Sei sulla pagina 1di 27

Scuola Media Statale Gaio Cecilio Secondo

Classe 1ª sez. C
Prof.ssa Patrizia Sanna

LA CELLULA
L’ unità funzionale della vita

Relatore
Prof.ssa Patrizia Sanna

Autore
Emanuele Gentile
NODI CONCETTUALI
1.Che cos’è la cellula
2.Da cosa è costituita
3.Diversità tra cellule animali e vegetali
4.Il virus
5.Il microscopio
6.Esseri viventi composti da una sola cellula
7.Esseri viventi composti da più cellule
8.Dalla cellula all’organismo
9.Più cellule specializzate: il tessuto
10.Conclusioni

2
CHE COS’È LA CELLULA

Ognuna delle parti che compongono un essere vivente, è


costituita da moltissimi componenti: le cellule.
La cellula è l'unità fondamentale di tutti gli esseri viventi, ed
il più piccolo essere a venir considerato tale. La cellula è
un’entità autosufficiente: essa è in grado di assumere sostanze
nutritive, di convertirle in energia, di svolgere particolari
funzioni, e di riprodursi, se necessario. Per fare ciò, ogni cellula
contiene al suo interno tutte le informazioni necessarie.

3
DA CHE COSA È COSTITUITA
La cellula, è costituita principalmente da tre elementi:

Cellula

Membrana
Nucleo
cellulare
Citoplasma

4
DA CHE COSA È COSTITUITA
La membrana cellulare
La parte più esterna della cellula è la membrana cellulare, che
ha lo scopo di proteggerla Inoltre, la sua struttura permette di
regolare lo scambio di sostanze con l’esterno.

Membrana
cellulare

Protegge la Regola gli scambi 5


cellula di sostanze
DA CHE COSA È COSTITUITA
Il citoplasma
Il citoplasma è una soluzione dalla consistenza gelatinosa al
cui interno vi sono i vari organuli che compongono la cellula.
Questi sono ancorati ad una struttura proteica, nota come
citoschèletro. Esso ha in primo luogo la funzione di
organizzare e mantenere la forma della cellula. Inoltre, il
citoscheletro si occupa di convogliare le sostanze nutritive verso i
vari organuli, nel compartimento corretto. All’ interno del
citoplasma, troviamo il reticolo endoplasmatico, un sistema
di canali, che ha la funzione di collegare fra loro le varie parti
della cellula.

La cellula nel suo insieme


DA CHE COSA È COSTITUITA
Il citoplasma
Il citoplasma contiene molti organuli, ciascuno avente una
propria funzione e particolari caratteristiche, eccoli:

Mitocondri

Periossiomi Lisosomi

Citoplasma

Apparato
Vacuoli
di Golgi

7
Ribosomi
DA CHE COSA È COSTITUITA
Il citoplasma
I ribosomi sono organuli di forma tondeggiante, attaccati a
grappolo alle pareti del reticolo endoplasmatico. Il loro compito è
quello di costruire le proteine necessarie all’organismo.

Ribosomi

Forma
Proteine
tondeggiante 8
DA CHE COSA È COSTITUITA
Il citoplasma
I mitocondri possono essere considerati le centrali energetiche
della cellula, e costituiscono circa 1/5 del volume totale. Sono
racchiusi da due membrane, che ne individuano 5 regioni dalle
proprietà differenti. La loro funzione è quella della respirazione:
è proprio grazie a loro che, bruciando l’ossigeno, la cellula ottiene
energia necessaria al metabolismo della cellula.

Rispetto agli altri organuli,


i mitocondri ed i cloroplasti
contengono al loro interno
una molecola di DNA che
gli permette di duplicarsi
indipendentemente. 9
DA CHE COSA È COSTITUITA
Il citoplasma
I lisosomi ed i periossiomi hanno un compito simile: demolire
le sostanze di rifiuto attraverso particolari procedimenti chimici.
Sono grosse strutture tondeggianti immerse nel citoplasma.

Lisosomi
periossiomi

Demolire
Struttura
tondeggiante sostanze di 10
rifiuto
DA CHE COSA È COSTITUITA
Il citoplasma
L’apparato di Golgi conserva e rifinisce le sostanze, che
vengono immagazzinate, o immesse nel reticolo endoplasmatico
per raggiungere i lisosomi, e quindi essere espulse. La loro forma
è piuttosto complessa, ma riassumendo, possiamo dire che questo
apparato sia un insieme di vescicole appiattite a fisarmonica, ed
impilate una sopra l’altra.

11
DA CHE COSA È COSTITUITA
Il citoplasma
I vacuoli sono organuli in grado di conservare al loro interno
nutrienti e sostanze di scarto. Alcuni vacuoli possono anche
contenere acqua di riserva. Alcune cellule, hanno vacuoli
contrattili, in grado di pompare acqua all'esterno della cellula,
qualora ce ne sia. A volte contribuiscono alla digestione ed
all’eliminazione delle sostanze dannose alla cellula.

Vacuoli

12
Funzione di Digestione ed
riserva escrezione
DA CHE COSA È COSTITUITA
Il nucleo
Il nucleo è l'organulo più complesso e può essere considerato il
centro di comando da cui partono tutti gli ordini che regolano la
vita di una cellula. Nel nucleo sono situati i cromosomi che
contengono informazioni riguardo la riproduzione. Tra gli
organuli presenti all’interno del nucleo, troviamo il nucleolo ed i
ribosomi, di cui abbiamo già parlato in precedenza.

Modello di nucleo con nucleolo

13

Al centro di questo modello di cellula, sono ben


visibili il nucleo ed i nucleoli
DIVERSITÀ TRA CELLULE ANIMALI
E CELLULE VEGETALI
Ci sono delle differenze tra la cellula animale e quella vegetale.
Quella vegetale, ad esempio, è sprovvista di mitocondri, ma è
costituita dai cloroplasti, che, svolgendo la fotosintesi
clorofilliana, sono un po' la controparte dei mitocondri. Inoltre la
membrana cellulare della cellula vegetale è ricca di cellulosa, e
molto spessa, perciò prende il nome di parete cellulare.

14
DIVERSITÀ TRA CELLULE ANIMALI
E CELLULE VEGETALI

Ecco le due cellule messe a confronto.

15
IL VIRUS
Tutti gli esseri viventi sono composti da cellule, ma ve ne sono
alcuni molto strani, i virus, che non sono costituiti da cellule, e
vengono considerati un’intersezione tra il mondo vivente e quello
non vivente. Il loro modo di riprodursi è assai particolare: una
volta penetrati in una cellula viva, la inducono a produrre nuove
particelle virali. In questo modo si moltiplicano e, quando
diventano molto numerosi fanno scoppiare la cellula,
diffondendosi ed attaccandone altre. I virus sono quindi parassiti
degli esseri viventi.

Cellule invase dai virus 16


IL MICROSCOPIO
Il microscopio è lo strumento ideale che ci permette di osservare
la composizione delle cellule. Ne esistono di 2 tipi: ottico ed
elettronico. I microscopi ottici sono formati da un insieme di
lenti, l’oculare, che permette di ingrandire ciò che esaminiamo.
L’organismo in questione va posto su un vetrino, che a sua volta
andrà posizionato sul tavolino portaoggetti. Il microscopio è
dotato di due viti: quella micrometrica e quella macrometrica.

17

Semplice microscopio ottico


.

ESSERI VIVENTI COMPOSTI DA


UNA SOLA CELLULA
Esistono degli esseri viventi composti da una sola cellula, e
vengono chiamati unicellulari. Ciò è possibile, in quanto la
cellula svolge tutte le principali funzioni di un essere vivente.
I primi organismi che comparvero sul nostro pianeta erano
unicellulari e avevano una struttura molto semplice: erano
sprovviste di membrana nucleare, quella che avvolge il nucleo, e
quest’ultimo si trovava immerso nel citoplasma stesso. Queste
cellule vengono dette procariote.

18

Alghe unicellulari Cellula procariote


ESSERI VIVENTI COMPOSTI DA
UNA SOLA CELLULA
Nel corso del tempo, la cellula procariote si è evoluta sempre più,
assumendo lentamente la struttura e gli organuli di una comune
cellula animale. Questa cellula viene chiamata eucariote.

Cellula

Procariote Eucariote

Sprovvista di Provvista di
membrana membrana
cellulare nucleare 19
ESSERI VIVENTI COMPOSTI DA
PIÙ CELLULE
Gli organismi composti da più cellule son chiamati pluricellulari.
Le cellule di questi organismi, tuttavia, non sono in grado di
sopravvivere a lungo se sono allontanate dall’organismo di cui
fanno parte.
Organismo

Unicellulare Pluricellulare

20
Procariote Eucariote
DALLA CELLULA ALL’
ORGANISMO
Più cellule dello stesso tipo possono raggrupparsi per formare un
tessuto. Più tessuti possono essere raggruppati per formare un organo,
che ha un determinato compito all’interno del corpo.
Tutti gli organi che collaborano alla stessa funzione formano un
apparato. Tutti gli organi che formano un apparato e che sono costituiti
dallo stesso tessuto formano un sistema.
L’insieme degli apparati e sistemi costituisce l’organismo, cioè l’intero
corpo di un essere vivente.

Cellula Tessuto Organo Apparato Organismo

21
PIÙ CELLULE SPECIALIZZATE:
IL TESSUTO
Negli organismi pluricellulari le cellule possono adattarsi e
‘specializzarsi’, assumendo forme e funzioni particolari, oppure
contenendo un minor numero di organuli. In particolare, quando più
cellule formano un tessuto, il loro legame diventa così forte, tale che
nessuna può fare a meno dell’altra.
I tessuti animali si dividono in: epiteliale, connettivo, muscolare, nervoso.

Epiteliale Connettivo

Tessuto

Tessuto epiteliale
Muscolare Nervoso
22
PIÙ CELLULE SPECIALIZZATE:
IL TESSUTO
Il tessuto epiteliale è costituito da cellule di forma regolare, molto
ravvicinate tra di loro, e può svolgere diverse funzioni, tra cui quella di
rivestimento. Ad esempio, è un tessuto epiteliale lo strato superficiale della
pelle, l’epidermide.

Tessuto
epiteliale
Tessuto epiteliale

Cellule di
Funzione di
forma
rivestimento
regolare 23
PIÙ CELLULE SPECIALIZZATE:
IL TESSUTO
Il tessuto connettivo è formato da cellule distanti tra loro, immerse in una
sostanza di varia composizione e consistenza. Per esempio, il sangue ed il
tessuto osseo sono tessuti connettivi.

Tessuto
connettivo

Cellule
distanti tra
Tessuto connettivo denso
loro

Funzione
connettiva 24
PIÙ CELLULE SPECIALIZZATE:
IL TESSUTO
Il tessuto muscolare permette di muoversi o mantenere la postura
desiderata, in quanto è costituito da cellule allungate e riunite in fasci,
caratterizzate dalla capacità di contrarsi.

Tessuto
muscolare

Tessuto muscolare cardiaco

Cellule allungate
Funzione di
e in grado di 25
movimento
contrarsi
PIÙ CELLULE SPECIALIZZATE:
IL TESSUTO
Il tessuto nervoso, è composto da cellule di varie ramificazioni, e consente
di ricevere e trasmettere gli impulsi nervosi.

Ricostruzione di uno stimolo nervoso Tessuto nervoso situato nell’ippocampo.

26
CONCLUSIONI
Termina così il nostro breve viaggio nel mondo delle cellule.
Tutto ciò ci è servito per comprendere che anche il più piccolo micron che
compone un essere vivente è un ambiente affascinante dove ogni elemento
contribuisce alla sopravvivenza dell’altro e tutti insieme soprintendono alla
vita. Il funzionamento di ogni cellula ripropone in piccolo la vita di un
individuo umano, in ogni suo momento, ed in ogni sua azione. Queste sono
in grado addirittura di adattarsi all’ambiente in cui vivono assumendo
funzioni speciali e uniche nel loro genere.
In altri termini possiamo dire che le cellule sono un noi meglio di noi.
Al giorno d’oggi, non disponiamo di strumenti in grado di farci conoscere a
fondo il funzionamento di una cellula, e probabilmente in futuro si verrà a
conoscenza di peculiarità oggi sconosciute.
Tuttavia, sappiamo con certezza che la scienza in generale, non finirà mai
di sorprenderci e sconvolgerci grazie alle continue scoperte che l’uomo
compie.

27