Sei sulla pagina 1di 5

Dal Commento sul salmo 118 di sant'Ambrogio, vescovo

Santo il tempio di Dio, che siete voi

Io e il Padre verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui (Gv 14, 23). Sia aperta
a colui che viene la tua porta, apri la tua anima, allarga il seno della tua mente perch il
tuo spirito goda le ricchezze della semplicit, i tesori della pace, la soavit della grazia.
Dilata il tuo cuore, va` incontro al sole dell'eterna luce che illumina ogni uomo (Gv 1,
9). Per certo quella luce vera splende a tutti. Ma se uno avr chiuso le finestre, si
priver da se stesso della luce eterna. Allora, se tu chiudi la porta della tua mente,
chiudi fuori anche Cristo. Bench possa entrare, nondimeno non vuole introdursi da
importuno, non vuole costringere chi non vuole.
Nato dalla Vergine, usc dal suo grembo irradiando la sua luce sulle cose dell'universo
intero, per risplendere a tutti. Quelli che lo desiderano ricevono la chiarezza
dell'eterno fulgore che nessuna notte riesce ad alterare. A questo sole che vediamo
ogni giorno tiene dietro la notte tenebrosa. Ma il sole di giustizia non tramonta mai
perch la sua luce di sapienza non viene mai offuscata da alcuna ombra.
Beato colui alla cui porta bussa Cristo. La nostra porta la fede la quale, se forte,
rafforza tutta la casa. E' questa la porta per la quale entra Cristo. Perci anche la Chiesa
dice nel cantico dei Cantici: Un rumore! E` il mio diletto che bussa (Ct 5, 2). Ascolta
colui che bussa, ascolta colui che desidera entrare: Aprimi, sorella mia, mia amica, mia
colomba, perfetta mia; perch il mio capo bagnato di rugiada, i miei riccioli di gocce
notturne (Ct 5, 2).
Rifletti sul tempo nel quale il Dio Verbo bussa pi che mai alla tua porta: allorch il suo
capo pieno di rugiada notturna. Infatti egli si degna di visitare quelli che si trovano
nella tribolazione e nelle tentazioni perch nessuno, vinto per avventura dall'affanno,
abbia a soccombere. Il suo capo dunque si riempie di rugiada, ovvero di gocce, quando
il suo corpo soffre. E' allora che bisogna vegliare, perch quando lo Sposo verr non si
ritiri, vistosi chiuso fuori. Infatti, se dormi e il tuo cuore non veglia, egli bussa e
domanda che gli si apra la porta. Abbiamo dunque la porta della nostra anima,
abbiamo anche le porte delle quali scritto: Sollevate, porte, i vostri frontali, alzatevi,
porte antiche, ed entri il re della gloria (Sal 23, 7). Se vorrai alzare queste porte della
tua fede, entrer da te il re della gloria, recando il trionfo della sua passione. Anche la
giustizia ha le sue porte. Infatti anche di queste leggiamo scritto quanto il Signore Ges
ha detto per mezzo del profeta: Apritemi le porte della giustizia (Sal 117, 19).

L'anima dunque ha le sue porte, l'anima ha il suo ingresso. Ad esso viene Cristo e
bussa, egli bussa alle porte. Aprigli, dunque; egli vuole entrare, vuol trovare la sposa
desta.

Dal Proslogion di Sant'Anselmo, vescovo

Il desiderio della contemplazione di Dio

Ors, misero mortale, fuggi via per breve tempo dalle tue occupazioni, lascia per un p
i tuoi pensieri tumultuosi. Allontana in questo momento i gravi affanni e metti da parte
le tue faticose attivit. Attendi un poco a Dio e riposa in lui.
Entra nell'intimo della tua anima, escludi tutto tranne Dio e quello che ti aiuta a
cercarlo, e, richiusa la porta, cercalo. O mio cuore, d ora con tutto te stesso, d ora a
Dio: Cerco il tuo volto. Il tuo volto, Signore, io cerco (Sal 26, 8).
Ors dunque, Signore Dio mio, insegna al mio cuore dove e come cercarti, dove e come
trovarti. Signore, se tu non sei qui, dove cercher te assente? Se poi sei dappertutto,
perch mai non ti vedo presente? Ma tu certo abiti in una luce inaccessibile. E dov' la
luce inaccessibile, o come mi accoster a essa? Chi mi condurr, chi mi guider a essa si
che in essa io possa vederti? Inoltre con quali segni, con quale volto ti cercher? O
Signore Dio mio, mai io ti vidi, non conosco il tuo volto.
Che cosa far, o altissimo Signore, questo esule, che cos distante da te, ma che a te
appartiene? Che cosa far il tuo servo tormentato dall'amore per te e gettato lontano
dal tuo volto? Anela a vederti e il tuo volto gli troppo discosto. Desidera avvicinarti e
la tua abitazione inaccessibile. Brama trovarti e non conosce la tua dimora. Si
impegna a cercarti e non conosce il tuo volto.
Signore, tu sei il mio Dio, tu sei il mio Signore e io non ti ho mai visto. Tu mi hai creato
e ricreato, mi hai donato tutti i miei beni, e io ancora non ti conosco. Io sono stato
creato per vederti e ancora non ho fatto ci per cui sono stato creato.
Ma tu, Signore, fino a quando ti dimenticherai di noi, fino a quando distoglierai da noi il
tuo sguardo? Quando ci guarderai e ci esaudirai? Quando illuminerai i nostri occhi e ci
mostrerai la tua faccia? Quando ti restituirai a noi?
Guarda, Signore, esaudisci, illuminaci, mostrati a noi. Ridonati a noi perch ne abbiamo
bene: senza di te stiamo tanto male. Abbi piet delle nostre fatiche, dei nostri sforzi
verso di te: non valiamo nulla senza te.

Insegnami a cercarti e mostrati quando ti cerco: non posso cercarti se tu non mi


insegni, n trovarti se non ti mostri. Che io ti cerchi desiderandoti e ti desideri
cercandoti, che io ti trovi amandoti e ti ami trovandoti.

Dalla Quarta Lettera di Santa Chiara a Sant'Agnese di Praga,

A colei che la met dellanima sua e santuario di un singolare e cordialissimo amore,


allillustre regina, sposa dellAgnello e Re eterno, a Donna Agnese, madre sua carissima
e figlia tra le altre la pi amata, Chiara, serva indegna di Cristo ed ancella inutile delle
serve del Signore dimoranti nel monastero di San Damiano in Assisi, invia il suo saluto
e laugurio di poter sciogliere un cantico nuovo, in compagnia delle altre santissime
vergini, davanti al trono di Dio e dellAgnello e di accompagnare lAgnello ovunque
vada.
O madre e figlia, sposa del Re di tutti i secoli, non stupirti se non ti ho scritto di
frequente come lanima tua e la mia parimenti desiderano e bramano, e non credere
assolutamente che lincendio dellamore verso di te sia divenuto meno ardente e dolce
nel cuore della tua madre. Il solo ostacolo alla nostra corrispondenza stato la scarsit
dei messaggeri e linsicurezza delle strade.
Ma oggi, che si presenta loccasione di scrivere alla tua carit, ecco mi rallegro con te e
con te gioisco nel gaudio dello Spirito, o sposa di Cristo, poich, come quellaltra
santissima vergine Agnese, tu, slacciandoti da tutte le ricchezze e vanit del mondo, ti
sei meravigliosamente unita in sposa allAgnello immacolato, che toglie i peccati del
mondo.
Te veramente felice! Ti concesso di godere di questo sacro convito, per poter aderire
con tutte le fibre del tuo cuore a Colui, la cui bellezza lammirazione instancabile
delle beate schiere del cielo. Lamore di lui rende felici, la contemplazione ristora, la
benignit ricolma. La soavit di lui pervade tutta lanima, il ricordo brilla dolce nella
memoria. Al suo profumo i morti risorgono e la gloriosa visione di lui former la
felicit dei cittadini della Gerusalemme celeste.
E poich questa visione di lui splendore delleterna gloria, chiarore della luce
perenne e specchio senza macchia, ogni giorno porta lanima tua, o regina, sposa di
Ges Cristo, in questo specchio e scruta in esso continuamente il tuo volto, perch tu
possa cos adornarti tutta allinterno e allesterno, vestita e circondata di variet, e sii
adorna dei variopinti fiori di tutte le virt e ancora di vesti splendenti, quali
convengono alla figlia e sposa del sommo Re.

In questo specchio poi rifulgono la beata povert, la santa umilt e lineffabile carit; e
questo tu potrai contemplare, con la grazia di Dio, diffuso su tutta la superficie dello
specchio.
Mira, in alto, la povert di Colui che fu deposto nel presepe avvolto in poveri pannicelli.
O mirabile umilt e povert che d stupore! Il Re degli angeli, il Signore del cielo e della
terra, adagiato in una mangiatoia!
Vedi poi, al centro dello specchio, la santa umilt, e insieme ancora la beata povert, le
fatiche e pene senza numero chEgli sostenne per la redenzione del genere umano.
E, in basso, contempla lineffabile carit per la quale volle patire sul legno della croce e
su di essa morire della morte pi infamante. Perci lo stesso specchio che, dallalto
del legno della croce, rivolge ai passanti la sua voce perch si fermino a meditare: O voi
tutti, che sulla strada passate, fermatevi a vedere se esiste un dolore simile al mio; e
rispondiamo, dico a Lui che chiama e geme, ad una voce e con un solo cuore: Non mi
abbandoner mai il ricordo di te e si strugger in me lanima mia.
Lasciati, dunque, o regina sposa del celeste Re, bruciare sempre pi fortemente da
questo ardore di carit!
Contempla ancora le indicibili sue delizie, le ricchezze e gli onori eterni, e grida con
tutto lardore del tuo desiderio e del tuo amore: Attirami a te, o celeste Sposo! Dietro a
te correremo attratti dalla dolcezza del tuo profumo.
Correr, senza stancarmi mai, finch tu mi introduca nella tua cella inebriante. Allora
la tua sinistra passi sotto il mio capo e la tua destra mi abbracci deliziosamente e tu mi
bacerai col felicissimo bacio della tua bocca.
Stando in questa contemplazione, abbi memoria della tua madre poverella, ben
sapendo chio porto il tuo caro ricordo inseparabilmente impresso nel profondo del
mio cuore, perch tu sei per me la pi cara tra tutte.
Che cosa potrei ancora dirti? E meglio che la parola umana rinunci qui ad esprimerti il
mio affetto per te; solo lanima, nel suo linguaggio silenzioso, riuscirebbe a fartelo
sentire. E poich, o figlia benedetta, la mia lingua del tutto impotente ad esprimerti
meglio lamore che ti porto; queste poche cose che ti ho scritto in modo cos
imperfetto, quasi dimezzando il pensiero, sono tutto quanto ho potuto dirti.
Ti prego per, che tu voglia ugualmente accogliere queste mie parole con benevolenza
e devozione, ascoltando in esse soprattutto laffetto materno di cui sono ripiena, in
ardore di carit verso di te e delle tue figlie ogni giorno; e ad esse raccomanda assai in
Cristo me e le mie figlie. Queste stesse mie figlie poi, in particolare la vergine

prudentissima Agnese, sorella nostra, si raccomandano vivamente nel Signore a te e


alle tue figlie.
Addio, figlia mia carissima, a te e alle tue figlie, fino al trono di gloria del gran Re, e
pregate per noi.
Con tutta la premura e lamore che posso raccomando finalmente alla tua carit i latori
della presente lettera, i nostri carissimi frate Amato, caro a Dio e agli uomini, e frate
Bonagura. Amen.