Sei sulla pagina 1di 13

Detieniamo un grande potere nelle mani; facciamo in modo di utilizzarlo per il bene del nostro

prossimo.
Prima di iniziare con un esercizio di base necessario per il sistema di guarigione voglio dirvi che
questo tipo di guarigione una cosa naturale, pulita, limpida. Non va nel classico paranormale,
nello spiritistico, nel mistico, cose dalle quali mi tengo alla larga in quanto le considero pericolose.
Considerandomi un cristiano sono convinto che questa forza vitale, questa energia, queste frequenze
a nostra disposizione sono un dono di Dio.
Fatte queste premesse vi invito a fare un esercizio che poi vi servir sempre durante le sessioni di
guarigione. E' un esercizio fondamentale.
Dunque, sedetevi comodi o meglio sdraiatevi e fatevi una carezza partendo contemporaneamente
dai due piedi fino alle anche. Poi con gli occhi chiusi nella mente fate ripassare questa carezza
cercando di sentire questa senzazione della carezza sulla pelle. Provate finche ci riuscite. Poi dalle
anche congiungete la linea della carezza al centro del corpo salendo ed arrivate fino al collo.
Ripartite col pensiero e sentite la sensazione della pelle arrivare fino al collo. Poi proseguite su per
la faccia sopra alla testa scendendo poi con un dito o mano sulla destra esterna della testa e l'altra
sulla sinistra, sempre contemporaneamente, per scendere lungo al collo sulle spalle, braccia fino alla
mano. Naturalmente se avete qualcuno che ve lo fa meglio ma anche da solo si riesce. Scopo di
questo esercizio di riuscire a "sentire" questa sensazione col pensiero.
Quando riuscite a sentire questa sensazione che parte dai piedi ed arriva alle mani siete gi a buon
punto. A volte ci sono dei punti del corpo nelle quali non si "sente" la sensazione. Non
preoccupatevi ed andate avanti ad allenarvi perch col tempo si risolver. Alcuni tra di voi ci
riusciranno al primo tentativo altri avranno bisogno di in po di allenamento mo nessuno si scoraggi
perche tuti ci possono riuscire. Vi lascio questo compito. Chiedetemi se non capite qualcosa.
Quello della carezza solo un aiuto, se riuscite senza anche meglio. La carezza potrebbe
essere anche unica nel senso che l'esercizio sul quale concentrarsi quello di sentire la
sensazione sul "percorso" descritto.
Questo esercizio non ha una durata definita, l'importante di allenarvi a far diventare questo
percorso quasi una cosa normale.
Verso sera vi do il secondo passo che sar da combinare con questo esercizio e vi assicuro che
poi sarete gi a buonissimo punto.
Allora, se siete riusciti nel primo esercizio, questo il secondo:
sentendo la senzazione del primo esercizio la dovete abbinare ad una tecnica di respiro.
Ricordate che la sensazione parte dai piedi? ebbene inspirando profondamente dovrete "tirare
su" questa sensazione fino alla testa, possibilmente fino a 30 cm sopra alla testa cio fuori
dalla testa. Poi espirando la fate rientrare nella testa giu' per il collo nelle spalle, braccia mani.
Per aiutarvi c' un trucco semplice: immaginatevi che questa sensazione sia un'energia e
visualizzatela come una luce bianca che fa il percorso descritto, sar tutto piu' semplice.
Questo tutto per stasera. Fatemi sapere se ci riuscite e chiedete se non capite.
Il secondo esercizio si fa solo con la mente il tatto servito solamente per aiutare a sentire la
sensazione lungo il corpo. Quello della carezza non dovrete piu' farlo appena riuscite a
"seguire" con la mente tutto il percorso.
kkrbme:Ho provato e ho "mimato" la carezza con un formicolio che partiva dai piedi e si
bloccava alla zona pelvica.
Non importa, salta via quella zona e prosegui un po' piu' su, ci sono dei punti piu' difficili da
sentire ma non fa niente, non fatevi fermare da questa difficolta' semplicemente tralasciate
quel punto e proseguite oltre.
Ora fate l'esercizio del respiro e cercate di mantenere un certo ritmo. Contate fino a 6
inspirando fin sopra alla testa e fino a 6 espirando e questa volta non fermatevi alla punta
delle dita della mano ma andate col pensiero (luce bianca) 2 centimetri fuori dalle dita e dal
palmo delle mani.
State diventando coscienti di una cosa che avete sempre avuto in voi. Il prossimo passo sar
quello di convogliare questa energia, di dirigerla dove vogliamo. Per questo il primo esercizio
cosi' importante.
L'attenzione crea energia e l'intenzione guarisce.

Facciamo un passo in piu' stasera, proviamo un esperimento affascinante. Visto che a questo
punto alcuni hanno gi sentito qualche sensazione provate a fare la cosa seguente . In un
posto tranquillo (per facilit, non obbligatorio perch una volta allenati potrete farlo
dappertutto) fate dei respiri profondi contando fino al 6. Circa 6 secondi per inspirare e 6 per
espirare e col pensiero immaginatevi la luce bianca che fa tutto il percorso. Immaginatevi che
questa luce bianca l'energia che raccogliete in tutto il corpo e la portate fino alle mani. Se voi
immaginate questa cosa la farete veramente. Il vostro pensiero dirige ll'energia.
Fate questo seduti con le mani appoggiate una sopra all'altra e formate un vuoto in mezzo
come se teneste qualcosa in mano. L'energia inizier a scorrere attraverso il corpo e voi la
dirigete verso le mani. Fatemi sapere cosa sentite, non voglio suggerirvelo ok?
Ricordatevi che importantissimo respirare profondamente. Piu' aria muoviamo piu' energia
produrremo. Attenti pero' perch all'inizio potr girarvi un po' la testa, allora respirate un po'
piu' lentamente ma ugualmente profondamente. Hai sentito come una pressione, come delle
calamite che si respingono. Prova a fare questo esperimento: Fai la respirazione per 30
secondi circa poi strofinati le mani per 10 secondi circa poi le metti a 30 cm l'una dall'altra e le
avvicini lentamente. Ascolta cosa succede e dimmelo.
Non renderti la vita difficile vedrai che riesci a farlo in qualsiasi situazione.Io l'ho gi fatto in
discoteca. La frase "devo faticare ancora tanto" non mi piace perch vi assicuro che tutto piu'
semplice di cio' che sembra. Uno dei miei scopi proprio quello di farvi capire quanto sia
semplice questo programma. Tutti voi che mi avete seguito fin'ora potrete prestissimo vedere
guarigioni. E se dico prestissimo non intendo tra 2 mesi o 1 mese ma forse gi questo
weekend ok?
Vorrei di nuovo sottolineare che questo un metodo SEMPLICE non ha a che fare con nessuna
teosofia (scusa se ti rispondo appena ora Andrash) SEMPLIFICATA AL MASSIMO e per questo
cosi' fantastica. Tutti sono in grado di imparare senza seguire complicate filosofie, spesso
orientali, che per noi sono un po' lontane come pensiero e che ci chiedono di entrare in un
modo di pensare non sempre alla portata di tutti.
Allora, ora che avete portato l'energia nelle vostre mani siete pronti. Drizzate le orecchie e
mettetevi alla ricerca di qualcuno che ha mal di testa o di spalle o cervicale ( sono i piu'
frequenti). Chiedete se potete fargli un trattamento. Se hanno mal di testa chiedete dove
esattamente sentono il dolore ( fronte, occhi ecc) poi appoggiate una mano rilassata
dolcemente sul punto dolente mentre abboggiate l'altra mano sul lato opposto della testa.
Dopo pochi minuti o anche secondi la persona vi dir quasi sicuramente che sente un calore
nella testa. Restate 15-20 minuti cosi' e cercate di "sentire" le vostre mani. Molto
probabilmente ad un certo punto sentirete il formicolio. Il formicolio lo sentirete sempre di piu'
in una mano. Il trattamento puo' considerarsi finito quando finisce il formicolio.
Ci sono due punti importantissimi da seguire sempre.
PRIMA di iniziare il trattamento chiedete alla persona di quantificare il dolore da 1 a 10 e DOPO
il trattamento rifatele quantificare il dolore. E' importante perch non sempre il dolore
scompare al 100% ma inizia una fase di guarigione comunque. Richiedete dopo poche ore lo
stato.
La seconda cosa ancora piu' importante, anzi, proprio la base del sistema.
RICORDATEVI DI RESPIRARE IN MODO PROFONDO E REGOLARE DURANTE TUTTO IL PERIODO
DEL TRATTAMENTO. Questo per due motivi uno dei quali che in questo modo raccogliete
tanta energia e l'altro per impedire di "raccogliere" i dolori della persona trattata. Poi vi
speghero' meglio, per intanto fidatevi.
Per quanto riguarda la respirazione vi ricordate che vi ho detto 6-6? (6 secondi per inspirare e
riempire totalmente i polmoni e 6 se per espirare) ebbene potete anche fare 2-4, 4-4 come vi
sentite meglio ma ricordatevi che piu' aria muovete piu' energia uscir dalle vostre mani.
Cercate di arrivare al limite del giramento di testa e poi rallentate appena appena.
Ricordatevi che la respirazione fondamentale!!!
Quindi 1) Respirazione
2) Mani rilassate
Se avete domande sono qua.
Aprofitto di questo intressante articolo per fare un passetto in avanti. Avrete piu' effetto se col
vostro pensiero non vi fermate sulla superficie del corpo della persona che state trattando ma
se col pensiero fate penetrare la luce o il calore o il formicolio o le scosse a seconda di quelo

che sentite dentro al corpo direttamente nel punto problematico. Potete immaginarvi per
esempio la luce che penetra e si distribuisce come dei piccoli fulmini che guariscono.
Non mi ricordo se vi ho gi detto che il grande vantaggio di questo sistema che non siete
costretti a conoscere l'anatomia. Chiedete semplicemente dove il problema e mettete le mani
la. Il corpo del malato decider dove serve piu' energia. Infatti succede spesso che il dolore vi
"scappi" da un'altra parte. Sar il paziente a dirvi dove si trova il dolore man mano. E' il corpo
che parla, vi dice dove serve l'energia piu' urgentemente.
Chicercatrova, va bene cosi'. Quando opererai sentirai il formicolio solo sulle mani. E' giusto
cosi'.
Se sei giunta/o a questo punto probabilmente potrai sentire come delle vampate del formicolio
nel momento di massima inspirazione. A quel punto "accompagna" con la mente, durante
l'espirazione, tutta l'energia partendo da sopra alla testa attraverso la faccia, il collo, le spalle
fino nel corpo del "paziente".
Vedrai subito i risultati. Il paziente ti dir egli stesso cosa sta sentendo.
Vai avanti cosi' che va benissimo.
Per un mal di denti, una bruciatura, un mal di testa e cose recenti o improvvise spesso bastano
pochissimi minuti.
Si, l'energia si puo' rendere piu' forte. Prima cosa con l'allenamento. Nelle lezioni seguenti vi
suggeriro' dei modi per aumentare l'energia. Ma ora importante allenare cio' che sapete gi.
Comunque, piu' trattamenti fate e piu' l'energia fluir ed ecco come si puo' aumentare
l'energia.
1) io inizieri con il bacino. Le tieni una mano sulla destra ed una sulla sinistra, possibilmente
stando dietro a lei se riesce a stare in piedi se no va bene anche da seduta. Poi man mano
scendi anche-ginocchia-caviglie. Ma mentre fai il bacino probabilmente ti dir dove sente
l'energia andare. Se te lo dice resta 10 min sul punto dove ti trovi poi segui le sue istruzioni.
Puo' anche darsi che dovrai rincorrere le sensazioni che sente. Ricordati di respiare
profondamente e ritmicamente durante il trattamento.
2) Si, assolutamente. Sarebbe naturalmente meglio sapere da un veterinario dove il cagnetto
ha il problema per concentrarsi su quel punto. Se no vai ad intuito e "ascolta" le sensazioni
nelle tue mani. Continua in un punto finche il formicolio o la sensazione di gonfiore sulla mano
smettono.
Fagli una serie di trattamenti se necessario e ricordati che non puoi sbagliare dato che anche il
suo corpo sa dove serve l'energia.
Penso che sarai sorpreso dei risultati. Per piante e fiori, si si puo' fare hai mai sentito dire
"quello ha un pollice verde? Non solo un detto ma un fatto.
3) Faccio spesso interventi a donne ma un caso anche determinato dal mio lavoro. Si, mi
capitato spesso di essere curato senza niente in cambio. Ho molte amiche sincere che si
preoccupano per me. Parenti e non parenti.
A questo proposito vorrei dirti una cosa, anzi due:
a) l'energia, come ho gi affermato diverse volte non se ne va. Ti faccio un parallelo,
ammettiamo che tu ami tantissimo una donna, ma tanto tanto, ebbene alla sera quando te ne
vai a letto non dirai: ahhh quanto amo questa donna, ora tutto l'amore uscito da me. No,
puoi amarla quanto vuoi ma l'amore in te resta invariato perch l'amore che esce non lascia
mai un vuoto. Non so se mi sono spiegato. E cosi' con l'energia, piu' ne dai e piu' ti alleni a
farne scorrere di piu'.
b) questa ancora piu' importante: se io do un trattamento, donna o uomo, non lo do mai per
avere qualcosa in cambio. Lo faccio per empatia, compassione, pena, non so quale sia la
parola appropriata. Ma ti assicuro che se vedo qualcuno che sta meglio non m'importa se si
dimenticato di dirmi grazie. E' comunques sempre piu' quello che ricevo di quello che do.
Non ho detto che l'energia predisposizione, ho detto che tutti possono operare i questo
campo.
Penso che abbiamo ricevuto questo dono e dobbiamo sentircene responsabili verso il nostro
prossimo senza aspettarci nulla in cambio.
Gesu' quando andava di villaggio in villaggio guariva ogni persona senza chiedere nulla in

cambio eppure tra quelli che gridavano "crocifiggilo" c'era anche qualcuno di quelli che erano
stati guariti da lui.
Questo esercizio particolarmente indicato per l'autoguarigione. Se avete mal di testa il naso
chiuso dolore alla spalla eccetera potete provare questo metodo. Spesso funziona nello spazio
di secondi.
1) dovete fare un esercizio di respirazione che chiamero' soffietto. Avete in mente il soffietto
del fabbro? espirate ed inspirate molto velocemente , circa 4 volte al secondo, piu'
profondamente che potete, si deve sentire. per una durata di 10 sec ca.
2) appoggiate la mano destra al centro del petto e respirate normalmente e concentrate tutta
la vostra attenzione solamente sul respiro, semplicemente sentitevi respirare e non pensate a
nient'altro.
3) ripetete il primo esercizio
4) ripetete il secondo esercizio
6) ancora una volta il primo e secondo esercizio.
7) mettete le braccia con il gomito a 90 gradi davanti a voi come se le appoggiaste su un
tavolo.
8) sentite la punta del pollice della mano destra pulsare
9) sentite la punta dell'indice della mano destra pulsare
10) poi le altre dita
11) ora il centro della mano, sentite il calore
12) ora stessa cosa sulla mano sinistra
13) provate a sentire pulsare tutte e 10 le punte delle dita contemporaneamente
14) il centro di tutte e due le mani, sentite il calore
15) immaginatevi di "aprire" le punte delle dita in modo che possa uscire l'energia e poi anche
il centro delle mani
16) adesso se avvicinate le mani sentite il formicolio o il gonfiore o il calore.
17) Ora "accarezzate" il punto che vi fa male ma senza toccarvi. Ad una distanza di 10 cm
circa.
Passate molto oltre al punto problematico. Se per esempio vi fa male il naso allora partite dalla
testa passando per il naso andate fino al plesso solare e ritornate su.
Dopo diversi passaggi immaginatevi di far penetrare un fascio di luce nel punto problematico,
bastano 2-3 volte 5 secondi e subito passate di nuovo alle carezze.
Normalmente ci vuole piu' tempo per i punti fino al 16 che per risilvere il problema.
Ripeto, funziona a volte entro pochi secondi ma per problemi molto recenti tipo che se vi
svegliate con un mal di gola che non riuscite ad inghiottire, mal di testa, e cose del genere.
Chiedetemi se non avete capito qualche passaggio
Naturalmente mentre fate vi fate le "carezze" visualizzate una bellissima luce bianca che scorre
da sopra alla vostra testa ed attraversa la testa, il collo, le spalle , braccia ed esce dalle vostre
mani.
Eccoci di nuovo.
Questo esercizio che ho appena descritto l'ho preso da una persona che lo fa da 25 anni con
grande successo e quindi non mi sembra che abbia bisogno delle tue correzioni, oro.
E'un esercizio che ho inserito solamente per favorire l'autoguarigione che pero' non farebbe
parte della tecnica che sto insegnando. Cio' non toglie niente.
Ho gi ripetutamente ribadito che questo un corso che non ha bisogno di essere ne
etichettato ne corretto in quanto frutto di esperienza.
So che molti di voi sanno molte cose ma se continuate a voler correggere e discutere create
solamente confusione.
Le tecniche di respiro vanno bene cosi' e vanno fatte cosi.
La guarigione e l'autoguarigione sono delle tecniche naturali, semplici che tutti possono
applicare e quindi cerchiamo di mantenerle semplici.
Guarigione a distanza
1) Connettetevi con la persona la quale volete trattare. Immaginatevi di vederla davanti a voi
il piu chiaramente possibile. 2) Portate la vostra attenzione sul punto che ha bisogno

guarigione e quindi della vostra frequenza ed immaginate che questo punto sia fra le vostre
mani. Dovete immaginarvi di vedere che il punto dove state trasmettendo l'energia proprio
fra le vostre mani. 3)Poich state usando la vostra immaginazione, potete lavorare
direttamente sugli organi o sui tessuti. La chiave non soltanto portare la vostra attenzione al
punto al quale desiderate trasmettere l'energia, ma di mantenere ( e questa sar
probabilmente la parte piu difficile) la vostra attenzione l mentre fate scorrere l'energia. Fate
la respirazione e fate partire lenergia tra le vostre mani. 4)Come sempre mantenete la
respirazione poich questo dar la potenza allenergia che uscir dalle vostre mani. Unite tutte
le tecniche che vi ho insegnato compresa quella di immaginare lorgano ammalato pervaso
dalla vostra energia .5) Occorre tempo. Le sessioni di guarigioni a distanza possono durare
trenta, quarantacinque o sessanta minuti. Ci significa un grande impegno. 6)Non siate fissati
sul risultato, ricordatevi che come in caso di una sessione normale il vostro compito quello
di dare la risonanza che responsabile della guarigione.
Potrete fare delle bellissime esperienze anche con questo metodo.
meraviglioso rendersi conto che il nostro amore ha un effetto reale e pu essere percepito
dalla persona alla quale desideriamo trasmettelo.
Oggi vi insegno una cosa semplice ma spettacolare.
L'allineamento del bacino.
Se possibile fatelo in presenza di qualcuno non tanto per "fare spettacolo" ma per convincere
dell'efficacia e della incredibile velocit con la quale potete avere dei risultati.
Molti hanno il bacino storto, il bacino storto col tempo puo' portare a problemi piu' seti della
schiena.
Per primo dovete misurare il bacino mettendo la persona davanti a voi con la schiena rivolta
verso voi.
Poi vi abbassate. I vostri occhi devono essere all'altezza del bacino.
Tenendo le mani aperte orrizzontalmente le appoggiate entrambe con gli indici sull'osso del
bacino destro e sinistro.
In questa posizione vedrete chiaramente quale parte piu' alta, rispettivamente piu' bassa.
Fate misurare allo stesso modo alla persona, se c', vicino a voi.
Ora posizionate la persona davanti a voi e le appoggiate leggermente le mani su ambedue i
fianchi toccandole il bacino.
Fate le vostre respirazioni.
Avolte bastano pochi secondi ma amndate avanti per 3-5 minuti.
Se il bacino molto storto tenetelo d'occhio perch a volte potete letteralmente vederlo
mentre si regola da solo.
Chiedete alla persona di concentrarsi su quel punto in modo da poterle chiedere, a trattamento
finito, le sensazioni che ha avuto.
Siccome durante il trattamento sta in piedi molto facile che si accorga che il bacino si muove.
Questo un trattamento molto soddisfacente perch porta ad un risultato visibile ed
immediato
Durante il trattamento non restate nella posizione che avete preso per misurare ma vi mettete
in piedi dietro alla persona.
Ci sono un paio di errori comuni a chi inizia.
1) si dimenticano le respirazioni. Ricordatevi che bisogna "far partire" l'energia. Una volta che
fluisce si possono anche scambiare delle chiacchiere ma non bisogna dimenticarsi di respirare.
2) Si tende a tenere le mani "stressate" quasi schiacciando il punto da trattare. Le mani
devono essere RILASSATE e solamente appoggiate.
3) Si termina troppo presto il trattamento. Dal momento che l'energia smette di scorrere
bisognerebbe andare avandi ancora un paio di minuti.
Non necessario lavarsi le mani col sale. Se ti fa piacere e lo ritieni una specie di rito
sicuramente non fa male ma trovo che quel tempo sarebbe meglio impegnato nel trattamento
stesso.

Tieni le mani appoggiate per un risultato migliore.


Non obbligatorio che tua moglie senta sempre qualcosa. Io per es ho una dipendente che
come la tocco sente delle scosse fortissime, a volte si stacca, talmente sono forti mentre mia
moglie raramente sente appena appena qualcosa.
IL RISULTATO NON DIPENDE DALLE SENSAZIONI.
Falle togliere il medaglione durante il trattamento. Le consiglierei di farne a meno almeno per
un periodo di 2-3 settimane anche dopo ai trattamenti per non interferire col processo di
guarigione che comunque continua anche dopo il trattamento. Non indossarlo nemmeno tu il
medaglione. Vai benissimo senza.
Le sensazione della testa che si muove o altre sensazioni sono comuni.
Avvengono dei cambiamenti drammatici durante il trattamento, cambiamenti al quale il corpo
non abituato e quindi ci manda dei segnali inconsueti che il cervello non riesce a classificare.
Spero di aver risposto a tutte le tue domande.
Incoraggio anche altri che stanno facendo eperienze a farsi vivi. Lo so che ci sono perch mi
hanno scritto nel periodo nel quale il forum era chiuso.
Se avete domande, queste possono interessare anche altri, se avete delle belle esperienze
incoraggeranno gli altri.
Consumiamo la nostra energia durante il trattamento?
Assolutamente no. Usiamo la forza dell'amore e la potenza delle intenzioni. Basato
sull'esperienza posso dirvi che piu' energia usate e piu' ne avete.
Praticamente non ne resterete MAI senza. Avevo gi fatto il seguente esempio ma aiuta a
capire meglio quindi perdonatemi se lo ripeto. Quando si ama qualcuno tantissimo non
andremo in giro svuotati e deboli tutto il giorno dicendo " povero me ho consumato tutto
l'amore per oggi. Non posso piu' dare niente. Anzi quando siamo molto inammorati sentiamo di
sprizzare amore in tutte le direzioni. Tutti, nella nostra sfera divengono beneficiari del nostro
amore. Quindi piu' amore sentiamo e piu' possiamo darne.
La stessa cosa vale con le intenzioni: piu' usiamo la forza dei nostri intenti e piu' ne abbiamo a
disposizione.
Quindi possiamo "svuotarci"durante una sessione?
La risposta no.
Come ho gi ripetutamente detto, la tecnica della respirazione una parte essenziale del
nostro lavoro. Finch manteniamo la respirazione saremo in grado di mantenere una risonanza
molto alta. La persona "trattata" semplicemente ed AUTOMATICAMENTE si sintonizza sulla
nostra vibrazione. Non diamo via la nostra energia ma manteniamo un campo lasciando che
l'altra persona gli si connetta e quindi non possiamo perdere energia. Se mai l'opposto
avviene. Spesso piu' si lavora e piu' ci si sente energizzati e anche guariti. C' gente che si
sente talmente energizzata dopo i trattamenti che poi hanno difficolt ad addormentarsi.
Occasionalmente qualcuno puo' anche sentirsi stanco dopo aver dato ma sembra che questo
sia dovuto al fatto che lui stesso abbia ricevuto una guarigione durante il trattamento.
Ricordatevi che durante una sessione alzate la vostra vibrazione e questo puo' causarvi una
guarigione (unico effetto collaterale). Ma questo non ha a che vedere con uno svuotamento di
energie.
Sono d'accordo che era un po' tecnico ma visti gli interventi mi sembrava il momento giusto.
Durante la trasmissione dell'energia dalle nostre mani al malato tu hai sempre detto che
estremamente importante la nostra respirazione. Ma io non ho capito una cosa, dobbiamo
semplicemente essere concentrati sulla respirazione e basta, oppure durante il trattamento
dobbiamo sempre visualizzare l'energia che scorre per il nostro corpo fino alle mani? Cio noi
dobbiamo vedere l'energia che parte dai nostri piedi e attraverso le mani entra nel corpo del

malato? Tutto questo rimanendo anche concentrati sulla respirazione? Insomma...la nostra
mente su cosa deve essere concentrata durante il trattamento?
Durante la respirazione dobbiamo immaginare di raccogliere l' energia partendo dai piedi su
per il corpo fino sopra alla testa e poi mandarla di nuovo nella testa giu' per il collo, spalle,
braccia e mani.
Mentre esce dalle mani potete potenziare l'effetto se riuscite a visualizzare l'energia, sotto la
forma che preferite, che entra nella parte malata della persona trattata.
Sembra difficile ma con un po' di pratica vi assicuro che diventa talmente normale che non ve
ne accorgete nemmeno mentre lo state facendo.
Ringrazia Dio per questo dono e chiedigli di farti incontrare ogni giorno chi ha bisogno di te e
dai,dai, dai anche a chi ti sembra che non merita. Aiuta senza aspettarti nulla in cambio. Se
rimmarrai una persona semplice e spontanea come sei ora il tuo dono potr anche aumentare.
Non chiedere spiegazioni a nessuno perch cercheranno di farti cambiare percorso. Tu hai
preso un percorso semplice ma che ha dato e dar molti frutti e questo andr probabilmente
per traverso agli esperti e professionisti. C' molta gente che ha studiato, fatto dei corsi, letto
e che ha molta esperienza e che probabilmente leggendo il tuo ultimo post far al minimo un
sorrisino ma che fremeranno dalla voglia di complicarti la procedura aggiungendo questo e
quell'altro e dandoti molti consigli "preziosi"
Non ne hai bisogno. I tuoi risultati sono frutto di una tua esperienza personale. Non
nemmeno merito mio, se mai ti ho dato solo una spinta per farti partire ma tu hai deciso di
partire e di non fermarti.
Vai diritto e fuducioso per la tua strada.
1) Dott. Albert Einstein: "la materia e la mente sono della stessa energia. Quando mettete a
fuoco la vostra mente su qualcosa, potete fargli fare qualcosa."
2) Susan L. Taylor: "i pensieri alimentano. I pensieri hanno energia."
3) Louise l.: "dove vanno i pensieri , l'energia fluisce."
4) John Kehoe: "tutto nell'universo si compone di energia. I pensieri sono vibrazioni di energia.
L'energia segue i nostri pensieri. La coscienza energia nella forma pi fine e pi dinamica. I
pensieri forti e concentrati producono forze forti e concentrate."
5) Dott. C. Samuel West: "il corpo umano essere elettrico. Le nostre onde di pensiero sono
elettriche; l'energia che viene dai nostri occhi elettrica ed i nostri muscoli funzionano dagli
impulsi elettrici provenienti dal nostro cervello. Ricerche dimostrano che una persona pu
arrestare, avviare ed accelerare un treno elettrico pensando a questo proposito."
6) James Allen: "il corpo il servo della mente. Obbedisce ai comandi della mente, sia che
scelti deliberatamente o automaticamente saranno eseguiti."
Se impariamo a mettere a frutto i nostri pensieri, a concentrarci sul nostro paziente o meglio
sul suo problema e trasmettergli la nostra energia ci saranno dei risultati straordinari.
ATTENZIONE. QUESTA CHE VI SPIEGO ADESSO E' LA TERZA TECNICA DI GUARIGIONE. E'
IMPORTANTE NON MISCHIARLA CON LE ALTRE DUE. QUINDI MEMORIZZATE CHE CI SONO
TRE TECNICHE DIVERSE. PER AVERE I RISULTATI SPERATI E' IMPORTANTE NON MISCHIARLI.
LA PRIMA RESTA LA TECNICA DI BASE, LA PIU' EFFICACE.
Ci sono 14 punti del corpo da memorizzare e sono:
la sommit della testa, il torace, l'ombelico, l'osso pubico, i palmi delle mani, le piante dei
piedi, le spalle, i fianchi, la settima vertebra cervicale (la protuberanza alla base del collo), ed il
coccige.
Ognuno di questi punti viene considerato come una sorgente di energia.
Si appoggia una mano sul punto dove c' il problema e l'altra su una sorgrnte di energia.

Per trattare un mal di testa potreste mettere una mano sulla testa e l'altra sull'ombelico o sul
coccige. Per un dolore allo stomaco si apoggia una mano sullo stomaco e l'altra dietro al collo o
sul palmo della mano.
Poi viene la parte piu' importante e difficile: dovete concentrarvi su ENTRAMBE le mani
contemporaneamente respirando profondamente.
L'effetto principale deriva proprio dalla doppia concentrazione sulle due mani.
Al contrario della tecnica di base che vi ho insegnato con questa tecnica NON si cerca di
mandare la propria energia nel corpo del paziente n di fare da canale all'energia mediante la
propria respirazione o il proprio pensiero.
La semplice concentrazione intensifica ed armonizza l'energia nel corpo della persona con cui si
sta interagendo. RICORDATEVI questa tecnica sembra quasi in contrasto con la tecnica di base
infatti qui NON diamo assolutamente energia.
Infatti l'energia parte da una sorgente di energia del paziente.
Concentratevi al massimo e fate quattro respiri profondi. Ora chiedete alla persona trattata se
ha sentito eventuali effetti: se la persona sta meglio il trattamento finito altrimenti potete
continuare.
Cio' che accade che attraverso la concentrazione sulle due mani si produce un flusso di
energia fra queste.
L'effetto che si raggiunge che si raggiunge una diminuzione della tensione e
un'armonizzazione della regione trattata.
Gli effetti migliori si ottengono quando, come criterio generale si utilizza il punto energetico
piu' lontano dal punto ammalato. Se i punti su cui concentrarsi sono troppo vicini il flusso di
energia diminuisce e se son troppo distanti lo sforzo a causa della posizione scomoda aumenta
la tensione di colui che applica.
Ricordatevi che pur essendo piu' semplice questa tecnica la PRIMA resta la piu' efficacie.
Ci ho pensato molto prima di mettervi questa perch temo che potreste confonderle tra loro.
Riassumendo :
nella PRIMA, che dovr restare la cura di base in quanto piu' efficacie in quanto date al corpo
del paziente la frequenza che a gli manca.
la SECONDA forse la meno efficacie ma va bene in molti casi specialmente per quanto
riguarda l'autoguarigione
la TERZA adatta in molti casi perch comoda, semplice ed eseguibile in qualunque posto,
per es al bar, in treno ecc. E' limitata dal fatto che se il punto di energia del paziente carente
di energia l'effetto minore.
Quindi ricordatevi, se possibile applicate sempre la prima tecnica per i risultati piu' efficienti e
spettacolari.
Questa tecnica l'ho appresa da un libro e l'ho sperimentata con successo ma quando tratto
qualcuno se possibile applico sempre prima la prima tecnica.
Mi capitato di applicare prima la prima e poi l'ultima proprio per rilassare la persona ( testa
ombelico) con risultati eccellenti.
Spero di non avere creato confusione.
Prima di iniziare un trattamento fregate le mani finch sentite il calore. Cio' aumenta il flusso
dell'energia per un paio di minuti.
Perch?
Mentre fregate rapidamente le vostre mani portate temporaneamente la consapevolezza in
quel punto. Ci in un certo senso un modo meccanico per far fluire l'energia. Ricordatevi che

l' energia segue il pensiero ed avere pi consapevolezza nelle vostre mani aumenta l'energia l
per un breve periodo. Occasionalmente provate questo "trucco" che vi dar una specie di
spinta iniziale. Naturalmente la respirazione manterra' il flusso delll'energia tutto il tempo
necessario.
Inizia con i polmoni, chiedi dove esattamente sta il problema. Fai sandwitch. Chiedigli di
ascoltare attentamente il suo corpo, se sente qualcosa. E' possibile che il formicolio o il dolore
ti guidi da un'altra parte. Segui il dolore. Se ha delle reazioni vuol dire che il corpo reagisce.
Facci sapere.
Mandare energia direttamente sul o vicino al problema.
Ci sono dei casi dove mandare energia a sandwitch non il modo piu' efficiente. Per esempio
punture di api, ustioni, trattamento di occhi, sinusite, reni e ghiandole surrenali. In questi casi
sar piu' efficacie lavorare direttamente sulla superficie.
Il principio che se l'organo da trattare vicino (non piu' lontano di 3 cm) dalla superficie
della pelle potrete raggiungerlo efficacemente lavorando con il campo della mano appoggiato
direttamente sul punto da trattare.
Se invece l'energia deve penetrare oltre i 3 cm circa allora il metodo a sandwitch piu'
indicato.
Se per esempio ci sono problemi agli occhi ci si potr piazzare dietro alla persona e tenere
tutte e due le mani appoggiate agli occhi. Non fa niente se le dita si sovraporranno.
Per la sinusite potrete piazzare le dita delle due mani sopra entrambe le sopraciglia e
solamente i due pollici a destra e a sinistra della parte bassa del naso. Toccano solo le punta
delle dita.
Per problemi alla mandibola potrete appoggiare le tre dita (pollice-indice- medio) da ambedue i
lati e trattarle.
Una delle funzioni del subconscio di fungere da distributore di energia. Il subconscio non la
nostra fonte di energia ma attraverso la natura delle nostre abitudini esso determina quanta
energia abbiamo a disposizione. La nostra energia potenziale infinita ma quella effettiva
limitata dalle nostre convinzioni e abitudini subconscie. Per accrescere l'energia effettiva
dobbiamo trovare il modo di modificare o superare le limitazioni che abbiamo stabilito in
passato.
Dobbiamo imparare ad avere totale fiducia nel processo e non fissarci sugli effetti immediati ad
ogni costo. Un risultato c' comunque. A volte immediato e drammatico a volte piu' lentamente
e inperceppibile ma c' comunque. Durante il trattamento dovremmo abituarci ad avere
fiducia, per esempio immaginandoci l'energia che esce dalle nostre mani ed entra nella parte
trattata sotto forma di luce, colore, piccoli fulmini o qualsiasi altra cosa ci piaccia o ci aiuti.
Dobbiamo "convincere" e riprogrammare il nostro subconscio perch cio' che credeva fin'ora
deve essere modificato. Il metodo piu' semplice quello di ripetere spesso le nostre nuove
convinzioni. Nel nostro caso potrebbe essere per esempio: Dio ma ha regalato il potere di
raccogliere l'energia guaritrice e di canalizzarla ed espellerla dalle mie mani.
Questa solo un'idea, potrete ripetere una frase a vostra scelta.
Naturalmente questo sistema funziona anche in altri settori della vita. Se c' qualcosa che non
vi piace del vostro carattere potrete modificarlo prendendo la decisione e poi "istruire" il vostro
subconscio.
Pero' voglio dire una cosa. Chi pensa di non essere capace si fa troppi problemi.
Io, dall'inizio ho sempre detto che non complicato.
Forse colpa mia. Ho scritto troppe cose?
Mi capita di avere mal di testa (raramente) mi butto sul divano e mia moglie intanto che
guarda la tv mi tiene le mani sul capo. Sempre, senza eccezioni, mi passa il mal di testa. Lei
cosa fa? Guarda la tv. Non fa respirazioni, non si concentra, niente di niente, eppure funziona.
Tutto il resto "contorno" come un'auto: funziona bene anche senza turbo ma col turbo
arriva prima. Se non abbiamo il turbo pero' arriviamo ugualmente.
Allora vorrei ripetere ancora una volta: mettete le mani a sandwitch sul problema e non
preoccupatevi del resto. Una volta partiti tutto il resto potrete aggiungerlo e perfezionarlo. Ma
abbiate fiducia nel processo. Funziona. Mettete le mani e basta! Tutto li'.

Per coloro che hanno problemi di vista consiglio il seguente procedimento: Appoggiate i palmi
delle mani su ciascun occhio, meglio quando siete sdraiati magari a letto, cercate di coprire le
sopraciglia e la parte alta delle guancie. Fate partire l'energia ed immaginatevi senza occhiali.
So di una persona portatrice di occhiali da 30 anni che non li usa piu' dopo questa terapia.
Potete anche fare un esperimento. Guardate la tv (senza occhiali) poi fate il trattamento per
soli 5 minuti poi cercate di notare la differenza. Chiaramente con 5 minuti risolvete solo
momentaneamente ma se vi applicate avrete quasi sempre dei risultati sorprendenti.
Ti do una variante per la respirazione che funziona altrettanto bene. Mentre inspiri concentra il
tuo pensiero sulla fronte e mentre espiri lo concentri sui piedi. Fai questo senza seguire
necessariamente il percorso perch l'energia seguir automaticamente lo spostamento della
tua attenzione da un punto all'altro. Dopo un po' di allenamento fai la stessa cosa ma parti con
l'inspirazione e l'attenzione sui piedi ed espirazione ed attenzione sulle mani.
Due altri consigli personali: inizia a praticare su qualcuno e sii piu' positivo perch gi il solo
pensiero di essere il peggio ( anche solamente per scherzo) puo' essere recepito dal tuo
subconscio come un ordine e quindi eseguito.
Se avete nelle vicinanze della vostra abitazione una autostrada o una via a grande scorrimento
e potete portarvi su un ponte che la attraversa, potete applicare il seguente metodo per la cura
della miopia, o per la sua prevenzione:
Scegliete il lato del ponte sotto il quale le automobili scorrono allontanandosi, e le targhe
posteriori siano ben illuminate dal sole.
Munitevi di cuffia antirumore e mascherina antismog, se necessario.
Preparatevi mentalmente a passare una mezzora sul ponte a guardare il flusso delle
automobili: deve essere chiaro che non ammessa la noia, quindi se per caso vi capita di
provare questo sentimento, interrompete e rimandate ad unaltra occasione. Guardate verso il
basso in attesa del transito di unautomobile, e appena ne sbuca una seguitela con lo sguardo
fino a che non riuscite pi a distinguerla. In quel momento, tornate a guardare verso il basso,
e aspettate che spunti unaltra vettura. In questa prima fase, diciamo per venti automobili, non
dovrete fare alcunch, se non seguire genericamente la vettura fino a che non pi possibile
distinguerla. Passate le prime venti vetture, per le successive venti occorre prestare maggior
attenzione al vostro sguardo, e per ogni macchina osservata, ne dovrete rimirare
continuamente uno dei due fanalini posteriori. Ci significa che se viene scelto il fanalino
sinistro, quello bisogner continuare a rimirare fino a che la vettura non sar pi riconoscibile
in lontananza.
Per le successive altre venti vetture, seguite lo stesso metodo, ma alternate istantaneamente
la centrale fissazione sui due fanalini posteriori, prima uno, poi laltro, e cos via. Al termine di
questa terza fase, saranno passate in tutto sessanta vetture, e forse avrete impiegato cinque
minuti, o dieci se il traffico lento. Ora potrete passare alla fase vera e propria del metodo di
cura, perch questo test descritto solo il riscaldamento.
Il metodo vero e proprio che migliora la vista concerne la lettura delle targhe delle automobili
in movimento. Per chi ha problemi di vista e ha scartato le lenti correttive e sta praticando la
Cura secondo lAuto-Trattamento di W. H. Bates come spiegato nel suo libro Vista Perfetta
Senza Occhiali (terza edizione, Juppiter Consulting, Milano, 2006), il solo pensiero di dover
leggere una sconosciuta targa automobilistica, per giunto in movimento, fonte di ansia e di
sforzo per vedere, e quindi di abbassamento della visione. Praticando questo metodo, non
facciamo altro che abituarci intenzionalmente a rimirare la targa evitando consapevolmente di
volerla leggere. Cos, non essendoci alcuna intenzione positiva di leggere la targa in esame, la
mente si abitua a rimirare una scritta senza preoccuparsi di decifrarla n di compitarne le
lettere verbalmente, essendo questultimo un pernicioso vizio che affligge tutti coloro che
hanno vista imperfetta.
Esercitandosi volontariamente a non voler leggere la targa in transito, il praticante di vista
perfetta si abitua a rilasciare lo sforzo per vedere, e impara piano piano a non fare tentativi per
riconoscere la scritta. Come per magia, dopo qualche minuto, inizierete a cogliere,
inspiegabilmente, qualche cifra o lettera sulla targa, di solito la prima coppia a sinistra, a
distanze che normalmente sarebbero impossibili.

Il metodo prevede che nel momento in cui venga riconosciuta una qualche cifra, il praticante
debba distogliere lo sguardo, cio scorrere lungo le altre cifre della targa, osservando come le
cifre prima viste e riconosciute ora non interessino pi il campo della consapevolezza, cio non
sono pi centralmente fissate. Perch accada questo, la persona deve essere rilassata. Se
conserva ancora il bench minimo desiderio di ritenere le lettere riconosciute, non sar mai in
grado di scivolare con lo sguardo sulle altre lettere e riconoscerle. Per rendersi conto di ci,
sufficiente dimostrare praticamente il fatto, cio che impossibile tentare di leggere le ultime
lettere senza dimenticarsi le prime, senza lasciarle andare.
Quando il metodo riesce, e le targhe cominciano ad essere riconosciute spontaneamente, il
praticante si accorge che il punto di centrale fissazione davvero molto piccolo. Sicuramente
molto pi piccolo di quello che uno pensa che sia. Molto pi piccolo. Osservando, vettura dopo
vettura, la verit di questa affermazione, il praticante di vista perfetta si accorge inoltre della
qualit del nero delle lettere delle targhe: tale nero coincide con il nero del punto di centrale
fissazione, e non importa quanto lontano esso sia, se sessanta metri o seicento, sei o seicento
chilometri, esso sempre nero, esattamente dello stesso nero che uno dovrebbe vedere
quando vengono chiusi e coperti gli occhi con i palmi delle mani (palmeggiamento). In
sostanza, la targa non altro che uno specchio che rivela quanto piccolo e nero il punto
che si in grado di immaginare alle varie distanze. Se il punto immaginato a grande distanza
rimane piccolo e nero, e cio non si trasforma in un disco grigio, allora sar possibile leggere
qualsiasi scritta a quella distanza. In genere, per, viene il momento in cui la macchina
troppo lontana e il punto va perduto. Ci non importante. Lobiettivo finale del trattamento
quello di abituarsi a rimanere rilassati sempre di pi, immaginando punti sempre pi piccoli e
pi profondamente neri.
Poich non ci sono limiti fisici a questa condizione della mente, che potremmo definire di
libert spirituale, non ci sono limiti alle facolt visive dellUomo, e alla profondit del suo
rilassamento mentale.
Per questo motivo, la Cura della Vista secondo William H. Bates un metodo di trattamento
universale che previene e guarisce tutte le malattie, non solo quelle dellocchio, e che
andrebbe conosciuto da tutti i ricercatori della verit che non si accontentano delle
convenzionali teorie accettate, sulla vista come sullo psicosoma umano nel suo complesso.
Prendete 2 bicchieri e versate in ognuno di essi la stessa quantit di coca-cola. Poi
energizzatene uno per 4-5 minuti semplicemente tenendo il bicchiere tra le mani con le
respirazioni. Poi sentite la differenza di gusto tra quello energizzato e l'altro. Resterete
sorpresi.
Si dice che se uno lo ha se lo tiene per sempre.
Io non ci credo perch sono convinto che qualsiasi tipo di virus si puo' uccidere,
Il mio consiglio il seguente: occupati del sistema immunitario che probabilmente non sta
lavorando al 100% oppure occupato da un'altra parte, prendi le vitamine giuste, stai attento
all'alimentazione,al riposo, fai della detossificazione. Questo per rimettere in funzione il
sistema. Contemporaneamente ti consiglio di fare il trattamento direttamente sopra l'herpes
perch questo ti accellera la guarigione. L'herpes torner a nascondersi da qualche parte nel
corpo e potr restare tranquillo anche per anni.
Se invece vuoi distruggere il virus puoi farlo con lo zapper, ma devi prendere lo zapper con i
moduli specifici ( ho fatto l'esperienza con un ragazzo ammalato che aveva un virus
"indistruttibile). C' il modulo per l'herpes zoster.
Se poi hai la possibilit fai anche la cura della Clark con assenzio, mallo di noce, e chiodi di
garofano, con questa cura arrivi dove lo zapper non puo' arrivare dato che lo zapper lavora con
elettricit e si sa che l'elettricit resta in superficie cercando sempre la via piu' breve.
Spero di averti aiutato, lo so che sembra un po' tanto da fare. Ricordati di considerare il herpes
come un segnale d'allarme.
Come il sole s'illumina della luce e del calore che irradia da se stesso, cos tu sei, vivi e ti
illumini dei pensieri che coltivi e delle azioni che compi. Se emani il Bene, tu sarai un Centro
d'irradiazione di Bene e sarai illuminato dal Bene che emani.
Se sarai un Centro d'irradiazione, diventerai un punto di Luce che nessuna forza contraria

potr toccare. Sarai al di fuori e al di sopra del raggio di azione di ogni umana negativit.
Ricorda che tu sei una stazione trasmittente invisibile, di cui sei gestore e proprietario unico.
Essa di una potenza che supera le altre trasmittenti comuni, perch pu arrivare ovunque,
senza limiti. La fascia di trasmissione comprende tutte le gamme esistenti, le supera, va oltre e
non ha interferenze. Non soggetta alle leggi umane, poich il Bene legge a se stesso...
Una tecnica interessante ed efficacissima la seguente che vi consiglio di provare su voi stessi
ma potrete aiutare anche ad altri.
In caso di arrabbiature, delusioni forti, spaventi insomma emozioni negative forti per prima
cosa stabilite dove sentite questa emozione. Puo' darsi che lo sentiate nello stomaco, nel petto,
nella gola ecc.
Una volta stabilito dove questa emozione si annidata concentratevi su di essa dicendovi:
solo energia, non c' nient'altro che energia accumulata che ora si scoglie e se ne va e mentre
fate questo mettete una o ambedue le mani sul punto di emozione. Ora, se vi concentrate
sentirete che questa specie di sasso mentre si scoglie cammina . Lasciatelo andare dove vuole
e seguitelo col pensiero. Vuole uscire, sentirete immediatamente la direzione che prende.
Spesso verso la bocca. Lasciatela uscire. Entro pochi secondi vi sentiete benissimo, capita che
vi viene perfino da ridere.
Questo vale anche per emozioni vecchie. E' incredibilmente semplice ed efficace. Immaginatevi
in quante situazioni vi potr aiutare.
Per accellerare la guarigione del tuo problema al piede ti do i seguenti consigli, so che son tanti
e non tutti comodi ma d'altra parte il tuo problema bisogna risolverlo.
1) Cammina a piedi nudi sulla sabbia, possibilmente minimo 1 ora al giorno. Se non hai la
possibilit puoi prendere una bacinella piena di sabbia e cammini sul posto magari intanto che
leggi o guardi la tv.
2) in casa cammina solamente scalza.
3) tieni dei batuffoli di cotone tra un dito e l'altro, sia in casa che quando esci con le scarpe le
quali naturalmente devono essere basse e a pianta larga.
4) vai in farmacia o in un negozio di ortopedia e acquista un sottopiede in gel o silicone della
sholl, solo la palma.
5) 1-2 volte alla settimana fai un impacco di argilla fredda. Prendi una bacinella e ci metti
l'impasto argilla-acqua aspetta finch diventa secca il piu possibile. Non coprire la bacinella se
non non secca abbastanza velocemente.
6) 1-2 volte alla settimana metti i piedi nella bacinella almeno mezz'oretta con acqua, 1
cucchiaio di bicarbonato ed un cucchiaio di sale marino, meglio se riesci a trovare il sale del
mar morto.
1)Iniziate da SUBITO a mettere le mani sul punto problematico del "paziente" a sandwitch.
Quindi se una persona ha problema ad una spalla metterete una mano sulla parte anteriore
della spalla ed una sulla parte posteriore.
2) Respirate profondamente durante il trattamento.
Questo tutto. Resterete sorpresi dei risultati. Tutto il resto del corso per mettere il "turbo"
alla guarigione ma credetemio, avrete risultati da subito mettendo in pratica questi due
consigli.
Questa pero' funziona solamente in caso di ostruzione totale. Sembra, dalla descrizione del
caso che tu abbia pero' fatto il necessario senza successo. Questo mi porta a pensare che
l'ostruzione sia stata, per quanto estesa, parziale. Trattandosi di una ostruzione parziale gran
parte dell'aria creata dalla pressione della manovra passa vicino all'oggetto senza provocare
l'effetto voluto.
In questo caso essenziale portare il paziente alla calma, cosa non facile in una situazione di
panico sia del paziente che dei presenti.
Tu hai reagito nel migliore dei modi, sei riuscito a calmare te stesso con una preghiera e con la
fiducia in te stesso e sei riuscito a trasmettere questa calma a tuo padre con l'imposizione delle
mani. Mettendo le mani sul ventre eri vicino anche al plesso solare che sicuramente lo ha
calmato. Ricordati che il nostro meraviglioso corpo anche nelle situazioni di emergenza sa
come reagire e quindi la calma necessaria che tu gli hai dato andata dove doveva andare ed

ha risolto il caso in modo positivo.


Nel tuo caso si potrebbe dire in modo spettacolare col migliore dei risultati.
A volte nella vita ci capita di fare delle cose con esito positivo che pero' tendiamo a
sottovalutare in quanto non abbiamo potuto vedere cosa sarebbe successo senza il nostro
intervento.
Nel tuo caso mi sembra che il risultato sia lampante.
Un consiglio per coloro che riescono a "vedere" o "sentire" l'energia che parte dai piedi e
attraversa il corpo uscendo dalle mani gi in modo naturale:
Potete mettere il "turbo" all'energia immaginandola fare il percorso come un vortice. Partendo
dai piedi immaginate l'energia salire come un tornado ed uscire dalle mani sempre girando. C'
piu' velocit e potenza im questo modo. E' come quando svuotate una bottiglia facendo girare
l'acqua all'interno, esce piu' velocemente.
L'azione segue l'intenzione e l'attenzione.
L'energia non scorre in linee rette. Gli elettroni, i pianeti, le intere galassie sono in movimento
rotatorio. In termini di fisica "mondana" un pallone o un frisbee taglia l'aria piu'
efficientemente a causa di questa rotazione. Le pallottole hanno un movimento rotatorio
mentre escono dal fucile per avere una traiettoria piu dritta ed una maggiore penetrazione. Se
facciamo girare l'energia aumentiamo la vibrazione e l'efficienza di penetrazione.
Mentre fate scorrere l'energia attraverso il vostro corpo provate a farla girare a vortice senso
orario o antiorario (la direzione non importa).
Mentre lo fate cercate di sentire la sensazione dell'energia a vortice che sale dalle gambe
attraversa il torso , la testa, e giu' per le braccia fino nelle mani.
Questa tecnica richiede un po di allenamento ma tempo ben speso.
Io continuo a meravigliarmi di scoprire che non conosciamo e forse no conosceremo mai i
nostri limiti.
Abbiamo qualcosa che meraviglia i dottori, i chiropratici, i terapisti, gli acupunturisti quindi ogni
genere di professionisti ma che talmente elementare che persino i bambini possono imparare
ed applicare in modo sensazionale e senza problemi.
Una ragazza con un occhio arrossato e talmente gonfio che non si vedeva nemmeno piu' la
pupilla era affetta da una congiuntivitre molto violenta.
E' stata trattata direttamente sull'occhio per pochi minuti.
Dopo ca. 5 minuti l'occhio si sgonfiato del 75%. Non stata trattata oltre. Dopo 2 ore
nemmeno piu' la traccia della congiuntivite.
Non importa quante volte vedo direttamente i risultati, rimango sempre stupefatto e questi
risultati mi ispirano per il prossimo trattamento.
Ho delle persone che vengono da me che ormai conoscono il trattamento, che mi chiedono con
una naturalezza incredibile di trattarli senza nemmeno pensare di chiedere se avranno dei
risultati. E questo naturalmente fa piacere.