Sei sulla pagina 1di 80

MANUALE UTENTE

TeamPortal Procedure Gestionali


20130100

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

INDICE
1 - Introduzione .............................................................................................................................................................. 4
1.1 Ambiente INTEGRAZIONE............................................................................................................................. 4
1.2 Ambiente NATIVO............................................................................................................................................ 4
2 Aspetto dellapplicazione ......................................................................................................................................... 6
3 Menu dellambiente ................................................................................................................................................. 7
3.1 - Definizioni.......................................................................................................................................................... 7
3.2 Struttura del menu ............................................................................................................................................ 8
3.2.1 Menu specifico dellapplicativo selezionato (start) ................................................................................... 9
3.2.2 Menu configurazione ............................................................................................................................... 12
4 Gestione .................................................................................................................................................................. 13
4.1 Rileggi applicativi............................................................................................................................................ 13
4.2 Modalit .......................................................................................................................................................... 14
4.3 Aggiornamenti ................................................................................................................................................ 15
4.4 StoPro .............................................................................................................................................................. 16
5 Amministrazione .................................................................................................................................................... 17
5.1 Ambienti .......................................................................................................................................................... 17
5.1.1 Importazione ambiente integrazione ....................................................................................................... 17
5.1.2 Creazione ambiente nativo....................................................................................................................... 23
5.1.3 Eliminazione ambiente ............................................................................................................................ 24
5.1.5 Rileggi menu applicativi .......................................................................................................................... 25
5.2 Installa Applicativo ......................................................................................................................................... 26
5.2.1 Installazione da Upload da PC Client ................................................................................................. 27
5.2.2 Installazione da Direttorio Server ....................................................................................................... 28
5.2.3 Installazione da Direttorio Server (AUTOMATICO) ......................................................................... 29
5.2.4 Installazione da TeamCD .................................................................................................................... 31
5.2.5 Installazione da TeamCD (CD-ROM/DVD) ........................................................................................ 31
5.2.6 Installazione da TeamCD (Direttorio) ................................................................................................. 33
5.2.7 TeamCD ................................................................................................................................................... 34
5.2.8 Installa da TeamUPDATE ................................................................................................................... 35
5.3 Converti ambiente ........................................................................................................................................... 36
5.4 Applicativi........................................................................................................................................................ 39
5.5 AcuRcl ............................................................................................................................................................. 40
5.6 AcuXdbc .......................................................................................................................................................... 43
5.6.1. Gestione servizio nel Server ..................................................................................................................... 43
5.6.2. Installazione postazione Client AcuXdbc................................................................................................ 46
5.6.3. Definizione DSN nel Client ....................................................................................................................... 47
5.6.4. Esempio di connessione con OpenOffice Base ........................................................................................ 49
5.7 StoPro .............................................................................................................................................................. 52
5.8 Server............................................................................................................................................................... 53
5.9 Aggiornamenti ................................................................................................................................................ 54
5.10 Configurazione.............................................................................................................................................. 55
5.11 Impostazioni .................................................................................................................................................. 58
6 Permessi Applicativi (ACLAPG) ........................................................................................................................... 60
6.1 Gestione ........................................................................................................................................................... 60
6.2 Verifica ............................................................................................................................................................ 62
6.3 Preview utente ................................................................................................................................................. 63
6.4 Utility manutenzione ....................................................................................................................................... 64
Manuale utente
2

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

6.5 Manutenzione menu ....................................................................................................................................... 65


6.6 Config. Permessi Automatici .......................................................................................................................... 66
7 FAQ ........................................................................................................................................................................ 67
8 Tabella Codici Errori Cobol .................................................................................................................................. 77

Manuale utente
3

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

1 - Introduzione
Procedure Gestionali lapplicazione di TeamPortal che permette di utilizzare e gestire tutte le procedure
GECOM / GAMMA (Plus/Evolution). Tale strumento sostituisce completamente il prodotto SysintWeb.
Inoltre, fornisce allutente una completa e migliore fruibilit degli applicativi tanto da potersi slegare dai
vecchi requisiti e metodologie operative presenti negli ambienti classici Sysint/W e Sysint/U.
Direttamente da interfaccia Web possibile configurare e gestire in contemporanea un numero illimitato di
Ambienti sia su piattaforme Windows che Linux/Unix (gli Ambienti sono assimilabili alle classiche
configurazioni/installazioni Sysint/W (conf_x)).
Attualmente gli Ambienti gestibili sono di due tipi: INTEGRAZIONE e NATIVO.

1.1 Ambiente INTEGRAZIONE


Tipologia di Ambiente che permette di utilizzare procedure GECOM / GAMMA (Plus/Evolution) gi installate
nelle classiche configurazioni Sysint/W o Sysint/U del Server. Tramite la specifica funzionalit in
amministrazione possibile importare le suddette configurazioni/installazioni per poi fruire di tutte le
procedure presenti sul server direttamente dallinterfaccia Web.

1.2 Ambiente NATIVO


Tipologia di Ambiente che permette di gestire ed utilizzare le procedure GECOM /GAMMA (Plus/Evolution)
operando totalmente e direttamente attraverso linterfaccia Web, senza avere la necessit di installare
preventivamente nulla nel Server (niente pi installazioni dei moduli software di base quali Sysint, Runtime
SysintGateway,etc). Questa modalit di utilizzo delle procedure ha lobiettivo di sostituire tutte le altre
configurazioni/installazioni esistenti quali Sysint/W e Sysint/U, compreso lambiente INTEGRAZIONE.
Tra gli aspetti importanti e vantaggiosi da sottolineare di questa modalit operativa:
Semplificazione delle operazioni di installazione ed aggiornamento moduli applicativi direttamente da
browser sia in locale che da remoto.
Installazione ed aggiornamento moduli applicativi direttamente da TeamUpdate.
In una sola operazione possibilit dinstallazione/aggiornamento su pi Ambienti nativi in
contemporanea.

Manuale utente
4

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

Migliorati i controlli in fase dinstallazione: verifica in tempo reale se ci sono altri processi
dinstallazione gi attivi o processi applicativi in uso. Inoltre gli ambienti selezionati per
linstallazione/aggiornamento vengono bloccati per impedire laccesso alle procedure GECOM da
parte degli utenti in questa fase.
Continuit duso degli strumenti consueti dinstallazione come TeamCD.
Nuovo strumento STANDARD per gestire le multistart.
Possibilit di mettere in manutenzione interi Ambienti nativi o singole start per permettere le regolari
e corrette attivit di aggiornamento.
Possibilit di impostare configurazioni per Manutenzione sia a livello dAmbiente che per singolo
utente (per sessione o in modo permanente)

ATTENZIONE:
Gli installatori unificati/unici sono i nuovi installatori degli applicativi. Questi non sono pi distinti
per piattaforma (es: MU1200W.exe e MULTI1200X.exe) ma un unico autoesplodente installabile sia
in Windows che Linux/Unix. In Ambiente NATIVO possibile utilizzare solo questi tipi dinstallatori.

ATTENZIONE:
In Amministrazione / Converti ambienti possibile convertire un Ambiente INTEGRAZIONE in
NATIVO. Questa utility permette di trasformare i vecchi Ambienti in Ambienti Nativi beneficiando in
questo modo dei vantaggi apportati dalla nuova modalit nativa.

Manuale utente
5

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

2 Aspetto dellapplicazione

Menu applicativi
Aggiornamento menu applicativi, impostazione modalit esecuzione applicativi, aggiornamenti software
Amministrazione Ambienti, servizio Acurcl, arresto dei processi attivi (StoPro), accesso al server
Informazioni sullapplicazione
Maschera dellapplicazione

Manuale utente
6

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

3 Menu dellambiente
Questo capitolo riporta la descrizione del menu di un ambiente e quali sono le proprie componenti..

3.1 - Definizioni

Ambiente
Lambiente pu essere assimilato a quello che per sysint/w veniva chiamato conf_
con la differenza che in TeamPortal gli ambienti vengono gestiti tutti attraverso una unica versione di prodotti
ACU (Acurcl, Runtime, ..) ed ununica versione di prodotti di base (SysintGateway, GESTAM, ..). Ciascun
ambiente contraddistinto da una sigla e da una descrizione che comparir nel menu di sinistra degli
applicativi.

Raggruppamento
Gli applicativi rilevati in ciascun ambiente vengono organizzati in raggruppamenti. In pratica vengono
aggregati in gruppi logici di pertinenza. Nel menu di sinistra degli applicativi il raggruppamento Contabilit
ad esempio conterr la voce multi (se installata), il raggruppamento Gestione del personale conterr
lapplicativo paghe (se installato), ecc.
Se un applicativo non fa parte dei raggruppamenti standard definiti internamente in TeamPortal, verr
mostrato allinterno del raggruppamento Altri applicativi

Start
E la voce di menu contenuta allinterno di un raggruppamento e tramite la quale si attiva la maschera
specifica dellapplicativo (per maggiori dettagli fare riferimento al paragrafo Menu specifico dellapplicativo
selezionato (start)).

Manuale utente
7

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

3.2 Struttura del menu


La struttura corrispondente sar dunque la seguente:
Procedure Gestionali
Ambiente
o Raggruppamento
Start applicativo

Manuale utente
8

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

3.2.1 Menu specifico dellapplicativo selezionato (start)

COMANDO
Consente di inserire direttamente il comando applicativo specifico. Se fatto precedere da D il comando
stesso viene avviato in modalit Debug. La visualizzazione della riga di comando opzionale in base alla
configurazione dellambiente importato.

AVVIO APPLICATIVO
Effettua lesecuzione della start mostrando il menu principale specifico dellapplicativo selezionato.

Manuale utente
9

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

GESTIONE FILE DI STAMPA UTENTE


Consente la gestione dei file di stampa appartenenti allutente.

GESTIONE FILE DI STAMPA COMUNI


Consente la gestione dei file di stampa comuni a tutti gli utenti

Manuale utente
10

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

AMMINISTRAZIONE ARCHIVI, ARCHIVI COMUNI E PROGRAMMI


Funzione di gestione del contenuti direttori archivi e programmi con la quale anche possibile eseguire la
rebuild,info e check degli archivi acu.

Manuale utente
11

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

3.2.2 Menu configurazione

Consente di accedere alle consuete utility di configurazione di SysInt e SysInt Gateway

Esempio: Comandi di configurazione gestione postazione, disponibili per ogni ambiente

Manuale utente
12

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

4 Gestione
In questo capitolo si trattano le funzionalit necessarie per gestire e mantenere il corretto funzionamento
degli ambienti di Procedure Gestionali.

4.1 Rileggi applicativi


Tramite questa funzionalit possibile aggiornare il menu degli applicativi di tutti gli ambienti configurati.
In pratica, se stato aggiunto o rimosso un applicativo dal vecchio ambiente, questa funzione consente la
rigenerazione del menu relativo consentendo allutente di usufruire degli applicativi effettivamente disponibili.

Al termine delloperazione viene segnalato che il nuovo menu sar immediatamente disponibile senza la
necessit di effettuare il logout come accadeva nelle precedenti release.

Manuale utente
13

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

4.2 Modalit
E sempre disponibile la possibilit di scegliere la modalit grafica con cui si vogliono eseguire gli applicativi.
Molto utile nel caso si disponga di banda limitata per ottenere migliori prestazioni nell uso degli applicativi.
In questo caso sar possibile scegliere tra le modalit Carattere (la pi performante) , limpostazione
intermedia denominata Ridotta e nel caso si sia configurato il servizio remoto opportuno, la modali via
Rdp.

E possibile gestire permessi per le modalit di avvio programmi tramite


Amministrazione / Permessi / Applicazioni (ACLA) (nella sezione Funzioni non a men)
Le regole impostate verranno applicate dal momento in cui si attiva lopzione Abilita utilizzo in Procedure
Gestionali / Amministrazione / Configurazione / Gestione permessi in modalit avvio applicativi.

Manuale utente
14

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

4.3 Aggiornamenti
La funzionalit consente laccesso agli aggiornamenti software dei moduli client, modulo SGD in formato zip,
modulo client TCE, PDF di documentazione.

Durante linstallazione del modulo client TCE se lutente di sistema che sta lavorando limitato e non ha
permessi completi di scrittura sul registro di Windows verr notificato il seguente messaggio :

In tal caso rivolgersi allamministratore della rete.

ATTENZIONE:
Al termine di tale installazione necessario chiudere tutte le finestre del browser in uso.

ATTENZIONE:
In ambiente Windows Vista, Windows Server 2003/2008 sconsigliato installare il client TCE nel
disco di sistema "C:"

Manuale utente
15

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

4.4 StoPro
Tramite il modulo possibile terminare i processi attivi relativi allutente.

Cliccando nella cartella mostrata nellultima colonna si accede al direttorio di lavoro del processo.
Utile per verificare il file di log del runtime se attivato.

Manuale utente
16

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5 Amministrazione
Questa funzione permette di eseguire la configurazione degli Ambienti operativi per gli applicativi GECOM /
GAMMA (Plus / Evolution)

5.1 Ambienti

5.1.1 Importazione ambiente integrazione


Tramite il pulsante Importa andremo a configurare un ambiente gi presente nel sistema in modalit
integrazione.

Manuale utente
17

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

Opzioni Generali
La scheda Generale consente di impostare i parametri di configurazione dellambiente.
In ambito SysInt/U non verr richiesto il direttorio ma verr rilevato in modo automatico.

Scheda Generale su server Linux

In ambito SysInt/W sar possibile importare anche pi configurazioni, permettendo cos la gestione delle pi
conf di SysInt/W

Scheda Generale su server Windows

Manuale utente
18

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

Sar richiesto il direttorio dove sono installati gli applicativi


Esempio:
E:\
quando non siamo in presenza di direttorio ed il SysInt/W e tutti gli applicativi sono
posizionati alla radice di questo disco (E:\SYSINT, E:\MULTI, E:\CONTA)
Se lambiente SysInt/W installato su una subst il tab generale si presenter come segue

Scheda Generale su server Windows, ambiente SysInt/w installato su una subst

Q:\ e:\gecom quando siamo in presenza di un direttorio al di sotto del quale risiedono tutti gli applicativi
(e:\gecom\SYSINT, e:\gecom\MULTI, ..). Attenzione: Ogni ambiente che n prevede luso deve avere la
propria lettera DRIVE. In fase dimpostazione verficare che nel sistema sia libera.
Sia in ambito SysInt/U che SysInt/W le opzioni proposte nel tab sono le seguenti:
Nome : Sigla identificativa dellambiente
Descrizione : Dicitura che caratterizza lambiente e che verr visualizzata a menu
Importa Utenti da SysIntWeb : Se abilitata questa opzione consente limportazione degli utenti da
SysIntWeb

IM PORT ANTE

Gli utenti importati da SysintWeb saranno tutti associati allanagrafica dellazienda scelta.

Manuale utente
19

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

Azienda da assegnare agli utenti importati: Tale opzione, disponibile ed obbligatoria se abilitato il flag
precedente, consente limpostazione della azienda che si intende associare agli utenti importati da
SysIntWeb, dato che in TeamPortal obbligatorio associare un utente ad almeno unazienda.
Accesso applicativi: Tramite lopzione Abilita tutti gli Utenti dellAzienda possibile rendere
immediatamente accessibili gli applicativi dellambiente a tutti gli utenti dellazienda senza dover eseguire le
relative impostazioni Permessi Applicativi (ACLA). Lopzione Abilita tutti gli Utenti del Portale consente
laccesso allambiente applicativo a tutti gli utenti Teamportal indipendentemente dallazienda a cui gli stessi
appartengono. In alternativa possibile mantenere limpostazione di default imposta regola ACLA
manualmente che non esegue alcuna restrizione. Tale campo con quello precedente sono visualizzati solo
in fase di importazione/creazione ambiente. Successive impostazioni di permessi ACLA devono essere
eseguite manualmente tramite il relativo modulo di gestione (Amministrazione / Permessi / Applicazioni
(ACLA) / Gestione).
Abilita avvio automatico dellapplicativo alla selezione : Al click sullapplicativo, lo avvier
automaticamente
Abilita linea di comando: Se abiliata questa opzione rende disponibile il campo comando che permette di
digitare ed eseguire direttamente il comando specificato
Mostra solo i propri file di stampa: Consente di limitare la visualizzazione/gestione dei soli file di stampa
che appartengono allutente
Mostra le stampanti del Server solo via Intranet : Su server Linux possibile abilitare questa opzione che
consente di mostrare le stampanti locali del server solamente agli utenti collegati via intranet.
E necessario aver configurato almeno un criterio per la discriminazione di utenti intranet tramite lapposito
modulo di Amministrazione TeamPortal.

IM PORT ANTE

Limpostazione
Accesso
applicativi
ha
effetto
solamente
in
fase
di
Creazione/Impostazione Ambiente, mentre per le successive modifiche dei permessi
necessario utilizzare il modulo di gestione (Amministrazione / Permessi / Applicazioni
(ACLA) / Gestione)

IM PORT ANTE

Limpostazione Accesso Applicativi su Abilita tutti gli Utenti del Portale si applica al
Gruppo Generale Portale everyone. Ci significa che, se impostata, rende disponibile
lambiente applicativo appena importato/creato a tutti gli utenti del portale.

Manuale utente
20

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

IM PORT ANTE

Le regole Permessi Applicativi (ACLA) impostate non vengono ancora ereditate dal menu
Evolution e dagli applicativi gestionali eseguiti. Qualsiasi ulteriore restrizione andr
configurata utilizzando gli strumenti messi a disposizione dallapplicativo stesso.

Opzioni runtime

Abilita il log della runtime: Se abilitato scrive il trace del runtimenel direttorio temporaneo di sessione
Abilita log SC_EMB: Attiva il log delle script sc eseguite. Le informazioni generate vengono accodate nel
log del runtime nel direttorio temporaneo di sessione del comando scelto.
Visualizza codice esteso errori 30: In caso di errore 30 visualizza il codice esteso dellerrore.
Sopprime messaggi di warning: Consente di evitare linvio di messaggi davviso allutente
Tipo compressione : E possibile impostare la compressione dei dati definendo che tipo di compressione
utilizzare. Le impostazioni di compressione disponibili sono:

NONE : Nessuna

ZLIB : Tipo di

RUNLENGTH : Tipo di

compressione

compressione dei dati che utilizza lalgoritmo gzip


compressione dei dati basata sul conteggio dei byte ricevuti
Manuale utente
21

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

Abilita Crittografia: trasporto dati sicuro e crittografato per accessi remoti


Variabili ambiente personalizzate: Consente di specificare coppie di variabile:valore personalizzate

Applicativi

Abilita supporto login a 20 caratteri : Se impostato permette allapplicativo di lavorare con login di 20
caratteri.
Permessi (ACLAPG) raggruppa le opzioni che vanno ad operare nellambito della Gestione permessi di
accesso alle procedure gestionali per maggiori dettagli fare riferimento al capitolo relativo).
Abilita utilizzo: Se impostato permette di attivare lutilizzo della gestione dei permessi
(ACLAPG) nelle start disponibili dellambiente in questione. E possibile anche definire
prima le regole opportune in Procedure Gestionali >>> Permessi Applicativi
(ACLAPG) >>> Gestione e successivamente abilitarne lutilizzo tramite la presente
funzionalit.
Abilita Config. Permessi Automatici: Se impostato abilita la gestione di Procedure
Gestionali >>> Permessi Applicativi (ACLAPG) >>> Config. Permessi Automatici
(per maggiori dettagli fare riferimento al capitolo relativo ACLAPG).
Disabilita cache: Se impostato disabilita la cache negli applicativi per quanto riguarda
la gestione della regole ACLAPG definite negli applicativi.

Manuale utente
22

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.1.2 Creazione ambiente nativo


Tramite il pulsante Nuovo possibile creare un nuovo ambiente di tipo NATIVO.

IM PORT ANTE

Lambiente NATIVO permette di utilizzare le procedure GECOM senza necessariamente


realizzare impianti come SYSINT/U o SYSINT/W. Il TeamPortal gi provvisto al suo
interno degli strumenti (SYSINT,RUNTIME) per far funzionare le procedure GECOM
interessate.

Le opzioni presenti nella maschera di creazione sono le stesse di quelle per limportazione di ambienti
dINTEGRAZIONE. Le uniche particolarit da evidenziare sono:
Nome:

Sigla identificativa dellambiente. Questo campo regolato dalle seguenti condizioni:


Non devono essere presenti le diciture SERVER o SERVERX
Non pu contenere caratteri non stampabili

Direttorio:

Direttorio reale in cui posizionare lambiente


(es. server linux: /usr1; es. server windows c:\tmp)
Questo campo regolato dalle seguenti condizioni:
Il percorso reale dellambiente corrisponder a Direttorio + Nome, quindi attenzione alla
lunghezza.
Non pu essere presente la dicitura TEAMSY

IM PORT ANTE
La procedura consente di impostare Direttorio + Nome non pi lunghi di 20 caratteri

Manuale utente
23

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.1.3 Eliminazione ambiente


Tramite lapposito pulsante viene eliminata la configurazione dellambiente selezionato ed il relativo menu,
oltre alle funzioni specifiche. In questo modo gli applicativi presenti in quellambiente non saranno disponibili
da TeamPortal.

Manuale utente
24

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.1.5 Rileggi menu applicativi


Tramite i pulsante Rilleggi menu applicativi possibile rileggere gli ambienti e ricreare il menu.
Il pulsante Pianifica rileggi menu applicativi permette di pianificare tramite cron lattivit di rilettura del
menu. Questo pianificazione impostata alle 3 di ogni giorno.

Manuale utente
25

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.2 Installa Applicativo

Tramite questa maschera (sia in locale che da remoto) possibile installare applicativi GECOM negli
ambienti NATIVI gi definiti. Il processo dinstallazione pensato sottoforma di procedura guidata.
Selezionando la modalit di installazione (sorgente moduli installatori) e lambiente interessato si proceder
con linstallazione.
Prima di procedere con linstallazione si verifica in tempo reale se ci sono altri processi di installazione gi
attivi, o processi applicativi in uso. Inoltre gli ambienti selezionati per linstallazione/aggiornamento vengono
bloccati per impedire laccesso alle procedure GECOM da parte degli utenti. Per rimuovere eventuali blocchi
anomali dagli ambienti necessario andare in AMMINISTRAZIONE / APPLICATIVI.
Le modalit dinstallazione disponibili sono:
Upload da PC Client
Direttorio Server
Direttorio Server (AUTOMATICO)
TeamCD (CD-ROM/DVD)
TeamCD (Direttorio)
TeamUPDATE
In Amministrazione / Configurazione possibile impostare la modalit dinstallazione predefinita. In
mancanza di impostazioni la scelta predefinita TeamCD (CD-ROM/DVD).

Manuale utente
26

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.2.1 Installazione da Upload da PC Client


Permette di installare un modulo installatore UNIFICATO presente nel proprio PC.

In una sola operazione possibile eseguire laggiornamento di uno o pi ambienti nativi in contemporanea.
Tramite il pulsante Avanti si procede con il successivo passo dinstallazione.

In questa fase, oltre alla scelta del modulo installatore possibile anche impostare il tipo di esecuzione
procedure di fine installazione. Questa opzione permette di eseguire tali procedure in background se
impostata Automatica, al contrario se Manuale (da usare nel caso di anomalie con la precedente
impostazione, per avere un controllo manuale sulloperazione di finalizzazione dellinstallazione applicativo).
La scelta predefinita Automatica.

Manuale utente
27

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.2.2 Installazione da Direttorio Server


Permette di selezionare il percorso nel Server dove sono presenti i moduli installatori UNIFICATI.

In Amministrazione / Configurazione possibile impostare il direttorio predefinito da proporre allaccesso in


questa maschera.

Procedendo con il pulsante Avanti si accede alla maschera per la selezione dei moduli.

Tramite i pulsanti delle caselle di testo di selezione possibile selezionare ed ordinare i moduli installatori
che si intende installare.

ATTENZIONE: Il direttorio che contiene i moduli a fine installazione viene sempre ripulito eliminando tutto il
suo contenuto.

Manuale utente
28

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.2.3 Installazione da Direttorio Server (AUTOMATICO)


Permette di selezionare il percorso nel Server dove sono presenti i moduli installatori UNIFICATI e di
installare seguendo automaticamente la sequenza definita da file xml.

In Amministrazione / Configurazione possibile impostare il direttorio predefinito da proporre allaccesso in


questa maschera.

Procedendo con il pulsante Avanti si accede alla maschera che mostra i muli presente e gi ordinati per la
sequenza dinstallazione desiderata.

Tramite il pulsante Installa si procede con linstallazione.

Manuale utente
29

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

IM PORT ANTE

Definizione della sequenza di ordinamento


La sequenza dinstallazione dei moduli definita dal file update.xml.
Tale file deve essere presente nello stesso direttorio dei moduli da installare e deve avere
la seguente sintassi:

<?xml version="1.0" encoding="utf-8" ?>


<updates>
<update src="MULTI.exe" group="C" seq="1"/>
<update src="PAGHE.exe" group="P" seq="2"/>
<update src="F24.exe" group="T" seq="3"/>
</updates>

src
Indica il nome del modulo presente nel medesimo direttorio. In Server Linux/Unix
attenzione alle lettere maiuscole/minuscole.
group E un raggruppamento logico dei vari moduli installatori. Questa informazione
impostata solo a titolo informativo; il processo dinstallazione non n tiene in
considerazione.
seq
Permette di stabilire lordine dinstallazione dei moduli. In fase di editing del file,
necessario fare attenzione ad incrementare il numero man mano che si aggiungono i
moduli installatori.

ATTENZIONE: Il file update.xml deve avere almeno i permessi di lettura.


ATTENZIONE: Il direttorio che contiene i moduli a fine installazione viene sempre ripulito
eliminando tutto il suo contenuto

Manuale utente
30

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.2.4 Installazione da TeamCD


Questa modalit dinstallazione pu essere fatta da dispositivo CD-ROM/DVD che da Direttorio.

5.2.5 Installazione da TeamCD (CD-ROM/DVD)


Permette di selezionare il percorso del CD-ROM/DVD (drive corrispondente al cd-rom in Windows, percorso
di mount del cd-rom su sistemi Linux/Unix).

IM PORT ANTE

La struttura andr creata con il nuovo modulo GestCD utilizzando gli installatori unificati.

Server Linux/Unix:

Oltre al percorso del CD-ROM/DVD, nei sistemi Linux/Unix possibile impostare i comandi di mount/umount
del dispositivo. Tali campi possono proporre valori predefiniti impostabili da AMMINISTRAZIONE /
CONFIGURAZIONE. In TeamLinux anche senza personalizzazioni impostate questi campi sono valorizzati
automaticamente.
Lopzione Leggi ad ogni installazione gestisce la lettura della struttura TeamCD in fase di NUOVA
INSTALLAZIONE da TeamCD (CD-ROM/DVD). In altre parole, dopo una prima installazione moduli, tramite
la maschera che riporta lesito delloperazione, possibile accedere nuovamente alla struttura TeamCD per
eseguire nuovi processi dinstallazione. In questa fase, se lopzione in questione attiva, la struttura
TeamCD viene letta nuovamente per intero. In caso contrario si reperiscono le informazioni dalla sessione
senza colloquiare con il dispositivo CD-ROM/DVD. Questa opzione porta il vantaggio di avere un processo
dinstallazione pi performante dove si hanno macchine Server pi lente nellinteragire con il dispositivo CDManuale utente
31

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

ROM/DVD. Questa procedura dinstallazione provveder in maniera autonoma a montare e smontare il


dispositivo CD-ROM/DVD nei sistemi operativi Linux/Unix che lo gestiscono in maniera manuale.

Server Windows:
La maschera differisce da quella con Server Linux/Unix perch rende disponibile solamente il campo di
selezione drive. Gli altri non sono presenti.
In Amministrazione / Configurazione possibile impostare i valori predefiniti da proporre allaccesso.

IM PORT ANTE

In Server Linux/Unix se si dovessero incontrare problemi di lettura CD-ROM/DVD provare


a smontare il dispositivo per poi rimontarlo con il seguente comando:
mount -o ro,norock dispositivo

Esempio comando in un server Ubuntu:


mount -o ro,norock /dev/sr0

Manuale utente
32

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.2.6 Installazione da TeamCD (Direttorio)


Permette di selezionare il percorso nel Server dove presente la struttura TeamCD
Tale percorso pu essere un direttorio o semplicemente i riferimenti del CD-ROM del Server come ad
esempio: in Windows d:, in Linux/Unix /mnt/cdrom.

IM PORT ANTE

La struttura andr creata con il nuovo modulo GestCD utilizzando gli installatori unificati.

In Amministrazione / Configurazione possibile impostare il valore predefinito da proporre allaccesso.

Manuale utente
33

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.2.7 TeamCD
Sia linstallazione da TeamCD (CD-ROM/DVD) che da TeamCD (Direttorio) portano a questa maschera per
lutilizzo delle logiche TeamCD.

Il funzionamento lo stesso della versione di TeamCD utilizzata nei vecchi ambienti Sysint/W o Sysint/U.
Il vantaggio da evidenziare che questa versione utilizzabile anche da remoto.

Tramite licona segnalata in figura possibile passare


dalla modalit Cliente in Installatore.
Cliente: Si applicano le legiche di visualizzazione e
autoselezione moduli installatori a seconda del Software
installato nel Server.
Installatore: Mostra senza selezione tutti i moduli
disponibile nella struttura. E cura dellutente selezionare
i moduli interessati.
Il pulsante Esci permette di terminare il processo dinstallazione e di rileggere il menu applicativi.

IM PORT ANTE

La struttura andr creata con il nuovo modulo GestCD utilizzando gli installatori unificati.

Manuale utente
34

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.2.8 Installa da TeamUPDATE


E prevista linstallazione diretta anche da TeamUpdate. Tale scelta verr mostrata in sola lettura (non
selezionabile) nel caso in cui il processo dinstallazione stato avviato tramite il pulsante Installa da
TeamUpdate.

Manuale utente
35

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.3 Converti ambiente


Permette di convertire un ambiente INTEGRAZIONE in NATIVO.

Il processo di conversione proposto sotto forma di procedura guidata. Selezionando lambiente


INTEGRAZIONE ed inserendo le informazioni del futuro ambiente NATIVO, tramite il pulsante Avanti si
pu procedere con il secondo passo verso linstallazione. Lopzione Copia impostazioni dellambiente
dintegrazione permette di impostare nel nuovo ambiente tutte le configurazioni presenti nel vecchio.

IM PORT ANTE

Con Server Windows, disponibile nella maschera anche il seguente campo:


Questa impostazione permette di creare il nuovo Ambiente NATIVO abilitandone la
SUBST. E consigliato lutilizzo per particolari esigenze o nella conversione di ambienti
INTEGRAZIONE che hanno gi abilitata la SUBST.
ATTENZIONE: Prima di selezionare la lettera DRIVE assicurarsi che non sia gi utilizzata
nel sistema e che gli altri ambienti definiti non n prevedono luso. Ogni ambiente che ha
abilitato la SUBST deve avere la propria lettera DRIVE.

Manuale utente
36

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

IM PORT ANTE

Si ricorda che la modalita nativa richiede i nuovi installatori unici che verranno rilasciati
progressivamente e quindi la migrazione va fatta quando per l'ambiente sono disponibili
gli installatori unici per tutte le procedure che sono presenti..

Tramite il pulsante Avanti si passa alla successiva fase.

Il secondo passo della conversione consiste nel mostrare e permettere di selezionare/convertire le start
presenti nel vecchio ambiente INTEGRAZIONE. Le start convertite a fine procedura non saranno pi
disponibili sia nel vecchio ambiente SYSINT che nel menu dellambiente integrazione di procedure
gestionali.

Manuale utente
37

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

IM PORT ANTE

E consigliato mantenere selezionate tutte le start presenti nellambiente da convertire


(deselezionare eventualmente le SOLE start obsolete e/o non piu utilizzate), in quanto
non sara possibile portare in un secondo momento altre start sullo stesso ambiente nativo
di destinazione

IM PORT ANTE

Al termine della conversione sar necessario verificare ed eventualmente intervenire a


mano sugli indirizzari applicativi e, se presenti, su file di configurazione personalizzati (es.:
CED/CBLCONFIG_ACU).

IM PORT ANTE

Si fa presente che, data la variet di installazioni, soprattutto per gli ambienti di tipo
Linux/Unix , potrebbero non essere state contemplate tutte le casistiche, pertanto la
funzionalit di conversione dal vecchio ambiente Integrazione potrebbe richiedere
lintervento di verifica e perfezionamento manuale da parte dellutente installatore.

Al termine della conversione verr riletto il menu applicativi.

Manuale utente
38

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.4 Applicativi

Questa maschera permette di gestire le start presenti negli ambienti nativi.


Il simbolo
rappresenta una start non finalizzata. Significa che lapplicativo stato installato me non
mai avvenuto il primo accesso. Quindi i programmi di fine installazione come aggiornamento maschere,
conversioni etc non sono stati mai eseguiti. Per FINALIZZARE una start necessario cliccare sullicna in
questione.
Il simbolo
rappresenta il blocco di una start o un intero ambiente. Quando il lucchetto chiuso la Start o
Ambiente bloccato. In fase di accesso ai programmi GECOM verr mostrato un messaggio che indicher
lutente e la data dellattivazione del blocco. Questa funzionalit utile quando si intende operare su
determinati ambienti a scopo di aggiornamento o manutenzioni.

Permette di accedere alle informazioni dellambiente.


Permette di gestire i blocchi dellambiente/start. Impostando il lucchetto a chiuso si limita laccesso ai
programmi di tutto lambiente o della singola start. Cliccando sopra limmagine si imposta lo stato del
lucchetto. Se chiuso si passa ad aperto e viceversa. Quando si imposta il blocco e si prova ad avviare un
programma in questione si avr un adeguato messaggio che indica utente ed ora del blocco impostato. I
blocchi simpostano essenzialmente per temporanee manutenzioni. Anche la fase dinstallazione applicativi
GECOM vanno ad inserire tali blocchi che rimuoveranno al termine delle operazioni.
Permette di andare in modifica della start. E solo possibile modificare lelenco delle start collegate e
le varie personalizzazioni previste.
Permette di duplicare la start. E possibile specificare il nome della start, la descrizione, gli archivi, le
start collegate e tutte le varie personalizzazioni previste.
Permette di eliminare la start.
Indica lo stato corretto della start.
Se questa informazione invece rappresentata dal simbolo
significa che la start non finalizzata
correttamente e quindi necessario cliccare sopra al simbolo per procedere con lesecuzione delle
procedure di fine installazione.

Manuale utente
39

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.5 AcuRcl
Il modulo di amministrazione di AcuRcl in pratica il pannello di controllo del servizio.
Tramite la scheda Generale possibile
avviare / arrestare il servizio (Comando)
salvare il log (se stato abilitato tramite lopzione Debug della scheda Configurazione, descritta
successivamente)
monitorare lattivit in corso del sistema e verificare leffettivo stato dellAcuRcl (Stato)
terminare tutti i processi runcbl/wrun32 avviati da acurcl
pianificare unattivit giornaliera che a mezzanotte termini tutti i processi runcbl/wrun32 avviati da
acurcl
cancellare tutti i direttori temporanei di work non pi usati
pianificare unattivit giornaliera che cancelli tutti i direttori temporanei di work non pi usati

Manuale utente
40

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

La scheda Gestione Moduli AcuCobol permette di installare ed impostare i moduli AcuCobol (Runtime,
Acuconnect) utilizzati dai programmi in Procedure Gestionali.

Per procedere con linstallazione selezionare il modulo desiderato e premere il pulsante Imposta.

Manuale utente
41

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

La scheda Configurazione permette di impostare la porta di ascolto del servizio (default 5632) e di abilitare i
log nel caso si debba svolgere attivit di debug. Lopzione consente di specificare il livello di trace con cui si
ntende specializzare il debug

Operazioni su access file


Il debug restituisce informazioni sulle operazioni di accesso ai file
Richieste runtime
Le informazioni che vengono generate sono relative alle richieste della runtime
Operazioni su access file e runtime
Vengono generate le informazioni relative due livelli precedenti
Ultima operazione su access file
Equivale al livello "Operazioni su access file", ma viene tenuta traccia solo dell'ultima operazione
Ultima richiesta runtime
Equivale al livello "Richieste runtime", ma viene tenuta traccia solo dell'ultima operazione
Ultima operazione su access file e runtime
Riassume i due livelli precedenti

Manuale utente
42

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.6 AcuXdbc
AcuXDBC un sistema di gestione dati disegnato per essere integrato in ACUCOBOL-GT ed la nuova
generazione ODBC che va a sostituire AcuODBC.

5.6.1. Gestione servizio nel Server


Tramite la voce a men si accede al pannello di amministrazione del servizio. Per utilizzare AcuXDBC
necessario installare la licenza 5026 nel TeamPortal.
Nella scheda Generale possibile
avviare / arrestare il servizio (Comando)
monitorare lattivit in corso del sistema e verificare leffettivo stato dellAcuXdbc (Stato)

Attenzione!!! In server Unix/Linux necessario che il nome host sia impostato correttamente altrimenti il
servizio AcuXDBC non si avvia regolarmente ritornando un errore di rete.

Manuale utente
43

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

Nella scheda Generazione Cataloghi mostrato lelenco delle start disponibili per ogni Ambiente importato
e sulle quali lutente di login ha i permessi. Per ogni start possibile generare i cataloghi tramite lapposita
icona riportata nella colonna Avvio o tramite il pulsante Genera cataloghi.
Pianifica generazione cataloghi permette di aggiungere tra le attivit pianificate del TeamPortal il processo di
generazione cataloghi. Per default imposta lesecuzione del processo alle 6 di ogni giorno.
Se abilitato il log nella scheda Configurazione possibile avere un report della generazione cataloghi. E
possibile visualizzare tale log tramite le icone disponibili nella colonna Esiti ed anche possibile eliminarli
tramite il pulsante Elimina esiti.

Manuale utente
44

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

Nella scheda Configurazione possibile cambiare la porta di default 20222 utilizzata dal servizio
AcuXDBC per la comunicazione con i Client. Abilita log in fase di generazione cataloghi permette di abilitare
il log durante la fase di generazione cataloghi. Tale log visualizzabile ed eliminabile nella scheda
Generazione Cataloghi.

Accesso ai dati permette di stabilire la tipologia di accesso agli archivi a seconda se si vuole mantenere il
servizio in sola lettura oppure anche in scrittura. In Sola lettura il servizio AcuXDBC non permetter allutente
di scrivere/modificare le informazioni.
Questa informazione ha effetto lato server su tutte le start presenti.
Nelle precedenti versioni di Procedure Gestionali limpostazione presa era quella di Lettura e scrittura. Da
questa versione in poi (nelle nuove installazioni) il comportamento di default sar Solo lettura.

IM PORT ANTE

Accesso ai dati una impostazione lato server e quindi agisce su tutte le start presenti.
Nelle precedenti versioni di Procedure Gestionali il valore predefinito era quella di Lettura
e scrittura. Da questa versione in poi, nelle nuove installazioni, il default verr impostato
a Solo lettura.

Manuale utente
45

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.6.2. Installazione postazione Client AcuXdbc


Tramite la voce di men Aggiornamenti presente in Gestione possibile installare nella propria postazione il
modulo acuxdbc_clnt.exe (Client AcuXDBC).

Una volta terminata linstallazione necessario riavviare il sistema operativo.

Manuale utente
46

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.6.3. Definizione DSN nel Client


Da men del sistema operativo Start >>> Programmi >>> Acucorp >>> accedere in Amministrazione
origine dati (ODBC) e definire il DSN impostando tutti i parametri necessari per una corretta comunicazione
con il servizio AcuXDBC attivo nel Server.

Tramite il tasto Aggiungi possibile definire un nuovo DSN:


1) Selezionare il driver da usare come nella seguente figura (Acucorp AcuXDBC).

Manuale utente
47

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

2) Impostare i parametri.

E necessario impostare il nome del DSN, la descrizione, impostare Network driver definendo
IP/Nome server e porta utilizzata (la stessa impostata nel server).
Configuration File un path relativo al file di configurazione del servizio lato server. Questo path
composto dal nome ambiente della start a cui ci si vuole connettere pi il nome_start.xbdc
In Advanced assicurarsi che il campo MAXIMUM COLUMNS sia impostato a pi di 256 (questo
rappresenta il numero massimo delle colonne/campi delle tabelle).
Attenzione!!! Se il collegamento Client/Server non dovesse funzionare correttamente assicurarsi
che n firewall o antivirus blocchino la comunicazione sulla porta impostata.

Manuale utente
48

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.6.4. Esempio di connessione con OpenOffice Base

Tramite OpenOffice base stato realizzato il seguente esempio di connessione al database.

E necessario selezionare il database come in figura:

Manuale utente
49

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

Selezionare il DSN gi definito nella postazione tramite il pulsante Sfoglia

Manuale utente
50

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

Tramite il tasto Fine si proceder al collegamento.

Selezionando la tabella VIE verranno mostrati tutti i dati relativi allarchivio Cobol con la possibilit di
modificarne il contenuto.

Manuale utente
51

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.7 StoPro
Stesse funzionalit del modulo StoPro presente in Gestione con la differenza che sono visibili i processi di
tutti gli utenti.

Manuale utente
52

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.8 Server
Tramite questa scelta possibile effettuare lamministrazione del server via terminale a carattere o Vnc in
ambiente Linux , via Rdp in ambiente Windows TM.

Manuale utente
53

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.9 Aggiornamenti
Questa funzionalit permette di gestire propri moduli personalizzati come installatori e documentazione.
Attenzione!!! Nelle migrazioni di TeamPortal da Server a Server tutti i moduli presenti in questa sezione
verranno riportati nel nuovo Server.

Manuale utente
54

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.10 Configurazione

Impostazione per la gestione dei permessi ACLA per la modalit di avvio programmi

Permette di attivare la gestiona permessi ACLA per le modalit di esecuzione programmi (es.: Completa,
Ridotta, Carattere, via RDP).

Impostazione predefinita per la modalit di collegamento rdp per lavvio applicativi.

Permette di impostare la modalit di collegamento rdp di default per lavvio applicativi in Procedure
Gestionali. Questa impostazione ha effetto solamente se la postazione client si connette da remoto.
Quindi necessario configurare correttamente la intranet locale tramite Amministrazione / Portale / Intranet
locale. I servizi RDPT+PG vanno definiti Amministrazione / Servizi Remoti.

Manuale utente
55

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

Impostazione predefinita per la tipologia dinstallazione in ambienti nativi.

Come si pu notare in figura possibile selezionare la tipologia predefinita per linstallazione dei moduli
UNIFICATI negli ambienti NATIVI

Percorso predefinito per Direttorio Server e Direttoprio Server (AUTOMATICO).

Per queste due specifiche tipologie dinstallazione, permette di impostare il direttorio predefinito da proporre
allaccesso delle rispettive maschere.

Manuale utente
56

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

Impostazioni predefinite per installazione da TeamCD.


Server Linux/Unix:

Il campo Direttorio permette di impostare il percorso predefinito della struttura TeamCD da proporre in fase
di installazione da TeamCD (Direttorio)
Il campo CD-ROM/DVD permette di impostare il percorso predefinito per il cdrom (nei sistemi linux/unix
corrisponde alla mount del dispositivo). Per server Linux/Unix che non montano automaticamente il device,
possibile specificare i comandi di mount/umount. In TeamLinux i relativi campi verranno valorizzati
automaticamente. Queste configurazioni sono proposte se stata selezionata la tipologia di installazione
TeamCD (CD-ROM/DVD).

Server Windows:
In questo caso il campo Direttorio ha lo stesso significato del Server Linux/Unix.
La scelta del dispositivo CD-ROM/DVD al posto dei comandi di mount, rappresentata da una casella di
testo che permette di scegliere il drive.

Manuale utente
57

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

5.11 Impostazioni
In questa sezione sono riportate le funzionalit utili a gestire alcune impostazioni per lesecuzione delle
procedure GECOM.

Tramite questa maschera possibile gestire impostazioni per lesecuzione delle procedure GECOM.
Con il pulsante NUOVO si procede con la creazione del set delle impostazioni.

Manuale utente
58

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

Creazione del set delle impostazioni

E necessario legare il set delle impostazioni allutente desiderato e selezionare la modalit di applicazione.

Per Sessione

Le impostazioni definite vengono prese solamente per la sessione attiva

Permanente

Le impostazioni verranno prese ad ogni accesso al TeamPortal

Manuale utente
59

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

6 Permessi Applicativi (ACLAPG)


Accedendo a questa sezione del Menu Applicativi di Procedure Gestionali possibile gestire i permessi
ACLAPG per gli applicativi che supportano questa gestione e a cui lutente di login ha accesso.

6.1 Gestione
Permette di definire i permessi applicativi per le Start/Ambienti disponibili.

Nellelenco sono riportate le seguenti informazioni:


- Nome della start
- Nome dellambiente a cui la start appartiene
- Lo stato di ACLAPG. Questo indica se le regole definite sono attive o meno nellapplicativo in
questione. Se impostato a Come da impostazioni ambiente viene applicato il default di
configurazione dellambiente (scheda Applicativi / Permessi ACLAPG / Abilita utilizzo). Questo
stato permette di gestire il caso in cui sinstalla un nuovo applicativo che supporta le ACLAPG (in
questa maniera assume automaticamente limpostazione di default dellambiente).

Manuale utente
60

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

IM PORT ANTE
Per casi particolari stata prevista la possibilit di disabilitare le ACLAPG per
specifica start nella colonna ACLAPG (se ne sconsiglia tuttavia lutilizzo, per ragioni
di sicurezza quando abilitato luso generale della ACLAPG).

Per definire le regole, selezionare la start/ambiente e lambito (globale/aziendale) allinterno del quale si
intende operare e premere conferma.

Manuale utente
61

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

6.2 Verifica
Permette di effettuare le operazioni di controllo e generazione report dei permessi ACLAPG impostati.

Nellelenco sono riportate le seguenti informazioni:


- Nome della start
- Nome dellambiente a cui la start appartiene
- Lo stato di ACLAPG. Questo indica se le regole definite sono attive o meno nellapplicativo in
questione. Se impostato a Come da impostazioni ambiente significa che la start applica il default
dellambiente impostato nella scheda Applicativi / Permessi ACLAPG / Abilita utilizzo.
Per verificare le regole, selezionare la start/ambiente e lambito (globale/aziendale) allinterno del quale si
intende operare e premere conferma.

Manuale utente
62

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

6.3 Preview utente


Permette di visualizzare immediatamente in anteprima il menu dell applicativo che lutente selezionato puo
vedere. E anche possibile ottenere la vista delle sole funzioni abilitate, oppure di tutte le funzioni.

Nellelenco sono riportate le seguenti informazioni:


- Nome della start
- Nome dellambiente a cui la start appartiene
- Lo stato di ACLAPG. Questo indica se le regole definite sono attive o meno nellapplicativo in
questione. Se impostato a Come da impostazioni ambiente significa che la start applica il default
dellambiente impostato nella scheda Applicativi / Permessi ACLAPG / Abilita utilizzo.
Per visualizzare le regole, selezionare la start/ambiente, lazienda e lutente con cui sintende operare e
premere conferma.

Manuale utente
63

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

6.4 Utility manutenzione


Fare riferimento al capitolo 6.1 Gestione. Questa funzionalit permettevi ricercare le regole impostate
nella stessa maniera della Gestione con la differenza che non possibile impostare lo stato di ACLAPG.

Manuale utente
64

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

6.5 Manutenzione menu


Negli applicativi Evolution possibile indicare propri comandi personalizzati, che devono essere assoggettati
ai controlli permessi ACLAPG. A tale scopo stata predisposta una utility che permette linserimento di voci
di menu personalizzate, in modo tale che siano regolarmente gestite in ACLAPG.

Nellelenco sono riportate le seguenti informazioni:


- Nome della start
- Nome dellambiente a cui la start appartiene
- Lo stato di ACLAPG. Questo indica se le regole definite sono attive o meno nellapplicativo in
questione. Se impostato a Come da impostazioni ambiente significa che la start applica il default
dellambiente impostato nella scheda Applicativi / Permessi ACLAPG / Abilita utilizzo.
Per visualizzare le regole, selezionare la start/ambiente, e lambito (i gruppi o le sedi o le filiali o gli utenti)
con cui sintende operare e premere conferma.

Manuale utente
65

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

6.6 Config. Permessi Automatici


Tale funzionalit permette la generazione automatica di regole ACLAPG in creazione di una nuova ditta
(se si vuole ad esempio che in creazione di una nuova ditta, la stessa automaticamente sia accessibile a
determinati utenti / gruppi aziendali, ecc..)

Nellelenco sono riportate le seguenti informazioni:


- Nome della start
- Nome dellambiente a cui la start appartiene
- Lo stato di ACLAPG. Questo indica se le regole definite sono attive o meno nellapplicativo in
questione. Se impostato a Come da impostazioni ambiente significa che la start applica il default
dellambiente impostato nella scheda Applicativi / Permessi ACLAPG / Abilita utilizzo.
Per definire le regole, selezionare la start/ambiente, e lambito (i gruppi o le sedi o le filiali o gli utenti) con cui
sintende operare e premere conferma.

IM PORT ANTE
La funzionalit Config. Permessi Automatici pu essere abilitata tramite lapposita
opzione nella configurazione dellAmbiente Procedure Gestionali / scheda
Applicativi, sezione Permessi (ACLAPG) di sicurezza quando abilitato luso generale
della ACLAPG).

Manuale utente
66

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

7 FAQ

D: Voglio evitare che gli utenti interni allo studio utilizzino la modalit di esecuzione programmi via RDP
da Procedure Gestionali. Posso limitare l'accesso a tale funzionalit per i soli utenti esterni?
R: E' possibile impostare opportunamente dei permessi ACLA, in modo da dare la possibilit di cambiare modalit
di esecuzione programmi solo agli utenti di aziende esterne gestite dallo studio, negando a tutti gli utenti dello
studio l'accesso a tale funzionalit.
Tramite Amministrazione / Permessi / Gestione ACLA selezionare :
1.
2.
3.
4.

Applicazione -> "Procedure Gestionali"


Funzione
-> Gestione / Modalit"
Creare un nuovo permesso ACLA su tale funzione (pulsante Nuovo)
Nella scheda ACLA Globale selezionare le aziende corrispondenti alle aziende esterne allo studio a cui si
intende dare la funzionalit di selezione della modalit di esecuzione programmi
5. impostare il permesso su CONSENTI
6. selezionare Salva
Per default gli utenti dello studio non hanno accesso alla funzione a meno che non sia stata definita una
precedente impostazione che consente l'accesso alla funzione stessa. Se necessario impostare esplicitamente una
regola per gli utenti dello studio nel modo seguente:
1. Creare un permesso ACLA su tale funzione (pulsante Nuovo)
2. Nella scheda ACLA Globale selezionare l'azienda corrispondente allo studio, impostare il permesso su
NEGA
3. selezionare Salva
La presente nota operativa e' a titolo di esempio e si pu applicare non solo ad uno studio ma anche ad una
azienda/capogruppo. Sar sempre possibile definire permessi nel modo pi adeguato alla propria politica di
profilazione, ad esempio assegnando permessi specifici per singoli utenti o gruppi aziendali.
Per controllare ed avere un report delle impostazioni sui permessi ACLA impostati, selezionare Amministrazione /
Permessi / Verifica ACLA.
D: In ambiente Citrix non riesco ad eseguire lapplicativo, viene mostato lerrore:

Il problema si verifica non solo se si prova ad eseguire acuthin ma anche provando a lanciare altri programmi da
tale ambiente
Manuale utente
67

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

R: Come specificato dal supporto Citrix, il problema si verifica dopo aver installato la patch Citrix Hotfix Rollup Pack
PSE450W2KR02 per Citrix Presentation Server 4.5.
Citrix ha rilasciato una hotfix che risolve il problema.
Soluzione: scaricare ed installare la patch CTX116967 indicata dal supporto Citrix
http://support.citrix.com/forums/thread.jspa?forumID=137&threadID=101062&tstart=0
Per informazioni aggiornate e dettagli sulla problematica patch di aggiornamento fare riferimento al supporto Citrix
Articoli correlati:
Knowledge Base Microfocus
http://kb.microfocus.com/article.aspx?article=3165&p=2

D: Sono collegato in Https al server TeamPortal, con client Internet Explorer 6, e quando eseguo un applicativo da
TM
Procedure Windows o da Procedure Gestionali (RDP, Acuthin) ho il seguente errore:

R: E un problema conosciuto di Internet Explorer 6, il quale in Https non salva il file su disco. Per risolvere il
problema effettuare laggiornamento ad una versione pi recente di Internet Explorer.
D : Ho installato TeamPortal su server TeamLinux 2.8. Ho l'esigenza di far collegare lagente dall'esterno a
Procedure Gestionali, in VPN ed in modalit RDP.
R: Nel manuale in linea di TeamLinux (a partire dalla versione 2.10) disponibile l'"Esempio pratico di
configurazione OpenVPN TeamLinux per laccesso dallesterno a TeamPortal/Procedure Gestionali via RDP".

D: In sistemi come Windows 2008 e Windows 7 ho riscontrato problemi nelle stampe a carattere
nellutilizzo delle Procedure Gestionali via rdp o rdpt+pg. Non si hanno problemi se si stampa in modalit PDF.
R: In questi sistemi le stampanti locali reindirizzate nelle connessioni Desktop Remoto vengono associate per
default al driver Easy Printer comportando una non corretta interpretazione dei dati generati dalle stampe
gestionali.
Per risolvere il problema necessario:
1. disabilitare la funzionalit Easy Print nel Sistema Operativo server
Per disabilitare Easy Print nel Windows 2008:

Aprire la console criteri di gruppo locali (Start -> esegui -> gpedit.msc)

Configurazione computer\Modelli amministrativi\Componenti di Windows\Servizi terminal\Terminal


Manuale utente
68

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

Server\Reindirizzamento stampante

Modificare l'impostazione Usa prima il driver della stampante Easy Print di Servizi
terminal in Disattivata

Aggiornare i criteri di gruppo (start -> esegui -> gpupdate /force)

Per disabilitare Easy Print nel Windows 7:

Aprire la console criteri di gruppo locali (Start -> esegui -> gpedit.msc)

Configurazione computer\Modelli amministrativi\Componenti di Windows\Servizi Desktop remoto\Hot


sessione di desktop remoto\Reindirizzamento stampante

Modificare l'impostazione Usa per primo il driver della stampante Easy Print di Desktop Remoto
in Disattivata

Aggiornare i criteri di gruppo (Start -> esegui -> gpupdate /force)

2. Nelle propriet della stampante nella sessione desktop remoto, assicurarsi che risulti impostato lo stesso driver
della stampante locale al pc

D: Se avvio un servizio remoto RDP* con la modalit seamless da una macchina Windows XP Professional,
ottengo il messaggio in figura.

R: Lavvio di unapplicazione in modalit seamless prevede luso del programma cmdkey.exe per lesecuzione
automatica dellautenticazione sul server remoto (procedura di autologon). Nei sistemi come Windows XP
Professional il suddetto programma non per presente. Va pertanto scaricato o prelevato da un sistema
Windows 2003 se disponibile e va copiato in dir_inst_tce/TCE/bin e rieseguito il comando.

D: Da Internet Explorer 8 (con Firefox il problema non si verifica), avviando l'applicativo da Procedure Gestionali
ottengo il seguente errore:

Manuale utente
69

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

R: Per problemi dovuti al filtro SmartScreen di IE 8, riguardanti in particolar modo l'esecuzione di applicazioni da
postazioni non connesse ad Internet, va disabilitato il filtro stesso nel modo seguente:
Sicurezza / Filtro SmartScreen / Disattiva filtro SmartScreen. Nella finestra di dialogo Filtro Microsoft SmartScreen
fare clic su OK.
In alternativa e' consigliato l'uso del browser Firefox.
D: Non riesco ad avviare lapplicativo GECOM via RDP. Ottengo lerrore:

R: Verificare la configurazione della rete del server dove installato TeamPortal. Assicurarsi che lhostname di tale
server sia regolarmente risolto nel file hosts. Il problema si verifica quando tale hostname associato a 127.0.0.1
(rispetto alla faq precedente, questultimo errore si presenta nel caso particolare in cui sul server fidato sia attivo
acurcl)
D: Alla prima esecuzione di un applicativo da Procedure Gestionali viene proposto laggiornamento automatico del
modulo SWB.

Se confermo per viene visualizzato il seguente errore:

R: Il nuovo modulo client TCE su postazioni dove si operava gi con SysIntWeb va installato manualmente
eseguendo il download da Gestione Aggiornamenti.
Questa operazione sar richiesta solo la prima volta. Non sar necessario rieseguirla dopo laggiornamento di
TeamPortal.

Manuale utente
70

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

D: Posso importare gli utenti che avevo definito in SysIntWeb senza doverli ricreare da zero in TeamPortal?
R: S, abilitando lopzione Importa Utenti da SysIntWeb dalla maschera di importazione dellambiente.
Questa opzione abilita la scelta Azienda da assegnare agli utenti importati che richiede limpostazione
dellazienda che si intende associare agli utenti importati da SysIntWeb.
ATTENZIONE: Selezionare una azienda diversa da 'teamportal.
(l'azienda denominata "teamportal" un'azienda di sistema ed riservata a funzionalit speciali interne al portale)

D: Eseguendo un qualsiasi applicativo da Procedure Gestionali non compare nulla !


Il software Antivirus installato e nod32. Come posso operare?
R: E necessario escludere i programmi acurcl.exe e wrun32.exe da quelli monitorati. Si deve selezionare nel
Control Center di NOD32, il modulo IMON, successivamente Setup, e nella scheda Avanzato premere il pulsante
Esclusione.

Aggiungere i programmi :
teamportal\programs\core\acu\bin\wrun32.exe
teamportal\programs\core\acu\bin\acurcl.exe

Manuale utente
71

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

D: Eseguendo qualsiasi applicativo viene generato un errore di decrittazione TCE: "Errore decrittazione (-2)."
R: Potrebbe essere un problema legato alla cache dell' Internet Explorer che va eliminata dall'apposito dialog.
D: Eseguendo qualsiasi applicativo viene generato un errore di file ancora in uso. TCE: impossibile eseguire il
comando selezionato (file .tce ancora in uso) !
R: Potrebbe essere un problema legato alla cache dell' Internet Explorer che va eliminata dall'apposito dialog.

D: Dove posso copiare il ccbl in modo che venga eseguito correttamente dalle procedure che lo richiedono?
R: Leseguibile ccbl, le relative dll e la licenza vanno copiate nel direttorio bin del SYSINT o SYSINTW

D: Eseguendo un comando ottengo l'errore "socket error... connection failed..."


R: Verificare che il servizio ACURCL sia correttamente attivato nel server.
D: Eseguendo un comando ottengo l'errore "Connection failed. Connection to server refused
R: Verificare che il demone ACURCL sia correttamente attivato nel server.

D: Come posso eseguire in debug i programmi che partono con menu Evolution ?
R: Dalla linea di comando eseguire D MENU
Nel caso la linea di comando fosse disabilitata, riabilitarla per lambiente dal menu di

amministrazione.

D: Usando Internet explorer ad ogni comando che viene eseguito compare il dialog di download, come disabilitarlo
?
R: Dal men Opzioni Cartella dell'explorer selezionare "Tipi di File", cercare nell'elenco l'associazione "TCE",
cliccare su avanzate e deselezionare la voce "Conferma apertura dopo il download".
D: Come ripristinare il dialog di download relativo allassociazione TCE ?
R: DallExplorer di Windows selezionare dal Menu Strumenti -> Opzioni Cartella -> Tipi di File.
Cercare nella lista lassociazione TCE e selezionarla.
Ciccando sul bottone Avanzate, spuntare il controllo Conferma apertura dopo il download.

Manuale utente
72

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

D: Viene rilevata una nuova versione del client TCE, e dopo aver
dato conferma per l'aggiornamento c'e' un errore di autoinst:
INSTALL - ERRORE (riga n. 46) Impossibile decomprimere il file.
R: Se si sta utilizzando Windows con un utente "limitato", e' necessario eseguire l'aggiornamento TCE da
Administrator o un utente appartenente al gruppo amministratori

D: In ambiente Terminal Server non riesco ad eseguire le operazioni di aggiornamento dei moduli client SGD
("Impossibile decomprimere il file..") o del modulo TCE, come posso operare?
R: Per eseguire l'operazione e' necessario che l'utente abbia permessi di controllo completo sui direttori SGD/ (e
TCE/) Abilitare il Controllo completo su tali direttori agli utenti / gruppi di sistema (es.:Utenti Desktop Remoto) che
devono accedere a tali servizi.
D: Ho TeamPortal installato su un server Windows. Capita a volte che provando ad avviare lapplicativo da
Procedure Gestionali, lapplicativo non parte e dopo un tempo di attesa compare lerrore Acurcl Unable to start
remote process.

R: Lerrore si verifica quando ci sono troppe sessioni client dellapplicativo attive sulle postazioni client in
contemporanea. E possibile aumentare il numero dei thin client attivi in contemporanea configurando
opportunamente la chiave di registro del server Windows:
HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\Control\Session Manager\SubSystems
Il valore da modificare Windows il cui default il seguente
%SystemRoot%\system32\csrss.exe ObjectDirectory=\Windows SharedSection=1024,3072,512 Windows=On
SubSystemType=Windows ServerDll=basesrv,1 ServerDll=winsrv:UserServerDllInitialization,3
ServerDll=winsrv:ConServerDllInitialization,2 ProfileControl=Off MaxRequestThreads=16
La parte rilevante di tale valore SharedSection=1024,3072,512
Il terzo valore (di default 512) fa s che possano essere eseguite al massimo circa 33 thin clients (sessioni
dellapplicativo) in contemporanea.
Se ad esempio ho 10 postazioni nella rete che stanno lavorando negli applicativi gestionali e ciascuna postazione
tiene aperte 3 / 4 sessioni degli applicativi, probabile che lutente che in quel momento prova ad avviare un
applicativo non riesca a farlo ottenendo lerrore, essendo stato superato il limite delle sessioni thin client attive
ammesse in contemporanea
Aumentare il valore evidenziato da 512 a 1024

Manuale utente
73

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

D: Da Procedure Gestionali non riesco ad avviare l'applicativo in modalit 'via RDP' (servizio remoto rdpt+pg).
L'applicativo non parte e viene segnalato l'errore:
"Connection failed. Connection to server refused"
Ho gi controllato che il demone ACURCL sia correttamente attivato nel server TeamPortal.
R: Il problema si verifica nel caso in cui il server abbia 'localhost' come hostname. Dunque va controllato che il
server dove installato TeamPortal abbia uno specifico hostname assegnato e che quest'ultimo sia raggiungibile
tramite ping. Impostare l'hostname e associarlo al relativo indirizzo IP nel file hosts
(In TeamLinux, TLA / Rete / Configurazione Rete / Hostname).
Accedere a Teamportal come utente amministratore ed effettuare la seguente operazione:
Amministrazione / Portale / WebServer -> Salva.
Questa operazione riscrive il file di configurazione del WebServer aggiornandone i riferimenti al nuovo
hostname
D: In fase di definizione DSN nella postazione Client si presenta il seguente messaggio:

R: Per risolvere la situazione necessario installare nel sistema operativo i seguenti pacchetti:
Microsoft Visual C++ 2005 SP1 Redistributable Package (x86):
http://www.microsoft.com/downloads/it-it/details.aspx?familyid=200b2fd9-ae1a-4a14-984d-389c36f85647&displaylang=it
Microsoft Visual C++ 2008 Redistributable Package (x86)
http://www.microsoft.com/downloads/en/details.aspx?FamilyID=9b2da534-3e03-4391-8a4d-074b9f2bc1bf&displaylang=en

D: Su postazioni Windows 64bit, dal pannello di controllo di sistema (Strumenti di amministrazione/Origine dati)
non vedo i driver Acucorp AcuXdbc 32bit
R: Eseguire Start/Programmi/Acucorp 8.1.2/AcuXDBC/ODBC Data Source Administrator
D: Da postazioni Windows 64bit ricevo errori in fase di connessione alle tabelle dei file vision
R: Il modulo client AcuXDBC 32bit. Si ricorda che alcune applicazioni 64bit potrebbero non riuscire ad accedere
al DSN driver 32bit (es.: Office 2010 64bit)

Manuale utente
74

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

D: In Procedure Gestionali in fase dinstallazione dei moduli AcuCobol disponibili in Amministrazione >>> Acurcl
>>> Gestione Moduli AcuCobol, la procedura fallisce e viene visualizzato il seguente messaggio:

Nelle precedenti versioni del portale la segnalazione era la seguente

R: Il problema si verifica in alcuni sistemi operativi windows, dove una particolare dll (acme.dll) viene tenuta
occupata da un servizio nativo del sistema operativo (wmiprvse.exe).
Per risolvere vanno eseguite le seguenti operazioni:

disabilitare il servizio AcuConnect (Start -> Esegui -> services.msc -> tasto destro sul servizio AcuConnect
-> disabilita)
riavviare il server
impostare la runtime desiderata da TeamPortal (Procedure Gestionali/Amministrazione/Acurcl/Gestione
Moduli AcuCobol)

D: In Internet Explorer 9 non riesco a visualizzare i manuali dellapplicativo tramite licona info presente nel menu
evolution.
R: Il problema dovuto alle protezioni di Internet Explorer 9. E necessario inserire tra i siti attendibili lurl:
File://Indirizzo_ip_del_server.

Manuale utente
75

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

D: Impostando il modulo Acu 8.1.2 su server Windows ho questa segnalazione :

R: Il problema potrebbe essere causato da una incompatibilit dei moduli vcredist 2005 e 2008 con il sistema
operativo installato. Selezionare la versione acu812-XXXXYYZZ-win32 (Senza vcredist) quindi reinstallare. Se
necessario andranno installati manualmente i moduli vcredist 2005 e 2008 compatibili con il sistema operativo.

D: In aggiornamento automatico client acuthin ho questa segnalazione :

R: Il problema potrebbe essere causato da file in uso da altre applicazioni nel sistema operativo. Chiudere tutte le
applicazioni in uso e proseguire linstallazione tramite il tasto Retry

D: In ambiente Windows 2008 SP2 Terminal Server, la lista stampanti in Procedure Gestionali mostra anche
stampanti non piu' installate / non piu' presenti nell'impianto. Non riesco ad eliminarle perche' non sono presenti nel
Pannello di Controllo.
R: Nelle chiavi di registro
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\WindowsNT\CurrentVersion\Devices
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\WindowsNT\CurrentVersion\PrinterPort
il sistema Windows registra tutte le stampanti, anche quelle degli utenti che via via si collegano in terminal server.
Le voci presenti in queste chiavi tuttavia non vengono ripulite automaticamente, pertanto rimangono registrate
anche stampanti che sono gia' state rimosse dalle postazioni.
Per risolvere necessario accedere alle suddette chiavi, e rimuovere a mano le voci corrispondenti alle stampanti
in questione.

D: Con un server Ubuntu non riesco ad installare gli applicativi da Procedure Gestionali tramite la procedura
Installa Applicativi da TeamCD (CD-ROM/DVD) perch non si riesce a leggere la struttura presente nel dispositivo.
R: Smontare il dispositivo e rimontarlo con il seguente commando: mount -o ro,norock /dev/sr0

Manuale utente
76

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

8 Tabella Codici Errori Cobol


Regardless of which set of status codes is being used:

Any code that starts with a "0" is considered successful.


Any code that starts with a "1" is considered to be an "at end" condition.
Any code that starts with a "2" is considered to be an "invalid key" condition.
85

74

Vax DG

IBM

Condition

00

00

00

00

00

Operation successful.

02

02

00

00

00

The current key of reference in the record just read is duplicated in the next
record. (read next)

02

02

02

00

00

The operation added a duplicate key to the file where duplicates were allowed.
(write, rewrite)

05

00

05

00

10

Optional file missing. If the open mode is I-O or EXTEND, then the file has been
created. This is also returned by DELETE FILE if the file is not found. (open,
delete file)

07

00

07

00

00

A CLOSE UNIT/REEL statement was executed for a file on a non-reel medium.


The operation was successful.

0M

0M

0M

0M

00

The operation was successful, but some optional feature was not used. For
example, if you opened a file that specified an alternate collating sequence, but
the host file system did not support that feature, then the open would succeed, but
it would return this status.

10

10

13

10

10

End of file. (read next)

14

00

14

00

00

A sequential READ statement was attempted for a relative file, and the number of
digits in the relative record number is larger than the size of the relative key data
item. (read next)

21

21

21

21

21

Primary key was written out of sequence, or the primary key on a rewrite does not
match the last record read. This error occurs only for an indexed file open with the
sequential access mode. (write, rewrite)

22

22

22

22

22

Duplicate key found but not allowed. (write, rewrite)

23

23

23

23

23

Record not found.

24

24

24

24

24

Disk full for relative or indexed file. (write)

Manuale utente
77

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

24,
01

00

24,
01

00

24

A sequential WRITE statement was executed for a relative file, and the number of
digits in the relative record number was larger than the size of the relative key
data item. (write)

30,
xx

30,
xx

30,
xx

30,
xx

30

Permanent error. This is any error not otherwise described.

34

34

34

34

34

Disk full for sequential file or sort file. (write, sort)

35

94,
20

35

91

93

File not found. (open, sort)

37,
01

95,
01

37,
01

91,
01

93

The file being opened is not on a mass-storage device which is required for the
file type or the requested open mode. (open)

37,
02

95,
02

37,
02

91,
02

93,
02

Attempt to open a sequential file with fixed-length records as a Windows spool


file.

37,
07

90,
07

39,
07

91,
07

93

User does not have appropriate access permissions to the file. (open)

37,
08

95,
08

37,
08

91,
08

93

Attempt to open a print file for INPUT. (open)

37,
09

95,
09

37,
09

91,
09

93

Attempt to open a sequential file for I/O and that file has automatic trailing space
removal specified. (open)

37,
99

95,
99

37,
99

91,
99

93,
99

A Windows or Windows NT runtime that is not network-enabled tried to access a


file on a remote machine.

38

93,
03

38

92

93

File previously closed with LOCK by this run unit. (open)

39,
xx

94,
xx

39,
xx

9A,
xx

95

Existing file conflicts with the COBOL description of the file. (open)

The secondary code value is set to the host system's status value that caused the
error. See your operating system user manual for an explanation, and C$RERR in
Appendix I.

The secondary error code may have any of these values:


01 - mismatch found but exact cause unknown (this status is returned by the host
file system)
02 - mismatch found in file's maximum record size
03 - mismatch found in file's minimum record size
04 - mismatch found in the number of keys in the file
05 - mismatch found in primary key description
06 - mismatch found in first alternate key description
07 - mismatch found in second alternate key description
The list continues in this manner for each alternate key.

Manuale utente
78

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

41

92

41

91

93

File is already open. (open)

42

91

42

92

92

File not open. (close)

42

91

94

91

92

File not open. (unlock)

43

90,
02

43

92

23

No current record defined for a sequential access mode file. (rewrite, delete)

44

97

44

92

21

Record size changed. The record being rewritten is a different size from the one
existing in the file, and the file's organization does not allow this. (rewrite)
This status code can also occur if the record is too large or too small according to
the RECORD CONTAINS clause for the file. (write, rewrite)

46

96

46

92

21

No current record. This usually occurs when the previous operation on the file was
a START that failed, leaving the record pointer undefined. (read next)

47,
01

90,
01

47,
01

92,
01

13

File not open for input or I-O. (read, start)

47,
02

91,
02

47, 02

48,
01

90,
01

48,
01

92,
01

13

A file that is defined to be access mode sequential is open for I-O, or the file is
open for INPUT only. (write)

48,
02

91,
02

48,
02

92,
02

13

File not open. (write)

49,
01

90,
01

49,
01

92,
01

13

File not open for I-O. (rewrite, delete)

49,
02

91,
02

49,
02

92,
02

13

File not open. (rewrite, delete)

93

93

91

94

93

File locked by another user. (open)

94,
10

94,
10

97

97,
10

93

Too many files open by the current process. (open)

94,
62

94,
62

39,
62

92,
62

93

One of the LINKAGE values for this file is illegal or out of range. (open, write)

94,
63

94,
62

39,
62

92,
62

93

Key not specified (specifying a table whose size is zero) in a SORT or MERGE
statement

98,
xx

98,
xx

30,
xx

9B,
xx

93

Indexed file corrupt. An internal error has been detected in the indexed file. The
secondary status code contains the internal error number. The file should be

92,
02

13

File not open. (read, start)

Manuale utente
79

Manuale utente

TeamPortal
Procedure Gestionali

Le maschere del programma riportate nel documento sono a titolo desempio e


possono essere non aggiornate.

20130100

reconstructed with the appropriate utility.


99

99

92

94

23

Record locked by another user.

9A

9A

9A

9A

23

Inadequate memory for operation. This most commonly occurs for the SORT
verb, which requires at least 64K bytes of free space. (any)

9B

9B

9B

9B

23

The requested operation is not supported by the host operating system. For
example, a deferred file system initialization failed, or a READ PREVIOUS verb
was executed and the host file system does not have the ability to process files in
reverse order. (any)
If you are using AcuXML, this error results when the program tries to open a file
EXTEND or I-O. With AcuXML, programs are able to open files INPUT or
OUTPUT only.

9C

9C

9C

9C

23

There are no entries left in one of the lock tables. The secondary error code
indicates which table is full:
01 - operating system lock table
02 - internal global lock table (see the MAX_LOCKS configuration variable)
03 - internal per-file lock table (see the LOCKS_PER_FILE configuration variable)

9D,
xx

9D,
xx

9D,
xx

9D,
xx

92

This indicates an internal error defined by the host file system. The "xx" is the host
system's error value. This is similar to error "30", except that "xx" is specific to the
host file system instead of the host operating system. For example:
02 - In Acu4GL or AcuXML, 9D,02 indicates that an XFD file is corrupt. This could
be the result of a parsing error.
03 - In Acu4GL or AcuXML, 9D,03 indicates that an XFD file is missing. This could
be the result of a parsing error.
05 - In AcuXML, 9D,05 indicates that there was an XFD parsing error, so AcuXML
was unable to read a record.
Refer to the specific product documentation for more details on the host file
system's error codes.

9E,
xx

9E,
xx

9E,
xx

9E,
xx

92

This indicates an error occurred in the transaction system. The exact nature of the
error is shown by the contents of TRANSACTION-STATUS. See section E.4,
"Transaction Error Codes."

9Z

9Z

9Z

9Z

92

This indicates that you are executing the program with a runtime that has a
restriction on the number of records it can process. You have exceeded the
record limit.

Manuale utente
80