunas, Literatura obrerista, prologo a Justo Vives di A. Lorenzo, Editorial Fueyo, Buenos
Aires s. d., p. 11.
149

88

storia prende vita ed evolve la narrazione man mano che cresce Bautistn. Dallascesa
dalla miseria che sembra inesorabile nei campi asturiani ed una vita rude priva di
dolcezze allinizio delle sue vicende fino ad una maturit in cui ottiene una felicit
identificabile con lamore. Lamore il fine, lo scopo per cui le sue forze debbano
essere impiegate senza riserve. Il racconto dominato dalla presenza del discorso
diretto, e quando non ci sono dialoghi il nostro protagonista che parla a se stesso. Ci
rende il romanzo facilmente comprensibile per qualsiasi lettore popolare, lautore si
limita a pochi commenti che rafforzano lidea che via via ci si fa dei personaggi che
entrano in scena. Le trovate divertenti e a volte comiche dellautore messe in bocca al
protagonista rendono la lettura dello stesso ancora pi piacevoli; la picarda del
personaggio, la sua astuzia, larguzia e il dominio di s rendono Bautistn un eroe
moderno, un difensore dei deboli oltre che un esempio di condotta.
Questo eroe non scade mai nella volgarit, si esprime anche in maniera violenta,
ma limpida, senza cadere nel turpiloquio o nello scontro fisico. Come Justo e Floreal,
Bautistn va avanti con le sue capacit nella ricerca del bene; contro le ingiustizie
appassionato difensore dei pi deboli. Contro la giustizia per far valere la propria
unicit. Lo scontro tra il giovanissimo protagonista e il signore di Gandaira non
rappresentato dal gesto piuttosto impulsivo, ma dalla dignit dello stesso. Un bambino
che si difende come pu, non destinato a delinquere ma a lottare senza sosta per
godere della vita liberamente. La continua rivalit interina al collegio, al mondo
ecclesiastico, la sfida ai rampolli madrileni e le conseguenti provocazioni sono
importanti per la creazione e lo sviluppo del tipo di carattere fiero. Momenti essenziali
sono quelli in cui tiene testa ad antagonisti oppressivi o facinorosi salvando sempre la
dignit e il diritto alla vita e allamore.
Per quanto riguarda largomento Anarchia, non si esplicita mai nel racconto la
lotta politico-libertaria, il protagonista mai si presenta come militante, dunque viene il
presentimento che per essere anarchista non dovuto dichiararsi come tale. Vengono
nominate le opere libertarie sovversive allepoca pi diffuse in Spagna, addotte a
dimostrazione della conoscenza di tali autori e tali scritti, ma Bautistn si proclama
innanzitutto difensore di un forte individualismo, della sua unicit di uomo e della
dignit che manifesta e propaga. La forza fisica, morale, ma soprattutto interiore che
caratterizza qui il nostro personaggio libertario, la sua volont di espressione senza
limiti, la ricerca della libert; mezzo che pu permettere di trovare amore ed infine la
felicit. La ricerca della felicit per luomo la costante che differisce dalla sola
89

volont, dallo spirito di sopravvivenza dogni animale. Questa felicit lo stimolo dello
scrittore libertario, la lungimiranza della societ immaginata nellutopia.

JUSTO VIVES
LE VICENDE

Justo Vives un giovane falegname costretto a doversi spostare dal piccolo


centro originario alla grande citt. Dovuto al suo atteggiamento da sempre schivo nei
confronti della gente del paese, guadagna inimicizia, antipatia e persino disprezzo. Egli
un libero pensatore che non si unisce alle scorribande giovanili n ai sermoni del prete
e, alla compagnia dei suoi coetanei preferisce la lettura di testi sovversivi.
In citt, contrariamente alla sua cattiva fama nel paese, riceve subito una calda
accoglienza da parte dei suoi compagni di fabbrica, che vedono in lui un grande,
instancabile lavoratore, un compagno fidato, una persona sempre positiva su cui poter
contare. Difatti viene chiamato alla vicepresidenza della Asociacin de Carpinteros,
diventa il pacificatore allinterno e lanima combattiva verso lesterno del sindacato.
A seguito della manifestazione spontanea di una gran massa operaia nel primo
maggio, che viene soffocata violentemente dalle forze dellordine, Justo, accompagnato
dai suoi compagni si rivolge al proprio datore di lavoro sostituito momentaneamente dal
proprio figlio erede, per chiedere lentrata in vigore delle otto ore, previa causa uno
sciopero permanente. Il borghese adirato risponde in maniera seccamente negativa, ed
aggiunge al suo no delle minacce dirette al rappresentante della delegazione carpentieri.
Subito dopo lo sciopero, Justo Vives insieme a molti compagni di altre
federazioni viene incarcerato e cos allontanato dal proprio intorno, dal lavoro, dalla
federazione, dallamata madre e da Pepita, la figlia del padrone di casa che aveva preso
a cuore e che aveva bisogno di protezione.
Durante la sua clausura, Justo viene aiutato da tutti i compagni: dentro,
ricevendo un rancio migliore e lappoggio dei compagni incarcerati; fuori con laiuto
materiale alla povera vecchia madre. Jacinta intanto quasi adotta Pepita, la figlia del
caserio, giovane innocente, orfana di madre e che poco affetto aveva ricevuto dal
90

padre; vittima della poca fortuna tipica degli ingenui, era stata ingannata da un uomo,
abbandonata in stato di gravidanza e disonorata per sempre. Pepita aspettava un figlio
del burguesito, il nemico di Justo che aveva perpetrato linganno proprio di fronte al
nostro eroe, durante lorario lavorativo per sfoggiare spavalderia davanti ai suoi amici: i
viziosi rampolli dellalta borghesia.
Pepita fatalmente perde il padre e per lo sconforto abortisce nello stesso giorno;
nella disgrazia trova per il conforto di una nuova e affettuosa madre in Jacinta e di un
amorevole fratello in Justo appena scarcerato dopo un anno di prigionia. Non tarda Justo
nel dichiarare la propria passione per la giovane, la quale spaventata e continuamente
tormentata dai suoi sensi di colpa teme di non essere allaltezza di tanto amore. Justo
umilia poi, davanti ad un folto pubblico, il burguesito che tremante non riesce a trovare
nemmeno una parola in sua difesa. Alla fine i due giovani si uniscono liberamente in
comunione davanti alla moltitudine proletaria, uomini e donne, compagni partecipi della
gioia dei due innamorati.

LA NOVELA OBRERISTA IN SALSA ROSA


Si pu intendere che la vicenda di Justo e compagnia sia collaterale
allesposizione di unideologia, la narrazione non altro che un accessorio per poter
rendere appetibile ad una moltitudine la lettura dellopera. Lesposizione del
personaggio Justo, del mondo operaio, della condizione proletaria in genere, della
militanza, e della dignit della classe lavoratrice di fronte alla borghesia sfruttatrice il
principale obiettivo. Sempre prima di tutto sono esposti i principi fondamentali:
leducazione, linformazione, la formazione di una coscienza. In secondo piano il fine
ricreativo, pure quello importante ma subordinato comunque allo scopo primo
dellopera.
Il fatto in se, lintreccio degli eventi fanno sempre richiamo alla novela por
entregas, o al pi moderno romanzo rosa. Migliaia di romanzi presentano lo stesso
schema e la stessa tipologia di personaggi: un eroe buono ed integerrimo, una donna
innocente, quasi pura, degna di amore pi profondo, un nemico spietato e depravato
identificabile con il solito borghese, la violenza ingiustificata del nemico, qui usata dallo
stato che picchia ed incarcera. La trama costruita su di una storia damore ostacolata,
le difficolt che i nostri eroi incontreranno saranno molteplici di fatti; lo sfruttamento, la
91

violenza sia fisica, carnale e psicologica, le difficolt materiali faranno in modo che i
protagonisti guadagnino lamore reciproco e laffetto di tutto il proprio intorno. Sar il
classico lieto fine a coronare la parabola esemplare, il raggiungimento di una felicit
momentanea che spazza via i cattivi ricordi e apre la breccia per un futuro sereno.
Lottimismo sempre alla base comunque del romanzo, la fiducia nelluomo e nelle sue
possibilit

PERSONAGGI E TEMI

Justo Vives, protagonista della novela obrerista per eccellenza presenta gi nel
nome proprio le caratteristiche profetiche attribuite non solo al militante, ma alluomo
degno. Justo proviene da un paesaccio chiuso in cui gli ottusi abitanti conducono una
vita rozza senza speranze di crescita alcuna per lindividuo libero. Sono gli stessi
uomini della classe pi povera ad essere i primi nemici sociali del nostro eroe: una
popolazione ignorante che non vede di buon occhio ci che vuole essere differente dal
sistema prestabilito; non possono tollerare una pianta con le stesse radici ma che
prende una direzione diversa dalla prestabilita. Justo risveglia curiosit malvagia nei
suoi paesani i quali non tollerano la sua indipendenza sociale e il suo pensiero
individualista frutto di letture ribelli. Non basta per poter essere accettato essere un
buon uomo, sincero e lavoratore, bisogna prendere parte a tutti quei riti esteriori
consolidati ormai per abitudine:

Hombre ya, viva all en su pueblo como pjaro enjaulado, falto de


espacio donde desarrollar la actividad propia de su pasin y de su
inteligencia. Las costumbres de la poblacin pequea no le atraan:
la sencillez primitiva y rayana en barbarie de sus jvenes paisanos le
era repulsiva y la malicia disfrazada hipcritamente con el respeto a
lo tradicional que alardeaban las gentes de mayor edad le
repugnaban. Entre aquellos extremos, que formaban estado para
cada uno de los individuos, segn que no alcancen los treinta aos o
pasan de ellos, no haba trmino medio donde pudiera colocarse
prudentemente un hombre que, por la lectura de peridicos liberales
y de algunas obras de la literatura moderna trabajosamente
adquiridas, se haba iniciado en la vida del movimiento, de la lucha y
del progreso.
Franco y libres en sus ideas chocaba Justo Vives con la casi
prehistrica y fosilizada moralidad de sus paisanos: para los jvenes
92

era antiptico, porque le crean orgulloso.; para los viejos, y viejo se


es all desde treinta aos en adelante, era mirado poco menos que
con horror, porque le consideraban impo.
Claro est, nuestro joven no bailaba, ni tiraba la barra, ni se
emborrachaba, ni formaba parte de las ronda nocturnas, ni
requebraba a las mozas; por otra parte no iba a misa, ni pujaba en la
subasta piadosa en honor de la fiesta del santo patrn, y en la oficina
de correos se reciban para l libros y periodicos que, segn deca el
cura prroco, eran herticos e inmorales. 150

Justo non si confondeva tra i suoi compaesani, non prendeva parte alle attivit
pi degradanti consolidate ormai nella tradizione, e non si tirava mai indietro al
momento di difendere il proprio pensiero, si sentiva in dovere di portare in alto leffige
del libero pensiero:

[]pasendose un domingo por el campo se encontr con el cura y


el boticario, y, amonestado por el primero se enredaron en una
discusin en que Justo Vives dijo resueltamente que su razn
rechaza los dogmas de la Iglesia catlica, apostlica, romana,
dejando humillada la teologa del uno y la trasnochada filosofa del
otro; que en otra ocasin que su madre tena dificultad para pagar el
alquiler de la casa respondi a las palabras inconvenientes que la
dirigi el propietario con un correctivo mezclado con ideas
subversivas sobre el derecho legal de propiedad y esto no poda
tolerarse en un pueblo que, salvo los atropellos propios de la
juventud, los trastornos causados por la usura, la perturbacin
ocasionada en las familias por amoros ilcitos y otras frioleras por el
estilo haba estado siempre como una balsa de aceite. 151

A ci si dovevano aggiungere le continue pressioni a Jacinta, la povera vedova


madre di Justo, assiduamente infastidita da commenti e dalle lamentele di coloro che
chiedevano di indirizzare il giovane a la buena senda. 152
I due sono costretti dalle ristrettezze materiali, causate dalla sfiducia nel giovane
lavoratore dal popolaccio, Justo non potendo soccombere alla volont altrui e rifiutando

150

Anselmo Lorenzo, Justo Vives, Fueyo editorial, Buenos Aires s. d., p. 31.
Ibidem, pp. 31,32.
152
Ibidem, p. 33.
151

93

totalmente la maschera ipocrita necessaria al quieto vivere, si vede costretto ad


allontanarsi per sempre dal paese dorigine.

No tenan Justo Vives y su madre ms remedio que depender de los


que se le mostraban enemigos o le imponan como condicin de vida
la anulacin de la conciencia y la transigencia con el mal y el error.
Era preciso cubrirse con la mascar de la hipocresa o perecer: lo
primero era imposible y adems inoportuno, Justo Vives haba
soltado ya demasiadas prendas y haba herido muchas
susceptibilidades y por otra parte era arto serio para aceptar un
disfraz, que tampoco hubiera engaado a nadie: lo segundo no poda
aceptarlo quien como Justo Vives se senta con bros y entusiasmo
para la lucha.153

Justo si vede dunque catapultato nella nuova realt e subito inserito negli
ingranaggi della vita cittadina, trova lavoro in una fabbrica di mobili, cui proprietario
era un lobo encanecido por la explotacin 154, secondo il linguaggio degli operai o un
industrial laborioso e inteligente155, secondo qualche gacettillero che aveva dovuto
pubblicare il suo nome a seguito di un qualche sciopero. A tal punto Lorenzo non perde
tempo nellapprofondire questa diversit di linguaggio specchio di due punti di vista
opposti, di due mondi paralleli e contrari

Esta diferencia de lenguaje, expresiva de conceptos tan opuestos, da


lugar a que muchos espritus superficiales no den a la idea de
justicia ms alcance que la de conveniencia y crean que la verdad es
cosa accidental y dependiente del punto de vista.156

Justo comunque trova immediatamente il rispetto e la complicit dei suoi


compagni, i quali non sono affatto indifferenti alla questione sociale sollevata nelle
assemblee della Sociedad de Carpinteros. Diviene subito vicepresidente della
commissione come rappresentante della minoranza anarquista rivoluzionaria. Egli, di
fronte alla prudente, cauta e riformista maggioranza socialista, sfoggia tutto il suo
153

Ibidem, p. 33.
Ibidem, p.35
155
Ibidem.
156
Ibidem.
154

94

carisma rivoluzionario e porta ad unanimit lassemblea alla proclamazione dello


sciopero in favore delle otto ore. Justo lanimo rivoluzionario della classe operaia, e
protagonista dellintero racconto oltre al giovane carpentiere quel gruppo cosciente di
lavoratori, la rappresentazione dellInternazionale, la fascia di lavoratori pi
consapevole e combattiva. Con Justo camminano, lavorano, scioperano, amano e odiano
questi uomini e queste donne. Nellassemblea prima e nel carcere poi, dimostrano la
loro integrit e quella famosa solidariet alla base del pensiero anarchista.
La solidariet continuamente dimostrata; praticata dai compagni di lavoro che
alle minacce di licenziamento a Justo da parte del burguesito abdicano per uno sciopero
ad oltranza, laiuto ricevuto in prigione grazie al quale la sua permanenza dietro le
sbarre e quello dato gratuitamente alla vedova privata della presenza del figlio e del suo
stipendio. Tutto il romanzo infine una possibilit, una scusa per poter illustrare la
fascia operaia cosciente, per poter descrivere senza limitazioni lideale delluomo
cosciente libertario e, quindi, limportanza dellassemblea, lo sciopero come arma
proletaria, il sapere come fonte prima di emancipazione, primo passo per la libert, per
la rivoluzione sociale.
Protagonista dunque lindividuo con la sua unicit, ma vi troviamo a differenza
delle altre opere, sopratutto un personaggio collettivo: la classe lavoratrice apportatrice
di coscienza e valore.
Il burguesito ripugnante, trama il disonore della povera ragazza. Lui e i suoi
colleghi non apprezzano il lavoro ma solo godono della fortuna che la fabbrica porta
nelle casse.

Justo Vives sali del trabajo aquel da dolorosamente impresionado.


Haba odo al burguesito y a sus amigos expresar en cnico lenguaje
el destino que se da a las riquezas acumuladas por el trabajo.157

Come ben possiamo intendere los burguesitos, appartenenti ad una classe di


nuovi ricchi che con il denaro intendono comprare fama e cultura, sono rappresentati
spesso come esseri ripugnanti (nelliconografia militante spesso ritratti come maiali,

157

Ibidem, p. 36.

95

scarafaggi o viscidi rettili) 158. Tipiche nella collana de La novela ideal sono queste
figure lascive, prepotenti, totalmente amorali dei padroni sia della fabbrica che della
casa in cui il proletario dimora. Approfittatore di giovani innocenti lantagonista
maschile (nella maggior parte dei casi), moraleggiante arpia e spietata calunniatrice
quello femminile.
Lantagonista nobile presenta delle caratteristiche leggermente differenti: pi
arrogante ancora del ricco borghese, abituato ai piaceri e agli ambienti certamente pi
raffinati, disprezza il volgo, mentre larricchito lo sfrutta senza remore, credendo
comunque in ogni momento di fare un favore ai lavoratori.
Le donne dei nemici guadagnano qualche punto in piet, il genere femminile sa
(anche quando non nel giusto) riconoscere un comportamento eroico, il caso delle
dame, che in Los hijos del amor, comprendono immediatamente il valore personale di
Bautistn e ridicolizzano la codardia dei signorini abituati a rimediare lonta con il
duello con fioretto.
Il borghese non certamente cos raffinato ma altrettanto vigliacco. Viene
messo alla berlina davanti ad una moltitudine e non riesce a proferire parola se non
spalleggiato da sgherri. Il padrone vuoto, incapace di avere un confronto dialettico
seppur semplice, ha dalla sua terribili strumenti: il despido, il potere sul destino dei
lavoratori e lascendenza sugli strumenti del potere, opinione pubblica, stampa ufficiale,
politica e forze dellordine. Nemici realissimi in opere di finzione che riprendono come
gli stessi eroi caratteristiche di personaggi veri, ridicolizzandone gli aspetti grotteschi,
rendendo il ritratto della strato sociale abbiente una terribile caricatura.
Le ingiustizie, lignoranza del popolo, gli assurdi privilegi dei pochi a discapito
della sofferenza di molti rappresentano tutto ci che lo scrittore rivoluzionario combatte
e che spera di lasciare alla storia come un momento del passato verso la civilizzazione,
come succede ne La Prehistoria159 di Martinez Ruiz, in cui il mondo delle ingiustizie fa
parte della storiografia, un presente in cui non si conoscono i significati di pobre,
fabrica, jornal, moneda, carcel y honor.
Lo stesso Lorenzo, autore di un breve racconto Ser eterna la injusticia?, si
preoccupa di rincuorare il lettore sulle sorti dei rivoluzionari che hanno sacrificato la
vita per un ideale in vista di una societ giusta. Qui ritroviamo Pedro, Juan e Andrs,
abitanti dello stesso paese, ma destinati a strade diverse: rispettivamente alto prelato

158
159

Vedi immagine num. 13 e num. 14.


J. Martnez Ruiz, La Prehistoria, in Dinamita cerebral, A.V., Icaria, Barcelona 1977.

96

Pedro, governatore Andrs e lavoratore manuale Juan, rappresentano le classiche vite


dei racconti libertari. Adoratori del successo, adulatori e corrotti i primi due, buon
lavoratore e compagno socialista, fomentatore dellistruzione tra il popolo lultimo.

Y la injusticia no se detiene ante la tumba: Pedro e Andrs, en


posesin durante su vida de ese despojo de los pobres que llaman
fortuna, rodeado de atenciones y cuidados, tuvieron buena vejez, y por
si de veras hay un dios a quien engaan con hipocresa, tomaron los
sacramentos a ltima hora y, pensando piadadosamente, estarn en la
gloria oyendo la msica celestial; pero Juan, que protest toda su vida
contra la iniquidad triunfante y mand a paseo el cura que ante la
muerte le peda la complicidad de la resignacin
Tranquilizate, lector, no suponga a Juan en el infierno; su vida es una
de tantas que, a semejanza de tenue copo de nieve, forma aquel
potente y vigoroso alud revolucionario que un da aplastar esa
sociedad infame que formaron los malos para explotar a los pobres. 160

SEMBRANDO FLORES
NOVELA DE UNA VIDA IDEAL
Sottotitolata Novela de una vida ideal, lopera di Urales, porta a termine lo
studio sulla personalit dellindividuo libertario e, pi in generale, dellideale umano.
Nel prologo Por qu escrib este libro lautore fa unapologesi sul naturalismo e la
paternit: Urales si dimostra apertamente a favore della procreazione e della famiglia
numerosa:

En resumen yo creo slo que la falta de amor debe limitar los hijos.
Es ms, opino que sin amor no deberan engendrarse, tuvirense o no
recursos para educarlos.

160

Anselmo Lorenzo, Ser eterna la injusticia?, in Dinamita cerebral, A.V., Icaria, Barcelona, 1977, pp.
76, 77.

97

Los hijos engendrados sin amor aunque sus padres cuenten con
recursos para darles una educacin esmerada, no resultan tan sanos
ni tan bellos ni tan buenos como los que son la consecuencia de una
conjuncin amorosa. En aquel momento la naturaleza no piensa en el
dinero que guarda la cmoda de los enamorados. Solo desea amor y
a cambio de l otorga sus virtudes.
Adems el hombre que ha nacido para padre y que pone en su
paternidad sus energas y su ideal, en todo momento encuentra
ocasin de restar alguno para dedicarlo a la prolongacin de su
personalidad. Y tan es cierto que la naturaleza otorga todas sus
virtudes a los hijos del amor, que la historia es obra de ellos,
nicamente de ellos.161

Sembrando Flores un romanzo apertamente didattico-pedagogico, la funzione


dellindividuo protagonista, della sua ascesa, degli insegnamenti che pagina dopo
pagina vengono fuori come fiori che sbocciano su un prato verde, lesempio concreto di
una famiglia unita, di un amore grande che cresce nel tempo, la positiva visione della
vita e dei suoi piaceri, degli affetti, della natura, lottimismo, sono le caratteristiche
dellopera pedagogica rivolta in realt ad individui di ogni et. Il romanzo nasce con un
fine essenzialmente educativo, visto che lo stesso Francisco Ferrer che commissiona a
Urales un racconto destinato alla futura Escuela Moderna. Curioso il dialogo tra i due,
riportato nel prologo, che dimostra lautentica personalit di Urales (al secolo Joan
Montseny i Carret), la sua modestia e lo spirito libero. Ferrer chiede al nostro autore di
poter entrare in contatto con colui il quale si firmava con lo pseudonimo di

Un

Trimardeur sulle pagine della Revista Blanca, per potergli commissionare un libro di
lettura, dato che in Un Trimardeur il futuro fondatore della Escuela Moderna
intravedeva le caratteristiche del narratore:

Si me creyera usted capaz, podra escribrselo yo.


Gracias- exclam Francisco Ferrer -, pero para escribir un libro que
interese a los nios y a los padres hacen falta condiciones que creo
haber visto en Un Trimandeur.
Quiz haciendo un gran esfuerzo me atrev a replicar.
No, no; imposible contest Ferrer Usted tiene talento y voluntad,
pero no es un cuentista y menos un novelista. Yo quiero una novela
que entretenga, eduque, interese al mismo tiempo.
Me vi obligado a decirle que Un Trimardeur y Federico Urales eran
una misma persona, y sospecho que el director de la Escuela
Moderna hasta que tuvo el original de Sembrando Flores en su

161

Federico Urales, Sembrando flores, Biblioteca de la Revista Blanca, Barcelona, pp. 7, 8.

98

poder, no estuvo de aquello convencido: Casos a este semejante


podra contar alguno. 162

Si dimostra linstancabile creativit del catalano che sotto molteplici nomi


firmava indifferentemente articoli politico-sociali, racconti e romanzi mentre si
dedicava alla vita campestre: he aqu el motivo de haber escrito el libro que est
leyendo, querido lector, y del cual tantas ediciones se hacan mientras el que lo pensara
y escribiera pasaba los aos encorvado sobre la tierra, ajeno por completo a cuanto
pasaba en el mundo socialista y a la suerte que le haba cabido a su obra. 163

LE VICENDE

Il romanzo diviso in due parti, rispettivamente di sette e dieci capitoli. La


prima met riguarda la fase puerile, in una parola: la semina, la fase di sembra, prima
della fioritura. Cio dalla nascita del protagonista Floreal, nome emblematico chiarito
nelle prime pagine del romanzo da un giovane alunno del Colegio Moderno:- Pues
Floreal quiere decir: Octavo mes del ao y segundo de la primavera en el calendario de
la revolucin francesa; el mes de floreal empieza el 20 de Abril y terminaba el 20 de
Mayo.164 Floreal ci viene presentato come simbolo dellamore: sano como los nios
pintados por Rubens165, perch figlio di una relazione amorosa, di una unione voluta
contro ogni interesse economico. Questo principio quello trainante dellopera
precedentemente analizzata Los hijos del amor, una preoccupazione per Urales quindi:
la procreazione una vera benedizione sempre che frutto damore. Floreal, passati i
primi anni di vita in serenit, gioisce del tempo passato a scuola dove riceve le basi
della sua unicit, riceve una educazione in puro stile libertario, vive in una famiglia
unita e frequenta una scuola, immaginata da Urales, che non differisce poi da quella di
Ferrer. Raggiunta la maturit Floreal decide, non senza conflitti, di respingere le

162

Ibidem, p. 8.
Ibidem, pp. 8,9.
164
Ibidem, p. 13.
165
Ibidem, p. 15.
163

99

avance dei suoi professori che lo vorrebbero insegnante, per potersi invece trasferire a
Parigi e vivere con quello spirito di curiosit e audacia che accompagna le menti forti.
Nella capitale francese trova ospitalit nella sede della Joven Rusia, rivista
rivoluzionaria della quale gi collaboratore in terra spagnola. Riceve un forte
benvenuto e si guadagna la simpatia dei militanti e sopratutto di Sofia ed Armona,
rispettivamente sorella e nipote di Karakoff, caporedattore del giornale, tutti esuli russi
che in patria avevano lasciato parenti e amici rinchiusi nei campi siberiani.
Floreal, trovato un impiego come traduttore presso una casa editrice, grazie
anche al suo ex-direttore, riesce in poco tempo a guadagnarsi un nome e una pur
modesta posizione economica che gli da la possibilit di prendersi cura delle due donne.
Egli scriver articoli importanti per La Joven Rusia e La Justicia oltre che un saggio dal
titolo Del amor en las sociedades humanas che gli daranno voce fuori dai confini
francesi. Nel frattempo laffetto tra la giovane Armona che poco pi di una sorella
allinizio delle vicende francesi, si tramuta in amore maturo. Armona diventa sua
collaboratrice, confidente, amante e madre del suo primo figlio, Sol. A rompere lidillio
giunge la chiamata al dovere di Karakoff che lo esorta allazione per poter liberare i
prigionieri russi in Siberia. Assolta la missione trionfalmente e tornati in Francia,
ritroviamo una quasi edenica immagine di una grande famiglia unita sotto uno stesso
tetto. Sono giunti entrambi i genitori dei due giovani che hanno ormai quattro figli.
Vivono in una villa, alternando leducazione dei piccoli al lavoro dei campi. Floreal
diventa maestro dei suoi figli e aiutato dallesperienza dei nonni si destreggia tra la
penna e la sperimentazione agraria. Con il tempo Floreal riesce ad unire unulteriore
generazione nella Villa Sol Vida Placer y Amor (nomi dei rispettivi figli), cosicch
anche i nipoti possano ricevere leducazione alla libert e alla salute. Quindi, pu il
nostro eroe andarsene in pace con se stesso sapendo di aver fatto il meglio in vita. Il
vecchio Floreal non si spegner prima di intraprendere lultima battaglia (cos come poi
intitolato il penultimo capitolo) in cui dibatte fortemente con il prete del paese sulla
salvezza dellanima.166 Floreal riesce ad andarsene in pace con se stessi e con gli
uomini, non in pace con Dio, secondo almeno il religioso. Lultimo capitolo corrisponde
alla lettura di un testamento (El sobre de la muerte) in cui Floreal mette in guardia i suoi
discendenti dai personaggi malefici e parla direttamente al primogenito Sol, avvisandolo
sullazione debilitante che la vecchiaia ha sulluomo, che cos attaccato agli ultimi
lembi di vita da poter rinnegare tutto ci per cui ha lottato per una vita intera. Floreal
166

Vedi Capitolo II, La Religione dellantireligiosit, pp. 62-66.

100

lascia in pace il mondo terreno, un eredit genetica in terra, e, se un Dio esiste dalla
sua parte.

I TEMI
CULTURA, DIDATTICA E PEDAGOGIA.
Il romanzo che ha principalmente come scopo quello didattico-pedagogico, un
racconto in cui linsegnamento e lintrattenimento si intrecciano senza confini. Il
romanzo delleroe acrata, delluomo che non il rappresentante di una classe sociale
ma della condizione umana e della sua dignit.
Il primo insegnamento anarchista arriva al primo fine settimana di corso in cui il
maestro saluta i bambini e gli augura una felice domenica:

Mas nosotros no guardamos las fiestas por ser cristianos, judos ni


mahometanos, sino por dar ms variedad a la vida y pasar un da
entero en compaa de nuestros padres. Para nosotros, todos los
hombres pertenecen a una religin, a la del bien, y a una raza, la
humana. Por esto nosotros no odiamos a nadie, sea cual fuere el
culto que los dems rinden a los dioses, sea cual fuere el color de su
piel y la calidad de la tela de sus vestidos. Pero si no odiamos a
nadie, porque todas las personas son, en grandeza iguales a nosotros,
tampoco vemos en nadie un valor personal ni social que no est en
nosotros. De ah nuestra humildad antes los humildes y nuestra
grandeza antes los grandes.167

Negli insegnamenti del maestro, nellideale di una scuola laica, libera, libertaria,
si dipinge la volont dellautore che mette le proprie parole in bocca a personaggi fittizi,
e che rappresenta lidea di tanti suoi compagni operai dellintelletto, di tutti quelli che
pieni di fiducia ricorsero alleducazione libertaria di Ferrer e alla lettura autonoma delle
opere libertarie. Al Colegio sinsegna giocando, lapprendimento diventa un piacere
167

Ibidem, p. 20.

101

immenso per tutti i pargoli, imparare diventa esercizio fisico e mentale insieme.
Sinsegnano, secondo la mentalit acrata materie diverse: la geografia, la storia, la
biologia, le scienze naturali, letica; dimostrando che tutte sono parti del tesoro
dellumana conoscenza, e che sono legate tutte quante in maniera intrinseca. Ne
approfitta Urales per apportare insegnamenti utili e dedica un capitolo intero
allinsegnamento della geografia (Floreal recorriendo el mundo) che, recepita come un
gioco, intrattiene ed istruisce: una parabola sulleducazione libertaria quindi questa
prima parte della vita di Floreal, lautore si esprime in vari momenti e centra questa
prima fase sulleducazione delleroe libertario. Lapprendimento, alla stessa maniera del
lavoro nel romanzo danticipazione, viene presentato nel racconto esplicitamente
pedagogico come un momento di gioia, di partecipazione, di crescita individuale e frutto
della collaborazione del gruppo. Si suggerisce un modo alternativo di tenere lezione, si
espongono fatti e nozioni nel libro, come se si trattasse di un sussidiario per giovani
studenti, di un compendio semplice di varie e molteplici materie, allorquando si
inserisce sempre qualche insegnamento pratico. Qui Foreal spiega la geografia
viaggiando intorno al mondo senza toccare terra, allo stesso modo in cui si presentano
scienze apparentemente complesse come botanica ed entomologia nella scuola del paese
Autonoma, dove Nono ed i suoi compagni prendono parte alla lezione del profesor
Botanico nel romanzo per ragazzi Las aventuras de Nono168, testo fondamentale per
leducazione libertaria, tradotto da Lorenzo e adottato da Ferrer. Si presenta perci
lideale forma dapprendimento fomentata dalla curiosit con il gioco e dal desiderio di
conoscere, evitando la competitivit e linvidia conseguente a voti, esami e
provvedimenti disciplinari. Una scuola che non rilascia nessun pezzo di carta ma che
offre le basi del ragionamento e lispirazione creativa nella formazione di giovani
individui.

Carrera no se poda conseguir ninguna en el colegio al que asista


Floreal y he aqu la preocupacin de su madre, que no comprenda el
estudio sin un titulo y una utilidad personal. Mas los profesores del
colegio, tomando el partido del padre de Floreal, y deseando que este
no saliera del colegio sin una esmerada educacin, le contestaba que
las carreras no son ms que la manera de hacer hombres
168

Juan Grave, Las aventuras de Nono, traduccin de Anselmo Lorenzo, Tres de cuatro soles, Libertarias,
Madrid 1991.

102

incompletos, aptos para una cosa sola, mquinas para dejar sin tacha
aquella parte de la vida que se les encomiende; pero intiles para una
labor sana, de complejidad social y de vida mltiple. 169

Una digressione sulleducazione integrale, la presa di posizione a favore della


cultura come strumento globale di liberazione, contro la schiavit della specializzazione
che chiude le porte alle conoscenze pi diverse fra loro. La personalit di Floreal frutto
di questo ambiente stimolante e del proprio carattere al poco tempo si scopre essere pi
forte di quella dei propri genitori e degli stessi insegnanti che gli hanno fornito le basi
della conoscenza. Floreal una roccia, un individuo con un carattere formidabile, mette
al centro della sua giovane vita la propria volont; spinto dallimpulso verso la
conoscenza e da uninsaziabile curiosit decide, raggiunta la maggiore et, di andare a
tentar fortuna a Parigi - Yo no voy a fundar una asociacin para explotar al mundo, sino
que voy a ayudar a los que quieren libertarlo de sus titanos, y nadie, ni padres, ni
maestros, ni amada, si la tuviera me haran desistir de mi empeo. A lo que si me
avengo, es a hacer menos dolorosa mi partida. 170
Ogni pagina un nuovo insegnamento: il direttore del collegio ed i professori
commossi da tanta forza di volont e dalla formidabile sicurezza del giovane decidono
aiutarlo con una piccola somma di denaro, un gruzzoletto che rappresentava il valore del
mutuo aiuto, di quella solidariet tanto amata, che, per i libertari non corrispondeva ad
una parola vuota. Aquellos doscientos francos representaban para l un tesoro.
Representaban amor, representaban solidaridad, las dos grandes palancas que levantarn
el mundo.171
Floreal a Parigi incontra poi la solidariet e lappoggio dei compagni della Joven
Rusia, rivista di stampo rivoluzionario con la quale collaborava dalla Spagna. Dimostra
subito il carattere fiero e la sua dignit, non si piega nemmeno davanti allinvito dei
compagni di abbandonare la stanza la prima notte dassemblea nella redazione, non
degno di sfiducia da parte di nessuno, si allontaner di spontanea volont solo nel
momento in cui venga accettato.
Floreal puro, ma non un angelo, un personaggio umano che incontra amore
e rispetto laddove si trova. A Parigi conta subito con la piena fiducia di Karakoff,
direttore delleditoriale rivoluzionario, di sua sorella Sofa, che lo ospiter e laffetto di
169

Ibidem, p. 37.
Ibidem, p. 52.
171
Ibidem, p. 56.
170

103

sua figlia Armona, esuli tutti dalla Russia, paese in cui tra gli altri era imprigionato il
consorte di Sofia, vittima dellassolutismo zarista, incarcerato in Siberia.
Floreal ha dalla sua la buona sorte, merito della sua bont: viene accolto come in
famiglia, trova un impiego di traduttore sotto raccomandazione del direttore della sua
vecchia scuola e si stabilisce al poco tempo nella capitale francese. Diventa un giovane
adulto che gode della vita, dellaffetto delle due donne che porta ogni luned in
campagna senza dimenticarsi dell importanza che riveste la lotta sociale.

Floreal no descuidaba, por ello, la lucha social que su generosidad y


su inteligencia le llevaron, y prestaba su concurso a todo acto de
propaganda y de controversia que se celebrase en defensa de la
igualdad econmica, del ejercicio absoluto de todas las autonomas
individuales y de los perseguidos por sustentar un ideal, cualquiera
que l fuese.
Y lo mismo que su palabra, su pluma estaba tambin al servicio de la
justicia.172

Floreal diventa una delle firme pi acute e ricercate allinterno della rivista che
nel frattempo viene stampata in diversi paesi, un raffinato redattore e autore del saggio
Del amor en las sociedades humanas. Unisce ad un fine intelletto lamore per la natura
e per lumanit, decide di trasferirsi in campagna insieme alle inseparabili donne e di
dedicarsi alla scrittura e alla vita agreste. Floreal, infatti, si distanzia dallintellettuale
contemplativo, non un personaggio che vive alle spalle degli altri, prova direttamente
sulla sua pelle le esperienze pi importanti dellesistenza umana. Ama la cultura e il
lavoro letterario, si guadagna da vivere bene, ma non si stacca mai dal lavoro pratico e
sogna la vita di campagna da subito. Dallinizio della sua avventura parigina, dedica il
suo tempo libero alle due donne, non rinuncia mai alle sue escursioni tra prati e boschi
dove godono di aria buona e conversazioni costruttive; difatti anche nel tempo libero il
libertario discorre di cose interesantes e constructivas 173: despus de comer se
discutan unos das sobre botanica, otros sobre astronoma, sobre el aparicin del
hombre en la tierra, sobre el amor, sobre la constitucin de las sociedades futuras,

172
173

Ibidem, p. 99.
Ibidem, p. 98.

104

etc.174 Non mancano quindi gli argomenti di conversazione, n al ragazzo n ai suoi


interlocutori. Torniamo ancora una volta sullimportanza di una vita sana, sia essa fisica
che intellettuale, lo stile di vita proprio di una buon rivoluzionario, sia uomo o donna,
operaio o insegnante, non deve mancare di un continuo esercizio del corpo e dello
spirito. Deve costruire una fortezza che sar il proprio corpo ed allenare una mente
ancora pi forte e resistente, che sia malleabile e non manipolabile dal pensiero
dominante. Le parole di Karakoff a proposito sono ancora pi convincenti:

Nada hay tan revolucionario como la salud, y nada hay tan sano
como el campo [...] Todos los grandes ejecutores de la justicia
popular estn dotados de una naturaleza de hierro. Rusia es de ello
un ejemplo. Ninguno de los tiranicidas de nuestro pas conoci el
hambre ni las enfermedades. Y ello es tambin fcil de explicar. La
vida es rebelde; la muerte es esclava, y cuanto ms vida hay en un
individuo y en un pueblo, la rebelin es ms probable175

Vale il proverbio latino mens sana in corpore sano, un popolo sano quando
libero, fiero, audace e perci ha bisogno di una salute ferrea, di un corpo forgiato oltre
che di un pensiero indipendente.

Por esto apruebo, Floreal tu da de campo. Rete de los intelectuales,


y de los revolucionarios de caf y casino. A esos la revolucin se le
va por la boca, y poco a poco no les queda dentro nada: ni enojo ni
dignidad; que son los sentimientos que arman el brazo de la justicia
individual y de la revolucin colectiva.176

Ne approfitta Urales, che tramite la voce di Karakoff

d un consiglio al

protagonista e a tutti i giovani lettori. La dignit e la ribellione devono sempre


accompagnare il rivoluzionario; sentimenti alieni, come gi abbiamo approfondito, a
quegli intellettuali che fanno dellozio di salotto una professione e della ribellione
unestetica per la creazione egolatra.
Diventa sempre pi popolare in ambito parigino a seguito di un articolo sulla
rivista Justicia dal titolo emblematico Los locos de amor. Scrive Floreal, a seguito di un
174

Ibidem.
Ibidem, p. 101
176
Ibidem.
175

105

delitto passionale che aveva commosso lopinione pubblica, in difesa della donna che
degna di amore: Podra ofender, ni siquiera con la mirada, a una joven hermosa?
No, no es amor; es locura de amor lo que arma el brazo de cuantos quieren que se les
ame por fuerza.
Gli insegnamenti che vengono fuori dal romanzo maturano insieme al
personaggio, man mano che leroe evolve, si affrontano problemi di gravit maggiore
fino a questultima questione sulla violenza machista attuale fino ai giorni nostri.

LAMORE RIVOLUZIONE.

Il ragazzo cresce, e col suo corpo si sviluppa quel sentimento che lo lega alla
giovane Aurora, che allinizio delle vicende poteva fare le veci della sorella minore.
Diventata donna, il rapporto matura non potendo contenere la passione e lamore
sincero. Qui Floreal gi dimostra linterezza del suo personaggio, appassionato
difensore della giustizia, amante della cultura e del lavoro, profondo conoscitore
dellanimo umano, tenero e fedele compagno. La relazione viene espressa sempre come
un amore degno, pulito, non privo di passione erotica, che tenuta sempre sotto
controllo, mai repressa; essa comunque non arriva mai a dominare la scena n lanimo
del personaggio. Sono mentalmente sani gli amanti del romanzo libertario: Floreal e
Armonia, Bautistin e Sofia si desiderano, si osservano, si cercano, si adorano, ma la
spinta erotica sempre sottostante alla voglia di crescere, di costruire, di continuare
insieme quel cammino verso la felicit. Il sesso trattato in maniera naturale, spontanea,
in entrambi i romanzi: nel primo Sofia figlia e madre per amore come lo stesso
Bautistn hijo del amor; nel secondo sono i due giovani uniti nellanimo che uniscono i
propri corpi, senza nessuna bisogno di benedizioni di padri e o preti.
Lamore verso il coniuge e la famiglia si intreccia con quello verso lumanit
intera e il sentimento di giustizia. Floreal, che nel frattempo diventa padre, viene visitato
da Karakoff che gli rimprovera il suo distacco dal mondo socialista e gli propone la
missione pericolosissima per liberare i prigionieri russi in Siberia. Floreal, diventato
bersaglio di murmuradores, secondo i quali la famiglia e lamore avevano imprigionato
la sua volont e la sua intelligenza persa ormai per la rivoluzione risponde:

106

-Yo demostrar a todos, por amor a m mismo, no por temor a


crtica alguna, que se puede amar mucho, que se puede tener a
nuestro lado seres amantsimos, sin que padezca olvido el ideal ni
los que por l sufren. Los criticones, los incapaces! Qu merito
tiene exponer la vida, si por nuestra falta de amor no la debemos a
un hijo, a una mujer, a una felicidad real? No tiene ningn mrito.
El mrito est en m, que amo mucho y cuando la ocasin llega
prescindo de todos mis amores para cumplir mi deber. 177

E mostrando il neonato e la piangente madre a Karakoff aggiunge:

Esto para los secos de corazn, nada significa; para m significa


mucho ms que la felicidad, mucho ms que la vida, mucho ms que
la dignidad que todo peligro y que todo martirio, y, sin embargo, yo
abandono esto por la justicia, por el bien ajeno, por un bien que
quizs no ser agradecido, y por una justicia que puede ser una
ilusin del hombre. Si ser rico en sentimiento y en fuerza el
corazn de los que amamos inmensamente a nuestros hijos y a
nuestras mujeres!178

Questo il messaggio al centro dellopera: lamore, sia per una donna, per un
uomo, per un figlio o un genitore, non toglie nulla allumanit, ma al contrario fa degli
esseri umani degli individui migliori. Perch solo quando si ha qualcosa di prezioso da
perdere, quando si lotta rischiando, si dei veri rivoluzionari. Non si pu sposare la
causa ed inaridire i propri sentimenti dimenticando limportanza degli affetti nella vita
privata. Proprio il saggio direttore del Colegio Moderno, che si congeda da Floreal
diciottenne, sbaglia elargendo un consiglio che Floreal mai seguir; gli suggerisce di
lasciare da parte gli affetti per poter abbracciare pienamente la causa proletaria. Ma sar
Floreal che dimostrer che lindividuo che si concede solo ad una passione, sia essa
larte, la scienza o la rivoluzione proletaria un uomo a met se non conosce sentimenti
verso i suoi simili.

Para ser un buen revolucionario es preciso estar muy equilibrado y


no descuidar ningn factor. Ese abandono de la familia que he visto
en algunos, creyendo que con la revolucin material todo se arregla,
ha producidos grandes males.
177
178

Ibidem, p. 120
Ibidem.

107

La revolucin material es ineficaz si no se ve secundada por la


emancipacin de las conciencias. Nosotros entonces con nuestros
globos y nuestras bombas, podamos destruir toda la Rusia, pero los
rusos, como los hijos de Karakoff se hubieran creado nuevos tiranos
y an hubieran maldecido a sus libertadores. Con menos bombas y
con ms conciencia individual, la revolucin hubiera sido un hecho;
lo sera, no solo en Rusia, sino en todo el mundo.179

Floreal lungimirante, comprende che la lotta per migliorare la situazione


umana a scala globale deve cominciare dal particolare. La rivoluzione deve essere fatta
nel mondo con la famiglia, la liberazione della coscienza prima della soddisfazione del
miglioramento materiale. Non bisogna tralasciare le nuove generazioni, che, se
trascurate possono rivoltarsi, essere manipolate per diventare i nemici del progresso
domani.

Y mientras la familia est constituida tal como est, no debemos


abandonarla, porque si la abandonamos el enemigo la convertira en
instrumento contra nosotros mismos. Es preciso pues hacer a un
mismo tiempo, la revolucin de las conciencias, empezando por
nuestras casas y la que hicieron nuestros globos en Tobolsk. 180

In pratica ce lo dimostra con leducazione impartita ai figli, che possono


esprimere sentimenti e dubbi in qualsiasi momento senza nessun timore, senza remore,
che possono interrompere un racconto per poter soddisfare quellimmensa curiosit che
caratterizza le giovani menti mai sazie di novit: Dejadle que cada cual exprese lo que
sienta , que digan cuanto se les ocurra y que interrumpan cuantas veces quieran. Solo
con esta libertad se conocen las almas y no se acostumbran al disimulo, que es el primer
eslabn de la hipocresa y del engao.181 Ed ancora: Es preciso, pues pasarle por
delante el entendimiento la imagen de la justicia par que el clich se vaya grabando en
su mente182
Urales mette in pratica le teorie delleducazione libertaria, focalizza la base della
pedagogia moderna di Ferrer, la scelta dellargomento, la laicit e la relativit, la
scientificit e lo sviluppo dellindividuo pi che la formazione del professionista. La
179

Ibidem, p. 133.
Ibidem.
181
Ibidem, p. 126.
182
Ibidem, p. 129.
180

108

spinta verso una mentalit personale ed un punto di vista indipendente sono gli obiettivi
di questa educazione, non un cumulo sterile di nozioni incanalate verso le specifiche
discipline. Lo studio delle basi delluniverso in continuo cambiamento, le teorie dei
pensatori nella storia umana, insieme alle domande che ognuno individualmente si pone
sullesistenza e sul destino umano sono la base della conoscenza che porta allutopia in
continua evoluzione.
Urales ne approfitta per dare spazio ad ogni tipo di buoni principi; dato che il
romanzo doveva essere prevalentemente destinato a giovani e giovanissimi, cerca di
trasferire i suoi sentimenti egualitari alle nuove generazioni. Parla di uguaglianza degli
uomini, di comprensione del diverso, non perde occasione per ricordare che siamo tutti
appartenenti alla razza umana: Para nosotros, todos los hombres pertenecen a una
religin, a la del bien, y a una raza, la humana. 183 La nazionalit, il colore della pelle,
la religione, non devono essere ostacoli e parla a proposito degli ebrei: Lo que tienen
los judos son dos condiciones que econmicamente, pronto les coloca encima de las
otras razas, y estas dos condiciones son, actividad y buena administracin [] el vulgo
se empea en llamar judos a cuantos proceden de familia juda, aunque no profesen la
religin de sus mayores [] advierto que con los judos o con los individuos de
procedencia juda, se puede ir a todas partes. No he visto persona ms serias en el
cumplimiento de su palabra, ni ms leales con sus amigos.184
Floreal (e il suo creatore) non solo nemico dellingiustizia, del borghese
sfruttatore, sopratutto ostile allignoranza e al pregiudizio che combatte in ogni
maniera possibile, attuando nel locale, con tutto il suo intorno, i colleghi, la famiglia, i
figli suoi e quelli altrui che in vecchiaia lo circondano.
Ormai senile Floreal, ancora cosciente, diventa il nonno, abuelo, di tutto il
vicinato; un mito vivente nella sua comunit e con le sue parole e il proprio coraggio
continua ad irradiare vita. Diventa la preoccupazione del prete quella di poter portare
lanima del rivoluzionario tra quelle affini alla chiesa. Come sappiamo Floreal dar
durissima battaglia al cura, il quale sconfitto su tutti i piani non pu che essere
allontanato per sempre dal nostro eroe.185

183

Ibidem, p. 20.
Ibidem, pp. 134-135.
185
Vedi cap. II, pp. 62-65.
184

109

Sol, Vida, Placer e Amor cresciuti nel medio de la naturaleza, del trabajo y del
saber186, diventati uomini, continuano la condotta del genitore che lascia il pi grande e
prezioso insegnamento prima della sua decadenza fsica.
Lasciamo il testamento di Floreal come fine di questo lavoro a parlare del futuro
delluomo, leloquenza dellindividuo libero basta per aprire le porte a molte
generazioni a venire:

Vais a gozar de la vida y del mundo les deca, y deseo contaros


lo que de la vida y del mundo pienso. No hipotequis vuestras
palabras ni vuestras pasiones; sed siempre moralmente libres. Libres
hoy para serlo maana; libres maana para serlo siempre. Huid de
los que hablan mucho si queris hacer algo en la tierra. No
emprendis obras que necesite ayuda ajena; haced aquello que
podis llevar a trmino por vuestras propias manos. Si la ayuda
viene, bienvenida sea; pero evitad que por falta de apoyo no podis
hacer los que os hayis propuesto. Digo como Shakespeare: las
palabras son hembras, los actos son machos: sed vosotros siempre
machos, es decir obrad siempre. Vale ms un error en accin, que
una verdad hablada.
Tenis el nimo siempre bien templado. La naturaleza os lo templ
con su sol, su aire, su agua. Esgrimid ahora esa fuerza hacia fuera,
por el ideal; hacia dentro por el placer: Cuando os sintis
quebrantados, aqu estoy yo, que soy, para vosotros, el ideal futuro,
esto es, el apoyo mutuo y el consuelo mutuo. No os faltarn motivos
de pena, mas, como sois fuertes, los motivos de pena solo producirn
en vosotros ansias de emancipacin moral; no desengaos ni
desilusiones, porque no puede recibir desengaos ni desilusiones el
que lucha por un bien y una justicia cuyo centro est en s y no lo
reconoce en nadie ms que en s.Ahora a vivir y a luchar.187

186
187

Ibidem, p. 142.
Ibidem, pp. 142, 143.

110

[fig. n. 2]

IV. ACRACIA, LUTOPIA E IL SOGNO.


3.1 LUTOPIA NECESSARIA
Lanarchismo spagnolo rappresenta una componente fondamentale, decisiva
allinterno del movimento operaio iberico e probabilmente dellintera societ iberica.
La sua diffusione come si detto avviene in maniera del tutto naturale, tant che anche
Fanelli e Malato pensano che la Spagna (in cui le teorie federaliste sono gi ampiamente
diffuse e condivise) sia gi anarchista prima ancora della venuta a conoscenza degli
ideali di Bakunin. Cerano tutte le premesse in un contesto abbondantemente agrario e
fortemente individualista, della fioritura dellideale libertario che poi prese piede con
tanta facilit.
Dallarcaica ed agraria Andalusia fino alla pi industrializzata Catalogna, la
Acracia (che significa appunto mancanza di governo), divenne in un periodo storico ben
determinato (1870-1939) il sogno di buona parte del proletariato iberico.
Nella penisola iberica la componente Bakuninista fu maggiore e decisivamente
pi prolifica di quella socialista e comunista. Il socialismo idealizzato in Spagna fu pi
libertario che marxista-riformista, doveva fare a meno della politica ed agire dal basso.
Con unattitudine rivoluzionaria al massimo delle sue forze il proletariato
disegn, o meglio tratteggi, una futura e fortemente desiderata societ egualitaria. Gli
anarchici spagnoli delle origini, in altre parole, seppero costruire uno schema utopico al
margine della politica, ove lintero disegno del futuro dipendeva da un ordine armonico
111

post-rivoluzionario sociale, fondato sulla solidariet (un termine chiave questultimo),


puntando sulle virt naturali delluomo coniugate alla fede in un progresso capace di
liberare dalle diverse schiavit generate dal lavoro, operando per preparare la possibile
culla di una nuova era.
Un sogno non troppo lontano in un certo senso, visti gli esperimenti di
collettivizzazione, sopratutto in Catalogna, unutopia per molti.
Per uneccessiva distanza dal reale sopratutto, gli anarchici vengono definiti
utopici fino anche allattualit. La sconfitta del movimento operaio durante la
rivoluzione degli anni Trenta fu una dissoluzione dellutopia. Questa sconfitta, secondo
lo stesso versante anticonservatore di diversa fede, fu dovuta proprio a questa distanza,
prima di tutto dalla vita politica, o meglio, del suo stesso rifiuto, della conseguente
mancanza di una coscienza di classe, di un estremo individualismo, e dellassenza di un
vero programma riformistico.
Tutto ci comunque perfettamente comprensibile e di conseguenza coerente
dal punto di vista filosofico acrata, una filosofia che come si detto non soltanto
forma di pensiero, ma una vera maniera di vivere il lavoro, gli affetti, la realt, la vita
insomma, in tutte le sue sfaccettature. Coerente lo perch la visione di estrema libert
dellanarchico non prevede nessun dogma, se non quello stesso dessere liberi, di vivere
nella maniera pi naturale possibile.
Il progetto di una nuova societ pur sempre vago, accennato, perch soggetto
al divenire degli eventi. Non viene descritto a fondo, non c nessun tipo di manifesto o
di regolamento che possa decidere e dirigere le sorti dellumanit nellutopia anarchica.
Nelle menti di ciascuno poteva esserci la giusta via da seguire, perci veniva plasmata
lidea di una societ migliore con laiuto di tutti, senza nessuna intromissione dallalto.

Si por utopa entendemos la construccin ideal, elaborada hasta


niveles verdaderamente minuciosos, de una organizacin social
perfecta, podramos negar el utopismo de los anarquistas espaoles,
ya que no es habitual encontrar en ellos este tipo de respuesta al
problema de la organizacin de la sociedad futura. Ahora bien: la
utopa ha adoptado igualmente la forma de visin feliz,
descripcin en forma narrativa de una serie de actos rituales, es
decir tpicos y significativos socialmente- propios de un modo de
vida dichoso que inmediatamente se nos presenta como ideal. 188

188

Jos Alvarez Junco, La ideologa poltica del anarquismo espaol (1868-1910), Op. cit. p. 311.

112

Come relatar questa utopia? Come poter descrivere ci che cos vago da non
poter esser definito nei dettagli? Come dare corpo a questa visione felice? La
partecipazione stessa degli uomini alla vita far s che lutopia prenda corpo, cos com
per la rivoluzione dalla quale scaturisce, in cui necessaria la forza di tutti: dalla
barricata allarticolo di giornale, dal lavoro manuale allintellettuale non vi saranno
barriere nella nuova utopia.
Viene data la possibilit di descrivere questo sogno, di metterlo su carta e
poterlo condividere grazie alla nascita e la divulgazione delle riviste, per mezzo degli
atenei libertari che si preoccupavano dellalfabetizzazione del popolo, grazie ai
certamen socialisti; qui infatti che vengono fuori le descrizioni di quella forma di
societ utopica tanto anelata, cantata, amata; qui i sogni vengono raccontati per
diventare speranze comuni.
Tratteggiarla, descriverla, raccontarla sar dunque compito di tutti; non importa
se manchino i mezzi, un adeguato vocabolario, e se la struttura sintattica risulti carente,
limportanza sta nellintravedere tutte le potenzialit di questo progetto, basti che sia
tinto con i colori della rivoluzione, descritto con lardore dellappassionato amante di
Libert.
Le difficolt allapproccio letterario dellutopia, come si visto, non mancano.
Gli strumenti del raccontare lutopia anarchica, larmamentario propagandistico del
tempo, si scoprono spesso essere quelli di un mondo che fatica a staccarsi dal proprio
tradizionale passato -e lo si vede chiaramente nel campo del disegno e della poesia-,
esso utilizza strumenti e linguaggi correntemente impiegati dalla parte avversa, dalla
borghesia, dal mondo religioso e dal capitalismo.
Si parlato di infraletteratura a proposito, un sottogenere letterario, surrogato
di politica-storiografia-propaganda-intrattenimento, comunque di un fenomeno estraneo
agli altri paesi dellemisfero occidentale, di un mondo di teorici tipografi, artsiti operai,
di poeti contadini e di romanzieri manovali.
Ma la prassi anarchica spagnola recupera questo apparente svantaggio e fa della
sua arte una ricchezza popolare. Per i libertari lartista aveva il privilegio di
preconizzare ed anticipare nella sua opera la nuova societ, assumendo una qualit
prometeica, vera captazione delle idee di libert e fratellanza, in grado di sopportare lo
sforzo diffusore materializzatosi nella rivoluzione intellettuale che precede quella
sociale.
Un impegno individuale che una ricerca di un proprio stile, che non si
113

trasforma in nessuna estetica (se non nella maturit del Novecento), ma che cerca di
contaminare il gusto imperante, con uno stile pi preoccupato delle idee che della
sintassi propria dello strumento espressivo via via utilizzato.
Gli anarchici spagnoli utilizzano la parola, lo scritto, in due filoni principali,
ovvero il racconto utopico classicamente inteso (che come vedremo ha in Spagna
precise regole) ed il mezzo poetico, che sfocer poi nel periodo rivoluzionario a
strumento principe (con il teatro) di espressione utopica. Un settore importante quello
della poesia, se si calcola che durante la guerra di Spagna gli anarchici risultarono autori
di circa la met dellintera produzione poetica della guerra di parte repubblicana,
ammontante a circa 9.000 componimenti poetici apparsi solamente sulla stampa
periodica, a firma di oltre 3.500 autori diversi. 189

3.2 IL RACCONTO UTOPICO


Se, nel caso dellarte letteraria, si pu parlare di infraletteratura, il capostipite
della letteratura utopistica libertaria per un autore ben noto, Pi y Margall, che nel
1854 aveva scritto La Reaccin y la Revolucin, descrivendo la societ libertaria
sostituente la sovranit del popolo con quella dellindividuo e lidea del potere con
quella del patto. Questa ha poco a che vedere per la verit con lopera di Fourier, che in
Spagna era comparsa solamente un decennio prima, tradotta a Barcellona nel 1842. Ma
una base a cui si ispireranno gli autori e gli artisti che seguiranno a partire dalla visita
compiuta dallitaliano Giuseppe Fanelli nel 1868, emissario dei fermenti europei e
ritenuto (con qualche ripensamento storiografico recente) primo iniziatore del
movimento anarchico spagnolo.
Molti sono i brevi racconti che vedono la luce negli ultimi quindici anni
dellOttocento: un breve sunto ed alcune puntualizzazioni sembrano opportune, per
comprendere ruoli e strutture degli stessi nella formazione di un substrato comune al
militante anarchico ed alla formazione di una idea, di cosa si intendesse per societ
futura. Soprattutto, scritti che predispongono e accompagnano -col metodo proprio del
racconto di anticipazione- gli altri strumenti utilizzati dal movimento anarchico
nellambito della propaganda e della diffusione della societ futura, utopia dai difficili
confini ma dalla certa efficacia.
189

Serge Salaun, Teoria y practica del lenguaje anarquista o la imposible redencin por el verbo, in El
anarquismo espaol y sus radiciones culturales, Op. cit, pp. 324-334.

114

Il racconto Pensativo! 190 di Juan Serrano y Oteiza (1837-1886), presentato al


primo Certamen socialista191 nel 1885, rappresenta forse la prima esposizione di una
societ utopica dai chiari connotati anarchici, in cui letteratura e ideologia sintersecano
in un sommario che prevede tre piani distinti: la critica della societ esistente, la presa di
coscienza dei protagonisti e la descrizione della societ futura. Questultima viene
tratteggiata con forza, il racconto si basa su quattro punti chiave: autonomia,
federalismo, patto sociale, propriet collettiva. Con una particolarit suppletiva, voluta
forse per imprimere un maggior peso didattico, ovvero un racconto utopico che per
rende esplicite due incognite classiche della composizione utopica: la localizzazione
temporale e spaziale.
Pensativo! infatti collocato espressamente nell'ultimo periodo del regno di
Isabella II, quindi un racconto che spazia nel decennio 1875-1885, significativamente in
epoca di piena restaurazione. La localizzazione geografica altrettanto esplicita: una
valle del nord spagnolo, presso Santander. Ma se i punti cardine sono chiari e tutto
sommato condivisi e noti, il nucleo dellutopia si sviluppa intorno a tre innovative
categorie: il potenziamento delleducazione integrale, la ricerca di un uomo nuovo e una
economia dellabbondanza. La ricerca delluomo nuovo, inteso come persona istruita, di
scienza, come motore del mutamento verso una societ diversa, viene introdotta
dallautore attraverso il dispositivo narrativo del viaggio iniziatico a Cuba, che appare
chiaramente contaminato dalla tradizione del libro di cavalleria della letteratura
spagnola. Nellisola incontrer i testi di Proudhon e un principe russo, figurazione
impersonale di Bakunin, qui in viaggio con propositi scientifici.
Leducazione integrale -nel racconto- la base su cui nasce e si sviluppa la
societ futura. Tutti frequentano la scuola, operai e giovani, agricoltori e famiglie: qui
che si spiega e si divulga il nuovo sistema economico, senza di essa sarebbe stato
impossibile il cambiamento. Lelevata scolarizzazione quindi il mezzo rigeneratore, il
motore e lelemento riformatore, caratteristica degli uomini nuovi, gli uomini della
societ futura: primo sforzo della societ sar quindi la costruzione di scuole. Il
procedere economico basato sulla collettivizzazione della terra, primo passo a cui
segue la costituzione di una commissione di corrispondenza di carattere amministrativo
e un centro di statistica, che stabilisce il punto di equilibrio fra domanda e offerta e
190

Morales Muoz Manuel, Pensativo de Serrano Oteiza ejemplo de literatura anarquista, Nueva
Revista de Filologa Hispanica, 1, 1990, pp. 34-46.
191
Circa le vicende dei Certamen socialisti spagnoli e degli scritti ivi presentati, cfr. Morales Muoz 1992
e Morales Muoz 2002.

115

guida il lavoro. Infine le assemblee dei lavoratori, che sono in relazione con i due centri
per ottenerne indicazioni e i mezzi di sostentamento.
Uno schema collettivista semplice, che conduce in valle alleconomia
dellabbondanza, verso una prosperit sempre crescente. Solamente dal raggiungimento
di questo sistema appare possibile accedere alla nascita di una societ libera ed
egualitaria, in cui si vince la precariet, la paura della perdita del lavoro e si coprono i
fabbisogni individuali.

UNA NUOVA UTOPIA PER UN SECOLO DORO


Il secondo e pi famoso Certamen socialista del 1889 loccasione per la
creazione di nuove utopie letterarie. Il convegno prevedeva al suo interno anche un
settore espressamente dedicato al tema: Il secolo doro. Narrativa filosofica o quadro
immaginario e descrizione dei costumi in piena anarchia o nella societ del futuro. Vi
parteciparono solamente tre lavori (dei 63 complessivi suddivisi in unaltra quindicina
di temi proposti). Si tratta di La Nueva Utopia, di Riccardo Mella, El siglo de oro, di
Miguel Burgus e Filantropoli di Jos Cascales y Muoz. Questultima appare per la
verit decisamente collaterale al tema proposto, raccontando in realt di una sorta di
futuro ordine religioso impegnato nella cura di operai attivi in un centro minerario. Per
quanto riguarda le prime due opere, vi una notevole differenza, nello stile
desposizione, tanto pi semplice il secondo del primo, come nella sua estensione.
Il tema viene trattato in maniera spicciola, ma non scontata da Burgus, la
carenza di dettagli della vita del suo nuovo mondo non ci permette di focalizzare il
tipo di societ, di certo conosciamo il regime che la regge: quello della libert.
Nel Siglo de oro si prende spunto da una storia di coppia per poi poter accennare
i connotati di questa societ. Ci che colpisce nel racconto il tenore di vita pieno e
soddisfacente degli individui e larmonia dei rapporti sociali.
Il racconto poi una parabola a favore dellamore libero in cui la donna ha le
stesse funzioni e la stessa forza delluomo.
La Nueva Utopia invece, dellallora giovane tipografo Ricardo Mella, che
diverr il principale teorico dellanarchismo spagnolo, riporta in maniera pi dettagliata
lo stile di vita della sua particolare Arcadia.
116

Lautore non si risparmia nel commentare e lodare la vita della nuova utopia
quale sistema sociale di una sensillez admirable 192. I suoi principi fondamentali
sono essenzialmente due: libert, uguaglianza. Lopera consta di unintroduzione teorica
antimaggioritaria piena di riferimenti a vari movimenti riformisti: il cristianesimo, le
teorie democratiche, le scoperte di Galileo, Copernico, Newton. Il libro descrive la
nuova societ con scarsa, o meglio nulla partecipazione di personaggi, si tratta pi che
di un romanzo o novela, come nel caso del primo, della descrizione pura della societ
libertaria, di propaganda della societ in cui la funzione del governo propia de cada
uno.
Vediamo in parallelo le due opere le quali, bench differenti tra loro, presentano
varie analogie in prospettiva di una societ piena, felice, armoniosa.
Geograficamente parlando, lautore de El siglo de oro non specifica dove si
svolgano le azioni dei personaggi; sappiamo che i protagonisti viaggiano verso un luogo
balneare che potrebbe essere identificabile con qualunque citt o paese marittimo, si pu
dedurre quindi che lintera societ sia costruita sulla stessa base libertaria.
Mella invece, come pure Serrano y Oteiza, esplicita la posizione geografica della
narrazione, Nueva Utopia in concreto sita in un villaggio a orillas del mar, en el
Cantabrico193, mentre la sua inserzione temporale anticipa una formula poi
particolarmente cara agli utopisti spagnoli e non solo: la nascita in altre parole di una
nuova societ a partire da una catastrofe naturale capace di azzerare lesistente, in piena
analogia con la rivoluzione, da intendere come azione naturale per il mutamento
radicale.
Come vediamo la concretezza del luogo geografico, si differenzia dalle varie
utopie colte, le citt mitiche, le isole, vengono sostituite da luoghi appartenenti al
mondo reale, anche se differente da quello effettivamente conosciuto, esso viene prima
distrutto e poi ricostruito, rigenerato.
Lo schema classico ma non troppo: la calamit non lascia il posto al caos, ma
apre viceversa un periodo di innovazioni e trasformazioni. Soppressa la famiglia, abolita
la propriet privata e scomparso lo stato, Nueva Utopia si costituisce in una cittadina ex
novo, una comunit senza i vizi del passato, assestata sopra una nuova planimetria
urbana, ove compaiono in tutta la loro modernit dirompente lacciaio e lenergia
elettrica.

192
193

Ricardo Mella, La Nueva Utopia, in El cuento anarquista, Op.cit. p. 235.


Ricardo Mella, Nueva utopa, Op. cit., p. 217.

117

Larchitettura coincide nella visione delle due narrazioni, lo spazio abitabile


ampio, igienico, piacevole, umano. Sparisce lalienante agglomerazione urbana, per far
posto ad alloggi ampi, funzionali e circondati da un verde rinfrescante.

La tierra pareca un inmenso Jardn sembrado de casitas hermosas,


de todos los dibujos imaginables y colores de una rica paleta. 194

Nella semplice ma edenica visione che dallalto si ha nellutopia di Burgus il


verde il colore principale:

Cuanto la vista alcanzaba no se vea ni un grupo de casas juntas,


todas separadas, rodeadas de arboles, flores y bosquecillos de
frutales.195

Le case sono fatte di cristal y acero bruido, preparado de cierta manera que no
se oxidaba196. Mella con maggiore forza e richezza espressiva ci presenta la pianta
della sua citt:

Los caracteres distintivos de la gran ciudad son el hierro y la fuerza


elctrica aplicada prdigamente a todas las combinaciones
maravillosas de la mecnica. El amontonamiento de las viviendas, la
lobreguez de las habitaciones, el reducido espacio y el acotamiento
de las alcobas, el inmundo contubernio del basurero y la cocina, el
dormitorio y el comedor; la caprichosa alineacin de las calles, todos
los restos del sistema antiguo han desaparecido en absoluto de la
Nueva Utopa: en su lugar se han levantado grandes edificios
perfectamente alineados, separados por pequeos jardines, donde
juegan tranquilamente los nios de la vecindad. Una parte de la
ciudad est dedicada exclusivamente a las viviendas, y al otro lado
se ven tan slo inmensa fbricas, talleres, granjas de labor en las
afueras, grandiosos mercados, conjunto hermoso y grandilocuente de
todas las manifestaciones de la actividad humana, el trabajo. Los
edificios dedicados a viviendas satisfacen a todas prescripciones de
higiene y de la ciencia: espacio suficiente, aire y luz abundante, agua
por doquier, surtidores elctricos para los servicios mecnicos,
194

Miguel Burgus, El siglo de oro, in El cuento anarquista, p. 205.


Ibidem.
196
Ibidem, p. 206.
195

118

ingeniossimos aparatos de calefaccin, limpieza y seguridad. Las


escaleras han desaparecido, y en su lugar sencillos y magnficos
ascensores prestan automticamente sus servicios a todos los
vecinos. La piedra o el ladrillo y el hierro han desterrado la madera.
La maquina ha suprimido el servicio domstico: cada uno puede
servirse a s mismo sin molestia. La separacin de los edificios por
medio de jardines ha anulado los efectos insanos de la aglomeracin
de las grandes ciudades. Todo es nuevo, bello, magnifico. Las
diferencias no existen: el palacio y la cabaa se han fundido en el
edificio moderno prescrito por la ciencia. 197

Unattenzione quindi alla pianificazione urbana, poich larchitettura conteneva


per gli anarchici una missione liberatoria immediata, arte sociale per eccellenza sino ad
allora alleata della borghesia.
Compaiono anche attenzioni per leliminazione delle barriere architettoniche,
per la creazione di avenidas por un trafico continuo, anche se viceversa non una
parola viene spesa per spiegare quali attivit economiche e produttive si svolgono in
Nueva Utopia. Una piena fiducia nella scienza e nella tecnica come alleate per la
completa liberazione delluomo, secondo un altro dei modelli classici di una parte
dellanarchismo spagnolo delle origini.
Sono acciaio e vetro che sostituiscono inesorabilmente il legno, mentre lenergia
elettrica regna sovrana nella vita di ogni uomo, rende piacevole qualsiasi tipo di faena,
Le faccende domestiche e la produzione vengono rese semplici e godibili grazie alla
scienza, lenergia elettrica sostituisce carburanti fossili, la forza umana e luso degli
animali nellagricoltura.
Tipico nel racconto danticipazione anarchista la presenza non oppressiva ma
ottimistica della tecnologia, bando quindi al primitivismo; ad esempio, secondo Burgus
il cielo solcato da aerostati che facilitano al massimo la mobilit, il lavoro
semplicemente svolto dalle macchine per cui luomo ha il solo compito di
supervisionarlo ed ottimizzarlo.
Nei racconti utopici la giornata lavorativa relativamente corta: nell Utopia di
Moro il lavoro occupa una piccola parte della vita umana, in Walden di Skinner sono
solo quattro le ore dedicate allattivit quotidiana; nel Siglo de oro, il tempo occupato in
mansioni produttive si limita alla decima parte del giorno e ognuno sceglie la propria,

197

Ricardo Mella, Nueva Utopia, Op. cit., p. 221.

119

senza obbligo alcuno, secondo le proprie possibilit e attitudini. Tutto questo in barba a
chi pensa che unintensa attivit lavorativa tenga luomo lontano dalla noia.
Viene eliminata completamente qui la specializzazione professionale, sorta di
schiavit inventata dai borghesi per mantenere il lavoratore sempre pi estraneo al
prodotto e alle sue unit differenti, ognuno diviene potenzialmente capace di occupare
qualsiasi funzione: No haba obreros dedicados a una especialidad, cada uno escoga al
dia lo que ms le agradaba y pocas veces se necesitaba excitar la atencin de los mismos
para que dedicaran su trabajo a una labor determinada. 198 Il faticoso lavoro dei campi
viene qui addirittura festeggiato, come se ogni volta si trattasse di una gita di piacere,
unescursione, per cui si approfitta al massimo di un lavoro in cui utile e dilettevole
diventano una cosa sola.
Non si specificano nei due racconti le tecniche di produzione, si fa solo cenno ad
una tecnologia inarrestabile, alleata delluomo. La produzione in ogni caso
sovrabbondante nelle visioni utopiche, ritroviamo infiniti mercati colmi di ogni bene e
magazzini sempre pieni.
Ne La nueva utopa, la societ rigenerata in un nuovo ordine moral y laboral
dove il lavoratore riceve il prodotto del proprio lavoro -formula alquanto ambigua che
evita la polemica tra collettivismo e comunismo-. Lindustria rappresenta il connubio
scienza e collettivit umana, che unite permettono labbondanza di produzione,
leliminazione dellumiliante, degradante, inumana fatica e in fine la felicit. La
produzione collettiva attrae gli uomini nellunire le proprie forze, legoismo viene
completamente messo da parte e i vantaggi ne risultano evidenti.
Daltra parte lo sviluppo dellindustria di pari con la scienza, rende necessarie le
specialit insieme con una meditata divisione dei compiti che aumentano la produzione
e la migliorano a cambio di un piccolo sforzo delluomo.
Sparisce anche in questo caso lesasperata specializzazione:

Ha desaparecido, s el obrero de las minuciosidades, la especialidad


exageradas, exasperada por las ambiciones de los explotadores,
porque esta ambicin se ha trocado en loable estmulo de hombres
libres por el bien general, y una ms perfecta instruccin le permite
ensanchar, a la vez que la esfera de sus conocimientos cientficos, la
de sus aplicaciones necesarias. Las asociaciones se fundan

198

M. Burgus, El siglo de oro, Op. cit., p. 210.

120

generalmente en la cooperacin libre como ms apropiada a la


199
naturaleza humana y a los fines sociales.

La cooperazione ingrediente fondamentalmente necessario allo sviluppo


economico sufficiente alla soddisfazione di tutti i bisogni, gli industriali isolati, los
empresarios capitalistas vengono sostituiti dalla forza comune delluomo, non esistono
societ di azionisti ne dividendi, dato che dallassociazione libera, tutti ne traggono
giovamento.

La comunidad, como la explotacin individual, constituye la


excepcin. Por aquel otro sistema o procedimiento nadie se obliga a
ms de lo que puede o quiere, y sin mermar la fuerza colectiva, se
encuentra siempre dueo de s mismo y en actitud de modificar las
condiciones del contrato o de romperlo para reconstruirlo con otro u
otros. En las grandes fbricas estas agrupaciones se subdividen en
secciones, segn la naturaleza del trabajo, y cada una se asigna su
faena y se organiza conforme a los fines de la misma. El ingenio, el
fundidor, el ajustador, todos concurren y cooperan a un mismo fin
en la esfera de su especialidad, y se completan sin necesidad del
amo, del seor feudal de la industria en otros tiempos.200

Non solo lindustria ma tutti i campi di produzione, anche quello artistico,


suddivisi in federazioni, espletano il fabbisogno intero della societ. I loro conflitti
interni sempre risolti por y para la libert. Queste federazioni non hanno una sede, un
luogo geografico ben distinto, non si limitano allesclusivismo di una citt, ma
collaborano in maniera parallela con tutte le altre citt circostanti ed incrociata con le
federazioni dei diversi campi in mutuo accordo per poter soddisfare quelli che in realt
si traducono in interessi comuni.
Leducazione, basata su inclinazioni naturali dellindividuo e la medicina
gratuita permettono leliminazione delle disuguaglianze tra gli uomini e la scomparsa di
odiate istituzioni, quali lospedale e la prigione.
Linsegnamento viene fatto sotto forma di gioco ed ognuno libero di scegliere
ci che preferisce apprendere secondo le attitudini personali e le curiosit del momento,
secondo il lemma cui, tutte le intelligenze sono potenzialmente uguali, ma che per
199
200

Ricardo Mella, El siglo de oro, Op. cit., p. 237.


Ibidem.

121

natura vi sono sempre delle inclinazioni, delle disuguaglianze derivanti dalle attitudini
personali. Le manifestazioni dellintelletto possono essere differenti, mentre le cause
rimangono identiche per tutti.
Lozio rappresenta una parte della vita importante tanto quanto quella dedicata al
lavoro, lo studio diventa piacevole passatempo, la biblioteca ed il museo non sono pi
inaccessibili, sono anzi i luoghi preferiti per fare ginnastica intellettuale.
Nel Siglo de oro, la biblioteca addirittura attigua al posto di lavoro ed ognuno
pu accederne: Cuando estaba todo ocupado y alguien esperaba turno, haba una
espaciosa biblioteca donde pasar los momentos sin cansancio ni hasto. 201
Il museo ideato da Burgus contiene delle opere dai titoli terribili, ma che
provocano ironicamente un sorriso -amaro-. Barbarie e incuisicin mostra la crudelt
del lavoro in fabbrica del ventesimo secolo: la fatica estenuante, le condizioni igieniche
pietose; la malsana vita operaia viene vista con orrore e distanza dai futuristi
personaggi, e ancora in Reinado del ridculo y salvajismo del siglo XIX, vengono
rappresentate le stravaganze della moda borghese del passato: corsetti, tacchi e
copricapo che un tempo avrebbero mosso invidia sono qui bersaglio di scherno: Todo
inspiraba lstima por las generaciones que se sometieron a tan extraa como brbara y
ridcula tirana 202.
Scienza e arte smettono di essere un mistero per i pi e sono alla portata di
quanti curiosi: Ya no hay, pues, castas entre los hombres. Todos gozan de las
comodidades materiales, de los placeres artsticos, de los goces del estudio y de la
ciencia. Todos son esencialmentes iguales.203
Leducazione civica smette di essere una preoccupazione dato che
responsabilit individuale, nellinteresse collettivo ligiene e lordine, valori che
vengono infusi sin dalle pi giovane et mediante il gioco e lo sport.
A differenza delle pi famose utopie del passato, lutopia di stampo anarchica
non ha -naturalmente- leggi che reggano la societ. Si tratta di una visione di una societ
non conflittiva, non c regolamento del lavoro, ma nemmeno un codice, una
costituzione. I tribunali non hanno pi ragione desistere: la seguridad social contra el
ataque de un semejante es innecesaria y sobra asimismo la consiguiente organizacin de
la justicia.204
201

M. Burgus, El siglo de oro, Op. cit., p. 210.


Ibidem, p. 213.
203
R. Mella, Nueva Utopa, Op. cit., p. 245.
204
Ibidem, p. 249.
202

122

Non ci sono crimini da punire perch spariscono naturalmente i criminali,


conseguentemente si eliminano le pene, le espiazioni, le purghe e qualsiasi tipo di
correzionale; perch rubare infatti quando ognuno dispone di ci che ha bisogno?
E curioso il modo in cui vengono trattati quei pochi ed eventuali nemici della
societ: il criminale non pi tale ma piuttosto un enfermo, un uomo da curare, non
certo da punire.

Ya no hay, pues, criminales; hay contados fenmenos, rara


excepciones de la regla general, y estos fenmenos, estas
excepciones no pueden provenir ms que de un desequilibrio fsico,
intelectual o moral. La naturaleza rompe a veces la regularidad de
sus leyes, o ms bien produce la perturbacin por la intervencin de
un agente extrao a su funcionamiento, y as el individuo, por la
intervencin de un agente cualquiera, quebranta el equilibrio de su
propio organismo y lo perturba. Descubrir este agente para destruirlo
y restablecer el equilibrio, es la nica misin que la sociedad puede y
debe atribuirse. Este agente lleva el nombre genrico de
enfermedad. Los fenmenos sociales son, pues, enfermos, y todo
enfermo necesita ser curado; todo organismo descompuesto,
corregido.205

Sparisce la punizione, la correzione forzata, la galera che da vita solo ad una


spirale di crimini, spariscono galeotti a guardie, si fa posto invece a pazienti e dottori. I
delitti sono sintomi di un malore, non cause della societ, il malato si consegna
volontariamente alle cure.

El principio de la solidaridad social obliga por otra parte a la


curacin del enfermo, y por eso la Nueva Utopa ha creado su
Casa de correccin medica. Los profesores de esta ciencia, los
especialistas en diversas dolencias, no bien definidas, que en otros
tiempos se reputaban como delitos o crmenes, constituyen una
asociacin en alto grado beneficiosa, que es la encargada no por
ajena delegacin, sino por voluntad propia, de precaver a la sociedad
contra los raros ataques de ciertos enfermos para reintegrrselos

205

Ibidem, p. 229.

123

luego como miembro tiles arrancados por la ciencia a un principio


interno de destruccin individual.206

Il malato non viene vigilato, tenuto sotto controllo, imbragato o sedato, ma


seguito affettuosamente nelle normali attivit quotidiane:

La Casa de correccin medica es un pequeo compendio de


cuanto en la vida social necesita el hombre. All se estudia el
enfermo en medio de sus habituales faenas, la inteligente mirada del
hombre de ciencia le sigue a todas partes, y su elocuente palabra le
solicita con cario a fin de obtener exteriorizaciones adecuadas al
objeto perseguido.
El desdichado enfermo goza de relativa libertad, segn lo pernicioso
de su mal, y no se ve privado de cuantas ventajas pudiera ofrecerle la
sociedad. Se traslada de un mundo grande a un mundo pequeo: he
ah todo. Trabaja, estudia, pasea, goza, disfruta, en fin, de la vida.
Cuando se le declara curado, vuelve a la sociedad emocionado,
agradecido a los cuidados de aquellos sacerdotes de la ciencia, de
aquellos sabios que le devuelven a la libertad fsica y social de que
su propio organismo enfermo le haba privado. Es un miembro de la
humanidad, regenerado, que retorna a ella dispuesto a la lucha por la
existencia en fraternal cooperacin con sus semejantes. Lo que no
haba podido realizar la sensiblera de la prehistrica caridad
cristiana, lo realiza el principio sublime de la solidaridad universal
establecido por un ncleo de soadores en la Nueva Utopa.207

Merito della visione anarchica la totale eliminazione della schiavit,


luguaglianza delluomo e della donna sia negli affetti che in tutte le attivit importanti
della vita umana. Non si prende in considerazione la divisione dei compiti e la
supremazia maschile ancora vigenti nelle utopie dei filosofi del passato. Viene eliminata
qualsiasi tipo di competizione e di conseguenza, linvidia viene sradicata, il crimine per
effetto annullato.

206
207

Ibidem, pp. 229-230.


Ibidem, pp. 230-231.

124

LUTOPIA ALLALBA DI UN NUOVO SECOLO


Il principio del XX secolo per il racconto utopico libertario appare segnato dalla
pubblicazione del breve testo titolato Acraciopolis, pubblicato nellanno 1902 dal pi
conosciuto periodico libertario spagnolo, La Revista Blanca. Due le piccole novit
strutturali: la brevit del racconto, in forma agile e caustica, e il ritorno alle forme
classiche dellutopia. Lautore Vicente Carreras, che situa lazione in un territorio
brasiliano non meglio specificato, probabilmente lisola in cui Moro ubic Utopia: un
territorio con uninfinit di boschi impenetrabili, abitato da enormi specie, serpenti,
tigri, leoni e uninfinit di fiere che mettono in pericolo la vita umana. In cui per vi
dimorano circa 5.000 persone, degne secondo lautore di uno studio per il proprio modo
di vivere.
Lo schema -come detto- classico: la fuga dalla civilt da parte di un centinaio
di exploradores, con la citt -cresciuta in 200 anni- sita in luoghi non contaminati dalla
civilt conosciuta e dai suoi vizi. Ancora la ricerca della semplicit, intesa come bont
naturale che si eleva ad armonia fra i cittadini, resa possibile dallassenza completa
dautorit civili o religiose.
Ad Acraciopolis la scomparsa della propriet privata elimina le origini di tutti i
mali, crea ovvero una citt senza leggi scritte, senza denaro, senza preti n giudici,
senza soldati n poliziotti, senza carceri n patiboli, senza ladri n prostitute.
Mentre lorganizzazione volontaristica del lavoro e la tecnica rendono possibile
un aumento della produzione, riducendo anche qui la giornata lavorativa e prolungando
quindi il tempo disponibile per coltivare las artes y ciencias. Lamore libero una
diretta conseguenza dello spontaneismo, senza interventi di alcune morali.
Lindicazione che chiude il racconto riassuntiva della morale sottesa al testo:
Encontraron durante el viaje muchos obstculos y peligros, pero no hay que desmayar,
si tienen valor y perseverancia, llegarn; no hay duda, llegarn.208
Quanto

sinteticamente

accennato

rende

possibile

alcune

osservazioni

supplementari. Nel corso dei decenni anche successivi, la letteratura danticipazione


libertaria spagnola non varia le coordinate delle proprie indicazioni: la forma e lo stile
mutano secondo le sensibilit e le capacit di chi scrive, ma si tratta anche di linguaggi
che faticano a rendere precisa la vaga concezione di un futuro mondo senza autorit,
208

V. Carreras, Acraciopolis, La Revista Blanca, in Utopias Libertarias espaolas, siglo XIX-XX, a


cura di Luis Gomez Tovar, Javier Paniagua, Tuero, Madrid 1991, p 38.

125

basato per tutti sulla libera associazione.


La semplicit e lo spontaneismo sono per tutti il mezzo naturale per raggiungere
larmonia sociale, il volontarismo il mezzo per eliminare lo sfruttamento economico.
Mondi insomma basati su una concezione morale naturale, egualitaria ed antiautoritaria.
In tutte le proposte utopiche si spiega la perdita del senso naturale della societ,
sostituito dal dominio di pochi sulla maggioranza, che ha permesso la creazione dello
stato e delle autorit. Ci ha anche causato la perdita della tendenza -per gli anarchici
innata- alla libera cooperazione, al mutuo appoggio: occorreva recuperare tali perdite
per riportare la societ sullautentico cammino della felicit, poich ad essa che tutti i
libertari utopici si riferiscono nelle loro opere, spesso senza rinunciare allutilizzo del
frasario tipico del tradizionalismo religioso.
Diverso invece il discorso da farsi per Amoria, racconto di Anselmo Lorenzo
scritto nel 1902. Qui lambiente si riallaccia a quello dellisola lontana dal mondo
conosciuto, tipico delle utopie passate. Lisola, infatti culturalmente un luogo ideale,
idillico, terreno fertile (anche per la fantasia) in cui possono nascere e crescere societ
alternative, uomini nuovi e grandi speranze.
Lopez Estrada cerc di identificare nellopera classica della letteratura spagnola
congruenze con la cosidetta letteratura utopica. Anche se non ci sono veri episodi affini
alle utopie di Moro, Bacon o Campanella, riunisce tutti quegli aspetti comuni, debitori a
questi scritti nellopera Cervantina. In primis proprio questo motivo isla/insula, che
caratterizza il luogo, o non luogo e diviene sinonimo di utopia:

En los escritores espaoles de los Siglos de Oro se estableci desde


una fecha temprana una relacin sustantiva entre los trminos isla,
su sinnimo culto nsula y el concepto de utopa como lugar feliz,
donde existen las mejores condiciones de vida, poltica, moral e
incluso fsica209

Lisola di Amora in ogni caso, non scelta arbitrariamente dai suoi abitanti
come posto in cui far fiorire una giovane societ ma come lAmerica di Colombo viene
incontrata per caso, qui per un incidente.
Dei naufraghi sbarcati su unisola deserta vi fondano una colonia, tra di loro vi
sono gli esponenti del governo statale, militare e morale ed una moltitudine di disperati
209

F. Lpez Estrada, Toms Moro y Espaa. Sus relaciones hasta el sigloXVII, p. 66, Del discurso
utpico en Espaa, J. Hiera Calvo, Universidad Complutense.

126

destinati come sempre ai lavori pi umili, per ingrassare il meccanismo del sistema. Da
subito il governo dellisola risulta essere pessimo tanto quanto quello del paese
dorigine, basato su privilegi, disuguaglianze e sfruttamento.
La disperazione, la necessit, limpossibilit del ritorno sono le micce che
accendono la rivoluzione sociale. Una rivoluzione in cui la violenza non necessaria,
essa direttamente dettata dalla logica della vita naturale, los gandules de profesin
scendono al livello del popolo, il popolo eleva il suo status; non esistono pi cittadini di
prima e di seconda classe, ma tutti in comune collaborano alla felicit dellisola.
Soltanto il sacerdote si rifiuta, uomo eletto dal Signore, di collaborare e di dedicarsi
soltanto come uomo uguale a tutti gli altri, con i suoi diritti e doveri, al
raggiungimento di tale felicit e di condividere con gli isolani piaceri e dolori che la sua
ricerca provoca. Curiosamente, viene definito come il criminale della Nuova Utopia:
leccezione della natura, un malato, un povero squilibrato da curare.

La actitud del cura fue la nica nota discordante en la alegra general


de la colonia, pero todos convinieron en que si la excepcin
confirma la regla, un dscolo en una agrupacin comunista es un
infeliz enfermo que tiene derecho, por su impotencia, a la asistencia
de la sociedad.210

Infine gli amoriani, dimenticate le preoccupazioni del passato, raggiungono


quella stabilit e la felicit proprie di una societ armonica e sana, sono disposti a
mantenere relazioni con tutte le nazioni del mondo, ma decisi a morire prima che
vedersi dominati da alcuna. La lotta violenta rimane comunque la soluzione di Lorenzo
per poter giungere in concreto a questa utopia: Por un trastorno revolucionario ha de
pasar el mundo del privilegio para establecerse en el de la Solidaridad el Amor y la
Justicia.211

210

Anselmo, Lorenzo Amora, La Revista Blanca, 6 num. 107, 1 dicembre 1902, in El cuento anarquista,
a cura di L. Litvak, Fundacin Anselmo Lorenzo, Madrid 2003, p. 198.
211
Anselmo Lorenzo, Amora, Op.cit, p. 201.

127

L UTOPIA POPOLARE E QUELLA DOTTA


IL QUIJOTE LIBERTARIO
Lisola, come stato gi detto, identificata con il luogo di salvazione o di
sogno ed anche nella letteratura classica spagnola, tanto pregna di realismo, lutopia ha
il suo posto fra le opere maggiori. La pi grande rimane sempre quella chisciottesca.
Il Don Quijote lutopia per eccellenza, lutopia come esercizio, come pratica
quotidiana el pensamiento utpico llevado a cabo por un hombre embebido de
literatura imaginaria, al margen del mundo, con un carcter trgico en ultimo termino,
porque de la historia se deduce la imposibilidad de cumplir el reino utpico en la
tierra212
Non a caso col termine quijotismo si designa nella cultura ispanica prima, in
quella occidentale poi, qualsiasi azione volta ad uno scopo apparentemente impossibile,
traduzione poi di chimera o meglio ancora del moderno significato di utopia appunto.
La lotta contro i mulini a vento il simbolo della totale mancanza di realismo
per molti, ma non per gli anarchisti.
Il Quijote un esempio retorico nella cultura anarchista: oltre che a
rappresentare quella preziosa letteratura della quale ci si deve alimentare, tesoro
dellumanit, per il suo esempio morale ed estetico, per la sua eclettica funzione
morale\enciclopedica\ intrattenitrice, un simbolo chiave per la letteratura ribelle.
I militanti anarchisti sono come lIdalgo mancego, secondo la visione di Virgilio
Igualada in Los anarquistas213:

Por embarrados caminos,


a veces por carreteras,
caminan los anarquistas
buscando pueblos y aldeas
para llevar al que sufre
algo que alivie sus penas.
Parecen nuevos Quijotes
cruzando por tierras manchegas[...]

212

Javier Huerta Calvo, Del discurso utpico en Espaa, Dicenda, cuaderno de filologa hispnica,n 2.
Virgilio Igualada, Los anarquistas, Romancero Libertario, in La cultura anarquista a Catalunya,
Op. cit., p. 275.
213

128

Sono rappresentanti del bene, che come il cavaliere errante non sopporta le
ingiustizie e rimette tutti i torti nel cammino incontrati, viene ripagato con la solidariet:

Como l desfacen entuertos;


le dan su pan y su abrigo,
sus saberes y experiencias,
sus sentires de hombres libres
que dignifican y elevan,
y como el Sublime Loco,
dan sus vidas por la idea. 214

Questa similitudine con il Sublime Loco non casuale, la locura la malattia, la


degenerazione che i borghesi e i politici affiggono allanarchista, pazzo criminale e
utopista insieme.
Gli insegnamenti del Sublime loco sono indirizzati alla giovent; Don quijote
uno dei testi scelti nelleducazione del giovane libertario, a proposito Joan Ferrer si
esprime sul Cavaliere dalla triste figura: Sin ser oficialmente prohibido, D. Quijote ha
visto su vida mermada en pocas en que las autoridades caverncolas de muchos pases
han cuidado mucho de marginarlo. Sin embargo cuenta con los tres o cuatros bestsellers mundiales y sigue a la Biblia. [] Pero no cabe ninguna duda que entre la
Biblia y Don Quijote el best-seller de seriedad y nobleza recae en este ltimo. Porque
todas las enseanzas que contiene son nobles y unen a la belleza de fondo que con su
forma literaria no han sido superados; porque su filosofa es vivaz y asequible a todas
las mentalidades. En todas sus pginas se manifiesta la humanidad con sus defectos y
virtudes, retratada por ese castellano entero que supo agrandar el sentido de la palabra
libertad, emparejar la justicia con la bondad y mantener la entereza de carcter durante
su vida, constantemente agitadas y enfrentadas a todas las adversidades 215
Anselmo Lorenzo giunse a scrivere un lungo compendio dal titolo El Quijote
libertario, nel quale attribuiva al personaggio Cervantino lideologia anarchista. No
poda ser otra cosa, ci dice Lily Litvack riportando indirettamente il discorso di Mella:
quien dio la libertad a los galeotes, posedo por un ideal de justicia superior a la de la
ley, de los tribunales; quien inspir a la pastora Marcela la manifestacin del derecho de
214

Ibidem.
Fernando Ferrer Quesada, El libro, vehiculo popular de la cultura, in La cultura anarquista a
Catalunya, Op. cit., p. 227.
215

129

la mujer a la libertad; quien apostrof a los frailes llamndolos gente endiablada y


descomunal; persigui a lanzazos a los acompaantes de un entierro, perturb
gravemente una procesin disciplinantes, ridiculiz a la autoridad en las personas de los
alcaldes del rebuzno, present simpata y respetable la figura del Roque Guinart, capitn
de bandidos, y mostr la injusticia de los privilegios en el palacio de los duques.216
Don Quijote de la Mancha allo stesso tempo una novela sobre la ficcin, un
canto a la libertad. Conviene fermarsi un momento a riflettere sulla famosissima frase
di Don Quijote a Sancho Panza: La libertad, Sancho, es uno de los ms preciosos
dones que a los hombres dieron los cielos; con ella no pueden igualarse los tesoros que
encierra la tierra ni el mar encubre; por la libertad, as como por la honra, se puede y
debe aventurar la vida, y, por el contrario, el cautiverio es el mayor mal que puede venir
a los hombre (II, 58).
Anselmo Lorenzo nega la morte del hidalgo come il libertario militante nega
lidea della sconfitta.

Por los speros caminos de la locura y del dolor va el verdadero


hidalgo, el esforzado guerrero, el generoso adalid, a la gloriosa
conquista de una victoria que excede en mucho en mrito a la que l
mismo pudo soar del Cid y del sin par Amads de Gaula 217

Nemmeno Miguel de Unamuno accetta la morte del cavaliere nella sua Vida de
Don Quijote y Sancho, riconoscere la perdita del cavaliere accettare la sua sconfitta,
quella del suo ideale, lhidalgo invece vive eternamente nel cuore degli idealisti.
Lily Litvack ci propone dunque di mantenere le due versioni: Porque no tejer
ambas versiones? Don Quijote bien pudo levantarse del lecho, dar la mano a Sancho,
llamarlo compaero, y exclamando Viva la Anarqua, lanzarse a la aventura una vez
ms. 218
Continua proponendoci unaudace fantasia di un Quijote moderno, non pi
hidalgo in rovina ma nelle vesti di proletario attivista anarchico che combatte mostri pi
realisti e sicuramente meno romanzeschi: sfruttamento, egoismo, ingiustizia, ignoranza,
in definitiva tutti i valori nemici del popolo.

216

Lily Litvak, Musa Libertaria, Op. cit., p. 410.


Anselmo Lorenzo, El quijote libertario, III, 13-05-1905, 294.
218
Lily Litvak, Musa Libertaria, Op. cit., p. 411.
217

130

No monta entonces sobre Rocinante, viaja en tren de tercera clase, a


lomo de mula, o a pie. Se alberga en casas de obreros y en gaanas.
No lleva casco ni lanza y de su pobre alforjas asoman algunos
ejemplares de El Productor, El Corsario, La Anarqua, un folleto de
La conquista del pan y otros versos Y as recorre la tierra
espaola combatiendo dragones y gigantes en quienes encarnan los
enemigos del pueblo: la explotacin, la codicia, el materialismo, la
injusticia, la ignorancia. Habla adems a la gente de igualdad,
respeto, dignidad, abundancia, arte, paz, vida feliz para todos. 219

Completa il suo quadro esttico acrata Lily Litvack con questa visione dellopera
quijottesca-anarchica, compendio di fede visionaria e ardente sentimento di giustizia e
libert che danno vita ad uno slancio creativo, una spiccata curiosit intellettuale, un
forte impulso artistico e una fede immensa.

Los temas que la integran son a la vez individuales y universales: la


historia humana en su camino al maana, la entrega del poder al
pueblo, la emancipacin de la mujer, el derecho de todos al arte, la
fuerza de la industria, la belleza del trabajo, el progreso de la
ciencia De ah que al exclamar Viva la Anarqua!, el quijote
libertario se convierte en profeta de un futuro cuya serenidad luminosa
gradualmente tome forma. Se perciben imgenes de un milenio que no
es slo de justicia social, sino aquel que brota de la omnipotencia del
hombre y de la germinacin de esas semillas de realidad eterna que
estn ya sembradas en las entraas del presente. 220

UTOPIA LIBERTARIA E UTOPIA CLASSICA


Nel caso della letteratura anarchista si parla s di utopa, del sogno di una citt
mitica, ma un desiderio pi che un sogno che non differisce dai sentimenti della massa
libertaria in nessun particolare.
Si pu parlare pi che altro di racconto danticipazione, dato che lelevata
tecnologizzazione della vita umana, e quella che fu una breve ma significativa messa in
pratica dellutopia in terra iberica, ne fanno unopera dai tratti verosimili.
In ogni caso il grosso difetto dellutopia anarchica sta sicuramente nella sua
vaghezza, nella mancanza di un progetto dettagliato, ma ci non ne altera la qualit, ci
219

Ibidem.

131

mostra la caratteristica fondamentale della filosofia anarchica, la sua coerenza e la


pluralit di idee che in s raccoglie.
Quindi nemmeno nel racconto possibile limposizione dallalto, la fede nello
spontaneismo (fu Kroptokin che formul pi chiaramente e diffuse le idee dello
Spontaneismo) e le sempre valide leggi naturali, fanno s che lorganizzazione societaria
venga decidendosi sobre la marcha.221
I libertari si ispirano ad una teoria dellordine spontaneo: data cio una necessit
comune, gli uomini insieme si daranno da fare nel miglior modo, tramite
sperimentazione, ispirazione, guidati dalla ragione e una buona dose distinto si
organizzeranno in un modo o nellaltro. In un ordine durevole nel tempo, che rompe le
barriere gerarchiche per far fronte ai bisogni di tutti, una societ in definitiva in cui le
decisioni dellindividuo sostituiranno quelle dei reggitori e di tutte le autorit.
Una societ come ci spiega Mella:

[] donde la inspiracin y la direccin de las cosas no pueda venir


como hoy de arriba, porque este arriba no existir, ya que habrnse
acabado los que mandan; en una sociedad tal, la iniciativa individual
tendr que suplir a la iniciativa de los directores de la sociedad 222

La preoccupazione dei libertari si sempre concentrata sul fare la rivoluzione,


sulla sovversione del presente; non certo per annullare la societ, ma lidea sbagliata di
essa, ed offrire unalternativa giusta ed egualitaria. Da qui il progetto su cui mettere in
piedi questa alternativa per lontano, la pecca forse dei libertari sta nel sottovalutare
questo aspetto post rivoluzionario.
Lordine come disciplina non viene neppure preso in considerazione giacch,
lordine imposto un impostura degli stati repressivi. Quello stesso ordine, regolato da
leggi scritte, simbolo base delle civilt superiori come ci insegna la storia, al contrario
la foce del caos.

Si intentaramos dar reglas para el ejercicio del derecho,


inmediatamente quedara perturbado el orden social. No
comprendemos el orden ni creemos que pueda existir sino como

221
222

Lily Litvak, Musa Libertaria, Op. cit, p. 391.


Ricardo Mella, La nueva Utopa, Op. cit., p. 234.

132

resultado de una ms amplia libertad. Mediante sta nuestro camino


es fcil y despejado. 223

Utopie razionali quindi, ma che non precisano mai, per esempio, la accennata
preminenza della ragione sopra gli istinti, da cui scaturisce la ottimistica presunzione
che gli istinti individuali e le convenienze sociali sarebbero fondamentalmente
armoniche. Completamente assente, e non poteva essere altrimenti, qualsiasi accenno a
schemi rigidi, dotati di leggi di funzionamento, n tanto meno ritroviamo elencazioni di
pene o castighi per chi alterasse funzionamenti o strutture, essendo sempre evidente il
carattere aperto per principi fondamentali delle societ future.
La Nueva Utopia, lopera di Ricardo Mella, si connota per esempio anche per
una proiezione utopica che non si mantiene entro le linee costruttiviste e deterministe,
come sarebbe logico aspettarsi nella letteratura danticipazione. Al contrario Mella
denuncia ogni piano di possibile organizzazione dogmatica come nemico della libert e
nemico dellideale antiautoritario, rifiutando tutte le strutture supportanti le idee
anticipatorie della societ futura.
Si noti ancora la basilare differenza con le utopie classiche europee, della
negazione dello stato e dellautorit, che nei racconti spagnoli non compare mai n nella
fase di fondazione n in quella di controllo del funzionamento dellutopia: se
lottimismo di altri utopisti portava a considerare la possibilit di mantenere larmonia
con provvedimenti legislativi, gli anarchici miravano necessariamente alla soppressione
delle leggi per disvelare la preesistente armonia, tanto da sostenere concordemente che
lanarchia la massima espressione dell'ordine. Una negazione esplicita, mentre
restava implicita ed indefinita la strategia perseguibile nei casi di eventi contrari alla
tranquilla quotidianit di questi luoghi dellutopia futura. Lutopia ha comunque al
giorno doggi un diffuso significato peggiorativo, in passato stata negata dal
razionalismo e rivista poi positivamente.
Jos Alvarez Junco analizza cinque punti caratteristici delle utopie classiche e le
rispettive possibili applicazioni allideale libertario.

1. La utopa es una construccin racional sobre la organizacin


social ideal. No slo es un esquema perfectamente hilvanado en el
que cualquier detalle tiene una explicacin coherente con la lgica
223

Ibidem.

133

del conjunto, sino que hay normalmente un abrumador predominio


de la razn sobre los sentimientos y los instintos (predominio que a
veces ha de imponerse de modo autoritario). La utopa anarquista
cuadra perfectamente con este carcter racionalista, mas no precisa
imposicin de la razn sobre los instintos, dada la optimista
presuncin liberal-ilustrada de instintos individuales y conveniencias
sociales sern bsicamente armnicos.
2. Las utopas son esquemas rgidos, estticos en sus lneas
generales y aun en los detalles, en lo que frecuentemente se prevn
castigos para los intentos de alteracin de las instituciones, lo que
limita precisamente el aspecto ms positivo del utopismo, esto es, la
posibilidad de despliegue imaginativo. De este rasgo consecuencia
del anterior (se trata, en definitiva, del despotismo que la razn
siempre pretende ejercer sobre la realidad; de la necesidad, de la que
hablaba Bergson, de matar la vida para entenderla y para
organizarla, habra que aadir en este caso ) se salva en parte la
utopa libertaria por su carcter abierto, indicativo solo de los
principios fundamentales de la organizacin social.
3. La utopa clsica se desarrolla en la ciudad y, en muy buena
medida [] es una proyeccin moderna del ideal de la polis clsica
arquetpica e ideal de comunidad autrquica y, normalmente,
cerrada, sin ms relaciones con el exterior que las blicas. Este
aspecto constante en las utopas clsicas, es difcilmente aplicable a
los anarquistas, que cuentan siempre con la revolucin a escala
universal y que, en cierto modo, son continuadores de la escasa
tradicin de utopa pastorales, no ciudadanas que surge a partir de
Rousseau.
4. Es caracterstico de las visiones utpicas la descripcin de un
autentico reinado de la mquina, de un enorme poder tecnolgico
en mano y al servicio de la comunidad idealizada. No es casual que
Bacon, Saint-Simon, Kropotkin o Huxley tengan grandes
conocimientos y preocupaciones cientficas a la vez que sueos -o
pesadillas como Huxley- utpicos, como no es casualidad que rayen
constantemente en la ciencia-ficcin. El dominio del hombre sobre
su entorno acompaa inevitablemente al proyecto de reorganizacin
racional de la sociedad: es quiz la base previa, la condicin material
que Marx prevea para que ste surgiera; la repblica platnica,
sostiene Mumford, correspondera a una primera revolucin
cientfico-tecnolgica y de organizacin del trabajo humano
colectivo; Bacon marcara el inicio de la mentalidad cientfica
moderna; y Saint-Simon significara el de la revolucin industrial
contempornea. En este punto, nuestro anarquistas decimonnicos
son perfectos herederos de la tradicin utpica: el gran desarrollo de
la ciencia indispensable para resolver el problema de la escasez, y su
significado poltico necesariamente positivo, favorable a la
134

liberacin humana, son caractersticas constantes de sus visiones de


la sociedad futura.
5. A partir, sobre todo, de la aparicin del socialismo, y con el
impacto moral que en algunos pensadores producen la situacin del
proletariado industrial (aunque tampoco fue ajeno los sueos
reformadores medievales o renacentistas), las utopas se han
caracterizado por intentar construir idealmente la sociedad
igualitaria, eliminando las jerarquas social y el trabajo alienado. Los
anarquistas caen plenamente dentro de esta tendencia, aadiendo
adems (igual que la ms importante de las corrientes socialistas, el
marxismo) la supresin del Estado. Este ltimo aspecto les separa
notablemente de las utopas clsicas, en las que el papel de la
autoridad suele ser de primer orden, tanto en la fundacin como en la
vigilancia diaria del funcionamiento de la sociedad perfecta
(especialmente en las bases filosficas cristianas, recurdese el rey
Utopo). Es, una vez ms la fe en la armona natural del universo lo
que fundamenta esta postura: si el optimismo de otros utpicos, les
llev a considerar la posibilidad de alcanzar la armona tomando
ciertas disposiciones legales, ellos vieron precisamente en la
supresin de las leyes el medio para desvelar la armona
preexistente. 224

Secondo il primo punto lutopia anarchica differisce da quella classica per il


naturale predominio che ha il potere della ragione umana sugli istinti e i sentimenti,
questa dominanza delle passioni non controllata, n per mezzo di una morale n per
mezzo di una forza oppressiva. Grazie allassenza dellimposizione si evitano i crimini,
che sono spesso sfogo di passioni estreme.
Ad esempio: nellutopia operaia di Burgs, Camelia, la protagonista si vede
costretta a lasciare Denuedo, il proprio compagno, (dal quale non riesce ad avere una
desiderata figlia femmina), il quale con dispiacere, ma con assoluto controllo della
situazione accetta la cosa per il bene della donna.Inutil sera repetir la escena de
separacin que se produjo entre los dos compaeros protagonistas. Se separaron
amigos225.
Nessuna tragedia quindi, n tanto meno azioni di tipo legale, la donna libera
di cercarsi un altro compagno e continuare serenamente la propria vita. Al pari
delluomo la donna padrona del proprio destino nellutopia libertaria, mentre ancora
relegata alle mansioni domestiche nellUtopia di Moore.
224
225

J. Alvarez Junco, Op. cit., pp. 312, 313, 314.


M. Borges, El siglo de oro, Op. cit., p. 214.

135

Lo stesso si pu dire del sesso e della sua funzione puramente fisica, totalmente
animale nel mondo nuovo di Huxley, ad esempio, ed invece l importanza data al
sentimento umano e alla procreazione nellopera libertaria.
Per quanto riguarda il secondo punto, si detto gi della potenzialit della
visione acrata per la libert totale regolata soltanto dal personale senso di responsabilit
verso la comunit e verso se stessi; la felicit stessa che impedisce la delinquenza e il
crimine. Niente pi semplice del fatto che un comportamento razionale porti ad un
comportamento etico.
Nel punto numero tre, la risposta del problema riguardante la chiusura nazionale
si trova nelluniversalismo acrata, nella negazione del concetto di nazione.
Lanarchista affine allumanit e non ai suoi concittadini e connazionali,
difende la propria patria, ma attacca i nazionalismi, infine il paese utopico acrata
sempre disposto alla collaborazione economica e sociale con il vicino. Il concetto
rafforzato anche nellutopia confinata sullisola Amora: Amora, haba [...] una
poblacin de aspecto alegre, sana e inteligente, dispuesta a mantener relaciones con
todas las naciones del mundo, pero decidida a morir antes de dejarse dominar por
ninguna, porque los amorianos eran tan valientes como buenos, y estaban dispuestos a
sacrificarse por la patria, porque all s que lo de todos era lo de cada uno y lo de cada
uno para todos, porque todos disfrutaban positivamente del patrimonio universal que all
se haba podido reunir226.
Si visto da vicino il cosiddetto culto alla scienza dei devoti libertari, un culto
allerudizione alimentato dalla fede nelluomo, nel progresso scientifico e nelle
migliorie tecniche.
In pi luomo libertario, uomo integrale, non solo operaio ma artista nello
stesso tempo, creatore tecnico e creativo del proprio prodotto. Si elimina
quellalienazione del lavoro, lavoro anonimo svolto passivamente dalluomo che usa la
macchina allontanandosi dalle fasi produttive cos tipiche dellutopia del grande fratello
e del mondo nuovo. In questi ultimi la tecnologia ha anche la sua controparte negativa,
spinge gli uomini a chiudersi in se stessi, permette quotidianamente il controllo totale
delluomo (1984), lo allontana dalla natura.
Il libertario invece nel suo progetto di societ felice, dichosa, vede nella
macchina il mezzo ideale che libera luomo dalla schiavit, dal peso del lavoro fisico,
dallastio che producono le faccende domestiche, che permette poter poi dedicare il suo
226

Anselmo Lorenzo, Amora, Op. cit., p. 201.

136

tempo a cose belle, buone ed utili. La chimica vista come laiuto immenso che riceve
lessere umano per poter viver meglio e pi a lungo. Ricordiamo inoltre, che
nellarchitettura stessa della citt, accanto alle costruzioni di acciaio brunito e cristallo,
frutto della pi avanzata tecnologia e del disegno moderno funzionale, ci sono ameni
giardini fioriti e alberi da frutta. Lo stesso uomo che viagger su piccoli e comodi
velivoli, gioir delle gite in campagna (anche quando dovr lavorarvi), e delle giornate
al mare.
In ultima istanza dunque la societ utopica libertaria perfetta nella sua
immagine perch lunica davvero egualitaria. Si eliminano gerarchie di qualsiasi tipo,
si soddisfano tutti i bisogni, siano essi materiali od intellettuali, si eliminano alla radice
le cause dei crimini, si sostituisce al potere di pochi il potere dellindividuo su se stesso
e si incoraggia per questo la vita in comune.
Pecca degli utopisti classici forse questa mancanza dimmaginazione, nessun
pensatore tra quelli presi in considerazione riusc a poter lontanamente pensare ad una
societ in cui potessero sparire istituzioni e poteri; prima si costituivano le leggi, poi si
costruivano le mura della citt: per lanarchico non c bisogno n delle une n delle
altre allinterno dellimmaginaria societ perfetta.

LA CONTROUTOPIA

Come per ogni fede esiste la su confutazione, per ogni pensiero filosofico il suo

contrario, allutopia libertaria corrisponde unantiutopia letteraria ugualmente diffusa. A


dimostrazione dellimportanza e della popolarit del discorso utopistico sociale delle
societ comuniste e libertarie nascono, in qellepoca di cambiamenti epocali, affinit e
inimicizie ai regimi auspicati da internazionalisti, socialisti, libertari, federalisti,
comunisti.
Approfondite le conoscenze delle pi famose anti-utopie moderne create fra tutti
dagli anglosassoni George Orwell, Aldous Huxley, Ray Bradbury, Borgess; antiutopie
come visioni catastrofiche di un inumanizzato mondo specchio della sfiducia nel
bolscevismo (sopratutto di Orwell), e di una spinta alla libera iniziativa dellindividuo,
ritorniamo in terra ispanica.
Nella Spagna tumultuosa di inizio 900 si da sfogo oltre che allimmaginazione
di quel mondo libertario costruito sulla base della fiducia nel genere umano, anche alla
137

sua controparte letteraria: visioni catastrofiche di societ future proiettate in un bellicoso


e annullante regime.
Nilo Maria Fabra, dimenticato e prolifico scrittore di fantascienza e di racconti di
anticipazione futurist ica fu probabilmente il pi distaccato nel genere antiutopico.
Fabra basa quasi tutte le innovazioni della societ futura sulla forza
dellelettricit. Il progresso umano dipende nei suoi racconti da tutte quelle macchine
(che permetteranno lavanzamento umano) alimentate dalla forza elettrica (come gli
anarchisti prevedevano!), e allavanzamento delle comunicazioni: anticipa linvenzione
della televisione -curiosamente chiamata telefoteidoscopio- ed immagina una
fantascientifica rete ferroviaria sottomarina che unisce la penisola iberica al continente
sudamericano.
Nel futuro preconizzato da Fabra la Spagna una super potenza mondiale che
deve fare i conti con gli Stati Uniti, prende piede una federazione Iberica che
comprender tutti gli stati hispano hablantes. Satirizza inoltre la politica e las
costumbres sociales in varie occasioni: in Lo presente juzgado por el porvenir si
distrugge la modernit di unEuropa avanzata, ne La locura del anarquismo satirizza
spietatamente le societ utopiche che proliferavano negli scritti di fine 800.
Fabra pubblic nel 1885 la collezione di racconti Por los espacios imaginarios,
che contiene il racconto utopico El triunfo de la verdad, in cui i nuovi governanti
socialisti in una societ postrivoluzionaria si impegnano nella divisione della ricchezza
nazionale fra tutti gli abitanti del paese: questa risulter cos scarsa che lo stesso popolo
la rifiuter!
Ne La Ilustracin espaola y americana, apparve una serie di capitoli del
romanzo El problema social, pubblicato poi in un volume nel 1890. Il libro viene
introdotto da una nota in forma di diario: il primo maggio prese vita lemancipazione de
los deseredados in seguito ad uno sciopero universale, sciopero che trova sin
dallinizio lopposizione delle masse agrarie. Subito scoppia un conflitto, una vera e
propria guerra civile tra anarchisti e socialisti in cui gli ultimi hanno la meglio, il
governo derivante parte con un atteggiamento economico collettivista che scivola poi in
una posizione comunista. Le province intanto tornate al cantonalismo soccombono sotto
la tirannia di un tal generale Calleja che insieme ad una banda di violenti, ribalta il
governo e stabilisce, o meglio, impone la dittatura.
Il racconto continua sotto forma di romanzo epistolare in cui il compagno
Espez riporta nelle sue missive landamento del nuovo governo. Il despota proclama
138

lamore libero che verr rifiutato in massa e che porta ad uno sciopero generale
femminile che permetter la caduta del governo. Alla dittatura infine si sostituisce una
giunta anarchista che stabilisce un regime tale da poter eliminare ogni istituzione ed
organizzazione sociale, tale situazione porta infine alla destituzione degli anarchici e ad
una inevitable restaurazione del potere borghese a seguito di una breve guerra.
Il finale alquanto pessimista e disillusionato, un epilogo-lettera del dottor
Sugestiones spiega che a seguito degli eventi, nonostante i fallimenti del governo il
compagno Espez persiste nelle sue convinzioni socialiste e che perci deve essere
necessariamente internato in un manicomio.
Lo stesso Fabra autore di una raccolta di racconti dal titolo Presente y futuro,
nel quale il racconto El futuro Ayuntamento de Madrid si distingue per il suo particolare
pessimismo antiutopico e antisocialista. Lopera scritta in maniera fittizia dal sindaco
di Madrid, unico uomo degno del partito socialista che vince le elezioni in un fatidico
1943. Il protagonista nelle sue memorie mostra lo scandalo della corruzione tra i suoi
colleghi socialisti, tanto da far rimpiangere il passato governo borghese.
Cos un tale Salvio Valent come ci riporta il professor F. Madrid nel suo trattato
di letteratura anarchista, immagina un mondo nel quale abbia trionfato il comunismo
libertario pero describindolo con tal cmulo de barbaridades que hasta la dictadura
ms cruenta nos parecera una bendicin. 227
Valent battezza luoghi e personaggi anagrammando i nomi cari allestetica
rivoluzionaria perci Bakunin si trasformer in Nakubin, Stirner in Snister e mentre la
citt utopistica per eccellenza, Arkadia, sar rinominata Ardiaka. Luomo per Valent
diviene il suo stesso predatore, lupo tra i lupi, e la sua incapacit nellautorganizzazione
e in uneffettiva ricerca della felicit comune, ne fanno un opera dai tratti oscuri e
pessimisti: El rumor confuso y polifnico de aquel doble ejrcito de combatientes y
horda en xodo, le causaron asombro, dolor y asco, Eran hombres? Eran bestias? Eran
hombres; simplemente hombres.228
Altri autori che contribuiscono alla novellistica antiutopica furono Domingo
Cirici Ventall e Jos Arrufat Mestres creatori dellantisocialista La repblica espaola
en 1.91...., la cosiddetta fantasia politica presentata sotto la forma di un oggettivo
reportage storico pi che come romanzo: Ms que historiadores, somos reporters.
Hemos vistos los sucesos que se han desarrollado en Espaa durante unos meses, y los
227

Salvio Valent, Del xodo al Paraso. Un ensayo de comunismo libertario, Barcellona, Catalonia,
p174, in F. Madrid, Literatura anarquista, Op. Cit. p 16.
228
Ibidem

139

relatamos con toda la viveza posible, pero sin apasionamiento ni prejuicio de ningn
genero.229
La narrazione parte dalla proclamazione di una repubblica da parte di un
governo di coalizione repubblicano-socialista, cui primi provvedimenti saranno la
diffusione di un rancio gratuito (con tanto di vino) ai cittadini e la proclamazione di un
ateismo ufficiale, e di conseguenza vengono chiusi i luoghi di culto e proibite qualsiasi
manifestazione religiosa in pubblico.
Queste prese di posizione e le conseguenti ribellioni condurranno il paese ad uno
stato di caos, il governo, perduto ormai il proprio potere, non pu evitare
lindipendizzarsi progressivo delle regioni. Nel caos di un paese diviso il generale
Casero si metter a capo di un movimento nazionalista che conduce alla ribellione in
nome di una repubblica seria e honrada. A ci segue un presidio di Lerroux che mette
in marcia una strategia repressiva fatta di deportazioni di massa. Le susseguenti elezioni
danno come risultato una maggioranza Lerouxiana ma subito Azcrate forma un
nuovo gabinetto, a sua volta sostituito dalla dittatura di Lerroux. Il racconto finisce con
un governo di Galds come presidente della repubblica, che prontamente viene
assassinato, lasciando il romanzo inconcluso.
Curioso il fatto che i nomi dei personaggi romanzeschi sono quelli dei
personaggi reali: Lerroux, Galds, Azcrate, Iglesias, Sol y Ortega...
Bisogna notare in fine una sostanziale differenza sia tra le utopie ottimistiche di
autori lontani nel tempo come Moro o Campanella, sia le catastrofiche previsioni dei
vari Big brother, Brave new world..., quelle degli autori spagnoli finora osservati e le
utopie frutto dei racconti di anticipazione di matrice libertaria: la presenza, nelle prime,
di un governo di tipo autoritario (se non quando totalitario), la vigenza sempre e
comunque di gerarchie nel comando nellamministrazioni statali; la totale assenza di
istituzioni nelle seconde.
Se lo sbaglio di Moro fu preconizzare una societ felice basata comunque
sulla forza coercitiva, su una spirale di poteri gerarchici che crea differenze allinterno
del popolo, la visione non troppo fantasiosa di societ governate da leader onnipresenti
e il completo annullamento della personalit delle utopie orweliane, la perdita della
coscienza individuale e la depressione dopata del Mondo nuovo di Huxley,
lultraviolenza di Borgess, la spudorata corruzione del governo socialista nella

229

Domingo Cirici Ventall, Jos Arrufat Mestres, La Republica espaola en 1.91, fantasia poltica,
Imprenta de Felix Moliner, Madrid 1911p.5.

140

letteratura danticipazione di Nilo Fabra fanno tutte capo ad una istituzione che regge la
vita umana.
La felicit della novela anarquista invece dipende tutta dalla scomparsa di esse,
dalla libert piena dellindividuo in fratellanza e buona comunione con la natura che
armato di volont sconfigge tutti i mali che si presentano lungo il cammino.
Contrariamente ai drogati di soma del romanzo di Huxley, gli amoriani, i neoutopici, etc., non arrivano ad un punto di piena (in)soddisfazione, non raggiungono un
apice di perfezione, sanno benissimo da dove vengono, conoscono il passato e per
questo sono coscienti degli errori da evitare, vedono speranza nel futuro e si proiettano
in esso.
Non la piattezza frutto dellannullamento delle personalit, lassenza
distituzioni mette tutti quanti sullo stesso piano, non ci sono vittime, n carnefici, n
agnelli, n lupi, solo donne e uomini.

141

EPILOGO

La historia de las utopas es larga. El sueo de una vida mejor ha


perdurado en la imaginacin humana desde tiempos inmemoriales; pero
ese sueo ha sido con frecuencia fundido en moldes arbitrarios y
absolutistas, modelado segn conceptos morales y sociales rigurosos e
inflexibles. En nombre de la justicia y la igualdad, casi todas las utopas
desdean la libertad e imponen una ciega obediencia. Para conseguir el
orden niegan la aventura, la variedad, la espontaneidad y la creacin.
Algunas otras, se basan en el gran desarrollo tecnolgico y en la
abundancia de bienes materiales; pero proceden de un enfoque autoritario
y establecen cdigos que no siguen el orden de la naturaleza. De ah su
atmosfera artificial y sus hombres: criaturas uniformes con idnticas
reacciones y necesidades, carentes de emociones y pasiones. El contorno
geogrfico de de tales idealizaciones utpicas es igualmente artificial;
campias o ciudades uniformes. El amor autoritario por la simetra ha
llevado a algunos a suprimir ros e imaginar islas perfectamente redondas.
El estado utpico se muestra asimismo feroz en la supresin de la
personalidad del artista, poeta, pintor o escultor que deben convertirse en
servidores y agentes de propaganda del estado230

Muy diferente es la utopa anarquista., conclude Lily Litvack, No se trata de


una obra acabada, sino en dinmico progreso, y en la que se concede un amplio margen
al desarrollo humano.231
Un grande merito della utopia anarchista sta nella sua attenzione particolare alla
pura felicit delluomo e non alla ricerca della societ imperfettibile. Nellutopia
immaginata dallanarchico la schiavit viene completamente debellata, la violenza,
luso della forza dimenticato del tutto, levoluzione umana al massimo grado di
civilizzazione.
Come luomo, la societ di cui ne parte in crescita continua, lo sviluppo
dellessere ed il suo contorno soggette ad un divenire che non conosce ostacoli (siano
essi umani o divini), lottimismo e la fiducia immensa nel potere umano, sono tutto ci
di cui questi uomini hanno bisogno per poter accarezzare limmagine di un mondo
prossimo, fattibile. Levoluzione avverr grazie al progresso e al perfezionamento
morale che costantemente far avanzare di gradino in gradino lessere umano. Montseny
a proposito scrive ne La religin y la cuestin social:
230
231

Litvak, Lily, Musa Libertaria, Op. cit., p. 409.


Ibidem.

142

Nosotros somos mejores que los hombres pasados, los hombre


venideros sern mejores que los presentes; nuestra sociedad es mejor
de la sociedad que fue, la sociedad futura ser mejor que la actual,
ella formar nuevos hombres ms perfectos an y aquellos
232
hombres. lo infinito, lo infinito.

La societ preconizzata non si fermer nella credenza del raggiungimento di


unimmutabile perfezione, ma sar in costante evoluzione nel tentativo di migliorare,
nessunillusione porter luomo a quellottuso orgoglio che presume credersi migliori,
alla conservazione di costumi nocivi ed inutili bench parte di una tradizione da cui le
popolazioni con difficolt riescono a staccarvisi. La costante ricerca propria
dellessere umano, la vita in comunit sicuramente il suo destino.
Ricardo Mella, a proposito della societ libertaria si esprime, mettendo alla base
delle fondamenta la Libert: La libertad ms amplia presidir el desarrollo de nuevas
formas de produccin, de invencin y de organizacin. La iniciativa individual recibir
desconocidos impulsos y quedar anulada toda tendencia a la uniformidad, a la
reglamentacin y a la centralizacin 233, questa societ appunto non rimarr ferma sulle
sue posizioni, sino que se modificar incesantemente en busca de lo mejor, de lo ms
bello y de lo ms justo, porque ser un organismo viviente y en evolucin constante. 234
Saranno varie le generazioni che si avvicenderanno per poter raggiungere un
livello sempre pi alto, senza forse poter raggiungere un picco, la meta non prescritta
sulla carta, con lesperienza e la sperimentazione, si cambieranno strade si
modificheranno le rotte, muteranno gli eventi. Il progresso sar lunico comandamento
di questa nuova societ:

que el progreso sea tu unica ley, tu nico fin, porque progresar es


perfeccionarse, es gozar, es vivir!

Ci che lanarchista cerca per mezzo del progresso il benessere materiale che
permette di liberare luomo dalla ricerca continua nel soddisfacimento dei bisogni, un

232

Joan Montseny, La religin y la cuestin social, Buenos Aires, 1896, Istituto internazionale di studi
sociali, Amsterdam, p. 22.
233
Ricardo Mella, El socialismo anarquista, in Lombroso y los anarquistas, Ediciones Jucr, Barcellona
1977, p 64.
234
Ibidem

143

benessere che il mezzo per raggiungere uno scopo, non lo scopo in se. La felicit
umana lobiettivo, cio la libera espressione dellindividuo, lespletazione di ogni
personalit.
Queste espressioni di libert individuali non possono avvenire in citt-stato
prefabbricati, impacchettati modelli, ben regolati come precisi orologi. La personalit
umana sintende che mutevole, variegata, indefinibile. Cos sar indefinibile la
giustizia, luso che luomo far del suo tempo a disposizione; certo sar invece la sua
suprema unicit, limpossibilit di soccombere sotto alcunautorit. Sar lindividuo a
governare se stesso se e quando ne sentir la necessit. Sia uomo o donna, giovane o
anziano, la differenza non esister nel rispetto nutrito in s stessi e nel mondo.
LUtopia non il punto darrivo dellevoluzione umana, bens un punto di
partenza, la costante ricerca della verit il motore che fa si che non si spenga lanimo
umano in una crescita verso linfinito, spinto da una sete di sapere lumano cercher di
sopperire al suo bisogno senza esserne mai del tutto sazio.
Tutto questo rimane, nonostante le potenzialit dellessere umano, un sogno
irrealizzato, che donne e uomini hanno cercato da sempre di realizzare nonostante gli
ostacoli imposti dai propri simili e dalla natura non sempre amica. La strada della verit
come sempre tortuosa e offuscata da molteplici menzogne, e pur nella miriade di
dubbi lanarchista vede ben chiaro il punto darrivo: libert.

Nueva Utopa feliz, el mundo te saluda y reverencia al fin, porque


eres la verdad realizada, eres el sueo ideal conquistado. En ti
convergen todas las virtudes desconocidas de la naturaleza humana;
en ti se compendian el supremo bien, la suprema dicha, en ti viven
en harmnica bienandanza todas las potencias, un tiempo
adormecidas, de la justicia, de la bondad, de la felicidad humana. T
eres principio, medio, y fin de todas las cosas; t eres la expresin
acabada de la nueva vida, t eres la luz, la razn, la ciencia, la
naturaleza, la justicia, t eres la verdad universal por todos acatada.
Gloria a la humanidad que te de la vida! Gloria al hombre que te
realiza! Gloria a la libertad que en ti alienta Gloria inmortal al
mundo nuevo!235

235

Ricardo Mella, Nueva Utopa, Op. cit., p. 259.

144

[fig. n. 3]
Daniel Sabater: La historia del hombre

145

[fig. n. 4]
Solidaridad Obrera, 19 ottobre 1907

146

[fig. n.5]

147

[fig. n. 6]
Testate di alcune tra le principali riviste rivoluzionarie anarchiche.

148

[fig. n. 7]
La Anarqua, 1, num. 7, 28 settembre 1890.

149

[fig. n. 8]
Tito in Accin socialista, Madrid 1914

150

[fig. n. 9]
Ramon Acn: Ejecucin

[fig. n. 10]
Ramn Acn: Sacerdote ahorcado

[fig. n. 11, 12]


Sin Dios, num. 1, 2, Madrid, 1932
151

[fig. n. 13]
Allegoria del 1 Maggio, La Tramontana, 12, num 561, 29 aprile 1892.

152

[fig. n. 14]
La Tramontana, 8, num. 345, 20 gennaio 1888.

153

[fig. n. 15]
Almanaque de La Revista Blanca, Madrid 1904

154

[fi. n.]

[fig. n. 16]
Baltasar Lobo in Mujeres Libres, Madrid 1937

155

BIBLIOGRFIA

AAVV: Dinamita cerebral - antologia de los cuentos anarquistas ms famosos, a cura e


con prologo di Juan Mir y Mir, Icaria editorial, Barcellona 1977.
AAVV: La novela popular en Espaa, Edizione Robel, Madrid novembre 2000.
AISA, Ferran: La cultura anarquista a Catalunya, Edicions de 1984, Barcellona 2006.
ALVAREZ JUNCO, Jos: La ideologa poltica del anarquismo espaol (1868 1910),
Siglo XXI, Madrid 1976.
BAKUNIN, Mijail: Dios y estado, Madrid 1888, traduzione di R. Mella ed E. lvarez,
Barcellona 1890.
BURGUS, M.: El siglo de oro, in El cuento anarquista (1880-1911).
BOOKCHIN, Murray: Los Anarquistas espaoles (los aos eroicos 1868-1936),
traduccin de Ernesto Rubio, Numa ediciones, Valencia 2000.
BRENAN, Gerald: The Spanish Labyrinth: an account of the social and political
background of the Spanish civil war, Canto, New York, Londra 1960.
CAMBA, Julio: Matrimonios, in Dinamita cerebral.
CAMPALANS, Rafael: Poltica vol dir pedagoga, Fundaci Rafael Campalans,
Viladomat 1996.
CERVANTES, Miguel de: Don Quijote de la Mancha I, II, Madrid, Ctedra, 2001.
CIRICI VENTALL Domingo ARRUFAT MESTRES Jos: La Repblica espaola en
1.91 - fantasa poltica, Imprenta de Felix Moliner, Madrid 1911.
Del VALLE, Adri: Juan sin pan, novela social, Editorial Fueyo, Buenos Aires 1926.
De PAULA FERNNDEZ GMEZ, Francisco: De Fanelli a Angiolillo (El anarquismo
en el estado espaol del s. XIX.), Ateneo libertario Besos, Barcellona 2006.
DAZ Carlos, GARCA Felix: 16 tesis sobre anarquismo, ZERO-ZYX, Biblioteca
Promocin del pueblo, Bilbao 1976.
DAZ DE MORAL, Juan: Historia de las agitaciones campesinas andaluzas, Alianza,
Madrid 1967.
HANREZ, M.: Les ecrivains et la guerre d'Espagne, Pantheon Press, Parigi 1975.
HOFMANN Bert, JOAN I TOUS Pere, TIETZ Manfred: El anarquismo espaol y sus
tradiciones culturales, Vervuert Iberoamericana, 1995.
156

HUXLEY, Aldous: Brave New World, Grafton, Londra 1995.


GIMENEZ CABALLERO, Ernesto: Arte y estado, Grfica universal, Madrid 1935.
GOMEZ TOVAR Luis, PANIAGUA Javier: Utopias Libertarias espaolas, siglo XIXXX, Tuero, Madrid 1991
GRAVE, Juan: Las aventuras de Nono, traduccin de Anselmo Lorenzo, con prologo de
F. Ferrer y Guardia, Libertarias, Madrid 1991.
LITVAK, Lily: El cuento anarquista (1880-1911), Antologia, Fundacin de Estudios
Libertarios Anselmo Lorenzo, Madrid 2003.
LITVAK, Lily: Espaa 1900, Modernismo, Anarquismo y Fin de siglo, Anthropos,
Barcellona 1990.
LITVAK, Lily: Musa libertaria - Arte, literatura y vida cultural del anarquismo
espaol (1880-1913). Fundacin de estudios libertarios Anselmo Lorenzo,
Madrid, 1996.
LOMBROSO Cesare: Gli anarchici, Fratelli Bocca, Torino 1895.
LOMBROSO Cesare, MELLA Ricardo: Los anarquista, Ediciones Jucr, Barcellona
1977.
LOPEZ MONTENEGRO, J.: La Naturaleza. Poema. Nociones de geologa y Zoologa
para los trabajadores, Barcellona, 1902.
LORENZO Anselmo: El proletariado militante, Zero, Madrid 1974.
LORENZO, Anselmo: Justo Vives - episodio dramatico social; con prologo de J. Llunas
y un estudio critico-biografico del autor por F. Tarrida de Marmol, editorial
Fueyo, Buenos Aires s. d.,
Amora, in El cuento anarquista (1880-1911),
Ser eterna la injusticia?, in Dinamita cerebral.
LLUNAS PUJOLS, Jos: Literatura obrerista, prologo in Justo Vives di Anselmo
Lorenzo.
MADRIGAL PASCUAL, Arturo ngel: Arte y compromiso - Espaa 1917-1936,
Fundacin de estudios libertarios Anselmo Lorenzo, Madrid 2002.
MADRID, Francisco: Literatura anarquista, Tesi, Universit di Valencia.
MADRID, Juan: La mano negra: caciques y seoritos contras los anarquistas, Temas
de hoy, Madrid 1998.
MARINETTI, Filippo Tommaso: Proclama futurista a los espaoles, Prometeo, VI,
Madrid 1910.

157

MARTINEZ, RUIZ, Jos, (AZORN): Anarquistas literarios, in Obras escogidas,


Espasa Calpe, Madrid 1998,
La prehistoria, in Dinamita cerebral,
El Cristo nuevo, in El cuento anarquista (1880-1911).
MELLA, Ricardo: El socialismo anarquista, in Lombroso y los anarquistas,
La nueva utopa, in El cuento anarquista (1880-1911),
El ogro, in Dinamita cerebral.
MONTSENY, Federica: La Indomable, edicin, introduccin y notas de Mara Alicia
Langa Laorga, Editorial Castalia.

MONTSENY, Federica: Qu es el anarquismo, Biblioteca de divulgacin poltica,


Editorial La Gaia Ciencia, 1976.

MORALES MUOZ, Manuel: Cultura e ideologa en el anarquismo espaol. Los


certamen socialistas (1885-1889), Siglo XXI, Madrid 1992.
MORALES MUOZ, Manuel: Pensativo de Serrano Oteiza ejemplo de literatura
anarquista, Nueva Revista de Filologa Hispnica, 1, 1990: 34-46.
MORE, Thomas: Utopia, translated by Ralph Robinson, Wordsworth, 1997.
NIN, Andrs: Terra e libert, scritti sulla rivoluzione spagnola (1931-1937), Erre emme
edizioni, Roma 1996.
ORWELL, George: 1984, Penguin, Londra 1997.
PANTOJA ANTNEZ, Jos Luis: La mano negra: memoria de una represin, Qurum
Libros Editores, Cadiz 2000.
PI y ARSUAGA, Francisco: Los amos, in El cuento anarquista (1880-1911).
PONT VIDAL, Josep, INIESTA de MANRESA, Rafael: La utopa obrera - Historia del
Movimiento de los Trabajadores Espaoles, Flor del viento Ediciones,
Barcellona maggio 2002.
PRAT, Jos: In vino veritas, in Dinamita cerebral.
A caza de carne, in El cuento anarquista (1880-1911).
ROMERO MAURA, Joaqun: La rosa de fuego - El obrerismo barcelons de 1899 a
1909, Alianza editorial, Barcellona 1989.
SNCHEZ JIMNEZ, Jos: El movimiento obrero y sus origines en Andaluca,
Editorial ZYX, s. d.
SIGUAN BOEHMER, Marisa: Literatura popular libertaria, trece aos de la Novela
ideal (1925-1938). Ediciones Peninsula, Barcellona 1981.
158

SKINNER, Burrhus Frederic: Walden two, Hackett Publishing, Londra 2005.


UNAMUNO, Miguel de: Vida de Don Quijote y Sancho, Madrid 1905.
URALES, Federico: Los hijos del amor (novela social), Editorial Fueyos, Buenos Aires
s. d.
URALES, Federico: Sembrando flores, Ediciones "Fomento de la Cultura Libertaria",
Parigi s.d.
VIDAL MANZANARES, Gustavo: Vidas anarquistas, FAL (quadernos libertarios),
Madrid 2000.
VOLNEY, Constantine Franois de Chassebeu, Conde de: Las ruinas de Palmira.
Coleccin biblioteca EDAP, Madrid 1969,
La ley natural, Coleccin biblioteca EDAP, Madrid 1969.

RIVISTE ANARCHISTE
Espartaco, I, num. 3, (25- 11-1904).
La Anarqua, II, num. 60 (30-10- 1891).

La Autonoma, I, num. 45(2-12-1883), 3


La Blouse, a. II, n. 17, agosto 1907

La Revista Blanca, VI, num. 11, 7, num. 150.


El Porvenir del Obrero, 127, Mahn (10-1903).
Umanit Nova, 65, n. 2, 20 gennaio 1985

On line
http://www.alasbarricadas.org/ateneo/modules/wikimod/index.php?page=A.1.6
http://www.centrostudilibertari.it/pdf/boll18.pdf
http://www.marxismoeducar.cl/prada01.htm
http://www.ua.es/cgt/rosa/ponen/litanar.pdf

Videoclip
Vivir la utopa (DOC el anarquismo en la guerra civil), Televisin espaola.
159