Sei sulla pagina 1di 1

Telefono

sms

e-mail

Il Napoli 6 Ottobre 2007

.

25

081.5515.157

340.1412.904

napoli@ilnapoli.sm

Napoli

081.5515.157 340.1412.904 napoli@ilnapoli.sm Napoli La vertenza. La confederazione dei lavoratori condannata
081.5515.157 340.1412.904 napoli@ilnapoli.sm Napoli La vertenza. La confederazione dei lavoratori condannata

La vertenza. La confederazione dei lavoratori condannata dal Tribunale a sborsare 64mila euro

La Cgil non paga il sindacalista pignorata la sede di via Torino

q Lacifrariguardal'at- tività svoltadall'uomo dal1989al1992 come segretariodellaFlai

AlessandroMigliaccio

alessandro.migliaccio@epolis.sm

La Cgil non paga un sin-

dacalista e viene condannata dal Tribunale del Lavoro al rim- borso di 64mila euro per tre an- ni di lavoro non retribuito. La vicenda ha del paradossale, in quanto vede coinvolta la Confe- derazione Generale Italiana del Lavoro non nel ruolo di chi tu- tela un lavoratore bensì in quel- lo di chi nonlo paga.

PROTAGONISTA della vertenza

è Nicola Cusano, 40enne napo-

letano, che ora lavora al Nord e che nel 1989 era sindacalista della Cgil della Campania con il ruolo di segretario aggiunto

della Flai, settore tessile. Sul fi- nire degli anni Ottanta, Cusano si rivolge all'avvocato Giuliana Quattromini in quanto, dopo pochi mesi in cui ha ricevuto 700milalire almese, di puntoin bianco gli vengono pagati solo i rimborsi spese. Per tre anni (dal 1989 al 1992) vengono ricono- sciute solo pochemigliaia dilire che all'ex sindacalista, impe- gnato anche per giornate intere

e

fuori città. E cosìillegale avvia

il

ricorso al giudice del Tribuna-

le del lavoro di Napoli. La sen- tenza è storia di pochi mesi fa.

AG.N FOTO

Napoli. La sen- tenza è storia di pochi mesi fa. AG.N FOTO 3 L'ingresso della Cgil

3L'ingresso della Cgil di via Torino

Il dato 700mila lire al mese ■ ■ Nicola Cusano, in qualità di segretario aggiunto
Il dato
700mila lire al mese
■ ■ Nicola Cusano, in qualità di
segretario aggiunto della
Flai-Cgil, percepisce nei primi
mesi di lavoro 700mila lire al
mese. Poi, però, il sindacato gli
passa soltanto i soldi dei
rimborsi delle spese che
effettua al seguito del cartello
sindacale che opera nel
settore tessile. Per il tribunale
del lavoro è un'ingiustizia.

Gennaio 2007:laCgil viene con- dannata al pagamento di 64mi- la euro all'ex sindacalista, di cui 22mila per retribuzioni manca- te, 15mila per “rivalutazione” e il resto tra spese varieeinteressi maturati. Nonostante la sen- tenza, la Cgil di Napoli si oppo- ne al pagamento e presenta una richiesta di sospensiva alla Cor- te d'Appello. Richiesta che, pe- rò, a settembre viene accolta so- lo in parte: il giudizio finale, in- fatti, verrà dato nel 2009,main- tanto all'ex sindacalista devono esserepagati 40dei 64milaeuro stabiliti dalla sentenza del Tri- bunale del Lavoro. Insomma, per il momento la Cgil deve mettere mano alla tasca, poi si vedrà. Di fronte a quest'ultimo ko giudiziario, il sindacato dei lavoratori pare abbia proposto aCusanounaccordo: 15milaeu- roeamicicomeprima. Un'avan- ce, questa, che l'ex segretario aggiunto della Flai non prende nemmenoin considerazione.Al contempo, il suo legale avvia la procedura di pignoramento dei beni della Cgil, tra cui in primis la sede di via Torino. Ora, essen- do la sentenza del Tribunale del lavoro esecutiva, la Cgil di Na- poli non ha vie d'uscita: o paga oppure perde i beni di sua pro- prietà. «Mi sarei aspettata che la Cgil si fosse mossa diversa- mente da come fanno di solito i “padroni”, cioèleaziende - com- menta l'avvocato Quattromini - . È pur sempre il sindacato che difende i lavoratori Evidente- mente sta cambiando».

La chiave

La chiave

1

L'impegno

nel cartello

■ ■ Nicola Cusano, 40enne napoletano, ora lavora in una scuola al Nord. Nel 1989 era sindacalista della Cgil della Campania con il ruolo di segretario aggiunto della Flai, settore tessile. Ha partecipato alle riunioni del direttivo della Flai.

2 Dall'avvocato per il ricorso

■ ■ Cusano si rivolge all'avvocato in quanto, dopo pochimesi in cui ha ricevuto 700mila lire almese, di punto in bianco gli vengono pagati solo i rimborsi spese. Per tre anni (dal 1989 al 1992) vengono riconosciute solo pochemigliaia di lire che all'ex sindacalista.

3

L'opposizione

alla sentenza

■ ■ Il Tribunale del lavoro di Napoli condanna la Cgil al pagamento di 64mila euro per le retribuzioni non date a Cusano. Il sindacato non paga e l'avvocato pignora i suoi beni.

Il sindacato non paga e l'avvocato pignora i suoi beni. Il caso. La procura ordina il

Il caso. La procura ordina il blitz della polizia giudiziaria nelle abitazioni di funzionari dell'ufficio tecnico

“Smom” di Pozzuoli indagini sul Comune

Una inchiesta è stata av-

viata dalla procura della Re- pubblica di Napoli sull'attività dell’Ufficio Tecnico del Comu- ne di Pozzuoli. Negli ultimi giorni, su ordine del pm Ranie-

ri, sono stati acquisiti, a quanto

è stato possibile sapere, carteg-

gi inerenti l'ex Smom, la sede dell’ex ospedale civile di Poz- zuoli di località San Gennaro, i mercati ittici e ortofrutticoli al

dettaglio e all’ingrosso nonchè un rudere in via Napoli abban- donato dal bradisismo e desti- nato alla ristorazione. La Pro- cura sarebbe interessata anche a ricostruire il sistema seguito dalComune di Pozzuoli per pro-

cedere alle demolizioni dei ma- nufatti abusivi. La polizia giu- diziaria nell’acquisizione del materiale non si sarebbe limi- tata ai soli uffici comunali, ma

avrebbe perquisitoancheleabi- tazioni di alcuni dipendenti e dirigenti dell'amministrazione del comune flegreo, legati all’ufficio tecnico. In Comune non sono emersi ulteriori dati, se non la conferma dell’inchie- sta che alle battute iniziali.

IL TUTTO SAREBBE da ricon-

durre alle denunce fatte dall’ex responsabile della polizia mu- nicipale, l’ex generale della Fi- nanza Luigi Mamone, a cui la Commissione Prefettizia che amministra la città non gli ha confermato la delega. Proprio oggi il Comune di Pozzuoli ha rilasciato ufficialmente le auto-

AG.N FOTO

di Pozzuoli ha rilasciato ufficialmente le auto- AG.N FOTO 3 La procura di Napoli rizzazioni amministrative

3La procura di Napoli

rizzazioni amministrative per la ristrutturazione dell’ex Ospe- dale Smom, struttura abbando- nata da oltre trent'anni che sor- ge nei pressi della Solfatara. L'inchiesta dei pm è un atto do- vuto dopo la presentazione da parte dell'ex responsabile dei vigili urbani di una corposa do- cumentazione. Il nuove fronte giudiziario fa tremare i palazzi del potere del comune flegreo. La vicenda delmercatoittico fe- ce scivolare la passata ammini- strazione con l'insediamento prima di una commissione pre- fettiziad'accesso agli atti e poi con decisione del governo di nominare dei commissari. A.C.