Sei sulla pagina 1di 47

Dalle omelie di Don Pierino Galeone

a cura di Don Vincenzo Carone

Presentazione

Padre Pio diceva: l'anima che ha scelto il divino amore non pu


rimanersene egoista nel Cuore di Ges, ma si sente ardere anche nella carit
verso i fratelli... (Ep.III, p.962). Da parecchio tempo sento in me un
bisogno, cio di offrirmi al Signore vittima per i poveri peccatori e per le
anime purganti. (Ep.I, p.206) il bene che noi ci adoperiamo ad arrecare
alle anime altrui, risulter utile anche alla santificazione dell'anima
nostra... (Ep.II, p.384).
Don Pierino Galeone ha avuto da Padre Pio il compito di fondare lIstituto
Secolare dei Servi della Sofferenza che vuole essere il luogo dove Padre Pio
presente nella Chiesa per compiere la sua missione fino alla fine del mondo.
Padre Pio ha comunicato a Don Pierino la sua spiritualit, per cui le sue
prediche portano alla conoscenza della misericordia di Dio, e mediante la
conversione, avere lesperienza di Dio; lesperienza poi porta allimpegno
dellubbidienza alla fede per vivere nella Chiesa lamore di Dio che salva.
In una omelia ha detto: Tante volte andiamo da Ges, dalla Madonna, dai
Santi dei quali siamo devoti, soltanto per avere quello che ci necessario per
la vita umana, per ci che terrestre, e pensiamo poco alle cose dello spirito,
alla salvezza dellanima, al Regno dei Cieli. Quanta gente che pur andando
in chiesa, non si ancora impegnata a mettersi in comunione seria e
definitiva con Cristo osservando i suoi comandi, poich la comunione intima
con Cristo avviene mediante losservanza della sua Parola.
Ho raccolto molte di queste omelie, le ho mandate per Facebook; adesso
voglio ordinarle in alcuni Quaderni e mandarle a voi; saranno utili a voi e
agli altri per perseverare nella Chiesa sulla via della salvezza.
Don Vincenzo

Versione scaricabile e stampabile dal sito internet

www.lecatechesididonvincenzocarone.wordpress.com
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 2

Il mistero di Padre Pio Parte III

Dallomelia del 21.09.2015, in occasione dellapprossimarsi dellanniversario


della morte di Padre Pio da Pietrelcina, 23 settembre 1968.

Misericordia io voglio, non sacrifici


Si imposta molto bene: e la figura e il Vangelo che avete adesso ascoltato, allo
scopo di poter continuare la presentazione della figura, della personalit,
della missione di Padre Pio.
Se noi vogliamo proprio sintetizzare la struttura, sia fisica, sia spirituale, la
struttura della sua missione, dovremmo dire cos: che Padre Pio ,
ovviamente per partecipazione, la Misericordia personificata. Vi ho parlato
gi della persona di Padre Pio, dei mali fisici, dei mali spirituali, delle
sofferenze mistiche, il cui dolore era inimmaginabile.
Vi ho anche presentato questa personalit della misericordia di Padre Pio, che
stato invitato da Ges a salire sulla Croce, dove la Misericordia si conquista,
dove espiando i peccati e ottenendo il perdono, si ottiene proprio lessenza
della Misericordia.
Per ora desidero, e chiedo scusa, se presento la personalit di Padre Pio
secondo la mia personale esperienza, perch io ho visto due volte Ges in
Padre Pio: una volta allAltare e una volta al Confessionale; ovviamente questi
due luoghi si completano, perch allAltare, come lui stesso diceva quando gli
fu domandato:
-Ma voi quand che soffrite nella Santa Messa le sofferenze di Ges per
espiare i peccati del mondo, avendo avuto in dono dal Signore di salire la
Croce del mondo?
Rispose:
- nella Consacrazione e nella Comunione; nella Consacrazione soffro le
sofferenze di Ges Crocifisso, per consumo questa partecipazione nella
Comunione; per cui io muoio in Cristo, e vivo di Cristo; nella Comunione che
c questo scambio di vita in dono, in sacrificio al Signore.
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 3

Ovviamente questo scambio di vita avviene in chiave di sacrificio; con la


morte di Ges: nella Comunione dove c Ges morto, Padre Pio in sacrificio
si donava a Ges. E Ges in sacrificio, anche Lui morto e poi risorto, si donava
a Padre Pio, per cui lui poteva affermare io vivo morto.
Proprio in questo momento preciso in cui Padre Pio ha fatto la Comunione, io
ho visto, e mi sono meravigliato, come mai a un certo momento lui si girato
verso di me. Da dietro non vedevo nulla (allora Padre Pio non celebrava rivolto al
popolo, ma al Crocifisso), guardavo sempre Padre Pio allAltare. Poi ho visto,
altissimo, il volto di Padre Pio trasfigurato in quello di Ges. Unaltra volta al
Confessionale, perch allaltare lui partecipava alle sofferenze di Ges in un
modo straordinario, inimmaginabile, addirittura moriva anche.
Padre Pio diceva: nella Messa egli si consumava nella comunione in dono
sacrificale a Ges morto (a tal proposito ha scritto un librettino Cleonice Morcaldi,
che gli poneva sempre domande). Anche Ges si donava in sacrificio a lui, per
essere un solo sacrificio al Padre Celeste. Certo, Padre Pio era nel sacrificio di
Ges per partecipazione nella Santa Messa.
Mi ricordo: una volta Padre Pio celebrava la Messa; a un certo momento gli
caddero dalle piaghe delle mani delle crosticine di sangue raggrumito; si gir
dolcemente, mi fece dei cenni, e col dito mignolo lanci in fondo allAltare la
crosticina. Mi fece un cenno e capii, mi alzai, andai l allAltare, presi la
crosticina e me la mangiai.
AllAltare soffriva con Cristo, al Confessionale perdonava con Cristo.
Limmedesimazione di Padre Pio nella sofferenza visibile molto relativa,
perch come lui stesso diceva che non aveva soltanto le stimmate, ma tutto il
corpo suo e lanima, era una piaga, sia dal punto di vista somatico, che
psicologico e spirituale; non cera nulla in lui che non soffrisse; l allAltare
quindi soffriva, l al Confessionale poi amministrava la Misericordia.
Il fatto pi emblematico questo: evidentemente Padre Pio aveva un grande
desiderio di perdonare anche i peccatori pi grandi; e il Signore permise che
andasse da lui il peccatore pi grande, cio lucifero, il quale allinizio non si
fece riconoscere.
Si present davanti a Padre Pio seduto in confessionale, sotto forma di un
penitente. Quando termin di confessare tutti i peccati, Padre Pio gli disse
inginocchiati e lui rispose non posso.
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 4

Padre Pio pensava che avesse male alle ginocchia (Don Pierino era poco distante
da quel confessionale).
Io stesso sentii queste parole, ma non avevo capito nulla di quello che era
avvenuto.
In seguito a una mia domanda Padre Pio rispose testuali parole- sembrava
che avesse commesso lui tutti i peccati del mondo; ma non si impression di
questo Padre Pio, perch lui accoglieva nella sua persona, per espiare e
perdonare, per partecipazione sempre alle sofferenze di Cristo, tutti i peccati
del mondo.
Quando Padre Pio gli disse senti, piegati un po per darti lassoluzione, gli
rispose non posso. Replic Padre Pio: ma la mattina, quando ti metti i
pantaloni, ti pieghi poco poco ?; in quel momento rispose: io sono lucifero,
nel mio regno non c piegatura.
Avevo visto che quelluomo apparve davanti al confessionale, mi guard, si
ferm per un minuto; aveva laspetto di un uomo di 40-50 anni, poi si cambi
e divenne un giovane; e io vidi che il giovane era uscito da quelluomo che
era apparso prima a me; vidi che usciva di l questo giovane dai capelli biondi
che andava avanti e indietro, davanti alle tendine del confessionale di Padre
Pio; al termine della confessione vidi che lui talmente si alz, e si ingigant
tanto da toccare la volta della Sacrestia della Chiesetta piccola; e dopo
allistante scomparve; vidi cio che si era trasformato in un elettro; questo
elettro fece quattro volute e sprofond nel pavimento.
Padre Pio nel confessionale era in alto, e al suo posto era seduto Ges; allora
capii. Era tranquillo Ges, quelluomo invece tremava come una foglia. Tante
volte quando passo nella Chiesetta piccola, nella Sacrestia mi viene in mente
quello che ho visto.
La Misericordia di Padre Pio ha raggiunto lo zenit della partecipazione, per
quanto possibile a una creatura, alle sofferenze di Ges, alla morte di Ges,
al sacrificio di Ges, nella Santa Messa; poi nella Confessione partecipava in
modo particolare allapplicazione della espiazione e perdono dei peccati, per
dare cos lassoluzione.
La presentazione di lucifero davanti al confessionale mi da la convinzione che
la Misericordia del cuore di Padre Pio non si ferm neanche davanti a
lucifero, perch se si fosse piegato, lo avrebbe assolto. Per faccio una
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 5

relazione tra Padre Pio che ha la capacit di dare la Misericordia, sempre in


Cristo Ges, e Padre Pio che doveva in Cristo Ges realizzare una
partecipazione eccezionale allespiazione, al perdono dei peccati.
La Messa e il Confessionale non erano due luoghi separati, anche se distinti,
luno completava laltro; il Confessionale e lAltare sono la struttura della
persona di Padre Pio. Ovviamente, se le cose stanno cos, questa capacit della
Misericordia che Ges ha donato a Padre Pio, e che si sarebbe effettuata
anche dinanzi al pi grande peccatore di tutti i tempi, lucifero, mi fa vedere in
prospettiva come le sofferenze di Padre Pio e la Misericordia di Padre Pio
operano lungo il corso della storia, e giunger poi fino alla fine del mondo.
Avrebbe assolto lucifero, il pi grande peccatore del mondo, di tutti i tempi, e
questo relativo alle sue sofferenze che nella Santa Messa ogni giorno
rinnovava in Cristo Ges.
Quindi il primo giorno abbiamo visto la personalit di Padre Pio e le sue
sofferenze, il secondo giorno, linvito da parte di Ges a salire sulla Croce del
Mondo, ed ora il pi grande peccatore delluniverso al quale Padre Pio
avrebbe dato lassoluzione, ma lha rifiutata. E la capacit di assolvere, di
perdonare nella struttura della personalit di Padre Pio relativa a questa
capacit, che un dono di Dio, di soffrire in un modo straordinario nella
Santa Messa conformandosi a Ges Crocifisso in un modo eccezionale e
morendo con Lui. Lui stesso diceva: in modo sacrificale alla Comunione, per
cui veniva a lui partecipata da Ges; e vidi Cristo in Padre Pio che celebrava,
per cui non sono pi io che vivo, ma Cristo vive in me.
La personalit di Padre Pio ha due figure: Cristo, a cui si immedesimato in
modo unico, e poi lucifero, al quale avrebbe dato lassoluzione se si fosse
piegato, nonostante avesse prima manifestato i suoi peccati che a Padre Pio
sembravano come se fossero tutti i peccati del mondo.
Ecco, vedete: Cristo, lucifero, la storia e questa ricchezza della Misericordia
non si esaurisce nella vita storica sulla terra di Padre Pio, ma continua questo
nostro Padre crocifisso nella storia ad amministrare questa Misericordia del
Signore. Lui davvero uno dei protagonisti nella storia della Misericordia di
Ges nella Chiesa nel mondo.
Pensavo ai due Re, il Regno di Dio e il regno di satana, e Padre Pio si trovato
in mezzo. La cosa che pi mi colpisce che la Misericordia, praticamente la
distanza fra il Regno di Dio e il regno di satana, perch senza Misericordia
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 6

non ci sarebbe stato Regno di Dio; il regno di satana il rifiuto della


Misericordia. Nel Regno di Dio accolgono la Misericordia e nel regno di
satana rifiutano la Misericordia; il segno distintivo dei due Regni.
La Misericordia espiare i peccati e ottenere il perdono, cosa pi terribile
per satana?
Il perdono la vita di Ges, ma la sua morte ha distrutto la morte e quindi
satana; pi grave per satana la sofferenza, la morte di Ges, perch la
distruzione della sua personalit. Ovviamente, distrutta la sua personalit,
pu operare il perdono; la morte di Ges distrugge la morte eterna: con la
morte di Ges, lui viene vinto. Morendo, Ges ha distrutto la morte ed ha
proclamato la Resurrezione: Cristo.
Morte-satana; Resurrezione-Cristo: eccovi i due Re, sempre morendo.

Nella foto: Santo Padre Pio

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 7

Il rispetto umano
Vi devo parlare questa sera del rispetto umano.
Anzitutto vi devo dire questo: Ges ha detto Chi si vergogner di me dinanzi
agli uomini, anchio mi vergogner di lui dinanzi al Padre mio; chi invece mi
onorer dinanzi agli uomini anchio lo onorer dinanzi al Padre mio.
Tenete presente questa espressione di Ges.
Adesso ragioniamo insieme: che vuol dire rispetto umano? State bene
attenti perch questo un argomento cos delicato, cos attuale e importante,
che difficilissimo trovare un cristiano che sia esente da questo problema,
anche se in maniera diversa. Ora pian piano ragioniamo.
Anzitutto che cosa il rispetto umano? E questo: io non mi qualifico dinanzi
agli altri per quello che sono. Ovviamente, ci pu essere una qualificazione
non buona, per es. E prostituta!, unaltra qualificazione: E unanima
consacrata, la quale non ha dei segni esterni per farsi riconoscere. Capita
questo, che la prostituta per agganciare il cliente, sfacciata a dire di fare
questo mestiere, il mestiere pi degradante, pi vergognoso, pi umiliante,
anche se molto lucrativo. Per, non rispetta n la morale di chi ha davanti, n
la propria dignit.
Rispetto quello che spetta a te che ascolti, e quello che spetta a me che
parlo: il rispetto una spettanza reciproca, quello che spetta a me, e quello
che spetta a te.
E chiaro che se sono un cristiano, se sono consacrato, non spetta a te saperlo,
non ho lobbligo di dirti che sono consacrato, che sono un religioso, che vado
in chiesa la domenica ecc.; anche se non sembra esternamente.
Quando scatta il rispetto umano? Quando devo testimoniare ci che compete
a un cristiano praticante, o a un consacrato, e ho vergogna di farmi
riconoscere come tale. Questa situazione psicologica e spirituale certamente
non buona.
Badate che al prossimo pu non spettare di conoscere chi sono io, ma io al
prossimo devo farmi riconoscere con i fatti, con le opere: che sono un uomo
che va in chiesa, un uomo che crede in Dio, e che non ha vergogna di fare il
segno della croce, di andare alla Messa, di confessarsi, di fare la Comunione.
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 8

Attenzione al rispetto umano! Non spetta al prossimo conoscere tutto quello


che io sono, per io non devo trattenermi di compiere quelle opere che
spettano alla mia qualifica, per timore di essere riconosciuto dagli altri come
uno che mette in pratica i principi del cristianesimo. Allora non soltanto non
mi qualifico per quello che sono, ma evito di manifestare le opere che
competono alla mia qualifica, ed evito queste opere per non farmi riconoscere
dagli altri.
Adesso mi voglio fermare un po sul riconoscimento degli altri: temo che,
attraverso le mie opere, gli altri riconoscano che sono un cristiano o un
consacrato. Se questo mancato riconoscimento provocato dalla malizia mia
per cui non facendomi riconoscere, ho pi libert a fare quello che mi pare e
piace: sia quello che compete alla mia persona qualificata di cristiano, e sia
quello che non compete se ho avuto vergogna a manifestare le opere che
competono alla mia qualifica, se nascondo la mia identit, ed evito le opere
proprie della mia identit, perch voglio essere libero di fare quello che mi
pare e piace. Voi pensate: un uomo sposato per es., che in treno si toglie
lanello dal dito; non vuol farsi riconoscere, e quindi qual lintenzione di
colui il quale agisce in questa maniera? Di essere libero a fare quello che pare
e piace, quindi di agganciare donne, ragazze, ragazzine o altro, lungo il
tragitto, nel treno, in aereo o dovunque.
Il rispetto umano pu essere riferito, sia nellambito umano come il
fidanzato con la fidanzata, lo sposo con la sposa, o viceversa e sia
nellambito proprio della religione, della fede; per cui uno ha questa remora:
non si fa riconoscere per quello che dovrebbe essere, perch vuole essere
libero; oppure perch non vuole essere criticato come bigotto; oppure per non
essere qualificato per quello che . Quindi, questa qualificazione, o questa
probabile denigrazione, diventa un elemento di sofferenza per il soggetto
che dovrebbe qualificarsi senza per niente avere ombre di disonore. Non si
qualifica perch prudente: altro la prudenza, e altro avere nellanimo
questa sofferenza di non sopportare eventualmente i giudizi o i pregiudizi
della gente.
La manifestazione della propria identit condizionata dalla mentalit della
gente. Quando supponiamo, un uomo, o una donna era nel fango a causa delle
dicerie contro di lui, si diceva: Ah no, io sto alla larga! Quello un pazzo, un
disonesto, un ladro, un mascalzone! Cos si corre dietro al pregiudizio della
gente.
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 9

Quando invece si sugli altari e si stimati, onorati, si dice: ah, per me un


amico, io gli voglio bene, per carit! Questo atteggiamento ambiguo
certamente un atteggiamento che qualifica in maniera negativa chi si
comporta in questa maniera.
Quando tu agisci rispettando la mentalit della gente, agisci secondo i
pregiudizi della gente, il modo di sentire della gente, per non essere umiliato,
tacciato di bigottismo, o addirittura di minorazione; dicono che ti fai plagiare
da questo o da quello.
Il rispetto umano pu avvenire anche nellambito naturale, come i figli con i
genitori. Per esempio, ti vergogni di presentare o di dire agli altri che sei figlio
di tizio o di caio. Ovvero, una laureata si vergogna di dire che suo marito
operaio, e allora (dice):Ah no, mio marito impiegato!. Questo rispetto
umano.
Guardate che il rispetto umano molte volte artificioso. E capitato anche agli
Apostoli il rispetto umano, pure a San Pietro e San Paolo in una situazione
particolare circa il mangiare le carni immonde. Pu capitare: tante volte che
un genitore si vergogna anche di avere un figliolo che scapestrato, una
figliola che di facili costumi. Egualmente la moglie si vergogna che suo
marito non ha un posto di lavoro dignitoso secondo il casato della sua
famiglia, e viceversa. Queste cose a volte fanno rompere anche fidanzamenti,
matrimoni; fanno vergognare di appartenere a quella famiglia; a che
parrocchia appartieni? Alla chiesa madre! Chi il prete? Don Pierino! Ah!.
Questo atteggiamento di misurare i propri comportamenti dalla mentalit
della gente, dai pregiudizi della gente, quanto di pi squallido e riprovevole
ci possa essere.
La cosa giusta che tu davvero, personalmente, conosca la persona con cui
tratti, parli, con la quale hai a che fare. Questo pu avvenire in campo umano,
come anche in campo civile e religioso. Ancora peggio nel campo proprio della
fede! Per esempio, ti vergogni di fare il segno della croce quando passi davanti
a una Chiesa.
Ricordo che 50 anni fa ci si vergognava di avvicinarsi addirittura al prete,
perch se uno si avvicinava al prete, voleva dire che era democristiano;
oppure dicevano: Non ti avvicinare perch quello ti imbroglia, ti plagia, dice
tante di quelle chiacchiere per cui ti frastorna politicamente.

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 10

Tutte queste cose sono avvenute nelle famiglie, nel paese, nelle citt; sono
venute e avvengono nel campo civile, religioso, personale, familiare, tra
piccoli, grandi, uomini, donne.
Il rispetto umano, questo senso di vergogna che si poggia sulla mentalit e sul
pregiudizio della gente, pu prendere anche la gente buona, quando una
persona in auge, tutti quanti lo onorano, anche se un poco di buono.
Dice la Scrittura che quando uno nella prosperit, anche i nemici si siedono
a mensa, quando invece non nella prosperit, anche gli amici migliori si
allontanano da lui.
Vedete, quando uno lega i propri comportamenti non ad un convincimento
personale, profondo, illuminato sia dal punto di vista di fede, che dal punto di
vista umano, e agisce in funzione della mentalit e dei pregiudizi della gente,
una persona squallida, una persona che non ha spina dorsale, perch si
appoggia al vento delle dicerie: come dice la gente. Queste cose non dovete
pensare che siano astratte! Adesso, per esempio, siamo in chiesa e tutti
pensano: Ah, bello! Ah, che bravo don Pierino!
Per me, come dice San Paolo, la fama o linfamia contano poco, quello che
conta dinanzi a Dio. A me interessa non quello che tu pensi di me, ma quello
che tu devi mettere nel tuo cuore! Cio, se tu davvero hai notato che c
rettitudine, c probit di vita, che c equilibrio, saggezza, che vergogna hai
pi di dire di essere supponiamo figlio di quei genitori, o figlio spirituale
di quel sacerdote, di quel parroco, di appartenere a quella parrocchia, a quella
comunit, a quellIstituto? Queste cose sono molto nascoste nel subcosciente.
Quando uno veramente sicuro che non avr pi insulti dalla gente, allora si
getta e comincia magari a dire: Ah, ma io credevo, pensavo, ma io non ho
mai e comincia tutte queste elucubrazioni di scuse o di atteggiamenti di
ripensamento o di ritorno diciamo cos a quella mentalit che si presume
o si pensato di aver avuto; ma forse era sommersa nella tua coscienza ed hai
invece agito in funzione di quello che la gente diceva.
Guardate che questi concetti ve li ho detti cos, a mo di flash, perch non
posso approfondirli dal punto di vista psicologico, spirituale, teologico.
Guardate che sono cose che desumo dal Vangelo di oggi, -e che stanno dentro
ancora: Ges parlava e non credevano: Ma non costui il figlio del fabbro? Da
Nazareth cosa pu uscire di buono? E poi, chi ti ha dato questa autorit?
Quando Ges faceva qualche cosa, non credevano alle sue parole, le parole?:
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 11

un impostore! Uno che sobilla il popolo! Le opere?: fa le opere per opera di


Belzebul, del diavolo! Lui un demonio!
Lhanno fatto con Ges, volete che non lo facciano anche con noi? Per
attenzione: che questo avvenga va bene, ma che tu debba essere coinvolto in
questa mentalit, renderai conto a Dio!

<<Ascoltiamo la voce della nostra coscienza, la voce del real profeta: Oggi se udirete la
voce del Signore, non vogliate otturare il vostro orecchio. Sorgiamo e tesoreggiamo, ch
solo listante che fugge in nostro dominio. Non frapponiamo tempo fra istante ed istante,
ch questo non in nostro possesso>>.
San Pio da Pietrelcina

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 12

Linstancabilit dello Spirito Santo a suggerire e


la fuga dellanima nellascolto

Il Figlio di Dio la Parola del Padre.


Noi siamo stati generati dalla Parola di Dio, e siamo Parola di Dio, anche se a
immagine e somiglianza. Stamattina vi dir un solo pensiero.
Certamente la Parola di Dio da cui siamo stati generati in noi, e non cessa di
parlare. Direttamente parla il Figlio di Dio, Ges Cristo; per in Lui, per Lui e
con Lui parla il Padre Celeste. Anche Ges, essendo la Parola di Dio
personificata, tutto quello che il Padre pensa, dice e fa, anche Lui che il
Figlio suo lo pensa, lo dice e lo fa. Tutto! E non c una Parola del Padre che
non sia una Parola del Figlio. E questo che vi voglio dire.
In noi dunque c la Parola di Dio: la ascoltiamo? La viviamo? La
testimoniamo? La annunziamo? Eternamente noi rimarremo sempre Parola
di Dio; per, cosa annunziamo? Iddio? Le Parole di Dio, i pensieri di Dio, i
comportamenti di Dio, come ha fatto Ges, oppure i pensieri del mondo che
rifiuta il cristianesimo, le parole del mondo, i comportamenti del mondo? E
questo ci che vi voglio dire.
Andiamo pi in fondo: ti capita di pensare bene, e invece poi pensi male? Ti
capita di sentire il suggerimento delle parole buone, e poi dici invece le parole
non buone? Ti capita di avere suggerimenti buoni, e poi ostinatamente segui
comportamenti che non sono buoni? La Parola di Dio in te ascoltata,
praticata? Te ne accorgi quando ascolti la Parola di Dio che viene suggerita
dallo Spirito Santo, e tu la rifiuti con astuzia, con ribellione, con indifferenza,
a volte manipolando la stessa Parola di Dio, adattandola alla tua mentalit, al
tuo modo di sentire, al tuo modo di voler fare le cose? Dunque, ecco il
dramma del momento attuale: senti il suggerimento dello Spirito e lo eviti,
lo manipoli, lo assonni dentro di te. Perch, siccome la Parola di Dio Cristo,
tanto ami Cristo per quanto ascolti la sua Parola: Se osservi la mia Parola,
mi ami.
Rivedi un po il tuo amore per Cristo, la tua sequela di Cristo secondo la
vocazione che hai. Ascolti la sua Parola, i suoi suggerimenti? Pensi davvero
come il suggerimento di Cristo ti propone? Parli come Lui? Agisci come Lui?
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 13

Quanto la Parola di Dio in te viene assonnata, rifiutata, evitata,


ridimensionata, adattata? Non senti il peso di questo tuo atteggiamento
interiore, che noto soltanto a te e a Dio?
Quante volte lo Spirito Santo ti fa sentire i suggerimenti per vincere la
golosit, la pigrizia, le cose del mondo, lorgoglio, linvidia, la gelosia, le
debolezze nei pregiudizi, le inopportunit nelle parole? Quante volte i tuoi
comportamenti sono ambigui, non testimoniano Iddio? Forse testimoniano il
tuo io! Ma andiamo ancora molto pi gi. Quante volte senti una parola che
ti martella dentro: cambia, cos non va! cambia, convertiti al Signore! E cosa
dire di quella parola che ti viene suggerita sul difetto predominante, che forse
ha inchiodato il tuo cammino spirituale, mattino e sera, notte e giorno? quella
parola che il Signore ti suggerisce: Fa una svolta! Fa un salto di qualit!
Smettila di essere cos! Non andare fuori strada! Quante volte quel
suggerimento ti viene proposto dallo Spirito Santo con tanto amore, con tanta
premura direi materna, con tanta affettuosit sponsale! Quanto buono
lo Spirito Santo a suggerirti continuamente lumilt, la pazienza, la docilit, la
mitezza, lubbidienza alla parola di Dio, lamore fraterno! Quante volte hai
tolto di dosso la croce, hai rifiutato la rinunzia!
Forse il tuo cuore sente questo profondo disagio, questa pena; addirittura
sente langoscia del cuore; non gi nellimpotenza a non eseguire quello che il
suggerimento ti propone, ma quando giorno dopo giorno diventa sempre pi
evidente, e prendi sempre pi coscienza pi che dell impotenza della
volont cattiva che rifiuta il bene, rifiuta la proposta del bene.
Eppure sai ci che bene e ci che male, i pensieri buoni, le parole buone, i
comportamenti buoni; quel difetto predominante che tante volte ti viene
suggerito dallo Spirito Santo come necessariamente da superare; quel difetto
predominante dinanzi al quale ti trovi davanti a un bivio misterioso che solo
tu conosci: per essere con Cristo o non essere con Cristo, essere mediocre o
non essere mediocre, adattare o non adattare il Vangelo alla tua vita; seguire
la propria vocazione al matrimonio o alla consacrazione, oppure no.
Tutte queste parole che sono suggerimenti dello Spirito Santo, entrano
dentro, nellintimit del tuo spirito, e a volte non le vuoi ascoltare, a volte
ascoltandole le sfuggi, a volte ascoltandole queste parole, questi
suggerimenti le manipoli adattandole a quello che ti suggerisce il tuo
istinto, pi che la tua fede.
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 14

Riprendi di nuovo con umilt la Parola di Dio, lasciala parlare, ascoltala,


mettila in pratica, non troppo tardi, abbi speranza, abbi fiducia. Il Signore
buono, ascolta la tua preghiera e il tuo grido!
Non smettere di pregare, non smettere di sperare, non smettere di sforzarti, e
di rialzarti da tutte quelle cadute provocate dal non ascolto della Parola di
Dio; alla quale non hai voluto dar retta forse per tanto tempo, perch sentivi
nel tuo cuore i suggerimenti dello spirito del male che pian piano ti prendeva,
ti afferrava, ti abbracciava, ti inchiodava ostinatamente sempre di pi, forse in
quella malizia della carne o dello spirito, che ora difficilmente riesci a staccare
da te, dalla quale difficilmente riesci a svincolarti.
E Ges che te lo dice: ascolta la Parola del Signore in cui c la luce, la forza, il
coraggio, la speranza, la certezza. Non temere, rialzati subito, e imbocca il
bivio, la strada giusta, quella dellascolto e della pratica della Parola di Dio,
dove c non soltanto il tuo amore al Signore, ma anche tutto lamore di Dio
nel tuo cuore, che la tua gioia. Credi!
La cosa pi strana che c nel cuore di un cristiano tranne che non sia un
bugiardo questa: che sente nello stesso tempo limpossibilit a riuscire a
vivere secondo i dettami della fede, e sente anche la possibilit a riuscire. E
un bugiardo, perch una volta si appoggia a una parte, e qualche volta,
raramente, allaltra. Per, impossibile che ci sia unostinazione tale da
chiudere in maniera assoluta la possibilit a lasciare il male. Guardate, anche
i pi grandi e ostinati peccatori del mondo sentono la voce dello Spirito che
non pu non arrivare nellintimo dellanimo a suggerire che se vuoi, puoi!.
La fede non un limite: altro la necessit di aumentare la fede, e altro
avere il limite. Avere il limite vuol dire mettere tu il termine, il limite alla fede;
mentre se il Signore, avendo tu la fede verso di lui, ti chiede una fede
maggiore, la fede precedente non un limite; un momento di passaggio da
una fede minore a una fede maggiore. diverso questo. Altro il limite che
puoi porre tu, altro il passaggio dal buono allottimo.
Quindi, quando ci sono questi desideri di purificazione interiore, e tu senti
ancora il bisogno di purificarti, e sai bene che solo Ges pu fare questo,
necessario che tu aumenti la tua fede, come? Con unubbidienza alla sua
Parola ancor pi pronta, pi generosa, pi stabile, perch Lui fa tutto dentro
di te, e la divinizzazione non avviene da parte nostra, ma da parte di Dio.

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 15

Noi soltanto dobbiamo lasciare la nostra umanit nelle Sue mani: i pensieri,
la ragione, lintelligenza, la volont, la libert, la psiche, lemozione, i sensi, e
poi se la vede Lui. Quindi non un limite il tuo, ma un invito da parte del
Signore ad aumentare la fede; perch a volte la fede deve adeguarsi alle
circostanze particolari, per esempio: San Pietro credeva in Ges che
camminava sulle acque, tant che disse a Ges: fa che io cammini come te
sulle acque (Mt 14, 28). Quindi lui credeva a Ges; lui cominci a
camminare, per non ebbe quella fede stabile, continua per camminare sulle
acque, perch stava annegando.
Il Signore in certi momenti chiede una fede maggiore; per esempio in questi
giorni hai cercato una fede maggiore, perch avevi molte difficolt dentro:
personali, ambientali, scuola, famiglia, lavoro, comunit, superiori eccetera; e
ti affanni molto a eliminare queste difficolt, che ti danno pena e sofferenze
interiori; e ti sembra di avere difficolt nel camminare nella vita spirituale. Ti
stai affannando molto in questa situazione, stai soffrendo molto. Devi
continuare ad avere fede; non c la soluzione; continua ad avere fede.
La mancanza della soluzione, perch ancora non arrivata, non vuol dire che
tu non hai fede, o non stai aumentando la fede. Il demonio ti vuole
confondere: non c la soluzione, quindi non hai fede, perci non perdere
tempo, non credere pi.
La tua fede, quando vera, deve lasciare al Signore se risolvere i tuoi
problemi, quando e come a Lui piace; la fede anche fiducia in Dio e speranza
che nulla succede per caso.

<< Chi ha tempo non aspetti tempo. Non rimandiamo al domani ci che oggi possiamo
fare. Del bene di poi sono riboccanti le fosse; e poi chi dice a noi che domani
vivremo?>>
San Pio da Pietrelcina

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 16

La comprensione

Cos la comprensione? Non capire soltanto le parole o quello che la mente


vuole dire. La comprensione quindi, non abbraccia soltanto le parole e le
intenzioni, ma anche tutto il contesto psicologico, le fragilit, praticamente
tutto quel mondo interiore che sta dentro al cuore, alla psiche, alla mente ed
alla volont di una persona. Com-prendere vuol dire non soltanto capire
parole, non soltanto capire quello che la mente voleva dire, ma anche le
intenzioni della volont, gli atteggiamenti psicologici, quelli presenti e quelli
remoti che possono aver influenzato.
La comprensione del prossimo molto difficile, perch si pu cadere in
diversi difetti chiamiamoli cos oppure errori, che sono piuttosto
inganni. C chi ha la malizia nel cuore, e cerca di frugare le intenzioni, per
cui dice che il prossimo che parla o che agisce, ha lintenzione cattiva. La
comprensione non la riferisco soltanto alle parole, ma anche alle azioni, ai
comportamenti che sono contestuali alle parole e alle azioni. Ci pu essere
dunque chi comprende, o presume di comprendere, le intenzioni del
prossimo.
A volte si presume che lacuta intelligenza dia garanzia della verit nella
comprensione: nulla di pi falso di questo! Una mente acuta intuisce subito
cosa laltro intende dire con quelle parole, anche se le parole non sono state
adeguate a comunicare quello che la sua mente voleva dire; costui forse
prescinde dallo stato psicologico, quello presente, quello remoto, quello pi
nascosto dentro. E pu darsi che chi presume di comprendere, abbia dentro
di s la malizia attraverso la quale filtra le parole dellaltro, la sua mente, le
sue intenzioni, le emozioni psichiche, le fragilit: quelle presenti e quelle
remote. Quindi ci pu essere chi comprende ma va sempre, o frequentemente,
secondo le sue emozioni anche psichiche, secondo le presuntuose e acute
vedute della sua mente. Questuomo sbaglia, si inganna. A pilotare questa
pseduo comprensione c lorgoglio, la presunzione, lillusione di essere
troppo intelligenti a capire il prossimo.
C unaltra maniera sbagliata di comprendere il prossimo, e cio una
misericordia che fa acqua da tutte le parti. Si dice infatti: beh, fatta cos,
il suo carattere; ma che male c?, sono peccati di natura, in fondo un buon
uomo, una donna buona, che ha fatto di male? si presta sempre; s, va bene,
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 17

cos, bisbetica, un po isterica, per in fondo buona. E una comprensione


strampalata. Questa non comprensione, perch la comprensione vuol dire
che devi accogliere il prossimo cos come ; e devi per carit aiutare il
prossimo in quei settori dove deve migliorare. Non devi giustificare
presuntuosamente il male che fa, ma devi piuttosto badare ad aiutare per fare
il bene che non fa. Quanta gente oggi si dice comprensiva perch il figliolo
magari ha la fidanzata e torna alle 2, alle 3, alle 4 di notte. E comprensiva
perch magari buona, brava a scuola, per fa il comodo suo. Basta che fa
quello che dico, poi lascio andare, lascio perdere; non comprensione questa,
inganno, specialmente se superiore della comunit, oppure il pap o la
mamma. Anche un fratello, una sorella deve saper essere saggio dinanzi ai
difetti degli altri; e deve essere premuroso, caritatevole dinanzi al bene che il
fratello pu e deve fare. Questa comprensione!
Ci sono tante altre maniere con cui ci si inganna nella comprensione. A volte
il prossimo che pretende di essere compreso; a volte chi deve comprendere
che non sa comprendere, in quanto presume che la comprensione sia soltanto
nel vedere la verit, e trascura la carit.
Se capisci che il prossimo sbaglia, non devi spiattellare in faccia lerrore, lo
sbaglio, la mancanza o il peccato che fa, ma devi piuttosto cercare con molta
abilit di usare carit, muovendo la volont del prossimo a rimuovere lo
sbaglio, lerrore, la fragilit o il peccato che ha commesso.
Quindi vedete come la comprensione ha una gamma indefinibile di
comportamenti, che solo lamore pu davvero reggere dinanzi a tutti i
fenomeni che bisogna comprendere; perch a volte il fenomeno, cio ci che
appare agli occhi, pu essere molto diverso da quello che invece c
nellanimo. E poi la comprensione va vista in maniera contestuale, non in
maniera direi singola. Contestuale: dolori di testa, ha fatto un po di
ritardo, non recita bene il Rosario, distratto, ecc. Ecco, in modo contestuale.
Per esempio, se quella persona ti viene a dire: Sai, mi sono alzato tardi, per
questo sto un po distratto; s, va bene la comprensione del difetto o della
fragilit, per devi aiutare il prossimo a correggere la propria volont, in
modo tale che si disponga a far bene ci in cui manca e viene meno.
Attenzione per, che quando il prossimo trova scuse, pretesti, trova
addirittura anche delle accuse ai genitori, ai superiori, per le mancanze
commesse; la cosa migliore se un superiore dire la verit con grande
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 18

carit. Se un fratello o una sorella forse sarebbe meglio tacere, avere


equilibrio.
Sgridare nella comprensione lecito o no? S, lecito, perch ci sono certe
persone le quali vogliono essere comprese in ci che non merita di essere
compreso; insistono ad essere comprese quando invece non giusto quello
che loro presumono debba essere comprensibile, o compreso. Guardate che
quando un pap, una mamma, o un superiore di comunit si trova in una
situazione di questo genere, molto difficile trovare quel piccolo spazio per
fermare tutto quello sciorinamento di parole, di frasi, di elucubrazioni, che
sono dette con molta scioltezza. E difficile trovare lo spazio, e la cosa pi
strana questa: che si presume di essere compresi perch si portano molti
argomenti. C molta ragione, c molta intelligenza, ma sfuggita la parte
principale che la fede, la volont di Dio, lumilt, la sottomissione a chi
bisogna ubbidire.
La comprensione ha una vastit di riflessioni che non sono assolutamente
spiegabili in un solo momento. Per esempio: la comprensione che Ges ha di
noi, una comprensione intima, profonda, paziente, misericordiosa,
continua, costante, meravigliosa, sorprendente, che ci incanta.
Guardate che la comprensione non vuol dire coprire la verit del difetto degli
altri. La comprensione vuol dire attenti bene a quello che sto per dire
scusare quel difetto aiutando la volont a toglierlo. Faccio un esempio: tu in
merito a un ragazzo, a una ragazza che va via con il fidanzato, ed stata fino
alle ore piccole, quando torna dici: Beh, vabb, sono ragazzi! Tu quando eri
ragazzo non facevi lo stesso? Questa una scusa, una comprensione diabolica,
mentre la comprensione giusta questa: S, ti sei ritirato troppo tardi Pierino;
io ti comprendo, sei ragazzo, forse i tuoi compagni, i tuoi amici ti hanno un
po trascinato a far tardi, per non una cosa saggia, non lo fare pi! Ecco, io
scuso ma incoraggio ad evitare.
Anche Ges perdonava la peccatrice ma poi diceva: Non peccare pi perch
non ti capiti peggio di prima!.
La comprensione deve essere pilotata dallamore, ma non un amore umano,
perch lamore umano fa saltare tutti i criteri della comprensione. Lamore
umano ti induce a dire: Beh, piccola la figliola mia! Che fa? E tanto brava,
va bene a scuola. Tiene il fidanzato, va alla discoteca, quella la gioia sua.
Questa comprensione umana di una mamma squinternata! La
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 19

comprensione deve essere sempre poggiata, s, sullamore, ma un amore che


viene dalla fede.
La comprensione di Ges tutta diversa.
Se una sposa inganna, e il marito per comprendere la moglie, la perdona; ma
poi risponde nella stessa maniera e inganna la moglie. E cos ingannandosi a
vicenda si comprendono. Ges non ha fatto cos! Egli era innocente, ha dato
la vita per noi. Ci ha compreso, morto sulla croce per noi, per Egli
innocente. La comprensione a volte fa brutti scherzi: Beh, io comprendo me
stesso! Posso impazzire a seguire il Vangelo cos? Ora mi adatto con il
compromesso, cos mi comprendo la carne e lo spirito. Come devo fare? Devo
uscire pazzo? No, no! Ges stato trattato da pazzi per non farti uscire
pazzo!
Supplichiamo il Padre Celeste secondo le intenzioni della Madonna del
Rosario. Alle 12 supplicheremo la Madonna del Rosario perch ci dia la vera
comprensione. La vera comprensione si chiama misericordia, ma la
misericordia non lassismo, permissivismo o altro! No! La misericordia,
invece, una comprensione che impegna chi comprende a pregare, a soffrire,
ad aiutare, a servire la sofferenza di chi soffre. Attenzione, grande
misericordia!
Comprensione significa sapere che uno sta peccando con un affetto cattivo, o
che va per strade non buone, che ribelle, sapere questo e comprendere, non
perch approvi questo itinerario sbagliato, ma perch con pazienza attendi il
ritorno a rinsavire, a pentirsi. Non complicit! Anche Dio permette che noi
pecchiamo, mica complice dei nostri peccati! Per Egli paziente,
misericordioso.
Ges ci ha scusato: non sappiamo quello che facciamo!. Pur conoscendo
esattamente tutto quello che c nella mente, nel cuore, negli affetti
disordinati; per la comprensione non una condivisione del peccato ma
una sofferta attesa nella misericordia, perch si ritorni al Signore e quindi si
conservi sempre la pace col prossimo che si riconosce peccatore, debole,
fragile e forse addirittura traditore.

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 20

Entrare e uscire dalla Parola di Dio

La porta della Parola di Dio, e laltra porta inventata dalluomo, che lastuzia
diabolica, il compromesso, la discussione, che ne cambia il significato
autentico. Sono queste le porte inventate dalluomo: ladattamento del
Vangelo alla propria mentalit, il relativismo morale, lastuzia fallace, il
compromesso. La porta la Parola di Dio. Chi non entra per la porta, cio chi
non osserva la Parola di Dio, non fa parte del gregge, non riesce ad ascoltare
la Parola del Signore, la Parola del Pastore.
Il secondo pensiero. Entrare e uscire dalla porta: entra chi la osserva, ed esce
chi la annunzia. Per, per poter uscire dalla porta dopo aver acquistato la
libert dello spirito e la sapienza del Vangelo, necessario che uno sia entrato
lealmente, sinceramente attraverso questa porta, cio attraverso la Parola di
Dio.
Il terzo pensiero. E necessario che noi, se vogliamo far parte del gregge,
entriamo per la porta giusta; quando ascoltiamo la Parola del Buon Pastore,
non soltanto ci pasciamo delle parole del Buon Pastore, e dei Sacramenti; ma
non dimentichiamo non solo di entrare, ma anche di aiutare i fratelli a
entrare, o a rientrare nellovile. Ecco i pensierini della Liturgia della Parola di
oggi.
Ovviamente, la prima lettura sempre una controfigura del Vangelo. Pietro si
trovava dinanzi a una difficolt: chi doveva entrare nellovile di Cristo? E
allora il Signore fece vedere la visione di tanti animali nel lenzuolo che
scendeva dal cielo; per cui Lui doveva anche mangiare carne che riteneva
immonda, quasi per dire: non ti devi preoccupare!, non soltanto i figli di
Israele devono entrare a far parte del Regno di Dio, ma anche i pagani. Questo
il senso della prima lettura.
Nella seconda lettura c una spiegazione pi appropriata, ma io vorrei
fermarmi su di un solo pensiero. Attenzione al compromesso, cio
allaltalena: un po con la carne, un po con Ges, un po con la ragione, un
po con Ges. Questo il pensiero di fondo. Per attenzione: non vi inquietate
se ci sono le fragilit! Continuate a pregare e a sforzarvi! Entrare e uscire dalla
porta.

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 21

Si pu entrare e uscire in due maniere: si entra nella Parola di Dio e si


perseveranti nella Parola di Dio; per cui uscendo, si manifesta la Parola di Dio
nellamore a Dio e al prossimo con la carit. Ma si pu entrare e uscire dalla
Parola di Dio anche in maniera sbagliata. Si entra nella Parola di Dio magari
al principio con sincerit di cuore, poi non si riesce a mettere in pratica la
Parola di Dio; e uscendo, si annunzia una Parola di Dio non esatta, sbagliata,
non conforme alla fede e alla morale che Cristo ha insegnato, e la Chiesa
propone.
Attenzione, specialmente noi sacerdoti, anime consacrate e gente che viene in
chiesa, che entriamo nella Parola di Dio ascoltandola; e poi uscendo dalla
Parola di Dio, non capiti che non testimoniamo n la convinzione n la pratica
della Parola di Dio. Anche Ges uscito dalla Parola di Dio, in quanto ha
ricevuto il mandato dal Padre e ha predicato la Parola di Dio facendo, e
insegnando in un modo primario la pace.
Facciamo come Ges! Vorrei mettere nel vostro cuore questo pensiero: oggi
abbiamo perduto questa categoria evangelica per cui cos usciamo dalla porta
della Parola di Dio: Ges ha detto cos, il Papa ha detto cos, il Vescovo cos, il
sacerdote ha detto cos! Partire dalla Parola di Dio, quella insegnata da Ges,
dalla Chiesa, dai sacerdoti fedeli allinsegnamento di Ges: questo vuol dire
uscire dalla Parola di Dio. Non uscir fuori! No! Uscire vuol dire partire
dalla Parola di Dio per annunziarla con i fatti e con le parole. Questo vuol
dire! Altrimenti che senso ha uscire ed entrare dalla porta? E una cosa
buona entrare e uscire dalla porta! Oggi difficilmente si dice: Il Papa ha
detto cos, bisogna fare come dice Lui. No! Si discute tutto, per cui non si
entra dalla porta giusta! Si entra invece dalla testa propria.
Quella categoria evangelica oggi incancrenita, arrugginita, per cui si ripete
sempre: Non c bisogno che me lo dici tu, lo so gi!. Alcuni, al contrario,
hanno approfittato molto, inflazionando il Papa, tanto che si reagisce: Ma
tu al Papa stai pensando?. Lubbidienza stata incancrenita, e non si riesce
pi a fare i propositi, per modificare sia le debolezze della carne, che dello
spirito.
Oggi ascoltare la Parola di Dio ed entrarvi con umilt, diventato difficile:
bisogna spingere per forza. Cos pure il mandato altrettanto difficile:
mangiando, cantando, gioendo insieme. C lubbidienza alla fede, c la pace
interiore, c la voglia di cercare il Signore e di incontrarsi con Lui? Tutte
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 22

queste cose non sono vuoto. Il vuoto unassenza, quando non si cerca, si in
un trambusto interiore. Quello il vuoto; ma quando uno cerca il Signore
perch non lo sente, non lo trova ancora, per ha la pace nel cuore, ha
ubbidito, non ci sono motivazioni particolari; tutta una trappola. Attenti alle
trappole.
Anche il silenzio di non domandare a Dio qualcosa, anche questa una
trappola di satana. E una trappola, ma per quale motivo? Il silenzio pu
essere una trappola. una trappola di satana, per cui il silenzio praticamente
una maschera per continuare a fare quello che si crede giusto fare; tanto non
necessario cambiare, perch mi trovo nel giusto.
una trappola il silenzio ovviamente il silenzio con Dio e con chi parla in
nome di Dio. Questo un silenzio trappola diabolica. Mediante lubbidienza
tu dimori in Dio e Lui in te; quindi, il dimorare di Dio in te, segno che Lui ha
fiducia in te, crede in te, ha fiducia in te, ti ama, dimora in te, e tu dimori in
Lui; quando c questa reciproca stabilit di dimora. Ges allora si affida a
unanima, e quindi opera nellanima sia nella ragione, che nella libert; la
fede e lubbidienza della fede che ti fa affidare al Signore.
La fiducia una modalit di fede nelluomo; per attenzione: nelluomo devi
avere fiducia, ma non come uomo, ma come fratello di Cristo, e tuo fratello;
perch, se tu hai fiducia nelluomo come uomo: maledetto luomo che
confida nelluomo (Ger 17, 5), dice la Scrittura.
La pratica della fede lubbidienza alla Parola; nellubbidienza c questa
reciproca dimora: Dio in te e tu in Lui. Lui si affida a te e tu in Lui; Lui dimora
in te, e agisce volendo divinizzare la tua persona sia lanima, che il corpo.
Voi immaginate che Elisabetta ha detto alla Madonna: perch hai creduto, si
sono avverate in te tante cose (Lc 1, 45). Voi immaginate che Ges fonda la
Chiesa, Lui il Maestro, Dio, ed sconfitto sulla croce. Sembra che Lui non
abbia avuto la soluzione, e invece l sulla croce che ha vinto satana, il
peccato, la morte, il mondo. Quindi non sempre apparente la vittoria. Non
sempre percepibile la soluzione del problema personale, familiare, della
comunit, di pap, mamma.
La soluzione tante volte non quella che nella nostra mentalit pensiamo,
attendiamo, speriamo; perch nella sapienza di Dio la soluzione, per la tua
fede, unaltra, come per Ges.
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 23

Come difficile che entri nel vostro cuore a volte la verit; la lasciate entrare,
ma non la accogliete, non labbracciate, non lassimilate.
Il cuore del Padre Nostro la volont di Dio: Sia fatta la tua volont. Che
bello.
La volont di Dio lamore che viene dalla nostra volont: amare vuol dire
voler bene, il volere il bene.
Lui ce lha il bene, perch Lui il Sommo Bene; soltanto Lui ha il volere. Per
cui Lui il bene, e poich voler bene dare il bene alla nostra santit, Lui la
santit, la fonte della santit. Che bello. Per come fa a manifestare la sua
volont? Attraverso la Parola di suo Figlio. Come fa a darla? Attraverso lo
Spirito Santo. Mamma mia!
Tutta la Trinit impegnata a farci santi. Per i poteri della santit li ha dati
alla Chiesa, ai sacerdoti, i quali hanno gli strumenti: la parola di Dio, i
Sacramenti e la guida delle anime, la direzione spirituale il governo delle
anime.
Ma quando ci convinceremo che Dio veramente buono?!

<<Se vogliamo raccogliere necessario non tanto il seminare, quanto spargere il seme in
un buon campo, e quando questo seme diventer pianta, ci stia molto a cuore di vegliare
a che la zizzania non soffochi le tenere pianticelle>>.
San Pio da Pietrelcina

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 24

Lo Spirito del Padre e del Figlio

Se luomo per creazione stato fatto a immagine e somiglianza di Dio, noi


abbiamo un fatto misterioso in Ges, perch Ges una sola persona in due
nature: la natura divina e la natura umana.
La natura divina appartiene alla seconda persona della Santissima Trinit, la
natura umana appartiene al Figlio nato da Maria. Come Dio, uguale al Padre
anche se distinto dal Padre. Per, attenti: il Padre ha generato il Figlio. Poich
Iddio Spirito purissimo, non divisibile e quindi ha dato tutto Se stesso, pi
di quanto non possano dare il pap e la mamma a un figlio che nasce. Per,
che cosa che il Padre Celeste ha dato per generare il Figlio? Ha dato tutto Se
stesso, cio tutto il suo Spirito, e lo Spirito del Padre tutto nel Figlio. E il
Figlio di Dio non immagine del Padre Celeste: ha tutto lo Spirito del Padre; e
lo Spirito del Figlio che ama il Padre, tutto completamente nel Padre. Lo
Spirito del Padre e lo Spirito del Figlio sono un solo Spirito, che lo Spirito
Santo.
Il mistero qual ? Tutto lo Spirito del Padre dato al Figlio e tutto lo Spirito del
Figlio dato al Padre, per amore infinito sono diventati un solo Spirito. Erano,
sono e saranno un solo Spirito, perch lamore li unisce sino al punto da
essere un solo Spirito, e questo Spirito che procede dal Padre e dal Figlio, lo
Spirito di Dio, lo Spirito Santo. Quindi il Figlio di Dio tutto lo Spirito del
Padre, e poich lo Spirito del Padre amore, tutto lamore del Padre nel
Figlio, e il Figlio lamore del Padre. E poich il Padre ha la vita in Se stesso,
anche il Figlio ha tutta la vita in Se stesso. Egli la vita come il Padre, come lo
Spirito Santo, lo Spirito di Dio. Per questo Ges ha detto a Filippo: Chi vede
me, vede il Padre.
E vero per che lo Spirito di Dio, della seconda persona della Santissima
Trinit, si incarnato e ha assunto unimmagine, perch Ges rassomiglia al
Padre come immagine, come uomo. Per guardate: Ges per poter diventare
immagine e rassomiglianza del Padre, ha fatto tutta la Parola di suo Padre,
diventato lopera di suo Padre. Tutto quello che dal Padre ha udito, lo ha fatto
e annunziato, e tutto quello che Egli e fa, tutta opera del Padre. Per cui,
come uomo Egli diventato una cosa sola con il Padre, come immagine, come
volto umano e come comportamento: quello che ha pensato, quello che ha
detto, quello che ha fatto. In Ges per cera sempre questa distinzione
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 25

dellumanit dalla divinit. In Ges cera la realt e limmagine, la realt del


Figlio di Dio che la realt del Padre e poi limmagine di Colui per la cui
Parola luomo stato creato ad immagine e somiglianza di Dio; perci Ges in
modo particolare realt, immagine e rassomiglianza al Padre. Per questo
davvero diventava giusto per Ges rimproverare Filippo: Fino a questo
momento ancora non hai capito che chi vede me, vede il Padre?; perch
Ges aveva in S la realt del Padre e limmagine e la rassomiglianza del
Padre. Sarebbe molto interessante approfondire questo pensiero: luomo
immagine del Padre.
La parola imago, immagine viene dal greco orao, id: immagine ci che si
vede. Limmagine fa vedere una persona o fa intravedere la realt che dietro
a quellimmagine. Immaginate un po nella vostra mente: Ges limmagine
del Padre ed la realt del Padre. Sarebbe davvero molto interessante
spiegare: come si diventa immagine e somiglianza di Dio? Attraverso la Parola
di Dio, dove c lo Spirito e la vita di Dio. E lo Spirito e la vita di Dio che noi
accogliamo e mettiamo in pratica mediante la fede che ci fa recuperare
limmagine e la somiglianza di Dio. Per, il processo simile a quello che
Ges ha usato per recuperare limmagine e la somiglianza a Dio di tutti gli
uomini, e cio la sofferenza e la croce. Ges passato attraverso questa
trasfigurazione: il suo volto stato sfigurato e poi trasfigurato. E stato
sfigurato dalla sofferenza, per essere poi trasfigurato nella gloria. La
sofferenza la cura estetica dellimmagine e somiglianza di Dio nelluomo.
Se vuoi davvero recuperare la bellezza di Dio nel tuo volto, la cura estetica
una sola: la sofferenza che devi sopportare per essere un buon cristiano; per
amare con i fatti Dio e il prossimo; essa in modo concreto la volont di Dio,
quella volont di Dio che viene espressa giorno per giorno da tutte le fonti: dai
comandamenti di Mos, dai precetti della Chiesa, dal comando di Ges
amatevi gli uni gli altri, dagli obblighi del proprio stato. Questi sono come
dei pennelli che ricalcano i lineamenti dellimmagine di Dio in noi.
Questimmagine non deve rimanere soltanto nei lineamenti, ma deve
concretizzarsi per essere unimmagine vivente attraverso le opere, che
rendono viva questa immagine. Noi la desumiamo da Cristo, dalla Parola di
Dio; per questo, quando recupereremo limmagine e la somiglianza di Dio,
diventeremo conformi allimmagine di Cristo, perch mediante la Parola di
Dio, mediante la fede, recuperiamo limmagine originaria, che appunto
limmagine e la somiglianza di Dio.
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 26

Ecco questo il mistero che in Cristo, e che noi dobbiamo desumere da Lui.
Per, non dimenticate che attraverso la Parola di Dio recuperiamo limmagine
e la somiglianza di Dio; in Cristo ci trasferiamo dalluomo alla divinit.
Mediante la Parola di Dio siamo divinizzati, diventeremo come dei, luminosi
in Cielo, e in modo direi completo rassomiglieremo allumanit di Cristo,
e alla sua divinit; perch se siamo figli di Dio saremo una cosa sola con il
Figlio di Dio del quale il Padre si compiacer eternamente. Come era accorato
Ges nel dire: Credetemi, credetemi! Se non credete alle mie parole, credete
alle mie opere! Chi vede me, vede il Padre. Direi addirittura che Ges era
mortificato che non vedessero in Lui il Padre.
O Ges, non Ti chiediamo di mostrarci il Padre, perch sappiamo che Tu e il
Padre siete una cosa sola. Tu sei nel Padre e il Padre in Te, per cui la
preghiera al Padre una preghiera che soltanto Tu riesci a fare con
unintimit unica, perch il Padre in te.
Adesso noi vogliamo unirci a te, non soltanto con le parole che tu hai usato
per compilare questa preghiera, ma ci uniamo al Padre anche con il tuo
amore, con il tuo cuore dicendo insieme con Te Padre Nostro .
La Liturgia della Parola fondamentale, essenziale, inabrogabile,
inderogabile nella vita del cristiano. La prima lettura: Pietro che testimonia
con la Parola di Dio, nel nome di Cristo, di guarire e di far risorgere. Nella
seconda lettura Ges afferma dei principi che sono fondamentali, essenziali,
inderogabili, inabrogabili, che non si possono assolutamente non dico
dimenticare, ma non tener presente.
Il primo pensiero del Vangelo: la mia Parola Spirito e Vita, la carne non
giova nulla. Secondo pensiero: chi crede a Cristo non crede nella carne, ai
piaceri della carne. La vita spirituale la vita dello Spirito di Cristo; e lo
Spirito di Cristo si vive osservando la Sua Parola.
Se non osservi la Parola di Dio, non sei dello Spirito di Dio, non credi a Cristo,
inevitabilmente andrai ai piaceri della carne. O credi allo Spirito di Cristo, o
credi invece ai piaceri della carne. Lo Spirito di Cristo d vita, la carne non
giova a nulla.
Il terzo pensiero questo: dal credere a Cristo, o dal credere alla carne,
dipende il rimanere alla sequela di Cristo o andar via dalla sequela di Cristo.

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 27

Anche tu vuoi andar via? Forse la Madonna per te ha detto a Ges: Dove
andranno? Tu solo hai Parole di vita eterna!
La ricchezza degli insegnamenti della Liturgia della Parola di ogni giorno
tale, che davvero mi capita come mi capit quando ero bambino, quando mio
padre torn dallAmerica. Mi present centinaia e centinaia di cioccolatini; e
io non sapevo dove mettere le mani per prendere i cioccolatini. Quanta
ricchezza!
Voi immaginate un po: Ges dice nel Vangelo che Lui conosceva chi lo
avrebbe tradito; Giuda non credeva in Lui, ma amava la carne; perch, o si
crede allo Spirito che d vita, o alla carne che non giova a nulla. E questo che
fa allontanare Ges, fa rinnegare, fa tradire.
Il tradimento non soltanto il rifiuto della Parola, anche eliminazione di
Colui che parla a nome di Dio. Vedete un po nella prima lettura: Pietro, pur
avendo rinnegato Ges, pianse, si pent e addirittura fu talmente assimilato
alla Parola di Dio, da far risorgere quella donna con la Parola di Dio.
Ges dice che Lui si impegnato per tutti quelli che il Padre gli ha affidato,
perch non andasse via nessuno. Se vanno via, proprio perch sono ostinati
a credere pi alla carne che allo spirito.
Attenzione, altro essere provati nella vita nello scegliere la carne o lo spirito,
e altro invece allontanarsi da Ges per la carne; o tradire Ges per la carne,
rifiutando lo spirito. Quante cose ci sarebbero da dire!
Se la vita spirituale diventa triste, diventa difficile, perch non si crede allo
Spirito di Cristo, e la carne viene seguita o palesemente o nascostamente.
Se noi fossimo pi decisi, troveremmo dentro di noi la vera gioia, quella che
viene dallo Spirito di Cristo.

<<Bisogna sempre andare avanti e mai indietreggiare nella vita spirituale; senn succede
come alla barca, la quale se invece di avanzare si ferma, il vento la rimanda indietro>>.
San Pio da Pietrelcina

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 28

Agire per amore, rinunziare per amore

Vi dir alcuni pensieri sulla liturgia della Parola, su San Giuseppe, sulla
Madonna.
Anzitutto Stefano che d la vita per il nome del Signore. Ges ha dato la vita;
poi nella Chiesa cominciano i discepoli a dare la vita per Lui. Ges lha data
per noi, e Stefano lha data per amore a Ges. Bisogna ricominciare di nuovo
nella nostra vita cristiana a far le cose per amore di Dio, per amore della
Madonna, per amore della Chiesa, e di quelli che la Chiesa pone, propone e
prepone. Bisogna cominciare di nuovo a dire: ecco, io questo lo faccio per la
Madonna.
Quante volte sono saltati questi pensieri e questi suggerimenti: per Ges
passa, per la Madonna passa, per Padre Pio passa, per la Chiesa, per quelli che
il Signore propone per istruire e guidare i cristiani, passa.
Ma per chi tu fai il bene, e quando lo fai? Ritorniamo di nuovo, ricominciamo
dalla Mamma. Questo il primo pensiero.
Il secondo pensiero che viene dal Vangelo anche molto importante: prima
Ges ha pensato a darci la vita, e i discepoli danno la vita; ora Egli, con
materna premura, pensa a dare il cibo della vita: lEucarestia, che Lui stesso;
Lui la vita, Lui il cibo della vita.
La liturgia della Parola, via via che cammina, ci presenta tutti i misteri della
nostra salvezza: il mistero pasquale con tutto il contesto delle prove della
Risurrezione; tutta laltalena dei dubbi, delle incertezze dei discepoli e degli
sforzi che Ges ha fatto sotto ogni aspetto; addirittura non soltanto ha fatto
toccare le mani e il costato, ma ha mangiato, ha fatto pescare in maniera
miracolosa, ha preparato da mangiare.
Cosa doveva fare di pi Ges per farsi credere? Eppure non hanno creduto!
Ma ci sono quelli che credono e danno la vita per Lui. E Ges continua a dare
la vita mediante il nutrimento, lEucarestia.
Questi due pensieri molto importanti teneteli presenti, per, attenzione,
cominciamo di nuovo a credere: questo lo devo rinunziare per amore di Ges,
sia i fioretti che si fanno per frenare la concupiscenza, sia i fioretti che si
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 29

fanno per frenare laltra passione, quella dellira. Se sono saltati i fioretti nella
mentalit di un cristiano saltata tutta la vita spirituale.
Il terzo pensiero: Giuseppe lavoratore. Il lavoro un dono di Dio, ed
lespressione della nostra vita. Come la vita deve essere donata al Signore, cos
anche il lavoro deve essere donato al Signore. Chi si sottrae al lavoro,
specialmente al lavoro dovuto per giustizia, si sottrae anche al lavoro fatto per
amore; il lavoro infatti, pu essere fatto per giustizia per cui c una
ricompensa: il salario umano; c` poi il lavoro che viene fatto per amore a
Cristo e ai fratelli; e c una ricompensa, che viene da parte Dio chi si sottrae
al lavoro per amore, certamente non fa bene neppure il lavoro fatto per
giustizia.
Andrebbero spiegate queste cose ma io ritengo che voi oramai abbiate molta
dimestichezza col mio linguaggio e quindi credo che abbiate capito. Se uno
non sa lavorare nel volontariato, a cominciare dalla famiglia: a lavare i piatti,
a pulire la casa, a lavarsi le robe o altro, non sapr neppure fare bene la
propria professione. Il lavoro del volontariato appunto lespressione del
completamento dello spirito lavorativo che c in un uomo, in una donna,
anche nel campo in cui deve prestare il suo servizio colla ricompensa del
salario.
Poi il pensiero sulla Madonna. Siamo nel mese di Maggio, il primo giorno
del mese di Maggio, domandiamoci: teniamo presente che la Madonna la
nostra Mamma? ci ricordiamo che siamo figli suoi? o ancora siamo appesi
come lampadari al cielo della fantasia? Ecco, oggi vorrei proprio che voi
rifletteste un po: quale vale di pi, il lavoro col salario o il lavoro senza
salario?
Guardate che il lavoro espressione della vita; e quel lavoro che viene per il
salario, giusto per il sostentamento della vita; giusto e bisogna santificarlo
in quanto si fa per amore, facendo la volont di Dio; tu sei stato obbligato da
Lui a guadagnare il pane col sudore della fronte. Va bene. Per il lavoro senza
salario, fatto per il volontariato in famiglia, in Parrocchia, nella societ, vicino
ai poveri, gli ammalati, ecc., questo lavoro ha la ricompensa da Dio;
quellaltro ha la ricompensa dagli uomini. Ci vuole luno e laltro,
indubbiamente. Per, siamo sinceri, il lavoro come volontariato, avendo la
ricompensa da Dio, ha una espressione pi ricca di amore, da parte del
soggetto, ed anche pi convincente da parte di chi riceve questa prestazione
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 30

di amore, di servizio, di carit; ovviamente Iddio ricompensa molto pi


largamente di quanto non facciano gli uomini nel dare il salario a quelli che
prestano servizio per giustizia.
Il lavoro fatto per amore, la testimonianza della nostra fede. Le affermazioni
della prima e seconda lettura hanno una logica, se cos si pu dire, divina,
dalla quale nessuna mente, nessuna mentalit pu sottrarsi, n modificare.
Chi che ama Iddio? Chi crede nel suo Figlio. E chi crede nel suo Figlio? Colui
che osserva la sua parola e i suoi comandi. Quindi chi osserva la Parola di Dio,
crede nel Figlio di Dio, ama Iddio.
Cos la fede? il dono dello Spirito Santo con cui noi crediamo in Dio,
crediamo in Cristo; il dono che ci d la forza e a conoscere la Parola di Dio e
a osservarla. La fede credere in Cristo, osservare i suoi comandi, e amare il
Padre e il prossimo. Questa la fede. Qual , in confronto al mondo, leffetto
della fede? Vince il mondo. Quindi se tu osservi i comandamenti di Dio, credi
in Cristo, ami il Padre Celeste, vinci il mondo.
E quali sono le realt del mondo da vincere? Sono: le concupiscenze,
lattaccamento ai beni di questo mondo, ai piaceri della carne, alla superbia
della vita.
Quindi la fede, cio la pratica della Parola di Dio, per cui io credo in Cristo,
amo il prossimo, e amo il Padre Celeste, mi fa vincere le concupiscenze del
mondo, lattaccamento ai beni che non mi lecito avere, ai piaceri disordinati
del corpo, e al proprio Io. Questa la prima logica divina.
La seconda logica, in un certo senso, la prova del nove della prima; e cio: se
tu non osservi i Comandamenti, e non credi in Cristo, non ami Iddio. E se tu
non osservi i Comandamenti e non credi in Cristo, e non ami Iddio e il
prossimo, non puoi vincere il mondo.
Se tu credi, osservi i Comandamenti, credi in Cristo, ami Iddio e il prossimo;
il mondo allora ti odia, non ti pu amare, perch: o ami Iddio o ami il mondo.
Se tu ami il mondo, eh, Iddio non ti ama, non ti vuole bene. Cosa vuol dire
questa espressione? Non che non ti vuol bene perch non sei pi una sua
creatura, un suo suddito, un suo figlio; non ti vuol bene per quello che fai. Il
mondo ti ama, ma Iddio non ti pu amare per quello che fai, per quello che sei
diventato.

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 31

Finch stai sulla terra, Iddio fedele al suo amore, e continua ad amarti. Ma il
mondo odia chi ama Iddio, e ama chi non ama Iddio. questo il principio, la
logica che viene anche rilevata dalla prima lettera di San Giovanni. Per s
Iddio odia il mondo, le concupiscenze del mondo.
Finch luomo sulla terra, Iddio non odia mai luomo, ma odia il peccato
delluomo, odia la malizia delluomo.
Attenzione, se tu ti porti bene, non essere presuntuoso, non farti superiore al
tuo Maestro, non farti superiore del tuo Maestro. Al limite, puoi essere dice
il Vangelo come il Maestro.
Attenzione quindi, ci sono due principi che sono complementari: se tu ami
Iddio, il mondo ti odia; se tu ami Iddio, non essere presuntuoso a farti
migliore del Maestro.
A volte questa presunzione pu essere manifestata o con le parole o con i
comportamenti. Certo questo criterio, questa logica della prima, della seconda
lettura non pu essere assente dalla mente, dalla mentalit di un buon
cristiano.
Il cuore della logica dellamore a Dio, losservanza dei comandi del Signore;
la spiegazione dei comandi del Signore inesauribile; a cominciare dai
comandi che vengono dalla natura, e finire a quelli della legge positiva divina,
la legge di Mos, i precetti della Chiesa, gli obblighi del proprio stato, gli
impegni assunti liberamente, gli impegni affidati, le ispirazioni dello Spirito
Santo. Per, il comando ha una valenza particolare, cio, per un religioso
consacrato per es. la volont del superiore obbliga gravemente. Questo il
comando.
Tutto il mondo ubbidisce alla volont di Dio, che si esprime in maniera
indefinibile; anche la volont di Dio viene espressa nel sole, la luna e le stelle,
nel mare, le piante, i superiori nella vita religiosa, i sudditi, tutto, anche il
mangiare, il dormire, il camminare, tutto una espressione della volont di
Dio da compiere. Questo lo ha stabilito il Padre Celeste.
Inserirci nella volont di Dio, vuol dire inserirci in quello che comanda; i
comandi essenziali sono quelli che servono per la salvezza, e cio: i
Comandamenti di Mos, i precetti della Chiesa, gli obblighi del proprio stato.
E Badate, anche quelli che sono assunti liberamente per i voti di castit,
povert e ubbidienza.
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 32

Amare la Madonna un obbligo grave o un comando leggero? Amare la


Madonna un comando grave o un comando leggero? Quando Ges dalla
croce dice: ecco tua madre, che senso aveva quellaffidamento, se non che noi
dovevamo amare la Madonna come una mamma e quindi con tutte le
conseguenze?

<<Perch il male nel mondo? Sta bene a sentire C una mamma che sta ricamando. Il
suo figliuolo, seduto su uno sgabelletto basso, vede il lavoro di lei; ma alla rovescia. Vede
i nodi del ricamo, i fili confusi E dice: Mamma si pu sapere che fai? cos poco chiaro
il tuo lavoro?! Allora la mamma abbassa il telaio, e mostra la parte buona del lavoro.
Ogni colore al suo posto e la variet dei fili si compone nellarmonia del disegno. Ecco,
noi vediamo il rovescio del ricamo. Siamo seduti sullo sgabello basso>>.
San Pio da Pietrelcina

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 33

Il padre, il pastore e il gregge

La prima lettura della Messa di oggi: il Signore si rivolge al gregge di Israele


che non riconosce pi il suo Pastore; e allora si rivolge ai pagani.
Ecco il primo pensiero: il Signore si rivolge alle sue pecorelle che per non
accolgono il proprio Pastore; allora si rivolge ai pagani, i quali ascoltano la sua
voce e diventano sue pecorelle, suo gregge.
Qual la conclusione di questo? E che pecorelle, gregge di Cristo, sono quelle
che ascoltano la sua voce. Non sono quelle che sono nate nel territorio della
Palestina, di Israele, non sono quelle che discendono da Abramo, Isacco,
Giacobbe, o che sono discendenti di Davide, per cui possono arrogarsi il
diritto di essere pecorelle di Cristo; ma le pecorelle di Cristo sono soltanto
quelle che ascoltano la sua voce e la mettono in pratica.
Seconda lettura. Anche in Cielo il Signore continuer a pascere il suo gregge.
Come dice la seconda lettura, lAgnello che pasce le pecorelle, specialmente
quelle che hanno lavato nel suo Sangue le loro vesti, ossia i martiri. Ecco il
gregge che continua ad essere seguace del suo Pastore in Cielo.
I seguaci sulla terra non sono quelli che discendono nella carne da Abramo
ma quelli che discendono dalla fede.
Questo gregge continua a seguire il suo Pastore laddove Egli si trova, in Cielo.
E in modo particolare, sono vicine al Pastore quelle pecorelle che hanno le
vesti bianche, perch hanno lavato le loro vesti nel sangue dellAgnello, il
quale ha dato la vita per le sue pecorelle.
Questo il secondo pensiero: il Pastore, Cristo, pascola il gregge suo non
soltanto sulla terra, ma anche in Cielo. E l in Cielo ci sar appunto il pascolo
della beatitudine eterna.
Non possiamo immaginare di che cosa ci nutriremo, ma certamente il nostro
nutrimento sar la vita di Dio. Come Dio ha la vita in Se stesso, ugualmente
noi abbiamo la vita divina, in quanto siamo salvati; e in Cielo abbiamo la vita
divina in noi.

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 34

Come Dio ha la vita in Se stesso, anche noi avremo la vita in noi stessi, per cui
il nutrimento non sar al di fuori, ma dentro di noi; il nutrimento non avr
bisogno di essere sostenuto giorno dopo giorno, perch il nutrimento e noi
saremo una cosa sola, per cui la vita lavremo in noi stessi per una
partecipazione della vita divina a noi figli di Dio.
Il terzo pensiero che molto grande, questo: Ges dice che le mie pecore
ascoltano la mia voce, esse seguono me ed io seguo loro.
Ma vedete un po com buono Ges, perch dice: Guardate che io sono il
Pastore, ma il padrone vero delle pecorelle non sono io, mio Padre! S, io
sono Pastore, porto al pascolo le pecorelle. Le pecorelle sono mie, ma non mi
appartengono per natura ma perch me lha date mio Padre. E mio Padre
pi forte di tutti, e nessuno le pu rapire a Lui. Se io sono con mio Padre e le
mie pecorelle seguono me, nessuno le pu rapire.
Com bello questo pensiero: Il Padre mio che me lha date pi grande di
tutti. Sembra un bambino che dice al suo pap che lui il pi bello, il pi
grande di tutti. Com bello questa frase: Il Padre mio che me lha date il
pi grande di tutti, e nessuno pu rapirle dalla mano del Padre mio. Com
bello quel mio!
E poi addirittura, Ges non dice: Io sono di mio Padre, ma dice
unespressione che solo Lui pu dire: Io ed il Padre siamo una cosa sola.
Ecco perch nessuno pu rapirle, perch il Pastore che Ges, e suo Padre
che il vero Padrone del gregge siamo una cosa sola.
Cosa vuol dire? Vuol dire che tutto il Padre nel Pastore! Se il Padre il pi
grande di tutti e nessuno le pu rapire, e il Padre una cosa sola con Cristo,
vuol dire che Ges che il buon Pastore, grande come il Padre e nessuno
pu rapire a Lui le pecorelle che il Signore, il Padre Suo, Gli ha affidato.
Quante cose belle Ges ci dice con la sua semplicit meravigliosa!
Sorprendente, davvero estasiante: Il Padre mio me le ha date, ed Egli il pi
grande di tutti.
E pi grande del mondo, pi grande delle concupiscenze del mondo, pi
grande di satana, pi grande di tutti quanti gli scienziati, di tutti gli uomini
della terra, dei potenti, pi grande di tutti! E nessuno pu rapirci dalla sua
mano, purch noi ovviamente ascoltiamo la voce del Pastore e lo seguiamo.

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 35

Mi dolce ripetere questo: Ges rassicura che seguendo Lui certamente dopo
andremo dove Lui si trova, come gi tante pecorelle si trovano in Cielo
attorno allAgnello. Egli assicura che certamente seguendolo, non potremo
mai essere rapiti da satana, dalle concupiscenze del mondo, dal peccato,
perch mio Padre pi grande di tutti, e nessuno pu rapirle dalla sua
mano. Che bello, questo!
E il perch, Ges lo dice con molta semplicit: Vedete che io sono il buon
Pastore; Lui, mio Padre, il Padrone delle pecorelle, tant che a Lui bisogna
chiedere che, essendo il Padrone della messe, mandi operai nella messe. E
mio Padre Colui al quale bisogna chiedere che vengano delle pecorelle nel
gregge suo, cio nella Chiesa. Per la cosa che pi mi rapisce : Io e mio
Padre siamo una cosa sola, Egli il pi grande di tutti, mio Padre ed io
siamo una cosa sola, dunque Ges anche il pi grande di tutti perch
unito a suo Padre, ed essendo una cosa sola con suo Padre non soltanto il
Pastore, ma anche il Padrone delle pecorelle. E le pecorelle di Ges e del
Padre Celeste rimangono davvero di Ges e del Padre Celeste, se ascoltano la
sua voce; solo ascoltando la sua voce si troveranno laddove si trovano il
Pastore e il Padre Celeste, cio in Cielo.
La prova di questa affermazione di Ges la d la seconda lettura perch in
Cielo realmente si trovano le pecorelle che hanno seguito Ges, specialmente
quelli che hanno le vesti bianche, i quali hanno lavato le loro vesti nel sangue
dellAgnello. Com bella questa Liturgia della Parola!
O Ges, Pastore del gregge che tuo Padre ti ha affidato, fa che noi ti seguiamo
anche nelle tribolazioni. Che mai avvenga di essere delle pecorelle che non
ascoltano la tua voce; e che, chiamate da Te per nome, si voltino ad ascoltare
la Tua voce; la Tua Parola che ci invita a camminare secondo i tuoi comandi:
Amatevi gli uni gli altri come io vi ho amato.
Ecco, queste sono le pecorelle del gregge del Pastore buono: Ges, del gregge
il cui Padre Dio Padre, il Padre di Ges e Padre nostro.
Vergine Santa, aiutaci ad ascoltare la voce di Tuo Figlio. Tu hai detto alle
nozze di Cana, non soltanto ai servi ma anche a noi: Fate quello che Egli vi
dir!. Solo cos, ascoltando anche la tua Parola, o Mamma, potremo
rimanere vero gregge di Ges, oggi sulla terra, e poi in Cielo.

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 36

Qui sullaltare c lAgnello di Dio che toglie i peccati del mondo; Ges, il
quale sotto lapparenza del pane e del vino rinnova il suo sacrificio da Agnello
di Dio che toglie i peccati del mondo.
E davvero molto importante la Liturgia della Parola di oggi, perch nella
prima lettura c il gregge che segue, e il gregge che non segue Ges. E Ges
va da altri, addirittura ai pagani.
Io vorrei che questo gregge che qui attorno allAgnello, attorno allaltare, sia
un gregge fedele a Ges, che un giorno si ritrovi con Lui in Cielo a godere
della beatitudine del Padre Celeste.
Che non cambi il Signore, nellandare ad altri perch sia seguito, ma che resti
sempre il nostro buon Pastore.
Egli ha come pecorelle solo quelle che ascoltano la sua voce, non quelle che
materialmente sono presenti in chiesa o che dicono di essere cristiani! Il vero
gregge quello che ascolta la sua Parola.
Chiediamo al Padre Celeste che facciamo la Parola di Ges e mettiamo in
pratica la Sua volont, e la volont del Padre stesso.

<<Ges Bambino vi riempia tutti di carezze e sorrisi. Non ti dar pensiero di nulla. Una sola
cosa deve essere la tua occupazione: amare Ges, amare la virt ed aspirare al cielo.
Mammina, per quanto dipende da lei, ti assister sempre e ti porger le braccia. Sii certa
e sicura>>.
San Pio da Pietrelcina

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 37

Credere mettendo in pratica la Parola di Ges con Umilt

Vi dir due pensierini.


Il primo pensiero: Ges non sale sulla barca dei discepoli. Questo triste
perch tante volte Ges salito sulla barca ora delluno o dellaltro dei suoi
discepoli. Ma questa volta non sale sulla barca dei suoi discepoli.
E il secondo pensiero: lopera vera nella sequela di Cristo credere in Lui; e
credere vuol dire fare la sua Parola, mettere in pratica la sua Parola con tre
caratteristiche e cio:
con profonda umilt;
con perseveranza, perch il vero amore quello fedele, quello
perseverante;
e poi far crollare, eliminare, completamente nel cammino di fede la
ragione.
Sono queste tre caratteristiche della sequela di Cristo: mettere in pratica con i
fatti la sua Parola, senza pi stare a discutere tra la Parola e il fatto.
necessario che ci siano i fatti, i fatti costanti, perseveranti, fedeli, per cui
bisogna camminare solo con la fede, perch il giusto vive di fede.
Ovviamente se vive di fede, deve far saltare via la ragione. Chi ancora nel
labirinto della ragione ovviamente non crede in Cristo.
Dunque, attenzione che il Signore sale sulla barca dei suoi discepoli, per
quando i discepoli non sono profondamente credenti, sale su unaltra barca,
oppure se ne va solo allaltra sponda per attendere quelli che davvero
credono; e credono quelli che sono umili, che sono perseveranti, che fanno i
fatti davvero, che eliminano dal proprio contesto della sequela di Cristo, tutto
ci che groviglio della propria ragione.
Attenzione che la ragione la pi abile nemica della propria vita spirituale,
proprio perch dai troppo ragione a te, per questo hai torto. La perseveranza
nellubbidienza alla fede provoca spesso una vera e propria oppressione. Vi
dir tre pensierini riguardanti il peso alloppressione.

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 38

Il primo pensiero riguarda la differenza che c tra il peso, la pressione e


loppressione.
Il PESO una forza di gravit che ti porta gi. Allo stesso modo, il peso
spirituale una forza di gravit che ti porta gi a ripetere sempre le stesse
fragilit.
La PRESSIONE invece si verifica quando la forza di gravit non soltanto
intrinseca alla fragilit, ma aumenta di vigore per la debolezza della tua
volont, per la confusione della mente, per la forte sensibilit, talvolta persino
per la forte sessualit.
Tutti questi coefficienti sono come delle mani che premono sul peso, per cui la
forza di gravit aumenta.
In modo particolare, sono due le forze che premono:
1) lesperienza della RIPETIZIONE DEGLI ATTI: loggetto che si ripete: nel
pensare, parlare, guardare, nellassumere comportamenti che sono sempre
fragili;
2) lesperienza della VOLONTA che diventa sempre pi DEBOLE, per cui
oggettivamente si ripresenta continuamente la fragilit.
La presenza della fragilit una forza di attrazione che preme ulteriormente
sulla forza del peso, mentre lesperienza della debolezza della volont viene
verificata giorno per giorno dallincapacit a mantenere i santi propositi.
Cos loppressione? Consiste nellavvertire uno stato di SCHIAVITU dinanzi
a questo peso e a questa pressione. Ti senti schiavo di quella fragilit, di
quella debolezza della tua volont, di quel peso, di quella pressione. La
schiavit come un guinzaglio che controlla la tua volont, e ti porta laddove
non vorresti andare; senti che una forza superiore ti trascina laddove non
vorresti andare, poich sai molto bene che non una cosa buona.
Il secondo pensiero viene dal Vangelo di oggi (cfr. Gv 7,40-53): Non
lasciatevi ingannare da quelluomo. Quante volte anche voi avete sentito
questa espressione! Allepoca di Ges, tanti la dicevano riferendosi proprio a
Lui; per tanti altri lingannatore era Padre Pio, per altri pu essere un umile
sacerdote: Non lasciatevi ingannare da quelluomo.

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 39

Forse hai sentito questa espressione, e hai creduto a quelli che ti dicevano di
non lasciarti ingannare, di non lasciarti plagiare, pur sapendo che quelluomo
l diceva cose giuste e che parlava con autorit. Nel tuo cuore c ancora il
dubbio di essere ingannato da chi ti parla a nome di Dio?
Anche allepoca di Ges, alcuni avevano capito che Egli parlava a nome di
Dio: Guardate come parla! Parla addirittura con autorit!. Ma ci si
ostinava a non credere. Almeno guardate le opere che compie!, ma non
cera assolutamente nulla da fare.
Lo stesso Ges ripetutamente diceva: Se non credete a quello che vi dico,
credete alle mie opere!, ma niente. Eppure quando parlava, metteva nel
cuore la serenit, la gioia, la pace, lamore a Dio e ai fratelli. Ma quelli non
credevano neanche a quellesperienza interiore che tutti avevano stando
attorno a Lui; e che verificavano profondamente quella gioia e quella pace
interiore che veniva dalle sue parole. E noi, crediamo a Ges? Crediamo a chi
ci parla a nome suo?
Il terzo pensiero un pensiero davvero strano. Nicodemo nel vangelo odierno
agli scribi e ai farisei disse: Non potete giudicare un uomo senza averlo
sentito parlare. Ma la risposta che ricevette fu questa: Studia, e vedrai che
quelluomo non il Messia che aspettiamo!.
Ancora oggi si ripete frequentemente nella storia della Chiesa tutto quello che
storicamente avvenuto a Ges. A volte infatti lo studio sortisce un effetto
contrario: anzich farti conoscere la verit, ti porta fuori strada per lorgoglio.
Gli scribi e i farisei rimproveravano Nicodemo che nella sua saggezza li
metteva in guardia dal condannare quelluomo prima di averlo sentito
parlare, eppure essi gli risposero: Studia, e vedrai che quello non il
Messia. Invece, era proprio il Messia!
Se allo studio non si unisce anche lumilt, facilmente si distrugge la verit,
come avviene per chi dinanzi ad un oggetto che sta cercando, pur avendolo
davanti, non lo sa riconoscere. Allo stesso modo, questi scribi e farisei
avevano tanto studiato, ma pur avendo davanti Ges, non lo avevano
riconosciuto.
Facciamo attenzione specialmente allo studio che vorrebbe sostituirsi alla
fede, che resta lunica realt in grado di far vedere la verit divina.

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 40

Purtroppo, oggigiorno questo capita spesso con discipline come la filosofia,


lantropologia, la sociologia, la pedagogia, la psicanalisi. Non scoraggiamoci
dinanzi alla schiavit, gridiamo al Signore!
La schiavit una sottomissione che ti fa sentire come se la volont fosse
azzerata; per cui sembra che tu debba andare proprio laddove non vuoi. Senti
che in vari modi il Signore ti dice: Non farlo, evita!, ma ti senti fortemente
tirato in quella direzione. E cos si innesca la ripetizione degli atti, che
tuttavia non ancora schiavit.
Quando si ancora ragazzini possibile che si ripetano peccati gravi ma senza
essere gi schiavi. E satana che vuol condurre a questo, perch la schiavit
pi dellimpossibilit a riuscire, poich include anche lincapacit ad essere
sottomesso alla Legge divina.
La sottrazione alla sottomissione alla Parola di Dio schiavit, e consiste
nellaver esperienza di una forza superiore che ti trascina sempre l. Ges ci
liber proprio dalla schiavit del peccato. Quando luomo entra nella fase
della schiavit, impazzisce anche psichicamente. Allora neppure il
compromesso stesso sufficiente; anche a 90 anni si pu arrivare a cercare
tutte le possibili vie della malizia.
Il segno principale della schiavit riconoscibile quando ti accorgi che Ges ti
dice: Fallo per me, per la Mamma mia, per Padre Pio, ma non c niente da
fare. Ed proprio l che vuol condurre satana: allinsensibilit nei confronti
della voce del Signore, dellamore alla propria vocazione, alla propria
famiglia, perch la schiavit acceca.
La schiavit pi delloppressione, pi del peso: senti dentro di te non
semplicemente uno scoraggiamento, non soltanto un impedimento o
unimpossibilit, ma una DIPENDENZA ASSOLUTA DALLA MALIZIA.
La schiavit non soltanto impossibilit a staccarti, ma consiste
principalmente nellesperienza di essere sottomesso alla malizia. Altro
lesperienza di non riuscire a staccarsi, ed altro lesperienza di essere
sottomessi alla malizia.
Non scoraggiamoci perch questo ci a cui vuol farci arrivare satana; lui
cerca ancora di convincerti che non riuscirai, usando lesperienza della
continua sottomissione alla malizia che vedi chiaramente e dalla quale non
riesci a staccarti.
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 41

Ecco, lo ripeto: gridiamo al Signore! Ges con il grido Dio mio, Dio mio
perch mi hai abbandonato? ottenne il perdono per noi; e noi con il grido
del cuore, avremo da Dio la liberazione dalla schiavit, dalloppressione, dalla
pressione. E anche se ci sar il peso della seduzione e della tentazione, quel
peso certamente con laiuto di Ges lo sentiremo pi leggero e soave, e
avvertiremo finalmente quella gioia pi grande, che lopposto della
schiavit: la libert dei figli di Dio.
Il pensierino che la Liturgia ci consegna questoggi, e che dobbiamo custodire
nel cuore durante la giornata proprio questo: non abbiate paura della
schiavit che verificate nella debolezza di sentirvi sempre sottomessi alla
fragilit.
Non abbiate paura, pregate insistentemente, gridate a Ges. Fatevi coraggio!

<< difficile farsi santi. Difficile ma non impossibile. La strada della perfezione lunga,
come lunga la vita di ciascuno. La consolazione il riposo, lungo il cammino; ma,
appena ristorati, bisogna alzarsi solertemente e riprendere la corsa>>.
San Pio da Pietrelcina

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 42

Ges e il mare di Tiberiade

Questa mattina desidero fare lomelia su Ges e il mare di Tiberiade.


Ges placa il vento e il mare; Ges cammina sulle acque; Ges fa fare una
pesca miracolosa; fa pescare a Pietro il pesce nella cui bocca c la moneta per
pagare i tributi a Cesare.
I tre momenti particolari di Ges e il mare per sono questi: al di sopra: placa
il vento e le onde del mare e viene la bonaccia; poi proprio Lui cammina sulle
acque e, messosi in barca, questa arriva subito alla riva; al di sotto, fa
prendere i pesci nella pesca miracolosa.
Dunque Ges domina il mare. Il mare insidioso, ed simbolo del male. Ges
domina il male, perch Egli fa bonaccia, quando le onde del mare sono
minacciose; Egli cammina sulle acque per cui le acque non sono pi insidiose,
seducenti, minacciose, pericolose, ma addirittura giacciono umili come
terraferma sotto i suoi piedi. Egli domina e placa la malizia, e sa anche
ricavare dalle fragilit, dalle debolezze, addirittura la virt, la santit: dove
ha abbondato la colpa, sovrabbonda la grazia. Dove, pescando, non hanno
trovato nulla, ripescando hanno pescato 153 pesci grossi oltre agli altri
pesciolini; rafforzando anche la rete che li doveva contenere. Il miracolo nel
contenuto e nel contenitore!
Dunque, la conclusione: Ges domina le tue fragilit. Se stai con Lui
nellubbidienza alla sua Parola, camminerai sulle tue fragilit senza affondare.
Attenzione per: abbi fede! Non fare come Pietro che avendo visto Ges, gli
chiese di camminare sulle acque, e cammin, per dopo la fede vacill, ed egli
cominci ad annegare, tant che grid a Ges: Signore, salvami, perch io
sto per annegare!.
Attenti, che quando noi stiamo con Ges a camminare in mezzo alle fragilit,
sembra che Lui dorma. Quello che conta stare nella barca dellubbidienza a
quello che Lui ci dice.
Non dobbiamo mai dubitare perch con Lui, nella barca dellubbidienza,
impossibile affondare. Non lasciamoci rimproverare nel momento della
prova, del buio, delle difficolt, delle fragilit. Lunica barca che d salvezza, la
vera barca dellalleanza costruita dal legno della croce, dal cui legno
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 43

possiamo dire tutte le barche sono fabbricate. E dalla croce che viene la
salvezza, la croce lunica speranza. Dal legno della croce si formano tutte le
barche che salvano le anime che camminano sul mare delle prove, delle
tentazioni della vita.
Qual il pensiero principale di oggi? Con Ges non dobbiamo temere, n la
fragilit, n la fragilit frequente e ricorrente, n quella che forse da tanto
tempo tiriamo dietro di noi. Sforziamoci di stare con Ges!
Il pensiero questo: fa il salto a stare di pi con Cristo con lubbidienza, e
non ti affannare a staccarti dalla fragilit, perch non dipende da te! Non
guardare alla fragilit dalla quale ti devi staccare! Guarda Cristo al quale, con
unubbidienza pi seria, ti devi invece attaccare! Nella prima lettura abbiamo
pregato il Padre Celeste cos: O Padre, sei tanto buono perch ci hai fatto
dono del tuo Figlio e dello Spirito Santo, il Quale ci dona la libert e la verit
eterna!. Che bello questo!
Voi sapete che sono tre le persone divine: il Padre che ci dona il Figlio e lo
Spirito Santo. Ovviamente, donando il Figlio e lo Spirito Santo, dona tutto se
stesso: tutta la Trinit un dono a noi. Tutto lamore della Trinit parte dal
Padre Celeste. Lui Padre, e noi come figli rispondiamo al suo amore con
lamore, recitando la preghiera dellamore che parte dal cuore del suo Figlio.
Noi siamo davvero strani, perch non guardiamo alla giornata cos come ce la
dona Dio, ma come la sentiamo noi: con tutte le preoccupazioni, gli
impegni, talvolta con strascichi della giornata precedente che portano alla
pigrizia, ecc. E non pensiamo che un dono di Dio, e che potevamo anche
stare al cimitero! Ogni giornata un dono del Signore, e, come tale, amore!
Abituiamoci a guardare la vita dallalto e non dal basso, come invece
facciamo sempre, considerando la spesa da fare, lindigestione avuta, le
discussioni, ecc. Se la guardiamo dal basso, siamo simili a quei bambini che
vedono il ricamo della mamma da sotto, e quindi non ci capiscono niente.
Se la guardiamo dallalto, invece, la vita bella, perch ogni giorno abbiamo
la possibilit di amare, e di chiedere perdono delle nostre fragilit.
Il Vangelo ci racconta che un giorno Ges non sal sulla barca dei discepoli.
Questo triste, perch tante volte Ges salito sulla barca ora delluno o
dellaltro dei suoi discepoli. Ma questa volta non sale sulla barca dei suoi
discepoli. Lopera vera nella sequela di Cristo credere in Lui; e credere vuol
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 44

dire fare la sua Parola, mettere in pratica la sua Parola con tre caratteristiche
e cio:
con profonda umilt;
con perseveranza, perch il vero amore quello fedele, quello
perseverante;
e infine, far crollare, eliminare completamente, nel cammino di fede, la
ragione.
Sono queste le tre caratteristiche della sequela di Cristo: mettere in pratica
con i fatti la sua Parola, senza pi stare a discutere tra la Parola e il fatto;
necessario che ci siano i fatti, i fatti costanti, perseveranti, fedeli; per cui
bisogna camminare solo con la fede, perch il giusto vive di fede;
ovviamente se vive di fede, deve far saltare via la ragione.
Chi ancora nel labirinto della ragione non crede in Cristo. Dunque,
attenzione: il Signore sale sulla barca dei suoi discepoli, per quando i
discepoli non sono profondamente credenti, sale su unaltra barca, oppure
se ne va solo allaltra sponda per attendere quelli che davvero credono.
Credono quelli che sono umili, che sono perseveranti, che fanno i fatti
davvero, che eliminano dal proprio contesto della sequela di Cristo, tutto
ci che groviglio della propria ragione.
Attenzione che la ragione la pi abile nemica della propria vita spirituale,
proprio perch dai troppo ragione a te, per questo hai torto.
Voi non potete immaginare due cose: le sofferenze nel resistere ad essere
forti nel bene, e la beatitudine che si ha per la resistenza della fortezza
dinanzi agli insulti. La resistenza fino allultimo sangue ha la capacit di
donarti il Paradiso: Dio presente in te e tu sei presenza di Dio nel mondo.
nella fortezza che si edifica la fedelt nellamore, nella fortezza che Dio
dimora in te e ti rende testimone. Poi guardando alla soavit, la fortezza ti
rende piccolo come un bambino, semplice, gioioso, puro di cuore, come
piace al Padre Celeste, come piace a Ges e alla Madonna.
La pi grande conquista che un uomo pu raggiungere sulla terra la
fortezza, perch la fortezza fedelt, perseveranza, comunione,
intimit; si diventa una cosa sola con Ges. La fortezza il percorso pi
alto della santit.
INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 45

Non vi scoraggiate perch camminiamo mano nella mano con Ges; e


certamente diventeremo forti nella virt e nel dono: ma io non
preoccuparti, tieni stretta la mano di Ges facendo sempre la sua volont,
ubbidendo, usando carit, vedrai che diventerai tanto forte, da piacere
pienamente al Padre Celeste.
Attenzione che anche la debolezza soave; la fortezza del mondo d
soddisfazioni apparentemente soavi, ma sono velenose; mentre le
distrazioni sono una debolezza soave molto affascinante da parte di Satana
per distrarti dallamore del Signore.
Vedete, i sacerdoti che non vivono bene il loro sacerdozio si gonfiano lIo
facendo convegni, pellegrinaggi, dove c un affollamento di gente e si
gonfiano; ricevono complimenti, ma non concludono nulla. Invece, come
diceva Giovanni Paolo II di noi, questi cirenei silenziosi nella preghiera,
nella sofferenza, nel servizio, nella sofferenza, ah, com bello! Questi
convertono il mondo.
La testimonianza pi grande che si pu dare di Dio che carit, la carit
fraterna. Per questo spunta satana con le ostilit: ora sono i superiori
religiosi che sono presi di mira, ora i fratelli e le sorelle, ora il Vescovo, ora
i dirigenti, ora il datore di lavoro, ora i colleghi, ora gli stessi familiari; lo fa
apposta satana, perch questa lunico segno che adesso rimato sulla
terra per poter aiutare a convertire: la carit fraterna.
Che differenza tra Ges e quelli del mondo! Se un fratello tradisce, forse
anche lo uccidono; mentre se un fratello tradisce Ges, Lui rinnova il
sacrificio sulla croce per perdonare. Questo il fratello vero, quelli sono
falsi.
Tu, il fratello e la sorella che hai, che incontri, come li ami, secondo Dio o
secondo il mondo? Che cosa vuoi donare, ci che serve per la salvezza, o
ci che invece serve per la dannazione? Ci che utile a te per i tuoi
piaceri, per i tuoi poteri, per i tuoi soldi, oppure ti adoperi perch il povero,
il malato, il peccatore, possa trovare e avere quello che gli manca mediante
il tuo intervento presso Dio?

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 46

INDICE

- Presentazione

..

Pag. 2

- Il mistero di Padre Pio - Parte III ......

Pag. 3

- Il rispetto umano

... Pag. 8

- Linstancabilit dello Spirito Santo a suggerire e la


fuga dellanima nellascolto Pag. 13
- La comprensione Pag. 17
- Entrare e uscire dalla Parola di Dio
- Lo Spirito del Padre e del Figlio

..... Pag. 25

- Agire per amore, rinunziare per amore ..


- Il padre, il pastore e il gregge

Pag. 21

Pag. 29

.. Pag. 34

- Credere mettendo in pratica la Parola di Ges con Umilt . Pag. 38


- Ges e il mare di Tiberiade

... Pag. 43

INSIEME CON PADRE PIO Quaderno II

Pag. 47